Il mercato IT nelle regioni italiane

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il mercato IT nelle regioni italiane"

Transcript

1 RAPPORTO NAZIONALE 2004 Contributi esterni nelle regioni italiane a cura di Assinform Premessa e obiettivi del contributo Il presente contributo contiene la seconda edizione del Rapporto sull IT nelle Regioni Italiane, curato da Assinform - Associazione nazionale produttori contenuti, tecnologie e servizi per l'informazione e la comunicazione - e derivato dal Rapporto ASSINFORM sul mercato dell'informatica e delle Telecomunicazioni, pubblicato da ben 35 anni (www.assinform.it). Il Rapporto ASSINFORM contiene dati molto puntuali sul mercato ICT italiano, con analisi che riguardano sia l'andamento del settore nel suo complesso, sia gli impatti che questo comparto ha sui principali settori della domanda di nuove tecnologie. Il focus sugli andamenti dei mercati regionali si concentra sul comparto dell'informatica, quello più vicino alle realtà imprenditoriali presenti sul territorio, siano esse pubbliche o private. La prima edizione del Rapporto sull'it nelle Regioni Italiane (2003) ha consentito di avviare un'analisi mai condotta precedentemente a livello locale. Esso ha prodotto un interesse elevato e generalizzato, soprattutto presso coloro che operano sul territorio, siano essi interlocutori istituzionali (Regioni ed Enti locali) o di mercato (imprese, associazioni ecc.) avviando, tra l'altro, un ampio dibattito sulla tematica e stimolando alcune Amministrazioni Regionali a proporre proprie valutazioni/analisi locali, a partire dal Rapporto di Assinform. Il confronto sui dati pubblicati nel Rapporto del 2003 con i rappresentanti delle Regioni e dell Osservatorio CRC ha consentito, come si dirà più avanti, di rivedere e affinare la metodologia utilizzata per l edizione Obiettivo generale del contributo è determinare il valore della spesa in prodotti, programmi e servizi informatici nelle regioni italiane, anche alla luce delle iniziative governative e delle Amministrazioni Regionali. Più in specifico, gli obiettivo sono: 1. effettuare un analisi complessiva dei mercati locali e della domanda di IT, attraverso indicatori macroeconomici e indicatori di penetrazione; 2. quantificare la spesa IT regionale e per macro-aree geografiche, evidenziandone il trend dell ultimo triennio e, partendo da tali dati, illustrare i driver che guidano il dimensionamento della domanda a livello locale. Questo aspetto è cruciale, in quanto lo sviluppo del mercato IT risulta sempre più guidato dalle esigenze della domanda piuttosto che dalle politiche di marketing dell offerta. A questo proposito sono state introdotte due novità: una è la scomposizione della spesa IT regionale nelle componenti Business e Consumer; l altra ha visto l analisi del Trentino Alto Adige, non più nel suo complesso, ma suddiviso nelle due Province Autonome di Trento e Bolzano; 3. analizzare le differenti condizioni della domanda locale di IT e valutare l evoluzione nel tempo del digital divide presente tra le regioni italiane. 179

2 Contributi esterni RAPPORTO NAZIONALE 2004 Questo aspetto risulta essenziale per valutare le potenzialità di successo dei piani di e-government all interno di ciascuna regione, tenendo conto che un buon livello di penetrazione e di utilizzo dell IT e una buona dotazione infrastrutturale sono presupposti necessari per il successo dei piani di incentivo all utilizzo di Internet e dell informatica, sia presso la PA che l utenza locale. Metodologia Assinform, in collaborazione con NetConsulting, anche in base ai feedback raccolti dalle Amministrazioni Regionali, ha strutturato una metodologia che, in assenza di analisi sistematiche relative alla domanda IT a livello regionale, prevede l elaborazione e l integrazione di numerosi dati provenienti da svariate fonti: 1. rilevazioni sul mercato IT effettuate in concomitanza con l elaborazione dei dati nazionali pubblicati annualmente nel Rapporto Assinform sull Informatica e le Telecomunicazioni, nonché altre informazioni presenti presso i database di Assinform e di NetConsulting; 2. ricerche effettuate a livello locale, provinciale o regionale; 3. fonti ufficiali disponibili attraverso i database di Unioncamere, ISTAT, ecc. E opportuno sottolineare che questa seconda edizione del Rapporto sull innovazione nelle regioni d Italia presenta sostanziali differenze a livello metodologico rispetto alla precedente edizione. Gli affinamenti apportati rendono poco significativo il confronto tra i dati del presente Rapporto e i dati del Rapporto 2003, dal momento che non è possibile separare gli effetti dovuti ad un effettivo cambiamento del mercato IT, da quelli derivanti dal cambiamento di metodologia. La principale variazione sulla metodologia riguarda l utilizzo delle Unità Locali come variabile che ha concorso insieme ad altre, ma in via prioritaria all allocazione della spesa IT presso le regioni. Nella prima edizione del Rapporto, invece delle Unità Locali erano state considerate le imprese e i centri di spesa; partendo da tale logica, la spesa IT delle imprese plurisede era stata interamente allocata presso la sede principale (ad es. Direzione Generale), anziché essere distribuita presso le singole unità dislocate sul territorio. Tale impostazione aveva inevitabilmente portato a sovrastimare la spesa IT di alcune regioni, come ad esempio il Lazio, che, sia per la presenza di primarie aziende delle telecomunicazioni e della finanza, oltre che per l accentramento della spesa IT presso la PA Centrale (in particolar modo, per quanto riguarda la difesa e l istruzione), aveva assorbito una quota significativa di giro d affari di competenza di altre regioni. Grazie al criterio della suddivisione per Unità Locali, invece, la spesa IT viene allocata nella regione in cui è effettivamente stata sostenuta, portando quindi ad una ripartizione più equilibrata in relazione alla presenza territoriale di imprese e istituzioni. Nella metodologia adottata nel presente Rapporto si è provveduto inoltre a ripartire la spesa IT complessiva in Business e Consumer. 180

3 RAPPORTO NAZIONALE 2004 Contributi esterni La spesa IT delle aziende è stata determinata in funzione di una serie di indicatori macroeconomici quali: il valore aggiunto regionale (preferito al PIL, rispetto al quale è depurato dall IVA, e in quanto tale più rappresentativo nei confronti delle spese delle PA); il numero di Unità Locali nelle regioni, tenendo conto della struttura del tessuto economico locale in relazione alle dimensioni delle Unità Locali d Impresa, distinguendo tra: grandi (250 dipendenti e oltre), medie (tra 50 e 249) e piccole (sotto i 50 dipendenti); la consistenza delle Unità Locali di ciascun settore (industria, commercio, finanza, servizi, istituzioni) nell economia regionale. La distribuzione delle Unità Locali d Impresa in Italia, in relazione al settore di attività e alla classe dimensionale, è riportata in Tabella 1. Tabella 1 - Unità Locali delle Imprese in Italia (unità) Classi di addetti SETTORI INDUSTRIA COMMERCIO SERVIZI FINANZA ISTITUZIONI TOTALE < TOTALE Fonte: elaborazione Assinform/NetConsulting su dati Istat La spesa è stata quindi allocata tenendo conto sia della numerosità delle aziende, per ogni combinazione settore economico/classe dimensionale, sia della diversa propensione agli investimenti in IT delle aziende, in funzione del settore di appartenenza e della dimensione. La spesa consumer è stata ripartita tra le regioni italiane in base a indicatori come la popolazione residente, i consumi non alimentari pro-capite e il reddito disponibile pro-capite. 181

4 Contributi esterni RAPPORTO NAZIONALE 2004 La distribuzione della spesa IT per regione Nel 2003 la spesa italiana in Information Technology è stata pari a circa 19,4 miliardi di Euro, con una flessione di circa il 3,2% rispetto al 2002, confermando il trend negativo già registrato l anno precedente (Fig. 1). Figura 1- Il mercato dell IT in Italia ( dati in migliaia di euro e in %) % % Legenda % -3.2% Consumer Aziende % -3.0% Fonte: Assinform/NetConsulting Le aziende hanno speso milioni di Euro per hardware, software e servizi, mentre i restanti 795 milioni derivano dal segmento Consumer. La flessione del mercato IT in Italia è stata molto marcata ed è stata determinata da un concorso di fattori: l andamento dell economia e degli investimenti che hanno segnato un 4%; l atteggiamento prudente delle imprese verso nuovi investimenti in IT e nuovi progetti, e una propensione ad una razionalizzazione nell uso delle risorse esistenti; il downpricing competitivo sulle tariffe professionali nella vendita di servizi a cui sono stati costretti i fornitori, che ne ha penalizzato la crescita. La dinamica negativa della spesa IT è stata più accentuata al Nord, con un calo del 3,6%, rispetto al 2,5% del Centro e al 2,8% del Sud (Fig. 2). 182

5 RAPPORTO NAZIONALE 2004 Contributi esterni Figura 2- Il mercato dell IT in Italia per macroarea geografica ( dati in migliaia di euro e in %) Legenda Nord-Ovest Nord-Est Centro Sud Fonte: Assinform/NetConsulting Una migliore comprensione di questa dinamica del mercato è possibile grazie all analisi scomposta per settori di attività economica. La flessione degli investimenti in IT, infatti, non è stata omogenea tra aziende operanti in diversi settori di attività. Il settore che ha mostrato una flessione maggiore è stato l Industria, con una flessione del 6,3% rispetto al 2002, seguita dalla Finanza, la cui diminuzione degli investimenti è stata del 4,6%. Il Commercio e i Servizi hanno invece mostrato una dinamica positiva, 1,3% e 1,5% rispettivamente. Anche la spesa IT nelle Istituzioni ha segno positivo (0,1%), grazie a numerosi progetti di e-government messi in atto nelle regioni (fig 3 ). 183

6 Contributi esterni RAPPORTO NAZIONALE 2004 Figura 3 - Il mercato dell IT in Italia per settore economico ( dati in migliaia di euro e in %) Legenda Industria Commercio Servizi Finanza Istituzioni Consumer ,5% 905, ,5% ,5% ,1% ,7% ,6% ,5% ,5% ,8% +1,3% ,2% ,3% Fonte: Assinform/NetConsulting Dai dati relativi alle Unità Locali nelle regioni e osservandone la distribuzione tra settori economici e fasce di addetti, si rileva come al Centro e al Sud le imprese industriali e finanziarie siano presenti in una proporzione minore rispetto al Nord. Per quanto riguarda le aziende del commercio e le istituzioni, emergono valutazioni diametralmente opposte, con una maggior presenza al Sud. L evidenza della differenza strutturale esistente tra le regioni italiane è ben sintetizzata dal dato relativo alle imprese commerciali che al Sud rappresentano il 40% delle Unità Locali, mentre al Nord Ovest questa percentuale è pari al 30%. Sul fronte delle istituzioni, mentre al Nord esse rappresentano il 15,9% delle Unità Locali, al Sud questo valore raggiunge il 17,8%. Tenuto conto di tale composizione per settori economici, si rileva come al Sud siano maggiormente presenti aziende operanti nei settori che hanno evidenziato performance migliori in termini di spesa IT e questo fa sì che la spesa totale delle regioni del Sud abbia subito una flessione più limitata rispetto alle regioni del Nord Italia. Analizzando i mercati per macro-regioni, si osserva che nel Nord Ovest si concentra il 39% della spesa IT nazionale (fig 4), soprattutto grazie al peso rilevante di Piemonte e Lombardia; quest ultima, in particolare rappresenta il 69% della spesa IT del nord Ovest (fig. 5). 184

7 RAPPORTO NAZIONALE 2004 Contributi esterni Figura 4 - Ripartizione del mercato IT per macroarea geografica, 2003 (valori in %) 20,95% 38,70% 24,08% 16,27% Fonte: Assinform/NetConsulting 185

8 Contributi esterni RAPPORTO NAZIONALE 2004 Figura 5 - Ripartizione del mercato IT a livello regionale, 2003 (Valori in %) Liguria; 5,4% Piemonte; 24,5% Trento; 3,6% Bolzano; 4,5% Emilia- Romagna; 42,4% Lombardia; 69,5% Valle D'Aosta; 0,5% Friuli-V.G.; 10,9% Veneto; 38,6% Lazio; 65,1% Toscana; 23,3% Sardegna; 6,5% Sicilia; 21,7% Abruzzo; 7,2% Molise; 1,6% Marche; 7,8% Umbria; 3,8% Calabria; 8,1% Basilicata; 3,1% Puglia; 19,9% Campania; 31,8% Fonte: Assinform/NetConsulting Dopo il Nord, la quota più consistente del mercato IT è detenuta dal Centro, con il 24% del totale nazionale, grazie soprattutto alla Toscana e al Lazio, che pesa sul Centro per il 65%. Poco distante da questo dato è il Nord Est, con una quota del 21% dovuta principalmente a Emilia-Romagna e Veneto. Il Sud e le Isole, invece, contribuiscono solamente per il 16% della spesa IT in Italia. 186

9 RAPPORTO NAZIONALE 2004 Contributi esterni Figura 6 - Classifica delle regioni italiane per quote di mercato, 2003 (valori in %) Fonte: Assinform/NetConsulting L analisi regionale della spesa IT evidenzia che la Lombardia detiene la quota più rilevante, pari a quasi il 27% del totale (Fig 6 e Tab. 2), seguita dal Lazio (15,7%) e dal Piemonte (9,5%). Le regioni con una quota percentuale della spesa IT minore sono la Basilicata, il Molise e infine la Valle D Aosta. La Lombardia si conferma quindi come la regione che investe maggiormente in IT. Questo risultato è frutto di un insieme di motivazioni, tra cui l elevato numero di aziende, la grande popolosità della Lombardia, ma anche una elevata propensione agli investimenti nelle tecnologie dell informazione. 187

10 Contributi esterni RAPPORTO NAZIONALE 2004 Tabella 2 - Dinamica della spesa IT per regione e macroregione, (migliaia di Euro e %) Regioni / Spesa IT in migliaia di Euro Quote di Spesa IT Variazione % Province autonome / / 2002 Piemonte ,66% 9,53% 9,50% -3,4% -3,5% Valle D'Aosta ,19% 0,19% 0,19% -1,1% -2,7% Lombardia ,05% 27,07% 26,90% -2,1% -3,8% Liguria ,13% 2,09% 2,11% -3,8% -2,5% Nord Ovest ,02% 38,89% 38,70% -2,5% -3,6% Provincia di Trento ,75% 0,75% 0,75% -1,9% -3,1% Provincia di Bolzano ,94% 0,95% 0,94% -1,2% -3,3% Veneto ,10% 8,12% 8,08% -2,0% -3,6% Friuli Venezia Giulia ,25% 2,25% 2,28% -2,1% -1,8% Emilia Romagna ,01% 8,95% 8,89% -2,8% -3,8% Nord Est ,04% 21,01% 20,95% -2,3% -3,5% Toscana ,54% 5,57% 5,61% -1,8% -2,5% Umbria ,92% 0,92% 0,92% -2,3% -2,8% Marche ,91% 1,88% 1,87% -3,4% -3,8% Lazio ,28% 15,54% 15,69% -0,5% -2,3% Centro ,65% 23,91% 24,08% -1,1% -2,5% Abruzzo ,24% 1,20% 1,17% -5,3% -5,2% Molise ,27% 0,26% 0,26% -3,6% -3,2% Campania ,05% 5,12% 5,18% -0,7% -2,2% Puglia ,22% 3,22% 3,24% -2,1% -2,4% Basilicata ,52% 0,51% 0,51% -4,0% -3,0% Calabria ,33% 1,31% 1,32% -3,6% -2,1% Sicilia ,55% 3,49% 3,53% -3,6% -2,2% Sardegna ,12% 1,08% 1,05% -5,4% -6,2% Sud e Isole ,28% 16,20% 16,27% -2,7% -2,8% ITALIA % 100% 100% -2,2% -3,2% Fonte: Assinform /NetConsulting Un analisi di ulteriore dettaglio dei dati relativi alla Lombardia evidenzia una spesa IT molto elevata per i settori finanza e industria, che in Lombardia contano un numero molto significativo di Unità Locali. Un altra notazione è relativa al fatto che, oltre ad essere più numerose, le aziende industriali lombarde hanno una spesa IT unitaria superiore a quelle localizzate nelle altre regioni. Discorso analogo può essere fatto anche per le aziende lombarde della finanza, che spendono mediamente di più rispetto alle aziende di altre regioni, ad eccezione di quelle del Lazio che, grazie soprattutto alla presenza di numerose realtà di grandi dimensioni in termini di addetti, hanno una spesa media superiore. Dal punto di vista della dinamica della spesa IT, è da evidenziare che mentre tra il 2001 e il 2002 la flessione era stata (seppur lievemente) inferiore alla media nazionale, 188

11 RAPPORTO NAZIONALE 2004 Contributi esterni nel 2003 la Lombardia ha mostrato una diminuzione del 3,8%, elevata se confrontata con il dato nazionale (-3,2%). Come detto sopra, questo dato è dovuto in larga misura alla composizione settoriale del tessuto imprenditoriale lombardo, composto in larga parte da aziende industriali e finanziarie, ovvero proprio dalle aziende che hanno evidenziato nell ultimo anno una contrazione più marcata degli investimenti in IT (Tab 3). Tabella 3 - Classifica delle regioni italiane rispetto alla variazione (valori %) Regioni / Province autonome Variazione % 2003/ 2002 Friuli Venezia Giulia -1,8% Calabria -2,1% Campania -2,2% Sicilia -2,2% Lazio -2,3% Puglia -2,4% Liguria -2,5% Toscana -2,5% Valle D'Aosta -2,7% Umbria -2,8% Basilicata -3,0% Provincia di Trento -3,1% Molise -3,2% ITALIA -3,2% Provincia di Bolzano -3,3% Piemonte -3,5% Veneto -3,6% Marche -3,8% Lombardia -3,8% Emilia Romagna -3,8% Abruzzo -5,2% Sardegna -6,2% Fonte: Assinform/NetConsulting Il Lazio, con una spesa di milioni di Euro, si posiziona al secondo posto in Italia per dimensione del mercato IT. Un ruolo fondamentale nel buon posizionamento del Lazio nella classifica della spesa IT è legato alla forte presenza delle Istituzioni in questa regione. Per quanto riguarda la dinamica è da evidenziare che sia nel 2002 che nel 2003 il Lazio ha riportato una flessione inferiore al dato nazionale, aumentando quindi la propria quota di spesa IT. Si osserva che nel Lazio il numero di Unità Locali di grandi dimensioni nei settori industria e commercio è largamente inferiore ai corrispettivi dati della Lombardia. Questo in parte spiega la differenza in termini di spesa IT tra il Lazio e la Lombardia, anche se è da evidenziare che il Lazio registra una spesa IT maggiore per quanto riguarda le Istituzioni. 189

12 Contributi esterni RAPPORTO NAZIONALE 2004 Nella classifica delle regioni per quote di mercato IT, il Lazio è seguito dal Piemonte, con un volume del mercato pari a milioni di Euro, equivalente al 9,5% della spesa IT nazionale. La spesa IT piemontese è prevalentemente dovuta al grande numero di UL operanti nell industria, mentre negli altri settori la spesa è più o meno in linea con altre grandi Regioni. Il Piemonte tuttavia ha evidenziato sia nel 2002 che nel 2003 una dinamica peggiore rispetto alla media nazionale. Alle spalle del Piemonte si trovano Veneto ed Emilia-Romagna con rispettivamente l 8,9% e l 8,1% del mercato nazionale. Affrontando un analisi della quota della spesa IT di competenza del comparto Consumer, la Lombardia si rivela a maggior ragione il punto di riferimento per l IT nel nostro Paese. Con una spesa pari ad oltre 168 milioni di Euro, la Lombardia evidenzia un mercato IT Consumer circa due volte più grande rispetto al Lazio (85 milioni di Euro, fig. 7). Figura 7 - Spesa IT per Aziende e Consumer nelle regioni Italiane (Valori in migliaia di Euro) Consumer Lombardia Lazio Piemonte Emilia-R. Veneto Toscana Campania Sicilia Puglia Friuli-V.G. Liguria Marche Calabria Abruzzo Sardegna Bolzano Umbria Trento Basilicata Molise Valle D'Aosta Aziende Fonte: Assinform /NetConsulting Un buon livello degli investimenti Consumer è stato ottenuto dall Emilia-Romagna, con un valore leggermente inferiore al Lazio, ottenuto in parte grazie a politiche di incentivazione degli investimenti IT. Il Piemonte, invece, occupa in questa classifica solamente la quinta posizione, dietro al Veneto. Le ultime regioni in termini di spesa IT sono Basilicata, Valle d Aosta e Molise. 190

13 RAPPORTO NAZIONALE 2004 Contributi esterni Il digital divide tra le Regioni Dai dati analizzati fino a questo punto emerge una sostanziale diversità tra le regioni italiane in termini di investimenti in Information Technology. Certamente le differenze nel valore monetario del mercato IT delle regioni sono determinate da variabili strutturali quali il numero di aziende e la popolazione residente, tuttavia il digital divide non si esaurisce con questa osservazione e l analisi di alcuni indicatori lo dimostra. A questo proposito un indicatore significativo è rappresentato dalla spesa IT per occupato. Il dato più evidente riguardo alla spesa IT per occupato è il primo posto occupato dal Lazio, con un valore pari a (Fig. 8). Figura 8 - Spesa IT per occupato, 2003 (valori in ) Lazio Lombardia Piemonte Emilia-Romagna ITALIA Friuli-Venezia Giulia Provincia di Bolzano Veneto Toscana Provincia di Trento Valle D'Aosta Liguria Campania Marche Basilicata Umbria Puglia Sicilia Abruzzo Molise Calabria Sardegna % % % 880,1 0% 880-3% % % -20% % -36% -41% -41% -45% -47% -48% -49% -51% -59% -20% -25% -28% +62% Scostamento del valore Italia Fonte: Elaborazione Assinform/NetConsulting su dati Istat (Forze di Lavoro: media 2003) Sebbene la Lombardia abbia una spesa IT totale maggiore rispetto a quella del Lazio, quest ultimo presenta una popolazione residente, un numero di aziende e quindi un numero di occupati nettamente inferiore rispetto alla Lombardia e questo fa sì che riguardo a questo indicatore il Lazio presenti una migliore posizione. 191

14 Contributi esterni RAPPORTO NAZIONALE 2004 La Lombardia fa segnare una spesa IT per occupato pari a 1.284, di circa il 13% inferiore rispetto al Lazio. La spesa media nazionale è di 880 euro per occupato ed è significativo che le uniche altre regioni che riportano un valore superiore rispetto a tale media nazionale siano il Piemonte e l Emilia-Romagna, con rispettivamente e 933 euro per addetto. Al lato opposto, tra le regioni con un rapporto spesa IT/occupato minore, si trovano il Molise, la Calabria e infine la Sardegna, con un spesa pari a 372 per ogni occupato. Dal confronto con questi dati si può capire quanto sia importante e ampio il digital divide tra le regioni italiane, soprattutto alla luce del fatto che le cinque regioni con una spesa IT per occupato inferiore sono localizzate tutte al Sud. Un analisi di questo tipo si rivela molto importante per identificare le aree del Paese che maggiormente necessitano di un sostegno di tipo infrastrutturale per lo sviluppo della competitività e della crescita delle imprese. Risultati molto simili si ottengono dall analisi dell indicatore della spesa IT sul Valore Aggiunto regionale. Anche in questo caso il Lazio ottiene la migliore performance a livello nazionale, con una spesa IT pari al 2,52% del valore aggiunto regionale, seguito dalla Lombardia con il 2,15% (Fig. 9). Figura 9 - Spesa IT sul Valore Aggiunto regionale, 2003 (valori in %) Lazio Lombardia Piemonte Emilia-Romagna Friuli-Venezia Giulia Veneto Toscana Bolzano Campania Valle D'Aosta Marche Trento Liguria Puglia Basilicata Umbria Abruzzo Sicilia Calabria Molise Sardegna 2,15% 1,85% 1,67% 1,61% 1,47% 1,36% 1,34% 1,29% 1,25% 1,21% 1,20% 1,17% 1,16% 1,15% 1,06% 1,04% 1,03% 1,01% 0,97% 0,80% 2,52% Fonte: elaborazione Assinform/NetConsulting su dati Istat (Conti economici regionali, dati analitici anni ) 192

15 RAPPORTO NAZIONALE 2004 Contributi esterni Insieme a queste due regioni, solamente il Piemonte (1,85%) e l Emilia-Romagna (1,67%) si posizionano sopra la media nazionale (1,65%). Anche riguardo a questo indicatore le regioni del Sud si dimostrano maggiormente arretrate rispetto a quelle del Nord Italia. Un eccezione è però rappresentata dalla Campania (1,29%), con un valore poco inferiore a Bolzano e alla Toscana. La Campania è dunque la regione del Sud con un livello degli investimenti IT maggiore, che con una spesa pari al 5% del dato nazionale si colloca alla settima posizione tra le regioni con maggiori investimenti in Information Technology. Tra le regioni con una spesa IT sul Valore Aggiunto inferiore si trovano la Sicilia, la Calabria, il Molise e la Sardegna. 193

16 Contributi esterni Abruzzo < TOTALE < TOTALE

17 RAPPORTO NAZIONALE 2004 Contributi esterni Basilicata < TOTALE < TOTALE

18 Contributi esterni Calabria < TOTALE < TOTALE

19 RAPPORTO NAZIONALE 2004 Contributi esterni Campania < TOTALE < TOTALE

20 Contributi esterni Emilia-Romagna < TOTALE < TOTALE

21 RAPPORTO NAZIONALE 2004 Contributi esterni Friuli-Venezia Giulia < TOTALE < TOTALE

22 Contributi esterni Lazio < TOTALE < TOTALE

23 RAPPORTO NAZIONALE 2004 Contributi esterni Liguria < TOTALE < TOTALE

24 Contributi esterni Lombardia < TOTALE < TOTALE

25 RAPPORTO NAZIONALE 2004 Contributi esterni Marche < TOTALE < TOTALE

26 Contributi esterni Molise < TOTALE < TOTALE

27 RAPPORTO NAZIONALE 2004 Contributi esterni Piemonte < TOTALE < TOTALE

28 Contributi esterni Puglia < TOTALE < TOTALE

29 RAPPORTO NAZIONALE 2004 Contributi esterni Sardegna < TOTALE < TOTALE

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014 Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della statale A.S. 2013/2014 Premessa In questo Focus viene fornita un anticipazione dei dati relativi all a.s. 2013/2014 relativamente

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA 1 Unioncamere Basilicata RAPPORTO ANNUALE 2002 DELL OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA Il ruolo del turismo nell economia

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Unione Province Italiane. Una proposta per il riassetto delle Province

Unione Province Italiane. Una proposta per il riassetto delle Province Unione Province Italiane Una proposta per il riassetto delle Province Assemblea Unione Province Italiane Roma - 06 dicembre 2011 A cura di: Prof. Lanfranco Senn Dott. Roberto Zucchetti Obiettivi dello

Dettagli

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014 Lo spettacolo dal vivo in Sardegna Rapporto di ricerca 2014 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale

Dettagli

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO M Innovazione Conoscenza RETE REPOR RT ATTIVITA PATENT LIBRARY ITALIA 213 DIREZIONE GENERALE LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E I Sommario Introduzione... 3 I servizi erogati dalla Rete...

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

VI Rapporto su enti locali e terzo settore

VI Rapporto su enti locali e terzo settore COORDINAMENTO Michele Mangano VI Rapporto su enti locali e terzo settore A cura di Francesco Montemurro, con la collaborazione di Giulio Mancini IRES Lucia Morosini Roma, marzo 2013 2 Indice 1. PREMESSA...

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

TELECOM ITALIA SPA 1 SEM. Anno di riferimento: 2014 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. X ANNO Intero 1/39

TELECOM ITALIA SPA 1 SEM. Anno di riferimento: 2014 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. X ANNO Intero 1/39 Qualità dei servizi internet da postazione fissa - Delibere n. 131/06/CSP, 244/08/CSP e 400/10/CONS Anno riferimento: 2014 Periodo rilevazione dei dati: 2 SEM. X Per. Denominazione incatore Tempo attivazione

Dettagli

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI PIEMONTE - VALLE D'AOSTA LIGURIA UNIONE COMMERCIO E TURISMO PROVINCIA DI 1 PF1335_PR418_av214_1 SAVONA ASSOCIAZIONE COMMERCIANTI DELLA 2 PF1085_PR313_av214_1 PROVINCIA DI ALESSANDRIA ASCOM-BRA ASSOCIAZIONE

Dettagli

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento al 31 dicembre 2013 Marzo 2014 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Istruzioni per la compilazione

Istruzioni per la compilazione ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL RICORSO - RISOLUZIONE STRAGIUDIZIALE DELLE CONTROVERSIE RICORSO ALL ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO Istruzioni per la compilazione ATTENZIONE:

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Audizione dell Ufficio parlamentare di bilancio sull attuazione e le prospettive del federalismo fiscale

Audizione dell Ufficio parlamentare di bilancio sull attuazione e le prospettive del federalismo fiscale Audizione dell Ufficio parlamentare di bilancio sull attuazione e le prospettive del federalismo fiscale Tendenze dell autonomia tributaria degli enti territoriali di Alberto Zanardi Consigliere dell Ufficio

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

Gli immigrati stranieri: il loro aumento negli anni 90 secondo le diverse fonti

Gli immigrati stranieri: il loro aumento negli anni 90 secondo le diverse fonti LA POPOLAZIONE 17 Gli immigrati stranieri: il loro aumento negli anni 90 secondo le diverse fonti Significato. La presenza nella popolazione di cittadini stranieri è ormai diventata di una certa consistenza

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI 23 luglio 2014 Anno 2013 ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI Vengono diffusi oggi i risultati della prima rilevazione sul lavoro volontario, frutto della convenzione stipulata tra Istat, CSVnet (rete

Dettagli

CAPITOLO 10 RIFIUTI. Coordinatore statistico: Cristina FRIZZA 1. Coordinatore tematico: Rosanna LARAIA 1 con il contributo di Andrea LANZ 1) ISPRA

CAPITOLO 10 RIFIUTI. Coordinatore statistico: Cristina FRIZZA 1. Coordinatore tematico: Rosanna LARAIA 1 con il contributo di Andrea LANZ 1) ISPRA 10. RIFIUTI CAPITOLO 10 RIFIUTI Autori: Letteria ADELLA 1, Gabriella ARAGONA 1, Patrizia D ALESSANDRO 1, Valeria FRITTELLONI 1, Cristina FRIZZA 1, Andrea Massimiliano LANZ 1, Rosanna LARAIA 1, Irma LUPICA

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE MARCHE INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Settembre 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: Unioncamere Marche Termine

Dettagli

ITALIA COMPETENZE PER IL LAVORO DI OGGI COMPETENZE PER IL LAVORO DI DOMANI. Cisco Networking Academy CISCO NETWORKING ACADEMY.

ITALIA COMPETENZE PER IL LAVORO DI OGGI COMPETENZE PER IL LAVORO DI DOMANI. Cisco Networking Academy CISCO NETWORKING ACADEMY. Profilo ITALIA COMPETENZE PER IL LAVORO DI OGGI COMPETENZE PER IL LAVORO DI DOMANI CISCO NETWORKING ACADEMY Educazione e tecnologia sono due dei più grandi equalizzatori sociali. La prima aiuta le persone

Dettagli

12. RADIAZIONI NON IONIZZANTI

12. RADIAZIONI NON IONIZZANTI 12. RADIAZIONI NON IONIZZANTI CAPITOLO 12 RADIAZIONI NON IONIZZANTI Autori: Maria LOGORELLI 1 Coordinatore statistico: Matteo SALOMONE 1 Coordinatore tematico: Salvatore CURCURUTO 1 1) ISPRA 902 Tema SINAnet

Dettagli

Osservatorio nazionale distretti italiani

Osservatorio nazionale distretti italiani Osservatorio nazionale distretti italiani Rapporto 2014 Osservatorio nazionale distretti italiani Rapporto 2014 Osservatorio nazionale distretti italiani- Rapporto 2014 Osservatorio nazionale distretti

Dettagli

Il pendolarismo e la valutazione del trasporto pubblico regionale su ferro e su gomma

Il pendolarismo e la valutazione del trasporto pubblico regionale su ferro e su gomma Regione Lazio Osservatorio per la Valutazione e la Qualità dei Servizi SISTAR-Lazio Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR Il pendolarismo e la valutazione del trasporto pubblico regionale

Dettagli

Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro

Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro Il presente Rapporto è stato realizzato da un gruppo di ricerca congiunto

Dettagli

Famiglie e lavoro. Rapporto annuale 2014

Famiglie e lavoro. Rapporto annuale 2014 Famiglie e lavoro Rapporto annuale 2014 Famiglie e lavoro Rapporto annuale 2014 Il presente rapporto è frutto di un lavoro di ricerca dello Staff SSRMdL di Italia Lavoro, coordinato da Maurizio Sorcioni,

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Irepa Informa Anno 2 Numero 2 2 Trimestre Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Le dinamiche congiunturali del secondo trimestre Nel secondo trimestre, i principali indicatori congiunturali

Dettagli

Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali

Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali ente bilaterale lavanderie industriali Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali Primo Rapporto ente bilaterale lavanderie industriali Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali

Dettagli

SETTORE ARIA E AGENTI FISICI U.O. Modellistica STIMA DEI CONSUMI DI LEGNA DA ARDERE PER RISCALDAMENTO ED USO DOMESTICO IN ITALIA

SETTORE ARIA E AGENTI FISICI U.O. Modellistica STIMA DEI CONSUMI DI LEGNA DA ARDERE PER RISCALDAMENTO ED USO DOMESTICO IN ITALIA SETTORE ARIA E AGENTI FISICI U.O. Modellistica STIMA DEI CONSUMI DI LEGNA DA ARDERE PER RISCALDAMENTO ED USO DOMESTICO IN ITALIA Il presente studio è stato predisposto per l Agenzia Nazionale per la Protezione

Dettagli

Primo Rapporto CNEL/ISTAT sull economia sociale. Dimensioni e caratteristiche strutturali delle istituzioni nonprofit in Italia

Primo Rapporto CNEL/ISTAT sull economia sociale. Dimensioni e caratteristiche strutturali delle istituzioni nonprofit in Italia Primo Rapporto CNEL/ISTAT sull economia sociale Dimensioni e caratteristiche strutturali delle istituzioni nonprofit in Italia ROMA, GIUGNO 2008 INDICE PREMESSA...4 CONSIDERAZIONI INTRODUTTIVE...6 PARTE

Dettagli

Si autorizza la riproduzione a fini non commerciali e con citazioni della fonte

Si autorizza la riproduzione a fini non commerciali e con citazioni della fonte Si autorizza la riproduzione a fini non commerciali e con citazioni della fonte Indice Introduzione... 2 Definizioni... 3 Quadro di sintesi sugli impianti a fonti rinnovabili in Italia... 5 Numerosità

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante REGOLAMENTO FUI anni termici 2014-2016 Regolamento disciplinante le procedur re concorsuali per l individuazione dei fornitori i di ultima istanza di gass naturale per il periodo 1 ottobre 2014-30 settembre

Dettagli

TUTELA DELLA SALUTE E ACCESSO ALLE CURE

TUTELA DELLA SALUTE E ACCESSO ALLE CURE luglio 14 TUTELA DELLA SALUTE E ACCESSO ALLE CURE Anno 13 Quella italiana è una popolazione che invecchia, in cui le patologie croniche sono sempre più diffuse. Rispetto al 5, diminuiscono malattie respiratorie

Dettagli

Italia e Unione Europea: una valutazione comparata della gestione dei rifiuti

Italia e Unione Europea: una valutazione comparata della gestione dei rifiuti una valutazione comparata della gestione dei rifiuti Parte una valutazione comparata della gestione dei rifiuti La Commissione europea nell Aprile del 01 ha presentato gli esiti di una ricerca eseguita

Dettagli

Qualità dei servizi. Per uno standard minimo di benessere

Qualità dei servizi. Per uno standard minimo di benessere CAPITOLO 12 Qualità dei servizi Per uno standard minimo di benessere L accesso diffuso a servizi di qualità è un elemento fondamentale per una società che intenda garantire ai suoi cittadini uno standard

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

Progetto PROMETEO. FORESIGHT TECNOLOGICO/ECONOMICO Settori 4 A e Turismo in Toscana. DOCUMENTO REDATTO da Consorzio Pisa Ricerche e FIRENZE TECNOLOGIA

Progetto PROMETEO. FORESIGHT TECNOLOGICO/ECONOMICO Settori 4 A e Turismo in Toscana. DOCUMENTO REDATTO da Consorzio Pisa Ricerche e FIRENZE TECNOLOGIA Progetto PROMETEO FORESIGHT TECNOLOGICO/ECONOMICO Settori 4 A e Turismo in Toscana DOCUMENTO REDATTO da Consorzio Pisa Ricerche e FIRENZE TECNOLOGIA INDICE INTRODUZIONE...3 IL CONTESTO ECONOMICO E TECNOLOGICO

Dettagli

La vita quotidiana nel 2009

La vita quotidiana nel 2009 SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA 2 0 1 0 Settore Famiglia e società La vita quotidiana nel 2009 Indagine multiscopo annuale sulle famiglie Aspetti della vita quotidiana Anno

Dettagli

Tirocini a due anni di distanza dalle Linee-guida: primo bilancio

Tirocini a due anni di distanza dalle Linee-guida: primo bilancio Working Paper A s s o c i a z i o n e p e r g l i S t u d i I n t e r n a z i o n a l i e C o m p a r a t i s u l D i r i t t o d e l l a v o r o e s u l l e R e l a z i o n i i n d u s t r i a l i Tirocini

Dettagli

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI Dott. Nicola ZERBONI Dottore Commercialista in Milano Finanziamenti europei 2007/2013 e contrasto alle irregolarità e alle frodi nei fondi Diretta

Dettagli

L AGRITURISMO IN SICILIA: STATO DELL ARTE E PROSPETTIVE

L AGRITURISMO IN SICILIA: STATO DELL ARTE E PROSPETTIVE Regione Siciliana P R O G E T T O D I R I C E R C A L AGRITURISMO IN SICILIA: STATO DELL ARTE E PROSPETTIVE Ricerche nell ambito delle attività istituzionali dell Osservatorio sul Sistema dell Economia

Dettagli

P.O.S. (POINT OF SALE)

P.O.S. (POINT OF SALE) P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena Telefono 059/2021111 (centralino)

Dettagli

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione BANDO DI CONCORSO per l erogazione di borse di studio in favore dei figli e degli orfani dei dipendenti iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (art.1,c.245 della legge 662/96)

Dettagli

DATI. Partita Iva: Via: Telefono: Fax: e mail: Web: Telefono: Cellulare: Indicazione

DATI. Partita Iva: Via: Telefono: Fax: e mail: Web: Telefono: Cellulare: Indicazione Processo Qualifica N. /2015 DOMANDA DI PREQUALI DATI IDENTIFICATIVI DELL OPERATORE ECONOMICO (inserire i datii relativi alla SEDE LEGALE) L Denominazione / Ragione Sociale Operatore: Partita Iva: Codice

Dettagli

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico-

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- PREMESSA... 3 1. CARATTERISTICHE FISICHE DELLE TS-CNS... 3 1.1. Fronte TS-CNS

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

ISPRA - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Via Vitaliano Brancati, 48 00144 Roma www.isprambiente.gov.it

ISPRA - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Via Vitaliano Brancati, 48 00144 Roma www.isprambiente.gov.it Informazioni legali L istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) e le persone che agiscono per conto dell Istituto non sono responsabili per l uso che può essere fatto delle informazioni

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE IMMOBILIARE TURISTICO 2014 SUL MERCATO DELLE CASE PER VACANZA 1 AGOSTO 2014 SINTESI PER LA STAMPA

OSSERVATORIO NAZIONALE IMMOBILIARE TURISTICO 2014 SUL MERCATO DELLE CASE PER VACANZA 1 AGOSTO 2014 SINTESI PER LA STAMPA OSSERVATORIO NAZIONALE IMMOBILIARE TURISTICO 2014 SUL MERCATO DELLE CASE PER VACANZA 1 AGOSTO 2014 SINTESI PER LA STAMPA L Osservatorio Nazionale Immobiliare Turistico 2014 di FIMAA-Confcommercio (Federazione

Dettagli

BANCO DI SARDEGNA S.p.A. - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) Sezione 1.130.10 P.O.S. (POINT OF SALE) - AGGIORNAMENTO AL 23.04.

BANCO DI SARDEGNA S.p.A. - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) Sezione 1.130.10 P.O.S. (POINT OF SALE) - AGGIORNAMENTO AL 23.04. P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCO DI SARDEGNA S.p.A. Società per Azioni con sede legale in Cagliari, viale Bonaria, 33 Sede Amministrativa, Domicilio Fiscale e Direzione Generale in

Dettagli

CONSIP PULIZIA SCUOLE: Servizi di pulizia ed altri servizi per le scuole ed i centri di formazione

CONSIP PULIZIA SCUOLE: Servizi di pulizia ed altri servizi per le scuole ed i centri di formazione Oggetto dell'iniziativa La Convenzione prevede la fornitura del servizio di pulizia ed altri servizi tesi al mantenimento del decoro e della funzionalità degli immobili delle Scuole e dei Centri di Formazione

Dettagli

Apprendistato di mestiere: appuntamento mancato con la semplificazione

Apprendistato di mestiere: appuntamento mancato con la semplificazione Working Paper A s s o c i a z i o n e p e r g l i S t u d i I n t e r n a z i o n a l i e C o m p a r a t i s u l D i r i t t o d e l l a v o r o e s u l l e R e l a z i o n i i n d u s t r i a l i Apprendistato

Dettagli

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita CAPITOLO 3 Lavoro e conciliazione dei tempi di vita L importanza di una buona occupazione Un attività adeguatamente remunerata, ragionevolmente sicura e corrispondente alle competenze acquisite nel percorso

Dettagli

Dipartimento della Programmazione e dell Ordinamento del Servizio Sanitario Nazionale Dir. Gen. della Programmazione sanitaria Ufficio VI

Dipartimento della Programmazione e dell Ordinamento del Servizio Sanitario Nazionale Dir. Gen. della Programmazione sanitaria Ufficio VI Rapporto annuale sull attività di ricovero ospedaliero Dati SDO 2012 Dicembre 2013 Dipartimento della Programmazione e dell Ordinamento del Servizio Sanitario Nazionale Dir. Gen. della Programmazione sanitaria

Dettagli

Condizioni di salute, fattori di rischio e ricorso ai servizi sanitari

Condizioni di salute, fattori di rischio e ricorso ai servizi sanitari 2 marzo 2007 Condizioni di salute, fattori di rischio e ricorso ai servizi sanitari Anno 2005 Con l indagine multiscopo Condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari l Istat rileva presso i cittadini

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Rapporto annuale Giugno 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. scpa Committente:

Dettagli

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Abruzzo Azienda per il diritto agli studi universitari (Adsu) Viale dell Unità d Italia, 32 66013 Chieti scalo Tel. +39

Dettagli

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione titolo della form di ricerca Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca CATEGORIA TITOLO AREA GEOGRAFICA Vigneto/produzione/consumi Superfici vitate

Dettagli

Protagonista dello sviluppo locale

Protagonista dello sviluppo locale Bic Umbria Protagonista dello sviluppo locale Sviluppo Italia Bic Umbria promuove, accelera e diffonde lo sviluppo produttivo e imprenditoriale nella regione. È controllata da Sviluppo Italia, l Agenzia

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO 18/01/2014 Rapporto morti bianche triennio 2011/12/13

OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO 18/01/2014 Rapporto morti bianche triennio 2011/12/13 OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO 18/01/2014 Rapporto morti bianche triennio 2011/12/13 ANALISI COMPARATIVA DATI 2011-2012-2013 ANALISI DATI AGGREGATI 2011-2012- 2013 ANDAMENTO INFORTUNI NEL QUADRIENNIO

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SUL SETTORE DELLA GDO IC43

INDAGINE CONOSCITIVA SUL SETTORE DELLA GDO IC43 INDAGINE CONOSCITIVA SUL SETTORE DELLA GDO IC43 PREMESSA GENERALE... 4 PRIMA PARTE I SOGGETTI E LE FORME DELLA COMPETIZIONE ORIZZONTALE NELLA GDO... 8 CAPITOLO I LA GDO: CARATTERISTICHE, FORMATI DISTRIBUTIVI

Dettagli

TERZO RAPPORTO SULL ECONOMIA DEL MARE

TERZO RAPPORTO SULL ECONOMIA DEL MARE TERZO RAPPORTO SULL ECONOMIA DEL MARE Con il contributo tecnico-scientifico di: TERZO RAPPORTO SULL ECONOMIA DEL MARE Il presente Rapporto, realizzato da SI.Camera per Unioncamere (coordinatore Amedeo

Dettagli

La Green Economy e le fonti rinnovabili in Italia

La Green Economy e le fonti rinnovabili in Italia Območna zbornica za severno Primorsko E.I.N.E. La Green Economy e le fonti rinnovabili in Italia A CURA DI INFORMEST Indice 1 INTRODUZIONE... 3 2 - IL RUOLO DELLE FONTI RINNOVABILI: IL CONTESTO NAZIONALE

Dettagli

Pronto Soccorso e Sistema 118

Pronto Soccorso e Sistema 118 PROGETTO PRONTO SOCCORSO E SISTEMA 118 Ministero della Salute Progetto Mattoni SSN Pronto Soccorso e Sistema 118 Ricognizione della normativa, delle esperienze, delle sperimentazioni, relativamente a emergenza

Dettagli

Argomenti n. 29 2005. Lo sport che cambia. I comportamenti emergenti e le nuove tendenze della pratica sportiva in Italia

Argomenti n. 29 2005. Lo sport che cambia. I comportamenti emergenti e le nuove tendenze della pratica sportiva in Italia Argomenti n. 29 2005 Lo sport che cambia I comportamenti emergenti e le nuove tendenze della pratica sportiva in Italia I settori AMBIENTE E TERRITORIO POPOLAZIONE SANITÀ E PREVIDENZA CULTURA FAMIGLIA

Dettagli

Analisi del subappalto e della struttura delle imprese subappaltatrici

Analisi del subappalto e della struttura delle imprese subappaltatrici Analisi del subappalto e della struttura delle imprese subappaltatrici Maggio 2011 Analisi del subappalto e della struttura delle imprese subappaltatrici ommario Premessa... 3 Box di approfondimento -

Dettagli

Attività delle regioni e delle province autonome per la prevenzione nei luoghi di lavoro

Attività delle regioni e delle province autonome per la prevenzione nei luoghi di lavoro CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 13/030/CR7c/C7 Attività delle regioni e delle province autonome per la prevenzione nei luoghi di lavoro Anno 2011 Attività delle regioni e delle province

Dettagli

Vorrei un inform@zione

Vorrei un inform@zione Touring Club Italiano Vorrei un inform@zione Come rispondono gli uffici informazioni delle destinazioni turistiche italiane e straniere Dossier a cura del Centro Studi TCI Giugno 2007 SOMMARIO Alcune premesse

Dettagli

Alla c.a. attenzione della Redazione di: Report Via Teulada, 66 00195 Roma

Alla c.a. attenzione della Redazione di: Report Via Teulada, 66 00195 Roma Alla c.a. attenzione della Redazione di: Report Via Teulada, 66 0015 Roma Le gare bandite da Consip per le Convenzioni di Facility Management (FM2 e FM3) sono suddivise in 12 lotti geografici e le singole

Dettagli