Asilo nido. Quaderno dello stage MODULO BAMBINI LA STRUTTURA LE ATTIVITÀ IL PERSONALE UN BAMBINO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Asilo nido. Quaderno dello stage MODULO BAMBINI LA STRUTTURA LE ATTIVITÀ IL PERSONALE UN BAMBINO"

Transcript

1 Asilo nido Quaderno dello stage MODULO BAMBINI LA STRUTTURA LE ATTIVITÀ IL PERSONALE UN BAMBINO

2 MODULO BAMBINI Quaderno di...classe... a.s.... Nominativo tutor aziendale... Informazioni raccolte durante la prima visita con il tutor Data... Informazioni raccolte mediante: colloquio telefonico visita di persona Nominativo e ruolo del tutor all interno della struttura ospitante... orario presenza in struttura del tirocinante: dalle ore... alle ore... dalle ore... alle ore... dalle ore... alle ore... dalle ore... alle ore... dalle ore... alle ore... dalle ore... alle ore... dalle ore... alle ore... dalle ore... alle ore... dalle ore... alle ore... dalle ore... alle ore indicazioni sull abbigliamento consigliato (camice, scarpe...) 2. accordi in merito alle pause durante il turno di presenza nell ente (numero, orari, luoghi, modalità...) 3. accordi in merito modalità eventuali pasti (se previsti durante il turno di presenza nell ente) 1

3 4. informazioni relative al regolamento interno dell ente (eventuale copia del documento), altre informazioni in merito a regole particolari da seguire durante lo stage l attività si svolgerà nel periodo dal... al... Durante lo stage ricorda che Se sei impossibilitato a recarsi al tirocinio devi avvisare sia l ente che la scuola In caso di malattia devi portare il certificato medico da allegare al foglio presenze I permessi di entrata posticipata e di uscita anticipata (se sei minorenne) devono essere richiesti preventivamente alla scuola e comunicati al tutor dell ente Devi attenerti scrupolosamente alle regole dell ente Mantieni un comportamento rispettoso nei confronti dei luoghi e delle persone con le quali sei in contatto È vietato uscire dalla sede durante l orario di tirocinio È consigliabile indossare un abbigliamento comodo e adeguato al contesto Devi tenere appuntato sul vestiario il cartellino di riconoscimento. È VIETATO FUMARE OBIETTIVI DELLO STAGE Conoscere i servizi in cui in futuro si dovrà operare; Verificare le conoscenze apprese a scuola; Saper apprendere altre conoscenze e competenze; Essere di stimolo su quanto si deve ancora apprendere; COMPITI E RUOLO DEL TIROCINANTE durante l attività dello stage il tirocinante deve: Saper osservare utilizzando griglie di osservazione Saper chiedere ed ottenere le informazioni necessarie, relazionandosi con l operatore e con le altre figure professionali scegliendo i momenti appropriati per farlo Saper ascoltare Saper essere disponibile a modificare le proprie opinioni e a comprendere la realtà senza giudicarla durante l attività dello stage il tirocinante deve sapere: osservare: la struttura, l organizzazione del lavoro, le figure professionali e gli utenti attraverso griglie di osservazione, questionari, documentazione diretta e diari quotidiani. relazionare: in modo appropriato con gli altri rispettando le regole dell ambiente. affiancare: l operatore nei vari momenti della giornata senza mai prendere iniziative personali al termine dello stage il tirocinante deve essere in grado di: interagire correttamente con tutte le figure professionali presenti nella struttura; documentare ogni attività-esperienza come patrimonio di un lavoro efficacemente svolto; interagire correttamente con gli utenti individuando i loro bisogni. 2

4 LA STRUTTURA SCHEDA PER LA RILEVAZIONE DELLE INFORMAZIONI SULLA STRUTTURA, GLI SPAZI E GLI ARREDI NOME DELL ASILO NIDO:... INDIRIZZO:... GESTITO DA:... se privato è: accreditato accreditato convenzionato autorizzato dal Comune In quale tipologia di edificio ha sede il nido? (palazzina, palazzo, condominio...) Qual è lo stato di conservazione dell edificio L edificio è facilmente raggiungibile con i mezzi pubblici? E con quelli privati? La presenza del nido è segnalata all esterno dell edificio? Se si, specifica in che modo... Piano dell edificio nel quale è ubicato il Nido... Sono presenti barriere architettoniche all ingresso? Se si, quali?... Nel medesimo edificio sono ubicati altri servizi? Se si, quali?... All esterno c è uno spazio recintato ed attrezzato (anche se terrazzo) Se si, descriverne brevemente la caratteristiche (dimensioni, attrezzature, giochi...) Gli spazi adibiti alle diverse funzioni sono caratterizzati in modo da facilitarne il riconoscimento da parte dei bambini? Se si in che modo? Gli spazi delle sezioni e/o il salone sono stati organizzati in angoli e/o centri di interesse adibiti a diverse attività? Se si, cosa è stato utilizzato per suddividere ed articolare lo spazio? (elementi di arredo, opere in muratura,...)... Se si, quali angoli e/o centri di interesse sono stati realizzati? 3

5 Quali sono i colori prevalenti degli arredi? Tra gli arredi, hai rilevato elementi che ritieni possano risultare poco sicuri o pericolosi per i bambini? Se si, quali sono e perché li ritieni poco sicuri? Di che colore sono le pareti?... L organizzazione dello spazio e degli arredi rendono accogliente il nido? Quali ambienti sono riservate al personale? (cucina, spogliatoio...) Quante e quali sezioni sono presenti? Di quali ambienti dispone ciascuna sezione? SEZIONE PICCOLI MEDI PICCOLI MEDI GRANDI GRANDI AMBIENTI DI CUI DISPONE Gli ambienti sono ubicati tutti sullo stesso piano? Se no, come sono divisi per piano? Gli ambienti sono in buono stato? (ben illuminati, riscaldati...) A tuo parere gli ambienti sono di dimensioni adeguate all uso cui sono destinati? Se no, quali risultano troppo piccoli o grandi? Aiutandoti con la pianta per la sicurezza appesa alle pareti (dove sono indicate le via di fuga), prova a disegnare la piantina del nido, cercando di riportare gli spazi principali (interni ed esterni) e ciò che li caratterizza. 4

6 SCHEDA PER LA RILEVAZIONE DELLE INFORMAZIONI SU I BAMBINI FREQUENTANTI, RAPPORTI ASILO NIDO-FAMIGLIE, ASILO NIDO E ALTRI SERVIZI PRESENTI SUL TERRITORIO Quanti bambini frequentano il nido?... Sono, in prevalenza, residenti vicino al nido? Sono stati accolti tutti i bambini le cui famiglie hanno fatto domanda? Se no, quanti bambini sono rimasti esclusi?... Quali criteri sono stati seguiti per stabilire quali bambini dovevano essere ammessi? Da quali tipologie familiari (socioculturali) provengono, in maggioranza, i bambini frequentanti? Frequentano il nido bambini disabili? Se si, quanti?... Per i bambini disabili è stato formulato un progetto educativo individualizzato? Nella sezione frequentata dal bambino disabile è presente un educatrice aggiuntiva? Frequentano il nido bambini provenienti da famiglie seguite dai Servizi Sociali? Se si, quanti?... Frequentano il nido bambini originari da altre nazioni? Se si, quanti?... Da quali nazioni provengono?... Ci sono state famiglie dei bambini frequentanti che, in base alla cultura di provenienza, hanno fatto richieste particolari (es: alimentazione) Se si, in quale modo è stato risposto a tale richieste?... Quali momenti di incontro sono previsti con i genitori dei bambini frequentanti? Le famiglie, in genere, partecipano attivamente a tali momenti e a quali in particolare? Si mettono in atto strategie per sollecitare la partecipazione dei genitori? Se si, quali?... Quali tipologie familiari, in genere, sono più difficilmente coinvolgibili nella vita del nido? 5

7 Quotidianamente quando i genitori accompagnano i bambini al nido, hanno modo di colloquiare con l educatore Giornalmente si provvede ad informare i genitori su ciò che è stato svolto al nido? Se si, le comunicazioni sono relative solo al singolo bambino (pranzo,bagno, attività...) Se si, sono previste modalità di comunicazione scritta (bacheche, moduli prestampati...) Il nido collabora con altri servizi (sociali, educativi...) presenti sul territorio? se si, con quali:... a quale scopo?... con quali modalità?... L asilo nido ha predisposto un suo sito web? Se si, è composto di una solo pagina informativa (nome, indirizzo, tel....) Se è articolato in più pagine, queste sono suddivise per argomento? Quali sono le notizie riportate? (elenca i titoli degli argomenti) Sono visibili fotografie o filmati del nido? Se si, descrivi brevemente... Sono previste le FAQ (domande più frequenti) È stato predisposto un forum nel quale i genitori possono comunicare anche fra di loro? Chi si occupa di aggiornare il sito?... Secondo il tuo personale giudizio ritieni che il sito sia: gradevole nell aspetto grafico (impostazione, colori, caratteri...) facilmente consultabile? Spiega i motivi del tuo giudizio... Nel caso in cui te ne fosse data la possibilità, quali suggerimenti proporresti per migliorare il sito? 6

8 LE ATTIVITÀ Schede per raccogliere informazioni sulle attività COME È ORGANIZZATA LA GIORNATA TIPO AL NIDO DALLE ORE ALLE ORE ATTIVITÀ MATERIALE UTILIZZATO PERSONALE PRESENTE Le attività che hai viso svolgere quotidianamente erano state precedentemente programmate? Se si, te ne sei accorto perché: lo hai chiesto all educatrice lo spazio e i materiali era stati predisposti e organizzati in precedenza l educatrice aveva tutto sotto controllo Quali sono le routines giornaliere che hai visto svolgere? Ricorda che le otto schede che seguono, alcune devono essere utilizzate per osservare le attività di routines ed almeno una per osservare le attività musicali. 7

9 Scheda di osservazione attività n. 1 Asilo nido - Quaderno dello stage data... età dei partecipanti... numero dei bambini che hanno partecipato all attività... durata dell attività (in minuti)... ATTIVITÀ OSSERVATA... descrizione dell attività finalità dell attività:... materiale utilizzato:... descrivi quello che tu hai fatto durante l attività:... descrivi quello che hai provato durante l attività (difficoltà emozioni, gratificazioni) le informazioni ricevute sono state sufficienti per un tuo coinvolgimento nella attività: se si perché?... se no perché?... Scheda di osservazione attività n. 2 data... età dei partecipanti... numero dei bambini che hanno partecipato all attività... durata dell attività (in minuti)... ATTIVITÀ OSSERVATA... descrizione dell attività finalità dell attività:... materiale utilizzato:... descrivi quello che tu hai fatto durante l attività:... descrivi quello che hai provato durante l attività (difficoltà emozioni, gratificazioni) le informazioni ricevute sono state sufficienti per un tuo coinvolgimento nella attività: se si perché?... se no perché?... 8

10 Scheda di osservazione attività n. 3 Asilo nido - Quaderno dello stage data... età dei partecipanti... numero dei bambini che hanno partecipato all attività... durata dell attività (in minuti)... ATTIVITÀ OSSERVATA... descrizione dell attività finalità dell attività:... materiale utilizzato:... descrivi quello che tu hai fatto durante l attività:... descrivi quello che hai provato durante l attività (difficoltà emozioni, gratificazioni) le informazioni ricevute sono state sufficienti per un tuo coinvolgimento nella attività: se si perché?... se no perché?... Scheda di osservazione attività n. 4 data... età dei partecipanti... numero dei bambini che hanno partecipato all attività... durata dell attività (in minuti)... ATTIVITÀ OSSERVATA... descrizione dell attività finalità dell attività:... materiale utilizzato:... descrivi quello che tu hai fatto durante l attività:... descrivi quello che hai provato durante l attività (difficoltà emozioni, gratificazioni) le informazioni ricevute sono state sufficienti per un tuo coinvolgimento nella attività: se si perché?... se no perché?... 9

11 Scheda di osservazione attività n. 5 Asilo nido - Quaderno dello stage data... età dei partecipanti... numero dei bambini che hanno partecipato all attività... durata dell attività (in minuti)... ATTIVITÀ OSSERVATA... descrizione dell attività finalità dell attività:... materiale utilizzato:... descrivi quello che tu hai fatto durante l attività:... descrivi quello che hai provato durante l attività (difficoltà emozioni, gratificazioni) le informazioni ricevute sono state sufficienti per un tuo coinvolgimento nella attività: se si perché?... se no perché?... Scheda di osservazione attività n. 6 data... età dei partecipanti... numero dei bambini che hanno partecipato all attività... durata dell attività (in minuti)... ATTIVITÀ OSSERVATA... descrizione dell attività finalità dell attività:... materiale utilizzato:... descrivi quello che tu hai fatto durante l attività:... descrivi quello che hai provato durante l attività (difficoltà emozioni, gratificazioni) le informazioni ricevute sono state sufficienti per un tuo coinvolgimento nella attività: se si perché?... se no perché?... 10

12 Scheda di osservazione attività n. 7 Asilo nido - Quaderno dello stage data... età dei partecipanti... numero dei bambini che hanno partecipato all attività... durata dell attività (in minuti)... ATTIVITÀ OSSERVATA... descrizione dell attività finalità dell attività:... materiale utilizzato:... descrivi quello che tu hai fatto durante l attività:... descrivi quello che hai provato durante l attività (difficoltà emozioni, gratificazioni) le informazioni ricevute sono state sufficienti per un tuo coinvolgimento nella attività: se si perché?... se no perché?... Scheda di osservazione attività n. 8 data... età dei partecipanti... numero dei bambini che hanno partecipato all attività... durata dell attività (in minuti)... ATTIVITÀ OSSERVATA... descrizione dell attività finalità dell attività:... materiale utilizzato:... descrivi quello che tu hai fatto durante l attività:... descrivi quello che hai provato durante l attività (difficoltà emozioni, gratificazioni) le informazioni ricevute sono state sufficienti per un tuo coinvolgimento nella attività: se si perché?... se no perché?... 11

13 Hai avuto modo di visionare la progettazione e/o il progetto educativo? Se si, descrivi brevemente quali parti ed elementi del documento hai trovato di facile comprensione e quali invece ti sono risultati non chiari e ritieni possano essere argomento di ulteriore approfondimento una volta tornato a scuola hai avuto la possibilità di visionare altri documenti (qualità, haccp, sicurezza...) se si, elencali... 12

14 IL PERSONALE Schede per la rilevazione delle informazioni sul personale Elenca le figure professionali (tutte) che lavorano all interno del nido, i compiti e le mansioni che svolgono Figura professionale Compiti e mansioni GRIGLIA PER L INTERVISTA AD UN EDUCATORE DI ASILO NIDO Come è articolato il suo orario di servizio? (quante ore frontali a diretto contatto con i bambini, quante ore non frontali ) Quali mansioni svolge più frequentemente durante le ore frontali? Quali competenze sono richieste per il loro svolgimento? 13

15 Come impiega, in prevalenza, le ore non frontali? Quali ulteriori competenze richiedono questi altri compiti? Quali sono gli aspetti che giudica più gratificanti nel suo lavoro? Quali meno gratificanti? Da quanto tempo svolge questa professione? Quale curriculum formativo ha seguito per prepararsi alla professione? Quanto tempo È intercorso tra i conseguimento del titolo e l assunzione? La preparazione conseguita si È rivelata adatta ai compiti specifici della professione? In caso contrario, in cosa e stata carente?... Quali sono state le motivazioni personali che hanno sostenuto questa scelta professionale? Le aspettative rispetto al lavoro che ha scelto sono state confermate? Secondo la sua esperienza personale, quale tipo di preparazione e quali conoscenze e competenze dovrebbe maturare una persona che aspira a fare l educatore di asilo nido? Quali gratificazioni inattese ha trovato nello svolgimento della professione? 14

16 UN BAMBINO Le schede sottoriportate devono essere utilizzate per l osservazione di un solo bambino ETÀ... SESSO... MOTRICITÀ GENERALE regge la testa sta seduto gattona sta seduto gattona si alza da solo corre sa saltare da un rialzo sale e scende le scale Si muove tanto poco È impacciato nei movimenti? Come affronta gli ostacoli? (si impaurisce - vi sbatte contro - li evita ecc.) Come usa la motricità in gruppo (si blocca - è sfrenato - ecc.) Preferisce il gioco di movimento o da fermo? Ha difficoltà a seguire percorsi prestabiliti (linea, sgabelli, mattoni, ecc.) Ha equilibrio? Ha un solo ritmo nel camminare? Sa adattarsi a ritmi esterni (tamburello, battito delle mani, ecc.) Sa adattarsi a variazioni di ritmo (piano, veloce, ecc.) Sa orientarsi nello spazio all interno del nido 15

17 MOTRICITÀ FINE si no qualche volta con difficoltà afferra gli oggetti li passa da una mano all altra per afferrare utilizza il con il palmo della mano afferra tra pollice e indice sa prendere la palla con le mani sa infilare gli oggetti di varie dimensioni sa utilizzare i colori a dita sa tenere in mano il pennello (come usa il foglio) sa strappare sa appallottolare la carta comincia a fare uso delle forbici SCHEMA CORPOREO quale parti del corpo conosce su se stesso? quale parti del corpo conosce su gli altri? SONNO - ALIMENTAZIONE - CONTROLLO SFINTERICO ha ritmi regolari di sonno si è adattato ai ritmi del nido si addormenta con particolari modalità se si, quali... mangia MOLTO POCO NORMALE mangia da solo quali sono gli utensili che utilizza in modo adeguato? mangia solo con particolari modalità? se si, quali... ha raggiunto il controllo sfinterico PARZIALMENTE 16

18 LINGUAGGIO Si esprime attraverso: LALLAZIONE PRIME PAROLE PAROLA - FRASE PRIME FRASI si esprime solo a parole staccate si esprime con frasi se si, fai un esempio:... parla POCO MOLTO MEDIAMENTE riconosce e denomina gli oggetti se si, fai degli esempi... riconosce e denomina le figure se si, fai degli esempi... comprende ordini semplici se si, quali... LINGUAGGIO VERBALE E NON VERBALE accompagna il gesto alla parola se si, fai degli esempi... comunica coi compagni (illustra le modalità):... comunica con gli adulti (illustra le modalità):... SOCIALIZZAZIONE sta bene con gli adulti preferisce stare con un/a educatore/trice in particolare sta bene con gli altri bambini quando è al nido cerca i genitori e / o altre figure di riferimento cerca i compagni SI SEMPRE GLI STESSI SEMPRE LO STESSO NO in che modo entra in rapporto coi compagni (sorride, è aggressivo, parla, ecc....) tende a giocare da solo tende a giocare in modo autonomo quando gioca desidera essere guardato e sollecitato dall adulto giochi preferiti (elencarne alcuni)... tende a rimanere isolato in momenti particolari? se si, quali... 17

19 Diari quotidiani DIARIO QUOTIDIANO n. 1 DATA... DESCRIVI QUELLO CHE HAI VISTO SVOLGERE:... DESCRIVI QUELLO CHE HAI FATTO:... DESCRIVI QUELLO CHE HAI PROVATO: (EMOZIONI, GRATIFICAZIONI) DIFFICOLTÀ INCONTRATE:... AL RIENTRO A SCUOLA: VORREI AVERE ULTERIORI INFORMAZIONI IN MERITO A DIARIO QUOTIDIANO n. 2 DATA... DESCRIVI QUELLO CHE HAI VISTO SVOLGERE:... DESCRIVI QUELLO CHE HAI FATTO:... DESCRIVI QUELLO CHE HAI PROVATO: (EMOZIONI, GRATIFICAZIONI) DIFFICOLTÀ INCONTRATE:... AL RIENTRO A SCUOLA: VORREI AVERE ULTERIORI INFORMAZIONI IN MERITO A 18

20 Diari quotidiani DIARIO QUOTIDIANO n. 3 DATA... DESCRIVI QUELLO CHE HAI VISTO SVOLGERE:... DESCRIVI QUELLO CHE HAI FATTO:... DESCRIVI QUELLO CHE HAI PROVATO: (EMOZIONI, GRATIFICAZIONI) DIFFICOLTÀ INCONTRATE:... AL RIENTRO A SCUOLA: VORREI AVERE ULTERIORI INFORMAZIONI IN MERITO A DIARIO QUOTIDIANO n. 4 DATA... DESCRIVI QUELLO CHE HAI VISTO SVOLGERE:... DESCRIVI QUELLO CHE HAI FATTO:... DESCRIVI QUELLO CHE HAI PROVATO: (EMOZIONI, GRATIFICAZIONI) DIFFICOLTÀ INCONTRATE:... AL RIENTRO A SCUOLA: VORREI AVERE ULTERIORI INFORMAZIONI IN MERITO A 19

21 Diari quotidiani DIARIO QUOTIDIANO n. 5 DATA... DESCRIVI QUELLO CHE HAI VISTO SVOLGERE:... DESCRIVI QUELLO CHE HAI FATTO:... DESCRIVI QUELLO CHE HAI PROVATO: (EMOZIONI, GRATIFICAZIONI) DIFFICOLTÀ INCONTRATE:... AL RIENTRO A SCUOLA: VORREI AVERE ULTERIORI INFORMAZIONI IN MERITO A DIARIO QUOTIDIANO n. 6 DATA... DESCRIVI QUELLO CHE HAI VISTO SVOLGERE:... DESCRIVI QUELLO CHE HAI FATTO:... DESCRIVI QUELLO CHE HAI PROVATO: (EMOZIONI, GRATIFICAZIONI) DIFFICOLTÀ INCONTRATE:... AL RIENTRO A SCUOLA: VORREI AVERE ULTERIORI INFORMAZIONI IN MERITO A 20

22 Diari quotidiani DIARIO QUOTIDIANO n. 7 DATA... DESCRIVI QUELLO CHE HAI VISTO SVOLGERE:... DESCRIVI QUELLO CHE HAI FATTO:... DESCRIVI QUELLO CHE HAI PROVATO: (EMOZIONI, GRATIFICAZIONI) DIFFICOLTÀ INCONTRATE:... AL RIENTRO A SCUOLA: VORREI AVERE ULTERIORI INFORMAZIONI IN MERITO A DIARIO QUOTIDIANO n. 8 DATA... DESCRIVI QUELLO CHE HAI VISTO SVOLGERE:... DESCRIVI QUELLO CHE HAI FATTO:... DESCRIVI QUELLO CHE HAI PROVATO: (EMOZIONI, GRATIFICAZIONI) DIFFICOLTÀ INCONTRATE:... AL RIENTRO A SCUOLA: VORREI AVERE ULTERIORI INFORMAZIONI IN MERITO A 21

23 Diari quotidiani DIARIO QUOTIDIANO n. 9 DATA... DESCRIVI QUELLO CHE HAI VISTO SVOLGERE:... DESCRIVI QUELLO CHE HAI FATTO:... DESCRIVI QUELLO CHE HAI PROVATO: (EMOZIONI, GRATIFICAZIONI) DIFFICOLTÀ INCONTRATE:... AL RIENTRO A SCUOLA: VORREI AVERE ULTERIORI INFORMAZIONI IN MERITO A DIARIO QUOTIDIANO n. 10 DATA... DESCRIVI QUELLO CHE HAI VISTO SVOLGERE:... DESCRIVI QUELLO CHE HAI FATTO:... DESCRIVI QUELLO CHE HAI PROVATO: (EMOZIONI, GRATIFICAZIONI) DIFFICOLTÀ INCONTRATE:... AL RIENTRO A SCUOLA: VORREI AVERE ULTERIORI INFORMAZIONI IN MERITO A 22

24 Adesso mi valuto da solo: AUTOVALUTAZIONE Ho capito l organizzazione che mi ha ospitato Ho capito i servizi che sono erogati dall ente Ho capito le mansioni svolte dai vari operatori Ho capito quali sono gli strumenti necessari per tali attività Sono stato puntuale Ho rispettato le regole concordato con il tutor dell ente Sono stato in grado di accettare le critiche che mi sono state rivolte Sono stato in grado di modificare il mio comportamento seguendo i suggerimenti degli operatori Quando mi sono trovato in difficoltà ho saputo domandare aiuto alla persona giusta Le conoscenze e le competenze apprese a scuola mi sono state utili I compiti che mi sono stati affidati li ho svolti: Completamente da solo/a Velocemente Senza sbagliare Rifacendoli più di una volta Attenendomi alle istruzioni date Apportando delle piccole modifiche Ho dialogato con il personale dell ente: Come con i professori Come con un amico Mi sentivo a disagio Tranquillamente RICORDATI DI ALLEGARE IL MATERIALE RACCOLTO: - pianta del nido - eventuali disegni ricevuti in dono dai bambini - copia della progettazione e/o progetto educativo - foto (ricorda di chiedere l autorizzazione al tutor e di NON riprendere MAI i bambini) - altro... 23

25 GUIDA ALLA RELAZIONE La relazione dello stage è un testo informativo mediante il quale si presentano in modo ordinato (descrizione oggettiva e soggettiva) dati e fatti relativi all esperienza fatta. Il requisito essenziale della relazione è la chiarezza: tutte le informazioni devono essere esposte con ordine, seguendo un preciso piano di lavoro. Utilizzando i dati che hai raccolto nel quaderno dello stage redigi la relazione di fine stage inserendo i seguenti argomenti: - introduzione: informazioni relative all esperienza: breve introduzione (chi sei, cosa fai), quando e perché hai fatto questo tipo di esperienza - descrizione della struttura: interno ed esterno - descrizione della tipologia di utenza - descrizione del personale - descrizione della giornata tipo dell ente (orai, attività) - dati relativi all osservazione svolta su un bambino - le tue giornate nell ente: attività a cui hai partecipato, compiti svolti, difficoltà incontrate, gratificazioni... - autovalutazione dell esperienza - riflessioni: ti è piaciuta questa esperienza? (spiega perché); cosa ti è piaciuto di più e cosa meno? (spiega perché); quali sono state le emozioni prevalenti? cosa cambieresti prima (in classe), durante e dopo l esperienza? (spiega perché) 24

Centro diurno. Quaderno dello stage STRUTTURA E TIPOLOGIA DI SERVIZIO MODULO DISABILI GLI OSPITI LE ATTIVITÀ GLI OPERATORI

Centro diurno. Quaderno dello stage STRUTTURA E TIPOLOGIA DI SERVIZIO MODULO DISABILI GLI OSPITI LE ATTIVITÀ GLI OPERATORI Centro diurno Quaderno dello stage MODULO DISABILI STRUTTURA E TIPOLOGIA DI SERVIZIO GLI OSPITI LE ATTIVITÀ GLI OPERATORI MODULO DISABILI Quaderno di...classe... a.s.... Nominativo tutor aziendale... Informazioni

Dettagli

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili In questa unità didattica sono indicate alcune modalità di comportamento con persone disabili, in modo da migliorare la conoscenza rispetto

Dettagli

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI 1 ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO / CAROSINO Anno scolastico 2013-2014 QUESTIONARIO CONOSCITIVO Nota: Il presente questionario è predisposto per gli alunni del

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA DIREZIONE DIDATTICA DI CASTEL MAGGIORE PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA Nelle Indicazioni Nazionali per i Piani di Studio Personalizzati delle Attività Educative nella Scuola dell Infanzia

Dettagli

IL MOVIMENTO Sperimentare gli schemi motori statici e dinamici di base:correre, saltare,gattonare, rotolare, strisciare e lanciare.

IL MOVIMENTO Sperimentare gli schemi motori statici e dinamici di base:correre, saltare,gattonare, rotolare, strisciare e lanciare. COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE IL CORPO E CAMPI D ESPERIENZA: IL CORPO E TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA Il bambino vive pienamente la propria corporeità,

Dettagli

Controllo della qualità dei servizi per l impiego e di tutela dei disabili. Informazioni per gli assistiti

Controllo della qualità dei servizi per l impiego e di tutela dei disabili. Informazioni per gli assistiti Controllo della qualità dei servizi per l impiego e di tutela dei disabili Informazioni per gli assistiti Indice Sommario... 3 Controllo della qualità 3 La verifica 3 Commenti degli assistiti 3 Esiti 3

Dettagli

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B (Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B A.s. 2010/2011 1 Con un genitore o di un adulto che ti conosce bene, rivivi il momento bellissimo della tua nascita e poi, con il suo aiuto, raccogli foto,

Dettagli

Scuola Secondaria I grado VITTORIA COLONNA a.s 2014/2015 PROGETTO ACCOGLIENZA PERCORSO DI ACCOGLIENZA CLASSI PRIME

Scuola Secondaria I grado VITTORIA COLONNA a.s 2014/2015 PROGETTO ACCOGLIENZA PERCORSO DI ACCOGLIENZA CLASSI PRIME Scuola Secondaria I grado VITTORIA COLONNA a.s 2014/2015 PROGETTO ACCOGLIENZA PERCORSO DI ACCOGLIENZA CLASSI PRIME Premessa Il progetto accoglienza è un momento fondamentale per l'inserimento dei nuovi

Dettagli

Quaderno Operativo per lo svolgimento del Tirocinio di Formazione e Orientamento degli Studenti e dei Laureati

Quaderno Operativo per lo svolgimento del Tirocinio di Formazione e Orientamento degli Studenti e dei Laureati Quaderno Operativo per lo svolgimento del Tirocinio di Formazione e Orientamento degli Studenti e dei Laureati Anno Accademico _2009/2010 Dati personali dello Studente/Laureato Cognome Nome Luogo e data

Dettagli

SEMPLICI INDICAZIONI PER CAPIRE MEGLIO LA REALTÀ AZIENDALE

SEMPLICI INDICAZIONI PER CAPIRE MEGLIO LA REALTÀ AZIENDALE Nome........ Classe. SEMPLICI INDICAZIONI PER CAPIRE MEGLIO LA REALTÀ AZIENDALE Perché perché Ci sono tanti buoni motivi per impegnarsi nello stage? Individua 3 buoni motivi per cui ritieni che valga la

Dettagli

Asilo nido Centro ricreativo Centro educativo. Progetto Educativo Asilo Piccoli Passi

Asilo nido Centro ricreativo Centro educativo. Progetto Educativo Asilo Piccoli Passi Progetto Educativo Asilo Piccoli Passi Asilo Asilo nido nido Centro Centro ricreativo ricreativo Centro Centro educativo educativo Indroduzione Il desiderio di aprire l Asilo Nido nasce da un istintivo

Dettagli

LA SALA DELLE FARFALLE

LA SALA DELLE FARFALLE GIOCHI D INTIMITA CON LA CREMA Obiettivi: Favorire il rilassamento. Promuovere e consolidare la percezione dello schema corporeo. Incentivare la relazione di fiducia tra adulto e bambino. Stimolare la

Dettagli

Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco

Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco. L asilo nido Collodi, gestito dalla Cooperativa Accomazzi per conto della Città di Piossasco, accoglie 45 bambini dai 6 ai 36 mesi. Aspetto

Dettagli

COME AFFRONTARE UN COLLOQUIO DI SELEZIONE

COME AFFRONTARE UN COLLOQUIO DI SELEZIONE Emanuele Lajolo di Cossano COME AFFRONTARE UN COLLOQUIO DI SELEZIONE Università degli Studi - Torino, 19 aprile 2010 La prima cosa da fare PERCHE SONO QUI? QUAL E IL MIO OBIETTIVO? CHE COSA VOGLIO ASSOLUTAMENTE

Dettagli

PLIDA Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza in lingua italiana

PLIDA Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza in lingua italiana PLIDA Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza in lingua italiana giugno 2011 PARLARE Livello MATERIALE PER L INTERVISTATORE 2 PLIDA Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri

Dettagli

1) Il mio avatar: uguali o diversi? L esercizio permette di apprendere il concetto di avatar e comprenderne la tipologia.

1) Il mio avatar: uguali o diversi? L esercizio permette di apprendere il concetto di avatar e comprenderne la tipologia. DISCUSSION STARTERS - Definisci a parole tue cosa è un avatar. - Quali sono le funzioni psicologiche dell avatar? - L avatar può essere sempre come tu lo vorresti? - Quanti tipi di avatar conosci? - In

Dettagli

(LOGO ISTITUTO) sede - settore - LA MIA ESPERIENZA IN AZIENDA DIARIO

(LOGO ISTITUTO) sede - settore - LA MIA ESPERIENZA IN AZIENDA DIARIO (LOGO ISTITUTO) sede - settore - LA MIA ESPERIENZA IN AZIENDA DIARIO Cognome e nome dello/a studente/ssa che compila il diario Denominazione dell Azienda Indirizzo Settore produttivo Tipo di Azienda Lavora

Dettagli

Progetto formativo e di orientamento per attività di tirocinio relativo alla convenzione sottoscritta tra il Politecnico di Torino

Progetto formativo e di orientamento per attività di tirocinio relativo alla convenzione sottoscritta tra il Politecnico di Torino Progetto formativo e di orientamento per attività di tirocinio relativo alla convenzione sottoscritta tra il Politecnico di Torino e l'azienda PROVINCIA DI TORINO Monitoraggio degli spostamenti casa scuola

Dettagli

COMPETENZA TRASVERSALE COMPORTAMENTO RUBRICA VALUTATIVA CLASSI PRIMA E SECONDA

COMPETENZA TRASVERSALE COMPORTAMENTO RUBRICA VALUTATIVA CLASSI PRIMA E SECONDA COMPETENZA TRASVERSALE COMPORTAMENTO RUBRICA VALUTATIVA CLASSI PRIMA E SECONDA DIMENSIONI INDICATORI ANCORE RELAZIONE CON GLI ALTRI E RISPETTO DELLE REGOLE DI CONVIVENZA Partecipa a scambi comunicativi

Dettagli

SCUOLA STATALE DELL INFANZIA QUADRIFOGLIO MADONNA DI TIRANO

SCUOLA STATALE DELL INFANZIA QUADRIFOGLIO MADONNA DI TIRANO SCUOLA STATALE DELL INFANZIA QUADRIFOGLIO MADONNA DI TIRANO PROGETTO DI SEDE Destinatari : Bambini tra i due e i tre anni Tempi : da settembre 2015 a giugno 2016 RESPONSABILE DEL PROGETTO : Cairoli Renata

Dettagli

Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate!

Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate! Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate! Il Consiglio d'europa è un'organizzazione internazionale con 47 paesi membri. La sua attività coinvolge 150 milioni

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI PER L INFANZIA 0 3 ANNI AMBITO TERRITORIALE IX 2004. Finalità, principi e criteri di attuazione. Parte I

CARTA DEI SERVIZI PER L INFANZIA 0 3 ANNI AMBITO TERRITORIALE IX 2004. Finalità, principi e criteri di attuazione. Parte I 1 CARTA DEI SERVIZI PER L INFANZIA 0 3 ANNI AMBITO TERRITORIALE IX 2004 I nidi d Infanzia e i servizi integrativi costituiscono il sistema dei servizi educativi e si configurano come centri territoriali

Dettagli

Virginia Evans - Jenny Dooley

Virginia Evans - Jenny Dooley Virginia Evans - Jenny Dooley Virginia Evans - Jenny Dooley CONTENTS A letter for you (Una lettera per te)... p. 5 I. Language Passport (Passaporto linguistico)... p. 7 II. Language Biography (Biografia

Dettagli

Romanzi, avventure,parole,figure. Le ore azzurre delle letture tu senza orologio le misurerai. I libri non finiscono mai B. Tognolini LIBRI A..

Romanzi, avventure,parole,figure. Le ore azzurre delle letture tu senza orologio le misurerai. I libri non finiscono mai B. Tognolini LIBRI A.. ISTITUTO COMPRENSIVO U. FERRARI DI CASTELVERDE SCUOLA DELL INFANZIA DI CORTE DE FRATI Romanzi, avventure,parole,figure. Le ore azzurre delle letture tu senza orologio le misurerai. I libri non finiscono

Dettagli

Progetto Organizzativo

Progetto Organizzativo Progetto Organizzativo CRITERI DI ACCESSO AL SERVIZIO Il bambino per il quale si richiede il servizio deve avere un età compresa dai 3 mesi e i 13 anni. Date le esigenze delle famiglie, punti di forza

Dettagli

Anno scolastico 2015 2016

Anno scolastico 2015 2016 SCUOLA DELL INFANZIA DON IPPOLITO e Nido Integrato IL GIARDINO INCANTATO Via Garibaldi, 1 37060 CASTEL D AZZANO (VR) Tel. e Fax 045 /512293 e-mail: info@infanziadonippolitozerosei.it Anno scolastico 2015

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PIANELLO V.T. RILEVAZIONE BISOGNI FORMATIVI DEL TERRITORIO E SODDISFAZIONE DEI NOSTRI UTENTI

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PIANELLO V.T. RILEVAZIONE BISOGNI FORMATIVI DEL TERRITORIO E SODDISFAZIONE DEI NOSTRI UTENTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PIANELLO V.T. RILEVAZIONE BISOGNI FORMATIVI DEL TERRITORIO E SODDISFAZIONE DEI NOSTRI UTENTI Questionario studenti L'offerta formativa della scuola è tanto più efficace quanto più

Dettagli

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi Introduzione Tina e Toni è un programma di prevenzione globale destinato alle strutture che accolgono bambini dai 4 ai 6 anni, come le scuole dell infanzia, le strutture d accoglienza e i centri che organizzano

Dettagli

L'esame orale per il livello C1

L'esame orale per il livello C1 L'esame orale per il livello C1 In cosa consiste l esame? E' una prova orale durante la quale dovete esprimervi nella lingua dell esame: - in una situazione informale della vita universitaria in cui dovete

Dettagli

Corso formazione per baby sitter: requisiti trasversali di qualità

Corso formazione per baby sitter: requisiti trasversali di qualità COMUNE DI BOLOGNA ALLEGATO al: PROTOCOLLO D INTESA tra IL COMUNE DI BOLOGNA E IMPRESE, COOPERATIVE E ASSOCIAZIONI PER L ATTUAZIONE DEL PROGETTO SPERIMENTALE TATA BOLOGNA PER UN SERVIZIO DI BABY SITTER.

Dettagli

FAQ PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE

FAQ PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE FAQ PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE 1. Quando si possono presentare le domande? Le domande possono essere presentate durante tutto l anno, ma le graduatorie vengono fatte due volte l anno: con le domande presentate

Dettagli

LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA

LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA 1 RICEZIONE ORALE 1. Familiarizzare coi primi suoni della lingua inglese 2. Comprendere semplici espressioni di uso quotidiano, pronunciate chiaramente. 3. Comprendere,

Dettagli

SCHEDA VALUTAZIONE DOCUMENTO SOGGETTO A REGISTRAZIONE OBBLIGATORIA

SCHEDA VALUTAZIONE DOCUMENTO SOGGETTO A REGISTRAZIONE OBBLIGATORIA titolo documento SCHEDA VALUTAZIONE DOCUMENTO SOGGETTO A REGISTRAZIONE OBBLIGATORIA SCOPO e CAMPO DI APPLICAZIONE Il presente modulo costituisce la scheda da utilizzare per la valutazione del processo

Dettagli

REGISTRO ATTIVITA DI STAGE

REGISTRO ATTIVITA DI STAGE REGISTRO ATTIVITA DI STAGE AZIENDA: SETTORE DELL ATTIVITA DAL AL PROGETTO FORMATIVO SCUOLA - LAVORO Anno Scolastico 2014 / 2015 Alunno Classe LIBRETTO PERSONALE DATI INERENTI L INSEGNANTE TUTOR Cognome

Dettagli

Cosa ti puoi aspettare da una relazione di coaching

Cosa ti puoi aspettare da una relazione di coaching Cosa ti puoi aspettare da una relazione di coaching L esperienza del coaching comincia nel momento in cui si decide di iniziare, nel momento in cui si programma la prima sessione, proprio perché la volontarietà

Dettagli

GRIGLIA DI RILEVAZIONE DEI PREREQUISITI IN INGRESSO PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI.

GRIGLIA DI RILEVAZIONE DEI PREREQUISITI IN INGRESSO PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI. GRIGLIA DI RILEVAZIONE DEI PREREQUISITI IN INGRESSO PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI. ALUNNO. ANNO SCOLASTICO.. CLASSE.. ABILITA PRESENTE EMERGENTE NON PRESENTE AUTONOMIA PERSONALE Si veste da solo Si sveste

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 10 VICENZA

ISTITUTO COMPRENSIVO 10 VICENZA ISTITUTO COMPRENSIVO 10 VICENZA Scuola dell infanzia Carlo Collodi REGOLAMENTO DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI La scuola è un ambiente educativo sereno, governato dal rispetto dei diritti e dei doveri di ognuno.

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO: HELLO CHILDREN!

UNITÀ DI APPRENDIMENTO: HELLO CHILDREN! Scuola dell Infanzia Ad Onore degli Eroi UNITÀ DI APPRENDIMENTO: HELLO CHILDREN! LABORATORIO DI APPROCCIO ALLA LINGUA INGLESE PER I BAMBINI DI CINQUE ANNI Anno Scolastico 2013-2014 Anno Scolastico 2013-2014

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Imperia Giocare per crescere 2014 Ambito/settore di intervento Tipologia destinatari Minori Giorni /ore di servizio N.

Dettagli

COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE

COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE 1 COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE La Scuola dell Infanzia Silvio Moretti offre il servizio di Micro-nido ai bambini residenti e non, in età compresa dai 18 ai 36 mesi. Il nido nasce per far

Dettagli

NIDO D INFANZIA PRIMI AMICI INDIRIZZO: VIA SAN NAZARIO, 73 - PROSECCO TELEFONO: 040 2528135-040 225189

NIDO D INFANZIA PRIMI AMICI INDIRIZZO: VIA SAN NAZARIO, 73 - PROSECCO TELEFONO: 040 2528135-040 225189 NIDO D INFANZIA PRIMI AMICI INDIRIZZO: VIA SAN NAZARIO, 73 - PROSECCO TELEFONO: 040 2528135-040 225189 A) PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO 1.TIPOLOGIA DEL SERVIZIO (artt. 3, 4, 5 L.R. n. 20/2005) Nido d infanzia

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI SIANO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI SIANO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI SIANO VIA SPINELLI-84088 SIANO (SA) 081/5181021,081/5181355 C.F. 95140330655 e mail SAIC89800D@ISTRUZIONE.IT SAIC89800D@PEC.ISTRUZIONE.IT www.istitutocomprensivosiano.gov.it

Dettagli

Sezioni VERDE e GIALLA PROGETTO ALIMENTAZIONE COSA MANGIO OGGI?

Sezioni VERDE e GIALLA PROGETTO ALIMENTAZIONE COSA MANGIO OGGI? Sezioni VRD e GIALLA PROGTTO ALIMNTAZION COSA MANGIO OGGI? IL Bruco Maisazio, personaggio che ha accompagnato i bambini nel progetto di continuità nido-infanzia, quest anno ci porterà alla scoperta dei

Dettagli

A.S. 2015-16 Scuole dell'infanzia Istituto Comprensivo Pescara 6

A.S. 2015-16 Scuole dell'infanzia Istituto Comprensivo Pescara 6 A.S. 2015-16 Scuole dell'infanzia Istituto Comprensivo Pescara 6 L'accoglienza prevede: 1) MOMENTI di ACCOGLIENZA DIALOGO CON I GENITORI Colloquio, su richiesta, con i responsabili di plesso al momento

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

COME SCEGLIERE ASSISTENTE NOTARILE IL CORSO PER DIVENTARE 9 UTILISSIMI CONSIGLI PER NON SPRECARE TEMPO E DENARO!

COME SCEGLIERE ASSISTENTE NOTARILE IL CORSO PER DIVENTARE 9 UTILISSIMI CONSIGLI PER NON SPRECARE TEMPO E DENARO! COME SCEGLIERE IL CORSO PER DIVENTARE ASSISTENTE NOTARILE 9 UTILISSIMI CONSIGLI PER NON SPRECARE TEMPO E DENARO! 1 CORSO PROFESSIONALE PER ASSISTENTE NOTARILE. COME SCEGLIERE IL CENTRO DI FORMAZIONE. Il

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO U. FERRARI DI CASTELVERDE SCUOLA DELL INFANZIA IL GIRASOLE SAN MARTINO IN BELISETO PROGETTO DI PRIMA ALFABETIZZAZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO U. FERRARI DI CASTELVERDE SCUOLA DELL INFANZIA IL GIRASOLE SAN MARTINO IN BELISETO PROGETTO DI PRIMA ALFABETIZZAZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO U. FERRARI DI CASTELVERDE SCUOLA DELL INFANZIA IL GIRASOLE SAN MARTINO IN BELISETO PROGETTO DI PRIMA ALFABETIZZAZIONE BAMBINI NEL MONDO ANNO SCOLASTICO 2012/13 MOTIVAZIONE L acquisizione

Dettagli

VALUTARE LE COMPETENZE: SFIDE APERTE

VALUTARE LE COMPETENZE: SFIDE APERTE Milano IC via Scialoia VALUTARE LE COMPETENZE: SFIDE APERTE Mario Castoldi settembre 2009 VALUTARE LE COMPETENZE: IL PROBLEMA L ICEBERG DELLA COMPETENZA ABILITA C O N O SC E N Z E CHE COSA SI APPRENDE?

Dettagli

Informazioni utili per la ricerca di un posto di apprendistato

Informazioni utili per la ricerca di un posto di apprendistato Informazioni utili per la ricerca di un posto di apprendistato Qui trovi alcuni suggerimenti e liste di controllo da stampare. Suggerimenti per la ricerca di un posto di apprendistato Fai il possibile

Dettagli

JOB&ORIENTA 2015 PROPOSTA DI UNO STRUMENTO PER LE SCUOLE SECONDARIE DI II GRADO ACCOMPAGNAMENTO DELLO STUDENTE ALLA VISITA AL JOB ESEMPIO DI TRACCIA

JOB&ORIENTA 2015 PROPOSTA DI UNO STRUMENTO PER LE SCUOLE SECONDARIE DI II GRADO ACCOMPAGNAMENTO DELLO STUDENTE ALLA VISITA AL JOB ESEMPIO DI TRACCIA Allegato 2 ACCOMPAGNAMENTO DELLO STUDENTE ALLA VISITA AL JOB ESEMPIO DI TRACCIA Premessa per i Docenti delle Scuole secondarie di secondo grado Si riporta di seguito un esempio di traccia, uno strumento

Dettagli

SCHEDA FEDERAVO n 5 (data ultimo aggiornamento gennaio 2010) IL VOLONTARIO CHE LASCIA L AVO

SCHEDA FEDERAVO n 5 (data ultimo aggiornamento gennaio 2010) IL VOLONTARIO CHE LASCIA L AVO SCHEDA FEDERAVO n 5 (data ultimo aggiornamento gennaio 2010) IL VOLONTARIO CHE LASCIA L AVO Obiettivo della scheda: approfondire i motivi per i quali il volontario sta lasciando l AVO e verificare se qualche

Dettagli

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002 . Associazione di insegnanti e ricercatori sulla didattica della storia Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno 5 marzo 2002 Ho comunicato ai bambini che avremo

Dettagli

Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr MIUR 22 agosto 2007)

Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr MIUR 22 agosto 2007) ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI, TURISTICI, GRAFICI, ALBERGHIERI E SOCIALI L. EINAUDI Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr

Dettagli

ECHO Informazioni sulla Svizzera: Regole pratiche per l insegnamento

ECHO Informazioni sulla Svizzera: Regole pratiche per l insegnamento ECHO Informazioni sulla Svizzera: Regole pratiche per l insegnamento Giugno 2005 Cari docenti, Vi ringraziamo per aver aderito al progetto ECHO mirante a fornire ai partecipanti al corso di orientamento

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

for Italy Virginia Evans

for Italy Virginia Evans for Italy My Language Portfolio Virginia Evans Virginia Evans INDICE A LETTER FOR YOU (Una lettera per te)... pag. 5 I LANGUAGE PASSPORT (Passaporto Linguistico)... pag. 7 II LANGUAGE BIOGRAPHY (Biografia

Dettagli

ORIENTAMENTO E RI-ORIENTAMENTO

ORIENTAMENTO E RI-ORIENTAMENTO ORIENTAMENTO E RI-ORIENTAMENTO PREMESSA L elevamento dell obbligo scolastico e la consapevolezza del superamento di un modello formativo unico e rigido che valga per tutti, impone un ripensamento delle

Dettagli

I colori della musica prendono corpo Insieme con le diverse abilità

I colori della musica prendono corpo Insieme con le diverse abilità Progetto di musicoterapia I.P.S. Falcone Palazzolo S/O a.s. 2008/09 1 Scaletta 1 incontro 24 novembre 2008 - Finalità generale: Migliorare la socializzazione. Interazione positiva con tutti i compagni.

Dettagli

QUI, GIOCANDO E SPERIMENTADO CON I MIEI AMICI, MOLTE ALTRE NE IMPARERO! MA LA SCUOLA NON E UN ATTACCAPANNI

QUI, GIOCANDO E SPERIMENTADO CON I MIEI AMICI, MOLTE ALTRE NE IMPARERO! MA LA SCUOLA NON E UN ATTACCAPANNI IO VADO A SCUOLA. La scuola dell infanzia è un luogo per stare insieme, con precise finalità educative: per favorire nel bambino graduali apprendimenti e la formazione della sua personalità sviluppando

Dettagli

domani 1 cortometraggio Petali

domani 1 cortometraggio Petali domani 1 cortometraggio Petali regia: Giacomo Livotto soggetto: Luca Da Re sceneggiatura: Giacomo Livotto montaggio: Franco Brandi fotografia: Michele Carraro interpreti: Erika Cadorin, Fabio Degano, Giacomo

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA: TUTTI A SCUOLA CON GUIZZINO

PROGETTO ACCOGLIENZA: TUTTI A SCUOLA CON GUIZZINO PROGETTO ACCOGLIENZA: TUTTI A SCUOLA CON GUIZZINO Analisi della situazione iniziale Una scuola che ha la cultura dell accoglienza è una scuola nella quale si sta bene, dove si creano legami forti di fiducia,

Dettagli

L autonomia in ambito scolastico

L autonomia in ambito scolastico META EDUCATIVA TRASVERSALE L autonomia in ambito scolastico DIMENSIONI CRITERI- INDICATORI RUBRICHE VALUTATIVE DEI 3 ORDINI DI SCUOLA uso degli strumenti autonomia gestionale operativa uso del tempo uso

Dettagli

nato/a a Provincia il residente a Provincia via/piazza n. C.A.P. Iscrizione C.C.I.A.A. di al n. del registro con sede legale a Provincia

nato/a a Provincia il residente a Provincia via/piazza n. C.A.P. Iscrizione C.C.I.A.A. di al n. del registro con sede legale a Provincia Al Comune di Afragola OGGETTO: Autorizzazione al funzionamento sezione primavera Il/la sottoscritto/a nato/a a Provincia il residente a Provincia via/piazza n. C.A.P. Codice Fiscale in qualità di titolare

Dettagli

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Obiettivo: Fornire conoscenze relative alla comunicazione tra istruttore e allievo e strategie funzionali

Dettagli

LA BIOGRAFIA LINGUISTICA

LA BIOGRAFIA LINGUISTICA LA BIOGRAFIA LINGUISTICA Lavoro di gruppo: Casapollo, Frezza, Perrone e Rossi Classi coinvolte: 5 classi di scuola primaria e 5 classi di scuola secondaria di primo grado Docenti coinvolti: 3 della scuola

Dettagli

1-BEN-ESSERE DELLA PERSONA

1-BEN-ESSERE DELLA PERSONA AREA SOCIO/AFFETTIVA- SCUOLA PRIMARIA Integrazione tra i lavori di gruppo di settembre (Thouar, Villini, Paganini, Montanella) 1-BEN-ESSERE DELLA PERSONA Competenza personale L alunno è consapevole della

Dettagli

Settore Politiche Sociali e di Sostegno alla Famiglia. regolamento. Asili nido Arcobaleno L arca di Noè

Settore Politiche Sociali e di Sostegno alla Famiglia. regolamento. Asili nido Arcobaleno L arca di Noè Settore Politiche Sociali e di Sostegno alla Famiglia regolamento Asili nido Arcobaleno L arca di Noè regolamento Documento aggiornato a febbraio 2013 Indice capo 1 art. 1 art. 2 art. 3 capo 2 art. 4 art.

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Il corpo in gioco! Unità d apprendimento N 2 esperienza realizzata con i bambini di 3 anni

Il corpo in gioco! Unità d apprendimento N 2 esperienza realizzata con i bambini di 3 anni Il corpo in gioco! Unità d apprendimento N 2 esperienza realizzata con i bambini di 3 anni dal 28 ottobre 2013 al 9 gennaio 2014 anno scolastico 2013-2014 MOTIVAZIONE: In questo primo periodo di scuola

Dettagli

Corso Public Speaking Viterbo

Corso Public Speaking Viterbo Corso Public Speaking Viterbo Ogni giornata del corso: avrá una durata di 2h per un totale di 20h Prezzo del corso: possibilità si partecipare ai primi 5 progetti (250,00 ) o ai 10 progetti (450,00 ) Posti

Dettagli

L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI

L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Mi figura dla rujenedes Meine Sprachenfigur La mia figura delle lingue Silvia Goller Scuola dell infanzia Santa Cristina/Val Gardena Le bambine e i bambini

Dettagli

BANDO DI CONCORSO BORSE DI STUDIO DON PIERO TUBINO. 1a edizione

BANDO DI CONCORSO BORSE DI STUDIO DON PIERO TUBINO. 1a edizione BANDO DI CONCORSO BORSE DI STUDIO DON PIERO TUBINO 1a edizione Premessa Ho un idea. Mi daresti una mano? Così un amica ricorda l instancabile operosità di don Piero: Aveva una prerogativa ed era quella

Dettagli

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accogliere e trattenere i volontari in associazione Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accoglienza Ogni volontario dovrebbe fin dal primo incontro con l associazione, potersi sentire accolto e a proprio

Dettagli

Breve lettera motivazionale nella lingua del paese di destinazione (per i candidati per la Germania, la lettera può essere redatta in inglese)

Breve lettera motivazionale nella lingua del paese di destinazione (per i candidati per la Germania, la lettera può essere redatta in inglese) Attenzione: Ricordati che per completare l'iscrizione devi registrarti on line all'indirizzo: https://www.sondaggio-online.com/s/0cec80f Ricordati di allegare alla presente scheda i seguenti documenti:

Dettagli

Ambito Territoriale di Monza Comuni di Monza, Brugherio e Villasanta

Ambito Territoriale di Monza Comuni di Monza, Brugherio e Villasanta In applicazione della normativa in vigore e nel rispetto delle Linee guida di ambito per l accreditamento delle Unità di Offerta sociali sono stati individuati ed approvati dall Assemblea dei Sindaci in

Dettagli

La campagna Free Your Mind

La campagna Free Your Mind La campagna Free Your Mind Free Your Mind Cosa prevede la campagna: La realizzazione di una pagina web per giovani (www.free-your-mind.it) La distribuzione di gadgets (T-shirts, buttons, moschettoni porta

Dettagli

Nido d Infanzia Comunale Biribimbo

Nido d Infanzia Comunale Biribimbo Città di Castel San Giovanni Nido d Infanzia Comunale Biribimbo ANNO EDUCATIVO 2011-2012 Educatrici: Barbara Dragoni, Cristina Cattivelli e Chiara Savini Una buona scuola è quella dove il bambino entra

Dettagli

Livello A2. Unità 6. Ricerca del lavoro. In questa unità imparerai:

Livello A2. Unità 6. Ricerca del lavoro. In questa unità imparerai: Livello A2 Unità 6 Ricerca del lavoro In questa unità imparerai: a leggere un testo informativo su un servizio per il lavoro offerto dalla Provincia di Firenze nuove parole del campo del lavoro l uso dei

Dettagli

Rapporto di indagine con interviste ai volontari delle associazioni partecipanti a Riguardiamoci il Cuore 2011

Rapporto di indagine con interviste ai volontari delle associazioni partecipanti a Riguardiamoci il Cuore 2011 Rapporto di indagine con interviste ai volontari delle associazioni partecipanti a Riguardiamoci il Cuore 2011 Presentazione Si presenta l indagine qualitativa, effettuata con interviste, nel mese di luglio

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DEL CPIA NAPOLI CITTA 1 (Riferita al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 07/06/1995)

CARTA DEI SERVIZI DEL CPIA NAPOLI CITTA 1 (Riferita al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 07/06/1995) CARTA DEI SERVIZI DEL CPIA NAPOLI CITTA 1 (Riferita al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 07/06/1995) La Carta dei servizi del CPIA Napoli città 1 ha quali principi ispiratori gli articoli

Dettagli

IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione)

IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione) IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione) COMPETENZE DI BASE A CONCLUSIONE DELL OBBLIGO DI Utilizzare

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE I.C. DI RANICA CURRICOLO VERTICALE DI: LINGUA STRANIERA (INGLESE) Ordine / anno Competenze Principali conoscenze/abilità

CURRICOLO VERTICALE I.C. DI RANICA CURRICOLO VERTICALE DI: LINGUA STRANIERA (INGLESE) Ordine / anno Competenze Principali conoscenze/abilità CURRICOLO VERTICALE I.C. DI RANICA CURRICOLO VERTICALE DI: LINGUA STRANIERA (INGLESE) Ordine / anno Competenze Principali conoscenze/abilità INFANZIA Ha sviluppato esperienze affettive e relazionali significative.

Dettagli

BENVENUTE CLASSI PRIME!!!

BENVENUTE CLASSI PRIME!!! ACCOGLIENZA BENVENUTE CLASSI PRIME!!! Anno Scolastico 2005-2006 PROGETTO ACCOGLIENZA Passare da una scuola ad un altra è un momento critico nel percorso formativo della maggior parte degli studenti. Lasciare

Dettagli

INGRESSO SCUOLA INFANZIA. BAMBINI/E DI 3 ANNI

INGRESSO SCUOLA INFANZIA. BAMBINI/E DI 3 ANNI INGRESSO SCUOLA INFANZIA. BAMBINI/E DI 3 ANNI L ingresso nella Scuola dell Infanzia è un momento di crescita per i bambini, ma anche un momento delicato, talvolta difficile, per le implicazioni emotive

Dettagli

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado 5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado Percorso didattico: Accogliere e orientare Autore Corrado Marchi e Franca Regazzoni Scuola Scuola secondaria di secondo grado Classi Prima, terza, quarta

Dettagli

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI Progetto in rete I CARE CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI ISTITUTO COMPRENSIVO DI CURNO SCUOLA SECONDARIA DI CURNO LA CELLULA Docenti: Ilaria Topan Vi allego le schede relative ad un'attività che

Dettagli

Visita il sito www.epc.it

Visita il sito www.epc.it Guarda tutti i titoli in collana Visita il sito www.epc.it seguono diapositive di esempio del corso selezionato Durante la proiezione di questa diapositiva il relatore si presenta ed effettua un rapido

Dettagli

ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/14 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA DELL INFANZIA :

ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/14 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA DELL INFANZIA : ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/14 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA DELL INFANZIA : GRIGLIA PER LA VALUTAZIONE DEI PROCESSI DI MATURAZIONE GRIGLIA PER LA VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI PER I

Dettagli

TRAGUARDI FORMATIVI COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE

TRAGUARDI FORMATIVI COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE TRAGUARDI FORMATIVI COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE Campo d Esperienza: IL SE E L ALTRO COMPETENZE SPECIFICHE ABILITA CONOSCENZE COMPITI SIGNIFICATIVI Manifestare il senso dell

Dettagli

LINGUA INGLESE DALLE INDICAZIONI NAZIONALI

LINGUA INGLESE DALLE INDICAZIONI NAZIONALI LINGUA INGLESE DALLE INDICAZIONI NAZIONALI L apprendimento della lingua inglese e di una seconda lingua comunitaria, oltre alla lingua materna e di scolarizzazione, permette all alunno di sviluppare una

Dettagli

Risultati dei questionari di soddisfazione degli studenti al termine del Master

Risultati dei questionari di soddisfazione degli studenti al termine del Master Risultati dei questionari di soddisfazione degli studenti al termine del Master Informazioni sul Master (Fonte: pagine informative del Portale di Ateneo e comunicazioni tutor Master) TITOLO MIEX INTERNATIONAL

Dettagli

PROGETTO I.C.A.R.O. Centro di Orientamento e Tutorato di Ateneo ORI06

PROGETTO I.C.A.R.O. Centro di Orientamento e Tutorato di Ateneo ORI06 Scelta del corso di studi (informazione) Orientamento in itinere - counseling Stage di apprendimento dell uso di strumenti informatici specifici a seconda della tipologia di disabilità Orientamento in

Dettagli

Biografia linguistica

Biografia linguistica EAQUALS-ALTE Biografia linguistica (Parte del Portfolio Europeo delle Lingue di EAQUALS-ALTE) I 1 BIOGRAFIA LINGUISTICA La Biografia linguistica è un documento da aggiornare nel tempo che attesta perché,

Dettagli

Prove per l accertamento del livello di conoscenza dell Italiano L2

Prove per l accertamento del livello di conoscenza dell Italiano L2 Prove per l accertamento del livello di conoscenza dell Italiano L2 FASCIA 6-8 ANNI PRELIVELLO A1 PROVA N. 2 LIVELLO A1 PROVA N. 2 Mi presento Osserva e rispondi Osserva e descrivi Denomina, rispondi e

Dettagli

1. Leggi il testo e indica se l affermazione è vera o falsa.

1. Leggi il testo e indica se l affermazione è vera o falsa. Livello A2 Unità 6 Ricerca del lavoro Chiavi Lavoriamo sulla comprensione 1. Leggi il testo e indica se l affermazione è vera o falsa. Vero Falso L archivio telematico contiene solo le offerte di lavoro.

Dettagli

3 Strumenti pratici INTRODUZIONE PROTEZIONE DATI INFORMAZIONI DI CARATTERE PERSONALE. 3.2 Questionario sul gradimento di siti e portali

3 Strumenti pratici INTRODUZIONE PROTEZIONE DATI INFORMAZIONI DI CARATTERE PERSONALE. 3.2 Questionario sul gradimento di siti e portali INTRODUZIONE Esempio: Grazie per aver dedicato del tempo prezioso per rispondere ad alcune domane su NOME SITO/PORTALE Per la compilazione del questionario saranno necessari circa minuti. I tuoi commenti

Dettagli

Insegnare le abilità sociali con la carta a T. ins. Fabrizia Monfrino

Insegnare le abilità sociali con la carta a T. ins. Fabrizia Monfrino Insegnare le abilità sociali con la carta a T ins. Fabrizia Monfrino Scuola: I circolo di Giaveno (To) Classe: trasversale Anno scolastico: 2003/2004 Insegnare le abilità sociali con l uso della carta

Dettagli

MA TU QUANTO SEI FAI?

MA TU QUANTO SEI FAI? MA TU QUANTO SEI FAI? 1. VALORIZZARE IL PASSATO PER UN FUTURO MIGLIORE a. Quante volte al mese vai a cercare notizie sulla storia del tuo paese/città nella biblioteca comunale? o 3 volte o 1 volta b. Ti

Dettagli

Ciao, intanto grazie per essere arrivato/a fin qui.

Ciao, intanto grazie per essere arrivato/a fin qui. 2 Ciao, intanto grazie per essere arrivato/a fin qui. Probabilmente ti stai chiedendo se posso aiutarti, la risposta è sì se: vuoi raccontare qualcosa di te o di quello che fai; vuoi dei testi che descrivano

Dettagli

LABORATORIO DI MANIPOLAZIONE

LABORATORIO DI MANIPOLAZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MATERNA, ELEMENTARE E MEDIA 93010 DELIA (CL) Via G. Dolce, 8 - Tel Presidenza 0922-826570 - Tel Segreteria e Fax 0922-820290 - Tel. Sc. Elementare 0922-820289-Tel. Sc Materna

Dettagli