Università Politecnica delle Marche

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Università Politecnica delle Marche"

Transcript

1 Università Politecnica delle Marche Studente: Corso di Laurea in Infermieristica sede di Ascoli Piceno ATTIVITA DI CERTIFICAZIONE NELL AMBITO DELLA DIDATTICA TUTORIALE Igiene e cura della persona: IGIENE BAGNO A LETTO ( ) Data Eseguito correttamente (punti + 1) Eseguito non correttamente o non eseguito (punti 0) 1 q Esegue il lavaggio sociale delle mani 2 q Prepara il materiale occorrente: Guanti monouso Bacinelle Spugne monouso, garze/falde di cotone Asciugamani Telo impermeabile Bricco con acqua a Sapone o detergente liquido Prodotti per la cura della cute usati di solito (deodorante,colonia,crema idratante) Indumenti personali puliti Biancheria pulita per il letto Contenitore biancheria sporca Contenitore rifiuti Occorrente per la rasatura della barba,cura delle unghie e dei capelli Telo da bagno Padella 3 q Identifica il paziente e si presenta, lo informa della procedura che si sta per eseguire e si accerta che abbia compreso q Valuta il livello di collaborazione, q Garantisce la privacy e predispone l ambiente al fine di effettuare liberamente le manovre 4 q Posiziona il letto sollevandolo ad un altezza che consenta agli operatori di procedere rispettando i principi ergonomici q Posiziona la sedia in fondo al letto 5 q Indossa i guanti q Solleva la testata del letto Alza e ferma le sponde del letto sul lato opposto a quello in cui si intende lavorare q Toglie prima il copriletto poi la coperta di lana, entrambi a pacchetto, li posiziona sulla sedia q Stende il telo bagno sull assistito. Lo aiuta a mettersi più vicino al lato del letto da cui si lavora e a togliersi gli indumenti. Se il paziente ha un infusione endovenosa in corso, togliere la camicia dal braccio, abbassare il flacone dell infusione e farlo passare nella manica. Riappendere il flacone e controllare il flusso. q Stende il telo asciugamano sul torace dell assistito. 6 q Bagna una garza non sterile. Pulisce gli occhi solo con acqua, dall interno verso l esterno usando una garza per ciascun occhio q Chiede all assistito se desidera che si usi sapone per lavargli il viso e se uomo anche di effettuare la rasatura. Lavare il viso e il collo e le orecchie. q Porre l asciugamano sul letto e posizionare il catino su di esso. Immergervi la mano del paziente e lasciarla a bagno per alcuni minuti. Lavare, sciacquare e asciugare bene la mano. Lavare il braccio e il cavo ascellare. q Ripete la procedura con l altro braccio, cambiando l acqua valutandone la temperatura 7 q Mette un asciugamano sul torace dell assistito abbassando il telo da bagno fino all ombelico 1

2 q Toglie l asciugamano dal torace, lava il busto e l addome, compiendo con la spugna o la manopola lunghi movimenti sicuri. Se la persona ha un eccesso di peso, dedicare particolare attenzione alla cute, sotto il seno e a ogni altra plica dell area. Sciacqua e asciuga bene. q Aiuta l assistito a indossare indumenti puliti 8 q Espone l arto inferiore sul lato dove si lavora, piegando indietro il telo. Fare attenzione a tenere il perineo coperto. q Alza l arto e pone un asciugamano sotto di esso: lava, sciacqua e asciuga l arto dal piede alla coscia, ripetendo la procedura per l altro arto ed estremità. q Aiuta l assistito a girarsi di lato, il telo lungo la schiena e i fianchi per evitare di bagnare le lenzuola. Lava, sciacqua la schiena e i glutei. Massaggia la schiena con la lozione. 9 q Procede con l igiene perineale, (se necessario esegue l igiene dei capelli e l igiene orale) 10 q Procede con il rifacimento il letto con lenzuola pulite 11 q Verifica che il paziente abbia assunto una posizione comoda e appropriata q Smaltisce il materiale di rifiuto come da normativa vigente q provvede al riordino del materiale usato q rimuove i guanti q esegue il lavaggio sociale delle mani 12 q Valuta la risposta del paziente alla procedura q Registra nella documentazione infermieristica: la procedura eseguita e quanto altro degno di nota. CERTIFICAZIONE Analisi del retroterra teorico ( somministrazione test finalizzato alla certificazione ). Dimostrazione dell apprendimento cognitivo, gestuale e relazionale della tecnica infermieristica. Valutazione dell apprendimento: esecuzione della tecnica con utilizzo della check list = RINUNCIABILE. Con vengono identificati gli step che devono essere necessariamente eseguiti VALUTAZIONE >18 insufficiente non esegue la tecnica.(proposta di percorso di recupero: tutorato personale finalizzato all analisi dei bisogni formativi ed alla sistematizzazione delle conoscenze). 18 sufficiente- esegue la tecnica con modalità standard 21 discreto esegue la tecnica con modalità standard, è capace di motivare i gesti 24 buono esegue la tecnica con modalità standard, è capace di motivare i gesti agisce con sicurezza e destrezza 27 distinto esegue la tecnica con modalità standard, è capace di motivare i gesti agisce con sicurezza e destrezza è capace di descrivere le complicanze 30 ottimo esegue la tecnica con modalità standard, è capace di motivare i gesti agisce con sicurezza e destrezza è capace di descrivere le complicanze esegue la tecnica dimostrando l acquisizione di elevata capacità gestuale, cognitiva LAP (livello accettabile di performance <=18/sufficiente ) Bibliografia o Brunner & Suddarth (2010) Infermieristica medico chirurgica vol 1, 4 edizione, Ambrosiana Milano o Craven, R. F. &Hirnle C. J., (2011) Principi fondamentali dell assistenza infermieristica vol. 2, 4 edizione, Ambrosiana Milano o Mele E. & Bottino G. (2006), Check list infermieristiche Carocci Faber Roma o 2

3 Università Politecnica delle Marche Corso di Laurea in Infermieristica sede di Ascoli Piceno ATTIVITA DI CERTIFICAZIONE NELL AMBITO DELLA DIDATTICA TUTORIALE Igiene e cura della persona: IGIENE BAGNO/DOCCIA ( ) Studente: Data Eseguito correttamente (punti + 1) Eseguito non correttamente o non eseguito (punti 0) 1 q Esegue il lavaggio sociale delle mani 2 q Prepara il materiale occorrente: q Asciugamani e telo da bagno q Tappetino di spugna antiscivolo o telo impermeabile q Sapone o detergente liquido q Prodotti per la cura personale(deodorante,colonia,crema) q Spugna o guanto di spugna q Shampoo q Phon q Indumenti puliti q Contenitore biancheria sporca q Sedia da doccia q guanti monouso 3 q Identifica il paziente, si presenta, lo informa della procedura che si sta per eseguire e si accerta che abbia compreso q Valuta il livello di collaborazione, q Garantisce la privacy e predispone l ambiente al fine di effettuare liberamente le manovre 4 q Accompagna o trasporta la persona assistita al bagno utilizzando la sedia da doccia q La aiuta a spogliarsi tenendola coperta con un telo da bagno fino a che l acqua non sia pronta q L aiuta ad entrare nella doccia o vasca cercando di garantire la massima sicurezza, istruirla ad usare le maniglie di supporto ed il campanello. Se la persona assistita preferisce può utilizzare una sedia per non affaticarsi. q Indossa i guanti 5 q Se non è in grado di fare la doccia da sola,utilizzare la doccia a telefono per lavarla e rimanere con lei tutto il tempo necessario. q Se la p.a. è autonoma, controllare dopo circa 15 minuti e aiutarla a lavare eventuali aree che non riesca a raggiungere 6 q Terminato il lavaggio e il successivo risciacquo aiutare la persona assistita ad uscire dalla doccia o vasca e ad asciugarsi. q Aiutare la p.a. a vestirsi e a completare la cura del proprio aspetto q Accompagnarla nella propria stanza e sistemarla in modo confortevole. 7 q Smaltisce il materiale di rifiuto come da normativa vigente q provvede al riordino del materiale usato q Rimuove i guanti q Esegue il lavaggio sociale delle mani 8 q Valuta la risposta del paziente alla procedura q Registra nella documentazione infermieristica: la procedura eseguita e quanto altro degno di nota. 1

4 CERTIFICAZIONE Analisi del retroterra teorico ( somministrazione test finalizzato alla certificazione ). Dimostrazione dell apprendimento cognitivo, gestuale e relazionale della tecnica infermieristica. Valutazione dell apprendimento: esecuzione della tecnica con utilizzo della check list = RINUNCIABILE. Con vengono identificati gli step che devono essere necessariamente eseguiti VALUTAZIONE >18 insufficiente non esegue la tecnica.(proposta di percorso di recupero: tutorato personale finalizzato all analisi dei bisogni formativi ed alla sistematizzazione delle conoscenze). 18 sufficiente- esegue la tecnica con modalità standard 21 discreto esegue la tecnica con modalità standard, è capace di motivare i gesti 24 buono esegue la tecnica con modalità standard, è capace di motivare i gesti agisce con sicurezza e destrezza 27 distinto esegue la tecnica con modalità standard, è capace di motivare i gesti agisce con sicurezza e destrezza è capace di descrivere le complicanze 30 ottimo esegue la tecnica con modalità standard, è capace di motivare i gesti agisce con sicurezza e destrezza è capace di descrivere le complicanze esegue la tecnica dimostrando l acquisizione di elevata capacità gestuale, cognitiva LAP (livello accettabile di performance <=18/sufficiente ) Bibliografia o Brunner & Suddarth (2010) Infermieristica medico chirurgica vol 1, 4 edizione, Ambrosiana Milano o Craven, R. F. &Hirnle C. J., (2011) Principi fondamentali dell assistenza infermieristica vol. 2, 4 edizione, Ambrosiana Milano o Mele E. & Bottino G. (2006), Check list infermieristiche Carocci Faber Roma o 2

5 Studente: Università Politecnica Delle Marche Corso Di Laurea In Infermieristica Polo Didattico Di Ascoli Piceno ATTIVITA DI CERTIFICAZIONE NELL AMBITO DELLA DIDATTICA TUTORIALE Igiene e cura della persona: IGIENE DEGLI OCCHI ( ) Data Eseguito correttamente (punti + 1) Eseguito non correttamente o non eseguito (punti 0) 1 q Esegue il lavaggio sociale delle mani 2 q Prepara il materiale occorrente: guanti monouso, arcella, soluzione fisiologica o acqua distillata, contenitore per la soluzione ( bicchiere monouso, capsula in acciaio ecc.) garze in batuffoli, fazzolettini sterili monouso telo impermeabile, contenitore con etichetta, siringa senza ago 3 q Identifica il paziente, si presenta, lo informa della procedura che si sta per eseguire e si accerta che abbia compreso q valuta il livello di collaborazione, q garantisce la privacy e predispone l ambiente al fine di effettuare liberamente le manovre 4 q Protegge la biancheria del letto con il telo impermeabile q Predispone il materiale occorrente e versando la soluzione nel contenitore q Indossa i guanti 5 q Imbibisce il batuffolo di garza con fisiologica o acqua distillata q Pulisce l occhio dall angolo palpebrale interno verso quello esterno. q Sostituisce la garza dopo ogni passaggio q Ripete la tecnica per l altro occhio q Asciuga con garza asciutta dall interno verso l esterno q Applica collirio o lubrificante se prescritto SE PERSONA ASSISTITA PORTATRICE DI PROTESI OCULARE 6 q Prepara il contenitore etichettato con soluzione fisiologica q Abbassa la palpebra inferiore ed esercitare una leggera pressione sotto la palpebre stessa q Lava la protesi con soluzione fisiologica utilizzando l arcella q Conserva la protesi nel contenitore con fisiologia recante l etichetta identificativa q Lava la cavità oculare con una siringa contenente soluzione fisiologica q Asciuga i margini della cavità oculare con garza asciutta 7 q Reinserisce l occhio artificiale in sede procedendo come segue: fl Tenere la palpebra superiore con il dito indice e la palpebra inferiore con il pollice, tenere con l altra mano l occhio con la parte anteriore voltata verso il palmo fl Abbassare delicatamente la palpebra inferiore con il pollice e fare scivolare l occhio nella cavità q Riposiziona la persona assistita in modo confortevole 8 q Smaltisce il materiale di rifiuto come da normativa vigente q provvede al riordino del materiale usato q rimuove i guanti q esegue il lavaggio sociale delle mani 9 q Valuta la risposta del paziente alla procedura q Registra nella documentazione infermieristica: la procedura eseguita e quanto altro degno di 1

6 nota. CERTIFICAZIONE Analisi del retroterra teorico ( somministrazione test finalizzato alla certificazione ). Dimostrazione dell apprendimento cognitivo, gestuale e relazionale della tecnica infermieristica. Valutazione dell apprendimento: esecuzione della tecnica con utilizzo della check list = RINUNCIABILE. Con vengono identificati gli step che devono essere necessariamente eseguiti VALUTAZIONE >18 insufficiente non esegue la tecnica.(proposta di percorso di recupero: tutorato personale finalizzato all analisi dei bisogni formativi ed alla sistematizzazione delle conoscenze). 18 sufficiente- esegue la tecnica con modalità standard 21 discreto esegue la tecnica con modalità standard, è capace di motivare i gesti 24 buono esegue la tecnica con modalità standard, è capace di motivare i gesti agisce con sicurezza e destrezza 27 distinto esegue la tecnica con modalità standard, è capace di motivare i gesti agisce con sicurezza e destrezza è capace di descrivere le complicanze 30 ottimo esegue la tecnica con modalità standard, è capace di motivare i gesti agisce con sicurezza e destrezza è capace di descrivere le complicanze esegue la tecnica dimostrando l acquisizione di elevata capacità gestuale, cognitiva LAP (livello accettabile di performance <=18/sufficiente ) Bibliografia o Brunner & Suddarth (2010) Infermieristica medico chirurgica vol 1, 4 edizione, Ambrosiana Milano o Craven, R. F. &Hirnle C. J., (2011) Principi fondamentali dell assistenza infermieristica vol. 2, 4 edizione, Ambrosiana Milano o Mele E. & Bottino G. (2006), Check list infermieristiche Carocci Faber Roma o 2

7 Studente: Università Politecnica Delle Marche Corso Di Laurea In Infermieristica Polo Didattico Di Ascoli Piceno ATTIVITA DI CERTIFICAZIONE NELL AMBITO DELLA DIDATTICA TUTORIALE Igiene e cura della persona: IGIENE DEI CAPELLI ( ) Data Eseguito correttamente (punti + 1) Eseguito non correttamente o non eseguito (punti 0) 1 q Esegue il lavaggio sociale delle mani 2 q Prepara il materiale occorrente: Telo impermeabile guanti monouso shampoo phon asciugamano personale o telo di stoffa, bacinella da letto specifica per il lavaggio dei capelli bricco con acqua (temperatura ) spazzola o pettine Biancheria per il letto contenitore per rifiuti 3 q Identifica il paziente, si presenta, lo informa della procedura che si sta per eseguire e si accerta che abbia compreso q Valuta il livello di collaborazione, q Garantisce la privacy e predispone l ambiente al fine di effettuare liberamente le manovre 4 q Protegge la biancheria del letto con il telo impermeabile q Mette la bacinella per il lavaggio dei capelli sotto il capo q Posiziona il telo di stoffa nel punto dove il collo della persona assistita. poggia sul catino q Indossa i guanti 5 q Con la brocca bagnare i capelli q Applica una piccola quantità di shampoo e massaggiare il cuoio capelluto con la punta delle dita iniziando dalla fronte e procedendo verso il collo q Sciacqua i capelli con acqua tiepida ed applica il secondo shampoo ripetendo il massaggio q Risciacqua a fondo q Strizza l eccesso di acqua dai capelli q Avvolge l asciugamano intorno alla testa e strofinare per asciugare capelli e cuoio capelluto q Togliere dal letto il materiale bagnato e mettere un asciugamano asciutto sulle spalle del paziente q Asciuga i capelli con il phon e pettinare secondo la moda del momento q Aiuta il paziente ad assumere una posizione comoda 6 q Sostituire, se necessario, la biancheria del letto e personale 7 q Smaltisce il materiale di rifiuto come da normativa vigente q Provvede al riordino del materiale usato q Rimuove i guanti q Esegue il lavaggio sociale delle mani 8 q Valuta la risposta del paziente alla procedura q Registra nella documentazione infermieristica: la procedura eseguita e quanto altro degno di nota. 1

8 CERTIFICAZIONE Analisi del retroterra teorico ( somministrazione test finalizzato alla certificazione ). Dimostrazione dell apprendimento cognitivo, gestuale e relazionale della tecnica infermieristica. Valutazione dell apprendimento: esecuzione della tecnica con utilizzo della check list = RINUNCIABILE. Con vengono identificati gli step che devono essere necessariamente eseguiti VALUTAZIONE >18 insufficiente non esegue la tecnica.(proposta di percorso di recupero: tutorato personale finalizzato all analisi dei bisogni formativi ed alla sistematizzazione delle conoscenze). 18 sufficiente- esegue la tecnica con modalità standard 21 discreto esegue la tecnica con modalità standard, è capace di motivare i gesti 24 buono esegue la tecnica con modalità standard, è capace di motivare i gesti agisce con sicurezza e destrezza 27 distinto esegue la tecnica con modalità standard, è capace di motivare i gesti agisce con sicurezza e destrezza è capace di descrivere le complicanze 30 ottimo esegue la tecnica con modalità standard, è capace di motivare i gesti agisce con sicurezza e destrezza è capace di descrivere le complicanze esegue la tecnica dimostrando l acquisizione di elevata capacità gestuale, cognitiva LAP (livello accettabile di performance <=18/sufficiente ) Bibliografia o Brunner & Suddarth (2010) Infermieristica medico chirurgica vol 1, 4 edizione, Ambrosiana Milano o Craven, R. F. &Hirnle C. J., (2011) Principi fondamentali dell assistenza infermieristica vol. 2, 4 edizione, Ambrosiana Milano o Mele E. & Bottino G. (2006), Check list infermieristiche Carocci Faber Roma o 2

9 Studente: Università Politecnica Delle Marche Corso Di Laurea In Infermieristica Polo Didattico Di Ascoli Piceno ATTIVITA DI CERTIFICAZIONE NELL AMBITO DELLA DIDATTICA TUTORIALE Igiene e cura della persona: IGIENE DEI PIEDI ( ) Data Eseguito correttamente (punti + 1) Eseguito non correttamente o non eseguito (punti 0) 1 q Esegue il lavaggio sociale delle mani 2 q Prepara il materiale occorrente: q catino, q bricco con acqua (temperatura ) q 1 o 2 asciugamani personali a seconda delle abitudini della p.a. q telo impermeabile q detergente, q spugna monouso o garze pulite, q spazzolino per unghie monouso q taglia unghie q limetta monouso, q crema idratante o emolliente. q materiale per la cura di callosità q guanti monouso, q carrello con la biancheria pulita per il letto q biancheria personale q contenitore per rifiuti. q contenitore biancheria sporca q scaleo 3 q Identifica il paziente, si presenta, lo informa della procedura che si sta per eseguire e si accerta che abbia compreso q Valuta il livello di collaborazione, q Garantisce la privacy e predispone l ambiente al fine di effettuare liberamente le manovre 4 q Protegge la biancheria del letto con tela cerata e fare assumere la posizione decubito supino q Dispone il materiale occorrente a portata di mano su di un carrello q Indossa i guanti SE PERSONA ASS.TA PARZIALMENTE DIPENDENTE 5 q Fare assumere la posizione seduta con le gambe fuori dal letto q Copre lo scaleo con carta o telo q Riempie la bacinella con l acqua calda e posizionarla sullo scaleo q Mette un piede in ammollo per 10min -20min (nel caso di p.a. con patologie, es. diabete, attenersi ai protocolli specifici) q Insapona con la spugna, frizionare dorso, pianta e spazi interdigitali, regione ungueale, lava anche la gamba q Cambia l acqua e sciacqua accuratamente q Asciuga tamponando q Procede allo stesso modo per l altro piede Esegue il taglio delle unghie se necessario. Il taglio va eseguito, utilizzando il taglia unghie o tronchesina, in senso orizzontale e darle forma con la limetta. (nel caso di p.a. con patologie, es. diabete, utilizzare la limetta anche per il taglio delle unghie) q Applica, se abitualmente usata dalla persona assistita, la crema idratante o emolliente 6 q Prosegue se occorre con il cambio degli indumenti e della biancheria del letto. q Riposiziona la p.a. in modo confortevole 7 q Valuta la risposta del paziente alla procedura q Elimina i rifiuti negli appositi contenitori e riordina il materiale utilizzato q Togliere i guanti ed esegue il lavaggio sociale delle mani 1

10 q Registra nella documentazione infermieristica: la procedura eseguita e quanto altro degno di nota. CERTIFICAZIONE Analisi del retroterra teorico ( somministrazione test finalizzato alla certificazione ). Dimostrazione dell apprendimento cognitivo, gestuale e relazionale della tecnica infermieristica. Valutazione dell apprendimento: esecuzione della tecnica con utilizzo della check list = RINUNCIABILE. Con vengono identificati gli step che devono essere necessariamente eseguiti VALUTAZIONE >18 insufficiente non esegue la tecnica.(proposta di percorso di recupero: tutorato personale finalizzato all analisi dei bisogni formativi ed alla sistematizzazione delle conoscenze). 18 sufficiente- esegue la tecnica con modalità standard 21 discreto esegue la tecnica con modalità standard, è capace di motivare i gesti 24 buono esegue la tecnica con modalità standard, è capace di motivare i gesti agisce con sicurezza e destrezza 27 distinto esegue la tecnica con modalità standard, è capace di motivare i gesti agisce con sicurezza e destrezza è capace di descrivere le complicanze 30 ottimo esegue la tecnica con modalità standard, è capace di motivare i gesti agisce con sicurezza e destrezza è capace di descrivere le complicanze esegue la tecnica dimostrando l acquisizione di elevata capacità gestuale, cognitiva LAP (livello accettabile di performance <=18/sufficiente ) Bibliografia o Brunner & Suddarth (2010) Infermieristica medico chirurgica vol 1, 4 edizione, Ambrosiana Milano o Craven, R. F. &Hirnle C. J., (2011) Principi fondamentali dell assistenza infermieristica vol. 2, 4 edizione, Ambrosiana Milano o Mele E. & Bottino G. (2006), Check list infermieristiche Carocci Faber Roma o 2

11 Studente: Università Politecnica Delle Marche Corso Di Laurea In Infermieristica Polo Didattico Di Ascoli Piceno ATTIVITA DI CERTIFICAZIONE NELL AMBITO DELLA DIDATTICA TUTORIALE Igiene e cura della persona: IGIENE DEL NASO ( ) Data Eseguito correttamente (punti + 1) Eseguito non correttamente o non eseguito (punti 0) 1 q Esegue il lavaggio sociale delle mani 2 q Prepara il materiale occorrente: Arcella Garze o salviette monouso Acqua o soluzione fisiologica contenitore pulito per soluzione Guanti monouso solvente Bricco con acqua calda (temperatura ) Telo impermeabile cerotto anallergico Contenitore per rifiuti Fonte luminosa 3 q Identifica il paziente, si presenta, lo informa della procedura che si sta per eseguire e si accerta che abbia compreso q Valuta il livello di collaborazione, q Garantisce la privacy e predispone l ambiente al fine di effettuare liberamente le manovre 4 q Protegge la biancheria del letto con il telo impermeabile q Dispone il materiale occorrente a portata di mano q Indossa i guanti 5 q Arrotola la garza formando un piccolo cono ed immergerla nella soluzione q Elimina l eccesso di liquido, e sollevando verso l alto la punta del naso per visualizzarne le cavità (ev. utilizzare la pila) introdurre delicatamente la garza con un movimento rotatorio q Ripete l operazione sostituendo ogni volta la garza sino alla completa pulizia di entrambe le narici q Avvolge l asciugamano intorno alla testa e strofinare per asciugare capelli e cuoio capelluto 6 q SONDINO NASO-GASTRICO In caso di sonda endonasale: Rimuovere il cerotto con il liquido solvente, sfilare la sonda di 2 cm. mantenendone la presa fino al successivo fissaggio, procedere con l igiene della narice, detergendo anche il tratto visibile della sonda, al termine riposizionare la sonda e fissarla con il cerotto precedentemente preparato Riposiziona la persona assistita in modo confortevole 7 q Smaltisce il materiale di rifiuto come da normativa vigente q Provvede al riordino del materiale usato q Rimuove i guanti q Esegue il lavaggio sociale delle mani 8 q Valuta la risposta del paziente alla procedura q Registra nella documentazione infermieristica: la procedura eseguita e quanto altro degno di nota. 1

12 CERTIFICAZIONE Analisi del retroterra teorico ( somministrazione test finalizzato alla certificazione ). Dimostrazione dell apprendimento cognitivo, gestuale e relazionale della tecnica infermieristica. Valutazione dell apprendimento: esecuzione della tecnica con utilizzo della check list = RINUNCIABILE. Con vengono identificati gli step che devono essere necessariamente eseguiti VALUTAZIONE >18 insufficiente non esegue la tecnica.(proposta di percorso di recupero: tutorato personale finalizzato all analisi dei bisogni formativi ed alla sistematizzazione delle conoscenze). 18 sufficiente- esegue la tecnica con modalità standard 21 discreto esegue la tecnica con modalità standard, è capace di motivare i gesti 24 buono esegue la tecnica con modalità standard, è capace di motivare i gesti agisce con sicurezza e destrezza 27 distinto esegue la tecnica con modalità standard, è capace di motivare i gesti agisce con sicurezza e destrezza è capace di descrivere le complicanze 30 ottimo esegue la tecnica con modalità standard, è capace di motivare i gesti agisce con sicurezza e destrezza è capace di descrivere le complicanze esegue la tecnica dimostrando l acquisizione di elevata capacità gestuale, cognitiva LAP (livello accettabile di performance <=18/sufficiente ) Bibliografia o Brunner & Suddarth (2010) Infermieristica medico chirurgica vol 1, 4 edizione, Ambrosiana Milano o Craven, R. F. &Hirnle C. J., (2011) Principi fondamentali dell assistenza infermieristica vol. 2, 4 edizione, Ambrosiana Milano o Mele E. & Bottino G. (2006), Check list infermieristiche Carocci Faber Roma 2

13 Università Politecnica Delle Marche Corso Di Laurea In Infermieristica Polo Didattico Di Ascoli Piceno ATTIVITA DI CERTIFICAZIONE NELL AMBITO DELLA DIDATTICA TUTORIALE Igiene e cura della persona: IGIENE DELLE MANI ( ) Studente: Data Eseguito correttamente (punti + 1) Eseguito non correttamente o non eseguito (punti 0) 1 q Esegue il lavaggio sociale delle mani 2 q Prepara il materiale occorrente: catino, bricco con acqua (temperatura ) 1 o 2 asciugamani personali a seconda delle abitudini della persona assistita tela impermeabile detergente, spugna monouso o garze pulite, spazzolino per unghie monouso taglia unghie limetta monouso, crema idratante o emolliente. guanti monouso, carrello con la biancheria pulita per il letto biancheria personale contenitore per rifiuti. contenitore biancheria sporca 3 q Identifica il paziente, si presenta, lo informa della procedura che si sta per eseguire e si accerta che abbia compreso q Valuta il livello di collaborazione, q Garantisce la privacy e predispone l ambiente al fine di effettuare liberamente le manovre 4 q Fa assumere, in relazione alle condizioni cliniche della persona assistita la posizione più adeguata e confortevole preparare il paziente q Protegge la biancheria del letto con il telo impermeabile e fare assumere la posizione decubito supino q Dispone il materiale occorrente a portata di mano su di un carrello q Indossa i guanti 5 q Insapona con la spugna, friziona dorso, palmo e spazi interdigitali, regione ungueale avvalendosi eventualmente di uno spazzolino per unghie 6 q Cambia l acqua q Sciacqua accuratamente e asciuga tamponando q Procede allo stesso modo per l altra mano q Esegue il taglio delle unghie se necessario. Il taglio va eseguito, utilizzando il taglia unghie o tronchesina,in senso orizzontale evitando di intervenire sugli angoli che devono essere stondati solo con la limetta. (nel caso di p.a. con patologie, es. diabete, utilizzare la limetta anche per il taglio delle unghie) q Applica, se abitualmente usata dalla persona assistita la crema idratante o emolliente. q Prosegue se occorre con il cambio degli indumenti e della biancheria del letto 7 q Prosegue se occorre con il cambio degli indumenti e della biancheria del letto. q Riposiziona la p.a. in modo confortevole q Valuta la risposta del paziente alla procedura 8 q Elimina i rifiuti negli appositi contenitori e riordina il materiale utilizzato q Togliere i guanti ed esegue il lavaggio sociale delle mani q Registra nella documentazione infermieristica: la procedura eseguita e quanto altro degno di nota. 1

14 CERTIFICAZIONE Analisi del retroterra teorico ( somministrazione test finalizzato alla certificazione ). Dimostrazione dell apprendimento cognitivo, gestuale e relazionale della tecnica infermieristica. Valutazione dell apprendimento: esecuzione della tecnica con utilizzo della check list = RINUNCIABILE. Con vengono identificati gli step che devono essere necessariamente eseguiti VALUTAZIONE >18 insufficiente non esegue la tecnica.(proposta di percorso di recupero: tutorato personale finalizzato all analisi dei bisogni formativi ed alla sistematizzazione delle conoscenze). 18 sufficiente- esegue la tecnica con modalità standard 21 discreto esegue la tecnica con modalità standard, è capace di motivare i gesti 24 buono esegue la tecnica con modalità standard, è capace di motivare i gesti agisce con sicurezza e destrezza 27 distinto esegue la tecnica con modalità standard, è capace di motivare i gesti agisce con sicurezza e destrezza è capace di descrivere le complicanze 30 ottimo esegue la tecnica con modalità standard, è capace di motivare i gesti agisce con sicurezza e destrezza è capace di descrivere le complicanze esegue la tecnica dimostrando l acquisizione di elevata capacità gestuale, cognitiva LAP (livello accettabile di performance <=18/sufficiente ) Bibliografia o Brunner & Suddarth (2010) Infermieristica medico chirurgica vol 1, 4 edizione, Ambrosiana Milano o Craven, R. F. &Hirnle C. J., (2011) Principi fondamentali dell assistenza infermieristica vol. 2, 4 edizione, Ambrosiana Milano o Mele E. & Bottino G. (2006), Check list infermieristiche Carocci Faber Roma 2

15 Università Politecnica Delle Marche Corso Di Laurea In Infermieristica Polo Didattico Di Ascoli Piceno ATTIVITA DI CERTIFICAZIONE NELL AMBITO DELLA DIDATTICA TUTORIALE Igiene e cura della persona: IGIENE DELL ORECCHIO ( ) Studente: Data Eseguito correttamente (punti + 1) Eseguito non correttamente o non eseguito (punti 0) 1 q Esegue il lavaggio sociale delle mani 2 q Prepara il materiale occorrente: Arcella Garze o salviette monouso Acqua Olio di vaselina Detergente Guanti monouso Bricco con acqua calda (temperatura ) Telo impermeabile Contenitore per rifiuti Fonte luminosa 3 q Identifica il paziente, si presenta, lo informa della procedura che si sta per eseguire e si accerta che abbia compreso q Valuta il livello di collaborazione, q Garantisce la privacy e predispone l ambiente al fine di effettuare liberamente le manovre 4 q Protegge la biancheria del letto con il telo impermeabile e fare assumere la posizione decubito supino q Dispone il materiale occorrente a portata di mano su di un carrello q Indossa i guanti 5 q Esegue l igiene del padiglione auricolare con garza inumidita e detergente. q Asciuga e pulisce il condotto uditivo: arrotolare una garza formando un piccolo cono e immergerlo nell acqua q Elimina l eccesso di liquido e, afferrando superiormente il padiglione auricolare e facendo una lieve trazione verso l alto e indietro, introdurre delicatamente la garza con movimento rotatorio(la rimozione delle secrezioni avviene grazie al movimento dall interno verso l esterno) q Ripete l operazione sostituendo ogni volta la garza sino alla completa pulizia di entrambe le orecchie q Asciuga i condotti uditivi esterni con garze asciutte procedendo nello stesso modo q Nel caso di presenza di abbondante cerume o incrostazioni utilizzare l olio di vaselina, lasciandolo agire alcuni minuti prima dell igiene q Riposiziona la persona assistita in modo confortevole 6 q Smaltisce il materiale di rifiuto come da normativa vigente q Provvede al riordino del materiale usato q Rimuove i guanti q Esegue il lavaggio sociale delle mani 7 q Valuta la risposta del paziente alla procedura q Registra nella documentazione infermieristica: la procedura eseguita e quanto altro degno di nota. 1

16 CERTIFICAZIONE Analisi del retroterra teorico ( somministrazione test finalizzato alla certificazione ). Dimostrazione dell apprendimento cognitivo, gestuale e relazionale della tecnica infermieristica. Valutazione dell apprendimento: esecuzione della tecnica con utilizzo della check list = RINUNCIABILE. Con vengono identificati gli step che devono essere necessariamente eseguiti VALUTAZIONE >18 insufficiente non esegue la tecnica.(proposta di percorso di recupero: tutorato personale finalizzato all analisi dei bisogni formativi ed alla sistematizzazione delle conoscenze). 18 sufficiente- esegue la tecnica con modalità standard 21 discreto esegue la tecnica con modalità standard, è capace di motivare i gesti 24 buono esegue la tecnica con modalità standard, è capace di motivare i gesti agisce con sicurezza e destrezza 27 distinto esegue la tecnica con modalità standard, è capace di motivare i gesti agisce con sicurezza e destrezza è capace di descrivere le complicanze 30 ottimo esegue la tecnica con modalità standard, è capace di motivare i gesti agisce con sicurezza e destrezza è capace di descrivere le complicanze esegue la tecnica dimostrando l acquisizione di elevata capacità gestuale, cognitiva LAP (livello accettabile di performance <=18/sufficiente ) Bibliografia o Brunner & Suddarth (2010) Infermieristica medico chirurgica vol 1, 4 edizione, Ambrosiana Milano o Craven, R. F. &Hirnle C. J., (2011) Principi fondamentali dell assistenza infermieristica vol. 2, 4 edizione, Ambrosiana Milano o Mele E. & Bottino G. (2006), Check list infermieristiche Carocci Faber Roma 2

17 Studente: Università Politecnica Delle Marche Corso Di Laurea In Infermieristica Polo Didattico Di Ascoli Piceno ATTIVITA DI CERTIFICAZIONE NELL AMBITO DELLA DIDATTICA TUTORIALE Igiene e cura della persona: IGIENE ORALE ( ) Data Eseguito correttamente (punti + 1) Eseguito non correttamente o non eseguito (punti 0) 1 q Esegue il lavaggio sociale delle mani 2 q Prepara il materiale occorrente: acqua, (collutorio facoltativo) bicchiere personale o monouso, cannuccia telo o asciugamano personale, telo impermeabile spazzolino, (bastoncino con estremità rivestita di spugna in caso di P.A. rischio di sanguinamento) dentifricio filo interdentale prodotto emolliente per le labbra e mucose guanti arcella fonte luminosa (pila) contenitore per i rifiuti 3 q Identifica il paziente, si presenta, lo informa della procedura che si sta per eseguire e si accerta che abbia compreso q Valuta il livello di collaborazione, q Garantisce la privacy e predispone l ambiente al fine di effettuare liberamente le manovre 4 q Fa assumere, in relazione alle condizioni cliniche della persona assistita la posizione più adeguata e confortevole preparare il paziente( posizione seduta, semiseduta, sdraiato sul fianco) q Osserva la cavità orale per individuare eventuali lesioni o infiammazioni q Protegge gli indumenti con il telo impermeabile q Dispone tutto il materiale sul tavolino e avvicinarlo alla persona q Indossa i guanti 5 q Assiste la persona assistita nell utilizzo del filo interdentale assecondare le abitudini introdurre il filo delicatamente per evitare lesioni alle gengive farlo scorrere dalla papilla gengivale all estremità dei denti iniziare dai molari verso gli incisivi Se la persona assistita lo desidera far sciacquare di nuovo la bocca Applica sulle labbra il prodotto emolliente 6 q Smaltisce il materiale di rifiuto come da normativa vigente q Provvede al riordino del materiale usato q Rimuove i guanti q Esegue il lavaggio sociale delle mani 7 q Valuta la risposta del paziente alla procedura q Registra nella documentazione infermieristica: la procedura eseguita e quanto altro degno di nota. 8 IGIENE DELLE PROTESI DENTARIE q Prepara il materiale occorrente: spazzolino e dentifricio prodotti della persona assistita. per la cura della protesi (pastiglie polveri pomate adesive) porta dentiera personale o altro contenitore pulito guanti monouso 1

18 arcella sacchetto per rifiuti 9 q Indossa i guanti e aiutandosi con una garza afferrare con il pollice e l indice la protesi superiore a livello degli incisivi centrali q Rimuove la protesi esercitando inizialmente dei piccoli movimenti dall alto verso il basso; se la protesi non dovesse staccarsi, afferrare saldamente tra pollice e indice di entrambe le mani le parti posteriori facendo trazione dall alto verso il basso- se la persona è collaborante invitarla a soffiare energicamente a bocca chiusa per consentire all aria di infilarsi tra dentiera e palato q 10 q Appoggia la protesi nell arcella dove sono state messe delle garze q Afferra la protesi inferiore come gia descritto per quella superiore e ruotarla leggermente per estrarla q Mette la protesi nell arcella e recarsi al lavandino q Spazzola tutte le superfici della protesi con spazzolino e dentifricio sotto l acqua corrente q Appoggia la dentiera nel porta protesi o altro contenitore 11 q Prima di rimettere la protesi alla persona assistita procedere con l igiene del cavo orale q Applica la dentiera senza asciugarla dopo aver utilizzato eventuali prodotti adesivi CERTIFICAZIONE VALUTAZIONE Analisi del retroterra teorico ( somministrazione test finalizzato alla certificazione ). Dimostrazione dell apprendimento cognitivo, gestuale e relazionale della tecnica infermieristica. Valutazione dell apprendimento: esecuzione della tecnica con utilizzo della check list = RINUNCIABILE. Con vengono identificati gli step che devono essere necessariamente eseguiti >18 insufficiente non esegue la tecnica.(proposta di percorso di recupero: tutorato personale finalizzato all analisi dei bisogni formativi ed alla sistematizzazione delle conoscenze). 18 sufficiente- esegue la tecnica con modalità standard 21 discreto esegue la tecnica con modalità standard, è capace di motivare i gesti 24 buono esegue la tecnica con modalità standard, è capace di motivare i gesti agisce con sicurezza e destrezza 27 distinto esegue la tecnica con modalità standard, è capace di motivare i gesti agisce con sicurezza e destrezza è capace di descrivere le complicanze 30 ottimo esegue la tecnica con modalità standard, è capace di motivare i gesti agisce con sicurezza e destrezza è capace di descrivere le complicanze esegue la tecnica dimostrando l acquisizione di elevata capacità gestuale, cognitiva LAP (livello accettabile di performance <=18/sufficiente ) Bibliografia o Brunner & Suddarth (2010) Infermieristica medico chirurgica vol 1, 4 edizione, Ambrosiana Milano o Craven, R. F. &Hirnle C. J., (2011) Principi fondamentali dell assistenza infermieristica vol. 2, 4 edizione, Ambrosiana Milano o Mele E. & Bottino G. (2006), Check list infermieristiche Carocci Faber Roma 2

19 Studente: Università Politecnica Delle Marche Corso Di Laurea In Infermieristica Polo Didattico Di Ascoli Piceno ATTIVITA DI CERTIFICAZIONE NELL AMBITO DELLA DIDATTICA TUTORIALE Igiene e cura della persona: IGIENE ORALE (persona assistita non cosciente) ( ) Data Eseguito correttamente (punti + 1) Eseguito non correttamente o non eseguito (punti 0) 1 q Esegue il lavaggio sociale delle mani 2 q Prepara il materiale occorrente: telo impermeabile garze pulita garze 10x10 piegate a batuffolo acqua o soluzione fisiologica collutorio, o altra soluzione prescritta dal medico prodotto emolliente per le labbra e per le mucose ( burro di cacao, miele rosato, vaselina) guanti monouso contenitore pulito per la soluzione pinza autostatica abbassalingua monouso fonte luminosa (pila) arcella contenitore per rifiuti aspiratore biancheria per il letto siringa priva di ago 3 q Identifica il paziente, q garantisce la privacy e predispone l ambiente al fine di effettuare liberamente le manovre q Gira il paziente su un fianco 4 q Posiziona la il telo impermeabile in modo da proteggere gli indumenti e la biancheria del letto q Appoggia l arcella sotto il mento e sistema un sondino per rimuovere con l aspiratore l eccesso di liquidi e/o secrezioni q Predispone il materiale occorrente e prepara la soluzione più idonea nel contenitore q Indossa i guanti 5 q Applica un prodotto emolliente sulle labbra per prevenire le lesioni q Apre la bocca della persona con l ausilio dell abbassalingua rivestito di garze inserendolo tra le arcate dentali e ruotandolo per separarle e lasciarlo tra i molari posteriori (se necessario utilizzare un apribocca) Non mettere le dita in bocca ad una persona assistita non cosciente MAI 6 q Avvolge la garza sulla pinza autostatica (o fissare il batuffolo) ed immergerla nella soluzione q Elimina l eccesso di liquido ed iniziare la detersione procedendo col seguente ordine prima l arcata superiore poi quella inferiore prima la superficie esterna poi quella interna ed infine quella masticatoria 7 q Sostituisce la garza dopo ogni passaggio q Applica i prodotti più adeguati o quelli prescritti utilizzando un batuffolo pulito procedendo sempre dall interno verso l esterno q Riapplica le sostanze emollienti sulle labbra al termine della pulizia 8 q Smaltisce il materiale di rifiuto come da normativa vigente q provvede al riordino del materiale usato q rimuove i guanti q esegue il lavaggio sociale delle mani 9 q Valuta la risposta del paziente alla procedura q Registra nella documentazione infermieristica: la procedura eseguita e quanto altro degno di nota. IGIENE DELLE PROTESI DENTARIE 1

20 10 q Prepara il materiale occorrente: spazzolino e dentifricio prodotti della persona assistita. per la cura della protesi (pastiglie polveri pomate adesive) porta dentiera personale o altro contenitore pulito guanti monouso arcella sacchetto per rifiuti 11 q Indossa i guanti e aiutandosi con una garza afferrare con il pollice e l indice la protesi superiore a livello degli incisivi centrali q Rimuove la protesi esercitando inizialmente dei piccoli movimenti dall alto verso il basso; se la protesi non dovesse staccarsi, afferrare saldamente tra pollice e indice di entrambe le mani le parti posteriori facendo trazione dall alto verso il basso- se la persona è collaborante invitarla a soffiare energicamente a bocca chiusa per consentire all aria di infilarsi tra dentiera e palato q 12 q Appoggia la protesi nell arcella dove sono state messe delle garze q Afferra la protesi inferiore come gia descritto per quella superiore e ruotarla leggermente per estrarla q Mette la protesi nell arcella e recarsi al lavandino q Spazzola tutte le superfici della protesi con spazzolino e dentifricio sotto l acqua corrente q Appoggia la dentiera nel porta protesi o altro contenitore 13 q Prima di rimettere la protesi alla persona assistita procedere con l igiene del cavo orale q Applica la dentiera senza asciugarla dopo aver utilizzato eventuali prodotti adesivi CERTIFICAZIONE Analisi del retroterra teorico ( somministrazione test finalizzato alla certificazione ). Dimostrazione dell apprendimento cognitivo, gestuale e relazionale della tecnica infermieristica. Valutazione dell apprendimento: esecuzione della tecnica con utilizzo della check list = RINUNCIABILE. Con vengono identificati gli step che devono essere necessariamente eseguiti VALUTAZIONE >18 insufficiente non esegue la tecnica.(proposta di percorso di recupero: tutorato personale finalizzato all analisi dei bisogni formativi ed alla sistematizzazione delle conoscenze). 18 sufficiente- esegue la tecnica con modalità standard 21 discreto esegue la tecnica con modalità standard, è capace di motivare i gesti 24 buono esegue la tecnica con modalità standard, è capace di motivare i gesti agisce con sicurezza e destrezza 27 distinto esegue la tecnica con modalità standard, è capace di motivare i gesti agisce con sicurezza e destrezza è capace di descrivere le complicanze 30 ottimo esegue la tecnica con modalità standard, è capace di motivare i gesti agisce con sicurezza e destrezza è capace di descrivere le complicanze esegue la tecnica dimostrando l acquisizione di elevata capacità gestuale, cognitiva LAP (livello accettabile di performance <=18/sufficiente ) Bibliografia o Brunner & Suddarth (2010) Infermieristica medico chirurgica vol 1, 4 edizione, Ambrosiana Milano o Craven, R. F. &Hirnle C. J., (2011) Principi fondamentali dell assistenza infermieristica vol. 2, 4 edizione, Ambrosiana Milano o Mele E. & Bottino G. (2006), Check list infermieristiche Carocci Faber Roma 2

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

GESTIONE PORT VENOSO

GESTIONE PORT VENOSO GESTIONE PORT VENOSO Il port è un catetere venoso centrale appartenente alla famiglia dei dispositivi totalmente impiantabili composto da una capsula impiantata sottocute e da un catetere introdotto in

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia PICC e Midline Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa sono i cateteri PICC e Midline Pag. 3 Per quale terapia sono indicati Pag. 4 Quando posizionare un catetere PICC o Midline

Dettagli

Federica Longo Terapista Occupazionale Servizio DAT Fondazione Don Gnocchi ONLUS I.R.C.C.S. S. M. NASCENTE MILANO

Federica Longo Terapista Occupazionale Servizio DAT Fondazione Don Gnocchi ONLUS I.R.C.C.S. S. M. NASCENTE MILANO Federica Longo Terapista Occupazionale Servizio DAT Fondazione Don Gnocchi ONLUS I.R.C.C.S. S. M. NASCENTE MILANO Gli ausili per l'autonomia nella vita 1 AUTONOMIA 1,2 RECUPERO DI UN NUOVO EQUILIBRIO Relazione

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014

CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014 Università Politecnica delle Marche Corso di Laurea in Infermieristica Ancona CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014 U.O. : BLOCCO OPERATORIO I.N.R.C.A. Studente Guida di Tirocinio:

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA S.CROCE E CARLE CUNEO C.I.O. COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE PROTOCOLLO PER IL CATETERISMO VESCICALE

AZIENDA OSPEDALIERA S.CROCE E CARLE CUNEO C.I.O. COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE PROTOCOLLO PER IL CATETERISMO VESCICALE AZIENDA OSPEDALIERA S.CROCE E CARLE CUNEO C.I.O. COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE PROTOCOLLO PER IL CATETERISMO VESCICALE (DICEMBRE 2002) A cura di: SIMONA GASTALDI Ortopedia II, LAURA

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati DECORAZIONE 03 Posare la carta da parati 1 Scegliere la carta da parati Oltre ai criteri estetici, una carta da parati può essere scelta in funzione del luogo e dello stato dei muri. TIPO DI VANO CARTA

Dettagli

Foglio1. 5-7.00 Piega 10,00. Masch.x lavaggio/sh.speciale

Foglio1. 5-7.00 Piega 10,00. Masch.x lavaggio/sh.speciale LISTINO PREZZI Servizio Singolo Pettinata 5-7.00 Piega Taglio Masch.x lavaggio/sh.speciale 2,00 Fiala ai minerali x lavaggio 5,00 Fiala x caduta 5,00 Cachet Masch.con elastina Masch.con cheratina Pagina

Dettagli

Trekking di più giorni

Trekking di più giorni SEZIONE DI MORTARA Trekking di più giorni Cosa portare nello zaino Escursioni di più giorni Per i trekking il discorso peso diventa ancora più importante delle escursioni di un giorno o due. Portare sulle

Dettagli

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE PROIEZIONE STANDARD ANTERO- POSTERIORE Indicazioni: traumatologia, neoplasie, alterazioni flogistiche e degenerative delle articolazioni. Posizione del paziente:

Dettagli

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione E.O Ospedali Galliera Genova DIREZIONE SANITARIA Direttore Sanitario: Dott. Roberto Tramalloni S.S.D. CURE DOMICILIARI Dirigente Medico Responsabile Dott. Alberto Cella PICC e MIDLINE Indicazioni per una

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr Manuale d uso Rilevamento del parto www.medria.fr Grazie per la preferenza accordataci nell acquistare Vel Phone. Vi chiediamo di leggere attentamente il presente manuale di istruzioni per l uso, prima

Dettagli

Flauto Polmonare/Lung Flute

Flauto Polmonare/Lung Flute Flauto Polmonare/Lung Flute Modello per TERAPIA, DOMICILIO, IGIENE BRONCHIALE Manuale di istruzioni per il paziente: Il Flauto Polmonare è generalmente indicato per una terapia a pressione respiratoria

Dettagli

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae Benessere olistico del viso 100% natura sulla pelle 100% trattamento olistico 100% benessere del viso La natura restituisce......cio che il tempo sottrae BiO-REVITAL il Benessere Olistico del Viso La Natura

Dettagli

LUNA for MEN MANUALE UTENTE COMPLETO PREPARA IL TUO VISO PER UNA RASATURA MIGLIORE, PULISCE A FONDO E RIDUCE I SEGNI DELL INVECCHIAMENTO

LUNA for MEN MANUALE UTENTE COMPLETO PREPARA IL TUO VISO PER UNA RASATURA MIGLIORE, PULISCE A FONDO E RIDUCE I SEGNI DELL INVECCHIAMENTO LUNA for MEN MANUALE UTENTE COMPLETO PREPARA IL TUO VISO PER UNA RASATURA MIGLIORE, PULISCE A FONDO E RIDUCE I SEGNI DELL INVECCHIAMENTO Congratulazioni per aver acquistato LUNA for MEN, il dispositivo

Dettagli

In forma con la FASCIA ELASTICA

In forma con la FASCIA ELASTICA RICHIEDETE In forma con la FASCIA ELASTICA L O R I G L E I N A www.thera-band.de Istruzioni professionali per il Vostro allenamento quotidiano Astrid Buscher Charlotta Cumming Gesine Ratajczyk Indice

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche REGOLAMENTO (CE) N. 1272/2008 Consigli di prudenza Consigli di prudenza di carattere generale P101 P102 P103 In caso di consultazione di un medico, tenere a disposizione il contenitore o l etichetta del

Dettagli

Parts of my Pop-in... 7 8a

Parts of my Pop-in... 7 8a A C 5 B Parts of my Pop-in... 5 6 0 D 9 7 8a 8b IT IMPORTANTE! CONSERVARE LE ISTRUZIONI PER CONSULTAZIONI FUTURE Come usare i Pop-in Precauzioni d uso Non usare ammorbidenti con i vostri Pop-in. Non usare

Dettagli

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori L ergonomia al microscopio 10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori 1 Regolare correttamente l altezza della sedia. Per lavorare in maniera confortevole è importante adattare gli

Dettagli

Note generali. Norme di sicurezza. Procedura generale di pulizia. Bollettino Istruzioni

Note generali. Norme di sicurezza. Procedura generale di pulizia. Bollettino Istruzioni 3M Italia, Gennaio 2011 Bollettino Istruzioni Applicazione pellicole su vetro Bollettino Istruzioni 3M Italia Spa Via Norberto Bobbio, 21 20096 Pioltello (MI) Fax: 02 93664033 E-mail 3mitalyamd@mmm.com

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

PIANO DI AUTOCONTROLLO secondo D.lgs 155/97 e successive modifiche ed integrazioni

PIANO DI AUTOCONTROLLO secondo D.lgs 155/97 e successive modifiche ed integrazioni PIANO DI AUTOCONTROLLO secondo D.lgs 155/97 e successive modifiche ed integrazioni PARTE PRIMA (prima della compilazione leggere le istruzioni a pag. 2) MANIFESTAZIONE: (nome della manifestazione) SEDE:

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

PRELIEVO DI TAMPONI SU SUPERFICI E CARCASSE SOMMARIO

PRELIEVO DI TAMPONI SU SUPERFICI E CARCASSE SOMMARIO Pag. 1/7 SOMMARIO 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2. RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI...2 3. MATERIALE NECESSARIO...3 4. MODALITA OPERATIVE...4 5. REGISTRAZIONE E ARCHIVIAZIONE...7 6. RESPONSABILITA...7

Dettagli

TOASTER. Istruzioni per l uso

TOASTER. Istruzioni per l uso TOASTER Istruzioni per l uso 5 4 3 1 6 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO 1) Manopola temporizzatore 2) Tasto Stop 3) Leva di accensione 4) Bocche di caricamento 5) Pinze per toast 6) Raccoglibriciole estraibile

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica

Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Esempio di posizione dell incisione

Esempio di posizione dell incisione Grazie per avere acquistato questo orologio Citizen. Prima di usarlo le raccomandiamo di leggere con attenzione questo manuale d uso in modo da procedere nel modo corretto. Dopo la lettura del manuale

Dettagli

Istruzioni di impiego: Erkopress 300 Tp. Erkopress 300 Tp-ci. Apparecchio di termostampaggio da collegare a sistemi di aria compressa

Istruzioni di impiego: Erkopress 300 Tp. Erkopress 300 Tp-ci. Apparecchio di termostampaggio da collegare a sistemi di aria compressa Istruzioni di impiego: Erkopress 300 Tp Erkopress 300 Tp-ci Apparecchio di termostampaggio da collegare a sistemi di aria compressa Apparecchio di termostampaggio con compressore integrato e riserva di

Dettagli

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag.

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag. DEM8.5/10 Istruzioni per l uso............pag. 2 Use and maintenance manual....pag. 11 Mode d emploi et d entretien.....pag. 20 Betriebsanleitung.............pag. 29 Gebruiksaanwijzing..............pag.

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE 1 SISTEMA DELLE STELLE Tutte le atlete di nuoto sincronizzato tesserate per la Federazione Italia Nuoto dovranno partecipare all attività

Dettagli

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto.

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto. Il port. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione) lo IEO pubblica

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

1. LA RISPOSTA DELL'ORGANISMO ALLA MOVIMENTAZIONE

1. LA RISPOSTA DELL'ORGANISMO ALLA MOVIMENTAZIONE REGIONE SICILIANA AZIENDA OSPEDALIERA CANNIZZARO DI RIFERIMENTO REGIONALE DI 3 LIVELLO PER L EMERGENZA Via Messina 829 95126 Catania SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE LINEE GUIDA PER LA PREVENZIONE

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: 190683 Denominazione 1.2 Uso della

Dettagli

V-ZUG SA. Cappa aspirante DW-SE/DI-SE. Istruzioni per l uso

V-ZUG SA. Cappa aspirante DW-SE/DI-SE. Istruzioni per l uso V-ZUG SA Cappa aspirante DW-SE/DI-SE Istruzioni per l uso Grazie per aver scelto uno dei nostri prodotti. Il vostro apparecchio soddisfa elevate esigenze, e il suo uso è molto semplice. E tuttavia necessario

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla.

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla. Il lavoro di posa dei rivestimenti murali, è oggi, estremamente semplificato ed è una soluzione di ricambio interessante, in quanto applicare carta da parati non è più difficile che verniciare. Le spiegazioni

Dettagli

ATTENZIONE ATTENZIONE AVVERTENZE AVVERTENZE. Italiano

ATTENZIONE ATTENZIONE AVVERTENZE AVVERTENZE. Italiano ITALIANO ATTENZIONE Non utilizzare questo orologio per immersioni, se non dopo essere stati adeguatamente addestrati alle immersioni subacquee. Per ovvi motivi di sicurezza attenersi a tutte le regole

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

SISTEMA DI CHIODI PER ARTRODESI DELLA CAVIGLIA VALOR 141906-2. Le seguenti lingue sono incluse in questa confezione:

SISTEMA DI CHIODI PER ARTRODESI DELLA CAVIGLIA VALOR 141906-2. Le seguenti lingue sono incluse in questa confezione: IT SISTEMA DI CHIODI PER ARTRODESI DELLA CAVIGLIA VALOR 141906-2 Le seguenti lingue sono incluse in questa confezione: English (en) Deutsch (de) Nederlands (nl) Français (fr) Español (es) Italiano (it)

Dettagli

Richiesta ai Clienti

Richiesta ai Clienti Richiesta ai Clienti Tutte le riparazioni eseguite su questo orologio, escludendo le riparazioni riguardanti il cinturino, devono essere effettuate dalla CITIZEN. Quando si desidera avere il vostro orologio

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

CADUTE. In sicurezza ad ogni passo. upi Ufficio prevenzione infortuni

CADUTE. In sicurezza ad ogni passo. upi Ufficio prevenzione infortuni CADUTE In sicurezza ad ogni passo upi Ufficio prevenzione infortuni Andare a fare la spesa, montare una lampadina stando su una scala portatile, fare le scale: sono attività che svolgiamo comunemente ogni

Dettagli

ESERCIZI PER COSCE E ANCHE

ESERCIZI PER COSCE E ANCHE ESERCIZI PER COSCE E ANCHE Testo e disegni di Stelvio Beraldo ANDATURA DA SEMIACCOSCIATA Varianti: andatura frontale (a) e andatura laterale (b) (a carico naturale, con manubri o cintura zavorrata) - Con

Dettagli

Hawos Pegasus 230 Volt

Hawos Pegasus 230 Volt olt Pagina 2 Pagina 3 Pagina 3 Pagina 4 Pagina 5 Pagina 5 Pagina 6 Pagina 6/7 Pagina 7 Pagina 7 Pagina 8 Introduzione a Pegasus Scegliere le dimensioni della macinatura Iniziare e terminare il processo

Dettagli

Trattamento dei casi in cui vi è pericolo di vita

Trattamento dei casi in cui vi è pericolo di vita Trattamento dei casi in cui vi è pericolo di vita EMORRAGIE CHE 1 Proteggersi dalle infezioni. Indossare i guanti di lattice. Se i guanti non sono disponibili usare diversi strati di tamponi di ganza o

Dettagli

10s CATENA 1 - SPECIFICHE TECNICHE 2 - COMPATIBILITA ATTENZIONE! ATTENZIONE! HD-LINK ULTRA-NARROW CN-RE400 CX 10 ULTRA NARROW

10s CATENA 1 - SPECIFICHE TECNICHE 2 - COMPATIBILITA ATTENZIONE! ATTENZIONE! HD-LINK ULTRA-NARROW CN-RE400 CX 10 ULTRA NARROW CATNA 10s ULTRA NARROW 1 - SPCIFICH TCNICH 2 - COMPATIBILITA CX 10 HD-LINK ULTRA-NARROW CN-R400 L utilizzo di pignoni e ingranaggi non "Campagnolo" può danneggiare la catena. Una catena danneggiata può

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati CATALOGO EXA l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati + pratico + sicuro + economico + ecologico 3 edizione Azienda Certificata ISO 9001 e ISO 14001 IL SISTEMA

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLE GRANDI E PICCOLE EMERGENZE COME SI AFFRONTA UN'EMERGENZA? COSA POSSO FARE?

GUIDA PRATICA ALLE GRANDI E PICCOLE EMERGENZE COME SI AFFRONTA UN'EMERGENZA? COSA POSSO FARE? GUIDA PRATICA ALLE GRANDI E PICCOLE EMERGENZE COME SI AFFRONTA UN'EMERGENZA? COSA POSSO FARE? Il modo per aiutare una persona spesso dipende dal problema che ha. A volte, il sistema più rapido per soccorrere

Dettagli

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 NORME IGIENICO - SANITARIE I prodotti fitosanitari sono sostanze pericolose:

Dettagli

una saldatura ad arco

una saldatura ad arco UTENSILERIA Realizzare una saldatura ad arco 0 1 Il tipo di saldatura Saldatrice ad arco La saldatura ad arco si realizza con un altissima temperatura (almeno 3000 c) e permette la saldatura con metallo

Dettagli

I tiri principali nel badminton

I tiri principali nel badminton I tiri principali nel badminton 4 2 3 5 6 1 Drop a rete 2 Pallonetto (lob) 3 Drive 4 Clear 5 Drop 6 Smash (schiacciata) 1 Traiettoria Definizione Impugnatura 1 Drop a rete Rovescio Sequenza fotografica

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

Informazioni per i portatori di C Leg

Informazioni per i portatori di C Leg Informazioni per i portatori di C Leg C-Leg : il ginocchio elettronico Otto Bock comandato da microprocessore per una nuova dimensione del passo. Gentile Utente, nella Sua protesi è implementato un sofisticato

Dettagli

Applicazione delle grafiche con caratteristiche Comply

Applicazione delle grafiche con caratteristiche Comply Bollettino Istruzioni 5.31 Aprile 2003 Applicazione delle grafiche con caratteristiche Comply Informazioni generali I films 3M a tecnologia Comply rendono le applicazioni più facili per raggiungere un

Dettagli

Avendo effettuato il tagliando di cui sopra al mio mezzo ho pensato di realizzare questo semplice DOC per chi ne avesse necessità.

Avendo effettuato il tagliando di cui sopra al mio mezzo ho pensato di realizzare questo semplice DOC per chi ne avesse necessità. Tagliando Manutentivo Km. 10.000/30.000/50.000 XP500 TMAX. Avendo effettuato il tagliando di cui sopra al mio mezzo ho pensato di realizzare questo semplice DOC per chi ne avesse necessità. IMPORTANTE:

Dettagli

3 2A B K D 6 F O H E T 5. Vtt Eco Pro 3000 Lux No-Volt - Cod. M0S05353 - Edizione 1G09

3 2A B K D 6 F O H E T 5. Vtt Eco Pro 3000 Lux No-Volt - Cod. M0S05353 - Edizione 1G09 R I J G 2 L B K A 5 3 2A C 1 M D 6 4 R S Q F O H E T 5 7 6 4 21 9 9 12 15 22 9 8 10 13 17 16 16 14 18 19 20 23 24 Vtt Eco Pro 3000 Lux No-Volt - Cod. M0S05353 - Edizione 1G09 ITALIANO Vaporetto Eco Pro

Dettagli

Applicazione del gel. Con lo spazzolino per unghie rimuovere dall unghia e dalla pelle circostante la polvere di limatura.

Applicazione del gel. Con lo spazzolino per unghie rimuovere dall unghia e dalla pelle circostante la polvere di limatura. Nelle figure seguenti illustriamo la tecnica di applicazione dei nostri gel con l'uso della tip. Da questa dimostrazione si può apprezzare come il Gel System sia semplice e veloce da usare, in quanto non

Dettagli

Reenactment Society www.reenactmentsociety.org COME FARE UNA BORRACCIA DI ZUCCA

Reenactment Society www.reenactmentsociety.org COME FARE UNA BORRACCIA DI ZUCCA Reenactment Society www.reenactmentsociety.org COME FARE UNA BORRACCIA DI ZUCCA Acquistare una zucca fresca o già secca. Nel primo caso sarà opportuno comprarla in un periodo caldo per godere delle giornate

Dettagli

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena TUTTO IL MATERIALE CHE È ENTRATO IN CONTATTO CON LE COLONIE AMMALATE DEVE ESSER DISTRUTTO

Dettagli

Dott. ssa M.L. Soranzo. Dott. ssa M.T. Sensale. RESPONSABILITA Direttore U.O. Coordinatore Infermieristico U.O

Dott. ssa M.L. Soranzo. Dott. ssa M.T. Sensale. RESPONSABILITA Direttore U.O. Coordinatore Infermieristico U.O UOa Chirurgiche PP RR OO TT OO CC OO LL LL I EE PP RR OO CC EE DD UU RR EE I NN CC HH I RR UU RR GG II AA Rev. 01/06 Pag.1 di Pag. 14 ELABORAZIONE Cavoti A M, Braghetto Y, Canal D, Maccario S, Ronchegalli

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA Genetisti Forensi Italiani (Ge.F.I) Presidente Prof. Francesco De Stefano

ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA Genetisti Forensi Italiani (Ge.F.I) Presidente Prof. Francesco De Stefano Vice ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA (Ge.F.I) Presidente LINEE GUIDA PER LA REPERTAZIONE DI TRACCE BIOLOGICHE PER LE ANALISI DI GENETICA FORENSE NEL PERCORSO ASSISTENZIALE DELLE VITTIME DI VIOLENZA SESSUALE E/O

Dettagli

1 - PERDITE DI COSCIENZA (SVENIMENTI)

1 - PERDITE DI COSCIENZA (SVENIMENTI) Il PRIMO PRONTO SOCCORSO Chi pratica attività sportiva molte volte si trova nelle condizioni di dover prestare interventi urgenti di assistenza ad altri. Verranno fornite in maniera sintetica alcune nozioni

Dettagli

Citofono senza fili. Installazione. ed uso. (fascicolo staccabile all interno)

Citofono senza fili. Installazione. ed uso. (fascicolo staccabile all interno) Citofono senza fili Installazione ed uso (fascicolo staccabile all interno) Sommario Presentazione... 3 Descrizione... 4 La postazione esterna... 4 La placca esterna... 4 Il quadro elettronico... 4 La

Dettagli

"#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro

#$%&'()! *$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()!"*$!$*#+#!,)!$-%#.# Cos é un solvente? Molte sostanze chimiche, usate per distruggere o diluire altre sostanze

Dettagli

PRONTUARIO PER L UTILIZZO DEGLI ANTISETTICI E DEI DISINFETTANTI

PRONTUARIO PER L UTILIZZO DEGLI ANTISETTICI E DEI DISINFETTANTI ISTRUZIONE OPERATIVA n 4/2007 Revisione 2 PRONTUARIO PER L UTILIZZO DEGLI ANTISETTICI E DEI DISINFETTANTI (Aggiornato nei nomi commerciali e nelle concentrazioni d uso dal Gruppo di Lavoro a maggio 2008)

Dettagli

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli

INJEX - Iniezione senza ago

INJEX - Iniezione senza ago il sistema per le iniezioni senz ago INJEX - Iniezione senza ago Riempire le ampolle di INJEX dalla penna o dalla cartuccia dalle fiale con la penna Passo dopo Passo Per un iniezione senza ago il sistema

Dettagli

Le razze ovine in Alto Adige

Le razze ovine in Alto Adige 1 Le razze ovine in Alto Adige La pecora alpina tirolese La pecora alpina nero-bruna La pecora tipo lamon La pecora del cantone Giura La pecora dal naso nero La pecora suffolk La pecora della roccia tirolese

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO GUIDA AL CONFEZIONAMENTO 1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO Si devono rispettare i limiti massimi di dimensioni e peso indicati nella tabella: prodotto limite massimo di peso dimensioni massime Pacco ordinario

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

BOZZA MANUALE DI AUTOCONTROLLO

BOZZA MANUALE DI AUTOCONTROLLO [PIANO DI AUTOCONTROLLO PER L IGIENE DEGLI ALIMENTI] SEZIONE 1 BOZZA MANUALE DI AUTOCONTROLLO SOMMARIO Dati aziendali...2 Manutenzione dei Locali e delle Attrezzature... 4 Procedure operative standard

Dettagli

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI REGIONE VENETO REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art. 42) 24 NOTE GENERALI Il registro completo dei trattamenti, è composto da: - scheda A - Dati anagrafici azienda/ente

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

212312 Tween 20 QP 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato

212312 Tween 20 QP 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Tween 20 1.2 Nome della societá o ditta: PANREAC QUIMICA, S.A. E 08110

Dettagli

Sommario IL PORT SOTTOCUTANEO. Che cos è? Come viene impiantato? DOVE VIENE POSIZIONATO IL PORT? L intervento L uso del Port

Sommario IL PORT SOTTOCUTANEO. Che cos è? Come viene impiantato? DOVE VIENE POSIZIONATO IL PORT? L intervento L uso del Port Che cos è il Port? Le informazioni fornite in questo opuscolo vi aiuteranno a capire meglio che cosa sono i port e a trovare risposta ad alcuni quesiti riguardanti i port sottocutanei Bard Access. Sommario

Dettagli

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Agg Agosto 2009 Questo documento si propone di fornire indicazioni sull uso

Dettagli

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE La bocca o cavità orale (Fig. 1) è il primo tratto dell apparato digerente. È un organo cavo, di forma ovoide

Dettagli

Esperienze con l elettricità e il magnetismo

Esperienze con l elettricità e il magnetismo Esperienze con l elettricità e il magnetismo Laboratorio di scienze Le esperienze di questo laboratorio ti permettono di acquisire maggiore familiarità con l elettricità e il magnetismo e di sperimentare

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

PROGETTO PAIKULI - IRAQ

PROGETTO PAIKULI - IRAQ Dario Federico Marletto PROGETTO PAIKULI - IRAQ RAPPORTO TECNICO SUI LAVORI PER IL CORSO DI FORMAZIONE PRESSO LA SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DI OSTIA ANTICA Intervento sul mosaico pavimentale del Cortile

Dettagli

Oggi l odontoiatra si confronta con pazienti informati

Oggi l odontoiatra si confronta con pazienti informati Protesi removibile ancorata su barra con utilizzo di attacchi calcinabili micro Introduzione Carlo Borromeo Oggi l odontoiatra si confronta con pazienti informati che sempre più spesso arrivano con richieste

Dettagli

Pidocchi?... non perdiamo la testa

Pidocchi?... non perdiamo la testa Pidocchi?... non perdiamo la testa INFORMAZIONI SULLA PEDICULOSI DEL CAPO Ripartizione Sanità Indice Prefazione... 01 01 INTRODUZIONE... 03 02 COME AVVIENE IL CONTAGIO?... 07 03 PREVENZIONE... 09 04 TRATTAMENTO:

Dettagli

Scotchcal serie IJ 20

Scotchcal serie IJ 20 3M Italia, Dicembre 2010 Scotchcal serie IJ 20 Bollettino Tecnico 3M Italia Spa COMMERCIAL GRAPHICS 3M, Controltac, Scotchcal, Comply and MCS sono marchi 3M Via Norberto Bobbio, 21 20096 Pioltello Fax:

Dettagli