SAMBA Introduzione al file sharing con SAMBA Dott. Ing. Ivan Ferrazzi V1.1 del 09/03/2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SAMBA Introduzione al file sharing con SAMBA Dott. Ing. Ivan Ferrazzi V1.1 del 09/03/2012"

Transcript

1 SAMBA Introduzione al file sharing con SAMBA Dott. Ing. Ivan Ferrazzi V1.1 del 09/03/2012 1/28

2 Copyright 2012 Dott.Ing. Ivan Ferrazzi Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the GNU Free Documentation License, Version 1.2 or any later version published by the Free Software Foundation; with no Invariant Sections, no Front-Cover Texts, and no Back-Cover Texts. 2/28

3 Indice generale Introduzione...4 Installazione di Samba...4 Il file di configurazione...5 La sintassi...6 Le sezioni speciali...6 Le variabili...7 Opzioni base per la sezione [global]...7 Opzioni base per le sezioni personalizzate...9 Opzioni di accessibilità per le sezioni personalizzate...9 Opzioni per l'accesso ai file per le sezioni personalizzate...10 Controllare le opzioni settate...11 Account e autentificazione...12 Configurazione base con security=user...12 Accesso guest con security=user...13 Sistemi di autentificazione...14 Memorizzazione degli account...15 Mappatura degli utenti...17 SAMBA nel modo Windows...18 La risoluzione dei nomi...18 Il browsing dei domain controller...19 La gestione dei link simbolici...20 La gestione dei file nascosti...20 La gestione dei DOS attributes...20 PDC con SAMBA...22 Configurazione di SAMBA come PDC...22 Mappatura dei gruppi...23 Creare amministratori e gruppi di dominio...24 Profili roaming...24 Compatibilità per la modifica delle passwords...26 Aggiungere macchine al dominio...26 Gestione dei privilegi...26 Modifiche da apportare a Windows Professional /28

4 Introduzione SAMBA è la soluzione ideale per condividere risorse all'interno di una rete composta da client/server Linux, Unix, Machintosh e Microsoft. SAMBA, infatti, è in grado di comunicare con il protocollo SMB (Server Message Block), utilizzato come protocollo di comunicazione dai sistema Microsoft. Installazione di SAMBA. L'installazione di samba è molto semplice. Basta digitare apt-get install samba per avere un completo sistema SAMBA funzionante. Per poter utilizzare condivisioni SAMBA, o da server Windows, su Linux utilizziamo il comando smbclient e smbmount. apt-get install smbclient smbfs Il primo pacchetto installa smbclient mentre il secondo mette a disposizione il file system smb con tutti i suoi comandi annessi. 4/28

5 Il file di configurazione SAMBA utilizza il file di configurazione /etc/samba/smb.conf per gestire il comportamento delle condivisioni. Un semplice file di configurazione potrebbe assomigliare a quello visualizzato qui di seguito: [global] workgroup = WORKGROUP netbios name = DEBIAN server string = Linux Samba Server [public] path = /public read only = Yes Una volta salvato il file di configurazione facciamo partire i due processi usati da SAMBA, ossia smbd e nmbd, come segue service smbd restart service nmbd restart Ora possiamo verificare la condivisione con il programma smbclient utilizzando un accesso anonimo. smbclient -L localhost -U% Con il parametro -L possiamo visualizzare l'elenco delle risorse messe a disposizione da un server (nel nostro caso localhost) utilizzando un accesso anonimo (con -U%). 5/28

6 La sintassi. L'intero file di configurazione è suddiviso in sezioni. Ogni sezione è identificata da un nome scritto tra parentesi quadre. Il nome che inseriamo tra parentesi può essere un nome che decidiamo noi, oppure uno di quelli standard riconosciuti da SAMBA (spiegati più avanti). Le opzioni che inseriamo per definire il comportamento di SAMBA hanno il formato nome_opzione = valore Le sezioni speciali. Come accennato precedentemente SAMBA riconosce all'interno del proprio file di configurazione delle sezioni speciali che definiscono un preciso utilizzo in fase di elaborazione. [global] Questa sezione permette di definire il comportamento del server. Nel caso in cui il server non trovasse questa sezione all'interno del proprio file di configurazione utilizzerebbe le opzioni di default. Tutte le opzioni definite al di fuori di una sezione vegono interpretate automaticamente come opzioni appartenenti a questo blocco. [homes] Quando un utente, ad es. pippo, effettua un collegamento al server la prima cosa che SAMBA cerca di trovare all'interno del proprio file di configurazione è la sezione dedicata all'utente, ossia [pippo]. Se non la trova controlla l'esistenza della sezione [homes]. Trovata questa sezione SAMBA verifica l'esistenza dell'utente lato server. Nel caso in cui l'utente fosse presente SAMBA utilizzerebbe questa sezione come sezione personale dell'utente stesso. [printers] Questa sezione permette di condividere stampanti di sistema senza doverle registrare una ad una. Il sistema funziona in maniera simile alla sezione [homes] dove la risorsa richiesta non è un utente, ma una stampante. Nel momento in qui viene richiesta una risorsa SAMBA controlla le sezioni definite precedentemente per [homes]. Nel caso in cui la risorsa non fosse presente come utente di sistema SAMBA passerebbe alla ricerca tra le stampanti di sistema. In questo caso utilizzerebbe questa sezione come opzione di riferimento. 6/28

7 Le variabili. SAMBA legge il contenuto del file di configurazione ad ogni richiesta di connessione, ecco perché è possibile usare delle variabili i cui valori vengono settati con i parametri relativi all'utente. Possiamo utilizzare delle variabili che rappresentano il nome dell'utente, il sistema operativo, il hostname della macchina, ecc. Alcune delle variabili più importanti sono: Variabili del client %a architettura del client %i indirizzo IP del server dove il client si è connesso %I indirizzo IP del client %m nome NetBIOS del client %M nome DNS del client Variabili degli utenti %u utente Linux corrente %U utente inviato dal cliente durante l'autentificazione %D il dominio dell'utente %H directory home di %u %g gruppo primario di %u %G gruppo primario di %U Variabili della condivisione %S nome della condivisione corrente %P directory root della condivisione corrente %p percorso automount della directory root della condivisione Variabili del server %d PID del server corrente %h hostname DNS del server SAMBA %L nome NetBIOS del server inviato dal client nella richiesta %N home directory del server, mappatura automount %v versione di SAMBA Variabili aggiuntive %R il livello del protocollo di SMB negoziato %T data e ora corrente %$(var) il valore della variabile di ambiente var Opzioni base per la sezione [global]. Vediamo qui di seguito alcune delle opzioni più importanti che possiamo utilizzare all'interno della sezione [global]. 7/28

8 netbios name = {nome} Permette di settare il nome NetBIOS per il server in questione. workgroup = {gruppo} Permette di definire il gruppo di appartenenza per il NetBIOS. server string = {commento} Permette di definire il commento che appare nella descrizione del server quando lo vediamo come possibile risorsa di rete. interfaces = {interfaccia} [{interfaccia}...] Definisce le interfacce di rete per le quali viene messo a disposizione il relativo servizio. Es. interfaces = eth1 bind interfaces only = yes no Permette di attivare la risposta di SAMBA solamente per le interfacce definite con interfaces. hosts allow = {client} EXCEPT {client} Con questa opzione possiamo stabilire chi ha accesso al nostro sistema. Come client possiamo inserire un hostname, un indirizzo IP, un nome di dominio (.test.lan), un netgroup una subnet ( attenzione al punto finale), una maschera di rete ( /24), oppure la parola ALL (che identifica un qualsiasi computer che cerca di collegarsi). hosts deny = {client} EXCEPT {client} Stessa configurazione di hosts allow. netbios aliases = {nome} [{nome}...] Permette di definire più nomi NetBIOS per lo stesso server. smb ports = {porta} {porta} Le porte utilizzate di default sono la 139 e la 445, che sono quelle utilizzate dallo standard CIFS/SMB. Questa opzione permette di utilizzare porte diverse, anche se non si consiglia la modifica delle porte per garantire il servizio anche su sistemi Microsoft, che peccano di flessibilità. log file = {percorso_file} Permette di modificare il file di default utilizzato per i log. log level = {numero di livello} Permette di definire il numero che identifica il livello dei messaggi log da inserire: 0-1 per loggare i messaggi critici, 2-3 per effettuare il debug di eventuali problemi di funzionamento e >5 per log 8/28

9 utilizzati dagli sviluppatori. max log size = {valore_kb} Permette di definire il limite massimo utilizzato per il file log. Una volta superato questo limite l'attuale file verrà rinominato con l'estensione.old e inizierà a scrivere su un nuovo file. Eventuali file.old già esistenti verranno eliminati. debug timestamp = yes no Di default SAMBA aggiunge una riga di timestamp ad ogni inserimento log. Con questa opzione possiamo decidere di disattivare la scrittura di questo blocco. debug pid = yes no, debug uid = yes no Queste due opzioni permettono di attivare o meno l'inserimento del PID oppure della UserID e GroupID all'interno del blocco timestamp. Queste opzioni hanno senso solamente se attivata l'opzione debug timestamp. Opzioni base per le sezioni personalizzate. Le opzioni più comuni che possiamo utilizzare per definire le condivisioni sono le seguenti: path = {percorso_della_condivision} Permette di definire il percorso assoluto della cartella che vogliamo condividere. comment = {commento} Permette di definire il commento associato alla condivisione in questione. volume = {nome_del_volume} Questa opzione ci dà la possibilità di definire il nome di volume da associare alla condivisione in questione. Il nome del volume è molto comodo perchè ci permette di simulare contenuti di CD-Rom. browseable = yes no Questa opzione ci permette di abilitare la visualizzazione della ricerca all'interno delle risorse di rete. Questa operazione va disabilitata all'interno della sezione [homes]. Opzioni di accessibilità per le sezioni personalizzate. Vediamo ora le più comuni opzioni utilizzate per la gestione 9/28

10 dell'accessibilità delle sezioni personalizzate: read only = yes no Permette di definire la proprietà di accesso alla condivisione. Se attivata il contenuto verrà messo a disposizione in sola lettura. writable = yes no Anche questa opzione definisce la proprietà di accesso alla condivisione come read only. Infatti, read only=yes è uguale a writable=no. write list = {utente} {+gruppo} Nel caso di read only = yes questa opzione permette di definire gli utenti o i gruppi, separati da una virgola, che possono comunque modificare il contenuto della condivisione. read list = {utente} {+gruppo} Nel caso di read only = no questa opzione permette di definire gli utenti o i gruppi, separati da una virgola, che hanno accesso in sola lettura al contenuto della condivisione. admin users = {utente} {+gruppo} Permette di definire gli utenti o i gruppi, separati da una virgola, che vengono mappati come utente root per la risorsa in questione. invalid users = {utente} {+gruppo} Permette di definire gli utenti o i gruppi, separati da una virgola, che non devono avere accesso alla risorsa in questione. valid users = {utente} {+gruppo} Permette di definire gli utenti o i gruppi, separati da una virgola, che devono avere accesso alla risorsa in questione, ma solo se non vietato da altre opzioni utilizzate. max connections = {nr_connessioni} Permette di definire il numero massimo delle connessioni che SAMBA può gestire contemporaneamente. Opzioni per l'accesso ai file per le sezioni personalizzate. Vediamo ora le più comuni opzioni utilizzate per la gestione dei diritti di accesso ai file delle sezioni personalizzate: create mode = {diritti} Permette di definire la matrice dei diritti che vogliamo asseganre ai nuovi file che creiamo all'interno della cartella condivisa (vedi chmod). SAMBA utilizza questi diritti per alcune delle operazioni richieste, 10/28

11 mentre per le altre utilizza il valore umask del sistema. force create mode = {diritti} Permette di definire la matrice dei diritti che vogliamo asseganre ai nuovi file che creiamo all'interno della cartella condivisa, indipendentemente dall'umask di sistema. force directory mode = {diritti} Permette di definire la matrice dei diritti che vogliamo asseganre alle nuove cartelle che creiamo all'interno della cartella condivisa. Controllare le opzioni settate. SAMBA mette a disposizione il comando testparm che permette di effettuare un controllo delle attuali opzioni settate. Se utilizzato con il parametro -v elenca tutti i valori delle opzioni settate nel file di configurazione e quelle utilizzate come impostazione di default. testparm -v 11/28

12 Account e autentificazione Configurazione base con security=user. SAMBA utilizza l'opzione security per definire il sistema da utilizzare per quanto riguarda l'autentificazione degli utenti che vogliano accedere al servizio. Il valore più comune per questa opzione è user. Gli altri valori possibili li vedremo nei capitoli seguenti. Quando definiamo il livello di sicurezza da utilizzare in SAMBA è molto importante verificare l'attuale l'impostazione passdb backend, per essere sicuri di fare gestire gli account che creiamo in maniera appropriata. L'impostazione di default è: passdb backend = tdbsam Vediamo ora una semplice configurazione che utilizza le opzioni appena descritte: [global] workgroup = WORKGROUP netbios name = DEBIAN server string = Linux Samba Server security = user passdb backend = tdbsam [public] path = /public read only = Yes Per creare un nuovo utente utilizziamo il comando smbpasswd. Il comando può essere utilizzato indipendentemente dal passdb backend che abbiamo 12/28

13 scelto di utilizzare (funziona quindi anche con tdbsam). I parametri che possiamo utilizzare con il comando smbpasswd sono: -c smb.conf per definire il file di configurazione smb.conf. Quando gestione un account il comando recupera dal file di condigurazione di SAMBA il tipo di backend che viene utilizzato. -a utente per creare un nuovo utente che deve essere presente come utente Linux -d utente per disabilitare un utente -e utente per riabilitare un utente -h per visualizzare l'aiuto del comando -n utente per creare un utente con password nulla -x utente per eliminare l'utente Come prima cosa proviamo a creare un nuovo utente. Attenzione! L'utente deve essere presente come utente Linux. L'utente che andremo a creare è l'utente test smbpasswd -a test Il comando ci chiede di inserire la password e la relativa conferma. La password non deve per forza essere uguale alla password di sistema. Ora proviamo a montare la risorsa con il comando mount mount //localhost/public /mnt -o username=test,password=test Per evitare di scrivere nome utente e password direttamente all'interno dell'eventuale file /etc/fstab possiamo utilizzare l'opzione credentials che ci permette di utilizzare un file separato dal quale riprenderà le opzioni necessarie all'autentificazione. Creiamo quindi un nuovo file /etc/samba/credentials.usr e ci scriviamo: username=test password=test La risorsa può essere poi montata con mount //localhost/public /mnt -o credentials=/etc/samba/credentials.usr Accesso guest con security=user. Nelle versioni precedenti a SAMBA3 si poteva utilizzare security=share che però è diventato un valore obsoleto. Questo valore ci permetteva di liberare la condivisione senza controllare l'autentificazione dei clienti. L'unica possibilità che abbiamo ora è quella di utilizzare il valore user, ma questo ha come conseguenza il controllo di SAMBA all'interno degli utenti Linux, oppure all'interno del file smbpasswd, per accertarsi dell'esistenza 13/28

14 dell'utente in questione. Questo comportamento può essere modificato dicendo a SAMBA di mappare l'utente che richiede l'accesso su un altro utente quando si verificano circostanze ben precise. [global] workgroup = WORKGROUP netbios name = DEBIAN server string = Linux Samba Server security = user map to guest = bad user guest account = smbguest [public] path = /public guest ok = yes read only = Yes map to guest = never bad password bad uid bad user Permette di definre la circostanza per la quale viene utilizzato l'account definito con l'opzione guest account. Le possibili circostanze possono essere: never bad password bad uid bad user Restituisce un errore di login. Questo è il comportamento di default. L'utente è corretto, ma la password è errata. Da usare con security=ads oppure security=domain. Quando SAMBA non trova l'uid corrispondente dopo aver eseguito correttamente il login. Quando l'utente non viene riconosciuto dal sistema. guest account = {utente_ospite} Quando avviene la circostanza definita precedentemente SAMBA fa accedere l'utente con l'account definito all'interno di questa opzione. Di default viene usato l'account nobody. Sistemi di autentificazione. NTLMv1 NTLM è il sistema di autentificazione sviluppato da Microsoft ed utilizzato da Windows e altri client CIFS. Le caratteristiche di questo sistema sono: il codice hash della password non viene passata attraverso la rete; il sistema utilizza il codice hash della password ed un algoritmo per calcolare un risultato. Il risultato viene mandato al server che usa lo stesso algoritmo per calcolare il risultato utilizzando il codice hash della password che possiede. Se i due risultati coincidono l'utente è valido. Il calcolo del codice hash per la medesima password è sempre 14/28

15 lo stesso. Chi è in possesso del codice hash è automaticamente in possesso della password, anche se solo indirettamente. Può comunque utilizzare il codice hash da spedire direttamente al server per autentificarsi. Ecco perché è assolutamente fondamentale proteggere i file che contengono questo tipo di informazioni. NTLMv1 viene attivato da SAMBA con l'opzione encrypt passwords=yes che viene inserita nella sezione [global] del file di configurazione. I vari utenti vengono poi inseriti con il comando smbpasswd. Se la password inserita è inferiore o uguale a 14 caratteri il sistema genera due codici hash rappresentati in esadecimale: il primo identifica il codice LAN MANAGER, mentre il secondo è il codice NT. Nel relativo file smbpasswd troviamo i rispettivi due codici inseriti nella terza e nella quarta colonna: user:1001:abcdabcda...:acacac...:... LAN MANAGER NT Nel caso di password più lunga il codice LM viene sostituito da una serie di X. Per abilitare o disattivare l'autentificazione mediante LAN MANAGER usiamo l'opzione lanman auth = yes no NTLMv2 Questa è la versione successiva a NTLMv1 introdotta da Microsoft a partire da Windows NT4.0 SP4. Per aumentare il livello di sicurezza e obbligare il solo utilizzo di NTLMv2 bisogna disabilitare l'autentificazione con lanman e ntlm come segue: [global]... encrypt passwords = yes lanman auth = no ntlm auth = no Memorizzazione degli account. Quando SAMBA memorizza account che vengono utilizzati da Windows deve registrare delle informazioni aggiuntive a quelle utilizzate nei sistemi Linux. Abbiamo ad esempio visto il file smbpasswd che oltre a memorizzare il nome e l'id dell'utente memorizza anche un codice hash della password LANMAN e NT. Un'altra informazione necessaria è il Windows Security Identifier (SID). Si tratta di un codice relativamente lungo che è suddiviso in local domain (o 15/28

16 anche local machine) SID e RID (relative identifier): S local domain SID RID Su un domain controller il local domain SID corrisponde all'effettivo domain SID. Il local domain SID di una macchina può essere reperito utilizzando da root il comando: #net getlocalsid SID for domain PROVA is: Per recuperare l'ultimo identificatore relativo utilizzato (RID) possiamo scrivere #net maxrid Currently used maximum rid: 3000 Le informazioni che definiscono un'account possono essere memorizzate in vari modi. Noi ci limiteremo a vedere l'utilizzo di smbpasswd (il file di testo dell'omonimo comando) e tdbsam (che si basa su trivial database). L'opzione da utilizzare nella sezione [global] che permette di indicare il tipo di supporto da usare è passdb backend. passdb backend = smbpasswd[:/etc/smbpasswd] In questo caso gli account vengono registrati all'interno di un file di testo con il formato: username:uid:lanman_hash:nt_hash:flags:pw_changed_ts Il campo flags può contenere diversi valori dove quelli più importanti sono: D account disabilitato L account bloccato per uso di password errata N account senza password (solo se null passwords = yes) U user account X password senza scadenza All'interno della definizione dell'opzione possiamo aggiungere il nome del file che il sistema deve utilizzare per memorizzare i vari dati. Per verificare l'attuale impostazione possiamo usare il comando smbd -b grep SMB_PASSWD_FILE passdb backend = tdbsam[:/etc/passdb.tdb] Si consiglia di utilizzare questo supporto in caso di domain controller. Il tdbsam offre infatti la possibilità di memorizzare un numero più elevato di attributi indispensabili per un corretto funzionamento di un domain controllare. 16/28

17 Possiamo verificare il file usato con smbd -b grep PRIVATE_DIR e risettarlo a piacere come da definizione dell'opzione. Mappatura degli utenti. La gestione dei nomi per gli utenti è più flessibile in Windows che in Linux. Con Windows è possibile creare utenti che come nome contengono degli spazi, mentre con Linux questo non è possibile. Ecco che diventa quindi importante avere la possibilità di mappare utenti Windows su effettivi utenti Linux. In questo caso possiamo usare l'opzione username map = /etc/smbusers per indicare il file che contiene questa associazione nel formato linux_user = Windows User Il valore scritto nella parte destra viene comparato in maniera caseinsensitive ed associato all'utente definito a sinistra. Un possibile file potrebbe avere il seguente contenuto:!test = Utente Test test_user nobody = * Quando SAMBA legge un file creato per la mappatura degli utente continua a controllare tutti gli utente fino a quando il file è completamente letto. Il punto esclamativo (!) permette di interrompere l'esecuzione del file nel momento in cui trova l'utente desiderato. L'asterisco (*) viene utilizzato per definire una qualsiasi sequanza di caratteri. SAMBA utilizza il file per la mappatura degli utenti come primo elemento di verifica quando un utente cerca di autenticarsi. Utilizzando la riga permetterebbe l'accesso degli utenti (sia Windows che Unix) solo ed esclusivamente con gli utente definiti all'interno della sezione destra del file. In questo caso bisogna ricordarsi di aggiungere anche l'utente Unix altrimenti quest'ultimo verrebbe mappato sempre come utente. 17/28

18 SAMBA nel modo Windows La risoluzione dei nomi. SAMBA utilizza principalmente due sistemi per risolvere i nomi: WINS e/o DNS. Per attivare SAMBA come WINS server utilizziamo la seguente opzione: wins support = yes DNS può essere disabilitato per limitare la ricerca solamente su WINS dns proxy = no SAMBA può essere configurato per utilizzare uno o più WINS server già presenti in rete con l'opzione wins server = dove e son gli indirizzi IP dei rispettivi WINS server. Nel caso in cui il server WINS fosse presente all'interno di una sottorete diversa da quella gestita da SAMBA possiamo attivare il forwarding delle richieste mediante wins proxy = yes L'ordine di esecuzione utilizzato da SAMBA per la risoluzione dei nomi si determina con l'opzione 18/28

19 nome resolve order = wins lmhosts hosts bcast lmhosts hosts wins bcast file hosts di SAMBA /etc/hosts di Linux il server WINS utilizza il broadcast Il browsing dei domain controller. Per definire il server master da utilizzare all'interno di una rete i vari server partecipano ad una elezione. Vince il server con il sistema operativo che ha il valore più alto all'interno dell'intera elezione. In caso di sistemi operativi con lo stesso valore viene eseguita un algoritmo particolare che determinerà il vincitore. I valori dei sistemi operativi Windows più noti sono: 32 Windows NT/2000/2003 domain controller 16 Windows NT/2000/2003/XP domain member e standalone Per disabilitare la partecipazione all'elezione possiamo scrivere local master = no Altrimenti possiamo forzare l'utilizzo come server master aumentando il valore per l'elezione: local master = yes os level = 255 preferred master = yes SAMBA può inoltre essere attivato come domain master browser (PDC) aggiungendo l'opzione seguente alle precedenti appena viste nella sezione [global]: domain master = yes L'attivazione di SAMBA come PDC fa registrare a nmbd il nome del workgroup con l'aggiunta del codice <0x1b>. Avendo come valore workgroup TESTDOM possiamo utilizzare il seguente comando per verificare l'effettiva attivazione: nmblookup 'TESTDOM#1b' che dovrebbe restituire l'indirizzo IP del server in questione. Per visualizzare l'elenco dei server presenti all'interno del nostro gruppo di lavoro scriviamo # net rap server domain TESTDOM 19/28

20 La gestione dei link simbolici. Con le seguenti opzioni possiamo decidere come SAMBA dovrà interpretare i link simbolici. Possiamo decidere di far seguire i link simbolici da SAMBA e se permettere o meno l'inseguimento di link simbolici che si trovano al di fuori della cartella princiaple condivisa. follow symlinks = yes no Permette di attivare o meno l'inseguimento dei link simbolici wide links = yes no Permette di attivare o meno l'inseguimento dei link simbolici che si trovano al di fuori della cartella principale condivisa. La gestione dei file nascosti. In un sistema UNIX i file vengono nascosti ponendo un punto comme inizio del nome del file. Questa funzione potrebbe essere fastidiosa se applicata su file che vengono creati da un'utente Windows. Possiamo quindi modificare questo comportamento con la seguente opzione hide dot files = no E' possibile nascondere anche file che rispecchiano un determinato pattern (es. l'estensione del file) definito con il Windows globbbing: hide files = /*.ini/*.sys/ I vari pattern vanno separati da uno splash (/). I file che vengono nascosti da SAMBA non possono essere utilizzati dai client anche se conoscono il nome del file in question. La gestione dei DOS attributes. Alcuni degli attributi DOS vengono attualmente registrati utilizzando determinati bit all'interno della matrice UNIX che identifica i permessi dei file. Gli attributi in questione sono: Archiv ReadOnly System Hidden per identificare i file recentemente modificati per indicare i file di sola lettura per identificare i file di sistema per idenfiticare i file nascosti UNIX mappa questi attributi utilizzando i seguenti bit: ReadOnly valore W (inverso) nel blocco proprietario 20/28

21 Archivio System Hidden valore X nel blocco proprietario valore X nel blocco gruppo valore X nel blocco degl altri Questa assegnazione funziona solamente sui file e non sulle cartelle. Le seguenti opzioni inserite nella sezione [global] permettono di attivare o meno la mappatura degli attributi DOS map readonly = yes no permissions map archive = yes no map hidden = yes no map system = yes no Un file con i seguenti permessi UNIX -r-xr--r-- prova.txt viene visto da Windows come un file archivio di sola lettura. Possiamo verificare con il seguente comando: smbclient //SERVER/public -U test -c 'dir prova.txt' SAMBA permette di separare la gestione degli attributi separatamente dai bit dei permessi. Dobbiamo verificare che la partizione montata sia montata con l'opzione user_attr e che siano presenti gli XATTR nella configurazoine iniziale di installazione con smbd -b grep XATTR In questo caso possiamo semplicemente attivare il tutto con l'opzione store dos attributes = yes 21/28

22 PDC con SAMBA Configurazione di SAMBA come PDC. Per identificare un PDC all'interno di una rete Windows cerca di risolvere il nome TESTDOM<0x1b>, mentre utilizza il nome TESTDOM<0x1c> per identificare un semplice DC, dove TESTDOM è il nome workgroup che identifica il nostro dominio di appartenenza. Abbiamo già visto l'opzione domain master che fa registrare a nmbd il nome TESTDOM<0x1b>, mentre il nome TESTDOM<0x1c> viene registrato utilizzando l'opzione domain logons come segue. Quindi cambiamo la nostra configurazione SAMBA come segue: [global] netbios name = SERVER workgroup = TESTDOM security = user passwd backend = tdbsam encrypt passwords = yes domain master = yes domain logon = yes Attiviamo inoltre le varie opzioni che permettono al nostro server di diventare local master browser aggiungendo anche le seguenti righe os level = 255 preferred master = yes local master = yes Ora possiamo verificare la registrazione dei nomi TESTDOM<0x1b> e 22/28

23 TESTDOM<0x1c> con il seguente comando: nmblookup 'TESTDOM#1b' 'TESTDOM#1c' Come risultato dovremmo vedere l'indirizzo IP del nostro server. Mappatura dei gruppi. La mappatura dei gruppi viene memorizzata all'interno del file group_mapping.ldb. La mappatura avviene mettendo in relazione una SID con un gruppo Linux presente all'interno del sistema. Il comando net groupmap mette a disposizione una serie di funzioni che permettono la gestione della mappatura dei gruppi. Per visualizzare l'elenco dei gruppi attualmente presenti digitiamo: # net groupmap list System Admins (S ) sysadmin Il risultato visualizza il gruppo NT con relativo global SID tra parentesi ed il gruppo Unix sul quale viene mappato. Le informazioni dettagliate relative ad un gruppo le otteniamo scrivendo # net groupmap list verbose ntgroup= System Admins System Admins SID : S Unix gid : 1006 Unix group : sysadmin Group type : Local Group Comment : Domain Unix group Per aggiungere un nuovo gruppo all'interno della mappatura possiamo usare # net groupmap add ntgroup= System Managers unixgroup=sysman dove ntgroup identifica il nome NT del gruppo, mentre unixgroup il gruppo del sistema. Possiamo naturalmente anche modificare eventuali gruppi già esistenti con # net groupmap modify ntgroup= System Managers unixgroup=systmp \ comment= System Manager Group type=local dove comment permette di aggiungere un commento e type definisce il tipo di gruppo che vogliamo aggiungere: domain (per un gruppo di dominio) e local (per un gruppo locale). Gruppi non più utilizzati vengono eliminati con #net groupmap delete ntgroup= System Managers 23/28

RSYNC e la sincronizzazione dei dati

RSYNC e la sincronizzazione dei dati RSYNC e la sincronizzazione dei dati Introduzione Questo breve documento intende spiegare come effettuare la sincronizzazione dei dati tra due sistemi, supponendo un sistema in produzione (master) ed uno

Dettagli

GUIDA DELL UTENTE IN RETE

GUIDA DELL UTENTE IN RETE GUIDA DELL UTENTE IN RETE Memorizza registro di stampa in rete Versione 0 ITA Definizione delle note Nella presente Guida dell'utente viene utilizzata la seguente icona: Le note spiegano come intervenire

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

Arcserve Replication and High Availability

Arcserve Replication and High Availability Arcserve Replication and High Availability Guida operativa per Oracle Server per Windows r16.5 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente

Dettagli

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1 UBUNTU SERVER Installazione e configurazione di Ubuntu Server M. Cesa 1 Ubuntu Server Scaricare la versione deisiderata dalla pagina ufficiale http://www.ubuntu.com/getubuntu/download-server Selezioniare

Dettagli

Come installare e configurare il software FileZilla

Come installare e configurare il software FileZilla Come utilizzare FileZilla per accedere ad un server FTP Con questo tutorial verrà mostrato come installare, configurare il software e accedere ad un server FTP, come ad esempio quello dedicato ai siti

Dettagli

Virtualizzazione e installazione Linux

Virtualizzazione e installazione Linux Virtualizzazione e installazione Linux Federico De Meo, Davide Quaglia, Simone Bronuzzi Lo scopo di questa esercitazione è quello di introdurre il concetto di virtualizzazione, di creare un ambiente virtuale

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition. Guida introduttiva

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition. Guida introduttiva Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition Guida introduttiva Questo documento descrive come installare e iniziare a utilizzare Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition.

Dettagli

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email. La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.it) Introduzione In questa serie di articoli, vedremo come utilizzare

Dettagli

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory FILE SYSTEM : INTERFACCIA 8.1 Interfaccia del File System Concetto di File Metodi di Accesso Struttura delle Directory Montaggio del File System Condivisione di File Protezione 8.2 Concetto di File File

Dettagli

Istruzioni per l uso Guida software

Istruzioni per l uso Guida software Istruzioni per l uso Guida software Leggere subito Manuali per questa stampante...8 Preparazione per la stampa Installazione rapida...9 Conferma del metodo di connessione...11 Connessione di rete...11

Dettagli

Windows Mail Outlook Express 6 Microsoft Outlook 2003 Microsoft Outlook 2007 Thunderbird Opera Mail Mac Mail

Windows Mail Outlook Express 6 Microsoft Outlook 2003 Microsoft Outlook 2007 Thunderbird Opera Mail Mac Mail Configurare un programma di posta con l account PEC di Il Titolare di una nuova casella PEC può accedere al sistema sia tramite Web (Webmail i ), sia configurando il proprio account ii nel programma di

Dettagli

Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option

Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Il software descritto nel presente

Dettagli

Guida all'installazione rapida di scansione su e-mail

Guida all'installazione rapida di scansione su e-mail Xerox WorkCentre M118i Guida all'installazione rapida di scansione su e-mail 701P42705 Questa guida fornisce un riferimento rapido per l'impostazione della funzione Scansione su e-mail su Xerox WorkCentre

Dettagli

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0)

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0) Indice generale PREMESSA... 2 ACCESSO... 2 GESTIONE DELLE UTENZE... 3 DATI DELLA SCUOLA... 6 UTENTI...7 LISTA UTENTI... 8 CREA NUOVO UTENTE...8 ABILITAZIONI UTENTE...9 ORARI D'ACCESSO... 11 DETTAGLIO UTENTE...

Dettagli

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET Programmi Outlook Express Internet Explorer 72 DNS Poiché riferirsi a una risorsa (sia essa un host oppure l'indirizzo di posta elettronica di un utente) utilizzando un

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

Creare una pen drive bottabile con Zeroshell oppure installarlo su hard disk. by Gassi Vito info@gassielettronica.com

Creare una pen drive bottabile con Zeroshell oppure installarlo su hard disk. by Gassi Vito info@gassielettronica.com Creare una pen drive bottabile con Zeroshell oppure installarlo su hard disk by Gassi Vito info@gassielettronica.com Questa breve guida pratica ci consentirà installare Zeroshell su pen drive o schede

Dettagli

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte)

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte) Corso ForTIC C2 LEZIONE n. 10 CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte) WEB SERVER PROXY FIREWALL Strumenti di controllo della rete I contenuti di questo documento, salvo diversa indicazione, sono rilasciati

Dettagli

Modulo 2 - Appendice 3 L'editor vi e cenni su sed

Modulo 2 - Appendice 3 L'editor vi e cenni su sed 1 Modulo 2 - Appendice 3 L'editor vi e cenni su sed Laboratorio di Sistemi Operativi I Anno Accademico 2008-2009 Copyright 2005-2007 Francesco Pedullà, Massimo Verola Copyright 2001-2005 Renzo Davoli,

Dettagli

Come configurare un programma di posta con l account PEC di GLOBALCERT.IT

Come configurare un programma di posta con l account PEC di GLOBALCERT.IT Come configurare un programma di posta con l account PEC di GLOBALCERT.IT Il Titolare di una nuova casella PEC può accedere al sistema sia tramite Web (Webmail i ), sia configurando il proprio account

Dettagli

GUIDA alla configurazione di un DVR o Router su dyndns.it. in modalità compatibile www.dyndns.org

GUIDA alla configurazione di un DVR o Router su dyndns.it. in modalità compatibile www.dyndns.org GUIDA alla configurazione di un DVR o Router su dyndns.it in modalità compatibile www.dyndns.org Questa semplice guida fornisce le informazioni necessarie per eseguire la registrazione del proprio DVR

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

Installazione ed attivazione della "SUITE OFFIS" versione SERVER

Installazione ed attivazione della SUITE OFFIS versione SERVER Installazione ed attivazione della "SUITE OFFIS" versione SERVER Premessa La versione server di OFFIS può essere installata e utilizzata indifferentemente da PC/Win o Mac/Osx e consente l'accesso contemporaneo

Dettagli

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido SISSI IN RETE Quick Reference guide guida di riferimento rapido Indice generale Sissi in rete...3 Introduzione...3 Architettura Software...3 Installazione di SISSI in rete...3 Utilizzo di SISSI in Rete...4

Dettagli

ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA

ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA Avvio di Atlas 2.x sul server CONTESTO La macchina deve rispecchiare le seguenti caratteristiche MINIME di sistema: Valori MINIMI per Server di TC con 10 postazioni d'esame

Dettagli

ARP (Address Resolution Protocol)

ARP (Address Resolution Protocol) ARP (Address Resolution Protocol) Il routing Indirizzo IP della stazione mittente conosce: - il proprio indirizzo (IP e MAC) - la netmask (cioè la subnet) - l indirizzo IP del default gateway, il router

Dettagli

iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti

iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti iphone è pronto per le aziende. Supporta Microsoft Exchange ActiveSync, così come servizi basati su standard, invio e ricezione di e-mail, calendari

Dettagli

FileMaker Server 13. Guida introduttiva

FileMaker Server 13. Guida introduttiva FileMaker Server 13 Guida introduttiva 2007-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker e Bento sono marchi

Dettagli

Manuale installazione DiKe Util

Manuale installazione DiKe Util Manuale installazione DiKe Util Andare sul sito Internet: www.firma.infocert.it Cliccare su software nella sezione rossa INSTALLAZIONE: comparirà la seguente pagina 1 Selezionare, nel menu di sinistra,

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto 2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto previsto in Avvisi legali. 23 giugno 2014 Indice 3 Indice...5

Dettagli

Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics

Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics Introduzione I destinatari di questa guida sono gli amministratori di sistema che configurano IBM SPSS Modeler Entity Analytics (EA) in modo

Dettagli

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 MANUALE UTENTE DN-16100 SALVAGUARDIA IMPORTANTE Tutti i prodotti senza piombo offerti dall'azienda sono a norma con i requisiti della legge Europea sulla restrizione per l'uso

Dettagli

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux DNS (Domain Name System) Gruppo Linux Luca Sozio Matteo Giordano Vincenzo Sgaramella Enrico Palmerini DNS (Domain Name System) Ci sono due modi per identificare un host nella rete: - Attraverso un hostname

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

FileMaker Server 13. Guida di FileMaker Server

FileMaker Server 13. Guida di FileMaker Server FileMaker Server 13 Guida di FileMaker Server 2010-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker e Bento sono

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

APRS su Linux con Xastir, installazione dai sorgenti

APRS su Linux con Xastir, installazione dai sorgenti APRS su Linux con Xastir Installazione dai sorgenti L installazione di Xastir Per installare Xastir non è richiesto essere un guru di Linux, anche se una conoscenza minima della piattaforma è necessaria.

Dettagli

Museo&Web CMS Tutorial: installazione di Museo&Web CMS Versione 0.2 del 16/05/11

Museo&Web CMS Tutorial: installazione di Museo&Web CMS Versione 0.2 del 16/05/11 Museo&Web CMS Tutorial: installazione di Museo&Web CMS Versione 0.2 del 16/05/11 Museo & Web CMS v1.5.0 beta (build 260) Sommario Museo&Web CMS... 1 SOMMARIO... 2 PREMESSE... 3 I PASSI PER INSTALLARE MUSEO&WEB

Dettagli

Gestione posta elettronica (versione 1.1)

Gestione posta elettronica (versione 1.1) Gestione posta elettronica (versione 1.1) Premessa La presente guida illustra le fasi da seguire per una corretta gestione della posta elettronica ai fini della protocollazione in entrata delle mail (o

Dettagli

Manuale - TeamViewer 6.0

Manuale - TeamViewer 6.0 Manuale - TeamViewer 6.0 Revision TeamViewer 6.0 9947c Indice Indice 1 Ambito di applicazione... 1 1.1 Informazioni su TeamViewer... 1 1.2 Le nuove funzionalità della Versione 6.0... 1 1.3 Funzioni delle

Dettagli

FS-1118MFP. Guida all'installazione dello scanner di rete

FS-1118MFP. Guida all'installazione dello scanner di rete FS-1118MFP Guida all'installazione dello scanner di rete Introduzione Informazioni sulla guida Informazioni sul marchio Restrizioni legali sulla scansione Questa guida contiene le istruzioni sull'impostazione

Dettagli

Boot Camp Guida di installazione e configurazione

Boot Camp Guida di installazione e configurazione Boot Camp Guida di installazione e configurazione Indice 3 Introduzione 4 Panoramica dell'installazione 4 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 4 Passo 2: Per preparare il Mac per Windows 4

Dettagli

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni sul

Dettagli

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate.

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate. Comandi filtro: sed Il nome del comando sed sta per Stream EDitor e la sua funzione è quella di permettere di editare il testo passato da un comando ad un altro in una pipeline. Ciò è molto utile perché

Dettagli

2 Requisiti di sistema 4 2.1 Requisiti software 4 2.2 Requisiti hardware 5 2.3 Software antivirus e di backup 5 2.4 Impostazioni del firewall 5

2 Requisiti di sistema 4 2.1 Requisiti software 4 2.2 Requisiti hardware 5 2.3 Software antivirus e di backup 5 2.4 Impostazioni del firewall 5 Guida introduttiva Rivedere i requisiti di sistema e seguire i facili passaggi della presente guida per distribuire e provare con successo GFI FaxMaker. Le informazioni e il contenuto del presente documento

Dettagli

GESTIONE DELLA E-MAIL

GESTIONE DELLA E-MAIL GESTIONE DELLA E-MAIL Esistono due metodologie, completamente diverse tra loro, in grado di consentire la gestione di più caselle di Posta Elettronica: 1. tramite un'interfaccia Web Mail; 2. tramite alcuni

Dettagli

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto Rev 8.0-12/2012 TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen www.teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 6 1.1 Informazioni sul software... 6

Dettagli

Altre opzioni Optralmage

Altre opzioni Optralmage di Personalizzazione delle impostazioni............ 2 Impostazione manuale delle informazioni sul fax......... 5 Creazione di destinazioni fax permanenti................ 7 Modifica delle impostazioni di

Dettagli

Guida dell amministratore

Guida dell amministratore Guida dell amministratore Maggiori informazioni su come poter gestire e personalizzare GFI FaxMaker. Modificare le impostazioni in base ai propri requisiti e risolvere eventuali problemi riscontrati. Le

Dettagli

Installazione LINUX 10.0

Installazione LINUX 10.0 Installazione LINUX 10.0 1 Principali passi Prima di iniziare con l'installazione è necessario entrare nel menu di configurazione del PC (F2 durante lo start-up) e selezionare nel menu di set-up il boot

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads.

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads. MailStore Proxy Con MailStore Proxy, il server proxy di MailStore, è possibile archiviare i messaggi in modo automatico al momento dell invio/ricezione. I pro e i contro di questa procedura vengono esaminati

Dettagli

Indice. Documentazione ISPConfig

Indice. Documentazione ISPConfig Documentazione ISPConfig I Indice Generale 1 1 Cos'è ISPConfig? 1 2 Termini e struttura del manuale 1 3 Installazione/Aggiornamento/Disinstallazione 1 3.1 Installazione 1 3.2 Aggiornamento 1 3.3 Disinstallazione

Dettagli

Schema Tipologia a Stella

Schema Tipologia a Stella Cos'e' esattamente una rete! Una LAN (Local Area Network) è un insieme di dispositivi informatici collegati fra loro, che utilizzano un linguaggio che consente a ciascuno di essi di scambiare informazioni.

Dettagli

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers La procedura di installazione è divisa in tre parti : Installazione dell archivio MySql, sul quale vengono salvati

Dettagli

Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master

Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master Industry Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master Dispositivi utilizzati: - 2 LOGO! 0BA7 (6ED1 052-1MD00-0AB7) - Scalance X-208 LOGO! 0BA7 Client IP: 192.168.0.1 LOGO! 0BA7 Server IP:

Dettagli

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP.

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP. Configurazione di indirizzi IP statici multipli Per mappare gli indirizzi IP pubblici, associandoli a Server interni, è possibile sfruttare due differenti metodi: 1. uso della funzione di Address Translation

Dettagli

Remote Administrator v2.2

Remote Administrator v2.2 Remote Administrator v2.2 Radmin è il software più veloce per il controllo remoto. È ideale per l assistenza helpdesk e per la gestione dei network. Ultimo aggiornamento: 23 June 2005 Sito Web: www.radmin.com

Dettagli

CA Process Automation

CA Process Automation CA Process Automation Glossario Release 04.2.00 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente (d'ora in avanti indicata come

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

DEFT Zero Guida Rapida

DEFT Zero Guida Rapida DEFT Zero Guida Rapida Indice Indice... 1 Premessa... 1 Modalità di avvio... 1 1) GUI mode, RAM preload... 2 2) GUI mode... 2 3) Text mode... 2 Modalità di mount dei dispositivi... 3 Mount di dispositivi

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

Manuale installazione KNOS

Manuale installazione KNOS Manuale installazione KNOS 1. PREREQUISITI... 3 1.1 PIATTAFORME CLIENT... 3 1.2 PIATTAFORME SERVER... 3 1.3 PIATTAFORME DATABASE... 3 1.4 ALTRE APPLICAZIONI LATO SERVER... 3 1.5 ALTRE APPLICAZIONI LATO

Dettagli

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i!

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! Manuale Utente S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! INDICE INDICE... 3 INTRODUZIONE... 3 Riguardo questo manuale...3 Informazioni su VOLT 3 Destinatari 3 Software Richiesto 3 Novità su Volt...3

Dettagli

Installazione di GFI Network Server Monitor

Installazione di GFI Network Server Monitor Installazione di GFI Network Server Monitor Requisiti di sistema I computer che eseguono GFI Network Server Monitor richiedono: i sistemi operativi Windows 2000 (SP4 o superiore), 2003 o XP Pro Windows

Dettagli

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore)

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Autore: Matteo Veroni Email: matver87@gmail.com Sito web: matteoveroni@altervista.org Fonti consultate: http://openmeetings.apache.org/

Dettagli

Disabilitare lo User Account Control

Disabilitare lo User Account Control Disabilitare lo User Account Control Come ottenere i privilegi di sistema su Windows 7 1s 2s 1. Cenni Generali Disabilitare il Controllo Account Utente (UAC) Win 7 1.1 Dove può essere applicato questo

Dettagli

Client di Posta Elettronica PECMailer

Client di Posta Elettronica PECMailer Client di Posta Elettronica PECMailer PECMailer è un semplice ma completo client di posta elettronica, ovvero un programma che consente di gestire la composizione, la trasmissione, la ricezione e l'organizzazione

Dettagli

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Sicurezza delle reti wireless Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Concetti di base IEEE 802.11: famiglia di standard tra cui: 802.11a, b, g: physical e max data rate spec. 802.11e: QoS (traffic

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

Rational Asset Manager, versione 7.1

Rational Asset Manager, versione 7.1 Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Note Prima di utilizzare queste informazioni e il prodotto

Dettagli

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux.

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux. FAQ su GeCo Qual è la differenza tra la versione di GeCo con installer e quella portabile?... 2 Esiste la versione per Linux di GeCo?... 2 Quali sono le credenziali di accesso a GeCo?... 2 Ho smarrito

Dettagli

Determinare la grandezza della sottorete

Determinare la grandezza della sottorete Determinare la grandezza della sottorete Ogni rete IP possiede due indirizzi non assegnabili direttamente agli host l indirizzo della rete a cui appartiene e l'indirizzo di broadcast. Quando si creano

Dettagli

Come difendersi dai VIRUS

Come difendersi dai VIRUS Come difendersi dai VIRUS DEFINIZIONE Un virus è un programma, cioè una serie di istruzioni, scritte in un linguaggio di programmazione, in passato era di solito di basso livello*, mentre con l'avvento

Dettagli

GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS

GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS Page 1 of 6 GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS 1) Impossibile inviare il messaggio. Uno dei destinatari non è stato accettato dal server. L'indirizzo di posta elettronica non accettato è "user@dominio altro

Dettagli

CA Business Intelligence

CA Business Intelligence CA Business Intelligence Guida all'implementazione Versione 03.2.00 La presente documentazione ed ogni relativo programma software di ausilio (di seguito definiti "Documentazione") vengono forniti unicamente

Dettagli

Manuale di installazione. Data Protector Express. Hewlett-Packard Company

Manuale di installazione. Data Protector Express. Hewlett-Packard Company Manuale di installazione Data Protector Express Hewlett-Packard Company ii Manuale di installazione di Data Protector Express. Copyright Marchi Copyright 2005 Hewlett-Packard Limited. Ottobre 2005 Numero

Dettagli

AUTENTICAZIONE CON CERTIFICATI DIGITALI MOZILLA THUNDERBIRD

AUTENTICAZIONE CON CERTIFICATI DIGITALI MOZILLA THUNDERBIRD AUTENTICAZIONE CON CERTIFICATI DIGITALI MOZILLA THUNDERBIRD 1.1 Premessa Il presente documento è una guida rapida che può aiutare i clienti nella corretta configurazione del software MOZILLA THUNDERBIRD

Dettagli

1.1.1 ATLAS Postazione Studente : CONFIGURAZIONE DI ATLAS CON CLIENT LINUX

1.1.1 ATLAS Postazione Studente : CONFIGURAZIONE DI ATLAS CON CLIENT LINUX 1.1.1 ATLAS Postazione Studente : CONFIGURAZIONE DI ATLAS CON CLIENT LINUX Configurazione di Atlas con client Linux DESCRIZIONE Di seguito sono descritte le operazioni da effettuare per configurare correttamente

Dettagli

Alb@conference GO e Web Tools

Alb@conference GO e Web Tools Alb@conference GO e Web Tools Crea riunioni virtuali sempre più efficaci Strumenti Web di Alb@conference GO Guida Utente Avanzata Alb@conference GO Per partecipare ad un audioconferenza online con Alb@conference

Dettagli

I FILTRI SED, GREP (e AWK) Tratto da http://www.pluto.it/files/ildp/guide/abs/textproc.html SED

I FILTRI SED, GREP (e AWK) Tratto da http://www.pluto.it/files/ildp/guide/abs/textproc.html SED I FILTRI SED, GREP (e AWK) Tratto da http://www.pluto.it/files/ildp/guide/abs/textproc.html SED SED è un programma in grado di eseguire delle trasformazioni elementari in un flusso di dati di ingresso,

Dettagli

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Le funzionalità di X-Cross La sofisticata tecnologia di CrossModel, oltre a permettere di lavorare in Internet come nel proprio ufficio e ad avere una

Dettagli

Manuale dell'amministratore

Manuale dell'amministratore Manuale dell'amministratore di LapLink Host 2 Introduzione a LapLink Host 4 Requisiti per LapLink Host 6 Esecuzione dell'installazione silent di LapLink Host 8 Modifica del file di procedura per l'installazione

Dettagli

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Procedure per la scansione di sicurezza Versione 1.1 Release: settembre 2006 Indice generale Finalità... 1 Introduzione... 1 Ambito di applicazione dei

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

ApplicationServer XG Versione 11. Ultimo aggiornamento: 10.09.2013

ApplicationServer XG Versione 11. Ultimo aggiornamento: 10.09.2013 ApplicationServer XG Versione 11 Ultimo aggiornamento: 10.09.2013 Indice Indice... i Introduzione a 2X ApplicationServer... 1 Cos'è 2X ApplicationServer?... 1 Come funziona?... 1 Su questo documento...

Dettagli

File Leggimi relativo a Quark Licensing Administrator 4.5.0.2

File Leggimi relativo a Quark Licensing Administrator 4.5.0.2 File Leggimi relativo a Quark Licensing Administrator 4.5.0.2 INDICE Indice File Leggimi relativo a Quark Licensing Administrator 4.5.0.2...4 Requisiti di sistema: QLA Server...5 Requisiti di sistema:

Dettagli

Di seguito sono descritti i prerequisiti Hardware e Software che deve possedere la postazione a cui viene collegata l Aruba Key.

Di seguito sono descritti i prerequisiti Hardware e Software che deve possedere la postazione a cui viene collegata l Aruba Key. 1 Indice 1 Indice... 2 2 Informazioni sul documento... 3 2.1 Scopo del documento... 3 3 Caratteristiche del dispositivo... 3 3.1 Prerequisiti... 3 4 Installazione della smart card... 4 5 Avvio di Aruba

Dettagli

NAS 208 WebDAV Un'alternativa sicura per la condivisione di file su FTP

NAS 208 WebDAV Un'alternativa sicura per la condivisione di file su FTP NAS 208 WebDAV Un'alternativa sicura per la condivisione di file su FTP Eseguire il collegamento al NAS tramite WebDAV A S U S T O R C O L L E G E OBIETTIVI DEL CORSO Al termine di questo corso si dovrebbe

Dettagli

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless La configurazione degli indirizzi IP Configurazione statica, con DHCP, e stateless 1 Parametri essenziali per una stazione IP Parametri obbligatori Indirizzo IP Netmask Parametri formalmente non obbligatori,

Dettagli

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 Con questo aggiornamento sono state implementate una serie di funzionalità concernenti il tema della dematerializzazione e della gestione informatica dei documenti,

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici Sommario Sommario... 1 Parte 1 - Nuovo canale di sicurezza ANPR (INA-AIRE)... 2 Parte 2 - Collegamento Client INA-SAIA... 5 Indicazioni generali... 5 Installazione e configurazione... 8 Operazioni di Pre-Installazione...

Dettagli

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica

Dettagli

INDICE INTRODUZIONE...3 REQUISITI MINIMI DI SISTEMA...4 INSTALLAZIONE DEI PROGRAMMI...5 AVVIAMENTO DEI PROGRAMMI...7 GESTIONE ACCESSI...

INDICE INTRODUZIONE...3 REQUISITI MINIMI DI SISTEMA...4 INSTALLAZIONE DEI PROGRAMMI...5 AVVIAMENTO DEI PROGRAMMI...7 GESTIONE ACCESSI... ambiente Windows INDICE INTRODUZIONE...3 REQUISITI MINIMI DI SISTEMA...4 INSTALLAZIONE DEI PROGRAMMI...5 AVVIAMENTO DEI PROGRAMMI...7 GESTIONE ACCESSI...8 GESTIONE DELLE COPIE DI SICUREZZA...10 AGGIORNAMENTO

Dettagli

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci Manuale di Remote Desktop Connection Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Il protocollo Remote Frame Buffer 6 3 Uso di Remote Desktop

Dettagli