NEWSLETTER - DICEMBRE 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NEWSLETTER - DICEMBRE 2012"

Transcript

1 NEWSLETTER DICEMBRE 2012 IN QUESTO NUMERO... si parla di: News 1: SMAU 2012 e Evento annuale POR FESR Innovazione e competitività in Lombardia: Il Programma Operativo Regionale 01 News 2: Concorso Alla scoperta del POR Lombardia - Al via l edizione News 3: Iniziative finanziarie di prossima realizzazione 07 News 4: La Lombardia incontra la delegazione Cinese 08 News 5: Asse 1: I fondi di ingegneria finanziaria Fondo di garanzia Made in Lombardy MIL Fondo di Rotazione per l Imprenditorialità FRIM FESR 2011 Joint European Resources for Micro to Medium Enterprise RIEPILOGO BANDI APERTI 11 NEWS 1 SMAU 2012 e Evento annuale POR FESR Innovazione e competitività in Lombardia: il Programma Operativo Regionale Evento istituzionale Talkshow L innovazione organizzativa L evento annuale POR FESR si è tenuto nell inconsueta cornice della 49 a edizione di SMAU Milano dal 17 al 19 ottobre. L idea di organizzare l Evento annuale all interno della manifestazione fieristica SMAU nasce dalla volontà di aprirsi ad un format più moderno e vicino al target di riferimento. All interno della sezione Percorsi dell innovazione - Dall idea al business, è stato dato spazio ai migliori progetti di innovazione promossi dalle Regioni d Italia, per sottolineare il loro ruolo nell innovare il sistema territorio attraverso le nuove tecnologie. L Autorità di Gestione POR FESR Lombardia ha partecipato a questa iniziativa presentando le Politiche comunitarie messe in atto a supporto delle aziende e del sistema economico lombardo, per le attività di ricerca e di sviluppo di nuovi prodotti, di processi e di servizi finalizzate all implementazione sistematica di strategie di innovazione tecnologica: un importante occasione per le Pubbliche Amministrazioni per entrare in contatto con il mondo delle imprese, aggiornarle sui finanziamenti e le iniziative attivate a loro supporto e coinvolgerle in progetti di sviluppo. 01 NEWSLETTER - DICEMBRE 2012

2 Nei 3 giorni di manifestazione all interno dell area espositiva, lo spazio Arena è stato teatro di un fitto susseguirsi di talkshow della durata di 50 minuti moderati da Simone Spetia, giornalista di R24; un importante occasione per conoscere i protagonisti di alcuni progetti realizzati in ambito POR FESR Lombardia: idee innovative e soluzioni avanzate per le PMI e la mobilità sostenibile a confronto. Il lavoro che Regione Lombardia compie sul territorio per diffondere l innovazione ha assunto negli ultimi anni una forte valenza strategica. La partecipazione attiva dello staff dell Autorità di Gestione POR FESR Lombardia alla manifestazione fieristica ha consentito inoltre di promuovere le iniziative ancora aperte a valere sull Asse 1 Innovazione ed economia della conoscenza del POR FESR Lombardia, di comunicare i primi risultati e lo stato di avanzamento del Programma, di rafforzare la consapevolezza del grande pubblico sul ruolo e sull impegno comune della Commissione Europea e di Regione Lombardia nello sviluppo del sistema economico lombardo. Di seguito le interviste fatte a due beneficiari del POR FESR Lombardia coinvolti nei talk show. Comune di Milano Asse 3 - Mobilità sostenibile Linea di intervento Interventi integrati per la riduzione degli impatti ambientali derivanti dalla mobilità urbana ed interurbana Progetti: Sistema Integrato di Infomobilità Sistema di trasporto a chiamata per il Comune e l Area Urbana di Milano - piattaforma di gestione e prenotazione Electric City Movers La nostra intervista a Maria Berrini - Amministratore Unico AMAT Agenzia Mobilità Ambiente Territorio del comune di Milano Può spiegarci in poche parole in cosa consistono e quali obiettivi perseguono i tre progetti? Il progetto Infomobilità si propone di realizzare un Sistema integrato di Infomobilità che fornisca a cittadini e turisti dei servizi innovativi di informazione sul traffico, sui servizi di trasporto e mobilità disponibili. La scala di riferimento è quella cittadina e metropolitana, con uno sguardo all ambito regionale. L idea di fondo è quella di offrire a chi si muove tutto il ventaglio delle informazioni utili a pianificare le scelte di spostamento, rendendo così davvero competitivo, rispetto all uso dell auto, l utilizzo di altre modalità (trasporto ferroviario, mezzi di superficie e metropolitane, ciclabilità, pedonalità, car e bike sharing, ecc ). L utilizzatore potrà confrontare le alternative sulla base di diversi criteri, come il costo e il tempo impiegato. 02 NEWSLETTER - DICEMBRE 2012

3 Il Sistema si avvale delle piattaforme tecnologiche e delle informazioni già oggi disponibili, ma rafforzando il livello di integrazione e utilizzabilità. Il Sistema di trasporto a chiamata per il Comune e l Area Urbana di Milano - piattaforma di gestione e prenotazione - permette l integrazione di flessibilità (nei percorsi, fermate e orari) e di tecnologie evolute, che permettono di fornire servizi capillari anche su vaste aree territoriali, in particolare a domanda debole, e l integrabilità nel sistema informatico per la gestione dei servizi tradizionali di TPL. Al fine di garantire la massima flessibilità richiesta da questa tipologia di trasporto, la maggior parte dei sistemi analizzati prevede inoltre funzionalità accessorie che riguardano principalmente i sistemi di prenotazione: ad esempio l accesso al sistema può avvenire, oltre che tramite richiesta telefonica, anche tramite sito internet, WAP o chioschi multimediali per l accesso diretto al servizio. In particolare quest ultima soluzione, che prevede un servizio di prenotazione corsa tramite smart card contact-less, attua un meccanismo di configurazione flessibile dei percorsi in modalità ottimizzata dal punto di vista delle attese. Prendendo spunto dai fattori di successo emersi dal benchmarking, si è strutturata la proposta di intervento che prevede di riorganizzare la piattaforma tecnologica del sistema di trasporto a chiamata attualmente in funzione nel Comune di Milano, al fine di renderla estremamente flessibile per garantire la gestione e la prenotazione del servizio nelle sue diverse possibili forme, estendibili anche all Area Urbana, e ottimizzare l efficienza del sistema di trasporto a chiamata, in coerenza con gli obiettivi sopra enunciati. Il progetto Electric City Movers consiste nella realizzazione di un servizio analogo a quello del Bike sharing (Bike MI), ma mediante l utilizzo di quadricicli elettrici. Il servizio, aperto h24 ai cittadini, accessibile con modalità di pagamento semplificate e abbonamento, permette di dare risposta alla domanda di spostamenti brevi ed occasionali, senza necessità di prenotazione e prendendo e rilasciando il veicoli in luoghi differenti (a traccia libera - One way). La prima fase prevede la realizzazione di circa stazioni (per un totale di circa. 60 veicoli). Le stazioni di presa e rilascio dei veicoli saranno attrezzate come Isole digitali, dotate di una molteplicità di servizi (WiFi, infoturismo e infomobilità, colonnine SOS, panchine, ecc.). Quali sono i benefici dei progetti per il Comune e per la popolazione, in termini di risparmio energetico e di impatto ambientale? I benefici ambientali ed energetici sono la conseguenza di un cambiamento nelle scelte di mobilità che i progetti contribuiranno ad innescare. La riduzione nell uso individuale dell auto, la minor propensione a usare veicoli alimentati a benzina o a gas, che deriverà dall offerta dei servizi alternativi appena illustrati, produce effetti ambientali positivi in termini globali e locali (riduzione consumo energia fossile, riduzione emissioni climalteranti ed emissioni inquinanti e sonore, riduzione concentrazioni inquinanti dannose alla salute in prossimità delle aree trafficate, riduzione incidenti stradali, miglioramento della qualità ambientale complessiva degli spazi pubblici). 03 NEWSLETTER - dicembre 2012

4 Come è venuta a conoscenza delle opportunità di finanziamento? Le informazioni fornite e l assistenza da parte dell Amministrazione regionale sono state adeguate alle vostre necessità? Dai normali canali informativi (rapporti istituzionali e canali di comunicazione di Regione Lombardia). L assistenza è stata ampia ed esaustiva. Come valuta l esperienza con il POR FESR Lombardia, nel suo complesso? L attuale Amministrazione comunale, in carica da solo un anno e mezzo, non ha avuto modo di seguire per ovvie ragioni le fasi iniziali delle iniziative. Sicuramente si ritiene fondamentale che, pur nel quadro delle strategie e degli obiettivi indicati a livello europeo, i POR siano definiti a partire dalla effettive esigenze e priorità degli utilizzatori, motivo per cui auspichiamo che l Amministrazione regionale confermi tale modalità di lavoro anche per la prossima programmazione. Inoltre riteniamo importante che i prossimi POR pongano maggiore attenzione alla necessità di sostegno finanziario per soluzioni innovative nel campo della sostenibilità (mobilità, energia, riqualificazioni urbane, gestione delle risorse ambientali, ecc.). Il comune di Milano ha dato la sua disponibilità a presentare la propria esperienza nell ambito dell evento di comunicazione annuale del POR FESR Lombardia dello scorso ottobre. Ha gradito l iniziativa di Regione Lombardia di dare spazio e risalto ad alcuni dei progetti finanziati con le risorse del Programma? Abbiamo sicuramente gradito. L Amministrazione regionale può e deve giocare un ruolo importante nella diffusione delle buone pratiche e nel monitoraggio dei risultati. Franchi&Kim Industrie Vernici S.p.A. Asse 1 - Mobilità sostenibile Linea di intervento C - Realizzazione di interventi volti all innovazione dei processi e dell organizzazione nei servizi Progetto: Paint On Demand La nostra intervista a Pierangelo Zobbio, Amministratore delegato di Franchi&Kim Industrie Vernici S.p.A. Può spiegarci in poche parole in cosa consiste il progetto e cosa si propone? Il progetto si propone di realizzare un nuovo metodo di produzione e di distribuzione che consente, grazie ad un unico sistema, di ottenere tutti i tipi di pittura direttamente nel punto vendita e in base alla richiesta. La Vernice viene smontata nei suoi elementi principali e, tramite l utilizzo di cisterne e di software gestionali, viene ricompattata al momento del reale utilizzo con l erogazione del prodotto. 04 NEWSLETTER - Dicembre 2012

5 L obiettivo è di costruire un sistema produttivo, organizzativo, gestionale e distributivo che permetta ai rivenditori, piccoli produttori, depositari e concessionari di gestire tutto il flusso produttivo e distributivo in una forma integrata e sistematica, attraverso l ausilio di sistemi informativi. Quali sono i benefici del progetto in termini di innovazione? I benefici ottenibili in termini di innovazione sono principalmente la riduzione della merce a magazzino dell 80% circa, evitando sprechi e obsolescenze, eliminando i relativi costi di gestione e moltiplicando la gamma di prodotti tra cui scegliere. Consegniamo infatti ai distributori un impianto modulare e personalizzabile, che permette di ottenere una gamma di prodotti finiti a partire da componenti semilavorati, che sono soltanto 12, a differenza degli 80 tipi di basi di vernice solitamente utilizzati. Unendo questi ai coloranti è possibile ottenere il riempimento di una latta di vernice partendo da zero. Il prodotto viene erogato solo quando è richiesto e la gestione del processo è affidata a un software intuitivo che ne permette la supervisione, garantendo il controllo totale su ogni fase del ciclo. Il sistema favorisce una minimizzazione degli sprechi e una notevole riduzione degli scarti: le latte sono infatti riciclabili e quindi riutilizzabili. Come è venuto a conoscenza delle opportunità di finanziamento del POR FESR ? Le informazioni fornite e l assistenza da parte dell Amministrazione regionale sono state adeguate alle vostre necessità? Una società nostra collaboratrice, che si occupa di finanza agevolata, ha portato alla nostra conoscenza l iniziativa di Regione Lombardia nell ambito del POR FESR e noi, prontamente, ne abbiamo usufruito. L Amministrazione regionale si è dimostrata particolarmente attenta e puntuale sia nella gestione iniziale che nella rendicontazione periodica dell erogazione del finanziamento e del monitoraggio del progetto, offrendo anche uno spunto formativo interessante alle risorse aziendali coinvolte. Come valuta l esperienza con il POR FESR Lombardia, nel suo complesso? Nel complesso l esperienza è stata soddisfacente. Il nostro progetto ha previsto un investimento complessivo di 600 mila euro, di cui 155 mila euro di contributo pubblico (FESR + quota nazionale + quota regionale. Ndr). L erogazione del finanziamento non è stata vincolante per Franchi&Kim; la società avrebbe comunque iniziato e portato avanti il progetto Paint on Demand, proprio perché crede fortemente nell utilizzo della tecnologia come strumento di acquisizione di un vantaggio competitivo. Di certo però l iniziativa attivata da Regione Lombardia nell ambito del POR FESR ha aiutato nel raggiungimento dell obiettivo. 05 NEWSLETTER - Dicembre 2012

6 La Franchi&Kim Industrie Vernici S.p.A. ha dato la sua disponibilità a presentare la propria esperienza nell ambito dell evento di comunicazione annuale del POR FESR Lombardia dello scorso ottobre. Ha gradito l iniziativa di Regione Lombardia di dare spazio e risalto ai progetti finanziati con le risorse del Programma? Assolutamente si, l iniziativa è stata molto interessante e innovativa, in una realtà del mondo business to business dove i canali di comunicazione sono spesso tradizionali. Per il futuro si potrebbe pensare anche all utilizzo di altri palcoscenici di presentazione dei progetti finanziati, al fine di aumentare anche il coinvolgimento dei destinatari d uso. NEWS 2 Concorso Alla scoperta del POR Lombardia - Al via l edizione L Autorità di Gestione ha lanciato il Concorso, rivolto agli studenti degli ultimi anni degli istituti d istruzione secondaria, con l intento di avvicinare i giovani alle tematiche comunitarie e, in particolare, aiutare gli studenti a comprendere il ruolo dell Unione Europea nello sviluppo socioeconomico del proprio territorio e a scoprire come l integrazione tra politica comunitaria e politica locale porta ricadute positive e concrete anche nella vita quotidiana. Le scuole iscritte sono ora impegnate a realizzare un elaborato creativo (fotografia, video, testo scritto, ecc.) che affronti una delle tematiche del Concorso: l Unione Europea, la programmazione comunitaria, il POR con i suoi obiettivi, i progetti realizzati al suo interno, i benefici sul territorio, ecc. L approccio e la specifica tematica potranno essere scelti dai partecipanti sulla base del proprio interesse o sensibilità: l elaborato potrà quindi spaziare da riflessioni generali sull Unione Europea fino all analisi dei singoli progetti realizzati sul territorio lombardo grazie al POR. Si ringraziano le imprese che hanno dato la disponibilità a rispondere agli studenti interessati al proprio progetto innovativo. Si segnala che è sempre possibile candidare il proprio progetto finanziato con fondi FESR per le attività di comunicazione attivate dall Autorità di Gestione POR FESR Lombardia. Per informazioni scrivete a 06 NEWSLETTER - Dicembre 2012

7 NEWS 3 Iniziative FINANZIARIE di prossima realizzazione Con delibere n e 4322 del 26 ottobre 2012 (pubblicate sul BURL n. 45 supplemento ordinario del ) sono state attivate nuove linee d intervento. Ecco le principali novità introdotte: modificata ed integrata la Linea d intervento Sostegno alla ricerca industriale e all innovazione di alto profilo nei settori di punta delle PMI lombarde; all innovazione di sistema ed organizzativa, di interesse sovraziendale con l introduzione dell Azione e Sostegno alla realizzazione di progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale del settore delle Smart Cities and Communities (dotazione FESR 16,4 M ); definiti i contenuti della Linea d intervento Sviluppo di Centri di competenza di rilievo regionale in base alla quale è stato sottoscritto l Accordo tra Regione Lombardia e la Fondazione Cariplo (dotazione complessiva 9 Meuro, di cui 3 Meuro FESR, 2Meuro FSE, 1Meuro risorse regionali e 3Meuro Fondazione Cariplo). In attuazione di tale Accordo, è in via di definizione (entro dicembre 2012) la manifestazione di interesse per la sperimentazione di iniziative di promozione, sviluppo e valorizzazione del capitale umano della ricerca. Queste iniziative avranno ricadute dirette sul territorio lombardo attraverso la realizzazione di laboratori di ricerca, anche presso le imprese, al fine di migliorarne la competitività e il posizionamento sui mercati globali. modificata ed integrata la Linea d intervento Sostegno alla crescita della capacità competitiva delle imprese lombarde con l introduzione dell Azione F Sostegno alle reti d impresa (dotazione FESR 6 Meuro); Entro gennaio sarà definito l avviso di evidenza pubblica attuativo della Linea d intervento - Azione F. modificata ed integrata la Linea d intervento Sostegno alla crescita della capacità competitiva delle imprese lombarde con l introduzione dell Azione e Piani di rilancio aziendale (dotazione FESR 3 Meuro). È in via di definizione (entro dicembre 2012) la manifestazione di interesse diretta alla costituzione di un elenco regionale di fornitori di servizi (aperto per l intera durata dell iniziativa) per la redazione dei piani di rilancio aziendale da parte delle PMI, destinatarie dell iniziative. Consulta e scarica qui le delibere di riferimento, pubblicate sul BURL 45 serie ordinaria del NEWSLETTER - Dicembre 2012

8 NEWS 4 La Lombardia incontra la delegazione Cinese Sessione di lavoro Capo delegazione Cinese e Autorità di Gestione del POR FESR Lombardia Il 7 luglio l Autorità di Gestione del POR FESR ha ricevuto la visita di una delegazione cinese composta da 20 persone tra funzionari e dirigenti dei Ministeri impegnati nel progetto Regional Policy Dialogue with China, progetto pilota della Commissione Europea volto a migliorare la cooperazione regionale e locale attraverso la promozione della politica regionale dell Unione europea su scala globale. Il dialogo UE-Cina è stato istituito tra la Direzione Generale per Politica regionale della Commissione europea (DG REGIO) e la Commissione nazionale Cinese di sviluppo e riforma (NDRC) per scambiare informazioni e migliori pratiche su come configurare e attuare la Politica di Coesione. All interno di questo dialogo, il programma di formazione 2012 ha previsto delle visite presso alcuni stati membri incentrate ad indagare sulle modalità di attuazione della governance multilivello e sulla legislazione della politica regionale. L approccio basato sul partenariato è da considerarsi una delle chiavi principali per il successo del processo di integrazione europeo in quanto garantisce la cooperazione tra i diversi livelli di governo. La Cina è pertanto risultata interessata a conoscere le esperienze nazionali e regionali maggiormente rappresentative delle diverse applicazioni dell approccio di governance europeo e in particolare si è soffermata sulle esperienze realizzate in Belgio, Paesi Bassi e Germania (tutti stati di tipo federale), Italia (con un governo unitario decentralizzato), Polonia e Francia (con un sistema regionalizzato unitario). Per l Italia è stata individuata l esperienza di Regione Lombardia e nello specifico del POR FESR ; la visita si è articolata in una mattinata d aula che ha visto impegnati l Autorità di Gestione del Programma, i responsabili d Asse e UnionCamere. A seguire è stata organizzata una visita guidata al Progetto Integrato d Area Ecolarius (cofinanziato con risorse dell Asse 4 Tutela e valorizzazione del patrimonio naturale e culturale del POR FESR Lombardia), a cura dell Amministrazione Provinciale di Como. Un altra preziosa opportunità per fare rete in Italia, con l Unione Europea e nel mondo, tramite scambio di esperienze e di best practices. 08 NEWSLETTER - Dicembre 2012

9 NEWS 5 Asse 1: I Fondi di ingegneria finanziaria Fondo di garanzia Made in Lombardy MIL (Linea d intervento B ) Il Fondo favorisce le condizioni di accesso al credito delle imprese, fornendo garanzie fino all 80% del finanziamento su programmi di investimento finalizzati ad accrescere la competitività del sistema produttivo regionale. Il MIL, con dotazione pari a 33Meuro, garantisce investimenti in sviluppo, innovazione e ammodernamento. Si rivolge a micro, piccole, medie e grandi imprese appartenenti al settore manifatturiero. Regione Lombardia mette inoltre a disposizione un contributo (voucher) a parziale copertura delle spese sostenute per servizi di consulenza volti alla predisposizione del Business Plan richiesto in sede di domanda di intervento. Si avvisa che il termine di presentazione delle domande per accedere al Fondo MIL, ivi compreso il voucher per la predisposizione del Business Plan, è stato prorogato al 28 luglio 2013 (l avviso è pubblicato sul BURL. n. 40 del Serie Avvisi e Concorsi). Si segnala inoltre che la pubblicazione degli elenchi delle imprese beneficiarie, aggiornati al è disponibile nelle pagine del portale dedicate al MIL. Consulta e scarica qui il bando, i documenti attuativi, gli elenchi delle domande approvate Per ulteriori informazioni scrivi a Finlombarda SpA - BNL SpA - Gruppo BNP Paribas - Artigiancassa SpA - Gruppo BNP Paribas - Fondo di Rotazione per l Imprenditorialità FRIM FESR 2011 (Linea d intervento A) Il Fondo favorisce le condizioni di accesso al credito, attraverso la concessione di prestiti agevolati rimborsabili. Lo stesso attiva, in compartecipazione finanziaria con banche, una linea di credito rotativa di finanziamenti a medio - lungo termine. Si rivolge a micro, piccole e medio imprese operanti nel settore manifatturiero e delle costruzioni, imprese artigiane e del sistema della cooperazione. A seguito di un ulteriore incremento delle risorse destinate al Fondo, attualmente il FRIM ha un dotazione finanziaria complessiva di 43 Meuro. Può concorrere sino al 100 % della spesa ammissibile dei progetti di investimento per l innovazione di prodotto, processo e applicazione industriale della ricerca. 09 NEWSLETTER - DICEMBRE 2012

10 Si segnala l approvazione dei nuovi elenchi delle domande ammesse e non ammesse a finanziamento a valere sulle risorse del Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale. Consulta e scarica qui il bando, i documenti attuativi, gli elenchi delle domande approvate. Per ulteriori informazioni scrivi alla casella Joint European Resources for Micro to Medium Enterprise JEREMIE FESR (Linea d intervento ) Il Fondo favorisce l accesso al credito alle micro, piccole e medie imprese del settore manifatturiero e dei servizi per investimenti innovativi in ambito di ricerca industriale, sviluppo sperimentale, innovazione tecnologica e organizzativa. Prevede l emissione di garanzie, da parte di Confidi, su finanziamenti concessi da banche convenzionate a copertura parziale dei rischi di prima perdita fino all 80% del finanziamento. Il Fondo ha una dotazione complessiva di 20 Meuro. Ad oggi sono state conferite risorse ai Confidi per un totale di 19 Meuro, di cui 10 Meuro relativi al secondo avviso ancora aperto. In aggiunta a tali importi i Confidi hanno messo a disposizione dei destinatari finali un ulteriore quota pari a 4 Meuro, di cui 1,4 Meuro a valere sull avviso ancora aperto. Consulta e scarica qui il bando e i documenti attuativi Per ulteriori informazioni scrivi alla casella 10 NEWSLETTER - dicembre 2012

11 RIEPILOGO BANDI APERTI POR FESR DOTAZIONE BANDO APERTURA BANDO CHIUSURA BANDO ASSE 1 - INNOVAZIONE ED ECONOMIA DELLA CONOSCENZA Linea d Intervento Jeremie - FESR Joint European Resources for Micro to Medium Enterprise Linea di intervento Azione A FRIM - FESR 2011 Fondo di Rotazione per l Imprenditorialità 10 milioni di euro 29 settembre milioni di euro 20 settembre 2011 Aperto Bando a sportello Aperto Bando a sportello Linea di intervento Azione B MIL - Fondo di garanzia Made in Lombardy 33 milioni di euro 28 agosto 2009 Aperto Bando a sportello 11 NEWSLETTER - dicembre 2012

Indice. Il contesto di riferimento La dotazione finanziaria del POR

Indice. Il contesto di riferimento La dotazione finanziaria del POR L'attivazione dei Fondi d'ingegneria finanziaria Incontro annuale 2011 tra la Commissione Europea e le Autorità di Gestione dei PO FESR 2007-20132013 Roma, 27 ottobre 2011 Indice Il contesto di riferimento

Dettagli

Interventi regionali per le imprese

Interventi regionali per le imprese Marzo 2011 Gli strumenti di Regione Lombardia a sostegno delle imprese Istat Esportazioni (mld, 2010) 27,8% 93,9 Prestiti alle imprese (mld ) 27,7% 955,6 265,4 Bankit (30/09/2010) Gli strumenti messi in

Dettagli

NEWSLETTER MARZO 2012. NEWS 1 - Si scrive POR, si legge Competitività: l attuazione del Programma raccontata dai beneficiari 01

NEWSLETTER MARZO 2012. NEWS 1 - Si scrive POR, si legge Competitività: l attuazione del Programma raccontata dai beneficiari 01 NEWSLETTER MARZO 2012 IN QUESTO NUMERO... si parla di: NEWS 1 - Si scrive POR, si legge Competitività: l attuazione del Programma raccontata dai beneficiari 01 NEWS 2 - Asse 1 - Linea d intervento 1.1.1.1.D

Dettagli

Politiche regionali per l efficienza energetica

Politiche regionali per l efficienza energetica Politiche regionali per l efficienza energetica Giuliano Vendrame Sez Energia Regione del Veneto Venezia, 15 dicembre 2015 Piano Energetico Regionale Fonti Rinnovabili - Risparmio Energetico - Efficienza

Dettagli

Evento Smart Cities and Communities -Milano 5 aprile 2016

Evento Smart Cities and Communities -Milano 5 aprile 2016 Evento Smart Cities and Communities -Milano 5 aprile 2016 Esperienze di successo e prospettive future Olivia Postorino AdG POR FESR 2007-2013 Un contesto in evoluzione : il ruolo delle Smart Cities Un

Dettagli

Ti presento il POR FESR

Ti presento il POR FESR UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale CONCORSO ALLA SCOPERTA DEL POR LOMBARDIA. Seconda edizione Ti presento Guida alle tematiche del concorso Alla scoperta del POR Lombardia 1 1. La politica

Dettagli

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 2 Febbraio 2014 REGIONE LOMBARDIA

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 2 Febbraio 2014 REGIONE LOMBARDIA NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 2 Febbraio 2014 REGIONE LOMBARDIA ANTICIPAZIONI FINANZIAMENTI AGEVOLATI NUOVA SABATINI PER INVESTIMENTI IN MACCHINARI, IMPIANTI, BENI STRUMENTALI, ATTREZZATURE NUOVE

Dettagli

ASSE 1. INNOVAZIONE ED ECONOMIA DELLA CONOSCENZA Dott.ssa Colombo

ASSE 1. INNOVAZIONE ED ECONOMIA DELLA CONOSCENZA Dott.ssa Colombo ASSE 1 INNOVAZIONE ED ECONOMIA DELLA CONOSCENZA Dott.ssa Colombo ASSE 1: OBIETTIVI E FINALITÀ Promozione di maggiore intensità e qualità degli investimenti in Ricerca e Sviluppo; Potenziamento degli investimenti

Dettagli

WORKSHOP 08/10/2013 - RETI E INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE

WORKSHOP 08/10/2013 - RETI E INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE WORKSHOP 08/10/2013 - RETI E INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE Intervento Gli obiettivi e i programmi di Regione Lombardia verso il sistema delle PMI e delle Reti in particolare Contesto Dott.ssa Olivia

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 3619 Seduta del 21/05/2015

DELIBERAZIONE N X / 3619 Seduta del 21/05/2015 DELIBERAZIONE N X / 3619 Seduta del 21/05/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI MARIA CRISTINA CANTU' CRISTINA

Dettagli

Patto dei Sindaci Il ruolo della Regione del Veneto

Patto dei Sindaci Il ruolo della Regione del Veneto Patto dei Sindaci Il ruolo della Regione del Veneto giuliano vendrame sezione energia regione del veneto Treviso, 25 marzo 2015 Dal 2008 attraverso il Patto dei Sindaci, le città firmatarie si sono impegnate

Dettagli

PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA

PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA ASSESSORATO DELL INDUSTRIA Allegato alla Delib.G.R. n. 63/7 del 15.12.2015 PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA

Dettagli

Francesco Pierri Mobility Manager Provincia di Milano

Francesco Pierri Mobility Manager Provincia di Milano Intervento Francesco Pierri Mobility Manager Provincia di Milano Sala Falck Assolombarda 29 gennaio 2007 Convegno MUOVERE PERSONE E MERCI: LE POLITICHE E I PROGETTI PER LA COSTRUZIONE DELLA CITY LOGISTICS

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE FESR 2007-2013

PROGRAMMA OPERATIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE FESR 2007-2013 PROGRAMMA OPERATIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE FESR 2007-2013 Rapporto Annuale di Esecuzione 2012 Versione approvata dal Comitato di Sorveglianza del 21 giugno 2013 Rapporto Finale di Esecuzione

Dettagli

Città metropolitane e PON Metro

Città metropolitane e PON Metro Città metropolitane e PON Metro Corso di Pubblica Amministrazione e Sviluppo Locale Massimo La Nave 1 L area delle operazioni del PON Il pilastro del PON Metro è l identificazione dei Comuni capoluogo

Dettagli

Manifattura diffusa creativa e tecnologica 4.0

Manifattura diffusa creativa e tecnologica 4.0 Legge Regionale 24 settembre 2015, n. 26 Manifattura diffusa creativa e tecnologica 4.0 (BURL n. 40, suppl. del 28 Settembre 2015 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:2015-09-24;26 Art. 1 (Finalità) 1. La

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE FESR 2007-2013. Rapporto Annuale di Esecuzione 2013

PROGRAMMA OPERATIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE FESR 2007-2013. Rapporto Annuale di Esecuzione 2013 PROGRAMMA OPERATIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE FESR 2007-2013 Rapporto Annuale di Esecuzione 2013 Versione approvata dal Comitato di Sorveglianza del 26 giugno 2014 Indice 1 IDENTIFICAZIONE...

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. VISTA la Legge regionale 18 febbraio 2002 n.6 e successive modificazioni;

LA GIUNTA REGIONALE. VISTA la Legge regionale 18 febbraio 2002 n.6 e successive modificazioni; DGR 391 del 22 maggio 2009 OGGETTO: POR FESR Lazio 2007-2013 Obiettivo Competitività regionale e occupazione Attuazione dell Attività III.2 Promozione di trasporti urbani puliti. Approvazione della Scheda

Dettagli

Strumentazioni in favore dell imprenditoria femminile e giovanile

Strumentazioni in favore dell imprenditoria femminile e giovanile Strumentazioni in favore dell imprenditoria femminile e giovanile Verona, 14 aprile 2014 Michele Pelloso Direttore Sezione Industria e Artigianato Assessorato all Economia e Sviluppo, Ricerca e Innovazione

Dettagli

Innovare nel Life Science: opportunità europee e regionali

Innovare nel Life Science: opportunità europee e regionali Innovare nel Life Science: opportunità europee e regionali Gli incentivi regionali per l innovazione industriale e il nuovo bando R&S per le aggregazioni di PMI Speaker Pierluigi Bertolini - Responsabile

Dettagli

DECRETO N. 5032 Del 17/06/2015

DECRETO N. 5032 Del 17/06/2015 DECRETO N. 5032 Del 17/06/2015 Identificativo Atto n. 589 DIREZIONE GENERALE ATTIVITA' PRODUTTIVE, RICERCA E INNOVAZIONE Oggetto POR FESR 2007-2013. PROROGA DEL TERMINE PER LA CHIUSURA DELLO SPORTELLO

Dettagli

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PREMESSO CHE: Il Panel Inter-Governativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC) ha confermato che il cambiamento climatico é una realtà e la cui causa principale é l utilizzo

Dettagli

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 Piano di comunicazione 2015 Indice Premessa 3 Azioni di comunicazione 3 Azione propedeutica: definizione dell immagine

Dettagli

Punto 7 all ordine del giorno dell VIII Comitato di Sorveglianza

Punto 7 all ordine del giorno dell VIII Comitato di Sorveglianza UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA POR CALABRIA FESR 2007/2013 INFORMATIVA SULLO STATO DI ATTUAZIONE DEGLI STRUMENTI DI INGEGNERIA FINANZIARIA Punto 7 all ordine del giorno dell VIII Comitato

Dettagli

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà NEWSLETTER DICEMBRE 2009 IN QUESTO NUMERO... si parla di: EDITORIALE 01 La valutazione nel periodo di programmazione Fondi Strutturali 2007-2013 02 La valutazione del POR Competitività, 2007-2013 03 Il

Dettagli

internazionalizzazione@regione.lombardia.it

internazionalizzazione@regione.lombardia.it Finalità: Favorire i processi di internazionalizzazione delle micro piccole medie imprese Risorse: 5.440.000 Ambiti di intervento: Valore del voucher: MPMI lombarde (escluso settore agricolo) Misura A:

Dettagli

Domande sull Unione Europea?.....Può aiutarti!

Domande sull Unione Europea?.....Può aiutarti! Domande sull Unione Europea?.....Può aiutarti! Finanziamenti dell Unione europea: funzionamento e fonti di informazione on-line Perché una strategia per l Europa 2020? La crisi degli ultimi anni ha determinato

Dettagli

ALLEGATOB alla Dgr n. 3640 del 30 novembre 2009 pag. 1/7

ALLEGATOB alla Dgr n. 3640 del 30 novembre 2009 pag. 1/7 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATOB alla Dgr n. 3640 del 30 novembre 2009 pag. 1/7 PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE (POR) - PARTE FESR 2007-2013 COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE, ASSE 4. LINEA

Dettagli

22/09/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 76. Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori

22/09/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 76. Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Regione Lazio Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Deliberazione 9 settembre 2015, n. 461 L.R. 13 aprile 2012, n. 2 e ss.mm.ii. - Approvazione del Programma Operativo Annuale del Cinema e dell'audiovisivo

Dettagli

L'esperienza del Por Fesr Emilia- Romagna e le novità 2014-2020. Morena Diazzi Autorità di Gestione Por Fesr Emilia-Romagna 2007-2013

L'esperienza del Por Fesr Emilia- Romagna e le novità 2014-2020. Morena Diazzi Autorità di Gestione Por Fesr Emilia-Romagna 2007-2013 L'esperienza del Por Fesr Emilia- Romagna e le novità 2014- Morena Diazzi Autorità di Gestione Por Fesr Emilia-Romagna 2007-2013 IL POR FESR 2007-2013 Fondi strutturali 2007-2013 Sviluppo innovativo delle

Dettagli

LA DECISIONE POLITICA COME ELEMENTO PROPULSORE

LA DECISIONE POLITICA COME ELEMENTO PROPULSORE Roma, 5 marzo 2015 LA DECISIONE POLITICA COME ELEMENTO PROPULSORE Una città non può essere amministrata e basta. Non è niente amministrare una città, bisogna darle un compito, altrimenti muore Giorgio

Dettagli

Finanziare la Cultura e il Turismo a livello Nazionale e Regionale

Finanziare la Cultura e il Turismo a livello Nazionale e Regionale Finanziare la Cultura e il Turismo a livello Nazionale e Regionale Dott.ssa Letizia Donati donati@eurosportello.eu Eurosportello Confesercenti 9 ottobre 2015 I Fondi Strutturali per la Cultura e Turismo

Dettagli

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTONOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTONOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTONOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Le policy dell energia in Sardegna I fondi di coesione per il settore energia, nel processo di definizione

Dettagli

HORIZON 2020 E ALTRI FONDI EUROPEI PER IL NON PROFIT E LE IMPRESE SOCIALI I Fondi Europei di Sviluppo Regionale e il Fondo Sociale Europeo

HORIZON 2020 E ALTRI FONDI EUROPEI PER IL NON PROFIT E LE IMPRESE SOCIALI I Fondi Europei di Sviluppo Regionale e il Fondo Sociale Europeo HORIZON 2020 E ALTRI FONDI EUROPEI PER IL NON PROFIT E LE IMPRESE SOCIALI I Fondi Europei di Sviluppo Regionale e il Fondo Sociale Europeo Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato

Dettagli

POR FSE SARDEGNA 2007 2013 INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO

POR FSE SARDEGNA 2007 2013 INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO POR FSE SARDEGNA 2007 2013 INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO 1 Di cosa parliamo! 1. Il FSE nella Politica di Coesione 2. Cos è il Fondo Sociale Europeo? 3. Il FSE in Sardegna 4. Le priorità del FSE 2 1. Il

Dettagli

Fare clic per inserire titolo

Fare clic per inserire titolo inserire titolo L Agenda Urbana nel POR FESR Emilia Romagna 2014-2020 del Morena sottotitolo Diazzi dello Autorità di Gestione La strategia del Programma e l attenzione ai territori Riprendere un percorso

Dettagli

Il Programma Operativo Regionale del Friuli Venezia Giulia

Il Programma Operativo Regionale del Friuli Venezia Giulia 1 PERIODICO DI INFORMAZIONE SULLE OPPORTUNITÀ DEL POR FESR IN FRIULI VENEZIA GIULIA INVESTIAMO NEL NOSTRO FUTURO Comunicare informando Vogliamo iniziare questa edizione, ringraziando sentitamente per i

Dettagli

DECRETO N. 9863 Del 18/11/2015

DECRETO N. 9863 Del 18/11/2015 DECRETO N. 9863 Del 18/11/2015 Identificativo Atto n. 326 DIREZIONE GENERALE SVILUPPO ECONOMICO Oggetto DETERMINAZIONI IN MERITO AL BANDO "LINEA 8 FRIM START-UP E RE-START DI CUI AL DECRETO N. 9441/2013

Dettagli

Informativa sull attuazione del Piano di comunicazione

Informativa sull attuazione del Piano di comunicazione UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA FONDO SOCIALE EUROPEO PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FSE 2007-2013 VIII Comitato di Sorveglianza POR Calabria FSE 2007-2013 4 Dicembre 2014 Punto

Dettagli

Ciclo seminari SNV NUVAL - 19 maggio 2015

Ciclo seminari SNV NUVAL - 19 maggio 2015 Ciclo seminari SNV NUVAL - 19 maggio 2015 Ciclo di seminari Ricostruzione della Teoria del Programma per la redazione dei Piani di Valutazione Analisi dell OT3 RA 3.6: Miglioramento dell accesso al credito

Dettagli

NEWSLETTER MAGGIO 2014. Concorso Alla scoperta del POR Lombardia. Ecco i vincitori della 3 a edizione

NEWSLETTER MAGGIO 2014. Concorso Alla scoperta del POR Lombardia. Ecco i vincitori della 3 a edizione NEWSLETTER MAGGIO 2014 IN QUESTO NUMERO... si parla di: News 1. Concorso Alla scoperta del POR Lombardia Ecco i vincitori della 3 a edizione 01 News 2. Avvisi pubblici 2013: stato di attuazione 05 Smart

Dettagli

Ricerca e Innovazione: Le sinergie tra la Smart Specialisation Strategy e Horizon 2020

Ricerca e Innovazione: Le sinergie tra la Smart Specialisation Strategy e Horizon 2020 Ricerca e Innovazione: Le sinergie tra la Smart Specialisation Strategy e Horizon 2020 Esempi di programmazione Regionale Roma 11 settembre 2015 Armando De Crinito Direttore Generale Vicario DG Attività

Dettagli

SOCIETÀ DEL NETWORK Madruzza & Associati www.madruzzaeassociatispa.com

SOCIETÀ DEL NETWORK Madruzza & Associati www.madruzzaeassociatispa.com SOCIETÀ DEL NETWORK Madruzza & Associati www.madruzzaeassociatispa.com Città più vivibili e accessibili Mobilità sostenibile Infomobilità Soluzioni chiavi in mano per servizi ecosostenibili e nuovi business

Dettagli

POR FESR FVG 2014-2020

POR FESR FVG 2014-2020 { POR FESR FVG 2014-2020 Investimenti a favore { della crescita e dell occupazione 5 assi tematici (231 meuro) Asse 1 Rafforzare la ricerca, lo sviluppo tecnologico e l innovazione: 77 meuro Asse 2 Promuovere

Dettagli

La politica regionale a sostegno dell energia energia sostenibile

La politica regionale a sostegno dell energia energia sostenibile La politica regionale a sostegno dell energia energia sostenibile giuliano vendrame sezione energia regione del veneto Padova, 17 novembre 2014 Piano Energetico Regionale Fonti Rinnovabili - Risparmio

Dettagli

Questi i bandi pubblicati: 1) PRESTITI PARTECIPATIVI:

Questi i bandi pubblicati: 1) PRESTITI PARTECIPATIVI: STARTUP LAZIO! punta a promuovere la nascita e lo sviluppo di nuove imprese innovative, attraverso il finanziamento di 4 nuovi bandi: tra la fine del 2013 e l'inizio del 2014 sono stati stanziati complessivamente

Dettagli

PRSE 2012-2015 Progetto speciale di interesse regionale Toscana Turistica Sostenibile e Competitiva Fase 2

PRSE 2012-2015 Progetto speciale di interesse regionale Toscana Turistica Sostenibile e Competitiva Fase 2 PRSE 2012-2015 Progetto speciale di interesse regionale Toscana Turistica Sostenibile e Competitiva Fase 2 ALL. A Accordo per l adesione alla fase applicativa degli Osservatori Turistici di Destinazione

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2521 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2521 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2521 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 4350 Seduta del 20/11/2015

DELIBERAZIONE N X / 4350 Seduta del 20/11/2015 DELIBERAZIONE N X / 4350 Seduta del 20/11/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali FABRIZIO SALA Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI FRANCESCA BRIANZA CRISTINA

Dettagli

ASSE I RICERCA SCIENTIFICA INNOVAZIONE TECNOLOGICA E SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE

ASSE I RICERCA SCIENTIFICA INNOVAZIONE TECNOLOGICA E SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE ASSE I RICERCA SCIENTIFICA INNOVAZIONE TECNOLOGICA E SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE Obiettivi Specifici 1.1. Rafforzare e valorizzare il sistema regionale della ricerca e le reti di cooperazione con le imprese

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 52/40 DEL 23.12.2014

DELIBERAZIONE N. 52/40 DEL 23.12.2014 Oggetto: POR FESR Sardegna 2007-2013. Progetto sperimentale Reti di distribuzione e mobilità elettrica. Programmazione azioni di promozione del risparmio e dell efficienza energetica a valere sulla linea

Dettagli

Fondo per lo Sviluppo e la Coesione 2007 2013: Stato di attuazione e Best practices

Fondo per lo Sviluppo e la Coesione 2007 2013: Stato di attuazione e Best practices Fondo per lo Sviluppo e la Coesione 2007 2013: Stato di attuazione e Best practices Ancona 30 novembre 2012 Fabrizio Recchi P. F. Autorità di gestione del FAS, autorità di certificazione e pagamento e

Dettagli

Puglia: il POR FESR 2007-2013

Puglia: il POR FESR 2007-2013 Agevolazioni Finanziarie 25 di Bruno Pagamici - Dottore commercialista, Revisore contabile, Pubblicista - Studio Pagamici - Macerata Finanziamenti regionali Puglia: il POR FESR 2007-2013 Per il programma

Dettagli

- In data 12 maggio 2015, il Ministero per la Sviluppo Economico - Direzione generale per il

- In data 12 maggio 2015, il Ministero per la Sviluppo Economico - Direzione generale per il REGIONE PIEMONTE BU45 12/11/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 26 ottobre 2015, n. 15-2314 Programma regionale di cofinanziamento a favore dell'efficienza energetica nei cicli e delle strutture

Dettagli

Modelli di finanziamento innovativi per investimenti nell efficienza energetica: Progetto Europeo MARTE

Modelli di finanziamento innovativi per investimenti nell efficienza energetica: Progetto Europeo MARTE Modelli di finanziamento innovativi per investimenti nell efficienza energetica: Progetto Europeo MARTE Fabio Travagliati Regione Marche Politiche Comunitarie e Autorità di Gestione FESR e FSE Fondi Strutturali

Dettagli

Una nuova impostazione sui temi della formazione ha caratterizzato l attività del Dipartimento della funzione pubblica nel corso degli ultimi mesi,

Una nuova impostazione sui temi della formazione ha caratterizzato l attività del Dipartimento della funzione pubblica nel corso degli ultimi mesi, Una nuova impostazione sui temi della formazione ha caratterizzato l attività del Dipartimento della funzione pubblica nel corso degli ultimi mesi, nuovi presupposti di partenza che hanno portato già a

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 52/ 17 DEL 3.10.2008

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 52/ 17 DEL 3.10.2008 IBERAZIONE N. 52/ 17 3.10.2008 Oggetto: Programma Operativo Regionale FESR 2007/ 2013 Obiettivo operativo 5.1.1, Cod. 52 lettera (A), Cod. 26 lettera (C), Cod. 28 lettera (D) e Cod. 25 lettera (E). L Assessore

Dettagli

D.G.R. N 319 del 24 aprile 2008

D.G.R. N 319 del 24 aprile 2008 D.G.R. N 319 del 24 aprile 2008 OGGETTO: POR FESR Lazio 2007-2013 Obiettivo Competitività regionale e Occupazione Attuazione dell Attività II.4 Valorizzazione delle strutture di fruizione delle aree protette.

Dettagli

Strumenti Finanziari: VEXA ex art. 37 Reg. 1303/2013

Strumenti Finanziari: VEXA ex art. 37 Reg. 1303/2013 Strumenti Finanziari: VEXA ex art. 37 Reg. 1303/2013 Comitato di Sorveglianza - 12 maggio 2015 Gli Strumenti Finanziari nella Programmazione 2014-2020 (1/2) Il Contesto Europeo La Programmazione 2014-2020

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 3960 Seduta del 31/07/2015

DELIBERAZIONE N X / 3960 Seduta del 31/07/2015 DELIBERAZIONE N X / 3960 Seduta del 31/07/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI MARIA CRISTINA CANTU' CRISTINA

Dettagli

BANDI IN EVIDENZA. INTERVENTO FINANZ. Finanziamento agevolato + + Garanzia + Voucher Finanziamento agevolato VAI N. TERRITORIO BANDO SETTORE

BANDI IN EVIDENZA. INTERVENTO FINANZ. Finanziamento agevolato + + Garanzia + Voucher Finanziamento agevolato VAI N. TERRITORIO BANDO SETTORE BANDI IN EVIDENZA N. TERRITORIO BANDO SETTORE 1 2 Regione Lombardia Regione Lombardia MADE IN LOMBARDY (RICERCA E SVILUPPO) FRIM FESR Sottomisura 1 (RICERCA) Manifatturiero Manifatturiero,Costruzioni Servizi

Dettagli

POI ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO 2007-2013 (POI)

POI ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO 2007-2013 (POI) POI ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO 2007-2013 (POI) Avanzamento Attività Organismo Intermedio Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per gli incentivi alle imprese D.G.I.A.I Linee

Dettagli

I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale 2014-2020

I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale 2014-2020 Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale 2014-2020 Tiziana Dell Olmo, Regione Piemonte PROGRAMMAZIONE 2014-2020 IN PIEMONTE Programmi regionali

Dettagli

Piano della comunicazione integrata della Direzione Regionale della Campania per l anno 2003

Piano della comunicazione integrata della Direzione Regionale della Campania per l anno 2003 Ufficio del Direttore Regionale Struttura operativa di coordinamento per la comunicazione interna ed esterna Piano della comunicazione integrata della Direzione Regionale della Campania per l anno 2003

Dettagli

Strumenti finanziari POR FESR 2014 2020 Informativa sulla valutazione ex ante

Strumenti finanziari POR FESR 2014 2020 Informativa sulla valutazione ex ante fondi strutturali e di investimento europei 2014-2020 FONDO SOCIALE EUROPEO e FONDO EUROPEO SVILUPPO REGIONALE Strumenti finanziari POR FESR 2014 2020 Informativa sulla valutazione ex ante Comitato di

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2014 2020 OPPORTUNITA E SFIDE PER ROMA CAPITALE ESPERIENZE FATTE E PROSPETTIVE APERTE ROMA 14 LUGLIO 2015

LA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2014 2020 OPPORTUNITA E SFIDE PER ROMA CAPITALE ESPERIENZE FATTE E PROSPETTIVE APERTE ROMA 14 LUGLIO 2015 LA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2014 2020 OPPORTUNITA E SFIDE PER ROMA CAPITALE ESPERIENZE FATTE E PROSPETTIVE APERTE ROMA 14 LUGLIO 2015 Le opportunità: due grandi filoni diversi ma complementari I programmi

Dettagli

UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale

UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale BENVENUTO! In questo viaggio attraverso la Lombardia che si prepara ad Expo, potrai scoprire molte cose che forse ancora non sai della tua regione e della

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

Tavolo strategico e Tavolo tecnico SERVIZI AI COMUNI. 22 settembre 2015

Tavolo strategico e Tavolo tecnico SERVIZI AI COMUNI. 22 settembre 2015 Tavolo strategico e Tavolo tecnico SERVIZI AI COMUNI 22 settembre 2015 Servizi ai Comuni Centro Innovazione e Tecnologie Rete Bibliotecaria Bresciana CIT RBB EE Efficientamento Energetico (RIP, Edifici

Dettagli

IL SOSTEGNO DELLA REGIONE TOSCANA ALLA CREAZIONE DI IMPRESE INNOVATIVE. Prato, 16 novembre 2015

IL SOSTEGNO DELLA REGIONE TOSCANA ALLA CREAZIONE DI IMPRESE INNOVATIVE. Prato, 16 novembre 2015 IL SOSTEGNO DELLA REGIONE TOSCANA ALLA CREAZIONE DI IMPRESE INNOVATIVE Prato, 16 novembre 2015 Decreto di indizione n. 4123 del 10.08.2015 Finalità del bando rafforzare l innovazione del sistema imprenditoriale

Dettagli

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno La programmazione europea 2014 2020 per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno POIn (FESR) 2007-2013 - Attrattori culturali, naturali e turismo Asse II - Linea di intervento II.2.1 Intervento:

Dettagli

Fondo Jeremie Sicilia FSE. Fondo Europeo per gli Investimenti 21 ottobre 2015

Fondo Jeremie Sicilia FSE. Fondo Europeo per gli Investimenti 21 ottobre 2015 Fondo Europeo per gli Investimenti 21 ottobre 2015 in breve Il Fondo Jeremie Sicilia FSE : nasce dalla collaborazione tra Regione Siciliana e Fondo Europeo per gli Investimenti si inserisce nell ambito

Dettagli

MODULO Iniziative di microcredito in Sicilia

MODULO Iniziative di microcredito in Sicilia PON Governance e Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 Obiettivo 1 - Convergenza [IT051PO006] Progetto SILLA - Servizi di Intermediazione Locale per il Lavoro Asse B, Obiettivo specifico 2.2 Potenziare i sistemi

Dettagli

BANDO A SOSTEGNO DELLA REALIZZAZIONE DI NUOVE IDEE IMPRENDITORIALI IN PROVINCIA DI LODI

BANDO A SOSTEGNO DELLA REALIZZAZIONE DI NUOVE IDEE IMPRENDITORIALI IN PROVINCIA DI LODI BANDO A SOSTEGNO DELLA REALIZZAZIONE DI NUOVE IDEE IMPRENDITORIALI IN PROVINCIA DI LODI Mantenere il lavoro, la propria abitazione e assicurarsi con continuità l'accesso al cibo in questi anni è diventato

Dettagli

SOCIETÀ DEL NETWORK Madruzza & Associati www.madruzzaeassociatispa.com

SOCIETÀ DEL NETWORK Madruzza & Associati www.madruzzaeassociatispa.com SOCIETÀ DEL NETWORK Madruzza & Associati www.madruzzaeassociatispa.com Città più vivibili e accessibili Mobilità sostenibile Infomobilità Soluzioni chiavi in mano per servizi ecosostenibili e nuovi business

Dettagli

DocUP ABRUZZO 2000-2006

DocUP ABRUZZO 2000-2006 DocUP ABRUZZO 2000-2006 SCHEDA DELLA MISURA 2.3. RICERCA E SVILUPPO, INNOVAZIONE E TRASFERIMENTO TECNOLOGICO I. IDENTIFICAZIONE DELLA MISURA I.1. Asse Asse II Competitività del sistema imprese I.2. Titolo

Dettagli

La governance della politica regionale unitaria Innovazioni e lavori in corso per il 2007-2013

La governance della politica regionale unitaria Innovazioni e lavori in corso per il 2007-2013 La governance della politica regionale unitaria Innovazioni e lavori in corso per il 2007-2013 1. Governance e politiche di coesione Nelle politiche di coesione 2007 2013 hanno un forte rilievo le azioni

Dettagli

Riepilogo interventi finanziari a favore dell PMI

Riepilogo interventi finanziari a favore dell PMI Riepilogo interventi finanziari a favore dell PMI Possibilità 1.CREDITO ADESSO 2014 2. SABATINI BIS 3.REGIONE LOMBARDIA - FONDO FRIM 4.BANDO PER L INNOVAZIONE DEL TERZIARIO 5. LOMBARDIA CONCRETA 6. BANDO

Dettagli

FINLOMBARDA S.P.A. AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI INTERVENTI FINANZIARI A FAVORE DELLE IMPRESE -MADE IN LOMBARDY

FINLOMBARDA S.P.A. AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI INTERVENTI FINANZIARI A FAVORE DELLE IMPRESE -MADE IN LOMBARDY FINLOMBARDA S.P.A. AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI INTERVENTI FINANZIARI A FAVORE DELLE IMPRESE -MADE IN LOMBARDY 1. FINALITA DELL INTERVENTO Nell ambito degli interventi regionali di attuazione

Dettagli

La Mobilità nella Programmazione Comunitaria 2014-2020

La Mobilità nella Programmazione Comunitaria 2014-2020 La Mobilità nella Programmazione Comunitaria 2014-2020 Dott.ssa Maria Pia Redaelli Direttore Funzione Specialistica Autorità di Gestione FSE E FESR 2014-2020, Programmazione Europea e Politiche Di Coesione

Dettagli

Programma Operativo 2014/2020

Programma Operativo 2014/2020 Programma Operativo Fondo Europeo di Sviluppo Regionale 2014/2020 DOTAZIONE FINANZIARIA F.E.S.R. 2014/2020 965.844.740 Nel periodo 2007/2013 1.076.000.000 Criteri di concentrazione delle risorse per la

Dettagli

AUDITORIUM iguzzini Recanati 12 marzo 2015

AUDITORIUM iguzzini Recanati 12 marzo 2015 PRESENTAZIONE OPPORTUNITÀ NAZIONALI E REGIONALI Bando MISE Industria sostenibile e PNR Primi bandi regionali del POR MARCHE FESR 2014-2020 AUDITORIUM iguzzini Recanati 12 marzo 2015 POR MARCHE FESR 2014-2020

Dettagli

di servizi, iniziative e attività per la mobilità Attuazione della D.G.R. n. 601 del 17.12.2010 pendolarismo e mobilità integrata e sostenibile -

di servizi, iniziative e attività per la mobilità Attuazione della D.G.R. n. 601 del 17.12.2010 pendolarismo e mobilità integrata e sostenibile - BANDO di finanziamento ai Comuni per l attuazione di servizi, iniziative e attività per la mobilità integrata e sostenibile. Attuazione della D.G.R. n. 601 del 17.12.2010 Programma di interventi straordinari

Dettagli

Creare impresa e diffondere tecnologia a partire dalla ricerca Programma Operativo per la fase 2 del Progetto ILO2

Creare impresa e diffondere tecnologia a partire dalla ricerca Programma Operativo per la fase 2 del Progetto ILO2 FESR - FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE REGIONE PUGLIA AREA POLITICHE PER LO SVILUPPO IL LAVORO E L INNOVAZIONE Creare impresa e diffondere tecnologia a partire dalla ricerca Programma Operativo per

Dettagli

Smart cities e Patto dei Sindaci: Strategie, risorse e strumenti per la pianificazione finanziaria integrata degli interventi

Smart cities e Patto dei Sindaci: Strategie, risorse e strumenti per la pianificazione finanziaria integrata degli interventi Empowerment delle Pubbliche Amministrazioni nella gestione e nell utilizzo di Strumenti innovativi e di ingegneria finanziaria per lo sviluppo economico locale Smart cities e Patto dei Sindaci: Strategie,

Dettagli

POR CALABRIA FESR 2007/2013 INFORMATIVA SUL PIANO DELLA COMUNICAZIONE. Punto 13 all ordine del giorno del IX Comitato di Sorveglianza

POR CALABRIA FESR 2007/2013 INFORMATIVA SUL PIANO DELLA COMUNICAZIONE. Punto 13 all ordine del giorno del IX Comitato di Sorveglianza UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA POR CALABRIA FESR 2007/2013 INFORMATIVA SUL PIANO DELLA COMUNICAZIONE Punto 13 all ordine del giorno del IX Comitato di Sorveglianza (Catanzaro, 31 luglio

Dettagli

ALLEGATO ALLA D.G.R. ATTUAZIONE DOTE UNICA LAVORO POR FSE 2014-2020. 1. Premessa... 2. 2. Caratteristiche della Dote Unica Lavoro...

ALLEGATO ALLA D.G.R. ATTUAZIONE DOTE UNICA LAVORO POR FSE 2014-2020. 1. Premessa... 2. 2. Caratteristiche della Dote Unica Lavoro... ALLEGATO ALLA D.G.R. ATTUAZIONE DOTE UNICA LAVORO POR FSE 2014-2020 Allegato 1 Indice 1. Premessa... 2 2. Caratteristiche della Dote Unica Lavoro... 2 2.1 Destinatari... 2 2.2 Fasce d aiuto... 2 2.3 Soggetti

Dettagli

Progetto Pilota Start Up House azione 1.2

Progetto Pilota Start Up House azione 1.2 LA REGIONE TOSCANA PER LE PMI Tour di presentazione delle prossime opportunità POR FESR 2014-2020 Intro Fondo rotativo Fondi di Garanzia Protocolli d insediamento Progetto Pilota Start Up House azione

Dettagli

Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo L IMPRESA NELLE APEA

Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo L IMPRESA NELLE APEA Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo L IMPRESA NELLE APEA IL SISTEMA PRODUTTIVO DELL EMILIA EMILIA-ROMAGNA ALCUNI PUNTI DI FORZA ALCUNI PUNTI DI DEBOLEZZA ALTO LIVELLO

Dettagli

PO REGIONE PUGLIA FESR 2007-2013: Strategia regionale per la Ricerca e l Innovazione Descrizione Assi e Azioni

PO REGIONE PUGLIA FESR 2007-2013: Strategia regionale per la Ricerca e l Innovazione Descrizione Assi e Azioni Newsletter n.74 Aprile 2010 Approfondimento_22 PO REGIONE PUGLIA FESR 2007-2013: Strategia regionale per la Ricerca e l Innovazione Descrizione Assi e Azioni Assi Asse 1 - Asse 2 - Asse 3 - Asse 4 - Sostegno

Dettagli

Adesione di Regione Piemonte all' "Accordo per il credito 2015" sottoscritto dall'abi e dalle associazioni imprenditoriali in data 31 marzo 2015.

Adesione di Regione Piemonte all' Accordo per il credito 2015 sottoscritto dall'abi e dalle associazioni imprenditoriali in data 31 marzo 2015. REGIONE PIEMONTE BU21 28/05/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 25 maggio 2015, n. 16-1465 Adesione di Regione Piemonte all' "Accordo per il credito 2015" sottoscritto dall'abi e dalle associazioni

Dettagli

Regolamento sulla collaborazione tra cittadini e amministrazione per la cura e la rigenerazione dei beni comuni urbani

Regolamento sulla collaborazione tra cittadini e amministrazione per la cura e la rigenerazione dei beni comuni urbani Regolamento sulla collaborazione tra cittadini e amministrazione per la cura e la rigenerazione dei beni comuni urbani Il Comune di Bologna promuove l impegno di tutti per la cura e la gestione dei beni

Dettagli

Valutazione ex-ante degli strumenti finanziari da attivare nell ambito del POR FESR Regione Marche 2014-2020 Obiettivo Tematico n.

Valutazione ex-ante degli strumenti finanziari da attivare nell ambito del POR FESR Regione Marche 2014-2020 Obiettivo Tematico n. Servizio «Procedura aperta di affidamento del servizio valutazione tematica di cui art. 47-48 REG. 1083/06, Rapporto Finale di Valutazione POR FESR 2007 13 e servizio valutazione ex-ante compresa Vas e

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento APPROFONDIMENTO ICT Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento OBIETTIVI, STRATEGIE E TATTICHE DI MARKETING ON-LINE: L INTERNET MARKETING PLAN ORGANISMO BILATERALE

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FSE 2007-2013

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FSE 2007-2013 UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FSE 2007-2013 Comitato di Sorveglianza Punto 12 all Ordine del Giorno Informativa sulle attività di Comunicazione

Dettagli

AVVISO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI OPERATIVI PER L IMPRENDITORIALITA COMUNALE - (POIC) A VALERE SUL FONDO PISL POIC FSE. Fase I

AVVISO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI OPERATIVI PER L IMPRENDITORIALITA COMUNALE - (POIC) A VALERE SUL FONDO PISL POIC FSE. Fase I AVVISO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI OPERATIVI PER L IMPRENDITORIALITA COMUNALE - (POIC) A VALERE SUL FONDO PISL POIC FSE Fase I POR FSE 2007-2013 Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione ASSE II

Dettagli

L EFFICACIA DELLA COMUNICAZIONE

L EFFICACIA DELLA COMUNICAZIONE L EFFICACIA DELLA COMUNICAZIONE GLI ESITI DEL PRIMO RAPPORTO DI VALUTAZIONE ANTONIO STRAZZULLO COMITATO DI SORVEGLIANZA REGGIO EMILIA, 21 GIUGNO 2011 Obiettivi della valutazione Valutazione del Piano di

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE ALLEGATO 1 DIREZIONE POLITICHE AGRICOLE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 PIANO

Dettagli