INDICE SOMMARIO. 1. DISPOSIZIONI COMUNI E PRINCIPI GENERALI (Artt. 1-3 sexies) di MARIO BUCELLO e LORENZO CARUCCIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE SOMMARIO. 1. DISPOSIZIONI COMUNI E PRINCIPI GENERALI (Artt. 1-3 sexies) di MARIO BUCELLO e LORENZO CARUCCIO... 21.."

Transcript

1 Gli Autori XIX I. MODIFICHE INTRODOTTE DAL D.LGS. 128/2010 ALLE PARTI I, II E V DEL D.LGS. N. 152/2006 Introduzione di MARIO BUCELLO e SIMONA LOMBARDO DISPOSIZIONI COMUNI E PRINCIPI GENERALI (Artt. 1-3 sexies) di MARIO BUCELLO e LORENZO CARUCCIO Sezione I LE PROCEDURE DI VALUTAZIONE AMBIENTALE 2. PRINCIPI GENERALI IN MATERIA DI VIA, DI VAS E PER LA VALUTAZIONE DI INCIDENZA E L AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (AIA) (Artt. 4-10) di SIMONA LOMBARDO e LORENZO CARUCCIO 2.1. Le finalità delle procedure di valutazione ambientale La finalità e l oggetto delle procedure di valutazione ambientale della Parte II: VAS, VIA e AIA Modalità di semplificazione e coordinamento tra le procedure di valutazione (rinvio) Il quadro definitorio in materia di procedure di valutazione ambientale La definizione di Valutazione Ambientale Strategica e di Valutazione di Impatto ambientale La qualificazione in termini provvedimentali del parere motivato La riformulazione della definizione di verifica di assoggettabilità La riformulazione delle definizioni di modifica e di modifica sostanziale

2 VI INDICE SOMMARIO Il quadro delle definizioni in materia di Autorizzazione Integrata Ambientale L ambito applicativo della nuova definizione di gestore di impianto L ambito di applicabilità delle procedure di valutazione ambientale Ambito di applicabilità e presupposti della Valutazione Ambientale Strategica Ambito di applicabilità della Valutazione di Impatto Ambientale Norme di coordinamento tra VAS e VIA: i Piani Regolatori Portuali e l approvazione di opere in variante agli strumenti di piano Disposizioni di coordinamento tra le procedure di VIA e di VAS (comma 12): le modifiche ai Piani per la pianificazione territoriale o della destinazione dei suoli L ambito di applicazione dell Autorizzazione Ambientale Integrata Il nuovo regime autorizzatorio delle attività di prospezione, ricerca ed estrazione di idrocarburi in mare Il riparto delle competenze Il quadro del riparto di competenze tra Stato e Regioni in materia di procedure di valutazione ambientale La delimitazione del campo di applicabilità delle procedure di valutazione ambientale La disciplina del procedimento di valutazione ambientale ed i limiti alla potestà normativa regionale L individuazione dell autorità competente Gli organi di supporto tecnico-scientifico per lo svolgimento delle valutazioni ambientali Nomina, composizione e funzioni della Commissione tecnica di verifica dell impatto ambientale e della Commissione istruttoria per l AIA Il coordinamento dell attività delle due Commissioni La disciplina generale del procedimento Il coordinamento tra i procedimenti di valutazione ambientale Il coordinamento tra VIA e AIA Il coordinamento tra VAS e VIA LA VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA (Artt ) di SIMONA LOMBARDO 3.1. Le modalità di svolgimento della VAS (art. 11) Le criticità del modello VAS prima della novella Il nuovo modello di Valutazione Ambientale Strategica La partecipazione procedimentale delle altre amministrazioni interessate e del pubblico La verifica di assoggettabilità a VAS (art. 12) La natura della verifica di assoggettabilità a VAS: antecedente procedimentale o VAS abbreviata? L oggetto ed i criteri della procedura verifica di assoggettabilità a VAS

3 VII Verifica di assoggettabilità sulle modifiche di piani e programmi e sugli strumenti attuativi di piani già sottoposti a VAS (comma 6). VAS e piani urbanistici (osservazioni) Le fasi del procedimento e la tutela avverso il silenzio Conclusioni La costruzione del Rapporto Ambientale Introduzione La definizione dei contenuti del Rapporto Ambientale e la fase di consultazione tra autorità procedente, autorità competente e altri soggetti competenti La comunicazione al pubblico della proposta di piano o programma e del Rapporto Ambientale: le regole procedurali del Testo Unico quali principi fondamentali sulla partecipazione procedimentale Le modalità di presentazione delle osservazioni da parte del pubblico Conclusioni La fase valutativo-decisoria L oggetto e le modalità della valutazione dell autorità competente in relazione alla natura giuridica del Parere Motivato e del procedimento di VAS I contenuti e la funzione del Parere Motivato La tutela avverso l inerzia dell amministrazione competente nell espressione del Parere Motivato La portata degli obblighi di revisione del piano o programma in esito al contenuto del Parere Motivato in relazione al nuovo comma 2 dell art Conclusioni La decisione sul piano o programma e l informazione sulla decisione La trasmissione della proposta di piano o programma e della documentazione del processo di VAS all organo competente per l approvazione I contenuti dell informazione sulla decisione Conclusioni Il monitoraggio e la VAS ex post Le criticità della disciplina previgente in materia di monitoraggio L oggetto e modalità del monitoraggio sui piani o programmi approvati Il rilievo dei risultati del monitoraggio nelle modifiche del piano o programma e nell elaborazione degli atti di pianificazione e programmazione successivi Conclusioni LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (Artt ) di LORENZO CARUCCIO 4.1. Le fasi del procedimento di VIA Le principali innovazioni procedurali apportate dalla novella (rinvio) Il rapporto tra il procedimento di VIA e di VAS

4 VIII INDICE SOMMARIO 4.2. La verifica di assoggettabilità (c.d. screening) I contenuti e la trasmissione dell istanza per l avvio della procedura di verifica L ambito di applicabilità del procedimento e il (nuovo) criterio della negatività e significatività degli impatti per l assoggettamento a VIA Le fasi del procedimento e l integrabilità dell istanza (comma 4) La conclusione del procedimento di verifica e la tutela avverso il silenzio La definizione preliminare dei contenuti dello Studio di Impatto ambientale (c.d. scoping) La fase consultiva tra soggetto proponente e autorità competente per la definizione dei contenuti dello Studio di Impatto Ambientale I contenuti dello Studio di Impatto Ambientale La fase di avvio del procedimento I contenuti e le modalità di presentazione dell istanza L integrabilità dell istanza. Questioni aperte La fase di consultazione del pubblico e la decisione finale La comunicazione dell avvio del procedimento La consultazione del pubblico I termini di conclusione del procedimento La disciplina delle modifiche e delle integrazioni L acquisizione delle determinazioni degli enti territoriali e dei soggetti competenti in materia ambientale La fase di decisione La fase di informazione della decisione La tutela avverso il silenzio L efficacia del provvedimento di VIA La fase di monitoraggio e controllo Il rapporto tra il procedimento di VIA e il procedimento autorizzatorio I poteri correttivi in esito alle attività di monitoraggio e quelli sanzionatori in caso di inosservanza delle condizioni del provvedimento di VIA L AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (Artt. 29-bis - 29-quaterdecies) di LORENZO CARUCCIO 5.1. L individuazione e l impiego delle migliori tecniche disponibili Il ruolo e le fonti delle migliori tecniche disponibili nel rilascio dell AIA La fissazione di requisiti generali per particolari tipologie di impianti Il rinvio ai requisiti tecnici delle discipline di settore La fase di avvio del procedimento di rilascio dell AIA I contenuti della domanda di Autorizzazione Integrata Ambientale L integrabilità della domanda

5 IX 5.3. Il procedimento di rilascio dell Autorizzazione integrata ambientale La presentazione della domanda e la comunicazione di avvio del procedimento La fase di consultazione del pubblico La convocazione della Conferenza di Servizi e la fase decisoria I contenuti del provvedimento di AIA e il rapporto con le norme di qualità ambientale L effetto sostitutivo rispetto alle autorizzazioni La tutela avverso l inerzia dell amministrazione Gli accordi tra gestori e autorità competenti I procedimenti di rinnovo e di riesame dell AIA Contenuti e modalità del procedimento del rinnovo Presupposti e modalità del procedimento di riesame Le modifiche degli impianti e la variazione del soggetto gestore Il regime delle modifiche degli impianti La variazione del soggetto gestore I controlli sul rispetto dei contenuti del titolo autorizzatario Il controllo sul rispetto delle condizioni dell autorizzazione Il sistema sanzionatorio Lo scambio informativo tra gestori, autorità competenti e istituzioni nazionali e comunitarie Il funzionamento dello scambio informativo a livello nazionale e comunitario Il sistema sanzionatorio VALUTAZIONI AMBIENTALI INTERREGIONALI E TRANSFRONTALIERE (Artt ) di SIMONA LOMBARDO e LORENZO CARUCCIO 6.1. Lo svolgimento delle procedure di valutazione ambientale in ambito interregionale La valutazione ambientale di piani, programmi, progetti e impianti localizzati sul territorio di più Regioni La valutazione ambientale di piani, programmi, progetti e impianti con effetti sul territorio di più Regioni La risoluzione dei conflitti tra autorità competenti Lo svolgimento delle procedure di valutazione ambientale in ambito transfrontaliero I presupposti della valutazione transfrontaliera di piani, programmi, progetti e impianti. La fase preliminare della richiesta di partecipazione alla procedura I contenuti degli obblighi informativi nei confronti degli Stati esteri interessati Modalità e termini della partecipazione degli Stati esteri interessati. La procedura di consultazione transfrontaliera La valutazione degli effetti transfrontalieri di piani, programmi, progetti di competenza regionale

6 X INDICE SOMMARIO La valutazione transfrontaliera degli effetti del funzionamento di impianti soggetti ad Autorizzazione Ambientale Integrata DISPOSIZIONI TRANSITORIE E FINALI (Artt ) di SIMONA LOMBARDO e LORENZO CARUCCIO 7.1. Gli oneri istruttori Le norme tecniche, organizzative e integrative Le disposizioni transitorie e finali Sezione II LA DISCIPLINA RELATIVA ALLE EMISSIONI IN ATMOSFERA 8. CAMPO DI APPLICAZIONE E DEFINIZIONI (Artt. 267 e 268) 8.1. Il nuovo campo di applicazione del titolo I e il coordinamento con la normativa europea Dalla nozione di impianto a quella di stabilimento: un lungo percorso normativo Gli aspetti problematici della nuova definizione di stabilimento Modifiche sostanziali e non sostanziali dello stabilimento: un occasione persa per fare chiarezza La nuova definizione di gestore Le competenze in materia di rilascio dell autorizzazione e controllo. Le novità relative alle piattaforme off shore e ai terminali di rigassificazione La nuova definizione di valore limite di emissione. Rinvio IL PROCEDIMENTO AUTORIZZATIVO (Art. 269) 9.1. Il nuovo procedimento autorizzatorio: le esclusioni e la semplificazione della procedura i) Il procedimento in conferenza dei servizi per le nuove autorizzazioni. 512 ii) Il procedimento autonomo in caso di rinnovo o di aggiornamento La durata e il rinnovo dell autorizzazione L adeguamento dell autorizzazione derivante dalle modifiche dello stabilimento Il contenuto della domanda e il contenuto dell autorizzazione. Le principali novità

7 XI 10. CONVOGLIAMENTO E VALORI LIMITE DI EMISSIONE (Artt. 270 e 271) Commento all art. 270: le novità relative al convogliamento delle emissioni L art. 271 e la disciplina dei valori limite di emissione. Considerazioni introduttive Le fonti che disciplinano i valori limite di emissione: l evoluzione della normativa italiana sulla qualità dell aria, dalla direttiva 96/62/ Ce alla direttiva 2008/50/Ce Il recepimento della direttiva 2008/50/Ce: i nuovi contenuti della pianificazione regionale introdotti con il decreto legislativo 13 agosto 2010 n La disciplina dei valori limite di emissione dettata dal nuovo art Gli standards ambientali tra tutela e fruizione del bene ambiente. I recenti orientamenti della Corte Costituzionale Il nuovo contenuto prescrittivo delle autorizzazioni L equiparazione delle anomalie ai guasti dell impianto: una norma di difficile applicazione I sistemi di controllo e monitoraggio (rinvio) IMPIANTI IN DEROGA (Art. 272) Il sistema delle esclusioni e delle deroghe nel previgente quadro normativo Gli impianti esclusi: una riforma all insegna della semplificazione Le autorizzazioni generali: conferme e innovazioni Le novità relative agli allevamenti zootecnici I GRANDI IMPIANTI DI COMBUSTIONE (Artt. 273 e 274) Premessa Il nuovo campo di applicazione: i chiarimenti dettati dalla normativa comunitaria La riforma dell art. 273, comma 9. Alcune criticità e problemi interpretativi I COMPOSTI ORGANICI VOLATILI (Artt ) Premessa

8 XII INDICE SOMMARIO Le nuove definizioni in tema di emissioni COV Le novità relative al procedimento autorizzativo: nuove prospettive per le autorizzazioni generali in materia di COV Le emissioni COV derivanti dal deposito della benzina e dalla sua distribuzione (art. 276 e 277) CONTROLLI, POTERI DI ORDINANZA E SANZIONI (Artt. 278 e 279) Le novità introdotte dall art. 278 in materia di poteri di ordinanza Le sanzioni previste dall art. 279, primo comma: l esercizio senza titolo e le modifiche non autorizzate La riscrittura del secondo comma dell art. 279 e la discussa autonomia sanzionatoria delle regioni I nuovi sistemi di monitoraggio e controllo stabiliti dai commi 17, 18 e 19 dell art IL PASSAGGIO DAL VECCHIO AL NUOVO REGIME (Art. 281) La riscrittura dell art. 281: dall autorizzazione dell impianto all autorizzazione dello stabilimento Le nuove scadenze dettate dal correttivo IMPIANTI TERMICI CIVILI (Artt ) L evoluzione del quadro normativo in materia di impianti termici civili Il rinnovato campo di applicazione alla luce delle nuove definizioni Dalla denuncia di installazione alla dichiarazione di conformità L abilitazione alla conduzione alla luce della sentenza della Corte Costituzionale 24 luglio 2009 n I controlli e le sanzioni alla luce del nuovo art La disciplina transitoria di cui all art I COMBUSTIBILI (Artt ) La disciplina dei combustibili: uno sguardo d insieme I combustibili consentiti e le nuove prescrizioni per il rendimento della combustione

9 XIII Le modifiche apportate all Allegato X, in particolare: le biomasse e il biogas L aggiornamento della normativa tecnica relativa ai combustibili Il controllo e le sanzioni in tema di combustibili. In particolare: l ampliamento soggettivo della fattispecie penale II. MODIFICHE INTRODOTTE DAL D.LGS. 205/2010 ALLA PARTE IV DEL D.LGS. N. 152/2006 IN MATERIA DI RIFIUTI Introduzione di LUIGI PISCITELLI e SIMONA LOMBARDO IL CAMPO DI APPLICAZIONE (Art. 177) di NADIA SPADARO 1.1. Il nuovo campo di applicazione della parte IV del d.lgs. 152/ I PRINCIPI (Artt ter) di ALBERTO BUONFINO 2.1. I principi in materia di gestione dei rifiuti: inquadramento sistematico I principi di cui all art Quadro generalissimo delle innovazioni apportate in materia dal decreto legislativo n. 205/ I principi ordinatori della materia nella direttiva 2008/98/CE Analisi dei principi ordinatori introdotti dal decreto legislativo n. 205/ Il nuovo art. 179: dalla priorità alla gerarchia nella gestione dei rifiuti La gerarchia dei rifiuti: profili evolutivi della nozione La gerarchia dei rifiuti nel decreto legislativo n. 205/ L art. 180 e il principio di prevenzione. Caratteri generali I principi di cui all art. 182-bis L art. 182-ter: (La gestione dei) rifiuti organici RESPONSABILITÀ ESTESA DEL PRODUTTORE (Art. 178-bis) di NADIA SPADARO 3.1. Il nuovo art. 178-bis e la responsabilità estesa del produttore Nozione di produttore (rinvio) Le caratteristiche della responsabilità estesa del produttore Modalità e criteri della responsabilità estesa del produttore

10 XIV INDICE SOMMARIO 4. RIUTILIZZO, RICICLAGGIO E RECUPERO DEI RIFIUTI (Artt. 180-bis-182) di NADIA SPADARO 4.1. Riutilizzo, riciclaggio e recupero DEFINIZIONI E CLASSIFICAZIONI (Artt ) di PAOLO PIACENZA 5.1. La nuova definizione di rifiuto Le nuove definizioni introdotte dal d.lgs. n. 205/ Le attività disciplinate dalla normativa sui rifiuti Il produttore dei rifiuti, il detentore e le altre figure disciplinate dal Codice Il deposito temporaneo LA NUOVA NOZIONE DI SOTTOPRODOTTO (Art. 184-bis) di PAOLO PIACENZA 6.1. Le condizioni che una sostanza od un oggetto devono soddisfare per essere considerati sottoprodotto Il sottoprodotto quale parte integrante del processo di produzione La certezza del riutilizzo La normale pratica industriale Individuazione di specifiche tipologie di sottoprodotti LA CESSAZIONE DELLA QUALIFICA DI RIFIUTO (Art. 184-ter) di PAOLO PIACENZA 7.1. Cessazione della qualifica di rifiuto e operazioni di recupero: le novità introdotte dal d.lgs. 205/ La disciplina attuale dell End-of-waste e il periodo transitorio LE FATTISPECIE ESCLUSE DALLA PARTE IV DEL CODICE (Artt. 185 e 186) di PAOLO PIACENZA 8.1. L esclusione dall ambito di applicazione della disciplina sui rifiuti: le conferme della novella normativa Le materie fecali e il materiale agricolo Le altre materie escluse

11 XV 8.4. Terre e Rocce da Scavo Il quadro normativo Condizioni per l utilizzo DIVIETO DI MISCELAZIONE DI RIFIUTI PERICOLOSI (Art. 187) di PAOLO PIACENZA 9.1. Cenni storici sull evoluzione della disciplina e nozione di miscelazione L attuale disciplina normativa alla luce delle modifiche apportate dal d.lgs. 205/ IL PRINCIPIO DI RESPONSABILITÀ CONDIVISA (Art. 188) di ANNALISA PALOMBA e ALBERTO ARDIZZI Premessa. Il principio di responsabilità condivisa. I soggetti coinvolti nel ciclo di gestione dei rifiuti. Il produttore del prodotto, il produttore del rifiuto-detentore e l intermediario-distributore Il funzionamento del nuovo principio di responsabilità condivisa alla luce del d.lgs. 205/2010 (IV Correttivo Rifiuti) IL SISTRI (Artt. 188-bis e 188-ter) di ANNALISA PALOMBA e ALBERTO ARDIZZI Il Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti (SISTRI). Evoluzione normativa e inquadramento (Segue) I soggetti obbligati e gli adempimenti previsti dal SISTRI Profili di criticità e problemi irrisolti I SISTEMI DI CONTROLLO (Artt. 189 e 190) di ANNALISA PALOMBA e ALBERTO ARDIZZI Il catasto dei rifiuti I registri di carico e scarico TRASPORTO E SPEDIZIONI TRANSFRONTALIERE (Artt. 193 e 194) di ANNALISA PALOMBA, ALBERTO ARDIZZI e SARA COLURCI L obbligo di tenuta del formulario di identificazione dei rifiuti (FIR) e relative eccezioni. Casi particolari di trasporto; il trasporto intermodale e la micro raccolta dei rifiuti

12 XVI INDICE SOMMARIO Le spedizioni transfrontaliere: aspetti rilevanti della nuova disciplina LE COMPETENZE (Artt ) di ELISA GRILLO L ampliamento delle competenze statali sulla gestione dei rifiuti Le innovazioni in materia di competenze provinciali I PIANI REGIONALI E LA RACCOLTA DIFFERENZIATA (Artt ) di ELISA GRILLO Il nuovo assetto delle competenze regionali di pianificazione Obiettivo prevenzione: il programma regionale Segue: contenuti facoltativi del piano di gestione, limiti e conclusioni Le misure per incrementare la raccolta differenziata ai sensi del novello art AUTORIZZAZIONI E ISCRIZIONI (Artt ) di ELISA GRILLO, NADIA SPADARO e ALBERTO BUONFINO L autorizzazione unica dopo il recepimento della direttiva 2008/98/CE L intervento del legislatore delegato sulle ulteriori disposizioni in tema di autorizzazioni La riscrittura dell art. 212 e la nuova disciplina in tema di iscrizioni all Albo nazionale gestori ambientali Categorie esonerate dall iscrizione Le nuove categorie tenute all iscrizione Le garanzie finanziarie La normativa di attuazione L Autorizzazione Integrata Ambientale (Rinvio) LE PROCEDURE SEMPLIFICATE (Artt ter) di ALBERTO BUONFINO Il regime delle procedure semplificate nella direttiva 2008/98/CE Il regime delle procedure semplificate nel d.lgs. n. 205/ Lo sgombero della neve L autosmaltimento Operazioni di recupero L art. 216-bis e la disciplina degli oli usati nel diritto dell Unione Europea La disciplina nazionale degli oli usati nel d.lgs. n. 205/

13 XVII La disciplina delle comunicazioni alla Commissione Europea LA GESTIONE DI PARTICOLARI CATEGORIE DI RIFIUTI (Artt ) di ANNALISA PALOMBA Pneumatici fuori uso: dalla responsabilità estesa del produttore all ecocontributo a carico del consumatore Rifiuti derivanti da attività di manutenzione di infrastrutture L abrogazione della categoria dei combustibili da rifiuti e da rifiuti di elevata qualità IL SISTEMA SANZIONATORIO (Artt ) di ANNALISA PALOMBA Uno sguardo di insieme al sistema sanzionatorio novellato dal c.d. Quarto Correttivo Rifiuti La riscrittura dell art. 255: un giro di vite nei confronti dell illegittimo abbandono dei rifiuti In particolare, le condotte sanzionate e i soggetti responsabili IL SISTEMA SANZIONATORIO INTRODOTTO DAL SISTRI (Artt ter) di ANNALISA PALOMBA e SARA COLURCI Il principio di responsabilità estesa del produttore e di corresponsabilità Il sistema sanzionatorio a doppio binario tra tradizione (registri cartacei) ed innovazione (sistema di tracciabilità elettronica) e la relativa entrata in vigore I soggetti obbligati ad iscriversi al SISTRI e quelli che vi possono aderire volontariamente L art. 258 d.lgs. n. 152/2006 sugli illeciti amministrativi e penali per i non aderenti al SISTRI. Questioni controverse tra abolitio criminis ed ultrattività della previgente sanzione penale L art. 258 commi 5-bis e 5-ter: sanzioni ad hoc per particolari categorie di soggetti Gli articoli 259 e 260. Brevi cenni L art. 260-bis e gli illeciti amministrativi e penali per gli obbligati ad aderire al SISTRI. Il ravvedimento operoso ed il cumulo giuridico L art. 260-ter: le nuove sanzioni accessorie del fermo e della confisca Il sistema SISTRI nel trasporto transfrontaliero di rifiuti. Cenni La responsabilità amministrativa degli enti per illecito traffico di rifiuti: il nuovo art. 25-undecies del d.lgs. n. 231/2011. Cenni La nuova figura del delegato SISTRI Indice analitico

Presentazione... PROFILI OGGETTIVI E SOGGETTIVI DELLA TUTELA PENALE DELL AMBIENTE

Presentazione... PROFILI OGGETTIVI E SOGGETTIVI DELLA TUTELA PENALE DELL AMBIENTE INDICE SOMMARIO Presentazione... VII CAPITOLO 1 PROFILI OGGETTIVI E SOGGETTIVI DELLA TUTELA PENALE DELL AMBIENTE 1 I reati ambientali: profili sistematici... 1 2 Reati ambientali e speciale tenuità del

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI E LA BONIFICA DEI SITI

LA GESTIONE DEI RIFIUTI E LA BONIFICA DEI SITI CORSO DI FORMAZIONE SU: LA GESTIONE DEI RIFIUTI E LA BONIFICA DEI SITI Firenze, 4-12-18-25 giugno 2013 (14,30-18,30) Auditorium C. Ridolfi c/o Banca CR Firenze Via Carlo Magno, 7 PRESENTAZIONE Il corso

Dettagli

La regolamentazione della PARTE II del Dlgs 152/2006 alla luce delle modifiche del Dlgs 128/2010 VIA, VAS, IPPC - LINEE GUIDA CONFINDUSTRIA

La regolamentazione della PARTE II del Dlgs 152/2006 alla luce delle modifiche del Dlgs 128/2010 VIA, VAS, IPPC - LINEE GUIDA CONFINDUSTRIA La regolamentazione della PARTE II del Dlgs 152/2006 alla luce delle modifiche del Dlgs 128/2010 VIA, VAS, IPPC - LINEE GUIDA CONFINDUSTRIA PREMESSA Nel rivisitare la Parte II del Dlgs 152/2006, il legislatore

Dettagli

Eni Corporate University

Eni Corporate University I fondamenti delle professionalità Health, Safety, Environment & Quality Eni Corporate University E n i ' s k n owledge company AMBIENTE Il nostro sguardo sul territorio Internet www.enicorporateuniversity.it

Dettagli

Gestione dei rifiuti per le PMI Aggiornamento normativo Sistri e simulazione

Gestione dei rifiuti per le PMI Aggiornamento normativo Sistri e simulazione Gestione dei rifiuti per le PMI Aggiornamento normativo Sistri e simulazione mercoledì 8 luglio 2015 dalle ore 14,30 alle 17,00 presso Hotel Congress Centre "Al Mulino di San Michele (Alessandria), in

Dettagli

Decreto Legislativo 3 dicembre 2010, n. 205 di modifica al Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152 e recepimento della Direttiva 2008/98/CE

Decreto Legislativo 3 dicembre 2010, n. 205 di modifica al Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152 e recepimento della Direttiva 2008/98/CE Decreto Legislativo 3 dicembre 2010, n. 205 di modifica al Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152 e recepimento della Direttiva 2008/98/CE NOTA DI COMMENTO Entrata in vigore Le modifiche apportate al

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI LATINA

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI LATINA Lezione 1 - giovedì 3 aprile 2014 - h. 15.00 19.00 Gestione dei Rifiuti - Quadro generale della normativa; - Definizioni, la nozione di rifiuto; l esclusione dei sottoprodotti e delle materie prima secondarie;

Dettagli

Pordenone, 5 aprile 2011. Codice dell Ambiente. ANCE Direzione Legislazione Mercato Privato. Marcello Cruciani

Pordenone, 5 aprile 2011. Codice dell Ambiente. ANCE Direzione Legislazione Mercato Privato. Marcello Cruciani Pordenone, 5 aprile 2011 Codice dell Ambiente ANCE Direzione Legislazione Mercato Privato Marcello Cruciani 1 Il quadro normativo D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152 D.Lgs. 16 gennaio 2008, n. 4 D.M. 17 dicembre

Dettagli

PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI

PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI Principale normativa di riferimento - decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22 (legge quadro, attuativa di tre direttive

Dettagli

Giornate seminariali in materia AMBIENTALE

Giornate seminariali in materia AMBIENTALE Giornate seminariali in materia AMBIENTALE @@@@@@ A cura del Dott. Bernardino Albertazzi Giurista Ambientale ORGANIZZAZIONE E COORDINAMENTO A cura di UPI Emilia-Romagna Per informazioni: dott.ssa Luana

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA RESPONSABILITAv NELLA PRESTAZIONE DI SERVIZI DI INVESTIMENTO. PROFILI GENERALI (Giovanni Falcone)

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA RESPONSABILITAv NELLA PRESTAZIONE DI SERVIZI DI INVESTIMENTO. PROFILI GENERALI (Giovanni Falcone) INDICE SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni... Introduzione... XIII XV Capitolo 1 LA RESPONSABILITAv NELLA PRESTAZIONE DI SERVIZI DI INVESTIMENTO. PROFILI GENERALI (Giovanni Falcone) 1. Aspetti

Dettagli

Guida pratica all applicazione del SISTRI

Guida pratica all applicazione del SISTRI Stefano Sassone Guida pratica all applicazione del SISTRI Sintesi ragionata di normativa, procedure ed operazioni previste per il riavvio del Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti Contiene

Dettagli

PRODUTTORE, DETENTORE, RESPONSABILITA ESTESA DEL PRODUTTORE

PRODUTTORE, DETENTORE, RESPONSABILITA ESTESA DEL PRODUTTORE PRODUTTORE, DETENTORE, RESPONSABILITA ESTESA DEL PRODUTTORE Roma, 23 marzo 2011 Hotel dei Congressi Sala dei Congressi Viale Shakespeare n. 29 DEFINIZIONI (Art. 183, lett. f) DLgs

Dettagli

Quadro normativo delle Regioni e Province Autonome sulla VAS LIGURIA. Disciplina della valutazione di impatto ambientale.

Quadro normativo delle Regioni e Province Autonome sulla VAS LIGURIA. Disciplina della valutazione di impatto ambientale. L.R. 4/09/1997, n. 36. Pubblicata nel B.U. Liguria 17 settembre 1997, n. 16, L.R. 30/12/1998, n. 38. Pubblicata nel B.U. Liguria 20 gennaio 1999, n. 1. L.R. 4/08/2006, n. 20. Pubblicata nel B.U. Liguria

Dettagli

CONSULENTE AMBIENTALE

CONSULENTE AMBIENTALE CON IL PATROCINIO DI: ENTE DI FORMAZIONE PROFESSIONALE CORSO DI FORMAZIONE PER CONSULENTE AMBIENTALE PERCORSO FORMATIVO SASSARI, via Prunizzedda 49/g 16 luglio 2014 13 dicembre 2014 Il corso ha una durata

Dettagli

Giornate seminariali in materia AMBIENTALE Il DLGS 152/2006 e le altre norme ambientali Approfondimenti

Giornate seminariali in materia AMBIENTALE Il DLGS 152/2006 e le altre norme ambientali Approfondimenti Giornate seminariali in materia AMBIENTALE Il DLGS 152/2006 e le altre norme ambientali Approfondimenti A cure dal Dott. Bernardino Albertazzi Giurista Ambientale ORGANIZZAZIONE E COORDINAMENTO A cura

Dettagli

Sistri: criticità e prospettive

Sistri: criticità e prospettive Sistri: criticità e prospettive Via, Aia & Rifiuti dal D. Lgs. 128/10 al D. Lgs. 205/10 Roma, 21.03.2011 Avv.to Chiara Scardaci Indice Illustrazione Normativa I tratti salienti del sistema Soggetti Adempimenti

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Capitolo I PROFILI GENERALI DELLA MATERIA

INDICE-SOMMARIO. Capitolo I PROFILI GENERALI DELLA MATERIA INDICE-SOMMARIO Capitolo I PROFILI GENERALI DELLA MATERIA 1. - Nozione di ente pubblico. La concezione tradizionale e quella moderna. I criteri di individuazione dell ente pubblico... Pag. 1 2. - Principali

Dettagli

ACQUE, RIFIUTI E TUTELA PENALE

ACQUE, RIFIUTI E TUTELA PENALE TEORIA E PRATICA DEL DIRITTO SEZIONE III: DIRITTO E PROCEDURA PENALE 103 PASQUALE FIMIANI ACQUE, RIFIUTI E TUTELA PENALE GIUFFRE Ifami EDITORE MILANO 2000 INDICE SOMMARIO Presentazione. Parte prima: LE

Dettagli

FINI DELL APPLICAZIONE DELL ARTICOLO 11 DEL DECRETO LEGGE 31 AGOSTO 2013, N

FINI DELL APPLICAZIONE DELL ARTICOLO 11 DEL DECRETO LEGGE 31 AGOSTO 2013, N NOTA ESPLICATIVA AI FINI DELL APPLICAZIONE DELL ARTICOLO 11 DEL DECRETO LEGGE 31 AGOSTO 2013, N. 101, SEMPLIFICAZIONE E RAZIONALIZZAZIONE DEL SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITA DEI RIFIUTI SISTRI

Dettagli

Emissioni in atmosfera

Emissioni in atmosfera Seminario Il Testo Unico Ambientale D. Lgs n. 152/06 alla luce delle modifiche apportate dai recenti correttivi D. Lgs n. 128/10, D. Lgs n. 205/10, D. Lgs n. 219/10 Emissioni in atmosfera La parte V del

Dettagli

DISPENSE IN MATERIA DI: GESTIONE RIFIUTI DAL DECRETO RONCHI DEL 1997 AL CODICE AMBIENTALE DEL 2006. Claudio Boldori

DISPENSE IN MATERIA DI: GESTIONE RIFIUTI DAL DECRETO RONCHI DEL 1997 AL CODICE AMBIENTALE DEL 2006. Claudio Boldori DISPENSE IN MATERIA DI: GESTIONE RIFIUTI DAL DECRETO RONCHI DEL 1997 AL CODICE AMBIENTALE DEL 2006 Claudio Boldori CON LA PUBBLICAZIONE DEL RONCHI TER, SEMBRA CONCLUSA LA PRIMA E DOVEROSA FASE DI COMPLETAMENTO

Dettagli

SISTRI sospeso fino al 30 giugno 2013

SISTRI sospeso fino al 30 giugno 2013 CIRCOLARE A.F. N. 177 14 Dicembre del Ai gentili clienti Loro sedi SISTRI sospeso fino al 30 giugno 2013 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che l art. 52 del DL n. 83/2012 ha sospeso

Dettagli

autorità competente autorità procedente proponente Autorità competente:

autorità competente autorità procedente proponente Autorità competente: INDIRIZZI IN MERITO AI PROGETTI RELATIVI AD IMPIANTI DI SMALTIMENTO E DI RECUPERO DEI RIFIUTI IN VARIANTE ALLO STRUMENTO URBANISTICO E COORDINAMENTO PROCEDURE DI VIA - AIA - VAS QUADRO NORMATIVO Il comma

Dettagli

ORDINE DEGLI AGRONOMI E FORESTALI DI LIVORNO. in collaborazione con l'ordine degli agronomi e forestali di Pisa, Lucca e Massa Carrara

ORDINE DEGLI AGRONOMI E FORESTALI DI LIVORNO. in collaborazione con l'ordine degli agronomi e forestali di Pisa, Lucca e Massa Carrara ORDINE DEGLI AGRONOMI E FORESTALI DI LIVORNO in collaborazione con l'ordine degli agronomi e forestali di Pisa, Lucca e Massa Carrara e con l'ordine degli agronomi e forestali di La Spezia Seminario in

Dettagli

Presentazione... Legenda delle abbreviazioni, acronimi ed espressioni di uso comune utilizzate nel testo.

Presentazione... Legenda delle abbreviazioni, acronimi ed espressioni di uso comune utilizzate nel testo. INDICE SOMMARIO Presentazione... Legenda delle abbreviazioni, acronimi ed espressioni di uso comune utilizzate nel testo. V XVII Introduzione LA DISCIPLINA DEL MERCATO FINANZIARIO TRA RIFORME E CONTRORIFORME

Dettagli

Secondo decreto legislativo correttivo del Codice dell ambiente Rifiuti Relazione di accompagnamento

Secondo decreto legislativo correttivo del Codice dell ambiente Rifiuti Relazione di accompagnamento Secondo decreto legislativo correttivo del Codice dell ambiente Rifiuti Relazione di accompagnamento La presente relazione dà conto delle modificazioni apportate al secondo decreto legislativo correttivo

Dettagli

Unione Industriali Pordenone

Unione Industriali Pordenone Unione Industriali Pordenone Decreto Legislativo n 152 del 3 aprile 2006 D.Lgs 152/2006 noto come Testo unico ambientale : è stato pubblicato nel Supplemento Ordinario alla Gazzetta Ufficiale 14 aprile

Dettagli

INDICE PARTE I SPORT E GIUSTIZIA. CAPITOLO 1 I RAPPORTI TRA GIUSTIZIA SPORTIVA E GIUSTIZIA ORDINARIA di Piero Sandulli

INDICE PARTE I SPORT E GIUSTIZIA. CAPITOLO 1 I RAPPORTI TRA GIUSTIZIA SPORTIVA E GIUSTIZIA ORDINARIA di Piero Sandulli INDICE Premessa............................................. Introduzione al tema....................................... XIII XVII PARTE I SPORT E GIUSTIZIA I RAPPORTI TRA GIUSTIZIA SPORTIVA E GIUSTIZIA

Dettagli

Principali novità e criticità introdotte dal Dlgs n. 46/2014. Annalisa Oddone. Confindustria Marche, 11 giugno 2014

Principali novità e criticità introdotte dal Dlgs n. 46/2014. Annalisa Oddone. Confindustria Marche, 11 giugno 2014 Principali novità e criticità introdotte dal Dlgs n. 46/2014 Annalisa Oddone Confindustria Marche, 11 giugno 2014 IL RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA Direttiva 2010/75/UE: Direttiva relativa alle Emissioni

Dettagli

Ambiente e. Gestione contributi regionali (Piano di Azione Ambientale) Termini specifici dettati da delibere regionali 27 27. Territorio.

Ambiente e. Gestione contributi regionali (Piano di Azione Ambientale) Termini specifici dettati da delibere regionali 27 27. Territorio. N SETTORE UNITÀ ORGANIZZATIVA RESPONSABILE ISTRUTTORIA PROCEDIMENTO DURATA NORMATA / TEMPI DI CONCLUSIONE PREVISTI NUMERO PROCEDIMENTI AVVIATI NUMERO PROCEDIMENTI CONCLUSI NEI TERMINI NUMERO PROCEDIMENTI

Dettagli

Le problematiche dei rifiuti in azienda e la nuova classificazione

Le problematiche dei rifiuti in azienda e la nuova classificazione Associazione Piccole e Medie industrie delle Provincie di Novara, VCO e Vercelli Le problematiche dei rifiuti in azienda e la nuova classificazione Alessandria, 08/07/15 Sportelli API SPORTELLO AMBIENTE

Dettagli

Sommario. Sommario VII CAPITOLO 1 LA NORMATIVA AMBIENTALE

Sommario. Sommario VII CAPITOLO 1 LA NORMATIVA AMBIENTALE VII Sommario CAPITOLO 1 LA NORMATIVA AMBIENTALE (Alessio Scarcella) 1.1. Concetto di ambiente... 1 1.2. Le fonti in generale... 3 1.3. La Costituzione e l ambiente... 5 1.4. Le norme di principio del diritto

Dettagli

SItI X Conferenza Nazionale di Sanità Pubblica Pisa, 14 16 Ottobre 2007

SItI X Conferenza Nazionale di Sanità Pubblica Pisa, 14 16 Ottobre 2007 SItI X Conferenza Nazionale di Sanità Pubblica Pisa, 14 16 Ottobre 2007 NORME IN MATERIA AMBIENTALE LO STATO DI ATTUAZIONE DEL TESTO UNICO Antonio Faggioli INTRODUZIONE L ambiente, uno dei fattori determinanti

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Presentazione della Collana... pag. V Introduzione...» VII Indice Sommario...» XI

INDICE-SOMMARIO. Presentazione della Collana... pag. V Introduzione...» VII Indice Sommario...» XI INDICE-SOMMARIO Presentazione della Collana... pag. V Introduzione...» VII Indice Sommario...» XI CAPITOLO I CENNI STORICI: EVOLUZIONE DEL CONCETTO DI ADOZIONE 1. Introduzione... pag. 1 2. L'istituto dell'adozione

Dettagli

CIRCOLARE n. 1. La presente circolare sostituisce la Nota esplicativa, pubblicata nelle more della conversione del d.l. n. 101/2013.

CIRCOLARE n. 1. La presente circolare sostituisce la Nota esplicativa, pubblicata nelle more della conversione del d.l. n. 101/2013. Ministero dell ambiente e della tutela del territorio e del mare Direzione generale per la tutela del territorio e delle risorse idriche CIRCOLARE n. 1 per l applicazione dell articolo 11 del decreto legge

Dettagli

Assessorato territorio e ambiente Dipartimento territorio e ambiente

Assessorato territorio e ambiente Dipartimento territorio e ambiente Assessorato territorio e ambiente Dipartimento territorio e ambiente LINEE-GUIDA PER LA GESTIONE DEI MATERIALI/RIFIUTI INERTI DERIVANTI DALLE ATTIVITÀ DI DEMOLIZIONE, COSTRUZIONE E SCAVO, COMPRESE LE COSTRUZIONI

Dettagli

SITO ISTITUZIONALE MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

SITO ISTITUZIONALE MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE SITO ISTITUZIONALE MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE www.sistri.it SISTRI L ENNESIMO TENTATIVO DI RIPARTENZA Quadro riferimento normativo Dlgs 3 aprile 2006, n. 152 (Norme

Dettagli

Maria Gabriela Ruffi Annalisa Romiti Raffaella Iacocca. Vademecum ambientale. Guida pratica ad adempimenti, obblighi e autorizzazioni per le imprese

Maria Gabriela Ruffi Annalisa Romiti Raffaella Iacocca. Vademecum ambientale. Guida pratica ad adempimenti, obblighi e autorizzazioni per le imprese Maria Gabriela Ruffi Annalisa Romiti Raffaella Iacocca Vademecum ambientale Guida pratica ad adempimenti, obblighi e autorizzazioni per le imprese 1 Indice generale INDICE GENERALE Presentazione... 9 CAPITOLO

Dettagli

LA NUOVA LEGGE SVUOTA CARCERI

LA NUOVA LEGGE SVUOTA CARCERI FOCUS NELDIRITTO M. ANTONELLA PASCULLI NICOLETTA VENTURA LA NUOVA LEGGE SVUOTA CARCERI Misure urgenti a tutela dei diritti dei detenuti Commento alla legge 21 febbraio 2014, n.10, che ha convertito, con

Dettagli

IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE SENTITO IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE SENTITO IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE SENTITO IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO ED IL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI VISTO il decreto-legge 31 agosto 2013,

Dettagli

CAPITOLO 2 - NORMATIVA GENERALE DI RIFERIMENTO

CAPITOLO 2 - NORMATIVA GENERALE DI RIFERIMENTO CAPITOLO 2 - NORMATIVA GENERALE DI RIFERIMENTO La gestione dei rifiuti, dei rifiuti pericolosi, degli imballaggi e dei rifiuti di imballaggi è disciplinata dal Decreto Legislativo n 22 del 5/02/1997 Attuazione

Dettagli

Le circolari di Regione Lombardia e MATTM: primi indirizzi in materia di AUA

Le circolari di Regione Lombardia e MATTM: primi indirizzi in materia di AUA Le circolari di Regione Lombardia e MATTM: primi indirizzi in materia di AUA Roberto Esposito Regione Lombardia Pavia, 19 dicembre 2013 quadro normativo DPR n.13 marzo 2013 n.59 Regolamento AUA Pubblicato

Dettagli

INDICE SOMMARIO 1. LA RISOLUZIONE DELLE CONTROVERSIE

INDICE SOMMARIO 1. LA RISOLUZIONE DELLE CONTROVERSIE INDICE SOMMARIO Prefazione alla ottava edizione............................. Prefazione alla prima edizione............................. pag. VII IX 1. LA RISOLUZIONE DELLE CONTROVERSIE 1. Nozione......................................

Dettagli

PARTE I. Capitolo I IL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER I NON ABBIENTI NEL PROCESSO PENALE TRA PASSATO E PRESENTE

PARTE I. Capitolo I IL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER I NON ABBIENTI NEL PROCESSO PENALE TRA PASSATO E PRESENTE INDICE pag. Prefazione.... XV PARTE I Capitolo I IL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER I NON ABBIENTI NEL PROCESSO PENALE TRA PASSATO E PRESENTE 1.1. La garanzia costituzionale del diritto di difesa in

Dettagli

Istituzione del Ministero dell'ambiente e norme in materia di danno ambientale

Istituzione del Ministero dell'ambiente e norme in materia di danno ambientale - Regio Decreto 19.10.1930, n. 1398 (art. 674) Approvazione del testo definitivo del Codice Penale (Suppl. Ord. alla G.U. n. 253 del 28.10.1930 - Legge 08.07.1986, n. 349 Istituzione del Ministero dell'ambiente

Dettagli

Liguria e Valle d Aosta

Liguria e Valle d Aosta Liguria e Valle d Aosta Rapporti, confini normativi e competenze Sanità-Ambiente: SOTTOPRODOTTI O RIFIUTI? Castelnuovo Rangone, 22 novembre 2011. Francesco Bonicelli Servizio Veterinario ed Igiene degli

Dettagli

PROMEMORIA PROVVEDIMENTO N. 2720 DEL 2 LUGLIO 2009 MODIFICHE ED INTEGRAZIONI AL REGOLAMENTO N. 5 DEL 16 OTTOBRE 2006

PROMEMORIA PROVVEDIMENTO N. 2720 DEL 2 LUGLIO 2009 MODIFICHE ED INTEGRAZIONI AL REGOLAMENTO N. 5 DEL 16 OTTOBRE 2006 PROMEMORIA PROVVEDIMENTO N. 2720 DEL 2 LUGLIO 2009 MODIFICHE ED INTEGRAZIONI AL REGOLAMENTO N. 5 DEL 16 OTTOBRE 2006 L'ISVAP ha pubblicato sul proprio sito il Provvedimento 2720 del 2 luglio 2009, che

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA. (ai sensi dell art. 206 comma 1 del d.lgs 152/2006 e s.m.) Fra LA PROVINCIA DI BOLOGNA

ACCORDO DI PROGRAMMA. (ai sensi dell art. 206 comma 1 del d.lgs 152/2006 e s.m.) Fra LA PROVINCIA DI BOLOGNA ACCORDO DI PROGRAMMA (ai sensi dell art. 206 comma 1 del d.lgs 152/2006 e s.m.) Fra LA PROVINCIA DI BOLOGNA LE SOCIETÀ con sede in Bologna, in qualità di soggetti gestori delle piattaforme di conferimento

Dettagli

PARTE SPECIALE - 3 - Illeciti ambientali

PARTE SPECIALE - 3 - Illeciti ambientali PARTE SPECIALE - 3 - Illeciti ambientali 51 1. Funzione della Parte Speciale - 3 - Per effetto del D.Lgs. n. 121/2011, dal 16 agosto 2011 è in vigore l'art.25 - undecies, D.Lgs. n. 231/2001, che prevede

Dettagli

SOMMARIO. Parte I Aspetti generali

SOMMARIO. Parte I Aspetti generali SOMMARIO Presentazione... Profilo Autori... V VII Parte I Aspetti generali Capitolo 1 Linee di tendenza del mercato del risparmio di Marco Prosperetti 1. Caratteristiche del mercato del risparmio... 3

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 6232 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell impatto ambientale),

Dettagli

Il deposito temporaneo irregolare è un operazione di recupero (dell incertezza giuridica ) Andrea Quaranta

Il deposito temporaneo irregolare è un operazione di recupero (dell incertezza giuridica ) Andrea Quaranta Il deposito temporaneo irregolare è un operazione di recupero (dell incertezza giuridica ) Andrea Quaranta La nuova disciplina del deposito temporaneo dettata dal T.U.A. Analogamente a quanto previsto

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 186 del 11 agosto 2010 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Mercoledì, 11 agosto 2010

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 186 del 11 agosto 2010 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Mercoledì, 11 agosto 2010 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 186 del 11 agosto 2010 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. 2, comma 20/b Legge 23-12-1996, n. 662 - Filiale di Roma GAZZETTA UFFICIALE PARTE

Dettagli

Parere n. 65/2010 Quesiti relativi al servizio di trasporto rifiuti gestito da Consorzio.

Parere n. 65/2010 Quesiti relativi al servizio di trasporto rifiuti gestito da Consorzio. Parere n. 65/2010 Quesiti relativi al servizio di trasporto rifiuti gestito da Consorzio. Vengono posti alcuni quesiti in relazione al servizio di trasporto dei rifiuti. Un Consorzio di Enti Locali, costituito

Dettagli

SOMMARIO. Presentazione... Prefazione...

SOMMARIO. Presentazione... Prefazione... SOMMARIO Presentazione... Prefazione... V VII Capitolo I - Profili generali della previdenza forense 1. La previdenza dei liberi professionisti... 3 2. (Segue): caratteristiche generali del regime previdenziale

Dettagli

La gestione dei rifiuti da costruzione e demolizione: adempimenti gestionali, amministrativi e autorizzativi

La gestione dei rifiuti da costruzione e demolizione: adempimenti gestionali, amministrativi e autorizzativi LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO e DEI RIFIUTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE Vercelli, 12 dicembre 2011 La gestione dei rifiuti da costruzione e demolizione: adempimenti gestionali, amministrativi

Dettagli

Attività formative 2008-2009

Attività formative 2008-2009 Attività formative 2008-2009 L attività formativa di UPI Emilia-Romagna, in essere da un paio di anni, si svolge in collaborazione con Unioncamere e Confservizi Emilia-Romagna. E stata siglata una convenzione

Dettagli

redazione relazione stato del sito (art. 29-ter, comma 1, lettera m) come introdotto dall articolo 7, comma 2). Onerosità corrispondente

redazione relazione stato del sito (art. 29-ter, comma 1, lettera m) come introdotto dall articolo 7, comma 2). Onerosità corrispondente 5. Decreto Legislativo 4 marzo 2014, n. 46, recante recepimento della direttiva 2010/75/UE relativa alla emissioni industriali (prevenzione e riduzione integrate dell inquinamento). redazione relazione

Dettagli

GLI ANTECEDENTI DELLA RIFORMA

GLI ANTECEDENTI DELLA RIFORMA SOMMARIO CAPITOLO 1 GLI ANTECEDENTI DELLA RIFORMA 1. Il giudizio in contumacia dalla codificazione postunitaria al codice del 1988... 1 2. Le sentenze della Corte EDU e le loro ricadute sul versante interno:

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA Il presente provvedimento reca misure urgenti per far fronte alle criticità derivanti, sotto il profilo della tutela della salute, dall emanazione della sentenza n. 32/2014 della

Dettagli

Considerazioni sulla normativa vigente sulla gestione dei rifiuti rurali: lezione appresa nell ambito del progetto Landcare MED.

Considerazioni sulla normativa vigente sulla gestione dei rifiuti rurali: lezione appresa nell ambito del progetto Landcare MED. Giornata tecnica sulla Gestione dei Rifiuti Evento organizzato dal progetto LANDCARE MED Considerazioni sulla normativa vigente sulla gestione dei rifiuti rurali: lezione appresa nell ambito del progetto

Dettagli

INDICE - SOMMARIO LA TERZA RIFORMA DEL LAVORO PUBBLICO TRA AZIENDALISMO E AUTORITARISMO

INDICE - SOMMARIO LA TERZA RIFORMA DEL LAVORO PUBBLICO TRA AZIENDALISMO E AUTORITARISMO INDICE - SOMMARIO Premessa di Alessandro Garilli... Pag. V LA TERZA RIFORMA DEL LAVORO PUBBLICO TRA AZIENDALISMO E AUTORITARISMO NOTE INTRODUTTIVE La riforma del lavoro alle dipendenze delle pubbliche

Dettagli

1 La scelta dei soggetti da sottoporre a verifica fiscale» 1 di Vito Caradonna

1 La scelta dei soggetti da sottoporre a verifica fiscale» 1 di Vito Caradonna Indice Prefazione di Giancarlo Pezzuto e Gianfranco Tomassoli pag. xiii 1 La scelta dei soggetti da sottoporre a verifica fiscale» 1 di Vito Caradonna 1.1 Premessa» 2 1.2 Profili giuridici e operativi»

Dettagli

relativo alla Seconda Soluzione Agosto 2013

relativo alla Seconda Soluzione Agosto 2013 COMUNE DI FOSDINOVO Località CANIPAROLA PIANO DI RECUPERO CASA ALBACHIARA VERIFICA DI ASSOGGETTABILITÀ A V.A.S. ai sensi dell art. 22, L.R.T. n 10/2010 RAPPORTO AMBIENTALE PRELIMINARE relativo alla Seconda

Dettagli

Il recepimento della nuova direttiva rifiuti (D.lgvo 3 dicembre 2010, n. 205 di recepimento della direttiva 2008/98/CE)

Il recepimento della nuova direttiva rifiuti (D.lgvo 3 dicembre 2010, n. 205 di recepimento della direttiva 2008/98/CE) Il recepimento della nuova direttiva rifiuti (D.lgvo 3 dicembre 2010, n. 205 di recepimento della direttiva 2008/98/CE) Roma, 23 marzo 2011 Hotel dei Congressi Sala dei Congressi (Viale Shakespeare n.

Dettagli

Il DPCM 20 dicembre 2012 e la struttura del nuovo modello di dichiarazione ambientale. Rosanna Laraia

Il DPCM 20 dicembre 2012 e la struttura del nuovo modello di dichiarazione ambientale. Rosanna Laraia Il DPCM 20 dicembre 2012 e la struttura del nuovo modello di dichiarazione ambientale Rosanna Laraia Il nuovo MUD Il DPCM 20 dicembre 2012 nasce dalla necessità di garantire l acquisizione delle necessarie

Dettagli

INDICE GENERALE. Introduzione LA REGOLAZIONE DEI MERCATI DEL TRASPORTO: IL RUOLO DELLE ISTITUZIONI COMUNITARIE (di Stefano Zunarelli)

INDICE GENERALE. Introduzione LA REGOLAZIONE DEI MERCATI DEL TRASPORTO: IL RUOLO DELLE ISTITUZIONI COMUNITARIE (di Stefano Zunarelli) INDICE GENERALE Introduzione LA REGOLAZIONE DEI MERCATI DEL TRASPORTO: IL RUOLO DELLE ISTITUZIONI COMUNITARIE (di Stefano Zunarelli) 1. Premessa... pag. 1 2. Iniziale difficoltà nell applicazione dei principi

Dettagli

Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152 Norme in materia ambientale. (pubblicato nella G.U. n 88 del 14/04/2006 - suppl. ord.

Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152 Norme in materia ambientale. (pubblicato nella G.U. n 88 del 14/04/2006 - suppl. ord. Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152 Norme in materia ambientale. (pubblicato nella G.U. n 88 del 14/04/2006 - suppl. ord. n 96) Il presente testo è coordinato sulla base delle modifiche e/o integrazioni

Dettagli

QUADRO DI SINTESI DELLE NOVITA INTRODOTTE DALLA L.R. N. 3/2013 DI MODIFICA DELLA L.R. N. 16/2008 E S.M.

QUADRO DI SINTESI DELLE NOVITA INTRODOTTE DALLA L.R. N. 3/2013 DI MODIFICA DELLA L.R. N. 16/2008 E S.M. QUADRO DI SINTESI DELLE NOVITA INTRODOTTE DALLA L.R. N. 3/2013 DI MODIFICA DELLA L.R. N. 16/2008 E S.M. Con l approvazione della legge regionale 4 febbraio 2013, n. 3 (pubblicata sul B.U.R. n. 1, Parte

Dettagli

Il SISTRI ed i rifiuti nel settore minerario ed energetico

Il SISTRI ed i rifiuti nel settore minerario ed energetico DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CHIMICA MATERIALI AMBIENTE Associazione Italiana Di Ingegneria Chimica Sezione Centro Il SISTRI ed i rifiuti nel settore minerario ed energetico CONOSCERE IL SISTRI SISTEMA DI

Dettagli

Il concetto di gestione dei rifiuti

Il concetto di gestione dei rifiuti Autorizzazioni e adempimenti per la gestione dei rifiuti Relatore: Laura Pampaloni Il concetto di gestione dei rifiuti Il D.lgs n. 152/2006 definisce la GESTIONE come la raccolta, il trasporto, il recupero

Dettagli

DECRETO N. 5703 Del 07/07/2015

DECRETO N. 5703 Del 07/07/2015 DECRETO N. 5703 Del 07/07/2015 Identificativo Atto n. 515 DIREZIONE GENERALE AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE Oggetto AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (A.I.A.) ALLA DITTA SAN PELLEGRINO SPA

Dettagli

Scheda 5.1 Iscrizione al Registro provinciale delle imprese esercenti attività di recupero dei rifiuti non pericolosi

Scheda 5.1 Iscrizione al Registro provinciale delle imprese esercenti attività di recupero dei rifiuti non pericolosi Scheda 5.1 Iscrizione al Registro provinciale delle imprese esercenti attività di recupero dei rifiuti non pericolosi SOGGETTI RICHIEDENTI Le imprese che intendono avviare l attività di recupero di rifiuti

Dettagli

L ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI ALLA LUCE DEL DECRETO LEGISLATIVO 205/10, DI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2008/98/CE

L ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI ALLA LUCE DEL DECRETO LEGISLATIVO 205/10, DI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2008/98/CE L ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI ALLA LUCE DEL DECRETO LEGISLATIVO 205/10, DI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2008/98/CE Eugenio Onori Presidente dell Albo Nazionale Gestori Ambientali Modifiche all art.212

Dettagli

Le modifiche del Jobs Act al Testo Unico sulla Sicurezza Lavoro mercoledì, 24 giugno, 2015

Le modifiche del Jobs Act al Testo Unico sulla Sicurezza Lavoro mercoledì, 24 giugno, 2015 Le modifiche del Jobs Act al Testo Unico sulla Sicurezza Lavoro mercoledì, 24 giugno, 2015 Modifiche al DLgs 81/08 nel Jobs Act In via di approvazione le modifiche apportate dal Jobs Act al Testo Unico

Dettagli

TERRE E ROCCE DA SCAVO da allegare al progetto dei lavori privati soggetti a Permesso di Costruire, D.I.A.,SCIA, VIA, AIA

TERRE E ROCCE DA SCAVO da allegare al progetto dei lavori privati soggetti a Permesso di Costruire, D.I.A.,SCIA, VIA, AIA Modello 13 rev.1 del 31/03/2014 relativo alla PO per il sistema della reportistica e modalità di gestione dei procedimenti e dei pareri di competenza del Servizio Ambiente RIFERIMENTO A: PERMESSO di COSTRUIRE:

Dettagli

La gestione dei rifiuti in edilizia

La gestione dei rifiuti in edilizia La gestione dei rifiuti in edilizia L Aquila, 26 febbraio 2008 ANCE ASSOCIAZIONE NAZIONALE COSTRUTTORI EDILI Direzione Legislazione Mercato Privato 1 EDILIZIA E CODICE AMBIENTE NUOVA EDIFICAZIONE INTERVENTI

Dettagli

Newsletter del mese di APRILE 2012

Newsletter del mese di APRILE 2012 Newsletter del mese di APRILE 2012 In sintesi: DM 35 del 4 aprile 2012 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 9 febbraio 2012, n. 5, recante disposizioni urgenti in materia di semplificazione

Dettagli

IL MUTAMENTO DELLA DESTINAZIONE D USO DEGLI IMMOBILI

IL MUTAMENTO DELLA DESTINAZIONE D USO DEGLI IMMOBILI 7 IL MUTAMENTO DELLA DESTINAZIONE D USO DEGLI IMMOBILI In questo capitolo, dopo aver ripercorso l evoluzione legislativa e giurisprudenziale della fattispecie oggetto di trattazione, si dirà del diverso

Dettagli

Raccomandazioni generali Il CIG consiglia che: Corsi di formazione propedeutici a percorsi di qualificazione/certificazione siano tenuti da docenti

Raccomandazioni generali Il CIG consiglia che: Corsi di formazione propedeutici a percorsi di qualificazione/certificazione siano tenuti da docenti Programma corsi di formazione per qualificazione/certificazione degli operatori del post contatore gas ai sensi della norma UNI 11554 e del PdR 11/2014. Premessa Il presente documento riporta indicazioni

Dettagli

INDICE. Parte Prima I PRECEDENTI STORICI: PERCORSI NORMATIVI, DOTTRINALI E GIURISPRUDENZIALI

INDICE. Parte Prima I PRECEDENTI STORICI: PERCORSI NORMATIVI, DOTTRINALI E GIURISPRUDENZIALI Indice VII INDICE Presentazione.... V Parte Prima I PRECEDENTI STORICI: PERCORSI NORMATIVI, DOTTRINALI E GIURISPRUDENZIALI Capitolo Primo LE FONTI NORMATIVE DELLE INVESTIGAZIONI DIFENSIVE 1. Generalità....

Dettagli

Cenni normativi e ottimizzazione ciclo di gestione reflui e scarti industriali

Cenni normativi e ottimizzazione ciclo di gestione reflui e scarti industriali Cenni normativi e ottimizzazione ciclo di gestione reflui e scarti industriali 24 gennaio 2013 Definizioni Cosa sono gli scarti di produzione o residui industriali (NON acque reflue industriali o rifiuti)

Dettagli

A1 - IDENTIFICAZIONE DELL IMPIANTO

A1 - IDENTIFICAZIONE DELL IMPIANTO SCHEDA A INFORMAZIONI GENERALI A1 - IDENTIFICAZIONE DELL IMPIANTO denominazione Numero attività IPPC non IPPC Superficie coperta m 2 Indirizzo impianto Comune Codice Comune Provincia Codice Provincia Frazione

Dettagli

IL QUADRO GENERALE DI RIFERIMENTO

IL QUADRO GENERALE DI RIFERIMENTO INDICE SOMMARIO Premessa... V CAPITOLO 1 IL QUADRO GENERALE DI RIFERIMENTO 1 L evoluzione normativa in materia di salute e sicurezza sul lavoro antecedente al 2008... 1 2 Il quadro comunitario e la sua

Dettagli

Direttive regionali in materia di comunicazione dei dati riferiti al sistema impiantistico per la gestione dei rifiuti. Approvazione.

Direttive regionali in materia di comunicazione dei dati riferiti al sistema impiantistico per la gestione dei rifiuti. Approvazione. Direttive regionali in materia di comunicazione dei dati riferiti al sistema impiantistico per la gestione dei rifiuti. Approvazione. LA GIUNTA REGIONALE PREMESSO che la Regione Abruzzo intende affermare

Dettagli

REGOLAMENTO SUI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI E SUL DIRITTO DI ACCESSO. Approvato con Delibera del Consiglio Direttivo n. del

REGOLAMENTO SUI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI E SUL DIRITTO DI ACCESSO. Approvato con Delibera del Consiglio Direttivo n. del REGOLAMENTO SUI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI E SUL DIRITTO DI ACCESSO Approvato con Delibera del Consiglio Direttivo n. del SERVIZIO SEGRETERIA E AFFARI GENERALI Dicembre 2009 TITOLO I DISPOSIZIONI SULL

Dettagli

c. la nozione di sottoprodotto e i suoi requisiti (tra cui sottoprodotti di origine animale destinati ad impianti a biogas)

c. la nozione di sottoprodotto e i suoi requisiti (tra cui sottoprodotti di origine animale destinati ad impianti a biogas) Le criticità della normativa per la raccolta e la gestione dei rifiuti in agricoltura:dal deposito temporaneo alla combustione controllata dei residui agricoli a cura MATTEO MILANESI peragrinsieme Reggio

Dettagli

LEGISLATIVE)) DATABASE)

LEGISLATIVE)) DATABASE) """ www.fishinmed.eu& " " " LEGISLATIVE)) DATABASE) " " ITALY& D.&Lgs.&128/2010&& & Modifiche&ed&integrazioni&al&D.&Lgs.&3&aprile& 2006,&n.&152,&recante&norme&in&materia& ambientale,&a&norma&dell Art.&12&della&L.&18&

Dettagli

INDICE SOMMARIO INTRODUZIONE

INDICE SOMMARIO INTRODUZIONE INDICE SOMMARIO XIII PREMESSA INTRODUZIONE 1 1. Gli strumenti di finanziamento dell impresa: le ragioni della riforma CAPITOLO 1 QUESTIONI LEGATE ALLA IDENTIFICAZIONE DELLA FATTISPECIE OBBLIGAZIONARIA

Dettagli

Assessorato ai Trasporti a Fune Segreteria Regionale per le Infrastrutture Direzione Mobilità PIANO REGIONALE NEVE RAPPORTO AMBIENTALE.

Assessorato ai Trasporti a Fune Segreteria Regionale per le Infrastrutture Direzione Mobilità PIANO REGIONALE NEVE RAPPORTO AMBIENTALE. PIANO REGIONALE NEVE RAPPORTO AMBIENTALE Parte 0 ALLEGATO D Consulente per la procedura di V.A.S.: Studio Program s.r.l. Progettazione e gestione delle risorse ambientali Energia e Fonti Rinnovabili ITER

Dettagli

STELIO MANGIAMELI I. LE REGIONI E LE RIFORME: QUESTIONI RISOLTE E PROBLEMI APERTI

STELIO MANGIAMELI I. LE REGIONI E LE RIFORME: QUESTIONI RISOLTE E PROBLEMI APERTI Avvertenza........................................ XIII STELIO MANGIAMELI I. LE REGIONI E LE RIFORME: QUESTIONI RISOLTE E PROBLEMI APERTI 1. La realizzazione del regionalismo e la crisi del sistema istituzionale

Dettagli

ANALISI TECNICO-NORMATIVA

ANALISI TECNICO-NORMATIVA ANALISI TECNICO-NORMATIVA Amministrazione proponente: Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali. Titolo del provvedimento: Schema di decreto legislativo recante disposizioni sanzionatorie

Dettagli

Giornate seminariali in materia AMBIENTALE

Giornate seminariali in materia AMBIENTALE Giornate seminariali in materia AMBIENTALE @@@@@@ A cure dal Dott. Bernardino Albertazzi Giurista Ambientale ORGANIZZAZIONE E COORDINAMENTO A cura di UPI Emilia-Romagna Per informazioni: dott.ssa Luana

Dettagli

Indice. Prefazione, di Piergaetano Marchetti. Introduzione

Indice. Prefazione, di Piergaetano Marchetti. Introduzione Prefazione, di Piergaetano Marchetti Introduzione XI XV 1. Le fonti del diritto dei mercati e degli intermediari Ànanziari, di Paolo Sfameni 1 1.1. Introduzione 1 1.1.1. Le fonti comunitarie 3 1.1.2. L

Dettagli

INDICE EMITTENTI. 2. INDIVIDUAZIONE DELLE MODALITÀ DI NOMINA CON VOTO DI LISTA DEI COMPONENTI L ORGANO DI CONTROLLO di Francesco Saverio Martorano

INDICE EMITTENTI. 2. INDIVIDUAZIONE DELLE MODALITÀ DI NOMINA CON VOTO DI LISTA DEI COMPONENTI L ORGANO DI CONTROLLO di Francesco Saverio Martorano Introduzione, di Francesco Capriglione... XIII EMITTENTI 1. DETERMINAZIONE DELLA QUOTA DI PARTECIPAZIONE PER LA PRESENTAZIONE DELLE LISTE PER LA NOMINA DEGLI AMMINISTRATORI di Andrea Zoppini 1. Il voto

Dettagli

Spett. li. CLIENTI Loro sedi. Porcia, 02 marzo 2015 OGGETTO: ATTIVITA FORMATIVA SULLA GESTIONE RIFIUTI

Spett. li. CLIENTI Loro sedi. Porcia, 02 marzo 2015 OGGETTO: ATTIVITA FORMATIVA SULLA GESTIONE RIFIUTI Spett. li CLIENTI Loro sedi Porcia, 02 marzo 2015 OGGETTO: ATTIVITA FORMATIVA SULLA GESTIONE RIFIUTI A seguito delle numerose richieste di chiarimento pervenute ai nostri uffici in merito alle novità normative

Dettagli

INDICE. Sezione I Disposizioni generali

INDICE. Sezione I Disposizioni generali INDICE Evoluzione normativa societaria... Presentazione... pag. V XV D.Lgs. 17 gennaio 2003 n. 6. Riforma organica della disciplina delle società di capitali e società cooperative, in attuazione della

Dettagli

INDICE SOMMARIO PARTE PRIMA DIRITTO ECCLESIASTICO CAPITOLO I LA COSTITUZIONE ITALIANA E IL FENOMENO RELIGIOSO

INDICE SOMMARIO PARTE PRIMA DIRITTO ECCLESIASTICO CAPITOLO I LA COSTITUZIONE ITALIANA E IL FENOMENO RELIGIOSO IX Presentazione... VII PARTE PRIMA DIRITTO ECCLESIASTICO CAPITOLO I LA COSTITUZIONE ITALIANA E IL FENOMENO RELIGIOSO Sezione I Il diritto ecclesiastico 1. Il concetto di diritto ecclesiastico... 5 2.

Dettagli

Circolare n. 33 del 29/04/2011 SC-fa

Circolare n. 33 del 29/04/2011 SC-fa 65 Circolare n. 33 del 29/04/2011 SC-fa Ambiente SISTRI - Decreto Ministeriale unificato D.M. 18 febbraio 2011 Riepilogo e coordinamento di tutte le disposizioni normative emanate in materia dai precedenti

Dettagli