PROGETTO CINQUE PETALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTO CINQUE PETALI"

Transcript

1 PROGETTO CINQUE PETALI RESPONSABILE DIRETTORE DSMDP-UONPIA DR. GIULIANO LIMONTA Dott.ssa R. Baroni, Dott. L. Brambatti, Dr. M. Rossetti Piacenza, 1 ottobre 2014

2 I cinque petali Famiglia UONPIA - AUSL Scuola Tecnologia Fondazione Telecom Italia

3 Focus Comunicazione come funzione neuropsicologica Abilità di inviare a e ricevere intenzionalmente messaggi da altre persone decodificando i messaggi che gli altri ci inviano attraverso modalità linguistiche ed extralinguistiche. La comunicazione si dice tale quando è comprensibile a tutti, diretta verso qualcuno ed accettabile socialmente.

4 Focus Tablet come strumento facilitante una funzione comunicativa Check list ICF-CY Il sistema Multi-Touch permette di fare tutto con le dita La sintesi vocale può fornire voce a chi non ce l ha

5 Tablet è Flessibilità Adattabilità Accessibilità Praticabilità Economicità Replicabilità Diffusione Ecologicità/sostenibilità

6 Sistema curante Insieme di coloro che si prendono cura del soggetto rispetto alle proprie specifiche caratteristiche e competenze. Formando un network costruiscono l azione terapeutica avendo come obiettivo comune la qualità di vita.

7 Focus Il sistema curante È una nuova modalità di approccio e lavoro che diventa un vero e proprio setting di cura garantito tecnicamente Deriva da un forte cambiamento dei paradigmi culturali e scientifici sulle patologie ed il loro trattamento

8 Modello medico classico FAMIGLIA MEDICO TERAPISTA PAZIENTE SCUOLA

9 Sistema curante UONPIA SCUOLA FAMIGLIA

10 Sistema Curante Integrato UONPIA FAMIGLIE SCUOLA 75 operatori 100 famiglie 50 Istituti comprensivi Direttore Segreteria DSM 7 Neuropsichiatri 12 Psicologi 55 operatori ( Logop/FSK, Psicom/ EP) 20 operatori privato convenzionato Disturbi della spettro autistico : 18 Disturbi del linguaggio : 27 Disturbi neuromotori : 19 Deficit cognitivo: 33 5 classi scuola d infanzia 51 classi scuola primaria 27 classi scuola secondaria 1 g 15 classi scuola secondaria 2 g

11 Sistema curante: UONPIA 75 operatori UONPIA : - Direttore - Segreteria - 7 Neuropsichiatri inf Psicologi - 1 Pedagogista- Educatore Professionale - 55 Logopedisti, Fisioterapisti, Psicomotricisti, Educatori Prof operatori del privato convenzionato

12 Sistema curante: famiglie Dal mese di aprile le equipe multidisciplinari e multiprofessionali della UONPIA hanno presentato il progetto alle famiglie selezionate Con ogni singola famiglia, con minore in carico presso il servizio UONPIA, si è condiviso formalmente il progetto

13 Sistema curante: Scuola CTS Partner del Progetto Cinque Petali Ufficio Scolastico Regionale Ufficio Scolastico Provinciale 50 Istituti Comprensivi Da aprile a giugno coinvolgimento dei Dirigenti Scolastici e attivazione del CTS per la formazione coordinata con la UONPIA

14 Formazione: modulo uno Il primo modulo formativo, rivolto ai clinici, è stato realizzato dal Dipartimento di Informatica dell Università degli Studi di Milano con il preciso scopo di fornire conoscenze teoriche e spunti operativi sull utilizzo dei principali sistemi dei dispositivi mobili. Marzo e aprile 2014.

15 Formazione Tablet e sistemi operativi 27 marzo 2014 Sala Colonne Presidio Ospedaliero di Piacenza, via Taverna 49 Docente: Prof. Paolo Ceravolo Department of Computer Science - Università degli Studi di Milano ore Registrazione e accoglienza dei partecipanti ore I sistemi simbolici e l interazione umana - L evoluzione dei sistemi simbolici nella storia umana ore pausa ore Principi e sviluppi dell interazione uomo-macchina - Modelli di accettazione della tecnologia

16 Formazione Tablet e sistemi operativi 10 aprile 2014 Sala Colonne Presidio Ospedaliero di Piacenza, via Taverna 49 Docente: Prof. Paolo Ceravolo Department of Computer Science - Università degli Studi di Milano ore Registrazione e accoglienza dei partecipanti ore Strumenti cloud per la collaborazione intraprofessionale - L approccio cloud all organizzazione dei dati e dei servizi ore pausa ore Le applicazioni Google per gli ambienti Mobile - Esempi di interazione collaborativa ore Chiusura della giornata : compilazione dei questionari di valutazione dell apprendimento e di gradimento

17 Formazione: modulo due Il secondo modulo formativo è stato realizzato dall'irccs Besta di Milano con la precisa finalità di istruire gli operatori sul costrutto teorico della classificazione OMS: ICF-CY. Tramite la consulenza del formatore è stata avviata una selezione dei molti items della classificazione così da individuare le aree di interesse del progetto. Maggio settembre 2014

18 Formazione International Classification of Functioning, Disability and Health CY Martedì 20 maggio ICF-CY: Principi base e ambiti di applicazione Sala Riunioni di Via Antonio Anguissola, 15 Docente: dott Paolo Meucci - Ph.D, Pedagogista, Ricercatore, Fondazione Istituto Neurologico IRCCS Carlo Besta; Università Cattolica del Sacro Cuore. ore Registrazione e accoglienza dei partecipanti ore I principi base dell ICF-CY ore pausa ore Ambiti di applicazioni ore Chiusura della giornata

19 Formazione International Classification of Functioning, Disability and Health CY Martedì 23 settembre ICF-CY: Principi base e ambiti di applicazione Sala Riunioni di Via Antonio Anguissola, 15 Docente: dott Paolo Meucci - Ph.D, Pedagogista, Ricercatore, Fondazione Istituto Neurologico IRCCS Carlo Besta; Università Cattolica del Sacro Cuore. ore Registrazione e accoglienza dei partecipanti ore ICF-CY, Attività e Partecipazione - ICF CY comunicazione ore pausa ore una check list dedicata al Progetto cinque petali - workshop ore Chiusura della giornata

20 ICF definizione L ICF è una classificazione delle "componenti della salute e degli stati ad essa correlati". Nell ICF si identificano gli elementi costitutivi della salute. In tal senso l ICF non riguarda solo le persone con disabilità ma tutte le persone proprio perché fornisce informazioni che descrivono il funzionamento umano e le sue restrizioni.

21 ICF modello

22 ICF evoluzione L ICF utilizza una terminologia più neutrale in cui Funzioni e Strutture Corporee, Attività e Partecipazione vanno a sostituire i termini di menomazione, disabilità e handicap. International Classification of Impairments, Disabilities and Handicaps ( 1980) International Classification of Functioning, Disability and Health (2001) Children and Youth (2007)

23 CHECK LIST ICF-CY ad hoc Costruzione Scheda ICF elaborata dal gruppo di lavoro AUSL dedicato con la consulenza del dott. Meucci (IRCCS Besta) In elaborazione da parte della UOSIT-AUSL in formato elettronico.

24 Modulo tre: le app Formazione per UONPIA e per famiglie : OTTOBRE- NOVEMBRE 2014 I Servizi Specialistici di Bologna da un lato e la UONPIA di Cremona con la Fondazione Sospiro dall altro stanno portando alla definizione degli strumenti da proporre Formazione per insegnanti: NOVEMBRE-DICEMBRE 2014 Analogo percorso formativo riguarda le scuole: a tal fine ci siamo rivolti al CTS di Cadeo perché collabori pariteticamente alla UONPIA nella formazione degli insegnanti che si pongono, a fianco dei familiari, come figure determinanti per la riuscita del progetto.

25 Interfacce interne all Azienda Usl UO COMUNICAZIONE MARKETING UOSIT UO QUALITÀ E FORMAZIONE

26 Le fasi del progetto Selezione dei minori coinvolti Integrazione e definizione dei Progetti Educativi Individualizzati Acquisto e consegna dei Tablet Formazione degli operatori dell UONPIA e del privato convenzionato Formazione dei familiari Formazione degli insegnanti

27 Carta dei diritti alla comunicazione USA Ogni persona indipendentemente dal grado di disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare, mediante la comunicazione, le condizioni della sua vita.

28

29

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E DI INTEGRAZIONE DI ALUNNI DISABILI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E DI INTEGRAZIONE DI ALUNNI DISABILI Istituto Comprensivo A. Gramsci di Campalto PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E DI INTEGRAZIONE DI ALUNNI DISABILI Si tenga conto che il Protocollo è un documento che propone delle linee guida generali per gli

Dettagli

PROGETTO CINQUE PETALI

PROGETTO CINQUE PETALI IL CONTESTO DI RIFERIMENTO I disturbi evolutivi rappresentano patologie complesse la cui evoluzione dipende anche in maniera rilevante dal tipo di interventi abilitativi attivati nell infanzia e dalla

Dettagli

PROGETTO CINQUE PETALI

PROGETTO CINQUE PETALI Direzione Generale Dipartimento degli Staff Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Patologiche U.O. Qualità e Formazione IL CONTESTO DI RIFERIMENTO I disturbi evolutivi rappresentano patologie complesse

Dettagli

L APPLICAZIONE DELL ICF NEGLI STRUMENTI DI DOCUMENTAZIONE

L APPLICAZIONE DELL ICF NEGLI STRUMENTI DI DOCUMENTAZIONE ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITA International Classification of Functioning, Disability and Health L APPLICAZIONE DELL ICF NEGLI STRUMENTI DI DOCUMENTAZIONE Dott.ssa Monica Pradal Pedagogista,, IRCCS

Dettagli

I dispositivi normativi 1.

I dispositivi normativi 1. I dispositivi normativi 1. L 104/92 1. diagnosi funzionale (DF) 2. profilo dinamico funzionale (PDF) 3. piano educativo individualizzato (PEI) DF PDF PEI Le risorse umane l'insegnante di sostegno l assistente

Dettagli

IL PROGETTO PERSONALIZZATO PER IL BAMBINO CON DISABILITA ALLA LUCE DELLA CLASSIFICAZIONE ICF E ICF-CY. Matilde Leonardi*, Daniela Ajovalasit

IL PROGETTO PERSONALIZZATO PER IL BAMBINO CON DISABILITA ALLA LUCE DELLA CLASSIFICAZIONE ICF E ICF-CY. Matilde Leonardi*, Daniela Ajovalasit IL PROGETTO PERSONALIZZATO PER IL BAMBINO CON DISABILITA ALLA LUCE DELLA CLASSIFICAZIONE ICF E ICF-CY Matilde Leonardi*, Daniela Ajovalasit * Direttore SSD Neurologia, Salute Pubblica, Disabilità, Direzione

Dettagli

MOMENTI FORMATIVI 2015 organizzati dal CTS provinciale di Cremona GENNAIO 2015

MOMENTI FORMATIVI 2015 organizzati dal CTS provinciale di Cremona GENNAIO 2015 MOMENTI FORMATIVI 2015 organizzati dal CTS provinciale di Cremona GENNAIO 2015 Martedì 20 Gennaio LABORATORIO PRATICO e Approfondimento Interventi didattici Secondo Incontro formativo: interventi pedagogici

Dettagli

ICF CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE

ICF CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE ICF CLASSIFICAZIONE INTERNATIONAL CLASSIFICATION OF FUNCTIONING, DISABILITY AND HEALTH INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE COMMISSIONE DISAGIO E DISABILITÀ A. S. 2010- PREMESSA

Dettagli

MOMENTI FORMATIVI 2015 organizzati dal CTS provinciale di Cremona GENNAIO 2015

MOMENTI FORMATIVI 2015 organizzati dal CTS provinciale di Cremona GENNAIO 2015 MOMENTI FORMATIVI 2015 organizzati dal CTS provinciale di Cremona GENNAIO 2015 Martedì 20 Gennaio LABORATORIO PRATICO e Approfondimento Interventi didattici Secondo Incontro formativo: interventi pedagogici

Dettagli

Le indicazioni della regione Emilia Romagna per la certificazione della disabilità intellettiva in età evolutiva

Le indicazioni della regione Emilia Romagna per la certificazione della disabilità intellettiva in età evolutiva Le indicazioni della regione Emilia Romagna per la certificazione della disabilità intellettiva in età evolutiva Bologna 13 dicembre 2014 Definizione del concetto di disabilità cognitiva La normativa relativa

Dettagli

PROGETTO SPERIMENTALE Organizzazione operativa Centro Autismo Territoriale (CAT) ASL BR PREMESSA

PROGETTO SPERIMENTALE Organizzazione operativa Centro Autismo Territoriale (CAT) ASL BR PREMESSA PROGETTO SPERIMENTALE Organizzazione operativa Centro Autismo Territoriale (CAT) ASL BR PREMESSA I disturbi dello spettro autistico rappresentano un disordine neuropsicologico complesso biologicamente

Dettagli

CORSI 2015 organizzati dal CTS provinciale di Cremona GENNAIO 2015

CORSI 2015 organizzati dal CTS provinciale di Cremona GENNAIO 2015 CORSI 2015 organizzati dal CTS provinciale di Cremona GENNAIO 2015 Martedì 20 Gennaio - LABORATORIO PRATICO e Approfondimento Interventi didattici Secondo Incontro formativo: interventi pedagogici per

Dettagli

PREMESSA RISORSE PER L INTEGRAZIONE

PREMESSA RISORSE PER L INTEGRAZIONE PREMESSA Il presente protocollo vuole essere una traccia di lavoro nell ottica dell integrazione degli alunni diversamente abili, facendo riferimento alla documentazione e alla legislazione in vigore ma

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome/Cognome Formenti Marina Indirizzo 6, Via Vitale Sala, 23870, Cernusco Lombardone (LC), Italia Telefono 039-9906263

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Calendario CORSI a.s. 2013 2014 Organizzati da CTS Cremona in collaborazione con UST di Cremona Primo MODULO: ICF a scuola: formazione di base sullo strumento ICF. Periodo: Novembre 2013 dicembre 2013

Dettagli

L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEL SOGGETTO IN CONDIZIONE DI DISABILITA

L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEL SOGGETTO IN CONDIZIONE DI DISABILITA 11 febbraio 2008 L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEL SOGGETTO IN CONDIZIONE DI DISABILITA Dr. Gianni De Polo Neuropsichiatra Infantile Fisiatra I.R.C.C.S. E. Medea Associazione La Nostra Famiglia Conegliano

Dettagli

BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Istituto Comprensivo di Bagolino novembre 2014 Maria Rosa Raimondi Il percorso 1. Presupposti teorici e normativa di riferimento per l inclusione 2. Strategie e strumenti di

Dettagli

PROTOCOLLO DI INCLUSIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO DI INCLUSIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ISTITUTO COMPRENSIVO DI CASTELL ARQUATO PROTOCOLLO DI INCLUSIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI A.S. 2014-2015 PREMESSA Il Protocollo di integrazione scolastica è un documento che nasce dall esigenza di un

Dettagli

La prescrizione di ausili : momento terapeutico o momento burocratico?

La prescrizione di ausili : momento terapeutico o momento burocratico? Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Scienze della Formazione Milano Fondazione Don Carlo Gnocchi ONLUS Polo tecnologico Milano La prescrizione di ausili : momento terapeutico o momento burocratico?

Dettagli

Utilizzo della Classificazione ICF Esperienza della Regione Lazio

Utilizzo della Classificazione ICF Esperienza della Regione Lazio Utilizzo della Classificazione ICF Esperienza della Regione Lazio ICF, OUTCOME e RIABILITAZIONE Perugia, 24 giugno 2011 Gabriella Guasticchi - Rita De Giuli Perché l ICF nel Sistema Informativo per l Assistenza

Dettagli

LINEE GUIDA CASE MANAGEMENT NELL ETA EVOLUTIVA A VILLA DEI CEDRI - MERATE

LINEE GUIDA CASE MANAGEMENT NELL ETA EVOLUTIVA A VILLA DEI CEDRI - MERATE LINEE GUIDA CASE MANAGEMENT NELL ETA EVOLUTIVA A VILLA DEI CEDRI - MERATE Il Progetto Famiglie in crescita il Case management complessivo sulla persona prevede le seguenti azioni: Accoglienza e raccolta

Dettagli

ICF. Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute. Dott.ssa GABRIELLA COI

ICF. Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute. Dott.ssa GABRIELLA COI ICF Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute Dott.ssa GABRIELLA COI Il concetto di salute promosso dall OMS L Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) è l agenzia

Dettagli

1. Background. Introduzione

1. Background. Introduzione Introduzione 13 1. Background In questo volume viene presentata la versione breve 1 della Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute, nota come ICF. 2 Lo scopo generale

Dettagli

PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO (P.E.I.)

PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO (P.E.I.) INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITÀ ISTITUTO COMPRENSIVO DI ALBANELLA Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di 1 grado Via Roma Tel. e Fax 0828/781120 e-mail saic887003@istruzione.it

Dettagli

Centro Studi e Ricerche per le Neuroscienze dello Sviluppo Janice e Carl H. DELACATO

Centro Studi e Ricerche per le Neuroscienze dello Sviluppo Janice e Carl H. DELACATO PRESENTAZIONE Centro Studi e Ricerche per le Neuroscienze dello Sviluppo Il Centro Studi Delacato è dedicato al dott. Carl H. Delacato, psicologo e pedagogista americano di origini abruzzesi, conosciuto

Dettagli

Fondazione OPERA SANTA RITA PRATO. del. Centro Diurno di Riabilitazione Per Giovani Cerebrolesi Franco Primi

Fondazione OPERA SANTA RITA PRATO. del. Centro Diurno di Riabilitazione Per Giovani Cerebrolesi Franco Primi Fondazione OPERA SANTA RITA PRATO CARTA DEI SERVIZI del Centro Diurno di Riabilitazione Per Giovani Cerebrolesi Franco Primi Edizione - aprile 2002 1 LA FONDAZIONE OPERA SANTA RITA (Onlus) L attuale Fondazione

Dettagli

AUTISMO e ASD: epidemiologia in Emilia Romagna

AUTISMO e ASD: epidemiologia in Emilia Romagna DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE PROGRAMMA AUTISMO HUB E SPOKE DIRETTORE Dott.ssa Maria Linda Gallo Viale Umberto I, 50-42100 Reggio Emilia Tel. 0522/339038-339048 AUTISMO e ASD: epidemiologia in Emilia Romagna

Dettagli

Dr Matilde Leonardi Co-Chair WHO-ICF children group Coordinatore Scientifico Progetto ICF in Italia Responsabile Progetto Disabilità INN CB

Dr Matilde Leonardi Co-Chair WHO-ICF children group Coordinatore Scientifico Progetto ICF in Italia Responsabile Progetto Disabilità INN CB L ICF e la sua filosofia Bolzano 18 novembre 2004 Dr Matilde Leonardi Co-Chair WHO-ICF children group Coordinatore Scientifico Progetto ICF in Italia Responsabile Progetto Disabilità INN CB IRCCS Istituto

Dettagli

IL BAMBINO CON SINDROME DI DOWN:

IL BAMBINO CON SINDROME DI DOWN: ANFFAS ONLUS CAPIRSI DOWN DI CINISELLO BALSAMO Monza - O.N.L.U.S. Azienda Ospedaliera Ospedale civile di Vimercate Clinica Pediatrica Ospedale San Gerardo Monza INSIEME PER DIVENTARE GRANDI DGR 15301 Seminario

Dettagli

I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI POLITICHE SUI BES/SEN IN INGHILTERRA THE EDUCATION ACT, 1944 11 CATEGORIE DI DISABILITÀ WARNOCK REPORT, 1978 INTRODUCE IL TERMINE SPECIAL EDUCATIONAL NEEDS (SEN) ANNI 2000

Dettagli

sia a livello intraindividuale in età differenti che interindividuale anche considerando la stessa fascia di sviluppo.

sia a livello intraindividuale in età differenti che interindividuale anche considerando la stessa fascia di sviluppo. La scuola come risorsa nell integrazione scolastica degli autismi secondo il funzionamento nelle diverse età e dell ICF Francesca Maria Battaglia PhD, Neuropsicologa U.O. e Cattedra di Neuropsichiatria

Dettagli

Ministero della Salute. Piano di indirizzo per la Riabilitazione

Ministero della Salute. Piano di indirizzo per la Riabilitazione Ministero della Salute Piano di indirizzo per la Riabilitazione La riabilitazione è disciplina medica - scientificamente certa - socialmente congrua - economicamente sostenibile I numeri della riabilitazione

Dettagli

Aspetti normativi Roberto Leonetti, Responsabile dell Unità Funzionale di Salute Mentale Infanzia e Adolescenza, ASL 10 Firenze

Aspetti normativi Roberto Leonetti, Responsabile dell Unità Funzionale di Salute Mentale Infanzia e Adolescenza, ASL 10 Firenze Aspetti normativi Roberto Leonetti, Responsabile dell Unità Funzionale di Salute Mentale Infanzia e Adolescenza, ASL 10 Firenze FAMIGLIA/E contesti di vita scuola bambino e famiglia servizi sociali servizi

Dettagli

Autismo e scuola: modelli e percorsi di inclusione scolastica a favore di alunni con disturbo dello spettro autistico

Autismo e scuola: modelli e percorsi di inclusione scolastica a favore di alunni con disturbo dello spettro autistico COD. 3008 Autismo e scuola: modelli e percorsi di inclusione scolastica a favore di alunni con disturbo dello spettro autistico Dal 2007 la Provincia di Milano, in collaborazione con il Coordinamento Autismo,

Dettagli

ALUNNI CON BES! BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI! Indicazioni operative per promuovere l inclusione scolastica sulla base della normativa vigente

ALUNNI CON BES! BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI! Indicazioni operative per promuovere l inclusione scolastica sulla base della normativa vigente ALUNNI CON BES BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Indicazioni operative per promuovere l inclusione scolastica sulla base della normativa vigente Docente: Dott.ssa Cristina Elefante (insegnante, pedagogista) NUOVE

Dettagli

Dipartimento di Salute Mentale

Dipartimento di Salute Mentale Dipartimento di Salute Mentale UO DI PSICHIATRIA E NEUROPSICHIATRIA Direttore: Dr. Vincenzo Zindato UO DI PSICHIATRIA Il CPS è il Servizio che si occupa della prevenzione, della cura e della riabilitazione

Dettagli

L inclusione scolastica: percorso normativo e novità

L inclusione scolastica: percorso normativo e novità L inclusione scolastica: percorso normativo e novità a cura di Anna Lombardi exirre Lazio 1. Introduzione...2 2. Excursus storico della normativa in tema di integrazione dei disabili...4 3. Novità per

Dettagli

Centro accreditato di Riabilitazione

Centro accreditato di Riabilitazione Centro accreditato di Riabilitazione Carta dei Servizi Revisione 3 del 20.01.2015 INTRODUZIONE: La Carta dei Servizi vuole essere il documento che formalizza il contratto stipulato tra il nostro Centro

Dettagli

Resoconto della Giornata di Studio organizzata da AIRIPA sezione Lombardia

Resoconto della Giornata di Studio organizzata da AIRIPA sezione Lombardia Resoconto della Giornata di Studio organizzata da AIRIPA sezione Lombardia Venerdì 7 Ottobre 2011 a Milano, AIRIPA sezione Lombardia ha organizzato una giornata di studio sull applicazione della legge

Dettagli

LA TERAPIA NEUROPSICOMOTORIA NEI DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO SECONDO IL MODELLO OPeN

LA TERAPIA NEUROPSICOMOTORIA NEI DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO SECONDO IL MODELLO OPeN SEMINARIO ECM DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE INTRODUTTIVO A LA TERAPIA NEUROPSICOMOTORIA NEI DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO SECONDO IL MODELLO OPeN PRESENTAZIONE 18 novembre 2015 e 27 gennaio 2016 Firenze

Dettagli

E-LEARNING IN NEURORIABILITAZIONE Focus sul miglioramento della qualità della vita nelle persone anziane e disabili

E-LEARNING IN NEURORIABILITAZIONE Focus sul miglioramento della qualità della vita nelle persone anziane e disabili E-LEARNING IN NEURORIABILITAZIONE Focus sul miglioramento della qualità della vita nelle persone anziane e disabili Responsabile scientifico di progetto CARLO CALTAGIRONE Università di Roma Tor Vergata

Dettagli

ART. 1 OGGETTO ART. 2 FINALITA'

ART. 1 OGGETTO ART. 2 FINALITA' LINEE GUIDA DEI PERCORSI ASSISTENZIALI CHE FAVORISCANO L INTEGRAZIONE ED IL COORDINAMENTO DELLE FUNZIONI SOCIALI, SANITARIE ED EDUCATIVE NEL SETTORE DELLA DISABILITÀ ADULTA ART. 1 OGGETTO Con il presente

Dettagli

Definizione di SALUTE O.M.S.

Definizione di SALUTE O.M.S. Definizione di SALUTE O.M.S. Non solo assenza di malattia ma stato di completo benessere fisico, psicologico e sociale. Non basta quindi curare ma anche prevenire, informare, sensibilizzare, promuovere

Dettagli

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo NORD 2 - Brescia Via Costalunga, 15-25123 BRESCIA Cod. Min. BSIC88400D - Cod.Fisc. 80049710173 Tel.030307858-0308379448-9

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome BALLOCCHI LAURA Indirizzo Via Genova n 18-29122 PIACENZA, Italia Telefono +39 0523 756761 Mobile: 333 4144261

Dettagli

Struttura Semplice Dipartimentale di Neuropsichiatria Infantile 4

Struttura Semplice Dipartimentale di Neuropsichiatria Infantile 4 PROGETTO/EVENTO FORMATIVO AZIENDALE LE NUOVE FRONTIERE DEL TRATTAMENTO LOGOPEDICO IN ETÀ EVOLUTIVA: DALL APPROCCIO PREVERBALE ALLO SVILUPPO DELLE PRASSIE ORALI E VERBALI 1. INDICARE LA TIPOLOGIA DI CORSO

Dettagli

Dal profilo dell'alunno alla progettazione del contesto e delle. di qualità

Dal profilo dell'alunno alla progettazione del contesto e delle. di qualità Dal profilo dell'alunno alla progettazione del contesto e delle azioni per un'inclusione scolastica di qualità Chiara Carabelli I.C. S. Fedele Intelvi Carabelli Chiara 1 indice Dalla diagnosi al profilo

Dettagli

Piacenza 17 ottobre 2008 convegno AIRIPA

Piacenza 17 ottobre 2008 convegno AIRIPA Piacenza 17 ottobre 2008 convegno AIRIPA LA CLASSIFICAZIONE ICF CY PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITA, L ESPERIANZA DELL ACCORDO DI PROGRAMMA DELLA PROVINCIA DI TREVISO Gianni De

Dettagli

NEUROPSICOLOGIA DELL ETÀ EVOLUTIVA

NEUROPSICOLOGIA DELL ETÀ EVOLUTIVA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2012-2013 III Edizione NEUROPSICOLOGIA DELL ETÀ EVOLUTIVA Consorzio Universitario Humanitas in Convenzione con in Collaborazione Scientifica con Consorzio

Dettagli

CURRICULUM FORMATIVO PROFESSIONALE

CURRICULUM FORMATIVO PROFESSIONALE C.E.R.A.L. Studio di Consulenza Neuropsichiatrica Psicologica Logopedica Psicopedagogica per età evolutiva e adulta. Studio di formazione ed informazione per genitori, insegnanti, professionisti e aziende.

Dettagli

Progetto ICF: Oltre le barriere Il percorso comune: costruiamo la rete 2011-2012

Progetto ICF: Oltre le barriere Il percorso comune: costruiamo la rete 2011-2012 Progetto ICF: Oltre le barriere Il percorso comune: costruiamo la rete 2011-2012 L ICF come strumento per l inclusione scolastica degli studenti diversamente abili Incontro Finale Gruppo di Lavoro multidisciplinare

Dettagli

La formazione e l organizzazione del lavoro in rete e dei gruppi esperti: il Progetto Autismo Regione Liguria

La formazione e l organizzazione del lavoro in rete e dei gruppi esperti: il Progetto Autismo Regione Liguria La formazione e l organizzazione del lavoro in rete e dei gruppi esperti: il Progetto Autismo Regione Liguria E. Veneselli U.O. e Cattedra di Neuropsichiatria Infantile Istituto G. Gaslini Università di

Dettagli

ICF : approccio educativo. Elisabetta Ghedin Facoltà di Scienze della Formazione

ICF : approccio educativo. Elisabetta Ghedin Facoltà di Scienze della Formazione ICF : approccio educativo Elisabetta Ghedin Facoltà di Scienze della Formazione LINEE GUIDA PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITA L ICF sta penetrando nelle pratiche di diagnosi condotte

Dettagli

UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE GENERALE IN REGIME DIURNO CONTINUO PER ETA EVOLUTIVA

UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE GENERALE IN REGIME DIURNO CONTINUO PER ETA EVOLUTIVA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE GENERALE IN REGIME DIURNO CONTINUO PER ETA EVOLUTIVA DEFINIZIONE E UTENZA: L Unità Operativa di Riabilitazione Generale in Regime Diurno Continuo, accreditata presso il

Dettagli

CON IL PATROCINIO MORALE PROGETTO DI FORMAZIONE AUTISMO: CONOSCERE, INCONTRARE, COMUNICARE

CON IL PATROCINIO MORALE PROGETTO DI FORMAZIONE AUTISMO: CONOSCERE, INCONTRARE, COMUNICARE 1 Associazione Nazionale Aperta/MENTE IL MONDO INTERNO Onlus ASSOCIAZIONE ITALIANA MAESTRI CATTOLICI Provincia di Napoli Soggetto qualificato per la formazione dal M.I.U.R. con D.M. del 10 luglio 2000

Dettagli

Dipartimento di Salute Mentale

Dipartimento di Salute Mentale OSPEDALE 88 Dipartimento di Salute Mentale Direttore: Dr. Vincenzo Zindato UO PSICHIATRIA CENTRO PSICO SOCIALE (CPS) E AMBULATORI PERIFERICI Il CPS è il Servizio che si occupa della prevenzione, della

Dettagli

INFORMAZIONI www.kromata.it info@kromata.it 333 3995535 328 0008114

INFORMAZIONI www.kromata.it info@kromata.it 333 3995535 328 0008114 Centro Italiano di Formazione Psicopedagogica Brescia Istituto di Formazione riconosciuto da A.N.I.PED. Associazione Nazionale Italiana dei Pedagogisti (Associazione Nazionale Professionale Legalmente

Dettagli

GTTFPP66E28B157P. Azienda Ospedaliera Spedali Civili di Brescia

GTTFPP66E28B157P. Azienda Ospedaliera Spedali Civili di Brescia FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Filippo Gitti Indirizzo Via Boccacci 83 Brescia Telefono 0302090625 Fax 0303704436 E-mail filippo.gitti@spedalicivili.brescia.it Nazionalità

Dettagli

DEFINIZIONE DI MENOMAZIONE, DISABILITÀ E HANDICAP

DEFINIZIONE DI MENOMAZIONE, DISABILITÀ E HANDICAP DEFINIZIONE DI MENOMAZIONE, DISABILITÀ E HANDICAP E enorme la confusione nella terminologia relativa all handicap. Per questo negli ultimi 20 anni l OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) ha diffuso

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE A DISTANZA

PROGETTO DI FORMAZIONE A DISTANZA PROGETTO DI FORMAZIONE A DISTANZA E-learning in Neuroriabilitazione: focus sul miglioramento della qualità della vita nelle persone anziane e disabili Programma di sperimentazione finanziato dal Ministero

Dettagli

ATTIVITA DI FORMAZIONE IN TEMA DI INTEGRAZIONE ALUNNI DISABILI

ATTIVITA DI FORMAZIONE IN TEMA DI INTEGRAZIONE ALUNNI DISABILI A.S. 2010/2011 ATTIVITA DI FORMAZIONE IN TEMA DI INTEGRAZIONE ALUNNI DISABILI Modalità di svolgimento del corso 1 FASE 14 ORE 6 INCONTRI 1. Principi di integrazione: come essere nella relazione educativa

Dettagli

Pescara 3 dicembre 2011 Dott.ssa Monica Pradal - pedagogista

Pescara 3 dicembre 2011 Dott.ssa Monica Pradal - pedagogista GLI STRUMENTI PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA SECONDO L ICF ICF-CY CY Pescara 3 dicembre 2011 Dott.ssa Monica Pradal - pedagogista CONVENZIONE ONU Per i diritti delle persone con disabilità (dicembre 2006)

Dettagli

CURRICULUM VITAE. aurea in psicologia, indirizzo applicativo, votazione 110/110 e lode, La Sapienza, 1983;

CURRICULUM VITAE. aurea in psicologia, indirizzo applicativo, votazione 110/110 e lode, La Sapienza, 1983; ANTONELLA DI BERTO MANCINI DOTT.SSA PSICOLOGA PSICOTERAPEUTA brillaluna@libero.it CURRICULUM VITAE ATTIVITA PROFESSIONALE PSICOLOGA DIRIGENTE DI I LIVELLO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE AREA TUTELA SALUTE

Dettagli

CLASSIFICAZIONI E DIAGNOSI IN NEUROPSICHIATRIA INFANTILE

CLASSIFICAZIONI E DIAGNOSI IN NEUROPSICHIATRIA INFANTILE CLASSIFICAZIONI E DIAGNOSI IN NEUROPSICHIATRIA INFANTILE Dott.ssa Luisa Calliari Rovereto, 9 ottobre 2008 1 REGOLAMENTO PER FAVORIRE L INTEGRAZIONE E L INCLUSIONE DEGLI STUDENTI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

Dettagli

Centri regionali di riferimento

Centri regionali di riferimento Centri regionali di riferimento Emilia-Romagna BOLOGNA - AREA VASTA CENTRO - AUSL - in attesa di ricezione dati Centro Team HUB Disturbi dello Spettro Autismo Viale Pepoli 5-40100 Bologna Telefono: 051/6584164

Dettagli

Master di I livello in. Disturbi del linguaggio e della comunicazione da lesioni cerebrali: assesment e riabiltazione STATUTO

Master di I livello in. Disturbi del linguaggio e della comunicazione da lesioni cerebrali: assesment e riabiltazione STATUTO PROPOSTA DI ATTIVAZIONE Master di I livello in Disturbi del linguaggio e della comunicazione da lesioni cerebrali: assesment e riabiltazione Art. 1 Attivazione del Master STATUTO L Università degli Studi

Dettagli

Bisogni educativi speciale e disabilità

Bisogni educativi speciale e disabilità Bisogni educativi speciale e disabilità Il Bisogno Educativo Speciale è qualsiasi difficoltà evolutiva di funzionamento, permanente o transitoria, in ambito educativo e/o di apprendimento, dovuta all interazione

Dettagli

ANCHE IL LINFEDEMA SECONDARI O E MALATTIA DISABILITAN TE: UN INDICE DA PROPORRE ALL INPS

ANCHE IL LINFEDEMA SECONDARI O E MALATTIA DISABILITAN TE: UN INDICE DA PROPORRE ALL INPS ANCHE IL LINFEDEMA SECONDARI O E MALATTIA DISABILITAN TE: UN INDICE DA PROPORRE ALL INPS Dott. Maurizio Ricci U. O. Medicina Riabilitativa Azienda Ospedaliero- Universitaria Ospedali Riuniti di Ancona

Dettagli

LINEE GUIDA PER L INSERIMENTO DEGLI ALUNNI DISABILI

LINEE GUIDA PER L INSERIMENTO DEGLI ALUNNI DISABILI MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE PAOLO FRISI Via Giardino, 69 20077 Melegnano (MI) Scuole dell Infanzia

Dettagli

Gioco e giocattoli: criteri per valutare l idoneità del giocattolo per il bambino con disabilità

Gioco e giocattoli: criteri per valutare l idoneità del giocattolo per il bambino con disabilità Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Scienze della Formazione Milano Fondazione Don Carlo Gnocchi Polo Tecnologico Milano Corso di Perfezionamento Tecnologie per l autonomia e l integrazione

Dettagli

ALLEGATO 1J PROGRAMMA: EVENTO RESIDENZIALE

ALLEGATO 1J PROGRAMMA: EVENTO RESIDENZIALE ALLEGATO 1J PROGRAMMA: EVENTO RESIDENZIALE TITOLO EVENTO: Affettività e sessualità nelle persone con autismo e/o disabilità intellettiva - Cod. 2992 Tipologia formativa: Evento Residenziale Convegno ID

Dettagli

Premessa Protocollo di Accoglienza Protocollo di Accoglienza Protocollo di Accoglienza

Premessa Protocollo di Accoglienza Protocollo di Accoglienza Protocollo di Accoglienza Premessa Il Protocollo di accoglienza è un documento che nasce da un'esigenza d informazione relativamente all integrazione degli alunni disabili all interno del nostro Istituto Comprensivo. Esso viene

Dettagli

LINEE GUIDA PER L INCLUSIVITA

LINEE GUIDA PER L INCLUSIVITA ISTITUTO PROFESSIONALE SERVIZI PER L ENOGASTRONOMIA E L OSPITALITA ALBERGHIERA "ALDO MORO" S. P. 363 Vitigliano - S. Cesarea Terme - 73020 SANTA CESAREA TERME (LE) Tel. 0836/944131-944255 (Centralino)

Dettagli

L INTERVENTO PRECOCE COMPORTAMENTALE BASATO SULLE TECNICHE ABA PER BAMBINI CON AUTISMO E/O CON DISTURBO PERVASIVO DELLO SVILUPPO

L INTERVENTO PRECOCE COMPORTAMENTALE BASATO SULLE TECNICHE ABA PER BAMBINI CON AUTISMO E/O CON DISTURBO PERVASIVO DELLO SVILUPPO PAGINA 1 DI 5 Programma nazionale per la formazione continua degli operatori della Sanità CORSO DI ALTA FORMAZIONE TEORICO PRATICO L INTERVENTO PRECOCE COMPORTAMENTALE BASATO SULLE TECNICHE ABA PER BAMBINI

Dettagli

COMPETENZE DIGITALI. Le digital Competence Framework mi permettono di : Esplorare nuovi contesti tecnologici in modo flessibile.

COMPETENZE DIGITALI. Le digital Competence Framework mi permettono di : Esplorare nuovi contesti tecnologici in modo flessibile. COMPETENZE DIGITALI Competenze digitali o digital skills. Un approccio in 3D, un mutamento in corso. L immersività generata dagli ambienti multimediali ci sollecitano un esigenza nuova e educabile: sviluppare

Dettagli

UONPIA: NEUROPSICHIATRIA DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA

UONPIA: NEUROPSICHIATRIA DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA UONPIA: NEUROPSICHIATRIA DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA Istruzioni per l uso www.ao.lodi.it Attività Sanitaria L Unità Strutturale Complessa (USC) NeuroPsichiatria Infantile ( UONPIA ) è un servizio

Dettagli

CENTRO EDUCATIVO per MINORI REGINA ELENA Una carezza per Carla Via Torino n. 6 Cuorgnè

CENTRO EDUCATIVO per MINORI REGINA ELENA Una carezza per Carla Via Torino n. 6 Cuorgnè CENTRO EDUCATIVO per MINORI REGINA ELENA Una carezza per Carla Via Torino n. 6 Cuorgnè PREMESSA Il Centro nasce nel 2006, grazie al lavoro coordinato, iniziato nel 2004, tra l Associazione Onlus Una casa

Dettagli

Dott.ssa Licia Ponticello Neuropsichiatra Infantile Referente medico settore età evolutiva Centro di riabilitazione accreditato CMPH Roma

Dott.ssa Licia Ponticello Neuropsichiatra Infantile Referente medico settore età evolutiva Centro di riabilitazione accreditato CMPH Roma Dott.ssa Licia Ponticello Neuropsichiatra Infantile Referente medico settore età evolutiva Centro di riabilitazione accreditato CMPH Roma Il modello descritto nell ICF riflette i cambiamenti di prospettiva

Dettagli

Metodo SaM (Sense and Mind)

Metodo SaM (Sense and Mind) Corso Base Metodo SaM (Sense and Mind) Intervento riabilitativo dei disturbi delle abilità spaziali Direzione scientifica: prof. Alessandro Antonietti, ordinario di Psicologia cognitiva applicata presso

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Silvia Wesch Indirizzo Telefono 032452598 Fax 0324575770 E-mail segreteria@ciss-ossola.it Nazionalità Data

Dettagli

ISIS Città di Luino-Carlo Volontè LINEE GUIDA PER IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

ISIS Città di Luino-Carlo Volontè LINEE GUIDA PER IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ISIS Città di Luino-Carlo Volontè LINEE GUIDA PER IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PREMESSA Gli alunni in difficoltà costituiscono da sempre un problema educativo di grande

Dettagli

L alunno disabile chi è, com è, cosa fare DALLA PERDITA DELLA FUNZIONE ALL AUTONOMIA

L alunno disabile chi è, com è, cosa fare DALLA PERDITA DELLA FUNZIONE ALL AUTONOMIA L alunno disabile chi è, com è, cosa fare 21 novembre 2013 DALLA PERDITA DELLA FUNZIONE ALL AUTONOMIA FT Dott. Andrea Menon Ass. La Nostra Famiglia _ Padova Definizione di funzione: Soluzione operativa

Dettagli

DSA NORMATIVA DI RIFERIMENTO

DSA NORMATIVA DI RIFERIMENTO DSA NORMATIVA DI RIFERIMENTO Nota ministeriale n. 26 del 05 gennaio 2005 Atto di indirizzo e coordinamento relativo ai compiti delle UnitàSanitarie Locali in materia di alunni portatori di handicap Nota

Dettagli

ASSOCIAZIONE OASI MARIA SS. ONLUS IRCCS

ASSOCIAZIONE OASI MARIA SS. ONLUS IRCCS ASSOCIAZIONE OASI MARIA SS. ONLUS IRCCS Corso di formazione in house Disturbi dello spettro autistico: dalla diagnosi all intervento educativo ASSOCIAZIONE OASI MARIA SS. ONLUS D.P.R. 471 del 24-6-1974

Dettagli

PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO (P.E.I.)

PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO (P.E.I.) Integrazione Scolastica degli Alunni con Disabilità Istituzione Scolastica: PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO (P.E.I.) di ANNO SCOLASTICO: Data compilazione: L insegnante coordinatore di classe: L insegnante/i

Dettagli

Pescara 2 dicembre 2011 Dott.ssa Monica Pradal - pedagogista

Pescara 2 dicembre 2011 Dott.ssa Monica Pradal - pedagogista VERSO UNA SCUOLA INCLUSIVA DALL ICF AL PEI Pescara 2 dicembre 2011 Dott.ssa Monica Pradal - pedagogista CHE COS E L ICF? Un modello concettuale di approccio globale al funzionamento della persona, che

Dettagli

GRUPPO AUTISMO U.O. E CATTEDRA DI NEUROPSICHIATRIA INFANTILE UNIVERSITÀ DI GENOVA ISTITUTO G. GASLINI FORMAZIONE E DISTURBI DELLA COMUNICAZIONE

GRUPPO AUTISMO U.O. E CATTEDRA DI NEUROPSICHIATRIA INFANTILE UNIVERSITÀ DI GENOVA ISTITUTO G. GASLINI FORMAZIONE E DISTURBI DELLA COMUNICAZIONE U.O. E CATTEDRA DI NEUROPSICHIATRIA INFANTILE UNIVERSITÀ DI GENOVA ISTITUTO G. GASLINI GRUPPO AUTISMO E DISTURBI DELLA COMUNICAZIONE FORMAZIONE A D Operatori sanitari Università Servizi Territoriali Medicina

Dettagli

Relatore: Giuseppina D Intino Dirigente Medico Direzione Provinciale INPS Pescara. 68 CONGRESSO NAZIONALE 4-9 novembre 2013 Roma - Ergife Palace Hotel

Relatore: Giuseppina D Intino Dirigente Medico Direzione Provinciale INPS Pescara. 68 CONGRESSO NAZIONALE 4-9 novembre 2013 Roma - Ergife Palace Hotel La tecnologia nello studio medico del Medico di Famiglia: coniugare approccio olistico e high-tech La legge 104/92: diritti, integrazione sociale e assistenza della persona handicappata: dal sostegno socio-assistenziale

Dettagli

ALUNNI: - diversamente abili - con disturbi specifici di apprendimento

ALUNNI: - diversamente abili - con disturbi specifici di apprendimento ALUNNI: - diversamente abili - con disturbi specifici di apprendimento Corso di formazione docenti neo immessi Anno scolastico 2011/2012 Neri Patrizia _ Gallarate,, 16-05 05-2012 L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI

Dettagli

LA DIAGNOSI FUNZIONALE,IL PROFILO DINAMICO FUNZIONALE ED IL PIANO DIDATTICO. INDIVIDUALIZZATO : attualità e limiti

LA DIAGNOSI FUNZIONALE,IL PROFILO DINAMICO FUNZIONALE ED IL PIANO DIDATTICO. INDIVIDUALIZZATO : attualità e limiti LA DIAGNOSI FUNZIONALE,IL PROFILO DINAMICO FUNZIONALE ED IL PIANO DIDATTICO INDIVIDUALIZZATO : attualità e limiti PAROLE PER ORIENTARSI DEFICIT HANDICAP - DIVERSABILITA - DISABILITA Deficit : per indicare

Dettagli

ICF e INCLUSIONE. Heidrun Demo, PhD Libera Università di Bolzano. Erba 20 ottobre 2011

ICF e INCLUSIONE. Heidrun Demo, PhD Libera Università di Bolzano. Erba 20 ottobre 2011 ICF e INCLUSIONE Heidrun Demo, PhD Libera Università di Bolzano Erba 20 ottobre 2011 CHE COS E L INCLUSIONE? Quali alunni riguarda? Che interventi richiede? Che risorse chiede di attivare? E diversa dall

Dettagli

CURRICULUM VITAE DI SIMONE MINICHIELLO

CURRICULUM VITAE DI SIMONE MINICHIELLO CURRICULUM VITAE DI SIMONE MINICHIELLO DATI PERSONALI: NOME E COGNOME: Simone Minichiello LUOGO E DATA DI NASCITA: Portomaggiore, Ferrara, 13.10.1981 NAZIONALITA : Italiana INDIRIZZO: v. Piangipane, 21-44121

Dettagli

Lauree triennali delle professioni sanitarie. Terapista della neuro e psicomotricità della età evolutiva Educatore professionale Logopedista

Lauree triennali delle professioni sanitarie. Terapista della neuro e psicomotricità della età evolutiva Educatore professionale Logopedista Lauree triennali delle professioni sanitarie Terapista della neuro e psicomotricità della età evolutiva Educatore professionale Logopedista I.R.C.C.S. E. Medea: Polo di Eccellenza in Sanità Friendly Hospital

Dettagli

CORSO BASE I.C.F. 29 OTTOBRE 2008

CORSO BASE I.C.F. 29 OTTOBRE 2008 REGIONE VENETO LEGNAGO - DIP.TO DISTRETTO - UFFICIO FORMAZIONE e PIANI E PROGRAMMI CORSO BASE I.C.F. 29 OTTOBRE 2008 Premessa: Questo corso di formazione è composto di una giornata formativa ed è destinato

Dettagli

L impatto delle problematiche di accettazione dell ausilio nel percorso universitario dei corsi per TO: l esperienza di Conegliano

L impatto delle problematiche di accettazione dell ausilio nel percorso universitario dei corsi per TO: l esperienza di Conegliano L impatto delle problematiche di accettazione dell ausilio nel percorso universitario dei corsi per TO: l esperienza di Conegliano Dott. Riccardo Verza Dott. Paolo Boscarato Corso di Laurea in Terapia

Dettagli

ABSTRACT PROGETTO CLASSE APERTA PER UNA SCUOLA SOCIALE

ABSTRACT PROGETTO CLASSE APERTA PER UNA SCUOLA SOCIALE ABSTRACT PROGETTO CLASSE APERTA PER UNA SCUOLA SOCIALE Descrizione dell iniziativa/progetto ed ambiti operativi di intervento L idea Nel nostro paese la partecipazione alla vita scolastica e sociale in

Dettagli

TRA. I SINDACI DEI COMUNI DELL AMBITO TERRITORIALE DI MARIANO COMENSE: Arosio Cabiate Carugo Inverigo Lurago d Erba Mariano Comense

TRA. I SINDACI DEI COMUNI DELL AMBITO TERRITORIALE DI MARIANO COMENSE: Arosio Cabiate Carugo Inverigo Lurago d Erba Mariano Comense PROTOCOLLO DI INTESA PER L INCLUSIONE SCOLASTICA DI ALUNNE E ALUNNI DISABILI TRA I SINDACI DEI COMUNI DELL AMBITO TERRITORIALE DI MARIANO COMENSE: Arosio Cabiate Carugo Inverigo Lurago d Erba Mariano Comense

Dettagli

ICF per gli adulti e ICF CY per minori

ICF per gli adulti e ICF CY per minori ICF per gli adulti e ICF CY per minori La Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute (ICF, dall'inglese International Classification of Functioning, Disability and

Dettagli

Centro Territoriale per l Inclusione di Belluno

Centro Territoriale per l Inclusione di Belluno ISTITUTO COMPRENSIVO N.3 BELLUNO Via Mezzaterra, 45 32100 Belluno Tel. 0437 913406 Fax 0437 913408 Centro Territoriale per l Inclusione di Belluno Attività previste - A.S. 2013/14 1 INCONTRI DEL GLIIS

Dettagli

NUOVAMENTE -CENTRO DIAGNOSTICO E RIABILITATIVO- WORKSHOPS DI APPROFONDIMENTO PER INSEGNANTI, EDUCATORI E TECNICI DELL APPRENDIMENTO.

NUOVAMENTE -CENTRO DIAGNOSTICO E RIABILITATIVO- WORKSHOPS DI APPROFONDIMENTO PER INSEGNANTI, EDUCATORI E TECNICI DELL APPRENDIMENTO. NUOVAMENTE -CENTRO DIAGNOSTICO E RIABILITATIVO- WORKSHOPS DI APPROFONDIMENTO PER INSEGNANTI, EDUCATORI E TECNICI DELL APPRENDIMENTO Indice 1. Nuovamente 2. La formazione di Nuovamente 3. Che formazione

Dettagli