PREMESSA. Comune di Brescia - Informagiovani 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PREMESSA. Comune di Brescia - Informagiovani 1"

Transcript

1 COOPERATIVE SOCIALI

2 PREMESSA Questa pubblicazione vuole essere uno strumento utile per tutti coloro che, avendo un curriculum adeguato, vogliono lavorare nelle Cooperative sociali di tipo A e quindi, in genere, essere impiegati nella gestione di servizi socio-sanitari e educativi. Non ci soffermeremo quindi più di tanto su che cos'è una cooperativa sociale ma, principalmente, forniremo un indirizzario di cooperative di Brescia e provincia dove ci si può autocandidare. Buona norma, prima di inviare il proprio curriculum ad una cooperativa, è sapere, con una buona approssimazione, che tipo di servizi essa gestisce, così da capire se è la realtà adatta a cui proporsi. Comune di Brescia - Informagiovani 1

3 INDICE LE COOPERATIVE SOCIALI pag. 3 L'ALBO REGIONALE pag. 3 IL SOCIO LAVORATORE pag. 4 LE ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA pag. 4 LE COOPERATIVE SOCIALI DI TIPO A pag. 5 I SERVIZI pag. 5 INDIRIZZARIO DELLE COOPERATIVE SOCIALI pag. 8 IN CITTA' pag. 8 IN PROVINCIA pag. 14 Comune di Brescia - Informagiovani 2

4 LE COOPERATIVE SOCIALI Le cooperative sociali sono imprese associative senza finalità di lucro che hanno lo scopo di perseguire l interesse generale della comunità alla promozione umana e all'integrazione sociale dei cittadini (art. 1, Legge 381/91); nascono quindi per soddisfare un bisogno collettivo e allo stesso tempo conciliano il lavoro per i propri soci con la gestione di servizi socio-sanitari ed educativi o con l integrazione lavorativa di soggetti svantaggiati. Si possono distinguere in due tipologie: - cooperative di tipo A: erogano servizi socio-sanitari ed educativi; - cooperative di tipo B: svolgono qualsiasi attività di impresa (agricola, industriale, artigianale, commerciale, di servizi) destinando una parte dei posti di lavoro così creati, almeno il 30%, a persone che hanno difficoltà ad entrare nel mondo del lavoro come invalidi fisici, psichici, tossicodipendenti, alcolisti, soggetti in trattamento psichiatrico, minori in età lavorativa in situazione di difficoltà familiare e condannati ammessi alle misure alternative alla detenzione. Rappresentano un pezzetto consistente del mercato del lavoro. Nel 2011, nella provincia di Brescia, davano lavoro a più di persone. L'ALBO REGIONALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI Come previsto dalla legge del 1991, anche la regione Lombardia ha istituito un Albo regionale delle cooperative sociali. L'aggiornamento di esso viene pubblicato sul sito Web della regione nella pagina e sul B.U.R.L. (Nel momento in cui scriviamo, l'ultimo aggiornamento è di febbraio 2012) E' diviso in tre sezioni: - Sezione A: per cooperative sociali che gestiscono servizi socio-sanitari, socio-assistenziali ed educativi (appunto le cooperative di tipo A) - Sezione B: per cooperative che svolgono attività diverse - agricole, industriali, artigianali, commerciali o di servizi - finalizzate all inserimento lavorativo di persone svantaggiate di cui all art. 4 della L. 381/1991 (le cooperative di tipo B) - Sezione C: i consorzi costituiti almeno dal 70% da cooperative sociali Per ogni cooperativa vengono riportati alcuni dati anagrafici o di iscrizione all'albo. Inoltre, per le cooperative di tipo A, viene riportata l'area di intervento espressa attraverso parole chiave (Alcooldipendenza, Anziani, Detenuti, Diagnosi precoce Oncologica/Cura malati Oncologici, Disabili/Handicappati, Disagio giovanile, Educativa, Emarginazione sociale, Famiglia, Formazione, Malati AIDS, Minori, Prevenzione del Disagio, Psichiatria, Stranieri, Tossicodipendenza etc.). Per le cooperative di tipo B vengono riportate le Attività svolte (che possono essere le più svariate, dalla Manutenzione del verde alla Pulizia delle strade, dall'allevamento alla Falegnameria, dal Trasporto persone al Facchinaggio. Comune di Brescia - Informagiovani 3

5 IL SOCIO LAVORATORE La principale tipologia di rapporto di lavoro utilizzata all interno della società cooperativa è rappresentata dal rapporto di lavoro come socio lavoratore subordinato. Le disposizioni della legge 142/2001 e le modifiche della legge 30/2003, disciplinano il lavoro dei soci di cooperativa. Il rapporto associativo nasce con l adesione del socio alla cooperativa di solito mediante l apporto di una quota associativa. Quando il socio presta il proprio lavoro per la cooperativa si instaura un vero e proprio rapporto di lavoro che può essere dipendente, autonomo, di collaborazione. La cooperativa può instaurare rapporti di lavoro anche con non soci Non vogliamo qui approfondire questo rapporto di lavoro, rimandando alla normativa vigente (che può sempre cambiare) e ai Contratti collettivi ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA Per ulteriori approfondimenti segnaliamo i siti delle associazioni di categoria che si occupano di rappresentanza, tutela, assistenza e vigilanza delle cooperative associate, presenti a Brescia; i siti contengono informazioni sulla cooperazione e l elenco delle cooperative a loro associate: Confcooperative di Brescia via XX Settembre Brescia tel (Sul sito si trovano le Pagine gialle della cooperazione) Legacoop Lombardia tel A Brescia: coordinatore Sergio Dotti Comune di Brescia - Informagiovani 4

6 LE COOPERATIVE SOCIALI di tipo A Come già detto, queste cooperative sociali gestiscono servizi socio sanitari ed educativi sia direttamente che in convenzione con enti pubblici. I servizi sono caratterizzati da una molteplicità di attività lavorative dove è prevista la fornitura di un servizio, sia di prima necessità che di carattere opzionale, che comporta una relazione diretta con il cliente/utente. I SERVIZI I servizi sono generalmente suddivisi, secondo la tipologia di utenti a cui si rivolgono, nelle seguenti categorie: Anziani: assistenza domiciliare, infermieristica, assistenza in istituto, gestione diretta di istituti, centri sociali Disabili ed handicappati: assistenza domiciliare, assistenza scolastica, centri diurni, comunità alloggio socio-assistenziali o socio-sanitarie, centri di pronta accoglienza, residenze sanitarie, servizi per il tempo libero, servizi per la formazione all autonomia Immigrati: servizi informativi, di orientamento, di formazione, centri di accoglienza Minori: asili nido e micro-nido, scuole d infanzia, ludoteche, comunità alloggio, centri educativi, centri di aggregazione giovanile, animazione di strada, centri e soggiorni estivi, centri informativi Salute mentale: centri diurni per pazienti psichiatrici, comunità protette, centri rieducativi Sanità: prevenzione, assistenza infermieristica ambulatoriale, domiciliare o in istituti, cure termali, studi odontoiatrici, fisioterapia Tossicodipendenza: servizi di prevenzione, centri di ascolto, pronta accoglienza, comunità terapeutiche semi-residenziali e residenziali, servizi di trattamento specialistico per alcolisti Possiamo indicare alcune tipologie di servizi: Servizi sociali e socio-sanitari Residenziali Centri di pronta accoglienza: si occupano di adulti in difficoltà, in situazioni di emergenza collegate a bisogni urgenti di alloggio, vitto e tutela (max giorni) Centri di accoglienza notturna: ricovero occasionale di persone con grave disagio economico, familiare e sociale Centri di pronto intervento per minori: rivolti a bambini o ragazzi che hanno bisogno di immediata e temporanea ospitalità e protezione; vi sono anche centri di pronto intervento che accolgono le madri insieme ai bambini in presenza di particolari difficoltà relative all'alloggio Comunità alloggio per minori: il servizio è rivolto a bambini o ragazzi che per motivi diversi non possono permanere all'interno del proprio nucleo familiare per un periodo definito Comunità familiari: per soggetti con limitata autonomia che necessitano di assistenza da parte di personale specializzato, secondo un modello abitativo, come ad esempio la casa famiglia per minori Comunità socio-educative per minori: rivolte prevalentemente a preadolescenti e adolescenti sprovvisti di figure idonee a seguirli nel processo formativo Comunità socio-riabilitative: strutture residenziali che accolgono individui con problemi sociali di varia natura come anziani con limitata autosufficienza, portatori di handicap fisici e/o psichici, tossicodipendenti, alcolisti e altre persone in difficoltà Residenze assistenziali per anziani autosufficienti: gli anziani ricevono assistenza completa e sono stimolati a prendere parte ad attività ricreative e culturali Comune di Brescia - Informagiovani 5

7 Residenze socio-sanitarie per anziani non autosufficienti: strutture dotate di personale medico e infermieristico specializzato, che perseguono l obiettivo di ottenere il massimo recupero possibile delle capacità psico-motorie degli utenti Centri di accoglienza per immigrati: destinati all accoglimento di stranieri in difficoltà, temporaneamente impossibilitati a provvedere alle proprie esigenze di alloggio e di sussistenza Servizi sociali e socio-sanitari Semi-residenziali Centri diurni assistenziali per anziani: strutture socio-sanitarie destinate ad anziani con diverso grado di autosufficienza Centri diurni per minori: organizzano attività educative, ricreative e di sostegno allo studio, prevedendo il rientro quotidiano dei minori in famiglia ed evitando così l allontanamento dal proprio contesto sociale Centri diurni per portatori di handicap: strutture finalizzate a favorirne l autonomia e l inserimento sociale. Servizi sociali e socio-sanitari Domiciliari Anziani, disabili, portatori di handicap, vengono seguiti direttamente al proprio domicilio da uno o più operatori, secondo le necessità socio-assistenziali rilevate. Esistono tre livelli di assistenza domiciliare: a bassa intensità: è destinata a persone parzialmente non autosufficienti o a rischio di emarginazione che richiedono interventi di sostegno psico-sociale a media e alta intensità: consiste in interventi di natura sanitaria destinati a persone non autosufficienti o di recente dimissione ospedaliera, che richiedono prestazioni infermieristiche, riabilitative e mediche assistenza domiciliare integrata: è destinata a persone con situazioni complesse, che richiedono interventi sia di tipo medico che infermieristico e socio-assistenziale Servizi educativi Asili nido: luogo di formazione, socializzazione e stimolo delle potenzialità cognitive, affettive e sociali per bambini da 3 mesi a 3 anni Micro-nido: ha le funzioni dell asilo nido con una capienza massima di 10 bambini Scuole d infanzia: servizio inserito nel sistema educativo nazionale di istruzione e formazione per bambini dai 3 ai 5 anni Assistenza e integrazione scolastica degli alunni in situazione di handicap iscritti nelle scuole cittadine (assistenza ad personam) Pre-scuola e post-scuola: servizio di accoglienza dei bambini prima dell ingresso nelle aule e servizio di tempo prolungato oltre l orario scolastico Assistenza domiciliare educativa: il servizio è rivolto a bambini o ragazzi che hanno bisogno di un sostegno temporaneo all'interno del proprio nucleo familiare Centri di aggregazione giovanile: sono rivolti a bambini, ragazzi e giovani; funzionano come centri di tipo promozionale, orientati all'aggregazione tra coetanei; contribuiscono al processo formativo dei ragazzi, all apprendimento di competenze ed abilità sociali, alla costruzione di un diverso rapporto con il mondo adulto Servizi ricreativi per l infanzia: comprendono tutte le strutture dove sono prevalenti attività ludiche e ricreative: ludoteche, pre e post scuola, assistenza agli alunni durante la mensa, laboratori di animazione Centri estivi diurni e soggiorni per minori: servizi ricreativi per bambini e adolescenti nel tempo extrascolastico o in vacanza Servizi educativi di strada: sono rivolti ad adolescenti in situazione di svantaggio sociale Comune di Brescia - Informagiovani 6

8 Centri Informagiovani: erogano informazioni su tematiche d interesse giovanile (scuola, lavoro, tempo libero, estero) Per approfondire la tematica dei profili professionali presenti in questi servizi ti consigliamo di rivolgerti direttamente all'informagiovani Comune di Brescia - Informagiovani 7

9 INDIRIZZARIO delle COOPERATIVE SOCIALI di tipo A di Brescia e Provincia Questo indirizzario delle cooperative sociali bresciane vuole essere il più completo possibile. I dati sono stati raccolti dall'albo delle Cooperative, dai siti delle associazioni di categoria, dai siti delle cooperative stesse o con il contatto diretto. Per quanto riguarda l'area di intervento delle cooperative, utilizziamo le stesse parole chiave che si trovano nell'albo delle cooperative che danno, a grandi linee, un'idea sull'attività della singola cooperativa. Prima però di inviare il proprio CV per autocandidatura, vi consigliamo di consultare, quando presenti, i siti web per avere un'idea più precisa dei servizi nei quali quella determinata realtà cooperativa opera. In alternativa si può utilizzare il contatto telefonico per raccogliere queste stesse informazioni, per verificare i dati di contatto, per individuare una persona specifica alla cui attenzione inviare la propria mail o lettera etc. ABRACADABRA via Castellini Brescia tel Area intervento: minori; gestione asilo nido In città: ACCOGLIENZA MIGRANTI DON RENATO MONOLO viale Stazione Brescia tel fax Area intervento: minori; stranieri AGOGHE' via Gussalli 11/ Brescia tel fax Area intervento: disagio giovanile; educativa; famiglia; minori; prevenzione del disagio AMICI DEI DISABILI via Alberti Brescia tel fax Area intervento: trasporto anziani; disabili/handicappati ARRPA Comune di Brescia - Informagiovani 8

10 via del Brolo Brescia tel fax Area intervento: disabili/handicappati; riabilitazione BRESCIASSISTE Cooperativa sociale a responsabilità limitata onlus via F.Baracca Brescia tel fax Area intervento: anziani; disabili/handicappati; educativa Il CALABRONE viale Duca degli Abruzzi Brescia tel fax Area intervento: disagio giovanile; emarginazione sociale; minori; tossicodipendenza CAMPUS Cooperativa sociale onlus via Callegari Brescia tel fax Area intervento: disagio giovanile; educativa; emarginazione sociale; famiglia minori; prevenzione del disagio; stranieri C.I.D.A.F. via Rodi Brescia tel Area intervento: prevenzione del disagio; salute; consultorio CO.LIBRI' viale Duca degli Abruzzi Brescia tel fax Area intervento: biblioteche; formazione; minori COOPERATIVA SOCIALE SOGGIORNI CER Società cooperativa onlus via della Maggia Brescia tel fax Area intervento: anziani; disabili/handicappati; disagio giovanile; educativa; minori Comune di Brescia - Informagiovani 9

11 EDUCO - EDUCAZIONE IN CORSO Impresa sociale via Callegari Brescia tel fax Area intervento: corsi di formazione ELEFANTI VOLANTI via Ferri Brescia tel fax Area intervento: disabili/handicappati; disagio giovanile; educativa; emarginazione sociale; minori; prevenzione del disagio; stranieri FAMILY HOPE via Monsignor Fossati Brescia tel./fax Area intervento: anziani; disagio giovanile; famiglia; minori; prevenzione del disagio GRUPPO SANITA' via Modigliani Brescia tel fax Area intervento: anziani; salute; assistenza medica ed infermieristica IPOTESI via Stretta Brescia tel fax Area intervento: educativa; minori; prevenzione del disagio MISTRAL via Zamboni Brescia tel./fax Area intervento: minori; educativa; mobilità internazionale; turismo responsabile MYOSOTIS Comune di Brescia - Informagiovani 10

12 via Collebeato Brescia tel./fax Area intervento: anziani La MONGOLFIERA villaggio Sereno, traversa XII 164/ Brescia tel fax Area intervento: disabili/handicappati Cooperativa Sociale NIKOLAJEWKA Onlus via Nikolajewka Brescia tel fax Area intervento: disabili/handicappati Cooperativa Sociale NUOVO IMPEGNO Società cooperativa onlus via della Palazzina Brescia tel fax Area intervento: anziani; disabili/handicappati; disagio giovanile; educativa; minori La NUVOLA NEL SACCO Società cooperativa sociale via Padova Brescia tel fax Area intervento: anziani; disagio giovanile; educativa; famiglia; formazione; minori; prevenzione del disagio Il PELLICANO via P.Veronese, Brescia tel fax Area intervento: anziani; disabili/handicappati; educativa; minori PROGETTO SALUTE via Moretto Brescia tel./fax Comune di Brescia - Informagiovani 11

13 Area intervento: anziani; educativa; famiglia PRONTO ASSISTENZA BRESCIANA Società cooperativa sociale via Marco Polo Brescia tel Area intervento: anziani; disabili/handicappati; ambulanze La RETE via Mazzucchelli Brescia tel./fax tel Area intervento: alcooldipendenza; emarginazione sociale; famiglia; minori; prevenzione del disagio; psichiatria; stranieri SALUSERVICE via Rodi Brescia tel fax Area intervento: anziani; servizi infermieristici; tossicodipendenza SAN GIUSEPPE FIUMICELLO via Manara Brescia tel./fax Area intervento: disabili/handicappati; emarginazione sociale; minori; prevenzione del disagio SCALABRINI BONOMELLI via Antiche Mura Brescia tel fax Area intervento: emarginazione sociale; stranieri Il TELAIO Società cooperativa onlus via Villa Glori 10/b Brescia tel./fax Area intervento: cultura; famiglia; minori TEMPO LIBERO via Spalto San Marco 37 bis Brescia tel fax Comune di Brescia - Informagiovani 12

14 Area intervento: assistenza; disagio giovanile; educativa; famiglia; minori; mobilità internazionale; orientamento e formazione; stranieri Cooperativa Sociale Onlus G.TONINI-G.BONINSEGNA Società cooperativa sociale via Buttafuoco Brescia tel fax Area intervento: disabili/handicappati TORNASOLE via Padova Brescia tel fax Area intervento: formazione; minori; servizi alla famiglia La VELA via Slataper brescia tel fax Area intervento: anziani; disagio giovanile; educativa; famiglia; minori; prevenzione del disagio VINCENZO FOPPA via Tommaseo Brescia tel fax Area intervento: educativa; formazione ZEROVENTI via R. Serra Brescia tel fax Area intervento: biblioteche; cultura, educazione Comune di Brescia - Informagiovani 13

15 In provincia (le cooperative sono elencate seguendo l ordine alfabetico dei comuni) LOGGETTA via Cavour Bagnolo Mella tel./fax Area intervento: anziani; disabili/handicappati; minori PROGETTO ES.PRO. via Don Agazzi Bagnolo Mella tel Area intervento: educativa; minori Cooperativa di Solidarietà ALBERTI ROMANO via XI Febbraio 12/a, fraz. Ponte Caffaro Bagolino tel fax Area intervento: anziani AREA via I.Boschi Barghe tel. e fax Area intervento: minori CO.GE.S.S. via Stoppini Barghe tel fax Area intervento: disabili/handicappati; educativa; minori Del CENACOLO via Dante 15/a Berlingo tel fax Area intervento: anziani Il TRALCIO via XXIV Maggio Berzo Inferiore tel./fax Comune di Brescia - Informagiovani 14

16 Area intervento: minori LUDICA via Diaz Borgosatollo tel./fax Area intervento: anziani; educativa; minori; prevenzione del disagio Il SENTIERO via Marconi Borno tel Area intervento: anziani; minori Il BOSCO Cooperativa sociale onlus via Rossini Botticino tel Area intervento: minori; asilo nido CODESS SOCIALE Cooperativa sociale onlus via Paolo VI Bovezzo tel Area intervento: anziani; disagio giovanile; disabili/handicappati; educativa; emarginazione sociale; famiglia; prevenzione del disagio; minori; stranieri ARCOBALENO via Croce Breno tel fax Area intervento: anziani; disagio giovanile; disabili/handicappati; educativa; emarginazione sociale; famiglia; minori COMIS via Cesare Battisti Breno tel fax Area intervento: anziani; disabili/handicappati; educativa; minori CORNUCOPIA Società cooperativa sociale a r.l. onlus via Primo Maggio Breno Comune di Brescia - Informagiovani 15

17 tel fax Area intervento: animazione territoriale; formazione; educativa; emarginazione sociale K-PAX via XXVIII Aprile Breno via dei Mille Brescia tel./fax Area intervento: emarginazione sociale; stranieri Il QUADRIFOGLIO FIORITO via Ponterosso Calvisano tel fax Area intervento: disabili/handicappati LA MANO via Ronchi di Zir Capo di Ponte tel Area intervento: detenuti; minori LA SCOTTA via Monte Capriolo tel fax area: disabili/handicappati; famiglia; minori PROGETTO via Fossadelli Capriolo tel./fax Area intervento: anziani Il CAMMINO via Giotto Castelcovati tel./fax Area intervento: anziani; disabili/handicappati; emarginazione sociale Comune di Brescia - Informagiovani 16

18 CARAVELLA via Brescia Castenedolo tel Area intervento: disagio giovanile; educativa; famiglia; minori LIBEREDIZIONI Società cooperativa sociale via Olivelli Castenedolo tel./fax Area intervento: casa editrice; educativa COMUNITA' IL NUCLEO via S. Gervasio Chiari tel fax Area intervento: disabili/handicappati; disagio giovanile; educativa; famiglia; minori; prevenzione del disagio; psichiatria; stranieri LOGGIA viale Mellini, traversa I 6/ Chiari tel fax Area intervento: anziani; salute LA SALUTE IN VALLE via Cortiglione Cividate Camuno tel./fax Area intervento: alcooldipendenza; anziani; disabili/handicappati; disagio giovanile, educativa; famiglia; minori; prevenzione del disagio; psichiatria CASA DI RIPOSO COMINI Cooperativa sociale onlus via San Francesco d'assisi Collebeato tel fax Area intervento: anziani FRANCIACORTA via Sicilia Cologne tel./fax Area intervento: disabili/handicappati; educativa; minori Comune di Brescia - Informagiovani 17

19 GRAFFIO via Sicilia Cologne tel fax Area intervento: disagio giovanile; famiglia; minori; prevenzione del disagio; stranieri COOPERATIVA DI BESSIMO Cooperativa sociale a responsabilità limitata onlus via Casello Concesio tel fax Area intervento: educativa; minori; prevenzione del disagio; tossicodipendenza AZZURRA via Quarteroni Darfo Boario Terme tel./fax Area intervento: disabili/handicappati CASA DEL FANCIULLO piazza Don Bosco Darfo Boario Terme tel./fax Area intervento: disagio giovanile; educativa; famiglia; minori MARGHERITA piazza Don Bosco Darfo Boario Terme tel fax Area intervento: alcooldipendenza; anziani; disabili/handicappati, psichiatria Cooperativa Sociale SI PUO' Onlus frazione Montecchio, via Castelletto Darfo Boario Terme tel./fax Area intervento: psichiatria Società Cooperativa Sociale ANGELA MERICI via S. Maria Desenzano Del Garda tel fax Area intervento: educativa; minori Comune di Brescia - Informagiovani 18

20 ORIZZONTI SERENI Cooperativa sociale a.r.l. frazione Rivoltella, via Maestro Luigi Bina Desenzano del Garda tel fax Area intervento: anziani; disabili/handicappati; salute Società Cooperativa Sociale SCUOLA SAN GIOVANNI via Garibaldi Desenzano del Garda tel fax Area intervento: educativa; minori Il CARDO via M.O. Leonida Magnolini Edolo tel./fax Area intervento: disabili/handicappati; disagio giovanile; educativa; minori ROSA CAMUNA ALTA VALLE via Marconi Edolo tel fax Area intervento: alcooldipendenza; anziani; disabili/handicappati L'AQUILONE via G. Verdi Gardone Val Trompia tel Area intervento: disabili/handicappati VALTENESI SALUTE via Gosa Gavardo tel Area intervento: anziani-disabili/handicappati SERGIO LANA via Marconi Ghedi tel./fax Area intervento: disabili/handicappati Comune di Brescia - Informagiovani 19

21 ZANZEBIA via G. Falcone Ghedi tel./fax tel Area intervento: disabili/handicappati; educativa; formazione L'INTRECCIO via Roma Gussago tel e.mail: Area intervento: anziani; disabili/handicappati; famiglia DIOGENE via delle Polle Iseo tel fax Area intervento: psichiatria Il GERMOGLIO vicolo della Manica 17/g Iseo tel./fax Area intervento: disabili/handicappati La NUOVA CORDATA via Paolo VI 1/c Iseo tel./fax Area intervento: disabili/handicappati RAPHAEL frazione Clusane, via Risorgimento trav. VII, 1/e Iseo tel fax via Vittorio Emanuele II Calcinato tel Area intervento: cura malati oncologici; diagnosi precoce oncologica COLLABORIAMO Cooperativa sociale onlus via Calvisano Leno Comune di Brescia - Informagiovani 20

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

COMUNICAZIONE UNICA REGIONALE ALBO REGIONALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI, CONSORZI E ORGANISMI ANALOGHI (AI SENSI DELL'ART. 27 DELLA L.R. N.

COMUNICAZIONE UNICA REGIONALE ALBO REGIONALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI, CONSORZI E ORGANISMI ANALOGHI (AI SENSI DELL'ART. 27 DELLA L.R. N. COMUNICAZIONE UNICA REGIONALE ALBO REGIONALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI, CONSORZI E ORGANISMI ANALOGHI (AI SENSI DELL'ART. 27 DELLA L.R. N. 1/2008) Nome Cognome in qualità di legale rappresentante pro tempore

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE

GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE 1. GENERALITÁ Il Glossario delle Funzioni l settore sociale descrive i servizi associati alle Funzioni l settore sociale, definiti ed identificati sulla base

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

STRADARIO DI ISEO: A Airone Via. Alighieri Dante Via. Bedeschi Via Beloardo Via del. Bonardi X Traversa. Bonomelli IV Traversa.

STRADARIO DI ISEO: A Airone Via. Alighieri Dante Via. Bedeschi Via Beloardo Via del. Bonardi X Traversa. Bonomelli IV Traversa. COPYRIGHT TutiicontenutidelepaginecostituentiilpresentedocumentosonoCopyright 2008.Tutiidiritiriservati. Icontenutiqualiadesempio,cartografie,testi,graficiicone,sonodiesclusivaproprietàdiGeoplans.r.l.esonoprotetidaleleggiitalianeedinternazionalisuldiritod

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RCT/RCO Parma, ottobre 2013 2 INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE Ragione sociale Pedemontana Sociale - Azienda Territoriale per i Servizi alla

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave CARTA DEI SERVIZI Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave Provincia Reg. le di Catania 1 1. Premessa La presente Carta dei Servizi rappresenta

Dettagli

BILANCIO SOCIALE COOPERATIVA SOCIALE ITAL ENFERM LOMBARDIA ONLUS 31/12/2013

BILANCIO SOCIALE COOPERATIVA SOCIALE ITAL ENFERM LOMBARDIA ONLUS 31/12/2013 2013 BILANCIO SOCIALE COOPERATIVA SOCIALE ITAL ENFERM LOMBARDIA ONLUS 31/12/2013 1. Premessa 1.1 Lettera agli stakeholder 1.2 Metodologia 2. Identità dell organizzazione 2.1 Informazioni generali 2.2 Attività

Dettagli

Parte Prima La mappa del NO PROFIT in provincia di Foggia

Parte Prima La mappa del NO PROFIT in provincia di Foggia Parte Prima La mappa del NO PROFIT in provincia di Foggia 1.1 Universo di partenza dell indagine In questa prima parte del lavoro sono state analizzate le associazioni censite e classificate nell intera

Dettagli

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO COMUNALE per la disciplina della concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e l attribuzione di vantaggi economici 1 CAPO

Dettagli

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI Fondazione di partecipazione dei Comuni di Casole d Elsa Colle di Val d Elsa Poggibonsi San Gimignano Radicondoli REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI - 1- INDICE Premessa... 5 Titolo Primo

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Approvato con. D.C.C. n.17/2008

Approvato con. D.C.C. n.17/2008 Approvato con. D.C.C. n.17/2008 REGOLAMENTO UNICO PER L ACCESSO AL SISTEMA INTEGRATO DI INTERVENTI E SERVIZI SOCIO -ASSISTENZIALI E PER LA COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AL COSTO DEI SERVIZI E DELLE PRESTAZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE STRUTTURE SOCIO SANITARIE E SOCIALI (DGR n. 84 del 16/01/2007)

CLASSIFICAZIONE DELLE STRUTTURE SOCIO SANITARIE E SOCIALI (DGR n. 84 del 16/01/2007) I SUPPORTO ALLA FAMIGLIA - PRIMA INFANZIA (AS- NI 502/92 maternoinfantile con strutture a ciclo diurno ALO NIO Servizi sociali e strutture sociali, a ciclo residenziale e semiresidenziale, a gestione pubblica

Dettagli

+ + + Servizi e Risorse Umane. per Aziende Private e Pubbliche

+ + + Servizi e Risorse Umane. per Aziende Private e Pubbliche c o r d u s i o + + + Servizi e Risorse Umane per Aziende Private e Pubbliche La Nostra Storia e i nostri Servizi Con oltre 250 professionisti la Cordusio Servizi S.C.P.A. opera su tutto il territorio

Dettagli

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS Protocollo d intesa tra Ministero della Giustizia Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza e Bambinisenzasbarre ONLUS IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA L'AUTORITÀ GARANTE PER L'INFANZIA E L ADOLESCENZA

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Project Work. La campagna di sensibilizzazione sull affido familiare

Project Work. La campagna di sensibilizzazione sull affido familiare Project Work La campagna di sensibilizzazione sull affido familiare Autori Barbara Gastaldin, Elisabetta Niccolai, Federica Lodolini Servizi ASP Seneca Distretto Pianura Ovest, Servizio Sociale Minori

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

ORGANICO RELIGIONE CATTOLICA INFANZIA E PRIMARIA ANNO SCOLASTICO 2013/2014

ORGANICO RELIGIONE CATTOLICA INFANZIA E PRIMARIA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 ORGANICO RELIGIONE CATTOLICA INFANZIA E PRIMARIA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Comuni Istituzioni scolastiche Docenti a ruolo Abbinamenti formazione cattedra Docenti a incarico Completamento catterda BRESCIA

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI INTERVENTI, AI SERVIZI E ALLE PRESTAZIONI DI NATURA SOCIALE, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVA

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI INTERVENTI, AI SERVIZI E ALLE PRESTAZIONI DI NATURA SOCIALE, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVA REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI INTERVENTI, AI SERVIZI E ALLE PRESTAZIONI DI NATURA SOCIALE, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVA EROGATI DAL SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI DELL AMBITO DISTRETTUALE URBANO

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

e p.c. Ai Docenti referenti per le Politiche Giovanili e la Partecipazione Studentesca LORO SEDI

e p.c. Ai Docenti referenti per le Politiche Giovanili e la Partecipazione Studentesca LORO SEDI Prot. Nr 11636 Vicenza, 25 settembre 2013 Cat.E8 Ai Sigg. Dirigenti Scolastici degli Istituti Superiori di II grado Statali e Paritari della Provincia di Vicenza e p.c. Ai Docenti referenti per le Politiche

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto

UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto Provincia di Ravenna Album fotografico UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto CONSIGLI/CONSULTE DEI COMUNI PARTECIPANTI SCUOLA Consulta ragazzi di Alfonsine Michelacci Andrea Scuola Primaria "Matteotti

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

Carta dei Servizi Sociali e Sociosanitari

Carta dei Servizi Sociali e Sociosanitari Carta dei Servizi Sociali e Sociosanitari Comune della Spezia A cura del Centro di Responsabilità dei Servizi Sociosanitari del Comune della Spezia Assessorato alle Politiche Sociali, della Salute e della

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

AVVISO AGLI UTENTI. Autolinea z150 Cantù Milano (Comasina M3) Transito dalla stazione di Camnago - Lentate

AVVISO AGLI UTENTI. Autolinea z150 Cantù Milano (Comasina M3) Transito dalla stazione di Camnago - Lentate AP AU nr. 11/2015 AVVISO AGLI UTENTI Data emissione 21 Gennaio 2015 Autolinea z150 Cantù Milano (Comasina M3) Transito dalla stazione di Camnago - Lentate Si informa la Gentile Clientela che a partire

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: GIARDINO BRANCACCIO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: Educazione e Promozione culturale: 01 Centri di aggregazione (bambini, giovani, anziani):

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA. COMUNE DI CATTOLICA cod. NZ 02255

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA. COMUNE DI CATTOLICA cod. NZ 02255 (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: COMUNE DI MISANO ADRIATICO (Capofila) COMUNE DI CATTOLICA COMUNE DI BELLARIA-IGEA

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012

Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012 Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012 Presentazione dei risultati del progetto e prospettive future dr. Antonio Biasi

Dettagli

Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna

Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei Servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei Servizi La presente Carta dei servizi è stata realizzata a cura di: - Qualità e Accreditamento dell

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: COMUNE DI CORATO 2) Codice di accreditamento: NZ01262 3) Albo e classe di iscrizione:

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf OGGETTO: Organizzazione Zona a Traffico Limitato Centro storico IL SINDACO Premesso che, per fronteggiare le

Dettagli

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO.

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. Ricercatrice: Serena Bezzi Trento, gennaio 2009 - giugno

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato F.I.M.P. Federazione Italiana Medici Pediatri Regione Veneto Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato Il Codice

Dettagli

CORSO SULLE STRATEGIE DI COMUNICAZIONE AUMENTATIVA E ALTERNATIVA: DAL GIOCO ALL AUSILIO

CORSO SULLE STRATEGIE DI COMUNICAZIONE AUMENTATIVA E ALTERNATIVA: DAL GIOCO ALL AUSILIO Rif. Organizzatore 8568-10035201 IN COLLABORAZIONE CON ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM CORSO SULLE STRATEGIE DI COMUNICAZIONE AUMENTATIVA

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Delibera di Giunta - N.ro 1999/1378 - approvato il 26/7/1999 Oggetto: DIRETTIVA PER L' INTEGRAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI E SANITARIE ED A RILIEVO SANITARIO A FAVORE DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ASSISTITI

Dettagli

Io ci sono conta su di me!!

Io ci sono conta su di me!! SEDE DOVE INDIRIZZARE LA DOMANDA: Legacoop Umbria Ufficio Servizio Civile Str. S. Lucia, 8 06125 PERUGIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA Ente proponente il progetto:

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose.

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose. RESIDENZA LE ROSE DATI ANAGRAFICI STRUTTURA SCHEDA SERVIZIO Residenza LE ROSE DENOMINAZIONE Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD INDIRIZZO CAP CITTÀ PROVINCIA 0429 644544 TELEFONO info@residenzalerose.net

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA RISULTANZE MONITORAGGIO GENITORI A.S. 2012-13

SCUOLA DELL INFANZIA RISULTANZE MONITORAGGIO GENITORI A.S. 2012-13 SCUOLA DELL INFANZIA RISULTANZE MONITORAGGIO GENITORI A.S. 2012-13 STRUTTURE PULIZIA AMBIENTI 12 10 8 6 4 2 servizio di pulizia efficiente 10 0,0 AMBIENTI ADEGUATI ALLA FUNZIONE 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1 AMBIENTI

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO

UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO PREMESSA Nelle finalità del progetto riabilitativo complessivo dell

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI

CLASSIFICAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI CLASSIFICAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI Il presente documento contiene la classificazione dei servizi pubblici adottata per l iniziativa Mettiamoci la faccia. Si tratta di una classificazione e non di una

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

D.P.R. 10-11-1999 Approvazione del Progetto-Obiettivo "Tutela della Salute Mentale" 1998-2000

D.P.R. 10-11-1999 Approvazione del Progetto-Obiettivo Tutela della Salute Mentale 1998-2000 D.P.R. 10-11-1999 Approvazione del Progetto-Obiettivo "Tutela della Salute Mentale" 1998-2000 IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visto l'articolo 1 del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive

Dettagli

DECRETO n. 375 del 11/07/2014

DECRETO n. 375 del 11/07/2014 ASL di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.38381 Fax 030.3838233 - www.aslbrescia.it - informa@aslbrescia.it Posta certificata: servizioprotocollo@pec.aslbrescia.it

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Art. 1 (Delega al Governo in materia di protezione sociale e cura delle persone

Dettagli

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Pag. 1 di 5 REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Oggetto Art. 1 Il Servizio Art. 2 L Utenza Art. 3 La domanda di Accoglienza Art. 4 Il Processo di Accoglienza Art.

Dettagli