Formati di interscambio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Formati di interscambio"

Transcript

1 Università degli Studi di Brescia Elementi di informatica e Programmazione Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Industriale EXCEL Docente: Marco Sechi Vers. 11/10/2015

2 Formati di interscambio Delimited: csv, tab-text Fixed: larghezza fissa, formattato

3 Formato dei files Per formato file si intende la modalità di registrazione dell'informazione all'interno di un file. Sono solitamente identificati mediante una sigla. Tra i formati più diffusi abbiamo: JPEG, TIFF, HTML, GIF, DOCX, ODS, TXT, ACCDB, MDB, XLSX, XLS etc. In Windows i formati sono associati all'estensione del nome del file (sequenza di caratteri che appaiono dopo l'ultimo punto nel nome). Ad esempio il nome "Foto.jpg" indica che l'immagine è stata archiviata utilizzando la codifica Jpeg. Il formato predefinito utilizzato da un'applicazione nel salvataggio dei propri documenti si dice formato nativo. E' evidente che ogni applicazione è in grado di leggere il proprio formato nativo. Alcune applicazioni possono avere più formati nativi. Ad esempio Excel 2013 è in grado di aprire o registrare documenti sia in XLSX che XLS. Il contenuto di un file risulta leggibile solo alle applicazioni che conoscono il formato specifico utilizzato nel salvataggio. Pertanto se un file non è registrato in uno dei formati nativi della nostra applicazione è necessario ricorrere ad opportune estensioni (filtri di importazione) che consentano al nostro programma di interpretare correttamente il formato utilizzato. Quando un'applicazione apre un file salvato in un formato non nativo si parla di importazione del file.

4 Formati dei files Un formato si dice portabile se è leggibile da un ampio numero di programmi e sistemi operativi. Ad esempio il GIF è un formato grafico portabile poiché quasi tutte le applicazioni che hanno a che fare con le immagini (videoscrittura, browser, programmi di grafica etc.) riescono a leggerlo. I formati i cui dettagli implementativi (i.e. progettuali) sono disponibili liberamente sulla rete si dicono aperti. Tale accessibilità favorisce la diffusione del formato per cui sempre più applicazioni sono in grado di interpretarlo. In altre parole i formati aperti diventano solitamente anche portabili. Un formato le cui regole di salvataggio sono non note oppure mantenute segrete si dice chiuso. Un formato che risulta protetto da brevetti o altri diritti viene detto formato proprietario. Generalmente un formato file proprietario risulta leggibile solo alle applicazioni che lo utilizzano come formato nativo oppure tramite particolari tools (generalmente sviluppati dalla stessa software house che ha inventato quel formato) di importazione/esportazione. I formati caratteristici di Internet, per garantire l'apertura verso tutti i sistemi, sono codificati utilizzando formati estremamente portabili. L'uso di formati portabili impedisce che alcuni sistemi possano restare esclusi. Il formato più portabile in assoluto è il formato testo. Tutti i formati non testuali si dicono binari.

5 Formato Testo I file di testo o Ascii sono sequenze di bit dove ogni byte viene interpretato come carattere Ascii. I formati testuali hanno il vantaggio di essere estremamente portabili ovvero leggibili da qualsiasi programma o sistema operativo. Non a caso i formati HTML, CSS, JS sono registrati proprio utilizzando questa modalità. Oltre ad Internet il formato testo è utilizzato come formato di interscambio di base dati tra 2 differenti sistemi. Ad esempio nel trasferimento dati da un archivio di partenza A ad un altro di destinazione B. Partendo dal formato nativo A, mediante un modulo di esportazione, viene creato un file portabile contenente i dati da trasferire. Programma A Dati salvati nel Formato A Modulo Esportazione File esportato testuale Dati salvati nel Formato B Modulo Importazione Programma B Il modulo di importazione legge i dati esportati (registrati in un formato portabile) e li registra all'interno del file di destinazione nel formato nativo B.

6 Formati di interscambio I formati testuali utilizzati per trasferire i dati da un archivio ad un altro si dicono formati di interscambio. Esistono diversi formati di interscambio classificati in 2 categorie principali: file delimitati (delimited) file a larghezza fissa (fixed file format) Nei files delimitati ogni record, registrato nel file, viene separato dal successivo mediante un invio (codice ascii = CrLf carriage return line feed) mentre ogni campo è separato da uno o più caratteri specifici detti "delimitatori". A seconda del "delimitatore" utilizzato abbiamo diversi sottotipi tra cui spiccano per importanza e diffusione il formato CSV e Tab-Text. I file a larghezza fissa sono file testuali dove ogni record, registrato nel file, viene separato con un invio (CrLf) mentre ad ogni campo viene assegnata una lunghezza in caratteri fissa. La fine di ogni campo viene individuata tenendo conto del numero di caratteri che gli sono stati assegnati.

7 Tab-text E' il formato testuale di interscambio più utilizzato. Si tratta di un file delimitato dove il carattere separatore è il tab (codifica ascii 9). Nell'esempio proposto la prima riga riporta il nome dei campi. In questo caso si dice che il file contiene le intestazioni dei campi. CSV CodiceNominativoDipartimento 1Nove BiancaDIMI 2Rossini GioacchinoDII 3Neri ChiaraDICATAM 4Bianchi BrunaDIMI CSV è un altro formato testuale di interscambio molto diffuso di tipo delimited dove il carattere di separazione è solitamente la virgola (oppure il punto e virgola). Nel file di interscambio l'intestazione dei campi può essere omessa. Codice,Nominativo,Dipartimento,Età 1,"Nove Bianca","DIMI",12 2,"Rossi Gioacchino","DII",21 3,"Neri Chiara","DICATAM",18 4,"Verdi Enrico","DIMI",19

8 Larghezza Fissa In questo formato ad ogni campo viene riservato un numero fisso di caratteri e questo indipendentemente dal contenuto reale del campo. Pertanto quando i caratteri assegnati sono terminati si passa al campo successivo ed eventualmente il contenuto di quel campo viene troncato. Ogni record è separato dal successivo mediante un invio (Crlf). Nel file di interscambio le intestazione dei campi solitamente vengono essere omesse. La descrizione che per ogni campo indica la posizione del carattere iniziale e di quello finale è detta tracciato del file. La conoscenza del tracciato è indispensabile per importare correttamente i dati. Da A Campo Matricola Nominativo Data di Nascita Reddito Da A Campo Dipartimento Provincia Indirizzo CrLf

9 Formattati Rappresenta una tipologia di formato di interscambio mista che possiede sia le caratteristiche tipiche di un file a larghezza fissa che quelle di un file delimitato. In un file formattato vengono utilizzati i trattini (-) e caratteri barra verticale ( ) per disporre i contenuti in una griglia. I record vengono visualizzati come righe e i campi come colonne. Eventualmente i nomi dei campi (intestazioni) vengono aggiunti sulla prima riga ID Indizzo

10 XML XML (extensible Markup Language) è linguaggio marcatore basato su un meccanismo sintattico che consente di definire e controllare il significato degli elementi contenuti in un documento o in un testo. Mentre HTML definisce una grammatica per la descrizione e la formattazione di pagine web (layout) XML è un metalinguaggio utilizzato per descrivere documenti strutturati. Con XML è possibile definire dei propri tag a seconda delle esigenze. XML è utilizzato per: definizione della struttura di documenti scambio di informazioni tra sistemi diversi definizione di formati di dati. L'XML è oggi molto utilizzato anche come mezzo per l'esportazione di dati tra diversi DBMS. La prima riga indica la versione di XML in uso e specifica la codifica UTF-8 per la corretta interpretazione dei dati. <?xml version="1.0" encoding="utf-8"?> <utenti> <utente> <nome>luca</nome> <cognome>cicci</cognome> <indirizzo>milano</indirizzo> </utente> <utente> <nome>max</nome> <cognome>rossi</cognome> <indirizzo>roma</indirizzo> </utente> </utenti>

11 XML L'XML utilizza dei marcatori, detti tag (etichette), per assegnare una semantica al testo. Ogni tag inizia e finisce con < e > ed ha un corrispondente tag di chiusura riconoscibile per lo / posto dopo il carattere <. I tag possono contenere informazioni in due modi: attraverso degli "attributi" (esempio <studente matricola="0001">) racchiudendo le informazioni tra il tag di apertura e il suo corrispondente tag di chiusura (esempio <matricola>0001</matricola>) Nella stesura di un documento XML occorre rispettare alcune regole: I tag non possono iniziare con numeri o caratteri speciali e non possono contenere spazi; I valori assegnati agli attributi devono essere racchiusi tra doppi apici I tag sono case sensitive (<esito> è diverso da <Esito>) i tag non vuoti devono avere una corrispondente chiusura. Quelli non vuoti possono essere scritti con la cosidetta sintassi minimizzata: <esitoesame></esitoesame> <esitoesame />

12 XML Per poter essere correttamente interpretato, un documento XML deve essere ben formato, ovvero deve possedere le seguenti caratteristiche: Un prologo, che è la prima istruzione che appare scritta nel documento. Nel nostro esempio: <xml version="1.0" encoding="utf-8">. Un unico elemento radice (ovvero il nodo principale, chiamato root element) che contiene tutti gli altri nodi del documento. Nell'esempio presentato in una slide precedente è: <utenti>. All'interno del documento tutti i tag devono essere bilanciati (ovvero devono essere opportunamente nidificati, cioè i tag di chiusura devono seguire l ordine inverso dei rispettivi tag di apertura) Concretamente, un documento XML è un file di testo che contiene una serie di tag, attributi e testo secondo regole sintattiche ben definite. Un documento XML è caratterizzato da una struttura gerarchica. Esso è composto da componenti denominati elementi. Ciascun elemento rappresenta un componente logico del documento e può contenere altri elementi (sottoelementi) o del testo. Gli elementi possono avere associate altre informazioni che ne descrivono le proprietà. Queste informazioni sono chiamate attributi. <studente matricola="01292"> <nominativo>rossi</nominativo>... </studente>

13 XML L organizzazione degli elementi segue un ordine gerarchico o arboreo che prevede un elemento principale, chiamato root element o semplicemente root o radice. La radice contiene l insieme degli altri elementi del documento. Possiamo rappresentare graficamente la struttura di un documento XML tramite un albero, generalmente noto come document tree. Per fissare le idee prendiamo in considerazione la rappresentazione di un generico articolo a carattere tecnico e proviamo a rappresentarlo secondo il modello XML, come mostrato in figura Nella figura abbiamo un root element denominato articolo che contiene una lista di elementi che rappresentano i vari paragrafi dell articolo. Ciascun paragrafo a sua volta contiene del testo, degli esempi di codice e delle immagini. La maggior parte degli elementi di questo document tree possiede degli attributi: titolo, tipo, file

14 XML La struttura gerarchica preedente viene tradotta nel corrispondente documento XML. Il documento XML non è altro che un normale file di testo creato con un qualsiasi editor. La struttura logica di un documento XML dipende dalle scelte progettuali. Siamo noi a decidere come organizzare gli elementi all interno di un documento XML. Non esistono regole universali per l organizzazione logica di un documento se non il buon senso e l esperienza. <?xml version="1.0"?> <articolo titolo="titolo Articolo"> <paragrafo titolo="titolo 1 paragrafo"> <testo> Testo del 1 paragrafo </testo> <immagine file="immagine1.jpg" /> </paragrafo> <paragrafo titolo="titolo 2 paragrafo"> <testo> Testo del 2 paragrafo </testo> <codice> Esempio di codice </codice> <testo> Altro blocco di testo </testo> </paragrafo> <paragrafo tipo="bibliografia"> <testo> Riferimento ad un articolo </testo> </paragrafo> </articolo>

15 XML Per quanto riguarda il contenuto, un documento XML può contenere potenzialmente qualsiasi carattere dell alfabeto latino, cifre e punteggiatura. Normalmente sono accettati in un documento XML i primi 128 caratteri della codifica ASCII (lettere dell alfabeto latino minuscole e maiuscole, cifre, segni di punteggiatura, etc.). Se un documento contiene caratteri che non rientrano tra questi (es.: lettere accentate, simboli di valuta, ecc.) è necessario specificare lo schema di codifica utilizzato. Lo schema di codifica ed altre informazioni dirette al software incaricato di elaborare il documento XML sono indicate tramite elementi speciali detti direttive di elaborazione o processing instruction. Ad esempio, la seguente direttiva di elaborazione: <?xml version="1.0" encoding="iso "?>. abilita l uso del set di caratteri noto come Latin1. contenente le lettere accentate ed altri simboli. Il charset ISO (Latin 1) rappresenta il set di caratteri tipico dell'europa occidentale (tale charset contiene le lettere dell'alfabeto, i numeri, la punteggiatura e vari simboli tipici della nostra lingua e delle altre lingue dell'europa occidentale). Oltre alle direttive di elaborazione, in un documento XML possiamo trovare i commenti, cioè informazioni rivolte agli esseri umani ed ignorate dai software che lo elaborano. I commenti XML seguono la stessa sintassi dell HTML, sono cioè racchiusi tra le sequenze di caratteri <!-- e --> e possono trovarsi in qualsiasi punto del documento

16 XML Potrebbe essere necessario inserire in un documento XML dei caratteri riservati che potrebbero renderlo non ben formato. Ad esempio, se dobbiamo inserire del testo che contiene il simbolo <, corriamo il rischio che possa venire interpretato come l inizio di un nuovo tag, come nel seguente esempio: <testo> il simbolo < indica minore di </testo> Per evitare situazioni di questo tipo, XML prevede degli oggetti speciali detti entità che consentono di sostituire i caratteri riservati. Cinque entità sono predefinite e consentono l uso di altrettanti caratteri riservati all interno di un documento: Entità & Carattere corrispondente & < < > > " " &apos; ' Ricorrendo alle entità predefinite, l esempio precedente diventa <testo> il simbolo < indica minore di </testo>

17 XML XML offre la libertà di definire i tag a seconda delle necessità, ma perché non si generi confusione è necessario avere un meccanismo che ne vincoli l utilizzo all interno dei documenti (ad esempio non ha senso definire 2 elementi cognome all'interno dell'elemento studente) In altre parole abbiamo bisogno di definire una grammatica per il linguaggio di markup che abbiamo ideato. Una grammatica è un insieme di regole che indica quali vocaboli (elementi) e come (struttura) possono essere utilizzati. Se un documento XML rispetta le regole definite da una grammatica è detto valido per un particolare linguaggio. Ma come si definisce una grammatica per descrivere un linguaggio di markup? Attualmente esistono due approcci per definire la grammatica associata al linguaggio di markup utilizzato all'interno di un documento XML: Dtd - Document Type Definition XML Schema.

18 XML Document type definition Da un punto di vista cronologico, il primo approccio per la definizione di grammatiche per documenti XML è rappresentato dai Document Type Definition (DTD). La sintassi di un Dtd si basa principalmente sulla presenza di due dichiarazioni: <!ELEMENT> che definisce gli elementi utilizzabili nel documento e la struttura del documento stesso, <!ATTLIST> che definisce la lista di attributi per ciascun elemento. Ad esempio, la dichiarazione La seguente dichiarazione <!ELEMENT articolo(paragrafo+)> indica che l elemento <articolo> ha come sottoelemento uno o più elementi <paragrafo>. I caratteri speciali +,*,?, scritti dopo il nome del sottoelemento, indicano il tipo di occorrenze dello stesso. In particolare: Carattere Speciale Significato * Zero o più volte + Una o più volte? Zero o una volta

19 XML Document type definition La seguente dichiarazione <!ELEMENT paragrafo(immagine*, testo+)> indica che l elemento <paragrafo> contiene una sequenza di elementi <immagine> e <testo>. L elemento <immagine> può essere presente zero o più volte, mentre <testo> deve essere presente almeno una volta. Per la definizione dei tag che non contengono sottoelementi dobbiamo distinguere due casi: Quando si tratta di un tag vuoto come <immagine> la definizione è <!ELEMENT immagine EMPTY> Quando gli elementi racchiudono del testo abbiamo: <!ELEMENT testo (#PCDATA)> Elementi, il cui contenuto non è definito a priori, cioè possono essere vuoti o contenere altri elementi, utilizzano la seguente dichiarazione: <!ELEMENT elemento ANY>

20 XML Document type definition Per la definizione degli attributi di ciascun tag si usa <!ATTLIST>. Ad esempio, la dichiarazione successiva indica che l elemento <articolo> prevede un attributo titolo che può avere come valore una qualsiasi combinazione di caratteri (CDATA). L indicazione #REQUIRED indica che la presenza dell attributo è obbligatoria. <!ATTLIST articolo titolo CDATA #REQUIRED> Valori alternativi a #REQUIRED sono: Carattere Speciale #REQUIRED #IMPLIED #FIXED valore Significato obbligatorio facoltativo Che si tratta di un valore costante Se un attributo prevede una valorizzazione basata su voci predefinite è necessario specificarle come accade per l attributo tipo del tag <paragrafo> <!ATTLIST paragrafo tipo (abstract bibliografia note) #IMPLIED> Con questa dichiarazione l attributo tipo è opzionale e può assumere uno tra i seguenti valori: abstract, bibliografia o note.

21 XML Document type definition Le seguenti dichiarazioni costituiscono il Dtd completo per il file XML associato al nostro esempio sugli articoli. <!ELEMENT articolo (paragrafo+)> <!ELEMENT paragrafo (immagine*, testo+, codice*)> <!ELEMENT immagine EMPTY> <!ELEMENT testo (#PCDATA)> <!ELEMENT codice (#PCDATA)> <!ATTLIST articolo titolo CDATA #REQUIRED> <!ATTLIST paragrafo titolo CDATA #IMPLIED tipo (abstract bibliografia note) #IMPLIED > <!ATTLIST immagine file CDATA #REQUIRED> <?xml version="1.0"?> <!DOCTYPE articolo[ ]> <articolo titolo="titolo Articolo"> <paragrafo titolo="titolo 1 paragrafo"> <testo> Testo del 1 paragrafo </testo> <immagine file="immagine1.jpg" /> </paragrafo> <paragrafo titolo="titolo 2 paragrafo"> <testo> Testo del 2 paragrafo </testo> <codice> Esempio di codice </codice> <testo> Altro blocco di testo </testo> </paragrafo> <paragrafo tipo="bibliografia"> <testo> Riferimento ad un articolo </testo> </paragrafo> </articolo> Esistono due modi per indicare il Dtd a cui un documento XML fa riferimento. Il primo modo prevede la scrittura del Dtd all interno del documento XML, come si vede nel seguente esempio: La dichiarazione <!DOCTYPE... indica che il documento individuato dall elemento root <articolo> segue le regole definite tra le parentesi quadre.... definizioni dtd... <?xml version= 1.0 > <!DOCTYPE articolo[...definizioni del Dtd... ]> <articolo>...

22 XML Document type definition Il secondo modo prevede che il Dtd sia definito in un file esterno (solitamente con estensione dtd) e il documento XML abbia al suo interno un riferimento a tale file, come "articolo.dtd" nel seguente esempio: <?xml version="1.0"> <!DOCTYPE articolo SYSTEM "articolo.dtd"> <articolo>... L uso dei Dtd per definire la grammatica presenta alcuni svantaggi: Non rispetta le regole stesse di XML Non consente di specificare un tipo di dato per il valore degli attributi Non consente di specificare il numero minimo o massimo di occorrenze di un tag Excel non lo supporta <!ELEMENT articolo (paragrafo+)> <!ELEMENT paragrafo (immagine*, testo+, codice*)> <!ELEMENT immagine EMPTY> <!ELEMENT testo (#PCDATA)> <!ELEMENT codice (#PCDATA)> <!ATTLIST articolo titolo CDATA #REQUIRED> <!ATTLIST paragrafo titolo CDATA #IMPLIED tipo (abstract bibliografia note) #IMPLIED > <!ATTLIST immagine file CDATA #REQUIRED>

23 XML XML Schema I limiti del Dtd hanno portato alla definizione di approcci alternativi per definire grammatiche per documenti XML. Tra questi approcci il più noto è XML Schema. A differenza di un Dtd, che utilizza una propria sintassi specifica, XML Schema utilizza la stessa sintassi XML per definire la grammatica di un linguaggio di markup. Quindi un XML Schema è un documento XML che descrive la grammatica di un linguaggio XML. In quanto documento XML, XML Schema ha un suo root element (<xs:schema>) che contiene tutte le regole di definizione della grammatica. <?xml version="1.0"?> <xs:schema xmlns:xs="http://www.w3.org/2001/xmlschema">... Definizione della grammatica... </xs:schema> La scrittura xmlns:xs="http://www.w3.org/2001/xmlschema" indica che in questo documento verranno utilizzati i tag speciali definiti dal namespace standard del W3C. Nel nostro caso questi tag speciali sono caratterizzati dal prefisso xs:. W3C è un consorzio di aziende del settore informatico che si occupa di definire gli standard di riferimento (sistemi e linguaggi per la trasmissione dei dati) per il Web.

24 XML XML Schema XML Schema prevede il tag <xs:element> per la definizione degli elementi utilizzabili in un documento XML. L'attributo name permette la definizione del nome del tag. All interno di ciascun tag <xs:element> possiamo indicare il tipo di dato attribuito all elemento <xs:element name="testo" type="xs:string" /> <xs:element name="quantita" type="xs:integer" /> XML Schema permette di gestire due categorie di tipi di dato: semplice e complesso. Nella tabella sottostante abbiamo l'elenco dei tipi semplici predefiniti: Tipo di dato xs:string xs:integer xs:decimal xs:boolean xs:date xs:time xs:urireference Descrizione Stringa di caratteri Numero intero Numero decimale Valore booleano (vero/falso) Data Ora URL

25 XML XML Schema XML Schema prevede anche la possibilità di definire tipi di dato semplici personalizzati, come derivazione di quelli semplici predefiniti. Ad esempio se abbiamo bisogno di limitare l'elemento <quantita> all'interno dell'intervallo dei numeri interi compresi tra 1 a 100, possiamo definirlo nel seguente modo: <xs:element name="quantita"> <xs:simpletype> <xs:restriction base="xs:integer"> <xs:mininclusive value="1" /> <xs:maxinclusive value="100" /> </xs:restriction> </xs:simpletype> </xs:element> I tipi di dato complessi si riferiscono ad elementi che possono contenere a loro volta altri elementi e diversi attributi. Definire un elemento di tipo complesso corrisponde a definire la relativa struttura. Lo schema generale per la definizione di un elemento di tipo complesso è il seguente: <xs:element name="nomeelemento"> <xs:complextype>... Definizione del tipo complesso Definizione degli attributi... </xs:complextype> </xs:element>

26 XML XML Schema Se l elemento è composto da sottoelementi di tipo diverso possiamo definire la sequenza degli elementi che possono stare al suo interno mediante uno dei costruttori di tipi complessi previsti: <xs:sequence> <xs:choice> <xs:all> consente di definire una sequenza ordinata di sottoelementi Consente di definire un elenco di sottoelementi alternativi Consente di definire una sequenza non ordinata di sottoelementi Per ciascuno di questi costruttori e per ciascun elemento è possibile definire il numero di occorrenze previste utilizzando gli attributi minoccurs e maxoccurs. Ad esempio, se l elemento testo può essere presente una o infinite volte all interno di un paragrafo possiamo esprimere questa condizione nel seguente modo: <xs:element name="paragrafo"> <xs:complextype> <xs:element name="testo" minoccurs="1" maxoccurs="unbounded"/> </xs:complextype> </xs:element>

27 XML XML Schema La definizione degli attributi è basata sull uso del tag <xs:attribute>: <xs:attribute name="cognome" type="xs:string" use="required" /> <xs:attribute name="dipartimento" type="xs:string" use="default" value="dimi" /> L attributo use consente di specificare alcune caratteristiche come la presenza obbligatoria (required) o un valore predefinito (default) in combinazione con l attributo value. Di default gli attributi per i quali non si specifica esplicitamente l obbligatorietà sono da considerarsi opzionali. XML Schema consente la dichiarazione di tipo. In altre parole possiamo definire un tipo complesso, in base al seguente schema, e riutilizzarlo ripetutamente applicato a diversi elementi (si veda l'esempio sottostante). <xs:complextype name="nome_tipo">... </xs:complextype> <xs:element name="nome_elementoa" type="nome_tipo" /> <xs:element name="nome_elementob" type="nome_tipo" />

28 XML XML Schema Il seguente codice riporta lo schema XML per il linguaggio di descrizione degli articoli visto nelle slide precedenti, riorganizzato alla luce della possibilità di definire tipi di dato. Lo schema XML viene salvato in un file di testo (ad esempio "Articoli.xsd"). <?xml version="1.0"?> <xs:schema xmlns:xs="http://www.w3.org/2001/xmlschema"> <xs:element name="articolo"> <xs:complextype> <xs:sequence> <xs:element name="paragrafo" type="tipo_paragrafo" maxoccurs="unbounded" /> </xs:sequence> <xs:attribute name="titolo" type="xs:string" use="required"/> </xs:complextype> </xs:element> <xs:complextype name="tipo_paragrafo"> <xs:sequence maxoccurs="unbounded"> <xs:element name="testo" minoccurs="1" /> <xs:element name="immagine" type="tipo_immagine" minoccurs="0"/> <xs:element name="codice" minoccurs="0"/> </xs:sequence> <xs:attribute name="titolo" type="xs:string" use="optional"/> <xs:attribute name="tipo" use="optional"> <xs:simpletype> <xs:restriction base="xs:string"> <xs:enumeration value="abstract"/> <xs:enumeration value="bibliografia"/> <xs:enumeration value="note"/> </xs:restriction> </xs:simpletype> </xs:attribute> </xs:complextype> <xs:complextype name="tipo_immagine"> <xs:attribute name="file" use="required"> <xs:simpletype> <xs:restriction base="xs:string"/> </xs:simpletype> </xs:attribute> </xs:complextype> </xs:schema>

29 XML XML Schema Ci sono diversi modi per indicare lo schema da utilizzare per la validazione di un file XML. Uno di questi consiste nell inserire nel documento XML un riferimento allo schema da utilizzare. Questo riferimento viene inserito nell'elemento root come visibile nel seguente esempio:"articoli.xsd" <?xml version="1.0"?> <articolo titolo="titolo Articolo" xmlns:xsi="http://www.w3.org/2001/xmlschema-instance" xsi:nonamespaceschemalocation="articoli.xsd"> <paragrafo... Il file XML del nostro esempio, importato all'interno di Excel, produce il seguente risultato

30 Importazione da fonti dati esterne importazione di un delimited Importazione di un fixed format

31 Importazione di un delimited Vediamo ora come importare un file delimited con Excel. Immaginiamo quindi di voler acquisire il file testuale delimited "calciatori.txt" dove il simbolo di separazione è la pipe ( ) (il file è disponibile sul sito Supponiamo che dell'archivio non ci interessino tutti i campi ma solo una parte: ID, Nominativo e Squadra (1, 3 e 4 colonna).

32 Importazione di un delimited Prima cosa, dopo aver aperto una cartella di Excel, richiamiamo il ribbon "Dati " (sezione "Carica dati esterni") e cliccare sull'icona "Da testo". Occorre quindi selezionare il file da importare (A) e confermare l'importazione (B)

33 Importazione di un delimited Successivamente bisogna specificare che si tratta di un delimitato (A) e procedere (B) Indicare eventualmente: - se il file contiene le intestazioni dei campi (1) - Il numero della riga dove iniziano i dati (2) - Eventuale codifica Unicode utilizzata nel file di interscambio (3)

34 Importazione di un delimited Procedere poi in questo modo: - Specificare il carattere che delimita i singoli campi (A). - Indicare eventualmente se i campi testuali risultano racchiusi tra i doppi apici " (1) - Infine continuare cliccando sul bottone "Avanti >" (C) Se il delimited fosse stato un Tab-text bisognava spuntare il check box "Tabulazione" mentre nel caso di un CSV occorreva spuntare il check box "Punto e virgola" oppure "Virgola" a seconda.

35 Importazione di un delimited Cliccare sulle intestazioni (1, 2 e 3) ed indicare il formato oppure se si vuole escludere la colonna dalla procedura di importazione (A). E' possibile effettuare la selezione multipla (3) per velocizzare questa operazione. Passare alla schermata successiva cliccando sul bottone "Fine" (B).

36 Importazione di un delimited Concludere indicando il foglio e la cella di destinazione dei dati importati (A) e finire cliccando sul bottone "OK" (B). Terminata l'importazione ricordarsi di salvare il file in formato xls/xlsx in modo che eventuali formule e modifiche rimangano registrate (se salvo come txt saranno irrimediabilmente perdute!). I dati importati verranno disposti in forma tabellare all'interno di un foglio della cartella di Excel.

37 Importazione di un fixed format Vediamo ora come importare un file a larghezza fissa all'interno di un foglio di Excel. Consideriamo quindi il file "studentifixformat.txt" disponibile sul sito mio sito. Il tracciato dati del file indicato è il seguente: Da A Campo Dimensione Matricola 5 char Cognome 15 char Nome 15 char Classe 5 char Sesso 1 char Ripetente 2 char Bocciato 2 char Nr Accessi al Registro WEB 2 char Ultimo Accesso al Registro WEB 23 char Risultato Finale 75 char Totale: 145 char Prima cosa, dopo aver aperto una cartella di Excel, richiamiamo il ribbon "Dati " (sezione "Carica dati esterni") e cliccare sull'icona "Da testo".

38 Importazione di un fixed format Nella finestra di dialogo che compare occorre selezionare il file da importare (A) e confermare l'importazione (B)

39 Importazione di un fixed format Successivamente bisogna specificare che si tratta di un larghezza fissa (A) e procedere cliccando sul bottone "Avanti >" (B) Indicare eventualmente: - se il file contiene le intestazioni dei campi (1) - Il numero della riga iniziale contenente i dati (2) - Eventuale codifica Unicode utilizzata nel file di interscambio (3)

40 Importazione di un fixed format Indicare ora i limiti di ogni singolo campo (A): - Eliminando le frecce errate (in grigio) - Aggiungendone delle nuove quando mancanti (in rosso) E' possibile spostare le frecce trascinandole opportunamente. Infine proseguire cliccando sul bottone "Avanti >"

41 Importazione di un fixed format Concludere indicando il foglio e la cella di destinazione dei dati importati (A) e finire cliccando sul bottone "OK" (B). Terminata l'importazione ricordarsi di salvare il file in formato xls/xlsx in modo che eventuali formule e modifiche rimangano registrate (se salvo come txt saranno irrimediabilmente perdute!). I dati importati verranno disposti in forma tabellare all'interno di un foglio della cartella di Excel.

42 Importazione di un File XML Per importare un file XML seguire questa procedura: (A) Andare nel ribbon DATI e cliccare sul bottone "Carica dati esterni" (B). Richiamare "Da altre origini" (C) ed infine cliccare sulla voce "Da importazione dati XML" (D)

43 Importazione di un File XML E) Selezionare quindi il file da importare F) Attenzione! Se appare questo messaggio significa che il documento XML non è corretto

44 Importazione di un File XML G) Confermare l'assenza di uno schema cliccando su ok I) Al termine i dati contenuti nel file XML verranno visualizzati all'interno del foglio nel seguente modo H) Infine indicare la posizione dove inserire i dati

45 Importazione di un File XML Per rilevare eventuali errori nel file XML si può A) aprire il documento XML utilizzando il menu Apri di Excel, C) Cliccare su "Dettagli " nella finestra B) Selezionare le di dialogo che appare in caso di errore modalità di apertura Un esempio di errore è rappresentato dall'aver inserito un tag finale che non corrisponde ad alcun tag iniziale. Si rammenta che XML è case sensitive per cui non posso scrivere </Esito> come corrispondente tag di chiusura del tag di apertura <esito>. D) Infine ricercare le motivazioni che hanno portato Excel a scartare il documento XML

46 Importazione di un File XML In alternativa, per rilevare gli errori, posso utilizzare un editor XML come XML Notepad. Durante il caricamento del file XML il programma avvisa descrivendo l'errore che ha riscontrato. Se il file è corretto l'editor XML mostrerà il contenuto del file in una struttura ad albero. Questo è il file XML utilizzato nelle prove <?xml version="1.0" encoding="utf-8"?> <studenti> <Studente> <matricola>029919</matricola> <nominativo>rossi Mario</nominativo> <insegnamento>geometria</insegnamento> <esito>22</esito> </Studente> <Studente> <matricola>0012</matricola> <nominativo>neri Bruno</nominativo> <insegnamento>metallurgia</insegnamento> <esito>19</esito> </Studente> <Studente> <matricola>000121</matricola> <nominativo>verdi Mara</nominativo> <insegnamento>analisi Matematica B</insegnamento> <esito>29</esito> </Studente> </studenti>

extensible Markup Language

extensible Markup Language XML a.s. 2010-2011 extensible Markup Language XML è un meta-linguaggio per definire la struttura di documenti e dati non è un linguaggio di programmazione un documento XML è un file di testo che contiene

Dettagli

Linguaggi ed Applicazioni mul1mediali

Linguaggi ed Applicazioni mul1mediali Università degli Studi di Urbino "Carlo Bo" Linguaggi ed Applicazioni mul1mediali 06.01- Introduction to mark-up. 06.02- classification 06.03- SGML 06.04- XML Hypertext Maurizio Maffi ISTI Informa1on Science

Dettagli

Modelli di presentazione dei documenti XML

Modelli di presentazione dei documenti XML XML Indice 1. 1. Introduzione Cosa è e a cosa serve l'extensible Markup Language (XML) Storia e applicazioni di XML 1. 2. Un po'di storia Storia di XML: dall'ideazione alla standardizzazione del W3C 2.

Dettagli

TECN.PROG.SIST.INF. XML. Roberta Gerboni

TECN.PROG.SIST.INF. XML. Roberta Gerboni Roberta Gerboni Introduzione Lo sviluppo tecnologico relativo alle reti il crescente sviluppo della distribuzione di hardware per la comunicazione hanno reso necessaria Semantic Web significa un Web comprensibile

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone: N. 61273 /2011 protocollo Approvazione delle specifiche tecniche per la trasmissione alle Regioni e alle Province autonome di Trento e Bolzano dei dati relativi alla dichiarazione Irap 2011 e alla Comunicazione

Dettagli

La sintassi di un DTD si basa principalmente sulla presenza di quattro dichiarazioni:

La sintassi di un DTD si basa principalmente sulla presenza di quattro dichiarazioni: XML: DTD Da un punto di vista cronologico, il primo approccio per la definizione di grammatiche per documenti XML è rappresentato dai Document Type Definition (DTD). Un DTD è un documento che descrive

Dettagli

6. XML E RAPPRESENTAZIONE DEL FORMATO DI RISPOSTA

6. XML E RAPPRESENTAZIONE DEL FORMATO DI RISPOSTA 6. XML E RAPPRESENTAZIONE DEL FORMATO DI RISPOSTA Il permesso di fare copie digitali o fisiche di tutto o parte di questo lavoro per uso di ricerca o didattico è acconsentito senza corrispettivo in danaro,

Dettagli

Laboratorio di Tecnologie Web HTML: Introduzione Dott. Stefano Burigat

Laboratorio di Tecnologie Web HTML: Introduzione Dott. Stefano Burigat Laboratorio di Tecnologie Web HTML: Introduzione Dott. Stefano Burigat www.dimi.uniud.it/burigat File HTML e tag Un file HTML non è nient'altro che un puro file di testo al cui interno sono presenti delle

Dettagli

La struttura: DTD. Laura Farinetti Dip. Automatica e Informatica Politecnico di Torino. laura.farinetti@polito.it

La struttura: DTD. Laura Farinetti Dip. Automatica e Informatica Politecnico di Torino. laura.farinetti@polito.it La struttura: DTD Laura Farinetti Dip. Automatica e Informatica Politecnico di Torino laura.farinetti@polito.it L. Farinetti - Politecnico di Torino 1 Modello di struttura I tag annidati danno origine

Dettagli

Università degli Studi di Brescia INFORMATICA. Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Industriale

Università degli Studi di Brescia INFORMATICA. Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Industriale Università degli Studi di Brescia INFORMATICA EXCEL Docente: Marco Sechi E mail: marco.sechi@unibs.it Vers. 03/10/2016 Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Industriale DIPARTIMENTO DI SCIENZE CLINICHE

Dettagli

XML (extensible Markup Language)

XML (extensible Markup Language) Supporto On Line Allegato FAQ FAQ n.ro MAN-8HVCNU5634 Data ultima modifica 16/06/2011 Prodotto Dichiarazioni fiscali 2011 Modulo Generica DF Oggetto: Modello IRAP 2011 XML - XMLNotepad: Guida all uso e

Dettagli

a cura di Maria Finazzi

a cura di Maria Finazzi Esercitazioni di XML a cura di Maria Finazzi (11-19 gennaio 2007) e-mail: maria.finazzi@unipv.it pagine web: Il trattamento dell'informazione Testo a stampa: Come

Dettagli

XML: La nascita del linguaggio

XML: La nascita del linguaggio XML: introduzione alla codifica dei testi Con la codifica dei testi si intende la rappresentazione dei testi stessi su un supporto digitale in un formato utilizzabile dall'elaboratore (Machine Readable

Dettagli

Indagini sul personale dipendente Applicazione web per la raccolta dei dati Guida tecnica

Indagini sul personale dipendente Applicazione web per la raccolta dei dati Guida tecnica Indagini sul personale dipendente Applicazione web per la raccolta dei dati Guida tecnica Versione 3.0 Giugno 2015 Sommario 1 I profili di utenza del sistema... 3 2 Accesso al sistema... 3 3 Utente Amministrazione...

Dettagli

Infrastrutture INFormatiche Ospedaliere 2 Corso di laurea di Ingegneria Medica. Indice

Infrastrutture INFormatiche Ospedaliere 2 Corso di laurea di Ingegneria Medica. Indice Indice 4. XML Extensible Markup Language...2 4.1 Usi di XML...3 4.2 Caratteristiche di XML...3 4.3 Elementi...5 4.4 Attributi...5 4.4.1 Documento XML ben formato...6 4.5 Informazioni di controllo...6 4.5.1

Dettagli

XML. Concetti principali. Risultato possibile. Differenze tra XML e HTML

XML. Concetti principali. Risultato possibile. Differenze tra XML e HTML Concetti principali Un documento XML contiente delle istruzioni particolari chiamate tag scritte in forma di coppia di parentesi (metalinguaggio con parentesi) Daniele Marini XML questa

Dettagli

5.6.1 REPORT, ESPORTAZIONE DI DATI

5.6.1 REPORT, ESPORTAZIONE DI DATI 5.6 STAMPA In alcune circostanze può essere necessario riprodurre su carta i dati di tabelle o il risultato di ricerche; altre volte, invece, occorre esportare il risultato di una ricerca, o i dati memorizzati

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione e per la valutazione e la trasparenza delle amministrazioni pubbliche

Autorità Nazionale Anticorruzione e per la valutazione e la trasparenza delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione e per la valutazione e la trasparenza delle amministrazioni pubbliche Indagini sul personale dipendente Applicazione web per la raccolta dei dati Guida tecnica per utente

Dettagli

Il foglio elettronico

Il foglio elettronico Il foglio elettronico Foglio di calcolo, Spreadsheet in inglese, Permette di elaborare DATI NUMERICI. E una TABELLA che contiene numeri che possono essere elaborati con FUNZIONI matematiche e statistiche.

Dettagli

Creare documenti XML. La natura epistemologica della codifica. Perché comprare XML? La struttura gerarchica ordinata. Riassumendo le componenti

Creare documenti XML. La natura epistemologica della codifica. Perché comprare XML? La struttura gerarchica ordinata. Riassumendo le componenti Lez. 7 Creare documenti XML La codifica deve raggiungere 2 traguardi: Accessibilità tecnica Permanenza a lungo termine 05/03/12 Perché comprare XML La natura epistemologica della codifica HTML Descrive

Dettagli

G I O R D A N I A L E S S A N D R A I T T S E R A L E G. M A R C O N I

G I O R D A N I A L E S S A N D R A I T T S E R A L E G. M A R C O N I Introduzione ad XML G I O R D A N I A L E S S A N D R A I T T S E R A L E G. M A R C O N I XML XML (Extensible Markup Language) è un insieme standard di regole sintattiche per modellare la struttura di

Dettagli

Fogli Elettronici: MS Excel utilizzo avanzato

Fogli Elettronici: MS Excel utilizzo avanzato Fogli Elettronici: MS Excel utilizzo avanzato 1 Ripasso 2 1 Selezionare celle e gruppi di celle Una cella in un foglio è individuata dall incrocio tra la riga e la colonna (coordinate della cella) Es:

Dettagli

Laboratorio Matematico Informatico 2

Laboratorio Matematico Informatico 2 Laboratorio Matematico Informatico 2 (Matematica specialistica) A.A. 2006/07 Pierluigi Amodio Dipartimento di Matematica Università di Bari Laboratorio Matematico Informatico 2 p. 1/1 Informazioni Orario

Dettagli

LUdeS Informatica 2 EXCEL. Prima parte AA 2013/2014

LUdeS Informatica 2 EXCEL. Prima parte AA 2013/2014 LUdeS Informatica 2 EXCEL Prima parte AA 2013/2014 COS E EXCEL? Microsoft Excel è uno dei fogli elettronici più potenti e completi operanti nell'ambiente Windows. Un foglio elettronico è un programma che

Dettagli

HTML+XML= XHTML. Che cos è l XHTML

HTML+XML= XHTML. Che cos è l XHTML HTML+XML= XHTML Il ritorno al futuro del WEB A cura di Barbara Lotti Che cos è l XHTML Nel gennaio del 2000 il W3C ha rilasciato, anziché una nuova versione, una riformulazione dell HTML come applicazione

Dettagli

Cos è ACCESS? E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un ambiente user frendly da usare (ambiente grafico)

Cos è ACCESS? E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un ambiente user frendly da usare (ambiente grafico) Cos è ACCESS? E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un ambiente user frendly da usare (ambiente grafico) 1 Aprire Access Appare una finestra di dialogo Microsoft Access 2 Aprire un

Dettagli

EXCEL PER WINDOWS95. sfruttare le potenzialità di calcolo dei personal computer. Essi si basano su un area di lavoro, detta foglio di lavoro,

EXCEL PER WINDOWS95. sfruttare le potenzialità di calcolo dei personal computer. Essi si basano su un area di lavoro, detta foglio di lavoro, EXCEL PER WINDOWS95 1.Introduzione ai fogli elettronici I fogli elettronici sono delle applicazioni che permettono di sfruttare le potenzialità di calcolo dei personal computer. Essi si basano su un area

Dettagli

HTML e Linguaggi. Politecnico di Milano Facoltà del Design Bovisa. Prof. Gianpaolo Cugola Dipartimento di Elettronica e Informazione

HTML e Linguaggi. Politecnico di Milano Facoltà del Design Bovisa. Prof. Gianpaolo Cugola Dipartimento di Elettronica e Informazione HTML e Linguaggi Politecnico di Facoltà del Design Bovisa Prof. Gianpaolo Cugola Dipartimento di Elettronica e Informazione cugola@elet.polimi.it http://home.dei.polimi.it/cugola Indice Il linguaggio del

Dettagli

Gestione home page. Intranet -> Ambiente Halley -> Gestione homepage

Gestione home page. Intranet -> Ambiente Halley -> Gestione homepage Gestione home page egovernment L home page del portale Halley egovernment permette all Amministrazione di pubblicare contenuti e informazioni e di organizzarle in blocchi. Questa struttura per argomenti

Dettagli

Modellazione e Gestione di Informazioni non Strutturate

Modellazione e Gestione di Informazioni non Strutturate Università della Calabria, Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale Progettazione di Sistemi Informativi Docente: Alfredo Cuzzocrea Modellazione e Gestione di Informazioni non Strutturate

Dettagli

OSSERVATORIO RIFIUTI SOVRAREGIONALE ~ ~ ~ IMPORTAZIONE AUTOMATICA DELLE IMFORMAZIONI SUI RIFIUTI RITIRATI E PRODOTTI DAGLI IMPIANTI.

OSSERVATORIO RIFIUTI SOVRAREGIONALE ~ ~ ~ IMPORTAZIONE AUTOMATICA DELLE IMFORMAZIONI SUI RIFIUTI RITIRATI E PRODOTTI DAGLI IMPIANTI. OSSERVATORIO RIFIUTI SOVRAREGIONALE ~ ~ ~ IMPORTAZIONE AUTOMATICA DELLE IMFORMAZIONI SUI RIFIUTI RITIRATI E PRODOTTI DAGLI IMPIANTI Revisione 106 Omnigate srl Bergamo, luglio 2009 1. Introduzione Il servizio

Dettagli

Manuale Utente QueryGenerator

Manuale Utente QueryGenerator SOFTWARE DI GESTIONE DEL CORPUS API Manuale Utente QueryGenerator Cirass Sommario Introduzione 1 1. Presentazione 1 2. Requisiti di Sistema 2 3. Installazione 2 4. Utilizzo 3 5. Logica d interrogazione

Dettagli

MODULO 3. Microsoft Excel. TEST ED ESERCIZI SU: http://www.informarsi.net/ecdl/excel/index.php

MODULO 3. Microsoft Excel. TEST ED ESERCIZI SU: http://www.informarsi.net/ecdl/excel/index.php MODULO 3 Microsoft Excel TEST ED ESERCIZI SU: http:///ecdl/excel/index.php Foglio Elettronico - SpreadSheet Un foglio elettronico (in inglese spreadsheet) è un programma applicativo usato per memorizzare

Dettagli

Specifiche struttura del file dei rilievi Descrizione e XML Schema

Specifiche struttura del file dei rilievi Descrizione e XML Schema Specifiche struttura del file dei rilievi Descrizione e XML Schema Contenuti CONTENUTI...2 1 INTRODUZIONE...3 2 MODELLO INFORMATIVO...4 3 APPENDICE...7 3.1 APPENDICE A XSD...7 3.1.1 Remark.xsd...7 2 1

Dettagli

La Stampa Unione. Individuare la lista indirizzi per la Stampa Unione

La Stampa Unione. Individuare la lista indirizzi per la Stampa Unione La Stampa Unione La Stampa unione consente di personalizzare con il nome, il cognome, l'indirizzo e altri dati i documenti e le buste per l'invio a più destinatari. Basterà avere un database con i dati

Dettagli

Basi di dati. Microsoft Access. Cosa è. Pietro Pala (pala@dsi.unifi.it) Come iniziare. Aprire un database. Creare un database. Creare un database

Basi di dati. Microsoft Access. Cosa è. Pietro Pala (pala@dsi.unifi.it) Come iniziare. Aprire un database. Creare un database. Creare un database Cosa è Basi di dati Pietro Pala (pala@dsi.unifi.it) Microsoft Access Access è un DBMS relazionale in grado di supportare: Specifica grafica dello schema della base dati Specifica grafica delle interrogazioni

Dettagli

Specifiche tecniche di trasmissione per i Comuni

Specifiche tecniche di trasmissione per i Comuni Pag. 1 di 15 Specifiche tecniche di trasmissione per i Comuni versione data Modifiche principali Autore/i 0.1 Redazione specifiche tecniche Dario Piermarini 1/15 Pag. 2 di 15 1 INTRODUZIONE Un Comune che

Dettagli

Foglio di calcolo. Il foglio di calcolo: Excel. Selezione delle celle

Foglio di calcolo. Il foglio di calcolo: Excel. Selezione delle celle Foglio di calcolo Il foglio di calcolo: Excel I dati inseriti in Excel sono organizzati in Cartelle di lavoro a loro volta suddivise in Fogli elettronici. I fogli sono formati da celle disposte per righe

Dettagli

Laboratorio XMLSchema

Laboratorio XMLSchema Esercizi Laboratorio XMLSchema Dato il file XML dato, realizzare: 1. Uno schema DTD 2. Uno schema XMLSchema E rispondere alle successive domande Ombretta Gaggi, Matteo Ciman Università di Padova 1 Tecnologie

Dettagli

XML. Parte VI - Introduzione e nozioni fondamentali di sintassi. XML: Extensible Markup Language:

XML. Parte VI - Introduzione e nozioni fondamentali di sintassi. XML: Extensible Markup Language: XML Parte VI - Introduzione e nozioni fondamentali di sintassi XML: cosa è XML: Extensible Markup Language: è un linguaggio che consente la rappresentazione di documenti e dati strutturati su supporto

Dettagli

Introduzione a XML. Language

Introduzione a XML. Language Introduzione a XML 1 Che cos è XML? XML: Extensible Markup Language anguage: è un linguaggio che consente la rappresentazione di documenti e dati strutturati su supporto digitale è uno strumento potente

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento.

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento. Prot.2014/146313 Approvazione del modello di dichiarazione dell imposta di bollo assolta in modo virtuale, delle relative istruzioni e delle specifiche tecniche per la trasmissione telematica IL DIRETTORE

Dettagli

bla bla Documents Manuale utente

bla bla Documents Manuale utente bla bla Documents Manuale utente Documents Documents: Manuale utente Data di pubblicazione lunedì, 14. settembre 2015 Version 7.8.0 Diritto d'autore 2006-2013 OPEN-XCHANGE Inc., Questo documento è proprietà

Dettagli

zonamatematica etutor EDITOR Guida all uso versione 4.1

zonamatematica etutor EDITOR Guida all uso versione 4.1 zonamatematica Il portale De Agostini Scuola dedicato all insegnamento e all apprendimento della matematica nella scuola secondaria etutor EDITOR Guida all uso versione 4.1 zonamatematica etutor EDITOR

Dettagli

XML e TEI: introduzione alla codifica dei testi letterari. La nascita del linguaggio. Il concetto di metalinguaggio di codifica SGML

XML e TEI: introduzione alla codifica dei testi letterari. La nascita del linguaggio. Il concetto di metalinguaggio di codifica SGML XML e TEI: introduzione alla codifica dei testi letterari Con la codifica dei testi si intende la rappresentazione dei testi stessi su un supporto digitale in un formato utilizzabile dall'elaboratore (Machine

Dettagli

HTML (Hyper Text Markup Language)

HTML (Hyper Text Markup Language) HTML (Hyper Text Markup Language) E un linguaggio di scrittura di pagine per Internet (pagine web) nato nel 1992. E un linguaggio di marcatura ipertestuale Non è un linguaggio di programmazione, in quanto

Dettagli

4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE

4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE 4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE Il foglio elettronico (definito anche spreadsheet) è uno strumento formidabile. Possiamo considerarlo come una specie di enorme tabellone a griglia il cui utilizzo si estende

Dettagli

Linguaggi per il web oltre HTML: XML

Linguaggi per il web oltre HTML: XML Linguaggi per il web oltre HTML: XML Luca Console Con XML si arriva alla separazione completa tra il contenuto e gli aspetti concernenti la presentazione (visualizzazione). XML è in realtà un meta-formalismo

Dettagli

MODULO 5 Basi di dati (database)

MODULO 5 Basi di dati (database) MODULO 5 Basi di dati (database) I contenuti del modulo: questo modulo riguarda la conoscenza da parte del candidato dei concetti fondamentali sulle basi di dati e la sua capacità di utilizzarli. Il modulo

Dettagli

On-line Corsi d Informatica sul Web

On-line Corsi d Informatica sul Web On-line Corsi d Informatica sul Web Corso base di Excel Università degli Studi della Repubblica di San Marino Capitolo 1 ELEMENTI DELLO SCHERMO DI LAVORO Aprire Microsoft Excel facendo clic su Start/Avvio

Dettagli

Foglio elettronico (StarOffice)

Foglio elettronico (StarOffice) Modulo Foglio elettronico (StarOffice) Modulo - Foglio elettronico, richiede che il candidato comprenda il concetto di foglio elettronico e dimostri di sapere usare il programma corrispondente. Deve comprendere

Dettagli

PROGRAMMA DI INFORMATICA CLASSE: 1 C Indirizzo: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING Anno Scolastico 2014-2015

PROGRAMMA DI INFORMATICA CLASSE: 1 C Indirizzo: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING Anno Scolastico 2014-2015 CLASSE: 1 C Indirizzo: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING MODULO HARDWARE 1. Che cos è il PC - Gli elementi del computer- Unità centrale:uc-alu- RAM - La memorizzazione delle informazioni:bit-byte. Sistemi

Dettagli

schema riassuntivo del corso di access

schema riassuntivo del corso di access schema riassuntivo del maggio-settembre 2006 Materiale prodotto da Domenico Saggese unicamente come supporto per i suoi corsi. E lecito trattenerne una copia per uso personale; non è autorizzato alcun

Dettagli

Siti web e Dreamweaver. La schermata iniziale

Siti web e Dreamweaver. La schermata iniziale Siti web e Dreamweaver Dreamweaver è la soluzione ideale per progettare, sviluppare e gestire siti web professionali e applicazioni efficaci e conformi agli standard e offre tutti gli strumenti di progettazione

Dettagli

il foglio elettronico

il foglio elettronico 1 il foglio elettronico ecdl - modulo 4 toniorollo 2013 il modulo richiede 1/2 comprendere il concetto di foglio elettronico e dimostri di sapere usare il programma di foglio elettronico per produrre dei

Dettagli

Applicazioni e Architetture Internet. T. Catarci, M. Scannapieco, Corso di Basi di Dati, A.A. 2008/2009, Sapienza Università di Roma

Applicazioni e Architetture Internet. T. Catarci, M. Scannapieco, Corso di Basi di Dati, A.A. 2008/2009, Sapienza Università di Roma Applicazioni e Architetture Internet 1 Introduzione Introduzione alle architetture a tre livelli Formati di dati per il Web HTML, XML, DTD 2 Componenti dei sistemi dataintensive Tre tipi separati di funzionalità:

Dettagli

Università Iuav di Venezia - CIRCE / dp Corso di addestramento all'uso di ESRI ArcView

Università Iuav di Venezia - CIRCE / dp Corso di addestramento all'uso di ESRI ArcView Università Iuav di Venezia - CIRCE / dp Corso di addestramento all'uso di ESRI ArcView Francesco Contò Unità 9 - Creare e modificare tabelle di dati. Collegare tabelle di dati esterne agli elementi geometrici.

Dettagli

Guida OpenOffice.org Writer

Guida OpenOffice.org Writer Guida OpenOffice.org Writer Le visualizzazioni di Writer Writer permette di visualizzare un documento in diverse maniere tramite: Visualizza->Schermo intero: permette di visualizzare il documento Writer

Dettagli

Database Modulo 2. Le operazioni di base

Database Modulo 2. Le operazioni di base Database Modulo 2 Le operazioni di base L architettura concettuale dei dati ha lo scopo di astrarre dal mondo reale ciò che in questo è concettuale, cioè statico. 2 In altri termini gli oggetti del mondo

Dettagli

MICROSOFT EXCEL INTRODUZIONE PRIMI PASSI

MICROSOFT EXCEL INTRODUZIONE PRIMI PASSI MICROSOFT EXCEL INTRODUZIONE Si tratta di un software appartenente alla categoria dei fogli di calcolo: con essi si intendono veri e propri fogli elettronici, ciascuno dei quali è diviso in righe e colonne,

Dettagli

Sistemi di Elaborazione delle Informazioni

Sistemi di Elaborazione delle Informazioni Corso di Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche e Ostetriche Sistemi di Elaborazione delle Informazioni - Metodologia della Ricerca applicata - A.A. 2013/14 Docente: Gianni Pantaleo Dipartimento

Dettagli

GUIDA RAPIDA ALL USO DI EXCEL

GUIDA RAPIDA ALL USO DI EXCEL GUIDA RAPIDA ALL USO DI EXCEL I fogli elettronici vengono utilizzati in moltissimi settori, per applicazioni di tipo economico, finanziario, scientifico, ingegneristico e sono chiamati in vari modi : fogli

Dettagli

UTILIZZO DI WORD PROCESSOR

UTILIZZO DI WORD PROCESSOR UTILIZZO DI WORD PROCESSOR (ELABORAZIONE TESTI) Laboratorio Informatico di base A.A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche Università della Calabria Dott. Pierluigi Muoio (pierluigi.muoio@unical.it)

Dettagli

Introduzione a XML: Document Type Definition; parser XML; XML-schema; extensible Stylesheet Language. a.a. 2004/05 Tecnologie Web 1

Introduzione a XML: Document Type Definition; parser XML; XML-schema; extensible Stylesheet Language. a.a. 2004/05 Tecnologie Web 1 Introduzione a XML: Document Type Definition; parser XML; XML-schema; extensible Stylesheet Language a.a. 2004/05 Tecnologie Web 1 XML - I XML (exstensible Markup Language): XML è un formato standard,

Dettagli

Introduzione alla codifica XML per i testi umanistici

Introduzione alla codifica XML per i testi umanistici Introduzione alla codifica XML per i testi umanistici Daniele Silvi, Domenico Fiormonte, Fabio Ciotti fiormont@uniroma3.it - silvi@lettere.uniroma2.it - ciotti@lettere.uniroma2.it 1 La digitalizzazione

Dettagli

Figura 1 Le Icone dei file di Excel con e senza macro.

Figura 1 Le Icone dei file di Excel con e senza macro. 18 Le macro Le macro rappresentano una soluzione interessante per automatizzare e velocizzare l esecuzione di operazioni ripetitive. Le macro, di fatto, sono porzioni di codice VBA (Visual Basic for Applications)

Dettagli

Foglio Elettronico. Creare un nuovo foglio elettronico Menu File Nuovo 1 clic su Cartella di lavoro vuota nel riquadro attività

Foglio Elettronico. Creare un nuovo foglio elettronico Menu File Nuovo 1 clic su Cartella di lavoro vuota nel riquadro attività Foglio Elettronico Avviare il Programma Menu Start Tutti i programmi Microsoft Excel Pulsanti 2 clic sull icona presente sul Desktop Chiudere il Programma Menu File Esci Pulsanti Tasto dx 1 clic sul pulsante

Dettagli

ALLEGATO A. Specifiche tecniche per la trasmissione telematica Modello IRAP 2015

ALLEGATO A. Specifiche tecniche per la trasmissione telematica Modello IRAP 2015 ALLEGATO A Specifiche tecniche per la trasmissione telematica Modello IRAP 2015 INDICE 1. AVVERTENZE GENERALI... 3 1.1 BREVI CENNI SUL LINGUAGGIO XML... 3 2. CONTENUTO DELLA FORNITURA... 4 2.1 GENERALITÀ...

Dettagli

Cultura Tecnologica di Progetto

Cultura Tecnologica di Progetto Cultura Tecnologica di Progetto Politecnico di Milano Facoltà di Disegno Industriale - DATABASE - A.A. 2003-2004 2004 DataBase DB e DataBase Management System DBMS - I database sono archivi che costituiscono

Dettagli

Creazione degli utenti in FreeNASchool

Creazione degli utenti in FreeNASchool Creazione degli utenti in FreeNASchool di Come creare nuovi utenti nel server scolastico di archiviazione dati FreeNASchool? Questo tutorial descrive passo a passo le operazioni da compiere, dalla creazione

Dettagli

INFORMATICA PER L IMPRESA (Docente Prof. Alfredo Garro)

INFORMATICA PER L IMPRESA (Docente Prof. Alfredo Garro) INFORMATICA PER L IMPRESA (Docente Prof. Alfredo Garro) ESERCIZIO 1a a) Creare, utilizzando Microsoft Access, la base di dati Università,, seguendo lo schema logico relazionale seguente: DATABASE Università

Dettagli

Microsoft Excel. Il foglio elettronico Microsoft Excel Cartelle, Fogli di lavoro e celle Contenuto delle celle. Numeri, date, formule, testo, funzioni

Microsoft Excel. Il foglio elettronico Microsoft Excel Cartelle, Fogli di lavoro e celle Contenuto delle celle. Numeri, date, formule, testo, funzioni Microsoft Excel Sommario Il foglio elettronico Microsoft Excel Cartelle, Fogli di lavoro e celle Contenuto delle celle Numeri, date, formule, testo, funzioni Formattazione dei dati Creazione di serie di

Dettagli

LA CORRISPONDENZA COMMERCIALE

LA CORRISPONDENZA COMMERCIALE LA CORRISPONDENZA COMMERCIALE GLI ELEMENTI ESSENZIALI DELLA LETTERA COMMERCIALE Intestazione Individua il nome e il cognome o la ragione sociale di chi scrive; contiene inoltre l indirizzo e i recapiti

Dettagli

Concetti fondamentali dei database database Cos'è un database Principali database

Concetti fondamentali dei database database Cos'è un database Principali database Concetti fondamentali dei database Nella vita di tutti i giorni si ha la necessità di gestire e manipolare dati. Le operazioni possono essere molteplici: ricerca, aggregazione con altri e riorganizzazione

Dettagli

Microsoft Excel. Apertura Excel. Corso presso la scuola G. Carducci. E. Tramontana. Avviare tramite

Microsoft Excel. Apertura Excel. Corso presso la scuola G. Carducci. E. Tramontana. Avviare tramite Microsoft Excel Corso presso la scuola G. Carducci E. Tramontana E. Tramontana - Excel - Settembre -2010 1 Apertura Excel Avviare tramite Avvio>Programmi>Microsoft Office>Microsoft Excel Oppure Cliccare

Dettagli

ALLEGATO A. Specifiche tecniche per la trasmissione telematica Modello IRAP 2012

ALLEGATO A. Specifiche tecniche per la trasmissione telematica Modello IRAP 2012 ALLEGATO A Specifiche tecniche per la trasmissione telematica Modello IRAP 2012 INDICE 1. AVVERTENZE GENERALI... 3 1.1 BREVI CENNI SUL LINGUAGGIO XML... 3 2. CONTENUTO DELLA FORNITURA... 4 2.1 GENERALITÀ...

Dettagli

MICROSOFT WORD LA STAMPA UNIONE

MICROSOFT WORD LA STAMPA UNIONE La stampa unione è una funzione di Microsoft Word che permette di unire un documento Word, che contiene le informazioni destinate a restare invariate in tutte le stampe (il documento principale) con un

Dettagli

XSL: extensible Stylesheet Language

XSL: extensible Stylesheet Language XSL: extensible Stylesheet Language XSL è un insieme di tre linguaggi che forniscono gli strumenti per l elaborazione e la presentazione di documenti XML in maniera molto flessibile. I tre linguaggi devono

Dettagli

UTILIZZO DEL MODULO DATA ENTRY PER L IMPORTAZIONE DEI DOCUMENTI (CICLO PASSIVO)

UTILIZZO DEL MODULO DATA ENTRY PER L IMPORTAZIONE DEI DOCUMENTI (CICLO PASSIVO) Codice documento 10091501 Data creazione 15/09/2010 Ultima revisione Software DOCUMATIC Versione 7 UTILIZZO DEL MODULO DATA ENTRY PER L IMPORTAZIONE DEI DOCUMENTI (CICLO PASSIVO) Convenzioni Software gestionale

Dettagli

paragrafo. Testo Incorniciato Con bordo completo Testo Incorniciato Con bordo incompleto

paragrafo. Testo Incorniciato Con bordo completo Testo Incorniciato Con bordo incompleto Applicare bordi e sfondi ai paragrafi Word permette di creare un bordo attorno ad un intera pagina o solo attorno a paragrafi selezionati. Il testo risulta incorniciato in un rettangolo completo dei quattro

Dettagli

Maria Grazia Ottaviani. informatica, comunicazione e multimedialità

Maria Grazia Ottaviani. informatica, comunicazione e multimedialità Maria Grazia Ottaviani informatica, comunicazione e multimedialità Unità digitale 1 Ambiente HTML Introduzione Oltre ai linguaggi di programmazione esistono anche linguaggi detti markup. Sono linguaggi

Dettagli

Procedura di validazione del tracciato dati per l applicazione Albi Giudici Popolari. Istruzioni per l installazione ed indicazioni per l uso.

Procedura di validazione del tracciato dati per l applicazione Albi Giudici Popolari. Istruzioni per l installazione ed indicazioni per l uso. Dipartimento dell organizzazione giudiziaria, del personale e dei servizi Direzione generale per i sistemi informativi automatizzati Coordinamento interdistrettuale per i sistemi informativi automatizzati

Dettagli

Tecnologie Web T Introduzione a XML

Tecnologie Web T Introduzione a XML Tecnologie Web T Introduzione a Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/tw/ Versione elettronica: 2.01..pdf Versione elettronica: 2.01.-2p.pdf 1 Che cos è? : Extensible Markup Language:

Dettagli

v. 1.0-7-11-2007 Mistral ArchiWeb 2.0 Manuale utente

v. 1.0-7-11-2007 Mistral ArchiWeb 2.0 Manuale utente v. 1.0-7-11-2007 Mistral ArchiWeb 2.0 Manuale utente Sommario 1. INTRODUZIONE...3 2. DESCRIZIONE FUNZIONALITÀ...3 2.1. LOGIN...3 2.2. SCHEDA ARCHIVIO...3 2.3. GESTIONE ARCHIVI...4 2.3.1 Creazione nuovo

Dettagli

Servizio di Invio Telematico delle Schedine Alloggiati

Servizio di Invio Telematico delle Schedine Alloggiati Servizio di Invio Telematico delle Schedine Alloggiati 1. Login Fig.1.1: Maschera di Login Per accedere all applicativo inserire correttamente nome utente e password poi fare clic sul pulsante Accedi,

Dettagli

Access. Microsoft Access. Aprire Access. Aprire Access. Aprire un database. Creare un nuovo database

Access. Microsoft Access. Aprire Access. Aprire Access. Aprire un database. Creare un nuovo database Microsoft Access Introduzione alle basi di dati Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale limitato Meccanismi di sicurezza, protezione di dati e gestione

Dettagli

MANUALE UTENTE. Versione 1.2 novembre 2011 2011 MAILDEM Tutti i diritti sono riservati

MANUALE UTENTE. Versione 1.2 novembre 2011 2011 MAILDEM Tutti i diritti sono riservati MANUALE UTENTE Versione 1.2 novembre 2011 2011 MAILDEM Tutti i diritti sono riservati INDICE ACCESSO AL SERVIZIO... 3 GESTIONE DESTINATARI... 4 Aggiungere destinatari singoli... 5 Importazione utenti...

Dettagli

Tecnologie Web T XML Schema

Tecnologie Web T XML Schema Tecnologie Web T Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/tw/ Versione elettronica: 2.03.XMLSchema.pdf Versione elettronica: 2.03.XMLSchema-2p.pdf 1 Che cos è? È un alternativa ai DTD basata

Dettagli

XML. XML è contemporaneamente: XML non è:

XML. XML è contemporaneamente: XML non è: XML XML è contemporaneamente: Linguaggio di annotazione (Markup) che permette di creare gruppi di marcatori (tag set) personalizzati (MathML, XHTML, chemicalml, ecc..) Formato standard per lo scambio dei

Dettagli

GUIDA TECNICA ALLA RENDICONTAZIONE SU SIRIO

GUIDA TECNICA ALLA RENDICONTAZIONE SU SIRIO GUIDA TECNICA ALLA RENDICONTAZIONE SU SIRIO Guida per l Istituto Convenzionato Versione 1.1 Sommario 1 Novità nella procedura informatica... 2 2 Valutazione tecnica... 2 2.1 Valutazione costi... 2 2.2

Dettagli

Disciplina informatica Uso di Excel

Disciplina informatica Uso di Excel Disciplina informatica Uso di Excel Mario Gentili Definizione Il foglio elettronico, conosciuto anche come foglio di calcolo, è una griglia di caselle all interno delle quali possono essere inseriti non

Dettagli

Per accedere clicca su START o AVVIO (in basso a sinistra sul tuo schermo), poi su PROGRAMMI, ACCESSORI e infine su BLOCCO NOTE.

Per accedere clicca su START o AVVIO (in basso a sinistra sul tuo schermo), poi su PROGRAMMI, ACCESSORI e infine su BLOCCO NOTE. Cos'è l'html HTML è una sigla che viene da una frase inglese che vuol dire: " Linguaggio di contrassegno di ipertesti" (Hyper Text Markup Language) L'Html non è un vero e proprio linguaggio di programmazione,

Dettagli

Patente Europea del Computer ECDL - MODULO 3

Patente Europea del Computer ECDL - MODULO 3 Patente Europea del Computer ECDL - MODULO 3 Lezione 1 di 3 Introduzione a Word 2007 e all elaborazione testi Menù Office Scheda Home Impostazioni di Stampa e stampa Righello Intestazione e piè di pagina

Dettagli

A destra è delimitata dalla barra di scorrimento verticale, mentre in basso troviamo una riga complessa.

A destra è delimitata dalla barra di scorrimento verticale, mentre in basso troviamo una riga complessa. La finestra di Excel è molto complessa e al primo posto avvio potrebbe disorientare l utente. Analizziamone i componenti dall alto verso il basso. La prima barra è la barra del titolo, dove troviamo indicato

Dettagli

FOGLIO ELETTRONICO (SPREADSHEET)

FOGLIO ELETTRONICO (SPREADSHEET) FOGLIO ELETTRONICO (SPREADSHEET) I fogli elettronici sono programmi che consentono di condurre calcoli matematici, creare tabelle correlate tra loro, impostare piani di gestione e realizzare grafici dei

Dettagli

Corso di Informatica II. Corso di Informatica II. Corso di Informatica. Access 22/03/2009. Ing. Dario Sguassero. Ing.

Corso di Informatica II. Corso di Informatica II. Corso di Informatica. Access 22/03/2009. Ing. Dario Sguassero. Ing. Lezione del 20 marzo 2009 Introduzione ad Access Informatica Presentazione di Microsoft Access Access Accessè un programma della suite Office per la gestione dei database (archivi) Un database è una raccolta

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento.

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento. PROT.2014/22906 Approvazione delle specifiche tecniche per la trasmissione dei dati contenuti nel modello di dichiarazione Irap 2014, da utilizzare per la dichiarazione ai fini dell imposta regionale sulle

Dettagli

Microsoft Access - dispensa didattica ECDL Modulo 5 - a cura di Antonino Terranova PAG 1

Microsoft Access - dispensa didattica ECDL Modulo 5 - a cura di Antonino Terranova PAG 1 Microsoft Access - Determinare l input appropriato per il database...2 Determinare l output appropriato per il database...2 Creare un database usando l autocomposizione...2 Creare la struttura di una tabella...4

Dettagli

SH.Invoice è un software pratico e completo per la gestione della fatturazione di professionisti e imprese.

SH.Invoice è un software pratico e completo per la gestione della fatturazione di professionisti e imprese. Presentazione: SH.Invoice è un software pratico e completo per la gestione della fatturazione di professionisti e imprese. Il programma si distingue per la rapidità e l elasticità del processo di gestione

Dettagli

Esame di Informatica CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO. Facoltà di Scienze Motorie

Esame di Informatica CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO. Facoltà di Scienze Motorie Facoltà di Scienze Motorie CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO Una tabella che contiene parole e numeri che possono essere elaborati applicando formule matematiche e funzioni statistiche. Esame di Informatica

Dettagli