GLI SPAZI APERTI SPAZI APERTI E PROGETTI DI AREA VASTA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GLI SPAZI APERTI SPAZI APERTI E PROGETTI DI AREA VASTA"

Transcript

1 GLI SPAZI APERTI SPAZI APERTI E PROGETTI DI AREA VASTA 0147

2 Gli Spazi Aperti Spazi aperti e progetti di area vasta Spazi aperti e progetti di area vasta Gli spazi aperti sono qui identificati con quelle aree non edificate e non urbanizzate poste entro o ai margini dell urbanizzato e in stretto rapporto con esso, indipendentemente dalla loro funzione, destinazione d uso o effettivo utilizzo. Tali aree, prevalentemente naturali e agricole, che pure garantiscono una pluralità di funzioni cruciali sia per la qualità della vita individuale e sociale sia per l ambiente e il paesaggio, sono lasciate in gran parte all abbandono nella parte alta del territorio mentre sono pesantemente minacciate, sul fondovalle e nelle zone di pianura, dalle forti pressioni edificatorie e infrastrutturali. Le forti pressioni edificatorie e infrastrutturali, spesso non adeguatamente contrastate dalle Amministrazioni locali a causa della mancanza di una valida progettualità alternativa o della supposta opportunità di finanziare le spese correnti attraverso gli oneri di urbanizzazione, mettono a rischio l esistenza di questi spazi aperti e appesantiscono l esposizione finanziaria degli enti locali nel tempo. Nella realtà attuale è quindi necessario che la qualificazione degli spazi aperti sia basata su processi condivisi e fatta propria dall intera collettività locale e venga recepita dagli strumenti di governo del territorio che confluiscano in progetti di area vasta. Nella realtà della Valle Varaita già esistono esperienze progettuali dirette in tal senso tra cui emerge il Progetto Pilota denominato Laboratorio naturale GestAlp. La strategia che si propone con il programma GestAlp è quella di realizzare modelli innovativi per la gestione delle quattro fonti naturali rinnovabili del territorio alpino (l acqua, il legno, l erba e gli animali, selvatici e domestici), al fine di promuovere uno sviluppo a forte connotazione sociale. Si tratta di un modello in grado di produrre economia e occupazione, migliorare la qualità di vita della comunità residente, aprirsi ad un proficuo scambio con le realtà socioeconomiche dell area circostante senza dover obbligatoriamente dipendere, come avviene ora, da contribuzioni esterne (a costo zero per le Amministrazioni pubbliche e intende coinvolgere gli Istituti finanziari istituzionali senza il coinvolgimento di capitali di imprenditori privati, a cui si dovrebbero dividendi troppo forti a discapito delle ricadute locali). La strategia del programma non può che essere a priorità energetica, nel senso che i proventi e i servizi legati a una rete di piccoli impianti idrici plurimi e ad un impianto di cogenerazione elettro-termica da biomasse legnose locali, consentiranno, da un lato, lo sviluppo integrato di altre filiere sostenibili, a partire dalla Filiera delle carni locali tipiche e dalla Filiera del legno locale nonché, dall altro, una seria programmazione di interventi sociali diretti nel campo dei servizi primari. La Filiera delle Foreste e del legno locale è già avviata. Un Centro di lavorazione del legno con piazzale di deposito-scelta degli assortimenti, annessa segheria per semilavorati e possibilità di realizzare un impianto di cogenerazione termo-elettrica da biomasse legnose locali a finalizzazione complementare dell attività selvicolturale è stato realizzato nel Comune di Frassino. Il Territorio di riferimento, al momento, riguarda i Comuni di Sampeyre e Frassino (3.500 ettari di foreste pubbliche). In futuro l adesione al Piano di Gestione Forestale riguarderà anche i boschi di altri Comuni così che la Zona Forestale GestAlp si allargherà e si potranno prevedere più Centri di lavorazione, con particolare riguardo agli impianti di generazione energetica, con opportunità di teleriscaldamento di altri Capoluoghi e delle maggiori Frazioni. Il tutto con ricadute significative, ambientali oltre che economiche. 0148

3 Gli Spazi Aperti Spazi aperti e progetti di area vasta Laboratorio naturale Gestalp. Il centro di lavorazione del legno realizzato nel comune di Frassino. 0149

4 GLI SPAZI APERTI BOSCHI, PASCOLI E COLTIVI 0150

5 GLI SPAZI APERTI Boschi, pascoli e coltivi BOSCHI, PASCOLI E COLTIVI Boschi, pascoli e coltivi compongono gli spazi aperti della Valle Varaita. Guardando il territorio dall alto con l aiuto di viste aeree e di cartografie e leggendo il Piano Forestale Territoriale emerge chiaramente la disposizione di questi areali. I seminativi sono diffusi soprattutto nella parte pianeggiante che si estende da Cuneo a Busca dove si pratica un agricoltura di tipo intensivo. Nei comuni all imbocco della valle (Busca, Costigliole di Saluzzo, Piasco) i seminativi lasciano spazio ai frutteti. Procedendo verso la testata della valle i seminativi, sporadici, e i frutteti lasciano spazio ai prati permanenti, ai prato-pascoli ed ai pascoli. Infatti l occupazione del suolo a prato ed a prato-pascolo raggiunge la massima estensione nei comuni di Brossasco, Frassino, Melle, Isasca, Sampeyre. La superficie occupata è di circa il 5,5% della superficie totale di valle. Gli appezzamenti a foraggere non soggetti a pascolamento sono ubicati per lo più lungo la fascia di fondovalle adiacente il torrente Varaita o nei pressi delle numerose borgate ancora abitate e servite da strade di agevole percorrenza. La bassa e l alta valle oltre che da pascoli, disposti sulle dorsali alte, è interessata da boschi che si sviluppano su entrambi i pendii di versante. La superficie boscata della Valle Varaita è composta da circa il 44% di proprietà comunale e dal 56% proprietà privata. In generale la proprietà comunale è diffusa soprattutto nei Comuni dell Alta Valle con prevalenza di fustaie di conifere (lariceti, cembrete, abetine) mentre la proprietà privata è particolarmente diffusa nei comuni della bassa valle con prevalenza di castagneti e di soprassuoli governati a ceduo o in via di naturale conversione. Le faggete, prevalenti nella media valle, sono ripartite in maniera tendenzialmente simile per forma di proprietà. Rispetto alla composizione specifica le latifoglie rappresentano l 83% del soprassuolo. Se si considerano le sole piante di diametro superiore a cm.17,5 il numero complessivo di piante scende, dato significativo della complessivamente giovane età dei soprassuoli che presentano una marcata spinta dinamica e in parte derivano dalla ricolonizzazione di aree recentemente abbandonate dall attività agricola e pastorale. Si tratta dunque nel complesso di boschi ancora giovani ed in piena dinamica evolutiva. Le aree interamente colonizzate da vegetazione arbustiva non forestale (rodoreti, vaccinieti, formazioni a brugo, ginepro etc.) sono anch essi derivanti dall abbandono colturale delle superfici pascolive. Tale occupazione del suolo interessa circa l 1,4% della superficie totale. Si tratta di formazioni in via di espansione che hanno determinato eccessiva invasione delle cotiche foraggere di interesse pastorale. 0151

6 GLI SPAZI APERTI 1 STRATEGIA GENERALE E 3 SOTTO STRATEGIE 0152

7 SPAZI APERTI 1 strategia generale e 3 sotto-strategie 1 STRATEGIA GENERALE E 3 SOTTO-STRATEGIE Nella lettura del territorio della Valle si riflette chiaramente la dinamica demografica che l ha interessata nell ultimo secolo. Il territorio indagato in questi ultimi cento anni ha infatti visto un forte spopolamento dell alta valle ed un progressivo aumento dell insediato di bassa valle e pedemonte. Negli spazi aperti, ciò ha portato ad un abbandono delle colture di alta valle con rimboschimento recente di pascoli e coltivi con un conseguente aumento generale di naturalità. Bassa Valle e Pedemonte hanno invece visto un progressivo aumento dell antropizzazione del territorio con il conseguente aumento dell insediato e delle colture intensive (frutticolultura, mais, allevamenti, ecc.). Oggigiorno ne deriva che, dal punto di vista degli spazi aperti, è possibile dividere il territorio indagato in 3 situazioni territoriali: tendente alla monocoltura. La strategia generale che qui si propone è quella di ribilanciare la distribuzione di naturalità e antropizzazione, attraverso un progressivo aumento dell antropizzazione verso monte ed un progressivo aumento di naturalità verso valle. Questo obbiettivo per essere perseguito deve essere puntualmente declinato rispetto alle 3 situazioni territoriali cercando di bilanciare il ruolo degli spazi aperti come risorsa sostenibile e come patrimonio naturale. 1 alta valle, terra dell abbandono, caratterizzata dalla presenza di boschi e di pascoli; 2 bassa valle in cui la frutticoltura si sviluppa sul fondovalle mentre i boschi occupano i versanti; 3 pianura, altamente antropizzata, contraddistinta da un agricoltura estensiva ormai 0153

8 SPAZI APERTI 1 strategia generale e 3 sotto-strategie * Elaborazione grafica programma Alcotra progetto n

9 GLI SPAZI APERTI L ALTA VALLE 0155

10 SPAZI APERTI L Alta Valle L ALTA VALLE L alta valle è caratterizzato in prevalenza da boschi e pascoli (legati all allevamento per la produzione casearia). Negli spazi aperti di alta valle si è verificato l abbandono di colture e di parte degli spazi destinati al pascolo. Fenomeno che ha generato un rimboschimento recente di pascoli e coltivi con un conseguente aumento generale di naturalità. Naturalità che si localizza prevalentemente attorno alle borgate, oggi abbandonate, un tempo basate sull attività agricola pastorale. Per questa fascia di territorio vallivo l obiettivo da raggiungere sarà quello di potenziare il ruolo degli spazi aperti come risorsa sostenibile del territorio, in chiave economica ed energetica. Per raggiungere tale obiettivo saranno necessarie alcune operazioni di seguito elencate: ridurre le aree boscate di invasione in favore dei pascoli. Riportare le aree recentemente abbandonate dall attività agricola e pastorale e interessate dalla boscaglia di invasione o bosco recente situate prevalentemente al limite delle borgate attualmente abbandonate all originale destinazione a pascolo; potenziare la filiera del legno rispetto a Gestalp. Attualmente il progetto interessa 3500 ha di bosco nei comuni di Sampeyre e Frassino con un centro di lavorazione/ deposito/cogenerazione a Frassino. Si propone di attivare altri centri del legno mettendo in gioco gran parte del territorio boscato della valle di proprietà pubblica e privata e riutilizzando contenitori vuoti esistenti sul territorio; potenziare la filiera del pascolo (allevamento+carni+formaggi) rispetto a Gestalp. Per ora è stato realizzato un unico centro di lavorazione delle carni a Frassino associato al centro del legno; Potenziare colture di nicchia come la coltura delle piante officinali, ecc. Per ora esistono in Valle due Aziende che producono erbe officinali: l Azienda Valverbe nel Comune di Bellino che interessa una superficie coltivata di 16,2 ha su tre stazioni, l Azienda I Frassini nel Comune di Frassino che interessa una superficie coltivata di 11 ha di sua proprietà e di 13 ha di proprietà comunale; favorire la mixité funzionale delle aziende: agricoltura+ristorazione+accoglienza. Ne deriva una serie di ricadute insediative: nascita di nuovi punti logistici: le filiere, in particolare quella del legno, necessitano di punti di raccolta/smistamento in zone strategiche rispetto all accessibilità; Nascita di centrali di cogenerazione: legate ai punti logistici; Recupero delle borgate: la filera del pascolo, le colture di nicchia e la mixité funzionale delle aziende possono incentivare il recupero delle borgate come luogo per nuovi insediamenti di attività. 0156

11 SPAZI APERTI L Alta Valle APPROFONDIMENTI LEGISLATIVI La riconversione degli spazi boscati in pascoli o coltivi. In Valle Varaita, come nelle restanti valli della Regione, la superficie forestale è in costante aumento, soprattutto a causa dell abbandono di attività agricole in montagna e collina. In buona parte dei popolamenti la frammentazione della proprietà terriera, le difficili condizioni orografiche, l inadeguata viabilità di servizio e l alto costo della manodopera hanno frenato le utilizzazioni, determinando in molto casi l abbandono delle pratiche di gestione. Il progressivo decremento delle cure colturali ha portato nel tempo ad una stagnazione delle attività economiche collegate alle filiere del legno e ad un consistente ricorso all importazione, che comporta un sottoutilizzo delle risorse boschive interne. Lo scarso utilizzo delle risorse boschive e degli spazi aperti adiacenti di alta montagna (abbandono delle tecniche colturali di sfalcio e concimazione dei prati montani; espansione delle aree boscate collinari e montane; abbandono di numerosi pascoli e diminuzione del grado di caricamento degli stessi con conseguente evoluzione della cotica erbosa verso forme di inarbustimento che preludono il ritorno del bosco) ha portato alla conseguente invasione, da parte del bosco, di parti di territorio che in origine avevano una diversa destinazione (coltivo, pascolo). Ad oggi intervenire per riportare questi spazi occupati attualmente dalla vegetazione al loro originario utilizzo non è cosa semplice sia dal punto di vista pratico (raggiungere queste parti di territorio con i mezzi necessari per attuare la riconversione) sia dal punto di vista burocraticolegislativo. Infatti nel nostro Paese (il D. lgs. 42/2004 Codice dei beni culturali e del paesaggio ) ed in particolare in Piemonte (Legge regionale 9 agosto 1989, n. 45. Nuove norme per gli interventi da eseguire in terreni sottoposti a vincolo per scopi idrogeologici) esiste una normativa nata per tutelare il Paesaggio ma che, almeno fino a poco tempo fa, non considerava la necessità odierna di dover riconvertire gli spazi boscati in pascolo o coltivo. La Legge regionale 9 agosto 1989, n. 45 disciplina gli interventi e le attività da eseguire nelle zone soggette a vincolo per scopi idrogeologici definendo: la modificazione d uso del suolo come ogni intervento avente limitata entità che non comporti alterazione dell originaria destinazione del terreno e la trasformazione d uso del suolo come ogni intervento che incida sul terreno modificandone in modo permanente, o anche solo temporaneamente, l originaria destinazione. Per cui se ne deduce che anche la naturale invasione di parti di territorio che in origine avevano una diversa destinazione da parte del bosco è considerata trasformazione d uso del suolo. Ricadendo in questa casistica la Legge prevede il rilascio di un Autorizzazione conseguente ad una lunga trafila burocratica che sicuramente non incentiva questa già difficoltosa riconversione. Anche a livello Statale troviamo qualche difficoltà burocratica. Il Codice dei beni culturali e del paesaggio (D. lgs. 42/2004) considera Beni Paesaggistici da tutelare i territori montani al di sopra dei 1600 m ed i territori coperti da foreste e da boschi e prevede per questo tipi di bene l acquisizione dell autorizzazione paesaggistica prevista dall art Autorizzazione che comporta una lunga trafila burocratica indubbiamente superflua per riportare alla vocazione originaria dei territori che attualmente hanno perso queste caratteristiche. Di recente la Regione ha emanato una legge forestale (Legge n. 4/2009 Gestione e promozione economica delle foreste ) e 0158

12 SPAZI APERTI L Alta Valle successivamente con l articolo 24 della legge regionale n. 17 del Disposizioni collegate alla manovra finanziaria per l anno 2013 e con la circolare del Presidente della Giunta Regionale n. 2/AGR/URB del ha voluto fornire alcune indicazioni volte a semplificare il recupero a coltivi e a pascoli di spazi attualmente occupati da vegetazione arborea. Vengono quindi specificate le definizioni di nuclei edificati e colonizzati da vegetazione arborea o arbustiva a qualunque stadio di età (comma 3 bis, lett. a), terrazzamenti in origine di coltivazione agricola (comma 3 bis lett. c), paesaggi agrari e pastorali di interesse storico (comma 3 bis lett. d) e chiariti i rapporti tra la disciplina forestale e la normativa in materia paesaggistica (D. lgs. 42/2004) esplicitando che in questi casi non è necessaria l acquisizione dell autorizzazione paesaggistica prevista dall art. 146del D. lgs. 42/2004. La co-generazione La cogenerazione è la generazione simultanea in un unico processo di energia termica ed elettrica (ed eventualmente meccanica). La cogenerazione utilizza sistemi di generazione tradizionali (ad es. motori a combustione interna, turbine a vapore, turbine a gas, cicli combinati ) dove l energia termica prodotta viene recuperata e riutilizzata per usi diversi dalla generazione elettrica (ad es. usi industriali, teleriscaldamento, etc ). L iter amministrativo da seguire per ottenere i permessi necessari alla realizzazione di un impianto di cogenerazione è piuttosto lungo e complesso, esso si compone essenzialmente delle seguenti pratiche: PRATICA PROVINCIA: serve per ottenere l Autorizzazione Unica di realizzazione ed esercizio dell impianto; tale richiesta andrà in conferenza di servizi e la tempistica di completamento indicativamente potrebbe essere di 6-8 mesi dalla presentazione; PRATICA ENEL: consente la stipula del contratto di connessione alla rete dell impianto di produzione di energia elettrica (tale pratica dovrebbe essere espletata in circa 2-3 mesi); PRATICA VVFF (Vigili del fuoco): richiesta del parere di conformità sul progetto dell impianto ed emissione dei CPI (certificati previdenziali incendi) da parte dei vigili del fuoco; PRATICA UTF (Ufficio tecnico di finanza): serve per richiedere la licenza di officina elettrica di produzione e di vendita; deve essere svolta durante le fasi di installazione della macchina ed espletata prima del collaudo dell impianto; DIA (Dichiarazione inizio attività) o Permesso di Costruire: pratica per l ottenimento di autorizzazioni e concessione di licenze edilizie Alla lunga trafila burocratica necessaria si somma anche la problematica legata all opinione pubblica molto sensibile sulla questione legata alle emissioni in atmosfera conseguenti la combustione. La conversione termochimica di biomassa legnosa produce un gas grezzo contenente impurità organiche e inorganiche. Le impurezze organiche sono rappresentate da molte sostanze che vanno dagli idrocarburi leggeri a idrocarburi. L altro contaminante compreso tra le impurezze organiche e che può causare grossi problemi è il particolato. 0159

13 GLI SPAZI APERTI LA BASSA VALLE 0160

14 SPAZI APERTI La Bassa Valle LA BASSA VALLE essere convertiti ad altre attività; ma sono realizzati in terreno agricolo ma preservare le aree agricole esistenti: qui più che in altri luoghi le aree agricole pianeggianti sono risorsa scarsa. possibilmente in zone di grande visibilità come lungo le vie di principale comunicazione e possibilmente adiacenti a zone a destinazione In conseguenza di tali operazioni ne deriva una serie di ricadute insediative: artigianale. Spesso sono realizzate anche se l azienda non ne ha una reale necessità e sono fermare la nascita di nuovi capannoni agricoli e non a bordo strada; costruite senza alcuna attenzione all intorno in cui si inseriscono, con materiali e tecnologie che pensare a come riconvertire quelli esitenti; poco si integrano con il paesaggio circostante. fermare l insediato sulle zone di piana spingendolo piuttosto sulle zone di versante riportando le colture agricole di pregio negli spazi aperti di fondovalle. La normativa vigente prevede la possibilità di conversione della destinazione d uso di questi edifici da agricoli ad altre destinazioni dietro il pagamento dei dovuti oneri comunali. Ecco così comparire lungo le principali direttrici pedemontane una serie di edifici poco integrati APPROFONDIMENTI LEGISLATIVI nel paesaggio e dal destino incerto. Forse rimarranno vuoti ed inutilizzati per sempre o forse verranno acquistati da altri imprenditori e destinati ad usi diversi da quello agricolo. Il territorio della bassa valle è caratterizzato dalla presenza di frutteti sul fondovalle e di boschi sui versanti. Qui rispetto all alta valle l insediato ha un peso maggiore. Ne deriva una forte concorrenza tra aree agricole di pregio e insediamento. L obiettivo da raggiungere in questa fascia di territorio è quello di riuscire a gestire la conflittualità esistente tra insediato e aree agricole di pregio (frutteti). Le operazioni necessarie ad ottenere tale obiettivo sono: ridurre le speculazioni immobiliari legate all agricoltura: molti capannoni bordo strada sono nati come uso agricolo ma sono stati fin dall inizio pensati per essere affittati e/o La libertà insediativa degli agricoltori La normativa urbanistica Nazionale e quella Regionale prevedono per gli imprenditori agricoli la possibilità, sui terreni agricoli di loro proprietà, di realizzare, senza dover alcun tipo di contributo, delle strutture per la produzione, la conservazione, la lavorazione, la trasformazione e la commercializzazione dei prodotti agricoli con dimensionamento proporzionale alle esigenze delle aziende agricole. Questi edifici spesso non sorgono in adiacenza alle strutture principali dell azienda 0161

15 GLI SPAZI APERTI LA PIANURA 0163

16 SPAZI APERTI L Alta Valle LA PIANURA Da Cuneo a Busca si apre la zona pianeggiante in cui sono diffusi i seminativi dove si pratica un agricoltura di tipo intensivo tendente alla monocoltura. Questo utilizzo intensivo dello spazio aperto ha prodotto una serie di problematiche: la meccanizzazione agricola ha portato alla progressiva cancellazione degli elementi di naturalità minuta (rogge, bealere, filari, alberi isolati, ripe verdi legate a salti di dislivelli, bordi verdi fluviali); inoltre la riconfigurazione delle aziende agricole (sempre meno sempre più grandi) ha portato allo sviluppo non consono di alcuni nuclei (cascine) e all abbandono di altri. Per questa fascia pianeggiante di territorio l obiettivo sarà quello di aumentare la naturalità diffusa e la qualità del paesaggio, anche per fini di valorizzazione agri-turistica del territorio. Per raggiungere tale obiettivo sarà necessario mettere in atto una serie di operazioni: potenziare le connessioni ecologiche; ripensare le aziende agricole non solo in chiave produttiva; incentivare una multi-coltura. Le operazioni sopra descritte produrranno una serie di ricadute insediative: inspessimento delle fasce verdi fluviali: agire sulle fasce spondali, magari in cambio della possibilità di poter operare maggiormente sui letti fluviali; re-introdurre elementi di naturalità minuta: rogge, bealere, filari, alberi isolati; cascine abbandonate: proporre possibili opere di riconversione o verso attività energetiche (fotovoltaico, biomassa) o verso attività complementari (turismo, accoglienza nuove manovalanze); Ampliamenti cascine esistenti: proporre nuovi modelli di ampliamento dei nuclei che valorizzi il ruolo dell Aia come spazio centrale. APPROFONDIMENTI LEGISLATIVI La libertà insediativa degli agricoltori La normativa urbanistica Nazionale e quella Regionale prevedono per gli imprenditori agricoli la possibilità, sui terreni agricoli di loro proprietà, di realizzare, senza dover alcun tipo di contributo, delle strutture per la produzione, la conservazione, la lavorazione, la trasformazione e la commercializzazione dei prodotti agricoli con dimensionamento proporzionale alle esigenze delle aziende agricole. Questi edifici spesso non sorgono in adiacenza alle strutture principali dell azienda ma sono realizzati in terreno agricolo ma possibilmente in zone di grande visibilità come lungo le vie di principale comunicazione e possibilmente adiacenti a zone a destinazione artigianale. Spesso sono realizzate anche se l azienda non ne ha una reale necessità e sono costruite senza alcuna attenzione all intorno in cui si inseriscono, con materiali e tecnologie che poco si integrano con il paesaggio circostante. La normativa vigente prevede la possibilità di conversione della destinazione d uso di questi edifici da agricoli ad altre destinazioni dietro il pagamento dei dovuti oneri comunali. Ecco così comparire lungo le principali direttrici pedemontane una serie di edifici poco integrati nel paesaggio e dal destino incerto. Forse rimarranno vuoti ed inutilizzati per sempre o forse verranno acquistati da altri imprenditori e destinati ad usi diversi da quello agricolo. 0164

17 SPAZI APERTI La Bassa Valle RICADUTE INSEDIATIVE Inspessimento delle fasce-verdi fluviali PRIMA DOPO Reintrodurre elementi di naturalità minute PRIMA DOPO * Elaborazione grafica programma Alcotra progetto n

18 SPAZI APERTI La Bassa Valle RICADUTE INSEDIATIVE Cascine abbandonate: opere di riconversione mirate all uso delle energeie alternative e al riutilizzo per attività complementari PRIMA DOPO * Elaborazione grafica programma Alcotra progetto n

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 20.6.2014 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea L 181/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 639/2014 DELLA COMMISSIONE dell 11 marzo 2014 che integra il regolamento (UE)

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t LEGGE REGIONALE 20 MAGGIO 2014, N. 26 Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contrastare l abbandono e il consumo dei suoli agricoli 2 LEGGE REGIONALE Disposizioni per favorire

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20%

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20% Allegato A PARTE I Determinazione delle ore lavoro per realizzare la condizione di principalità di cui all'articolo 6, comma 3, lettera a) della l.r.30/2003. (42) 1. PREMESSA L imprenditore agricolo che

Dettagli

Lotta biologica per la difesa fitosanitaria del castagneto

Lotta biologica per la difesa fitosanitaria del castagneto GAL L ALTRA ROMAGNA S. CONS. A R.L. Via Roma, 24 47027 Sarsina (FC) Tel. 0547.698301 Fax 0547.698345 altrarom@tin.it COD. FISC. e P. IVA 02223700408 www.altraromagna.it PSR ASSE 4 Leader MISURA 412 Azione

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema dei fontanili del Parco Agricolo Sud Milano

Indagine conoscitiva sul sistema dei fontanili del Parco Agricolo Sud Milano Altri studi condotti dal Parco integrati con il Sitpas U. Ceriani - Direttore del Parco Agricolo Sud Milano, Provincia di Milano M. Cont - Funzionario Agronomo del Parco Agricolo Sud Milano, Provincia

Dettagli

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Agricoltura e Produzione Agroalimentare Prof. Felice ADINOLFI Università degli Studi di Bologna Roma 22 Gennaio

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA Scheda 6 «Agricoltura e Agroenergie» ALTRE MODALITA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA COMPONENTE TERMICA DELL ENERGIA Dopo avere esaminato con quali biomasse si può produrre energia rinnovabile è

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

Piano Regolatore Generale comunale

Piano Regolatore Generale comunale P.r.g Comune di Baselga di Pinè, adeguamento cartografico a sensi art. 34 comma 3 L.P. 1/2008 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Comune di Baselga di Pinè Piano Regolatore Generale comunale RELAZIONE Adeguamento

Dettagli

2001 - Aggiornamento CI0703ur15 VOCE I 7.3 LRG/XV,1. ASSETTO ISTITUZIONALE ENTI LOCALI L.R. 29 giugno 1998, n. 10

2001 - Aggiornamento CI0703ur15 VOCE I 7.3 LRG/XV,1. ASSETTO ISTITUZIONALE ENTI LOCALI L.R. 29 giugno 1998, n. 10 LEGGE REGIONALE 29 giugno 1998, n. 10 «Disposizioni per la valorizzazione, lo sviluppo e la tutela del territorio montano in attuazione della legge 97/1994». (B.U. 29 giugno 1998, n. 26, 1º suppl. ord.)

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi?

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Delle molte definizioni che sono state date, quella del «diritto della produzione agricola» o «diritto dell agricoltura»

Dettagli

REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE (ESCLUSIVAMENTE NORMATIVA)

REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE (ESCLUSIVAMENTE NORMATIVA) COMUNE DI STAZZEMA Medaglia d oro al valor militare PROVINCIA DI LUCCA REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE (ESCLUSIVAMENTE NORMATIVA) RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA Marzo 2013 INDICE 1. LE RAGIONI E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

Allegato I tipi forestali. Allegato I TIPI FORESTALI NEL TERRITORIO DELLA COMUNITA MONTANA VALTELLINA DI MORBEGNO

Allegato I tipi forestali. Allegato I TIPI FORESTALI NEL TERRITORIO DELLA COMUNITA MONTANA VALTELLINA DI MORBEGNO Allegato I TIPI FORESTALI NEL TERRITORIO DELLA COMUNITA MONTANA VALTELLINA DI MORBEGNO 2 INDICE QUERCETI... 4 CASTAGNETI SU SUBSTRATI SCIOLTI... 6 CASTAGNETI SU SUBSTRATI SILICATICI... 8 ACERI-FRASSINETI

Dettagli

Art.5 Piani regionali.

Art.5 Piani regionali. Norme per l attuazione del Piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell energia, di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia (legge 9/1/1991 n 10) TITOLO I Norme

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI)

Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI) Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI) Interventi sulla rete idrografica e sui versanti Legge 18 Maggio 1989, n. 183, art. 17, comma 6 ter D.L. 180/98 e successive

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

Decreto del Commissario Straordinario

Decreto del Commissario Straordinario Decreto del Commissario Straordinario N. 8 del Reg. Data 30/07/2014 OGGETTO: PROGETTO ESECUTIVO PER INTERVENTI DI PREVENZIONE ANTICENDIO NELLA FORESTA DEMANIALE REGIONALE DEL MONTE CARPEGNA - PSR MARCHE

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento al 31 dicembre 2013 Marzo 2014 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse.

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. 13464 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12 Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. IL PRESIDENTE

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B L articolo 2 commi da 39 a 46 del D.L. 262/2006 conv. L. 286/2006 aveva previsto per gli enti locali

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Dicembre 2011 IT Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Biodiversità In Europa quasi un quarto delle specie selvatiche è attualmente minacciato di estinzione. La biodiversità, ossia la straordinaria

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

All Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA

All Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA AREA COORDINAMENTO Ufficio Rapporti Finanziari Via Salandra, 13 00187 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Prot. N. ACIU.2015.140 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 20 marzo 2015 Organismo Pagatore AGEA

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

Linee guida per la valutazione del dissesto idrogeologico e la sua mitigazione attraverso misure e interventi in campo agricolo e forestale

Linee guida per la valutazione del dissesto idrogeologico e la sua mitigazione attraverso misure e interventi in campo agricolo e forestale Linee guida per la valutazione del dissesto idrogeologico e la sua mitigazione attraverso misure e interventi in campo agricolo e forestale Manuali e linee guida 85/2013 L Istituto Superiore per la Protezione

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

DELIBERE 2006 NUMERO E DATA DELIBERA

DELIBERE 2006 NUMERO E DATA DELIBERA DELIBERE 2006 NUMERO E DATA DELIBERA OGGETTO DELIBERA N. 4 DEL 09/01/06 REG. CE N 1257/99 PIANO DI SVILUPPO RURALE - ANNUALITÀ 2006 - PRESA D`ATTO DELLE PREVISIONI FINANZIARIE DI PROVINCE E COMUNITÀ MONTANE

Dettagli

Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011)

Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011) Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011) L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI Documento prodotto nell ambito della Rete Rurale Nazionale

Dettagli

Esenzione dall IMU, prevista per i terreni agricoli, ai sensi dell articolo 7, comma 1, lettera h), del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 504.

Esenzione dall IMU, prevista per i terreni agricoli, ai sensi dell articolo 7, comma 1, lettera h), del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 504. Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 284 del 6 dicembre 2014 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici

Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici CORSO: IL BIOGAS DA EFFLUENTI ZOOTECNICI Reggio Emilia, 15 Dicembre 2011 Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici Lorella ROSSI Centro Ricerche Produzioni Animali - Reggio

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Edificio Ai sensi dell art. 3 del ordinanza sul Registro federale degli edifici e delle abitazioni, l edificio è definito come segue: per

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA (aggiornata a gennaio 2014) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... pag. 3 IL PIANO CASA IN TOSCANA... pag. 4 INTERVENTI DI AMPLIAMENTO....pag. 5 INTERVENTI DI DEMOLIZIONE

Dettagli

Gli oneri concessori

Gli oneri concessori Laboratorio di di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Modulo di Estimo Integrazione al costo di produzione: gli oneri concessori Proff. Coll. Renato Da Re Federica Di Piazza Gli oneri concessori

Dettagli

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA 1 Realizzazione Parco Commerciale Osimo (AN) STRADA CLUENTINA 57/A 62100 MACERATA Indice INTRODUZIONE ALL INTERVENTO DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività umane. Le pressioni ambientali a cui è sottoposto sono

Dettagli

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità?

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità? FAQ: Condizionalità Cosa si intende per condizionalità? La condizionalità è una delle maggiori novità introdotte dalla Politica Agricola Comune (PAC) approvata nel 2003. Rappresenta l insieme delle norme

Dettagli

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia REGOLAMENTO Variazioni ecografiche- numerazione civica esterna Numerazione civica interna Riferimenti normativi: Legge 24 dicembre 1954, n. 1228 artt. 9 e 10 D.P.R.

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE?

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? TERRITORIO BENE COMUNE IN MOVIMENTO Camerano, 30 GENNAIO 2015 QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? Maurizio Sebastiani Italia Nostra Marche 1 I RISCHI DELLO «SBLOCCA ITALIA» Sblocca Italia, allarme di Bankitalia:

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

GIUSEPPE VADALÀ: ALIMENTI E AMBIENTE, COME GARANTIRNE LA SICUREZZA

GIUSEPPE VADALÀ: ALIMENTI E AMBIENTE, COME GARANTIRNE LA SICUREZZA GIUSEPPE VADALÀ: ALIMENTI E AMBIENTE, COME GARANTIRNE LA SICUREZZA a cura di ANNA MARIA CIUFFA Giuseppe Vadalà, responsabile della Divisione Sicurezza Agroalimentare e Agroambientale del Corpo forestale

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

CARTA DEL PAESAGGIO MEDITERRANEO

CARTA DEL PAESAGGIO MEDITERRANEO CARTA DEL PAESAGGIO MEDITERRANEO Preambolo Le Regioni dell'andalusia, del Languedoc-Roussillon e della Toscana, agendo nel quadro degli obiettivi del Consiglio d'europa e condividendone l'obiettivo che

Dettagli

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI PREMESSA Si assiste sempre più spesso ad andamenti meteorologici imprevedibili e come tali differenti dall ordinario: periodi particolarmente asciutti alternati ad altri particolarmente piovosi. Allo stesso

Dettagli

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO FABRIANO 06 MAGGIO 2014 1 Fig 1 Intervento di semina su sodo con

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

Il quadro autorizzativo per impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili Ricognizione della normativa nazionale e regionale

Il quadro autorizzativo per impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili Ricognizione della normativa nazionale e regionale Il quadro autorizzativo per impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili Ricognizione della normativa nazionale e regionale Il quadro autorizzativo per impianti di produzione di energia

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

LUNGO IL PO, IN VIAGGIO DALL ARCHITETTURA ALLA NATURA Progetti fra Terre e Acque per riscoprire il Paesaggio zero Ippolito Ostellino

LUNGO IL PO, IN VIAGGIO DALL ARCHITETTURA ALLA NATURA Progetti fra Terre e Acque per riscoprire il Paesaggio zero Ippolito Ostellino LUNGO IL PO, IN VIAGGIO DALL ARCHITETTURA ALLA NATURA Progetti fra Terre e Acque per riscoprire il Paesaggio zero Ippolito Ostellino L esperienza di lavoro intorno ai fiumi, ed in particolare nel caso

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

l_debellis@libero.it PUBBLICA AMMINSTRAZIONE - REGIONE MARCHE

l_debellis@libero.it PUBBLICA AMMINSTRAZIONE - REGIONE MARCHE CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome PASQUALE DE BELLIS Indirizzo Via Piave, nr. 20-60027 Osimo Stazione (AN) ITALIA Telefono 347 8228478 071 7819651 Fax E-mail pasquale.de.bellis@regione.marche.it

Dettagli

UN PROGETTO PER LE AREE INTERNE DELL ITALIA

UN PROGETTO PER LE AREE INTERNE DELL ITALIA Roma, ottobre 2012 UN PROGETTO PER LE AREE INTERNE DELL ITALIA Note per la discussione Premessa L idea del progetto è semplice. Possiamo dare un contributo importante al rilancio economico e sociale dell

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

APAT. Linee guida per la predisposizione delle reti di monitoraggio della qualità dell aria in Italia

APAT. Linee guida per la predisposizione delle reti di monitoraggio della qualità dell aria in Italia APAT Agenzia per la Protezione dell Ambiente e per i servizi Tecnici Linee guida per la predisposizione delle reti di monitoraggio della qualità dell aria in Italia Eriberto de Munari 1, Ivo Allegrini

Dettagli

Repertorio delle misure di mitigazione e compensazione paesistico ambientali

Repertorio delle misure di mitigazione e compensazione paesistico ambientali Adeguamento del Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale alla LR 12/05 Repertorio delle misure di mitigazione e compensazione paesistico ambientali Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico DECRETO 11 marzo 2008. Attuazione dell articolo 1, comma 24, lettera a) della legge 24 dicembre 2007, n. 244, per la definizione dei valori limite di fabbisogno di energia primaria annuo e di trasmittanza

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

È un insieme di documenti disegnati e scritti che contengono gli indirizzi per le trasformazioni territoriali in un determinato contesto territoriale

È un insieme di documenti disegnati e scritti che contengono gli indirizzi per le trasformazioni territoriali in un determinato contesto territoriale Cos è un piano urbanistico? È un insieme di documenti disegnati e scritti che contengono gli indirizzi per le trasformazioni territoriali in un determinato contesto territoriale È uno strumento prima di

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

Tutto il personale del complesso forestale contribuisce al raggiungimento degli obiettivi sopra elencati

Tutto il personale del complesso forestale contribuisce al raggiungimento degli obiettivi sopra elencati COMPLESSO: 14 - SARCIDANO Rimboschimenti ha 22 Operazioni post-impianto (cure colturali a giovani impianti) ha 30 Riqualificazione valorizzazione della multifunzionalità della foresta attraverso la gestione

Dettagli

Che cosa ne pensano le rappresentanze del mondo agricolo

Che cosa ne pensano le rappresentanze del mondo agricolo 30 AGRICOLTURA LA RIFORMA DELLA PAC Che cosa ne pensano le rappresentanze del mondo agricolo Un rilevante progresso comunitario Giorgio Ferrero Presidente Coldiretti Piemonte Il provvedimento, frutto della

Dettagli

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO 1. Direttiva 66/401/CEE: commercializzazione sementi di piante foraggere 2. Direttiva 66/402/CEE: commercializzazione di sementi di cereali 3. Direttiva

Dettagli

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA Prof. Federico Rossi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Polo Scientifico Didattico di Terni PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI DLgs 16 marzo 1999 n. 79 (Decreto Bersani):

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Francesco Comiti, Daniela Campana Libera Università di Bolzano Sustainable use of biomass in South

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli