C O M U N E DI O D E R Z O CITTÀ ARCHEOLOGICA (Provincia di Treviso)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "C O M U N E DI O D E R Z O CITTÀ ARCHEOLOGICA (Provincia di Treviso)"

Transcript

1 SCHEDA DI REPORT n 2 DEL P.E.G al (1, 2) SERVIZIO UFFICIO RESPONSABILE DI SERVIZIO AMMINISTRATORE DI RIFERIMENTO ECONOMICO FINANZIARIO CONTABILITA PERSONALE ECONOMATO C.E.D. Dott. Monica Nobile Rag. Giuseppe Casagrande report attività di 47

2 OBIETTIVO n. 1 PESO 10% ATTIVITA ATTIVITA N. 1 10% Definizione degli obiettivi da rispettare nel corso e al termine dell esercizio ATTIVITA N. 2 40% Programmazione dei flussi di cassa in conto capitale e coordinamento della gestione degli stessi da parte degli uffici COORDINAMENTO DELLE ATTIVITA FINALIZZATE AL RISPETTO DEL PATTO DI STABILITA MISURA INDICATORI RILEVATA Entro i termini di legge Entro il primo trimestre con verifiche periodiche al termine di ogni trimestre EVENTUALE SCOSTAMENTO E MOTIVAZIONE In data stata predisposta la certificazione del rispetto del patto di stabilità anno Sono stati definiti gli obiettivi da rispettare per l anno 2013 ed inviati mediante il sistema web non appena pubblicato in G.U. il decreto ministeriale e reso disponibile nel sito del MEF l applicativo web Il gruppo di lavoro ristretto (Resp. Servizio Finanziario, Resp. Servizio Tecnico, Resp. Urbanistica e Assessore Bilancio) per il monitoraggio del patto di stabilità si è riunito fin dall inizio dell esercizio al fine di definire il piano programmatico dei pagamenti; il piano dei pagamenti provvisorio è stato approvato con delibera di GC 17 del , successivamente con delibera n. 80 del è stato approvato il piano dei pagamenti definitivo, al quale sono state poi apportate alcune modifiche conseguenti a variazioni al bilancio in conto capitale. NOTE DEL SEGRETARIO La rilevazione relativa al primo semestre 2013 è stata effettuata in data , non appena approvato il DM, non ancora pubblicato, e reso disponibile nel sito del MEF l applicativo web ATTIVITA N.3 30% Programmazione dei flussi di cassa in conto capitale nel triennio e coordinamento della gestione degli stessi da parte degli uffici Entro il primo trimestre con verifiche periodiche al termine di ogni trimestre L andamento dei flussi di cassa è costantemente monitorato, mediante verifiche settimanali. E stata sottoposta all attenzione della G.C. una bozza del piano dei pagamenti in data ; il piano dei pagamenti triennale è stato poi approvato con delibera G.C. 152 in data , successivamente modificato con delibera G.C. 175 del ;. La programmazione triennale dei pagamenti, come del resto la programmazione report attività di 47

3 annuale, è quest anno resa particolarmente difficile, visto l assoluta incertezza della finanza locale, prova ne sia che il termine per l approvazione del bilancio di previsione è stato differito al 30 novembre 2013 ATTIVITA N.4 20% Monitoraggio della parte corrente del bilancio Convocazione di riunioni a cadenza max trimestrale (4 anno) 25% Lo slittamento del termine per l approvazione del bilancio al , la nuova disciplina dell IMU e l incertezza sull ammontare delle risorse da federalismo ha reso impossibile questa attività. Le entrate e le uscite di parte corrente sono comunque costantemente monitorate. In occasione dell assestamento di bilancio, per fare fronte al forte squilibrio di parte corrente determinato dalla riduzione delle risorse attribuite dallo Stato, in data si è riunito il gruppo di coordinamento Giunta-Responsabili. Sono stati estinti 8 mutui con CC.DD.PP. ed 1 con Unicredit al fine di conseguire risparmi di parte corrente. 85% report attività di 47

4 OBIETTIVO n. 2 PESO 10% GESTIONE DEI BUDGET E DELLE RISORSE CONDIVISE ATTIVITA ATTIVITA N. 1 25% Inserimento nei capitoli di spesa di parte corrente dei budget di spesa come da schede PEG già in uso ATTIVITA N. 2 25% gestione dei budget: - Gestione impegni con imputazione a budget - Gestione variazioni budget - assistenza al personale sulle modalità operative - report finale alla Giunta ATTIVITA N. 3 50% - Gestione variazioni bilancio da budget INDICATORI Entro il termine per l approvazione del PEG Entro il Report alla chiusura dell esercizio Variazioni al bilancio e al PEG MISURA RILEVATA EVENTUALE SCOSTAMENTO E MOTIVAZIONE Il PEG ed il bilancio di previsione sono stati costruiti a partire dai budget L attività prosegue con regolarità fin dall inizio dell esercizio finanziario, prima in modalità esercizio provvisorio e poi, una volta approvati bilancio e PEG, in esercizio definitivo. Attività regolarmente effettuata NOTE DEL SEGRETARIO report attività di 47

5 OBIETTIVO n. 3 PESO 10% ATTIVITA ATTIVITA N. 1 25% Monitoraggio del lavoro straordinario attraverso tempestiva registrazione nel sistema informativo ATTIVITA N. 2 25% Report periodici ai responsabili di servizio e al segretario sull utilizzo del lavoro straordinario ATTIVITA N. 3 10% Monitoraggio spese di trasferta e corsi di formazione ATTIVITÀ N. 4 20% Monitoraggio spese del personale ATTIVITÀ N. 5 20% Avvio recupero pratiche arretrate riconsegnate dal Consorzio del Comprensorio Opitergino GESTIONE RISORSE UMANE MISURA INDICATORI RILEVATA EVENTUALE SCOSTAMENTO E MOTIVAZIONE Rilevazioni mensili Attività regolarmente svolta dall ufficio personale Rilevazioni mensili Attività regolarmente svolta dall ufficio personale Rilevazioni mensili Attività regolarmente svolta dall ufficio personale Entro il Attività regolarmente svolta dall ufficio personale In collaborazione con CSMT Attività regolarmente svolta dall ufficio personale: N. 13 PA04 N. 1 PENSIONEN. 1 35OP N. 1 TFR N. 1 RILIQUIDAZIONE N. 9 QUADRI AGGIUNTIVI 35OP NOTE DEL SEGRETARIO report attività di 47

6 OBIETTIVO n. 4 PESO 10% PREPARAZIONE SCRITTURE CONTABILI IN VISTA DEI NUOVI SCHEMI DI BILANCIO DAL ATTIVITA ATTIVITA N. 1 30% Revisione straordinaria e riclassificazione residui ATTIVITA N. 2 10% Formazione del personale del servizio contabilità (corsi esterni) ATTIVITA N.3 10% Formazione del personale degli altri servizi ATTIVITA N. 4 50% Predisposizione bilancio ed allegati secondo nuovi schemi INDICATORI MISURA RILEVATA EVENTUALE SCOSTAMENTO E MOTIVAZIONE Entro il In occasione dell approvazione del rendiconto. Determinazione n. 162 del Entro il Il personale dell ufficio contabilità e dell ufficio economato ha partecipato ad un corso organizzato dal fornitore del software e poi ha partecipato ad altri corsi gratuiti (anutel e Provincia di Treviso) Entro il In data è stato organizzato un incontro cui hanno partecipato tutti i responsabili di servizio ed i collaboratori da loro individuati; è stata predisposta anche una dispensa contenente le parti salienti della riforma Entro il La G.C.con delibera 132 del ha aderito volontariamente alla sperimentazione, con agevolazioni per il patto di stabilità e per il personale. È stato predisposto in bilancio provvisorio riclassificato, approvato con delibera di G.C. 1 del NOTE DEL SEGRETARIO report attività di 47

7 OBIETTIVO n. 5 PESO 10% RAZIONALIZZAZIONE DEGLI ACQUISTI DI BENI E SERVIZI ANCHE AL FINE DEL RISPETTO DELL ART. 1 D.L. 95/2012 ATTIVITA ATTIVITA N. 1 20% Formazione del personale del servizio economico finanziario interessato (corsi esterni) ATTIVITA N. 2 80% Programmazione degli acquisti INDICATORI MISURA RILEVATA EVENTUALE SCOSTAMENTO E MOTIVAZIONE Entro il Il personale ha partecipato ad alcuni corsi, anche on line Entro il Gli acquisti, ove possibile, vengono effettuati con ricorso a Consip e Me.Pa; è stato disposto con determinazione n. 532 del l adesione alla convenzione gas del Cev, con un risparmio rispetto alla convenzione Consip di 2,06 cent/smc NOTE DEL SEGRETARIO report attività di 47

8 OBIETTIVO n. 6 di qualità PESO 50% COORDINAMENTO DELLE ATTIVITA FINALIZZATE ALL UTILIZZO DELLE RISORSE DELL ENTE ATTIVITA ATTIVITA N. 1 80% Predisposizione del bilancio di previsione prima del termine fissato con DL 35/2013 al ATTIVITA N. 2 20% Monitoraggio costante in corso d anno risorse effettivamente disponibili in base anche al mutevole quadro normativo ed adeguamento previsioni bilancio INDICATORI MISURA RILEVATA EVENTUALE SCOSTAMENTO E MOTIVAZIONE Entro il Il bilancio di previsione è stato approvato con delibera di CC 10 del Il termine per l approvazione del bilancio è ulteriormente slittato al Entro Il quadro delle risorse è stato definito a fine ottobre. Successivamente sono state adottate tutte le misure necessarie per adeguare il bilancio di previsione, in particolare con delibera di assestamento generale di bilancio. NOTE DEL SEGRETARIO OBIETTIVO N. 6 DI QUALITA La particolare congiuntura economica, che ha riflessi sulla produzione normativa e sulla situazione finanziaria dei Comuni, ha reso straordinaria una attività ordinaria. Nel senso che un attività, come quella della predisposizione del bilancio di previsione, che dovrebbe ritenersi routinaria per un servizio economico-finanziario, è diventata nel 2012 e ancor più nel 2013, straordinaria. Il quadro delle risorse ad inizio 2013 era quanto mai incerto: non erano determinati i trasferimenti per il 2013 e nemmeno vi era il dato definitivo dei trasferimenti per l anno 2012; vi era una nuova modifica alla ripartizione del gettito IMU tra Stato e Comuni; era report attività di 47

9 prevista la soppressione del fondo sperimentale di riequilibrio, sostituito dal fondo di solidarietà; inoltre era prevista l istituzione della TARES e il relativo riversamento allo Stato. Dato questo quadro normativo e la difficoltà nella quantificazione delle risorse, il termine per l approvazione del bilancio è stato fissato dall art. 1 comma 381 della L n. 228 al 30 settembre 2013, poi slittato ulteriormente al 30 novembre L obiettivo di pervenire alla predisposizione del bilancio di previsione e alla successiva approvazione prima del termine fissato per legge al è di particolare qualità in quanto presuppone una delicata attività di analisi e di studio della normativa, proiezioni e calcoli per la quantificazione delle risorse, oltre ad un costante aggiornamento sui provvedimenti via via adottati dal Governo e corrispondente monitoraggio della situazione finanziaria. La scelta di procedere alla predisposizione ed approvazione del bilancio di previsione prima della scadenza del termine ed entro il primo trimestre 2013 consente: 1. di limitare la gestione in esercizio provvisorio, la quale comporta inevitabili rallentamenti all attività, fino al blocco totale in caso di attività finanziate con capitoli privi di finanziamento nell esercizio precedente, o con stanziamento inferiore o insufficiente; 2. di riconoscere e finanziare debiti fuori bilancio con risorse stanziate nel bilancio di previsione 2013, immediatamente dopo l approvazione del bilancio di previsione 2013; in esercizio provvisorio non è possibile finanziare i debiti per i motivi indicati al punto precedente. 3. di riconoscere e finanziare debiti fuori bilancio con avanzo di amministrazione, immediatamente dopo l approvazione del bilancio di previsione 2013 e del rendiconto 2012; in esercizio provvisorio non è possibile effettuare variazioni al bilancio; 4. di finanziare alcuni interventi di manutenzione straordinaria, soprattutto nelle scuole, nonché completare alcune opere, altrimenti privi di copertura finanziaria per i motivi indicati al punto 1: a. scuola materna di Camino; b. scuola materna San Vincenzo; c. scuola elementare Dall Ongaro; d. realizzazione Belvedere in Piazza Castello. report attività di 47

10 La scelta di procedere alla predisposizione ed approvazione del bilancio di previsione prima della scadenza del termine ed entro il primo trimestre 2013 non è priva di criticità in quanto le previsioni di bilancio potrebbero scostarsi sensibilmente dalle risorse che si renderanno effettivamente disponibili una volta chiarito da parte del Governo il quadro delle risorse attribuite ai Comuni. Tale criticità va affrontata con attento aggiornamento sui provvedimenti via via adottati dal Governo e corrispondente monitoraggio ed adeguamento del bilancio di previsione mediante variazioni. IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO ECONOMICO FINANZIARIO Dott.ssa Monica Nobile report attività di 47

11 SCHEDA DI P.E.G. ANNO 2013 C O M U N E DI O D E R Z O SERVIZIO UFFICIO RESPONSABILE DI SERVIZIO AMMINISTRATORE DI RIFERIMENTO Gestione del Territorio e Urbanistica Urbanistica - Commercio Arch. Eleonora Berto Ing. Bruno De Luca OBIETTIVO n. 1 - Descrizione obiettivo Gestione Sportello Unico Attività Produttive PESO E TIPO DELL ATTIVITÀ (S.A.N.) N ATTIVITÀ DESCRIZIONE DELL ATTIVITA INDICATORI Attività n. 1 Creazione nel sito istituzionale di un area Dicembre 2013 riservata allo Sportello Unico Attività Produttive in cui siano pubblicate le informazioni sui procedimenti amministrativi. Vanno inoltre definite le modalità di gestione tecnica e funzionale del back e front office, di archiviazione delle pratiche e di redazione della modulistica, tale attività viene comunque svolta in collaborazione e in conformità alle indicazioni del Centro Studi Amministrativi. MISURA RILEVATA EVENTUALE SCOSTAMENTO E MOTIVAZIONE NOTE L ufficio si è allineato alle indicazioni del Centro Studi Amministrativi OBIETTIVO n.2 descrizione obiettivo PESO DELL ATTIVITÀ (S.A.N.) Gestione Sportello Unico per l Edilizia N ATTIVITÀ DESCRIZIONE DELL ATTIVITA INDICATORI Attività n. 1 Definizione delle modalità di gestione tecnica e funzionale del back e front office, di archiviazione delle pratiche e continuo aggiornamento del sito istituzionale MISURA RILEVATA Settembre 2013 EVENTUALE SCOSTAMENTO E MOTIVAZIONE NOTE E stata data particolare attenzione all aggiornamento del sito istituzionale, facilitandone la consultazione da parte dei tecnici e report attività di 47

12 relativamente all area riservata allo Sportello Unico per l Edilizia dei cittadini. Relativamente all attività edilizia, nel caso di soggetti diversi dal soggetto privato, la documentazione relativa può essere presentata direttamente al portale impresa in un giorno attivato dalla Camera di Commercio, negli altri casi può essere presentata anche via pec. La gestione avviene anche per via telematica ed informatica, previo invio all URP per la protocollazione e archiviazione dei documenti. Parte dei documenti saranno comunque archiviati internamente al programma Cned e collegati alla pratica di riferimento. OBIETTIVO n. 3 descrizione obiettivo PESO DELL ATTIVITÀ 100 % (S.A.N.) Attività pianificatoria del territorio N ATTIVITÀ DESCRIZIONE DELL ATTIVITA INDICATORI Attività n. 1 Avvio della digitalizzazione del Piano degli Interventi su base cartografica catastale Attività pluriennale, entro Dicembre 2013 si prevede la digitalizzazione di una porzione del territorio, corrispondente ad un Ambito Territoriale MISURA RILEVATA EVENTUALE SCOSTAMENTO E MOTIVAZIONE NOTE report attività di 47

13 Omogeneo (ATO) OBIETTIVO n. 4 descrizione obiettivo Avvio della procedura per la redazione di una proposta di aggiornamento della perimetrazione del Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico del bacino idrografico del fiume Livenza (PAIL) PESO DELL ATTIVITÀ (S.A.N.) N ATTIVITÀ DESCRIZIONE DELL ATTIVITA INDICATORI Attività n. 1 L obiettivo per l anno corrente è di fare una ricognizione dello stato di attuazione delle opere di mitigazione idraulica. Trattasi di attività pluriennale e quindi l obiettivo finale sarà la redazione di un elaborato di proposta di aggiornamento della perimetrazione del PAIL o di modifica delle classi di rischio, corredato da una valutazione delle nuove condizioni di pericolosità idraulica, previo analisi di dettaglio delle aree di rischio idraulico ricadenti nel perimetro del PAIL. Le analisi di dettaglio dovranno essere affidate ad un professionista esterno competente in materia. Attività pluriennale, entro Dicembre 2013 sarà effettuata la ricognizione dello stato di attuazione delle opere di mitigazione idraulica. MISURA RILEVATA EVENTUALE SCOSTAMENTO E MOTIVAZIONE NOTE report attività di 47

14 OBIETTIVO n. 5 - Descrizione obiettivo Armonizzazione P.Z.A. (Piano di Zonizzazione Acustica) al P.I. vigente (Piano degli Interventi) PESO E TIPO DELL ATTIVITÀ Peso 50% Sviluppo Attività Nuova (S.A.N.) Peso 50% Sviluppo Attività Nuova (S.A.N.) N ATTIVITÀ DESCRIZIONE DELL ATTIVITA INDICATORI Attività n. 1 Ricognizione dello stato di fatto dell attuale P.Z.A. (del 2001) rispetto agli sviluppi urbani inseriti nel vigente P.I. Attività n. 2 Elaborazione grafica dell armonizzazione tra P.Z.A. e P.I. con ricomprensione delle zone di sviluppo urbano nella zonizzazione acustica e invio al Consiglio Comunale per presa d atto. MISURA RILEVATA Entro il 30/06/2013 Entro il 31/12/2013 EVENTUALE SCOSTAMENTO E MOTIVAZIONE NOTE Condivisione tra Ufficio Urbanistica e Servizio LLPP Condivisione tra Ufficio Urbanistica e Servizio LLPP report attività di 47

15 OBIETTIVO n. 6 Descrizione obiettivo Revisione delle normative commerciali PESO E TIPO DELL ATTIVITÀ (S.A.N.) N ATTIVITÀ DESCRIZIONE DELL ATTIVITA INDICATORI Attività n. 1 A seguito del processo di liberalizzazione, avviato con la L. 27/2012, si deve provvedere alla revisione delle normative commerciali, che consiste nella verifica e adeguamento dei singoli procedimenti amministrativi e nella puntuale revisione dei regolamenti comunali per le attività commerciali. La revisione dei procedimenti e dei regolamenti dovrà tener conto anche della recente normativa regionale che disciplina lo sviluppo del sistema commerciale (LR n. 50/2012), prevedendone la sua completa attuazione in due momenti: una prima fase transitoria, in attesa dell emanazione del regolamento regionale e la successiva fase conclusiva, da attuare entro 180 dall approvazione del regolamento regionale. Invio della proposta alla Giunta. Proposta di adeguamento entro 180 giorni dall approvazione del regolamento regionale che disciplina lo sviluppo del sistema commerciale MISURA RILEVATA EVENTUALE SCOSTAMENTO E MOTIVAZIONE NOTE La L.R. N. 32/2013 ha posticipato la scadenza per adeguare gli strumenti urbanistici al regolamento, da dicembre 2013 a giugno L ufficio ha provveduto a verificare e adeguare alla normativa recente i procedimenti amministrativi e parallelamente ha avviato l attività di ricognizione per l individuazione del centro urbano, come previsto dalla L.R. n. 50/2012. Alla data di Dicembre 2013 il Centro Studi Amministrativi non ha inviato la bozza del regolamento comunale per le attività commerciali. report attività di 47

16 OBIETTIVO n. 7 Descrizione obiettivo Redazione regolamento attivita rumorose PESO E TIPO DELL ATTIVITÀ N ATTIVITÀ DESCRIZIONE DELL ATTIVITA INDICATORI MISURA RILEVATA EVENTUALE SCOSTAMENTO E MOTIVAZIONE NOTE Peso 50% (S.A.N.) Peso 50% (S.A.N.) Attività n. 1 Ricognizione apparato normativo vigente in materia e parzialmente recepito in altri Regolamenti comunali Attività n. 2 Elaborazione Regolamento ai sensi della normativa vigente e ai sensi del Piano Acustico di cui all Obiettivo n.1, con invio del testo all approvazione del Consiglio Comunale Entro il 31/07/2013 Entro il 31/12/2013 Condivisione tra Ufficio Attività produttive, Servizio LLPP e Polizia Locale Condivisione tra Ufficio Attività produttive, Servizio LLPP e Polizia Locale n.4 Istruttore Direttivo Tecnico di cui 2 a tempo parziale n. 2 Istruttore tecnico di cui 1 a tempo parziale n. 3. Istruttore amministrativo RISORSE UMANE ASSEGNATE ULTERIORI NOTE EMERSE IN SEDE DI NEGOZIAZIONE report attività di 47

17 CONDIZIONI RITENUTE FONDAMENTALI PER IL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI Si evidenzia la carenza di personale che perdura dall inizio dell anno. IL SINDACO L ASSESSORE IL SEGRETARIO IL RESPONSABILE DI SERVIZIO S.A.N = Sviluppo Attività nuova MAR = Mantenimento attività ricorrente SAR = Sviluppo attività ricorrente report attività di 47

18 SCHEDA DI P.E.G. ANNO 2013 SERVIZIO UFFICIO RESPONSABILE DI SERVIZIO AMMINISTRATORE DI RIFERIMENTO AFFARI GENERALI DEMOGRAFICI CULTURA OBIETTIVO n. 1 peso 10% descrizione obiettivo Attività n. 1 S.A.R. 20% Attività n. 2 S.A.R. 25% Attività n. 3 S.A.N. 35% Attività n. 4 S.A.R. 20% UFFICI DEMOGRAFICI VAROTTO EUGENIO SINDACO: cav. avv. Pietro Dalla Libera Aggiornamento e potenziamento dei controlli anagrafici (R.P.P. programma n. 19) Verifica presenze e residenze cittadini non Italiani (comunitari e stranieri) a seguito del rilascio o del rinnovo del permesso di soggiorno Anche a seguito dell introduzione delle nuove procedure, implementazione del controllo sistematico e correzione immediata delle posizioni anomale INA/SAIA rilevate (errori nei segni diacritici delle generalità, disallineamento dei registri anagrafici rispetto alle variazioni apportate d ufficio dall Agenzia delle Entrate, erronee denominazioni dello Stato straniero di nascita, etc) Scansione di tutti i nuovi cartellini d identità al fine di disporre di un archivio informatico che consenta un più veloce reperimento e scambio di informazioni per gli Uffici interni nonché l invio telematico di file alle Amministrazioni pubbliche esterne che ne manifestino necessità per esigenze di controlli Per disporre di informazioni aggiornate in materia di stato civile, si proseguirà nell accelerazione del programma di trascrizione degli atti di stato civile provenienti dall estero. Come da dotazione organica + assegnazione di 1 LSU RISORSE UMANE ASSEGNATE INDICATORI ca. n. 300 posizioni entro il ca. n. 350 posizioni entro il Si prevede il rilascio di c.a cartellini d identità nel corso dell anno e pertanto si ipotizza il contestuale processo di scansione del medesimo numero entro il c.a. 300 atti entro il Note Relazione semestrale alla Giunta comunale al e al Relazione semestrale alla Giunta comunale al e al Relazione semestrale alla Giunta comunale al e al Relazione semestrale alla Giunta comunale al e al report attività di 47

19 RELAZIONE FINALE SULL ATTUAZIONE DELL OBIETTIVO n. 1: Obiettivo raggiunto ed anzi superato. In dettaglio: Attività n. 1 - sono state accertate le posizioni di circa n. 280 extracomunitari più n. 183 comunitari (sui n. 300 stranieri previsti); Attività n. 2 - sono state verificate e controllate circa n. 420 posizioni anomale INA/SAIA (delle n. 350 previste); Attività n. 3 - si è avviata la scansione di tutti i nuovi cartellini d'identità (n. 2754) e si è inoltre proseguita la scansione di quelli archiviati (n. 3680, corrispondenti alle lettere dei cognomi da A ad F); Attività n. 4 - si è provveduto alla trascrizione di n. 309 atti di stato civile provenienti dall'estero (sui n. 300 previsti). Le relazioni semestrali sono state esaminate dalla Giunta comunale nelle sedute del 17/6/2013 e del 13/1/2014. report attività di 47

20 SCHEDA DI P.E.G. ANNO 2013 SERVIZIO UFFICIO RESPONSABILE DI SERVIZIO AMMINISTRATORE DI RIFERIMENTO AFFARI GENERALI DEMOGRAFICI SEGRETERIA GENERALE E VAROTTO EUGENIO SINDACO: cav. avv. Pietro Dalla Libera CULTURA DEL SINDACO U.R.P. OBIETTIVO n. 2 peso 15% descrizione obiettivo Attività n. 1 M.A.N. 50% Attività n. 2 M.A.N. 20% Attività n. 3 M.A.N. 20%. Attività n. 4 M.A.R. 10% Come da dotazione organica AVVICINAMENTO DEI CITTADINI ALLE ISTITUZIONI OPITERGINE ATTRAVERSO LA DIFFUSIONE DI RESOCONTI PUNTUALI IN ORDINE ALLE ATTIVITA SVOLTE. (R.P.P. programma n. 19) Elaborazione di n. 2 dettagliati report dell attività amministrativa consiliare svolta nell anno 2013 con ricognizione ed elaborazione degli argomenti trattati (suddivisi per materia e per Gruppi politici) e delle sedute tenute (con rilievo presenze ed esito votazioni) Riepilogo schematico, in documento confezionato ad hoc, di tutti i ricevimenti di rappresentanza celebrati dal Sindaco in occasione delle sedute di Consiglio comunale nell anno Pubblicazione sistematica delle più rilevanti notizie relative ad Oderzo sul nuovo sito regionale della Rete degli U.R.P. del Veneto, così da favorire la conoscenza degli eventi più significativi anche fuori del territorio comunale. Continuazione del servizio on line Servizi al cittadino, rivolto a tutti i residenti maggiorenni per consultare e stampare da casa la propria situazione anagrafica ed avere altre informazioni. INDICATORI Predisposizione dei report entro il (per l attività svolta nel primo semestre) ed entro il (per l attività svolta nel secondo semestre). Relazione alla Giunta e successiva, immediata pubblicazione sul sito web del Comune. Predisposizione di n. 2 appendici da inserirsi nei report di cui alla sopraestesa attività n. 1 entro i termini ivi stabiliti [e dunque entro il (quanto alle sedute del primo semestre) ed entro il (quanto alle sedute del secondo semestre)]. Relazione alla Giunta e successiva, immediata pubblicazione sul sito web del Comune. Aggiornamento del sito regionale in coincidenza con il calendario delle iniziative e/o manifestazioni che si rivelino di interesse sovracomunale e comunque indicativamente con cadenza media mensile. Relazione scritta alla Giunta al Numero di Kit consegnati a tutti i richiedenti. Relazione scritta alla Giunta al RISORSE UMANE ASSEGNATE Note Si procederà mediante selezione ed adattamento degli articoli pubblicati dagli Amm.ri e dai diversi Uffici comunali sul sito istituzionale dell Ente Predisposizione, stampa e consegna password personale a tutti i richiedenti. Ulteriore pubblicità all iniziativa. report attività di 47

21 report attività di 47 C O M U N E DI O D E R Z O

22 RELAZIONE FINALE SULL ATTUAZIONE DELL OBIETTIVO n. 2: Obiettivo raggiunto. In dettaglio: Attività n. 1 e n. 2 Entrambi i report sull attività consiliare svolta nel primo e nel secondo semestre 2013 sono stati trasmessi alla Giunta comunale e pubblicati sul sito istituzionale del Comune. Attività n. 3 Pubblicazione sistematica delle più rilevanti notizie relative ad Oderzo sul nuovo sito regionale della Rete degli U.R.P. del Veneto, così da favorire la conoscenza degli eventi più significativi anche fuori del territorio comunale. Anche grazie alla fattiva collaborazione dei colleghi dell'ufficio Turismo e Manifestazioni e in costante raccordo con Fondazione Oderzo Cultura, nell'anno 2013 sono state pubblicate complessivamente n. 11 notizie sulle iniziative di maggiore richiamo per i residenti fuori Comune (rispettando, quindi, la cadenza media mensile ipotizzata). Nel mese di novembre, con nota prot /2013, la Regione ha comunicato la temporanea sospensione del servizio per necessità tecniche dovute alla migrazione dei dati in un nuovo portale e pertanto non è stato oggettivamente possibile inserire più notizie nell'ultimo mese. Il servizio dovrebbe essere tuttavia regolarmente ripristinato con il nuovo anno all'interno del sito della stessa Regione, come appreso con nota prot /2013. Attività n. 4 Continuazione del servizio on line Servizi al cittadino, rivolto a tutti i residenti maggiorenni per consultare e stampare da casa la propria situazione anagrafica ed avere altre informazioni. Sono state consegnate ai richiedenti complessivamente circa n. 190 credenziali d'accesso. report attività di 47

23 SCHEDA DI P.E.G. ANNO 2013 C O M U N E DI O D E R Z O SERVIZIO UFFICIO RESPONSABILE DI SERVIZIO AMMINISTRATORE DI RIFERIMENTO AFFARI GENERALI DEMOGRAFICI CULTURA SEGRETERIA GENERALE UFFICI DEMOGRAFICI VAROTTO EUGENIO SINDACO: cav. avv. Pietro Dalla Libera OBIETTIVO n. 3 peso 50% descrizione obiettivo S.A.N. CONSULTAZIONE FACILITATA DEGLI ATTI CONSILIARI DA PARTE DEI RESTANTI UFFICI COMUNALI E DEI CITTADINI. (R.P.P. programma n. 19) Nell impossibilità di provvedere diversamente, spesso gli Uffici comunali e talora anche i Cittadini chiedono di essere autorizzati ad accedere ai locali dell Archivio del Comune per consultare deliberazioni assai datate, al fine di estrarne copia, specie in riferimento ad atti assunti in materia urbanistica. La ricerca diventa quindi particolarmente impegnativa in quanto deve muovere, innanzi tutto, dalla consultazione degli elenchi dei provvedimenti approvati. Tali elenchi non sono disponibili su supporto informatico (spesso, anzi, sono vergati a mano e dunque, oltretutto, usurabili), risultano rilegati su cartaceo, per di più redatti non in ordine progressivo ma secondo il titolario, e costringono a ripetuti accessi fisici con dispendio di risorse che potrebbero essere impiegate altrimenti. Si ritiene di poter rendere un servizio di qualità provvedendo autonomamente alla ricerca, volume per volume, per gli ultimi 25 anni, dal 1987 al 2012, dei singoli elenchi annuali, curandone la ricopiatura e/o scansione e l inserimento sia nella rete interna sia sul sito web. All esito si INDICATORI Pubblicazione entro il sul sito web del Comune (per l accesso da parte dei Cittadini) ed altresì nella rete interna (per l accesso da parte degli Uffici) degli indici delle deliberazioni di Consiglio comunale assunte negli anni 1987/2012. Successiva relazione alla Giunta. Note Stante il noto carico di lavoro che grava sul personale di Segreteria, è determinante il supporto dell unità LSU in forza agli Uffici Demografici report attività di 47

24 potrà procedere con la massima facilità a ricerche diacroniche assai rapide per tutte le deliberazioni consiliari dell ultimo venticinquennio attraverso il mero scorrimento di un unico file, individuando prontamente l atto ed evitando all utente (esterno o interno) la necessità di consultazione degli indici in loco. RISORSE UMANE ASSEGNATE Come da dotazione organica + 1 LSU in forza agli Uffici Demografici RELAZIONE FINALE SULL ATTUAZIONE DELL OBIETTIVO n. 3: Obiettivo raggiunto. Era stato assegnato allo scrivente Servizio l'obiettivo di pubblicare, entro il , sul sito web del Comune (per l accesso da parte dei Cittadini) ed altresì nella rete interna (per l accesso da parte degli Uffici comunali) gli indici delle deliberazioni di Consiglio comunale assunte negli ultimi 25 anni, dal 1987 al 2012, in quanto spesso gli Uffici comunali e i Cittadini chiedevano di essere autorizzati ad accedere ai locali dell Archivio del Comune per consultare deliberazioni assai datate, al fine di estrarne copia, specie in riferimento ad atti assunti in materia urbanistica. La ricerca - in difetto di un previo indice che indicasse in numero progressivo tutti gli atti approvati e che pertanto consentisse almeno una ricerca testuale sulle "parole chiave" - era, fino ad ora, particolarmente impegnativa e laboriosa in quanto poteva muovere, di fatto, solo dalla consultazione manuale di elenchi non disponibili su supporto informatico, spesso vergati a mano, usurabili (giacché rilegati su cartaceo) e per di più redatti non in ordine progressivo ma secondo il titolario. L'adempimento, come già comunicato per le vie brevi al sig. Sindaco, al Segretario e a tutti i RR.SS., è puntualmente avvenuto il 20 dicembre u.s., come risulta dal file che da quella data risulta pubblicato sia sul sito sia su intranet. report attività di 47

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con D.C.P. del 14.3.2013 n. 6 reg. e modificato con D.C.P. del 28.4.2014 n. 22 reg. INDICE Art. 1 Art. 2

Dettagli

Allegato A2 alla deliberazione della GIUNTA COMUNALE n. 50 del 15 marzo 2011

Allegato A2 alla deliberazione della GIUNTA COMUNALE n. 50 del 15 marzo 2011 Allegato A2 alla deliberazione della GIUNTA COMUNALE n. 50 del 15 marzo 2011 Dott.ssa Paola BULFON SEGRETARIO COMUNALE TITOLARE DELLA POSIZIONE ORGANIZZATIVA ECONOMICO - FINANZIARIA RESPONSABILE DEI SERVIZI

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 COMUNE DI COLLAZZONE Provincia di Perugia PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 Adottato con deliberazione di Giunta Comunale n.. del. Premessa: Il presente programma triennale

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO. Provincia di Perugia

COMUNE DI CORCIANO. Provincia di Perugia Oggetto: Parere del Responsabile dell Area Economico-Finanziaria ai sensi dell art. 153 del D.Lgs 267/2000. Bilancio di previsione anno 2014. Bilancio Pluriennale 2014/2016. Il sottoscritto Stefano Baldoni,

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE. N. 20 del 31/01/2015. Oggetto: Assunzione impegno di spesa per emissione bollettazione TARI anno 2014. CIG.

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE. N. 20 del 31/01/2015. Oggetto: Assunzione impegno di spesa per emissione bollettazione TARI anno 2014. CIG. Repubblica Italiana CITTÀ DI MAZARA DEL VALLO Settore : 2 Gestione delle Risorse Servizio : Entrate e Tributi Ufficio : Tari DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE INDIVIDUATO CON DETERMINAZIONE DEL SINDACO N. 177

Dettagli

COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA (Provincia di Reggio Emilia)

COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA (Provincia di Reggio Emilia) COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO PER LA TENUTA DEL REGISTRO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE (Art. 5 L.R. 9 dicembre 2002, n 34) Approvato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA Deliberato dalla Giunta Comunale con atto n. 177 del 11.05.2001 Modificato ed integrato

Dettagli

NEWSLETTER N. 6/2013 DEL 7 OTTOBRE 2013

NEWSLETTER N. 6/2013 DEL 7 OTTOBRE 2013 NEWSLETTER N. 6/2013 DEL 7 OTTOBRE 2013 IN QUESTA NEWSLETTER: Contributo ai Comuni per il minor gettito IMU Certificazione patto di stabilità: il test firma digitale sospensione dell IMU: il decreto sospensione

Dettagli

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia)

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO PER LA TENUTA DEL REGISTRO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE (Art. 5 L.R. 9 dicembre 2002, n 34) Approvato con deliberazione

Dettagli

A relazione dell'assessore Ferraris:

A relazione dell'assessore Ferraris: REGIONE PIEMONTE BU9S1 05/03/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 2 marzo 2015, n. 25-1122 Attuazione dell'art. 2 del D.L. n. 101 del 31.8.2013, convertito con modificazioni in L. n. 125 del 30.10.2013.

Dettagli

Servizi dedicati di supporto e di gestione dell IMU

Servizi dedicati di supporto e di gestione dell IMU Servizi dedicati di supporto e di gestione dell IMU L entrata in vigore, dal 1 gennaio 2012, dell IMU impone ai Comuni un notevole sforzo organizzativo e strutturale. Infatti, oltre agli adempimenti formali

Dettagli

OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI ANNO 2013. IL COMMISSARIO STRAORDINARIO

OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI ANNO 2013. IL COMMISSARIO STRAORDINARIO DELIBERAZIONE N. 168 DEL 10 MAGGIO 2013 UFF. RAGIONERIA OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI ANNO 2013. IL COMMISSARIO STRAORDINARIO Visto il documento istruttorio

Dettagli

Piano delle Performance del Comune di Vigonza (PD)

Piano delle Performance del Comune di Vigonza (PD) COMUNE DI VIGONZA PROVINCIA DI PADOVA www.comune.vigonza.pd.it Piano delle Performance del Comune di Vigonza (PD) 2012-2014 Il Piano, sulla base dei principi del Ciclo delle Performance comunale si articola

Dettagli

COMUNE DI ROCCA PRIORA Provincia di Roma

COMUNE DI ROCCA PRIORA Provincia di Roma COPIA CONFORME ALL'ORIGINALE PER USO AMMINISTRATIVO E D'UFFICIO DELLA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.118 DEL 22-12-2015 Rocca Priora, li 07-01-2016 Il Segretario generale DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA

Dettagli

COMUNE DI POGGIOMARINO PROVINCIA DI NAPOLI * SETTORE RAGIONERIA - FINANZE - TRIBUTI - ECONOMATO *

COMUNE DI POGGIOMARINO PROVINCIA DI NAPOLI * SETTORE RAGIONERIA - FINANZE - TRIBUTI - ECONOMATO * COMUNE DI POGGIOMARINO PROVINCIA DI NAPOLI * SETTORE RAGIONERIA - FINANZE - TRIBUTI - ECONOMATO * SCHEMA PROPOSTA DI DELIBERAZIONE * PROT. N 21051 DEL 15/06/2010 UFFICIO ISTRUTTORE: RAGIONERIA * CAPO SETTORE:

Dettagli

NOVITA IN MATERIA DI FINANZA LOCALE

NOVITA IN MATERIA DI FINANZA LOCALE NOVITA IN MATERIA DI FINANZA LOCALE Coordinata e diretta dal dr. Michele Tassara Consulente e Revisore di Enti locali Newsletter n 38 Varese, 22 maggio 2014 In questo numero: PATTO DI STABILITÀ INTERNO

Dettagli

SERVIZIO AMMINISTRATIVO CONTABILE SEGRETERIA GENERALE

SERVIZIO AMMINISTRATIVO CONTABILE SEGRETERIA GENERALE SEGRETERIA GENERALE RESPONSABILE: Dott. Corrado Parola Segretario Comunale RISORSE UMANE COINVOLTE: Corrado Parola Luigi Colombano Brero Renata Rosso Eleonora Marco Rinaudo 1) Consip e Mepa Acquisto di

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DOMANDA DI ACCESSO AL CONTRIBUTO PER L ASSISTENZA DOMICILIARE DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ASSEGNO DI CURA

AVVISO PUBBLICO DOMANDA DI ACCESSO AL CONTRIBUTO PER L ASSISTENZA DOMICILIARE DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ASSEGNO DI CURA COMUNE DI SENIGALLIA AVVISO PUBBLICO DOMANDA DI ACCESSO AL CONTRIBUTO PER L ASSISTENZA DOMICILIARE DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ASSEGNO DI CURA Deliberazione della Giunta Regionale n. 6 del 09/01/2012

Dettagli

PUBBLICAZIONI SU SITO WEB ISTITUZIONALE ED ACCESSO DEI CITTADINI dati già presenti nel 2010 e anni precedenti -

PUBBLICAZIONI SU SITO WEB ISTITUZIONALE ED ACCESSO DEI CITTADINI dati già presenti nel 2010 e anni precedenti - PUBBLICAZIONI SU SITO WEB ISTITUZIONALE ED ACCESSO DEI CITTADINI dati già presenti nel 2010 e anni precedenti - IL COMUNE ATTIVITA PREVISTE NEL TRIENNIO 2011-2013 SETTORI, SERVIZI DI COMPETENZA Il Sindaco

Dettagli

Deliberazione della Giunta Comunitaria

Deliberazione della Giunta Comunitaria Deliberazione della Giunta Comunitaria N 48 Reg. Data 17/09/2012 OGGETTO: SERVIZIO PUBBLICO DI CONSULTAZIONE TELEMATICA CATASTALE PRESSO LO SPORTELLO CATASTALE DECENTRATO DI QUESTA COMUNITA MONTANA.APPROVAZIONE

Dettagli

C O M U N E D I V I C E N Z A

C O M U N E D I V I C E N Z A C O M U N E D I V I C E N Z A DETERMINA N. 431 DEL 27/03/2014 PROTOCOLLO GENERALE N. CLASSIFICAZIONE: INCARICATO ALLA REDAZIONE: PRETTO ALESSANDRA RESPONSABILE DEL SERVIZIO: PRETTO ALESSANDRA DA INSERIRE

Dettagli

PROVINCIA DI PISTOIA 2^ AREA Servizi Economico Finanziari Servizio Personale- Servizi Scolastici

PROVINCIA DI PISTOIA 2^ AREA Servizi Economico Finanziari Servizio Personale- Servizi Scolastici COMUNE DI SAN MARCELLO PISTOIESE PROVINCIA DI PISTOIA 2^ AREA Servizi Economico Finanziari Servizio Personale- Servizi Scolastici DETERMINAZIONE N 23 DEL 5.2.2015 OGGETTO: SISTEMA INFORMATICO COMUNALE

Dettagli

COMUNE DI MOLVENA PROVINCIA DI VICENZA

COMUNE DI MOLVENA PROVINCIA DI VICENZA COMUNE DI MOLVENA PROVINCIA DI VICENZA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012/2014 Approvato con delibera di G.C. n. 40 del 03/08/2012 SOMMARIO ART. 1 INTRODUZIONE: ORGANIZZAZIONE E

Dettagli

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione COMUNE DI TRENTO Servizio Programmazione e Controllo via Belenzani 22 38100 Trento Telefono: 0461-884162; Fax: 0461-884168 e_mail: servizio_programmazione@comune.trento.it Sito internet dell amministrazione:

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA Regolamento provinciale per la disciplina degli strumenti e delle metodologie per i controlli interni, ai sensi dell art. 3, comma 2, del d.l. 174/2012, convertito

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

COMUNE DI TRECCHINA (Provincia di Potenza)

COMUNE DI TRECCHINA (Provincia di Potenza) COMUNE DI TRECCHINA (Provincia di Potenza) VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA NR. 67 OGGETTO: APPROVAZIONE DEL P.E.G. - PIANO DELLA PERFORMANCE 2013 (28 novembre 2013) L anno DUEMILATREDICI,

Dettagli

COMUNE DI OSTRA VETERE AVVISO PUBBLICO DOMANDA DI ACCESSO AL CONTRIBUTO PER L ASSISTENZA DOMICILIARE DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ASSEGNO DI CURA

COMUNE DI OSTRA VETERE AVVISO PUBBLICO DOMANDA DI ACCESSO AL CONTRIBUTO PER L ASSISTENZA DOMICILIARE DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ASSEGNO DI CURA COMUNE DI OSTRA VETERE AVVISO PUBBLICO DOMANDA DI ACCESSO AL CONTRIBUTO PER L ASSISTENZA DOMICILIARE DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ASSEGNO DI CURA PREMESSO CHE Deliberazione della Giunta Regionale n.

Dettagli

CENTRI DIURNI INTEGRATI PER ANZIANI (C.D.I.)

CENTRI DIURNI INTEGRATI PER ANZIANI (C.D.I.) CENTRI DIURNI INTEGRATI PER ANZIANI (C.D.I.) Criteri generali del Bando Stanziamento Lo stanziamento complessivo deliberato dalla Compagnia di San Paolo per la realizzazione nel territorio della regione

Dettagli

PROVINCIA DI BARLETTA-ANDRIA-TRANI REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

PROVINCIA DI BARLETTA-ANDRIA-TRANI REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI PROVINCIA DI BARLETTA-ANDRIA-TRANI REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 3 del 11 Marzo 2013 Sommario TITOLO I PRINCIPI E FINALITÀ...1 ART. 1 (Finalità)...1

Dettagli

PROFESSIONISTI AZIENDALI ASSOCIATI I PROFESSIONISTI PER L AZIENDA

PROFESSIONISTI AZIENDALI ASSOCIATI I PROFESSIONISTI PER L AZIENDA Informative e news per la clientela di studio Oggetto: IL 5 PER MILLE ENTRA A REGIME È partita lo scorso 26 marzo la procedura che enti e associazioni devono seguire per richiedere ai contribuenti la destinazione

Dettagli

AREA DEI SERVIZI ALLA PERSONA

AREA DEI SERVIZI ALLA PERSONA Reg. Gen n. 171 del 22 aprile 2015 AREA DEI SERVIZI ALLA PERSONA OGGETTO: EROGAZIONE CONTRIBUTO RELATIVO AL FONDO REGIONALE FINALIZZATO ALLA INTEGRAZIONE DEL CANONE DI LOCAZIONE AI NUCLEI FAMILIARI IN

Dettagli

C O M U N E D I V I C E N Z A

C O M U N E D I V I C E N Z A C O M U N E D I V I C E N Z A DETERMINA N. 558 DEL 29/04/2014 PROTOCOLLO GENERALE N. 34700 DEL 02/05/2014 CLASSIFICAZIONE: SISTEMA INFORMATIVO INCARICATO ALLA REDAZIONE: CANTELE GABRIELLA RESPONSABILE

Dettagli

Determina Servizi Sociali ed Educativi/0000042 del 04/02/2013

Determina Servizi Sociali ed Educativi/0000042 del 04/02/2013 Comune di Novara Determina Servizi Sociali ed Educativi/0000042 del 04/02/2013 Area / Servizio Servizi Sociali Educativi (23.UdO) Proposta Istruttoria Unità Servizi Sociali Educativi (23.UdO) Proponente

Dettagli

COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA -------------------- Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale

COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA -------------------- Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Comunicazione Prefettura ex art. 135 D.Lgs. 267/2000 COPIA WEB Deliberazione N. 72 in data 17/06/2014 Prot. N. 8757 COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA -------------------- Verbale di Deliberazione

Dettagli

LINEE GUIDA DI BUDGET

LINEE GUIDA DI BUDGET Settore Controllo di Gestione LINEE GUIDA DI BUDGET Indice GLI OBIETTIVI DELLE LINEE GUIDA DI BUDGET... 3 IL BUDGET: DEFINIZIONE... 3 IL PROCESSO DI BUDGETING... 4 ASSEGNAZIONE... 4 PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE...

Dettagli

RELAZIONE INTERMEDIA PROGETTO ASTER PER LA CONCILIAZIONE

RELAZIONE INTERMEDIA PROGETTO ASTER PER LA CONCILIAZIONE RELAZIONE INTERMEDIA PROGETTO ASTER PER LA CONCILIAZIONE SETTEMBRE 2009 PREMESSA Il progetto ASTER PER LA CONCILIAZIONE è realizzato da Aster S.c.p.a. (di seguito ASTER) a seguito dell ammissione a parziale

Dettagli

CITTA DI CAVA DE TIRRENI PROVINCIA DI SALERNO. DETERMINAZIONE Sett. 1 Area Amministrativa

CITTA DI CAVA DE TIRRENI PROVINCIA DI SALERNO. DETERMINAZIONE Sett. 1 Area Amministrativa CITTA DI CAVA DE TIRRENI PROVINCIA DI SALERNO DETERMINAZIONE Sett. 1 Area Amministrativa OGGETTO: Affidamento servizi informatici alla SIPA srl - Impegno di spesa per la gestione delle procedure del Servizio

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Comune di Ragalna ( Prov. di Catania )

Comune di Ragalna ( Prov. di Catania ) Comune di Ragalna ( Prov. di Catania ) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA (Ai sensi dell art.11 comma 2 del D.Lgs.vo 27/10/2009 n.150) Il presente documento si pone l obiettivo di fornire

Dettagli

Istituto Statale d Istruzione Superiore Miraglia LAURIA - dsga D. Di Lascio

Istituto Statale d Istruzione Superiore Miraglia LAURIA - dsga D. Di Lascio - dsga D. Di Lascio Promemoria per il personale amministrativo assegnato ai progetti P.O.N. 2000/2006 A cura del Direttore Servizi Generali e Amministrativi DI LASCIO Domenico Ogni progetto dovrà essere

Dettagli

*** ALLEGATO "C" Funzionigramma

*** ALLEGATO C Funzionigramma COMUNE DI CAMMARATA PROVINCIA DI AGRIGENTO *** ALLEGATO "C" Funzionigramma FUNZIONIGRAMMA Struttura organizzativa del Comune : Segretario comunale Aree Servizi Unità operative o uffici Uffici speciali

Dettagli

Regolamento per la concessione di contributi a enti e associazioni

Regolamento per la concessione di contributi a enti e associazioni Regolamento per la concessione di contributi a enti e associazioni approvato con atto consiliare n. 50 del 27/06/2002 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A ENTI E ASSOCIAZIONI Capo I - DISCIPLINA

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER IL SOSTEGNO AL REDDITO PER PERSONE E/O FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI DIFFICOLTÀ ECONOMICHE O DISAGIO PER LA PERDITA DEL LAVORO

BANDO PUBBLICO PER IL SOSTEGNO AL REDDITO PER PERSONE E/O FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI DIFFICOLTÀ ECONOMICHE O DISAGIO PER LA PERDITA DEL LAVORO BANDO PUBBLICO PER IL SOSTEGNO AL REDDITO PER PERSONE E/O FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI DIFFICOLTÀ ECONOMICHE O DISAGIO PER LA PERDITA DEL LAVORO E indetto il bando di cui alla D.G.C. n. 91 del 07/11/2014

Dettagli

POLIZIA LOCALE 295.217,00 265.048,00 SERVIZI DEMOGRAFICI 127.898,00 84.251,70 COSTO SOSTENUTO PER IL PERSONALE ADDETTO AL SERVIZIO NR.

POLIZIA LOCALE 295.217,00 265.048,00 SERVIZI DEMOGRAFICI 127.898,00 84.251,70 COSTO SOSTENUTO PER IL PERSONALE ADDETTO AL SERVIZIO NR. AGLI UTENTI ANNO 0 * POLIZIA LOCALE 9.,00.0,00 attivita' di informazione e rilascio documenti per autorizzazioni pubblicita' fonica giorni attivita' di rilascio atti conseguenti ad incidenti stradali 0

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Triennio 2013 2015 1 Indice Articolo 1. Articolo 2. Articolo 3. Articolo 4. Articolo 5. Articolo 6. Articolo 7. Oggetto e Finalità Organizzazione e

Dettagli

COMUNE DI CALANGIANUS Provincia di Olbia Tempio

COMUNE DI CALANGIANUS Provincia di Olbia Tempio COMUNE DI CALANGIANUS Provincia di Olbia Tempio REGOLAMENTO PER IL DIRITTOALLO STUDIO CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE Il presente regolamento disciplina gli interventi del Comune

Dettagli

Servizi di staff Personale Uffici Personale Competenze esemplificative di procedimento

Servizi di staff Personale Uffici Personale Competenze esemplificative di procedimento Amministrazione trasparente art. 13, comma 1, lett. b) D.Lgs. n. 33/2013 Articolazione degli uffici, competenze e risorse a disposizione di ciascun ufficio La struttura organizzativa degli Uffici dell

Dettagli

COMUNE DI CARPINETI (Provincia di Reggio Emilia) ISTITUZIONE E REGOLAMENTO (Legge Regionale n. 34 del 9 dicembre 2002 e smi)

COMUNE DI CARPINETI (Provincia di Reggio Emilia) ISTITUZIONE E REGOLAMENTO (Legge Regionale n. 34 del 9 dicembre 2002 e smi) COMUNE DI CARPINETI (Provincia di Reggio Emilia) REGISTRO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE ISTITUZIONE E REGOLAMENTO (Legge Regionale n. 34 del 9 dicembre 2002 e smi) CAPO I DISPOSIZIONI

Dettagli

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014 COMUNE DI CIVIDATE AL PIANO (Provincia di Bergamo) RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014 Il Segretario Comunale - Dott. Ivano Rinaldi Nell ambito del processo di riforma della Pubblica Amministrazione, con

Dettagli

Organizzazione Scolastica e Politiche per gii Studenti

Organizzazione Scolastica e Politiche per gii Studenti $ O Settore: REGIONE LIGURIA SEGRETERIA GENERALE GABINETTO DEL PRESIDENTE Organizzazione Scolastica e Politiche per gii Studenti Genova, 16 luglio 2015 Prot. n. PG/2015/129217 Allegati: 3 Oggetto: Modalità

Dettagli

C O M U N E D I V I C E N Z A

C O M U N E D I V I C E N Z A C O M U N E D I V I C E N Z A DETERMINA N. 267 DEL 25/02/2015 INCARICATO ALLA REDAZIONE: Baglioni Paola RESPONSABILE DEL SERVIZIO: Giammarchi Claudia SETTORE PROPONENTE: SETTORE SERVIZI SOCIALI E ABITATIVI

Dettagli

Casa di Soggiorno e Pensionato della Città Murata - I.P.A.B. Montagnana - PD -

Casa di Soggiorno e Pensionato della Città Murata - I.P.A.B. Montagnana - PD - Casa di Soggiorno e Pensionato della Città Murata - I.P.A.B. Montagnana - PD - Via Berga, 21-35044 MONTAGNANA (PD) C.F. 82000370286 Tel. (0429) 800228-800670 Fax (0429) 800671 P.I. 00736180282 Posta certificata:

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO. 1) Ripartizione delle somme

DOCUMENTO TECNICO. 1) Ripartizione delle somme DOCUMENTO TECNICO Programmazione delle risorse finanziarie per gli anni 2014-2016 stanziate sul bilancio regionale - cap. E31900, cap. E32510 e cap. E32501, destinate alla Raccolta Differenziata. Le risorse

Dettagli

Complessità (a cura del Dirigente - Opzioni 1 2 3 a valenza decrescente) 1. Priorità (a cura dell'assessore - Opzioni 1 2 3 a valenza decrescente) 1

Complessità (a cura del Dirigente - Opzioni 1 2 3 a valenza decrescente) 1. Priorità (a cura dell'assessore - Opzioni 1 2 3 a valenza decrescente) 1 SCHEDA OBIETTIVO - 1 : Semplificazione delle procedure di assunzione del personale Supporto alle politiche assunzionali Il processo assunzionale deve soddisfare i bisogni occupazionali dei Settori, siano

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 64 DEL 26/06/2013

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 64 DEL 26/06/2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 64 DEL 26/06/2013 OGGETTO: DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE PER SERVIZI SOCIALI A DOMANDA INDIVIDUALE, DIRITTI DI SEGRETERIA, ACCESSO AGLI ATTI, CANONI E TASSE

Dettagli

COMUNE DI BAGHERIA (provincia di PALERMO) Regolamento ENTI NON PROFIT

COMUNE DI BAGHERIA (provincia di PALERMO) Regolamento ENTI NON PROFIT COMUNE DI BAGHERIA (provincia di PALERMO) Regolamento ENTI NON PROFIT Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 64 del 20 nov. 2014 Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Politiche Agricole e Valorizzazione dei Prodotti Locali;

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Politiche Agricole e Valorizzazione dei Prodotti Locali; DGR N. 184 DEL 6 MAGGIO 2011 OGGETTO: Reg. CE 1698/2005. Programma di Sviluppo Rurale (PSR) 2007/2013 del Lazio. Misure 211, 212 e 214 - Disposizioni per il finanziamento delle domande di aiuto/pagamento

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA COMUNE DI VERTOVA Provincia di Bergamo Via Roma, 12 - Tel. Uffici Amm.vi 035 711562 Ufficio Tecnico 035 712528 Fax 035 720496 P. IVA 00238520167 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI

REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI Articolo 1 OGGETTO 1. Il presente regolamento ha ad oggetto il sistema dei controlli interni come previsti dagli articoli 147 e seguenti del decreto legislativo

Dettagli

La nuova Circolare CDP n. 1280 del 27 giugno 2013. Roadshow settembre-novembre 2013

La nuova Circolare CDP n. 1280 del 27 giugno 2013. Roadshow settembre-novembre 2013 La nuova Circolare CDP n. 1280 del 27 giugno 2013 Roadshow settembre-novembre 2013 1 Indice Pag. Scenario di riferimento Enti Locali 3 La nuova Circolare CDP n. 1280 4 Le nuove schede istruttorie 6 Cassa

Dettagli

a) curricula dei titolari di posizioni Pubblicato Aggiornamento

a) curricula dei titolari di posizioni Pubblicato Aggiornamento COMUNE DI TERNO D ISOLA Provincia di Bergamo PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA (P.T.T.I.) 2014/2016 1. INTRODUZIONE: ORGANIZZAZIONE E FUNZIONI DELL ENTE Il Comune di Terno d Isola è

Dettagli

Città Metropolitana di Torino COMUNE DI FOGLIZZO DETERMINAZIONE : UFFICIO RAGIONERIA REGISTRO GENERALE N. : 276

Città Metropolitana di Torino COMUNE DI FOGLIZZO DETERMINAZIONE : UFFICIO RAGIONERIA REGISTRO GENERALE N. : 276 ESTRATTO Città Metropolitana di Torino COMUNE DI FOGLIZZO DETERMINAZIONE : UFFICIO RAGIONERIA REGISTRO GENERALE N. : 276 Responsabile del Servizio : DOTT.SSA CLELIA PAOLA VIGORITO N. 168 OGGETTO : AFFIDAMENTO

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e Integrità 2015-2018

Programma Triennale per la Trasparenza e Integrità 2015-2018 Programma Triennale per la Trasparenza e Integrità 2015-2018 IL CONSIGLIO D ISTITUTO VISTO IL D.L.vo 150/2009 VISTO L ART. 32 della L.69/2009 VISTA LA L. 190/2012 VISTO IL D.L.vo n.33/2013 VISTA la circolare

Dettagli

Estratto dalla Relazione al bilancio consuntivo per l esercizio finanziario 2012 (aggiunti alcuni schemi di sintesi).

Estratto dalla Relazione al bilancio consuntivo per l esercizio finanziario 2012 (aggiunti alcuni schemi di sintesi). Estratto dalla Relazione al bilancio consuntivo per l esercizio finanziario 2012 (aggiunti alcuni schemi di sintesi). 1 Il bilancio consuntivo per l esercizio 2012 è stato approvato con Delibera del Cda

Dettagli

CITTA' DI BIELLA DETERMINAZIONE DI IMPEGNO N. 445/TR DEL 19/06/2014

CITTA' DI BIELLA DETERMINAZIONE DI IMPEGNO N. 445/TR DEL 19/06/2014 CITTA' DI BIELLA CENTRO DI RESPONSABILITA': SETTORE II - ATTIVITA FINANZIARIE CENTRO DI COSTO: TRIBUTI DETERMINAZIONE DI IMPEGNO N. 445/TR DEL 19/06/2014 OGGETTO: AFFIDAMENTO ALLA SOCIETA IDEA SISTEMI

Dettagli

MONTEDOMINI Azienda Pubblica di Servizi alla Persona REGOLAMENTO DI CONTABILITA

MONTEDOMINI Azienda Pubblica di Servizi alla Persona REGOLAMENTO DI CONTABILITA MONTEDOMINI Azienda Pubblica di Servizi alla Persona REGOLAMENTO DI CONTABILITA INDICE Art. 1 Oggetto e finalità Pag. 2 Art. 2 La disciplina contabile 2 Art. 3 Contabilità analitica 2 Art. 4 La programmazione

Dettagli

ALLEGATO 1.1 SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

ALLEGATO 1.1 SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE 1 Titolo I) Disposizioni generali... 3 Art. 1 Principi generali...3 Art. 2 Definizioni...3 Titolo II) Il ciclo di gestione della performance... 3

Dettagli

D4 -DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE DI DISABILI PSICHICI IN COOPERATIVE SOCIALI DI TIPO B AVVISO PUBBLICO

D4 -DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE DI DISABILI PSICHICI IN COOPERATIVE SOCIALI DI TIPO B AVVISO PUBBLICO Settore Lavoro, Istruzione, Politiche Sociali PIANO PROVINCIALE PER IL SOSTEGNO E L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI 2014-2016 ANNUALITA 2014 Periodo transitorio D4 -DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL

Dettagli

2. REQUISITI PER ACCEDERE AL BANDO: A)

2. REQUISITI PER ACCEDERE AL BANDO: A) BANDO 2014 PER LA FORMAZIONE DI GRADUATORIE PER PERSONE IDONEE A SVOLGERE PER UN BREVE PERIODO PRESTAZIONI DI LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO ex Legge 33/2009 PROMOSSI DAL COMUNE DI CALDERARA DI

Dettagli

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO VIA AMENDOLA, 18 TEL E FAX 0985/81036 CSIC836001@istruzione.it Sito web : www.icdiamantebuonvicino.gov.it 87023 DIAMANTE

Dettagli

COMUNE DI SAN VITO Provincia di Cagliari

COMUNE DI SAN VITO Provincia di Cagliari COMUNE DI SAN VITO Provincia di Cagliari Servizio Patrimonio e Impianti Tecnologici DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO N. 415 del 24/07/2015 registro generale N. 114 del 24/07/2015 registro del

Dettagli

COMUNE DI QUARTU SANT'ELENA Provincia di Cagliari

COMUNE DI QUARTU SANT'ELENA Provincia di Cagliari COMUNE DI QUARTU SANT'ELENA Provincia di Cagliari REGOLAMENTO PER ISTITUZIONE DEL REGISTRO COMUNALE DEL VOLONTARIATO, DELLE CONSULTE TEMATICHE E DEL FORUM DEL VOLONTARIATO. Approvato con deliberazione

Dettagli

REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA REGION AUTONOME VALLEE D AOSTE DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO EDILIZIA PUBBLICA E PRIVATA

REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA REGION AUTONOME VALLEE D AOSTE DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO EDILIZIA PUBBLICA E PRIVATA REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA REGION AUTONOME VALLEE D AOSTE COMUNE DI CHARVENSOD COPIA DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO EDILIZIA PUBBLICA E PRIVATA OGGETTO: N. 15 DEL 24/02/2015 ADESIONE

Dettagli

Piano nazionale di edilizia abitativa

Piano nazionale di edilizia abitativa ALLEGATO Piano nazionale di edilizia abitativa Art. 1 (Linee d intervento) 1. Il piano è articolato in sei linee di intervento, di seguito indicate: a) costituzione di un sistema integrato nazionale e

Dettagli

Regolamento. sui. Controlli interni

Regolamento. sui. Controlli interni COMUNE di TARVISIO Provincia di Udine Regolamento sui Controlli interni Adottato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 8 del 26 febbraio 2013 I N D I C E TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli

COMUNE DI SAN GIULIANO TERME Provincia di Pisa

COMUNE DI SAN GIULIANO TERME Provincia di Pisa COMUNE DI SAN GIULIANO TERME Provincia di Pisa DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SETTORE: SETTORE 4 PERSONALE - BILANCIO - PARTECIPATE - SPUC - INFORMATICA SERVIZIO : INFORMATIZZAZIONE E SERV. STATISTICI N.

Dettagli

COMUNE DI ITTIRI (PROVINCIA DI SASSARI) SETTORE SEGRETERIA, AFFARI GENERALI, ECONOMICO-FINANZIARIO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE

COMUNE DI ITTIRI (PROVINCIA DI SASSARI) SETTORE SEGRETERIA, AFFARI GENERALI, ECONOMICO-FINANZIARIO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE ORIGINALE COMUNE DI ITTIRI (PROVINCIA DI SASSARI) SETTORE SEGRETERIA, AFFARI GENERALI, ECONOMICO-FINANZIARIO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE REG. N. 158 DEL 07/07/2014 OGGETTO: SERVIZIO DI

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 Indice 1.PREMESSA 1.1 I contenuti del Programma triennale della trasparenza e l integrità 2.ORGANIZZAZIONE E SOGGETTI RESPONSABILI DELLA PUBBLICAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI CAPO I RICHIAMI NORMATIVI Art. 1 1. Il presente documento disciplina i criteri per l accesso ai servizi erogati dal Comune di Vedano Olona, le modalità del

Dettagli

COMUNE DI SCARMAGNO Provincia di Torino

COMUNE DI SCARMAGNO Provincia di Torino COMUNE DI SCARMAGNO Provincia di Torino * * * * * * REGOLAMENTO DEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI (Approvato con Deliberazione Consiglio Comunale n. 3 del 6/03/2013) pag 1 Regolamento sui controlli interni

Dettagli

AREA CONTROLLO DI GESTIONE E TRIBUTI

AREA CONTROLLO DI GESTIONE E TRIBUTI AREA CONTROLLO DI GESTIONE E TRIBUTI U.O. Controllo di Gestione PROCEDIMENTO O SUB PROCEDIMENTO PRESIDIO CICLO DI PROGRAMMAZIONE: Esplicitazione delle finalità di programma e/o di progetto da conseguire

Dettagli

COMUNE DI SASSO MARCONI. Regolamento sul sistema dei controlli interni

COMUNE DI SASSO MARCONI. Regolamento sul sistema dei controlli interni COMUNE DI SASSO MARCONI (Provincia di Bologna) Regolamento sul sistema dei controlli interni (art. 147 del D.Lgs. n. 267/2000) (articolo 3, comma 2 del decreto legge 10 ottobre 2012, n. 174, convertito

Dettagli

ALLEGATO 1. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Ambiente Protezione Civile ed Emergenza - Settore

ALLEGATO 1. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Ambiente Protezione Civile ed Emergenza - Settore ALLEGATO 1 PROCEDURA PER IL RILEVAMENTO DEL DANNO OCCORSO E PER LA GESTIONE TECNICO AMMINISTRATIVA DELLE FASI DI RIPRISTINO E RICOSTRUZIONE CONSEGUENTI AD EVENTI CALAMITOSI 1.) PRINCIPI GENERALI La presente

Dettagli

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita istituto d'istruzione superiore liceo classico e scientifico v. julia ACRI (CS) PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita Anni 2014-2016 Deliberato dal Consiglio d Istituto in data 04/06/2014

Dettagli

OBIETTIVI P.R.O. 2015 AREA SERVIZI FINANZIARI E PERSONALE

OBIETTIVI P.R.O. 2015 AREA SERVIZI FINANZIARI E PERSONALE OBIETTIVI P.R.O. 2015 AREA SERVIZI FINANZIARI E PERSONALE Responsabile: Istruttore Direttivo Luciana Saggini Servizi: 1. Contabilità e bilancio 2. Personale 3. Tributi - Economato OBIETTIVI ANNO 2015 Codice:

Dettagli

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Articolo 1 - Oggetto e finalità Oggetto e finalità 1. La presente

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA

CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE n. 1092 del 23/06/2014 SETTORE SERVIZI AI CITTADINI n. 317 ESECUTIVA Oggetto: DETERMINA A CONTRARRE PER L'ACQUISIZIONE DEI SERVIZI ASSISTENZIALI

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. (Approvata dal Comitato di Ateneo nella sua riunione del 25.06.2009)

CARTA DEI SERVIZI. (Approvata dal Comitato di Ateneo nella sua riunione del 25.06.2009) UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA STRUTTURA PER L INTEGRAZIONE DEGLI STUDENTI DISABILI CARTA DEI SERVIZI (Approvata dal Comitato di Ateneo nella sua riunione del 25.06.2009) Art.1 - Principi e finalità

Dettagli

COMUNE DI CALCIO Provincia di Bergamo

COMUNE DI CALCIO Provincia di Bergamo COMUNE DI CALCIO Provincia di Bergamo AREA AFFARI GENERALI COPIA DETERMINAZIONE N.6/ 2 DEL 09/01/2015 OGGETTO: AFFIDAMENTO DIRETTO DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA - NR. 5 CASELLE PEC PER

Dettagli

ARTICOLAZIONE DEGLI UFFICI

ARTICOLAZIONE DEGLI UFFICI ARTICOLAZIONE DEGLI UFFICI SEGRETERIA E AFFARI ISTITUZIONALI Rag. Roberta Cesana Segreteria-affari istituzionali Organi istituzionali Ufficio di supporto agli organi di direzione politica Archivio messi

Dettagli

AREA SERVIZI ALLA PERSONA

AREA SERVIZI ALLA PERSONA AREA SERVIZI ALLA PERSONA Settore Sociale Direttore PEG ANNO 1 UNIONE RENO GALLIERA : UNIONE RENO GALLIERA : DIRETTORE Centro di costo: SETTORE SOCIALE OBIETTIVI PERMANENTI : Gestione delle attività amministrative

Dettagli

Comune di Fiuggi Provincia di Frosinone

Comune di Fiuggi Provincia di Frosinone Comune di Fiuggi Provincia di Frosinone NUOVO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEGLI ASSEGNI DI STUDIO COMUNALI PER MERITO Per gli studenti delle scuole superiori Regolamento per l assegnazione degli Assegni

Dettagli

TABELLA DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI DI COMPETENZE DELL ENTE.

TABELLA DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI DI COMPETENZE DELL ENTE. Comune di Sperone Provincia di Avellino TABELLA DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI DI COMPETENZE DELL ENTE. APPROVATA CON DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 70 DEL 26.9.2013. ******************************************

Dettagli

COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI

COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI LR 37/98 ART. 19 INIZIATIVE PER LO SVILUPPO E L OCCUPAZIONE ANNUALITA 2006 OGGETTO CONCESSIONE CONTRIBUTI, NELLA FORMA DEL DE MINIMIS, PER LA COSTITUZIONE DI NUOVE IMPRESE.

Dettagli

PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE

PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE PREMESSA Il presente bando disciplina l erogazione di buoni sociali finanziati attraverso Fondo Non Autosufficienze (FNA). Il Buono Sociale si

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014 2016. Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura Alessandria

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014 2016. Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura Alessandria PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014 2016 Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura Alessandria PREMESSA Il presente Programma Triennale 2014/2016 rappresenta il terzo

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo TEZZA MARINA Ufficio Edilizia Residenziale Pubblica Piazza Trento e Trieste - Monza Telefono 0392372206 Fax 0392372204 E-mail

Dettagli

GESTIONE DEI SERVIZI COMUNALI Comune di Gioiosa Ionica Provincia di Reggio Calabria CAPITOLATO TECNICO

GESTIONE DEI SERVIZI COMUNALI Comune di Gioiosa Ionica Provincia di Reggio Calabria CAPITOLATO TECNICO GESTIONE DEI SERVIZI COMUNALI Comune di Gioiosa Ionica Provincia di Reggio Calabria CAPITOLATO TECNICO Oggetto della fornitura: FORNITURA DI SOFTWARE, FORMAZIONE ED ASSISTENZA PER LA GESTIONE DEI SERVIZI

Dettagli