Il Fondo di garanzia per le PMI. (Legge 662/1996, art. 2 comma 100, lett. a)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Fondo di garanzia per le PMI. (Legge 662/1996, art. 2 comma 100, lett. a)"

Transcript

1 Il Fondo di garanzia per le PMI (Legge 662/1996, art. 2 comma 1, lett. a) Report mensile I risultati al 3 aprile 215 1

2 Indice 1. Le domande presentate Le domande presentate nel periodo 1 gennaio-3 aprile Le domande accolte Le domande accolte nel periodo 1 gennaio-3 aprile L importo finanziato e garantito Le caratteristiche delle operazioni Le caratteristiche delle imprese Le domande non ammesse alla garanzia del Fondo ALLEGATO - Tavole statistiche

3 1. Le domande presentate 1.1 Le domande presentate nel periodo 1 gennaio - 3 aprile 215 Nel primo quadrimestre 215, le richieste di accesso al Fondo mostrano una crescita, pari al 22,1%, rispetto al 214, con un numero di richieste pervenute pari a rispetto alle dell anno precedente. Grafico 1 Domande presentate 1 gennaio-3 aprile gennaio-3 aprile 215 (n.) ,1% La dinamica mensile evidenzia una contrazione a gennaio (-18,5%), cui sono seguiti aumenti nei mesi successivi, in particolare in marzo (+66,1%) e in aprile (+53,6%). Grafico 2 Dinamica mensile delle domande presentate 1 gennaio-3 aprile gennaio-3 aprile 215 (n.) ,5% +1,7% +66,1% +53,6% Gennaio Febbraio Marzo Aprile Il numero di operatori che hanno presentano domanda di accesso al Fondo (47 soggetti richiedenti) risulta in aumento del 18,7% rispetto all anno precedente (343). Dall analisi dei soggetti richiedenti emerge come la crescita sia riconducibile alle banche (278 operatori, pari al 68,3% del totale), che hanno evidenziato una crescita del 28,1%. I confidi e gli altri fondi di garanzia (116 operatori, pari al 28,5% del totale) si attestano su un livello pari a quello dell anno precedente, mentre le società di leasing (11 3

4 operatori, pari al 2,7% del totale) hanno fatto registrare una contrazione pari al 1,%. Si segnala la presenza di due Società di Gestione del Risparmio che hanno presentato domanda di ammissione alla garanzia del Fondo a fronte di due operazioni di sottoscrizione di minibond, ai sensi di quanto disposta dal Decreto del MiSE di concerto con il MEF del 5 giugno 214. Grafico 3 Distribuzione dei soggetti richiedenti la garanzia, 1 gennaio-3 aprile gennaio-3 aprile 215 (n.) Banche Confidi e altri fondi di garanzia Società di leasing SGR 4

5 2. Le domande accolte 2.1 Le domande accolte nel periodo 1 gennaio - 3 aprile 215 Nel 215, le domande accolte mostrano un aumento del 29,% rispetto al 214. Tra il 1 gennaio e il 3 aprile 215 sono state accolte operazioni 1 rispetto alle dell anno precedente. Grafico 4 Domande accolte, 1 gennaio-3 aprile gennaio-3 aprile 215 (n.) ,% A fronte delle oltre 33.2 operazioni accolte, il numero delle imprese garantite è pari a , con un aumento del 25,9% rispetto all anno precedente ( imprese). Grafico 5 N. imprese ammesse al Fondo, 1 gennaio-3 aprile gennaio-3 aprile 215 (n.) ,9% Al 3 aprile 215, lo stock dei finanziamenti e del garantito in essere risulta rispettivamente pari a 23, mld e a 14,7 mld. 1 Al 3 aprile 215 i giorni che intercorrono tra la presentazione delle domande e successiva fase di istruttoria e delibera sono pari a circa dieci giorni di calendario. 5

6 2.2 L importo finanziato e garantito I finanziamenti accolti, pari a 4,9 mld, evidenziano un incremento del 42,1% mentre l importo garantito, pari a 3,3 mld, registra un aumento del 57,2%. Tabella 1 N. operazioni, finanziamenti accolti e importo garantito, 1 gennaio-3 aprile gennaio-3 aprile 215 ( ) N. operazioni Finanziamenti accolti ( ) Importo garantito ( ) Var. % Var. % Var. % Gennaio ,8% ,2% ,3% Febbraio ,2% ,9% ,1% Marzo ,8% ,8% ,% Aprile ,6% ,2% ,4% Totale ,% ,1% ,2% Il finanziamento medio delle operazioni accolte si attesta su un livello superiore rispetto al 214. A fronte di un dato medio nel 214, pari a 133,8 mila, nel 215 risulta pari a 147,3 mila, per un incremento del 1,1%. Un aumento si rileva anche per l importo garantito medio, che passa da 81,5 mila nel 214 a 99,3 mila nel 215 (+21,9%). A tale proposito si segnala che, con l entrata in vigore del decreto del Fare (a partire dalle operazioni presentate dal 1 marzo 214), sono state innalzate le percentuali di copertura del Fondo per le operazioni di garanzia diretta, in relazione a operazioni di: durata non inferiore a 36 mesi, per imprese localizzate nel centro-nord; anticipazione credito verso imprese che vantano crediti nei confronti di pubbliche amministrazioni; piccole e medie imprese ubicate in aree di crisi; imprese del settore dell autotrasporto. Grafico 6 - Finanziamento e importo garantito medio, 1 gennaio-3 aprile gennaio-3 aprile 215 ( ) Finanziamento accolto medio Importo garantito medio , ,8 147,3 8 81, A livello mensile, nel primo quadrimestre del 215 il finanziamento medio presenta un trend positivo, passando da 143,1 mila di gennaio a 149,8 mila di aprile. 6

7 Grafico 7 Dinamica mensile del finanziamento medio, 1 gennaio-3 aprile 215 ( ) ,1 148,5 147,7 149,8 1 5 Gennaio Febbraio Marzo Aprile L incremento dell ammontare dei finanziamenti medi accolti si riscontra con riferimento a tutte le tipologie di operazioni. Variazioni significative si evidenziano in particolare per le imprese: localizzate nel Nord (+15,9%); del settore del commercio (+18,1%) e dei servizi (+11,%); di piccola (+13,6%) e di micro (11,8%) dimensione; Per quanto riguarda la tipologia di intervento, il finanziamento medio relativo alla garanzia diretta segna un aumento del 7,%, a fronte di una contrazione della controgaranzia dell 8,4%. Grafico 8 Finanziamento medio per area territoriale, settore di attività, dimensione d impresa e tipologia di intervento 1 gennaio-3 aprile gennaio-3 aprile 215 ( ) Area territoriale Settore di attività ,4 175,5 118,4 12,6 113,4 122, ,9 171,6 17,3 126,7 129,5 116,6 Nord Centro Mezzogiorno Industria Commercio Servizi Dimensione impresa Tipologia di intervento ,8 486, ,4 2, ,2 21,3 1 96,1 88,1 57,9 64,7 Micro Piccola Media Controgaranzia Garanzia diretta 7

8 La dinamica che emerge dall evoluzione dei finanziamenti accolti si riflette sulla distribuzione delle domande accolte per classe di importo garantito. Le classi di importo garantito compreso tra 11 mila e 5 mila e tra 51 mila a 1 mln e oltre 1 mln mostrano una crescita, rispettivamente, pari al 68,7%, al 74,6% e al 31,6 (fino a 1 mila +19,4%). Grafico 9 Distribuzione delle domande accolte per classi di importo garantito 1 gennaio-3 aprile gennaio-3 aprile ,4% 22,5% 2,5%,6% ,4% 17,2% 1,8%,6% fino a 1 mila da 11 mila a 5 mila da 51 mila a 1 mln 2 oltre 1 mln % 2% 4% 6% 8% 1% Fino a 1 mila da 11 mila a 5 mila da 51 mila a 1 mln oltre 1 mln 2.3 Le caratteristiche delle operazioni La gran parte delle domande accolte è riferita a operazioni di durata non inferiore a 36 mesi (16.76 unità, pari al 5,2% del totale) e ad altre operazioni finanziarie (16.43 unità, pari al 48,2% del totale), cui seguono le operazioni di consolidamento su stessa banca/gruppo bancario (522 unità, pari all 1,6% del totale) e le operazioni di anticipazione dei crediti verso la P.A. (6 operazione). Grafico 1 Distribuzione delle domande accolte per tipologia di operazione finanziaria, 1 gennaio-3 aprile 215 (n.) Op.durata non inferiore a 36 mesi Consol.stessa banca/gruppo banc. 522 Altre op.finanziarie Op.antic. crediti verso P.A. 6 Con riferimento alla tipologia di procedura di accesso al Fondo, le operazioni presentate dai confidi autorizzati rappresentano la quota prevalente ( unità, pari al 35,5% del totale), cui seguono le operazioni presentate con procedura semplificata (1.616 unità, pari al 31,9% del totale), di importo ridotto (7.643 unità, pari al 23,% del totale), valutazione start up (375 unità, pari all 1,1% del totale), senza valutazione dei dati di 8

9 bilancio (248 unità, pari allo,7% del totale), ordinaria (153 unità, pari allo,5% del totale) e operazioni riferite a portafogli di finanziamenti (2.413 unità, pari al 7,3%). Grafico 11 Distribuzione delle domande accolte per tipologia di procedura di accesso al Fondo, 1 gennaio-3 aprile 215 (n.) Valutazione start up; 375 Portafoglio; Importo ridotto; Confidi autorizzati; Ordinaria; 153 Semplificata; Senza valutazione dei dati di bilancio; 248 L importante sostegno del Fondo al sistema delle PMI è testimoniato dal significativo numero di imprese ammesse in assenza della presentazione di garanzie reali. La quasi totalità delle aziende, pari al 99,2% del totale, ha avuto accesso al finanziamento senza prestare garanzie reali 2 mentre solamente lo,8% ha presentato garanzie costituite da pegni. Grafico 12 Distribuzione delle domande accolte per tipologia di garanzia - 1 gennaio-3 aprile 215 (%) Op. senza garanzie reali 99,2% Pegno,8% Rispetto al complesso delle richieste accolte, gli interventi di garanzia diretta rappresentano la quota prevalente (52,8% del totale, con operazioni), seguite dalle domande di controgaranzia (47,% del totale, con operazioni) e di cogaranzia (57 operazioni). Dal confronto con i dati relativi al 214 si rileva un incremento della garanzia diretta, pari al +64,8%, e della controgaranzia, pari al 3,5%. 2 Ad aprile 214, la quota di imprese garantite dal Fondo in assenza di garanzie reali si attestava sul 99,%. Il restante 1,% presentava garanzie costituite da pegni. 9

10 Le controgaranzie a prima richiesta risultano pari a unità (95,6% del totale), mentre quelle sussidiarie sono 691 (4,4% del totale). Grafico 13 Domande e finanziamenti accolti per tipologia di intervento, 1 gennaio-3 aprile gennaio-3 aprile 215 Domande accolte (n.) Finanziamenti accolti ( mld) ,5 3, , 2, 7. 1,5 1,5 1,4 Controgaranzia Garanzia diretta Cogaranzia 25 57, Controgaranzia Garanzia diretta Dalla dinamica mensile si evince che la controgaranzia a fronte di una contrazione nel primo bimestre ha segnato variazioni positive sia in marzo (+25,9%), sia in aprile (+56,7%) mentre la garanzia diretta mostra una crescita costante, particolarmente significativa in aprile (+119,3). Grafico 14 Dinamica mensile operazioni accolte per tipologia di intervento, 1 gennaio-3 aprile gennaio-3 aprile Controgaranzia ,% -22,5% +25,9% +56,7% Gennaio Febbraio Marzo Aprile Garanzia diretta ,8% ,3% +41,9% +119, Gennaio Febbraio Marzo Aprile 1

11 Confronto interventi di garanzia diretta e controgaranzia in termini di finanziamenti accolti (1 gennaio-3 aprile gennaio-3 aprile 215) Per le operazioni di controgaranzia si riscontra una contrazione in termini di finanziamenti accolti, pari al -5,1%, con le maggiori diminuzioni per le operazioni presentate con procedura semplificata (-41,8%), riferite a imprese attive nel settore dei servizi connessi all agricoltura (-2,9%), a imprese localizzate nel nord (-2,1%) e di importo del finanziamento compreso tra 51 mila e 1, mln (-17,5%). La garanzia diretta mostra invece una dinamica positiva (+76,4%) con particolare riferimento a imprese attive nel settore dei servizi connessi all agricoltura (+27,1%), alle imprese localizzate nel centro (+122,1%), a operazioni di importo compreso tra 11 mila a 51 mila (+12,1%) e a imprese di piccole dimensioni (+93,4%). Si segnala una generale diminuzione delle operazioni presentate in procedura ordinaria, sia per la controgaranzia (-17,5%), sia per la garanzia diretta (-3,2%). Area territoriale Var. YoY% Nord Controgaranzia , ,76-2,1% Garanzia diretta , ,94 8,9% Centro Controgaranzia , ,97 17,% Garanzia diretta , ,8 122,1% Mezzogiorno Controgaranzia , ,86 8,5% Garanzia diretta , ,73 51,4% Dimensione di impresa Var. YoY% Micro Controgaranzia , ,61 12,7% Garanzia diretta , ,24 91,4% Piccola Controgaranzia , ,98-14,3% Garanzia diretta , ,39 93,4% Media Controgaranzia , , -16,2% Garanzia diretta , ,84 52,9% 11

12 Settore di attività Var. YoY% Servizi connessi all'agricoltura Controgaranzia , , -2,9% Garanzia diretta , , 27,1% Industria Controgaranzia , ,9-7,9% Garanzia diretta , ,43 64,2% Commercio Controgaranzia , ,41-3,7% Garanzia diretta , ,51 93,9% Servizi Controgaranzia , ,9 1,2% Garanzia diretta , ,53 87,8% Tipologia procedura di accesso Var. YoY% Importo ridotto Controgaranzia , ,61 15,8% Garanzia diretta , ,38 2,3% Ordinaria Controgaranzia , , -17,5% Garanzia diretta , ,47-3,2% Confidi autorizzati Controgaranzia , ,48-5,7% Garanzia diretta Semplificata Controgaranzia , , -41,8% Garanzia diretta , ,1 67,4% Start-up innovative/incubatori certificati/imprese sociali Controgaranzia 35., , ,% Garanzia diretta , ,72 69,% Valutazione start-up Controgaranzia , , 31,4% Garanzia diretta , ,8 43,6% Imprese artigiane Var. YoY% Imprese artigiane Controgaranzia , ,53 13,% Garanzia diretta , ,75 86,1% Altre imprese Controgaranzia , ,6-7,6% Garanzia diretta , ,72 75,7% 12

13 Classe di finanziamento Var. YoY% fino a 1 mila Controgaranzia , ,52 6,7% Garanzia diretta , ,14 61,6% da 11 mila a 5 mila Controgaranzia , ,23-8,5% Garanzia diretta , ,17 12,1% da 51 mila a 1 mln Controgaranzia , ,1-17,5% Garanzia diretta , ,67 79,9% oltre 1 mln Controgaranzia , ,74-15,% Garanzia diretta , ,49 28,6% A fronte delle oltre 33. domande accolte, la gran parte delle imprese ha fatto ricorso alla garanzia per esigenze di liquidità ( operazioni, pari all 83,8% del totale) mentre le operazioni a fronte di investimento si attestano su una quota pari al 16,2% per operazioni (nel 214, 14,3% del totale per operazioni). Grafico 15 Distribuzione delle domande accolte e finanziamento medio per finalità dell operazione, 1 gennaio- 31 dicembre gennaio-3 aprile Finanziamento medio per finalità di operazione ( ') ,5 99, Op. a fronte di investimento Op. non a fronte di investimento Op. a fronte di investimento Op. non a fronte di investimento Le operazioni a medio-lungo termine rappresentano la quota prevalente delle domande accolte (53,3% del totale), registrando una crescita del 44,3% ( operazioni nel 215 vs operazioni nel 214) rispetto a quelle a breve termine che evidenziano una crescita più contenuta pari al 15,% (46,7% del totale). 13

14 Grafico 16 Domande accolte e finanziamento medio per durata dell operazione 1 gennaio-3 aprile gennaio-3 aprile 215 Distribuzione operazioni per durata (n.) 24 Finanziamento medio per durata ( ') ,1 176,8 19, 113, Op. a breve termine Op. a medio-lungo termine Op. a breve termine Op. a medio-lungo termine 2.4 Le caratteristiche delle imprese La gran parte delle domande accolte riguarda imprese localizzate nel Nord ( aziende, pari al 47,6% del totale) e nel Mezzogiorno (9.632 aziende, pari al 28,5% del totale). Dal confronto con i dati relativi al 214, si rileva una crescita nel Centro del 51,%, nel Mezzogiorno del 28,5% e nel Nord del 2,6%. Anche per quanto riguarda i finanziamenti accolti si rilevano variazioni positive per tutte le aree territoriali, in particolare si rileva un incremento del 53,7% nel Centro, del 39,8% nel Nord e del 39,% nel Mezzogiorno. Grafico 17 Domande e finanziamenti accolti per area territoriale, 1 gennaio-3 aprile gennaio-3 aprile 215 Domande accolte (n.) Finanziamenti accolti ( mld) 21. 3, 2, , 1, 2,,6,9,9 1,2 - Nord Centro Mezzogiorno, Nord Centro Mezzogiorno La gran parte delle operazioni accolte riguarda imprese di micro dimensioni, che rappresentano il 59,% del totale (19.63 domande accolte), cui seguono quelle di piccola dimensione con domande (31,7% del totale) e le medie con 3.14 domande (9,3% del totale). Le aziende di piccola dimensione mostrano l incremento maggiore rispetto all anno precedente (+3,%), cui seguono le micro (+29,3%) e le medie (+25,3%). Per quanto riguarda i finanziamenti concessi, le aziende di piccole dimensioni presentano il valore più elevato ( 2,1 mld). 14

15 Grafico 18 Domande e finanziamenti accolti per dimensione d impresa, 1 gennaio-3 aprile gennaio-3 aprile 215 Domande accolte (n.) Finanziamenti accolti ( mld) ,4 2, ,6,8,9 1,3 1,4 1,1 1, Micro Piccola Media Consorzi, Micro Piccola Media A livello settoriale, l industria presenta il numero più elevato di domande ammesse ( operazioni, pari al 44,9% del totale), cui seguono il commercio (12.7 operazioni, pari al 38,2% del totale) e i servizi (5.52 operazioni, pari al 16,6% del totale). Dal confronto con i dati relativi al 214, si registra un incremento per i servizi (+33,2%), per l industria (+28,8%) e per il commercio (+27,1%). L industria mostra il più elevato livello di finanziamenti accolti ( 2,6 mld), cui seguono il commercio ( 1,6 mld) e i servizi (,7 mld). Grafico 19 Domande e finanziamenti accolti per settore di attività, 1 gennaio-3 aprile gennaio-3 aprile 215 Domande accolte (n.) Finanziamenti accolti ( mld) , 2, , 1,9 1, Servizi connessi agricoltura Industria Commercio Servizi 1,, 1,1,7,5 Industria Commercio Servizi Con specifico riferimento ai comparti del commercio si rileva un aumento più elevato rispetto al dato medio di settore (pari al 27,1% in termini di operazioni accolte), per il commercio all ingrosso (+35,%) e per il commercio di autoveicoli (+29,3%) mentre una variazione più contenuta si registra per il commercio al dettaglio (+21,4%) e per gli alberghi e ristoranti (19,5%). 15

16 Grafico 2 - Domande e finanziamenti accolti delle imprese del settore commercio, 1 gennaio-3 aprile gennaio-3 aprile 215 N. operazioni Finanziamento accolto ( mln) ,7 937, , 168, 238,2 32,1 114,6 183,6 5 - Commercio, manutenzione e riparazione autoveicoli e motocicli 51 - Comm. all'ingrosso e intermediari del commercio, autoveicoli 52 - Comm. al dettaglio, escluso quello di autoveicoli e di motocicli 55 - Alberghi e ristoranti 5 - Commercio, manutenzione e riparazione autoveicoli e motocicli 51 - Comm. all'ingrosso e intermediari del commercio, autoveicoli 52 - Comm. al dettaglio, escluso quello di autoveicoli e di motocicli 55 - Alberghi e ristoranti Le imprese del settore autotrasporto merci conto terzi evidenziano un aumento del 32,5% (1.67 operazioni accolte nel 215), con i finanziamenti accolti che evidenziano un incremento del 63,8% ( 122,1 mln). Le imprese del settore autotrasporto merci conto terzi si attestano su una quota pari al 3,2% del totale (in termini di operazioni accolte), in linea con quanto registrato nell anno precedente. Grafico 21 Domande e finanziamenti accolti dell autotrasporto merci conto terzi, 1 gennaio-3 aprile gennaio-3 aprile 215 Domande accolte (n.) Finanziamenti accolti ( mln) , , Le domande accolte relative a imprese artigiane risultano 7.24 (+28,6% rispetto al 214), per un ammontare di finanziamenti pari a 47,9 mln. Le imprese artigiane si attestano su una percentuale pari al 21,1% del totale, in linea con quanto registrato nel 214 (21,2% sul totale). 16

17 Grafico 22 - Domande e finanziamenti accolti delle imprese artigiane, 1 gennaio-3 aprile gennaio-3 aprile 215 Domande accolte (n.) Finanziamenti accolti ( mln) , , Le operazioni accolte relative a imprese start-up sono 4.534, pari al 13,6% del totale (in diminuzione rispetto al 16,9% del 214), per un ammontare di finanziamenti pari a 41,2 mln. Grafico 23 Domande e finanziamenti accolti relative a imprese start up, 1 gennaio-3 aprile gennaio- 3 aprile Domande accolte (n.) , Finanziamenti accolti ( mln) 398,2 41,2 4. 3, 2. 15,, Le operazioni accolte relative a imprese start-up innovative e incubatori certificati di impresa sono 28 per un ammontare di finanziamenti pari a 51,1 mln. Grafico 24 Domande e finanziamenti accolti relative a imprese start up innovative e incubatori certificati di impresa, 1 gennaio-3 aprile gennaio-3 aprile 215 Domande accolte (n.) Finanziamenti accolti ( mln) , , Le operazioni relative a imprese costituite in forma cooperativa risultano 392 (328 nel 214), per un ammontare di finanziamenti pari a 7,2 mln. 17

18 Grafico 25 - Domande e finanziamenti accolti relative a imprese costituite in forma cooperativa, 1 gennaio-3 aprile gennaio-3 aprile 215 Domande accolte (n.) Finanziamenti accolti ( mln) , ,3 2 3 A partire dal 1 marzo 214, con l entrata in vigore del c.d. decreto del Fare, la garanzia del Fondo è stata estesa anche ai professionisti iscritti agli ordini professionali. Nel primo quadrimestre 215 risultano accolte 48 operazioni (per un ammontare di finanziamenti pari a 3,5 mln. Tabella 2 - Domande e finanziamenti accolti relative a liberi professionisti, 1 gennaio 3 aprile 215 N. operazioni Finanziamenti accolti Importo garantito Professionisti , ,48 Altre imprese , ,62 Totale , ,1 2.5 Le domande non ammesse alla garanzia del Fondo Nel 215, l incidenza delle domande escluse è pari al 1,3%, in diminuzione rispetto a quanto rilevato nell anno precedente (2,7%). Grafico 26 Incidenza delle domande escluse(*),1 gennaio-3 aprile gennaio-3 aprile 215 (%) ,7% 1,3% ,3% 2,7% % 2% 4% 6% 8% 1% Domande accolte Domande escluse (*) Per domande escluse si intendono le richieste con esito negativo a seguito della delibera del Consiglio La dinamica mensile dell incidenza delle domande escluse evidenzia un trend in calo, passando da una percentuale del 2,1% in gennaio allo,6% di aprile. 18

19 Grafico 27 Dinamica mensile dell incidenza delle domande escluse,1 gennaio-3 aprile 215 (%) 3,% 2,% 2,1% 1,9% 1,%,9%,6%,% Gennaio Febbraio Marzo Aprile Per quanto riguarda le motivazioni di esclusione delle domande non ammesse alla garanzia del Fondo, a seguito della delibera del Consiglio di gestione, si sottolinea come la maggior parte delle richieste sia stata rigettata a causa di: bassa redditività (25,2% del totale); cash flow insufficiente al pagamento della rata (22,1%); calo del fatturato (7,8% del totale). Tabella 3 Distribuzione delle motivazioni di esclusione, 1 gennaio-3 aprile 215 N.operazioni % Bassa redditività ,2% Cash flow insufficiente al pagamento rata 99 22,1% Calo fatturato 35 7,8% Perdita di esercizio 32 7,1% Finanziamento troppo elevato rispetto al giro d'affari 25 5,6% Elevato passivo circolante in relazione al fatturato 25 5,6% Cash flow negativo 24 5,4% Bassa patrimonializzazione 24 5,4% Elevato passivo circolante 23 5,1% Basso rapporto MOL/fatturato 17 3,8% Mol negativo 1 2,2% Altro 8 1,8% Composizione mezzi propri prevalentemente composta dall'utile di esercizio 5 1,1% Fascia 3 di valutazione 3,7% Elevato passivo a M/L termine 3,7% Non adeguata esperienza dei soci nello specifico settore 2,4% Importo finanziamento fino a 36 mesi, superiore al 25% fatturato,% Valore cauzionale garanzie superiore ai limiti normativi,% Elevato indebitamento bancario,% Totale 448 1,% 19

20 ALLEGATO - Tavole statistiche In allegato si riportano i dati sull operatività del Fondo, riguardanti sia le domande (distribuzione per regione e area territoriale, settore di attività economica e dimensione), sia le tipologie di operazioni (tipologia di intervento, durata e a fronte di investimento). Per ciascuna tavola sono evidenziate le domande pervenute o accolte, l importo finanziato e garantito con la distribuzione percentuale e la variazione rispetto allo stesso periodo dell anno precedente. In particolare, le tavole si riferiscono: Tavola 1 Operazioni accolte dall inizio dell operatività pag. 1 Tavola 2 - Operazioni pervenute nell ultimo mese...pag. 4 Tavola 3 - Operazioni pervenute dall inizio dell anno...pag. 7 Tavola 4 - Operazioni accolte nell ultimo mese...pag. 1 Tavola 5 - Operazioni accolte dall inizio dell anno...pag. 13 2

21 Tavola 1 - Domande accolte dal 1/1/2 al 3/4/215 REGIONE N.OP. % SUL TOT. IMPORTO % SUL TOT. GARANTITO % SUL TOT. Piemonte , , ,5 Valle d'aosta 1.34, , ,1 Lombardia , , ,9 Trentino Alto Adige 2.788, , , Veneto , , ,3 Friuli Venezia Giulia , , ,3 Liguria , , ,4 Emilia Romagna , , ,3 TOTALE NORD , , ,8 Toscana , , ,9 Umbria , , ,4 Marche , , ,8 Lazio , , ,8 TOTALE CENTRO , , ,9 Abruzzo , , ,9 Molise 1.51, , ,3 Campania , , , Puglia , , ,4 Basilicata 2.397, , ,8 Calabria , , ,6 Sicilia , , ,8 Sardegna , , ,5 TOTALE SUD , , ,3 TOTALE NAZIONALE , , , 1

22 Tavola 1 - Domande accolte dal 1/1/2 al 3/4/215 ATTIVITA' ECONOMICA N.OP. % SUL TOT. IMPORTO % SUL TOT. GARANTITO % SUL TOT. 1 - Agricoltura 1.68, , ,1 5 - Pesca 1, 76., 76., 14 - Industria Estrattiva 661, , , Industria agroalimentare , , , Industria del tabacco 146, , , 17 - Industria tessile , , , Confezione di articoli di vestiario , , , Preparazione e concia del cuoio , , ,7 2 - Industria del legno (esclusi i mobili) , , , Fabbricazione della carta e dei prodotti di carta 2.43, , , 22 - Editoria, stampa , , , Fabbricazione di coke, raffinerie di petrolio 312, , , Fabbricazione di prodotti chimici 4.98, , ,8 25 -Fabbricazione di articoli in gomma e materie plastiche , , , Fabbricazione di prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi , , , Produzione di metalli e loro leghe 1.738, , , 28 - Fabbricazione e lavorazione dei prodotti in metallo , , , 29 -Fabbricazione di macchine ed apparecchi meccanici , , ,8 3 - Fabbricaz. macchine per ufficio, di elaboratori e sistemi informatici 93, , , Fabbricazione di macchine ed apparecchi elettrici , , , Fabbricazione di apparecchi radiotelevisivi e per le comunicazioni 1.714, , , Fabbricazione app. medicali, precisione, strumenti ottici e orologi 3.376, , , Fabbricazione di autoveicoli 1.98, , , Fabbricazione di altri mezzi di trasporto 1.613, , , Fabbricazione di mobili , , , Recupero dei metalli e preparazione per il riciclaggio 1.49, , ,6 4 - Produzione di energia elettrica 765, , , Raccolta, depurazione e distribuzione d'acqua 444, , , Edilizia , , ,5 5 - Commercio, manutenzione e riparazione autoveicoli e motocicli , , , Commercio all'ingrosso e intermediari del commercio, autoveicoli , , , Commercio al dettaglio, escluso quello di autoveicoli e di motocicli , , , Alberghi e ristoranti , , , 6 - Attivita' connesse ai trasporti e agenzie di viaggio , , , Poste e telecomunicazioni 85, , ,2 7 - Attivita' immobiliari 3.151, , , 71 - Noleggio di macchinari e attrezzature senza operatore 2.496, , , Informatica e attivita' connesse , , , Ricerca e sviluppo 635, , , Altre attivita' professionali ed imprenditoriali , , ,8 8 - Istruzione 1.294, , , Sanita' e altri servizi sociali 3.37, , ,9 9 - Smaltimanto dei rifiuti solidi, delle acque di scarico 1.773, , , Attivita'di organizzazioni associative 33, , , 92 - Attivita' ricreative, culturali e sportive , , , Altre attivita' dei servizi , , , Servizi per famiglie 1, 12., 12., Altro , , ,3 TOTALE , , , 2

23 Tavola 1 - Domande accolte dal 1/1/2 al 3/4/215 SETTORE N.OP. % SUL TOT. IMPORTO % SUL TOT. GARANTITO % SUL TOT. Agricoltura 1.69, , ,2 Commercio , , ,2 Industria , , ,3 Servizi , , ,2 Altro , , ,1 TOTALE , , , TIPOLOGIA INTERVENTO N.OP. % SUL TOT. IMPORTO % SUL TOT. GARANTITO % SUL TOT. Cogaranzia 7, , ,2 Controgaranzia , , ,1 Garanzia diretta , , ,8 TOTALE , , , DURATA N.OP. % SUL TOT. IMPORTO % SUL TOT. GARANTITO % SUL TOT. Op.breve termine , , ,1 Op. medio - lungo termine , , ,9 TOTALE , , , INVESTIMENTI N.OP. % SUL TOT. IMPORTO % SUL TOT. GARANTITO % SUL TOT. Op. a fronte di investimento , , ,8 Op. non fronte di investimento , , ,2 TOTALE , , , IMPRESA ARTIGIANA N.OP. % SUL TOT. IMPORTO % SUL TOT. GARANTITO % SUL TOT. Op. artigiana , , ,8 Op. non artigiana , , ,2 TOTALE , , , DIMENSIONE N.OP. % SUL TOT. IMPORTO % SUL TOT. GARANTITO % SUL TOT. Media , , ,3 Piccola , , ,2 Consorzio 184, , , Micro , , ,4 TOTALE , , , AUTOTRASPORTI MERCI C/TERZI N.OP. % SUL TOT. IMPORTO % SUL TOT. GARANTITO % SUL TOT. Autotrasporto , , ,7 Non Autotrasporto , , ,3 TOTALE , , , 3

24 Tavola 2 - Domande pervenute dal 1/4/215 al 3/4/215 REGIONE N.OP. % SUL TOT. Var YoY% Piemonte 835 8,1 57,8 Valle d'aosta 12,1 33,3 Lombardia ,3 51,4 Trentino Alto Adige 114 1,1 137,5 Veneto ,6 45,3 Friuli Venezia Giulia 143 1,4 3, Liguria 145 1,4 76,8 Emilia Romagna 986 9,6 27,7 TOTALE NORD ,6 46,9 Toscana 954 9,3 56,4 Umbria 148 1,4 59,1 Marche 414 4, 42,8 Lazio 699 6,8 83,5 TOTALE CENTRO ,5 61,2 Abruzzo 214 2,1 17,9 Molise 51,5 14, Campania 918 8,9 67,8 Puglia 355 3,4 39,2 Basilicata 37,4 32,1 Calabria 162 1,6 6,4 Sicilia 981 9,5 5,9 Sardegna 239 2,3 57,2 TOTALE MEZZOGIORNO ,7 61, TOTALE REGIONE NON DISPONIBILE 17,2 13,3 TOTALE NAZIONALE , 53,6 4

25 Tavola 2 - Domande pervenute dal 1/4/215 al 3/4/215 ATTIVITA' ECONOMICA N.OP. % SUL TOT. Var YoY% 1 - Agricoltura 31,3 158, Industria estrattiva 23,2 53, Industria agroalimentare 365 3,5 25, 17 - Industria tessile 15 1,5 66, Confezione di articoli di vestiario 157 1,5 8, Preparazione e concia del cuoio 15 1,5 51,5 2 - Industria del legno (esclusi i mobili) 13 1, 6, Fabbricazione della carta e dei prodotti di carta 66,6 53, Editoria, stampa 96,9 57, Fabbricazione di coke, raffinerie di petrolio 4, - 93, Fabbr. prodotti chimici 17 1, - 3, Fabbr. articoli in gomma e materie plastiche 17 1,7 91, 26 - Fabbr. prodotti lav. minerali non metalliferi 119 1,2 561, Produzione di metalli e loro leghe 4,4-92, 28 - Fabbr. e lavorazione dei prodotti in metallo 742 7,2 188, Fabbricazione di macchine ed apparecchi meccanici 451 4,4 8.92, 3 - Fabbr. macchine ufficio, elab. e sistemi informatici 16,2-78, Fabbricazione di macchine ed apparecchi elettrici 99 1, 8, 32 - Fabbr. apparecchi radiotelevisivi e comunicazioni 12,1-57, Fabbr. app. medicali, precisione, ottici e orologi 126 1,2 1.7, 34 - Fabbricazione di autoveicoli 15,1-34, Fabbricazione di altri mezzi di trasporto 4,4-66, Fabbricazione di mobili 187 1, , Recupero dei metalli e preparazione per il riciclaggio 38,4 171,4 4 - Produzione di energia elettrica 16,2 7, 41 - Raccolta, depurazione e distribuzione d'acqua 5, - 99, Edilizia ,3 454,4 5 - Commercio, manut. e rip. autoveicoli e motocicli 365 3,5-66, Comm. ingrosso e intermed. commercio autoveicoli ,6 9, 52 - Comm. dettaglio escluso autoveicoli e motocicli ,5 195, Alberghi e ristoranti 652 6,3 142,4 6 - Attivita' connesse ai trasporti e agenzie di viaggio 417 4, 1.795, Poste e telecomunicazioni 2,2-52,4 7 - Attivita' immobiliari 49,5 25, Noleggio macchinari e attrezzature senza operatore 63,6-58, Informatica e attivita' connesse 198 1,9 1.88, 73 - Ricerca e sviluppo 26,3-91, Altre attivita' professionali ed imprenditoriali 532 5, , 8 - Istruzione 33,3-5, Sanita' e altri servizi sociali 112 1,1 187,2 9 - Smaltimanto dei rifiuti solidi, delle acque di scarico 68,7 6.7, 92 - Attivita' ricreative, culturali e sportive 92,9 19, Altre attivita' dei servizi 175 1,7 65,1 Altro 6,1 5, TOTALE , 53,6 5

26 Tavola 2 - Domande pervenute dal 1/4/215 al 3/4/215 SETTORE N.OP. % SUL TOT. Var YoY% Agricoltura 31,3 158,3 Altro 6,1 5, Commercio , 51,1 Industria ,3 54,9 Servizi ,3 54,5 TOTALE , 53,6 TIPOLOGIA INTERVENTO N.OP. % SUL TOT. Var YoY% Cogaranzia 16,2 45,5 Controgaranzia ,8 27,9 Garanzia diretta ,1 85,1 TOTALE , 53,6 DURATA N.OP. % SUL TOT. Var YoY% Op.breve termine ,3 4,9 Op. medio - lungo termine ,7 65,4 TOTALE , 53,6 INVESTIMENTI N.OP. % SUL TOT. Var YoY% Op. a fronte di investimento ,3 69,7 Op. non fronte di investimento ,7 5,8 TOTALE , 53,6 IMPRESA ARTIGIANA N.OP. % SUL TOT. Var YoY% Op. artigiana ,1 57,1 Op. non artigiana ,9 52,7 TOTALE , 53,6 DIMENSIONE N.OP. % SUL TOT. Var YoY% Media 965 9,4 49,8 Piccola , 59,7 Consorzio 2, 1, Micro ,6 51, TOTALE , 53,6 AUTOTRASPORTI MERCI C/TERZI N.OP. % SUL TOT. Var YoY% Autotrasporto 313 3, 55,7 Non Autotrasporto , 53,5 TOTALE , 53,6 6

27 Tavola 3 - Domande pervenute dal 1/1/215 al 3/4/215 REGIONE N.OP. % SUL TOT. Var YoY% Piemonte ,9 26,1 Valle d'aosta 41,1-14,6 Lombardia ,6 23, Trentino Alto Adige 362 1, 78,3 Veneto ,4 5,4 Friuli Venezia Giulia 465 1,3 23,7 Liguria 479 1,3 27,1 Emilia Romagna ,1 1,3 TOTALE NORD ,7 15,3 Toscana ,7 44,9 Umbria 456 1,3-5,6 Marche , 1,4 Lazio ,9 8,4 TOTALE CENTRO , 41,3 Abruzzo 88 2,5 28,7 Molise 197,6 58,9 Campania ,9 23,9 Puglia ,9 9,8 Basilicata 137,4 5,4 Calabria 56 1,6 32,4 Sicilia ,3 2,8 Sardegna 77 2,2 17, TOTALE MEZZOGIORNO ,2 21,3 TOTALE REGIONE NON DISPONIBILE 52,1-32,5 TOTALE NAZIONALE , 22,1 7

28 Tavola 3 - Domande pervenute dal 1/1/215 al 3/4/215 ATTIVITA' ECONOMICA N.OP. % SUL TOT. Var YoY% 1 - Agricoltura 115,3 91, Industria estrattiva 73,2 17, Industria agroalimentare ,5 15, Industria del tabacco 2, 1, 17 - Industria tessile 54 1,4 19, Confezione di articoli di vestiario 571 1,6 34, Preparazione e concia del cuoio 548 1,5 38,7 2 - Industria del legno (esclusi i mobili) 413 1,2-3, Fabbricazione della carta e dei prodotti di carta 223,6 27, Editoria, stampa 418 1,2 15, Fabbricazione di coke, raffinerie di petrolio 12, 5, 24 - Fabbricazione di prodotti chimici 325,9 21, Fabbricazione di articoli in gomma e materie plastiche 531 1,5 28, 26 - Fabbricazione di prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi 452 1,3 13, 27 - Produzione di metalli e loro leghe 12,3 37, Fabbricazione e lavorazione dei prodotti in metallo ,4 26, Fabbricazione di macchine ed apparecchi meccanici ,2 45, 3 - Fabbricazione di macchine per ufficio, di elaboratori e sistemi informatici 33,1 65, 31 - Fabbricazione di macchine ed apparecchi elettrici 394 1,1 3, Fabbricazione di apparecchi radiotelevisivi e di apparecchiature per le comunicazioni 97,3-35, Fabbricazione app. medicali, precisione, strumenti ottici e orologi 253,7 17, Fabbricazione di autoveicoli 37,1-22, Fabbricazione di altri mezzi di trasporto 17,3-28, Fabbricazione di mobili 845 2,4 21, Recupero dei metalli e preparazione per il riciclaggio 17,3 55,1 4 - Produzione di energia elettrica 8,2 48, Raccolta, depurazione e distribuzione d'acqua 7, 75, 45 - Edilizia , 14,3 5 - Commercio, manutenzione e riparazione autoveicoli e motocicli ,7 18, 51 - Commercio all'ingrosso e intermediari del commercio, autoveicoli ,6 25, Commercio al dettaglio, escluso quello di autoveicoli e di motocicli ,5 2, Alberghi e ristoranti ,6 15, 6 - Attivita' connesse ai trasporti e agenzie di viaggio ,2 21, Poste e telecomunicazioni 65,2-11, 7 - Attivita' immobiliari 178,5 16, Noleggio di macchinari e attrezzature senza operatore 212,6 29, Informatica e attivita' connesse 7 2, 25, Ricerca e sviluppo 81,2 88, Altre attivita' professionali ed imprenditoriali ,8 3,4 8 - Istruzione 97,3 27, Sanita' e altri servizi sociali 355 1, 51,7 9 - Smaltimanto dei rifiuti solidi, delle acque di scarico 211,6 29, Attivita' ricreative, culturali e sportive 296,8 3, Altre attivita' dei servizi 593 1,7 19,3 Altro 13, 333,3 TOTALE , 22,1 8

29 Tavola 3 - Domande pervenute dal 1/1/215 al 3/4/215 SETTORE N.OP. % SUL TOT. Var YoY% Agricoltura 115,3 85,5 Altro 13, 333,3 Commercio ,5 21, Industria ,4 21,7 Servizi ,8 24,9 TOTALE , 22,1 TIPOLOGIA INTERVENTO N.OP. % SUL TOT. Var YoY% Cogaranzia 6,2 76,5 Controgaranzia ,9-1, Garanzia diretta ,9 52,3 TOTALE , 22,1 DURATA N.OP. % SUL TOT. Var YoY% Op.breve termine ,6 9,3 Op. medio - lungo termine ,4 35,4 TOTALE , 22,1 INVESTIMENTI N.OP. % SUL TOT. Var YoY% Op. a fronte di investimento ,6 38,9 Op. non fronte di investimento ,4 19,3 TOTALE , 22,1 IMPRESA ARTIGIANA N.OP. % SUL TOT. Var YoY% Op. artigiana ,7 21,7 Op. non artigiana ,3 22,2 TOTALE , 22,1 DIMENSIONE N.OP. % SUL TOT. Var YoY% Media ,5 22,5 Piccola ,5 22,2 Consorzio 3, - 87,5 Micro , 22,2 TOTALE , 22,1 AUTOTRASPORTI MERCI C/TERZI N.OP. % SUL TOT. Var YoY% Autotrasporto ,2 25,5 Non Autotrasporto ,8 22, TOTALE , 22,1 9

30 Tavola 4 - Domande accolte dal 1/4/215 al 3/4/215 REGIONE N.OP. % VAR YoY% IMPORTO % VAR YoY% GARANTITO % VAR YoY% Piemonte 65 8,3 68, , 74, ,2 93,8 Valle d'aosta 9,1 8, ,2 1.68, ,1 1.31,9 Lombardia ,1 78, , 84, ,8 1,8 Trentino Alto Adige 88 1,1 266, ,9 127, , 145, Veneto 796 1,1 92, ,8 14, ,4 122,3 Friuli Venezia Giulia 16 1,4 158, ,5 12, ,6 19,7 Liguria 94 1,2 62, ,2 56, ,3 82,4 Emilia Romagna 728 9,3 86, , 97, ,3 137,4 TOTALE NORD ,5 84, ,5 9, ,7 11,6 Toscana , 124, ,2 85, ,2 77,1, Umbria 96 1,2 6, ,1-16, ,1-5,7 Marche 269 3,4 51, ,1 31, ,8 33,3 Lazio 535 6,8 139, ,5 77, ,5 87,6 TOTALE CENTRO ,5 18, ,9 59, ,6 62,1 Abruzzo 175 2,2 143, ,4-17, ,3-23,7 Molise 38,5 4, ,2-3, ,2-24,7 Campania 679 8,6 49, ,1 35, ,9 44,1 Puglia 3 3,8 74, ,4 91, ,6 87,8 Basilicata 34,4 78, ,4 54, ,4 53,3 Calabria 136 1,7 119, ,3 251, ,5 265,7 Sicilia 732 9,3 91, ,2 125, ,4 154,1 Sardegna 183 2,3 4, ,7 135, ,5 146,1 TOTALE MEZZOGIORNO , 72, ,6 64, ,8 71, TOTALE NAZIONALE , 85, , 77, , 9,4 1

31 Tavola 4 - Domande accolte dal 1/4/215 al 3/4/215 ATTIVITA ECONOMICA N.OP. % VAR YoY% IMPORTO % VAR YoY% GARANTITO % VAR YoY% 1 - Agricoltura 34,4 385, ,2 47, ,3 451, 14 - Industria Estrattiva 14,2 27, ,5 89, ,4 77, Industria agroalimentare 275 3,5 53, ,7 81, ,7 92, Industria tessile 14 1,8 1, ,7 1, ,7 128, Confezione di articoli di vestiario 99 1,3 16, ,1 57, ,9 37, Preparazione e concia del cuoio 119 1,5 271, , 363, ,9 312,9 2 - Industria del legno (esclusi i mobili) 92 1,2 43, ,1 29, , 33, Fabbricazione della carta e dei prodotti di carta 5,6 138, ,2 184, ,2 176, Editoria, stampa 8 1, 66, ,7 -, ,6, Fabbr. di coke, raffinerie di petrolio 5,1 4, ,1 126, ,2 126, 24 - Fabbr. prodotti chimici 77 1, 67, ,8 56, ,7 59, Fabbr. articoli in gomma e materie plastiche 131 1,7 14, ,2 68, ,3 15, Fabbr. prodotti lav. minerali non metalliferi 111 1,4 94, ,8 111, ,9 144, Produzione di metalli e loro leghe 41,5 241, ,6 358, ,6 437, Fabbr. e lavorazione dei prodotti in metallo 616 7,8 87, ,7 8, , 99, Fabbricazione di macchine ed apparecchi meccanici 34 3,9 88, ,3 77, ,3 89,7 3 - Fabbr. macchine ufficio, elab. e sistemi informatici 17,2 1.6, 2.94.,3 5.78, ,3 5.27, Fabbricazione di macchine ed apparecchi elettrici 8 1, 135, ,1 22, ,2 31, Fabbr. apparecchi radiotelevisivi e comunicazioni 21,3 5, ,3-32, ,3-34, Fabbr. app. medicali, precisione, ottici e orologi 27,3 3, ,4 -, ,4 22, Fabbricazione di autoveicoli 26,3 1, ,7 73, ,8 124, Fabbricazione di altri mezzi di trasporto 29,4 17, ,7 146, ,7 225, Fabbricazione di mobili 2 2,5 138, ,6 12, ,5 13, Recupero dei metalli e preparazione per il riciclaggio 34,4 7, , 72, , 74, 4 - Produzione di energia elettrica 17,2 142, ,7 9, ,8 19, Edilizia ,5 82, ,1 77, ,5 84,2 5 - Commercio, manut. e rip. autoveicoli e motocicli 294 3,7 15, ,3 62, ,2 67, Comm. ingrosso e intermed. commercio autoveicoli ,7 76, ,3 95, ,7 114, Comm. dettaglio escluso autoveicoli e motocicli ,4 7, , 63, , 66, 55 - Alberghi e ristoranti 523 6,7 75, ,6 127, ,5 166,1 6 - Attivita' connesse ai trasporti e agenzie di viaggio 326 4,2 92, ,6 59, ,6 65, 64 - Poste e telecomunicazioni 6,1-6, ,1-43, ,1-53, 7 - Attivita' immobiliari 39,5 129, ,7 4, ,8 513, Noleggio macchinari e attrezzature senza operatore 6,8 252, ,6 218, ,6 213, Informatica e attivita' connesse 131 1,7 45, ,3-5, ,4 -, Ricerca e sviluppo 19,2 72, ,7-21, ,7-17, Altre attivita' professionali ed imprenditoriali 353 4,5 92, ,4 32, ,4 55,1 8 - Istruzione 22,3-12, ,2-39, ,2-4, Sanita' e altri servizi sociali 7,9 24, ,2 122, ,3 153,9 9 - Smaltimanto dei rifiuti solidi, delle acque di scarico 5,6 194, ,1 242, ,1 277, Attivita' ricreative, culturali e sportive 58,7 38, ,5-23, ,5-16, Altre attivita' dei servizi 152 1,9 141, , 137, ,9 125,5 Totale , 85, , 77, , 9,4 11

32 Tavola 4 - Domande accolte dal 1/4/215 al 3/4/215 SETTORE N.OP. % VAR YoY% IMPORTO % VAR YoY% GARANTITO % VAR YoY% Agricoltura 34,4 385, ,2 47, ,3 451, Commercio ,5 76, ,2 87, ,4 12,3 Industria ,6 9, ,3 8, ,8 93,9 Servizi ,4 91, ,2 46, ,5 57,5 Totale , 85, , 77, , 9,4 TIPOLOGIA INTERVENTO N.OP. % VAR YoY% IMPORTO % VAR YoY% GARANTITO % VAR YoY% Cogaranzia 13,2 333,3 384., 25, , 71,3 Controgaranzia ,6 56, ,1 27, , 27, Garanzia diretta ,2 119, ,8 15, ,9 113,9 Totale , 85, , 77, , 9,4 DURATA N.OP. % VAR YoY% IMPORTO % VAR YoY% GARANTITO % VAR YoY% Op.breve termine ,9 61, ,8 42, ,3 44,1 Op.medio-lungo termine ,1 19, ,2 11, ,7 116,6 Totale , 85, , 77, , 9,4 INVESTIMENTI N.OP. % VAR YoY% IMPORTO % VAR YoY% GARANTITO % VAR YoY% Op. a fronte di investimento ,2 71, ,5 378, ,7 476,6 Op. non a fronte di investimento ,8 88, ,5 51, ,3 59,1 Totale , 85, , 77, , 9,4 IMPRESA ARTIGIANA N.OP. % VAR YoY% IMPORTO % VAR YoY% GARANTITO % VAR YoY% Op. artigiana ,6 178, ,4-15, ,5-23,6 Op. non artigiana ,4 7, ,6 1, ,5 12,9 Totale , 85, , 77, , 9,4 DIMENSIONE N.OP. % VAR YoY% IMPORTO % VAR YoY% GARANTITO % VAR YoY% Media 686 8,7 66, ,5 63, ,7 79,1 Piccola ,7 86, ,5 85, ,9 11,1 Consorzio , , , Micro ,6 88, ,1 83, ,4 89,9 Totale , 85, , 77, , 9,4 AUTOTRASPORTI MERCI C/TERZI N.OP. % VAR YoY% IMPORTO % VAR YoY% GARANTITO % VAR YoY% Autotrasporto 251 3,2 114, ,5 124, ,5 138,4 Non Autotrasporto ,8 84, ,5 76, ,5 89,4 Totale , 85, , 77, , 9,4 12

33 Tavola 5 - Domande accolte dal 1/1/215 al 3/4/215 REGIONE N.OP. % VAR YoY% IMPORTO % VAR YoY% GARANTITO % VAR YoY% Piemonte ,7 27, ,7 47, ,1 69,2 Valle d'aosta 36,1-28, ,1-23, ,1-14,8 Lombardia ,8 32, ,7 53, ,2 73,7 Trentino Alto Adige 336 1, 75, ,5 91, ,6 117,7 Veneto ,3 6, ,1 21, ,5 38,9 Friuli Venezia Giulia 432 1,3 43, ,9 45, , 64,1 Liguria 438 1,3 33, ,3 44, ,3 72,2 Emilia Romagna 3.2 9, 7, ,5 24, ,7 49,8 TOTALE NORD ,6 2, ,7 39, ,6 6,8 Toscana ,3 56, ,2 38, ,2 32, Umbria 418 1,3-3, ,3 8, ,2 25,5 Marche ,1 11, ,1 19, ,7 26,8 Lazio ,8 14, ,6 124, ,6 165,6 TOTALE CENTRO ,4 51, ,2 53, ,7 68,2 Abruzzo 783 2,4 16, ,8 4, ,8-1,1 Molise 178,5 53, ,4 83, ,4 8,5 Campania ,7 29, ,8 33, ,8 37,7 Puglia , 17, ,1 28, ,6 31,3 Basilicata 133,4 9, ,5 29, ,5 35,7 Calabria 528 1,6 5, ,3 85, ,4 93,2 Sicilia ,2 31, ,7 58, ,8 76,3 Sardegna 732 2,2 35, ,5 58, ,4 62,4 TOTALE MEZZOGIORNO ,9 28, ,1 39, ,6 43,6 TOTALE NAZIONALE , 29, , 42, , 57,2 13

Il Fondo di garanzia per le PMI. (Legge 662/1996, art. 2 comma 100, lett. a)

Il Fondo di garanzia per le PMI. (Legge 662/1996, art. 2 comma 100, lett. a) Il Fondo di garanzia per le PMI (Legge 662/1996, art. 2 comma 1, lett. a) Report mensile I risultati al 31 dicembre 214 1 19 Indice 1. Le domande presentate... 3 1.1 Le domande presentate nel periodo 1

Dettagli

Il Fondo di garanzia per le PMI. (Legge 662/1996, art. 2 comma 100, lett. a)

Il Fondo di garanzia per le PMI. (Legge 662/1996, art. 2 comma 100, lett. a) Il Fondo di garanzia per le PMI (Legge 662/1996, art. 2 comma 1, lett. a) Report al 31 dicembre 215 1 Indice 1. Le domande presentate... 3 1.1 Le domande presentate nel periodo 1 gennaio-31 dicembre 215...

Dettagli

CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE

CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE 19 CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE INDAGINE ANNUALE SUL SISTEMA DEI CONTI DELLE IMPRESE L indagine sul Sistema dei Conti delle Imprese (SCI) condotta dall ISTAT, già indagine sul prodotto lordo, fornisce

Dettagli

CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE

CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE 21 CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE I dati presentati in questo capitolo provengono dalle rilevazioni annuali sui risultati economici delle imprese, condotte in base a quanto disposto dal Regolamento UE N.

Dettagli

DIAMO CREDITO ALLE IMPRESE FEMMINILI

DIAMO CREDITO ALLE IMPRESE FEMMINILI PROGETTO: DONNA E IMPRESA: CAPITANE CORAGGIOSE DIAMO CREDITO ALLE IMPRESE FEMMINILI The future liesin the handsofwomen thathavethe couragetodream Kerry Kennedy, Firenze Giugno 2013 al Convegno di Microsoft

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

Fondo centrale di garanzia

Fondo centrale di garanzia Fondo centrale di garanzia 1 Riferimento Legge FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE LEGGE 662/96 ART. 2 COMMA 100 LETT. A); Tre forme di intervento: Garanzia Diretta, garanzia prestata dal

Dettagli

Allegato A. Allegato statistico. Interruzione di sezione (pagina dispari)

Allegato A. Allegato statistico. Interruzione di sezione (pagina dispari) Allegato A. Allegato statistico Interruzione di sezione (pagina dispari) Tabella 58 Titolari e soci per attività economica, sesso e anno valori assoluti (A) 2001 2000 Attività Titolari Soci Titolari Soci

Dettagli

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE ESERCIZI SPECIALIZZATI. AL 31/12/2013 PIEMONTE Altri prodotti 19 41.235 113 168 281 0 2 3 Articoli igienico-sanitari/materiali da 1 2.493 2 0 2 0 0 0 Articoli sportivi/attrezzatura campeggi 9 25.694 119

Dettagli

Fondo Centrale di Garanzia. Sezione speciale per le imprese femminili

Fondo Centrale di Garanzia. Sezione speciale per le imprese femminili Fondo Centrale di Garanzia Sezione speciale per le imprese femminili Aprile 2013 Crisi e imprenditoria femminile: quale risposta Nel momento di difficoltà che il nostro Paese sta attraversando, l imprenditoria

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 14 DICEMBRE 2009 INDICE 1. Overview...6 1.1 La propensione all investimento dei POE...6 1.2 Analisi territoriale...13 1.3 Analisi

Dettagli

AZIENDE AGRICOLE ATTIVITA MANIFATTURIERA

AZIENDE AGRICOLE ATTIVITA MANIFATTURIERA AZIENDE AGRICOLE ATTIVITA MANIFATTURIERA Divisione atmosfera e impianti 1 Inquadramento del tema Per azienda agricola si intende l'unità tecnico-economica costituita da terreni, anche in appezzamenti non

Dettagli

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA)

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) (aggiornamento al 31 DICEMBRE 2014) REGIONE PUGLIA 11.310 31.758 22.145 168.396 2.866 208.465 1.819 1.566.140 55 172.237

Dettagli

ANALISI SULLE RETI D IMPRESA REGIONALI AL 3 ottobre 2015

ANALISI SULLE RETI D IMPRESA REGIONALI AL 3 ottobre 2015 AZIENDA SPECIALE CONCENTRO DELLA CAMERA DI COMMERCIO I.A.A. DI PORDENONE ANALISI SULLE RETI D IMPRESA REGIONALI AL 3 ottobre 2015 Al 3 ottobre 2015 si sono registrati in Italia 2.405 contratti di rete

Dettagli

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013 CONVEGNO LABORATORIO FARMACIA LA GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE DEL FARMACO: STRATEGIE E STRUMENTI DI RISANAMENTO Pisa, 9 ottobre 2014 L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA

Dettagli

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE Scendono del 50% le richieste per l edilizia residenziale, -30% per quella non residenziale. Tengono gli immobili destinati all agricoltura (-12,9%),

Dettagli

Le esportazioni delle regioni italiane

Le esportazioni delle regioni italiane 17 marzo 2004 Le esportazioni delle regioni italiane Anno 2003 Nel 2003 il valore delle esportazioni italiane ha registrato una flessione del 4 per cento rispetto al 2002. Dal punto di vista territoriale,

Dettagli

Report incentivi ISI 2011

Report incentivi ISI 2011 Report incentivi ISI 2011 Il 28 giugno 2012 si è conclusa regolarmente la procedura telematica che nell'arco di tre giorni ha coinvolto circa 20.600 imprese per l'assegnazione dei 205 milioni di euro stanziati

Dettagli

Capitolo 14. Industria

Capitolo 14. Industria Capitolo 14 Industria 14. Industria Questo capitolo raccoglie informazioni sul settore dell industria in senso stretto, escluse cioè le costruzioni per le quali si rinvia all apposito capitolo. Un primo

Dettagli

"Leasing e Finanziamenti - Fondo di Garanzia MCC: novità e operatività in IBI"

Leasing e Finanziamenti - Fondo di Garanzia MCC: novità e operatività in IBI "Leasing e Finanziamenti - Fondo di Garanzia MCC: novità e operatività in IBI" 2 Indice Principali Caratteristiche della normativa (con evidenza NOVITA Dicembre 2012) Regole istruttorie del Fondo Tipologia

Dettagli

L attività dei confidi

L attività dei confidi L attività dei confidi Un analisi sui dati della Centrale dei rischi Valerio Vacca Banca d Italia febbraio 214 1 Di cosa parleremo Il contributo dei confidi ail accesso al credito delle pmi La struttura

Dettagli

Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi. Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO

Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi. Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO Roma 2 dicembre 2014 AGENDA 1. INTRODUZIONE: IL CONTESTO 2. LE CARATTERISTICHE

Dettagli

Osservatorio sicurezza sul lavoro Vega Engineering

Osservatorio sicurezza sul lavoro Vega Engineering Anno - Dati aggiornati al Maggio Casi di morte sul lavoro per Regione Regione % sul totale n casi Lombardia,9% 6 Emilia Romagna 9,9% Sicilia 9,% 9 Piemonte 9,% 9 Veneto,% Toscana 6,9% Campania 6,% Abruzzo,9%

Dettagli

Report incentivi ISI 2012

Report incentivi ISI 2012 Report incentivi ISI 2012 Il 18 aprile 2013 si è conclusa regolarmente la procedura telematica per l'assegnazione dei 155 milioni di euro stanziati a fondo perduto dall INAIL nell ambito del bando degli

Dettagli

Settembre 2014. Gennaio. Settembre 2015. di trasporto 179. mezzo di trasporto 51. In itinere Senza. Con mezzo di SUL LAVORO DI.

Settembre 2014. Gennaio. Settembre 2015. di trasporto 179. mezzo di trasporto 51. In itinere Senza. Con mezzo di SUL LAVORO DI. OSSERVATORIOO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 30/09/ /2015 a cura dell Osservatorioo Sicurezza sul Lavoro

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la politica industriale, la competitività e le piccole e medie imprese ex DIV.VIII PMI e artigianato IL CONTRATTO DI RETE ANALISI QUANTITATIVA

Dettagli

Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto

Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto Imprese straniere in aumento. Su 6.061.960 imprese operanti in Italia nel 2013, 497.080

Dettagli

Gennaio Ottobre 2015. Gennaio. lavoro. mezzo di trasporto 62. In itinere Senza. Con mezzo di SUL LAVORO DI. In itinere.

Gennaio Ottobre 2015. Gennaio. lavoro. mezzo di trasporto 62. In itinere Senza. Con mezzo di SUL LAVORO DI. In itinere. OSSERVATORIOO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 31/10/ /2015 a cura dell Osservatorioo Sicurezza sul Lavoro

Dettagli

I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi

I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi Valerio Vacca (Banca d Italia, ricerca economica Bari) Il laboratorio del credito, Napoli, 15 marzo 2012 La struttura del mercato in Cr (2010):

Dettagli

Caro Lettore, Buona lettura!

Caro Lettore, Buona lettura! GUIDA PRATICA Caro Lettore, Semplificare e agevolare l accesso al credito. In questo momento di difficile congiuntura economica, sono queste le parole d ordine che hanno portato governo, banche e imprese

Dettagli

NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA ANNO 2010 3 TRIMESTRE

NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA ANNO 2010 3 TRIMESTRE NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA ANNO 3 TRIMESTRE Camera di Commercio di Modena Via Ganaceto, 134 41100 Modena Tel. 059 208423 http://www.mo.camcom.it Natalità

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CREMONA

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CREMONA CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2014 INSIEME DI IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Dicembre 2014 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale Imprese 1. Analisi

Dettagli

Gennaio. Luglio L 2015 472 383. In occasione. di lavoro. di trasporto 65 In itinere. mezzo di trasporto 61. di lavoro Senza mezzo.

Gennaio. Luglio L 2015 472 383. In occasione. di lavoro. di trasporto 65 In itinere. mezzo di trasporto 61. di lavoro Senza mezzo. OSSERVATORIOO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 31/0/ /2015 a cura dell Osservatorioo Sicurezza sul Lavoro

Dettagli

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B)

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B) AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) ()/Bx100 120 113,93 109,46 +4,47 +4,09% 480 295,84 277,95 +17,89 +6,44% 700 401,94 375,85 +26,09 +6,94% 1.400 739,55 687,37 +52,18 +7,59% 2.000 1.026,99

Dettagli

Report incentivi ISI 2013

Report incentivi ISI 2013 Report incentivi ISI 2013 Il 29 maggio 2014 si è conclusa regolarmente la procedura telematica per l'assegnazione dei 307,359 milioni di euro stanziati dall INAIL nell ambito del bando degli incentivi

Dettagli

Il regime pubblicitario speciale delle start up innovative e la situazione attuale nel panorama italiano

Il regime pubblicitario speciale delle start up innovative e la situazione attuale nel panorama italiano Il regime pubblicitario speciale delle start up innovative e la situazione attuale nel panorama italiano Padova, 19 marzo 2014 Pierluigi Sodini Definizione L articolo 25, comma 2 del decreto legge 18 ottobre

Dettagli

La struttura economica romana

La struttura economica romana Capitolo 1 La struttura economica romana 15 LA STRUTTURA ECONOMICA ROMANA Il sistema produttivo 1 La struttura del sistema produttivo romano 1.1 La situazione nel 2001 In Italia secondo i dati dell archivio

Dettagli

L IMPRENDITORIA GIOVANILE NEL 2013

L IMPRENDITORIA GIOVANILE NEL 2013 L IMPRENDITORIA GIOVANILE NEL Confronto con il 2012 ed il 2008 e focus su amministratori e titolari d azienda febbraio 2014 P.tta Gasparotto, 8-35131 Padova Tel. 049 8046411 Fax 049 8046444 www.datagiovani.it

Dettagli

Startup innovative: una su otto è donna. Boom delle neoimprese smart femminili, +50,6% in un anno

Startup innovative: una su otto è donna. Boom delle neoimprese smart femminili, +50,6% in un anno Comunicato stampa Startup : una su otto è donna Boom delle neoimprese smart, +50,6% in un anno Roma, 06 marzo 2015 Pesano ancora poco sul tessuto imprenditoriale ma sono in crescita e davanti hanno un

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI TERNI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI TERNI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2014 INSIEME DELLE IMPRESE REGISTRATE Elaborazioni a: Dicembre 2014 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale Imprese

Dettagli

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene.

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene. EDIZIONE osservatorio UBI Banca su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Gennaio 2012 con il contributo scientifico di Fare banca

Dettagli

LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE NEL 3 TRIMESTRE 2015

LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE NEL 3 TRIMESTRE 2015 LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE NEL 3 TRIMESTRE 215 Saldi positivi ma in leggera flessione Nel terzo trimestre 215 i saldi tra iscrizioni e cessazioni di imprese liguri giovanili,

Dettagli

REPORTISTICA ISCRITTI

REPORTISTICA ISCRITTI Augusta Tartaglione REPORTISTICA ISCRITTI Elaborazione dati periodici forniti da Previnet. Aggiornamento al 30 giugno 2014 Augusta Tartaglione Comunicazione & Promozione comunicazione@fondofonte.it tel.

Dettagli

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA 23 dicembre 2015 Ottobre 2015 FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA A ottobre il fatturato dell industria, al netto della stagionalità, registra un incremento del 2,0% rispetto a settembre, con variazioni

Dettagli

GLI INVESTIMENTI IN OGGETTI PROMOZIONALI DELLE AZIENDE ITALIANE

GLI INVESTIMENTI IN OGGETTI PROMOZIONALI DELLE AZIENDE ITALIANE GLI INVESTIMENTI IN OGGETTI PROMOZIONALI DELLE AZIENDE ITALIANE Presentazione dei risultati Indagine effettuata per PROMOTION MILANO, marzo 2000 1 OBIETTIVI GENERALI Analizzare la domanda di prodotti promozionali

Dettagli

La competitività del sistema imprenditoriale italiano: un analisi su base regionale

La competitività del sistema imprenditoriale italiano: un analisi su base regionale VI Workshop UniCredit RegiosS Le regioni italiane: ciclo economico e dati strutturali. I fattori di competitività territoriale La competitività del sistema imprenditoriale italiano: un analisi su base

Dettagli

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa.

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa. Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane 12 edizione 60 anni Artigiancassa Abstract SOMMARIO Descrizione sintetica dei risultati del Rapporto 3 Finanziamenti

Dettagli

IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA

IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA N 4/2011 I trim. 2011 Direzione Affari Economici e Centro Studi IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA INDICE I MUTUI PER NUOVI INVESTIMENTI IN COSTRUZIONI --------------------------------------------------------

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI OSSERVATORIO MPMI REGIONI LE MICRO, PICCOLE

Dettagli

Allegato 2 - Individuazione macrocategorie di rischio e corrispondenze ATECO 2002_2007

Allegato 2 - Individuazione macrocategorie di rischio e corrispondenze ATECO 2002_2007 Allegato 2 - Individuazione macrocategorie di rischio e corrispondenze ATECO 2002_2007 Rischio BASSO (Datore di lavoro R.S.P.P. 16 ore - Formazione per i Dipendenti 4 ore modulo generale + 4 ore modulo

Dettagli

Primi bilanci delle misure di contrasto alla crisi

Primi bilanci delle misure di contrasto alla crisi Primi bilanci delle misure di contrasto alla crisi G. Benedetto Responsabile Direzione Attività Produttive Autorità di Gestione del POR Regione Piemonte L azione di Governo in risposta alla crisi: Interventi

Dettagli

PROGRAMMA CORSO ASPP/RSPP mod. B

PROGRAMMA CORSO ASPP/RSPP mod. B PROGRAMMA CORSO ASPP/RSPP mod. B Essendo un modulo di specializzazione, esso tratta la natura dei rischi presenti nei luoghi di lavoro, correlati alle specifiche attività lavorative. La sua durata varia

Dettagli

Note metodologiche AVVIAMENTI DOMANDA/OFFERTA LAVORO FORME GIURIDICHE

Note metodologiche AVVIAMENTI DOMANDA/OFFERTA LAVORO FORME GIURIDICHE Note metodologiche AVVIAMENTI Avviamenti stabili e temporanei Avviamenti stabili: avviamenti avvenuti con contratti a tempo indeterminato oppure a tempo determinato con durata uguale o superiore all anno.

Dettagli

La Raccolta Differenziata in Italia

La Raccolta Differenziata in Italia 120 Da una prima quantificazione dei dati relativi all anno 2002, la raccolta differenziata si attesta intorno ai,7 milioni di tonnellate che, in termini percentuali, rappresentano il 19,1% della produzione

Dettagli

ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA

ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA novembre 04 Introduzione In base ai dati dell VIII Censimento su Industria e Servizi dell ISTAT è stata condotta un analisi dell occupazione femminile nelle

Dettagli

... e i pagamenti delle imprese ... G e n n a i o 2 0 1 413

... e i pagamenti delle imprese ... G e n n a i o 2 0 1 413 ...... Osservatorio sui protesti...... G e n n a i o 2 0 1 4 Osservatorio sui protesti In calo i mancati pagamenti e i gravi ritardi delle imprese... Sintesi dei risultati Nel terzo trimestre del i dati

Dettagli

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese Capitolo 24 Risultati economici delle imprese 24. Risultati economici delle imprese Per saperne di più... Eurostat. http://europa. eu.int/comm/eurostat. Imf. World economic outlook. Washington: 2012.

Dettagli

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA 22 luglio 2015 Maggio 2015 FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA Allo scopo di fornire informazioni statistiche integrate, a partire dalla diffusione odierna, il comunicato è arricchito di un paragrafo

Dettagli

COOPERFIDI ITALIA. Strumento di facilitazione nell accesso al credito. c/o AUDITORIMU BCC AGROBRESCIANO

COOPERFIDI ITALIA. Strumento di facilitazione nell accesso al credito. c/o AUDITORIMU BCC AGROBRESCIANO COOPERFIDI ITALIA Strumento di facilitazione nell accesso al credito giovedì 2 ottobre 2014 c/o AUDITORIMU BCC AGROBRESCIANO A cura di Francesco Maccione Resp. Area Mercato Cooperfidi Italia Profilo Aziendale

Dettagli

CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI

CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e centro studi CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI Dopo sei anni di continui cali nelle erogazioni per finanziamenti per investimenti in edilizia, anche

Dettagli

Agevolazioni finanziarie per le imprese del settore Autotrasporto merci per conto terzi

Agevolazioni finanziarie per le imprese del settore Autotrasporto merci per conto terzi 1 Agevolazioni finanziarie per le imprese del settore Autotrasporto merci per conto terzi Relatore: Cristiano Vincenzi (cristiano.vincenzi@bancopopolare.it) Responsabile Funzione Finanziamenti Agevolati

Dettagli

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA 23 giugno 2015 Aprile 2015 FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA Ad aprile il fatturato dell industria, al netto della stagionalità, registra una diminuzione dello 0,6% rispetto a marzo, con variazioni

Dettagli

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013 Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive summary Febbraio 2013 1 Finalità dell Osservatorio 3 Contenuto e metodologia dell indagine 3 Composizione del campione

Dettagli

MOVIMPRESE RISTORAZIONE

MOVIMPRESE RISTORAZIONE Le pillole di Notizie, commenti, istruzioni ed altro MOVIMPRESE RISTORAZIONE Anno 2011 Ufficio studi A cura di L. Sbraga e G. Erba MOVIMPRESE RISTORAZIONE A dicembre del 2011 negli archivi delle Camere

Dettagli

Domanda e offerta logistica nell area milanese

Domanda e offerta logistica nell area milanese Mobility Conference 2008: Sviluppo delle infrastrutture e mobilità sostenibile SESSIONE: Sviluppo del territorio ed efficienza della catena logistica: quali soluzioni per il trasporto delle merci a Milano?

Dettagli

LAVORO E IMMIGRAZIONE NEI SISTEMI LOGISTICI IN ITALIA 3 aprile 2014

LAVORO E IMMIGRAZIONE NEI SISTEMI LOGISTICI IN ITALIA 3 aprile 2014 LAVORO E IMMIGRAZIONE NEI SISTEMI LOGISTICI IN ITALIA 3 aprile 2014 LAVORO E IMMIGRAZIONE NEI SISTEMI LOGISTICI IN ITALIA 3 aprile 2014 PRESENTAZIONE A CURA DI EMANUELE GALOSSI E GIULIANO FERRUCCI I lavoratori

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VARESE REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2011 REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2011

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VARESE REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2011 REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2011 CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2011 REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2011 elaborazioni a: Dicembre 2011 Tavola 1a - Dati strutturali: Imprese attive Imprese

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

L Umbria tra terziarizzazione e presenza manifatturiera. Elisabetta Tondini

L Umbria tra terziarizzazione e presenza manifatturiera. Elisabetta Tondini L Umbria tra terziarizzazione e presenza manifatturiera Elisabetta Tondini Procede anche in Umbria il processo di terziarizzazione. Dai dati strutturali alcuni segnali di cambiamento Il percorso Sul rapporto

Dettagli

Industria farmaceutica. Istat: a maggio in crescita fatturato (+6,3%) e ordinativi (+9,7%)

Industria farmaceutica. Istat: a maggio in crescita fatturato (+6,3%) e ordinativi (+9,7%) Industria farmaceutica. Istat: a maggio in crescita fatturato (+6,3%) e ordinativi (+9,7%) Pubblicato dall Istituto di Statistica il bollettino di maggio. Crescono su base annua i numeri delle aziende

Dettagli

ISTRUZIONI PER INDIVIDUARE LA DURATA DEL CORSO A CUI ISCRIVERE I LAVORATORI, DIRIGENTI, PREPOSTI E DATORI DI LAVORO CHE SVOLGONO IL RUOLO DI RSPP

ISTRUZIONI PER INDIVIDUARE LA DURATA DEL CORSO A CUI ISCRIVERE I LAVORATORI, DIRIGENTI, PREPOSTI E DATORI DI LAVORO CHE SVOLGONO IL RUOLO DI RSPP G.QUATTRO SERVIZI S.R.L. via San Rocco, 7 35028 Piove di Sacco (PD) C.F e P.IVA 0348078 02 81 N R.E.A. PD 315121 www.gquattroservizi.it Tel. 049970 127 3 Fax 049 97 117 28 E-mail: info@gquattroservizi.it

Dettagli

Dati statistici sull energia elettrica in Italia - 2014 Nota di sintesi CALO DELLA DOMANDA DI ELETTRICITA NEL 2014: -2,5%

Dati statistici sull energia elettrica in Italia - 2014 Nota di sintesi CALO DELLA DOMANDA DI ELETTRICITA NEL 2014: -2,5% Dati statistici sull energia elettrica in Italia - 2014 Nota di sintesi CALO DELLA DOMANDA DI ELETTRICITA NEL 2014: -2,5% I dati definitivi sul bilancio elettrico del 2014 fanno registrare una riduzione

Dettagli

Il Fondo di Garanzia. Novembre 2015 Finanza Agevolata ed Enti di Garanzia

Il Fondo di Garanzia. Novembre 2015 Finanza Agevolata ed Enti di Garanzia Il Fondo di Garanzia per le Piccole e Medie Imprese Novembre 2015 Finanza Agevolata ed Enti di Garanzia Il Fondo di Garanzia per le PMI E un Fondo di diritto pubblico, totalmente detenuto dallo Stato,

Dettagli

Pierluigi Sodini. L impegno del sistema camerale per le start up innovative

Pierluigi Sodini. L impegno del sistema camerale per le start up innovative Pierluigi Sodini L impegno del sistema camerale per le start up innovative DEFINIZIONE L articolo 25, comma 2 del decreto legge 18 ottobre 2012 n.179, convertito con modificazioni nella legge 17 dicembre

Dettagli

Il Fondo di Garanzia per le PMI

Il Fondo di Garanzia per le PMI Il Fondo di Garanzia per le PMI Sezione Speciale Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per le Pari Opportunità L assistenza alla Sezione Speciale per le Imprese Femminili Silvia Lorenzini

Dettagli

Lavoro occasionale Di tipo accessorio

Lavoro occasionale Di tipo accessorio Lavoro occasionale Di tipo accessorio PRIMO TRIMESTRE/ 211 Lavoro occasionale di tipo accessorio I trim 211 gennaio 212 Il Report è stato realizzato da Giorgio Plazzi e Chiara Cristini, ricercatori dell

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON OPERAZIONE DI GARANZIA DIRETTA RICHIESTA DI AMMISSIONE A CONFERMA DELLA PRENOTAZIONE

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON OPERAZIONE DI GARANZIA DIRETTA RICHIESTA DI AMMISSIONE A CONFERMA DELLA PRENOTAZIONE Allegato 20a Modulo conferma garanzia diretta PON - Pagina 1 di 10 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON OPERAZIONE DI GARANZIA DIRETTA RICHIESTA DI AMMISSIONE A CONFERMA DELLA PRENOTAZIONE Data:

Dettagli

PARTE VI CRITERI DI VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI

PARTE VI CRITERI DI VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI ALLEGATO PARTE VI ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI Si esplicitano i criteri adottati, in via generale, dal Gestore per la presentazione delle proposte di delibera al

Dettagli

INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione sul Lavoro

INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione sul Lavoro INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione sul Lavoro Finanziamenti alle imprese ISI INAIL 2011 - INCENTIVI ALLE IMPRESE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO in attuazione dell'art. 11, comma 5, D.Lgs 81/2008 e s.m.i.

Dettagli

RUSSIA: L EMBARGO CI E COSTATO 3,6 MILIARDI

RUSSIA: L EMBARGO CI E COSTATO 3,6 MILIARDI RUSSIA: L EMBARGO CI E COSTATO 3,6 MILIARDI A seguito della crisi politico-militare con l Ucraina, le sanzioni economiche introdotte nel 2014 dall Unione europea nei confronti della Russia e le reazioni

Dettagli

Atlante degli infortuni sul lavoro nella Regione Veneto

Atlante degli infortuni sul lavoro nella Regione Veneto Atlante degli infortuni sul lavoro nella Regione Veneto Anni 1990-2001 Nedda Visentini Direzione sistema statistico regionale 6 Gli autori Direzione prevenzione Centro operativo regionale per l epidemiologia

Dettagli

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it unione nazionale r a p p r e s e n t a n t i autoveicoli esteri Analisi UNRAE delle immatricolazioni 2008 AUMENTA DI OLTRE 3 PUNTI LA QUOTA DI CITY CAR

Dettagli

ALLEGATO (articolo 2, comma 1)

ALLEGATO (articolo 2, comma 1) ALLEGATO (articolo 2, comma 1) CRITERI DI VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI PREMESSA I modelli di valutazione adottati sono distinti per procedura, per settore

Dettagli

ALLEGATO (articolo 2, comma 1)

ALLEGATO (articolo 2, comma 1) ALLEGATO (articolo 2, comma 1) CRITERI DI VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI PREMESSA I modelli di valutazione adottati sono distinti per procedura, per settore

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Lombardia. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Lombardia. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Lombardia Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 31 gennaio 2015 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle denunce

Dettagli

Obiettivi dello studio

Obiettivi dello studio La riforma della finanza decentrata in Italia: prospettive attuali e future. L IRAP. Maria Pia Monteduro Se.C.I.T. Obiettivi dello studio Analisi della situazione attuale Osservazioni sul disegno di legge

Dettagli

autosnodato auto-treno con rimorchio totale incidenti trattore stradale o motrice auto-articolato

autosnodato auto-treno con rimorchio totale incidenti trattore stradale o motrice auto-articolato Tab. IS.9.1a - Incidenti per tipo di e - Anni 2001-2013 a) Valori assoluti Anno 2001 o a altri Piemonte 16.953 23.818 19 77 167 146 80 67 1.942 123 254 153 50 59 824 1.920 1.037 653 50 4 23 0 112 31.578

Dettagli

IL MERCATO DEL CREDITO NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI

IL MERCATO DEL CREDITO NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e centro studi IL MERCATO DEL CREDITO NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI I dati della Banca d Italia sul mercato del credito mostrano un diverso andamento per quanto riguarda i mutui

Dettagli

Carte di credito e Ecommerce: dimensioni, tendenze e abitudini

Carte di credito e Ecommerce: dimensioni, tendenze e abitudini Carte di credito e Ecommerce: dimensioni, tendenze e abitudini 25 ottobre 2012 Francesco Pallavicino Responsabile Marketing CartaSi 1 Un anno di Ecommerce 1 Le spese con carta di credito: dimensioni del

Dettagli

VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA CRISI ECONOMICA SULLE PMI ITALIANE ED ADEGUAMENTO DEGLI STUDI DI SETTORE

VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA CRISI ECONOMICA SULLE PMI ITALIANE ED ADEGUAMENTO DEGLI STUDI DI SETTORE VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA CRISI ECONOMICA SULLE PMI ITALIANE ED ADEGUAMENTO DEGLI STUDI DI SETTORE 1 2 Analisi dell'andamento delle operazioni attive 2008 rispetto al 2007 206 Studi di Settore In

Dettagli

Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale

Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale Le innovazioni di prodotto e di processo per il credito ai progetti di vita Roma, Palazzo Altieri 24 novembre 2010 Primi risultati del Fondo

Dettagli

Censimento delle strutture per anziani in Italia

Censimento delle strutture per anziani in Italia Cod. ISTAT INT 00046 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture per anziani in Italia Titolare: Dipartimento per le Politiche

Dettagli

FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Oggetto e finalità Favorire l accesso alle fonti finanziarie delle piccole e medie imprese mediante la concessione di una garanzia pubblica. Riferimenti

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Piemonte. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Piemonte. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Piemonte Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 30 settembre 2015 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle denunce

Dettagli

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Imprese Veneto 27/07/2015

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Imprese Veneto 27/07/2015 119 117 114 69 52 28 14 1 343 267 242 215 444 607 736 946 938 1.168 1.066 1.622 Elaborazione flash Ufficio Studi Confartigianato Imprese Veneto 27/07/2015 Il caldo torrido di questa estate sembra aver

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Provincia autonoma di Bolzano. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Provincia autonoma di Bolzano. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Provincia autonoma di Bolzano Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 30 settembre 2015 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni

Dettagli

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE 1/2 3,6k 1k 1,5k OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE DICEMBRE #17 (2 a+2b) 12,5% 75,5% 1.41421356237 2 RITARDI AI MINIMI E PROTESTI IN FORTE CALO NEL TERZO TRIMESTRE SINTESI DEI RISULTATI

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI

CRITERI DI VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI ALLEGATO 2 CRITERI DI VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI Si esplicitano i criteri adottati, in via generale, dal Gestore - MCC per la presentazione delle

Dettagli

IL REGISTRO INAIL DI ESPOSIZIONE A CANCEROGENI PROFESSIONALI

IL REGISTRO INAIL DI ESPOSIZIONE A CANCEROGENI PROFESSIONALI IL REGISTRO INAIL DI ESPOSIZIONE A CANCEROGENI PROFESSIONALI Premessa Presso l Inail è attivo un sistema informativo per la raccolta e l archiviazione di informazioni relative all esposizione professionale

Dettagli

STUDIO SUGLI INCENDI IN ITALIA DAL 2007 AL 2010. Dirigente Superiore Dott. Ing. Maurizio D ADDATO

STUDIO SUGLI INCENDI IN ITALIA DAL 2007 AL 2010. Dirigente Superiore Dott. Ing. Maurizio D ADDATO STUDIO SUGLI INCENDI IN ITALIA DAL 2007 AL 2010 Dirigente Superiore Dott. Ing. Maurizio D ADDATO La ricerca sviluppata ha preso in esame tutte le segnalazioni pervenute al Centro Operativo Nazionale del

Dettagli