Criteri diagnostici. L anoressia nervosa nelle adolescenti: i primi segni 24/11/2011. L'anoressia nelle adolescenti - 23 Novembre 2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Criteri diagnostici. L anoressia nervosa nelle adolescenti: i primi segni 24/11/2011. L'anoressia nelle adolescenti - 23 Novembre 2011"

Transcript

1 L anoressia nervosa nelle adolescenti: i primi segni Anna Peloso Dipartimento di Scienze Pediatriche e dell Adolescenza Sezione di Neuropsichiatria Infantile Università di Torino Criteri diagnostici 1

2 L anoressia si caratterizza per la presenza di rifiuto di mantenere il peso corporeo al di sopra del peso minimo normale (BMI <17.5) intenso timore di acquistare peso alterazione dell immagine corporea per ciò che riguarda forma e dimensioni amenorrea da almeno 3 cicli mestruali consecutivi (DSM IV-TR, APA 2003) Colpisce soprattutto le ragazze in adolescenza si distinguono due sottotipi con restrizioni (An-R) Le ragazze selezionano il cibo, scelgono con cura gli alimenti meno calorici, si accontentano di qualche frutto, verdure bollite, insalata priva di olio, condita con aceto o limone, asciugano gli alimenti per eliminare tracce di grasso, nascondono, buttano via il cibo, si preparano da sole i pasti, spesso mangiano da sole con abbuffate/condotte di eliminazione (An-binge/purging) Le ragazze hanno accessi violenti di fame difficilmente controllabili, assumono in modo frenetico grandissime quantità di cibo, a cui fanno seguito vomito, uso di lassativi, importante attività fisica 2

3 Anoressia NAS- criteri diagnostici (DSM IV-TR,APA 2003) Include quei disturbi dell alimentazione che non soddisfano i criteri di nessuno specifico Disturbo dell Alimentazione sono presenti tutti i criteri diagnostici previsti per l An salvo il peso, che risulta nei limiti della norma oppure il ciclo mestruale, che è regolare sono forme parziali, subcliniche, interessano il 4-22% della popolazione generale L epidemiologia in adolescenza 3

4 L anoressia - epidemiologia in adolescenza La fascia di età maggiormente interessata è compresa tra 12 e 18 anni E più frequente nel sesso femminile, tuttavia i casi nei giovani maschi sono in aumento Gli studi di prevalenza indicano che su 1000 soggetti tra 15 e 25 anni esistono 3 casi di anoressia,10 di bulimia e 70 di NAS Incidenza: 19 nuovi casi/anno di anoressia nel sesso femminile, 2 nel sesso maschile (Fairburn,2003) L anoressia - epidemiologia in adolescenza Nel mondo occidentale l 1% circa delle ragazze tra 12 e 18 anni soffre di anoressia Il 40% dei nuovi casi esordisce tra 15 e 19 anni (National Eating Disorder Association, 2006) In Piemonte su 1000 adolescenti il 17% è sottopeso, il 7% presenta condotte problematiche, l 1% sono maschi 4

5 Il punto di vista psicosociale Nel Medioevo era l ideale mistico religioso di mortificazione del corpo e di ascesi spirituale ad attribuire un significato culturalmente accettabile al prolungato digiuno delle sante anoressiche Attualmente rimanda al contesto culturale contemporaneo che sostiene la valorizzazione narcisistica, l apparenza e il successo per cui il corpo esibito diviene il luogo privilegiato della rappresentazione e dell immagine di sé 5

6 Che l anoressica sia santa o nervosa dipende dal tipo di cultura in cui la giovane si trova a vivere per acquisire il dominio della propria vita (Bell,1985) Il modello dei valori non è intrinseco alla psicopatologia del disturbo La società fornisce sostegno a un ideale conforme alla cultura imperante dell epoca Oggi è l estetica a fungere da rinforzo ai comportamenti anoressici In questo senso l anoressia è attualmente socialmente rilevante sono in causa L anoressia : il punto di vista psicosociale Fattori individuali Fattori familiari Fattori psico-socialisociali espressione dei modelli culturali e relazionali delle famiglie e della società contemporanea 6

7 Fattori premorbosi, predisponenti, prognostici, di rischio L anoressia: fattori premorbosi Vulnerabilità genetica : ossessività, perfezionismo, fobia delle novità, evitamento del danno, disturbi d ansia Tratti del carattere : insicurezza, autocontrollo, rigidità, impulsività, estroversione, ridotto controllo degli impulsi, scarsa tolleranza alle frustrazioni Alterazioni nella regolazione della trasmissione cerebrale (serotonina) 7

8 L anoressia: fattori predisponenti la qualità dello sviluppo affettivo-relazionale precoce un disturbo dell attaccamento con paura dell abbandono e difficoltà nel raggiungimento dell autonomia alcune caratteristiche del funzionamento familiare organizzazione familiare rigida con tendenza all evitamento dei conflitti, aspetti di dipendenza, investimento sull apparenza e sul raggiungimento di risultati L anoressia: fattori prognostici (Steinhausen et al. 2002) Negativi lunga durata di malattia grave perdita di peso lunghi tempi di ospedalizzazione sottotipo binge/purging Positivi esordio giovanile (ma non prima della pubertà) breve durata dei sintomi prima della presa in carico presenza di buone relazioni familiari 8

9 L anoressia: fattori di rischio specifici precoci (influenti nella prima e seconda infanzia) patologie della gravidanza, del parto obesità emergenti in adolescenza autovalutazione negativa tratti ossessivi perfezionismo obesità alcolismo nei famigliari alte aspettative genitoriali scarso contatto emotivo nelle relazioni familiari commenti critici su peso e forma L anoressia : i soggetti a rischio frequentatori di scuole di danza, di palestre di stilismo e di moda indossatrici e fotomodelle 9

10 Perché si ammalano? Perché in adolescenza? l adolescente si ritrova cambiato nel corpo e nella mente, perde i punti di riferimento (confusione, depressione) si riattivano antichi guasti esprime la sofferenza e i conflitti attraverso il comportamento tanto più l equilibrio è fragile tanto maggiore è il bisogno di oggetti esterni tanto maggiore è il bisogno tanto più sarà vissuto come minaccia per la propria identità gli spazi di ascolto: la consultazione psicologica per l adolescente in difficoltà 10

11 Perché il corpo? Il corpo come mezzo di espressione e di comunicazione E come se fosse l ambiente in cui vivono e al tempo stesso il loro principale interlocutore: così l adolescente lo veste, lo agghinda, lo traveste, lo soffoca, lo intossica, si sente impedito, insoddisfatto lo eccita, lo addormenta, lo ingrassa, lo deforma, lo sottopone a digiuni ascetici, lo stanca fuori misura, lo riempie di graffiti E usato come luogo di comunicazione dell identità, dei valori, dello status, della felicità, del dolore, del benessere o del malessere La metamorfosi corporea e mentale è troppo rapida e manca un sicuro senso di sé: amano e odiano con passione il proprio corpo, come luogo che rispecchia le rappresentazioni di sé che stanno faticosamente mettendo a fuoco Il corpo può essere vissuto come altro da sé, un nemico, un avversario, diventare il bersaglio di comportamenti di accanimento, o essere utilizzato come capro espiatorio fino alla sua condanna a morte, esprimendo così la distonia esistente tra la mente e il corpo Queste ragazze hanno spesso molte risorse a disposizione: una famiglia che le circonda, un aspetto gradevole, buone capacità intellettive e un futuro aperto a molte prospettive possibili P. Jeammet,

12 L apparenza senza storie erano state bambine ideali, compiacenti, adeguate, precocemente autonome fin da piccole mostravano piacere nel controllo e nel dominio di Sé in seguito si mostrano esigenti e perfezioniste, isolate e conformiste, suscettibili e vulnerabili al giudizio e alla critica Fattori scatenanti Critiche sull aspetto fisico Perdita di persone con funzione di sostegno Sovrappeso La dieta 12

13 DIMAGRAMENTO REGOLARE E SPETTACOLARE L adolescente nega il suo comportamento afferma che va tutto bene e tutto tornerà come prima Sono spesso ragazzine assennate, brillanti, responsabili e si ha la tendenza a credere che di lì a poco passerà tutto Rifiuta di riconoscere il dimagramento o perlomeno la sua importanza; colpisce l assenza di preoccupazione di fronte alla perdita di peso e alle sue conseguenze per la salute La perdita di peso supera rapidamente il10% e può raggiungere il 30% e anche il 50% del peso iniziale PAURA DI INGRASSARE Il timore di ingrassare si traduce in molteplici attività di verifica: pesate quotidiane e a volte anche dopo ogni pasto, ricerche e confronti sul valore calorico dei diversi alimenti, misurazioni per rintracciare le eventuali rotondità, in particolare delle cosce Il controllo del peso è realizzato attraverso il controllo degli alimenti, ma anche attraverso l iperattività fisica, l abuso di lassativi ed episodi di vomito auto indotto DINIEGO DELLA MAGREZZA DISTURBO DELLA PERCEZIONE DELL IMMAGINE DEL CORPO 13

14 AMENORREA Segue di qualche mese l inizio della restrizione del cibo IPERATTIVITA FISICA Si associa ad assenza di stanchezza PROGRESSIVO ISOLAMENTO SOCIALE CAMBIAMENTO DEL CARATTERE Ritiro, dipendenza più spiccata dai genitori, soprattutto dalla mamma, umore cupo, irritabile, segni di svalutazione di sé, disistima, insufficiente valore di sé IPERINVESTIMENTO SCOLASTICO PERFEZONISMO Ricerca ansiosa di eccellere con insoddisfazione nelle proprie prestazioni: è la fame di essere la prima, la migliore, la più ammirata Il corpo può essere sottomesso senza sosta a un regime di restrizioni e di sforzi: portano chili di libri a tracolla, rifiutano calze e guanti in pieno inverno, restano a lungo in piedi L anoressia: fattori predisponenti/psicopatogenesi qualità dello sviluppo affettivo-relazionale precoce disturbo dell attaccamento con paura dell abbandono e difficoltà nel raggiungimento dell autonomia L anoressia deriva da esperienze relazionali precoci difettose(discontinuità, discontinuità, scambio disturbante, difetto di rispecchiamento, di contenimento emotivo) disturbi dell immagine corporea disturbi della percezione/riconoscimento dei propri bisogni corporei e stati emozionali sentimenti di impotenza, inefficacia, dipendenza difetto di regolazione emotiva e affettiva H. Bruch (1962,1965,1969) 14

15 Aspetti del funzionamento familiare La cultura affettiva familiare una cultura affettiva fortemente orientata al successo, con cui i genitori compensano vissuti di carenza e inadeguatezza labili confini tra gli individui e le generazioni con intrusioni negli spazi emotivi privati per cui la famiglia si presenta come un amalgama indifferenziato che il processo adolescenziale mette in crisi tendenza all evitamento dei conflitti tendenza all evitamento dei conflitti, non per assenza di tensioni, ma per difficoltà a esplicitarle e a dare soluzioni che possano favorire i processi di differenziazione 15

16 Le madri delle adolescenti con anoressia sono descritte come poco empatiche, dominate dal senso del dovere, sollecite nel rispondere ai bisogni fisici delle figlie, ansiose, inclini alla depressione, fragili, insicure e insoddisfatte, iperprotettive e svalutanti, alla ricerca di un rapporto amichevole e confidenziale con la figlia, ma distanti dal riconoscerne i reali bisogni, su cui proiettano propri bisogni inconsci (Selvini-Palazzoli,1998) I padri vengono descritti come esigenti nelle richieste di riuscita scolastica della figlia ma passivi e rinunciatari nell assunzione della funzione paterna ed esclusi dal rapporto madre-figlia instaurano relazioni privilegiate di tipo seduttivo nei confronti della figlia (Jeammet,1980; Selvini-Palazzoli,1998) 16

17 Centro Amenorrea-Anoressia: i nostri dati Oxford Risk Factors Interview for Eating Disorders (ORFI) questionario/intervista per identificare fattori biologici, psicologici, sociali Campione: 30 adolescenti Età media :15, 8 aa Caratteristiche generali Età media padri: 31,3 aa Età media madri: 28,7 aa Livello socio-culturale: medio Scuola frequentata: liceo nella quasi totalità Disturbi alimentari precoci (60%) Timidezza, selettività nelle amicizie (100%) Disturbi d ansia (93%) Compiacenza, adattabilità (73%) Immagine del corpo negativa (63%) Perfezionismo (70%) Autosvalutazione (27%) 17

18 Relazioni problematiche con i genitori Scarso contatto con la madre (13%) Scarso contatto con il padre (33%) Separazioni (20%) Atmosfera tesa (67%) Evitamento discussione (20%) Reiterate discussioni (47%) Isolamento (33%) Intrusività (40%) Minime manifestazioni d affetto (40%) Elevate/eccessive aspettative paterne (47%) Elevate /eccessive aspettative materne (57%) Critiche materne (50%) Critiche paterne (33%) Iperprotettività (40%) Eventi avversi Traslochi (67%) Separazioni/divorzi (13%) Cambio figure di riferimento (20%) Perdita persona cara (47%) Morte di un genitore (20%) Malattia cronica di un genitore (27%) Malattie che influenzano peso/aspetto fisico (45%) Malattie senza influenza peso/aspetto fisico (7%) 18

19 Obesità, diete, preoccupazioni in famiglia rispetto al peso e alla forma fisica Obesità/sovrappeso nei genitori (60%) Basso peso in famiglia (40%) Dieta membro familiare (62%) Preoccupazione per peso/forma fisica (53%) Occupazioni familiari a rischio (40%) Incoraggiamento a fare diete (23%) Eccessiva importanza esercizio fisico (40%) Critiche su forma, peso, alimentazione (70%) Prese in giro su forma/peso (37%) Obesità, sovrappeso nell infanzia (73%) Dieta tra coetanei, amici (47%) LA RETE PER LA CURA 19

20 DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Un percorso diagnostico terapeutico assistenziale PROPOSTA PER UN PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO-ASSISTENZIALE TERAPEUTICO-ASSISTENZIALE Le possibilità di cura efficace dei DCA dipendono da diversi elementi: Integrazione tra i servizi differenziare gli interventi a seconda della complessità della patologia diagnosi e intervent o precoce 20

21 CRITERI DI SOSPETTO 1. Perdita o modificazione ponderale ingiustificata o mancato accrescimento nei soggetti in età evolutiva 2. Modificazioni delle abitudini alimentari (tendenza alla restrizione o all esclusione/scelta di singoli alimenti,vegetarianismo e/o abbuffate) 3. Esagerato aumento dell attività fisica 4. Convinzione di essere grassi, anche in presenza di sottopeso 5. Amenorrea o irregolarità mestruali 6. Disturbi dispeptici 7. Modifiche del tono dell umore e/o del carattere Rete Regionale dei Servizi di Neuropsichiatra Infantile Centro Amenorree Ospedale Infantile Regina Margherita Sant'Anna Torino 21

22 Ringraziamenti Animatrici Colleghi NPI Educatori Infermieri Insegnanti Psicologhe psicoterapeute Specializzandi in Neuropsichiatria Infantile 22

I disturbi del comportamento alimentare. Dott.ssa Bernardelli Sara Psicologa-Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale

I disturbi del comportamento alimentare. Dott.ssa Bernardelli Sara Psicologa-Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale I disturbi del comportamento alimentare Dott.ssa Bernardelli Sara Psicologa-Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale Cosa sono i disturbi alimentari (DCA)? Sono problematiche che riguardano il rapporto

Dettagli

Epidemiologia ed Etiopatogenesi dei Disturbi dell Alimentazione. Carlo Faravelli Università di Firenze

Epidemiologia ed Etiopatogenesi dei Disturbi dell Alimentazione. Carlo Faravelli Università di Firenze Epidemiologia ed Etiopatogenesi dei Disturbi dell Alimentazione Carlo Faravelli Università di Firenze PRINCIPALI INDICATORI EPIDEMIOLOGICI Epidemiologia INCIDENZA: numero di nuovi casi Anoressia Nervosa

Dettagli

C L A S S I F I C A Z I O N E, D I A G N O S I E S E T T I N G D I C U R A N E I D C A

C L A S S I F I C A Z I O N E, D I A G N O S I E S E T T I N G D I C U R A N E I D C A C L A S S I F I C A Z I O N E, D I A G N O S I E S E T T I N G D I C U R A N E I D C A Trento, 14 marzo 2015 Dott. Alessandro Salvi UNA VISIONE PANORAMICA DEI DCA : ALCUNI TRATTI CARATTERISTICI I DCA sono

Dettagli

Anoressia nervosa. Che cos è L anoressia nervosa è un disturbo dell alimentazione caratterizzato dai seguenti aspetti:

Anoressia nervosa. Che cos è L anoressia nervosa è un disturbo dell alimentazione caratterizzato dai seguenti aspetti: Dal sito : Terzocentro di psicoterapia Cognitiva (Roma) http://www.terzocentro.it Anoressia nervosa Che cos è L anoressia nervosa è un disturbo dell alimentazione caratterizzato dai seguenti aspetti: rilevante

Dettagli

Approccio Clinico ai Disturbi del Comportamento Alimentare

Approccio Clinico ai Disturbi del Comportamento Alimentare Approccio Clinico ai Disturbi del Comportamento Alimentare Disturbi del Comportamento Alimentare DCA Anoressia Nervosa Bulimia Nervosa Binge Eating Disorder DCA Non Altrimenti Specificati Anoressia Nervosa

Dettagli

BULIMIA NERVOSA. A. Ricorrenti abbuffate. Una abbuffata è caratterizzata da entrambi i seguenti:

BULIMIA NERVOSA. A. Ricorrenti abbuffate. Una abbuffata è caratterizzata da entrambi i seguenti: BULIMIA NERVOSA A. Ricorrenti abbuffate. Una abbuffata è caratterizzata da entrambi i seguenti: 1) mangiare in un definito periodo di tempo una quantità di cibo significativamente maggiore di quello che

Dettagli

Anoressia. Quando ci si accorge della malattia?

Anoressia. Quando ci si accorge della malattia? Anoressia Quando ci si accorge della malattia? Ciò che rende l anoressia una malattia difficile da curare, è il suo insorgere subdolo, facilmente confondibile con una semplice astenia o con la scelta di

Dettagli

LA PATOLOGIA DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE:

LA PATOLOGIA DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE: LA PATOLOGIA DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE: Nuovi criteri di classificazione? Corrado D Agostini AGENZIA DELLA NUTRIZIONE D.A.I. D.E.A.S. AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA CAREGGI- FIRENZE IL DSM - 5 17

Dettagli

L'altra me: viaggio nei Disturbi Alimentari

L'altra me: viaggio nei Disturbi Alimentari L'altra me: viaggio nei Disturbi Alimentari Quali sono i disturbi alimentari? Anoressia nervosa Bulimia nervosa Binge Eating Disorder e Disturbi NAS Anoressia nervosa 1- Rifiuto di mantenere il proprio

Dettagli

ASPETTI PSICOLOGICI: DALLA PATOLOGIA ALLA DIETA

ASPETTI PSICOLOGICI: DALLA PATOLOGIA ALLA DIETA ASPETTI PSICOLOGICI: DALLA PATOLOGIA ALLA DIETA BED: Binge Eating Disorder o Disturbo da alimentazione incontrollata (circa il 30% degli obesi) Abbuffate ricorrenti per almeno 2 giorni/settimana per almeno

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI CLINICA PSICHIATRICA Dir. Prof. Gian Carlo Nivoli I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE D.C.A.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI CLINICA PSICHIATRICA Dir. Prof. Gian Carlo Nivoli I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE D.C.A. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI CLINICA PSICHIATRICA Dir. Prof. Gian Carlo Nivoli I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE assificazione dei D.C.A Anoressia Mentale Bulimia Mentale DSM III (1980) Pica,

Dettagli

In Italia la prevalenza di sovrappeso/obesità è tra le maggiori in Europa. con punte nelle regioni del Sud Italia (Okkio alla Salute, ISS 2008).

In Italia la prevalenza di sovrappeso/obesità è tra le maggiori in Europa. con punte nelle regioni del Sud Italia (Okkio alla Salute, ISS 2008). OBESITÁ PSICOGENA Il costante e rilevante incremento dei disturbi dell alimentazione nella popolazione adolescenziale e tardo giovanile, costituisce un dato osservativo di immediato riscontro per gli operatori

Dettagli

ANORESSIA NERVOSA BULIMIA NERVOSA

ANORESSIA NERVOSA BULIMIA NERVOSA 1 2 ANORESSIA NERVOSA BULIMIA NERVOSA Disturbi del comportamento alimentare non altrimenti specificati (DCA NAS), all interno dei quali è inserito il disturbo da alimentazione incontrollata (BED BINGE

Dettagli

In FormAzione. Indicazioni in materia di comunicazione sociale sui Disturbi del Comportamento Alimentare e dell Immagine Corporea

In FormAzione. Indicazioni in materia di comunicazione sociale sui Disturbi del Comportamento Alimentare e dell Immagine Corporea In FormAzione Indicazioni in materia di comunicazione sociale sui Disturbi del Comportamento Alimentare e dell Immagine Corporea ANORESSIA-BULIMIA AL MASCHILE di Francesco Bergamin L anoressia nervosa,

Dettagli

DISTURBO DA ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA (BED) Chi colpisce, che cos'è CHI COLPISCE

DISTURBO DA ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA (BED) Chi colpisce, che cos'è CHI COLPISCE DISTURBO DA ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA (BED) Chi colpisce, che cos'è CHI COLPISCE Significativi problemi di abbuffate, cioè assunzione di un elevata quantità di cibo associata a un senso di perdita di

Dettagli

Dr antonella arata Centro Disturbi Alimentari ASL3

Dr antonella arata Centro Disturbi Alimentari ASL3 U.O. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Centro Disturbi Alimentari TITOLO: PROGETTO EDUCATIVO PER LA PREVENZIONE PRIMARIA DEI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE (DCA) RIVOLTO A DOCENTI E ALLIEVI

Dettagli

Centro per la Gestione e lo Studio dei Disturbi del Comportamento Alimentare: strutture coinvolte. I Disturbi del Comportamento Alimentare

Centro per la Gestione e lo Studio dei Disturbi del Comportamento Alimentare: strutture coinvolte. I Disturbi del Comportamento Alimentare La ASL CE 2 ha inteso sviluppare un programma di intervento con particolare riferimento ai Disturbi del Comportamento Alimentare costituendo un gruppo interdisciplinare per la lo studio e la gestione degli

Dettagli

Ragusa 10 Ottobre 2009 Aspetti antropologici e sociologici inerenti i Disturbi della Condotta. psichiatra

Ragusa 10 Ottobre 2009 Aspetti antropologici e sociologici inerenti i Disturbi della Condotta. psichiatra Ragusa 10 Ottobre 2009 Aspetti antropologici e sociologici inerenti i Disturbi della Condotta Alimentare: DCA dr Giuseppe Sapienza dr. Giuseppe Sapienza psichiatra Il presente intervento vuole offrire

Dettagli

I GENITORI IN ABA NUMERO VERDE: 800 16 56 16 SEGUITI CON CURA PER SEGUIRE I PROPRI FIGLI. E: info@bulimianoressia.it - W: www.bulimianoressia.

I GENITORI IN ABA NUMERO VERDE: 800 16 56 16 SEGUITI CON CURA PER SEGUIRE I PROPRI FIGLI. E: info@bulimianoressia.it - W: www.bulimianoressia. I GENITORI IN ABA SEGUITI CON CURA PER SEGUIRE I PROPRI FIGLI NUMERO VERDE: 800 16 56 16 E: info@bulimianoressia.it - W: www.bulimianoressia.it I DISTURBI ALIMENTARI 02 I disturbi alimentari sono un modo

Dettagli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NELL OBESIT OBESITÀ

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NELL OBESIT OBESITÀ I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NELL OBESIT OBESITÀ ALESSIA MINNITI, Unità Funzionale Semplice di Dietetica e Nutrizione Clinica Università degli Studi di Verona 4 Congresso SIO-Triveneto Udine,

Dettagli

PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO. M. Pincherle

PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO. M. Pincherle PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO M. Pincherle IMPORTANZA DELL AMBIENTE DI VITA E DELLE ESPERIENZE 1 Importanza di una buona relazione di attaccamento con la figura materna Concetto

Dettagli

IMMAGINE DEL CORPO E QUALITÀ DI VITA, QUALI MISURE DI OUTCOME NEI SOGGETTI CON DISTURBO DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE (DCA)

IMMAGINE DEL CORPO E QUALITÀ DI VITA, QUALI MISURE DI OUTCOME NEI SOGGETTI CON DISTURBO DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE (DCA) IMMAGINE DEL CORPO E QUALITÀ DI VITA, QUALI MISURE DI OUTCOME NEI SOGGETTI CON DISTURBO DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE (DCA) ANNAPIA VERRI ISTITUTO NEUROLOGICO NAZIONALE C. MONDINO-PAVIA WEIGHT-RELATED DISORDERS

Dettagli

Dipartimento dell Et. Condotte alimentari e caratteristiche psicosociali di bambini obesi: uno studio pilota

Dipartimento dell Et. Condotte alimentari e caratteristiche psicosociali di bambini obesi: uno studio pilota Condotte alimentari e caratteristiche psicosociali di bambini obesi: uno studio pilota M. Gugliotta, L. Garini,, C. Sassi, R. Scullino & S. Bernasconi Modelli Psicologici Obesogenic Binge Eating Disorder.

Dettagli

SERVIZIO DI PSICOLOGIA

SERVIZIO DI PSICOLOGIA SERVIZIO DI PSICOLOGIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA SERVIZIO DI PSICOLOGIA PRESSO I CONSULTORI AIED Il servizio di psicologia nei consultori Aied, articolato nelle

Dettagli

I disturbi alimentari nei minori

I disturbi alimentari nei minori Terzo di Aquileia, 19 gennaio 2015 PARLIAMONE INSIEME per il benessere dei figli attraverso la tranquillità dei genitori I disturbi alimentari nei minori Gian Luigi Luxardi Centro per i Disturbi Alimentari

Dettagli

RESPONSABILI: Direttore CSM Dr. Mario Nicotera Dr.ssa Caterina Iocca,psicologo dirigente, specialista in CBT.

RESPONSABILI: Direttore CSM Dr. Mario Nicotera Dr.ssa Caterina Iocca,psicologo dirigente, specialista in CBT. UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA-RIABILITATIVA CENTRO DIURNO PROGETTO SPERIMENTALE DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Disturbo dell alimentazione: Conoscere per curare e per vivere RESPONSABILI: Direttore

Dettagli

sociali, vissuti intra-psichici

sociali, vissuti intra-psichici Frequente evoluzione verso quadri long- term Le risposte disfunzionali: : ad eventi stressanti, sollecitazioni psico-sociali sociali, vissuti intra-psichici psichici Conseguenti a pensieri automatici (dicotomia,

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI PSICOLOGIA. Tesi di laurea

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI PSICOLOGIA. Tesi di laurea UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI PSICOLOGIA Tesi di laurea L INTEGRAZIONE DELL EMDR NELLA PSICOTERAPIA DEI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE. di Gamba Martina Anno Accademico 2004-2005 Ai

Dettagli

ASPETTI CLINICI E RELAZIONALI DEI DISTURBI ALIMENTARI

ASPETTI CLINICI E RELAZIONALI DEI DISTURBI ALIMENTARI Il Cibo nemico ASPETTI CLINICI E RELAZIONALI DEI DISTURBI ALIMENTARI - Il cibo nemico. (prima parte) Da quando esiste la vita, nutrimento e cibo sono elementi fondamentali per la sopravvivenza di qualsiasi

Dettagli

I Disturbi del Comportamento Alimentare nell ambiente sportivo

I Disturbi del Comportamento Alimentare nell ambiente sportivo Corso di formazione per allenatori 6 luglio 2013 I Disturbi del Comportamento Alimentare nell ambiente sportivo Dott.ssa Tatiana Zanetti Lo svolgimento di questo corso di formazione per gli allenatori

Dettagli

DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NON ALTRIMENTI SPECIFICATI

DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NON ALTRIMENTI SPECIFICATI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NON ALTRIMENTI SPECIFICATI Caratteristiche generali I NAS sono disturbi dell alimentazione di severità clinica che soddisfano la definizione di disturbo dell alimentazione

Dettagli

EDUCAZIONE ALIMENTARE: QUANDO L'AMORE PER IL CIBO SI TRASFORMA IN ODIO.

EDUCAZIONE ALIMENTARE: QUANDO L'AMORE PER IL CIBO SI TRASFORMA IN ODIO. EDUCAZIONE ALIMENTARE: QUANDO L'AMORE PER IL CIBO SI TRASFORMA IN ODIO. Esiste un rapporto inestricabile tra cibo ed emozioni, tra i cibi assunti per bisogno fisiologico e quelli assunti come appagamento

Dettagli

4 Congresso Sezione Regionale Triveneto Società Italiana dell Obesità OBESITA E DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

4 Congresso Sezione Regionale Triveneto Società Italiana dell Obesità OBESITA E DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE 4 Congresso Sezione Regionale Triveneto Società Italiana dell Obesità OBESITA E DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE R.Siani, L. Ravazzin, D. De Pauli Binge Eating Disorder e Comorbilità Psichiatrica

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

Diocesi di Carpi comunicato n 24 Carpi, 22 febbraio 2010. Comunicato stampa. Oltre lo specchio

Diocesi di Carpi comunicato n 24 Carpi, 22 febbraio 2010. Comunicato stampa. Oltre lo specchio Diocesi di Carpi comunicato n 24 Carpi, 22 febbraio 2010 Comunicato stampa Oltre lo specchio Progetto di intervento, aiuto e sostegno a persone affette da Disturbo del Comportamento Alimentare ed ai loro

Dettagli

INDICATORI DI ABUSO SESSUALE E MALTRATTAMENTO. Rose Galante, Centro di Terapia Relazionale 095.221178 www.psicoterapiactr.it

INDICATORI DI ABUSO SESSUALE E MALTRATTAMENTO. Rose Galante, Centro di Terapia Relazionale 095.221178 www.psicoterapiactr.it Indicatori fisici Lividi, ustioni, lacerazioni, fratture Ritardo o arresto della crescita Lesioni traumatiche dell apparato genitale ed anale Denutrizione Aspetto gravemente sofferente Abbigliamento inadeguato

Dettagli

LUCIDI DEL CORSO DI PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO

LUCIDI DEL CORSO DI PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA DIPARTIMENTO DI PSICOLOGIA A.A. 2006-07 LUCIDI DEL CORSO DI PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO M.A. ZANETTI R. RENATI S. PERUSELLI Programma Psicologia dello sviluppo Area 1 3 semestre

Dettagli

Disturbi della condotta alimentare Dott.ssa Domizia Consoli

Disturbi della condotta alimentare Dott.ssa Domizia Consoli Disturbi della condotta alimentare Dott.ssa Domizia Consoli Obesità, anoressia e bulimia sono termini entrati nel nostro linguaggio comune, a designare la crescente importanza che i problemi connessi al

Dettagli

CENTRO DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

CENTRO DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE CENTRO DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE ASL3- GENOVESE PROGETTO Corpo, cibo, identità: una relazione difficile Dott.ssa Francesca Policante Dott.ssa Barbara Masini Creazione di un centro specialistico

Dettagli

DISTURBI DELLA CONDOTTA ALIMENTARE DCA

DISTURBI DELLA CONDOTTA ALIMENTARE DCA DISTURBI DELLA CONDOTTA ALIMENTARE DCA Nella cultura occidentale le prime descrizioni cliniche di anomalie dell alimentazione risalgono a più di 2000 anni fa. Alcune sante cristiane avevano un comportamento

Dettagli

CAPITOLO 2 I TRATTI COMPLESSI

CAPITOLO 2 I TRATTI COMPLESSI CAPITOLO 2 I TRATTI COMPLESSI Tratti semplici e tratti complessi Come detto nel capitolo precedente, la genetica classica studia fondamentalmente i cosiddetti tratti mendeliani semplici, quelli in cui,

Dettagli

Disturbi del Comportamento Alimentare: l esperienza infermieristica del Centro Pilota Regionale Lombardo

Disturbi del Comportamento Alimentare: l esperienza infermieristica del Centro Pilota Regionale Lombardo Disturbi del Comportamento Alimentare: l esperienza infermieristica del Centro Pilota Regionale Lombardo Angela Fantoni Coordinatore Infermieristico fanangi1@gmail.com SPEDALI CIVILI BRESCIA, Gussago (BS)

Dettagli

INDICE GUIDA ALLA LETTURA L EDITORE RINGRAZIA PREFAZIONE ALL EDIZIONE ITALIANA PREFAZIONE 3

INDICE GUIDA ALLA LETTURA L EDITORE RINGRAZIA PREFAZIONE ALL EDIZIONE ITALIANA PREFAZIONE 3 INDICE GUIDA ALLA LETTURA L EDITORE RINGRAZIA PREFAZIONE ALL EDIZIONE ITALIANA X XII XIII PREFAZIONE 3 C A P I T O L O 1 PROSPETTIVE EPISTEMOLOGICHE IN PSICOLOGIA CLINICA 9 1.1 Ragioni e necessità di un

Dettagli

Il Consultorio Giovani OPEN G G

Il Consultorio Giovani OPEN G G La richiesta d aiuto d del genitore per il figlio adolescente Il Consultorio Giovani OPEN G G Dr. Fiorello Ghiretti,, psicologo OPEN G G IL CONSULTORIO GIOVANI istituito nel 1990 è un servizio di prevenzione

Dettagli

La Famiglia come risorsa nel trattamento dei Disturbi del Comportamento Alimentare: esercitazioni guidate di empowerment.

La Famiglia come risorsa nel trattamento dei Disturbi del Comportamento Alimentare: esercitazioni guidate di empowerment. La Famiglia come risorsa nel trattamento dei Disturbi del Comportamento Alimentare: esercitazioni guidate di empowerment. A. Genovese, M. Bassetti, S. Scaramuzza Centro per i Disturbi del Comportamento

Dettagli

I disturbi del comportamento alimentare. Criteri diagnostici ed elementi clinici di diagnosi differenziale

I disturbi del comportamento alimentare. Criteri diagnostici ed elementi clinici di diagnosi differenziale I disturbi del comportamento alimentare Criteri diagnostici ed elementi clinici di diagnosi differenziale Perché parlare dei disturbi alimentari? I Disturbi dell Alimentazione riguardano molte persone,

Dettagli

Claudio Vio psicologo-psicoterapeuta UO di NPI San Donà di Piave, Direttivo AIRIPA

Claudio Vio psicologo-psicoterapeuta UO di NPI San Donà di Piave, Direttivo AIRIPA Centro Territoriale per l Integrazione degli alunni con disabilità Treviso Centro Claudio Vio psicologo-psicoterapeuta UO di NPI San Donà di Piave, Direttivo AIRIPA Attention Deficit Hyperactivity Disorders

Dettagli

Dott.ssa M.Versino 1

Dott.ssa M.Versino 1 Dott.ssa M.Versino 1 Stress lo stress è inteso come risposta aspecifica dell organismo a tutto ciò che lo costringe ad uno sforzo di adattamento lo stress è la risposta a una o più stimolazioni fisiche

Dettagli

M. Lang - Una persona nervosa 13/11/2011. Una persona nervosa

M. Lang - Una persona nervosa 13/11/2011. Una persona nervosa Una persona nervosa 1 Caso: Una persona nervosa modificato da DSM-IV-TR CASI CLINICI, p. 235 Un tappezziere coniugato di 27 anni lamenta vertigini, tremore alle mani, palpitazioni e ronzii alle orecchie

Dettagli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA IL DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE / IPERATTIVITA. 1. Che cos è l ADHD Il Disturbo da deficit di attenzione ed iperattività (DDAI), conosciuto anche con

Dettagli

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza mancanza di energia e di voglia di fare le cose Materiale a cura di: L. Magliano, A.

Dettagli

Informazioni per utenti e familiari

Informazioni per utenti e familiari LA DEPRESSIONE MAGGIORE Informazioni per utenti e familiari In questa dispensa parleremo di depressione e dei problemi che può dare nella vita di una persona. Nella vita, è comune attraversare periodi

Dettagli

Torino 6 novembre 2013 RICONOSCERE E COMPRENDERE I RAGAZZI CON MUTISMO SELETTIVO

Torino 6 novembre 2013 RICONOSCERE E COMPRENDERE I RAGAZZI CON MUTISMO SELETTIVO Torino 6 novembre 2013 RICONOSCERE E COMPRENDERE I RAGAZZI CON MUTISMO SELETTIVO La caratteristica fondamentale del MS è la persistente incapacità di parlare in situazioni sociali specifiche (per es. a

Dettagli

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica Progetto Educazione alla salute e psicologia scolastica Il progetto di psicologia scolastica denominato Lo sportello delle domande viene attuato nella nostra scuola da sei anni. L educazione è certamente

Dettagli

INFORMAZIONI SULLO STUDIO VILLA GARDA-OXFORD

INFORMAZIONI SULLO STUDIO VILLA GARDA-OXFORD INFORMAZIONI SULLO STUDIO VILLA GARDA-OXFORD Confronto fra due forme di psicoterapia cognitivo comportamentale ospedaliera per i disturbi dell alimentazione Gentile paziente, la Casa di Cura Villa Garda

Dettagli

La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico

La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico 1 La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico Progetto per il sostegno e il rinserimento nella vita di relazione Equipe Multidisciplinare di I livello Sede di Roma Centro

Dettagli

I seminari degli Amici della mente. Capire e prevenire il disagio psicologico attraverso le canzoni di Fabrizio De Andrè

I seminari degli Amici della mente. Capire e prevenire il disagio psicologico attraverso le canzoni di Fabrizio De Andrè I seminari degli Amici della mente Capire e prevenire il disagio psicologico attraverso le canzoni di Fabrizio De Andrè I DISTURBI ALIMENTARI Dr. Gabriele Catania Cosa sono: Si tratta di patologie psichiatriche

Dettagli

Un problema di cuore.

Un problema di cuore. Le malattie cardiovascolari nella donna Le malattie cardiovascolari nella donna Opuscolo redatto da Maria Lorenza Muiesan* e Maria Vittoria Pitzalis*. Alla stessa collana, coordinata da Nicola De Luca*,

Dettagli

IL COUNSELING NELLA SCUOLA: un esperienza diretta. Valeria Aquaro

IL COUNSELING NELLA SCUOLA: un esperienza diretta. Valeria Aquaro IL COUNSELING NELLA SCUOLA: un esperienza diretta Valeria Aquaro E essenzialmente un attività di AIUTO, con proprie e specifiche caratteristiche. Si è sviluppata a partire dagli anni 60 come fenomeno sociale

Dettagli

Donne, corpo e contraccezione

Donne, corpo e contraccezione Donne, corpo e contraccezione Donne, corpo e contraccezione A cura di Questa guida nasce per aiutarti ad individuare quali sono i campanelli d allarme da cogliere per accorgerti dello scivolamento verso

Dettagli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Assessorato alla Tutela della Salute e Sanità I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Una proposta della Regione Piemonte per un percorso diagnosticoterapeutico-assistenziale Ottobre 2008 Assessorato alla

Dettagli

Vittime minori. LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta

Vittime minori. LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta Vittime minori LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta Migliaia di bambini assistono in casa a scene di violenza domestica: questa è una delle esperienze più

Dettagli

ANORESSIA: L INQUIETANTE MALATTIA CONTEMPORANEA

ANORESSIA: L INQUIETANTE MALATTIA CONTEMPORANEA INCONTRI A TEMA - MARTEDI 2 FEBBRAIO 2010 ANORESSIA: L INQUIETANTE MALATTIA CONTEMPORANEA D.ssa Maria Felice Pacitto Psicoterapeuta Psicologo Clinico I CONSIGLI DELLO SPECIALISTA TRA PREVENZIONE E TERAPIA

Dettagli

Recessione economica e Disturbi Depressivi

Recessione economica e Disturbi Depressivi Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Recessione economica e Disturbi Depressivi L Associazione per la Ricerca sulla

Dettagli

Docente: Paolo Barelli. Disturbi d ansia

Docente: Paolo Barelli. Disturbi d ansia Docente: Paolo Barelli Disturbi d ansia Funzioni Della Vita Psichica (Rappresentazione Del Modo Di Essere Della Persona) Controllo e soddisfazione istinti Controllo attività motoria Intelligenza Ansia

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

LA PREVENZIONE DEL DISAGIO GIOVANILE

LA PREVENZIONE DEL DISAGIO GIOVANILE LA PREVENZIONE DEL DISAGIO GIOVANILE 339 LA PREVENZIONE DEL DISAGIO GIOVANILE STEFANO CALAMANDREI Psichiatra A.S.L. 10 Firenze MOM SMA Q5 1. Il formarsi del senso di realtà. Adolescenti e compiti evolutivi

Dettagli

La gestione della terapia della depressione di Salvatore Di Salvo

La gestione della terapia della depressione di Salvatore Di Salvo Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it La gestione della terapia della depressione di Salvatore Di Salvo Gli Antidepressivi

Dettagli

Saggio breve IV D a.s. 2011/12 Salute,benessere e attività fisica. GALVANI-IODI DI RE DIPARTIMENTO DI EDUCAZIONE FISICA Attività sportiva e salute.

Saggio breve IV D a.s. 2011/12 Salute,benessere e attività fisica. GALVANI-IODI DI RE DIPARTIMENTO DI EDUCAZIONE FISICA Attività sportiva e salute. Saggio breve IV D a.s. 2011/12 Salute,benessere e attività fisica Il benessere fisico ci consente di vivere una vita sana,serena e spesso felice. Oggi il progresso tecnologico ha reso l uomo sempre più

Dettagli

I Disturbi dell'alimentazione in Età Evolutiva

I Disturbi dell'alimentazione in Età Evolutiva Corso di formazione regionale Supportare l alimentazione salutare in età evolutiva per contrastare alterazioni ponderali in eccesso e in difetto e le patologie correlate. Dott.ssa Carlotta Gentili Dott.ssa

Dettagli

ricerca di relazioni sociali e affettive fuori dalla famiglia, con i coetanei; è

ricerca di relazioni sociali e affettive fuori dalla famiglia, con i coetanei; è L adolescenza è una fase di sviluppo che copre approssimativamente il periodo che va dagli 11 ai 22 anni. La parola pubertà è spesso utilizzata per denotare manifestazioni fisiche dello sviluppo sessuale.

Dettagli

Rapporto ansia-depressione (R utter et al. 2006)

Rapporto ansia-depressione (R utter et al. 2006) Rapporto ansia-depressione (R utter et al. 2006) Disturbi d Ansia in età prescolare Disturbi d Ansia in età di latenza Depressione in adolescenza Depressione in età di latenza ANSIA DEPRESSIONE Disturbi

Dettagli

disturbi del comportamento alimentare (DCA)

disturbi del comportamento alimentare (DCA) I disturbi dell alimentazione I disturbi del comportamento alimentare (DCA), sono disturbi caratterizzati dalla presenza di grossolane alterazioni del comportamento alimentare, associate costantemente

Dettagli

I disturbi alimentari

I disturbi alimentari I disturbi alimentari Molti genitori del giorno d'oggi si preoccupano per i disturbi alimentari. Alle parole 'disturbo alimentare' si è data una tale attenzione negli ultimi anni che non è inusuale che

Dettagli

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare:

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: PSICOTERAPIE COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: - una SINDROME CLINICA di tipo PSICOPATOLOGICO

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD. Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico

La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD. Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico Perché parlare di gestione emotiva? ADHD è un disturbo che colpisce

Dettagli

La disregolazione emozionale nei disturbi dell alimentazione Caterina Lombardo, Lucrezia Maccioli, Assunta Pierotti, Aldo Stella

La disregolazione emozionale nei disturbi dell alimentazione Caterina Lombardo, Lucrezia Maccioli, Assunta Pierotti, Aldo Stella Facoltà di Psicologia 2 La disregolazione emozionale nei disturbi dell alimentazione Caterina Lombardo, Lucrezia Maccioli, Assunta Pierotti, Aldo Stella Disturbi dell alimentazione (DSM-IV-TR): Anoressia

Dettagli

Laura Ghiro Elena Fipaldini Ospedale San Bortolo Vicenza

Laura Ghiro Elena Fipaldini Ospedale San Bortolo Vicenza CORPOrat(t)ivaMENTE. Confronti e prospettive sulle pratiche di lavoro integrato in età evolutiva IL CASO CLINICO CHE NON TI ASPETTI Laura Ghiro Elena Fipaldini Ospedale San Bortolo Vicenza A. è giunto

Dettagli

ADOLESCENZA? Proviamo con un Brain Storming di immagini e idee?

ADOLESCENZA? Proviamo con un Brain Storming di immagini e idee? Università degli Studi di Torino Facoltà di Scienze Politiche Sede di Biella ADOLESCENZA - ADOLESCENZE 1 ADOLESCENZA? Proviamo con un Brain Storming di immagini e idee? 2 1 3 ADOLESCENZA Qual è il periodo

Dettagli

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente).

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente). QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO Gentile genitore, le sottoponiamo il presente questionario anonimo al termine dell incontro a cui ha partecipato. La valutazione da lei espressa ci aiuterà a capire

Dettagli

I DISTURBI DELL ATTENZIONE E L IPERATTIVITA (A.D.H.D)

I DISTURBI DELL ATTENZIONE E L IPERATTIVITA (A.D.H.D) I DISTURBI DELL ATTENZIONE E L IPERATTIVITA (A.D.H.D) SEGNALI PREMONITORI IN ETA PRESCOLASTICA Laura Barbirato Mamma di tre figli Psicologa dell apprendimento Dirigente Scolastica 1 Normalità o patologia?

Dettagli

Che cosa sono i disturbi del comportamento alimentare?

Che cosa sono i disturbi del comportamento alimentare? EMILIA DE FILIPPO ELVIRA REALE VITTORIA SARDELLI CAPITOLO 2 IL MALESSERE DELLE RAGAZZE: ANORESSIA, BULIMIA E ALTRO 83 Che cosa sono i disturbi del comportamento alimentare? I disturbi del comportamento

Dettagli

L'Associazione FARIDE A di PROMOZIONE SOCIALE e SOLIDARIETA' di tipo respiratorio come la russata pesante, la riduzione del flusso d'aria FAMILIARE

L'Associazione FARIDE A di PROMOZIONE SOCIALE e SOLIDARIETA' di tipo respiratorio come la russata pesante, la riduzione del flusso d'aria FAMILIARE i L'Associazione FARIDE A di PROMOZIONE SOCIALE e SOLIDARIETA' FAMILIARE PRESENTA TL PROGETTO PREMESSA Negli ultimi anni è stato registrato un aumento dei Disturbi del comportamento alimentare (DCA) nella

Dettagli

STILI DI VITA E OBESITA

STILI DI VITA E OBESITA STILI DI VITA E OBESITA IL PESO DELLA VITA 8 Maggio 2010 Martinelli Franca Dipartimento di Salute Mentale RE Il Disturbo da Alimentazione Incontrollata BED Big eating disorder La definizione del disturbo

Dettagli

GIORNATE NAZIONALI DI SENSIBILIZZAZIONE E INFORMAZIONE SUI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE II^ Edizione

GIORNATE NAZIONALI DI SENSIBILIZZAZIONE E INFORMAZIONE SUI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE II^ Edizione SERVIZIO MULTIDISCIPLINARE INTEGRATO PER LA DIAGNOSI E LA TERAPIA DEI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Responsabile: Prof.ssa Francesca D Ecclesia www.centrodcaroma.altervista.org centrodca@libero.it

Dettagli

COOPERAZIONEFAMIGLIE

COOPERAZIONEFAMIGLIE COOPERAZIONEFAMIGLIE Chi siamo La Cooperativa Sociale CAF nasce nel 2011 a Romano di Lombardia ( BG ) dalla filiazione dell Associazione di Volontariato Sociale CAF Centro Aiuto Famiglia, sorta nel 1986,

Dettagli

SCI-ABS Self Report Ultimo mese

SCI-ABS Self Report Ultimo mese SCI-ABS Self Report Ultimo mese Soggetto: Data: Istruzioni Le domande che seguono si riferiscono ad alcune situazioni che lei può aver avuto nel corso dell ultimo mese. La preghiamo di rispondere a fianco

Dettagli

FORMAZIONE PER GLI INSEGNANTI TENUTA DA DOTT.SSA PAOLA MOROSINI DOTT.SSA ARIANNA BORCHIA DOTT.SSA TATIANA QUINTINI 24 E 31 OTTOBRE 2012

FORMAZIONE PER GLI INSEGNANTI TENUTA DA DOTT.SSA PAOLA MOROSINI DOTT.SSA ARIANNA BORCHIA DOTT.SSA TATIANA QUINTINI 24 E 31 OTTOBRE 2012 FORMAZIONE PER GLI INSEGNANTI TENUTA DA DOTT.SSA PAOLA MOROSINI DOTT.SSA ARIANNA BORCHIA DOTT.SSA TATIANA QUINTINI 24 E 31 OTTOBRE 2012 Cosa é l ADHD? Il Disturbo da Deficit dell attenzione ed iperattività,

Dettagli

Appropriatezza clinica, strutturale e operativa nella prevenzione, diagnosi e terapia dei disturbi dell alimentazione n. 17/22, Luglio-Agosto 2013

Appropriatezza clinica, strutturale e operativa nella prevenzione, diagnosi e terapia dei disturbi dell alimentazione n. 17/22, Luglio-Agosto 2013 Percorsi di cura dei disturbi dell alimentazione nella Regione Veneto Paolo Santonastaso Centro Regionale per i Disturbi Alimentari Dipartimento di Neuroscienze Università di padova Appropriatezza clinica,

Dettagli

Psichiatra responsabile dei Centri DCA Residenza Palazzo Francisci di Todi, Centro DAI Città della Pieve, AUSL 2 dell Umbria

Psichiatra responsabile dei Centri DCA Residenza Palazzo Francisci di Todi, Centro DAI Città della Pieve, AUSL 2 dell Umbria 157 I Disturbi del Comportamento Alimentare Laura Dalla Ragione Psichiatra responsabile dei Centri DCA Residenza Palazzo Francisci di Todi, Centro DAI Città della Pieve, AUSL 2 dell Umbria Maria Vicini

Dettagli

Laura Dalla Ragione. Responsabile Centro DCA Palazzo Francisci di Todi e Centro DAI di Città della Pieve. Spoleto 12 settembre 2015

Laura Dalla Ragione. Responsabile Centro DCA Palazzo Francisci di Todi e Centro DAI di Città della Pieve. Spoleto 12 settembre 2015 Laura Dalla Ragione Responsabile Centro DCA Palazzo Francisci di Todi e Centro DAI di Città della Pieve Spoleto 12 settembre 2015 I Disturbi del Comportamento Alimentare Aumento vertiginoso Aumento dei

Dettagli

I I DISTURBI ALIMENTARI: COSA SONO? 1 Dati Osservatorio ABA e ISTAT. 2 Dati SISDCA.

I I DISTURBI ALIMENTARI: COSA SONO? 1 Dati Osservatorio ABA e ISTAT. 2 Dati SISDCA. I I DISTURBI ALIMENTARI: COSA SONO? In Italia circa 3 milioni di persone, pari al 5% della popolazione, soffre di disturbi del comportamento alimentare (DCA): il 95% sono donne, anche se sempre più numerosi

Dettagli

L ANSIA DA PRESTAZIONE SCOLASTICA

L ANSIA DA PRESTAZIONE SCOLASTICA L ANSIA DA PRESTAZIONE SCOLASTICA Come affrontarla a scuola e in famiglia. Centro AP - Psicologia e Psicosomatica Piazza Trasimeno, 2-00198 Roma - Tel: 06 841.41.42 - www.centroap.it 1 Perché tanta attenzione?

Dettagli

I DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE

I DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE I DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE Cosa sono? Come affrontarli? Peso, forma del corpo, alimentazione Scuola Famiglia Altro Peso, forma del corpo, alimentazione Scuola Famiglia Sport Musica Amici Pittura Altro

Dettagli

CORPOREITA E IDENTITA : INTERVENTI DI SOSTEGNO AL CAMBIAMENTO E PREVENZIONE DELLO STRESS

CORPOREITA E IDENTITA : INTERVENTI DI SOSTEGNO AL CAMBIAMENTO E PREVENZIONE DELLO STRESS CORPOREITA E IDENTITA : INTERVENTI DI SOSTEGNO AL CAMBIAMENTO E PREVENZIONE DELLO STRESS Vanda Braida 14/05/2015 Shabkar CHE COSA SONO? COME SI MANIFESTANO? COME SI PREVENGONO? COME SI AFFRONTANO? I disturbi

Dettagli

Il bambino con ADHD a scuola

Il bambino con ADHD a scuola Teramo 20-04-2010 Dott.ssa Adriana Sigismondi ADHD Caratteristiche DISATTENZIONE IMPULSIVITA IPERATTIVITA 1 1 ATTENZIONE I bambini con un disturbo di attenzione manifestano problemi in compiti che richiedono

Dettagli

PSICOLOGIA E PEDAGOGIA DELLA GESTIONE DEI GRUPPI Prof. Luigina Cappelloni

PSICOLOGIA E PEDAGOGIA DELLA GESTIONE DEI GRUPPI Prof. Luigina Cappelloni PSICOLOGIA E PEDAGOGIA DELLA GESTIONE DEI GRUPPI Prof. Luigina Cappelloni Kurt Zadek Lewin 1890-1947 Psicologo tedesco nel 1930 Avvia la Ricerca di laboratorio sui gruppi, In contesti,sociali,educativi

Dettagli

Numero Verde per l ascolto ascolto, la consulenza e la prevenzione del bullismo: primi risultati

Numero Verde per l ascolto ascolto, la consulenza e la prevenzione del bullismo: primi risultati Numero Verde per l ascolto ascolto, la consulenza e la prevenzione del bullismo: primi risultati Laura Volpini 28 Marzo 2007 Università di Roma La Sapienza Il perché del numero verde: Richiesta da parte

Dettagli

Come gestire le emozioni in classe

Come gestire le emozioni in classe Fiorenzuola, 25 febbraio 2015 Come gestire le emozioni in classe Dott.ssa Elena Miboli La qualità dell esistenza di ogni bambino è influenzata dal modo in cui egli apprende, fin dai primi anni di vita,

Dettagli