PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI"

Transcript

1 PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI Nel presente fascicolo verranno definiti e trattati i seguenti argomenti: a. Parametri Urbanistici; b. Edifici e parti di Edificio; c. Standard Residenziale per Abitante; d. Standard per Parcheggi. a. Parametri Urbanistici Il processo di urbanizzazione e ristrutturazione urbana nelle varie zone del territorio comunale è regolato dai seguenti parametri urbanistici ed edilizi. SUPERFICIE TERRITORIALE (ST) m² Per superficie territoriale si intende un area non inferiore alla superficie minima di intervento comprendente le aree destinate all urbanizzazione primaria e secondaria, nonché all edificazione sulla quale si applica l indice di fabbricabilità territoriale, ad eccezione delle aree interessate dalla rete principale della viabilità (strade pubbliche Comunali, Provinciali, Nazionali). SUPERFICIE FONDIARIA (SF) m² La superficie fondiaria comprende il territorio di riferimento con esclusione delle aree destinate ad opere di urbanizzazione primaria e secondaria, in misura non inferiore a quella stabilita dal P.U.C. e nei termini dallo stesso previsti, con esclusione della rete principale della viabilità. Nella (SF) sono compresi gli spazi e le aree destinati alla viabilità secondaria, al verde ed ai parcheggi di esclusivo uso privato. SUPERFICIE per OPERE di URBANIZZAZIONE PRIMARIA S1 E rappresentata dalla somma delle superfici destinate alle opere di urbanizzazione primaria secondo le quantità minime previste dalle leggi vigenti e secondo quanto previsto dalle presenti norme e da riservare in particolare a: a. strade residenziali e percorsi pedonali. b. spazi di sosta e parcheggi. 1

2 c. fognature. d. rete idrica. e. rete di distribuzione dell energia elettrica, del gas e rete telefonica. f. pubblica illuminazione. g. spazi di verde attrezzato. SUPERFICIE per OPERE di URBANIZZAZIONE SECONDARIA S2 E rappresentata dalla somma delle superfici destinate agli spazi pubblici così come definiti dagli articolo 3 e 5 del DM n.1444 del (esclusi i parcheggi) e da riservare in particolare a: a. asili nido e scuole materne; b. scuole dell obbligo; c. mercati di quartiere; d. delegazioni comunali; e. chiese ed edifici per il culto; f. impianti sportivi di quartiere; g. centri sociali, attrezzature culturali e sanitarie; h. aree verdi di quartiere; i. tutte le altre aree, attrezzature ed impianti di interesse collettivo. SUPERFICIE MINIMA di INTERVENTO (Sm) E la superficie corrispondente alla superficie fondiaria di ogni intervento edilizio diretto o alla superficie territoriale di ogni Piano Urbanistico Attuativo. La Sm è individuata nelle tavole di Piano con apposita perimetrazione. SUPERFICIE EDIFICATA Per superficie edificata s intende la proiezione sul piano orizzontale del volume costruito fuori terra, nelle sue dimensioni esterne (ingombro). Per volume costruito fuori terra di un edificio principale s intendono i volumi costruiti dell edificio senza costruzioni annesse e senza le parti di edificio sporgenti sopra il relativo terreno determinante. 2

3 SUPERFICIE EDIFICATA COMPUTABILE Per superficie edificata computabile s intende la proiezione sul piano orizzontale del volume dell'edificio fuori terra nelle sue dimensioni esterne, comprese le parti di edificio sporgenti. Le superfici sotto le pensiline aperte sono computabili solo se viene superata la dimensione massima ammessa per le parti di edificio sporgenti. Nella superficie edificata computabile rientrano gli edifici principali, le costruzioni accessorie e le piccoli costruzioni così come le parti fuori terra delle costruzioni seminterrate. SUPERFICIE UTILE (SU) m² Per superficie utile si intende la somma delle superfici di tutti i piani fuori terra e dentro terra misurati al lordo di tutti gli elementi, escluse le parti destinate ad accogliere volumi tecnici (vano ascensore, camini, locale caldaia, serbatoi, ecc.), i porticati ad uso pubblico e le logge aperte da due lati. Nel caso di ricostruzione di edifici esistenti sono escluse dal computo della SU riedificabile le superfetazioni, le tettoie, le logge murate e le costruzioni abusive non sanate ai sensi di legge. SUPERFICIE UTILE LORDA (SUL) Per superficie utile lorda si intende la somma delle superfici lorde di tutti i piani fuori terra, delimitati dal perimetro esterno delle murature. E compresa nel calcolo della superficie utile lorda la superficie del sottotetto per la sola porzione avente altezza libera superiore a ml.2,40, misurata dal pavimento all intradosso delle strutture portanti del coperto e superficie utile superiore a mq. 9,00, avente caratteristiche di piano. Sono esclusi dal calcolo: - i porticati o porzione di essi di uso pubblico; - i balconi, i terrazzi, le logge, le chiostrine e i vani scala; - i locali accessori : vani ascensore, autorimesse e posti macchina interrati nei limiti di mq. 1 ogni mc.10 di alloggio; - i locali ed i volumi tecnici strettamente necessari ad impianti tecnici a servizio dell edificio anche se emergenti dalla linea di gronda; centrale termica, elettrica, autoclave, vano motore ed extracorsa ascensore, canne fumarie e di ventilazione, serbatoi idrici. - le superfici pertinenti a volumi che si rendono necessari per meglio integrare all edificio impianti che utilizzano fonti energetiche alternative. 3

4 SUPERFICIE EDIFICATA del FONDO La superficie edificata del fondo (SE) comprende le superfici o le parti del fondo che si trovano nella rispettiva zona edificabile. Nella superficie edificabile del fondo sono computate le superfici di accesso all edificio. Non sono invece computate le superfici di urbanizzazione primaria, secondaria e di base. SUPERFICIE COPERTA (SC) m² La superficie coperta da una costruzione è l area delimitata dalla proiezione orizzontale del filo esterno dei muri perimetrali dell edificio, compresi le logge, i porticati e le chiostrine ed esclusi i poggioli e le cornici. UNITA IMMOBILIARE (Ui) Si intende per unità immobiliare la minima entità edilizia censita nel Catasto Urbano, con o senza area di pertinenza, capace di assolvere autonomamente alle funzioni secondo cui è censita (esempio: appartamento, negozio, laboratorio artigiano...ecc...). UNITA FONDIARIA (Uf) Si intende per unità fondiaria l entità edilizia contenente una o più unità immobiliari, configuratesi, dal punto di vista storico, spaziale, statico e funzionale, come immobile a se stante anche se costruito in aderenza. VOLUME di un FABBRICATO m³ Il volume di un fabbricato è la somma dei prodotti delle superfici lorde di ogni piano per la rispettiva altezza lorda, con l esclusione delle autorimesse pertinenziali al fabbricato e dei servizi pubblici o di uso pubblico di cui all art.3 del D.M. 02/04/1968 e successive modificazioni ed integrazioni, isolati o compresi nello stesso fabbricato avente anche destinazione d uso prevalente diversa. Sono inoltre da escludere dal computo del volume le altre pertinenze del fabbricato, le autorimesse private non pertinenziali, sempre che entrambe siano poste al di sotto della quota di riferimento, e i volumi tecnici. 4

5 VOLUME MASSIMO COSTRUIBILE Vm Indica la somma dei prodotti delle superfici utili lorde (SUL) di ogni piano per le relative altezze lorde misurate da pavimento a pavimento; nel caso di ampliamenti di edifici esistenti il loro volume dovrà essere computato con le modalità previste per i fabbricati di nuova costruzione. RAPPORTO di COPERTURA (RC) Il rapporto di copertura è il rapporto fra la superficie coperta da una costruzione e la superficie contigua asservita alla stessa. INDICE delle SUPERFICI L indice delle superfici (IS) è il rapporto tra la somma di tutte le superfici di piano e la superficie edificabile del fondo. La somma di tutte le superfici di piano SP è composta di: - superficie utile principale SUP; - superficie utile secondaria SUS; - superficie di circolazione SCIR; - superficie di occupazione della costruzione SO; - superficie delle installazioni SI. Somma di tutte le superfici di piano Indice delle superfici di piano = ISP = Superficie edificabile del fondo ΣSP SeF INDICE di EDIFICABILITA L indice di edificabilità (IE) è il rapporto tra il volume dell edificio fuori terra e la superficie edificabile del fondo. N.B. Per volume dell edificio fuori terra s intende il volume di un edificio nelle sue dimensioni esterne sul terreno determinante, escluse le parti di edificio aperte (non completamente chiuse). Volume dell Edificio fuori terra Indice di Edificabilità = IE = Superficie edificabile del fondo VEft SeF 5

6 INDICE TERRITORIALE (IT) Per indice territoriale si intende il volume massimo costruibile espresso in mc/mq. di ST e si determina considerando gli edifici di progetto e quelli esistenti. INDICE di FABBRICABILITÀ TERRITORIALE (IT) m³/ m² L indice di fabbricabilità territoriale è il rapporto tra il volume complessivo delle costruzioni (non destinate a servizi pubblici) esistenti e di nuova realizzazione e la relativa superficie territoriale. INDICE di FABBRICABILITÀ FONDIARIO (IF) m³/ m² L indice di fabbricabilità fondiario è il rapporto tra il volume complessivo delle costruzioni esistenti e di nuova realizzazione e la relativa superficie fondiaria. INDICE di OCCUPAZIONE L indice di occupazione (IO) è il rapporto tra la superficie edificata del fondo e la superficie edificabile del fondo. Superficie edificata del fondo Indice di Occupazione = IO = Superficie edificabile del fondo SeE SeF INDICE delle AREE VERDI L indice delle aree verdi (IAE) è il rapporto tra l area verde computabile e la superficie edificabile del fondo. Per area verde computabile s intendono le superfici naturali e/o alberate di un fondo che non sono recintate e non sono utilizzate come superfici di deposito. Area Verde Computabile Indice delle Aree Verdi = IAE = Superficie edificabile del fondo AEc SeF INDICE di SFRUTTAMENTO L indice di sfruttamento (IS) è il rapporto tra la somma delle superfici di piano edificate e la superficie edificabile del fondo. Per superficie di piano edificata SPe s intende la somma di tutte le superfici di piano degli edifici principali. 6

7 La superficie di piano edificata SPe è composta di: - superficie utile principale SUP; - superficie di circolazione SCIR; - superficie di occupazione della costruzione SO. Superfici di Piano Edificate Indice di Sfruttamento = IAE = Superficie edificabile del fondo ΣSPe SeF RAPPORTO MASSIMO di COPERTURA (RCM) Per rapporto massimo di copertura si intende il rapporto espresso in percentuale tra la superficie coperta e la ST. NUMERO dei PIANI (P) E il numero dei piani abitabili, anche solo in parte e cioè dei piani che contribuiscono a determinare la superficie utile lorda. ALTEZZA dei FRONTI (Hf) L altezza dei fronti dei fabbricati è rappresentata: a. per i fronti prospicienti le strade, dalla differenza tra le quote medie del marciapiede stradale e la linea orizzontale di intersezione tra il piano verticale del fronte ed il piano dell intradosso del solaio di copertura; b. per i fronti non prospicienti le strade, dalla differenza tra le quote medie del piano di campagna e la linea orizzontale di intersezione tra il piano verticale di ciascun fronte e il piano dell intradosso del solaio di copertura. ALTEZZA dei FABBRICATI H E la media espressa in metri delle altezze dei vari fronti; sono esclusi dai limiti di altezza i manufatti tecnologici, quali tralicci per le linee elettriche, torri piezometriche e per telecomunicazioni, ciminiere, extracorsa degli ascensori e vani tecnici particolari. ALTEZZA MASSIMA H L altezza massima di un fabbricato è misurata tra due piani orizzontali passanti rispettivamente per il punto più basso di tutti i prospetti e per l estradosso dell ultimo solaio; se tale solaio è inclinato, il 7

8 piano passa per l altezza media tra l estradosso dello stesso e il punto più alto della copertura. Nel caso di terreno acclive, l altezza può essere verificata per singoli corpi di fabbrica disaggregati dal complesso per tagli verticali. QUOTA di RIFERIMENTO di UN CORPO di FABBRICA La quota di riferimento di un corpo di fabbrica è il punto più basso della giacitura del terreno sul perimetro della costruzione come risultava prima dell intervento, ovvero il piano di spiccato della costruzione stessa qualora questo sia posto a quota inferiore a detta giacitura. La quota di riferimento deve essere documentata negli elaborati di progetto con atti aventi efficacia probatoria. PIANO di SPICCATO di un FABBRICATO Il piano di spiccato di un fabbricato è il piano orizzontale di separazione tra le fondazioni, considerando in tal senso anche i locali totalmente interrati, con la sola eccezione dell apertura di accesso, e la restante parte della costruzione. MISURAZIONE delle DISTANZE La distanza di un edificio da un qualunque elemento esterno è quella minore misurata dal perimetro della proiezione orizzontale dell edificio stesso, ivi compresi tutti gli elementi aggettanti, con l esclusione della gronda. Per distanza dalle strade si intende la distanza dal ciglio di strade pubbliche o di uso pubblico rotabili. DISTANZE MINIME DEI FABBRICATI (D) Sono distinte nel seguente modo: D1 - Distanza dei fronti del fabbricato dal bordo stradale; per distanza dal bordo stradale si intende la lunghezza del segmento minimo congiungente il corpo più avanzato del fabbricato ed il ciglio della strada. La sede stradale va considerata non nelle sua attuale consistenza ma in quella prevista dagli strumenti urbanistici vigenti. Per i nuovi edifici ricadenti in zone B, C, D, le distanze da osservarsi dalle strade veicolari sono quelle previste dall articolo 9, punto 3, comma 2 del DM n.1444 e cioè: - ml.5,00 per strade di larghezza inferiore a ml.7,00; 8

9 - ml.7,50 per strade di larghezza compresa tra ml.7,00 e ml.15,00; - ml.10,00 per strade di larghezza superiore a ml.15,00. Sono ammesse distanze inferiori a quelle indicate nel presente comma nei casi in cui siano definite dagli allineamenti edilizi prescritti nelle tavole di PRG. Nel caso di ampliamenti di edifici esistenti sono ammesse distanze inferiori a quelle indicate nel presente punto nei casi in cui siano definiti gli allineamenti esistenti e secondo gli stessi. D2 - Distanza dei fronti del fabbricato dal confine di proprietà: - nel caso di intervento di recupero del patrimonio edilizio esistente senza incremento della SUL si mantengono le distanze preesistenti; - in caso di interventi di recupero con aumento della SUL se si tratta di: a. sopraelevazioni, si rispettano le distanze preesistenti con un minimo di ml.3,00 derogabili con il consenso scritto della parte confinante; b. ampliamento, si rispettano le distanze preesistenti con un minimo di ml.5,00 derogabili con il consenso scritto della parte confinante; - Per gli interventi di nuova costruzione: ml. 5,00 oppure secondo le indicazioni grafiche del PRG. La costruzione di annessi tergali può essere realizzata in confine se il terreno retrostante è inedificato. D3 - Distanza tra edifici: - nel caso di interventi di recupero senza incremento della SUL, si mantengono le distanze preesistenti; - nel caso di recupero con incremento della SUL: a. ml.10,00 qualora gli edifici si fronteggino per uno sviluppo di ml.12,00; b. ml.10,00 con un minimo pari all altezza del fabbricato più alto, qualora gli edifici si fronteggino per uno sviluppo maggiore di ml.12,00; c. per le sopraelevazioni saranno mantenute le distanze preesistenti con un minimo di ml. 6,00. Per interventi di nuova costruzione si applica quanto previsto al precedente punto b. Sono ammesse distanze inferiori nei casi in cui siano definite dagli allineamenti edilizi prescritti nelle tavole di PRG. 9

10 Note: Per ottenere la cubatura o volumetria massima realizzabile all interno di un dato lotto di terreno, è sufficiente moltiplicare la superficie territoriale ST per l indice di fabbricabilità IF Es: dato un lotto di 2000 mq e un IF 0.3mc/mq, la cubatura realizzabile sarà data dal rapporto 2000mq x 0. 3mc/mq = 600mc Per ottenere la superficie di ogni piano, dividere la volumetria per l altezza del piano di progetto. 10

11 b. Edifici e parti di Edificio EDIFICI Per edifici s intendono costruzioni inserite nel terreno che presentano una copertura fissa ed eventualmente ulteriori chiusure per la protezione di persone, animali o oggetti e che dispongono di un altezza e di una superficie edificata minime prescritte dalla legge. EDIFICI CHIUSI e PARTI di EDIFICIO CHIUSI Sono considerati edifici chiusi e parti di edificio chiusi gli edifici e le parti di edificio coperti e chiusi contenuti nel perimetro della superficie edificata. EDIFICI APERTI e PARTI di EDIFICIO APERTI Sono considerati edifici e parti di edificio aperti gli edifici e le parti di edificio non completamente chiusi. EDIFICI PRINCIPALI Per edifici principali s intendono edifici chiusi che servono per le funzioni abitative, lavoro, ristoro, formazione, consumo, approvvigionamento così come per le utilizzazioni commerciali e sono utilizzati per questi scopi. COSTRUZIONI ACCESSORIE Le costruzioni accessorie sono edifici e parti di edificio chiusi nei quali non sono possibili le funzioni abitative, lavoro, ristoro, formazione, consumo, approvvigionamento così come le utilizzazioni commerciali. PICCOLE COSTRUZIONI Per piccole costruzioni s intendono gli edifici accessori; vale a dire, piccole costruzioni indipendenti o piccoli fabbricati. Le piccole costruzioni comportano dimensioni ridotte in altezza e in superficie edificata oppure in lunghezza della costruzione. 11

12 PARTI di EDIFICIO SPORGENTI Le parti sporgenti sono quelle parti di edificio che sporgono fino ad una misura determinata oltre la facciata. COSTRUZIONI INTERRATE Le costruzioni interrate sono costruzioni e fabbricati, o parti di essi, che almeno in parte si trovano completamente sotto il livello del terreno esistente, ad eccezione dell accesso. COSTRUZIONI SEMINTERRATE Le costruzioni seminterrate sono costruzioni e fabbricati, o parti di essi, che almeno in parte si trovano sotto il livello del terreno esistente o modificato. La parte fuori dal terreno è limitata dall'altezza della parte di edificio più alta sopra la quota di riferimento oppure dall'altezza delle facciate visibili. DIMENSIONI dell EDIFICIO 1. Lunghezza dell Edificio Per lunghezza dell edificio s intende il lato maggiore del rettangolo di minore superficie che contiene la superficie edificata (ingombro) dell'edificio. 2. Larghezza dell Edificio Per larghezza dell edificio s intende il lato minore del rettangolo di minore superficie che contiene la superficie edificata (ingombro) dell'edificio. 3. Linea Delle Facciate Per linea delle facciate s intende la linea esterna della superficie edificata degli edifici principali, delle costruzioni accessorie e delle piccole costruzioni. TERRENO DETERMINANTE Normalmente per terreno determinante s intende la configurazione del terreno naturale costruito. Se questa configurazione non può più essere determinata a seguito di precedenti scavi o sistemazioni del terreno, essa va presunta dalla conformazione naturale dei dintorni. Laddove è prevista una diversa configurazione del terreno tramite scavi o sistemazioni, il terreno determinante può essere definito diversamente dal terreno naturale con una procedura pianificatoria. 12

13 ALTEZZA dell EDIFICIO L altezza di un edificio è misurata dalla quota di riferimento al filo superiore del pavimento sopra l'ultimo piano. Per gli edifici con pianta irregolare, a gradoni o con piani sfalsati costruiti in pendio o articolati sulla verticale o per le costruzioni in pendio, l altezza è misurata per ogni parte del singolo edificio. In caso di tetto piano, il filo superiore del pavimento corrisponde alla quota del tetto piano finito. ALTEZZA al COLMO L altezza al colmo è misurata dalla quota di riferimento al punto più alto del tetto piano o del colmo. ALTEZZA alla RADICE L altezza alla radice è misurata dal pavimento finito del piano mansardato all intersezione delle facciate esterne con il filo superiore del tetto. ALTEZZA delle FACCIATE L altezza delle facciate è misurata dal terreno accertato all intersezione con la gronda del piano utile più alto (incl. altezza alla radice). In caso di scavi, fa stato il piano più basso del terreno. Per le facciate con timpano, l altezza è misurata dal terreno accertato al punto mediano della linea di congiunzione tra i punti di misurazione dell altezza alla radice. Per le costruzioni a tetto piano, l altezza delle facciate è misurata al parapetto sopra la gronda, tranne quando il parapetto è arretrato rispetto alle facciate di una misura determinata. Sono considerati parapetti anche le chiusure traforate, come per esempio le ringhiere. PIANI 1. Piano Normale (Piano Tipo) Sono considerati piani interi tutti i piani utilizzabili degli edifici principali, eccetto i piani interrati, i piani mansardati o arretrati. Per gli edifici a gradoni o con piani sfalsati costruiti in pendio o articolati sulla verticale, il numero di piani interi viene calcolato per ogni parte del singolo edificio. 2. Piano Interrato Sono considerati piani interrati i piani le cui solette dei pavimenti grezzi non si trovano sopra la quota di riferimento, oppure lo sono solo fino a un altezza determinata, 13

14 3. Piano Mansardato I piani mansardati sono i piani la cui altezza alla radice non supera una misura determinata. 4. Piano Arretrato (Attico) Per attico s intende un piano supplementare, posto su un tetto piano, arretrato di una misura determinata rispetto al piano normale sottostante. Il piano arretrato costituisce un ulteriore ultimo piano sul tetto piano. L arretramento dell attico rispetto al piano sottostante deve concernere almeno un intera facciata. LIMITI di COSTRUZIONE LINEE di EDIFICAZIONE Le linee di edificazione delimitano il terreno edificabile da quello non edificabile, sostituendo le prescrizioni generali sulle distanze. DISTANZA tra le LINEE di EDIFICAZIONE La distanza tra le linee di edificazione rappresenta la distanza tra due linee di edificazione ed è perpendicolare alle linee stesse. AREA EDIFICABILE L area edificabile comprende tutte le parti della superficie del fondo sulle quali è possibile edificare. 14

15 c. Standard Residenziale per Abitante Il PRG assume come standard residenziale rispettivamente: a. il numero di abitanti pari ai posti letto nel caso di tipi edilizi progettati nelle schede preprogettuali relative alle zone C; b. 100 mc/ab. nel caso di tipi edilizi mono/bifamigliari delle zone B e C definiti nelle tavole di PRG nella scala 1:2000 con sagome planimetrica. c. 80 mc/ab. nel caso di tipi edilizi in linea delle zone B e C. d. Standard per Parcheggi Le presenti norme determinano la seguente classificazione delle aree a parcheggio in rapporto alle residenze e alle attività non residenziali: - Pa: parcheggi ed autorimesse di pertinenza degli edifici; - Pb: parcheggi di urbanizzazione primaria; 1. Residenza I parcheggi di tipo Pa devono essere all interno dell area di pertinenza esclusiva del fabbricato, in ragione minima di mq. 1,00 di parcheggio, coperto o scoperto, ogni mc.10 di costruzione. I parcheggi di tipo Pb debbono essere esterni all area di pertinenza del fabbricato, antistanti o in un raggio di percorrenza congruo con la soluzione urbanistica proposta, nella misura non inferiore a mq. 2,50 / abitante. 2. Attività commerciali al dettaglio e direzionali I parcheggi di tipo Pa sono dimensionati nella misura minima di mq. 20 per ogni 100 mq. destinati alle attività. I parcheggi di tipo Pb sono dimensionati in ragione di mq. 40 per ogni 100 mq. di SUL destinata alle attività. 3. Attività commerciali al dettaglio con superficie di vendita superiore a mq. 400 I parcheggi di tipo Pa sono dimensionati nella misura minima di mq. 100 ogni 100 mq. di SUL destinata alle attività. I parcheggi di tipo Pb sono dimensionati in ragione di mq. 40 per ogni 100 mq. di SUL destinata alle attività. 15

16 4. Cinema, teatri, locali per spettacolo I parcheggi di tipo Pa sono dimensionati nella misura di mq. 60 ogni 100 di SUL destinata alle attività. I parcheggi di tipo Pb sono dimensionati nella misura di mq. 40 ogni 100 mq. di SUL destinata alle attività. 5. Pubblici esercizi. (Ristoranti, trattorie, bar ecc...) I parcheggi di tipo Pa sono dimensionati nella misura minima di mq. 15 ogni 100 mq. di SUL destinata alle attività. I parcheggi di tipo Pb sono dimensionati nella misura minima di mq.40 ogni 100 mq. di SUL destinata alle attività. 6. Attività industriali. I parcheggi di tipo Pa e Pb sono dimensionati rispettivamente in ragione di mq. 20 ogni 100 mq. di SUL destinata alle attività. 7. Attività ricettive, alberghiere ed extra-alberghiere. Per le attrezzature alberghiere e similari i parcheggi di tipo Pa debbono essere dimensionati come minimo, in ragione di n. 1 posto auto per ogni camera o unità abitativa o piazzola e debbono essere collocati nelle aree di pertinenza o adiacenti la struttura ricettiva. I parcheggi di tipo Pb sono dimensionati in ragione di mq. 40 ogni 100 mq. di SUL destinata alle attività. 16

Definizioni e procedure di misurazione

Definizioni e procedure di misurazione Avamprogetto per la consultazione 05.07.04 Allegato Definizioni e procedure di misurazione 1 Edifici e parti di edificio 1.1 Edifici Per edifici s intendono costruzioni inserite nel terreno che presentano

Dettagli

COMUNE DI OLBIA ELABORATO: TAVOLA All. B. Norm e di Attu a zion e APPROVAZIONI. PROGETTIS TA In g. Da n ilo Ma n zottu S CALA

COMUNE DI OLBIA ELABORATO: TAVOLA All. B. Norm e di Attu a zion e APPROVAZIONI. PROGETTIS TA In g. Da n ilo Ma n zottu S CALA COMUNE DI OLBIA Provin cia di Olbia - Te m pio OGGETTO: PROGETTO DI VARIANTE NON S OS TANZIALE AL COMPARTO DI ZONA AH OS PEDALIERA S ITA IN COMUNE DI OLBIA, LOCALITA' TANNAULE. ELABORATO: Norm e di Attu

Dettagli

22.06.2011 Risposte ad ulteriori quesiti posti :

22.06.2011 Risposte ad ulteriori quesiti posti : 22.06.2011 Risposte ad ulteriori quesiti posti : - le tavole della proposta progettuale dovranno essere possibilmente su supporto cartaceo normale; - la relazione di fattibilità economica ed il preventivo

Dettagli

Piano Regolatore Generale 2003

Piano Regolatore Generale 2003 Piano Regolatore Generale 2003 Regolamento Urbanistico COMUNEDI AREZZO Assessorato Urbanistica, Edilizia, CentroStorico Direzione Servizi per il Territorio Ufficio Pianificazione Urbanistica Illustrazionedel

Dettagli

VOLUMI E SUPERFICI IN EDILIZIA Tratto da D. Borri, Lessico Urbanistico, Ed. Dedalo, BARI

VOLUMI E SUPERFICI IN EDILIZIA Tratto da D. Borri, Lessico Urbanistico, Ed. Dedalo, BARI VOLUMI E SUPERFICI IN EDILIZIA Tratto da D. Borri, Lessico Urbanistico, Ed. Dedalo, BARI RICHIAMI DI TECNICA URBANISTICA SUPERFICIE URBANA Insieme delle superfici occupate da costruzioni ed attrezzature,

Dettagli

Definizione degli indici e parametri.

Definizione degli indici e parametri. Estratto dal Regolamento Edilizio Tipo - articolo 13 - Regolamento Edilizio Tipo: Reg. 14 settembre 1989, n. 23 (1). Pubblicato nel B.U. Marche 14 settembre 1989, n. 100-bis. Regolamento Edilizio Tipo

Dettagli

Art. 101 Volume dell'edificio

Art. 101 Volume dell'edificio Comune di Padova Settore Edilizia Privata Settore Pianificazione Urbanistica Piano Regolatore Generale Nuovo Regolamento Edilizio Comunale Approvato con Deliberazione del C.C. n. 41 del 05/06/2006 In vigore

Dettagli

REGOLAMENTO URBANISTICO (L.R. 3 Gennaio 2005 n 1, art. 55)

REGOLAMENTO URBANISTICO (L.R. 3 Gennaio 2005 n 1, art. 55) Comune di LAMPORECCHIO (Provincia di Pistoia) REGOLAMENTO URBANISTICO (L.R. 3 Gennaio 2005 n 1, art. 55) NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE ALLEGATO 2 Definizione dei parametri urbanistici ed edilizi TESTO INTEGRATO

Dettagli

COMUNE DI SANTA MARIA NUOVA Provincia di Ancona. Il Responsabile dell Area Gestione del Territorio Geom. Donato Carbonari

COMUNE DI SANTA MARIA NUOVA Provincia di Ancona. Il Responsabile dell Area Gestione del Territorio Geom. Donato Carbonari COMUNE DI SANTA MARIA NUOVA Provincia di Ancona Il Responsabile dell Area Gestione del Territorio Geom. Donato Carbonari Il Sindaco Santicchia Angelo Il Segretario Comunale Dott. Bonetti Angelo Approvato

Dettagli

Corso di TECNICA URBANISTICA prof. Romano Fistola

Corso di TECNICA URBANISTICA prof. Romano Fistola UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL SANNIO FACOLTÀ DI INGEGNERIA LAUREA IN INGEGNERIA CIVILE Corso di TECNICA URBANISTICA INDICI E PARAMENTRI URBANISTICI ED EDILIZI dispensa n. 4 Le pagine che seguono contengono

Dettagli

Definizioni urbanistico edilizie inserite nella DAL 279/2010 come modificata dalla Delibera G.R. n 994 del 7 luglio 2014

Definizioni urbanistico edilizie inserite nella DAL 279/2010 come modificata dalla Delibera G.R. n 994 del 7 luglio 2014 Definizioni urbanistico edilizie inserite nella DAL 279/2010 come modificata dalla Delibera G.R. n 994 del 7 luglio 2014 DAL n 279/2010 Il 28 gennaio 2014 sono entrate in vigore le Definizioni tecniche

Dettagli

RIFERIMENTI NORMATIVI DISTACCHI. D.M.1444/68 - Distacchi stradali e distacchi tra edifici. Codice civile + R.E. Distacchi dai confini

RIFERIMENTI NORMATIVI DISTACCHI. D.M.1444/68 - Distacchi stradali e distacchi tra edifici. Codice civile + R.E. Distacchi dai confini RIFERIMENTI NORMATIVI DISTACCHI D.M.1444/68 - Distacchi stradali e distacchi tra edifici Distacchi stradali a) Per l < 7,00 m d = 5,00 m b) Per 7,00 m = l = 15,00 m d = 7,50 m c) Per l > 15,00 m d = 10,00

Dettagli

COMUNE DI ROVERE' VERONESE Provincia di Verona art. 17 L.R. 11/2004

COMUNE DI ROVERE' VERONESE Provincia di Verona art. 17 L.R. 11/2004 COMUNE DI ROVERE' VERONESE Provincia di Verona art. 17 L.R. 11/2004 elab. PARAMETRI EDILIZI E METODI DI MISURAZIONE PROGETTAZIONE STUDIO DI PROGETTAZIONE URBANA E PIANIFICAZIONE TERRITORIALE ANDREA E DANIEL

Dettagli

Edilizia residenziale normale di tipo plurifamiliare /mc 276,84

Edilizia residenziale normale di tipo plurifamiliare /mc 276,84 Tabella H Costi edilizi di riferimento per il calcolo sommario del costo di costruzione riferito ad interventi su edifici esistenti o di nuova edificazione 1 NUOVA EDIFICAZIONE u.m. valore Edilizia residenziale

Dettagli

COPIA DI ATTO DI CONSIGLIO COMUNALE Seduta del 14/05/2012 n. 16

COPIA DI ATTO DI CONSIGLIO COMUNALE Seduta del 14/05/2012 n. 16 COPIA DI ATTO DI CONSIGLIO COMUNALE Seduta del 14/05/2012 n. 16 OGGETTO: APPROVAZIONE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUT O DI COSTRUZIONE, QUOTA AFFERENTE IL CONTRIBUTO SUGLI ONERI

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE REGIONE PIEMONTE BU18 07/05/2015 Comune di Rivalta di Torino (Torino) Deliberazione di C.C. n. 4 del 28/01/2015: Regolamento Edilizio Comunale. Modifica e sostituzione articolo 18 e inserimento nuovi articoli

Dettagli

C O M U N E D I F O S S A P R O V I N C I A D E L L A Q U I L A P.R.G. P i a n o R e g o l a t o r e G e n e r a l e

C O M U N E D I F O S S A P R O V I N C I A D E L L A Q U I L A P.R.G. P i a n o R e g o l a t o r e G e n e r a l e C O M U N E D I F O S S A P R O V I N C I A D E L L A Q U I L A P.R.G. P i a n o R e g o l a t o r e G e n e r a l e Legge 17.8.1942, n 1150 e successive modifiche e integrazioni Legge Regionale 12.4.1983,

Dettagli

Approvazione definitiva Norme Tecniche d Attuazione del Regolamento Urbanistico

Approvazione definitiva Norme Tecniche d Attuazione del Regolamento Urbanistico Approvazione definitiva Norme Tecniche d Attuazione del Regolamento Urbanistico Obiettivi : Semplificazione (100 pag. invece di 400) Adeguamento alle nuove Leggi Superamento difficoltà d interpretazione

Dettagli

REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE

REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE COMUNE DI MONTIGNOSO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE Variante artt. 26 47 62 63 Progettisti: Arch. Stefano Francesconi Geom. Giovanni Antonio Del Freo Testo Eliminato = Evidenziato

Dettagli

COMUNE DI CARASSAI REGOLAMENTO COMUNALE

COMUNE DI CARASSAI REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI CARASSAI Provincia di Ascoli Piceno REGOLAMENTO COMUNALE Attuazione del D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 per la determinazione dell'incidenza degli oneri di urbanizzazione Approvato con: Delibera

Dettagli

Comune di Pesaro. Regolamento Attuazione del D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 concernente: «Determinazione dell'incidenza degli oneri di urbanizzazione».

Comune di Pesaro. Regolamento Attuazione del D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 concernente: «Determinazione dell'incidenza degli oneri di urbanizzazione». Comune di Pesaro Regolamento Attuazione del D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 concernente: «Determinazione dell'incidenza degli oneri di urbanizzazione». Approvato con delibera di C.C. n. 27 del 5 marzo 2012

Dettagli

REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO

REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO 1.Lavoraresullacittàesistente 3.Immaginarenuoveretieconnessioni 2.Espandereilcentro REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO ALLEGATI ALLA PARTE I: DEFINIZIONI DOCUMENTAZIONE ISTANZE recepimento art. 50 L.R. A.1

Dettagli

INDICE PARTE PRIMA...6

INDICE PARTE PRIMA...6 COMUNE DI CORI Provincia di Latina REGOLAMENTO EDILIZIO Arch. Giorgio Ceracchi Ing. Gianfranco Buttarelli Marzo 2004 INDICE PARTE PRIMA...6 CAPITOLO I...6 DISPOSIZIONI GENERALI...6 ART. 1 OGGETTO, CONTENUTI

Dettagli

COMUNE DI AGUGLIANO PROVINCIA DI ANCONA

COMUNE DI AGUGLIANO PROVINCIA DI ANCONA COMUNE DI AGUGLIANO PROVINCIA DI ANCONA 3 SETTORE TECNICO NUOVO REGOLAMENTO Attuazione del D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 concernente: «Determinazione dell'incidenza degli oneri di urbanizzazione». Art.

Dettagli

Corso di Tecniche per il Piano urbanistico 2009/2010 Prof. Claudia de Biase

Corso di Tecniche per il Piano urbanistico 2009/2010 Prof. Claudia de Biase Prof. Claudia de Biase SUPERFICIE TERRITORIALE (Ha) = l area totale interessata dall intervento comprensiva delle aree destinate all edificazione e le aree di uso pubblico aree di urbanizzazione primaria

Dettagli

CITTA DI PIAZZOLA SUL BRENTA Provincia di Padova

CITTA DI PIAZZOLA SUL BRENTA Provincia di Padova CITTA DI PIAZZOLA SUL BRENTA Provincia di Padova Sportello Unico per l Edilizia SCHEMA ANALITICO DELLE SUPERFICI E VOLUMI PER LA DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE AI SENSI DELL ARTICOLO 16 DEL

Dettagli

NORME TECNICHE D ATTUAZIONE

NORME TECNICHE D ATTUAZIONE VARIANTE AL PIANO REGOLATORE GENERALE DEL COMUNE DI S. VITO CHIETINO (Ch) ( Legge 17 Agosto 1942 n 1150 e successive modifiche ed integrazioni) 1 Indice generale. TITOLO 1 - DISPOSIZIONI GENERALI Capo

Dettagli

PR1 NORMATIVA DI PIANO

PR1 NORMATIVA DI PIANO PR1 NORMATIVA DI PIANO CONFRONTO MODIFICHE Allegato A osservazione n. 103 TESTO ATTUALE PROPOSTA DI AGGIORNAMENTO DEL TESTO NOTE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 3 AREE DI PERTINENZA Le aree e le superfici

Dettagli

DEFINIZIONI TECNICHE UNIFORMI PER L URBANISTICA E L EDILIZIA

DEFINIZIONI TECNICHE UNIFORMI PER L URBANISTICA E L EDILIZIA Estratto della Deliberazione della Assemblea legislativa della regione Emilia- Romagna 4 febbraio 2010, n. 279 (Approvazione dell'atto di coordinamento sulle definizioni tecniche uniformi per l'urbanistica

Dettagli

(Provincia di Ancona) REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

(Provincia di Ancona) REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE Comune di Sirolo (Provincia di Ancona) REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE (Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 42 del 29.11.2010) CAPO I GENERALITA Art. 1 - Oggetto

Dettagli

COMUNE DI TRENTO PRG PIANO REGOLATORE GENERALE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE TESTO UNICO SERVIZIO URBANISTICA E PIANIFICAZIONE DELLA MOBILITA'

COMUNE DI TRENTO PRG PIANO REGOLATORE GENERALE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE TESTO UNICO SERVIZIO URBANISTICA E PIANIFICAZIONE DELLA MOBILITA' COMUNE DI TRENTO PRG PIANO REGOLATORE GENERALE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE TESTO UNICO SERVIZIO URBANISTICA E PIANIFICAZIONE DELLA MOBILITA' Trento, maggio 2012 Il presente testo coordinato non è stato

Dettagli

San Martino Buon Albergo 5HJRODPHQWR(GLOL]LR

San Martino Buon Albergo 5HJRODPHQWR(GLOL]LR 7,72/2,,,ƒ '(),1,=,21, $UW±'HILQL]LRQHGLHOHPHQWLXUEDQLVWLFRHGLOL]L 1. 6XSHUILFLH7HUULWRULDOH: è la superficie di territorio comprendente la superficie fondiaria e le aree per l'urbanizzazione primaria

Dettagli

COMUNE DI CASTELBELLINO

COMUNE DI CASTELBELLINO COMUNE DI CASTELBELLINO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA P.zza S. Marco 15 60030 Castelbellino e.mail urbanistica.castelbellino@provincia.ancona.it Protocollo ALLEGATO C AL PERMESSO DI COSTRUIRE Ditta: Oggetto:

Dettagli

REGOLAMENTO URBANISTICO

REGOLAMENTO URBANISTICO Comune di Buti Provincia di Pisa REGOLAMENTO URBANISTICO (Legge Regionale n. 1/2005 "Norme per il governo del territorio") Variante di monitoraggio e revisione quinquennale ai sensi art. 55 L.R. n. 1/05

Dettagli

P.A.C. 17/18 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DELLO STRUMENTO URBANISTICO

P.A.C. 17/18 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DELLO STRUMENTO URBANISTICO P.A.C. 17/18 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DELLO STRUMENTO URBANISTICO VIGENTE Art. 1 CONTENUTO DELLE NORME. Le presenti norme servono a regolamentare gli interventi edilizi all interno della zona inserita

Dettagli

Prova Pratico/Grafica (6 + 2 ore)

Prova Pratico/Grafica (6 + 2 ore) Università di Camerino Esame di Stato di Abilitazione ad Esercizio della Professione di Architetto Sessione Novembre 2009 Laurea Specialistica Prova Pratico/Grafica (6 + 2 ore) Tema N.1. Complesso residenziale

Dettagli

Regolamento Urbanistico. Norme TESTO COORDINATO

Regolamento Urbanistico. Norme TESTO COORDINATO Comune di Empoli Regolamento Urbanistico Norme TESTO COORDINATO Testo coordinato adottato (del. C.C. n. 34 del 15/04/2009) Testo barrato = testo eliminato Testo sottolineato = testo aggiunto Testo coordinato

Dettagli

Regolamento Urbanistico SCHEDA-PROGETTO. COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE (Provincia di Pistoia)

Regolamento Urbanistico SCHEDA-PROGETTO. COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE (Provincia di Pistoia) COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE (Provincia di Pistoia) REGOLAMENTO URBANISTICO Progettazione Ing. Gaetano Pollerone Funzionario Tecnico Comunale Consulenza Urbanistica : Arch. Giuliano Giovannelli Consulenza

Dettagli

MODELLO PER IL CALCOLO DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

MODELLO PER IL CALCOLO DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE CITTÀ DI FOLIGNO AREA GOVERNO DEL TERRITORIO E BENI CULTURALI Servizio Sportello Unico Edilizia Servizio Edilizia Via dei Molini, 20/a Corso Cavour, 89 MODELLO PER IL CALCOLO DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Dispensa W3_ METODOLOGIE DI PROGETTAZIONE URBANISTICA

Dispensa W3_ METODOLOGIE DI PROGETTAZIONE URBANISTICA Università G. d Annunzio, Facoltà di Architettura, Corso integrato di Fondamenti di Urbanistica Prof. Arch. Paolo Fusero: Tot. 12 cfu due moduli didattici: Teorie e Tecniche dell Urbanistica 4 cfu (1 ciclo);

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE committente /client LIFE SOURCE SRL PIAZZA MATTEOTTI 20 - BERGAMO progetto / project PIANO ATTUATIVO IN VARIANTE NUOVO POLO RICETTIVO At_e14 STRADA BRIANTEA BERGAMO NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE 1 Art.

Dettagli

REGOLAMENTO URBANISTICO

REGOLAMENTO URBANISTICO COMUNE DI LARCIANO Provincia di Pistoia REGOLAMENTO URBANISTICO Modificato a seguito della Variante n 4 Legge R.T. 03.01.2005 n.1 Progettista Dott. Arch. Riccardo L.BRESCHI Maggio 2008 Norme tecniche di

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE REGIONE SICILIANA PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI COMUNE DI CASTELLAMMARE DEL GOLFO PIANO REGOLATORE GENERALE VARIANTE ALLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Deliberazione Di Consiglio Comunale n. 47 del 04/12/2008

Dettagli

CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE Art. 16 del D.P.R. n. 380 del 06/06/2001

CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE Art. 16 del D.P.R. n. 380 del 06/06/2001 Unità Operativa D Pianificazione Urbanistica Assetto del Territorio Edilizia Privata CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE Art. 16 del D.P.R. n. 380 del 06/06/2001 REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI

Dettagli

CONSULTA INTERASSOCIATIVA DEI PROFESSIONISTI DELL IMMOBILIARE

CONSULTA INTERASSOCIATIVA DEI PROFESSIONISTI DELL IMMOBILIARE STANDARD UNICO PROVINCIALE PER LA MISURAZIONE DEL METRO QUADRO COMMERCIALE 1 Nel novembre 2008 viene costituita la "Consulta Interassociativa dei Professionisti dell'immobiliare" inizialmente per rispondere

Dettagli

Regolamento Urbanistico

Regolamento Urbanistico COMUNE DI VERNIO Regolamento Urbanistico Parametri urbanistici ed edilizi e definizioni dicembre 2013 Definizioni Complesso edilizio Edificio o fabbricato Unità immobiliare Organismo edilizio Involucro

Dettagli

L iter di formazione del vigente PRG per il Territorio Esterno (escluso il Centro Storico) è il seguente:

L iter di formazione del vigente PRG per il Territorio Esterno (escluso il Centro Storico) è il seguente: 1 L iter di formazione del vigente PRG per il Territorio Esterno (escluso il Centro Storico) è il seguente: - ADOZIONE DELLA VARIANTE GENERALE AL PRG CON D.C.C. 111 DEL 10.10.2000; - APPROVAZIONE CON MODIFICHE

Dettagli

Lettura esplicativa dell art. 11 del R.U. vigente a seguito dell entrata in vigore del D.P.G.R. n 64/R Parametri urbanistici ed edilizi.

Lettura esplicativa dell art. 11 del R.U. vigente a seguito dell entrata in vigore del D.P.G.R. n 64/R Parametri urbanistici ed edilizi. Lettura esplicativa dell art. 11 del R.U. vigente a seguito dell entrata in vigore del D.P.G.R. n 64/R Parametri urbanistici ed edilizi. LEGENDA: BARRATO norme non più in vigore dell art. 11 del R.U. ROSSO

Dettagli

INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI... 3

INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI... 3 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI... 3 Art. 1 CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 Art. 2 MODALITA DI ATTUAZIONE DEL P.R.G.... 4 Art. 3 INTERVENTO EDILIZIO DIRETTO... 4 Art. 4 INTERVENTO URBANISTICO PREVENTIVO...

Dettagli

TITOLO I NORME GENERALI

TITOLO I NORME GENERALI TITOLO I NORME GENERALI 1 Art. 1 - Applicazione del piano 1. Il piano Regolatore Generale disciplina, in base alla vigente legislazione urbanistica nazionale e regionale, l'intero territorio comunale.

Dettagli

richiesta di valutazione preventiva ai sensi dell'art.16 della L.R. 31/02

richiesta di valutazione preventiva ai sensi dell'art.16 della L.R. 31/02 Comune di Monterenzio Provincia di Bologna Area Servizi Tecnici Piazza Guerrino De Giovanni, 1 40050 Monterenzio telefono 051 929002 fax 0516548992 e-mail ediliziaprivata@comune.monterenzio.bologna.it

Dettagli

COMUNE DI MALCESINE aggiornato a dicembre 2015

COMUNE DI MALCESINE aggiornato a dicembre 2015 COMUNE DI MALCESINE aggiornato a dicembre 2015 Si evidenzia che: PRONTUARIO DEGLI INTERVENTI EDILIZI E DEI TITOLI ABILITATIVI - Tutte le modifiche dell aspetto esteriore dello stato dei luoghi necessitano

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

COMUNE DI MONTEGIORGIO

COMUNE DI MONTEGIORGIO COMUNE DI MONTEGIORGIO (Provincia di ASCOLI PICENO) STUDIO PRELIMINARE DI FATTIBILITA FINALIZZATO ALL AMPLIAMENTO DEL CENTRO COMMERCIALE ROSSETTI Località: Via Faleriense Est, 81 63025 Montegiorgio (AP)

Dettagli

Schema per il Calcolo del Contributo di Costruzione

Schema per il Calcolo del Contributo di Costruzione Schema per il Calcolo del Contributo di Costruzione Suddivisione contributi Oneri di Urbanizzazione U1 - Primaria U2 - Secondaria D - Trattamento e Smaltimento rifiuti (solo per destinazioni produttive)

Dettagli

R. REGOLAMENTO U. URBANISTICO E. EDILIZIO. Comune di Villanova sull Arda. Approvato con delibera del C.C. N... del...

R. REGOLAMENTO U. URBANISTICO E. EDILIZIO. Comune di Villanova sull Arda. Approvato con delibera del C.C. N... del... R. REGOLAMENTO U. URBANISTICO E. EDILIZIO Comune di Villanova sull Arda Approvato con delibera del C.C. N... del...... 1 ALLEGATO A DEL REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO 5 CAPO I - DEFINIZIONI DEI PARAMETRI

Dettagli

PIANO REGOLATORE GENERALE DEL COMUNE DI BUTI (PI)

PIANO REGOLATORE GENERALE DEL COMUNE DI BUTI (PI) PIANO REGOLATORE GENERALE DEL COMUNE DI BUTI (PI) REGOLAMENTO URBANISTICO DEFINIZIONI Art. 1.Def. - Definizioni urbanistiche ed edilizie 1. Le Definizioni fanno parte integrante e costitutiva del Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO EDILIZIO UNIFICATO

REGOLAMENTO EDILIZIO UNIFICATO COMUNE DI PISA COMUNE DI CALCI COMUNE DI CASCINA COMUNE DI S.GIULIANO TERME COMUNE DI VECCHIANO COMUNE DI VICOPISANO REGOLAMENTO EDILIZIO UNIFICATO ALLEGATO B DEFINIZIONI 1 INDICE 1 - Definizioni tecniche

Dettagli

SCHEDA TECNICA DI CONSISTENZA

SCHEDA TECNICA DI CONSISTENZA SCHEDA TECNICA DI CONSISTENZA CONSISTENZA IMMOBILE DI VIA G. BANDI N 15 ATTUALE SEDE DELLE ATTIVITA DIREZIONALI DELL AZIENDA AMBIENTALE DI PUBBLICO SERVIZIO OHSAS 18001 Livorno, li 19 ottobre 2009 UFFICIO

Dettagli

COMUNE DI JESOLO Lido di Jesolo Venezia

COMUNE DI JESOLO Lido di Jesolo Venezia COMUNE DI JESOLO Lido di Jesolo Venezia RAMBLA SUL MARE" Via Bafile Maxim Via Trentin VARIANTE AL PRG VIGENTE - NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL P.U.A. RAMBLA SUL MARE Committente F.lli SCHIAVON ed EREDI

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI MARENO DI PIAVE

PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI MARENO DI PIAVE STIMA DEGLI EDIFICI E DELLE AREE PERTINENZIALI DELLA SCUOLA PRIMARIA DEL CAPOLUOGO Pagina 1 di 32 INDICE 1 - PREMESSA... 3 2 - DESCRIZIONE DEI BENI OGGETTO

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento

Provincia Autonoma di Trento Provincia Autonoma di Trento COMUNE di: REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL CONTRIBUTO DI CONCESSIONE Legge provinciale 5 settembre 1991 n. 22 e s.m. 1 INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione pag. 3 Art.

Dettagli

5.1- LE NORME DI ATTUAZIONE DEL PIANO NORMATIVO 4/3. ART.1 Limite di massima edificazione

5.1- LE NORME DI ATTUAZIONE DEL PIANO NORMATIVO 4/3. ART.1 Limite di massima edificazione 5.1- LE NORME DI ATTUAZIONE DEL PIANO NORMATIVO 4/3 ART.1 Limite di massima edificazione Per questa parte di zona appositamente delimitata, vale esattamente questo piano con le relative norme di attuazione.

Dettagli

Studio Tecnico arch. Marielena Sgroi. Pag. I

Studio Tecnico arch. Marielena Sgroi. Pag. I Studio Tecnico arch. Marielena Sgroi Pag. I I N D I C E TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Pagina ART. 1 - PIANO DEL GOVERNO DEL TERRITORIO: DOCUMENTO DI PIANO PIANO DEI SERVIZI- PIANO DELLE REGOLE... 1

Dettagli

Regolamento per l applicazione del Contributo di Concessione

Regolamento per l applicazione del Contributo di Concessione COMUNE DI ALA Provincia di Trento Ufficio Tecnico Urbanistico Regolamento per l applicazione del Contributo di Concessione Art. 107 L.P. 5 settembre 1991, n. 22 e s.m.i. Approvato con delibera del Consiglio

Dettagli

Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo

Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo Le opere oggetto del presente incarico saranno realizzate in tre distinti interventi funzionali nel capoluogo con la possibilità

Dettagli

COMUNE DI FOIANO DELLA CHIANA MODIFICHE REGOLAMENTARI:

COMUNE DI FOIANO DELLA CHIANA MODIFICHE REGOLAMENTARI: COMUNE DI FOIANO DELLA CHIANA Servizio Edilizia Privata e Urbanistica MODIFICHE REGOLAMENTARI: - Articoli n. 4 e 46 N.T.A. del P.R.G.; - Articoli n. 45 bis, 45 ter e 105 bis del Regolamento Edilizio. N.B.

Dettagli

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA Committente: Ferrari Vittorio e Rebellato Maria Bertilla Via

Dettagli

Titolo I Norme preliminari

Titolo I Norme preliminari PARTE I DISPOSIZIONI GENERALI STANDARD E PARAMETRI URBANISTICI Titolo I Norme preliminari Art. 1 - FINALITÀ, CONTENUTI ED AMBITO DI APPLICAZIONE 1.1) Il presente Piano Strutturale Comunale ha lo scopo

Dettagli

PIANO REGOLATORE GENERALE

PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNE DI CARVICO Prov. di Bergamo Il Progettista Dott. Ing. G. Di Girolamo PIANO REGOLATORE GENERALE Adottato con delibera consigliare n 63 del 14.11.1986 Approvato dal C.R.C. con atto n 82399 del 23.12.1986

Dettagli

REGOLAMENTO EDILIZIO

REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNE DI SABAUDIA Provincia di Latina REGOLAMENTO EDILIZIO ELABORATO REDATTO AI SENSI DELL ARTICOLO 4 D.P.R. 6 GIUGNO 2001 N 380 PROGETTISTA Dott. Arch. Anna Rita Turlo COLLABORATORI Dott. Arch. Carlo

Dettagli

COMUNE DI BENEVENTO SETTORE PIANIFICAZIONE URBANISTICA

COMUNE DI BENEVENTO SETTORE PIANIFICAZIONE URBANISTICA COMUNE DI BENEVENTO SETTORE PIANIFICAZIONE URBANISTICA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE PIANO URBANISTICO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA ARTICOLO 1 Oggetto delle norme e campo d applicazione. Le norme riguardano

Dettagli

ABACO TIPOLOGIA INTERVENTI EDILIZI

ABACO TIPOLOGIA INTERVENTI EDILIZI ABACO TIPOLOGIA INTERVENTI EDILIZI L'eventuale presenza di vincoli normativi può comportare modifiche al titolo edilizio di base specificato nel seguente Abaco. Nel caso si rimanda alla specifica normativa

Dettagli

COMUNE DI BELLUNO DIREZIONE AREA SVILUPPO E PROGRAMMAZIONE SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA VADEMECUM

COMUNE DI BELLUNO DIREZIONE AREA SVILUPPO E PROGRAMMAZIONE SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA VADEMECUM COMUNE DI BELLUNO DIREZIONE AREA SVILUPPO E PROGRAMMAZIONE SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA VADEMECUM ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DEGLI ELABORATI ALLEGATI ALLA ISTANZA DI RILASCIO DEL PERMESSO DI COSTRUIRE E

Dettagli

Allegati alle NTA. C - Allegati sulla qualità igienico sanitaria e ambientale

Allegati alle NTA. C - Allegati sulla qualità igienico sanitaria e ambientale Allegati alle NTA C - Allegati sulla qualità igienico sanitaria e ambientale AGGIORNAMENTI: Decreto del Direttore del Settore Pianificazione Territoriale n. 23 del 31.03.2011 Variante n. 232 approvata

Dettagli

COMUNE DI PALERMO RELAZIONE

COMUNE DI PALERMO RELAZIONE COMUNE DI PALERMO PROGETTO DI PIANO DI LOTTIZZAZIONE. MONDELLO VIA DEIANIRA REDATTO AI SENSI DEL COMMA A ART.12 DELLE N.D.A. DEL P.R.G., RICADENTE IN Z.T.O. CB. RELAZIONE Proprietario: Sig. Maria Carolina

Dettagli

C O M U N E. M o n t o r f a n o. provincia di como PIANO REGOLATORE URBANISTICO GENERALE APPROVATO CON DELIBERA G.R. N 37096 DEL 29.06.

C O M U N E. M o n t o r f a n o. provincia di como PIANO REGOLATORE URBANISTICO GENERALE APPROVATO CON DELIBERA G.R. N 37096 DEL 29.06. C O M U N E D I M o n t o r f a n o provincia di como PIANO REGOLATORE URBANISTICO GENERALE APPROVATO CON DELIBERA G.R. N 37096 DEL 29.06.1998 1^ VARIANTE ( ex L.R. 23/97) approvata con del C.C. n 24/99

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 15.11.2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 15.11.2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 SEZIONE I 15.11.2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 11 novembre 2013, n. 64/R Regolamento di attuazione

Dettagli

INDICATORI URBANISTICO EDILIZI

INDICATORI URBANISTICO EDILIZI INDICATORI URBANISTICO EDILIZI 1. Superficie territoriale (ST): Superficie totale di una porzione di territorio, la cui trasformazione è generalmente sottoposta a strumentazione urbanistica operativa e

Dettagli

Art. 1 Campo di applicazione

Art. 1 Campo di applicazione Art. 1 Campo di applicazione Le presenti norme tecniche disciplinano l attuazione dell area oggetto del Programma Integrato d Intervento Variante di P.R.G. del Comune di Cisterna di Latina loc. L Annunziata,

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA DETERMINAZIONE DELLA CONSISTENZA DEGLI IMMOBILI URBANI PER LA RILEVAZIONE DEI DATI DELL OSSERVATORIO DEL MERCATO IMMOBILIARE

ISTRUZIONI PER LA DETERMINAZIONE DELLA CONSISTENZA DEGLI IMMOBILI URBANI PER LA RILEVAZIONE DEI DATI DELL OSSERVATORIO DEL MERCATO IMMOBILIARE ISTRUZIONI PER LA DETERMINAZIONE DELLA CONSISTENZA DEGLI IMMOBILI URBANI PER LA RILEVAZIONE DEI DATI DELL OSSERVATORIO DEL MERCATO IMMOBILIARE 1 INDICE INTRODUZIONE... 3 1 CRITERI GENERALI... 4 2 UNITA

Dettagli

COMUNE DI CASALE SUL SILE

COMUNE DI CASALE SUL SILE COMUNE DI CASALE SUL SILE Provincia di Treviso PIANO URBANISTICO ATTUATIVO DELLA ZTO C2/020 DI VIA BONISIOLO ATTUAZIONE DELLA ZTO C2/020 MEDIANTE P.U.A. Articolo 21 NTO P.I. Articoli 19 e 20 Legge Regionale

Dettagli

Versamento con ccp n. 17368283 intestato a Comune di San Maurizio d Opaglio Servizio Tesoreria.

Versamento con ccp n. 17368283 intestato a Comune di San Maurizio d Opaglio Servizio Tesoreria. Ufficio Tecnico Comune di San Maurizio d Opaglio Provincia di Novara Piazza I Maggio n. 4-28017 San Maurizio d Opaglio - Tel. 0322/967222 - Fax 0322/967247 e-mail: urbanistica@comune.sanmauriziodopaglio.no.it

Dettagli

Allegato A Interventi liberi Interventi ammissibili con D.I.A. Interventi ammissibili con Permesso di costruire

Allegato A Interventi liberi Interventi ammissibili con D.I.A. Interventi ammissibili con Permesso di costruire Allegato A Interventi liberi Interventi ammissibili con D.I.A. Interventi ammissibili con Interventi Titolo abilitativo Ampliamento di locali - senza aumento della Slp (spostamento di tavolati interni

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. valore della Sn, della somma delle superfici di cavedi, chiostrine, vani scala, vani ascensori e ballatoi 1

RELAZIONE TECNICA. valore della Sn, della somma delle superfici di cavedi, chiostrine, vani scala, vani ascensori e ballatoi 1 RELAZIONE TECNICA Sommario La Variante generale 2015 al Regolamento urbanistico... 1 Parametri comunali... 1 Adeguamento al parametro regionale... 2 Cessione diritti edificatori... 3 Disciplina del Trasferimento

Dettagli

Comune di Fano DETERMINAZIONE DEL COSTO DI COSTRUZIONE RESIDENZIALE (rif. D.M. 10 maggio 1977)

Comune di Fano DETERMINAZIONE DEL COSTO DI COSTRUZIONE RESIDENZIALE (rif. D.M. 10 maggio 1977) DETERMINAZIONE DEL COSTO DI COSTRUZIONE RESIDENZIALE (rif. D.M. 10 maggio 1977) mod. CC01 Tabella 1 Incremento per superficie abitabile (art. 5) Classe di superficie Alloggi (n) abitabile Rapporto rispetto

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE REGIONE LOMBARDIA COMUNE DI PALESTRO (PROVINCIA DI PAVIA) PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO PIANO DEI SERVIZI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE N. rev. Data: Redatto Controllato Approvato Data 1 12.04.10 SG FL

Dettagli

DICHIARAZIONE E CALCOLO PER LA PREDETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO COMMISURATO AL COSTO DI COSTRUZIONE RELATIVO A NUOVI EDIFICI RESIDENZIALI (E SIMILI)

DICHIARAZIONE E CALCOLO PER LA PREDETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO COMMISURATO AL COSTO DI COSTRUZIONE RELATIVO A NUOVI EDIFICI RESIDENZIALI (E SIMILI) MODELLO A Stresa, lì. Prot. N.. Spett.le Sportello Unico Edilizia Privata Comune di Stresa OGGETTO: DICHIARAZIONE E CALCOLO PER LA PREDETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO COMMISURATO AL COSTO DI COSTRUZIONE RELATIVO

Dettagli

CITTA DI AVELLINO REGOLAMENTO EDILIZIO INDICE GENERALE

CITTA DI AVELLINO REGOLAMENTO EDILIZIO INDICE GENERALE CITTA DI AVELLINO REGOLAMENTO EDILIZIO INDICE GENERALE Il presente Regolamento Edilizio disciplina tutte le attività di trasformazione edilizia e dello stato dei luoghi nel territorio comunale, integrando

Dettagli

TIPO EDILIZIO - DEFINIZIONI

TIPO EDILIZIO - DEFINIZIONI SEZIONE 2.1 LEZIONE 2.1.1 NORME EDILIZIE TIPI EDILIZI TIPO EDILIZIO - DEFINIZIONI E' UN ELEMENTO DI FABBRICATO COMPRENDENTE GLI ALLOGGI SERVITI DA UNA SCALA E CONTRADDISTINTO DALLA COSTANZA DI DETERMINATE

Dettagli

Aggiornamento ONERI DI URBANIZZAZIONE

Aggiornamento ONERI DI URBANIZZAZIONE Allegato A alla Delibera Consiglio Comunale n.27 del 07/09/2015 Aggiornamento ONERI DI URBANIZZAZIONE TABELLA A - EDIFICI RESIDENZIALI Zone ZTS (ex P.R.G. Zone omogenee A) (U1) Euro 7,38/Mc Euro 2,95/Mc.

Dettagli

a) Appendice 1 Glossario, che riporta il significato dei principali termini utilizzati nelle definizioni di sopraelevazione ed ampliamento;

a) Appendice 1 Glossario, che riporta il significato dei principali termini utilizzati nelle definizioni di sopraelevazione ed ampliamento; Allegato ATTO DI INDIRIZZO IN MERITO ALLA DEFINIZIONE DEGLI INTERVENTI DI SOPRAELEVAZIONE, AMPLIAMENTO E DELLE STRUTTURE COMPENETRANTI, AI FINI DELL APPLICAZIONE DEL PARAGRAFO 8.4.1 DELLE NTC-2008 E DELLA

Dettagli

35 ALL EDIFICABILITA'

35 ALL EDIFICABILITA' INDICE TITOLO I 4 DISPOSIZIONI GENERALI 4 Cap. I - GENERALITÀ 5 Art. 1 Elementi costitutivi del Piano delle Regole 5 Art. 2 Campo di applicazione del Piano delle Regole 6 Cap. II -DESCRIZIONE DEGLI INDICI

Dettagli

tabella A 640 per le destinazioni residenziali e in 275 per quelle non residenziali. mediamente tabella B fabbricati collabenti

tabella A 640 per le destinazioni residenziali e in 275 per quelle non residenziali. mediamente tabella B fabbricati collabenti AGGIORNAMENTO DEI CRITERI DI STIMA DEL VALORE COMMERCIALE DELLE AREE FABBRICABILI DEL TERRITORIO COMUNALE AI FINI DELLA DETERMINAZIONE DELL IMU PER L ANNO 2013 E PRINCIPI PER L ACCERTAMENTO ANNI PRECEDENTI

Dettagli

La destinazione del fabbricato è parzialmente vincolata dal P.R.G. come si evince da quanto detto alla IV e V riga. Nel nostro caso sceglieremo di

La destinazione del fabbricato è parzialmente vincolata dal P.R.G. come si evince da quanto detto alla IV e V riga. Nel nostro caso sceglieremo di Stima delle aree edificabili secondo l aspetto economico del p.p.v. di trasformazione Esempio di calcolo plano-volumetrico su lotto edificabile 30 x 22 m. Sia da valutare un area edificabile ricadente

Dettagli

STIMA SINTETICA E DEFINIZIONE DELLA RESIDUA CAPACITA EDIFICATORIA TERRENO OSTRA

STIMA SINTETICA E DEFINIZIONE DELLA RESIDUA CAPACITA EDIFICATORIA TERRENO OSTRA STIMA SINTETICA E DEFINIZIONE DELLA RESIDUA CAPACITA EDIFICATORIA TERRENO OSTRA 1 Superficie Fondiaria relativa al lotto 2: mq. 1584,00 composto da Foglio 16 particella 925 di mq. 650 Foglio 16 particella

Dettagli

CAMPANIA. Sono consentiti in deroga agli strumenti urbanistici vigenti ampliamenti per il solo residenziale con aumento del:

CAMPANIA. Sono consentiti in deroga agli strumenti urbanistici vigenti ampliamenti per il solo residenziale con aumento del: CAMPANIA AMPLIAMENTI Sono consentiti in deroga agli strumenti urbanistici vigenti ampliamenti per il solo residenziale con aumento del: 20% del volume esistente per tipologie uni-bifamiliari o comunque

Dettagli