Sistemi Mobili e Wireless Android Activity

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sistemi Mobili e Wireless Android Activity"

Transcript

1 Sistemi Mobili e Wireless Android Activity Stefano Burigat Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine

2 Activity Tipicamente, un'activity corrisponde ad una singola schermata visuale con la quale l'utente può interagire Le activity sono entità separate le une dalle altre, anche se fanno parte della stessa applicazione Tipicamente, esiste un'activity principale che viene visualizzata all'utente all'avvio di un'applicazione Il passaggio da un'activity ad un'altra avviene attraverso il meccanismo degli intent 2

3 Activity e ciclo di vita Ogni tipo di componente in Android ha un diverso ciclo di vita che definisce come il componente viene creato e distrutto Lo sviluppatore viene informato dal sistema Android sui diversi stati in cui si trova un'applicazione e può agire di conseguenza 3

4 Activity e ciclo di vita Le activity in un sistema Android vengono gestite come uno stack Quando viene fatta partire una nuova activity, questa viene posizionata in cima allo stack e diventa l'activity in esecuzione L'activity precedente non ritornerà attiva fino alla chiusura dell'activity in esecuzione Se l'utente preme il tasto Back sul dispositivo, l'activity corrente viene chiusa e l'activity precedente nello stack diventa attiva 4

5 Activity e ciclo di vita 5

6 Activity e ciclo di vita Un'activity può trovarsi essenzialmente in tre stati: running: l'activity è in foreground, in cima allo stack ed ha il focus (l'utente può interagirci) paused: l'activity ha perso il focus ma è ancora visibile (una nuova activity è in foreground ma è trasparente o non copre l'intero schermo) l'activity mantiene lo stato ma può essere uccisa dal sistema in caso di scarsità di memoria stopped: l'activity è completamente oscurata da un'altra activity l'activity mantiene lo stato ma può essere uccisa dal sistema in caso di scarsità di memoria 6

7 Activity e ciclo di vita Passaggi di stato delle activity se un'activity si trova nello stato paused o stopped, può essere terminata dal sistema attraverso una chiamata al metodo finish(), o uccidendo direttamente il processo 7

8 Activity e ciclo di vita Passaggi di stato delle activity quando un'activity effettua dei passaggi di stato, viene notificata attraverso dei metodi callback i metodi callback consentono al programmatore di effettuare azioni appropriate al cambiamento di stato 8

9 Activity e ciclo di vita I sette metodi oncreate(), onstart(), onresume(), onpause(), onstop(), onrestart(), ondestroy(), definiscono l'intero ciclo di vita delle activity il tempo di vita globale di un'activity va dalla chiamata a oncreate() alla chiamata a ondestroy() un'activity effettua la configurazione del proprio stato globale nell'oncreate() e rilascia tutte le risorse ancora da liberare nell'ondestroy() il tempo di vita visibile di un'activity va dalla chiamata onstart() alla chiamata onstop() durante questo tempo l'utente può vedere l'activity a schermo anche se questa potrebbe non essere in foreground onstart() e onstop() possono essere chiamati più volte durante il tempo di vita globale di un'activity 9

10 Activity e ciclo di vita I sette metodi oncreate(), onstart(), onresume(), onpause(), onstop(), onrestart(), ondestroy(), definiscono l'intero ciclo di vita delle activity il tempo di vita in foreground in un'activity va dalla chiamata onresume() alla corrispondente chiamata onpause() un'activity in foreground è in cima allo stack e può interagire con l'utente le transizioni tra i due stati onresume() e onpause() possono essere molto frequenti, ad esempio onpause() viene chiamato quando il dispositivo va in sleep o quando viene creata una nuova activity onresume() viene chiamato quando vengono inviati un risultato oppure un intent all'activity 10

11 Activity: metodi callback 11

12 Activity: metodi callback Metodo oncreate() chiamato alla creazione di un'activity deve essere sempre implementato utilizzato per effettuare la configurazione iniziale dell'activity (creazione delle view, associazione di dati alle liste, etc.) ha un parametro di tipo Bundle che permette di ripristinare lo stato precedente dell'activity, se questo è stato salvato sempre seguito da onstart() 12

13 Activity: metodi callback Metodo onstart() chiamato appena prima che l'activity diventi visibile all'utente sempre seguito da onresume() Metodo onrestart() chiamato dopo che un'activity è stata stoppata (onstop()) e poco prima di tornare visibile all'utente sempre seguito da onstart() Metodo onresume() chiamato poco prima che l'activity ottenga il focus e permetta l'interazione all'utente sempre seguito da onpause() 13

14 Activity: metodi callback Metodo onpause() chiamato poco prima che il sistema attivi un'altra activity è altamente consigliato implementare il metodo onpause() per poter salvare dati (commit) in modo persistente, fermare animazioni e tutto ciò che può consumare (inutilmente) CPU (e batteria) deve svolgere il proprio compito velocemente poichè l'activity successiva non può partire fino a quando questo metodo non ritorna seguito da onresume() se l'activity riottiene il focus o da onstop() se l'activity diventa invisibile all'utente successivamente a questo metodo, l'activity può essere terminata (killed) 14

15 Activity: metodi callback Metodo onstop() chiamato quando l'activity non è più visibile all'utente può essere chiamato quando l'activity sta per essere distrutta o perchè un'altra activity (nuova o già esistente) è stata ripristinata (resumed) e copre quella attuale seguito da onrestart() se l'activity verrà riattivata o da ondestroy() se l'activity verrà distrutta successivamente a questo metodo, l'activity può essere terminata (killed) 15

16 Activity: metodi callback Metodo ondestroy() chiamato prima della distruzione dell'activity è la chiamata finale che l'activity può ricevere può essere chiamato perchè è stato invocato il metodo finish() o perchè il sistema ha bisogno di liberare risorse è possibile distinguere i due scenari attraverso l'utilizzo del metodo isfinishing() successivamente a questo metodo, l'activity può essere terminata (killed) 16

17 Activity: metodi callback Le activity che hanno raggiunto uno stato killable dopo l'esecuzione di un metodo callback possono essere terminate in qualsiasi momento un'activity raggiunge uno stato killable al termine dei metodi onpause(), onstop() e ondestroy() onpause() è l'unico metodo dei tre precedenti la cui esecuzione è garantita prima che il processo che ospita l'activity venga terminato, onstop() e ondestroy() potrebbero non venire chiamati per questo motivo, bisogna sfruttare onpause() per effettuare il commit di dati non salvati 17

18 Activity: salvataggio dello stato Quando un'activity viene distrutta dal sistema per recuperare risorse, il suo stato non viene salvato Se l'utente ritorna all'activity, c'è bisogno di un meccanismo per ripristinare lo stato originale dell'activity Android consente di salvare e ripristinare lo stato di un'activity grazie ai due metodi callback onsaveinstancestate() e onrestoreinstancestate 18

19 Bundle e metodi callback Per salvare lo stato di un'activity quando viene sospesa e ripristinarlo se e quando l'activity viene riattivata (ad es., nell'oncreate()), vengono sfruttati oggetti di tipo Bundle Oggetti di tipo Bundle sono semplicemente dei contenitori di dati primitivi (int, strings, ) che servono a consentire l'ipc (comunicazione tra processi) La struttura semplice dei Bundle consente una gestione ottimizzata della memoria Non è un meccanismo di salvataggio permanente! 19

20 Esempio: bundle e metodi callback 20

Android. Ciclo di vita di Activity, Service e Processi

Android. Ciclo di vita di Activity, Service e Processi Android Ciclo di vita di Activity, Service e Processi Introduzione In questa lezione analizzeremo il ciclo di vita delle Activity e dei Service mettendo in evidenza i criteri utilizzati da Android nella

Dettagli

Android. Android03: Ciclo di vita di una Activity. diegozabot@yahoo.it

Android. Android03: Ciclo di vita di una Activity. diegozabot@yahoo.it Android Android03: Ciclo di vita di una Activity diegozabot@yahoo.it Ciclo di vita Ciclo di vita La classe Activity gestisce i propri stati definendo una serie di eventi che ne governano il ciclo. Spetta

Dettagli

Programmazione. Android

Programmazione. Android Lezioni 4 e 5 Programmazione Android Componenti di un'applicazione AndroidManifest.xml Le Activity Definizione Ciclo di vita Layout & View Interazione Laboratorio 9 e 12 Ottobre 2012 2 Componenti di un'applicazione

Dettagli

Sistemi Mobili e Wireless Android - Servizi

Sistemi Mobili e Wireless Android - Servizi Sistemi Mobili e Wireless Android - Servizi Stefano Burigat Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine www.dimi.uniud.it/burigat stefano.burigat@uniud.it Servizi Un servizio è un componente

Dettagli

Ciclo di vita delle aevità Android Mobile Programming Prof. R. De Prisco

Ciclo di vita delle aevità Android Mobile Programming Prof. R. De Prisco Ciclo di vita delle aevità Ogni AcHvity ha dei metodi standard A(vità non esiste 1. oncreate() 2. onstart() 3. onresume() A(vità in esecuzione 4. onpause() 5. onstop() 6. ondestroy() A(vità non esiste

Dettagli

Sistemi Mobili e Wireless Android Primi passi

Sistemi Mobili e Wireless Android Primi passi Sistemi Mobili e Wireless Android Primi passi Stefano Burigat Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine www.dimi.uniud.it/burigat stefano.burigat@uniud.it Ambiente di sviluppo L'ambiente

Dettagli

14/10/2015 ALESSANDRAZULLO SVILUPPO DI APPLICAZIONI ANDROID- VERSIONE 1. http://alessandrazullo.altervista.org Alessandra Zullo

14/10/2015 ALESSANDRAZULLO SVILUPPO DI APPLICAZIONI ANDROID- VERSIONE 1. http://alessandrazullo.altervista.org Alessandra Zullo 14/10/2015 ALESSANDRAZULLO SVILUPPO DI APPLICAZIONI ANDROID- VERSIONE 1 http://alessandrazullo.altervista.org Alessandra Zullo Indice Provvisorio INTRODUZIONE... 3 COMPONENTI PRINCIPALI... 3 PROCESSI...

Dettagli

Mobile Programming. Prova scritta del 28/01/2015. Prof. De Prisco. Corso di laurea in Informatica

Mobile Programming. Prova scritta del 28/01/2015. Prof. De Prisco. Corso di laurea in Informatica Corso di laurea in Informatica Mobile Prof. De Prisco Prova scritta del 28/01/2015 NOME: COGNOME: MATRICOLA: Domande Punti 1 /100 2 /100 3 /100 4 /100 5 /100 6 /100 7 /100 8 /100 9 /100 10 /100 TOTALE

Dettagli

Android. Anatomia di una applicazione

Android. Anatomia di una applicazione Android Anatomia di una applicazione Elementi di base Gli elementi di base per costruire una applicazione Android sono cinque: Activity Intent Broadcast Receiver Service Content Provider 2 Activity (1/3)

Dettagli

Sistemi Mobili e Wireless Android Localizzazione utente

Sistemi Mobili e Wireless Android Localizzazione utente Sistemi Mobili e Wireless Android Localizzazione utente Stefano Burigat Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine www.dimi.uniud.it/burigat stefano.burigat@uniud.it Localizzazione utente

Dettagli

Sistemi Mobili e Wireless Android - Dati persistenti: SQLite

Sistemi Mobili e Wireless Android - Dati persistenti: SQLite Sistemi Mobili e Wireless Android - Dati persistenti: SQLite Stefano Burigat Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine www.dimi.uniud.it/burigat stefano.burigat@uniud.it Android offre

Dettagli

Progetto e sviluppo di un applicazione client-server per la raccolta dati su fallimenti in ambiente Android

Progetto e sviluppo di un applicazione client-server per la raccolta dati su fallimenti in ambiente Android Facoltà di Ingegneria Corso di Studi in Ingegneria Informatica Elaborato finale in Sistemi operativi Progetto e sviluppo di un applicazione client-server per la raccolta dati su fallimenti in Anno Accademico

Dettagli

Sistemi Mobili e Wireless Android Introduzione alla piattaforma

Sistemi Mobili e Wireless Android Introduzione alla piattaforma Sistemi Mobili e Wireless Android Introduzione alla piattaforma Stefano Burigat Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine www.dimi.uniud.it/burigat stefano.burigat@uniud.it Cos'è Android?

Dettagli

Strumenti per il testing di applicazioni in ambiente Android

Strumenti per il testing di applicazioni in ambiente Android Facoltà di Ingegneria Corso di Studi in Ingegneria Informatica tesi di laurea Strumenti per il testing di applicazioni in ambiente Android Anno Accademico 2010\11 relatore Ch.mo prof. Marcello Cinque candidato

Dettagli

1 2 Fase di autenticazione utente

1 2 Fase di autenticazione utente DInG my Dates di Andrea Dignani DinG my Dates è una applicazione di tipo Reminder, ovvero una app in grado di segnalare in un determinato istante di tempo all' utente un certo avvenimento/evento accaduto

Dettagli

Sistemi Mobili e Wireless Introduction

Sistemi Mobili e Wireless Introduction Sistemi Mobili e Wireless Introduction Stefano Burigat Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine www.dimi.uniud.it/burigat stefano.burigat@uniud.it Sistemi mobili e wireless: definizione

Dettagli

Lezione 3 Le attività

Lezione 3 Le attività A cura di Carlo Pelliccia Le applicazioni Android, come si è accennato durante la prima lezione, si compongono di quattro mattoni fondamentali: le attività (activity), i servizi (service), i broadcast

Dettagli

Tecniche di progettazione e sviluppo di applicazioni mobile

Tecniche di progettazione e sviluppo di applicazioni mobile Slide del corso FSE Tecniche di progettazione e sviluppo di applicazioni mobile svolto presso AREA Science Park Padriciano - Trieste - Italy diegozabot@yahoo.it Android Introduzione diegozabot@yahoo.it

Dettagli

Android. Android. Sviluppo di applicazioni. Dalvik 19/03/2011. A. Ferrari

Android. Android. Sviluppo di applicazioni. Dalvik 19/03/2011. A. Ferrari Android Android A. Ferrari Android è un sistema opera8vo per disposi8vi mobili. Inizialmente sviluppato da Startup Android Inc. acquisita poi nel 2005 da Google Inc. Il cuore di Android è un kernel Linux.

Dettagli

Scaletta. Strumenti di sviluppo Prima applicazione Aspetti peculiari di Android. Conclusioni. Activity e Intent. MoBe s.r.l.

Scaletta. Strumenti di sviluppo Prima applicazione Aspetti peculiari di Android. Conclusioni. Activity e Intent. MoBe s.r.l. Scaletta Strumenti di sviluppo Prima applicazione Aspetti peculiari di Android Activity e Intent Conclusioni Strumenti di sviluppo Disponibili per Windows, Mac OS X (Intel) e Linux Strumenti JDK (Java

Dettagli

Realizzazione di un servizio per la rilevazione di malfunzionamenti in ambiente Android

Realizzazione di un servizio per la rilevazione di malfunzionamenti in ambiente Android Facoltà di Ingegneria Corso di Studi in Ingegneria Informatica tesi di laurea Realizzazione di un servizio per la rilevazione di malfunzionamenti in ambiente Android Anno Accademico 2011/12 relatore Ch.mo

Dettagli

Siti di commercio elettronico: caratteristiche ed esempi

Siti di commercio elettronico: caratteristiche ed esempi Siti di commercio elettronico: caratteristiche ed esempi Dr. Stefano Burigat Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine www.dimi.uniud.it/burigat stefano.burigat@uniud.it Facilità di

Dettagli

Videocitofonia Thinknx

Videocitofonia Thinknx Videocitofonia Thinknx 1 Indice Videocitofonia IP nei sistemi Thinknx...3 Configurazione senza centralino...4 Configurazione con centralino interno...6 Configurazione degli interni...8 Configurazione dei

Dettagli

Ver. 1.1. Manuale d uso e configurazione

Ver. 1.1. Manuale d uso e configurazione Ver. 1.1 Manuale d uso e configurazione Introduzione Questa applicazione consente di gestire le principali funzioni delle centrali Xpanel, Imx e Solo da un dispositivo mobile dotato di sistema operativo

Dettagli

Mercati elettronici. Dr. Stefano Burigat. Dipartimento di Matematica e Informatica. Università di Udine

Mercati elettronici. Dr. Stefano Burigat. Dipartimento di Matematica e Informatica. Università di Udine Mercati elettronici Dr. Stefano Burigat Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine www.dimi.uniud.it/burigat stefano.burigat@uniud.it Ruolo dei mercati Un mercato ha tre funzioni principali:

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Sistemi Operativi Francesco Fontanella Complessità del Software Software applicativo Software di sistema Sistema Operativo Hardware 2 La struttura del

Dettagli

Lezione 3 Le attività

Lezione 3 Le attività A cura di Carlo Pelliccia Le applicazioni Android, come si è accennato durante la prima lezione, si compongono di quattro mattoni fondamentali: le attività (activity), i servizi (service), i broadcast

Dettagli

Laboratorio di Elaborazione e Trasmissione Video

Laboratorio di Elaborazione e Trasmissione Video + Laboratorio di Elaborazione e Trasmissione Video Prof. Christian Micheloni Dott. Marco Vernier Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Udine Outline Lezione 1 - Il sistema

Dettagli

Laboratorio di Smart Vision and Sensor Networks. Niki Martinel Marco Vernier Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Udine

Laboratorio di Smart Vision and Sensor Networks. Niki Martinel Marco Vernier Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Udine + Laboratorio di Smart Vision and Sensor Networks Niki Martinel Marco Vernier Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Udine Outline Lezione 1 - Il sistema operativo Android Cos

Dettagli

Android 4.0: overview, novità e funzionamento del sistesma operativo targato Google

Android 4.0: overview, novità e funzionamento del sistesma operativo targato Google Università degli Studi di Padova Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Informatica tesi di laurea Android 4.0: overview, novità e funzionamento del sistesma operativo targato Google

Dettagli

L ambiente di sviluppo Android Studio

L ambiente di sviluppo Android Studio L ambiente di sviluppo Android Studio Android Studio è un ambiente di sviluppo integrato (IDE, Integrated Development Environment) per la programmazione di app con Android. È un alternativa all utilizzo

Dettagli

"SOFTMOUSE" versione >NAV. - Manuale per l'utente (ITA) -

SOFTMOUSE versione >NAV. - Manuale per l'utente (ITA) - "SOFTMOUSE" versione >NAV - Manuale per l'utente (ITA) - Indice generale Introduzione...4 1- Informazioni generali sul dispositivo...4 a) Come è fatto Softmouse...4 b) Operazioni preliminari...5 c) Stand-by...5

Dettagli

ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA

ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA Seconda Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica SVILUPPO DI APPLICAZIONI MOBILE SU PIATTAFORMA ANDROID: ANALISI DEL MODELLO DI PROGRAMMAZIONE

Dettagli

Processo - generalità

Processo - generalità I processi Processo - generalità Astrazione di un attività; Entità attiva che ha un suo percorso evolutivo; Attività = azione dedicata al raggiungimento di uno scopo Il processo esegue istruzioni per svolgere

Dettagli

progecad NLM Guida all uso Rel. 10.2

progecad NLM Guida all uso Rel. 10.2 progecad NLM Guida all uso Rel. 10.2 Indice Indice... 2 Introduzione... 3 Come Iniziare... 3 Installare progecad NLM Server... 3 Registrare progecad NLM Server... 3 Aggiungere e attivare le licenze...

Dettagli

Silence Please! Gestore di profili audio per smartphone Android utilizzante geolocalizzazione GPS. Carmine Benedetto Luca Laudadio

Silence Please! Gestore di profili audio per smartphone Android utilizzante geolocalizzazione GPS. Carmine Benedetto Luca Laudadio Silence Please! Gestore di profili audio per smartphone Android utilizzante geolocalizzazione GPS Carmine Benedetto Luca Laudadio Silence Please! - Descrizione Generale Silence Please! è un'applicazione

Dettagli

Manuale Entrata Merci fornitore prestazioni SPOT

Manuale Entrata Merci fornitore prestazioni SPOT Manuale Entrata Merci fornitore prestazioni SPOT INDICE 1 - LOGON AL SISTEMA... 3 2 - ENTRATA MERCI ESEGUITA DAL FORNITORE DI PRESTAZIONI... 6 1 - LOGON AL SISTEMA Per accedere al sistema collegarsi al

Dettagli

Componenti di un sistema operativo

Componenti di un sistema operativo Componenti di un sistema operativo di Daniele Margutti CONTATTI Mail: daniele@malcombsd.com AIM/iChat: malcombsd Web: http://www.malcombsd.com INDICE: 1. Nota introduttiva 2. La gestione dei processi di

Dettagli

Sviluppo di un applicazione in ambiente Android per l acquisizione di misure accelerometriche.

Sviluppo di un applicazione in ambiente Android per l acquisizione di misure accelerometriche. Facoltà di Ingegneria Corso di Studi in Ingegneria Informatica Elaborato finale in Sistemi Operativi Sviluppo di un applicazione in ambiente Android per l acquisizione di misure accelerometriche. Anno

Dettagli

Programmazione Android. Luca Morettoni http://www.morettoni.net

Programmazione Android. Luca Morettoni <luca@morettoni.net> http://www.morettoni.net Programmazione Android Luca Morettoni http://www.morettoni.net Android Programming Cos'è Android; Concetti di base sulla programmazione: Q&A AndroidManifest; Activities; Services;

Dettagli

Capitolo 1 Operazioni preliminari

Capitolo 1 Operazioni preliminari Manuale Utente Contenuti Capitolo 1 Operazioni preliminari... 1 Installazione... 1 Registrazione e login... 1 Test compatibilità... 2 Capitolo 2 Il Market... 4 Capitolo 3 Al Cinema... 6 Capitolo 4 Opzioni...

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DI UN'ACTIVITY

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DI UN'ACTIVITY GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DI UN'ACTIVITY by Pikkio Ho deciso di realizzare questa piccola guida per spiegare a tutti quelli che si avvicinano per la prima volta a Train Simulator come si fa a realizzare

Dettagli

WE500 APPLICATION NOTES GESTIONE DELLE ACQUE

WE500 APPLICATION NOTES GESTIONE DELLE ACQUE WE500 APPLICATION NOTES GESTIONE DELLE ACQUE 1 INTRODUZIONE I sistemi di telecontrollo ed il monitoraggio diventano sempre più importanti nell'ampliamento delle reti di distribuzione idrica ed in particolar

Dettagli

Tesina esame Programmazione di Sistemi Mobile realizzata da Roberto Giuliani matricola 633688. App Lifecycle and Session State

Tesina esame Programmazione di Sistemi Mobile realizzata da Roberto Giuliani matricola 633688. App Lifecycle and Session State Tesina esame Programmazione di Sistemi Mobile realizzata da Roberto Giuliani matricola 633688 App Lifecycle and Session State In questa tesina si approfondisce il concetto di Ciclo Di Vita di un applicativo

Dettagli

Concetti fondamentali

Concetti fondamentali Node.js Concetti fondamentali by Stefano Burigat Esecuzione asincrona Quasi tutte le funzioni in node vengono eseguite in modo asincrono (a tal punto che molte funzioni hanno una versione sincrona che

Dettagli

STELLA SUITE Manuale d'uso

STELLA SUITE Manuale d'uso STELLA SUITE Manuale d'uso Stella Suite Manuale d'uso v. 1.2014 INDICE Sezione Pagina 1. Introduzione a Stella Suite Componenti Requisiti sistema Panorama della schermata iniziale 2. Installazione di Stella

Dettagli

DW-SmartCluster (ver. 2.1) Architettura e funzionamento

DW-SmartCluster (ver. 2.1) Architettura e funzionamento DW-SmartCluster (ver. 2.1) Architettura e funzionamento Produttore Project Manager DataWare srl Ing. Stefano Carfagna pag.1/6 INDICE Introduzione...3 ClusterMonitorService...5 ClusterAgentService...6 pag.2/6

Dettagli

INTRODUZIONE ALLE PIATTAFORME

INTRODUZIONE ALLE PIATTAFORME INTRODUZIONE ALLE PIATTAFORME Android ios Windows Phone 8 Android 2 Cos è Android? Un moderno open-source sistema operativo Componenti: Linux kernel Java Core applications 3 Perché è stato un successo

Dettagli

NGM Area Privè Summary

NGM Area Privè Summary Area Privè Summary Installazione e accesso... 3 Foto... 4 Video... 4 Messaggi... 5 Contatti privati... 5 Registro chiamate... 8 Dati personali... 8 Tentativi di accesso... 9 Impostazioni... 9 Ripristino

Dettagli

Guida rapida. GPS Tracker Android App. Dipartimento di Ingegneria Civile, Università della Calabria http://its.unical.

Guida rapida. GPS Tracker Android App. Dipartimento di Ingegneria Civile, Università della Calabria http://its.unical. Guida rapida GPS Tracker Android App 2015 Dipartimento di Ingegneria Civile, Università della Calabria http://its.unical.it/mototracker SOMMARIO Prefazione... 3 Avvio dell applicazione... 4 Funzioni principali...

Dettagli

Impossibile inviare o ricevere messaggi e-mail.

Impossibile inviare o ricevere messaggi e-mail. Impossibile inviare o ricevere messaggi e-mail. 1. Premessa. 2. Verificare se sullo smartphone è attivato correttamente un piano dati. 3. Attivare l'antenna wireless dello smartphone BlackBerry e verificare

Dettagli

MIGLIORA L EFFICIENZA OPERATIVA LEAN PRODUCTION SOLUTIONS. www.imytech.it

MIGLIORA L EFFICIENZA OPERATIVA LEAN PRODUCTION SOLUTIONS. www.imytech.it MIGLIORA L EFFICIENZA OPERATIVA LEAN PRODUCTION SOLUTIONS www.imytech.it «NON È VERO CHE ABBIAMO POCO TEMPO, LA VERITÀ È CHE NE PERDIAMO MOLTO» Lucius Annaeus Seneca MIGLIORA LA PRODUZIONE CON WERMA SIGNALTECHNIK

Dettagli

PROGETTAZIONE E SVILUPPO DI UNA APPLICAZIONE MOBILE PER AGENTI E RAPPRESENTANTI

PROGETTAZIONE E SVILUPPO DI UNA APPLICAZIONE MOBILE PER AGENTI E RAPPRESENTANTI ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA Polo scientifico-didattico di Cesena FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISCHE NATURALI CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELL INFORMAZIONE PROGETTAZIONE E SVILUPPO DI UNA

Dettagli

Il Sistema Operativo. C. Marrocco. Università degli Studi di Cassino

Il Sistema Operativo. C. Marrocco. Università degli Studi di Cassino Il Sistema Operativo Il Sistema Operativo è uno strato software che: opera direttamente sull hardware; isola dai dettagli dell architettura hardware; fornisce un insieme di funzionalità di alto livello.

Dettagli

Consiglio regionale della Toscana. Regole per il corretto funzionamento della posta elettronica

Consiglio regionale della Toscana. Regole per il corretto funzionamento della posta elettronica Consiglio regionale della Toscana Regole per il corretto funzionamento della posta elettronica A cura dell Ufficio Informatica Maggio 2006 Indice 1. Regole di utilizzo della posta elettronica... 3 2. Controllo

Dettagli

POLITECNICO DI BARI Corso di Laurea in Ingegneria MECCANICA Corso di FONDAMENTI DI INFORMATICA

POLITECNICO DI BARI Corso di Laurea in Ingegneria MECCANICA Corso di FONDAMENTI DI INFORMATICA POLITECNICO DI BARI Corso di Laurea in Ingegneria MECCANICA Corso di FONDAMENTI DI INFORMATICA ACCESSO ALL AMBIENTE DI PROGRAMMAZIONE Microsoft Visual C++ è sufficiente cliccare sul pulsante di Windows,

Dettagli

ROBOMAT. ROBOMAT Progettare, comunicare, stabilire relazioni di tipo spaziale misurare in tipiche situazioni di problemsolving

ROBOMAT. ROBOMAT Progettare, comunicare, stabilire relazioni di tipo spaziale misurare in tipiche situazioni di problemsolving ROBOMAT Progettare, comunicare, stabilire relazioni di tipo spaziale misurare in tipiche situazioni di problemsolving Logo è un linguaggio di programmazione ideato con finalità didattiche dal matematico

Dettagli

SISTEMA DI PRENOTAZIONE INTERATTIVA DELLE STRUTTURE PRESENTI ALL'INTERNO DEL CENTRO SPORTIVO

SISTEMA DI PRENOTAZIONE INTERATTIVA DELLE STRUTTURE PRESENTI ALL'INTERNO DEL CENTRO SPORTIVO SISTEMA DI PRENOTAZIONE INTERATTIVA DELLE STRUTTURE PRESENTI ALL'INTERNO DEL CENTRO SPORTIVO CLEXIDRA è un sistema che può essere configurato secondo due modalità differenti: come servizio WEB: amministratore

Dettagli

JVC CAMControl (per Windows) Guida utente

JVC CAMControl (per Windows) Guida utente JVC CAMControl (per Windows) Guida utente Italiano Questo è il manuale di istruzioni del software (per Windows) di Live Streaming Camera GV-LS2/GV-LS1 realizzato dalla JVC KENWOOD Corporation. Il sistema

Dettagli

SpesaModerna Per ANDROID

SpesaModerna Per ANDROID SpesaModerna Per ANDROID Presentazione Questo manuale vuole essere un punto di inizio per l'utilizzo dell'applicazione Spesamoderna.it per Smartphone e tablet con sistema operativo Android. L'applicazione,

Dettagli

Guida alla registrazione on-line di un DataLogger

Guida alla registrazione on-line di un DataLogger NovaProject s.r.l. Guida alla registrazione on-line di un DataLogger Revisione 3.0 3/08/2010 Partita IVA / Codice Fiscale: 03034090542 pag. 1 di 17 Contenuti Il presente documento è una guida all accesso

Dettagli

Gestione di informazione geografica su dispositivi Android

Gestione di informazione geografica su dispositivi Android UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica Gestione di informazione geografica su dispositivi Android Candidato: Daniele Rapisarda Relatore:

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca.

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Pietro Frasca Lezione 5 Martedì 21-10-2014 Thread Come abbiamo detto, un processo è composto

Dettagli

ONSCREENKEYS 5. Windows XP / Windows Vista / Windows 7 / Windows 8

ONSCREENKEYS 5. Windows XP / Windows Vista / Windows 7 / Windows 8 ONSCREENKEYS 5 Windows XP / Windows Vista / Windows 7 / Windows 8 [ Descrizione del prodotto ] [ Questo elegante e tastiera a schermo con funzioni virtuali, clic del mouse e di sintesi vocale consente

Dettagli

Architetture Software

Architetture Software Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Ingegneria del Software Architetture Software Giulio Destri Ing. del Sw: Architettura - 1 Scopo del modulo

Dettagli

Schede di protezione HDDGuarder

Schede di protezione HDDGuarder uarder di Generalità Il Guarder (HDDGuarder) è un geniale strumento hardware che, a fronte di una irrisoria spesa una tantum, risolve in maniera radicale e definitiva buona parte dei problemi di manutenzione

Dettagli

30/06/2014 APP @ PAVIA. Come si pone il Comune di Pavia nell universo delle App

30/06/2014 APP @ PAVIA. Come si pone il Comune di Pavia nell universo delle App APP @ PAVIA Come si pone il Comune di Pavia nell universo delle App 1 Milano, 26/06/2014 App @ Pavia 2 DOMANDE Quante, quali, come le scelgo, come le alimento, per quali dispositivi,.. Ha senso? 2 Milano,

Dettagli

1. Con il ricevitore agganciato, premere o un tasto linea assegnato qualsiasi. 2. Comporre il numero 3. Premere il bottone Dial

1. Con il ricevitore agganciato, premere o un tasto linea assegnato qualsiasi. 2. Comporre il numero 3. Premere il bottone Dial Telefono IP V-IP6410 FUNZIONALITÀ DI BASE DEL TELEFONO ESECUZIONE DI UNA CHIAMATA Utilizzo del ricevitore: Sollevare il ricevitore e comporre il numero e premere il bottone Dial oppure comporre prima il

Dettagli

Sviluppo di applicazioni web con il pattern Model-View-Controller. Gabriele Pellegrinetti

Sviluppo di applicazioni web con il pattern Model-View-Controller. Gabriele Pellegrinetti Sviluppo di applicazioni web con il pattern Model-View-Controller Gabriele Pellegrinetti 2 MVC: come funziona e quali sono vantaggi che derivano dal suo utilizzo? La grande diffusione della tecnologia

Dettagli

La Valutazione Euristica

La Valutazione Euristica 1/38 E un metodo ispettivo di tipo discount effettuato da esperti di usabilità. Consiste nel valutare se una serie di principi di buona progettazione sono stati applicati correttamente. Si basa sull uso

Dettagli

Wildix CTIconnect Mobile: APP per Android. Guida Rapida

Wildix CTIconnect Mobile: APP per Android. Guida Rapida Wildix CTIconnect Mobile: APP per Android Guida Rapida Versione 30.04.2013 L applicazione CTIconnect Mobile Wildix vi permette di effettuare e ricevere le chiamate sul telefono con sistema operativo Android

Dettagli

PROGETTO AIR-CAMPANIA: SCHEDA SVAFRA

PROGETTO AIR-CAMPANIA: SCHEDA SVAFRA PROGETTO AIR-CAMPANIA: SCHEDA SVAFRA La Scheda Valutazione Anziano FRAgile al momento dell inserimento è abbinata al paziente. E possibile modificarla o inserirne una nuova per quest ultimo. Verrà considerata

Dettagli

Tecnologia di un Database Server (centralizzato) Gestione del buffer

Tecnologia di un Database Server (centralizzato) Gestione del buffer Buffer Basi di Dati / Complementi di Basi di Dati 1 Tecnologia di un Database Server (centralizzato) Gestione del buffer Angelo Montanari Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine Buffer

Dettagli

MANUALE DI ISTRUZIONI

MANUALE DI ISTRUZIONI Pagina 1 di 14 MANUALE DI ISTRUZIONI ACCESSIBILITÀ - FUNZIONE VOICE OVER L'applicazione è resa accessibile mediante la funzione voice over attivabile attraverso le impostazioni del dispositivo. É possibile

Dettagli

Studio Legale. Guida operativa

Studio Legale. Guida operativa Studio Legale Guida operativa Cliens Studio Legale Web Cliens Studio Legale Web è un nuovo strumento che consente all avvocato di consultare i dati presenti negli archivi Cliens del proprio studio, attraverso

Dettagli

Sperimentazione di tecniche parallele di generazione automatica di casi di test per applicazioni Android

Sperimentazione di tecniche parallele di generazione automatica di casi di test per applicazioni Android Scuola Politecnica e delle Scienze di Base Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica Tesi di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica Sperimentazione di tecniche parallele di generazione

Dettagli

Android. Implementare una interfaccia utente

Android. Implementare una interfaccia utente Android Implementare una interfaccia utente Introduzione In questa lezione vedremo come implementare una interfaccia utente sullo schermo di Android. Vedremo gli elementi di base visualizzabili sullo schermo

Dettagli

User Manual ECTHA - R APP. Version 1.0. Copyright 2015 DRC Srl

User Manual ECTHA - R APP. Version 1.0. Copyright 2015 DRC Srl User Manual ECTHA - R APP Version 1.0 Copyright 2015 DRC Srl Table of Contents 1. Introduzione... 3 2. Modalità automatica... 4 3. Modalità manuale... 15 4. Angolo di impatto... 26 5. Curve Correlazione...

Dettagli

Manuale d uso per la raccolta: Sicurezza degli impianti di utenza a gas - Postcontatore

Manuale d uso per la raccolta: Sicurezza degli impianti di utenza a gas - Postcontatore Manuale d uso per la raccolta: Sicurezza degli impianti di utenza a gas - Postcontatore 1. Obbligo di comunicazione dei dati... 2 2. Accesso alla raccolta... 2 3. Compilazione... 6 2.1 Dati generali Sicurezza

Dettagli

La barra degli strumenti

La barra degli strumenti La barra degli strumenti Di default si aprono a sinistra dello schermo ogni volta che viene acceso il computer. Se si desidera eliminare l'avvio automatico eliminare l'icona della Smart in avvio automatico

Dettagli

Manuale LiveBox APPLICAZIONE ANDROID. http://www.liveboxcloud.com

Manuale LiveBox APPLICAZIONE ANDROID. http://www.liveboxcloud.com 2014 Manuale LiveBox APPLICAZIONE ANDROID http://www.liveboxcloud.com LiveBox Srl non rilascia dichiarazioni o garanzie in merito al contenuto o uso di questa documentazione e declina qualsiasi garanzia

Dettagli

Progetto INCOME. Piano di Test

Progetto INCOME. Piano di Test Cliente: Progetto: Codice Commessa/e: Responsabile Progetto: Redatto da: Verificato da: Approvato da: Data redazione: Data verifica: 18/01/2012 Data approvazione: 19/01/2012 Comunità Montane delle Colline

Dettagli

Sistemi Mobili e Wireless Android - Intent

Sistemi Mobili e Wireless Android - Intent Sistemi Mobili e Wireless Android - Intent Stefano Burigat Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine www.dimi.uniud.it/burigat stefano.burigat@uniud.it Intent Un Intent è sostanzialmente

Dettagli

IBM Software Demos WebSphere Portal Composite Application Workflow

IBM Software Demos WebSphere Portal Composite Application Workflow {Introduzione: mostrare la schermata di login con un servizio di teleborsa in esecuzione} IBM WebSphere Portal include Composite Application Workflow Builder. Questo strumento consente agli utenti dipartimentali

Dettagli

NOTE OPERATIVE. Prodotto Inaz Download Manager. Release 1.3.0

NOTE OPERATIVE. Prodotto Inaz Download Manager. Release 1.3.0 Prodotto Inaz Download Manager Release 1.3.0 Tipo release COMPLETA RIEPILOGO ARGOMENTI 1. Introduzione... 2 2. Architettura... 3 3. Configurazione... 4 3.1 Parametri di connessione a Internet... 4 3.2

Dettagli

Android. Intent e intent-filter. diegozabot@yahoo.it

Android. Intent e intent-filter. diegozabot@yahoo.it Android Intent e intent-filter diegozabot@yahoo.it Intent Cos è un Intent Un intent è una richiesta da parte di un componente di una funzionalità che viene implementata in un altro componente. Viene utilizzato

Dettagli

Manuale d uso e configurazione

Manuale d uso e configurazione Manuale d uso e configurazione Versione 1.0 1 Introduzione Questa applicazione consente di gestire le principali funzioni delle centrali Xpanel, imx e Solo da un dispositivo mobile dotato di sistema operativo

Dettagli

Tecnologia di un Database Server (centralizzato) Introduzione generale

Tecnologia di un Database Server (centralizzato) Introduzione generale Introduzione Basi di Dati / Complementi di Basi di Dati 1 Tecnologia di un Database Server (centralizzato) Introduzione generale Angelo Montanari Dipartimento di Matematica e Informatica Università di

Dettagli

Progettazione e implementazione di un'applicazione per la navigazione in ambito urbano per la piattaforma Android

Progettazione e implementazione di un'applicazione per la navigazione in ambito urbano per la piattaforma Android POLITECNICO DI MILANO Facoltà di Ingegneria Corso di laurea in Ingegneria Informatica Dipartimento di Elettronica e Informazione Anno Accademico 2007/2008 Elaborato di tesi Progettazione e implementazione

Dettagli

Dat a Ware srl. 2.1 Avvio dell applicazione... 4 2.2 Login... 4 2.3 Scelta della telecamera... 7 2.4 Configurazione... 8

Dat a Ware srl. 2.1 Avvio dell applicazione... 4 2.2 Login... 4 2.3 Scelta della telecamera... 7 2.4 Configurazione... 8 096±0RELOH9LGHR6HFXULW\ 9HUVLRQHSHU5,0%ODFN%HUU\Œ 0DQXDOH8WHQWH 9HUVLRQHGHOZZZGDWDZDUHLW 6RPPDULR %UHYHGHVFUL]LRQHGHOODSSOLFDWLYR 'HVFUL]LRQHGHOOHIXQ]LRQDOLWj 2.1 Avvio dell applicazione... 4 2.2 Login...

Dettagli

A tal fine il presente documento si compone di tre distinte sezioni:

A tal fine il presente documento si compone di tre distinte sezioni: Guida on-line all adempimento Questa guida vuole essere un supporto per le pubbliche amministrazioni, nella compilazione e nella successiva pubblicazione dei dati riguardanti i dirigenti sui siti istituzionali

Dettagli

Infrastruttura wireless d Ateneo (UNITUS-WiFi)

Infrastruttura wireless d Ateneo (UNITUS-WiFi) Infrastruttura wireless d Ateneo (UNITUS-WiFi) INFORMAZIONI GENERALI...1 DESCRIZIONE DELLE RETI WIRELESS...1 COME ACCEDERE ALLA RETE WIRELESS...3 Configurazione scheda di rete...3 Accesso alla rete studenti...5

Dettagli

IRISPen Air 7. Guida rapida per l uso. (Windows & Mac OS X)

IRISPen Air 7. Guida rapida per l uso. (Windows & Mac OS X) IRISPen Air 7 Guida rapida per l uso (Windows & Mac OS X) La Guida rapida per l'uso viene fornita per aiutarvi a iniziare a usare IRISPen Air TM 7. Leggere la guida prima di utilizzare lo scanner e il

Dettagli

USER GUIDE. Manuale operativo per l utilizzo dell applicativo per il monitoraggio remoto Aditech Life REV 1

USER GUIDE. Manuale operativo per l utilizzo dell applicativo per il monitoraggio remoto Aditech Life REV 1 USER GUIDE Manuale operativo per l utilizzo dell applicativo per il monitoraggio remoto Aditech Life REV 1 SOMMARIO Introduzione... 3 Sensore BioHarness... 3 OVERVIEW BIOHARNESS 3.0 BT/ECHO... 4 OVERVIEW

Dettagli

Lavagna Interattiva Multimediale L.I.M.

Lavagna Interattiva Multimediale L.I.M. Lavagna Interattiva Multimediale L.I.M. La Lavagna Interattiva Multimediale, detta anche L.I.M. o lavagna elettronica, è una superficie interattiva su cui è possibile scrivere, disegnare, allegare immagini,

Dettagli

COMETA ANTIRICICLAGGIO GUIDA RAPIDA

COMETA ANTIRICICLAGGIO GUIDA RAPIDA COMETA ANTIRICICLAGGIO GUIDA RAPIDA ATTENZIONE!! Tutti i dati inseriti nel registro in versione dimostrativa al momento dell attivazione del programma verranno mantenuti. Se avete inserito dei dati di

Dettagli

Fondamenti di sviluppo mobile su Android

Fondamenti di sviluppo mobile su Android Fondamenti di sviluppo mobile su Android Dott. A. Tedeschi antonio.tedeschi@uniroma3.it Corso di Telecomunicazioni Wireless a.a. 2015-2016 1 Outline Fondamenti di programmazione Android Creare un nuovo

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata. Facoltà di Ingegneria. Corso di Informatica Mobile. http://mislash.googlecode.com

Università degli Studi di Roma Tor Vergata. Facoltà di Ingegneria. Corso di Informatica Mobile. http://mislash.googlecode.com Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Corso di Informatica Mobile http://mislash.googlecode.com Professore: Vincenzo Grassi Studenti: Simone Notargiacomo "Roscio" Tavernese Ibrahim

Dettagli

A tal fine il presente documento si compone di tre distinte sezioni:

A tal fine il presente documento si compone di tre distinte sezioni: Guida on-line all adempimento Questa guida vuole essere un supporto per le pubbliche amministrazioni, nella compilazione e nella successiva pubblicazione dei dati riguardanti i dirigenti sui siti istituzionali

Dettagli

Mobile Programming. Prova scritta del 07/04/2016. Prof. De Prisco. Corso di laurea in Informatica

Mobile Programming. Prova scritta del 07/04/2016. Prof. De Prisco. Corso di laurea in Informatica Corso di laurea in Informatica Mobile Prof. De Prisco Prova scritta del 07/04/2016 NOME: COGNOME: MATRICOLA: Domande Punti 1 /10 2 /10 3 /10 4 /10 5 /10 6 /10 7 /10 8 /10 9 /10 10 /10 TOTALE /100 Quesito

Dettagli