CITTÀ DI CASTELLAMMARE DI STABIA (Provincia di Napoli) VERBALE REGISTRO DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO COMUNALE. Seduta del N.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CITTÀ DI CASTELLAMMARE DI STABIA (Provincia di Napoli) VERBALE REGISTRO DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO COMUNALE. Seduta del29.12.2014 N."

Transcript

1 CITTÀ DI CASTELLAMMARE DI STABIA (Provincia di Napoli) VERBALE REGISTRO DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO COMUNALE. Seduta del N. 136 OGGETTO: Allagamento dei quartieri Fontanelle e Lattaro - Stato di realizzazione delle fognature e del collettore denominato Gragnano - Provvedimenti urgenti per l'ordine e la sicurezza pubblica. L'anno duemilaquattordici, addì ventinove, del mese di dicembre, alle ore 16,00 in Castellammare di Stabia, nella Sala delle adunanze consiliari, a seguito di avvisi notificati a norma di legge e dello Statuto Comunale, e giusta convocazione prot. n in data si è riunito in seduta straordinaria pubblica, in I convocazione, il Consiglio Comunale sotto la presidenza del consigliere dott. Amedeo Di Nardo e con l'assistenza del Vice Segretario Generale dott. Antonio Vecchione. pres. ass. pres. ass Sindaco Cuomo Nicola x 13) Ostrifate Rodolfo x l) Alfano Antonio x 14) Pane Umberto x 2) Avitabile Gina x 15) Pentangelo Antonio x 3) Cimmino Gaetano x 16) Raimo Carmine x 4) Di Nardo Amedeo x 17) Russo Francesco x 5) Esposito Eutalia x 18) Sabatino Marica x 6) Esposito Rosanna x 19) Sergio Anna x 7) Giovedì Giuseppe x 20) Somma Immacolata x 8) Greco Luigi x 21) U ngaro Vincenzo x 9) Iovino Francesco x 22) V erdoliva Anna x 10)) Melisse Eduardo x 23) Vitiello Salvatore x 11) Mercatelli Giuseppe x 24) Zingone Alessandro x 12) Migliardi Michele x In complesso n. 20 consiglieri presenti e n. 5 consiglieri assenti.

2 APPELLO (ore 16:02) Presiede il Presidente Di Nardo. Si procede ali 'appello SINDACO PRESENTI n. Il ASSENTI n. 14 CUOMO Nicola ALFANO Antonio AVITABILE Gina CIMMINO Gaetano DI NARDO Amedeo ESPOSITO Eutalia ESPOSITO Rosanna GIOVEDI Giuseppe GRECO Luigi!OVINO Francesco MELISSE Eduardo MERCATELLI Giuseppe MIGLIARDI Michele OSTRIF ATE Rodolfo PANE Umberto PENTANGELO Antonio RAIMO Carmine RUSSO Francesco SABATINO Marica SERGIO Anna SOMMA Immacolata UNGARO Vincenzo VERDOLIV A Anna VITIELLO Salvatore ZINGONE Alessandro Ci sono 11 presenti in prima convocazione. Il Consiglio non può iniziare i lavori, si procederà ad appello tra un'ora, come da Regolamento. APPELLO (ore 17:02) Si procede ali' appello SINDACO CUOMO Nicola ALFANO Antonio Write System Srl- Multimedia Service Pagina 2 di 27

3 PRESENTI n. 20 ASSENTI n. 5 A VIT ABILE Gina CIMMINO Gaetano DI NARDO Amedeo ESPOSITO Eutalia ESPOSITO Rosanna GIOVEDI Giuseppe GRECO Luigi IOVINO Francesco MELISSE Eduardo MERCATELLI Giuseppe MIGLIARDI Michele OSTRIF A TE Rodolfo PANE Umberto PENT ANGELO Antonio RAIMO Carmine RUSSO Francesco SABA TINO Mari ca SERGIO Anna SOMMA Immacolata UNGARO Vincenzo VERDOLIV A Anna VITIELLO Salvatore ZINGONE Alessandro Sono presenti gli Assessori D 'Auria e Sanges. Sono presenti 20 Consiglieri, il Consiglio può iniziare i lavori. Prima di iniziare i lavori del Consiglio è doveroso giustificare il consigliere Pane che, per impegni pregressi, non riuscirà a partecipare alla seduta odierna; lo stesso vale anche per il consigliere Pentangelo. La parola al Sindaco che chiede di intervenire. SINDACO: Quest'oggi c'è stato il funerale di un nostro dipendente comunale, il dipendente Turci, chiedo all'aula di osservare un minuto di silenzio. L 'Aula osserva un nzinuto di silenzio Il Consiglio Comunale è vicino alla famiglia del dipendente comunale per la perdita del caro Salvatore. Passiamo al primo punto all'ordine del giorno: ~~Allagamento dei quartieri Fontanelle e Lattaro- Stato di realizzazione delle fognature e del collettore denominato Gragnano. Provvedimenti urgenti per l'ordine e la sicurezza pubblica'. ALFANO: IYrite.~\stem Srl-- \!111Funt:diu \ujt/t't' f>a~ina 3 di 27

4 SEDUT J\ DEL 29 DICEMBRE 2014 Buonasera Presidente, signor Sindaco, colleghi Consiglieri e Assessori. Ringrazio l'assessore con delega ai Lavori Pubblici Sanges. La richiesta di Consiglio Comunale è stata sottoscritta da tutti i Consiglieri di opposizione per cercare di sollecitare una problematica sentita, già affrontata in campagna elettorale da tutte le forze politiche, che riguarda i quartieri di Fontanelle e Lattaro, ovvero, tutta la zona nord di Castellammare. Pregiudizialmente, ali' inizio dei lavori, visto e considerato che è una problematica tecnica, sono arrivate delle notizie dai soggetti residenti- supportate da documentazione- che vi è stata una variante in corso d'opera alla realizzazione delle fognature, togliendo la realizzazione su Via Fontanelle e Via Vecchia Fontanelle - vedo che il consigliere Melisse mi guarda, anche lui è molto addentrato in materia - pertanto chiedevo la presenza in Aula, visto che il Regolamento lo consente, del dirigente del settore ai lavori pubblici in quanto ci sono delle note sottoscritte ed indirizzate all' Arcadis, alla Regione e all'ente di bacino da parte del dirigente dei lavori pubblici, quindi, cercare di capire lo stato dell'arte. La problematica in oggetto non ha alcun colore politico, è come la problematica del lavoro, interessa a 360 gradi tutto l'arco politico presente in quest'assise. Verificheremo se è possibile reperire il dirigente del settore competente. Concedo la parola al Sindaco per relazionare in merito. SINDACO: Buonasera a tutti. Ringrazio tutti i Consiglieri presenti, ringrazio gli Assessori, in modo particolare l'assessore Sanges che potrà dare, eventualmente, qualche ulteriore approfondimento. Volevo sottolineare che questa problematica è sempre stata all'attenzione del sottoscritto, del Consiglio Comunale e dei Consiglieri comunali, anche la IV Commissione consiliare sui Lavori Pubblici è stata ben attenta sulla problematica del completamento del sistema fognario. Ho reso edotti voi Consiglieri comunali, anche in altri Consigli comunali, di tutto il grande lavoro che si sta compiendo su questo versante. Volevo chiarire un aspetto di natura generale, in città abbiamo 2 grandi collettori: un primo collettore che scorre lungo la costa che capta tutto il sistema fognario di quasi tutta la città e un secondo collettore, il cosiddetto collettore di Gragnano, che oltre a raccogliere e a captare parte del sistema fognario cittadino capta anche fogne provenienti da altri Comuni, dal Comune di Pimonte, dal Comune di Santa Maria La Carità, una parte della zona di San Marco e una parte della zona della città di Castellammare di Stabia, tra cui proprio il quartiere di Fontanelle. Il collettore lungo la linea costiera è stato completato ed è collegato al depuratore biologico della foce Sarno che, come ho annunciato nel precedente Consiglio Comunale, è ormai stato ultimato definitivamente. Secondo legge, il depuratore biologico della foce Sarno riesce a smaltire 5 volte la portata nera che può incamerare, quindi, è un sistema perfetto. Pian piano bisogna collegare al depuratore della foce Sarno tutto il nostro sistema fognario e il sistema fognario dei Comuni limitrofi che gravano su quel depuratore. Ribadisco, il collettore lungo la linea di costa è stato completato, mentre il collettore di Gragnano è fermo da qualche anno. La competenza in materia non è comunale, ma è regionale. I lavori del collettore di Gragnano sono, finalmente, ripresi dopo anni che erano stati fermi. Recentemente abbiamo, come ho detto in Consiglio Comunale, collegato al collettore funzionante parte del sistema fognario della zona alta di Scansano che era quella che inquinava maggiormente il Rivo Cannetiello e si sta proseguendo nei lavori per completarli. Alle ore entra in Aula il Dirigente ai Lavori Pubblici Angellotto e la Cons. Esposito Eulalia. SINDACO: Nel mese di luglio l'arcadis, che è un ente strumentale della Regione Campania che segue i lavori di collegamento al collettore della linea di costa ed anche alcuni lavori di collegamento al collettore di Gragnano, invia una lettera al Comune di Castellammare di Stabia trasmettendo degli elaborati per una perizia di variante. In questa lettera, sostanzialmente. l' Arcadis diceva: siccome attualmente i lavori del collettore di Gragnano sono fermi e non ripartiranno a breve ed anche se ripartiranno avranno la necessità di circa 2 anni di lavori. vorremmo spostare un finanziamento della realizzazione delle fogne lfirite Svs!em Sr/.\ftrll!ll!<.'cliu Sc'iT/c.,' Pa!2.ina -J. di :27

5 di Via Vecchia Fontanelle sull'altro lato della città: Via Schito, parte di Via Napoli, Ponte Persica e così via". Alle ore 17.18esce il consigliere Zingone. SINDACO: Depositarono la richiesta di variante, prontamente esaminammo la richiesta con il nostro ufficio. All'epoca ed anche attualmente è impegnato l'ingegnere Angellotto- qui presente- il quale fece alcune osservazioni tecniche che non leggo per evitare di tediarvi anche perché sono atti che possono essere da voi, in ogni momento, richiesti ed estratti. L'ingegnere Angellotto Giovanni, in una lettera di risposta del Comune di Castellammare di Stabia ali' Arcadis che chiedeva di dare un consenso a questi lavori così si esprime: "Gli atti della perizia di variante, a parere dello scrivente, non chiariscono bene le ragioni che hanno portato a preferire il completamento dell'impianto di sollevamento di Via Schito in sostituzione del completamento delle fogne di Via Vecchia Fontanelle. L 'Ufficio resta dell'awiso che sia preferibile non adottare la scelta proposta e di rivalutare le revisioni del progetto principale per tale zona. In ogni casa, vanno date assicurazioni in merito al completamento delle fogne della zona di Via Vecchia Fontanelle in maniera contestuale al completamento del collettore per Gragnano, soluzioni diverse sarebbero incomprensibili per le popolazioni residenti. Per anni si sono date assicurazioni che con il completamento del collettore per Gragnano la zona avrebbe avuto la soluzione dei gravi problemi fognari i vi esistenti. Quanto innanzi, oltre a rappresentare l'esigenza del territorio così come percepita dali 'ufficio scrivente, vuole essere un contributo finalizzato al perseguimento delle migliori soluzioni tecniche per la realizzazione delle opere e con la certezza che in tal senso saranno considerate si coglie l 'occasione per salutare". Questa lettera, da noi condivisa, è giunta ali' Arcadis. Sospendemmo, come ente, un parere favorevole perché volevamo comprendere che fme facesse il sistema fognario, non solo quello relativo a Schito, a Ponte Persica e a Via Napoli, dovete sapere che attualmente a Via Napoli pur se dista poche centinaia di metri dal depuratore, l 'ultima parte della zona industriale, non è ancora collegata allo stesso depuratore; invece, con questa perizia di variante, entro un anno circa, tutta la zona a nord di Castellammare di Stabia dovrebbe essere collettata, quindi, dovrebbe finalmente andare nel depuratore biologico di foce Samo. Dopo la presa di posizione ferma da parte nostra, fmalmente, la Regione Campania e per essa il massimo dirigente del settore nella persona del dottore Michele Palmieri ci dice: "La perizia di variante in parola (l'oggetto è: "Opere di completamento delle reti fognarie dei Comuni di Castellammare di Stabia, Santa Maria La Carità e Pimonte'') - cioè quella che era stata presentata dali 'Arcadis al Comune e per la quale il Comune aveva presentata quella risposta -per il Comune di Castellammare di Stabia prevede il completamento delle due stazioni di sollevamento di Via Schito stralciando, nel contempo, il complesso delle opere afferenti al bacino di Via Vecchia Fontanelle che al momento non ha il recapito finale. Tale scelta progettuale, come rappresentato dali 'Arcadis, consente di recuperare le somme occorrenti per la realizzazione delle stazioni di sollevamento di Via Schito ed attivare i rami di fognature del bacino stesso ". Nelle more del completamento dei lavori del cosiddetto collettore di Gragnano per i quali- vi dico- ci vorranno almeno 2 anni e fino a quando non si completa il collettore di Gragnano, il sistema fognario, seppure fosse stato realizzato in tutta quella zona, non può entrare in funzione. La Regione dice: "Nelle more del completamento dei lavori del cosiddetto collettore di Gragnano, recapito finale del bacino delle reti fognarie di Via Vecchia Fontanelle, si chiede all'ente d'ambito sarnese vesuviano e alla Gori (gestore unico del servizio idrico integrato) di inserire nell'ambito della propria programmazione gli interventi previsti in Via Vecchia Fontanelle che al momento restano senza copertura finanziaria ". In altri termini, il dirigente del settore della Regione Campania dice ai due enti: inserite nella vostra programmazione le somme necessarie per il completamento del sistema fognario di Via Vecchia Fontanelle, fatelo per tempo in maniera che appena verrà completato il collettore di Gragnano possiamo collegare il sistema di Via Vecchia Fontanelle al collettore di Gragnano che porterà, poi, tutti i liquami al depuratore biologico. Dopo aver avuto quest'assicurazione da parte della Regione Campania il dirigente del settore ha dato il nulla osta favorevole alla realizzazione della perizia di variante che in meno di anno o massimo un anno, Write System Srl- Multimedia Service Pagina 5 di 27

6 così mi hanno assicurato, dovrebbe permettere il completamento del sistema fognario dell'altra zona a nord di Castellammare di Stabia. Avuto assicurazioni il dirigente del settore ha dato il parere favorevole ed i lavori relativi alla parte dell'impianto di sollevamento di Via Schito che interessano sia Via Napoli sia Via Schito sia Ponte Persica sono ripresi, avremo - nel giro di un anno -un'altra parte della nostra città a nord che sarà completamente servita dal sistema fognario. Questa è, attualmente, la situazione esistente. Nel frattempo abbiamo anche contattato l'assessore regionale Eduardo Cosenza con cui siamo sempre in stretto collegamento, anche per il problema di cui parleremo dopo relativo al secondo punto all'ordine del giorno, abbiamo parlato con lui sia per l 'inaugurazione finale del depuratore biologico sia per il problema del dissesto idrogeologico - di cui parleremo dopo - sia per il problema del fogne. Ho inviato una lettera il 12 dicembre chiedendo un incontro all'assessore regionale, ci siamo incontrati per la problematica del depuratore biologico il 20 dicembre, siccome l'assessore non aveva tempo per poter affrontare queste due problematiche ci siamo aggiornati a subito dopo le feste natalizie e l'epifania, proprio oggi ho chiesto un incontro per il 12 gennaio. Ci siamo sentiti telefonicamente oggi, il 12 gennaio ci dovremo vedere sia per la problematica del dissesto sia per l 'ulteriore problematica per partire in tempo, abbiamo 2 anni di tempo per ottenere anche il rifmanziamento del sistema fognario di Via Vecchia Fontanelle in maniera tale che da qui a 2 anni tutto il sistema fognario di Castellammare di Stabia dovrebbe essere, finalmente, collegato al depuratore biologico della foce del fiume Samo e dovremo semplicemente verificare tutti gli scarichi abusivi che ancora vanno a mare come il Rivo San Marco per il quale, come avete visto, è stato quasi completamento l'impianto di sollevamento, stessa cosa vorremo fare per il Rivo Cannetiello. Ho convocato, proprio in quest'aula consiliare, una serie di soggetti, dalla capitaneria di porto e Sindaci di vari Comuni sia per sollecitare i lavori del collettore di Gragnano che, ripeto dovrebbero riprendere a giorni, sia per far realizzare - anche per il Rivo Canneti ello - un altro impianto di sollevamento temporaneo nell'attesa che tutto il nostro sistema fognario sia captato e collegato a questi 2 grandi collettori in maniera tale da poter recuperare il mare e così l'arenile. Purtroppo le popolazioni del quartiere di Fontanelle dovranno soffrire per almeno altri 2 anni. CONSIGLIERA ESPOSITO EUTALIA: Non si può aspettare. SINDACO: Come ho cercato di spiegare all'inizio della mia relazione non sono competenze nostre, è competenza della Regione Campania, non ci posso far niente. CONSIGLIERA ESPOSITO EUTALIA: Voi state sostenendo questa cosa, non la state contestando. SINDACO: Ho chiesto ai tecnici se i lavori iniziassero oggi quando finirebbero? Mi hanno detto che ci vogliono almeno 2 anni. Dico ai cittadini quanto mi hanno riferito i tecnici perché sono abituato a non prendere in giro nessuno. Siccome non sono lavori che deve fare il Comune di Castellammare, ma devono essere intrapresi ed espletati dalla Regione Campania ho chiesto questo, il vostro Sindaco, proprio perché è stanco di dover ricevere i rifiuti da parte di altre città ed è stanco che i nostri cittadini devono essere allagati, mi hanno inviato i filmati ed ho visto quello che succede quando piove nel Rione Fontanelle, però, se dicessi che nel giro di 5 mesi si risolverà il problema direi una bugia. Sono abituato a dire la verità, insieme possiamo chiedere ulteriormente che si accelerino i lavori, se riuscissero a farli in meno di 2 anni risolveremmo il problema in meno di 2 anni. Ribadisco sia il problema del collettore di Gragnano sia del sistema fognario non è un problema di competenza del Comune, il Comune ha il compito di verificare se i lavori vengono eseguiti o non vengono eseguiti, ha il compito di dare un parere e con gli uffici tecnici di verificare la progettazione che è stata messa in opera da altri, però, in questa fase se potessimo fare qualcosa di particolare lo faremmo. Write System Srl- Multimedia Service Pagina 6 di 27

7 Ripeto, secondo quanto mi hanno detto i tecnici, se anche iniziassero oggi i lavori del collettore di Gragnano ci vorrebbero 2 anni. È una problematica che, purtroppo, non può essere risolta in tempi brevi ed è questa la motivazione per cui l' Arcadis ha detto: "Anziché tenere questi soldi fermi inutilmente, utilizziamoli per popolazioni della città di Castellammare di Stabia per Via Schito, Ponte Persica e Via Napoli". C'è sembrata un'idea valida per la quale è stato dato il consenso dopo che la Regione Campania ha preso l'impegno di rifinanziare la parte del sistema fognario di Fontanelle. CONSIGLIERA ESPOSITO EUTALIA: Non riesco a capire chi ha dato il consenso. SINDACO: Probabilmente è arrivata in ritardo, ho spiegato come sono andati i fatti, da come sono partiti a come sono finiti. L'ingegnere Angellotto ha tutelato gli interessi della città di Castellammare di Stabia, in particolare dei residenti di Via Vecchia Fontanelle e Via Fontanelle sostenendo che non avrebbe dato il parere favorevole fino a quando la Regione Campania non avrebbe preso posizione sul punto, cosa che è avvenuta e ci sono gli atti scritti. SINDACO: Lo so che state soffrendo da 20 anni, ho visto anche ciò che succede quando piove. Ho già detto che non è una competenza nostra, fino a quando non hai la realizzazione completa del collettore di Gragnano non riesci a risolvere il problema. Sembra che siano iniziati, non ho la certezza, dopo 4 anni, i lavori del collettore di Gragnano. SINDACO: Una delegazione di voi cittadini del quartiere, quando verrà l'assessore Cosenza con il quale collaboro istituzionalmente in maniera ottima, verrà e se vi fossero delle possibilità tecniche per accelerare i lavori di completamento del collettore di Gragnano- siccome ho chiesto di venire con il dirigente tecnicoadotteremmo qualsiasi soluzione. Facciamo sentire al diretto protagonista- la Regione Campania- quali sono le difficoltà che vive una fascia importante di popolazione. Rappresento gli interessi della città all'ente Regione, in quell'occasione possiamo far partecipare una delegazione di cittadini e faremo un incontro direttamente con l'assessore competente in maniera tale che se ci fossero delle soluzioni tecniche che non conosco - non sono neanche la stazione appaltante - chiederemmo di accelerare i lavori perché la popolazione è arrivata al culmine. GIOVEDI: Penso che sarebbe opportuno prendere un po' di tempo, vederci con il tecnico della situazione, e verificare se effettivamente si può pulire. Concedo la parola all'assessore Sanges al fme di relazionare in merito alla problematica. ASSESSORE SANGES: Integro la relazione del Sindaco che ha seguito prima di me i lavori pubblici, sono appena 6 mesi che mi sto impegnando in questa situazione. Avrei preferito ci fosse qualche settimana in più per mettere a disposizione, ai Consiglieri comunali, un qualcosa di cartaceo o anche informatico tutto quanto abbiamo come ufficio. Write System Srl- Multimedia Service Pagina 7 di 27

8 La realizzazione del completamento della rete fognaria e il conseguente disinquinamento del litorale stabiese è stato oggetto di un particolare monitoraggio sugli interventi in itinere da realizzare da parte di quest'amministrazione e dei Consiglieri comunali tutti. Il Sindaco si è attivato convocando un tavolo il giorno 2 settembre ultimo scorso avente all'ordine del giorno gli interventi di natura ambientale, hanno partecipato: capitaneria di porto, commissario straordinario dell'ente ambito samese vesuviano ATO 3, Gori, Arcadis, dirigenti e assessori del Comune di Castellammare dei settori ambiente e urbanistica. Successivamente, il Sindaco ha convocato un secondo tavolo, sullo stesso argomento, in data 5 settembre al quale ha partecipato anche il Sindaco di Gragnano in quanto il collettore di Gragnano interessa quella zona. Sulla problematica del collettore di Gragnano e completamento della rete fognaria si sono attivati Consiglieri di maggioranza e di minoranza (Cimmino, Alfano, Mercatelle, Pentangelo, Pane, Vitiello, Esposito Eutalia, Ungaro, Melisse ), nonché la Commissione competente. ASSESSORE SANGES: È un Consiglio Comunale chiesto dai Consiglieri comunali, pertanto ho il dovere di relazionare ai Consiglieri comunali i quali se rinunciano e devo riassumere in poche parole sono disponibile a farlo. I Consiglieri comunali pongono un problema tecnico di un servizio ed ho il dovere di rispondere con tutti gli elementi che ho a disposizione. ASSESSORE SANGES: Dove possiamo impegnarci lo faremo, cerchiamo divenirvi incontro. ASSESSORE SANGES: Questo è un Consiglio Comunale, non è un incontro tra Amministrazione e residenti. Devo dare spiegazioni ai Consiglieri comunali. Il completamento della rete fognaria cittadina, il collettore di Gragnano, deve essere per tutti noi un impegno irrinunciabile per far riprendere attività turistiche commerciali di fruizione dei cittadini del nostro splendido litorale. Con piacere mi accingo a relazionarvi con la consapevolezza di non essere esaustivo trattandosi di una problematica non gestita direttamente da quest'amministrazione, ma da gestori sovracomunali. Avrei preferito rinviare di qualche settimana, ma in ogni caso è a disposizione dei Consiglieri comunali la relazione tra l'amministrazione e l' Arcadis, in più c'è la relazione tecnica della variante sul progetto e sul completamento ultima rete fognaria di Castellammare, qualora i Consiglieri ne vogliano prendere visione la lascio al Presidente del Consiglio. Come diceva il Sindaco, ci sono 2 soggetti che stanno gestendo questa situazione. L' Arcadis, un'agenzia regionale della Campania per la difesa del suolo che è competente all'attuazione degli interventi di tutela del suolo e dell'assetto idrogeologico della Regione Campania e svolge corrispondenti compiti in attività tecnico operativo connesse, garantisce la continuità dell'azione amministrativa e l'esercizio delle funzioni ordinarie di competenza della Regione in materia idrogeologica e di bonifica a tutela delle acque. La Regione ha trasferito all' Arcadis la realizzazione delle opere dell'ex commissario straordinario dell'emergenza Samo, l'ex generale lucci, il completamenti delle opere fognarie inerenti i Comuni di Castellammare di Stabia, Santa Maria La Carità e Pimonte - frazione Tralia - appaltati alla ditta Iter Gestione e Appalti con i lavori in corso di esecuzione; il direttore dei lavori è l'ingegner Marsano Daniele. Attualmente sono in corso di esecuzione dei lavori di Via Schito e della zona del quartiere Privati Scansano. Altro soggetto per la realizzazione del collettore di Gragnano fa capo al commissario straordinario delle emergenze bonifiche, nella persona del Presidente della Regione Campania. I lavori sono stati fermati per circa 2 anni, recentemente il Sindaco ha avuto assicurazioni dall'ingegnere Recano Antonio. L'ingegnere Recano Antonio ha detto che è stato approvato il progetto di variante Write System Srl- Mu/timedia Service Pagina 8 di 27

9 fmanziato dalla Regione Campania per 4,5 milioni di euro compresi gli oneri per espropri già pagati all'impresa che ha firmato il verbale di ripresa dei lavori per i quali è previsto il completamento entro 15 mesi, il Sindaco è stato prudente ed ha detto in 2 anni. La ditta ha già firmato la presa in consegna. ASSESSORE SANGES: Per quanto riguarda la periferia nord ovest risultano già collegate al depuratore le zone: Moscarella, Via Saurito, Via Nunziatella, Via Napoli, traversa Cantieri Metallurgici, Corso De Gasperi, parte di Via Schito, traversa Schito e Via Vena della Fossa. I tratti non collegati: periferia nord est. Sono realizzate le fogne di Via San Benedetto, traversa Via Vecchia Fontanelle e un tratto di Via Vecchia Fontanelle. Tali tratti sono incompleti, per cui, anche con la realizzazione del collettore di Gragnano non potrebbero essere collegate in quanto incomplete. Quelle collegabili sono: Via Lattaro, tratto di Via Petraro e traversa Via Lattaro. Nella zona alta i lavori sono in corso d'opera, parte di Scansano è già collegata al collettore, mentre i lavori in esecuzione sono per la zona alta di Sansano, Via Privati, e sono in completamento. Per quanto riguarda Via Fontanelle, parlavo anche con il dirigente che potrà dare qualche ulteriore approfondimento, gli allagamenti sono dovuti alla deficienza del canale esistente che raccoglie Via Baldascini e arriva a fosso San Benedetto. Secondo le previsioni progettuali, nel progetto lucci, questo canale veniva sostituito dal nuovo sistema fognario con recapito nel collettore di Gragnano. Ha risposto il Sindaco di quello che è successo con la nostra Amministrazione e l' Arcadis che ha tolto quel pezzo per fare un altro lavoro in Via Schito, però, in defmitiva la Regione Campania ha imposto all'ambito e alla Gori di completare quell'opera. Con le varie perizie di variante approvate è stato realizzato solo un tratto della fogna di Via Fontanelle e non è previsto il collegamento salvo le disposizioni regionali di cui vi ho già parlato. Ciononostante, il completamento del collettore di Gragnano con l'esecuzione degli allacciamenti delle fogne provenienti da Santa Maria La Carità, le fogne di Via Baldascini e di via Lattaro dovrebbero ridurre in maniera sostanziale le portate che giungono nel canalone di Via Fontanelle, quindi, si dovrebbe avere una grossa riduzione del fenomeno allagamento. Siamo intervenuti qualche mese fa su Via Fontanelle per un allagamento, abbiamo avuto una corrispondenza con la Gori che riteneva fossero solo acque bianche e non erano fognature, per cui la Gori non ci garantiva l'intervento e noi con nostre risorse abbiamo fatto fare un lavoro di somma urgenza e abbiamo tamponato a quella situazione. Il problema vostro esiste, ci avete chiesto una cosa legittima, ci dite: "Perché non cerchiamo di cominciare a pulire?". I tempi di realizzazione non dipendono da noi, cercheremo con la dirigenza e l'amministrazione di far rispettare i tempi, ma nel frattempo dobbiamo percorrere la possibilità di far intervenire la Gori per cominciare a pulire. ASSESSORE SANGES: Con tutti i Consiglieri, con la Commissione competente, con il dirigente e con l'amministrazione intavoleremo un tavolo permanente con la Gori per cercare, in attesa che si realizzano i lavori, di garantirci una pulizia al canale che rappresenta un pericolo pubblico per la collettività. Vedremo gli aspetti per i quali pagate il canone per le acque di scarico, in effetti siete degli utenti che pagate la Gori, pagate un servizio e ci deve essere garantito che quel servizio funzioni. La parola al consigliere Alfano. ALFANO: Chiedo la parola in quanto avevo chiesto, precedentemente, l'intervento in Aula del dirigente Angellotto, senza nulla togliere a nessuno volevo formulare delle domande tecniche al dirigente. Write System Srl- Multimedia Service Pagina 9 di 27

10 Caro ingegnere Angellotto, voglio che venga detto a tutto il Consiglio Comunale, dobbiamo parlare di un doppio binario, ossia, l' Arcadis che si occupa di fognature e il collettore di Gragnano che è un'opera a parte, è un'opera mastodontica, all'interno di quel collettore andrà di tutto e forse riusciremo a risolvere il problema pluriennale ai residenti. Non mi è chiaro il motivo per il quale dopo 50 anni di problematica stiamo togliendo i soldi all' Arcadis per fare quel tipo di intervento sulle fognature e li stiamo traslando sulla composizione del collettore di Gragnano. Affidiamo i lavori ali' ente d'ambito sarnese vesuviano e alla Gori, è una matriosca, entrambi fanno capo ali' Acea, e se andiamo a vedere i bilanci non hanno l euro. La parola al consigliere Cimmino. CIMMINO: Cercherò di fare chiarezza rispetto alla relazione fatta dal signor Sindaco. È vero che il problema di Via Fontanelle non ha colori politici ed interessa l'intero Consiglio Comunale, però, se la verità deve andare avanti si deve dire che questo Consiglio Comunale si è tenuta questa sera, 29 dicembre, su richiesta dei Consiglieri di opposizione. Il Sindaco non a caso ha commesso un errore sulla dicitura di Via Fontanelle e Via Vecchia Fontanelle, le due strade sono parallele, una è completamente nel Comune di Castellammare di Stabia (faccio riferimento a Via Vecchia Fontanelle), l'altra è spartiacque tra il Comune di Castellammare e il Comune di Pompei. Le difficoltà che vivono i cittadini sono duplici, mentre le strade che fanno parte esclusivamente del territorio di Castellammare si sa che è l'amministrazione di Castellammare che deve far fronte a quelle problematiche, nel caso specifico, sta barcamenandosi tra il Comune di Pompei e il Comune di Castellammare, puntualmente quando si hanno dei problemi a Pompei dicono che il problema lo devono risolvere a Castellammare, vengono a Castellammare che a sua volta dice che la competenza non gli appartiene, ma appartiene alla Gori, poi entra l' Arcadis e la Regione Campania. Non ci sono risposte serie. Gli ordini di problema, secondo il mio modesto parere sono due, uno riguarda la questione fognaria ed interessa Via Fontanelle, parte di Via Vecchia Fontanelle e Via Lattaro che erano interessate da lavori di realizzazione di impianto fognario, dal pubblico veniva detto che ci sono cittadini di serie A e cittadini di serie B, personalmente dico che ci sono cittadini di serie A e cittadini di serie D. Caro Sindaco, si capiscono le difficoltà dell'amministrazione, non hai potuto fare altro che relazionare lo stato dell'arte che loro ben conoscevano, sono qui - questa sera - perché vogliono qualche risposta concreta. Rimanendo nel tema dell'impianto fognario ci aspettiamo che il dirigente del settore ai lavori pubblici nella persona dell'ingegnere Giovanni Angellotto ci dica perché ha firmato ed ha consentito la variante. Un dirigente si muove su indicazione della volontà politica, sono un ingegnere di professione, se c'è un progetto che non è stato portato al termine perché è necessario realizzare due impianti di sollevamento, chi ha redatto il progetto ha sbagliato e non si può sbagliare un progetto di questa caratura, stiamo parlando di centinaia e centinaia di milioni di euro, non stiamo parlando del progetto privato; se è stato fatto un errore abbiamo il diritto dovere, come Consiglieri comunali che rappresentiamo l'intera città, di dire: "È stato sbagliato il progetto, chi ha redatto il progetto è l 'ingegnere Tizio e dobbiamo far pagare all'ingegnere Tizio l'errore che ha commesso". Non si può pensare di far sanare l'errore commesso in fase di progettazione e in fase di esecuzione a discapito dei cittadini. La legge dice: chi sbaglia paga. Nel nostro caso chi ha sbagliato ha pagato con i soldi dei cittadini perché sia Via Vecchia Fontanelle -l'ultimo tratto- sia Via Fontanelle e Via Lattaro il problema esiste. Quando si parla di 2 anni per noi che mastichiamo gli ambienti comunali e sappiamo come funzionano le cose può sembrare un ordine di grandezza normale, ma per loro che stanno in queste condizioni da 40 anni e vivono una costante questione di pericolo durante gli eventi piovosi, il tempo di 2 anni è infinitamente lungo. Dobbiamo avere queste risposte in quest'aula. Non stiamo incolpando l'amministrazione, il progetto non l 'ha fatto l'amministrazione, però, un'amministrazione che governa ha il diritto dovere di portare avanti gli interessi della collettività e non di parte della collettività. Write System Srl- Multimedia Service Pagina lo di 27

11 Vogliamo capire perché c'è stata la variante, non vogliamo varianti. Il progetto prevedeva la realizzazione dell'impianto fognario, non mi interessa che il collettore di Gragnano viene fatto tra due anni e la fogna non va in funzione. Voglio la fogna subito, poi, quando entrerà in funzione il collettore tutti quanti faranno le domande e si metteranno in regola con le emissioni. Per quanto riguarda Via Fontanelle, caro Sindaco, siamo stati attenzionati anche da testate giornalistiche regionali, c'è stato TG3 che è venuto a Castellammare e ha fatto vedere cose della nostra città che piacerebbe a me e a tutti i presenti non vedere più. Nell'immediato, visto che è stata fatta una richiesta di pulire il famoso canale in modo da alleviare nei periodi piovosi, ricordo a me stesso e a voi che stiamo andando incontro a11 'inverno, andare incontro a periodi piovosi significa rischio per gli abitanti e per le attività commerciali. Ringraziando la presenza del dirigente del settore ai lavori pubblici, da subito, dovremmo vedere come pulire il canale. E chiaro che chiunque potrebbe dire che il canale non può essere pulito perché non è di nostra proprietà, ma di proprietà della Gori che a sua volta scavalca e va all' Arcadis, l' Arcadis al Comune di Pompei e facciamo uno scarica barile. Come Consiglio Comunale almeno la garanzia di un'imminente pulizia del canale la dobbiamo garantire, non mi si venga a dire che il canale è stato progettato per le acque bianche e, probabilmente, ci sono le acque nere dentro. Tante cose sono state progettate 200 anni fa e purtroppo hanno una destinazione diversa, penso alla stessa Reggia di Quisisana che 200 anni fa aveva una destinazione d 'uso ed oggi non ce l 'ha più. Vi prego, cerchiamo di alleviare questo tipo di sofferenza al fine di dare una tranquillità ai cittadini di dire che abbiamo il canale di scolo pulito. Sono convinto che questa sera potremmo chiudere il Consiglio Comunale con 2 concretezze: la pulizia del canale e cercare di redigere - tutti insieme - un ordine del giorno per formare una Commissione che sia garante sull'esecutività del progetto originale. La Commissione deve essere composta da: un gruppo di Consiglieri di maggioranza, un gruppo di Consiglieri di minoranza, il dirigente del settore lavori pubblici, una delegazione del quartiere, una rappresentanza dell' Arcadis ed una rappresentanza della Gori, nonché l'assessore o il Sindaco che rappresenta l'amministrazione Comunale. Dobbiamo essere convinti che gli errori che sono stati commessi dagli altri non devono essere superati attraverso le varianti, le varianti sono normative ed escamotage che non devono interessare noi. Il problema è stato creato perché ci vogliono 2 sollevatori, deve essere l' Arcadis che deve sovvenzionare i 2 sollevatori, altrimenti, l' Arcadis o la Regione dice che deve essere la Gori, ma la Gori o l'ente d'ambito - come ricordava il consigliere Alfano - non ha la capacità economica finanziaria di realizzare le fogne, quindi, ci troveremo con i 2 sollevatori realizzati a spese dei cittadini di Via Fontanelle, Via Vecchia Fontanelle e Via Lattaro e le fognature mai realizzate - passeranno altri 15 anni per realizzarle - poi si farà un progetto in variante, nel progetto in variante si commetteranno altri errori e questa storia non finirà mai. Abbiamo un progetto, il progetto è stato approvato, è stato finanziato e dobbiamo fare in modo che quel progetto venga portato al termine senza varianti perché la variante danneggia soltanto i cittadini stabiesi. L'errore se è stato commesso dal progettista o c'è stata la volontà politica di qualcuno che ha voluto, forzatamente, effettuare questa variante si dica con chiarezza davanti ai cittadini. La parola al consigliere Melisse. MELISSE: Il problema riguarda anche Ponte Persica che non è allacciata dalle scuole elementari al distributore di benzina, nonché il mercato dei fiori. È la stessa situazione, anche se la vostra è più grave perché quando piove non potete uscire di casa. Fortunatamente ho degli elementi cartacei che riguardano la pulizia del canalone avvenuta il 20 novembre. Il sottoscritto, alcuni giorni prima, tramite solleciti telefonici alla parte dei lavori pubblici, nonché al dirigente della Gori Francesco D'A vino, rese nota la situazione dei liquami che fuoriuscivano. Write System Srl- Multimedia Service Pagina 11 di 27

12 Il dirigente ai lavori pubblici scrive alla Gori una lettera, il giorno 19, avente ad oggetto: "Fuoriuscita di liquami dal canalone di Via Fontalelle (altezza distributore carburanti)- Protocollo 51025". Viene fatto presente che ci sono dei liquami e la competenza è della Gori. La Gori, nella persona del dottor D'A vino risponde il giorno seguente, il giorno 20: "In relazione alla richiesta di intervento di cui al/' oggetto, come già evidenziato in precedenti occasioni, si comunica che il tronco fognario di natura pluviale ubicato in Via Fontanelle, nel quale sono presenti anche immissioni improprie di rejlui provenienti da immobili privati, non rientrano nella gestione del servizio idrico integrato. Si ricorda che le problematiche per il collegamento di rejlui della località in argomento si risolveranno a seguito del completamento degli interventi da parte della struttura regionale Arcadis ". Alle ore 18.20entra il consigliere Zingone. MELISSE: Non riuscivo a capire di chi fosse la responsabilità, pertanto scrissi ed è protocollata il giorno 20 con numero di protocollo 51149: "Il sottoscritto Consigliere, in merito all'occlusione del tratto di fognature sito in via Fontanelle, con le conseguenze immaginabili che non sto qui a descrivere, ha segnalato agli uffici preposti sia del Comune di Castellammare di Stabia sia alla Gori che dopo il sopra/luogo da parte di tecnici dei 2 enti nessuna soluzione è stata proposta perché allo stato non è stata definita a chi spetta la competenza per risolvere il problema. Dopo quanto innanzi il sottoscritto chiede di definire, al più presto, di chi è la competenza ad intervenire per risolvere il problema". Come ha detto l'assessore fu fatto un intervento e fu pulito un tratto, si dovrebbe pulire il tratto che arriva all'incrocio con Pompei, molto probabilmente in questo modo si riuscirebbe a risolvere del tutto anche se non sono convinto perché se prendessimo qualche mappa degli anni 1970, lo smaltimento avveniva in maniera naturale, non esistevano depuratori, c'era un sistema di rete cosiddetti fossi e i muri di delimitazione delle strade erano in piena calcata con dei fori, arrivavano nel terreno e si smaltiva, attraverso sistema di canali, nei fossi maestri e da lì convogliavano nel fiume Samo. Attualmente i muri sono stati ostruiti, i canali non ci sono più e c'è la necessità del depuratore. MELISSE: Il giorno 20 ottobre 2014 in quest'aula ci fu un Consiglio Comunale che riguardava la valutazione delle linee programmati che attuate o meno dali' Amministrazione, il sottoscritto fece un intervento - è riportato a pagina 33 di quel resoconto - dove dichiarò che il giorno 16 giugno si recò, non conoscendo la sede dell' Arcadis, a Nola per parlare con il tecnico responsabile di queste varianti, nella persona dell'ingegnere Marzano, al fine di capire il motivo per il quale c'era il blocco, non funzionavano le strutture e i lavori non andavano avanti. Rendo noto che allo stato Via Schito è bloccata e i lavori non stanno proseguendo, anche lì sono fermi. Durante l'incontro con l'ingegnere Marzano chiamai il Sindaco, ci fu un colloquio tra il Sindaco, il sottoscritto e l 'ingegner Marzano, ci vedemmo 15 giorni dopo con l 'ingegnere Marzano accompagnato da un tecnico, il Sindaco richiamò una nota del direttore generale Palmi eri del 15 ottobre 2014 la quale informava che Palmieri chiude- come ha detto il Sindaco- Via Vecchia Fontanelle perché resta senza copertura finanziaria. Il tutto parte dal 15 febbraio 2013, quando questo Consiglio Comunale non era in carica. Questo Consiglio Comunale è sgravato da questo compito nel senso tecnico della parola e di responsabilità, ma non del fatto che non vogliamo. Non immaginate quante lettere ho protocollato ali 'ufficio e a qualche dirigente, tra cui anche Angellotto il quale che non mi risponde. Colgo l'occasione della presenza dell'ingegnere Angellotto per dire che in merito al sistema fognario ho chiesto di sapere se abbiamo un collaudatore e chi è il collaudatore per il sistema di fognature. Non ho avuto risposta nemmeno alla richiesta del 31 ottobre 2013 ad avere i progetti delle opere pubbliche fino ad oggi nonostante siano arrivati 3 solleciti. Quando sono andato ali' Arcadis il tecnico, nonché il geometra hanno confermato quanto sto per dire e quanto è nella nota di Palmieri già a febbraio 2013 protocollo avente ad oggetto: "Realizzazione dell'immissione del collettore Gragnano compresa nel tratto tra l'impianto di depurazione di Castellammare di Stabia e Via Ponte Persico. Problematiche di Via Schito". In effetti pone il problema Write System Srl- Multimedia Service Pagina 12 di 27

13 che la zona riceve tutte le acque da su e ci vorrebbe un sistema idoneo a smaltire e recepire la quantità per poterla convogliare e portare nel depuratore. Allo stato questo non è possibile perché avevano una disponibilità di fondi tale che non riuscivano a poter realizzare almeno 2 pompe di sollevamento. L'analisi fu di dire: "Possiamo possiamo fare i lavori e non li completiamo o portiamo a completamento tutti i lavori?". La scelta tocca a loro, non l'ha fatta il Comune, il progetto non è per zone separate, ma è un progetto unitario ed è un progetto dell' Arcadis dove il dirigente Palmi eri già aveva dato queste indicazioni, purtroppo non c'è la copertura finanziaria e ci si augura ci sia con il nuovo piano finanziario della Regione al fine di realizzare il sistema di fognatura. Allo stato né il mercato dei fiori, né traversa Fondo D'Orto, né Ponte Persica ce l'ha. Manca il collegamento di 50 metri che deve passare in una proprietà privata, il proprietario di questa ha svolto un ruolo importantissimo nella passata amministrazione e non ci ha concesso di accedere in quella proprietà, è partito oggi l'esproprio che si dovrebbe completare a fme gennaio. MELISSE: Volevo dire all'amico Cimmino che per quanto riguarda quest'area di progettazione denominata "Bacino A" è delimitata a nord dal fiume Samo, ad ovest dal mare, ad est dai Comuni di Santa Maria e Pompei nonché Da Rivo San Marco per quanto riguarda il sud. L' Arcadis, nella fase progettuale, questo bacino lo individua così perché hanno apportato delle varianti, dove identificano come bacino di Via Vecchia Fontanelle inquadrando: Via Vecchia Fontanelle, Via Fontanelle, ritenendole individuate in planimetria come: A3, A12 e A28, Via San Benedetto A4, Traversa Lattaro, Via Savorito e Viale Don Bosco che sarebbero: A13, A13.1, A13.2 e Traversa Via Vecchia Fontanelle A14. Individuandole come aree subalteme le individuano in questa fascia. Ci sono errori progettuali perché quando redigono questo progetto si riferiscono ad un'aerofotogrammetria degli anni dove sicuramente esistevano percentuali di almeno il 30 per cento. (Intervento fi.tori microfono) MELISSE: Non è una difesa dell'ente Regione o Arcadis, ma purtroppo più di questo non possiamo fare. Essendoci l'assessore, il Sindaco e i dirigenti, devono prendere un impegno se possono permettersi, economicamente, di pulire quel canalone, perché è l'unica soluzione. Alle ore 18.30entra il consigliere Russo. La parola al consigliere Greco. GRECO: Vorrei che oggi in quest'aula si assumessero delle responsabilità ben precise anche perché non è vero che oggi non possiamo fare nulla e non è vero che non possiamo agire. Vedendo i telegiornali capiamo che oggi la priorità del Governo nazionale e delle Regioni è il riassetto idrogeologico di 21 milioni di abitanti di zone a rischio idrogeologico, questo è stato dichiarato a Palazzo Chigi il20 novembre, con la Presidenza del Consiglio, le Regioni, l'autorità di Bacino, tutti gli enti preposti. Il Governo nazionale ha stanziato 9 miliardi di euro , interventi che riguardano mille 130 Comuni, che riguardano 21 milioni di abitanti. I cittadini di Via Fontanelle e i cittadini stabiesi fanno parte dell'italia, quindi, sicuramente dovranno rientrare in questa nuova programmazione di fondi che ha fatto il Governo nazionale d'intesa con le Regioni e con l'autorità di Bacino. In Campania è già arrivata una parte di quei fondi- circa 217 milioni di euro- e il progetto in Campania si chiama Grande Samo, un nome a noi molto conosciuto, quindi, se tutti i fondi arrivati in Campania non servono neanche per fare una rete fognaria a Via Fontanelle, a pochi metri dal Samo, non riesco a comprendere questi 200 milioni di euro come possono essere utilizzati. Il Comune deve essere portavoce Write System Srl- Multimedia Service Pagina 13 di 27

14 SEDUTA DEL29 DICEMBRE 2014 di questa esigenza, anche perché il Comune deve far peso sulla Regione e sull' Arcadis, anche perché oggi più che mai c'è la possibilità economica, cosa che forse non c'era prima. Oggi il Governo punta sul riassetto idrogeologico e su scuole, riusciamo ad inserirei almeno sul riassetto idrogeologico visto che sulle scuole abbiamo fatto poco o nulla? C'è il discorso che riguarda questa modifica della progettazione. La variante in corso d'opera andava fatta per il progetto sul collettore recependo fondi esterni, fondi che potevano essere presi tranquillamente dai 217 milioni. Per quanto riguarda il progetto sulla rete fognaria delle Fontanelle è un servizio essenziale che dobbiamo fornire a questi cittadini e oggi più che mai dobbiamo impegnarci, come Consiglio Comunale, come Amministrazione, a presentare, nell'immediato, un progetto presso la Regione Campania, presso l' Arcadis, ad accedere a quei fondi e dare ai cittadini di Via Fontanelle- residenti e proprietari di attività commerciali che pagano caramente le tasse e le imposte come le paghiamo tutti, come le pagano in qualsiasi parte d'italia, quindi, meritano anche loro un servizio - la messa in sicurezza di tutte quelle aree, quindi, sia una progettazione a media e lungo termine che gli consenta di avere finalmente la rete fognaria oggi e non domani sia la pulizia del canalone più nell'immediato, questa è sicuramente un'attività che dovrà porre in essere subito l'amministrazione Comunale e noi consiglieri, da oggi in poi, come anche prima, ci faremo portavoce, a vostro favore, di tutte le esigenze che ci saranno in quella zona. La parola al consigliere Alfano. ALFANO: Presidente, Sindaco, colleghi Consiglieri, Assessori, amici di Fontanelle e di Castellammare, il Regolamento stabilisce che noi Consiglieri, purtroppo, non possiamo interloquire con chi assiste al Consiglio Comunale, salvo diverso avviso oppure presa di posizione da parte del Presidente, quindi, è una sorta di distanza che è brutta a dirsi, ma altrimenti qui non ne usciamo, stiamo sempre come il cane che si morde la coda, è 29 dicembre, abbiamo da fare, la politica deve produrre qualcosa, altrimenti torniamo a casa senza aver concluso nulla. Conosco benissimo l'amico Angellotto che forse non ha il dono della parola, però lo conosco benissimo, è la mente storica di Castellammare e di quel canale conosce ogni centrimetro, se gli diciamo un numero civico di Via Fontanelle, lui ci dice anche chi ci abita, ne sono certo. Dobbiamo parlare con gli atti. Caro Sindaco non la invito a fare colazione ma a fare un bagno alle Fontanelle. Sindaco lei ha questo modo di comunicare che devo assolutamente sposare, perché incute una tranquillità eccezionale. A me piace scherzare, la politica è una cosa seria, però bisogna affrontarla con dinamismo altrimenti 1noriamo. Protocollo 32799del 6 agosto. È vero che questi soldi vengono gestiti da altri enti, ovvero dalla Regione che poi si spacchetta in Arcadis ed in Commissariato di Bacino, l' Arcadis fa le fognature, il Commissariato di Bacino fa il benedetto collettore che ci deve salvare una volta per tutte. La Regione indirizza una nota del 14 luglio, abbiamo la bontà di rispondere il 6 agosto, risponde l'ingegnere Angellotto. In un passaggio in cui dice che diverse cose vanno bene, questa è la nota che in ha enunciato il nostro Sindaco, alla fine dice: "La perizia, così come il progetto, non prevede opere che possano consentire di ottenere la bonifica totale del Rivolo Calcarella". Gli atti della perizia, a parere dello scrivente, non chiariscono bene le ragioni che hanno portato a preferire il completamento dell'impianto di sollevamento di Via Schito- non me ne vogliano gli amici di Via Schito, ma quello è un errore progettuale che deve far fronte chi ha fatto quell'errore e non gli abitanti di Fontanelle- in sostituzione delle fogne di Via Vecchia Fontanella ove si intende tutta quella zona. L'ingegnere dice: "Caro Arcadis, togli i soldi da un capitolo e li destiniamo ad un altro capitolo?". Gli abitanti di Fontanelle se vedono un tombino per terra come una fogna che raccoglie le acque si chiedono: "Cos'è un'oasi?". Non le hanno mai viste. Sindaco non dobbiamo dire le mezze verità, protocollo 46728: "L 'indicazione dell'ente d'ambito e della Gori quali soggetti proposti ad attuare il completamento delle opere rappresenta la giusta collocazione amministrativa per le soluzioni del problema". Stiamo dicendo all' Arcadis di affidare il completamento Write System Srl- Multimedia Service Pagina 14 di 27

15 all'ente d'ambito sarnese vesuviano. Il Comune di Castellammare ha fatto il Ponzio Pilato, dice: "Non è un problema nostro, lì sono abituati ad andare con i sommergibili". Il problema delle fognature è come il problema del lavoro, non ha alcun colore politico, non ci dobbiamo mettere nessuna medaglia, propongo di fare una mozione d'ordine dove impegniamo l'amministrazione a prendere contatto con l' Arcadis e andare a rivedere la variante, in caso contrario dobbiamo impegnare Gori e dire che nel momento in cui finisce il collettore devono essere pronte le fognature in Via Fontanelle e in Via Vecchia Fontanelle. Caro Sindaco, mi sono informato, una fognatura costa 3 mila euro al metro, con 150 mila euro completiamo l'impianto. C'è un tratto di fogna che parte da traversa Lattaro e si avvia verso Via Fontanelle che è già stato fatto, quello resterà vuoto, ci saranno quelle fognature inutilizzate, come ci saranno le fognature inutilizzate anche a Via Vecchia Fontanelle che non saranno collegate. È inutile girare intorno al problema, sono convinto che è un problema che interessa anche e soprattutto la maggioranza, stiamo parlando di 150 mila euro per risolvere un problema che da 50 anni affligge i residenti di quelle zone. Caro Sindaco, ha fatto una riunione in periferia, è venuto in zona e si è interfacciato con una forza politica di Santa Maria La Carità, vi è un Sindaco di centro sinistra che è di Pompei, poteva chiamare qualche Consigliere della zona che conosce bene i fatti, potevamo creare una sorta di rete per cercare di risolvere i problemi, questo è un problema che non è del Sindaco Cuomo, viene da 40 anni, però, caro Sindaco questa nota è una volontà politica della sua Amministrazione. È una responsabilità politica dell'amministrazione Cuomo. Ho avuto cura di andare a vedere quanti voti ha preso al ballottaggio nelle sezioni 20 e 21, caro Sindaco, ha preso il 50 per cento, 500 cittadini hanno scritto Cuomo. Le Fontanelle è un feudo del centro sinistra e lo dovete salvaguardare. La parola al consigliere Zingone. ZINGONE: Il centro sinistra, in particolare nelle periferie, ha avuto molti consensi. Abbiamo dei problemi economici finanziari che non ci permettono di fare quello che vi aspetterete, quello delle fognature e degli allacciamenti sono, purtroppo, un problema cronico. Vedo che questa corrispondenza inizia ad essere molto più fluida durante la nostra Amministrazione. Stiamo lavorando per voi con molto silenzio, facendo camminare quello che serve di più, cioè la documentazione, le chiacchiere le lasciamo fare agli altri. Vorrei ricordare che molti Consiglieri comunali che oggi sono qui e hanno chiesto la convocazione del Consiglio Comunale, quando erano al governo di questa città non si sono occupati delle Fontanelle, ci tenevo anche a far emergere questo dato perché quando si governa una città si esprimono anche tutti gli interessi dei Consiglieri comunali. ALFANO: Consigliere Zingone le fognature con l'altra Amministrazione c'erano. Consigliere Alfano non interrompa il consigliere Zingone. ZINGONE: Consigliere Alfano lei era un Consigliere di maggioranza, se era interessato alle Fontanelle, quando era al governo di questa città, avremmo fatto, in ogni caso, un Consiglio Comunale insieme a lei per le Fontanelle, oggi sembra, invece, che sia più un Consiglio Comunale per sollevare un problema su cui stiamo lavorando in silenzio e volevo far emergere questo dato. Siccome c'è della documentazione con tanto di date, se per cortesia vi fate dare la documentazione che sicuramente il consigliere Alfano avrà tra le sue mani, me le potrà anche dare, anche voi potreste arrivare a delle convinzioni che, probabilmente, in quest'aula, ognuno cerca di portarle a parte sua. Sulla questione delle fognature quest'amministrazione sta lavorando con serietà tanto è vero che oggi abbiamo l'allacciamento del depuratore biologico che per 7 anni consecutivi ha avuto una proroga Write System Srl- Multimedia Service Pagina 15 di 27

16 annuale senza che nessuno facesse nulla, per fortuna il Sindaco, nel 2014, ha detto alla società che si occupava di depurazione che se non avessero adempiuto agli obblighi contrattuali avrebbe sciolto il contratto, questo è un lavoro silenzioso che dopo 9 mesi ha portato ad un obiettivo preciso, questo per far emergere che sulla questione dell'impianto fognario quest'amministrazione sta lavorando perché il suo primo obiettivo è vero che sono le fognature e gli allagamenti, ma dobbiamo recuperare la risorsa mare. Da questo mio intervento volevo far emergere che sulla questione delle fognature quest'amministrazione sta lavorando come nessuno mai ci ha lavorato. Se chiedete la documentazione vi rendete conto che ci sono delle cose molto importanti che sono state fatte che mai erano state fatte e che purtroppo non è una cosa che si può fare subito, quello che dovete cogliere è che l'intenzione politica di portare avanti questi interventi c'è tutta ed è dimostrato dalle corrispondenze, noi non abbiamo competenze perché l' Arcadis è un ente regionale. Ringrazio il signore del pubblico, invito il consigliere Zingone a concludere l'intervento. ZINGONE: Quello che sta emergendo è che c'è un comitato e a noi fa molto piacere, spero ci siano degli incontri tra lei e quest'amministrazione affinché ci sia quella collaborazione necessaria per risolvere il problema, purtroppo questo non è un problema che possiamo risolvere subito. A noi fa piacere che sia venuto un quartiere a lamentarsi perché se non si verifica questo, probabilmente, le Amministrazioni non vengono richiamate su delle questioni, anche se avete avuto la dimostrazione che si sta facendo un lavoro serio. Il Comune ha scritto, fatevi dare le carte, non fatemi dire le cose dalle persone, è meglio che ve la vediate tra di voi. Vi posso dire una fesseria. Grazie per il vostro intervento in quest'aula. Ringrazio il consigliere Zingone, concedo la parola al consigliere Ungaro. UNGARO: Sindaco, colleghi Consiglieri, Assessori, concittadini di Castellammare, apprezzo il tentativo di difesa che ha fatto il consigliere Zingone verso quest'amministrazione però è altrettanto doveroso dire che questi nostri concittadini sono venuti qui a lamentarsi solo perché sono stati depredati di un diritto acquisito negli anni e che una variante sta tentando di portargli via, quindi, hanno ben ragione di lamentarsi. Se i nostri concittadini vengono a costituirsi in comitato e fare le loro rimostranze in Consiglio Comunale è solo perché ad un certo punto la calendarizzazione delle opere fognarie da realizzarsi per il quartiere Fontanelle è venuta meno, quindi, c'è stata questa variante per cui si sono sentiti derubati di qualcosa che, dopo tanti anni di promesse e di non risposta da parte delle varie Amministrazioni che si sono susseguite, avevano ottenuto. Le due relazioni che si sono susseguire da parte dell'ingegnere Angellotto ben fanno evidenziare l'elemento chiave, c'è una relazione dove l'ingegnere si espone in maniera negativa verso questo cambiamento, dopodiché, per un motivo che non si sa bene da dove sia uscito dà l' ok affinché la variante si potesse fare, per cui penso che i cittadini abbiano bisogno di risposte, hanno fatto una serie di richieste abbastanza semplici ma concrete e penso, in rappresenta della città e come Amministratore locale, che a questi cittadini vadano date risposte semplici, nette e concrete, che non debbano cadere nel politichese, perché nessuno di noi ama parlare in politichese, nessuno di noi ama questi tecnicismi, per cui proponevo all'amministrazione di fare una sospensione di mezz'ora del Consiglio Comunale, nel frattempo elaborare delle risposte concrete da poter dare ai cittadini, nel frattempo l'ingegnere elabora le risposte da dare ai cittadini e noi, in questa mezz'ora, possiamo approvare o un ordine del giorno o una mozione dove recepiamo le vostre aspettative e cerchiamo di dare delle risposte concrete. Write System Srl- Multimedia Service Pagina 16 di 27

17 Concordo con la sospensione. Darei la parola all'ingegnere che ha segnato le richieste dei vari Consiglieri e successivamente, se il Consiglio è d'accordo, sospendiamo i lavori per mezz'ora. La parola al consigliere Giovedi. GIOVEDI: Questo Consiglio Comunale sembra una baraonda, ognuno scarica le colpe sulle precedenti Amministrazioni, addirittura andandosi a ricordare le Amministrazioni di sette o otto anni fa, secondo me non è questo il modo di agire. Qui si sta chiedendo che cosa si fa per quel quartiere. Personalmente non prenderò nessun impegno con quest'amministrazione facendo la solita carta scritta, sul mondo del lavoro abbiamo fatto una carta scritta che entro 20 giorni si dovevano convocare i sindacati per il mondo del lavoro e non è stato fatto, fare un'altra presa di posizione, un'altra carta, senza nessun valore, non sono disposto a firmarla. Penso che si debba intervenire immediatamente sulle fognature di quella zona per mettere in sicurezza quella zona. Fare demagogia lo lasciamo fare alla politica, non ai cittadini. Non sono preparato tecnicamente, però a casa mia quando il bagno si ottura chiamo l'espurgo, se lì ci sono le fognature piene di terreno si chiama qualcuno, poi il costo viene dipartito in parti uguali di chi deve pagare, però non è possibile che diciamo che lì c'è un problema imminente da risolvere e facciamo demagogia. Se mi dite come si fa vado a pulire la fognatura, se mi devo mettere con la pala in mano per me non c'è problema ad andare lì a togliere l'immondizia. La parola alla consigliera Verdoliva. CONSIGLIERA VERDOLIV A: Vorrei semplicemente fare il punto di quello che ci siamo detti, ci sono stati molti interventi, tutti autorevoli, dei miei colleghi, ma soprattutto interessanti come quelli della popolazione del quartiere. Prima della sospensione direi di!asciarci con il punto della situazione. Mi sono segnata 2 domande fondamentali che avete fatto: Perché sono stati spostati questi soldi? Perché non viene pulito questo famoso canalone? Rispetto a queste due questioni vorrei seguire l'invito alla concretezza che hanno fatto sia il consigliere Giovedì sia il consigliere Zingone che il consigliere Alfano. È inutile stare qui a raccontarci cosa quest'amministrazione ha detto o ha fatto, potrei tediarvi leggendo vi l'intervento che ha fatto ali' epoca il Vicepresidente del Consiglio Cimmino, quando diceva che era risolto il problema di Fontanelle, però, come dite voi, parliamo di quello che vi interessa e non delle vecchie questioni. In questi toni un po' esasperati sono sfuggite 2 notizie per voi importanti, perché rispondono a quei 2 interrogativi che avete posto: vi è sfuggito che il consigliere Melisse ha già fatto questo passaggio rispetto alla pulizia del canalone. Come diceva il consigliere Zingone, più che le parole devono servire i documenti scritti, lui ha presentato una richiesta scritta. Non siamo abituati molto alle chiacchiere. Rispetto al canalone, un primo pezzetto di canale, a seguito della richiesta del consigliere Melisse, è stato fatto, si deve proseguire. CONSIGLIERA VERDOLIV A: Rispetto a quanto il consigliere Ungaro diceva cioè l'essere derubati di un qualcosa destinato ai cittadini delle Fontanelle mi pare che l'assessore, nel suo passaggio, abbia ben spiegato che cosa sia successo rispetto a questo punto, cioè dice che ci sono questi soldi che erano stati, dali' Arcadis, destinati alle fognature delle Fontanelle. Partiamo dal fatto che è un unico progetto fognature per il Comune di Write System Srl- Multimedia Service Pagina 17 di 27

18 Castellammare in quei quartieri laddove mancano ancora, ali 'interno di questo unico progetto poi ci sono i vari punti dove si deve intervenire. Rispetto a questo progetto unitario delle fognature c'è il capitolo su Fontanelle, Arcadis dice: "Se oggi 29 dicembre 2014 completo le fognature di Fontanelle, comunque, da oggi a 2 anni, i cittadini di Fontanelle non li potranno utilizzare perché non c'è il collegamento con il collettore, vogliamo fare comunque le fognature a Fontanelle, che è un quartiere di Castellammare, e per 2 anni non si possono utilizzare". Il Sindaco, nella relazione introduttiva, ha detto che l'ingegnere Angellotto non ha dato l'autorizzazione alla variante finché la Regione non ha garantito che ci sarebbe stata la copertura. Facciamo terminare l'intervento alla consigliera Verdoliva, sono prenotati anche altri consiglieri comunali, dopodiché daremo la parola all'ingegnere Angellotto per la risposta alle richieste poste in quest'aula. CONSIGLIERA VERDOLIV A: Il punto era quello di dare una risposta rispetto ad una domanda che un ente regionale fa all'ente comunale dove dice: "Ti posso completare le fognature in questo punto, però le utilizzeranno tra due anni oppure te le posso completare qui dove le possono utilizzare immediatamente". Il Comune non si limita a dire: "l cittadini sono questi, le tasse le pagano questi, il problema ce l 'hanno questi, facciamole fare di qua dove le possono utilizzare immediatamente". Il Comune non si limita a dire questo, dice: "Prima di autorizzarti a fare questo spostamento, voglio la garanzia che ci siano i soldi anche per questi altri altrimenti non li sposti". È questo che ha detto l'ingegnere Angellotto all'arcadis. Dopo che ha avuto la risposta, ha detto: "Ok", non lo avrebbe detto se quelli non gli avessero dato la risposta. La parola al consigliere Vitiello. VITIELLO: Signor Sindaco, signori Consiglieri, esprimo la mia insoddisfazione nel corso di questo dibattito perché non penso che un dramma del genere debba essere affrontato da noi nella maniera in cui stiamo facendo, è vergognoso soprattutto perché non siamo riusciti ad offrire delle risposte concrete, ma solo parole in libertà, come: "È possibile! Può darsi! È prevedibile!". Abbiamo il dovere di dare delle risposte serie anche e soprattutto perché da quello che ho avvertito, da quello che sento, non solo ci sono responsabilità di natura politica, ma intravedo responsabilità di natura penale perché se è vero, come da qualche parte è venuta fuori, questa disgrazia, che può essere un dato concreto, c'è dolo con la previsione dell'evento da parte di quest'amministrazione che nulla fa per intervenire e per abbattere il pericolo che stanno denunciando. Mi sento solidale con l'amico Giovedì, non sarò tra quelli che approveranno il solito foglio di carta, pretenderò, così come ho preteso, ma invano, tal une cose per le terme, tal une cose per l'avis, talune cose per il porto, ma mai senza avere un contenuto di serietà alla risposta che è venuta fuori, pretenderò stasera che si descriva un decalogo, un programma preciso attraverso il quale daremo a questi signori una risposta di certezza su quello che andremo a fare. Stiamo trattando questo argomento perché voluto dali' opposizione, allora una delle cose che mi permetterei di chiedere al Sindaco e alla sua Amministrazione è se in questi 18 mesi gli è venuta mai l'idea di pensare a questo problema delle Fontanelle, perché se mai avessero pensato di lambire appena questo problema oggi avremmo fatto già tantissime cose e intanto dobbiamo registrare che nulla è stato fatto. Mi rendo conto che la complessità dei fenomeni territoriali sia difficile, mi rendo conto che tantissimi sono i problemi di morfologia che questo nostro Paese ha, però è chiaro che la nostra politica potrebbe essere una politica di piccoli passi, ma di passi certi, seri. Ingegnere, per risolvere il problema di questo maledetto canalone, di quanti soldi abbiamo bisogno? Se è vero che c'è un bilancio di assestamento, facciamo convogliare i fondi, vediamo cosa possiamo fare, apprezzeranno le cose che facciamo nella concretezza più assoluta. Non è possibile stilare il solito ordine del giorno che approveremo tutti, questa gente purtroppo andrà via senza avere una risposta e ancora una volta ci attesteremo con una riserva nei loro confronti. Write System Srl- Mu/timedia Set-vice Pagina 18 di 27

19 È fmito il tempo delle riserve, ritengo che sia opportuno, dopo le risposte dell'ingegnere Angellotto, fare una riunione dove pretenderò la presenza di una delegazione di questi signori, i quali devono sapere quali sono i problemi, perché non è possibile che usciamo con un ordine del giorno prendendoli in giro. Loro, insieme a noi, devono conoscere quali sono i problemi e insieme a noi devono cercare di individuare le soluzioni maestre per andare verso una concretezza. Il mio amico Giovedi ha sottolineato l 'urgenza di una riunione nel corso della quale scandiamo i punti, scandiamo i pericoli, vediamo quali possono essere le soluzioni nell'immediato, a medio termine, a lungo termine, ma dobbiamo iniziare a dare delle soluzioni a questa gente. Dico queste cose in tutta serietà. Stiamo facendo un Consiglio Comunale che fa vergogna, perché non abbiamo la pudicizia di dire le cose come stanno, addirittura sento dire che si sono distratti dei fondi, fatto gravissimo, penalmente rilevante, attenzione, soprattutto quando c'è il pericolo di questo dissesto che potrà provocare delle cose che poi non saranno recuperabili. Confido Sindaco perché ci sia una maggiore attenzione rispetto ai problemi della città, ma soprattutto ci sia una maggiore serietà nel dare le risposte ai cittadini che vengono e chiedono le risposte a questo consesso comunale. Auguro che possa essere messa ai voti l'idea di questa riunione dove c'è la partecipazione dei cittadini, una delegazione che non deve essere nutrita, ma composita, che soprattutto dia la possibilità di un contributo alla soluzione dei problemi. La parola alla consigliera Somma. SOMMA: Signor Sindaco, Assessori, colleghi Consiglieri e soprattutto concittadini della periferia. Non abito in periferia ma al centro, quella è una zona che frequento quotidianamente perché insegno non a scuola che si trova a Via Lattaro, il vostro non è un problema ma è un dramma, come diceva l'avvocato Vitiello, può correre il rischio di diventare tale. Qualcuno ha detto - i colleghi della minoranza hanno più volte sottolineato - che questo Consiglio Comunale è stato voluto da quella parte politica, voglio esprimervi quella che può essere la solidarietà umana, ma soprattutto quello che diventa un impegno improrogabile, come parte politica, come maggioranza, ad essere propulsione a coloro che hanno le competenze tecniche perché vi diano ora, in quest'aula, soddisfazione per quello che è stato e ci si impegni per quello che sarà, perché io che passo, quotidianamente, quando vado a lavoro, in quelle zone, so quello di cui parlate. È vero che è stata la minoranza a volere questo Consiglio Comunale, però la politica è fatta anche di numeri, se la maggioranza non avesse sentito il peso e la responsabilità di questo problema questo Consiglio Comunale non si sarebbe celebrato, come ha detto il consigliere Cimmino, lo abbiamo voluto a porte aperte, non si sono celebrati Consigli a porte chiuse e non si celebrano Consigli a porte chiuse su problemi che riguardano i nostri concittadini, di conseguenza, questo Consiglio vi accoglie, come ha detto il Sindaco in apertura, vuole condividere dei percorsi seri fatti anche con enti che sono superiori a noi, con la Regione, con il vostro Comitato, perché questo non ' un problema vostro, questo diventa un problema nostro e i tecnici che possono affrontarlo e risolverlo lo devono fare, perché io, come Consigliere di maggioranza, pretenderò che ci sia attenzione e che le cose vengano fatte in maniera corretta. V e lo dobbiamo, la città ve lo deve, è un problema che riguarda tutti, perché Castellammare è un'unica cosa, non ci sono periferie, ma come diceva il Sindaco, le periferie devono diventare quartieri, tutto deve essere quartiere, tutto deve essere centro, quello che è al centro della città ma anche quello che è corollario. Questo è il nostro impegno. Non ci sono altri interventi, concedo la parola all'ingegnere Angellotto. CIMMINO: Quando la consigliera Somma mi chiama in causa devo mandare la palla nel campo della maggioranza e dire: "Dov'è la sensibilità della maggioranza?" Write System Srl- Multimedia Service Pagina 19 di 27

20 Non c'è nessun fatto personale. La parola all'ingegnere Angellotto. DIRIGENTE ANGELLOTTO: Grazie per la parola. Rispondo un po' in relazione alle domande che mi sono state poste e un po' in linea generale alle problematiche del canalone di Via Fontanelle. In relazione alla questione che poneva il consigliere Alfano circa lo spostamento delle risorse dalla fognatura al collettore è una questione della Regione, non l'ho condivisa dicendo: "A parere dello scrivente non chiarisce bene la perizia di variante le ragioni che hanno portato a preferire il completamento dell'impianto di sollevamento di Via Schito con la sostituzione con le fogne di Via Vecchia Fontanelle". L'ingegnere Marzano, che è il progettista di quest'opera, mi chiese perché non capissi e se avesse scritto male in italiano, gli risposti che aveva scritto bene in italiano e che il problema è che non capisco la ragione che c'è dietro questa cosa, che non condivido la ragione per cui si completi un impianto di sollevamento che è importante, che fa parte del collettore, quindi fa parte di un'altra opera dove potevano essere i signori responsabili di quell'opera a preoccuparsi di quell'impianto di sollevamento e conservare, invece, le fogne di Via Vecchia Fontanelle". Via Fontanelle non è compresa nell'ultima perizia di variante che ho avuto modo di esaminare in quanto questo progetto ha avuto, complessivamente, se non erro, 4 perizie di variante. Via Fontanelle faceva parte del progetto all'inizio, tanto è vero che è stato realizzato un tratto di fogna. La ragione tecnica per cui andava fatto quello e non quell'altro non l 'ho mai digerita completamente, a questo punto abbiamo scritto la nostra nota, condivisa con il Sindaco, in cui abbiamo posto una serie di problemi. Questo è l'ultimo dei problemi, c'è tutta una sfilza. Non so se avete modo di leggere questa nota in cui spesso dico che si ritiene non sufficiente la soluzione, si deve condividere la soluzione proposta, quando dico che si deve condividere la soluzione dico: "Voi mi dite che è così e io non posso che dire che è ok dal momento che non mi date un'alternativa". Quando dico che non posso che condividere questa cosa faccio balenare l'ipotesi che dietro ci possa essere un errore perché se dobbiamo fare la fogna su un determinato tratto e poi non lo possiamo fare perché ci sono sottoservizi, questo potrebbe configurare un errore progettuale, però la questione non è del Comune di Castellammare. Questa nota di risposta dell'ufficio Arcadis elenca dettagliatamente i punti che in questa perizia di variante non condivido. Su Via Fratte era previsto di scendere con la fogna attraverso Via Fratte al Cognulo, nella perizia di variante si dice: "Non possiamo scendere per Via Fratte al Cognulo, dobbiamo fare 2 impianti di sollevamento che mandano tutto al Piazzale dove sta l'istituto Santa Rita". Perché non scendere se c'era un progetto esecutivo che diceva di scendere per quella stradina? Stralciare le fogne di Via Vecchia Fontanelle per l'impianto di sollevamento di Via Schito è una cosa che non ho condiviso, non ho compreso bene la ragione che c'è dietro. D'accordo con il Sindaco abbiamo mandato questa nota che è stata intesa dalla Regione come una nota negativa, cioè il Rup di questo procedimento ha inteso questa nostra nota come una nota negativa, una nota di non condivisone della perizia di variante al punto che si paventava il blocco dei lavori perché senza l'approvazione della variante ci sarebbe stato il blocco dei lavori di Via Schito, il blocco di lavori in corso. A quel punto la Regione ha mandato quella nota che il Sindaco ha letto in cui dice che la questione delle fogne che sono state stralciate da questa perizia di variante saranno realizzate dall'ente d'ambito e dalla Gori, amministrativamente è il percorso giusto perché l'ente d'ambito e la Gori sono quelli che devono realizzare le fogne, quando si esce fuori dali' emergenza, perché queste sono opere che fanno il Commissario Straordinario Emergenze Samo, ex generale lucci, oggi Arcadis e per quanto riguarda il collettore per Gragnano è il Commissariato Emergenza Bonifiche che mi sembra sia rimasto tale e quale, non fa capo all' Arcadis, sono 2 organismi regionali diversi. Non ho condiviso questa cosa, una volta che la Regione però mi ha assicurato che quello era il percorso amministrativo che andava seguito, nel senso che l'ente d'ambito avrebbe provveduto, noi come Comune non potevamo fare altro, i problemi li avevamo rappresentati, un'assicurazione l'avevamo avuta, abbiamo detto: "Ok". Write System Srl- Multimedia Service Pagina 20 di 27

CITTÀ DI CASTELLAMMARE DI STABIA (Provincia di Napoli) VERBALE REGISTRO DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO COMUNALE. Seduta del29.04.2014 N.

CITTÀ DI CASTELLAMMARE DI STABIA (Provincia di Napoli) VERBALE REGISTRO DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO COMUNALE. Seduta del29.04.2014 N. CITTÀ DI CASTELLAMMARE DI STABIA (Provincia di Napoli) VERBALE REGISTRO DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO COMUNALE. Seduta del29.04.2014 N.38 OGGETTO: Ordine del giorno "Giudice di Pace" L'anno duemilaquattordici,

Dettagli

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa 11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio raccolta integrato dei rifiuti solidi urbani. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa delibera di Consiglio,

Dettagli

Ordine del Giorno. Comune di Agrigento. Seduta del Consiglio Comunale del 27 Dicembre 2013

Ordine del Giorno. Comune di Agrigento. Seduta del Consiglio Comunale del 27 Dicembre 2013 Comune di Agrigento Seduta del Consiglio Comunale del 27 Dicembre 2013 Ordine del Giorno 1. Designazione scrutatori; 2. Relazione previsionale e programmatica 2013 2015. Bilancio di Previsione 2013. Bilancio

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO SEDUTA DEL 25 MAGGIO 2015 R E S O C O N T O D E L L A S E D U T A

PROVINCIA DI BERGAMO SEDUTA DEL 25 MAGGIO 2015 R E S O C O N T O D E L L A S E D U T A PROVINCIA DI BERGAMO C O N S I G L I O P R O V I N C I A L E R E S O C O N T O D E L L A S E D U T A CONSIGLIO PROVINCIALE RESOCONTO L'anno DUEMILAQUINDICI, il giorno 25 del mese di MAGGIO alle ore 9:00,

Dettagli

COMMISSIONE SUL CICLO RIFIUTI BOZZA NON CORRETTA 1/8

COMMISSIONE SUL CICLO RIFIUTI BOZZA NON CORRETTA 1/8 1/8 MISSIONE IN SICILIA 1 OTTOBRE 2009 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA La seduta inizia alle 10,23. PRESIDENTE. Ovviamente la ringraziamo. La relazione da lei predisposta ci consentirà di abbreviare

Dettagli

VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 28 NOVEMBRE 2013

VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 28 NOVEMBRE 2013 VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 28 NOVEMBRE 2013 Oggetto: Quarto Punto all OdG: Modifica Elenco Annuale LL.PP. Anno 2013 e Piano Triennale OO.PP. 2013-2015. PRESIDENTE: Quarto Punto all OdG: Modifica

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DNO COMUNE DI ARIANO IRPINO DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 32 OGGETTO: del Reg. Legge 730/86 e s.m.i. Riparto fondi anticipati per ricostruzione Rione Valle in corso di recupero. ADUNANZA DEL

Dettagli

RIPRESA DEL CONSIGLIO - ORE 18.14 - BILANCIO DI PREVISIONE DEL CONSIGLIO REGIONALE 2016 2018. TRATTAZIONE PARZIALE.

RIPRESA DEL CONSIGLIO - ORE 18.14 - BILANCIO DI PREVISIONE DEL CONSIGLIO REGIONALE 2016 2018. TRATTAZIONE PARZIALE. Regione Molise -10- Resoconti Consiliari RIPRESA DEL CONSIGLIO - ORE 18.14 - BILANCIO DI PREVISIONE DEL CONSIGLIO REGIONALE 2016 2018. TRATTAZIONE PARZIALE. Prego i Consiglieri di prendere posto. Riprendiamo

Dettagli

OGGETTO: INTERROGAZIONE PROT. 14821/2010 A FIRMA DEL CONSIGLIERE COMUNALE FORTUNATO MARCIANÒ, AVENTE AD OGGETTO; RISTRUTTURAZIONE CASA COMUNALE.

OGGETTO: INTERROGAZIONE PROT. 14821/2010 A FIRMA DEL CONSIGLIERE COMUNALE FORTUNATO MARCIANÒ, AVENTE AD OGGETTO; RISTRUTTURAZIONE CASA COMUNALE. Comune di Rometta Provincia di Messina DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ORIGINALE N.37 del 15/11/2010 OGGETTO: INTERROGAZIONE PROT. 14821/2010 A FIRMA DEL CONSIGLIERE COMUNALE FORTUNATO MARCIANÒ, AVENTE

Dettagli

COMUNE DI BITONTO. Provincia di Bari COPIA VERBALE CONSIGLIO COMUNALE. N. 16... del...17.02.2010. OGGETTO

COMUNE DI BITONTO. Provincia di Bari COPIA VERBALE CONSIGLIO COMUNALE. N. 16... del...17.02.2010. OGGETTO Si trasmette in copia l esecuzione a... Il Segretario Generale COMUNE DI BITONTO Provincia di Bari COPIA VERBALE CONSIGLIO COMUNALE N. 16... del...17.02.2010. OGGETTO INSEDIAMENTO INTERVENTI VARI. L anno

Dettagli

COMUNE DI VILLARICCA PROVINCIA DI NAPOLI

COMUNE DI VILLARICCA PROVINCIA DI NAPOLI COMUNE DI VILLARICCA PROVINCIA DI NAPOLI ORIGINALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 28 DEL 30.04.2013 OGGETTO: Mozione prot. 3448 del 16.04.2013 ai sensi dell art. 58 del vigente Regolamento

Dettagli

COMUNE DI PARABITA CONSIGLIO COMUNALE DEL 9 MAGGIO 2011. PUNTO 2 O.D.G. aggiuntivo

COMUNE DI PARABITA CONSIGLIO COMUNALE DEL 9 MAGGIO 2011. PUNTO 2 O.D.G. aggiuntivo COMUNE DI PARABITA CONSIGLIO COMUNALE DEL 9 MAGGIO 2011 PUNTO 2 O.D.G. aggiuntivo Sistemazione attrezzature sportive all interno dell area di proprietà comunale in Via Gorizia. Modifica deliberazione C.C.

Dettagli

COMUNE DI CARMIANO CONSIGLIO COMUNALE DEL 30 GENNAIO 2012 PUNTO 6 O.D.G.

COMUNE DI CARMIANO CONSIGLIO COMUNALE DEL 30 GENNAIO 2012 PUNTO 6 O.D.G. COMUNE DI CARMIANO CONSIGLIO COMUNALE DEL 30 GENNAIO 2012 PUNTO 6 O.D.G. Realizzazione di una bretella stradale di collegamento tra la SP 13 Carmiano- Novoli e la SP 121 Carmiano-Villa Convento. Approvazione

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE N. 64 in data 28/09/2010 Proposta n. 65 Oggetto: ORDINE DEL GIORNO PRESENTATO DAL GRUPPO CAVRIAGO COMUNE RIGUARDO LA MODIFICA DEL REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE DELLA TARIFFA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI

Dettagli

(Durante la discussione entra in aula l'assessore Nespoli). ASSESSORE ARCH. FORNONI:

(Durante la discussione entra in aula l'assessore Nespoli). ASSESSORE ARCH. FORNONI: Il Presidente propone la trattazione dell ordine del giorno n. 106 avente per oggetto: programma triennale dei lavori pubblici 2008-2010. Variazione all'elenco annuale per l'anno 2008. (Durante la discussione

Dettagli

CITTÀ DI CASTELLAMMARE DI STABIA (Provincia di Napoli)

CITTÀ DI CASTELLAMMARE DI STABIA (Provincia di Napoli) CITTÀ DI CASTELLAMMARE DI STABIA (Provincia di Napoli) VERBALE REGISTRO DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO COMUNALE. Seduta del 30.01.2015 N. 8 OGGETTO: Nomina del Collegio dei Revisori per il triennio

Dettagli

C O M U N E D I S E L A R G I U S P R O V I N C I A D I C A G L I A R I

C O M U N E D I S E L A R G I U S P R O V I N C I A D I C A G L I A R I P R O V I N C I A D I C A G L I A R I Consiglio Comunale del 28 Settembre 2012 VERBALE DI SEDUTA RESOCONTO INTEGRALE ( t r a s m e s s o a i C a p i g r u p p o C o n s i l i a r i i n d a t a 1 0 o t

Dettagli

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA 1/7

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA 1/7 1/7 CAMERA DEI DEPUTATI SENATO DELLA REPUBBLICA COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA SULLE ATTIVITÀ ILLECIRE CONNESSE AL CICLO DEI RIFIUTI RESOCONTO STENOGRAFICO MISSIONE MARTEDÌ 14 LUGLIO 2009 PRESIDENZA

Dettagli

Presidente Ringrazio il Sindaco. Chiedo chi vuole intervenire? Ha chiesto la parola il consigliere Vinciguerra, ne ha facoltà.

Presidente Ringrazio il Sindaco. Chiedo chi vuole intervenire? Ha chiesto la parola il consigliere Vinciguerra, ne ha facoltà. CONSIGLIO COMUNALE DEL 18.12.2014 Interventi dei Sigg. consiglieri Nuovo regolamento per la disciplina dell attività e spettacolo viaggiante, circhi e simili. Abbiamo il quarto punto che è: Nuovo regolamento

Dettagli

DEL CONSIGLIO COMUNALE

DEL CONSIGLIO COMUNALE COPIA COMUNE DI MONTECATINI VAL DI CECINA PROVINCIA DI PISA -------------- DELIBERAZIONE N. 71 in data: 27.11.2008 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: COMUNICAZIONI DEL SINDACO L anno

Dettagli

OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE.

OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE. PUNTO N. 6 DEL 27/06/2011 OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE. PRESIDENTE: Prima di passare al punto successivo, volevo dire che probabilmente per quanto

Dettagli

progetto di riqualificazione urbana dei Lidi di Comacchio sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli

progetto di riqualificazione urbana dei Lidi di Comacchio sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli Allegato 1 PUNTO N. 6 all'o.d.g.: Progetto di Riqualificazione urbana Lidi di Comacchio in sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli Scacchi Prestito obbligazionario "Comune di Comacchio

Dettagli

Resoconto integrale n.97/a della seduta di audizione del 30 settembre 2014

Resoconto integrale n.97/a della seduta di audizione del 30 settembre 2014 Commissione Consiliare Speciale per il controllo delle bonifiche ambientali e i siti di smaltimento rifiuti ed ecomafie, riutilizzo dei beni confiscati Resoconto integrale n.97/a della seduta di audizione

Dettagli

Cons 18-12 - 06 NUOVO REGOLAMENTO E.R.P.

Cons 18-12 - 06 NUOVO REGOLAMENTO E.R.P. Cons 18-12 - 06 NUOVO REGOLAMENTO E.R.P. Grazie Presidente. Parto dall'ultima considerazione che faceva il collega Monteventi con cui mi trovo assolutamente d'accordo, nel senso che credo anch'io che ci

Dettagli

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale C O M U N E D I A L A (Provincia di Trento) N. 218 Registro delibere Verbale di deliberazione della Giunta Comunale OGGETTO: Affido incarico ing. Matteo Giuliani Studio Tecnico Associato Progetto Ambiente

Dettagli

I.S.P. Istituto Stenodattilo Professional, società a responsabilità limitata Via G. Galilei, 206 - Giulianova Teramo

I.S.P. Istituto Stenodattilo Professional, società a responsabilità limitata Via G. Galilei, 206 - Giulianova Teramo CONSIGLIO COMUNALE DEL 01 OTTOBRE 2015 APERTURA LAVORI APERTURA LAVORI QUINDI COSI PROSEGUE: Buona sera a tutti. Signor Segretario, Iniziamo facendo l appello nominale, per favore. Sono presenti n 11 Consiglieri:

Dettagli

COMUNE DI CARINARO PROVINCIA DI CASERTA

COMUNE DI CARINARO PROVINCIA DI CASERTA COMUNE DI CARINARO PROVINCIA DI CASERTA ORIGINALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 2014-33 Data 01-04-2014 OGGETTO: GESTIONE DEL SERVIZIO DI RACCOLTA E TRASPORTO DEI RR.SS.UU. ALLA LUCE DELLA

Dettagli

COPIA DI ATTO DI CONSIGLIO COMUNALE. Seduta del 15/06/2010 n. 31

COPIA DI ATTO DI CONSIGLIO COMUNALE. Seduta del 15/06/2010 n. 31 COPIA DI ATTO DI CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: INTERPELLANZA presentata dal gruppo consiliare Progetto Filottrano con oggetto: "funzionamento ufficio postale e ADSL". L'Anno Duemiladieci il giorno Quindici

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 29 DEL 1 LUGLIO 2015 APPROVAZIONE NUOVO REGOLAMENTO PER IL CONSIGLIO COMUNALE - RINVIO. L anno duemilaquindici il giorno uno del mese di luglio, alle

Dettagli

CITTÀ DI ISPICA Provincia di Ragusa

CITTÀ DI ISPICA Provincia di Ragusa Letto, confermato e sottoscritto IL SEGRETARIO GENERALE IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO F.TO: B. BUSCEMA F.TO: G. QUARRELLA CERTIFICATO DI PUBBLICAZIONE La presente deliberazione verrà affissa all albo Pretorio

Dettagli

consiglio Regionale della Campania

consiglio Regionale della Campania consiglio Regionale della Campania IV Commissione Consiiare Permanente (Trasporti, Urbanistica, Lavori Pubblici) RESOCONTO INTEGRALE N. 62 SEDUTA IV COMMISSIONE CONSILIARE PERMANENTE DEL 21 DICEMBRE 2011

Dettagli

Sono presenti i ragazzi della Scuola Primaria, della Scuola Secondaria di 1 grado e del Collegio S. Antonio di Busnago.

Sono presenti i ragazzi della Scuola Primaria, della Scuola Secondaria di 1 grado e del Collegio S. Antonio di Busnago. 31 gennaio 2009 Consiglio comunale ragazzi Verbale Consiglio Comunale dei di sabato 31 gennaio 2009 La riunione si apre alle ore 11.05 con il seguente Ordine del Giorno: 1. Elezione del Sindaco 2. Varie

Dettagli

PRESIDENTE: Punto 15 all ordine del giorno, contributo Regione Marche in conto capitale per

PRESIDENTE: Punto 15 all ordine del giorno, contributo Regione Marche in conto capitale per PRESIDENTE: Punto 15 all ordine del giorno, contributo Regione Marche in conto capitale per finanziamento lavori realizzazione sezione asilo nido rione Borgo, chi illustra? Romani, assessore Romani per

Dettagli

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi Vi avevo anticipato l anno scorso che il Difensore Civico s interessa dei

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N 7 DEL 03/04/2009 Originale VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: APPROVAZIONE REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA L'anno duemilanove, addì tre del mese di aprile

Dettagli

BOZZA NON CORRETTA RESOCONTO STENOGRAFICO MISSIONE A VENEZIA GIOVEDÌ 27 NOVEMBRE 2014 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE ALESSANDRO BRATTI

BOZZA NON CORRETTA RESOCONTO STENOGRAFICO MISSIONE A VENEZIA GIOVEDÌ 27 NOVEMBRE 2014 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE ALESSANDRO BRATTI CAMERA DEI DEPUTATI 1/7 SENATO DELLA REPUBBLICA COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA SULLE ATTIVITÀ ILLECITE CONNESSE AL CICLO DEI RIFIUTI E SU ILLECITI AMBIENTALI AD ESSE CORRELATI RESOCONTO STENOGRAFICO

Dettagli

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA 1/6 MISSIONE IN CALABRIA 11 marzo 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA La seduta inizia alle 15.00. PRESIDENTE. Buongiorno. La Commissione la ringrazia. Ci scusiamo, ma come sempre siamo in

Dettagli

CITTÀ DI ISPICA Provincia di Ragusa

CITTÀ DI ISPICA Provincia di Ragusa Letto, confermato e sottoscritto IL SEGRETARIO GENERALE IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO F.TO: B. BUSCEMA F.TO: G. QUARRELLA CERTIFICATO DI PUBBLICAZIONE La presente deliberazione verrà affissa all albo Pretorio

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 19 del 11-05-2011

VERBALE DI DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 19 del 11-05-2011 COMUNE DI PONTE SAN NICOLÒ PROVINCIA DI PADOVA COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 19 del 11-05-2011 Sessione Ordinaria - Seduta Pubblica di Prima Convocazione Oggetto: SURROGA DEL

Dettagli

V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L C O N S I G L I O C O M U N A L E

V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L C O N S I G L I O C O M U N A L E CODICE ENTE: 107708 PANDINO Originale DELIBERAZIONE N 68 del 29/12/2008 V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L C O N S I G L I O C O M U N A L E Adunanza ordinaria di prima convocazione pubblica

Dettagli

COMUNE DI POSITANO Provincia di SALERNO

COMUNE DI POSITANO Provincia di SALERNO *------------------------------------* Prot.n. del *------------------------------------* COMUNE DI POSITANO Provincia di SALERNO COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 3 DEL 14/01/2008 ========================================================================

Dettagli

COMUNE DI VILLARICCA PROVINCIA DI NAPOLI

COMUNE DI VILLARICCA PROVINCIA DI NAPOLI COMUNE DI VILLARICCA PROVINCIA DI NAPOLI ORIGINALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 23 DEL 13.05.2014 OGGETTO: Mozione del 02/04/2014 ai sensi dell art.58 del vigente Regolamento per il funzionamento

Dettagli

C O M U N E D I M O N T E V A G O PROVINCIA DI AGRIGENTO

C O M U N E D I M O N T E V A G O PROVINCIA DI AGRIGENTO Città Termale C O M U N E D I M O N T E V A G O PROVINCIA DI AGRIGENTO Originale di Deliberazione del Consiglio Comunale N 79 del Registro Delibere Data 06.11.2009 OGGETTO: Parco Eolico ed energie alternative.

Dettagli

COMUNE DI TORRECUSO Provincia di Benevento

COMUNE DI TORRECUSO Provincia di Benevento COPIA COMUNE DI TORRECUSO Provincia di Benevento VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Delibera n. 13 Adunanza del 29/01/2014 OGGETTO: LAVORI DI COMPLETAMENTO OPERE DI URBANIZZAZIONE A SERVIZIO

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Punto n. 6 all O.d.G.: Interpellanza, a. firma dei Consiglieri comunali di minoranza, su seggi elettorali a

Sindaco BERGAGNA Stefano Punto n. 6 all O.d.G.: Interpellanza, a. firma dei Consiglieri comunali di minoranza, su seggi elettorali a 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Punto n. 6 all O.d.G.: Interpellanza, a firma dei Consiglieri comunali di minoranza, su seggi elettorali a Buja. Prego. Cons. FASIOLO Rudi (senza microfono) Un altra interrogazione

Dettagli

COMUNE DI NUORO CONSIGLIO COMUNALE DEL 17 NOVEMBRE

COMUNE DI NUORO CONSIGLIO COMUNALE DEL 17 NOVEMBRE COMUNE DI NUORO CONSIGLIO COMUNALE DEL 17 NOVEMBRE 2011 I. D. N. S.n.c. Istituto Dattilografico Nuorese di Uscidda Agostina & Co. Sede legale: Via Mannironi, 125 /FAX 0784/203726 Sede operativa: Via Nonnis,

Dettagli

Regione Molise -25- Resoconti Consiliari

Regione Molise -25- Resoconti Consiliari Regione Molise -25- Resoconti Consiliari RISPOSTA ALL INTERPELLANZA, A FIRMA DEI CONSIGLIERI FUSCO PERRELLA, LATTANZIO, CAVALIERE,IORIO, AD OGGETTO: "CONVENZIONE TRA LE FORZE DI POLIZIA E TRENITALIA -

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 36 del 16.12.2013 OGGETTO: Accordo di programma tra Ministero ambiente e Regione Lazio. intervento n. 48 consolidamento del versante occidentale della rupe.

Dettagli

CONSIGLIO COMUNALE DEL 21.06.2011. Interventi dei Sigg. consilieri

CONSIGLIO COMUNALE DEL 21.06.2011. Interventi dei Sigg. consilieri CONSIGLIO COMUNALE DEL 21.06.2011 Interventi dei Sigg. consilieri Prima Variazione di Bilancio per l esercizio in corso, della Relazione Previsionale e Programmatica e del Bilancio Pluriennale per il periodo

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA

INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA Il sottoscritto Gianni Montali consigliere comunale di Forza Italia,

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

COMUNE DI VILLARICCA PROVINCIA DI NAPOLI

COMUNE DI VILLARICCA PROVINCIA DI NAPOLI COMUNE DI VILLARICCA PROVINCIA DI NAPOLI ORIGINALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 35 DEL 30.04.2013 OGGETTO: Mozione prot. 3446 del 16.04.2013 ai sensi dell art. 58 del vigente Regolamento

Dettagli

COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti

COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L C O N S I G L I O C O M U N A L E N. 38 DATA 26.11.2011 OGGETTO: Realizzazione ed esercizio di un impianto eolico

Dettagli

RESOCONTO ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. N. 118 DEL 25.11.2015

RESOCONTO ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. N. 118 DEL 25.11.2015 RESOCONTO ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. N. 118 DEL 25.11.2015 Ottavo punto all O.d.G. O.d.G. del Consigliere Musa sulle celebrazioni matrimoniali in luoghi diversi della casa comunale Illustra il Consigliere

Dettagli

Cina pubblicizzare il nostro territorio è troppo difficile perché quel territorio è troppo vasto, io, facendo una battuta, senza volerla prendere per

Cina pubblicizzare il nostro territorio è troppo difficile perché quel territorio è troppo vasto, io, facendo una battuta, senza volerla prendere per Verbale di Consiglio del 25 gennaio 2012 INTERPELLANZA DEI CONSIGLIERI PERNIGOTTI E OLIVERI IN MERITO AGLI STRUMENTI DA ADOTTARE PER COMUNICARE CON I PAESI EMERGENTI ED ECONOMICAMENTE FORTI COME LA CINA

Dettagli

I NUOVI PARCHEGGI DI ROCCARAINOLA

I NUOVI PARCHEGGI DI ROCCARAINOLA Marzo - Aprile 2007 - Anno IV n 3 NEWS DI INFORMAZIONE POLITICA roccanews@supereva.it ESTRATTO DAL PROGRAMMA DELL ARCOBALENO A pag. 2 e 3 COLLEGAMENTO AD INTERNET CON IL WI-FI a pag. 4 Programma di Valorizzazione

Dettagli

PUNTO 2 ALL ORDINE DEL GIORNO: Gianfranco Bartoloni per l esposizione del punto. tantissimi anni quali sono catastalmente i confini

PUNTO 2 ALL ORDINE DEL GIORNO: Gianfranco Bartoloni per l esposizione del punto. tantissimi anni quali sono catastalmente i confini Prego Assessore. Gianfranco Bartoloni per l esposizione del punto. PRESIDENTE: Passo la parola all Assessore DI CIAMPINO - APPARTENENZA TRA IL COMUNE DI MARINO E IL COMUNE - PIANO DI VARIAZIONE AMBITO

Dettagli

CONSIGLIO COMUNALE DEL 30 Aprile 2015

CONSIGLIO COMUNALE DEL 30 Aprile 2015 !.. CONSIGLIO COMUNALE DEL 30 Aprile 2015 "Cessione delle quote sociali della Farmacia Comunale: discussione ed analisi della nuova perizia di stima delle quote sociali, redatta dal Dr. Giuseppe Tanisi"

Dettagli

MoVimento 5 Stelle Municipio X. Dissesto idrogeologico

MoVimento 5 Stelle Municipio X. Dissesto idrogeologico MoVimento 5 Stelle Municipio X Dissesto idrogeologico Tavolo Ambiente Municipio X Attività svolta nel 2013-2014 Premesse: Lo strumento pianificatorio dei Piani di Bacino è stato introdotto nel nostro ordinamento

Dettagli

(Durante la discussione escono dall aula i consiglieri Cappuccio, Girola, Maggioni; sono presenti n. 30 consiglieri).

(Durante la discussione escono dall aula i consiglieri Cappuccio, Girola, Maggioni; sono presenti n. 30 consiglieri). Il Presidente propone la trattazione congiunta dell interrogazione in oggetto con l interpellanza urgente n. 8 presentata dal consigliere comunale Simone Paganoni avente per oggetto: gestione del sito

Dettagli

BOZZA NON CORRETTA RESOCONTO STENOGRAFICO MISSIONE IN SICILIA SEDUTA DI GIOVEDÌ 16 APRILE 2015 PRESIDENZA DEL VICEPRESIDENTE STEFANO VIGNAROLI

BOZZA NON CORRETTA RESOCONTO STENOGRAFICO MISSIONE IN SICILIA SEDUTA DI GIOVEDÌ 16 APRILE 2015 PRESIDENZA DEL VICEPRESIDENTE STEFANO VIGNAROLI CAMERA DEI DEPUTATI 1/8 SENATO DELLA REPUBBLICA COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA SULLE ATTIVITÀ ILLECITE CONNESSE AL CICLO DEI RIFIUTI E SU ILLECITI AMBIENTALI AD ESSE CORRELATI RESOCONTO STENOGRAFICO

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA N. 98/2011 del 29/12/2011 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: SERVIZIO DI RACCOLTA E TRASPORTO DI OLI E GRASSI VEGETALI ED ANIMALI ESAUSTI. ATTO DI INDIRIZZO. L'anno duemilaundici

Dettagli

COMUNE DI QUART REGIONE AUTONOMA DELLA VALLE D'AOSTA

COMUNE DI QUART REGIONE AUTONOMA DELLA VALLE D'AOSTA C O P I A A L B O COMUNE DI QUART REGIONE AUTONOMA DELLA VALLE D'AOSTA Deliberazione della Giunta Comunale N. 53 OGGETTO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE DELLA VALLE D'AOSTA 2007/2013, MISURA 313 "INCENTIVAZIONE

Dettagli

13ª COMMISSIONE PERMANENTE

13ª COMMISSIONE PERMANENTE SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA 13ª COMMISSIONE PERMANENTE (Territorio, ambiente, beni ambientali) INDAGINE CONOSCITIVA SULL EMERGENZA IDRICA NEI CENTRI URBANI DEL MEZZOGIORNO E DELLE ISOLE 9º

Dettagli

Comune di Mariglianella Provincia di Napoli

Comune di Mariglianella Provincia di Napoli Comune di Mariglianella Provincia di Napoli COPIA Deliberazione di Consiglio Comunale N 28 Oggetto : Interrogazione prot. n 9169 dell 11/09/2013 presentata dai Consiglieri Mattiello Concetta, Iossa Antonio

Dettagli

C O M U N E D I C A S T E L V E R D E

C O M U N E D I C A S T E L V E R D E C O M U N E D I C A S T E L V E R D E Provincia di Cremona ORIGINALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N. 28 ADUNANZA DEL 21/07/2014 OGGETTO: PRESENTAZIONE DELLE LINEE PROGRAMMATICHE

Dettagli

N. 1/2011 Seduta del 26.01.2011

N. 1/2011 Seduta del 26.01.2011 DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 1/2011 Seduta del 26.01.2011 OGGETTO REALIZZAZIONE DI IMPIANTO SOLLEVAMENTO ACQUE REFLUE NELL AMBITO DELL ESTENSIONE RETE DI RACCOLTA IN VIA ROMA (S.P. 34): VARIANTE

Dettagli

ISTITUTO ITALIANO STATALE COMPRENSIVO DI BARCELLONA

ISTITUTO ITALIANO STATALE COMPRENSIVO DI BARCELLONA VERBALE DEL CONSIGLIO DELLA CASSA SCOLASTICA SEDUTA DELL 11.11.2015 In data 11 novembre 2015, alle ore 18.00, su convocazione ordinaria, si sono riuniti i componenti della Cassa Scolastica per discutere

Dettagli

CITTÀ DI CASTELVETRANO Libero Consorzio Comunale di Trapani

CITTÀ DI CASTELVETRANO Libero Consorzio Comunale di Trapani CITTÀ DI CASTELVETRANO Libero Consorzio Comunale di Trapani Deliberazione del Consiglio Comunale n. 47 OGGETTO: Piano delle alienazioni e valorizzazioni immobiliari per il triennio 2015-2018 ex art. 58,

Dettagli

COMUNE DI BELPASSO PROVINCIA DI CATANIA

COMUNE DI BELPASSO PROVINCIA DI CATANIA COMUNE DI BELPASSO PROVINCIA DI CATANIA VERBALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Delibera N. 31 del 27/04/2016 ORIGINALE OGGETTO: Modifica del punto 2 lettera a "Istituzione Albo Comunale L.R. 22/86

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 38 OGGETTO: Cessione a titolo oneroso suolo in Via Parzanese Ditta Lo Conte

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 38 OGGETTO: Cessione a titolo oneroso suolo in Via Parzanese Ditta Lo Conte DNO COMUNE DI ARIANO IRPINO DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 38 OGGETTO: Cessione a titolo oneroso suolo in Via Parzanese Ditta Lo Conte Massimino e Cusano Rocco - Sdemanializzazione - Rinvio del

Dettagli

Terzo punto all O.d.G.: Approvazione Regolamento Premio Internazionale d Arte e Cascella. Città di Ortona per le arti figurative, visive e digitali

Terzo punto all O.d.G.: Approvazione Regolamento Premio Internazionale d Arte e Cascella. Città di Ortona per le arti figurative, visive e digitali RESOCONTO ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. N. 33 DEL 12.06.2014 Terzo punto all O.d.G.: Approvazione Regolamento Premio Internazionale d Arte e Cascella. Città di Ortona per le arti figurative, visive e

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

Adrano, Fabio Mancuso. Bilancio comunale falso e Ferrante

Adrano, Fabio Mancuso. Bilancio comunale falso e Ferrante Adrano, Fabio Mancuso. Bilancio comunale falso e Ferrante di Alice Vaccaro - 25, giu, 2015 http://www.siciliajournal.it/adrano-fabio-mancuso-bilancio-comunale-falso-e-ferrante/ 1 / 6 ADRANO Ex sindaco

Dettagli

Pratica Sportello Unico n. 293/2009 - TECNO CAR. s.n.c. di Ronconi Gianni - Ampliamento officina. ROBERT BELLOTTI Presidente del Consiglio:

Pratica Sportello Unico n. 293/2009 - TECNO CAR. s.n.c. di Ronconi Gianni - Ampliamento officina. ROBERT BELLOTTI Presidente del Consiglio: allegato 1) PUNTO N. 3 all O.d.G.: Pratica Sportello Unico n. 293/2009 - TECNO CAR s.n.c. di Ronconi Gianni - Ampliamento officina meccanica. Cedo la parola al Sindaco. MARCO FABBRI Sindaco: Sì, grazie

Dettagli

SECONDA CONFERENZA DI VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA APPLICATA AL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO

SECONDA CONFERENZA DI VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA APPLICATA AL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO COMUNE DI NUVOLENTO Provincia di Brescia Ufficio Tecnico tel. 030.69008221 fax 030.69008208 e-mail: ufficiotecnico@comunenuvolento.bs.it SECONDA CONFERENZA DI VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA APPLICATA

Dettagli

COMUNE DI CORTINA D AMPEZZO PROVINCIA DI BELLUNO ---------------------- Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale

COMUNE DI CORTINA D AMPEZZO PROVINCIA DI BELLUNO ---------------------- Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale COPIA Deliberazione n. 018 In data 27.03.2013 Data pubblicazione 26.04.2013 COMUNE DI CORTINA D AMPEZZO PROVINCIA DI BELLUNO ---------------------- Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza

Dettagli

«Salus populi suprema lex esto» (Cicerone)

«Salus populi suprema lex esto» (Cicerone) INTERVENTO PER LA POSA DELLA PRIMA PIETRA DELLA NUOVA CASERMA DEI CARABINIERI DI OGGIONO 14 MARZO 2010. «Salus populi suprema lex esto» (Cicerone) In questa splendida giornata, in cui anche il clima dopo

Dettagli

BOZZA NON CORRETTA MISSIONE IN SICILIA 9 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle 11.20.

BOZZA NON CORRETTA MISSIONE IN SICILIA 9 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle 11.20. 1/5 MISSIONE IN SICILIA 9 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA La seduta inizia alle 11.20. PRESIDENTE. Buongiorno. Innanzitutto la ringraziamo e ci scusiamo del ritardo, ma stiamo finendo

Dettagli

UN DECRETO DA DIPORTO Di Giuliano Marrucci

UN DECRETO DA DIPORTO Di Giuliano Marrucci UN DECRETO DA DIPORTO Di Giuliano Marrucci MILENA IN STUDIO Per far ripartire la cantieristica da Agosto è stato tolta la tassa di possesso sulle barche fino a 14 metri e dimezzata quella fino a 20, proposta

Dettagli

COMUNE DI MARUGGIO PROVINCIA DI TARANTO

COMUNE DI MARUGGIO PROVINCIA DI TARANTO N. 41 REGISTRO DELIBERE COMUNE DI MARUGGIO PROVINCIA DI TARANTO DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: Contributo Ministero dell Interno PON Sicurezza Sistema di videosorveglianza nel Comune di

Dettagli

Comune di San Martino Buon Albergo

Comune di San Martino Buon Albergo COPIA Delibera nº Data 84 14/12/2009 Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale adunanza di prima convocazione - Seduta pubblica Oggetto: MOZIONI

Dettagli

COMUNE DI PALOMONTE PROVINCIA DI SALERNO

COMUNE DI PALOMONTE PROVINCIA DI SALERNO COMUNE DI PALOMONTE PROVINCIA DI SALERNO COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 1 del 14/03/2011 Oggetto: REALIZZAZIONE IMPIANTO FOTOVOLTAICO IN LOC. PEZZELLE. APPROVAZIONE PROGETTO PRELIMINARE.

Dettagli

55 del 10 GIUGNO 2003 PROT. N. 13419 1

55 del 10 GIUGNO 2003 PROT. N. 13419 1 55 del 10 GIUGNO 2003 PROT. N. 13419 1 OGGETTO: MOZIONE PRESENTATA DAI CONSIGLIERI MENGHI E MUNAFO DEL COMITATO ANNA MENGHI IN MERITO AL PROGETTO DEL PERCORSO PEDONALE MECCANIZZATO NELLA GALLERIA DEL COMMERCIO.

Dettagli

COMUNE DI ROSSANO VENETO

COMUNE DI ROSSANO VENETO COPIA WEB Deliberazione N. 07 In data 13.01.2015 Prot. N. 866 OGGETTO: COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA -------------------- Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale Sessione ordinaria

Dettagli

COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti

COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L L A G I U N T A C O M U N A L E NUMERO 5 DATA 25.01.2011 OGGETTO: Revoca concessione all Associazione Vigili del

Dettagli

COMUNE di CAPUA Provincia di Caserta

COMUNE di CAPUA Provincia di Caserta COMUNE di CAPUA Provincia di Caserta COPIA di DELIBERAZIONE della GIUNTA MUNICIPALE N 73 del 03.06.2014 Oggetto: Lavori di Ampliamento del cimitero comunale. Imputazione della spesa: autofinanziamento

Dettagli

COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI COLLEPASSO Registrata al n. À DELIBERAZIONE N. 34 DEL 27.11.2014 IL MESS COMUNALE Provincia di Lecce dichiara aperta la seduta. Partecipa il Segretario Generale DOTT. ssa ANNA TRALDI Cognome

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 44 Seduta del 28 settembre 2006 IL CONSIGLIO COMUNALE VISTI i verbali delle sedute del 12.06.06 (deliberazioni n. 23, 24, 25, 26, 27), del 4.07.2006 (deliberazioni

Dettagli

OGGETTO VARIANTE N. 4 AL REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO, COMPRENSIVO DELL'ALLEGATO "ENERGIA" - ADOZIONE

OGGETTO VARIANTE N. 4 AL REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO, COMPRENSIVO DELL'ALLEGATO ENERGIA - ADOZIONE OGGETTO VARIANTE N. 4 AL REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO, COMPRENSIVO DELL'ALLEGATO "ENERGIA" - ADOZIONE ESCE IL CONSIGLIERE PANZETTI-PRESENTI N. 16 Anche qui approfittando della presenza dell architetto

Dettagli

Domanda C.1.1 (risposta SI/NO)

Domanda C.1.1 (risposta SI/NO) Domanda C.1.1 (risposta SI/NO) Secondo lei, le colate di fango possono essere causate da piogge di lunga durata e continue? Tipologia di risposta Numero di risposte SI 87 NO 5 NON SO 8 Non risponde 0 Pagina

Dettagli

COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti

COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L L A G I U N T A C O M U N A L E NUMERO 66 DATA 13/11/2014 OGGETTO: Misure organizzative per assicurare la tempestività

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DNO COMUNE DI ARIANO IRPINO DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 17 OGGETTO: del Reg. Adozione variante al Piano di recupero Piazza Plebiscito Via Annunziata Via D Afflitto Insula 11 UMI N e Insula

Dettagli

COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti

COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L C O N S I G L I O C O M U N A L E N. 61 DATA 30.11.2013 OGGETTO: Conferimento di riconoscimento al Cav. Uff. Panfilo

Dettagli

COMUNE DI CARINARO PROVINCIA DI CASERTA

COMUNE DI CARINARO PROVINCIA DI CASERTA COMUNE DI CARINARO PROVINCIA DI CASERTA ORIGINALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 2015-78 Data 09-06-2015 OGGETTO: ASSISTENZA ALLA PREDISPOSIZIONE E PRESENTAZIONE DI PROPOSTE PROGETTUALI PER

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE COPIA CITTA DI VENTIMIGLIA Provincia di Imperia VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 41 Oggetto: PROGETTO PRELIMINARE PER I LAVORI DI SPOSTAMENTO DELLA STAZIONE DI SOLLEVAMENTO DELLE ACQUE

Dettagli

C O M U N E D I S A N S I R O

C O M U N E D I S A N S I R O C O M U N E D I S A N S I R O Provincia di Como DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 74 del 31-07-2012 Oggetto: INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO FORESTALE TORRENTE SERIO - APPROVAZIONE PROGETTO

Dettagli