Castelli uniti in un unico Comune

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Castelli uniti in un unico Comune"

Transcript

1 n dal 14 giugno al 4 luglio tel GRATUITO DA PAGINA 46 dei CASTELLI DA PAGINA 46 Castelli uniti in un unico Comune Nicola Marini Sindaco di Albano Video vietati in aula politici contro stampa Riprese vietate ai consigli comunali di Frascati, Nemi, Marino e Montecompatri Via i voli da Ciampino La Città dei Castelli per gestire in rete servizi e cultura. Ma sarà fattibile? a pag città tra Castelli Romani e litorale unite nella gestione dei servizi e della cultura. Un'unica grande città da Colonna a Velletri. L Assessore regionale Marco Mattei, ex Sindaco di Albano, ha rilanciato una vecchia proposta per unire tutte le città dei Castelli e del litorale per far nascere la Città dei Castelli. Ma i Comuni saranno tutti d'accordo? Potrebbe non essere un'ipotesi da scartare ed i sindaci confermano: non solo le città intorno alla Capitale devono contare di più, ma soprattutto devono unire gli sforzi per gestire in rete determinati servizi, dai trasporti al ciclo dei rifiuti, alla cultura. IL LICEO FOSCOLO TRIONFA A SIRACUSA a pag. 6 GENZANO Giulio Bussinello nuovo Comandante dei Vigili Ha incontrato i nuovi 6 agenti di Polizia Locale assunti per l estate TRASPORTI VELLETRI a pag. 34 Treni e bus, ticket più cari per i pendolari Le tariffe lievitano, ma i servizi zoppicano: vagoni vecchi e ritardi a pag. 11 Una città ad ostacoli per i non vedenti Cittadini protestano sotto l Enac di Roma a pag. 25 Gli studenti dell istituto di Albano hanno portato sul palco siciliano Le Troiane di Euripide conquistando il pubblico con la loro capacità espressiva a pag. 30 POSTE ITALIANE S.p.A. - Spedizione in abbonamento postale 70% - tassa pagata - DCB Latina Castel Gandolfo: al lago Albano tante soste a pagamento e nessun percorso ciclopedonale Lungolago invaso dalle strisce blu I parcheggi gratuiti sono troppo distanti dal centro. Molti turisti preferiscono visitare altre cittadine a pag. 28 Ancora un altro parcheggio a Marino A pochi mesi dall inaugurazione di Piazzale degli Eroi, già si pensa ad un multipiano in via del Giardino Vecchio a pag. 26 Ciampino: la Gdf indaga sull Asp Municipalizzate nell occhio del ciclone Volsca Velletri: denunciato un aumento dei costi di affitto degli uffici di via Troncavia a pag. 36 a pag. 37 ARICCIA VOTI CONGELATI, BATTUTE AL VETRIOLO SENZA FINE a pag. 12 VELLETRI TAR: LA CHIUSURA DEL S. RAFFAELE È ILLEGITTIMA a pag. 37

2 2 INCHIESTA n dal 14 giugno al 04 luglio 2012 Il mercato delle scommesse dilaga e fa sempre più soldi, ma le entrate fiscali sulle scommesse sono sempre più basse Boom del gioco d azzardo, lo Stato ci perde Sul pane c è l Iva al 4%. Sui casinò on line la tassa è dello 0,6% e sulle slot è del 2% Francesco Buda Lanciato e promosso dai poteri pubblici per controllare e contenere il mondo delle scommesse, l'azzardo legalizzato è invece divenuto un'epidemia che ammala il Paese. Dal 2004 in poi si sono visti i drammatici risultati della riforma dei Monopoli con cui la casta al potere ha iniziato a puntare non più sugli incassi fiscali dal gioco, ma sulla promozione dell'industria dell'azzardo. In 8 anni la spesa per scommesse (legali) in Italia è stata complessivamente di 374 miliardi e si è impennata di oltre il 222%, passando da circa 24,8 miliardi di euro a quasi 80 miliardi del Vale a dire circa il 10% della spesa complessiva per consumi. Chissà quanto sarà cresciuto il PROF MAURIZIO FIASCO Tra i massimi esperti di azzardo in Italia L industria del gioco estrae anziché creare valore. Un imbroglio che impoverisce tutti 100 miliardi di 80 miliardi di 60 miliardi di 40 miliardi di 20 miliardi di 35,243 28,487 24,786 Chi gioca di più? 86,7% dei cassintegrati 80,2% dei precari 73,0% dei disoccupati 70,8% degli occupati fissi BOOM DELLE GIOCATE La spesa per l azzardo in Italia è salita da circa 25 miliardi nel 2004 a quasi 80 nel 2011, prosciugando quasi il 10% degli interi consumi. Record mondiale +222% Fonte: Pensieri magici di Iorio e Zironi guadagno dello Stato, pensano i più. Errore: dal 2004 al 2011 le entrate erariali su lotterie, slot machine e altre diavolerie mangiasoldi sono crollate dal 29,44% al 10,8%. Cioè su ogni euro scommesso, l'incasso fiscale è sceso da circa 30 a 10 centesimi. L'anno passato, addirittura, il Tesoro ha registrato 433 milioni di euro in meno rispetto all'anno prima. Questo perché si è sempre più detassato il gioco, pur di attrarre i mercanti dell'azzardo e quindi dargli nuove concessioni a pagamento. Sul pane grava l'iva del 4%, che arriverà probabilmente al 4,8% l'anno prossimo e al 7,2% nel Su carne, pesce, salumi, elettricità in casa, tale imposta dall'attuale 47,554 42,193 54,410 61,449 79, % 25% 20% 15% 10% 5% 0% ,44% 21,61% 19,06% IL CROLLO DEL GUADAGNO STATALE Nel 2004 il Fisco incassava quasi il 30% su ogni euro giocato, nel 2011 nemmeno l 11% 17,05% 16,29% 16,19% 14,77% -64% 10,80% % salirà al 12% fra un anno e mezzo. Le trappole dell'azzardo ora più in espansione, hanno invece un trattamento da paradiso fiscale: poker e casinò via internet pagano un misero 0,6% di Preu, il prelievo erariale unico. Sulle slot chiamate Vlt (videolottery), in pieno boom ad angolo di strada, il Fisco si accontenta del 2%. Per gli skill games, i cui incassi sono cresciuti del 1.976% l'anno scorso, è del 3% il Preu, che è del 4,6% per le scommesse sportive. Una gigantesca truffa in cui «si privatizzano gli utili e si socializzano le perdite», per dirla con il Prof Maurizio Fiasco, forse il massimo esperto nazionale in materia. «È una perdita secca per tutti: per le famiglie, per l'economia e per la fiscalità dello Stato». La società italiana sta già pagando caro il prezzo umano ed economico, visto che sempre più gente brucia soldi in questi giochi fino a gettarsi nelle mani degli usurai. Oltre all'impoverimento delle relazioni interpersonali, familiari, e la perdita dello stesso gusto di giocare nel senso vero e sano. Provate ad andare in una sala scommesse o anche in uno di quegli squallidi angoli di bar, locali e tabaccherie con le slot machine e i videopoker: uno spettacolo che fa male solo a guardarlo. «L'industria del gioco estrae valore anziché creare valore spiega Fiasco -, è un moltiplicatore negativo, ossia toglie risorse all'economia delle persone, delle famiglie e del sistema Paese. Un imbroglio, diciamo le cose come stanno!». Infatti, a parte alcol e tabacco, non c'è alcun indotto sano intorno alle scommesse. Gli altri consumi, invece, fanno girare l'economia e la alimentano. «Se i soldi spesi nell'azzardo fossero destinati ad altri consumi precisa l'esperto lo Stato incasserebbe il 40-45%». Questo e molte altre cose il Prof le spiega, da anni, in tutta Italia, anche alla Commissione parlamentare d'inchiesta sulle infiltrazioni mafiose nell'azzardo e recentemente alla Camera dei Deputati e al Senato. Ma far cambiare rotta alla casta è un terno al lotto: ad aprile, nel decreto fiscale, la Camera ha inserito un emendamento per autorizzare altre sale scommesse. Commercio e industria, perché tacciono? Il gioco d'azzardo toglie ossigeno all'economia vera e sana, dirotta ingenti capitali su business sterili e brucia pezzi consistenti di ricchezza (il famoso Pil). «Eppure i danneggiati da questa tendenza non reclamano osserva il Prof Maurizio Fiasco, che da anni analizza il disastro economico-sociale provocato dall'azzardo in Italia -, le categorie commerciali e industriali stanno zitte, questo è sconcertante». Nell'area tra agro pontino, litorale e Castelli Romani, un esercizio commerciale su 3 ha la licenza per le slot machine. E quei moralizzatori dei confindustriali? Da qualche mese la loro associazione ha iniziato ad incassare le ricche quote associative di un esercito di iscritti freschi freschi: ben operatori riuniti nel gruppo Sistema gioco Italia. E le quote pagate dagli associati a Confindustria vanno in base al fatturato e queste società dell'azzardo hanno fatturati alti e costantemente in crescita, mentre i conti di Confindustria destano più di qualche preoccupazione.

3 INCHIESTA n dal 14 giugno al 04 luglio Modo sicuro per vincere Il metodo per vincere sicuro? Te lo svela Il Caffè. Lʼhanno messo in pratica Franco e Gina, aggiudicandosi una bella Volkswagen Golf Tdi. Lʼhanno vinta semplicemente non spendendo i euro che mediamente ogni italiano sperpera in lotterie, grattini, macchinette mangiasoldi, scommesse e altri azzardi inutili in un anno. «Io e mia moglie prima giocavamo moltissimo, poi nel 2005 abbiamo smesso, evitando così di giocare quel gruzzolo dice Franco e ci siamo comprati questo gioiellino». «La possibilità di fare 6 al Superenalotto è di una su oltre 622 milioni interviene Gina -: ci è bastato non buttare al vento quei soldi, che molti pensano di investire, per vincere la nostra fiammante autovettura!». GINA E MARIO Hanno un metodo infallibile per vincere Il Lazio è la seconda regione italiana dove si sperperano più soldi nell azzardo. 9 miliardi di euro bruciati nel 2011 Latina e Roma le province più malate di gioco Con quei soldi ci si può rilanciare l economia sana dell intera regione Nel 2011 il Lazio ha speso nell azzardo 3 miliardi in più che per elettrodomestici, auto, moto e altri beni durevoli Sembra assurda la storia dei due genitori trovati in ipnosi davanti alle slot machine a Latina, mentre i figlioletti erano soli in macchina? Ma è forse meno grave la notizia seguente? milioni di euro bruciati nella nostra regione nel 2011, tra gratta e vinci, scommesse varie e lotterie, pari ad una media di euro a testa, oltre 200 euro in più rispetto alla media nazionale. Siamo secondi solo all'abruzzo per soldi bruciati pro capite nelle scommesse. Sono tutti soldi tolti ai settori produttivi, al mercato sano e coi quali si sarebbero potuti rilanciare interi pezzi della nostra economia sana. Un esempio: l'anno scorso i consumi di beni durevoli sono diminuiti del 4,4% a circa 5,955 miliardi, secondo il rapporto annuale dell'osservatorio Findomestic (gruppo Bnp Paribas). Cioè si sono spesi quasi 3 miliardi di euro in più nell'azzardo che in prodotti concreti ed utili. Se il tesoro evaporato nelle scommesse fosse stato invece destinato all'acquisto di auto, moto, televisori, lettori dvd, telefonini, radio, elettrodomestici, hi fi, mobili, tappeti, zerbini, lampadari e così via, avremmo quasi triplicato il fatturato delle aziende che vendono tali beni. Quei quasi 9 miliardi di euro finiti nelle tasche dei mercanti dell'azzardo potevano dare una spinta formidabile al sistema economico laziale, favorire l'occupazione, creare indotto. Quante rate del mutuo per la casa ci si potevano pagare le famiglie? Quanti viaggi, vacanze e regali si potevano fare i cittadini del Lazio con quei soldi? Ci avremmo potuto fare, ad esempio, un'autostrada come la Roma Latina ma lunga 3 volte tanto e magari senza pedaggio per i pendolari. Qui pubblichiamo i dati della spesa in azzardo suddivisa per province, che un'importantissima testata economica nazionale stava per pubblicare ma poi ha tenuto nel cassetto. Li ha elaborati il Prof Maurizio Fiasco, consulente della Consulta nazionale antiusura euro HA SPESO NELL'AZZARDO IN MEDIA OGNI ABITANTE DEL LAZIO NEL 2011 (Fonte elab. Il Caffè su dati Aams) Spesa azzardo legale 2011 Provincia Spesa totale* Spesa pro capite Frosinone Latina Rieti Roma Viterbo Newslot e VLT* Spesa pro capite Frosinone Latina Rieti Roma Viterbo Gratta e vinci* Spesa pro capite Frosinone Latina Rieti Roma Viterbo N.B. Mancano i dati dei giochi d'azzardo online non distribuibili a livello territoriale (*) Milioni di euro Nelle province di Roma e Latina nel 2011 si sono bruciati in media tra i e i euro a testa, prime in questa classifica dello sperpero al livello regionale e in vetta al livello nazionale. «La spesa è ancora maggiore di quella indicata in queste tabelle spiega a Il Caffè il Prof Fiasco perché questi importi al livello provinciale non contengono la spesa per l'azzardo on line, spesa che non possiamo distribuire territorialmente poiché sono scommesse via internet che vengono concentrate sui server a prescindere dal luogo. Sappiamo che quest'anno verranno giocati 20 miliardi di euro on line al livello nazionale, ma non sappiamo dove. Questo si potrebbe sapere se l'autorità di governo imponesse di fornire i dati della provenienza degli introiti da azzardo ai vari concessionari, a chi gestisce i siti». Però un'idea dell'epidemia via web ce la dà l'ammontare della spesa per giochi di abilità a distanza, nome con cui è camuffato il poker on line: dai dati forniti dai Monopoli di Stato, viene fuori che nel Lazio l'anno scorso in questo gioco si sono buttati 900 milioni e 700mila euro! Francesco Buda

4 4 BALNEABILITÀ n dal 14 giugno al 04 luglio 2012 La Regione: «Le analisi si faranno». Ma non si spegne l emergenza all Arpa, l ente che vigila sulla qualità delle acque costiere Mare: l acqua verrà controllata, ma meno L Agenzia regionale protezione ambientale è stata messa sul lastrico. I controlli danno fastidio Francesco Buda Analisi sì o no? Un po sì e un po forse. Questa è la realtà dei controlli sulle acque costiere nel Lazio all inizio della stagione balneare. Non è ancora rientrato del tutto l'allarme lanciato a maggio dai lavoratori dell'agenzia regionale per la protezione ambientale: siamo pochi e senza risorse e non possiamo più garantire il monitoraggio dell'aria e dell'acqua, perciò non lavoreremo più oltre le ore strettamente previste dal contratto. Questa la sostanza del loro Sos, che paventa la non remota ipotesi del blocco dei prelievi e delle analisi di laboratorio di loro competenza e addirittura che «il Lazio rischia di diventare una polveriera ecologica». La goccia che ha fatto traboccare il vaso è la situazione di incertezza dei circa 100 lavoratori precari dell Arpa. Incertezza che si riverbera sull intero sistema dei controlli affidati all Agenzia. Ora, dopo vari solleciti, la Regione informa che il peggio è scongiurato. «I monitoraggi dell'arpa sulla balneabilità verranno effettuati ribadisce a Il Caffè l'assessore regionale all'ambiente Marco Mattei - e le somme necessarie a far funzionare l'arpa per tutto il 2012, cioè 33 milioni di euro, le avevamo già stanziate ben prima dello stato di agitazione dei lavoratori e sto cercando di svincolare altre somme per la riparazione di alcuni macchinari. ANZIO Panorama sulle grotte di Nerone Ritengo che i Commissari dell'arpa stiano elaborando un piano di lavoro come previsto per tutta l'estate. Sono sicuro poi che la vertenza dei precari Arpa si risolverà a breve e che non ci sarà alcun disservizio per i cittadini e nessuna paralisi dell'agenzia». Resta il fatto che si naviga a vista e che una struttura così importante per la salute dei cittadini e per l'ambiente del Lazio sia appesa a un filo, con un organico di 400 persone (circa 100 precari) sulle 750 previste, ma considerate da Mattei «un ideale utopistico in questi tempi». E quel filo è sotto le forbici di certa politica, che ha portato questo gioiellino pubblico al collasso. «L'Assessore regionale all'ambiente Mattei ci ha convocato e rassicurato spiega Domenico Teodori, delegato regionale della Uil Fpl, ma noi ribadiamo che non ci fidiamo e lavoriamo solo le 26 ore settimanali come da contratto. Questo significa che, specialmente sul litorale romano e pontino che hanno le coste più lunghe, non facciamo tutti i campionamenti perché le sei ore lavorative giornaliere non bastano a completare tutto il giro. A giugno questi controlli li stiamo facendo in maniera ridotta» sottolinea Teodori che è tecnico della prevenzione e fa proprio prelievi e analisi anche delle acque di balneazione. Dietro la precarietà in cui vengono tenuti finora lavoratori ben qualificati c'è un altro tipo di contaminazione : «Il problema vero è l'erosione di competenze dell'arpa spiega Teodori perché i controlli danno fastidio alla politica e ai privati, da anni si cerca di delegare al privato, mentre l'arpa, soggetto pubblico super partes, non ha interessi specifici in gioco». MARCO MATTEI Assessore regionale all ambiente I soldi per far funzionare l Arpa in tutto il 2012 sono stati stanziati, ma darle i 750 lavoratori previsti è utopia DOMENICO TEODORI Tecnico Arpa, sindacalista Uil Fpl I prelievi e le analisi li facciamo, ma in misura ridotta. Da anni si cerca di toglierci competenze RETROSCENA Le hanno dimezzato i fondi in un sol colpo Arpa affamata dalla Regione ai danni dell'agenzia Regionale per la Protezione Ambientale comincia L eutanasia nel 2010, quando la Regione le ha dimezzato i finanziamenti, da 50 a 25 milioni di euro. Questo taglio ha stravolto tutte le politiche programmatiche dell'arpa. E così l'ammodernamento logistico e strumentale si è bloccato: le sedi a Roma e Rieti sono rimaste incomplete, il nuovo quartier generale previsto a Rieti non c'è, la nuova sede a Viterbo è rimasta a metà e quella comprata a Frosinone è ferma perché mancano circa tre milioni di euro da dare a un costruttore. Per la nuova sede a Latina hanno comprato un terreno presso l'istituto agrario di Borgo Piave per un milione e 700mila euro, ma ne mancano 4 e la licenza per costruire. Quando si rompe un apparecchio di laboratorio per analisi, si rischia che le ditte di manutenzione non vadano ad aggiustarlo, non ci sono i soldi per comprare i reagenti chimici e non si comprano nuove macchine. Sempre la Regione ha applicato le rigorose regole del patto di stabilità all'arpa, mettendo a rischio importanti progetti di monitoraggio e impantanando le assunzioni, anche di persone sulle quali si è investito per formarle. Però, la casta regionale, all'arpa ci ha messo un Commissario (targato Marrazzo, in scadenza a settembre) ed un Subcommissario (politico viterbese targato Polverini). Ora c è chi vorrebbe inventarsi un Consiglio di Amministrazione per sistemarci un po' di politici trombati. E lì chi lo fa il monitoraggio?

5 STRADE L Astral promette grossi interventi per la sicurezza sulla 148, tra Latina e Roma, e sulla Nettunense. Alcuni sono già appaltati n dal 14 giugno al 04 luglio I lavori previsti su Pontina e Nettunense Due nuovi collegamenti tra litorale e Castelli Romani, fino all Appia, passando per Aprilia Renato Mastrella Asfalto, catarifrangenti, segnaletica e persino un po' di guard rail a norma di legge e rotatorie per mettere finalmente in sicurezza due tra le più pericolose arterie del Lazio, la 148 Pontina e la 207 Nettunense. Una serie di interventi, di cui alcuni già partiti, destinati ad adeguare queste strade e a migliorarne la viabilità nell'ambito di un piano generale dei bisogni dell'intera rete viaria regionale. L'Azienda Strade Lazio Spa, braccio operativo della Regione deputata a curare le strade regionali, ha una lunga lista di lavori da realizzare, alcuni già finanziati. Per la Pontina sono previsti interventi (da finanziare) per circa 51 milioni di euro, di cui circa 35 nel disastrato tratto tra Roma e Lavori sulla Nettunense Rotatoria incrocio a Frattocchie con la SS Appia Rotatoria incrocio con via del Divino Amore Rotatoria incrocio grande con via del Mare a Pavona Ampliamento messa in sicurezza incrocio via Villafranca (Ariccia) Messa in sicurezza incroci tra il km 5 (Albano) e il km 20 (vicino Wyeth, ingresso Aprilia) 3 ROTONDE Il progetto della rotatoria presso l incrocio tra la Nettunense e l Appia a Frattocchie: previsti anche lampioni, catarifrangenti e asfalto drenante che resta asciutto TOMMASO LUZZI Presidente dell Azienda Strade Lazio Spa Latina. «Per settembre-ottobre cominceremo già a far partire qualcosa dice il Presidente della Spa regionale Tommaso Luzzi -, noi li abbiamo chiesti quei soldi». Sempre per la 148, sono inoltre partiti i lavori (un altro milione e 200mila euro) per sistemare il manto stradale nei tratti più rovinati tra lo svincolo per il Grande raccordo anulare e il km 37,5 circa (Ardea). Qui la Provincia di Roma si è impegnata con 200mila euro a rifare le strisce bianche in terra e ad eliminare le erbacce e le piante (alcune ormai veri e propri alberelli di eucaliptus e ginestre) lungo il guard rail in cemento. «L'ultimazione dei lavori aveva detto a maggio l'astral, condizioni meteorologiche permettendo, è prevista tra il 15 e il 20 maggio». Siamo a giugno, il tempo è quasi sempre bello e le ginestre sono in fiore, anche sui guard rail. Ce la faranno? Intanto, sempre sulla Pontina, tra Latina e Terracina, sono pronti progetti per un totale di 6 milioni e 30 mila euro, già finanziati dalla Regione. Per la Nettunense sono stati appaltati un milione e 200mila euro di lavori per adeguare con asfalto nuovo alcuni punti caldi, come ad esempio l'incrocio vicino la scuola elementare a Bellavista, tra Lanuvio e Aprilia, con tanto di semaforo (lavori partita a maggio) e a breve, fanno sapere dall'astral, partiranno gli altri cantieri per lavori simili. Ma i piani sono ben più ambiziosi: «Per la SR 207 Nettunense abbiamo predisposto la progettazione e sono in corso di acquisizione i pareri e le autorizzazioni per complessivi 7 milioni di euro» spiega il Presidente Luzzi. Sono interventi finanziati con una delibera della Giunta regionale nel Cinque anni dopo, siamo qui a sperare che davvero concretizzino quella decisione. Si tratta di una serie di rotatorie Interventi su svincoli e incroci a raso. Previsti persino asfalto drenante, cartelli nuovi e strisce in terra e rifacimento dell'asfalto, per 5 milioni tra Aprilia e Nettuno e i restanti due milioni nell'area dei Castelli Romani. Nel mirino dell'astral ci sono i tanti incroci a raso senza corsie specializzate per la svolta a destra o a sinistra senza neanche semafori. In particolare, tra i punti critici su cui la società regionale è pronta ad intervenire ci sono il tratto nell'abitato di Cecchina e quello tra lo svincolo per la Pontina (Aprilia) e il centro urbano di Anzio fortemente ostacolato da diversi passaggi a livello. Dove verrà steso asfalto nuovo, stando a quanto dichiara l'astral, sarà ripristinata anche la segnaletica orizzontale con vernice rifrangente, quindi più visibile e più sicura. Promettono insomma di farci anche le strisce bianche per terra, anziché lasciare la situazione incompiuta come avvenuto su molti pezzi rattoppati della 148 Pontina. Sempre tra gli interventi progettati per i quali l'astral attende gli ultimi passaggi burocratici, ci sono tre grandi rotatorie. Una a Frattocchie, di ben 53 metri di diametro all'incrocio con l'appia; un'altra (43 metri di diametro) presso l'incrocio con via del Divino Amore, (Pavona, km 1), compreso un SR PONTINA Guard rail a Castel Romano nuovo accesso all'autolavaggio e una parallela alla Nettunense per accedere alle proprietà tra le due vie; poco più avanti, sempre a Pavona, dove ora c'è il grande incrocio con semaforo arriverà un altro grande rondò dello stesso diametro e con lampioni. Tutte e 3 le rotatorie sulla Nettunense, in area Castelli, prevedono strisce, cartelli nuovi, asfalto drenante e lampioni. Sarà poi ampliata la Nettunense nel punto in cui incrocia alla cieca via Villafranca, nel comune di Ariccia, dove i camion hanno difficoltà a girare. Per tutte e tre queste rotatorie sono previsti lampioni, occhi di gatto (i catarifrangenti per terra che tracciano la traiettoria della strada) e asfalto drenante, quello cioè che non si allaga quando piove. Nei piani dell'astral ci sono pure tre nuovi e importanti collegamenti, per i quali è stata finanziata la progettazione, tra Pontina, Nettunense e Appia. Per alleggerire la Nettunense, l'azienda stradale partendo dalla Pontina vorrebbe collegare Aprilia con Anzio e Nettuno da un lato, e dall'altro con i Castelli Romani fino all'appia bis, attraverso una parallela della Nettunense che passerebbe per Lanuvio ed Ariccia. Verso sud, si spera di poter progettare e poi realizzare un terzo collegamento tra la Pontina (a Terracina) e l'appia, all'altezza dello svincolo con la strada regionale Frosinone Terracina. PIANO DEI LAVORI SULLA PONTINA Messa in sicurezza incrocio con via Le Corbusier a Latina con rotatoria Rotatorie con la Migliara 48, di Foce Sisto, di Porto Badino; Messa in sicurezza della rotatoria di Piccarello (Latina) km 75,6 Riasfaltatura tra i km 86 e 107 (dalla migliara 49, a Sabaudia, fino all'ingresso per Terracina) Riasfaltatura e sistemazione barriere di sicurezza tra i km 68 (dopo Borgo Piave) e 74 (Borgo Isonzo, dopo l'icot) Messa in sicurezza degli svincoli con sistemi ad alto assorbimento d'urto: Pomezia Torvaianica Ardeatina (Casalazzara, ad Aprilia) Via Vallelata (Aprilia) Via Pontina Vecchia Anzio Nettuno Aprilia centro Km 50,9 Aprilia Cisterna Nettuno Pratica di Mare (direz. Roma)

6 6 CITTÀ DEI CASTELLI n dal 14 giugno al 4 luglio 2012 Riprende corpo l idea della Città dei Castelli per unire i servizi e la promozione culturale. Ma sarà fattibile? Castelli e Litorale unite in un unica città Una unica entità per contare di più rispetto a Roma. I Sindaci restano scettici Stefano Cortelletti 21 città tra Castelli Romani e litorale unite nella gestione dei servizi e della cultura. Un'unica grande città da Colonna a Velletri, e poi giù fino a Pomezia, Ardea, Anzio e Nettuno. L Assessore regionale all ambiente del Pdl, Marco Mattei, ex Sindaco di Albano, ha rilanciato una vecchia proposta per unire tutte le città dei Castelli Romani e del litorale a sud di Roma per far nascere la Città dei Castelli come modello di sviluppo dell area metropolitana. Nello specifico l idea prevede di ricomprendere nel progetto un modello distrettuale e 21 municipalità, da contrapporre al concetto di periferia legato alla vicinanza con la Capitale. L obiettivo è 21 MUNICIPALITÀ, UN UNICO COMUNE Insieme gestirebbero trasporti, gas, acqua, rifiuti e promozione culturale tecnici in prestito tra i Comuni, consulenze in prestito, servizi sociosanitari gestiti su modello della Asl RomaH, e poi ancora rifiuti, con un unico gestore per i 21 Comuni. Questa in sintesi l'idea di Mattei. Del progetto farebbero parte Frascati, Grottaferrata, Rocca di Papa, Marino, Ciampino, Castel Gandolfo, Albano, Ariccia, Genzano, Lanuvio, Nemi, Velletri, Lariano, Monte Compatri, Monte Porzio Catone, Colonna, Rocca Priora, Pomezia, Ardea, Anzio e Nettuno. Un soggetto unico ed autonomo, suddiviso in 21 municipalità e che aggregherebbe oltre 500mila abitanti a ridosso della Capitale. «Città dei Castelli o come la si voglia chiamare: l'importante è partire» conclude l'ex Sindaco di Albano. Ma i Comuni saranno tutti d'accordo? Va detta una cosa: i comuni del litorale romano non erano mai stati interpellati e si ritrovano all'interno di un progetto di cui non hanno neanche sentito parlare. Ma neanche nella città capofila di questo progetto, Albano, c'è tanto scetticismo. Tuttavia, potrebbe non essere un'ipotesi da scartare in toto ed i sindaci confermano: non solo le città intorno alla Capitale devono contare di più, ma soprattutto devono unire gli sforzi per gestire in rete determinati servizi, dai trasporti al ciclo dei rifiuti, alla cultura. Per fare questo, servono le cosiddette pezze di appoggio, vale a dire riferimenti normativi che permettano ai Comuni di consorziarsi. Non ci sono al momento riferimenti normativi per attuare questo progetto MARCO MATTEI Ex Sindaco di Albano, oggi Assessore Regionale all Ambiente Pomezia: «Una nuova RomaH?» «Marco Mattei pensi a fare l'assessore regionale». Taglia corto il vice Sindaco di Pomezia Massimiliano Cruciani sull'ipotesi che anche la città in cui è amministratore possa diventare parte della Città dei Castelli. «È una proposta che non sta in piedi, non ci ha contattato nessuno, non sapevo nulla di questo progetto e comunque a me sembra tanto una ripetizione della Asl RomaH. Credo che Mattei debba pensare a far bene l'assessore all'ambiente». Il Primo Cittadino: pensare a servizi unificati Rocca di Papa: Città troppo isolate tra loro Purchè non ancora interpellato, il Sindaco di Rocca di Papa Pasquale Boccia è convinto di una cosa: «Dobbiamo contare di più. Che le città dei Castelli debbano legarsi è vero, ma devono produrre un unico tavolo per affrontare problemi di viabilità e trasporti e la promozione culturale dei Castelli Romani. Su questo, la provocazione di Mattei va nella direzione giusta. Ci sono troppi enti di promozione che vanno per conto loro. Dobbiamo impegnarci per mettere insieme le energie e far diventare progetti le nostre idee e far diventare i Castelli Romani un vero e proprio marchio. Perché ad esempio ogni Comune pensa solo al proprio trasporto interno? Il Cotral ha difficoltà croniche, le città tra di loro non sono ben collegate ed i Castelli sono irraggiungibili da Roma. Potremmo ad esempio iniziare da qui». MASSIMILIANO CRUCIANI Vice Sindaco di Pomezia PASQUALE BOCCIA Sindaco di Rocca di Papa quello di dare un assetto ad aree omogenee che possano confrontarsi con Roma e di mettere in piedi un organizzazione capace di ridurre i costi dei servizi e di diventare volàno di uno sviluppo compatibile con l ambiente e le attività produttive, senza dimenticare il rilancio del turismo che potrà avvenire soltanto attraverso la valorizzazione delle risorse storiche, archeologiche e culturali. «Questa spiega l'assessore Marco Mattei è la soluzione in grado di ridurre i costi ed i servizi attraverso il risparmio reso possibile dalle economie che possono ottenere i singoli Comuni consorziati. Un'unione in grado veramente di avviare quelle ipotesi di sviluppo dell'hinterland romano rimaste sempre, desolatamente, sulla carta». Un'unica gestione dei trasporti, dei sistemi museali, Il Sindaco: Idea allettante se serve a risparmiare Anzio: «Se ne può parlare» Oggi è sempre più difficile far funzionare un Comune. Il Sindaco di Anzio Luciano Bruschini è pienamente convinto dell'importanza, per i Comuni, di consorziarsi. «Se fosse indirizzata ad un risparmio, l'idea della Città dei Castelli potrebbe essere allettante, fermo restando che ho sentito da lei per la prima volta questa NICOLA MARINI Sindaco di Albano Nettuno: «Non ne sappiamo nulla» proposta spiega il Sindaco di Anzio. «Noi abbiamo già messo in campo un progetto ristretto ad altri 6 Comuni per la gestione dei rifiuti, ma sono tanti i servizi che potrebbero essere raggruppati: trasporti, gas, acqua, tutti gestiti da un Consorzio di Comuni. Aspettiamo che questa idea possa prendere concretezza». «Nettuno nella Città dei Castelli? Mai sentito» dice il Sindaco di Nettuno Alessio Chiavetta, che non è mai stato interpellato e che, anzi, chiede di sapere come mai Mattei abbia tirato in ballo anche la città del litorale che poco ha a che vedere con i Castelli Romani. ALESSIO CHIAVETTA Sindaco di Nettuno LUCIANO BRUSCHINI Sindaco di Anzio Albano: Iniziativa fine a se stessa se mancano i riferimenti normativi Il Sindaco di Albano, la città da cui è partita l'idea (con l'ex Sindaco di centrodestra Marco Mattei) non nasconde il suo scetticismo. «L'idea non è originale spiega a Il Caffè il Primo Cittadino Nicola Marini e comunque la Città dei Castelli rischia di essere una iniziativa fine a se stessa se non si attuano gli strumenti normativi adeguati. Questo Comune ha tentato un esperimento simile con Ariccia, condividendo l'ufficio tecnico. Non abbiamo avuto grandi risultati, visto che comunque rimangono inalterate le spese di personale, a cui si vanno ad aggiungere lacci normativi difficilmente superabili. Inoltre conclude il Sindaco di Albano in un momento in cui si sta iniziando ad affrontare il tema di Provincia Metropolitana da contrapporre a Roma Capitale, ragionare in termini localistici potrebbe non essere positivo. Ok alla promozione turistica e culturale delle Città dei Castelli, ma occorrono strumenti amministrativi che ad oggi non sono a disposizione».

7 il Caffè n dal 14 giugno al 04 luglio pag. 7

8 8 POLITICA CASTELLI n dal 14 giugno al 4 luglio 2012 Scoppia il caso a Frascati, ma il divieto di documentare ai cittadini vige anche a Marino, Nemi e Monte Compatri Vietato filmare in aula : politici contro giornalisti Leso il diritto all informazione. Motivazioni procedurali ridicole Michela Emili CONSIGLIO COMUNALE DI NEMI Qui il regolamento approvato nel 2011 vieta la possibilità di fare riprese Nell era di internet e nuove tecnologie i regolamenti dei consigli comunali arrivano senz altro in ritardo, e poco o nulla stabiliscono in merito alla possibilità di effettuare riprese audio-video delle sedute. Situazione che non manca di generare spiacevoli scontri. È il caso di Marino. Qui fu il presidente del Consiglio comunale Stefano Cecchi a sospendere, tra le contestazioni, una seduta consiliare che un cittadino stava riprendendo senza autorizzazione. «In assenza di una regolamentazione ben precisa in merito alle riprese audio-video ha specificato Cecchi -, chiunque volesse usare una telecamera durante la seduta dell Assise deve richiedere l autorizzazione al presidente del Consiglio comunale, il quale, a sua volta, sentito anche il parere dei consiglieri comunali presenti in aula, può autorizzare o meno le riprese. Sono perfettamente d accordo sull importanza dell informazione e della trasparenza dell attività politica e stiamo redigendo un nuovo regolamento che sicuramente farà più chiarezza in materia». Nessun cenno neanche nei regolamenti dell assise di Rocca Priora, Rocca di Papa e Grottaferrata. A Nemi addirittura, il regolamento approvato a marzo 2011 nega la possibilità di effettuare qualsiasi ripresa. Ma è a Frascati che la questione si è imposta Queste limitazioni ledono il diritto alla comunicazione degli stessi cittadini IN AULA A MARINO Qui non si possono fare video poiché non vi è un regolamento varato con maggior violenza, sfociando addirittura in una mancata rissa tra il consigliere di minoranza Mirko Fiasco (Pdl) ed il consigliere Franco D'Uffizi. A far alzare i toni l approvazione, lo scorso 31 maggio, del nuovo regolamento per la disciplina delle riprese audiovisive delle Consiglio comunale il quale stabilisce che le uniche riprese audio-video delle sedute ammesse devono essere effettuate in streaming e pubblicate sul sito istituzionale da personale incaricato dal Comune. Fanno eccezione i casi in cui oggetto di discussione del consiglio sono dati sensibili. Ai giornalisti invece è permesso effettuare riprese per la durata massima di due minuti, solo prima dell'inizio della seduta. «Siamo stati scettici fin dall inizio - dice il consigliere Fiasco -. Volevamo estendere il diritto alle riprese anche a esterni, ma non c è stata nessuna apertura da parte dell Amministrazione, tanto che nella commissione Affari Istituzionali, da tenersi il giorno prima del consiglio che avrebbe approvato il regolamento, non si è raggiunto il numero legale». A Montecompatri c è stata invece una sorta di apertura, con l approvazione di una modifica al regolamento, su proposta dell allora consigliere di minoranza Renato Vernini, che prevede le riprese video dell assise. Al documento però, così come a Frascati, ancora non è stato dato seguito, anche se in occasione del primo consiglio comunale del secondo mandato De Carolis, il sindaco stesso ha ribadito tale volontà. Del resto la diffusione in diretta streaming delle sedute, tra l altro già praticata a Colonna, necessita di una blanda strumentazione e di costi facilmente sostenibili dalle casse municipali. Al sindaco del Comune di Frascati Al presidente della Provincia I giornalisti, per protesta, incrociano le braccia e non si presentano in Consiglio In merito alla nostra assenza alla conferenza stampa di oggi per la presentazione della raccolta differenziata nel Comune di Frascati informiamo: essa è motivata dal fatto che di recente il consiglio comunale ha approvato un regolamento che vieta agli operatori giornalistici le riprese e le foto durante i lavori in aula. Ritenendolo un grave atto lesivo della libertà di stampa, essendo un nostro diritto-dovere informare, riprendere e fotografare, con la nostra assenza desideriamo dimostrare a chi ha redatto tale documento tutto il nostro dissenso e malumore. Come giornalisti ci sentiamo offesi e non intendiamo essere usati solo quando fa comodo, ma riteniamo giusto ed equo in un paese libero e democratico poter svolgere il nostro prezioso lavoro a favore dellʼopinione pubblica in modo libero e autonomo nel rispetto delle leggi e delle disposizioni sul diritto di cronaca. Firmatari della nota: Maristella Bettelli (Il Caffè) Fabio Polli (Il Tuscolo) Annapaola Polli (Il Tuscolo) Luciano Sciurba (Il Messaggero) Daniela Fognani (Il Messaggero) Luigi Jovino (Il Messaggero) Luca Rossi (castellinews.it) Alberto Tomasso (castellinews.it) Claudia Proietti (Il corriere tuscolano) Marco Caroni (Il tempo-il Mamilio) Tiziano Pompili (5giorni) Francesca Marrucci (paconline.it) Daniele Priori (le città) Marco Montini ( marino 24 ore) Giancarlo Flavi (eccolanotiziaquotidiana.it) Daniel Lestini (Castellinotizie.it) Il Sindaco di Grottaferrata sembra voler rinnovare la Giunta, ma alla fine non cambia nulla e riconsegna le deleghe agli stessi Mori rifà la squadra... ma i nomi sono quelli di sempre Alla fine anche la riluttante Italia dei Valori è stata indotta a più miti posizioni ed ha accettato il piano Mori per uscire dalla crisi di maggioranza di Grottaferrata che aveva avvelenato la seconda metà di maggio. Il sindaco esce in qualche modo rafforzato da una fase di confronto nella quale, dice, «ho capito che i partiti mi chiedevano maggiore condivisione nelle scelte ed ho accettato serenamente questa critica». Quali poi siano stati, al di fuori delle deleghe e delle competenze, i veri accordi sui quali rigettare le basi per partire di nuovo tutti insieme è ancora presto per dirlo. Quel che è certo è che il prossimo 9 luglio quando il Consiglio dovrà liquidare il bilancio di previsione 2012, Mori dovrebbe riavere con sé tutti i pezzi della sua maggioranza. Ecco che insomma quella che sembrava una rivoluzione si è risolta con un quasi nulla di fatto. Dopo due settimane di congelamento il sindaco ha riassegnato le medesime deleghe agli stessi assessori: la Giunta resta insomma composta da Alessandro Broccatelli (vice sindaco e Bilancio), Giovanni Guerisoli (Ambiente e Commercio), Andrea Castricini (Lavori pubblici), Maria Giuseppa Elmo (Servizi sociali) e Marcello Moretti (Sport e Turismo): l unica vera novità, ma la voce girava da mesi, è l ingresso proprio sul filo di lana di Luciano Andreotti (in quota Idv) il quale ha accettato dopo un primo rifiuto le deleghe a Edilizia privata e Progetti speciali. Ciò che Mori ha tenuto per sé, Cultura a parte, è proprio il piatto forte della questione, ciò a cui i dipietristi tendevano: l Urbanistica. «Nelle mie mani dice il sindaco sono rimaste deleghe che comunque sono prontissimo a riassegnare. Ovviamente dopo un sereno IL SINDACO IN CONSIGLIO Mori ha tenuto le deleghe all Urbanistica e alla Cultura, che è però pronto a cedere confronto con tutti i partiti. Ad oggi comunque la Giunta rappresenta finalmente tutta la squadra di maggioranza che ha portato alla vittoria del 2010». Sull altare del sacrificio resta la testa di Rita Consoli, dimessasi da capogruppo del Pd prima della crisi. Beninformati e malelingue però sostengono che i cinque dissidenti (di cui la Consoli è uno dei cervelli) abbiano comunque ottenuto una delega sottotraccia proprio all Urbanistica. Marco Caroni

9 il Caffè n dal 14 giugno al 04 luglio pag. 9

10 il Caffè n dal 14 giugno al 04 luglio pag. 10

11 n dal 14 giugno al 4 luglio 2012 TRASPORTI 11 Le tariffe dei trasporti lievitano a fronte di un servizio pubblico che zoppica tra mezzi danneggiati e immancabili ritardi Treni e bus, ticket più cari per i pendolari Èdi pochi giorni fa la protesta degli autisti Cotral per il cambio dei turni Francesca Ragno Gli autisti si fermano Mentre sul fronte dei treni regionali lʼamministratore delegato di Ferrovie dello stato ha annunciato che se non aumenteranno i fondi verranno sospesi i treni, lʼ8 ed il 9 giugno sono stati giorni di fuoco. I pendolari e studenti sono rimasti a piedi per unʼagitazione selvaggia di protesta degli autisti Cotral che non erano dʼaccordo con le nuove turnazioni che sarebbero dovute partire da lunedì 11 giugno. Corse soppresse, autobus che passavano con le scritte fuori servizio o guasto. Per far rientrare la protesta lʼazienda con il presidente Adriano Palozzi ha deciso di posticipare la nuova turnazione al 2 luglio per poter trovare accordi con i sindacati. Le cattive notizie per i pendolari della Provincia di Roma non finiscono, dopo gli aumenti dei biglietti Atac, che dallo scorso 25 maggio costano 1,50 euro. Dal primo giugno sono scattati anche i rincari per gli autobus extra-urbani della Cotral e i biglietti dei treni regionali delle Ferrovie dello stato. I biglietti della Cotral dal 1 giugno sono aumentati del 10% sulle diverse fasce chilometriche: quindi, per fare un esempio, il biglietto da un euro che copre una distanza fino a 10km passa da 1 euro a 1,10 euro. Un aumento più consistente per il collegamento per Air Terminal Fiumicino da Roma Tiburtina e Roma Termini: i biglietti passano da 4,50 euro a 5 euro. Per quanto riguarda i titoli di viaggio dei treni regionali delle Ferrovie dello Stato che per i Castelli Romani riguardano le linee Albano-Roma, Velletri-Roma e Frascati-Roma, il biglietto della fascia chilometrica da 20 km ora costa 1,50 euro, trenta centesimi in più rispetto al costo precedente, mentre il biglietto della tratta da 30 km passa da 1,90 a ben 2,10 euro e quello solitamente utilizzato da chi proviene da Velletri costerà 3 euro. A subire l'onda degli aumenti anche gli abbonamenti Metrebus Lazio che permettono ai pendolari di usare congiuntamente treni, bus Cotral e i mezzi Atac. Gli abbonamenti mensili subiranno i seguenti aumenti: per la fascia 1 si passa da 21,00 euro a 24,50 euro; in fascia 2 da 30,00 a 35,00 euro, in fascia 3 da 51,00 a 59,50 euro, in fascia 4 da 63,00 a 73,50 euro, in fascia 5 da 78,00 a 91,00 euro, in fascia 6 e 7 da 93,00 a 108,50 euro. Sono sempre i viaggiatori a subìre disagi e lunghe ore di attesa sui treni fermi I pendolari reagiscono: giù dal treno per bloccare il traffico su ferro Circola ormai da tempo come proposta per far sentire la voce dei pendolari dei Castelli Romani l idea di bloccare i binari come accaduto su altre disastrose tratte delle ferrovie laziali. Un blocco magari da attuarsi a Ciampino dove confluiscono tutti i treni che arrivano dai Castelli Romani. Ricordiamo proteste simili lo scorso anno a Monterotondo, Ladispoli e la Roma Lido. Peccato però che la politica ritiene strumentali gli attacchi verso gli aumenti dei trasporti della Regione Lazio come dichiarato dal consigliere regionale Pino Palmieri della lista Polverini: «L incremento non va in alcun modo a ledere i diritti e le prerogative dei pendolari: a fronte di un adeguamento adottato per i titoli di viaggio singoli, infatti, gli abbonamenti annuali non hanno subito alcun genere di variazione. Nonostante il momento di crisi economica, non abbiano dovuto affrontare alcuna diminuzione dei servizi del trasporto pubblico». Vedremo nelle prossime settimane come la PENDOLARI FERMI A ROMA CASILINA Uno degli episodi più assurdi di Trenitalia: viaggiatori per ore sui convogli fermi, alla fine, esasperati, sono scesi sui binari pensano i pendolari, costretti a fare i conti con il caro benzina e il caro biglietti. «Troppi treni soppressi e ritardi» Una notizia positiva per i pendolari in tutti questi aumenti riguarda il fatto che gli abbonamenti annuali Metrebus non subiranno variazioni: in fascia 1, dunque, permane il costo di 172,00 euro; 245,30 euro in fascia 2; 404,00 euro in fascia 3; 488,10 euro in fascia 4; 590,80 euro in fascia 5; 688,40 euro in fascia 6 e 7. Una buona notizia visto che molto probabilmente quest'anno per mancanza di fondi non ci saranno gli abbonamenti agevolati annuali messi a disposizione come gli altri anni dalla Provincia di Roma. Sui blog e i social network, su cui ormai i pendolari sono sempre più attivi e si scambiano opinioni, si è messo in moto un tam tam di reazioni ad aumenti che non corrispondono a un miglioramento del servizio. Alcuni esempi? Nella giornata di mercoledì 6 giugno bastava recarsi in piazza Mazzini ad Albano verso le ore 15 e vedere ben due autobus della Cotral fermi per dei guasti con la gente che sotto al sole aspettava un bus proveniente da Roma e diretto a Velletri. Ironiche le parole dei pendolari della Roma-Velletri che scrivono: Grazie a Trenitalia miglioriamo la socializzazione, visto il tempo perso sui treni perennemente in ritardo. Come dargli torto: il 30 maggio scorso il treno partito da Roma alle 17.30, che di prassi dovrebbe arrivare alle 18:30, alle 18:20 era ancora fermo a Ciampino. Ancora il 5 giugno il treno delle ore 7:00 da Velletri si è fermato a Pavona costringendo i pendolari esausti a salire sul convoglio successivo delle 7:53 stracolmo di gente con pochi vagoni, con ritardo incalcolabile. Continuano anche sulla tratta Albano-Roma i ritardi: lo scorso 5 giugno il treno delle in partenza da Roma ha accumulato un ritardo addirittura di 50 minuti, per non parlare di quello mattutino Albano-Roma delle 8,23 che ormai accumula quotidianamente ritardi ripetuti costringendo i viaggiatori ad alzarsi un ora prima e prendere quello precedente delle 7.40 per evitare di arrivare in ritardo al lavoro. Ormai oltre alla rassegnazione si pensa a forme di protesta visto che le segnalazioni e i reclami a Trenitalia non sono più sufficienti, magari, chissà, presto arriveranno i blocchi dei binari come è successo in altre zone del Lazio. I pendolari su internet sfogano la loro rabbia: «Paghiamo per un servizio scarso» ANDREA Pendolare sulla Roma-Velletri Andrea pendolare della Roma-Velletri propone uno sciopero delle tessere: «Sono un pendolare da circa 8 anni ed il servizio dei treni è andato via via peggiorando sempre più. Faccio il tragitto tutti i giorni sulla linea Velletri-Roma ed inizialmente cʼerano un poʼ di ritardi soprattutto in estate per via dei passaggi a livello che si bloccano in continuazione. Adesso noi pendolari abbiamo raggiunto livelli alti di esasperazione in quanto i ritardi sono sempre più numerosi, le soppressioni dei treni allʼordine del giorno, per non parlare poi della pulizia e della manutenzione dei treni, anche per questo i guasti sono aumentati in maniera vertiginosa. Lʼultima trovata di aumentare biglietti ed abbonamenti è un qualcosa di vergognoso per il servizio che forniscono... Dobbiamo organizzare uno sciopero delle tessere!».

12 12 ELEZIONI ARICCIA n dal 14 giugno al 4 luglio 2012 In attesa che il Consiglio di Stato si pronunci il 13 luglio, continuano le schermaglie tra Cianfanelli e Di Felice sulle elezioni invalidate Voti congelati, battute al vetriolo senza fine Libanori all ex Sindaco: «Si levi dalla bocca i nomi di Ciocchetti e Di Lazzaro» Emanuele Menicocci Non si decidono a terminare le schermaglie a distanza, nemmeno troppa, tra Emilio Cianfanelli e Roberto Di Felice. I due candidati a sindaco delle elezioni 2011 annullate da una sentenza del TAR, che attende ribaltamento o conferma dal Consiglio di Stato, continuano ad azzuffarsi a suon di comunicati e conferenze varie. Il prossimo 13 luglio ci sarà l'udienza conclusiva presso le Corti del Consiglio di Stato che sancirà se nel 2013 si dovrà di nuovo procedere alle operazioni di voto oppure se, ribaltando la sentenza del TAR, verranno confermati i risultati elettorali del Questi sono stati momentaneamente annullati, ergo sospesi, per delle irregolarità tecniche nella nomina del sostituto di un presidente di sezione. «Un errore formale e non brogli», come dichiara Cianfanelli. LA CONFERENZA STAMPA Erano presenti Staccoli, Libanori, Di Felice e Ciocchetti LE MOTIVAZIONI DELLA RISPOSTA Sul numero 243 del Caffè dei Castelli, Emilio Cianfanelli ha rilasciato delle dichiarazioni in merito alla vicenda che suscitano sdegno dall'altra parte. In dettaglio definisce Un attacco alla democrazia e favoreggiamento alla via del cemento, la sentenza che ha annullato le elezioni, in una disamina dell'accaduto che in vero non punta il dito su Roberto Di Felice, ma verso chi sullo stesso Di Felice ha investito. A questo proposito è proprio il gruppo di liste e partiti dietro il candidato che perse per soli 32 voti, che insorge nei confronti dell'ex sindaco. «Sarà l'ultima volta che risponderemo a Cianfanelli - dichiara il coordinatore dell'udc Giovanni Libanori -. Sono inqualificabili le dichiarazioni dell'ex sindaco. Sarebbe ora che Emilio Cianfanelli si «Cianfanelli dovrà spiegare ai giudici» Dai mancati certificati Asl alle gare per la mensa «Ci sono documenti da dover chiarire» ROBERTO DI FELICE Ex Candidato a Sindaco di Ariccia STACCOLI SENIOR: è partita una querela nei confronti di Emilio Cianfanelli, visto che ha sempre la famiglia Staccoli in bocca. Oramai è diventata un'ossessione e avrà così modo di spiegare ai giudici quanto ha da dire sui PRUST. Si autodefinisce un documentologo e per rispondere a quelli che ritiene attacchi personali, scioina le delibere relative alla cattiva gestione dell'amministrazione Cianfanelli. Dalla mancanza di certificati Asl per il maneggio di Vallericcia, alle foto da depositare presso il Magistrato sul presunto peculato, dai documenti relativi alla gara delle mense (2 milioni 300mila euro), ai documenti che dimostrano che, come dice lo stesso ex candidato: «Roberto Di Felice ha sempre votato contro ogni aumento di cementificazioni ad Ariccia». Risponde anche con sicurezza in merito alla perquisizione subita da parte delle fore dell'ordine che per lui: «Sono state indotte sulla base di dichiarazioni fuorvianti da parte dei nostri avversari. Era impossibile che io avessi quei documenti che cercavano (la copia della nomina del sostituto presidente della sezione 15, ndr) e infatti non hanno trovato nulla». Sull'urbanistica aggiunge: «Io credo nell'urbanistica programmata e non in quella contrattata come è consuetudine dell'ex Sindaco». tolga i nomi di Staccoli, Di Lazzaro e Ciocchetti dalla bocca. Respingiamo tutte le sue accuse che sono solo un modo per influenzare la sentenza del Consiglio di Stato». In chiusura del suo intervento, Libanori, che è consigliere di amministrazione di Cotral, richiama l'attenzione sulle perdite di 700 mila euro di Cotral per la chiusura del ponte e di una politica urbanistica a suo dire disastrosa. TUTTE LE FICHES SUL PIATTO Non solo indignazione per le supposte denigrazioni, ma anche alcuni dubbi vengono messi sul piatto da UDC, Di Felice e gli altri. Il primo è relativo all'assistenza legale tirata in ballo dallo stesso Cianfanelli che lancia la domanda retorica: «Chi può permettersi di pagare migliaia di euro per fare cinque ricorsi al TAR?», ma che Libanori rigira chiedendosi: «Chi paga i legali a Cianfanelli? Mi risulta che poco prima la sentenza del TAR ci sia stata una delibera per assumere dei legali in difesa dello stesso per TAR e Consiglio di Stato». Altre obiezioni vengono fatte sull'ospedale dei Castelli anche se con visioni discordanti. Infatti dove Libanori decanta il Project Financing, Di Felice lo stigmatizza. Inoltre, all'interno di una conferenza stampa, sono emersi i tanti progetti rivisitati per il policlinico e quelli dell'innesto della tangenziale che hanno richiesto ulteriori aggiuntive parcelle di consulenti tecnici che secondo Staccoli sono «Sperpero di denaro pubblico»; la mancanza di un'autorizzazione sanitaria del centro ippico di Vallericcia e gestito dalla figlia dell'ex primo cittadino; il quasi monopolio nei servizi comunali della cooperativa Millepiedi ; l'assegnazione di un appalto a cooperativa a Consanguigno di Cianfanelli. GIOVANNI LIBANORI Membro della direzione provinciale Udc Cianfanelli si chiede Chi può permettersi di pagare ben 5 ricorsi ed io invece mi domando Chi paga i legali all ex Sindaco? Politica in tumulto Non diversa da tante altre, anche questa conferenza stampa è stata autoreferenziale, con poche possibilità di domandare, visti anche i tempi. Certo che, oltre agli attacchi di rito, rimangono delle questioni in sospeso di carattere politico oltre che sociale. I problemi di coalizione emergono come funghi dopo una piovuta. Nel centrosinistra ci danno la certezza di perdite di pezzi importanti, dall'altra parte invece, in tempi non sospetti, accusarono di salto del fosso alcuni appartenenti alla coalizione per passare da Cianfanelli. Di Felice si schiera dichiaratamente verso una crescita cementizia zero, laddove però l'udc è un sostenitore del Piano Casa che invece alimenta abusivismi e incontrollate annessioni. Stesse incoerenze dalla parte opposta dove se da un lato l'ambiente e il virtuosismo dovrebbero imperare, dall'altro abbiamo una situazione in periferia spesso trascurata. Sembra solo l'inizio dell'ennesima campagna elettorale. «Se sono al corrente di mie irregolarità familiari lo facciano presente alla Procura» Cianfanelli risponde alle contestazioni EMILIO CIANFANELLI Ex Sindaco di Ariccia 1. Ponte: la chiusura del ponte al traffico di mezzi superiori a 35 q. di Ariccia è stata stabilita con un ordinanza del Sindaco che ottemperava a quanto stabilito dal Ministero dei Lavori Pubblici, su perizia dell ing. Radogna dell ANAS. 2. Ricorso elettorale: c è un inchiesta penale sul fatto che il documento di rinuncia della Sig.ra Roberta Cecchini a presidente del seggio elettorale n. 15 non è stata trovata né in Comune (dove sarebbe dovuta essere) né in Corte d Appello, ma è invece apparsa in mano ai ricorrenti. Aspettiamo di capire come si concluderà l inchiesta, che coinvolge anche la funzionaria dell ufficio elettorale. 3. Sulle accuse in merito a presunte irregolarità che riguardano familiari del Sindaco: se Di Felice e i suoi sono al corrente di qualcosa di veramente attendibile, denuncino il Sindaco alla Procura della Repubblica per omissione di atti d ufficio, per non aver vigilato, e il Sindaco risponderà in sede giudiziale. 4. Staccoli: la famiglia Staccoli è comproprietaria di alcune società interessate da alcuni PRUST che sono autorizzazioni per edilizia a servizi (scuole, palestre, residenze sanitarie assistenzaili, cinema); queste società hanno presentato diverse istanze scritte al Comune per avere l autorizzazione a costruire edilizia residenziale per una percentuale che loro dicevano del 10%. L amministrazione Cianfanelli precedente non ha concesso queste autorizzazione e Gianluca Staccoli si è presentato come candidato di Roberto Di Felice, candidatura che Carlo Staccoli aveva offerto precedentemente allo stesso Cianfanelli (di fronte a testimoni) se avesse concesso quelle autorizzazioni.

13 il Caffè n dal 14 giugno al 04 luglio pag. 13

14 14 NATURA NOSTRA n dal 14 giugno al 04 luglio 2012 Palme, eucaliptus, castagni messi a dura prova dai parassiti d importazione. Ma ci si può convivere evitando il peggio Alberi sotto attacco, ma li possiamo salvare Bisogna tenerli sotto controllo in attesa che arrivino cure definitive Pierfederico Pernarella Nel migliore dei casi toccherà imparare a conviverci, nel peggiore bisogna mettere in conto l ipotesi di un estinzione. Non è andata proprio così, ma ci si è andati molto vicini con le palme. Il punteruolo rosso, il famigerato coleottero importato dal Medio Oriente, ne ha fatto una strage modificando irrimediabilmente il paesaggio di quelle zone il litorale romano e quello pontino in particolare in cui le palme erano diventate un elemento caratteristico. Quella ingaggiata contro il punteruolo rosso è la storia di una guerra persa. Le ragioni della sconfitta sono diverse. Si è trattato di un emergenza talmente frazionata che è stato difficile mettere a punto una strategia d intervento univoca ed efficace. Anche perché non essendo un prodotto agricolo ma una pianta decorativa intorno al caso palme non c è stata la giusta attenzione, non si è creata la cosiddetta massa critica. Inizialmente si era pensato di avere a che fare con un parassita qualunque, le informazioni erano carenti e quando ci si è resi conto della gravità della situazione era ormai troppo tardi. Nella maggior parte dei casi si è dovuto mettere mano alle motoseghe. Qualche palma, a caro prezzo, è rimasta in piedi, ma non c è stato verso di debellare il punteruolo rosso. Tanto è vero che l unico rimedio per tenere Risultati si possono ottenere con la lotta biologica, ossia con animaletti che uccidono i parassiti VORACI DA AUSTRALIA, EGITTO E CINA Da sin. la Psila Lerp minaccia gli eucaliptus, il punteruolo rosso palme e il Dryocosmus Kuriphilus cinipide del castagno STRAGE DI PALME Vittime del punteruolo rosso in vita la pianta attaccata da questo parassita è mantenere sotto controllo le larve impedendone la proliferazione. «Quella del punteruolo suggerisce un ispettore del servizio fitosanitario della Regione Lazio somiglia a malattie come il diabete: ci devi convivere fino all invenzione di cure miracolose». Che appunto non sono ancora state trovate. E la metafora del diabete vale per tutti gli altri attacchi sferrati da parassiti alieni come il punteruolo rosso, cioè importati da Paesi stranieri, contro altre specie vegetazionali. Con i parassiti dell era globale non si scherza. Ne sanno qualcosa i proprietari dei castagneti disseminati sulle colline dei Castelli Romani e sui Monti Lepini. Da qualche anno il loro incubo peggiore si chiama Dryocosmus kuriphilus, alias il cinipide del castagno. È un piccolo insetto originario della Cina e diffuso ampiamente in Giappone che è arrivato in Italia nel 2002, prima in Piemonte poi nel 2005 nel Lazio attraverso lo scambio di materiale vivaistico. «Nel Lazio spiega Andrea Sensini, ispettore fitosanitario della Regione sono stati individuati sette focolai, dislocati nel viterbese e nel sud pontino. Successivamente è arrivato in tutte le altre zone dominate dai castagneti. La sua forza sta proprio nella velocità e facilità di diffusione. È talmente piccolo che si muove anche con il vento o più semplicemente con le correnti aree». Il cinipide non distrugge i castagni, ma gli toglie vigore riducendo sensibilmente la loro produttività sia per ciò che riguarda i frutti che il legno. Debellarlo è quasi impossibile. I tentativi di sradicamento finora realizzati sono tutti falliti. «La soluzione più efficace prosegue l ispettore resta la lotta biologica, cioè l introduzione dell antagonista naturale del cinipide». Il nemico giurato in questione è una vespa, il cui nome scientifico è Torymus sinensis. In Giappone questo tipo d intervento ha dato ottimi risultati. La cura è stata importata in Italia dal Piemonte e successivamente da tutte le altre regioni colpite dal cinipide. Anche il Lazio si è accodato introducendo nelle zone colpite dal cinipide il suo antagonista. Quanto ci vorrà per eliminare il problema? «Almeno una decina di anni, lo stesso tempo che ha impiegato il parassita per insediarsi», ammette l ispettore. Tempi lunghi anche per avere la meglio sul parassita che sta minacciando il monumento verde per eccellenza dell Agro Pontino, l'eucalipto. Una pianta non autoctona in verità, che è stata importata durante gli anni Trenta, nel corso della bonifica delle paludi, per realizzare le barriere frangivento a protezione delle coltivazioni. Simbolo di forza e fertilità, i primi problemi per gli eucalipti sono arrivati soltanto nell ultimo decennio quando la loro importazione era finita da un bel pezzo. Circostanza assai singolare. Tutta colpa di un parassita proveniente dall Australia, che si chiama Psilla Lerp, capace di uccidere un albero in tre anni. Anche in questo caso l unico modo per fermare la strage è introdurre la lotta biologica. Esiste un parassitoide, cioè un parassita del parassita, in grado di neutralizzare la Psilla. «In America la cura ha funzionato spiega un ispettore fitosanitario. In Italia è stata trovata traccia in Sicilia per cui si tratterà si favorirne lo sviluppo anche dalle nostre parti». Il bruco affamato... che fa bene Si comporta come una sorta di parassita, ma in questo caso è roba genuina e gli effetti per le piante sono addirittura benefici. Insomma non cʼè nulla da temere dalla Lymantria Dispar, il bruco che sta divorando una bella fetta della foresta macchia mediterranea del Parco Nazionale del Circeo. Gli effetti sono visibili ad occhio nudo con unʼonda di colore marrone che travolge il resto della vegetazione verdeggiante. «Questo tipo di attacchi ciclici spiega lʼispettore capo della Forestale di Sabaudia, Benedetto Rubeis. Si ripetono in media ogni dieci, dodici anni. Gli effetti sono limitati. In questi giorni, quando il bruco si trasformerà in farfalla, sarà tutto finito. Anzi le piante attaccate diventano più forti». Gli unici a subire le conseguenze saranno i residenti - soprattutto quelli con problemi allergici - delle zone intorno al Parco. Alcune case sono state ricoperte dai bruchi, ma il peggio potrebbe arrivare proprio in questi giorni quando si trasformeranno in una moltitudine di farfalline gialle che spiccheranno il volo dalla foresta di macchia mediterranea. Regione senza soldi: proposta di privatizzare gli alberi Vendere ai privati le fasce frangivento per salvare gli eucaliptus. È la proposta del consigliere regionale Stefano Galetto per fare fronte allʼemergenza che rischia di estinguere uno dei monumenti verdi più caratteristici dellʼagro Pontino. «La Regione non ha le risorse economiche per cui occorre pensare a un coinvolgimento dei privati, attraverso un meccanismo di alienazioni vincolate ad azioni di manutenzione e gestione delle fasce frangivento», afferma Galetto, che ha annunciato una proposta di legge, «per rendere più snelle e meno burocratiche le procedure di alienazione già previste dalla legge, cercando il massimo confronto non solo con tutti i soggetti istituzionali aventi un ruolo nella gestione delle fasce frangivento, ma anche con i Comuni e con le associazioni delle categorie produttive della zona». Si lotta per salvare i kiwi MONUMETO NATURALE Fasce frangivento nell Agro Altro duro colpo alle piante del nostro territorio è il batterio Pseudomonas syringae pv. Actinidiae, ribattezzato cancro del kiwi. Sembra sia arrivato dalla Cina e sui frutti è devastante. Non lascia scampo. La più duramente colpita dalla batteriosi è stata la provincia di Latina che, numeri alla mano, costituisce un'eccellenza mondiale con oltre aziende, ettari coltivati e il 69% dell'intera produzione regionale. I danni prodotti alle coltivazioni pontine, concentrate soprattutto nellʼarea di Cisterna e dintorni, ammontano a milioni di euro. Lʼemergenza fortunatamente ha permesso di avviare studi specifici e mettere a punto interventi più o meno efficaci, anche se non sarà per niente facile riacquistare i livelli dʼeccellenza che erano stati raggiunti prima dellʼarrivo della batteriosi.

15 il Caffè n dal 14 giugno al 04 luglio pag. 15

16 16 CITTADINI ATTIVI n dal 14 giugno al 04 luglio 2012 In moltissimi stanno firmando per abrogare la scandalosa pensione a Consiglieri ed Assessori regionali del Lazio Referendum per levare i vitalizi in Regione Nel Lazio questo privilegio scatta a soli 50 anni, caso unico in Italia, e passa a coniugi e figli dopo la morte Francesco Buda Va a gonfie vele la campagna di raccolta firme per il referendum abrogativo dei vitalizi degli ex Consiglieri e degli Assessori regionali del Lazio a partire dalla legislatura in corso. L'iniziativa mira a far applicare da subito, per chi è in carica ora, quanto stabilito dai furbetti della casta regionale: l'attuale Consiglio regionale, infatti, nell'ultima finanziaria approvata poco prima di Natale, ha sì deciso di togliere il vitalizio, ma a cominciare da quelli che verranno dopo di loro, garantendosi così questa vera IVANO PEDUZZI Consigliere regionale FdS, promotore del referendum Per firmare basta andare presso l ufficio elettorale del Comune di residenza o in uno dei tanti banchetti per strada euro LORDI AL MESE PUÒ ARRIVARE A PRENDERE COME VITALIZIO UN CONSIGLIERE O ASSESSORE REGIONALE DEL LAZIO e propria pensione e facendo i sobri moralizzatori a futura memoria. Parliamo di un assegno mensile che può arrivare a euro lordi al mese per chi è stato in carica tre legislature, 15 anni, e che può essere incassato a soli 50 anni di età e - in caso di morte del politico è riversato interamente al coniuge, ai figli fino ai 26 anni di età o al partner convivente. Un trattamento di favore vietatissimo ai comuni cittadini. Privilegi che prima spettavano solo ai Consiglieri della Pisana, ma dallo scorso dicembre esteso anche agli Assessori regionali, compresi quelli esterni, ossia che non si erano candidati e quindi hanno conquistato la poltrona senza nemmeno essere eletti in Consiglio ma promossi dai partiti. «Solo in questa legislatura, sono 85 i consiglieri e gli assessori regionali cui viene attuata la trattenuta per il cosiddetto Fondo di previdenza, meglio conosciuto come vitalizio spiega la Federazione della Sinistra del Lazio promotrice della campagna referendaria -. Un'uscita che, mensilmente, costa al Consiglio regionale euro, per un importo annuo di un milione e 542mila euro. A questa spesa poi si aggiunge il costo per pagare il vitalizio agli ex Consiglieri, che godono già di questo privilegio, che ammonta a un milione e 218mila euro al mese». Complessivamente 16 milioni e 158mila euro ogni anno, mentre i cittadini e le aziende sono costretti a pagare tasse salate e i Comuni hanno le casse vuote! Ma non basta: «Gli attuali Consiglieri del Lazio, in vitalizi, costeranno ulteriori 4 milioni e mezzo di euro aggiunge Ivano Peduzzi, Consigliere regionale della FdS una volta raggiunta l'età per accedere al beneficio (55 anni, che con una piccola decurtazione può scendere a 50, ndr). Questo costo si andrà ad aggiungere ai circa 17 milioni di euro già spesi annualmente dalla Regione per i 221 ex consiglieri regionali che attualmente ne usufruiscono. Quindi, a partire dai 50 anni e per tutto il resto della loro vita, i consiglieri percepiranno un vitalizio mensile di euro per una sola legislatura e una volta deceduti, ne godranno i loro coniugi, compagni e figli fino ai 26 anni». Il Lazio è l'unica regione italiana che prevede un'età così bassa, 55 anni, per l'accesso a tale ghiotto beneficio e con Puglia e Toscana è l'unica che regala la reversibilità integrale del vitalizio ai familiari dei Consiglieri defunti. «Se raccoglieremo le 50mila firme necessarie e vinceremo il referendum, risparmieremo oltre 4 milioni di euro l'anno solo eliminando i consiglieri attualmente in carica, perché l'abrogazione non inciderebbe sul passato. Ma noi sottolinea Peduzzi - da 4 anni presentiamo una proposta di legge per tagliare del 70% anche i vitalizi maturati nel passato, e puntualmente ce la bocciano, sia sotto Marrazzo che con la Polverini». Ad oggi, fanno sapere i promotori del referendum, sono state raccolte oltre 5mila firme nei banchetti sparsi in tutto il territorio regionale. «Ma sono di più assicura Peduzzi perché molti stanno andando a firmare presso il proprio Comune di residenza». Per firmare a sostegno del referendum antivitalizio regionale, basta andare con un proprio documento di identità presso l'ufficio elettorale del proprio Comune di residenza o ad uno dei banchetti per strada. Quasi 17 milioni di euro l anno per le pensioni a 221 ex consiglieri regionali e ghiotte indennità per tutti Gli ex della Regione campano di rendita Renata Polverini ha voluto abolire i vitalizi degli ex consiglieri regionali, facendo votare in Consiglio un apposita norma poco prima di Natale scorso. Ma resta la pacchia per tanti politici ed ex ormai in pensione, che in questi anni hanno vissuto di rendita per aver fatto una sola consiliatura a La Pisana. La sforbiciata infatti varrà solo per quelli che verranno dopo di loro. La Regione Lazio, attualmente, spende ogni anno oltre 16milioni di euro per pagare i vitalizi a ben 221 ex consiglieri; in 41 casi, il vitalizio viene versato senza alcuna decurtazione alle famiglie (come per i comuni mortali), a titolo di reversibilità. LUIGI CELORI: EURO Oggi è consigliere comunale a Pomezia Il Lazio ha anche il record di gruppi consiliari con una sola persona e Commissioni PIERO MARRAZZO: EURO Ex Presidente della Regione Lazio Vitalizio lordo mensile Angiolo Marroni euro Gabriele Panizzi euro Tommaso Luzzi euro Luigi Celori euro Giulio Maceratini euro Giulio Santarelli euro Bruno Landi euro Salvatore Bonadonna euro Giovanni Borgna euro Paris Dell'Unto euro Pasquale Coviello euro Primo Mastrantoni Giorgio Pasetto Adriano Redler Vincenzo M. Saraceni Domenico Simeone Pietro Vitelli Donato Robilotta Bruno Prestagiovanni Marco Verzaschi Fabrizio Cirilli Goffredo Bettini Fabio Ciani Domenico Di Resta euro euro euro euro euro euro euro euro euro euro euro euro euro Giovan Battista Giorgi Tullio De Mauro Maria Annunziata Luna Laura Scalabrini Gianfranco Schietroma Antonio Signore Vincenzo Zaccheo Luisa Laurelli Luigi Canali Rodolfo Carelli Augusto Battaglia Piero Marrazzo euro euro euro euro euro euro euro euro euro euro euro euro ROMA La sede centrale della Regione Lazio Ma il taglio dei costi della politica resta una chimera. Un esempio su tutti: la commissione speciale per la candidatura di Roma ai Giochi olimpici del 2020 presieduta dal consigliere regionale pontino Romolo Del Balzo. È stata tenuta in piedi anche dopo che il governo ha bocciato la candidatura di Roma alle Olimpiadi 2020 e poi finalmente abolita ad apirle scorso. Per 400 giorni e 3 sedute ufficiali, se calcolassimo per 60 minuti il tempo di ciascuna seduta, sapremmo che il costo di ciascun minuto di vita di questa commissione è stato di euro. Oltre 80 mila euro l ora. Restano altre 19 GIOVANBATTISTA GIORGI: EURO Ex Presidente Astral, consigliere a Sezze Commissioni consiliari e ben 8 gruppi formati da un unico consigliere, che intasca così l indennità nella veste di presidente di se stesso, oltre a stipendio e indennità come presidente o vice presidente di Commissione. Altro record nazionale.

17 il Caffè n dal 14 giugno al 04 luglio pag. 17

18 18 LE AZIENDE INFORMANO n dal 14 giugno al 4 luglio 2012 Al di là dei gusti, ci sono alcuni requisiti che migliorano notevolmente il valore e la vivibilità di una abitazione UNA CASA È BELLA DAVVERO SE... Sta sorgendo ad Aprilia un nuovo elegante quartiere con molto verde e appartamenti di grande qualità In casa si vive una parte troppo importante della propria vita per non pretendere, nel momento dell acquisto, tutta una serie di requisiti che ne incrementano il valore e la vivibilità. Perché una casa deve essere sì bella, ma anche con bassi costi di mantenimento. Il Quartiere Trentastelle offre, ad un prezzo conveniente, una serie di caratteristiche che qualificano un appartamento, aumentandone non solo la bellezza, ma anche il valore d uso. LUMINOSITÀ Ogni appartamento ha un grande finestrone nel soggiorno che dà sul terrazzo e permette di vivere in una Veduta aerea dell area in cui sta sorgendo il nuovo quartiere casa piena di luce, in palazzine distanziate in modo da lasciare sempre ottime vedute. GRANDE TERRAZZO Oltre alle luminose finestre ogni appartamento è dotato di un terrazzo particolarmente grande, coperto e riparato ai lati così da poterlo vivere per tutto l anno come fosse una stanza in più della casa e in cui è possibile pranzare comodamente in almeno otto persone. Inoltre è dotato di vani chiusi che fungono da ripostiglio e, lungo tutto il suo sviluppo, è corredato da fioriere dotate di impianto di irrigazione. FINITURE DI QUALITÀ Le vasche idromassaggio sono Jacuzzi, le caldaie sono Vaillant, i condizionatori Daikin, i pavimenti Impronta Ceramiche, i parquet Corà, i sanitari Hatria, le rubinetterie Mamoli, le finestre in Douglas massello sono Fratoni Serramenti, le porte interne Cormo, i portoncini blindati Dierre ELEGANTE QUARTIERE Un quartiere nuovo con molto verde, IL PALAZZETTO DELLO SPORT All interno del Quartiere Trentastelle si sta realizzando uno splendido Palazzetto dello Sport da 1800 posti omologato per quasi tutti gli sport (basket, pallavolo, ginnastica, calcetto, boxe, ecc ) parcheggi, belle palazzine, servizi a portata di mano: supermercato, scuole, parco pubblico, chiesa, stadio, fermata autobus, stazione ferroviaria, impianti sportivi e con una magnifica area di parco pubblico, tutto raggiungibile senza usare l auto!! IN UNA CITTÀ CON TUTTI I SERVIZI Aprilia è la quarta città del Lazio per dimensioni, non troppo grande né troppo piccola, perché offre tutti i servizi caratteristici di un capoluogo di provincia. Il mare ed i Castelli Romani distano 15 Km ed il centro di Roma è raggiungibile in 30 minuti con un comodo servizio ferroviario. Il Quartiere Trentastelle è realizzato all interno della città e risponde per caratteristiche costruttive e rifiniture alle esigenze di chi cerca una splendida sistemazione ad un prezzo conveniente. LA TERZA PALAZZINA È iniziata la costruzione del terzo edificio (nella foto le prime 2 già ultimate) in cui è possibile personalizzare gli appartamenti a proprio gusto con i materiali e le soluzioni abitative preferite (porte a scrigno, armadi a muro, piastrelle, pavimenti, tende da sole, zanzariere, ecc ) ATTICO APPARTAMENTO MEDIO ALTRE CARATTERISTICHE Facciata in cortina di prima qualità per evitare costose manutenzioni, doppio isolamento termico e acustico, infissi esterni ad elevata classe di isolamento, doppi ascensori, soffitte e box privati, spazi condominiali attrezzati e zone verdi comuni recintate, servizio di portineria. + ISTITUTO DI CREDITO CONVENZIONATO APPARTAMENTO GRANDE Contatti Per ulteriori informazioni oppure TEL STRAORDINARIE OFFERTE PER LE GIOVANI COPPIE APPARTAMENTO PICCOLO

19 n dal 14 giugno al 04 luglio 2012 NOTIZIE DALLA REGIONE AMBIENTE E SALUTE i siti ancora da bonificare, 658 i sequestri di rifiuti speciali abbandonati, infrazioni accertate Amianto, 700mila tonnellate da smaltire N el Lazio l'amianto tossico ancora resiste. Infatti in regione sono presenti tra le e le tonnellate di tetti e coperture in cemento-amianto. Questo il dato del dossier presentato da Legambiente Lazio. Si tratta di una enorme superficie tra i 27,7 e i 53,9 milioni di metri quadri, alla quale si aggiunge la presenza di oltre un milione di tonnellate di materiali contenenti amianto ancora in uso siti, dei quali si trovano in provincia di Roma, 53 in quella di Latina, 94 in quella di Viterbo, 65 nell'area di Frosinone e 34 in provincia di Rieti. «A vent'anni dalla legge che impedisce l'utilizzo dell'amianto c'é ancora tanto da fare, va conclusa la mappatura delle strutture in amianto e avviate le bonifiche», afferma Lorenzo Parlati, presidente di Legambiente Lazio. Gli interventi Nel 2011 l 8% delle situazioni denunciate ha riguardato amianto nelle discariche abusive delle Forze dell'ordine e della Magistratura hanno portato a 658 sequestri di rifiuti speciali abbandonati o smaltiti illegalmente, per un totale di infrazioni accertate tra il 2007 e il 2010, ben persone deferite all'autorità giudiziaria e 45 arresti. Nel 2011, l'8% delle situazioni denunciate ha riguardato amianto specialmente delle discariche abusive, mentre ai primi posti dei pericoli ambientali risultano per il 32% l'abbattimento di alberi, per il 13% le discariche in genere, per l'11% lavori edili, per il 10% inquinamento acque e per il 9% inquinamento elettromagnetico. LAVORO Negli ultimi giorni un ferito ed un morto Morti nei cantieri, serve più controllo R itorna l'emergenza sicurezza nei cantieri: alla lunga lista di incidenti sul lavoro si aggiungono ora un morto ed un ferito. Un cittadino romeno 55enne a Roma è rimasto vittima di un grave incidente in cantiere in cui ha perso la vita. Un altro operaio, stavolta a Frascati, è caduto in una cisterna all interno di un cantiere in via Santa Croce ed è rimasto gravemente ferito. Gli incidenti sul lavoro restano una delle principali cause di decesso nel Paese: le morti bianche sono circa il doppio rispetto a quelle per omicidi. Nel Lazio ad esempio il bilancio provvisorio del 2012 conta 11 vittime. Anmil Lazio sottolinea che ogni giorno, sul posto di lavoro si verificano incidenti, 3 persone perdono la vita e 27 rimangono invalide. La provincia di Roma è quella dove c'è il più alto tasso di mortalità sul posto di lavoro. In Italia i numeri lievitano: da gennaio a maggio 2012 sono morti sui luoghi di lavoro 222 lavoratori e oltre 450 se si aggiungono i lavoratori deceduti in itinere o sulle strade. Nel 2011, inoltre, ci sono stati più di 1170 morti, di cui 663 sui luoghi di lavoro: + 11,6% rispetto al Per i sindacati bisogna intensificare i controlli sul rispetto delle norme e diffondere una cultura della prevenzione. È importante vigilare affinché il contenimento dei costi degli appalti non vada mai a scapito della sicurezza. Nel 2012 poi si registra una maggiore attenzione anche verso quelle morti causate dall'assenza di lavoro: 69 i suicidi di imprenditori, lavoratori in crisi e disoccupati, schiacciati da tasse. TERREMOTO 200 volontari e 480 brandine Anche dalla Protezione Civile del Lazio in Emilia U na colonna mobile con circa 200 volontari della Protezione Civile della Regione Lazio è partita per dare soccorso alle popolazioni delle zone terremotate dell Emilia Romagna. Dal Centro regionale sono partiti un centinaio di mezzi, tra pick up, autoarticolati, mezzi d opera, adibiti anche al trasporto di tutte le attrezzature necessarie, per raggiungere la località di San Possidonio, Modena. La Protezione Civile del Lazio ha messo a disposizione 60 tende, 480 brandine e 550 coperte. Sono state allestite anche due cucine mobili, dotando il campo della massima autonomia possibile, attraverso la fornitura di gruppi elettrogeni, di panche e tavoli per la mensa, di bagni chimici. TRASPORTI Lievitano i prezzi di abbonamenti mensili e ticket giornalieri Aumenti vertiginosi sui biglietti Metrebus D al 25 maggio sono partite le nuove tariffe per il trasporto pubblico. L adeguamento tariffario del Metrebus Lazio non riguarderà gli abbonamenti annuali: per tutelare le categorie pendolari resteranno invariate tutte le 7 fasce chilometriche. In fascia 1, dunque, permane il costo di 172,00 euro; 245,30 euro in fascia 2; 404,00 euro in fascia 3; 488,10 euro in fascia 4; 590,80 euro in fascia 5; 688,40 euro in fascia 6 e 7. Trasporti salati Abbonamento mensile Metrebus fascia 1 24,50 euro fascia 2 35,00 euro fascia 3 59,50 euro fascia 4 73,50 euro fascia 5 91,00 euro fascia 6 e 7 108,50 euro Birg fascia 1 fascia 2 fascia 3 fascia 4 fascia 5 fascia 6 e 7 3,30 euro 6,00 euro 8,00 euro 26,10 euro 12,00 euro 14,00 euro Biglietto Cirs fascia 1 fascia 2 fascia 3 fascia 4 fascia 5 fascia 6 e 7 13,50 euro 24,00 euro 34,50 euro 42,00 euro 52,50 euro 108,50 euro LITORALE Attivo fino a settembre, garantirà la sicurezza dei bagnanti Dal 15 giugno al via Estate sicura D a sabato 15 giugno a domenica 16 settembre torna Estate Sicura, il progetto della Regione Lazio in collaborazione con le Asl e le aziende ospedaliere, per garantire la sicurezza dei bagnanti sul litorale laziale. Il progetto potenzia l assistenza sanitaria nelle principali località balneari del Lazio e rafforza la rete dell emergenza. In questo periodo aumenta la disponibilità di ambulanze: 20 in più, di cui 18 dislocate lungo il litorale laziale. Una parte delle auto medicalizzate sarà dislocata nei pressi degli stabilimenti balneari sul litorale di Ostia. A Latina, grazie ad un accordo tra la Asl e Cultura Vie Francigene: 110mila euro per valorizzarle La Giunta Polverini ha approvato la delibera che definisce l assegnazione di 110 mila euro per le politiche di valorizzazione delle Vie Francigene. Con queste risorse si potrà proseguire il progetto di valorizzazione della rete di cammini religiosi che attraversano il territorio laziale. Grazie ai finanziamenti decisi s inaugura anche la collaborazione con il CAI (Club Alpino Italiano) che potrà provvedere alle attività di manutenzione ordinaria dei sentieri che caratterizzano la via Francigena del Nord. la Scuola di infermieri, si potrà contare sul supporto degli allievi infermieri per l accoglienza dei pazienti, un aiuto che sarà h24. La Regione promuove una capillare campagna di informazione e sensibilizzazione sul Percorso Veloce Codici Bianchi e Verdi Ambulatori MED riservata ai turisti, che potranno contattare il numero unico regionale della centrale operativa Anche quest anno Estate Sicura si avvale della collaborazione della Guardia Costiera. È stato già avviato un corso di formazione per il personale della Capitaneria di Porto sull uso dei defibrillatori e sulle tecniche soccorso di base. Cultura Autorizzazione paesaggistica, la Regione Lazio delega i Comuni Il Consiglio regionale del Lazio ha dato il via libera alla legge che delega ai Comuni il rilascio delle autorizzazioni paesaggistiche per piccoli interventi. Lo scopo è snellire le procedure e favorire lo sviluppo dell edilizia. È prevista la possibilità per i Comuni di istituire apposite commissioni composte da esperti per esaminare le richieste. Alla Regione restano i poteri di controllo e di vigilanza. In caso di inadempienza, la Regione può esercitare i poteri sostitutivi. Con queste norme si vogliono snellire le procedure per favorire lo sviluppo dell edilizia. Angelo Bonelli (Verdi) ha espresso forti perplessità perché «con questo trasferimento si delegano le autorizzazioni su funzioni importanti per la protezione delle coste, sulle strutture turistiche, ad esempio, per non parlare degli interventi sulle varianti ai Piani regolatori e dei tagli delle superfici boscate. Si dà un via libera al rilascio di autorizzazioni in maniera selvaggia».

20 20 IL CAFFÈ DEGLI ARTISTI n dal 14 giugno al 04 luglio 2012 Roberta Mancino è paracadutista e modella: coraggiosa e impavida, si lancia da altezze impensabili e sfida gli squali La modella estrema da Anzio alla Florida Roberta Mancino, classe 1980, è una modella e appassionata di sport estremi nata ad Anzio. La sua passione per lo sport nasce da bambina con la danza che pratica per 10 anni, per poi passare alle arti marziali e diventare cintura nera di full contact e kick boxing. Ma nel 2001 conosce il paracadutismo da cui non si separa più. La bella Roberta si mostra subito coraggiosa fin dai primi lanci nel vuoto: nel 2007 vince i campionati italiani di paracadutismo freestyle gareggiando per il Freestyle Team Italia. Poi in Florida, studia per diventare insegnante di paracadutismo. Insomma la ragazza non disdegna gli sport estremi di ogni genere e tra le sue esperienze colleziona anche video nei mari delle Bahamas con gli squali tigre e servizi fotografici con gli alligatori. Oltre al coraggio, è anche la sua avvenenza a portarla in alto. Considerata l'atleta più sexy del mondo dalla rivista Men's Fitness, Roberta fa anche la modella (confessa di fare la modella per pagarsi le lezioni di paracadutismo): nel 2003 si lancia nel vuoto senza veli per un servizio fotografico di Playboy e colleziona scatti fotografici provocanti anche per la rivista Max. Nel 2008 ha partecipato, lanciandosi da un aereo, alla trasmissione televisiva Le Iene. PASSIONE DEL VUOTO Roberta adora praticare paracadutismo e voli con la tuta alare La bella anziate adesso fa, con successo, l insegnante di paracadutismo in America Adesso la modella 'estrema' made in Anzio vive a Los Angeles dove insegna paracadutismo e pratica soprattutto Wingsuit (voli con la tuta alare). In 11 anni di carriera, la 31enne anziate ha all'attivo oltre 7 mila e 500 voli, ma non sembra volersi fermare: ad ottobre 2012 la vedremo lanciarsi da una montagna in Cina. Insomma i limiti da superare non sono ancora finiti. In bocca al lupo! Laura Alteri Mike Mangini Da Latina ai Dream Theater Uno dei più grandi batteristi del mondo è Mike Mangini, 49 anni appena compiuti e da meno di un anno membro dei Dream Theater, band progressive metal americana. In pochi sanno che Mike, nonostante sia nato negli Stati Uniti, ha i genitori nati e cresciuti nientemeno che a Latina. Una star da esportazione, insomma: Mike Mangini parla un discreto italiano e nell'agro pontino, dove torna spesso, si sente a casa. Il batterista, che ha iniziato la sua carriera con un altro gruppo statunitense di successo, gli Extreme, è famoso per la sua grande tecnica strumentale e attualmente detiene tre dei Da Velletri Dj Andrew spopola a Roma Andrea Ferrini, a soli 27 anni, si sta affermando come uno dei Dj più noti della Capitale, conosciuto con il nome di Dj Andrew e successivamente Dj Andrew Steel. Residente a Velletri, classe 1985, Andrea è da sempre nel campo della musica digitale, la cosiddetta Italo dance commerciale degli anni 2000, che a differenza di quella elettronica è colma di melodie coinvolgenti e di sentimenti. I suoi primi "successi" si fermano agli amici, ma a 17 anni inizia a prendere lezioni di piano nell'accademia musicale Johannes Brahms di Velletri. Solo dopo quattro anni di tentativi e di demo inviate a varie case discografiche riuscì ad ottenere la prima stampa ufficiale su Cd, "The Only One", etichetta Fluida Records. Poche le copie vendute, ma tanta soddisfazione. Il grande passo arrivò nel 2007 quando, grazie alla collaborazione con il dj producer di M2O Fabio Amoroso, viene lanciato un inedito chiamato "Sei Tu" inserito nella compilation Dance Planet vol. 3, oltre copie stampate, la metà vendute. Poi sono arrivate altre Dance Planet, altre compilation e molte collaborazioni per remix con Fabio Amoroso, tra cui la pubblicazione dellʼep "Electro fisa" e l'ultimo singolo "La Prof", selezionato dal dj Provezano di M2O per il suo programma. Numerose le produzioni e i remix portati a termine tra cui: James Brown is Dead, Pump Up The Volume ed altri lavori per il Piotta, i Pap's 'n Skar, tutti o quasi commissionati da Fabio Amoroso. Oggi Andrea si esibisce in diverse discoteche di zona tra Latina e Roma e quando capita si fa sentire anche su Radio Deejay, insieme al Trio Medusa per remixare le loro "zozzonerie". Si possono ascoltare ed acquistare le sue produzioni su cercando dj Andrew o dj Andrew Steel Cori di Latina premiati al concorso internazionale Euterpe Premi alle voci pontine di voci bianche Città di Latina, il Coro Le Mani Colorate e l'orchestra Giovani Filarmonici Pontini hanno conquistato il podio ottenen- IlCoro do il primo premio assoluto nel concorso internazionale Euterpe Corato (BA). Il concorso ha come obiettivo quello di incentivare il confronto di giovani talenti che provengono da diversi paesi del mondo. Il Coro di voci bianche Città di Latina, dal 2008 coro ufficiale di Latina ha inciso per l Enciclopedia Internazionale kzmusik presentata a Roma nel 2012 presso la Camera dei Deputati. Il coro ha ottenuto il diploma di merito dall A.R.C.L. come CORO DEL- L ANNO 2011 e il riconoscimento dal Ministero dei Beni Culturali come Coro di interesse comunale. Il coro Le Mani Colorate, coro ufficiale dell E.N.S. sez. di Latina, ad aprile 2012 è stato inserito nella manifestazione Protagonisti. L orchestra I Giovani Filarmonici Pontini formata da giovani musicisti della provincia di Latina nel maggio 2012 ha vinto il Primo Premio Assoluto, Menzione d onore e borsa di studio al V Concorso Nazionale Città di Campagnano e 1 premio assoluto e borsa di studio al Concorso nazionale Note sul mare Casalpalocco. La band castellana presenta Adesso Basta a Genzano Avim-B con un nuovo singolo Afine maggio si è svolto al Palacesaroni di Genzano "Rock per un Bambino". L'incasso di 25 mila euro è stato devoluto all ospedale pediatrico "Bambino Gesù". Durante lo spettacolo gli Avim -B hanno anche presentato in anteprima il loro nuovo brano dal titolo "Adesso Basta" in uscita in questi gironi sul circuito musicale nazionale. Il nuovo lavoro coglie l'insofferenza e la rabbia della gente. In questo periodo economico difficilissimo, dove chi ha meno avrà sempre meno e dove spesso la politica e chi la rappresenta pensano solo a se stessi. «Noi - dice Luca Guadagnini, leader del gruppo - abbiamo eseguito per la prima volta questo brano al Palacesaroni, nonostante fossero presenti le istituzioni. Come pensavamo, le parole hanno riscosso un grandissimo successo, ma non eravamo preparati ad un coro da stadio e ad una partecipazione così forte. Il momento è davvero drammatico anche sul nostro territorio dove migliaia di lavoratori stanno perdendo il loro posto è sembra invece che tutto fili liscio, i nostri amministratori devono fare del tutto quattro premi World Fastest Drummer. Questi includono quello come batterista più veloce nella tecnica del matched grip (ovvero dell'impugnatura moderna delle bacchette) con 1247 colpi in un minuto, per le mani più veloci con 1203 colpi singoli in un minuto, come batterista più veloce con l'impugnatura tradizionale (con 1126 colpi sempre in 60 secondi) e anche colpi singoli con i piedi suonando colpi in 15 minuti e 5222 in 5. per trovare soluzioni a questi problemi, noi lo diciamo pubblicamente tramite la nostra nuova canzone. L.S.

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una vera Europa sociale ed un altra politica industriale Roma Camera dei Deputati 14 Gennaio 2015 Maurizio LANDINI segretario generale

Dettagli

Dr. Alessandra Alberti Ser.T. zona Valtiberina Dip.to Dipendenze A.USL 8

Dr. Alessandra Alberti Ser.T. zona Valtiberina Dip.to Dipendenze A.USL 8 Dr. Alessandra Alberti Ser.T. zona Valtiberina Dip.to Dipendenze A.USL 8 Normalmente azzardo perché il gioco d azzardo è anch esso una forma di gioco normale, ma anche perché possiamo dire che in qualche

Dettagli

progetto di riqualificazione urbana dei Lidi di Comacchio sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli

progetto di riqualificazione urbana dei Lidi di Comacchio sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli Allegato 1 PUNTO N. 6 all'o.d.g.: Progetto di Riqualificazione urbana Lidi di Comacchio in sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli Scacchi Prestito obbligazionario "Comune di Comacchio

Dettagli

n. 244 - dal 14 giugno al 4 luglio 2012 - tel. 06.92.76.222 - ilcaffe@mediumsrl.it - GRATUITO di LATINA Rifiuti, Latina va verso l inceneritore

n. 244 - dal 14 giugno al 4 luglio 2012 - tel. 06.92.76.222 - ilcaffe@mediumsrl.it - GRATUITO di LATINA Rifiuti, Latina va verso l inceneritore n. 244 - dal 14 giugno al 4 luglio 2012 - tel. 06.92.76.222 - ilcaffe@mediumsrl.it - GRATUITO DA PAGINA 46 di LATINA DA PAGINA 46 Rifiuti, Latina va verso l inceneritore L immondizia differenziata diventa

Dettagli

MOBILITA. Più di ottanta le presenze, purtroppo nessun dialogo. n. 279 Anno 2013

MOBILITA. Più di ottanta le presenze, purtroppo nessun dialogo. n. 279 Anno 2013 n. 279 Anno 2013 MOBILITA Più di ottanta le presenze, purtroppo nessun dialogo Si è svolto Venerdì 13 Maggio l incontro sulla mobilità. Il Sindaco ha aperto i lavori seguito dagli interventi: di Franco

Dettagli

RISULTATI DELLA RICERCA

RISULTATI DELLA RICERCA RISULTATI DELLA RICERCA 2011 Ricerca nazionale sul gioco d'azzardo 2011- Ricerca nazionale sulle abitudini di gioco degli italiani - curata dall Associazione Centro Sociale Papa Giovanni XXIII, e coordinata

Dettagli

L EMENDAMENTO Di Giorgio Mottola

L EMENDAMENTO Di Giorgio Mottola L EMENDAMENTO Di Giorgio Mottola MILENA GABANELLI IN STUDIO Buonasera, l inchiesta di oggi è dedicata al centro unico di spesa di tutti gli uffici pubblici: se invece di comprare una sedia ne compro mille

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA per il miglioramento della mobilità ferroviaria regionale del Lazio. tra

PROTOCOLLO D INTESA per il miglioramento della mobilità ferroviaria regionale del Lazio. tra PROTOCOLLO D INTESA per il miglioramento della mobilità ferroviaria regionale del Lazio tra Regione Lazio e Trenitalia S.p.A e Rete Ferroviaria Italiana S.p.A Roma, 1 L anno, il giorno del mese di in Roma,

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE Saluto tutti i presenti: iscritti, simpatizzanti rappresentanti dei partiti..

Dettagli

C O M U N E D I C A S T E L V E R D E

C O M U N E D I C A S T E L V E R D E C O M U N E D I C A S T E L V E R D E Provincia di Cremona ORIGINALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N. 28 ADUNANZA DEL 21/07/2014 OGGETTO: PRESENTAZIONE DELLE LINEE PROGRAMMATICHE

Dettagli

Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici

Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici Alcuni quesiti per chiarire dubbi interpretativi sulla formazione dei lavoratori prevista dal Testo Unico: cosa significa collaborare con gli

Dettagli

PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016

PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016 PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016 Contributi di licenziamento, nuova Aspi, «decantierizzazione». La macchina

Dettagli

Periodicità: Settimanale 07/05/2010 Oggetto: Strada sì, tangenziale no Solo buone intenzioni?

Periodicità: Settimanale 07/05/2010 Oggetto: Strada sì, tangenziale no Solo buone intenzioni? RASSEGNA STAMPA MAGGIO 2010 Media: Ordine e libertà Periodicità: Settimanale 07/05/2010 Oggetto: Strada sì, tangenziale no Solo buone intenzioni? Pagina 1 Media: Ordine e libertà Periodicità: Settimanale

Dettagli

LAMBORGHINI CONTENUTO

LAMBORGHINI CONTENUTO LAMBORGHINI CONTENUTO 1 piano di gioco con due circuiti, 5 miniature Murcielago Lamborghini scala 1:87, 5 carte Automobili, 10 carte Piloti, 39 carte Tecnologia (13 di marca Rossa, 13 di marca Gialla e

Dettagli

MANIFESTAZIONE «CONTRO LE MAFIE»

MANIFESTAZIONE «CONTRO LE MAFIE» RASSEGNA STAMPA MANIFESTAZIONE «CONTRO LE MAFIE» A cura di Agenzia Comunicatio COMUNICATO STAMPA MAFIA CAPITALE: DALLE ACLI DI ROMA APPREZZAMENTO PER LA MANIFESTAZIONE DEL 3/9 "CONTRO LE MAFIE" AL TUSCOLANO

Dettagli

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Giovedì, 16 giugno 2016

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Giovedì, 16 giugno 2016 COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Giovedì, 16 giugno 2016 COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Giovedì, 16 giugno 2016 16/06/2016 Pagina 21 PIER LUIGI TROMBETTA Dipendente in prova denuncia il titolare:

Dettagli

Una manovra di rigore ed equità.

Una manovra di rigore ed equità. Una manovra di rigore ed equità. Ispirata all'art. 3 della Costituzione: "È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che impediscono il pieno sviluppo della persona".

Dettagli

GIOCHI, GINESTRA (ASSOSNAI): "AGENZIE IN CRISI: VIA LE TABACCHERIE

GIOCHI, GINESTRA (ASSOSNAI): AGENZIE IN CRISI: VIA LE TABACCHERIE GIOCHI, GINESTRA (ASSOSNAI): "AGENZIE IN CRISI: VIA LE TABACCHERIE SCOMMESSE DA BAR E ROMA - Razionalizzare la rete di scommesse in Italia che "non può sopportare più di 3 mila punti fisici (contro gli

Dettagli

Lega Lombarda - Lega Nord per l Indipendenza della Padania. Sezione di Desio

Lega Lombarda - Lega Nord per l Indipendenza della Padania. Sezione di Desio Al Presidente del Consiglio Comunale dott. Carmine MESSAGGIERO Piazza Giovanni Paolo II 20832 DESIO (MB) e per conoscenza, al Sindaco di Desio ing. Roberto Corti e per conoscenza, ai Capigruppo Consiliari

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO PROVINCIALE. Seduta del 27 GENNAIO 2009

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO PROVINCIALE. Seduta del 27 GENNAIO 2009 PROVINCIA DI PISTOIA ORIGINALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO PROVINCIALE Atto N. 28 Seduta del 27 GENNAIO 2009 OGGETTO: INTERROGAZIONE ORALE DEL CONSIGLIERE CARDELLI SU SPAZI PUBBLICITARI SULLE

Dettagli

Regionali in Sicilia, Crocetta vince nell Isola degli astenuti. Boom del Movimento 5 Stelle

Regionali in Sicilia, Crocetta vince nell Isola degli astenuti. Boom del Movimento 5 Stelle Regionali in Sicilia, Crocetta vince nell Isola degli astenuti. Boom del Movimento 5 Stelle di Vincenzo Emanuele Che la Sicilia non fosse più l Eden del consenso berlusconiano lo si era capito già alcuni

Dettagli

Ecco come (non) lavorano i dipendenti municipali della Polizia Locale ed all' AMIU di Taranto...

Ecco come (non) lavorano i dipendenti municipali della Polizia Locale ed all' AMIU di Taranto... Ecco come (non) lavorano i dipendenti municipali della Polizia Locale ed all' AMIU di Taranto... Continuano ad arrivarci in redazione fotografie, documenti, storie di ordinaria follia nella vita (in)civile

Dettagli

Piano di Bacino. Il Sistema di Pomezia

Piano di Bacino. Il Sistema di Pomezia Presidente Enrico Gasbarra Assessorato alle Politiche della Mobilità e dei Trasporti Assessore Michele Civita Dipartimento VI Governo del Territorio e della Mobilità Servizio 3 "Pianificazione Direttore

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

BOZZA NON CORRETTA RESOCONTO STENOGRAFICO MISSIONE IN SICILIA SEDUTA DI GIOVEDÌ 16 APRILE 2015 PRESIDENZA DEL VICEPRESIDENTE STEFANO VIGNAROLI

BOZZA NON CORRETTA RESOCONTO STENOGRAFICO MISSIONE IN SICILIA SEDUTA DI GIOVEDÌ 16 APRILE 2015 PRESIDENZA DEL VICEPRESIDENTE STEFANO VIGNAROLI CAMERA DEI DEPUTATI 1/8 SENATO DELLA REPUBBLICA COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA SULLE ATTIVITÀ ILLECITE CONNESSE AL CICLO DEI RIFIUTI E SU ILLECITI AMBIENTALI AD ESSE CORRELATI RESOCONTO STENOGRAFICO

Dettagli

Le modifiche del paniere Istat non incidono sul calcolo dell inflazione Diminuzione del carico fiscale solo a parole

Le modifiche del paniere Istat non incidono sul calcolo dell inflazione Diminuzione del carico fiscale solo a parole Coordinato da Valeria Lai agenzia adiconsum anno XVII - n. 8 4 febbraio 2005 Stampato in proprio in febbraio 2005 In questo numero: Le modifiche del paniere Istat non incidono sul calcolo dell inflazione

Dettagli

CAPITOLO UNO AUTOVALUTAZIONE DELLE ABITUDINI DI GIOCO D AZZARDO

CAPITOLO UNO AUTOVALUTAZIONE DELLE ABITUDINI DI GIOCO D AZZARDO CAPITOLO UNO AUTOVALUTAZIONE DELLE ABITUDINI DI GIOCO D AZZARDO Sommario Questo capitolo tratta di gioco d azzardo e di gioco d azzardo problematico. Le esercitazioni di questo capitolo le consentiranno

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una modifica dell ordine del giorno? (Voci confuse). Io direi che per logica

Dettagli

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A X I I I L E G I S L A T U R A 8 a COMMISSIONE PERMANENTE (Lavori pubblici, comunicazioni) 4 o R e s o c o n t o s t e n o g r a f i c o SEDUTA DI MARTEDÌ 5 NOVEMBRE

Dettagli

Fermare la farsa dell alta velocità mercoledì 28 gennaio 2015

Fermare la farsa dell alta velocità mercoledì 28 gennaio 2015 Fermare la farsa dell alta velocità mercoledì 28 gennaio 2015 Fermare la farsa dell alta velocità Per creare un sistema di trasporto pubblico efficiente Per studenti e lavoratori pendolari di Pdac Vicenza

Dettagli

La diffusione del gioco d azzardo tra i giovani. Simone Feder

La diffusione del gioco d azzardo tra i giovani. Simone Feder La diffusione del gioco d azzardo tra i giovani Simone Feder 2004: Fabio Fabio, un ragazzo di 15 anni chiedeva un consiglio per aiutare suo padre, caduto da alcuni mesi in una rete sconosciuta che catturava

Dettagli

COME MALAGROTTA HA SALVATO ROMA DALLA EMERGENZA RIFIUTI

COME MALAGROTTA HA SALVATO ROMA DALLA EMERGENZA RIFIUTI malagrotta_def_layout 1 04/01/12 10.24 Pagina 2 COME MALAGROTTA HA SALVATO ROMA DALLA EMERGENZA RIFIUTI ROMA, 1 GENNAIO 2012 Città delle Industrie Ambientali malagrotta-interno_layout 1 04/01/12 10.22

Dettagli

La customer satisfaction al tempo della crisi: ascoltare i cittadini per affrontare le difficoltà.

La customer satisfaction al tempo della crisi: ascoltare i cittadini per affrontare le difficoltà. ForumPA 2012 Roma, 16 maggio 2012 La customer satisfaction al tempo della crisi: ascoltare i cittadini per affrontare le difficoltà. Pietro Barrera 1 Customer satisfaction, trasparenza totale, partecipazione

Dettagli

Delib. n. 190-9.12.2013 N. 115043 P.G.

Delib. n. 190-9.12.2013 N. 115043 P.G. Delib. n. 190-9.12.2013 N. 115043 P.G. OGGETTO: Mozione presentata dai gruppi consiliari PD- Partito Democratico Del Bono Sindaco, Civica per Del Bono Sindaco, Al Lavoro con Brescia, Brescia per Passione,

Dettagli

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente 87 ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA Stralcio del discorso del Presidente Silvio Berlusconi sulla

Dettagli

Un patto per attraversare la crisi. Accordi e interventi a favore di imprese, lavoratori e famiglie.

Un patto per attraversare la crisi. Accordi e interventi a favore di imprese, lavoratori e famiglie. Un patto per attraversare la crisi. Accordi e interventi a favore di imprese, lavoratori e famiglie. nell anno della crisi la Regione ha: promosso un patto da 520 milioni per tutelare i lavoratori e la

Dettagli

Fism. Le sezioni primavera senza finanziamenti statali La denuncia della Federazione delle scuole materne

Fism. Le sezioni primavera senza finanziamenti statali La denuncia della Federazione delle scuole materne TUTTOSCUOLA.COM Fism. Le sezioni primavera senza finanziamenti statali La denuncia della Federazione delle scuole materne La FISM (Federazione Italiana delle Scuole Materne) denuncia la mancanza totale

Dettagli

UN DECRETO DA DIPORTO Di Giuliano Marrucci

UN DECRETO DA DIPORTO Di Giuliano Marrucci UN DECRETO DA DIPORTO Di Giuliano Marrucci MILENA IN STUDIO Per far ripartire la cantieristica da Agosto è stato tolta la tassa di possesso sulle barche fino a 14 metri e dimezzata quella fino a 20, proposta

Dettagli

I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet!

I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet! I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet! Analisi delle problematiche più comuni di un investimento sul web con evidenziazione dei principali fattori di fallimento

Dettagli

Le conseguenze della legge regionale ligure n.17/2012 e del regolamento comunale di Genova sul gioco legale

Le conseguenze della legge regionale ligure n.17/2012 e del regolamento comunale di Genova sul gioco legale CONFINDUSTRIA SISTEMA GIOCO ITALIA FIEPeT Federazione Italiana Esercenti Pubblici e Turistici di Genova, aderente a Confesercenti Federazione Italiana Tabaccai della provincia di Genova CONFERENZA STAMPA

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 201 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa della senatrice BURANI PROCACCINI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 4 MAGGIO 2006 (*) Modifica all articolo 110 del testo unico delle

Dettagli

Il debutto pubblico del Comitato di Coordinamento del Volontariato lombardo

Il debutto pubblico del Comitato di Coordinamento del Volontariato lombardo Il debutto pubblico del Comitato di Coordinamento del Volontariato lombardo REGIONE LOMBARDIA 38 Con la nascita del CCV-Lombardia, il volontariato PC della Regione compie un importante salto di qualità,

Dettagli

Cremona2030: una nuova governance locale per costruire territorio e sviluppo sociale

Cremona2030: una nuova governance locale per costruire territorio e sviluppo sociale dalla PROVINCIA al nuovo ENTE di AREA VASTA Cremona2030: una nuova governance locale per costruire territorio e sviluppo sociale a cura della federazione del PD di Cremona La legge 56/2014: limiti, rischi

Dettagli

CONAPO BOTTA E RISPOSTA TRA IL CONAPO DI PAVIA ED IL COMANDANTE PROVINCIALE ING. VINCENZO GIORDANO SUL FUNZIONAMENTO DEL DISTACCAMENTO DI BRONI.

CONAPO BOTTA E RISPOSTA TRA IL CONAPO DI PAVIA ED IL COMANDANTE PROVINCIALE ING. VINCENZO GIORDANO SUL FUNZIONAMENTO DEL DISTACCAMENTO DI BRONI. CONAPO "nella nostra autonomia la Vostra sicurezza" Sezione Provinciale PAVIA email : conapo.pavia@conapo.it uuu SINDACATO AUTONOMO VIGILI DEL FUOCO BOTTA E RISPOSTA TRA IL CONAPO DI PAVIA ED IL COMANDANTE

Dettagli

MAGARI LE COSE CAMBIANO

MAGARI LE COSE CAMBIANO MAGARI LE COSE CAMBIANO di Andrea Segre Documentario, 62, Italia 2009 http://magarilecosecambiano.blogspot.com Sinossi Un film nel cuore delle nuove centralità romane: le moderne borgate di una società

Dettagli

COSA FARE PER NON CADERE IN QUESTA TRUFFA? Non fidarti degli sconosciuti che ti fermano per strada e non dare mai loro denaro, per nessun motivo.

COSA FARE PER NON CADERE IN QUESTA TRUFFA? Non fidarti degli sconosciuti che ti fermano per strada e non dare mai loro denaro, per nessun motivo. ATTENTO ALLA TRUFFA! Sei appena stata in Banca a ritirare denaro o in Posta per prendere la pensione. All uscita ti si avvicinano una o più persone sconosciute che ti mostrano un tesserino e ti dicono:

Dettagli

Ordine del Giorno. Comune di Agrigento. Seduta del Consiglio Comunale del 27 Dicembre 2013

Ordine del Giorno. Comune di Agrigento. Seduta del Consiglio Comunale del 27 Dicembre 2013 Comune di Agrigento Seduta del Consiglio Comunale del 27 Dicembre 2013 Ordine del Giorno 1. Designazione scrutatori; 2. Relazione previsionale e programmatica 2013 2015. Bilancio di Previsione 2013. Bilancio

Dettagli

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa 11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio raccolta integrato dei rifiuti solidi urbani. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa delibera di Consiglio,

Dettagli

Il costi sociali del gioco d azzardo

Il costi sociali del gioco d azzardo Il costi sociali del gioco d azzardo Roma, 4 dicembre 212 Matteo Iori CONAGGA «Coordinamento Nazionale Gruppi per Giocatori d Azzardo» Italia fra i primi paesi al mondo per spesa procapite Nel 211 il mercato

Dettagli

DISTRUGGERE IL MURO DEL SILENZIO: SCHIACCIAMO L'ABUSO PSICOLOGICO TAVOLA ROTONDA E DIBATTITO MACERATA PALASPORT FONTESCODELLA

DISTRUGGERE IL MURO DEL SILENZIO: SCHIACCIAMO L'ABUSO PSICOLOGICO TAVOLA ROTONDA E DIBATTITO MACERATA PALASPORT FONTESCODELLA DISTRUGGERE IL MURO DEL SILENZIO: SCHIACCIAMO L'ABUSO PSICOLOGICO TAVOLA ROTONDA E DIBATTITO MACERATA PALASPORT FONTESCODELLA INTERVENTO DEL DR ANDREA MAZZEO PRESENTAZIONE Il mio compito è quello di parlarvi

Dettagli

Difesa Elastica e Difesa a Zona, due sistemi a confronto con tattiche difensive diverse.

Difesa Elastica e Difesa a Zona, due sistemi a confronto con tattiche difensive diverse. Difesa Elastica e Difesa a Zona, due sistemi a confronto con tattiche difensive diverse. Proseguendo la mia tesi sulla disamina della Difesa Elastica attuata con il controllo visivo attivo ho ritenuto

Dettagli

OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE.

OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE. PUNTO N. 6 DEL 27/06/2011 OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE. PRESIDENTE: Prima di passare al punto successivo, volevo dire che probabilmente per quanto

Dettagli

COMUNE DI CARMIANO CONSIGLIO COMUNALE DEL 30 GENNAIO 2012 PUNTO 6 O.D.G.

COMUNE DI CARMIANO CONSIGLIO COMUNALE DEL 30 GENNAIO 2012 PUNTO 6 O.D.G. COMUNE DI CARMIANO CONSIGLIO COMUNALE DEL 30 GENNAIO 2012 PUNTO 6 O.D.G. Realizzazione di una bretella stradale di collegamento tra la SP 13 Carmiano- Novoli e la SP 121 Carmiano-Villa Convento. Approvazione

Dettagli

Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia

Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia Rischia di slittare la proclamazione degli eletti al Consiglio Regionale della Puglia a causa della scorretta trascrizione e conseguente

Dettagli

NOTIZIE CONTRASTANTI. Cordialità E.Bernardi. La Provincia di Como. il caso

NOTIZIE CONTRASTANTI. Cordialità E.Bernardi. La Provincia di Como. il caso NOTIZIE CONTRASTANTI Da un lato i Casinò che si premuniscono, con annessa fregola politica verso le sorti dei medesimi, dall altro le amministrazioni comunali di ogni colore politico stanno cercando di

Dettagli

L infrastruttura a supporto del cicloturismo

L infrastruttura a supporto del cicloturismo L infrastruttura a supporto del cicloturismo fare sistema tra rete ferroviaria e piste ciclabili La crisi del turismo in Italia 1 Il cicloturismo Cicloturisti e altri 2 Le strutture Le strutture La rete

Dettagli

Più soldi nelle tasche dei professionisti, se le Casse di previdenza sapranno guadagnarli

Più soldi nelle tasche dei professionisti, se le Casse di previdenza sapranno guadagnarli Più soldi nelle tasche dei professionisti, se le Casse di previdenza sapranno guadagnarli La vittoria legale degli Agrotecnici aprirà una competizione tra Ordini anche sul fronte del futuro previdenziale

Dettagli

DOSSIER CENTRO NATATORIO. a cura di progettocologno gruppo di minoranza consiliare di Cologno al Serio

DOSSIER CENTRO NATATORIO. a cura di progettocologno gruppo di minoranza consiliare di Cologno al Serio DOSSIER CENTRO NATATORIO a cura di progettocologno gruppo di minoranza consiliare di Cologno al Serio Un caso limite di project financing: il centro natatorio di Cologno al Serio (Bg) Introduzione Nel

Dettagli

SERVIZI DI TRASPORTO. Un esempio: fino a 1.000. Scopri le nuove tariffe dei servizi di trasporto. Dal 1 maggio 2014

SERVIZI DI TRASPORTO. Un esempio: fino a 1.000. Scopri le nuove tariffe dei servizi di trasporto. Dal 1 maggio 2014 SERVIZI DI TRASPORTO Dal 1 maggio 2014 Scopri le nuove tariffe dei servizi di trasporto. Un esempio: fino a 1.000 59 Per ulteriori informazioni rivolgiti a qualsiasi Banco Informazioni in ESPOSIZIONE MOBILI,

Dettagli

SCANDALO SLOT MACHINE: LA CASSAZIONE DA TORTO ALLE CONCESSIONARIE CHE DEVONO 90 MILIARDI AL FISCO

SCANDALO SLOT MACHINE: LA CASSAZIONE DA TORTO ALLE CONCESSIONARIE CHE DEVONO 90 MILIARDI AL FISCO SCANDALO SLOT MACHINE: LA CASSAZIONE DA TORTO ALLE CONCESSIONARIE CHE DEVONO 90 MILIARDI AL FISCO Partiamo da un estratto della trasmissione Prima pagina della Rai Radio3 (clicca qui per sentire il sonoro)

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

CASTELLO NEWS N 1 SUBITO AL LAVORO. Cari castellani,

CASTELLO NEWS N 1 SUBITO AL LAVORO. Cari castellani, CASTELLO NEWS N 1 SUBITO AL LAVORO Cari castellani, è la prima occasione utile per sentirci con un po' più di calma dopo queste due settimane, a parte qualche post su Facebook che ha tentato di dar conto

Dettagli

Cota: Lamiagiunta. Èl oradiresistere. Tosi accorre da Verona e attacca la magistratura

Cota: Lamiagiunta. Èl oradiresistere. Tosi accorre da Verona e attacca la magistratura Cota: Lamiagiunta nontraballa Èl oradiresistere Tosi accorre da Verona e attacca la magistratura Retroscena «La mia giunta non traballa. Nei m o m e n t i difficili bisogna saper resistere». Roberto Cota,

Dettagli

RESOCONTO STENOGRAFICO

RESOCONTO STENOGRAFICO 1/5 CAMERA DEI DEPUTATI SENATO DELLA REPUBBLICA COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA SULLE ATTIVITÀ ILLECITE CONNESSE AL CICLO DEI RIFIUTI E SU ILLECITI AMBIENTALI AD ESSE CORRELATI RESOCONTO STENOGRAFICO

Dettagli

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Ciao da Matteo Nodari di Network Marketing Top Strategy! Come ti dicevo il network marketing è uno dei settori più controversi e fraintesi di tutti i tempi.

Dettagli

VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 28 NOVEMBRE 2013

VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 28 NOVEMBRE 2013 VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 28 NOVEMBRE 2013 Oggetto: Quarto Punto all OdG: Modifica Elenco Annuale LL.PP. Anno 2013 e Piano Triennale OO.PP. 2013-2015. PRESIDENTE: Quarto Punto all OdG: Modifica

Dettagli

CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO

CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO Sommario Nel primo capitolo di questo quaderno lei ha ritenuto che il gioco d azzardo sta causando problemi nella sua vita. Si è posto obiettivi

Dettagli

CENTRO UNICO DI PRENOTAZIONE CUP AZIENDALE E RECUP REGIONALE

CENTRO UNICO DI PRENOTAZIONE CUP AZIENDALE E RECUP REGIONALE CENTRO UNICO DI PRENOTAZIONE CUP AZIENDALE E RECUP REGIONALE Il sistema di prenotazione RECUP con adozione di giuste deliberazioni della Regione Lazio del 2005/2006, è gestito dalla stessa Regione Lazio,

Dettagli

Assiste il Vice Segretario Generale Dott. Mauro Donini.

Assiste il Vice Segretario Generale Dott. Mauro Donini. C I T T À DI B I E L L A ORIGINALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 068 DEL 21 LUGLIO 2015 OGGETTO: MOZIONE SU GIOCO D AZZARDO L anno duemilaquindici il giorno ventuno del mese di luglio alle ore

Dettagli

ELEZIONI REGIONALI 28-29 MARZO 2010 CON RENATA POLVERINI PRESIDENTE

ELEZIONI REGIONALI 28-29 MARZO 2010 CON RENATA POLVERINI PRESIDENTE ELEZIONI REGIONALI 28-29 MARZO 2010 CON RENATA POLVERINI PRESIDENTE IL FUTURO È ADESSO Con le elezioni regionali del prossimo marzo abbiamo la possibilità di portare la nostra regione e il nostro territorio

Dettagli

SPECIALE 2X1000. APPELLO AL CETO MEDIO Destinate il vostro due per mille a Forza Italia entro il 30 settembre!

SPECIALE 2X1000. APPELLO AL CETO MEDIO Destinate il vostro due per mille a Forza Italia entro il 30 settembre! SPECIALE 2X1000 APPELLO AL CETO MEDIO Destinate il vostro due per mille a Forza Italia entro il 30 settembre! PASSAPAROLA! Ti ricordiamo di indicare la quota del 2x1000 Irpef in favore di Forza Italia

Dettagli

Convegno Indicam Contraffazione, abusivismo e amministrazioni locali Milano, 31 gennaio 2001

Convegno Indicam Contraffazione, abusivismo e amministrazioni locali Milano, 31 gennaio 2001 Convegno Indicam Contraffazione, abusivismo e amministrazioni locali Milano, 31 gennaio 2001 Quali strade per il futuro? Il ruolo della regione nell ottica della devolution (*) Guido Della Frera Assessore

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2011

BILANCIO DI PREVISIONE 2011 BILANCIO DI PREVISIONE 2011 Approvato dal Consiglio provinciale di Roma il Bilancio di previsione e il piano delle Opere Pubbliche dell'amministrazione Zingaretti. La manovra finanziaria 2011 ammonta a

Dettagli

INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA

INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA Il sottoscritto Gianni Montali consigliere comunale di Forza Italia,

Dettagli

Pratica Sportello Unico n. 293/2009 - TECNO CAR. s.n.c. di Ronconi Gianni - Ampliamento officina. ROBERT BELLOTTI Presidente del Consiglio:

Pratica Sportello Unico n. 293/2009 - TECNO CAR. s.n.c. di Ronconi Gianni - Ampliamento officina. ROBERT BELLOTTI Presidente del Consiglio: allegato 1) PUNTO N. 3 all O.d.G.: Pratica Sportello Unico n. 293/2009 - TECNO CAR s.n.c. di Ronconi Gianni - Ampliamento officina meccanica. Cedo la parola al Sindaco. MARCO FABBRI Sindaco: Sì, grazie

Dettagli

LA STRATEGIA DEL COLIBRÌ Di Giuliano Marrucci. GIULIANO MARRUCCI Qui bisogna dimostrare che è facile questa faccenda qua, eh?

LA STRATEGIA DEL COLIBRÌ Di Giuliano Marrucci. GIULIANO MARRUCCI Qui bisogna dimostrare che è facile questa faccenda qua, eh? LA STRATEGIA DEL COLIBRÌ Di Giuliano Marrucci Qui bisogna dimostrare che è facile questa faccenda qua, eh? Se lo faccio pure io.. Se ci riesci pure te siamo a cavallo! Giusta? Sì. Ci siamo? Guarda com'è

Dettagli

MARONI TOGLIE IL BOLLO AI MOTORINI La proposta della Lega Nord ora è realtà

MARONI TOGLIE IL BOLLO AI MOTORINI La proposta della Lega Nord ora è realtà Lombardia Libera Bollettino a cura del Gruppo Lega Nord in Regione Lombardia (Fonti utilizzate: agenzia di stampa Lombardia Notizie e siti web Regione Lombardia) MARONI TOGLIE IL BOLLO AI MOTORINI La proposta

Dettagli

Siamo in tanti, oggi, in questa sala e questo è un fatto positivo per il nostro partito e per gli appuntamenti che lo stanno attendendo.

Siamo in tanti, oggi, in questa sala e questo è un fatto positivo per il nostro partito e per gli appuntamenti che lo stanno attendendo. Sintesi del discorso di presentazione della mozione per la candidatura a segretario provinciale di Renato Veronesi, espressosi liberamente, senza l ausilio di una traccia scritta, durante i lavori della

Dettagli

RASSEGNA STAMPA Sabato, 06.09.2014

RASSEGNA STAMPA Sabato, 06.09.2014 RASSEGNA STAMPA Sabato, Il Sole 24 Ore 1 Partecipate avanti, sanità alt La Repubblica 1 Fecondazione eterologa via libera in Liguria Cerchiamo donatori ticket in base al reddito Il Secolo XIX 1 Eterologa,

Dettagli

Giuseppe Iosa. Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo

Giuseppe Iosa. Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo Giuseppe Iosa Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo Domenica, 19 aprile 2015 Premessa Il Partito Democratico di Peschiera Borromeo,

Dettagli

ANSA 5 LUGLIO 2010 ANSA 6 LUGLIO 2010-07-20

ANSA 5 LUGLIO 2010 ANSA 6 LUGLIO 2010-07-20 ANSA 5 LUGLIO 2010 EDILIZIA: SINDACATI, NEL LAZIO COMPARTO COSTRUZIONI A PICCO ECO S43 QBXL EDILIZIA: SINDACATI, NEL LAZIO COMPARTO COSTRUZIONI A PICCO QUASI 6 MILA POSTI DI LAVORO IN MENO E 6,2% IMPRESE

Dettagli

Progetto TI MUOVI. Sottoprogetto LA STRADA E LE SUE REGOLE

Progetto TI MUOVI. Sottoprogetto LA STRADA E LE SUE REGOLE Progetto TI MUOVI Sottoprogetto LA STRADA E LE SUE REGOLE LA BUONA STRADA A cura della I A (anno scolastico 2009-2010) Scuola secondaria di primo grado CARLO LEVI - I.C. King GRUGLIASCO IL NOSTRO PERCORSO

Dettagli

I flussi elettorali fra le elezioni europee del 2009 e le regionali del 2010 in nove grandi città

I flussi elettorali fra le elezioni europee del 2009 e le regionali del 2010 in nove grandi città I flussi elettorali fra le elezioni europee del 2009 e le regionali del 2010 in nove grandi città Anche se l espressione flussi elettorali viene spesso usata impropriamente per intendere qualsiasi analisi

Dettagli

Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario

Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario Scopri come i grandi investitori hanno posto le basi per il loro successo. Tutto quello che devi assolutamente conoscere prima

Dettagli

Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani

Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani Autore: Alban Trungu Categoria : Mondo Migrante Data : 15 febbraio 2011 Intervista con Khalid Chaouki, responsabile immigrazione e seconde generazioni dei

Dettagli

Intervento di Anna Donati Amministrazione comunale di Napoli

Intervento di Anna Donati Amministrazione comunale di Napoli Intervento di Anna Donati Amministrazione comunale di Napoli In Campania e a Napoli il trasporto pubblico sta vivendo una crisi drammatica dovuta, e qui sono d'accordo con quanto sostiene Marco Piuri,

Dettagli

5 modi. Boeri. per cambiare città restando a Milano. I Milanesi si riprendono la città. Scopri come. www.stefanoboeri.it. Stefano

5 modi. Boeri. per cambiare città restando a Milano. I Milanesi si riprendono la città. Scopri come. www.stefanoboeri.it. Stefano www.stefanoboeri.it 5 modi per cambiare città restando a Milano. I Milanesi si riprendono la città. Scopri come. Stefano Boeri Cambiamo città. Restiamo a Milano. 5 PROPOSTE. Un altra Milano comincia da

Dettagli

Maria ha mandato una lettera a sua madre.

Maria ha mandato una lettera a sua madre. GRAMMATICA LE PREPOSIZIONI Osservate: Carlo ha regalato un mazzo di fiori a Maria per il suo compleanno. Vivo a Roma. La lezione inizia alle 9:00. Sono ritornata a casa alle 22:00. Ho comprato una macchina

Dettagli

IL MERCATO DELL AUTO OLTRE LA METÀ DEL GUADO

IL MERCATO DELL AUTO OLTRE LA METÀ DEL GUADO TAVOLA ROTONDA IL MERCATO DELL AUTO OLTRE LA METÀ DEL GUADO Palazzo Altieri - Sede di rappresentanza del Banco Popolare Traccia dell introduzione di Gian Primo Quagliano, Presidente Centro Studi Promotor

Dettagli

29-SET-2015 pagina 1 foglio 1

29-SET-2015 pagina 1 foglio 1 29-SET-2015 pagina 1 foglio 1 26-SET-2015 pagina 1 foglio 1 25-SET-2015 pagina 1 foglio 1 / 2 25-SET-2015 pagina 1 foglio 2 / 2 27-SET-2015 pagina 1 foglio 1 / 2 27-SET-2015 pagina 1 foglio 2 / 2 27-SET-2015

Dettagli

CHANCES SEMPLICI Mutualità del terzo 2 A Parte

CHANCES SEMPLICI Mutualità del terzo 2 A Parte CHANCES SEMPLICI Mutualità del terzo 2 A Parte Con il precedente inserto abbiamo visto il sistema dei doppioni giocati in mutualità fra le tre Chances. Il gioco è giustificato dalla Legge del terzo che,

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

La Rassegna Stampa è consultabile nel sito: www.ancesicilia.it

La Rassegna Stampa è consultabile nel sito: www.ancesicilia.it 8 APRILE 2014 ASSEMBLEA DEL SISTEMA ANCE SICILIANO NOTIZIE La Rassegna Stampa è consultabile nel sito: www.ancesicilia.it Collegio Regionale dei Costruttori Edili Siciliani 90133 Palermo, Via A. Volta,

Dettagli

N. 015 DEL 18.02.2008 MOZIONE SUI PARCHEGGI A PAGAMENTO AREA SANTUARIO D OROPA

N. 015 DEL 18.02.2008 MOZIONE SUI PARCHEGGI A PAGAMENTO AREA SANTUARIO D OROPA N. 015 DEL 18.02.2008 MOZIONE SUI PARCHEGGI A PAGAMENTO AREA SANTUARIO D OROPA IL PRESIDENTE SIG.RA DE LIMA: Mette in discussione la seguente mozione presentata dal Consigliere sig. Filoni del gruppo dei

Dettagli

LA METRONOTTE Di Paolo Mondani

LA METRONOTTE Di Paolo Mondani LA METRONOTTE Di Paolo Mondani Montali è indagato, anzi, sotto processo per? Collusione con la Banda della Magliana, riciclaggio, corruzione e intestazione fittizia di beni. MILENA GABANELLI IN STUDIO

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Ecco alcune parole e espressioni che possono aiutarti a capire meglio il testo. inclinazione del terreno ostacoli voluminosi

Ecco alcune parole e espressioni che possono aiutarti a capire meglio il testo. inclinazione del terreno ostacoli voluminosi Unità 7 Macchine agricole e infortuni In questa unità imparerai: a comprendere testi scritti sulla sicurezza in agricoltura le parole relative alla sicurezza in agricoltura e all uso delle macchine agricole

Dettagli

RASSEGNA STAMPA TAGLI AL SOCIALE DEL COMUNE DI ROMA. 17 LUGLIO 2014 e giorni seguenti

RASSEGNA STAMPA TAGLI AL SOCIALE DEL COMUNE DI ROMA. 17 LUGLIO 2014 e giorni seguenti RASSEGNA STAMPA TAGLI AL SOCIALE DEL COMUNE DI ROMA 17 LUGLIO 2014 e giorni seguenti TELEVISIONI Trasmissione 56 Live : in studio: Francesca Danese e Claudio Cippitelli Conferenza stampa Social Pride,

Dettagli