ACAM Ambiente S.p.A.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ACAM Ambiente S.p.A."

Transcript

1 ACAM Ambiente S.p.A. Modello di organizzazione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 Omicidio colposo o lesioni gravi o gravissime commesse con violazione delle norme sulla tutela della salute e sicurezza sul lavoro Approvato con determinazione A.U. del /20

2 Sommario 1. Ambito applicativo ed obiettivi Omicidio colposo o lesioni gravi o gravissime commesse con violazione delle norme sulla tutela della salute e sicurezza sul lavoro I Processi sensibili I Principi generali di comportamento il sistema di gestione I controlli dell Organismo di Vigilanza /20

3 1. AMBITO APPLICATIVO ED OBIETTIVI La presente Parte Speciale riguarda i reati omicidio colposo o lesioni gravi o gravissime commesse con violazione delle norme sulla tutela della salute e sicurezza sul lavoro previsti dall art. 25-septies del D. Lgs. 231/2001. Si tratta di una disposizione introdotta dall art. 9 della Legge 3 agosto 2007, n. 123, in forza del quale l ambito applicativo della responsabilità amministrativa degli enti si estende ai reati di omicidio colposo e lesioni colpose gravi o gravissime commessi con violazione della disciplina a tutela dell igiene, salute e sicurezza sul lavoro. Vengono in questo caso in rilievo le condotte realizzate dal datore di lavoro, dal responsabile del servizio di prevenzione e protezione, dai delegati in materia di sicurezza, dai preposti e dai lavoratori le cui condotte commissive ed omissive in materia di sicurezza sul lavoro abbiano cagionato la verificazione di infortuni sul lavoro da cui sia conseguita la morte o la lesione grave o gravissima della persona. La presente Parte Speciale ha lo scopo di: individuare ed illustrare le fattispecie di reati omicidio colposo o lesioni gravi o gravissime commesse con violazione delle norme sulla tutela della salute e sicurezza sul lavoro in conseguenza dei quali, in caso di commissione da parte di soggetti aziendali nell interesse o a vantaggio della Società 1, può discendere la responsabilità amministrativa ex D. Lgs. 231/2001 in capo ad ACAM Ambiente S.p.A.; indicare le regole di comportamento e le procedure che gli amministratori, i dirigenti ed i dipendenti, nonché i consulenti e partner di ACAM Ambiente S.p.A., sono chiamati ad osservare ai fini della corretta applicazione Modello con riguardo ai reati in esame; fornire all Organismo di Vigilanza ed ai responsabili delle funzioni aziendali 1 In presenza di reati colposi, l interesse o il vantaggio della Società alla base della responsabilità amministrativa ex D. Lgs. 231/2001 non può e non deve ricercarsi nel verificarsi dell evento del reato, ma deve essere individuato nell infrazione delle norme giuridiche e comportamentali da cui tale evento è stato originato. Nel caso di specie, in particolare, il vantaggio dell ente deve essere ravvisato nel risparmio di costi conseguito dalla Società grazie alla mancata adozione delle misure antiinfortunistiche previste dalla legge. 3/20

4 gli elementi di riferimento per l esercizio delle attività di controllo, monitoraggio e verifica. 4/20

5 2. GRAVISSIME COMMESSE CON VIOLAZIONE DELLE SUL LAVORO I reati previsti all art. 25-septies sono: Omicidio colposo (art. 589 c.p.) [1] Chiunque cagiona per colpa la morte di una persona è punito con la reclusione da sei mesi a cinque anni. [2] Se il fatto è commesso con violazione delle norme sulla disciplina della circolazione stradale o di quelle per la prevenzione degli infortuni sul lavoro la pena è della reclusione da due a sette anni. [3] Si applica la pena della reclusione da tre a dieci anni se il fatto è commesso con violazione delle norme sulla disciplina della circolazione stradale da: 1) soggetto in stato di ebbrezza alcolica ai sensi dell articolo 186, comma 2, lettera c), del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, e successive modificazioni; 2) soggetto sotto l effetto di sostanze stupefacenti o psicotrope. [4] Nel caso di morte di più persone, ovvero di morte di una o più persone e di lesioni di una o più persone, si applica la pena che dovrebbe infliggersi per la più grave delle violazioni commesse aumentata fino al triplo, ma la pena non può' superare gli anni quindici. Il reato si consuma nel momento in cui si verifica la morte ed è un reato comune, che può essere commesso da chiunque. L elemento oggettivo consiste in una condotta che si sostanzia nel cagionare la morte di taluno a causa di un qualunque comportamento colposo, vale a dire contrario alle regole cautelari imposte dall ordinamento giuridico. È circostanza aggravante del reato comune l aver violato le norme sulla prevenzione degli infortuni sul lavoro; similarmente si ricorda che la responsabilità dell ente è possibile soltanto se il reato si consuma in violazione delle norme antiinfortunistiche e a tutela dell igiene e della salute sul lavoro. A titolo esemplificativo, vi è condotta illecita nel causare la morte di una persona, per colpa consistita in negligenza, imprudenza, imperizia e inosservanza di norme concernenti la disciplina della circolazione stradale, intraprendendo una manovra di sorpasso in prossimità di una curva con scarsa visibilità. 5/20

6 Lesioni personali colpose (art. 590 c.p.) [1] Chiunque cagiona ad altri, per colpa, una lesione personale è punito con la reclusione fino a tre mesi o con la multa fino a euro 309,00. [2 Se la lesione è grave la pena è della reclusione da uno a sei mesi o della multa da euro 123,00 a euro 619,00; se è gravissima, della reclusione da tre mesi a due anni o della multa da euro 309,00 a euro 1.239,00. [3]Se i fatti di cui al secondo comma sono commessi con violazione delle norme sulla disciplina della circolazione stradale o di quelle per la prevenzione degli infortuni sul lavoro, la pena per le lesioni gravi è della reclusione da tre mesi a un anno o della multa da euro 500,00 a euro 2.000,00 e la pena per le lesioni gravissime è della reclusione da uno a tre anni. [4]Nei casi di violazione delle norme sulla circolazione stradale, se il fatto è commesso da soggetto in stato di ebbrezza alcolica ai sensi dell articolo 186, comma 2, lettera c), del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, e successive modificazioni, ovvero da soggetto sotto l effetto di sostanze stupefacenti o psicotrope, la pena per le lesioni gravi è della reclusione da sei mesi a due anni e la pena per le lesioni gravissime è della reclusione da un anno e sei mesi a quattro anni. [5]Nel caso di lesioni di più persone si applica la pena che dovrebbe infliggersi per la più grave delle violazioni commesse, aumentata fino al triplo; ma la pena della reclusione non può superare gli anni cinque. [6]Il delitto è punibile a querela della persona offesa, salvo nei casi previsti nel primo e secondo capoverso, limitatamente ai fatti commessi con violazione delle norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro o relative all'igiene del lavoro o che abbiano determinato una malattia professionale. Nel caso di specie l interesse tutelato è l incolumità fisica della persona. La condotta consiste in un qualsiasi comportamento colposo dal quale deriva una lesione personale di natura grave o gravissima, a norma dell articolo 583 del codice civile. La lesione è grave quando dal fatto deriva: una malattia che mette in pericolo la vita della persona; un incapacità di attendere alle ordinarie occupazioni per più di quaranta giorni; l indebolimento permanente di un senso o di un organo. La lesione è gravissima quando dal fatto deriva: una malattia certamente o probabilmente insanabile; la perdita di un senso; la perdita di un arto o una mutilazione che renda l arto inservibile; la perdita dell uso di un organo; 6/20

7 la perdita della capacità di procreare; una permanente e grave difficoltà della favella; la deformazione del viso; lo sfregio permanente del viso. Inoltre, nell art. 25-septies, lo specifico richiamo al comma 3 dell art. 590 c.p., il quale individua una circostanza aggravante ad effetto speciale soltanto nella violazione delle norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro e non anche in quelle sulla tutela dell igiene e della salute del lavoro, potrebbe far sorgere il dubbio in ossequio al principio di stretta legalità di cui all art. 2 del D. Lgs. 231/01, che non sia ravvisabile la responsabilità amministrativa dell ente in relazione alla fattispecie di lesioni colpose gravi o gravissime derivanti da malattia professionale. Tuttavia, a favore di un interpretazione estensiva, che ricomprenda nelle lesioni colpose gravi o gravissime anche le malattie professionali, si può richiamare quella giurisprudenza che in tema di infortuni sul lavoro tende a far coincidere il concetto infortunio-malattia, nonché il riferimento testuale dell art. 25-septies alle norme a tutela dell igiene e della salute sul lavoro, che induce a ritenere che il legislatore abbia inteso, con riguardo alle lesioni colpose gravi o gravissime, estendere la responsabilità degli enti alle malattie professionali. A titolo esemplificativo, vi è condotta illecita nel causare una mutilazione che renda inservibile un braccio di una persona, per colpa consistita in negligenza, imprudenza, imperizia e inosservanza di norme concernenti la disciplina della circolazione stradale, causando un sinistro in corrispondenza del passaggio pedonale, a causa dell alta velocità. In questa sede è, peraltro, opportuno ricordare che il decreto legislativo n. 81 del 2008 (Testo unico in materia di sicurezza ed igiene del lavoro) ha stabilito un contenuto minimo essenziale del Modello Organizzativo in questa materia. L articolo 30 del citato decreto, infatti, dispone che: Il modello di organizzazione e di gestione idoneo ad avere efficacia esimente della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità giuridica di cui al decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231, deve essere adottato ed efficacemente attuato, assicurando un sistema aziendale per l adempimento di tutti gli obblighi giuridici relativi: a) al rispetto degli standard tecnico-strutturali di legge relativi a attrezzature, impianti, luoghi di lavoro, agenti chimici, fisici e biologici; b) alle attività di valutazione dei rischi e di predisposizione delle misure di 7/20

8 prevenzione e protezione conseguenti; c) alle attività di natura organizzativa, quali emergenze, primo soccorso, gestione degli appalti, riunioni periodiche di sicurezza, consultazioni dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza; d) alle attività di sorveglianza sanitaria; e) alle attività di informazione e formazione dei lavoratori; f) alle attività di vigilanza con riferimento al rispetto delle procedure e delle istruzioni di lavoro in sicurezza da parte dei lavoratori; g) alla acquisizione di documentazioni e certificazioni obbligatorie di legge; h) alle periodiche verifiche dell applicazione e dell efficacia delle procedure adottate. Il modello organizzativo e gestionale di cui al comma 1 deve prevedere idonei sistemi di registrazione dell avvenuta effettuazione delle attività di cui al comma 1. Il modello organizzativo deve in ogni caso prevedere, per quanto richiesto dalla natura e dimensioni dell organizzazione e dal tipo di attività svolta, un articolazione di funzioni che assicuri le competenze tecniche ei poteri necessari per la verifica, valutazione, gestione e controllo del rischio, nonché un sistema disciplinare idoneo a sanzionare il mancato rispetto delle misure indicate nel modello. Il modello organizzativo deve altresì prevedere un idoneo sistema di controllo sull attuazione del medesimo modello e sul mantenimento nel tempo delle condizioni di idoneità delle misure adottate. Il riesame e l eventuale modifica del modello organizzativo devono essere adottati, quando siano scoperte violazioni significative delle norme relative alla prevenzione degli infortuni e all igiene sul lavoro, ovvero in occasione di mutamenti nell organizzazione e nell attività in relazione al progresso scientifico e tecnologico. La norma individua, pertanto, le aree considerate a rischio e che devono essere presidiate a prescindere da ogni valutazione di merito alla concreta possibilità di realizzazione di reati. 8/20

9 3. I PROCESSI SENSIBILI Nell ambito delle attività svolte da ACAM Ambiente S.p.A. i processi sensibili attinenti ai reati di omicidio colposo o lesioni gravi o gravissime commesse con violazione delle norme sulla tutela della salute e sicurezza sul lavoro sono: gestione operativa attività aziendali di tipo tecnico; gestione operativa attività aziendali di tipo tecnico - amministrativo; monitoraggio delle verifiche per il rispetto della normativa antinfortunistica; monitoraggio delle verifiche per il rispetto della normativa antinfortunistica nel caso di affidamento di appalti lavori; All interno di tali categorie devono intendersi richiamati, per i vari settori di attività, i processi individuati dall art. 30 del D. Lgs. 81/2008. Tali processi devono essere adeguatamente formalizzati dall azienda, che pur in assenza di certificazione, adotta un sistema di gestione ispirato allo standard OHSAS 18001:2007, e dovranno essere periodicamente sottoposti a monitoraggio da parte dell Organismo di Vigilanza. 9/20

10 4. I PRINCIPI GENERALI DI COMPORTAMENTO Nell ambito della presente sezione della Parte Speciale vengono riportati i principi di comportamento che si richiede vengano adottati da parte di tutto il personale aziendale nel pieno rispetto della normativa in materia di salute e sicurezza sul lavoro. Tali regole di condotta sono finalizzate a limitare quanto più possibile il rischio che, a causa della mancata ottemperanza alle prescrizioni antiinfortunistiche, si verifichi uno dei reati previsti nel Decreto. I principi di comportamento si applicano direttamente a chiunque sia tenuto, in via diretta od indiretta, all osservanza delle norme antinfortunistiche. In particolare, si applicano direttamente agli amministratori, dirigenti e dipendenti di ACAM Ambiente S.p.A., mentre si applicano ai consulenti ed ai partner esclusivamente in forza di specifiche clausole contrattuali. La presente Parte Speciale prevede l espresso divieto di: a) porre in essere comportamenti imprudenti, negligenti od imperiti che possano costituire un pericolo per la sicurezza all interno del luogo di lavoro; b) rifiutare di utilizzare dispositivi di protezione individuale o collettivi o svolgere attività lavorative in violazione delle disposizioni impartite dai responsabili per la sicurezza; c) rimuovere o modificare senza autorizzazione o comunque compromettere i dispositivi di sicurezza o di segnalazione o di controllo ovvero compiere di propria iniziativa operazioni o manovre che non sono di propria competenza ovvero che possono compromettere la sicurezza propria o di altri lavoratori; d) svolgere mansioni lavorative per le quali non si siano preventivamente ricevute adeguate istruzioni sulle modalità operative; e) rifiutarsi di partecipare a corsi di formazione finalizzati alla formazione sull uso di impianti, macchinari o dispositivi; f) operare pressioni, anche di tipo economico su Soggetti Esterni, con particolare riferimento ai Soggetti affidatari, inducendoli a non ottemperare alle prescrizioni normative in materia di salute e sicurezza sul lavoro; 10/20

11 g) porre in essere comportamenti tali che, presi individualmente o collettivamente, integrino, direttamente o indirettamente, le fattispecie di reato rientranti tra quelle sopra considerate (art. 25-septies del D. Lgs. 231/2001); h) porre in essere comportamenti che, sebbene risultino tali da non costituire di per sé fattispecie di reato rientranti tra quelle sopra considerate, possano potenzialmente diventarlo. Nell ambito dei suddetti comportamenti è fatto obbligo di: assicurare il pieno rispetto della normativa in materia di salute e sicurezza sul lavoro, nonché di tutti gli adempimenti connessi; assicurare il rispetto di tutte le procedure aziendali in materia Qualità, Ambiente e Sicurezza, che si intendono integralmente richiamate; assicurare il rispetto delle indicazioni contenute nel Documento di Valutazione dei Rischi (D.V.R.) di ACAM Ambiente S.p.A.; uniformarsi agli standard tecnico-strutturali previsti dalla legge e dai regolamenti relativamente a attrezzature, impianti, luoghi di lavoro, agenti chimici, fisici e biologici, applicabili alla realtà aziendale; partecipare, se richiesti, alle attività di valutazione dei rischi propedeutiche alla predisposizione e revisione periodica del documento di cui all art. 28 del D. Lgs. 81/2008; partecipare, se richiesti, alla riunione periodica ex art. 35 del D. Lgs. 81/2008 e alle eventuali altre occasioni di consultazione indette dal Datore di Lavoro; contribuire, in base al proprio ruolo e agli eventuali incarichi ricevuti, all attuazione delle misure organizzative previste dal Datore di Lavoro per la gestione delle emergenze, della lotta antiincendio e del primo soccorso; segnalare senza indugio al preposto di riferimento e al dirigente eventuali situazioni di pericolo per la salute e la sicurezza dei lavoratori che dovessero verificarsi; segnalare senza indugio al preposto di riferimento e al dirigente i malfunzionamenti di macchinari e attrezzature e dei dispositivi di sicurezza posti a tutela della salute e sicurezza dei lavoratori; segnalare tempestivamente al preposto di riferimento, al dirigente e al Responsabile Qualità, Ambiente e Sicurezza il verificarsi di infortuni e quasi infortuni; 11/20

12 contribuire, in base al proprio ruolo e agli incarichi eventualmente ricevuti, a garantire la corretta gestione degli appalti, in modo tale da assicurare il rispetto della normativa in materia di salute e sicurezza sul lavoro e la corretta cooperazione con gli altri soggetti coinvolti negli stessi, adottando ogni misura e precauzione necessaria a minimizzare il rischio di interferenze; segnalare senza indugio al preposto di riferimento e al dirigente eventuali situazioni di evidente rischio inerente le attività poste in essere da consulenti, partner, fornitori che, in virtù di un regolare contratto d appalto o d opera, prestano la propria attività, anche temporaneamente, nella sede, nelle unità locali o nei cantieri della Società; sottoporsi diligentemente alle visite mediche obbligatorie, consentendo il regolare svolgimento delle attività di sorveglianza sanitaria e l esecuzione dei controlli periodici programmati dal Medico Competente; partecipare diligentemente alle attività di addestramento, informazione e formazione in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro previste per i lavoratori, sia in fase di nuova assunzione e di modifica delle mansioni del lavoratore, sia periodicamente al fine di assicurare il corretto svolgimento delle proprie mansioni e dei compiti operativi, garantendo il rispetto di tutte le misure precauzionali previste per legge o disposte dal Datore di Lavoro; segnalare al preposto di riferimento la necessità di addestramento ulteriore per l uso di macchinari, dispositivi od impianti; vigilare, in base al proprio ruolo e agli eventuali incarichi ricevuti, sul rispetto delle procedure e delle istruzioni operative in materia di salute e sicurezza sul lavoro da parte dei lavoratori. 12/20

13 Ai fini dell attuazione dei comportamenti di cui sopra: 1. il Datore di Lavoro delega ad uno o più Delegati del Datore di Lavoro ai sensi dell art. 16 del D.Lgs. 81/2008 (Delegati) le funzioni proprie del suo ruolo che ritenga opportuno attribuire in ragione delle caratteristiche peculiari dell organizzazione aziendale, fatta eccezione per quelle espressamente previste dalla legge come non delegabili, conferendo loro ogni più ampio potere, anche di spesa, al fine di rendere la delega efficace; 2. il Datore di Lavoro nomina il Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione (RSPP), verificando che il soggetto incaricato sia in possesso di tutti i requisiti previsti dalla legge per lo svolgimento di tale ruolo; 3. il Datore di Lavoro provvede alla nomina del Medico Competente mediante un contratto e/o lettera di nomina, garantendo l adeguata verifica dei requisiti di competenza del medico; 4. il Datore di Lavoro o il suo Delegato, in collaborazione con il Responsabile Qualità, Ambiente e Sicurezza, redige ed adotta personalmente l organigramma aziendale relativo al presidio della salute e sicurezza sul lavoro, designando tramite apposite lettere di incarico il personale chiamato a svolgere le funzioni attribuite ai Dirigenti ed ai Preposti dall art. 2 comma 1 lett. d) ed e) del D. Lgs. 81/2008, e precisandone in forma scritta le specifiche mansioni e responsabilità; 5. la valutazione dei rischi viene effettuata nel pieno rispetto di un apposita procedura; 6. il RSPP collabora con il Datore di Lavoro per le attività di valutazione, nel corso delle quali vengono coinvolti i Responsabili delle singole aree o funzioni, i RLS ed i lavoratori e viene sentito il Medico competente per le parti di competenza; 7. il Datore di Lavoro, sentito il RSPP, ove lo ritenga necessario, si avvale della collaborazione di consulenti esterni qualificati per la valutazione di specifiche aree di rischio; 8. il Datore di Lavoro assicura che il DVR sia redatto in conformità alle normative cogenti e secondo quanto disposto dalla procedura in materia; il documento, con data certa, è sottoscritto dal Datore di Lavoro e dal RSPP e, per presa visione, dai RLS e dal Medico Competente; 13/20

14 9. il Datore di Lavoro, anche per il tramite del proprio Delegato, allo scopo di migliorare la salute e la sicurezza dei lavoratori sul luogo di lavoro, definisce annualmente gli obiettivi da raggiungere con riferimento al presidio di salute e sicurezza sul lavoro, che confluiscono all interno del Piano degli Obiettivi del Sistema di Gestione; tale Piano definisce degli obiettivi misurabili e gli impegni che l organizzazione si assume per il loro raggiungimento; 10. periodicamente il Datore di Lavoro, anche per il tramite del proprio Delegato e con l eventuale supporto dei responsabili dei processi aziendali, RSPP, RLS e del Medico Competente, verifica attraverso l analisi di report e altri dati oggettivi previsti all interno del piano di monitoraggio, il corretto andamento dei programmi di miglioramento ed accerta che il Sistema di Gestione dell azienda sia costantemente orientato alla diminuzione degli infortuni e malattie professionali e al miglioramento continuo; 11. con cadenza annuale, il Datore di Lavoro ed il suo Delegato, in collaborazione con i responsabili dei processi aziendali, il RSPP, i RLS, ed il Medico Competente effettuano il riesame del Sistema di Gestione; 12. la gestione delle emergenze e della prevenzione incendi viene effettuata nel pieno rispetto di un apposita procedura redatta dal Responsabile Qualità, Ambiente e Sicurezza e approvata dal Datore di Lavoro o dal suo Delegato; 13. il Datore di Lavoro, anche per il tramite del proprio Delegato, designa tramite apposite lettere di incarico il personale incaricato di svolgere le mansioni di primo soccorso, lotta antincendio ed emergenze, in conformità a quanto previsto dalla procedura vigente in materia; 14. il Datore di Lavoro o il suo Delegato, anche per il tramite del Responsabile Qualità, Ambiente e Sicurezza, assicurano che i presidi antincendio e le dotazioni di sicurezza presenti in azienda siano sottoposti a controlli e verifiche periodiche al fine di accertarne ed assicurarne la disponibilità, l efficienza e l efficacia in caso di emergenza, in conformità a quanto previsto dalle procedure vigenti in materia; per la registrazione delle attività di sorveglianza, controlli, revisione e manutenzione delle dotazioni antincendio viene utilizzato un apposito registro; 15. gli Addetti al primo soccorso assicurano che il contenuto dei presidi di primo soccorso sia sottoposto a sorveglianza periodica, secondo le modalità previste nella procedura vigente in materia; 14/20

15 16. il Datore di Lavoro,, anche per il tramite del proprio Delegato, il RSPP ed i coordinatori per l emergenza approvano il piano di emergenza e le planimetrie degli ambienti di lavoro sulle quali sono riportate le dotazioni antincendio e di sicurezza di possibile impegno in caso di emergenza, affisse negli ambienti lavorativi; la versione aggiornata ed in vigore di tali documenti è custodita presso la sede aziendale a cura del Responsabile Qualità, Ambiente e Sicurezza; 17. il Responsabile Qualità, Ambiente e Sicurezza, durante la fase di gestione delle non conformità e delle azioni preventive e correttive, segnala al Datore di Lavoro o al suo Delegato, la necessità di aggiornamento, completamento o revisione dei documenti relativi alla gestione delle emergenze e della prevenzione incendi in base all esperienza acquisita, a seguito di emergenza o incidente o in seguito a segnalazione da parte dei lavoratori o dei RLS; 18. il Responsabile Qualità, Ambiente e Sicurezza assicura che le segnalazioni di situazioni o comportamenti pericolosi, incidenti o infortuni siano processate e registrate; 19. il Datore di Lavoro o il suo Delegato, anche per il tramite del Responsabile Qualità, Ambiente e Sicurezza, assicurano che le esercitazioni antiincendio siano condotte secondo la metodologia e la frequenza, prestabilite dalla procedura vigente in materia; 20. il Datore di Lavoro, anche per il tramite del proprio Delegato, assicura che la scelta di nuove risorse strumentali sia effettuata in collaborazione con i Responsabili di funzione interessati e con il RSPP e che, all esito delle valutazioni tecniche, si preferisca, a parità di prestazioni, l attrezzatura di lavoro che garantisce il maggior livello di sicurezza; 21. per le operazioni e/o attrezzature giudicate più pericolose, il Responsabile Qualità, Ambiente e Sicurezza, in collaborazione con i Preposti, predispone specifiche Istruzioni Operative e provvede alla formazione dei lavoratori addetti; 22. i Preposti sono responsabili del controllo sull uso corretto di macchine ed attrezzature ed assicurano il rispetto delle Istruzioni Operative di sicurezza aziendali, l utilizzo dei dispositivi e la sicurezza di macchine ed attrezzature secondo il libretto di uso e manutenzione ad essi relativo, l utilizzo dei DPI forniti; 15/20

16 23. il Responsabile Qualità Ambiente e Sicurezza sulla base delle indicazioni fornite dai manuali di uso e manutenzione e della normativa cogente e tecnica applicabile individua le tipologie di controllo periodico volto a garantire e mantenere la sicurezza e la salute dei lavoratori che le utilizzano e garantiscono il rispetto delle scadenze previste per il controllo e la manutenzione di ogni impianto, macchina ed attrezzatura; 24. i Preposti assicurano che i DPI previsti vengono consegnati ai singoli operatori al momento dell assunzione e che vengano sostituiti in caso di usura o rottura secondo le modalità indicate nella procedura vigente in materia; l avvenuta consegna è formalizzata attraverso la compilazione di un apposito modulo ed è oggetto di accertamento durante le attività di verifica del sistema; 25. il RSPP è responsabile del controllo periodico sulle attività di consegna, e sull effettiva attività di informazione, formazione e addestramento sui DPI; 26. nel caso in cui i Preposti rilevino situazioni o comportamenti pericolosi, incidenti o infortuni durante l utilizzo delle macchine e delle attrezzature sono tenuti a registrare l evento sull apposito modulo e a comunicarlo al Responsabile Qualità, Ambiente e Sicurezza; 27. il Responsabile Qualità, Ambiente e Sicurezza assicura che le segnalazioni di situazioni o comportamenti pericolosi, incidenti o infortuni durante l utilizzo delle macchine e delle attrezzature siano processate secondo la metodologia prevista all interno di una specifica procedura; 28. la formazione ed informazione dei Lavoratori viene effettuata nel pieno rispetto di un apposita procedura; 29. la formazione e l informazione dei Lavoratori sono progettate a cura del RSPP sentiti i responsabili di funzione, tenendo conto delle prescrizioni previste dalla normativa vigente, dei rischi generici e specifici individuati dal documento di valutazione dei rischi, delle segnalazioni di fabbisogni formativi da parte dei reparti e dal RSPP e delle caratteristiche, del grado di istruzione e della nazionalità dei soggetti; 30. il RSPP assicura che per i principali corsi di formazione svolti sia effettuata una verifica sull effettivo grado di apprendimento dei destinatari che potrà essere svolta utilizzando diverse metodologie e strumenti, scelti dal personale docente in base al tipo di attività formativa realizzata, alla metodologia didattica ed agli strumenti utilizzati per la comunicazione; 16/20

17 31. il personale dell Ufficio acquisti e gare, contestualmente alla stipula di contratti di appalto o subappalto richiede alla ditta appaltatrice, subappaltatrice o al lavoratore autonomo almeno il certificato di iscrizione alla Camera di Commercio, Industria e Artigianato, l acquisizione dell autocertificazione dell impresa appaltatrice del possesso dei requisiti di idoneità tecnico professionale e l acquisizione del documento unico di regolarità contributiva; 32. il personale dell Ufficio acquisti e gare provvede a richiedere al fornitore, le attestazioni previste dal Codice degli Appalti; 33. il Datore di Lavoro, anche per il tramite del proprio Delegato, nei casi in cui la Società sia Committente del contratto di appalto, comunica, attraverso il Documento Unico di Valutazione dei rischi da Interferenze (DUVRI) nel rispetto dell'art. 26 del D.Lgs. 81/08, alle ditte appaltatrici i rischi specifici esistenti nell'ambiente in cui sono destinati ad operare e le misure di prevenzione e di emergenza adottate in relazione alla propria attività; 34. il DUVRI viene inizialmente compilato dal Datore di Lavoro della Società o dal suo Delegato, anche per il tramite di un soggetto incaricato, con le informazioni di propria competenza (propri rischi / situazioni pericolose e proposta di misure da attuare) e quindi consegnato all impresa appaltatrice che provvede a sua volta a inserire le informazioni legate alla propria attività, integrando le misure di prevenzione e protezione da attuare e lo riconsegna sottoscritto; 35. il DUVRI relativo al singolo contratto di appalto è archiviato, con la collaborazione del Responsabile Qualità Ambiente e Sicurezza, secondo le modalità previste dalla procedura vigente in materia; 36. i contratti di appalto, subappalto o di prestazione d opera disciplinano almeno i seguenti obblighi a carico degli appaltatori: a) la fornitura di un elenco dettagliato contenente i nominativi di tutti i lavoratori impiegati nell espletamento delle attività; b) la pronta segnalazione in forma scritta di qualunque situazione nuova o diversa che dovesse emergere o rilevare durante l esecuzione delle attività, tale da modificare le valutazioni del DUVRI; c) la fornitura del dettaglio dei costi relativi alla sicurezza del lavoro, ovvero inerenti le misure preventive e protettive necessarie al fine di eliminare o ridurre al minimo i rischi di interferenza; 37. i contratti di appalto, subappalto o di prestazione d opera prevedono che l appaltatore, il subappaltatore e il professionista si impegni a garantire il 17/20

18 rispetto delle normative in materia ambientale, di regolarità dei rapporti di lavoro e di salute e sicurezza sul lavoro. In generale, tutti Destinatari del Modello Organizzativo devono rispettare quanto definito al fine di preservare la sicurezza e la salute dei lavoratori e comunicare tempestivamente alle strutture interne competenti eventuali segnali di rischio e/o pericolo, incidenti (indipendentemente dalla loro gravità) e violazioni alle regole di comportamento e delle procedure aziendali. 18/20

19 5. IL SISTEMA DI GESTIONE Le attività aziendali finalizzate a garantire la sicurezza sui luoghi di lavoro sono disciplinate attraverso apposite procedure. La Società, infatti, secondo quanto previsto dall articolo 30 comma 1 del Decreto Legislativo del 9 aprile 2009 n. 81, adotta un sistema di gestione che, pur in assenza di certificazione, si ispira allo standard OHSAS 18001:2007 e al principio del continuo miglioramento. Il manuale, le procedure, le istruzioni operative, i piani e i programmi facenti parte del sistema di gestione in materia di salute e sicurezza sul lavoro, devono intendersi integralmente richiamate e recepite dal presente Modello di organizzazione, gestione e controllo, così come pure deve ritenersene parte integrante il Documento di Valutazione dei Rischi (D.V.R.) predisposto ai sensi degli artt. 28 e 29 del D. Lgs. 81/ /20

20 6. I CONTROLLI DELL ORGANISMO DI VIGILANZA L Organismo di Vigilanza effettua periodicamente controlli a campione sulle attività connesse ai «processi sensibili» diretti a verificare la corretta esplicazione delle stesse in relazione alle regole di cui al presente Modello. A tal fine, all Organismo è garantito libero accesso a tutta la documentazione aziendale rilevante così come previsto nella Parte Generale del Modello. Inoltre, l Organismo di Vigilanza può attivarsi con specifici controlli a seguito delle segnalazioni ricevute. In particolare è compito dell Organismo di Vigilanza: a) verificare che l azienda emani ed aggiorni le istruzioni standardizzate relative a: una compilazione omogenea e coerente della documentazione inerente le operazioni a rischio seguite dai Responsabili Interni; gli atteggiamenti da assumere nell ambito delle Attività a rischio; i limiti entro i quali non è necessaria la predisposizione della documentazione inerente le operazioni a rischio seguite dai Responsabili Interni. b) monitorare l efficacia delle procedure interne per la prevenzione dei reati di omicidio colposo e lesioni colpose gravi o gravissime in violazione delle norme poste a tutela della salute e sicurezza sul lavoro, attraverso controlli a campione; c) esaminare le eventuali segnalazioni provenienti dagli Organi di Controllo o da qualsiasi lavoratore dipendente e disporre gli accertamenti ritenuti necessari. A tal fine, il datore di lavoro consegna all Organismo di Vigilanza tutta la documentazione in materia di tutela della salute e sicurezza dei lavoratori ed, in particolare, il Documento di Valutazione dei Rischi, l organigramma della società, i verbali delle riunioni periodiche effettuate ai sensi dell art. 35 D.Lgs. 81/2008 e le statistiche degli infortuni. 20/20

Parte speciale Reati in materia di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro

Parte speciale Reati in materia di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro Parte speciale Reati in materia di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D.Lgs 231/2001 APPROVAZIONE L Amministratore delegato Il Presidente

Dettagli

PARTE SPECIALE Sezione VII. Sicurezza e salute sul lavoro

PARTE SPECIALE Sezione VII. Sicurezza e salute sul lavoro PARTE SPECIALE Sezione VII Sicurezza e salute sul lavoro PARTE SPECIALE Sezione VII Sommario 1.Le fattispecie dei reati presupposto (Art. 25 septies D. Lgs. 231/01)... 3 2.Processi Sensibili... 4 3.Regole

Dettagli

- PARTE SPECIALE D- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE D- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE D- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO 236 D.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies

Dettagli

PARTE SPECIALE 2. Reati commessi con violazione delle norme antinfortunistiche e sulla tutela dell igiene e della salute sul lavoro

PARTE SPECIALE 2. Reati commessi con violazione delle norme antinfortunistiche e sulla tutela dell igiene e della salute sul lavoro PARTE SPECIALE 2 Reati commessi con violazione delle norme antinfortunistiche e sulla tutela dell igiene e della salute sul lavoro 1. Funzione della Parte Speciale - 2 - Obiettivo della presente Parte

Dettagli

LA RESPONSABILITÀ DA REATO DELLE SOCIETÀ ALLA LUCE DEL T.U. SULLA SICUREZZA SUL LAVORO

LA RESPONSABILITÀ DA REATO DELLE SOCIETÀ ALLA LUCE DEL T.U. SULLA SICUREZZA SUL LAVORO DECRETO LEGISLATIVO n. 81 del 9 aprile 2008 UNICO TESTO NORMATIVO in materia di salute e sicurezza delle lavoratrici e dei lavoratori LA RESPONSABILITÀ DA REATO DELLE SOCIETÀ ALLA LUCE DEL T.U. SULLA SICUREZZA

Dettagli

OMICIDIO COLPOSO O LESIONI GRAVI O GRAVISSIME COMMESSE CON VIOLAZIONE DELLE NORME SULLA TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

OMICIDIO COLPOSO O LESIONI GRAVI O GRAVISSIME COMMESSE CON VIOLAZIONE DELLE NORME SULLA TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO OMICIDIO COLPOSO O LESIONI GRAVI O GRAVISSIME COMMESSE CON VIOLAZIONE DELLE NORME SULLA TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Le fattispecie delittuose inserite all'art. 25-septies riguardano unicamente

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI D.V.R. Capitolo 3 D.V.R. Capitolo 3 Programma per il miglioramento nel tempo dei livelli di sicurezza DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI CAPITOLO 3 Programma per il miglioramento nel tempo dei livelli

Dettagli

Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 25 maggio 2012

Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 25 maggio 2012 Robert Bosch S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 PARTE SPECIALE D: REATI IN TEMA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Approvato dal Consiglio

Dettagli

REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO

REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D. LGS. 231/2001 DI CONSIP S.P.A. a socio unico ***** PARTE SPECIALE D REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO IL RISCHIO

Dettagli

TAI MILANO S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE DI GESTIONE E DI CONTROLLO (D.lgs. 231/001 art. 30 D. lgs. 81/08)

TAI MILANO S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE DI GESTIONE E DI CONTROLLO (D.lgs. 231/001 art. 30 D. lgs. 81/08) TAI MILANO S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE DI GESTIONE E DI CONTROLLO (D.lgs. 231/001 art. 30 D. lgs. 81/08) Approvato dal Consiglio Di Amministrazione di TAI MILANO S.p.A. il MOG Rev. 01 del 23/06/2009

Dettagli

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008 Formazione del personale Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro DATORE DI LAVORO Soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore, responsabile della organizzazione o dell unità produttiva in

Dettagli

Organigramma della sicurezza

Organigramma della sicurezza Organigramma della sicurezza Dirigente Scolastico Medico Competente R.S.P.P. A.S.P.P. Squadra di emergenza Nominativo Plesso.... Nominativo Ruolo.... R.L.S. Preposti Lavoratori Fondamenti di sicurezza:

Dettagli

PROTOCOLLO INTERNO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

PROTOCOLLO INTERNO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO . Pag 1/8 PROTOCOLLO INTERNO SULLA SALUTE E SICUREZZA PALLOTTA S.P.A. EMESSO APPROVATO REVISIONE DATA FUNZIONE FIRMA FUNZIONE FIRMA CdA CdA . Pag 2/8 1 INDIVIDUAZIONE DELLA AREE A RISCHIO NELL AMBITO DELLA

Dettagli

REATI DI OMICIDIO COLPOSO E LESIONI COLPOSE GRAVI O GRAVISSIME, COMMESSI CON VIOLAZIONE DELLE NORME SULLA TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

REATI DI OMICIDIO COLPOSO E LESIONI COLPOSE GRAVI O GRAVISSIME, COMMESSI CON VIOLAZIONE DELLE NORME SULLA TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO FAMIGLIA DI REATI REATI DI OMICIDIO COLPOSO E LESIONI COLPOSE GRAVI O GRAVISSIME, COMMESSI CON VIOLAZIONE DELLE NORME SULLA TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO NORMATIVA CHE LI HA INTRODOTTI Le

Dettagli

4. Modello in tema di tutela della sicurezza sul lavoro

4. Modello in tema di tutela della sicurezza sul lavoro 4. Modello in tema di tutela della sicurezza sul lavoro 4.1 Previsioni del d.lgs. 81/2008 Il d.lgs. n. 81 del 9 aprile 2008 ha sostanzialmente innovato la legislazione in materia di sicurezza e salute

Dettagli

ACAM Ambiente S.p.A.

ACAM Ambiente S.p.A. ACAM Ambiente S.p.A. Modello di organizzazione e controllo ex D.Lgs. 231/2001 Impiego di cittadini di Paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Approvato con determinazione A.U. del 23.12.2014 1/10 Sommario

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

Dlgs 81/2008 qualche domanda e risposta

Dlgs 81/2008 qualche domanda e risposta Dlgs 81/2008 qualche domanda e risposta A cura dello Studio Commercialista Di Michele di Roma e Milano Quale documentazione occorre per essere in regola con il D.lgs. 81/08? Occorre l organigramma della

Dettagli

Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità giuridica,

Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità giuridica, Decreto Legislativo 231/2001 Decreto Legislativo 8 giugno 2001 n. 231 Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità

Dettagli

PARTE SPECIALE (A) ART. 25 SEPTIES

PARTE SPECIALE (A) ART. 25 SEPTIES PARTE SPECIALE (A) ART. 25 SEPTIES REATI DI OMICIDIO COLPOSO E LESIONI COLPOSE GRAVI O GRAVISSIME IN VIOLAZIONE DELLE NORME ANTINFORTUNISTICHE E SULLA TUTELA DELL IGIENE E DELLA SALUTE SUL LAVORO Per approvazione:

Dettagli

D.Lgs. 231/2001 - RESPONSABILITÀ DI IMPRESA: APPLICABILITÀ AI LABORATORI DI ANALISI. Integrazione 231 e SGS

D.Lgs. 231/2001 - RESPONSABILITÀ DI IMPRESA: APPLICABILITÀ AI LABORATORI DI ANALISI. Integrazione 231 e SGS D.Lgs. 231/2001 - RESPONSABILITÀ DI IMPRESA: APPLICABILITÀ AI LABORATORI DI ANALISI Integrazione 231 e SGS M.G.Marchesiello Bologna 5 giugno 2014 L. 3.08.2007 n. 123 Misure in tema di tutela della salute

Dettagli

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Ente di formazione accreditato dalla Regione Siciliana Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Page1 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA

Dettagli

Procedura correlata alla gestione della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

Procedura correlata alla gestione della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro Procedura correlata alla gestione della salute e sicurezza nei luoghi di Approvato da: Funzione Cognome e Nome Data Firma per approvazione Presidente del CdA RSPP Soc. di consulenza Verificato da:: Funzione

Dettagli

Codice Penale art. 437

Codice Penale art. 437 Codice Penale art. 437 TITOLO VI Dei delitti contro l'incolumità pubblica Dei delitti di comune pericolo mediante violenza Rimozione od omissione dolosa di cautele contro infortuni sul lavoro. [I]. Chiunque

Dettagli

Verbale 1: Incarico del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione

Verbale 1: Incarico del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione 8Verbali per la gestione della sicurezza nelle aziende agricole V1. Verbale di nomina Rspp V2. Verbale di nomina del Medico Competente V3. Verbale di elezione RlS V4. Verbale di nomina addetto gestione

Dettagli

Dlgs N 81 del 9 aprile 2008

Dlgs N 81 del 9 aprile 2008 Dlgs N 81 del 9 aprile 2008 Definizioni -Datore di Lavoro: il titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore. Ha la responsabilità dell organizzazione o dell unità produttiva in quanto esercita i poteri

Dettagli

CHECK LIST ANALISI INIZIALE ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

CHECK LIST ANALISI INIZIALE ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO CHECK LIST ANALISI INIZIALE ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO QUESITO RISCONTRO* Documentazione di P N NA riscontro 1. ANALISI INIZIALE Il DVR /autocertificazione e gli allegati

Dettagli

Protocollo di comportamento n. 05. Prevenzione dei reati di cui all art. 25 - septies del D.Lgs. 231/01

Protocollo di comportamento n. 05. Prevenzione dei reati di cui all art. 25 - septies del D.Lgs. 231/01 Protocollo di comportamento n. Prevenzione dei reati di cui all art. 25 - septies del D.Lgs. 231/01 OMICIDIO COLPOSO E LESIONI COLPOSE GRAVI O GRAVISSIME, COMMESSI CON VIOLAZIONE DELLE NORME ANTINFORTUNISTICHE

Dettagli

PARTE SPECIALE D REATI COLPOSI IN VIOLAZIONE DELLE NORME IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

PARTE SPECIALE D REATI COLPOSI IN VIOLAZIONE DELLE NORME IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO PARTE SPECIALE D REATI COLPOSI IN VIOLAZIONE DELLE NORME IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO 1 PARTE SPECIALE E REATI COLPOSI IN VIOLAZIONE DELLE NORME IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

Dettagli

RSPP - CARATTERISTICHE

RSPP - CARATTERISTICHE RSPP - CARATTERISTICHE Figura obbligatoria Consulente del Datore di Lavoro La designazione deve essere scritta ed accettata Deve aver frequentato corsi di formazione professionale specifici per il macro-settore

Dettagli

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Applicazione del D.Lgs. 81/08 nella scuola Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Cosa deve fare il Dirigente Scolastico (misure generali di tutela, art 15) Individuare

Dettagli

Gli attori della sicurezza

Gli attori della sicurezza Gli attori della sicurezza Materiali didattici elaborati CHANGE srl Ente di Formazione Accreditato dalla Regione Emilia Romagna DG n 1182 e 255/08 Certificato UNI EN ISO 9001:2008 n 10270 20/12/05 Organizzare

Dettagli

MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M.

MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M. Provincia di Napoli MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M.I. IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA

Dettagli

SOLAR ENERGY ITALIA 7 SRL

SOLAR ENERGY ITALIA 7 SRL PARTE SPECIALE 3 Reati di omicidio colposo e lesioni gravi o gravissime commesse con violazione delle norme sulla tutela della salute e sicurezza sul lavoro e Impiego di cittadini di paesi terzi il cui

Dettagli

Le regole e i modelli organizzativi

Le regole e i modelli organizzativi Dipartimento Tecnologie di Sicurezza Ex ISPESL Le regole e i modelli organizzativi Luigi Monica 29 Marzo 2011 Modelli di organizzazione e di gestione Riferimenti tecnici sui modelli di organizzazione e

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- SALUTE E SICUREZZA

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- SALUTE E SICUREZZA Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- SALUTE E SICUREZZA Adozione con delibera Consiglio di Amministrazione del 15 Aprile 2009 INDICE INDICE... 2 1. Funzione

Dettagli

ALLEGATO GS1 LISTA DI CONTROLLO PER LA VALUTAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SICUREZZA

ALLEGATO GS1 LISTA DI CONTROLLO PER LA VALUTAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SICUREZZA Pag. 1 di 13 01 Emissione in allegato a procedura verifica GS 4 Maggio 2014 00 Prima emissione Luglio 2013 Revisione Motivo Data Nota: Lo sviluppo e l implementazione dell organizzazione e gestione della

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO SIAE. Società Italiana Autori ed Editori. (ex Decreto Legislativo n. 231/2001)

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO SIAE. Società Italiana Autori ed Editori. (ex Decreto Legislativo n. 231/2001) Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo Parte Speciale D Salute e Sicurezza MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO di SIAE Società Italiana Autori ed Editori (ex Decreto Legislativo n.

Dettagli

la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili

la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili COMITATO PARITETICO TERRITORIALE DI TORINO E PROVINCIA la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili MODELLI PER LA REDAZIONE DEL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI, PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA E

Dettagli

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n.

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. SCHEDA n. 5 Le figure costitutive della sicurezza 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94 Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. 626/94 Il D. Lgs. del 19-9-94 n. 626 recepisce direttive comunitarie

Dettagli

La responsabilità amministrativa ex D.Lgs. 231/01 e il Modello di organizzazione, gestione e controllo in materia di salute e sicurezza sul lavoro

La responsabilità amministrativa ex D.Lgs. 231/01 e il Modello di organizzazione, gestione e controllo in materia di salute e sicurezza sul lavoro La responsabilità amministrativa ex D.Lgs. 231/01 e il Modello di organizzazione, gestione e controllo in materia di salute e sicurezza sul lavoro Gabriella Cazzola Direzione Legale e Contenzioso Firenze

Dettagli

La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica

La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica Obblighi e responsabilità derivanti dal D.Lgs. 81/08 La sicurezza nell ambito dell attività Paolo Troncana infermieristica Attività di R.S.P.P. e

Dettagli

Battaglioni Stefano Via G. Oberdan n. 5 62029 Tolentino (MC) Tel/Fax 0733-966311

Battaglioni Stefano Via G. Oberdan n. 5 62029 Tolentino (MC) Tel/Fax 0733-966311 STUDIO DI CONSULENZA LEGALE AZIENDALE E TRIBUTARIA STEFANO BATTAGLIONI Commercialista - Albo nr.139 MC Revisore Contabile Economista d Impresa Consulente Tecnico del Giudice Battaglioni Stefano Via G.

Dettagli

Art. 25 septies D.Lgs. n. 231/2001: autentica rivoluzione culturale. Dott. Enrico Proto Servizio Medicina Occupazionale H. San Raffaele Resnati

Art. 25 septies D.Lgs. n. 231/2001: autentica rivoluzione culturale. Dott. Enrico Proto Servizio Medicina Occupazionale H. San Raffaele Resnati Art. 25 septies D.Lgs. n. 231/2001: autentica rivoluzione culturale Dott. Enrico Proto Servizio Medicina Occupazionale H. San Raffaele Resnati non ci si bagna mai nello stesso fiume e non si può toccare

Dettagli

Sintesi ragionata delle nuove regole per la gestione aziendale. della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro

Sintesi ragionata delle nuove regole per la gestione aziendale. della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro Una premessa TESTO UNICO DELLA SICUREZZA Sintesi ragionata delle nuove regole per la gestione aziendale della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro È in vigore dal 15 maggio 2008, il nuovo Testo

Dettagli

La Delega di funzioni (Art. 16)

La Delega di funzioni (Art. 16) La Delega di funzioni (Art. 16) Delega di di funzioni - (Art. 16) 1. La delega di funzioni da parte del datore di lavoro, ove non espressamente esclusa, é ammessa con i seguenti limiti e condizioni: a)

Dettagli

Modello Organizzativo ex D.Lgs. 231/01

Modello Organizzativo ex D.Lgs. 231/01 Modello Organizzativo ex D.Lgs. 231/01 PROTOCOLLO DI COMPLIANCE 6 PREVENZIONE DAI REATI IN TEMA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO APPROVATO ED ADOTTATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE

CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE ALLEGATO 6 CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente Capitolato, alle seguenti espressioni sono

Dettagli

REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E DI GESTIONE AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001 N. 231 Parte Speciale Reati in materia di Salute e Sicurezza sul Lavoro Manifattura Lane Gaetano Marzotto & Figli

Dettagli

PROCEDURE SEMPLIFICATE PER L ADOZIONE DI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE (MOG) NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

PROCEDURE SEMPLIFICATE PER L ADOZIONE DI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE (MOG) NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE PROCEDURE SEMPLIFICATE PER L ADOZIONE DI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE (MOG) NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE RIFERIMENTI Legge 3/8/2007 n.123 (riordino disciplina) -> Introduce nel D.Lgs 231/2001

Dettagli

I Soggetti della prevenzione in azienda: compiti, obblighi, responsabilità

I Soggetti della prevenzione in azienda: compiti, obblighi, responsabilità I Soggetti della prevenzione in azienda: compiti, obblighi, responsabilità Perché e come implementare un SGSL nei luoghi di lavoro Seminario del 10 marzo 2010 1 COMPITI DEL D.d.L. E DEL DIRIGENTE (art.18,

Dettagli

Documento in attesa di approvazione definitiva Nota per la Commissione Consultiva Permanente

Documento in attesa di approvazione definitiva Nota per la Commissione Consultiva Permanente Commissione Consultiva Permanente Comitato n. 4 Modelli di Organizzazione e di Gestione (MOG) Documento in attesa di approvazione definitiva Nota per la Commissione Consultiva Permanente Prima di procedere

Dettagli

LE NUOVE SANZIONI. D. Lgs. 81/08 coordinato con il D. Lgs. 106/09

LE NUOVE SANZIONI. D. Lgs. 81/08 coordinato con il D. Lgs. 106/09 LE NUOVE SANZIONI D. Lgs. 81/08 coordinato con il D. Lgs. 106/09 Obblighi e sanzioni per i Datori di Lavoro Art. 17 Obblighi del Datore di Lavoro non delegabili Datore di Lavoro a) la valutazione di tutti

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.lgs 8 giugno 2001 n. 231. Parte Speciale D

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.lgs 8 giugno 2001 n. 231. Parte Speciale D MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.lgs 8 giugno 2001 n. 231 Parte Speciale D OMICIDIO COLPOSO E LESIONI COLPOSE GRAVI O GRAVISSIME COMMESSI IN VIOLAZIONE DELLE NORME SULLA TUTELA

Dettagli

TESTO UNICO DELLA SICUREZZA Decreto Legislativo 81/08

TESTO UNICO DELLA SICUREZZA Decreto Legislativo 81/08 TESTO UNICO DELLA SICUREZZA Decreto Legislativo 81/08 Sintesi ragionata delle nuove regole per la gestione aziendale della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro Una premessa È in vigore dal 15

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO: CASTELLO DI CARTE O CASSETTA DEGLI ATTREZZI PER UNA GESTIONE EFFICACE?

REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO: CASTELLO DI CARTE O CASSETTA DEGLI ATTREZZI PER UNA GESTIONE EFFICACE? 13 Salone della qualità e sicurezza sul lavoro REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO: CASTELLO DI CARTE O CASSETTA DEGLI ATTREZZI PER UNA GESTIONE EFFICACE? Dott. Ing. Massimo

Dettagli

FASCICOLO DI DOCUMENTI OBBLIGATORI IN CANTIERE D R. M A R R O C C O L U C I O M E D I C O D E L L A V O R O

FASCICOLO DI DOCUMENTI OBBLIGATORI IN CANTIERE D R. M A R R O C C O L U C I O M E D I C O D E L L A V O R O FASCICOLO DI DOCUMENTI OBBLIGATORI IN CANTIERE D R. M A R R O C C O L U C I O M E D I C O D E L L A V O R O Documenti concernenti gli obblighi a carico del Datore di Lavoro Nomine e attestati di formazione

Dettagli

ACAM Ambiente S.p.A.

ACAM Ambiente S.p.A. ACAM Ambiente S.p.A. Modello di organizzazione e controllo ex D.Lgs. 231/2001 Delitti informatici e trattamento illecito dei dati Approvato con determinazione A.U. del 23.12.2014 1/11 Sommario 1. Ambito

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO

POLITECNICO DI MILANO Rep. n. 3037 Prot. n. 36210 Data 13 novembre 2013 Titolo I Classe 3 UOR AG POLITECNICO DI MILANO IL RETTORE VISTA la Legge 09.05.1989, n. 168, e successive modificazioni; VISTO l art. 2087 Tutela delle

Dettagli

LA RESPONSABILITÀ CIVILE E PENALE DEL RSPP A C U R A D I M O N I C A FA S A N O AV VO C ATO E D OT TO R E D I R I C E R C A

LA RESPONSABILITÀ CIVILE E PENALE DEL RSPP A C U R A D I M O N I C A FA S A N O AV VO C ATO E D OT TO R E D I R I C E R C A LA RESPONSABILITÀ CIVILE E PENALE DEL RSPP A C U R A D I M O N I C A FA S A N O AV VO C ATO E D OT TO R E D I R I C E R C A N E L L U N I V E R S I T À La responsabilità civile e penale del RSPP costituisce

Dettagli

L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL

L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SCHEDE DI APPROFONDIMENTO IL 1 Servizio di Prevenzione e Protezione (art. 31) Che cos

Dettagli

L'adozione del MOG con le Procedure Semplificate descritte dal Decreto Ministeriale 13 febbraio 2014

L'adozione del MOG con le Procedure Semplificate descritte dal Decreto Ministeriale 13 febbraio 2014 IL MIGLIORAMENTO DELLA SICUREZZA DEL LAVORO ATTRAVERSO L ART. 30 DEL D.LGS. 81/08 L'adozione del MOG con le Procedure Semplificate descritte dal Decreto Ministeriale 13 febbraio 2014 Ivo Dagazzini Direttore

Dettagli

FUNZIONIGRAMMA GENERALE

FUNZIONIGRAMMA GENERALE DIREZIONE DIDATTICA 2 CIRCOLO San Giuseppe SASSARI FUNZIONIGRAMMA GENERALE 2015-2016 Lo scopo del presente funzionigramma aziendale è quello di delineare gli ambiti di competenza di ciascuna responsabilità

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 PARTE SPECIALE D REATI DI OMICIDIO COLPOSO E LESIONI GRAVI O GRAVISSIME COMMESSE CON VIOLAZIONE DELLE

Dettagli

La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica

La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica Obblighi e responsabilità derivanti dal D.Lgs. 81/08 Perché investire in sicurezza cos è la sicurezza? a cosa serve? Tutti soldi e tempo buttati?

Dettagli

GUIDA SICUREZZA IN AZIENDA

GUIDA SICUREZZA IN AZIENDA GUIDA SICUREZZA IN AZIENDA 2011 Ricordiamo che le finalità del D. Lgs. 81/2008 sono quelle di: Tutelare la salute delle lavoratrici e dei lavoratori nei luoghi di lavoro; Certificare i servizi che si erogano

Dettagli

«Gruppo Zadíg» - Notiziario n. 4 Maggio 2008

«Gruppo Zadíg» - Notiziario n. 4 Maggio 2008 «Gruppo Zadíg» - Notiziario n. 4 Maggio 2008 T Ü V C E R T D I N E N I S O 9 0 0 1 : 2 0 0 0 N. 4 Maggio 2008 QUALITÀ AMBIENTE SICUREZZA a cura di Zadíg S.r.l. Coordinamento: Ugo Angelo Magri Società:

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. COMMITTENTE Il soggetto per conto del quale l'intera opera viene realizzata

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. COMMITTENTE Il soggetto per conto del quale l'intera opera viene realizzata CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI CAPO 1 Articolo 89 - DEFINIZIONI COMMITTENTE Il soggetto per conto del quale l'intera opera viene realizzata RESPONSABILE DEI LAVORI soggetto che può essere incaricato dal

Dettagli

SPECIALE SAPI. salute e sicurezza sul lavoro IL NUOVO TESTO UNICO

SPECIALE SAPI. salute e sicurezza sul lavoro IL NUOVO TESTO UNICO Supplemento n. 1 al periodico l Ar tigianato Anno LIX - N. 8 - Luglio 2008 Lavoratori autonomi e impresa familiare TAB. B - Poste Italiane s.p.a. - Spedizione in Abbonamento Postale - D.L. 353/2003 (conv.

Dettagli

Il Sistema di Gestione della Sicurezza e Salute sul Lavoro OHSAS 18000:2007 e il Modello di Organizzazione e Controllo secondo il D.Lgs.

Il Sistema di Gestione della Sicurezza e Salute sul Lavoro OHSAS 18000:2007 e il Modello di Organizzazione e Controllo secondo il D.Lgs. Convegno ASACERT Il Sistema di Gestione della Sicurezza e Salute sul Lavoro OHSAS 18000:2007 e il Modello di Organizzazione e Controllo secondo il D.Lgs. 231/01 Centro Congressi Relaisfranciacorta 20 marzo

Dettagli

DE TOSCHI S.p.a. Sede Legale in Bologna, piazza Minghetti 4/d

DE TOSCHI S.p.a. Sede Legale in Bologna, piazza Minghetti 4/d DE TOSCHI S.p.a. Sede Legale in Bologna, piazza Minghetti 4/d MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 sulla Responsabilità Amministrativa

Dettagli

DATORE DI LAVORO DIRIGENTE PREPOSTO L ATTUALE CONTESTO NORMATIVO CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI RAPPORTI DELLA GERARCHIA AZIENDALE CON I RLS

DATORE DI LAVORO DIRIGENTE PREPOSTO L ATTUALE CONTESTO NORMATIVO CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI RAPPORTI DELLA GERARCHIA AZIENDALE CON I RLS L ATTUALE CONTESTO NORMATIVO CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI RAPPORTI DELLA GERARCHIA AZIENDALE CON I RLS Bologna, 15 MAGGIO 2015 Dr. Leopoldo Magelli Perché a volte le criticità nel rapporto tra RLS e

Dettagli

CERTIQUALITY Istituto di Certificazione della Qualità Contenuti del disciplinare tecnico DT 76 Esempi e procedure

CERTIQUALITY Istituto di Certificazione della Qualità Contenuti del disciplinare tecnico DT 76 Esempi e procedure CERTIQUALITY Istituto di Certificazione della Qualità Contenuti del disciplinare tecnico DT 76 Esempi e procedure S.Balsotti 18 Maggio 2015 Contenuti 1. Introduzione 2. Descrizione del servizio 3. Scopo

Dettagli

Il quadro sanzionatorio per il datore di lavoro per violazione delle norme. salute dei lavoratori

Il quadro sanzionatorio per il datore di lavoro per violazione delle norme. salute dei lavoratori Il quadro sanzionatorio per il datore di lavoro per violazione delle norme in materia di sicurezza e tutela della salute dei lavoratori Bastia Umbra, 21 maggio 2012 dr. Armando Mattioli Art. 15. (Misure

Dettagli

D. Lgs. 9 Aprile 2008 n. 81

D. Lgs. 9 Aprile 2008 n. 81 D. Lgs. 9 Aprile 2008 n. 81 TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI QUADRO GENERALE e CAPO I DIVO PIOLI TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO Attuazione art. 1 L. 123/2007 D.Lgs. 81/08

Dettagli

LE FIGURE PER LA SICUREZZA

LE FIGURE PER LA SICUREZZA La Sicurezza in azienda LE FIGURE PER LA SICUREZZA 1 La Sicurezza in azienda Sommario 1. Organigramma per la sicurezza 2. Definizioni 3. Obblighi e compiti delle figure per la sicurezza 2 La Sicurezza

Dettagli

COORDINAMENTO SPISAL DELLA PROVINCIA DI VERONA

COORDINAMENTO SPISAL DELLA PROVINCIA DI VERONA COORDINAMENTO SPISAL DELLA PROVINCIA DI VERONA BUSSOLENGO, LEGNAGO, VERONA Azienda Presenti al sopralluogo per l azienda: 1 CHECK LIST GESTIONE AZIENDALE DELLA CUREZZA 1. GESTIONE AZIENDALE DELLA CUREZZA

Dettagli

CERTIQUALITY STEFANO ALDINI

CERTIQUALITY STEFANO ALDINI CERTIQUALITY Procedure semplificate, D.Lgs. 231 ed efficacia dei Modelli Organizzativi per la prevenzione delle responsabilità: il ruolo delle verifiche indipendenti dei sistemi di gestione della salute

Dettagli

Herman Miller Limited, Filiale Italiana

Herman Miller Limited, Filiale Italiana Herman Miller Limited, Filiale Italiana P a r t e S p e c i a l e - 2 - Edizione novembre 2012 PARTE SPECIALE 2 Reati commessi con violazione delle norme antinfortunistiche e sulla tutela dell igiene e

Dettagli

SISTEMA DISCIPLINARE. ai sensi del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231

SISTEMA DISCIPLINARE. ai sensi del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 SISTEMA DISCIPLINARE ai sensi del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 SISTEMA DISCIPLINARE 1 INDICE 1. PRINCIPI GENERALI... 3 2. CONDOTTE SANZIONABILI... 3 3. IL TITOLARE DEL POTERE SANZIONATORIO...

Dettagli

IL CORRETTIVO AL TESTO UNICO DELLA SICUREZZA

IL CORRETTIVO AL TESTO UNICO DELLA SICUREZZA IL CORRETTIVO AL TESTO UNICO DELLA SICUREZZA I modelli di organizzazione e gestione ex art. 30 D. Lgs. 81/08 in connessione con il D. Lgs. 231/01 Pesaro, Hotel Flaminio, 12 febbraio 2010 Collegio Provinciale

Dettagli

LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO MODULO 6 IGIENE E SICUREZZA SUL LAVORO LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Introduzione La prevenzione degli infortuni lavorativi e delle malattie professionali è stata sempre al centro dell interesse

Dettagli

GARA PNEUMATICI ALLEGATO AL CAPITOLATO TECNICO APPENDICE I Obblighi in materi di sicurezza ed igiene del lavoro S O M M A R I O

GARA PNEUMATICI ALLEGATO AL CAPITOLATO TECNICO APPENDICE I Obblighi in materi di sicurezza ed igiene del lavoro S O M M A R I O 1 di 5 S O M M A R I O 1 OBBLIGHI DITTA AGGIUDICATARIA... 2 1.1 GENERALITÀ... 2 1.2 OBBLIGHI IN FASE DI GARA... 2 1.3 OBBLIGHI DOPO L AGGIUDICAZIONE... 3 2 RISCHI INTERFERENTI... 4 3 FORMAZIONE OBBLIGATORIA...

Dettagli

Legge 3 agosto 2007, n. 123. Prime indicazioni applicative. Ai Signori Direttori degli SPISAL delle Aziende ULSS del Veneto LORO SEDI

Legge 3 agosto 2007, n. 123. Prime indicazioni applicative. Ai Signori Direttori degli SPISAL delle Aziende ULSS del Veneto LORO SEDI Legge 3 agosto 2007, n. 123. Prime indicazioni applicative. Ai Signori Direttori degli SPISAL delle Aziende ULSS del Veneto LORO SEDI Facendo seguito alla informativa trasmessa dalla scrivente Direzione

Dettagli

Roma: 27 Ottobre 2015 Corte di Cassazione

Roma: 27 Ottobre 2015 Corte di Cassazione Idoneità dei Modelli organizzativi e di gestione secondo il d.lgs. 81/08, e rapporto con i Sistemi di Gestione della Salute e Sicurezza sul lavoro conformi allo standard BS OHSAS 18001:2007 Roma: 27 Ottobre

Dettagli

Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98.

Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98. Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98. Art. 1 - Datore di lavoro 1. Il Rettore, quale Rappresentante legale

Dettagli

1. Nomina delle figure preposte alla sicurezza e gli addetti all emergenza (figure sensibili)

1. Nomina delle figure preposte alla sicurezza e gli addetti all emergenza (figure sensibili) SiRVeSS LINEE DI INDIRIZZO E CRITERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE A SCUOLA a cura del gruppo di lavoro Gestione della sicurezza del SiRVeSS (in corsivo le indicazioni non previste dalla normativa) Il Dirigente

Dettagli

SICUREZZA SUL LAVORO: OBBLIGHI IN VIGORE E DI PROSSIMA SCADENZA PER I DATORI DI LAVORO

SICUREZZA SUL LAVORO: OBBLIGHI IN VIGORE E DI PROSSIMA SCADENZA PER I DATORI DI LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO: OBBLIGHI IN VIGORE E DI PROSSIMA SCADENZA PER I DATORI DI LAVORO Artt. 28, 29, 34 e 37 del D.Lgs n. 81/2008 Accordi 21 dicembre 2011 in Conferenza Permanente tra Stato e Regioni e

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

ORGANISMO DI VIGILANZA

ORGANISMO DI VIGILANZA ALLEGATO 3 ORGANISMO DI VIGILANZA 12 1. Il decreto 231/01 e l istituzione dell OdV Come noto il Decreto 231/01 ha introdotto una nuova forma di responsabilità delle persone giuridiche per alcuni tipi di

Dettagli

Protocollo di intesa a programmare, ferme restando le specifiche. competenze di ogni soggetto, interventi di prevenzione congiunti e

Protocollo di intesa a programmare, ferme restando le specifiche. competenze di ogni soggetto, interventi di prevenzione congiunti e PROTOCOLLO DI INTESA IN MATERIA DI SICUREZZA, IGIENE NEI LUOGHI DI LAVORO E LEGALITA NELLA REALIZZAZIONE DI UNA NUOVA RESIDENZA UNIVERSITARIA IN PISA Protocollo di intesa a programmare, ferme restando

Dettagli

Corso LA SICUREZZA LASER. L organizzazione aziendale per la sicurezza

Corso LA SICUREZZA LASER. L organizzazione aziendale per la sicurezza Sincrotrone Trieste S.C.p.A. Servizio di Prevenzione e Protezione Corso LA SICUREZZA LASER L organizzazione aziendale per la sicurezza Ing. Stefano Bergamasco Responsabile del Servizio di Prevenzione e

Dettagli

D.L.vo 81/08 Novità STRUTTURA AMBITO OGGETTIVO DI APPLICAZIONE AMBITO SOGGETTIVO DI APPLICAZIONE. Il TU: 13 Titoli e 306 articoli

D.L.vo 81/08 Novità STRUTTURA AMBITO OGGETTIVO DI APPLICAZIONE AMBITO SOGGETTIVO DI APPLICAZIONE. Il TU: 13 Titoli e 306 articoli D.L.vo 81/08 Novità ARGOMENTI NOVITA Il TU: 13 Titoli e 306 articoli Titolo I diviso in 4 Capi Capo I Disposizioni generali Capo II definisce il Sistema Istituzionale della Tutela e Sicurezza Capo III

Dettagli

Datore di lavoro e il dirigente

Datore di lavoro e il dirigente Datore di lavoro e il dirigente Mancata effettuazione della Valutazione dei rischi (VDR) e adozione del documento in collaborazione con l RSPP e il MC Mancata nomina del RSPP (anche se svolto direttamente)

Dettagli

PROCEDURA 8 GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

PROCEDURA 8 GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO REV. 2016/00 Pag. 1 di 30 PROCEDURA 8 GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO INDICE: 1. OBIETTIVI 2. DESTINATARI 3. PROCESSI AZIENDALI COINVOLTI 4. RIFERIMENTI DI LEGGE 5. PROTOCOLLI DI PREVENZIONE

Dettagli

STUDIO BD e ASSOCIATI Associazione Professionale Cod. Fisc. e Partita Iva 01727930354 web: www.bdassociati.it e-mail: info@bdassociati.

STUDIO BD e ASSOCIATI Associazione Professionale Cod. Fisc. e Partita Iva 01727930354 web: www.bdassociati.it e-mail: info@bdassociati. Circolare n. 5/2013 Pagina 1 di 6 A tutti i Clienti Loro sedi Circolare n. 5/2013 del 7 marzo 2013 SICUREZZA SUL LAVORO OBBLIGHI IN VIGORE E DI PROSSIMA SCADENZA PER I DATORI DI LAVORO Come noto, il D.Lgs

Dettagli

PROTOCOLLO REATI IN MATERIA

PROTOCOLLO REATI IN MATERIA PROTOCOLLO REATI IN MATERIA DI SALUTE E MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.Lgs. n. 231 del 2001 GOODYEAR DUNLOP TIRES ITALIA S.P.A. 4 febbraio 20 2 Protocollo Reati in materia

Dettagli

Sistema Disciplinare relativo al MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.lgs. 8 giugno 2001 n. 231

Sistema Disciplinare relativo al MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.lgs. 8 giugno 2001 n. 231 Sistema Disciplinare relativo al MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.lgs. 8 giugno 2001 n. 231 di Fujitsu Technology Solutions S.p.A. Vers. 2.0 approvato dal CdA il 21/01/2015

Dettagli

DOCUMENTAZIONE MINIMA CHE DEVE ESSERE PRESENTE IN AZIENDA E TENUTA A DISPOSIZIONE DEGLI ORGANI DI VIGILANZA

DOCUMENTAZIONE MINIMA CHE DEVE ESSERE PRESENTE IN AZIENDA E TENUTA A DISPOSIZIONE DEGLI ORGANI DI VIGILANZA Confederazione italiana agricoltori DOCUMENTAZIONE MINIMA CHE DEVE ESSERE PRESENTE IN AZIENDA E TENUTA A DISPOSIZIONE DEGLI ORGANI DI VIGILANZA Elenco non esaustivo, ma esemplificativo delle principali

Dettagli

Modifiche al decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231

Modifiche al decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231 Articolo 300 D.Lgs. 81/08 Modifiche al decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231 1. L articolo 25-septies del decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231, è sostituito dal seguente: «Art. 25-septies (Omicidio

Dettagli