PROGETTO CINQUE PETALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTO CINQUE PETALI"

Transcript

1 PROGETTO CINQUE PETALI RESPONSABILE DIRETTORE DSMDP-UONPIA DR. GIULIANO LIMONTA Dott.ssa R. Baroni, Dott. L. Brambatti, Dr. M. Rossetti Piacenza, 1 ottobre 2014

2 I cinque petali Famiglia UONPIA - AUSL Scuola Tecnologia Fondazione Telecom Italia

3 Focus Comunicazione come funzione neuropsicologica Abilità di inviare a e ricevere intenzionalmente messaggi da altre persone decodificando i messaggi che gli altri ci inviano attraverso modalità linguistiche ed extralinguistiche. La comunicazione si dice tale quando è comprensibile a tutti, diretta verso qualcuno ed accettabile socialmente.

4 Focus Tablet come strumento facilitante una funzione comunicativa Check list ICF-CY Il sistema Multi-Touch permette di fare tutto con le dita La sintesi vocale può fornire voce a chi non ce l ha

5 Tablet è Flessibilità Adattabilità Accessibilità Praticabilità Economicità Replicabilità Diffusione Ecologicità/sostenibilità

6 Sistema curante Insieme di coloro che si prendono cura del soggetto rispetto alle proprie specifiche caratteristiche e competenze. Formando un network costruiscono l azione terapeutica avendo come obiettivo comune la qualità di vita.

7 Focus Il sistema curante È una nuova modalità di approccio e lavoro che diventa un vero e proprio setting di cura garantito tecnicamente Deriva da un forte cambiamento dei paradigmi culturali e scientifici sulle patologie ed il loro trattamento

8 Modello medico classico FAMIGLIA MEDICO TERAPISTA PAZIENTE SCUOLA

9 Sistema curante UONPIA SCUOLA FAMIGLIA

10 Sistema Curante Integrato UONPIA FAMIGLIE SCUOLA 75 operatori 100 famiglie 50 Istituti comprensivi Direttore Segreteria DSM 7 Neuropsichiatri 12 Psicologi 55 operatori ( Logop/FSK, Psicom/ EP) 20 operatori privato convenzionato Disturbi della spettro autistico : 18 Disturbi del linguaggio : 27 Disturbi neuromotori : 19 Deficit cognitivo: 33 5 classi scuola d infanzia 51 classi scuola primaria 27 classi scuola secondaria 1 g 15 classi scuola secondaria 2 g

11 Sistema curante: UONPIA 75 operatori UONPIA : - Direttore - Segreteria - 7 Neuropsichiatri inf Psicologi - 1 Pedagogista- Educatore Professionale - 55 Logopedisti, Fisioterapisti, Psicomotricisti, Educatori Prof operatori del privato convenzionato

12 Sistema curante: famiglie Dal mese di aprile le equipe multidisciplinari e multiprofessionali della UONPIA hanno presentato il progetto alle famiglie selezionate Con ogni singola famiglia, con minore in carico presso il servizio UONPIA, si è condiviso formalmente il progetto

13 Sistema curante: Scuola CTS Partner del Progetto Cinque Petali Ufficio Scolastico Regionale Ufficio Scolastico Provinciale 50 Istituti Comprensivi Da aprile a giugno coinvolgimento dei Dirigenti Scolastici e attivazione del CTS per la formazione coordinata con la UONPIA

14 Formazione: modulo uno Il primo modulo formativo, rivolto ai clinici, è stato realizzato dal Dipartimento di Informatica dell Università degli Studi di Milano con il preciso scopo di fornire conoscenze teoriche e spunti operativi sull utilizzo dei principali sistemi dei dispositivi mobili. Marzo e aprile 2014.

15 Formazione Tablet e sistemi operativi 27 marzo 2014 Sala Colonne Presidio Ospedaliero di Piacenza, via Taverna 49 Docente: Prof. Paolo Ceravolo Department of Computer Science - Università degli Studi di Milano ore Registrazione e accoglienza dei partecipanti ore I sistemi simbolici e l interazione umana - L evoluzione dei sistemi simbolici nella storia umana ore pausa ore Principi e sviluppi dell interazione uomo-macchina - Modelli di accettazione della tecnologia

16 Formazione Tablet e sistemi operativi 10 aprile 2014 Sala Colonne Presidio Ospedaliero di Piacenza, via Taverna 49 Docente: Prof. Paolo Ceravolo Department of Computer Science - Università degli Studi di Milano ore Registrazione e accoglienza dei partecipanti ore Strumenti cloud per la collaborazione intraprofessionale - L approccio cloud all organizzazione dei dati e dei servizi ore pausa ore Le applicazioni Google per gli ambienti Mobile - Esempi di interazione collaborativa ore Chiusura della giornata : compilazione dei questionari di valutazione dell apprendimento e di gradimento

17 Formazione: modulo due Il secondo modulo formativo è stato realizzato dall'irccs Besta di Milano con la precisa finalità di istruire gli operatori sul costrutto teorico della classificazione OMS: ICF-CY. Tramite la consulenza del formatore è stata avviata una selezione dei molti items della classificazione così da individuare le aree di interesse del progetto. Maggio settembre 2014

18 Formazione International Classification of Functioning, Disability and Health CY Martedì 20 maggio ICF-CY: Principi base e ambiti di applicazione Sala Riunioni di Via Antonio Anguissola, 15 Docente: dott Paolo Meucci - Ph.D, Pedagogista, Ricercatore, Fondazione Istituto Neurologico IRCCS Carlo Besta; Università Cattolica del Sacro Cuore. ore Registrazione e accoglienza dei partecipanti ore I principi base dell ICF-CY ore pausa ore Ambiti di applicazioni ore Chiusura della giornata

19 Formazione International Classification of Functioning, Disability and Health CY Martedì 23 settembre ICF-CY: Principi base e ambiti di applicazione Sala Riunioni di Via Antonio Anguissola, 15 Docente: dott Paolo Meucci - Ph.D, Pedagogista, Ricercatore, Fondazione Istituto Neurologico IRCCS Carlo Besta; Università Cattolica del Sacro Cuore. ore Registrazione e accoglienza dei partecipanti ore ICF-CY, Attività e Partecipazione - ICF CY comunicazione ore pausa ore una check list dedicata al Progetto cinque petali - workshop ore Chiusura della giornata

20 ICF definizione L ICF è una classificazione delle "componenti della salute e degli stati ad essa correlati". Nell ICF si identificano gli elementi costitutivi della salute. In tal senso l ICF non riguarda solo le persone con disabilità ma tutte le persone proprio perché fornisce informazioni che descrivono il funzionamento umano e le sue restrizioni.

21 ICF modello

22 ICF evoluzione L ICF utilizza una terminologia più neutrale in cui Funzioni e Strutture Corporee, Attività e Partecipazione vanno a sostituire i termini di menomazione, disabilità e handicap. International Classification of Impairments, Disabilities and Handicaps ( 1980) International Classification of Functioning, Disability and Health (2001) Children and Youth (2007)

23 CHECK LIST ICF-CY ad hoc Costruzione Scheda ICF elaborata dal gruppo di lavoro AUSL dedicato con la consulenza del dott. Meucci (IRCCS Besta) In elaborazione da parte della UOSIT-AUSL in formato elettronico.

24 Modulo tre: le app Formazione per UONPIA e per famiglie : OTTOBRE- NOVEMBRE 2014 I Servizi Specialistici di Bologna da un lato e la UONPIA di Cremona con la Fondazione Sospiro dall altro stanno portando alla definizione degli strumenti da proporre Formazione per insegnanti: NOVEMBRE-DICEMBRE 2014 Analogo percorso formativo riguarda le scuole: a tal fine ci siamo rivolti al CTS di Cadeo perché collabori pariteticamente alla UONPIA nella formazione degli insegnanti che si pongono, a fianco dei familiari, come figure determinanti per la riuscita del progetto.

25 Interfacce interne all Azienda Usl UO COMUNICAZIONE MARKETING UOSIT UO QUALITÀ E FORMAZIONE

26 Le fasi del progetto Selezione dei minori coinvolti Integrazione e definizione dei Progetti Educativi Individualizzati Acquisto e consegna dei Tablet Formazione degli operatori dell UONPIA e del privato convenzionato Formazione dei familiari Formazione degli insegnanti

27 Carta dei diritti alla comunicazione USA Ogni persona indipendentemente dal grado di disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare, mediante la comunicazione, le condizioni della sua vita.

28

29

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E DI INTEGRAZIONE DI ALUNNI DISABILI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E DI INTEGRAZIONE DI ALUNNI DISABILI Istituto Comprensivo A. Gramsci di Campalto PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E DI INTEGRAZIONE DI ALUNNI DISABILI Si tenga conto che il Protocollo è un documento che propone delle linee guida generali per gli

Dettagli

PROGETTO CINQUE PETALI

PROGETTO CINQUE PETALI IL CONTESTO DI RIFERIMENTO I disturbi evolutivi rappresentano patologie complesse la cui evoluzione dipende anche in maniera rilevante dal tipo di interventi abilitativi attivati nell infanzia e dalla

Dettagli

PROGETTO CINQUE PETALI

PROGETTO CINQUE PETALI Direzione Generale Dipartimento degli Staff Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Patologiche U.O. Qualità e Formazione IL CONTESTO DI RIFERIMENTO I disturbi evolutivi rappresentano patologie complesse

Dettagli

ICF CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE

ICF CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE ICF CLASSIFICAZIONE INTERNATIONAL CLASSIFICATION OF FUNCTIONING, DISABILITY AND HEALTH INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE COMMISSIONE DISAGIO E DISABILITÀ A. S. 2010- PREMESSA

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Calendario CORSI a.s. 2013 2014 Organizzati da CTS Cremona in collaborazione con UST di Cremona Primo MODULO: ICF a scuola: formazione di base sullo strumento ICF. Periodo: Novembre 2013 dicembre 2013

Dettagli

PROTOCOLLO DI INCLUSIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO DI INCLUSIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ISTITUTO COMPRENSIVO DI CASTELL ARQUATO PROTOCOLLO DI INCLUSIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI A.S. 2014-2015 PREMESSA Il Protocollo di integrazione scolastica è un documento che nasce dall esigenza di un

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome/Cognome Formenti Marina Indirizzo 6, Via Vitale Sala, 23870, Cernusco Lombardone (LC), Italia Telefono 039-9906263

Dettagli

Utilizzo della Classificazione ICF Esperienza della Regione Lazio

Utilizzo della Classificazione ICF Esperienza della Regione Lazio Utilizzo della Classificazione ICF Esperienza della Regione Lazio ICF, OUTCOME e RIABILITAZIONE Perugia, 24 giugno 2011 Gabriella Guasticchi - Rita De Giuli Perché l ICF nel Sistema Informativo per l Assistenza

Dettagli

E-LEARNING IN NEURORIABILITAZIONE Focus sul miglioramento della qualità della vita nelle persone anziane e disabili

E-LEARNING IN NEURORIABILITAZIONE Focus sul miglioramento della qualità della vita nelle persone anziane e disabili E-LEARNING IN NEURORIABILITAZIONE Focus sul miglioramento della qualità della vita nelle persone anziane e disabili Responsabile scientifico di progetto CARLO CALTAGIRONE Università di Roma Tor Vergata

Dettagli

Fondazione OPERA SANTA RITA PRATO. del. Centro Diurno di Riabilitazione Per Giovani Cerebrolesi Franco Primi

Fondazione OPERA SANTA RITA PRATO. del. Centro Diurno di Riabilitazione Per Giovani Cerebrolesi Franco Primi Fondazione OPERA SANTA RITA PRATO CARTA DEI SERVIZI del Centro Diurno di Riabilitazione Per Giovani Cerebrolesi Franco Primi Edizione - aprile 2002 1 LA FONDAZIONE OPERA SANTA RITA (Onlus) L attuale Fondazione

Dettagli

Dr Matilde Leonardi Co-Chair WHO-ICF children group Coordinatore Scientifico Progetto ICF in Italia Responsabile Progetto Disabilità INN CB

Dr Matilde Leonardi Co-Chair WHO-ICF children group Coordinatore Scientifico Progetto ICF in Italia Responsabile Progetto Disabilità INN CB L ICF e la sua filosofia Bolzano 18 novembre 2004 Dr Matilde Leonardi Co-Chair WHO-ICF children group Coordinatore Scientifico Progetto ICF in Italia Responsabile Progetto Disabilità INN CB IRCCS Istituto

Dettagli

Centro Studi e Ricerche per le Neuroscienze dello Sviluppo Janice e Carl H. DELACATO

Centro Studi e Ricerche per le Neuroscienze dello Sviluppo Janice e Carl H. DELACATO PRESENTAZIONE Centro Studi e Ricerche per le Neuroscienze dello Sviluppo Il Centro Studi Delacato è dedicato al dott. Carl H. Delacato, psicologo e pedagogista americano di origini abruzzesi, conosciuto

Dettagli

1. Background. Introduzione

1. Background. Introduzione Introduzione 13 1. Background In questo volume viene presentata la versione breve 1 della Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute, nota come ICF. 2 Lo scopo generale

Dettagli

I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI POLITICHE SUI BES/SEN IN INGHILTERRA THE EDUCATION ACT, 1944 11 CATEGORIE DI DISABILITÀ WARNOCK REPORT, 1978 INTRODUCE IL TERMINE SPECIAL EDUCATIONAL NEEDS (SEN) ANNI 2000

Dettagli

ART. 1 OGGETTO ART. 2 FINALITA'

ART. 1 OGGETTO ART. 2 FINALITA' LINEE GUIDA DEI PERCORSI ASSISTENZIALI CHE FAVORISCANO L INTEGRAZIONE ED IL COORDINAMENTO DELLE FUNZIONI SOCIALI, SANITARIE ED EDUCATIVE NEL SETTORE DELLA DISABILITÀ ADULTA ART. 1 OGGETTO Con il presente

Dettagli

ANCHE IL LINFEDEMA SECONDARI O E MALATTIA DISABILITAN TE: UN INDICE DA PROPORRE ALL INPS

ANCHE IL LINFEDEMA SECONDARI O E MALATTIA DISABILITAN TE: UN INDICE DA PROPORRE ALL INPS ANCHE IL LINFEDEMA SECONDARI O E MALATTIA DISABILITAN TE: UN INDICE DA PROPORRE ALL INPS Dott. Maurizio Ricci U. O. Medicina Riabilitativa Azienda Ospedaliero- Universitaria Ospedali Riuniti di Ancona

Dettagli

ALUNNI CON BES! BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI! Indicazioni operative per promuovere l inclusione scolastica sulla base della normativa vigente

ALUNNI CON BES! BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI! Indicazioni operative per promuovere l inclusione scolastica sulla base della normativa vigente ALUNNI CON BES BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Indicazioni operative per promuovere l inclusione scolastica sulla base della normativa vigente Docente: Dott.ssa Cristina Elefante (insegnante, pedagogista) NUOVE

Dettagli

Autismo e scuola: modelli e percorsi di inclusione scolastica a favore di alunni con disturbo dello spettro autistico

Autismo e scuola: modelli e percorsi di inclusione scolastica a favore di alunni con disturbo dello spettro autistico COD. 3008 Autismo e scuola: modelli e percorsi di inclusione scolastica a favore di alunni con disturbo dello spettro autistico Dal 2007 la Provincia di Milano, in collaborazione con il Coordinamento Autismo,

Dettagli

Struttura Semplice Dipartimentale di Neuropsichiatria Infantile 4

Struttura Semplice Dipartimentale di Neuropsichiatria Infantile 4 PROGETTO/EVENTO FORMATIVO AZIENDALE LE NUOVE FRONTIERE DEL TRATTAMENTO LOGOPEDICO IN ETÀ EVOLUTIVA: DALL APPROCCIO PREVERBALE ALLO SVILUPPO DELLE PRASSIE ORALI E VERBALI 1. INDICARE LA TIPOLOGIA DI CORSO

Dettagli

LINEE GUIDA PER L INSERIMENTO DEGLI ALUNNI DISABILI

LINEE GUIDA PER L INSERIMENTO DEGLI ALUNNI DISABILI MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE PAOLO FRISI Via Giardino, 69 20077 Melegnano (MI) Scuole dell Infanzia

Dettagli

Ministero della Salute. Piano di indirizzo per la Riabilitazione

Ministero della Salute. Piano di indirizzo per la Riabilitazione Ministero della Salute Piano di indirizzo per la Riabilitazione La riabilitazione è disciplina medica - scientificamente certa - socialmente congrua - economicamente sostenibile I numeri della riabilitazione

Dettagli

Resoconto della Giornata di Studio organizzata da AIRIPA sezione Lombardia

Resoconto della Giornata di Studio organizzata da AIRIPA sezione Lombardia Resoconto della Giornata di Studio organizzata da AIRIPA sezione Lombardia Venerdì 7 Ottobre 2011 a Milano, AIRIPA sezione Lombardia ha organizzato una giornata di studio sull applicazione della legge

Dettagli

NEUROPSICOLOGIA DELL ETÀ EVOLUTIVA

NEUROPSICOLOGIA DELL ETÀ EVOLUTIVA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2012-2013 III Edizione NEUROPSICOLOGIA DELL ETÀ EVOLUTIVA Consorzio Universitario Humanitas in Convenzione con in Collaborazione Scientifica con Consorzio

Dettagli

ICF : approccio educativo. Elisabetta Ghedin Facoltà di Scienze della Formazione

ICF : approccio educativo. Elisabetta Ghedin Facoltà di Scienze della Formazione ICF : approccio educativo Elisabetta Ghedin Facoltà di Scienze della Formazione LINEE GUIDA PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITA L ICF sta penetrando nelle pratiche di diagnosi condotte

Dettagli

Definizione di SALUTE O.M.S.

Definizione di SALUTE O.M.S. Definizione di SALUTE O.M.S. Non solo assenza di malattia ma stato di completo benessere fisico, psicologico e sociale. Non basta quindi curare ma anche prevenire, informare, sensibilizzare, promuovere

Dettagli

INCLUSIONE TUTTI UGUALI OGNUNO DIVERSO

INCLUSIONE TUTTI UGUALI OGNUNO DIVERSO INCLUSIONE Integrazione Alunni disabili DSA BES TUTTI UGUALI OGNUNO DIVERSO.LINEE GUIDA PER L INCLUSIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITA LINEE GUIDA PER L INCLUSIONE SCOLASTICA L inclusione è un

Dettagli

Metodo SaM (Sense and Mind)

Metodo SaM (Sense and Mind) Corso Base Metodo SaM (Sense and Mind) Intervento riabilitativo dei disturbi delle abilità spaziali Direzione scientifica: prof. Alessandro Antonietti, ordinario di Psicologia cognitiva applicata presso

Dettagli

Potenziare l apprendimento a partire dalla scuola dell infanzia Cesena, 2 e 3 settembre 2010

Potenziare l apprendimento a partire dalla scuola dell infanzia Cesena, 2 e 3 settembre 2010 Corso di formazione Imparare ad imparare Potenziare l apprendimento a partire dalla scuola dell infanzia 2010 L AUSL di Cesena, in collaborazione con Giunti O.S., organizza un corso di formazione dedicato

Dettagli

Lauree triennali delle professioni sanitarie. Terapista della neuro e psicomotricità della età evolutiva Educatore professionale Logopedista

Lauree triennali delle professioni sanitarie. Terapista della neuro e psicomotricità della età evolutiva Educatore professionale Logopedista Lauree triennali delle professioni sanitarie Terapista della neuro e psicomotricità della età evolutiva Educatore professionale Logopedista I.R.C.C.S. E. Medea: Polo di Eccellenza in Sanità Friendly Hospital

Dettagli

ALLEGATO 1J PROGRAMMA: EVENTO RESIDENZIALE

ALLEGATO 1J PROGRAMMA: EVENTO RESIDENZIALE ALLEGATO 1J PROGRAMMA: EVENTO RESIDENZIALE TITOLO EVENTO: Affettività e sessualità nelle persone con autismo e/o disabilità intellettiva - Cod. 2992 Tipologia formativa: Evento Residenziale Convegno ID

Dettagli

CURRICULUM VITAE. aurea in psicologia, indirizzo applicativo, votazione 110/110 e lode, La Sapienza, 1983;

CURRICULUM VITAE. aurea in psicologia, indirizzo applicativo, votazione 110/110 e lode, La Sapienza, 1983; ANTONELLA DI BERTO MANCINI DOTT.SSA PSICOLOGA PSICOTERAPEUTA brillaluna@libero.it CURRICULUM VITAE ATTIVITA PROFESSIONALE PSICOLOGA DIRIGENTE DI I LIVELLO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE AREA TUTELA SALUTE

Dettagli

Dal profilo dell'alunno alla progettazione del contesto e delle. di qualità

Dal profilo dell'alunno alla progettazione del contesto e delle. di qualità Dal profilo dell'alunno alla progettazione del contesto e delle azioni per un'inclusione scolastica di qualità Chiara Carabelli I.C. S. Fedele Intelvi Carabelli Chiara 1 indice Dalla diagnosi al profilo

Dettagli

TRA. I SINDACI DEI COMUNI DELL AMBITO TERRITORIALE DI MARIANO COMENSE: Arosio Cabiate Carugo Inverigo Lurago d Erba Mariano Comense

TRA. I SINDACI DEI COMUNI DELL AMBITO TERRITORIALE DI MARIANO COMENSE: Arosio Cabiate Carugo Inverigo Lurago d Erba Mariano Comense PROTOCOLLO DI INTESA PER L INCLUSIONE SCOLASTICA DI ALUNNE E ALUNNI DISABILI TRA I SINDACI DEI COMUNI DELL AMBITO TERRITORIALE DI MARIANO COMENSE: Arosio Cabiate Carugo Inverigo Lurago d Erba Mariano Comense

Dettagli

Centri regionali di riferimento

Centri regionali di riferimento Centri regionali di riferimento Emilia-Romagna BOLOGNA - AREA VASTA CENTRO - AUSL - in attesa di ricezione dati Centro Team HUB Disturbi dello Spettro Autismo Viale Pepoli 5-40100 Bologna Telefono: 051/6584164

Dettagli

CURRICULUM FORMATIVO PROFESSIONALE

CURRICULUM FORMATIVO PROFESSIONALE C.E.R.A.L. Studio di Consulenza Neuropsichiatrica Psicologica Logopedica Psicopedagogica per età evolutiva e adulta. Studio di formazione ed informazione per genitori, insegnanti, professionisti e aziende.

Dettagli

COMPETENZE DIGITALI. Le digital Competence Framework mi permettono di : Esplorare nuovi contesti tecnologici in modo flessibile.

COMPETENZE DIGITALI. Le digital Competence Framework mi permettono di : Esplorare nuovi contesti tecnologici in modo flessibile. COMPETENZE DIGITALI Competenze digitali o digital skills. Un approccio in 3D, un mutamento in corso. L immersività generata dagli ambienti multimediali ci sollecitano un esigenza nuova e educabile: sviluppare

Dettagli

Percorso Diagnostico, Terapeutico e Assistenziale (PDTA) per le persone con disturbi dello spettro autistico residenti nella provincia di Modena

Percorso Diagnostico, Terapeutico e Assistenziale (PDTA) per le persone con disturbi dello spettro autistico residenti nella provincia di Modena Percorso Diagnostico, Terapeutico e Assistenziale (PDTA) per le persone con disturbi dello spettro autistico residenti nella provincia di Modena Definizioni I disturbi dello spettro autistico (Autistic

Dettagli

Centro per l Età Evolutiva

Centro per l Età Evolutiva Centro per l Età Evolutiva Studio Associato di Psicologia Clinica Formazione Ricerca CHI SIAMO Il Centro per l Età Evolutiva è uno Studio Associato di Psicologia che ha sede a Bergamo e svolge la propria

Dettagli

Dr. Cecilia Sterpa. Data di nascita: 08/01/1982, Milano

Dr. Cecilia Sterpa. Data di nascita: 08/01/1982, Milano Dr. Cecilia Sterpa Data di nascita: 08/01/1982, Milano ISTRUZIONE 2012-2013 Master annuale "L'approccio cognitivo - comportamentale ai disturbi dell'età evolutiva" di Ipsico, Firenze 2009-2013 Scuola quadriennale

Dettagli

L INTERVENTO PRECOCE COMPORTAMENTALE BASATO SULLE TECNICHE ABA PER BAMBINI CON AUTISMO E/O CON DISTURBO PERVASIVO DELLO SVILUPPO

L INTERVENTO PRECOCE COMPORTAMENTALE BASATO SULLE TECNICHE ABA PER BAMBINI CON AUTISMO E/O CON DISTURBO PERVASIVO DELLO SVILUPPO PAGINA 1 DI 5 Programma nazionale per la formazione continua degli operatori della Sanità CORSO DI ALTA FORMAZIONE TEORICO PRATICO L INTERVENTO PRECOCE COMPORTAMENTALE BASATO SULLE TECNICHE ABA PER BAMBINI

Dettagli

ALUNNI: - diversamente abili - con disturbi specifici di apprendimento

ALUNNI: - diversamente abili - con disturbi specifici di apprendimento ALUNNI: - diversamente abili - con disturbi specifici di apprendimento Corso di formazione docenti neo immessi Anno scolastico 2011/2012 Neri Patrizia _ Gallarate,, 16-05 05-2012 L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI

Dettagli

Pescara 2 dicembre 2011 Dott.ssa Monica Pradal - pedagogista

Pescara 2 dicembre 2011 Dott.ssa Monica Pradal - pedagogista VERSO UNA SCUOLA INCLUSIVA DALL ICF AL PEI Pescara 2 dicembre 2011 Dott.ssa Monica Pradal - pedagogista CHE COS E L ICF? Un modello concettuale di approccio globale al funzionamento della persona, che

Dettagli

PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO (P.E.I.)

PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO (P.E.I.) Integrazione Scolastica degli Alunni con Disabilità Istituzione Scolastica: PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO (P.E.I.) di ANNO SCOLASTICO: Data compilazione: L insegnante coordinatore di classe: L insegnante/i

Dettagli

Roma, 7 luglio 2010 Presso Sede AIL, Via Casilina 5, ROMA Orario: 10.30-17.00

Roma, 7 luglio 2010 Presso Sede AIL, Via Casilina 5, ROMA Orario: 10.30-17.00 Roma, 7 luglio 2010 Presso Sede AIL, Via Casilina 5, ROMA Orario: 10.30-17.00 1 Sicurezza domiciliare tra domotica e superamento delle barriere architettoniche Dr. Angelo Montesano, Responsabile Servizio

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

TECNICHE PER LA RIABILITAZIONE DEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

TECNICHE PER LA RIABILITAZIONE DEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO anno accademico 01/013 L Università degli Studi di Urbino Carlo Bo, l Università di Modena e Reggio Emilia, l Università di San Marino attivano congiuntamente ai sensi del Decreto ottobre 004, n.70 del

Dettagli

Progetto GSK «TUTTI DIVERSI, TUTTI UGUALI» Non c'è nulla di più ingiusto che fare parti uguali fra diseguali (Don Milani)

Progetto GSK «TUTTI DIVERSI, TUTTI UGUALI» Non c'è nulla di più ingiusto che fare parti uguali fra diseguali (Don Milani) Progetto GSK «TUTTI DIVERSI, TUTTI UGUALI» Non c'è nulla di più ingiusto che fare parti uguali fra diseguali (Don Milani) L ICF-CY e l approccio biopsicosociale ai problemi dell educazione speciale Incontro

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo GUERRESCHI Massimo 23, VIA PERTICARI - 20127 MILANO - ITALY Telefono mobile: +39 339 7462 714 Fax

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE A DISTANZA

PROGETTO DI FORMAZIONE A DISTANZA PROGETTO DI FORMAZIONE A DISTANZA E-learning in Neuroriabilitazione: focus sul miglioramento della qualità della vita nelle persone anziane e disabili Programma di sperimentazione finanziato dal Ministero

Dettagli

L Insegnante di Sostegno (Formazione e Staff Sezioni a Didattica Potenziata)

L Insegnante di Sostegno (Formazione e Staff Sezioni a Didattica Potenziata) Istituto Comprensivo Lodi Terzo - Lodi Via Salvemini, 1-26900 Lodi (LO) - Tel: 0371 30657 - Fax: 0371 431369 C.F. 92559860157 Cod. Mecc. LOIC814001 www.loditerzocircolo.gov.it loic8140001@istruzione.it

Dettagli

Istituto Comprensivo Ilaria Alpi. Via Salerno, 1 20142 Milano BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI LINEE GUIDA A SCUOLA

Istituto Comprensivo Ilaria Alpi. Via Salerno, 1 20142 Milano BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI LINEE GUIDA A SCUOLA Istituto Comprensivo Ilaria Alpi Via Salerno, 1 20142 Milano BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI LINEE GUIDA A SCUOLA 1 BES Bisogni Educativi Speciali Linee guida a scuola Il concetto di BES si fonda su una visione

Dettagli

Data del DM di approvazione del ordinamento 07/11/2001 didattico. Data del DR di emanazione del ordinamento 20/01/2003 didattico

Data del DM di approvazione del ordinamento 07/11/2001 didattico. Data del DR di emanazione del ordinamento 20/01/2003 didattico Scheda informativa Università Classe Nome del corso Universita' degli Studi di PADOVA Terapia della neuro e psicomotricità dell'età evolutiva (abilitante alla professione sanitaria di Terapista della neuro

Dettagli

USR LOMBARDIA TAVOLO 6 LINEE PROGRAMMATICHE FORMAZIONE DIRIGENTI, DOCENTI E ATA BIENNIO 2013/2015. DOCUMENTO DI SINTESI (provvisorio)

USR LOMBARDIA TAVOLO 6 LINEE PROGRAMMATICHE FORMAZIONE DIRIGENTI, DOCENTI E ATA BIENNIO 2013/2015. DOCUMENTO DI SINTESI (provvisorio) USR LOMBARDIA TAVOLO 6 LINEE PROGRAMMATICHE FORMAZIONE DIRIGENTI, DOCENTI E ATA BIENNIO 2013/2015 DOCUMENTO DI SINTESI (provvisorio) Le linee programmatiche individuate rispondono alla esigenza di: intercettare

Dettagli

SINTESI SUL TEMA DELL ICF

SINTESI SUL TEMA DELL ICF STRUMENTI E TECNICHE DI INTERVENTI RIABILITATIVI Corso di Laurea in EDUCATORE PROFESSIONALE SANITARIO a.a. 2011/2012 - TERZO ANNO Facoltà di Scienze Cognitive Corso Bettini, 84 - Rovereto SINTESI SUL TEMA

Dettagli

L'Équipe multidisciplinare

L'Équipe multidisciplinare L'Équipe multidisciplinare Struttura di Neuropsichiatria Infantile ASL CN1 - Presidio Ospedaliero di Mondovì, Direttore: Dott. Franco FIORETTO e-mail: npi@asl16.sanitacn.it Centro Autismo e Sindrome di

Dettagli

Progettare l integrazione Strumenti, procedure e modelli operativi

Progettare l integrazione Strumenti, procedure e modelli operativi Ufficio Scolastico Provinciale TREVISO I.R.C.C.S. E. Medea Progettare l integrazione Strumenti, procedure e modelli operativi Materiali di studio per l applicazione condivisa della Classificazione Internazionale

Dettagli

METODOLOGIE RIABILITATIVE IN LOGOPEDIA VOL. 15

METODOLOGIE RIABILITATIVE IN LOGOPEDIA VOL. 15 METODOLOGIE RIABILITATIVE IN LOGOPEDIA VOL. 15 Collana a cura di Carlo Caltagirone Carmela Razzano Fondazione Santa Lucia, IRCCS, Roma Maria Donata Orfei Carlo Caltagirone Gianfranco Spalletta I disturbi

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI VIA GUERRAZZI, 57 20052- MONZA (MB) distefano.nicoletta@gmail.com ; nicods@hotmail.it ESPERIENZA LAVORATIVA CURRICULUM VITAE

INFORMAZIONI PERSONALI VIA GUERRAZZI, 57 20052- MONZA (MB) distefano.nicoletta@gmail.com ; nicods@hotmail.it ESPERIENZA LAVORATIVA CURRICULUM VITAE CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome DI STEFANO NICOLETTA Indirizzo Telefono cellulare 3282175379 Telefono abitazione 0392004936 E-mail VIA GUERRAZZI, 57 20052- MONZA (MB) distefano.nicoletta@gmail.com

Dettagli

Allegato parte integrante - 1

Allegato parte integrante - 1 Allegato parte integrante - 1 PROGRAMMA REGIONALE OPERATIVO PER DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO (PRO-DSA) IN EMILIA-ROMAGNA I Disturbi evolutivi Specifici di Apprendimento (DSA) sono disturbi delle

Dettagli

ICF a scuola Indicazioni operative

ICF a scuola Indicazioni operative UST Cremona In collaborazione con CTS Cremona ICF a scuola Indicazioni operative Paola Romagnoli a.s. 2013-2014 Che cos è l ICF? È un sistema di classificazione multidisciplinare, innovativo per impostazione,

Dettagli

L attività riabilitativa estensiva e di mantenimento nel Lazio Progetti avviati nel 2004

L attività riabilitativa estensiva e di mantenimento nel Lazio Progetti avviati nel 2004 Sistema Informativo per l Assistenza Riabilitativa L attività riabilitativa estensiva e di mantenimento nel Lazio Progetti avviati nel 2004 Roma, 15 luglio 2005 La Classificazione Internazionale del Funzionamento,

Dettagli

Il trattamento neuropsicomotorio nei quadri di disprassia e disturbo visuo-percettivo in età evolutiva

Il trattamento neuropsicomotorio nei quadri di disprassia e disturbo visuo-percettivo in età evolutiva ECMLogos s.r.l. Provider n. 4554 Presenta Il trattamento neuropsicomotorio nei quadri di disprassia e disturbo visuo-percettivo in età evolutiva Bologna, 6 e 7 febbraio 2015 Descrizione sintetica dei contenuti

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: IRCCS Fondazione Stella Maris - Pisa 2) Codice di accreditamento: NZ03552 3) Albo e classe di

Dettagli

PROGRAMMA. La Riabilitazione della Memoria Definizione e cenni teorici Esercizi per la riabilitazione della memoria Verbale e Visuo Spaziale

PROGRAMMA. La Riabilitazione della Memoria Definizione e cenni teorici Esercizi per la riabilitazione della memoria Verbale e Visuo Spaziale La Riabilitazione Neuropsicologica dell adulto mediata da PC: modelli cognitivi di riferimento e nuovi strumenti informatizzati per l Attenzione, la Cognizione Spaziale, le Funzioni Esecutive e la Memoria

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN PEDAGOGIA COGNITIVO-NEURO-MOTORIA

MASTER DI II LIVELLO IN PEDAGOGIA COGNITIVO-NEURO-MOTORIA MASTER DI II LIVELLO IN PEDAGOGIA COGNITIVO-NEURO-MOTORIA Presentazione Il Master in Pedagogia cognitivo-neuro-motoria ha come obiettivo la formazione di un figura professionale con elevata specializzazione

Dettagli

L intervento logopedico nei Disturbi dello Spettro Autistico

L intervento logopedico nei Disturbi dello Spettro Autistico Nuova ARTEC - Formazione professionale identificativo provider 503 Sistema di gestione qualità UNI EN ISO 9001:2008 certificato da Certiquality L intervento logopedico nei Disturbi dello Spettro Autistico

Dettagli

Il Minimum Standard per la formazione iniziale del logopedista in Europa (traduzione italiana a cura di R. Muò e I. Vernero)

Il Minimum Standard per la formazione iniziale del logopedista in Europa (traduzione italiana a cura di R. Muò e I. Vernero) Il Minimum Standard per la formazione iniziale del logopedista in Europa (traduzione italiana a cura di R. Muò e I. Vernero) Al fine di raggiungere le conoscenze, le abilità e le competenze richieste,

Dettagli

ICF e INCLUSIONE. Heidrun Demo, PhD Libera Università di Bolzano. Erba 20 ottobre 2011

ICF e INCLUSIONE. Heidrun Demo, PhD Libera Università di Bolzano. Erba 20 ottobre 2011 ICF e INCLUSIONE Heidrun Demo, PhD Libera Università di Bolzano Erba 20 ottobre 2011 CHE COS E L INCLUSIONE? Quali alunni riguarda? Che interventi richiede? Che risorse chiede di attivare? E diversa dall

Dettagli

INDICE CARTA DEI SERVIZI. Pag. 2 PREMESSA. Pag. 2 BREVE PRESENTAZIONE DELLA COOPERATIVA. Pag. 2 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO. Pag. 3

INDICE CARTA DEI SERVIZI. Pag. 2 PREMESSA. Pag. 2 BREVE PRESENTAZIONE DELLA COOPERATIVA. Pag. 2 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO. Pag. 3 CARTA DEI SERVIZI RELATIVA A SERVIZIO DI ASSISTENZA EDUCATIVA PER GLI ALUNNI CON DISABILITA FREQUENTANTI SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIE, SECONDARIE DI PRIMO E SECONDO GRADO STATALI E PARITARIE MILANESI

Dettagli

Progetto Migrazione e Disagio Psichico

Progetto Migrazione e Disagio Psichico Progetto Migrazione e Disagio Psichico Milano, 6 marzo 2009 Maria Antonella Costantino Unità Operativa di Neuropsichiatria dell Infanzia e dell Adolescenza Dipartimento per la Salute della Donna, del Bambino

Dettagli

Corso nazionale per terapisti della riabilitazione in acqua e metodo I.Po.P.

Corso nazionale per terapisti della riabilitazione in acqua e metodo I.Po.P. Corso nazionale per terapisti della riabilitazione in acqua e metodo I.Po.P. Data di pubblicazione del bando: 26 giugno 2015 Articolo 1: Attivazione del corso l Istituto per la Ricerca, la Formazione e

Dettagli

Tutoring psicoeducativo: sostenere l apprendimento e l autoregolazione di ragazzi con Deficit d Attenzione e Iperattività (ADHD)

Tutoring psicoeducativo: sostenere l apprendimento e l autoregolazione di ragazzi con Deficit d Attenzione e Iperattività (ADHD) Tutoring psicoeducativo: sostenere l apprendimento e l autoregolazione di ragazzi con Deficit d Attenzione e Iperattività (ADHD) Direzione scientifica: Prof. Alessandro Antonietti, ordinario di Psicologia

Dettagli

npi.palazzolo@aochiari.it Azienda Ospedaliera Mellino Mellini Viale Mazzini,2 Chiari (BS)

npi.palazzolo@aochiari.it Azienda Ospedaliera Mellino Mellini Viale Mazzini,2 Chiari (BS) Curriculum vitae Informazioni personali Nome Antonella Santarelli Data di nascita 12/05/1967 Qualifica Psicologa/psicoterapeuta Amministrazione Azienda Ospedaliera Mellino Mellini di Chiari (BS) Incarico

Dettagli

NOI E L AUTISMO: La diagnosi clinica e funzionale

NOI E L AUTISMO: La diagnosi clinica e funzionale NOI E L AUTISMO: La diagnosi clinica e funzionale L autismo è una sindrome comportamentale, causata da un disordine dello sviluppo neurobiologico che colpisce la comunicazione e l interazione sociale,

Dettagli

Guida utilizzatore del SOFTWARE

Guida utilizzatore del SOFTWARE Guida utilizzatore del SOFTWARE Icfascuola.it v. 5.15 Copyright dott. Francesco Grasso, 2011 TUTTI I DIRITTI SONO RISERVATI I^ EDIZIONE - LUGLIO 2011 Ogni tipo di riproduzione, totale o parziale, di questo

Dettagli

Presentazione del C.PM

Presentazione del C.PM Presentazione del C.PM Il C.PM. è una organizzazione scientifica fondata a Brescia il giorno 11 Novembre 1986. E formato da ricercatori e professionisti (medici, psicologi, pedagogisti, psicomotricisti,

Dettagli

PERCORSO AUTISMO Ausl di Bologna Approvato dal CUFO Autismo il 15/6/2011

PERCORSO AUTISMO Ausl di Bologna Approvato dal CUFO Autismo il 15/6/2011 ALLEGATO 1 PERCORSO AUTISMO Ausl di Bologna Approvato dal CUFO Autismo il 15/6/2011 1. Il Gruppo di Lavoro Il gruppo CUFO Autismo che ha definito il Percorso Autismo è composto da: Angelo Fioritti (direttore

Dettagli

Document Name Your Company Name (C) Copyright (Print Date) All Rights Reserved

Document Name Your Company Name (C) Copyright (Print Date) All Rights Reserved Document Name Your Company Name (C) Copyright (Print Date) All Rights Reserved 1 L a proposta dei progetti di seguito illustrati, ai quali se ne possono aggiungere altri in base ai bisogni e alle esigenze

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA STATALE 3 CIRCOLO G. CAIATI

SCUOLA PRIMARIA STATALE 3 CIRCOLO G. CAIATI SCUOLA PRIMARIA STATALE 3 CIRCOLO G. CAIATI Analisi dei dati relativi al questionario di valutazione sulla qualità dell integrazione scolastica degli alunni con disabilità. Progetto ICF Dal modello ICF

Dettagli

L USO DELL I.C.F. PER L INTERVENTO SUI DISTURBI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO UNIVERSITARIO: ALCUNI CASE-REPORT 1

L USO DELL I.C.F. PER L INTERVENTO SUI DISTURBI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO UNIVERSITARIO: ALCUNI CASE-REPORT 1 L USO DELL I.C.F. PER L INTERVENTO SUI DISTURBI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO UNIVERSITARIO: ALCUNI CASE-REPORT 1 Sabrina Castellano, Egle Giardina, Stefania Scaffidi CInAP (Centro per l Integrazione Attiva

Dettagli

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI. Falliti Ilenia ISTRUZIONE PER IL CURRICULUM VITAE. Cognome e Nome. Residenza Telefono 329 3528925

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI. Falliti Ilenia ISTRUZIONE PER IL CURRICULUM VITAE. Cognome e Nome. Residenza Telefono 329 3528925 F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome Falliti Ilenia Residenza Telefono 329 3528925 E-mail Nazionalità ileniafalliti@libero.it Italiana Luogo e Data di nascita,

Dettagli

ANAGRAFICA DEL CORSO - A. Periodo di svolgimento: Data inizio Corso Gennaio/2015 Data fine Corso Dicembre/2015

ANAGRAFICA DEL CORSO - A. Periodo di svolgimento: Data inizio Corso Gennaio/2015 Data fine Corso Dicembre/2015 UNIVERTÀ DEGLI STUDI DI VERONA MASTER UNIVERTARIO IN LA VALUTAZIONE (PATIENT-ORIENTED) COME STRUMENTO DECIONALE IN NEUROLOGIA E NEUROCHIRURGIA (TUMORI, EPILESA, DISTURBI DEL MOVIMENTO) (I edizione) A.A.

Dettagli

Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità

Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità Corso di Alta Formazione Milano, Centro IRCCS S.Maria Nascente, via Capecelatro 66 Febbraio Aprile 2016 Obiettivi Il corso si

Dettagli

Corso di Counseling Motivazionale in ambito sanitario

Corso di Counseling Motivazionale in ambito sanitario Secondo dati dell Organizzazione Mondiale della Sanità con 9 milioni di decessi ogni anno, le malattie croniche sono la principale causa di morte tra la popolazione sotto i 60 anni di età e, più in generale,

Dettagli

PROGETTO CONOSCERE E CAPIRE PER GUSTARE 1. DATI DI SINTESI

PROGETTO CONOSCERE E CAPIRE PER GUSTARE 1. DATI DI SINTESI PROGETTO CONOSCERE E CAPIRE PER GUSTARE 1. DATI DI SINTESI Località d intervento: Varese Scuola Secondaria di I grado Mons. E. Manfredini Durata prevista: Giugno 2014Maggio 2015 Beneficiari diretti: 30

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL MASTER UNIVERSITARIO DI SECONDO LIVELLO IN DIAGNOSI E TRATTAMENTO DELLE DISABILITA DI APPRENDIMENTO IN ETA EVOLUTIVA

BANDO PER L AMMISSIONE AL MASTER UNIVERSITARIO DI SECONDO LIVELLO IN DIAGNOSI E TRATTAMENTO DELLE DISABILITA DI APPRENDIMENTO IN ETA EVOLUTIVA BANDO PER L AMMISSIONE AL MASTER UNIVERSITARIO DI SECONDO LIVELLO IN DIAGNOSI E TRATTAMENTO DELLE DISABILITA DI APPRENDIMENTO IN ETA EVOLUTIVA L Università degli Studi dell Insubria realizza un Master

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita Sartori Cecilia 29.10.1955 Indirizzo Via Bissolati 20 - Cremona Telefono 0372-405951 / 0372-405930 Fax 0372-405936 E-mail

Dettagli

Curriculum vitae e professionale

Curriculum vitae e professionale Curriculum vitae e professionale Carlo Pascoletti Dati personali Luogo di nascita: Gorizia Data di nascita: 08/03/1944 Residenza: Via Cragnutto,33, 33078- San Vito al Tagliamento (PN) Tel. 0434.81807 -

Dettagli

ORE VALUTAZIONE/TRATTAMENTO DSA: 16 CENTRO DI PSICOLOGIA RELAZIONALE (VIA LECCO 26, MOZZO, BG) ORE VALUTAZIONE/TRATTAMENTO DSA: 520

ORE VALUTAZIONE/TRATTAMENTO DSA: 16 CENTRO DI PSICOLOGIA RELAZIONALE (VIA LECCO 26, MOZZO, BG) ORE VALUTAZIONE/TRATTAMENTO DSA: 520 F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail PESENTI VERONICA Nazionalità Italiana Data di nascita 18/07/1987 ESPERIENZA LAVORATIVA Date (da 01/05/2014)

Dettagli

ICF ed INCLUSIONE PROF.SSA EMANUELA D AMBROS LICEO STATALE C. PORTA ERBA

ICF ed INCLUSIONE PROF.SSA EMANUELA D AMBROS LICEO STATALE C. PORTA ERBA ICF ed INCLUSIONE PROF.SSA EMANUELA D AMBROS LICEO STATALE C. PORTA ERBA La scuola oggi presenza sempre più diffusa di alunni con Bisogni Educativi Speciali. SEN SPECIAL EDUCATIONAL NEEDS Occorre ripensare

Dettagli

Gli alunni con Disturbi dello spettro autistico nella scuola primaria La formazione degli insegnanti modelli di intervento e strategie educative

Gli alunni con Disturbi dello spettro autistico nella scuola primaria La formazione degli insegnanti modelli di intervento e strategie educative Gli alunni con Disturbi dello spettro autistico nella scuola primaria La formazione degli insegnanti modelli di intervento e strategie educative Stefano Cainelli Laboratorio di Osservazione Diagnosi Formazione

Dettagli

A cura del Prof. Antonio Pignatto. ANTIFORMA S.r.l. Via M. Aurelio, 55 Milano Tel: 02 28.97.02.49 www.antiforma.it

A cura del Prof. Antonio Pignatto. ANTIFORMA S.r.l. Via M. Aurelio, 55 Milano Tel: 02 28.97.02.49 www.antiforma.it I BISOGNI DEL PAZIENTE AUDIOLESO, TRA SALUTE E DISABILITA A cura del Prof. Antonio Pignatto ANTIFORMA S.r.l. Via M. Aurelio, 55 Milano Tel: 02 28.97.02.49 www.antiforma.it ICF Un nuovo membro della famiglia

Dettagli

AUTISMO UNA DISABILITÀ GRAVE E PERMANENTE L AUTISMO È DIFFUSO? QUASI MEZZO MILIONE DI CASI IN ITALIA

AUTISMO UNA DISABILITÀ GRAVE E PERMANENTE L AUTISMO È DIFFUSO? QUASI MEZZO MILIONE DI CASI IN ITALIA AUTISMO Il termine autismo identifica una disabilità permanente complessa, di natura neurobiologica, che si manifesta ed è identificabile nella prima infanzia sulla base di difficoltà di comunicazione,

Dettagli

UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE

UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE DIPARTIMENTO DI PEDAGOGIA Paola Molteni Dottorato di Ricerca in Pedagogia (Education) Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Scienze della Formazione Largo Gemelli, 1 20123 Milano (ITALY) Tel:

Dettagli

PIANO DEGLI STUDI DEL CORSO DI LAUREA IN FISIOTERAPIA (abilitante alla professione sanitaria di Fisioterapista) A.A. 2008/09

PIANO DEGLI STUDI DEL CORSO DI LAUREA IN FISIOTERAPIA (abilitante alla professione sanitaria di Fisioterapista) A.A. 2008/09 PIANO DEGLI STUDI DEL CORSO DI LAUREA IN FISIOTERAPIA (abilitante alla professione sanitaria di Fisioterapista) A.A. 008/09 Corso Integrato I anno I semestre (9) C.I. Bioscienze (esame[]) BIO/ Biologia

Dettagli

FORMATO EUROPEO PER IL

FORMATO EUROPEO PER IL FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome ZECCARA ENRICA Indirizzo VIA CAIROLI 36 27029 VIGEVANO (PV) ITALIA Telefono 0381-71275 cell339 2932095 E-mail enricazeccara@liberoit

Dettagli

1a SETTIMANA 7 11 FEBBRAIO 2005

1a SETTIMANA 7 11 FEBBRAIO 2005 PRIMO CORSO F.I.S.E. IN RIABILITAZIONE EQUESTRE PROGRAMMA DETTAGLIATO: 1a SETTIMANA 7 11 FEBBRAIO 2005 LUNEDI 7 9.00-9.30 G. Piccolo: Presentazione del corso 9.30-10.15 C.R. Dott.ssa E.Rondi: Organizzazione

Dettagli

II CORSO DI LIVELLO PER ASSISTENTI ALLA COMUNICAZIONE DEI DISABILI VISIVI

II CORSO DI LIVELLO PER ASSISTENTI ALLA COMUNICAZIONE DEI DISABILI VISIVI TITOLO CORSO: II CORSO DI LIVELLO PER ASSISTENTI ALLA COMUNICAZIONE DEI DISABILI VISIVI AREA: DISABILI CODICE: D2 Obiettivi dettagliati che il percorso persegue Nell ambito del supporto istituzionale offerto

Dettagli

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI LA SALUTE PER TUTTI EFFICACIA Qualità dell assistenza (uso ottimale delle risorse) SERVIZI SANITARI (sistema sanitario, strutture, operatori) EQUITA Razionamento (uso appropriato delle risorse) RISORSE

Dettagli

Tutoring psicoeducativo: Sostenere l apprendimento e l autoregolazione di ragazzi con Deficit d Attenzione e Iperattività (ADHD)

Tutoring psicoeducativo: Sostenere l apprendimento e l autoregolazione di ragazzi con Deficit d Attenzione e Iperattività (ADHD) Tutoring psicoeducativo: Sostenere l apprendimento e l autoregolazione di ragazzi con Deficit d Attenzione e Iperattività (ADHD) Direzione scientifica: Prof. Alessandro Antonietti, ordinario di Psicologia

Dettagli