giove I N F O R M A anno 2014 Comune di Giove

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "giove I N F O R M A anno 2014 Comune di Giove"

Transcript

1 giove anno 2014 I N F O R M A \ Editoriale del sindaco \ Interventi nel settore della cultura, dello sport e del tempo libero \ Interventi nel settore della scuola \ La biblioteca comunale festeggia i suoi primi 40 anni \ Interventi nel sociale e per la salute dei cittadini \ Urbanistica ed edilizia \ L ambiente \ Lavori pubblici \ Viabilità \ Sicurezza \ Risvegliamoci \ Il bilancio comunale \ Le associazioni Comune di Giove

2 COMUNE DI GIOVE ORARIO AL PUBBLICO e RESPONSABILI DEGLI UFFICI COMUNALI per il 2015 UFFICI GIORNI LUN MAR MER GIO VEN SEGRETARIO COMUNALE (dott.ssa V. Fortino) AFFARI GENERALI, DEMOGRAFICO e STATO CIVILE, PROTOCOLLO (Rag. M. L. SANTINI - Sig.ra S. BARBETTI) ATTIVITÀ COMMERCIALI - POLITICHE SOCIALI e CULTURALI - SCUOLA (Dott.ssa L. Maccaglia) RAGIONERIA - BILANCIO (Dott. A. Pernazza) TASSE e TRIBUTI (Dott.ssa C. Moriconi) UFFICIO TECNICO A - Edilizia ed Urbanistica (Geom. F. Giordano) UFFICIO TECNICO B - Lavori Pubblici, Ambiente e Patrimonio (Arch. L. Sciommari - Ing. F. Testa) POLIZIA MUNICIPALE (addetti variabili). Nei giorni di non apertura i VV.UU sono comunque reperibili ai numeri telefonici visibili sulla porta dell'ufficio COMPOSIZIONE GIUNTA E COMPETENZE ASSESSORI A seguito delle dimissioni degli assessori Emilia Posteraro e Marco Ruco (le cui motivazioni potete trovare sul sito web del comune all indirizzo insieme a quelle di Alvero Giuliani e dei tre consiglieri di minoranza, il sindaco ha proceduto alla riorganizzazione della Giunta Comunale ora formata da tre assessori oltre al sindaco ed alla redistribuzione degli incarichi come da schema seguente: Alvaro Parca Sindaco mantiene le seguenti deleghe: Affari generali Demografica e stato Civile Politiche sociali e della scuola Politiche Culturali - Gestione del territorio Personale e Vigilanza Marco Rosati Vicesindaco ha le seguenti deleghe: Lavori Pubblici Patrimonio Protezione Civile Trasporto Scolastico Maurizio Cerioni Assessore con le seguenti deleghe: Ambiente e Politiche dello Sport Nico Ippoliti Assessore con le seguenti deleghe: Politiche commerciali e turistiche Bilancio Imposte, Tasse e Tributi Tel: (seguire indicazioni segreteria automatica) Fax: generale: sindaco e amministratori: Posta Elettronica Certificata: Sito internet istituzionale: Portale turistico: Pagina facebook: Comune Di Giove Questo numero viene pubblicato e distribuito in ritardo perché, trattandosi di un numero di fine mandato il reperimento dei dati e l'impaginazione hanno richiesto più tempo del solito. Ce ne scusiamo con i lettori. 2

3 Editoriale Il Sindaco Cari compaesani, concedetemi l uso di questo termine, paesani, che oggi sembra caduto in disuso in favore di quello di cittadini, come se ci si vergognasse di appartenere ad una piccola comunità, ad un paese, appunto, come se questo termine fosse sinonimo di arretratezza di provincialismo, mentre invece il fatto di chiamraci cittadini ci facesse diventare automaticamente più progrediti, più civili, più rispettabili. Ma non è giusto, intanto perchè il titolo di città viene concesso solo con decreto del Presidente della Repubblica in virtù dell importanza storica, artistica, civica o demografica e quindi Giove non può fregiarsi ancora del titolo di città, in secondo luogo, ma il principale, è che grazie ai paesi come il nostro, come Giove, grazie alla provincia questa nostra Italia riesce ancora a sopravvivere ed a mantenere i valori più profondi della nostra civiltà. Per dirla con un grande scrittore italiano del 900 Cesare Pavese - "Un paese ci vuole, non fosse che per il gusto di andarsene via. Un paese vuol dire non essere soli, sapere che nella gente, nelle piante, nella terra c'è qualcosa di tuo, che anche quando non ci sei resta ad aspettarti" E alla fine di questo secondo mandato amministrativo a mia guida, al termine di 10 anni di amministrazione è giusto e doveroso guardarsi indietro per vedere che paese ci è stato consegnato dai giovesi e che paese restituiamo a loro dopo questi anni, se è rimasto immobile o se siamo riusciti a cambiarlo in meglio almeno un pò, se siamo riusciti a conservare e, magari, ad aumentare almeno un po il sentimento di solidarietà, il gusto ed il piacere dell accoglienza, il richiamo per chi è partito. Giusto e doveroso quindi richiamare alla memoria, nostra e di quanti leggeranno queste pagine, le cose che si sono fatte e quelle che non si sono potute fare, i progetti realizzati ed i sogni rimasti nel cassetto, i successi e gli insuccessi di un amministrazione i cui componenti, a cominciare dal sindaco, hanno dedicato il loro impegno, le loro competenze, il loro tempo, con costanza e sacrificio personale ad un unico ed esclusivo fine: rendere un migliore e più vivibile questo nostro paese del quale tutti facciamo parte e farci diventare sempre più orgogliosi di viverci. Cercheremo di raggiungere questo obiettivo seguendo un percorso del tempo e della memoria che, attraverso parole ed immagini, ci aiuti a richiamare ed illustrare con leggerezza i fatti, i lavori e le iniziative più importanti di questa nostra esperienza, in modo il più possibile oggettivo e quanto meno autocelebrativo possibile. Alla fine il giudizio spetterà, naturalmente ed unicamente a voi e siamo certi che lo farete con coscienza e con giustizia. Con i migliori auguri di buone feste e di buon Il Sindaco, Alvaro Parca "Un paese ci vuole, non fosse che per il gusto di andarsene via. Un paese vuol dire non essere soli, sapere che nella gente, nelle piante, nella terra c'è qualcosa di tuo, che anche quando non ci sei resta ad aspettarti" Cesare Pavese 3

4 Interventi nel settore della cultura, dello sport e del tempo libero Gli interventi che abbiamo ritenuto importanti per favorire lo sviluppo delle attività culturali nella nostra comunità sono stati volti principalmente a: ampliare lo spazio fisico e potenziare l attività della biblioteca comunale Oggi la biblioteca ha un patrimonio di oltre volumi ed è inserita nel sistema bibliotecario nazionale (SBN), ossia, dalla biblioteca di Giove si può accedere per la ricerca di testi a tutte le maggiori biblioteche italiane. dare a tutti i giovesi uno spazio pubblico attrezzato per riunioni, conferenze, dibattiti Oggi la sala conferenze è diventata luogo indispensabile, utilizzatissimo per mostre, conferenze, dibattiti, iniziative scolastiche, politiche, ecc. Sala conferenze, intitolata il 27 gennaio 2012 alle Maestre Maria Assunta e Franca Moriconi 27 gennaio 2012 inaugurazione biblioteca, con l Assessore Regionale alla Cultura F. Bracco creare o patrocinare iniziative Il Gemellaggio Come ormai tutti i giovesi sanno il 27 luglio del 2009, nella sala consigliare del comune di Giove è stato firmato il Giuramento della Fraternità che ha dato vita al primo gemellaggio del nostro comune con il comune spagnolo di Castilleja de Guzmàn in provincia di Siviglia, Andalusia. Il gemellaggio è stato fino ad oggi occasione di scambi culturali, ludici, gastronomici, di creazione di rapporti di amicizia e frequentazione tra giovani e meno giovani dei nostri due comuni. Fino ad oggi sono stati portati a termine, con o senza il contributo della Comunità Europea, 6 scanbi di visite della durata di una settimana ciascuna 4

5 che hanno visto mediamenta la partecipazione di circa 25 persone per ogni scambio. Nell ultima vista, dell aprile di quest anno, 14 ragazze e ragazzi del Corteo Storico hanno fatto visita al paese gemellato per sviluppare il tema della partecipazione e della democrazia in Europa. L acchiappasole Su iniziativa del maestro Franco, con la disponibilità dell amministrazione comunale e con l aiuto di qualche genitore il 4 giugno 2009 viene inaugurata la piazza del sole calendario meglio conosciuta come l acchiappasole. I Borghi più belli Il 19 aprile 2008 il comune di Giove è entrato a far parte del club de I Borghi più Belli d Italia che ad oggi accoglie solo 225 comuni in tutta Italia e la cui finalità è quella di far conoscere in Italia ed all estero le bellezze d Italia e dei suoi centri minori sviluppandone le possibilità turistiche. La partecipazione alle manifestazioni ed ai festival organizzati dall associazione ci ha consentito di far conoscere ed apprezzare il nostro paese in varie parti d Italia. L appartenenza al club ha destato anche l attenzione di vari media che hanno scritto articoli o realizzato trasmissioni televisive (ad es. Linea Verde) su Giove. Per il 2015 è prevista la partecipazione del nostro comune anche a Milano Expo, in uno spazio all interno del padiglione EATALY nel quale, per la durata di una settimana, verranno proiettati video, mostrati depliants illustrativi ed esposti prodotti tipici (nel nostro caso vino ed olio). Iniziative per il 150 anniversario dell Unità d Italia, maggio

6 Maratona dell olio Creata nel 2010 dalla volontà e con l impegno degli otto sindaci dei comuni di Alviano, Attigliano, Baschi, Giove, Guardea, Lugnano in teverina, Montecchio e Penna in Teverina ed estesasi con gli anni e con il successo della manifestazione ai comuni di Amelia, Otricoli, Narni ed Orvieto, per diffondere la conoscenza del nostro territorio e dei nostri prodotti, la Maratona dell Olio approda nel novembre 2011 a Giove, comune capofila dell anno. Differenzia Tur Iniziative per la creazione di coscienza e consapevolezza ambientale nei cittadini, 20 e 21 aprile

7 Giornata della legalità Il 25 maggio 2012 l amministrazione comunale indice la prima Giornata della legalità alla quale partecipano bambini ed insegnanti della scuola di Giove, il parroco, rappresentanti dell arma dei carabinieri e della cooperativa Libera Terra di Corleone. Nel corso della manifestazione viene intitolato il Largo Giudici Falcone e Borsellino. Mostra pittorica Alessandro Prayer A settembre 2013 si apre la mostra del maestro Sandro PRAYER, già insignito della cittadinanza onoraria di Giove e giovese ormai a tutti gli effetti. Dipinto donato dal maestro al comune Verde coprente Festival Performances musicali e teatrali di grande suggestione in luoghi insoliti. 7

8 Torneo di S. Silvestro Torneo di sbandieratori provenienti da varie città, organizzato dall associazione Corteo Storico il 29 dicembre 2013, con il patrocinio del Comune. Festa nazionale dello sport centenario CONI L otto giugno 2014 si è celebrata la seconda giornata nazionale dello sport organizzata dalla soc. PEGASO con la collaborazione del Comune e con la partecipazione dei piccoli atleti di varie organizzazioni. Torneo della Befana Organizzato dalla soc. Pegaso il 6 gennaio 2014, con il patrocinio del Comune. 8

9 Consegna della costituzione ai diciottenni Come ormai tradizione dal 2008 ogni anno, in occasione del 2 giugno il sindaco consegna ai diciottenni dell anno la Costituzione Italiana e lo Statuto del Comune. Nel 2013 la festa del 2 giugno ha coinciso con la prima festa nazionale dello sport e sono state celebrate insieme presso gli impianti sportivi. Nelle foto seguenti, le cerimonie del 2013 e Intitolazione impianti sportivi Sempre l otto giugno del 2014, nel pomeriggio, alla presenza di un grande pubblico, gli impianti sportivi sono stati intitolati a Terzo Pimpolari, già parroco di Giove, grazie al quale è iniziata la loro realizzazione negli anni settanta, poi completata dal Comune. 9

10 Giornata della legalità 2014 Celebrata il 29 settembre insieme all associazione sulla strada di Attigliano ed in collaborazione con la Parrocchia di Giove, la Pro Loco e la Coop Tevere. Nel corso della manifestazione sono state intitolate a vittime della mafia il Piazzale Peppino Impastato (ex piazzale del convento) e la Via Don Pino Puglisi (ex Via del Convento). Con il pranzo della solidarietà sono stati raccolti circa Euro in favore degli adolescenti e delle bambine del Guatemala. Creare o potenziare strutture per lo sport ed il tempo libero Riqualificazione zona verde La riqualificazione della zona verde per restituire ai giovesi uno spazio vivibile per bambini, famiglie, per pic-nic, per attività sportive libere, individuali e di gruppo è stato uno degli obbiettivi che ha impegnato con costanza e continuità l amministrazione comunale con tre interventi successivi nel tempo l ultimo dei quali, la realizzazione del campetto polivalente ad uso libero, ha completato il disegno. La realizzazione di questi interventi ha richiesto una spesa di circa Euro, gran parte dei quali finanziati dal GAL (vedere tabella riassuntiva LL.PP. per dettagli). Nelle foto seguenti si può vedere un raffronto tra la situazione precedente e quella attuale. Premiazione sbandieratori e musici Premiazione del gruppo sbandieratori e musici del Corteo Storico di Giove per i loro successi nel campionato Italiano di categoria. 10

11 Campo polivalente Una delle prime iniziative in questa direzione è stato l ampliamento ed adeguamento normativo del campo polivalente per calcio a 5, tennis, pallavolo all interno degli impianti sportivi, per una spesa di circa Euro (vedere tabella riassuntiva LL.PP. per dettagli). L intervento era uno stralcio di un progetto più ampio comprendente la realizzazione di tribune per il campo di calcetto dotate di copertura con pannelli fotovolatici per rendere energeticamente autonomi gli impianti sportivi. Manutenzione straordinaria spogliatoi campo di calcio L attività intensa ed i successi della squadra di calcio US GIOVE ASD hanno reso necessario revisionare gli spogliatoi per renderli adeguati all attività ed alla categoria della nostra squadra, con un intervento adeguato del costo finale di Euro (vedere tabella riassuntiva LL.PP. per dettagli). Pozzo irrigazione campo di calcio Mantenere una superficie di gara verde e rigogliosa in estate, adeguata all immagine del paese e della squadra, non è solo un fatto di manutenzione quanto di irrigazione e, con i problemi che ci sono stati inpassato per l acqua potabile e per i costi che questo comporterebbe, non è certo pensabile irrigare il campo con l acqua potabile così si è realizzato un pozzo per consentire l irrigazione del tappeto erboso anche d estate. Purtroppo la vena acquifera non eroga una quantità d acqua sufficiente a garantire una irrigazione continua, così sarà necessario in un prossimo futuro realizzare un capiente serbatoio di accumulo. La realizzazione del pozzo e delle opere complementari ha comunque impegnato una spesa di circa Euro. Dare il possibile supporto economico alle iniziative di associazioni culturali, sociali e sportive Il Comune di Giove destina mediamente ogni anno il contributo ordinario di circa Euro Al supporto economico delle associazioni per lo sviluppo delle loro iniziative e manifestazioni. Il contributo è assegnato ogni anno sulla base delle valutazioni fatte dalla commissione comunale contributi sulle attività e manifestazioni realizzate dalle varie associazioni Inoltre il Comune ha beneficiato dal 2012 in poi di finanziamenti regionali nell ambito del PSR (Piano di sviluppo Regionale) per la realizzazione di attività di sviluppo e promozione del turismo che, per un importo di circa Euro per l anno 2012, sono stati finalizzati alla realizzazione della manifestazione Il Sole, La Luna, del torneo sbandieratori di San Silvestro e del torneo della Befana per calciatori piccoli amici. Analogo importo è stato stanziato per il Per il 2014 il finanziamento PSR è ancora incerto. 11

12 Restituire ai giovesi la memoria della loro storia attraverso la riorganizzazione e la consultazione dell archivio storico comunale Questa amministrazione ha ormai da anni l obbiettivo di riorganizzare l archivio storico comunale in primo luogo attraverso il trasferimento in una nuova e più adeguata collocazione e, in secondo luogo, attraverso lo scarto dei documenti inutili, la catalogazione ed indicizzazione dei documenti che renda facilmente rintracciabili e consultabili i documenti in esso custoditi che risalgono alla metà del Purtroppo i finanziamenti in questo settore sono molto scarsi, ragion per cui i passi per il raggiungimento di questi obbiettivi sono decisamente lenti. Fino ad ora siamo riusciti a realizzare la nuova localizzazione (la tolda metallica sopraelevata all interno della sala conferenze, lo scarto dei documenti inutili e solo recentemente il trasferimento nella nuova localizzazione. Dobbiamo purtroppo lasciare alle prossime amministrazioni il compito di realizzare la catalogazione ed indicizzazione dei documenti. Nelle foto seguenti il confronto tra la vecchia e la nuova collocazione. Interventi nel settore della scuola Mantenimento continuità scuola materna Quando nel 2010 le suore adoratrici del sacro sangue di Cristo decisero di lasciare la gestione della scuola materna (fondata nel 1853 da suor Maria De Mattias, ora Santa) si pose il problema di garantire il proseguimento del servizio reso alle famiglie di Giove dando continuità funzionale e qualitativa al all insegnamento e mantenendone i livelli qualitativi e quantitativi dei servizi raggiunti negli ultimi anni, senza aumentare i costi per le famiglie. Da una parte c era la prospettiva della trasformazione in scuola materna statale, una soluzione che avrebbe tolto al comune ogni problema di gestione ma che non garantiva la continuità dell insegnamento né dell occupazione delle insegnanti, dall altra c era invece la possibilità poi realizzatasi con il supporto dell amministrazione comunale della formazione di una cooperativa tra le insegnanti per la gestione della scuola. Fu così che nacque la cooperativa il girotondo. Ad ormai quattro anni di distanza da quel momento possiamo dire che la soluzione è stata positiva e ben accolta dalle famiglie di Giove ( e non solo) che continuano ad affidare con soddisfazione ed in buon numero (55/60 bambini all anno) i loro bambini alla scuola che, nel frattempo ha anche aperto una sezione primavera per i bambini di due anni e che continua a mantenere prezzi sopportabili grazie anche al Comune che oltre al supporto economico di circa Euro/anno, mette a disposizione gratuitamente i locali, come era per le suore. Nell ultimo anno si è andata consolidando anche la collaborazione tra la scuola, la biblioteca comunale e l associazione di volontariato Eugenio Berti Marini, per l introduzione dell insegnamento ai bambini dei primi rudimenti di lingua inglese. Realizzazione nuova cucina scuola materna Dopo la partenza delle suore, per razionalizzare i servizi e consentire un utilizzazione diversa dell ex appartamento delle suore, si è ritenuto opportuno realizzare una nuova cucina al posto di quella preesistente che era appunto la cucina dell appartamento. Per questa trasformazione il Comune ha investito la somma di Euro (vedere Lavori Pubblici per i dettagli). 12

13 Realizzazione nuovi spazi per attività didattiche Nei programmi di questa amministrazione c era anche l ambizioso obiettivo di realizzare una scuola nuova in prossimità degli impianti sportivi per dare agli alunni una maggiore possibilità di movimento. Il progetto di massima (vedi foto) presentava un costo di circa Euro e c è stato un momento in cui sembrò anche realizzabile grazie ad un importante contributo promesso dalla Regione ed alla sinergia con imprese private. tuto didattico) tre grandi e luminose aule, oltre ad un impianto fotovoltaico di 20 KW che rende energeticamente autonomo l edificio e garantisce al comune un entrata variabile tra i e gli Euro/anno per la produ- Il drastico ridimensionamento del contributo regionale e l inizio della crisi economica che tuttora ci attanaglia ci ha però costretto a rinunciare e così decidemmo di utlizzare il finanziamento ridotto della regione ( Euro), oltre ad un sostanzioso contributo comunale ( Euro) per avviare la ristrutturazione del sottotetto della scuola attuale, fino ad allora praticamente inagibile - quando non utilizzato come deposito di vecchi banchi, cattedre, sedie, ecc. - per fornire nuovi spazi didattici all insegnamento e ad attività complementari (vedere Lavori Pubblici per i dettagli). L intervento ha consegnato all uso scolastico e pubblico (grazie ad una convenzione stipulata tra il comune e l Istizione di energia da fonte rinnovabile. L utilizzazione di altri successivi finanziamenti regionali, unitamente al cofinanziamento comunale hanno poi consentito di realizzare altri lavori complementari (scala di accesso interna, completamento impiantistico, prolungamento scala di sicurezza esterna, ecc.) che hanno reso completamente agibili i nuovi locali permettendone la consegna all Istituto didattico, agli insegnanti e, soprattutto, agli alunni nell ottobre di quest anno. 13

14 Trasporto scolastico Il trasporto scolastico è stato effettuato fino alla fine dell anno scolastico con automezzi a gasolio ceduti in comodato d uso semi gratuito (ovvero con un costo per il comune di 0,3284 Euro/km oltre IVA) dall azienda di trasporto pubblico provinciale ATC. Con la trasformazione di questa nella società a partecipazione privata Umbria Mobilità, nel dicembre 2013 sarebbe cessata la possibilità di usufruire dei mezzi in comodato semigratuito ragione per la quale il comune ha dovuto acquistare per un breve periodo i due autobus per la cifra complessiva di circa Euro. Il passaggio di proprietà da una società di trasporti ad un ente pubblico per l uso come scuolabus avrebbe comportato però la necessità di adeguamenti normativi e tecnici delle due vetture con ulteriori costi e tempi lunghi. Di fronte a questa prospettiva l amministrazione ha valutato la convenienza prima dell acquisto di uno scuolabus alimentato a metano, per il rispetto dell ambiente e, successivamente, la convenienza di affidare il trasporto ad una ditta specializzata (Cooperativa Mobilità e Trasporti CMT di Terni), a seguito di un appalto congiunto con il comune di Penna in Teverina, mettendo a disposizione in comodato d uso gratuito, lo scuolabus comunale. Bus vecchio Bus nuovo Attualmente quindi il costo che il comune di Giove sopporta per il servizio di trasporto ammonta a circa Euro/anno - oltre IVA e fornitura in comodato gratuito del solo automezzo scuolabus di proprietà comunale - costo comprensivo di autisti, carburante, assicurazioni, manutenzione ordinaria, e quanto altro necessario per garantire il corretto e continuo espletamento del servizio. Praticamento lo stesso costo sostenuto in precedenza ma con meno preoccupazioni e maggiore certezza del servizio! Per il mantenimento di questo servizio le famiglie degli alunni pagano dai 14 ai 18 Euro/mese per un totale di circa Euro/anno. Il resto è finanziato dal Comune con i fondi di bilancio. La biblioteca comunale festeggia i suoi primi 40 anni Era il lontano 1974 quando, con delibera di giunta comunale n.477 del 10 giugno, nasceva la biblioteca comunale di Giove. Sono passati 40 anni: la comunità ha assistito a 4 traslochi in diverse sedi, all'incremento del materiale librario posseduto (dai 1300 volumi del 1994 ai del 2014), all'inaugurazione della "Stanza dei libri" nel 2009 (spazio dedicato ai bambini e ospitante letture, corsi, attività, nonchè il servizio "aiuto compiti" e, ovviamente, una raccolta di libri suddivisi per le varie fasce d'età), alla creazione nella nuova sede in via Roma di spazi adeguati per ospitare i vari corsi di formazione, all adesione nel 2013 al progetto Nati per leggere con attività di promozione alla lettura per i bambini in età prescolare, fino all organizzazione di eventi per Ottobre piovono libri prima (fino al 2009) e per Il Maggio dei libri poi. Il 2014 si sta chiudendo con un dato positivo: nel corso dell'anno circa 2000 utenti hanno frequentato la biblioteca (600 in più rispetto all'anno precedente). Questo risultato va in parte attribuito alla considerevole partecipazione di bambini ed adulti ai corsi di formazione (corsi di computer, corsi di inglese per adulti e bambini, corsi di musica, corsi di ceramica), ma si deve tener conto anche di un crescente interesse nei bambini per la lettura. Certa- Per garantire la massima efficienza, regolarità del servizio e la possibilità d uso da parte di chi ne faccia richiesta, l amministrazione comunale ha ritenuto inoltre indispensabile redigere un regolamento per l utilizzazione del servizio - che è entrato in vigore con l anno scolastico 2014/2015 ed anticipare le prenotazioni alla chiusura dell anno scolastico precedente (ovvero a maggio 2014). 14

15 mente questo dato, per una biblioteca che ha come obiettivo fondamentale la promozione della lettura, rappresenta un notevole risultato, soprattutto perché conferma che la gestione innovativa degli ultimi anni ha dato i suoi frutti. Una biblioteca non può limitarsi ad essere un luogo di conservazione di volumi o almeno questa non può più essere considerata la sua funzione primaria. Una biblioteca comunale quindi pubblica, cioè appartenente a una comunità deve essere aperta alla propria utenza e modellare i servizi offerti in funzione della comunità stessa, nella quale si trova ad operare e della quale rappresenta una parte di identità. Grande novità del 2014 è stata l'adesione della biblioteca al Servizio Bibliotecario Nazionale (SBN), rete promossa dal MiBAC e coordinato dall'iccu. Ciò comporta il riversamento dell'attuale catalogo in un catalogo condiviso dal Sistema Bibliotecario umbro, denominato OPAC e consultabile in internet all'indirizzo: opacsbn. regioneumbria.eu/sebinaopac/opac Inoltre stiamo lavorando alla nuova pagina della biblioteca, dove potrete trovare il nuovo catalogo e tutte le informazioni sulla storia e sulle attività della biblioteca. Veronica Bocci Responsabile della Biblioteca Comunale Interventi nel sociale e per la salute dei cittadini L intervento sociale del comune, in questi anni di gravi difficoltà economiche non ha potuto certo garantire lavoro e stipendio a chi lo ha perso ma ha certamente contribuito ad alleviare le situazioni di maggiore disagio di molte famiglie attivando diverse iniziative quali, ad es.,: - contributi economici per pagamento utenze gas; - sgravi su tasse ed imposte comunali: - pacchi alimentari; - contributi ai pendolari per studio o lavoro; Contributi che vanno aggiunti a quelli regionali e nazionali. Impegno economico nel sociale In questo ormai lunghissimo periodo di una crisi economica terribile che ha messo in gravi difficoltà molte famiglie, l amministrazione comunale ha cercato di mantenere un livello di impegno economico tale da potere, se non risolvere, quantomeno alleviare le difficoltà con interventi diretti ed indiretti, concependo questo come un modo di restituire a quella parte di giovesi più in difficoltà almeno una parte delle tasse ed imposte comunali che i giovesi pagano. Lo stanziamento economico del comune nel sociale, per il solo anno 2014, è stato di circa Euro così ripartiti: Servizi sociali attraverso l ASL e la Zona Sociale: Euro Assistenza diretta alle persone ed alle famiglie: Euro Rimborsi spese per piccoli lavori del bando volontariato: Euro Contributi per case in affitto: Euro Contributi per libri di testo: Euro Ristrutturazione PES Per assicurare agli utenti un ambiente più accogliente ed agli operatori condizioni di lavoro più confortevoli si è ristrutturato profondamente il Punto Erogazione Servizi dell ASL (PES) con un investimento di Euro. Con il tempo siamo anche riusciti ad ottenere dall USL il pagamento di un canone di locazione di Euro/anno. Creazione centro ambulatoriale per medici di famiglia La disponibilità dell appartamento delle suore ha reso possibile l avverarsi di due obiettivi ai quali l amministrazione puntava da tempo: il trasferimento della biblioteca in locali più grandi e la realizzazione di un centro ambulatoriale dove concentrare i medici di famiglia (almeno quelli che hanno accettato la proposta) ed alcuni specialisti. Una localizzazione centrale, facile da raggiungere, priva di barriere architettoniche ed attaccata al centro servizi dell USL. La proposta è stata accettata da due dei medici di famiglia operanti a Giove, ai quali si è aggiunta la pediatra ed uno psicologo dell età evolutiva. Forse in futuro sarà possibile aggiungere altri servizi. 15

16 Accoglienza migranti Il 22 marzo 2014, dietro richiesta della Prefettura per far fronte alla grave emergenza profughi, l amministrazione comunale sentì il dovere morale e civile di dare anche il contributo di Giove alla soluzione del problema, offrendo ospitalità a 15 migranti provenienti da varie parti dell Africa. L ospitalità che doveva essere molto limitata nel tempo (3/4 mesi) dura ormai da oltre nove mesi, regolata da una convenzione con la Prefettura in base alla quale il comune riceve un rimborso spese di 30 Euro/giorno per ogni persona ospitata, rinnovata a giugno e scadente definitivamente per richiesta dell amministrazione comunale il 31 dicembre 2014, data oltre i migranti ospiti di Giove verranno trasferiti in altre sedi. L ospitalità è stata possibile grazie alla grande generosità di gran parte dei giovesi che il giorno dopo l arrivo già avevano fornito agli ospiti indumenti, scarpe e generi di prima necessità, ma soprattutto grazie all impegno fondamentale della Pro Loco che ha gestito con grande professionalità e competenza l accoglienza (vitto e alloggio nell ostello comunale, cure mediche, ecc.) ed alla collaborazione assolutamente gratuita e disinteressata della Caritas e dell associazione di volontariato Eugenio Berti Marini. NOTA: alla data di completamento di questo giornale i migranti sono stati trasferiti ad altra struttura di accoglienza in Terni, gestita dall'associazione di Volontariato San Martino (Caritas). Pene sostitutive Forse non tutti sanno che nel 2012 il comune di Giove ha stipulato una convenzione con il tribunale di Terni in base alla quale coloro che vengano condannati per reati di cui agli artt. 186 (guida sotto l influenza dell alcol) e 187 (guida sotto l effetto di sostanze stupefacenti del D. Lgs 285/92 (codice della strada) e 73 del DPR 309/90 (testo unico sulla droga) possono scontare la pena presso il comune facendo lavori di pubblica utilità a titolo completamente gratuito a favore della collettività con notevoli vantaggi e sconti sulla pena inflitta. Dal 2012 ad oggi sono stati ben 15 i giovani e meno giovani che hanno usufruito o stanno per usufruire di questa possibilità. Urbanistica ed edilizia Il Comune di Giove si è dotato già da tempo degli strumenti di pianificazione urbana più moderni ed efficienti. In particolare, a dicembre 2007 è stato approvato il primo Piano Regolatore Generale del comune di Giove, uno strumento fondamentale per indirizzare in modo armonico e regolamentato lo sviluppo urbano e per consentire il proseguimento delle attività immobiliari e costruttive. Contestualmente al PRG, sempre a dicembre del 2007 è stato approvato il piano di Zonizzazione acustica del territorio comunale che individua e limita il livello di rumore ammissibile per le attività umane nelle varie zone urbane e nelle zone extra urbane. Ambiente La grande attenzione dedicata dall amministrazione alle problematiche ambientali, alla pulizia ed al mantenimento di un ambiente sostenibile e vivibile è testimoniata dalle scelte e dalle azioni poste in atto e suggellate con il PATTO DEI SINDACI dei comuni d Europa al quale il comune di Giove ha aderito e del quale riportiamo appresso un estratto. Le azioni più significative dell impegno amministrativo vengono sinteticamente descritte appresso. Raccolta rifiuti e raccolta differenziata Dal primo luglio 2014 la raccolta e trasporto dei rifiuti urbani non è più di competenza del comune ma di un gestore unico per tutti i comuni della provincia individuato 16

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AMMINISTRATIVA RESPONSABILE: GIANGRANDI TIZIANA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

Comune di Sant'Agata sul Santerno

Comune di Sant'Agata sul Santerno CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA SERVIZI GENERALI RESPONSABILE: RAMBELLI STEFANO 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie Area Servizi Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

Comune di Massa Lombarda

Comune di Massa Lombarda CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AFFARI GENERALI RESPONSABILE: CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Affari Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

Comune di Bagnacavallo

Comune di Bagnacavallo CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: SETTORE SEGRETERIA RESPONSABILE: GRATTONI ANGELA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Settore Segreteria 1 SETTORE SEGRETERIA

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE In relazione all attività di gestione svolta nell anno 2011, si riportano i dati riguardanti le undici aree cimiteriali di Roma Capitale: Verano, Flaminio, Laurentino,

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

Comune di Cotignola ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - PROGETTO RPP: RESPONSABILE: UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI

Comune di Cotignola ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - PROGETTO RPP: RESPONSABILE: UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR005 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. COMUNICAZIONE UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

L ACQUA A ERICE una storia di mala vita, ma anche una battaglia di civiltà Per maggiori informazioni visita il sito del Comune di Erice: www.comune.erice.tp.it OGGETTO: Attivazione iniziative emergenziali

Dettagli

Comune di Bagnara di Romagna

Comune di Bagnara di Romagna CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR009 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. SEGRETERIA GENERALE AREA AMMINISTRATIVA (URP E SERVIZI DEMOGRAFICI - UFFICIO SEGRETERIA) CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati VISTO DAI BAMBINI E DAI RAGAZZI ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati in questa sezione riguardano progetti e proposte in aree di verde pubblico. Se il primo lavoro è finalizzato all arredo

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Bisi & Merkus Studio Associato Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Comune di castelnovo ne monti \ Progettista

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 1010203 240/21 SPESE MANUTENZIONE IMMOBILI ED 17.424,61 17.424,61 17.424,61 IMPIANTI UFFICI COMUNALI 1010203 400/10 SPESE PER

Dettagli

Anagrafe, Stato Civile, Elettorale. n. 5 monitor n. 3 stampanti laser di rete n. 3 stampanti ad aghi n. 1 calcolatrice n. 3 apparecchi telefonici

Anagrafe, Stato Civile, Elettorale. n. 5 monitor n. 3 stampanti laser di rete n. 3 stampanti ad aghi n. 1 calcolatrice n. 3 apparecchi telefonici Indicazione delle dotazioni strumentali, anche informatiche, che corredano le stazioni di lavoro nell automazione dell ufficio Segreteria SS.DD. - Affari Generali Anagrafe, Stato Civile, Elettorale Segreteria,

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

Dal progetto alla gestione: la Biblioteca di Vimercate

Dal progetto alla gestione: la Biblioteca di Vimercate Corso Programmare e progettare la biblioteca pubblica Dal progetto alla gestione: la Biblioteca di Vimercate Angelo Marchesi con la collaborazione di Alessandro Agustoni e Giulia Villa Il contesto Vimercate

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO

IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO dopo il TERREMOTO IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO Assicurare la ricostruzione di case e imprese secondo tempi certi e procedure snelle, garantendo

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE novantanove Atelier Castello o- vata- ove alberi ABBIAMO RIDOTTO L AREA PEDONALE DELIMITANDO I BRACCI A FILO DELLE TORRI DEL CASTELLO. IN QUESTO MODO LA PIAZZA CON I

Dettagli

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper le famiglie in condizioni economiche precarie ROSIGNANO

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE PROPONENTE Settore Cultura Musei e City Branding DIRETTORE QUAGLIA dott.ssa MAURIZIA Numero di registro Data dell'atto 849 10/06/2015 Oggetto : "Acquedotte" - Festival Musicale

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

CITTA DI CASARSA DELLA DELIZIA Provincia di Pordenone AVVISO PUBBLICO PER LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI PERIODO 01/10/2008 30/09/2009

CITTA DI CASARSA DELLA DELIZIA Provincia di Pordenone AVVISO PUBBLICO PER LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI PERIODO 01/10/2008 30/09/2009 CITTA DI CASARSA DELLA DELIZIA Provincia di Pordenone Prot. n. AVVISO PUBBLICO PER LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI PERIODO 01/10/2008 30/09/2009 E intendimento dell Amministrazione Comunale,

Dettagli

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive Bollo 14,62 AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE STRUTTURE DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE (COM 4A - D.A. 8/5/2001) Ai sensi della L.r.

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

La privacy a scuola DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE

La privacy a scuola DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE La privacy DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE Temi in classe Non lede la privacy l insegnante che assegna ai propri alunni lo svolgimento di temi in classe riguardanti il loro

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

Gli oneri concessori

Gli oneri concessori Laboratorio di di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Modulo di Estimo Integrazione al costo di produzione: gli oneri concessori Proff. Coll. Renato Da Re Federica Di Piazza Gli oneri concessori

Dettagli

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni)

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) S. BARTOLOMEO SP- 06 Progetto Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) All interno del perimetro del PAC devono essere realizzati/ceduti i seguenti servizi: a) S5g - Servizi per la balneazione

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli