Cenni storici e legislativi.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Cenni storici e legislativi."

Transcript

1 L infermieristica della grande età Una professione sempre al servizio della società che invecchia L Esperienza dell assistenza domiciliare all anziano a Terni di Miciano M.Cristina e Daniela Zigomi Distretto N 1-ASL N.4- Terni Abstract: l assistenza domiciliare all anziano ebbe inizio nel 1974 con una piccola èquipe medica, infermieristica ed ausiliaria dedicata, che assicurava la continuità assistenziale dal Centro Geriatrico Le Grazie a tutto il territorio del Comune di Terni e di alcuni piccoli comuni limitrofi. Con l istituzione delle Unità Sanitarie Locali la competenza per l erogazione di tale servizio passò ai Distretti Socio Sanitari. Seguì il processo di razionalizzazione della spesa sanitaria e il territorio si affermò quale sede privilegiata di intervento per i non acuti. L aumento progressivo della popolazione anziana e la necessità di integrazione tra il sociale e il sanitario hanno comportato un crescente aumento della domanda di assistenza domiciliare. Il servizio domiciliare all anziano, oggi erogato dai Centri di Salute, deve rispondere alle sempre crescenti complessità assistenziali determinate dalle polipatologie e dalla cronicità. Per garantire la continuità e la qualità assistenziale il servizio infermieristico si avvale principalmente di risorse e mezzi dedicati. Riflessioni sulla professione infermieristica e la specificità di assistere a domicilio. Parole chiave:assistenza sanitaria come valore sociale-umanizzazione dell assistenza- Territorio come sede privilegiata d intervento-la specificità di assistere a domicilio. Cenni storici e legislativi. Anno 1974 : nasce a Terni l assistenza domiciliare all anziano. E dalla mente e dal cuore del Prof.Pietro Valdina, Direttore del Centro Geriatrico di Terni, che si delineò l opportunità, in alcuni casi, di non istituzionalizzare in maniera definitiva l anziano, ma di assisterlo al proprio domicilio, garantendo alla famiglia un sostegno adeguato. Da qui il progetto di assistere a domicilio, un progetto pilota in Italia, (con l unica eccezione di Trento). Il servizio era gestito dai Servizi Sociali del Comune di Terni. E stato l inizio, a livello locale, di una politica socio-sanitaria che iniziava a puntare la sua attenzione all assistenza domiciliare ed in particolare all assistenza all anziano, in quanto soggetto bisognoso di particolari attenzioni sotto il profilo socio-sanitario, che definiva interventi globali centrati sulla persona e non sulla malattia con programmi assistenziali personalizzati, che riconosceva il valore della famiglia nella promozione della salute Legge 833: viene istituito il Servizio Sanitario Nazionale Con la Legge 833 l intervento non è più mirato alla cura della malattia ma alla promozione, al mantenimento ed al recupero della salute fisica e psichica. Tra gli obiettivi della Riforma la tutela della salute degli anziani, anche al fine di prevenire e rimuovere le condizioni che possono concorrere alla loro emarginazione. La gestione dell assistenza domiciliare viene trasmessa ai servizi territoriali delle neo-costituite Unità Sanitarie Locali, cioè alla competenza dei Distretti socio-sanitari di base, un unica struttura in cui vengono erogati insieme servizi sociali e sanitari. Il territorio di Terni e di alcuni comuni limitrofi viene ripartito in specifiche aree alle quali corrispondono altrettanti DSSB, in base al principio di essere presente ed operare nel luogo dove il cittadino vive e lavora. Importanti risorse vengono nel tempo trasferite al territorio.si avvia il rapporto di collaborazione con il Medico di Famiglia e viene assistito qualsiasi soggetto bisognoso di cure a domicilio, indipendentemente dall età. L anziano rimane comunque il protagonista indiscusso dell assistenza domiciliare. 1

2 1992: avvio del processo di aziendalizzazione del SSN( decreto legislativo n.502 e modifiche). Con la 502 l obiettivo è razionalizzare la spesa sanitaria. Scompaiono le U.S.L. con i vecchi comitati di gestione di nomina politica e si costituiscono le Aziende Ospedaliere e le Aziende Unità Sanitarie Locali, la cui gestione è manageriale e l approccio di tipo economico-aziendale. Vengono definiti i livelli uniformi di assistenza e con essi la specificazione delle prestazioni da garantire a tutti i cittadini. Il processo di razionalizzazione della spesa sanitaria deve passare attraverso la revisione dei modelli organizzativi, la riduzione degli sprechi,l ottimizzazione dell impiego delle risorse umane e materiali, il tutto mantenendo standard elevati di qualità, efficacia, efficienza. L Ospedale diventa il luogo di assistenza per soli acuti. Inizia così il processo di deospedalizzazione inteso come riduzione del numero dei ricoveri impropri e /o incongrui. Vengono introdotti i DRG; essi impongono un attenzione particolare per la riduzione del tempo di degenza, fattore economico che incide pesantemente sulla spesa sanitaria. Assistenza domiciliare e Piano Sanitario Regionale Nel SSN l approccio è cambiato e il PSR lo conferma. Gli obiettivi strategici erano precedentemente legati alla malattia e quindi alla diagnosi e cura, ora negli obiettivi si parla di assistenza. E spesso di assistenza a lungo termine, questo certamente in relazione al rapido e progressivo invecchiamento della popolazione. L Italia è il Paese più vecchio d Europa. Secondo le previsioni ISTAT in Italia nel 2045 gli ultrasessantacinquenni saranno oltre ( in più rispetto ad oggi).la speranza di vita alla nascita si attesterà su 81,4 anni per gli uomini e 88,1 anni per le donne. I dati ISTAT del 2003 segnalano l Umbria al 1 posto in Italia riguardo l allungamento della vita media: maschi 79 anni di età, femmine 84 anni. Il PSR prevede per l assistenza domiciliare la presa in carico di almeno il 2,5% degli ultrasessantacinquenni. L AUSL di Terni è al 2 posto in Umbria come quota maggiore di anziani.(23,1%) dopo Foligno (23,2%).L allungamento della vita media comporta un aumento considerevole di popolazione cosiddetta fragile : con polipatologia, cronicità e ad elevato rischio di disabilità I disabili anziani sono in Italia circa 2 milioni. La perdita di autonomia funzionale tra le persone con età >65 anni riguarda quasi il 20% e tra le persone con età >80 anni il tasso di disabilità raggiunge il 47,67%(dati ISTAT 2000). I bisogni assistenziali della persona anziana sono fortemente condizionati dalla fragilità, essi necessitano dunque di risposte non limitate nel tempo ed integrate tra loro, occorre attivare un modello assistenziale a lungo termine personalizzato e globale che veda una reale integrazione tra il sociale ed il sanitario. Il PSR ha tra gli obiettivi di particolare impegno, il potenziamento dell assistenza domiciliare integrata, cioè dell insieme coordinato di prestazioni a termine, di carattere sanitario e socio-assistenziale, rese a domicilio secondo piani individuali programmati di assistenza.riguarda soggetti con bisogni complessi di tipo socio-sanitario e mira al mantenimento del soggetto nel contesto socio-famigliare, evitando ricoveri impropri ed istituzionalizzazioni non strettamente necessarie. L 85% dell ADI è rivolta a utenti in età geriatria. Per garantire la continuità assistenziale sarà inoltre necessario potenziare, o in alcuni casi, istituire, una rete di servizi territoriali residenziali (Residenze protette, RSA, Hospice, ecc..). L assistenza domiciliare ha un grande valore sociale, combattendo l istituzionalizzazione e con essa lo sradicamento da luoghi e affetti che costituiscono gran parte dei punti di forza dell anziano, indirizzando e sostenendo invece la famiglia in quel rapporto di reciproco aiuto che è il fondamento del vivere civile. 2

3 Come è strutturato ed organizzato il Distretto n 1 dell AUSL N.4 per rispondere ai bisogni della popolazione anziana? Popolazione residente al 31 dicembre 2002 : Popolazione con età >=65 anni residente al 31 dicembre 2002: L AUSL N.4 è divisa in tre aree territoriali alle quali corrispondono altrettanti Distretti Sociosanitari. Il Distretto Sociosanitario è l ambito organizzativo aziendale responsabile della qualificazione della domanda, della regolazione dell offerta dei servizi territoriali nonché la messa a punto dei percorsi assistenziali per l assistenza di lungo periodo. Il Distretto N 1 è costituito dal Comune di Terni e di alcuni comuni limitrofi. La UVG è lo strumento del Distretto per la valutazione multiprofessionale dei bisogni assistenziali degli anziani sul versante sociale e sanitario. Il Distretto N.1 comprende n 3 Centri Di Salute con relativi PES (punti di erogazione sanitaria). Il Centro di Salute costituisce il primo livello di intervento integrato per affrontare le problematiche del disabile anziano e della sua famiglia. A livello del Centro di Salute è attiva l èquipe territoriale integrata (con competenze sanitarie, sociali ed educative); essa valuta la necessità della presa in carico, di concerto con l anziano disabile e la famiglia ed organizza gli interventi attraverso la definizione di un progetto globale. Il Medico di medicina generale ha la responsabilità della continuità assistenziale. Assistenza domiciliare nel Distretto N.1 di Terni. E rivolta alle persone non in grado, anche se temporaneamente, di deambulare e che necessitano di cure mediche, infermieristiche, riabilitative e /o di interventi sociali. Il servizio è attivato dal Centro di Salute previa richiesta del MMG. L èquipe del C. di Salute predispone, in accordo con il MMG, il piano assistenziale. I tempi di presa in carico sono in relazione alla complessità assistenziale ed all urgenza clinica. Assistiti a domicilio nell anno 2003con età >=65 anni: 2448 Risorse umane impegnate nell assistenza domiciliare al Infermieri n 42 Coordinatrici Infermieristiche n 3 (una per C. di Salute). Assistenti sociali n 8 Assistenti sanitarie..7 Ausiliari n 50(personale convenzionato di cooperative sociali) Medici specialisti per consulenze domiciliare (geriatra, chirurgo, neurologo, cardiologo, angiologo, diabetologo, dermatologo, oculista, dentista, nutrizionista, palliativista, fisiatra). Gli specialisti sono attivati dal C. di Salute previa richiesta del MMG. Fisioterapisti ( in servizio c/o il S.di riabilitazione e fisioterapia territoriale ), vengono attivati dal fisiatra che ha effettuato la consulenza a domicilio. Operatrici di animazione che svolgono attività occupazionale: (personale convenzionato di cooperative sociali)la terapia occupazionale è un attività di sostegno rivolta all anziano fragile (con pluripatologia, sindrome ansioso depressiva, disagio-psico-relazionale, con iniziale decadimento psico-cognitivo) L attività domiciliare è qui intesa come un intervento temporaneo, mentre quello definitivo è c/o il laboratorio occupazionale (uno per C. di Salute). Associazioni di volontariato Mezzi in dotazione Autovetture in dotazione al servizio n 21.. Tel.cellulari in dotazione al servizio n 21. 3

4 Assistenza infermieristica domiciliare e organizzazione del turno lavorativo Il turno lavorativo è articolato su due turni per i giorni feriali ed un unico turno per i giorni festivi. Nei giorni feriali c è un turno antimeridiano ed uno pomeridiano: il turno antimeridiano ha fascia flessibile con entrata /uscita Il turno pomeridiano (espletato da n 1unità infermieristica per C. di Salute per un totale di n 3 unità) ha fascia flessibile con entrata /uscita Il turno festivo di n 6 ore lavorative (espletato da n 1 unità infermieristica per C. di Salute per un totale di n 3 unità) è generalmente così ripartito: mattino n 4 ore e pomeriggio n 2 ore lavorative. Prestazioni infermieristiche e socio assistenziali domiciliari Distretto N.1 anni Anno prestazioni Prestazioni infermieristiche domiciliari anno 2003 Totale prestazioni Distretto N.1 n Medicazioni Prelievi Terapia iniettiva sc.im Processi educativi, addestramento, attivazione rete servizi 5486 Gest. Cat vesc terapia iniettiva ev. ed infusiva 4546 Stick glic 3540 P.A 2257 Gest. Stomie 1845 Clistere 674 Gest. N.E. 668 Altro 497 Documentazione infermieristica: La documentazione infermieristica è sostanzialmente di tipo cartaceo (è in elaborazione una documentazione informatica). Cartella clinica distrettuale e domiciliare Foglio carico di lavoro giornaliero Foglio carico di lavoro giornaliero per operatore Riepilogo giornaliero prestazioni ed accessi per utente. Riepilogo mensile prestazioni e accessi per utente. Registro assistiti a domicilio ( dati anagrafici, dati clinici, modalità presa in carico, risorse attivate, modalità dimissioni, ecc.) 4

5 Il piano assistenziale Assistere a domicilio non è un processo mosso unicamente dalla necessità di contenere e razionalizzare la spesa sanitaria, è una risposta di qualità ad una domanda di assistenza. E umanizzare l assistenza, vedere l uomo come unità, riconoscere i suoi bisogni in quel contesto che è l ambiente di vita ( bisogni fisiologici sicuramente, ma anche di conoscenza,di sicurezza, di appartenenza e amore, di stima e autorealizzazione). Il piano assistenziale è individuale, centrato sulla persona. Il soggetto da assistere è unico nella sua componente psico-fisica così come unico è il contesto in cui viene assistito(ambiente di vita), nella sua peculiarità socio affettiva, economica, organizzativa, culturale, ecc. Il piano assistenziale è multidimensionale La persona è valutata in tutte le sue componenti( dimensione fisica, emozionale, culturale, familiare, ecc) ed inserita in un determinato contesto ambientale. Nel soggetto anziano il piano assistenziale ha come obiettivo generale: la promozione, il mantenimento e/o il recupero e /o il delle capacità residue di autonomia al fine di migliorare la qualità di vita. Principali problemi assistenziali : Deficit motorio (di origine artrosica, traumatica, neurologica, vascolare, ecc.) La costrizione permanente a letto o su sedia implica livelli di dipendenza molto elevati. Tra la popolazione di oltre 80 anni un anziano su quattro è confinato a casa per impedimenti sia fisici che psichici. Malnutrizione (difficoltà a deglutire, insufficiente apporto calorico, insufficiente apporto di liquidi, ecc..). Eliminazione (incontinenza, spesso sia urinaria che fecale; stipsi, diarrea). Integrità della cute (presenza di lesioni da decubito, ulcere di origine vascolare, ecc ) Deficit sensoriale(visivo, uditivo). Deficit cognitivo (demenza, morbo di Alzheimer,ecc.). Deficit relazionale ( di natura fisica e/o psichica). Depressione ( spesso associata a stati di abbandono e solitudine e/o a mancanza di autosufficienza). Disagio economico ( la povertà crescente è una realtà per molti anziani). La complessità assistenziale Il livello di complessità assistenziale può essere basso, medio, elevato. Viene definito in base alla presenza, al peso ed alle dinamiche di interazione dei seguenti fattori: Soggetto non deambulante. Soggetto autoinsufficiente. Presenza di complessità tecnica e/o gestionale delle procedure assistenziali. Richiesta di elevato livello di integrazione professionale. Necessità di rilevanti interventi educativi e /o di addestramento all utente ed alla sua famiglia. Per i casi ad elevata complessità si attiva il nucleo di valutazione multidimensionale del C. di Salute o l U.V.G. L AUSL N.4 nell anno 2003 ha promosso un corso di case-manager infermieristico con l obiettivo di formare gli infermieri domiciliari alla corretta gestione di casi ad elevata complessità assistenziale. Continuità assistenziale e dimissioni protette La dimissione protetta riguarda la presa in carico di soggetti anziani ad elevata complessità assistenziale ricoverati in ospedale e prossimi alle dimissioni. Una fattiva ed efficace integrazione tra Ospedale e Territorio è la base per ridurre il fenomeno dei ricoveri ripetuti e/o incongrui legati ad un ridotto equilibrio clinico del paziente nel momento immediatamente successivo alle dimissioni e per garantire la continuità assistenziale. 5

6 La specificità di assistere a domicilio Con l abolizione del Mansionario (Legge n 42 del 1999) si sono create le basi d autonomia professionale indispensabili per dare un efficace risposta ai bisogni di assistenza infermieristica. Una professione che evolve, quella infermieristica, ampliando i suoi spazi operativi, tra i quali quello dell attività domiciliare. Ma cosa si richiede all infermiere che opera a domicilio? Lo sviluppo di competenze e capacità organizzative e gestionali insieme alla capacità di saper lavorare in èquipe. Fondamentale è il rapporto di reciproca collaborazione con il MMG. A domicilio non esistono percorsi predefiniti ( se non quelli di tipo burocratico,) l infermiere deve saper valutare, pianificare, organizzare il caso, compresa la gestione delle criticità. Importante è la valutazione dello stile di vita della persona (raccolta delle informazioni ed attenta analisi delle stesse) e la valutazione dell abitazione(carenze nell igiene, presenza di barriere architettoniche e di potenziale per incidenti domestici). L infermiere deve intervenire per migliorare lo stile di vita e l ambiente attivando tutte le risorse messe a disposizione. L infermiere domiciliare deve rafforzare competenza e capacità relazionale. Davanti a sé c è un cittadino nella sua casa e non un paziente ospite. Dovrà chiedergli di aprire la porta e, una volta entrato operare con delicatezza e riserbo; entrando non vedrà la malattia ma la persona, non un letto ma l intimità di una vita. Assistere dunque con professionalità ma anche con calore umano così da poter conquistare la piena fiducia della persona assistita e della sua famiglia e diventare un efficace aiuto, un sostegno. La famiglia è infatti al centro dell intervento assistenziale, occorre superare il preconcetto che essa ha un ruolo passivo e valutarla quale è: soggetto cardine nell assistenza a domicilio. Nel predisporre un piano assistenziale ricordiamoci che in media oltre il 75% delle cure viene erogato dalla famiglia.l incontro con la famiglia fa emergere le sue aspettative, le risorse che mette a disposizione, i suoi bisogni educativi, la necessità dell acquisizione di competenze pratiche. L impegno della famiglia nella cura degli anziani totalmente non autosufficienti è gravoso, spesso richiede anche un enorme dispendio di energie fisiche, economiche ed emozionali. La famiglia di fronte alla disabilità si deve riorganizzare. Il ruolo dell infermiere domiciliare è soprattutto quello di sostenere ed indirizzare la famiglia: educare, coordinare, collaborare, supervisionare, valutare. Una famiglia educata e ben organizzata può prevenire ed affrontare efficacemente problemi di salute. Intervenire efficacemente significa spostare l assistenza dall anziano alla sua famiglia e prendersi carico di entrambi. Certo,a domicilio le sollecitazioni di tipo emotivo sono pressanti, occorre adattarsi, gestire le criticità, non sempre ci si sente adeguati ed appagati, spesso la motivazione cala. se vado tutti i giorni dalla stessa persona non ho più nulla da dirgli. alcuni pazienti sono molto pesanti, è meglio avvicendarsi. Risulta chiaro che quando i rapporti rimangono superficiali e di breve durata si riesce a reggere l impatto emotivo, si può continuare a recitare il ruolo di erogatore occasionale di prestazioni; ma quando questo ruolo non regge più la persona che assistiamo entrerà in noi, entrerà con la sua famiglia, entrerà con la sua malattia e con la sua sofferenza e si incontreranno con chi? Con una persona spaventata che improvvisa e che fugge o con un professionista che ha acquisito competenze e capacità di relazione e per il quale sentire l altro è una preziosa occasione per arricchire se stesso? Occorre riflettere sul valore della nostra professione, su cosa facciamo, come lo facciamo e soprattutto perché lo facciamo, quali sono i nostri punti di forza e i nostri punti di debolezza. L assistenza a domicilio va vista come percorso di crescita professionale, per ben operare occorre infatti rafforzare l autonomia, le competenze e le capacità relazionali, educative ed organizzative, è indispensabile saper lavorare in èquipe. Una strada dunque aperta per il nostro futuro. 6

7 BIBLIOGRAFIA L Infermiere e i bisogni di assistenza infermieristica della famiglia Atti del Convegno nazionale CNAI 2002 L anziano fragile:uno sguardo della Medicina Territoriale D. Casagrande-G.Olivari La teoria generale del nursing di D. E.Orem -M.M. Rubino. Osservazioni sulla disabilità in Italia con particolare riferimento alla popolazione anziana G.C. Blangiardo. Linee guida per la prevenzione ela terapia delle lesioni da decubito -R. Pasqualini-C.Mussi- G.Salvioli. Linee guida per la valutazione della malnutrizione nell anziano -L. Bissoli, M.Zamboni, G. Sergi, E. Ferrari-O. Borsello. linee guida al trattamento della incontinenza urinaria nel paziente anziano. _F.Benvenuti. Linee d orientamento alla lettura del Codice deontologico degli infermieri Federazione nazionale Collegi IPASVI. Le leggi e gli infermieri Aprile 2003 Quaderni de L INFERMIERE PIANO SANITARIO REGIONALE LEGGE 23 /12/78 n.833 DECRETO 14/11/94 n 739 7

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

1.OGGETTO 2.FINALITA 3. DESTINATARI

1.OGGETTO 2.FINALITA 3. DESTINATARI PROTOCOLLO OPERATIVO TRA I SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE DEI COMUNI DELL AMBITO DISTRETTUALE DI SEREGNO E IL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA DELL ASLMI3 DISTRETTO DI SEREGNO PER L EROGAZIONE

Dettagli

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf. DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.it Popolazione anziana Distretto RMF1 Dati 2000 65-74 75-84 >85 M 3397

Dettagli

Allegato 1 PROTOCOLLO PER LA SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO TOSCANO DI ASSISTENZA ALLA PERSONA CON DEMENZA

Allegato 1 PROTOCOLLO PER LA SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO TOSCANO DI ASSISTENZA ALLA PERSONA CON DEMENZA Allegato 1 PROTOCOLLO PER LA SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO TOSCANO DI ASSISTENZA ALLA PERSONA CON DEMENZA PREMESSA La Malattia di Alzheimer (MA) rappresenta un problema sanitario e sociale di primaria importanza

Dettagli

Protocollo operativo A.D.I. (Assistenza Domiciliare Integrata) AUSL /BA2 - COMUNE DI BARLETTA

Protocollo operativo A.D.I. (Assistenza Domiciliare Integrata) AUSL /BA2 - COMUNE DI BARLETTA Barletta, 16/02/05 8.24 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida Piano Sociale dell Ambito Distrettuale di Barletta Anni 2005 2007 Protocollo operativo

Dettagli

LE DIMISSIONI PROTETTE

LE DIMISSIONI PROTETTE DOTT.SSA LUCIANA LABATE UOC PNEUMOLOGIA OSP. FALLACARA TRIGGIANO (BA) LE DIMISSIONI PROTETTE LE DIMISSIONI PROTETTE: L invecchiamento della popolazione e la nuova organizzazione sanitaria basata sulla

Dettagli

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA IL SERVIZIO ADI NEL TERRITORIO DELL ISOLA BERGAMASCA Coord. Sanitario Dott.ssa Porrati Luisa Infermiera CeAD

Dettagli

SALUTE E ANZIANI IN ITALIA

SALUTE E ANZIANI IN ITALIA Definire la domanda di salute della popolazione anziani in Italia è un tema chiave da affrontare, specie in un paese come il nostro che invecchia sempre di più e che destina più della metà delle sue risorse

Dettagli

L esperienza dell ULSS 16 del Veneto nella Continuità Assistenziale

L esperienza dell ULSS 16 del Veneto nella Continuità Assistenziale L esperienza dell ULSS 16 del Veneto nella Continuità Assistenziale dott. Daniele Donato ULSS 16 Padova Regione Veneto 27 giugno 2008 - Precenicco Premesse-1 Transizione Demografica Maschi Italia 2005

Dettagli

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Sede legale: via Valverde n.42-37122 Verona - tel. 045/8075511 Fax 045/8075640Cod. Fiscale e P. IVA 02573090236 Dipartimento delle Unità Organizzative della Direzione dei Servizi

Dettagli

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA PREMESSA Il presente documento è stato redatto in modo da offrire una panoramica dei principali servizi socio-sanitari e socio-assistenziali

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI ZOGNO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 1 TITOLO I NORME GENERALI DEL SERVIZIO Art. 1 Campo di intervento Il Comune di Zogno, nell ambito del Servizio Assistenza, eroga le prestazioni

Dettagli

VOL. 6. Progetto S STEGNO. A chi rivolgersi. in caso di necessità

VOL. 6. Progetto S STEGNO. A chi rivolgersi. in caso di necessità Progetto S STEGNO VOL. 6 A chi rivolgersi in caso di necessità A chi rivolgersi in caso di necessità 118 ORE Il 118 è il numero telefonico attivo in Italia per la richiesta di soccorso sanitario. È un

Dettagli

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale Introduzione Reggio Emilia, 19 e 26 maggio 2010 Riferimenti normativi Accordo Collettivo Nazionale

Dettagli

Assistenza Domiciliare nelle persone con BPCO

Assistenza Domiciliare nelle persone con BPCO Assistenza Domiciliare nelle persone con BPCO Roma, 31 maggio 2012 Le Richieste Sempre più pazienti sono affetti da malattie croniche con un aumento della sopravvivenza in ogni fascia di età I cittadini

Dettagli

PRIMA SESSIONE QUALI MODELLI NELLA SFIDA ALLA COMPLESSITA DELLA FRAGILITA

PRIMA SESSIONE QUALI MODELLI NELLA SFIDA ALLA COMPLESSITA DELLA FRAGILITA PRIMA SESSIONE QUALI MODELLI NELLA SFIDA ALLA COMPLESSITA DELLA FRAGILITA Antonio Brambilla Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Regione Emilia Romagna Il tema della fragilità è un tema estremamente

Dettagli

PROPOSTA PER UN MODELLO INTEGRATO DI PUA DISTRETTUALE

PROPOSTA PER UN MODELLO INTEGRATO DI PUA DISTRETTUALE COMUNE DI CARBONIA PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Distretto Sociosanitario di Carbonia ALLEGATO 1 PROPOSTA PER UN MODELLO INTEGRATO DI PUA DISTRETTUALE IL SISTEMA INTEGRATO PRESA IN CARICO - VALUTAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASSEGNO DI CURA L.R. 5/94

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASSEGNO DI CURA L.R. 5/94 COMUNE DI CASTELFRANCO EMILIA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASSEGNO DI CURA L.R. 5/94 APPROVATO CON DELIB. C.C. 77 DEL 16.04.2003 Pagina 1 di 7 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASSEGNO DI CURA L.R.

Dettagli

Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014

Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014 Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014 Lezione 8 Interventi socio assistenziali nell anziano Docenti: Claudia Onofri Ivana Palumbieri L invecchiamento

Dettagli

C A R T A D E I S E R V I Z I CURE DOMICILIARI

C A R T A D E I S E R V I Z I CURE DOMICILIARI C A R T A D E I S E R V I Z I D E L L E CURE DOMICILIARI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Via Maresciallo Giardino 20 20037 Paderno Dugnano MI tel. 02/99038571 fax 02/9186247 E-mail: curedomiciliari@clinicasancarlo.it

Dettagli

PROPOSTA DI PROGETTO

PROPOSTA DI PROGETTO PROPOSTA DI PROGETTO IL NETWORK SANITARIO E SOCIO SANITARIO PER LE PERSONE AFFETTE DA DEMENZA: SVILUPPO DI UN MODELO DI COLLABORAZIONE PERMANENTE TRA CENTRO DI DECADIMENTO COGNITIVO MEDICO DI MEDICINA

Dettagli

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il distretto sanitario di Cividale si presenta A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il Distretto è una struttura dell Azienda per i servizi sanitari territoriali

Dettagli

Sanità LA SALUTE A DOMICILIO. Indice. Dalla continuità della cura all assistenza socio-sanitaria integrata. l assistenza domiciliare integrata

Sanità LA SALUTE A DOMICILIO. Indice. Dalla continuità della cura all assistenza socio-sanitaria integrata. l assistenza domiciliare integrata Sanità LA SALUTE A DOMICILIO Dalla continuità della cura all assistenza socio-sanitaria integrata Indice l assistenza domiciliare integrata l offerta Finsiel il Centro Servizi sociosanitari domiciliari

Dettagli

Residenze Sanitarie Assistenzali. Milano e Provincia Monza e Provincia 2014. Per informazioni: SERVIZIO CORTESIA

Residenze Sanitarie Assistenzali. Milano e Provincia Monza e Provincia 2014. Per informazioni: SERVIZIO CORTESIA Milano e Provincia Monza e Provincia 2014 Residenze Sanitarie Assistenzali La è una Struttura residenziale finalizzata all accoglienza, cura e recupero funzionale di Persone anziane parzialmente o totalmente

Dettagli

Società Scientifiche

Società Scientifiche Milano, 7 giugno 2006 Un iniziativa sostenuta da Pfizer Società Scientifiche Intervento del Prof. Roberto Bernabei 2006 Ambrosetti S.p.A. TUTTI I DIRITTI RISERVATI. Questo documento è stato ideato e preparato

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE COMUNITÀ ALLOGGIO PROTETTA

REGOLAMENTO DI GESTIONE COMUNITÀ ALLOGGIO PROTETTA Documentazione Sistema Qualità Pag. 1 di 10 REGOLAMENTO DI GESTIONE COMUNITÀ ALLOGGIO PROTETTA (C.A.P.) IL MULINO DELLA ZONA ALTA VALDELSA Numero Revisione Motivo DATA 1 APPROVAZIONE CONSIGLIO DI GESTIONE

Dettagli

COMUNE DI CRESPELLANO

COMUNE DI CRESPELLANO COMUNE DI CRESPELLANO Prov. di Bologna REGOLAMENTO DISTRETTUALE PER LA GESTIONE E L ACCESSO AI CENTRI DIURNI PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI AZIENDA USL DI BOLOGNA DISTRETTO DI CASALECCHIO DI RENO 1 LEGENDA

Dettagli

L infermiere casemanager

L infermiere casemanager L infermiere casemanager Valentina Sangiorgi U.C.S.C. di Roma Policlinico Universitario A.Gemelli Firenze 29-11/1-12-2007 La riorganizzazione delle cure primarie e l integrazione del sistema L aumento

Dettagli

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione Perchè L A.S.L. deve farsi carico dei costi sanitari derivanti dagli interventi assistenziali rivolti ad anziani non autosufficienti, pertanto si avvale della Commissione per avere una valutazione tecnica

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

PIANO TERRITORIALE DISTRETTO F4 PER LE ESIGENZE DEI PICCOLI COMUNI

PIANO TERRITORIALE DISTRETTO F4 PER LE ESIGENZE DEI PICCOLI COMUNI Civitella San Paolo Filacciano Magliano Romano Nazzano Ponzano Romano Torrita Tiberina PIANO TERRITORIALE DISTRETTO F4 PER LE ESIGENZE DEI PICCOLI COMUNI PROGETTO INTEGRATIVO AL PIANO DI ZONA 2011 Distretto:

Dettagli

L ASSISTENZA RESPIRATORIA DOMICILIARE: PROBLEMI SUL TERRITORIO

L ASSISTENZA RESPIRATORIA DOMICILIARE: PROBLEMI SUL TERRITORIO L ASSISTENZA RESPIRATORIA DOMICILIARE: PROBLEMI SUL TERRITORIO Mario Caputi Ilernando Meoli Dipartimento di Scienze Cardiotoraciche e Respiratorie: Sezione di Malattie, Fisiopatologia e Riabilitazione

Dettagli

PROGETTO SIMULTANEOUS HOME CARE. Dr Mauro Bandera Oncologo

PROGETTO SIMULTANEOUS HOME CARE. Dr Mauro Bandera Oncologo PROGETTO SIMULTANEOUS HOME CARE Dr Mauro Bandera Oncologo I progressi nella terapia dei tumori hanno portato ad una sopravvivenza a 5 anni dei 2/3 dei pazienti e di circa la metà a 10 anni dalla diagnosi.

Dettagli

IL GOVERNO CLINICO IN RSA. Aggiornamento per Responsabili Sanitari delle RSA Brescia 2014

IL GOVERNO CLINICO IN RSA. Aggiornamento per Responsabili Sanitari delle RSA Brescia 2014 IL GOVERNO CLINICO IN RSA Aggiornamento per Responsabili Sanitari delle RSA Brescia 2014 IL GOVERNO CLINICO in RSA definizione di RSA -SIGG Struttura del territorio destinata ad accogliere gli anziani

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE di SAN GIOVANNI IN PERSICETO Provincia di Bologna REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. _45 DEL _19/4/2004 Pag. N. 1 INDICE Art.

Dettagli

LA CONTINUITA ASSISTENZIALE: Infermiera Luisa Valleise Cardiologia- Utic Aosta

LA CONTINUITA ASSISTENZIALE: Infermiera Luisa Valleise Cardiologia- Utic Aosta LA CONTINUITA ASSISTENZIALE: La LETTERA di DIMISSIONE INFERMIERISTICA Infermiera Luisa Valleise Cardiologia- Utic Aosta PARLIAMO DI DIMISSIONE A DOMICILIO A.D.I. Quali possibilità ha il paziente anziano

Dettagli

CURARE E PRENDERSI CURA: LA PRIORITA DELLE CURE DOMICILIARI

CURARE E PRENDERSI CURA: LA PRIORITA DELLE CURE DOMICILIARI PROF.SSA LUISA BARTORELLI Direttore Centro Alzheimer della Fondazione Roma CURARE E PRENDERSI CURA: LA PRIORITA DELLE CURE DOMICILIARI La sfida che la crescita esplosiva della popolazione anziana pone

Dettagli

Osservatorio Settoriale sulle RSA 7 Convegno Annuale

Osservatorio Settoriale sulle RSA 7 Convegno Annuale «Da RSA a centro di servizi: una sfida da vincere» OSSERVATORIO SETTORIALE SULLE RSA 7 CONVEGNO ANNUALE RSA aperte al territorio nella prospettiva di Regione Lombardia Direzione Generale Famiglia, Solidarietà

Dettagli

PIANO LOCALE DELLA NON AUTOSUFFICIENZA PER LA RESIDENZIALITA

PIANO LOCALE DELLA NON AUTOSUFFICIENZA PER LA RESIDENZIALITA PIANO LOCALE DELLA NON AUTOSUFFICIENZA PER LA RESIDENZIALITA L invecchiamento della popolazione rappresenta una dei fenomeni più importanti che riguardano la popolazione dell intera Regione Veneto e del

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DOMICILIARI SOCIO SANITARI

CARTA DEI SERVIZI DOMICILIARI SOCIO SANITARI CARTA DEI SERVIZI DOMICILIARI SOCIO SANITARI Ultima revisione Settembre 2012 1. COS È LA CARTA DEI SERVIZI La carta dei servizi nasce dall esigenza di tutelare i diritti degli utenti attribuendo loro la

Dettagli

Riordino dell organizzazione dell ospedale basato sul livello di intensità delle cure, sui reparti a gestione infermieristica, sull integrazione dei

Riordino dell organizzazione dell ospedale basato sul livello di intensità delle cure, sui reparti a gestione infermieristica, sull integrazione dei Riordino dell organizzazione dell ospedale basato sul livello di intensità delle cure, sui reparti a gestione infermieristica, sull integrazione dei percorsi riabilitativi e sull attivazione dei Presidi

Dettagli

UNITA VALUTATIVA GERIATRICA (UVG)

UNITA VALUTATIVA GERIATRICA (UVG) L'Unità valutativa geriatrica (UVG) è una Commissione dell'asl e dell'ente gestore dei servizi socio-assistenziali che ha la funzione di valutare le condizioni psico-fisiche e ambientali della persona

Dettagli

L Assistenza Domiciliare ai Disabili Gravissimi

L Assistenza Domiciliare ai Disabili Gravissimi L Assistenza Domiciliare ai Disabili Gravissimi Tedaldi Laura Coordinatore Infermieristico Servizio di Assistenza Domiciliare Integrata Ferrara 22 Ottobre 2011 1 Grave Disabilità articolo 3 Legge 104/1992

Dettagli

II. SERVIZI, RISORSE INFORMALI, DOMANDA ESPRESSA E DOMANDA SODDISFATTA

II. SERVIZI, RISORSE INFORMALI, DOMANDA ESPRESSA E DOMANDA SODDISFATTA II. SERVIZI, RISORSE INFORMALI, DOMANDA ESPRESSA E DOMANDA SODDISFATTA 1. SERVIZI E RISORSE 1.1 L ASSISTENZA TERRITORIALE I servizi che il territorio riminese è in grado di offrire ai diversi target di

Dettagli

DISTRETTO SOCIO SANITARIO - SERVIZIO ADI RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2014

DISTRETTO SOCIO SANITARIO - SERVIZIO ADI RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2014 DISTRETTO SOCIO SANITARIO - SERVIZIO ADI RELAZIONE ATTIVITA ANNO 214 1.1 UNO SGUARDO D INSIEME 1.1.1 Il contesto di riferimento Il servizio Assistenza Domiciliare Integrata si occupa dei pazienti che presentano

Dettagli

L assistenza domiciliare integrata in Basilicata e il modello Venosa

L assistenza domiciliare integrata in Basilicata e il modello Venosa SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza Unità Complessa di Oncologia Critica Territoriale e Cure Palliative - ADI Gianvito Corona Firenze, 2 dicembre 2010 Palazzo dei

Dettagli

COMUNE DI TORRE S. SUSANNA. (Provincia di Brindisi) ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI

COMUNE DI TORRE S. SUSANNA. (Provincia di Brindisi) ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI ALLEGATO UNICO ALLA DELIBERAZIONE DI G. C. N. 194 DEL 21.11.2002 COMUNE DI TORRE S. SUSANNA (Provincia di Brindisi) ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

Dettagli

ADI (Assistenza Domiciliare Integrata)

ADI (Assistenza Domiciliare Integrata) Università degli Studi di Foggia C.di L. nella Professione Sanitaria di INFERMIERE ADI (Assistenza Domiciliare Integrata) Dott. Cristiano Capurso Definizione L'Assistenza Domiciliare Integrata è una forma

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Ambito di Seriate L.328/00 Seriate, Albano S.Alessandro, Bagnatica, Brusaporto, Cavernago, Costa di Mezzate, Grassobbio, Montello, Pedrengo, Scanzorosciate, Torre de Roveri REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI

Dettagli

CONFERENZA STAMPA. L ASL di Brescia presenta un progetto rivolto ai malati oncologici terminali con il sostegno della Fondazione Berlucchi.

CONFERENZA STAMPA. L ASL di Brescia presenta un progetto rivolto ai malati oncologici terminali con il sostegno della Fondazione Berlucchi. DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE Servizio Comunicazione viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030/3838315 Fax 030/3838280 E-mail: servizio.comunicazione@aslbrescia.it

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI CASALGRANDE PROVINCIA DI REGGIO EMILIA CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 50 del 28/06/2012 Premessa La Carta dei Servizi

Dettagli

FONDAZIONE. Bartolomea Spada Schilpario Valle di Scalve O.N.L.U.S. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI

FONDAZIONE. Bartolomea Spada Schilpario Valle di Scalve O.N.L.U.S. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI per servizio di ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA REVISIONI N. Descrizione Data 0 Redazione documento 20 giugno 2012 1 Pagina 6, modifica prima riga 15

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DI AIUTO E SUPPORTO ALLA PERSONA

CARTA DEI SERVIZI DI AIUTO E SUPPORTO ALLA PERSONA Comune di Castel Maggiore (Provincia di Bologna) CARTA DEI SERVIZI DI AIUTO E SUPPORTO ALLA PERSONA INDICE - I servizi di aiuto e sostegno alla persona nel sistema locale dei servizi sociali a rete - I

Dettagli

FONDAZIONE OSPEDALE MARCHESI di INZAGO D.g.r. 23 febbraio 2004 n. 7/16452 ADI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI 2015

FONDAZIONE OSPEDALE MARCHESI di INZAGO D.g.r. 23 febbraio 2004 n. 7/16452 ADI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI 2015 FONDAZIONE OSPEDALE MARCHESI di INZAGO D.g.r. 23 febbraio 2004 n. 7/16452 ADI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI 2015 1. La Fondazione Ospedale Marchesi nella rete dei servizi.

Dettagli

L INFERMIERE CASE MANAGER IN MEDICINA INTERNA L ESPERIENZA DI BIELLA PROGETTO FLORENCE

L INFERMIERE CASE MANAGER IN MEDICINA INTERNA L ESPERIENZA DI BIELLA PROGETTO FLORENCE L INFERMIERE CASE MANAGER IN MEDICINA INTERNA L ESPERIENZA DI BIELLA PROGETTO FLORENCE Belluno 11 ottobre 2008 Derossi Valentina LA MIA FORMAZIONE Diploma universitario di infermiera 1999 Dal 2000 lavoro

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO E RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 17 del 22.3.1999 Comune di Cusano Milanino CENTRO DIURNO INTEGRATO REGOLAMENTO

Dettagli

Unione di Comuni Città - Territorio Val Vibrata 64015 Nereto (TE) 0861-851825. Azione SERVIZIO SOCIALE PROFESSIONALE

Unione di Comuni Città - Territorio Val Vibrata 64015 Nereto (TE) 0861-851825. Azione SERVIZIO SOCIALE PROFESSIONALE Unione di Comuni Città - Territorio Val Vibrata 64015 Nereto (TE) 0861-851825 Piano di Zona dei Servizi Sociali (Legge 328/00 e Piano Sociale Regionale 2002-2004) Ambito Territoriale Sociale n.2 Vibrata

Dettagli

PROGETTO PER VOLONTARI FAMIGLIE e BADANTI PROMOSSO DA ASSOCIAZIONE DIRITTI ANZIANI TRENTO

PROGETTO PER VOLONTARI FAMIGLIE e BADANTI PROMOSSO DA ASSOCIAZIONE DIRITTI ANZIANI TRENTO A.D.A. - Associazione Diritti Anziani Ente Nazionale a carattere assistenziale D.M. n 59/C24029(A)142 del 10/01/2001 Via Matteotti n 20/1-38100 Trento C.F. 96051750220 Tel. 0461/376114 Fax 0461/376199

Dettagli

La Rete Ligure di Cure Palliative 1

La Rete Ligure di Cure Palliative 1 La Rete Ligure di Cure Palliative 1 1. Premessa epidemiologica 2. Le cure palliative 3. Il modello organizzativo 3.1 La rete di cure palliative della regione Liguria 3.2 Le reti locali di cure palliative

Dettagli

L innovazione dei servizi per la cura delle malattie croniche

L innovazione dei servizi per la cura delle malattie croniche Cooperativa Sociale Nòmos onlus Bagno a Ripoli, 2011 Convegno L evoluzione dei bisogni degli anziani: Le risposte dei servizi alle esigenze emergenti L innovazione dei servizi per la cura delle malattie

Dettagli

la riabilitazione dopo ictus e frattura di femore La riabilitazione in RSA

la riabilitazione dopo ictus e frattura di femore La riabilitazione in RSA auditorium di s. apollonia, firenze 17 aprile 2012 la riabilitazione dopo ictus e frattura di femore La riabilitazione in RSA Sandra Moretti Bruna Lombardi U.O. Recupero e Rieducazione Funzionale Azienda

Dettagli

AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Principi Generali Finalità del servizio Il servizio di Assistenza Domiciliare

Dettagli

ISTITUTO ASSISTENZA ANZIANI ULSS 20

ISTITUTO ASSISTENZA ANZIANI ULSS 20 PROGETTO POSTI SOLLIEVO ISTITUTO ASSISTENZA ANZIANI ULSS 20 Responsabile del progetto: dott.ssa Pia Poppini -ULSS 20 Responsabile gestione operativa Istituto Assistenza Anziani: Dott.Roberto De Mori Referente

Dettagli

AREA ANZIANI. Coordinatore Area: a.s. Giuseppa Roberta MANGIA

AREA ANZIANI. Coordinatore Area: a.s. Giuseppa Roberta MANGIA AREA ANZIANI Coordinatore Area: a.s. Giuseppa Roberta MANGIA 1. Il Servizio di Assistenza Domiciliare Ente gestore: Cooperativa Costers s.c.s. a r.l. Bova Marina (RC) Coordinatori del Servizio: A.S. Francesca

Dettagli

Punto Unico di Accesso. Violetta Ferrari Emanuela Malagoli 17 Maggio 2012 Bologna

Punto Unico di Accesso. Violetta Ferrari Emanuela Malagoli 17 Maggio 2012 Bologna Punto Unico di Accesso Socio-SanitaroSanitaro nella provincia di Modena Violetta Ferrari Emanuela Malagoli 17 Maggio 2012 Bologna Il Punto Unico d'accesso Socio Sanitario (PUASS) è una modalità organizzativa

Dettagli

La riorganizzazione delle Cure Domiciliari nella Asl 3 Genovese. Loredana Minetti Direttore Distretto Sanitario 11

La riorganizzazione delle Cure Domiciliari nella Asl 3 Genovese. Loredana Minetti Direttore Distretto Sanitario 11 La riorganizzazione delle Cure Domiciliari nella Asl 3 Genovese Loredana Minetti Direttore Distretto Sanitario 11 POPOLAZIONE LIGURE Abitanti: Provincia Totale Maschi Femmine IM 221885 106286 115599 SV

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Numeri utili di Bergamo Sanità Segreteria del servizio di Assistenza Domiciliare Integrata 3331643940 Reperibilità telefonica 3331643940 Fax 035/5291167

Dettagli

Bologna, 25-26 febbraio 2008 Palazzo dei Congressi, Piazza della Costituzione

Bologna, 25-26 febbraio 2008 Palazzo dei Congressi, Piazza della Costituzione Dott. Giovanni Battista Bochicchio Direttore Centro Integrato Medicina dell Invecchia Dott. Gianvito Corona Resp. Unità di Terapia del Dolore, Cure Palliative e Oncologia Critica Terr Un punto unico di

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1 Il Centro Diurno Assistenziale è una Struttura semiresidenziale socio assistenziale e sanitaria che assiste,

Dettagli

I LUOGHI DELLA CURA E DELL APPRENDIMENTO DALL ESPERIENZA

I LUOGHI DELLA CURA E DELL APPRENDIMENTO DALL ESPERIENZA I LUOGHI DELLA CURA E DELL APPRENDIMENTO DALL ESPERIENZA Un viaggio tra il sé professionale e il sistema delle cure domiciliari Il ruolo del MMG nel sistema delle cure domiciliari BIELLA - CITTA STUDI

Dettagli

Conferenza Stampa. Cure intermedie: attivi 6 posti. all ASP Bassa Est San Mauro Abate di Colorno

Conferenza Stampa. Cure intermedie: attivi 6 posti. all ASP Bassa Est San Mauro Abate di Colorno Conferenza Stampa Cure intermedie: attivi 6 posti all ASP Bassa Est San Mauro Abate di Colorno Mercoledì 17 settembre 2014 - ore 11.30 Sala riunioni Servizio Attività Tecniche AUSL di Parma Via Spalato

Dettagli

Fondazione don Ambrogio Cacciamatta onlus Residenza Sanitaria Assistenziale Casa Albergo Centro Diurno Integrato Assistenza Domiciliare Integrata

Fondazione don Ambrogio Cacciamatta onlus Residenza Sanitaria Assistenziale Casa Albergo Centro Diurno Integrato Assistenza Domiciliare Integrata Fondazione don Ambrogio Cacciamatta onlus Residenza Sanitaria Assistenziale Casa Albergo Centro Diurno Integrato Assistenza Domiciliare Integrata SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E CURE PALLIATIVE CARTA

Dettagli

SERVIZI DOMICILIARI C a r t a dei S e r v i z i. Giugno 2014. Sommario

SERVIZI DOMICILIARI C a r t a dei S e r v i z i. Giugno 2014. Sommario Sommario 1. Storia e futuro....1 2. La nostra mission e i nostri impegni La nostra tradizione è al servizio della persona 2 3. Riferimenti Normativi 3 4. L offerta dei servizi a domicilio..3 5. Voucher

Dettagli

AZIENDA USL VDA LA DIMISSIONE PROTETTA IN VDA: UN MODELLO DI INTEGRAZIONE TERRITORIO-OSPEDALE DIREZIONE STRATEGICA AREA TERRITORIALE DISTRETTUALE

AZIENDA USL VDA LA DIMISSIONE PROTETTA IN VDA: UN MODELLO DI INTEGRAZIONE TERRITORIO-OSPEDALE DIREZIONE STRATEGICA AREA TERRITORIALE DISTRETTUALE AZIENDA USL VDA DIREZIONE STRATEGICA AREA TERRITORIALE DISTRETTUALE AREA DEGENZA AREA PREVENZIONE AREA TECNICO AMMINISTRATIVA S.C. DISTRETTO 1 S.C. DISTRETTO 2 S.C. DISTRETTO 3 S.C. DISTRETTO 4 S.C. OSPEDALIERE

Dettagli

Supplemento Ordinario n. 3 al B.U. n. 11

Supplemento Ordinario n. 3 al B.U. n. 11 Deliberazione della Giunta Regionale 10 marzo 2008, n. 42-8390 Supplemento Ordinario n. 3 al B.U. n. 11 Cartella Geriatrica dell Unita di Valutazione Geriatrica e Linee guida del Piano Assistenziale Individuale.

Dettagli

Supplemento Ordinario n. 3 al B.U. n. 11. Deliberazione della Giunta Regionale 10 marzo 2008, n. 42-8390

Supplemento Ordinario n. 3 al B.U. n. 11. Deliberazione della Giunta Regionale 10 marzo 2008, n. 42-8390 Supplemento Ordinario n. 3 al B.U. n. 11 Deliberazione della Giunta Regionale 10 marzo 2008, n. 42-8390 Cartella Geriatrica dell Unita di Valutazione Geriatrica e Linee guida del Piano Assistenziale Individuale.

Dettagli

Caratteristiche e obiettivi del servizio

Caratteristiche e obiettivi del servizio Allegato 2 Specifica Tecnica contenente le caratteristiche del servizio Assistenza domiciliare Disabili Sociale ed Integrata dei Comuni dell Ambito S3 ex S5 Eboli Capofila- Caratteristiche e obiettivi

Dettagli

I servizi di assistenza domiciliare integrata: Una valutazione e ipotesi di prospettive future

I servizi di assistenza domiciliare integrata: Una valutazione e ipotesi di prospettive future I servizi di assistenza domiciliare integrata: Una valutazione e ipotesi di prospettive future Contesto socio demografico Una città di medie dimensioni (207.800 ab. al 31/12/2012 ) con una popolazione

Dettagli

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA SOCIO SANITARIA (S.A.D.I.S.)

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA SOCIO SANITARIA (S.A.D.I.S.) REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA SOCIO SANITARIA (S.A.D.I.S.) Approvato con delibera del Commissario Straordinario n.14del 26/02/2010 PREMESSA L'A.D.I. (Assistenza Domiciliare Integrata)

Dettagli

AIDA ADVANCED INTEGRATION FOR A DIGNIFIED AGEING

AIDA ADVANCED INTEGRATION FOR A DIGNIFIED AGEING AIDA ADVANCED INTEGRATION FOR A DIGNIFIED AGEING DEFINIZIONE DI LINEE GUIDA PER L INTEGRAZIONE SOCIO SANITARIA RIVOLTA A PERSONE ANZIANE IN CONDIZIONE DI FRAGILITA E A DISABILI GRAVI Presentazione a cura

Dettagli

A.D.I. S. FRANCESCO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

A.D.I. S. FRANCESCO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA A.D.I. S. FRANCESCO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Carta dei Servizi L Istituto Suore Cappuccine di M. Rubatto, perseguendo nel tempo il proprio carisma, ha voluto iniziare questa nuova attività sociosanitaria

Dettagli

Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità

Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità Milano, 24 marzo 2015 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO Gli anziani (dai 65 anni in su)

Dettagli

Regolamento di Gestione Centro Diurno di Borgofortino APPROVATO CON D.C.C. N. 77 DEL 15/06/1995

Regolamento di Gestione Centro Diurno di Borgofortino APPROVATO CON D.C.C. N. 77 DEL 15/06/1995 Regolamento di Gestione Centro Diurno di Borgofortino APPROVATO CON D.C.C. N. 77 DEL 15/06/1995 MODIFICATO CON D.C.C. N. 265 DEL 07/11/2002 Natura, destinatari e finalità del servizio Il Centro Diurno

Dettagli

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 II QUADRO DEMOGRAFICO Dal Rapporto 2010 sulla non autosufficienza in Italia In Italia le persone con

Dettagli

AZIENDA U.S.L. 5 PIS DISTRETTO DI PISA Assistenza Domiciliare

AZIENDA U.S.L. 5 PIS DISTRETTO DI PISA Assistenza Domiciliare FORUM P.A. SANITA' 2001 AZIENDA U.S.L. 5 PIS DISTRETTO DI PISA Assistenza Domiciliare Parte 1: Anagrafica Titolo del Progetto: Assistenza Domiciliare Amministrazione proponente: AZIENDA U.S.L. 5 PISA Unità

Dettagli

Sede Legale: P.zza Mons. Moneta 1 20090 CESANO BOSCONE (MI) Tel. 02/45.677.741 848 Fax 02/45.677.309

Sede Legale: P.zza Mons. Moneta 1 20090 CESANO BOSCONE (MI) Tel. 02/45.677.741 848 Fax 02/45.677.309 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI ANNO 2014 Sede Legale: P.zza Mons. Moneta 1 20090 CESANO BOSCONE (MI) Tel. 02/45.677.741 848 Fax 02/45.677.309 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA

Dettagli

ORIENTAMENTO IN USCITA

ORIENTAMENTO IN USCITA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA SEDE DI AOSTA ORIENTAMENTO IN USCITA Azienda USL Valle d Aosta Casa di Riposo G.B. Festaz Casa di riposo Refuge Père Laurent Casa di Riposo Domus Pacis Casa per la salute

Dettagli

RESIDENZIALITA E ANZIANI

RESIDENZIALITA E ANZIANI Residenzialità Solidale e Amministrazioni di Sostegno RESIDENZIALITA E ANZIANI Dott. Lorenzo Sampietro Demografia in pillole La Liguria è la Regione che ha la più alta percentuale di anziani 26,8% con

Dettagli

Il management dei servizi ADI: l esperienza dei Distretti

Il management dei servizi ADI: l esperienza dei Distretti Le cure a casa in uno scenario di sicurezza: dal censimento al libro bianco Il management dei servizi ADI: l esperienza dei Distretti Masselli Mariella - Mete Rosario Roma 7 Luglio 2010 Il ruolo strategico

Dettagli

Caregiver DayRegionale

Caregiver DayRegionale Caregiver DayRegionale Giornata del caregiver familiare - Carpi, 25 maggio 2013 - Mariella Martini Direttore Generale Azienda USL di Modena Previsioni popolazione anziana residente in provincia di Modena.

Dettagli

PROFILO FORMATIVO ASA (Ausiliario Socio Assistenziale) Delibera 7693 del 24/07/2008 - Introduzione del Profilo e ambiti di attività.

PROFILO FORMATIVO ASA (Ausiliario Socio Assistenziale) Delibera 7693 del 24/07/2008 - Introduzione del Profilo e ambiti di attività. PROFILO FORMATIVO ASA (Ausiliario Socio Assistenziale) Delibera 7693 del 24/07/2008 - Introduzione del Profilo e ambiti di attività. L Ausiliario Socio Assistenziale è un operatore di interesse socio-assistenziale

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Ultima revisione: Aprile 2014 PARTE GENERALE 1. PRESENTAZIONE DELLA FONDAZIONE SCARPARI FORATTINI ONLUS L ente trae origine dalle disposizioni testamentarie

Dettagli

DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE

DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE Servizio Comunicazione viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030/3838315 Fax 030/3838280 E-mail: servizio.comunicazione@aslbrescia.it

Dettagli

Regolamento Servizio Assistenza Domiciliare

Regolamento Servizio Assistenza Domiciliare COMUNE DI ATZARA PROVINCIA DI NUORO Via Vittorio Emanuele, 27 08030 ATZARA telefono 0784/65205 fax 0784/65380 e-mail: servizi.sociali@comune.atzara.nu.it UFFICIO SERVIZI SOCIALI Regolamento Servizio Assistenza

Dettagli

Anni di Cure e Amore 2004-2014. Carta dei Servizi

Anni di Cure e Amore 2004-2014. Carta dei Servizi Anni di Cure e Amore 2004-2014 Carta dei Servizi Anniversario 2004-2014 GENTILE OSPITE, BENVENUTO NELLA RESIDENZA SMERALDA. La carta dei servizi è, oltre che un impegno, uno strumento utile per orientare

Dettagli

MODELLO DI CONVENZIONE

MODELLO DI CONVENZIONE MODELLO DI CONVENZIONE In applicazione del Piano Sanitario Regionale 2003/2006 Un alleanza per la salute (D.A. n. 97 del 30.06.2003) e dell atto di indirizzo concernente Sistema dei servizi per gli anziani

Dettagli

La professione infermieristica e la complessità assistenziale: l Unità di Degenza Infermieristica nella realtà umbra

La professione infermieristica e la complessità assistenziale: l Unità di Degenza Infermieristica nella realtà umbra La professione infermieristica e la complessità assistenziale: l Unità di Degenza Infermieristica nella realtà umbra INTRODUZIONE Negli ultimi anni il sistema sanitario italiano ha subito profonde modificazioni:

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI CENTRO POLARIS PROGETTO RSA APERTA- CENTRO SEMIRESIDENZIALE

CARTA DEI SERVIZI CENTRO POLARIS PROGETTO RSA APERTA- CENTRO SEMIRESIDENZIALE CARTA DEI SERVIZI CENTRO POLARIS PROGETTO RSA APERTA- CENTRO SEMIRESIDENZIALE Prodotto da Smart Decò Srl FONDAZIONE FERRARIO VANZAGO Via Garibaldi, 1 - Vanzago Tel. centralino 029393011 Centro Polaris

Dettagli

COMUNE DI CASTELFRANCO EMILIA

COMUNE DI CASTELFRANCO EMILIA COMUNE DI CASTELFRANCO EMILIA REGOLAMENTO DETERMINANTE I CRITERI DI ACCESSO ALLE STRUTTURE RESIDENZIALI E SEMIRESIDENZIALI PER ANZIANI PUBBLICHE E PRIVATE CONVENZIONATE CON IL DISTRETTO DI CASTELFRANCO

Dettagli