giove I N F O R M A anno 2014 Comune di Giove

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "giove I N F O R M A anno 2014 Comune di Giove"

Transcript

1 giove anno 2014 I N F O R M A \ Editoriale del sindaco \ Interventi nel settore della cultura, dello sport e del tempo libero \ Interventi nel settore della scuola \ La biblioteca comunale festeggia i suoi primi 40 anni \ Interventi nel sociale e per la salute dei cittadini \ Urbanistica ed edilizia \ L ambiente \ Lavori pubblici \ Viabilità \ Sicurezza \ Risvegliamoci \ Il bilancio comunale \ Le associazioni Comune di Giove

2 COMUNE DI GIOVE ORARIO AL PUBBLICO e RESPONSABILI DEGLI UFFICI COMUNALI per il 2015 UFFICI GIORNI LUN MAR MER GIO VEN SEGRETARIO COMUNALE (dott.ssa V. Fortino) AFFARI GENERALI, DEMOGRAFICO e STATO CIVILE, PROTOCOLLO (Rag. M. L. SANTINI - Sig.ra S. BARBETTI) ATTIVITÀ COMMERCIALI - POLITICHE SOCIALI e CULTURALI - SCUOLA (Dott.ssa L. Maccaglia) RAGIONERIA - BILANCIO (Dott. A. Pernazza) TASSE e TRIBUTI (Dott.ssa C. Moriconi) UFFICIO TECNICO A - Edilizia ed Urbanistica (Geom. F. Giordano) UFFICIO TECNICO B - Lavori Pubblici, Ambiente e Patrimonio (Arch. L. Sciommari - Ing. F. Testa) POLIZIA MUNICIPALE (addetti variabili). Nei giorni di non apertura i VV.UU sono comunque reperibili ai numeri telefonici visibili sulla porta dell'ufficio COMPOSIZIONE GIUNTA E COMPETENZE ASSESSORI A seguito delle dimissioni degli assessori Emilia Posteraro e Marco Ruco (le cui motivazioni potete trovare sul sito web del comune all indirizzo insieme a quelle di Alvero Giuliani e dei tre consiglieri di minoranza, il sindaco ha proceduto alla riorganizzazione della Giunta Comunale ora formata da tre assessori oltre al sindaco ed alla redistribuzione degli incarichi come da schema seguente: Alvaro Parca Sindaco mantiene le seguenti deleghe: Affari generali Demografica e stato Civile Politiche sociali e della scuola Politiche Culturali - Gestione del territorio Personale e Vigilanza Marco Rosati Vicesindaco ha le seguenti deleghe: Lavori Pubblici Patrimonio Protezione Civile Trasporto Scolastico Maurizio Cerioni Assessore con le seguenti deleghe: Ambiente e Politiche dello Sport Nico Ippoliti Assessore con le seguenti deleghe: Politiche commerciali e turistiche Bilancio Imposte, Tasse e Tributi Tel: (seguire indicazioni segreteria automatica) Fax: generale: sindaco e amministratori: Posta Elettronica Certificata: Sito internet istituzionale: Portale turistico: Pagina facebook: Comune Di Giove Questo numero viene pubblicato e distribuito in ritardo perché, trattandosi di un numero di fine mandato il reperimento dei dati e l'impaginazione hanno richiesto più tempo del solito. Ce ne scusiamo con i lettori. 2

3 Editoriale Il Sindaco Cari compaesani, concedetemi l uso di questo termine, paesani, che oggi sembra caduto in disuso in favore di quello di cittadini, come se ci si vergognasse di appartenere ad una piccola comunità, ad un paese, appunto, come se questo termine fosse sinonimo di arretratezza di provincialismo, mentre invece il fatto di chiamraci cittadini ci facesse diventare automaticamente più progrediti, più civili, più rispettabili. Ma non è giusto, intanto perchè il titolo di città viene concesso solo con decreto del Presidente della Repubblica in virtù dell importanza storica, artistica, civica o demografica e quindi Giove non può fregiarsi ancora del titolo di città, in secondo luogo, ma il principale, è che grazie ai paesi come il nostro, come Giove, grazie alla provincia questa nostra Italia riesce ancora a sopravvivere ed a mantenere i valori più profondi della nostra civiltà. Per dirla con un grande scrittore italiano del 900 Cesare Pavese - "Un paese ci vuole, non fosse che per il gusto di andarsene via. Un paese vuol dire non essere soli, sapere che nella gente, nelle piante, nella terra c'è qualcosa di tuo, che anche quando non ci sei resta ad aspettarti" E alla fine di questo secondo mandato amministrativo a mia guida, al termine di 10 anni di amministrazione è giusto e doveroso guardarsi indietro per vedere che paese ci è stato consegnato dai giovesi e che paese restituiamo a loro dopo questi anni, se è rimasto immobile o se siamo riusciti a cambiarlo in meglio almeno un pò, se siamo riusciti a conservare e, magari, ad aumentare almeno un po il sentimento di solidarietà, il gusto ed il piacere dell accoglienza, il richiamo per chi è partito. Giusto e doveroso quindi richiamare alla memoria, nostra e di quanti leggeranno queste pagine, le cose che si sono fatte e quelle che non si sono potute fare, i progetti realizzati ed i sogni rimasti nel cassetto, i successi e gli insuccessi di un amministrazione i cui componenti, a cominciare dal sindaco, hanno dedicato il loro impegno, le loro competenze, il loro tempo, con costanza e sacrificio personale ad un unico ed esclusivo fine: rendere un migliore e più vivibile questo nostro paese del quale tutti facciamo parte e farci diventare sempre più orgogliosi di viverci. Cercheremo di raggiungere questo obiettivo seguendo un percorso del tempo e della memoria che, attraverso parole ed immagini, ci aiuti a richiamare ed illustrare con leggerezza i fatti, i lavori e le iniziative più importanti di questa nostra esperienza, in modo il più possibile oggettivo e quanto meno autocelebrativo possibile. Alla fine il giudizio spetterà, naturalmente ed unicamente a voi e siamo certi che lo farete con coscienza e con giustizia. Con i migliori auguri di buone feste e di buon Il Sindaco, Alvaro Parca "Un paese ci vuole, non fosse che per il gusto di andarsene via. Un paese vuol dire non essere soli, sapere che nella gente, nelle piante, nella terra c'è qualcosa di tuo, che anche quando non ci sei resta ad aspettarti" Cesare Pavese 3

4 Interventi nel settore della cultura, dello sport e del tempo libero Gli interventi che abbiamo ritenuto importanti per favorire lo sviluppo delle attività culturali nella nostra comunità sono stati volti principalmente a: ampliare lo spazio fisico e potenziare l attività della biblioteca comunale Oggi la biblioteca ha un patrimonio di oltre volumi ed è inserita nel sistema bibliotecario nazionale (SBN), ossia, dalla biblioteca di Giove si può accedere per la ricerca di testi a tutte le maggiori biblioteche italiane. dare a tutti i giovesi uno spazio pubblico attrezzato per riunioni, conferenze, dibattiti Oggi la sala conferenze è diventata luogo indispensabile, utilizzatissimo per mostre, conferenze, dibattiti, iniziative scolastiche, politiche, ecc. Sala conferenze, intitolata il 27 gennaio 2012 alle Maestre Maria Assunta e Franca Moriconi 27 gennaio 2012 inaugurazione biblioteca, con l Assessore Regionale alla Cultura F. Bracco creare o patrocinare iniziative Il Gemellaggio Come ormai tutti i giovesi sanno il 27 luglio del 2009, nella sala consigliare del comune di Giove è stato firmato il Giuramento della Fraternità che ha dato vita al primo gemellaggio del nostro comune con il comune spagnolo di Castilleja de Guzmàn in provincia di Siviglia, Andalusia. Il gemellaggio è stato fino ad oggi occasione di scambi culturali, ludici, gastronomici, di creazione di rapporti di amicizia e frequentazione tra giovani e meno giovani dei nostri due comuni. Fino ad oggi sono stati portati a termine, con o senza il contributo della Comunità Europea, 6 scanbi di visite della durata di una settimana ciascuna 4

5 che hanno visto mediamenta la partecipazione di circa 25 persone per ogni scambio. Nell ultima vista, dell aprile di quest anno, 14 ragazze e ragazzi del Corteo Storico hanno fatto visita al paese gemellato per sviluppare il tema della partecipazione e della democrazia in Europa. L acchiappasole Su iniziativa del maestro Franco, con la disponibilità dell amministrazione comunale e con l aiuto di qualche genitore il 4 giugno 2009 viene inaugurata la piazza del sole calendario meglio conosciuta come l acchiappasole. I Borghi più belli Il 19 aprile 2008 il comune di Giove è entrato a far parte del club de I Borghi più Belli d Italia che ad oggi accoglie solo 225 comuni in tutta Italia e la cui finalità è quella di far conoscere in Italia ed all estero le bellezze d Italia e dei suoi centri minori sviluppandone le possibilità turistiche. La partecipazione alle manifestazioni ed ai festival organizzati dall associazione ci ha consentito di far conoscere ed apprezzare il nostro paese in varie parti d Italia. L appartenenza al club ha destato anche l attenzione di vari media che hanno scritto articoli o realizzato trasmissioni televisive (ad es. Linea Verde) su Giove. Per il 2015 è prevista la partecipazione del nostro comune anche a Milano Expo, in uno spazio all interno del padiglione EATALY nel quale, per la durata di una settimana, verranno proiettati video, mostrati depliants illustrativi ed esposti prodotti tipici (nel nostro caso vino ed olio). Iniziative per il 150 anniversario dell Unità d Italia, maggio

6 Maratona dell olio Creata nel 2010 dalla volontà e con l impegno degli otto sindaci dei comuni di Alviano, Attigliano, Baschi, Giove, Guardea, Lugnano in teverina, Montecchio e Penna in Teverina ed estesasi con gli anni e con il successo della manifestazione ai comuni di Amelia, Otricoli, Narni ed Orvieto, per diffondere la conoscenza del nostro territorio e dei nostri prodotti, la Maratona dell Olio approda nel novembre 2011 a Giove, comune capofila dell anno. Differenzia Tur Iniziative per la creazione di coscienza e consapevolezza ambientale nei cittadini, 20 e 21 aprile

7 Giornata della legalità Il 25 maggio 2012 l amministrazione comunale indice la prima Giornata della legalità alla quale partecipano bambini ed insegnanti della scuola di Giove, il parroco, rappresentanti dell arma dei carabinieri e della cooperativa Libera Terra di Corleone. Nel corso della manifestazione viene intitolato il Largo Giudici Falcone e Borsellino. Mostra pittorica Alessandro Prayer A settembre 2013 si apre la mostra del maestro Sandro PRAYER, già insignito della cittadinanza onoraria di Giove e giovese ormai a tutti gli effetti. Dipinto donato dal maestro al comune Verde coprente Festival Performances musicali e teatrali di grande suggestione in luoghi insoliti. 7

8 Torneo di S. Silvestro Torneo di sbandieratori provenienti da varie città, organizzato dall associazione Corteo Storico il 29 dicembre 2013, con il patrocinio del Comune. Festa nazionale dello sport centenario CONI L otto giugno 2014 si è celebrata la seconda giornata nazionale dello sport organizzata dalla soc. PEGASO con la collaborazione del Comune e con la partecipazione dei piccoli atleti di varie organizzazioni. Torneo della Befana Organizzato dalla soc. Pegaso il 6 gennaio 2014, con il patrocinio del Comune. 8

9 Consegna della costituzione ai diciottenni Come ormai tradizione dal 2008 ogni anno, in occasione del 2 giugno il sindaco consegna ai diciottenni dell anno la Costituzione Italiana e lo Statuto del Comune. Nel 2013 la festa del 2 giugno ha coinciso con la prima festa nazionale dello sport e sono state celebrate insieme presso gli impianti sportivi. Nelle foto seguenti, le cerimonie del 2013 e Intitolazione impianti sportivi Sempre l otto giugno del 2014, nel pomeriggio, alla presenza di un grande pubblico, gli impianti sportivi sono stati intitolati a Terzo Pimpolari, già parroco di Giove, grazie al quale è iniziata la loro realizzazione negli anni settanta, poi completata dal Comune. 9

10 Giornata della legalità 2014 Celebrata il 29 settembre insieme all associazione sulla strada di Attigliano ed in collaborazione con la Parrocchia di Giove, la Pro Loco e la Coop Tevere. Nel corso della manifestazione sono state intitolate a vittime della mafia il Piazzale Peppino Impastato (ex piazzale del convento) e la Via Don Pino Puglisi (ex Via del Convento). Con il pranzo della solidarietà sono stati raccolti circa Euro in favore degli adolescenti e delle bambine del Guatemala. Creare o potenziare strutture per lo sport ed il tempo libero Riqualificazione zona verde La riqualificazione della zona verde per restituire ai giovesi uno spazio vivibile per bambini, famiglie, per pic-nic, per attività sportive libere, individuali e di gruppo è stato uno degli obbiettivi che ha impegnato con costanza e continuità l amministrazione comunale con tre interventi successivi nel tempo l ultimo dei quali, la realizzazione del campetto polivalente ad uso libero, ha completato il disegno. La realizzazione di questi interventi ha richiesto una spesa di circa Euro, gran parte dei quali finanziati dal GAL (vedere tabella riassuntiva LL.PP. per dettagli). Nelle foto seguenti si può vedere un raffronto tra la situazione precedente e quella attuale. Premiazione sbandieratori e musici Premiazione del gruppo sbandieratori e musici del Corteo Storico di Giove per i loro successi nel campionato Italiano di categoria. 10

11 Campo polivalente Una delle prime iniziative in questa direzione è stato l ampliamento ed adeguamento normativo del campo polivalente per calcio a 5, tennis, pallavolo all interno degli impianti sportivi, per una spesa di circa Euro (vedere tabella riassuntiva LL.PP. per dettagli). L intervento era uno stralcio di un progetto più ampio comprendente la realizzazione di tribune per il campo di calcetto dotate di copertura con pannelli fotovolatici per rendere energeticamente autonomi gli impianti sportivi. Manutenzione straordinaria spogliatoi campo di calcio L attività intensa ed i successi della squadra di calcio US GIOVE ASD hanno reso necessario revisionare gli spogliatoi per renderli adeguati all attività ed alla categoria della nostra squadra, con un intervento adeguato del costo finale di Euro (vedere tabella riassuntiva LL.PP. per dettagli). Pozzo irrigazione campo di calcio Mantenere una superficie di gara verde e rigogliosa in estate, adeguata all immagine del paese e della squadra, non è solo un fatto di manutenzione quanto di irrigazione e, con i problemi che ci sono stati inpassato per l acqua potabile e per i costi che questo comporterebbe, non è certo pensabile irrigare il campo con l acqua potabile così si è realizzato un pozzo per consentire l irrigazione del tappeto erboso anche d estate. Purtroppo la vena acquifera non eroga una quantità d acqua sufficiente a garantire una irrigazione continua, così sarà necessario in un prossimo futuro realizzare un capiente serbatoio di accumulo. La realizzazione del pozzo e delle opere complementari ha comunque impegnato una spesa di circa Euro. Dare il possibile supporto economico alle iniziative di associazioni culturali, sociali e sportive Il Comune di Giove destina mediamente ogni anno il contributo ordinario di circa Euro Al supporto economico delle associazioni per lo sviluppo delle loro iniziative e manifestazioni. Il contributo è assegnato ogni anno sulla base delle valutazioni fatte dalla commissione comunale contributi sulle attività e manifestazioni realizzate dalle varie associazioni Inoltre il Comune ha beneficiato dal 2012 in poi di finanziamenti regionali nell ambito del PSR (Piano di sviluppo Regionale) per la realizzazione di attività di sviluppo e promozione del turismo che, per un importo di circa Euro per l anno 2012, sono stati finalizzati alla realizzazione della manifestazione Il Sole, La Luna, del torneo sbandieratori di San Silvestro e del torneo della Befana per calciatori piccoli amici. Analogo importo è stato stanziato per il Per il 2014 il finanziamento PSR è ancora incerto. 11

12 Restituire ai giovesi la memoria della loro storia attraverso la riorganizzazione e la consultazione dell archivio storico comunale Questa amministrazione ha ormai da anni l obbiettivo di riorganizzare l archivio storico comunale in primo luogo attraverso il trasferimento in una nuova e più adeguata collocazione e, in secondo luogo, attraverso lo scarto dei documenti inutili, la catalogazione ed indicizzazione dei documenti che renda facilmente rintracciabili e consultabili i documenti in esso custoditi che risalgono alla metà del Purtroppo i finanziamenti in questo settore sono molto scarsi, ragion per cui i passi per il raggiungimento di questi obbiettivi sono decisamente lenti. Fino ad ora siamo riusciti a realizzare la nuova localizzazione (la tolda metallica sopraelevata all interno della sala conferenze, lo scarto dei documenti inutili e solo recentemente il trasferimento nella nuova localizzazione. Dobbiamo purtroppo lasciare alle prossime amministrazioni il compito di realizzare la catalogazione ed indicizzazione dei documenti. Nelle foto seguenti il confronto tra la vecchia e la nuova collocazione. Interventi nel settore della scuola Mantenimento continuità scuola materna Quando nel 2010 le suore adoratrici del sacro sangue di Cristo decisero di lasciare la gestione della scuola materna (fondata nel 1853 da suor Maria De Mattias, ora Santa) si pose il problema di garantire il proseguimento del servizio reso alle famiglie di Giove dando continuità funzionale e qualitativa al all insegnamento e mantenendone i livelli qualitativi e quantitativi dei servizi raggiunti negli ultimi anni, senza aumentare i costi per le famiglie. Da una parte c era la prospettiva della trasformazione in scuola materna statale, una soluzione che avrebbe tolto al comune ogni problema di gestione ma che non garantiva la continuità dell insegnamento né dell occupazione delle insegnanti, dall altra c era invece la possibilità poi realizzatasi con il supporto dell amministrazione comunale della formazione di una cooperativa tra le insegnanti per la gestione della scuola. Fu così che nacque la cooperativa il girotondo. Ad ormai quattro anni di distanza da quel momento possiamo dire che la soluzione è stata positiva e ben accolta dalle famiglie di Giove ( e non solo) che continuano ad affidare con soddisfazione ed in buon numero (55/60 bambini all anno) i loro bambini alla scuola che, nel frattempo ha anche aperto una sezione primavera per i bambini di due anni e che continua a mantenere prezzi sopportabili grazie anche al Comune che oltre al supporto economico di circa Euro/anno, mette a disposizione gratuitamente i locali, come era per le suore. Nell ultimo anno si è andata consolidando anche la collaborazione tra la scuola, la biblioteca comunale e l associazione di volontariato Eugenio Berti Marini, per l introduzione dell insegnamento ai bambini dei primi rudimenti di lingua inglese. Realizzazione nuova cucina scuola materna Dopo la partenza delle suore, per razionalizzare i servizi e consentire un utilizzazione diversa dell ex appartamento delle suore, si è ritenuto opportuno realizzare una nuova cucina al posto di quella preesistente che era appunto la cucina dell appartamento. Per questa trasformazione il Comune ha investito la somma di Euro (vedere Lavori Pubblici per i dettagli). 12

13 Realizzazione nuovi spazi per attività didattiche Nei programmi di questa amministrazione c era anche l ambizioso obiettivo di realizzare una scuola nuova in prossimità degli impianti sportivi per dare agli alunni una maggiore possibilità di movimento. Il progetto di massima (vedi foto) presentava un costo di circa Euro e c è stato un momento in cui sembrò anche realizzabile grazie ad un importante contributo promesso dalla Regione ed alla sinergia con imprese private. tuto didattico) tre grandi e luminose aule, oltre ad un impianto fotovoltaico di 20 KW che rende energeticamente autonomo l edificio e garantisce al comune un entrata variabile tra i e gli Euro/anno per la produ- Il drastico ridimensionamento del contributo regionale e l inizio della crisi economica che tuttora ci attanaglia ci ha però costretto a rinunciare e così decidemmo di utlizzare il finanziamento ridotto della regione ( Euro), oltre ad un sostanzioso contributo comunale ( Euro) per avviare la ristrutturazione del sottotetto della scuola attuale, fino ad allora praticamente inagibile - quando non utilizzato come deposito di vecchi banchi, cattedre, sedie, ecc. - per fornire nuovi spazi didattici all insegnamento e ad attività complementari (vedere Lavori Pubblici per i dettagli). L intervento ha consegnato all uso scolastico e pubblico (grazie ad una convenzione stipulata tra il comune e l Istizione di energia da fonte rinnovabile. L utilizzazione di altri successivi finanziamenti regionali, unitamente al cofinanziamento comunale hanno poi consentito di realizzare altri lavori complementari (scala di accesso interna, completamento impiantistico, prolungamento scala di sicurezza esterna, ecc.) che hanno reso completamente agibili i nuovi locali permettendone la consegna all Istituto didattico, agli insegnanti e, soprattutto, agli alunni nell ottobre di quest anno. 13

14 Trasporto scolastico Il trasporto scolastico è stato effettuato fino alla fine dell anno scolastico con automezzi a gasolio ceduti in comodato d uso semi gratuito (ovvero con un costo per il comune di 0,3284 Euro/km oltre IVA) dall azienda di trasporto pubblico provinciale ATC. Con la trasformazione di questa nella società a partecipazione privata Umbria Mobilità, nel dicembre 2013 sarebbe cessata la possibilità di usufruire dei mezzi in comodato semigratuito ragione per la quale il comune ha dovuto acquistare per un breve periodo i due autobus per la cifra complessiva di circa Euro. Il passaggio di proprietà da una società di trasporti ad un ente pubblico per l uso come scuolabus avrebbe comportato però la necessità di adeguamenti normativi e tecnici delle due vetture con ulteriori costi e tempi lunghi. Di fronte a questa prospettiva l amministrazione ha valutato la convenienza prima dell acquisto di uno scuolabus alimentato a metano, per il rispetto dell ambiente e, successivamente, la convenienza di affidare il trasporto ad una ditta specializzata (Cooperativa Mobilità e Trasporti CMT di Terni), a seguito di un appalto congiunto con il comune di Penna in Teverina, mettendo a disposizione in comodato d uso gratuito, lo scuolabus comunale. Bus vecchio Bus nuovo Attualmente quindi il costo che il comune di Giove sopporta per il servizio di trasporto ammonta a circa Euro/anno - oltre IVA e fornitura in comodato gratuito del solo automezzo scuolabus di proprietà comunale - costo comprensivo di autisti, carburante, assicurazioni, manutenzione ordinaria, e quanto altro necessario per garantire il corretto e continuo espletamento del servizio. Praticamento lo stesso costo sostenuto in precedenza ma con meno preoccupazioni e maggiore certezza del servizio! Per il mantenimento di questo servizio le famiglie degli alunni pagano dai 14 ai 18 Euro/mese per un totale di circa Euro/anno. Il resto è finanziato dal Comune con i fondi di bilancio. La biblioteca comunale festeggia i suoi primi 40 anni Era il lontano 1974 quando, con delibera di giunta comunale n.477 del 10 giugno, nasceva la biblioteca comunale di Giove. Sono passati 40 anni: la comunità ha assistito a 4 traslochi in diverse sedi, all'incremento del materiale librario posseduto (dai 1300 volumi del 1994 ai del 2014), all'inaugurazione della "Stanza dei libri" nel 2009 (spazio dedicato ai bambini e ospitante letture, corsi, attività, nonchè il servizio "aiuto compiti" e, ovviamente, una raccolta di libri suddivisi per le varie fasce d'età), alla creazione nella nuova sede in via Roma di spazi adeguati per ospitare i vari corsi di formazione, all adesione nel 2013 al progetto Nati per leggere con attività di promozione alla lettura per i bambini in età prescolare, fino all organizzazione di eventi per Ottobre piovono libri prima (fino al 2009) e per Il Maggio dei libri poi. Il 2014 si sta chiudendo con un dato positivo: nel corso dell'anno circa 2000 utenti hanno frequentato la biblioteca (600 in più rispetto all'anno precedente). Questo risultato va in parte attribuito alla considerevole partecipazione di bambini ed adulti ai corsi di formazione (corsi di computer, corsi di inglese per adulti e bambini, corsi di musica, corsi di ceramica), ma si deve tener conto anche di un crescente interesse nei bambini per la lettura. Certa- Per garantire la massima efficienza, regolarità del servizio e la possibilità d uso da parte di chi ne faccia richiesta, l amministrazione comunale ha ritenuto inoltre indispensabile redigere un regolamento per l utilizzazione del servizio - che è entrato in vigore con l anno scolastico 2014/2015 ed anticipare le prenotazioni alla chiusura dell anno scolastico precedente (ovvero a maggio 2014). 14

15 mente questo dato, per una biblioteca che ha come obiettivo fondamentale la promozione della lettura, rappresenta un notevole risultato, soprattutto perché conferma che la gestione innovativa degli ultimi anni ha dato i suoi frutti. Una biblioteca non può limitarsi ad essere un luogo di conservazione di volumi o almeno questa non può più essere considerata la sua funzione primaria. Una biblioteca comunale quindi pubblica, cioè appartenente a una comunità deve essere aperta alla propria utenza e modellare i servizi offerti in funzione della comunità stessa, nella quale si trova ad operare e della quale rappresenta una parte di identità. Grande novità del 2014 è stata l'adesione della biblioteca al Servizio Bibliotecario Nazionale (SBN), rete promossa dal MiBAC e coordinato dall'iccu. Ciò comporta il riversamento dell'attuale catalogo in un catalogo condiviso dal Sistema Bibliotecario umbro, denominato OPAC e consultabile in internet all'indirizzo: opacsbn. regioneumbria.eu/sebinaopac/opac Inoltre stiamo lavorando alla nuova pagina della biblioteca, dove potrete trovare il nuovo catalogo e tutte le informazioni sulla storia e sulle attività della biblioteca. Veronica Bocci Responsabile della Biblioteca Comunale Interventi nel sociale e per la salute dei cittadini L intervento sociale del comune, in questi anni di gravi difficoltà economiche non ha potuto certo garantire lavoro e stipendio a chi lo ha perso ma ha certamente contribuito ad alleviare le situazioni di maggiore disagio di molte famiglie attivando diverse iniziative quali, ad es.,: - contributi economici per pagamento utenze gas; - sgravi su tasse ed imposte comunali: - pacchi alimentari; - contributi ai pendolari per studio o lavoro; Contributi che vanno aggiunti a quelli regionali e nazionali. Impegno economico nel sociale In questo ormai lunghissimo periodo di una crisi economica terribile che ha messo in gravi difficoltà molte famiglie, l amministrazione comunale ha cercato di mantenere un livello di impegno economico tale da potere, se non risolvere, quantomeno alleviare le difficoltà con interventi diretti ed indiretti, concependo questo come un modo di restituire a quella parte di giovesi più in difficoltà almeno una parte delle tasse ed imposte comunali che i giovesi pagano. Lo stanziamento economico del comune nel sociale, per il solo anno 2014, è stato di circa Euro così ripartiti: Servizi sociali attraverso l ASL e la Zona Sociale: Euro Assistenza diretta alle persone ed alle famiglie: Euro Rimborsi spese per piccoli lavori del bando volontariato: Euro Contributi per case in affitto: Euro Contributi per libri di testo: Euro Ristrutturazione PES Per assicurare agli utenti un ambiente più accogliente ed agli operatori condizioni di lavoro più confortevoli si è ristrutturato profondamente il Punto Erogazione Servizi dell ASL (PES) con un investimento di Euro. Con il tempo siamo anche riusciti ad ottenere dall USL il pagamento di un canone di locazione di Euro/anno. Creazione centro ambulatoriale per medici di famiglia La disponibilità dell appartamento delle suore ha reso possibile l avverarsi di due obiettivi ai quali l amministrazione puntava da tempo: il trasferimento della biblioteca in locali più grandi e la realizzazione di un centro ambulatoriale dove concentrare i medici di famiglia (almeno quelli che hanno accettato la proposta) ed alcuni specialisti. Una localizzazione centrale, facile da raggiungere, priva di barriere architettoniche ed attaccata al centro servizi dell USL. La proposta è stata accettata da due dei medici di famiglia operanti a Giove, ai quali si è aggiunta la pediatra ed uno psicologo dell età evolutiva. Forse in futuro sarà possibile aggiungere altri servizi. 15

16 Accoglienza migranti Il 22 marzo 2014, dietro richiesta della Prefettura per far fronte alla grave emergenza profughi, l amministrazione comunale sentì il dovere morale e civile di dare anche il contributo di Giove alla soluzione del problema, offrendo ospitalità a 15 migranti provenienti da varie parti dell Africa. L ospitalità che doveva essere molto limitata nel tempo (3/4 mesi) dura ormai da oltre nove mesi, regolata da una convenzione con la Prefettura in base alla quale il comune riceve un rimborso spese di 30 Euro/giorno per ogni persona ospitata, rinnovata a giugno e scadente definitivamente per richiesta dell amministrazione comunale il 31 dicembre 2014, data oltre i migranti ospiti di Giove verranno trasferiti in altre sedi. L ospitalità è stata possibile grazie alla grande generosità di gran parte dei giovesi che il giorno dopo l arrivo già avevano fornito agli ospiti indumenti, scarpe e generi di prima necessità, ma soprattutto grazie all impegno fondamentale della Pro Loco che ha gestito con grande professionalità e competenza l accoglienza (vitto e alloggio nell ostello comunale, cure mediche, ecc.) ed alla collaborazione assolutamente gratuita e disinteressata della Caritas e dell associazione di volontariato Eugenio Berti Marini. NOTA: alla data di completamento di questo giornale i migranti sono stati trasferiti ad altra struttura di accoglienza in Terni, gestita dall'associazione di Volontariato San Martino (Caritas). Pene sostitutive Forse non tutti sanno che nel 2012 il comune di Giove ha stipulato una convenzione con il tribunale di Terni in base alla quale coloro che vengano condannati per reati di cui agli artt. 186 (guida sotto l influenza dell alcol) e 187 (guida sotto l effetto di sostanze stupefacenti del D. Lgs 285/92 (codice della strada) e 73 del DPR 309/90 (testo unico sulla droga) possono scontare la pena presso il comune facendo lavori di pubblica utilità a titolo completamente gratuito a favore della collettività con notevoli vantaggi e sconti sulla pena inflitta. Dal 2012 ad oggi sono stati ben 15 i giovani e meno giovani che hanno usufruito o stanno per usufruire di questa possibilità. Urbanistica ed edilizia Il Comune di Giove si è dotato già da tempo degli strumenti di pianificazione urbana più moderni ed efficienti. In particolare, a dicembre 2007 è stato approvato il primo Piano Regolatore Generale del comune di Giove, uno strumento fondamentale per indirizzare in modo armonico e regolamentato lo sviluppo urbano e per consentire il proseguimento delle attività immobiliari e costruttive. Contestualmente al PRG, sempre a dicembre del 2007 è stato approvato il piano di Zonizzazione acustica del territorio comunale che individua e limita il livello di rumore ammissibile per le attività umane nelle varie zone urbane e nelle zone extra urbane. Ambiente La grande attenzione dedicata dall amministrazione alle problematiche ambientali, alla pulizia ed al mantenimento di un ambiente sostenibile e vivibile è testimoniata dalle scelte e dalle azioni poste in atto e suggellate con il PATTO DEI SINDACI dei comuni d Europa al quale il comune di Giove ha aderito e del quale riportiamo appresso un estratto. Le azioni più significative dell impegno amministrativo vengono sinteticamente descritte appresso. Raccolta rifiuti e raccolta differenziata Dal primo luglio 2014 la raccolta e trasporto dei rifiuti urbani non è più di competenza del comune ma di un gestore unico per tutti i comuni della provincia individuato 16

Antonio Marrazzo. Assessore al patrimonio, opere pubbliche e decoro urbano IL SINDACO E LA GIUNTA INCONTRANO I CITTADINI

Antonio Marrazzo. Assessore al patrimonio, opere pubbliche e decoro urbano IL SINDACO E LA GIUNTA INCONTRANO I CITTADINI Antonio Marrazzo Assessore al patrimonio, opere pubbliche e decoro urbano Attività dei diversi settori PROGETTI - N 101 - EDILIZIA SCOLASTICA tot 21.000.402,38 24% STRADE tot 12.155.500 23% ALLOGGI COMUNALI

Dettagli

Comune dell'aquila. Assessore al Bilancio. Il Bilancio 2012. Le risorse e le principali iniziative

Comune dell'aquila. Assessore al Bilancio. Il Bilancio 2012. Le risorse e le principali iniziative Il Bilancio 2012 Le risorse e le principali iniziative Lelio De Santis Assessore al Bilancio Massimo Cialente Sindaco I perché di un bilancio quasi alla fine dell anno Il Bilancio di previsione per il

Dettagli

RILIEVO CONSISTENZE STRUTTURE COMUNALI AD USO TECNICO-AMMINISTRATIVO FINALIZZATO ALLA AGGREGAZIONE DELLE STESSE IN SEDE UNICA

RILIEVO CONSISTENZE STRUTTURE COMUNALI AD USO TECNICO-AMMINISTRATIVO FINALIZZATO ALLA AGGREGAZIONE DELLE STESSE IN SEDE UNICA RILIEVO CONSISTENZE STRUTTURE COMUNALI AD USO TECNICO-AMMINISTRATIVO FINALIZZATO ALLA AGGREGAZIONE DELLE STESSE IN SEDE UNICA SERVIZIO PROGETTAZIONE E DIREZIONE LAVORI SU STRUTTURE Il Responsabile (Arch.

Dettagli

M' ILLUMINO DI LED. Un progetto del MOVIMENTO 5 STELLE PIEGARO

M' ILLUMINO DI LED. Un progetto del MOVIMENTO 5 STELLE PIEGARO M' ILLUMINO DI LED Un progetto del MOVIMENTO 5 STELLE di PIEGARO COMUNE DI PIEGARO RICOGNIZIONE IMPIANTI DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE TABELLA RIEPILOGATIVA DI TIPO LAMPADE E PUNTI LUCE AGGIORNATA AL 02/05/2013

Dettagli

COMUNE DI CRESPELLANO PROVINCIA DI BOLOGNA CONTO DEL BILANCIO - ELENCO RESIDUI ATTIVI E PASSIVI PER L'ANNO 2012

COMUNE DI CRESPELLANO PROVINCIA DI BOLOGNA CONTO DEL BILANCIO - ELENCO RESIDUI ATTIVI E PASSIVI PER L'ANNO 2012 PARTE ENTRATA E 00160 000 2012 IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA' 7.603,02 E 00191 000 2008 IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI ANNI PRECEDENTI 53.301,95 E 00191 000 2009 IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI ANNI

Dettagli

RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE ANNO 2010 DEL COMUNE DI VALERA FRATTA (LODI)

RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE ANNO 2010 DEL COMUNE DI VALERA FRATTA (LODI) COMUNE DI VALERA FRATTA PROVINCIA DI LODI P.zza Vittoria, 6 Tel. 0371.99000 Fax 0371.99348 c.a.p. 26859 E-mail: comunevalerafratta@virgilio.it RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE ANNO 2010 DEL COMUNE DI

Dettagli

CASA DELLE CULTURE Relazione Tecnica

CASA DELLE CULTURE Relazione Tecnica CASA DELLE CULTURE Relazione Tecnica Premessa Il progetto della Casa delle Culture a Modena nasce dall esigenza delle Associazioni degli immigrati presenti nel territorio di usufruire di spazi per costituire

Dettagli

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa 11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio raccolta integrato dei rifiuti solidi urbani. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa delibera di Consiglio,

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA Premessa L Amministrazione Comunale di Matino ha incaricato il sottoscritto Arch. Daniele Cataldo a redigere il seguente progetto definitivo-esecutivo (al fine della realizzazione

Dettagli

Edizione 2016. Il termine per presentare le richieste di contributo complete di tutti gli allegati è il 31 maggio 2016.

Edizione 2016. Il termine per presentare le richieste di contributo complete di tutti gli allegati è il 31 maggio 2016. Edizione 2016 Bando per interventi di messa in sicurezza, ristrutturazione e riqualificazione degli edifici scolastici e per la formazione professionale. Il Bando è suddiviso in due misure: Misura 1) Interventi

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALE

RELAZIONE TECNICA GENERALE COMUNE DI GUAGNANO (LE) ADEGUAMENTO DI UN IMMOBILE DI VIA BIRAGO NELLA FRAZIONE DI VILLA BALDASSARRI PER LA REALIZZAZIONE DI UN CENTRO SOCIO- EDUCATIVO E RIABILITATIVO PER DIVERSAMENTE ABILI RELAZIONE

Dettagli

RELAZIONE GENERALE. Premessa

RELAZIONE GENERALE. Premessa RELAZIONE GENERALE Premessa La scuola dell infanzia con il Nido Integrato persegue la formazione integrale di bambini dai 12 ai 36 mesi offrendo opportunità per il raggiungimento di capacità e competenze

Dettagli

COMUNE DI CRESPELLANO PROVINCIA DI BOLOGNA CONTO DEL BILANCIO - ELENCO RESIDUI ATTIVI E PASSIVI PER L'ANNO 2010

COMUNE DI CRESPELLANO PROVINCIA DI BOLOGNA CONTO DEL BILANCIO - ELENCO RESIDUI ATTIVI E PASSIVI PER L'ANNO 2010 PARTE ENTRATA E 00190 000 2010 IMPOSTA COMUNALE IMMOBILI 1.336.000,00 E 00191 000 2007 IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI ANNI PRECEDENTI 37.420,44 E 00191 000 2008 IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI ANNI PRECEDENTI

Dettagli

Comune di Castiglione d Adda Provincia di Lodi PIANO DI DIRITTO ALLO STUDIO 2014/2015

Comune di Castiglione d Adda Provincia di Lodi PIANO DI DIRITTO ALLO STUDIO 2014/2015 Comune di Castiglione d Adda Provincia di Lodi PIANO DI DIRITTO ALLO STUDIO 2014/2015 La facciata ristrutturata Comune di Castiglione d Adda Via Roma 130, 26823 - Castiglione d Adda Tel. 0377/900403 Fax.

Dettagli

RASSEGNA STAMPA CREDITO SPORTIVO Domenica, 13 settembre 2015

RASSEGNA STAMPA CREDITO SPORTIVO Domenica, 13 settembre 2015 RASSEGNA STAMPA CREDITO SPORTIVO Domenica, 13 settembre 2015 RASSEGNA STAMPA CREDITO SPORTIVO Domenica, 13 settembre 2015 13/09/2015 Gazzetta del Sud (ed. Catanzaro) Pagina 43 Dopo sedici anni di stop

Dettagli

Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 35 del 4.8.2011. INDICE REVISIONI al REGOLAMENTO N. REVISIONE N. DELIBERA

Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 35 del 4.8.2011. INDICE REVISIONI al REGOLAMENTO N. REVISIONE N. DELIBERA Comune di Villasor Provincia di Cagliari Regolamento comunale per lo Sport Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 35 del 4.8.2011 INDICE REVISIONI al REGOLAMENTO N. REVISIONE N. DELIBERA

Dettagli

ATTI, NON PAROLE AGENDA21. Agenda 21

ATTI, NON PAROLE AGENDA21. Agenda 21 a cura di Roberto Catania L istituzione di nella Provincia di Lecco ha avuto inizio nel 2003 seguendo un percorso che si potrebbe definire tradizionale. Dall istituzione del Forum generale si è passati

Dettagli

PIU 2015 ONE SMART CITY. Un progetto di rigenerazione urbana per l'inclusione sociale. Comune di Vinci Comune di Cerreto Guidi

PIU 2015 ONE SMART CITY. Un progetto di rigenerazione urbana per l'inclusione sociale. Comune di Vinci Comune di Cerreto Guidi PIU 2015 ONE SMART CITY Un progetto di rigenerazione urbana per l'inclusione sociale Comune di Vinci Comune di Cerreto Guidi FINANZIAMENTO COMPLESSIVO DEL PROGETTO! 5.950.000 euro di investimento complessivo!

Dettagli

Comune di PARELLA (CITTÀ METROPOLITANA DI TORINO)

Comune di PARELLA (CITTÀ METROPOLITANA DI TORINO) ELEZIONE DEL SINDACO E DEL CONSIGLIO COMUNALE (Art. 71, comma 2, D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267) (Comuni sino a 15.000 abitanti) Comune di PARELLA (CITTÀ METROPOLITANA DI TORINO) Votazioni del giorno 31/05/2015

Dettagli

PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI

PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI LETTERA AI CITTADINI Cari concittadini, il presente lavoro è redatto per approfondire la conoscenza degli interventi previsti

Dettagli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli Comune di Marigliano Provincia di Napoli REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE (Approvato con Delibera del Commissario Straordinario n. 15 del 01/02/2002) Art. 1 Istituzione del Servizio E istituito

Dettagli

Regolamento del baratto amministrativo

Regolamento del baratto amministrativo Regolamento del baratto amministrativo Art.1 Riferimenti legislativi L art.24 della legge n.164 del 2014 Misure di agevolazioni della partecipazione delle comunità locali in materia di tutela e valorizzazione

Dettagli

ELENCO CAPITOLI USCITA

ELENCO CAPITOLI USCITA ELENCO CAPITOLI USCITA DESCRIZIONE 2010 2011 Indennità a Sindaco, Assessori e Consiglieri Indennità missione e rimborso spese per amministratori Rimborso datori di lavoro permessi amm.ri 18.400,00 18.400,00

Dettagli

PROPOSTA DI DELIBERA DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO DEMO ANAGRAFICO E SOCIO CULTURALE. Data avvio Proposta : 21/09/2012

PROPOSTA DI DELIBERA DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO DEMO ANAGRAFICO E SOCIO CULTURALE. Data avvio Proposta : 21/09/2012 PROPOSTA DI DELIBERA DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO DEMO ANAGRAFICO E SOCIO CULTURALE Data avvio Proposta : 21/09/2012 Illustrano l argomento OGGETTO: ESAME ED APPROVAZIONE DEL PIANO ANNUALE COMUNALE PER

Dettagli

RELAZIONE ALLEGATA AL BILANCIO 2010

RELAZIONE ALLEGATA AL BILANCIO 2010 RELAZIONE ALLEGATA AL BILANCIO 2010 L Associazione Cuore d Africa nasce nel settembre 2008. Si occupa di fornire sostegno ed istruzione a bambini e ragazzi con gravi problemi economici e familiari, attraverso

Dettagli

Titolo CARTA DEI SERVIZI CONTATTI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA MONUMENTO AI CADUTI ZERO BRANCO

Titolo CARTA DEI SERVIZI CONTATTI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA MONUMENTO AI CADUTI ZERO BRANCO CONTATTI Inseri re q ui il m essag gio. N on su per are le d ue o tr e fr asi. Scuola dell Infanzia Monumento ai caduti Via Trento Trieste 16 31059 ZERO BRANCO tel e fax 0422.97032 e-mail: scuolainfanziazero@libero.it

Dettagli

CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA

CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA COMUNE DI MOGORO Provincia di Oristano CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA Finanziamento anno 2014 1 Art. 1 Oggetto Il presente documento stabilisce i criteri per la

Dettagli

MISURE A FAVORE DEL DIRITTO ALLO STUDIO

MISURE A FAVORE DEL DIRITTO ALLO STUDIO MISURE A FAVORE DEL DIRITTO ALLO STUDIO PIANO SCUOLA A.S. 2012/2013 Premessa In continuità con gli anni precedenti, anche per l anno scolastico 2012/2013, la nostra Amministrazione Comunale, pur con le

Dettagli

LA CITTA DEI GIOVANI

LA CITTA DEI GIOVANI LA CITTA DEI GIOVANI Provincia di Cuneo Comune di Bra Area tematica Informagiovani Minori/politiche giovanili/educativa territoriale Cultura/Biblioteca/Scuola di pace Turismo/manifestazioni/Cultura Numero

Dettagli

Scuola Michele Pironti : la decisione

Scuola Michele Pironti : la decisione Scuola Michele Pironti : la decisione La decisione di ricostruire la Scuola è stato un atto dovuto. La relazione finale sullo stato di sicurezza del vecchio edificio scolastico rilevò un elevato grado

Dettagli

Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005

Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005 Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005 I conti del cittadino: come sono stati spesi i soldi di tutti Ecco le cifre del conto del bilancio 2005 LE ENTRATE ACCERTATE NEL 2005 SONO STATE PARI AD 43.962.251,42

Dettagli

ASSESSORATO ALL ISTRUZIONE RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE DELL ESERCIZIO 2011 E BILANCIO PLURIENNALE 2011-2013.

ASSESSORATO ALL ISTRUZIONE RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE DELL ESERCIZIO 2011 E BILANCIO PLURIENNALE 2011-2013. ASSESSORATO ALL ISTRUZIONE RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE DELL ESERCIZIO 2011 E BILANCIO PLURIENNALE 2011-2013. La scuola rappresenta un campo privilegiato per la formazione dei cittadini di domani.

Dettagli

COMUNE DI GERENZAGO (PROVINCIA DI PAVIA)

COMUNE DI GERENZAGO (PROVINCIA DI PAVIA) COMUNE DI GERENZAGO (PROVINCIA DI PAVIA) CONVENZIONE per la gestione della scuola materna L'anno duemilasette addì. del mese nell'ufficio del Comune di Gerenzago (PV) TRA Il Comune di Gerenzago, rappresentato

Dettagli

Un sogno per la nostra Comunità

Un sogno per la nostra Comunità Un sogno per la nostra Comunità In attesa del 2014 50 anni della nostra chiesa Aiutiamoci perchè il sogno possa diventare realtà! Non c è tempo da perdere Il 7 giugno 1964, grazie a don Silvio Bronsino

Dettagli

LA CASA CIRCONDARIALE DI LOCRI

LA CASA CIRCONDARIALE DI LOCRI LA CASA CIRCONDARIALE DI LOCRI La Casa Circondariale di Locri è stata edificata nel 1862, secondo il modello architettonico c.d. filadelfiano ovvero a bracci, per contrastare il banditismo particolarmente

Dettagli

CENTRO PER BAMBINI HANDICAPPATI DI ANDEMAKA

CENTRO PER BAMBINI HANDICAPPATI DI ANDEMAKA CENTRO PER BAMBINI HANDICAPPATI DI ANDEMAKA Il Centro sorge a poche centinaia di metri dal centro del villaggio di Andemaka, la sua costruzione è iniziata nel 1987 per volere di Padre Karme, Padre Cento

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI GENERALI, IL BILANCIO, LE RISORSE UMANE E LA FORMAZIONE

Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI GENERALI, IL BILANCIO, LE RISORSE UMANE E LA FORMAZIONE IL DIRETTORE GENERALE VISTO il decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368, e successive modificazioni; VISTO il decreto legislativo 8 gennaio 2004, n. 3; VISTO il decreto legislativo 22 gennaio 2004,

Dettagli

COMUNE DI CASSANO VALCUVIA Provincia di VARESE

COMUNE DI CASSANO VALCUVIA Provincia di VARESE INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE AL CONTENIMENTO DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO (Art. 2, commi 594/598 della legge 24/12/2007 n. 244) PIANO TRIENNALE 2011 2013 Vista la Legge 244/2007 (Finanziaria 2008)

Dettagli

CASA DI MAMRE CARTA DEI SERVIZI

CASA DI MAMRE CARTA DEI SERVIZI CASA DI MAMRE Comunità alloggio per gestanti e madri con figli a carico Chi siamo Le origini della Fondazione Sagrini Onlus risalgono al lontano 1863, quando, per volontà della Conferenza muliebre di S.

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

NEWSLETTER Periodico di informazione del Fondo Espero N 02/2015

NEWSLETTER Periodico di informazione del Fondo Espero N 02/2015 NEWSLETTER Periodico di informazione del Fondo Espero N 02/2015 IN QUESTO NUMERO l Lettera del Presidente l Il nuovo Presidente del Fondo Giuseppe Pierro, eletto dai consiglieri durante la riunione del

Dettagli

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini Nota Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca On. Stefania Giannini Roma, 28 maggio 2014 Premessa Come è noto le Province si occupano del funzionamento, della manutenzione

Dettagli

COMUNE DI TREBASELEGHE REGOLAMENTO DEL VOLONTARIATO IN ATTIVITA SOCIALMENTE UTILI

COMUNE DI TREBASELEGHE REGOLAMENTO DEL VOLONTARIATO IN ATTIVITA SOCIALMENTE UTILI COMUNE DI TREBASELEGHE CAP 35010 Codice Fiscale 80010250282 Partita IVA 00932400286 Provincia di Padova tel 049-9319511 Fax 049-9386455 REGOLAMENTO DEL VOLONTARIATO IN ATTIVITA SOCIALMENTE UTILI 1 Art.

Dettagli

Attività dell Urban Center

Attività dell Urban Center Attività dell Urban Center Report dell incontro con i rappresentanti di associazioni e cooperative 14 giugno 2012 www.rosignanofacentro.it info@rosignanofacentro.it Percorso di partecipazione promosso

Dettagli

Convegno Regionale : Energie Rinnovabili e Risparmio Energetico.

Convegno Regionale : Energie Rinnovabili e Risparmio Energetico. Convegno Regionale : Energie Rinnovabili e Risparmio Energetico. Nocera Torinese ( Cz ) Intervento di Luigi Sbarra Segretario Generale Cisl Calabria. Quando si osservano i dati statistici riguardanti la

Dettagli

Legge provinciale 15 maggio 2013, n. 9 articolo 1 DOMANDE FREQUENTI

Legge provinciale 15 maggio 2013, n. 9 articolo 1 DOMANDE FREQUENTI QUESITO 1 Chi ha una abitazione concessa in comodato d uso potrebbe fare domanda per gli interventi sull articolo 1? Se paga l IMUP su quell abitazione quale abitazione principale, si QUESITO 2 Sono finanziabili

Dettagli

ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014

ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 La situazione economico e sociale dalla quale partiamo per la elaborazione del nostro programma elettorale è completamente variata rispetto

Dettagli

UN COMUNE CHE PROGETTA, AGISCE, COMUNICA

UN COMUNE CHE PROGETTA, AGISCE, COMUNICA UN COMUNE CHE PROGETTA, AGISCE, COMUNICA Racconto dei primi 60 giorni di governo 60 GIORNI DI GOVERNO 11 GIUNTE 3 CONSIGLI COMUNALI 23 AZIONI FATTE 80 NOTIZIE PUBBLICATE AREA METROPOLITANA Avviato il tavolo

Dettagli

COMUNE DI SAN GIULIANO DI PUGLIA. La ricostruzione di San Giuliano di Puglia

COMUNE DI SAN GIULIANO DI PUGLIA. La ricostruzione di San Giuliano di Puglia La ricostruzione di San Giuliano di Puglia Cronologia avvenimenti 11.32 GIOVEDÌ 31 OTTOBRE 2002: un terremoto di 5,4 gradi della scala Richter fa tremare il Molise. La zona più colpita è San Giuliano di

Dettagli

NUOVA NORMATIVA DEL DIRITTO ALLO STUDIO

NUOVA NORMATIVA DEL DIRITTO ALLO STUDIO Legge regionale 26 aprile 1985, n. 30 NUOVA NORMATIVA DEL DIRITTO ALLO STUDIO TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Finalità La Regione, al fine di concorrere alla realizzazione del diritto allo studio,

Dettagli

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Stato degli atti dopo il Febbraio 2010: Sono state presentate 90 proposte. L estensione complessiva delle

Dettagli

LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI. Il rendiconto della gestione Gli indicatori Il patrimonio del Comune

LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI. Il rendiconto della gestione Gli indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI Il rendiconto della gestione Gli indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI L elevata varietà e complessità di servizi e funzioni come

Dettagli

Comune di Arluno. 21 Progetti

Comune di Arluno. 21 Progetti Comune di Arluno 21 Progetti Scheda di progetto 1/21 Tecnico settori urbanistica ed ecologia Piano regolatore generale con supervisione del PTCP e della VAS Tempi del progetto L intera comunità Il nuovo

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

5CHIACCIERE5. Quartiere, dove è?

5CHIACCIERE5. Quartiere, dove è? 5CHIACCIERE5 Anno 2014 2015 Quartiere, dove è? Non è sparito, c è e lavora, anche se avrebbe bisogno di più persone che diano il loro contributo. Partiamo da qua per affermare che spesso confondiamo un

Dettagli

QUARTO CIRCOLO SCUOLA PRIMARIA WALT DISNEY CLASSE 5 A IDEA PROGETTO: RIVOL(i)UZIONE ENERGETICA

QUARTO CIRCOLO SCUOLA PRIMARIA WALT DISNEY CLASSE 5 A IDEA PROGETTO: RIVOL(i)UZIONE ENERGETICA QUARTO CIRCOLO SCUOLA PRIMARIA WALT DISNEY CLASSE 5 A IDEA PROGETTO: RIVOL(i)UZIONE ENERGETICA PREMESSA Noi alunni della classe 5 A della Scuola W. Disney, grazie alle attività di approfondimento svolte

Dettagli

Lista n. 3 UNITI PER L AGRARIA PROGRAMMA ELETTORALE TRADIZIONE INNOVAZIONE SVILUPPO

Lista n. 3 UNITI PER L AGRARIA PROGRAMMA ELETTORALE TRADIZIONE INNOVAZIONE SVILUPPO Lista n. 3 UNITI PER L AGRARIA PROGRAMMA ELETTORALE TRADIZIONE INNOVAZIONE SVILUPPO ELENCO CANDIDATI Candidato alla carica di Presidente Fabio Colaiacomo nato a Roma il 14 marzo 1969 residente a Campagnano

Dettagli

Data 21.7. 11. il Dirigente del settore Patrimonio, Ambiente Valorizzazione Risorse Culturali Arch. Marco Terenghi

Data 21.7. 11. il Dirigente del settore Patrimonio, Ambiente Valorizzazione Risorse Culturali Arch. Marco Terenghi Relazione di stima del valore del complesso immobiliare sito in fregio alle vie G. Matteotti, N. Sauro, Como, in Lissone distinto al catasto al Fg. 15 Mapp. 23 Data 21.7. 11 il Dirigente del settore Patrimonio,

Dettagli

PUNTO 2 ALL ORDINE DEL GIORNO: Gianfranco Bartoloni per l esposizione del punto. tantissimi anni quali sono catastalmente i confini

PUNTO 2 ALL ORDINE DEL GIORNO: Gianfranco Bartoloni per l esposizione del punto. tantissimi anni quali sono catastalmente i confini Prego Assessore. Gianfranco Bartoloni per l esposizione del punto. PRESIDENTE: Passo la parola all Assessore DI CIAMPINO - APPARTENENZA TRA IL COMUNE DI MARINO E IL COMUNE - PIANO DI VARIAZIONE AMBITO

Dettagli

REGOLAMENTO E ISTITUZIONE SERVIZIO ABITATIVO APPARTAMENTI CASALGRANDE ALTO

REGOLAMENTO E ISTITUZIONE SERVIZIO ABITATIVO APPARTAMENTI CASALGRANDE ALTO REGOLAMENTO E ISTITUZIONE SERVIZIO ABITATIVO APPARTAMENTI CASALGRANDE ALTO Premessa Il Comune di Casalgrande proprietario dell immobile, sito nella frazione di Casalgrande Alto, all incrocio tra Via Statutaria

Dettagli

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLA SARDEGNA ARPAS

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLA SARDEGNA ARPAS AVVISO MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PRELIMINARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L ACQUISIZIONE IN LOCAZIONE O IN PROPRIETA DI UN IMMOBILE SITO NEL COMUNE DI ORISTANO, DESTINATO AD ACCOGLIERE UFFICI E LABORATORI

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

LE SCUOLE PRIMARIE. SCUOLA PRIMARIA B. FERRARI DI LANGHIRANO n. classi 20 n. alunni 432

LE SCUOLE PRIMARIE. SCUOLA PRIMARIA B. FERRARI DI LANGHIRANO n. classi 20 n. alunni 432 LE SCUOLE PRIMARIE SCUOLA PRIMARIA B. FERRARI DI LANGHIRANO n. classi 20 n. alunni 432 La scuola primaria B. Ferrari è ospitata in un edificio storico di pregio la cui costruzione risale all anno 1927

Dettagli

"Un asilo nido multietnico: Sogno di Bimbi

Un asilo nido multietnico: Sogno di Bimbi "Un asilo nido multietnico: Sogno di Bimbi Sogno di bimbi Aggiornamento a novembre 2010 ALL 88 PRO 06.05 bis Rev. 0 01/09/2007 LUOGO DI REALIZZAZIONE DEL PROGETTO: PROGETTO: RESPONSABILE: BENEFICIARI DIRETTI:

Dettagli

COMUNE DI POMARANCE Prov. di Pisa SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO. P.za S. Anna n 1 56045 - Pomarance (PI) - Tel.0588/ 62311 Fax 0588/64400

COMUNE DI POMARANCE Prov. di Pisa SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO. P.za S. Anna n 1 56045 - Pomarance (PI) - Tel.0588/ 62311 Fax 0588/64400 COMUNE DI POMARANCE Prov. di Pisa SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO P.za S. Anna n 1 56045 - Pomarance (PI) - Tel.0588/ 62311 Fax 0588/64400 RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA OGGETTO: Recupero e ristrutturazione

Dettagli

Relazione del Presidente di ESA Giovanni Frangioni

Relazione del Presidente di ESA Giovanni Frangioni Relazione del Presidente di ESA Giovanni Frangioni La nostra aspettativa è creare le condizioni di una autonomia del nostro territorio riguardante il ciclo dei rifiuti, attraverso una azienda di chiaro

Dettagli

BILANCIO SOCIALE 2011

BILANCIO SOCIALE 2011 BILANCIO SOCIALE 2011 Estratto del Bilancio Sociale 2011 1 Il Consorzio Farsi Prossimo è costituito da 11 cooperative sociali (al 31/12/2011), che operano sul territorio della Diocesi di Milano, unite

Dettagli

Comune di CASTAGNETO PO (Prov. TORINO)

Comune di CASTAGNETO PO (Prov. TORINO) ELEZIONE DEL SINDACO E DEL CONSIGLIO COMUNALE (Art. 71, comma 2, D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267) (Comuni sino a 15.000 abitanti) Comune di CASTAGNETO PO (Prov. TORINO) Votazioni del giorno 25/05/2014 P

Dettagli

MODELLO DI DOMANDA PER RICHIESTA DI ACCESSO AL FINANZIAMENTO (da compilare in tutte le parti a pena di inammissibilità)

MODELLO DI DOMANDA PER RICHIESTA DI ACCESSO AL FINANZIAMENTO (da compilare in tutte le parti a pena di inammissibilità) ALLEGATO AL BANDO Alla Regione Marche Servizio Infrastrutture, Trasporti, Energia. P.F. Edilizia ed espropriazione regione.marche.edilizia@emarche.it BANDO PER LA FORMAZIONE DEL PIANO REGIONALE TRIENNALE

Dettagli

Un nuovo modello di sviluppo LA CENTRALITA DELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA CASTAGNETO CARDUCCI

Un nuovo modello di sviluppo LA CENTRALITA DELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA CASTAGNETO CARDUCCI Un nuovo modello di sviluppo LA CENTRALITA DELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA CASTAGNETO CARDUCCI AGRICOLTURA COMMERCIO TURISMO ARTIGIANATO In questi anni l Amministrazione Comunale ha portato avanti l azione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI BENEFICI TESI ALLA VALORIZZAZIONE DEI CENTRI STORICI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI BENEFICI TESI ALLA VALORIZZAZIONE DEI CENTRI STORICI Comune di Pitigliano (Provincia di Grosseto) Comune di Pitigliano Provincia di Grosseto Allegato alla delibera del C.C. n. 40 del 28.09.2010 Il Segretario Comunale F.to Sommovigo M.P. REGOLAMENTO PER LA

Dettagli

PGT. 16 PdS. Piano dei Servizi. Fascicolo SCHEDE DI VALUTAZIONE DEI SERVIZI ESISTENTI COMUNE DI GERENZAGO PROVINCIA DI PAVIA

PGT. 16 PdS. Piano dei Servizi. Fascicolo SCHEDE DI VALUTAZIONE DEI SERVIZI ESISTENTI COMUNE DI GERENZAGO PROVINCIA DI PAVIA COMUNE DI GERENZAGO PROVINCIA DI PAVIA PGT Piano di Governo del Territorio ai sensi della Legge Regionale 11 marzo 2005, n 12 16 PdS Piano dei Servizi Fascicolo SCHEDE DI VALUTAZIONE DEI SERVIZI ESISTENTI

Dettagli

BANDO DI CONCORSO A PREMI PER LE SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE DI PRIMO GRADO DELLA PROVINCIA DI TREVISO

BANDO DI CONCORSO A PREMI PER LE SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE DI PRIMO GRADO DELLA PROVINCIA DI TREVISO BANDO DI CONCORSO A PREMI PER LE SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE DI PRIMO GRADO DELLA PROVINCIA DI TREVISO Anno scolastico 2010/2011 La Fondazione Zanetti ONLUS, ente non a scopo di lucro che ha come obiettivo

Dettagli

LA RACCOLTA DEGLI ABITI USATI A FIRENZE

LA RACCOLTA DEGLI ABITI USATI A FIRENZE LA RACCOLTA DEGLI ABITI USATI A FIRENZE Abiti usati : un rifiuto prezioso. Anche i vestiti smessi possono essere riciclati, al pari di altri rifiuti preziosi come carta, plastica, vetro e alluminio. Il

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.vitaincampagna.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue sucessive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi da

Dettagli

progetto scandellara interventi di trasformazione urbana in San Vitale

progetto scandellara interventi di trasformazione urbana in San Vitale progetto scandellara interventi di trasformazione urbana in San Vitale fe r ma t a S. R it a via ma ssaren ti Nella zona intorno a via Scandellara (tra via del Terrapieno, la ferrovia Sfm Veneta e la

Dettagli

PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2014. V SETTORE Scuola, Cultura, Turismo, Comunicazione, Urp

PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2014. V SETTORE Scuola, Cultura, Turismo, Comunicazione, Urp PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2014 V SETTORE Scuola, Cultura, Turismo, Comunicazione, Urp Programma del SERVIZIO COMUNICAZIONE DEL SERVIZIO: Promuovere l immagine e le iniziative del Comune, promozione e

Dettagli

Programma Amministrativo Alla gente di Ranica chiederemo sempre di partecipare e di esprimere le opinioni e le proposte di ciascuno sui vari problemi: sarà per noi il punto di partenza per risolverli.

Dettagli

PUC3 COMUNE DI PARRANO. Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3

PUC3 COMUNE DI PARRANO. Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3 PUC3 COMUNE DI PARRANO Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3 Interventi per la rivitalizzazione e rifunzionalizzazione delle aree urbane e dei centri storici Riqualificazione dell insediato storico

Dettagli

VERBALE N. 94 del 22.12.2014

VERBALE N. 94 del 22.12.2014 VERBALE N. 94 del 22.12.2014 . Prego Assessore Mauro Scroccaro. Ancora grazie. Anche questo

Dettagli

Energia e costruzioni

Energia e costruzioni Walter Sant Elia Energia e costruzioni Un binomio sempre più inscindibile. Che nasconde un potenziale non solo tecnologico ma anche commerciale di dimensioni davvero enormi. Fotografato dal primo Rapporto

Dettagli

PROPOSTE PER IL CONSIGLIO COMUNALE RAGAZZI

PROPOSTE PER IL CONSIGLIO COMUNALE RAGAZZI PROPOSTE PER IL CONSIGLIO COMUNALE RAGAZZI Anno Sc. 2006/ 07 Classe 4^ A Migliorare la scuola (giardino, fontana ) Ambiente a San Vito (verde, traffico, pulizia) Venire a scuola a piedi o in bicicletta

Dettagli

COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA

COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA COPIA COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA DELIBERAZIONE N. 46 in data: 06.11.2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: CONVENZIONE 'PROVINCIA PIU' BELLA' TRA IL COMUNE DI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L IMPIEGO DEL VOLONTARIATO IN ATTIVITÀ SOCIALMENTE UTILI

REGOLAMENTO PER L IMPIEGO DEL VOLONTARIATO IN ATTIVITÀ SOCIALMENTE UTILI COMUNE DI CANDA REGOLAMENTO PER L IMPIEGO DEL VOLONTARIATO IN ATTIVITÀ SOCIALMENTE UTILI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 5 del 05.03.2009 Art. 1 Finalità 1. Il presente regolamento ha lo

Dettagli

Comune di Tarcento - Spesa - Assegnazione risorse alla data del 14/10/2014 2014 CENTRO DI RESPONSABILITA':

Comune di Tarcento - Spesa - Assegnazione risorse alla data del 14/10/2014 2014 CENTRO DI RESPONSABILITA': Comune di Tarcento - Spesa - Assegnazione risorse alla data del 14/10/ CENTRO DI RESPONSABILITA': Titolo: 4 SPESE PER PARTITE DI GIRO 4 00 00 01 RITENUTE PREVID.LI E ASSIST. P 5300/ 0 VERSAMENTO DELLE

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE 2010 2012 PER IL CONTENIMENTO DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO

PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE 2010 2012 PER IL CONTENIMENTO DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO Allegato A) P.I. 00251860698 SERVIZIO TECNICO PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE 2010 2012 PER IL CONTENIMENTO DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO PREMESSA Il presente piano si riferisce ai servizi tecnico-amministrativi.

Dettagli

Provincia di Modena. Deliberazione della Giunta Comunale

Provincia di Modena. Deliberazione della Giunta Comunale COMUNE DI SAVIGNANO SUL PANARO Provincia di Modena Deliberazione della Giunta Comunale N. 121 del 05/12/2011 OGGETTO: APPROVAZIONE DEGLI INTERVENTI PRESENTATI DALLE CONSULTE DI FRAZIONE DEL COMUNE DI SAVIGNANO

Dettagli

C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O

C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O Q U E S T I O N A R I O C O N O S C I T I V O P A R T E C I P A Z I O N E

Dettagli

Domanda di partecipazione sezione Azioni di eccellenza dei PAES

Domanda di partecipazione sezione Azioni di eccellenza dei PAES Quarta edizione - 2015 Segreteria organizzativa: Tel. 075.8554321 / Fa 075.8520429 Alleanza per il Clima Italia onlus coordinamento@climatealliance.it / mail@pec.climatealliance.it Via G. Marconi, 8 06012

Dettagli

CITTA DI PIAZZOLA SUL BRENTA

CITTA DI PIAZZOLA SUL BRENTA CITTA DI PIAZZOLA SUL BRENTA INVESTIMENTI SULLE OPERE PUBBLICHE I contenuti qui esposti sono stati presentati alla cittadinanza nelle serate: Tremignon 9 DICEMBRE 2014 Presina 10 DICEMBRE 2014 Vaccarino

Dettagli

VISITA PASTORALE (N. attribuito dalla diocesi: ) RILEVAMENTO ECONOMICO PATRIMONIALE del..

VISITA PASTORALE (N. attribuito dalla diocesi: ) RILEVAMENTO ECONOMICO PATRIMONIALE del.. VISITA PASTORALE (N. attribuito dalla diocesi: ) RILEVAMENTO ECONOMICO PATRIMONIALE del.. PARROCCHIA Comune Parroco: anno di nomina 1. Consiglio Parrocchiale Affari Economici Istituito il Composto da:

Dettagli

ELEZIONI AMMINISTRATIVE 31 MAGGIO 2015 PROGRAMMA AMMINISTRATIVO DEL CANDIDATO LORENZA OREFICE

ELEZIONI AMMINISTRATIVE 31 MAGGIO 2015 PROGRAMMA AMMINISTRATIVO DEL CANDIDATO LORENZA OREFICE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 31 MAGGIO 2015 PROGRAMMA AMMINISTRATIVO DEL CANDIDATO LORENZA OREFICE PREMESSA La nostra città ha bisogno di normalità. Dopo tanti anni di proclami e di promesse credo che sia giunto

Dettagli

4 UNA COMUNITÀ SOLIDALE APERTA E ACCOGLIENTE LE NUOVE MAPPE DEL DISAGIO: POTENZIARE IL MONITORAGGIO

4 UNA COMUNITÀ SOLIDALE APERTA E ACCOGLIENTE LE NUOVE MAPPE DEL DISAGIO: POTENZIARE IL MONITORAGGIO 4 UNA COMUNITÀ SOLIDALE APERTA E ACCOGLIENTE Il contesto di riferimento (1999-2004): Nel quinquennio precedente la spesa sociale è stata raddoppiata mettendo in campo risorse per la parte più debole e

Dettagli

FORUM P.A. 23/5/2007 INTERVENTO DELL ASSESSORE CARMELO ALBERTO D ADDESE

FORUM P.A. 23/5/2007 INTERVENTO DELL ASSESSORE CARMELO ALBERTO D ADDESE Assessorato Lavori Pubblici e Infrastrutture - Trasporto e Mobilità - Patrimonio - Sport e Benessere - Personale - Polizia Municipale - Onoranze Funebri FORUM P.A. 23/5/2007 INTERVENTO DELL ASSESSORE CARMELO

Dettagli

LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE PATRIMONIALE. Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune

LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE PATRIMONIALE. Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E DOTAZIONE L elevata varietà e complessità di servizi e funzioni

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 7 - Venerdì 14 febbraio 2014

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 7 - Venerdì 14 febbraio 2014 11 D.g.r. 7 febbraio 2014 - n. X/1339 Incentivi per la riqualificazione degli ostelli della gioventù di proprietà di enti pubblici attraverso l adeguamento al regolamento regionale n. 2/2011 recante Definizione

Dettagli

ACCESSO TELEMATICO E RIUTILIZZO DEI DATI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

ACCESSO TELEMATICO E RIUTILIZZO DEI DATI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Comune di Deruta, Piazza dei Consoli, n. 15, fax 075/9728639 ACCESSO TELEMATICO E RIUTILIZZO DEI DATI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Sono di seguito indicati, in riferimento alle quattro aree funzionali

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE ALFANO DA TERMOLI

LICEO SCIENTIFICO STATALE ALFANO DA TERMOLI LICEO SCIENTIFICO STATALE ALFANO DA TERMOLI Viale Trieste, 10 86039 Termoli Tel. 0875-706493 Fax 0875-702223 E-mail ministeriale: cbps020002@istruzione.it Pec: cbps020002@pec.istruzione.it Sito: www.liceoalfano.it

Dettagli

Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori

Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori In data 26 Settembre 2008 è stato firmato il seguente protocollo: Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori Tra Solidea, Istituzione di genere femminile

Dettagli