Servizi per il cittadino: le richieste di prestazioni via Internet.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Servizi per il cittadino: le richieste di prestazioni via Internet."

Transcript

1 Prestazioni a sostegno del reddito Servizi per il cittadino: le richieste di prestazioni via Internet. - Disoccupazione Ordinaria e Detrazioni fiscali Descrizione del servizio

2 Premessa Questo nuovo servizio rende possibile l invio e l istruzione automatica delle domande di prestazione a sostegno del reddito inviate dal cittadino, senza interventi da parte del back-office e senza la necessità di richiedere ulteriore documentazione cartacea, utilizzando i dati delle anagrafiche INPS e le autocertificazioni. Con il primo rilascio del servizio, viene messa a disposizione la possibilità di inviare telematicamente le domande di disoccupazione ordinaria e le richieste di detrazione fiscale collegate con tutte le prestazioni a sostegno del reddito. Un vantaggio collaterale offerto da questa soluzione applicativa è quello di consentire la riduzione del carico di lavoro delle unità produttive territoriali e la concentrazione dell attività del back-office solo sulle domande che, per essere liquidate, richiedono fasi istruttorie più complesse, con controlli e valutazioni discrezionali non automatizzabili. Questo documento esamina in maniera dettagliata i criteri in base a cui con il nuovo servizio viene effettuata l elaborazione delle domande di disoccupazione ordinaria e di detrazione d imposta

3 Come il cittadino accede al servizio L accesso ai servizi di invio delle domande di prestazione avviene attraverso il portale Internet, nei Servizi per il cittadino con l identificazione tramite codice fiscale e l autenticazione tramite PIN. Gli utenti che non possiedono il PIN devono registrarsi e fare la richiesta del PIN. Figura 1 Accesso al servizio I servizi per il cittadino Una volta effettuato l accesso l utente può selezionare una tra le funzioni di compilazione, invio e consultazione disponibili sul seguente menu. Figura 2 Il menù del servizio Tutte le funzioni sono state implementate in modo da semplificare al massimo la navigazione tra i diversi pannelli e ridurre al minimo i dati che l utente deve inserire

4 La domanda di disoccupazione Per inviare una domanda di disoccupazione dopo aver selezionato la voce Indennità di disoccupazione è necessario effettuare i seguenti passi: Visualizzare/Modificare i dati anagrafici Visualizzare/Modificare i dati dell ultimo rapporto di lavoro subordinato Visualizzare gli ultimi periodi di contribuzione Visualizzare la prestazione che verrà percepita Compilare la domanda I dati anagrafici del lavoratore Selezionando la funzione Indennità di disoccupazione, viene proposta l anagrafica del lavoratore insieme ai dati del suo domicilio che possono essere modificati nel caso in cui la residenza non coincide con il domicilio. ROSSI XXXYYYNNXMMZZZH MARIO Figura 3 Disoccupazione: i dati anagrafici del lavoratore Dati dell ultimo rapporto di lavoro Proseguendo nella navigazione sono proposti i dati sull ultima posizione lavorativa del lavoratore così come risulta, in base al servizio di consultazione UNILAV, sulle comunicazioni obbligatarie al Ministero del Lavoro da parte del datore di lavoro

5 Figura 4 Disoccupazione: i dati dell'ultimo rapporto di lavoro Qualora non risulti presente la comunicazione di interruzione del rapporto di lavoro per cui il lavoratore presenta la domanda di prestazione, oppure i dati risultino parziali o incompleti, è possibile inserirli o modificarli a cura del lavoratore stesso. APPROFONDIMENTO Stato della domanda e informazioni provenienti da UNILAV Una domanda di disoccupazione compilata on-line può essere posta dalla procedura in due possibili stati: I o Istruita quando viene riscontrato che la domanda è certamente da accogliere o respingere Parcheggio o P quando la domanda deve essere valutata dall operatore per stabilirne l accoglimento o la reiezione. La domanda viene posta in stato di P ogni volta che non si può prefigurare con certezza l immediata reiezione o accoglimento. Insieme allo stato, la procedura associa alla domanda un codice esito determinato in base al codice UNILAV associato all ultimo rapporto di lavoro Lo stato e il codice dell esito determinano il comportamento del sistema in fase di acquisizione della domanda. Tutte le domande in stato I non sono validate dall operatore ma vengono automaticamente trasferite sugli archivi di procedura per essere sottoposte alle elaborazioni massive: un codice 50 comporta l invio automatico di una comunicazione di reiezione; in tutti gli altri casi è possibile dare luogo alla liquidazione della prestazione. Di seguito alcuni esempi del comportamento dell applicazione: Nel caso di disoccupazione per dimissioni del lavoratore (codice DI di UNILAV), si ha una motivazione non indennizzabile. Al lavoratore è consentito l invio della domanda ma il programma, dopo aver avvisato l utente che questa potrà essere respinta, la pone in stato P. L operatore di sede potrà così intervenire prima della definitiva reiezione della domanda. Se la interruzione del rapporto di lavoro è dovuta a dimissioni per giustificato motivo oggettivo causa (codice LA di UNILAV) è possibile accogliere immediatamente la domanda qualora siano verificate tutti gli altri requisiti soggettivi: la domanda è posta in stato I. Se sussistono tutte le altre condizioni, la domanda verrà inviata in tale stato e sarà quindi automaticamente messa in pagamento

6 I possibili motivi di cessazione sono riportati nel seguente schema con il relativo esito dell istruttoria e codice INPS che gli viene attribuito dopo l acquisizione. Codice Unilav Descrizione Unilav Esito Istruttoria Codice esito DS WEB AL ALTRO ACCOLTA 51 I CA CESSAZIONE ATTIVITA ACCOLTA 51 I DE DECESSO RESPINTA 50 P DG DIMISSIONI GIUSTA CAUSA ACCOLTA 51 P DI DIMISSIONI RESPINTA 50 P DP DIMISSIONI DURANTE IL PERIODO DI PROVA RESPINTA 50 P DS DECADENZA DAL SERVIZIO ACCOLTA 51 P LA LICENZIAMENTO PER GIUSTIFICATO MOTIVO OGGETTIVO ACCOLTA 51 I LB LICENZIAMENTO PER GIUSTIFICATO MOTIVO SOGGETTIVO ACCOLTA 51 I LC LICENZIAMENTO COLLETTIVO ACCOLTA 51 I LG LICENZIAMENTO GIUSTA CAUSA ACCOLTA 52 I LI LICENZIAMENTO INDIVIDUALE ACCOLTA 51 I MT MODIFICA DEL TERMINE INIZIALMENTE FISSATO ACCOLTA 51 I PE PENSIONAMENTO RESPINTA 51 P PP MANCATO SUPERAMENTO DEL PERIODO DI PROVA ACCOLTA 51 I RC RISOLUZIONE CONSENSUALE RESPINTA 50 P Stato assegnato dal servizio Requisito contributivo per il diritto all indennità Il passo successivo consiste nella visualizzazione dei periodi contributivi relativi agli ultimi 4 anni dalla data di cessazione del rapporto di lavoro. Vengono esclusi dalla visualizzazione: Periodi precedenti il quadriennio mobile calcolato a partire dalla data di cessazione del rapporto Periodi di contribuzione figurativa (che sono identificabili nella procedura di sede DS-web con gli identificativi FG* ed FG**) Periodi non definiti per i quali cioè non è disponibile la data di inizio o di fine

7 Figura 5 Disoccupazione: i periodi contributivi I periodi contributivi utili per il diritto alla prestazione di disoccupazione sono quelli relativi al biennio mobile: tutti gli altri vengono proposti per offrire un quadro più completo della posizione contributiva, senza appesantire eccessivamente le prestazioni. APPROFONDIMENTO Il biennio mobile e la procedura on-line I contributi settimanali minimi utili per il diritto alla prestazione di disoccupazione devono essere 52 negli ultimi due anni, dove il periodo dei due anni va calcolato a ritroso a partire dalla data del licenziamento a fronte del quale viene richiesta la prestazione: si tratta del c.d. biennio mobile. I contributi settimanali utili alla prestazione vengono ridotti ( abbattuti ), in analogia a quanto avviene per le pensioni, tenendo conto del minimale retributivo settimanale. È da tener presente che nell abbattimento al minimale, quando il primo periodo Uniemens utilizzato per la valutazione inizia prima del biennio mobile e non è interamente coperto da contribuzione, i contributi utili vengono distribuiti su tale periodo secondo un criterio volutamente penalizzante per il lavoratore: i contributi settimanali utili sono cioè imputati sequenzialmente a partire dalle settimane iniziali del periodo, cioè quelle della porzione che sta fuori dal biennio mobile, con la conseguenza che le eventuali settimane senza contribuzione utile sono imputate alla porzione contenuta nel biennio. Sempre per rendere nulla la probabilità di errore, qualora siano presenti periodi di contribuzione figurativa nel biennio mobile (ad esempio per periodi di malattia o di CIG), le settimane corrispondenti a questi periodi sono prudenzialmente sottratte dalla contribuzione utile: ad esempio, il periodo di paga Uniemens potrebbe comprendere anche la contribuzione figurativa della malattia e se considerato interamente potrebbe erroneamente aumentare il numero di contributi utili. L utilizzo di queste assunzioni restrittive non pregiudicano il diritto del lavoratore alla prestazione. Le domande che subiscono questo trattamento penalizzante sono poste nello stato di Parcheggio in evidenza. In questo modo non danno luogo al pagamento automatico della prestazione ma sono comunque sottoposte alla valutazione tempestiva degli operatori INPS. Per ciascun periodo contributivo appartenente al biennio mobile, oltre ad essere visualizzate le settimane, il reddito e il datore di lavoro, vengono determinate, mediante un apposito servizio applicativo, le settimane considerate utili alla disoccupazione ordinaria: tali settimane sono quelle per cui risulta un versamento contributivo per la disoccupazione (nel Fascicolo del soggetto DS = S ). Alcuni tra i possibili valori della colonna Tipologia sono riportati nella seguente tabella. Codifica Periodo Contribuzione DS UNIEMENS Lavoro dipendente ordinario Si LD Lavoro domestico esiste la contribuzione DS ma non è rilevata dalla procedura LA Lavoro agricolo esiste la contribuzione DS ma non è rilevata dalla procedura COCO Lavoro a progetto NO ART Gestione artigiani NO COM Gestione commercianti NO In sintesi, per il calcolo della contribuzione utile vengono presi in considerazione solo i periodi che verificano insieme le seguenti condizioni: - 7 -

8 Il periodo da lavoro dipendente risulta su Uniemens (Colonna Archivio del Fascicolo = Uniemens ) con assicurazione DS (colonna DS del Fascicolo = S ). Il periodi copre parzialmente o totalmente il biennio mobile calcolato rispetto alla data di licenziamento; Il periodi non si sovrappone con altri periodi contributivi (questa condizione esclude ad esempio i periodi da lavoro dipendente con contratti part-time simultanei) Il requisito assicurativo per il diritto all indennità La verifica del requisito assicurativo, ovvero la presenza di almeno un contributo per la disoccupazione che precede il biennio prima della data di cessazione del rapporto di lavoro, è effettuata sui dati disponibili estratti da Uniemens. Se non viene trovata alcuna contribuzione Uniemens, la domanda compilata dall utente viene inviata al sistema di gestione in stato di Parcheggio in modo da consentire ulteriori accertamenti da parte degli operatori di sede dell Istituto. Incompatibilità e incumulabilità rilevate dal fascicolo del soggetto. Tutte le domande per le quali viene rilevata negli ultimi 6 mesi una incompatibilità o in cumulabilità (come ad esempio una pensione diretta) che comporta l eventuale esclusione o sospensione/slittamento della prestazione vengono inviate in stato di Parcheggio. L operatore di sede potrà quindi valutare con maggiore attenzione se l incompatibilità/incumulabilità è effettiva oppure se si tratta di un falso positivo. Il calcolo della prestazione Se tutti i precedenti requisiti risultano verificati (requisito contributivo, requisito assicurativo e assenza di incompatibilità), all utente viene presentato l importo della prestazione tenendo conto della normativa vigente. In particolare é utilizzata come base di calcolo la retribuzione dell ultimo trimestre risultante da Uniemens, tenendo conto sia dell età del lavoratore, sia del massimale della prestazione

9 Figura 6 Disoccupazione: il calcolo della prestazione. Nel caso in cui non sia possibile determinare la retribuzione dell ultimo trimestre, ad esempio per la non disponibilità dei dati Uniemens, le domande di disoccupazione, comunque inviabili, non danno luogo all immediato pagamento della prestazione ma, poste in stato di Parcheggio, sono sottoposte all istruttoria immediata degli operatori dell Istituto. Figura 7 Disoccupazione: i casi in cui non è possibile determinare la prestazione Compilazione della domanda Dopo che sono state raccolte tutte le informazioni utili a determinare il diritto alla prestazione, la procedura richiede all utente le ulteriori informazioni necessarie alla compilazione della domanda di disoccupazione

10 ROSSI XXXYYYNNXMMZZZH MARIO Figura 8 Disoccupazione: compilazione della domanda 1/4 La sede di destinazione è normalmente preimpostata in base al cap del domicilio del lavoratore: quando al CAP del domicilio specificato dal lavoratore corrisponde più di una sede INPS viene richiesta una scelta da parte dell utente. E obbligatorio specificare almeno uno tra il recapito telefonico e quello di posta elettronica. Le informazioni relative all istruzione ed all ultima qualifica di lavoro vengono richiesti per renderli disponibili, su richiesta, ai centri per l impiego e agli enti autorizzati al collocamento. Figura 9 Disoccupazione: compilazione della domanda 2/4 Tra le informazioni richieste al lavoratore ci sono: La dichiarazione del diritto all assegno per il nucleo familiare (la cui erogazione è subordinata alla presentazione dell apposito modello ANF/PREST)

11 La dichiarazione del diritto alle detrazioni d imposta (il cui riconoscimento è subordinato alla presentazione, anche on-line, del apposito modello MV10) La dichiarazione del diritto all indennità di preavviso. La dichiarazione di essere stati licenziati a causa del superamento del periodo di comporto o comunque a causa di malattia. Il lavoratore ha la possibilità di scegliere tra due modalità di pagamento: Accredito su conto corrente Bonifico domiciliato c/o l ufficio postale associato al CAP del domicilio Figura 10 Disoccupazione: compilazione della domanda 3/4 Infine vengono richieste le informazioni relative alla Dichiarazione di Immediata Disponibilità del lavoratore e presentata l informativa sul trattamento dei dati personali. APPROFONDIMENTO Dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro. La dichiarazione di disponibilità al lavoro da parte del cittadino disoccupato da presentare al competente ufficio locale per il lavoro è un requisito necessario per il diritto all indennità. Viene comunque consentito l invio della domanda di disoccupazione anche a chi non ha ancora proceduto a tale adempimento con l avvertenza e l invito ad assolverlo al più presto. Domanda in P. La ricezione da parte dell Istituto di una domanda per la quale non risulta l iscrizione al Centro per l Impiego territorialmente competente non da luogo al pagamento della prestazione e comporta l immediato invio di una lettera di invito al cittadino a presentare la documentazione attestante l avvenuta iscrizione

12 Figura 11 Disoccupazione: compilazione della domanda 4/4 Invio della domanda Dopo che l utente ha fornito tutte le informazioni necessarie ad avviare l istruttoria della domanda viene visualizzato un loro riepilogo con la possibilità, utilizzando gli appositi tasti di navigazione, di modificare quelle che risultano non corrette. In questa fase viene anche offerta la possibilità di uscire o salvando i dati forniti (tasto Salva ed esci ) o annullandoli (tasto Abbandona ). ROSSI/MARIO XXXYYYNNXMMZZZH Figura 12 Disoccupazione: riepilogo dei dati della domanda. I dati della domanda salvata possono essere richiamati alla successiva connessione dell utente con il portale

13 Figura 13 Disoccupazione: completare una domanda non completata. Confermando i dati proposti nel riepilogo, subito dopo l invio, è disponibile una copia del Modello Ds21 precompilato con i dati che l utente ha inserito e una ricevuta dell avvenuta presa in carico da parte dell Istituto. ROSSI MARIO XXXYYYNNXMMZZZH Figura 14 Disoccupazione: conferma dell invio di una domanda. Se l operazione di invio si conclude positivamente è possibile visualizzare in formato PDF, ed eventualmente stampare, la domanda e la ricevuta di avvenuta presa in carico da parte dell Istituto. Figura 15 Disoccupazione: invio della domanda con esito positivo

14 Figura 16 Disoccupazione: fac simile domanda. Figura 17 Disoccupazione: ricevuta della domanda

15 La domanda di detrazione fiscale Per inviare una domanda di detrazione fiscale (modello MV10) occorre selezionare la voce Detrazione d imposta ed effettuare i seguenti passi: Visualizzazione/Compilazione dati del richiedente Selezione delle voci di detrazione I dati del richiedente Per compilare una domanda di detrazione è necessario integrare i dati anagrafici con le informazioni relative allo stato civile. I dati del domicilio sono preveti dall anagrafica INPS; se si è precedentemente inserita una richiesta di prestazione i dati del domicilio vengono impostati con questi ultimi. Figura 18 - Detrazioni: dati del richiedente. La sezione dichiarativa La sezione successiva all anagrafica consente al lavoratore di specificare le detrazioni richieste ed il loro periodo di riferimento. È possibile anche richiedere di non voler fruire di nessuna detrazione specificando di non aver diritto alla detrazione d imposta: l effetto di tale dichiarazione è quello di annullare, a partire dal mese specificato, il godimento delle detrazioni precedentemente richieste

16 Figura 19 - Detrazioni: oggetto della detrazione. I carichi di famiglia Se le detrazioni sono collegate ai carichi familiari, la procedura richiede automaticamente i loro dati anagrafici e la corrispondente percentuale di detrazione nel caso in cui sia ripartita con il coniuge. Figura 20 - Detrazioni: i figli a carico. Invio della richiesta Prima dell invio della richiesta la procedura presenta il riepilogo delle sezioni compilate offrendo la possibilità o di salvare i dati per un successivo invio o di inviare direttamente

17 Figura 21 - Detrazioni: il riepilogo dei quadri compliati. Dopo l invio della domanda la procedura mostra l esito evidenziando gli estremi della domanda. Figura 22 - Detrazioni: esito dell invio

18 Lo stato delle domande in corso Dal sottomenù Stato domande in corso è possibile consultare, oltre la propria posizione contributiva completa, anche lo stato di avanzamento delle domande in corso. Figura 23 Domande in corso: l estratto contributivo. Figura 24 Domande in corso: le prestazioni percepite

19 Calcolo dell importo teorico della prestazione Dal sottomenù Simulazione il lavoratore ancora occupato ha la possibilità di valutare quale potrebbe essere la prestazione fruibile in caso di perdita della sua attuale occupazione. Figura 25 Simulazione: i periodi contributivi utili. Sulla base delle informazioni già disponibili all Istituto, l utente può ottenere il semplice prospetto di quella che sarebbe la sua prestazione senza dover compilare alcun pannello. Figura 26 Simulazione: la prestazione di disoccupazione teorica

20 Come funziona il servizio per le sedi Una volta che la domanda è stata inviata dal cittadino, i dati sono memorizzati in archivi centrali. Una volta al giorno, viene lanciata l esecuzione di una procedura che smista le domande pervenute sui DB di sede dai quali sono disponibili per essere acquisite negli archivi di gestione della Prestazioni a sostegno del reddito. L operatore di sede procede periodicamente al loro caricamento con una apposita funzione accessibile dalla Intranet. Le domande che arrivano in stato P dovranno essere successivamente trattate, quelle che arrivano in stato I possono essere immesse direttamente nel flusso delle domande da liquidare. Figura 27 - Accesso alla procedura di acquisizione Dalle applicazioni EAP (ex AS400) si seleziona l opzione 2 Prestazioni non pensionistiche Figura 28 Acquisizione domande di disoccupazione dal cittadino. Passo

21 Figura 29 Acquisizione domande di disoccupazione dal cittadino. Passo 2 Quindi l opzione 04 Disoccupazione non agricola e di seguito la 9 Gestione nuova DS. Figura 30 Acquisizione domande di disoccupazione dal cittadino. Passo 3 Nel menu della disoccupazione non agricola si digita l opzione 07 Domande pervenute via web. Figura 31 Acquisizione domande di disoccupazione dal cittadino. Passo

22 Figura 32 Acquisizione domande di disoccupazione dal cittadino. Passo 5 Per l acquisizione delle domande di disoccupazione pervenute dal cittadino si seleziona l opzione 5, Domande sportello del cittadino. E possibile consultare le domande, cancellarle o acquisirle. Per l acquisizione è sufficiente selezionare con una X la domanda che si desidera caricare. Figura 33 Acquisizione domande di disoccupazione dal cittadino. Passo

23 Figura 34 Acquisizione di una domanda di disoccupazione dal cittadino. Infine dal tradizionale programma di gestione delle domande di prestazioni a sostegno del reddito si possono richiamare e gestire le singole domande. Figura 35 Procedura di gestione delle domande di disoccupazione non agricola Figura 36 Ricerca delle domande di disoccupazione non agricola

24 Una volta che l utente ha inoltrato la sua domanda, questa, nell arco delle 48 ore, è resa disponibile alla sede di destinazione. Su richiesta del responsabile di Sede delle Prestazioni di Disoccupazione è possibile richiedere alla Direzione Sistemi Informativi di essere abilitati alla ricezione di una che avverte dell arrivo di lotti di domande per la propria sede di appartenenza. È anche allo studio l aggiornamento al software della procedura DSWEB in modo da segnalare all operatore di sede che si collega al sistema, attraverso un pannello di avvertimento, la presenza di domande di disoccupazione inviate dal cittadino via Internet. Nel caso in cui la domanda sia sottoposta all istruttoria automatica oppure è nello stato P e l operatore ha a disposizioni tutte le informazioni necessarie per la liquidazione, il cittadino riceverà una comunicazione dall Istituto sull esito della domanda attraverso il tradizionale sistema di posta ibrida. Qualora mancassero informazioni o documenti per l istruttoria, il cittadino è contattato telefonicamente o tramite posta elettronica dall operatore che prende in carico la domanda

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori Giugno 2014 La legge di riforma del mercato del lavoro approvata il 28 Giugno 2012 (L.92/2012) ha introdotto

Dettagli

Il programma è articolato in due parti.

Il programma è articolato in due parti. 1 Il programma è articolato in due parti. La prima parte: illustra il sistema per la gestione dell anagrafica delle persone fisiche, con particolare riferimento all inserimento a sistema di una persona

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

Lavoro Occasionale Accessorio. Manuale Utente Internet

Lavoro Occasionale Accessorio. Manuale Utente Internet Lavoro Occasionale Accessorio Internet 1. Introduzione... 3 1.1 Obiettivo del documento... 3 1.2 Normativa... 3 1.3 Attori del Processo... 4 1.4 Accesso Internet... 5 1.4.1 Accesso Internet da Informazioni...

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

GUIDA ALLA CORREZIONE EGLI ERRORI

GUIDA ALLA CORREZIONE EGLI ERRORI GUIDA ALLA CORREZIONE EGLI ERRORI Cosa è un Emens/Uniemens Errato e il Codice Errore Pag. 6 Consultazione del rendiconto Individuale Pag. 8 Eliminazione Emens Pag. 11 Eliminazione Uniemens Pag. 13 Elementi

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 19 OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 2 Prefazione IL CAMMINO DELLA QUALITÀ Inps, come le altre pubbliche Amministrazioni

Dettagli

Il programma è articolato in due parti. Nella Prima parte: cosa è il mondo NoiPA, con un focus sulla posizione dell utente all interno dell intero

Il programma è articolato in due parti. Nella Prima parte: cosa è il mondo NoiPA, con un focus sulla posizione dell utente all interno dell intero 1 Il programma è articolato in due parti. Nella Prima parte: cosa è il mondo NoiPA, con un focus sulla posizione dell utente all interno dell intero sistema e sui servizi a disposizione sia in qualità

Dettagli

CONTRIBUTI FIGURATIVI

CONTRIBUTI FIGURATIVI I CONTRIBUTI COSA SONO: I contributi determinano il diritto e l'importo della pensione. SI SUDDIVIDONO IN: - mensili - settimanali - giornalieri Un anno, composto di 12 mesi, comporterà 12 contributi mensili

Dettagli

Denuncia di Malattia Professionale telematica

Denuncia di Malattia Professionale telematica Denuncia di Malattia Professionale telematica Manuale utente Versione 1.5 COME ACCEDERE ALLA DENUNCIA DI MALATTIA PROFESSIONALE ONLINE... 3 SITO INAIL... 3 LOGIN... 4 UTILIZZA LE TUE APPLICAZIONI... 5

Dettagli

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli

COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI

COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI Istituto Nazionale Previdenza Sociale COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI Regolazione del rapporto di lavoro A cura di Coordinamento e Supporto alle attività connesse al Fenomeno Migratorio Marzo 2007 INDICE

Dettagli

MANUALE DOMANDA WEB DI CONTRIBUTO A PENSIONATI NON AUTOSUFFICIENTI GESTIONE MAGISTRALE

MANUALE DOMANDA WEB DI CONTRIBUTO A PENSIONATI NON AUTOSUFFICIENTI GESTIONE MAGISTRALE Pag. 1 di 14 MANUALE DOMANDA WEB DI CONTRIBUTO A PENSIONATI NON AUTOSUFFICIENTI GESTIONE MAGISTRALE INTRODUZIONE Pag. 2 di 14 INDICE pag. 1. INTRODUZIONE... 3 1.1 PREMESSA... 3 2.... 4 2.1 - HOME PAGE...

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

Voucher: il sistema dei buoni lavoro

Voucher: il sistema dei buoni lavoro Voucher: il sistema dei buoni lavoro Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento che i datori di lavoro (committenti) possono utilizzare per remunerare prestazioni di lavoro

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

Regolamento tecnico interno

Regolamento tecnico interno Regolamento tecnico interno CAPO I Strumenti informatici e ambito legale Articolo 1. (Strumenti) 1. Ai sensi dell articolo 2, comma 5 e dell articolo 6, comma 1, l associazione si dota di una piattaforma

Dettagli

Richiamoallearmi. Fonti normative. Conservazione del posto. Periodo di prova. Indennità economica

Richiamoallearmi. Fonti normative. Conservazione del posto. Periodo di prova. Indennità economica Richiamoallearmi Fonti normative Conservazione del posto Periodo di prova Indennità economica Il richiamo alle armi era regolato, per i dipendenti dallo Stato, dalla legge 3.5.1955, n. 370, recante norme

Dettagli

DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO

DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO 1 premessa La tutela della lavoratrice madre è un principio fondamentale sancito dall articolo 37 della

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014 NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014 COME ACQUISIRE LO STATO DI DISOCCUPAZIONE Lo stato di disoccupazione si compone di un elemento oggettivo (lo stato di privo di lavoro),

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

Riscatto degli anni di laurea

Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea scuola Chi è giovane e fresco di laurea, di regola, non vede l ora di mettersi a lavorare e, certamente, per prima cosa non pensa alla pensione.

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Informazioni generali

Informazioni generali Modulo VA : Domanda di verifica della sussistenza di una quota per lavoro subordinato ai sensi degli artt. 14 comma 6 e 39 comma 9 del DPR. n. 394/99 e successive modifiche ed integrazioni Informazioni

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti Domanda per i lavoratori dipendenti Per ottenere il congedo parentale, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario compilare il modulo in tutte le sue parti e consegnarlo sia al datore di lavoro

Dettagli

PAGARE IL CONTRIBUTO UNFICATO E MARCA DA BOLLO ONLINE È POSSIBILE E CONSENTE LA COMPLETA REALIZZAZIONE DEL PROCESSO CIVILE TELEMATICO

PAGARE IL CONTRIBUTO UNFICATO E MARCA DA BOLLO ONLINE È POSSIBILE E CONSENTE LA COMPLETA REALIZZAZIONE DEL PROCESSO CIVILE TELEMATICO Pagamento contributo telematico, versione 2.2 del 30/1/2015, SABE SOFT pag. 1 PAGARE IL CONTRIBUTO UNFICATO E MARCA DA BOLLO ONLINE È POSSIBILE E CONSENTE LA COMPLETA REALIZZAZIONE DEL PROCESSO CIVILE

Dettagli

ISCRIZIONI ON LINE Registrazione delle famiglie. Direzione Generale per i contratti, gli acquisti e per i sistemi informativi e la statistica

ISCRIZIONI ON LINE Registrazione delle famiglie. Direzione Generale per i contratti, gli acquisti e per i sistemi informativi e la statistica Registrazione delle famiglie Come avviene la registrazione da parte delle famiglie La registrazione alle Iscrizioni on-line è necessaria per ottenere le credenziali di accesso al servizio. La registrazione

Dettagli

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO A. LA NUOVA MODALITA 3 B. RILASCIO DELL ATTESTATO DI ESENZIONE 5 C. REQUISITI PER L ESENZIONE

Dettagli

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente E.P.A.P. Ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza, 7-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 Regolamento

Dettagli

Roma, 12/05/2015. e, per conoscenza, Circolare n. 94

Roma, 12/05/2015. e, per conoscenza, Circolare n. 94 Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

GUIDA AI CONGEDI PARENTALI

GUIDA AI CONGEDI PARENTALI L anticipazione del congedo di maternità si applica anche alle LAVORATRICI A DO- MICILIO E ALLE LAVORATRICI ADDETTE AI SERVIZI DOMESTICI E FAMILIARI (COLF). Prolungamento del congedo di maternità Il congedo

Dettagli

Procedure del personale. Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro In quali casi è possibile lavorare durante la Cassa integrazione e con che limiti? Si possono cumulare trattamento

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

BANDO DI CONCORSO. Soggiorni e Itinerari Ben-Essere

BANDO DI CONCORSO. Soggiorni e Itinerari Ben-Essere BANDO DI CONCORSO Soggiorni e Itinerari Ben-Essere 2015 Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali per i pensionati utenti della Gestione Dipendenti Pubblici, i loro coniugi e figli conviventi

Dettagli

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 Decreto n. 85708 del 24 ottobre 2014 del Ministro del lavoro e delle politiche sociali di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze per il prolungamento

Dettagli

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 Modalità per l accreditamento e la vigilanza sui soggetti pubblici e privati che svolgono attività di conservazione dei documenti informatici di cui all'articolo 44-bis,

Dettagli

Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.)

Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.) Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.) Familiari per i quali può essere richiesto il ricongiungimento: 1. Coniuge non

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione BANDO DI CONCORSO per l erogazione di borse di studio in favore dei figli e degli orfani dei dipendenti iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (art.1,c.245 della legge 662/96)

Dettagli

Gestionedellamaternità ealtriistituti delrapportodilavoro

Gestionedellamaternità ealtriistituti delrapportodilavoro Gestionedellamaternità ealtriistituti delrapportodilavoro RAPPORTO DELLA MALATTIA CON GLI ALTRI ISTITUTI L insorgere dell evento maternità influenza anche le modalità di gestione collegate ad altri istituti

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

Guida ai servizi online della Provincia di Milano

Guida ai servizi online della Provincia di Milano Guida ai servizi online della Provincia di Milano - 1 - Il servizio CPI On line consente a tutti gli iscritti ai Centri per l impiego della Provincia di Milano di visualizzare, modificare e stampare alcune

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2011 Progetto Istanze On Line 21 febbraio 2011 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 PROGETTO ISTANZE ON LINE... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO PROCEDURA CON VOUCHER TELEMATICO

LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO PROCEDURA CON VOUCHER TELEMATICO Istituto Nazionale Previdenza Sociale Aggiornato al 05 novembre 2012 LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO PROCEDURA CON VOUCHER TELEMATICO Registrazione committente Il committente si registra presso l

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

BANDO DI CONCORSO VALORE VACANZA

BANDO DI CONCORSO VALORE VACANZA BANDO DI CONCORSO VALORE VACANZA SOGGIORNI A TEMA IN ITALIA SOGGIORNI STUDIO ALL ESTERO STAGIONE 2015 in favore dei figli o orfani ed equiparati - dei dipendenti e dei pensionati della pubblica amministrazione

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3 FAQ 2015 Flusso telematico dei modelli 730-4 D.M. 31 maggio 1999, n. 164 Comunicazione dei sostituti d imposta per la ricezione telematica, tramite l Agenzia delle entrate, dei dati dei 730-4 relativi

Dettagli

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014 Prescrizione e decadenza in materia di contributi e prestazioni INPS Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal. 1 gennaio 2014

Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal. 1 gennaio 2014 Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal 1 gennaio 2014 A cura di Leonardo Pascarella Aggiornamento DICEMBRE 2014 Responsabile:

Dettagli

I CONGUAGLI DI FINE ANNO 2013

I CONGUAGLI DI FINE ANNO 2013 Dicembre 2013 I CONGUAGLI DI FINE ANNO 2013 Con l approssimarsi della fine dell anno abbiamo ritenuto opportuno predisporre, a supporto degli Utenti, una specifica circolare riepilogativa sugli aspetti

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

GUIDA SUL LAVORO A TEMPO PARZIALE (PART TIME) Aggiornata a novembre 2013

GUIDA SUL LAVORO A TEMPO PARZIALE (PART TIME) Aggiornata a novembre 2013 GUIDA SUL LAVORO A TEMPO PARZIALE (PART TIME) Aggiornata a novembre 2013 MODALITÀ RICHIESTE (TRASFORMAZIONE E/O MODIFICA) DURATA ORARIO : ARTICOLAZIONE E INTERVALLO CRITERI PRINCIPALI ACCOGLIMENTO DELLE

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA. EDIZIONE Novembre 2010 1.0

DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA. EDIZIONE Novembre 2010 1.0 DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA MODELLO PA04 EDIZIONE AGGIORNATA AL TRIENNIO 2010 2012 SEMPLIFICATO PER LE SCUOLE EDIZIONE Novembre 2010 1.0 1 COMPILAZIONE MOD. PA04 SEMPLIFICATO INDICAZIONI

Dettagli

2. Quali persone sono assoggettate all imposta alla fonte? 3. Quali prestazioni sono assoggettate all imposta alla fonte?

2. Quali persone sono assoggettate all imposta alla fonte? 3. Quali prestazioni sono assoggettate all imposta alla fonte? Kanton Zürich Finanzdirektion Scheda informativa per i dipendenti assoggettati all imposta alla fonte nel Cantone di Zurigo Valida dal 1 gennaio 2015 Kantonales Steueramt Dienstabteilung Quellensteuer

Dettagli

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice MATERNITA E CONGEDI PARENTALI Indice Interdizione.pag. 2 Interruzione della gravidanza.pag. 3 Astensione obbligatoria..pag. 4 Astensione obbligatoria della madre....pag. 4 Astensione obbligatoria del padre....pag.

Dettagli

DD I/3 2804 del 06/02/10

DD I/3 2804 del 06/02/10 AREA RECLUTAMENTO E AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE Dirigente Ascenzo FARENTI Coordinatore Dott. Luca BUSICO Unità Amministrazione personale tecnico amministrativo Responsabile Dott. Massimiliano GALLI DD

Dettagli

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE Giugno 2014 I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE a cura di G. Marcante Da 24 a 48 mesi di attesa! come è possibile? Premessa L art. 1, commi 484 e 485 della

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015

OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015 OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015 RAPPORTI DI LAVORO ATTIVATI (1) NEI MESI GENNAIO-MARZO DEGLI ANNI 2013, 2014 E 2015 A. NUOVI RAPPORTI DI LAVORO A1. Assunzioni a tempo indeterminato gen-mar

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

Il lavoro subordinato

Il lavoro subordinato Il lavoro subordinato Aggiornato a luglio 2012 1 CHE COS È? Il contratto di lavoro subordinato è un contratto con il quale un lavoratore si impegna a svolgere una determinata attività lavorativa alle dipendenze

Dettagli

DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI

DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI Marzo 2014 Con il presente riepilogo si forniscono indicazioni di dettaglio sulle prestazioni creditizie erogate

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro

Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro Provincia Autonoma di Trento Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro Testo adottato dalla Giunta Provinciale con deliberazione n. xxxx del xx/xx/xxxx ART. 1. ELENCO ANAGRAFICO DEI LAVORATORI

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

ACCREDITAMENTO EVENTI

ACCREDITAMENTO EVENTI E.C.M. Educazione Continua in Medicina ACCREDITAMENTO EVENTI Manuale utente Versione 1.5 Maggio 2015 E.C.M. Manuale utente per Indice 2 Indice Revisioni 4 1. Introduzione 5 2. Accesso al sistema 6 2.1

Dettagli

G e s t i o n e U t e n z e C N R

G e s t i o n e U t e n z e C N R u t e n t i. c n r. i t G e s t i o n e U t e n z e C N R G U I D A U T E N T E Versione 1.1 Aurelio D Amico (Marzo 2013) Consiglio Nazionale delle Ricerche - Sistemi informativi - Roma utenti.cnr.it -

Dettagli

PART TIME IN EDILIZIA Riepilogo normativa e regolarizzazione rapporti nel MUT (Aggiornato Aprile 2014)

PART TIME IN EDILIZIA Riepilogo normativa e regolarizzazione rapporti nel MUT (Aggiornato Aprile 2014) PART TIME IN EDILIZIA Riepilogo normativa e regolarizzazione rapporti nel MUT (Aggiornato Aprile 2014) CONTRATTI PART TIME ATTIVATI DOPO L 01/01/2011 LIMITI DI ASSUNZIONE Il C.C.N.L. edilizia industria

Dettagli

Certificazione dei redditi - 1/6

Certificazione dei redditi - 1/6 PR O TOC OL L O Mod. RED - COD. AP15 Certificazione dei redditi - 1/6 ALL UFFICIO INPS DI COGNOME NOME CODICE FISCALE NATO/A IL GG/MM/AAAA A PROV. STATO RESIDENTE IN PROV. STATO INDIRIZZO CAP TELEFONO

Dettagli