PROVA PRATICA N. 13 BUSINESS PLAN: STRUTTURA E CONTENUTI (PROVA ASSEGNATA ALL UNIVERSITÀ DI VERONA - I SESSIONE 2009)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROVA PRATICA N. 13 BUSINESS PLAN: STRUTTURA E CONTENUTI (PROVA ASSEGNATA ALL UNIVERSITÀ DI VERONA - I SESSIONE 2009)"

Transcript

1 PROVA PRATICA N. 13 BUSINESS PLAN: STRUTTURA E CONTENUTI (PROVA ASSEGNATA ALL UNIVERSITÀ DI VERONA - I SESSIONE 2009) Il candidato, dopo avere definito il concetto di business plan, ne specifichi la struttura ed i contenuti ipotizzando di dover valutare l avvio di una nuova attività produttiva. SVOLGIMENTO Il business plan è un piano economico-finanziario volto a prevedere l andamento di un attività d impresa. Esso viene utilizzato sia per la pianificazione e la gestione aziendale che per la comunicazione esterna, in particolare verso potenziali finanziatori o investitori. Il business plan rappresenta, quindi, uno strumento estremamente utile sia nella gestione dell impresa sia nella determinazione della fattibilità di un progetto imprenditoriale. Si rende necessario, infatti, ogni qualvolta un attività imprenditoriale venga progettata, ossia in caso di: avvio di una nuova impresa; avvio di una nuova attività da parte di un impresa già operante. Per quanto riguarda la struttura di un business plan, esso si compone di tre parti fondamentali: una parte introduttiva, in cui si presenta l idea imprenditoriale e l imprenditore stesso; una parte tecnico/operativa, in cui occorre fornire un quadro chiaro di cosa si vuole fare, come e dove si vuole farlo; una parte in cui vanno inserite le previsioni economico/finanziarie dell attività che si intende avviare. Quanto al contenuto, un business plan deve includere: una descrizione del progetto imprenditoriale e del tipo di impresa che si intende creare; una presentazione dell imprenditore che riporti, tra l altro, le esperienze pregresse e il suo ruolo nella nuova attività; indicazioni sulle caratteristiche del prodotto o del servizio che si vuole offrire al mercato e a quali clienti potenziali si rivolge; indicazioni sul mercato e sulle caratteristiche della concorrenza; informazioni sulla struttura dell impianto e sull ambiente in cui la nuova attività opererà; informazioni sulla redditività attesa dell investimento e sui fattori di rischio che possono influenzarla in modo negativo; un analisi di fattibilità tecnica del progetto relativamente al processo produttivo, alla necessità di investimenti in impianti e alla disponibilità di manodopera e servizi (es. trasporti, energia, telecomunicazioni). A tal fine è necessario predisporre un piano degli investimenti previsti, ossia un elenco dei beni destinati ad essere utilizzati durevolmente nello svolgimento dell attività (impianti, macchinari, at-

2 72 Prova pratica n. 13 trezzature ed altre immobilizzazioni) con l indicazione, per ciascun bene, della data di acquisizione, del valore e dei criteri di ammortamento (modalità e durata); un piano di fattibilità economico-finanziaria (triennale o quinquennale). Occorre, in particolare, definire i capitali necessari per avviare l attività, individuare le fonti di finanziamento e realizzare un bilancio previsionale, ossia valutare i profitti dei primi anni di vita dell impresa (conto economico previsionale) e la sua situazione patrimoniale nello stesso periodo di tempo (stato patrimoniale preventivo). Per la redazione di un business plan occorre avvalersi di applicazioni di tipo informatico, ovvero software che rendono più agevole la creazione di tabelle, grafici e altri documenti standardizzati. L obiettivo è determinare un risultato lordo, basato sulle previsioni di ricavi e costi diretti, un risultato netto, stimando investimenti e spese correnti, per arrivare all elaborazione di un vero e proprio bilancio previsionale che dimostri quanto la propria idea imprenditoriale sia redditizia e remuneri adeguatamente le risorse investite nell impresa. Il risultato lordo (o margine lordo) è dato dalla differenza tra i ricavi, ossia il fatturato, e i costi diretti, quelli cioè attribuibili ai prodotti. In particolare, sono costi diretti: i costi per materie prime; i costi di manodopera; gli altri costi industriali diretti; le spese di vendita dirette; i costi di ammortamento attribuibili alla produzione venduta. La programmazione dei ricavi comporta previsioni di quantità e di prezzo: a tal fine sono rilevanti, tra l altro, le possibilità di investimento in strutture commerciali, gli interventi per assicurare la qualità, le condizioni di pagamento concedibili ai clienti, nonché i programmi di ricerca e sviluppo dei prodotti o servizi offerti dall impresa. Per determinare il risultato netto, occorre detrarre dal margine lordo le spese generali di gestione, che comprendono tutte quelle spese che non è possibile attribuire alla produzione venduta, tra cui: le spese per il personale, le spese per l ufficio (incluso utenze e eventuale affitto), le spese bancarie e di assicurazione, le spese per pubblicità, viaggi, trasporti. È necessario, inoltre, detrarre gli ammortamenti generali, ossia quelli non attribuibili alla produzione venduta e che, quindi, non possono essere inclusi nel costo totale diretto del venduto. Con la detrazione degli oneri finanziari (interessi passivi verso banche, ecc.), la detrazione o l aggiunta di eventuali oneri o ricavi extragestione (sopravvenienze passive o attive) e, infine, con la detrazione delle imposte dirette si arriva al risultato netto, a titolo previsionale. Come già detto, l obiettivo di un business plan è, tuttavia, quello di realizzare un bilancio previsionale, formato da uno stato patrimoniale preventivo, un conto economico previsionale ed una situazione di tesoreria (budget di cassa). Lo stato patrimoniale preventivo è un prospetto diviso in due sezioni: la sezione Attività contiene l insieme dei beni in cui è stato investito il denaro a disposizione del neo imprenditore per costituire l ossatura principale dell impresa; nella sezione Passività ritroviamo le fonti di finanziamento da cui l imprenditore attinge il denaro per avviare l impresa e per finanziare gli impieghi (ossia le Attività).

3 Business plan: struttura e contenuti Nel conto economico previsionale occorre, invece, riassumere la previsione dei costi d esercizio, nonché la previsione dei ricavi attesi. Schema conto economico previsionale: Fatturato Costi della produzione (costo merci vendute + ammortamenti) Utile lordo Costi generali (spese generali + ammortamenti) Oneri finanziari +/ Ricavi/oneri straordinari Utile ante imposte Imposte e tasse Utile netto anno n anno n+1 anno n+2 È opportuno, infine, predisporre un budget di cassa che contiene le previsioni dei flussi finanziari, ovvero delle entrate e uscite di cassa, per un breve periodo futuro (mese o trimestre): in particolare, i deficit di cassa indicano la necessità di trovare nuove fonti di finanziamento, mentre le eccedenze indicano l esistenza di fondi disponibili per investimenti. Nel budget di cassa vanno riportate solo le effettive entrate e uscite di denaro e, quindi, tale prospetto non deve contenere voci che non si traducono, nel periodo considerato, in una manifestazione monetaria. 73

4 PROVA PRATICA N. 18 FALLIMENTO: SCRITTURE CONTABILI E ADEMPIMENTI FISCALI Data la seguente situazione patrimoniale della società Alfa che si trova in stato di insolvenza: Immobilizzazioni materiali Debiti v/dipendenti Fondo amm.to imm. materiali Debiti previdenziali Debiti tributari Debiti v/fornitori Perdita di esercizio Magazzino merci Considerato che: ) dall inventario redatto dal curatore emergono le seguenti valutazioni: immobilizzazioni materiali magazzino merci ) lo stato passivo, reso esecutivo dal giudice delegato, ha il contenuto sotto indicato: Creditori privilegiati: Creditori chirografari: debiti v/dipendenti debiti v/fornitori debiti previdenziali debiti tributari ) sono state presentate domande tardive di crediti: debiti tributari , accolti debiti v/fornitori , respinti si proceda alla redazione delle scritture contabili della procedura fallimentare e all elaborazione del piano di riparto. Il candidato, inoltre, accenni agli adempimenti fiscali connessi al fallimento. SVOLGIMENTO Il curatore esegue le scritture contabili di seguito riportate. Annullamento del fondo ammortamento: Fondo amm.to immobilizzazioni materiali Immobilizzazioni materiali Rettifiche dovute al confronto dei dati contabili con l inventario redatto dal curatore: Rettifiche di inventario Immobilizzazioni materiali Magazzino merci Deficit patrimoniale Rettifiche di inventario

5 106 Prova pratica n. 18 Riduzione di un credito privilegiato: Debiti previdenziali Rettifiche allo stato passivo Riduzione di un credito chirografario: Debiti v/fornitori Rettifiche allo stato passivo Ammissione di un credito privilegiato: Rettifiche allo stato passivo Debiti tributari Il saldo del conto «Rettifiche allo stato passivo» viene, infine, girato al conto «Deficit patrimoniale»: Deficit patrimoniale Rettifiche allo stato passivo SITUAZIONE CONTABILE DOPO LA FORMAZIONE DELLO STATO PASSIVO Dare Avere Immobilizzazioni materiali Magazzino merci Creditori privilegiati Creditori chirografari Deficit patrimoniale ( perdita d esercizio) La fase successiva è quella della liquidazione dell attivo. Ai sensi dell art. 107 della legge fallimentare (modificato dal D.Lgs. 169/2007), le vendite e gli altri atti di liquidazione devono essere effettuati dal curatore tramite procedure competitive, anche avvalendosi di soggetti specializzati, sulla base di stime effettuate da parte di operatori esperti (salvo il caso di beni di modesto valore) assicurando, con adeguate forme di pubblicità, la massima informazione e partecipazione degli interessati. Degli esiti delle procedure il curatore deve informare il giudice delegato ed il comitato dei creditori, depositando in cancelleria la relativa documentazione. Il curatore può provvedere alla vendita dei singoli beni o dell intero complesso aziendale, quando la vendita in blocco consente una maggiore soddisfazione dei creditori. Su proposta del curatore il giudice delegato può, tuttavia, autorizzare l affitto dell azienda (previo parere favorevole del comitato dei creditori) quando ciò risulti utile al fine della più proficua vendita dell azienda. Quando, infine, dall interruzione dell attività può derivare un danno grave, il tribunale, con la sentenza dichiarativa del fallimento, può disporre l esercizio provvisorio dell impresa: successivamente, su proposta del curatore, il giudice delegato può

6 Fallimento: scritture contabili e adempimenti fiscali autorizzare, previo parere favorevole del comitato dei creditori, la continuazione temporanea dell esercizio dell impresa, fissandone la durata. Vendita, da parte del curatore, dei beni compresi nell attivo fallimentare: Immobilizzazioni materiali = IVA 20% = = Magazzino merci = IVA 20% = = Banca c/c Minusvalenze Immobilizzazioni materiali Merci c/vendite IVA a debito IVA a debito Banca c/c Compiuta la liquidazione dell attivo e prima del riparto finale, ai sensi dell art. 116 L.F., il curatore deve presentare al giudice delegato il rendiconto della sua attività. Il giudice ordina il deposito del rendiconto in cancelleria e fissa l udienza fino alla quale ogni interessato può presentare le sue osservazioni o contestazioni: se all udienza non sorgono contestazioni o viene comunque raggiunto un accordo, il giudice approva il rendiconto del curatore. Entrate monetarie: Vendita immobilizzazioni materiali Vendita merci in magazzino Totale Uscite monetarie: IVA sulle vendite Totale Somma residua disponibile Il giudice delegato, approvato il rendiconto, liquida il compenso e le spese a favore del curatore (ipotizzati in euro IVA 20% il compenso ed euro 500 le spese; l IVA a credito dovrà essere chiesta a rimborso e successivamente ripartita fra i creditori). Liquidazione compenso e spese al curatore: Costi di procedura IVA a credito 400 Curatore c/compensi La situazione contabile finale è la seguente: Attività STATO PATRIMONIALE Passività Banca c/c Creditori privilegiati Credito IVA 400 Creditori chirografari Deficit patrimoniale ( ) Curatore c/compensi Totale Totale

7 108 Prova pratica n. 18 Costi CONTO ECONOMICO Ricavi Magazzino merci Merci c/vendite Minusvalenze Perdita Costi di procedura Totale Totale Il risultato economico negativo incrementa il deficit patrimoniale con la seguente scrittura: Deficit patrimoniale Conto economico PIANO DI RIPARTO Somme dovute Somme pagate Curatore c/compensi Creditori privilegiati Creditori chirografari Il primo degli adempimenti fiscali cui è tenuto il curatore, entro trenta giorni dalla data della sentenza di fallimento, è la presentazione all Ufficio IVA di una dichiarazione di variazione dati. Entro quattro mesi dalla nomina, poi, deve emettere le fatture e registrare le operazioni di acquisto e di cessione o prestazione di servizi compiute dal fallito anteriormente alla dichiarazione di fallimento. Il curatore è tenuto a presentare la dichiarazione relativa all imposta dovuta per l anno solare precedente (sempreché il relativo termine non sia ancora scaduto e che l impresa, per suo conto, non abbia già provveduto) e una dichiarazione di periodo relativa alle operazioni registrate nella parte dell anno solare pre-fallimento con le indicazioni e gli allegati previsti per la dichiarazione annuale. Per le operazioni effettuate successivamente all apertura del fallimento, il curatore deve provvedere a norma del D.P.R. 633/1972. In particolare: le fatture possono essere emesse entro trenta giorni dal momento di effettuazione delle operazioni; le liquidazioni periodiche mensili e trimestrali devono essere eseguite solo se nel mese o trimestre precedente siano state registrate operazioni imponibili. Infine, la dichiarazione annuale IVA deve essere presentata per tutto il tempo in cui perdura la procedura, anche in assenza di operazioni imponibili. Quanto alle imposte dirette, il fallimento si presenta come un periodo d imposta unitario: il curatore, entro l ultimo giorno del nono mese successivo a quello della nomina, deve presentare la dichiarazione dei redditi pre-fallimento, relativa alla frazione di anno che precede l apertura della procedura concorsuale; successivamente, entro l ultimo giorno del nono mese successivo a quello della chiusura del fallimento, il curatore ha l obbligo di presentare la dichiarazione finale dei redditi, relativa all intera procedura. Ai fini IRAP, il curatore deve presentare soltanto la dichiarazione concernente il tempo compreso tra l inizio del periodo d imposta e la data di apertura della proce-

8 Fallimento: scritture contabili e adempimenti fiscali dura concorsuale. Solo se è stato disposto l esercizio provvisorio, il curatore è tenuto a presentare anche le dichiarazioni relative ad ogni anno e la dichiarazione finale. Infine, anche la curatela fallimentare è soggetta alla disciplina relativa all ICI: ai sensi del co. 6 dell art. 10 D.Lgs. 504/92, come modificato dalla L. 296/2006, il curatore deve presentare al Comune di ubicazione degli immobili, entro 90 giorni dalla nomina, una dichiarazione attestante l avvio della procedura. Inoltre, egli è tenuto a versare l imposta relativa all intero periodo di durata della procedura concorsuale entro 3 mesi dalla data del decreto di trasferimento degli immobili. 109

9 PROVA PRATICA N. 25 PIANIFICAZIONE FINANZIARIA Il candidato, dopo aver illustrato gli scopi della pianificazione finanziaria e analizzato gli elementi che la caratterizzano, esamini la situazione finanziaria della Alfa s.p.a. partendo dal suo budget di cassa: Budget di cassa (in migliaia di euro) I trimestre II trimestre III trimestre IV trimestre Riscossione crediti Altre entrate Totale fonti Pagamento debiti Stipendi Altre spese Imposte e interessi Totale impieghi Flusso di cassa Individuato il fabbisogno finanziario di breve periodo, il candidato rediga il piano finanziario tenendo conto che l impresa: 1. può ricorrere ad un credito senza garanzia presso la banca per un ammontare massimo di euro e ad un tasso d interesse annuo pari al 7%. Si tenga presente che non dovendo prestare alcuna garanzia per ottenere tale credito, dovrà mantenere un saldo compensativo pari al 25% dell ammontare del prestito; 2. può rinviare il pagamento dei propri debiti commerciali. Tale operazione comporterà un costo pari al 3%, corrispondente allo sconto che l impresa perde non pagando puntualmente. Rediga, inoltre, il piano finanziario nell ipotesi alternativa in cui l impresa ricorra ad un prestito garantito, anziché al rinvio del pagamento dei debiti, ad un tasso d interesse annuo del 10%, concesso per un importo massimo corrispondente al 70% del valore dei crediti. Una volta redatti i due piani finanziari, si evidenzi quale forma di indebitamento risulta essere più conveniente per l impresa. SVOLGIMENTO Compito della pianificazione finanziaria è quello di preservare due fondamentali equilibri della gestione aziendale e cioè l equilibrio finanziario fra fonti ed impieghi di capitale e l equilibrio monetario fra entrate ed uscite di cassa. In particolare, è compito della pianificazione di lungo periodo preservare l equilibrio finanziario attraverso valutazioni sull effetto combinato e sulle interazioni fra decisioni di investimento e decisioni di finanziamento, mentre spetta alla pianificazione di breve periodo assicurare l equilibrio monetario e, quindi, le condizioni di liquidità che permettano quotidiana-

10 146 Prova pratica n. 25 mente di fare fronte ai pagamenti con risorse monetarie scaturenti dall attività aziendale e non da reperirsi sul mercato monetario (con un evidente aggravio di costi). In concreto la pianificazione finanziaria contempla una serie di valutazioni e di scelte: decisioni relative agli investimenti da effettuare (capital budgeting) e alla gestione corrente (tempi medi di dilazione di crediti e debiti commerciali, politica delle scorte ecc.); analisi dei tipi di fabbisogni finanziari in base alla entità, alla qualità ed alla durata degli stessi e dei relativi impieghi che li determinano; determinazione della struttura finanziaria ottimale (rapporto fra mezzi propri e mezzi di terzi e tra mezzi a lungo, medio e breve termine); scelte relative alle concrete modalità di acquisizione delle risorse finanziarie necessarie all attuazione degli investimenti e al compimento delle operazioni di gestione corrente (scelta delle fonti di finanziamento). Esiste una stretta interrelazione fra l aspetto finanziario e quello economico della gestione. Nella realtà aziendale, a fronte di costi e ricavi, si configurano nel tempo entrate ed uscite di denaro: il modo (entità e tempi) secondo cui si combinano entrate e uscite genera un disavanzo od un avanzo finanziario che deve essere coperto o impiegato dall azienda. La formazione dei piani economici previsionali (che devono garantire l equilibrio economico fra costi e ricavi) in genere precede quella dei piani finanziari anche se spesso le scelte finanziarie esercitano un azione di ritorno sui piani economici. Dunque, l obiettivo della pianificazione finanziaria è quello di determinare il fabbisogno finanziario inteso come somma del capitale fisso necessario per attuare gli investimenti che si è deciso di compiere e del capitale circolante occorrente per svolgere l attività caratteristica aziendale ed individuare un opportuna copertura, se negativo, o un opportuno impiego, se positivo. È necessario, ai fini di un efficace pianificazione, che: le previsioni siano il più accurate e attendibili possibile; sia individuato il piano finanziario ottimale; sia effettuata una revisione periodica del piano finanziario per evitare che diventi obsoleto. Nella pianificazione a lungo termine l orizzonte temporale di riferimento non dovrebbe essere mai inferiore ai cinque anni. Essa concerne l analisi degli investimenti e le scelte in materia di struttura finanziaria che, oltre a mirare al conseguimento dell equilibrio finanziario fra fonti ed impieghi, influenza, attraverso la scelta di quali investimenti effettuare, anche l equilibrio economico futuro fra costi e ricavi e, quindi, la redditività aziendale. In genere, pertanto, le decisioni finanziarie di lungo termine riguardano attività e passività durevoli e vincolano l azienda per più esercizi. La pianificazione finanziaria di breve termine, che generalmente riguarda un orizzonte temporale non superiore ai 12 mesi, è relativa ai fabbisogni di capitale circolante, cioè la differenza fra attività e passività correnti (cassa, titoli negoziabili, crediti e debiti commerciali etc.): essa tende ad evidenziare il fabbisogno finanziario netto attraverso l analisi dei flussi di capitale circolante e l analisi dei flussi monetari. L analisi dei flussi di circolante, in realtà, considera oltre alla gestione corrente anche i processi di reinvestimento e disinvestimento relativi all esercizio determinati dalle scelte effettuate in sede di pianificazione finanziaria a lungo termine, per cui esprime ponen-

11 Pianificazione finanziaria do a raffronto movimenti patrimoniali e movimenti economici il risultato finanziario della gestione che può essere un surplus (fonti > impieghi) o un deficit (impieghi > fonti). L analisi dei flussi monetari, invece, ricostruisce il ciclo delle entrate e delle uscite al fine di far emergere la situazione di liquidità o illiquidità dell azienda. Punto di partenza della pianificazione finanziaria di breve termine è l analisi delle fonti e degli impieghi di cassa. Le aziende prevedono il loro fabbisogno di cassa aggiungendo agli incassi di crediti commerciali previsti gli altri flussi di cassa e sottraendo le uscite di cassa previste nello stesso periodo. Se il saldo di cassa non è sufficiente ad assicurare quanto necessario per svolgere le operazioni giornaliere bisognerà reperire altri mezzi finanziari, preferibilmente di breve termine. Naturalmente esiste un interdipendenza tra pianificazione finanziaria a lungo e a breve termine: se è vero che la pianificazione a breve dipende ed è influenzata dalle decisioni di struttura finanziaria di lungo periodo, tuttavia capita sempre più di frequente che la gestione di tesoreria influenzi i piani di lungo termine qualora un eccessiva e imprevista tensione monetaria (squilibrio temporale tra entrate ed uscite di denaro) modifichi in senso strategicamente scorretto la struttura finanziaria (per esempio coprendo un fabbisogno a breve con una fonte a medio o lungo termine). Procediamo all individuazione del fabbisogno finanziario a breve dell impresa e alla redazione dei piani finanziari relativi alle due ipotesi esposte. Fabbisogno finanziario a breve I trimestre II trimestre III trimestre IV trimestre Cassa iniziale Flusso di cassa Cassa finale Saldo minimo di cassa Fabbisogno finanziario a breve Piano finanziario nel caso di rinvio dei pagamenti I trimestre II trimestre III trimestre IV trimestre Apertura di credito Rinvio pagamenti 28 58, Totale indebitamento 68 58, Rimborso crediti Rimborso pagamenti ,5 14 Totale rimborsi ,5 54 Totale fonti cassa 68 30,5 44,5 54 Interessi su crediti 0 0,7 0,7 0,7 Costo rinvio pagamenti 0 0,8 1,8 0,4 Saldo compensativo Fabbisogno operativo* Fabbisogno totale 68 30,5 44,5 54 * Si vedano gli importi della tabella iniziale 147

12 148 Prova pratica n. 25 Piano finanziario nel caso di ricorso a finanziamento garantito I trimestre II trimestre III trimestre IV trimestre Apertura di credito Credito garantito 28 30,4 0 0 Totale indebitamento 68 30,4 0 0 Rimborso credito Rimborso credito gar ,4 14 Totale rimborsi ,4 48,1 Totale fonti cassa 68 30,4 44,4 54 Interessi su crediti 0 0,7 0,7 0,7 Int. prestito garantito 0 0,7 1,4 0,4 Saldo compensativo Fabbisogno operativo Fabbisogno totale 68 30,4 44,4 54 L analisi evidenzia che l impresa riesce a far fronte al suo fabbisogno finanziario di breve periodo in entrambe le ipotesi analizzate. Tuttavia, dal confronto dei costi sostenuti nei due casi, risulta che ricorrere al prestito garantito anziché al rinvio dei pagamenti è più conveniente per l impresa. Infatti, mentre il costo totale che la stessa deve sostenere per rinviare il pagamento dei debiti è pari a 308 (, + 18, + 04, ), il costo connesso al prestito garantito ammonta a 2, 5( 0, 7+ 1, 4+ 0, 4).

GUIDA ALLA COMPILAZIONE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE ECAPITAL 2016 PERCORSO DI FORMAZIONE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PIANO ECONOMICO-FINANZIARIO DOTT. CARLO SCIDA Guida alla compilazione del Business Plan ASPETTI GENERALI L orizzonte temporale previsto

Dettagli

al budget di cassa mensile

al budget di cassa mensile un esempio molto semplice : dal bilancio previsionale al budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : ATTIVO PASSIVO Cassa 5.000 Fornitori Clienti 300.000 Banche Scorte 100.000 Capitale

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA ESAMI DI STATO DOTTORI COMMERCIALISTI II SESSIONE 2012 TEMI D ESAME

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA ESAMI DI STATO DOTTORI COMMERCIALISTI II SESSIONE 2012 TEMI D ESAME La fusione: aspetti civilistici, contabili e fiscali. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA ESAMI DI STATO DOTTORI COMMERCIALISTI II SESSIONE 2012 TEMI D ESAME PRIMA PROVA SCRITTA (20/11/2012) TEMA N. 1 (Tema

Dettagli

LE PREVISIONI ECONOMICO-FINANZIARIE Nuovi progetti imprenditoriali

LE PREVISIONI ECONOMICO-FINANZIARIE Nuovi progetti imprenditoriali LE PREVISIONI ECONOMICO-FINANZIARIE Nuovi progetti imprenditoriali v Evidenziare gli investimenti iniziali v Valutare economicità v Evidenziare i flussi di cassa netti v Predisporre la copertura finanziaria

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

FARMACIA LA STRUTTURA FINANZIARIA- ECONOMICA. di Ghelardi Sergio sergio@laboratoriofarmacia.it. Con il contributo di

FARMACIA LA STRUTTURA FINANZIARIA- ECONOMICA. di Ghelardi Sergio sergio@laboratoriofarmacia.it. Con il contributo di FARMACIA LA STRUTTURA FINANZIARIA- ECONOMICA di Ghelardi Sergio sergio@laboratoriofarmacia.it Con il contributo di IL BILANCIO DELLA FARMACIA HA DUE DOCUMENTI >LO STATO PATRIMONIALE >IL CONTO ECONOMICO

Dettagli

Contiene le coperture finanziarie necessarie per l acquisizione delle risorse produttive, con l eventuale avanzo o disavanzo finanziario.

Contiene le coperture finanziarie necessarie per l acquisizione delle risorse produttive, con l eventuale avanzo o disavanzo finanziario. Il processo di formulazione del budget dell impresa si conclude con il consolidamento dei singoli budget settoriali in un unico bilancio previsionale (MASTER BUDGET), che si compone dei seguenti documenti

Dettagli

ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO

ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO 1 COSTRUZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO E UNO STRUMENTO CHE INDIVIDUA LE DINAMICHE DEL CAPITALE METTENDO IN

Dettagli

bilancio previsionale preventivo finanziario budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : I dati previsionali per l anno x+1

bilancio previsionale preventivo finanziario budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : I dati previsionali per l anno x+1 un esempio molto semplice con la redazione di : bilancio previsionale preventivo finanziario budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : ATTIVO Cassa 5.000 Fornitori Clienti 300.000 Banche

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. Capitolo Primo: Le operazioni di gestione 21 Fatti interni Trasformazioni economiche PARTE SECONDA LA GESTIONE AZIENDALE Capitolo Primo Le operazioni di gestione In questo capitolo analizzeremo le diverse

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Sessione ordinaria 2009 Seconda prova scritta Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca M730 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE CORSO DI ORDINAMENTO Indirizzo: GIURIDICO ECONOMICO

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario La riclassificazione del bilancio d esercizio Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it Il bilancio pubblico Il Bilancio è il documento contabile in cui trovano rappresentazione

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario La previsione finanziaria Analisi Economico-Finanziaria delle P.M.I. Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it L analisi di bilancio e la proiezione della gestione

Dettagli

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti 1 Il Conto Economico Il prospetto di CE può essere redatto:

Dettagli

7. Dalla Crisi di Wallstreet al Bilancio

7. Dalla Crisi di Wallstreet al Bilancio 7. Dalla Crisi di Wallstreet al Bilancio 7.1 Introduzione Una delle conseguenze più rilevanti sotto il profilo economico, del primo conflitto mondiale, è stata la crisi di Wallstreet; la quale trova fondamento

Dettagli

Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale

Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale Il tema assegnato per la seconda prova di Economia aziendale nell'indirizzo I.G.E.A. è incentrato sulla differenza tra reddito

Dettagli

LA GESTIONE FINANZIARIA, LA SUA PIANIFICAZIONE & IL BUSINESS PLAN. Previsione dei fabbisogni e gestione dei flussi aziendali

LA GESTIONE FINANZIARIA, LA SUA PIANIFICAZIONE & IL BUSINESS PLAN. Previsione dei fabbisogni e gestione dei flussi aziendali LA GESTIONE FINANZIARIA, LA SUA PIANIFICAZIONE & IL BUSINESS PLAN Previsione dei fabbisogni e gestione dei flussi aziendali AGENDA CARATTERI GENERALI DELLA FUNZIONE FINANZIARIA PERCHE L AZIENDA NECESSITA

Dettagli

Analisi di bilancio per indici

Analisi di bilancio per indici Analisi di bilancio per indici Al 31/12/n la Carrubba spa, svolgente attività industriale, presenta la seguente situazione contabile finale: SITUAZIONE PATRIMONIALE Software 20.000,00 Fondo ammortamento

Dettagli

Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci.

Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci. Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci. Debiti verso fornitori Importi dovuti ai fornitori. Crediti

Dettagli

Analisi per flussi. 1. Considerazioni generali

Analisi per flussi. 1. Considerazioni generali Capitolo 8 Analisi per flussi 1. Considerazioni generali Il rendiconto finanziario è un prospetto che raggruppa, in relazione a determinati scopi di formazione, le variazioni (flussi) intervenute nella

Dettagli

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI 5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI Master Budget: insieme coordinato e coerente dei budget operativi, finanziari e degli investimenti è rappresentato

Dettagli

IL BUDGET ECONOMICO, FINANZIARIO, PATRIMONIALE

IL BUDGET ECONOMICO, FINANZIARIO, PATRIMONIALE Newsletter Phedro settembre 2007 IL BUDGET ECONOMICO, FINANZIARIO, PATRIMONIALE IL BUDGET ECONOMICO Il budget economico deriva dal consolidamento dei budget settoriali e dei costi programmati per il successivo

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2008 E IL PROGETTO DI BILANCIO DI MONTEFIBRE

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2008 E IL PROGETTO DI BILANCIO DI MONTEFIBRE Montefibre SpA Via Marco d Aviano, 2 20131 Milano Tel. +39 02 28008.1 Contatti societari: Ufficio titoli Tel. +39 02 28008.1 E-mail titoli@mef.it Sito Internet www.montefibre.it IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

Dettagli

La valutazione dell Impresa e l analisi dei flussi 1

La valutazione dell Impresa e l analisi dei flussi 1 Newsletter Phedro dicembre 2007 La valutazione dell Impresa e l analisi dei flussi 1 Prof. Roberto Cappelletto 2 e Dott. Gabriele Toniolo 3 1) Dalla Logica Contabile all Analisi dei Flussi Come si è potuto

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Pianificazione finanziaria

Pianificazione finanziaria Pianificazione finanziaria La rappresentazione della dinamica finanziaria prospettica capitolo 7 La dinamica finanziaria prospettica Il capitolo 7 approfondisce il tema della proiezione della dinamica

Dettagli

Il piano economico-finanziario. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano

Il piano economico-finanziario. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano Il piano economico-finanziario Ruolo e inquadramento dello strumento Il piano economico-finanziario (PEF) costituisce una parte di un più ampio strumento di formalizzazione di un idea imprenditoriale :

Dettagli

ASPETTI FISCALI DEL FALLIMENTO

ASPETTI FISCALI DEL FALLIMENTO ASPETTI FISCALI DEL FALLIMENTO Corso Biennale di preparazione all esame di Stato di Dottore Commercialista e di Esperto Contabile INTRODUZIONE La lezione affronterà nell ordine: REGISTRO IMPRESE IVA IRES

Dettagli

RELAZIONE DI STIMA RELATIVA AL POSSIBILE VALORE DI CESSIONE DELLE QUOTE DI SOCIETA DA COSTITUIRE

RELAZIONE DI STIMA RELATIVA AL POSSIBILE VALORE DI CESSIONE DELLE QUOTE DI SOCIETA DA COSTITUIRE RELAZIONE DI STIMA RELATIVA AL POSSIBILE VALORE DI CESSIONE DELLE QUOTE DI SOCIETA DA COSTITUIRE Il sottoscritto Vladimiro BOLDI COTTI, Dottore Commercialista con Studio in Mantova (MN), Via Cremona n.

Dettagli

LE OPERAZIONI DELLA GESTIONE AZIENDALE SONO ALL ORIGINE DEL FLUSSO DELLE INFORMAZIONI CHE DESCRIVONO L ATTIVITA DELL AZIENDA

LE OPERAZIONI DELLA GESTIONE AZIENDALE SONO ALL ORIGINE DEL FLUSSO DELLE INFORMAZIONI CHE DESCRIVONO L ATTIVITA DELL AZIENDA LE OPERAZIONI DELLA GESTIONE AZIENDALE SONO ALL ORIGINE DEL FLUSSO DELLE INFORMAZIONI CHE DESCRIVONO L ATTIVITA DELL AZIENDA IL TRATTAMENTO CONTINUATIVO E SISTEMATICO DEL FLUSSO INFORMATIVO CONSENTE L

Dettagli

Firenze 20-21-27 aprile 2011

Firenze 20-21-27 aprile 2011 Il controllo di gestione per le IMPRESE ALBERGHIERE Terza giornata Dalla pianificazione al Controllo La gestione finanziaria Firenze 20-21-27 aprile 2011 GLI OBIETTIVI DELL INCONTRO 1. Definire il Concetto

Dettagli

La dimensione economico finanziaria del business plan. Davide Moro

La dimensione economico finanziaria del business plan. Davide Moro La dimensione economico finanziaria del business plan Davide Moro I prospetti economico finanziari Da cosa è costituito un prospetto economicofinanziario Un preventivo economico-finanziario completo richiede

Dettagli

IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET

IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET Il sistema di pianificazione aziendale integrato. 1. Scenari ambientali, previsionali generali, bilanci passati Riferimenti ambientali Posizionamento strategico

Dettagli

La riclassificazione del bilancio d esercizio

La riclassificazione del bilancio d esercizio La riclassificazione del bilancio d esercizio Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani), Mc Graw-Hill 2001, cap. 4 1 Il bilancio pubblico. Il sistema informativo di bilancio secondo

Dettagli

IL BUDGET FINANZIARIO. Corso di PROGRAMMAZIONE AZIENDALE Attilio Mucelli 1

IL BUDGET FINANZIARIO. Corso di PROGRAMMAZIONE AZIENDALE Attilio Mucelli 1 IL BUDGET FINANZIARIO Corso di PROGRAMMAZIONE AZIENDALE Attilio Mucelli 1 IL BUDGET FINANZIARIO Verifica della fattibilità finanziaria dei budget operativi: Quantificazione del fabbisogno finanziario del

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL BUDGET

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL BUDGET WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL BUDGET A CUR A DEL B IC S AR DEGNA S P A 1 SOMMARIO LA NOZIONE E LA FUNZIONE DEL BUDGET... 3 LE CARATTERISTICHE DEL BUDGET... 3 IL PROCESSO DI FORMULAZIONE

Dettagli

La redazione del bilancio preventivo. Determinazione del fabbisogno finanziario, scelte di copertura e sintesi dei risultati

La redazione del bilancio preventivo. Determinazione del fabbisogno finanziario, scelte di copertura e sintesi dei risultati Michele Pisani La redazione del bilancio preventivo modulo 4 Determinazione del fabbisogno finanziario, scelte di copertura e sintesi dei risultati Le macro-fasi di redazione del preventivo operazioni

Dettagli

Indirizzo GIURIDICO ECONOMICO AZIENDALE

Indirizzo GIURIDICO ECONOMICO AZIENDALE ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE PROGETTO IGEA Anno 2000 Indirizzo GIURIDICO ECONOMICO AZIENDALE Tema di: ECONOMIA AZIENDALE Il candidato sta esaminando, con alcuni amici neo-diplomati, la possibilità di iniziare

Dettagli

Il processo di formazione del bilancio: le scritture di assestamento

Il processo di formazione del bilancio: le scritture di assestamento Tracce di temi 2010 Scuola Duemila 1 Traccia n. 5 Il processo di formazione del bilancio: le scritture di assestamento Walter Roverelli Sulla base del seguente bilancio di verifica al 31/12/n, redatto

Dettagli

3. La struttura dell intervento I COSTI DI INVESTIMENTO

3. La struttura dell intervento I COSTI DI INVESTIMENTO ANALISI DI FATTIBILITA ECONOMICO - FINANZIARIA PARCO DELLO SPORT DI MONZA 1. Executive Summary L analisi della fattibilità economico finanziaria ha come finalità la verifica della sostenibilità economico-finanziaria

Dettagli

Traccia n. 1. Prospetto dei conti al 31 dicembre. Eccedenze

Traccia n. 1. Prospetto dei conti al 31 dicembre. Eccedenze Traccia n. 1 1. Il Candidato compili la Situazione Contabile dell impresa «Omega SpA», tenendo conto che il prospetto contabile di seguito presentato è stato redatto dopo la prima e la seconda fase dell

Dettagli

Calcolo e commento dei principali indici di bilancio

Calcolo e commento dei principali indici di bilancio Esercitazioni svolte 2014 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 10 Calcolo e commento dei principali indici di bilancio Antonia Mente COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE Interpretare i sistemi aziendali nei loro

Dettagli

Capitolo 4 Parte I Contabilità e Bilancio

Capitolo 4 Parte I Contabilità e Bilancio Capitolo 4 Parte I Contabilità e Bilancio 4. 1. Attività istituzionale Definizione. L Attività istituzionale è lo scopo per il quale l associazione si è costituita, uno scopo che non può essere di natura

Dettagli

TRIBUNALE DI PESCARA. CONCORDATO PREVENTIVO n.. S.R.L.

TRIBUNALE DI PESCARA. CONCORDATO PREVENTIVO n.. S.R.L. TRIBUNALE DI PESCARA CONCORDATO PREVENTIVO n.. S.R.L. Via.. - PESCARA (PE ) Codice fiscale Partita iva Registro Imprese di PESCARA n.. - Numero R.E.A. PE ALLEGATO N.1 ex art. 161 L.F., comma 2, lett. a)

Dettagli

Esercitazione di Economia aziendale

Esercitazione di Economia aziendale Esercitazione di Economia aziendale Il bilancio di previsione per la programmazione economica e finanziaria: il caso Olistar S.r.l. Corso di Economia aziendale Presentazione della situazione aziendale

Dettagli

Tema n. 1 1 quesito: Prospetto 1

Tema n. 1 1 quesito: Prospetto 1 Tema n. 1 In data 31/12/02 si decide lo scorporo di un ramo d azienda dalla società Gamma S.p.A. - che ha i- niziato la propria attività in data 1/1/1995 - ed il suo successivo conferimento nella società

Dettagli

Provincia dell Ogliastra Gestione Commissariale (L.R. n. 15 /2013)

Provincia dell Ogliastra Gestione Commissariale (L.R. n. 15 /2013) BANDO PUBBLICO PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO SPERIMENTALE DI PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELLA COLTIVAZIONE DEL CILIEGIO DOLCE E DEL MELO NELLA PROVINCIA DELL OGLIASTRA ALLEGATO A - PIANO DI SVILUPPO

Dettagli

ORDINE ASSISTENTI SOCIALI Consiglio Regionale del Lazio Roma, 31 marzo 2010 NOTA INTEGRATIVA E RELAZIONE SULLA GESTIONE ESERCIZIO FINANZIARIO 2009

ORDINE ASSISTENTI SOCIALI Consiglio Regionale del Lazio Roma, 31 marzo 2010 NOTA INTEGRATIVA E RELAZIONE SULLA GESTIONE ESERCIZIO FINANZIARIO 2009 Roma, 31 marzo 2010 NOTA INTEGRATIVA E RELAZIONE SULLA GESTIONE ESERCIZIO FINANZIARIO 2009 PREMESSA Il Rendiconto Generale che viene presentato al Consiglio Regionale dell Ordine degli Assistenti Sociali

Dettagli

QUADERNO DI CONTABILITA GENERALE ESERCIZI N. 3: ECONOMIA AZIENDALE I. Insegnamento di CORSI DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE ED ECONOMIA E COMMERCIO

QUADERNO DI CONTABILITA GENERALE ESERCIZI N. 3: ECONOMIA AZIENDALE I. Insegnamento di CORSI DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE ED ECONOMIA E COMMERCIO Insegnamento di ECONOMIA AZIENDALE I CORSI DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE ED ECONOMIA E COMMERCIO UNIVERSITÀ DI FIRENZE A.A. 2007/08 A CURA DI GIACOMO MANETTI QUADERNO DI ESERCIZI N. 3: CONTABILITA GENERALE

Dettagli

L ANALISI DELLA DINAMICA CONSUNTIVA 1

L ANALISI DELLA DINAMICA CONSUNTIVA 1 Newsletter Phedro giugno 2006 L ANALISI DELLA DINAMICA CONSUNTIVA 1 Prof. R. Cappelletto 2 Dott. Gabriele Toniolo 3 1. La Valutazione del Rischio Storico Nel processo di analisi del rischio l analista

Dettagli

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE Tema d esame BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI (classe 5 a ITC) Il tema proposto è articolato in tre parti, di cui l ultima con tre alternative

Dettagli

Investimenti e disinvestimenti

Investimenti e disinvestimenti Investimenti e disinvestimenti CICLO finanziamenti Investimenti e realizzo Disinvestimenti o vendita 1 Sistema accadimenti, quantità economiche e valori Sistema accadimenti Categorie di operazioni a) Di

Dettagli

PROVE SCRITTE ESAME DI STATO DOTTORE COMMERCIALISTA I SESSIONE 2009

PROVE SCRITTE ESAME DI STATO DOTTORE COMMERCIALISTA I SESSIONE 2009 PROVE SCRITTE ESAME DI STATO DOTTORE COMMERCIALISTA TRACCIA N. 1 I SESSIONE 2009 I P R O V A S C R I T T A Illustri il candidato la funzione di controllo contabile es art. 2409 ter, c.c., soffermandosi

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN O.S. Organizzazione e servizi S.r.l. Dott. Dante Romanò Come realizzare un Business Plan : una guida semplice completa di un modello gratuito per il calcolo dei

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Sessione ordinaria 2012 Seconda prova scritta Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca M730 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE CORSO DI ORDINAMENTO Indirizzo: GIURIDICO ECONOMICO

Dettagli

TEMI DI DISCIPLINE GIURIDICHE

TEMI DI DISCIPLINE GIURIDICHE TEMI DI DISCIPLINE GIURIDICHE Tema n. 1: Dopo aver brevemente illustrato i presupposti soggettivi del fallimento, il candidato si soffermi, in particolare, sulle problematiche attinenti: - al fallimento

Dettagli

In momenti di incertezza e di instabilità

In momenti di incertezza e di instabilità LA GESTIONE DELLA TESORERIA ALLA LUCE DELLA CRISI DEI MERCATI FINANZIARI In momenti di incertezza e di instabilità finanziaria il governo dei flussi di tesoreria assume una notevole importanza all interno

Dettagli

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE Dopo avere completato la tabella a doppia entrata e analizzato le variazioni coinvolte, si rilevino con scritture cronologiche e sistematiche in partita

Dettagli

LA GESTIONE DEL CREDITO IN SOFFERENZA

LA GESTIONE DEL CREDITO IN SOFFERENZA INCONTRO FORMATIVO LA GESTIONE DEL CREDITO IN SOFFERENZA Recenti novità normative art. 33, comma 5, D.L. Crescita riconoscimento dell Accordo di Ristrutturazione dei debiti tra le procedure che consentono

Dettagli

Esami di Stato di abilitazione all'esercizio professionale per Esperto contabile Elenco delle tracce sorteggiate nelle sessioni precedenti

Esami di Stato di abilitazione all'esercizio professionale per Esperto contabile Elenco delle tracce sorteggiate nelle sessioni precedenti Esami di Stato di abilitazione all'esercizio professionale per Esperto contabile Elenco delle tracce sorteggiate nelle sessioni precedenti I^ sessione 2012 Materie aziendali: Il candidato illustri i principi

Dettagli

Le analisi di bilancio per indici

Le analisi di bilancio per indici Riclassificazione e interpretazione Le analisi di bilancio per indici di Silvia Tommaso - Università della Calabria Obiettivo delle analisi di bilancio è quello di ottenere informazioni adeguate a prendere

Dettagli

Albez edutainment production. Il patrimonio. Classe III ITC

Albez edutainment production. Il patrimonio. Classe III ITC Albez edutainment production Il patrimonio Classe III ITC Alla fine di questo modulo sarete in grado di: Conoscere la condizione di equilibrio patrimoniale e finanziario di un impresa Conoscere e classificare

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 41 13.11.2013 Analisi di bilancio Analisi per indici, per margini e rendiconto finanziario Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie In moltissimi

Dettagli

II^ sessione 2014. I^ sessione 2014

II^ sessione 2014. I^ sessione 2014 Esami di Stato di abilitazione all'esercizio professionale per Esperto contabile Elenco delle tracce sorteggiate nelle sessioni precedenti I^ sessione 2015 Materie aziendali: Il candidato, dopo essersi

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale

Commento al tema di Economia aziendale Commento al tema di Economia aziendale Il tema di Economia aziendale proposto negli Istituti Tecnici è incentrato sulla crisi finanziaria ed è articolato in una parte obbligatoria e tre percorsi alternativi

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale 2006

Commento al tema di Economia aziendale 2006 Commento al tema di Economia aziendale 2006 Il tema proposto per la prova di Economia aziendale negli Istituti Tecnici Commerciali è incentrato sulla gestione finanziaria dell impresa ed è articolato in

Dettagli

LA VALUTAZIONE AZIENDALE E DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI

LA VALUTAZIONE AZIENDALE E DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI LA VALUTAZIONE AZIENDALE E DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI 1 LA STRATEGIA ECONOMICO-FINANZIARIA LA STRATEGIA ECONOMICO-FINANZIARIA DECISIONI RILEVANTI: DI UN AZIENDA COMPRENDE TRE DECISIONI DI DIVIDENDO

Dettagli

queste ricordiamo: la direzione del personale; la direzione della ricerca e sviluppo; la direzione generale.

queste ricordiamo: la direzione del personale; la direzione della ricerca e sviluppo; la direzione generale. IL BUDGET DELLE STRUTTURE CENTRALI Le strutture centrali riguardano le funzioni aziendali non coinvolte direttamente nel processo produttivo - distributivo. Tra queste ricordiamo: la direzione del personale;

Dettagli

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Bilanci preventivi e piani finanziari perché utilizzarli? Simulazione di scenari e valutazione impatto variabili di business Analisi compatibilità

Dettagli

LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN II: PROSPETTI ECONOMICO/FINANZIARI. Dott. Roberto Matterazzo

LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN II: PROSPETTI ECONOMICO/FINANZIARI. Dott. Roberto Matterazzo LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN II: PROSPETTI ECONOMICO/FINANZIARI Dott. Roberto Matterazzo L incontro si propone di: Esaminare i prospetti economico/finanziari che compongono un Business Plan. Per rendere

Dettagli

Simulazione Esame di Stato di Dottore Commercialista

Simulazione Esame di Stato di Dottore Commercialista Simulazione Esame di Stato di Dottore Commercialista Il candidato illustri il processo di liquidazione delle società di capitali soffermandosi sugli adempimenti civilistici, contabili e fiscali antecedenti

Dettagli

Esercitazioni di economia aziendale (II modulo)

Esercitazioni di economia aziendale (II modulo) Università degli Studi di Pavia Facoltà di Economia Anno Accademico 2012-2013 Esercitazioni di economia aziendale (II modulo) Dario Capittini Economia aziendale - Esercitazioni 1 Il processo di rilevazione

Dettagli

L ECONOMICITÀ AZIENDALE

L ECONOMICITÀ AZIENDALE L ECONOMICITÀ AZIENDALE IMPRESA tende alla sopravvivenza (autonoma) nel tempo 1 a condizione: Equilibrio economico Risorse consumo (utilizzazione) Collocamento l azienda deve conseguire in volume di ricavi

Dettagli

12 L ECONOMICITA AZIENDALE. 14 ottobre 2005 Ragioneria Generale e Applicata 1

12 L ECONOMICITA AZIENDALE. 14 ottobre 2005 Ragioneria Generale e Applicata 1 12 L ECONOMICITA AZIENDALE 14 ottobre 2005 Ragioneria Generale e Applicata 1 L economicità Tutte le aziende, per poter conseguire i propri fini, devono essere in grado di operare in condizioni di: -autonomia

Dettagli

6. IL PIANO ECONOMICO-FINANZIARIO

6. IL PIANO ECONOMICO-FINANZIARIO 6. IL PIANO ECONOMICO-FINANZIARIO 6.1 Le ipotesi alla base del Piano economico-finanziario Il Piano economico-finanziario risponde a due esigenze fondamentali: - completare il processo di pianificazione

Dettagli

BOZZA DEL REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA CONTABILE- AMMINISTRATIVA TRA L AZIENDA U.S.L. 10 DI FIRENZE E LA SOCIETA DELLA SALUTE DI FIRENZE

BOZZA DEL REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA CONTABILE- AMMINISTRATIVA TRA L AZIENDA U.S.L. 10 DI FIRENZE E LA SOCIETA DELLA SALUTE DI FIRENZE BOZZA DEL REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA CONTABILE- AMMINISTRATIVA TRA L AZIENDA U.S.L. 10 DI FIRENZE E LA SOCIETA DELLA SALUTE DI FIRENZE A. ASPETTI GENERALI Oggetto Il presente regolamento

Dettagli

PR. SCADENZA ADEMPIMENTO NOTE COMMISSIONE PROCEDURE ADEMPIMENTI FISCALI INIZIALI DEL CURATORE

PR. SCADENZA ADEMPIMENTO NOTE COMMISSIONE PROCEDURE ADEMPIMENTI FISCALI INIZIALI DEL CURATORE ADEMPIMENTI FISCALI INIZIALI DEL CURATORE 1 Entro 30 gg. dalla Comunicare all Agenzia delle Entrate la dichiarazione di fallimento sentenza di con modello di variazione dati (art. 35 Dpr 633/72). fallimento

Dettagli

Gli aspetti fiscali del fallimento e delle procedure concorsuali

Gli aspetti fiscali del fallimento e delle procedure concorsuali Gli aspetti fiscali del fallimento e delle procedure concorsuali CENNI Agenda Premessa Il Fallimento Apertura del Fallimento Lo svolgimento della procedura Conclusione della procedura Il Patrimonio netto

Dettagli

LA GESTIONE FINANZIARIA

LA GESTIONE FINANZIARIA LA GESTIONE FINANZIARIA Nella letteratura la gestione finanziaria viene frequentemente definita come il complesso di decisioni ed operazioni volte a reperire ed impiegare il capitale in impresa. La gestione

Dettagli

ESERCIZIO N.1. Sia dato il seguente Stato Patrimoniale della società Fraxa alla chiusura dell esercizio 2001

ESERCIZIO N.1. Sia dato il seguente Stato Patrimoniale della società Fraxa alla chiusura dell esercizio 2001 ESERCIZIO N.1 Sia dato il seguente Stato Patrimoniale della società Fraxa alla chiusura dell esercizio 2001 Stato Patrimoniale al 31.12.2001 B) IMMOBILIZZAZIONI A) PATRIMONIO NETTO I Immobilizzazioni immateriali

Dettagli

20 giugno 2006 PRIMA PROVA MATERIE AZIENDALI TEMA I

20 giugno 2006 PRIMA PROVA MATERIE AZIENDALI TEMA I 20 giugno 2006 PRIMA PROVA MATERIE AZIENDALI TEMA I Il candidato proceda preventivamente ad illustrare sotto il profilo civilistico e fiscale le caratteristiche dell operazione di cessione d azienda. Successivamente

Dettagli

Esame di Stato 2014 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale

Esame di Stato 2014 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale Esame di Stato 2014 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale Il tema assegnato per la seconda prova di Economia aziendale (nell'indirizzo Giuridico

Dettagli

- A. Torcini Adempimenti fiscali del Curatore fallimentare - ADEMPIMENTI FISCALI DEL CURATORE FALLIMENTARE. A cura di Alessandro TORCINI

- A. Torcini Adempimenti fiscali del Curatore fallimentare - ADEMPIMENTI FISCALI DEL CURATORE FALLIMENTARE. A cura di Alessandro TORCINI ADEMPIMENTI FISCALI DEL CURATORE FALLIMENTARE A cura di Alessandro TORCINI 1 ADEMPIMENTI FISCALI INIZIALI predisporre i registri IVA entro 30 giorni dalla notifica, comunicare all Agenzia delle Entrate

Dettagli

ARGOMENTI. Una premessa. La funzione finanziaria. Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti

ARGOMENTI. Una premessa. La funzione finanziaria. Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti La funzione finanziaria Prof. Arturo Capasso ARGOMENTI Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti Una premessa Funzione Finanziaria e Finanza Aziendale.

Dettagli

Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir. tire e da indici

Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir. tire e da indici Tracce di temi 2010 Scuola Duemila 1 Traccia n. 1 Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir tire e da indici Olivia Leone Il candidato illustri brevemente quali sono i principali vincoli da

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA ESAMI DI STATO DOTTORI COMMERCIALISTI II SESSIONE 2014 TEMI D ESAME PRIMA PROVA SCRITTA (19/11/2014) TEMA N. 1 Una società di capitali, esercente attività di fonderia, risulta produttivamente articolata

Dettagli

Basilea 2: il ruolo del rendiconto finanziario nelle PMI

Basilea 2: il ruolo del rendiconto finanziario nelle PMI finanza d impresa Basilea 2: il ruolo del rendiconto finanziario nelle PMI Uno strumento essenziale di comunicazione e analisi aziendale Fabrizio Bencini Dottore commercialista e Partner Kon Spa Simone

Dettagli

SVOLGIMENTO TIPOLOGIA C

SVOLGIMENTO TIPOLOGIA C SVOLGIMENTO Una società per azioni che produce mobili in legno al termine dell esercizio n presenta una situazione di difficoltà: L esercizio si è chiuso con una perdita di 300.000 euro che ha portato

Dettagli

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it Il Business Plan Che cos è il business plan Documento di pianificazione e comunicazione che analizza e descrive l idea imprenditoriale e ne consente una

Dettagli

Capitolo XV. La gestione della finanza: investimenti e finanziamenti

Capitolo XV. La gestione della finanza: investimenti e finanziamenti Capitolo XV La gestione della finanza: investimenti e finanziamenti La funzione finanziaria Nella funzione finanziaria si comprende il complesso di decisioni e di operazioni volte a reperire e ad impiegare

Dettagli

CONCESSIONE CONTRIBUTI ALLE NUOVE IMPRESE

CONCESSIONE CONTRIBUTI ALLE NUOVE IMPRESE Business Plan (PIANO DI IMPRESA) DELL IMPRESA CONCESSIONE CONTRIBUTI ALLE NUOVE IMPRESE PAGE \*Arabic 1 PARTE DESCRITTIVA Parte generale a a descrizione dell impresa: - denominazione - forma giuridica

Dettagli

REGOLAMENTO DI CONTABILITA GENERALE

REGOLAMENTO DI CONTABILITA GENERALE REGOLAMENTO DI CONTABILITA GENERALE Art. 1 - Oggetto e finalità 1. Il presente regolamento di contabilità, adottato in applicazione dell art. 71 terdecies della Legge regionale 24 febbraio 2005, n. 40

Dettagli

PARTE SECONDA La gestione aziendale

PARTE SECONDA La gestione aziendale PARTE SECONDA La gestione aziendale Di cosa parleremo In questo capitolo analizzeremo le diverse operazioni della gestione, che si distinguono in fatti esterni o di scambio e fatti interni o di produzione

Dettagli

(anno n e anno n+1) Anno N. 20/04 sottoscrizione da parte degli azionisti di 100.000 azioni del valore nominale di 10.

(anno n e anno n+1) Anno N. 20/04 sottoscrizione da parte degli azionisti di 100.000 azioni del valore nominale di 10. ESERCITAZIONE N 2 (anno n e anno n+1) In questa esercitazione, partendo dalla costituzione di una S.p.A., vengono eseguite le scritture continuative relative alle operazioni svolte durante l esercizio;

Dettagli

Prof. Bruno Pirozzi. Anno accademico 2004-2005. Materiale ad uso esclusivamente didattico e con circolazione limitata agli studenti

Prof. Bruno Pirozzi. Anno accademico 2004-2005. Materiale ad uso esclusivamente didattico e con circolazione limitata agli studenti Prof. Bruno Pirozzi Anno accademico 20042005 Materiale ad uso esclusivamente didattico e con circolazione limitata agli studenti PROGRAMMA Ore 60 MODULO 1 1l azienda e il suo insieme :struttura e risorse

Dettagli

Collegio IPASVI di Varese

Collegio IPASVI di Varese Collegio IPASVI di Varese Via Pasubio n. 26 21100 Varese Approvati rispettivamente dal Consiglio Direttivo il giorno 18 febbraio 2013 con atto deliberativo n 39 Assemblea ordinaria il giorno 15/03/2013

Dettagli

GLI SCHEMI DI RICLASSIFICAZIONE

GLI SCHEMI DI RICLASSIFICAZIONE GLI SCHEMI DI RICLASSIFICAZIONE Si differenziano soprattutto per il trattamento delle poste patrimoniali. Il criterio della liquidità/esigibilità: attività in ordine di liquidità decrescente, passività

Dettagli

Principali indici di bilancio

Principali indici di bilancio Principali indici di bilancio Descrizione Il processo di valutazione del merito creditizio tiene conto di una serie di indici economici e patrimoniali. L analisi deve sempre essere effettuata su un arco

Dettagli

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE Dopo avere completato la tabella a doppia entrata e analizzato le variazioni coinvolte, si rilevino con scritture cronologiche e sistematiche in partita

Dettagli

TRACCE TEMI ESAME DI STATO DOTTORE COMMERCIALISTA

TRACCE TEMI ESAME DI STATO DOTTORE COMMERCIALISTA TRACCE TEMI ESAME DI STATO DOTTORE COMMERCIALISTA 2013 II^ SESSIONE PRIMA PROVA Tema n. 1 Il candidato dopo aver sinteticamente illustrato le motivazioni economiche che sovrintendono ad una operazione

Dettagli