Gli Istituti Giuridici strumentali alla metodologia ermeneutica. Indice

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gli Istituti Giuridici strumentali alla metodologia ermeneutica. Indice"

Transcript

1 GLI ISTITUTI GIURIDICI STRUMENTALI ALLA METODOLOGIA ERMENEUTICA PROF. FRANCESCO PETRILLO

2 Indice 1 LA DISCREZIONALITÀ AMMINISTRATIVA BIBLIOGRAFIA di 7

3 1 La discrezionalità amministrativa La metodologia giuridico-ermeneutica rinviene in alcuni istituti giuridici previsti dal nostro ordinamento dei possibili strumenti applicativi. Tali strumenti applicativi sono la discrezionalità amministrativa, l equità e i principi fondamentali del diritto. Essi rappresentano un momento di contatto tra la metodologia ermeneutica e le strutture ordinamentali vigenti. E fondamentale premettere che i tre istituti della discrezionalità amministrativa, dell equità e dei principi fondamentali del diritto hanno, dal punto di vista giuridico (e non della teoria dell interpretazione), una caratteristica comune: sono sia delle eccezioni al sistema di diritto positivo, sia negazioni del sistema stesso, in quanto l ordinamento è stato tradizionalemnte concepito come ordinato e completo. Tanto precisato, interessa in particolare esaminare i suddetti istituti nella loro veste di strumenti applicativi della metodologia ermeneutica, in quanto utili a verificare la sussistenza della precomprensione critica e della circolarità ermeneutica, soprattutto nelle ipotesi in cui il giudicante sia chiamato a pronunciarsi su un attività giuridica complessa, che non riguardi soltanto il documento normativo. Perché possano essere considerati strumenti applicativi della metodologia ermeneutica, è necessario che gli istituti in esame siano effettivamente ermeneutici, abbiano cioè contenuti ermeneutici: in altri termini bisogna verificare se contengano a loro volta la precomprensione critica e la circolarità, e quindi, se possano essere davvero idonei a procedere ad un giudizio ermeneutico. In sede applicativa, dobbiamo invece verificare se questi istituti ci permettano, da un punto di vista squisitamente tecnico-giuridico, di verificare la sussistenza di precomprensione e circolarità all interno del giudizio ermeneuticamente valido. Al fine di effettuare le suddette verifiche, esamineremo la discrezionalità amministariva, l equità e i principi fondamentali del diritto tanto nella prospettiva del quid ius, quanto del quid iuris. La discrezionalità amministrativa, dal punto di vista giuridico, non si è caratterizzata come istituto giuridico in sede politica. Tra la fine del 1600 e l inizio del 1700 il concetto di discrezionalità amministrativa è nato in sede processuale-giurisdizionale. È stata in qualche modo la magistratura, specie le magistrature 3 di 7

4 amministrative negli ordinamenti degli Stati in cui esse erano presenti, a costruire, a livello giurisprudenziale, il concetto sostanziale di discrezionalità amministrativa come forma di controllo del potere sovrano. La discrezionalità amministrativa, dunque, è nata per valutare l eccesso di potere. Muovendo da tale esigenza di controllo, l istituto della discrezionalità amministrativa si è perfezionato come giuridico nel senso che i vari ordinamenti hanno soprattutto definito i presupposti e i limiti della discrezionalità stessa. I presupposti, per il nostro ordinamento, sono due: uno, di tipo soggettivo, l altro, di tipo oggettivo: ovvero, la dichiarazione di pubblico interesse e la sussistenza della necessità ed urgenza (presupposto oggettivo), nonché la sussistenza del neminem laedere, cioè assenza di lesione di interessi particolari, specifici, o anche di lesione della collettività rispetto ad un interesse parziario (presupposto soggettivo). Al fine, poi, di verificare se la discrezionalità sia un istituto sostanzialmente ermeneutico dobbiamo considerare cosa richieda l ermeneutica alla discrezionalità per operare. L ermeneutica ovviamente richiede che la discrezionalità sia precomprensiva e circolare. La dichiarazione di pubblico interesse e la verifica della sussistenza della necessità ed urgenza sono attività non certo plausibili e pensabili per qualunque soggetto dell ordinamento giuridico, cioè non tutti i soggetti dell ordinamento giuridico possono ritenere che sussista un pubblico interesse, non tutti i soggetti dell ordinamento giuridico possono ritenere che ricorra una situazione di emergenza rilevante ai fini della discrezionalità. La necessità, l urgenza e la dichiarazione di pubblico interesse richiedono una forte precomprensione critica, cioè, un forte habitus del soggetto che dichiara il pubblico interesse e riconosce la necessità e l urgenza. Uno dei più rilevanti problemi a riguardo è stato che la nostra prima legislazione sull espropriazione per pubblica utilità lasciava grande potere a soggetti assolutamente privi di precomprensione critica sulla dichiarazione di pubblica utilità e sulla verifica dei requisiti di necessità ed urgenza laddove, invece, i detti presupposti richiedono una particolare precomprensione critica. Ancora oggi, in tema di espropriazione per pubblica utilità, abbiamo una legislazione convulsa e complessa: ad esempio, in tema di emanazione di un decreto legge da parte del Governo, molto discussa è la questione della individuazione di colui che sia competente a dichiarare la necessità ed urgenza, cioè, del soggetto che abbia la precomprensione per verificare se un fatto sia veramente urgente e necessario e se l espropriazione sia davvero di pubblica utilità. Non mancano 4 di 7

5 infatti ipotesi in cui le espropriazioni per pubblica utilità sono prive di interesse pubblico (si pensi, ad esempio, a tutto l abusivismo edilizio che ha deturpato alcuni nostri bellissimi paesaggi e alcune nostre opere pubbliche). In questi casi la dichiarazione di pubblica utilità e la dichiarazione di necessità ed urgenza avrebbe dovuto contenere almeno delle valutazioni tecniche. Non a caso, più di recente, la legislazione ha previsto che si effettui una valutazione di impatto ambientale, che si svolgano delle osservazioni di tipo tecnico. Si deve in pratica ritenere, dal punto di vista ermeneutico, che un atto emanato con dichiarazione di pubblica utilità e di necessità ed urgenza senza la necessaria precomprensione critica sia un atto invalido. Vi sono varie sentenze, emesse dalla giustizia amministrativa in cui, facendosi ricorso all ermeneutica correttiva, viene negato, dal punto di vista della canonistica ermeneutica, la validità della dichiarazione di pubblica utilità e della dichiarazione di necessità ed urgenza. Si è, fino a questo punto esaminata la discrezionalità amministrativa dal punto di vista del quid ius e non ancora del quid iuris, si sta, cioè, approfondendo la sostanza dell istituto della discrezionalità piuttosto che la valenza e validità della sua operatività pratica. La discrezionalità amministrativa, come già anticipato sopra, ha una forte valenza di circolarità ermeneutica, che può facilmente cogliersi nel presupposto del neminem laedere, in quanto la circolarità ermeneutica, cioè il rapporto tra soggetto decidente e soggetto su cui ricade la decisione, può essere particolarmente individuata ed apprezzata nel momento in cui bisogna verificare che il provvedimento amministrativo che sta per essere emanato non sia lesivo di interessi particolari, specifici, o anche della collettività rispetto ad un interesse individuale. Dal punto di vista del quid iuris, e cioè in sede applicativa, la discrezionalità amministartiva assume la veste di un istituto operativo della metodologia giuridica ermeneutica perché permette, attraverso la verifica della sussistenza del pubblico interesse, della necessità ed urgenza e del neminem laedere, di ritenere valido o meno il giudizio dato. E possibile controllare dal punto di vista ermeneutico, in sede di quid iuris, se il giudizio discrezionale sia scaturito da una valutazione precomprensiva e circolare. In sede correttiva, infatti, quasi tutte le magistrature superiori ormai ritengono di poter verificare la sussistenza di precomprensione e circolarità attraverso la verifica della sussistenza dei presupposti della discrezionalità amministrativa in quanto, dal punto di vista del quid ius, cioè del fondamento e della struttura giuridica pura della discrezionalità, essa è sostanzialmente ermeneutica, contenendo in sé precomprensione e circolarità. 5 di 7

6 E quindi possibile attraverso la discrezionalità amministrativa verificare che il giudizio reso sia stato effettivamente precomprensivo e circolare. La discrezionalità amministrativa diventa, in altri termini, l istituto giuridico che, con l utilizzo dei canoni ermeneutici, consente il controllo e la verifica di precomprensione e circolarità all interno del giudizio reso. Appare chiaro, a questo punto del discorso, che la discrezionalità amministrativa è la negazione del positivismo giuridico classico e del positivismo giuridico logico. A) Per il positivismo giuridico classico l unica sovranità, l unica discrezionalità sovrana, è la discrezionalità del legislatore, sovrano è soltanto il legislatore, l unico soggetto che possa creare diritto, cosicché tutto ciò che non sia stato emanato dal legislatore non è legge e, quindi, non è diritto. B) Similmente per il positivismo logico la sovranità consiste soltanto nella legge. La discrezionalità amministrativa prevista dal nostro ordinamento è, invece, nella sua concreta operatività, assoluta e sovrana e riconducibile a soggetti che non sono il legislatore. Tuttavia, come abbiamo visto, detta sovranità non potrà essere esercitata da quei soggetti, che non sono il legislatore, se non a certe condizioni ed entro certi limiti. 6 di 7

7 Bibliografia AA.VV., L interpretazione della legge alle soglie del XXI secolo, a cura di A. Palazzo, Esi, Napoli, 2001; AA.VV., Diritto, giustizia e interpretazione, a cura di J. Derrida e G. Vattimo, Laterza, Roma-Bari, AA.VV., Interpretazione costituzionale, a cura di G. Azzariti, Giappichelli, Torino, 2007; R. DWORKIN, I diritti presi sul serio, trad.it. il Mulino, Bologna, M.S. GIANNINI, Istituzioni di diritto amministrativo, Giuffrè, Milano, 1987 F. MODUGNO, Interpretazione giuridica, Cedam, Padova, 2009; F. PETRILLO, Interpretazione giuridica e correzione ermeneutica, Giappichelli, Torino, 2011; F. VIOLA G. ZACCARIA, Diritto e interpretazione. Lineamenti di teoria ermeneutica del diritto, Laterza, Roma- Bari, di 7

L INTERPRETAZIONE LOGICO-ANALITICA DEL DIRITTO BIBLIOGRAFIA

L INTERPRETAZIONE LOGICO-ANALITICA DEL DIRITTO BIBLIOGRAFIA L INTERPRETAZIONE LOGICO- ANALITICA DEL DIRITTO PROF. FRANCESCO PETRILLO Indice 1 L INTERPRETAZIONE LOGICO-ANALITICA DEL DIRITTO -------------------------------------------------- 3 BIBLIOGRAFIA ----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Teoria Generale del Diritto e dell Interpretazione. Indice

Teoria Generale del Diritto e dell Interpretazione. Indice INSEGNAMENTO DI TEORIA GENERALE DEL DIRITTO E DELL INTERPRETAZIONE LEZIONE VI L INTERPRETAZIONE LOGICO-ANALITICA DEL DIRITTO PROF. FRANCESCO PETRILLO Indice 1 L INTERPRETAZIONE LOGICO-ANALITICA DEL DIRITTO

Dettagli

LE TECNICHE INTERPRETATIVE DI PRIMA CLASSE

LE TECNICHE INTERPRETATIVE DI PRIMA CLASSE LE TECNICHE INTERPRETATIVE DI PRIMA CLASSE PROF. FRANCESCO PETRILLO Indice 1 LE TECNICHE INTERPRETATIVE DI PRIMA CLASSE ---------------------------------------------------------- 3 2.1. L ARGUMENTUM A

Dettagli

Indice. interpretazione del diritto e della legge. 2 di 9

Indice. interpretazione del diritto e della legge. 2 di 9 GIUSNATURALISMO E GIUSPOSITIVISMO TRA INTERPRETAZIONE DEL DIRITTO E DELLA LEGGE PROF. FRANCESCO PETRILLO Indice 1 GIUSNATURALISMO E GIUSPOSITIVISMO TRA INTERPRETAZIONE DEL DIRITTO E DELLA LEGGE ----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

PRECOMPRENSIONE CRITICA E CIRCOLARITÀ ERMENEUTICA BIBLIOGRAFIA

PRECOMPRENSIONE CRITICA E CIRCOLARITÀ ERMENEUTICA BIBLIOGRAFIA PRECOMPRENSIONE CRITICA E CIRCOLARITÀ ERMENEUTICA PROF. FRANCESCO PETRILLO Indice 1 PRECOMPRENSIONE CRITICA E CIRCOLARITÀ ERMENEUTICA ----------------------------------------- 3 BIBLIOGRAFIA ---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

I PRINCIPI FONDAMENTALI DEL DIRITTO BIBLIOGRAFIA

I PRINCIPI FONDAMENTALI DEL DIRITTO BIBLIOGRAFIA GLI ISTITUTI GIURIDICI STRUMENTALI ALLA METODOLOGIA ERMENEUTICA: L EQUITÀ E I PRINCIPI FONDAMENTALI DEL DIRITTO PROF. FRANCESCO PETRILLO Indice 1 L EQUITÀ -----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

LA METODOLOGIA GIURIDICO-ERMENEUTICA: I CANONI ERMENEUTICI

LA METODOLOGIA GIURIDICO-ERMENEUTICA: I CANONI ERMENEUTICI LA METODOLOGIA GIURIDICO- ERMENEUTICA: I CANONI ERMENEUTICI PROF. FRANCESCO PETRILLO Indice 1 LA METODOLOGIA GIURIDICO-ERMENEUTICA: I CANONI ERMENEUTICI -------------------------- 3 2.1. I CANONI ERMENEUTICI

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE Il Consiglio Nazionale Forense, - nella seduta amministrativa del 16 aprile 2015, ha adottato il seguente parere: Osservazioni del Consiglio Nazionale Forense sulla bozza di decreto del Presidente del

Dettagli

DOTTORATO DI RICERCA IN DIRITTO TRIBUTARIO EUROPEO

DOTTORATO DI RICERCA IN DIRITTO TRIBUTARIO EUROPEO Alma Mater Studiorum Università di Bologna DOTTORATO DI RICERCA IN DIRITTO TRIBUTARIO EUROPEO Ciclo XXIV Settore Concorsuale di afferenza: IUS 12 Settore Scientifico Disciplinare: SC0010 Scienze Giuridiche

Dettagli

Essi si dividono in presupposti di esistenza del processo, come è per il riconoscimento del potere giurisdizionale generico del Giudice, e

Essi si dividono in presupposti di esistenza del processo, come è per il riconoscimento del potere giurisdizionale generico del Giudice, e Relazione sul tema Gli atti introduttivi e di risposta del processo civile trattato nella conferenza del 24 maggio 2001 organizzata dall A.I.G.A. Associazione Italiana Giovani Avvocati. La possibilità

Dettagli

Consiglio di Stato, sez. V, sentenza 20 febbraio 2012, n. 904 Sui presupposti per l adozione delle ordinanze contingibili ed urgenti e sul soggetto

Consiglio di Stato, sez. V, sentenza 20 febbraio 2012, n. 904 Sui presupposti per l adozione delle ordinanze contingibili ed urgenti e sul soggetto Consiglio di Stato, sez. V, sentenza 20 febbraio 2012, n. 904 Sui presupposti per l adozione delle ordinanze contingibili ed urgenti e sul soggetto legittimato passivo a resistere all azione annullatoria

Dettagli

SEZIONE PRIMA L ESECUZIONE FORZATA IN GENERALE

SEZIONE PRIMA L ESECUZIONE FORZATA IN GENERALE SEZIONE PRIMA L ESECUZIONE FORZATA IN GENERALE 2 OSSERVAZIONI INTRODUTTIVE 3 OSSERVAZIONI INTRODUTTIVE SOMMARIO: 1.1. L esecuzione forzata nel sistema della tutela dei diritti. 1.1. L esecuzione forzata

Dettagli

Teoria Generale del Diritto e dell Interpretazione. Indice

Teoria Generale del Diritto e dell Interpretazione. Indice INSEGNAMENTO DI TEORIA GENERALE DEL DIRITTO E DELL INTERPRETAZIONE LEZIONE V TEORIE COGNITIVE, SCETTICHE ED ECLETTICHE DELL INTERPRETAZIONE GIURIDICA PROF. FRANCESCO PETRILLO Indice 1 Teorie cognitive,

Dettagli

1. DEMANIO E PATRIMONIO DELLO STATO.

1. DEMANIO E PATRIMONIO DELLO STATO. 1. DEMANIO E PATRIMONIO DELLO STATO. L art. 42 della Carta Costituzionale afferma che i beni economici, intendendosi per essi quelli suscettibili di appropriazione e dunque di commercio, appartengono allo

Dettagli

CURRICULUM VITAE ATTIVITÀ DIDATTICA

CURRICULUM VITAE ATTIVITÀ DIDATTICA CURRICULUM VITAE Il dott. Ambrogio De Siano si è laureato in Giurisprudenza, in data 13/12/2001, con votazione di 110/110 e lode, presso l Università degli Studi di Urbino, discutendo una tesi di laurea

Dettagli

IRAP non dovuta dal medico senza dipendenti

IRAP non dovuta dal medico senza dipendenti IRAP non dovuta dal medico senza dipendenti di Enzo Di Giacomo Pubblicato il 24 settembre 2008 I medici convenzionati con il servizio sanitario nazionale non sono tenuti al pagamento dell Irap se non dispongono

Dettagli

Accesso, privacy e tutela giurisdizionale dei diritti: una ipotesi di bilanciamento, in Urbanistica e

Accesso, privacy e tutela giurisdizionale dei diritti: una ipotesi di bilanciamento, in Urbanistica e PUBBLICAZIONI: Articolo in rivista 2001 Accesso, privacy e tutela giurisdizionale dei diritti: una ipotesi di bilanciamento, in Urbanistica e Appalti, XI, 2001, 1180 e ss.; Contributo in volume - 2003

Dettagli

BIBLIOGRAFIA. ALEXY R, Concetto e validità del diritto, Einaudi, Torino ARDUINO A., John Austin: alle origini del positivismo

BIBLIOGRAFIA. ALEXY R, Concetto e validità del diritto, Einaudi, Torino ARDUINO A., John Austin: alle origini del positivismo BIBLIOGRAFIA ALEXY R, Concetto e validità del diritto, Einaudi, Torino 1997. ARDUINO A., John Austin: alle origini del positivismo giuridico, Giappichelli, Torino 1959. BARBERIS M., Breve storia della

Dettagli

DIRITTO DEGLI ENTI LOCALI (5 cfu I semestre) Prof. Monica Cocconi

DIRITTO DEGLI ENTI LOCALI (5 cfu I semestre) Prof. Monica Cocconi DIRITTO DEGLI ENTI LOCALI (5 cfu I semestre) Prof. Monica Cocconi Il corso di Diritto degli enti locali è diretto a descrivere e fa comprendere la disciplina del modo di essere e di funzionare delle autonomie

Dettagli

Struttura di formazione decentrata della Corte di Cassazione

Struttura di formazione decentrata della Corte di Cassazione Struttura di formazione decentrata della Corte di Cassazione I giudici nazionali quali giudici naturali del diritto dell Unione europea: il ruolo del giudice nazionale nell attuazione del diritto UE secondo

Dettagli

DIRITTO TRIBUTARIO. Dr. Maurizio Tambascia AUTOTUTELA

DIRITTO TRIBUTARIO. Dr. Maurizio Tambascia AUTOTUTELA DIRITTO TRIBUTARIO Dr. Maurizio Tambascia AUTOTUTELA Autotutela nel Diritto Amministrativo. Nel diritto Amministrativo per Autotutela si intende l attività con cui la Pubblica Amministrazione provvede

Dettagli

Anno accademico 2017/2018

Anno accademico 2017/2018 Principali informazioni sull insegnamento Titolo insegnamento Corso di studio Anno accademico 2017/2018 Diritto Privato Economia aziendale Crediti formativi 10 Denominazione inglese Obbligo di frequenza

Dettagli

ARGOMENTUM A CONTRARIO

ARGOMENTUM A CONTRARIO LE TECNICHE INTERPRETATIVE DI SECONDA CLASSE E LE FINZIONI GIURISPRUDENZIALI PROF. FRANCESCO PETRILLO Indice 1 ARGOMENTUM A CONTRARIO IN FUNZIONE PRODUTTIVA --------------------------------------------------

Dettagli

Teoria Generale del Diritto e dell Interpretazione. Indice

Teoria Generale del Diritto e dell Interpretazione. Indice INSEGNAMENTO DI TEORIA GENERALE DEL DIRITTO E DELL INTERPRETAZIONE LEZIONE IX LE TECNICHE INTERPRETATIVE DI SECONDA CLASSE E LE FINZIONI GIURISPRUDENZIALI PROF. FRANCESCO PETRILLO Indice 1 Argomentum a

Dettagli

TEORIA GENERALE del DIRITTO T.G.D. 1 T.G.D. 2 T.G.D. 3 T.G.D. 4 T.G.D. 5

TEORIA GENERALE del DIRITTO T.G.D. 1 T.G.D. 2 T.G.D. 3 T.G.D. 4 T.G.D. 5 TEORIA GENERALE del DIRITTO T.G.D. 1 AUTORE: BETTI Emilio TITOLO: Interpretazione della legge e degli atti giuridici (teoria generale e dogmatica) EDITORE: Milano, Giuffrè, 1949 PP.367 T.G.D. 2 AUTORE:

Dettagli

CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN DIRITTO PER LE IMPRESE E LE ISTITUZIONI

CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN DIRITTO PER LE IMPRESE E LE ISTITUZIONI CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN DIRITTO PER LE IMPRESE E LE ISTITUZIONI INSEGNAMENTO: LINEAMENTI DI DIRITTO PENALE Docente: Enrico Amati e-mail: enrico.amati@uniud.it SSD: IUS/17 CLASSE: L-14 CFU: 6 Conoscenze

Dettagli

Se il fine giustifica i mezzi il profitto giustifica il licenziamento

Se il fine giustifica i mezzi il profitto giustifica il licenziamento Se il fine giustifica i mezzi il profitto giustifica il licenziamento Il fine giustifica i mezzi recita una citazione erroneamente attribuita a Niccolò Machiavelli e il profitto diventa giustificato motivo

Dettagli

A) Articoli e note a sentenza titolate pubblicate su riviste: 1. Il Presidente della discordia, in Democrazia e diritto, n.

A) Articoli e note a sentenza titolate pubblicate su riviste: 1. Il Presidente della discordia, in Democrazia e diritto, n. ELENCO DELLE PUBBLICAZIONI di Claudio De Fiores Professore associato confermato presso la Facoltà di Giurisprudenza della Seconda Università di Napoli. A) Articoli e note a sentenza titolate pubblicate

Dettagli

QUARTA PARTE GIUSTIZIA

QUARTA PARTE GIUSTIZIA QUARTA PARTE GIUSTIZIA CAPITOLO XXVI IL RIPARTO DI GIURISDIZIONE 1. Inquadramento del problema della giurisdizione 2. Evoluzione storica dei criteri di riparto della giurisdizione e quadro normativo di

Dettagli

Centro di Ricerca Coordinata (CRC)

Centro di Ricerca Coordinata (CRC) Centro di Ricerca Coordinata (CRC) GARANZIE DIFENSIVE E PROCESSO PENALE IN EUROPA Composizione Il CRC Garanzie difensive e processo penale in Europa (istituito con decreto rettorale del 19/01/2017), coordinato

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO I PUNIBILITÀ E NON PUNIBILITÀ IN DIRITTO PENALE

INDICE SOMMARIO CAPITOLO I PUNIBILITÀ E NON PUNIBILITÀ IN DIRITTO PENALE INDICE SOMMARIO Premessa... XI CAPITOLO I PUNIBILITÀ E NON PUNIBILITÀ IN DIRITTO PENALE 1. L uso generico delle espressioni punibilità e non punibilità nel diritto penale e le posizioni della dottrina

Dettagli

Il giurista e l esegesi: la ricerca della norma e della giustizia

Il giurista e l esegesi: la ricerca della norma e della giustizia Il giurista e l esegesi: la ricerca della norma e della giustizia Autore: Alessandro M. Basso In: Sociologia e Psicologia del diritto Il diritto può essere interpretato come esperienza giuridica (Capograssi).

Dettagli

ATTIVITÀ SCIENTIFICA TRIENNIO Prof. Enrico Follieri Ordinario di Diritto amministrativo

ATTIVITÀ SCIENTIFICA TRIENNIO Prof. Enrico Follieri Ordinario di Diritto amministrativo ATTIVITÀ SCIENTIFICA TRIENNIO 2006-2009 Prof. Enrico Follieri Ordinario di Diritto amministrativo PRINCIPALI INTERESSI DI RICERCA SVILUPPATI NEL TRIENNIO: I principali interessi di ricerca sviluppati nel

Dettagli

LA METODOLOGIA GIURIDICO-ERMENEUTICA E LA DOGMATICA GIURIDICA

LA METODOLOGIA GIURIDICO-ERMENEUTICA E LA DOGMATICA GIURIDICA LA METODOLOGIA GIURIDICO- ERMENEUTICA E LA DOGMATICA GIURIDICA PROF. FRANCESCO PETRILLO Indice 1 LA METODOLOGIA GIURIDICO-ERMENEUTICA E LA DOGMATICA GIURIDICA ------------------- 3 2.1. IL PROBLEMA DELLA

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Presentazione... Pag. XV Avvertenza...» XVII CAPITOLO I

INDICE-SOMMARIO. Presentazione... Pag. XV Avvertenza...» XVII CAPITOLO I INDICE-SOMMARIO Presentazione.... Pag. XV Avvertenza....» XVII CAPITOLO I SENTENZE PREGIUDIZIALI: DISCIPLINA PROCESSUALE COMUNE E SPECIFICITÀ DEL SETTORE TRIBUTARIO 1. Premessa..» 1 Sezione I GENESI DELLE

Dettagli

Gli strumenti processuali della Corte costituzionale per la gestione delle questioni politiche nel giudizio in via incidentale

Gli strumenti processuali della Corte costituzionale per la gestione delle questioni politiche nel giudizio in via incidentale Università di Pisa Dipartimento di Giurisprudenza Dottorato di ricerca in Giustizia costituzionale e diritti fondamentali XXIV ciclo (SSD IUS/08) Direttore: Chiar.mo Prof. Roberto ROMBOLI Gli strumenti

Dettagli

INDICE-SOMMARIO QUARTA PARTE GIUSTIZIA

INDICE-SOMMARIO QUARTA PARTE GIUSTIZIA INDICE-SOMMARIO Prefazione... pag. XVII QUARTA PARTE GIUSTIZIA CAPITOLO XXVI IL RIPARTO DI GIURISDIZIONE 1. Inquadramento del problema della giurisdizione... pag. 1 2. Evoluzione storica dei criteri di

Dettagli

PUBBLICAZIONI Prof. Luigi Ventura

PUBBLICAZIONI Prof. Luigi Ventura PUBBLICAZIONI Prof. Luigi Ventura PUBBLICAZIONI (monografie, articoli, contributi in volumi, capitoli, saggi, curatele) È autore delle seguenti pubblicazioni, elencate per difetto: VENTURA L. (2019), Relazione

Dettagli

Nozione di atto amministrativo. Elementi (di sostanza) Elementi (quanto alla forma) L. 241/90. Atti amministrativi 1

Nozione di atto amministrativo. Elementi (di sostanza) Elementi (quanto alla forma) L. 241/90. Atti amministrativi 1 Nozione di atto amministrativo ATTO E PROVVEDIMENTO AMMINISTRATIVO UNA DICHIARAZIONE DI VOLONTÀ, DI DESIDERIO, DI CONOSCENZA, DI GIUDIZIO, COMPIUTA DA UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE NELL'ESERCIZIO DI UNA

Dettagli

LEGALITÀ FORMALE E SOSTANZIALE

LEGALITÀ FORMALE E SOSTANZIALE IL PRINCIPIO DI LEGALITÀ PROF. ANTONIO BARTOLINI Indice 1 LEGALITÀ ---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 LEGALITÀ FORMALE

Dettagli

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA. CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA Cl.LMG/01

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA. CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA Cl.LMG/01 FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA Cl.LMG/01 Insegnamento di DIRITTO PENALE AMMINISTRATIVO SSD IUS 17 CFU 5 - A.A. 2014-2015 Docente: PROF. PAOLO TANDA Obiettivi formativi:

Dettagli

Coltivare in casa due piantine di cannabis non è reato: svolta della Cassazione

Coltivare in casa due piantine di cannabis non è reato: svolta della Cassazione Coltivare in casa due piantine di cannabis non è reato: svolta della Cassazione La modesta quantità giustifica l'uso personale senza cessione a terzi. Irrilevante la tesi della soglia drogante di Lucia

Dettagli

IL RICONOSCIMENTO DEL PRINCIPIO DI UGUAGLIANZA SOSTANZIALE NELL ORDINAMENTO DELL UNIONE EUROPEA

IL RICONOSCIMENTO DEL PRINCIPIO DI UGUAGLIANZA SOSTANZIALE NELL ORDINAMENTO DELL UNIONE EUROPEA IL RICONOSCIMENTO DEL PRINCIPIO DI UGUAGLIANZA SOSTANZIALE NELL ORDINAMENTO DELL UNIONE EUROPEA INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO 01. Il riconoscimento delle pretese di giustizia nell ordinamento dell Unione

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO INDICE SOMMARIO INTRODUZIONE 1. Oggetto dell indagine.... Pag. 1 2. Gli elementi del problema.» 5 3. Struttura della trattazione..» 7 PARTE PRIMA ASPETTI GENERALI CAPITOLO PRIMO IL CARATTERE SOSTANZIALMENTE

Dettagli

Eredita e decorso dei termini

Eredita e decorso dei termini Eredita e decorso dei termini Autore: Redazione In: Diritto civile e commerciale di Luigi Viola e Donatella Testini PREMESSA Di recente la Cassazione (Sez. un. 20644/2004) è stata chiamata ad affrontare

Dettagli

Accoglimento totale del 18/05/2018 RG n. 1956/2018

Accoglimento totale del 18/05/2018 RG n. 1956/2018 TRIBUNALE ORDINARIO DI TORINO PRIMA SEZIONE CIVILE Nrg 1956/2018 Il giudice dr. Ludovico Sburlati, sciogliendo la riserva assunta nella causa in intestazione, ha pronunciato la presente ORDINANZA Le domande

Dettagli

Copyright MMIV ARACNE editrice S.r.l.

Copyright MMIV ARACNE editrice S.r.l. A12 42 Copyright MMIV ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it 00173 Roma via Raffaele Garofalo, 133 A/B 06 93781065 fax 06 72678427 ISBN 88 7999 726 2 I diritti di traduzione,

Dettagli

ISTITUZIONI DI DIRITTO PUBBLICO M - Z

ISTITUZIONI DI DIRITTO PUBBLICO M - Z DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE E SOCIALI Corso di laurea in Scienze dell'amministrazione e dell'organizzazione Anno accademico 2018/2019-1 anno ISTITUZIONI DI DIRITTO PUBBLICO M - Z IUS/09-6 CFU - 1

Dettagli

IL RICONOSCIMENTO DELLE SENTENZE STRANIERE

IL RICONOSCIMENTO DELLE SENTENZE STRANIERE ELENA D'ALESSANDRO IL RICONOSCIMENTO DELLE SENTENZE STRANIERE G. GIAPPICHELLI EDITORE - TORINO INDICE INTRODUZIONE XV PARTE PRIMA CONTENUTI DEL RICONOSCIMENTO CAPITOLO I LA TECNICA UTILIZZATA PER IL RICONOSCIMENTO

Dettagli

Attività scientifica e pubblicazioni

Attività scientifica e pubblicazioni Laureata in Giurisprudenza, il 23 giugno 1999, presso l'università degli Studi di Cagliari, con votazione 110/110 e lode, con tesi in Diritto costituzionale dal titolo Stato e Regioni speciali nella prospettiva

Dettagli

La funzione consultiva della Corte dei conti. Andrea Luberti 5 luglio 2018

La funzione consultiva della Corte dei conti. Andrea Luberti 5 luglio 2018 La funzione consultiva della Corte dei conti Andrea Luberti 5 luglio 2018 Programma: l inquadramento generale La funzione consultiva della Corte dei conti nella dogmatica delle funzioni di controllo. Profili

Dettagli

Giudice Amministrativo

Giudice Amministrativo la giustizia e il POTERE Giudice Amministrativo dalla LAC alla costituzione della IV Sezione la legge n. 5992 del 1889 la Legge n. 638 del 1907 istituisce la V Sezione nel 1907, con il R.D. n. 642, fu

Dettagli

LIVIA LORENZONI I PRINCÌPI DI DIRITTO COMUNE NELL ATTIVITÀ AMMINISTRATIVA

LIVIA LORENZONI I PRINCÌPI DI DIRITTO COMUNE NELL ATTIVITÀ AMMINISTRATIVA LIVIA LORENZONI I PRINCÌPI DI DIRITTO COMUNE NELL ATTIVITÀ AMMINISTRATIVA JOVENE EDITORE NAPOLI 2018 INDICE Premessa... p. 1 CAPITOLO PRIMO I PRINCÌPI DI DIRITTO COMUNE NELL ATTIVITÀ AMMINISTRATIVA: PROFILI

Dettagli

Corte Costituzionale. Organo costituzionale con il compito di vigilare sul rispetto della Costituzione da parte di tutti gli organi dello Stato

Corte Costituzionale. Organo costituzionale con il compito di vigilare sul rispetto della Costituzione da parte di tutti gli organi dello Stato Corte Costituzionale Organo costituzionale con il compito di vigilare sul rispetto della Costituzione da parte di tutti gli organi dello Stato Disciplina costituzionale La disciplina della Corte costituzionale

Dettagli

Fatto naturale vs. senso

Fatto naturale vs. senso Fatto naturale vs. senso Fatto naturale ( un atto sensorialmente percepibile che procede nello spazio e nel tempo ) Senso ( uno specifico senso quasi immanente o aderente a questo atto ) Hans Kelsen Dottrina

Dettagli

SCHEDA PER I PROGRAMMI DEI CORSI a.a

SCHEDA PER I PROGRAMMI DEI CORSI a.a SCHEDA PER I PROGRAMMI DEI CORSI a.a. 2018-19 Principali informazioni sull insegnamento Titolo insegnamento Diritto amministrativo Corso di studio Scienze della amministrazione pubblica e privata Crediti

Dettagli

TEORIA GENERALE DEL DIRITTO

TEORIA GENERALE DEL DIRITTO FRANCO MODUGNO APPUNTI PER UNA TEORIA GENERALE DEL DIRITTO LA TEORIA DEL DIRITTO OGGETTIVO Seconda edizione emendata Con il contributo di Alfonso Celotto e Rosalia D'Alessio G. GIAPPICHELLI EDITORE - TORINO

Dettagli

L'introduzione dell'opinione dissenziente nel sistema di giustizia costituzionale

L'introduzione dell'opinione dissenziente nel sistema di giustizia costituzionale Quaderni del Dipartimento di Diritto Pubblico Università di Pisa Saulle Panizza L'introduzione dell'opinione dissenziente nel sistema di giustizia costituzionale G. Giappichelli editore - Torino INDICE

Dettagli

Valutazione del Danno Sanitario A che punto siamo

Valutazione del Danno Sanitario A che punto siamo Valutazione del Danno Sanitario A che punto siamo Prof. Giorgio Assennato Direttore Generale ARPA Puglia Taranto, 16 gennaio 2013 Taranto: necessità di una risposta di sistema Monitoraggi Formazione Prevenzione

Dettagli

Collegio di Napoli, 03 giugno 2010, n.480

Collegio di Napoli, 03 giugno 2010, n.480 Collegio di Napoli, 03 giugno 2010, n.480 Categoria Massima: Trasparenza / Comunicazioni periodiche alla clientela, Trasparenza / Consegna di copia della documentazione Parole chiave: Applicabilità, Art.

Dettagli

Indice sommario. Parte prima Parte generale. 1. Alcune nozioni di base. 2. Lo sviluppo del diritto costituzionale. 3.

Indice sommario. Parte prima Parte generale. 1. Alcune nozioni di base. 2. Lo sviluppo del diritto costituzionale. 3. Indice sommario Premessa... pag. 5 Parte prima Parte generale 1. Alcune nozioni di base 1.1. Diritto pubblico e diritto costituzionale....» 19 1.2. Lo Stato e i suoi caratteri essenziali...» 21 1.3. Gli

Dettagli

INDICE. Presentazione di Luigi Cavallaro... TRATTATELLO DI PROCEDURA CIVILE PARTE PRIMA LE DISPOSIZIONI GENERALI CAPITOLO I IL GIUDICE

INDICE. Presentazione di Luigi Cavallaro... TRATTATELLO DI PROCEDURA CIVILE PARTE PRIMA LE DISPOSIZIONI GENERALI CAPITOLO I IL GIUDICE INDICE Presentazione di Luigi Cavallaro... V TRATTATELLO DI PROCEDURA CIVILE Prefazione alla prima edizione del Manuale di diritto processuale civile... 3 Prefazione alla quinta edizione... 11 Prefazione

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (P.T.P.C.)

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (P.T.P.C.) PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (P.T.P.C.) 2016 2018 Delibera consiliare n. 1 del 20 gennaio 2016 Predisposto dal responsabile per la prevenzione della Adottato in data 20/01/2016 con deliberazione

Dettagli

Università degli Studi di Enna Kore Facoltà di Scienze Economiche e Giuridiche Anno Accademico

Università degli Studi di Enna Kore Facoltà di Scienze Economiche e Giuridiche Anno Accademico Università degli Studi di Enna Kore Facoltà di Scienze Economiche e Giuridiche Anno Accademico 2018 2019 A.A. Settore Scientifico Disciplinare CFU Insegnamento Ore di aula Mutuazione 2018/19 IUS/02 IUS/21

Dettagli

Teoria Generale del Diritto e dell Interpretazione. Indice

Teoria Generale del Diritto e dell Interpretazione. Indice INSEGNAMENTO DI TEORIA GENERALE DEL DIRITTO E DELL INTERPRETAZIONE LEZIONE I L INTERPRETAZIONE DELLO JUS TRA JUSTUM E JUSSUM PROF. FRANCESCO PETRILLO Indice 1 L interpretazione giuridica nelle principali

Dettagli

LA MEDIAZIONE PROFILI NORMATIVI E GIURISPRUDENZIALI.

LA MEDIAZIONE PROFILI NORMATIVI E GIURISPRUDENZIALI. . LA MEDIAZIONE PROFILI NORMATIVI E GIURISPRUDENZIALI. www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Alberto Lorenzi Liliana Rullo Tutti i diritti riservati Alberto Lorenzi Liliana Rullo LA MEDIAZIONE PROFILI

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI

INFORMAZIONI PERSONALI INFORMAZIONI PERSONALI Nome Filomena D'Alto Luogo e data di nascita Napoli, 12. 06. 1975 Indirizzo Napoli, Via Michelangelo da Caravaggio, 143/n Telefono 338 9645974 Fax 081 5527054 E-mail filomena.dalto@unina2.it

Dettagli

Giustizia amministrativa in generale e profili organizzativi

Giustizia amministrativa in generale e profili organizzativi Giustizia amministrativa in generale e profili organizzativi Definizioni preliminari POTERE GIURISDIZIONALE: potere di risolvere in via definitiva e autonoma una controversia di natura civile, penale e

Dettagli

Piccola Biblioteca Einaudi. diovisivo one

Piccola Biblioteca Einaudi. diovisivo one diovisivo one Piccola Biblioteca Einaudi l Istituto Universltark> Architelturo Venezlo L 129 Servizio Bibliografico Audiovisivo e di Documentazione J ~...: 41~, :i HANS KELSEN LINEAMENTI DI DOTTRINA \PURA

Dettagli

SPAZIO EUROPEO E DIRITTI DI GIUSTIZIA

SPAZIO EUROPEO E DIRITTI DI GIUSTIZIA ANGELA DI STASI SPAZIO EUROPEO E DIRITTI DI GIUSTIZIA IL CAPO VI DELLA CARTA DEI DIRITTI FONDAMENTALI NELL APPLICAZIONE GIURISPRUDENZIALE con la collaborazione di Stefania Negri Gaetano D Avino Daniela

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Capitolo I LINEAMENTI STORICI E COMPARATISTICI

INDICE-SOMMARIO. Capitolo I LINEAMENTI STORICI E COMPARATISTICI Parte I L INOPPUGNABILITAv DELLE DECISIONI DELLA CASSAZIONE Capitolo I LINEAMENTI STORICI E COMPARATISTICI pag. 1. L inoppugnabilità delle pronunce della Cassazione come canone fondamentale dell ordinamento

Dettagli

La codificazione penale in Italia. Dario Di Cecca 24/11/2011

La codificazione penale in Italia. Dario Di Cecca 24/11/2011 La codificazione penale in Italia Dario Di Cecca 24/11/2011 Il diritto penale Il diritto penale è quel gruppo di norme giuridiche con le quali lo Stato proibisce, mediante la minaccia di una pena, determinati

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO IN ECONOMIA POLITICA

PROGRAMMA SVOLTO IN ECONOMIA POLITICA PROGRAMMA SVOLTO IN ECONOMIA POLITICA Classe 4 C Programmatori - Anno scolastico 2015-2016 Prof. Loredana BALDO Testo: L economia del XXI secolo: una questione di scelte S Crocetti Tramontana editore MODULO

Dettagli

S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O

S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O Avv. Emanuela A. BARISON Avv. Manuela CAPORALE Avv. Massimo DAVI Avv. R. Francesco ROTELLA Dott.ssa Irisi POGA La sottoscritta Avv. Emanuela A. BARISON, codice

Dettagli

I limiti di fallibilità e le variazioni delle rimanenze

I limiti di fallibilità e le variazioni delle rimanenze I limiti di fallibilità e le variazioni delle rimanenze di Luca Bianchi Pubblicato il 19 febbraio 2014 L art. 1 del Regio Decreto 16 marzo 1942, n. 267, c.d. Legge fallimentare, individua le imprese soggette

Dettagli

Diritto e interpretazione

Diritto e interpretazione Francesco Viola Giuseppe Zaccaria Diritto e interpretazione Lineamenti di teoria ermeneutica del diritto OEditori Laterza 1999, Gius. Laterza & Figli \VW,\\T.laterza.i t Prima edizione 1999 8 9 10 11 Ediúolle

Dettagli

Le autorizzazioni integrate ambientali e gli interessi diffusi nel diritto amministrativo italiano

Le autorizzazioni integrate ambientali e gli interessi diffusi nel diritto amministrativo italiano Le autorizzazioni integrate ambientali e gli interessi diffusi nel diritto amministrativo italiano A cura di GIANLUCA GIORGIO Sommario: 1. La nozione e l' evoluzione storica dell istituto- 2. Gli interessi

Dettagli

LE FONTI DEL DIRITTO LE F O F NT N I T I DELL L O RD R IN I A N M A ENT N O T GI G U I R U I R D I IC I O C

LE FONTI DEL DIRITTO LE F O F NT N I T I DELL L O RD R IN I A N M A ENT N O T GI G U I R U I R D I IC I O C LE FONTI DEL DIRITTO LE FONTI DELL ORDINAMENTO GIURIDICO ITALIANO: COSTITUZIONE E LEGGI COSTITUZIONALI PROCEDIMENTO DI REVISIONE COSTITUZIONALE (ART. 138 COST.) Due deliberazioni successive di ciascuna

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Attribuzione del titolo di professore aggregato per l a.a. 2011/2012 (con D.R. n. 434 del )

CURRICULUM VITAE. Attribuzione del titolo di professore aggregato per l a.a. 2011/2012 (con D.R. n. 434 del ) CURRICULUM VITAE DATI ANAGRAFICI Anna Pirozzoli nata a Napoli il 18/06/1979, residente a Pescara. TITOLI E FORMAZIONE UNIVERSITARIA Immissione nel ruolo di appartenenza in qualità di Professore Ordinario

Dettagli

Le competenze dell Unione in materia penale e i loro riflessi per il giudice nazionale

Le competenze dell Unione in materia penale e i loro riflessi per il giudice nazionale Le competenze dell Unione in materia penale e i loro riflessi per il giudice nazionale Cod.: P19035 Data: 10 12 aprile 2019 Responsabile del corso: Guglielmo Leo Esperto formatore: Tomaso Epidendio Presentazione

Dettagli

ELENCO DELLE PUBBLICAZIONI

ELENCO DELLE PUBBLICAZIONI QUIRINO CAMERLENGO Ricercatore confermato di Istituzioni di diritto pubblico Università degli Studi di Pavia ELENCO DELLE PUBBLICAZIONI Monografie 1) Le fonti regionali del diritto in trasformazione. Considerazioni

Dettagli

Presidenza della Regione Sicilia. Osservatorio Legislativo Interregionale Roma, settembre 2005

Presidenza della Regione Sicilia. Osservatorio Legislativo Interregionale Roma, settembre 2005 Presidenza della Regione Sicilia Ufficio Legislativo e Legale Osservatorio Legislativo Interregionale Roma, 29-30 settembre 2005 Giurisprudenza non costituzionale di interesse regionale A cura di: Simone

Dettagli

RAPPORTI INTERGIURISDIZIONALI E PROCESSO PENALE L INFLUENZA NEL PROCESSO PENALE DELLE QUESTIONI EXTRAPENALI

RAPPORTI INTERGIURISDIZIONALI E PROCESSO PENALE L INFLUENZA NEL PROCESSO PENALE DELLE QUESTIONI EXTRAPENALI SOMMARIO PARTE PRIMA RAPPORTI INTERGIURISDIZIONALI E PROCESSO PENALE CAPITOLO 1 L INFLUENZA NEL PROCESSO PENALE DELLE QUESTIONI EXTRAPENALI 1. Per una classificazione sistematica delle possibili interferenze...

Dettagli

SOMMARIO RINGRAZIAMENTI...XIII

SOMMARIO RINGRAZIAMENTI...XIII SOMMARIO RINGRAZIAMENTI...XIII CAPITOLO I PROFILI TEORICI DELLA MOTIVAZIONE DEGLI ATTI LEGISLATIVI: TRA LOGICA E LINGUAGGIO...1 1. La motivazione nel linguaggio comune e nella realtà giuridica, con specifico

Dettagli

CORSO DI DIRITTO PRIVATO

CORSO DI DIRITTO PRIVATO CORSO DI DIRITTO PRIVATO Anno Accademico 2010/2011 Prof. Francesco Scaglione Facoltà di Economia Corso di Laurea in Economia Aziendale Università degli Studi di Perugia 1 TESTI 1) F. Galgano, Istituzioni

Dettagli

MASTER di II Livello. Diritto Amministrativo. 1ª EDIZIONE 1500 ore 60 CFU Anno Accademico 2015/2016 MA392

MASTER di II Livello. Diritto Amministrativo. 1ª EDIZIONE 1500 ore 60 CFU Anno Accademico 2015/2016 MA392 MASTER di II Livello 1ª EDIZIONE 1500 ore 60 CFU Anno Accademico 2015/2016 MA392 Pagina 1/6 Titolo Edizione 1ª EDIZIONE Area PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Categoria MASTER Livello II Livello Anno accademico

Dettagli

Poteri del giudice ordinario sugli atti amministrativi ed esperibilità delle azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Poteri del giudice ordinario sugli atti amministrativi ed esperibilità delle azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione Tribunale Bologna 24.07.2007, n.7770 - ISSN 2239-7752 Direttore responsabile: Antonio Zama Poteri del giudice ordinario sugli atti amministrativi ed esperibilità delle azioni possessorie nei confronti

Dettagli

Risoluzione n.148/e QUESITO

Risoluzione n.148/e QUESITO Risoluzione n.148/e Roma, 19 ottobre 2005 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO:Istanza d interpello Imposta di bollo - formalità da esperire presso il Pubblico Registro Automobilistico (P.R.A.)

Dettagli

Una riflessione sul primo provvedimento giudiziale post Fornero CENTRO STUDI

Una riflessione sul primo provvedimento giudiziale post Fornero CENTRO STUDI Una riflessione sul primo provvedimento giudiziale post Fornero CENTRO STUDI 26.10.2012 Riflessioni sulla ordinanza del Tribunale di Bologna del 15 Ottobre 2012 Carissimi, Siamo impegnati come Centro Studi

Dettagli

INDICE III edizione riveduta PRESENTAZIONE. 2.- Il diritto è componente culturale della nostra società...» 2

INDICE III edizione riveduta PRESENTAZIONE. 2.- Il diritto è componente culturale della nostra società...» 2 INDICE III edizione riveduta Prefazione Marcello Foschini... Pag. XVII PRESENTAZIONE 1.- Caratteristiche di questo Corso di Lezioni... Pag. 1 2.- Il diritto è componente culturale della nostra società...»

Dettagli

I QUADERNI DEL CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN DIRITTO DELL UNIONE EUROPEA DELL UNIVERSITÀ DI NAPOLI FEDERICO II

I QUADERNI DEL CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN DIRITTO DELL UNIONE EUROPEA DELL UNIVERSITÀ DI NAPOLI FEDERICO II I QUADERNI DEL CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN DIRITTO DELL UNIONE EUROPEA DELL UNIVERSITÀ DI NAPOLI FEDERICO II ADRIANO MAFFEO IL DÉLAI RAISONNABLE NEL CONTENZIOSO DELL UNIONE EUROPEA Editoriale Scientifica

Dettagli

INDICE. Prefazione... VII Premessa Capitolo I L AZIONE DI CONDANNA DELL ORDINAMENTO TEDESCO

INDICE. Prefazione... VII Premessa Capitolo I L AZIONE DI CONDANNA DELL ORDINAMENTO TEDESCO INDICE Prefazione... VII Premessa... 1 Capitolo I L AZIONE DI CONDANNA DELL ORDINAMENTO TEDESCO 1. La tempistica procedimentale (artt. 10, comma 2, 71b, Verwaltungsverfahrensgesetz) e le condizioni di

Dettagli

LA COMPETENZA DELLE COMMISSIONI TRIBUTARIE

LA COMPETENZA DELLE COMMISSIONI TRIBUTARIE - GIURISPRUDENZA COSTITUZIONALE - LA COMPETENZA DELLE COMMISSIONI TRIBUTARIE QUALI ORGANI SPECIALI DI GIURISDIZIONE a cura Avv. Maurizio Villani CLICCA QUI SCARICARE GRATUITAMENTE L'INTERO VOLUME PREMESSA

Dettagli

LA CONSULENZA TECNICA D UFFICIO E DI PARTE

LA CONSULENZA TECNICA D UFFICIO E DI PARTE Cendon / Book PROCEDURA CIVILE PROFESSIONAL LA CONSULENZA TECNICA D UFFICIO E DI PARTE Giuseppe Spanò Edizione NOVEMBRE 2014 Copyright MMXIV KEY SRL VIA PALOMBO 29 03030 VICALVI (FR) P.I./C.F. 02613240601

Dettagli

Deliberazione n.153/2007

Deliberazione n.153/2007 C o r t e d e i C o n t i Sezione regionale di controllo per la Basilicata Potenza Deliberazione n.153/2007 Parere n.18/2007 La Sezione Regionale di controllo per la Basilicata così composta: Presidente

Dettagli

INDICE. Presentazione... Avvertenza... CAPITOLO I L UNIONE EUROPEA QUALE ORIGINALE POTERE PUBBLICO di Stefano Battini

INDICE. Presentazione... Avvertenza... CAPITOLO I L UNIONE EUROPEA QUALE ORIGINALE POTERE PUBBLICO di Stefano Battini Presentazione........................................ Avvertenza......................................... XIII XV CAPITOLO I L UNIONE EUROPEA QUALE ORIGINALE POTERE PUBBLICO di Stefano Battini 1. Introduzione.....................................

Dettagli

Sul contributo unificato di iscrizione a ruolo per i processi innanzi al giudice amministrativo concernenti rapporti di pubblico impiego

Sul contributo unificato di iscrizione a ruolo per i processi innanzi al giudice amministrativo concernenti rapporti di pubblico impiego Sul contributo unificato di iscrizione a ruolo per i processi innanzi al giudice amministrativo concernenti rapporti di pubblico impiego Autore: Leone Antonello In: Diritto amministrativo La normativa

Dettagli

4. Appendice giurisprudenziale... 18

4. Appendice giurisprudenziale... 18 INDICE pag. Prefazione alla prima edizione............................ Prefazione alla seconda edizione........................... Prefazione alla terza edizione............................. Prefazione

Dettagli

Diritto processuale dell Unione europea: il contenzioso davanti alla Corte di giustizia dell Unione europea *

Diritto processuale dell Unione europea: il contenzioso davanti alla Corte di giustizia dell Unione europea * Università di Ferrara Dipartimento di Giurisprudenza Corso di Laurea Magistrale in Giurisprudenza sede di Rovigo - anno accademico 2012/2013 - Corso di Diritto processuale dell Unione europea: il contenzioso

Dettagli