Il volontariato in Svizzera

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il volontariato in Svizzera"

Transcript

1 Il volontariato in Svizzera 8,5 mm 88 mm 105 mm 8,5 mm 8,5 mm 110 mm 5 mm 8,5 mm Neuchâtel, ,5 mm

2 88 mm 105 mm 8,5 mm 8,5 mm Impressum Edito da: Ufficio federale di statistica (UST) Settore: 20 Situazione economica e sociale della popolazione Diffusione: UST, 2010 Neuchâtel, tel. +41 (0) , fax +41 (0) , Elaborazione: Jacqueline Schön-Bühlmann, UST, tel. +41 (0) Informazioni: Lingue: Testo originale in tedesco, disponibile in francese e italiano Traduzione: Servizi linguistici UST Grafica/Layout: UST, Sezione DIAM, Prepress/Print Grafica del titolo: Roland Hirter, Berna N. di ordinazione: , pubblicazione gratuita 2 11 mm

3 Indice Quanto volontariato viene svolto?... 4 Quali attività sono svolte nel volontariato organizzato?... 4 Quali attività sono svolte nel volontariato informale?... 5 Chi svolge lavori di volontariato organizzato? mm Chi svolge lavori di volontariato informale? Quanto tempo viene investito 105 nel mm volontariato? Cos è cambiato dal Differenze regionali ,5 mm 8,5 Motivazione mm e potenziale nascosto Donazioni Tipi di volontari Fonti dei dati e indirizzi utili mm 3

4 Dal 1997, l Ufficio federale di statistica (UST) rileva ogni tre-quattro anni dati sul volontariato nell ambito del progetto «Lavoro non remunerato», considerando l impegno svolto sia nel contesto di organizzazioni sia in quello informale. Le cifre attuali risalgono al 2007 e si riferiscono alla popolazione residente di 15 anni e più. 1 Sono presentati inoltre i risultati dell Osservatorio del volontariato 2006, una rilevazione della Società svizzera di utilità pubblica (SSUP), con informazioni dettagliate sulle differenze regionali, sulla motivazione dei volontari, sul potenziale nascosto e sulle donazioni della popolazione residente. 2 Quanto volontariato viene svolto? In Svizzera, una persona su quattro, ossia circa 1,5 milioni di persone, svolge almeno un attività non retribuita in seno a organizzazioni o istituzioni. L impegno degli uomini in questo ambito formale 3 supera quello delle donne (28% contro 20%). Esistono inoltre altre attività, anch esse non retribuite, svolte in un contesto informale, quale l aiuto di vicinato, la custodia di bambini, i servizi per terzi nonché l assistenza e la cura di conoscenti e parenti non appartenenti alla propria economia domestica. Anche in questo campo l impegno volontario è notevole: a rendere simili servizi è infatti il 21% della popolazione residente, ossia circa 1,3 milioni di persone. In questo settore l impegno delle donne è maggiore di quello degli uomini (rispettivamente 26% e 15%). Quali attività sono svolte nel volontariato organizzato? Gli uomini e le donne non si impegnano negli stessi settori. La grande maggioranza delle attività di volontariato degli uomini è svolta in seno ad associazioni sportive. Seguono le associazioni culturali e i gruppi d interesse. I campi in cui la partecipazione degli uomini risulta essere minore sono i partiti politici e le cariche pubbliche. Anche l impegno delle donne si rivolge innanzitutto alle associazioni sportive. Seguono le istituzioni socio-caritative e le istituzioni religiose. Le associazioni culturali si situano solo al quarto posto. Anche per le donne l impegno in ambito politico è piuttosto raro. 1 Fonte: UST, Rilevazione sulle forze di lavoro in Svizzera (RIFOS): modulo «Lavoro non remunerato». 2 Fonte: SSUP, Osservatorio del volontariato Cfr. Isabelle Stadelmann-Steffen, Markus Freitag und Marc Bühlmann: Freiwilligen-Monitor Schweiz. Seismo Verlag, Zurigo Nella presente pubblicazione i termini volontariato formale e volontariato organizzato sono utilizzati come sinonimi. 4

5 Partecipazione al volontariato organizzato secondo il tipo d'organizzazione e il sesso, in per cento della popolazione residente Donne 5,0 3,9 4,4 4,3 3,0 1,3 1,0 12% 9% 6% 3% 0% Associazioni sportive Associazioni culturali Istituzioni socio-caritative Istituzioni religiose Gruppi d'interesse Servizio pubblico Partiti politici, cariche pubbliche 2,7 2,7 2,3 3,1 5,1 5,8 Uomini 11,4 0% 3% 6% 9% 12% Fonte: Rilevazione sulle forze di lavoro in Svizzera (RIFOS): Lavoro non remunerato 2007 Quali attività sono svolte nel volontariato informale? Circa un quinto della popolazione residente in Svizzera svolge lavori di volontariato informale. L attenzione delle donne è rivolta in primo luogo alla cura dei figli di parenti e conoscenti, attività in cui la partecipazione degli uomini è nettamente inferiore. Dal canto loro, gli uomini si dedicano prevalentemente ad altre prestazioni per conoscenti o vicini, quali lavori domestici, servizi di trasporto o lavori di giardinaggio. Alla cura di parenti adulti che non fanno parte della stessa economia domestica si dedicano invece, rispettivamente, l 1,8% delle donne e lo 0,6% degli uomini. Partecipazione al volontariato informale secondo il tipo d'attività e il sesso, in per cento della popolazione residente Donne 8,2 Custodia dei figli di parenti 3,7 Uomini 1,8 Cura di parenti adulti 0,6 7,4 3,5 Altre prestazioni per parenti Custodia dei figli di conoscenti 3,0 1,8 1,5 Cura di conoscenti adulti 0,5 6,8 Altre prestazioni per conoscenti 6,6 0,3 Altro 0,2 10% 8% 6% 4% 2% 0% 0% 2% 4% 6% 8% 10% Fonte: Rilevazione sulle forze di lavoro in Svizzera (RIFOS): Lavoro non remunerato

6 Chi svolge lavori di volontariato organizzato? Osservando le quote di partecipazione delle varie classi d età a questo tipo di volontariato, non si notano grandi differenze. La partecipazione a tali attività tende ad aumentare fino ai anni per diminuire successivamente in maniera contenuta. Come facilmente prevedibile, soltanto a partire dai 75 anni il calo diventa consistente. È interessante notare che l impegno dei giovani adulti (tra i 15 e i 24 anni) in organizzazioni e istituzioni è analogo a quello dei pensionati più giovani. Tra gli uomini, il pensionamento sembra coincidere più spesso rispetto alle donne con un loro parallelo ritiro dal mondo del volontariato organizzato. A dedicarsi ad attività non remunerate in seno a organizzazioni o istituzioni sono in particolare le categorie seguenti: le persone con una formazione elevata, coloro che svolgono un attività professionale, i casalinghi e le casalinghe nonché le persone che vivono in economie domestiche di coppie con figli. Questo profilo si applica tanto agli uomini quanto alle donne, benché queste ultime presentino ovunque quote di partecipazione inferiori. Il fatto che la popolazione straniera si impegni in minor misura in questo campo è riconducibile alla complessa problematica dell integrazione. Partecipazione al volontariato organizzato per gruppo di età e sesso, in per cento della popolazione residente 75+ anni 9,8 13,0 64/65 74 anni 55 63/64 anni 19,5 20, anni anni 20, anni 17,1 Totale 20,1 23,8 30,4 25,6 32,7 28,1 26,3 28,0 0% 5% 10% 15% 20% 25% 30% 35% Uomini Donne Fonte: Rilevazione sulle forze di lavoro in Svizzera (RIFOS): Lavoro non remunerato 2007 A impegnarsi nel volontariato organizzato sono in primo luogo le persone che, grazie alla loro età, alla loro formazione o alla loro situazione familiare e professionale, dispongono delle qualifiche necessarie e sono integrate sul piano sociale, e non i gruppi di popolazione che di per sé disporrebbero di più tempo libero, come gli inoccupati o i pensionati. 4 4 Come confermato dai risultati dell Osservatorio del volontariato (v. nota n. 2). Cfr. inoltre Beat Schmid «Determinanten der Freiwilligenarbeit», in: Nonprofit-Organisationen im Wandel. Ed. R. Schauer, E.-B. Blümle, D. Witt, H.K. Anheier, Linz 2000, pagg Sul portale Statistica svizzera l UST mette a disposizione tabelle di dati dettagliate secondo le caratteristiche sociodemografiche: portal/fr/index/themen/20/04/blank/key/freiwilligen-arbeit/ueberblick.html 6

7 Chi svolge lavori di volontariato informale? Contrariamente a quanto avviene nell ambito del volontariato organizzato, nel volontariato informale le quote di partecipazione crescono con l avanzare dell età e raggiungono i valori più elevati tra i pensionati più giovani. Questo vale sia per gli uomini che per le donne, benché queste ultime presentino ovunque quote di partecipazione più elevate. Nelle classi di età mediane, la partecipazione degli uomini progredisce soltanto lentamente per poi aumentare rapidamente a partire dall età di pensionamento, a seguito dello spostamento dell impegno dalla sfera professionale a quella privata. A partire dai 75 anni, le attività di volontariato informale di uomini e donne tendono a diminuire nettamente. Partecipazione al volontariato informale per gruppo di età e sesso, in per cento della popolazione residente 75+ anni 11,9 17,3 64/65 74 anni 23,2 37, /64 anni 17,2 32, anni 14,8 28, anni 14,8 25, anni 11,7 15,6 Totale 15,2 26,3 0% 5% 10% 15% 20% 25% 30% 35% 40% Uomini Donne Fonte: Rilevazione sulle forze di lavoro in Svizzera (RIFOS): Lavoro non remunerato 2007 A occuparsi dei bambini altrui e a fornire aiuto di vicinato o altre prestazioni non remunerate a favore di altre economie domestiche sono soprattutto le casalinghe, le madri di famiglia nonché le persone che vivono in un contesto familiare e le coppie. Questo profilo fa apparire la struttura delle attività informali non retribuite in gran parte come una rete di prestazioni di aiuto reciproco fornite nella sfera personale. La partecipazione è nettamente minore tra le persone in formazione e tra la popolazione straniera. Quanto alla situazione familiare sono degne di nota sia le elevate quote di partecipazione delle famiglie monoparentali sia l esigua rappresentanza dei giovani tra i 15 e i 24 anni che vivono ancora in famiglia. 7

8 Quanto tempo viene investito nel volontariato? Sull insieme della popolazione residente, il tempo mediamente investito nelle attività di volontariato in seno ad associazioni od organizzazioni, oppure nell aiuto di vicinato e in altre prestazioni di aiuto resi su iniziativa personale è di circa 3 ore al mese. Per i volontari ciò comporta un onere medio di quasi mezza giornata lavorativa la settimana (circa 13 ore mensili per il volontariato organizzato e 15,5 per il volontariato informale). Questo equivale a un volume complessivo di quasi 700 milioni di ore l anno, suddivise in parti più o meno uguali tra volontariato organizzato e volontariato informale. A titolo comparativo, nel 2006 circa lo stesso volume di lavoro, tuttavia retribuito, è stato prestato nei sistemi sanitario e sociale (706 milioni di ore). 5 Tempo dedicato al volontariato ore medie mensili per persona 20 Volontariato organizzato Ore per mese ,2 12,3 13,8 3,0 2,4 3,7 0 Volontari Popolazione totale Ore per mese Volontariato informale 17,1 15,5 12,6 Volontari 4,3 3,1 1,8 Popolazione totale Totale Donne Uomini Fonte: Rilevazione sulle forze di lavoro in Svizzera (RIFOS): Lavoro non remunerato 2007 Volontari: tutte le persone che svolgono almeno un attività di volontariato organizzato o informale. Popolazione totale: tutte le persone a partire dai 15 anni residenti in Svizzera. 5 Cfr. Guido Münzel e al.: Rapporto sul volontariato in Svizzera. UST, Neuchâtel 2004; Ueli Schiess e Jacqueline Schön-Bühlmann: Compte satellite de production des ménages. Projet pilote pour la Suisse. UST, Neuchâtel, 2004 e UST: Statistica del volume di lavoro (SVOL)

9 Cos è cambiato dal 1997? Tra il 1997 e il 2007, le quote di partecipazione al volontariato organizzato sono calate, passando dal 26,5% al 23,9%. Questa diminuzione risulta più marcata tra gli uomini che tra le donne. Osservando l evoluzione in funzione dei diversi campi di attività, si nota che l impegno prestato dagli uomini in seno alle associazioni culturali è in calo dal 2000 (da 7,8 % a 5,8%) 6, quello profuso nei partiti politici e attraverso cariche pubbliche dal 1997 (da 3,8% a 2,3%). E se tra le donne l impegno presso istituzioni socio-caritative è in calo dal 1997 (da 5,3 % a 4,4 %), aumenta parallelamente la loro partecipazione a gruppi d interesse (da 2,0% a 3,0%). Tra il 2000 e il 2007, le quote di partecipazione al volontariato informale sono scese dal 23,2% al 20,9%. 7 È diminuita notevolmente sia la partecipazione maschile che quella femminile, sebbene quest ultima in misura leggermente maggiore. Osservando l evoluzione secondo il tipo di attività informale, si nota un calo dell impegno delle donne per altre prestazioni per parenti e conoscenti, diminuito in entrambi i casi di un punto percentuale. 8 Evoluzione delle quote di partecipazione al volontariato organizzato 35% 30% 25% 20% 15% 10% 5% 0% Totale Donne Uomini Intervallo di confidenza Fonte: Rilevazione sulle forze di lavoro in Svizzera (RIFOS): Lavoro non remunerato 6 In seguito ai risultati del 1997, nel questionario del 2000 la categoria «Associazioni sportive e culturali» è stata suddivisa, le quote di partecipazione ai due tipi di associazione sono confrontabili pertanto solo a partire dal Dal 2000, la domanda relativa all inizio dell attività è stata formulata diversamente; i risultati non sono quindi confrontabili con quelli del Per gli uomini, la differenza non è statisticamente rilevante. Per verificare i cambiamenti dal 1997 sono stati calcolati degli intervalli di confidenza. Sono qui riportati solo i risultati di differenze rilevanti sottoposti a verifica. 9

10 Evoluzione delle quote di partecipazione al volontariato informale 35% 30% 25% 20% 15% 10% 5% 0% Totale Donne Uomini Intervallo di confidenza Fonte: Rilevazione sulle forze di lavoro in Svizzera (RIFOS): Lavoro non remunerato Differenze regionali Il volontariato a favore di organizzazioni e di associazioni è caratterizzato da profonde differenze regionali. In primo luogo, si nota che nella Svizzera tedesca, la quota di persone che si dedicano ad attività volontarie o rivestono cariche onorifiche supera nettamente quella della Svizzera francese e italiana. Questa constatazione conferma il risultato di alcuni studi precedenti, secondo i quali la partecipazione alla vita associativa è maggiore nella Svizzera tedesca rispetto alla Svizzera francese e italiana. 9 All interno delle regioni linguistiche, il volume delle prestazioni rese può variare notevolmente da un Cantone all altro. Le quote minori si trovano nei Cantoni di Ticino, Ginevra, Neuchâtel e Vaud, dove solo una persona su cinque a partire dai 15 anni svolge un attività di volontariato o riveste una carica onorifica. Le quote di partecipazione più elevate si trovano invece nei Cantoni dei Grigioni, di Appenzello Esterno, Soletta, Obvaldo e Uri, dove oltre un terzo della popolazione si impegna a titolo volontario in seno ad associazioni e organizzazioni. Si nota inoltre che in questi Cantoni la quota di persone che ricoprono una carica onorifica supera nettamente quella dei Cantoni dove l impegno volontario è meno diffuso. 9 Bühlmann, Marc e Freitag, Markus: «Freiwilligkeit als soziales Kapital der Gesellschaft. Ein Vergleich der Schweizer Kantone», in: Peter Farago, ed., Freiwilliges Engagement in der Schweiz. Seismo Verlag, Zurigo, 2006 pagg

11 Volontariato formale nei Cantoni > 32,9 % 31,0 32,9 % 29,0 30,9 % 27,0 28,9 % 20,0 26,9 % < 20,0 % VD NE FR JU BS SO BE BL AG LU OW NW SH ZH ZG SZ UR TG GL AR AI SG GR TI GE VS, ThemaKart, Neuchâtel 2008 Fonte: SSUP, Osservatorio del volontariato 2006 I Cantoni sono suddivisi in sei gruppi in funzione della quota ponderata di volontari. Più scuri sono i colori, maggiori sono le quote di volontari. Anche per quanto riguarda il volontariato informale si rilevano chiare differenze tra le regioni linguistiche: le persone residenti nella Svizzera tedesca sono più frequentemente impegnate in questo ambito rispetto a quelle residenti nella Svizzera francese o italiana. Il maggior numero di volontari si trova nei Cantoni di Appenzello Interno, Nidvaldo, Obvaldo, Turgovia e San Gallo. I Cantoni dove invece si pratica meno volontariato sono i Cantoni di Ginevra, Zugo, Ticino e Vaud. Volontariato informale nei Cantoni > 42,9 % 41,0 42,9 % 39,0 40,9 % 37,0 38,9 % 34,0 36,9 % < 34,0 % VD NE FR JU BS SO BE BL AG LU OW NW SH ZH ZG SZ UR TG GL AR AI SG GR TI GE VS, ThemaKart, Neuchâtel 2008 Fonte: SSUP, Osservatorio del volontariato 2006 I Cantoni sono suddivisi in sei gruppi in funzione della quota ponderata di volontari. Più scuri sono i colori, maggiori sono le quote di volontari. 11

12 Motivazione e potenziale nascosto Oltre l 80% delle persone impegnate in attività di volontariato organizzato in seno ad associazioni e organizzazioni afferma di svolgere questa attività per il piacere di farlo, il 74% la considera una buona opportunità di collaborare con gli altri per cambiare le cose, il 69% è motivato dalla possibilità di fornire aiuto agli altri e il 61% dalla ricerca di contatti con altre persone. Questo insieme di motivazioni, dettate sia dall interesse collettivo sia da quello personale, coincide in gran parte per gli uomini e per le donne. Ciononostante, rispetto agli uomini, le donne indicano più spesso motivazioni quali l aiutare gli altri, la fede e l ampliamento delle proprie conoscenze ed esperienze. Circa un quarto degli interpellati afferma di aver svolto in passato attività di volontariato. Per valutare quanto sia elevata la probabilità che essi riassumano tali impegni è molto importante conoscere i motivi che hanno portato all abbandono di queste attività. Tra questi, il più frequente è la presenza di altri impegni (soprattutto familiari o professionali) e la conseguente mancanza di tempo (27%). L 11% dei volontari si è impegnato solo temporaneamente. Circa una persona su dieci ha interrotto l attività di volontariato a causa di una pressione fisica o psichica troppo elevata. La maggior parte delle persone ha abbandonato l attività di volontariato spinta da motivi personali legati alla situazione individuale contingente (p. es. a causa di una formazione o specializzazione). In ogni caso, più della metà degli ex volontari non esclude di impegnarsi nuovamente in futuro. Motivazione dei volontari formali secondo il sesso Piacere nello svolgere l'attività Cambiare le cose insieme agli altri Aiutare gli altri Contatti con persone simpatiche Ampliamento delle conoscenze e delle esperienze Responsabilità e potere decisionale Riconoscenza Miglioramento dell'immagine di queste attività Fede Aiuto per la risoluzione dei propri problemi Utilità per la carriera professionale 27,2 26,6 25,8 24,7 33,5 20,7 18,5 17,6 14,9 12,3 86,9 81,5 76,6 72,4 75,6 61,5 63,9 59,3 66,0 55,3 52,4 52,0 0% 20% 40% 60% 80% 100% Uomini Donne Fonte: SSUP, Osservatorio del volontariato

13 Donazioni In Svizzera, la pratica di elargire donazioni è ampliamente diffusa. Circa i tre quarti della popolazione residente di più di 15 anni hanno effettuato, negli ultimi 12 mesi, donazioni in denaro o in natura a favore di organizzazioni o persone bisognose. Analogamente alle attività di volontariato, anche le donazioni sono più frequenti nella Svizzera tedesca rispetto alla Svizzera francese e italiana. A quali ambiti sono destinate le donazioni? Povertà / sviluppo nel terzo mondo Invalidi / disabili / malati 36,1 35,4 Aiuti / povertà in Svizzera 32,3 Ambiente / natura 27,8 Aiuti in caso di catastrofe 24,6 Giovani / bambini 21,1 Cultura / sport 16,8 Chiesa 13,1 Anziani 8,9 Partiti e organizzazioni politiche 2,3 Altro 9,4 0% 10% 20% 30% 40% Fonte: SSUP, Osservatorio del volontariato 2006 Più della metà dei donatori elargisce meno di 300 franchi all anno, il 10% più di 1000 franchi. Le donazioni vengono devolute soprattutto a organizzazioni sociocaritative, istituzioni religiose, organizzazioni impegnate per i diritti umani e per la difesa dell ambiente e piuttosto raramente ad associazioni politiche e gruppi d interesse. La struttura dell età dei donatori rispecchia per certi aspetti quella 13

14 Donazioni effettuate per classi di età e sesso 100% 80% 60% 40% 20% 0% 82,2 82,4 87,4 77,9 81,3 75,5 70,6 73,6 53,5 41, anni anni anni anni 80+ anni Donne Uomini Fonte: SSUP, Osservatorio del volontariato 2006 dei volontari formali e informali: a partire dai 20 anni circa, la frequenza delle donazioni aumenta nettamente e raggiunge il massimo per le persone a partire dei 40 anni. Contrariamente a quanto avviene per il volontariato, il comportamento non cambia con il sopraggiungere dell età avanzata, ma si stabilizza su un livello relativamente alto. 10 Tipi di volontari Le attività di volontariato possono essere suddivise in tre tipi di impegno: il volontariato organizzato a favore di associazioni e organizzazioni, il volontariato informale prestato al di fuori di queste strutture e, infine, le donazioni in denaro o in natura. In generale, le quote di partecipazione a un tipo di attività sono tanto più basse quanto più elevato e vincolante è l impegno richiesto per svolgerla. I tre quarti della popolazione residente in Svizzera a partire dai 15 anni devolvono donazioni in denaro o in natura, mentre solo un quarto si impegna nel volontariato formale. 11 Nel grafico seguente, le varie combinazioni dell impegno volontario sono rappresentate da otto categorie di volontari. Solo il 16,5% della popolazione non si impegna in nessun ambito del volontariato. Il gruppo dei volontari completi, ovvero persone impegnate sia nel volontariato organizzato sia in quello informale e che elargiscono allo stesso tempo donazioni, costituisce il 10,6% della popolazione. Il gruppo più consistente è quello delle persone che elargiscono sì donazioni ma non esercitano attività di volontariato. 10 La quota di partecipazione degli uomini a partire dai 75 anni è fondata solo su 10 uomini che non effettuano donazioni (contro 77 che ne effettuano). A causa del numero limitato di casi, questi dati non sono statisticamente affidabili e devono pertanto essere interpretati con la dovuta cautela. 11 I risultati dell Osservatorio del volontariato relativi al volontariato formale divergono leggermente da quelli della RIFOS; per quanto riguarda il volontariato informale le quote di partecipazione sono molto più elevate rispetto a quanto emerge dalla RIFOS. Questo è dovuto alle differenze concettuali tra le due indagini. 14

15 È interessante notare che l impegno formale e informale è quasi sempre accompagnato anche da donazioni, mentre il gruppo di persone impegnato esclusivamente nel lavoro volontario è relativamente ridotto. Complessivamente i volontari informali, i volontari formali e i volontari non donatori costituiscono solo l 8% della popolazione residente. Gli otto gruppi di volontari nella popolazione residente in Svizzera Non volontari 16,5% Volontari completi 10,6% Volontari formali e informali non donatori 0,8% Volontari formali donatori 12,9% Volontari formali 1,8% Donatori 31,6% Volontari informali donatori 20,4% Volontari informali 5,3% Fonte: SSUP, Osservatorio del volontariato 2006 Le otto categorie di volontari: Volontari completi: persone impegnate nel volontariato informale e organizzato e che elargiscono donazioni Volontari non donatori: persone impegnate nel volontariato informale e organizzato e che non elargiscono donazioni Volontari formali donatori: persone impegnate nel volontariato formale e che elargiscono donazioni Volontari formali: persone impegnate nel volontariato formale e che non elargiscono donazioni Volontari informali donatori: persone impegnate nel volontariato informale e che elargiscono donazioni Volontari informali: persone impegnate nel volontariato informale e che non elargiscono donazioni Donatori: persone che elargiscono donazioni e non effettuano attività di volontariato Non volontari: persone che non effettuano attività di volontariato e che non elargiscono donazioni 15

16 Fonti dei dati e indirizzi utili Questo opuscolo è stato realizzato dall Ufficio federale di statistica in collaborazione con la Società svizzera di utilità pubblica (SSUP) e il forum volontariato.ch. Ufficio federale di statistica (UST): Rilevazione sulle forze di lavoro in Svizzera, modulo «Lavoro non remunerato», cadenza triennale o quadriennale fino al 1997; prossima rilevazione nel 2010: admin.ch/bfs/portal/fr/index/infothek/erhebungen quellen/blank/blank/ua_sake/01. html Società svizzera Osservatorio del volontariato 2006; prossidi utilità mo studio del 2009: pubblica (SSUP): Ordinazioni: Informazioni: Ufficio federale di statistica (UST) Tel.: +41 (0) N. di ordinazione: pubblicazione gratuita Ufficio federale di statistica: Jacqueline Schön-Bühlmann Tel.: +41 (0) Osservatorio del volontariato: Dr. Isabelle Stadelmann-Steffen Tel.: +49 (0) Ulteriori informazioni sul volontariato: 20> Travail non rémunéré 16

Situazione economica e sociale della popolazione 427-1100. Neuchâtel, 2011

Situazione economica e sociale della popolazione 427-1100. Neuchâtel, 2011 20 Situazione economica e sociale della popolazione 427-1100 Il volontariato in Svizzera 2010 Neuchâtel, 2011 Impressum Editore: Elaborazione: Grafica / layout: Traduzione: Lingue: Settore: Ufficio federale

Dettagli

Il volontariato in Svizzera

Il volontariato in Svizzera 03 Lavoro e reddito 426-1500 Il volontariato in Svizzera 2013/2014 Neuchâtel 2015 Impressum Editore: Settore: Ufficio federale di statistica (UST) 3 Lavoro e remunerazione Diffusione: UST, 2010 Neuchâtel,

Dettagli

Formazione e scienza 1558-1500. Edizione 2015. Istituzioni di formazione. Neuchâtel 2015

Formazione e scienza 1558-1500. Edizione 2015. Istituzioni di formazione. Neuchâtel 2015 15 Formazione e scienza 1558-1500 Edizione 2015 Istituzioni di formazione Neuchâtel 2015 Informazioni: Statistica delle istituzioni di formazione (SBI): schulstat@bfs.admin.ch. Altre informazioni inerenti

Dettagli

Finanze del sistema formativo

Finanze del sistema formativo 15 Formazione e scienza 1502-1500 Finanze del sistema formativo Edizione 2015 Neuchâtel, 2015 Introduzione Il presente opuscolo offre una panoramica sulle finanze del sistema formativo. Si basa essenzialmente

Dettagli

Fallimenti e avviamenti aziendali alla fine di settembre 2011

Fallimenti e avviamenti aziendali alla fine di settembre 2011 Studio su fallimenti e avviamenti aziendali 18. 10. 2011 A cura di: Dun & Bradstreet (Schweiz) AG Grossmattstrasse 9 8902 Urdorf Telefono 044 735 61 11 www.dnb.ch/stampa Fallimenti e avviamenti aziendali

Dettagli

La popolazione della Svizzera

La popolazione della Svizzera 1 Popolazione 81-9 La popolazione della Svizzera 29 Neuchâtel, 21 L essenziale in breve Nel 29, l evoluzione demografica della Svizzera si è distinta da quella registrata l anno precedente per un saldo

Dettagli

Quattro persone su dieci si ammalano di tumore

Quattro persone su dieci si ammalano di tumore Dipartimento federale dell interno DFI Ufficio federale di statistica UST Comunicato stampa Embargo: 07.02.2011, 9:15 14 Salute N. 0352-1101-20 I tumori in Svizzera dal 1983 al Quattro persone su dieci

Dettagli

Risultati della procedura di consultazione. Modifica del Codice delle obbligazioni

Risultati della procedura di consultazione. Modifica del Codice delle obbligazioni Risultati della procedura di consultazione Modifica del Codice delle obbligazioni (Trasparenza delle retribuzioni corrisposte ai membri del consiglio d'amministrazione e della direzione) Ufficio federale

Dettagli

I tumori in Svizzera. Salute 1183-1000. Neuchâtel, 2011

I tumori in Svizzera. Salute 1183-1000. Neuchâtel, 2011 4 Salute 83-000 I tumori in Svizzera Swiss Childhood Cancer Registry (SCCR) Schweizer Kinderkrebsregister (SKKR) Registre Suisse du Cancer de l Enfant (RSCE) Registro Svizzero dei Tumori Pediatrici (RSTP)

Dettagli

Fallimenti e costituzioni di imprese nella prima metà del 2012

Fallimenti e costituzioni di imprese nella prima metà del 2012 Studio sui fallimenti aziendali e la costituzione d imprese 24. 7. 2012 A cura di: Dun & Bradstreet (Schweiz) AG Grossmattstrasse 9 8902 Urdorf Telefono 044 735 61 11 www.dnb.ch/stampa Fallimenti e costituzioni

Dettagli

Fallimenti e avviamenti aziendali alla fine di gennaio 2012

Fallimenti e avviamenti aziendali alla fine di gennaio 2012 Studio su fallimenti e avviamenti aziendali 22. 2. 2012 A cura di: Dun & Bradstreet (Schweiz) AG Grossmattstrasse 9 8902 Urdorf Telefono 044 735 61 11 www.dnb.ch/stampa Fallimenti e avviamenti aziendali

Dettagli

Lavoro non remunerato misurato per la prima volta quale aggregato economico

Lavoro non remunerato misurato per la prima volta quale aggregato economico Office fédéral de la statistique Bundesamt für Statistik Ufficio federale di statistica Uffizi federal da statistica Swiss Federal Statistical Office COMMUNIQUÉ DE PRESSE MEDIENMITTEILUNG COMUNICATO STAMPA

Dettagli

Il 30% dei neonati ha una madre di 35 anni o più

Il 30% dei neonati ha una madre di 35 anni o più DIPARTIMENTO FEDERALE DELL'INTERNO UFFICIO FEDERALE DI STATISTICA Comunicato stampa Embargo: 04.07.2013, 9:15 1 Popolazione N. 0352-1306-60 Movimento naturale della popolazione 2012 Il 30% dei neonati

Dettagli

L indice svizzero dei prezzi delle costruzioni

L indice svizzero dei prezzi delle costruzioni L indice svizzero dei prezzi delle costruzioni Indici sull evoluzione dei prezzi nel settore delle costruzioni Pubblicato ogni 6 mesi da aprile 1999 Neuchâtel, 2005 L indice in 8 risposte 1. Cos è l indice

Dettagli

Continua crescita del parco veicoli: preferenza per i veicoli a diesel e a trazione integrale

Continua crescita del parco veicoli: preferenza per i veicoli a diesel e a trazione integrale Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale di statistica UST Comunicato stampa Embargo: 04.02.2014, 9:15 11 Mobilità e trasporti N. 0352-1400-70 Veicoli stradali nel 2013 Continua crescita

Dettagli

Cassa malati 2013: grande successo per il modello alternativo medico di famiglia

Cassa malati 2013: grande successo per il modello alternativo medico di famiglia Cassa malati 2013: grande successo per il modello alternativo medico di famiglia Nella scelta dell assicurazione malattia, gli Svizzeri optano sempre più spesso per il modello alternativo del medico di

Dettagli

Chiesa. persone. Per la. Per le. Poiché uniti siamo più efficienti. Ritratto

Chiesa. persone. Per la. Per le. Poiché uniti siamo più efficienti. Ritratto Ritratto Poiché uniti siamo più efficienti Per la Chiesa Per le persone Conferenza centrale cattolica romana della Svizzera (RKZ) Hirschengraben 66 CH-8001 Zurigo T +41 44 266 12 00 info@rkz.ch www.rkz.ch

Dettagli

Modifica del 2 aprile 2013. Il Consiglio federale svizzero decreta:

Modifica del 2 aprile 2013. Il Consiglio federale svizzero decreta: Decreto del Consiglio federale che conferisce obbligatorietà generale al contratto collettivo di lavoro per il settore privato dei servizi di sicurezza Modifica del 2 aprile 2013 Il Consiglio federale

Dettagli

Pari opportunità delle persone con disabilità

Pari opportunità delle persone con disabilità 20 Situazione economica e sociale della popolazione 1230-1100 Pari opportunità delle persone con Principali risultati Neuchâtel, 2011 Pari opportunità delle persone con Dal 1999, il principio dell uguaglianza

Dettagli

Adecco Swiss Job Market Index

Adecco Swiss Job Market Index Adecco Swiss Job Market Index Quarterly Report Q4/212 Q4/212 Dopo diversi trimestri di crescita, il mercato del lavoro svizzero nel quarto trimestre 212 ha registrato una chiara tendenza negativa. Ciò

Dettagli

Adecco Swiss Job Market Index

Adecco Swiss Job Market Index Adecco Swiss Job Market Index Quarterly Report Q3/213 Q3/213 L economia svizzera sta crescendo esponenzialmente. E con essa anche il mercato del lavoro. Mai negli ultimi tre anni erano stati offerti così

Dettagli

Principali risultati del «Microcensimento mobilità e trasporti 2010» Ufficio federale di statistica UST

Principali risultati del «Microcensimento mobilità e trasporti 2010» Ufficio federale di statistica UST 11 Mobilità e trasporti 901-1000 Mobilità in Svizzera Principali risultati del «Microcensimento mobilità e trasporti 2010» Ufficio federale di statistica UST Ufficio federale dello sviluppo territoriale

Dettagli

Campagna OIP 2014: "negozi e offerte online" Risultati

Campagna OIP 2014: negozi e offerte online Risultati Campagna OIP 2014: "negozi e offerte online" Risultati Settori controllati Articoli sportivi Moda, Elettrodomest Apparecchi abbigliamento ici elettronici Mobili, arredamenti Commercio di Generi vini alimentari

Dettagli

6.08 Stato al 1 gennaio 2009. Assegni familiari. Scopo degli assegni familiari 1 Con gli assegni familiari si intende compensare parzialmente

6.08 Stato al 1 gennaio 2009. Assegni familiari. Scopo degli assegni familiari 1 Con gli assegni familiari si intende compensare parzialmente 6.08 Stato al 1 gennaio 2009 Assegni familiari In generale Scopo degli assegni familiari 1 Con gli assegni familiari si intende compensare parzialmente i costi sostenuti dai genitori per il mantenimento

Dettagli

6.08 Assegni familiari Assegni familiari

6.08 Assegni familiari Assegni familiari 6.08 Assegni familiari Assegni familiari Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Con gli assegni familiari si intende compensare parzialmente i costi sostenuti dai genitori per il mantenimento dei figli. Essi

Dettagli

6.08 Stato al 1 gennaio 2013

6.08 Stato al 1 gennaio 2013 6.08 Stato al 1 gennaio 2013 Assegni familiari In generale 1 Scopo degli assegni familiari Con gli assegni familiari si intende compensare parzialmente i costi sostenuti dai genitori per il mantenimento

Dettagli

Modifica del 30 giugno 2008. Il Consiglio federale svizzero decreta:

Modifica del 30 giugno 2008. Il Consiglio federale svizzero decreta: Decreto del Consiglio federale che conferisce obbligatorietà generale al contratto collettivo di lavoro per il settore privato dei servizi di sicurezza Modifica del 30 giugno 2008 Il Consiglio federale

Dettagli

Adecco Swiss Job Market Index

Adecco Swiss Job Market Index Adecco Swiss Job Market Index Quarterly Report Q2/214 Q2/214 Dopo il boom di assunzioni in primavera, l economia svizzera cerca ora meno personale. L (ASJMI) è calato del 7% nell ultimo trimestre. Tenendo

Dettagli

Adecco Swiss Job Market Index

Adecco Swiss Job Market Index Adecco Swiss Job Market Index Quarterly Report Q4/214 Q4/214 L (ASJMI) evidenzia nell ultimo trimestre del 214 una contrazione del 1 percento. Quasi tutte le regioni sono interessate da una diminuzione

Dettagli

5.02 Prestazioni complementari Diritto alle prestazioni complementari all AVS e all AI

5.02 Prestazioni complementari Diritto alle prestazioni complementari all AVS e all AI 5.02 Prestazioni complementari Diritto alle prestazioni complementari all AVS e all AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Le prestazioni complementari (PC) sono concesse quando le rendite e il reddito

Dettagli

Formazione e scienza 1386-1500. Persone in formazione. Neuchâtel 2015

Formazione e scienza 1386-1500. Persone in formazione. Neuchâtel 2015 15 Formazione e scienza 1386-1500 Persone in formazione Edizione 2015 Neuchâtel 2015 Introduzione La presente pubblicazione offre una panoramica delle persone in formazione in Svizzera. I risultati statistici

Dettagli

Assicurazione obbligatoria 2 In linea di principio, il regime obbligatorio della previdenza

Assicurazione obbligatoria 2 In linea di principio, il regime obbligatorio della previdenza 6.06 Stato al 1 gennaio 2013 Obbligo d affiliazione a un istituto di previdenza secondo la LPP 1 I datori di lavoro che impiegano salariati da assicurare obbligatoriamente devono essere affiliati a un

Dettagli

6.06 Previdenza professionale (PP) Obbligo d affiliazione a un istituto di previdenza secondo la LPP

6.06 Previdenza professionale (PP) Obbligo d affiliazione a un istituto di previdenza secondo la LPP 6.06 Previdenza professionale (PP) Obbligo d affiliazione a un istituto di previdenza secondo la LPP Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve La previdenza professionale (PP) è il secondo pilastro del sistema

Dettagli

La deducibilità dei premi assicurativi: dall iniziativa popolare del Canton Vaud alla situazione nei diversi Cantoni

La deducibilità dei premi assicurativi: dall iniziativa popolare del Canton Vaud alla situazione nei diversi Cantoni La deducibilità dei premi assicurativi: dall iniziativa popolare del Canton Vaud alla situazione nei diversi Cantoni Dubbi sulla compatibilità dell iniziativa popolare proposta dal Partito socialista vodese

Dettagli

Adecco Swiss Job Market Index

Adecco Swiss Job Market Index Adecco Swiss Job Market Index Q1/ Q1/ Buone notizie dal mercato del lavoro svizzero: nel primo trimestre del l offerta di posti di lavoro ha raggiunto livelli che non si registravano da tempo. Gli indici

Dettagli

PAESAGGIO LINGUISTICO IN SVIZZERA

PAESAGGIO LINGUISTICO IN SVIZZERA CENSIMENTO FEDERALE DELLA POPOLAZIONE 2000 PAESAGGIO LINGUISTICO IN SVIZZERA GEORGES LÜDI Università di Basilea IWAR WERLEN Università di Berna Con la collaborazione di: Sarah Colombo, Philippe Lüdi, Max

Dettagli

Avamprogetto concernente la legge federale sulle professioni sanitarie (LPSan) Avvio della procedura di consultazione

Avamprogetto concernente la legge federale sulle professioni sanitarie (LPSan) Avvio della procedura di consultazione Dipartimento federale dell interno DFI Dipartimento federale dell economia, della formazione e della ricerca DEFR Berna, Ai Governi cantonali Avamprogetto concernente la legge federale sulle professioni

Dettagli

Assicurazione obbligatoria 2 In linea di principio, il regime obbligatorio della previdenza

Assicurazione obbligatoria 2 In linea di principio, il regime obbligatorio della previdenza 6.06 Stato al 1 gennaio 2013 Obbligo d affiliazione a un istituto di previdenza secondo la LPP 1 I datori di lavoro che impiegano salariati da assicurare obbligatoriamente devono essere affiliati a un

Dettagli

Uguaglianza tra donna e uomo: la Svizzera nel contesto internazionale. Marcate differenze nelle modalità di conciliare lavoro e famiglia

Uguaglianza tra donna e uomo: la Svizzera nel contesto internazionale. Marcate differenze nelle modalità di conciliare lavoro e famiglia Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale di statistica UST Comunicato stampa Embargo: 03.09.2009, 9:15 20 Situazione economica e sociale della popolazione N. 0352-0909-10 Uguaglianza tra

Dettagli

1 / 20 Analisi statistiche Rapporto annuale 2014, analisi relativa a tutta la Svizzera Informazioni e moduli di richiesta: www.ilprogrammaedifici.

1 / 20 Analisi statistiche Rapporto annuale 2014, analisi relativa a tutta la Svizzera Informazioni e moduli di richiesta: www.ilprogrammaedifici. 1 / 20 Analisi statistiche Rapporto annuale 2014, analisi relativa a tutta la Svizzera Informazioni e moduli di richiesta: www.ilprogrammaedifici.ch 2 / 20 05.01.2015 Centro nazionale di prestazioni, Ernst

Dettagli

Adecco Swiss Job Market Index

Adecco Swiss Job Market Index Adecco Swiss Job Market Index Quarterly Report Q3/215 Q3/215 I numeri parlano chiaro: le aziende svizzere cercano meno personale. Nell autunno 215 il numero delle offerte di lavoro pubblicate è diminuito

Dettagli

Fatturazione electronica all Assicurazione invalidità

Fatturazione electronica all Assicurazione invalidità Département fédéral des finances DFF Centrale de compensation CdC Unité CENT Paiement des prestations individuelles AVS/AI Fatturazione electronica all Assicurazione invalidità Indice 1 Introduzione...

Dettagli

Elenco dei contratti normali di lavoro (CNL)

Elenco dei contratti normali di lavoro (CNL) Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale di statistica UST Divisione Indagini presso le imprese 3 Lavoro e reddito Marzo 2009 Rilevazione sui contratti collettivi di lavoro in Svizzera Stato

Dettagli

Ecco come pagano le fatture le aziende svizzere

Ecco come pagano le fatture le aziende svizzere Ecco come pagano le fatture le aziende svizzere Quasi la metà delle fatture vengono pagate in ritardo. Differenze fra i diversi cantoni anche per quanto riguarda ildenaro: gli svizzeri occidentali sono

Dettagli

Risultati della rilevazione svizzera della struttura dei salari 2010. Nel 2010, salario lordo mediano pari a 5979 franchi al mese

Risultati della rilevazione svizzera della struttura dei salari 2010. Nel 2010, salario lordo mediano pari a 5979 franchi al mese Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale di statistica UST Comunicato stampa Embargo: 28.11.2011, 9:15 3 Lavoro e reddito N. 0352-1111-80 Risultati della rilevazione svizzera della struttura

Dettagli

Scenari dell'evoluzione della popolazione dei Cantoni svizzeri dal 2015 al Il numero di pensionati aumenterà sensibilmente

Scenari dell'evoluzione della popolazione dei Cantoni svizzeri dal 2015 al Il numero di pensionati aumenterà sensibilmente Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale di statistica UST Comunicato stampa Embargo: 12.05.2016, 9:15 1 Popolazione N. 0352-1605-00 Scenari dell'evoluzione della popolazione dei Cantoni

Dettagli

Risanare conviene. Breve guida al Programma Edifici

Risanare conviene. Breve guida al Programma Edifici Risanare conviene. Breve guida al Programma Edifici Un esempio Una tipica abitazione unifamiliare svizzera può prevenire fino a 2 tonnellate di emissioni di CO 2 l anno, con un risparmio annuo in spese

Dettagli

La morale di pagamento migliora leggermente: le aziende pagano le fatture in media con un ritardo di 18.1 giorni

La morale di pagamento migliora leggermente: le aziende pagano le fatture in media con un ritardo di 18.1 giorni le aziende in Svizzera pagano così A cura di: Dun & Bradstreet (Schweiz) AG Grossmattstrasse 9 8902 Urdorf Telefono 044 735 61 11 www.dnb.ch/presse La morale migliora leggermente: le aziende pagano le

Dettagli

Adecco Swiss Job Market Index

Adecco Swiss Job Market Index Adecco Swiss Job Market Index Q2/211 Q2/211 Il mercato del lavoro svizzero ha registrato nel secondo trimestre dell anno in corso movimenti laterali. La dinamica di crescita osservabile con chiarezza nel

Dettagli

Adecco Swiss Job Market Index

Adecco Swiss Job Market Index Adecco Swiss Job Market Index Quarterly Report Q1/213 Q1/213 Le aziende svizzere si stanno comportando molto bene: la contrazione delle offerte di posti di lavoro nell ultimo trimestre 212 si è rivelata

Dettagli

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie La Svizzera nel raffronto europeo La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie Neuchâtel, 2007 Il sistema universitario svizzero La Svizzera dispone di un sistema universitario

Dettagli

Sviluppi globali, tendenze europee e invecchiamento in Svizzera

Sviluppi globali, tendenze europee e invecchiamento in Svizzera Demografia: quello che ci aspetta domani Una vita media in costante aumento a fronte di una natalità in calo e, nel contempo, un intensificazione della migrazione internazionale. Pur con intensità e tempistiche

Dettagli

Crescite cantonali moderatamente divergenti con un'unica eccezione

Crescite cantonali moderatamente divergenti con un'unica eccezione Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale di statistica UST Comunicato stampa Embargo: 27.03.2015, 9:15 4 Economia N. 0352-1501-40 Prodotto interno lordo per Cantone nel 2012 Crescite cantonali

Dettagli

Gli oneri ed adempimenti legali per le aziende estere che vogliono operare nel territorio elevetico. Vicenza - 25.05.15

Gli oneri ed adempimenti legali per le aziende estere che vogliono operare nel territorio elevetico. Vicenza - 25.05.15 Gli oneri ed adempimenti legali per le aziende estere che vogliono operare nel territorio elevetico Vicenza - 25.05.15 1. La Svizzera ed il sistema federale differenze territoriali e settoriali 2. Distinzione

Dettagli

Il credito ai fornitori non è mai stato tanto amato le aziende pagano le fatture con un ritardo medio di 19,5 giorni

Il credito ai fornitori non è mai stato tanto amato le aziende pagano le fatture con un ritardo medio di 19,5 giorni Statistica sul comportamento di pagamento delle Statistica sul comportamento di pagamento delle aziende in Svizzera aziende in Svizzera A cura di: Dun & Bradstreet (Schweiz) AG Grossmattstrasse 9 892 Urdorf

Dettagli

Protezione degli animali: procedure penali segnalate dai Cantoni nel 2010

Protezione degli animali: procedure penali segnalate dai Cantoni nel 2010 Dipartimento federale dell economia DFE Ufficio federale di veterinaria UFV Servizio giuridico Protezione degli animali: procedure penali segnalate dai Cantoni nel 2010 Addizionando le differenti rubriche

Dettagli

Grafici con commento riguardanti l'assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie per il periodo 1996-2003

Grafici con commento riguardanti l'assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie per il periodo 1996-2003 Conferenza stampa DFI/UFAS, 4 ottobre 2002 Grafici con commento riguardanti l'assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie per il periodo 1996-2003 Pagina Evoluzione dei costi nel settore della

Dettagli

Ordinanza sul finanziamento dell assicurazione contro la disoccupazione

Ordinanza sul finanziamento dell assicurazione contro la disoccupazione Ordinanza sul finanziamento dell assicurazione contro la disoccupazione (OFAD) 837.141 del 31 gennaio 1996 (Stato 12 marzo 2002) Il Consiglio federale svizzero, visto l articolo 109 della legge del 25

Dettagli

Previdenza professionale delle persone disoccupate

Previdenza professionale delle persone disoccupate EDIZIONE 2014 Informazione complementare all Info-Service «Disoccupazione» Un opuscolo per i disoccupati Previdenza professionale delle persone disoccupate secondo la LADI e la LPP OSSERVAZIONI Il presente

Dettagli

DISLOCAZIONE DELLA RESIDENZA IN SVIZZERA: OPZIONE E OPPORTUNITÀ

DISLOCAZIONE DELLA RESIDENZA IN SVIZZERA: OPZIONE E OPPORTUNITÀ Steimle & Partners Consulting Sagl Tax & Legal Consultants Via Pretorio 22 CH-6900 Lugano Tel. +41 91 913 99 00 Fax +41 91 913 99 09 e-mail: info@steimle-consulting.ch www.steimle-consulting.ch DISLOCAZIONE

Dettagli

Le cure a domicilio Dal sistema federale svizzero Il managed care canadese. Philippe Bolla 10 06 2009

Le cure a domicilio Dal sistema federale svizzero Il managed care canadese. Philippe Bolla 10 06 2009 Le cure a domicilio Dal sistema federale svizzero Il managed care canadese Philippe Bolla 10 06 2009 Federalismo e sanità, alcuni dati Il sistema sanitario svizzero Lo sviluppo del "managed care" Le cure

Dettagli

Adecco Swiss Job Market Index

Adecco Swiss Job Market Index Adecco Swiss Job Market Index Quarterly Report Q1/215 Q1/215 Lo shock del franco si ripercuote sul mercato del lavoro svizzero: l (ASJMI) fatica a mantenersi in territorio positivo nel primo trimestre

Dettagli

Situazione economica e sociale della popolazione 618-1300. Verso l uguaglianza tra donna e uomo. Stato ed evoluzione.

Situazione economica e sociale della popolazione 618-1300. Verso l uguaglianza tra donna e uomo. Stato ed evoluzione. 20 Situazione economica e sociale della popolazione 618-1300 Verso l uguaglianza tra donna e uomo Stato ed evoluzione Neuchâtel, 2013 Impressum Editore: 2 Ufficio federale di statistica (UST) Autrice,

Dettagli

La popolazione svizzera si considera in buona salute

La popolazione svizzera si considera in buona salute Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale di statistica UST Comunicato stampa Embargo: 12.09.2008, 9:15 14 Salute N. 0352-0809-10 Indagine sulla salute in Svizzera 2007 La popolazione svizzera

Dettagli

I processi decisionali all interno delle coppie

I processi decisionali all interno delle coppie 9 aprile 2003 I processi decisionali all interno delle coppie Nel 2001 l indagine Panel europeo sulle famiglie ha dedicato una particolare attenzione agli aspetti legati ai processi decisionali all interno

Dettagli

Ulteriore aumento dei fallimenti aziendali

Ulteriore aumento dei fallimenti aziendali Cifre per 31 maggio 2010 22. 6. 2010 A cura di: Dun & Bradstreet (Schweiz) AG Grossmattstrasse 9 8902 Urdorf Telefono 044 735 61 11 www.dnb.ch/presse Ulteriore aumento dei fallimenti aziendali Fallimenti

Dettagli

Monitor Strutturale: 10 anni di crescita economica tra divari e convergenze interregionali

Monitor Strutturale: 10 anni di crescita economica tra divari e convergenze interregionali Monitor Strutturale: 10 anni di crescita economica tra divari e convergenze interregionali Siegfried Alberton, IRE-USI, estratto dal contributo annuale dell IRE al rapporto di attività di Bancastato, edizione

Dettagli

Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017. Dossier 2 Le madri e le difficoltà di conciliazione tra lavoro e famiglia

Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017. Dossier 2 Le madri e le difficoltà di conciliazione tra lavoro e famiglia Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017 Dossier 2 Le madri e le difficoltà di conciliazione tra lavoro e famiglia Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Giorgio

Dettagli

La popolazione della Svizzera

La popolazione della Svizzera 01 Popolazione 801-1200 La popolazione della Svizzera 2012 Neuchâtel, 2013 L essenziale in breve La popolazione residente permanente contava, a fine 2012, 8 039 060 persone, ovvero l 1,1% in più rispetto

Dettagli

Statistica. Tipologie. La prassi di MROS. Internazionale. Link su Internet. Pubblicazione dell Ufficio federale di polizia.

Statistica. Tipologie. La prassi di MROS. Internazionale. Link su Internet. Pubblicazione dell Ufficio federale di polizia. 2011 Maggio 2012 Rapporto D Attività Dell Ufficio Di Communicazione in Materia Di Riciclaggio di denaro MROS Pubblicazione dell Ufficio federale di polizia Temi Statistica Tipologie La prassi di MROS Internazionale

Dettagli

Saldo naturale negativo, matrimoni e divorzi in aumento Movimento naturale della popolazione 2010

Saldo naturale negativo, matrimoni e divorzi in aumento Movimento naturale della popolazione 2010 Saldo naturale negativo, matrimoni e divorzi in aumento Nel si registra un aumento delle nascite (+21, per un totale di 2.953) e dei decessi (+110, per un totale di 2.971). Il saldo naturale, ossia la

Dettagli

Rapporto sull esito dell indagine conoscitiva del 24 febbraio 2010

Rapporto sull esito dell indagine conoscitiva del 24 febbraio 2010 Dipartimento federale dell economia DFE Segreteria di Stato dell economia SECO - Modifica dell ordinanza del 31 agosto 1983 sull assicurazione obbligatoria contro la disoccupazione e l indennità per insolvenza

Dettagli

Nutzung von Vorsorgegeldern zur Finanzierung von selbstgenutztem Wohneigentum

Nutzung von Vorsorgegeldern zur Finanzierung von selbstgenutztem Wohneigentum Nutzung von Vorsorgegeldern zur Finanzierung von selbstgenutztem Wohneigentum Eine deskriptive Analyse Prof. Dr. Yvonne Seiler Zimmermann printed in switzerland Gedruckt in der Schweiz stampato in Svizzera

Dettagli

OFFERTA DI COMPETENZE

OFFERTA DI COMPETENZE IT LA FUTURA OFFERTA DI COMPETENZE IN EUROPA PREVISIONI A MEDIO TERMINE FINO AL RISULTATI CHIAVE Oltre Lisbona: verso una societá basata sulla conoscenza L evoluzione della struttura delle qualifiche Le

Dettagli

Non autosufficienza e carichi familiari in Lombardia: ieri, oggi e domani

Non autosufficienza e carichi familiari in Lombardia: ieri, oggi e domani Lombardia Statistiche Report N 1 / 8 febbraio 2016 Non autosufficienza e carichi familiari in Lombardia: ieri, oggi e domani Sintesi Al 2013 la diffusione di limitazioni nello svolgimento delle attività

Dettagli

Assicurazione militare Assicurati a titolo professionale

Assicurazione militare Assicurati a titolo professionale Assicurazione militare Assicurati a titolo professionale Le agenzie Suva/AM sul territorio Suva Genève Assurance militaire Rue Ami-Lullin 12, Case postale 3949, 1211 Genève 3, Tel. 022 707 85 55 Competente

Dettagli

Approvazione degli atti legislativi cantonali, informazione sui trattati intercantonali e sui trattati di Cantoni con l estero

Approvazione degli atti legislativi cantonali, informazione sui trattati intercantonali e sui trattati di Cantoni con l estero Revisione parziale della legge sull organizzazione del Governo e dell Amministrazione [LOGA]: Approvazione degli atti legislativi cantonali, informazione sui trattati intercantonali e sui trattati di Cantoni

Dettagli

Schema in dettaglio dei dati per la dichiarazione XML

Schema in dettaglio dei dati per la dichiarazione XML Allegato 1 Schema in dettaglio dei dati per la dichiarazione XML (contiene le direttive emanate per il Registro degli assegni familiari / RAFam) Indice 1 In generale... 2 1.1 Indicazioni di fma... 2 1.2

Dettagli

L Assemblea federale Il Parlamento Svizzero

L Assemblea federale Il Parlamento Svizzero L Assemblea federale Il Parlamento Svizzero Una Produzione dei Servizi del Parlamento 2012/2013 Contenuto Il Consiglio nazionale Il Consiglio degli Stati Le Commissioni Le Delegazioni La procedura parlamentare

Dettagli

PARTE I IL FENOMENO DELL INVECCHIAMENTO NELLA CONDUZIONE AZIENDALE

PARTE I IL FENOMENO DELL INVECCHIAMENTO NELLA CONDUZIONE AZIENDALE PARTE I IL FENOMENO DELL INVECCHIAMENTO NELLA CONDUZIONE AZIENDALE Il fenomeno dell invecchiamento nella conduzione aziendale 1. I CONDUTTORI AGRICOLI NELL UNIONE EUROPEA Secondo i più recenti dati disponibili

Dettagli

Insieme per un'assicurazione malattia duratura. Conferenza stampa Zurigo, 10 maggio 2010

Insieme per un'assicurazione malattia duratura. Conferenza stampa Zurigo, 10 maggio 2010 Insieme per un'assicurazione malattia duratura Conferenza stampa Zurigo, 10 maggio 2010 Programma Sfide nel mercato dell'assicurazione malattia Insieme per un'assicurazione malattia duratura Due partner

Dettagli

Trasporti terrestri: fatti e cifre

Trasporti terrestri: fatti e cifre Trasporti terrestri: fatti e cifre Riassunto del rapporto 2006 dell ARE Considerato il numero di progetti previsti nel settore dei trasporti devono essere fissate delle priorità nell attribuzione delle

Dettagli

Profili legali della distribuzione del farmaco. Avv. Dr. Gianluca Airaghi, Avv. Chiara Zanin

Profili legali della distribuzione del farmaco. Avv. Dr. Gianluca Airaghi, Avv. Chiara Zanin Profili legali della distribuzione del farmaco Sottotitolo Distribuzione, della presentazione che il può guado anche tra farmacista essere di due e medico righe Massimo Pharmaday Airagi, 2014, Chiara 25

Dettagli

DOCUMENTI PER CONFERENZA STAMPA 3 OTTOBRE Bellinzona, 3 ottobre 2008 BC/rol

DOCUMENTI PER CONFERENZA STAMPA 3 OTTOBRE Bellinzona, 3 ottobre 2008 BC/rol DOCUMENTI PER CONFERENZA STAMPA 3 OTTOBRE 2008 1 16 ASSICURATORI MALATTIE OGGETTO DI CONTROLLO CONTABILE COMPLETO IN TICINO N. ASSICURATI NEL CANTONE TICINO 1) Dati al 31.12.2005 Dati al 31.12.2006 Dati

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

Le donne e le elezioni federali del 2003: ostacoli sulla strada verso la parità politica

Le donne e le elezioni federali del 2003: ostacoli sulla strada verso la parità politica Le donne e le elezioni federali del 00 Le donne e le elezioni federali del 00: ostacoli sulla strada verso la parità politica Con un supplemento sulle donne alle elezioni dei parlamenti e governi cantonali

Dettagli

Assicurazione obbligatoria 2 In linea di principio, il regime obbligatorio della previdenza

Assicurazione obbligatoria 2 In linea di principio, il regime obbligatorio della previdenza 6.06 Stato al 1 gennaio 2011 Obbligo d affiliazione a un istituto di previdenza secondo la LPP 1 I datori di lavoro che impiegano salariati da assicurare obbligatoriamente devono essere affiliati a un

Dettagli

Il censimento delle aziende 2005 in breve. Imprese Aziende Addetti

Il censimento delle aziende 2005 in breve. Imprese Aziende Addetti Il censimento delle aziende 2005 in breve Imprese Aziende Addetti Neuchâtel, 2006 Il censimento delle aziende risponde a queste e a molte altre domande! Nell ultimo decennio qual è stata l evoluzione dei

Dettagli

Inchiesta 2013 sui salari degli impiegati di banca

Inchiesta 2013 sui salari degli impiegati di banca Inchiesta 2013 sui salari degli impiegati di banca L inchiesta sui salari viene condotta dall ASIB ogni due anni. Il salario è una parte essenziale del contratto di lavoro. Nelle banche, gli stipendi vengono

Dettagli

L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e

L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e 1 L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e secondo livello di tutti i 64 atenei aderenti al Consorzio, che rappresentano circa l 80% del complesso dei laureati

Dettagli

ridotti per i figli fino ai 18 anni compiuti (art. 61 cpv. 3 LAMal). 0.5 0.0 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013

ridotti per i figli fino ai 18 anni compiuti (art. 61 cpv. 3 LAMal). 0.5 0.0 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 Fatti Premi costi motivazioni curafutura illustra i principali fatti e meccanismi relativi al tema dei premi dell assicurazione malattie, spiega come si arriva alla definizione del premio della cassa malati,

Dettagli

6.06. Obbligo d affiliazione a un istituto di previdenza secondo la LPP. Assicurazione obbligatoria. Esenzione dall assicurazione obbligatoria

6.06. Obbligo d affiliazione a un istituto di previdenza secondo la LPP. Assicurazione obbligatoria. Esenzione dall assicurazione obbligatoria 6.06 Stato al 1 gennaio 2010 1 Obbligo d affiliazione a un istituto di previdenza secondo la LPP I datori di lavoro che impiegano salariati da assicurare obbligatoriamente devono essere affiliati a un

Dettagli

La vita quotidiana di separati e divorziati in Italia

La vita quotidiana di separati e divorziati in Italia 10 maggio 2004 La vita quotidiana di separati e in Italia Media 2001-2002 Ogni anno le indagini Multiscopo condotte dall Istat rilevano i comportamenti e gli aspetti più importanti della vita quotidiana

Dettagli

NOTE DI COMMENTO AI DATI DEGLI INTERVENTI DELLA FONDAZIONE ANTIUSURA: DAL 1 GENNAIO AL 31 DICEMBRE 2006

NOTE DI COMMENTO AI DATI DEGLI INTERVENTI DELLA FONDAZIONE ANTIUSURA: DAL 1 GENNAIO AL 31 DICEMBRE 2006 NOTE DI COMMENTO AI DATI DEGLI INTERVENTI DELLA FONDAZIONE ANTIUSURA: DAL 1 GENNAIO AL 31 DICEMBRE 2006 Le persone che hanno usufruito degli interventi, sia con risorse proprie della Fondazione, e sia

Dettagli

Intervento Bambini e bambine nelle famiglie che cambiano

Intervento Bambini e bambine nelle famiglie che cambiano Intervento Bambini e bambine nelle famiglie che cambiano Separazioni, divorzi e servizi di mediazione familiare Enrico Moretti Statistico, Istituto degli Innocenti di Firenze ATTI DEL CICLO DI INCONTRI

Dettagli

Indice di sfruttamento fiscale 2015

Indice di sfruttamento fiscale 2015 Dipartimento federale delle finanze DFF Amministrazione federale delle finanze AFF Documentazione Data: 4 dicembre 2014 Indice di sfruttamento fiscale 2015 L indice di sfruttamento fiscale mostra in che

Dettagli

Tutti nella rete? L utilizzo di Internet in Svizzera

Tutti nella rete? L utilizzo di Internet in Svizzera Tutti nella rete? L utilizzo di Internet in Svizzera I risultati della prima inchiesta Omnibus del censimento federale della popolazione Con la pubblicazione dei primi dati, iniziamo, anche tramite questa

Dettagli

18 Finanze pubbliche. Introduzione

18 Finanze pubbliche. Introduzione 8 Finanze pubbliche Introduzione 3 Panorama 3 Le finanze del Cantone Ticino 4 Entrate e uscite del Cantone per categoria 4 Debito pubblico e altri indicatori del Cantone 5 Indicatori finanziari del Cantone

Dettagli

Nuovo record di fallimenti aziendali nel primo semestre 2010

Nuovo record di fallimenti aziendali nel primo semestre 2010 Cifre per 15 luglio 21 15. 7. 21 A cura di: Dun & Bradstreet (Schweiz) AG Grossmattstrasse 9 892 Urdorf Telefono 44 735 61 11 www.dnb.ch/presse Nuovo record di fallimenti aziendali nel primo semestre 21

Dettagli

Studenti in Svizzera: scarsità di sussidi per gli studi e di alloggi in case per studenti

Studenti in Svizzera: scarsità di sussidi per gli studi e di alloggi in case per studenti Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale di statistica UST Comunicato stampa Embargo: 26.09.2008, 16:30 15 Formazione e scienza N. 0352-0809-60 Condizioni di studio nelle scuole universitarie

Dettagli