COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, C(2012) 4785 final

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 10.7.2012 C(2012) 4785 final"

Transcript

1 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, C(2012) 4785 final Oggetto: Aiuto di Stato n. SA (2012/N) Italia. Regime di aiuti agli investimenti a finalità regionale per il settore dei trasporti e della logistica nelle regioni italiane dell'obiettivo convergenza Signor Ministro, 1. PROCEDIMENTO (1) Con notifica elettronica del 18 gennaio 2012, protocollata il giorno stesso dalla Commissione, le autorità italiane hanno notificato la misura in oggetto riguardante un regime di aiuti regionali a sostegno di progetti d'investimento di imprese operanti nel settore del trasporto e della logistica delle merci nelle regioni italiane più svantaggiate, vale a dire le regioni dell'italia meridionale Calabria, Campania, Puglia e Sicilia. Tale misura è parte della strategia complessiva di un Programma Operativo Nazionale che promuove la creazione di reti e la mobilità nelle regioni dell'obiettivo convergenza. (2) Con lettere del 24 febbraio 2012 e 3 maggio 2012, la Commissione ha chiesto informazioni supplementari, cui le autorità italiane hanno risposto con lettere del 22 marzo 2012, protocollata dalla Commissione il 23 marzo 2012, e del 29 maggio 2012, protocollata dalla Commissione il 31 maggio DESCRIZIONE DETTAGLIATA DELLA MISURA 2.1. Obiettivo del regime di aiuti (3) L'obiettivo del regime notificato è promuovere lo sviluppo regionale nelle regioni dell'italia meridionale Calabria, Campania, Puglia e Sicilia (in appresso: "regioni dell'obiettivo convergenza"). La misura proposta intende sostenere la razionalizzazione S.E. Giulio TERZI DI SANT'AGATA Ministro degli Affari esteri P.le della Farnesina Roma ITALIA Commission européenne/europese Commissie 1049 Bruxelles/Brussel BELGIQUE/BELGIË Centralino:

2 del sistema logistico delle regioni dell'obiettivo convergenza, caratterizzato da un elevato grado di frammentazione, attraverso progetti di investimento sviluppati da consorzi, reti e associazioni di imprese operanti nel settore. Tali progetti sono volti a migliorare le competenze e a promuovere la diversificazione dei servizi logistici, nonché la crescita dimensionale delle imprese e della loro competitività sui mercati sovraregionali. (4) Il regime notificato rientra nella linea di intervento I.4.1 Regimi di aiuto al settore privato per la realizzazione di infrastrutture logistiche del Programma Operativo Nazionale Reti e Mobilità 2007/ Base giuridica (5) La base giuridica del regime di aiuti notificato è costituita dalle seguenti misure: Art 3, 2-ter della Legge 22 novembre 2002, n. 265 che autorizza investimenti al fine dell'innovazione del sistema dell'autotrasporto di merci, dello sviluppo di catene logistiche e del potenziamento dell'intermodalità, Gazzetta Ufficiale n. 275 del 23 novembre Art 1, 108 della Legge 23 dicembre 2005, n. 266 che istituisce un "Fondo per le misure di accompagnamento della riforma dell'autotrasporto di merci e per lo sviluppo della logistica", Gazzetta Ufficiale n. 302 del 29 dicembre Versione 11.1, del 29 maggio 2012, del Bando per progetti di investimento finalizzati allo sviluppo e all'incremento della competitività delle imprese operanti nel settore della logistica nelle aree Convergenza - Linea di intervento I Regimi di aiuto al settore privato per la realizzazione di infrastrutture logistiche (in appresso: "progetto di bando"), nel quadro del Programma Operativo "Reti e Mobilità" per l'italia nell'ambito dell'obiettivo convergenza per il periodo 2007/2013, approvato dalla Commissione con Decisione C(2007) 6318 del Gestione del regime e autorità che concede l'aiuto (6) L'aiuto sarà concesso su base discrezionale e si fonderà sui risultati di una procedura di selezione aperta avviata dalle autorità nazionali. Dato che i progetti nell ambito del regime saranno finanziati ricorrendo a interventi strutturali dell Unione europea, devono essere rispettate le disposizioni dei regolamenti sui fondi strutturali Informazioni di carattere generale su tale Programma Operativo sono disponibili sul sito internet della Commissione: Regolamento (CE) n. 1083/2006 del Consiglio dell'11 luglio 2006 (GU L 210 del ), Regolamento (CE) n. 1828/2006 della Commissione dell'8 dicembre 2006 (GU L 371 del ) e Regolamento (CE) n. 1080/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 5 luglio 2006, relativo al Fondo europeo di sviluppo regionale (GU L 210 del ). 2

3 (7) Responsabile dell attuazione del regime è l'autorità di Gestione del Programma Operativo Nazionale Reti e Mobilità 2007/2013. (8) Nell'ambito del regime, gli aiuti sono concessi mediante una procedura di selezione aperta. Il progetto di bando fissa le procedure per valutare i progetti e decidere in merito. L'invito a presentare proposte sarà accessibile su Internet a ogni potenziale beneficiario, al seguente indirizzo: Ambito geografico della misura (9) Il regime è applicabile alle regioni italiane dell'obiettivo convergenza, ovvero Calabria, Campania, Puglia e Sicilia. Queste regioni sono considerate aree assistite a norma alla deroga di cui all articolo 107, paragrafo 3, lettera a), del trattato sul funzionamento dell'unione europea (in appresso "TFUE") conformemente alla carta italiana degli aiuti a finalità regionale per il periodo Beneficiari (10) Il regime è aperto alle imprese che operano nel settore dei trasporti e della logistica 4. Più precisamente, in base al progetto di bando, i beneficiari del regime sono esclusivamente consorzi, reti di impresa e aggregazioni aziendali operanti nel settore dei trasporti e della logistica. Il numero previsto di beneficiari è compreso tra 11 e 50. (11) Le autorità italiane confermano che applicheranno la definizione di piccola e media impresa ("PMI") di cui all'allegato 1 del regolamento (CE) n. 800/2008 (il "regolamento generale di esenzione per categoria") 5 per individuare le differenti categorie di beneficiari nell'ambito del regime. (12) Il regime non si applica alle imprese in difficoltà ai sensi degli orientamenti comunitari sugli aiuti di Stato per il salvataggio e la ristrutturazione di imprese in difficoltà 6. (13) Le autorità italiane si impegnano a sospendere il pagamento di aiuti concessi nell ambito del regime notificato a favore di qualsiasi impresa che abbia beneficiato di un precedente aiuto illegale dichiarato incompatibile da una decisione della Commissione, finché tale Decisione della Commissione del 28 novembre 2007 relativa all'aiuto di Stato n. 324/2007 Italia - Carta degli aiuti di Stato a finalità regionale (GU C 90 dell' , pag. 4), modificata dalla decisione del 6 luglio 2010 relativa all aiuto di Stato n. 117/2010 (GU C 215 del , pag. 5). Codice NACE, sezione H "Trasporto e magazzinaggio", conformemente al regolamento (CE) n. 1893/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 20 dicembre 2006, che definisce la classificazione statistica delle attività economiche NACE Revisione 2. Regolamento (CE) n. 800/2008 della Commissione del 6 agosto 2008 (GU L 214 del , pag. 3). Orientamenti comunitari sugli aiuti di Stato per il salvataggio e la ristrutturazione di imprese in difficoltà (GU C 244 dell , pag. 2). 3

4 impresa non abbia rimborsato o versato in un conto bloccato l'importo totale dell'aiuto illegale e incompatibile, inclusi gli interessi di recupero Durata (14) Il regime entra in vigore dopo la sua approvazione da parte della Commissione europea e si applica fino al 31 dicembre Dotazione (15) L'importo stimato degli aiuti assegnati al regime è di 20 milioni di EUR per il periodo La dotazione di bilancio per ciascuno dei due anni è di 10 milioni di EUR. L importo complessivo dell aiuto per progetto è limitato a una somma compresa tra EUR e 2 milioni di EUR. Il regime sarà cofinanziato al 50% dal Fondo europeo di sviluppo regionale Costi ammissibili (16) Sono ammissibili ai sensi del regime notificato le spese per terreni, fabbricati, macchinari e attrezzature relative a un progetto di investimento e gli investimenti in attivi immateriali per l acquisizione di programmi informatici, brevetti, licenze e know-how. I macchinari e le attrezzature finanziati nell'ambito del regime devono essere nuovi di fabbrica. (17) Il progetto di bando limita le spese per i terreni al 10% dei costi ammissibili totali, e le spese complessive per terreni e fabbricati al 30% dei costi ammissibili totali. Per le imprese di grandi dimensioni, tali costi non possono superare il 25% della spesa di investimento totale ammissibile per il progetto. (18) Il progetto di bando esclude esplicitamente dalla spesa ammissibile tutte le spese relative all'acquisto di veicoli (mezzi di trasporto) e di attrezzature di trasporto, nonché i costi degli attivi mobili relativi ai trasporti. (19) I progetti sovvenzionati nel quadro del regime notificato possono includere anche gli aiuti per altre spese ammissibili che rientrano nell'ambito di applicazione del regolamento generale di esenzione per categoria, e più specificamente: (a) aiuti per servizi e assistenza tecnica a favore di PMI, previsti al capo II, sezione 5, del regolamento generale di esenzione per categoria ("Aiuti alle PMI per servizi di consulenza e per la partecipazione di PMI a fiere"). Tale aiuto è limitato alle imprese classificate come PMI e l'intensità di aiuto non può superare il 50% dei costi ammissibili; (b) aiuti alla formazione specifica, previsti al capo II, sezione 8, del regolamento generale di esenzione per categoria. Di norma, il massimale dell intensità dell aiuto è pari al 25% dei costi ammissibili. Tale massimale può essere 4

5 aumentato di 10 punti percentuali per gli aiuti concessi alle medie imprese e di 20 punti percentuali per gli aiuti concessi alle piccole imprese. (20) Il progetto di bando prevede che le spese per gli attivi materiali e immateriali (v. considerando (16)) costituiscano almeno il 70% dei costi ammissibili totali. (21) A norma del progetto di bando, sono ammissibili a finanziamento nell ambito del regime solo i progetti le cui spese siano sostenute a partire dal termine di chiusura del bando Data di inizio del progetto e principio dell effetto di incentivazione (22) Per quanto riguarda le spese relative ad attivi materiali e immateriali (v. considerando (16)), a norma del progetto di bando, i beneficiari avviano i lavori relativi al progetto d investimento solo dopo aver presentato domanda di aiuto (nel quadro della procedura di selezione aperta) e una volta che l'autorità di gestione avrà emesso un atto formale di concessione dell'aiuto. Se i lavori relativi al progetto di investimento iniziano prima che l'autorità di gestione abbia emesso detto atto formale, tutti i costi del progetto sono considerati non ammissibili agli aiuti nell ambito del regime Forma e intensità dell aiuto (23) L'aiuto sarà concesso sotto forma di sovvenzione diretta. L intensità massima dell aiuto per i costi d investimento non può superare il 30% dell'equivalente sovvenzione lordo ( ESL ) a prescindere dalla dimensione dell'impresa, conformemente alle intensità massime di aiuto per le regioni dell'obiettivo convergenza fissata nella carta italiana degli aiuti a finalità regionale per il periodo (24) Gli aiuti erogati nell ambito della misura possono essere cumulati con altri aiuti pubblici concessi per le stesse categorie di costi ammissibili, purché l'intensità relativa all importo cumulato dell aiuto non superi il massimale fissato nella carta italiana degli aiuti a finalità regionale per il periodo Contributo proprio (25) Il progetto di bando prevede che il beneficiario fornisca un contributo pari ad almeno il 25% dei costi ammissibili totali mediante risorse proprie o finanziamenti esterni in una forma priva di qualsiasi sostegno pubblico Mantenimento dell'investimento (26) Il regime notificato prevede l obbligo per il beneficiario (a prescindere dalle sue dimensioni) di mantenere l'investimento nella regione per almeno cinque anni dopo il suo completamento. 7 Cfr. nota 3. 5

6 2.13. Contributo dato dalla misura di aiuto settoriale allo sviluppo regionale (27) Le autorità italiane dichiarano che il regime notificato si applica alle regioni dell'obiettivo convergenza in conformità del Quadro strategico nazionale di riferimento (QSNR) per l'italia. Il regime mira a trasformare l'attuale svantaggio delle regioni dell Italia meridionale, in particolare la loro posizione geografica isolata, in un vantaggio strategico, gestendo i flussi logistici tra l'ue e i paesi extra UE (asiatici e africani). Nello specifico il regime prevede la razionalizzazione del sistema logistico delle regioni dell'obiettivo convergenza, attualmente caratterizzato da un elevato grado di frammentazione, attraverso progetti di investimento realizzati da consorzi, reti di impresa e aggregazioni aziendali operanti nel settore della logistica. (28) I progetti di investimento oggetto del programma devono promuovere attività finalizzate alla qualificazione e diversificazione dell offerta di servizi logistici e alla crescita delle imprese e della competitività sui mercati sovraregionali, nazionali e internazionali, potenziando l'offerta di servizi logistici migliori nelle regioni dell'obiettivo convergenza attraverso: investimenti materiali e immateriali; azioni volte a favorire l aggregazione di servizi logistici; sviluppo di soluzioni innovative attraverso l'applicazione di sistemi ICT (tecnologia dell informazione e della comunicazione); introduzione di innovazioni volte a un uso più sostenibile delle risorse. (29) Il regime intende accompagnare la trasformazione del settore dei trasporti e della logistica nelle regioni italiane dell'obiettivo convergenza e sostenere la diffusione di sistemi ICT. (30) Il regime si ascrive alla politica europea dei trasporti, volta a promuovere sistemi di trasporto rispondenti alle esigenze economiche, sociali e ambientali della società. Il regime mira anche a favorire l intermodalità al fine di potenziare la qualità e la competitività delle singole modalità di trasporto, riducendo la congestione stradale e l'impronta ambientale del trasporto merci nelle regioni dell'obiettivo convergenza. 3. VALUTAZIONE DELLA MISURA 3.1. Carattere di aiuto di Stato del regime notificato (31) In base alla misura di aiuto notificata, l'aiuto sarà concesso sotto forma di sovvenzione diretta a imprese - organizzate in reti d impresa o in aggregazione - che realizzano progetti di investimento nel settore dei trasporti e della logistica. (32) Il regime sarà finanziato facendo ricorso a risorse nazionali e a risorse del Fondo europeo di sviluppo regionale trasferite alle autorità italiane per attuare attività definite nel programma operativo nazionale "Reti e mobilità" per il Le autorità italiane sono responsabili dell'attuazione e della gestione del programma operativo, compresa la selezione dei beneficiari e dei progetti relativi alle misure specifiche e al pagamento dei finanziamenti ai beneficiari definitivi selezionati per la realizzazione dei progetti. Pertanto anche il finanziamento dal Fondo europeo di sviluppo regionale nel contesto del regime in 6

7 questione è imputabile alle autorità italiane ed è messo a loro disposizione. È possibile dunque concludere che gli aiuti a norma del regime notificato verranno concessi da autorità pubbliche mediante risorse statali ai sensi dell'articolo 107, paragrafo 1, del TFUE. (33) L'aiuto disposto dal regime in questione costituisce un vantaggio economico in quanto consente ai beneficiari di ridurre i costi che, di norma, dovrebbero sostenere per sviluppare questo tipo di progetti. Tale aiuto può quindi falsare o minacciare di falsare la concorrenza. (34) La misura è selettiva in quanto si applica esclusivamente alle imprese operanti nel settore dei trasporti e della logistica che realizzano progetti di investimento nelle regioni dell'obiettivo convergenza. Lo Stato gode inoltre di un potere discrezionale nella selezione dei progetti e nella concessione di sovvenzioni nel quadro del regime. (35) Infine, considerato che la misura riguarda imprese e settori attivi in scambi tra Stati membri, l'aiuto potrebbe incidere su detti scambi. (36) Il regime costituisce pertanto un aiuto di Stato ai sensi dell'articolo 107, paragrafo 1, del TFUE Legittimità della misura d aiuto (37) Nel notificare l'aiuto prima di darvi esecuzione, le autorità italiane hanno adempiuto all'obbligo previsto dall'articolo 108, paragrafo 3, del TFUE. La Commissione prende nota del fatto che il regime entrerà in vigore soltanto previa autorizzazione della Commissione stessa Compatibilità della misura d aiuto (38) Stabilito che il regime di aiuto notificato si configura come aiuto di Stato ai sensi dell'articolo 107, paragrafo 1, del TFUE, è necessario esaminare se esso possa essere considerato compatibile con il mercato interno. (39) La Commissione ha valutato il regime proposto ai sensi dell'articolo 107, paragrafo 3, lettera a), del TFUE, ai sensi degli orientamenti in materia di aiuti di Stato a finalità regionale ("gli orientamenti") 8, nonché del regolamento generale di esenzione per categoria. Tale valutazione ha permesso di formulare le osservazioni esposte di seguito. (40) A norma del punto 10 degli orientamenti, di regola, gli aiuti a finalità regionale dovrebbero essere concessi nel contesto di un regime di aiuti multisettoriale che sia parte integrante di una strategia di sviluppo regionale, con obiettivi chiaramente definiti. Quando si prevede, a titolo eccezionale, di concedere aiuti limitati ad un ambito di attività, spetta allo Stato membro dimostrare che il progetto contribuisce ad una strategia coerente 8 Orientamenti in materia di aiuti di Stato a finalità regionale (GU C 54 del , pag. 13). 7

8 di sviluppo regionale e che, considerate la natura e le dimensioni del progetto sovvenzionato, non determinerà distorsioni inaccettabili della concorrenza. (41) Il regime notificato è considerato una misura settoriale perché è riservato a imprese appartenenti a un unico settore di attività, ovvero le imprese operanti nel settore dei trasporti e della logistica. (42) Per quanto riguarda la necessità di sviluppare il settore dei trasporti e della logistica e il contributo allo sviluppo regionale, la Commissione rileva che il regime di aiuti notificato è conforme agli obiettivi fissati nel programma operativo nazionale italiano Reti e mobilità per il nell ambito dell asse I Sviluppo delle infrastrutture nodali di trasporto e logistica ed è quindi parte di una coerente strategia nazionale volta a sviluppare in particolare le regioni italiane dell'obiettivo convergenza (come previsto al punto 10 degli orientamenti). (43) Nella fattispecie, il regime intende migliorare il sistema logistico delle regioni dell'obiettivo convergenza, caratterizzato da un elevato grado di frammentazione, sostenendo progetti di investimento realizzati da consorzi, reti di impresa operanti nel settore. Questi progetti devono promuovere attività finalizzate alla qualificazione e diversificazione dell offerta di servizi logistici e alla crescita delle imprese, potenziandone la competitività sul mercato sovraregionale. Il regime consentirà pertanto di sostenere lo sviluppo economico delle regioni interessate. (44) In merito ai probabili effetti dell aiuto sulla concorrenza, va osservato che il regime limita a 20 milioni di EUR, su un periodo di due anni, l'importo totale dei finanziamenti da assegnare a un numero di progetti compreso tra 11 e 50, e che il progetto di bando fissa l aiuto per progetto a un importo compreso tra EUR e di 2 milioni di EUR; tali elementi limitano le possibili distorsioni della concorrenza. Il regime non comporterà quindi distorsioni inaccettabili della concorrenza conformemente al punto 10 degli orientamenti. (45) Alla luce di quando precede e in base a una valutazione comparata, la Commissione ritiene che, nonostante il suo carattere settoriale, il regime notificato sia accettabile poiché si iscrive in una strategia di sviluppo regionale coerente per le regioni italiane dell'obiettivo convergenza. In considerazione della natura e delle dimensioni dei progetti sovvenzionati, il regime non comporterà distorsioni inaccettabili della concorrenza. (46) Conformemente al punto 9 degli orientamenti, il regime non si applica alle imprese in difficoltà ai sensi degli orientamenti comunitari sugli aiuti di Stato per il salvataggio e la ristrutturazione di imprese in difficoltà (v. considerando (12)). (47) Conformemente al punto 34 degli orientamenti, il regime copre investimenti in attivi materiali e immateriali per progetti di investimento iniziale. Gli investimenti di sostituzione sono esclusi e non saranno finanziati. Inoltre, conformemente al punto 54 degli orientamenti, gli attivi acquisiti devono essere nuovi (v. considerando (16)). 8

9 (48) L aiuto è calcolato sulla base di spese considerate ammissibili secondo gli orientamenti e che soddisfano le relative condizioni ivi specificate (v. il punto 50 degli orientamenti). (49) Conformemente al punto 55 degli orientamenti, per le grandi imprese le disposizioni del progetto di bando limitano gli aiuti per l'acquisto di beni immateriali al 25% della spesa di investimento totale (v. considerando (17)). (50) Conformemente al punto 41 degli orientamenti, il livello di aiuto è calcolato come percentuale del valore dei costi ammissibili del progetto di investimento. In linea con la sezione degli orientamenti, il regime notificato tiene conto delle intensità massime di aiuto consentite in base alla carta degli aiuti a finalità regionale dell'italia per il Il regime è inoltre conforme alle disposizioni del punto 49 degli orientamenti in combinato disposto con la nota 47, poiché le maggiorazioni per le PMI non si applicano agli aiuti concessi al settore dei trasporti (v. considerando (23)). (51) La Commissione osserva che, per le medesime spese ammissibili, il regime consente il cumulo con altre sovvenzioni (compresi gli aiuti de minimis ) di origine locale, regionale, nazionale o comunitaria, ma prevede che l'intensità relativa all'importo complessivo dell aiuto non superi il massimale fissato per i progetti di investimento nelle regioni dell'obiettivo convergenza conformemente alla carta italiana degli aiuti a finalità regionale per il periodo Sono pertanto rispettate le condizioni di cui alla sezione 4.4 degli orientamenti (v. considerando (24)). (52) Non verranno concessi aiuti per l acquisto di mezzi di trasporto e di attrezzature di trasporto (attivi mobili) conformemente al punto 50 degli orientamenti in combinato disposto con la nota 48 (v. considerando (18)). (53) In base al regime, la concessione di aiuti è discrezionale e per tale concessione è sempre necessaria una decisione amministrativa. Il regime prevede che i lavori relativi al progetto possano essere iniziati solo dopo che l autorità responsabile avrà emesso un atto formale di concessione dell'aiuto. Le condizioni relative all'effetto di incentivazione definite al punto 38 degli orientamenti risultano rispettate (v. considerando (22)) poiché, in base al regime, è possibile concedere gli aiuti solo se il beneficiario ha presentato specifica domanda (sulla base di una procedura di selezione aperta) e l'autorità responsabile della gestione del regime ha successivamente confermato per iscritto (con un atto formale di concessione dell aiuto) e prima dell'avvio dei lavori relativi al progetto che questo soddisfa le condizioni di ammissibilità fissate dal regime. (54) Il beneficiario deve apportare un contributo finanziario pari almeno al 25% del valore dei costi ammissibili complessivi, o attraverso risorse proprie o mediante finanziamento esterno, in una forma priva di qualsiasi sostegno pubblico, conformemente al punto 39 degli orientamenti (v. considerando (25)). 9

10 (55) L'aiuto è subordinato all'obbligo di mantenere l investimento nella regione interessata per almeno cinque anni dopo il suo completamento, conformemente al punto 40 degli orientamenti (v. considerando (26)). (56) Il regime di aiuti non comprende disposizioni specifiche riguardanti l'obbligo di notificare gli aiuti a favore di grandi progetti di investimento secondo la definizione di cui alla sezione 4.3 degli orientamenti, in quanto l'importo massimo dell'aiuto da concedere a un unico progetto di investimento non supererà 2 milioni di EUR (v. considerando (15)). (57) La durata del regime è conforme alla durata della carta degli aiuti regionali per l Italia. Il regime scade il 31 dicembre 2013 (v. considerando (14)). (58) Conformemente al punto 108 degli orientamenti, i progetti per i quali le spese sono state sostenute prima della data di pubblicazione su internet del regime non saranno ammissibili agli aiuti (v. considerando (21)). (59) La Commissione osserva che il regime notificato prevede anche aiuti per altre spese ammissibili che possono rientrare nell'ambito di applicazione del regolamento generale di esenzione per categoria. Il progetto di bando prevede: (a) (b) aiuti per servizi e supporto tecnico a favore di PMI che risultino conformi alla sezione 5 del regolamento generale di esenzione per categoria ( Aiuti alle PMI per servizi di consulenza e per la partecipazione di PMI a fiere ), poiché tali aiuti sono limitati alle imprese classificate come PMI e la loro intensità non può superare il 50% dei costi ammissibili; aiuti alla formazione specifica, conformi al capo II, sezione 8, del regolamento generale di esenzione per categoria, dato che di norma l intensità dell aiuto è limitata al 25%, e può essere aumentata di 10 punti percentuali per gli aiuti concessi alle medie imprese e di 20 punti percentuali per gli aiuti concessi alle piccole imprese. 4. CONCLUSIONE (60) Considerato quanto precede, la Commissione ritiene che il regime di aiuti notificato sia compatibile con il mercato interno ai sensi dell'articolo 107, paragrafo 3, lettera a), del TFUE. 5. DECISIONE (61) La Commissione ha pertanto deciso di non sollevare obiezioni nei confronti dell'aiuto notificato, poiché esso è compatibile con il mercato interno ai sensi dell'articolo 107, paragrafo 3, lettera a), del TFUE. 10

11 (62) La Commissione ricorda alle autorità italiane che devono essere rispettate le condizioni relative alla trasmissione di relazioni di cui al regolamento (CE) n. 659/1999 del Consiglio, del 22 marzo 1999, recante modalità di applicazione dell'articolo 93 del trattato CE 9, e al regolamento (CE) n. 794/2004 della Commissione, del 21 aprile 2004, 10 recante disposizioni di esecuzione del regolamento (CE) n. 659/1999 del Consiglio. (63) La Commissione fa inoltre presente alle autorità italiane che devono esserle notificati tutti i progetti di modifica del regime di aiuti in questione. Poiché le autorità italiane hanno confermato che quanto trasmesso alla Commissione in sede di notifica non contiene informazioni riservate da non divulgare a terzi, la Commissione pubblicherà il testo integrale della presente lettera nella lingua facente fede al seguente indirizzo internet: Voglia gradire, Signor Ministro, i sensi della mia più alta considerazione. Per la Commissione Joaquín ALMUNIA Vicepresidente 9 10 GU L 83 del , pag. 1. GU L 140 del , pag

1. PROCEDIMENTO COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 7.4.2014 C(2014) 2356 final

1. PROCEDIMENTO COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 7.4.2014 C(2014) 2356 final COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.4.2014 C(2014) 2356 final VERSIONE PUBBLICA Il presente documento è un documento interno della Commissione ed ha carattere esclusivamente informativo. Oggetto: Aiuto di

Dettagli

Aiuto di Stato N 742/2001 Italia (Toscana). Risparmio energetico e sviluppo delle fonti rinnovabili.

Aiuto di Stato N 742/2001 Italia (Toscana). Risparmio energetico e sviluppo delle fonti rinnovabili. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 24.01.2003 C(2003) 80 Oggetto: Aiuto di Stato N 742/2001 Italia (Toscana). Risparmio energetico e sviluppo delle fonti rinnovabili. Signor Ministro, 1. PROCEDIMENTO 1. Con

Dettagli

Aiuto di Stato N 696/2006 Italia (Regione Molise) Arresto definitivo delle attività di pesca e ammodernamento dei pescherecci

Aiuto di Stato N 696/2006 Italia (Regione Molise) Arresto definitivo delle attività di pesca e ammodernamento dei pescherecci COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 24-I-2008 C (2007) 349 Oggetto: Aiuto di Stato N 696/2006 Italia (Regione Molise) Arresto definitivo delle attività di pesca e ammodernamento dei pescherecci Signor Ministro,

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. 3.1 Esistenza di un aiuto di Stato secondo il disposto dell'art. 87.1 del Trattato CE.

COMMISSIONE EUROPEA. 3.1 Esistenza di un aiuto di Stato secondo il disposto dell'art. 87.1 del Trattato CE. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 14.V.2007 C(2007)2156 Oggetto: Aiuto di Stato n N 120/A/2007 Italia Modificazione allo schema N565/03 "Aiuti per la protezione ambientale e per il risparmio energetico in

Dettagli

Un chiarimento concernente il campo di applicazione del progetto di regime è pervenuto con lettera A/34188 del 9 giugno 2004.

Un chiarimento concernente il campo di applicazione del progetto di regime è pervenuto con lettera A/34188 del 9 giugno 2004. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, il 14-07-2004 C (2004) 2830 Oggetto: Aiuto di Stato n. 125/2004, Italia Regione Piemonte Aiuti alla trasformazione dei contratti di lavoro da tempo determinato a tempo indeterminato

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 16 suppl. del 02-02-2012

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 16 suppl. del 02-02-2012 6 REGOLAMENTO REGIONALE 31 gennaio 2012, n. 2 Regolamento per la concessione di aiuti di importanza minore (de minimis) alle PMI e abrogazione dei Regolamenti Regionali n. 24 del 21 novembre 2008 e n.

Dettagli

Beneficeranno del regime tre tipi/categorie di imprese, più precisamente: 3. tutte le imprese localizzate in un'area assistita ex articolo 87 (3) (c).

Beneficeranno del regime tre tipi/categorie di imprese, più precisamente: 3. tutte le imprese localizzate in un'area assistita ex articolo 87 (3) (c). COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 11.04.2001 SG(2001) D/ 287716 Oggetto: Piemonte Formazione finalizzata all'assunzione di persone disoccupate Aiuto di Stato n. N 799/00 Signor Ministro, 1. PROCEDIMENTO Con

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato n. N 337/2010 Italia Aiuto ad hoc alla SMAT per investimenti in energia solare

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato n. N 337/2010 Italia Aiuto ad hoc alla SMAT per investimenti in energia solare COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 27.8.2010 C(2010)6038 Oggetto: Aiuto di Stato n. N 337/2010 Italia Aiuto ad hoc alla SMAT per investimenti in energia solare Signor Ministro, 1. PROCEDIMENTO E DESCRIZIONE

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1, comma 845 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, che prevede che il Ministro dello Sviluppo economico con proprio decreto istituisca appositi regimi

Dettagli

DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 23 dicembre 2010

DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 23 dicembre 2010 DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 23 dicembre 2010 Modalita' di applicazione della comunicazione della Commissione europea «Quadro temporaneo dell'unione per le misure di aiuto di Stato

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato N 289/2007 - Italia Aiuti alla ristrutturazione a favore di Fiem S.R.L.

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato N 289/2007 - Italia Aiuti alla ristrutturazione a favore di Fiem S.R.L. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 25.IX.2007 C(2007) 4288 def. Oggetto: Aiuto di Stato N 289/2007 - Italia Aiuti alla ristrutturazione a favore di Fiem S.R.L. Signor Ministro, I. PROCEDIMENTO (1) Con lettera

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. 1. Procedura

COMMISSIONE EUROPEA. 1. Procedura COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles 14-03-2003 C(2003) 199 Oggetto: Aiuti di Stato/ Italia (Bergamo) Aiuto n. N 529/2002 Contributi a sostegno degli investimenti delle imprese e cooperative agricole di Bergamo

Dettagli

I. PROCEDIMENTO. Nell'adottare tale decisione la Commissione ha tenuto conto di quanto segue: II. DESCRIZIONE

I. PROCEDIMENTO. Nell'adottare tale decisione la Commissione ha tenuto conto di quanto segue: II. DESCRIZIONE COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 16.09.2004 C(2004) 3544 Oggetto: Aiuto di Stato/Italia (Friuli - Venezia Giulia) Aiuto n. N 85/2004 Bando pubblico riferito al Piano di Sviluppo Locale Azione I.1 Informatizzazione,

Dettagli

(2) Il fascicolo è stato protocollato con il numero N 463/07.

(2) Il fascicolo è stato protocollato con il numero N 463/07. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 15.I.2008 C(2007) 6895 def. Oggetto: Aiuto di Stato n. N 463/2007 Italia Aiuti agli investimenti per la tutela dell'ambiente per veicoli commerciali pesanti di peso superiore

Dettagli

Con lettera del 23 dicembre 2008, la Commissione ha chiesto ulteriori informazioni che l Italia ha fornito il 4 febbraio 2009.

Con lettera del 23 dicembre 2008, la Commissione ha chiesto ulteriori informazioni che l Italia ha fornito il 4 febbraio 2009. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 01.04.2009 C(2009)2651 Oggetto: Aiuto di Stato N 573/2008 - Italia Istituzione di un regime di aiuti di Stato agli investimenti in materia di fonti energetiche rinnovabili,

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti PON Reti e Mobilità Obiettivo Convergenza 2007 2013 Linea di Intervento I.4.1. Regimi di aiuto al settore privato per la realizzazione di infrastrutture logistiche Arch. Cynthia Fico Autorità di Gestione

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato SA.34814 (2012/N) Italia- Calabria Pubblicità e promozione di prodotti ortofrutticoli

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato SA.34814 (2012/N) Italia- Calabria Pubblicità e promozione di prodotti ortofrutticoli COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 5.12.2012 C(2012) 9118 final Oggetto: Aiuto di Stato SA.34814 (2012/N) Italia- Calabria Pubblicità e promozione di prodotti ortofrutticoli Signor Ministro, I. PROCEDIMENTO

Dettagli

Modello per la notificazione dei regimi di aiuto a finalità regionale

Modello per la notificazione dei regimi di aiuto a finalità regionale version du 19 nov. 99. Modello per la notificazione dei regimi di aiuto a finalità regionale Il presente modello può essere utilizzato per la notificazione, ai sensi dell'articolo 88, paragrafo 3 del trattato

Dettagli

Aiuto di Stato N 83/2004 - Italia Finanziamento di infrastrutture per il calcolo e la gestione di banche dati

Aiuto di Stato N 83/2004 - Italia Finanziamento di infrastrutture per il calcolo e la gestione di banche dati COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 14.09.2004 C(2004) 3525 Oggetto: Aiuto di Stato N 83/2004 - Italia Finanziamento di infrastrutture per il calcolo e la gestione di banche dati Signor Ministro, 1. PROCEDIMENTO

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. La Commissione ha basato la propria decisione sulle seguenti considerazioni:

COMMISSIONE EUROPEA. La Commissione ha basato la propria decisione sulle seguenti considerazioni: COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 10.12.2014 C(2014) 9746 final Oggetto: Aiuto di Stato/Italia (Sardegna) SA.37394 (2013/N) Metodo di calcolo dell equivalente sovvenzione lordo (ESL) dell elemento di aiuto

Dettagli

(1) In data 2 novembre 2012 l Italia ha notificato un aiuto per il salvataggio a favore di FORM S.p.A. in A.S. ( FORM ).

(1) In data 2 novembre 2012 l Italia ha notificato un aiuto per il salvataggio a favore di FORM S.p.A. in A.S. ( FORM ). COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 18.02.2013 C(2013) 990 final VERSIONE PUBBLICA Il presente documento è un documento interno della Commissione ed ha carattere esclusivamente informativo. Oggetto: Aiuto di

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuti di Stato /Italia (Marche) SA.35661 (2012/N) Contributi per le opere irrigue dei consorzi di bonifica delle Marche

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuti di Stato /Italia (Marche) SA.35661 (2012/N) Contributi per le opere irrigue dei consorzi di bonifica delle Marche COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 18.01.2013 C(2013) 295 final Oggetto: Aiuti di Stato /Italia (Marche) SA.35661 (2012/N) Contributi per le opere irrigue dei consorzi di bonifica delle Marche Signor Ministro,

Dettagli

3. Con lettera del 22 giugno 2004, nuovi complementi di informazione sono stati chiesti alle autorità italiane.

3. Con lettera del 22 giugno 2004, nuovi complementi di informazione sono stati chiesti alle autorità italiane. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 26-VII-2006 C(2006) 3451 Oggetto: Aiuti di Stato/Italia (Friuli - Venezia Giulia) Aiuto n. N 625/03 Alienazione della Centrale ortofrutticola in Comune di Udine dall Agenzia

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA INDUSTRIALE E LA COMPETITIVITA

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA INDUSTRIALE E LA COMPETITIVITA Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA INDUSTRIALE E LA COMPETITIVITA Oggetto: Linee guida per l attuazione da parte di Amministrazioni e altri soggetti diversi dal Ministero

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 22.IX.2004 C(2004) 3467fin

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 22.IX.2004 C(2004) 3467fin COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 22.IX.2004 C(2004) 3467fin Oggetto: Aiuto di Stato N 124/2004 - Italia Regione Emilia Romagna Piano telematico regionale; concessione di contributi alle attività di ricerca

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 11.06.2014 C(2014) 3632 final. Aiuto di stato SA.38634 (2014/N) Italia Blue Panorama Airlines S.p.A.

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 11.06.2014 C(2014) 3632 final. Aiuto di stato SA.38634 (2014/N) Italia Blue Panorama Airlines S.p.A. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 11.06.2014 C(2014) 3632 final VERSIONE PUBBLICA Il presente documento è un documento interno della Commissione ed ha carattere esclusivamente informativo. Oggetto: Aiuto

Dettagli

DECISIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DELLA COMMISSIONE 16.1.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 11/7 IV (Atti adottati prima del 1 o dicembre 2009, in applicazione del trattato CE, del trattato UE e del trattato Euratom) DECISIONE DELLA COMMISSIONE

Dettagli

TURISMO, BRAMBILLA: "400 ML PER I CONTRATTI DI SVILUPPO, PER LA PRIMA VOLTA SOSTEGNO CONCRETO DEL GOVERNO A INVESTIMENTI NEL TURISMO"

TURISMO, BRAMBILLA: 400 ML PER I CONTRATTI DI SVILUPPO, PER LA PRIMA VOLTA SOSTEGNO CONCRETO DEL GOVERNO A INVESTIMENTI NEL TURISMO TURISMO, BRAMBILLA: "400 ML PER I CONTRATTI DI SVILUPPO, PER LA PRIMA VOLTA SOSTEGNO CONCRETO DEL GOVERNO A INVESTIMENTI NEL TURISMO" "Per la prima volta in Italia, il governo dispone un concreto e significativo

Dettagli

(2) Metodo di calcolo dell'esl (equivalente sovvenzione lordo) connessa a prestiti agevolati erogati da ISMEA tramite il proprio Fondo credito.

(2) Metodo di calcolo dell'esl (equivalente sovvenzione lordo) connessa a prestiti agevolati erogati da ISMEA tramite il proprio Fondo credito. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 31.7.2013 C(2013) 5035 final Oggetto: Aiuti di Stato/Italia - Aiuto n. SA.36808 (2013/N) Metodo di calcolo dell'esl (equivalente sovvenzione lordo) connessa a prestiti agevolati

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. 1. Procedura

COMMISSIONE EUROPEA. 1. Procedura COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 24-07-2003 C(2003) 2792 Oggetto: Aiuti di Stato/ Italia (Toscana) Aiuto n. N 126/2003 Strade del vino, dell'olio extra-vergine di oliva e dei prodotti agroalimentari 1. Procedura

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato N 174/A/2004 - Italie Aiuti relativi ai danni causati da calamità naturali (Molise).

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato N 174/A/2004 - Italie Aiuti relativi ai danni causati da calamità naturali (Molise). COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 06.10.2004 C(2004) 3630 fin Oggetto: Aiuto di Stato N 174/A/2004 - Italie Aiuti relativi ai danni causati da calamità naturali (Molise). Signor Ministro, 1. PROCEDIMENTO

Dettagli

Aiuto di Stato N 182/2010 Italia Metodo nazionale per calcolare l'elemento di aiuto nelle garanzie a favore delle PMI

Aiuto di Stato N 182/2010 Italia Metodo nazionale per calcolare l'elemento di aiuto nelle garanzie a favore delle PMI COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 06.07.2010 C(2010)4505 definitivo Oggetto: Aiuto di Stato N 182/2010 Italia Metodo nazionale per calcolare l'elemento di aiuto nelle garanzie a favore delle PMI Signor Ministro,

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Oggetto: Aiuto di Stato n. N 402/02 Italia (Regione Sardegna) prestiti partecipativi alle PMI

COMMISSIONE EUROPEA. Oggetto: Aiuto di Stato n. N 402/02 Italia (Regione Sardegna) prestiti partecipativi alle PMI COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, il 23-06-2003 C (2003) 2015 Oggetto: Aiuto di Stato n. N 402/02 Italia (Regione Sardegna) prestiti partecipativi alle PMI Signor Ministro, I. Procedimento 1. Con lettere

Dettagli

SEZIONE 1 Introduzione

SEZIONE 1 Introduzione REGIONE ABRUZZO GIUNTA REGIONALE QUADRO SINTETICO DEGLI ORIENTAMENTI IN MATERIA DI AIUTI DI STATO A FINALITÀ REGIONALE 2014 2020 Direzione Affari della Presidenza, Politiche Legislative e Comunitarie,

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 17.06.2009 C(2009)4534 definitivo. Aiuti di Stato N 618/2008 - Italia Regime di aiuto ISA SPA.

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 17.06.2009 C(2009)4534 definitivo. Aiuti di Stato N 618/2008 - Italia Regime di aiuto ISA SPA. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 17.06.2009 C(2009)4534 definitivo Oggetto: Aiuti di Stato N 618/2008 - Italia Regime di aiuto ISA SPA Signor Ministro, La Commissione desidera informare l Italia che, dopo

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1, comma 845, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 (legge finanziaria 2007) e successive modificazioni e integrazioni, che prevede che il Ministro

Dettagli

Aiuto di Stato n. N208/2003 - ITALIA Regione Emilia Romagna Ecoincentivi per il settore delle imprese

Aiuto di Stato n. N208/2003 - ITALIA Regione Emilia Romagna Ecoincentivi per il settore delle imprese COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 19.12.2003 C(2003) 5275 Oggetto: Aiuto di Stato n. N208/2003 - ITALIA Regione Emilia Romagna Ecoincentivi per il settore delle imprese Signor Ministro, 1. PROCEDIMENTO Con

Dettagli

Aiuto di Stato N 487/2005 Italia Aiuti alla ricerca e allo sviluppo finalizzati alla realizzazione di un distretto dell'idrogeno a Porto Marghera

Aiuto di Stato N 487/2005 Italia Aiuti alla ricerca e allo sviluppo finalizzati alla realizzazione di un distretto dell'idrogeno a Porto Marghera COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 22.II.2006 C(2006)613 Oggetto: Aiuto di Stato N 487/2005 Italia Aiuti alla ricerca e allo sviluppo finalizzati alla realizzazione di un distretto dell'idrogeno a Porto Marghera

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 10 ottobre 2003 Criteri e modalita' di concessione delle agevolazioni previste dagli interventi a valere sul Fondo per le agevolazioni alla ricerca. (F.A.R.).

Dettagli

Con la circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n. 68032 del 10 dicembre 2014

Con la circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n. 68032 del 10 dicembre 2014 APERTURA DOMANDE SMART ET START ON LINE Con la circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n. 68032 del 10 dicembre 2014 sono stati definiti gli aspetti rilevanti per l accesso alle agevolazioni ed

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato n SA.37347 (2013/N) Italia Regime di aiuti per la costruzione e l ampliamento di impianti di biogas in Alto Adige

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato n SA.37347 (2013/N) Italia Regime di aiuti per la costruzione e l ampliamento di impianti di biogas in Alto Adige COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 11.02.2014 C(2014) 939 final VERSIONE PUBBLICA Il presente documento è un documento interno della Commissione ed ha carattere esclusivamente informativo. Oggetto: Aiuto di

Dettagli

Aiuti di Stato n. N 185/2009 e N 187/2009 Italia Regime per il salvataggio e la ristrutturazione delle medie imprese in difficoltà

Aiuti di Stato n. N 185/2009 e N 187/2009 Italia Regime per il salvataggio e la ristrutturazione delle medie imprese in difficoltà COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 25.05.2009 C(2009)4152 Oggetto: Aiuti di Stato n. N 185/2009 e N 187/2009 Italia Regime per il salvataggio e la ristrutturazione delle medie imprese in difficoltà Signor

Dettagli

Ingegneria Finanziaria nel periodo di programmazione 2007-13

Ingegneria Finanziaria nel periodo di programmazione 2007-13 Versione finale del 16/07/2007 COCOF/07/0018/01 Documento dei servizi della Commissione sulla Ingegneria Finanziaria nel periodo di programmazione 2007-13 Questo documento è stato preparato dalle Direzioni

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 12-VIII-2005 C(2005) 3213

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 12-VIII-2005 C(2005) 3213 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 12-VIII-2005 C(2005) 3213 Oggetto: Aiuti di Stato/Italia (Calabria) Aiuti n. N 391/2003 e N 29/2004 Fondo di garanzia per l agricoltura. Signor Ministro, con lettera del

Dettagli

ALLEGATO II. Informazioni relative agli aiuti di Stato esenti a norma delle condizioni previste dal presente regolamento

ALLEGATO II. Informazioni relative agli aiuti di Stato esenti a norma delle condizioni previste dal presente regolamento IT ALLEGATO II Informazioni relative agli aiuti di Stato esenti a norma delle condizioni previste dal presente regolamento PARTE I (da presentare mediante l'applicazione informatica della Commissione in

Dettagli

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE. del 12.10.2015

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE. del 12.10.2015 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 12.10.2015 C(2015) 7046 final DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE del 12.10.2015 che approva determinati elementi del programma di cooperazione "Interreg V-A Italia-

Dettagli

Politica di recupero. Principi e procedure. Commissione europea, DG Concorrenza, Direzione H, Unità H4 Applicazione e riforma procedurale

Politica di recupero. Principi e procedure. Commissione europea, DG Concorrenza, Direzione H, Unità H4 Applicazione e riforma procedurale Politica di recupero Principi e procedure Principi di recupero Esecuzione di una decisione di recupero Ricorsi dinanzi ai giudici nazionali e UE Insolvenza Mancata esecuzione Link e formazione 2 Principali

Dettagli

POI ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO 2007-2013 (POI)

POI ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO 2007-2013 (POI) POI ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO 2007-2013 (POI) Avanzamento Attività Organismo Intermedio Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per gli incentivi alle imprese D.G.I.A.I Linee

Dettagli

LAZIO. AGEA "OCM Vino Investimenti 2015/2016" SCADENZA: 29/02/2016. MINISTERO TRASPORTI "Investimenti nel settore dell'autotrasporto"

LAZIO. AGEA OCM Vino Investimenti 2015/2016 SCADENZA: 29/02/2016. MINISTERO TRASPORTI Investimenti nel settore dell'autotrasporto AGEA "OCM Vino Investimenti 2015/2016" Sono previsti finanziamenti a fondo perduto a favore delle imprese attive nel settore vitivinicolo (ad esclusione di quelle di commercializzazione) che effettuano

Dettagli

(2) Le autorità italiane hanno trasmesso un complemento d'informazioni con lettera protocollata il 23 marzo 2011.

(2) Le autorità italiane hanno trasmesso un complemento d'informazioni con lettera protocollata il 23 marzo 2011. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 13.5.2011 C(2011) 2929 definitivo Oggetto: Aiuti di Stato - Italia Aiuto n. SA.32469 (2011/N) Metodo di calcolo dell'esl (equivalente sovvenzione lordo) connessa a prestiti

Dettagli

LA GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE

LA GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE LA GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE La programmazione comunitaria 2014-2020: le risorse per l Italia Nel periodo 2014-2020, con il nuovo Accordo di partenariato tra Italia e Commissione Europea, l

Dettagli

Aiuto di Stato n. N 802/2006 Italia Aiuto al salvataggio a favore di Sandretto Industrie SrL

Aiuto di Stato n. N 802/2006 Italia Aiuto al salvataggio a favore di Sandretto Industrie SrL COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 29.I.2007 C(2007)320 Oggetto: Aiuto di Stato n. N 802/2006 Italia Aiuto al salvataggio a favore di Sandretto Industrie SrL Signor Ministro, 1. PROCEDURA (1) Con lettera del

Dettagli

MARCHE. REGIONE MARCHE "Pagamenti per il mantenimento dei metodi di produzione biologica - Sottomisura 11.2"

MARCHE. REGIONE MARCHE Pagamenti per il mantenimento dei metodi di produzione biologica - Sottomisura 11.2 "Pagamenti per il mantenimento dei metodi di produzione biologica - Sottomisura 11.2" L'obiettivo della misura è quello di mantenere le pratiche di agricoltura biologica anche per rispondere alla domanda

Dettagli

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali Bando/Agevolazione: Beni strumentali ("Nuova Sabatini") Obiettivo: incrementare la competitività e migliorare l accesso al credito delle micro, piccole e medie imprese, attraverso l acquisto di nuovi macchinari,

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto il decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, recante Misure urgenti per la crescita del Paese, e,

Dettagli

Fondi comuni d investimento a favore di PMI innovative situate nel Mezzogiorno.

Fondi comuni d investimento a favore di PMI innovative situate nel Mezzogiorno. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 19-VII-2006 C(2006) 3193 def. Oggetto: Aiuto di Stato n. N 9/2006 - Italia Fondi comuni d investimento a favore di PMI innovative situate nel Mezzogiorno. Signor Ministro,

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 16.12.2008 C(2008)8636

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 16.12.2008 C(2008)8636 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 16.12.2008 C(2008)8636 Oggetto: Aiuto di Stato n. N 257/2008 Italia (Marche). Garanzie prestate in favore delle imprese operanti nel settore agricolo, agroalimentare e dello

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 28-VII-2004 C(2004) 2972

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 28-VII-2004 C(2004) 2972 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 28-VII-2004 C(2004) 2972 Oggetto: Aiuti di Stato/Italia (Lazio) Aiuto n. N 36/2002 Aiuti per il pagamento di premi assicurativi per perdite causate da avverse condizioni

Dettagli

ALLEGATO 1 Categorie di spesa, costi ammissibili e intensità di aiuto

ALLEGATO 1 Categorie di spesa, costi ammissibili e intensità di aiuto ALLEGATO 1 Categorie di spesa, costi ammissibili e intensità di aiuto Le categorie di spesa ammissibili, le tipologie di costi e le relative intensità di aiuto sono riportate nel prospetto seguente. Esse

Dettagli

REGOLAMENTO (UE) N. 360/2012 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (UE) N. 360/2012 DELLA COMMISSIONE L 114/8 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 26.4.2012 REGOLAMENTO (UE) N. 360/2012 DELLA COMMISSIONE del 25 aprile 2012 relativo all applicazione degli articoli 107 e 108 del trattato sul funzionamento

Dettagli

Scheda Bandi. Invitalia- Contratto di Sviluppo Programma di sviluppo di attività turistiche

Scheda Bandi. Invitalia- Contratto di Sviluppo Programma di sviluppo di attività turistiche Invitalia- Contratto di Sviluppo Programma di sviluppo di attività turistiche Normativa Ente gestore Data chiusura DM 29/12/2014 Sui Contratti di Sviluppo DM 14/02/2015 N 97 Riforma disciplina del contratti

Dettagli

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE. del 15.12.2015

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE. del 15.12.2015 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 15.12.2015 C(2015) 9347 final DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE del 15.12.2015 che approva determinati elementi del programma di cooperazione "Interreg V-A Grecia-Italia

Dettagli

Modalità Attuative Fondo Prestiti Rimborsabili

Modalità Attuative Fondo Prestiti Rimborsabili OBIETTIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE PROGRAMMA OPERATIVO 2007-2013 REGIONE LIGURIA Parte Competitività COFINANZIATO DAL F.E.S.R. - FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE ASSE 1 INNOVAZIONE E COMPETITIVITA

Dettagli

ALLEGATO 8) Si riportano di seguito le regole comunitarie che disciplinano l ammissibilità agli aiuti di Stato da parte delle imprese.

ALLEGATO 8) Si riportano di seguito le regole comunitarie che disciplinano l ammissibilità agli aiuti di Stato da parte delle imprese. ALLEGATO 8) Si riportano di seguito le regole comunitarie che disciplinano l ammissibilità agli aiuti di Stato da parte delle imprese. Articoli 38 e 39 del Regolamento generale di esenzione per gli aiuti

Dettagli

DECRETO N. 5032 Del 17/06/2015

DECRETO N. 5032 Del 17/06/2015 DECRETO N. 5032 Del 17/06/2015 Identificativo Atto n. 589 DIREZIONE GENERALE ATTIVITA' PRODUTTIVE, RICERCA E INNOVAZIONE Oggetto POR FESR 2007-2013. PROROGA DEL TERMINE PER LA CHIUSURA DELLO SPORTELLO

Dettagli

Revisione della comunicazione sull assicurazione del credito all esportazione a breve termine. Documento di consultazione

Revisione della comunicazione sull assicurazione del credito all esportazione a breve termine. Documento di consultazione Revisione della comunicazione sull assicurazione del credito all esportazione a breve termine 1. Introduzione Documento di consultazione In alcuni Stati membri esistono agenzie ufficiali di credito all

Dettagli

C 188/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 11.8.2009

C 188/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 11.8.2009 C 188/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 11.8.2009 Comunicazione della Commissione Criteri per l'analisi della compatibilità degli aiuti di stato a favore dei lavoratori svantaggiati e disabili soggetti

Dettagli

SCHEDA DELLE DIRETTIVE DI ATTUAZIONE

SCHEDA DELLE DIRETTIVE DI ATTUAZIONE PARERE n.21 "Approvazione delle Direttive di attuazione per sostenere la creazione e/o il potenziamento delle reti e dei cluster di imprese attraverso lo strumento del Contratto di Investimento ai sensi

Dettagli

EMILIA ROMAGNA. CCIAA FERRARA "Contributi per la nascita e lo sviluppo di nuove imprese femminili - ed. 2015"

EMILIA ROMAGNA. CCIAA FERRARA Contributi per la nascita e lo sviluppo di nuove imprese femminili - ed. 2015 REGIONE EMILIA ROMAGNA "Contributi per la partecipazione a fiere" L'obiettivo è quello di promuovere i processi di internazionalizzazione delle imprese regionali con il sostegno a iniziative di partecipazione

Dettagli

Obiettivi del bando. Beneficiari

Obiettivi del bando. Beneficiari Scadenza: 02.05.2011 Regione Emilia Romagna: modalità e criteri per la concessione di contributi finalizzati a favorire la rimozione dell amianto dagli edifici, la coibentazione degli edifici e l installazione

Dettagli

3. Mi pregio informarla che la Commissione ha deciso di non sollevare obiezioni nei confronti delle misure in oggetto.

3. Mi pregio informarla che la Commissione ha deciso di non sollevare obiezioni nei confronti delle misure in oggetto. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 12-08-2004 C(2004) 3207 Oggetto: Aiuti di Stato/Italia (Abruzzo) Aiuto n. N 272/04 Programma d intervento per la delocalizzazione o la dismissione delle attività agricole

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Oggetto: Aiuti di Stato N 384/2003 - Italia Regime di aiuti per favorire l accesso al mercato dei capitali alle imprese agricole ed agroalimentari

Oggetto: Aiuti di Stato N 384/2003 - Italia Regime di aiuti per favorire l accesso al mercato dei capitali alle imprese agricole ed agroalimentari COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 03.02.2004 C(2004)169fin Oggetto: Aiuti di Stato N 384/2003 - Italia Regime di aiuti per favorire l accesso al mercato dei capitali alle imprese agricole ed agroalimentari

Dettagli

Bando per l'innovazione tecnologica delle PMI e delle reti di PMI. Asse 2 Attività II.1.2

Bando per l'innovazione tecnologica delle PMI e delle reti di PMI. Asse 2 Attività II.1.2 Bando per l'innovazione tecnologica delle PMI e delle reti di PMI Asse 2 Attività II.1.2 Obiettivi Supportare i processi di cambiamento tecnologico e organizzativo, attraverso il sostegno a progetti realizzati

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Nell adottare tale decisione la Commissione ha tenuto conto delle considerazioni esposte qui di seguito.

COMMISSIONE EUROPEA. Nell adottare tale decisione la Commissione ha tenuto conto delle considerazioni esposte qui di seguito. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 20.X.2005 C(2005)3849 def. Oggetto: Aiuti di Stato N 45/2005 - Italia Misure per garantire la qualità nel settore dei prodotti alimentari e adozione del marchio di qualità

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dell economia e delle finanze. di concerto con

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dell economia e delle finanze. di concerto con DECRETO 18 aprile 2016, n.4293 Ripartizione delle risorse del fondo per gli investimenti nel settore lattiero caseario ai sensi dell articolo 1, commi 214-217, della legge 23 dicembre 2014, n. 190 (legge

Dettagli

Nel prendere la suddetta decisione la Commissione si è basata sulle seguenti considerazioni:

Nel prendere la suddetta decisione la Commissione si è basata sulle seguenti considerazioni: COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 15.XII.2004 C(2004) 5259 Oggetto: Aiuti di Stato / Italia (Trento) Aiuto N 27/2004 Intervento in favore degli allevamenti zootecnici trentini a seguito del verificarsi dei

Dettagli

La dotazione finanziaria prevista dal Fondo PMI Misura Intervento straordinario per la competitività è pari a 120.000.000 di Euro.

La dotazione finanziaria prevista dal Fondo PMI Misura Intervento straordinario per la competitività è pari a 120.000.000 di Euro. AVVISO per la selezione di progetti da ammettere al finanziamento del Fondo Regionale per lo sviluppo delle PMI campane misura Intervento straordinario per la competitività Sul BURC del 2 novembre 2015

Dettagli

Tabella 1A: Aiuti agli investimenti nelle aziende agricole (produzione)

Tabella 1A: Aiuti agli investimenti nelle aziende agricole (produzione) Tabella 1A: Aiuti agli investimenti nelle aziende agricole (produzione) Il sostegno agli investimenti è concesso unicamente ad aziende di provata redditività 1 mediante valutazione delle prospettive (cfr.

Dettagli

MISURA 311. 1. Titolo della misura Diversificazione in attività non agricole. 2. Articoli di riferimento

MISURA 311. 1. Titolo della misura Diversificazione in attività non agricole. 2. Articoli di riferimento 1. Titolo della misura Diversificazione in attività non agricole. 2. Articoli di riferimento MISURA 311 Titolo IV, Capo 1, sezione 3, Articolo 52 lettera a) punto i e sottosezione 1, Articolo 53 del Regolamento

Dettagli

Nell'adottare tale decisione la Commissione ha tenuto conto di quanto segue: II. Descrizione

Nell'adottare tale decisione la Commissione ha tenuto conto di quanto segue: II. Descrizione COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 22.XII.2004 C(2004)5602 Oggetto: Aiuti di stato/italia (Abruzzo) Aide n N 261/02004 Credito Agrario Agevolato Signor Ministro, I. Procedura Con lettera del 18 giugno 2004,

Dettagli

Data di applicazione Gli aiuti saranno concessi a decorrere dal febbraio 2003.

Data di applicazione Gli aiuti saranno concessi a decorrere dal febbraio 2003. Numero dell' XS 16/03 Grecia Tutte le regioni (13) Regime di aiuti ad azioni PMI nel quadro dei programmi operativi regionali del III QCS 2000-2006: Aiuto alla competitività e all'innovazione delle PMI

Dettagli

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE. del 12.2.2015

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE. del 12.2.2015 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 12.2.2015 C(2015) 902 final DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE del 12.2.2015 che approva determinati elementi del programma operativo "Investimenti per la crescita

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA DIREZIONE GENERALE POLITICA REGIONALE Italy, Malta, Portogallo, Spagna Italia e Malta Il Direttore

COMMISSIONE EUROPEA DIREZIONE GENERALE POLITICA REGIONALE Italy, Malta, Portogallo, Spagna Italia e Malta Il Direttore COMMISSIONE EUROPEA DIREZIONE GENERALE POLITICA REGIONALE Italy, Malta, Portogallo, Spagna Italia e Malta Il Direttore Bruxelles, 03/07/2009 5563 Unit G.3 D(2009) FM.ml/860288 Ministero dello Sviluppo

Dettagli

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Invitalia: mission e obiettivi Invitalia è l Agenzia del Governo che ha l obiettivo di contribuire ad accrescere la competitività

Dettagli

(3) Titolo di lavoro: "Filtri del particolato per autobus diesel"

(3) Titolo di lavoro: Filtri del particolato per autobus diesel COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 06.XII.2006 C(2006)5798 def. Oggetto: Aiuti di Stato N 400/2006 Italia Filtri antiparticolato per autobus diesel Signor Ministro, 1. PROCEDIMENTO (1) Con lettera del 23 giugno

Dettagli

TOSCANA. TOSCANAMUOVE "Creazione impresa" A PARTIRE DAL: 15/10/2015. REGIONE TOSCANA "Finanziamenti per l'area di Piombino" SCADENZA: giugno 2016

TOSCANA. TOSCANAMUOVE Creazione impresa A PARTIRE DAL: 15/10/2015. REGIONE TOSCANA Finanziamenti per l'area di Piombino SCADENZA: giugno 2016 TOSCANAMUOVE "Creazione impresa" Disponibile il fondo rotativo che intende sostenere attraverso agevolazioni (finanziamento agevolato a tasso zero e vocuher) per la realizzazione di progetti di investimento

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 10.12.2008 C(2008) 7843 definitivo

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 10.12.2008 C(2008) 7843 definitivo COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 10.12.2008 C(2008) 7843 definitivo Oggetto: Aiuti di Stato N 379/2008 - Italia Regime dei contratti di filiera e di distretto (decreto del Ministero delle politiche agricole

Dettagli

5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza

5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza 5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza Riferimenti normativi Articolo 20 lettera a) punto iv) ed articolo 24 Regolamento (CE) n. 1698/05. Articolo 15 del Regolamento (CE) n. 1974/2006

Dettagli

INCENTIVI NAZIONALI LEGGE 46/82 RETE ITALIANA PER LA DIFFUSIONE DELL INNOVAZIONE E IL TRASFERIMENTO TECNOLOGICO ALLE IMPRESE

INCENTIVI NAZIONALI LEGGE 46/82 RETE ITALIANA PER LA DIFFUSIONE DELL INNOVAZIONE E IL TRASFERIMENTO TECNOLOGICO ALLE IMPRESE RETE ITALIANA PER LA DIFFUSIONE DELL INNOVAZIONE E IL TRASFERIMENTO TECNOLOGICO ALLE IMPRESE INCENTIVI NAZIONALI LEGGE 46/82 Direzione Trasferimento di Conoscenza e Innovazione Dipartimento Centri e Reti

Dettagli

Programmi di investimento per innovazione, miglioramento competitivo e tutela dell ambiente nelle regioni Calabria, Campania, Puglia e Sicilia

Programmi di investimento per innovazione, miglioramento competitivo e tutela dell ambiente nelle regioni Calabria, Campania, Puglia e Sicilia CIRCOLARE A.F. N. 157 del 18 Ottobre 2013 Ai gentili clienti Loro sedi Programmi di investimento per innovazione, miglioramento competitivo e tutela dell ambiente nelle regioni Calabria, Campania, Puglia

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 19.12.2012 C(2012) 9853 final

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 19.12.2012 C(2012) 9853 final COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 19.12.2012 C(2012) 9853 final Oggetto: Aiuto di Stato n. SA.35413 (2012/NN) - Italia Aiuti destinati a compensare i danni arrecati dagli eventi sismici verificatisi nel maggio

Dettagli

LAZIO. REGIONE LAZIO "Finanziamenti agevolati per efficienza energetica" SCADENZA: fino ad esaurimento risorse

LAZIO. REGIONE LAZIO Finanziamenti agevolati per efficienza energetica SCADENZA: fino ad esaurimento risorse "Finanziamenti agevolati per efficienza energetica" Pubblicato il bando per la concessione di finanziamenti agevolati alle PMI che investono in efficienza energetica e produzione di energia rinnovabile.

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico. Il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con

Il Ministro dello Sviluppo Economico. Il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con Il Ministro dell Economia e delle Finanze Visto l articolo 252-bis del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, come sostituito dall articolo 4, comma

Dettagli

Nuove imprese a tasso zero - finanziamenti agevolati per nuove cooperative di giovani e donne.

Nuove imprese a tasso zero - finanziamenti agevolati per nuove cooperative di giovani e donne. Nuove imprese a tasso zero - finanziamenti agevolati per nuove cooperative di giovani e donne. È entrata nella sua fase operativa il provvedimento del Ministero dello Sviluppo Economico che prevede la

Dettagli

Titolo III Aiuti alle Medie Imprese e ai Consorzi di PMI per i Programmi Integrati di Investimento PIA Turismo

Titolo III Aiuti alle Medie Imprese e ai Consorzi di PMI per i Programmi Integrati di Investimento PIA Turismo Regolamento 30 Dicembre 2009 n. 36 della Regione Puglia dei Regimi di Aiuto in esenzione per le imprese turistiche Titolo III Aiuti alle Medie Imprese e ai Consorzi di PMI per i Programmi Integrati di

Dettagli

CRITERI E MODALITÀ DI EROGAZIONE E REINTEGRO DEL FONDO ROTATIVO PER LE AGENZIE FORMATIVE DI CUI ALL ART. 60 DELLA L. R. 6 AGOSTO 2009 N.

CRITERI E MODALITÀ DI EROGAZIONE E REINTEGRO DEL FONDO ROTATIVO PER LE AGENZIE FORMATIVE DI CUI ALL ART. 60 DELLA L. R. 6 AGOSTO 2009 N. Allegato CRITERI E MODALITÀ DI EROGAZIONE E REINTEGRO DEL FONDO ROTATIVO PER LE AGENZIE FORMATIVE DI CUI ALL ART. 60 DELLA L. R. 6 AGOSTO 2009 N. 22 1. Obiettivi del Programma e linee di intervento previste

Dettagli

DECISIONE DELLA COMMISSIONE. del 08-XI-2007

DECISIONE DELLA COMMISSIONE. del 08-XI-2007 DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 08-XI-2007 che adotta il programma operativo per l intervento comunitario del Fondo sociale europeo ai fini dell obiettivo Competitività regionale e occupazione nella regione

Dettagli