ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO E LE MALATTIE PROFESSIONALI nel SETTORE AGRICOLO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO E LE MALATTIE PROFESSIONALI nel SETTORE AGRICOLO"

Transcript

1 Brevi cenni e schemi riepilogativi sull ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO E LE MALATTIE PROFESSIONALI nel SETTORE AGRICOLO a cura di MICHELE GURRADO, professore di ragioneria e tecnica commerciale e bancaria, DIRIGENTE PREPOSTO ALLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI LECCE, già dirigente degli Ispettorati del lavoro di Lecce e Brindisi, autore di numerose pubblicazioni in materia di legislazione sociale, Giudice tributario e Revisore ufficiale dei conti. 1

2 1. L'assicurazione contro infortuni sul lavoro e le malattie professionali.principi generali e azione di regresso L assicurazione infortuni sul lavoro e per le malattie professionali è stata la prima, tra le assicurazioni sociali, ad avere il crisma dell'obbligatorietà e quindi ad affermare: il carattere dell'automaticità delle prestazioni, cioè il diritto del lavoratore ad essere indennizzato per la mancata retribuzione e risarcito per la diminuita capacità lavorativa,causata da un infortunio sul lavoro o da una malattia professionale avvenuto o contratta, in occasione di lavoro, indipendentemente dai doveri del datore di lavoro nei riguardi dell istituto assicuratore, cioè se ha assicurato il lavoratore o se ha pagato il premio assicurativo; il principio della prevalenza dell assistenza sanitaria tendente al massimo recupero della capacità lavorativa, sul riconoscimento economico; la sostituzione dell indennizzo in rendita al risarcimento in capitale (comunque questa è prevista solo in alcuni casi);. il sostegno economico ai familiari in caso di morte. Per quanto riguarda il settore agricolo, la normativa vigente è contenuta nel T.U n agli artt. da 205 a 290, con espresso rinvio alla disciplina generale per quanto non specificatamente previsto ( art. 212 e 249) e successive modifiche, nonché nel D.L , n. 38. L assicurazione infortuni esonera il datore di lavoro dalla responsabilità civile per gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali, occorsi ai suoi dipendenti, in occasione di lavoro nella sua azienda o in itinere. Comunque, qualora il datore di lavoro abbia riportato condanna penale per il fatto che ha cagionato l'infortunio sul lavoro o la malattia professionale, sussiste per lui la responsabilità civile, nonostante l'assicurazione. L ente assicuratore provvede a pagare l indennità, salvo il diritto al regresso nei confronti dell imprenditore nel caso di responsabilità di quest ultimo. Tanto anche quando l'infortunio sul lavoro o la malattia professionale siano avvenuti per fatti imputabili al personale dipendente dall impresa e dei quali il datore di lavoro debba rispondere secondo il codice civile. 2

3 2. Attività lavorative agricole protette o comprese nell assicurazione contro infortuni sul lavoro e le malattie professionali Sono assicurati tutti i lavoratori subordinati ed autonomi impiegati nelle lavorazioni agricole e forestali, principali e secondarie quali: quelle inerenti alla coltivazione dei fondi, degli orti, dei giardini, all'allevamento del bestiame( anche delle specie suinicole, avicole, cunicole, ittiche, dei selvatici a scopo alimentare e quelle attinenti all apicoltura, alla bachicoltura e simili), alla raccolta dei prodotti agricoli, alla coltivazione dei boschi, al taglio e riduzione delle piante e loro trasporto ( lavorazioni agricole e forestali principali); quelle connesse ai sensi dell art C.C, alle lavorazioni principali agricole e forestali come: la cura delle piante, l'irrigazione, la preparazione e conservazione dei prodotti agricoli ( lavorazioni agricole secondarie ). 3

4 3. Enti assicuratori e soggetti assicurati Provvedono all assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali nel settore agricolo : v l E.N.P.A.I.A. per gli impiegati tecnici ed amministrativi e i dirigenti delle aziende agricole; v l I.N.A.I.L., con una gestione separata dalle altre e con norme particolari per quanto riguarda: gli operai agricoli, che a loro volta si classificano in : lavoratori fissi o a tempo indeterminato; avventizi che assumono la denominazione di : eccezionali, se lavorano oltre 51 e fino a 100 giornate; occasionali se lavorano oltre 101 e fino a 150 giornate ; abituali se lavorano oltre 151 e fino a 200 giornate; permanenti se lavorano oltre 200 giornate; speciali se lavorano meno di 51 giornate. I coltivatori diretti, mezzadri, coloni e soccidari, piccoli coloni o compartecipanti familiari, compresi il coniuge e i figli che abitualmente, ossia in maniera esclusiva o prevalente, si dedicano alla manuale coltivazione dei fondi o all'allevamento ed al governo del bestiame, nonché tutti gli altri parenti, diversi dal coniuge e dai figli, anche se non conviventi con i proprietari, i mezzadri, che lavorano con quest ultimi. I sovrastanti ai lavori di aziende agricole e forestali che prestino opera retribuita; I soci di società cooperative conduttrici di aziende agricole e forestali; 4

5 4. Oggetto del rapporto assicurativo L oggetto del rapporto assicurativo è l'infortunio sul lavoro e la malattia professionale. Gli elementi che caratterizzano l'infortunio sul lavoro e la malattia professionale. sono tre : a) evento dannoso da cui sia derivata la morte o l inabilità permanente al lavoro ( invalidità superiore al 11% fino al 25 luglio 2000, indi al 6%) ovvero una inabilità temporanea che comporti l astensione dal lavoro per più di 3 giorni; b) causa (vio1enta nell'infortunio, lenta nella malattia professionale); c) occasione di lavoro. In particolare: a) "L'evento dannoso" va ricercato nel fatto involontario, abnorme ed imprevisto (anche se astrattamente prevedibile) che ha portato nell'organismo del lavoratore un'alterazione (esterna o interna) anatomica o funzionale, superficiale o profonda (apparente o non apparente) che incida sulla sua capacità di lavoro, avendo comportato: la morte; l inabilità permanente; l inabilità temporanea L'inabilità lavorativa è quella che produce una sospensione temporanea, ma totale, oppure una riduzione assoluta o parziale, ma permanente della capacità lavorativa.. L'inabilità o la riduzione della capacità lavorativa va desunta esclusivamente dalle condizioni fisiche del lavoratore e va tenuta distinta dalla riduzione delle capacità di guadagno che involge un concetto più ampio. Questa, oltre a rifarsi all attitudine del lavoro, esamina anche gli altri elementi obiettivi inerenti all'ambiente economico nel quale il lavoratore fisicamente minorato vive ed opera. La valutazione dell inabilità è fatta secondo particolari criteri tenendo conto dell apposita tabella di valutazione. Non sono considerati ai fini della legge infortuni sul lavoro, gli eventi dannosi che portano solo pregiudizi meramente estetici, senza incidere sulla capacità di lavoro (quali lo sfregio o l alterazione dei testicoli ), salvo che non costituiscano danno biologico cioè quel danno morale, di immagine, di relazione, ecc. b) la "causa" violenta o lenta è il fattore che ha alterato in modo improvviso ed immediato le condizioni ordinarie del lavoratore (causa violenta nell infortunio sul lavoro ) o ha determinato, in via graduale e progressiva un perturbamento nel suo organismo ( causa lenta nella malattia professionale ).. 5

6 Essa deve avere i caratteri della idoneità a produrre l'evento dannoso e può essere determinata da cause : meccaniche (congegni ed attrezzature ecc.); ambientali (colpi di sole, polmonite, ecc.,); tossiche (rapido e progressivo avvelenamento), virali (tetano ecc.); psichiche (nevrosi); energetiche e da sforzo (ernie); elettriche (folgorazioni, ecc.) La giurisprudenza si è pure espressa con giudizi contrastanti in merito alle concause e, seguendo l'orientamento dottrinale in materia, ha distinto le concause in: immediate; successive. c) L "occasione di lavoro" è il nesso di collegamento tra infortunio e prestazione lavorativa e costituisce il rischio connesso, sia pure accidentale, con l'atto materiale del lavoro. In merito alla dizione occasione di lavoro è stato sancito il principio del rapporto di derivazione, anche diretto ed occasionale, che si configura sia nella fase preparatoria o terminale del lavoro che in tutti gli altri rischi connessi con la fase lavorativa come l infortunio in itinere, cioè quell'infortunio che colpisce il lavoratore nel tragitto casa luogo di lavoro o luogo di ristoro, già riconosciuto dalla giurisprudenza dopo il richiamo della Corte Costituzionale ( sentenza n. 8 del 1977) al Governo che non aveva disciplinato legislativamente in merito nonostante la delega di cui alla legge n. 15 del 1963, ed ora riconosciuto legislativamente dal D.L. 38/2000 ( art 12). Sono ritenuti in itinere gli infortuni stradali, in particolare quando il lavoratore usa mezzi propri o dell azienda in assenza di quelli pubblici o quest ultimi osservano orari non confacenti a quelli praticati dall azienda ( Cassazione con sentenza del 12 maggio 1990, n ). 6

7 5. Contraenti del contratto assicurativo e come si instaura Sono contraenti di questo speciale contratto assicurativo obbligatorio i datori di lavoro ( figura più ampia dell'imprenditore o del titolare d'impresa). Costoro sono tenuti a vari adempimenti obbligatori ( con previsioni sanzionatorie in caso di inosservanza) che costituiscono il rapporto assicurativo. Quali : A) All atto dell inizio dell attività l istituzione dei libri paga e matricola per quanto riguarda i dirigenti e gli impiegati da assicurare all ENPAIA previa denuncia cinque giorni prima dell'inizio dell'attività e dell inizio dei lavori con indicati tutti gli elementi per il calcolo del rischio e l'ammontare del premio assicurativo anticipato; l istituzione del registro d impresa per gli operai rilasciato dall INPS, subordinatamente alla presentazione della denuncia aziendale di cui all art 5 del D.Lgs: 375/1993, e previa numerazione dei fogli e vidimazione, previsto in forma: ordinaria per le aziende che occupano personale dipendente assunto a tempo indeterminato o anche assunto a tempo determinato per oltre 270 giornate l anno; semplificata per le aziende minori, nonché per quelle che occupano solo avventizi. Il registro in questione, in entrambe le forme, è composto da fogli mobili in 5 copie, a lettura ottica, da compilare a ricalco, strutturati in modo da essere così impiegati : la prima e la seconda copia, come comunicazione di assunzione del singolo lavoratore da inviare entro 5 giorni, rispettivamente, ali'inps ed ai Centri territoriali per l impiego (dal computo del termine vanno esclusi i giorni festivi e compreso i sabato ). Tale comunicazione riporta i dati anagrafici del lavoratore,la data di assunzione e quella di cessazione che qualora poi quest ultima sia diversa da quella prevista, va comunicata entro cinque giorni dalla data in cui è effettivamente avvenuta. L art. 6 comma 2 del D.Lg.297/2002 ha modificato il termine per l effettuazione della comunicazione dio assunzione in contestuale Comunque in attesa del decreto volto a definire i nuovi modelli per tali comunicazioni obbligatorie ed al fine di semplificare l attività dei soggetti nelle procedure di assunzione dei lavorator, il Ministero del Lavoro con circolare n. 37/2003 del ha ritenuto che, fino al termine del regime transitorio9, la comunicazione di assunzione possa continuare ad 7

8 essere effettuata mediante i documenti tratti dal registro d impresa nel termine precedentemente fissato dei cinque giorni. la terza copia, come dichiarazione di occupazione da consegnare al lavoratore all'atto dell assunzione, cioè prima del suo materiale ingresso in azienda; la quarta copia - denominata "sezione matricola e paga" - costituisce il vero e proprio registro da conservare come documento aziendale di lavoro. Essa, infatti, riporta - in forma più o meno articolata, a seconda che trattasi del registro ordinario o semplificato, le indicazioni relative alle giornate di occupazione per ogni lavoratore, e la retribuzione corrisposta nell'arco dell'intera occupazione; la quinta copia, conforme alla quarta, può sostituire, per le sole occupazioni inferiori al mese, il prospetto di paga di cui all'art. 4 del D.Lgs. n. 375/93. B) All atto dell assunzione e licenziamento dei dipendenti ( denuncia nominativa degli assicurati ) Dal le imprese agricole devono comunicare all I.N.A.I.L, il codice fiscale dei lavoratori,contestualmente ( entro 24 ore) alla instaurazione e cessazioni del rapporto di lavoro. C) Periodicamente, ai fini della quantificazione dei premi dovuti, comunicazioni relative alle giornate effettuate dai lavoratori ed anche alle retribuzioni corrisposte ( solo per gli impiegati ed i dirigenti ) all : E.N.P.A.I.A. ; INPS che effettuerà apposita comunicazione all INAIL.. D) Pagamento del premio assicurativo ( conguaglio ) Poiché la copertura assicurativa e la prevenzione degli infortuni sul lavoro sono due facce della stessa medaglia è stato previsto nel calcolo del premio assicurativo il meccanismo del Bonus Malus in rapporto al1'andamento infortunistico delle aziende e come leva di incentivazione per le imprese che sulla sicurezza investono. In particolare, il tasso medio di tariffa diviene suscettibile di riduzione o di aumento in relazione all andamento degli infortuni e delle malattie professionali che si verificano nell azienda. Il premio assicurativo viene ridotto dall INAIL a quelle aziende che dimostrino di osservare le norme di prevenzione e di igiene del lavoro, o di aver migliorato le condizioni di sicurezza in applicazione della legge 626/94. Viceversa se il datore di lavoro non osserva le norme di prevenzione e sicurezza ( e si verificano infortuni e malattie professionali) viene applicato un aumento del premio assicurativo oltre le sanzioni già previste, per cui la prevenzione infortuni non solo può spezzare la tragica catena di infortuni sul lavoro, in particolar modo quelli mortali e con inabilità assoluta permanente, ma diviene anche un utile investimento economico. 8

9 6. Doveri del datore di lavoro e del lavoratore in caso di infortuni sul lavoro e di malattie professionali. In caso di infortunio sul lavoro il datore di lavoro ha l'obbligo di fornire tutti i mezzi a sua disposizione e di provvedere alle spese relative per il trasporto dell'infortunato nel luogo dove questi può ricevere le prime immediate cure o far raggiungere il medico il luogo in cui l'infortunato si trova, se intrasportabile. Il lavoratore, pena la perdita del diritto alle indennità temporanee per il tempo precedente invece ha l'obbligo di : informare «immediatamente» il proprio datore di lavoro di presentare subito al datore di lavoro il primo certificato medico e, se le cure dovessero proseguire, il certificato compilato dal medico curante In caso di. malattia professionale Il lavoratore, pena la perdita del diritto alle indennità temporanee per il tempo precedente ha l'obbligo di: informare, entro 15 giorni, dalla manifestazione della malattia professionale, il proprio datore di lavoro; presentare al datore di lavoro il primo certificato medico e, in caso di prosecuzione delle cure, il certificato compilato dal medico curante. Qualora il lavoratore non svolga più attività lavorativa o la malattia professionale si riferisce ad una attività svolta presso altro datore di lavoro, può presentare direttamente all INAIL domanda di riconoscimento della malattia professionale ed i certificati di prosecuzione delle cure. La Corte Costituzionale ha stabilito che il lavoratore può dimostrare l origine lavorativa della sua malattia anche se questa non è riconosciuta come malattia professionale nella apposite tabelle del T.U. 9

10 7. Denuncia degli infortuni sul lavoro e delle malattie professionali La denuncia degli infortuni sul lavoro e delle malattie professionali che hanno colpito i lavoratori ( dipendenti e autonomi) che siano prognostinati non guaribili entro tre giorni, indipendentemente da ogni valutazione circa la ricorrenza degli estremi di legge per l indennizzo, anche per il settore agricolo deve essere presentata all INAIL dal datore di lavoro o dal titolare del nucleo di appartenenza dell infortunato per i lavoratori agricoli autonomi( art. 25 del D.Lgs 38/2000) entro due giorni da quello in cui il datore di lavoro ne abbia avuto notizia e telegraficamente entro 24 ore se abbia avuto come conseguenza la morte del lavoratore o sia previsto il suo pericolo di morte... Questa, corredata dal certificato medico, deve indicare oltre alle generalità dell infortunato anche il giorno e l'ora in cui si è verificato l evento, le cause e le circostanze di esso, la natura, la precisa sede anatomica della lesione, il nesso con la causa denunciata e le eventuali alterazioni persistenti Il certificato medico inoltre deve contenere le indicazioni del domicilio dell'infortunato e del luogo ove questi si trova ricoverato, una relazione particolareggiata della sintomatologia accusata dall'infortunato stesso e di quella rilevata dal medico. Contemporaneamente copia del certificato medico e della denuncia in caso d infortunio mortale o con prognosi superiore a 30 giorni deve essere inoltrata all Autorità di P.S. ed alla Direzione provinciale del Lavoro che aprirà un inchiesta amministrativa. Per quanto riguarda la denuncia della malattia professionale l obbligo è rimasto a carico del medico che deve trasmettere all Istituto assicuratore il certificato denuncia malattia professionale con prognosi superiore a 3 gg entro 10 giorni dalla prima visita medica. L omessa o il ritardo della denuncia d infortunio sul lavoro o della malattia professionale è considerato illecito amministrativo e come tale è sanzionato. Comunque per la liquidazione dell indennità non è indispensabile la denuncia, in quanto la giurisprudenza più volte si è espressa che la notizia dell infortunio pervenuta aliunde all istituto assicuratore può costituire elemento sostitutivo dell inerzia del datore di lavoro; così come ha ritenuto che l inchiesta giudiziaria penale, pur non costituendo esplicazione di un attività giurisdizionale, può costituire mezzo di convincimento per il magistrato successivamente adito. Sono tutelati, pur non rientrando tra quelle previste dal DPR anche le malattie di cui il lavoratore dimostri la causa di lavoro. 10

11 8. Prestazioni Nel concetto di prestazione assicurativa trova attuazione sia il diritto di tutela del lavoro sancito dall'art. 35 primo comma della Costituzione, che il diritto del lavoratore al soddisfacimento delle sue "esigenze di vita" anche in caso di eventi inabilitanti. Le prestazioni possono essere: a) economiche; b) sanitarie; c) assistenziali. Le prestazioni economiche e sanitarie hanno il carattere della automaticità cioè devono essere corrisposte al lavoratore anche in corso di omesso o irregolare adempimento degli obblighi contributivi.. In particolare: A. quelle economiche consistono nella corresponsione di una : indennità giornaliera per l inabilità temporanea dal quarto giorno successivo a quello in cui è avvenuto l infortunio o si è manifestata la malattia professionale fino alla guarigione clinica. Per il periodo precedente il datore di lavoro deve pagare per intero la giornata lavorativa in cui è avvenuto l infortunio o si è manifestata la malattia professionale che ha causato assenza dal posto di lavoro ed il 60% della retribuzione, salvo maggior trattamento previsto dai C.C.N.L., per i successivi tre giorni astensione dal lavoro. rendita per inabilità permanente assoluta o parziale superiore al 10 % per gli eventi anteriori al 25 luglio 2000 e del 15% per gli eventi avvenuti dopo il 25 luglio Hanno diritto ad una rendita permanente: gli invalidi del lavoro con grado d inabilità dall 11% all 80% per gli eventi anteriori al 25 luglio 2000 e dal 16% all 80% per gli eventi avvenuti successivamente al 25 luglio 2000; i grandi invalidi del lavoro con grado d inabilità dall 80% al 100%; i super invalidi del lavoro con grado d inabilità del 100%. Se il grado d inabilità è inferiore all 11% il lavoratore non ha diritto ad alcuna rendita per gli infortuni avvenuti anteriormente al 25 luglio Per quelli avvenuti successivamente a tale data ha diritto ad un indennizzo in capitale per le menomazioni derivanti da infortuni sul lavoro che hanno comportato una menomazione permanente compreso tra il 6% ed il 15 %). Se la menomazione è inferiore al 6% non ha diritto ad alcun indennizzo. Comunque, entro 10 anni,dalla data in cui è avvenuto l infortunio sul lavoro e di 5 anni la malattia professionale può chiederne la revisione del grado di inabilità. E prevista anche la revisione del grado di inabilità superiore all 11% (o al 15 % per gli infortuni avvenuti successivamente al 25 luglio 2000) su disposizione dell INAIL o richiesta dell interessato. 11

12 Il lavoratore agricolo, titolare di rendita con un grado di inabilità permanente non superiore al 20% può richiedere il riscatto in capitale della rendita; con un grado d inabilità permanente pur se superiore al 20% ma inferiore al 50% può richiedere l applicazione di particolari forme di riscatto della rendita per investimenti e miglioramenti della propria attività, Comunque quando in sede di revisione, il grado d inabilità risulti compreso tra l 11% ed il 15%, l INAIL liquida il valore capitale della rendita dopo 10 anni dalla sua costituzione in caso di infortunio e dopo 15 anni in caso di malattia professionale. rendita per i superstiti del lavoratore deceduto per infortunio sul lavoro o per malattia professionale Sono considerati superstiti e percepiscono una rendita nella misura del : 50% il coniuge fino alla morte o a nuovo matrimonio ; 20% ciascun figlio fino a 18 anni di età ( nessun requisito ) ; fino a 21 anni se frequenta la scuola media superiore e con vivenza a carico ed in assenza di lavoro retribuito; fino a 26 anno di età se frequenta un corso normale di laurea e con vivenza a carico ed in assenza di lavoro retribuito; totalmente inabile, pur se maggiorenne fino alla morte del 40% se orfani di entrambi i genitori;( stessi requisiti di cui sopra ) In mancanza di figli e del coniuge gli ascendenti naturali o adottivi con vivenza a carico fino alla morte ; i fratelli, come per i figli, se con vivenza a carico e conviventi.. La somma totale delle rendite che spettano ai superstiti non può comunque superare la retribuzione presa a base per il calcolo della rendita. In caso contrario le rendite vengono proporzionalmente adeguate. Nel sistema delle prestazioni economiche deve inserirsi il concetto del danno differenziale, cioè quell eventuale ulteriore danno che l infortunato ritenga di aver subito in misura superiore a quella fissata in forma percentuale nella tabella allegata al T.U. il cui risarcimento compete anch esso al datore di lavoro responsabile dell evento dannoso e nei cui confronti deve pertanto agire in via diretta il lavoratore danneggiato. l'assegno funerario per i superstiti del lavoratore deceduto per infortunio sul lavoro o per malattia professionale Hanno diritto all'assegno funerario i superstiti o chiunque dimostri di aver sostenute le spese funerarie in caso di morte del lavoratore per infortunio sul lavoro. Le prestazioni economiche non sono cedibili, né pignorabili o sequestrabili, tranne le ipotesi previste dall'art.110 del T.U. 1124/1965 e sono irrinunciabili ed 12

13 indisponibili. Ciò non toglie che possono essere oggetto di transazione, la cui validità, tuttavia è subordinata all omologazione del Tribunale B. Quelle sanitarie consistono: : in soccorsi presso ospedali e/o ambulatori del S.S.N. o privati ; nelle cure mediche e chirurgiche e ambulatoriale presso le sedi dell INAIL ; nella fornitura o rinnovo di protesi e presidi necessari all infortunato per agevolare la sua autonomia nella vita quotidiana e di relazione ; cure idrofangotermali e soggiorni climatici. C. Quelle assistenziali sono: lo speciale assegno continuativo mensile per i superstiti di un titolare di rendita con un grado di inabilità non inferiore al 65% deceduto per cause indipendenti da infortunio o dalla malattia professionale; l assegno per l assistenza personale continuata per inabili con grado d invalidità al 100% ( super invalidi); l erogazione integrativa per i grandi invalidi e per i super invalidi con necessità di assistenza personale continuata; l assegno di incollocabilità per i titolari di rendita con un grado di inabilità non inferiore al 34% e di età non superiore a 55 anni se dichiarati incollocabili; l erogazione integrativa della rendita per gli invalidi non dichiarati incollocabili che hanno necessità di effettuare cure per il recupero della capacità lavorativa e per tutto il periodo della cura; i brevetti e distintivi d onore agli invalidi con grado d inabilità superiore al 50%. rimborso spese di viaggio e di soggiorno per cure idrofangotermali e soggiorni climatici 13

14 9. Ricorsi avverso il mancato riconoscimento delle prestazioni. L'infortunato che: non riconosca fondati i motivi per i quali l'istituto assicuratore ritiene di non essere obbligato a liquidare l indennità; non concordi sulla data di cessazione dell inabilità temporanea; non accetti la liquidazione di un rendita provvisoria o quella comunque stabilita dall ente assicuratore, comunica entro 60 giorni all istituto assicuratore i motivi per i quali non ritiene giustificabile il provvedimento adottato dall Istituto, precisando, nel caso si tratti di inabilità permanente, anche la percentuale dell indennità che si ritiene essergli dovuta. Non ricevendo risposta, entro 60 giorni o in caso di diniego, può adire l'autorità Giudiziaria. Il ricorso alla Direzione dell Istituto assicuratore e/o quello all A.G. può essere accolto o respinto. Può essere anche rigettato perché inammissibile o irricevibile dr. Michele Gurrado 14

15 Schemi riepilogativi 15

16 L assicurazione contro gli Infortuni sul lavoro e le malattie professionali in agricoltura viene gestita E.N.P.A.I.A. I.N.A.I.L per gli impiegati per i dirigenti avventizi speciali meno di 51 giornate eccezionali, da 51 a 100 giornate occasionali da 101 a 150 giornate abituali da 151 a 200 giornate, permanenti oltre 200 giornate; OPERAI salariati fissi o a tempo indeterminato I coltivatori diretti, mezzadri e coloni sovrastanti ai lavori di aziende agricole e forestali I soci di società cooperative agricole e forestali 16

17 Rapporto Assicurativo OPE LEGIS (obbligatorietà) PREMIO pagato dal datore di lavoro Come s instaura Denuncia di esercizio Pagamento premio anticipato ENPAIA Registrazioni sui libri paga e matricola Denuncia salari Pagamento conguaglio premio INAIL Alla Scica entro 5 gg All Inps entro 5 g Registro impresa Al lavoratore all assunzione Agli atti Al lavoratore come prospetto paga Denuncia periodica all Inps Riduzione per chi investe in Pagamento premio sicurezza Bonus malus in relazione agli infortuni Denuncia nominativa degli assicurati all atto dell assunzione e del licenziamento all INAIL entro 24 ore dal loro avvenimento 17

18 - Obbligatorietà e automaticità delle prestazioni. L assicurazione - Indennizzo per la infortuni sul lavoro mancata retribuzione - - Risarcimento per la e per diminuita capacità lavorativa, le malattie - Prevalenza della professionali assistenza sanitaria - Indennizzo in rendita - Sostegno economico ai familiari in caso di morte. 18

19 Denuncia Infortuni Prognosticati Guaribili oltre Tre giorni All Inail o all Empaia ( entro 24 ore per i casi mortali e due giorni per gli altri casi ) Alla P.S. ( entro 24 ore per i casi mortali e due giorni per gli infortuni aventi una prognosi superiore a 30gg ) per i casi mortali infortuni aventi una prognosi superiore a 30gg INCHIESTA INFORTUNI 19

20 Generica Mediche Specialistica Sanitarie Ospedaliere Farmaceutiche Protesica Hanno lo scopo di recuperare le menomate capacità di lavoro Prestazioni - Indennità temporanea Economiche Rendita Danno Differenziale Assegno funerario e Rendita superstiti - Speciale assegno continuativo mensile - Assegno per l accompagnatore grandi invalidi Assistenziali - Integrazione Assegni di incollocabilità - Integrazione della rendita per - cure - Brevetti e distintivi d onore Automatiche viaggio e soggiorno Non Cedibili per cure termali Non Pignorabili o Sequestrabili, salvo art. 110 t.u. Irrinunciabili possono essere oggetto di transazione, Indisponibili omologata dal tribunale 20

21 RICORSO Non riconosce fondati i motivi AVVERSO del diniego della rendita o IL dell indennità MANCATO RICONO SCIMENTO Non riconosce la data di guarigione e di DELLA cessazione INDENNITÀ Sul grado di inabilità Alla Direzione dell istituto assicuratore All autorità Giudiziaria accoglimento diniego inammissibile rigetto irricevibile 21

22 INDICE 1. L asicurazuine contro gli infortuni sul lavoro e le malatie professionali.principi generali e azione di regresso. 2. Attività lavorative agricole protette nell asicurazuine contro gli infortuni sul lavoro e le malatie professionali 3. Enti assicuratori e soggetti assicurati 4. Oggetto del rapporto assicurativo 5. Contraenti del rapporto assicurativo e come si instaura 6. Doveri del datore e del lavoratore in caso di infortuni sul lavoro e le malatie professionali 7. Denunce in di infortuni sul lavoro e le malattie professionali.. 8. Prestazioni. 9. Ricorsi avverso il mancato riconoscimento delle prestazioni assicurative 10. Schemi riepilogativi. Pag. 2 Pag. 3 Pag. 4 Pag. 5 Pag. 7 Pag. 9 Pag. 10 Pag. 13 Pag. 14 Pag.15 22

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE AREA LAVORO E PREVIDENZA INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE (a cura di Ernesto Murolo) Indice QUANDO SI MANIFESTA UN INFORTUNIO SUL LAVORO...5 1. Se l infortunio ha prognosi fino a 3 giorni...5

Dettagli

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO TITOLO I DISCIPLINA GENERALE DELLE PRESTAZIONI E DEI CONTRIBUTI CAPO I -

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81)

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Mod. 4 bis - Prest. DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53 d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18 comma 1 lettera r d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Alla Sede INAIL INAIL TIMBRO DI ARRIVO Data di spedizione

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti Domanda per i lavoratori dipendenti Per ottenere il congedo parentale, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario compilare il modulo in tutte le sue parti e consegnarlo sia al datore di lavoro

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Contra non valentem agere non currit praescriptio

Contra non valentem agere non currit praescriptio PER GLI ENTI DI PATRONATO 1 TERMINI DI PRESCRIZIONE CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLE MALATTIE PROFESSIONALI E TERMINE DI REVISIONE DELLE RENDITE UNIFICATE DA EVENTI POLICRONI LIMITE INTERNO ED ESTERNO

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale A cura di: - Inail Direzione Regionale Lombardia - Regione Lombardia - Direzione Generale Sanità Documento realizzato nell ambito della

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 19 OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 2 Prefazione IL CAMMINO DELLA QUALITÀ Inps, come le altre pubbliche Amministrazioni

Dettagli

Principali tipi di assenza docenti con contratto di lavoro a tempo indeterminato

Principali tipi di assenza docenti con contratto di lavoro a tempo indeterminato Tipo di assenza e fonti A) Ferie Art. 13 CCNL 2007. B) Festività soppr. artt.14 ccnl 2007 e art.1, lett.b, L.937/77 Principali tipi di assenza docenti con contratto di lavoro a tempo indeterminato Durata

Dettagli

APPROFONDIMENTO 1. Prevenzione nei luoghi di lavoro

APPROFONDIMENTO 1. Prevenzione nei luoghi di lavoro Una panoramica dell Istituto: Cosa facciamo L INAIL - Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro - persegue una pluralità di obiettivi: ridurre, attraverso un intensa attività

Dettagli

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti 2 Questo opuscolo La informa sulla Sua situazione assicurativa spiegandole se e in che misura Lei è coperto

Dettagli

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014 Prescrizione e decadenza in materia di contributi e prestazioni INPS Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al

Dettagli

Vademecum infortuni sul lavoro: cosa fare e a chi rivolgersi A cura di: Comitato di redazione: Comitato Singh Mohinder

Vademecum infortuni sul lavoro: cosa fare e a chi rivolgersi A cura di: Comitato di redazione: Comitato Singh Mohinder tel. +39.06.298777 Vademecum infortuni sul lavoro: cosa fare e a chi rivolgersi è stato realizzato dal Comitato Singh Mohinder nell ambito del Progetto InformaSicurezza. Campagna di informazione e sensibilizzazione

Dettagli

Al SUAP. Denominazione società/ditta

Al SUAP. Denominazione società/ditta COMUNICAZIONE SUBINGRESSO DI COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SU POSTEGGIO L.R. 28/2005 e s.m.i. Codice del Commercio art.74 e D.P. G.R. n. 15/R del 1 aprile 2009 Regolamento di attuazione della legge n. 28/2005

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Per poter lavorare in Italia il cittadino straniero non comunitario deve essere in possesso del permesso di soggiorno rilasciato per

Dettagli

PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI

PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI COS E A CHI E RIVOLTA COSA OFFRE RC PROFESSIONALE È un programma assicurativo studiato per offrire una copertura completa e personalizzabile in base alle specifiche esigenze. Sono previste garanzie in

Dettagli

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice MATERNITA E CONGEDI PARENTALI Indice Interdizione.pag. 2 Interruzione della gravidanza.pag. 3 Astensione obbligatoria..pag. 4 Astensione obbligatoria della madre....pag. 4 Astensione obbligatoria del padre....pag.

Dettagli

Art. 3. Codice disciplinare

Art. 3. Codice disciplinare Art. 3 Codice disciplinare 1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della mancanza, e in conformità a quanto previsto dall art. 55 del D.Lgs.n.165

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA Istituto Nazionale Previdenza Sociale ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA (articolo 23 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600 e successive modifiche e integrazioni) In base all art. 7, D.L. n. 70/2011 non è più obbligatorio

Dettagli

Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA' TIPO A TIPO B

Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA' TIPO A TIPO B CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 0047 Versione 002 2014) Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA'

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

CONTRIBUTI FIGURATIVI

CONTRIBUTI FIGURATIVI I CONTRIBUTI COSA SONO: I contributi determinano il diritto e l'importo della pensione. SI SUDDIVIDONO IN: - mensili - settimanali - giornalieri Un anno, composto di 12 mesi, comporterà 12 contributi mensili

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

Elenco provvidenze nuova mutualità

Elenco provvidenze nuova mutualità Elenco provvidenze nuova mutualità Tipologia sussidio Importo erogato Periodicità del sussidio Documentazione da allegare Ricovero 15,00 al giorno (per massimo 20 giorni all anno) Ogni anno Certificato

Dettagli

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04. ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.2008) TITOLO

Dettagli

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU)

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) REGIONE TOSCANA AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI LAVORO AUTONOMO LIBERO PROFESSIONALE A T. D. PER L'ACQUISIZIONE DI PRESTAZIONI

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO.

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. ALLEGATO A PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. TITOLI ACCADEMICI VOTO DI LAUREA Medici Specialisti ambulatoriali, Odontoiatri,

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA DISCIPLINA DEI RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE (ai sensi dell art. 73 della L. n. 133/2008)

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA DISCIPLINA DEI RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE (ai sensi dell art. 73 della L. n. 133/2008) REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA DISCIPLINA DEI RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE (ai sensi dell art. 73 della L. n. 133/2008) Art. 1 Percentuale generale dei rapporti a tempo parziale 1. Le trasformazioni

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ'

ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ' Mod. SCIA adeguato alla L.122/2010 ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ' AL COMUNE DI Ai sensi e per gli effetti di cui all'art. 19 commi

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere 2.09 Contributi Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Questo promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

Il lavoro subordinato

Il lavoro subordinato Il lavoro subordinato Aggiornato a luglio 2012 1 CHE COS È? Il contratto di lavoro subordinato è un contratto con il quale un lavoratore si impegna a svolgere una determinata attività lavorativa alle dipendenze

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI 1??ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA Le considerazioni esposte sono frutto esclusivo

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI

COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI Istituto Nazionale Previdenza Sociale COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI Regolazione del rapporto di lavoro A cura di Coordinamento e Supporto alle attività connesse al Fenomeno Migratorio Marzo 2007 INDICE

Dettagli

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 All'interno: Importo pensioni base; Bonus di 154,94; Quattordicesima sulle pensioni basse; Integrazione al trattamento minimo e integrazione

Dettagli

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera 10. di Mauro Soldera La Legge n. 92/2012 (Riforma Fornero) interviene in maniera significativa sulla disciplina dei licenziamenti individuali regolamentati dall art. 18 della Legge n. 300/1970 (Statuto

Dettagli

INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI

INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione Perché Sicurezza e Igiene del Lavoro? Tutela della salute dei lavoratori La salute, intesa come lo stato di

Dettagli

I CONTRIBUTI FIGURATIVI

I CONTRIBUTI FIGURATIVI I CONTRIBUTI FIGURATIVI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Olindo Daliana Giuseppe Manzi Simone Parola Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo Rizzuti

Dettagli

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti GUIDA OPERATIVA Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti Dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 2 PERMESSI PER CONCORSI, ESAMI, AGGIORNAMENTO... 3

Dettagli

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI ISTITUTO di ISRUZIONE SUPERIORE - Luigi Einaudi Sede Legale ed Amministrativa Porto Sant Elpidio (FM) - Via Legnano C. F. 81012440442 E-mail: apis00200g@istruzione.it Pec: apis00200g@pec.istruzione.it

Dettagli

La malattia nel contratto collettivo nazionale di lavoro dei metalmeccanici

La malattia nel contratto collettivo nazionale di lavoro dei metalmeccanici Sintesi operative Paghe e contributi La malattia nel contratto collettivo nazionale di lavoro dei metalmeccanici a cura di Massimiliano Tavella Dottore commercialista - Cultore della materia presso la

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara Oggetto: Procedura aperta per la fornitura di generatori di molibdeno tecnezio per l U.O.C. di Medicina Nucleare

Dettagli

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. R CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

Domanda di concessione dell assegno integrativo

Domanda di concessione dell assegno integrativo mod. Ass. integrativo COD. SR91 Domanda di concessione dell assegno integrativo (Art. 9, comma 5, della legge n. 223/1991) La presente domanda deve essere presentata per la concessione dell assegno integrativo.

Dettagli

DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE GRADUATORIE PER L A.S. 2015/16

DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE GRADUATORIE PER L A.S. 2015/16 Modello B2 GRADUATORIE PERMANENTI DEL PERSONALE AMMINISTRATIVO, TECNICO E AUSILIARIO AI SENSI DELL ART. 554 DEL D.L.VO 297/94 (indizione concorsi nell a.s. 2014/15) DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

Scadenza 26/05/2015 Domanda n

Scadenza 26/05/2015 Domanda n Scadenza 26/05/2015 Domanda n Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI PESCARA Settore Manutenzioni Servizio Politiche della Casa Il/La sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a a prov. il / / cittadinanza

Dettagli

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP.

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP. Dipartimento per le Infrastrutture, gli affari generali ed il personale Direzione generale del personale e degli affari generali Divisione 4 Ufficio Ispettivo e Disciplina Via Nomentana, 2 00161 Roma tel.06.4412.3285

Dettagli

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli