GLI SPAZI APERTI SPAZI APERTI E PROGETTI DI AREA VASTA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GLI SPAZI APERTI SPAZI APERTI E PROGETTI DI AREA VASTA"

Transcript

1 GLI SPAZI APERTI SPAZI APERTI E PROGETTI DI AREA VASTA 0147

2 Gli Spazi Aperti Spazi aperti e progetti di area vasta Spazi aperti e progetti di area vasta Gli spazi aperti sono qui identificati con quelle aree non edificate e non urbanizzate poste entro o ai margini dell urbanizzato e in stretto rapporto con esso, indipendentemente dalla loro funzione, destinazione d uso o effettivo utilizzo. Tali aree, prevalentemente naturali e agricole, che pure garantiscono una pluralità di funzioni cruciali sia per la qualità della vita individuale e sociale sia per l ambiente e il paesaggio, sono lasciate in gran parte all abbandono nella parte alta del territorio mentre sono pesantemente minacciate, sul fondovalle e nelle zone di pianura, dalle forti pressioni edificatorie e infrastrutturali. Le forti pressioni edificatorie e infrastrutturali, spesso non adeguatamente contrastate dalle Amministrazioni locali a causa della mancanza di una valida progettualità alternativa o della supposta opportunità di finanziare le spese correnti attraverso gli oneri di urbanizzazione, mettono a rischio l esistenza di questi spazi aperti e appesantiscono l esposizione finanziaria degli enti locali nel tempo. Nella realtà attuale è quindi necessario che la qualificazione degli spazi aperti sia basata su processi condivisi e fatta propria dall intera collettività locale e venga recepita dagli strumenti di governo del territorio che confluiscano in progetti di area vasta. Nella realtà della Valle Varaita già esistono esperienze progettuali dirette in tal senso tra cui emerge il Progetto Pilota denominato Laboratorio naturale GestAlp. La strategia che si propone con il programma GestAlp è quella di realizzare modelli innovativi per la gestione delle quattro fonti naturali rinnovabili del territorio alpino (l acqua, il legno, l erba e gli animali, selvatici e domestici), al fine di promuovere uno sviluppo a forte connotazione sociale. Si tratta di un modello in grado di produrre economia e occupazione, migliorare la qualità di vita della comunità residente, aprirsi ad un proficuo scambio con le realtà socioeconomiche dell area circostante senza dover obbligatoriamente dipendere, come avviene ora, da contribuzioni esterne (a costo zero per le Amministrazioni pubbliche e intende coinvolgere gli Istituti finanziari istituzionali senza il coinvolgimento di capitali di imprenditori privati, a cui si dovrebbero dividendi troppo forti a discapito delle ricadute locali). La strategia del programma non può che essere a priorità energetica, nel senso che i proventi e i servizi legati a una rete di piccoli impianti idrici plurimi e ad un impianto di cogenerazione elettro-termica da biomasse legnose locali, consentiranno, da un lato, lo sviluppo integrato di altre filiere sostenibili, a partire dalla Filiera delle carni locali tipiche e dalla Filiera del legno locale nonché, dall altro, una seria programmazione di interventi sociali diretti nel campo dei servizi primari. La Filiera delle Foreste e del legno locale è già avviata. Un Centro di lavorazione del legno con piazzale di deposito-scelta degli assortimenti, annessa segheria per semilavorati e possibilità di realizzare un impianto di cogenerazione termo-elettrica da biomasse legnose locali a finalizzazione complementare dell attività selvicolturale è stato realizzato nel Comune di Frassino. Il Territorio di riferimento, al momento, riguarda i Comuni di Sampeyre e Frassino (3.500 ettari di foreste pubbliche). In futuro l adesione al Piano di Gestione Forestale riguarderà anche i boschi di altri Comuni così che la Zona Forestale GestAlp si allargherà e si potranno prevedere più Centri di lavorazione, con particolare riguardo agli impianti di generazione energetica, con opportunità di teleriscaldamento di altri Capoluoghi e delle maggiori Frazioni. Il tutto con ricadute significative, ambientali oltre che economiche. 0148

3 Gli Spazi Aperti Spazi aperti e progetti di area vasta Laboratorio naturale Gestalp. Il centro di lavorazione del legno realizzato nel comune di Frassino. 0149

4 GLI SPAZI APERTI BOSCHI, PASCOLI E COLTIVI 0150

5 GLI SPAZI APERTI Boschi, pascoli e coltivi BOSCHI, PASCOLI E COLTIVI Boschi, pascoli e coltivi compongono gli spazi aperti della Valle Varaita. Guardando il territorio dall alto con l aiuto di viste aeree e di cartografie e leggendo il Piano Forestale Territoriale emerge chiaramente la disposizione di questi areali. I seminativi sono diffusi soprattutto nella parte pianeggiante che si estende da Cuneo a Busca dove si pratica un agricoltura di tipo intensivo. Nei comuni all imbocco della valle (Busca, Costigliole di Saluzzo, Piasco) i seminativi lasciano spazio ai frutteti. Procedendo verso la testata della valle i seminativi, sporadici, e i frutteti lasciano spazio ai prati permanenti, ai prato-pascoli ed ai pascoli. Infatti l occupazione del suolo a prato ed a prato-pascolo raggiunge la massima estensione nei comuni di Brossasco, Frassino, Melle, Isasca, Sampeyre. La superficie occupata è di circa il 5,5% della superficie totale di valle. Gli appezzamenti a foraggere non soggetti a pascolamento sono ubicati per lo più lungo la fascia di fondovalle adiacente il torrente Varaita o nei pressi delle numerose borgate ancora abitate e servite da strade di agevole percorrenza. La bassa e l alta valle oltre che da pascoli, disposti sulle dorsali alte, è interessata da boschi che si sviluppano su entrambi i pendii di versante. La superficie boscata della Valle Varaita è composta da circa il 44% di proprietà comunale e dal 56% proprietà privata. In generale la proprietà comunale è diffusa soprattutto nei Comuni dell Alta Valle con prevalenza di fustaie di conifere (lariceti, cembrete, abetine) mentre la proprietà privata è particolarmente diffusa nei comuni della bassa valle con prevalenza di castagneti e di soprassuoli governati a ceduo o in via di naturale conversione. Le faggete, prevalenti nella media valle, sono ripartite in maniera tendenzialmente simile per forma di proprietà. Rispetto alla composizione specifica le latifoglie rappresentano l 83% del soprassuolo. Se si considerano le sole piante di diametro superiore a cm.17,5 il numero complessivo di piante scende, dato significativo della complessivamente giovane età dei soprassuoli che presentano una marcata spinta dinamica e in parte derivano dalla ricolonizzazione di aree recentemente abbandonate dall attività agricola e pastorale. Si tratta dunque nel complesso di boschi ancora giovani ed in piena dinamica evolutiva. Le aree interamente colonizzate da vegetazione arbustiva non forestale (rodoreti, vaccinieti, formazioni a brugo, ginepro etc.) sono anch essi derivanti dall abbandono colturale delle superfici pascolive. Tale occupazione del suolo interessa circa l 1,4% della superficie totale. Si tratta di formazioni in via di espansione che hanno determinato eccessiva invasione delle cotiche foraggere di interesse pastorale. 0151

6 GLI SPAZI APERTI 1 STRATEGIA GENERALE E 3 SOTTO STRATEGIE 0152

7 SPAZI APERTI 1 strategia generale e 3 sotto-strategie 1 STRATEGIA GENERALE E 3 SOTTO-STRATEGIE Nella lettura del territorio della Valle si riflette chiaramente la dinamica demografica che l ha interessata nell ultimo secolo. Il territorio indagato in questi ultimi cento anni ha infatti visto un forte spopolamento dell alta valle ed un progressivo aumento dell insediato di bassa valle e pedemonte. Negli spazi aperti, ciò ha portato ad un abbandono delle colture di alta valle con rimboschimento recente di pascoli e coltivi con un conseguente aumento generale di naturalità. Bassa Valle e Pedemonte hanno invece visto un progressivo aumento dell antropizzazione del territorio con il conseguente aumento dell insediato e delle colture intensive (frutticolultura, mais, allevamenti, ecc.). Oggigiorno ne deriva che, dal punto di vista degli spazi aperti, è possibile dividere il territorio indagato in 3 situazioni territoriali: tendente alla monocoltura. La strategia generale che qui si propone è quella di ribilanciare la distribuzione di naturalità e antropizzazione, attraverso un progressivo aumento dell antropizzazione verso monte ed un progressivo aumento di naturalità verso valle. Questo obbiettivo per essere perseguito deve essere puntualmente declinato rispetto alle 3 situazioni territoriali cercando di bilanciare il ruolo degli spazi aperti come risorsa sostenibile e come patrimonio naturale. 1 alta valle, terra dell abbandono, caratterizzata dalla presenza di boschi e di pascoli; 2 bassa valle in cui la frutticoltura si sviluppa sul fondovalle mentre i boschi occupano i versanti; 3 pianura, altamente antropizzata, contraddistinta da un agricoltura estensiva ormai 0153

8 SPAZI APERTI 1 strategia generale e 3 sotto-strategie * Elaborazione grafica programma Alcotra progetto n

9 GLI SPAZI APERTI L ALTA VALLE 0155

10 SPAZI APERTI L Alta Valle L ALTA VALLE L alta valle è caratterizzato in prevalenza da boschi e pascoli (legati all allevamento per la produzione casearia). Negli spazi aperti di alta valle si è verificato l abbandono di colture e di parte degli spazi destinati al pascolo. Fenomeno che ha generato un rimboschimento recente di pascoli e coltivi con un conseguente aumento generale di naturalità. Naturalità che si localizza prevalentemente attorno alle borgate, oggi abbandonate, un tempo basate sull attività agricola pastorale. Per questa fascia di territorio vallivo l obiettivo da raggiungere sarà quello di potenziare il ruolo degli spazi aperti come risorsa sostenibile del territorio, in chiave economica ed energetica. Per raggiungere tale obiettivo saranno necessarie alcune operazioni di seguito elencate: ridurre le aree boscate di invasione in favore dei pascoli. Riportare le aree recentemente abbandonate dall attività agricola e pastorale e interessate dalla boscaglia di invasione o bosco recente situate prevalentemente al limite delle borgate attualmente abbandonate all originale destinazione a pascolo; potenziare la filiera del legno rispetto a Gestalp. Attualmente il progetto interessa 3500 ha di bosco nei comuni di Sampeyre e Frassino con un centro di lavorazione/ deposito/cogenerazione a Frassino. Si propone di attivare altri centri del legno mettendo in gioco gran parte del territorio boscato della valle di proprietà pubblica e privata e riutilizzando contenitori vuoti esistenti sul territorio; potenziare la filiera del pascolo (allevamento+carni+formaggi) rispetto a Gestalp. Per ora è stato realizzato un unico centro di lavorazione delle carni a Frassino associato al centro del legno; Potenziare colture di nicchia come la coltura delle piante officinali, ecc. Per ora esistono in Valle due Aziende che producono erbe officinali: l Azienda Valverbe nel Comune di Bellino che interessa una superficie coltivata di 16,2 ha su tre stazioni, l Azienda I Frassini nel Comune di Frassino che interessa una superficie coltivata di 11 ha di sua proprietà e di 13 ha di proprietà comunale; favorire la mixité funzionale delle aziende: agricoltura+ristorazione+accoglienza. Ne deriva una serie di ricadute insediative: nascita di nuovi punti logistici: le filiere, in particolare quella del legno, necessitano di punti di raccolta/smistamento in zone strategiche rispetto all accessibilità; Nascita di centrali di cogenerazione: legate ai punti logistici; Recupero delle borgate: la filera del pascolo, le colture di nicchia e la mixité funzionale delle aziende possono incentivare il recupero delle borgate come luogo per nuovi insediamenti di attività. 0156

11 SPAZI APERTI L Alta Valle APPROFONDIMENTI LEGISLATIVI La riconversione degli spazi boscati in pascoli o coltivi. In Valle Varaita, come nelle restanti valli della Regione, la superficie forestale è in costante aumento, soprattutto a causa dell abbandono di attività agricole in montagna e collina. In buona parte dei popolamenti la frammentazione della proprietà terriera, le difficili condizioni orografiche, l inadeguata viabilità di servizio e l alto costo della manodopera hanno frenato le utilizzazioni, determinando in molto casi l abbandono delle pratiche di gestione. Il progressivo decremento delle cure colturali ha portato nel tempo ad una stagnazione delle attività economiche collegate alle filiere del legno e ad un consistente ricorso all importazione, che comporta un sottoutilizzo delle risorse boschive interne. Lo scarso utilizzo delle risorse boschive e degli spazi aperti adiacenti di alta montagna (abbandono delle tecniche colturali di sfalcio e concimazione dei prati montani; espansione delle aree boscate collinari e montane; abbandono di numerosi pascoli e diminuzione del grado di caricamento degli stessi con conseguente evoluzione della cotica erbosa verso forme di inarbustimento che preludono il ritorno del bosco) ha portato alla conseguente invasione, da parte del bosco, di parti di territorio che in origine avevano una diversa destinazione (coltivo, pascolo). Ad oggi intervenire per riportare questi spazi occupati attualmente dalla vegetazione al loro originario utilizzo non è cosa semplice sia dal punto di vista pratico (raggiungere queste parti di territorio con i mezzi necessari per attuare la riconversione) sia dal punto di vista burocraticolegislativo. Infatti nel nostro Paese (il D. lgs. 42/2004 Codice dei beni culturali e del paesaggio ) ed in particolare in Piemonte (Legge regionale 9 agosto 1989, n. 45. Nuove norme per gli interventi da eseguire in terreni sottoposti a vincolo per scopi idrogeologici) esiste una normativa nata per tutelare il Paesaggio ma che, almeno fino a poco tempo fa, non considerava la necessità odierna di dover riconvertire gli spazi boscati in pascolo o coltivo. La Legge regionale 9 agosto 1989, n. 45 disciplina gli interventi e le attività da eseguire nelle zone soggette a vincolo per scopi idrogeologici definendo: la modificazione d uso del suolo come ogni intervento avente limitata entità che non comporti alterazione dell originaria destinazione del terreno e la trasformazione d uso del suolo come ogni intervento che incida sul terreno modificandone in modo permanente, o anche solo temporaneamente, l originaria destinazione. Per cui se ne deduce che anche la naturale invasione di parti di territorio che in origine avevano una diversa destinazione da parte del bosco è considerata trasformazione d uso del suolo. Ricadendo in questa casistica la Legge prevede il rilascio di un Autorizzazione conseguente ad una lunga trafila burocratica che sicuramente non incentiva questa già difficoltosa riconversione. Anche a livello Statale troviamo qualche difficoltà burocratica. Il Codice dei beni culturali e del paesaggio (D. lgs. 42/2004) considera Beni Paesaggistici da tutelare i territori montani al di sopra dei 1600 m ed i territori coperti da foreste e da boschi e prevede per questo tipi di bene l acquisizione dell autorizzazione paesaggistica prevista dall art Autorizzazione che comporta una lunga trafila burocratica indubbiamente superflua per riportare alla vocazione originaria dei territori che attualmente hanno perso queste caratteristiche. Di recente la Regione ha emanato una legge forestale (Legge n. 4/2009 Gestione e promozione economica delle foreste ) e 0158

12 SPAZI APERTI L Alta Valle successivamente con l articolo 24 della legge regionale n. 17 del Disposizioni collegate alla manovra finanziaria per l anno 2013 e con la circolare del Presidente della Giunta Regionale n. 2/AGR/URB del ha voluto fornire alcune indicazioni volte a semplificare il recupero a coltivi e a pascoli di spazi attualmente occupati da vegetazione arborea. Vengono quindi specificate le definizioni di nuclei edificati e colonizzati da vegetazione arborea o arbustiva a qualunque stadio di età (comma 3 bis, lett. a), terrazzamenti in origine di coltivazione agricola (comma 3 bis lett. c), paesaggi agrari e pastorali di interesse storico (comma 3 bis lett. d) e chiariti i rapporti tra la disciplina forestale e la normativa in materia paesaggistica (D. lgs. 42/2004) esplicitando che in questi casi non è necessaria l acquisizione dell autorizzazione paesaggistica prevista dall art. 146del D. lgs. 42/2004. La co-generazione La cogenerazione è la generazione simultanea in un unico processo di energia termica ed elettrica (ed eventualmente meccanica). La cogenerazione utilizza sistemi di generazione tradizionali (ad es. motori a combustione interna, turbine a vapore, turbine a gas, cicli combinati ) dove l energia termica prodotta viene recuperata e riutilizzata per usi diversi dalla generazione elettrica (ad es. usi industriali, teleriscaldamento, etc ). L iter amministrativo da seguire per ottenere i permessi necessari alla realizzazione di un impianto di cogenerazione è piuttosto lungo e complesso, esso si compone essenzialmente delle seguenti pratiche: PRATICA PROVINCIA: serve per ottenere l Autorizzazione Unica di realizzazione ed esercizio dell impianto; tale richiesta andrà in conferenza di servizi e la tempistica di completamento indicativamente potrebbe essere di 6-8 mesi dalla presentazione; PRATICA ENEL: consente la stipula del contratto di connessione alla rete dell impianto di produzione di energia elettrica (tale pratica dovrebbe essere espletata in circa 2-3 mesi); PRATICA VVFF (Vigili del fuoco): richiesta del parere di conformità sul progetto dell impianto ed emissione dei CPI (certificati previdenziali incendi) da parte dei vigili del fuoco; PRATICA UTF (Ufficio tecnico di finanza): serve per richiedere la licenza di officina elettrica di produzione e di vendita; deve essere svolta durante le fasi di installazione della macchina ed espletata prima del collaudo dell impianto; DIA (Dichiarazione inizio attività) o Permesso di Costruire: pratica per l ottenimento di autorizzazioni e concessione di licenze edilizie Alla lunga trafila burocratica necessaria si somma anche la problematica legata all opinione pubblica molto sensibile sulla questione legata alle emissioni in atmosfera conseguenti la combustione. La conversione termochimica di biomassa legnosa produce un gas grezzo contenente impurità organiche e inorganiche. Le impurezze organiche sono rappresentate da molte sostanze che vanno dagli idrocarburi leggeri a idrocarburi. L altro contaminante compreso tra le impurezze organiche e che può causare grossi problemi è il particolato. 0159

13 GLI SPAZI APERTI LA BASSA VALLE 0160

14 SPAZI APERTI La Bassa Valle LA BASSA VALLE essere convertiti ad altre attività; ma sono realizzati in terreno agricolo ma preservare le aree agricole esistenti: qui più che in altri luoghi le aree agricole pianeggianti sono risorsa scarsa. possibilmente in zone di grande visibilità come lungo le vie di principale comunicazione e possibilmente adiacenti a zone a destinazione In conseguenza di tali operazioni ne deriva una serie di ricadute insediative: artigianale. Spesso sono realizzate anche se l azienda non ne ha una reale necessità e sono fermare la nascita di nuovi capannoni agricoli e non a bordo strada; costruite senza alcuna attenzione all intorno in cui si inseriscono, con materiali e tecnologie che pensare a come riconvertire quelli esitenti; poco si integrano con il paesaggio circostante. fermare l insediato sulle zone di piana spingendolo piuttosto sulle zone di versante riportando le colture agricole di pregio negli spazi aperti di fondovalle. La normativa vigente prevede la possibilità di conversione della destinazione d uso di questi edifici da agricoli ad altre destinazioni dietro il pagamento dei dovuti oneri comunali. Ecco così comparire lungo le principali direttrici pedemontane una serie di edifici poco integrati APPROFONDIMENTI LEGISLATIVI nel paesaggio e dal destino incerto. Forse rimarranno vuoti ed inutilizzati per sempre o forse verranno acquistati da altri imprenditori e destinati ad usi diversi da quello agricolo. Il territorio della bassa valle è caratterizzato dalla presenza di frutteti sul fondovalle e di boschi sui versanti. Qui rispetto all alta valle l insediato ha un peso maggiore. Ne deriva una forte concorrenza tra aree agricole di pregio e insediamento. L obiettivo da raggiungere in questa fascia di territorio è quello di riuscire a gestire la conflittualità esistente tra insediato e aree agricole di pregio (frutteti). Le operazioni necessarie ad ottenere tale obiettivo sono: ridurre le speculazioni immobiliari legate all agricoltura: molti capannoni bordo strada sono nati come uso agricolo ma sono stati fin dall inizio pensati per essere affittati e/o La libertà insediativa degli agricoltori La normativa urbanistica Nazionale e quella Regionale prevedono per gli imprenditori agricoli la possibilità, sui terreni agricoli di loro proprietà, di realizzare, senza dover alcun tipo di contributo, delle strutture per la produzione, la conservazione, la lavorazione, la trasformazione e la commercializzazione dei prodotti agricoli con dimensionamento proporzionale alle esigenze delle aziende agricole. Questi edifici spesso non sorgono in adiacenza alle strutture principali dell azienda 0161

15 GLI SPAZI APERTI LA PIANURA 0163

16 SPAZI APERTI L Alta Valle LA PIANURA Da Cuneo a Busca si apre la zona pianeggiante in cui sono diffusi i seminativi dove si pratica un agricoltura di tipo intensivo tendente alla monocoltura. Questo utilizzo intensivo dello spazio aperto ha prodotto una serie di problematiche: la meccanizzazione agricola ha portato alla progressiva cancellazione degli elementi di naturalità minuta (rogge, bealere, filari, alberi isolati, ripe verdi legate a salti di dislivelli, bordi verdi fluviali); inoltre la riconfigurazione delle aziende agricole (sempre meno sempre più grandi) ha portato allo sviluppo non consono di alcuni nuclei (cascine) e all abbandono di altri. Per questa fascia pianeggiante di territorio l obiettivo sarà quello di aumentare la naturalità diffusa e la qualità del paesaggio, anche per fini di valorizzazione agri-turistica del territorio. Per raggiungere tale obiettivo sarà necessario mettere in atto una serie di operazioni: potenziare le connessioni ecologiche; ripensare le aziende agricole non solo in chiave produttiva; incentivare una multi-coltura. Le operazioni sopra descritte produrranno una serie di ricadute insediative: inspessimento delle fasce verdi fluviali: agire sulle fasce spondali, magari in cambio della possibilità di poter operare maggiormente sui letti fluviali; re-introdurre elementi di naturalità minuta: rogge, bealere, filari, alberi isolati; cascine abbandonate: proporre possibili opere di riconversione o verso attività energetiche (fotovoltaico, biomassa) o verso attività complementari (turismo, accoglienza nuove manovalanze); Ampliamenti cascine esistenti: proporre nuovi modelli di ampliamento dei nuclei che valorizzi il ruolo dell Aia come spazio centrale. APPROFONDIMENTI LEGISLATIVI La libertà insediativa degli agricoltori La normativa urbanistica Nazionale e quella Regionale prevedono per gli imprenditori agricoli la possibilità, sui terreni agricoli di loro proprietà, di realizzare, senza dover alcun tipo di contributo, delle strutture per la produzione, la conservazione, la lavorazione, la trasformazione e la commercializzazione dei prodotti agricoli con dimensionamento proporzionale alle esigenze delle aziende agricole. Questi edifici spesso non sorgono in adiacenza alle strutture principali dell azienda ma sono realizzati in terreno agricolo ma possibilmente in zone di grande visibilità come lungo le vie di principale comunicazione e possibilmente adiacenti a zone a destinazione artigianale. Spesso sono realizzate anche se l azienda non ne ha una reale necessità e sono costruite senza alcuna attenzione all intorno in cui si inseriscono, con materiali e tecnologie che poco si integrano con il paesaggio circostante. La normativa vigente prevede la possibilità di conversione della destinazione d uso di questi edifici da agricoli ad altre destinazioni dietro il pagamento dei dovuti oneri comunali. Ecco così comparire lungo le principali direttrici pedemontane una serie di edifici poco integrati nel paesaggio e dal destino incerto. Forse rimarranno vuoti ed inutilizzati per sempre o forse verranno acquistati da altri imprenditori e destinati ad usi diversi da quello agricolo. 0164

17 SPAZI APERTI La Bassa Valle RICADUTE INSEDIATIVE Inspessimento delle fasce-verdi fluviali PRIMA DOPO Reintrodurre elementi di naturalità minute PRIMA DOPO * Elaborazione grafica programma Alcotra progetto n

18 SPAZI APERTI La Bassa Valle RICADUTE INSEDIATIVE Cascine abbandonate: opere di riconversione mirate all uso delle energeie alternative e al riutilizzo per attività complementari PRIMA DOPO * Elaborazione grafica programma Alcotra progetto n

La filiera bosco legno energia: quale sviluppo? OPPORTUNITA E OBIETTIVI PER IL TERRITORIO E PER LE IMPRESE DEL CUNEESE

La filiera bosco legno energia: quale sviluppo? OPPORTUNITA E OBIETTIVI PER IL TERRITORIO E PER LE IMPRESE DEL CUNEESE La filiera bosco legno energia: quale sviluppo? OPPORTUNITA E OBIETTIVI PER IL TERRITORIO E PER LE IMPRESE DEL CUNEESE Marco Bussone Uncem Piemonte I boschi in Italia 68% latifoglie e 41,8% cedui Proprietà

Dettagli

QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA

QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA CONTRATTO DI PAESAGGIO FINALIZZATO ALLA DEFINIZIONE DI UNA STRATEGIA DI SVILUPPO TERRITORIALE E DI RIQUALIFICAZIONE PAESAGGISTICA DEI TERRITORI MONTANI DI COMUNANZA

Dettagli

LA TUTELA DEI BOSCHI Aspetti forestali e paesistici

LA TUTELA DEI BOSCHI Aspetti forestali e paesistici Corso di formazione per guardie ecologiche volontarie Parco del Rio Vallone aprile 2011 LA TUTELA DEI BOSCHI Aspetti forestali e paesistici Il bosco: unità ecologica e definizione della norma Il bosco:

Dettagli

5.3.2.2.1 Primo imboschimento di terreni agricoli

5.3.2.2.1 Primo imboschimento di terreni agricoli 5.3.2.2.1 Primo imboschimento di terreni agricoli Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (b) (i) e 43 del Reg. (CE) N 1698/2005 Articolo 31 e punto 5.3.2.2.1. dell Allegato II del Reg. (CE)

Dettagli

ALLEGATO 2 METODOLOGIA VASA

ALLEGATO 2 METODOLOGIA VASA ALLEGATO 2 METODOLOGIA VASA La metodologia VASA (Valutazione Storico Ambientale) è stata messa a punto per sopperire alla carenza di criteri di valutazione dell influenza antropica e delle dinamiche temporali,

Dettagli

Bio Fuel Forest Progetto di filiera a Km zero dalla coltivazione di biomassa alla produzione di energia elettrica

Bio Fuel Forest Progetto di filiera a Km zero dalla coltivazione di biomassa alla produzione di energia elettrica Bio Fuel Forest Progetto di filiera a Km zero dalla coltivazione di biomassa alla produzione di energia elettrica www.biofuelforest.org Premessa La produzione di energia da fonti rinnovabili rappresenta

Dettagli

COMUNE DI GAMBUGLIANO PROVINCIA DI VICENZA P.R.C. P.I. ALLEGATO II alle NTO del PI CONI VISUALI. Il Sindaco ZENERE LINO

COMUNE DI GAMBUGLIANO PROVINCIA DI VICENZA P.R.C. P.I. ALLEGATO II alle NTO del PI CONI VISUALI. Il Sindaco ZENERE LINO COMUNE DI GAMBUGLIANO PROVINCIA DI VICENZA 2011 P.R.C. P.I. ALLEGATO II alle NTO del PI CONI VISUALI Il Sindaco ZENERE LINO Il Segretario Generale MICHELANGELO PELLÈ GENNAIO 2011 ALLEGATO CONI VISUALI

Dettagli

Azioni della Regione Piemonte per lo sviluppo della filiera legno energia Franco LICINI dottore forestale, dirigente del Settore Foreste

Azioni della Regione Piemonte per lo sviluppo della filiera legno energia Franco LICINI dottore forestale, dirigente del Settore Foreste Azioni della Regione Piemonte per lo sviluppo della filiera legno energia Franco LICINI dottore forestale, dirigente del Settore Foreste Torino, 05.04.2013 1 Territorio: 2.539.923 ha (2^ Regione dopo la

Dettagli

10.3.1.5 Piano di fattibilità per impianti che utilizzano biomasse. Comune: Comuni del P.I.S.L.

10.3.1.5 Piano di fattibilità per impianti che utilizzano biomasse. Comune: Comuni del P.I.S.L. P.I.S.L. N.A.Tu.R.A. Valorizzazione della rete ecologica del Parco Fluviale del Po (tratto vercellese/alessandrino) e dell Orba e del Monferrato casalese, tramite la riqualificazione ambientale e la promozione

Dettagli

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave:

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave: 4 5 scheda SEZIONE C: SCHEDA La strategia di sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia 2014-2020 in breve La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 8 DEL 30-06-2006 REGIONE VENETO INIZIATIVE DI SOSTEGNO ALLA PRODUZIONE E ALL UTILIZZO DI BIOMASSE LEGNOSE PER SCOPI ENERGETICI

LEGGE REGIONALE N. 8 DEL 30-06-2006 REGIONE VENETO INIZIATIVE DI SOSTEGNO ALLA PRODUZIONE E ALL UTILIZZO DI BIOMASSE LEGNOSE PER SCOPI ENERGETICI LEGGE REGIONALE N. 8 DEL 30-06-2006 REGIONE VENETO INIZIATIVE DI SOSTEGNO ALLA PRODUZIONE E ALL UTILIZZO DI BIOMASSE LEGNOSE PER SCOPI ENERGETICI Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE VENETO N. 60

Dettagli

Possibilità e convenienza della coltivazione di biomasse legnose

Possibilità e convenienza della coltivazione di biomasse legnose Possibilità e convenienza della coltivazione di biomasse legnose Dagli incentivi del prossimo P.S.R. al greening della nuova PAC Relatore: Dott. Alessandro Pasini Una nuova agricoltura compatibile con

Dettagli

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE G. Cacciabue, V.Debrando 1 La mitigazione degli effetti prodotti sul territorio

Dettagli

1. INTRODUZIONE... 2 2. OBIETTIVI E SCELTE DI PIANO...

1. INTRODUZIONE... 2 2. OBIETTIVI E SCELTE DI PIANO... RELAZIONE SINTETICA 1. INTRODUZIONE...2 2. OBIETTIVI E SCELTE DI PIANO...3 2.1 Il sistema della residenza e dei servizi...4 2.2 Il sistema della produzione...7 2.3 Il sistema della mobilità e delle infrastrutture...9

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

Energia da Biomasse. Prospettive ed opportunità nell uso di fonti rinnovabili

Energia da Biomasse. Prospettive ed opportunità nell uso di fonti rinnovabili Energia da Biomasse Prospettive ed opportunità nell uso di fonti rinnovabili Accordo di Programma Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio Regione Abruzzo Iris Flacco Energy Manager Regione

Dettagli

Modello Alto Adige per lo sviluppo rurale. 29. Novembre 2013 Zöschg Matthias

Modello Alto Adige per lo sviluppo rurale. 29. Novembre 2013 Zöschg Matthias Abteilung 32 - Forstwirtschaft Ripartizione 32 Foreste Modello Alto Adige per lo sviluppo rurale 29. Novembre 2013 Zöschg Matthias Modello Alto Adige per lo sviluppo rurale Il ruolo e funzioni del maso

Dettagli

4.1 REGOLAMENTO PER LA MANUTENZIONE DELLO SPAZIO RURALE

4.1 REGOLAMENTO PER LA MANUTENZIONE DELLO SPAZIO RURALE 4.1 REGOLAMENTO PER LA MANUTENZIONE DELLO SPAZIO RURALE PREMESSA L amministrazione comunale di Aviatico, al fine di favorire una regolare e ordinata gestione ambientale e paesaggistica delle aree prative

Dettagli

Migliore valorizzazione economica delle foreste (Misura 122) Riferimento normativo Titolo IV, Capo I, Articolo 20, lettera b), punto ii) e Articolo

Migliore valorizzazione economica delle foreste (Misura 122) Riferimento normativo Titolo IV, Capo I, Articolo 20, lettera b), punto ii) e Articolo Migliore valorizzazione economica delle foreste (Misura 122) Riferimento normativo Titolo IV, Capo I, Articolo 20, lettera b), punto ii) e Articolo 27 del Reg. (CE) n. 1698/2005. Giustificazione logica

Dettagli

Cascina Peltraio Cremella Lecco - Italia Trattative riservate

Cascina Peltraio Cremella Lecco - Italia Trattative riservate Cascina Peltraio nel cuore della Brianza! Cremella Lecco - Italia Trattative riservate Il complesso è costituito da Terreni e fabbricati attualmente di proprietà di un privato utilizzato come residenza.

Dettagli

AZIONI DI PIANO LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO FORESTALE

AZIONI DI PIANO LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO FORESTALE TITOLO AZIONE PR3 - Valorizzazione di boschi ad elevato valore produttivo Descrizione generale PERIODICITA D INTERVENTO PRIORITA 2 B CATEGORIA Valorizzazione della funzione produttiva AMBITI TERRITORIALI

Dettagli

Vercelli ARCA 2 luglio 2015 Nutrirsi di paesaggio TERRITORIO AGRARIO E NUOVA PAC, LE STRATEGIE EUROPEE

Vercelli ARCA 2 luglio 2015 Nutrirsi di paesaggio TERRITORIO AGRARIO E NUOVA PAC, LE STRATEGIE EUROPEE Vercelli ARCA 2 luglio 2015 Nutrirsi di paesaggio TERRITORIO AGRARIO E NUOVA PAC, LE STRATEGIE EUROPEE LA POLITICA AGRICOLA COMUNITARIA PRIMO PILASTRO (pagamenti diretti) PAGAMENTO UNICO AZIENDALE GREENING

Dettagli

IL LABORATORIO NATURALE GESTALP

IL LABORATORIO NATURALE GESTALP Un caso di gestione delle risorse rinnovabili: IL LABORATORIO NATURALE GESTALP La ricerca di un modello di gestione delle risorse naturali che consenta lo sviluppo di un sistema socio-economico sostenibile

Dettagli

Filiera del Legno & Energia Distribuita GAMATEC SA

Filiera del Legno & Energia Distribuita GAMATEC SA Filiera del Legno & Energia Distribuita GAMATEC SA Introduzione Il termine filiera legno-energia indica un insieme organizzato di fattori di produzione, trasformazione, trasporto e utilizzazione del legno

Dettagli

L UTILIZZO DELLE BIOMASSE IN CHIAVE ECOLOGICA. BUILDING A LOW CARBON FUTURE TOGETHER Caprarola, 12 giugno 2015

L UTILIZZO DELLE BIOMASSE IN CHIAVE ECOLOGICA. BUILDING A LOW CARBON FUTURE TOGETHER Caprarola, 12 giugno 2015 L UTILIZZO DELLE BIOMASSE IN CHIAVE ECOLOGICA BUILDING A LOW CARBON FUTURE TOGETHER Caprarola, 12 giugno 2015 L utilizzo delle biomasse in chiave ecologica Vito Pignatelli ENEA - Dipartimento Tecnologie

Dettagli

MISURA 7 Servizi di base e rinnovamento dei villaggi nelle zone rurali. TOTALE DI MISURA 61.359.114,10 (QUOTA FEASR 26.458.050)

MISURA 7 Servizi di base e rinnovamento dei villaggi nelle zone rurali. TOTALE DI MISURA 61.359.114,10 (QUOTA FEASR 26.458.050) MISURA 7 Servizi di base e rinnovamento dei villaggi nelle zone. (ex M. 313, M. 321, M. 322, 323, artt. 19 e 20 Reg. UE 1305/2013) TOTALE DI MISURA 61.359.114,10 (QUOTA FEASR 26.458.050) Per le spese ammissibili

Dettagli

Evoluzione dell uso del suolo dal 1999 al 2012

Evoluzione dell uso del suolo dal 1999 al 2012 Evoluzione dell uso del suolo dal 1999 al 212 Matteo Masini, Silvia Montagnana, Mauro Fiorini Agosto 214 Osservatorio permanente della programmazione territoriale Direzione Generale Territorio, urbanistica

Dettagli

Scheda Sistema Territoriale

Scheda Sistema Territoriale VERONA E LE VALLI PREALPINE Scheda Sistema Territoriale Dati identificativi del Sistema Territoriale Nome: Verona e le valli prealpine Stato: Italia Centro urbano di riferimento: Verona Regione: Veneto

Dettagli

Ambiente e produzione di energia da fonti rinnovabili: minaccia o opportunità

Ambiente e produzione di energia da fonti rinnovabili: minaccia o opportunità Ambiente e produzione di energia da fonti rinnovabili: minaccia o opportunità I giovani imprenditori di Confagricoltura credono fermamente nello sviluppo delle energie rinnovabili ed in particolare delle

Dettagli

I pagamenti diretti 2015 2020 UN CANTIERE APERTO

I pagamenti diretti 2015 2020 UN CANTIERE APERTO I pagamenti diretti 2015 2020 2020 UN CANTIERE APERTO Gli Obiettivi della Nuova PAC Gli Obiettivi della Nuova PAC La strategia Europa 2020 ha indicato la mission generale della nuova Pac, che si propone

Dettagli

REGIONE LIGURIA Protezione Civile

REGIONE LIGURIA Protezione Civile ALLEGATO 2 REGIONE LIGURIA Protezione Civile INCENDIO DELLE ZONE DI INTERFACCIA DEFINIZIONE SCENARI Febbraio 2007 2 DEFINIZIONE SCENARIO DI INCENDI DI INTERFACCIA Per valutare il rischio conseguente agli

Dettagli

BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA

BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA po p i l i F ri Alleg Zurla G ia Barbi er i nluca Luca 2^C a.s. 2013/2014 COS È LA BIODIVERSITÀ È LA VARIETÀ DI SPECIE ANIMALI E VEGETALI PRESENTI NELLA BIOSFERA PERCHÉ

Dettagli

Per coltivare. un futuro sostenibile. Breve guida al PSR 2014-2020 del Friuli Venezia Giulia

Per coltivare. un futuro sostenibile. Breve guida al PSR 2014-2020 del Friuli Venezia Giulia Per coltivare un futuro sostenibile Breve guida al PSR 2014-2020 del Friuli Venezia Giulia CHE COS È IL PSR Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) è lo strumento di attuazione del Fondo Europeo Agricolo

Dettagli

La cooperazione che fa cooperazione. Il petrolio verde che fa economia. 2 ottobre 2010 Cuneo, Sala San Giovanni

La cooperazione che fa cooperazione. Il petrolio verde che fa economia. 2 ottobre 2010 Cuneo, Sala San Giovanni La cooperazione che fa cooperazione. Il petrolio verde che fa economia 2 ottobre 2010 Cuneo, Sala San Giovanni Data ultimo aggiornamento: 11 ottobre 2010 Progetto di filiera e realtà coinvolte 2 Sommario

Dettagli

Una sintesi del secondo Rapporto della CIPRA sullo Stato delle Alpi

Una sintesi del secondo Rapporto della CIPRA sullo Stato delle Alpi Una sintesi del secondo Rapporto della CIPRA sullo Stato delle Alpi La vita nelle Alpi : non poteva che iniziare con una parte dedicata all uomo e alle prospettive di sviluppo della società alpina il secondo

Dettagli

Manutenzione del territorio e prevenzione dei rischi

Manutenzione del territorio e prevenzione dei rischi Manutenzione del territorio e prevenzione dei rischi Mauro Agnoletti Dipartimento di Economia, Ingegneria, Scienze e Tecnologie Agrarie e Forestali Università degli Studi di Firenze La ricerche sulle dinamiche

Dettagli

PROGETTO SUSPLAN: Pianificazione sostenibile nelle aree montane.

PROGETTO SUSPLAN: Pianificazione sostenibile nelle aree montane. PROGETTO SUSPLAN: Pianificazione sostenibile nelle aree montane. Tavolo di lavoro sul tema Agricoltura e Selvicoltura, Autosufficienza energetica e Rete Ecologica Alpina per l elaborazione dello Statuto

Dettagli

Presentazione dei dati definitivi Toscana

Presentazione dei dati definitivi Toscana Presentazione dei dati definitivi Toscana Vengono diffusi oggi i risultati definitivi, relativi alla Toscana, del 5 Censimento dell agricoltura. Le informazioni presentate riguardano le caratteristiche

Dettagli

Struttura della Città Rurale.

Struttura della Città Rurale. Sine Putimu. Città Rurale_ALLEGATI In occasione del quinto laboratorio tematico Sine Putimu. Università e Città, si inviano tutti i cittadini a partecipare alla costruzione del PUG (Piano Urbanistico Generale)

Dettagli

Valle d'aosta. Presentazione dei dati definitivi

Valle d'aosta. Presentazione dei dati definitivi Presentazione dei dati definitivi Valle d'aosta Vengono diffusi oggi i risultati definitivi, relativi alla Valle d'aosta, del 5 Censimento generale dell agricoltura. Le informazioni presentate riguardano

Dettagli

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Stato degli atti dopo il Febbraio 2010: Sono state presentate 90 proposte. L estensione complessiva delle

Dettagli

Friuli-Venezia Giulia

Friuli-Venezia Giulia Presentazione dei dati definitivi Friuli-Venezia Giulia Vengono diffusi oggi i risultati definitivi del 5 Censimento dell agricoltura in Friuli- Venezia Giulia. I dati qui presentati riguardano, in particolare,

Dettagli

Estratto dal D.P.C.M. 12 dicembre 2005

Estratto dal D.P.C.M. 12 dicembre 2005 Estratto dal D.P.C.M. 12 dicembre 2005 SCHEDA PER LA PRESENTAZIONE DELLA RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER LE OPERE IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO È VALUTATO MEDIANTE UNA DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA

Dettagli

Elementi fondamentali del regolamento forestale della Regione Piemonte

Elementi fondamentali del regolamento forestale della Regione Piemonte Elementi fondamentali del regolamento forestale della Regione Piemonte Valerio Motta Fre (Regione Piemonte) valerio.mottafre@regione.piemonte.it Pierpaolo Brenta (IPLA S.p.A.) brenta@ipla.org Pier Giorgio

Dettagli

PIANO D AZIONE ENEPOLIS CONCLUSIONI

PIANO D AZIONE ENEPOLIS CONCLUSIONI PROVINCIA DI POTENZA Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio Home PIANO D AZIONE ENEPOLIS Indice CONCLUSIONI Le attività iniziali del progetto sono state realizzate in un arco di tempo di

Dettagli

Analisi di contesto, SWOT e identificazione dei fabbisogni per le TEMATICHE AMBIENTALI. una prima riflessione

Analisi di contesto, SWOT e identificazione dei fabbisogni per le TEMATICHE AMBIENTALI. una prima riflessione Analisi di contesto, SWOT e identificazione dei fabbisogni per le TEMATICHE AMBIENTALI una prima riflessione Sabrina Speciale - Servizio Agricoltura Forestazione e Pesca Un work in progress Gli indicatori

Dettagli

Le Fonti Energetiche Rinnovabili - FER

Le Fonti Energetiche Rinnovabili - FER PROVINCIA DI TERNI Le Fonti Energetiche Rinnovabili - FER RELATORI: Ing. Francesco LONGHI Ing. Roberto CELIN 1 Legislazione Italiana Fonti Energia Rinnovabile D.lgs. n. 387 del 29 Dicembre 2003 Attuazione

Dettagli

Area Ambiente e Territorio AGRICOLTURA ED ENERGIA

Area Ambiente e Territorio AGRICOLTURA ED ENERGIA Area Ambiente e Territorio AGRICOLTURA ED ENERGIA Dati attuali (fonti diverse): - CONTRIBUTO AL BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE DELLE RINNOVABILI AGRICOLE: 2,2% (fonte studio Coldiretti-Ceta - 2009); - BIOGAS

Dettagli

Copertura vegetale. La carta della Copertura Vegetale

Copertura vegetale. La carta della Copertura Vegetale Copertura vegetale è una componente ambientale in cui le piante costituiscono l'elemento principale nella configurazione più complessiva degli ecosistemi terrestri; rappresenta la risultante della molteplicità

Dettagli

Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) FEASR 2014 2020

Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) FEASR 2014 2020 PROGRAMMAZIONE 2014 2020 Valutazione Ambientale Strategica Programma Operativo Regionale FESR Programma di Sviluppo Rurale FEASR Forum Pubblico e prima Conferenza di Valutazione Il Programma di Sviluppo

Dettagli

IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Note informative ed operative

IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Note informative ed operative IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Note informative ed operative aprile 2013 INDICE pag. - PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA IMPIANTI FOTOVOLTAICI.. 1 - Impianti installati

Dettagli

LA BIOMASSA DAI BOSCHI DELL ALTO ADIGE

LA BIOMASSA DAI BOSCHI DELL ALTO ADIGE LA BIOMASSA DAI BOSCHI DELL ALTO ADIGE contenuto 1. attività della Forestale in Alto Adige 2. situazione boschiva 3. difficoltà di gestione 4. incentivi 5. cippato prezzi contratti 1. attività della Forestale

Dettagli

Incentivi alle agroenergie da finanziamenti regionali e comunitari

Incentivi alle agroenergie da finanziamenti regionali e comunitari Incentivi alle agroenergie da finanziamenti regionali e comunitari Maria Luisa Bargossi Servizio Territorio Rurale DG Agricoltura 15 novembre 2010 Bologna Contenuti PSR e agroenergie Dalla politica energetica

Dettagli

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI Il sottoscritto: Arch. Riccardo Palestra Iscritto all'albo Professionale: Ordine degli Architetti con il n 444 della Provincia di Terni

Dettagli

PROGRAMMA PER IL RECUPERO E RIPRISTINO DELLA FUNZIONALITÀ DEI SISTEMI FORESTALI LITORANEI (II ATTO AGGIUNTIVO ALL ACCORDO QUADRO DEL 04.07.

PROGRAMMA PER IL RECUPERO E RIPRISTINO DELLA FUNZIONALITÀ DEI SISTEMI FORESTALI LITORANEI (II ATTO AGGIUNTIVO ALL ACCORDO QUADRO DEL 04.07. PROGRAMMI DI PREVENZIONE, DIFESA E GESTIONE INTEGRATA DELLA FASCIA COSTIERA DAI FENOMENI DI EROSIONE E DISSESTO IDROGEOLOGICO (DGR 35/9 DEL 30.08.2011). PROGRAMMA PER IL RECUPERO E RIPRISTINO DELLA FUNZIONALITÀ

Dettagli

Agroforestry e PAC in Italia

Agroforestry e PAC in Italia Agroforestry e PAC in Italia Andrea Pisanelli andrea.pisanelli@ibaf.cnr.it Consiglio Nazionale delle Ricerche, Istituto di Biologia Agroambientale e Forestale Adolfo Rosati adolfo.rosati@entecra.it Consiglio

Dettagli

Piano Energetico Provinciale

Piano Energetico Provinciale Piacenza, 17 aprile 2009 Provincia di Piacenza Piano Energetico Provinciale Le biomasse agro-forestali Chiara Lazzari Istituto di Ricerche Ambiente Italia Biomasse: definizione e classificazione Le filiere

Dettagli

IL SETTORE ZOOTECNICO MONTANO E LE POLITICHE DI SOSTEGNO NELLA REGIONE LOMBARDIA

IL SETTORE ZOOTECNICO MONTANO E LE POLITICHE DI SOSTEGNO NELLA REGIONE LOMBARDIA IL SETTORE ZOOTECNICO MONTANO E LE POLITICHE DI SOSTEGNO NELLA REGIONE LOMBARDIA Rabai M., Lugoboni A. DIREZIONE GENERALE AGRICOLTURA - Regione Lombardia Riassunto Gli autori delineano la realtà zootecnica

Dettagli

DISPOSIZIONI ATTUATIVE QUADRO MISURE FORESTALI AI SENSI DELLA LEGGE REGIONALE 5 DICEMBRE 2008, N. 31 ART

DISPOSIZIONI ATTUATIVE QUADRO MISURE FORESTALI AI SENSI DELLA LEGGE REGIONALE 5 DICEMBRE 2008, N. 31 ART DELIBERAZIONE DI GIUNTA REGIONALE DISPOSIZIONI ATTUATIVE QUADRO MISURE FORESTALI AI SENSI DELLA LEGGE REGIONALE 5 DICEMBRE 2008, N. 31 ART. 25 E 26, 40 COMMA 5 LETTERA B), 55 COMMA 4 E ART 56 VISTA la

Dettagli

LA FILIERA BOSCO LEGNO ENERGIA IN LOMBARDIA Direzione Generale Sistemi Verdi e Paesaggio Roberto Carovigno Struttura Foreste. Milano 19 ottobre 2011

LA FILIERA BOSCO LEGNO ENERGIA IN LOMBARDIA Direzione Generale Sistemi Verdi e Paesaggio Roberto Carovigno Struttura Foreste. Milano 19 ottobre 2011 LA FILIERA BOSCO LEGNO ENERGIA IN LOMBARDIA Direzione Generale Sistemi Verdi e Paesaggio Roberto Carovigno Struttura Foreste Milano 19 ottobre 2011 I BOSCHI IN LOMBARDIA SUPERFICIE FORESTALE Il 26% della

Dettagli

Allegato B) al Decreto dell Assessore dell Agricoltura n. 368/DecA/26 del 14.03.2012 -

Allegato B) al Decreto dell Assessore dell Agricoltura n. 368/DecA/26 del 14.03.2012 - Allegato B) al Decreto dell Assessore dell Agricoltura n. 368/DecA/26 del 14.03.2012 - PIANO DI SVILUPPO AZIENDALE E BUSINESS PLAN 1 PARTE DESCRITTIVA A DESCRIZIONE DELL IMPRESA Presentazione dell'impresa

Dettagli

Titolo I. Capo I Vincoli

Titolo I. Capo I Vincoli Legge regionale 13 settembre 1978, n. 52 (BUR n. 43/1978) LEGGE FORESTALE REGIONALE.(i) Art. 1 Titolo I La Regione del Veneto, in attuazione di quanto previsto dall art. 4 del proprio Statuto, promuove

Dettagli

1.1 DESCRIZIONI E INTERPRETAZIONI. 1.1 Struttura insediativa territoriale

1.1 DESCRIZIONI E INTERPRETAZIONI. 1.1 Struttura insediativa territoriale DESCRIZIONI E INTERPRETAZIONI 1.1 Struttura insediativa territoriale ANALISI E DATI La struttura insediativa è ciò che costituisce i punti fermi del territorio, che ha più lunga durata nel tempo e che

Dettagli

Azienda Agricola Agri2000

Azienda Agricola Agri2000 Azienda Agricola Agri2000 Sezione anagrafica Nome Produttore: Paola Carnino e Carlo Maritano (foto 1) Indirizzo: Strada dei Pautassi S. Ambrogio Data inizio attività: 1996 1 Tipologia di conduzione e numero

Dettagli

QUESTIONARIO PER LE IMPRESE DEL CONSORZIO INDUSTRIALE CAPITOLI DEL QUESTIONARIO

QUESTIONARIO PER LE IMPRESE DEL CONSORZIO INDUSTRIALE CAPITOLI DEL QUESTIONARIO QUESTIONARIO PER LE IMPRESE DEL CONSORZIO INDUSTRIALE CAPITOLI DEL QUESTIONARIO 1. Caratteristiche dell impresa 2. Addetti e Fatturato 3. L impresa e il Territorio 4. L impresa e il Consorzio 1 -QUESTIONARIO

Dettagli

REPORT FINALE: FOCUS SVILUPPO AREE MONTANE E RUOLO DELL'AGRICOLTURA

REPORT FINALE: FOCUS SVILUPPO AREE MONTANE E RUOLO DELL'AGRICOLTURA REPORT FINALE: FOCUS SVILUPPO AREE MONTANE E RUOLO DELL'AGRICOLTURA SESSIONE 1: AGRICOLTURA E ZOOTECNIA Fabbisogni: Garantire il presidio fisico dell'impresa agricola sul territorio (per manutenzione quotidiana

Dettagli

Il Piano di Sviluppo Rurale 2014 2020 per il miglioramento dei boschi

Il Piano di Sviluppo Rurale 2014 2020 per il miglioramento dei boschi Franco Licini Direzione opere pubbliche, difesa del suolo, economia montana e foreste Il Piano di Sviluppo Rurale 2014 2020 per il miglioramento dei boschi IL VALORE DEL BOSCO PER IL PAESAGGIO Giovedì

Dettagli

PAC 2014-2020 L agricoltura italiana verso il futuro

PAC 2014-2020 L agricoltura italiana verso il futuro PAC 2014-2020 L agricoltura italiana verso il futuro LE RISORSE FINANZIARIE La dotazione assegnata all Italia è di circa 52 miliardi di euro, in 7 anni. Circa 27 miliardi di euro totali (circa 4 miliardi

Dettagli

PIANO ATTUATIVO Atr2 AMBITO DI TRASFORMAZIONE RESIDENZIALE

PIANO ATTUATIVO Atr2 AMBITO DI TRASFORMAZIONE RESIDENZIALE CITTA' DI SOTTO IL MONTE GIOVANNI XXIII Provincia di Bergamo Committenti: Avv. Gabriele Terzi Gestimont srl Ghisleni Alberto e Belotti Emanuela Costruzioni Agazzi srl Rossi Luca Opera Diocesana San Narno

Dettagli

PSR Veneto 2014-2020: arrivata l'approvazione definitiva della Commissione europea

PSR Veneto 2014-2020: arrivata l'approvazione definitiva della Commissione europea PSR Veneto 2014-2020: arrivata l'approvazione definitiva della Commissione europea 27/05/2015 Approvato il nuovo Psr Veneto. La Commissione europea ha dato il via libera al Programma di sviluppo rurale

Dettagli

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Verbale del tavolo Energia e agricoltura Istituto G. Fauser Novara, 19 aprile

Dettagli

COMUNE DI...ACIREALE...

COMUNE DI...ACIREALE... COMUNE DI...ACIREALE... AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER OPERE /O INTERVENTI IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO È VALUTATO MEDIANTE UNA DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA. (1) 1. RICHIEDENTE: (2)...COMUNE DI ACIREALE...

Dettagli

SOSTENIBILITÀ ECONOMICA DELLE FONTI RINNOVABILI IN AGRICOLTURA

SOSTENIBILITÀ ECONOMICA DELLE FONTI RINNOVABILI IN AGRICOLTURA Rovato, 13 novembre 2013 SOSTENIBILITÀ ECONOMICA DELLE FONTI RINNOVABILI IN AGRICOLTURA Michele Donati Dipartimento di Bioscienze Università degli Studi di Parma Il nuovo imprenditore agricolo L agricoltore

Dettagli

IL PROJECT LEASING. per. IMPIANTI di COGENERAZIONI ALIMENTATI DA BIOMASSA

IL PROJECT LEASING. per. IMPIANTI di COGENERAZIONI ALIMENTATI DA BIOMASSA IL PROJECT LEASING per IMPIANTI di COGENERAZIONI ALIMENTATI DA BIOMASSA NUOVE opportunità di sviluppo PER LA TUA IMPRESA nel settore dell Energia 1 GLI IMPIANTI DI COGENERAZIONE La cogenerazione, CHP (Combined

Dettagli

Opportunità e incentivazioni per la costruzione di ambiente e di paesaggio: il Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 della regione Lombardia

Opportunità e incentivazioni per la costruzione di ambiente e di paesaggio: il Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 della regione Lombardia Opportunità e incentivazioni per la costruzione di ambiente e di paesaggio: il Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 della regione Lombardia di Paolo Lassini, dirigente Direzione Generale Agricoltura

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI SOLARI E PANNELLI FOTOVOLTAICI PREMESSA

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI SOLARI E PANNELLI FOTOVOLTAICI PREMESSA C o m u n e d i M o m b e r c e l l i Piazza Alfieri, n.2-14047 Mombercelli - Provincia di Asti c.f. e p.i. 00206070054 - Tel. 0141 959.610 Fax 0141 959.756 REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DI

Dettagli

PIANO DI GESTIONE SIC IT5210029 BOSCHI E BRUGHIERE DI CIMA FARNETO POGGIO FIORELLO (MUGNANO) MISURE DI CONSERVAZIONE

PIANO DI GESTIONE SIC IT5210029 BOSCHI E BRUGHIERE DI CIMA FARNETO POGGIO FIORELLO (MUGNANO) MISURE DI CONSERVAZIONE PIANO DI GESTIONE SIC IT5210029 BOSCHI E BRUGHIERE DI CIMA FARNETO POGGIO FIORELLO (MUGNANO) MISURE DI CONSERVAZIONE DIVIETI Cambiamenti dell uso del suolo. All interno degli habitat è vietato qualsiasi

Dettagli

SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI

SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI 8. SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE

Dettagli

PROCEDURE AUTORIZZATIVE IN PROVINCIA DI TORINO E INDICAZIONI FUTURE

PROCEDURE AUTORIZZATIVE IN PROVINCIA DI TORINO E INDICAZIONI FUTURE PROCEDURE AUTORIZZATIVE IN PROVINCIA DI TORINO E INDICAZIONI FUTURE Dr. Alberto Cucatto - Provincia di Torino Servizio Qualità dell Aria e Risorse Energetiche alberto.cucatto@provincia.torino.it Dr. Massimo

Dettagli

Piano di Sviluppo Locale 2014-2020 GAL Tuscia Romana. Crescere insieme: opportunità e risorse

Piano di Sviluppo Locale 2014-2020 GAL Tuscia Romana. Crescere insieme: opportunità e risorse Piano di Sviluppo Locale 2014-2020 GAL Tuscia Romana Crescere insieme: opportunità e risorse MISURA 4 INVESTIMENTI IN IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI P1-6 4 MISURA 4 Investimenti in immobilizzazioni materiali

Dettagli

Le aree rurali per uno sviluppo sostenibile

Le aree rurali per uno sviluppo sostenibile INFORMAZIONE PUBBLICITARIA Le aree rurali per uno sviluppo sostenibile Il futuro dell agricoltura non è più legato solo alla produzione di materie prime per l alimentazione, ma anche alla sua centralità

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi (su superfici agricole)

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi (su superfici agricole) 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi (su superfici agricole) Riferimenti normativi: Regolamento (CE) n. 1698/2005 del Consiglio, Titolo IV, Asse 2, Articoli 36 (a) (vi) e 41 (a) e (b) Codice

Dettagli

SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15

SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15 SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15 VERIFICA DI COERENZA ESTERNA: Compatibilità dell intervento con le previsioni del PTCP VERIFICA DELLA VINCOLISTICA E DEGLI

Dettagli

11 regionale 3 gennaio 2005, n. 1 (Norme per il governo del territorio))

11 regionale 3 gennaio 2005, n. 1 (Norme per il governo del territorio)) 2. Al comma 2 dell articolo 12 del d.p.g.r. 5/R/2007 le parole da realizzarsi nelle aree di pertinenza degli edifici medesimi sono soppresse. 3. Al comma 4 la lettera b) è sostituita dalla seguente: b)

Dettagli

Le proprietà collettive: una risorsa per la gestione del paesaggio montano

Le proprietà collettive: una risorsa per la gestione del paesaggio montano Piano paesaggistico regionale Il paesaggio montano Prato Carnico, 13 aprile 2015 Le proprietà collettive: una risorsa per la gestione del paesaggio montano Nadia Carestiato La proprietà collettiva Istituzione

Dettagli

LE NUOVE REGOLE LA LEGGE SUL GOVERNO DEL TERRITORIO

LE NUOVE REGOLE LA LEGGE SUL GOVERNO DEL TERRITORIO LE NUOVE REGOLE LA LEGGE SUL GOVERNO DEL TERRITORIO Il territorio agricolo Forte dei Marmi, 15 dicembre 2014 Arch. Antonino Gandolfo Responsabile del Settore Assetto del Territorio Comune di Montespertoli

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 50-13328 DEL 15 FEBBRAIO 2010

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 50-13328 DEL 15 FEBBRAIO 2010 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 50-13328 DEL 15 FEBBRAIO 2010 PSR 2007-2013 della Regione Piemonte: misura 214 Pagamenti agroambientali - Campagna 2010. Presentazione domande di pagamento per le

Dettagli

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali Obiettivo 1 EROSIONE DEL SUOLO Obiettivo 2 SOSTANZA ORGANICA DEL SUOLO Obiettivo 3 STRUTTURA DEL SUOLO Obiettivo 4 LIVELLO MINIMO DI MANTENIMENTO Regione Campania - Assessorato Agricoltura e alle Attività

Dettagli

Superficie complessiva: ha 07.16.81, di cui in coltura pura 04.15.39 ha e in coltura consociata ha 03.01.42

Superficie complessiva: ha 07.16.81, di cui in coltura pura 04.15.39 ha e in coltura consociata ha 03.01.42 Scheda operativa n.5 LE COLTIVAZIONE DELLE PIANTE OFFICINALI Superficie complessiva: ha 07.16.81, di cui in coltura pura 04.15.39 ha e in coltura consociata ha 03.01.42 Premessa Le piante officinali rappresentano

Dettagli

RUOLO E COMPITI DELLA COMUNITÀ MONTANA IN AMBITO FORESTALE. Sondrio 27 settembre 2oo6

RUOLO E COMPITI DELLA COMUNITÀ MONTANA IN AMBITO FORESTALE. Sondrio 27 settembre 2oo6 RUOLO E COMPITI DELLA COMUNITÀ MONTANA IN AMBITO FORESTALE Sondrio 27 settembre 2oo6 Riferimenti normativi L.R. 10/98 Disposizioni per la valorizzazione, lo sviluppo e la tutela del territorio montano

Dettagli

Allegati AL SINDACO DEL COMUNE DI

Allegati AL SINDACO DEL COMUNE DI AL SINDACO DEL COMUNE DI OGGETTO: -Legge Regionale n. 65 del 10.11.2014 Territorio Rurale - Titolo IV Capo III - Disposizioni sul territorio rurale -ex-regolamento di attuazione n. 5/R-2007 della ex-lr

Dettagli

Tutto ciò premesso, che costituisce parte integrante ed essenziale del presente atto, si sancisce il presente accordo:

Tutto ciò premesso, che costituisce parte integrante ed essenziale del presente atto, si sancisce il presente accordo: PROTOCOLLO D INTESA PER LA REALIZZAZIONE DI UN PROGETTO PILOTA DI RICONVERSIONE COLTURALE, CON FINALITÁ ECOLOGICHE E PAESAGGISTICHE, DELLE PRODUZIONI CEREALICOLE DEI COMUNI DEL PARCO NAZIONALE DOLOMITI

Dettagli

proposta di legge n. 238

proposta di legge n. 238 REGIONE MARCHE 1 CONSIGLIO REGIONALE proposta di legge n. 238 a iniziativa della Giunta regionale presentata in data 30 marzo 2004 MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 27 LUGLIO 1998, N. 24 CONCERNENTE: DISCIPLINA

Dettagli

PIEMONTE: SCHEDE DESCRITTIVE AGEVOLAZIONI ED INCENTIVI

PIEMONTE: SCHEDE DESCRITTIVE AGEVOLAZIONI ED INCENTIVI PIEMONTE: SCHEDE DESCRITTIVE AGEVOLAZIONI ED INCENTIVI Maggio 2013 A cura di Davide Abellonio, studio Finanza e Impresa, www.finanzaeimpresa.eu PSR 2007/2013 - Misura 211. Contributo a fondo perduto sotto

Dettagli

PROGRAMMA AZIENDALE PLURIENNALE DI MIGLIORAMENTO AGRICOLO AMBIENTALE

PROGRAMMA AZIENDALE PLURIENNALE DI MIGLIORAMENTO AGRICOLO AMBIENTALE PROGRAMMA AZIENDALE PLURIENNALE DI MIGLIORAMENTO AGRICOLO AMBIENTALE Legge Regionale 3 gennaio 2005, n 1 (Norme per il governo del territorio) - Art. 42 della L.R.1/2005 e D.P.G.R. 9 febbraio 2007 n 5/R

Dettagli

7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA

7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA 7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA 7.1. Premessa La qualità dell ambiente e lo stile di vita sono strettamente correlati alle caratteristiche specifiche della struttura urbana locale. In una fase in cui

Dettagli

Crisi: prezzo terra -0,6%, terzo calo consecutivo in Italia

Crisi: prezzo terra -0,6%, terzo calo consecutivo in Italia Terra e Gusto Crisi: prezzo terra -0,6%, terzo calo consecutivo in Italia Crea, pesano Imu, embargo russo e mancanza liquidità Redazione ANSA ROMA 30 ottobre 201516:30 ANSA +CLICCA PER INGRANDIRE - ROMA

Dettagli

AL COMUNE DI. Il sottoscritto nato a il residente nel Comune di via / località n. tel.

AL COMUNE DI. Il sottoscritto nato a il residente nel Comune di via / località n. tel. Bollo nell originale spazio riservato al protocollo AL COMUNE DI OGGETTO: Programma aziendale pluriennale di miglioramento agricolo-ambientale (P.A.P.M.A.A.) art.43 L.R. 3/1/2005 n.1 e art. 9 Regolamento

Dettagli

UFFICIO VAS SCHEMA DI VALUTAZIONE COMUNE: GUSSAGO e CELLATICA PROCEDURA: Verifica di Assoggettabilità a Valutazione Ambientale Strategica (VAS)

UFFICIO VAS SCHEMA DI VALUTAZIONE COMUNE: GUSSAGO e CELLATICA PROCEDURA: Verifica di Assoggettabilità a Valutazione Ambientale Strategica (VAS) VALUTAZIONE DEL PROCEDIMENTO DI VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA A VAS DELLO SUAP GALBA SRL IN VARIANTE AL PGT. Premessa Ai sensi della DCR VIII/351 del 13 marzo 2007 recante Indirizzi generali per la valutazione

Dettagli