Turismo (Confcommercio/Confesercenti)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Turismo (Confcommercio/Confesercenti)"

Transcript

1 Parti contraenti Stipula Decorrenza Scadenza Rinnovo economica normativa economico Federalberghi, Fipe, Fiavet, Faita, Federreti, Confcommercio, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil in data Assoturismo, Assohotel, Assocamping, Assoviaggi, Fiba, Fiepet con la partecipazione di Confesercenti e Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil hanno siglato la medesima ipotesi di accordo del CCNL Turismo Contingenza A Direttore.242,74.306,88.342,5.378,4 542,70 B 2 Vice direttore.5,37.74,75.207,74.240,73 537,59 Lavoratori con funzioni direttive.003,38.058,70.089,44.20,7 536,7 2 Lavoratori con funzioni di coordinamento e controllo 876,02 926,58 954,67 982,77 53,59 3 Impiegati di concetto, operai specializzati provetti 799,29 846,98 873,47 899,97 528,26 4 Impiegati d ordine, operai specializzati 727,75 772,75 797,75 822,75 524,94 5 Impiegati d ordine, operai qualificati 652,43 694,64 78,08 74,53 522,37 6S Operai qualificati 608,99 649,57 672, 694,66 520,64 6 Operai comuni 593, 633, 655,34 677,56 520,5 7 Personale di fatica e/o pulizia, commissioniere, fattorino 525,0 562,59 583,42 604,24 58,45 Valori congelati alla data dell Livello non presente nel settore alberghi diurni AZIENDE ALBERGHIERE; CAMPEGGI E VILLAGGI TURISTICI; PUBBLICI ESERCIZI; STABILIMENTI BALNEARI, ALBERGHI DIURNI Contingenza A Capo area, responsabile unico di più agenzie.242,74.306,88.342,5.378,4 542,70 B Capo agenzia.5,37.74,75.207,74.240,73 537,59 Lavoratori con funzioni direttive.003,38.058,70.089,44.20,7 536,7 2 Lavoratori con funzioni di coordinamento e controllo 876,02 926,58 954,67 982,77 53,59 3 Impiegati di concetto, operai specializzati provetti 799,29 846,98 873,47 899,97 528,26 4 Impiegati d ordine, operai specializzati 727,75 772,75 797,75 822,75 524,94 5 Impiegati d ordine, operai qualificati 652,43 694,64 78,08 74,53 522,37 6S Operai qualificati 608,99 649,57 672, 694,66 520,64 6 Operai comuni 593, 633, 655,34 677,56 520,5 7 Personale di fatica e/o pulizia 525,0 562,59 583,42 604,24 58,45 Valori congelati alla data dell..995 IMPRESE DI VIAGGIO E TURISMO Contingenza A Direttore.23,38.295,52.33,5.366,78 54,6 B Vice direttore.05,04.64,42.97,4.230,40 536,6 Lavoratori con funzioni direttive 993,05.048,37.079,.09,84 535,73 2 Lavoratori con funzioni di coordinamento e controllo 867,24 97,80 945,89 973,99 530,76 3 Impiegati di concetto, operai specializzati provetti 79,54 839,23 865,72 892,22 527,52 4 Impiegati d ordine, operai specializzati 72,04 766,04 79,04 86,04 524,29 5 Impiegati d ordine, operai qualificati 646,23 688,44 7,88 735,33 52,77 6S Operai qualificati 603,3 643,89 666,43 688,98 520,09 6 Operai comuni 587,43 627,43 649,66 67,88 59,96 7 Personale di fatica e/o pulizia 59,94 557,43 578,26 599,08 57,95 Valori congelati alla data dell..995 AZIENDE ALBERGHIERE; CAMPEGGI E VILLAGGI TURISTICI MINORI

2 Contingenza A Direttore.237,06.30,20.336,83.372,46 542,9 B Vice direttore.0,2.69,59.202,58.235,57 537,2 Lavoratori con funzioni direttive 998,22.053,54.084,28.5,0 536,24 2 Lavoratori con funzioni di coordinamento e controllo 87,63 922,9 950,28 978,38 53,20 3 Impiegati di concetto, operai specializzati provetti 795,42 843, 869,60 896,0 527,9 4 Impiegati d ordine, operai specializzati 724,39 769,39 794,39 89,39 524,64 5 Impiegati d ordine, operai qualificati 649,33 69,54 74,98 738,43 522,09 6S Operai qualificati 606,5 646,73 669,27 69,82 520,38 6 Operai comuni 590,27 630,27 652,50 674,72 520,25 7 Personale di fatica e/o pulizia 522,52 560,0 580,84 60,66 58,22 Valori congelati alla data dell..995 PUBBLICI ESERCIZI E STABILIMENTI BALNEARI MINORI (3ª E 4ª CATEGORIA) INDENNITÀ, ALTRI ELEMENTI RETRIBUTIVI, PARAMETRI E COEFFICIENTI CONTRATTUALI EDR Funzione Quadro Diploma Laurea Cassa 2 liv. A: 46,48 ( 60,00 dall..2008; 75,00 dall..2009) 5% della paga liv. B: 4,32 ( 55,00 dall..2008; 70,00 dall..2009) base tabellare Dall..995 conglobato nell indennità di contingenza. 2 Solo per imprese di viaggio e turismo. Numero Coefficiente Coefficiente Orario normale mensilità giornaliero orario di lavoro settimanale , orario 45 ore settimanali; generalità: 40 ore distribuite su 5 giorni /2; 90, orario 44 ore settimanali; imprese di viaggio e turismo: 40 ore distribuite su 5 giorni; 72, orario 40 ore settimanali stabilimenti balneari: 40 ore personale impiegatizio; 44 ore personale non impiegatizio, distribuite su 6 giorni N.B. La durata media dell orario di lavoro non può in ogni caso superare, per ogni periodo di 7 giorni, le 48 ore, comprese le ore dì lavoro straordinario. La durata media dell orario di lavoro deve essere calcolata con riferimento a un periodo non superiore a 6 mesi; la contrattazione integrativa può ampliare tale periodo sino a 2 mesi, a fronte di ragioni obiettive, tecniche o inerenti all organizzazione del lavoro. RETRIBUTIVI ALTRI ELEMENTI CONTRATTUALI Una tantum in relazione al periodo di carenza contrattuale , a tutto il personale in forza alla data del ( per Confesercenti), verrà erogato un importo una tantum secondo i seguenti importi: Livelli Agosto 2007 Febbraio 2008 A e B 23,00 253,00, 2 e 3 8,00 25,00 4 e 5 60,00 90,00 6S, 6 e 7 28,00 52,00 Per gli apprendisti e per il personale retribuito con la percentuale di servizio, l ammontare dell una tantum è determinato in 234,00, di cui 0,00 da erogarsi con il foglio paga del mese di agosto 2007 e 24,00 da erogarsi con il foglio paga del mese di febbraio Per il personale in servizio con rapporto di lavoro a tempo parziale, l erogazione avverrà con criteri di proporzionalità. Per i casi di anzianità minore gli importi di cui sopra verranno erogati pro quota in ragione di diciottesimi. Gli importi una tantum di cui sopra non sono utili agli effetti del computo di alcun istituto contrattuale né del TFR N.B. Le suddette disposizioni non si applicano ai dipendenti delle aziende di ristorazione collettiva Premi aziendali e di risultato sono previsti premi aziendali determinati da contrattazioni integrative a livello aziendale, in misura non predeterminata ed in applicazione del Protocollo Indennità trasferta imprese di viaggio e turismo: a. rimborso delle spese di viaggio; b. rimborso delle spese di vitto e alloggio a piè di lista, quando la durata della trasferta obblighi il lavoratore ad incontrare tali spese; c. rimborso di altre eventuali spese sostenute per l espletamento della missione (telefoniche, postali e simili); d. indennità di trasferta pari al 5% di /26 mo della retribuzione mensile per ogni giornata intera di assenza. Per le assenze inferiori a 24 ore, ma superiori alle 6 ore, tale indennità è pari al 0%. Nel caso di trasferta fuori territorio nazionale, l indennità è pari al 20% Gratifica natalizia Tredicesima Quattordicesima vedere tredicesima mensilità da corrispondere in occasione della ricorrenza natalizia mensilità da corrispondere con la retribuzione del mese di luglio Altre mensilità aggiuntive non previste Scatti anzianità 6 triennali: 40,80, liv. QA; 39,25, liv. QB; 37,70, liv. ; 36,5, liv. 2; 34,86, liv. 3; 33,05, liv. 4; 32,54, liv. 5; 3,25, liv. 6S; 30,99, liv. 6; 30,47, liv. 7 Anzianità convenzionale Straordinari (limiti e maggiorazioni) Contrattazione integrativa aziendale o territoriale nessuna particolarità ammessi nel limite massimo di 260 ore annuali. Maggiorazioni: a. 20%, lavoro festivo (per le imprese di viaggio e turismo 40%); b. 25%, lavoro notturno; c. 30%, straordinario diurno; d. 40%, straordinario festivo per le imprese di viaggio e turismo; e. 60%, straordinario notturno (per le imprese di viaggio e turismo 50%) la contrattazione integrativa si svolge a livello aziendale o territoriale; gli accordi hanno durata quadriennale. La contrattazione non potrà avere per oggetto materie già definite in altri livelli di contrattazione, salvo quanto espressamente stabilito da CCNL

3 RETRIBUTIVI ORARIO ASSENZE Indennità Mansioni discontinue Cottimo, maggiorazione garantita Erogazione TFR Vitto e alloggio Ferie Permessi retribuiti Riduzione orario Festività Festività soppresse Flessibilità orario contrattuale Permanenza massima passaggio categoria superiore Passaggio qualifica superiore Malattia a. ai lavoratori che godano del riposo settimanale in giornata diversa dalla domenica verrà corrisposta una indennità in cifra fissa pari al 0% della quota oraria della paga base e della contingenza per ciascuna ora di lavoro ordinario effettivamente prestato di domenica; b. di trasferimento: per le imprese di viaggio e turismo: al lavoratore capofamiglia spettano il rimborso delle spese di viaggio sostenute per sé e per ogni familiare a carico; il rimborso della spesa effettiva del mobilio e del bagaglio; il rimborso dell eventuale perdita di pigione ove non sia stato possibile sciogliere la locazione (massimo 6 mesi) e indennità pari a una mensilità della normale retribuzione (ridotta al 50% per il lavoratore che non sia capofamiglia o non abbia congiunti a carico); c. speciale mense: ai soli dipendenti della ristorazione collettiva in servizio alla data dell che abbiano prestato servizio continuato nel periodo (per anzianità minore, l importo verrà erogato in diciottesimi pro quota), verrà corrisposta, per 24 mesi consecutivi a partire dall e fino al una indennità speciale pari ai seguenti importi mensili lordi: 9,42, liv. A e B; 6,50, liv., 2 e 3; 4,59, liv. 4 e 5;,66, liv. 6S, 6 e 7. Per il personale in servizio a tempo parziale l erogazione avverrà con criteri di proporzionalità. La suddetta indennità non competerà ai lavoratori assunti con contratto a tempo determinato. L indennità speciale, data la sua natura temporanea, non sarà utile agli effetti del computo di alcun istituto contrattuale e di legge ivi compreso il TFR imprese di viaggio e turismo: per il personale addetto al lavoro discontinuo o di semplice attesa, l orario di lavoro è fissato in 45 ore settimanali. Sono considerati lavoratori discontinui: custodi, guardiani diurni e notturni, uscieri ed inservienti, telefonisti, portieri, addetti ai transfert, autisti non previsto la liquidazione del TFR dovrà avvenire all atto della cessazione del rapporto di lavoro e comunque non oltre 30 giorni dalla data stessa aziende alberghiere: a decorrere dall gli importi da corrispondere a titolo di indennità di vitto e alloggio vengono determinati come segue: a. un pranzo: 0,70; b. una prima colazione: 0,2; c. un pernottamento: 0,75. A decorrere dalla medesima data, eventuali valori del vitto e dell alloggio provincialmente in atto, superiori a quelli di cui sopra, verranno adeguati nella misura massima di 0,20 per un pranzo, di 0,02 per una prima colazione e di 0,5 per un pernottamento. Il prezzo del vitto in atto nelle varie province è aumentato di 0,20 a pasto 26 giorni lavorativi. La settimana lavorativa, comunque sia la distribuzione dell orario di lavoro settimanale, è considerata di 6 giorni a. per i componenti dei Consigli o Comitati, per partecipare alle riunioni degli organi stessi, nella misura di 24 ore per anno nelle aziende da 6 a 5 dipendenti e nella misura di 70 ore nelle aziende con oltre 5 dipendenti. Per le imprese di viaggio e turismo verranno concesse 70 ore all anno, indipendentemente dal numero dei dipendenti occupati nell azienda; b. ai componenti delle RSU, per l espletamento del loro mandato; c. 0 ore annue per assemblee dei lavoratori; d. 5 giorni di calendario per lutto familiare o casi di gravi calamità. Tale congedo potrà essere prolungato di ulteriori 3 giorni di calendario in relazione alla distanza da raggiungere; e. studenti: 50 ore annue retribuite in un triennio. I lavoratori che potranno contemporaneamente assentarsi dall azienda per frequentare i corsi di studio non dovranno superare il 2% della forza occupata a. 04 ore annue per alberghi, pubblici esercizi, campeggi, alberghi diurni ed agenzie di viaggio; b. 08 ore annue per gli stabilimenti balneari. Tali riduzioni sono comprensive delle 32 ore relative alle ex festività religiose abolite. Tali permessi non potranno essere inferiori a ora né, comunque, utilizzati per frazioni di ora. I permessi non goduti entro l anno di maturazione saranno pagati con la retribuzione in atto al momento della scadenza oppure potranno essere fruiti entro e non oltre il 30 giugno dell anno seguente a. oltre a quelle di legge, il Santo Patrono; b. 4.: al lavoratore chiamato a prestare servizio nella predetta giornata, oltre al trattamento economico mensile, la retribuzione per le ore di servizio effettivamente prestato senza alcuna maggiorazione, ovvero, in alternativa, il godimento del corrispondente riposo compensativo vedere riduzione orario possono essere adottati sistemi di distribuzione dell orario di lavoro per periodi plurisettimanali, intendendosi per tali quei sistemi che comportano per una o più settimane prestazioni lavorative di durata superiore all orario contrattuale (massimo 4 settimane consecutive, elevate a 6 per le agenzie di viaggio) e per le altre, a compensazione, prestazioni di durata inferiore. I lavoratori interessati percepiranno la normale retribuzione sia nei periodi di superamento che in quelli di riduzione dell orario di lavoro. Il recupero delle maggiori prestazioni di lavoro verrà effettuato in periodi di minore intensità lavorativa e comunque entro 2 settimane dall inizio del periodo di maggiore intensità lavorativa. Qualora i sistemi di distribuzione dell orario prevedano l estensione dei periodi, rispettivamente a 2 e 24 settimane, per i lavoratori cui si applichi tale sistema, il monte ore annuo dei permessi retribuiti è elevato a 6 ore. I suddetti sistemi di flessibilità aziendale potranno essere effettuati per non più di due volte nell anno e gli eventuali due periodi non dovranno essere consecutivi. In deroga a quanto sopra, l orario di lavoro potrà essere calcolato come media in un periodo di due settimane, applicabile per una volta in ciascun trimestre. Ai lavoratori interessati sarà riconosciuta una riduzione dell orario di lavoro pari a un ora per ciascun periodo bisettimanale di effettiva applicazione di tale meccanismo, ad incremento del monte ore di permessi previsto dal CCNL. Banca ore le parti attiveranno tale istituto al fine di mettere i lavoratori in condizione di utilizzare in tutto o in parte i riposi compensativi a fronte di prestazioni eventualmente eccedenti l orario medio annuo. Per i lavoratori cui si applichi tale sistema, il monte ore annuo di permessi retribuiti è elevato a 28 ore passaggio alla categoria superiore trascorsi 3 mesi nel disimpegno di mansioni superiori, salvo sostituzione di lavoratori assenti con diritto alla conservazione del posto nessuna particolarità il lavoratore ha diritto alla conservazione del posto per 80 giorni per anno (. 3.2) e ai seguenti trattamenti economici: a. aziende alberghiere, campeggi e villaggi turistici:. indennità pari al 50% della retribuzione per i giorni di malattia dal 4 al 20 e pari a 2/3 della stessa per i giorni dal 2 in poi, posta a carico dell INPS; 2. integrazione indennità INPS da corrispondersi dal datore di lavoro, a suo carico, in modo da raggiungere complessivamente il 75% della retribuzione giornaliera per i giorni dal 4 al 20 e del 00% per i giorni dal 2 in poi. Il periodo di carenza stabilito dall INPS è a carico del lavoratore per il primo giorno e a carico del datore di lavoro per i successivi 2 giorni. Nel caso però che la malattia sia riconosciuta per il periodo eccedente i detti 3 giorni l intero periodo di carenza sarà a carico del datore di lavoro; b. pubblici esercizi:. indennità da corrispondersi dall INPS nella misura dell 80%, comprensiva dell indennità posta a carico dello stesso istituto; 2. normale retribuzione da corrispondersi da parte dei datori di lavoro per i primi 3 giorni (carenza) qualora la durata della malattia superi i 5 giorni; c. stabilimenti balneari, alberghi diurni:. indennità pari al 50% della retribuzione per i giorni di malattia dal 4 al 20 e pari a 2/3 della stessa per i giorni dal 2 in poi, posta a carico dell INPS; 2. integrazione dell indennità INPS pari al 28% della retribuzione da corrispondersi da parte del datore di lavoro; 3. normale retribuzione per i primi 3 giorni di malattia (carenza) da corrispondersi da parte del datore di lavoro; d. imprese di viaggio e turismo:. indennità pari al 50% della retribuzione per i giorni di malattia dal 4 al 20 e pari a 2/3 della stessa per i giorni dal 2 in poi, posta a carico dell INPS; 2. integrazione dell indennità INPS, da corrispondersi dal datore di lavoro, in modo da raggiungere il 00% della retribuzione per i primi 3 giorni (carenza) e per i giorni dal 2 in poi, e il 75% per i giorni dal 4 al 20

4 GESTIONE RAPPORTO ASSENZE Infortunio Maternità a. conservazione del posto per 80 giorni nell anno solare; b. intera retribuzione nel giorno dell infortunio e 60% della stessa per i 3 giorni successivi (per i pubblici esercizi, stabilimenti balneari, alberghi diurni: integrazione indennità corrisposta dall INAIL fino a raggiungere il 00% della retribuzione sin dal giorno in cui si verifica l infortunio). In caso di infortunio sul il datore di lavoro corrisponderà al lavoratore assunto a tempo indeterminato, a titolo di anticipazione, l indennità per inabilità temporanea assoluta e ne chiederà il rimborso all Istituto assicuratore. Per il recupero della somma erogata, all atto della denuncia di infortunio l azienda dichiarerà di avvalersi delle disposizioni dell art. 70 del DPR 24/965. Qualora l INAIL non riconosca il diritto all indennità o, comunque, non ne rimborsi l importo al datore di lavoro, l anticipazione sarà detratta dalla retribuzione, ratealmente vale quanto previsto dal D.Lgs. 5/200 Testo Unico sulla maternità, paternità e congedi parentali. Durante l astensione obbligatoria la lavoratrice ha diritto, per un periodo di 5 mesi, ad una integrazione dell indennità INPS fino a raggiungere il 00% della retribuzione giornaliera netta (disposizione applicabile per i periodi di astensione che abbiano inizio dopo l ) Congedo matrimoniale 5 giorni di calendario con decorrenza dal 3 giorno antecedente la data del matrimonio. La richiesta di congedo deve essere avanzata con almeno 0 giorni di anticipo. Il lavoratore potrà richiedere la proroga del congedo per altri 5 giorni senza retribuzione Servizio militare vedere D.L. CPS 303/946 e D.P.R. 237/964 N.B. Il D.Lgs. 25/200, come modificato dall art. della L. 226/2004, ha stabilito la sospensione del servizio di leva con decorrenza Permessi Sospensione/riduzione del lavoro o CIG Aspettative a. 8 giorni all anno ai dirigenti sindacali per la partecipazione trattative sindacali o a congressi e convegni di natura sindacale; b. per elezioni: i lavoratori hanno diritto di astenersi dal lavoro per tutto il periodo corrispondente alla durata delle relative operazioni è ammesso il recupero a regime normale delle ore di lavoro perdute a causa di forza maggiore purché esso sia contenuto nei limiti di un ora al giorno e sia richiesto nel mese successivo all interruzione a. per malattia o infortunio, al termine del periodo di comporto, aspettativa per un massimo di 20 giorni; b. 4 mesi (elevati a 6 per le imprese con un numero di dipendenti superiore a 20), al termine del periodo di conservazione del posto, per i lavoratori affetti da tubercolosi; c. i lavoratori che siano eletti membri del parlamento nazionale o di assemblee regionali ovvero chiamati ad altre funzioni pubbliche elettive possono, a richiesta, essere collocati in aspettativa non retribuita per tutta la durata del mandato. La medesima disposizione si applica ai lavoratori chiamati a cariche sindacali provinciali o nazionali Prova 80 giorni, liv. A e B; 50 giorni, liv. ; 75 giorni, liv. 2; 45 giorni, liv. 3; 30 giorni, liv. 4 e 5; 20 giorni, liv. 6S; 5 giorni, liv. 6 e 7. Ai fini del computo del periodo di prova sono utili esclusivamente le giornate di effettiva prestazione lavorativa, fermo restando il termine massimo di 6 mesi. Il personale che entro il termine di 2 anni viene riassunto, con la stessa qualifica, presso la stessa azienda ove abbia prestato servizio, superando il periodo di prova, sarà in ogni caso dispensato dall effettuare di nuovo il periodo di prova Preavviso i termini di preavviso per il caso di licenziamento o di dimissioni sono i seguenti: livelli fino a 5 anni anzianità da 5 a 0 anni oltre 0 anni QA e QB 4 mesi 5 mesi 6 mesi 2 mesi 3 mesi 4 mesi 2 e 3 mese 45 giorni 2 mesi 4 e 5 20 giorni 30 giorni 45 giorni 6S, 6 e 7 5 giorni 20 giorni 20 giorni Tirocinio Apprendistato a. possono essere assunti come apprendisti i giovani di età non inferiore ai 6 anni e non superiore ai 24, ovvero 26 nelle aree di cui agli obiettivi n. e 2 del regolamento del Consiglio n. 208/993, e successive modificazioni. Nel caso in cui l apprendista sia portatore di handicap, tali limiti sono elevati di 2 anni; b. durata: 48 mesi, liv. 3; 36 mesi, liv. 4 e 5; 24 mesi, liv. 6S; 8 mesi, liv. 6. La contrattazione integrativa può stabilire una durata maggiore. La durata è fissata in 4 anni per le seguenti qualifiche:. aziende alberghiere: cuoco capo partita; 2. campeggi e villaggi turistici: segretario ricevimento e cassa o amministrazione; 3. pubblici esercizi: cuoco capo partita, gastronomo, pasticcere; 4. imprese di viaggio e turismo: addetto ai servizi di prenotazione o addetto ai servizi turistici e/o alle biglietterie, ferroviarie, aeree, marittime ed automobilisti che anche con mezzi di tariffazione automatica; impiegato addetto ai servizi proiettivi e/o ricettivi con mansioni di ordine e conoscenza di due lingue estere; impiegato addetto alla propaganda ed acquisizione della clientela di agenzia; impiegato con buona conoscenza di una lingua estera addetto all assistenza e/o all accompagnamento di gruppi e crociere nel territorio nazionale ed all estero; transferista (addetto all assistenza e ricevimento degli arrivi e partenze); impiegato addetto prevalentemente alla vendita al banco di viaggi già programmati. c. per l apprendistato inquadrato nel liv. 3, gli apprendisti non potranno essere destinati a svolgere mansioni di coordinamento tecnico funzionale di altri lavoratori; d. lo svolgimento dell apprendistato per il conseguimento di qualifiche inquadrate al liv. 6, è consentito esclusivamente per le seguenti qualifiche: cameriera ai piani, villaggi turistici, camping; commis di cucina, sala e piani, bar, tavola calda, ristorante, selfservice; facchino ai piani, ai saloni, ai bagagli; bagnino; guardiano notturno; sorvegliante di ingresso. Ulteriori qualifiche saranno individuate dalla contrattazione collettiva; e. i periodi di servizio presati presso più datori di lavoro si cumulano ai fini del computo della durata massima del periodo di apprendistato, purché non separati da interruzioni superiori ad un anno e semprechè si riferiscano alle stesse attività; f. prova: 25 giorni di effettiva presenza al lavoro; g. il numero degli apprendisti nelle singole imprese non potrà superare la proporzione di apprendista ogni 2 lavoratori qualificati. L imprenditore che non ha alle proprie dipendenze lavoratori qualificati o specializzati o ne abbia meno di 2, può assumere apprendisti in numero non superiore a 2. Qualora alla scadenza del periodo di apprendistato, un apprendista non venga confermato in servizio, il datore di lavoro non potrà assumere, nell anno successivo, un altro apprendista in sua sostituzione; h. formazione: Titolo di studio formazione scuola dell obbligo 20 ore attestato di qualifica e diploma di scuola media e superiore 0 ore diploma universitario e diploma di laurea 80 ore i. trattamento economico: la retribuzione viene calcolata applicando le seguenti aliquote percentuali alla normale retribuzione dei lavoratori qualificati di pari livello: anno, 75%; 2 anno, 80%; 3 anno, 85%; 4 anno, 90%; j. è vietato il lavoro fra le ore 22 e le ore 6 ad eccezione di quello svolto dagli apprendisti di età superiore ai 8 anni (art. 2, L. 4/ art. 2, c. 4, D.Lgs. 66/2003); Apprendistato in cicli stagionali In attesa della definizione a livello territoriale della disciplina dell apprendistato in cicli stagionali, è comunque consentito articolare lo svolgimento dell apprendistato in più stagioni, a condizione che lo svolgimento dei diversi rapporti di lavoro sia comunque compreso in un periodo complessivo di 48 mesi consecutivi di calendario. (2) Sono utili ai fini del computo della durata dell apprendistato stagionale anche le prestazioni di breve durata eventualmente rese nell intervallo tra una stagione e l altra. Apprendistato professionalizzante a. durata: 48 mesi, liv. 2, 3, 4; 36 mesi, liv. 5 e 6S; 24 mesi, liv. 6; b. il numero di apprendisti nelle singole unità produttive non potrà superare la proporzione di un apprendista per ogni lavoratore qualificato. L imprenditore che non ha alle proprie dipendenze lavoratori qualificati o specializzati, o ne ha meno di 3, può assumere apprendisti in numero non superiore a 3; c. il datore di lavoro non potrà assumere apprendisti qualora non abbia mantenuto in servizio almeno il 70% dei lavoratori il cui contratto sia venuto a scadere nei 24 mesi precedenti; d. trattamento economico: la retribuzione è determinata con riferimento alla normale

5 GESTIONE RAPPORTO Contratto intermittente Contratto tempo determinato Part time Contratti d inserimento Lavoro a domicilio Lavoro extra o di surroga Lavoro interinale retribuzione dei lavoratori di pari livello, secondo le seguenti proporzioni: 80%, anno; 85%, 2 anno; 90%, 3 anno; 95%, 4 anno. La retribuzione dell apprendista non potrà superare, per effetto delle minori trattenute contributive, la retribuzione netta del lavoratore non apprendista di analogo livello; e. formazione: 20 ore annue. N.B. La disciplina del contratto di apprendistato per l espletamento del diritto-dovere di istruzione e formazione e per l acquisizione di un diploma o per percorsi di alta formazione costituirà oggetto di intese con le regioni e le province autonome. In attesa della disciplina dei suddetti istituti, possono essere applicate, in quanto compatibili, le disposizioni del presente contratto relative all apprendistato professionalizzante, fermo restando che in relazione alle qualifiche per le quali è previsto l inquadramento finale nei livelli A, B,, il contratto di apprendistato potrà essere stipulato solo per l acquisizione di un diploma o per percorsi di alta formazione, con una durata non superiore a quella del corrispondente corso di studi oltre ai casi previsti dalla legge, è ammesso nelle seguente ulteriore ipotesi: a. temporanei incrementi dell attività dovuti a flussi non ordinari o non programmabili di clientela cui non sia possibile far fronte con il normale organico; b. impiego di professionalità diverse rispetto a quelle normalmente occupate; c. adeguamento del sistema informativo aziendale, inserimento o implementazione di nuove procedure, di sistemi di contabilità, controllo di gestione, controllo di qualità; d. Supporto tecnico nel campo della prevenzione e sicurezza sul lavoro; e. lavorazioni connesse a vincolanti termini di esecuzione. La contrattazione integrativa, territoriale e/o aziendale, potrà indicare ulteriori ipotesi di esigenze di carattere temporaneo e/o contingente. Il numero dei lavoratori impiegati con contratto a tempo determinato nelle ipotesi di cui sopra sarà contenuto in nei seguenti limiti, che possono essere ampliati dalla contrattazione integrativa, aziendale e/o territoriale: dipendenti assunzioni da 0 a 4 4 unità da 5 a 9 6 unità da 0 a 25 7 unità da 26 a 35 9 unità da 36 a 50 2 unità oltre 50 20% I contratti a tempo determinato instaurati dalle aziende in relazione alla fase di avvio di nuove attività saranno di durata limitata al periodo di tempo necessario per la messa a regime dell organizzazione aziendale e comunque non oltre i 2 mesi, che possono essere elevati sino a 24 dalla contrattazione integrativa, territoriale e/o aziendale. Rientrano nei casi di legittima apposizione di un termine alla durata del contratto di lavoro subordinato la sostituzione e il relativo affiancamento di lavoratori, quali: a. lavoratori assenti per qualsiasi causa e motivo, ivi compresi malattia, maternità, infortunio, aspettative, congedi, ferie, mancato rispetto dei termini di preavviso; b. lavoratori temporaneamente assegnati ad altra attività e/o ad altra sede; c. lavoratori impegnati in attività formative; d. lavoratori il cui rapporto di lavoro sia temporaneamente trasformato da tempo pieno a tempo parziale. L affiancamento sarà contenuto entro un periodo pari alla metà della durata della sostituzione. Rientrano altresì nei casi di legittima apposizione di un termine alla durata del contratto di lavoro le esigenze connesse a cause di forza maggiore e/o ad eventi o calamità naturali a. la prestazione individuale è consentita in misura non inferiore ai seguenti limiti:. 5 ore, nel caso di orario ridotto rispetto al normale orario settimanale; ore, nel caso di orario ridotto rispetto al normale orario mensile; ore, nel caso di orario ridotto rispetto al normale orario annuale. b. clausole flessibili/elastiche:. le parti possono concordare clausole flessibili relative alla variazione della collocazione temporale della prestazione - Le ore di lavoro ordinarie richieste a seguito dell applicazione delle clausole flessibili verranno retribuite, per le sole ore in cui la variazione stessa viene effettuata, in misura non inferiore alla sola maggiorazione dell,5% da calcolare sulla quota di retribuzione; 2. le parti possono concordare clausole elastiche, nei part time verticali o misti, relative alla variazione in aumento della prestazione, entro il limite massimo del 30% della prestazione lavorativa annua concordata. Le ore di lavoro effettuate a seguito dell applicazione di clausole elastiche che determinino un incremento duraturo della quantità della prestazione, verranno retribuite con la quota oraria della retribuzione e la maggiorazione forfettariamente e convenzionalmente determinata almeno nella misura del 3,5% (30% +,5%) da calcolare sulla quota oraria della retribuzione. In alternativa alle suddette maggiorazioni dell,5%, le parti possono concordare un indennità annuale in ogni caso pari ad almeno 20 euro non cumulabili, da corrispondere per quote mensili; c. part time week end possono essere stipulati part time della durata di almeno 8 ore settimanali, per il fine settimana, con studenti. La prestazione lavorativa giornaliera di durata inferiore a 4 ore non potrà essere frazionata nell arco della giornata in caso di assunzione a tempo indeterminato di lavoratori privi di specifica esperienza, qualora non trovino applicazione le disposizioni concernenti il contratto di apprendistato o quello di formazione e lavoro, si applica, per un periodo di 2 mesi, il trattamento retributivo previsto per il livello inferiore a quello di inquadramento è consentita l assunzione di lavoratori extra nei seguenti casi: a. banquetting; b. esigenze per le quali non sia possibile sopperire con il normale organico, quali meeting, convegni, fiere, congressi, manifestazioni, presenze straordinarie e non prevedibili di gruppi nonché eventi similari; c. attività di assistenza e ricevimento agli arrivi e alle partenze in porti, aeroporti, stazioni ed altri luoghi similari; d. ulteriori casi individuati dalla contrattazione integrativa, territoriale e/o aziendale. La definizione della retribuzione del personale extra e di surroga è demandata alla contrattazione integrativa territoriale da un minimo ad un massimo per ogni servizio a seconda della durata, tenuto conto della classe dell esercizio e delle condizioni locali. Per i pubblici esercizi detto compenso fisso sarà detratto dal tronco della percentuale e distribuito tra i camerieri stabili e quelli di rinforzo; se la parte spettante al personale di rinforzo dovesse risultare inferiore al compenso fisso, la differenza sarà pagata dal datore di lavoro; se invece risultasse superiore, l eccedenza andrà ripartita tra il personale stabile e quello di surroga. In mancanza della disciplina prevista dalla contrattazione integrativa, il compenso orario omnicomprensivo lordo rapportato ad un servizio minimo di quattro ore è fissato nella seguente misura: liv. Luglio 2007 Gennaio 2008 Luglio 2008 Luglio ,47,88 2, 2,34 5 0,93,32,54,76 6S 0,45 0,83,04,25 6 0,33 0,70 0,9, 7 9,67 0,02 0,2 0,40 Il compenso orario è comprensivo degli effetti derivanti da tutti gli istituti economici diretti ed indiretti, determinati per contratto nazionale e/o aziendale e/o territoriale, ivi compresi i ratei di 3 a e 4 a mensilità, nonché di TFR. Il personale extra assunto negli stabilimenti balneari per prestazioni temporanee, per rinforzi o sostituzioni, ha diritto alla retribuzione maggiorata del 20% oltre ai casi previsti dalla legge 96/997, è consentito, nelle seguenti ulteriori ipotesi: a. intensificazioni temporanee dell attività dovute a flussi non ordinari di clientela cui non sia possibile far fronte con il normale organico; b. intensificazioni temporanee dell attività dovute a flussi non programmabili di clientela cui non sia possibile far fronte con il normale organico; c. sostituzione di lavoratori assenti, anche per ferie, o per aspettative diverse da quelle già previste dall articolo, lettera b) della legge n. 230 del 962; d. servizi definiti e predeterminati nel tempo cui non sia possibile far fronte con il normale organico; e. sostituzioni in caso di risoluzione del rapporto di lavoro senza preavviso, per un periodo

6 PREVIDENZA ASSISTENZA GESTIONE RAPPORTO Lavoro stagionale Telelavoro Lavoro ripartito (job sharing) Viaggiatori e piazzisti Collocamento massimo di due mesi utile alla ricerca di personale idoneo alla mansione. In ciascuna unità produttiva, il numero dei lavoratori impiegati con contratto di fornitura di prestazione di lavoro temporaneo di cui alle lettere a), b), d), e), sarà contenuto entro l 8% dei lavoratori dipendenti, con un minimo di 3 prestatori di lavoro temporaneo. La stipula di contratti di lavoro temporaneo di durata superiore ad mese è subordinata alla preventiva verifica della disponibilità dei lavoratori con la stessa qualifica che abbiano manifestato la volontà di esercitare il diritto di precedenza N.B. Con l entrata in vigore dal D.Lgs. 276/2003 tale prestazione è denominata somministrazione di lavoro. L art. 86 del medesimo decreto ha stabilito che le clausole dei contratti collettivi nazionali vigenti al , riferiti alle esigenze di carattere temporaneo che consentono la somministrazione del lavoro a termine mantengono la loro efficacia, salvo diverse intese, fino alla data di scadenza degli stessi il periodo di preavviso per il personale assunto a tempo indeterminato nelle aziende stagionali è di 5 giorni. Il periodo di prova è fissato in 0 giorni per tutto il personale. Il personale dei pubblici esercizi avrà diritto alla retribuzione maggiorata del: a. 20% per ingaggio fino ad mese; b. 5% per ingaggio fino a 2 mesi; c. 8% per ingaggio oltre i 2 mesi e fino alla fine della stagione il contratto deve indicare le misura percentuale e di collocazione temporale del lavoro che si prevede venga svolto da ciascun lavoratore interessato, ferma restando la possibilità per gli stessi lavoratori di determinare discrezionalmente, in qualsiasi momento, la sostituzione ovvero la modificazione consensuale della distribuzione dell orario di lavoro. Conseguentemente la retribuzione verrà corrisposta a ciascun lavoratore in proporzione alla quantità di lavoro effettivamente prestato non previsti sono escluse dall obbligo della riserva di cui all art. 25 della L. 223/99: a. le assunzioni dei lavoratori cui sia assegnata una qualifica ricompressa nei liv. A, B,, 2 e 3; b. le assunzioni dei lavoratori cui sia assegnata una qualifica ricompressa nei liv. 4, 5, 6S, 6 e 7 a condizione che abbiano già prestato servizio presso imprese del settore o che siano in possesso di titolo di studio professionale attinente alle mansioni da svolgere; c. le assunzioni effettuate in occasione di cambi di gestione, limitatamente ai lavoratori già occupati alle dipendenze della gestione precedente Formazione continua al fine della realizzazione dei programmi di formazione continua, le imprese faranno riferimento al fondo interprofessionale per la formazione continua dei lavoratori dei settori commercio turismo e servizi (For.Te). I quadri saranno iscritti all istituto per lo sviluppo della formazione dei quadri Quadrifor. Il contributo annuo è pari a 75,00 di cui 50,00 a carico dell aziende e 25,00 a carico del Quadro Previd. integrativa/complem. previsto un Fondo pensionistico complementare la cui contribuzione è così determinata: a. 0,55% (di cui lo 0,05% costituisce la quota associativa) della retribuzione utile per il calcolo del TFR, a carico del lavoratore; b. 0,55% (di cui lo 0,05% costituisce la quota associativa) della retribuzione utile per il calcolo del TFR, a carico del datore di lavoro; c. 3,45% della retribuzione utile per il calcolo del TFR, prelevato dal TFR maturando dal momento dell iscrizione al Fondo; d. una quota una tantum, da versarsi all atto dell iscrizione, pari a 5,4937 (,88 a carico dell azienda e 3,62 a carico del lavoratore). Per i lavoratori di prima assunzione successiva al 28 aprile 993 è prevista l integrale destinazione al Fondo del TFR maturando. Al momento dell iscrizione il lavoratore può chiedere di aumentare la propria quota di contribuzione sino al 2% della retribuzione utile per il calcolo del TFR Assistenza integrativa Fondo EST Fondo di assistenza sanitaria integrativa per i pubblici esercizi, stabilimenti balneari, alberghi diurni, imprese di viaggio e turismo: a. sono iscritti al fondo tutti i lavoratori dipendenti (esclusi dirigenti, quadri e apprendisti) assunti a tempo indeterminato, sia a tempo pieno che parziale. È prevista l iscrizione anche per i lavoratori a tempo determinato a condizione che il contratto sia di durata superiore a 3 mesi e il lavoratore ne faccia richiesta per iscritto al datore di lavoro all atto dell assunzione; b. contribuzione carico azienda: quota una tantum: 5,00, per ciascun dipendente full time nuovo assunto; 8,00, per ciascun dipendente part time nuovo assunto. 7,00 ( 0,00 dall..2008) mensili per ciascun dipendente iscritto assunto a tempo pieno; 2. 5,00 ( 0,00 dall..2008) mensili per ciascun dipendente iscritto assunto a tempo parziale; c. il versamento dei contributi avviene con cadenza trimestrale anticipata (6. per il trimestre.-3.3; 6.4 per il trimestre ; 6.7 per il trimestre ; 6.0 per il trimestre.0-3.2). Dall è in facoltà dell azienda versare anticipatamente la contribuzione annuale in un unica soluzione entro il 6. di ciascun anno. Per quanto si veda il sito internet Fondo FAST: Fondo di assistenza sanitaria integrativa per le aziende alberghiere e i complessi turistico ricettivi all aria aperta: a. all atto dell iscrizione è dovuta dal datore di lavoro una quota costitutiva, non frazionabile, pari a:. 5,00 per ciascun lavoratore assunto a tempo pieno; 2. 8,00 per ciascun lavoratore assunto a tempo parziale. b. finanziamento del fondo - contributo mensile, carico azienda, pari a:. 7,00 ( 0,00 dall..2008) mensili per ciascun lavoratore assunto a tempo pieno; 2. 5,00 ( 0,00 dall..2008) mensili per ciascun lavoratore assunto a tempo parziale. Il contributo è pagato al fondo in un unica rata annuale anticipata. Per quanto si veda il sito internet N.B. L obbligo di iscrivere gli apprendisti ai fondi di assistenza sanitaria integrativa decorre dall Polizze vita Polizze infortuni Quadri non previste pubblici esercizi, stabilimenti balneari, aziende alberghiere, villaggi e campeggi turistici, alberghi diurni, imprese di viaggio e turismo: le indennità per il personale impiegatizio non soggetto all assicurazione obbligatoria per legge vengono stabilite con un massimale di almeno 7.746,85 per l invalidità permanente e 5.64,57 per la morte a. l azienda è tenuta ad assicurare il lavoratore con qualifica di quadro contro il rischio di responsabilità civile verso terzi conseguente a colpa nello svolgimento delle proprie mansioni; b. i quadri devono essere iscritti alla Cassa di Assistenza Sanitaria (Qu.A.S.). La relativa quota contributiva annua è fissata in 302,00 ( 340,00 dall..2008) a carico dell azienda e in 42,00 ( 50,00 dall..2008) a carico del Quadro. La quota costitutiva una tantum è fissata in 302,00 ( 340,00 dall..2008) a carico dell azienda

Turismo Industria. Turismo Industria. Decorrenza. Stipula

Turismo Industria. Turismo Industria. Decorrenza. Stipula Parti contraenti Turismo Industria Stipula Decorrenza Scadenza economica normativa Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, 9.7.200..200 30.4.203 30.4.203 - Fisascat-Cisl,Uiltucs-Uil Area/ Livello

Dettagli

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA PARTI CONTRAENTI Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil DATA DI STIPULA 3 febbraio 2008 FINALITÀ

Dettagli

Ccnl Lavoro Domestico

Ccnl Lavoro Domestico Ccnl Lavoro Domestico Parti contraenti Parti contraenti FIDALDO, DOMINA Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil, Federcolf Data CCNL 01/02/2007 Rinnovo economico 20/01/2009 parte economica Decorrenza

Dettagli

decorrenze Scadenze 1/10/84 30/09/87 1/04/88 31/03/91 15/07/92 15/07/95 16/07/96 15/07/2000 8/03/2001 7/3/2005 1/03/2007 28/02/2011

decorrenze Scadenze 1/10/84 30/09/87 1/04/88 31/03/91 15/07/92 15/07/95 16/07/96 15/07/2000 8/03/2001 7/3/2005 1/03/2007 28/02/2011 SINTESI CCNL LAVORO DOMESTICO decorrenze Scadenze 1/10/84 30/09/87 1/04/88 31/03/91 15/07/92 15/07/95 16/07/96 15/07/2000 8/03/2001 7/3/2005 1/03/2007 28/02/2011 Indice della Sintesi Contrattuale Artt.

Dettagli

AREA MECCANICA, INSTALLAZIONE DI IMPIANTI, ORAFI, ARGENTIERI E AFFINI, ODONTOTECNICI

AREA MECCANICA, INSTALLAZIONE DI IMPIANTI, ORAFI, ARGENTIERI E AFFINI, ODONTOTECNICI AREA MECCANICA, INSTALLAZIONE DI IMPIANTI, ORAFI, ARGENTIERI E AFFINI, ODONTOTECNICI Parti contraenti Stipula Decorrenza SETTORE METALMECCANICA E INSTALLAZIONE DI IMPIANTI SETTORE ORAFI, ARGENTIERI ED

Dettagli

Istituzioni socio-assistenziali (UNEBA)

Istituzioni socio-assistenziali (UNEBA) Istituzioni socio-assistenziali (UNEBA) Scadenza Parti contraenti Stipula Decorrenza Rinnovo economica normativa economico Uneba, Fisascat-Cisl, Fp-Cgil, Uiltucs-Uil, Fp-Cisl 8.5.203..200 3.2.202 3.2.202

Dettagli

IL RAPPORTO DI LAVORO DOMESTICO

IL RAPPORTO DI LAVORO DOMESTICO IL RAPPORTO DI LAVORO DOMESTICO Introduzione al mondo del lavoro di cura L inquadramento (Minimi contrattuali in vigore PER L ANNO 2011) LIVELLO TABELLA A CONVIVENTI TABELLA B CONVIVENTI PART-TIME TABELLA

Dettagli

Sintesi ccnl quadri del Terziario

Sintesi ccnl quadri del Terziario Sintesi ccnl quadri del Terziario Parti contraenti Confcommercio, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil Data di stipula 30.03.2015 Decorrenza 01.04.2015 Scadenza parte normativa/economica 31.12.2017

Dettagli

QUESITI - Programma merci Serie MCN - Elementi di diritto sociale - Nazionale

QUESITI - Programma merci Serie MCN - Elementi di diritto sociale - Nazionale QUESITI - Programma merci Serie MCN - Elementi di diritto sociale - Nazionale MCN001 Secondo il CCNL Logistica, Spedizione e Trasporto Merci, l'impresa che intende chiedere il risarcimento dei danni al

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

Sintesi ccnl quadri del Terziario

Sintesi ccnl quadri del Terziario Sintesi ccnl quadri del Terziario Parti contraenti Confcommercio,, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil Data di stipula 26.02.2011 Decorrenza 01.01.2011 Scadenza parte normativa/economica 31.12.2013 DECLARATORIA

Dettagli

Sommario PREMESSA AL CCNL... 23. TITOLO I - VALIDITÀ E SFERA DI APPLICAZIONE... 24 Articolo 1... 24 Articolo 2... 26 Articolo 3...

Sommario PREMESSA AL CCNL... 23. TITOLO I - VALIDITÀ E SFERA DI APPLICAZIONE... 24 Articolo 1... 24 Articolo 2... 26 Articolo 3... FEDERTURISMO Assotravel Astoi Ucina Unai Unionparchi CONFINDUSTRIA CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER I DIPENDENTI DA AZIENDE DELL INDUSTRIA TURISTICA Testo Ufficiale 2 febbraio 2004 Proprietà

Dettagli

Progetto Network Scuola Impresa La contrattualistica del lavoro

Progetto Network Scuola Impresa La contrattualistica del lavoro AGENDA In contratto di lavoro in Telecom Italia Sicurezza 1 Contrattazione: la vigenza Principali istituti Lo stato dell arte in Telecom Italia Principali temi trattati nel 1 livello di contrattazione

Dettagli

Commercio (Confcommercio/Confesercenti)

Commercio (Confcommercio/Confesercenti) Commercio (Confcommercio/Confesercenti) Parti contraenti Stipula Decorrenza Scadenza economica normativa Rinnovo economico Confcommercio/Confesercenti, Fisascat-Cisl, 26.2.2011 (Confcommercio) 1.1.2011

Dettagli

GRAFICA ED EDITORIA (INDUSTRIA)

GRAFICA ED EDITORIA (INDUSTRIA) GRAFICA ED EDITORIA (INDUSTRIA) G Data: Decorrenza: 28 MARZO 2008 1 ipotesi di accordo 30 maggio 2011 11 Scadenza normativa: Scadenza economica: 31 marzo 2013 31 marzo 2013 Parti firmatarie Associazione

Dettagli

CCNL LAVORATORI DOMESTICI CON DECORRENZA DAL 1 LUGLIO 2013 AL 31 DICEMBRE

CCNL LAVORATORI DOMESTICI CON DECORRENZA DAL 1 LUGLIO 2013 AL 31 DICEMBRE Indice IL CONTRATTO DI LAVORO - LE CATEGORIE - I CONTRIBUTI INPS - IL PERIODO DI PROVA - LA TREDICESIMA MENSILITÀ I GIORNI FESTIVI - GLI SCATTI DI ANZIANITÀ - LE FERIE - VITTO E ALLOGGIO - L ORARIO DI

Dettagli

Portieri e custodi. Portieri e custodi. Stipula

Portieri e custodi. Portieri e custodi. Stipula Parti contraenti Portieri e custodi Stipula Decorrenza Scadenza economica normativa Rinnovo economico Confederazione italiana della proprietà edilizia (Confedilizia) 2..202..203 3.2.204 3.2.204 - e Filcams-Cgil,

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

Circolare Informativa n 13/2014. Scadenze CCNL FEBBRAIO 2014

Circolare Informativa n 13/2014. Scadenze CCNL FEBBRAIO 2014 Circolare Informativa n 13/2014 Scadenze CCNL FEBBRAIO 2014 Pagina 1 di 11 INDICE 1) Abbigliamento e confezioni Aziende industriali pag.3 2) Alimentari PMI pag.3 3) Autotrasporti merci e logistica pag.3

Dettagli

CIRCOLARE n. 28 bis / 2013. RINNOVO CCNL METALMECCANICI CONFAPI del 29/07/2013

CIRCOLARE n. 28 bis / 2013. RINNOVO CCNL METALMECCANICI CONFAPI del 29/07/2013 Terrazzini & partners consulenti del lavoro p.i./c.f. 05505810969 www.terrazzini.it Via Campanini n.6 20124 Milano Via Marsala n.29 26900 Lodi Via De Amicis n.10 27029 Vigevano t. +39 02 6773361 f. +39

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER I DIPENDENTI DA AZIENDE DEL SETTORE TURISMO RINNOVATO IL 27.07.2007

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER I DIPENDENTI DA AZIENDE DEL SETTORE TURISMO RINNOVATO IL 27.07.2007 CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER I DIPENDENTI DA AZIENDE DEL SETTORE TURISMO RINNOVATO IL 27.07.2007 1. Prescrizioni generali Il CCNL disciplina i rapporti di lavoro tra le aziende sotto indicate

Dettagli

Le spettanze di una collaboratrice familiare

Le spettanze di una collaboratrice familiare Le spettanze di una collaboratrice familiare La retribuzione base, per una collaboratrice familiare deve essere concordata rispettando i seguenti minimi contrattuali: Minimi contrattuali in vigore dal

Dettagli

C.C.N.L. PER LE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE ESERCENTI L ATTIVITL ATTIVITÀ NEL SETTORE TURISMO

C.C.N.L. PER LE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE ESERCENTI L ATTIVITL ATTIVITÀ NEL SETTORE TURISMO C.C.N.L. PER LE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE ESERCENTI L ATTIVITL ATTIVITÀ NEL SETTORE TURISMO Orario lavoro: limite giornaliero 13 ore Regolarità nell applicazione dei limiti delle norme previste dal

Dettagli

Centro Studi Cafasso del Dr. Nino Carmine Cafasso

Centro Studi Cafasso del Dr. Nino Carmine Cafasso Centro Studi Cafasso del Dr. Nino Carmine Cafasso Consulenza Amministrativa del Lavoro 80122 Napoli Viale A. Gramsci,15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli.it Napoli, lì 29 marzo

Dettagli

ART. 12 - APPRENDISTATO

ART. 12 - APPRENDISTATO ART. 12 - APPRENDISTATO In attesa che diventi esecutiva la nuova normativa sull apprendistato ai sensi del D. Lgs. n. 276/2003, continua ad applicarsi quanto previsto dall art. 12 del precedente C.C.N.L.

Dettagli

I CONTRATTI DI LAVORO. A cura di Emanuela De Palma Consulente del Lavoro

I CONTRATTI DI LAVORO. A cura di Emanuela De Palma Consulente del Lavoro I CONTRATTI DI LAVORO A cura di Emanuela De Palma Consulente del Lavoro JOB ACT NOVITA GIA IN VIGORE Recenti modifiche in materia di contratti di lavoro finalizzate a SEMPLIFICAZIONE + STABILIZZAZIONE

Dettagli

Circolare Informativa n 37/2012. Scadenze CCNL SETTEMBRE 2012

Circolare Informativa n 37/2012. Scadenze CCNL SETTEMBRE 2012 Circolare Informativa n 37/2012 Scadenze CCNL SETTEMBRE 2012 e-mail: info@cafassoefigli.it - www.cafassoefigli.it Pagina 1 di 16 INDICE 1) Area Chimica Ceramica pag. 3 2) Metalmeccanica Artigianato (Contratti

Dettagli

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione.

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. INCENTIVO DESTINATARI Giovani (l.99/2013) L incentivo è pari: -ad 1/3 della retribuzione

Dettagli

SEGRETERIA CENTRALE FABI

SEGRETERIA CENTRALE FABI SEGRETERIA CENTRALE FABI Gennaio 2008 BNL 1 IL CONTRATTO DI APPRENDISTATO NELSETTOREDELCREDITO Il D. Leg.vo n. 276 del 10/09/2003 ha introdotto una nuova disciplina dell apprendistato, regolamentando la

Dettagli

Alimentari(Confindustria)

Alimentari(Confindustria) Alimentari(Confindustria) SCHEDA DI SINTESI DEL CCNL Parti Stipula Decorrenza Aidi, Airi, Aiipa, Ancit, Anicav, Assalzoo, Assica, Assitol, Assobibe, Assobirra, Assocarni, Assodistil, Assolatte, Federvini,

Dettagli

IMPONIBILE PREVIDENZIALE E FISCALE ESEMPI

IMPONIBILE PREVIDENZIALE E FISCALE ESEMPI IMPONIBILE PREVIDENZIALE E FISCALE ESEMPI A cura di Alessandra Gerbaldi 1 LA BUSTA PAGA NEL CASO DI LAVORO STRAORDINARIO Di seguito si ipotizza il caso di un lavoratore, dipendente di azienda che applica

Dettagli

ACCONCIATURA ED ESTETICA Accordo di rinnovo contrattuale 8 settembre 2014

ACCONCIATURA ED ESTETICA Accordo di rinnovo contrattuale 8 settembre 2014 Modena, 29 dicembre 2014 ACCONCIATURA ED ESTETICA Accordo di rinnovo contrattuale 8 settembre 2014 PARTI CONTRAENTI CNA Unione benessere e sanità, Confartigianato Benessere Acconciatori, Confartigianato

Dettagli

ACCORDO AZIENDALE INTEGRATIVO DELL ACCORDO DI CONFLUENZA AL CCNL AUTORIMESSE E NOLEGGIO AUTO

ACCORDO AZIENDALE INTEGRATIVO DELL ACCORDO DI CONFLUENZA AL CCNL AUTORIMESSE E NOLEGGIO AUTO ACCORDO AZIENDALE INTEGRATIVO DELL ACCORDO DI CONFLUENZA AL CCNL AUTORIMESSE E NOLEGGIO AUTO Addì 2 maggio 2007 Tra ACI Global SpA, rappresentata dalla Dott.ssa I. Galmozzi e dalla Dott.ssa N. Caprioli,

Dettagli

ESTRATTO DEL REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI

ESTRATTO DEL REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI ESTRATTO DEL REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI Integrazione malattia Durante l assenza del lavoratore l impresa, entro i limiti della conservazione del posto di cui all art. 27 del C.C.N.L in

Dettagli

Calcolo della tredicesima Vediamo come si calcola la tredicesima in busta paga.

Calcolo della tredicesima Vediamo come si calcola la tredicesima in busta paga. Calcolo della tredicesima Vediamo come si calcola la tredicesima in busta paga. Obbligo della retribuzione globale di fatto. Come abbiamo detto, la tredicesima si calcola sulla base della retribuzione

Dettagli

Unionchimica - Confapi

Unionchimica - Confapi Parti contraenti Unionchimica - Confapi Stipula Decorrenza Scadenza economica normativa Rinnovo economico Unionchimica-Confapi, Filcem-Cgil, Femca-Cisl, Uilcem-Uil 7.2.2009..200 3.2.202 3.2.202 26.7.200

Dettagli

REGOLAMENTO ASTER ENTE DI ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DALLE AZIENDE DEL COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI -

REGOLAMENTO ASTER ENTE DI ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DALLE AZIENDE DEL COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI - REGOLAMENTO ASTER ENTE DI ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DALLE AZIENDE DEL COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI - Art. 1 Finalità Il presente regolamento disciplina l iscrizione e la contribuzione

Dettagli

REGOLAMENTO ASTER ENTE DI ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DALLE AZIENDE DEL COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI -

REGOLAMENTO ASTER ENTE DI ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DALLE AZIENDE DEL COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI - REGOLAMENTO ASTER ENTE DI ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DALLE AZIENDE DEL COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI - Art. 1 Finalità Il presente regolamento disciplina l iscrizione e la contribuzione

Dettagli

Le spettanze di una collaboratrice familiare a ore (inferiori a 25 h settimanali)

Le spettanze di una collaboratrice familiare a ore (inferiori a 25 h settimanali) Le spettanze di una collaboratrice familiare a ore (inferiori a 25 h settimanali) Minimi contrattuali in vigore dal 1/1/2016 al 31/12/2016 Livello Profilo Tabella A C Non Conviventi Paga Oraria A Colf

Dettagli

Incentivi alle assunzioni

Incentivi alle assunzioni Incentivi alle assunzioni Principali incentivi alle assunzioni Esonero contributivo Legge Stabilità 2015 Bonus Garanzia Giovani Incentivo donne e over 50 Incentivo iscritti liste mobilità indennizzata

Dettagli

TUTELE PER I LAVORATORI DOMESTICI

TUTELE PER I LAVORATORI DOMESTICI TUTELE PER I LAVORATORI DOMESTICI Sono quei lavoratori che prestano la loro attività esclusivamente per le necessità familiari del datore di lavoro e del suo nucleo familiare. Rientrano in questa categoria:

Dettagli

PROGRAMMA. CORSO IN PAGHE E CONTRIBUTI La Teoria. CAPITOLO I: Il nuovo collocamento e la costruzione del rapporto di lavoro

PROGRAMMA. CORSO IN PAGHE E CONTRIBUTI La Teoria. CAPITOLO I: Il nuovo collocamento e la costruzione del rapporto di lavoro PROGRAMMA CORSO IN PAGHE E CONTRIBUTI La Teoria CAPITOLO I: Il nuovo collocamento e la costruzione del rapporto di lavoro 1. Collocamento ordinario 2. Collocamento obbligatorio 3. Adempimenti collegati

Dettagli

LA BUSTA PAGA. ODPF Istituto Santachiara Centro di Formazione Professionale Stradella

LA BUSTA PAGA. ODPF Istituto Santachiara Centro di Formazione Professionale Stradella ODPF Istituto Santachiara Centro di Formazione Professionale Stradella Corso: 2^ Operatore dei servizi all impresa Materia: Tecnica ed Economia Aziendale LA BUSTA PAGA ANNO FORMATIVO 2012/2013 La busta

Dettagli

Le spettanze di una collaboratrice familiare a ore

Le spettanze di una collaboratrice familiare a ore Le spettanze di una collaboratrice familiare a ore Minimi contrattuali in vigore dal 1/1/2015 al 31/12/2015 Livello Profilo Tabella A C Non Conviventi Paga Oraria A Colf senza esperienza 4,51 A Super Baby

Dettagli

LE TREDICESIME DEL 2009 * * * effetto degli ammortizzatori sociali attivati dalle aziende a seguito della crisi mondiale.

LE TREDICESIME DEL 2009 * * * effetto degli ammortizzatori sociali attivati dalle aziende a seguito della crisi mondiale. Roma, 21 dicembre 2009 LE TREDICESIME DEL 2009 * * * Nelle famiglie stanno per arrivare le tredicesime, un flusso di danaro che sempre di più verrà utilizzato per soddisfare bisogni primari a discapito

Dettagli

A relazione del Presidente Chiamparino:

A relazione del Presidente Chiamparino: REGIONE PIEMONTE BU28 10/07/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 20 giugno 2014, n. 1-1 Conferimento incarico di portavoce del Presidente della Giunta regionale alla dottoressa Alessandra Perera,

Dettagli

Alimentari Panificatori(Artigianato)

Alimentari Panificatori(Artigianato) Alimentari Panificatori(Artigianato) SCHEDA DI SINTESI DEL CCNL Scadenza Parti contraenti Stipula Decorrenza Rinnovo economica normativa economico Confartigianato Alimentazione Cna Alimentare, Casartigiani,

Dettagli

ORARIO DI LAVORO. L orario di lavoro giornaliero è fissato in 7 ore e 30 minuti, secondo i seguenti nastri orari:

ORARIO DI LAVORO. L orario di lavoro giornaliero è fissato in 7 ore e 30 minuti, secondo i seguenti nastri orari: L ORARIO DI LAVORO IN INTESASANPAOLO Aggiornamento al 5 Aprile 2013 0 ORARIO DI LAVORO Orario di lavoro giornaliero e settimanale L orario di lavoro giornaliero è fissato in 7 ore e 30 minuti, secondo

Dettagli

)2*/,2&21',=,21, $33$/72 3(5 / $)),'$0(172 '(/ 6(59,=,2 ', 6200,1,675$=,21( ', /$9252 $ 7(50,1(

)2*/,2&21',=,21, $33$/72 3(5 / $)),'$0(172 '(/ 6(59,=,2 ', 6200,1,675$=,21( ', /$9252 $ 7(50,1( )2*/,2&21',=,21, $33$/72 3(5 / $)),'$0(172 '(/ 6(59,=,2 ', 6200,1,675$=,21( ', /$9252 $ 7(50,1( ART.1 OGGETTO Il presente appalto ha ad oggetto il servizio di somministrazione di lavoratori a termine,

Dettagli

di Massimo Brisciani Risorse Umane >> Amministrazione del personale

di Massimo Brisciani Risorse Umane >> Amministrazione del personale IL METODO DEL COSTO STANDARD di Massimo Brisciani Risorse Umane >> Amministrazione del personale Il datore di lavoro ha necessità di conoscere in via preventiva quale sarà il costo del personale che occupa

Dettagli

IMPORTO GIORNI x RETRIBUZIONE x COEFFICIENTE x ORE MEDIA RIMBORSO INDENNIZZABILI ORARIA FASCIA GIORNALIERA

IMPORTO GIORNI x RETRIBUZIONE x COEFFICIENTE x ORE MEDIA RIMBORSO INDENNIZZABILI ORARIA FASCIA GIORNALIERA INTEGRAZIONE MALATTIA, INFORTUNIO E MALATTIA PROFESSIONALE CONTROLLI CASSA EDILE, ALIQUOTE PER CALCOLO INTEGRAZIONE E GESTIONE EVENTI NEL MUT IN VIGORE DALLE DENUNCE MUT DEL MESE DI GIUGNO 2012 (INTEGRATIVO

Dettagli

CASSA EDILE DI MUTUALTA ED ASSISTENZA DELLA PROVINCIA DI NUORO. regolamento prestazioni

CASSA EDILE DI MUTUALTA ED ASSISTENZA DELLA PROVINCIA DI NUORO. regolamento prestazioni CASSA EDILE DI MUTUALTA ED ASSISTENZA DELLA PROVINCIA DI NUORO regolamento prestazioni 9 10 DIRITTO ALLE PRESTAZIONI Hanno diritto alle prestazioni della Cassa Edile di Nuoro gli operai dipendenti di imprese

Dettagli

PART TIME. Part time. da 5 a 8 1 da 9 a 11 2 da 12 a 16 3 da 17 a 22 4 5, comunque non oltre il 20% del personale a tempo indeterminato assegnato

PART TIME. Part time. da 5 a 8 1 da 9 a 11 2 da 12 a 16 3 da 17 a 22 4 5, comunque non oltre il 20% del personale a tempo indeterminato assegnato PART TIME NOZIONI GENERALI 1 L avvio del contratto a part time avviene con la firma del nuovo contratto di lavoro presso la Direzione provinciale del Lavoro. Il part time può essere: a tempo determinato

Dettagli

IL RINNOVO DEL 9 LUGLIO TUTTE LE NOVITÀ

IL RINNOVO DEL 9 LUGLIO TUTTE LE NOVITÀ IL RINNOVO DEL 9 LUGLIO TUTTE LE NOVITÀ Il rinnovo del ccnl 28 maggio 2012 sottoscritto in data 9 luglio 2015, contiene novità di rilievo, come si illustra di seguito. DECORRENZA E DURATA (Art. 203) Il

Dettagli

Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro per i dipendenti da istituti di vigilanza privata

Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro per i dipendenti da istituti di vigilanza privata Normal 0 14 CCNL 02.05.2006 Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro per i dipendenti da istituti di vigilanza privata Epigrafe Scadenze contrattuali Verbale di stipula Testo del C.C.N.L. - Premessa Art.

Dettagli

RINNOVO DEL CCNL LOGISTICA, TRASPORTO E SPEDIZIONE

RINNOVO DEL CCNL LOGISTICA, TRASPORTO E SPEDIZIONE RINNOVO DEL CCNL LOGISTICA, TRASPORTO E SPEDIZIONE In data 1 agosto 2013 è stato rinnovato il CCNL, scaduto il 31 dicembre 2012. Sul piano economico, l Accordo prevede, per il triennio 2013-2015, un aumento

Dettagli

Sintesi degli accordi. (*) Esclusi i comparti Autotrasporto merci e logistica, Edilizia e Servizi di pulizia, che non hanno rinnovato.

Sintesi degli accordi. (*) Esclusi i comparti Autotrasporto merci e logistica, Edilizia e Servizi di pulizia, che non hanno rinnovato. Settore Artigiano Accordo interconfederale - 15 dicembre 2009 Accordi - 15 dicembre 2009 Retribuzioni contrattuali dal 1º gennaio 2010 e bilateralità â Parti stipulanti: Confartigianato Imprese, Cna, Casartigiani

Dettagli

L INDENNITÀ ORDINARIA DI DISOCCUPAZIONE CON I REQUISITI NORMALI

L INDENNITÀ ORDINARIA DI DISOCCUPAZIONE CON I REQUISITI NORMALI L INDENNITÀ ORDINARIA DI DISOCCUPAZIONE CON I REQUISITI NORMALI Che cos è È una prestazione a sostegno del reddito concessa a quei lavoratori che vengono a trovarsi senza lavoro, quindi senza retribuzione,

Dettagli

LOGISTICA, TRASPORTO MERCI E SPEDIZIONE

LOGISTICA, TRASPORTO MERCI E SPEDIZIONE LOGISTICA, TRASPORTO MERCI E SPEDIZIONE 2 a Edizione Fotocopie per uso personale del lettore possono essere effettuate nei limiti del 15% di ciascun volume/fascicolo di periodico dietro pagamento alla

Dettagli

Rinnovo del CCNL per i dipendenti da aziende del terziario della distribuzione e dei servizi.

Rinnovo del CCNL per i dipendenti da aziende del terziario della distribuzione e dei servizi. Circolare n.3/2011 Rinnovo del CCNL per i dipendenti da aziende del terziario della distribuzione e dei servizi. Il 6 aprile 2011 la Confcommercio insieme alla Fisascat Cisl e la Uiltucs Uil ha sottoscritto

Dettagli

Fonti normative...pag. 10 Il contratto collettivo di categoria...» 10 Sfera di applicazione...» 10 Decorrenza e durata...» 11

Fonti normative...pag. 10 Il contratto collettivo di categoria...» 10 Sfera di applicazione...» 10 Decorrenza e durata...» 11 INDICE Sezione Prima - ASPETTI CONTRATTUALI Fonti normative...pag. 10 Il contratto collettivo di categoria...» 10 Sfera di applicazione...» 10 Decorrenza e durata...» 11 Le caratteristiche dei lavoratori

Dettagli

CONTRATTI DI LAVORO TIPOLOGIE E DIFFERENZE

CONTRATTI DI LAVORO TIPOLOGIE E DIFFERENZE CONTRATTI DI LAVORO TIPOLOGIE E DIFFERENZE COS È? Il contratto individuale di lavoro è un accordo tra un datore di lavoro (impresa individuale, società, associazione, studio professionale, etc.) ed un

Dettagli

Il Calcolo dei contributi:

Il Calcolo dei contributi: Il Calcolo dei contributi: Tabella di calcolo dei contributi La La utile al calcolo del TFR La quota di TFR da versare al Fondo Cometa La tredicesima e la quattordicesima mensilità Il caso di cassa integrazione

Dettagli

Circolare Informativa n 3/2013. Riduzione intervalli temporali nei contratti a termine

Circolare Informativa n 3/2013. Riduzione intervalli temporali nei contratti a termine Circolare Informativa n 3/2013 Riduzione intervalli temporali nei contratti a termine e-mail: info@cafassoefigli.it - www.cafassoefigli.it Pagina 1 di 10 INDICE Premessa pag.3 1) CCNL Turismo: Accordi

Dettagli

a cura dell Ufficio Lavoro e Relazioni Sindacali CCNL Servizi di Pulizia del 18 settembre 2014, le principali novità sul rinnovo del contratto

a cura dell Ufficio Lavoro e Relazioni Sindacali CCNL Servizi di Pulizia del 18 settembre 2014, le principali novità sul rinnovo del contratto a cura dell Ufficio Lavoro e Relazioni Sindacali Udine, 24 novembre 2014 CCNL Servizi di Pulizia del 18 settembre 2014, le principali novità sul rinnovo del contratto Il 18 settembre 2014 è stato sottoscritto

Dettagli

Ipotesi di accordo per il nuovo CCNL A.S.SO.FARM. del 22 luglio 2013. Roma, 31 luglio 2013

Ipotesi di accordo per il nuovo CCNL A.S.SO.FARM. del 22 luglio 2013. Roma, 31 luglio 2013 Ipotesi di accordo per il nuovo CCNL A.S.SO.FARM. del 22 luglio 2013 Roma, 31 luglio 2013 1. Un nuovo contratto L accordo in oggetto (pur garantendo una continuità economica con il precedente CCNL a mezzo

Dettagli

ALESSIO BERTAGNIN & ASSOCIATI s.a.s. Società tra Professionisti

ALESSIO BERTAGNIN & ASSOCIATI s.a.s. Società tra Professionisti Padova, 4 gennaio 2013 IMPORTANTE!!! Alla Spett.le Clientela CCNL Metalmeccanici Industria Oggetto: rinnovo CCNL - Ipotesi di Accordo di rinnovo del 5 dicembre 2012. In data 5 dicembre 2012, FEDERMECCANICA

Dettagli

Prot. n. 124092/50/IV/7.4.6 Palermo, 28.08.2008

Prot. n. 124092/50/IV/7.4.6 Palermo, 28.08.2008 REPUBBLICA ITALIANA CODICE FISCALE 80012000826 PARTITA I.V.A. 02711070827 DIPARTIMENTO REGIONALE DEL PERSONALE, DEI SERVIZI GENERALI, DI QUIESCENZA, PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEL PERSONALE AREA INTERDIPARTIMENTALE

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO 1. IL CONTRATTO DI APPRENDISTATO IN ITALIA L'apprendistato ha assunto in Italia un ruolo centrale nelle politiche occupazionali e nel quadro degli interventi formativi, rappresentando

Dettagli

CORSO CONFEDERALE LA BUSTA PAGA A

CORSO CONFEDERALE LA BUSTA PAGA A CGIL CORSO CONFEDERALE LA BUSTA PAGA A cura di: Staff Formazione Ufficio Vertenze Confederale CGIL LIGURIA Versione integrale 1 2 LE LEGGI DELLO STATO ED I CONTRATTI DI LAVORO DETTANO LE NORME CHE DISCIPLINANO

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

REGOLAMENTO. Indice. Disposizioni generali

REGOLAMENTO. Indice. Disposizioni generali REGOLAMENTO Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento. Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione. Art. 3 Decorrenza delle prestazioni. Art. 4 Contribuzione. Art. 5 Modalità

Dettagli

REGOLAMENTO. Fondo mètasalute

REGOLAMENTO. Fondo mètasalute REGOLAMENTO Fondo mètasalute 1 DISPOSIZIONI GENERALI Il presente regolamento disciplina il funzionamento di mètasalute, il Fondo di assistenza sanitaria integrativa per i lavoratori dell industria metalmeccanica

Dettagli

ALLEGATO 1 IPOST PARTE C

ALLEGATO 1 IPOST PARTE C ALLEGATO 1 PARTE C Dati previdenziali IPOST I dati previdenziali devono essere certificati dalla Società Poste Italiane S.p.A., dalle società ad essa collegate e dall IPOST per il personale iscritto al

Dettagli

Circolare Informativa n 1/2014. Scadenze CCNL DICEMBRE 2013

Circolare Informativa n 1/2014. Scadenze CCNL DICEMBRE 2013 Circolare Informativa n 1/2014 Scadenze CCNL DICEMBRE 2013 Pagina 1 di 12 INDICE 1) Alimentari PMI pag. 3 2) Area Alimentazione e panificazione pag.6 3) Autorimesse e noleggio automezzi pag.8 4) Carta

Dettagli

CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA 05/02/09 CIG ORDINARIA 1

CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA 05/02/09 CIG ORDINARIA 1 CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA 05/02/09 CIG ORDINARIA 1 CAMPO DI APPLICAZIONE C. I. G. AZIENDE SOGGETTE ALLA NORMATIVA Aziende Industriali Industria Edile e Lapidei Artigianato Edile e Lapidei Imprese

Dettagli

OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro

OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro LINEA DI PRODOTTO PREVIDENZA PA OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro Nei giorni scorsi è stato varato dal Governo il disegno di legge recante disposizioni in materia di

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 6 II) SCRITTURE DI GESTIONE E) SCRITTURE RELATIVE AL LAVORO DIPENDENTE 14 novembre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 E. Scritture relative

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER I DIPENDENTI DI STUDI PROFESSIONALI CONTABILI

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER I DIPENDENTI DI STUDI PROFESSIONALI CONTABILI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER I DIPENDENTI DI STUDI PROFESSIONALI CONTABILI Premessa La LAIT, di concerto con la CONFTERZIARIO e d intesa con le controparti sindacali, ha promosso il presente

Dettagli

www.asarva.org guida pratica alle agevolazioni alle assunzioni In vigore al gennaio 2015 CONFARTIGIANATO IMPRESE VARESE

www.asarva.org guida pratica alle agevolazioni alle assunzioni In vigore al gennaio 2015 CONFARTIGIANATO IMPRESE VARESE www.asarva.org guida pratica alle agevolazioni alle assunzioni In vigore al gennaio 2015 In appendice al Convegno: Jobs Act del 4 marzo 2015 Gli incentivi alle assunzioni» INCENTIVO: Esonero Triennale

Dettagli

BLOCK NOTES SUPPLEMENTO INFORMATIVO DI FABI UNINFORM PER GLI ISCRITTI FABI UNICREDIT

BLOCK NOTES SUPPLEMENTO INFORMATIVO DI FABI UNINFORM PER GLI ISCRITTI FABI UNICREDIT BLOCK NOTES SUPPLEMENTO INFORMATIVO DI FABI UNINFORM PER GLI ISCRITTI FABI UNICREDIT Ultimo aggiornamento Febbario 2011 17 SOMMARIO 1 Premessa... 3 2 Inquadramento... 3 3 Durata...4 4 Tipologia... 4 5

Dettagli

AZIENDA SPECIALE TORINO INCONTRA Regolamento della gestione organizzativa e del personale

AZIENDA SPECIALE TORINO INCONTRA Regolamento della gestione organizzativa e del personale AZIENDA SPECIALE TORINO INCONTRA Regolamento della gestione organizzativa e del personale Articolo 1 Orario di lavoro 1. L orario normale di lavoro è di 40 ore settimanali corrispondenti a 8 ore al giorno

Dettagli

DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE.

DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI PRINCIPIO 1. Le presente direttive vengono adottate al

Dettagli

IL LAVORO NEL TURISMO

IL LAVORO NEL TURISMO IL LAVORO NEL TURISMO Recenti interventi normativi e prospettive per il settore Castelfranco Veneto, 20 febbraio 2012 Area Relazioni Sindacali, Previdenziali e Formazione Tempo Determinato Maggiore costo

Dettagli

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE E il momento di scegliere A cura della Struttura di Comparto Scuola non statale DESTINARE IL TFR COS E IL TFR? Il trattamento di fine rapporto (anche conosciuto come liquidazione

Dettagli

A tutte le imprese associate e alle Associazioni Territoriali. OGGETTO: Rinnovo del CCNL per i lavoratori addetti all industria delle Calzature

A tutte le imprese associate e alle Associazioni Territoriali. OGGETTO: Rinnovo del CCNL per i lavoratori addetti all industria delle Calzature Milano, 10 dicembre 2013 A tutte le imprese associate e alle Associazioni Territoriali OGGETTO: Rinnovo del CCNL per i lavoratori addetti all industria delle Calzature Si informa che in data 29 novembre

Dettagli

ACCORDO DI RINNOVO 5 DICEMBRE 2012

ACCORDO DI RINNOVO 5 DICEMBRE 2012 ACCORDO DI RINNOVO 5 DICEMBRE 2012 MINIMI ED ALTRI ISTITUTI ECONOMICI 130 euro al 5 livello; 112 euro al 3 livello; 132 euro in media Tranche: 1/1/ 13 35 euro; 1/1/ 14 45 euro; 1/1/ 15 50 euro Conglobamento

Dettagli

JOBS ACT: IL RIORDINO DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E LA NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI NEL DECRETO 81/2015

JOBS ACT: IL RIORDINO DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E LA NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI NEL DECRETO 81/2015 JOBS ACT: IL RIORDINO DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E LA NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI NEL DECRETO 81/2015 Brescia, 22 luglio2015 Relatore: dott. Massimo Brisciani ARGOMENTI P A R T - T I M E 3 A P P

Dettagli

Massimo De Luca LAVORO DOMESTICO

Massimo De Luca LAVORO DOMESTICO Massimo De Luca LAVORO DOMESTICO Fotocopie per uso personale del lettore possono essere effettuate nei limiti del 15% di ciascun volume/fascicolo di periodico dietro pagamento alla SIAE del compenso previsto

Dettagli

La retribuzione globale annua di cui al presente articolo viene erogata in 14 (quattordici) mensilità

La retribuzione globale annua di cui al presente articolo viene erogata in 14 (quattordici) mensilità TITOLO XXX Trattamento economico Articolo 7 NORMALE RETRIBUZIONE La normale retribuzione del lavoratore è costituita dalle voci sotto indicate alle lettere a), b), c) e d), nonché da tutti gli altri elementi

Dettagli

6. CONTABILITA GENERALE

6. CONTABILITA GENERALE 6. CONTABILITA GENERALE SCRITTURE DI GESTIONE SCRITTURE RELATIVE AL LAVORO DIPENDENTE 1 E. Scritture relative al lavoro dipendente Definizione Il lavoro rappresenta un fattore della produzione che contabilmente

Dettagli

DIRITTI DEL LAVORATORE

DIRITTI DEL LAVORATORE DIRITTI DEL LAVORATORE LA RETRIBUZIONE; IL DIRITTO ALLA SALUTE; LE NORME DI IGIENE E SICUREZZA SUL LAVORO; LE FERIE E I RIPOSI; IL DIVIETO DI LICENZIAMENTO PER MATERNITÀ O PER MATRIMONIO; IL PRINCIPIO

Dettagli

Diventerò genitore. Istruzioni per l uso

Diventerò genitore. Istruzioni per l uso Diventerò genitore Istruzioni per l uso 1 Diventare genitore Tutela della salute della donna e del bambino è un grande evento, e ti esprimiamo tutte le nostre più vive congratulazioni. La tutela riconosciuta

Dettagli

NORME DI ATTUAZIONE DEL PROTOCOLLO DEL 23 LUGLIO 2007

NORME DI ATTUAZIONE DEL PROTOCOLLO DEL 23 LUGLIO 2007 NORME DI ATTUAZIONE DEL PROTOCOLLO DEL 23 LUGLIO 2007 Legge 247 del 24 dicembre 2007 Sommario LAVORO E AMMORTIZZATORI SOCIALI 1. Indennità di disoccupazione ordinaria e con requisiti ridotti. 2. Lavoro

Dettagli

a cura dell Ufficio Lavoro e Relazioni Sindacali

a cura dell Ufficio Lavoro e Relazioni Sindacali a cura dell Ufficio Lavoro e Relazioni Sindacali Udine, 13 agosto 2014 CCNL Area Tessile-Moda, il 25 luglio 2014 sottoscritto il rinnovo del contratto (per i settori TAC, pulitintolavanderia e occhialeria)

Dettagli

Il giorno 24 luglio 2008, in Roma. tra. Premesso che

Il giorno 24 luglio 2008, in Roma. tra. Premesso che ACCORDO PER IL PASSAGGIO DEI QUADRI DIRETTIVI E DEL PERSONALE DELLE AREE PROFESSIONALI DELLA CASSA DEPOSIT I E PRESTITI SOCIETÀ PER AZIONI AL CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER I QUADRI DIRETTIVI

Dettagli

Il Trattamento di Fine Rapporto

Il Trattamento di Fine Rapporto Il Trattamento di Fine Rapporto Principi generali La Tassazione 1 Nozione di T.f.r. Riferimenti normativi Soggetti beneficiari Base imponibile Retribuzione Utile Periodi Utili Accantonamento Rivalutazione

Dettagli

C.C.N.L. 14-04-2011 Contratto collettivo nazionale di lavoro per i dipendenti del gruppo Poste italiane S.p.a.

C.C.N.L. 14-04-2011 Contratto collettivo nazionale di lavoro per i dipendenti del gruppo Poste italiane S.p.a. C.C.N.L. 14-04-2011 Contratto collettivo nazionale di lavoro per i dipendenti del gruppo Poste italiane S.p.a. Epigrafe Scadenze contrattuali Verbale di stipula Testo del C.C.N.L. Sfera di applicazione

Dettagli

Gas-acqua - Rinnovo del c.c.n.l.

Gas-acqua - Rinnovo del c.c.n.l. Gas-acqua - Rinnovo del c.c.n.l. Con l'ipotesi di accordo 14 gennaio 2014 le Parti stipulanti (Anfida, Anigas, Assogas, Confindustria Energia, Federestrattiva, Federutility con Filctem-Cgil, Femca-Cisl,

Dettagli

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa Apprendistato di alta formazione e ricerca Guida informativa Cos è l apprendistato di alta formazione e di ricerca Il contratto di apprendistato per il conseguimento di un diploma di istruzione secondaria

Dettagli