COMUNE DI PAGNACCO PROVINCIA DI UDINE. DICHIARAZIONE PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI RIFIUTI E SERVIZI - TARES (Art.14 del D.L. 6/12/2011, n.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI PAGNACCO PROVINCIA DI UDINE. DICHIARAZIONE PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI RIFIUTI E SERVIZI - TARES (Art.14 del D.L. 6/12/2011, n."

Transcript

1 COMUNE DI PAGNACCO PROVINCIA DI UDINE DICHIARAZIONE PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI RIFIUTI E SERVIZI - TARES (Art.14 del D.L. 6/12/2011, n. 201) UTENZA NON DOMESTICA (Da compilarsi in stampatello Vedere avvertenze e note in calce) NUOVA ISCRIZIONE VARIAZIONE CESSAZIONE _l_ sottoscritt nat_a il C.Fisc. residente in CAP Prov. Via/Piazza n In qualità (titolare, legale rappresentante, amministratore, ecc.) Della ditta/società/ente/associazione Cod. Fiscale/Partita IVA Con sede legale in Prov. CAP Via/Piazza n tel. / fax / DICHIARA: di occupare e/o tenere a propria disposizione, nel territorio comunale, le UNITA IMMOBILIARI e/o AREE SCOPERTE OPERATIVE sottoelencate, a decorrere dal: per lo svolgimento della seguente ATTIVITA INDUSTRIALE ARTIGIANALE COMMERCIALE DI SERVIZIO ALTRO codici ATECO attività principale codici ATECO attività secondarie DATI IDENTIFICATIVI DELL'UTENZA DESTINAZIONE SUPERFICIE UBICAZIONE DATI CATASTALI D'USO IN MQ. (2) VIA-PIAZZA N - INT. - SC. - PIANO FG. MAPP. SUB. PROPRIETARIO Che il dichiarante subentra a 1

2 Che trattasi di locali dati in godimento a: per periodi non superiori a sei (6) mesi nel corso dello stesso anno solare (art. 5 comma 3 Regolamento comunale) (contrassegnare il riquadro solo se ricorre il caso descritto) La riduzione per: C H I E D E COMPOSTAGGIO RIFIUTI (art. 22, comma 1, del Regolamento comunale) A tal fine consente l accesso agli incaricati del Comune per la verifica dell attività di compostaggio. UTENZE NON STABILMENTE ATTIVE (art. 22, comma 7, lett. b) e comma 8) ATTIVITA DI RECUPERO DEI RIFIUTI (artt ) (da richiedere annualmente presentando idonea documentazione entro il mese di febbraio dell anno successivo) NOTE L utente dichiara di aver preso visione e conoscenza delle norme e condizioni retroindicate tratte dal Regolamento comunale che disciplina l applicazione della TARES. Copia integrale di detto regolamento, approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 44 del , potrà essere consultato e scaricato direttamente dal sito del Comune di Pagnacco. Data Firma del dichiarante Si allega copia della Carta d identità 2

3 PROMEMORIA PER L UTENTE Disposizioni generali Adempimenti per l Utente La TARES (Tributo Comunale sui Rifiuti e Servizi) disciplinata dal D.Lgs. 201/2011 art. 14, dalla L. 124/2013 e dal Regolamento Comunale, è il tributo dovuto da chiunque occupi o detenga locali o aree scoperte a qualsiasi uso adibiti, esistenti nel territorio del Comune di Pagnacco, suscettibili di produrre rifiuti urbani e assimilati. In caso di utilizzo di durata non superiore a sei mesi nel corso del medesimo anno solare, il tributo è dovuto soltanto dal possessore dei locali o delle aree a titolo di proprietà, usufrutto, uso abitazione, superficie. La tariffa è calcolata sulla base della superficie dell immobile, cioè quella calpestabile misurata sul filo interno dei muri perimetrali di ciascun locale. Si considerano locali tutti i vani comunque denominati sia principali che accessori (es.: cantine, garage, soffitte, ripostigli). Non rientrano nel calcolo le parti comuni, le superfici coperte di altezza inferiore al metro e mezzo (soffitte, sottoscale), i vani tecnici (centrali termiche), i balconi, le terrazze ed i porticati. La denuncia di inizio occupazione/detenzione, variazione o cessazione di tutti i locali e aree deve essere presentata all Ufficio Tributi di Pagnacco entro 60 giorni dal verificarsi dell evento. Nel caso di denuncia di cessazione presentata con ritardo, il tributo è dovuto sino alla data in cui la denuncia viene prodotta, salvo i casi in cui l utenti dimostri con idonea documentazione la data di effettiva cessazione. Modalità e termini di pagamento Il Comune invia agli utenti un avviso di pagamento recante l indicazione delle modalità e dei termini per effettuare il versamento della somma dovuta. Il mancato rispetto del termini indicato comporterà l emissione di un invito al pagamento e, in mancanza dell adempimento richiesto, il successivo avviso di accertamento e irrogazione delle sanzioni, con le modalità e con l applicazione delle misure sanzionatorie previste dal vigente regolamento comunale. Riduzioni tariffarie Riduzione per compostaggio rifiuti: 20% della tariffa. (art. 22, c. 1) La presentazione della richiesta implica il consenso all accesso presso l utenza da parte degli incaricati del Comune, finalizzato a verificare il reale esercizio delle attività alternative di smaltimento dei rifiuti. Riduzione per utenza non domestica non stabilmente attiva: 25% della tariffa (art. 22, c. 7 lett. b) per local ed aree scoperte adibiti ad uso stagionale o ad uso non continuativo, ma ricorrente, risultante da titoli abilitativi rilasciati anche in forma tacita dai competenti organi per l esercizio dell attività (previa presentazione della denuncia). Cumulo di riduzioni: qualora si rendessero applicabili più riduzioni, ciascuna di esse opera sull importo ottenuto dall applicazione delle riduzioni precedentemente considerate Le riduzioni potranno cumularsi fino ad una quota massima del 40% dell intera tariffa. Termini per la presentazione La dichiarazione deve essere presentata, entro 60 giorni dal verificarsi dell evento che ne determina l obbligo, all Ufficio Tributi del Comune di Pagnacco Via del Buret, PAGNACCO (UD), anche mediante raccomandata A/R oppure via Fax, al n o in allegato a messaggio di posta elettronica certificata. Per l anno 2013 la dichiarazione deve essere presentata entro il 28 febbraio 2014, ai sensi dell art. 41, comma 2, del vigente regolamento comunale. 3

4 Estratto regolamento per l istituzione e l applicazione del tributo comunale sui rifiuti e sui servizi TARES (utenze non domestiche) Art. 4. Presupposto per l applicazione del tributo Omissis.. 4. La presenza di arredo oppure l attivazione anche di uno solo dei pubblici servizi di erogazione idrica, elettrica, calore, gas, telefonica o informatica costituisce presunzione semplice dell occupazione o conduzione dell immobile e della conseguente attitudine alla produzione di rifiuti. Per le utenze non domestiche la medesima presunzione è integrata altresì dal rilascio da parte degli enti competenti, anche in forma tacita, di atti assentivi o autorizzativi per l esercizio di attività nell immobile o da dichiarazione rilasciata dal titolare a pubbliche autorità. 5. omissis 6. La mancata utilizzazione del servizio di gestione dei rifiuti urbani e assimilati o l interruzione temporanea dello stesso non comporta esonero o riduzione del tributo. Art. 6. Locali ed aree non soggetti al tributo 1. Non sono soggetti al tributo i locali e le aree che non possono produrre rifiuti o che non comportano, secondo la comune esperienza, la produzione di rifiuti in misura apprezzabile per la loro natura o per il particolare uso cui sono stabilmente destinati, come a titolo esemplificativo: omissis le superfici destinate al solo esercizio di attività sportiva, ferma restando l imponibilità delle superfici destinate a usi diversi, quali spogliatoi, servizi igienici, uffici, biglietterie, punti di ristoro, gradinate e simili; i locali stabilmente riservati a impianti tecnologici, quali vani ascensore, centrali termiche, legnaie, scale,cabine elettriche, celle frigorifere, locali di essicazione e stagionatura senza lavorazione, silos e simili; le unità immobiliari per le quali sono state rilasciate, anche in forma tacita, atti abilitativi per restauro, risanamento conservativo o ristrutturazione edilizia, limitatamente al periodo dalla data d inizio dei lavori fino alla data di inizio dell occupazione; la richiesta per ottenere l esenzione deve essere presentata entro il termine di 60 (sessanta) giorni dall inizio dei lavori; le aree adibite in via esclusiva al transito o alla sosta gratuita dei veicoli; per gli impianti di distribuzione dei carburanti: le aree scoperte non utilizzate né utilizzabili perché impraticabili o escluse dall uso con recinzione visibile; le aree su cui insiste l impianto di lavaggio degli automezzi; le aree visibilmente adibite in via esclusiva all accesso e all uscita dei veicoli dall area di servizio e dal lavaggio. Ripostigli,soffitte e stenditoi solo fino ad un altezza inferiore a mt. 1,50; Gli edifici adibiti in via permanente ed esclusiva all esercizio di qualsiasi culto religioso, compresi i locali adibiti all attività di catechismo; rimangono soggette al tributo in ogni caso le abitazioni dei ministri di culto, ed i locali utilizzati per attività non strettamente connesse al culto stesso; Locali e aree adibiti ad attività commerciali, professionali, produttive nel caso di mancato esercizio dell attività per sospensione o revoca della licenza, fallimento, purchè gli stessi non siano di fatto utilizzati ad altro scopo e privi di tutte le utenze attive di servizi di rete (gas, acqua, energia elettrica, ecc.); 2. Le circostanze di cui al comma precedente devono essere indicate nella dichiarazione originaria o di variazione ed essere riscontrabili in base ad elementi obiettivi direttamente rilevabili o da idonea documentazione quale, ad esempio, la dichiarazione d'inagibilità o d'inabitabilità emessa dagli organi competenti, la revoca, la sospensione, la rinuncia degli atti abilitativi tali da impedire l'esercizio dell'attività nei locali e nelle aree alle quali si riferiscono i predetti provvedimenti. 3. Nel caso in cui sia comprovato il conferimento di rifiuti al pubblico servizio da parte di utenze totalmente escluse da tributo ai sensi del presente articolo verrà applicato il tributo per l intero anno solare in cui si è verificato il conferimento, oltre agli interessi di mora e alle sanzioni per infedele dichiarazione. 4

5 Art. 8. Esclusione per produzione di rifiuti non conferibili al pubblico servizio 1. Nella determinazione della superficie tassabile delle utenze non domestiche non si tiene conto di quella parte ove si formano di regola, ossia in via continuativa e nettamente prevalente, rifiuti speciali non assimilati e/o pericolosi, oppure sostanze escluse dalla normativa sui rifiuti di cui all articolo 3, al cui smaltimento sono tenuti a provvedere a proprie spese i relativi produttori. 2. Non sono in particolare, soggette a tributo: a) le superfici adibite all allevamento di animali; b) le superfici agricole produttive di paglia, sfalci e potature, nonché altro materiale agricolo o forestale naturale non pericoloso utilizzati in agricoltura o nella selvicoltura, quali legnaie, fienili e simili depositi agricoli; rimangono soggetti a tributo i depositi attrezzi; c) Le superfici delle strutture sanitarie pubbliche e private in cui si producono rifiuti speciali non assimilati e/o pericolosi, rimangono soggetti a tributo quindi gli uffici, gli studi medici, le sale d aspetto, gli atri, ecc.. 3. Relativamente alle attività di seguito indicate, qualora sia documentata una contestuale produzione di rifiuti urbani o assimilati e di rifiuti speciali non assimilati o di sostanze comunque non conferibili al pubblico servizio, ma non sia obiettivamente possibile o sia sommamente difficoltoso individuare le superfici escluse da tributo, la superficie imponibile è calcolata forfetariamente, applicando all intera superficie su cui l attività è svolta le percentuali di abbattimento indicate nel seguente elenco. ATTIVITA RIDUZIONE DEL TIPOGRAFIE STAMPERIE VETRERIE 20% FALEGNAMERIE 20% AUTOCARROZZERIE 20% AUTOFFICINE PER RIPARAZIONE VEICOLI 20% GOMMISTI 20% AUTOFFICINE DI ELETTRAUTO 20% DISTRIBUTORI DI CARBURANTE 20% LAVANDERIE E TINTORIE 20% VERNICIATURA-GALVANOTECNICI-FONDERIE 20% OFFICINE DI CARPENTERIA METALLICA 20% AMBULATORI MEDICI E DENTISTICI, LABORATORI RADIOLOGICI ED ODONTOTECNICI E LABORATORI DI ANALISI LABORATORI FOTOGRAFICI, ELIOGRAFIE 20% 20% Per eventuali attività non sopra considerate si fa riferimento a criteri di analogia. 4. Per fruire dell'esclusione prevista dai commi precedenti, gli interessati devono: a) indicare nella denuncia originaria o di variazione il ramo di attività e la sua classificazione (industriale, artigianale, commerciale, di servizio, ecc.), nonché le superfici di formazione dei rifiuti o sostanze, indicandone l uso e le tipologie di rifiuti prodotti (urbani, assimilati agli urbani, speciali, pericolosi, sostanze escluse dalla normativa sui rifiuti) distinti per codice CER (Catalogo Europeo Rifiuti); b) comunicare entro il mese di febbraio dell anno successivo a quello della denuncia originaria o di variazione 5

6 i quantitativi di rifiuti prodotti nell anno, distinti per codici CER, allegando la documentazione attestante lo smaltimento presso imprese a ciò abilitate. Art. 9. Superficie degli immobili 1. Omissis 2. Omissis 3. Per le altre unità immobiliari la superficie assoggettabile al tributo è costituita da quella calpestabile, misurata al filo interno dei muri. 4. La superficie complessiva è arrotondata al metro quadro superiore se la parte decimale è maggiore di 0,50; in caso contrario al metro quadro inferiore. 5. Per i distributori di carburante sono di regola soggetti a tariffa i locali, nonché l area della proiezione al suolo della pensilina ovvero, in mancanza, una superficie forfettaria pari a 20 mq per colonnina di erogazione. 6. Omissis. Art. 23. Determinazione del coefficiente di riduzione per i rifiuti assimilati avviati al recupero 1. Il produttore di rifiuti assimilati ai sensi del regolamento comunale per la disciplina del servizio di gestione dei rifiuti, che dimostri, mediante attestazione del soggetto che effettua l attività di recupero dei rifiuti stessi, di averli avviati al recupero, ha diritto ad una riduzione della tariffa in conformità a quanto disposto dal comma 18 dell art. 14 del D.L. n 201/2011 e s.m.i.. 2. La determinazione della riduzione spettante viene effettuata a consuntivo e comporta il rimborso o la compensazione all atto dei successivi pagamenti della tariffa. La riduzione della tariffa è proporzionata alla quantità di rifiuti assimilati che il produttore dimostri di aver avviato al recupero nella seguente misura: - rapporto tra la quantità dei rifiuti assimilati (con esclusione di imballaggi secondari e terziari) avviati al recupero e la quantità di rifiuti ottenuta moltiplicando la superficie assoggettata alla tariffa dell attività per il coefficiente Kd massimo per la relativa categoria previsto nella Tabella 4 del DPR 158/99 incrementato del 50%. La percentuale di riduzione sarà arrotondata all unità, per eccesso ove il valore di calcolo risulti maggiore di 0,5 o per difetto se uguale o minore di 0,5. 3. La riduzione deve essere richiesta annualmente dall interessato presentando idonea documentazione entro il mese di febbraio dell anno successivo. 4. L entità della riduzione non può comunque superare il costo sostenuto e contabilmente documentato né l ammontare della riduzione può in ogni caso essere superiore alla tariffa. 5. La riduzione prevista dal presente articolo si applica anche alla maggiorazione di cui all art

UTENZA NON DOMESTICA

UTENZA NON DOMESTICA COMUNE DI ROSTA Città metropolitana di Torino 10090 ROSTA P.IVA 01679120012 Tributi tel. 011-956.88.12/13/14 s.ruella@comune.rosta.to.it c.gilli@comune.rosta.to.it r.giacalone@comune.rosta.to.it protocollo@pec.comune.rosta.to.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TARIFFA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI AGLI URBANI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TARIFFA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI AGLI URBANI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TARIFFA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI AGLI URBANI ( - D. Lgs 22/97 art. 49 e successive modifiche ed integrazioni e - DPR 158/99 e successive modifiche

Dettagli

TASSA SUI RIFIUTI - TARI UTENZA DOMESTICA

TASSA SUI RIFIUTI - TARI UTENZA DOMESTICA COMUNE DI ROSTA Provincia di Torino 10090 ROSTA P.IVA 01679120012 Tributi tel. 011-956.88.12 E-Mail: s.ruella@comune.rosta.to.it c.gilli@comune.rosta.to.it r.giacalone@comune.rosta.to.it protocollo@pec.comune.rosta.to.it

Dettagli

I STEP: La superficie di riferimento

I STEP: La superficie di riferimento Tarsu/Tia Tia I STEP: La superficie di riferimento La bolletta La visura Bolletta e visura: quale superficie ai fini Tarsu? Spesso vi è coincidenza tra superficie catastale e superficie dichiarata ai fini

Dettagli

TARI - TASSA SUI RIFIUTI - UTENZE NON DOMESTICHE MODELLO DI DICHIARAZIONE (ai sensi del regolamento comunale IUC componente TARI)

TARI - TASSA SUI RIFIUTI - UTENZE NON DOMESTICHE MODELLO DI DICHIARAZIONE (ai sensi del regolamento comunale IUC componente TARI) 1 SOCIETA ECOLOGICA AREA BIELLESE COMUNE DI BIELLA Via Tripoli 48-13900 Biella Tel. 015/3507286/408 Fax 015/3507486 email tia@comune.biella.it Orario sportello: lunedì, martedì, mercoledì e venerdì dalle

Dettagli

Schema di regolamento comunale

Schema di regolamento comunale Schema di regolamento comunale Regolamento per l applicazione della maggiorazione tributaria a copertura dei costi relativi ai servizi indivisibili comunali (art. 14, comma 13, del D.L. 201/2011) SOMMARIO

Dettagli

COMUNE DI GALBIATE (Provincia di Lecco) REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI

COMUNE DI GALBIATE (Provincia di Lecco) REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI COMUNE DI GALBIATE (Provincia di Lecco) REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 27 del 28 giugno 2013

Dettagli

AVVERTENZE IMPORTANTI Compilare in stampatello e allegare copia del documento di riconoscimento

AVVERTENZE IMPORTANTI Compilare in stampatello e allegare copia del documento di riconoscimento COMUNE DI VILLACIDRO - Provincia del Medio Campidano Servizio Economico-Finanziario Piazza Municipio, 1 - http://www.comune.villacidro.vs.it - Tel. 070/93442242 fax 070/93442246 TASSA PER LO SMALTIMENTO

Dettagli

Regolamento per la disciplina del Tributo sui Rifiuti e sui Servizi (TARES)

Regolamento per la disciplina del Tributo sui Rifiuti e sui Servizi (TARES) COMUNE DI MAIERATO (Prov. Vibo Valentia) ********* 89843 Via Cavour, 1-0963/253017 0963/253645 Cod. F. 86000820794 -P.IVA 01532380795 www.comune.maierato.vv.it e-mail: com.maierato@tin.it comune@comune.maierato.vv.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI - TARES

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI - TARES COMUNE DI PAGNACCO (Provincia di Udine) REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI - TARES Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 44 del 27.11.2013

Dettagli

DENUNCIA DI INIZIO, VARIAZIONE O CESSAZIONE D.L. n.201 del 6/12/2011 art.14, modificato con L.228 art.387

DENUNCIA DI INIZIO, VARIAZIONE O CESSAZIONE D.L. n.201 del 6/12/2011 art.14, modificato con L.228 art.387 Comune di Gazzola Provincia di Piacenza Ufficio Tributi Via Roma, 1 29010 Gazzola. Tel. 0523 975221 Fax 0523 976767 e-mail: ragioneria.gazzola@sintranet.it - tributi@comune.gazzola.pc.it - segreteria.gazzola@sintranet.it

Dettagli

COMUNE DI MASSA MARITTIMA Provincia di Grosseto. Regolamento per. l applicazione della. tassa per lo smaltimento. dei rifiuti solidi urbani.

COMUNE DI MASSA MARITTIMA Provincia di Grosseto. Regolamento per. l applicazione della. tassa per lo smaltimento. dei rifiuti solidi urbani. Regolamento per l applicazione della tassa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani interni INDICE Art. 1 Istituzione della tassa pag. 1 Art. 2 Servizio di nettezza urbana pag. 1 Art. 3 Contenuto del

Dettagli

Appendice 2 Tributo comunale sui rifiuti e sui servizi (TARES)

Appendice 2 Tributo comunale sui rifiuti e sui servizi (TARES) Appendice 2 Tributo comunale sui rifiuti e sui servizi (TARES) 1. Caratteristiche generali del tributo L art. 14, comma 1, del D. L. n. 201 del 2011 ha istituito, a partire dal 1 gennaio 2013, il tributo

Dettagli

La tassazione sui rifiuti delle utenze industriali: la TARI

La tassazione sui rifiuti delle utenze industriali: la TARI La tassazione sui rifiuti delle utenze industriali: la TARI La TARI: La tassa sui rifiuti è destinata a finanziare i costi del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti ed è posta a carico dell utilizzatore.

Dettagli

TASSA IGIENE AMBIENTALE COMUNICAZIONE DI OCCUPAZIONE/FINE OCCUPAZIONE DI SUPERFICI AD USO NON ABITATIVO (art. 70 D. Lgs. 507 del 15.11.

TASSA IGIENE AMBIENTALE COMUNICAZIONE DI OCCUPAZIONE/FINE OCCUPAZIONE DI SUPERFICI AD USO NON ABITATIVO (art. 70 D. Lgs. 507 del 15.11. COMUNE DI SOVER Provincia di Trento Piazza S. Lorenzo n. 12 38048 SOVER (TN) P.IVA e Cod. Fisc. 00371870221 Tel. 0461698023 Fax 0461698398 e-mail: ragioneria@comunesover.tn.it PEFC/18-21-02/257 TASSA IGIENE

Dettagli

Seminari di approfondimento tematico. Febbraio marzo 2014 Palermo, Enna, Messina, Catania.

Seminari di approfondimento tematico. Febbraio marzo 2014 Palermo, Enna, Messina, Catania. Convenzione tra Regione Siciliana (Dipartimento Istruzione e Formazione Professionale) e FormezPA POR FSE 2007-2013 - Regione Siciliana - Asse VII - Capacità Istituzionale Progetto: AZIONI DI SISTEMA PER

Dettagli

Regolamento per la disciplina del Tributo sui Rifiuti e sui Servizi

Regolamento per la disciplina del Tributo sui Rifiuti e sui Servizi Comune di CARONNO PERTUSELLA Provincia di V A R E S E Regolamento per la disciplina del Tributo sui Rifiuti e sui Servizi Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. del INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art.

Dettagli

COMUNE DI MONTEFELCINO

COMUNE DI MONTEFELCINO COMUNE DI MONTEFELCINO Provincia di Pesaro e Urbino IMPOSTA UNICA COMUNALE REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI RIFIUTI (TARI) Approvato con Deliberazione Consiliare n. 32. del 08/09/2014 COMUNE

Dettagli

PRESUPPOSTI E SOGGETTI PASSIVI

PRESUPPOSTI E SOGGETTI PASSIVI INDICE Titolo I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Art. 2 SOGGETTO ATTIVO Titolo II PRESUPPOSTI E SOGGETTI PASSIVI Art. 3 PRESUPPOSTO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO Art. 4 DEFINIZIONE

Dettagli

COMUNE DI FOZA (Provincia di Vicenza)

COMUNE DI FOZA (Provincia di Vicenza) COMUNE DI FOZA (Provincia di Vicenza) REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI - TARES Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 23 del 28.06.2013

Dettagli

COMUNE DI UDINE DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI -POLITICHE DI ACQUISTO SERVIZIO ENTRATE

COMUNE DI UDINE DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI -POLITICHE DI ACQUISTO SERVIZIO ENTRATE COMUNE DI UDINE DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI -POLITICHE DI ACQUISTO SERVIZIO ENTRATE REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TARIFFA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI IN VIGORE

Dettagli

PROVINCIA DI BOLOGNA

PROVINCIA DI BOLOGNA ALLEGATO A COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA TASSA SUI RIFIUTI (TARI) Anno 2014 approvato con deliberazione consiliare nr. 40 del 15/04/2014

Dettagli

COMUNE DI BIBIANA REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI

COMUNE DI BIBIANA REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI Allegato alla Deliberazione di Consiglio Comunale n. 2 del 08.03.2010 COMUNE DI BIBIANA REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI ART. 1:

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA TASSA SUI RIFIUTI (TARI)

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA TASSA SUI RIFIUTI (TARI) CITTÀ DI REGGIO CALABRIA IMPOSTA UNICA COMUNALE - IUC REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA TASSA SUI RIFIUTI (TARI) (art. 1, comma 682, legge 27 dicembre 2013, n. 147) (approvato con deliberazione della

Dettagli

TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI (Ta.R.S.U.)

TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI (Ta.R.S.U.) TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI (Ta.R.S.U.) D.Lgs. n. 507/93 (da art. n. 58 ad art. n. 80) entrato in vigore l 1.01.1994; Regolamento comunale adottato con deliberazione commissariale n. 123 del

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo comunale sui rifiuti e sui servizi

Regolamento per la disciplina del tributo comunale sui rifiuti e sui servizi Regolamento per la disciplina del tributo comunale sui rifiuti e sui servizi Approvato con delibera del Consiglio Comunale n 10/2013 del 8 aprile 2013 1 CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Oggetto ed efficacia

Dettagli

COMUNE DI SETTIMO SAN PIETRO Provincia di Cagliari REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE I.U.C.

COMUNE DI SETTIMO SAN PIETRO Provincia di Cagliari REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE I.U.C. COMUNE DI SETTIMO SAN PIETRO Provincia di Cagliari REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE I.U.C. Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 16 del 06 agosto 2014 Indice: TITOLO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) (TARI IMU TASI)

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) (TARI IMU TASI) Comune di Tavagnacco (UD) Provincia di Udine REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) (TARI IMU TASI) Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 34 del 30.09.2014 Modificato

Dettagli

REGOLAMENTO IUC-TARI

REGOLAMENTO IUC-TARI REGOLAMENTO IUC-TARI Art.1 Disciplina del tributo e oggetto del regolamento Il presente Regolamento, adottato nell ambito della potestà prevista dall art. n.52 del D.Lgs. del 15 dicembre 1997, n.446, disciplina

Dettagli

COMUNE DI RONCHIS (Provincia di Udine) Regolamento per la disciplina e l applicazione del Tributo sui Rifiuti e sui Servizi

COMUNE DI RONCHIS (Provincia di Udine) Regolamento per la disciplina e l applicazione del Tributo sui Rifiuti e sui Servizi COMUNE DI RONCHIS (Provincia di Udine) Regolamento per la disciplina e l applicazione del Tributo sui Rifiuti e sui Servizi Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 22 del 02/09/2013 1 INDICE Art.

Dettagli

SERVIZIO DI SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI

SERVIZIO DI SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI COMUNE DI VILLAMASSARGIA Provincia di Carbonia - Iglesias Settore Finaziario e Personale Ufficio Tributi Piazza Pilar n 28-09010 Villamassargia Tel. 0781 75801 - Fax 0781 74880 e mail: comunevillamassargia@tiscali.it

Dettagli

COMUNE DI BARGA PROVINCIA DI LUCCA

COMUNE DI BARGA PROVINCIA DI LUCCA COMUNE DI BARGA PROVINCIA DI LUCCA REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI (TARES) (Deliberazione Consiglio comunale n. 47 del 1.8.2013) INDICE TITOLO

Dettagli

Tassa sui Rifiuti (TARI)

Tassa sui Rifiuti (TARI) COMUNE DI SAN FELICE CIRCEO Regolamento per l applicazione della Tassa sui Rifiuti (TARI) Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 23 del 18/08/2014 Modificato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

TASSA RIFIUTI (TARI) RICHIESTA RIDUZIONE PER SMALTIMENTO RIFIUTI SPECIALI

TASSA RIFIUTI (TARI) RICHIESTA RIDUZIONE PER SMALTIMENTO RIFIUTI SPECIALI Unione dei Comuni Lombarda della Valletta Ufficio Tributi c/o Municipio di Santa Maria Hoè Piazza Padre Fausto Tentorio, 2 23889 Santa Maria Hoè (LC) Telefono 039-5311174 int. 4 TASSA RIFIUTI (TARI) RICHIESTA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA TASSA SUI RIFIUTI (TARI)

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA TASSA SUI RIFIUTI (TARI) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA TASSA SUI RIFIUTI Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 9 del 23 Giugno 204 Modificato con delibera di Consiglio Comunale n.3 del 9 Maggio 205 (TARI) TITOLO

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato 1) COMUNE DI ASTI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA TASSA SUI RIFIUTI (TARI) Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 7 del 17 aprile 2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

COMUNE DI VESTIGNE. Provincia di TORINO. Regolamento per l applicazione della tariffa sui rifiuti T.A.R.I. Approvato con

COMUNE DI VESTIGNE. Provincia di TORINO. Regolamento per l applicazione della tariffa sui rifiuti T.A.R.I. Approvato con COMUNE DI VESTIGNE Provincia di TORINO Regolamento per l applicazione della tariffa sui rifiuti T.A.R.I Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 18 Del 07.07.2014 REGOLAMENTO COMUNALE TARI (Tributi

Dettagli

COMUNE DI MONSERRATO. (Provincia di Cagliari) REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI

COMUNE DI MONSERRATO. (Provincia di Cagliari) REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI COMUNE DI MONSERRATO (Provincia di Cagliari) REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 38 del 18.09.2013

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI COMUNE DI BARASSO Provincia di Varese REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI ENTRATA IN VIGORE: 27 OTTOBRE 1995 AGGIORNAMENTI: DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 35 DEL 27.09.1999

Dettagli

Regolamento per la disciplina del Tributo sui Rifiuti e sui Servizi (TARES) (Deliberazione N.2013/C/00036 del 25/07/2013)

Regolamento per la disciplina del Tributo sui Rifiuti e sui Servizi (TARES) (Deliberazione N.2013/C/00036 del 25/07/2013) Regolamento per la disciplina del Tributo sui Rifiuti e sui Servizi (TARES) (Deliberazione N.2013/C/00036 del 25/07/2013) INDICE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Istituzione

Dettagli

COMUNE DI ORIA (Provincia di Brindisi) REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI

COMUNE DI ORIA (Provincia di Brindisi) REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI COMUNE DI ORIA (Provincia di Brindisi) Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. del REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI 1 INDICE TITOLO

Dettagli

Regolamento per la disciplina del Tributo sui Rifiuti e sui Servizi

Regolamento per la disciplina del Tributo sui Rifiuti e sui Servizi Settore Bilancio, Programmazione Economica e Tributi Servizio Tributi COMUNE DI MONZA Regolamento per la disciplina del Tributo sui Rifiuti e sui Servizi (approvato con deliberazione C.C. n. 67 del 01.08.2013)

Dettagli

COMUNE DI VERBANIA PROVINCIA DEL V.C.O

COMUNE DI VERBANIA PROVINCIA DEL V.C.O COPIA DELL ORIGINALE Deliberazione n 13 in data 07/05/2014 COMUNE DI VERBANIA PROVINCIA DEL V.C.O Verbale di Deliberazione del Commissario Straordinario (assunta con i poteri del Consiglio Comunale) Oggetto:

Dettagli

COMUNE DI INARZO (Provincia di Varese) REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI

COMUNE DI INARZO (Provincia di Varese) REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI COMUNE DI INARZO (Provincia di Varese) Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. del 15.07.2013 REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI INDICE

Dettagli

COMUNE DI CAMPOLONGO MAGGIORE (VE)

COMUNE DI CAMPOLONGO MAGGIORE (VE) COMUNE DI CAMPOLONGO MAGGIORE (VE) Tributo Comunale sui Rifiuti e sui Servizi Art.14 del Decreto Legge 6 dicembre 2011, n. 201 (convertito con Legge 22 dicembre 2011, n. 214) ANNO 2013 1 PREMESSA Dal 1

Dettagli

PROVINCIA DI MILANO Via Colombo 17 20060 Pozzo d Adda (MI) TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI TARI

PROVINCIA DI MILANO Via Colombo 17 20060 Pozzo d Adda (MI) TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI TARI PROVINCIA DI MILANO Via Colombo 17 20060 Pozzo d Adda (MI) TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI TARI DENUNCIA DEI LOCALI E DELLE AREE TASSABILI UTENZE NON DOMESTICHE Denominazione/Ragione Sociale C.F. P.IVA Sede

Dettagli

COMUNE di SAN PIETRO in GUARANO

COMUNE di SAN PIETRO in GUARANO COMUNE di SAN PIETRO in GUARANO Provincia di Cosenza REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO DIRETTO ALLA COPERTURA DEI COSTI RELATIVI AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI (TARI) Approvato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI (TARES)

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI (TARES) REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI (TARES) Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 27 del 13 maggio 2013 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Regolamento per la disciplina della Tassa sui rifiuti - TARI

Regolamento per la disciplina della Tassa sui rifiuti - TARI Comune di BASTIGLIA Provincia di Modena Regolamento per la disciplina della Tassa sui rifiuti - TARI Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. del 22.07.2014 1 Art. 1 - Oggetto del regolamento Pag.

Dettagli

COMUNE DI GIRIFALCO (Provincia di Catanzaro) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI (TARI)

COMUNE DI GIRIFALCO (Provincia di Catanzaro) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI (TARI) (Provincia di Catanzaro) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI (TARI) Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 22 del 24.07.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

ARTICOLI FACOLTATIVI AD INTEGRAZIONE DEL REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI RIFIUTI (TARI)

ARTICOLI FACOLTATIVI AD INTEGRAZIONE DEL REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI RIFIUTI (TARI) ARTICOLI FACOLTATIVI AD INTEGRAZIONE DEL REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI RIFIUTI (TARI) Criteri redazionali: - note esplicative: carattere Arial corsivo - parti integrative: carattere Arial

Dettagli

Comune di Formia [Provincia di Latina] Settore Entrate REGOLAMENTO. (Componente) TARI

Comune di Formia [Provincia di Latina] Settore Entrate REGOLAMENTO. (Componente) TARI Comune di Formia [Provincia di Latina] Settore Entrate REGOLAMENTO (Componente) TARI (Tributo diretto alla copertura dei costi relativi al servizio di gestione dei rifiuti) Approvato con Deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA RIFIUTI (TARI)

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA RIFIUTI (TARI) Servizio Tributi REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA RIFIUTI (TARI) Approvato con deliberazione del Consiglio comunale del 26 maggio 2014 n. 33 1 Sommario Art 1.OGGETTO... 3 Art. 2 SERVIZIO DI RACCOLTA,

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

COMUNE DI SAN GIOVANNI GEMINI. (Provincia di Agrigento)

COMUNE DI SAN GIOVANNI GEMINI. (Provincia di Agrigento) COMUNE DI SAN GIOVANNI GEMINI (Provincia di Agrigento) REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI Approvato con delibera del Consiglio Comunale n.40 del

Dettagli

Al Sig. Sindaco del COMUNE DI FOZA Via Roma, 4 36010 FOZA (VI)

Al Sig. Sindaco del COMUNE DI FOZA Via Roma, 4 36010 FOZA (VI) Al Sig. Sindaco del COMUNE DI FOZA Via Roma, 4 36010 FOZA (VI) OGGETTO: DENUNCIA PER IL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SERVIZI (T.A.R.E.S..) TIPOLOGIA UTENZA (domestica/non domestica): Il contribuente

Dettagli

REGOLAMENTO TASSA RIFIUTI TA.RI.

REGOLAMENTO TASSA RIFIUTI TA.RI. REGOLAMENTO TASSA RIFIUTI TA.RI. Approvato con Delibera C.C. n. 20 del 18/03/2014 e modificata con deliberazione C.C. N. 30 del 30/04/2015 Pag.1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI... 3 Art. 1. Oggetto

Dettagli

COMUNE DI PESCANTINA

COMUNE DI PESCANTINA COMUNE DI PESCANTINA (Provincia di Verona) - Servizio Tributi - TARI: FAQ Domande frequenti D. Quali sono gli atti regolamentari della TARI? R. Il Comune con deliberazioni del Consiglio Comunale ha approvato:

Dettagli

IMPOSTA UNICA COMUNALE REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI RIFIUTI (TARI)

IMPOSTA UNICA COMUNALE REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI RIFIUTI (TARI) COMUNE DI MAGLIONE Provincia di TORINO IMPOSTA UNICA COMUNALE REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI RIFIUTI (TARI) APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 11 DEL 23.04.2014 INDICE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TA.R.E.S.

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TA.R.E.S. REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TA.R.E.S. Approvato con delibera consigliare n... INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1. Oggetto del Regolamento Art. 2. Gestione e classificazione dei rifiuti

Dettagli

COMUNE DI CREAZZO Provincia di Vicenza. Regolamento per la disciplina del Tributo sui Rifiuti e sui Servizi

COMUNE DI CREAZZO Provincia di Vicenza. Regolamento per la disciplina del Tributo sui Rifiuti e sui Servizi COMUNE DI CREAZZO Provincia di Vicenza Regolamento per la disciplina del Tributo sui Rifiuti e sui Servizi (approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 5 del 21/3/2013) INDICE Art....1 Oggetto

Dettagli

COMUNE DI CEFALÙ PROVINCIA DI PALERMO. Regolamento per la disciplina e l applicazione della Tassa sui Rifiuti (TARI) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA

COMUNE DI CEFALÙ PROVINCIA DI PALERMO. Regolamento per la disciplina e l applicazione della Tassa sui Rifiuti (TARI) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA COMUNE DI CEFALÙ PROVINCIA DI PALERMO P.I.: 00110740826 Internet: http://www.comune.cefalu.pa.it C.so Ruggero 139/B - 90015 Regolamento per la disciplina e l applicazione della Tassa sui Rifiuti (TARI)

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1. Oggetto del Regolamento Art. 2. Gestione e classificazione

Dettagli

COMUNE DI SIANO (Provincia di Salerno)

COMUNE DI SIANO (Provincia di Salerno) COMUNE DI SIANO (Provincia di Salerno) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI (D.Lgs 507/93) - 1 - INDICE Capo Primo PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto del

Dettagli

COMUNE DI ALBIGNASEGO PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI

COMUNE DI ALBIGNASEGO PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI COMUNE DI ALBIGNASEGO PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI APROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. 15 DEL 21-03-2013 INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4

Dettagli

Comune di Montopoli in Val D'Arno (Provincia di Pisa). Via Francesco Guicciardini n 61-56020 - Montopoli in Val d'arno - ( 0571/44.98.

Comune di Montopoli in Val D'Arno (Provincia di Pisa). Via Francesco Guicciardini n 61-56020 - Montopoli in Val d'arno - ( 0571/44.98. UFFICIO TRIBUTI OGGETTO: DENUNCIA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI Locali ad uso diverso da abitazione (da restituire compilata all Ufficio Tributi) MOTIVO DELLA DENUNCIA (barrare l ipotesi che ricorre) INIZIO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI RIFIUTI (TARI)

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI RIFIUTI (TARI) Comune di Rosate (Provincia di Milano) IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI RIFIUTI (TARI) Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 9 del 29/07/2014 1

Dettagli

Regolamento per la disciplina del Tributo sui Rifiuti e sui Servizi - TARES

Regolamento per la disciplina del Tributo sui Rifiuti e sui Servizi - TARES Allegato alla deliberazione di C.C. n. 84 del 24/10/2013 Città di Crevalcore Provincia di Bologna Regolamento per la disciplina del Tributo sui Rifiuti e sui Servizi - TARES Approvato con delibera del

Dettagli

COMUNE DI SOLBIATE ARNO. Provincia di Varese REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI (TARES)

COMUNE DI SOLBIATE ARNO. Provincia di Varese REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI (TARES) COMUNE DI SOLBIATE ARNO Provincia di Varese REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI (TARES) Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 31

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNUALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI (TARES)

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNUALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI (TARES) COMUNE DI VIGOLO (Provincia di Bergamo) REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI (TARES) Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 10 in data 08.08.2013

Dettagli

COMUNE DI GARDA PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI (TARES)

COMUNE DI GARDA PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI (TARES) COMUNE DI GARDA PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI (TARES) Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 15 del 29.07.2013

Dettagli

Comune di San Benedetto Val di Sambro Provincia di Bologna. Regolamento per la disciplina del Tributo sui Rifiuti e sui Servizi

Comune di San Benedetto Val di Sambro Provincia di Bologna. Regolamento per la disciplina del Tributo sui Rifiuti e sui Servizi Provincia di Bologna Regolamento per la disciplina del Tributo sui Rifiuti e sui Servizi Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 26 del 07.06.2013 Sommario: Art. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO...

Dettagli

COMUNE DI BUTTAPIETRA (Provincia di Verona)

COMUNE DI BUTTAPIETRA (Provincia di Verona) COMUNE DI BUTTAPIETRA (Provincia di Verona) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA E L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI - TARES Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. --------

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI COMUNE DI VILLA COLLEMANDINA Provincia di LUCCA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI INDICE SISTEMATICO ART 1- Istituzione della tassa ART. 2-

Dettagli

Allegato A. TITOLO II Gestione, costo, tariffe. TITOLO II Gestione, costo, tariffe. ART. 3 Gestione e costo del servizio

Allegato A. TITOLO II Gestione, costo, tariffe. TITOLO II Gestione, costo, tariffe. ART. 3 Gestione e costo del servizio TITOLO II Gestione, costo, tariffe TITOLO II Gestione, costo, tariffe ART. 3 Gestione e costo del servizio 3. Il soggetto gestore è tenuto a comunicare alla Giunta Comunale, entro il mese di settembre

Dettagli

Regolamento per l applicazione del. tributo comunale sui rifiuti e servizi (TARES)

Regolamento per l applicazione del. tributo comunale sui rifiuti e servizi (TARES) COMUNE DI VERDELLO Regolamento per l applicazione del tributo comunale sui rifiuti e servizi (TARES) Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. del / / Indice Art. 1 Oggetto...3 Art. 2 Istituzione

Dettagli

COMUNE DI PISTOIA REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI

COMUNE DI PISTOIA REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI COMUNE DI PISTOIA REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI ai sensi dell art. 14, D.L. 6 Dicembre 2011, n. 201 Art. 1 Oggetto del Regolamento... 4 Art.

Dettagli

COMUNE DI CAPRIOLO (Provincia di Brescia)

COMUNE DI CAPRIOLO (Provincia di Brescia) Allegato alla delibera del Consiglio Comunale n. 8 del 30.03.2015 COMUNE DI CAPRIOLO (Provincia di Brescia) Regolamento per l applicazione della Tassa Sui Rifiuti (TARI), componente dell Imposta Approvato

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI TARES

REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI TARES Comune di Vailate Provincia di Cremona REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI TARES Allegato alla deliberazione consiliare n. 67 del 26 novembre 2013 REGOLAMENTO

Dettagli

Regolamento per l istituzione e l applicazione della Tassa sui rifiuti (TARI)

Regolamento per l istituzione e l applicazione della Tassa sui rifiuti (TARI) Regolamento per l istituzione e l applicazione della Tassa sui rifiuti (TARI) Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 2 del 29.04.14 Modificato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 5

Dettagli

COMUNE DI SANGIANO PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI

COMUNE DI SANGIANO PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI COMUNE DI SANGIANO PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI Art. 1 ISTITUZIONE DELLA TASSA 1. Per il servizio relativo allo smaltimento dei rifiuti solidi

Dettagli

COMUNE DI RUTIGLIANO PROVINCIA DI BARI

COMUNE DI RUTIGLIANO PROVINCIA DI BARI ALLEGATO 1 COMUNE DI RUTIGLIANO PROVINCIA DI BARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI - TARES INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1. Oggetto

Dettagli

Parte 4^ Regolamento componente TARI (Tassa sui Rifiuti)

Parte 4^ Regolamento componente TARI (Tassa sui Rifiuti) Parte 4^ Regolamento componente TARI (Tassa sui Rifiuti) Art. 33 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1. Il presente Regolamento, adottato nell ambito della potestà regolamentare prevista dall articolo 52 del decreto

Dettagli

COMUNE di PODENZANO Provincia di Piacenza TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI

COMUNE di PODENZANO Provincia di Piacenza TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI COMUNE di PODENZANO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO COMUNALE PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI (TARES) Approvato con delibera di C.C. n. 012 del 05/06/2013

Dettagli

COMUNE DI CHIAROMONTE

COMUNE DI CHIAROMONTE COMUNE DI CHIAROMONTE ( PROVINCIA DI POTENZA ) VIA G. DI GIURA N 4 85032 CHIAROMONTE (PZ) TEL. 0973/571002-571034 FAX 0973/642222 E-Mail comunechiaromonte@rete.basilicata.it AREA FINANZIARIA OGGETTO REGOLAMENTO

Dettagli

Regolamento TARES. Art. 29. Presupposto della maggiorazione Art. 30. Aliquote.

Regolamento TARES. Art. 29. Presupposto della maggiorazione Art. 30. Aliquote. TITOLO V MAGGIORAZIONE PER I SERVIZI INDIVISIBILI Art. 29. Presupposto della maggiorazione Art. 30. Aliquote. REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI

Dettagli

REGOLAMENTO TASSA RIFIUTI (TARI)

REGOLAMENTO TASSA RIFIUTI (TARI) REGOLAMENTO TASSA RIFIUTI (TARI) Il presente regolamento approvato con delibera di Consiglio Comunale n. disciplina la IUC - TARI tributo del Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. del 1 REGOLAMENTO

Dettagli

Regolamento per la disciplina del Tributo sui Rifiuti e sui Servizi (T.A.R.E.S.)

Regolamento per la disciplina del Tributo sui Rifiuti e sui Servizi (T.A.R.E.S.) CITTÀ DI OZIERI PROVINCIA DI SASSARI SETTORE FINANZIARIO SERVIZIO TRIBUTI Regolamento per la disciplina del Tributo sui Rifiuti e sui Servizi (T.A.R.E.S.) Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

COMUNE DI CUTIGLIANO (Provincia di Pistoia) REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI TARES

COMUNE DI CUTIGLIANO (Provincia di Pistoia) REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI TARES COMUNE DI CUTIGLIANO (Provincia di Pistoia) REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI TARES Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 36 del 22/07/2013

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TARIFFA D IGIENE AMBIENTALE (TARIFFA RIFIUTI)

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TARIFFA D IGIENE AMBIENTALE (TARIFFA RIFIUTI) COMUNE DI CERRO AL LAMBRO (Provincia di Milano) UFFICIO DELLA RAGIONERIA E DELLE ENTRATE REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TARIFFA D IGIENE AMBIENTALE (TARIFFA RIFIUTI) Approvato con delibera di C.C.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE DENOMINATA I.U.C.

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE DENOMINATA I.U.C. REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE DENOMINATA I.U.C. Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 37 del 25/09/2014 1 TITOLO I - L IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) Articolo

Dettagli

COMUNE DI CAPOVALLE PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI CAPOVALLE PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI CAPOVALLE PROVINCIA DI BRESCIA INDICE REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI (aggiornato alla legge di stabilità 2013) Approvato con delibera

Dettagli

COMUNE DI GHEDI PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI GHEDI PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI GHEDI PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELLA TARIFFA PER IL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI (TARI) Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 14 del 1 aprile

Dettagli

CITTÀ di PORTO SAN GIORGIO

CITTÀ di PORTO SAN GIORGIO CITTÀ di PORTO SAN GIORGIO Provincia di FERMO Regolamento per la disciplina dell Imposta Unica Comunale (IUC) COMPONENTE TARI Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. del INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

COMUNE DI VILLAFRANCA IN LUNIGIANA (PROVINCIA DI MASSA CARRARA)

COMUNE DI VILLAFRANCA IN LUNIGIANA (PROVINCIA DI MASSA CARRARA) COMUNE DI VILLAFRANCA IN LUNIGIANA (PROVINCIA DI MASSA CARRARA) REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

COMUNE DI BELPASSO Provincia Regionale di Catania

COMUNE DI BELPASSO Provincia Regionale di Catania Regolamento per l istituzione, l applicazione e la riscossione del Tributo Comunale sui Rifiuti e sui Servizi D. L. n. 201 del 06 dicembre 2011, convertito in Legge n. 214 del 22 dicembre 2011 e successive

Dettagli

Comune di San Giovanni in Persiceto. Provincia di Bologna. Regolamento per la disciplina del Tributo Comunale sui Rifiuti e sui Servizi

Comune di San Giovanni in Persiceto. Provincia di Bologna. Regolamento per la disciplina del Tributo Comunale sui Rifiuti e sui Servizi Comune di San Giovanni in Persiceto Provincia di Bologna Regolamento per la disciplina del Tributo Comunale sui Rifiuti e sui Servizi Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 14 del 21/02/13 Modificato

Dettagli

C O M U N E DI T R I G O L O

C O M U N E DI T R I G O L O C O M U N E DI T R I G O L O Provincia di Cremona DELIBERAZIONE N. 29. Codice Ente : 10813 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza ordinaria di prima convocazione seduta pubblica OGGETTO:

Dettagli

COMUNE DI PINEROLO (Città Metropolitana di Torino) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO TASSA SUI RIFIUTI (TARI) IMPOSTA UNICA COMUNALE

COMUNE DI PINEROLO (Città Metropolitana di Torino) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO TASSA SUI RIFIUTI (TARI) IMPOSTA UNICA COMUNALE COMUNE DI PINEROLO (Città Metropolitana di Torino) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO TASSA SUI RIFIUTI (TARI) IMPOSTA UNICA COMUNALE GIALLO: NUOVE INTEGRAZIONI - MODIFICHE AZZURRO: GIA PRESENTE

Dettagli

Allegato 1 REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI RIFIUTI TARI ^^^^^^^^^^^^ Approvato con delibera di C.C. n. 54 del 17.07.

Allegato 1 REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI RIFIUTI TARI ^^^^^^^^^^^^ Approvato con delibera di C.C. n. 54 del 17.07. COMUNE di MIRANO Provincia di Venezia Allegato 1 REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI RIFIUTI TARI ^^^^^^^^^^^^ Approvato con delibera di C.C. n. 54 del 17.07.2014 Modificato con delibera di

Dettagli