SERVIZIO DI TESORERIA PERIODO QUINQUENNALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SERVIZIO DI TESORERIA PERIODO QUINQUENNALE"

Transcript

1 COMUNE DI CASANDRINO ROVINCIA DI NAPOLI SETTORE PROGRAMMAZIONE FINANZIARIA E SVILUPPO ECONOMICO SERVIZIO RISORSE FINANZIARIE BILANCIO TRIBUTI E CONTROLLO DI GESTIONE SERVIZIO DI TESORERIA PERIODO QUINQUENNALE CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO ART. 1 - Oggetto del servizio di Tesoreria 1. Il servizio di Tesoreria consiste nel complesso di operazioni legate alla gestione finanziaria dell Ente finalizzate in particolare alla riscossione delle entrate e al pagamento delle spese, alla custodia e amministrazione di titoli, alla custodia di valori e agli adempimenti connessi previsti dalla legge, dallo statuto e dai regolamenti dell Ente. 2. Il Tesoriere esegue le operazioni di cui al comma 1 nel rispetto della legge n. 720 e s.m.i. 3. Ogni deposito, comunque costituito, è intestato all Ente e viene gestito dal Tesoriere. 4. Il servizio viene effettuato nei locali della sede di del Tesoriere. ART. 2 Durata del contratto Il servizio di Tesoreria avrà una durata di anni cinque a partire dalla data di sottoscrizione del contratto. ART. 3 - Modalità di gara 1. La gara sarà aggiudicata a seguito di determinazione del responsabile dell Area ragioneria e tributi, che indicherà, tra l altro, le modalità di scelta del contraente, ai sensi dell art.192, del Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n Le offerte saranno esaminate in base ai criteri di valutazione di seguito elencati. 3. L Istituto di credito dovrà assicurare la presenza di una propria filiale nei limiti di una distanza dalla sede comunale non superiore a km. 6 (sei). 4. Ad eccezione del servizio di Tesoreria e della custodia, amministrazione e compravendita di titoli, sia di proprietà che di terzi, che dovranno essere a titolo gratuito, per le restanti condizioni viene attribuito, a ciascuna di esse, un punteggio massimo mentre per i punteggi intermedi si applicherà il principio della proporzionalità. Gli Istituti di credito concorrenti dovranno prevedere nell offerta l accettazione di tutte le condizioni stabilite nel presente capitolato nonché: - tasso d interesse attivo sulle giacenze di cassa del conto di Tesoreria ammissibili per legge, con indicazioni dello scostamento in percentuali rispetto al T.U.R. - tasso fisso d interesse passivo per la concessione di anticipazioni di tesoreria ( art.222 d.to l.gvo 267/2000), con indicazioni dello scostamento in percentuali rispetto al T.U.R. - contributo annuo (da corrispondere per ogni anno della convenzione) in favore del Comune a sostegno di iniziative varie - sportello adibito esclusivamente al servizio Tesoreria, con personale qualificato ed aperto per almeno 4 ore al giorno

2 - numeri di sportelli nella provincia di Napoli - servizio di home banking con funzioni informative per l accesso diretto in tempo reale agli archivi del conto di Tesoreria - possesso del certificato di qualità di cui alle norme UNIEEN ISO 9001/2000 rilasciato da un Ente accreditato SINCERT - esperienze di gestione di servizi di Tesoreria in altre Province o Comuni con volume di bilancio di cassa superiore a di. - effettuazione dei pagamento in giroconto in forma gratuita e senza spese, per tutti i fornitori dell Ente per bonifici presso il Tesoriere: - % assunzione dell obbligo di sopportare tutte le spese correlate al servizio (bolli quietanza, spese postali, ecc.): - costo del servizio importo massimo a base d asta ,00 quale compenso forfetario annuo ART. 4 - Requisiti soggettivi per la gestione del servizio 1. Sono ammessi alla gara per l affidamento del servizio di Tesoreria i soggetti abilitati ai sensi dell art. 208 D.to L.gvo 267/2000. ART. 5 - Responsabilità del Tesoriere 1. Per eventuali danni causati all Ente affidatario del servizio o a terzi il Tesoriere risponde con tutte le proprie attività e con il proprio patrimonio 2. Il Tesoriere è responsabile di tutti i depositi, comunque costituiti, intestati all Ente. ART. 6 - Gestione informatizzata del servizio di Tesoreria 1. Il servizio di Tesoreria viene gestito con metodologie e criteri informatici, tramite collegamento tra il servizio finanziario dell Ente e il Tesoriere, al fine di consentire l interscambio dei dati e della documentazione relativa alla gestione del servizio. Le spese derivanti sono a carico del Tesoriere. ART. 7 - Operazioni di riscossione 1. Le entrate saranno incassate dal Tesoriere in base ad ordini di riscossione (ordinativi d incasso) emessi e trasmessi con le modalità di redazione e comunicazione previste dalla legge e dal regolamento di contabilità dell Ente nonché con l indicazione di eventuali vincoli di destinazione e dell imputazione alla contabilità speciale, fruttifera o non fruttifera, a cui le entrate devono affluire ai sensi dell art. 1, comma primo, della legge n. 720/1984. Il Tesoriere deve accettare, anche senza autorizzazione del Comune, le somme che i terzi intendano versare, a qualsiasi titolo, a favore del medesimo, rilasciandone ricevuta contenente, oltre l indicazione della causale del versamento, la clausola espressa salvi i diritti dell amministrazione. Tali incassi, saranno immediatamente segnalati al Comune stesso, con richiesta di regolarizzazione.

3 ART. 8 - Rilascio di quietanza 1. Per ogni somma riscossa il Tesoriere rilascia quietanza, numerata in ordine cronologico per esercizio finanziario. ART. 9 - Operazioni di pagamento 1. I pagamenti possono avere luogo solo se gli ordinativi di pagamento risultano emessi entro i limiti dei rispettivi capitoli stanziati in bilancio. 2. A tal fine l Ente trasmette al Tesoriere il bilancio di previsione approvato nonché tutte le deliberazioni di variazione e di prelevamento di quote dal fondo di riserva debitamente esecutive. 3. Il Tesoriere deve tenere la contabilità della gestione delle somme riscosse e pagate a specifica destinazione. 4. Gli ordinativi di pagamento sono redatti, firmati e trasmessi con le modalità previste dalla legge e dai regolamenti. Per i pagamenti da effettuare a valere sui fondi a specifica destinazione deve essere fatta apposita annotazione sui relativi mandati e, ove si tratti di utilizzo di somme provenienti dal ricavo di mutui, gli stessi saranno corredati dalla documentazione di cui al secondo e terzo comma dell art. 3 del Decreto del Ministro del Tesoro in data 5 novembre Il Comune si impegna a non presentare al Tesoriere ordinativi di pagamento oltre la data del 15 dicembre, ad eccezione di quelli relativi ai pagamenti aventi scadenza perentoria successiva a tale data. ART Estinzione degli ordinativi di pagamento 1. L estinzione degli ordinativi di pagamento da parte del Tesoriere avviene nel rispetto della legge e secondo le indicazioni fornite dall Ente, con assunzione di responsabilità da parte del Tesoriere, che ne risponde con tutto il proprio patrimonio sia nei confronti dell Ente ordinatario sia dei terzi creditori, in ordine alla regolarità delle operazioni di pagamento eseguite. 2. Gli ordinativi di pagamento intestati ad un unico creditore da pagarsi con accredito su conto corrente, trasmessi in contemporanea al Tesoriere, sono estinti dallo stesso in unica soluzione con unico bonifico. 3. Per i pagamenti da eseguire ai sensi dell art. 44 della legge 526/1982, il Comune apporrà sui relativi mandati le indicazioni necessarie alla esecuzione dei girofondi tra le contabilità speciali. 4. Per gli ordinativi di pagamento estinti a mezzo assegno circolare si considera accertato l effettivo pagamento con il ricevimento del relativo avviso spedito al percepiente. 5. Il Tesoriere si obbliga a riaccreditare al Comune, con valuta uguale alla data di emissione, l importo degli assegni circolari rientrati per l irreperibilità degli intestatari nonché a fornire a richiesta degli intestatari dei titoli, da inoltrarsi per il tramite il Comune, informazioni sull esito degli assegni emessi in commutazione di titoli di spesa. 6. Su richiesta del Comune il Tesoriere estingue i mandati a mezzo di assegni di bonifico. 7. I beneficiari saranno avvisati delle disposizioni di pagamento direttamente dal Tesoriere dopo l avvenuta consegna dei relativi ordinativi di pagamento. 8. Gli ordinativi di pagamento sono eseguibili dal giorno successivo a quello della consegna. 9. Le spese e tasse inerenti all esecuzione dei pagamenti, se previste, sono poste a carico dei beneficiari salva diversa disposizione dell Ente. 10. Il pagamento degli stipendi ai dipendenti e degli emolumenti agli amministratori e revisori con accredito sul c/c bancario o per contanti presso la sede o presso altre agenzie dell Istituto Tesoriere sono effettuate a titolo gratuito.

4 11. I mandati interamente o parzialmente non estinti alla data del 31 dicembre sono eseguiti mediante commutazione in assegni postali localizzati o con altri mezzi equipollenti offerti dal sistema bancario o postale. 12. Il Tesoriere effettua i pagamenti derivanti da obblighi tributari, da somme iscritte a ruolo, da delegazioni di pagamento o derivanti da altra causa deliberata dall Ente o dal dirigente responsabile anche in assenza della preventiva emissione del ordinativo di pagamento. L Ente provvederà all emissione del relativo ordinativo di pagamento entro il termine previsto dalla legge. 13. Gli ordinativi di pagamento eseguiti, accreditati o commutati con l osservanza di quanto sopra stabilito nel presente articolo, si considerano titoli pagati agli effetti del rendiconto di gestione ART. 11 Obblighi del Tesoriere per le delegazioni di pagamento 1. A seguito della notifica degli atti di delegazione di pagamento il Tesoriere è tenuto a versare l importo dovuto ai creditori alle scadenze prescritte, con comminatoria dell indennità di mora in casi di ritardato pagamento e del rimborso all Ente delle spese comunque derivanti dal ritardato pagamento. ART. 12 Annotazione della quietanza 1. Il Tesoriere annota gli estremi della quietanza direttamente sul mandato o su documentazione meccanografica da consegnare all Ente, unitamente ai mandati pagati, in allegato al proprio rendiconto. 2. Su richiesta dell Ente, il Tesoriere fornisce gli estremi di qualsiasi operazione di pagamento eseguita nonché la relativa prova documentale. ART. 13 Firme autorizzate 1. Il Comune comunicherà preventivamente al Tesoriere le firme autografe con le generalità e qualifica delle persone autorizzate a firmare gli ordini di riscossione e gli ordinativi di pagamento nonché, tempestivamente, le eventuali variazioni che potranno intervenire per decadenza o nomina. Per gli effetti di cui sopra il Tesoriere resterà impegnato dal giorno lavorativo successivo a quello di ricezione delle comunicazioni stesse. Nel caso in cui gli ordini di riscossione e i titoli di spesa siano firmati da sostituti, si intende che l intervento dei medesimi è dovuto all assenza o all impedimento dei titolari. ART. 14 Gestione di titoli e valori

5 1. I titoli di proprietà dell Ente, ove consentito dalla legge, sono gestiti dal Tesoriere con contabilizzazione delle relative cedole alle scadenze. 2. Il Tesoriere provvede anche alla riscossione dei depositi effettuati da terzi per spese contrattuali, d asta e cauzionali a garanzia degli impegni assunti, previo rilascio di apposita ricevuta, diversa dalla quietanza di Tesoreria, contenente tutti gli estremi identificativi dell operazione. ART. 15 Verifica di cassa 1. L organo di revisione economico-finanziaria dell Ente provvede con cadenza prevista dalla legge alla verifica di cassa e alla verifica della gestione del servizio di Tesoreria. 2. Il regolamento di contabilità può prevedere autonome verifiche di cassa da parte dell amministrazione dell Ente. ART. 16 Obblighi di documentazione e conservazione 1. Il Tesoriere è tenuto, nel corso dell esercizio, ai seguenti adempimenti: a. aggiornamento e conservazione del giornale di cassa b. aggiornamento e conservazione del partitario delle riscossioni e dei pagamenti c. conservazione dei verbali di verifica di cassa d. conservazione delle rilevazioni periodiche dei flussi di cassa previste dalla legge 2. Il Tesoriere trasmette giornalmente copia degli adempimenti sub 1 a e a scadenza delle verifiche e rilevazioni periodiche copia dei documenti sub 1 b, 1 c e 1 d. ART. 17 Conto del Tesoriere 1. Entro il termine di trenta giorni dalla chiusura dell esercizio finanziario, il Tesoriere, ai sensi del combinato disposto dell art. 93, comma 2, e dell art.226, comma 1 del D. Lgs. n. 267/2000, rende all Ente il conto della propria gestione di cassa con le modalità previste dall art. 266 del D. Lgs. n. 267/ Il Tesoriere allega al conto la seguente documentazione prevista dal citato art. 266 del D. Lgs. n. 267/2000: a. gli allegati di svolgimento per singola risorsa di entrata, per singolo intervento di spesa, per ogni capitolo di entrata e di spesa per servizi per conto terzi b. gli ordinativi di riscossione e pagamento c. la parte delle quietanze originali rilasciate a fronte degli ordinativi di riscossione e di pagamento o, in sostituzione, i documenti meccanografici contenenti gli estremi delle medesime d. eventuali altri documenti richiesti dalla legge o dalla Corte dei Conti ART. 18 Disciplina delle anticipazioni di Tesoreria

6 1. Il Tesoriere, su richiesta dell Ente corredata dalla deliberazione della Giunta, concede allo stesso anticipazioni di Tesoreria, entro il limite massimo previsto dalla legge. 2. Le somme anticipate sono messe a disposizione dal Tesoriere e i relativi interessi sono computati sulle somme effettivamente utilizzate e per il tempo di utilizzo effettivo. 3. Il Tesoriere si rivarrà delle anticipazioni concesse su tutte le entrate del Comune a norma di legge fino alla totale compensazione delle somme anticipate. 4. In caso di cessazione, per qualsiasi motivo del servizio, il Comune si impegna ad estinguere immediatamente ogni e qualsiasi esposizione debitoria derivante da eventuali anticipazioni, anche con scadenza predeterminata, concesse dal Tesoriere a qualsiasi titolo obbligandosi, in via subordinata e con il consenso del Tesoriere stesso, a far rilevare a quello subentrante, all atto del conferimento dell incarico, le anzidette esposizioni, nonché a far assumere da quest ultimo tutti gli obblighi inerenti ad eventuali impegni di firma rilasciati nell interesse del Comune. ART. 19 Delegazioni di pagamento a garanzia di mutui, debiti, altri impegni e pagamenti obbligatori per legge 1. Il Tesoriere provvederà ove necessario, ad effettuare eventuali opportuni accantonamenti, vincolando i relativi importi nelle contabilità speciali, onde essere in grado di provvedere al pagamento, alle previste scadenze, di rate di mutui, debiti ed altri impegni, a garanzia dei quali il Comune abbia rilasciato delegazioni di pagamento date in carico al Tesoriere nonché degli altri impegni obbligatori per legge. Qualora non si siano potuti precostituire i necessari accantonamenti per l insufficienza di entrate, il Tesoriere potrà con l osservanza del precedente art. 17, attingere i mezzi occorrenti per i pagamenti, alle previste scadenze, di mutui, debiti ed altri impegni anche con l eventuale anticipazione di Tesoreria. ART. 20 Contributi a favore dell Ente 1. Il Tesoriere si impegna ad erogare annualmente, in favore dell Ente, le somme indicate nell offerta. 2. L erogazione del contributo avverrà entro e non oltre il 31 marzo di ogni esercizio di riferimento. 3. I contributi non potranno essere vincolati nella loro destinazione. ART. 21 Cauzione 1. Il Tesoriere nella sua qualità di Tesoriere è esonerato dal presentare cauzione rispondendo con tutti i suoi beni del regolare svolgimento del servizio, ai sensi dell art.211 D.to L.gvo 267/2000. ART. 22 Servizio di Tesoreria di Istituzioni comunali 1. Il Tesoriere è tenuto ad effettuare alle condizioni convenute con il Comune, il servizio di Tesoreria di tutte le Istituzioni comunali che lo richiedano, con svolgimento presso lo sportello della banca a scelta dell Istituzione comunale interessata.

7 ART. 23 Eventuali rimborsi al Tesoriere 1. Il Tesoriere ha diritto al documentato rimborso delle spese per bolli di quietanza e oneri postali nei termini stabiliti nell offerta. ART. 24 Spese di stipulazione e registrazione della convenzione 1. Le spese di stipulazione e registrazione della presente convenzione ed ogni altra conseguente sono a carico del Tesoriere.

Comune di Stigliano (Prov. Matera)

Comune di Stigliano (Prov. Matera) Comune di Stigliano (Prov. Matera) REPUBBLICA ITALIANA BOLL O SCHEMA DI C O N V E N Z I O N E per il conferimento in appalto del servizio di tesoreria L anno duemila... (...), il giorno... (...) del mese

Dettagli

Art. 1 Oggetto e affidamento del servizio di tesoreria

Art. 1 Oggetto e affidamento del servizio di tesoreria Allegato B REGOLAMENTO SERVIZIO TESORERIA Art. 1 Oggetto e affidamento del servizio di tesoreria 1. Il servizio di tesoreria consiste nel complesso delle operazioni riflettenti la gestione finanziaria

Dettagli

AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI TERNI ********** CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA ********** REPUBBLICA ITALIANA

AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI TERNI ********** CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA ********** REPUBBLICA ITALIANA ALLEGATO ALLA DEL. DI CC N. 200 DEL 13.07.2005 AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI TERNI ********** CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA ********** REPUBBLICA ITALIANA L anno duemila il giorno.

Dettagli

AMT AMT AMT AMT AMT AMT FACSIMILE FACSIMILE

AMT AMT AMT AMT AMT AMT FACSIMILE FACSIMILE 1 CONVENZIONE PER IL DISIMPEGNO DEL SERVIZIO DI CASSA A) Servizio di cassa per il triennio 2011, 2012, 2013. ART. 1 L A.M.T. affida il proprio servizio di cassa, all istituto di credito....operante su

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA E DI CASSA DEL COMITATO NAZIONALE ITALIANO PERMANENTE PER IL MICROCREDITO TRA

SCHEMA DI CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA E DI CASSA DEL COMITATO NAZIONALE ITALIANO PERMANENTE PER IL MICROCREDITO TRA SCHEMA DI CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA E DI CASSA DEL COMITATO NAZIONALE ITALIANO PERMANENTE PER IL MICROCREDITO TRA Il Comitato Nazionale Italiano Permanente per il Microcredito

Dettagli

CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA

CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA Tra l AUTORITA GARANTE PER L INFANZIA E L ADOLOSCENZA C.F. 11784021005 con sede in Roma Via di Villa Ruffo, 6 che per brevità sarà in seguito chiamata

Dettagli

Convenzione/Capitolato per il Servizio di Cassa del GAL Ternano

Convenzione/Capitolato per il Servizio di Cassa del GAL Ternano Convenzione/Capitolato per il Servizio di Cassa del GAL Ternano Il GAL Ternano in esecuzione della deliberazione adottata dal Consiglio di Amministrazione n. 12/2014 all ordine del giorno in data 29/01/2014

Dettagli

ASP Lazzarelli San Severino Marche

ASP Lazzarelli San Severino Marche CAPITOLATO SPECIALE APPALTO SERVIZIO TESORERIA ASP LAZZARELLI PERIODO 2015/2019 1. OGGETTO DELLA CONVENZIONE...2 2. ESERCIZIO FINANZIARIO...2 3. GRATUITÀ DEL SERVIZIO...2 4. INDICAZIONE DEI REGISTRI CHE

Dettagli

L Istituto di Credito con sede in Via iscritto al Registro delle Imprese

L Istituto di Credito con sede in Via iscritto al Registro delle Imprese ALLEGATO 1 CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA tra L Associazione Pistoia Futura Laboratorio per la Programmazione Strategica della Provincia di Pistoia, con sede in Pistoia Piazza San

Dettagli

CAPITOLATO D'ONERI PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA E CASSA DELL'ENTE CONSORZIO BIBLIOTECARIO NORD OVEST

CAPITOLATO D'ONERI PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA E CASSA DELL'ENTE CONSORZIO BIBLIOTECARIO NORD OVEST CAPITOLATO D'ONERI PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA E CASSA DELL'ENTE CONSORZIO BIBLIOTECARIO NORD OVEST Art. 1 Ufficio del Tesoriere Il servizio disciplinato dal presente capitolato verrà espletato

Dettagli

Il Direttore Emilio Grassi

Il Direttore Emilio Grassi Determinazione n 05/2016 AGENZIA per il TRASPORTO PUBBLICO LOCALE del Bacino di Bergamo Via Sora 4, 24121 Bergamo CF e PIVA 04083130163 PEC: agenziatplbergamo@pec.it Tel. 035/387706 Il Direttore Emilio

Dettagli

SERVIZIO DI TESORERIA E CASSA DEL CONSORZIO DI BONIFICA EST TICINO VILLORESI PER IL TRIENNIO 2012-2014 (CIG: 179591973C) Schema di Convenzione

SERVIZIO DI TESORERIA E CASSA DEL CONSORZIO DI BONIFICA EST TICINO VILLORESI PER IL TRIENNIO 2012-2014 (CIG: 179591973C) Schema di Convenzione SERVIZIO DI TESORERIA E CASSA DEL CONSORZIO DI BONIFICA EST TICINO VILLORESI PER IL TRIENNIO 2012-2014 (CIG: 179591973C) Schema di Convenzione L anno.. il giorno. del mese di. in Milano nella sede del

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA DEL SEGRETARIATO GENERALE DELLA PRESIDENZA DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA DEL SEGRETARIATO GENERALE DELLA PRESIDENZA DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA DEL SEGRETARIATO GENERALE DELLA PRESIDENZA DELLA REPUBBLICA Tra il Segretariato Generale della Presidenza della Repubblica rappresentata dal

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TESORERIA

SCHEMA DI CONVENZIONE PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TESORERIA SCHEMA DI CONVENZIONE PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TESORERIA Art.1 AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO Il servizio di tesoreria del Comune di Canosa di Puglia viene affidato la quale accetta di svolgerlo presso

Dettagli

COMUNE DI SAN ROMANO IN GARFAGNANA (Provincia di Lucca)

COMUNE DI SAN ROMANO IN GARFAGNANA (Provincia di Lucca) COMUNE DI SAN ROMANO IN GARFAGNANA (Provincia di Lucca) SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA Approvata con deliberazione del consiglio comunale n.. del.. Art. 1 Affidamento del

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA.

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA. COMUNE DI SANT ANGELO A SCALA PROVINCIA DI AVELLINO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA. ART. 1 Il servizio di tesoreria del comune è affidato mediante procedura aperta,

Dettagli

Consorzio di Bonifica del Nord Sardegna

Consorzio di Bonifica del Nord Sardegna C A P I T O L A T O S P E C I A L E P E R L A F F I D A M E N T O D E L S E R V I Z I O D I T E S O R E R I A CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA ART.1 DISCIPLINA Il Servizio

Dettagli

CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL PERIODO 01.01.2012 31.12.2016 TRA

CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL PERIODO 01.01.2012 31.12.2016 TRA SCHEMA CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL PERIODO 01.01.2012 31.12.2016 TRA Il Comune di Longone al Segrino, con sede in Via Diaz n.27, in seguito denominato Ente rappresentato da... nella

Dettagli

ART. 1 - Affidamento del servizio

ART. 1 - Affidamento del servizio ART. 1 - Affidamento del servizio Il servizio tesoreria e di cassa del Comune è affidato in gestione per la durata di anni cinque a far tempo dal 1 gennaio 2016. ART. 2 - Oggetto della Convenzione Il servizio

Dettagli

COMUNE DI CANNARA Provincia di Perugia

COMUNE DI CANNARA Provincia di Perugia COMUNE DI CANNARA Provincia di Perugia SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA DEL COMUNE DI CANNARA PERIODO 01.01.2011-31.12.2015 Art.1 - Affidamento del servizio Il servizio tesoreria

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE STATALI TRA

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE STATALI TRA ALLEGATO 1 SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE STATALI TRA. (denominazione scuola), con sede in.., Via.. n.., C.F. n. più avanti denominata semplicemente

Dettagli

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO * * * CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI CASSA

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO * * * CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI CASSA AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO * * * CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI CASSA Con la presente CONVENZIONE posta in essere tra l Azienda Territoriale per l Edilizia

Dettagli

Comune di Falerone PROVINCIA DI FERMO

Comune di Falerone PROVINCIA DI FERMO Comune di Falerone PROVINCIA DI FERMO SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA (2014 2018) COMUNE DI FALERONE...1 PROVINCIA DI FERMO...1 ART. 1 AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO...3 ART.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 62 del 29 dicembre 2011 INDICE CAPO I Principi Generali Art. 1 Oggetto e scopo del Regolamento Art. 2 Organizzazione

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO I.GE.P.A. - Ufficio XII

DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO I.GE.P.A. - Ufficio XII N. 152284 - DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO I.GE.P.A. - Ufficio XII Visto il regio decreto 18 novembre 1923, n. 2440, riguardante disposizioni sull amministrazione del patrimonio e sulla

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA E CASSA TRA

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA E CASSA TRA SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA E CASSA TRA L Ente Autonomo Regionale Teatro Massimo Vincenzo Bellini (in seguito denominato Ente), con sede in Catania - Via Perrotta 12,

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE per la gestione del servizio di cassa della Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Ragusa

SCHEMA DI CONVENZIONE per la gestione del servizio di cassa della Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Ragusa 1 SCHEMA DI CONVENZIONE per la gestione del servizio di cassa della Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Ragusa TRA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI RAGUSA,

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA E CASSA

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA E CASSA Allegato C schema di convezione SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA E CASSA Periodo: 1 gennaio 2012 31 dicembre 2016 Approvato dal Consiglio di Amministrazione con propria deliberazione

Dettagli

CONSORZIO DI BONIFICA VENETO ORIENTALE

CONSORZIO DI BONIFICA VENETO ORIENTALE CONSORZIO DI BONIFICA VENETO ORIENTALE Portogruaro - San Donà di Piave CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA E DI INCASSO DELLA CONTRIBUENZA CONSORZIALE PARTE 1^ : SERVIZIO DI

Dettagli

CONSORZIO DI BONIFICA DELL ORISTANESE. Con sede in Oristano (OR) C.F 9002260092 *****

CONSORZIO DI BONIFICA DELL ORISTANESE. Con sede in Oristano (OR) C.F 9002260092 ***** CONSORZIO DI BONIFICA DELL ORISTANESE Con sede in Oristano (OR) C.F 9002260092 ***** Capitolato Speciale Per l affidamento del Servizio di Tesoreria e Cassa CIG: 0226589B25 Art. 1 Il Servizio di Tesoreria

Dettagli

CITTA DI MESSINA CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE *************

CITTA DI MESSINA CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE ************* CITTA DI MESSINA CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE ************* L anno il giorno.. del mese di. nella sede del Comune di Messina dinanzi a me Dott.., Segretario Generale dell

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA TRA

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA TRA SCHEMA DI CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA TRA Il comune di Cadelbosco di Sopra, di seguito denominato Comune, codice fiscale n.00441540358, rappresentato da, Il quale interviene

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO. Allegato alla deliberazione consiliare n.39 del 13.11.2014

PROVINCIA DI BERGAMO. Allegato alla deliberazione consiliare n.39 del 13.11.2014 Allegato alla deliberazione consiliare n.39 del 13.11.2014 CAPITOLATO SPECIALE D ONERI PER IL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE PERIODO 01/01/2015 31/12/2019 1. AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE Comune di Paladina,

Dettagli

Comune di San Giorgio delle Pertiche (Provincia di Padova)

Comune di San Giorgio delle Pertiche (Provincia di Padova) Comune di San Giorgio delle Pertiche (Provincia di Padova) AREA AFFARI GENERALI Ufficio Segreteria Via Canonica, 4 TEL. 049-9374720 Cod.fiscale 00682290283 FAX 049-9374712 Centralino 049-9374711 35010

Dettagli

SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE

SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE COMUNE DI SESTINO PROVINCIA DI AREZZO Rep. n. CONTRATTO DI CONCESSIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL PERIODO 01.07.2014-30.06.2019 REPUBBLICA ITALIANA L anno (duemila ), il giorno (_)

Dettagli

COMUNE DI MONTEBUONO Provincia di Rieti REPUBBLICA ITALIANA

COMUNE DI MONTEBUONO Provincia di Rieti REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI MONTEBUONO Provincia di Rieti REPUBBLICA ITALIANA CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA E PER LA GESTIONE DEI SERVIZI CONNESSI PER IL PERIODO 11/06/2012/11/06/2017. L anno 2012,

Dettagli

CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE

CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE ARTICOLO 1 AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO, SEDE Il Comune di Marina di Gioiosa Jonica affida il proprio servizio di Tesoreria, nonché l esecuzione

Dettagli

CONSORZIO DI BONIFICA DELL ORISTANESE

CONSORZIO DI BONIFICA DELL ORISTANESE CONSORZIO DI BONIFICA DELL ORISTANESE Con sede in Oristano (OR) C.F 9002260092 ***** Capitolato Speciale Per l affidamento del Servizio di Tesoreria e Cassa CIG 6395917DAA Art. 1 Servizio di tesoreria

Dettagli

APPENDICE da allegare all offerta firmata dalla/e persona/e abilitata/e ad impegnare l offerente come stabilito dall art. 7 del capitolato.

APPENDICE da allegare all offerta firmata dalla/e persona/e abilitata/e ad impegnare l offerente come stabilito dall art. 7 del capitolato. APPENDICE da allegare all offerta firmata dalla/e persona/e abilitata/e ad impegnare l offerente come stabilito dall art. 7 del capitolato. Affidamento del servizio di tesoreria e di cassa dell Azienda

Dettagli

REGOLAMENTO DELL UFFICIO ECONOMATO. Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 38 del 24.09.2009

REGOLAMENTO DELL UFFICIO ECONOMATO. Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 38 del 24.09.2009 REGOLAMENTO DELL UFFICIO ECONOMATO Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 38 del 24.09.2009 Pubblicato all Albo pretorio del Parco Adda Nord dal 30.09.2009 al 15.10.2009 ART. 1

Dettagli

Consiglio Regionale della Campania

Consiglio Regionale della Campania Consiglio Regionale della Campania C.F. e P.I. 80051460634 Sede Legale: Via G. Porzio, Centro Direzionale di Napoli, Isola F13-80143 Napoli Sede Amministrativa: Via G. Porzio, Centro Direzionale di Napoli,

Dettagli

CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA

CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA 1 CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA L anno duemila il giorno del mese di...omissis. Sono presenti : Il Comune di Avola il quale interviene nel presente

Dettagli

COMUNE DI PASIAN DI PRATO PROVINCIA DI UDINE

COMUNE DI PASIAN DI PRATO PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI PASIAN DI PRATO PROVINCIA DI UDINE internet: www.pasian.it GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA BANDO DI GARA Bando di gara per l appalto del servizio di Tesoreria 1. Ente appaltante: Comune di

Dettagli

COMUNE DI BARANZATE. Provincia di Milano

COMUNE DI BARANZATE. Provincia di Milano COMUNE DI BARANZATE Provincia di Milano REP. N. REPUBBLICA ITALIANA OGGETTO: CONVENZIONE PER IL CONFERIMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA E DI CASSA PER IL PERIODO DAL 01/01/2015 AL 31/12/2017 L anno duemila.

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA

COMUNE DI ALBIATE PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA COMUNE DI ALBIATE PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA Art.1 - AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO 1. Il Comune di Albiate affida il Servizio di Tesoreria a..che accetta

Dettagli

Legge Regionale 30 dicembre 2010 n.34

Legge Regionale 30 dicembre 2010 n.34 CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA Legge Regionale 30 dicembre 2010 n.34 Bilancio di Previsione per l Esercizio Finanziario 2011 e Bilancio Pluriennale per il Triennio 2011 2013. * * * * * * * * * *

Dettagli

C O M U N E D I P O Z Z A L L O Provincia di Ragusa CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE

C O M U N E D I P O Z Z A L L O Provincia di Ragusa CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE C O M U N E D I P O Z Z A L L O Provincia di Ragusa CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE 1 SCHEMA DI CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE PER IL QUINQUENNIO 2011/2015

Dettagli

Allegato 2 DISCIPLINARE DI GARA PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA

Allegato 2 DISCIPLINARE DI GARA PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA Allegato 2 DISCIPLINARE DI GARA PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA 1. ENTE APPALTANTE: COMUNE DI CARRARA (MS) Piazza 2 Giugno- tel.0585/6411 - telefax 0585641214 sito Internet www.comune.carrara.ms.it

Dettagli

Legge regionale 24 dicembre 2008, n. 32

Legge regionale 24 dicembre 2008, n. 32 Legge regionale 24 dicembre 2008, n. 32 Bilancio di Previsione 2009 e Pluriennale Triennio 2009 2011 (B. U. Regione Basilicata N. 60 del 29 dicembre 2008) Articolo 1 Stato di Previsione dell Entrata 1.

Dettagli

LA GESTIONE DEL BILANCIO

LA GESTIONE DEL BILANCIO LA GESTIONE DEL BILANCIO L equilibrio finanziario La gestione finanziaria Le fasi dell entrata Le fasi della spesa La Tesoreria (cenni) I residui I debiti fuori bilancio dott. Paolo Longoni L EQUILIBRIO

Dettagli

Consorzio di Bonifica del Nord Sardegna

Consorzio di Bonifica del Nord Sardegna B A N D O D I G A R A PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA CIG 4597641D5D 1) ENTE: CONSORZIO DI BONIFICA DEL NORD SARDEGNA Via Vittorio Veneto 16-07014 OZIERI tel. 079 787706 - fax 079 786689 e-mail:

Dettagli

CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DELLA CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA

CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DELLA CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DELLA CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA Tra la...ed il Comune di Follina è stipulata la seguente convenzione. ART. 1 - CONCESSIONE DEL SERVIZIO a. Il Comune di Follina

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA DELLA AFOL MONZA E BRIANZA ART. 1 AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA DELLA AFOL MONZA E BRIANZA ART. 1 AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA DELLA AFOL MONZA E BRIANZA Allegato B ART. 1 AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO 1. Il servizio di Cassa è svolto dal Tesoriere nei giorni dal lunedì al

Dettagli

COMUNE DI CORTE FRANCA PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI CORTE FRANCA PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI CORTE FRANCA PROVINCIA DI BRESCIA Allegato A SCHEMA DI CONVENZIONE PER AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA E DI CASSA COMUNALE PER IL PERIODO 01/01/2016 31/12/2020 PREMESSO che con deliberazione

Dettagli

AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO. Procedura Amministrativo-Contabile di Tesoreria. Gestione dei Pagamenti e degli Incassi

AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO. Procedura Amministrativo-Contabile di Tesoreria. Gestione dei Pagamenti e degli Incassi AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO Procedura Amministrativo-Contabile di Tesoreria Gestione dei Pagamenti e degli Incassi 1. OBIETTIVO... 4 2. REFERENTI DELLA PROCEDURA... 4 3. AMBITO DI APPLICAZIONE... 4 4.

Dettagli

SCHEMA CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE.

SCHEMA CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE. COMUNE DI TREPPO GRANDE PROV. DI UDINE SCHEMA CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE. L'anno, il giorno del mese di in Treppo Grande, presso la sede municipale, in Piazza Marconi,

Dettagli

CITTA METROPOLITANA DI CATANIA

CITTA METROPOLITANA DI CATANIA CITTA METROPOLITANA DI CATANIA I DIPARTIMENTO AFFARI AMMINISTRATIVI E RISORSE FINANZIARIE 2 SERVIZIO BILANCIO E PARTECIPATE Allegato Prot. del 26/10/2015 Al fine di permettere agli istituti di credito

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

$8725,7$ 32578$/(',75,(67(

$8725,7$ 32578$/(',75,(67( $8725,7$ 32578$/(',75,(67( 6&+(0$',&219(1=,21(3(5/ $)),'$0(172'(/6(59,=,2',&$66$ CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO l Autorità Portuale di Trieste, (in seguito denominata anche per brevità A.P.T.), rappresentata.nella

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. COMUNE DI CROSIO DELLA VALLE (Provincia di Varese) CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI TESORERIA

REPUBBLICA ITALIANA. COMUNE DI CROSIO DELLA VALLE (Provincia di Varese) CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI TESORERIA REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI CROSIO DELLA VALLE (Provincia di Varese) CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL PERIODO 1/1/2014-31/12/2016 L anno, addì del mese di, nella casa comunale di Crosio

Dettagli

COMUNE DI PONTOGLIO. Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI PONTOGLIO. Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI PONTOGLIO Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Indice Art. 1 Servizio di Economato Art. 2 Economo Comunale Art. 3 Funzioni del Servizio di Economato Art. 4 Indennità

Dettagli

CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA DEL COMUNE DI RICIGLIANO (SA)

CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA DEL COMUNE DI RICIGLIANO (SA) L Anno Duemilaquindici, addì scrittura privata del Mese di, con la presente T R A Il Comune di Ricigliano (SA), cod. Fiscale: 82003970652, in seguito denominato Ente rappresentato dalla Dott.ssa Maria

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE SPESE ECONOMALI, DI PRONTA CASSA E DELL UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE SPESE ECONOMALI, DI PRONTA CASSA E DELL UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE SPESE ECONOMALI, DI PRONTA CASSA E DELL UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO Indice TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 Ambito di applicazione Art. 2 Definizioni TITOLO

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE

SCHEMA DI CONVENZIONE Oggetto: Affidamento in concessione del servizio di Tesoreria del Comune di Trieste a........, aggiudicatario a seguito dell esperimento di gara a procedura aperta. SCHEMA DI CONVENZIONE ARTICOLO 1 Affidamento

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE DI INIZIATIVA DELLA GIUNTA

DISEGNO DI LEGGE DI INIZIATIVA DELLA GIUNTA REGIONE BASILICATA DISEGNO DI LEGGE DI INIZIATIVA DELLA GIUNTA Bilancio di Previsione pluriennale per il triennio 2015-2017. Potenza, Dicembre 2014 * * * * * * * * * * Articolo 1 Stato di Previsione dell

Dettagli

COMUNE DI FRANCICA Provincia di Vibo Valentia BANDO DI GARA

COMUNE DI FRANCICA Provincia di Vibo Valentia BANDO DI GARA COMUNE DI FRANCICA Provincia di Vibo Valentia BANDO DI GARA PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE Dall 1.01.2010 al 31.12.2012 IL RESPONSABILE DEL SETTORE FINANZIARIO RENDE

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE PLURIENNALE PER IL TRIENNIO 2016/2018" IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE Promulga

BILANCIO DI PREVISIONE PLURIENNALE PER IL TRIENNIO 2016/2018 IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE Promulga 770 N. 6 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 9-2-2016 Parte I Legge Regionale 9 febbraio 2016, n. 4 BILANCIO DI PREVISIONE PLURIENNALE PER IL TRIENNIO 2016/2018" IL CONSIGLIO REGIONALE ha

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE PER IL PERIODO 01/01/2014-31/12/2016

SCHEMA DI CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE PER IL PERIODO 01/01/2014-31/12/2016 Allegato alla deliberazione di Consiglio Comunale n. 26 in data 30/11/2013 SCHEMA DI CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE PER IL PERIODO 01/01/2014-31/12/2016

Dettagli

COMUNE DI MONTANO ANTILIA PROVINCIA DI SALERNO Via Giovanni Bovio 17 C.A.P 84060 tel. 0974/951053 fax 0974/951458 C.F 84000670657 P.

COMUNE DI MONTANO ANTILIA PROVINCIA DI SALERNO Via Giovanni Bovio 17 C.A.P 84060 tel. 0974/951053 fax 0974/951458 C.F 84000670657 P. COMUNE DI MONTANO ANTILIA PROVINCIA DI SALERNO Via Giovanni Bovio 17 C.A.P 84060 tel. 0974/951053 fax 0974/951458 C.F 84000670657 P.IVA 00340670657 AREA FINANZIARIA BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO, MEDIANTE

Dettagli

Lavori di Sistemazione dell edifico ex Caserma C.C. in Via Vallecine da adibirsi a nuova sede comunale 2 E 3 LOTTO CIG 0084984303

Lavori di Sistemazione dell edifico ex Caserma C.C. in Via Vallecine da adibirsi a nuova sede comunale 2 E 3 LOTTO CIG 0084984303 C O M U N E D I B O R B O N A P R O V I N C I A D I R I E T I VIA NICOLA DA BORBONA 02010 BORBONA Tel. 0746/940037 Fax 0746/940285 P.I. C.F. 00113410575 E-Mail: borbona@comune.borbona.rieti.it Indirizzo

Dettagli

Il Responsabile del Servizio Finanziario in esecuzione della deliberazione consiliare n... del..., RENDE NOTO

Il Responsabile del Servizio Finanziario in esecuzione della deliberazione consiliare n... del..., RENDE NOTO Amministrazione aggiudicatrice :COMUNE DI GORIANO SICOLI- Goriano Sicoli- Cap 67020 Codice fiscale e P.I. 00218000669 Tel 0864720003 Fax 0864720068 - E-mail gorianosicoli@pec.it : procedura aperta ex art.3,

Dettagli

DELL ENTE PARCO REGIONALE DELLA MAREMMA PERIODO 01.01.2010-31.12.2014

DELL ENTE PARCO REGIONALE DELLA MAREMMA PERIODO 01.01.2010-31.12.2014 ALLEGATO B SCHEMA DI CONVENZIONE PER L ESERCIZIO DEL SERVIZIO DI TESORERIA DELL ENTE PARCO REGIONALE DELLA MAREMMA PERIODO 01.01.2010-31.12.2014 PREMESSO - che l Ente Parco Regionale della Maremma è sottoposto

Dettagli

secondo quanto definito nel presente schema di convenzione e di seguito indicato col termine di Cassiere.

secondo quanto definito nel presente schema di convenzione e di seguito indicato col termine di Cassiere. Schema di convenzione per il servizio di cassa tra a Consorzio di difesa delle terre golenali del Comune di Brescello con sede legale c/o Comune di Brescello, Piazza Matteotti, 12-42041 Brescello (RE)

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEGLI AGENTI CONTABILI

REGOLAMENTO COMUNALE DEGLI AGENTI CONTABILI COMUNE DI SPOTORNO Provincia di Savona REGOLAMENTO COMUNALE DEGLI AGENTI CONTABILI 1 Sommario Art. 1 FINALITA DEL REGOLAMENTO Art. 2 ATTRIBUZIONE DELLE FUNZIONI Art. 3 INCASSI E VERSAMENTI EFFETTUATI DIRETTAMENTE

Dettagli

COMUNE DI VILLATA Piazza Gastaldi n. 14 - cap 13010- Tel (0161) 310113 - Fax (0161)) 310631 c.f. 80003170026 - p. I.V.A.

COMUNE DI VILLATA Piazza Gastaldi n. 14 - cap 13010- Tel (0161) 310113 - Fax (0161)) 310631 c.f. 80003170026 - p. I.V.A. Regione Piemonte Provincia di Vercelli COMUNE DI VILLATA Piazza Gastaldi n. 14 - cap 13010- Tel (0161) 310113 - Fax (0161)) 310631 c.f. 80003170026 - p. I.V.A. 00373260025 CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI

Dettagli

ALLEGATO sub B) ALLA DELIBERAZIONE DELLA CONFERENZA DELL'AUTORITA' D'AMBITO N. 2 n. 95 del 21 dicembre 2004 RINNOVO CONVENZIONE

ALLEGATO sub B) ALLA DELIBERAZIONE DELLA CONFERENZA DELL'AUTORITA' D'AMBITO N. 2 n. 95 del 21 dicembre 2004 RINNOVO CONVENZIONE ALLEGATO sub B) ALLA DELIBERAZIONE DELLA CONFERENZA DELL'AUTORITA' D'AMBITO N. 2 n. 95 del 21 dicembre 2004 RINNOVO CONVENZIONE IL SEGRET ARIO D ELLA CONFERENZ A (Dott. Piero Gaet ano Vantaggiato) TRA

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO CONSIGLIO REGIONALE DELL ABRUZZO DIREZIONE ATTIVITA AMMINISTRATIVA SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA DEL CONSIGLIO REGIONALE DELL ABRUZZO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Consiglio

Dettagli

COMUNE DI ROTONDI Provincia di Avellino

COMUNE DI ROTONDI Provincia di Avellino COMUNE DI ROTONDI Provincia di Avellino SCHEMA DI CONVENZIONE PER IL CONFERIMENTO IN GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA PERIODO 1 GENNAIO 2011 31 DICEMBRE 2015 REPUBBLICA ITALIANA L anno duemila addì del

Dettagli

SOCIALE EUROPEO PREMESSO

SOCIALE EUROPEO PREMESSO REPUBBLICA ITALIANA CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DI SERVIZI DI CASSA RELATIVI AL FONDO DI ROTAZIONE PER LA FORMAZIONE PROFESSIONALE E L ACCESSO AL FONDO SOCIALE EUROPEO L anno 2009, il giorno del mese

Dettagli

Art. 4 Gratuità del servizio Il servizio è affidato all Istituto cassiere senza alcun onere per l Agenzia.

Art. 4 Gratuità del servizio Il servizio è affidato all Istituto cassiere senza alcun onere per l Agenzia. Procedura concorrenziale, ai sensi dell art. 30 comma 3 del D.Lgs. 12 aprile 2006 n. 163, per l affidamento in concessione del servizio di cassa dell Agenzia per la Coesione Territoriale per un triennio

Dettagli

I.Ri.Fo.R. - ONLUS. Regolamento per la Gestione Finanziaria vers. 1

I.Ri.Fo.R. - ONLUS. Regolamento per la Gestione Finanziaria vers. 1 I.Ri.Fo.R. - ONLUS Regolamento per la Gestione Finanziaria vers. 1 CAPO I - BILANCIO DI PREVISIONE Articolo 1 - Principi generali 1. La gestione finanziaria della struttura nazionale e delle strutture

Dettagli

Settore 2 Economico Finanziario BANDO DI GARA PROCEDURA APERTA PER AFFIDAMENTO SERVIZIO DI TESORERIA DELL ENTE 2016/2020.

Settore 2 Economico Finanziario BANDO DI GARA PROCEDURA APERTA PER AFFIDAMENTO SERVIZIO DI TESORERIA DELL ENTE 2016/2020. SCADENZA Il 28/ 12/ 2015 Ore 13. 00 COMUNE DI BUTI Settore 2 Economico Finanziario BANDO DI GARA PROCEDURA APERTA PER AFFIDAMENTO SERVIZIO DI TESORERIA DELL ENTE 2016/2020. Si rende noto che questo Comune

Dettagli

COMUNE DI BIBBONA PROVINCIA DI LIVORNO CONVENZIONE PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE PER IL PERIODO 2009-2013

COMUNE DI BIBBONA PROVINCIA DI LIVORNO CONVENZIONE PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE PER IL PERIODO 2009-2013 COMUNE DI BIBBONA PROVINCIA DI LIVORNO CONVENZIONE PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE PER IL PERIODO 2009-2013 L anno il giorno del mese di in, nella sede Comunale avanti a me, Segretario

Dettagli

La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive, gestione, criticità

La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive, gestione, criticità La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive, gestione, criticità IL FONDO ROTATIVO PER KYOTO PAGAMENTI E RENDICONTAZIONE Antonio Rattà, Roma 17 aprile 2015 Definizione E il processo di consuntivazione

Dettagli

Capitolato di gara per l assegnazione del servizio di tesoreria e cassa

Capitolato di gara per l assegnazione del servizio di tesoreria e cassa Capitolato di gara per l assegnazione del servizio di tesoreria e cassa Articolo 1 Oggetto del servizio Il presente capitolato di gara ha per oggetto l assegnazione del servizio di tesoreria e cassa per

Dettagli

Servizio Finanziario e Programmazione Economica

Servizio Finanziario e Programmazione Economica c.a.p. 66036 P.zza Mazzini, 5 C.F. 81001270693/ P.I. 00254520695 Tel. 0871/869765 Servizio Finanziario e Programmazione Economica Allegato C Art. 1 Affidamento del servizio 1.1 Il servizio di Tesoreria

Dettagli

* * * * * * * * * * * *

* * * * * * * * * * * * CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA Legge Regionale: Bilancio di Previsione per l Esercizio Finanziario 2009 e Bilancio Pluriennale per il Triennio 2009 2011. * * * * * * * * * * * * Articolo 1 Stato

Dettagli

CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA DEL COMUNE DI LACEDONIA

CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA DEL COMUNE DI LACEDONIA INDICE Articolo 1 Oggetto e limiti della convenzione e compenso per lo svolgimento del servizio... 2 Articolo 2 - Durata della convenzione... 3 Articolo 3 Luogo di svolgimento del servizio... 3 Articolo

Dettagli

AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA SOLIDARIETA - MONS. D. CADORE. Allegato allo schema di convenzione per la gestione del

AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA SOLIDARIETA - MONS. D. CADORE. Allegato allo schema di convenzione per la gestione del AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA SOLIDARIETA - MONS. D. CADORE ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE C.D.A N. 10 IN DATA 15.04.2016 Allegato allo schema di convenzione per la gestione del Servizio di

Dettagli

CONVENZIONE PER LA GESTIONE QUINQUENNALE DEL SERVIZIO DI TESORERIA per il Consorzio I Castelli della Sapienza

CONVENZIONE PER LA GESTIONE QUINQUENNALE DEL SERVIZIO DI TESORERIA per il Consorzio I Castelli della Sapienza CONVENZIONE PER LA GESTIONE QUINQUENNALE DEL SERVIZIO DI TESORERIA per il Consorzio I Castelli della Sapienza TRA Consorzio I Castelli della Sapienza rappresentato dal Prof. Marcello Accordino nella qualità

Dettagli

Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE

Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE Parte I N. 14 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 30-4-2014 2399 Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE Legge Regionale 30 aprile 2014, n. 9 BILANCIO DI PREVISIONE PER L ESERCIZIO

Dettagli

CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA E DI CASSA IL PERIODO 2010/2014

CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA E DI CASSA IL PERIODO 2010/2014 CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA E DI CASSA IL PERIODO 2010/2014 ART. 1 - Affidamento del servizio - funzioni Il Comune di Calolziocorte concede all Istituto Bancario Banca Popolare

Dettagli

SERVIZIO DI CASSA PER L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA - CODICE C.I.G.: 143017059D CAPITOLATO - PARTE TECNICA

SERVIZIO DI CASSA PER L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA - CODICE C.I.G.: 143017059D CAPITOLATO - PARTE TECNICA SERVIZIO DI CASSA PER L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA - CODICE C.I.G.: 143017059D CAPITOLATO - PARTE TECNICA CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA... CAPITOLATO SPECIALE

Dettagli

COMUNE DI BARBARANO VICENTINO

COMUNE DI BARBARANO VICENTINO COMUNE DI BARBARANO VICENTINO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FUNZIONI DELL ECONOMO, DEGLI AGENTI CONTABILI INTERNI E DEI CONSEGNATARI DEI BENI Approvato con delibera di Consiglio

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA DELL AGENZIA PER LA RAPPRESENTANZA NEGOZIALE DELLA REGIONE SICILIANA (A.Ra.N.

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA DELL AGENZIA PER LA RAPPRESENTANZA NEGOZIALE DELLA REGIONE SICILIANA (A.Ra.N. SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA DELL AGENZIA PER LA RAPPRESENTANZA NEGOZIALE DELLA REGIONE SICILIANA (A.Ra.N. SICILIA) L anno, il giorno.. del mese di., in Palermo, nella sede

Dettagli

A. ELEMENTI ECONOMICI INERENTI IL SERVIZIO Punteggio massimo attribuibile PUNTI 70 Condizioni di ammissione alla gara:

A. ELEMENTI ECONOMICI INERENTI IL SERVIZIO Punteggio massimo attribuibile PUNTI 70 Condizioni di ammissione alla gara: ALLEGATO B Al COMUNE DI COMABBIO Piazza G. Marconi n.1 21020 COMABBIO (VA) OGGETTO: Offerta per il servizio di Tesoreria Comunale periodo 01.01.2008 al 31.12.2012. Il sottoscritto..in qualità di rappresentante

Dettagli

REGOLAMENTO DI CONTABILITA

REGOLAMENTO DI CONTABILITA REGOLAMENTO DI CONTABILITA dell Azienda Speciale del Comune di Cavriago CavriagoServizi Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 30 luglio 2008 I N D I C E CAPO I FINALITA E CONTENUTO

Dettagli

COMUNE DI PIANEZZA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI PIANEZZA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI PIANEZZA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Allegato alla deliberazione del consiglio comunale 52 del 24 luglio 2003 1 ARTICOLO 1 Oggetto del regolamento 1. Il presente regolamento stabilisce

Dettagli

IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE Promulga

IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE Promulga Parte I N. 4 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 31-1-2015 253 Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE Legge Regionale 27 gennaio 2015, n. 6 BILANCIO DI PREVISIONE PLURIENNALE

Dettagli

Ufficio Centrale Orientamento Formazione Professionale Lavoratori. relativo alla gara con procedura aperta per l affidamento del servizio di

Ufficio Centrale Orientamento Formazione Professionale Lavoratori. relativo alla gara con procedura aperta per l affidamento del servizio di MINISTERO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE Ufficio Centrale Orientamento Formazione Professionale Lavoratori CAPITOLATO D ONERI relativo alla gara con procedura aperta per l affidamento del servizio

Dettagli