COMUNE DI GONNOSNO PROVINCIA DI ORISTANO PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE 2013/2015

Advertisement


Advertisement
Documenti analoghi
PIANO DI AZIONI POSITIVE

COMUNE DI POLLENA TROCCHIA


Piano di Azioni Positive della Provincia di Matera

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITA PER IL TRIENNIO 2015/2017

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti

COMUNE DI CASELETTE Provincia di Torino P.A.P. - PIANO DI AZIONI POSITIVE - TRIENNIO 2013/2015

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE - PARI OPPORTUNITÀ TRA UOMO E DONNA TRIENNIO 2015/2017 (art. 48 del D.Lgs n 198)

DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

Analisi dati del Personale

COMUNE DI BITONTO Provincia di Bari

L UFFICIO PARI OPPORTUNITA LA CONSIGLIERA DI PARITA PROVINCIALE IL CUG DELLA PROVINCIA DI PESARO E URBINO PRESENTANO IL

COMUNE DI COLOGNO AL SERIO

COMUNE DI ARCENE (Provincia di Bergamo) PIANO DELLE AZIONI POSITIVE

PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI JESI

PROVINCIA DI LIVORNO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE

Piano triennale di azioni positive per la realizzazione di pari opportunità di lavoro e nel lavoro tra donne e uomini

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2013/2015 Definitivo

PIANO POSITIVE in collaborazione con il Comitato Unico di Garanzia

COMUNE DI BRISSAGO VALTRAVAGLIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

MANUALE PER LA REDAZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE

Comune di Fabriano GIUNTA COMUNALE

PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO

Deliberazione di Giunta Comunale n 135 del 23/07/2015

Piano triennale delle azioni positive per attuare parità e pari opportunità tra uomini e donne

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 32 DEL PIANO DELLE AZIONI POSITIVE. triennio 2015/2017

Comune di Gonnosno' PROVINCIA DI ORISTANO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 64 DEL 18/10/2013

COMUNE DI MONTALCINO

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI RACCONIGI

Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015

PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE IN MATERIA DI PARI OPPORTUNITA ANNI

COMUNE DI CANCELLARA

Comitato Unico di Garanzia (CUG) per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2015/2017 DEFINITIVO

PIANO DI AZIONI POSITIVE (PAP)

REGOLAMENTO INTERNO PER IL FUNZIONAMENTO

Art. 1 Oggetto del Regolamento

SALUTE SUL LAVORO E BENESSERE ORGANIZZATIVO: OBBLIGHI ED OPPORTUNITÀ PER LE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE. IL RUOLO DEI CUG

Piano Triennale delle azioni positive

COMUNE DI ISTRANA AREA AMMINISTRATIVA

COMUNE DI MARACALAGONIS

DIVISIONE STIPENDI E CARRIERE DEL PERSONALE

COMUNE DI PAU PROVINCIA DI ORISTANO

REGOLAMENTO COMITATO UNICO DI GARANZIA

C.F. e P. I.V.A.: Sede legale: Via G. Cusmano, PALERMO

PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO (approvato con atto di G.C. n. 117/2013)

Città di Fabriano GIUNTA COMUNALE ORIGINALE DI DELIBERAZIONE

Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni REGOLAMENTO

COMUNE di LENTATE SUL SEVESO

COMUNE DI GIOVINAZZO

PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI RAVENNA

PIANO DI AZIONI POSITIVE per il triennio

Comune di Cimolais. Provincia di Pordenone VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Piano triennale di azioni positive del Comune di Lecco 2013/2015

Prof.ssa Loredana Zappalà (Università degli Studi di Catania) Provincia Regionale di Catania, 30 marzo /04/2012 1

Inail cosa fa / Contrasto delle discriminazioni e benessere lavorativo. Salute e sicurezza sul lavoro: una questione anche di genere

Relazione illustrativa

Ministero della Salute 6. il processo di redazione della relazione sulla performance

COMUNE DI MONTEPULCIANO

Azienda Ospedaliera Ospedale San Carlo Borromeo Milano

1. Premessa 2. Normativa di riferimento Trattato di Roma Trattati di

COMITATO UNICO DI GARANZIA - CUG

COMUNE DI CARTIGLIANO Provincia di Vicenza

Azienda Ospedaliera di Padova IL BENESSERE ORGANIZZATIVO: QUALI SCELTE STRATEGICHE?

Appunti sull Orario di lavoro/e il Disegno di Legge n. 1167/B. Il tema dell orario di lavoro è un tema molto complesso per le ricadute che ha:

Il questionario sul benessere lavorativo ed organizzativo e la valorizzazione del benessere di chi lavora

PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE

ACCORDO DI COOPERAZIONE

COMUNE DI MASSA COPIA (809/2014)

PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO

Piano di Azioni Positive approvato dal Comitato Unico di Garanzia con propria deliberazione n. 2 del 15 maggio 2013

I NUOVI COMITATI UNICI DI GARANZIA A TUTELA DEI DIRITTI COMPITI E ATTIVITA DEI COMITATI UNICI: PROPOSTE E RIFLESSIONI

REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA (CUG)

C O M U N E D I O S T U N I Provincia di Brindisi * * * * * REGOLAMENTO DEL COMITATO CITTADINO PER LE PARI OPPORTUNITA FRA UOMO E DONNA

ART. 1 COSTITUZIONE ART. 2 FINALITA

REGIONE VENETO - Prevenzione e contrasto dei fenomeni di mobbing e tutela della salute psico-sociale della persona sul luogo del lavoro

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE

Comitati per il contrasto al mobbing) i CUG sono previsti dalla legge(l.183/ 2010 che ha modificato il D.Lgs 165/ 2001art.57)

Piano triennale. delle azioni positive. in materia di. pari opportunità Dicembre Pag. 1 di 19

POLITICA PER LA RESPONSABILITÀ SOCIALE SA8000

COMUNE DI MONTIGNOSO PROVINCIA DI MASSA CARRARA. Deliberazione della Giunta Comunale

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna

L Art. 21 della legge 4 novembre 2011 n. 183 : Il Comitato unico di garanzia ed il benessere del lavoratore nel settore pubblico.

LEGGE REGIONALE 4/2014

L A G I U N T A P R O V I N C I A L E

Benessere e stili di vita nell età di mezzo

COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITA DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORRE ANNUNZIATA REGOLAMENTO

OTTIMIZZAZIONE DEL BENESSERE LAVORATIVO

PIANO ANNUALE DI AZIONI POSITIVE dell ISPRA ANNO 2010

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO

La Rete Cug Ambiente. Daniela Raffaelli, vice presidente Cug Arpa Emilia- Romagna

LINEE GUIDA PER IL PIANO DI AZIONI POSITIVE DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA TRIENNIO LINEE GUIDA

Comune di Como REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE PER LE PARI OPPORTUNITÀ FRA UOMO E DONNA

Mobbing e rischio psicosociale: una lettura giuridica contaminata

DAI COMITATI PARI OPPORTUNITÀ

CODICE DI COMPORTAMENTO. per lavorare e vivere meglio. A cura dei Comitati Paritetici sul fenomeno del Mobbing Area Comparto e Dirigenza (*)

Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo

Regolamento del Comitato per le Pari Opportunità dell Ordine degli Avvocati di Chieti

Pari rappresentazione negli organi di Ateneo: teoria e prassi a confronto L esperienza dell Ateneo di Torino

Advertisement
Transcript:

COMUNE DI GONNOSNO PROVINCIA DI ORISTANO PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE 2013/2015 Approvato con Deliberazione di Giunta Comunale n. 64 del 18/10/2013

Fonti Normative: La parità tra donne e uomini è uno dei diritti fondamentali dell Unione Europea, principio comune e condizione imprescindibile per il raggiungimento degli obiettivi di crescita, occupazione e coesione sociale. La Legge n. 125/1991 1 Azioni positive per la realizzazione della parità uomo donna nel lavoro, i Decreti Legislativi n. 196/2000 Disciplina delle attività delle Consigliere e di Consiglieri di Parità e disposizioni in materia di azioni positive e n. 165/2001 Norme generali sull ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche prevedono che le Pubbliche Amministrazioni predispongano un Piano di Azioni Positive per la <<rimozione degli ostacoli che, di fatto, impediscono la piena realizzazione di pari opportunità di lavoro e nel lavoro tra uomini e donne>>. Il Decreto Legislativo 11 Aprile 2006, n. 198 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell articolo 6 della Legge 28 Novembre 2005 n. 246 raccoglie e unifica buona parte delle norme in materia di promozione delle pari opportunità, prevenzione e contrasto delle discriminazioni per motivi sessuali, prevedendo all articolo 48 la predisposizione da parte delle Amministrazioni dello Stato, anche ad ordinamento autonomo, Province, Comuni ed Enti Pubblici non economici di <<Piani di Azioni Positive tendenti ad assicurare, nel loro ambito rispettivo, la rimozione degli ostacoli che, di fatto, impediscono la piena realizzazione di pari opportunità di lavoro e nel lavoro tra uomini e donne. Detti piani favoriscono il riequilibrio della presenza femminile nelle attività e nelle posizioni gerarchiche ove sussiste un divario fra generi non inferiore a due terzi. I piani di cui al presente articolo hanno durata triennale>>. La mancata predisposizione del Piano, da sottoporre a parere preventivo e obbligatorio della Consigliera di Parità competente per territorio, è sanzionata ex articolo 6, comma 6, D.lgs. n. 165/2001 con il blocco dell assunzione di nuovo personale, compreso quello appartenente alle categorie protette. Il Piano di Azioni Positive rappresenta, dunque, un adempimento di legge ma anche uno strumento semplice e operativo per dare concreta applicazione ai principi di pari opportunità e parità di trattamento fra uomini e donne in materia di occupazione e impiego. Con l obiettivo di valorizzare le risorse umane di questo Ente Locale, migliorare la qualità dei servizi erogati ai cittadini e rendere la stessa azione amministrativa efficace ed efficiente, viene predisposto per il Triennio 2013/2015 un Piano di Azioni Positive teso ad assicurare il superamento delle disparità di genere tra lavoratrici e lavoratori e assicurare il benessere organizzativo dei dipendenti. 1 Legge n. 125/1991 abrogata dal D.lgs. n. 198/2006 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna.

Realtà organizzativa dell Ente Il Piano Triennale delle Azioni Positive tiene conto della struttura organizzativa dell Ente. L analisi della situazione del personale dipendente in servizio alla data del 30 Giugno 2013 è la seguente: PERSONALE DIPENDENTE A TEMPO INDETERMINATO (compreso personale utilizzato in regime di comando) Area Categoria Uomini Donne Totale Tecnica D4 1 0 3 C2 1 0 B1 1 0 Finanziaria - D2 0 1 3 Amministrativa C3 0 1 C1 0 1 Sociale D1 0 1 1 7 PERSONALE DIPENDENTE A TEMPO DETERMINATO Area Categoria Uomini Donne Totale Finanziaria - Amministrativa C1 1 0 1 1 TITOLARI DI POSIZIONE ORGANIZZATIVA: Donne: 2 Uomini: 1 SEGRETARIO COMUNALE: (in Convenzione con i Comuni di Furtei e Turri) Uomini: 1 Donne: 0 Potenzialità contesto di riferimento. Dall analisi dei dati relativi all organico non si rileva alcun divario tra i generi: dunque non occorre favorire il riequilibrio della presenza femminile ex art. 48, comma 1, del D.Lgs. n. 198/2006.

AZIONI POSITIVE. OBIETTIVI L obiettivo generale del Piano Triennale delle Azioni Positive è la rimozione degli ostacoli che, di fatto, impediscono la piena realizzazione di pari opportunità di lavoro e nel lavoro tra uomini e donne. L evoluzione del quadro normativo impone in primis di dare esecuzione a quanto previsto dall articolo 21 della Legge n. 183/2010 ( Misure atte a garantire pari opportunità, benessere di chi lavora e assenza di discriminazioni nelle amministrazioni pubbliche ), costituendo all interno dell Ente un Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni, che sostituisce, unificando le competenze in un solo organismo, i comitati per le pari opportunità e i comitati paritetici sul fenomeno del mobbing. Istituire il Comitato Unico di Garanzia (CUG) Azioni Individuazione componenti CUG e loro nomina Formazione in tema di pari opportunità, discriminazione e benessere organizzativo Percorso formativo per componenti CUG Promuovere cultura pari opportunità e benessere organizzativo 1)Pubblicazione/diffusione Piano Azioni Positive nel sito istituzionale dell Ente 2) Diffusione nel sito istituzionale dell Ente di informazioni su pari opportunità, benessere organizzativo, CUG, Consigliera Pari Opportunità 3) Raccolta osservazioni, suggerimenti dei dipendenti comunali 4) Formazione/aggiornamento del personale in materia di pari opportunità e discriminazioni 5) Pari opportunità fra uomini e donne per l accesso al lavoro con espressa previsione di tale principio nei bandi di selezione predisposti da questo Ente Monitoraggio e raccolta dati in attuazione della Direttiva del 23/05/2007 del Ministro per la P.A. e l innovazione e pari opportunità Adesione a rilevazione annuale predisposta da Dipartimento Funzione Pubblica (termine 20 Febbraio di ogni anno) Monitoraggio organico distinto per genere su richiesta del CUG Tutela benessere. Indagine su benessere organizzativo e stress da lavoro Analisi situazione personale in servizio distinta per categoria e genere 1) Questionario da sottoporre a dipendenti 2) Individuazione e attuazione azioni correttive

Tutela lavoratori/lavoratrici nell ambiente di lavoro Conciliazione fra vita lavorativa e vita privata Azioni contro eventuali molestie sessuali, mobbing, straining (stress forzato sul posto di lavoro), discriminazioni tramite: 1) CUG 2) Interventi e progetti idonei a prevenire/rimuovere situazioni di discriminazioni, violenze sessuali, morali, psicologiche, mobbing, straining Facilitare l utilizzo di forme di flessibilità orarie finalizzate al superamento di situazioni di disagio o alla conciliazione fra tempi di vita e tempi di lavoro.

Specifiche Azioni Positive: Azione 1 Istituzione Comitato Unico di Garanzia CUG Non necessari Istituire Comitato unico di Garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni Personale, Organizzazioni Sindacali, RSU Amministrazione Anno 2013 Azione 2 Formazione in tema di pari opportunità, discriminazione e benessere organizzativo per componenti CUG Stanziamenti previsti in bilancio per formazione personale Garantire l acquisizione delle competenze specifiche necessarie ai componenti del CUG tramite Corsi di formazione CUG Anno 2013 e seguenti Azione 3 Cultura pari opportunità e benessere organizzativo Stanziamenti previsti in bilancio per formazione personale Promuovere cultura pari opportunità e diffusione relative informazioni prevedendo: 1) Pubblicazione/diffusione Piano Azioni Positive 2) Costituzione di apposita sezione nel sito istituzionale dell Ente contenente informazioni su pari opportunità, benessere organizzativo, CUG, Consigliera Pari Opportunità 3) Raccolta osservazioni, suggerimenti dei dipendenti comunali 4) Formazione/aggiornamento del personale in materia di pari opportunità e discriminazioni 5) Pari opportunità fra uomini e donne per l accesso al lavoro prevedendo espressamente tale principio nei bandi di selezione Personale, CUG Anno 2013 e seguenti

Azione 4 Monitoraggio e raccolta dati in attuazione della Direttiva del 23/05/2007 del Ministro per la P.A. e l innovazione e pari opportunità Non necessari Adesione a rilevazione annuale predisposta da Dipartimento Funzione Pubblica Ufficio Personale in collaborazione con CUG 20 Febbraio di ogni anno Azione 5 Monitoraggio organico distinto per genere su richiesta del CUG Non necessari Analisi situazione personale in servizio distinta per categoria e genere su richiesta del CUG Ufficio Personale Su richiesta del CUG Azione 6 Tutela benessere. Indagine su benessere organizzativo e stress da lavoro Stanziamenti bilancio Rilevazione clima lavorativo e criticità rapporti di lavoro tramite: 1) Somministrazione di questionari da sottoporre a dipendenti 2) Individuazione e attuazione azioni correttive Ufficio Personale - CUG Personale esperto Anno 2013 e seguenti Il Comune di Gonnosnò s impegna inoltre a porre in essere ogni azione necessaria ad evitare sul luogo di lavoro situazioni conflittuali determinate da pressioni o molestie sessuali, casi di mobbing, straining (stress forzato sul posto di lavoro), atteggiamenti miranti ad avvilire il dipendente anche in forma velata e indiretta, atti vessatori correlati alla sfera privata del lavoratore/lavoratrice sotto forma di discriminazioni. Azione 7 Azione contro molestie sessuali, mobbing, straining (stress forzato sul posto di lavoro), discriminazioni Stanziamento di bilancio Garantire diritto a un ambiente di lavoro sicuro, sereno caratterizzato da relazioni interpersonali improntate al rispetto della persona e correttezza comportamenti tramite: 1) l intervento del CUG 2)Interventi e progetti idonei a prevenire/rimuovere situazioni di discriminazioni, violenze sessuali, morali, psicologiche, mobbing, straining

Ufficio Personale - CUG Anno 2013 e seguenti Il Comune s impegna a favorire altresì politiche di conciliazione tra responsabilità professionali e familiari in presenza di documentate e oggettive esigenze di conciliazione tra la vita familiare e professionale (esigenze di assistenza di minori, anziani, gravi malati, diversamente abili, ecc) Azione 8 Conciliazione e flessibilità Stanziamenti bilancio Favorire politiche di conciliazione tra responsabilità professionali e familiari, considerando la persona del lavoratore e le esigenze organizzative del lavoro Ufficio Personale In caso di necessità Durata. Il presente Piano ha durata triennale. Sarà pubblicato all Albo On Line e nel sito istituzionale dell Ente in modo da essere accessibile a tutti i dipendenti e cittadini. Sarà inoltre cura dell Ente trasmettere il presente Piano all Assessorato competente della Provincia di Oristano, alla Consigliera di Parità e al Comitato Unico di Garanzia una volta nominato. Nel periodo di vigenza sarà effettuato il monitoraggio dell efficacia delle azioni adottate, raccolti pareri, consigli,osservazioni, suggerimenti e possibili soluzioni ai problemi riscontrati dal personale dipendente in modo da poter procedere, annualmente, se necessario, e, comunque, al termine del triennio, ad un adeguato aggiornamento.