NEWSLETTER - DICEMBRE 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NEWSLETTER - DICEMBRE 2012"

Transcript

1 NEWSLETTER DICEMBRE 2012 IN QUESTO NUMERO... si parla di: News 1: SMAU 2012 e Evento annuale POR FESR Innovazione e competitività in Lombardia: Il Programma Operativo Regionale 01 News 2: Concorso Alla scoperta del POR Lombardia - Al via l edizione News 3: Iniziative finanziarie di prossima realizzazione 07 News 4: La Lombardia incontra la delegazione Cinese 08 News 5: Asse 1: I fondi di ingegneria finanziaria Fondo di garanzia Made in Lombardy MIL Fondo di Rotazione per l Imprenditorialità FRIM FESR 2011 Joint European Resources for Micro to Medium Enterprise RIEPILOGO BANDI APERTI 11 NEWS 1 SMAU 2012 e Evento annuale POR FESR Innovazione e competitività in Lombardia: il Programma Operativo Regionale Evento istituzionale Talkshow L innovazione organizzativa L evento annuale POR FESR si è tenuto nell inconsueta cornice della 49 a edizione di SMAU Milano dal 17 al 19 ottobre. L idea di organizzare l Evento annuale all interno della manifestazione fieristica SMAU nasce dalla volontà di aprirsi ad un format più moderno e vicino al target di riferimento. All interno della sezione Percorsi dell innovazione - Dall idea al business, è stato dato spazio ai migliori progetti di innovazione promossi dalle Regioni d Italia, per sottolineare il loro ruolo nell innovare il sistema territorio attraverso le nuove tecnologie. L Autorità di Gestione POR FESR Lombardia ha partecipato a questa iniziativa presentando le Politiche comunitarie messe in atto a supporto delle aziende e del sistema economico lombardo, per le attività di ricerca e di sviluppo di nuovi prodotti, di processi e di servizi finalizzate all implementazione sistematica di strategie di innovazione tecnologica: un importante occasione per le Pubbliche Amministrazioni per entrare in contatto con il mondo delle imprese, aggiornarle sui finanziamenti e le iniziative attivate a loro supporto e coinvolgerle in progetti di sviluppo. 01 NEWSLETTER - DICEMBRE 2012

2 Nei 3 giorni di manifestazione all interno dell area espositiva, lo spazio Arena è stato teatro di un fitto susseguirsi di talkshow della durata di 50 minuti moderati da Simone Spetia, giornalista di R24; un importante occasione per conoscere i protagonisti di alcuni progetti realizzati in ambito POR FESR Lombardia: idee innovative e soluzioni avanzate per le PMI e la mobilità sostenibile a confronto. Il lavoro che Regione Lombardia compie sul territorio per diffondere l innovazione ha assunto negli ultimi anni una forte valenza strategica. La partecipazione attiva dello staff dell Autorità di Gestione POR FESR Lombardia alla manifestazione fieristica ha consentito inoltre di promuovere le iniziative ancora aperte a valere sull Asse 1 Innovazione ed economia della conoscenza del POR FESR Lombardia, di comunicare i primi risultati e lo stato di avanzamento del Programma, di rafforzare la consapevolezza del grande pubblico sul ruolo e sull impegno comune della Commissione Europea e di Regione Lombardia nello sviluppo del sistema economico lombardo. Di seguito le interviste fatte a due beneficiari del POR FESR Lombardia coinvolti nei talk show. Comune di Milano Asse 3 - Mobilità sostenibile Linea di intervento Interventi integrati per la riduzione degli impatti ambientali derivanti dalla mobilità urbana ed interurbana Progetti: Sistema Integrato di Infomobilità Sistema di trasporto a chiamata per il Comune e l Area Urbana di Milano - piattaforma di gestione e prenotazione Electric City Movers La nostra intervista a Maria Berrini - Amministratore Unico AMAT Agenzia Mobilità Ambiente Territorio del comune di Milano Può spiegarci in poche parole in cosa consistono e quali obiettivi perseguono i tre progetti? Il progetto Infomobilità si propone di realizzare un Sistema integrato di Infomobilità che fornisca a cittadini e turisti dei servizi innovativi di informazione sul traffico, sui servizi di trasporto e mobilità disponibili. La scala di riferimento è quella cittadina e metropolitana, con uno sguardo all ambito regionale. L idea di fondo è quella di offrire a chi si muove tutto il ventaglio delle informazioni utili a pianificare le scelte di spostamento, rendendo così davvero competitivo, rispetto all uso dell auto, l utilizzo di altre modalità (trasporto ferroviario, mezzi di superficie e metropolitane, ciclabilità, pedonalità, car e bike sharing, ecc ). L utilizzatore potrà confrontare le alternative sulla base di diversi criteri, come il costo e il tempo impiegato. 02 NEWSLETTER - DICEMBRE 2012

3 Il Sistema si avvale delle piattaforme tecnologiche e delle informazioni già oggi disponibili, ma rafforzando il livello di integrazione e utilizzabilità. Il Sistema di trasporto a chiamata per il Comune e l Area Urbana di Milano - piattaforma di gestione e prenotazione - permette l integrazione di flessibilità (nei percorsi, fermate e orari) e di tecnologie evolute, che permettono di fornire servizi capillari anche su vaste aree territoriali, in particolare a domanda debole, e l integrabilità nel sistema informatico per la gestione dei servizi tradizionali di TPL. Al fine di garantire la massima flessibilità richiesta da questa tipologia di trasporto, la maggior parte dei sistemi analizzati prevede inoltre funzionalità accessorie che riguardano principalmente i sistemi di prenotazione: ad esempio l accesso al sistema può avvenire, oltre che tramite richiesta telefonica, anche tramite sito internet, WAP o chioschi multimediali per l accesso diretto al servizio. In particolare quest ultima soluzione, che prevede un servizio di prenotazione corsa tramite smart card contact-less, attua un meccanismo di configurazione flessibile dei percorsi in modalità ottimizzata dal punto di vista delle attese. Prendendo spunto dai fattori di successo emersi dal benchmarking, si è strutturata la proposta di intervento che prevede di riorganizzare la piattaforma tecnologica del sistema di trasporto a chiamata attualmente in funzione nel Comune di Milano, al fine di renderla estremamente flessibile per garantire la gestione e la prenotazione del servizio nelle sue diverse possibili forme, estendibili anche all Area Urbana, e ottimizzare l efficienza del sistema di trasporto a chiamata, in coerenza con gli obiettivi sopra enunciati. Il progetto Electric City Movers consiste nella realizzazione di un servizio analogo a quello del Bike sharing (Bike MI), ma mediante l utilizzo di quadricicli elettrici. Il servizio, aperto h24 ai cittadini, accessibile con modalità di pagamento semplificate e abbonamento, permette di dare risposta alla domanda di spostamenti brevi ed occasionali, senza necessità di prenotazione e prendendo e rilasciando il veicoli in luoghi differenti (a traccia libera - One way). La prima fase prevede la realizzazione di circa stazioni (per un totale di circa. 60 veicoli). Le stazioni di presa e rilascio dei veicoli saranno attrezzate come Isole digitali, dotate di una molteplicità di servizi (WiFi, infoturismo e infomobilità, colonnine SOS, panchine, ecc.). Quali sono i benefici dei progetti per il Comune e per la popolazione, in termini di risparmio energetico e di impatto ambientale? I benefici ambientali ed energetici sono la conseguenza di un cambiamento nelle scelte di mobilità che i progetti contribuiranno ad innescare. La riduzione nell uso individuale dell auto, la minor propensione a usare veicoli alimentati a benzina o a gas, che deriverà dall offerta dei servizi alternativi appena illustrati, produce effetti ambientali positivi in termini globali e locali (riduzione consumo energia fossile, riduzione emissioni climalteranti ed emissioni inquinanti e sonore, riduzione concentrazioni inquinanti dannose alla salute in prossimità delle aree trafficate, riduzione incidenti stradali, miglioramento della qualità ambientale complessiva degli spazi pubblici). 03 NEWSLETTER - dicembre 2012

4 Come è venuta a conoscenza delle opportunità di finanziamento? Le informazioni fornite e l assistenza da parte dell Amministrazione regionale sono state adeguate alle vostre necessità? Dai normali canali informativi (rapporti istituzionali e canali di comunicazione di Regione Lombardia). L assistenza è stata ampia ed esaustiva. Come valuta l esperienza con il POR FESR Lombardia, nel suo complesso? L attuale Amministrazione comunale, in carica da solo un anno e mezzo, non ha avuto modo di seguire per ovvie ragioni le fasi iniziali delle iniziative. Sicuramente si ritiene fondamentale che, pur nel quadro delle strategie e degli obiettivi indicati a livello europeo, i POR siano definiti a partire dalla effettive esigenze e priorità degli utilizzatori, motivo per cui auspichiamo che l Amministrazione regionale confermi tale modalità di lavoro anche per la prossima programmazione. Inoltre riteniamo importante che i prossimi POR pongano maggiore attenzione alla necessità di sostegno finanziario per soluzioni innovative nel campo della sostenibilità (mobilità, energia, riqualificazioni urbane, gestione delle risorse ambientali, ecc.). Il comune di Milano ha dato la sua disponibilità a presentare la propria esperienza nell ambito dell evento di comunicazione annuale del POR FESR Lombardia dello scorso ottobre. Ha gradito l iniziativa di Regione Lombardia di dare spazio e risalto ad alcuni dei progetti finanziati con le risorse del Programma? Abbiamo sicuramente gradito. L Amministrazione regionale può e deve giocare un ruolo importante nella diffusione delle buone pratiche e nel monitoraggio dei risultati. Franchi&Kim Industrie Vernici S.p.A. Asse 1 - Mobilità sostenibile Linea di intervento C - Realizzazione di interventi volti all innovazione dei processi e dell organizzazione nei servizi Progetto: Paint On Demand La nostra intervista a Pierangelo Zobbio, Amministratore delegato di Franchi&Kim Industrie Vernici S.p.A. Può spiegarci in poche parole in cosa consiste il progetto e cosa si propone? Il progetto si propone di realizzare un nuovo metodo di produzione e di distribuzione che consente, grazie ad un unico sistema, di ottenere tutti i tipi di pittura direttamente nel punto vendita e in base alla richiesta. La Vernice viene smontata nei suoi elementi principali e, tramite l utilizzo di cisterne e di software gestionali, viene ricompattata al momento del reale utilizzo con l erogazione del prodotto. 04 NEWSLETTER - Dicembre 2012

5 L obiettivo è di costruire un sistema produttivo, organizzativo, gestionale e distributivo che permetta ai rivenditori, piccoli produttori, depositari e concessionari di gestire tutto il flusso produttivo e distributivo in una forma integrata e sistematica, attraverso l ausilio di sistemi informativi. Quali sono i benefici del progetto in termini di innovazione? I benefici ottenibili in termini di innovazione sono principalmente la riduzione della merce a magazzino dell 80% circa, evitando sprechi e obsolescenze, eliminando i relativi costi di gestione e moltiplicando la gamma di prodotti tra cui scegliere. Consegniamo infatti ai distributori un impianto modulare e personalizzabile, che permette di ottenere una gamma di prodotti finiti a partire da componenti semilavorati, che sono soltanto 12, a differenza degli 80 tipi di basi di vernice solitamente utilizzati. Unendo questi ai coloranti è possibile ottenere il riempimento di una latta di vernice partendo da zero. Il prodotto viene erogato solo quando è richiesto e la gestione del processo è affidata a un software intuitivo che ne permette la supervisione, garantendo il controllo totale su ogni fase del ciclo. Il sistema favorisce una minimizzazione degli sprechi e una notevole riduzione degli scarti: le latte sono infatti riciclabili e quindi riutilizzabili. Come è venuto a conoscenza delle opportunità di finanziamento del POR FESR ? Le informazioni fornite e l assistenza da parte dell Amministrazione regionale sono state adeguate alle vostre necessità? Una società nostra collaboratrice, che si occupa di finanza agevolata, ha portato alla nostra conoscenza l iniziativa di Regione Lombardia nell ambito del POR FESR e noi, prontamente, ne abbiamo usufruito. L Amministrazione regionale si è dimostrata particolarmente attenta e puntuale sia nella gestione iniziale che nella rendicontazione periodica dell erogazione del finanziamento e del monitoraggio del progetto, offrendo anche uno spunto formativo interessante alle risorse aziendali coinvolte. Come valuta l esperienza con il POR FESR Lombardia, nel suo complesso? Nel complesso l esperienza è stata soddisfacente. Il nostro progetto ha previsto un investimento complessivo di 600 mila euro, di cui 155 mila euro di contributo pubblico (FESR + quota nazionale + quota regionale. Ndr). L erogazione del finanziamento non è stata vincolante per Franchi&Kim; la società avrebbe comunque iniziato e portato avanti il progetto Paint on Demand, proprio perché crede fortemente nell utilizzo della tecnologia come strumento di acquisizione di un vantaggio competitivo. Di certo però l iniziativa attivata da Regione Lombardia nell ambito del POR FESR ha aiutato nel raggiungimento dell obiettivo. 05 NEWSLETTER - Dicembre 2012

6 La Franchi&Kim Industrie Vernici S.p.A. ha dato la sua disponibilità a presentare la propria esperienza nell ambito dell evento di comunicazione annuale del POR FESR Lombardia dello scorso ottobre. Ha gradito l iniziativa di Regione Lombardia di dare spazio e risalto ai progetti finanziati con le risorse del Programma? Assolutamente si, l iniziativa è stata molto interessante e innovativa, in una realtà del mondo business to business dove i canali di comunicazione sono spesso tradizionali. Per il futuro si potrebbe pensare anche all utilizzo di altri palcoscenici di presentazione dei progetti finanziati, al fine di aumentare anche il coinvolgimento dei destinatari d uso. NEWS 2 Concorso Alla scoperta del POR Lombardia - Al via l edizione L Autorità di Gestione ha lanciato il Concorso, rivolto agli studenti degli ultimi anni degli istituti d istruzione secondaria, con l intento di avvicinare i giovani alle tematiche comunitarie e, in particolare, aiutare gli studenti a comprendere il ruolo dell Unione Europea nello sviluppo socioeconomico del proprio territorio e a scoprire come l integrazione tra politica comunitaria e politica locale porta ricadute positive e concrete anche nella vita quotidiana. Le scuole iscritte sono ora impegnate a realizzare un elaborato creativo (fotografia, video, testo scritto, ecc.) che affronti una delle tematiche del Concorso: l Unione Europea, la programmazione comunitaria, il POR con i suoi obiettivi, i progetti realizzati al suo interno, i benefici sul territorio, ecc. L approccio e la specifica tematica potranno essere scelti dai partecipanti sulla base del proprio interesse o sensibilità: l elaborato potrà quindi spaziare da riflessioni generali sull Unione Europea fino all analisi dei singoli progetti realizzati sul territorio lombardo grazie al POR. Si ringraziano le imprese che hanno dato la disponibilità a rispondere agli studenti interessati al proprio progetto innovativo. Si segnala che è sempre possibile candidare il proprio progetto finanziato con fondi FESR per le attività di comunicazione attivate dall Autorità di Gestione POR FESR Lombardia. Per informazioni scrivete a 06 NEWSLETTER - Dicembre 2012

7 NEWS 3 Iniziative FINANZIARIE di prossima realizzazione Con delibere n e 4322 del 26 ottobre 2012 (pubblicate sul BURL n. 45 supplemento ordinario del ) sono state attivate nuove linee d intervento. Ecco le principali novità introdotte: modificata ed integrata la Linea d intervento Sostegno alla ricerca industriale e all innovazione di alto profilo nei settori di punta delle PMI lombarde; all innovazione di sistema ed organizzativa, di interesse sovraziendale con l introduzione dell Azione e Sostegno alla realizzazione di progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale del settore delle Smart Cities and Communities (dotazione FESR 16,4 M ); definiti i contenuti della Linea d intervento Sviluppo di Centri di competenza di rilievo regionale in base alla quale è stato sottoscritto l Accordo tra Regione Lombardia e la Fondazione Cariplo (dotazione complessiva 9 Meuro, di cui 3 Meuro FESR, 2Meuro FSE, 1Meuro risorse regionali e 3Meuro Fondazione Cariplo). In attuazione di tale Accordo, è in via di definizione (entro dicembre 2012) la manifestazione di interesse per la sperimentazione di iniziative di promozione, sviluppo e valorizzazione del capitale umano della ricerca. Queste iniziative avranno ricadute dirette sul territorio lombardo attraverso la realizzazione di laboratori di ricerca, anche presso le imprese, al fine di migliorarne la competitività e il posizionamento sui mercati globali. modificata ed integrata la Linea d intervento Sostegno alla crescita della capacità competitiva delle imprese lombarde con l introduzione dell Azione F Sostegno alle reti d impresa (dotazione FESR 6 Meuro); Entro gennaio sarà definito l avviso di evidenza pubblica attuativo della Linea d intervento - Azione F. modificata ed integrata la Linea d intervento Sostegno alla crescita della capacità competitiva delle imprese lombarde con l introduzione dell Azione e Piani di rilancio aziendale (dotazione FESR 3 Meuro). È in via di definizione (entro dicembre 2012) la manifestazione di interesse diretta alla costituzione di un elenco regionale di fornitori di servizi (aperto per l intera durata dell iniziativa) per la redazione dei piani di rilancio aziendale da parte delle PMI, destinatarie dell iniziative. Consulta e scarica qui le delibere di riferimento, pubblicate sul BURL 45 serie ordinaria del NEWSLETTER - Dicembre 2012

8 NEWS 4 La Lombardia incontra la delegazione Cinese Sessione di lavoro Capo delegazione Cinese e Autorità di Gestione del POR FESR Lombardia Il 7 luglio l Autorità di Gestione del POR FESR ha ricevuto la visita di una delegazione cinese composta da 20 persone tra funzionari e dirigenti dei Ministeri impegnati nel progetto Regional Policy Dialogue with China, progetto pilota della Commissione Europea volto a migliorare la cooperazione regionale e locale attraverso la promozione della politica regionale dell Unione europea su scala globale. Il dialogo UE-Cina è stato istituito tra la Direzione Generale per Politica regionale della Commissione europea (DG REGIO) e la Commissione nazionale Cinese di sviluppo e riforma (NDRC) per scambiare informazioni e migliori pratiche su come configurare e attuare la Politica di Coesione. All interno di questo dialogo, il programma di formazione 2012 ha previsto delle visite presso alcuni stati membri incentrate ad indagare sulle modalità di attuazione della governance multilivello e sulla legislazione della politica regionale. L approccio basato sul partenariato è da considerarsi una delle chiavi principali per il successo del processo di integrazione europeo in quanto garantisce la cooperazione tra i diversi livelli di governo. La Cina è pertanto risultata interessata a conoscere le esperienze nazionali e regionali maggiormente rappresentative delle diverse applicazioni dell approccio di governance europeo e in particolare si è soffermata sulle esperienze realizzate in Belgio, Paesi Bassi e Germania (tutti stati di tipo federale), Italia (con un governo unitario decentralizzato), Polonia e Francia (con un sistema regionalizzato unitario). Per l Italia è stata individuata l esperienza di Regione Lombardia e nello specifico del POR FESR ; la visita si è articolata in una mattinata d aula che ha visto impegnati l Autorità di Gestione del Programma, i responsabili d Asse e UnionCamere. A seguire è stata organizzata una visita guidata al Progetto Integrato d Area Ecolarius (cofinanziato con risorse dell Asse 4 Tutela e valorizzazione del patrimonio naturale e culturale del POR FESR Lombardia), a cura dell Amministrazione Provinciale di Como. Un altra preziosa opportunità per fare rete in Italia, con l Unione Europea e nel mondo, tramite scambio di esperienze e di best practices. 08 NEWSLETTER - Dicembre 2012

9 NEWS 5 Asse 1: I Fondi di ingegneria finanziaria Fondo di garanzia Made in Lombardy MIL (Linea d intervento B ) Il Fondo favorisce le condizioni di accesso al credito delle imprese, fornendo garanzie fino all 80% del finanziamento su programmi di investimento finalizzati ad accrescere la competitività del sistema produttivo regionale. Il MIL, con dotazione pari a 33Meuro, garantisce investimenti in sviluppo, innovazione e ammodernamento. Si rivolge a micro, piccole, medie e grandi imprese appartenenti al settore manifatturiero. Regione Lombardia mette inoltre a disposizione un contributo (voucher) a parziale copertura delle spese sostenute per servizi di consulenza volti alla predisposizione del Business Plan richiesto in sede di domanda di intervento. Si avvisa che il termine di presentazione delle domande per accedere al Fondo MIL, ivi compreso il voucher per la predisposizione del Business Plan, è stato prorogato al 28 luglio 2013 (l avviso è pubblicato sul BURL. n. 40 del Serie Avvisi e Concorsi). Si segnala inoltre che la pubblicazione degli elenchi delle imprese beneficiarie, aggiornati al è disponibile nelle pagine del portale dedicate al MIL. Consulta e scarica qui il bando, i documenti attuativi, gli elenchi delle domande approvate Per ulteriori informazioni scrivi a Finlombarda SpA - BNL SpA - Gruppo BNP Paribas - Artigiancassa SpA - Gruppo BNP Paribas - Fondo di Rotazione per l Imprenditorialità FRIM FESR 2011 (Linea d intervento A) Il Fondo favorisce le condizioni di accesso al credito, attraverso la concessione di prestiti agevolati rimborsabili. Lo stesso attiva, in compartecipazione finanziaria con banche, una linea di credito rotativa di finanziamenti a medio - lungo termine. Si rivolge a micro, piccole e medio imprese operanti nel settore manifatturiero e delle costruzioni, imprese artigiane e del sistema della cooperazione. A seguito di un ulteriore incremento delle risorse destinate al Fondo, attualmente il FRIM ha un dotazione finanziaria complessiva di 43 Meuro. Può concorrere sino al 100 % della spesa ammissibile dei progetti di investimento per l innovazione di prodotto, processo e applicazione industriale della ricerca. 09 NEWSLETTER - DICEMBRE 2012

10 Si segnala l approvazione dei nuovi elenchi delle domande ammesse e non ammesse a finanziamento a valere sulle risorse del Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale. Consulta e scarica qui il bando, i documenti attuativi, gli elenchi delle domande approvate. Per ulteriori informazioni scrivi alla casella Joint European Resources for Micro to Medium Enterprise JEREMIE FESR (Linea d intervento ) Il Fondo favorisce l accesso al credito alle micro, piccole e medie imprese del settore manifatturiero e dei servizi per investimenti innovativi in ambito di ricerca industriale, sviluppo sperimentale, innovazione tecnologica e organizzativa. Prevede l emissione di garanzie, da parte di Confidi, su finanziamenti concessi da banche convenzionate a copertura parziale dei rischi di prima perdita fino all 80% del finanziamento. Il Fondo ha una dotazione complessiva di 20 Meuro. Ad oggi sono state conferite risorse ai Confidi per un totale di 19 Meuro, di cui 10 Meuro relativi al secondo avviso ancora aperto. In aggiunta a tali importi i Confidi hanno messo a disposizione dei destinatari finali un ulteriore quota pari a 4 Meuro, di cui 1,4 Meuro a valere sull avviso ancora aperto. Consulta e scarica qui il bando e i documenti attuativi Per ulteriori informazioni scrivi alla casella 10 NEWSLETTER - dicembre 2012

11 RIEPILOGO BANDI APERTI POR FESR DOTAZIONE BANDO APERTURA BANDO CHIUSURA BANDO ASSE 1 - INNOVAZIONE ED ECONOMIA DELLA CONOSCENZA Linea d Intervento Jeremie - FESR Joint European Resources for Micro to Medium Enterprise Linea di intervento Azione A FRIM - FESR 2011 Fondo di Rotazione per l Imprenditorialità 10 milioni di euro 29 settembre milioni di euro 20 settembre 2011 Aperto Bando a sportello Aperto Bando a sportello Linea di intervento Azione B MIL - Fondo di garanzia Made in Lombardy 33 milioni di euro 28 agosto 2009 Aperto Bando a sportello 11 NEWSLETTER - dicembre 2012

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS AGENDA Il contesto la strategia europea Significati e definizioni Disseminazione:quando e come, a beneficio di chi? Youthpass Link e materiali di disseminazione

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

Programma delle lezioni CORSO DI URBANISTICA

Programma delle lezioni CORSO DI URBANISTICA a CORSO DI URBANISTICA STRUMENTI INNOVATIVI PER IL GOVERNO DEL TERRITORIO Obiettivi formativi Il corso di è un insegnamento importante per il curriculum formativo dell ingegnere edile che vorrà operare

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

02/05/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 35. Regione Lazio

02/05/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 35. Regione Lazio Regione Lazio DIREZIONE SVILUPPO ECONOMICO E ATTIVITA PRODUTTIVE Atti dirigenziali di Gestione Determinazione 23 aprile 2014, n. G06045 POR FESR LAZIO 2007-2013 ASSE I - Attività I.1 "Potenziamento e messa

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

Porta uno SMILE nella tua città

Porta uno SMILE nella tua città Co-Finanziato dal Programma di Cooperazione Territoriale MED SMart green Innovative urban Logistics for Energy efficient Newsletter 3 Siamo lieti di presentare la terza newsletter del progetto SMILE SMILE

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

Soluzioni di risparmio

Soluzioni di risparmio Soluzioni di risparmio Alla ricerca delle spese nascoste Visibile Gestita totalmente Aereo Treno Gestita tradizionalmente Servizi generalmente prenotati in anticipo e approvati dal line manager Meno potenziale

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

PROGRAMMI OPERATIVI NAZIONALI 2007-2013 Obiettivo "Convergenza"

PROGRAMMI OPERATIVI NAZIONALI 2007-2013 Obiettivo Convergenza UNIONE EUROPEA Direzione Generale Occupazione e Affari Sociali e Pari Opportunità Direzione Generale Politiche Regionali MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Dipartimento per la Programmazione

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Lo Sportello Informativo on line La tua Regione a portata di mouse

Lo Sportello Informativo on line La tua Regione a portata di mouse UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA Per favorire il dialogo con i cittadini la Regione Calabria lancia lo sportello informativo, il servizio on line che consente di avere, in tempi certi,

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 2 - Direzione Generale Sviluppo Economico e le Attività Produttive

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FONDO SOCIALE EUROPEO

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FONDO SOCIALE EUROPEO LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FONDO SOCIALE EUROPEO Direzione centrale lavoro, formazione, commercio e pari opportunità Servizio programmazione e gestione interventi formativi

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

ACCENDIAMO IL RISPARMIO

ACCENDIAMO IL RISPARMIO ACCENDIAMO IL RISPARMIO PUBBLICA ILLUMINAZIONE PER LA SMART CITY Ing. Paolo Di Lecce Tesoriere AIDI Amministratore Delegato Reverberi Enetec srl LA MISSION DI REVERBERI Reverberi Enetec è una trentennale

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO P.G. 58467/2012 Data firma: 13/07/2012 Data esecutività: 20/07/2012

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo residenza Via Senatore di Giovanni 5 961 00 Siracusa Indirizzo studio VIALE SANTA PANAGIA, 141/C

Dettagli

Logistica digitale delle Operazioni a premio

Logistica digitale delle Operazioni a premio Logistica digitale delle Operazioni a premio La piattaforma logistica delle operazioni a premio digitali BITGIFT è la nuova piattaforma dedicata alla logistica digitale delle vostre operazioni a premio.

Dettagli

Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti

Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti OGGETTO: PROGETTO TECO A ATTIVITÀ CINECA AUTORE: MAURO MOTTA Indice della presentazione 1. Obiettivo del progetto 2. Identificazione degli attori coinvolti 3. Fasi del progetto Tecnologie e Strumenti Il

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

IL PORTALE DELLE AGEVOLAZIONI

IL PORTALE DELLE AGEVOLAZIONI IL PORTALE DELLE AGEVOLAZIONI - Manuale Operativo - www.finanziamenti-a-fondo-perduto.it COS E COME FUNZIONA Portale di aggiornamenti su agevolazioni ed incentivi che prevede: Servizio di ricerca online

Dettagli

1. Finalità pag. 2. 2. Definizioni. 3. Proposte. 4. Promotori. 5. Linee di intervento. 6. Dotazione finanziaria

1. Finalità pag. 2. 2. Definizioni. 3. Proposte. 4. Promotori. 5. Linee di intervento. 6. Dotazione finanziaria LE FIERE PER LA COMPETITIVITA E LO SVILUPPO DEL TESSUTO IMPRENDITORIALE LOMBARDO. INVITO A PRESENTARE PROGETTI DI INNOVAZIONE ED INTERNAZIONALIZZAZIONE DEL SISTEMA FIERISTICO REGIONALE 1. Finalità pag.

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

LA FORMAZIONE FINANZIATA CON I FONDI INTERPROFESSIONALI I VOUCHER FORMATIVI

LA FORMAZIONE FINANZIATA CON I FONDI INTERPROFESSIONALI I VOUCHER FORMATIVI LA FORMAZIONE FINANZIATA CON I FONDI INTERPROFESSIONALI I VOUCHER FORMATIVI I Fondi Paritetici Inteprofessionali nazionali nascono nel 2003 secondo quanto previsto dalla L. 388/2000, che consente alle

Dettagli

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 REGIONE ABRUZZO Servizio Politica Energetica, Qualità dell aria, SINA Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 anno scolastico 2014-2015 1. PREMESSA La Regione Abruzzo - insieme al MIUR (Ministero della Pubblica

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

LINEE GUIDA. per l'attuazione delle iniziative cofinanziate dai Fondi Strutturali Europei 2007-2013 da parte degli Enti in house del MIUR

LINEE GUIDA. per l'attuazione delle iniziative cofinanziate dai Fondi Strutturali Europei 2007-2013 da parte degli Enti in house del MIUR LINEE GUIDA per l'attuazione delle iniziative cofinanziate dai Fondi Strutturali Europei 2007-2013 da parte degli Enti in house del MIUR Versione 1 Marzo 2011 Prot. n. AOODGAI 4564 del 01.04.2011 v Sito

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

PREMIO STOR-AGE. Concorso di idee innovative per lo storage energetico REGOLAMENTO

PREMIO STOR-AGE. Concorso di idee innovative per lo storage energetico REGOLAMENTO PREMIO STOR-AGE Concorso di idee innovative per lo storage energetico REGOLAMENTO Art. 1 Oggetto e finalità Il premio STOR-AGE è un iniziativa volta a supportare lo sviluppo di progetti imprenditoriali

Dettagli

il retail: un opportunità di business garantita da un team esperto

il retail: un opportunità di business garantita da un team esperto il retail: un opportunità di business garantita da un team esperto il retail: una sfida avvincente Gestire una propria rete di punti vendita monomarca diretti o in franchising, per molte aziende sta diventando

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli