RSA PARTE SPECIALE. relativa al. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Ai sensi del d. lg. 8 giugno 2001, n. 231

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RSA PARTE SPECIALE. relativa al. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Ai sensi del d. lg. 8 giugno 2001, n. 231"

Transcript

1 RSA PARTE SPECIALE relativa al MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Ai sensi del d. lg. 8 giugno 2001, n. 231 INTRODUZIONE Per tutti i raggruppamenti di reati identificati al paragrafo 3.5 della Parte Generale e in questa Parte Speciale trattati, si considerano adottati come protocolli le Policy dell Impresa di Assicurazione britannica adottati dall Ente e qui allegate, coerentemente con i principi esposti nel «Guide to business conduct». PARTE SPECIALE I: Reati contro la Pubblica Amministrazione Il presente paragrafo si riferisce ai reati nei confronti della Pubblica Amministrazione, secondo le fattispecie contemplate dagli articoli 24 e 25 del D. Lgs. 231/01 e nei confronti dell autorità giudiziaria secondo la fattispecie contemplata dall art. 25-decies del D. Lgs. 231/01, limitatamente ai casi che potrebbero configurarsi in capo a RSA. I reati in oggetto sono: Art. 316-bis cod. pen. - Malversazione a danno dello Stato [I]. Chiunque, estraneo alla pubblica amministrazione, avendo ottenuto dallo Stato o da altro ente pubblico o dalle Comunità europee contributi, sovvenzioni o finanziamenti destinati a favorire iniziative dirette alla realizzazione di opere od allo svolgimento di attività di pubblico interesse, non li destina alle predette finalità, è punito con la reclusione da sei mesi a quattro anni. Per la commissione del reato si richiede che le somme ricevute a tiolo di contributo, sovvenzione o finanziamento non vengano destinati ad attività di pubblico interesse. Elemento soggettivo Il dolo è generico e consiste nella coscienza e volontà di non destinare le somme ricevute alla soddisfazione delle finalità di pubblico interesse. Momento consumativo In quanto reato di condotta omissiva esso si consuma alla scadenza del termine previsto nell atto di erogazione.

2 Considerazioni applicative Il reato (delitto) è ipotizzabile nella realtà di RSA. Fattispecie/occasioni Indebita destinazione di erogazioni pubbliche (nazionali e comunitarie, in forma di contributi, finanziamenti, mutui agevolati, altre erogazioni) ricevute per assunzioni di personale, per attività di formazione del personale o di ausiliari (agenti, soggetti che espletano funzioni esternalizzate) per ristrutturazioni di immobili o per adeguamento della sicurezza, per apertura di unità locali. Possibili aree/funzioni/attività interessate Human Resources Campi di attenzione - iniziative per richiedere erogazioni pubbliche; - richieste di erogazioni pubbliche; - svolgimento di procedure e formalità, nonché predisposizione di documentazioni per ottenere erogazioni pubbliche; - realizzazione delle opere o svolgimento delle attività di pubblico interesse a cui è finalizzata l erogazione concessa; - disponibilità dei fondi ottenuti con l erogazione concessa. Art. 316-ter cod. pen. - Indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato [I]. Salvo che il fatto costituisca il reato previsto dall'articolo 640-bis, chiunque mediante l'utilizzo o la presentazione di dichiarazioni o di documenti falsi o attestanti cose non vere, ovvero mediante l'omissione di informazioni dovute, consegue indebitamente, per sé o per altri, contributi, finanziamenti, mutui agevolati o altre erogazioni dello stesso tipo, comunque denominate, concessi o erogati dallo Stato, da altri enti pubblici o dalle Comunità europee è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni. [II]. Quando la somma indebitamente percepita è pari o inferiore a 3.999,96 euro si applica soltanto la sanzione amministrativa del pagamento di una somma di denaro da euro a euro. Tale sanzione non può comunque superare il triplo del beneficio conseguito. Per la commissione del reato si richiede che le somme ricevute a titolo di contributo, finanziamento o sovvenzione non siano dovute, in quanto manchino gli estremi per poter aspirare o pretendere di ottenerle. 28

3 Elemento soggettivo Il dolo è generico e consiste nella coscienza e volontà di ottenere somme destinate a soddisfare un pubblico interesse pur non avendo titolo a richiederle e ad ottenerle. Momento consumativo Il reato si consuma all atto dell ottenimento di erogazioni pubbliche non dovute. Considerazioni applicative Il reato (delitto) è ipotizzabile nella realtà di RSA. Fattispecie/occasioni a) indebita percezione di erogazioni pubbliche (nazionali e comunitarie, in forma di contributi, finanziamenti, mutui agevolati, altre erogazioni) mediante presentazione di documenti o dichiarazioni non veritiere od omissive; b) consapevole supporto, partecipazione, concorso nel reato commesso da propri assicurati o propri garantiti grazie al rilascio di coperture assicurative o di garanzie fidejussorie (emesse proprio per consentire la percezione di erogazioni pubbliche non dovute). Possibili aree/funzioni/attività interessate Sub a): Sme / Personal Lines Human Resources Sub b): Specialty Lines Campi di attenzione sub a): - presupposti per richiedere e ottenere erogazioni pubbliche; - iniziative di richiesta e richieste di erogazioni pubbliche; - svolgimento di procedure e formalità, nonché predisposizione di documentazioni per ottenere erogazioni pubbliche; - costituzione di fondi. sub b): - rilascio di coperture assicurative e di garanzie fideiussorie necessarie per ottenimento di erogazioni pubbliche da parte di propri assicurati o propri garantiti. 29

4 Art. 318 cod. pen. - Corruzione per un atto d ufficio [I]. Il pubblico ufficiale, che, per compiere un atto del suo ufficio, riceve, per sé o per un terzo, in denaro od altra utilità, una retribuzione che non gli è dovuta, o ne accetta la promessa, è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni. [II]. Se il pubblico ufficiale riceve la retribuzione per un atto d'ufficio da lui già compiuto, la pena è della reclusione fino ad un anno. Il reato si presenta come plurisoggetivo a struttura bilaterale, richiedendo la presenza di due soggetti specularmente operanti (pubblico ufficiale e privato). Elemento soggettivo Il dolo è specifico e consiste nella coscienza e volontà del pubblico ufficiale di ricevere, per sé o per un terzo, una retribuzione non dovuta per il compimento dell atto di ufficio o la mera promessa di tale retribuzione. Momento consumativo Il reato si consuma nel momento in cui il pubblico ufficiale accetta la promessa o riceve la retribuzione indebita. Considerazioni applicative Il reato (delitto) è ampiamente ipotizzabile nel settore assicurativo. Fattispecie/occasioni - Pressioni, sollecitazioni in ogni tipo di rapporto, anche per via mediata, con pubbliche Amministrazioni titolari del potere di assumere determinazioni, in modo attivo od omissivo, favorevoli o sfavorevoli per l impresa, la quale va considerata a sua volta sia in veste attiva (soddisfazione di interessi), sia in veste passiva (vigilanza), sia in veste assicurativa (offerte, gare); - Contatti di relazioni esterne con pubbliche Amministrazioni in ottica di possibile precostituzione di favori o di collegamenti; - Riconoscimento fittizio di provvigioni o somme o vantaggi di qualsiasi natura a favore di pubbliche Amministrazioni, anche mediante interposizione di soggetti terzi rispetto alle Amministrazioni stesse. Possibili aree/funzioni/attività interessate Tutte le aree che possano avere rapporti, diretti o indiretti, con pubbliche Amministrazioni ed in particolare: Agency & Broker Sales Management 30

5 Specialty Lines Sme / Personal Lines Claims Finance Operations & Technology Campi di attenzione - Ogni tipo di rapporto, anche per via mediata, con pubbliche Amministrazioni, sia attivo sia passivo; - Contatti con pubbliche Amministrazioni non specificamente motivati; - Disponibilità di fondi. Art. 319 cod. pen. - Corruzione per un atto contrario ai doveri d'ufficio [I]. Il pubblico ufficiale che, per omettere o ritardare o per aver omesso o ritardato un atto del suo ufficio, ovvero per compiere o per aver compiuto un atto contrario ai doveri di ufficio, riceve, per sé o per un terzo, denaro od altra utilità, o ne accetta la promessa, è punito con la reclusione da due a cinque anni. E necessario che la condotta abbia ad oggetto un concreto atto di ufficio. Elemento soggettivo Il dolo è specifico e consiste nella coscienza e volontà di ricevere, per sé o per un terzo, una dazione o promessa di denaro o altra utilità per omettere o ritardare un atto di ufficio o per compiere un atto contrario ai doveri d ufficio. Momento consumativo Vale quanto sub art. 318 c.p. Considerazioni applicative Il reato (delitto) è ampiamente ipotizzabile nel settore assicurativo. Fattispecie/occasioni - Pressioni, sollecitazioni in ogni tipo di rapporto, anche per via mediata, con pubbliche Amministrazioni titolari del potere di assumere determinazioni, in modo attivo od omissivo, favorevoli o sfavorevoli per l impresa, la quale va considerata a sua volta sia in veste attiva (soddisfazione di interessi), sia in veste passiva (vigilanza), sia in veste assicurativa (offerte, gare); 31

6 - Contatti di relazioni esterne con pubbliche Amministrazioni in ottica di possibile precostituzione di favori o di collegamenti; - Riconoscimento fittizio di provvigioni o somme o vantaggi di qualsiasi natura a favore di pubbliche Amministrazioni, anche mediante interposizione di soggetti terzi rispetto alle Amministrazioni stesse. Possibili aree/funzioni/attività interessate Tutte le aree che possano avere rapporti, diretti o indiretti, con pubbliche Amministrazioni ed in particolare: Agency & Broker Sales Management Specialty Lines Sme / Personal Lines Claims Finance Operations & Technology Campi di attenzione - Ogni tipo di rapporto, anche per via mediata, con pubbliche Amministrazioni, sia attivo sia passivo; - Contatti con pubbliche Amministrazioni non specificamente motivati; - Disponibilità di fondi. Art. 319-ter cod. pen. - Corruzione in atti giudiziari [I]. Se i fatti indicati negli articoli 318 e 319 sono commessi per favorire o danneggiare una parte in un processo civile, penale o amministrativo, si applica la pena della reclusione da tre a otto anni. [II]. Se dal fatto deriva l ingiusta condanna di taluno alla reclusione non superiore a cinque anni, la pena è della reclusione da quattro a dodici anni; se deriva l'ingiusta condanna alla reclusione superiore a cinque anni o all'ergastolo, la pena è della reclusione da sei a venti anni. Vale quanto detto sub art. 319 c.p. Elemento soggettivo Il reato di cui al primo comma richiede un dolo specifico. Il reato di cui al secondo comma è aggravato dall evento. 32

7 Momento consumativo Il reato di cui al primo comma si consuma come la fattispecie di corruzione ex art. 318 e 319 c.p. Le ipotesi di cui al secondo comma assumono come evento l inflizione dell ingiusta condanna. Considerazioni applicative Il reato (delitto) è ampiamente ipotizzabile nel settore assicurativo. Fattispecie/occasioni - Ogni ipotesi di contenzioso giudiziario nel quale si inseriscano fattispecie di corruzione per atto d ufficio o di corruzione per atto contrario a doveri d ufficio, sia nell ambito di rapporti dell impresa quale società, sia nell ambito di rapporti dell impresa quale assicuratore e quindi connessi con la prestazione di coperture assicurative o di garanzie fideiussorie; - Erogazione di corrispettivi, in tutto o in parte fittizi, a legali in contatto con Organi giudiziari. Possibili aree/funzioni/attività interessate Tutte le aree e funzioni che possano decidere il ricorso alle vie giudiziarie e/o sostenere la gestione del contenzioso, con particolare riguardo a quelle aree o a quei soggetti che possano avere rapporti, diretti o indiretti, con gli Organi giudiziari ed in particolare: Claims Campi di attenzione - Ogni tipo di rapporto con Organi giudiziari, sia attivo sia passivo; - Contatti con Organi giudiziari non specificamente motivati; - Rapporti con legali; - Disponibilità di fondi. Art. 320 cod. pen. - Corruzione di persona incaricata di un pubblico servizio [I]. Le disposizioni dell'articolo 319 si applicano anche all'incaricato di un pubblico servizio; quelle di cui all'articolo 318 si applicano anche alla persona incaricata di un pubblico servizio, qualora rivesta la qualità di pubblico impiegato. [II]. In ogni caso, le pene sono ridotte in misura non superiore ad un terzo. Vale quanto sub artt. 318 e 319 c.p. Elemento soggettivo Vale quanto sub artt. 318 e 319 c.p. 33

8 Momento consumativo Vale quanto sub artt. 318 e 319 c.p. Considerazioni applicative Il reato (delitto) è ipotizzabile per il settore assicurativo. Vale quanto detto sub artt. 318 e 319 cod. pen. Art. 322 cod. pen. - Istigazione alla corruzione [I]. Chiunque offre o promette denaro od altra utilità non dovuti ad un pubblico ufficiale o ad un incaricato di un pubblico servizio che riveste la qualità di pubblico impiegato, per indurlo a compiere un atto del suo ufficio, soggiace, qualora l'offerta o la promessa non sia accettata, alla pena stabilita nel comma 1 dell'articolo 318, ridotta di un terzo. [II]. Se l'offerta o la promessa è fatta per indurre un pubblico ufficiale o un incaricato di un pubblico servizio ad omettere o a ritardare un atto del suo ufficio, ovvero a fare un atto contrario ai suoi doveri, il colpevole soggiace, qualora l'offerta o la promessa non sia accettata, alla pena stabilita nell'articolo 319, ridotta di un terzo. [III]. La pena di cui al comma primo si applica al pubblico ufficiale o all'incaricato di un pubblico servizio che riveste la qualità di pubblico impiegato che sollecita una promessa o dazione di denaro od altra utilità da parte di un privato per le finalità indicate dall'articolo 318. [IV]. La pena di cui al comma secondo si applica al pubblico ufficiale o all'incaricato di un pubblico servizio che sollecita una promessa o dazione di denaro od altra utilità da parte di un privato per le finalità indicate dall'articolo 319. Vale quanto sub artt. 318 e 319 c.p. Elemento soggettivo Il dolo è specifico e consiste nella coscienza e volontà, rispettivamente, di indurre il pubblico ufficiale al compimento dell atto conforme o contrario ai doveri di ufficio ovvero di sollecitare la dazione o promessa di danaro o dell utilità per il compimento dell atto conforme o contrario ai doveri di ufficio. Momento consumativo Si tratta di un reato di mera condotta che si consuma con l offerta o promessa dell utilità ovvero con la sollecitazione della promessa o dazione che non devono essere accettate. 34

9 Considerazioni applicative Il reato (delitto) è ampiamente ipotizzabile per il settore assicurativo, con vasta casistica. Vale quanto detto sub artt. 318, 319 e 320 cod. pen. Art. 322-bis cod. pen. - Peculato, concussione, corruzione e istigazione alla corruzione di membri degli organi delle Comunità europee e di funzionari delle Comunità europee e di Stati esteri [I]. Le disposizioni degli articoli 314, 316, da 317 a 320 e 322, terzo e quarto comma, si applicano anche: 1) ai membri della Commissione delle Comunità europee, del Parlamento europeo, della Corte di Giustizia e della Corte dei conti delle Comunità europee; 2) ai funzionari e agli agenti assunti per contratto a norma dello statuto dei funzionari delle Comunità europee o del regime applicabile agli agenti delle Comunità europee; 3) alle persone comandate dagli Stati membri o da qualsiasi ente pubblico o privato presso le Comunità europee, che esercitino funzioni corrispondenti a quelle dei funzionari o agenti delle Comunità europee; 4) ai membri e agli addetti a enti costituiti sulla base dei Trattati che istituiscono le Comunità europee; 5) a coloro che, nell'ambito di altri Stati membri dell'unione europea, svolgono funzioni o attività corrispondenti a quelle dei pubblici ufficiali e degli incaricati di un pubblico servizio. [II]. Le disposizioni degli articoli 321 e 322, primo e secondo comma, si applicano anche se il denaro o altra utilità è dato, offerto o promesso: 1) alle persone indicate nel primo comma del presente articolo; 2) a persone che esercitano funzioni o attività corrispondenti a quelle dei pubblici ufficiali e degli incaricati di un pubblico servizio nell'ambito di altri Stati esteri o organizzazioni pubbliche internazionali, qualora il fatto sia commesso per procurare a sé o ad altri un indebito vantaggio in operazioni economiche internazionali ovvero al fine di ottenere o di mantenere un'attività economica o finanziaria. [III]. Le persone indicate nel primo comma sono assimilate ai pubblici ufficiali, qualora esercitino funzioni corrispondenti, e agli incaricati di un pubblico servizio negli altri casi. Vale quanto sub artt. 318, 319, 319-ter e 320 c.p. 35

10 Elemento soggettivo Vale quanto sub artt. 318, 319, 319-ter e 320 c.p. Momento consumativo Vale quanto sub artt. 318, 319, 319-ter e 320 c.p. Considerazioni applicative Salvo il peculato, i delitti sono ipotizzabili per il settore assicurativo. Per concussione, corruzione e istigazione alla corruzione vale quanto detto, rispettivamente, sub art. 317 cod. pen., sub artt. 318, 319 e 319-ter cod. pen., sub art. 322 cod. pen. Art. 640, comma 2 n. 1 cod. pen. - Truffa [I]. Chiunque, con artifizi o raggiri, inducendo taluno in errore, procura a sé o ad altri un ingiusto profitto con altrui danno, è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni e con la multa da 51 euro a euro. [II]. La pena è della reclusione da uno a cinque anni e della multa da 309 euro a euro: 1) se il fatto è commesso a danno dello Stato o di un altro ente pubblico o col pretesto di far esonerare taluno dal servizio militare; 2) se il fatto è commesso ingenerando nella persona offesa il timore di un pericolo immaginario o l erroneo convincimento di dovere eseguire un ordine dell'autorità 2-bis) se il fatto è commesso in presenza della circostanza di cui all'articolo 61, numero 5) (3). [III]. Il delitto è punibile a querela della persona offesa [120], salvo che ricorra taluna delle circostanze previste dal capoverso precedente o un'altra circostanza aggravante. Il reato si configura qualora, utilizzando artifici o raggiri ed in tal modo inducendo taluno in errore, si consegue un ingiusto profitto, in danno dello Stato o altro ente pubblico. Elemento soggettivo Il dolo è generico. Momento consumativo Il reato si considera consumato nel momento e nel luogo in cui l agente, a seguito dell attività dolosa, consegue la materiale disponibilità del bene oggetto del reato. 36

11 Considerazioni applicative Il reato (delitto) interessa solo per la fattispecie di cui al n. 1 del secondo comma dell art Fattispecie/occasioni - truffa nelle ipotesi di assicurazioni agevolate, mediante emissione di polizze che fruiscono di agevolazioni pubbliche per il pagamento dei premi truffa in rapporti con la pubblica Amministrazione sia in veste attiva (soddisfazione di interessi) sia in veste passiva (vigilanza) (elusione di contestazioni da parte di organi di verifica) sia in veste assicurativa (coperture non corrette, coperture sostanzialmente prive di effettivo rischio, partecipazione a gare ecc.); - consapevole supporto, partecipazione, concorso nel reato commesso da propri assicurati o propri garantiti grazie al rilascio di coperture assicurative o di garanzie fideiussorie (emesse proprio per consentire l ingiusto profitto con danno allo Stato o ad altro Ente pubblico) consapevole omissione o alterazione negli adempimenti antiriciclaggio e antiterrorismo. Possibili aree/funzioni/attività interessate Sub a): Sme / Personal Lines Finance Human Resources Operations & Technology Sub b): Specialty Lines Claims Campi di attenzione sub a): - assicurazioni che fruiscono di agevolazioni pubbliche per il pagamento dei premi; - rapporti con pubbliche Amministrazioni sia in veste attiva (soddisfazione di interessi) sia in veste passiva (vigilanza) sia in veste assicurativa (assicurazioni stipulate dall amministrazione in proprio favore). sub b): - rilascio di coperture assicurative o di garanzie fideiussorie per operazioni di propri assicurati o propri garantiti con pubbliche amministrazioni o nei confronti di pubbliche amministrazioni; - adempimenti antiriciclaggio e antiterrorismo. 37

12 Art. 640-bis cod. pen. - Truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche [I]. La pena è della reclusione da uno a sei anni e si procede d'ufficio se il fatto di cui all'articolo 640 riguarda contributi, finanziamenti, mutui agevolati ovvero altre erogazioni dello stesso tipo, comunque denominate, concessi o erogati da parte dello Stato, di altri enti pubblici o delle Comunità europee La condotta costitutiva del reato coincide con quella della truffa. Elemento soggettivo Vale quanto sub art. 640 c.p. Momento consumativo Vale quanto sub art. 640 c.p. Considerazioni applicative Il reato (delitto) è ipotizzabile per il settore assicurativo, ma non su larga scala. Vale quanto detto sub art 640 cod. pen. e sub artt. 316-bis e 316- ter cod. pen. Art. 640-ter cod. pen. - Frode informatica [I]. Chiunque, alterando in qualsiasi modo il funzionamento di un sistema informatico o telematico o intervenendo senza diritto con qualsiasi modalità su dati, informazioni o programmi contenuti in un sistema informatico o telematico o ad esso pertinenti, procura a sé o ad altri un ingiusto profitto con altrui danno, è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni e con la multa da 51 euro a euro. [II]. La pena è della reclusione da uno a cinque anni e della multa da 309 euro a euro se ricorre una delle circostanze previste dal numero 1) del secondo comma dell'articolo 640, ovvero se il fatto è commesso con abuso della qualità di operatore del sistema. [III]. Il delitto è punibile a querela della persona offesa, salvo che ricorra taluna delle circostanze di cui al secondo comma o un'altra circostanza aggravante. La condotta fraudolenta deve consistere nell alterare (in qualsiasi modo) il funzionamento di un sistema informatico, ovvero, nell intervenire (con qualsiasi modalità) su dati, informazioni o programmi contenuti nel sistema o ad esso pertinenti. 38

13 Elemento soggettivo Il dolo è specifico e consiste nella volontà di alterare il funzionamento dei sistemi od intervenire sui dati, programmi, informazioni, con la previsione del profitto ingiusto e dell altrui danno. Momento consumativo Il reato si consuma con la realizzazione dell ingiusto profitto. Considerazioni applicative Il reato (delitto) è ipotizzabile per il settore assicurativo. Fattispecie/occasioni Frode realizzata attraverso collegamenti telematici o trasmissione di dati su supporti informatici a pubbliche amministrazioni o ad enti pubblici, o ad autorità di vigilanza. Possibili aree/funzioni/attività interessate Human Resources Campi di attenzione Collegamenti telematici (in entrata e in uscita) o trasmissione di dati su supporti informatici a pubbliche amministrazioni (Ministero dell economia e delle finanze, Motorizzazione Civile, Casellario Centrale Infortuni) o ad enti pubblici o ad autorità di vigilanza (ISVAP, CONSOB, COVIP). Art. 377-bis cod. pen. - Induzione a non rendere dichiarazioni o a rendere dichiarazioni mendaci all autorità giudiziaria [I]. Salvo che il fatto costituisca più grave reato, chiunque, con violenza o minaccia, o con offerta o promessa di denaro o di altra utilità, induce a non rendere dichiarazioni o a rendere dichiarazioni mendaci la persona chiamata a rendere davanti alla autorità giudiziaria dichiarazioni utilizzabili in un procedimento penale, quando questa ha la facoltà di non rispondere, è punito con la reclusione da due a sei anni. Il reato consiste nell azione, offensiva (violenza o minaccia) o suasiva (offerta o promessa) diretta ad indurre taluno alla falsità (mancata dichiarazione o dichiarazione mendace) in un procedimento penale. Elemento soggettivo Il dolo è generico e consiste nella coscienza e volontà di indurre a non rendere dichiarazioni o a rendere dichiarazioni mendaci avanti l autorità giudiziaria in sede penale. 39

14 Momento consumativo Il reato (di pericolo) si verifica con la violenza o minaccia od offerta o promessa finalizzata alla falsità giudiziale, ovvero, la mancata dichiarazione o la dichiarazione mendace avanti l autorità giudiziaria in sede penale. Considerazioni applicative Il reato (delitto) è ipotizzabile per il settore assicurativo. Fattispecie/occasioni - Ogni ipotesi di indagine o di procedimento giudiziario penale riguardante o connesso con l attività aziendale a livello transnazionale; - Ogni ipotesi di indagine o di procedimento giudiziario penale riguardante o connesso con la prestazione di coperture assicurative o di garanzie fideiussorie aventi implicazioni transnazionali. Possibili aree/funzioni/attività interessate Human Resources Campi di attenzione - Gestione dei contenziosi giudiziali in genere; - Gestione del contenzioso relativo ai premi ed ai sinistri. I presidi e gli strumenti di controllo Nell espletamento delle proprie attività lavorative, i destinatari del Modello devono conoscere e rispettare: - le norme di comportamento, i valori ed i principi etici enunciati nel Codice Etico; - i principi di Corporate Governance a cui l ente si ispira; - le procedure aziendali e di Gruppo, la documentazione relativa al corpo normativo, la struttura organizzativa ed il sistema di controllo, in particolare, con riferimento all ordinamento italiano la Anti-Corruption Compliance policy; - in generale la normativa italiana a straniera applicabile. Principi di comportamento È fatto assoluto divieto: - porre in essere comportamenti che integrano le fattispecie di reato presupposto di responsabilità dell ente previsti dagli articoli 24 e 25 del Decreto; - porre in essere od agevolare operazioni in conflitto di interesse effettive o potenziali con l ente; 40

15 - elargire o promettere a pubblici ufficiali od incaricati di pubblico servizio denaro od altre entità patrimoniali, vantaggi di qualsiasi natura, omaggi o regali che non siano di modico valore o comunque non conformi al Codice Etico ed alle prassi aziendali; - riconoscere corrispettivi a favore di fornitori o prestatori di servizi che non siano giustificati in relazione al tipo di prestazione; - presentare dichiarazioni, dati, informazioni o documenti non veritieri alla pubblica amministrazione, organi pubblici comunitari o stranieri per qualsiasi motivo ed, in particolare, per conseguire erogazioni o finanziamenti; - destinare erogazioni o finanziamenti della P.A., di natura comunitaria od organismi stranieri per scopi diversi da quelli per cui sono stati erogati. Pertanto devono essere osservati i seguenti comportamenti: - i rapporti con pubblici ufficiali od incaricati di pubblico servizio devono essere gestiti in modo unitario attraverso uno o più incaricati dell ente per ogni azione o categoria di azioni; - tale responsabile interno per i rapporti con la P.A. deve essere assistito da altro responsabile della singola funzione aziendale interessata; - di ogni azione od operazione con la P.A. (o con pubblico ufficiale od incaricato di pubblico servizio) deve essere redatta una relazione contenete gli elementi principali soggettivi ed oggettivi, quali i soggetti appartenenti all ente coinvolti nell operazione, il nome del responsabile interno, dei soggetti dallo stesso delegati al compimento di funzioni specifiche e del soggetto che coadiuva il responsabile interno nelle attività di contatto con la P.A. Principi di controllo Il sistema dei controlli relativi al processo per l ottenimento di contributi/sovvenzioni/finanziamenti pubblici deve avvenire secondo i seguenti fattori: 1) Ruoli e responsabilità: - tutte le risorse umane interne od esterne all ente che partecipano comunque al processo di concessione di contributi, sovvenzioni o finanziamenti erogati dallo Stato, da organismi pubblici devono essere individuati ed autorizzati dal responsabile di settore tramite delega interna, da conservare a cura della struttura medesima; - le domande di contributi, finanziamenti pubblici come sopra indicati sono sottoscritte dal responsabile di settore competente specificamente e formalmente facoltizzato in virtù del vigente sistema dei poteri e delle deleghe; - il ricorso a consulenti esterni deve avvenire in base ad un preciso incarico secondo le modalità previste dalle procedure aziendali, fermo restando che la selezione deve avvenire sulla base di una pluralità di offerte e secondo criteri oggettivi e codificati. 2) Segregazione delle funzioni: - Il responsabile di settore assegna a ciascuno ufficio le attività operative e di controllo, in modo tale che sia la dialettica fra i soggetti deputati alla gestione delle fasi istruttorie e realizzative e quelli deputati alle attività di verifica. 41

16 3) Attività di controllo: - la struttura di settore, sotto la propria responsabilità, deve procedere ai seguenti controlli: a) verificare la coerenza dei contenuti del progetto rispetto alle direttive del bando; b) verificare la regolarità formale e sostanziale della documentazione da utilizzare in tutto il processo di concessione di contributi, sovvenzioni o finanziamenti; c) procedere all accertamento periodico secondo gli specifici obblighi di controllo e monitoraggio previsti dal bando. 4) Tracciabilità del processo a livello di sistema informativo ed in termini documentali: - per consentire in qualsiasi momento la conformità dei comportamenti alle norme primarie e secondarie, alla prassi aziendale, al Modello ed al Codice Etico, e ciò al fine di verificare le motivazioni delle scelte effettuate anche al fine di accertare presupposti di responsabilità, sia il responsabile di settore, sia la singola struttura interessata devono curare e procedere alla conservazione, su supporto durevole, di tutta la documentazione, ivi inclusa quella trasmessa all ente finanziatore, anche in via telematica o elettronica, inerente al procedimento di erogazione di contributi/sovvenzioni/finanziamenti pubblici. Il sistema dei controlli relativo a prevenire la commissione dei reati di concussione e corruzione e truffa in danno dello Stato o di altro ente pubblico deve avvenire secondo i seguenti fattori: 1) Ruoli e responsabilità: - gli atti che comportano per l ente l acquisizione di diritti o l assunzione di obbligazioni devono essere sottoscritti esclusivamente da soggetto appositamente incaricato secondo l assetto delle deleghe aziendali; - tutti i rapporti con i funzionari pubblici dello Stato, di altro ente pubblico, di organismi comunitari e di organismi pubblici stranieri, in particolare, in caso di accertamenti e sopralluoghi devono essere decisi dal responsabile di settore e gestiti oltre che da lui, da soggetto dallo stesso appositamente incaricati; - per evitare la formazioni di fondi che potrebbero anche essere utilizzati in azioni corruttive, il processo degli acquisti deve avvenire secondo quanto disposto dall apposita procedura aziendale, la quale deve provvedere all approvazione della domanda di acquisto, la selezione dei fornitori, le modalità di perfezionamento del contratto, l autorizzazione all emissione dell ordine e del pagamento, individuando i soggetti deputati alle singole funzioni od operazioni che siano in possesso di idonee facoltà e dotati del potere necessario in base al sistema delle deleghe adottato in azienda; - l ordine per la fornitura di beni di servizio o prestazioni professionali deve avvenire nel novero di soggetti selezionati secondo le regole dell ente; deroghe a tale regime possono avvenire solo per forniture occasionali che comunque devono essere adeguatamente motivate; - il pagamento delle fatture deve essere giustificato dalla fornitura del bene o dalla prestazione di servizio in esse indicato; deve essere effettuato dalla struttura aziendale 42

17 dedicata e deve avvenire con mezzi di pagamento diversi dal denaro, fermo restando che di ogni operazione deve essere garantita la tracciabilità; - nelle operazioni di selezione ed assunzione del personale il responsabile di settore deve approvare un budget degli organici; la richiesta di selezione ed assunzione, in conformità al budget di cui al punto precedente deve avvenire attraverso la compilazione di modulistica specifica ed autorizzata dal responsabile di settore secondo le procedure interne. Le richieste di assunzione fuori dai limiti indicati nel budget devono essere motivate e debitamente autorizzate in accordo con le procedure interne. Le valutazioni dei candidati sono formalizzate in apposita documentazione, di cui è garantita l archiviazione. I rapporti, diretti ed indiretti, tra il candidato e la P.A. sono preventivamente accertati e valutati. 2) Segregazione delle funzioni: - tutte le comunicazioni relative ai rilievi inerenti alla compliance indirizzata a qualsiasi Autorità od organismo di vigilanza italiano o straniero (compreso l O.d.V.) deve essere preventivamente condivisa con la funzione legale ed quella di controllo interno dell ente; - in caso di ispezione, in via esemplificativa in materia assicurativa, di lavoro, tributaria, il responsabile di settore deve rilevare l oggetto dell ispezione e, quindi, individuare ed incaricare le risorse destinate alla gestione dei rapporti con i funzionari pubblici durante le operazioni ispettive. Qualora nel corso dell ispezione emergano rilievi di particolare importanza le funzioni di Legal & Compliance e Internal Auditing devono informare l Organismo di Vigilanza. 3) Attività di controllo: - La formazione e la stipulazione dei contratti con gli enti pubblici sopra indicati deve avvenire in conformità ad apposite procedure aziendali che devono prevedere specifici controlli e blocchi automatici sul sistema informativo. 4) Tracciabilità del processo a livello informatico e documentale: - La documentazione utilizzata nel processo di formazione di contratti od accordi con la Pubblica Amministrazione deve essere archiviata dalla struttura competente in apposito fascicolo da tenere aggiornato, con modalità formalizzata, nel corso dello svolgimento dell attività; - qualsiasi accordo, convenzione o contratto con la Pubblica Amministrazione deve essere perfezionato con un documento firmato da soggetti muniti del potere di rappresentanza nei rapporti con la P.A. opponibile ai terzi secondo quanto previsto dall ordinamento italiano e, pertanto, nella pubblicazione aggiornata effettuata nel registro delle imprese; - per tutte le operazioni che attengono all esecuzione di accordi, convenzioni o contratto con la Pubblica Amministrazione devono essere utilizzati sistemi informatici di supporto che garantiscono la tracciabilità delle informazioni elaborate; tutti i dati devono essere conservati su supporto durevole, anche cartaceo, nel rispetto dei termini di prescrizione imposti dalla normativa civile. 43

18 Il sistema di controllo atto a prevenire il reato di corruzione in atti giudiziari si basa sui seguenti fattori: 1) Ruoli e responsabilità: - Qualunque sia il contenzioso civile, penale, amministrativo o tributario il responsabile di settore, in particolare Legal & Compliance, deve curare che le risorse umane interne ed esterne all ente, comunque destinatarie del Modello nei rapporti con i legali incaricati, nei rapporti con l autorità giudiziaria in sede di audizione, nella formazione di atti e documenti utili al giudizio debbano tenere un comportamento che escluda la corruzione per un atto d ufficio o per un atto contrario ai doveri d ufficio per favorire o danneggiare una parte del processo - il conferimento degli incarichi a legali esterni avviene nell ambito dell albo predisposto. Eventuali incarichi a legali esterni diversi da quelli individuati nell albo devono essere adeguatamente motivati e autorizzati dal responsabile della struttura competente; - la struttura di settore deve effettuare il monitoraggio costante delle fasi processuali, corredandosi di eventuali pareri dei legali o professionisti incaricati della gestione del contenzioso, al fine di valutare il relativo rischio legale e, quindi, le opportunità transattive; - le eventuali transazioni devono essere decise sulla base della valutazione del rischio legale di cui al punto precedente e devono essere perfezionate in conformità al sistema dei poteri e delle deleghe curando gli effetti della transazione sia sul piano sostanziale, che sul piano processuale; - in tale contesto devono essere curati tutti gli adempimenti in materia di trascrizione od iscrizione nei pubblici registri in termini favorevoli all ente. 2) Attività di controllo: - le strutture competenti provvedono periodicamente alla rilevazione del contenzioso stragiudiziale e giudiziale, verificando la regolarità degli adempimenti necessari, sia per la conduzione del processo, sia per la sua estinzione. 3) Tracciabilità del processo informatico e documentale: - di ogni fase del contenzioso, qualunque esso sia, deve essere conservata apposita documentazione scritta o su supporto durevole. 44

19 PARTE SPECIALE II: Reati di riciclaggio, impiego di denaro, beni e utilità di provenienza illecita, reati con finalità di terrorismo e di eversione dell ordine democratico e reati di spendita di monete falsificate ricevute in buona fede ed uso di valori di bollo contraffatti o alterati Il presente paragrafo si riferisce alle fattispecie di reato di riciclaggio e impiego di denaro, beni e utilità di provenienza illecita introdotti all art 25-octies del D.Lgs. 231/2001, ai reati con finalità di terrorismo e di eversione dell ordine democratico previsti dall art. 25-quater del D.Lgs. 231/2001 ed, infine, ai reati di falsità in monete ed uso di valori di bollo contraffatti od alterati previsti dall art. 25-bis del D.Lgs. 231/01. Art. 648-bis cod. pen. Riciclaggio [I]. Fuori dei casi di concorso nel reato, chiunque sostituisce o trasferisce denaro, beni o altre utilità provenienti da delitto non colposo, ovvero compie in relazione ad essi altre operazioni, in modo da ostacolare l identificazione della loro provenienza delittuosa, è punito con la reclusione da quattro a dodici anni e con la multa da euro a euro. [II]. La pena è aumentata quando il fatto è commesso nell esercizio di un attività professionale. [III]. La pena è diminuita se il denaro, i beni o le altre utilità provengono da delitto per il quale è stabilita la pena della reclusione inferiore nel massimo a cinque anni. [IV]. Si applica l'ultimo comma dell articolo 648. Compimento di atti che siano diretti alla sostituzione o al trasferimento del danaro, beni o altre attività provenienti da delitto non colposo o il compimento di altre operazioni in relazione ad essi, facendo perdere le tracce di tale provenienza illecita, ancorché non si sia raggiunto lo scopo o l effettivo recupero dei beni ripuliti. Elemento soggettivo Il dolo è generico e consiste nella coscienza e volontà di sostituire o trasferire il denaro, beni o altre attività della cui provenienza da delitto non colposo si è consapevoli o di compiere altre operazioni, in modo da ostacolare la identificazione della loro provenienza delittuosa. Momento consumativo Il reato, fattispecie a consumazione anticipata, si produce all atto del mero compimento di atti o fatti diretti a consentire la riutilizzazione di denaro, beni o altre utilità di provenienza illecita in maniera tale da creare in concreto difficoltà alla scoperta della loro provenienza delittuosa, indipendentemente dal raggiungimento dello scopo. 45

20 Considerazioni applicative Il reato (delitto) è ipotizzabile in capo all Ente. Fattispecie/occasioni - Investimenti con il patrimonio libero, anche a livello transnazionale; - Vendita o locazione di immobili di proprietà dell impresa di assicurazione; - Movimentazioni economiche, anche a livello transnazionale, relative ad ogni genere di rapporti assicurativi, soprattutto polizze vita a contenuto finanziario, nonché coperture che consentono o favoriscono l anonimato; - Attuazione delle misure antiriciclaggio per i rami vita, tra cui adeguata verifica della clientela e rilevazione e segnalazione delle c.d. operazioni sospette, nonché individuazione di un responsabile per il rispetto della specifica normativa antiriciclaggio-terrorismo. Possibili aree/funzioni/attività interessate Agency & Broker Sales Management (cfr. art. 47 Reg. Isvap n. 5 del 16 ottobre 2006) Finance Art. 648-ter cod. pen. - Impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita [I]. Chiunque, fuori dei casi di concorso nel reato e dei casi previsti dagli articoli 648 e 648-bis, impiega in attività economiche o finanziarie denaro, beni o altre utilità provenienti da delitto, è punito con la reclusione da quattro a dodici anni e con la multa da euro a euro. [II]. La pena è aumentata quando il fatto è commesso nell'esercizio di un'attività professionale. [III]. La pena è diminuita nell'ipotesi di cui al secondo comma dell articolo 648. [IV]. Si applica l'ultimo comma dell articolo 648. La specificità del reato rispetto a quello di riciclaggio (art. 648-bis cod. pen.) sta nel fatto che le finalità di far perdere le tracce della provenienza illecita di denaro, beni o altre utilità è perseguita mediante l impiego di dette risorse in attività economiche o finanziarie, con esclusione quindi delle prestazioni meramente professionali, nelle quali ha assoluta prevalenza l aspetto intellettuale, e degli impieghi di denaro e altre utilità aventi carattere occasionale e sporadico. Elemento soggettivo Il dolo è generico e consiste nella coscienza e volontà di impiegare in attività economiche o finanziarie denaro, beni o utilità nella consapevolezza che le risorse impiegate provengono da delitto. 46

RSAI PARTE SPECIALE. relativa al MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. Ai sensi del d. lgs. 8 giugno 2001, n. 231

RSAI PARTE SPECIALE. relativa al MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. Ai sensi del d. lgs. 8 giugno 2001, n. 231 INTRODUZIONE RSAI PARTE SPECIALE relativa al MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Ai sensi del d. lgs. 8 giugno 2001, n. 231 Per tutti i raggruppamenti di reati identificati al paragrafo 3.5

Dettagli

REATI NEI RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

REATI NEI RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE ALLEGATO 2 REATI NEI RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 1) CORRUZIONE La corruzione consiste in un accordo tra un privato ed un pubblico ufficiale o un incaricato di pubblico servizio mediante il

Dettagli

- PARTE SPECIALE B- DELITTI INFORMATICI E TRATTAMENTO ILLECITO DI DATI

- PARTE SPECIALE B- DELITTI INFORMATICI E TRATTAMENTO ILLECITO DI DATI - PARTE SPECIALE B- DELITTI INFORMATICI E TRATTAMENTO ILLECITO DI DATI B.1. I reati di cui all art. 24 bis del D. Lgs. n. 231/2001 La legge 18 marzo 2008, n. 48, recante Ratifica ed esecuzione della Convenzione

Dettagli

FAMIGLIA DI REATI REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE NORMATIVA CHE LI HA INTRODOTTI

FAMIGLIA DI REATI REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE NORMATIVA CHE LI HA INTRODOTTI FAMIGLIA DI REATI REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE NORMATIVA CHE LI HA INTRODOTTI Gli artt. 24 e 25 del Decreto introducono quali reati presupposto della responsabilità amministrativa dell Ente

Dettagli

Modifiche al codice penale ex legge 190/2012

Modifiche al codice penale ex legge 190/2012 Modifiche al codice penale ex legge 190/2012 Art. 32 quaterc.p. Casi nei quali alla condanna consegue la incapacità di contrattare con la pubblica amministrazione. Testo previgente Ogni condanna per i

Dettagli

ACAM Ambiente S.p.A.

ACAM Ambiente S.p.A. ACAM Ambiente S.p.A. Modello di organizzazione e controllo ex D.Lgs. 231/2001 Delitti informatici e trattamento illecito dei dati Approvato con determinazione A.U. del 23.12.2014 1/11 Sommario 1. Ambito

Dettagli

S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O T O S E L L O & P A R T N E R S

S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O T O S E L L O & P A R T N E R S S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O T O S E L L O & P A R T N E R S 35131 PADOVA - Piazzale Stazione n. 6 - tel. 049.8759866-049.654879 - fax 049.8753348 C.F./P.IVA 04351050283 avvocati@studiolegaletosello.it

Dettagli

PARTE SPECIALE Sezione II. Reati informatici

PARTE SPECIALE Sezione II. Reati informatici PARTE SPECIALE Sezione II Reati informatici PARTE SPECIALE Sezione II Sommario 1.Le fattispecie dei Reati Presupposto (Art. 24 bis del D. Lgs. 231/01)... 3 2.Processi Sensibili... 5 3.Regole generali...

Dettagli

LIBRO SECONDO. Dei delitti in particolare TITOLO III. Dei delitti contro l'amministrazione della giustizia CAPO III

LIBRO SECONDO. Dei delitti in particolare TITOLO III. Dei delitti contro l'amministrazione della giustizia CAPO III LIBRO SECONDO Dei delitti in particolare TITOLO III Dei delitti contro l'amministrazione della giustizia CAPO III Della tutela arbitraria delle private ragioni Articolo 392 Esercizio arbitrario delle proprie

Dettagli

ACAM Ambiente S.p.A.

ACAM Ambiente S.p.A. ACAM Ambiente S.p.A. Modello di organizzazione e controllo ex D.Lgs. 231/2001 Reati di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Approvato con determinazione

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITA DI PROVENIENZA ILLECITA Adozione con delibera Consiglio

Dettagli

Modello di organizzazione e di gestione ex Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231

Modello di organizzazione e di gestione ex Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 Modello di organizzazione e di gestione ex Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. PARTE SPECIALE (definizione degli illeciti e mappatura delle attività sensibili) (Adottato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

PARTE SPECIALE Prima Sezione

PARTE SPECIALE Prima Sezione PARTE SPECIALE Prima Sezione Reati di indebita percezione di erogazioni, truffa in danno dello Stato o di un ente pubblico o per il conseguimento di erogazioni pubbliche e frode informatica in danno dello

Dettagli

Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001

Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 Parte Speciale Sezione Delitti informatici e trattamento illecito di dati ELENCO DELLE REVISIONI REV. DATA NATURA DELLE MODIFICHE

Dettagli

Attacchi informatici: gli strumenti di tutela

Attacchi informatici: gli strumenti di tutela SOMMARIO Ipotesi di attacco informatico La procedibilità su querela o d ufficio La querela: contenuto e modalità di presentazione Cosa è la denuncia Brevi cenni sull esposto Le ipotesi di attacco informatico

Dettagli

REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO

REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.lgs 8 giugno 2001 n. 231 Parte Speciale E REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO di Fujitsu Technology Solutions S.p.A. Vers.

Dettagli

LEGGE 23 dicembre 1993 n. 547

LEGGE 23 dicembre 1993 n. 547 LEGGE 23 dicembre 1993 n. 547 Modificazioni ed integrazioni delle norme del codice penale e del codice di procedura penale in tema di criminalità informatica. La Camera dei Deputati e il Senato della Repubblica

Dettagli

Elenco dei Reati ex D. Lgs. 231/2001

Elenco dei Reati ex D. Lgs. 231/2001 Elenco dei Reati ex D. Lgs. 231/2001 di Chiara Assicurazioni Versione del: Settembre 2012 Approvata dall OdV del: 18/09/2012 Approvata dal CdA del: 24/09/2012 Pag. 1 Elenco Reati Versione del Settembre

Dettagli

IL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO D.LGS. 231/2001 APISERVIZI SCARL PARTE SPECIALE

IL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO D.LGS. 231/2001 APISERVIZI SCARL PARTE SPECIALE IL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO D.LGS. 231/2001 APISERVIZI SCARL PARTE SPECIALE Parte Speciale A Reati contro la Pubblica Amministrazione Parte Speciale B Reati Informatici Parte Speciale

Dettagli

Parte Speciale G: I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Codice documento:

Parte Speciale G: I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Codice documento: Parte Speciale G: I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Codice documento: MOG 231 - PSG COPIA CONTROLLATA N 1 REV. BREVE DESCRIZIONE

Dettagli

PARTE SPECIALE DELITTI INFORMATICI E DI TRATTAMENTO ILLECITO DI DATI I DELITTI INFORMATICI E DI TRATTAMENTO ILLECITO DI DATI

PARTE SPECIALE DELITTI INFORMATICI E DI TRATTAMENTO ILLECITO DI DATI I DELITTI INFORMATICI E DI TRATTAMENTO ILLECITO DI DATI PARTE SPECIALE DELITTI INFORMATICI E DI TRATTAMENTO ILLECITO DI DATI I DELITTI INFORMATICI E DI TRATTAMENTO ILLECITO DI DATI Energeko Gas Italia S.r.l. Versione 01 - Aggiornamento 01/2013 1 Sommario PARTE

Dettagli

Parte speciale Reati informatici

Parte speciale Reati informatici Parte speciale Reati informatici Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D.Lgs 231/2001 L Amministratore delegato APPROVAZIONE Il Presidente del CdA STATO DEL DOCUMENTO Redazione Revisione Modifica

Dettagli

Elenco dei Reati ex D. Lgs. 231/2001

Elenco dei Reati ex D. Lgs. 231/2001 Elenco dei Reati ex D. Lgs. 231/2001 Versione del: Novembre 2014 Approvata dall OdV del: 27/11/2014 Approvata dal CdA del: 27/11/2014 Pag. 1 Elenco Reati Versione del Novembre 2014 INDICE 1. I REATI PRESUPPOSTO...

Dettagli

DELITTI CONTRO L INDUSTRIA ED IL COMMERCIO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. CONSIP S.P.A. a socio unico ***** PARTE SPECIALE K

DELITTI CONTRO L INDUSTRIA ED IL COMMERCIO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. CONSIP S.P.A. a socio unico ***** PARTE SPECIALE K MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D. LGS. 231/2001 DI CONSIP S.P.A. a socio unico ***** PARTE SPECIALE K DELITTI CONTRO L INDUSTRIA ED IL COMMERCIO 1 IL RISCHIO SPECIFICO DEI

Dettagli

D.Lgs. 231/2001 Novità normative e orientamenti giurisprudenziali. "D.Lgs. n. 231/2001 e la sua applicazione in azienda"

D.Lgs. 231/2001 Novità normative e orientamenti giurisprudenziali. D.Lgs. n. 231/2001 e la sua applicazione in azienda D.Lgs. 231/2001 Novità normative e orientamenti giurisprudenziali "D.Lgs. n. 231/2001 e la sua applicazione in azienda" Il quadro di riferimento L evoluzione normativa e l introduzione di nuove fattispecie

Dettagli

1/2 (e non può comunque essere superiore ad Euro 103.291,38)

1/2 (e non può comunque essere superiore ad Euro 103.291,38) FAQ sul MOG 1. Che cos è il D. Lgs. 231/2001? Il D. Lgs. 231/2001 entrato in vigore il 4 luglio 2001, individua le disposizioni normative concernenti la disciplina della responsabilità amministrativa delle

Dettagli

Elenco dei Reati ex D. Lgs. 231/2001

Elenco dei Reati ex D. Lgs. 231/2001 Elenco dei Reati ex D. Lgs. 231/2001 Versione del: Maggio 2015 Approvata dall OdV del: 06/5/2015 Approvata dal CdA del: 07/5/2015 Pag. 1 Elenco Reati Versione del Maggio 2015 INDICE 1. I REATI PRESUPPOSTO...

Dettagli

- PARTE SPECIALE D- I REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITA DI PROVENIENZA ILLECITA

- PARTE SPECIALE D- I REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITA DI PROVENIENZA ILLECITA 75 - PARTE SPECIALE D- I REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITA DI PROVENIENZA ILLECITA 75 76 D.1. I reati di cui all art. 25 octies del D. Lgs. n. 231/2001. Esemplificazione

Dettagli

Elenco dei Reati ex D. Lgs. 231/2001

Elenco dei Reati ex D. Lgs. 231/2001 Elenco dei Reati ex D. Lgs. 231/2001 Versione del: Aprile 2015 Approvata dall OdV del: 23/4/2015 Approvata dal CdA del: 07/5/2015 Pag. 1 Elenco Reati Versione dell Aprile 2015 INDICE 1. I REATI PRESUPPOSTO...

Dettagli

ALLEGATO A ELENCO REATI PRESUPPOSTO DELLA RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETA E DEGLI ENTI EX D.

ALLEGATO A ELENCO REATI PRESUPPOSTO DELLA RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETA E DEGLI ENTI EX D. ALLEGATO A ELENCO REATI PRESUPPOSTO DELLA RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETA E DEGLI ENTI EX D. Lgs. 231/2001 1 INDICE Art. 24 Reati contro il patrimonio della Pubblica Amministrazione... 5 Truffa

Dettagli

Matteo Colombo Esperto in materia di Privacy e D.Lgs. 231/2001, Amministratore Delegato di Labor Project

Matteo Colombo Esperto in materia di Privacy e D.Lgs. 231/2001, Amministratore Delegato di Labor Project Matteo Colombo Esperto in materia di Privacy e D.Lgs. 231/2001, Amministratore Delegato di Labor Project IL MANUALE È AD USO ESCLUSIVO DEI CORSISTI: NE È VIETATA LA RIPRODUZIONE 1 Il D.Lgs. 231/01 Il D.Lgs.

Dettagli

FALSITÀ IN MONETE, IN CARTE DI PUBBLICO CREDITO, IN VALORI DI BOLLO E IN STRUMENTI O SEGNI DI RICONOSCIMENTO

FALSITÀ IN MONETE, IN CARTE DI PUBBLICO CREDITO, IN VALORI DI BOLLO E IN STRUMENTI O SEGNI DI RICONOSCIMENTO FAMIGLIA DI REATI FALSITÀ IN MONETE, IN CARTE DI PUBBLICO CREDITO, IN VALORI DI BOLLO E IN STRUMENTI O SEGNI DI RICONOSCIMENTO NORMATIVA CHE LI HA INTRODOTTI L art. 25 bis disciplina le ipotesi in cui

Dettagli

I reati presupposto SISTEMI DI COMPLIANCE E DECRETO LEGISLATIVO 231 DEL 2001. Avv. Massimiliano Lissi S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO

I reati presupposto SISTEMI DI COMPLIANCE E DECRETO LEGISLATIVO 231 DEL 2001. Avv. Massimiliano Lissi S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO SISTEMI DI COMPLIANCE E DECRETO LEGISLATIVO 231 DEL 2001 I reati presupposto Avv. Massimiliano Lissi 1 8 novembre 2013 Artt. 24 e 25 d.lgs 231/2001: Reati

Dettagli

Elenco dei Reati ex D. Lgs. 231/2001

Elenco dei Reati ex D. Lgs. 231/2001 Elenco dei Reati ex D. Lgs. 231/2001 Versione del: Ottobre 2015 Approvata dall OdV del: 5 novembre 2015 Approvata dal CdA del: 5 novembre 2015 1 di 57 INDICE 1. I REATI PRESUPPOSTO... 3 1.1. ARTICOLO 24

Dettagli

Meda Pharma SpA Modello di Organizzazione Gestione e Controllo - Allegato A Documento di mappatura dei processi sensibili

Meda Pharma SpA Modello di Organizzazione Gestione e Controllo - Allegato A Documento di mappatura dei processi sensibili Meda Pharma SpA - Allegato A al Modello Organizzativo Reato non rilevante Reato rilevante Articolo D.Lgs Fattispecie iilecito amministrativo Anno introduzione Reato Articolo 23 D. Lgs. Inosservanza delle

Dettagli

Modello di Organizzazione, di gestione e di controllo ai sensi del D.lgs. 231/2001 PARTE SPECIALE A REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

Modello di Organizzazione, di gestione e di controllo ai sensi del D.lgs. 231/2001 PARTE SPECIALE A REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Modello di Organizzazione, di gestione e di controllo ai sensi del D.lgs. 231/2001 PARTE SPECIALE A REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Sommario 1. Destinatari e finalità della Parte Speciale Reati

Dettagli

I REATI EX D.LGS. 231/2001

I REATI EX D.LGS. 231/2001 I REATI EX D.LGS. 231/2001 Il Decreto Legislativo 231/2001, nella sua stesura originaria, elencava, tra i reati dalla cui commissione è fatta derivare la responsabilità amministrativa degli Enti, esclusivamente

Dettagli

MAPPATURA DELLE AREE DI RISCHIO EX D. LGS. 231/01

MAPPATURA DELLE AREE DI RISCHIO EX D. LGS. 231/01 LAURO CANTIERI VALSESIA S.P.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO MAPPATURA DELLE AREE DI RISCHIO EX D. LGS. 231/01 Premessa Ai fini dell efficace predisposizione di un Modello Organizzativo,

Dettagli

RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA DEGLI ENTI ex D.lgs. 231/01

RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA DEGLI ENTI ex D.lgs. 231/01 RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA DEGLI ENTI ex D.lgs. 231/01 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO Allegato II MANUALE DEI RISCHI E DEI CONTROLLI INDICE PREMESSA... 3 1. UNITÀ ORGANIZZATIVE AZIENDALI...

Dettagli

MODELLO di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO. conforme alle previsioni di cui al D. Lgs. n. 231 del 2001

MODELLO di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO. conforme alle previsioni di cui al D. Lgs. n. 231 del 2001 MODELLO di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO conforme alle previsioni di cui al D. Lgs. n. 231 del 2001 Edizione Gennaio 2013 2 SOMMARIO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO... 1 CONFORME ALLE

Dettagli

PARTE SPECIALE G REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO ED IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÁ DI PROVENIENZA ILLECITA

PARTE SPECIALE G REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO ED IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÁ DI PROVENIENZA ILLECITA PARTE SPECIALE G REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO ED IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÁ DI PROVENIENZA ILLECITA APPROVATA DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE NELLA SEDUTA DEL 22 GIUGNO 2009 INDICE PARTE

Dettagli

TABELLA REATI/ILLECITI PRESUPPOSTO DELLA RESPONSABILITA' EX D.LGS. 231/01, CON RIFERIMENTI LEGISLATIVI E SANZIONI (Rev. 19 del 14/06/2015)

TABELLA REATI/ILLECITI PRESUPPOSTO DELLA RESPONSABILITA' EX D.LGS. 231/01, CON RIFERIMENTI LEGISLATIVI E SANZIONI (Rev. 19 del 14/06/2015) ART. (Malversazione a danno dello Stato o di altro ente pubblico) Chiunque, estraneo alla pubblica amministrazione, avendo ottenuto 24 dallo Stato o da altro ente pubblico o dalle Comunità europee contributi,

Dettagli

Mappa delle attività a rischio reato nella Fondazione Torino Wireless 2015

Mappa delle attività a rischio reato nella Fondazione Torino Wireless 2015 Mappa delle attività a rischio reato nella Fondazione Torino Wireless 2015 PREMESSA: per compilare le tabelle che seguono sono stati inizialmente presi in considerazione tutti i reati previsti dal D.lgs.

Dettagli

POLO Consulting INFORMATION SYSTEMS ENGINEERING PRIVACY CORPORATE CONSULTANTS

POLO Consulting INFORMATION SYSTEMS ENGINEERING PRIVACY CORPORATE CONSULTANTS IL CODICE PENALE E LA PRIVACY Questa è una raccolta, non esaustiva, degli articoli del Codice Penale inerenti la privacy e la frode informatica, aggiornata con le modifiche introdotte dalla Legge 48 del

Dettagli

Codice Penale. [...] LIBRO SECONDO DEI DELITTI IN PARTICOLARE TITOLO VII Dei delitti contro la fede pubblica. [...] Capo II

Codice Penale. [...] LIBRO SECONDO DEI DELITTI IN PARTICOLARE TITOLO VII Dei delitti contro la fede pubblica. [...] Capo II Codice Penale [...] LIBRO SECONDO DEI DELITTI IN PARTICOLARE TITOLO VII Dei delitti contro la fede pubblica [...] Capo II Della falsità in sigilli o strumenti o segni di autenticazione, certificazione

Dettagli

Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita

Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ADOTTATO DA COMAG s.r.l.

Dettagli

ELENCO DEI REATI PRESUPPOSTO

ELENCO DEI REATI PRESUPPOSTO ELENCO DEI REATI PRESUPPOSTO (ALLEGATO DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ADOTTATO DAL FONDO FOR.TE. AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, n. 231) INDICE 1. PREMESSA... 3 2.

Dettagli

La responsabilità amministrativa delle persone giuridiche: i Modelli Organizzativi ex D. Lgs. 231/01

La responsabilità amministrativa delle persone giuridiche: i Modelli Organizzativi ex D. Lgs. 231/01 La responsabilità amministrativa delle persone giuridiche: i Modelli Organizzativi ex D. Lgs. 231/01 Studio Legale avv. Paolo Savoldi Bergamo, Via G. Verdi 14 Oggetto del Decreto 231/01 Il Decreto 231/01

Dettagli

FAMIGLIA DI REATI REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE NORMATIVA CHE LI HA INTRODOTTI

FAMIGLIA DI REATI REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE NORMATIVA CHE LI HA INTRODOTTI FAMIGLIA DI REATI REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE NORMATIVA CHE LI HA INTRODOTTI Gli artt. 24 e 25 del Decreto introducono quali reati presupposto della responsabilità amministrativa dell Ente

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE MOG parte I 1 di 5 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE MOG parte I PARTE I 2 di 5 Disposizioni generali 1. Adozione, attuazione, aggiornamento, diffusione 1.1. Il sistema organizzativo e gestionale della

Dettagli

Indice SEZIONE PRIMA...3 PREMESSA...3. I Soggetti...4. I Reati...5. Le Sanzioni...6 ADOZIONE DEI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E DI GESTIONE...

Indice SEZIONE PRIMA...3 PREMESSA...3. I Soggetti...4. I Reati...5. Le Sanzioni...6 ADOZIONE DEI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E DI GESTIONE... MODELLO ORGANIZZATIVO D. Lgs. 231/2001 Data emissione: Luglio 2006 Indice SEZIONE PRIMA...3 PREMESSA...3 I Soggetti...4 I Reati...5 Le Sanzioni...6 ADOZIONE DEI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E DI GESTIONE...8

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO. avv.pierluigioliva@hotmail.it

ANTIRICICLAGGIO. avv.pierluigioliva@hotmail.it ANTIRICICLAGGIO avv.pierluigioliva@hotmail.it Il quadro normativo!! Direttive CEE!! D. lgs. 21.11.2007 n.231!! D. lgs. 25.9.2009 n.152!! Il fine è quello di prevenire l utilizzo del sistema finanziario

Dettagli

ELENCO DEI REATI RILEVANTI AI SENSI DEL D.LGS. N. 231/2001

ELENCO DEI REATI RILEVANTI AI SENSI DEL D.LGS. N. 231/2001 ELENCO DEI REATI RILEVANTI AI SENSI DEL D.LGS. N. 231/2001 Il presente documento costituisce parte integrante del Modello Organizzativo 231 adottato dalle Società del Gruppo Banco Desio ai sensi del D.Lgs

Dettagli

Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 25 maggio 2012

Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 25 maggio 2012 Robert Bosch S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 PARTE SPECIALE H: REATI CONTRO L INDUSTRIA E IL COMMERCIO Approvato dal Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Reati informatici Corso Nuove tecnologie e diritto a.a. 2007/2008

Reati informatici Corso Nuove tecnologie e diritto a.a. 2007/2008 Reati informatici Corso Nuove tecnologie e diritto a.a. 2007/2008 Claudia Cevenini claudia.cevenini@unibo.it Elementi generali Reato = illecito penale Può essere punito con pene pecuniarie (es. multa)

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO 1 AUTOSTRADA BRESCIA VERONA VICENZA PADOVA S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi dell art. 6, 3 comma, del Decreto Legislativo

Dettagli

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo Ex Decreto Legislativo 8 giugno 2001 n 231 Capitolo I 4 Principi generali del DLgs 231/2001 4 1- Premessa 2- I soggetti autori del reato 3- Le ipotesi di

Dettagli

Reati informatici. Elementi generali. Sentenza. Violenza sulle cose. Normativa di riferimento. Accesso abusivo a un sistema informatico 1/3

Reati informatici. Elementi generali. Sentenza. Violenza sulle cose. Normativa di riferimento. Accesso abusivo a un sistema informatico 1/3 Reati informatici Corso Nuove tecnologie e diritto a.a. 2007/2008 Elementi generali Reato = illecito penale Può essere punito con pene pecuniarie (es. multa) e/o detentive (es. reclusione). Reati informatici

Dettagli

Parte Speciale R : Il reato di autoriciclaggio

Parte Speciale R : Il reato di autoriciclaggio Parte Speciale R : Il reato di autoriciclaggio MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ADOTTATO DA EMAK S.p.A. REV. BREVE DESCRIZIONE E COMMENTO DATA 0 EMISSIONE 7/08/2015 1 2 3 4 5 Tutti i cambiamenti

Dettagli

Sezione Reati ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita

Sezione Reati ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 Parte Speciale Sezione Reati ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita ELENCO DELLE

Dettagli

ALLEGATO C AREE DI ATTIVITA A RISCHIO REATO, REATI ASSOCIABILI E PRESIDI ORGANIZZATIVI

ALLEGATO C AREE DI ATTIVITA A RISCHIO REATO, REATI ASSOCIABILI E PRESIDI ORGANIZZATIVI Realizzazione di programmi di formazione e di servizi a favore del personale finanziati con contributi pubblici Area di attività a rischio diretto con riferimento ai Corruzione pubblica 1 Truffa in danno

Dettagli

LAURETANA s.p.a. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO ex D.Lgs. 231/2001 PARTE GENERALE

LAURETANA s.p.a. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO ex D.Lgs. 231/2001 PARTE GENERALE LAURETANA s.p.a. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO ex D.Lgs. 231/2001 PARTE GENERALE QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO In data 8 giugno 2001 è stato emanato il Decreto Legislativo 231/2001 (

Dettagli

Modello Organizzativo ex D.Lgs. 231/01

Modello Organizzativo ex D.Lgs. 231/01 Modello Organizzativo ex D.Lgs. 231/01 1 1. PREMESSA Il presente documento costituisce il Modello di Organizzazione e di Gestione ex D.Lgs. n. 231/2001, che sarà adottato dal CORISA- CONSORZIO DI RICERCA

Dettagli

APPENDICE 1. Reati commessi nei rapporti con la pubblica amministrazione (artt. 24 e 25 del Decreto);

APPENDICE 1. Reati commessi nei rapporti con la pubblica amministrazione (artt. 24 e 25 del Decreto); APPENDICE 1 REATI ED ILLECITI (Generale)* I II Reati commessi nei rapporti con la pubblica amministrazione (artt. 24 e 25 del Decreto); Reati informatici e trattamento illecito di dati (art. 24 bis del

Dettagli

I REATI RICHIAMATI DAL D. LGS. 231/01

I REATI RICHIAMATI DAL D. LGS. 231/01 Allegato n. 2 I REATI RICHIAMATI DAL D. LGS. 231/01 0 Art. 23 del D. Lgs. 231/01, Inosservanza delle sanzioni interdittive. Chiunque, nello svolgimento dell'attività dell'ente a cui è stata applicata una

Dettagli

REATI PRESUPPOSTO REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E IL PATRIMONIO (ARTT. 24 E 25)

REATI PRESUPPOSTO REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E IL PATRIMONIO (ARTT. 24 E 25) REATI PRESUPPOSTO REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E IL PATRIMONIO (ARTT. 24 E 25) Malversazione a danno dello Stato o dell Unione Europea (art. 316-bis c.p.): vi incorre chiunque, estraneo alla

Dettagli

PARTE SPECIALE Sezione IV. Reati contro industria e commercio

PARTE SPECIALE Sezione IV. Reati contro industria e commercio PARTE SPECIALE Sezione IV Reati contro industria e commercio PARTE SPECIALE Sezione IV Sommario 1.Le fattispecie di Reati Presupposto (Artic 25 bis 1 D lgs 231/01)... 3 2.Processi Sensibili... 5 3.Regole

Dettagli

WILLIS ITALIA S.P.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE AI SENSI DEL D.LGS. 8 GIUGNO 2001 N. 231 Parte speciale. Parte Speciale 27/03/09 1

WILLIS ITALIA S.P.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE AI SENSI DEL D.LGS. 8 GIUGNO 2001 N. 231 Parte speciale. Parte Speciale 27/03/09 1 WILLIS ITALIA S.P.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE AI SENSI DEL D.LGS. 8 GIUGNO 2001 N. 231 Parte speciale Parte Speciale 27/03/09 1 PARTE SPECIALE A REATI NEI CONFRONTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

Dettagli

1.1 La responsabilità amministrativa da reato delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità giuridica

1.1 La responsabilità amministrativa da reato delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità giuridica PARTE GENERALE 1. Il Decreto Legislativo n. 231/2001 1.1 La responsabilità amministrativa da reato delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità giuridica Il D.Lgs

Dettagli

CHECK LIST della società AMIU S.P.A. (allegato C del Modello Organizzativo)

CHECK LIST della società AMIU S.P.A. (allegato C del Modello Organizzativo) CHECK LIST della società AMIU S.P.A. (allegato C del Modello Organizzativo) 1. REATI SOCIETARI 2. REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 3. REATI SOCIETARI E FALSE COMUNICAZIONI SOCIALI 4. REATI AMBIENTALI

Dettagli

Parte Speciale H : I reati informatici MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AGGIORNATO DA. EMAK s.p.a.

Parte Speciale H : I reati informatici MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AGGIORNATO DA. EMAK s.p.a. Parte Speciale H : I reati informatici MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AGGIORNATO DA EMAK s.p.a. con delibera del Consiglio di Amministrazione del 31Gennaio 2014 Parte Speciale H 1. I reati

Dettagli

SIAE Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo Allegato 1

SIAE Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo Allegato 1 SIAE Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo Allegato 1 I REATI E GLI ILLECITI AMMINISTRATIVI RILEVANTI AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 231/2001 INDICE A. REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE...

Dettagli

Rev. Oggetto Approvazione Data 00 Allegato 1 Reati ex D.Lgs. 231/01 CdA

Rev. Oggetto Approvazione Data 00 Allegato 1 Reati ex D.Lgs. 231/01 CdA Modello di Organizzazione Gestione e Controllo D.Lgs. 231/01 ALLEGATO 1 REATI EX D.LGS 231/01 Rev. Oggetto Approvazione Data 00 Allegato 1 Reati ex D.Lgs. 231/01 CdA SOMMARIO PREMESSA... 6 1. SOGGETTI...

Dettagli

RESPONSABILITÀ DI IMPRESA (D.L. 231/01) E PRIVACY AREA LAZIO E AREA MARCHE

RESPONSABILITÀ DI IMPRESA (D.L. 231/01) E PRIVACY AREA LAZIO E AREA MARCHE RESPONSABILITÀ DI IMPRESA (D.L. 231/01) E PRIVACY AREA LAZIO E AREA MARCHE D&D srl offre servizi di consulenza per la responsabilità d impresa (D. Lgs. n. 231/01) e la privacy agli Enti, alle PMI e alle

Dettagli

Avv. Carlo Autru Ryolo

Avv. Carlo Autru Ryolo Gestione della responsabilità amministrativa L'apparato organizzativo della D.Lgs. 231/01 e il Sistema di Gestione della Responsabilità Amministrativa L'APPARATO ORGANIZZATIVO DELLA D.LGS. 231/01 Disciplina

Dettagli

Ikea Italia Retail S.r.l. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E DI GESTIONE. Allegato 1 Elenco dei Reati

Ikea Italia Retail S.r.l. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E DI GESTIONE. Allegato 1 Elenco dei Reati Ikea Italia Retail S.r.l. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E DI GESTIONE AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001 N. 231 Allegato 1 Elenco dei Reati Aggiornamento Novembre 2013 1 Reati contro la Pubblica

Dettagli

REATO DI RICICLAGGIO E FATTISPECIE CRIMINOSE DI CARATTERE TRANSNAZIONALE

REATO DI RICICLAGGIO E FATTISPECIE CRIMINOSE DI CARATTERE TRANSNAZIONALE FAMIGLIA DI REATI REATO DI RICICLAGGIO E FATTISPECIE CRIMINOSE DI CARATTERE TRANSNAZIONALE NORMATIVA CHE LI HA INTRODOTTI L art. 10 della Legge 16 marzo 2006, n. 146 - "ratifica ed esecuzione della Convenzione

Dettagli

Comunicazione informativa sul Modello 231 e Codice Etico. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.Lgs. 8 GIUGNO 2001 N.

Comunicazione informativa sul Modello 231 e Codice Etico. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.Lgs. 8 GIUGNO 2001 N. Comunicazione informativa sul Modello 231 e Codice Etico MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.Lgs. 8 GIUGNO 2001 N. 231 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE Con la disciplina dettata dal

Dettagli

SALVI SAPONARA & ASSOCIATI

SALVI SAPONARA & ASSOCIATI Via Tibullo 10-00193 Roma Tel (+39) o6 97996050 Fax (+39) 06 97996056 D.lgs 231/01 e responsabilità amministrativa (penale) delle società. Sostanziale obbligo di adozione di specifici modelli organizzativi

Dettagli

PARTE SPECIALE E REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÀ DI PROVENIENZA ILLECITA

PARTE SPECIALE E REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÀ DI PROVENIENZA ILLECITA PARTE SPECIALE E REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÀ DI PROVENIENZA ILLECITA 1 PARTE SPECIALE E REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÀ

Dettagli

PARTE SPECIALE D REATI SOCIETARI

PARTE SPECIALE D REATI SOCIETARI PARTE SPECIALE D REATI SOCIETARI INDICE D.1. DESTINATARI DELLA PARTE SPECIALE E PRINCIPI GENERALI DI COMPORTAMENTO... 3 D.2. AREE POTENZIALMENTE A RISCHIO E PRINCIPI DI CONTROLLO PREVENTIVO... 5 D.3. COMPITI

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 PARTE SPECIALE L DELITTI CONTRO L INDUSTRIA E IL COMMERCIO Approvato dal Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Piano di prevenzione della corruzione Linee di condotta in tema di anticorruzione e trasparenza

Piano di prevenzione della corruzione Linee di condotta in tema di anticorruzione e trasparenza Piano di prevenzione della corruzione Linee di condotta in tema di anticorruzione e (ai sensi della Legge 190/2012 Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell illegalità nella

Dettagli

D. Lgs. 231/2001. Catalogo dei reati presupposto. aggiornato a agosto 2011. Riferimento d.lgs. 231/01

D. Lgs. 231/2001. Catalogo dei reati presupposto. aggiornato a agosto 2011. Riferimento d.lgs. 231/01 D. Lgs. 231/2001 Catalogo dei reati presupposto aggiornato a agosto 2011 Riferimento Art. 24 Art. 24 Art. 24 Art. 24 Art. 24 Art. 316-bis c.p. (Malversazione a danno dello Stato) Art. 316-ter c.p. (Indebita

Dettagli

Meda 26-27 novembre 2014. Gruppo Poltrona Frau. Il Decreto Legislativo 231/2001: la Responsabilità amministrativa degli Enti

Meda 26-27 novembre 2014. Gruppo Poltrona Frau. Il Decreto Legislativo 231/2001: la Responsabilità amministrativa degli Enti Meda 26-27 novembre 2014 Gruppo Poltrona Frau Il Decreto Legislativo 231/2001: la Responsabilità amministrativa degli Enti Agenda Prima parte Il D.Lgs. n. 231/2001 1. La norma 2. Le misure sanzionatorie

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. 231/01 1

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. 231/01 1 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. 231/01 1 ALITALIA SOCIETÀ AEREA ITALIANA S.p.A. ALLEGATO 1 ELENCO REATI 1 Adottato con delibera del 25/03/2016. INDICE I Reati previsti dal Decreto

Dettagli

IL D.LGS. 231/2001 STUDIO QUAGLIA & ASSOCIATI

IL D.LGS. 231/2001 STUDIO QUAGLIA & ASSOCIATI IL D.LGS. 231/2001 INTRODUZIONE Su delega legislativa il Governo italiano ha emanato il D.lgs. 231/2001 intitolato Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società

Dettagli

Allegato 1 - I REATI PREVISTI DAL D.LGS. 231/2001

Allegato 1 - I REATI PREVISTI DAL D.LGS. 231/2001 Allegato 1 - I REATI PREVISTI DAL D.LGS. 231/2001 a) REATI IN TEMA DI EROGAZIONI PUBBLICHE (Art. 24, D. Lgs. n. - Malversazione a danno dello Stato (art. 316-bis c.p.): qualora, dopo aver ottenuto dallo

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 PARTE SPECIALE F REATI DI FALSITA' IN MONETE IN CARTE DI PUBBLICO CREDITO, IN VALORI DI BOLLO E SEGNI

Dettagli

Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Modello Organizzazione Gestione Controllo Il presente Manuale è stato redatto in conformità al Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Copia CONTROLLATA

Dettagli

TABELLA REATI/ILLECITI PRESUPPOSTO DELLA RESPONSABILITA' EX DLGS 231/01, CON RIFERIMENTI LEGISLATIVI E SANZIONI

TABELLA REATI/ILLECITI PRESUPPOSTO DELLA RESPONSABILITA' EX DLGS 231/01, CON RIFERIMENTI LEGISLATIVI E SANZIONI (Malversazione a danno dello Stato o di altro ente pubblico) Chiunque, estraneo alla pubblica amministrazione, avendo ottenuto dallo Stato o da altro ente pubblico o dalle Comunità europee contributi,

Dettagli

I REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO ED IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITA DI PROVENIENZA ILLECITA, NONCHE AUTORICICLAGGIO

I REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO ED IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITA DI PROVENIENZA ILLECITA, NONCHE AUTORICICLAGGIO Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo Parte Speciale 3 I REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO ED IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITA DI PROVENIENZA ILLECITA, NONCHE AUTORICICLAGGIO STORICO DELLE

Dettagli

PARTE SPECIALE Settima Sezione. Reati di abuso di mercato

PARTE SPECIALE Settima Sezione. Reati di abuso di mercato PARTE SPECIALE Settima Sezione Reati di abuso di mercato INDICE PARTE SPECIALE - Settima Sezione Pag. 1. Le fattispecie dei reati di abuso di mercato...3 1.1 Art. 184 D.Lgs. 58/1998: Abuso di informazioni

Dettagli

Modello di organizzazione e di gestione ex D.Lgs. 8 giugno 2001 n. 231 PARTE GENERALE. (introduzione al D.Lgs. 231/01)

Modello di organizzazione e di gestione ex D.Lgs. 8 giugno 2001 n. 231 PARTE GENERALE. (introduzione al D.Lgs. 231/01) PARTE GENERALE (introduzione al D.Lgs. 231/01) INDICE PARTE GENERALE 1. INTRODUZIONE AL DECRETO LEGISLATIVO n. 231/2001 4 1.1 Il regime di responsabilità amministrativa previsto a carico degli Enti 4 1.2

Dettagli

Introduzione al D.lgs 231/2001

Introduzione al D.lgs 231/2001 1. IL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001 N. 231 1.1. LA RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA DEGLI ENTI Il D. Lgs. 8 giugno 2001, n. 231, che reca la Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone

Dettagli

- ALLEGATO A E B (FATTISPECIE DEI REATI E ARTICOLI DEL CODICE PENALE RICHIAMATI DALL ART 4 DEL D.LGS. 231/2001)

- ALLEGATO A E B (FATTISPECIE DEI REATI E ARTICOLI DEL CODICE PENALE RICHIAMATI DALL ART 4 DEL D.LGS. 231/2001) MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO DI WIND RETAIL S.R.L. AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 231/2001 Responsabilità amministrativa della Società - ALLEGATO A E B (FATTISPECIE DEI REATI E

Dettagli