CHE COS E LO STOICISMO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CHE COS E LO STOICISMO"

Transcript

1 CHE COS E LO STOICISMO La Scuola stoica Le origini dello stoicismo risalgono all inizio del III secolo a.c., quando un fenicio, Zenone di Cizio ( a.c.), dopo aver frequentato ad Atene filosofi accademici, megarici e cinici, fondò una propria scuola, la Stoà, della quale abbiamo poche notizie storicamente attestate, ma che ebbe tuttavia un considerevole successo, tanto da darsi un organizzazione. stabile e da divenire presto una tra le più importanti istituzioni culturali di Atene, soprattutto con i successori di Zenone. Il nome della scuola deriva da Stoà poikìle, che significa portico dipinto, ed era il luogo presso cui i filosofi stoici tenevano le loro lezioni; presto il portico, che era nel cuore di Atene, su uno dei lati dell agorà, divenne il simbolo della scuola. Con il tempo lo stoicismo divenne una delle dottrine fondamentali per la vita culturale dell Ellenismo e quando Roma conquistò la Grecia finì con il diventare l orientamento filosofico prevalente del ceto colto romano. Nel I e nel II secolo d.c., inoltre, l ideale di vita stoico fu adottato da una parte consistente del ceto dirigente romano sotto l Impero, per essere posto ai margini, e in seguito abbandonato, soltanto con l imporsi del cristianesimo, che tuttavia in parte ne subì l influsso. Come l epicureismo e diverse altre scuole ellenistiche, lo stoicismo è innanzitutto una pratica spirituale e una concezione del mondo: fornisce a chi segue i precetti della scuola un orientamento razionale per la propria vita mediante una visione scientifica del cosmo e una definizione dei valori essenziali. Vale quindi per lo stoicismo quanto abbiamo detto per l epicureismo: la filosofia è, insieme, discorso razionale sul mondo della natura e sull uomo e guida per condurre la propria vita secondo saggezza. Lo schema riportato nella pagina a fianco sintetizza i momenti fondamentali della vita della scuola lungo il corso di cinque secoli. A differenza dell epicureismo, i singoli filosofi stoici hanno condotto ricerche originali, dando interpretazioni personali dei principi di base della scuola. Mentre quindi la filosofia di Epicuro e l epicureismo coincidono quasi completamente, lo stoicismo ha dato vita a percorsi filosofici differenziati. In questo capitolo studieremo i principi fondamentali della scuola e mostreremo le vie seguite da alcune delle maggiori personalità attraverso i brani proposti nell Antologia. Ricordiamo che dei testi dell Antica e Media Stoà ci rimane molto poco, a fronte di una produzione che sappiamo essere stata immensa. ANTICA STOÀ Atene, III secolo a.c. Zenone In principio, il circolo di Zenone di Cizio ( a.c.), che si raccoglieva presso la Stoà poikìle, costituì più che una scuola una libera comunità spirituale. Con il tempo, però, Zenone fu circondato da numerosi seguaci. Cleante Cleante (304 ca.-232 a.c.) conservò viva l eredità di Zenone. Fu uno spirito profondamente religioso. Durante i trent anni della sua permanenza come scolarca della Stoà ricevette ovunque consensi e attestazioni di stima; tuttavia, proprio in questo periodo, la Stoà dovette affrontare una grave crisi a causa delle divergenze che si crearono al suo interno e che provocarono frequenti scissioni. Crisippo La scuola ricostituì la sua unità con Crisippo (281 ca.-204 a.c.), il successore di Cleante. Grazie alla vivacità del suo ingegno e alla sua straordinaria dialettica ebbe un grande successo, tanto che già i contemporanei dicevano di lui: «Se non ci fosse Crisippo, non ci sarebbe la Stoà». MEDIA STOÀ Atene e Roma, II-I secolo a.c. Panezio Il primo caposcuola della Media Stoà fu Panezio di Rodi (185 ca.-110 a.c.). Visse a Roma, dove fu in contatto con il circolo degli Scipioni, e in Oriente. Tornato ad Atene nel 129 assunse la direzione della Stoà. La sua originale personalità diede una svolta alla scuola, che assunse un orientamento eclettico adatto alle esigenze della società romana del tempo. Posidonio Posidonio di Apamea ( a.c.) intraprese numerosi viaggi, studiando sia gli aspetti storico-culturali sia quelli prettamente naturalistici di ogni luogo visitato. Tenne scuola a Rodi. Fu un grande ricercatore e si occupò di molte discipline scientifiche e storiche: geologia, matematica, storia, etnologia, astronomia e psicologia. Proseguì l indirizzo eclettico impresso allo stoicismo da Panezio. NUOVA STOÀ Roma, I-II secolo d.c. Seneca Personalità politica di rilievo, Seneca(4 a.c.-65 d.c.) è il primo rappresentante della Nuova Stoà a Roma. Concentrò la sua attenzione sull uomo, e ancora di più sulla propria coscienza, cercando di incarnare la figura ideale del saggio. Epitteto

2 Nato schiavo, poi liberato, Epitteto (50 ca.-138 d.c.) è il primo stoico che, mosso dall esperienza personale, parla di una vera e propria uguaglianza degli uomini, in quanto aventi tutti in sé la stessa scintilla divina. Epitteto sostenne con estremo rigore i principi più ortodossi della Stoà, evitando però di delineare in termini astratti la figura del saggio perfetto. Marco Aurelio Imperatore, Marco Aurelio Antonino( d.c.) condusse una vita semplice, il più possibile lontana dalle passioni, e cercò di adempiere degnamente e con umanità al proprio compito. Scrisse un celebre libro di meditazioni, ispirate ai principi dello stoicismo: i Ricordi. L enciclopedia delle scienze filosofiche Quanto esporremo diffusamente e analiticamente in questo capitolo è sinteticamente racchiuso in due tesi, che rappresentano i principi fondamentali dello stoicismo: la natura è un Tutto, ordinato e unitario, governato da una razionalità interna che la mente dell uomo è in grado di comprendere; la vita dell uomo è tanto più saggia quanto più segue l ordine razionale della natura, di cui egli stesso è parte. Ciò avviene secondo natura, e nulla è male di quanto avviene secondo natura. MARCO AURELIO, Ricordi Come per gli epicurei, anche per gli stoici il discorso filosofico, l interpretazione teorica del mondo secondo verità, è indispensabile al fine di guidare l uomo verso una vita condotta con saggezza e virtù, dunque libera e felice: siccome una vita libera è una vita secondo natura, è indispensabile descrivere teoricamente la natura delle cose e la natura dell uomo come basi per l azione. Nelle pagine successive esporremo dunque la dottrina della Stoà seguendo la partizione data dagli stoici nelle loro scuole, che articolavano l enciclopedia del sapere filosofico in: 1. fisica 2. logica 3. etica secondo la partizione che era stata proposta dall epicureismo e che nel corso del periodo ellenistico divenne canonica. Il saggio stoico, come vedremo trattando dell etica, utilizzava il discorso filosofico nella sua interezza, ispirandosi a esso per le scelte quotidiane, mentre la partizione tra le discipline filosofiche aveva un senso per la scuola ed era legato alla necessità di progredire gradualmente nell apprendimento e nella meditazione dei principi della dottrina. L oggetto della filosofia stoica, come avremo modo di vedere, è però unitario e si identifica con la natura profonda del Tutto, di cui ogni cosa, compreso l uomo, è parte e manifestazione. La fisica L obiettivo della ricerca fisica degli stoici è lo stesso di quello dei primi filosofi ionici, di Democrito, Anassagora e poi di Aristotele: studiare la phj7sis al fine di comprenderne l origine e le leggi. La fisica stoica si muove così sulla linea della ricerca ionica che, tra Eraclito e Anassagora, ha concepito il cosmo come un Tutto ordinato e governato secondo una legge razionale: il Lògos eracliteo, il Notis di Anassagora. Nel portare avanti queste antiche intuizioni la ricerca stoica poteva contare, nel III secolo a.c., su un tessuto di osservazioni e di studi ormai molto avanzati. Si tenga presente che Zenone e i suoi successori avevano a disposizione l enorme massa di conoscenze raccolte ed elaborate dalle ricerche naturalistiche di Democrito, di Aristotele, della scienza ellenistica allora nel pieno della sua prima fioritura. Il risultato cui pervengono gli stoici è una nuova concezione del Légos come principio regolatore dell universo fisico, in grado di accordarsi con l esperienza e di rendere conto dei progressi della ricerca naturalistica sperimentale. La dottrina del Lògos 2

3 Secondo gli stoici la sfera del pensiero non può avere una realtà indipendente dalla materia, così come pensavano Platone, con la teoria delle idee, e in forma molto diversa lo stesso Aristotele, con la concezione di Dio come «pensiero di pensiero». Il cosmo stoico è unitario: la Ragione universale, il Lògos, permea fisicamente tutta la realtà dell universo come una forza interna e vivifica la materia dandole movimento ed energia; non è concepito come un intelletto separato, una Mente diversa dalla materia, ma come una forza interna al cosmo. Da questa concezione derivano una serie di teorie che l indagine dei vari filosofi stoici arricchirà, ma che rimarranno pressoché costanti nei cinque secoli di vita della scuola: 1. il cosmo è intimamente razionale: la leggibilità del mondo per l intelletto umano è garantita dal fatto che la nostra mente trova in esso lo specchio di se stessa; il Lògos dell uomo, in quanto ragione discorsiva, è espressione del Lògos universale che governa dall interno il mondo; 2. il cosmo è dunque buono, in quanto espressione perfetta e immutabile della razionalità del Tutto; soltanto dalla prospettiva limitata dell uomo la realtà può apparire imperfetta, perché solo a fatica l uomo riesce a comprendere le ragioni che governano gli eventi; se l uomo potesse collegare ogni evento alla totalità degli eventi, comprenderebbe l universo e ne coglierebbe la bellezza e la bontà; la scoperta delle leggi fisiche conferma quest idea, mostrando l ordine immutabile della natura; 3. il cosmo è unitario, legato in ogni sua parte dalla forza cosmica del Lògos; ogni evento singolare e locale è espressione del Tutto, nessuna cosa è isolata, una rete di rimandi lega il mondo; 4. la legge dell immanenza unisce il mondo: la realtà non è composta nè da sostanze individuali, come riteneva Aristotele, nè da particelle elementari, come ritenevano gli atomisti; l universo è un continuo flusso di eventi, l espressione di un unica forza che, con razionalità, si dispiega nella materia e dà vita all orizzonte degli eventi. Per gli stoici le cose stesse sono dunque eventi, momenti passeggeri di un fluire continuo ed eterno, e così è anche per l uomo. Il male che sopraggiunge negli accadimenti terribili ha una ragione (Lògos) sua propria:perché anch esso avviene in certo modo in accordo con la ragione universale, e, per così dire, non è senza utilità in relazione al tutto: senza il male infatti non ci sarebbero i beni. H. VON ARNIM, Stoicorum veterum fragmenta Immanenza Sviluppando un uso invalso nella filosofia moderna, utilizziamo il termine immanenza per designare quelle filosofie che, come lo stoicismo, danno un interpretazione unitaria della realtà: l immanenza descrive il fatto che ogni cosa/evento è connesso con gli altri e nulla esiste al di fuori dell orizzonte spazio-temporale degli eventi; non si danno realtà trascendenti, come il mondo platonico delle idee o il Dio aristotelico, sottratte alle leggi del cosmo materiale. L immanenza presuppone un unità del reale e una legge necessaria che leghi gli eventi. Per questo motivo l epicureismo, che pur non contempla alcun elemento trascendente, non può essere considerato una forma di immanentismo, perché ammette al suo interno un elemento di casualità, il clinamen, e non riconduce tutto il reale a un principio unitario. La dottrina del pnéuma Che cosa sono dunque gli individui? Quali leggi regolano il divenire del Tutto? Il cosmo è concepito dagli stoici come un insieme saldamente unitario, finito e circolare, compatto, legato dalla forza cosmica; non esiste dunque il vuoto all interno del cosmo, ma solo al suo esterno: lo spazio senza materia lo circonda da ogni parte, lo contiene. Il cosmo è uno solo e finito ed è di forma sferica, perché una tal forma è la più adatta al movimento, come afferma Posidonio nel quinto libro della Fisica di Antipatro e i suoi seguaci nell opera Sul cosmo. All esterno del cosmo è diffuso il vuoto infinito che è incorporeo. DIOGENE LAERZIO, Vite dei filosofi 3

4 Il Lògos, che muove e governa questa massa compatta di materia, è concepito come una forza che opera sul mondo dal suo interno: è quindi l energia produttrice della natura, capace di plasmare la materia facendole assumere tutte le forme possibili. Per spiegare questo concetto l antico stoicismo si è richiamato alla nozione di fuoco di Eraclito. Questi, in frammenti di difficile interpretazione, aveva concepito il Lògos come fuoco, forse perché individuava nel calore la sorgente della vita e ammirava nel fuoco l incessante movimento e la forza di trasformazione e purificazione degli elementi. Gli stoici riprendono quest antica concezione e indicano nel soffio vivificatore del fuoco l elemento che plasma la materia. Il termine stoico per indi-carlo è pnéuma, parola che in greco significa letteralmente soffio, e che nei primi filosofi indicava l anima come principio vitale dell uomo. La teoria del pnéuma deriva dall esigenza di interpretare in modo unitario la varietà dei fenomeni naturali. Alcuni storici della filosofia ritengono che possa avere avuto un peso lo studio di fenomeni fisici come le eruzioni, che i greci potevano osservare nei vulcani attivi dell Italia meridionale, come l Etna. Le eruzioni mostrano che sotto la crosta terrestre c è il fuoco vivo e che in particolari condizioni emerge verso la superficie. Lo stesso fuoco gli stoici potevano osservare nei cieli, nel Sole soprattutto, fonte primaria di vita per l universo e, sotto forma di calore, negli esseri viventi, che lo producono al loro interno. Così l origine degli elementi può essere pensata a partire dal fuoco, come accade quando il vulcano erutta polveri, gas, lava, materia infuocata e fluida, che raffreddandosi diviene dura come pietra; dopo la lunga azione del Sole e del vento sulla lava raffreddata, le prime piante possono crescere su di essa, che diventa terreno coltivabile: così dalla materia infuocata ha origine la vita. L espressione pnéuma, soffio vivificatore, richiama anche l esperienza della respirazione, che nel mondo greco è sin dalle origini uno dei simboli della vita animale ed è connessa, anche nella tradizione mitica, con l anima. L universo è dunque concepito come un immensa (ma finita) quantità di materia, permeata dal soffio vitale, che esprime l energia del Lògos. Naturalmente anche l uomo, in quanto parte del grande ciclo della natura, è concepito negli stessi termini: la sua anima è espressione del pnéuma universale. Questa grandiosa visione cosmica accomuna l uomo alla radice stessa della natura e sottolinea i legami, piuttosto che le differenze, tra l individuo e l ambiente, tra l elemento fisico e l elemento spirituale, tra la materia e il pensiero, in sintesi: tra l uomo e il Tutto. Una sola fonte di energia è in ogni cosa. Necessità ed eternità delle leggi di natura In questo contesto si colloca la concezione stoica del tempo. La nozione più comune rappresenta il tempo come un procedere lineare, un flusso continuo che non torna mai su se stesso. Quest idea, legittimata dalla riflessione sull esperienza psicologica dello scorrere del presente, pone tuttavia il problema dell origine e della fine: il tempo ha avuto inizio? C è un termine al suo cammino? Che cosa è avvenuto all origine della physis? Che cosa c era prima? Tra i filosofi precedenti alcuni, come Empedocle, avevano supposto che l intero cosmo seguisse un ciclo vitale. Empedocle pensava allo stato attuale dell universo come a un momento del fluire del tempo in cui l Amore e l Odio si bilanciano, ma pensava anche a due momenti opposti iniziale e finale in cui l uno o l altro, ciclicamente, finisse con il prevalere. Diversa la concezione degli stoici, che considerano la vita dell universo come un ciclico fluire sul fondamento di una concezione circolare del tempo. Secondo la loro dottrina alla fine dei tempi l universo terminerà con una conflagrazione universale e sarà distrutto completamente dal fuoco: questo evento cosmico, chiamato ekpyrosis, incendio, conflagrazione, porrà fine allo stato attuale dell universo. Dopo questo evento però, avrà di nuovo inizio l attività del Lògos che ciclicamente, attraverso il pnéuma, plasma il mondo, vivificando la materia e avviando ancora l opera di formazione della natura. Il fuoco è elemento universale i cui princìpi sono dio e la materia, corporei l uno e l altra. Nel corso dei periodi fatali l universo intero va in fiamme, e quindi s inizia una nuova costituzione mondiale. Il fuoco primordiale è come un seme che ha in sé tutte le ragioni e le cause degli esseri che furono, che sono e che saranno: l intreccio e la serie di esse (ragioni e cause e loro effetti) è il fato, la scienza, la verità, la legge dell esistenza: legge a cui non è dato sottrarsi e sfuggire. E per essa tutto il mondo è governato meravigliosamente, come nel più retto e giusto reggimento statale. H. VON ARNIM, Stoicorum veterum fragmenta 4

5 Il nuovo ciclo è concepito assolutamente identico al precedente, e così all infinito da sempre e per sempre nel Grande Anno, cioè nel periodo di tempo compreso tra il momento della formazione e quello della distruzione del cosmo. La ragione per cui ogni cosa tornerà a essere, in un nuovo mondo, così com era nel precedente, risiede nel fatto che il movimento complessivo del cosmo è regolato dal Lògos che è perfetto e opera ogni volta al meglio, e quindi in maniera identica alla precedente, visto che non ha condizioni esterne che possano influenzarne il corso. Il mondo nella sua forma attuale non è dunque eterno, perché nasce e muore ciclicamente, ma eterna è la sostanza di cui è composto. Gli stoici osservano nella realtà una grande molteplicità di elementi qualitativamente differenti, che si trasformano secondo la loro intima natura: osservano il ciclo vitale che permette alla terra di nutrire le piante, agli animali di cibarsi di elementi vegetali trasformandoli nelle componenti del proprio corpo e così via. Da queste osservazioni traggono la conclusione che l unico Lògos si attua nel mondo differenziandosi in mille forme e trasformandosi nella molteplicità degli elementi fondamentali della natura che chiamano logoi spermatikoi, ragioni seminali. Da questi semi traggono origine, sviluppandosi, tutti gli esseri del mondo, nei quali vive la forza del Lògos. Dopo la conflagrazione universale, l ekpyrosis, il mondo riprende il proprio incessante ciclo attraverso questi elementi, gli anelli intermedi tra l unico Lògos e la molteplicità delle forme della physis, che dall interno plasmano la materia, conferendo a ogni cosa la sua propria natura, destinata a evolversi secondo l intima sua necessità. La logica Nell enciclopedia delle scienze dello stoicismo la logica occupa un posto di grande rilievo ed è propedeutica alle altre discipline. Essa, infatti, studia tanto i processi di dimostrazione della verità quanto i percorsi della conoscenza umana volti alla ricerca della verità. Su questo fondamento il filosofo può costruire la scienza della natura e la conoscenza del bene. Quale premessa allo studio della logica ricordiamo che l intelletto umano è concepito dagli stoici come espressione del Lògos cosmico, come sua manifestazione individuale: allo stesso modo in cui la razionalità governa il cosmo, così la ragione umana deve governare la vita dell uomo. Studiare le regole per pensare bene, cioè secondo verità, è quindi indispensabile se si vuole guidare la propria vita secondo le leggi della razionalità. L origine delle idee La mente dell uomo è concepita come passiva nella fase di ricezione delle informazioni che provengono dal mondo esterno, mentre è considerata attiva nella fase di elaborazione delle impressioni sensibili ritenute nella memoria. Le esperienze sensibili sono nuove solo per il bambino nelle prime fasi dell apprendimento. A mano a mano che avviene la crescita l esperienza si accumula e le nuove informazioni del mondo esterno richiamano alla mente le precedenti, che hanno lasciato la loro traccia nella memoria. Attraverso questo meccanismo mentale si formano le prolessi, cioè le anticipazioni che la mente è in grado di compiere sulla realtà futura: poiché l esperienza passata ha mostrato con costanza determinate associazioni, la mente si attende che un certo evento si verifichi al verificarsi di un altro, come è avvenuto nel passato. L accumularsi delle esperienze permette all uomo di formare le idee, cioè le nozioni comuni, capaci di unificare una grande massa di informazioni sensibili in virtù della loro affinità. Per gli stoici le idee non hanno quindi una natura eterogenea rispetto al mondo materiale, come riteneva Platone, perché l intelletto dell uomo non opera se non in rapporto al mondo di cui è parte. Non esiste dunque una conoscenza puramente intellettiva perché le idee sono gli elementi comuni che la mente astrae dalle esperienze: sono una generalizzazione dei dati dell esperienza, che tutti gli uomini si formano in maniera molto simile, perché identica è la loro mente e la realtà in cui vivono. L assenso e i giudizi di valore La realtà viene rappresentata nella nostra mente attraverso le informazioni sensibili, ma non tutte le rappresentazioni vengono accolte dal légos. Per pensare secondo verità l uomo deve concedere il proprio assenso solo alle rappresentazioni che appaiano evidenti o su cui i dubbi siano stati fugati e così giunge alla rappresentazione catalettica, cioè accolta 5

6 dalla mente. Chi conosce può quindi sospendere il giudizio di verità e procedere a delle verifiche, o può rifiutare il proprio assenso di fronte a un informazione che appaia contraddittoria o equivoca. Il meccanismo dell assenso è di particolare importanza perché dimostra che la mente possiede un autonomia di fronte al mondo esterno, che si rivelerà decisiva in sede etica. Anche l analisi della formazione dei giudizi di valore riveste un ruolo decisivo nella dottrina stoica, perché è sulla base di questi che l uomo compie le proprie scelte pratiche. Quando l uomo dà l assenso a una rappresentazione non lo fa mai in modo neutro rispetto al problema del valore, perché la mente istintivamente riflette sull utilità o sui pericoli legati a quanto accade nel mondo esterno. Così, per ogni rappresentazione, l uomo formula un giudizio di valore guidato dal proprio istinto di conservazione. L abitudine a formare questi giudizi concorre a determinare nell uomo un criterio per la determinazione di ciò che porta alla felicità e di ciò che invece provoca dolore: su questa base egli impara a utilizzare un corretto criterio per distinguere la virtù dal vizio. In sede etica si dovrà tenere conto del fatto che l uomo può raggiungere la saggezza solo se è in grado di formare nella maniera più corretta i giudizi di valore, e quindi andrà posta una cura particolare nel percorso pedagogico che conduce il giovane alla formazione della propria personalità. Zenone non a tutte le immagini dava credito, ma solo a quelle le quali portavano con sé una cena evidenza delle cose rappresentate; un immagine di tale natura quando si considera per sé è il comprensibile [katalépton], ma quando essa sia accolta e approvata, la chiamava comprensione quasi fosse un afferrare la realtà. Questa analogia suggerì il vocabolo di catalessi, mai prima usato da altri, e moltissimi altri, ugualmente nuovi, ne adoperò a esprimere nuovi concetti. Ciò che si comprende attraverso i sensi chiamava senso, e se il senso così saldamente era compreso da non poter essere smosso dalla ragione lo definiva conoscenza, altrimenti ignoranza. Da essa deriva anche l opinione, che è una comprensione mal ferma, la quale ha in sé elementi falsi e ignoti. CICERONE Academica La logica proposizionale Gli stoici, e soprattutto l Antica Stoà, hanno studiato a fondo la dinamica del pensiero umano, conducendo un tipo di analisi non lontana da quella svolta da Aristotele nell Organon, ma con questa differenza: la logica aristotelica è una logica dei termini, delle loro relazioni, del nesso che lega soggetto, copula e predicato; con questa impostazione si costruisce una teoria che segue i processi del pensiero quando risponde alla domanda che cos è? ; è possibile cioè identificare la sostanza delle cose esprimendo il rapporto tra il particolare e l universale; la logica stoica è una logica delle proposizioni, che studia non le sostanze, ma gli eventi, i fatti: gli stoici partono dalla proposizione costituita da soggetto e predicato verbale, perché questa unità descrive la realtà, l accadere di un evento; essi quindi non si pongono la domanda che cos è?, ma che cosa accade?, perché la loro concezione fisica pone come principio di spiegazione del mondo non l essere delle cose (le sostanze di Aristotele), ma quanto accade (gli eventi) nel continuum spazio-temporale che costituisce il Tutto. Una proposizione del tipo Dione cammina esprime l evento del camminare che è sia l oggetto della proposizione sia il contenuto della percezione sensibile che ci fa conoscere la realtà: quel che vediamo non è né soltanto Dione, nè soltanto il camminare, ma Dione che cammina. Obiettivo della logica stoica è allora quello di studiare il significato di una proposizione, al fine di determinare le condizioni in cui è vero oppure falso. Al fine di esemplificare il modo di procedere stoico abbiamo riportato nella tabella qui sotto le cinque forme dell argomentazione (schemi fondamentali di ragionamento) considerate valide, capaci cioè di rispondere alla domanda se il significato di una proposizione è vero o falso. I CINQUE SCHEMI DI RAGIONAMENTO FONDAMENTALI Se il primo, allora il secondo; ma il primo, allora il secondo. Esempio: Se è giorno, allora c è luce; ma è giorno, allora c è luce. Se il primo, allora il secondo; ma non il secondo, allora non il primo. Esempio: Se è giorno, allora c è luce; ma non c è luce, allora non è giorno. Non assieme il primo e il secondo; ma il primo, allora non il secondo. 6

7 Esempio: Non assieme è giorno ed è notte; ma è giorno, allora non è notte. O il primo, o il secondo; ma il primo, allora non il secondo. Esempio: O è giorno, o è notte; ma è giorno, allora non è notte. O il primo, o il secondo; ma non il secondo, allora il primo. Esempio: O è giorno, o è notte; ma non è notte, allora è giorno. L etica Il saggio stoico si rivolge alla filosofia per cercarvi la pace dell anima, il quietarsi delle passioni, la sicurezza degli obiettivi e dei valori; egli sa quello che fa, perché la conoscenza della superiore ragione che domina l universo lo porta a pensare che il Tutto è governato secondo razionalità e bontà: allora la felicità deve essere possibile, in armonia con la natura e con il suo profondo principio razionale. Questo è il messaggio di speranza che lo stoicismo rivolge agli uomini del suo tempo, messaggio raccolto per secoli nei luoghi più diversi, da Roma all Oriente, che avvicina la Scuola stoica a quella epicurea. Rimangono però molto diversi tanto il modo di concepire l ideale del saggio quanto la concezione della natura, a cui entrambe le filosofie rimandano per la comprensione dell uomo. Se il mondo epicureo era dominato dal movimento meccanico e casuale degli atomi, per gli stoici il regno della physis è dominato dalla legge razionale e volta al bene della necessità; essa sfugge al dominio dell uomo, e anzi l uomo stesso ne è assoggettato: da un punto di vista materiale, l individuo è dominato dalla necessità naturale e per sopravvivere deve comportarsi come qualsiasi altro essere vivente, sottomettendosi al ritmo della respirazione, procurandosi il cibo, riparandosi dal freddo e così via. Anche la malattia e il dolore sono eventi della physis, necessari all ordine del Tutto, che colpiscono l uomo. La morte stessa, infine, è propria di ogni vivente e inerisce alla vita stessa, perché questa è un ciclo che ha un termine iscritto nel suo percorso. Questi eventi non dipendono dall uomo e di conseguenza, compiuto tutto quello che umanamente è possibile, il saggio stoico accetta il corso del mondo come razionale, come un dato di fatto che resta al di fuori delle scelte etiche perché è al di fuori del controllo dell uomo. La sfera propria dell etica, su cui si esercita l azione razionale dell uomo e in cui entra in gioco la sua responsabilità, non è questa: è la sfera della realtà che dipende dalle scelte dei singoli e dall opera collettiva; è la sfera delle scelte private e delle scelte pubbliche, del mondo in quanto dipende da noi. Il saggio, tuttavia, sa che tutto avviene nel quadro delle inesorabili leggi di natura, che alla fine prenderanno il sopravvento. L uomo, del resto, può modificare il corso del mondo a suo vantaggio, per esempio attraverso il lavoro e l attività politica, perché egli stesso è un elemento del sistema-universo guidato dal Lògos. Quando l uomo lavora, trasformando la natura, il Lògos opera attraverso di lui in modo non differente da quanto accade con l azione del vento o delle acque che incessantemente modificano il volto della Terra. Una serena e razionale considerazione delle cose porta dunque lo stoico a questa conclusione: compiuto tutto ciò che è umanamente possibile, dobbiamo accettare come positivo e razionale il fatto che il mondo ha un suo corso che non dipende da noi. Il saggio contempla questo necessario fluire e lo accetta perché in esso vede l impronta della razionalità del Tutto che sente operare nella sua stessa ragione e se il corso del mondo implica dolore e apparente insensatezza, il saggio sa che così doveva essere, così è bene che sia. L uomo e il Logos Lo storico della filosofia Max Pohlenz evidenzia il carattere antropocentrico del cosmo stoico: solo l uomo, infatti, è consapevole di far parte del Lògos universale ed è in grado di cogliere la bellezza e la perfezione del mondo. Si presentava agli stoici un problema: qual è lo scopo ultimo che la natura persegue nel suo creare? Se noi vediamo una casa ben arredata, non ci domandiamo soltanto chi l ha costruita ma anche per chi è stata costruita. La risposta per loro non è dubbia: tutte le forme di vita inferiori esistono in funzione di quelle superiori. La terra nutre le piante, queste nutrono gli animali, e gli animali servono all uomo come strumento e come cibo. Infatti, sebbene fisicamente l uomo sia inferiore per molti aspetti agli animali, col suo Lògos egli si rende padrone di loro e di tutto il mondo. Egli è usufruttuario di tutte le cose ed è pure il solo essere atto e chiamato ad apprezzare la grandezza e la bellezza del mondo e a trarne motivo d edificazione. Grazie al Lògos egli è imparentato con la 7

8 divinità. Dio e uomo sono gli esseri razionali, la più alta forma dell essere, la quale svela lo scopo e il senso del mondo. Il cosmo secondo Crisippo è un sistema costituito dagli dèi, dagli uomini e dalle cose create per loro. (M. Pohlenz, Stoà) Che cos è il bene? Che cosa dobbiamo intendere esattamente con i termini bene e buono, se applicati alla natura umana, intesa come frammento del Tutto? L essenza dell uomo è racchiusa nel Lògos, cioè nella razionalità del suo intelletto individuale, attraverso il quale coopera con la divinità nell ordinato governo del mondo, per quel che sta in lui. Buono è dunque tutto ciò che sviluppa la perfezione e la libertà del Lògos, male tutto ciò che la limita. Bene è tutto ciò che permette alla physis dell uomo di maturare nella sua pienezza. Male è tutto ciò che corrompe la natura umana, che deve essere guidata dalla ragione: e dunque, innanzitutto, male è per l uomo lasciarsi dominare dalle passioni, che sviano la ragione dalla retta via. Tutto ciò che è in sintonia con te, o Universo, è in sintonia anche con me. Nulla di ciò che per te giunge a tempo debito, per me giunge troppo presto o troppo tardi. H. VON ARNIM, Stoicorum veterum fragmenta Il bene e il male, intesi come comportamenti tra i quali scegliere, sono dunque concetti che appartengono interamente alla sfera dell uomo, alla sua coscienza, mentre il mondo esterno è tutto in sé buono. Si tratta di coglierne il valore attraverso l attento studio del Lògos che domina l universo fisico. Da un punto di vista etico, invece, tutto ciò che è esterno alla coscienza è indifferente, come evidenzia Hadot: «per gli stoici l unico bene era la virtù, l unico male il vizio. Vizio e virtù dipendevano dalla nostra volontà, erano in nostro potere, ma tutto il resto, la vita, la morte, la ricchezza, la povertà, il piacere, il dolore, la sofferenza, la fama, non dipendevano da noi. Queste cose indipendenti dalla nostra volontà, dunque estranee all antitesi bene/male - erano indifferenti. Accadevano indifferentemente ai buoni e ai cattivi, in virtù della decisione iniziale della provvidenza e della concatenazione necessaria delle cause» (P. Hadot, Che cos è la filosofia antica?). INDIFERENTI Traduciamo con indifferenti il termine stoico adiàfora (utilizzato anche dai cinici, a cui lo stoicismo delle origini si ispirò molto), con cui si indicava tutto ciò che è eticamente indifferente rispetto alla virtù: sono indifferenti, per esempio, le ricchezze, o la salute o gli eventi che non dipendono da noi e che accadono. La loro indifferenza è legata al fatto che il saggio può utilizzarli per accrescere la propria virtù o per diminuirla, ma in sé non hanno una dimensione etica. La libertà come autonomia Una responsabilità morale esiste se c è qualcosa che non è eticamente indifferente, e non lo è ciò che dipende dall uomo e può essere modificato sotto il controllo della ragione. È quindi di primaria importanza per l etica capire in che senso l uomo è libero, e dunque in che senso una sfera della vita dipende dalle sue scelte ed è sottratta alla necessità naturale, visto che l universo nel suo complesso è perfetto e immutabile. Il termine libertà nella concezione stoica può essere inteso in due accezioni diverse: libertà come libero arbitrio: benché il mondo sia sottoposto alle inesorabili leggi di natura e si presenti quindi come un cosmo deterministico, l uomo conserva un certo margine di libertà come libero arbitrio, cioè come capacità di scelta. Secondo un immagine di Cleante, all uomo accade come al cane che i contadini legano al carro utilizzato per i lavori agricoli: una corda piuttosto lunga permette al cane una certa libertà di manovra, ma fissa al contempo un limite preciso; se il cane volesse andare in direzione opposta a quella del carro, dopo un po sarebbe trascinato via. Così è il libero arbitrio dell uomo; poca cosa in fondo, anche se nei limiti della corda l uomo è realmente sovrano delle sue scelte, mentre il carro cioè il cosmo guidato dal Lògos prosegue il suo cammino necessario. libertà come indipendenza della coscienza: per gli stoici è una forma di libertà assai più importante, che conferisce all uomo una particolare dignità nel contesto dell universo e che consiste nel mantenere la coscienza indipendente di fronte al fluire delle cose; questa forma di libertà rappresenta la più profonda essenza dell ideale stoico del saggio. 8

9 Per comprendere il punto di vista stoico dobbiamo fare appello all esperienza della separazione del nostro mondo interiore dal mondo esterno. Certamente assai forte, e spesso decisiva, è l interazione tra coscienza e mondo (il mondo agisce sulla nostra coscienza o, viceversa, la nostra coscienza determina le scelte e ci permette di agire sul mondo), ma nella loro più radicale essenza, coscienza e mondo hanno un elemento di indipendenza. Si pensi all esperienza del dolore fisico, cui gli stoici sono particolarmente attenti. L uomo rifugge dal dolore istintivamente, perché spinto a ciò dall istinto di conservazione. Vi sono però occasioni in cui il dolore è necessario per la salute del corpo, per esempio quando siamo costretti a subire un intervento chirurgico. In questo caso accettiamo il dolore perché ne comprendiamo l utilità. La nostra coscienza sente il dolore sia quando lo fugge come un male, sia quando lo accetta come necessario per riacquistare la salute perduta. Nel secondo caso, però, a un dolore fisico potrà non accompagnarsi la perdita della tranquillità dell animo: al contrario, la nostra coscienza potrà reagire positivamente, perché c è sì una forte connessione tra mente e corpo, ma nella sua più intima natura la coscienza può mantenere una grande autonomia da esso. Gli stoici non concepiscono la mente e l anima dell uomo come puramente spirituali poiché entrambe esprimono a due livelli diversi l unico Lògos cosmico. L anima, in quanto elemento attivo che domina sulla passività della materia, è indipendente nella sua essenza dal mondo esterno. Tutta l etica stoica è un percorso spirituale per esercitare l anima a rimanere coerente con la sua natura, a distaccarsi dal mondo ed elevare in massimo grado la propria indipendenza, la più alta forma di libertà che sia data all uomo di vivere. L indipendenza dell anima dai mondo esterno non significa che sia immortale: in quanto pnéuma, anch essa si dissolve dopo la morte nel ciclo universale della vita e dunque l etica stoica si concentra sulla pienezza della vita nel mondo e non come era accaduto in Platone e accadrà nel cristianesimo sull esistenza terrena intesa come preparazione alla vita oltre la morte. Da questo punto di vista lo stoicismo non predica il distacco dell anima dal corpo, ma l autonomia della sfera spirituale e interiore dalla sfera affettiva e passionale nel rapporto con il corpo. Lo stoicismo intende la filosofia come esercizio spirituale ininterrotto, volto a liberare l anima dalla sudditanza al corpo. In questo senso Zenone, il fondatore della scuola, scrive che l ideale del saggio è vivere secondo natura: vivere, cioè, rimanendo fedele alla più autentica natura dell anima, che è pienamente autonoma e quindi libera. L anima dell uomo ha molte parti che, nell economia dell organismo vivente e senziente, assolvono diverse funzioni. La parte centrale, quella che presiede alle funzioni direttive, è l hegemonikòn, la parte direttiva, quella che contiene il Lògos nella sua purezza e che garantisce l unità dell anima a cui fanno capo i sensi e l intelligenza. Crisippo, per indicare il ruolo dell hegemonikòn, usa l immagine del ragno al centro della sua tela. La parte direttiva dell anima corre il pericolo più serio di ammalarsi, restando preda delle passioni: da attivo l hegemonikòn si fa passivo e l uomo soffre, la sua anima è preda di tutte le paure e di tutte le angosce. Compito del saggio sarà sviluppare armonicamente la sua personalità in modo che ciascuna parte dell anima svolga il ruolo che le compete, nel rispetto della sua natura. È dunque l hegemonikon a dover guidare l uomo, non le passioni, e per farlo deve riuscire a essere indipendente da esse, libero. Il saggio: un uomo che esercita la virtù L uomo non può conoscere il proprio futuro individuale né comprendere l oggettivo corso del mondo nei dettagli. Come comportarsi dunque? Il saggio dovrà, come l uomo comune, far dipendere la serenità dello spirito dal corso degli eventi? Se così facesse, il destino della propria anima dipenderebbe sempre da qualcosa di esteriore ed essa sarebbe schiava delle circostanze; ma il saggio punta alla libertà della coscienza. Anche per lui i legami tra la mente e il mondo esterno sono forti e conservare l indipendenza è un compito arduo; gli stoici non si nascondono questa difficoltà e spesso sembrano parlare del saggio più come di un modello ideale che non come di una realtà. Tuttavia, nella storia, ci sono stati alcuni uomini straordinari, davvero saggi: come spiegare altrimenti la serenità di Socrate davanti alla morte? Secondo gli stoici la virtù, per quanto difficile da raggiungere, è frutto di un costante esercizio. A chi vuol diventare saggio la scuola propone dunque un percorso di rigenerazione interiore: si tratta di abituare lo spirito a raggiungere l indipendenza, l ataraxìa, cioè l imperturbabilità, la capacità di completo autodominio. Il metodo di educazione proposto è volto a irrobustire il Lògos dell uomo e a renderlo libero, come esso è nella sua natura. Secondo gli stoici l io può essere indipendente sia dalie cose che dagli eventi: questa verità è però difficile da imparare, perché le passioni fanno ammalare la ragione e spesso la fanno deviare dal retto cammino, oscurando nell uomo la visione del mondo e rendendolo schiavo. Il filosofo è quindi simile al medico e la filosofia è un esercizio di liberazione, di conversione della propria anima. 9

10 Provvidenza e Fato Gli stoici utilizzano i termini Provvidenza e Fato per indicare il fatto che il Lògos guida l intera natura verso il bene secondo razionalità. Il bene non è concepito al!a maniera platonica come un istanza superiore ed eterna, ma si realizza nel mutevole mondo dell esperienza, si evolve, perché tutto è soggetto al movimento del tempo ed è il movimento stesso a essere buono, perché pone ordine a tutto l essere in ogni sua fase. Il bene è dunque immanente nel mondo, anche se al nostro debole occhio il male può apparire una realtà vincente. Ciò dipende dal fatto che non cogliamo il significato vero delle cose e degli eventi: li osserviamo da un angolazione ristretta, da un ottica particolare, e non capiamo che sono necessari al fine della perfezione del Tutto. Niente accade per caso, perché l universo abbia ordine e misura. La Provvidenza non è l intervento della divinità che dall esterno agisce sul mondo per guidarne corso verso il bene, ma è la stessa ragione intima delle cose, è il senso oggettivo dell evoluzione cosmica. Il Fato è quindi il necessario corso del mondo e si identifica con la Provvidenza, perdendo quei caratteri di insondabile oscurità che aveva presso la cultura greca arcaica e classica. Anche il Fato, il destino individuale e cosmico, è razionale. L uomo deve affidarsi a questo cammino dalle tappe già segnate e abbandonarsi con fiducia alla perfezione divina. Gli stoici, intellettuali impegnati Il mondo esterno, in quanto estraneo alla coscienza e al Lògos, è per gli stoici moralmente indifferente, ma questo non significa che il saggio debba disinteressarsene, perché la ragione ha pur sempre un ruolo e un potere sul corso del mondo. Innanzitutto l uomo vive nel mondo e la Provvidenza opera attraverso di lui: se è ammalato, certo guarirà se è destino che guarisca, ma dovrà prendere delle medicine per guarire. La Provvidenza opera attraverso la volontà di guarire e le azioni che ne conseguono: il concorso umano è indispensabile. La natura, inoltre, è il luogo in cui la divinità manifesta il suo splendore e il saggio deve imparare a godere di essa cogliendovi il riflesso della perfezione divina. C è poi un altro campo su cui il saggio concentrerà la propria attenzione, quello della politica, perché qui la vita esteriore è per eccellenza espressione dell uomo. Lo Stato, infatti, è un organizzazione umana al servizio dei bisogni dei cittadini e solo l uomo può amministrarlo correttamente e secondo giustizia. Il saggio stoico è quindi un intellettuale impegnato : considera suo dovere porre se stesso e la propria opera al servizio dello Stato, cioè, in ultima analisi, dei suoi simili, con la tranquilla coscienza che, così facendo, coopererà con la Provvidenza per la salvezza del mondo. Naturalmente la sfera della vita interiore del saggio sarà distaccata dalle passioni della politica e scevra da ogni sete di potere. Il governo è concepito come servizio reso ai propri simili, né la legalità ha nulla a che vedere con la moralità: quest ultima riguarda la vita interiore, quella la vita esteriore. L architetto non viene a dire: «Ascoltatemi discutere sull arte del costruire» ma, fatto il contratto per una casa, la costruisce, e così mostra di possedere l arte. Agisci anche tu in tal modo: mangia come un uomo, bevi come un uomo, ornati come un uomo, sposati, abbi dei figli, fa il cittadino; resisti agli insulti, sopporta un fratello dissennato, sopporta il padre, un figlio, un vicino, un compagno di viaggio. Mostrati queste cose, perché possiamo renderci conto che hai davvero imparato qualcosa dai filosofi. [...] Ed è per questo che i giovani hanno abbandonato le loro patrie e i loro genitori, per venire a sentire te che spieghi delle belle frasi? Non bisogna che ritornino a casa loro capaci di sopportare, pronti a cooperare, impassibili, imperturbabili, in possesso ditali provviste per il viaggio della vita, da poter sopportare nobilmente, col loro ausilio, ogni avvenimento, e in questo distinguersi? EPITTETO, Diatribe Il saggio stoico, cittadino del mondo Lo stoicismo esalta la fratellanza universale ed enuncia il principio rivoluzionario nel mondo antico che per natura nessun uomo è schiavo e tutti gli uomini sono nati per essere liberi: è il principio dell uguaglianza, che richiama analoghe prese di posizione dei sofisti. Gli stoici non si impegnarono però attivamente contro la schiavitù: per loro ciò che contava veramente era la libertà interiore, e si può essere liberi da schiavi e servi da imperatori, perché la vera servitù è l essere schiavi delle proprie passioni e la vera libertà è quella della mente. 10

11 L idea dell uguaglianza è coerente con un tratto caratteristico dell Età ellenistica, dove compare la figura dell uomo universale, il cosmopolita: è il cittadino del mondo e non più di una polis o di un regno che ritrova in ogni suo simile il proprio stesso Lògos e il segno della presenza della Ragione universale. A questo impersonale fratello, nel viaggio per il mondo che è la vita, si rivolge l opera del saggio che serve lo Stato: si tratta di fare un tratto di strada insieme. A tale servizio l uomo è spinto anche dal proprio istinto: l uomo è un essere comunitario, portato all amore per i suoi simili da un sentimento innato. Sul terreno dell impegno politico il distacco tra stoicismo ed epicureismo non potrebbe essere più netto. Lo spirito di servizio stoico è stato proprio di diversi uomini di potere nella Roma imperiale, e prima ancora di alcuni sovrani e uomini di Stato dei Regni ellenistici. Dovere, per lo stoico, è tutto ciò che è conforme alla natura ed è giustificato dal punto di vista del Logos universale e del Lògos individuale. Alcuni di questi uomini, come Seneca nella Roma di Nerone, in coerenza con la concezione stoica della vita, giunsero al suicidio. La dottrina di questa scuola, infatti, considerava come supremo valore non la vita di cui la natura, non l uomo, è padrona ma la virtù, di cui l uomo è l unico depositano, in piena autonomia e libertà. Se il saggio viene a trovarsi nella situazione di non potersi mantenere fedele al principio supremo della virtù, e il suicidio si mostra come l unica via d uscita per non venir meno alla propria coerenza, egli può legittimamente darsi la morte. Non si tratta per gli stoici di un segno di debolezza, ma di nobiltà e di grandezza d animo. Il «suicidio ben ponderato» è, per gli stoici, un diritto morale dell uomo: di fronte a eventi di particolare gravità, uscire di scena con coraggio e dignità è un diritto per il saggio, o per colui che umanamente cerca di avvicinarsi a questo ideale. (tratto da Philosophica, Vol. I, De Agostini) 11

La nascita della filosofia in Grecia

La nascita della filosofia in Grecia La nascita della filosofia in Grecia Zenone di Elea o di Cizio Socrate Platone Aristotele Anassimandro Parmenide Empedocle Pitagora Filosofi PRESOCRATICI??? Eraclito Filosofi PRESOFISTI?? Filosofi PREPLATONICI???

Dettagli

La destinazione dell uomo

La destinazione dell uomo Lettura 2 Johann Gottlieb Fichte La destinazione dell uomo Johann Gottlieb Fichte, Lezioni sulla missione del dotto, a cura di G.P. Marotta, Bergamo, Minerva Italica, 1969, pp. 47-53, 56-57, 59-60 Nel

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Epicuro LETTERA A MENECEO

Epicuro LETTERA A MENECEO Epicuro LETTERA A MENECEO Meneceo, Non si è mai troppo giovani o troppo vecchi per la conoscenza della felicità. A qualsiasi età è bello occuparsi del benessere dell'anima. Chi sostiene che non è ancora

Dettagli

LA CHIAVE D INGRESSO

LA CHIAVE D INGRESSO LA CHIAVE D INGRESSO Una personalità così ricca e così umanamente complessa quale quella che emerge dai manoscritti di Sandra Sabattini non poteva non essere analizzata da un punto di vista psico-grafologico.

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale I.I.S.S. Francesco Ferrara Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale Disciplina : Filosofia Docente: Daniela Averna Classe V sez. Q Modulo 1. Kant. Unità 1. La vita e il periodo Precritico. Unità

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

FILOSOFIA ELLENISTICA

FILOSOFIA ELLENISTICA FILOSOFIA ELLENISTICA 323 a.c. morte di Alessandro Magno inizio età ellenistica 322 a.c. morte di Aristotele Perché l impresa di Alessandro Magno (sottomissione delle polis e formazione di un impero che

Dettagli

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII CARTA di FONDAZIONE Testo approvato dal Pontificio Consiglio per i Laici il 25 marzo 2004 1) Il carisma della Comunità

Dettagli

I rapporti sociali di produzione e la coscienza

I rapporti sociali di produzione e la coscienza Lettura 6 Karl Marx - Friedrich Engels I rapporti sociali di produzione e la coscienza K. Marx, F. Engels, L ideologia tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1972, pp. 12-14; 35-38 Tra la fine del 1845 e l autunno

Dettagli

P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto

P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto 1.Premessa La Scuola cattolica privilegia la promozione integrale della persona, adempie ad una funzione educativa e didattica ed è chiamata ad assolvere un compito

Dettagli

I Rapporti Alternativi nelle Letture di Cayce!

I Rapporti Alternativi nelle Letture di Cayce! I Rapporti Alternativi nelle Letture di Cayce *** Una delle controversie più forti di questi tempi sul sesso, forse anche di tutti i tempi, riguarda la ricerca di relazioni sessuali al di fuori del matrimonio.

Dettagli

FORMAZIONE DELL UOMO E EDUCAZIONE COSMICA (Dalle conferenze tenute da M.M. al congresso di San Remo del 1949 e da alcuni saggi pubblicati dal 1949 al 1951 e riportati nel quaderno del Consiglio Regionale

Dettagli

Classe 3B-3C Prof. Alpi Alessia Libro di testo adottato:percorsi di filosofia-storia e temi-di N.Abbagnano-G.Fornero. Piano di lavoro di FILOSOFIA

Classe 3B-3C Prof. Alpi Alessia Libro di testo adottato:percorsi di filosofia-storia e temi-di N.Abbagnano-G.Fornero. Piano di lavoro di FILOSOFIA Liceo delle Scienze Umane Alessandro da Imola /Imola Anno scolastico 2013/14 Classe 3B-3C Prof. Alpi Alessia Libro di testo adottato:percorsi di filosofia-storia e temi-di N.Abbagnano-G.Fornero Piano di

Dettagli

PUNTI CHIAVE IN ORDINE CRONOLOGICO- DELLA FILOSOFIA E DEI SUOI MAGGIORI ESPONENTI UNA SORTA DI RIASSUNTO DEL PROGRAMMA DELLA 4 LICEO

PUNTI CHIAVE IN ORDINE CRONOLOGICO- DELLA FILOSOFIA E DEI SUOI MAGGIORI ESPONENTI UNA SORTA DI RIASSUNTO DEL PROGRAMMA DELLA 4 LICEO www.aliceappunti.altervista.org PUNTI CHIAVE IN ORDINE CRONOLOGICO- DELLA FILOSOFIA E DEI SUOI MAGGIORI ESPONENTI UNA SORTA DI RIASSUNTO DEL PROGRAMMA DELLA 4 LICEO 1) CUSANO: (DA CUSANO A KANT) Conoscenza

Dettagli

Giornata internazionale della Donna

Giornata internazionale della Donna Giornata internazionale della Donna ( venerdì 8 marzo 2013 ) «Tutto ciò che si fa alla Natura, si fa alle donne, e tutto ciò che si fa alla donne, si fa alla Natura. La donna e la Natura sono un tutt uno.»

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

LA FAMIGLIA CHE EDUCA

LA FAMIGLIA CHE EDUCA LA FAMIGLIA CHE EDUCA Messaggio alle famiglie - Pasqua 2009 Diocesi di Fano Fossombrone Cagli Pergola L educazione delle virtù umane è alla base dell educazione cristiana Il senso dell autorità La famiglia

Dettagli

L educazione nella filosofia greca

L educazione nella filosofia greca 1 di 5 L educazione nella filosofia greca L educazione del cittadino all interno della pólis Il concetto di educazione nella tradizione filosofica greca del periodo classico - sofisti, Socrate, Platone,

Dettagli

ASSISTEST 2015 MODULO DI FILOSOFIA

ASSISTEST 2015 MODULO DI FILOSOFIA ASSISTEST 2015 ASSISTEST 2015 MODULO DI FILOSOFIA Di cosa ci occuperemo? 2 Saperi essenziali richiesti dal bando: - Elementi di storia del pensiero filosofico: Glossario - Scetticismo - Kant - Marxismo

Dettagli

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA 1 - IO NELLA CLASSE 1. Presentarsi nella propria particolarità 2. Capire che ognuno ha un posto 3. Comprendere che in classe non si è soli Presentazione degli insegnanti

Dettagli

NOTE. ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti

NOTE. ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti Uno dei caratteri fondamentali dell arte è quello di essere contemplativa, distinguendosi, in tal modo, da ciò che è attivo, nel senso, quest ultimo, di prendere

Dettagli

Dal Cinismo al Neoplatonismo Volume 2 sk 2.5.4 Lo Stoicismo antico pag. 1

Dal Cinismo al Neoplatonismo Volume 2 sk 2.5.4 Lo Stoicismo antico pag. 1 Lo Stoicismo antico pag. 1 Il logos come fondamento dell etica La parte più significativa e più viva della filosofia del Portico è l etica: infatti con il loro messaggio morale gli Stoici, per oltre mezzo

Dettagli

Programma di Filosofia della classe 4 A a.s. 2012/13

Programma di Filosofia della classe 4 A a.s. 2012/13 Liceo Scientifico di Stato G. BATTAGLINI 74100 TARANTO C.so Umberto I,106 Programma di Filosofia della classe 4 A a.s. 2012/13 Testo in adozione: Abbagnano Fornero La ricerca del pensiero, 2B, Paravia

Dettagli

LA COMUNITÀ DELLE ORIGINI

LA COMUNITÀ DELLE ORIGINI UNITA PASTORALE BEATA TERESA di CALCUTTA Parrocchie di: PIEVE MODOLENA-RONCOCESI-S. PIO X-CAVAZZOLI Anno Pastorale 2013-14 Progetto Pastorale per Educarci alla vita Fraterna e di Comunione. L Unità Pastorale:

Dettagli

Parlare della malattia?

Parlare della malattia? L aspetto spirituale della malattia e della sofferenza nel dignitoso cammino verso il fine vita Sabato 10 maggio 2014 Villa Dei Cedri, Merate Relatore Padre Fiorenzo Reati 1 Parlare della malattia? Ricordo

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1)

Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1) Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1) La conoscenza pedagogica, nella misura in cui fa riferimento alla persona considerata nel suo complesso, non si fonda sul procedimento conoscitivo della

Dettagli

filosofia minima 2014 2015 conoscenza, etica, estetica

filosofia minima 2014 2015 conoscenza, etica, estetica filosofia minima 2014 2015 conoscenza, etica, estetica EPICURO 341-271 etica: note preliminari al termine diversa etimologia: etica (ethos greco ) morale (mos latino ) identico significato: studio di azioni,

Dettagli

Dispense di Filosofia del Linguaggio

Dispense di Filosofia del Linguaggio Dispense di Filosofia del Linguaggio Vittorio Morato II settimana Gottlob Frege (1848 1925), un matematico e filosofo tedesco, è unanimemente considerato come il padre della filosofia del linguaggio contemporanea.

Dettagli

I criteri della scelta e della riforma

I criteri della scelta e della riforma I criteri della scelta e della riforma La preghiera ha il fine di vincere se stessi, vincere la propria ignoranza, la propria pigrizia mentale per conoscere il Signore. Ogni preghiera deve essere mirata

Dettagli

Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco

Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco Cammino di perfezione/4 Le ricchezze della povertà Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco di povertà. Invece la povertà bisogna amarla come una madre. Di quanti beni è feconda la povertà e di quanti

Dettagli

2. Il problema del metodo

2. Il problema del metodo 2. Il problema del metodo 2.1 Lo sviluppo del pensiero filosofico-scientifico tra Cinque e Seicento porta in primo piano il problema del metodo, vero e proprio filo continuo tra vari pensatori che pure

Dettagli

PERCORSO ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2012-2013

PERCORSO ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PERCORSO ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2012-2013 Piano annuale I.R.C. -------- * ------- pag. 2 Nelle Indicazioni per il curricolo nel campo di esperienza il

Dettagli

OPPOSITORI HEGELISMO. Arthur Schopenhauer (1788-1861) ELVIRA VALLERI 2010-11

OPPOSITORI HEGELISMO. Arthur Schopenhauer (1788-1861) ELVIRA VALLERI 2010-11 OPPOSITORI HEGELISMO Arthur Schopenhauer (1788-1861) 1 Arthur Schopenhauer Danzica, il padre era un banchiere, la madre una scrittrice 1818 pubblica Il mondo come volontà e rappresentazione 1851 pubblica

Dettagli

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI PREGHIERA E IL S. ROSARIO N.B. Queste apparizioni della Madre di Dio non sono ancora state né approvate né smentite dalla Santa Sede. E stata costituita dalla Chiesa una commissione

Dettagli

L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE

L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE GUIDA PRATICA IN 5 PASSI Sabrina Quattrini www.seichicrei.it Attenzione! Questo manuale contiene materiale protetto dalle leggi sul Copyright nazionale ed internazionale.

Dettagli

Dopo-Cresima Semplicemente... una proposta

Dopo-Cresima Semplicemente... una proposta ... e t Dopo-Cresima n e em c i l p m e S una prop osta A questa semplice parola possono essere attribuiti svariati significati: ciascuno la riempie a modo suo.... naturalmente il catechismo. Ci si libera

Dettagli

N on so quante persone si siano poste domande. Libertà

N on so quante persone si siano poste domande. Libertà «Libero pensatore? Basterebbe dire pensatore». Jules Renard N on so quante persone si siano poste domande veramente serie su cosa sia la Libertà e sul suo significato. Sicuramente si tratta di un concetto

Dettagli

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012 Newsletter Essena N 2 Gennaio-Marzo 2012 Carissimi amici Bellissima Primavera a voi! Siamo molto felici di ritrovarvi in occasione di questa nuova stagione che sta per fiorire fra qualche tempo e che abbiamo

Dettagli

Spinoza e il Male. Saitta Francesco

Spinoza e il Male. Saitta Francesco Spinoza e il Male di Saitta Francesco La genealogia del male è sempre stato uno dei problemi più discussi nella storia della filosofia. Trovare le origini del male è sempre stato l oggetto principale di

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

Indice. Prima parte: La mente. Seconda parte: L arte. Prefazione. Introduzione. Capitolo 1: La creatività. Capitolo 2: Il cervello

Indice. Prima parte: La mente. Seconda parte: L arte. Prefazione. Introduzione. Capitolo 1: La creatività. Capitolo 2: Il cervello Indice Prefazione Introduzione Prima parte: La mente Capitolo 1: La creatività Capitolo 2: Il cervello Seconda parte: L arte Capitolo 3: L estetica La forma Capitolo 4: La percezione visiva Capitolo 5:

Dettagli

CONOSCERE SE STESSI : PERCHE?

CONOSCERE SE STESSI : PERCHE? CONOSCERE SE STESSI : PERCHE? L importanza di sapere chi siamo Γνῶθι σαυτόν Nell Antica Grecia, sul Tempio dell Oracolo di Delfi, riassume la filosofia Socratica Nosce te ipsum Locuzione latina : "Uomo,

Dettagli

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario)

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA Cerchiamo il significato delle due parole: ADULTO CRISTIANO chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) colui che ha deciso di:

Dettagli

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO di Lorenzo Sartini 1. Quali necessità nell azione del volontario? Ciò che contraddistingue le associazioni di volontariato fra le altre organizzazioni che agiscono per

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012.

LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012. LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012. II INCONTRO DI PASTORALE FAMILIARE 23.11.2013 [13] Un angelo del

Dettagli

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE - di Deepak Chopra Sette esercizi spirituali per portare la pace all interno delle tua vita e nel mondo che ti circonda. L approccio alla trasformazione personale

Dettagli

FRIEDRICH WILHELM JOSEPH VON SCHELLING. prof. Giorgio Morgione

FRIEDRICH WILHELM JOSEPH VON SCHELLING. prof. Giorgio Morgione FRIEDRICH WILHELM JOSEPH VON SCHELLING prof. Giorgio Morgione CENNI BIOGRAFICI 1775 nasce il 27 gennaio a Leonberg 1791 inizia il seminario di teologia a Tubinga, dove conosce Hördeling e Hegel 1799 dopo

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

#Essere umani. Scuola Statale Primaria di Foglizzo Istituto Comprensivo di Montanaro (To)

#Essere umani. Scuola Statale Primaria di Foglizzo Istituto Comprensivo di Montanaro (To) #Essere umani Progetto realizzato dall insegnante di Religione Cattolica Elsa Feira con la collaborazione delle docenti Donatella Gravante, Dolores Chiantaretto, Daniela Milanaccio, Paola Racca. Scuola

Dettagli

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO San Bernardo (1090-1153) Jean Gerson (1363-1429) S. Bernardo (1090-1153) Bernardo ha formato la sua saggezza basandosi principalmente sulla Bibbia e alla scuola della Liturgia.

Dettagli

XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998. Guido Maura 1

XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998. Guido Maura 1 XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998 Telefono amico e le contraddizioni della società della comunicazione Guido Maura 1 Telefono Amico, come altri servizi dedicati a favorire contatti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA Liceo Artistico E. Catalano Palermo PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2010/2011 Palermo, settembre 2010 Programmazione dipartimento Religione Cattolica a.s. 2010-2011

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Dall educazione alla pedagogia. Avvio al lessico pedagogico e alla teoria dell educazione

Dall educazione alla pedagogia. Avvio al lessico pedagogico e alla teoria dell educazione Dall educazione alla pedagogia. Avvio al lessico pedagogico e alla teoria dell educazione Capitolo 5 IL DISCORSO PUBBLICO DELLA RAGIONE E LE SUE TIPOLOGIE Dott.ssa Mabel Giraldo La seconda condizione,

Dettagli

Il Cavaliere delle Energie

Il Cavaliere delle Energie Massime tratte dal libro Il Cavaliere delle Energie di Andrea Pangos www.andreapangos.it ISBN 88-88914-00-5 Andrea Pangos Edizioni Copyright 2003 Andrea Pangos Il Cavaliere delle Energie Tu sei per te

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

Filippesi 3:8-16 l Eccellenza di Cristo

Filippesi 3:8-16 l Eccellenza di Cristo www.aiutobiblico.org pagina 1 Filippesi 3:8-16 l Eccellenza di Cristo filename:50-0308.a01 di Marco defelice, www.aiutobiblico.org la Cosa più Eccellente Fratelli, noi siamo stati creati a immagine di

Dettagli

Enzo Bianchi. Raccontare l amore. Parabole di uomini e donne

Enzo Bianchi. Raccontare l amore. Parabole di uomini e donne Enzo Bianchi Raccontare l amore Parabole di uomini e donne Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-06573-3 Prima edizione: maggio 2015 Le traduzioni dei testi classici,

Dettagli

INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE

INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE N. 1 INDICAZIONI PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEI LICEI (in riferimento

Dettagli

Il viaggio dell'anima oltre nascita e morte

Il viaggio dell'anima oltre nascita e morte Il viaggio dell'anima oltre nascita e morte Seminario 23-24 Maggio Erba (CO) Marco Ferrini Relazione a cura di Manola Farabollini La morte come punto di svolta La morte può aprirci ad una dimensione

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

Cartesio: Meditazioni Metafisiche

Cartesio: Meditazioni Metafisiche Cartesio: Meditazioni Metafisiche Schema riassuntivo Prima Meditazione DELLE COSE CHE SI POSSONO REVOCARE IN DUBBIO 1. Necessità del dubbio metodico È necessario, almeno una volta nella vita, dubitare

Dettagli

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 per l Omelia domenicale a cura dell Arcivescovo Mons. Vincenzo Bertolone XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 Non più sofferenza ma amore Introduzione La parabola discendente di queste due

Dettagli

PROGETTO dell ORATORIO di Zanica

PROGETTO dell ORATORIO di Zanica PROGETTO dell ORATORIO di Zanica Gennaio 2015 2 Premessa a. Comunità cristiana e oratorio L oratorio è il luogo in cui la comunità cristiana esprime l attenzione e la cura per l accoglienza, l educazione

Dettagli

Opere di misericordia 1

Opere di misericordia 1 Percorso di riscoperta delle Opere di misericordia 1 DAR DA MANGIARE AGLI AFFAMATI INSEGNARE AGLI IGNORANTI Spunti di riflessione per un dibattito sull Opera di misericordia corporale Dar da mangiare agli

Dettagli

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15)

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) SIATE SANTI COME IL PADRE VOSTRO è SANTO (Mt 5, 48) (Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) Ci siamo riuniti nel cuore della città di Roma per fare un pellegrinaggio,

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Depressione e speranza cristiana. Convegno Dal buio alla luce Marconia 26 Maggio 2011

Depressione e speranza cristiana. Convegno Dal buio alla luce Marconia 26 Maggio 2011 Depressione e speranza cristiana Convegno Dal buio alla luce Marconia 26 Maggio 2011 Premessa Il mio punto di vista non sarà certo quello del medico, dello psicanalista, o del sociologo. (gli interventi)

Dettagli

TEMA 9: L'IMMORTALITÀ. Tema 9/2: Immortalità, reincarnazione, perpetuità. Platone, Fedone 66b 1-68b 8. Rusconi, Milano 1997, pp. 113-119.

TEMA 9: L'IMMORTALITÀ. Tema 9/2: Immortalità, reincarnazione, perpetuità. Platone, Fedone 66b 1-68b 8. Rusconi, Milano 1997, pp. 113-119. TEMA 9: L'IMMORTALITÀ Tema 9/2: Immortalità, reincarnazione, perpetuità Platone, Fedone 66b 1-68b 8. Rusconi, Milano 1997, pp. 113-119. , PLATONE FEDONE Prefazione, saggio introduttivo, traduzione, note,

Dettagli

Lavorare con intelligenza emotiva. Come inventare un nuovo rapporto con il lavoro di Daniel Goleman. Recensione a cura di Anna Lisa Pani

Lavorare con intelligenza emotiva. Come inventare un nuovo rapporto con il lavoro di Daniel Goleman. Recensione a cura di Anna Lisa Pani Lavorare con intelligenza emotiva. Come inventare un nuovo rapporto con il lavoro di Daniel Goleman Recensione a cura di Anna Lisa Pani Daniel Goleman, ha sviluppato il lavoro avviato nel libro Intelligenza

Dettagli

Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte.

Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte. Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte. Piergiorgio Trotto Finalità: Sviluppare le capacità espressive con esercizi attinenti al colore e all immagine. Ricercare la propria identità. Sperimentare

Dettagli

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza.

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza. Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza Statistiche alla mano, si può affermare che il 60% della popolazione mondiale

Dettagli

Proprietà letteraria riservata 2006 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 88-17-01185-1. Prima edizione: giugno 2006

Proprietà letteraria riservata 2006 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 88-17-01185-1. Prima edizione: giugno 2006 Proprietà letteraria riservata 2006 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 88-17-01185-1 Prima edizione: giugno 2006 Indice A chi è destinato questo libro? 13 1. La via tantrica: un viaggio verso l ignoto A cosa

Dettagli

Homeland Security: Sistemi, metodi e strumenti per la security ed il crisis management

Homeland Security: Sistemi, metodi e strumenti per la security ed il crisis management Giornata di presentazione IV edizione Master universitario in Homeland Security: Sistemi, metodi e strumenti per la security ed il crisis management www.masterhomelandsecurity.eu Etica, Legalità e Sicurezza:

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE a.s. 2014-15 Disciplina: RELIGIONE Prof. Sergio Garavaglia Classe 2 A

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE a.s. 2014-15 Disciplina: RELIGIONE Prof. Sergio Garavaglia Classe 2 A LICEO SCIENTIFICO STATALE "Donato Bramante" Via Trieste, 70-20013 MAGENTA (MI) MPI: MIPS25000Q - Tel.: +39 02 97290563/4/5 Fax: 02 97290566 Sito: www.liceobramante.gov.it - E-mail: mips25000qistruzione.it

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Dall educazione alla pedagogia

Dall educazione alla pedagogia Giuseppe Bertagna Dall educazione alla pedagogia Avvio al lessico pedagogico e alla teoria dell educazione Bergamo, ottobre 2010 CAPITOLO QUINTO Il discorso pubblico della ragione e le sue tipologie pp.

Dettagli

V INCONTRO. L atto di FEDE

V INCONTRO. L atto di FEDE V INCONTRO L atto di FEDE Siamo al quinto incontro. Come per tutte le altre volte vogliamo fare un riassunto delle puntate precedenti. Per questo lavoro chiediamo l aiuto di un personaggio conosciuto a

Dettagli

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani 8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani Introduzione: Oggi, nella festa di Santa Giuseppina Bakhita, ci uniamo in solidarietà con tutte

Dettagli

Basilica Parrocchiale di S. Francesco Viterbo P. Agostino Mallucci DIO AMORE SOFFERENZA E CHIARA DI ASSISI

Basilica Parrocchiale di S. Francesco Viterbo P. Agostino Mallucci DIO AMORE SOFFERENZA E CHIARA DI ASSISI Basilica Parrocchiale di S. Francesco Viterbo P. Agostino Mallucci DIO AMORE SOFFERENZA E CHIARA DI ASSISI Dio e il dolore Può Dio soffrire? Particolare risalto nell imminenza del Pasqua. Un vero problema

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Dopo il Silenzio. Di Pietro Grasso. Presentazione di regia. Di Alessio Pizzech

Dopo il Silenzio. Di Pietro Grasso. Presentazione di regia. Di Alessio Pizzech Dopo il Silenzio Di Pietro Grasso Presentazione di regia Di Alessio Pizzech Dopo la significativa esperienza di Per non Morire di mafia, tratto dall omonimo libro, che dopo il fortunato battesimo Spoletino

Dettagli

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Il testo che segue è una sintesi della prima parte dello Science Framework di PISA 2006. Il testo definitivo sarà pubblicato dall OCSE entro il mese

Dettagli

Lo sviluppo socio-relazionale

Lo sviluppo socio-relazionale Lo sviluppo socio-relazionale È costituito dai cambiamenti che caratterizzano il modo di mettersi in relazione con le altre persone da parte del bambino. Dipende: Dallo sviluppo delle funzioni cognitive

Dettagli

FEDE IN DIO. La Scrittura ci dice che senza la fede è impossibile piacere a Dio.

FEDE IN DIO. La Scrittura ci dice che senza la fede è impossibile piacere a Dio. FEDE IN DIO A) CO S'E' LA FEDE? La fede si nutre della conoscenza che si acquisisce di una persona. In questa senso la fede può essere grande o piccola, debole o forte. La nostra fede dipende interamente

Dettagli

Una nuova dimensione della leadership: la leadership emotiva

Una nuova dimensione della leadership: la leadership emotiva Una nuova dimensione della leadership: la leadership emotiva di Anna Maria Megna in Persone e lavoro. Rivista di cultura delle risorse umane, n. 511, anno XLV, n. 3, giugno 2009 La leadership emotiva fa

Dettagli

La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani nel 64 anniversario della sua proclamazione Fernando Sacco

La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani nel 64 anniversario della sua proclamazione Fernando Sacco La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani nel 64 anniversario della sua proclamazione Fernando Sacco Dirittosuweb.it La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, proclamata dall Assemblea Generale

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

UN LIBRO PER DUE RELIGIONI

UN LIBRO PER DUE RELIGIONI UN LIBRO PER DUE RELIGIONI La Bibbia è un libro il cui contenuto è considerato sacro sia dalla religione ebraica sia dalla religione cristiana. Le prime comunità cristiane conoscevano come libro sacro

Dettagli

COSTELLAZIONI FAMILIARI E SISTEMICHE

COSTELLAZIONI FAMILIARI E SISTEMICHE COSTELLAZIONI FAMILIARI E SISTEMICHE Le Costellazioni Familiari e Sistemiche sono un metodo d'aiuto che permette di portare alla luce quelle dinamiche inconsce, spesso complesse, che stanno alla base dei

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 Obiettivi formativi Verranno valutati: il comportamento, la partecipazione e l interesse, la responsabilità nei confronti dei

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 Natura e finalità RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 L insegnamento della religione cattolica si inserisce nel quadro delle finalità della scuola e contribuisce alla

Dettagli

www.servizisocialionline.it Sezione Articoli L auto/mutuo aiuto e il conflitto:

www.servizisocialionline.it Sezione Articoli L auto/mutuo aiuto e il conflitto: www.servizisocialionline.it Sezione Articoli L auto/mutuo aiuto e il conflitto: Spunti di riflessione per operatori sociali e facilitatori di gruppi di auto/mutuo aiuto. di Silvia Clementi* Le dinamiche

Dettagli