COMUNE DI TARANTO PROVINCIA DI TARANTO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI TARANTO PROVINCIA DI TARANTO"

Transcript

1 COMUNE DI TARANTO PROVINCIA DI TARANTO Materiali Raccolta Differenziata di Taranto Progetto definitivo Responsabile del Procedimento Dott. Alessandro De Roma Ufficio di progettazione Ing. Fausta Musci Ing. Fabio Paccapelo TITOLO DATA SCALA ELABORATO Relazione tecnica impianto trattamento rifiuti 12/2014 R.2.1 AGGIORNAMENTO DATA DESCRIZIONE REV.1 Febbr Riscontro rapporto di verifica Ai termini di legge, ci riserviamo la proprietà di questo documento con divieto di riprodurlo o di renderlo comunque noto a terzi senza la nostra autorizzazione

2 INDICE 1. SISTEMAZIONE GENERALE DELL AREA E DESTINAZIONE D USO DELLE DIVERSE SUPERFICI 2 2. IMPIANTI ED ATTREZZATURE PER LA GESTIONE RIFIUTI LINEA DI SELEZIONE E PRESSATURA DI PROGETTO INTERVENTO DI REVAMPING DELLA LINEA SELEZIONE ESISTENTE Tramoggia di carico Nastro di alimentazione separatore balistico Separatore balistico Nastri trasportatori automatizzati Sistema di controllo PLC Modifiche cabina 13 INDICE TABELLE Tabella 1 Nastro di carico separatore balistico Tabella 2 Nastro di raccolta sopravaglio Tabella 3 Nastro di raccolta Fine Tabella 4 Nastro di trasporto Fine Tabella 5 Nastro di scarico Fine Tabella 6 Nastro di raccolta 2D Tabella 7 Nastro di cernita 2D Tabella 8 Nastro di raccolta 3D Tabella 9 Nastro acceleratore separatore ottico 3D Tabella 10 Nastro di cernita Positivo 3D Tabella 11 Nastro di raccolta negativo 3D Tabella 12 Nastro di raccolta scarto sotto cabina Tabella 13 Nastro di raccolta scarto linea selezione INDICE FIGURE Figura 1 Diagramma di flusso di massima... 6 Figura 2 Ampliamento schematico previsto per l installazione dei nuovi nastri Figura 3 Ampliamento schematico previsto per lo spostamento del separatore magnetico R.2.1 Relazione tecnica impiantto trattamento rifiuti 1/15

3 1. SISTEMAZIONE GENERALE DELL AREA E DESTINAZIONE D USO DELLE DIVERSE SUPERFICI Le opere in progetto previste sono finalizzate ad ampliare l attività di lavorazione di rifiuti non pericolosi comprendente l effettuazione in loco del recupero di scarti cellulosici (carta e cartone) e contestuale produzione di Materie Prime Secondarie (MPS). Ciò premesso, si rappresenta che lo stato di progetto previsto dal seguente stralcio funzionale della prima fase prevede la realizzazione di quanto di seguito riportato: Potenziamento ed ammodernamento della linea di selezione di rifiuti secchi recuperabili (carta, cartone, multi materiale plastica + barattolame in acciaio ed alluminio) costituito da inserimento di separatore balistico, adeguamento della linea di selezione esistente, realizzazione nuova linea parallela per selezione multi materiale. Realizzazione di impianto di ventilazione forzata all interno del capannone ospitante la linea di selezione ed asservito filtro a maniche ex art.269 del D.Lgs. n.152/2006 e ss.mm.ii.; Ampliamento di piazzale esistenti e rifacimento viabilità interna di manovra al fine di ampliare la capacità produttiva dell opificio esistente con realizzazioni di tettoia di ampliamento all esistente; Adeguamento della rete di raccolta e trattamento acque meteoriche alle disposizioni del Regolamento Regionale n.26/2013 mediante la realizzazione di n.2 impianti di trattamento ed altrettante trincee drenanti a servizio di dette unità; In sostanza, le opere in progetto sono costituite dall ampliamento di una tettoia metallica esistente e dall ampliamento delle superfici scoperte pavimentate destinate allo svolgimento di attività di stoccaggio, cernita e trattamento preliminare di rifiuti. Si riscontra che la consistenza del carico urbanistico espresso in termini di volume edificato e superficie coperta è largamente verificata rispetto alle previsioni di cui all art.28 delle N.T.A. B.1.11 Zona per attrezzature d interesse collettivo. Attrezzature tecnologiche in quanto sono disponibili aliquote residue non sfruttate superiori al 50,00% di quelle massime possibili. R.2.1 Relazione tecnica impiantto trattamento rifiuti 2/15

4 2. IMPIANTI ED ATTREZZATURE PER LA GESTIONE RIFIUTI Data la necessità di ampliare l attività di gestione e trattamento rifiuti con particolare riferimento alla carta, cartone e multi materiale (plastica + barattolame in alluminio ed acciaio) è previsto il potenziamento della linea fissa di cernita e pressatura dei rifiuti non pericolosi recuperabili presente all interno del capannone. I codici delle apparecchiature si riferiscono ai codici utilizzati nell elaborato grafico T LINEA DI SELEZIONE E PRESSATURA DI PROGETTO La raccolta degli imballaggi spesso produce una massa eterogenea di rifiuti nella quale sono presenti materiali recuperabili e non recuperabili che necessitano di essere rimossi dalla massa complessivamente conferita. La definizione delle migliori tecnologie disponibili per l impianto in oggetto sono state ricavate dalle Linee guida per l applicazione della Direttiva Europea IPPC 96/61/CE per Categoria IPPC 5 - Gestione dei rifiuti (Linee guida per l individuazione e l utilizzazione delle migliori tecniche disponibili per gli impianti di selezione, produzione di CDR e trattamento di apparecchiature elettriche ed elettroniche dismesse). Nel Par. G.2.1 della Tabella 23 e 24 della predetta linea giuda sono riportate le specifiche tecniche cui conformarsi nella realizzazione/conduzione dell impianto nel quale si effettua il trattamento per la selezione di qualità diverse di carta e cartone e frazione merceologica similare ed il trattamento di selezione della raccolta multi materiale (plastica + barattolame in alluminio ed acciaio). Si rappresenta che la frazione multi materiale in arrivo dalla raccolta domiciliare e stradale sarà composta da plastica + barattolame in alluminio ed acciaio. Trattasi del cd. multi materiale leggero che, differentemente dal cd. multi materiale pesante, non prevede la raccolta congiunta del vetro unitamente alle altre frazioni. Ciò premesso, la linea di trattamento di rifiuti secchi recuperabili che si prevede di istallare, comprendente anche gli impianti esistenti che costituiranno parte integrante del nuovo ciclo di lavorazione, all interno del capannone sulla scorta di quanto previsto nel Par. G.2.1 della Tabella 23 e 24 indicata nella Linee guida per l applicazione della Direttiva Europea IPPC 96/61/CE per Categoria IPPC 5 - Gestione dei rifiuti (Linee guida per l individuazione e l utilizzazione delle migliori tecniche disponibili per gli impianti di selezione, produzione di CDR e trattamento di apparecchiature elettriche ed elettroniche dismesse) è la seguente (in grassetto per la parti di nuova istallazione): Area di consegna/scarico rifiuti dalla raccolta cittadina e stoccaggio dei rifiuti al coperto su pavimento ed in box dedicati (carta, cartone e frazione merceologica similare e frazione multimateriale (plastica + barattolame in alluminio ed acciaio); R.2.1 Relazione tecnica impiantto trattamento rifiuti 3/15

5 Tramoggia e nastro di carico alimentata da operatore con pala meccanica; Separatore delle frazioni componente la massa di rifiuti da selezione mediante separatore balistico; i materiali giacenti sul nastro e distribuiti in maniera uniforme e mono-strato passano sotto una cappa aspirante che li estrae dal flusso degli altri rifiuti e li convoglia a un ciclone dove si separano dall aria e cadono in una tramoggia dove sono raccolti e inviati alla pressa: o o Flusso 2D (oggetti planari costituiti da carta, cartone, tessuti, film, materiali tessili e fibrosi): Selezione finalizzata ad eliminare i materiali estranei al flusso selezionato mediante separatore ottico NIR, da installare in un secondo momento. Lo scarico di questo nastro sarà costituito da scarti di selezione che, a seconda delle caratteristiche, possono essere valorizzati energeticamente o smaltiti in impianti autorizzati come per legge. Con il seguente progetto il flusso 2D converge direttamente verso la cernita manuale; Flusso 3D (oggetti non planari costituiti da lattine, bottiglie plastica, pietre, metalli, oggetti di rilevanti dimensioni): Selezione finalizzata ad eliminare i materiali estranei al flusso selezionato mediante separatore ottico NIR, da installare in un secondo momento (i nastri sono già predisposti). Lo scarico di questo nastro sarà costituito da scarti di selezione che, a seconda delle caratteristiche, possono essere valorizzati energeticamente o smaltiti in impianti autorizzati come per legge. Con il seguente progetto il flusso 3D converge direttamente verso la cernita manuale; o Sottovaglio. Trattasi di materiali di pezzatura inferiore a quella delle maglie del griglie mobili del piano di lavoro che si accumulano al fondo del vaglio balistico e che, a seconda delle caratteristiche, possono essere valorizzati energeticamente o smaltiti in impianti autorizzati come per legge; o Ingombranti. Oggetti non planari di rilevanti dimensioni che si accumulano nella camera di separazione e, poiché non separabili mediante la tecnica sfruttata nel vaglio balistico devono essere periodicamente rimossi e che, a seconda delle caratteristiche, possono essere valorizzati energeticamente o smaltiti in impianti autorizzati come per legge. Cernita di finitura manuale. La cernita di finitura manuale avverrà nella cabina esistente dotata di n.8 postazioni poste su due file parallele a margine di un nastro su cui scorre il materiale di tipo 2D o 3D. Le predette postazioni sono destinate alla presenza di altrettanti operatori che rimuovono dalla massa presente sul nastro le eventuali impurezze che dovessero esser sfuggite ai processi di selezione meccanici. In questa fase si effettua il controllo di qualità manuale finalizzato a verificare i requisiti di qualità richiesti dal soggetto acquirente per un determinato flusso lavorato; R.2.1 Relazione tecnica impiantto trattamento rifiuti 4/15

6 Seperazione di metalli ferrosi. Magnete overbelt per separazione dei metalli ferrosi (barattolame in acciaio, elementi metallici in ferro ed acciaio) presenti sul nastro in uscita dalla fase di cernita manuale; Separazione di metalli non ferrosi. Dispositivo a correnti indotte per la separazione dei metalli non ferrosi (barattolame in alluminio, leghe di non metalli diamagnetiche, ecc..) presenti sul nastro in uscita dalla fase di cernita manuale; Alimentazione meccanica della pressa. Nastro trasportatore di convogliamento della massa selezionata in uscita dalle fasi di lavoro precedenti all interno della pressa stazionaria di lunghezza 32,00m e larghezza 1,50m mossa da un motoriduttore di potenza pari a 5 kwh circa. Pressatura materiale e legatura materiale. Pressa stazionaria dotata di gruppo di spinta con pressione di 16,00kg/cm 2 e densità del materiale imballato da 0,7 0,8 t/m 3 produzione oraria di t/ora con collegata legatrice per la formazione di balle da 1,1 x 0,8 m dotata di pressa filo elettromeccanica a 5 aghi e legatore mobile oleodinamico a 5 fili. Stoccaggio separato delle varie qualità di carta, cartone, plastica, metalli ferrosi e non ferrosi. Lo stoccaggio delle materie prime secondarie (carta e cartone) e dei rifiuti in uscita confezionate in balle avverrà all interno dell opificio in spazi definiti ed opportunamente delimitati al fine di agevolare la movimentazione interna e l alienazione degli stessi verso gli impianti di destinazione finale INTERVENTO DI REVAMPING DELLA LINEA SELEZIONE ESISTENTE Atteso il forte incremento della raccolta differenziata, al fine di agevolare il compito degli operatori impegnati nell attività di selezione ed aumentare la produttività della linea esistente, si prevede di installare nuove componenti impiantistiche che permettano un funzionamento potenziato. Dopo lo stoccaggio, il rifiuto viene avviato al trattamento tramite il caricamento dello stesso sul nastro di alimentazione a catena (1010) e viene successivamente convogliato al separatore balistico bi-stadio (1100) immediatamente a valle. Il separatore balistico permette di separare, da un flusso continuo di rifiuti solidi, diverse frazioni di diverse caratteristiche fisiche: a) materiale ingombrante > 250mm inviato alla linea di cernita esistente (nastri ) tramite il nuovo nastro 1110; b) materiale fine < 45 mm raccolto dai nastri 1210,1220,1230 ed inviato al container di scarto dell impianto; c) materiale 2D a cernita manuale (nastri 2010 e 2020); R.2.1 Relazione tecnica impiantto trattamento rifiuti 5/15

7 d) materiale 3D a cernita manuale (3020 e 3040). I vagli balistici vengono inseriti a monte di impianti di cernita di finitura manuale e consentono di effettuare la separazione dei materiali in ingresso sfruttando le diverse proprietà fisiche da essi posseduti. Il vaglio balistico ha la funzione di separare il flusso di alimentazione in tre correnti sulla base del principio tecnologico secondo il quale la separazione delle singole parti immesse in una corrente di caduta avviene in base alle differenti curve di volo. Il materiale selezionato a seguito della cernita manuale in cabina viene stoccato in quattro scomparti specifici: 3 bunker esistenti (5120, 5130, 5140) e in uno nuovo da aggiungere (5110). Figura 1 Diagramma di flusso di massima Il materiale non selezionato manualmente segue la linea esistente, completa di separatore magnetico (5030) e separatore di alluminio (5040), per essere infine raccolto dal nastro reversibile (5050). Quest ultimo, è il nastro di raccolta di fine linea che può caricare la pressa imballatrice, già esistente, o il container di scarto finale. L impianto è stato dimensionato per trattare una quantità di rifiuti in ingresso pari a 6 t/h, proprio per sopperire all aumento della raccolta differenziata nel comune di Taranto. Vengono di seguito dettagliati tecnicamente gli interventi di revamping, esplicitando le caratteristiche delle opere impiantistiche di progetto. R.2.1 Relazione tecnica impiantto trattamento rifiuti 6/15

8 Tramoggia di carico La tramoggia prevista dal seguente progetto è un contenitore a forma di tronco piramidale capovolto, utilizzato per raccogliere il materiale in ingresso proveniente dall alto, per poi scaricarlo verso il basso sul nastro a catena. La tramoggia è il primo elemento funzionale dell impianto, posto a monte di tutto con una capacità di carico pari a 20 m 3. È realizzata in acciaio resistente agli attacchi esterni ed è dotata di idonea struttura di sostegno Nastro di alimentazione separatore balistico Il nastro scelto è un nastro trasportatore a catena realizzato in acciaio profilato, avvitato o saldato. La catena è a due tronchi di 125 mm, con una divisione di 63 mm. Il tappeto in gomma, con una larghezza utile di 1.65 m, è avvitato su un profilo a C in acciaio che è a sua volta fissato ad ogni secondo anello della catena. I profili a C sono, inoltre, avvitati su rotaie guida realizzate in St 52. Dal lato superiore della cinghia, a distanza di un metro, sono fissati dei profili angolari a L in acciaio per facilitare il trascinamento del materiale Separatore balistico Il separatore balistico bistadio è un macchinario per la separazione di un flusso di materiale in più parti che permette, quindi, la cernita del materiale secondo il peso, la dimensione, la densità e la forma. La macchina consiste in un set di griglie mobili che compiono delle rotazioni controllate in modo alterno attorno ad un asse comune. L angolo di inclinazione del piano di lavoro può essere variato manualmente. Grazie a questa sistema è possibile regolare l inclinazione in funzione del R.2.1 Relazione tecnica impiantto trattamento rifiuti 7/15

9 materiale trattato. Ad una maggiore inclinazione otterremo una frazione rotolante con più materiale e una frazione leggera più pulita e viceversa. I rifiuti da selezionare cadono su un fondo inclinato e rotante che, tramite il movimento rotatorio delle singole componenti, subiscono un impulso che a sua volta genera un movimento di volo differente a seconda delle caratteristiche fisiche delle diverse componenti che formano la massa in ingresso. Le frazioni leggere, piatte e sottili e per questo dette 2D quali carta, cartone di medie dimensioni, film in plastica, tessuti e così via vengono lanciate verso l alto lungo traiettorie piatte e basse e trasportate dal movimento rotatorio della base verso l alto della macchina ovvero nella tramoggia superiore che raccoglie tutta la frazione leggera. Le frazioni pesanti, cubico solido e per questo dette 3D quali barattoli, oggetti di plastica ingombrante, ecc.., vengono lanciate verso l alto dal movimento del fondo e portate dalla posizione inclinata dello stesso in una posizione di volo diretta verso il basso della macchina dove è posizionata la tramoggia di scarico che raccoglie tutta la frazione pesante. Questo processo di vagliatura genera pertanto tre frazioni: la frazione vagliata (che attraverso le griglie mobili che compongono il fondo inclinato mobile si accula al fondo della macchina), la frazione leggera e la frazione pesante che vengono poi convogliate alle successive fasi del processo di selezione ed il materiale ingombrante che viene allontanato manualmente. R.2.1 Relazione tecnica impiantto trattamento rifiuti 8/15

10 Nastri trasportatori automatizzati I collegamenti necessari al funzionamento dell intero pianto, tra le nuove macchine e quelle esistenti, sono possibili grazie ad una serie di nuovi nastri automatizzati che garantiscono la selezione dei materiali in ingresso, così come prevede il progetto. In questo caso, a differenza del nastro a catena, il tappeto scorre sulla base piana della struttura del nastro realizzata in tubi di acciaio elettrosaldati, e la sua movimentazione è garantita da un motore SEW con motoriduttore a coppia conica. I tamburi di traino e di rinvio hanno un diametro di 220 mm e sono bombati per ottenere un buon trascinamento del tappeto e mantenerne la centratura. Il supporto del tamburo è abbondantemente dimensionato con una flangia di 60 mm. Il nastro è dotato di raschiatori sia sulla parte interna che su quella esterna del tappeto. La guarnizione di contenimento laterale del tappeto può essere realizzata alternativamente con guarnizione a labbro o con tenuta a labirinto senza contatto. Vengono di seguito riportati i dati principali e i dati elettrici di ciascun nastro di progetto. Tabella 1 Nastro di carico separatore balistico 1020 Tabella 2 Nastro di raccolta sopravaglio 1110 R.2.1 Relazione tecnica impiantto trattamento rifiuti 9/15

11 Tabella 3 Nastro di raccolta Fine 1210 Tabella 4 Nastro di trasporto Fine 1220 Tabella 5 Nastro di scarico Fine 1030 Tabella 6 Nastro di raccolta 2D 2010 R.2.1 Relazione tecnica impiantto trattamento rifiuti 10/15

12 Tabella 7 Nastro di cernita 2D 2020 Tabella 8 Nastro di raccolta 3D 3010 Tabella 9 Nastro acceleratore separatore ottico 3D 3020 Tabella 10 Nastro di cernita Positivo 3D 3040 R.2.1 Relazione tecnica impiantto trattamento rifiuti 11/15

13 Tabella 11 Nastro di raccolta negativo 3D 3050 Tabella 12 Nastro di raccolta scarto sotto cabina 4010 Tabella 13 Nastro di raccolta scarto linea selezione Sistema di controllo PLC La gestione dell impianto è prevista con un quadro elettrico generale da cui sarà possibile guidare l avviamento delle macchine e controllare il corretto funzionamento dell intero ciclo. Il PLC (Programmable Logic Controller) è l elemento base del sistema di controllo dei macchinari e dell intero processo di selezione. Il PLC esegue un programma ed elabora i segnali digitali ed analogici provenienti dai sensori e diretti agli attuatori presenti nell impianto. Il sistema di controllo adottato nel nuovo impianto sarà programmato dalla ditta fornitrice dei macchinari, in modo tale da adeguarlo alle specifiche tecniche, ma con il fine di garantire il processo di selezione, così così come previsto dal progetto. Un PLC è composto da un alimentatore, dalla CPU che in certi casi può avere interna o esterna una memoria di tipo RAM, ROM, EPROM o EEPROM, da un certo numero di schede di R.2.1 Relazione tecnica impiantto trattamento rifiuti 12/15

14 ingressi digitali e uscite digitali, e nel caso in cui sia necessario gestire grandezze analogiche, il PLC può ospitare delle schede di ingresso o di uscita sia analogiche che digitali. Il modulo più importante è certamente la CPU (Central Processing Unit), in cui avvengono le elaborazioni matematiche alla basse della gestione del sistema PLC. È una scheda complessa basata su una logica programmabile con funzionalità base di memorizzazione e accesso ad I/O e con una zona di memoria a disposizione del programma dell utente. Il sistema di controllo PLC previsto per il seguente impianto di selezione garantisce la possibilità di: gestire manualmente ogni utenza oppure avviare automaticamente l intera linea; impostare e salvare fino a 10 differenti configurazioni di funzionamento della linea (cicli di lavoro); controllare lo stato di ogni singola utenza; identificare le utenze selezionate; mappare tutte le emergenze: funghi, cancelli di manutenzione, funi di servizio; mappare i bunker di stoccaggio e il loro riempimento con sensori analogici di alto livello; mappare le funi di servizio installate sui nastri di cernita; controllare in remoto il posizionamento dei flap pneumatici e dei nastri mobili; registrare ed esportare lo storico degli allarmi/errori; registrare ed esportare lo storico delle ore di lavorazione per ogni utenza Modifiche cabina La cabina esistente necessita di alcune modifiche a seguito dell inserimento di nuove linee di selezione e, di conseguenza, di nuovi nastri trasportatori. L installazione dei nastri di cernita positivo 3D (3040) e materiale 2D (2020) e lo spostamento del separatore magnetico comportano un ampliamento della cabina esistente e l inserimento di: 3 finestre 2 porte 6 tramogge La nuova struttura sarà interamente galvanizzata a caldo. R.2.1 Relazione tecnica impiantto trattamento rifiuti 13/15

15 La cabina verrà ampliata come schematicamente illustrato nelle immagini seguenti. Figura 2 Ampliamento schematico previsto per l installazione dei nuovi nastri R.2.1 Relazione tecnica impiantto trattamento rifiuti 14/15

16 Figura 3 Ampliamento schematico previsto per lo spostamento del separatore magnetico R.2.1 Relazione tecnica impiantto trattamento rifiuti 15/15

Impianti di selezione meccanica dei rifiuti

Impianti di selezione meccanica dei rifiuti Impianti di selezione meccanica dei rifiuti Gli impianti di selezione meccanica dei rifiuti solidi possono fare parte di un sistema integrato per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani. Essi producono:

Dettagli

SEPARATORI BALISTICI

SEPARATORI BALISTICI SEPARATORI BALISTICI IL SEPARATORE BALISTICO Modello PPK STT000 STT5000 Tipo di materiale da trattare Carta e cartone Imballaggi leggeri, misto carta/cartone, film e contenitori di plastica Rifiuti industriali

Dettagli

Impianto di preselezione RSU e stabilizzazione della frazione organica sporca

Impianto di preselezione RSU e stabilizzazione della frazione organica sporca Impianto di preselezione RSU e stabilizzazione della frazione organica sporca LOCALIZZAZIONE: STRADA RONCAGLIA 4/C CASALE MONFERRATO ORARIO DI APERTURA: DAL LUNEDI AL VENERDI dalle 8.00 alle 12,30 e dalle

Dettagli

PROGETTO AMBIENTE PROVINCIA DI LECCE S.R.L.

PROGETTO AMBIENTE PROVINCIA DI LECCE S.R.L. PROGETTO AMBIENTE PROVINCIA DI LECCE S.R.L. PROGETTO COFINANZIATO DALLA COMUNITA EUROPEA POR PUGLIA 2000-2006 Misura 1.8 L opera: Progetto Ambiente Provincia di Lecce La progettazione, realizzazione e

Dettagli

STADLER. STADLER ITALIA S.r.l. SEPARATORI BALISTICI

STADLER. STADLER ITALIA S.r.l. SEPARATORI BALISTICI STADLER ITALIA S.r.l. SEPARATORI BALISTICI Il Separatore Balistico Tipo di materiale da trattare MODELLO Carta e cartone PPK Imballaggi leggeri, misto carta/cartone, film e contenitori di plastica STT2000

Dettagli

PROGETTO AMBIENTE BACINO LECCE DUE S.R.L.

PROGETTO AMBIENTE BACINO LECCE DUE S.R.L. PROGETTO AMBIENTE BACINO LECCE DUE S.R.L. PROGETTO COFINANZIATO DALLA COMUNITA EUROPEA POR PUGLIA 2000-2006 Misura 1.8 L opera: Progetto Ambiente Bacino Lecce Due Il Progetto Lecce 2 inteso come progettazione,

Dettagli

ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa

ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa REA IMPIANTI srl Relatore: Dott. Massimiliano Monti GESTIONE DEI RIFIUTI: ASPETTI TECNICI ECONOMICI E FINANZIARI SISTEMI DI RACCOLTA Con mezzo automatizzato-monoperatore

Dettagli

IDEALSERVICE SCREENING. Percorso di selezione del rifiuto

IDEALSERVICE SCREENING. Percorso di selezione del rifiuto IDEALSERVICE PROCEDURA DI VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE PER IMPIANTO DI RECUPERO RIFIUTI SPECIALI NON PERICOLOSI SCREENING Percorso di selezione del rifiuto Planimetria dell impianto di selezione e

Dettagli

Intervento ipotizzato per i quantitativi stimati in circa 80.125 ton delle Province di NUORO, ORISTANO e OGLIASTRA

Intervento ipotizzato per i quantitativi stimati in circa 80.125 ton delle Province di NUORO, ORISTANO e OGLIASTRA PROPOSTA PER LA GESTIONE INTEGRATA DELLE FRAZIONI SECCHE DEI RIFIUTI DA RACCOLTA DIFFERENZIATA costituite da IMBALLAGGI e FRAZIONE SECCA RESIDUA FINALIZZATO ALLA PRODUZIONE DI MATERIE PRIME SECONDE Intervento

Dettagli

Helios srl Processing and Recycling waste

Helios srl Processing and Recycling waste Helios srl Processing and Recycling waste Attività dell impianto Le attività di recupero e trattamento dei rifiuti previste presso l impianto possono essere essenzialmente ricondotte alle seguenti tipologie:

Dettagli

IMPIANTI A RECUPERO E RICICLAGGIO

IMPIANTI A RECUPERO E RICICLAGGIO IMPIANTI A RECUPERO E RICICLAGGIO NORMATIVA DI RIFERIMENTO D.Lgs. 22/1997 e s.m.i. (Applicazione delle Direttive 91/156/CEE sui rifiuti, 91/689/CEE sui rifiuti pericolosi, 94/62/CE sugli imballaggi e rifiuti

Dettagli

Macchine ad alta produttività

Macchine ad alta produttività BOIS FACTORY 89, Envie (CN) 077 - Fax +39 0175 278421 - info@pezzolato.it www.pezzolato.it Macchine ad alta produttività Macchine professionali per la produzione di legna da ardere REDLINE BOIS FACTORY

Dettagli

IMPIANTO PER IL TRATTAMENTO DI PNEUMATICI DISMESSI

IMPIANTO PER IL TRATTAMENTO DI PNEUMATICI DISMESSI IMPIANTO PER IL TRATTAMENTO DI PNEUMATICI DISMESSI DATI TECNICI DELL'IMPIANTO CAPACITA' IMPIANTO: Portata nominale di 1,5-2,5-5,0 ton/h in entrata CARATTERISTICHE MATERIALE IN ENTRATA: Pneumatici di auto

Dettagli

risultati e prospettive

risultati e prospettive La gestione e la caratterizzazione del CSS e del CDR. La Raccolta L esperienza Differenziata AMA SpA a Roma: (Prima Parte) risultati e prospettive Roma, 27 Roma, novembre 9 marzo 20142012 Ing. Giovanni

Dettagli

Impianti di Soil Washing

Impianti di Soil Washing Impianti di Soil Washing Bonifica terreni e sedimenti co La tecnica del Soil Washing Come funziona il Soil Washing Il Soil Washing è un processo di lavaggio dei sedimenti e terreni contaminati, generalmente

Dettagli

Ciclo di raccolta e recupero della materia in impianti a trattamento meccanico. 22 maggio 2015

Ciclo di raccolta e recupero della materia in impianti a trattamento meccanico. 22 maggio 2015 Ciclo di raccolta e recupero della materia in impianti a trattamento meccanico 22 maggio 2015 La Strategia Europea di gestione dei rifiuti Restando valido l assunto che «il miglior rifiuto è quello non

Dettagli

TRATTAMENTO FILTRI OLIO: DA RIFIUTI PERICOLOSI A PREZIOSE MATERIE PRIME

TRATTAMENTO FILTRI OLIO: DA RIFIUTI PERICOLOSI A PREZIOSE MATERIE PRIME TRATTAMENTO FILTRI OLIO: DA RIFIUTI PERICOLOSI A PREZIOSE MATERIE PRIME 1 Storia del Gruppo Il Gruppo Riccoboni ha origini nel 1964 in Valmozzola in provincia di Parma, come azienda artigianale ma, già

Dettagli

LPRE1405-8A LINEA DI IMBALLAGGIO AUTOMATICO CON CARTONE A MODULO CONTINUO. Oggetto: BOX DOCCIA. PRODOTTO DA IMBALLARE: DIMENSIONI PRODOTTO:

LPRE1405-8A LINEA DI IMBALLAGGIO AUTOMATICO CON CARTONE A MODULO CONTINUO. Oggetto: BOX DOCCIA. PRODOTTO DA IMBALLARE: DIMENSIONI PRODOTTO: Oggetto: LPRE1405-8A LINEA DI IMBALLAGGIO AUTOMATICO CON CARTONE A MODULO CONTINUO. PRODOTTO DA IMBALLARE: BOX DOCCIA. DIMENSIONI PRODOTTO: LUNGHEZZA (X) MIN. 800 MM MAX. 2200 MM LARGHEZZA (Y) MIN. 240

Dettagli

Cippatori a tamburo Serie PTH

Cippatori a tamburo Serie PTH PTH 1000/820 M 9, Envie (CN) 77 - Fax +39 0175 278421 - info@pezzolato.it www.pezzolato.it Cippatori a tamburo Serie PTH Ottima qualità del cippato da qualsiasi tipo di legno GREENLINE PTH 1000/820 PTH

Dettagli

ALLEGATO 2. Impianti di selezione, produzione di CDR e trattamento di apparecchiature elettriche ed elettroniche dismesse

ALLEGATO 2. Impianti di selezione, produzione di CDR e trattamento di apparecchiature elettriche ed elettroniche dismesse ALLEGATO 2 MIGLIORI TECNICHE DISPONIBILI Con riferimento alle migliori tecniche disponibili pubblicate con D.M. del 29 gennaio 2007 concernente l emanazione delle linee guida per l individuazione e l utilizzazione

Dettagli

ATIA ISWA Ravenna, 22 Maggio 2015. Separazione automatica dei Materiali

ATIA ISWA Ravenna, 22 Maggio 2015. Separazione automatica dei Materiali ATIA ISWA Ravenna, 22 Maggio 2015 Separazione automatica dei Materiali 1 AKRON GRANAROLO Prima vagliatura Separazione ottica Stoccaggio rifiuti 2 LA TECNICA Per poter separare in modo efficiente i materiali

Dettagli

Cippatori a tamburo Serie PTH

Cippatori a tamburo Serie PTH PTH 1000/820 89, Envie (CN) 077 - Fax +39 0175 278421 - info@pezzolato.it www.pezzolato.it Cippatori a tamburo Serie PTH Ottima qualità del cippato da qualsiasi tipo di legno GREENLINE IMPIANTI STAZIONARI

Dettagli

linea d imballo coils

linea d imballo coils linea d imballo coils linea di imballo coils Pesmel: leader mondiale nelle soluzioni di imballaggio dei coils completamente automatiche La linea d imballo coils della Pesmel è una soluzione per l imballo

Dettagli

Impianto di recupero rifiuti speciali non pericolosi Via Astico, 1 36066 Sandrigo (VI)

Impianto di recupero rifiuti speciali non pericolosi Via Astico, 1 36066 Sandrigo (VI) PIANO DI GESTIONE OPERATIVA (PGO) n. 13010308 PROVINCIA DI VICENZA COMUNE DI SANDRIGO Impianto di recupero rifiuti speciali non pericolosi Via Astico, 1 36066 Sandrigo (VI) Partnership Ambientale PIANO

Dettagli

HAMMEL -progettazione e costruzione di impianti

HAMMEL -progettazione e costruzione di impianti Anlagenbau_ital 10.07.2007 11:14 Uhr Seite 1 HAMMEL -progettazione e costruzione di impianti La soluzione completa Messa in funzione Assemblaggio Realizzazione Progettazione Consulenza Ideazione Anlagenbau_ital

Dettagli

Sede Operativa : Via Ardeatina, 802-00178 Roma Tel. 06 71302273 Fax 06 71301017 csm.bizzaglia@gmail.com

Sede Operativa : Via Ardeatina, 802-00178 Roma Tel. 06 71302273 Fax 06 71301017 csm.bizzaglia@gmail.com Sede Operativa : Via Ardeatina, 802-00178 Roma Tel. 06 71302273 Fax 06 71301017 csm.bizzaglia@gmail.com i e d La società nasce nel 1994, su iniziativa di persone dotate di vasta esperienza nel settore

Dettagli

Bollegraaf Recupero dei rifiuti da C&D. Sorting your business

Bollegraaf Recupero dei rifiuti da C&D. Sorting your business Bollegraaf Recupero dei rifiuti da C&D Sorting your business Bollegraaf Soluzioni per la valorizzazione dei rifiuti Noi di Bollegraaf comprendiamo che il settore del riciclaggio, come tutte le attività

Dettagli

REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA SOCIETÀ GEO NOVA S.P.A. Via Feltrina, 230/232 31100 Treviso (TV)

REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA SOCIETÀ GEO NOVA S.P.A. Via Feltrina, 230/232 31100 Treviso (TV) REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI PORDENONE COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO (PN) SOCIETÀ GEO NOVA S.P.A. Via Feltrina, 230/232 31100 Treviso (TV) IMPIANTO DI STOCCAGGIO, CERNITA, TRATTAMENTO

Dettagli

La società Eco.M. s.r.l. si è costituita nel 1967 con il nome di sostituita poi nel 1989 dall attuale organizzazione.

La società Eco.M. s.r.l. si è costituita nel 1967 con il nome di sostituita poi nel 1989 dall attuale organizzazione. La società Eco.M. s.r.l. si è costituita nel 1967 con il nome di sostituita poi nel 1989 dall attuale organizzazione. Opera da oltre 40 anni nel campo della regolazione delle acque, della depurazione delle

Dettagli

SCUOLA NAZIONALE SUI RIFIUTI

SCUOLA NAZIONALE SUI RIFIUTI Taranto, 23-24-25 maggio 2011 C.I.S.A. spa -Massafra (TA) SCUOLA NAZIONALE SUI RIFIUTI LA VALORIZZAZIONE DEI RIFIUTI Riciclo Materiali e Recupero Energetico Ing. Carmine Carella : progettista e direttore

Dettagli

Identificazione del Installazione IPPC. Tipo di installazione Esistente soggetta ad A.I.A. ai sensi del Dlgs. 46/2014

Identificazione del Installazione IPPC. Tipo di installazione Esistente soggetta ad A.I.A. ai sensi del Dlgs. 46/2014 Identificazione del Installazione IPPC Ragione sociale Sede Legale Sede Operativa F.LLI SANTINI SRL Via Giotto n. 4/a 39100 Bolzano Via Giotto n. 4/a 39100 Bolzano Tipo di installazione Esistente soggetta

Dettagli

Sintesi tecnica del progetto

Sintesi tecnica del progetto Sintesi tecnica del progetto A2A Ambiente Impianto Vetro di Asti Relatore: ing. Luca Ravetta Ufficio Tecnico Grandi Impianti Ambiente Asti, 25 giugno 2014 Asti Sintesi tecnica Localizzazione e dati generali

Dettagli

Separazione automatica dei materiali valorizzabili da rifiuto

Separazione automatica dei materiali valorizzabili da rifiuto Separazione automatica dei materiali valorizzabili da rifiuto TECNOLOGIE E TENDENZE PER IL RECUPERO DA RIFIUTI 15-26 Maggio 2013 Pietro Navarotto STADLER ITALIA SRL 1 TIPOLOGIA DI RIFIUTO Oggi e possibile

Dettagli

Viene riportato il ciclo produttivo dello stabilimento di Busca aggiornato sulla situazione produttiva dello stabilimento per l anno 2011.

Viene riportato il ciclo produttivo dello stabilimento di Busca aggiornato sulla situazione produttiva dello stabilimento per l anno 2011. Parte seconda: Cicli produttivi 2. CICLI PRODUTTIVI E ATTIVITA PRODUTTIVE Viene riportato il ciclo produttivo dello stabilimento di Busca aggiornato sulla situazione produttiva dello stabilimento per l

Dettagli

IMPIANTI A RECUPERO E RICICLAGGIO

IMPIANTI A RECUPERO E RICICLAGGIO IMPIANTI A RECUPERO E RICICLAGGIO OBIETTIVI DEL TRATTAMENTO Limitare la quantità di rifiuti da smaltire in discarica controllata o in inceneritore Recuperare materiali ai fini di un loro riutilizzo in

Dettagli

CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA RSU ED ASSIMILATI ED ANNESSO IMPIANTO DI TRASPORTO PNEUMATICO RIFIUTI. Progetto Preliminare INDICE

CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA RSU ED ASSIMILATI ED ANNESSO IMPIANTO DI TRASPORTO PNEUMATICO RIFIUTI. Progetto Preliminare INDICE INDICE raccolta fisso area presidiata ed allestita, senza ulteriori oneri a carico della finanza pubblica, per l'attività di raccolta mediante raggruppamento differenziato dei rifiuti per frazioni omogenee

Dettagli

CITTA DI AFRAGOLA Provincia di Napoli Settore AA.TT.OO.PP Servizio Ambiente e Igiene Urbana

CITTA DI AFRAGOLA Provincia di Napoli Settore AA.TT.OO.PP Servizio Ambiente e Igiene Urbana 1di6 CITTA DI AFRAGOLA Provincia di Napoli Settore AA.TT.OO.PP Servizio Ambiente e Igiene Urbana OGGETTO : Relazione Tecnica Descrittiva ex art. 279 Lettera a) D.P.R. n. 207/2010 Regolare Esecuzione CCP

Dettagli

La Govoni adotta, a seconda delle esigenze del cliente, una serie sistemi di filtrazione che consentono di ottenere una serie di vantaggi:

La Govoni adotta, a seconda delle esigenze del cliente, una serie sistemi di filtrazione che consentono di ottenere una serie di vantaggi: La Govoni adotta, a seconda delle esigenze del cliente, una serie sistemi di filtrazione che consentono di ottenere una serie di vantaggi: - maggiore durata del lubrorefrigerante - riduzione dei costi

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE DEI CDR. Indirizzo CDR: Via Pascoli. Provincia/Regione CDR: VE/Veneto. Giorno di compilazione: 13/12/2008

SCHEDA DI VALUTAZIONE DEI CDR. Indirizzo CDR: Via Pascoli. Provincia/Regione CDR: VE/Veneto. Giorno di compilazione: 13/12/2008 SCHED DI VLUTZIONE DEI CDR Nome CDR: Ecocentro di Spinea Indirizzo CDR: Via Pascoli Provincia/Regione CDR: VE/Veneto Giorno di compilazione: 13/12/2008 a) Definizione generale del CDR (cosa è, cosa fa,

Dettagli

Profilo. HydroPower & Industry. Water & Irrigation. Special Services

Profilo. HydroPower & Industry. Water & Irrigation. Special Services http://www.apiwaterscreens.com Profilo Profilo Dal 1945, API S.p.A. progetta, costruisce e installa in tutto il mondo apparecchiature speciali per la grigliatura, la filtrazione e la regolazione delle

Dettagli

TRATTAMENTO DEGLI SCARTI LEGNOSI SECCHI CON TECNICA HAZEMAG

TRATTAMENTO DEGLI SCARTI LEGNOSI SECCHI CON TECNICA HAZEMAG TRATTAMENTO DEGLI SCARTI LEGNOSI SECCHI CON TECNICA HAZEMAG Premessa Il trattamento degli scarti di legno ha assunto una maggiore importanza come risultato del cambiamento di atteggiamento verso l ambiente.

Dettagli

l unico sistema di trattamento dei tubi catodici che consente di tagliare la cintura antimplosione e separare i vetri in un unica stazione di lavoro.

l unico sistema di trattamento dei tubi catodici che consente di tagliare la cintura antimplosione e separare i vetri in un unica stazione di lavoro. EcoCRT : trattamento tubi catodi di monitor e televisori Un progetto : Premessa e finalità della macchina La macchina è stata progettata e realizzata per il taglio del tubo catodico (separazione pannello

Dettagli

IMPIANTO DI SELEZIONE AUTOMATICA DEGLI IMBALLAGGI IN PLASTICA

IMPIANTO DI SELEZIONE AUTOMATICA DEGLI IMBALLAGGI IN PLASTICA IMPIANTO DI SELEZIONE AUTOMATICA DEGLI IMBALLAGGI IN PLASTICA La raccolta differenziata degli imballaggi in plastica in Italia Nel corso del 2006 in Italia sono state recuperate più di un milione di tonnellate

Dettagli

CAMS s.r.l. VIA Giulio Golini, 301 40024- Castel San Pietro Terme (BO)- Tel. 0516946611 Cod. Fisc. e Part. IVA 02146431206- R.E.A. n 416377- Cap.

CAMS s.r.l. VIA Giulio Golini, 301 40024- Castel San Pietro Terme (BO)- Tel. 0516946611 Cod. Fisc. e Part. IVA 02146431206- R.E.A. n 416377- Cap. Informazioni Generali Larghezza (in trasporto): Lunghezza (in trasporto): Altezza (in trasporto): Tipo Trituratore: Dimensione bocca: Tipo di Vaglio Vibrante: Gruppo Elettrogeno m 2,55 (in sagoma) m 11,2

Dettagli

Cippatori a tamburo Serie PTH

Cippatori a tamburo Serie PTH PTH 400 9, Envie (CN) 77 - Fax +39 0175 278421 - info@pezzolato.it www.pezzolato.it Cippatori a tamburo Serie PTH Ottima qualità del cippato da qualsiasi tipo di legno GREENLINE PTH 300 PTH 400 PTH 400

Dettagli

Impianto per il trattamento ecologico dei rifiuti

Impianto per il trattamento ecologico dei rifiuti Impianto per il trattamento ecologico dei rifiuti Indice 1. Introduzione... 2 2. L'impianto proposto... 3 3. Schema a blocchi dell'impianto... 4 4. Descrizione dell'impianto... 5 4.1 Trattamenti meccanici...

Dettagli

RACCOLTA E TRASPORTO DEL RIFIUTO Dalla città di Thai Hoa, che attualmente ha una popolazione di ~70.000 abitanti su un area pari a 135 Km 2, si

RACCOLTA E TRASPORTO DEL RIFIUTO Dalla città di Thai Hoa, che attualmente ha una popolazione di ~70.000 abitanti su un area pari a 135 Km 2, si RACCOLTA E TRASPORTO DEL RIFIUTO Dalla città di Thai Hoa, che attualmente ha una popolazione di ~70.000 abitanti su un area pari a 135 Km 2, si prevede una produzione giornaliera di RSU stimata in circa

Dettagli

Il trattamento di recupero dei materiali che dà più valore alla raccolta differenziata

Il trattamento di recupero dei materiali che dà più valore alla raccolta differenziata Il trattamento di recupero dei materiali che dà più valore alla raccolta differenziata SRI SOCIETA RECUPERO IMBALLAGGI SRI è il punto di avvio di un ciclo di valorizzazione che porta alla creazione di

Dettagli

AGREX S.p.A. Via Balla, 55-57 35010 Villafranca Padovana ITALY Tel.: +39 049 9075684 Fax: +39 049 9075524 www.agrex.com e-mail: info@agrex.

AGREX S.p.A. Via Balla, 55-57 35010 Villafranca Padovana ITALY Tel.: +39 049 9075684 Fax: +39 049 9075524 www.agrex.com e-mail: info@agrex. Spettabile No. 1 IMPIANTO MOLITORIO mod. AGS8-1DB/2008-1SE/12 Per la produzione di farina e granito per uso alimentare da grano tenero Capacità totale di macinazione 50t/24h circa LAY-OUT No. LAYA134A

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TD30U ATTIVITÀ 37.10.1 RECUPERO E PREPARAZIONE PER IL RICICLAGGIO DI ATTIVITÀ 37.20.1 RECUPERO E PREPARAZIONE PER IL RICICLAGGIO DI

STUDIO DI SETTORE TD30U ATTIVITÀ 37.10.1 RECUPERO E PREPARAZIONE PER IL RICICLAGGIO DI ATTIVITÀ 37.20.1 RECUPERO E PREPARAZIONE PER IL RICICLAGGIO DI STUDIO DI SETTORE TD30U ATTIVITÀ 37.10.1 RECUPERO E PREPARAZIONE PER IL RICICLAGGIO DI CASCAMI E ROTTAMI METALLICI ATTIVITÀ 37.20.1 RECUPERO E PREPARAZIONE PER IL RICICLAGGIO DI MATERIALE PLASTICO PER

Dettagli

SARTORELLO ESCAVAZIONI S.R.L.

SARTORELLO ESCAVAZIONI S.R.L. Centro Analliisii Chiimiiche S.r.ll. Analisi chimiche, microbiologiche e ambientali Via Avogadro, 23 35030 RUBANO (PADOVA) ITALY - Tel. 049 631746 Fax 049 8975477 E-mail: info@centroanalisichimiche.it

Dettagli

Impianti a disco con spaccalegna integrato

Impianti a disco con spaccalegna integrato 89, Envie (CN) 077 - Fax +39 0175 278421 - info@pezzolato.it www.pezzolato.it Impianti a disco con spaccalegna integrato Macchine professionali per la produzione di legna da ardere REDLINE TLC 1000 1100

Dettagli

il ciclo della carta

il ciclo della carta il ciclo della carta 6 Prodotti a seconda della carta recuperata (giornali, cartoni, carta mista) si ottengono prodotti diversi: carta da imballo e da scrittura, cartoni, cartoncini e altri tipi la carta

Dettagli

ECO. LAN. S.p.a. è una società pubblica costituita da 53 Comuni per un complessivo di circa 160.000 abitanti.

ECO. LAN. S.p.a. è una società pubblica costituita da 53 Comuni per un complessivo di circa 160.000 abitanti. ECO. LAN. S.p.a. è una società pubblica costituita da 53 Comuni per un complessivo di circa 160.000 abitanti. 2 LA ECO. LAN. S. P.A. SI OCCUPA DI SMALTIMENTO, RACCOLTA E TRASPORTO DEI RIFIUTI (SERVIZI

Dettagli

Pos. Descrizione 1 tramoggia di carico

Pos. Descrizione 1 tramoggia di carico Macinatori Macinatori industriali monoalbero con motorizzazione elettrica o idraulica. Indicati come prefinitori nel trattamento di RSU da avviare alla termovalorizzazione (CDR) o per la preparazione dei

Dettagli

Progetto di adeguamento funzionale della linea B - impianto di selezione rifiuti non pericolosi di Aulla (MS) Relazione progettuale e gestionale

Progetto di adeguamento funzionale della linea B - impianto di selezione rifiuti non pericolosi di Aulla (MS) Relazione progettuale e gestionale Progetto di adeguamento funzionale della linea B - impianto di selezione rifiuti non pericolosi di Aulla (MS) SOMMARIO 1 GENERALITA... 2 1.1 PREMESSA 2 1.2 INQUADRAMENTO URBANISTICO E TERRITORIALE 2 2

Dettagli

1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. MODALITÁ DI ANALISI

1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. MODALITÁ DI ANALISI RP3 Pag. 1 di 5 Al fine di verificare la conformità alla relativa specifica di un prodotto selezionato o di un sottoprodotto, vengono effettuate analisi secondo le modalità di seguito riportate. 1. SCOPO

Dettagli

COMUNE DI TARANTO DIREZIONE AMBIENTE, SALUTE E QUALITA DELLA VITA COMUNE DI TARANTO. Direzione Ambiente, Salute e Qualità della Vita

COMUNE DI TARANTO DIREZIONE AMBIENTE, SALUTE E QUALITA DELLA VITA COMUNE DI TARANTO. Direzione Ambiente, Salute e Qualità della Vita COMUNE DI TARANTO Direzione Ambiente, Salute e Qualità della Vita RACCOLTA, TRASPORTO E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI ABBANDONATI IN AREE DI PROPRIETA COMUNALE SPECIFICHE TECNICHE Pag. 1 Titolo 1 Norme generali

Dettagli

PIANO DI GESTIONE OPERATIVA

PIANO DI GESTIONE OPERATIVA PIANO DI GESTIONE OPERATIVA ROTTAMI GARZON SRL Trattasi di una procedura che tende a consentire una corretta gestione dell impianto individuando le possibili criticità correlate alla tipologia di attività

Dettagli

La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti

La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti Maintenance Stories Fatti di Manutenzione Kilometro Rosso - Bergamo 13 novembre 2013 La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti Guido Belforte Politecnico

Dettagli

ALLEGATO 2.4 RELAZIONE TECNICA

ALLEGATO 2.4 RELAZIONE TECNICA ALLEGATO 2.4 RELAZIONE TECNICA PROCEDURA DI VERIFICA (SCREENING) PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTO PER LA MESSA IN RISERVA E IL TRATTAMENTO DI RIFIUTI NON PERICOLOSI SITO IN RIMINI VIA TURCHETTA COMMITTENTE:

Dettagli

1) QUALI BENI MOBILI SONO INTERESSATI DALLA MESSA A NORMA? 2) QUALI SONO LE NORMATIVE DI RIFERIMENTO TECNICO CHE

1) QUALI BENI MOBILI SONO INTERESSATI DALLA MESSA A NORMA? 2) QUALI SONO LE NORMATIVE DI RIFERIMENTO TECNICO CHE 1) QUALI BENI MOBILI SONO INTERESSATI DALLA MESSA A NORMA? 2) QUALI SONO LE NORMATIVE DI RIFERIMENTO TECNICO CHE RIGUARDANO LA VENDITA DEI MACCHINARI? Pagina 1 di 18 Convegno fallimentare - 9 novembre

Dettagli

OGGETTO DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE DLGS 3 APRILE 2006, N. 152 - DLGS 29 GIUGNO 2010, N. 128 - DLGS 4 MARZO 2014, N.

OGGETTO DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE DLGS 3 APRILE 2006, N. 152 - DLGS 29 GIUGNO 2010, N. 128 - DLGS 4 MARZO 2014, N. COMMITTENTE SEDE LEGALE: VIA CONFORTINO,31 40053 VALSAMOGGIA- LOC. CRESPELLANO (BO) SEDE OPERATIVA: VIA PIAN SAVELLI, 24-28 00134 ROMA (RM) IL RAPPRESENTANTE LEGALE (TIMBRO E FIRMA) OGGETTO DOMANDA DI

Dettagli

CAPITOLATO. ACAM S.p.A. Area Impianti Ambiente PROGETTO DEL SERVIZIO. Redatto da : Dott. Ing. Giampiaro Musio Geom. Simone Bertoli

CAPITOLATO. ACAM S.p.A. Area Impianti Ambiente PROGETTO DEL SERVIZIO. Redatto da : Dott. Ing. Giampiaro Musio Geom. Simone Bertoli Forniture e lavori per la modifica di nastro trasportatore (NT02), a servizio dell impianto di trattamento Rifiuti Solidi Urbani in Loc. Saliceti nel Comune di Vezzano Ligure. CAPITOLATO Rev: 02 Pa. 1

Dettagli

ASSESSORATO TERRITORIO E AMBIENTE

ASSESSORATO TERRITORIO E AMBIENTE ASSESSORATO TERRITORIO E AMBIENTE Fornitura ed installazione delle apparecchiature elettromeccaniche delle stazioni di trasferimento dei rifiuti urbani ubicate nei comuni di La Thuile e Villeneuve 1 FASE

Dettagli

ALLEGATO 2.3 RELAZIONE TECNICA

ALLEGATO 2.3 RELAZIONE TECNICA ALLEGATO 2.3 RELAZIONE TECNICA PROCEDURA DI VERIFICA (SCREENING) PER MODIFICHE INFRASTRUTTURALI A IMPIANTO ESISTENTE PER LA MESSA IN RISERVA E IL TRATTAMENTO DI RIFIUTI NON PERICOLOSI SITO IN RIMINI VIA

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SD30U ATTIVITÀ 37.10.0 RECUPERO E PREPARAZIONE PER IL ATTIVITÀ 37.20.1 RECUPERO E PREPARAZIONE PER IL

STUDIO DI SETTORE SD30U ATTIVITÀ 37.10.0 RECUPERO E PREPARAZIONE PER IL ATTIVITÀ 37.20.1 RECUPERO E PREPARAZIONE PER IL STUDIO DI SETTORE SD30U ATTIVITÀ 37.10.0 RECUPERO E PREPARAZIONE PER IL RICICLAGGIO DI CASCAMI E ROTTAMI METALLICI ATTIVITÀ 37.20.1 RECUPERO E PREPARAZIONE PER IL RICICLAGGIO DI MATERIALE PLASTICO PER

Dettagli

RACCOLTE DIFFERENZIATE ED ANALISI MERCEOLOGICHE PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI RSU

RACCOLTE DIFFERENZIATE ED ANALISI MERCEOLOGICHE PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI RSU RACCOLTE DIFFERENZIATE ED ANALISI MERCEOLOGICHE PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI RSU DEFINIZIONE DI RIFIUTO D.Lgs.. 152/2006 (Testo Unico) Parte quarta, Norme in materia di gestione dei rifiuti e di bonifica

Dettagli

N. Copia Funzione Data Firma per ricevuta

N. Copia Funzione Data Firma per ricevuta DISTRIBUZIONE: N. Copia Funzione Data Firma per ricevuta 01 02 03 04 13 15/09/14 6 Gestione nuovo rifiuto punto 6.17 12 22/05/13 3 Caratterizzazione del rifiuto 11 22/04/13 tutte Nuove modalità operative

Dettagli

Eco FORUM RAEE, 15 aprile 2008. San Donato Milanese. Presentazione a cura Helmut Oberguggenberger, MeWa

Eco FORUM RAEE, 15 aprile 2008. San Donato Milanese. Presentazione a cura Helmut Oberguggenberger, MeWa Riciclaggio dei RAEE semplice ed efficace Eco FORUM RAEE, 15 aprile 2008 San Donato Milanese Presentazione a cura Helmut Oberguggenberger, MeWa Competenze basilari MeWa Costruzione di impianti di riciclaggio

Dettagli

CENTRO RICICLO VEDELAGO S.r.l.

CENTRO RICICLO VEDELAGO S.r.l. CENTRO RICICLO VEDELAGO S.r.l. Milano 18.04.2009 1 STORIA La Società Centro Riciclo Vedelago Srl gestisce dal 1999 un impianto di stoccaggio e selezione (meccanica) di rifiuti ai fini del recupero di materiali

Dettagli

2 INQUADRAMENTO DEL SITO E DELL ATTIVITA

2 INQUADRAMENTO DEL SITO E DELL ATTIVITA RAPPORTO AMBIENTALE E DATI SULLA GESTIONE DELL IMPIANTO ANNO 2012 1 INTRODUZIONE La realizzazione del presente Rapporto Ambientale nasce come strumento aziendale per promuovere e diffondere all esterno

Dettagli

Magazzini automatici serie AW

Magazzini automatici serie AW Magazzini automatici serie AW Una singola installazione può essere costituita da uno o più traslo elevatori. La larghezza della corsia centrale può essere realizzata con due diverse larghezze: la corsia

Dettagli

SERVIZIO: CHIUSURA DEL CICLO DEI RIFIUTI URBANI

SERVIZIO: CHIUSURA DEL CICLO DEI RIFIUTI URBANI Allegato a) - SCHEDE TECNICHE DEI SERVIZI RESI SCHEDA a.3 SERVIZIO: CHIUSURA DEL CICLO DEI RIFIUTI URBANI DEFINIZIONE Oggetto del servizio è la gestione dei rifiuti urbani provenienti dalla raccolta per

Dettagli

PNEUMATICA. PN20DNT - Unità di Studio su Ventilatori Centrifughi ed Assiali - Cod. 970650

PNEUMATICA. PN20DNT - Unità di Studio su Ventilatori Centrifughi ed Assiali - Cod. 970650 PNEUMATICA PN20DNT - Unità di Studio su Ventilatori Centrifughi ed Assiali - Cod. 970650 1. Generalità L unità carrellata Didacta PN20DNT consente lo studio dei parametri tipici di ventilatori centrifughi

Dettagli

Ciclo carta e cartone

Ciclo carta e cartone Ciclo carta e cartone la carta e il cartone inseriti negli appositi contenitori vengono prelevati dal gestore del servizio 6 PRODOTTI a seconda della carta recuperata (giornali, cartoni, carta mista) si

Dettagli

Trituratore primario. Trituratore secondario. Tecnologia di vagliatura. Progettazione di impianti

Trituratore primario. Trituratore secondario. Tecnologia di vagliatura. Progettazione di impianti Trituratore primario Trituratore secondario Tecnologia di vagliatura Progettazione di impianti La storia di HAMMEL HAMMEL Recyclingtechnik GmbH è attiva da più di 20 anni nella produzione e vendita di

Dettagli

v. p. green Energy G3 30KW

v. p. green Energy G3 30KW v. p. green Energy G3 30KW costruzione molto robusta che si adatta a tutti venti manutenzione ridotta triplo freno a disco non necessita di inverter il migliore compromesso qualità/prezzo diametro del

Dettagli

FUTURIS ETRUSCA S.R.L.

FUTURIS ETRUSCA S.R.L. FUTURIS ETRUSCA S.R.L. PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA CENTRALE ELETTRICA A BIOMASSE VERGINI NEL Relazione progetto dismissione impianto Via Squartini, 14 Centro Work Service Ospedaletto (PI) Tel

Dettagli

I.I.S. Giulio Natta Istituto di Istruzione Superiore Tecnico per la meccanica e le materie plastiche Liceo delle Scienze Applicate

I.I.S. Giulio Natta Istituto di Istruzione Superiore Tecnico per la meccanica e le materie plastiche Liceo delle Scienze Applicate I.I.S. Giulio Natta Istituto di Istruzione Superiore Tecnico per la meccanica e le materie plastiche Liceo delle Scienze Applicate Impianti Materie Plastiche Modulo 2 Alimentazione Contenuti 1. Premessa

Dettagli

Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004:

Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004: Appendice 1 Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004: TIPO RIFIUTO Frazione Organica dei Rifiuti Urbani (FORSU)

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA ESAME DI STATO DI ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE (Lauree di primo livello D.M. 509/99 e D.M. 270/04 e Diploma Universitario) SEZIONE B - Prima

Dettagli

I N D I C E. INDICE Pagina 2. CONCETTO & TECNOLOGIA Pagina 3. CONCETTO & TECNOLOGIA INCENTIVAZIONE Pagina 4. SISTEMAZIONE & SPAZIO Pagina 5

I N D I C E. INDICE Pagina 2. CONCETTO & TECNOLOGIA Pagina 3. CONCETTO & TECNOLOGIA INCENTIVAZIONE Pagina 4. SISTEMAZIONE & SPAZIO Pagina 5 Motore a vapore I N D I C E INDICE Pagina 2 CONCETTO & TECNOLOGIA Pagina 3 CONCETTO & TECNOLOGIA INCENTIVAZIONE Pagina 4 SISTEMAZIONE & SPAZIO Pagina 5 SCHEDA TECNICA Pagina 6-9 CONTATTO Pagina 10 CONCETTO

Dettagli

ELABORATO 2 - UTILIZZO DI BENI, STRUTTURE E SERVIZI DI TERZI

ELABORATO 2 - UTILIZZO DI BENI, STRUTTURE E SERVIZI DI TERZI 2 ELABORATO 2 - UTILIZZO DI BENI, STRUTTURE E SERVIZI DI TERZI 2.1 PREMESSA... 3 2.2 SMALTIMENTO RIFIUTI URBANI NON DIFFERENZIATI... 3 2.3 RACCOLTA, SELEZIONE E RECUPERO MULTIMATERIALE... 4 2.4 RACCOLTA,

Dettagli

Trasportatori Meccanici A Nastro

Trasportatori Meccanici A Nastro I N O S T R I T R A S P O R T A T O R I A N A S T R O P E R L ' I M P I E G O P E S A N T E Piena Affidabilità Nel Trasporto Delle Grandi Portate Su Lunghe Distanze Per essere performante e sicuro, un

Dettagli

Bollegraaf Soluzioni per il recupero dei rifiuti cartacei e de-inking. Sorting your business

Bollegraaf Soluzioni per il recupero dei rifiuti cartacei e de-inking. Sorting your business Bollegraaf Soluzioni per il recupero dei rifiuti cartacei e de-inking Sorting your business Bollegraaf Soluzioni per la valorizzazione dei rifiuti Noi di Bollegraaf comprendiamo che il settore del riciclaggio,

Dettagli

Sistemi di stoccaggio 5 e di smaltimento

Sistemi di stoccaggio 5 e di smaltimento Sistemi di stoccaggio e di smaltimento Per lo smaltimento di sostanze liquide e solide offriamo i nostri sistemi certificati dal TÜV per l impiego in corrispondenti mobiletti. I nostri mobiletti di smaltimento

Dettagli

linea d imballo pacchi lamiera

linea d imballo pacchi lamiera linea d imballo pacchi lamiera linea di imballo per pacchi di lamiera mediante filmatura completamente automatica Nuovo metodo d imballo Pesmel ad elevata capacità produttiva La linea d imballaggio è stata

Dettagli

Lez. 07/02/2006 Prof. Fabio Conti Appunti a cura di Davide Biganzoli PRETRATTAMENTI DEI RIFIUTI

Lez. 07/02/2006 Prof. Fabio Conti Appunti a cura di Davide Biganzoli PRETRATTAMENTI DEI RIFIUTI Lez. 07/02/2006 Prof. Fabio Conti Appunti a cura di Davide Biganzoli PRETRATTAMENTI DEI RIFIUTI I pretrattamenti dei rifiuti sono trattamenti effettuati generalmente a monte di fasi quali: - stabilizzazione

Dettagli

Nastro Trasportatore nric

Nastro Trasportatore nric Nastro Trasportatore nric OMT BIELLA Srl Fiore all occhiello all interno della produzione di OMT Biella, il trasportatore in gomma NRIC è nato per soddisfare le esigenze di movimentazione dell industria

Dettagli

ALLEGATO V. Parte I. 1. Disposizioni generali

ALLEGATO V. Parte I. 1. Disposizioni generali ALLEGATO V Parte I Emissioni di polveri provenienti da attività di produzione, manipolazione, trasporto, carico, scarico o stoccaggio di materiali polverulenti. 1. Disposizioni generali 1.1. Nei casi in

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UD30U ATTIVITÀ 38.31.10 DEMOLIZIONE DI CARCASSE ATTIVITÀ 38.32.10 RECUPERO E PREPARAZIONE PER IL

STUDIO DI SETTORE UD30U ATTIVITÀ 38.31.10 DEMOLIZIONE DI CARCASSE ATTIVITÀ 38.32.10 RECUPERO E PREPARAZIONE PER IL STUDIO DI SETTORE UD30U ATTIVITÀ 38.31.10 DEMOLIZIONE DI CARCASSE ATTIVITÀ 38.32.10 RECUPERO E PREPARAZIONE PER IL RICICLAGGIO DI CASCAMI E ROTTAMI METALLICI ATTIVITÀ 38.32.20 RECUPERO E PREPARAZIONE PER

Dettagli

Trasportatori meccanici fissi

Trasportatori meccanici fissi Trasporti interni Trasportatori meccanici fissi Trasportatori meccanici fissi Trasportatori a rulli e a catene trasportatori a rulli trasportatori a catene Trasportatori a nastro Trasportatori a piastre

Dettagli

IMPIANTO PER IL TRATTAMENTO DI FRIGORIFERI

IMPIANTO PER IL TRATTAMENTO DI FRIGORIFERI IMPIANTO PER IL TRATTAMENTO DI FRIGORIFERI DATI TECNICI DELL'IMPIANTO CAPACITA' IMPIANTO: Portata di 40-60 frigoriferi/ora h in entrata CARATTERISTICHE MATERIALE IN ENTRATA: Dimensioni massime del frigorifero

Dettagli

PRODUZIONE LA TECNOLOGIA PER L INDUSTRIA CERAMICA

PRODUZIONE LA TECNOLOGIA PER L INDUSTRIA CERAMICA PRODUZIONE LA TECNOLOGIA PER L INDUSTRIA CERAMICA Nuova Era nasce a Scandiano alla metà degli anni ottanta ed in breve tempo si afferma sui mercati nazionali ed esteri come azienda leader nel campo delle

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE WD30U ATTIVITÀ 38.31.10 DEMOLIZIONE DI CARCASSE ATTIVITÀ 38.32.10 RECUPERO E PREPARAZIONE PER IL RICICLAGGIO DI CASCAMI E ROTTAMI METALLICI ATTIVITÀ 38.32.20 RECUPERO E PREPARAZIONE PER

Dettagli

Airconomy. www.nihot.nl

Airconomy. www.nihot.nl Airconomy www.nihot.nl Separatori ad aria Nihot Recycling Technology B.V. è stata fondata nel 1945 e ha iniziato la propria attività producendo condotti dell aria per piccoli forni a legna. Oggi Nihot

Dettagli

Allegato 14. Specifiche delle M.P.S. (vetro e Silicio) prodotte dal recupero di pannelli fotovotaici - INDICE - !!!!!!!!! 0! Premessa... 1! !!!

Allegato 14. Specifiche delle M.P.S. (vetro e Silicio) prodotte dal recupero di pannelli fotovotaici - INDICE - !!!!!!!!! 0! Premessa... 1! !!! Allegato 14 Specifiche delle M.P.S. (vetro e Silicio) prodotte dal recupero di pannelli fotovotaici - INDICE - 0 Premessa... 1 1 Provenienza, tipologia e caratteristiche dei rifiuti (di partenza)... 1

Dettagli

PROCEDURA DI VERIFICA (Screening)

PROCEDURA DI VERIFICA (Screening) REGIONE ABRUZZO PROVINCIA DI TERAMO COMUNE DI PENNA SANT ANDREA COMMITTENTE: CONGLOMERATI BITUMINOSI VOMANO di Di Sabatino Oscar & C Srl PROGETTAZIONE: C.I.A. LAB S.r.l. Via Mutilati del lavoro, 29 Zona

Dettagli