Prima Età del Ferro. Un caso esemplare : Lefkandi * Antonietta Marini

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Prima Età del Ferro. Un caso esemplare : Lefkandi * Antonietta Marini"

Transcript

1 2007] FARFALLE NELL EGEO 25 Circolazione e consumo dei beni orientali ed élite nell Egeo della Prima Età del Ferro. Un caso esemplare : Lefkandi * Antonietta Marini i khai patr da s n ka d ma, ka ei po toi f lon e st n ei per ka m la poll n e kast rw e st Eu bo h t n per thlot tw f s e mmenai oi min i donto finché alla patria tu arrivi, alla casa, ovunque ti è caro, anche se è molto più in là dell isola Eubea, che lontanissima dice chi l ha veduta Odissea VII, Abstract During the 10 th and 9 th centuries B.C., trade between the Aegean and the Eastern Mediterranean is growing rapidly; at the same time, in many Aegean communities, élites or proto-aristocracies emerge. At Lefkandi, the two historical phenomena are closely correlated. In this study, through a contextual analysis of funerary data, we try to reconstruct the social and cultural history of this Euboean community, which maintains direct and permanent relations with the Eastern Mediterranean in the Early Iron Age. The consumption of oriental items in the funerary ritual is a form of materialization of the ideology of the élite buried in the cemetery of Toumba. L Egeo nel Mediterraneo dei ritorni : l Età di Lefkandi L immagine dell Egeo nella Prima Età del Ferro è radicalmente mutata nel corso degli ultimi decenni tanto da non rispondere più alla definizione di Dark Age; le indagini sul territorio e gli scavi condotti in numerosi abitati, necropoli e luoghi di culto permettono non solo di delineare un quadro più completo dello sviluppo storico a livello locale e regionale, ma soprattutto hanno messo definitivamente in crisi l idea di generale recessione e chiusura ai contatti esterni che stava alla base dell originaria definizione di Età Oscura. A partire almeno dalla metà del X secolo a.c., infatti, le comunità greche entrarono in contatto con le regioni del bacino orientale del Mediterraneo, con una progressiva intensificazione dei flussi commerciali che porterà, nel corso dei due secoli seguenti, alla piena integrazione dell Egeo nelle rotte pan-mediterranee, necessaria premessa al fenomeno della colonizzazione. Prima che il Mare Nostrum diventasse il Mediterraneo delle colonie, i Greci di X e IX secolo a.c. fecero esperienza del Mediterraneo dei ritorni, come spazio di incontri e scambi, lungo direttrici commerciali frequentate da genti di varia * Vorrei ringraziare in primo luogo il Prof. Filippo M. Carinci per aver stimolato, indirizzato e incoraggiato i miei studi sull apporto dell archeologia allo studio delle origini dell aristocrazia greca. Il presente lavoro rappresenta un approfondimento di alcuni spunti di ricerca della mia Tesi di Dottorato ( Circolazione e consumo dei beni orientali nell Egeo della Prima Età del Ferro: le evidenze nel rituale funerario, Venezia 2004), ricerca condotta presso l Università Ca Foscari di Venezia e in convenzione con la Scuola Archeologica Italiana di Atene. Alla Scuola Archeologica Italiana di Atene e al suo Direttore, Prof. Emanuele Greco, vanno i miei più sentiti ringraziamenti. L elaborazione finale della ricerca e la stesura del testo sono state realizzate durante l anno trascorso come assegnista di ricerca presso il Dipartimento di Scienze dell Antichità e del Vicino Oriente-Università Ca Foscari di Venezia. All Istituzione e a tutti coloro che a vario titolo La rappresentano vorrei esprimere la mia più sentita riconoscenza.

2 26 ANTONIETTA MARINI [RdA nazionalità, lingua e cultura. È quella che abbiamo scelto di chiamare per l Egeo l Età di Lefkandi, per il ruolo che gli ardimentosi abitanti di questo piccolo centro costiero dell isola di Eubea ebbero nel tracciare nuove rotte verso Oriente. Quando entra nuovamente in contatto con le civiltà vicino-orientali l Egeo era oramai uscito dalla grande crisi con cui si era conclusa l Età del Bronzo e aveva acquisito una nuova e precisa fisionomia: la Grecia della Prima Età del Ferro si compone di una molteplicità di comunità locali, ciascuna con una propria identità politica, sociale e culturale. Dal punto di vista sociale e politico sono i secoli durante i quali si compie la complessa transizione dal palazzo alla polis, che passa attraverso la definizione, all interno di comunità pre-statali, di nuove forme di potere e di élite, o proto-aristocrazie, che emergono con chiarezza nella documentazione archeologica fra X e IX secolo a.c. 1. Un fenomeno questo che, seppur espressione di dinamiche storiche interne all Egeo, richiede, per una sua piena comprensione, una contestualizzazione in una prospettiva mediterranea 2. L uso e il consumo di beni orientali nel rituale funerario e, dall ottavo secolo, la loro deposizione in ambito religioso, rientrano nel processo di definizione delle élite greche della Prima Età del Ferro 3. Lo studio delle importazioni all interno della cultura materiale della società ricevente può essere condotto sotto due prospettive, spesso tenute distinte, e che vanno ad esplorare due dimensioni dello stesso oggetto, una più strettamente culturale e l altra ideologico-simbolica; nel primo caso viene approfondito il significato delle importazioni come potenziali veicoli nella trasmissione culturale, mentre nell altro l attenzione si concentra sul loro uso come diacritical insignia, ossia come oggetti il cui possesso conferisce prestigio 4. La marginalità dell Egeo nel Mediterraneo dei ritorni, e soprattutto l assenza di influssi da parte delle più raffinate culture vicino-orientali, hanno indotto a spostare l attenzione sull uso degli orientalia come beni di prestigio, considerando nullo lo scambio di informazioni 5, quasi che la Grecia dei Secoli Oscuri non fosse ancora pronta a recepire il messaggio, a livello iconografico e culturale, di cui quegli oggetti erano portatori. Lo scambio di informazioni fra due culture non necessariamente si traduce in influssi rilevabili nella cultura materiale sotto forma di imitazioni; esiste tutto un patrimonio di conoscenze, usi e pratiche che possono essere indirettamente veicolate da un oggetto importato e che rientrano a pieno titolo nell ambito degli scambi culturali. Sono queste due dimensioni dell oggetto importato, una più prettamente culturale e l altra ideologico-politica, che intendiamo esplorare parallelamente nello studio degli scambi fra Egeo e Oriente fra X e IX secolo a.c.: si tratta di due aspetti della stessa realtà, in quanto l interazione a livello culturale in questa fase storica interessa in primo luogo le élite, che utilizzano le importazioni come beni di prestigio per autodefinirsi all interno della comunità. L affacciarsi delle piccole comunità del Protogeometrico sui vasti orizzonti mediterranei non fu un fenomeno unitario né a livello geografico né dal punto di vista cronologico: vi furono comunità che mantennero un rapporto continuativo con l Oriente, come Lefkandi, Knossos e Atene, e abitati per i quali la sporadicità dei rinvenimenti lascia ipotizzare solo contatti occasionali, secondo il modello che traspare nell episodio omerico del ratto di Eu- 1 Atene rappresenta ancora, sotto questo aspetto, la realtà archeologica meglio indagata. Per l origine dell aristocrazia ateniese si rinvia ai due diversi modelli ricostruttivi elaborati da I. Morris e J. Whitley (Morris 1987; Whitley 1991a) sulla base della documentazione dell ambito funerario: mentre Whitley colloca l origine di una proto-aristocrazia ateniese alla metà del IX secolo, per Morris la società protogeometrica sarebbe già rigidamente stratificata. Il modello ateniese è stato in seguito esteso da Morris alla realtà politica e sociale di un intero settore dell Egeo, la cosiddetta Central Greece, che comprende anche l isola di Eubea: Morris 1998; Morris Sulla necessità di ripensare in termini nuovi la dialettica fra storia locale e dinamiche pan-mediterranee nella Prima Età del Ferro: Morris 1999a, pp ; Morris 1999b. 3 Per il consumo di orientalia e la definizione delle élite nella Grecia della Prima Età del Ferro vedi: Whitley 1991b, passim; Whitley 1994; Morris 1999a; Morris 1999b; Morris 2000, cap. 6; Duploy 2006, cap Per la funzione dei beni di prestigio come diacritical insignia : Dietler 1999b, p. 145, nota 10. Come emerge dall unica fonte a nostra disposizione, ossia il testo omerico, agli orientalia venivano assegnate entrambe le funzioni che lo studioso americano attribuisce ai beni di prestigio, ossia quella di circolare in una sfera economica separata ( exchange valuables ) e di avere una funzione simbolica ( diacritical insignia ). 5 Sullo studio dei contatti interculturali come scambio di beni e scambio di informazioni: Renfrew 1975.

3 ] CIRCOLAZIONE E CONSUMO DEI BENI ORIENTALI ED ÉLITE NELL EGEO 27 meo nel libro XV dell Odissea 6. Diverso fu inoltre il ruolo svolto dai diversi settori dell Egeo e il modo con il quale essi furono integrati nei circuiti mediterranei: vi furono infatti aree che per la loro posizione geografica si trovarono naturalmente inserite lungo le grandi direttrici del commercio che da Oriente muovono verso il Mediterraneo centrale, come le isole del Dodecanneso (Rodi e Kos) e Creta, e regioni che diventarono terminali di circuiti interni, come è probabilmente il caso dell Attica, e infine comunità, come Lefkandi, che ebbero un ruolo attivo negli scambi con l Oriente superando con le proprie navi i confini del mare greco 7. Parlare genericamente di contatti fra l Egeo e l Oriente, e soprattutto dei possibili effetti a livello sociale e culturale, è dunque improprio, e la ricerca in questo settore deve necessariamente scendere a livello di singola comunità. I tempi e le modalità del processo storico, pur consentendo di individuare linee comuni, variano da comunità a comunità; mai come in questi secoli la storia dell Egeo è la sommatoria, più che la sintesi, di tante piccole storie locali. Il ruolo attivo nella gestione degli scambi, unito alla ricca documentazione proveniente dall ambito funerario, che consente di ricostruire la storia sociale e politica della piccola comunità nel succedersi delle generazioni, rendono Lefkandi un osservatorio privilegiato, e in questo unico senso esemplare, per approfondire le dinamiche legate alla circolazione, all uso e al consumo degli orientalia in un abitato della Prima Età del Ferro nella fase di definizione della sua élite. Il X e IX secolo a.c. costituiscono una fase formativa anche nella genesi dei poemi omerici e rappresentano, per così dire, la protostoria del mondo degli eroi 8. Nella complessa stratigrafia del testo cercheremo tracce del Mediterraneo dei ritorni, quando gli eroi viaggiavano fra genti che parlano altre lingue con l unico scopo di poter un giorno far ritorno nella loro terra carichi di ricchezze. Il nostro obiettivo non è quello di usare il testo omerico come integrazione dei dati archeologici, ma combinare una lettura esterna delle testimonianze materiali del commercio, come può essere quella operata dallo storico moderno, con il valore che a quegli scambi e agli stessi oggetti attribuirono coloro che li avevano acquisiti, posseduti, consumati: da questo punto di vista i poemi omerici sono una fonte fondamentale e imprescindibile, e quello che, per altri settori di indagine, può rappresentare il limite nell uso storico di Omero, ossia la componente ideologica nella rappresentazione della società degli eroi e dei suoi valori, diventa la ricchezza del testo, se letto in tutte le sue stratificazioni e sfumature. Il poeta infatti non è testimone del suo tempo solo quando descrive gli oggetti di manifattura orientale che trovano corrispondenze con il materiale rinvenuto nei nostri contesti funerari di X e IX secolo a.c., ma anche quando ci apre uno spiraglio nel ricco immaginario di quel mondo, permettendoci di vedere la realtà con gli occhi di un Greco della Prima Età del Ferro. Omero diventa, in questa prospettiva, il cantore di una storia, quella dell incontro fra i Greci e gli altri, che è fatta di luci e ombre, di ammirazione e rifiuto: ci 6 Odissea XIV, Una nave fenicia approda con il suo carico di chincagliere in un isola dell Egeo, il suo equipaggio vi trascorre un lungo periodo, addirittura un anno dice il poeta, scambiando il proprio carico con prodotti locali, per salpare infine di nuovo, questa volta verso Itaca. 7 Non esiste ancora unanimità di consensi sul ruolo svolto dalla comunità euboica nei circuiti commerciali mediterranei di X e IX secolo a.c. Secondo i coniugi Sherratt, Lefkandi si sarebbe trovata inserita nell espansione commerciale fenicia di X secolo a.c. come terminale di un circuito interno all Egeo: Sherratt-Sherratt L ipotesi dei due studiosi è ripresa da J. K. Papadopoulos, che considera l abitato come una sorta di comunità aperta, nella quale vivevano, assieme alla popolazione locale, intraprendenti orientali di diversa origine (fenici, siriani e ciprioti): Papadopoulos 1997, in particolare pp , 206. Non è questa la sede per approfondire una questione così complessa, che verrà trattata solo marginalmente nel corso del presente lavoro; riteniamo tuttavia che il ruolo svolto dagli abitanti di Lefkandi non sia ininfluente nella valutazione dell impatto che i contatti con l Oriente ebbero all interno della comunità nella sfera socio-politica. La documentazione archeologica in ambito cipriota e levantino, in particolare il rinvenimento di ceramica medio protogeometrica euboica in Fenicia, confermano a nostro avviso l ipotesi di J. N. Coldstream dell esistenza di una rotta Lefkandi-Tiro, via Amathus: Coldstream 1989, fig. 1, a-c; cfr. Coldstream 1998; Coldstream Per la ceramica protogeometrica in Oriente: Lemos 2002, Appendix II; Luke 2003, pp , tab. 8. Per l attribuzione alla fase medio protogeometrica di un anfora dallo strato XI di Tiro: Lemos 2001, p Un frammento di lebete medio protogeometrico è stato recentemente rivenuto durante gli scavi di Tel Hadar: Coldstream 1998, pp ; Kopcke È probabile invece che nel Submiceneo e nelle fasi più antiche del Protogeometrico Eubea abbia mantenuto contatti diretti solo con Cipro: vedi infra. 8 Per l analisi della documentazione archeologica di X e IX secolo a.c. come protostoria della società omerica vedi: Patzek 1992, pp

4 28 ANTONIETTA MARINI [RdA narra di una società che cambia, come conseguenza anche dell apertura a mondi diversi, con i quali è costretta, ma anche desiderosa di scambiare beni, di dialogare e di confrontarsi. I due mondi, quello delle alate parole fissate per sempre nel testo di Omero, e quello dei keimelia, messi in luce dall archeologia, così distanti dal punto di vista metodologico, si rinviano costantemente l un l altro, ed è nell intreccio e nella complessità dei rimandi, e non nella loro indebita sovrapposizione, che emerge la trama storica della Prima Età del Ferro 9. L archeologia e lo studio dei contatti interculturali: gli orientalia come documenti di storia dell Alto Arcaismo greco Una delle prospettive più interessanti nell approccio archeologico allo studio del commercio, in particolare di quello interculturale, è stata offerta dal confronto a livello teorico con un settore degli studi sociali, la cosiddetta anthropology of consumption, che ha aperto nuove e promettenti prospettive di indagine nella ricostruzione della storia sociale e culturale delle comunità antiche 10. Gli studi di antropologia del consumo sottolineano il valore simbolico e sociale dei beni materiali, che sono i mezzi dei quali gli individui si servono per costruire la propria identità e comunicarla agli altri. Molteplici sono le identità della social persona che possono trovare espressione nel consumo di beni materiali, come l appartenenza a classi di età o gruppi di parentela, il genere, lo status sociale. Le pratiche del consumo non solo servono a definire l identità di una comunità nei confronti dell esterno 11, ma possono essere utilizzate da limitati settori della società, attraverso meccanismi di circolazione ristretta, come uno strumento di separazione dal resto della popolazione. I cosiddetti beni di lusso, categoria nella quale vengono automaticamente inserite le importazioni, non rappresentano in questa prospettiva una particolare classe di oggetti, quanto uno speciale registro di consumo 12 e rappresentano uno degli strumenti di riconoscimento sociale delle élite 13. La storia documentata dai nostri orientalia è, come vedremo, legata indissolubilmente a quella delle nascenti élite. I manufatti di provenienza orientale deposti nei corredi funerari greci dell Età del Ferro non possono essere considerati semplici casuali tracce lungo le rotte dalle navi che solcavano il Mediterraneo; il loro uso e consumo nel rituale funerario, prima di darci indicazioni sui circuiti di circolazione, rispecchia il modo nel quale quegli oggetti furono integrati all interno del patrimonio culturale locale o, per usare una definizione coniata da Whitley, nel sistema simbolico delle piccole comunità di X e IX secolo a.c. 14. Sono dati, per così dire, filtrati attraverso una logica che è culturalmente specifica, e la cui comprensione offre elementi preziosi per entrare nel cuore stesso del sistema sociale della società ricevente. È in questo senso che oggetti prodotti in Egitto, Siria o Fenicia costituiscono a pieno titolo documenti di storia dell Alto Arcaismo greco, testimoni dell incontro con culture altre, nonostante l assenza di influssi nel patrimonio iconografico geometrico di X e IX secolo a.c.; un assenza, que- 9 È questa la prospettiva delineata in ambito archeologico da I. Morris (Morris 1997, in particolare pp ; Morris 2001) e inserita all interno di una visione dell archeologia della Prima Età del Ferro come cultural history: Morris Mentre lo studioso inglese ritiene che una simile prospettiva sia applicabile esclusivamente alla realtà dell ottavo secolo, l approccio che intendiamo proporre in questa sede è la ricerca di possibili elementi di continuità con il X e IX secolo a.c., secondo una prospettiva di longue durée: Malkin 2004, pp Ricchissima è la bibliografia sull argomento; per limitarci alle opere oramai considerate classiche e che hanno maggiormente inciso nell elaborazione di un approccio archeologico ai consumption studies vedi: Douglas-Isherwood 1984; Appudurai 1986; Miller 1987; Miller In ambito egeo la prospettiva dell archeologia del consumo è stata applicata più alle esportazioni di ceramica micenea o protogeometrico-geometrica in Oriente (ad esempio Van Wijngaarden 2002; Crielaard 1999) che alle importazioni di orientalia (Burns 1999; Colburn 2008). Per un applicazione, purtroppo delineata soltanto a livello teorico, allo studio del commercio di età arcaica: Foxhall Si confrontino a questo proposito le riflessioni a carattere metodologico di Dietler 1999, p. 483 ss. Per il rapporto identità culturale-consumo: p. 485: culture is not a static rigid phenomenon. Culture must be understood not only as something inherited from the past, but as a continual creative project: it is a way of thinking, of perceiving, and of solving problems, including the problems of dealing with alien peoples and of incorporating alien goods and practices. 12 Appudurai 1986, p. 38 ss. 13 Sullo studio delle élite greche attraverso le forme di riconoscimento sociale vedi: Duploy 2006, in particolare pp Whitley 1991a, pp

5 ] CIRCOLAZIONE E CONSUMO DEI BENI ORIENTALI ED ÉLITE NELL EGEO 29 sta, che dovrà trovare in sede di interpretazione di storia della cultura una sua spiegazione. Lo studio degli orientalia e del loro specifico ambito di consumo, quello del rituale funerario, ha il duplice obiettivo di ricostruire le informazioni di cui gli oggetti erano portatori come veicoli culturali e di definire il valore ad essi assegnato nel sistema simbolico locale. Gli studi dell antropologa Mary Helms sul significato politico-ideologico dei contatti con culture distanti nello spazio hanno suscitato grande interesse in ambito archeologico, in particolare fra gli studiosi di protostoria 15. L oggetto prodotto in terre lontane acquisisce nel nuovo contesto un valore culturale aggiuntivo, in quanto simbolo di conoscenza e di controllo su mondi altri, posti oltre i confini, e come tale può essere soggetto a manipolazione a livello ideologico e politico 16. In assenza di fonti scritte, il rischio è tuttavia quello di fornire un interpretazione unica per un fenomeno come la costruzione simbolica dello spazio geografico, che è per sua natura culturalmente specifica e da cui deriva la valutazione di tutto ciò che si pone al di là rispetto ad un qui e ora 17. Gli studiosi di storia dell Alto Arcaismo si trovano in questo in una posizione privilegiata, in quanto i poemi omerici, in particolare modo l Odissea, offrono una possibilità unica per entrare nell immaginario etnografico di quei secoli 18. Odisseo, l eroe dei ritorni per eccellenza, traccia con i suoi viaggi e le sue avventure i confini del Mediterraneo greco di VIII secolo a.c., forse più vasti di quelli di X e IX a.c., ma, almeno per quanto riguarda l Oriente, in buona parte coincidenti. E il suo ostinato voler tornare a casa, vivere nell attesa del giorno in cui, carico di ricchezze, avrebbe rivisto il profilo della sua amata Itaca stagliarsi all orizzonte, ha in sé ancora molto dello spirito delle generazioni precedenti, che non pensavano ancora al Mediterraneo come ad uno spazio familiare. Se l Odissea rappresenta l esito finale di un processo di costruzione di un immaginario mediterraneo, è nel corso di incontri, scambi, viaggi che esso prese lentamente forma negli occhi e poi nella mente di uomini di X e IX secolo a.c., di personaggi anonimi come quelli sepolti nelle necropoli di Lefkandi. Nell immaginario omerico gli altri si collocano fra due poli opposti i Ciclopi e i Feaci, un tempo confinanti, ma al tempo di Odisseo posti agli antipodi 19 ; i Ciclopi rappresentano la natura selvaggia e la negazione dei valori della civiltà greca, i Feaci invece incarnano l ideale di perfezione di un mondo civilizzato posto in una dimensione quasi sovrannaturale, vicina a quella degli dei, che non disdegnano infatti di sedere a banchetto con loro (Odissea, VII, ). In questa cosmogonia l incontro con il mondo orientale si rifletterebbe, secondo la suggestiva ipotesi di C. Dougherthy, da una parte nell immagine negativa dei mercanti fenici come portatori di valori incompatibili con l idea le eroico e dall altra nel mondo utopico dei Feaci, la cui civiltà rappresenta la perfetta fusione del mondo greco e degli aspetti più alti della cultura levantina 20. Un ambiguità, questa, che riflette a nostro avviso tutta la complessità di un confronto con l altro che non è astrattamente culturale, ma che coinvolge più direttamente la sfera economica e materiale. 15 Helms 1988; Helms 1993; per l applicazione in ambito protostorico della prospettiva delineata dalla Helms: Kristiansenlarsson 2005; Colburn Per la definizione di valore di scambio e le sue componenti: Sherratt 1994, pp ; la quarta dimensione, dopo la convertibilità, la preziosità, il valore aggiunto, è rappresenta dal valore culturale, ossia the degree to which, within the system as a whole, an object or class of object acquires a universally recognised social or ideological significance. In generale sul valore delle importazioni nel nuovo contesto culturale si rinvia ai contributi di G.-J. Van Wijngaarden, F. A. De Mita, S. Voutsaki e T. Whitelaw in Archaeological Dialogue, 6 (1999), pp Cfr. Helms 1988, p. 10: the significance of interchanges of peoples and material goods across geographical distances can be better understood if we know something of the qualities attributed to space and distance in particular situations. 18 Dougherty 2001, p. 11; per la definizione dell Odissea come testo etnografico cfr. pp Odissea, VI, 4-10 ricorda come ai tempi di Nausithoos Ciclopi e Feaci vivevano vicini, poi l arroganza dei Ciclopi costrinse i Feaci ad abbandonare la terra di Upereia (miticamente posta oltre ) per stabilirsi a Scheria. 20 Per la costruzione del mondo dei Feaci nell immaginario omerico vedi Dougherty 2001, pp , cap. 5. Nella descrizione del palazzo di Alcinoo potrebbero essere presenti elementi derivati dalla conoscenza dei palazzi neo-assiri: Cook Nel libro VIII dell Odissea (vv ) Alcinoo ricorda ad Odisseo in che cosa i Feaci si distinguono da tutti gli altri popoli: corriamo veloci e siamo a navigare eccellenti. E sempre il festino c è caro, la cetra, la danza, vesti mutate, e bagni caldi e l amore [ ] che lo straniero narri agli amici, tornato a casa, quanto eccelliamo su tutti nell arte navale e alla corsa e nella danza e nel canto.

6 30 ANTONIETTA MARINI [RdA Il fascino ambiguo dell altro: circolazione e consumo degli orientalia nel mondo degli eroi omerici Fra gli uomini, forse, qualcuno potrà competere, o no, con me in ricchezze: dopo tanto soffrire e tanto vagare le portai sulle navi e all ottavo anno feci ritorno, dopo aver errato fino a Cipro, in Fenicia, fra gli Egizi Odissea, IV, Nella ricostruzione della storia sociale della Prima Età del Ferro il confronto fra i modelli interpretativi elaborati dall archeologia e dalla filologia omerica, reso possibile grazie al comune apporto dell antropologia, ha rappresentato negli ultimi anni un promettente campo di indagine, riaprendo il confronto dialettico fra le due discipline. Per quanto riguarda gli aspetti più propriamente economici, invece, la cosiddetta economia omerica 21 rappresenta l unico modello di cui disponiamo per ricostruire i sistemi produttivi e le forme di scambio nelle comunità della Prima Età del Ferro e al quale l analisi della documentazione archeologica non sembra essere in grado, allo stato attuale, di fornire alternative 22. Anche in questo settore il confronto dialettico fra la realtà archeologica e il testo omerico deve rappresentare un obiettivo comune ad archeologi e filologi, pur nella consapevolezza dei limiti, rappresentati dalla difficoltà di contestualizzare la società degli eroi all interno di una società in transizione come quella della Prima Età del Ferro e dagli elementi di deformazione ideologica contenuti nella rappresentazione poetica 23. Per quanto riguarda il sistema di scambi, l economia omerica risponde al modello di economia multicentrica elaborato dalla antropologia 24 : è possibile infatti distinguere una sfera di scambio legata al mondo della sussistenza, alla quale possono partecipare tutti i membri della comunità a vario livello, e un secondo circuito di natura simbolicosociale, all interno del quale vengono scambiati i tesori, o keimelia, rappresentati dai metalli, sia sotto forma di materia prima che come prodotti finiti, i tessuti, le armi 25. Si tratta di beni dall alto valore economico, ben evidenziato quando il poeta ci fornisce le equivalenze in rapporto allo standard di valore che è rappresenta nel mondo omerico dal bue 26. I tesori hanno inoltre un elevato valore culturale, che può derivare da fattori intrinseci, quali la rarità del materiale, il pregio della lavorazione o le qualità estetiche; in alcuni casi è la biografia dell oggetto, ossia la sua storia precedente, a conferirgli un valore aggiuntivo 27. I keimelia possono inoltre essere legati ad uno stile di vita a carattere élitario, come i manufatti metallici (coppe, crateri e tripodi) connessi con la sfera della commensalità, o le armi. Il possesso di questi beni non rappresenta solo una forma di accumulo di ricchezza, ma conferisce in primo luogo riconoscimento e status sociale. I keimelia possono essere acquisiti dalla élite in modi diversi: attraverso la produzione all interno 21 Sulla economia omerica fondamentale resta lo studio di W. Donlan: Donlan 1981; cfr. Donlan 1997; Van Wees 1992, pp Sui meccanismi di scambio e sull economia del dono: Mele 1979; Redfield 1986; Stanley 1986; Donlan 1989; Scheid- Tissinier 1994, cap. 3; Tandy 1997, passim; Van Wees 2002; Seaford 2004, cap Un modello puramente archeologico è quello proposto per Creta da S. Wallace: Wallace 2002; Wallace 2003; per l applicazione panellenica, non ancora suffragata, a nostro avviso, da un adeguata documentazione archeologica: Wallace Per gli elementi di deformazione ideologica contenuti nell immagine dei mercanti fenici, contrapposta all ideale eroico: Winter 1995; Patzek 1996; Dougherty 2001, in particolare pp ; cap. 5 e 6 passim. 24 Donlan 1981, pp L economia omerica è meno statica e volta alla pura autosufficienza di quanto non risulti nella ricostruzione di M. Finley e di coloro che alla sua opera si sono successivamente ispirati. Esiste infatti la possibilità di una conversione di beni dalla sfera della sussistenza a quella dei keimelia, anche se nel mondo degli eroi è volutamente messa in secondo piano: vedi a questo proposito Van Wees 1992, pp Si pensi ad esempio all episodio della vendita di vino da parte del re di Lemnos, Euneo, ai soldati achei, che lo acquistano dando in cambio bronzo, ferro, pelli, bestiame e schiavi (Iliade, VII, ). In questo contesto va interpretata anche l affermazione di Odisseo che, sotto le mentite spoglie di un mendicante, riferisce a Penelope di aver avuto notizie del marito alla reggia di Fidone, re dei Tesproti, e di aver visto nel thalamos le sue ricchezze: e mi mostrò le ricchezze che Odisseo aveva ammassate, bronzo, oro e ferro lavorato con molta fatica. Manterrebbero un uomo fino alla decima generazione (Odissea, XIV, ). È probabile che in caso di necessità i keimelia potessero essere convertiti in beni di sussistenza: in questo modo il basileus poteva garantire anche alla sua comunità sopravvivenza nei periodi di crisi (Redfield 1986, pp ). 26 Cfr. ad esempio Iliade, XXIII, vv : un tripode vale 12 buoi, mentre una schiava Per il valore aggiuntivo conferito ad un oggetto dalla sua biografia: Kopytoff Per il mondo omerico vedi da ultimo Crielaard 2003.

Rispondi alle seguenti domande

Rispondi alle seguenti domande Gli affreschi e i rilievi delle pareti di templi e piramidi raccontano la storia dell antico Egitto. Si potrebbero paragonare a dei grandi libri illustrati di storia. Gli studiosi hanno così potuto conoscere

Dettagli

Sul diritto della navigazione nell antica Grecia

Sul diritto della navigazione nell antica Grecia Massimiliano Musi Sul diritto della navigazione nell antica Grecia ARACNE Copyright MMVIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133 A/B 00173 Roma

Dettagli

PARTIAMO DA OMERO! viaggio fra Musei Archivi e Biblioteche alla scoperta della storia del portogruarese

PARTIAMO DA OMERO! viaggio fra Musei Archivi e Biblioteche alla scoperta della storia del portogruarese DIMENSIONE CULTURA. Associazione culturale PARTIAMO DA OMERO! viaggio fra Musei Archivi e Biblioteche alla scoperta della storia del portogruarese PROGETTO DI DIDATTICA BIBLIOTECARIA E MUSEALE PER LE SCUOLE

Dettagli

LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA

LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA Per accompagnare e approfondire l insegnamento scolastico delle antiche civiltà, si propone una serie incontri che si potranno adottare o per

Dettagli

I Fenici - l oriente in occidente 21 ottobre 2004 17 aprile 2005

I Fenici - l oriente in occidente 21 ottobre 2004 17 aprile 2005 COMUNICATO STAMPA I Fenici - l oriente in occidente 21 ottobre 2004 17 aprile 2005 La mostra è organizzata dalla Fondazione di Via Senato in collaborazione con la Società Cooperativa Archeologica di Milano

Dettagli

La donna nel mondo greco

La donna nel mondo greco La donna nel mondo greco Nell Antica Grecia, all età della nascita delle poleis, la condizione della donna era nettamente differente da quella dell uomo. Questi aveva un ruolo dominante nella vita sociale,

Dettagli

Un lapbook sulla civiltà micenea

Un lapbook sulla civiltà micenea Un lapbook sulla civiltà micenea In queste pagine inserisco materiale che può ispirare la costruzione di un lapbook sulla civiltà degli Achei. Resta fermo, però, il principio che un lapbook non è un lavoretto

Dettagli

Unità di apprendimento semplificata

Unità di apprendimento semplificata Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero Testo di Amalia Guzzelloni, IP Bertarelli, Milano La prof.ssa Guzzelloni

Dettagli

CRETA e MICENE Vol. I, pp. 48-57

CRETA e MICENE Vol. I, pp. 48-57 CRETA e MICENE 1700-1400 1400 a.c. La civiltà minoica (dal re Minosse) ) si sviluppa parallelamente a quella egizia e mesopotamica La posizione geografica di è strategica per l area del Mediterraneo Già

Dettagli

L AEDO e IL PUBBLICO

L AEDO e IL PUBBLICO L AEDO e IL PUBBLICO Elementi per ricostruire la figura dell aedo e la funzione del suo canto in epoca arcaica si trovano: nell Iliade nell Odissea diversi passaggi dell Inno a Ermes (Inni omerici, IV)

Dettagli

Dove non altrimenti indicato, le immagini appartengono all Archivio Giunti.

Dove non altrimenti indicato, le immagini appartengono all Archivio Giunti. STORIA Testi: Andrea Bachini Impaginazione e redazione: Pier Paolo Puxeddu+Francesca Vitale studio associato Progetto grafico copertina: Isabel Rocìo Gonzalez Le illustrazioni sono tratte dai seguenti

Dettagli

Analisi degli insediamenti

Analisi degli insediamenti Analisi degli insediamenti Molteplici significati del termine insediamento (modelli di insediamento; abitato) Qui usato nel senso più ampio in riferimento a specifici luoghi: insediamenti come luoghi dove

Dettagli

I palazzi cretesi e micenei e le loro differenze strutturali

I palazzi cretesi e micenei e le loro differenze strutturali I palazzi cretesi e micenei e le loro differenze strutturali I palazzi cretesi Gli scavi successivi condotti dallo stesso Evans a Cnosso e da altri archeologi a Festo, Haghià Triada, Mallia, Gurnià, Zacros

Dettagli

-Due materie a confronto: metodi e strumenti della Storia e della Geografia.

-Due materie a confronto: metodi e strumenti della Storia e della Geografia. A.S. 2014/2015 Liceo Scientifico G. d Alessandro -Bagheria. Programma di Geostoria-Classe I I Prof.ssa A. Maciocio -Percorso storico/politico: -Due materie a confronto: metodi e strumenti della Storia

Dettagli

LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA

LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA Creta è l isola più grande dell arcipelago greco. Si trova al centro del Mar Mediterraneo. L isola aveva un territorio fertile. Queste caratteristiche dell isola hanno permesso

Dettagli

BELLEI ANDREA BERTELLI LEONARDO FERRACINI ALESSANDRO MANICARDI PIETRO 1 Abstract Pagina Motivazione Pagina 4 Problema Pagina 5 Differenze fra le 2 maschere Pagina 6 Analisi dei reperti Pagina 7-8 Egizi

Dettagli

MUV Museo della civiltà Villanoviana

MUV Museo della civiltà Villanoviana MUV Museo della civiltà Villanoviana RAVENNA BOLOGNA Laboratori e attività didattiche Anno scolastico 2013-2014 SAN LAZZARO MUV Museo della civiltà Villanoviana Via Tosarelli, 191 40055 Villanova di Castenaso

Dettagli

Palazzo di Cnosso XV secolo a.c.

Palazzo di Cnosso XV secolo a.c. Palazzo di Cnosso XV secolo a.c. L isola di Creta è una immensa cittadella con il tempio incorporato nel palazzo circondata dal mare che la cingeva come un invalicabile fossato. Nel palazzo di Minosse

Dettagli

Prova cantonale di storia

Prova cantonale di storia Ufficio dell insegnamento medio 26 maggio 2014 Prova cantonale di storia Nome Cognome Classe Punti Nota Scuola media di. 1 Cara allieva, caro allievo, oggi svolgerai la prova cantonale di storia che prevede

Dettagli

1Le origini. Una storia che parte dal centro della Terra

1Le origini. Una storia che parte dal centro della Terra 1 Dalle prime forme di vita alle prime civiltà 1Le origini. Una storia che parte dal centro della Terra º 1. Dalle origini della Terra alle origini della vita 4 º 2. L origine delle specie 6 º 3. La nascita

Dettagli

VIAGGIO IN GRECIA. Giuseppe Cappello

VIAGGIO IN GRECIA. Giuseppe Cappello Giuseppe Cappello VIAGGIO IN GRECIA Un itinerario fotografico della Grecia classica con a fronte storia, miti, letteratura e filosofia dell antica civiltà ellenica Giuseppe Cappello, Viaggio in Grecia

Dettagli

Gennaio 2012 IISS G. Peano

Gennaio 2012 IISS G. Peano Gennaio 2012 IISS G. Peano LE FONTI Letterarie: non esistono testi sacri in senso stretto, né formule fisse di preghiera e liturgie (leit ourghia=azione del popolo) prestabilite. Poeti: compongono nuovi

Dettagli

º 1. Perché sono necessari il sistema di riferimento

º 1. Perché sono necessari il sistema di riferimento Gli uomini e la storia º 1. Che cos è la storia 1 º 2. Le coordinate della storia: il tempo e lo spazio 2 º 3. Le molte domande della storia 4 º 4. Il documento 5 º 5. Il mestiere dello storico 6 º 6.

Dettagli

L età arcaica LE POPOLAZIONI DI STIRPE APULA. 1 Scheda 12

L età arcaica LE POPOLAZIONI DI STIRPE APULA. 1 Scheda 12 di: Alfonsina Russo L età arcaica LE POPOLAZIONI DI STIRPE APULA Gli abitati dauni del Melfese Il Melfese si configura, nel quadro articolato di gruppi ed ambiti culturali diversi della Basilicata antica,

Dettagli

La colonizzazione greca e le sue conseguenze

La colonizzazione greca e le sue conseguenze Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero A cura di Emma Mapelli La colonizzazione greca e le sue conseguenze

Dettagli

IL Maggio 3 del GIORNALETTO IV Centro Dialisi Ulivella Firenze 2007

IL Maggio 3 del GIORNALETTO IV Centro Dialisi Ulivella Firenze 2007 1 IL GIORNALETTO Centro Dialisi Ulivella Maggio/Giugno Numero 3 del 2011 Anno IV Firenze 2007 2 Indice di questo numero Editoriale... pag. 2 Curiosando qua e là I segreti della Maremma di Roberto Terzo...pag.

Dettagli

LA CULTURA VILLANOVIANA

LA CULTURA VILLANOVIANA LA CULTURA VILLANOVIANA Percorso per le classi quinte della scuola primaria Col termine villanoviano si definisce convenzionalmente un aspetto culturale dell Italia protostorica (IX-VIII secolo a.c.),

Dettagli

INDICE. Museo Archeologico: informazioni generali...p. 2. Sezione altomedievale... p. 3. Costi attività didattiche...p. 5

INDICE. Museo Archeologico: informazioni generali...p. 2. Sezione altomedievale... p. 3. Costi attività didattiche...p. 5 INDICE Museo Archeologico: informazioni generali.....p. 2 Sezione altomedievale....... p. 3 Costi attività didattiche........p. 5 Dove sono i musei e i siti...p. 5 Il Museo per gli Insegnanti....p. 6 Informazioni

Dettagli

SEZIONE ETRUSCA (Museo Archeologico, corso Magenta 15)

SEZIONE ETRUSCA (Museo Archeologico, corso Magenta 15) INDICE Museo Archeologico: informazioni generali.....p. 2 Sezione etrusca... p. 3 Costi attività didattiche...........p. 5 Dove sono i musei e i siti... p. 5 Il Museo per gli Insegnanti....p. 6 Informazioni

Dettagli

Micene, foto aerea. i Micenei

Micene, foto aerea. i Micenei Micene, foto aerea i Micenei MICENEI All inizio del II millennio a.c. una popolazione indoeuropea iniziò a stanziarsi nel continente greco, e quindi occupò l isola di Creta: i nuovi abitanti furono chiamati

Dettagli

greci.notebook September 29, 2015 civiltà greca

greci.notebook September 29, 2015 civiltà greca greci.notebook September 29, 2015 civiltà greca 1 Le origini Mentre nel Mar Mediterraneo si sviluppava la civiltà cretese in Grecia vi erano molti villaggi e alcune città più importanti. Una di queste

Dettagli

studi superiori / 1006 studi storici

studi superiori / 1006 studi storici Giangiulio_stampa_CS5.indd 1 04/09/15 16:30 Giangiulio_stampa_CS5.indd 2 04/09/15 16:30 studi superiori / 1006 studi storici Giangiulio_stampa_CS5.indd 3 04/09/15 16:30 I lettori che desiderano informazioni

Dettagli

1) Scheda della poesia (percezione globale) 2) Verifica e/o consolidamento dei prerequisiti. 3) 1 lettura: contenuto, in generale, della poesia

1) Scheda della poesia (percezione globale) 2) Verifica e/o consolidamento dei prerequisiti. 3) 1 lettura: contenuto, in generale, della poesia NLISI DEL TESTO LE FSI DI LVORO 1) Scheda della poesia (percezione globale) 2) Verifica e/o consolidamento dei prerequisiti 3) 1 lettura: contenuto, in generale, della poesia 4) 2 lettura: spiegazione,

Dettagli

La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia,

La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia, La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia, in tutte le sue varie forme, dal punto di vista storico,

Dettagli

I rapporti sociali di produzione e la coscienza

I rapporti sociali di produzione e la coscienza Lettura 6 Karl Marx - Friedrich Engels I rapporti sociali di produzione e la coscienza K. Marx, F. Engels, L ideologia tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1972, pp. 12-14; 35-38 Tra la fine del 1845 e l autunno

Dettagli

L impero persiano dalle origini al regno di Dario

L impero persiano dalle origini al regno di Dario Indice: L impero persiano dalle origini al regno di Dario L impero persiano alla conquista della Grecia La Prima Guerra Persiana La Seconda Guerra Persiana L Atene di Pericle L impero persiano dalle origini

Dettagli

VESTIRE GLI ITALIANI

VESTIRE GLI ITALIANI CANTIERI DI STORIA VI La storia contemporanea in Italia oggi: ricerche e tendenze Forlì 22-24 settembre 2011 www.sissco.it VESTIRE GLI ITALIANI Coordinatrice Emanuela Scarpellini, Università degli Studi

Dettagli

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte.

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte. RELIGIONE I Fenici erano un popolo molto religioso: erano politeisti, cioè credevano in molti dei. Questi dei erano i fenomeni naturali: la pioggia, i tuoni, i fulmini, i fiumi, i mari, le stagioni, la

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011

SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011 SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011 Gli Etruschi dell Etruria Padana, nel VI secolo a.c., vivevano vicino al fiume Eridano ( il Po ), in villaggi di capanne

Dettagli

Gli Etruschi. Roma Caput Tour della D.ssa Marta De Tommaso telefono 333.4854287 www.romacaputour.it info@romacaputour.it partita iva 02158020566

Gli Etruschi. Roma Caput Tour della D.ssa Marta De Tommaso telefono 333.4854287 www.romacaputour.it info@romacaputour.it partita iva 02158020566 Gli Etruschi Ori, bronzi e terracotte etrusche nel Museo etrusco di Villa Giulia Alla scoperta dei corredi funerari etruschi nel Museo Gregoriano etrusco dei Musei Vaticani Dove riposano gli antenati dei

Dettagli

Approfondimenti: Lo shaduf: un modo ingegnoso per prelevare l'acqua.

Approfondimenti: Lo shaduf: un modo ingegnoso per prelevare l'acqua. ISTITUTO SALESIANO SACRO CUORE (NAPOLI-VOMERO) LICEO CLASSICO E LICEO SCIENTIFICO LICEO LINGUISTICO E IT AMMIN. FIN. MARK. PROGRAMMA DI GEOSTORIA ANNO SCOLASTICO 2013-2014 CLASSE I LICEO CLASSICO A N.O.

Dettagli

LE GUERRE PERSIANE. I Persiani, di Eschilo Le Storie, di Erodoto. Prof. Grimoldi Maria

LE GUERRE PERSIANE. I Persiani, di Eschilo Le Storie, di Erodoto. Prof. Grimoldi Maria LE GUERRE PERSIANE I Persiani, di Eschilo Le Storie, di Erodoto Prof. Grimoldi Maria Un impero minaccia la Grecia Nello stesso periodo in cui le poleis greche si affermano come autonome e indipendenti

Dettagli

www.crescerealmuseo.it Museo Civico A.Parazzi

www.crescerealmuseo.it Museo Civico A.Parazzi Viadana Civico A.Parazzi Il Civico A. Parazzi è collocato nel Mu.Vi., edificio che ospita altre istituzioni culturali ( della Città A. Ghinzelli, Biblioteca, Galleria d Arte Moderna e Contemporanea, Ludoteca,

Dettagli

La religione degli antichi greci

La religione degli antichi greci Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero A cura di Emma Mapelli La religione degli antichi 1 Osserva gli schemi.

Dettagli

Le scoperte geografiche. Vasco de Gama circumnaviga (gira attorno) l Africa e arriva in India.

Le scoperte geografiche. Vasco de Gama circumnaviga (gira attorno) l Africa e arriva in India. 01 Scoperte e conquiste territoriali (di nuove terre) Gli storici pensano che la scoperta dell America nel 1492 è una data importante nella storia: infatti in questo anno finisce il periodo storico che

Dettagli

INDICE. Museo Archeologico: informazioni generali...p. 2. Sezione greca... p. 3. Costi attività didattiche...p. 7. Dove sono i musei e i siti.. p.

INDICE. Museo Archeologico: informazioni generali...p. 2. Sezione greca... p. 3. Costi attività didattiche...p. 7. Dove sono i musei e i siti.. p. INDICE Museo Archeologico: informazioni generali.....p. 2 Sezione greca..... p. 3 Costi attività didattiche..........p. 7 Dove sono i musei e i siti.. p. 7 Il Museo per gli Insegnanti....p. 8 Informazioni

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Scuole dell Infanzia Gianni Rodari Istituto Comprensivo Crespellano R E L I G I O N E C A T T O L I C A Anno scolastico 2014-2015 Insegnante: Calì Angela PREMESSA Insegnare

Dettagli

GRECIA CLASSICA architettura

GRECIA CLASSICA architettura GRECIA CLASSICA architettura 1200-400 a.c. Grecia classica La Mesopotamia è stata la culla delle più antiche civiltà del Vicino Oriente mentre m la Grecia ha rappresentato la radice della civiltà occidentale

Dettagli

Storia delle immagini

Storia delle immagini Anno 2004 Massimo A. Cirullo Storia delle immagini 1 arte della preistoria Egitto Creta e Micene Dispensa elettronica in formato PDF per i miei studenti di prima media arte della preistoria e più antiche

Dettagli

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi Ministero per i Beni e le Attività Culturali Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze SEZIONE DIDATTICA 2011 Schede

Dettagli

IL FILO DI ARIANNA IL MINILIBRO DI IN RIMA BACIATA

IL FILO DI ARIANNA IL MINILIBRO DI IN RIMA BACIATA 12 IL FILO DI ARIANNA IL MINILIBRO DI IN RIMA BACIATA VIA Il tuo filo di Arianna per uscire dal labirinto sono le parole relative alla civiltà minoica. Per uccidere il Minotauro, però, dovrai anche trovare

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO 3-VICENZA DIPARTIMENTO DI RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazio ne nella madre lingua COMPETENZE SPECIFICHE Conoscere il

Dettagli

Corso di laurea specialistica in Psicologia clinica: salute, relazioni familiari, interventi di comunità

Corso di laurea specialistica in Psicologia clinica: salute, relazioni familiari, interventi di comunità Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Facoltà di Psicologia Corso di laurea specialistica in Psicologia clinica: salute, relazioni familiari, interventi di comunità VOCI DI COPPIE MIGRANTI DAL

Dettagli

Scuole dell'infanzia Istituto Comprensivo Romeo Fusari Castiglione d'adda. Progettazione educativo- didattica di Religione Cattolica

Scuole dell'infanzia Istituto Comprensivo Romeo Fusari Castiglione d'adda. Progettazione educativo- didattica di Religione Cattolica Scuole dell'infanzia Istituto Comprensivo Romeo Fusari Castiglione d'adda Progettazione educativo- didattica di Religione Cattolica Anno scolastico 2013-2014 Premessa Insegnare religione cattolica nella

Dettagli

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia Ricostruire la storia La terra di Punt Tuthmosi II ebbe, come tutti gli altri faraoni, molte mogli, ma la sua preferita era Hatshepsut, da cui però ebbe soltanto figlie femmine. Alla morte di Tuthmosi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 DIO DIPINGE I COLORI DELLA VITA CHE DONO LA FESTA... HO UN AMICO DI NOME GESU A CHIESA COME SEGNO VIVENTE D 但 MORE Insegnanti: Cambareri

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

LA STORIA pagine per l insegnante Per far capire agli alunni il concetto di Storia, mostriamo loro un immagine allegorica e guidiamoli a comprenderne

LA STORIA pagine per l insegnante Per far capire agli alunni il concetto di Storia, mostriamo loro un immagine allegorica e guidiamoli a comprenderne LA STORIA pagine per l insegnante Per far capire agli alunni il concetto di Storia, mostriamo loro un immagine allegorica e guidiamoli a comprenderne la simbologia con domande stimolo: - Perché la Storia

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

GIACOMO LEOPARDI MATERIALISMO E RELIGIONE CRISTIANA

GIACOMO LEOPARDI MATERIALISMO E RELIGIONE CRISTIANA GIACOMO LEOPARDI MATERIALISMO E RELIGIONE CRISTIANA scelta ragionata dallo Zibaldone Introduzione di Dante Lepore cm. 14x21, pp. 100 Offerta minima 10 *** Leopardi mette in guardia dal ruolo nefasto della

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI

NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI Intorno al 1200 a.c. nuovi popoli arrivano in Grecia. Questi popoli partono dal Nord dell'asia e dal Nord dell'europa. Queste persone diventano i nuovi padroni del territorio.

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

LA CIVILTA NURAGICA O SHARDANA E CIVILTA OCCIDENTALE?

LA CIVILTA NURAGICA O SHARDANA E CIVILTA OCCIDENTALE? LA CIVILTA NURAGICA O SHARDANA E CIVILTA OCCIDENTALE? Da anni sostengo che i Sardi hanno origini occidentali, non orientali come i più credono. Quella sarda è civiltà megalitica e la civiltà megalitica

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA E GEOGRAFIA

PROGRAMMA DI STORIA E GEOGRAFIA Liceo scientifico Federico II di Melfi PROGRAMMA DI STORIA E GEOGRAFIA Classe I sez. B Scienze applicate Anno scolastico 2013-2014 Prof. ssa Brienza Annamaria STORIA ALLE ORIGINI DELL UOMO La Preistoria:

Dettagli

CENTRI RICREATIVI ESTIVI COMUNALI CALDOGNO 2010

CENTRI RICREATIVI ESTIVI COMUNALI CALDOGNO 2010 CENTRI RICREATIVI ESTIVI COMUNALI CALDOGNO 2010 PROGETTO EDUCATIVO PREMESSA I centri estivi, che proponiamo e realizziamo, oltre a prevedere l aspetto ludico ricreativo, vogliono essere anche un occasione

Dettagli

Civiltà protostoriche e antiche fra Vicino Oriente e Mediterraneo

Civiltà protostoriche e antiche fra Vicino Oriente e Mediterraneo Università degli Studi di Roma La Sapienza - CdL in Ingegneria per l Edilizia e il Territorio - Rieti Fondamenti di storia dell architettura - a.a. 2012-2013 - Prof. Arch. Cristiano Marchegiani II. Egeo

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

Adozione terminabile o interminabile? Un contributo di ricerca. Ondina Greco

Adozione terminabile o interminabile? Un contributo di ricerca. Ondina Greco Adozione terminabile o interminabile? Un contributo di ricerca Ondina Greco Centro di Ateneo Studi e Ricerche sulla famiglia Università Cattolica, Milano ondina.greco@unicatt.it Provincia di Lecce Corso

Dettagli

difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG

difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG intervento di alfredo mantovano Care amiche e cari amici! una giornalista poco fa mi chiedeva di riassumere in poche parole-chiave il messaggio che il popolo

Dettagli

12 TESORI CIVITA CASTELLANA STORIA E LEGGENDE D ITALIA 13

12 TESORI CIVITA CASTELLANA STORIA E LEGGENDE D ITALIA 13 Capitale del territorio falisco, Falerii Veteres sorgeva nel luogo dell odierna Civita Castellana, su un altopiano tufaceo delimitato dal Rio Maggiore a nord, dal Rio Filetto a sud e dal fiume Treja ad

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

PROGETTO SCUOLEINSIEME

PROGETTO SCUOLEINSIEME Bando Fondazione Cariplo PROMUOVERE PERCORSI DI INTEGRAZIONE INTERCULTURALE TRA SCUOLA E TERRITORIO PROGETTO SCUOLEINSIEME UNITÀ DIDATTICA SEMPLIFICATA Elaborata da: Dott.ssa Bellante Ilaria A cura di:

Dettagli

Scultura greca. Scultura dedalica e arcaica

Scultura greca. Scultura dedalica e arcaica Scultura greca Scultura dedalica e arcaica Scultura geometrica (VIII secolo a.c.) Piccole statuette in bronzo e avoriofigure umane, divine e cavalli Scultura dedalica (VII secolo a.c.) La grande statuaria

Dettagli

Programma di italiano svolto nella classe II AE Anno scolastico 2014/2015

Programma di italiano svolto nella classe II AE Anno scolastico 2014/2015 Programma di italiano svolto nella classe II AE Anno scolastico 2014/2015 Revisione generale del sistema verbale. Individuazione e descrizione di strutture sintattiche ( analisi logica della proposizione).

Dettagli

SCHEDA GRECIA ARTE VASCOLARE GRECA. Cod.6301 - cm. 35x35-596,00 Cod.6301-1 - cm. 20x20-278,00

SCHEDA GRECIA ARTE VASCOLARE GRECA. Cod.6301 - cm. 35x35-596,00 Cod.6301-1 - cm. 20x20-278,00 SCHEDA GRECIA Achille e Patroclo ARTE VASCOLARE GRECA Achille, mitico eroe greco che fascia il braccio all'amico Patroclo. Questi, posato il suo elmo, volta la testa da un lato per non far notare le smorfie

Dettagli

Semiotica Lumsa a.a. 2014/2015 Piero Polidoro. 27 e 28 ottobre 2014. lezioni 5-6 roland barthes

Semiotica Lumsa a.a. 2014/2015 Piero Polidoro. 27 e 28 ottobre 2014. lezioni 5-6 roland barthes Semiotica Lumsa a.a. 2014/2015 Piero Polidoro 27 e 28 ottobre 2014 lezioni 5-6 roland barthes Sommario 1. Il ribaltamento di Saussure 2. Denotazione/Connotazione 3. Miti d oggi 2 di 36 Roland Barthes (1915-1980)

Dettagli

IMMIGRATI E ASSISTENZA SANITARIA UN CASO DI STUDIO:IL COMUNE DI LUZZARA

IMMIGRATI E ASSISTENZA SANITARIA UN CASO DI STUDIO:IL COMUNE DI LUZZARA Abstract dell elaborato di tesi in Storia e Filosofia dei Diritti Umani di Beatrice Gabrielli: IMMIGRATI E ASSISTENZA SANITARIA UN CASO DI STUDIO:IL COMUNE DI LUZZARA Corso di laurea in Culture e Diritti

Dettagli

La civiltà greca. scaricato da www.risorsedidattiche.net

La civiltà greca. scaricato da www.risorsedidattiche.net La civiltà greca I CRETESI Tra il 2.500 a.c. e il 1.500 a.c. nell'isola di Creta fiorì la civiltà cretese. Essa si basava sull'artigianato, e sul commercio. I Cretesi vivevano in città costituite da un

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

Scrivere o digitare? Questo è il problema

Scrivere o digitare? Questo è il problema Scrivere o digitare? Questo è il problema Alla carta stampata si è affiancato un fedele compagno: il web. Libro ed E-Book, lettera ed e-mail: la loro sarà convivenza o antagonismo? 1 / 6 Tempo addietro,

Dettagli

Mantova Museo Diocesano Francesco Gonzaga

Mantova Museo Diocesano Francesco Gonzaga Mantova Museo Diocesano Francesco Gonzaga Mantova Museo Diocesano Francesco Gonzaga La Sede espositiva è divisa in diverse sezioni: la prima ripercorre, attraverso sculture e dipinti 2000 anni di storia

Dettagli

UFFICIO FAMIGLIA CONSULTA NAZIONALE DI PASTORALE FAMILIARE CEI

UFFICIO FAMIGLIA CONSULTA NAZIONALE DI PASTORALE FAMILIARE CEI UFFICIO FAMIGLIA CONSULTA NAZIONALE DI PASTORALE FAMILIARE CEI Roma, 13-14 settembre 2008 Nei giorni 13-14 settembre 2008 si è svolta, presso l Hotel CASCINA PALACE, in Via Attilio Benigni, 7 - Roma, la

Dettagli

L urbanistica di Segesta è ancora in corso di indagine: sono segnalati alcuni probabili tracciati viari, l area dell agorà e alcune abitazioni.

L urbanistica di Segesta è ancora in corso di indagine: sono segnalati alcuni probabili tracciati viari, l area dell agorà e alcune abitazioni. SEGESTA La città Situata nella parte nord-occidentale della Sicilia, Segesta fu una delle principali città degli Elimi, un popolo di cultura e tradizione peninsulare che, secondo lo storico greco Tucidide,

Dettagli

Non sapevo veramente cosa aspettarmi Pensavo sarebbe stato qualcosa di simile a quello che avevo fatto a casa mia a Briarwood. Pensavo di trovare famiglie senza casa, gente povera, e senso di isolamento.

Dettagli

Rivoluzione Francese

Rivoluzione Francese Rivoluzione Francese Alla fine degli anni 80 del XVIII secolo la Francia attraversata una grave crisi economica: la produzione agricola era calata, le spese militari viste le numerose guerre erano aumentate,

Dettagli

Il Museo Civita propone per l anno scolastico 2015-2016 dei laboratori didattici finalizzati alla conoscenza dei vari aspetti del mondo etrusco,

Il Museo Civita propone per l anno scolastico 2015-2016 dei laboratori didattici finalizzati alla conoscenza dei vari aspetti del mondo etrusco, Il Museo Civita propone per l anno scolastico 2015-2016 dei laboratori didattici finalizzati alla conoscenza dei vari aspetti del mondo etrusco, dalla vita quotidiana alle usanze funerarie. Orario di apertura:

Dettagli

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA LA TOSCANA VERSO EXPO 2015 Viaggio in Toscana: alla scoperta del Buon Vivere www.expotuscany.com www.facebook.com/toscanaexpo expo2015@toscanapromozione.it Gusto

Dettagli

Obiettivi di Apprendimento al termine della Classe 4^

Obiettivi di Apprendimento al termine della Classe 4^ ISTITUTO COMPRENSIVO di OPPEANO Via A. Moro, 12 tel. 045/7135458 telefax: 045/7135049 e-mail vric843009@istruzione.it - www.icoppeano.gov.it Nell ambito di una Visione Interdisciplinare, gli Insegnanti,

Dettagli

!" # " $% &'"!" ( # #!" #) * * ! * #"! 0# &!0 " #. 1-! #

! #  $% &'! ( # #! #) * * ! * #! 0# &!0  #. 1-! # ! # $% &'! ( # #! #) * * +, -.) # )- ) -# )- /)- # )-! )-# #! # -! * #! 0# &!0 #. 1-! # ( 2 &3'' ' '324% & 2%432 5 / # # # 0# # 0) #! *! 1! ) /5 )! 0 # #) )!0! #) 6 # 0#.0 #.1! - # ) 75/+88/8+7679$/$7

Dettagli

TITOLO: La pittura vascolare

TITOLO: La pittura vascolare 1E 120308_CaloriPitturavascolare, Pagina 1 di 5 TITOLO: La pittura vascolare La pittura vascolare: tutto ciò che resta della pittura greca Vario utilizzo e tipologie dei vasi Vari stili di pittura vascolare

Dettagli

RITUALI FUNERARI - 39 -

RITUALI FUNERARI - 39 - II RITUALI FUNERARI Nelle colonie magnogreche e siceliote possiamo, in generale, osservare una netta prevalenza del rito inumatorio rispetto a quello crematorio 1. A Pithekoussai, ad esempio, nell VIII

Dettagli

MAO. Scuola dell infanzia e primaria (3-11 anni)

MAO. Scuola dell infanzia e primaria (3-11 anni) SCUOLE al MUSEO Proposte didattiche 2014-2015 Fondazione Torino usei Palazzo adama Borgo edievale Attività a cura del Theatrum Sabaudiae Torino MAO Le collezioni del Museo d'arte Orientale raccontano importanti

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA L. MILANI 1 CIRCOLO POLICORO (MT) LABORATORIO DI ARCHEOLOGIA SPERIMENTALE Classi 3 e. A.S. 2005/06

SCUOLA PRIMARIA L. MILANI 1 CIRCOLO POLICORO (MT) LABORATORIO DI ARCHEOLOGIA SPERIMENTALE Classi 3 e. A.S. 2005/06 SCUOLA PRIMARIA L. MILANI 1 CIRCOLO POLICORO (MT) LABORATORIO DI ARCHEOLOGIA SPERIMENTALE Classi 3 e. A.S. 2005/06 Il problema di partenza Il contesto Le risorse I fondamenti teorici Metodi e strategie

Dettagli

IL SICILIANO CHRISTIAN GRECO DIRETTORE DEL MUSEO EGIZIO DI TORINO

IL SICILIANO CHRISTIAN GRECO DIRETTORE DEL MUSEO EGIZIO DI TORINO IL SICILIANO CHRISTIAN GRECO DIRETTORE DEL MUSEO EGIZIO DI TORINO di Redazione Sicilia Journal - 28, gen, 2015 http://www.siciliajournal.it/il-siciliano-christian-greco-direttore-del-museo-egizio-di-torino/

Dettagli

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012 Newsletter Essena N 2 Gennaio-Marzo 2012 Carissimi amici Bellissima Primavera a voi! Siamo molto felici di ritrovarvi in occasione di questa nuova stagione che sta per fiorire fra qualche tempo e che abbiamo

Dettagli

Istituto Comprensivo "L.Pirandello" Scuola dell'infanzia PROGETTO DI LABORATORIO EXTRACURRICULARE MEDITERRANEO: STORIE DI MITI ED EROI

Istituto Comprensivo L.Pirandello Scuola dell'infanzia PROGETTO DI LABORATORIO EXTRACURRICULARE MEDITERRANEO: STORIE DI MITI ED EROI Istituto Comprensivo "L.Pirandello" Scuola dell'infanzia PROGETTO DI LABORATORIO EXTRACURRICULARE MEDITERRANEO: STORIE DI MITI ED EROI ANNO SCOLASTICO 2011/2012 Progetto di laboratorio extracurriculare

Dettagli