Analisi dei mercati Futures europei sull energia elettrica. Il caso tedesco (EEX).

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Analisi dei mercati Futures europei sull energia elettrica. Il caso tedesco (EEX)."

Transcript

1 A3/ Pag.1/25 Cliente: RdS Oggetto: Analisi dei mercati Futures europei sull energia elettrica. Il caso tedesco (EEX). Ordine: Contratto CESI n. 90/00216 Note: FULLRISK/FINRISK/2003/01 senza l'autorizzazione scritta del CESI questo documento può essere riprodotto solo integralmente N. pagine: 25 N. pagine fuori testo: 0 Allegati: 0 Data: 30 giugno, 2003 Elaborato: CESI - B.U. RETE T&D: R. Bernante Verificato: CESI - B.U. RETE T&D: A. Ardito Approvato: CESI - B.U. RETE T&D: R. Bernante CESI Via R. Rubattino 54 Capitale sociale Euro Registro Imprese di Milano Centro Elettrotecnico Milano - Italia interamente versato Sezione Ordinaria Sperimentale Italiano Telefono Codice fiscale e numero N. R.E.A Giacinto Motta SpA Fax iscrizione CCIAA P.I. IT

2 A3/ Pag.2/25 Indice SOMMARIO INTRODUZIONE CARATTERISTICHE DEL MERCATO FUTURES L ATTIVITA DEI MARKET MAKERS L ATTIVITA DI CLEARING ALCUNE CONSIDERAZIONI SULLA ORGANIZZAZIONE E SULLA NATURA GIURIDICA DEL MERCATO EEX LA NEGOZIAZIONE DI CONTRATTI FUTURES SULL ELETTRICITA PRINCIPI BASE E CARATTERISTICHE DEL MERCATO EEX APERTURA DI UNA POSIZIONE FUTURES ED ESECUZIONE DELLE TRANSAZIONI ESECUZIONE DI UNA POSIZIONE FUTURES MENSILE SU EEX CHIUSURA DI UNA POSIZIONE FUTURES SU EEX PROCEDURE DI TRADING GIORNALIERO ORDINI E QUOTAZIONI CONCLUSIONI RIFERIMENTI... 25

3 A3/ Pag.3/25 STORIA DELLE REVISIONI Numero Data Protocollo Lista delle modifiche e/o dei paragrafi modificati revisione 0 30/06/2003 A3/ Prima emissione SOMMARIO Il lavoro intende illustrare le caratteristiche principali e le modalità operative che caratterizzano il mercato futures tedesco che, accanto a quello Scandinavo (Nord Pool) e Inglese (UKPX) costituisce una delle realtà più interessanti a livello europeo nell ambito dello sviluppo di mercati di strumenti finanziari aventi come sottostante la particolare commodity energia elettrica.

4 A3/ Pag.4/25 1 INTRODUZIONE Lo European Energy Exchange, meglio noto come mercato EEX, rappresenta la Borsa per l energia in Germania, che a sua volta, costituisce uno dei più ampi mercati elettrici europei (Fig.1). EEX nasce dalla fusione di due realtà iniziali che avviano separatamente (nell estate del 2000) la contrattazione spot di contratti fisici.: LPX Leipzig Power Exchange e Frankfurt European Energy Exchange. Il mercato EEX, fisicamente localizzato in Lipsia, avvia le negoziazioni di contratti finanziari standardizzati a partire dalla primavera del EEX si propone come Service Provider per tutti i partecipanti al mercato (produttori, utilities municipalizzate, clienti industriali, brokers, banche e fornitori di servizi finanziari) in relazione a tutti gli aspetti di trading, clearing e informativi. L organizzazione del mercato futures EEX assegna una grande importanza ai seguenti tre principi fondamentali che ne possono garantire il corretto funzionamento: Trasparenza Liquidità Anonimato Il mercato EEX è caratterizzato dalla massima trasparenza, in modo da consentire a tutti i partecipanti alle negoziazioni di prendere immediatamente posizione al verificarsi di sbilanciamenti tra domanda e offerta o all apertura di spazi di arbitraggio. La trasparenza è a sua volta pre-condizione per la liquidità: i principali information providers (Reuters a Bloomberg) pubblicano tutti i dati rilevanti del mercato EEX. L affidabilità e la stabilità del software e del sistema elettronico di negoziazione e di clearing, è garantita dal loro impiego, per molti anni, in altri mercati di commodities o di prodotti finanziari. Il mercato EEX garantisce inoltre il totale anonimato nelle contrattazioni, ossia i prezzi ed i volumi pubblicati sull Order Book o caratteristici del processo di clearing, non consentono di riconoscere l identità del partecipante al mercato.

5 A3/ Pag.5/25 Fig. 1 I principali mercati elettrici europei

6 A3/ Pag.6/25 2 CARATTERISTICHE DEL MERCATO FUTURES Come noto la negoziazione di strumenti derivati avviene per tre ragioni principali: Hedging Arbitraggio Speculazione In generale comunque la vendita di contratti futures consente la copertura nei confronti della discesa dei prezzi dell energia (short hedge), mentre l acquisto di contratti futures assicura la copertura contro la salita dei prezzi (long hedge). Le negoziazioni finanziarie sono peraltro caratterizzate dalla insorgenza di un rischio associato. Ciò è particolarmente vero nel caso del business elettrico, dove il successo economico di una impresa dipende fortemente dal prezzo di mercato dell elettricità. Il mercato Futures EEX supporta i partecipanti al mercato nella gestione dei rischi sottostanti: Rischio Prezzo di mercato : si tratta della eventualità di insogenza di perdite causate dall alta volatilità dei prezzi dell elettricità. Sostanzialmente questi rischi prezzo di mercato possono essere controllati attraverso transazioni a prezzo fissato per future consegne di elettricità. L EEX Futures Market fornisce uno strumento appropriato per controllare questo tipo di rischio prezzo. Rischio Controparte : la minaccia di perdite causate da default nei pagamenti o nelle consegne di una delle controparti (ad esempio per insolvenza). EEX AG, assieme alle istituzioni agenti come clearing banks sopporta il rischio controparte ed assicura il clearing di tutte le transazioni di borsa. Rischio Volume definisce la minaccia di perdite dovute ad inesatte previsioni nella domanda di elettricità, impreviste perdite di clienti, perdite nella produzione non programmate, o modifiche nel piano di revisione degli impianti. Un mercato Futures sufficientemente liquido assicura una semplice ed efficiente apertura e chiusura di posizioni allo scopo di aggiustare opportunamente le proprie posizioni. Basis Risk deriva da una alterazione di prezzo nella posizione sottostante e in una non corrispondente alterazione di prezzo nello strumento di copertura (ad esempio

7 A3/ Pag.7/25 differente tipologia, periodo, luogo di consegna). Le caratteristiche dei prodotti futures trattati su EEX eliminano questo tipo di basis risk. Rischio Liquidità rappresenta la perdita che può derivare da improvvisi cali o assorbimenti di liquidità, ad es. a seguito di richieste di margini dalle transazioni Futures. Sul mercato EEX questo aspetto è attentamente monitorato a cura dell organo di supervisione in modo da assicurare che le richieste di adeguamento dei margini derivino solo dall evoluzione dei prezzi.

8 A3/ Pag.8/25 3 L ATTIVITA DEI MARKET MAKERS I Market Makers sono partecipanti alle negoziazioni che assicurano una sufficiente liquidità sul mercato attraverso continue offerte obbligatorie in acquisto e in vendita. Le offerte sono effettuate con uno spread massimo denaro-lettera che è determinato, in base alla situazione contingente di mercato, direttamente da EEX. I Market Makers su EEX si impegnano pertanto ad immettere offerte sull Order Book per un predefinito periodo di tempo e per un certo volume minimo relativo ai prodotti ed alle scadenze pattuite. I Market Makers, per l attività svolta, godono evidentemente di commissioni ridotte che vengono mensilmente regolate a fronte di una opportuna verifica condotta attraverso i Market Makers account. L attività dei Market Makers può essere temporaneamente interrotta soltanto al verificarsi di particolari situazioni di mercato stabilite direttamente da EEX: in tutti gli altri casi il non rispetto dell obbligo comporta la perdita delle compensazioni.

9 A3/ Pag.9/25 4 L ATTIVITA DI CLEARING In ogni mercato futures l attività di clearing riveste un importanza fondamentale. Attraverso tale attività viene infatti drasticamente ridotto il rischio controparte che traduce l eventualità di perdite causate da default nei pagamenti (o nelle consegne) di una delle controparti che realizzano la generica transazione futures. Il verificarsi di tale eventualità di default può infatti comportare conseguenze rilevanti per la controparte coinvolta. Naturalmente il rischio controparte diventa più pressante con la progressiva partecipazione al trading di nuove imprese con standing creditizio non valutabile con precisione nonchè con l aumento delle dimensioni (volumi) del business complessivo. Nell ambito del mercato EEX, la struttura di clearing che sopporta il rischio controparte agendo come parte contrattuale centrale per le transazioni sul mercato futures, è rappresentata da EEX AG e da un pool di banche agenti come clearing members del mercato futures EEX. Tale struttura assicura il buon fine di tutte le transazioni e riduce le distorsioni del mercato sotto l aspetto della liquidità.

10 A3/ Pag.10/25 5 ALCUNE CONSIDERAZIONI SULLA ORGANIZZAZIONE E SULLA NATURA GIURIDICA DEL MERCATO EEX In Germania le Borse finanziarie e quelle su commodity sono enti di natura pubblica e come tali la interazione con i partecipanti al mercato è regolata dalla Stock Exchange Law (che potrebbe essere assimilata, nel caso italiano, al Testo Unico della Finanza). Le attività di supervisione delle Borse riportano (attraverso la Exchange Supervisory Authority) al Ministero dell Economia e del Lavoro. In particolare, nel caso di EEX, le regole e le condizioni di negoziazione sono soggette, attraverso la Stock Exchange Law, alla supervisione del Saxon Ministry for Economy and Labor. L ente giuridico responsabile della Borsa EEX è l European Energy Exchange AG (EEX AG) con sede a Lipsia. Compete pertanto ad EEX AG la gestione delle negoziazioni elettroniche di borsa e dei sistemi di clearing. La sorveglianza del mercato ed il Consiglio di Borsa costituiscono specifiche Unità di EEX. Tra i vari compiti, EEX AG rilascia l ammissibilità delle imprese e dei traders agli scambi, ne regola l organizzazione, le caratteristiche delle transazioni, i periodi di apertura/chiusura delle neguziazioni e monitora l aderenza alle regole in vigore. EEX provvede inoltre alla determinazione (e alla diffusione) dei prezzi di chiusura dei vari contratti, stabilisce i requisiti di ammissione alle transazioni, la sospensione o la riammissione alle attività di trading, nonchè l ammontare dei margini richiesti ai partecipanti (in funzione dell andamento del mercato). In accordo con quanto decretato dall Autorità di Supervisione delle Borse, EEX organizza inoltre l attività di raccolta e monitoraggio di tutti i dati relativi al trading ed al settlement delle negoziazioni. La Exchange Supervisory Authority può inoltre dare istruzioni ad EEX per svolgere attività ispettive sul mercato. Tra i vari compiti, è infine responsabilità del Consiglio di Borsa definire le regole di negoziazione, nominare il management di EEX e sorvegliarne l operato.

11 A3/ Pag.11/25 6 LA NEGOZIAZIONE DI CONTRATTI FUTURES SULL ELETTRICITA PRINCIPI BASE E CARATTERISTICHE DEL MERCATO EEX. Come noto, i contratti futures sono transazioni a termine standardizzate e negoziate nell ambito di una Borsa organizzata. I volumi sottostanti il contratto, il luogo dell eventuale consegna fisica, il periodo della consegna, l amministrazione fisica e finanziaria del contratto stesso, sono tutti aspetti standardizzati. L acquirente e il venditore concordano, alla data di stipula del contratto, il trasferimento futuro (ad una data prefissata) di un lotto di elettricità a fronte di un corrispondente ammontare di denaro. Il contratto futures è caratterizzato da un meccanismo di profitto-perdita giornaliero che si realizza attraverso la garanzia di un deposito obbligatorio. I contratti future negoziati sul mercato EEX presentano le caratteristiche illustrate nel seguito. Modalità di consegna I contratti negoziati sul mercato EEX non prevedono alcuna consegna fisica del sottostante. I contratti con durata trimestrale ed annuale vengono gestiti con la tecnica del roll-over in cascata, mentre i contratti con scadenza mensile prevedono semplicemente il cash settlement. Regolamento finale Il regolamento finale del contratto avviene al termine del periodo di negoziazione. Per i contratti mensili il prezzo di regolamento finale rappresenta il riferimento per il calcolo dei flussi finanziari alla consegna, mentre per i contratti trimestrali e annuali tale prezzo consente di sviluppare il processo di rolling in cascata. Margini iniziali All atto dell apertura di una posizione futures, il singolo contraente deve depositare un margine di garanzia in grado di coprire il massimo rischio overnight assunto dalla posizione prima che questa possa essere chiusa a fronte di sviluppi sfavorevoli delle quotazioni. Margini di variazione La variazione del valore della posizione futures deriva dalla differenza tra il prezzo di regolamento del giorno corrente ed il prezzo di regolamento del giorno precedente.

12 A3/ Pag.12/25 Tale variazione di prezzo, moltiplicata per il volume del contratto e per il numero di contratti costituenti la posizione, si traduce in accrediti e addebiti giornalieri denominati Margini di variazione. Margini infra-giornalieri I margini infra-giornalieri sono da considerarsi come ulteriori garanzie che EEX AG può richiedere che vengano depositate nel corso delle negoziazioni da parte di un clearing member (o da questi al corrispondente trading participant) a fronte di situazioni caratterizzate da volatilità del mecato particolarmente elevata. Notazioni I prezzi sul mercato EEX sono espressi in Euro/MWh con due cifre decimali in modo che la minima variazione di prezzo risulti essere pari a 0,01 Euro/MWh. Periodo di consegna Il periodo di consegna rappresenta il periodo di tempo all interno del quale viene effettuato il regolamento tra prezzo negoziato del contratto finanziario e prezzo effettivo della elettricità sottostante. I periodi di consegna sono il mese, il trimestre e l anno. Periodi di consegna negoziabili sul mercato EEX A livello di contratti mensili sono negoziabili i sei mesi successivi (oltre al mese corrente), mentre a livello di contratti trimestrali ed annuali sono negoziabili rispettivamente i sette trimestri ed i tre anni successivi. Maturity I contratti annuali e trimestrali raggiungono la scadenza (maturity) nel penultimo giorno di negoziazione prima dell inizio del periodo di consegna, mentre i contratti mensili maturano nell ultimo giorno di negoziazione prima del periodo di consegna (rimanendo peraltro negoziabile anche durante il delivery period stesso). Tipologie di contratti sul mercato EEX I contratti si distinguono non solo in base ai periodi di consegna, ma anche per la tipologia del carico sottostante: Carico di Base (Base Load); Carico di Picco (Peak Load).

13 A3/ Pag.13/25 Il carico di base interessa i giorni dal lunedi al sabato per 24 ore al giorno. Con i contratti di base load, sono disponibili tutti i periodi di consegna mensile, trimestrale ed annuale. Il carico di picco comprende i giorni dal lunedi al venerdi (incluse le festività nazionali), ma solo tra le ore 8.00 e le ore Anche per i contratti peak load sono disponibili tutti i periodi di consegna. Volume contrattuale Il volume contrattuale indica l ammontare orario di elettricità sottostante al singolo contratto. La dimensione standard di ogni contratto è 1 MW per ciascuna ora di ogni periodo di consegna. Ciò si traduce, ad esempio, in un volume contrattuale per il Base Load Monthly Futures di: 24 ore/giorno x 30 giorni x 1 MW = 720 MWh

14 A3/ Pag.14/25 7 APERTURA DI UNA POSIZIONE FUTURES ED ESECUZIONE DELLE TRANSAZIONI Sul mercato futures le transazioni sono realizzate incrociando ordini compatibili. A questo scopo, i partecipanti al trading inseriscono ordini di acquisto/vendita nel sistema EEX (in Euro/MWh) per un particolare contratto. Gli ordini inseriti appaiono immediatamente nell order s Book ed il sistema ne verifica la possibile esecuzione. Se un ordine di acquisto incrocia un ordine di vendita con prezzo uguale o inferiore ovvero se un ordine di vendita incrocia un ordine di acquisto con prezzo uguale o superiore, allora esistono ordini compatibili che il sistema EEX automaticamente associa (matching) dando luogo alla transazione. La sequenza di esecuzione segue un criterio di prezzo-tempo, ossia gli ordini di acquisto con prezzo maggiore e rispettivamente gli ordini di vendita con prezzo inferiore, sono eseguiti per primi. La sottoscrizione in acquisto o in vendita di contratti futures è anche indicata come apertura di una posizione futures. Le posizioni aperte possono essere chiuse attraverso corrispondenti transazioni contrarie. Naturalmente la conferma dell esecuzione di una transazione non rivela nè all acquirente, nè al venditore l identità della controparte. Margini addizionali e margini intra-day Nel caso un partecipante al trading subisca un default creditizio o finisca in bancarotta, il corrispondente clearing member si assume le perdite sino alla immediata chiusura delle posizioni del partecipante e compensa la variazione negativa nel margine di variazione. Perciò EEX AG obbliga il clearing member a richiedere al partecipante una adeguata garanzia che possa coprire le perdite accumulate nell ambito della chiusura delle posizioni. L ammontare della garanzia dipende dalle deviazioni statistiche del prezzo giornaliero. In pratica l entità della garanzia (margine addizionale) è un ammontare frazionale del valore del contratto in acquisto o in vendita, a sua volta risultante da un parametro determinato dalla Borsa EEX. A titolo di esempio, se l ammontare della garanzia è di 2.00 Euro/MWh per un Future mensile (Base Load), ciò significa che con un contratto avente un volume di 720 MWh un importo di

15 A3/ Pag.15/ Euro/MWh x 720 MWh = 1440 Euro deve essere depositato come margine addizionale. Il margine addizionale è fissato sino al termine del periodo di consegna o finchè la posizione non è chiusa e regolata. Per i contratti annuali e trimestrali il margine addizionale è fissato finchè non inizia la fase di rolling in cascata. Come anticipato in precedenza, una ulteriore (benchè più rara) forma di garanzia è costituita dal margine infra-giornaliero del quale viene richiesto il deposito da parte di EEX-AG ad un clearing member, per le posizioni aperte in condizioni di mercato estremamente volatile. Margini di variazione. I contratti futures prevedono l implementazione di un un meccanismo giornaliero (denominato marking to market) di accredito di profitti e di addebito di perdite. Al termine della giornata di trading ciascuna posizione futures è valutata per mezzo del prezzo di regolamento che riflette il valore di mercato corrente del sottostante. Il flusso di pagamenti risultante è denominato margine di variazione.

16 A3/ Pag.16/25 8 ESECUZIONE DI UNA POSIZIONE FUTURES MENSILE SU EEX Come anticipato in precedenza, l esecuzione dei futures mensili prevede il regolamento (settlement) cash. Durante il periodo di consegna non avviene alcuna consegna fisica, ma l acquirente e il venditore del futures ricevono o effettuano pagamenti sino al termine del periodo di consegna o sino alla chiusura della posizione. L ammontare del flusso di pagamento risulta dalla differenza tra due prezzi consecutivi di regolamento moltiplicata per il volume dei contratti e per il numero degli stessi. L ultimo giorno di trading, il flusso di pagamenti risulta dalla differenza tra il prezzo di regolamento finale e quello del penultimo giorno di trading., moltiplicato per il numero di contratti e per il volume degli stessi. Tale flusso di pagamento (cash settlement) è peraltro bilanciato attraverso il margine di variazione. In tal modo il contratto mensile è eseguito. Il prezzo di regolamento per i futures mensili nell ultimo giorno di trading è denominato prezzo di settlement finale. Il prezzo di settlement finale differisce fondamentalmente da tutti i precedenti prezzi di settlement giornalieri, poichè esso è la media pesata giornaliera (media mensile aritmetica) dell indice Phelix Base rispetto all indice Phelix Picco per il mese di consegna. Phelix (Physical Electricity Index) Base è la media dei prezzi orari su tutte le 24 ore sul mercato EEX. Phelix Picco è la media di tutti i prezzi orari dalle 8.00 alle (8 am 8 pm) sul mercato EEX.

17 A3/ Pag.17/25 9 CHIUSURA DI UNA POSIZIONE FUTURES SU EEX Oltre alla chiusura naturale del contratto, ciascun operatore ha la possibilità di chiudere in ogni istante la sua posizione aprendo una posizione opposta sino al termine del periodo di consegna o del processo di cascading. Per esempio se il partecipante al trading ha venduto un futures trimestrale base load F1BQ OCT 02, egli può chiudere la sua posizione acquistando lo stesso contratto F1BQ OCT 02. In fase di regolamento la posizione netta dei due contratti si annulla a vicenda.

18 A3/ Pag.18/25 10 PROCEDURE DI TRADING GIORNALIERO La procedura di trading giornaliero sul mercato EEX è divisa nelle seguenti sessioni : pre-trading; main trading; post-trading; batch processing. L inizio, il termine e la durata di ciascuna sessione sono determinate da EEX. Il passaggio da una sessione di trading alla successuva è effettuato dal management di EEX in automatico o manualmente. Pre-trading L attività di scambio giornaliero inizia con la fase di pre-trading. I partecipanti alla Borsa possno inserire, annullare o cambiare ordini bid ask. In questa fase non è eseguita nessuna transazione. Nessuna informazione di prezzo è annunciata in questa fase, ossia il mercato è ancora chiuso. In questa fase vengono rese disponibili le migliori offerte bid ask per i contratti Futures negoziati il giorno precedente. Main trading. La fase di main trading viene suddivisa rispettivamente nella fase di apertura e nella fase di trading continuo come descritto nel seguito. Apertura Durante la fase di apertura, i partecipanti possono ottimizzare il loro order book. I Market Makers sono tenuti ad emettere ordini di tipo bid e ask (denaro-lettera). A differenza di quanto avviene nella fase di pre-trading, un prezzo di mercato indicativo è permanentemente mostrato per fornire al mercato una indicazione di prezzo. Se non può essere stabilito un prezzo indicativo di mercato, viene comunque mostrato il più alto ask ed il più basso bid. La prima fase di apertura (pre-apertura) dura per circa un minuto. Per evitare manipolazioni di prezzo un processo random interrompe questa fase.

19 A3/ Pag.19/25 Preliminarmente alla determinazione del prezzo vi può essere un periodo di congelamento durante il quale non è possibile alcuna modifica nelle offerte nè l inserimento di nuovi ordini. Lo stato di congelamento (Freeze status) termina con la evidenziazione di un prezzo di apertura e il consolidamento degli ordini eseguibili dai periodi precedenti al prezzo di apertura per ciascun contratto future negoziabile. Trading continuo. Il trading continuo costituisce la più lunga fase di trading. L order Book è aperto, ciascun partecipante al mercato può vedere gli ordini (anonimi) inseriti correntemente nel sistema. La finestra Market Overview del sistema di trading mostra il migliore ordine in lettera e rispettivamente il migliore ordine in denaro oltre ai corrispondenti volumi, il prezzo di apertura, l ultimo prezzo e volume negoziati, la fase corrente di trading ed informazioni rilevanti di mercato. Nella finestra Market Depth viene mostrata l order book aperto per ciasun contratto ossia gli ordini successivi ai migliori prezzi denaro-lettera con i rispettivi volumi e numero di contratti. In questa fase i partecipanti possono inserire nuovi ordini o rispondere ad ordini esistenti nell Order Book. Ogni nuovo ordine è controllato immediatamente per la sua eseguibilità. L esecuzione degli ordini è effettuata in accordo con i criteri di prezzo e ordine di ricevimento, ossia i primi ordini ad essere eseguiti sono quelli eseguibili in termini di prezzo. Gli ordini a mercato hanno la priorità nei confronti degli ordini con limite di prezzo benchè essi non siano visibili nell Order Book. Allo scopo di proteggere gli ordini a mercato nel trading di Futures, un range di prezzo è stabilito a cavallo all ultimo prezzo future il così detto matching range di mercato. Gli ordini a mercato sono generalmente eseguiti solo all interno di questo range di prezzo. Gli ordini che non possono essere eseguiti immediatamente sono trasferiti nell Order Book in una posizione corrispondente base al loro ordine di validità.

20 A3/ Pag.20/25 Post Trading Durante la fase di post trading i partecipanti agli scambi possono utilizzare il sistema EEX allo scopo di accedere ai dati. I partecipanti possono inserire ordini o correggerli rispettivamente o cancellare i propri ordini. I nuovi ordini inseriti saranno considerati nel successivo giorno di trading. Le transazioni chiuse vengono opportunamente processate. La fase di post trading è suddivisa in una fase di post trading full e in una fase di post trading ristretta. Queste due fasi differiscono per il livello al quale i traders hanno accesso tecnico al sistema EEX. La fase di Post trading full inizia immediatamente dopo la conclusione della fase di main trading. Durante quest ultima, i partecipanti possono correggere ed accedere ai dati. La fase di post trading ristretta, durante la quale si può solo accedere ai dati, inizia immediatamente dopo la conclusione della fase di post trading full. Batch processing La giornata di trading si conclude con il batch processing. Questa fase serve di preparazione per la successiva giornata di negoziazione e comprende il calcolo dei margini, il reporting, il back up dei dati, l aggiornamento degli accounts relativi alle posizioni, l inizio dei flussi di pagamento e la memorizzazione dei dati aggiornati nel sistema EEX. Tra la fine del post trading ed il pre-trading, il sistema non è disponibile per i clienti. I giorni di scambio sono tutti i giorni lavorativi con eccezione delle vacanze ufficiali e dei week ends. Il pre trading inizia alle 8.30 circa e dura fino alle 8.55 am. Dopo le successive fasi di apertura, viene aperta la fase di negoziazione in continua che dura sino alle pm per tutti i contratti e rispettivamente fino alle am per i contratti mensili. Il post trading dura almeno un ora, quindi il sistema entra nella fase di batch processing. I tempi e le durate delle fasi si riferiscono al corso regolare della giornata di trading.

21 A3/ Pag.21/25 Pre-Trading Apertura Asta Trading continuo Post trading Batch processing Start Gestione ordini Gestione ordini Esecuzione ordini Calcolo margini Gestione posizioni Order book aperto Tab.1 Attività di clearing Reporting Manutenz. Files Back-up Determinazione del prezzo di regolamento (settlement price) Nelle fasi di trading i prezzi sono determinati alla fine della fase di apertura e durante il trading continuo. La determinazione del prezzo è effettuata dal sistema. Tutti gli ordini vengono classificati primariamente in base al prezzo, quindi in base all istante nel quale essi sono stati inseriti. Per sviluppare tutte le procedure di clearing, specialmente per il calcolo del margine da depositarsi a cura di ciascun partecipante, viene determinato un prezzo di settlement per ciascun contratto individuale e per ciascun giorno di negoziazione sul mercato futures EEX. La determinazione del prezzo di settlement è fatta tutti i giorni alla fine della fase di main trading del contratto. Il management di EEX stabilisce il settlement price usando la Chief Trader Procedure che viene illustrata nel seguito. A tre traders qualificati, selezionati opportunamente tra tutti i partecipanti, viene richiesto di dichiarare una fair value per il contrattoin oggetto. La media matematica di questi tre prezzi determina il settlement price per il contratto in questione.

22 A3/ Pag.22/25 11 ORDINI E QUOTAZIONI Le tipologie di ordini inseribili nel sistema EEX sono presentati nel seguito. Ordini a mercato : sono ordini senza vincolo di prezzo, che possono essere inseriti come proposte in denaro o in lettera. Gli ordini a mercato vengono eseguiti immediatamente al miglior prezzo all interno dell order matching range. Allorchè l ordine a mercato o parte di esso non possa essere eseguito, esso è automaticamente salvato nell Order Book. (Dove rimane registrato senza essere tuttavia visibile agli altri partecipanti ad trading). Limit orders: ordini con limite di prezzo che possono essere inseriti come ordini in denaro o lettera. Tali ordini possono essere inseriti durante tutte le fasi di trading eccetto che nella fase di batch processing e nello stato Freeze. Stop Market orders Si tratta di ordini in denaro o lettera caratterizzati da un determinato prezzo. Allorchè tale prezzo viene raggiunto (superato in salita o in discesa) automaticamente l ordine di Stop Market diventa un Market orders e viene eseguito regolarmente. Si tratta di un ordine inserito per chiudere automaticamente le posizioni al raggiungimento di determinati livelli di prezzo per il contratto in oggetto. Combinazione di ordini Si tratta due ordini inseriti simultaneamente in acquisto o in vendita di un uguale numero di contratti futures con il medesimo sottostante ma con differenti periodi di consegna. Tali combinazioni di ordini sono eseguite assieme. Ordini vincolati Si tratta di ordini del tipo esegui tutto o niente oppure esegui immediatamente o cancella. Altri tipi di vincoli per gli ordini possino essere: GfD (good for day) ordine valido per il solo giorno corrente GtD (Good till Date) ordine valido fino alla data predeterminata. GtC (Good till Cancel) ordine valido sino a cancellazione

23 A3/ Pag.23/25 In linea di principio comunque le combinazioni di ordini e gli ordini vincolati valgono in assenza di diverse disposizioni per il solo giorno di trading nel quale sono stati inseriti. Richiesta di quotazione Una richiesta di quotazione può essere inserita da qualunque partecipante autorizzato al trading ad eccezione dei Market Makers che hanno invece l obbligo istituzionale di fornire la quotazione del contratto future in oggetto. Amministrazione degli ordini e delle quotazioni Il sistema EEX fornisce ai traders strumenti addizionali per inserire e gestire gli ordini e le quotazioni. I Traders sono obbligati a inserire le seguenti informazioni addizionali: - L indicatore O/C (Open/Closeout) è richiesto a scopo di mantenere la posizione: esso indica se un ordine eseguito è considerato negoziato per aprire o per chiudere una posizione - l account field: mostra l origine dell ordine ossia se esso è stato inserito da un cliente o da un market maker Market Order matching Range: gli ordini a mercato sono eseguiti solo al interno di uno specificato range attorno a un prezzo di riferimento Fuori dal range gli ordini non vengono eseguiti. (Meccanismo di protezione)

IDEX. Italian Derivatives Energy Exchange: negozia l energia in trasparenza e sicurezza

IDEX. Italian Derivatives Energy Exchange: negozia l energia in trasparenza e sicurezza IDEX Italian Derivatives Energy Exchange: negozia l energia in trasparenza e sicurezza IDEX Introduzione IDEX è il segmento dei derivati energetici di IDEM, il mercato finanziario regolamentato dei derivati

Dettagli

Gli strumenti derivati

Gli strumenti derivati Gli strumenti derivati EMM A - Lezione 6 Prof. C. Schena Università dell Insubria 1 Gli strumenti derivati Derivati perché il loro valore deriva da quello di altre attività dette beni/attività sottostanti

Dettagli

IL CONTRIBUTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI ALLO SVILUPPO DEL MERCATO ELETTRICO

IL CONTRIBUTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI ALLO SVILUPPO DEL MERCATO ELETTRICO IL CONTRIBUTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI ALLO SVILUPPO DEL MERCATO ELETTRICO Valeria Termini Confindustria Roma, 19 giugno 2001 INDICE 1. Un mercato di strumenti derivati sul prezzo dell energia elettrica.

Dettagli

IDEX. Italian Derivatives Energy Exchange: negozia l energia in trasparenza e sicurezza

IDEX. Italian Derivatives Energy Exchange: negozia l energia in trasparenza e sicurezza IDEX Italian Derivatives Energy Exchange: negozia l energia in trasparenza e sicurezza IDEX Introduzione IDEX è il segmento dei derivati energetici di IDEM, il mercato dei derivati di Borsa Italiana, società

Dettagli

Negoziazione di azioni, diritti di opzione ed obbligazioni emesse da Cassa di Risparmio di Bolzano S.p.A.

Negoziazione di azioni, diritti di opzione ed obbligazioni emesse da Cassa di Risparmio di Bolzano S.p.A. Negoziazione di azioni, diritti di opzione ed obbligazioni emesse da Cassa di Risparmio di Bolzano S.p.A. Versione del 27-10-2015 Azioni proprie Per la negoziazione di azioni proprie ci si avvale della

Dettagli

Verso una reale promozione della Borsa del Gas in Italia: possibili interventi, proposte degli operatori ed esperienze estere

Verso una reale promozione della Borsa del Gas in Italia: possibili interventi, proposte degli operatori ed esperienze estere Verso una reale promozione della Borsa del Gas in Italia: possibili interventi, proposte degli operatori ed esperienze estere Il modello IGEX (Italian Gas Exchange) Un progetto di: Realizzato con il supporto

Dettagli

Un ordine su misura per ogni taglia

Un ordine su misura per ogni taglia Un ordine su misura per ogni taglia Le funzionalità Cross Order e Block Trade Facilities sui mercati cash Cross Order e BTF Introduzione I Cross Order e la Block Trade Facilities (BTF) sono due nuove tipologie

Dettagli

Economia dei mercati mobiliari

Economia dei mercati mobiliari pag. 1 1 Cos'è un currency future? A) È un contratto che rappresenta l'impegno alla cessione o all'acquisto a termine di una quantità di valuta B) È un contratto in cui una parte acquisisce la facoltà

Dettagli

MinIFIB IDEM MERCATO ITALIANO DEI DERIVATI

MinIFIB IDEM MERCATO ITALIANO DEI DERIVATI IDEM MERCATO ITALIANO DEI DERIVATI SOMMARIO i vantaggi offerti 4 l indice mib30 6 come funziona 7 quanto vale 8 la durata del contratto 9 cosa accade alla scadenza 10 il prezzo al quale si può negoziare

Dettagli

20160414v01. Manuale Derivati 1

20160414v01. Manuale Derivati 1 Manuale Derivati 1 Manuale Derivati 2 Indice 1. Introduzione... 3 2. Attivazione servizio... 3 3. Borse... 3 4. Rischi dell operatività in opzioni e futures... 3 4.1 Conoscere è importante...3 4.2 Rischi

Dettagli

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti:

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: Strumenti derivati Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: attività finanziarie (tassi d interesse, indici azionari, valute,

Dettagli

BANCA ALETTI & C. S.p.A. PER DUE CERTIFICATE e PER DUE CERTIFICATES DI TIPO QUANTO CONDIZIONI DEFINITIVE D OFFERTA

BANCA ALETTI & C. S.p.A. PER DUE CERTIFICATE e PER DUE CERTIFICATES DI TIPO QUANTO CONDIZIONI DEFINITIVE D OFFERTA BANCA ALETTI & C. S.p.A. in qualità di emittente e responsabile del collocamento del Programma di offerta al pubblico e/o di quotazione di investment certificates denominati PER DUE CERTIFICATE e PER DUE

Dettagli

Introduzione... 2. Commercio di margine... 3. Tipi di Ordini/Richieste... 4. Invio ed esecuzione degli ordini di mercato... 6. Ordini in attesa...

Introduzione... 2. Commercio di margine... 3. Tipi di Ordini/Richieste... 4. Invio ed esecuzione degli ordini di mercato... 6. Ordini in attesa... Indice Introduzione... 2 Commercio di margine... 3 Tipi di Ordini/Richieste... 4 Invio ed esecuzione degli ordini di mercato... 6 Ordini in attesa... 8 Dare gli ordini al telefono... 11 Autorizzazione

Dettagli

BANCA ALETTI & C. S.p.A.

BANCA ALETTI & C. S.p.A. BANCA ALETTI & C. S.p.A. in qualità di Emittente e responsabile del collocamento del Programma di offerta al pubblico e/o quotazione dei certificates BORSA PROTETTA e BORSA PROTETTA con CAP e BORSA PROTETTA

Dettagli

Opzione di consegna fisica sul mercato IDEX

Opzione di consegna fisica sul mercato IDEX Opzione di consegna fisica sul mercato IDEX Incontro con gli Operatori Assolombarda Milano Confindustria - Roma Data: 24/11/2009 Fabrizio Plateroti Director of Regulation & Post Trading Ennio Arlandi Energy

Dettagli

BANCA ALETTI & C. S.p.A.

BANCA ALETTI & C. S.p.A. CONDIZIONI DEFINITIVE D OFFERTA BANCA ALETTI & C. S.p.A. in qualità di Emittente e responsabile del collocamento del Programma di offerta al pubblico e/o quotazione dei certificates BORSA PROTETTA e BORSA

Dettagli

MODIFICHE AL REGOLAMENTO DEI MERCATI E RELATIVE ISTRUZIONI TRADELECT

MODIFICHE AL REGOLAMENTO DEI MERCATI E RELATIVE ISTRUZIONI TRADELECT MODIFICHE AL REGOLAMENTO DEI MERCATI E RELATIVE ISTRUZIONI MIGRAZIONE DEI MERCATI MOT, SEDEX ED ETFPLUS SULLA NUOVA PIATTAFORMA TRADELECT PREMESSA Il processo di integrazione tra il London Stock Exchange

Dettagli

Fronteggiamento dei rischi della gestione

Fronteggiamento dei rischi della gestione Fronteggiamento dei rischi della gestione Prevenzione (rischi specifici) Impedire che un determinato evento si manifesti o limitare le conseguenze negative Assicurazione (rischi specifici) Trasferimento

Dettagli

GUIDA OPERATIVA AL SERVIZIO IW SUPERDERIVATI

GUIDA OPERATIVA AL SERVIZIO IW SUPERDERIVATI GUIDA OPERATIVA AL SERVIZIO IW SUPERDERIVATI INDICE 1 INTRODUZIONE... 1 1.1 Attivazione... 2 2 ADEGUAMENTO AUTOMATICO DEI MARGINI OVERNIGHT... 3 3 MARGIN CALL PER EROSIONE MARGINI... 4 4 NOVITA SULLA PIATTAFORMA

Dettagli

Struttura e funzionamento del MGAS. Incontro con gli operatori Milano 18 giugno 2013

Struttura e funzionamento del MGAS. Incontro con gli operatori Milano 18 giugno 2013 Struttura e funzionamento del MGAS Incontro con gli operatori Milano 18 giugno 2013 2 Sommario 1. Struttura del MGAS 2. Contratti negoziabili e modalità di negoziazione 3. Registrazione al PSV della posizione

Dettagli

Gino Gandolfi SDA BOCCONI

Gino Gandolfi SDA BOCCONI I DERIVATI SU TITOLI AZIONARI Gino Gandolfi SDA BOCCONI DERIVATI AZIONARI I derivati sono particolari attività finanziarie il cui valore dipende da uno strumento terzo, detto anche attività sottostante

Dettagli

BANCA ALETTI & C. S.p.A. BONUS CERTIFICATE e BONUS CERTIFICATES DI TIPO QUANTO CONDIZIONI DEFINITIVE D OFFERTA

BANCA ALETTI & C. S.p.A. BONUS CERTIFICATE e BONUS CERTIFICATES DI TIPO QUANTO CONDIZIONI DEFINITIVE D OFFERTA BANCA ALETTI & C. S.p.A. in qualità di emittente e responsabile del collocamento del Programma di offerta al pubblico e/o di quotazione di investment certificates denominati BONUS CERTIFICATE e BONUS CERTIFICATES

Dettagli

STRUMENTI DERIVATI - CARATTERISTICHE DELLE OPZIONI

STRUMENTI DERIVATI - CARATTERISTICHE DELLE OPZIONI STRUMENTI DERIVATI - CARATTERISTICHE DELLE OPZIONI Le due principali categorie in cui si dividono le opzioni sono: opzioni call, assegna la facoltà di acquistare o non acquistare l'attività sottostante

Dettagli

Dario Rampini. Asset Management Specialist. Page 1

Dario Rampini. Asset Management Specialist. Page 1 Dario Rampini Asset Management Specialist Page 1 La Piattaforma La Piattaforma della quale si avvale DR è un intermediario finanziario indipendente che offre una vasta gamma di servizi, fra i quali tecnologie

Dettagli

Derivati per la copertura del rischio di prezzo nei mercati energetici

Derivati per la copertura del rischio di prezzo nei mercati energetici Derivati per la copertura del rischio di prezzo nei mercati energetici Prof. Fabio Bellini fabio.bellini@unimib.it Università di Milano Bicocca Dipartimento di Metodi Quantitativi www.dimequant.unimib.it

Dettagli

REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI

REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI I. Disposizioni generali 1. Le presenti Regole di esecuzione delle istruzioni dei clienti riguardanti i contratti di compensazione delle differenze (CFD) e gli strumenti

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata

Dettagli

Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse

Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse Milano 12 marzo Fondazione Ambrosianeum Via delle Ore 3 Un Azienda ha la necessità di finanziare la sua attività caratteristica per un importo

Dettagli

Politica di pricing e regole interne per la negoziazione/emissione dei prestiti obbligazionari della Banca

Politica di pricing e regole interne per la negoziazione/emissione dei prestiti obbligazionari della Banca Banca di Credito Cooperativo Dell Alta Brianza Alzate Brianza Società Cooperativa Politica di pricing e regole interne per la negoziazione/emissione dei prestiti obbligazionari della Banca (Adottata ai

Dettagli

Il Mercato Elettrico in Italia ruolo, meccanismi di funzionamento e prospettive di evoluzione

Il Mercato Elettrico in Italia ruolo, meccanismi di funzionamento e prospettive di evoluzione Il Mercato Elettrico in Italia ruolo, meccanismi di funzionamento e prospettive di evoluzione Alberto Pototschnig Amministratore Delegato Gestore del Mercato Elettrico Spa Sistema Energetico: Superamento

Dettagli

Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni

Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni A.A. 2008-2009 20 maggio 2009 Agenda I contratti Swap Definizione Gli Interest Rate Swap Il mercato degli Swap Convenienza economica e finalità Le opzioni

Dettagli

POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONARI

POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONARI POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONARI Delibera del Consiglio di Amministrazione del 20/12/2010 integrata con delibera del 18/11/2011 Redatto da: Direzione Operativa

Dettagli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli 4. Introduzione ai prodotti derivati Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Che cos è un derivato? I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali

Dettagli

Contratti per differenza (CFD)

Contratti per differenza (CFD) Avvertenza per gli investitori 28/02/2013 Contratti per differenza (CFD) Messaggi chiave I CFD ( contracts for difference ) sono prodotti complessi e non sono adatti a tutti gli investitori. Non investite

Dettagli

Sede legale: via Arrigo Boito, 8-20121 MILANO Sede operativa: via IV Novembre, 54 12050 CASTAGNITO (CN) Tel./Fax 0173 212006 - info@dynemis.

Sede legale: via Arrigo Boito, 8-20121 MILANO Sede operativa: via IV Novembre, 54 12050 CASTAGNITO (CN) Tel./Fax 0173 212006 - info@dynemis. Sede legale: via Arrigo Boito, 8-20121 MILANO Sede operativa: via IV Novembre, 54 12050 CASTAGNITO (CN) Tel./Fax 0173 212006 - info@dynemis.com Chi siamo La Dynemis S.r.l. nasce come azienda concentrata

Dettagli

REGOLAMENTO MERCATO OBBLIGAZIONI comunicato alla Consob in data 5 agosto 2011

REGOLAMENTO MERCATO OBBLIGAZIONI comunicato alla Consob in data 5 agosto 2011 REGOLAMENTO MERCATO OBBLIGAZIONI comunicato alla Consob in data 5 agosto 2011 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 2 agosto 2011 Data di entrata in vigore: 8 agosto 2011 Aggiornamento del

Dettagli

IL RUOLO DEL GROSSISTA NEL NUOVO SCENARIO DI BORSA DELL ENERGIA. Dr. Maurizio SARECCHIA

IL RUOLO DEL GROSSISTA NEL NUOVO SCENARIO DI BORSA DELL ENERGIA. Dr. Maurizio SARECCHIA IL RUOLO DEL GROSSISTA NEL NUOVO SCENARIO DI BORSA DELL ENERGIA Dr. Maurizio SARECCHIA SCHEMA DI FUNZIONAMENTO DEL SETTORE L Acquirente Unico (AU): Acquista energia per i clienti vincolati Acquista prodotti

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CILINDRICA

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CILINDRICA BANCA CARIGE SpA SCHEDA PRODOTTO: CAMBI OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CILINDRICA TIPOLOGIA DI STRUMENTO: DERIVATI SU CAMBI OBIETTIVO Il prodotto denominato Cambi Opzione Vendita Divisa Struttura Cilindrica

Dettagli

CAC40 16.12.2005 DOW JONES 16.12.2005 EUROSTOXX50 16.12.2005 MIB30 16.12.2005 NIKKEI225

CAC40 16.12.2005 DOW JONES 16.12.2005 EUROSTOXX50 16.12.2005 MIB30 16.12.2005 NIKKEI225 Avviso integrativo di emissione della Nota integrativa al documento informativo sull Emittente depositato presso la Consob in data 03.07.2002, a seguito di nullaosta n. 2045403 del 27.06.2002 relativa

Dettagli

Struttura e organizzazione del mercato mobiliare. soggetti funzioni forme organizzative presentazione degli strumenti

Struttura e organizzazione del mercato mobiliare. soggetti funzioni forme organizzative presentazione degli strumenti Struttura e organizzazione del mercato mobiliare soggetti funzioni forme organizzative presentazione degli strumenti Circuiti diretti e circuiti indiretti Mercati finanziari SF Circuito diretto Unità in

Dettagli

Politica di Valutazione Pricing per le obbligazioni emesse dalla Banca di Credito Cooperativo di Cernusco Sul Naviglio s.c.

Politica di Valutazione Pricing per le obbligazioni emesse dalla Banca di Credito Cooperativo di Cernusco Sul Naviglio s.c. Politica di Valutazione Pricing per le obbligazioni emesse dalla Banca di Credito Cooperativo di Cernusco Sul Naviglio s.c. (Adottata ai sensi delle Linee guida interassociative per l applicazione delle

Dettagli

GLI STRUMENTI DERIVATI. Giuseppe G. Santorsola EIF 1

GLI STRUMENTI DERIVATI. Giuseppe G. Santorsola EIF 1 GLI STRUMENTI DERIVATI Giuseppe G. Santorsola EIF 1 Gli strumenti derivati Sono strumenti finanziari la cui esistenza e valutazione dipendono dal valore di un'altra attività chiamata sottostante che può

Dettagli

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma UniversitàdegliStudidiParma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 5. BANCA VERSUS MERCATO 1. Una visione d assieme 2. I mercati: le tipologie 3. I mercati creditizi: gli intermediari 4. Gli intermediari in

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CILINDRICA

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CILINDRICA BANCA CARIGE SpA SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CILINDRICA TIPOLOGIA DI STRUMENTO: DERIVATI SU CAMBI OBIETTIVO Il prodotto denominato Cambi opzione acquisto divisa struttura

Dettagli

AVVISO n.20034 25 Novembre 2011

AVVISO n.20034 25 Novembre 2011 AVVISO n.20034 25 Novembre 2011 Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto : dell'avviso Oggetto : Modifiche alle Istruzioni al Regolamento dei Mercati: Mercato IDEM Amendments to the Instructions:

Dettagli

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 1. Un derivato e uno strumento finanziario il cui rendimento e legato al rendimento di un altro strumento finanziario emesso in precedenza e separatamente negoziato. Un esempio

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE APPENDICE B - MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE DELLE OBBLIGAZIONI ZERO COUPON CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA AGRICOLA POPOLARE DI RAGUSA Società Cooperativa per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA

Dettagli

TURBO Certificate Long & Short

TURBO Certificate Long & Short TURBO Certificate Long & Short Fai scattare la leva dei tuoi investimenti x NEGOZIABILI SUL MERCATO SEDEX DI BORSA ITALIANA Investi a Leva su indici e azioni! Scopri i vantaggi dei TURBO Long e Short Certificate

Dettagli

INFORMATIVA SUI RISCHI

INFORMATIVA SUI RISCHI INFORMATIVA SUI RISCHI Monecor (London) Limited, operante con la denominazione di EXT Capital (EXT Capital o noi) è autorizzata e soggetta alla vigilanza dalla Financial Service Authority (FSA) con n.

Dettagli

I Derivati. a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (Testo Unico della Finanza) Il valore dello strumento deriva (dipende)

Dettagli

PROCESSO FINANZA POLITICA DI VALUTAZIONE E PRICING IN RIFERIMENTO AI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DI PROPRIA EMISSIONE

PROCESSO FINANZA POLITICA DI VALUTAZIONE E PRICING IN RIFERIMENTO AI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DI PROPRIA EMISSIONE PROCESSO FINANZA POLITICA DI VALUTAZIONE E PRICING IN RIFERIMENTO AI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DI PROPRIA EMISSIONE Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/06/2014 pagina 1 di 8 Indice Premessa...3

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. PROGRAMMA DI EMISSIONE BCC PADANA ORIENTALE SAN MARCO ROVIGO Soc.Coop. TASSO VARIABILE

CONDIZIONI DEFINITIVE. PROGRAMMA DI EMISSIONE BCC PADANA ORIENTALE SAN MARCO ROVIGO Soc.Coop. TASSO VARIABILE BANCA DI CREDITO COOPERATIVO PADANA ORIENTALE SAN MARCO-ROVIGO Soc.Coop. Sede legale e Direzione Generale: Via Casalini,10 Rovigo Iscritta all Albo delle Banche al n 5359.5 Iscritta all Albo delle Società

Dettagli

Foglio Informativo Marginazione Long e Short Selling BinckBank. Foglio informativo Marginazione Long e Short Selling BinckBank 1

Foglio Informativo Marginazione Long e Short Selling BinckBank. Foglio informativo Marginazione Long e Short Selling BinckBank 1 Foglio Informativo Marginazione Long e Short Selling BinckBank Foglio informativo Marginazione Long e Short Selling BinckBank 1 Foglio Informativo relativo ai servizi di marginazione long e short selling

Dettagli

PROSPETTO DI BASE. relativo al programma di offerta al pubblico e/o quotazione degli investment certificate denominati

PROSPETTO DI BASE. relativo al programma di offerta al pubblico e/o quotazione degli investment certificate denominati G L O S S A R I O PROSPETTO DI BASE relativo al programma di offerta al pubblico e/o quotazione degli investment certificate denominati (a) BORSA PROTETTA e BORSA PROTETTA con CAP e BORSA PROTETTA DI TIPO

Dettagli

ISTRUZIONI DI ATTUAZIONE DEL REGOLAMENTO DEL MERCATO BONDVISION MTF

ISTRUZIONI DI ATTUAZIONE DEL REGOLAMENTO DEL MERCATO BONDVISION MTF ISTRUZIONI DI ATTUAZIONE DEL REGOLAMENTO DEL MERCATO BONDVISION MTF ISTRUZIONI DI ATTUAZIONE DEL TITOLO I DEL REGOLAMENTO (DISPOSIZIONI GENERALI) Art.1. Definizioni (Art. 2 Reg.) 1. Le definizioni di cui

Dettagli

REGOLAMENTO MERCATO AZIONI BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE

REGOLAMENTO MERCATO AZIONI BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE REGOLAMENTO MERCATO AZIONI BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE Codici ISIN: IT0001040820, IT0004459241, IT0004734205, IT0004841349 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 23/02/2015 Data di entrata

Dettagli

COMUNICATO (30 DICEMBRE 2010)

COMUNICATO (30 DICEMBRE 2010) COMUNICATO (30 DICEMBRE 2010) AI PARTECIPANTI: AL SISTEMA DI GARANZIA A CONTROPARTE CENTRALE AI SISTEMI DI LIQUIDAZIONE E ATTIVITA ACCESSORIE Oggetto: Introduzione del sistema di compensazione e garanzia

Dettagli

Note integrative di Moneta e Finanza Internazionale. c Carmine Trecroci 2004

Note integrative di Moneta e Finanza Internazionale. c Carmine Trecroci 2004 Note integrative di Moneta e Finanza Internazionale c Carmine Trecroci 2004 1 Tassi di cambio a pronti e a termine transazioni con consegna o regolamento immediati tasso di cambio a pronti (SR, spot exchange

Dettagli

PRICE LIST PER IL SERVIZIO DI NEGOZIAZIONE IN VIGORE DALLA DATA DI ENTRATA IN PRODUZIONE DELLA PIATTAFORMA MILLENNIUM IT

PRICE LIST PER IL SERVIZIO DI NEGOZIAZIONE IN VIGORE DALLA DATA DI ENTRATA IN PRODUZIONE DELLA PIATTAFORMA MILLENNIUM IT PRICE LIST PER IL SERVIZIO DI NEGOZIAZIONE IN VIGORE DALLA DATA DI ENTRATA IN PRODUZIONE DELLA PIATTAFORMA MILLENNIUM IT SEZIONE N.1: TARIFFARIO INTERMEDIARI 1. Membership Fee 1 Canone Annuale 2 15.000

Dettagli

Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista.

Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista. Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista. STEFANIA TANSINI INTESA SANPAOLO DIVISIONE CORPORATE E INVESTMENT BANKING UFFICIO SPECIAL

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK-IN

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK-IN BANCA CARIGE SpA SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK-IN TIPOLOGIA DI STRUMENTO: DERIVATI SU DIVISE OBIETTIVO Il prodotto denominato Cambi Opzione Vendita Divisa

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

PANIERI DI BORSA MF ITALY

PANIERI DI BORSA MF ITALY Pagina 1 di 6 PANIERI DI BORSA MF ITALY Milano, 26/09/2014 La riproduzione di uno o più panieri MF ITALY è strettamente riservata a Milano Finanza Editori Spa, che ne ha sviluppato autonomamente la metodologia

Dettagli

Informativa sul rischio

Informativa sul rischio Informativa sul rischio Premessa AFX Capital e SuperTradingOnline (STO) sono marchi commerciali di AFX Capital Markets Ltd. e AFX Markets Ltd. AFX Capital Markets Ltd. è autorizzata e regolamentata dalla

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

Estratto dell Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini.

Estratto dell Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. Estratto dell Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. 1. Introduzione - La Direttiva 2004/39/CE (MIFID) e le relative misure di attuazione emanate dalla Commissione europea

Dettagli

BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Società Cooperativa DOCUMENTO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Società Cooperativa DOCUMENTO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Società Cooperativa DOCUMENTO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Edizione novembre 2011 Aggiornamento marzo 2012 Aggiornamento luglio

Dettagli

LEZIONE 5 IL CONTRATTO FUTURE

LEZIONE 5 IL CONTRATTO FUTURE Prof. Andrea Niutta Diritto dei Mercati Finanziari (A.A. 2013-2014) 1 LEZIONE 5 IL CONTRATTO FUTURE 1) Definizione. I futures vengono ascritti tra gli strumenti finanziari derivati (per inquadrarli dal

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK IN

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK IN BANCA CARIGE SpA SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK IN TIPOLOGIA DI STRUMENTO: DERIVATI SU CAMBI OBIETTIVO Il prodotto denominato Cambi opzione acquisto divisa

Dettagli

Misure per la promozione della concorrenza nel mercato all ingrosso dell energia elettrica in Sardegna L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

Misure per la promozione della concorrenza nel mercato all ingrosso dell energia elettrica in Sardegna L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Deliberazione 17 agosto 2009 - ARG/elt 115/09 Misure per la promozione della concorrenza nel mercato all ingrosso dell energia elettrica in Sardegna L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Nella riunione

Dettagli

Documento di sintesi della

Documento di sintesi della Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del settembre 2015 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata

Dettagli

PROSPETTO BASE. CONDIZIONI DEFINITIVE relative al programma di prestiti obbligazionari denominato

PROSPETTO BASE. CONDIZIONI DEFINITIVE relative al programma di prestiti obbligazionari denominato CASSA RURALE DI TRENTO - Banca di Credito Cooperativo - Società Cooperativa con sede legale in Trento, via Belenzani 6. Iscritta all albo delle banche tenuto dalla Banca d'italia al n. 2987.6; al Registro

Dettagli

Sfrutta appieno le potenzialità del software SAP in modo semplice e rapido

Sfrutta appieno le potenzialità del software SAP in modo semplice e rapido Starter Package è una versione realizzata su misura per le Piccole Imprese, che garantisce una implementazione più rapida ad un prezzo ridotto. E ideale per le aziende che cercano ben più di un semplice

Dettagli

Strategie operative con i futures sull'indice S&P/MIB e gli IDEM Stock Futures

Strategie operative con i futures sull'indice S&P/MIB e gli IDEM Stock Futures Strategie operative con i futures sull'indice S&P/MIB e gli IDEM Stock Futures Roberto Del Conte Borsa Italiana Spa 7 Maggio 2004 Milano Trading Online Expo Contenuti I contratti Futures Idem Stock Futures

Dettagli

The Adam Smith Society Regulatory Lectures 2003: Mercati dell energia e mercati finanziari

The Adam Smith Society Regulatory Lectures 2003: Mercati dell energia e mercati finanziari The Adam Smith Society Regulatory Lectures 2003: Mercati dell energia e mercati finanziari Fulvio Conti Direttore Amministrazione Finanza e Controllo, ENEL Milano, 24 Febbraio 2003 Contenuti Situazione

Dettagli

Condizioni di segnalazione OPAN

Condizioni di segnalazione OPAN Condizioni di segnalazione OPAN 1. Parti contraenti, Verein für ambulante Dienste der Stadt Bern, Könizstrasse 60, casella postale 450, CH- 3000 Berna 5, di seguito denominata offerente e l'organizzazione

Dettagli

Corrispettivi per il sistema di garanzia a controparte centrale

Corrispettivi per il sistema di garanzia a controparte centrale Corrispettivi per il sistema di garanzia a controparte centrale In vigore dal 21 gennaio 2013 Sommario 1. QUOTE ANNUE DI ADESIONE...3 2. GARANZIE DEPOSITATE...3 2.1. COMMISSIONI SU TITOLI DEPOSITATI A

Dettagli

Mauro Panni, Senior Product Manager - International Division

Mauro Panni, Senior Product Manager - International Division CLS: l esperienza delle Banche Italiane Mauro Panni, Senior Product Manager - International Division Convegno SPIN 2003 - Roma, 16 Aprile 2003 Introduzione CLS: operativo dal 9 Settembre 2002. CLS il nuovo

Dettagli

ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA

ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA AREA FINANZA DISPENSE FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Mercati Regolamentati Italiani ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA Mercati Regolamentati

Dettagli

OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO STEP UP CALLABLE IN DOLLARO USA

OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO STEP UP CALLABLE IN DOLLARO USA SCHEDA PRODOTTO Prima di investire nelle Obbligazioni, si invita l investitore a consultare attentamente l Offering Circular datata 8 dicembre 2014 ed i relativi Final Terms del 28 aprile 2016 (le Condizioni

Dettagli

Tavolo di Lavoro e Confronto Il rischio di prezzo delle materie prime: come

Tavolo di Lavoro e Confronto Il rischio di prezzo delle materie prime: come Tavolo di Lavoro e Confronto Il rischio di prezzo delle materie prime: come misurarlo e gestirlo Introduzione di: Maurizio Belli ed Emanuele Facile - Financial Innovations Udine, 31 maggio 2012 AGENDA

Dettagli

Gli strumenti di finanza derivata a copertura dei rischi finanziari di impresa

Gli strumenti di finanza derivata a copertura dei rischi finanziari di impresa Gli strumenti di finanza derivata a copertura dei rischi finanziari di impresa Francesca Querci Università di Genova Strumenti derivati e copertura dei rischi finanziari d impresa nel nuovo contesto di

Dettagli

GLI STRUMENTI FINANZIARI PER LA COPERTURA DEL RISCHIO DI PREZZO DELL ENERGIA ELETTRICA

GLI STRUMENTI FINANZIARI PER LA COPERTURA DEL RISCHIO DI PREZZO DELL ENERGIA ELETTRICA GLI STRUMENTI FINANZIARI PER LA COPERTURA DEL RISCHIO DI PREZZO DELL ENERGIA ELETTRICA Stefano Alaimo Convegno LRA Energy Trading e Risk Management Milano, 15 febbraio 2002 Indice Alcune implicazioni della

Dettagli

Disposizione tecnica di funzionamento n. 01 rev. 02 MTEE

Disposizione tecnica di funzionamento n. 01 rev. 02 MTEE Pagina 1 Disposizione tecnica di funzionamento (ai sensi dell Articolo 4 delle regole di funzionamento del mercato dei titoli di efficienza energetica) Titolo Modalità di accesso al sistema informatico

Dettagli

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 Iscritta all Albo delle Banche al n. 6175.4 Capogruppo del Gruppo CARIGE iscritto all albo dei

Dettagli

Strategia di Trasmissione ed Esecuzione degli ordini presso Hypo Alpe-Adria-Bank S.p.a.

Strategia di Trasmissione ed Esecuzione degli ordini presso Hypo Alpe-Adria-Bank S.p.a. Strategia di Trasmissione ed Esecuzione degli ordini presso Hypo Alpe-Adria-Bank S.p.a. Introduzione Hypo Alpe-Adria-Bank S.p.a. offre diverse tipologie di servizi d investimento tra cui la ricezione e

Dettagli

Manuale delle Corporate action

Manuale delle Corporate action Manuale delle Corporate action Data di efficacia: 20 maggio 2013 Versione: 3 1 Indice 1. Introduzione 3 2. Definizioni 3 3. Principi generali e convenzioni 3.1 Principio di equivalenza finanziaria 3.2

Dettagli

INTERNALIZZATORE SISTEMATICO BANCA AKROS

INTERNALIZZATORE SISTEMATICO BANCA AKROS INTERNALIZZATORE SISTEMATICO BANCA AKROS Caratteristiche e modalità di funzionamento dell Internalizzatore Sistematico di Banca Akros per la negoziazione di titoli obbligazionari emessi da Banche Clienti

Dettagli

Attività dello Specialista

Attività dello Specialista Attività dello Specialista Massimo Turcato Responsabile Equity Capital Markets e Advisory Banca Akros Palermo, 15 novembre 2007 MISSIONE E PRINCIPI COSTITUTIVI DEL MAC Missione Principi costitutivi 1 Forte

Dettagli

STRATEGIE ANZIENDALI DI GESTIONE DELLE QUOTE EUA/CER

STRATEGIE ANZIENDALI DI GESTIONE DELLE QUOTE EUA/CER STRATEGIE ANZIENDALI DI GESTIONE DELLE QUOTE EUA/CER OBIETTIVI Presentare il mercato della CO2 e la sua evoluzione e introdurre agli strumenti per gestire, valorizzare e ridurre il maggior costo del portafoglio

Dettagli

Sintesi della Policy di Esecuzione degli Ordini per i CFD

Sintesi della Policy di Esecuzione degli Ordini per i CFD CMC MARKETS UK PLC Sintesi della Policy di Esecuzione degli Ordini per i CFD Gennaio 2015 Iscritta nel Registro delle Imprese in Inghilterra al numero: 02448409 Autorizzata e vigilata dalla Financial Conduct

Dettagli

GUIDA ALLA MARGINAZIONE OVERNIGHT SULLA PIATTAFORMA WEB

GUIDA ALLA MARGINAZIONE OVERNIGHT SULLA PIATTAFORMA WEB GUIDA ALLA MARGINAZIONE OVERNIGHT SULLA PIATTAFORMA WEB LA MARGINAZIONE OVERNIGHT SULLA PIATTAFORMA WEB 1. Cosa è la marginazione long/short overnight? Si tratta di una strategia di investimento che offre

Dettagli

Politica di valutazione e Pricing di prodotti finanziari emessi dalla Banca di Credito Cooperativo Mediocrati

Politica di valutazione e Pricing di prodotti finanziari emessi dalla Banca di Credito Cooperativo Mediocrati Politica di valutazione e Pricing di prodotti finanziari emessi dalla Banca di Credito Cooperativo Mediocrati (adottata ai sensi delle Linee Guida interassociative per l applicazione delle misure CONSOB

Dettagli

News Ambientale n. 13

News Ambientale n. 13 Studio Legale Perrelli & Associés member of News Ambientale n. 13 La Legge di stabilità italiana 2015 e l applicabilità del reverse charge allo scambio di quote di emissione di gas ad effetto serra, comparazioni

Dettagli

Politica di valutazione e pricing di prodotti finanziari emessi dalla Banca del Crotonese Credito Cooperativo.

Politica di valutazione e pricing di prodotti finanziari emessi dalla Banca del Crotonese Credito Cooperativo. Politica di valutazione e pricing di prodotti finanziari emessi dalla Banca del Crotonese Credito Cooperativo. (adottata ai sensi delle Linee Guida interassociative per l applicazione delle misure CONSOB

Dettagli

Alcune tipologie di strumenti derivati. 1. Il future su Ftse Mib 1/6

Alcune tipologie di strumenti derivati. 1. Il future su Ftse Mib 1/6 focus modulo 3 lezione 45 Il mercato dei capitali e la Borsa valori Gli strumenti derivati: caratteristiche generali Alcune tipologie di strumenti derivati 1. Il future su Ftse Mib A seconda dello strumento

Dettagli

AGREX- Agricultural Derivatives Exchange

AGREX- Agricultural Derivatives Exchange c o lt i va l e t u e o p p o r t u n i t à d i c r e s c i ta AGREX- Agricultural Derivatives Echange 1 AGREX porta notevoli benefici al mercato: Sistema di Garanzia con Controparte Centrale Ambiente

Dettagli

Benchmark FTSE/MIB leva 3 e 5 di UniCredit.

Benchmark FTSE/MIB leva 3 e 5 di UniCredit. Codice ISIN: IT0006724766 Codice Negoziazione: UMIB3L Codice ISIN: IT0006724782 Codice Negoziazione: UMIB5L Benchmark FTSE/MIB leva 3 e 5 di UniCredit. Puoi replicare, moltiplicando x3 e x5 la performance

Dettagli