Informativa al Pubblico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Informativa al Pubblico"

Transcript

1 Informativa al Pubblico Ai sensi di quanto disposto dalle Istruzioni di Vigilanza per gli Intermediari Finanziari iscritti nell Elenco Speciale Capitolo V Vigilanza Prudenziale - Sezione XII 31 dicembre 2014 Informativa al Pubblico - 1 -

2 Indice Premessa 3 Tavola 1: Adeguatezza Patrimoniale informativa qualitativa 5 informativa quantitativa 12 Tavola 2: Rischio di credito: informazioni generali informativa qualitativa 16 informativa quantitativa 16 Tavola 3: Rischio di credito: informazioni relative ai portafogli assoggettati al metodo standardizzato 18 Tavola 4: Tecniche di attenuazione del rischio 18 Tavola 5: Operazione di cartolarizzazione 19 Tavola 6: Rischio di tasso di interesse sulle posizioni incluse nel portafoglio immobilizzato 21 Tavola 7: Esposizioni in strumenti di capitale: informazioni sulle posizioni incluse nel portafoglio immobilizzato 22 Informativa al Pubblico - 2 -

3 Premessa La disciplina di vigilanza prudenziale per gli intermediari finanziari iscritti nell'elenco speciale di cui all'ex art. 107 TUB (Intermediari ex art. 107 TUB) in vigore, è stata da ultimo organicamente rivista a seguito delle modifiche intervenute nella regolamentazione internazionale (documento del Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria del Giugno 2006 e direttive 2006/48/CE e 2006/49/CE del 14 giugno 2006 in materia di Convergenza internazionale della misurazione del capitale e dei coefficienti patrimoniali). Le disposizioni in particolare si basano sulle modifiche apportate al Testo Bancario (TUB) dal decreto-legge approvato dal Consiglio dei Ministri e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale nel dicembre 2006 e sui criteri contenuti nel decreto adottato d urgenza dal Ministro dell Economia e delle finanze, Presidente CICR, su proposta della Banca d Italia, in data 27 dicembre L assetto normativo e regolamentare, definito dalle modifiche al TUB del dicembre 2006 e dal collegato capitolo V della circolare n. 216 di Banca d'italia del 3 agosto 1996, settimo aggiornamento del 9 luglio 2007, ha introdotto la vigilanza cosiddetta "equivalente", rendendo gli intermediari ex. art 107 TUB equivalenti alle banche. La regolamentazione prudenziale si basa su "tre pilastri" previsti dalla disciplina denominata Basilea 2: o il primo pilastro introduce un requisito patrimoniale per fronteggiare i rischi tipici dell attività finanziaria; o il secondo pilastro stabilisce che gli intermediari finanziari siano dotati di strategie e processi di controllo per assicurare l adeguatezza patrimoniale, attuale e prospettica (Internal Capital Adequacy Assessment Process o ICAAP); Informativa al Pubblico - 3 -

4 o il terzo pilastro introduce gli obblighi di informativa al pubblico riguardanti l'adeguatezza patrimoniale, l'esposizione ai rischi e le caratteristiche generali dei relativi sistemi di gestione e di controllo. La regolamentazione tiene conto delle diversità degli intermediari finanziari in termini di dimensioni, complessità ed altre caratteristiche prevedendo regole differenziate e applicazioni di disposizioni coerenti con le specificità di ciascun intermediario (cd. principio di proporzionalità). Al riguardo si evidenzia che Prelios Credit Servicing Spa (d ora innanzi la Società) rientra tra gli intermediari di classe 3 in quanto al 31 dicembre 2014 presentava un attivo pari circa 9,0 milioni di euro, inferiore all ammontare di 3,5 miliardi richiesti dalle Istruzioni della Banca d Italia per la classe superiore. Secondo il principio di proporzionalità, la Società adotta metodologie semplificate in linea con quelle consentite agli intermediari appartenenti alla propria classe di riferimento. Il presente documento illustra le informazioni di carattere qualitativo e quantitativo relative al 31 dicembre 2014 attraverso le tavole elaborate secondo lo schema predisposto dall Autorità di Vigilanza, il cui ordine e contenuto sono qui trasposti. Non vengono pubblicate le tavole per le quali non sussistono contenuti informativi applicabili alla Società. L informativa viene pubblicata sul sito internet della Società con cadenza annuale. Informativa al Pubblico - 4 -

5 Tavola 1: Adeguatezza patrimoniale Informativa qualitativa Sintetica descrizione del metodo adottato dall intermediario nella valutazione dell adeguatezza del proprio capitale interno per sostegno delle attività correnti e prospettiche La Società svolge l attività di servicing (gestione degli incassi, servizi amministrativi e recupero del credito) per operazioni di cartolarizzazione di importo complessivamente superiore ad : deve, quindi, disporre di un Patrimonio di Vigilanza minimo superiore ad In aggiunta a quanto sopra descritto, la Società deve valutare, anche a beneficio degli investitori, tutti gli eventuali rischi cui è in concreto assoggettata così da determinare il Capitale interno necessario a fronteggiarli. Di seguito, si riassumono le tappe del percorso adottato per la valutazione dell adeguatezza del capitale interno della Società: - individuazione dei rischi da sottoporre a valutazione; - misurazione/valutazione dei singoli rischi e del relativo capitale interno; - misurazione del capitale interno complessivo; - determinazione del capitale complessivo e riconciliazione con il patrimonio di vigilanza; - revisione del processo da parte dell Internal Audit. In particolare sono stati individuati i rischi di seguito rappresentati. Rischi di Primo Pilastro o un rischio operativo, per la misurazione del quale la Società ha adottato il criterio di calcolo BIA Basic Indicator Approach, ossia il metodo Base. E stato, pertanto, applicato un coefficiente del 15 per cento alla media triennale dell indicatore rilevante Informativa al Pubblico - 5 -

6 rappresentato dal margine di intermediazione, ritenendolo proporzionato alle caratteristiche operative e dimensionali della Società, classificata come intermediario finanziario di classe 3; o un rischio di credito, seppur molto limitato in quanto la Società non eroga finanziamenti; detto rischio, meglio specificato nel prosieguo, è stato calcolato in ottemperanza delle Istruzioni di Vigilanza, utilizzando il metodo Standardizzato Semplificato. Non sono stati invece considerati i rischi di mercato e di controparte perché la Società non dispone di un portafoglio di strumenti finanziari. Rischi di secondo pilastro o un rischio strategico, attuale o prospettico, di flessione degli utili o del capitale, derivante da cambiamenti del contesto operativo o da decisioni aziendali errate, da attuazione inadeguata di decisioni o scarsa reattività a variazioni del contesto competitivo; o un rischio reputazionale, attuale o prospettico, di flessione degli utili o del capitale, derivante da una percezione negativa dell immagine dell intermediario da parte di clienti, controparti, azionisti, investitori o Autorità di Vigilanza. Per la determinazione del capitale interno complessivo, oltre ai rischi di Primo Pilastro, con riferimento ai rischi di Secondo Pilastro, le analisi condotte hanno evidenziato la necessità di procedere alla misurazione del rischio strategico, ritenendo il rischio reputazionale mitigabile da presidi organizzativi e di controllo senza individuare una specifica dotazione di capitale. Inoltre, mediante comunicazione n dell 11 dicembre 2012 che ha assunto validità dal 31 dicembre 2012, l Autorità di Vigilanza ha Informativa al Pubblico - 6 -

7 introdotto un nuovo regime segnaletico in relazione alle posizioni di grande rischio che eccedono il 25% del Patrimonio di Vigilanza. In sintesi il regime segnaletico introdotto dalla Comunicazione prevede: o la possibilità di assumere in via transitoria singole posizioni oltre il c.d. limite individuale del 25% del valore del Patrimonio di Vigilanza da contenersi entro il 40% dello stesso; o l introduzione di un requisito patrimoniale a fronte della quota delle posizioni di rischio il cui valore si colloca in un intervallo tra il 25% e il 40% dell ammontare del Patrimonio di Vigilanza determinato secondo fasce progressive. Al valore dell eccedenza rispetto alla soglia individuale del 25% del patrimonio di vigilanza, ponderata secondo i coefficienti prestabiliti, viene applicato il coefficiente patrimoniale previsto per l intermediario (così come determinato ai sensi della disciplina del rischio di credito) pari al 31 dicembre 2014 al 6%; o la sospensione del cosiddetto limite globale (che prevede il contenimento dei grandi rischi entro un valore massimo pari a otto volte il Patrimonio di Vigilanza); o l obbligo di segnalare il nuovo requisito patrimoniale connesso a quelle posizioni di rischio superiori al 25% del valore del Patrimonio di Vigilanza. Al 31 dicembre 2014 la Società ha quindi provveduto a considerare tale ulteriore fattispecie di rischio/requisito patrimoniale. Coerentemente con le disposizioni in materia di stress testing per gli intermediari di classe 3, la Società ha effettuato analisi di sensitività dei fattori di rischio, ove ritenuto significativo in relazione al loro impatto sui rischi considerati nella determinazione del capitale interno complessivo. La Società ha ritenuto di procedere con lo stress test per il rischio strategico al fine di verificarne l impatto ipotizzando uno scenario avverso ma plausibile. Informativa al Pubblico - 7 -

8 Le risultanze del processo ICAAP confermano che le risorse finanziarie disponibili garantiscono, con margini sufficienti, la copertura di tutti i rischi attuali e prospettici. Il Sistema dei Controlli Interni In risposta alla crescita dell operatività e all evoluzione della normativa dei settore, la Società si è dotata di strutture di controllo e governo dei rischi. Il Sistema dei Controlli Interni della Società risulta oggi così formato: In particolare, il Sistema dei Controlli Interni della Società è articolato su tre livelli: o controlli cd. di linea (I livello); o o controlli sulla gestione dei rischi (II livello); controlli di revisione interna (III livello). Informativa al Pubblico - 8 -

9 Controlli cd. di linea (I livello) I controlli di I livello sono diretti ad assicurare il corretto svolgimento delle operazioni. Essi sono effettuati dalle stesse strutture produttive o incorporati nelle procedure. La responsabilità dei controlli di linea fa capo a: - la struttura organizzativa attraverso meccanismi di deleghe, limiti operativi formalizzati e supervisione diretta; - gli organi aziendali con compiti di verifica, intervento e informativi finalizzati ad assicurare l adeguatezza delle soluzioni organizzative, delle procedure e dei supporti informativi assunti per la gestione dei rischi; - le procedure informatiche (ad esempio, blocco automatico in caso di anomalie). Controlli sulla Gestione dei Rischi (II livello) I controlli di II livello, che concorrono alla definizione delle metodologie di misurazione del rischio, sono affidati una Funzione che svolge le attività di compliance, risk management e antiriciclaggio. compliance: presidia il rischio di non conformità alle norme e gli associati rischi di eventuali sanzioni giudiziali e/o amministrative, danni alla reputazione dell azienda attraverso sia attività di consulenza e assistenza ex-ante che attività di verifica di adeguatezza e conformità delle procedure aziendali. risk management: presidia il sistema di rilevazione, monitoraggio e gestione dei rischi della Società, secondo quanto previsto dalle disposizioni di vigilanza e dal modello ICAAP adottato dalla Società verificando il rispetto dei limiti assegnati alle varie funzioni operative e la Informativa al Pubblico - 9 -

10 coerenza dell'operatività delle singole aree produttive con gli obiettivi di rischio - rendimento assegnati. antiriciclaggio: ha il compito di prevenire e contrastare la realizzazione di operazioni di riciclaggio e di finanziamento del terrorismo, di verificare la coerenza dei processi con l obiettivo di prevenire la violazione di norme interne ed esterne in materia, in un ottica di presidio del rischio di riciclaggio e finanziamento del terrorismo e di verificare l adeguatezza dei processi e delle procedure al fine di assicurarne il rispetto. Controlli di revisione Interna (III livello) I controlli di III livello comprendono la valutazione periodica della completezza, della funzionalità e dell adeguatezza del Sistema dei Controlli Interni. I controlli di III livello sono svolti dalla Funzione di Internal Audit. Le funzioni di controllo riportano direttamente al Consiglio di Amministrazione. Le funzioni di controllo relazionano semestralmente il Consiglio di Amministrazione ed il Collegio Sindacale delle risultanze delle verifiche effettuate sulla base dei rispettivi piani approvati dal Consiglio di Amministrazione. Il processo di pianificazione delle attività delle funzioni di controllo, basato su un approccio di condivisione tra le funzioni di controllo medesime, tende a garantire le seguenti finalità: - rafforzare il presidio sui rischi della Società; - ridurre le sovrapposizioni delle attività di verifica e le inefficienze operative Al termine delle verifiche effettuate le funzioni di controllo: Informativa al Pubblico

11 o o inviano all Alta Direzione e alle strutture organizzative interessate gli esiti delle verifiche condotte per comunicare eventuali rilievi riscontrati; effettuano attività di monitoraggio periodico volte a riscontrare l esecuzione di azioni correttive volte alla risoluzione delle anomalie identificate. I suggerimenti forniti dalle funzioni di controllo vengono trasmessi all Alta Direzione per la pianificazione e l apertura dei relativi progetti aziendali. In sintesi e da ultimo si riassumono di seguito gli obiettivi che la Società vuole perseguire attraverso le proprie funzioni di controllo come sopra descritte: o adeguatezza dell assetto organizzativo: la struttura organizzativa vuole essere adeguata sia all operatività della Società che alla evoluzione normativa sempre nel rispetto del più generale principio di proporzionalità dell organizzazione degli intermediari; o conformità (compliance): la Società vuole minimizzare il rischio di non conformità alle norme applicabili adottando procedure aziendali coerenti e adeguate sia all evolversi della normativa che all operatività; o gestione delle parti correlate e dei conflitti d interesse: la Società vuole consentire l adeguata gestione delle parti correlate oltreché il contenimento, la rilevazione e la successiva gestione delle situazioni di potenziale conflitto d interessi; o documentabilità e storicizzazione delle attività di controllo: la Società vuole consentire che le attività di verifica siano documentate, Informativa al Pubblico

12 facilmente accessibili anche a eventuali controlli e/o ispezioni esterne e sempre ricostruibili nel tempo. Informativa quantitativa Requisito patrimoniale a fronte del rischio di credito Come già accennato, la Società non eroga finanziamenti e, quindi, il rischio di credito risulta sussistere con riferimento in prevalenza alle esposizioni commerciali. Alla data del 31 dicembre 2014 il relativo requisito risulta pari ad Requisito patrimoniale a fronte dei grandi rischi In conformità a quanto previsto dalla circolare Banca d Italia dell 11 dicembre 2012 n , la Società ha provveduto a calcolare il requisito patrimoniale a fronte delle posizioni di grande rischio che alla data del 31 dicembre 2014 eccedevano la soglia del 25% del Patrimonio di Vigilanza, pur essendo contenute entro il limite del 40%. Tale requisito è stato calcolato per fasce progressive secondo la parametrizzazione stabilita da Banca d Italia. L analisi ha evidenziato che la Società al 31 dicembre 2014 presenta una posizione i cui valori si attestano al 27,8% del patrimonio di vigilanza e pertanto si è provveduto a determinare un requisito patrimoniale specifico pari ad Va segnalato che l esposizione ai grandi rischi è costantemente monitorata dalla funzione Administration, Planning & Control che predispone stime mensili sui flussi finanziari della Società. Tale esposizione è sempre stata contenuta entro i limiti previsti dalla normativa. Requisiti patrimoniali a fronte dei rischi di mercato separatamente per: Informativa al Pubblico

13 - le attività ricomprese nel portafoglio di negoziazione a fini di Vigilanza - le altre attività La Società non ha alcun portafoglio di negoziazione né attività allo stesso collegate; non risulta, pertanto, esposta al rischio indicato. Requisito patrimoniale a fronte dei rischi operativi Alla data del 31 dicembre 2014 ammonta ad Ammontare del patrimonio di vigilanza suddiviso in: i) Patrimonio di base ii) Patrimonio supplementare: 0. iii) Patrimonio di vigilanza complessivo: Si riporta di seguito la composizione del Patrimonio di Vigilanza confrontata con i corrispondenti valori contenuti nella precedente Informativa al Pubblico. Informativa al Pubblico

14 importi in Euro Informazioni A. Patrimonio di base prima dell'applicazione dei filtri prudenziali B Filtri prudenziali del patrimonio base - - B.1 Filtri prudenziali IAS/IFRS positivi (+) - - B.2 Filtri prudenziali IAS/IFRS negativi (-) - - C. Patrimonio di base al lordo degli elementi da dedurre (A+B) D. Elementi da dedurre dal patrimonio di base - - E. Patrimonio di base (TIER 1) (C-D) F. Patrimonio supplementare prima dell'applicazione dei filtri prudenziali - - G. Filtri prudenziali del patrimonio supplementare - - G.1 Filtri prudenziali IAS/IFRS positivi (+) - - G.2 Filtri prudenziali IAS/IFRS negativi (-) - - H. Patrimonio supplementare al lordo degli elementi da dedurre (F+G) - - I. Elementi da dedurre dal patrimonio supplementare - - I. Totale Patrimonio supplementare (TIER 2) (H-I) - - M. Elementi da dedurre dal patrimonio di base e supplementare - - N. Patrimonio di vigilanza (E+L-M) O. Patrimonio di terzo livello(tier 3) - - N. Patrimonio di vigilanza incluso TIER 3 (N+O) Coefficienti patrimoniali totale e di base (Tier-1 ratio) Tale coefficiente alla data del 31 dicembre 2014 pari a 11,1%. Si riporta di seguito il dettaglio dei coefficienti patrimoniali confrontato con i corrispondenti valori contenuti nella precedente Informativa al Pubblico. Informativa al Pubblico

15 importi in Euro Categoria/Valori Importi non ponderati Importi ponderati/requisiti A. ATTIVITA' DI RISCHIO A.1 Rischio di credito e di controparte 1. Metodologia standardizzata Metodologia basata sui rating interni 2.1 Base 2.2 Avanzata 3. Cartolarizzazioni B. REQUISITI PATRIMONIALI DI VIGILANZA B.1 Rischio di credito e di controparte B.2 Rischi di mercato 1. Metodologia standard 2. Modelli interni 3. Rischio di concentrazione B.3 Rischio operativo 1. Metodo base Metodo standardizzato 3. Metodo avanzato B.4 Altri requisiti prudenziali requisito aggiuntivo grandi rischi B.5 Altri elementi del calcolo B.6 Totale requisiti prudenziali C. ATTIVITA' DI RISCHIO E COEFFICIENTI DI VIGILANZA C. 1 Attività di rischio ponderate C.2 Patrimonio di base/attività di rischio ponderate ( Tier 1 capital ratio) 11,1% 11,3% C.3 Patrimonio di vigilanza incluso TIER 3/Attività di rischio ponderate ( Total capital ratio) 11,1% 11,3% Ammontare del patrimonio di vigilanza di 3 livello Non è presente patrimonio di terzo livello. Informativa al Pubblico

16 Tavola 2: Rischio di credito: informazioni generali Informativa qualitativa a) Definizioni di crediti scaduti e deteriorati utilizzate ai fini contabili e descrizione delle metodologie adottate per determinare le rettifiche di valore Come sopra accennato, il rischio di credito non rappresenta per la Società la primaria fonte di rischio atteso il tipo di attività dalla stessa svolta (ossia attività di servicing) come evidenziato, peraltro, dalla composizione dello stesso portafoglio crediti. Infatti, la Società presenta principalmente crediti di natura commerciale vantati nei confronti dei soggetti per i quali effettua attività di recupero; tali crediti sono, quindi, caratterizzati, per loro natura, da una vita di breve termine che si estingue con il saldo delle fatture emesse dalla Società per il servizio reso. Informativa quantitativa b) Esposizioni creditizie lorde relative al periodo di riferimento, distinte per principali tipologie di esposizione e di controparte Premesso che le esposizioni creditizie rientrano, prevalentemente, nella categoria dei crediti a breve termine, si riporta di seguito il dettaglio circa le tipologie di controparte. Informativa al Pubblico

17 importi in Euro Esposizione per tipologia di controparte Voce attivo patrimoniale Importo Banche Depositi e conti correnti Altre attività Enti finanziari Altre attività - Clientela Altre attività Altro Attività Materiali Prtecipazioni Altre attività Totale al Totale al c) Distribuzione per aree geografiche significative delle esposizioni, ripartite per principali tipologie di esposizione e, se necessario, ulteriori dettagli Le controparti debitorie hanno sede nel territorio nazionale, fatta eccezione per tre clienti con sede oltre i confini nazionali. d) Distribuzione per settore economico o per tipo di controparte delle esposizioni, ripartite per tipologia di esposizione, e, se necessario, ulteriori dettagli Si rinvia alla tabella allegata sotto la lettera (b) della Tavola in commento. Informativa al Pubblico

18 e) Distribuzione per vita residua contrattuale dell intero portafoglio, ripartito per tipologia di esposizione e, se necessario, ulteriori dettagli Si fornisce di seguito i dettagli richiesti. importi in Euro Esposizione per vita residua Voce attivo patrimoniale Importo Breve termine: <=18 mesi Depositi e conti correnti Altre attività Medio/lungo termine: >18 mesi Altre attività - Breve termine: <=18 mesi Attività Materiali Partecipazioni Attività fiscali correnti Attività fiscali anticipate Altre attività Medio/lungo termine: >18 mesi Altre attività Attività fiscali anticipate Totale al Totale al Per quanto attiene all informativa quantitativa di cui alla tavola 2 lettere f) g) e h) si segnala che la Società, per il tipo d attività svolta, non risulta assoggettata a tale tipo di informativa. Tavola 3: Rischio di credito: informazioni relative ai portafogli assoggettati al metodo standardizzato Si rinvia a quanto indicato alla Tavola 4. Tavola 4: Tecniche di attenuazione del rischio Come già indicato, per effetto della specifica attività svolta, ed alle valutazioni eseguite in merito al limitato rischio di credito cui è soggetta, la Società non ha adottato alcuna tecnica di mitigazione del rischio di Informativa al Pubblico

19 credito, atteso che lo stesso, come si ripete, è collegato a soli crediti di natura commerciale. Si evidenzia, inoltre, che la Società applica, per la valutazione del rischio di credito, il metodo standardizzato semplificato. Non vi sono, pertanto, informazioni da rendere per le materie indicate alle Tavole 3 e 4. Tavola 5: Operazioni di cartolarizzazione Informativa qualitativa Descrizione degli obiettivi dell intermediario relativamente all attività di cartolarizzazione La Società fornisce servizi di incasso e pagamento (Master Servicing), servizi amministrativi (Corporate Servicing), di Portfolio Management e di recupero crediti (Special Servicing) a società veicolo di cartolarizzazione. Ruoli svolti nel processo di cartolarizzazione per ciascuno di essi, l indicazione della misura del coinvolgimento dell intermediario In ossequio all oggetto sociale ed agli obiettivi sopra riportati, si riepilogano qui di seguito i portafogli gestiti per i quali la Società svolge il ruolo di servicer. Informativa al Pubblico

20 importi in Euro Società Veicolo Tipologia prevalente Originator GBV al SAGRANTINO Non Performing Banca popolare di Verona e Novara, Banca popolare di Intra, Akros, Barclays, Bank PLC, International Credit recovery 123, International Credit Recovery 5, International Credit Recovery 6, banca Woolwich ELIPSO Non Performing Banca Antonveneta,Theano Finance, Antenore Finance, Interbanca S.p.A CALLIOPE Non Performing Banca Nazionale del Lavoro ISLAND REFINANCING Non Performing Island Finance S.p.A. (I.C.R. 4), Island Finance S.r.l. (I.C.R. 7), Banco di Sicilia International credit Recovery (8) S.r.l. Mastino Non Performing Banca Nazionale del Lavoro Zeus finance srl Non Performing Diversi FARE NPL srl Non Performing MB Finance srl, Banca UBI, italfondiario, Cassa risparmio di Ferrara NEGENTROPY S1 srl Non Performing Unione di Banche Italiane scpa Totale al Atteso che la Società è mandataria per la gestione di portafogli di crediti ceduti da parte di specifiche società veicolo costituite ai sensi dell art. 2 legge 130/1999 e non effettua cartolarizzazioni in proprio, non risulta assoggettata all informativa di cui alle lettere b), c), d), f),g) e h) di cui alla tavola 5. Informativa al Pubblico

21 Tavola 6: Rischio di tasso di interesse sulle posizioni incluse nel portafoglio immobilizzato La Società non è allo stato soggetta al rischio di tasso di interesse non disponendo di portafogli immobilizzati. Informativa al Pubblico

22 Tavola 7: Esposizioni in strumenti di capitale: informazioni sulle posizioni incluse nel portafoglio immobilizzato L intermediario non ha esposizioni in strumenti di capitale. Informativa al Pubblico

Informativa al Pubblico

Informativa al Pubblico Informativa al Pubblico Ai sensi di quanto disposto dalle Istruzioni di Vigilanza per gli Intermediari Finanziari iscritti nell Elenco Speciale Capitolo V Vigilanza Prudenziale - Sezione XII 31 dicembre

Dettagli

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2011

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2011 TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2011 La disciplina prudenziale per gli intermediari finanziari iscritti nell elenco speciale di cui all art. 107 TUB (Intermediari ex

Dettagli

III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2014

III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2014 III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2014 1 Premessa Le disposizioni contenute nella Circolare della Banca d Italia n.216 del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007, Capitolo V - Vigilanza

Dettagli

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 Al 31 dicembre 2008 INTRODUZIONE 3 TAVOLA 1 - REQUISITO INFORMATIVO

Dettagli

FERCREDIT spa. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Esercizio 2008

FERCREDIT spa. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Esercizio 2008 FERCREDIT spa Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Pag. 1/12 Premessa La Circolare della Banca d Italia n. 216 del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007 al capitolo V ha introdotto

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013 Sintesi del documento pubblicato ai sensi del Titolo IV della Circolare 263/06 della Banca d Italia L Informativa al pubblico adempie all obbligo

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico Informativa al pubblico Terzo pilastro di Basilea 2 al 31 dicembre 2009 Le disposizioni emanate dalla Banca d Italia in applicazione della normativa europea in materia di Convergenza internazionale della

Dettagli

ING Lease (Italia) S.p.A. Informativa al pubblico Pillar III 31/12/2013

ING Lease (Italia) S.p.A. Informativa al pubblico Pillar III 31/12/2013 ING Lease (Italia) S.p.A. Informativa al pubblico Pillar III INTRODUZIONE La disciplina di Basilea II è una iniziativa internazionale in base alla quale gli istituti finanziari dei Paesi aderenti vengono

Dettagli

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2011

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2011 CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro al Pubblico Situazione al 31/12/2011 CONAFI PRESTITO S.p.A Sede legale ed amministrativa: Torino, via Cordero di Pamparato 15 cap 10143 tel. 011/7710320

Dettagli

serfactoring Informativa al Pubblico Anno 2009

serfactoring Informativa al Pubblico Anno 2009 serfactoring Informativa al Pubblico Anno 2009 SERFACTORING S.p.A. Sede Legale in San Donato Milanese (MI), Via dell Unione europea 3 Capitale Sociale Euro 5.160.000 i. v. Registro Imprese di Milano Codice

Dettagli

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2010

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2010 CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro al Pubblico Situazione al 31/12/2010 CONAFI PRESTITO S.p.A Sede legale ed amministrativa: Torino, via Cordero di Pamparato 15 cap 10143 tel. 011/7710320

Dettagli

Tavola 1 Requisito informativo generale

Tavola 1 Requisito informativo generale Tavola 1 Requisito informativo generale (a) Il Consiglio di Amministrazione di Finlabo SIM. (di seguito anche la SIM o la Società ), ha definito le politiche di gestione dei rischi all interno delle quali

Dettagli

AGOS DUCATO S.p.A. III PILASTRO DI BASILEA 2

AGOS DUCATO S.p.A. III PILASTRO DI BASILEA 2 AGOS DUCATO S.p.A. III PILASTRO DI BASILEA 2 Informativa al pubblico sui requisiti patrimoniali individuali al 31 dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 3 TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 INFORMATIVA

Dettagli

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012 PREMESSA La Circolare 216 di Banca d Italia del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007, al Capitolo V, al fine di rafforzare la disciplina prudenziale per gli Intermediari Finanziari iscritti

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico ZENITH SERVICE S.P.A. Informativa al pubblico In ottemperanza alle norme relative alla vigilanza prudenziale sugli intermediari inscritti nell Elenco speciale ex art. 107 TUB (Circolare della Banca d Italia

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica - (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2011 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014. Sintesi del documento pubblicato ai sensi della normativa di vigilanza prudenziale

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014. Sintesi del documento pubblicato ai sensi della normativa di vigilanza prudenziale INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014 Sintesi del documento pubblicato ai sensi della normativa di vigilanza prudenziale La nuova normativa di vigilanza prudenziale si basa, in linea con

Dettagli

FINDOMESTIC GRUPPO TERZO PILASTRO BASILEA 2

FINDOMESTIC GRUPPO TERZO PILASTRO BASILEA 2 FINDOMESTIC GRUPPO TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31 DICEMBRE 2011 Indice Introduzione... 2 Tavola 3 - Composizione del patrimonio di vigilanza... 4 Tavola 4 - Adeguatezza patrimoniale...

Dettagli

FINDOMESTIC GRUPPO. Informativa al pubblico in materia di composizione del patrimonio di vigilanza e dell adeguatezza patrimoniale

FINDOMESTIC GRUPPO. Informativa al pubblico in materia di composizione del patrimonio di vigilanza e dell adeguatezza patrimoniale FINDOMESTIC GRUPPO Informativa al pubblico in materia di composizione del patrimonio di vigilanza e dell adeguatezza patrimoniale Aggiornamento al 31 dicembre 2013 * * * Terzo Pilastro dell accordo di

Dettagli

COGES FINANZIARIA SPA TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2009

COGES FINANZIARIA SPA TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2009 COGES FINANZIARIA SPA TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2009 COGES FINANZIARIA S.p.A. Capitale Sociale 15.000.000 i.v. Sede Sociale Roma, Via del Pianeta Venere n. 36 Sede Amministrativa

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Premessa Il Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM (Titolo

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO ANNO 2014

INFORMATIVA AL PUBBLICO ANNO 2014 INFORMATIVA AL PUBBLICO ANNO 214 Finanziaria Senese di Sviluppo S.P.A. Sede Legale Piazza Matteotti 3 531 Siena Capitale Sociale 16.572.177 i.v. Codice Fiscale e Partita Iva 721528 Società iscritta nell

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2014 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6 TAVOLA

Dettagli

III PILASTRO PREVISTO DALLA NORMATIVA DI BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013

III PILASTRO PREVISTO DALLA NORMATIVA DI BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013 III PILASTRO PREVISTO DALLA NORMATIVA DI BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013 Premessa IRFIS Finanziaria per lo sviluppo della Sicilia Spa (di seguito anche Società o, in breve, IRFIS

Dettagli

HYPO ALPE-ADRIA-BANK

HYPO ALPE-ADRIA-BANK HYPO ALPE-ADRIA-BANK INFORMATIVA AL PUBBLICO Terzo pilastro di Basilea 3 Al 31 dicembre 2014 (Circ. n. 285 del 17 dicembre 2013) 1 Informativa al pubblico Dal 1 gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova

Dettagli

Enel.factor espone l Informativa al Pubblico sul sito internet www.enelfactor.it. Premessa

Enel.factor espone l Informativa al Pubblico sul sito internet www.enelfactor.it. Premessa Enel.factor Spa Basilea 2 Terzo pilastro al pubblico Esercizio 2009 Premessa La normativa prudenziale Basilea 2 ha lo scopo di sviluppare all interno di banche e intermediari finanziari un sistema di controlli

Dettagli

Simgenia SIM BASILEA 2 III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL REGOLAMENTO BANCA D ITALIA DEL 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1

Simgenia SIM BASILEA 2 III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL REGOLAMENTO BANCA D ITALIA DEL 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Simgenia SIM BASILEA 2 III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL REGOLAMENTO BANCA D ITALIA DEL 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Consiglio di Amministrazione del 14 aprile 2015 1 INTRODUZIONE

Dettagli

Utilizzo dei flussi di segnalazione di Vigilanza e di Centrale Rischi trasmessi e ricevuti dalla Banca d Italia a fini di controllo e di gestione

Utilizzo dei flussi di segnalazione di Vigilanza e di Centrale Rischi trasmessi e ricevuti dalla Banca d Italia a fini di controllo e di gestione Utilizzo dei flussi di segnalazione di Vigilanza e di Centrale Rischi trasmessi e ricevuti dalla Banca d Italia a fini di controllo e di gestione Claudia Pelliccia CO.BA.CO. Srl ROMA, 12-13 DICEMBRE 2012

Dettagli

Pillar III Report Informativa al Pubblico. Aggiornamento Maggio 2010

Pillar III Report Informativa al Pubblico. Aggiornamento Maggio 2010 Pillar III Report Informativa al Pubblico Aggiornamento Maggio 2010 Circolare della Banca d'italia n. 216 del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007 INDICE PREMESSA... - 3 - TAVOLA 1 - ADEGUATEZZA

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996. 31-Dicembre-2013

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996. 31-Dicembre-2013 INFORMATIVA AL PUBBLICO Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996 31-Dicembre-2013 Situazione al 31-12-2009 INDICE INTRODUZIONE... 3 1. TAVOLA 1 - ADEGUATEZZA PATRIMONIALE...

Dettagli

Informativa al pubblico - Pillar III -

Informativa al pubblico - Pillar III - Informativa al pubblico - Pillar III - Indice Premessa...2 Tavola 1 - Adeguatezza patrimoniale...3 Tavola 2 - Rischio di credito - Informazioni generali...5 Tavola 3 - Rischio di credito - Informazioni

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2010

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2010 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2010 (documento redatto in ottemperanza del Titolo IV, Capitolo 1 delle Nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche, circolare Banca d Italia

Dettagli

Terzo Pilastro di Basilea 2 Informativa al pubblico

Terzo Pilastro di Basilea 2 Informativa al pubblico Terzo Pilastro di Basilea 2 Informativa al pubblico 31 dicembre 2012 0 Indice Premessa... 2 TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa qualitativa... 4 Informativa quantitativa... 7 TAVOLA 2 RISCHIO

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996. 31-Dicembre-2014

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996. 31-Dicembre-2014 INFORMATIVA AL PUBBLICO Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996 31-Dicembre-2014 Situazione al 31-12-2009 INDICE INTRODUZIONE... 3 1. TAVOLA 1 - ADEGUATEZZA PATRIMONIALE...

Dettagli

Terzo Pilastro di Basilea 2. Informativa al pubblico

Terzo Pilastro di Basilea 2. Informativa al pubblico Terzo Pilastro di Basilea 2 Informativa al pubblico Premessa Le Istruzioni di vigilanza per gli intermediari finanziari iscritti nell elenco speciale Circolare n. 216 del 5 Agosto 1996 e successivi aggiornamenti

Dettagli

PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO

PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO 31 dicembre 2008 Veneto Sviluppo S.p.A. Via delle Industrie, 19/d 30175 Venezia Marghera Tel. +39 041 3967211 Fax +39 041 5383605 www.venetosviluppo.it Iscrizione al

Dettagli

Terzo Pilastro di Basilea 2 Informativa al Pubblico

Terzo Pilastro di Basilea 2 Informativa al Pubblico Terzo Pilastro di Basilea 2 Informativa al Pubblico 31 dicembre 2013 Indice Premessa... 2 TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa qualitativa... 4 Informativa quantitativa... 7 TAVOLA 2 RISCHIO

Dettagli

TAVOLE PER L INFORMATIVA AL PUBBLICO DEL PROCESSO ICAAP

TAVOLE PER L INFORMATIVA AL PUBBLICO DEL PROCESSO ICAAP TAVOLE PER L INFORMATIVA AL PUBBLICO DEL PROCESSO ICAAP Ai sensi del Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM del 24 ottobre 2007, Giotto SIM ha prodotto apposito

Dettagli

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Andrea Piazzetta Risk Manager Gruppo Banca Popolare di Vicenza Vicenza, 18 settembre 2009 Gruppo Banca Popolare di Vicenza Contesto regolamentare

Dettagli

MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA

MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA BASILEA 2 TERZO PILASTRO Informativa al pubblico Anno 2010 INDICE Premessa Tavola 1 - Adeguatezza patrimoniale Tavola 2 - Rischio di credito: informazioni generali Tavola

Dettagli

Il secondo pilastro: il processo di controllo prudenziale

Il secondo pilastro: il processo di controllo prudenziale : il processo di controllo prudenziale! Il processo di controllo prudenziale (Supervisory Review Process SRP) si articola in due fasi integrate! La prima è rappresentata dal processo interno di determinazione

Dettagli

Informativa al pubblico. III Pilastro. Anno 2014

Informativa al pubblico. III Pilastro. Anno 2014 Informativa al pubblico III Pilastro Anno 2014 Indice Premessa... 3 Tavola 1 - Adeguatezza patrimoniale... 4 Tavola 2 - Rischio di credito: informazioni generali... 6 Tavola 3 - Rischio di credito: informazioni

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Ai sensi del Titolo IV della Circolare Banca d Italia n. 263 del 27/12/2006 (c.d. Terzo pilastro di Basilea 2)

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Ai sensi del Titolo IV della Circolare Banca d Italia n. 263 del 27/12/2006 (c.d. Terzo pilastro di Basilea 2) INFORMATIVA AL PUBBLICO Ai sensi del Titolo IV della Circolare Banca d Italia n. 263 del 27/12/2006 (c.d. Terzo pilastro di Basilea 2) Aprile 2009 INTRODUZIONE La normativa emanata dalla Banca d Italia

Dettagli

Premessa. Tavola 1 Adeguatezza patrimoniale. Informativa qualitativa

Premessa. Tavola 1 Adeguatezza patrimoniale. Informativa qualitativa INFORMATIVA AL PUBBLICO - Terzo Pilastro di Basilea 2 - Situazione al 31 dicembre 2014 Premessa La Sezione XII Informativa al pubblico Cap. V Vigilanza Prudenziale 9 aggiornamento del 28/02/2008 della

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI VALUTAZIONE AZIENDALE DELL ADEGUATEZZA PATRIMONIALE PER I GRUPPI DI SIM

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI VALUTAZIONE AZIENDALE DELL ADEGUATEZZA PATRIMONIALE PER I GRUPPI DI SIM INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI VALUTAZIONE AZIENDALE DELL ADEGUATEZZA PATRIMONIALE PER I GRUPPI DI SIM (Circolare Banca d Italia n.285 del 17 dicembre 2013, Titolo

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO 2013

INFORMATIVA AL PUBBLICO 2013 INFORMATIVA AL PUBBLICO 2013 (ai sensi della Circolare 216/1996 7 aggiornamento, Capitolo V, Sezione XII di Banca d Italia) Fidialtaitalia Società Cooperativa per Azioni Via Rovereto, 31 21052 Busto Arsizio

Dettagli

TERZO PILASTRO BASILEA 2 ESERCIZIO 2009

TERZO PILASTRO BASILEA 2 ESERCIZIO 2009 TERZO PILASTRO BASILEA 2 ESERCIZIO 2009 EMILIA ROMAGNA FACTOR S.p.A. Abbreviato: EMIL-RO FACTOR S.p.A. Strada Maggiore, 29-40125 Bologna Tel 051 6482111 - Fax 051 6482199 - e-mail emilro@emilro.it Capitale

Dettagli

Analisi della performance degli intermediari creditizi

Analisi della performance degli intermediari creditizi Analisi della performance degli intermediari creditizi Lezione 4 L analisi dei rischi e del patrimonio di vigilanza: il Terzo Pilastro di Basilea 2 Università di Bologna Facoltà di Economia, Forlì 11 dicembre

Dettagli

Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare di Banca d Italia n. 216/1996 INFORMATIVA AL PUBBLICO

Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare di Banca d Italia n. 216/1996 INFORMATIVA AL PUBBLICO Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare di Banca d Italia n. 216/1996 INFORMATIVA AL PUBBLICO Situazione al 31/12/2013 ASCOMFIDI PIEMONTE Società Cooperativa Via Massena, 20-10128 Torino Tel. 011/5516267/5516297

Dettagli

Progetto Basilea 2 REGOLAMENTO DEL PROCESSO INTERNO DI VALUTAZIONE DELL ADEGUATEZZA PATRIMONIALE ATTUALE E PROSPETTICA (ICAAP)

Progetto Basilea 2 REGOLAMENTO DEL PROCESSO INTERNO DI VALUTAZIONE DELL ADEGUATEZZA PATRIMONIALE ATTUALE E PROSPETTICA (ICAAP) Progetto Basilea 2 REGOLAMENTO DEL PROCESSO INTERNO DI VALUTAZIONE DELL ADEGUATEZZA PATRIMONIALE ATTUALE E PROSPETTICA (ICAAP) Approvato dal Consiglio di Amministrazione il 06/12/2013 INDICE 1. PREMESSA...

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31.12.2014

INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31.12.2014 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31.12.2014 PREMESSA Copernico Sim S.p.A. con sede in Udine, via Cavour, 20, Capitale Sociale Euro 1.500.000 interamente versato iscritta a Registro Imprese di Udine n. 02104510306

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO 31 DICEMBRE 2012

INFORMATIVA AL PUBBLICO 31 DICEMBRE 2012 INFORMATIVA AL PUBBLICO 31 DICEMBRE 2012 In ottemperanza alla normative sulla vigilanza prudenziale degli Intermediari finanziari iscritti nell Elenco Speciale di cui all art. 107 del Testo Unico Bancario

Dettagli

I rischi operativi. Dott. Michele Lanotte

I rischi operativi. Dott. Michele Lanotte I rischi operativi Assilea, Assifact, Assofin Le nuove disposizioni di Vigilanza della Banca d Italia per le Banche e gli Intermediari Finanziari dell Elenco Speciale Milano, 14 aprile 2008 Dott. Michele

Dettagli

Allegato A. Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI

Allegato A. Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI 66 Allegato A Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI Gli organi aziendali assumono un ruolo fondamentale per la definizione di

Dettagli

FLASH REPORT. Il nuovo Intermediario Finanziario Unico. Giugno 2015

FLASH REPORT. Il nuovo Intermediario Finanziario Unico. Giugno 2015 FLASH REPORT Il nuovo Intermediario Finanziario Unico Giugno 2015 Il 4 settembre 2010 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il D.Lgs. 141 del 13 agosto 2010, attuativo della Direttiva comunitaria n.

Dettagli

Informativa al Pubblico. Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996

Informativa al Pubblico. Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996 Informativa al Pubblico Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996 31 dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 2 1. ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 3 2. RISCHIO DI CREDITO:

Dettagli

TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE...

TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... INFORMATIVA AL PUBBLICO TERZO PILASTRO BASILEA II AL 31 DICEMBRE 2012 Indice 1 TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 3 1.1 Informativa qualitativa... 3 1.1.1 Mappatura dei rischi... 3 1.1.2 Misurazione

Dettagli

Informativa al Pubblico

Informativa al Pubblico 1 Informativa al Pubblico Pillar 3 Informazioni al 31 Dicembre 2010 2 MPS Gestione Crediti Banca S.p.A. Sede Sociale in Siena, Piazza Salimbeni 3, www.mpsgestionecreditibanca.it Iscritta al Registro Imprese

Dettagli

ICAAP. Spunti di discussione Risk Management E Sintesi dati Resoconto 2009

ICAAP. Spunti di discussione Risk Management E Sintesi dati Resoconto 2009 ICAAP Spunti di discussione Risk Management E Sintesi dati Resoconto 29 Perché l ICAAP? (Internal Convergence of Capital Measurament and Capital Standards) Il secondo pilastro di Basilea II non è pensato

Dettagli

Terzo Pilastro di Basilea 2 Informativa al pubblico

Terzo Pilastro di Basilea 2 Informativa al pubblico Terzo Pilastro di Basilea 2 Informativa al pubblico 31 dicembre 2012 Pagina 1 di 27 Premessa... 3 Tavola 1 Adeguatezza Patrimoniale... 5 Tavola 2 Rischio di credito: informazioni generali... 17 Tavola

Dettagli

*** Terzo pilastro dell accordo di Basilea II / Basilea III

*** Terzo pilastro dell accordo di Basilea II / Basilea III Informativa al pubblico in materia di adeguatezza patrimoniale, l esposizione ai rischi e le caratteristiche generali dei sistemi preposti all identificazione, alla misurazione e alla gestione di tali

Dettagli

I rischi dell attività bancaria L ICAAP. Almo Collegio Borromeo 12 novembre 2009

I rischi dell attività bancaria L ICAAP. Almo Collegio Borromeo 12 novembre 2009 I rischi dell attività bancaria L ICAAP Almo Collegio Borromeo 12 novembre 2009 I limiti del primo Accordo di Basilea e il loro superamento La proposta di Direttiva di recepimento del nuovo Accordo di

Dettagli

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE SEZIONE I

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE SEZIONE I VIGILANZA CREDITIZIA E FINANZIARIA SERVIZIO CONCORRENZA, NORMATIVA E AFFARI GENERALI (843) DIVISIONE NORMATIVA (015) N. 501981 del 17-05-2007 DISPOSIZIONI DI VIGILANZA DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO

INFORMATIVA AL PUBBLICO 1 INFORMATIVA AL PUBBLICO Terzo Pilastro di Basilea 2 Dati al 31 dicembre 2013 2 INFORMAZIONI GENERALI Denominazione e forma giuridica: Cooperfidi S. C. - Cooperativa Provinciale Garanzia Fidi Società

Dettagli

PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO 2013

PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO 2013 PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO 2013 Il presente documento è stato redatto ai sensi della Circolare di Banca d Italia 216/96, Capitolo V, Sezione XII COOPFIDI Confidi unitario per l artigianato e la

Dettagli

CASSA DI RISPARMIO DI BRA SPA. BASILEA 2 III PILASTRO Informativa al pubblico Situazione al 31 Dicembre 2010

CASSA DI RISPARMIO DI BRA SPA. BASILEA 2 III PILASTRO Informativa al pubblico Situazione al 31 Dicembre 2010 CASSA DI RISPARMIO DI BRA SPA BASILEA 2 III PILASTRO Informativa al pubblico Situazione al 31 Dicembre 2010 Sommario PREMESSA... 3 TAVOLA 1 - REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 4 TAVOLA 2 - AMBITO DI APPLICAZIONE...

Dettagli

Informativa al pubblico al 31.12.2011

Informativa al pubblico al 31.12.2011 Informativa al pubblico al 31.12.2011 su adeguatezza patrimoniale, esposizione ai rischi e sistema di gestione del rischio Terzo Pilastro Basilea 2 Cellino e Associati SIM S.p.A. Via Cavour 21-10123 TORINO

Dettagli

Finanziamento Immobiliare Finanziamenti strutturati, leasing, mezzanine e NPL

Finanziamento Immobiliare Finanziamenti strutturati, leasing, mezzanine e NPL Finanziamento Immobiliare Finanziamenti strutturati, leasing, mezzanine e NPL Giacomo Morri Antonio Mazza Capitolo 6 GLI ACCORDI DI BASILEA E I FINANZIAMENTI IMMOBILIARI STRUTTURATI Il Nuovo Accordo Obiettivi

Dettagli

Terzo pilastro di Basilea 2

Terzo pilastro di Basilea 2 Terzo pilastro di Basilea 2 Informativa al pubblico al 31 dicembre 2013 (Titolo IV - Circolare della Banca d Italia n. 263 del 27 dicembre 2006) 1 Indice Premessa... 3 TAVOLA 1 Requisito informativo generale...

Dettagli

BASILEA 2 TERZO PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2013

BASILEA 2 TERZO PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2013 BASILEA 2 TERZO PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2013 INDICE TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 INFORMAZIONE QUALITATIVA... 4 INFORMAZIONE QUANTITATIVA... 6 TAVOLA 2 RISCHIO DI CREDITO : INFORMAZIONI

Dettagli

Informativa al pubblico Situazione al 31 dicembre 2008

Informativa al pubblico Situazione al 31 dicembre 2008 Informativa al pubblico Situazione al 31 dicembre 2008 Pillar III Indice Premessa... 3 Tavola 1 Requisito informativo generale... 3 Tavola 2 Ambito di applicazione... 13 Tavola 3 Composizione del Patrimonio

Dettagli

I.C.A.A.P. Internal Capital Adequacy Assessment Process

I.C.A.A.P. Internal Capital Adequacy Assessment Process Banca di Credito Cooperativo di S.Pietro in Vincio Regolamento del Processo I.C.A.A.P. Internal Capital Adequacy Assessment Process INDICE PREMESSA..... 3 1. RUOLO DEGLI ORGANI DI GOVERNO E CONTROLLO...

Dettagli

DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE

DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE VIGILANZA CREDITIZIA E FINANZIARIA SERVIZIO CONCORRENZA NORMATIVA E AFFARI GENERALI Divisione Normativa DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE Il presente documento fornisce uno schema di disposizioni

Dettagli

Informativa al pubblico - pillar 3 Dati riferiti al 31 dicembre 2008

Informativa al pubblico - pillar 3 Dati riferiti al 31 dicembre 2008 Informativa al pubblico - pillar 3 Dati riferiti al 31 dicembre 2008 1 Indice Introduzione 3 Requisito informativo generale 4 Ambito di applicazione.11 Composizione del Patrimonio di Vigilanza..12 Adeguatezza

Dettagli

Equita SIM S.p.A. pubblica la presente Informativa al Pubblico sul proprio sito internet www.equitasim.it

Equita SIM S.p.A. pubblica la presente Informativa al Pubblico sul proprio sito internet www.equitasim.it INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2012 Introduzione Il Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM (Titolo III, Capitolo 1), del 24 ottobre 2007, introduce

Dettagli

Informativa al Pubblico. Basilea 2 Terzo Pilastro. 31 dicembre 2012

Informativa al Pubblico. Basilea 2 Terzo Pilastro. 31 dicembre 2012 Informativa al Pubblico Basilea 2 Terzo Pilastro 31 dicembre 2012 1 Indice Introduzione...3 Tavola 1 Requisito informativo generale...4 Tavola 3 Composizione del patrimonio di vigilanza......12 Tavola

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2013

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2013 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2013 (documento redatto in ottemperanza del Titolo IV, Capitolo 1 delle Nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche, circolare Banca d Italia

Dettagli

Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia

Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia sfef7_volait@0091-0096#3b_layout 1 13/03/12 09.04 Pagina 91 91 Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia di FABRIZIO VEDANA Il provvedimento con il quale la Banca d Italia,

Dettagli

Indice PREMESSA... 3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 5 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 39

Indice PREMESSA... 3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 5 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 39 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2013 Indice PREMESSA... 3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 5 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 39 TAVOLA 3 COMPOSIZIONE DEL PATRIMONIO DI VIGILANZA...

Dettagli

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 Progetto Basilea 2 TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2008 1 Indice PREMESSA... 3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 4 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE...

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo INFORMATIVA AL PUBBLICO BASILEA 2-3 PILASTRO MAGGIO 2010 1 PILLAR III MAGGIO 2010 ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INFORMATIVA AL PUBBLICO BASILEA 2 3 PILASTRO INTRODUZIONE

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PRUDENZIALE PER LE BANCHE (Circ. n. 263 del 27 dicembre 2006)

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PRUDENZIALE PER LE BANCHE (Circ. n. 263 del 27 dicembre 2006) Deutsche Bank S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PRUDENZIALE PER LE BANCHE (Circ. n. 263 del 27 dicembre 2006) al 31 dicembre 2012 Banca d Italia, sulla base

Dettagli

Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi. Firenze, 28 Febbraio 2013

Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi. Firenze, 28 Febbraio 2013 Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi Firenze, 28 Febbraio 2013 Indice ß Introduzione ß Assetti Organizzativi ß Sistema dei Controlli Interni ß Risk Governance ß Conclusioni

Dettagli

SCHRODERS ITALY SIM BASILEA 2 III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO RESOCONTO ICAAP (INTERNAL CAPITAL ADEQUACY ASSESSMENT PROCESS) AL 31 DICEMBRE 2013

SCHRODERS ITALY SIM BASILEA 2 III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO RESOCONTO ICAAP (INTERNAL CAPITAL ADEQUACY ASSESSMENT PROCESS) AL 31 DICEMBRE 2013 SCHRODERS ITALY SIM BASILEA 2 III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO RESOCONTO ICAAP (INTERNAL CAPITAL ADEQUACY ASSESSMENT PROCESS) AL 31 DICEMBRE 2013 Schroders Italy SIM S.p.A. Resoconto ICAAP al 31 dicembre

Dettagli

Istruzioni di vigilanza per gli I.F. iscritti nell elenco speciale (Circ. 216/96-7 e 8 agg.to)

Istruzioni di vigilanza per gli I.F. iscritti nell elenco speciale (Circ. 216/96-7 e 8 agg.to) Istruzioni di vigilanza per gli I.F. iscritti nell elenco speciale (Circ. 216/96-7 e 8 agg.to) Convegno ASSILEA-ASSOFIN-ASSIFACT Le nuove disposizioni di vigilanza della Banca d Italia per le banche e

Dettagli

31 dicembre 2014. Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 29.05.2015

31 dicembre 2014. Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 29.05.2015 Terzo pilastro - Informativa al Pubblico 31 dicembre 2014 Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 29.05.2015 Sede legale: Via Enzo Baldoni 23-97100 Ragusa (RG) Registro imprese/codice

Dettagli

Il procedimento di autorizzazione

Il procedimento di autorizzazione Dipartimento Vigilanza Bancaria e Finanziaria Il procedimento di autorizzazione Roma, 1 luglio 2015 Agostino Di Febo Servizio Costituzioni e gestione delle crisi Divisione Costituzioni banche e intermediari

Dettagli

Dott. Antonio Renzi. Banca d Italia Servizio Vigilanza sugli Enti Creditizi Vigilanza Creditizia e Finanziaria

Dott. Antonio Renzi. Banca d Italia Servizio Vigilanza sugli Enti Creditizi Vigilanza Creditizia e Finanziaria Il quadro di riferimento per l entrata in vigore delle nuove disposizioni di Vigilanza per le Banche e per gli Intermediari Finanziari iscritti nell Assilea, Assifact, Assofin Le nuove

Dettagli

TERZO PILASTRO DI BASILEA 3 INFORMATIVA AL PUBBLICO 31 DICEMBRE 2014 (APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 28 MAGGIO 2015)

TERZO PILASTRO DI BASILEA 3 INFORMATIVA AL PUBBLICO 31 DICEMBRE 2014 (APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 28 MAGGIO 2015) TERZO PILASTRO DI BASILEA 3 INFORMATIVA AL PUBBLICO 31 DICEMBRE 2014 (APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 28 MAGGIO 2015) Sommario INTRODUZIONE... 3 1. OBIETTIVI E POLITICHE DI GESTIONE DEL

Dettagli

Informativa al Pubblico Terzo Pilastro di Basilea 2 anno 2011 Pagina 1

Informativa al Pubblico Terzo Pilastro di Basilea 2 anno 2011 Pagina 1 INFORMATIVA AL PUBBLICO TERZO PILASTRO BASILEA 2 2011 Informativa al Pubblico Terzo Pilastro di Basilea 2 anno 2011 Pagina 1 Situazione riferita al 31/12/2011 Indice TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE...

Dettagli

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI TITOLO IV Capitolo 5 RISCHIO DI CREDITO - METODO STANDARDIZZATO Sezione I Disciplina applicabile TITOLO IV- Capitolo 5 RISCHIO DI CREDITO METODO STANDARDIZZATO SEZIONE I DISCIPLINA APPLICABILE Gli intermediari

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI VERCELLI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI VERCELLI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI VERCELLI Approvato dall Organo di indirizzo in data 17 dicembre 2015 2 SOMMARIO TITOLO I - PREMESSE Art. 1 (Ambito di applicazione)

Dettagli

Vigilanza bancaria e finanziaria

Vigilanza bancaria e finanziaria Vigilanza bancaria e finanziaria DISPOSIZIONI DI VIGILANZA IN MATERIA DI POTERI DI DIREZIONE E COORDINAMENTO DELLA CAPOGRUPPO DI UN GRUPPO BANCARIO NEI CONFRONTI DELLE SOCIETÀ DI GESTIONE DEL RISPARMIO

Dettagli

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa Massimo Bozeglav Responsabile Direzione Internal Audit Banca Popolare di Vicenza Indice 1. I fattori di cambiamento 2. L architettura

Dettagli

Documento per la consultazione

Documento per la consultazione Documento per la consultazione Disciplina prudenziale delle cessioni di immobili a uso funzionale delle banche e dei gruppi bancari Il documento illustra il trattamento prudenziale delle operazioni di

Dettagli

NOTA AIFIRM Associazione Italiana Financial Industry Risk Managers 23 luglio 2013

NOTA AIFIRM Associazione Italiana Financial Industry Risk Managers 23 luglio 2013 NOTA AIFIRM Associazione Italiana Financial Industry Risk Managers 23 luglio 2013 E stato introdotto nell ordinamento di vigilanza italiano il concetto di risk appetite framework (RAF). E contenuto nella

Dettagli

Terzo Pilastro Basilea II. Informativa al Pubblico

Terzo Pilastro Basilea II. Informativa al Pubblico Terzo Pilastro Basilea II Informativa al Pubblico Riferimento: 31 dicembre 2013 1 INDICE Premessa Requisito informativo generale Tavola 1 Tavola 2 Tavola 4 Tavola 6 Tavola 7 Tavola 8 Adeguatezza patrimoniale

Dettagli

Confidi 107 e Fondi Statali di Garanzia: aspetti della circolare 263 e le simulazioni di impatto verso Basilea 3

Confidi 107 e Fondi Statali di Garanzia: aspetti della circolare 263 e le simulazioni di impatto verso Basilea 3 Confidi 107 e Fondi Statali di Garanzia: aspetti della circolare 263 e le simulazioni di impatto verso Basilea 3 Pietro Ceolin Responsabile Servizio Rischi di Credito Area Risk Management UBI Banca scpa

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Sulla situazione al 31 dicembre 2014

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Sulla situazione al 31 dicembre 2014 INFORMATIVA AL PUBBLICO Sulla situazione al 31 dicembre 2014 Indice Premessa... 3 Tavola 1. A - Obiettivi e politiche di gestione del rischio - Art. 435 (1) CRR... 5 Tavola 1. B - Sistemi di Governance

Dettagli

LA COMPLIANCE FISCALE NELLE BANCHE: IMPATTO SUI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

LA COMPLIANCE FISCALE NELLE BANCHE: IMPATTO SUI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Focus on LA COMPLIANCE FISCALE NELLE BANCHE: IMPATTO SUI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Aprile 2016 www.lascalaw.com www.iusletter.com Milano Roma Torino Bologna Firenze Ancona Vicenza

Dettagli