ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO E LE MALATTIE PROFESSIONALI nel SETTORE AGRICOLO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO E LE MALATTIE PROFESSIONALI nel SETTORE AGRICOLO"

Transcript

1 Brevi cenni e schemi riepilogativi sull ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO E LE MALATTIE PROFESSIONALI nel SETTORE AGRICOLO a cura di MICHELE GURRADO, professore di ragioneria e tecnica commerciale e bancaria, DIRIGENTE PREPOSTO ALLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI LECCE, già dirigente degli Ispettorati del lavoro di Lecce e Brindisi, autore di numerose pubblicazioni in materia di legislazione sociale, Giudice tributario e Revisore ufficiale dei conti. 1

2 1. L'assicurazione contro infortuni sul lavoro e le malattie professionali.principi generali e azione di regresso L assicurazione infortuni sul lavoro e per le malattie professionali è stata la prima, tra le assicurazioni sociali, ad avere il crisma dell'obbligatorietà e quindi ad affermare: il carattere dell'automaticità delle prestazioni, cioè il diritto del lavoratore ad essere indennizzato per la mancata retribuzione e risarcito per la diminuita capacità lavorativa,causata da un infortunio sul lavoro o da una malattia professionale avvenuto o contratta, in occasione di lavoro, indipendentemente dai doveri del datore di lavoro nei riguardi dell istituto assicuratore, cioè se ha assicurato il lavoratore o se ha pagato il premio assicurativo; il principio della prevalenza dell assistenza sanitaria tendente al massimo recupero della capacità lavorativa, sul riconoscimento economico; la sostituzione dell indennizzo in rendita al risarcimento in capitale (comunque questa è prevista solo in alcuni casi);. il sostegno economico ai familiari in caso di morte. Per quanto riguarda il settore agricolo, la normativa vigente è contenuta nel T.U n agli artt. da 205 a 290, con espresso rinvio alla disciplina generale per quanto non specificatamente previsto ( art. 212 e 249) e successive modifiche, nonché nel D.L , n. 38. L assicurazione infortuni esonera il datore di lavoro dalla responsabilità civile per gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali, occorsi ai suoi dipendenti, in occasione di lavoro nella sua azienda o in itinere. Comunque, qualora il datore di lavoro abbia riportato condanna penale per il fatto che ha cagionato l'infortunio sul lavoro o la malattia professionale, sussiste per lui la responsabilità civile, nonostante l'assicurazione. L ente assicuratore provvede a pagare l indennità, salvo il diritto al regresso nei confronti dell imprenditore nel caso di responsabilità di quest ultimo. Tanto anche quando l'infortunio sul lavoro o la malattia professionale siano avvenuti per fatti imputabili al personale dipendente dall impresa e dei quali il datore di lavoro debba rispondere secondo il codice civile. 2

3 2. Attività lavorative agricole protette o comprese nell assicurazione contro infortuni sul lavoro e le malattie professionali Sono assicurati tutti i lavoratori subordinati ed autonomi impiegati nelle lavorazioni agricole e forestali, principali e secondarie quali: quelle inerenti alla coltivazione dei fondi, degli orti, dei giardini, all'allevamento del bestiame( anche delle specie suinicole, avicole, cunicole, ittiche, dei selvatici a scopo alimentare e quelle attinenti all apicoltura, alla bachicoltura e simili), alla raccolta dei prodotti agricoli, alla coltivazione dei boschi, al taglio e riduzione delle piante e loro trasporto ( lavorazioni agricole e forestali principali); quelle connesse ai sensi dell art C.C, alle lavorazioni principali agricole e forestali come: la cura delle piante, l'irrigazione, la preparazione e conservazione dei prodotti agricoli ( lavorazioni agricole secondarie ). 3

4 3. Enti assicuratori e soggetti assicurati Provvedono all assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali nel settore agricolo : v l E.N.P.A.I.A. per gli impiegati tecnici ed amministrativi e i dirigenti delle aziende agricole; v l I.N.A.I.L., con una gestione separata dalle altre e con norme particolari per quanto riguarda: gli operai agricoli, che a loro volta si classificano in : lavoratori fissi o a tempo indeterminato; avventizi che assumono la denominazione di : eccezionali, se lavorano oltre 51 e fino a 100 giornate; occasionali se lavorano oltre 101 e fino a 150 giornate ; abituali se lavorano oltre 151 e fino a 200 giornate; permanenti se lavorano oltre 200 giornate; speciali se lavorano meno di 51 giornate. I coltivatori diretti, mezzadri, coloni e soccidari, piccoli coloni o compartecipanti familiari, compresi il coniuge e i figli che abitualmente, ossia in maniera esclusiva o prevalente, si dedicano alla manuale coltivazione dei fondi o all'allevamento ed al governo del bestiame, nonché tutti gli altri parenti, diversi dal coniuge e dai figli, anche se non conviventi con i proprietari, i mezzadri, che lavorano con quest ultimi. I sovrastanti ai lavori di aziende agricole e forestali che prestino opera retribuita; I soci di società cooperative conduttrici di aziende agricole e forestali; 4

5 4. Oggetto del rapporto assicurativo L oggetto del rapporto assicurativo è l'infortunio sul lavoro e la malattia professionale. Gli elementi che caratterizzano l'infortunio sul lavoro e la malattia professionale. sono tre : a) evento dannoso da cui sia derivata la morte o l inabilità permanente al lavoro ( invalidità superiore al 11% fino al 25 luglio 2000, indi al 6%) ovvero una inabilità temporanea che comporti l astensione dal lavoro per più di 3 giorni; b) causa (vio1enta nell'infortunio, lenta nella malattia professionale); c) occasione di lavoro. In particolare: a) "L'evento dannoso" va ricercato nel fatto involontario, abnorme ed imprevisto (anche se astrattamente prevedibile) che ha portato nell'organismo del lavoratore un'alterazione (esterna o interna) anatomica o funzionale, superficiale o profonda (apparente o non apparente) che incida sulla sua capacità di lavoro, avendo comportato: la morte; l inabilità permanente; l inabilità temporanea L'inabilità lavorativa è quella che produce una sospensione temporanea, ma totale, oppure una riduzione assoluta o parziale, ma permanente della capacità lavorativa.. L'inabilità o la riduzione della capacità lavorativa va desunta esclusivamente dalle condizioni fisiche del lavoratore e va tenuta distinta dalla riduzione delle capacità di guadagno che involge un concetto più ampio. Questa, oltre a rifarsi all attitudine del lavoro, esamina anche gli altri elementi obiettivi inerenti all'ambiente economico nel quale il lavoratore fisicamente minorato vive ed opera. La valutazione dell inabilità è fatta secondo particolari criteri tenendo conto dell apposita tabella di valutazione. Non sono considerati ai fini della legge infortuni sul lavoro, gli eventi dannosi che portano solo pregiudizi meramente estetici, senza incidere sulla capacità di lavoro (quali lo sfregio o l alterazione dei testicoli ), salvo che non costituiscano danno biologico cioè quel danno morale, di immagine, di relazione, ecc. b) la "causa" violenta o lenta è il fattore che ha alterato in modo improvviso ed immediato le condizioni ordinarie del lavoratore (causa violenta nell infortunio sul lavoro ) o ha determinato, in via graduale e progressiva un perturbamento nel suo organismo ( causa lenta nella malattia professionale ).. 5

6 Essa deve avere i caratteri della idoneità a produrre l'evento dannoso e può essere determinata da cause : meccaniche (congegni ed attrezzature ecc.); ambientali (colpi di sole, polmonite, ecc.,); tossiche (rapido e progressivo avvelenamento), virali (tetano ecc.); psichiche (nevrosi); energetiche e da sforzo (ernie); elettriche (folgorazioni, ecc.) La giurisprudenza si è pure espressa con giudizi contrastanti in merito alle concause e, seguendo l'orientamento dottrinale in materia, ha distinto le concause in: immediate; successive. c) L "occasione di lavoro" è il nesso di collegamento tra infortunio e prestazione lavorativa e costituisce il rischio connesso, sia pure accidentale, con l'atto materiale del lavoro. In merito alla dizione occasione di lavoro è stato sancito il principio del rapporto di derivazione, anche diretto ed occasionale, che si configura sia nella fase preparatoria o terminale del lavoro che in tutti gli altri rischi connessi con la fase lavorativa come l infortunio in itinere, cioè quell'infortunio che colpisce il lavoratore nel tragitto casa luogo di lavoro o luogo di ristoro, già riconosciuto dalla giurisprudenza dopo il richiamo della Corte Costituzionale ( sentenza n. 8 del 1977) al Governo che non aveva disciplinato legislativamente in merito nonostante la delega di cui alla legge n. 15 del 1963, ed ora riconosciuto legislativamente dal D.L. 38/2000 ( art 12). Sono ritenuti in itinere gli infortuni stradali, in particolare quando il lavoratore usa mezzi propri o dell azienda in assenza di quelli pubblici o quest ultimi osservano orari non confacenti a quelli praticati dall azienda ( Cassazione con sentenza del 12 maggio 1990, n ). 6

7 5. Contraenti del contratto assicurativo e come si instaura Sono contraenti di questo speciale contratto assicurativo obbligatorio i datori di lavoro ( figura più ampia dell'imprenditore o del titolare d'impresa). Costoro sono tenuti a vari adempimenti obbligatori ( con previsioni sanzionatorie in caso di inosservanza) che costituiscono il rapporto assicurativo. Quali : A) All atto dell inizio dell attività l istituzione dei libri paga e matricola per quanto riguarda i dirigenti e gli impiegati da assicurare all ENPAIA previa denuncia cinque giorni prima dell'inizio dell'attività e dell inizio dei lavori con indicati tutti gli elementi per il calcolo del rischio e l'ammontare del premio assicurativo anticipato; l istituzione del registro d impresa per gli operai rilasciato dall INPS, subordinatamente alla presentazione della denuncia aziendale di cui all art 5 del D.Lgs: 375/1993, e previa numerazione dei fogli e vidimazione, previsto in forma: ordinaria per le aziende che occupano personale dipendente assunto a tempo indeterminato o anche assunto a tempo determinato per oltre 270 giornate l anno; semplificata per le aziende minori, nonché per quelle che occupano solo avventizi. Il registro in questione, in entrambe le forme, è composto da fogli mobili in 5 copie, a lettura ottica, da compilare a ricalco, strutturati in modo da essere così impiegati : la prima e la seconda copia, come comunicazione di assunzione del singolo lavoratore da inviare entro 5 giorni, rispettivamente, ali'inps ed ai Centri territoriali per l impiego (dal computo del termine vanno esclusi i giorni festivi e compreso i sabato ). Tale comunicazione riporta i dati anagrafici del lavoratore,la data di assunzione e quella di cessazione che qualora poi quest ultima sia diversa da quella prevista, va comunicata entro cinque giorni dalla data in cui è effettivamente avvenuta. L art. 6 comma 2 del D.Lg.297/2002 ha modificato il termine per l effettuazione della comunicazione dio assunzione in contestuale Comunque in attesa del decreto volto a definire i nuovi modelli per tali comunicazioni obbligatorie ed al fine di semplificare l attività dei soggetti nelle procedure di assunzione dei lavorator, il Ministero del Lavoro con circolare n. 37/2003 del ha ritenuto che, fino al termine del regime transitorio9, la comunicazione di assunzione possa continuare ad 7

8 essere effettuata mediante i documenti tratti dal registro d impresa nel termine precedentemente fissato dei cinque giorni. la terza copia, come dichiarazione di occupazione da consegnare al lavoratore all'atto dell assunzione, cioè prima del suo materiale ingresso in azienda; la quarta copia - denominata "sezione matricola e paga" - costituisce il vero e proprio registro da conservare come documento aziendale di lavoro. Essa, infatti, riporta - in forma più o meno articolata, a seconda che trattasi del registro ordinario o semplificato, le indicazioni relative alle giornate di occupazione per ogni lavoratore, e la retribuzione corrisposta nell'arco dell'intera occupazione; la quinta copia, conforme alla quarta, può sostituire, per le sole occupazioni inferiori al mese, il prospetto di paga di cui all'art. 4 del D.Lgs. n. 375/93. B) All atto dell assunzione e licenziamento dei dipendenti ( denuncia nominativa degli assicurati ) Dal le imprese agricole devono comunicare all I.N.A.I.L, il codice fiscale dei lavoratori,contestualmente ( entro 24 ore) alla instaurazione e cessazioni del rapporto di lavoro. C) Periodicamente, ai fini della quantificazione dei premi dovuti, comunicazioni relative alle giornate effettuate dai lavoratori ed anche alle retribuzioni corrisposte ( solo per gli impiegati ed i dirigenti ) all : E.N.P.A.I.A. ; INPS che effettuerà apposita comunicazione all INAIL.. D) Pagamento del premio assicurativo ( conguaglio ) Poiché la copertura assicurativa e la prevenzione degli infortuni sul lavoro sono due facce della stessa medaglia è stato previsto nel calcolo del premio assicurativo il meccanismo del Bonus Malus in rapporto al1'andamento infortunistico delle aziende e come leva di incentivazione per le imprese che sulla sicurezza investono. In particolare, il tasso medio di tariffa diviene suscettibile di riduzione o di aumento in relazione all andamento degli infortuni e delle malattie professionali che si verificano nell azienda. Il premio assicurativo viene ridotto dall INAIL a quelle aziende che dimostrino di osservare le norme di prevenzione e di igiene del lavoro, o di aver migliorato le condizioni di sicurezza in applicazione della legge 626/94. Viceversa se il datore di lavoro non osserva le norme di prevenzione e sicurezza ( e si verificano infortuni e malattie professionali) viene applicato un aumento del premio assicurativo oltre le sanzioni già previste, per cui la prevenzione infortuni non solo può spezzare la tragica catena di infortuni sul lavoro, in particolar modo quelli mortali e con inabilità assoluta permanente, ma diviene anche un utile investimento economico. 8

9 6. Doveri del datore di lavoro e del lavoratore in caso di infortuni sul lavoro e di malattie professionali. In caso di infortunio sul lavoro il datore di lavoro ha l'obbligo di fornire tutti i mezzi a sua disposizione e di provvedere alle spese relative per il trasporto dell'infortunato nel luogo dove questi può ricevere le prime immediate cure o far raggiungere il medico il luogo in cui l'infortunato si trova, se intrasportabile. Il lavoratore, pena la perdita del diritto alle indennità temporanee per il tempo precedente invece ha l'obbligo di : informare «immediatamente» il proprio datore di lavoro di presentare subito al datore di lavoro il primo certificato medico e, se le cure dovessero proseguire, il certificato compilato dal medico curante In caso di. malattia professionale Il lavoratore, pena la perdita del diritto alle indennità temporanee per il tempo precedente ha l'obbligo di: informare, entro 15 giorni, dalla manifestazione della malattia professionale, il proprio datore di lavoro; presentare al datore di lavoro il primo certificato medico e, in caso di prosecuzione delle cure, il certificato compilato dal medico curante. Qualora il lavoratore non svolga più attività lavorativa o la malattia professionale si riferisce ad una attività svolta presso altro datore di lavoro, può presentare direttamente all INAIL domanda di riconoscimento della malattia professionale ed i certificati di prosecuzione delle cure. La Corte Costituzionale ha stabilito che il lavoratore può dimostrare l origine lavorativa della sua malattia anche se questa non è riconosciuta come malattia professionale nella apposite tabelle del T.U. 9

10 7. Denuncia degli infortuni sul lavoro e delle malattie professionali La denuncia degli infortuni sul lavoro e delle malattie professionali che hanno colpito i lavoratori ( dipendenti e autonomi) che siano prognostinati non guaribili entro tre giorni, indipendentemente da ogni valutazione circa la ricorrenza degli estremi di legge per l indennizzo, anche per il settore agricolo deve essere presentata all INAIL dal datore di lavoro o dal titolare del nucleo di appartenenza dell infortunato per i lavoratori agricoli autonomi( art. 25 del D.Lgs 38/2000) entro due giorni da quello in cui il datore di lavoro ne abbia avuto notizia e telegraficamente entro 24 ore se abbia avuto come conseguenza la morte del lavoratore o sia previsto il suo pericolo di morte... Questa, corredata dal certificato medico, deve indicare oltre alle generalità dell infortunato anche il giorno e l'ora in cui si è verificato l evento, le cause e le circostanze di esso, la natura, la precisa sede anatomica della lesione, il nesso con la causa denunciata e le eventuali alterazioni persistenti Il certificato medico inoltre deve contenere le indicazioni del domicilio dell'infortunato e del luogo ove questi si trova ricoverato, una relazione particolareggiata della sintomatologia accusata dall'infortunato stesso e di quella rilevata dal medico. Contemporaneamente copia del certificato medico e della denuncia in caso d infortunio mortale o con prognosi superiore a 30 giorni deve essere inoltrata all Autorità di P.S. ed alla Direzione provinciale del Lavoro che aprirà un inchiesta amministrativa. Per quanto riguarda la denuncia della malattia professionale l obbligo è rimasto a carico del medico che deve trasmettere all Istituto assicuratore il certificato denuncia malattia professionale con prognosi superiore a 3 gg entro 10 giorni dalla prima visita medica. L omessa o il ritardo della denuncia d infortunio sul lavoro o della malattia professionale è considerato illecito amministrativo e come tale è sanzionato. Comunque per la liquidazione dell indennità non è indispensabile la denuncia, in quanto la giurisprudenza più volte si è espressa che la notizia dell infortunio pervenuta aliunde all istituto assicuratore può costituire elemento sostitutivo dell inerzia del datore di lavoro; così come ha ritenuto che l inchiesta giudiziaria penale, pur non costituendo esplicazione di un attività giurisdizionale, può costituire mezzo di convincimento per il magistrato successivamente adito. Sono tutelati, pur non rientrando tra quelle previste dal DPR anche le malattie di cui il lavoratore dimostri la causa di lavoro. 10

11 8. Prestazioni Nel concetto di prestazione assicurativa trova attuazione sia il diritto di tutela del lavoro sancito dall'art. 35 primo comma della Costituzione, che il diritto del lavoratore al soddisfacimento delle sue "esigenze di vita" anche in caso di eventi inabilitanti. Le prestazioni possono essere: a) economiche; b) sanitarie; c) assistenziali. Le prestazioni economiche e sanitarie hanno il carattere della automaticità cioè devono essere corrisposte al lavoratore anche in corso di omesso o irregolare adempimento degli obblighi contributivi.. In particolare: A. quelle economiche consistono nella corresponsione di una : indennità giornaliera per l inabilità temporanea dal quarto giorno successivo a quello in cui è avvenuto l infortunio o si è manifestata la malattia professionale fino alla guarigione clinica. Per il periodo precedente il datore di lavoro deve pagare per intero la giornata lavorativa in cui è avvenuto l infortunio o si è manifestata la malattia professionale che ha causato assenza dal posto di lavoro ed il 60% della retribuzione, salvo maggior trattamento previsto dai C.C.N.L., per i successivi tre giorni astensione dal lavoro. rendita per inabilità permanente assoluta o parziale superiore al 10 % per gli eventi anteriori al 25 luglio 2000 e del 15% per gli eventi avvenuti dopo il 25 luglio Hanno diritto ad una rendita permanente: gli invalidi del lavoro con grado d inabilità dall 11% all 80% per gli eventi anteriori al 25 luglio 2000 e dal 16% all 80% per gli eventi avvenuti successivamente al 25 luglio 2000; i grandi invalidi del lavoro con grado d inabilità dall 80% al 100%; i super invalidi del lavoro con grado d inabilità del 100%. Se il grado d inabilità è inferiore all 11% il lavoratore non ha diritto ad alcuna rendita per gli infortuni avvenuti anteriormente al 25 luglio Per quelli avvenuti successivamente a tale data ha diritto ad un indennizzo in capitale per le menomazioni derivanti da infortuni sul lavoro che hanno comportato una menomazione permanente compreso tra il 6% ed il 15 %). Se la menomazione è inferiore al 6% non ha diritto ad alcun indennizzo. Comunque, entro 10 anni,dalla data in cui è avvenuto l infortunio sul lavoro e di 5 anni la malattia professionale può chiederne la revisione del grado di inabilità. E prevista anche la revisione del grado di inabilità superiore all 11% (o al 15 % per gli infortuni avvenuti successivamente al 25 luglio 2000) su disposizione dell INAIL o richiesta dell interessato. 11

12 Il lavoratore agricolo, titolare di rendita con un grado di inabilità permanente non superiore al 20% può richiedere il riscatto in capitale della rendita; con un grado d inabilità permanente pur se superiore al 20% ma inferiore al 50% può richiedere l applicazione di particolari forme di riscatto della rendita per investimenti e miglioramenti della propria attività, Comunque quando in sede di revisione, il grado d inabilità risulti compreso tra l 11% ed il 15%, l INAIL liquida il valore capitale della rendita dopo 10 anni dalla sua costituzione in caso di infortunio e dopo 15 anni in caso di malattia professionale. rendita per i superstiti del lavoratore deceduto per infortunio sul lavoro o per malattia professionale Sono considerati superstiti e percepiscono una rendita nella misura del : 50% il coniuge fino alla morte o a nuovo matrimonio ; 20% ciascun figlio fino a 18 anni di età ( nessun requisito ) ; fino a 21 anni se frequenta la scuola media superiore e con vivenza a carico ed in assenza di lavoro retribuito; fino a 26 anno di età se frequenta un corso normale di laurea e con vivenza a carico ed in assenza di lavoro retribuito; totalmente inabile, pur se maggiorenne fino alla morte del 40% se orfani di entrambi i genitori;( stessi requisiti di cui sopra ) In mancanza di figli e del coniuge gli ascendenti naturali o adottivi con vivenza a carico fino alla morte ; i fratelli, come per i figli, se con vivenza a carico e conviventi.. La somma totale delle rendite che spettano ai superstiti non può comunque superare la retribuzione presa a base per il calcolo della rendita. In caso contrario le rendite vengono proporzionalmente adeguate. Nel sistema delle prestazioni economiche deve inserirsi il concetto del danno differenziale, cioè quell eventuale ulteriore danno che l infortunato ritenga di aver subito in misura superiore a quella fissata in forma percentuale nella tabella allegata al T.U. il cui risarcimento compete anch esso al datore di lavoro responsabile dell evento dannoso e nei cui confronti deve pertanto agire in via diretta il lavoratore danneggiato. l'assegno funerario per i superstiti del lavoratore deceduto per infortunio sul lavoro o per malattia professionale Hanno diritto all'assegno funerario i superstiti o chiunque dimostri di aver sostenute le spese funerarie in caso di morte del lavoratore per infortunio sul lavoro. Le prestazioni economiche non sono cedibili, né pignorabili o sequestrabili, tranne le ipotesi previste dall'art.110 del T.U. 1124/1965 e sono irrinunciabili ed 12

13 indisponibili. Ciò non toglie che possono essere oggetto di transazione, la cui validità, tuttavia è subordinata all omologazione del Tribunale B. Quelle sanitarie consistono: : in soccorsi presso ospedali e/o ambulatori del S.S.N. o privati ; nelle cure mediche e chirurgiche e ambulatoriale presso le sedi dell INAIL ; nella fornitura o rinnovo di protesi e presidi necessari all infortunato per agevolare la sua autonomia nella vita quotidiana e di relazione ; cure idrofangotermali e soggiorni climatici. C. Quelle assistenziali sono: lo speciale assegno continuativo mensile per i superstiti di un titolare di rendita con un grado di inabilità non inferiore al 65% deceduto per cause indipendenti da infortunio o dalla malattia professionale; l assegno per l assistenza personale continuata per inabili con grado d invalidità al 100% ( super invalidi); l erogazione integrativa per i grandi invalidi e per i super invalidi con necessità di assistenza personale continuata; l assegno di incollocabilità per i titolari di rendita con un grado di inabilità non inferiore al 34% e di età non superiore a 55 anni se dichiarati incollocabili; l erogazione integrativa della rendita per gli invalidi non dichiarati incollocabili che hanno necessità di effettuare cure per il recupero della capacità lavorativa e per tutto il periodo della cura; i brevetti e distintivi d onore agli invalidi con grado d inabilità superiore al 50%. rimborso spese di viaggio e di soggiorno per cure idrofangotermali e soggiorni climatici 13

14 9. Ricorsi avverso il mancato riconoscimento delle prestazioni. L'infortunato che: non riconosca fondati i motivi per i quali l'istituto assicuratore ritiene di non essere obbligato a liquidare l indennità; non concordi sulla data di cessazione dell inabilità temporanea; non accetti la liquidazione di un rendita provvisoria o quella comunque stabilita dall ente assicuratore, comunica entro 60 giorni all istituto assicuratore i motivi per i quali non ritiene giustificabile il provvedimento adottato dall Istituto, precisando, nel caso si tratti di inabilità permanente, anche la percentuale dell indennità che si ritiene essergli dovuta. Non ricevendo risposta, entro 60 giorni o in caso di diniego, può adire l'autorità Giudiziaria. Il ricorso alla Direzione dell Istituto assicuratore e/o quello all A.G. può essere accolto o respinto. Può essere anche rigettato perché inammissibile o irricevibile dr. Michele Gurrado 14

15 Schemi riepilogativi 15

16 L assicurazione contro gli Infortuni sul lavoro e le malattie professionali in agricoltura viene gestita E.N.P.A.I.A. I.N.A.I.L per gli impiegati per i dirigenti avventizi speciali meno di 51 giornate eccezionali, da 51 a 100 giornate occasionali da 101 a 150 giornate abituali da 151 a 200 giornate, permanenti oltre 200 giornate; OPERAI salariati fissi o a tempo indeterminato I coltivatori diretti, mezzadri e coloni sovrastanti ai lavori di aziende agricole e forestali I soci di società cooperative agricole e forestali 16

17 Rapporto Assicurativo OPE LEGIS (obbligatorietà) PREMIO pagato dal datore di lavoro Come s instaura Denuncia di esercizio Pagamento premio anticipato ENPAIA Registrazioni sui libri paga e matricola Denuncia salari Pagamento conguaglio premio INAIL Alla Scica entro 5 gg All Inps entro 5 g Registro impresa Al lavoratore all assunzione Agli atti Al lavoratore come prospetto paga Denuncia periodica all Inps Riduzione per chi investe in Pagamento premio sicurezza Bonus malus in relazione agli infortuni Denuncia nominativa degli assicurati all atto dell assunzione e del licenziamento all INAIL entro 24 ore dal loro avvenimento 17

18 - Obbligatorietà e automaticità delle prestazioni. L assicurazione - Indennizzo per la infortuni sul lavoro mancata retribuzione - - Risarcimento per la e per diminuita capacità lavorativa, le malattie - Prevalenza della professionali assistenza sanitaria - Indennizzo in rendita - Sostegno economico ai familiari in caso di morte. 18

19 Denuncia Infortuni Prognosticati Guaribili oltre Tre giorni All Inail o all Empaia ( entro 24 ore per i casi mortali e due giorni per gli altri casi ) Alla P.S. ( entro 24 ore per i casi mortali e due giorni per gli infortuni aventi una prognosi superiore a 30gg ) per i casi mortali infortuni aventi una prognosi superiore a 30gg INCHIESTA INFORTUNI 19

20 Generica Mediche Specialistica Sanitarie Ospedaliere Farmaceutiche Protesica Hanno lo scopo di recuperare le menomate capacità di lavoro Prestazioni - Indennità temporanea Economiche Rendita Danno Differenziale Assegno funerario e Rendita superstiti - Speciale assegno continuativo mensile - Assegno per l accompagnatore grandi invalidi Assistenziali - Integrazione Assegni di incollocabilità - Integrazione della rendita per - cure - Brevetti e distintivi d onore Automatiche viaggio e soggiorno Non Cedibili per cure termali Non Pignorabili o Sequestrabili, salvo art. 110 t.u. Irrinunciabili possono essere oggetto di transazione, Indisponibili omologata dal tribunale 20

21 RICORSO Non riconosce fondati i motivi AVVERSO del diniego della rendita o IL dell indennità MANCATO RICONO SCIMENTO Non riconosce la data di guarigione e di DELLA cessazione INDENNITÀ Sul grado di inabilità Alla Direzione dell istituto assicuratore All autorità Giudiziaria accoglimento diniego inammissibile rigetto irricevibile 21

22 INDICE 1. L asicurazuine contro gli infortuni sul lavoro e le malatie professionali.principi generali e azione di regresso. 2. Attività lavorative agricole protette nell asicurazuine contro gli infortuni sul lavoro e le malatie professionali 3. Enti assicuratori e soggetti assicurati 4. Oggetto del rapporto assicurativo 5. Contraenti del rapporto assicurativo e come si instaura 6. Doveri del datore e del lavoratore in caso di infortuni sul lavoro e le malatie professionali 7. Denunce in di infortuni sul lavoro e le malattie professionali.. 8. Prestazioni. 9. Ricorsi avverso il mancato riconoscimento delle prestazioni assicurative 10. Schemi riepilogativi. Pag. 2 Pag. 3 Pag. 4 Pag. 5 Pag. 7 Pag. 9 Pag. 10 Pag. 13 Pag. 14 Pag.15 22

Cos è l INAIL. (Istituto Nazionale Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro)

Cos è l INAIL. (Istituto Nazionale Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro) Cos è l INAIL (Istituto Nazionale Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro) E l Istituto che in Italia gestisce l assicurazione obbligatoria contro gli infortuni e le malattie professionali. In Italia

Dettagli

INAIL Direzione Regionale Lombardia. Le prestazioni INAIL

INAIL Direzione Regionale Lombardia. Le prestazioni INAIL INAIL Direzione Regionale Lombardia Le prestazioni INAIL 1 LE PRESTAZIONI ASSICURATIVE A FRONTE DEL PAGAMENTO DEL PREMIO ASSICURATIVO QUANDO SI VERIFICA UN EVENTO INDENNIZZABILE L INAIL EROGA DUE TIPI

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

di Redazione Indicitalia Risorse Umane >> Gestione organizzazione del personale

di Redazione Indicitalia Risorse Umane >> Gestione organizzazione del personale CALCOLO DELL INFORTUNIO di Redazione Indicitalia Risorse Umane >> Gestione organizzazione del personale RIFERIMENTI NORMATIVI DPR 30 giugno 1965, n.1124 (c.d. Testo Unico / T.U.) L infortunio è l evento

Dettagli

IGIENE E SICUREZZA SUL LAVORO IL D.Lgs. 81/2001. STUDIO CONSICUR dott. Luca Vincenzo Fanesi

IGIENE E SICUREZZA SUL LAVORO IL D.Lgs. 81/2001. STUDIO CONSICUR dott. Luca Vincenzo Fanesi L obbligo della denuncia infortunio e malattia professionale Il registro infortuni LA TUTELA ASSICURATIVA SUI LUOGHI DI LAVORO IGIENE E SICUREZZA SUL LAVORO IL D.Lgs. 81/2001 STUDIO CONSICUR dott. Luca

Dettagli

INFORTUNIO SUL LAVORO INAIL 2015:

INFORTUNIO SUL LAVORO INAIL 2015: INFORTUNIO SUL LAVORO INAIL 2015: PROCEDURE, RETRIBUZIONE E PAGAMENTO dalla Gilda degli insegnanti di Venezia, gennaio 2015 L infortunio sul lavoro INAIL 2015 è un incidente che avviene in occasione dell

Dettagli

INAIL ATTIVITA L INAIL

INAIL ATTIVITA L INAIL COSA E L INAIL? INAIL ATTIVITA L INAIL Istituto Nazionale Assicurazioni Infortuni sul Lavoro è un ente pubblico non economico, erogatore di servizi a carattere nazionale, con personalità giuridica e autonomia

Dettagli

I.N.A.I.L. L INFORTUNIO E LE MALATTIE PROFESSIONALI

I.N.A.I.L. L INFORTUNIO E LE MALATTIE PROFESSIONALI I.N.A.I.L. L INFORTUNIO E LE MALATTIE PROFESSIONALI Premessa: La Costituzione Italiana garantisce a tutti i cittadini il diritto alla salute sul luogo di lavoro. Lo Stato stabilisce l obbligo di assicurare

Dettagli

L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO E LE MALATTIE PROFESSIONALI NELLE SCUOLE PUBBLICHE. Sedi Inail di Torino Sud, Moncalieri e Pinerolo

L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO E LE MALATTIE PROFESSIONALI NELLE SCUOLE PUBBLICHE. Sedi Inail di Torino Sud, Moncalieri e Pinerolo L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO E LE MALATTIE PROFESSIONALI NELLE SCUOLE PUBBLICHE Sedi Inail di Torino Sud, Moncalieri e Pinerolo ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI

Dettagli

Giornata Formativa Rls Perugia Sala Conti Cgil 30 Settembre 2014

Giornata Formativa Rls Perugia Sala Conti Cgil 30 Settembre 2014 Giornata Formativa Rls Perugia Sala Conti Cgil 30 Settembre 2014 ECONOMICHE SANITARIE INTEGRATIVE Indennità per inabilità temporanea assoluta Rendita per inabilità permanente Assegno per assistenza personale

Dettagli

L assicurazione contro gli infortuni in Italia

L assicurazione contro gli infortuni in Italia INFORTUNI E MALATTIE PROFESSIONALI L assicurazione contro gli infortuni in Italia L obbligo dell assicurazione contro gli infortuni sul lavoro nasce con la legge 80/1898 come forma di tutela per i rischi

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO: REGIO DECRETO L. n. 30/1898 ISTITUISCE L ASSICURAZIONE OBBLIGATORIA CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO

NORMATIVA DI RIFERIMENTO: REGIO DECRETO L. n. 30/1898 ISTITUISCE L ASSICURAZIONE OBBLIGATORIA CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO NORMATIVA DI RIFERIMENTO: REGIO DECRETO L. n. 30/1898 ISTITUISCE L ASSICURAZIONE OBBLIGATORIA CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO (DA CUI SUCCESSIVAMENTE NASCE L INAIL) DPR 547/1955 NORME PER LA PREVENZIONE

Dettagli

La tutela assicurativa Inail. dr.ssa Paola Patrignani resp. Processo prevenzione Inail di Pesaro Urbino

La tutela assicurativa Inail. dr.ssa Paola Patrignani resp. Processo prevenzione Inail di Pesaro Urbino La tutela assicurativa Inail dr.ssa Paola Patrignani resp. Processo prevenzione Inail di Pesaro Urbino 1 I.N.A.I.L. ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO persegue una pluralità

Dettagli

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE AREA LAVORO E PREVIDENZA INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE (a cura di Ernesto Murolo) Indice QUANDO SI MANIFESTA UN INFORTUNIO SUL LAVORO...5 1. Se l infortunio ha prognosi fino a 3 giorni...5

Dettagli

GUIDA ALLA PRESTAZIONI INAIL ISTRUZIONI PER L'USO

GUIDA ALLA PRESTAZIONI INAIL ISTRUZIONI PER L'USO GUIDA ALLA PRESTAZIONI INAIL ISTRUZIONI PER L'USO Questa guida descrive le prestazioni INAIL dirette al lavoratore che subisce un infortunio o contrae una malattia a causa dell'attività lavorativa. Il

Dettagli

Infortuni sul lavoro: gli adempimenti a carico dell impresa

Infortuni sul lavoro: gli adempimenti a carico dell impresa Infortuni sul lavoro: gli adempimenti a carico dell impresa Nozione Si considera infortunio, ai fini della tutela assicurativa obbligatoria, ogni evento avvenuto per causa violenta in occasione di lavoro,

Dettagli

CONVEGNO Università di Pavia

CONVEGNO Università di Pavia DIREZIONE REGIONALE LOMBARDIA CONVEGNO Università di Pavia 29 gennaio 2008 1 L Assicurazione contro gli Infortuni sul lavoro e le malattie professionali 2 L assicurazione contro gli infortuni - trova il

Dettagli

Ennio Savino Dirigente Medico INAIL

Ennio Savino Dirigente Medico INAIL ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO Ennio Savino Dirigente Medico INAIL Il medico di Medicina Generale rappresenta spesso il primo riferimento per il paziente vittima

Dettagli

4. La tutela assicurativa INAIL

4. La tutela assicurativa INAIL 4. La tutela assicurativa INAIL L infortunio sul lavoro Che cos è l infortunio sul lavoro: l evento lesivo che produce danno al lavoratore la cui causa, sia violenta, cioè acuta, di forza efficiente e

Dettagli

M A V FONDO INTEGRAZIONE MALATTIA E ASSISTENZE VARIE. Le Prestazioni

M A V FONDO INTEGRAZIONE MALATTIA E ASSISTENZE VARIE. Le Prestazioni F M A V FONDO INTEGRAZIONE MALATTIA E ASSISTENZE VARIE Le Prestazioni R e g o l a m e n t o operante dal 01 gennaio 2014 INDICE: AVENTI DIRITTO Pag. 4 INTEGRAZIONE DELLE PRESTAZIONI E MISURA DELLE INDENNITA

Dettagli

Vademecum in caso di infortunio sul lavoro

Vademecum in caso di infortunio sul lavoro Vademecum in caso di infortunio sul lavoro Questo documento vuole essere un ausilio a tutti i lavoratori si trovassero nella necessità di denunciare un infortunio, una malattia professionale, un danno

Dettagli

Ufficio Programmazione Risorse Umane. Circolari e Documenti vari sui Cotratti prestazione d'opera (ex art.2222)

Ufficio Programmazione Risorse Umane. Circolari e Documenti vari sui Cotratti prestazione d'opera (ex art.2222) Ufficio Programmazione Risorse Umane Circolari e Documenti vari sui Cotratti prestazione d'opera (ex art.2222) Ufficio Personale Siena, 26 SET. 2000 Ai Presidi di Facoltà Ai Direttori di Dipartimento Ai

Dettagli

L AZIONE DI REGRESSO DELL INAIL COME STRUMENTO DI PREVENZIONE

L AZIONE DI REGRESSO DELL INAIL COME STRUMENTO DI PREVENZIONE L AZIONE DI REGRESSO DELL INAIL COME STRUMENTO DI PREVENZIONE ART. 10 L'assicurazione a norma del presente decreto esonera il datore di lavoro dalla responsabilità civile per gli infortuni sul lavoro.

Dettagli

Testo Unico Legge n. 1124 del 1965 Decreto Legislativo n. 38 del 2000

Testo Unico Legge n. 1124 del 1965 Decreto Legislativo n. 38 del 2000 Testo Unico Legge n. 1124 del 1965 Decreto Legislativo n. 38 del 2000 INCA PIEMONTE - 2010 1 L ASSICURAZIONE INAIL LA CAUSA VIOLENTA - L OCCASIONE DI LAVORO L INFORTUNIO IN ITINERE GLI OBBLIGHI DEL LAVORATORE

Dettagli

Giornata Formativa Rls Perugia Sala Conti Cgil 30 Settembre 2014

Giornata Formativa Rls Perugia Sala Conti Cgil 30 Settembre 2014 Giornata Formativa Rls Perugia Sala Conti Cgil 30 Settembre 2014 Assicurazione Infortuni e Malattie Professionali PREVENZIONE e TUTELA ASSICURAZIONE INFORTUNI ASSICURARE I LAVORATORI CONTRO IL RISCHIO

Dettagli

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO TITOLO I DISCIPLINA GENERALE DELLE PRESTAZIONI E DEI CONTRIBUTI CAPO I -

Dettagli

La pensione ai superstiti

La pensione ai superstiti Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Pensioni La pensione ai superstiti Aggiornato al Febbraio 2006 E' la pensione che, alla morte del lavoratore assicurato o pensionato, spetta ai componenti del

Dettagli

FUNZIONE SOCIALE E COMPITI ISTITUZIONALI DELL INAIL

FUNZIONE SOCIALE E COMPITI ISTITUZIONALI DELL INAIL FUNZIONE SOCIALE L INAIL gestisce l assicurazione obbligatoria contro gli infortuni e malattie professionali in maniera esclusiva. Con D.L. 31/5/2010 n.78 in via di conversione sono stati soppressi l Ipsema

Dettagli

L Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (in seguito denominato, per brevità, INAIL) nella persona del

L Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (in seguito denominato, per brevità, INAIL) nella persona del CONVENZIONE TRA L INAIL E L INPS PER L EROGAZIONE DELLA INDENNITA PER INABILITA TEMPORANEA ASSOLUTA DA INFORTUNIO SUL LAVORO, DA MALATTIA PROFESSIONALE E DA MALATTIA COMUNE NEI CASI DI DUBBIA COMPETENZA

Dettagli

ANF per il lavoro dipendente

ANF per il lavoro dipendente ANF per il lavoro dipendente ISTRUZIONI PER L USO BERGAMO ENZO MOLOGNI LAVORO DIPENDENTE D.P.R. 30 MAGGIO 1955, N 797 (Assegni familiari) LEGGE 13 MAGGIO 1988, N 153 (Assegni al nucleo familiare) RIFERIMENTI

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

Prot. n. 004/01/E.20/E.20.1

Prot. n. 004/01/E.20/E.20.1 Roma, 16 gennaio 2001 Alle Aziende Associate Prot. n. 004/01/E.20/E.20.1 Circolare n. 16465 L o r o S e d i OGGETTO: Ccnl 23 maggio 2000 per i dirigenti di aziende industriali. Art. 12. Facciamo seguito

Dettagli

Attività svolta ai sensi dell'art.24 D.Lgs. 626

Attività svolta ai sensi dell'art.24 D.Lgs. 626 1 ECONOMICHE SANITARIE INTEGRATIVE Indennità per inabilità temporanea assoluta Rendita per inabilità permanente Assegno per assistenza personale continuativa Rendita di passaggio Rendita ai superstiti

Dettagli

PROLUNGAMENTO DEL CONGEDO PARENTALE 2 ORE DI RIPOSO GIORNALIERO RETRIBUITO

PROLUNGAMENTO DEL CONGEDO PARENTALE 2 ORE DI RIPOSO GIORNALIERO RETRIBUITO PROLUNGAMENTO DEL CONGEDO PARENTALE 2 ORE DI RIPOSO GIORNALIERO RETRIBUITO (1 ORA SE LA DURATA DELL ORARIO GIORNALIERO DI LAVORO È INFERIORE A SEI ORE) I genitori, alternativamente, di un minore al quale

Dettagli

Prot. n. 16568 del 21/03/2014. Oggetto: Invio modulistica INAIL

Prot. n. 16568 del 21/03/2014. Oggetto: Invio modulistica INAIL Prot. n. 16568 del 21032014 Ai Medici 118 Oggetto: Invio modulistica INAIL Direttore Centrale Operativa 118 Via Roma 56 53100 SIENA tel. 0577 536853 fax 0577 536118 e-mail: si118@usl7.toscana.it Il medico

Dettagli

4. PERSONE DANNEGGIATE DA VACCINAZIONI DLOOBBLIGATORIE

4. PERSONE DANNEGGIATE DA VACCINAZIONI DLOOBBLIGATORIE 4. PERSONE DANNEGGIATE DA VACCINAZIONI DLOOBBLIGATORIE 1. I beneficiari 2. L indennizzo aggiuntivo 3. Ulteriore assegno una tantum 4. La domanda 5. Dichiarazione di assistenza prevalente e continuativa

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 164 del 31 Ottobre 2013 Ai gentili clienti Loro sedi Missione e trasferta: quando è infortunio in itinere? Gentile cliente, desideriamo informarla che l INAIL, con la

Dettagli

COME COMPORTARSI IN CASO DI INFORTUNI SUL LAVORO.

COME COMPORTARSI IN CASO DI INFORTUNI SUL LAVORO. COME COMPORTARSI IN CASO DI INFORTUNI SUL LAVORO. ECCO LE ISTRUZIONI: L INFORTUNIO SUL LAVORO Obbligo assicurativo I datori di lavoro sono obbligati ad assicurare contro gli infortuni sul lavoro e le malattie

Dettagli

Ministero dell 'Istruzione, dell'università

Ministero dell 'Istruzione, dell'università MIUR - Ministero dell'istruzione dell'università AOODGRUF - D.G. per le risorse umane e finanziarie REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0019323-15112/20 15 - USCITA [ I Direzione Generale per le risorse umane

Dettagli

Indicazioni operative per i RLS aziendali in caso di infortuni e malattie professionali

Indicazioni operative per i RLS aziendali in caso di infortuni e malattie professionali Indicazioni operative per i RLS aziendali in caso di infortuni e malattie professionali Il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza, in base al D.Lgs 81/08 riceve le informazioni e la documentazione

Dettagli

LA NORMATIVA SULL ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO E LE MALATTIE PROFESSIONALI

LA NORMATIVA SULL ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO E LE MALATTIE PROFESSIONALI Lezione n.2 LA NORMATIVA SULL ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO E LE MALATTIE PROFESSIONALI Assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali E' l'assicurazione sociale

Dettagli

LA PENSIONE AI SUPERSTITI

LA PENSIONE AI SUPERSTITI LA PENSIONE AI SUPERSTITI CHE COS'È È la pensione che, alla morte del lavoratore assicurato o pensionato, spetta ai componenti del suo nucleo familiare. Questa pensione può essere: di reversibilità: se

Dettagli

UFFICIO PAGHE s.r.l.

UFFICIO PAGHE s.r.l. Con la collaborazione del Centro Studi SEAC siamo lieti di inviarle il n. 02 di SPAZIO AZIENDE FEBBRAIO 2015 TFR non soggetto a compensazioni con i danni dovuti al datore Corte di Cassazione, sentenza

Dettagli

I MANUALI DEL PROFESSIONISTA. diretti da Roberto GAROFOLI

I MANUALI DEL PROFESSIONISTA. diretti da Roberto GAROFOLI I MANUALI DEL PROFESSIONISTA diretti da Roberto GAROFOLI DANIELE IARUSSI Manuale di infortuni sul lavoro e malattie professionali Indice Premessa VII - I - GLI INFORTUNI SUL LAVORO E LE MALATTIE PROFESSIONALI

Dettagli

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81)

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Mod. 4 bis - Prest. DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Alla Sede INAIL INAIL TIMBRO DI ARRIVO Data di spedizione

Dettagli

Quali sono le misure a sostegno del reddito dei lavoratori:

Quali sono le misure a sostegno del reddito dei lavoratori: Gli ammortizzatori sociali in pillole Quali sono le misure a sostegno del reddito dei lavoratori: Assegno per il nucleo familiare A cura di Monica Lattanzi (Coordinatrice Uffici Vertenze USR Emilia Romagna)

Dettagli

per il lavoratore infortunato

per il lavoratore infortunato V a d e m e c u m per il lavoratore infortunato 1 Il presente vademecum, di semplice e immediata consultazione, è il risultato della collaborazione tra l INAIL e gli Enti di Patronato sancita dal protocollo

Dettagli

Gli Infortuni sul lavoro

Gli Infortuni sul lavoro . Gli Infortuni sul lavoro Diminuiscono gli infortuni ma non per tutti! Gli infortuni, tra gli anni 80 e gli anni 90, si attestano attorno ad 1 milione di eventi l anno; gli infortuni mortali oscillano

Dettagli

CIRCOLARE N. 20 OGGETTO: - PROCEDURA PER LA DENUNCIA DEGLI INFORTUNI IN AMBITO SCOLASTICO ED EXTRASCOLASTICO. -

CIRCOLARE N. 20 OGGETTO: - PROCEDURA PER LA DENUNCIA DEGLI INFORTUNI IN AMBITO SCOLASTICO ED EXTRASCOLASTICO. - REPUBBLICA ITALIANA - REGIONE SICILIANA MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA 3 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "SALVATORE TODARO" Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria

Dettagli

INFORTUNIO SUL LAVORO E

INFORTUNIO SUL LAVORO E I CONCETTI DI INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE Centro per la Cultura della Prevenzione nei luoghi di lavoro e vita Convegno di studio e approfondimento: «Quando lo studente è un lavoratore.

Dettagli

ASPETTI ECONOMICI DELLA INVALIDITA. L invalidità può essere, genericamente, definita come la riduzione permanente delle capacità o delle

ASPETTI ECONOMICI DELLA INVALIDITA. L invalidità può essere, genericamente, definita come la riduzione permanente delle capacità o delle AVV ANNA PAOLA MONNO VIA MAZZINI 5 21052 BUSTO ARSIZIO TEL /FAX 0331 678428 ASPETTI ECONOMICI DELLA INVALIDITA L invalidità può essere, genericamente, definita come la riduzione permanente delle capacità

Dettagli

MODULO LAVORO (obbligatorio) ISTITUTI CONTRATTUALI Rimborsi alle aziende delle integrazioni di loro competenza degli istituti contrattuali di

MODULO LAVORO (obbligatorio) ISTITUTI CONTRATTUALI Rimborsi alle aziende delle integrazioni di loro competenza degli istituti contrattuali di REGOLAMENT art. 1 ISCRIZIONE AL FONDO art. 2 PRESTAZIONI art. 3 FUNZIONAMENTO DEL FONDO art. 4 EROGAZIONE PRESTAZIONI art. 5 DIRITTO ALLE PRESTAZIONI art. 6 DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI art. 7 QUOTE DI

Dettagli

L INDENNITÀ ORDINARIA DI DISOCCUPAZIONE CON I REQUISITI NORMALI

L INDENNITÀ ORDINARIA DI DISOCCUPAZIONE CON I REQUISITI NORMALI L INDENNITÀ ORDINARIA DI DISOCCUPAZIONE CON I REQUISITI NORMALI Che cos è È una prestazione a sostegno del reddito concessa a quei lavoratori che vengono a trovarsi senza lavoro, quindi senza retribuzione,

Dettagli

F.I.M.I.A.V. REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI

F.I.M.I.A.V. REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI F.I.M.I.A.V. REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI ART. 1 - LE PRESTAZIONI In base a quanto previsto dall art. 30 e dagli allegati 3 e 4 del CPL operai agricoli e florovivaisti della provincia

Dettagli

INDICE SISTEMATICO LIBRO PRIMO IL DANNO LA LIQUIDAZIONE PARTE PRIMA IL RISARCIMENTO DEL DANNO IN GENERALE

INDICE SISTEMATICO LIBRO PRIMO IL DANNO LA LIQUIDAZIONE PARTE PRIMA IL RISARCIMENTO DEL DANNO IN GENERALE INDICE SISTEMATICO Introduzione........................................... pag. v LIBRO PRIMO IL DANNO LA LIQUIDAZIONE PARTE PRIMA IL RISARCIMENTO DEL DANNO IN GENERALE 1. Rapporto di causalità tra condotta

Dettagli

DIRITTI SOCIALI IN CARCERE

DIRITTI SOCIALI IN CARCERE DIRITTI SOCIALI IN CARCERE Guida pratica per l accesso alle misure a sostegno del reddito A cura dei volontari dell associazione l altro diritto Realizzata nell ambito del progetto diritti in azione, rete

Dettagli

by s: Martorelli & P. Zani Chi paga l assegno al nucleo familiare e quando occorre l autorizzazione Numero 95 Giugno 2014

by s: Martorelli & P. Zani Chi paga l assegno al nucleo familiare e quando occorre l autorizzazione Numero 95 Giugno 2014 Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Numero 95 Giugno 2014 Chi paga l assegno al nucleo familiare e quando occorre l autorizzazione La circostanza che Previdenza flash abbia pubblicato, nelle

Dettagli

C.C.N.L. LAVORO DOMESTICO

C.C.N.L. LAVORO DOMESTICO Finanze & Lavoro Gruppo Editoriale Esselibri-Simone Appendice di aggiornamento al volume FL 18 C.C.N.L. LAVORO DOMESTICO Edizione Aprile 2003 Questa appendice è scaricabile gratuitamente dal sito internet:

Dettagli

LA PENSIONE AI SUPERSTITI (REVERSIBILITA )

LA PENSIONE AI SUPERSTITI (REVERSIBILITA ) LA PENSIONE AI SUPERSTITI (REVERSIBILITA ) DUE TIPI DI PENSIONE La pensione ai superstiti può essere: 1) DI REVERSIBILITA' : se il defunto è già titolare di pensione diretta (vecchiaia, inabilità, anzianità).

Dettagli

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO Mod. 4 bis - Prest. DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Alla Sede INAIL INAIL TIMBRO DI ARRIVO Data di spedizione

Dettagli

TuttoInps. Le prestazioni a sostegno del reddito. L'assegno per il nucleo familiare. Sommario

TuttoInps. Le prestazioni a sostegno del reddito. L'assegno per il nucleo familiare. Sommario TuttoInps Le prestazioni a sostegno del reddito L'assegno per il nucleo familiare Sommario A CHI SPETTA... 2 L'ASSEGNO AL CONIUGE... 2 I REQUISITI... 3 PER QUALI PERSONE SPETTA... 3 LA DOMANDA... 4 CHI

Dettagli

Ente Nazionale di Previdenza per gli Addetti e per gli Impiegati in Agricoltura

Ente Nazionale di Previdenza per gli Addetti e per gli Impiegati in Agricoltura Ente Nazionale di Previdenza per gli Addetti e per gli Impiegati in Agricoltura ATTO DI CONVENZIONE TRA INAIL ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO E LA FONDAZIONE ENPAIA

Dettagli

PROVINCIA DI BENEVENTO Settore Avvocatura-Organizzazione del Personale e Politiche del Lavoro

PROVINCIA DI BENEVENTO Settore Avvocatura-Organizzazione del Personale e Politiche del Lavoro ASPI (Assicurazione Sociale per l Impiego) COSA E E una prestazione economica istituita per gli eventi di disoccupazione che si verificano a partire dal 1 gennaio 2013 e che sostituisce l indennità di

Dettagli

percorso uscite di emergenza

percorso uscite di emergenza 11 è obbligatorio l uso dei guanti protettivi è obbligatorio il casco protettivo sono obbligatorie le scarpe di sicurezza è obbligatoria la cintura di sicurezza è obbligatoria la protezione del corpo è

Dettagli

COPERTURA ASSICURATIVA DEI DANNI DA INFORTUNIO E DA MALATTIE PROFESSIONALI DEL PERSONALE DIPENDENTE. Titolo I

COPERTURA ASSICURATIVA DEI DANNI DA INFORTUNIO E DA MALATTIE PROFESSIONALI DEL PERSONALE DIPENDENTE. Titolo I COPERTURA ASSICURATIVA DEI DANNI DA INFORTUNIO E DA MALATTIE PROFESSIONALI DEL PERSONALE DIPENDENTE Titolo I Copertura assicurativa per lesioni ed infermita dipendenti da causa di servizio non tutelate

Dettagli

CAP COMUNE PROV. M/F DATA DI NASCITA COMUNE O STATO ESTERO DI NASCITA PROV. CODICE FISCALE. DAL DITTA Matricola Aziendale

CAP COMUNE PROV. M/F DATA DI NASCITA COMUNE O STATO ESTERO DI NASCITA PROV. CODICE FISCALE. DAL DITTA Matricola Aziendale DOMANDA DI CONGEDO PARENTALE LAVORATRICI / LAVORATORI DIPENDENTI (D. Lgs. 151/2001 T.U. Maternità/Paternità) (da presentare all INPS e al datore di lavoro prima dell inizio del congedo) ALL ISTITUTO NAZIONALE

Dettagli

INAIL ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO E LE MALATTIE PROFESSIONALI

INAIL ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO E LE MALATTIE PROFESSIONALI INPS 1) ASSICURAZIONE PER L INVALIDITA, LA VECCHIAIA E I SUPERSTITI 2) ASSICURAZIONE CONTRO LA TIBERCOLOSI 3) ASSICURAZIONE CONTRO LA DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA 4) PROVVEDIMENTI PER LA TUTELA FISICA ED

Dettagli

Norme di applicazione del protocollo aggiuntivo all'accordo di immigrazione tra il Brasile e l'italia, firmato a Brasilia il 30 gennaio 1974

Norme di applicazione del protocollo aggiuntivo all'accordo di immigrazione tra il Brasile e l'italia, firmato a Brasilia il 30 gennaio 1974 Norme di applicazione del protocollo aggiuntivo all'accordo di immigrazione tra il Brasile e l'italia, firmato a Brasilia il 30 gennaio 1974 Articolo 1 All'applicazione delle presenti Norme provvedono:

Dettagli

Infortunio: le condizioni per la rendita ai superstiti - Sent. Cass. n. 18914/2014

Infortunio: le condizioni per la rendita ai superstiti - Sent. Cass. n. 18914/2014 Infortunio: le condizioni per la rendita ai superstiti - Sent. Cass. n. 18914/2014 Organo: CASSAZIONE CIVILE - SEZIONE VI LAVORO Numero atto: SENTENZA N. 18914 DEL 9 SETTEMBRE 2014 Sintesi : Il diritto

Dettagli

Il sistema di tutela sociale

Il sistema di tutela sociale Il sistema di tutela sociale IL SISTEMA DI TUTELA SOCIALE Il sistema di TUTELA SOCIALE si riferisce a quel complesso di servizi con cui lo Stato fornisce a tutti i cittadini prestazioni di ordine assistenziale

Dettagli

Regolamento delle Prestazioni ed Assistenze PRESTAZIONI ED ASSISTENZE DELLA CASSA EDILE. Art. 28 del REGOLAMENTO GENERALE

Regolamento delle Prestazioni ed Assistenze PRESTAZIONI ED ASSISTENZE DELLA CASSA EDILE. Art. 28 del REGOLAMENTO GENERALE Regolamento delle Prestazioni ed Assistenze PRESTAZIONI ED ASSISTENZE DELLA CASSA EDILE Art. 28 del REGOLAMENTO GENERALE Punto 1 : COPERTURE ASSICURATIVE ASSITECA per Cassa Edile V.C.O. La Cassa Edile

Dettagli

Provincia di Cagliari Provincia de Casteddu. SETTORE LAVORO Servizio Mobilità e vertenze collettive L Istituto della mobilità

Provincia di Cagliari Provincia de Casteddu. SETTORE LAVORO Servizio Mobilità e vertenze collettive L Istituto della mobilità Provincia di Cagliari Provincia de Casteddu SETTORE LAVORO Servizio Mobilità e vertenze collettive L Istituto della mobilità 1 Per informazioni SETTORE LAVORO Servizio Mobilità Via Giudice Guglielmo 09131

Dettagli

TUTELE PER I LAVORATORI DOMESTICI

TUTELE PER I LAVORATORI DOMESTICI TUTELE PER I LAVORATORI DOMESTICI Sono quei lavoratori che prestano la loro attività esclusivamente per le necessità familiari del datore di lavoro e del suo nucleo familiare. Rientrano in questa categoria:

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca 3 Circolo Didattico Giovanni XXIII 87064 Corigliano Calabro (CS)

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca 3 Circolo Didattico Giovanni XXIII 87064 Corigliano Calabro (CS) Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca 3 Circolo Didattico Giovanni XXIII 87064 Corigliano Calabro (CS) Prot.n.4389 del12.10.2010 Al personale docente e ATA OGGETTO: informativa sulla

Dettagli

Le prestazioni per gli iscritti alla gestione separata dei lavoratori parasubordinati

Le prestazioni per gli iscritti alla gestione separata dei lavoratori parasubordinati Le prestazioni per gli iscritti alla gestione separata dei lavoratori parasubordinati Pensione di vecchiaia Con almeno 57 anni, sia uomini che donne possono conseguire la pensione di vecchiaia. Si prescinde

Dettagli

Prestazioni L'assegno per il nucleo familiare Sommario A CHI SPETTA...2 L'ASSEGNO AL CONIUGE...2 I REQUISITI...3 PER QUALI PERSONE SPETTA...

Prestazioni L'assegno per il nucleo familiare Sommario A CHI SPETTA...2 L'ASSEGNO AL CONIUGE...2 I REQUISITI...3 PER QUALI PERSONE SPETTA... Prestazioni L'assegno per il nucleo familiare Sommario A CHI SPETTA...2 L'ASSEGNO AL CONIUGE...2 I REQUISITI...3 PER QUALI PERSONE SPETTA...3 LA DOMANDA...4 CHI PAGA L'ASSEGNO...4 IL RICORSO...5 ASSEGNO

Dettagli

La prevenzione degli infortuni. La prevenzione degli infortuni -- Programma LEONARDO

La prevenzione degli infortuni. La prevenzione degli infortuni -- Programma LEONARDO La prevenzione degli infortuni Infortuni in Italia (*) 1987 1994 Numero Totale 795.562 925.886 Mortali 1.447 1.128 Ogni anno 1 infortunio ogni 15 lavoratori 1 infortunio mortale ogni 8.100 lavoratori (*)

Dettagli

Circolare n. 16 Falconara M.ma 12/10/2015. Al Personale Docente e ATA All Albo d Istituto

Circolare n. 16 Falconara M.ma 12/10/2015. Al Personale Docente e ATA All Albo d Istituto Circolare n. 16 Falconara M.ma 12/10/2015 Al Personale Docente e ATA All Albo d Istituto OGGETTO: D. Lgs. 81/2008. Sicurezza a scuola. INFORTUNI: gestione e disciplina. 1) Infortunio/malore ad alunno:

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA DIREZIONE CENTRALE PER LE RISORSE UMANE

DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA DIREZIONE CENTRALE PER LE RISORSE UMANE DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA DIREZIONE CENTRALE PER LE RISORSE UMANE ALLEGATO A Art. 1 I competenti Uffici periferici del Dipartimento della Pubblica Sicurezza operano le ritenute sulle competenze

Dettagli

Malattie e Infortuni

Malattie e Infortuni Malattie e Infortuni Il titolo XXII (artt. 100-110) del Ccnl studi professionali è dedicato ai casi di sospensione del lavoro per malattia e infortunio. Come è noto, il contratto di lavoro è un negozio

Dettagli

Indennità di disoccupazione agricola

Indennità di disoccupazione agricola G.A.I.A. Project Consulting snc http://gaiaprojectconsulting.it Indennità di disoccupazione agricola Il 31 marzo 2016 è l ultimo giorno utile per i lavoratori del comparto agricolo per presentare la domanda

Dettagli

PROGRAMMA. CORSO IN PAGHE E CONTRIBUTI La Teoria. CAPITOLO I: Il nuovo collocamento e la costruzione del rapporto di lavoro

PROGRAMMA. CORSO IN PAGHE E CONTRIBUTI La Teoria. CAPITOLO I: Il nuovo collocamento e la costruzione del rapporto di lavoro PROGRAMMA CORSO IN PAGHE E CONTRIBUTI La Teoria CAPITOLO I: Il nuovo collocamento e la costruzione del rapporto di lavoro 1. Collocamento ordinario 2. Collocamento obbligatorio 3. Adempimenti collegati

Dettagli

INTERESSI LEGALI (art. 1284 codice civile e successive modificazioni) dal al Interesse legale disposizione normativa

INTERESSI LEGALI (art. 1284 codice civile e successive modificazioni) dal al Interesse legale disposizione normativa IN BREVE n. 48/2007 a cura di Marco Perelli Ercolini INTERESSI LEGALI A partire dal prossimo gennaio varia il saggio degli interessi legali di cui all'art. 1284 del codice civile in base Decreto del 12.12.2007

Dettagli

FAQ ASSEGNO NUCLEO FAMILIARE [MEF]

FAQ ASSEGNO NUCLEO FAMILIARE [MEF] FAQ ASSEGNO NUCLEO FAMILIARE [MEF] Da chi è composto il nucleo familiare? Il nucleo familiare è composto ai sensi dell art.2, comma 2, del D.L. 13.3.1988, n.69, convertito nella L. 13.5.1988, n.153 (norma

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE INCOMPATIBILITÀ E DELLO SVOLGIMENTO DI ATTIVITÀ EXTRA-ISTITUZIONALI SENATO ACCADEMICO 25 gennaio 2016 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE 29 gennaio 2016 DECRETO RETTORALE

Dettagli

CIRCOLARE N.106/14-15

CIRCOLARE N.106/14-15 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO TIVOLI 1-TIVOLI CENTRO VIA DEL COLLEGIO 2-00019 TIVOLI (RM) TEL 0774-312194-314549

Dettagli

FIBA/CISL ANNO 2014 CONVENZIONE DELL ASSICURAZIONE DELLA RESPONSABILITA' CIVILE DEI DIPENDENTI DI ISTITUTI DI CREDITO, ENTI E AZIENDE ASSIMILABILI

FIBA/CISL ANNO 2014 CONVENZIONE DELL ASSICURAZIONE DELLA RESPONSABILITA' CIVILE DEI DIPENDENTI DI ISTITUTI DI CREDITO, ENTI E AZIENDE ASSIMILABILI FIBA/CISL ANNO 2014 CONVENZIONE DELL ASSICURAZIONE DELLA RESPONSABILITA' CIVILE DEI DIPENDENTI DI ISTITUTI DI CREDITO, ENTI E AZIENDE ASSIMILABILI DEFINIZIONI: Nel testo che segue, si intendono per: -

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ N. 333-A/9806.G.3.2 Roma, 31.7.2001 CIRCOLARE

DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ N. 333-A/9806.G.3.2 Roma, 31.7.2001 CIRCOLARE DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ N. 333-A/9806.G.3.2 Roma, 31.7.2001 CIRCOLARE OGGETTO: Legge 5 febbraio 1992, n. 104 (legge quadro per l assistenza, l integrazione

Dettagli

Comune di Carpaneto Piacentino Provincia di Piacenza Settore Socio culturale

Comune di Carpaneto Piacentino Provincia di Piacenza Settore Socio culturale Comune di Carpaneto Piacentino Provincia di Piacenza Settore Socio culturale REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI A SOGGETTI PRIVATI (approvato con delibera C.C. n 49 del 24/06/2000)

Dettagli

I TERMINI MEDICO LEGALI DI INIDONEITÀ, INVALIDITÀ E INABILITÀ

I TERMINI MEDICO LEGALI DI INIDONEITÀ, INVALIDITÀ E INABILITÀ I TERMINI MEDICO LEGALI DI INIDONEITÀ, INVALIDITÀ E INABILITÀ CONVEGNO HOTEL SAN FRANCESCO 22-23 FEBBRAIO 2014 I TERMINI MEDICO LEGALI DI INIDONEITÀ, INVALIDITÀ E INABILITÀ TERMINOLOGIA Idoneità: è il

Dettagli

Riepilogo Copertura Infortuni. Bocconi Sport Team Società Sportiva Dilettantistica

Riepilogo Copertura Infortuni. Bocconi Sport Team Società Sportiva Dilettantistica Riepilogo Copertura Infortuni Bocconi Sport Team Società Sportiva Dilettantistica Indice INFORTUNI... 2 Oggetto della copertura... 3 Capitali assicurati... 3 Principali garanzie... 4 Principali esclusioni...

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Istituto di Istruzione Superiore Classico e Artistico Terni

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Istituto di Istruzione Superiore Classico e Artistico Terni Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Istituto di Istruzione Superiore Classico e Artistico Terni CIRCOLARE N 088 [CIRC_088 - tutti - Infortuni Gestione e disciplina] Terni, li 23 settembre

Dettagli

Novità del Collegato Lavoro. Dott. Massimo Brisciani

Novità del Collegato Lavoro. Dott. Massimo Brisciani Novità del Collegato Lavoro Dott. Massimo Brisciani Disposizioni varie in materia di previdenza ISCRIZIONE E CANCELLAZIONE DALL ALBO DELLE IMPRESE ARTIGIANE art. 43 A decorrere dal 1 gennaio 2010, ai fini

Dettagli

Data news: 18/12/2012 Titolo: Indennità di disoccupazione mini ASpI 2012

Data news: 18/12/2012 Titolo: Indennità di disoccupazione mini ASpI 2012 Data news: 18/12/2012 Titolo: Indennità di disoccupazione mini ASpI 2012 Dal 1 gennaio 2013, l indennità di disoccupazione ordinaria con requisiti ridotti non sarà più erogata. Per coloro che nel 2012

Dettagli

CERTIFICAZIONI DEL PRONTO SOCCORSO

CERTIFICAZIONI DEL PRONTO SOCCORSO LA CERTIFICAZIONE: costruire consapevolezza di ruolo insieme al giovane professionista che lavora sul territorio e in ospedale CERTIFICAZIONI DEL MEDICO OSPEDALIERO E DI PRONTO SOCCORSO Dott. Matteo d

Dettagli

1. I tirocini sono prioritariamente destinati a persone residenti o stabilmente domiciliate in provincia di Bolzano.

1. I tirocini sono prioritariamente destinati a persone residenti o stabilmente domiciliate in provincia di Bolzano. Delibera 24 giugno 2013, n. 949 Criteri per la promozione di tirocini di formazione ed orientamento da parte della Ripartizione Lavoro e delle Aree alla Formazione professionale. Allegato A CRITERI PER

Dettagli

Legge 9 dicembre 1977, n. 903 (G.U. 17.12.1977 n. 343) Parità di trattamento tra uomini e donne in materia di lavoro

Legge 9 dicembre 1977, n. 903 (G.U. 17.12.1977 n. 343) Parità di trattamento tra uomini e donne in materia di lavoro Legge 9 dicembre 1977, n. 903 (G.U. 17.12.1977 n. 343) Parità di trattamento tra uomini e donne in materia di lavoro Art. 1 1. E vietata qualsiasi discriminazione fondata sul sesso per quanto riguarda

Dettagli

INFORTUNIO E MALATTIA PROFESSIONALE: LA TUTELA ASSICURATIVA DELL INAIL. dott. Alberto Citro - Medico del Lavoro

INFORTUNIO E MALATTIA PROFESSIONALE: LA TUTELA ASSICURATIVA DELL INAIL. dott. Alberto Citro - Medico del Lavoro INFORTUNIO E MALATTIA PROFESSIONALE: LA TUTELA ASSICURATIVA DELL INAIL dott. Alberto Citro - Medico del Lavoro L INAIL Ente pubblico non economico a carattere nazionale Con personalità giuridica e gestione

Dettagli

SPECCHI RIASSUNTIVI DEI BENEFICI SPETTANTI ALLE VITTIME

SPECCHI RIASSUNTIVI DEI BENEFICI SPETTANTI ALLE VITTIME SPECCHI RIASSUNTIVI DEI BENEFICI SPETTANTI ALLE VITTIME o del terrorismo o del dovere ed equiparati o del servizio IN AGGIUNTA ALLA PENSIONE PRIVILEGIATA ED ALL EQUO INDENNIZZO DESTINATARI ISTITUTI (*)

Dettagli

MORTE Euro 50.000,00

MORTE Euro 50.000,00 LOTTO 4 INFORTUNI MINORI ASILI NIDO DESCRIZIONE DEL RISCHIO MORTE Euro 50.000,00 INVALIDITA PERMANENTE Franchigia fissa del 5% Fino ai 40% liq. sul capitale di euro 100.000,00 dal 41% al 50% liq. sul capitale

Dettagli