SSD AGR01 - Economia ed estimo rurale. prof. Alberto Pirani e dott.ssa Anna Gaviglio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SSD AGR01 - Economia ed estimo rurale. prof. Alberto Pirani e dott.ssa Anna Gaviglio"

Transcript

1 SSD AGR01 - Economia ed estimo rurale prof. Alberto Pirani e dott.ssa Anna Gaviglio

2 SSD AGR01 - Economia ed estimo rurale ECONOMIA AGRARIA POLITICA AGRARIA ECONOMIA AGROALIMENTARE ECONOMIA AMBIENTALE E TERRITORIALE SSD PRODUZIONI ANIMALI ESTIMO RURALE ED AMBIENTALE

3 COMPARTO ECONOMIA AGRARIA AZIENDA Analisi economica, gestionale e di efficienza degli allevamenti Costi di produzione Analisi costi-benefici della sanità animale Competitività ed innovazione Analisi di filiera Analisi dati censuari Modelli previsionali Analisi economico-finanziaria degli investimenti in agricoltura

4 ECONOMIA AGRARIA- AZIENDA Analisi economica, gestionale e di efficienza degli allevamenti Analisi economico-gestionale comparata dei processi produttivi in aziende biologiche di pianura con allevamenti bovini da latte Produrre energia rinnovabile nelle aziende agro-zootecniche. Effetti economici dalle novità introdotte nella normativa del 2012 Aspetti economico-gestionali delle produzioni animali biologiche principi ed operatività della conversione di aziende zootecniche da latte in aree intensive di pianura Interdipendenze strutturali e gestionali nell adeguamento aziendale alla politica ambientale di utilizzazione agronomica dei reflui zootecnici (Direttiva Nitrati)

5 ECONOMIA AGRARIA - AZIENDA La realtà ovina sarda: costi di produzione e prospettive in un allevamento da latte Costi di produzione Costo di produzione della carne di razza Piemontese: allevamento biologico e convenzionale a confronto L incidenza dei costi di costruzione nell allevamento suinicolo un analisi comparata tra conduzione tradizionale e biologica Analisi costibenefici sanità animale I costi e la gestione della sanitá nell allevamento bovino da latte Zootecnia biologica da latte e costi sanitari. Punti di forza e di debolezza in un ottica di analisi economica

6 ECONOMIA AGRARIA- AZIENDA Valutazione della convenienza ad adottare innovazioni di processo e di prodotto attraverso il modello costi/volumi/profitto: il caso del pesce allevato Competitività ed innovazione Innovazione e competitività nella trasformazione di prodotti da agricoltura biologica: il caso delle imprese artigiane agroalimentari lombarde Il ruolo del prodotto da agricoltura biologica all interno delle strategie di crescita di un impresa di trasformazione nel settore lattiero-caseario Iniziative per la valorizzazione della produzione agricola. Analisi in una comunità lariana

7 ECONOMIA AGRARIA - COMPARTO Le filiere biologiche in Lombardia Il comparto zootecnico biologico Analisi di filiera Economic-operation analysis of a chain reality in the pigmeat sector. The company s efficiency targets through the swot analysis Qualitá e tracciabilitá nelle produzioni di origine zootecnica: analisi di una filiera suinicola integrata Prospectives and challenges for organic fish farming development in Italy Agro-food branding and value of the quality. The brand importance in the meat supply chain

8 POLITICA AGRARIA PAC Politica Agricola Comune PCP Politica Comune della pesca Effetti ed applicazioni Politiche comunitarie per la qualità e sicurezza alimentare Strumenti regolamentativi e programmatori Piano di sviluppo rurale - PSR Piano Agricolo Triennale - PAT Piano Territoriale di Coordinamento - PTC Evoluzione della ricerca in politica agraria Etichettatura e Frodi alimentari Politiche di tutela per la biodiversità Distretti rurali ed agro-alimentari

9 POLITICA AGRARIA PAC PCP Strumenti regolamentativi Strumenti programmatori Gli strumenti comunitari per lo sviluppo dell acquacoltura e della pesca nelle acque interne della Lombardia Valutazioni economico-politiche sull adesione delle misure agro-ambientali del programma di sviluppo rurale : il caso del Parco Agricolo Sud Milano The Economic Sustainability of Agri-Environmental Policies: the Application of Reg. (EC) n. 1095/2007 in the Rice Sector Piano Agricolo Triennale della Provincia di Milano Politiche di tutela per la biodiversità Evoluzione delle politiche di tutela della biodiversità zootecnica italiana in un ottica di produzione congiunta

10 POLITICA AGRARIA Etichettatura e Frodi alimentari Il quadro normativo sulle denominazioni commerciali dei prodotti ittici nella gestione delle frodi: strumento di gestione o problema irrisolto? Evoluzione della ricerca in politica agraria L evoluzione della ricerca nell ambito dell economia e della politica agro-alimentare delle produzioni biologiche Biocarburanti: evoluzione della ricerca economico-agraria

11 I PRESUPPOSTI... prodotto ittico e cause frodi STIMOLO ALLA FRODE DI PRODOTTI ITTICI difficile gestione dell etichettatura crescita dei volumi di import elevata differenziazione del mercato naturale somiglianza morfologica tra specie della stessa famiglia diminuita capacità di riconoscimento da parte del consumatore schema di acquisto basato su poche decine di specie Come arginare? Quali mezzi? Consumatore cosciente + Decisore politico XX CONVEGNO SIEA Siracusa, 7-9 giugno 2012 L agro-alimentare italiano ed il mercato: arte, cultura e specificità territoriali Università degli Studi di Catania DIPARTIMENTO DI SCIENZE VETERINARIE PER LA SALUTE, LA PRODUZIONE ANIMALE E LA SICUREZZA ALIMENTARE

12 OBIETTIVI Normativa di riferimento Gestione delle denominazioni commerciali dei prodotti Tipologia e diffusione delle frodi?? Problema sottostimato dall attenzione accademica Spunti di partenza per ricerche più approfondite XX CONVEGNO SIEA Siracusa, 7-9 giugno 2012 L agro-alimentare italiano ed il mercato: arte, cultura e specificità territoriali Università degli Studi di Catania DIPARTIMENTO DI SCIENZE VETERINARIE PER LA SALUTE, LA PRODUZIONE ANIMALE E LA SICUREZZA ALIMENTARE

13 ETICHETTATURA PRODOTTO ITTICO Il Consumatore recepisce una piccola parte delle informazioni in etichetta INFORMAZIONI COGENTI INFORMAZIONI COMMERCIALI ETICHETTATURA DEI PRODOTTI ALIMENTARI Normativa Comunitaria Direttiva 395/1989 CEE e Direttiva 396/1989 CEE Regolamento (CE) 853/2004 e Regolamento (CE) 854/2004 Normativa Italiana di attuazione Decreto Legislativo 109/ Concernente l etichettatura, la presentazione e la pubblicità dei prodotti alimentari ETICHETTATURA DEI PRODOTTI ITTICI Normativa Comunitaria Regolamento CE 104/2000 e Regolamento CE 2065/2001 Regolamento CE 1224/2009 e Regolamento CE 404/2011 Normativa Italiana di attuazione Decreto Ministeriale del 27 marzo Etichettatura dei prodotti ittici e sistema di controllo Elenco delle denominazioni in lingua italiana delle specie ittiche di interesse commerciale D. M. 14 gennaio 2005 D. M. 25 luglio 2005 D. M. 31 gennaio 2008 D. M. 5 marzo 2010 D. M. 23 dicembre 2010 D. M. 12 agosto 2011 Testa di fango Pescedente della Patagonia Strega Pescecane spinoso Pesceolio Arancione rugosetto Branzino cileno Sogliola di Torbay Salmone di roccia Merluzzo blu Fonte: Jacquet e Pauly, 2008 TUTELA DEL CONSUMATORE AUMENTO DEL PROFITTO XX CONVEGNO SIEA Siracusa, 7-9 giugno 2012 L agro-alimentare italiano ed il mercato: arte, cultura e specificità territoriali Università degli Studi di Catania DIPARTIMENTO DI SCIENZE VETERINARIE PER LA SALUTE, LA PRODUZIONE ANIMALE E LA SICUREZZA ALIMENTARE

14 PRODOTTI ITTICI SUL MERCATO Quante sono le specie vendibili in Italia? XX CONVEGNO SIEA Siracusa, 7-9 giugno 2012 L agro-alimentare italiano ed il mercato: arte, cultura e specificità territoriali Università degli Studi di Catania DIPARTIMENTO DI SCIENZE VETERINARIE PER LA SALUTE, LA PRODUZIONE ANIMALE E LA SICUREZZA ALIMENTARE

15 IL MERLUZZO O NASELLO GADIFORMI 2002: 19 specie 4 denominazioni 2011: 19 specie 10 denominazioni Troppe o poche denominazioni? D.M. 27/03/2002 D.M. 12/08/2011 Specie Denominazioni Denominazioni Merluzzo Merluzzo carbonaro Nasello o merluzzo Nasello o merluzzo argentato Gadus macrocephalus Gadus morhua Gadus morhua morhua Gadus ogac Macroronus capersis Macruronus capensis Macroronus magellanicus Macruronus novaezelandiae Macroronus Nuvae Zelanidae Merluccius albidus Merluccius australis Merluccius bilinearis Merluccius capensis Merluccius gayi Merluccius hubbsi Merluccius hubbsj Merluccius merluccius Merluccius merlucius Merluccius paradoxus Merluccius polli Merluccius polylepis Merluccius productus Merluccius senegalensis Pollachius virens Merluzzo artico Merluzzo carbonaro Merluzzo nordico Nasello atlantico o merluzzo atlantico Nasello australe o merluzzo australe Nasello del Pacifico o merluzzo del Pacifico Nasello neozelandese o merluzzo neozelandese Nasello o merluzzo Nasello patagonico o merluzzo patagonico Nasello sudafricano o merluzzo sudafricano XX CONVEGNO SIEA Siracusa, 7-9 giugno 2012 L agro-alimentare italiano ed il mercato: arte, cultura e specificità territoriali Università degli Studi di Catania DIPARTIMENTO DI SCIENZE VETERINARIE PER LA SALUTE, LA PRODUZIONE ANIMALE E LA SICUREZZA ALIMENTARE

16 CASI DI FRODI Analisi Pubbliche IZP Analisi del DNA n. 200 campioni ( ) Intero/eviscerato 11 camp. - 17,46% Conformi 136 campioni 68,34% Non conformi 63 campioni 31,65% Porzionato 44 camp. - 69,84% Trasformato 8 camp. - 12,70% Richiedente Tipologia Campioni % Ditta privata Intero/Eviscerato 9 14,29 Porzionato 20 31,75 Trasformato 1 1,59 Totale 30 47,62 Servizio pubblico Intero/Eviscerato 2 3,17 Porzionato 24 38,10 Trasformato 7 11,11 Totale 33 52,38 Totale ,00 complessivo XX CONVEGNO SIEA Siracusa, 7-9 giugno 2012 L agro-alimentare italiano ed il mercato: arte, cultura e specificità territoriali Università degli Studi di Catania DIPARTIMENTO DI SCIENZE VETERINARIE PER LA SALUTE, LA PRODUZIONE ANIMALE E LA SICUREZZA ALIMENTARE

17 CASI DI FRODI Analisi private GDO Analisi IFE n. 538 campioni ( ) Cernie 125 campioni 23,23% Altre specie 97 campioni 18, 03% Gadus morhua 208 campioni 38,66% Synaptura spp 75 campioni 13,94% Pleuronectes platessa 33campioni 6,13% XX CONVEGNO SIEA Siracusa, 7-9 giugno 2012 L agro-alimentare italiano ed il mercato: arte, cultura e specificità territoriali Università degli Studi di Catania DIPARTIMENTO DI SCIENZE VETERINARIE PER LA SALUTE, LA PRODUZIONE ANIMALE E LA SICUREZZA ALIMENTARE

18 CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE NORMATIVA GESTIONE DENOMINAZIONI FRODI Revisione della gestione degli aggiornamenti delle liste con cadenza costante STIMA della soglia di differenziazione delle specie ittiche max differenziazione max informazione Agevolare il privato ad assumersi il costo per la tutela pubblica Sviluppo di ricerche su metodologie sia tecniche che economico-agrarie XX CONVEGNO SIEA Siracusa, 7-9 giugno 2012 L agro-alimentare italiano ed il mercato: arte, cultura e specificità territoriali Università degli Studi di Catania DIPARTIMENTO DI SCIENZE VETERINARIE PER LA SALUTE, LA PRODUZIONE ANIMALE E LA SICUREZZA ALIMENTARE

19 POLITICA AGRARIA Distretti rurali ed agroalimentari La progettazione dei distretti rurali: un modello per il caso agro-energetico Politiche comunitarie per la qualità e sicurezza alimentare Qualità e sicurezza alimentare nel settore della pesca: il caso del Mercato Ittico all Ingrosso di Milano

20 ECONOMIA AGROALIMENTARE Studio del comportamento del consumatore Analisi e pianificazione strategica nelle imprese di produzione, trasformazione e distribuzione Determinanti dell evoluzione e della trasformazione del settore distributivo Piani di marketing e Business Plan Analisi di mercato

21 ECONOMIA AGROALIMENTARE Comportamento consumatore La pesca sostenibile nella percezione del consumatore Indagine motivazionale sulle scelte di acquisto del consumatore di prodotti ittici una segmentazione in base a variabili di percezione Informare il consumatore per valorizzare il prodotto ittico Segmentazione del mercato dei prodotti ittici in Italia: un analisi dei differenti profili di consumo L atteggiamento del consumatore nei confronti del latte biologico L evoluzione delle principali determinanti di acquisto dei prodotti da agricoltura biologica La percezione del consumatore di prodotti biologici per una corretta strategia di marketing una verifica alle politiche dei negozi specializzati

22 ECONOMIA AGROALIMENTARE La conoscenza del consumatore attraverso l analisi delle componenti negative del fenomeno di scelta nell acquisto di alcune tipologie di prodotti agro-alimentari Comportamento consumatore Le strategie di fidelizzazione e la fiducia del consumatore verso la marca: nuove possibilità per differenziare i propri prodotti? Carne di struzzo, dalle aspettative dei consumatori alle esigenze dei produttori La carne di struzzo, il consumatore e la grande distribuzione organizzata: strategie di marketing per la valorizzazione della filiera

23 ECONOMIA AGROALIMENTARE Interrelationships between organic food industry, innovation and consumer s behaviour Analisi e pianificazione strategica nelle imprese di produzione, trasformazione e distribuzione Strategies for growth in the milk industry sector: from cooperative enterprise to stock company Strategie per la valorizzazione commerciale del pesce azzurro dell Adriatico Organic meat and milk from ruminants in italy: a logistic model for measuring changes in the life-cycle resulting from BSE. The strategic utility of a marketing hypothesis

24 Strategie di valorizzazione del pesce azzurro dell Adriatico LE ESIGENZE DEL CONSUMATORE Proporre strategie per il rilancio del prodotto Analisi del consumo di pesce azzurro Tipologie di prodotti ittici consumati Conoscenza pesce azzurro Percezione rispetto specie sostitutive Caratteristiche consumatori e non consumatori Motivazioni di consumo e non consumo di pesce azzurro

25 METODOLOGIA D INDAGINE I fase QUESTIONARIO Questionario autocompilato Analisi delle corrispondenze K-means Cluster Analysis Mappe di percezione Composizione segmenti II fase FOCUS GROUP Focus Group Report sintetico con suggerimenti Sintesi grafica dei dati

26 RISULTATI Consumo prodotti ittici Qual è la prima specie consumata in casa? Alici, sarde e/o sgombri Merluzzo, Orata, nasello e/o branzino sogliola e/o spigola Vongole e/o cozze Spada e/o tonno Polpi, seppie e/o calamari Trota e/o salmone Gamberi e/o gamberoni Scampi, astici e/o aragoste Non risponde Lombardia 10,34% 17,98% 18,72% 6,90% 19,95% 6,65% 7,64% 5,17% 0,00% 6,65% Veneto 5,37% 10,73% 20,00% 8,29% 20,49% 14,15% 6,34% 4,88% 1,46% 8,29% Friuli V-G 8,00% 22,00% 32,00% 4,00% 10,00% 8,00% 12,00% 2,00% 0,00% 2,00% E Romagna 6,59% 20,88% 22,53% 2,20% 18,13% 8,79% 4,95% 8,79% 1,65% 5,49% Abruzzo 12,96% 24,07% 9,26% 22,22% 12,96% 9,26% 3,70% 1,85% 0,00% 3,70% Puglia 11,24% 21,89% 20,12% 11,24% 19,53% 7,10% 0,59% 3,55% 0,59% 4,14% Italia 8,91% 18,20% 19,98% 7,69% 18,86% 8,72% 5,82% 5,16% 0,66% 6,00% Orata e spigola/ Spada e tonno/ Merluzzo e sogliola più apprezzate Pesce azzurro consumato principalmente al Sud Vongole e cozze più consumate in Abruzzo

27 RISULTATI Mappa di percezione (4) Saporito (5) Tradizionale (6) Gusto di mare Sapore/Tradizione AZZURRO SOTTOSALE Salubrità (2) Salutare (3) Gusto delicato (4) Dietetico AZZURRO FRESCO ALLEVATO FRESCO AZZURRO CONSERVE (1) Moderno (5) Tempi brevi (6) Grasso Modernità BIANCO FRESCO Modernità/Gusto delicato (1) Moderno (2) Gusto delicato (3) Costoso AZZURRO PRONTI

28 RISULTATI Focus group Motivazioni di consumo e non consumo di pesce azzurro Consumo Provenienza italiana Tradizione Contenuto nutrizionale Costo basso Emotività Gusto particolare Possibilità culinarie Razionalità Scelta difficile Mancanza di fiducia nel prodotto Preferenza specie più pregiate Non piace a tutti i membri della famiglia Preferenza specie più semplici da cucinare Presenza di lische Non consumo

29 RISULTATI Focus group Prodotto Proposte per il rilancio del prodotto 1.Aumentare contenuto di servizio 2.Migliorare il packaging Promozione 1.Comunicare provenienza e proprietà nutrizionali 2.Sottolineare rapporto costo/provenienza 3.Sfruttare mass-media e gadget per insegnare a cucinare Posizionamento 1.Nuovo placement Fast food e Happy hour Attenzione a mantenere il prezzo basso Assicurarsi della percezione della sicurezza

30 CONCLUSIONI Strategie di intervento INTERVENTO LEGISLATIVO Non esiste una definizione formale INTERVENTO PROMOZIONALE Correlazione positiva consumo-conoscenza Esiste un corpus legislativo Regg. CE 104/2000 e 2065/2001 Decreto Ministeriale 27/03/2002 Elenco delle denominazioni commerciali delle specie ittiche Esiste un segmento di mercato utile DISINFORMATI Circa metà del campione Buon consumo di prodotti ittici Conoscenza bassa Difficoltà ad associare il pesce azzurro a determinati attributi

31 CONCLUSIONI Strategie di intervento COMUNICAZIONE CORRETTA ED EFFICACE INFORMARE ED INFLUENZARE IL CONSUMATORE Trasformare la definizione culturale in ufficiale Successiva campagna informativa specifica Rafforzare idea della salubrità del prodotto Ha sostituti (pesce bianco) percepiti più salubri Immagini positive: famiglia, tradizione e territorio Costo basso prodotto povero Gusto unico non piace a tutti

32 ECONOMIA AGROALIMENTARE Determinanti dell evoluzione e della trasformazione del settore distributivo Il fenomeno dei prodotti biologici a marchio privato nella grande distribuzione organizzata Un modello multicriterio fuzzy per la valutazione di strategie di marketing applicazione al settore distributivo del comparto delle produzioni biologiche Il valore aggiunto dell attributo biologico : il caso dei salumi

33 ECONOMIA AGROALIMENTARE Il fenomeno dei prodotti biologici a marchio privato nella grande distribuzione organizzata Il mercato dei prodotti biologici: un analisi di scenario Analisi di mercato Prodotti biologici, di qualità e convenzionali: evoluzione della competitività di prezzo L evoluzione del mercato dell orata e del branzino: un indagine sulle importazioni Evaluation of the Italian potential market for organic aquaculture products: results from a Delphi study

34 ECONOMIA AGROALIMENTARE Il marketing dei prodotti biologici: problematiche, dinamiche e opportunità Piani di marketing Benessere animale: la gestione sanitaria della stalla come leva di marketing per i prodotti biologici di origine animale Carne di struzzo: ipotesi per una strategia di marketing

35 ECONOMIA AMBIENTALE E TERRITORIALE Sistemi agricoli innovativi delle agro-energie Valutazione economica e gestione delle razze zootecniche autoctone Strumenti a supporto della governance territoriale e dei processi decisionali nella programmazione dello sviluppo locale Gestione sostenibile delle aree protette Agricoltura e paesaggio Biodiversità e sostenibilità economica

36 ECONOMIA AMBIENTALE E TERRITORIALE Agro-energie Production of biomass resources, assessment of their availability and interactions with food production: a supply model for the regional scale Conjoint analysis and citizens behaviour: the biofuels case study Assessment of the parth-worth utility of the biofuels use in the public transportation: a first analysis. Produrre energia rinnovabile nelle aziende agro-zootecniche. Effetti economici dalle novità introdotte nella normativa del 2012 Biogas e zootecnia. Quali prospettive per il futuro Strategia d impresa, profili di rischio e valutazioni economiche e finanziarie dei processi di produzione del biogas e per l utilizzazione.

37 PROGETTO DI RICERCA SINBION - Sviluppo di sistemi integrati sostenibili per il recupero dei sottoprodotti dell agro-industria e dell azienda agraria al fine di ottimizzare la produzione di biogas e valorizzare l utilizzazione agronomica del digestato Analisi economica della filiera zootecnica Integrazione con la produzione energetica e la denitrificazione dei reflui Produzione di carne e di latte Adeguamento Direttiva Nitrati DM 7 aprile 2006 Produzione energia elettrica e termica Processi di denitrificazione Utilizzo del digestato

38 Fase 1 1. Produzione di carne/latte COSTI Analisi del costo di produzione di carne in allevamenti suini, bovini da latte e bovini da carne Costo di produzione del SUINO PESANTE (allevamenti a ciclo aperto) Voci di costo 2005 (euro / kg carne) Costi espliciti: 2006 (euro / kg carne) 2007 (euro / kg carne) 2008 (euro / kg carne) 2009 (euro / kg carne) 2010 (euro / kg carne) Alimentazione 0,83 0,83 1,02 0,94 0,81 0,85 Manodopera 0,13 0,13 0,12 0,06 0,06 0,07 Altri costi 0,15 0,17 0,17 0,16 0,14 0,15 Acquisto Magroncello 0,25 0,25 0,23 0,19 0,21 0,21 Costi impliciti: Interessi e ammortamenti 0,13 0,13 0,14 0,13 0,11 0,09 Costo Totale 1,49 1,51 1,68 1,48 1,33 1,37

39 Fase 1 Conto economico (anno 2012): stima CONTO ECONOMICO (euro/kg carne) (euro/kg latte) Suino grasso da carne Fase 1 Fase 2 Parziale Fase 3 Fase 4 Totale Capitoli di bilancio Allevamento Trasporto reflui Fase 1 e 2 COSTI 1,37 RICAVI 1,40 UTILE + 0,03 Digestione anaerobica Riduzione azoto Processo integrato

40 2. Costo di trasporto dei reflui Stima dei costi di trasporto reflui Il costo è composto dal trasporto fuori azienda del refluo e dalla concessione dei terreni necessari per lo spandimento. Il modello di analisi ha lo scopo di individuare il costo per tipo di capo allevato e/o per unità di refluo da spandere. Costo unitario per refluo ASSERVIMENTO Y + TRASPORTO X Costo unitario terreno asservito (euro/ha) X = * Y = Costo unitario trasporto (euro/m 3 /km) Terreno per unità di refluo (ha/m 3 ) Il fabbisogno può essere determinato in base al potere fertilizzante del refluo

41 La prima parte della formula richiede la stima del costo unitario di trasporto per distanza e per tipologia di mezzo ed è quella più importante nella definizione della spesa totale. Costi unitari di trasporto in funzione della distanza e della tipologia di vettore utilizzato Cantiere: A FASCE TRATTORE E SPANDILIQUAME COSTO TOTALE COSTO UNITARIO (km) (euro/m 3 ) (euro/m 3 /km) 1 2,70 2,70 5 4,90 0, ,40 0, ,30 0, ,50 0,54 Cantiere: B FASCE BILICO-CISTERNA E TRATTORE CON SPANDILIQUAME COSTO TOTALE COSTO UNITARIO (km) (euro/m 3 ) (euro/m 3 /km) 1 5,30 5,30 5 5,50 1, ,90 0, ,60 0, ,00 0,20 Fonti: ns. elaborazioni da dati DEIAFA, Università di Torino e da dati ottenuti da indagini dirette Si propone un esempio, il costo di adeguamento è pari a: Liquame suino X = (200,00 euro/ha 0,011 ha/m 3 ) + Y = (0,98 euro/m 3 5 km) = 2,2 + 4,9 = 7,1 euro/m 3

42 Distanza crescente Nella seguente matrice si indica la progressione del costo di trasporto del refluo aumentando distanza e costo di concessione. Nel caso di terreni in proprietà si nota che, tuttavia, il costo può andare da circa 2,70 euro/m 3 fino a 8,00 euro/m 3. Costo aggiuntivo di spandimento del refluo zootecnico (euro/m 3 ) per il trasporto fuori azienda Costo di asservimento crescente 0 euro/ha 50 euro/ha 100 euro/ha 150 euro/ha 200 euro/ha 1 km 2,70 3,21 3,73 4,24 4,76 5 km 4,90 5,41 5,93 6,44 6,96 10 km 5,90 6,41 6,93 7,44 7,96 20 km 6,60 7,11 7,63 8,14 8,66 40 km 8,00 8,51 9,03 9,54 10,06

43 Fase 2 CONTO ECONOMICO (euro/kg carne) Conto economico (anno 2012): stima Suino grasso da carne Fase 1 Fase 2 Parziale Fase 3 Fase 4 Totale Capitoli di bilancio Allevamento Trasporto reflui Fase 1 e 2 COSTI 1,37 0,18 1,55 RICAVI 1,40 1,40 UTILE + 0,03-0,18-0,15 Digestione anaerobica Riduzione azoto Processo integrato

44 3. Produzione di energia Matrici organiche Impianto pilota alimentato a solo effluenti zootecnici. Schema impianto biogas Ai fini della stima è necessario valutare il rendimento energetico delle matrici organiche e la conseguente stima del fabbisogno di materia prima per l alimentazione dell impianto. Stima del potenziale energetico per tonnellata di effluente zootecnico Effluente zootecnico Sostanza secca Quantità sostanza secca Incidenza s.s.o. Quantità s.s.o. Biogas Quantità biogas Energia elettrica (*) (%) (kg) (%) (kg) (m3/kg SSO) (m3) (kwh/t) LIQUAME SUINO 5,00% 50,00 90,00% 45,00 0,45 20,25 36,45 LIQUAME BOVINO 7,50% 75,00 85,00% 63,75 0,40 25,50 45,90 LETAME BOVINO 20,00% 200,00 80,00% 160,00 0,50 80,00 144,00 (*) Il rendimento energetico di una unità di biogas oscilla tra 1,8 e 2,2: nel caso in esame si è utilizzato il valore prudenziale pari a 1,8

45 In base ai rendimenti energetici indicati per le tipologie di effluenti considerati, l obiettivo è l installazione di una potenza pari a circa 150 kw ed una erogazione ore/anno, che comporta una produzione totale di circa kwh. Ai fini della stima si è determinata la seguenti ipotesi: Suini: l impianto è alimentato da effluenti misti da animali da ingrasso e da scrofe Tipologia animale e peso vivo Produzione liquame e letame (m 3 /capo/anno) Energia elettrica (kwh/ton) Energia elettrica per capo (kwh/capo) Fabbisogno capi (numero/anno) Suino pesante (160 kg) Scrofe e suinetti (260 kg) 4,3 (liquame) 36,45 156, ,6 (liquame) 36,45 350, Specie Energia elettrica (kwh/capo) Capi (numero) Energia totale (kwh) Scrofe 350, Suino adulto 156, La consistenza dei capi richiesta per la gestione e l alimentazione dell impianto è: Suini: (capi da ingrasso) e (scrofe)

46 3. Produzione di energia Tecnologia Energia elettrica Substrato solido caricato nella tramoggia Calore biogas Fermentatore biogas Post - Fermentatore Vasca di stoccaggio Digestato Substrato liquido inviato alla pompa miscelatrice Vasca di stoccaggio liquami Fonte: nostra elaborazione Separato liquido Separatore solidoliquido Separato solido utilizzato come ammendante

47 3. Produzione di energia Costi operativi annuali Ai fini della ricerca è importante la stima dei costi di realizzazione e di gestione di un impianto a biogas della potenza elettrica di 150 kw alimentato con reflui zootecnici, sulla base di un funzionamento annuo pari a ore. Il costo totale di realizzazione si può stimare sia di circa euro, pari a ad un valore unitario di euro/kw. Di seguito, si indica il valore di costo annuale relativo alla rata di finanziamento esterno e di ammortamento del capitale proprio. 1. Costo di realizzazione Voci di bilancio Parametri Valore - Capitale totale euro 6.000,00 - Capitale proprio euro 1.000,00 - Capitale esterno euro 5.000,00 - Saggio % 4,50% -Durata anni 15,00 RATA CAPITALE ESTERNO (Ce) -Rata euro/kw 465,57 AMMORTAMENTO CAPITALE PROPRIO (Cp) euro/kwh 0,060 - Quota per potenza euro/kw 66,67 - Quota per energia elettrica euro/kwh 0,009 TOTALE: 0,069

48 2. Costi ordinari di gestione Capitoli di spesa Costo unitario (euro/kwh) - Gestione ordinaria impianto 0,014 - Manutenzione ordinaria impianto 0,012 - Full service cogeneratore 0,022 - Analisi chimico-fisiche 0,002 - Spese generali 0,010 TOTALE 0, Costi straordinari Capitoli di spesa Costo totale Coefficiente di rischio Costo annuo Costo annuo (euro/kw) (%) (euro/kw) (euro/kwh) -Impianto ,00 % 80,0 0,010 - Cogeneratore ,50 % 30,0 0,004 TOTALE ,0 0,014 Stima del costo totale di gestione annuale dell impianto di digestione anaerobica Capitoli di spesa Costo per energia (euro/kwh) Costo totale (*) (euro) Costi finanziari per il capitale 0, ,00 Costi ordinari di gestione 0, ,00 Costi straordinari 0, ,00 COSTO TOTALE 0, ,00 (*) Il costo totale è calcolato come prodotto tra costo unitario per energia per potenza (150 kw) e tempo (7.800 ore/anno)

49 3. Produzione di energia Costi operativi Ai fini dell analisi è necessario parametrizzazione i costi di gestione dell impianto per la produzione di biogas seguendo le unità di misura utilizzate per il conto economico della filiera integrata. I parametri per il calcolo sono: - Valore in euro/capo: costo totale di gestione/numero capi - Valore in euro/kg carne: costo totale di gestione/quantità di carne prodotta - Valore in euro/m 3 di refluo: costo totale di gestione/quantità di effluente prodotta Pertanto, il costo annuale totale di ,00 euro e di 0,143 euro/kwh diventa: Conto economico SUINO ADULTO (160 kg p.v.) (euro/capo) (euro/kg carne) (euro/m 3 ) Produzione annuale Capi (n) Carne (kg) Refluo (m 3 ) suini scrofe Costo totale di gestione dell impianto per la produzione di biogas 27,77 0,16 5,2

50 3. Produzione di energia Ricavi I ricavi sono stimati in base all attuale tariffa incentivante in vigore in Italia fino al 31 dicembre Il valore dell incentivo è pari a 0,28 euro/kwh, per ogni unità prodotta ed immessa in rete. Tipologia animale e peso vivo Produzione liquame e letame (m 3 /capo/anno) Energia elettrica (kwh/ton) Energia elettrica per capo (kwh/capo) Ricavi da energia elettrica (euro/capo) Ricavi da energia elettrica (euro/kg carne) Ricavi da energia elettrica (euro/kg latte) Suino pesante (160 kg) 4,3 (liquame) 36,45 156,73 43,88 0, Scrofe e suinetti (260 kg) 9,6 (liquame) 36,45 350,00 98,00 0, I valori di ricavo devono essere ridotti della quota di energia utilizzata per autoconsumo e per attivare i processi di denitrificazione. Pare opportuno utilizzare un valore intorno al 15%. Pertanto, nel prosieguo della valutazione i valori di ricavo sono i seguenti: Tipologia animale e peso vivo Ricavi da energia elettrica (euro/kg carne) Suino pesante (160 kg) 0,274 * 0,85% = 0,233 Scrofe e suinetti (260 kg) 0,377 * 0,85% = 0,320 La media dei ricavi è, pertanto, pari a (0,233* capi + 0,320*1.000)/6.250 = 0,25 euro/kg carne

51 Fase 3 Per la terza fase della filiera si imputano valori di ricavi e di costo. CONTO ECONOMICO (euro/kg carne) (euro/kg latte) Conto economico (anno 2012): stima Suino grasso da carne Fase 1 Fase 2 Parziale Fase 3 Fase 4 Totale Capitoli di bilancio Allevamento Trasporto reflui Fase 1 e 2 Digestione anaerobica COSTI 1,37 0,18 1,55 0,16 RICAVI 1,40 1,40 0,25 UTILE + 0,03-0,18-0,15 + 0,09 Riduzione azoto Processo integrato

52 4. Denitrificazione del digestato Tecnologia Obiettivo della fase di processo è la riduzione del carico di azoto, attraverso 2 possibili vie: 1) Dispersione in atmosfera in forma non inquinante; 2) Raccolta dell azoto in esubero attraverso processi chimici. a) Processo biologico: tecnica nitro-denitro L'impianto a flusso continuo è caratterizzato dall'utilizzo di vasche continuamente alimentate per lo svolgimento delle reazioni biologiche. E necessaria una fase primaria di separazione solido-liquido (2) che riduca i solidi grossolani e, in parte, i carichi da trattare. Il liquame chiarificato viene alimentato alla vasca di denitrificazione (3), da questa passa alla fase ossidativa per la nitrificazione (4). Questo schema prevede, quindi, un consistente ricircolo di miscela aerata contenente nitrati alla vasca di denitrificazione e ciò comporta un rilevante consumo energetico. 2 separatore N 2 Ioni di azoto Fanghi in esubero Sedimentatore 5 Digestato Pre-vasca 1 miscelatore Denitrificazione ossigenatori Fase aerobica Nitrificazione 3 4 ossigenatori Scarico Stoccaggio

53 b) Processo chimico: tecnica di strippaggio dell ammoniaca La frazione liquida del refluo digestato proveniente dalla separazione (1) viene preriscaldata e rilanciata in continuo in una vasca per la correzione del ph prima di essere indirizzata alla sezione di trattamento dell ammoniaca (2). L ammoniaca rimossa dalla fase liquida e trasferita alla fase gassosa nello strippaggio, viene successivamente assorbita nella torre di strippaggio. Il contatto bifasico tra la fase liquida contenente ammoniaca e l aria di strippaggio è realizzato in una colonna a corpi di riempimento con temperature di esercizio relativamente elevate di circa 55 C. L aria ammoniacale in uscita dalla tesa dello stripper viene aspirata da un apposito ventilatore ed inviata alla base della colonna di assorbimento (3). Nella colonna, dotata di anelli di riempimento, l aria ammoniacale viene a contatto con un flusso di acido solforico introdotto nella parte superiore per mezzo di una pompa di rilancio. L acido solforico reagisce con l ammoniaca contenuta nell aria, salificandola, fino a produrre solfato ammonico, che viene estratto e confezionato (4). 1 Processo di strippaggio 3 Digestato 4 Il solfato di ammonio può essere commercializzato a titolo minimo del 6% di azoto (ai sensi del D.Lgs. 217 del 29/04/

54 4. Denitrificazione del digestato Stima dei costi di processo Stima del costo di gestione annuale di un impianto per la rimozione dell azoto Si propone una stima di carattere esemplificativo dell incidenza del processo di denitrificazione sul conto economico dell intera filiera zootecnica. Il valore presunto di realizzazione e di gestione dell impianto è parametrizzato alle unità utilizzate per le precedenti fasi: capo, unità di carne e di latte prodotta e unità di refluo trattato. Capitoli di spesa Valore Stima del costo di rimozione dell azoto: impianto e gestione (euro) - Opere civili ,00 - Impianti ,00 TOTALE: ,00 Volume totale refluo annuale Si ipotizza che un impianto di 150 kw produca circa tonnellate di digestato Voci di bilancio Valore (euro/m3) - Costo di ammortamento (*) 1,67 - Costo di gestione ed energetico (**) 2,25 - Costo totale 3,92 (*) Per il calcolo dell ammortamento dell impianto si considera un tempo di 15 anni e, pertanto: euro/15 anni/ m 3 = 1,67 euro/m 3 (**) I consumi energetici sono elevati: si possono considerare circa 6-8 kwh per Kg di azoto rimosso, pari a circa 20/25 kwh per metro cubo di digestato, per cui: 22,5 kwh/m 3 0,10 euro/kwh = 2,25 euro/m 3

55 In base ai dati ed ai valori indicati, il costo totale annuale presumibile è pari a euro, da cui si possono definire i seguenti valori unitari. Si ricorda che il trattamento si effettua sul digestato, che per un impianto di 150 kw risulta essere circa di t/anno. Stima del costo di rimozione dell azoto nella filiera zootecnica Conto economico SUINO ADULTO (160 kg p.v.) (euro/capo) (euro/kg carne) (euro/m 3 ) Produzione annuale Capi (n) Carne (kg) Digestato (m 3 ) Costo totale di gestione dell impianto per la denitrificazione 7,52 0,047 3,92

56 4. Denitrificazione del digestato Ricavi del processo I processi di denitrificazione possono avere efficienze di trattamento molto diversificate, ma in linea generale si può asserire che una quota pari al 70% sia un effetto finale accettabile e raggiungibile senza un aggravio di costo sul bilancio dell impresa particolarmente significativo. Su tale ipotesi di riduzione dell azoto si impostano i ricavi ottenibili, valutati come contenimento del costo di adeguamento alla Direttiva Nitrati. Stima dell efficienza di rimozione dell azoto e del costo di processo TIPOLOGIA EFFICIENZA DI RIMOZIONE sul totale in ingresso (%) COSTO per unità di liquame Solidi Azoto (N) Fosforo (P) euro/m 3 SBR senza separazione ,4-3,6 SBR con separazione (*) ,1-4,7 I ricavi di questa fase sono calcolati come riduzione del costo di trasporto per una riduzione del 70% del carico di azoto VOCI DI COSTO SUINO ADULTO (160 kg p.v.) (euro/capo) (euro/kg carne) (euro/m 3 ) MEDIA 29,7 0,18 6,90 Ricavi calcolati 20,8 0,13 4,83

57 Fase 4 Per la quarta fase della filiera si imputano valori di ricavi e di costo. CONTO ECONOMICO (euro/kg carne) (euro/kg latte) Conto economico (anno 2012): stima Suino grasso da carne Fase 1 Fase 2 Parziale Fase 3 Fase 4 Totale Capitoli di bilancio Allevamento Trasporto refluo Fase 1 e 2 Digestione anaerobica Riduzione azoto Processo integrato COSTI 1,37 0,18 1,55 0,16 0, RICAVI 1,40 1,40 0,25 0,13 1,78 UTILE + 0,03-0,18-0,15 + 0,09 + 0,08 + 0,02

58 5. Separazione del digestato Tecnologia La migliore gestione del digestato anche dopo la denitrificazione è la separazione solidoliquida che permette di avere due fasi distinte: FASE SOLIDA da utilizzare in forma palabile sui terreni ed eventualmente da essiccare con il calore prodotto dal digestore; FASE LIQUIDA da utilizzare come fertirrigazione. Separatore VERTICALE Separatore ORIZZONTALE

59 Bilancio economico del processo integrato Scenari di intervento per la riduzione dei costi di una filiera zootecnica integrata e la valorizzazione del processo in un ottica di sostenibilità ambientale Scenari Costo per l impresa Gestione dell azoto dei reflui Effetti economici sulla filiera zootecnica Reperimento terreni Variabili in funzione della scarsità SUFFICIENTE Aumento dei costi di gestione Impianti di separazione dei reflui Fase solida e liquido chiarificato Separatore a elica ( euro) MEDIO Aumento dei costi di gestione Possibili ricavi solo nel caso di vendita della fase solida Impianti di denitrificazione Tecnica chimica/biologica Strippaggio dell ammoniaca ( euro) BUONO Elevato aumento dei costi di gestione (Insostenibile) Impianto di digestione anaerobica Processi di denitrificazione Digestore anaerobico ( euro) Strippaggio dell ammoniaca ( euro) MOLTO BUONO BILANCIO POSITIVO L utile che si determina alla fine del processo integrato può permettere una valorizzazione dell intera filiera

60 ECONOMIA AMBIENTALE E TERRITORIALE Biodiversità e sostenibilità economica Valutazione economica e gestione delle razze zootecniche autoctone Livestock biodiversity. Genetic and economic resources of Lombard territory Economy and zootechnical biodiversity: some reflections Biodiversity and quality of life. The biological consumers judgement to evacuate biodiversity Management tools for agricultural biodiversity: a model for the classification of autochthonous livestock breeds Ipotesi di sostenibilità economica per l'allevamento bovino di razza Bianca Val Padana La tutela della biodiversità zootecnica. Ipotesi di reintroduzione nell allevamento ovi-caprino di razze autoctone lombarde

61 ECONOMIA AMBIENTALE E TERRITORIALE Gestione sostenibile Analisi multi-attributo della sostenibilità agricola della Regione Lombardia Osservatorio economico- ambientale per l innovazione e la gestione sostenibile del Parco Agricolo Sud Milano Governance territoriale L utilizzo di indicatori ambientali, economici e sociali come supporto decisionale per l avanzamento delle aziende agricole verso la sostenibilità For a new policy of valorisation of mountain areas. The case of organic milk Territorial analysis in support of policy-making. A conceptual and methodological model

62 IL PROGETTO BIOGESTECA Piattaforma di biotecnologie verdi e di tecniche gestionali per un sistema agricolo ad elevata sostenibilità ambientale Diverse linee di studio WP1 - Gestione dei fertilizzanti WP2 Efficienza dei nutrienti minerali WP3 - Risorsa idrica nella coltivazione del riso WP4 - Biocontrollo WP5 - Esplorazione della variabilità genetica e scelte varietali WP6 - Utilizzo di reflui e residui per la produzione di energia e fertilizzazione dei terreni WP7 - Valutazione tecnica, economica e ambientale Multidisciplinarietà Diversi temi, diversi approcci, diverse informazioni raccolte Esiste la possibilità di valutare la sostenibilità complessiva di un sistema di produzione agricolo? COME VALUTARE? Analisi della sostenibilità dell attività agricola

63 Obiettivi della ricerca VALUTAZIONE DELLA SOSTENIBILITÀ DELL ATTIVITÀ AGRICOLA Quali parametri misurano la sostenibilità agricola?! Definizione di un set di indicatori per l analisi Come valutare la sostenibilità agricola?! Tecniche analitiche multi-criterio georeferenziate con aggregazione su base comunale Quale utilità ed impatto?! Possibile coinvolgimento del decisore politico nella creazione di uno strumento di misurazione della sostenibilità su scala territoriale

64 FASE 1 - Definizione del set di indicatori 1.a Identificazione e valutazione delle fonti di dati (Siarl, Istat, DG Agricoltura Regione Lombardia, ecc ); 1.b Definizione di un elenco di indicatori per la sostenibilità dell attività agricola; Pilastro Cosa misuriamo Calcolo Economia Intensità zootecnia UBA/SAU Economia Manodopera ULU/SAU Economia Intensità attività agricola SAU/Superficie Economia Dimensione economica (Indice UDE*#aziende)/SAU Economia Dimensione aziende #Centri Aziendali/SAU Economia Modernità azienda - Qualità del parco macchine Indice composito (#macchine, età, potenza) Economia Modernità azienda - Caratteristiche prorietari Età del proprietario Economia Lavoro agricolo Lavoratori in agricoltura/residenti comune Ecologia Attività agroambientali SAU a misura 214 (anno più rappresentativo)/sau Ecologia Investimenti non produttivi SAU a misura 216 (anno più rappresentativo)/sau Ecologia Imboschimento SAU a misura 221 (anno più rappresentativo)/sau Ecologia Agricoltura Biologica SAU a biologico/sau Ecologia Allevamento Biologico UBA a biologico/sau Ecologia Agricoltura in aree protette SAU a Parco/SAU Ecologia Utilizzo fertilizzanti? Ecologia Gestione dell'acqua? Ecologia Consumo energia - Potenza macchine agricole? Ecologia Consumo energia - Elettricità? Società/Multifunzionalità Servizi agrituristici #Aziende agrituristiche Società/Multifunzionalità Servizi agrituristici #Posti letto/#aziende agrituristiche Società/Multifunzionalità Servizi agrituristici #Coperti/#Aziende agrituristiche Società/Multifunzionalità Diffusione cultura rurale #Aziende con fattorie didattiche Società/Multifunzionalità Mantenimento paesaggio rurale #Fabbricati rurali/superficie comunale Società/Multifunzionalità Prodotti tipici #Prodotti tipici nel comune/#prodotti tipici regionali Società/Multifunzionalità Produzione energie rinnovabili? Società Densità di popolazione Grado di urbanizzazione 1.c Valutazione indicatori in base ai dati e all opinione di esperti

65 FASE 2 - Calcolo degli indicatori 2.a Calcolo degli indicatori per comune; 2.b Georeferenziazione del database su QGIS GRASS; Indice UDE

66 Scelta tecnica: FASE 3 - Analisi multi-criterio Dominance-based Rough-set Approach DRSA Prova/validazione DRSA su Area Regione Lombardia (PASM) Informazioni primitive ed elaborate INDICATORI UTILI SUP_COMUNE_HA RESIDENTI Aziende_operanti UBA SAU_HA BOSCO_HA SAT_HA SAU_BIO D_214 @#SEDUTE RESsuKM AZsuKM SAUmedia SAUsuSUP UBAsuSAUHA BOSsuSAU BIOsuSAU D_214suAZ D_216suAZ D_221suAZ Valutazione dell esperto

67 Prova DRSA su PASM Dalla valutazione parziale alle regole di classificazione

68 Prova DRSA su PASM...fino all espansione delle regole sul territorio

69 ALTRE OPZIONI PER USO DSRA UTILITA ANALISI scoprire le caratteristiche condivise da unità in cui si verifica il medesimo fenomeno APPLICAZIONE IPOTETICA Risposta al quesito: Quali sono le caratteristiche delle aree a bassa/media/alta sostenibilità della prod. agricola? Issue #1: Cosa definisce l agricoltura sostenibile? Issue #2: Come integrare le richieste del committente?

70 L Osservatorio Economico-Ambientale per l innovazione del Parco Agricolo Sud Milano Obiettivo del progetto Sviluppare un supporto informativo continuo utile al Parco Agricolo Sud Milano per la valutazione della propria programmazione politica nell ottica di ausilio all imprenditore agricolo e di attestazione delle esternalità positive derivanti dalle iniziative intraprese a favore del Parco, applicando una visione di politica attiva dal basso (imprenditori agricoli) verso l altro (policy-maker), come auspicato dall Unione Europea. Progetto articolato in 3 fasi e in 3 anni

71 L agricoltura nel Parco Agricolo Sud Milano Zootecnia e colture cerealicole e foraggere Zootecnia e colture cerealicole e foraggere Risicoltura Risicoltura, Zootecnia, colture cerealicole e foraggere

72 Il campionamento delle aziende delparco Agricolo Sud Milano 24 con Marchio «Azienda Agricola produttore di qualità ambientale» 8 Aziende biologiche o in conversione 50 Aziende Zootecniche specializzate Zootecniche non specializzate Cerealicole Risicole Miste 14 Aziende multifunzionali Differenti indirizzi produttivi (Cod.OTE) Distribuzione geografica nei 4 comparti Differenti dimensioni economiche aziendali (Class. UDE)

73 La valutazione della sostenibilità: il Metodo IDEA Indicateurs de Durabilité des Exploetations Agricoles Strumento diagnostico basato su calcoli, osservazioni e misurazioni dirette in grado di valutare, sulla base di indicatori quantitativi, i punti di forza e di debolezza del sistema produttivo, e individuare modalità di miglioramento verso la sostenibilità 42 Indicatori 3 Componenti 3 Scale di Sostenibilità Economica Agro-ambientale Socio-territoriale Valido strumento in alternativa a sistemi poco rispondenti alla necessità di coinvolgere il tema della sostenibilità dal punto di vista economico, ma anche da quello ambientale e sociale.

74 La valutazione della sostenibilità: il Metodo IDEA SCALA COMPONENTI INDICATORI Economica Ambientale Socio-territoriale Redditività Indipendenza Trasmissibilità Efficienza Biodiversità Gestione dello spazio Pratiche colturali Qualità dei prodotti e del territorio Etica e sviluppo umano Lavoro e servizi Indicatori derivati dal modello di bilancio riclassificato Indicatori IDEA adattati alle caratteristiche agroterritoriali del Parco Agricolo Sud Milano Indicatori IDEA adattati al contesto socio-territoriale del Parco Agricolo Sud Milano

75 La raccolta dei dati nelle aziende del Parco Agricolo Sud Milano Interviste dirette in azienda con appositi questionari Raccolta dati tramite SIARL

76 I risultati ottenuti: un azienda convenzionale ed una biologica AZIENDA CONVENZIONALE: Migliori performances economiche, soprattutto per via della maggiore dimensione dell azienda convenzionale. AZIENDA BIOLOGICA: Migliori performances agro-ambientali: fertilizzanti organici, assenza di fitosanitari e meno prodotti veterinari. Migliori risultati socio-territoriali: maggiore qualità dei prodotti e certificazione, qualità del territorio e del paesaggio.

Analisi della redditività degli impianti per la produzione di biogas alla luce delle nuove tariffe incentivanti

Analisi della redditività degli impianti per la produzione di biogas alla luce delle nuove tariffe incentivanti Alessandro Ragazzoni Dipartimento di Scienze Agrarie (Dip.S.A.) Università di Bologna Analisi della redditività degli impianti per la produzione di biogas alla luce delle nuove tariffe incentivanti Giovedì

Dettagli

BonusBiogas: azoto e CAR

BonusBiogas: azoto e CAR BonusBiogas: azoto e CAR C.R.P.A. S.p.A. - Reggio Emilia Tecnologie per la concentrazione e la riduzione dell'azoto (Parte I) Verona, 21 marzo 2013 Claudio Fabbri, Sergio Piccinini Centro Ricerche Produzioni

Dettagli

Giornate zootecniche di Fossano APS. 5 Aprile 2008. Azoto e dieta

Giornate zootecniche di Fossano APS. 5 Aprile 2008. Azoto e dieta Giornate zootecniche di Fossano APS 5 Aprile 2008 Tecnologie disponibili per il trattamento e la gestione degli effluenti zootecnici Claudio Fabbri Centro Ricerche Produzioni Animali Reggio Emilia, www.crpa.it

Dettagli

LE POSSIBILI FILIERE DEL BIOGAS

LE POSSIBILI FILIERE DEL BIOGAS 10 marzo 2009 Università degli Studi di Teramo Facoltà di Agraria - Mosciano Sant Angelo Regione Abruzzo ARAEN LE POSSIBILI FILIERE DEL BIOGAS Diego Gallo AIEL - ASSOCIAZIONE ITALIANA ENERGIE AGROFORESTALI

Dettagli

Produzione efficiente di biogas da digestione anaerobica di matrici agroalimentari: attuale in Piemonte e indicazioni di sviluppo razionale

Produzione efficiente di biogas da digestione anaerobica di matrici agroalimentari: attuale in Piemonte e indicazioni di sviluppo razionale Produzione efficiente di biogas da digestione anaerobica di matrici agroalimentari: quadro attuale in Piemonte e indicazioni di sviluppo razionale P. Balsari, F. Gioelli Facoltà di Agraria, Università

Dettagli

Il digestato alla luce del nuovo decreto

Il digestato alla luce del nuovo decreto Rimini, 10-11-12 Il digestato alla luce del nuovo decreto Giorgia Zaffrani DIGESTATO 1. CARATTERISTICHE OGGETTIVE: - Valore agronomico 2. DEFINIZIONI NORMATIVE: - Possibilità d uso: - Esclusione dalla

Dettagli

L uso e la produzione di bio-gas a fini energetici

L uso e la produzione di bio-gas a fini energetici L uso e la produzione di bio-gas a fini energetici Costante M. Invernizzi Università degli Studi di Brescia costante.invernizzi@unibs.it 28 ottobre 2008 Outline 1 La gestione dei reflui zootecnici 2 Il

Dettagli

Progettazione di una borsa scambio degli effluenti di allevamento sul territorio

Progettazione di una borsa scambio degli effluenti di allevamento sul territorio Progettazione di una borsa scambio degli effluenti di allevamento sul territorio della provincia di Mantova Bigarello (MN), 26 maggio 2010 Giovanni Masotto Scheda del progetto TITOLO: Progettazione e sperimentazione

Dettagli

IL BIOGAS IN AGRICOLTURA

IL BIOGAS IN AGRICOLTURA IL BIOGAS IN AGRICOLTURA CIB - Consorzio Italiano Biogas e Gassificazione G. Bezzi IL BIOGAS Biogas: prezioso combustibile gassoso naturale che nasce dalla fermentazione di materia organica e vegetale,

Dettagli

Direttiva Nitrati. Linee guida Tutto quello che devono fare gli agricoltori lombardi a partire dal mese di settembre 2008

Direttiva Nitrati. Linee guida Tutto quello che devono fare gli agricoltori lombardi a partire dal mese di settembre 2008 Direttiva Nitrati www.tipograf.it Linee guida Tutto quello che devono fare gli agricoltori lombardi a partire dal mese di settembre 2008 www.agricoltura.regione.lombardia.it Sommario Premessa 1 POA e PUA

Dettagli

ecofarm Dagli scarti della tua azienda, energia pulita e concime. Domino Nuova energia per la tua azienda

ecofarm Dagli scarti della tua azienda, energia pulita e concime. Domino Nuova energia per la tua azienda Dagli scarti della tua azienda, energia pulita e concime. Domino Nuova energia per la tua azienda Domino Come funziona un impianto biogas Il biogas si ottiene dalla fermentazione anaerobica di biomasse

Dettagli

ESERCITAZIONE DI AGRONOMIA. Fertilizzazioni

ESERCITAZIONE DI AGRONOMIA. Fertilizzazioni ESERCITAZIONE DI AGRONOMIA Fertilizzazioni 17 aprile 2012 Introduzione Concimazione: apporto di elementi nutritivi direttamente utilizzabili dalla pianta fertilizzazione Ammendamento: apporto di sostanze

Dettagli

Il nuovo corso del biogas

Il nuovo corso del biogas Il nuovo corso del biogas Tipologie impiantistiche Impianto alimentato con prodotti di origine biologica e liquami bovini Impianto semplificato, alimentato con solo effluente zootecnico Impianti di tipo

Dettagli

Figure Professionali. «Agricoltura e Agroenergie» IMPRENDITORE AGRO-ENERGETICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Figure Professionali. «Agricoltura e Agroenergie» IMPRENDITORE AGRO-ENERGETICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Figure Professionali «Agricoltura e Agroenergie» IMPRENDITORE AGRO-ENERGETICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento La figura chiave di questo settore è naturalmente quella dell imprenditore agro-energetico.

Dettagli

4 BIOGAS SRL www.4biogas.it NOI LO RENDIAMO FACILE. Impianti NOVA da 50 a 300 kwp

4 BIOGAS SRL www.4biogas.it NOI LO RENDIAMO FACILE. Impianti NOVA da 50 a 300 kwp NOI LO RENDIAMO FACILE Impianti NOVA da 50 a 300 kwp Nozioni processo biologico Formazione biogas Materiale organico batteri Calore, assenza di ossigeno Composizione: CH 4 : 46 68 Vol-% CO 2 : 30 50 Vol-%

Dettagli

Consorzio Distretto Agroenergetico Lombardo. Il Distretto come capofila di una svolta energetica

Consorzio Distretto Agroenergetico Lombardo. Il Distretto come capofila di una svolta energetica Consorzio Distretto Agroenergetico Lombardo Il Distretto come capofila di una svolta energetica Scopo del Consorzio di Distretto Agroenergetico Lombardo Coordinare, promuovere e perseguire la politica

Dettagli

La gestione degli effluenti zootecnici: la produzione di energia, le norme del settore.

La gestione degli effluenti zootecnici: la produzione di energia, le norme del settore. Progetto INFO(PAC)K: la PAC informa La gestione degli effluenti zootecnici: la produzione di energia, le norme del settore. A cura di Elena Della Botte Sommario La gestione degli effluenti zootecnici...

Dettagli

Base di partenza e obiettivi di questa presentazione

Base di partenza e obiettivi di questa presentazione La fertilizzazione con effluenti organici da fermentazione anaerobica: proposta metodologica a scala comprensoriale Luca Bechini, Pietro Marino, Fabrizio Mazzetto * e Tommaso Maggiore luca.bechini@unimi.it

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

Le potenzialità energetiche della filiera del biometano nella Provincia di Treviso. 7 febbraio 2014

Le potenzialità energetiche della filiera del biometano nella Provincia di Treviso. 7 febbraio 2014 Le potenzialità energetiche della filiera del biometano nella Provincia di Treviso 7 febbraio 2014 Indice Principali aspetti del decreto biometano Le potenzialità della filiera della provincia di Treviso

Dettagli

POLLINA e BIOMETANO: IL FUTURO E OGGI

POLLINA e BIOMETANO: IL FUTURO E OGGI POLLINA e BIOMETANO: IL FUTURO E OGGI Ravenna 26 settembre 2012 Austep SpA Via Mecenate, 76/45 20138 Milano Tel. +39 02 509 94 71 Fax. +39 02 580 194 22 E-mail: info@austep.com AUSTEP opera dal 1995 con

Dettagli

WWF Italia - Area Marina Protetta di Miramare Osservatori del pescato: progetto educativo sul consumo consapevole dei prodotti del mare

WWF Italia - Area Marina Protetta di Miramare Osservatori del pescato: progetto educativo sul consumo consapevole dei prodotti del mare WWF Italia - Area Marina Protetta di Miramare Osservatori del pescato: progetto educativo sul consumo consapevole dei prodotti del mare Milena TEMPESTA & Francesco ZUPPA C.E.A.M. - Centro di Educazione

Dettagli

Il biogas negli allevamenti zootecnici

Il biogas negli allevamenti zootecnici Il biogas negli allevamenti zootecnici SEMINARIO Sostenibilità economica ed ambientale del biogas negli allevamenti Nicola Labartino CRPA SpA Martedì 10 giugno 2014 Agriturismo del Papa Pozza di Maranello

Dettagli

ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Agraria, Agroalimentare, Agroindustria

ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Agraria, Agroalimentare, Agroindustria ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO Indirizzo Agraria, Agroalimentare, Agroindustria L indirizzo è finalizzato all acquisizione, per il settore agrario integrato, di un complesso di competenze relative

Dettagli

Relazioni del 30 Novembre 2007 BIOGAS: progressi ed esperienze innovative. Rota

Relazioni del 30 Novembre 2007 BIOGAS: progressi ed esperienze innovative. Rota Relazioni del 30 Novembre 2007 BIOGAS: progressi ed esperienze innovative Rota ROTA GUIDO è un azienda leader nella progettazione e realizzazione di impianti e tecnologie per la zootecnia - Strutture

Dettagli

Il Percorso al Biometano

Il Percorso al Biometano www.biogasmax.eu Biogasmax Training 1 Il Percorso al Biometano STEFANO PROIETTI ISTITUTO DI STUDI PER L INTEGRAZIONE DEI SISTEMI Biogasmax Training 2 Struttura della presentazione Raccolta dei rifiuti;

Dettagli

UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE

UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE ROMA UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE Relatore: Claudio Destro - Presidente Confagricoltura di Roma I nuovi orizzonti dell agricoltura multifunzionale di Roma Milano, 6 settembre 2015 Evoluzioni

Dettagli

Dr. Agr. Guido Bezzi Resp. Area Agronomia CIB IL DIGESTATO: Quadro Normativo e Aspetti Tecnico-Economici

Dr. Agr. Guido Bezzi Resp. Area Agronomia CIB IL DIGESTATO: Quadro Normativo e Aspetti Tecnico-Economici Dr. Agr. Guido Bezzi Resp. Area Agronomia CIB IL DIGESTATO: Quadro Normativo e Aspetti Tecnico-Economici 11 INFOBIOGAS BTS - PalaExpo di Verona - 11 Marzo 2015 Il Consorzio Il CIB - Consorzio Italiano

Dettagli

Il supporto della consulenza Agriventure sulle Agroenergie. Cagliari, 10 Ottobre 2012

Il supporto della consulenza Agriventure sulle Agroenergie. Cagliari, 10 Ottobre 2012 Il supporto della consulenza Agriventure sulle Agroenergie Cagliari, 10 Ottobre 2012 1 Perchè Agriventure?... perché lo sviluppo di un impresa passa anche attraverso precise strategie. Agriventure si propone

Dettagli

Fertilizzazione con digestato da effluenti suini: aspetti agronomici ed igienico sanitari

Fertilizzazione con digestato da effluenti suini: aspetti agronomici ed igienico sanitari Seminario tecnico Fertilizzazione con digestato da effluenti suini: aspetti agronomici ed igienico sanitari Allevamento suinicolo sostenibile Monticelli Terme (PR), 9 settembre 2015 Lorella Rossi, Centro

Dettagli

SOSTENIBILITÀ ECONOMICA DELLE FONTI RINNOVABILI IN AGRICOLTURA

SOSTENIBILITÀ ECONOMICA DELLE FONTI RINNOVABILI IN AGRICOLTURA Rovato, 13 novembre 2013 SOSTENIBILITÀ ECONOMICA DELLE FONTI RINNOVABILI IN AGRICOLTURA Michele Donati Dipartimento di Bioscienze Università degli Studi di Parma Il nuovo imprenditore agricolo L agricoltore

Dettagli

Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) FEASR 2014 2020

Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) FEASR 2014 2020 PROGRAMMAZIONE 2014 2020 Valutazione Ambientale Strategica Programma Operativo Regionale FESR Programma di Sviluppo Rurale FEASR Forum Pubblico e prima Conferenza di Valutazione Il Programma di Sviluppo

Dettagli

ALLEGATO 1 PIANO DI SVILUPPO AZIENDALE / BUSINESS PLAN (FORMAT)

ALLEGATO 1 PIANO DI SVILUPPO AZIENDALE / BUSINESS PLAN (FORMAT) ALLEGATO 1 PIANO DI SVILUPPO AZIENDALE / BUSINESS PLAN (FORMAT) Sintesi dei requisiti e dei contenuti Il Piano Aziendale dovrà descrivere: la situazione iniziale dell azienda agricola e gli elementi cardine

Dettagli

Struttura e scelte del nuovo PSR

Struttura e scelte del nuovo PSR Incontro tecnico Sostenibilità ambientale dell'azienda agricola di domani Le misure del nuovo PSR Venerdì 12 settembre 2014 Ore 9,45 Tecnopolo di Reggio Emilia Piazzale Europa, 1 - Reggio Emilia Struttura

Dettagli

Gestione dei reflui zootecnici tramite digestione anaerobica: opportunità per Ledro. Collotta Massimo Pieve di Ledro 29.04.13

Gestione dei reflui zootecnici tramite digestione anaerobica: opportunità per Ledro. Collotta Massimo Pieve di Ledro 29.04.13 Gestione dei reflui zootecnici tramite digestione anaerobica: opportunità per Ledro Collotta Massimo Pieve di Ledro 29.04.13 INDICE La Digestione Anaerobica (DA) Il Sistema incentivante L opportunità per

Dettagli

COGENERAZIONE e BIOGAS

COGENERAZIONE e BIOGAS COGENERAZIONE e BIOGAS TIECO srl L ENERGIA CHE NON PENSAVI DI AVERE TIECO SRL PROFESSIONALITA AL TUO SERVIZIO. Fondata nel 2000, TIECO SRL rappresenta una realtà consolidata nella progettazione e realizzazione

Dettagli

Gestione e valorizzazione dei reflui zootecnici

Gestione e valorizzazione dei reflui zootecnici Gestione e valorizzazione dei reflui zootecnici P. BALSARI, E. Dinuccio Università degli Studi di Torino D.I.S.A.F.A - Meccanica Agraria e-mail: paolo.balsari@unito.it Il patrimonio zootecnico italiano

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE

CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE AGRICOLTURA BIOLOGICA: CERTIFICAZIONE DI QUALITA DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI ENTE DI FORMAZIONE: CO.S.P.A. Cooperativa Servizi Professionali Agroalimentari F.I.P.A. Federazione

Dettagli

2. Chi può presentare domanda Possono presentare domanda le imprese e le società che possiedono i seguenti requisiti:

2. Chi può presentare domanda Possono presentare domanda le imprese e le società che possiedono i seguenti requisiti: UTILIZZO della MISURA 311 del PSR MISURA 311 B ENERGIA - Azione 1 Sistemi Verdi e Biodiversita : Diversificazione delle attività agricole, realizzazione di attività con fonti di energia rinnovabili MISURA

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale

Programma di Sviluppo Rurale Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 STATO MEMBRO: ITALIA REGIONE: ABRUZZO Criteri di Selezione misura 112/121/123 Approvati dal Comitato di Sorveglianza Procedura scritta n. 1/2014 1 Misura 112 "Insediamento

Dettagli

Elementi di valutazione per lo studio di fattibilità di impianti di biogas

Elementi di valutazione per lo studio di fattibilità di impianti di biogas Bologna 13 Novembre 2010 Elementi di valutazione per lo studio di fattibilità di impianti di biogas Claudio Fabbri Centro Ricerche Produzioni Animali Reggio Emilia I parametri di calcolo: caratteristiche

Dettagli

Filiera Biogas: casi di studio delle migliori pratiche. Sergio Piccinini Centro Ricerche Produzioni Animali Reggio Emilia

Filiera Biogas: casi di studio delle migliori pratiche. Sergio Piccinini Centro Ricerche Produzioni Animali Reggio Emilia Filiera Biogas: casi di studio delle migliori pratiche Sergio Piccinini Centro Ricerche Produzioni Animali Reggio Emilia Produzione di biogas in Europa nel 2007: 5901,2 ktep (69 TWh) nel 2008: 7542 ktep

Dettagli

da Biogas Produzione di energia Sommario IL GAS DELLE DISCARICHE 2

da Biogas Produzione di energia Sommario IL GAS DELLE DISCARICHE 2 Produzione di energia da Biogas Sommario IL GAS DELLE DISCARICHE 2 SOGGETTI INTERESSATI ALLA PRODUZIONE DI BIOGAS DA REFLUI ZOOTECNICI E SCARTI AGROALIMENTARI 3 I VANTAGGI CONNESSI CON LA PRODUZIONE DI

Dettagli

Caratterizzazione dei digestati da fermentazione anaerobica ai fini del corretto uso agronomico

Caratterizzazione dei digestati da fermentazione anaerobica ai fini del corretto uso agronomico Caratterizzazione dei digestati da fermentazione anaerobica ai fini del corretto uso agronomico Andrea Manfredini**, Marco Negri**, Giovanni Cabassi* **Dipartimento di Produzione Vegetale Sez. Agronomia

Dettagli

SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI

SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI 8. SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE

Dettagli

Trattamenti Così il Crpa ne valuta l affidabilità

Trattamenti Così il Crpa ne valuta l affidabilità Le schede di valutazione di merito tecnico dell affidabilità delle tecnologie per il trattamento degli effluenti zootecnici in ambito aziendale e interaziendale Trattamenti Così il Crpa ne valuta l affidabilità

Dettagli

AREA AMBIENTE E TERRITORIO DELL AGRICOLTURA ITALIANA A NEI PSR: STATO DELL ARTE E. Intervento di Annalisa Saccardo Cagliari 3 luglio 2009

AREA AMBIENTE E TERRITORIO DELL AGRICOLTURA ITALIANA A NEI PSR: STATO DELL ARTE E. Intervento di Annalisa Saccardo Cagliari 3 luglio 2009 AREA AMBIENTE E TERRITORIO LO SVILUPPO DELL AGRICOLTURA ITALIANA A BASSO IMPATTO AMBIENTALE NEI PSR: STATO DELL ARTE E PROSPETTIVE Intervento di Annalisa Saccardo Cagliari 3 luglio 2009 LA NUOVA PROGRAMMAZIONE

Dettagli

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Verbale del tavolo Energia e agricoltura Istituto G. Fauser Novara, 19 aprile

Dettagli

BESC : dal refluo, energia rinnovabile! Sustainable Technologies SL ha lanciato un nuovo concetto: BESC (Biodepuratore Ecosostenibile per Siero

BESC : dal refluo, energia rinnovabile! Sustainable Technologies SL ha lanciato un nuovo concetto: BESC (Biodepuratore Ecosostenibile per Siero BESC : dal refluo, energia rinnovabile! Sustainable Technologies SL ha lanciato un nuovo concetto: BESC (Biodepuratore Ecosostenibile per Siero Caseario). Dalla nascita del concetto ad oggi, BESC si è

Dettagli

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE COMMISSIONE EUROPEA DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE che concede una deroga richiesta dall Italia con riguardo alle regioni Emilia - Romagna, Lombardia, Piemonte e Veneto a norma della direttiva

Dettagli

CONFERENZA STAMPA DEL 5.3.2009 SULL IMPIANTO DI DEPURAZIONE LIQUAMI DI OLMETO

CONFERENZA STAMPA DEL 5.3.2009 SULL IMPIANTO DI DEPURAZIONE LIQUAMI DI OLMETO CONFERENZA STAMPA DEL 5.3.2009 SULL IMPIANTO DI DEPURAZIONE LIQUAMI DI OLMETO 1. PREMESSA L impianto di Olmeto è entrato in funzione nel 1987 ed è stato uno dei primi esempi in Italia di depurazione dei

Dettagli

Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico

Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico Legge Regione Umbria n. 21 del 20/08/2001 Disposizioni in materia di coltivazione, allevamento, sperimentazione, commercializzazione e consumo di organismi

Dettagli

il biogas : non solo energia elettrica Dr. Agr. Stefano Bozzetto Rappresentante del C.I.B. nell European Biogas Association rinnovabile

il biogas : non solo energia elettrica Dr. Agr. Stefano Bozzetto Rappresentante del C.I.B. nell European Biogas Association rinnovabile il biogas : non solo energia elettrica Dr. Agr. Stefano Bozzetto Rappresentante del C.I.B. nell European Biogas Association rinnovabile Tre tesi per il biogas fatto bene 1. Il biogas aiuta le imprese agricole

Dettagli

Piano Energetico Cantonale. Schede settoriali. Produzione di energia termica P.8. Biomassa scarti organici P.8

Piano Energetico Cantonale. Schede settoriali. Produzione di energia termica P.8. Biomassa scarti organici P.8 Biomassa scarti organici 97 Situazione attuale Con il termine «scarti organici» ci si riferisce a sostanze di origine organica, animale o vegetale. È possibile classificare tali sostanze in funzione delle

Dettagli

BIO-METHANE REGIONS. Il Bio-Metano: combustibile del futuro, opportunità per la REGIONE ABRUZZO. With the support of

BIO-METHANE REGIONS. Il Bio-Metano: combustibile del futuro, opportunità per la REGIONE ABRUZZO. With the support of IT BIO-METHANE REGIONS Il Bio-Metano: combustibile del futuro, opportunità per la REGIONE ABRUZZO With the support of BIO-METHANE REGIONS Il Bio-Metano: combustibile del futuro, opportunità per la nostra

Dettagli

BIO DIGESTORI. Elementi tecnologici per una scelta consapevole 2010

BIO DIGESTORI. Elementi tecnologici per una scelta consapevole 2010 BIO DIGESTORI Elementi tecnologici per una scelta consapevole 2010 Indice 1. Definizione di bio digestore 2. Un esempio per chiarire 3. Schemi i biodigestori 4. Tipi di impianti: classificazione 5. L alimentazione

Dettagli

Società agricola Mercuri

Società agricola Mercuri Società agricola Mercuri dove la tradizione guarda al futuro 1 L azienda agricola L azienda biologica, le cui origini risalgono al 1920, si trova a Casperia in provincia di Rieti; la conduzione è familiare

Dettagli

Sostenibilità ambientale e ricadute economiche delle innovazioni Stayfresh

Sostenibilità ambientale e ricadute economiche delle innovazioni Stayfresh UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE Dipartimento di Scienze degli Alimenti STAYFRESH Sostenibilità ambientale e ricadute economiche delle innovazioni Stayfresh consumatori - costi di produzione Sillani S.,

Dettagli

Modello Alto Adige per lo sviluppo rurale. 29. Novembre 2013 Zöschg Matthias

Modello Alto Adige per lo sviluppo rurale. 29. Novembre 2013 Zöschg Matthias Abteilung 32 - Forstwirtschaft Ripartizione 32 Foreste Modello Alto Adige per lo sviluppo rurale 29. Novembre 2013 Zöschg Matthias Modello Alto Adige per lo sviluppo rurale Il ruolo e funzioni del maso

Dettagli

Azienda agricola Leopoldo Fazzolari

Azienda agricola Leopoldo Fazzolari Azienda agricola Leopoldo Fazzolari biologico, benessere animale, tracciabilità 11 L'Azienda Agricola L'Azienda biologica Fazzolari si trova a S. Janni di Cutro in provincia di Catanzaro. Nasce alla fine

Dettagli

LINEE PROGRAMMATICHE PER LA VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI PIEMONTESI

LINEE PROGRAMMATICHE PER LA VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI PIEMONTESI LINEE PROGRAMMATICHE PER LA VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI PIEMONTESI Premessa La Regione Piemonte considera la qualità delle produzioni uno degli strumenti fondamentali per favorire il consolidamento

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA - PIANO DI SVILUPPO RURALE Misura 121 AMMODERNAMENTO DELLE AZIENDE AGRICOLE

REGIONE LOMBARDIA - PIANO DI SVILUPPO RURALE Misura 121 AMMODERNAMENTO DELLE AZIENDE AGRICOLE REGIONE LOMBARDIA - PIANO DI SVILUPPO RURALE Misura 121 AMMODERNAMENTO DELLE AZIENDE AGRICOLE BENEFICIARI Imprese e società con i seguenti requisiti: 1. impresa individuale, titolare di partita IVA, iscritta

Dettagli

PRODUZIONE DI BIOGAS DA BIOMASSE DI SCARTO

PRODUZIONE DI BIOGAS DA BIOMASSE DI SCARTO PRODUZIONE DI BIOGAS DA BIOMASSE DI SCARTO CLAUDIO COCOZZA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI La digestione anaerobica è un processo biologico per mezzo del quale, in assenza di ossigeno, la sostanza organica

Dettagli

BIOGAS Impianti a confronto

BIOGAS Impianti a confronto BIOGAS Impianti a confronto Caratteristiche degli impianti Azienda Tipo reattori Volume reattori Temperatura Potenza elettrica Fontana CSTR 2 x 1.370 m 3 36-38 C 90 + 125 kw Mengoli CSTR 2 x 1.050 + 850

Dettagli

Le misure dello sviluppo rurale a favore della biodiversità

Le misure dello sviluppo rurale a favore della biodiversità ECORICE e le prospettive future Le misure dello sviluppo rurale a favore della biodiversità Mario Perosino Regione Piemonte Direzione Agricoltura mario.perosino@regione.piemonte.it ECORICE e le prospettive

Dettagli

Società agricola BIOMAX A.r.L

Società agricola BIOMAX A.r.L Società agricola BIOMAX A.r.L Impianto per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabile ( potenza nominale 999 KWel ) mediante l utilizzo di biomasse di origine agricola da realizzarsi in Comune

Dettagli

Produzione di energia da biomasse

Produzione di energia da biomasse Produzione di energia da biomasse Prof. Roberto Bettocchi Ordinario di sistemi per l energia e l ambiente Dipartimento di Ingegneria - Università degli Studi di Ferrara Produzione di energia da biomasse

Dettagli

Energia e Bioprodotti da biomassa

Energia e Bioprodotti da biomassa Tavola Rotonda BioEnergy Academy Energia e Bioprodotti da biomassa Silvana Castelli Istituto di Biologia e Biotecnologia Agraria CNR Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto di Biologia e Biotecnologia

Dettagli

Nuove strade per smaltire gli effluenti zootecnici

Nuove strade per smaltire gli effluenti zootecnici SISTEMI INTEGRATI AEROBICI E ANAEROBICI Nuove strade per smaltire gli effluenti zootecnici Nel Modenese e nel Padovano due esempi di impianti che integrano diverse tecnologie per gestire in modo efficiente

Dettagli

CONVERSIONE TERMOCHIMICA

CONVERSIONE TERMOCHIMICA CONVERSIONE TERMOCHIMICA PIROLISI La pirolisi si può svolgere secondo diverse modalità: Carbonizzazione a temperature tra 300 C e 500 C Pirolisi convenzionale a temperature inferiori a 600 C Fast pirolisi

Dettagli

Città di Fiumicino (Provincia di Roma

Città di Fiumicino (Provincia di Roma COMUNICAZIONE SEMPLIFICATA 1 per aziende con produzione/utilizzazione al campo di azoto da effluenti di allevamento compresa tra 3.001 e 6.000 Kg/anno e per le aziende di cui al D. Lgs. n. 152/2006, art.

Dettagli

Impatto ambientale delle attività zootecniche

Impatto ambientale delle attività zootecniche Impatto ambientale delle attività zootecniche Impatto ambientale delle attività zootecniche: effetto potenzialmente inquinante per l aria, l acqua e il terreno dovuto alle emissioni nell ambiente di varie

Dettagli

Studio di fattibilità del circolo rurale dell Appennino Bolognese. Principali risultati

Studio di fattibilità del circolo rurale dell Appennino Bolognese. Principali risultati Studio di fattibilità del circolo rurale dell Appennino Bolognese Principali risultati OBIETTIVI VERIFICARE LA FATTIBILITA DI UNA STRUTTURA DI COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI DELL APPENNINO BOLOGNESE

Dettagli

Cagliari 12 Marzo 2009. Laboratorio Biomasse labbiomasse@sardegnaricerche.it

Cagliari 12 Marzo 2009. Laboratorio Biomasse labbiomasse@sardegnaricerche.it Dessì Alessandro Cagliari 12 Marzo 2009 Laboratorio Biomasse labbiomasse@sardegnaricerche.it IL LABORATORIO BIOMASSE E BIOCOMBUSTIBILI Il laboratorio è stato realizzato nell ambito del Cluster Tecnologico

Dettagli

Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica

Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica Agricoltura Biologica e Biodiversità Veneto Agricoltura, Corte Benedettina 20 febbraio 2013 Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica ricerca e sperimentazione in zootecnia biologica attività

Dettagli

Redditività delle colture forestali energetiche a ciclo breve

Redditività delle colture forestali energetiche a ciclo breve Torna all indice Convegno di Studio: Le biomasse agricole e forestali nello scenario energetico nazionale Progetto Fuoco (Verona 18-19 Marzo 24) Redditività delle colture forestali energetiche a ciclo

Dettagli

ALLEGATO (A) Piano Informativo Regionale Misura 111 Azione 2 Informazione P.S.R. Sicilia 2007/2013

ALLEGATO (A) Piano Informativo Regionale Misura 111 Azione 2 Informazione P.S.R. Sicilia 2007/2013 ALLEGATO (A) Piano Informativo Regionale Misura 111 Azione 2 Informazione P.S.R. Sicilia 2007/2013 Interventi Misura 111 Informazione Piano Informativo Regionale Premessa Con il Piano Informativo Regionale

Dettagli

LA SOSTENIBILITÀ IN AGRICOLTURA E I CRITERI PER LA PRODUZIONE DI BIOCARBURANTI

LA SOSTENIBILITÀ IN AGRICOLTURA E I CRITERI PER LA PRODUZIONE DI BIOCARBURANTI LA SOSTENIBILITÀ IN AGRICOLTURA E I CRITERI PER LA PRODUZIONE DI BIOCARBURANTI Bilanci ambientali in agricoltura e modelli di certificazione Cremona 15 marzo 2012 Lorenzo D Avino Luca Lazzeri Centro di

Dettagli

IL CICLO DELLE RISORSE ALIMENTARI Sostenibilità ambientale della produzione alimentare: trasformazione,trasporto,distribuzione 14 maggio 2009 Massimo Mauri ARPA Lombardia Indice: 1. Sostenibilità e salubrità

Dettagli

come ti coltivo il clima di LUCA D APOTE*

come ti coltivo il clima di LUCA D APOTE* AGRICOLTURA 36 come ti coltivo il clima di LUCA D APOTE* Mentre gli Usa annunciano una nuova politica della green economy coinvolgendo soprattutto l agricoltura, l UE rilancia sulle politiche di lotta

Dettagli

Aspetti economici delle colture da biomassa a ciclo breve

Aspetti economici delle colture da biomassa a ciclo breve Convegno : Ottimizzazione della filiera di produzione di biomasse ligno-cellulosiche FORLENER 27 - BIELLA, 28 settembre 27 Aspetti economici delle colture da biomassa a ciclo breve parte seconda: redditività

Dettagli

ANCORA ENERGIE RINNOVABILI : BIOMASSA E BIOGAS

ANCORA ENERGIE RINNOVABILI : BIOMASSA E BIOGAS ANCORA ENERGIE RINNOVABILI : BIOMASSA E BIOGAS di Avv. Rosa Bertuzzi Quando si affronta l istituto delle energie rinnovabili riguardanti l utilizzazione delle risorse dell'agricoltura spesso di genera

Dettagli

ESPERIENZE E PROSPETTIVE PER IL MERCATO DEGLI AMMENDANTI COMPOSTATI NELLA PROVINCIA DI ROMA LE NORMATIVE SUI COMPOST

ESPERIENZE E PROSPETTIVE PER IL MERCATO DEGLI AMMENDANTI COMPOSTATI NELLA PROVINCIA DI ROMA LE NORMATIVE SUI COMPOST ESPERIENZE E PROSPETTIVE PER IL MERCATO DEGLI AMMENDANTI COMPOSTATI NELLA PROVINCIA DI ROMA LE NORMATIVE SUI COMPOST Ordine dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali della Provincia di Roma Roma, 20.09.2011

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

La proposta legislativa COM (2014) 180 Riforma del Reg.UE 834/2007

La proposta legislativa COM (2014) 180 Riforma del Reg.UE 834/2007 La proposta legislativa COM (2014) 180 Riforma del Reg.UE 834/2007 Anabio e la Cia ritengono fondamentale approvare al più presto la Proposta di regolamento per la produzione e l etichettatura dei prodotti

Dettagli

FOGNATURA IDEALE. Rispetto dei limiti imposti dal D. Lgs. 152/99. Impianto di depurazione. Fognatura separata. Acque nere.

FOGNATURA IDEALE. Rispetto dei limiti imposti dal D. Lgs. 152/99. Impianto di depurazione. Fognatura separata. Acque nere. FOGNATURA IDEALE Acque nere Fognatura separata Impianto di depurazione Rispetto dei limiti imposti dal D. Lgs. 152/99 Recapito cque bianche Eventuale trattamento In definitiva: FOGNATURA UNITARIA Acque

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

Alessandro Ragazzoni. Principali progetti di ricerca

Alessandro Ragazzoni. Principali progetti di ricerca Curriculum vitae et studiorum Alessandro Ragazzoni Professore Associato SSD AGR/01: economia ed estimo rurale. Dipartimento di Scienze Agrarie Università di Bologna Alessandro Ragazzoni Nato a Modena,

Dettagli

IMPIANTI DI BIOGAS - RECUPERO ENERGETICO DA RIFIUTI E BIOMASSE

IMPIANTI DI BIOGAS - RECUPERO ENERGETICO DA RIFIUTI E BIOMASSE Ordine degli Ingegneri di Modena GESTIONE SOSTENIBILE DELLE ACQUE IN AMBITO URBANO IMPIANTI DI BIOGAS - RECUPERO ENERGETICO DA RIFIUTI E BIOMASSE Ing. Marco Spada Idrodepurazione srl Via Comina, 39 I 20038

Dettagli

Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici

Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici CORSO: IL BIOGAS DA EFFLUENTI ZOOTECNICI Reggio Emilia, 15 Dicembre 2011 Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici Lorella ROSSI Centro Ricerche Produzioni Animali - Reggio

Dettagli

Caratteristiche dei rifiuti organici

Caratteristiche dei rifiuti organici Il trattamento della frazione organica dei rifiuti solidi urbani Caratteristiche dei rifiuti organici frazione umida: componente dei rifiuti urbani costituita dagli scarti di cucina originati sia dall

Dettagli

Rinnovabile al n. 3/2008 de L Informatore. Nell Asse 2 sono finanziati, ad esempio,

Rinnovabile al n. 3/2008 de L Informatore. Nell Asse 2 sono finanziati, ad esempio, PIEMONTE, EMILIA-ROMAGNA E LAZIO Cosa riservano i Psr alle agroenergie Nel tentativo di semplificare e chiarire la grande mole di materiale contenuto nei Psr, vengono qui prese in esame le Misure specifiche

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Risultati della Ricerca Titolo Analisi economica sull'uso dei pavimenti in gomma per le stalle di bovini da latte Descrizione estesa del risultato Le malattie podali rappresentano un grave problema nell

Dettagli

Alla notifica destinata all Organismo di controllo devono essere allegati tutti i documenti specificati nelle presenti istruzioni.

Alla notifica destinata all Organismo di controllo devono essere allegati tutti i documenti specificati nelle presenti istruzioni. ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA SPEDIZIONE DEI MODULI RELATIVI ALLA NOTIFICA DI ATTIVITA PRODUTTIVE CON METODO BIOLOGICO (PRIMA NOTIFICA O NOTIFICA DI VARIAZIONE). PREMESSA Il presente modello deve

Dettagli

Utilizzo energie rinnovabili per il risparmio energetico in fase di cura

Utilizzo energie rinnovabili per il risparmio energetico in fase di cura Convegno - Sostenibilità della coltura del tabacco in Italia - Utilizzo energie rinnovabili per il risparmio energetico in fase di cura Dott. Pasquale Raiola 20 Aprile 2011 Dip. Scienze Economico-Estimative

Dettagli

PROVINCIA DI FOGGIA. Superare la crisi e costruire un agricoltura competitiva Le proposte dei gruppi del centrosinistra in Consiglio provinciale

PROVINCIA DI FOGGIA. Superare la crisi e costruire un agricoltura competitiva Le proposte dei gruppi del centrosinistra in Consiglio provinciale PROVINCIA DI FOGGIA Gruppo Consiliare PARTITO DEMOCRATICO Foggia, 16 novembre 2009 Superare la crisi e costruire un agricoltura competitiva Le proposte dei gruppi del centrosinistra in Consiglio provinciale

Dettagli

Attualità e prospettive degli impianti aziendali di biogas

Attualità e prospettive degli impianti aziendali di biogas Attualità e prospettive degli impianti aziendali di biogas P. Balsari Università degli Studi di Torino Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria Forestale e Ambientale paolo.balsari@unito.it COS E

Dettagli

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato Costruiamo la strategia: dall analisi di contesto ai fabbisogni Luca Cesaro INEA Trentino Alto Adige Trento, 6 marzo 2014 Fasi di

Dettagli

AZIENDA AGRICOLA BIOLOGICA NICOLA ROMANO

AZIENDA AGRICOLA BIOLOGICA NICOLA ROMANO AZIENDA AGRICOLA BIOLOGICA NICOLA ROMANO quando tradizione, passione e innovazione diventano sapere d impresa 1 L azienda agricola L azienda agricola biologica Nicola Romano si trova nel Parco Nazionale

Dettagli

Tracce dei temi degli esami di Stato di abilitazione all esercizio della professione di dottore agronomo e dottore forestale

Tracce dei temi degli esami di Stato di abilitazione all esercizio della professione di dottore agronomo e dottore forestale Tracce dei temi degli esami di Stato di abilitazione all esercizio della professione di dottore agronomo e dottore forestale SEZIONE A 1ª Sessione anno 2000 1ª prova scritta 1. Il candidato in un azienda

Dettagli