A057 SCIENZA DEGLI ALIMENTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A057 SCIENZA DEGLI ALIMENTI"

Transcript

1 ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE A. MOTTI ISTITUTO PROFESSIONALE DI ENOGASTRONOMIA E OSPITALITA ALBERGHIERA CON I PERCORSI: ACCOGLIENZA TURISTICA, CUCINA, SALA-BAR ISTITUTO TECNICO PER IL TURISMO Sede Amministrativa: Via Gastinelli 1/B Reggio Emilia tel fax Sede Via Cialdini Reggio Emilia - tel fax C.F PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2013 /2014 A057 SCIENZA DEGLI ALIMENTI CLASSE PRIMA PROFESSIONALE Testo: Scienza degli Volume 1 - A. Machado - Poseidonia DOCENTI : Rivari Simona, Della Salda Mariaclaudia, Ferranti Paola, Poli Marta, Cattoi Roberta. Legenda: In corsivo si indicano gli obiettivi minimi Il sottolineato è necessario per preparare gli esami integrativi e di idoneità

2 BLOCCO TEMATICO 1- Malattie da contaminazione biologica degli CONTENUTI COMPETENZE ABILITA /CAPACITA CONOSCENZE METODO/ VALUTAZIONE 1- I microrganismi: Saper osservare e Individuare i rischi di 1. Conoscere le - batteri; riconoscere fenomeni contaminazione alimentare e principali - lieviti; naturali che causano le regole per prevenirli. caratteristiche dei studenti - muffe. modificazioni e microrganismi e dei I virus virus. Utilizzo della lavagna Parassiti alterazioni degli per schematizzare. 2- Modalità di. 2. Conoscere e trasmissione distinguere le Visione delle figure 3- Malattie da principali malattie da presenti nel testo. contaminazione contaminazione batterica degli microbiologica degli Realizzazione di una 4- Infezioni virali. mappa concettuale 5- Parassitosi riguardante l'intero modulo. Verifica formativa a metà modulo e verifica sommativa a fine modulo con domande aperte e chiuse e valutazione obiettiva con scala dal 2 al Prevenzione igienico-sanitaria nei servizi ristorativi 1-La prevenzione igienico-sanitaria. - igiene negli ambienti di lavoro; - igiene del personale; - igiene delle materie prime; 2- il sistema di controllo HACCP Acquisire comportamenti corretti nell'igiene personale, nella manipolazione degli e nell'uso delle attrezzature. Individuare i possibili fattori di rischio alimentare legati alla preparazione e lavorazione degli 1.conoscere le principali norme igieniche da seguire per la manipolazione degli 2. conoscere i principi fondamentali del sistema HACCP Interrogazioni studenti Utilizzo della lavagna per schematizzare. Visione delle figure presenti nel testo. Realizzazione di una mappa concettuale riguardante l'intero modulo Verifica formativa a metà modulo e verifica sommativa a fine

3 modulo con domande aperte e chiuse e valutazione obiettiva con scala dal 2 al 10 Interrogazioni 3- Gli 1- metodi di classificazione degli. 2- la filiera alimentare - tracciabilità - rintracciabilità 3- La qualità - caratteristiche organolettiche Saper classificare gli in base alla funzione prevalente Comprendere il concetto di tracciabilità Conoscere le principali funzioni degli Conoscere i diversi fattori che concorrono alla definizione di qualità studenti Utilizzo della lavagna per schematizzare. Visione delle figure presenti nel testo. Realizzazione di una mappa concettuale riguardante l'intero modulo Verifica formativa a metà modulo e verifica sommativa a fine modulo con domande aperte e chiuse e valutazione obiettiva con scala dal 2 al 10 Interrogazioni 4 A) Alimentazione e salute 1 Differenza tra alimentazione e nutrizione; 2 appetito, fame e sazietà; 3 metabolismo 4 classificazioni degli secondo i 7 gruppi INRAN 5 Le linee guida per una sana alimentazione 6 La piramide alimentare Classificare gli in base ai principi nutritivi contenuti Comprendere il concetto di metabolismo Comprendere il concetto di equilibrio nell alimentazione in relazione allo stato di salute dell individuo Conoscere i principali gruppi di Conoscere le linee guida Conoscere la piramide alimentare studenti Utilizzo della lavagna per schematizzare. Visione delle figure presenti nel testo. Realizzazione di una mappa concettuale riguardante l'intero

4 modulo B) Le abitudini alimentari 1 Evoluzione delle abitudini alimentari 2 Nuove tendenze alimentari Riconoscere i principali fattori che influenzano le abitudini alimentari Conoscere l evoluzione delle abitudini alimentari Verifica formativa a metà modulo e verifica sommativa a fine modulo con domande aperte e chiuse e valutazione obiettiva con scala dal 2 al 10 Interrogazioni Fattori che influenzano le abitudini alimentari 5 Chimica degli Aspetti generali, classificazione e proprietà nutrizionali dei macronutrienti: - glucidi; - lipidi; - protidi. Saper distinguere i diversi principi nutritivi e indicarne la funzione nutrizionale Conoscere i macronutrienti studenti Utilizzo della lavagna per schematizzare. Visione delle figure presenti nel testo. Realizzazione di una mappa concettuale riguardante l'intero modulo Verifica formativa a metà modulo e verifica sommativa a fine modulo con domande aperte e chiuse e valutazione obiettiva con scala dal 2 al 10 Interrogazioni

5 ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE A. MOTTI ISTITUTO PROFESSIONALE DI ENOGASTRONOMIA E OSPITALITA ALBERGHIERA CON I PERCORSI: ACCOGLIENZA TURISTICA, CUCINA, SALA-BAR ISTITUTO TECNICO PER IL TURISMO Sede Amministrativa: Via Gastinelli 1/B Reggio Emilia tel fax Sede Via Cialdini Reggio Emilia - tel fax C.F PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2013 /2014 A057 SCIENZA DEGLI ALIMENTI CLASSE SECONDA PROFESSIONALE Testo:Scienza degli Volumi 1 e 2 - A. Machado - Poseidonia DOCENTI : Rivari Simona, Della Salda Mariaclaudia, Lapetina Michela, Cattoi Roberta. Legenda: In corsivo si indicano gli obiettivi minimi Il sottolineato è necessario per preparare gli esami integrativi e di idoneità

6 BLOCCO TEMATICO 1- Chimica degli - macronutrienti - micronutrienti CONTENUTI COMPETENZE ABILITA /CAPACITA CONOSCENZE METODO/ VALUTAZIONE Aspetti generali, Individuare le Riconoscere differenze ed Conoscere le classificazione e proprietà principali fonti analogie tra i diversi nutrienti generalità, l apporto nutrizionali dei macronutrienti: alimentari dei diversi calorico, le funzioni studenti - glucidi; ed il ruolo nutrienti - lipidi; nutrizionale dei Utilizzo della lavagna - protidi. diversi nutrienti per schematizzare. e dei micronutrienti Visione delle figure presenti nel testo. - Sali minerali - Vitamine - Acqua Realizzazione di una mappa concettuale riguardante l'intero modulo. Verifica formativa a metà modulo e verifica sommativa a fine modulo con domande aperte e chiuse e valutazione obiettiva con scala dal 2 al Digestione e Metabolismo 1-Aspetti anatomici e fisiologici dell'apparato digerente. 2- Digestione e assorbimento dei principi nutritivi. Comprendere il meccanismo della digestione e dell assorbimento dei nutrienti Saper individuare regole di comportamento alimentare adeguato per garantire una buona digestione Conoscere l anatomia dell apparato digerente e le funzioni dei diversi organi e ghiandole che lo compongono Interrogazioni studenti Utilizzo della lavagna per schematizzare. Visione delle figure presenti nel testo. Realizzazione di una mappa concettuale riguardante l'intero modulo Verifica formativa a metà modulo e verifica sommativa a fine

7 modulo con domande aperte e chiuse e valutazione obiettiva con scala dal 2 al 10 Interrogazioni 3- Conservazione degli Cause di alterazione degli Metodi fisici di conservazione: - uso delle basse temperature; - uso delle alte temperature; - sottrazione d acqua - modificazioni d atmosfera - irradiazione Comprendere gli effetti delle varie tecniche di conservazione sul valore nutritivo degli Saper individuare il metodo di conservazione appropriato per i diversi tipi di alimento Conoscere le principali cause di alterazione degli Conoscere i principali metodi di conservazione degli. studenti Utilizzo della lavagna per schematizzare. Visione delle figure presenti nel testo. Realizzazione di una mappa concettuale riguardante l'intero modulo Metodi chimici di conservazione: - additivi naturali; - additivi artificiali Metodi chimico-fisici: - affumicamento Metodi biologici: - fermentazioni Verifica formativa a metà modulo e verifica sommativa a fine modulo con domande aperte e chiuse e valutazione obiettiva con scala dal 2 al 10 Interrogazioni 4- Modificazioni degli per effetto della cottura -Modalità di trasmissione del calore - effetti positivi e negativi della cottura -Le modificazioni a carico dei principi Valutare l influenza delle cotture sul valore nutritivo degli Scegliere le tecniche di cottura più idonee per mantenere il valore nutritivo degli Conoscere le modificazioni chimico-fisiche a carico dei principi nutritivi studenti Utilizzo della lavagna per schematizzare. Visione delle figure presenti nel

8 nutritivi: - proteine; - glucidi; - lipidi; - vitamine; - sali minerali. testo. Realizzazione di una mappa concettuale riguardante l'intero modulo Verifica formativa a metà modulo e verifica sommativa a fine modulo con domande aperte e chiuse e valutazione obiettiva con scala dal 2 al 10 Interrogazioni 5 Le etichette alimentari Le etichette alimentari: - generalità - etichettatura - indicazioni obbligatorie - etichetta nutrizionale -codice a barre - etichettatura dei prodotti di qualità : DOP, IGP,STG, Biologico Saper valutare la qualità di confezionati sulla base del confronto tra etichette Saper leggere correttamente una etichetta alimentare e distinguere gli ingredienti dagli additivi. Saper leggere e interpretare le indicazioni nutrizionali riportate nelle etichette Conoscere la struttura di un etichetta alimentare studenti Utilizzo della lavagna per schematizzare. Visione delle figure presenti nel testo. Realizzazione di una mappa concettuale riguardante l'intero modulo Verifica formativa a metà modulo e verifica sommativa a fine modulo con domande aperte e chiuse e valutazione obiettiva con scala dal 2 al 10 Interrogazioni

9 ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE A. MOTTI ISTITUTO PROFESSIONALE DI ENOGASTRONOMIA E OSPITALITA ALBERGHIERA CON I PERCORSI: ACCOGLIENZA TURISTICA, CUCINA, SALA-BAR ISTITUTO TECNICO PER IL TURISMO Sede Amministrativa: Via Gastinelli 1/B Reggio Emilia tel fax Sede Via Cialdini Reggio Emilia - tel fax C.F PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2013 /2014 A057 SCIENZA DEGLI ALIMENTI CLASSE TERZA PROFESSIONALE - Enogastronomia DOCENTI : Ferranti Paola, Cattoi Roberta, Lapetina Michela.Testo: S. Rodato - "Conoscere gli " - Edizioni CLITT Legenda: In corsivo si indicano gli obiettivi minimi Il sottolineato è necessario per preparare gli esami integrativi e di idoneità

10 BLOCCO TEMATICO Alimentazione e ristorazione CONTENUTI COMPETENZE ABILITA /CAPA CITA 1-Alimentazione equilibrata: Individuare le - aspetti generali; caratteristiche di una - criteri operativi. dieta equilibrata. 2-Ristorazione e tipologie dietetiche: - pianificazione alimentare; - modelli alimentari. 3-Tipologie dietetiche praticate nella ristorazione: - dieta mediterranea; - diete vegetariane; - dieta ipocalorica. 4-Certificazione degli e frodi alimentari. 5-Cibi transgenici. 1-Riconoscere i punti di forza e di debolezza delle varie tipologie dietetiche. 2-Riconoscere il significato delle certificazioni di qualità e distinguere le frodi alimentari. CONOSCENZE 1-Comprendere le caratteristiche principali di una dieta equilibrata di tipo generico. 2-conoscere le diete mediterranea, vegetariana e ipocalorica METODO/ VALUTAZIONE Utilizzo della lavagna per schematizzare. Elaborazione di ricerche su temi specifici. Uscite didattiche. Valutazione obiettiva di un menù aziendale. Verifica formativa a metà modulo e verifica sommativa a fine modulo con domande aperte e chiuse e valutazione obiettiva con scala dal 2 al 10. Interrogazioni Profilo calorico nutrizionale degli 1-Unità di misura fondamentali in alimentazione. 2-Calcolo calorico - nutrizionale Saper eseguire un calcolo calorico e nutrizionale di un piatto. Saper interpretare le tabelle di composizione chimica degli. Conoscere le operazioni necessarie per fare il calcolo calorico-nutrizionale di un piatto Alimenti del terzo gruppo 1-Cereali e derivati: - aspetti generali. 2-Frumento: - aspetti generali; - struttura e composizione del chicco di grano; - gli sfarinati di frumento e la loro classificazione; - produzione e caratteristiche nutritive del pane; - produzione e caratteristiche nutritive della pasta. 3-Riso: 1-Individuare e distinguere i cereali fra loro. 2-Distinguere i vari tipi di sfarinati di frumento in base al loro impiego. 3-Comprendere i processi produttivi della panificazione e pastificazione. Valutare criticamente gli aspetti positivi e negativi legati al consumo di cereali Conoscere le caratteristiche merceologiche e la composizione dei cereali

11 Alimenti del secondo e quarto gruppo Alimenti del quinto gruppo -aspetti generali e caratteristiche nutritive. 4-Mais: - aspetti generali e caratteristiche nutritive. 1-Latte: - aspetti generali; - composizione e caratteristiche chimico fisiche; - le frodi. 2-Yogurt: - aspetti generali e produzione; 3-Formaggi: - aspetti generali e produzione; - difetti e alterazioni; - le frodi. 4-Legumi: - aspetti generali Oli e grassi da condimento: - aspetti generali, classificazione e composizione chimica dell'olio di oliva, dell'olio di semi, del burro e della margarina 1-Distinguere e classificare i vari tipi di prodotti lattierocaseari. 2-Descrivere le caratteristiche merceologiche ed il valore nutritivo dei legumi. Distinguere i lipidi alimentari in base alla loro origine e composizione. 1-Saper valutare criticamente gli aspetti positivi e negativi del suo consumo. 2-Saper riconoscere le caratteristiche nutrizionali dei legumi. Valutare criticamente gli aspetti positivi e negativi legati al consumo dei diversi tipi di grassi da condimento Conoscere la definizione e la composizione del latte. 2-Conoscere le caratteristiche merceologiche dei legumi e la loro importanza nutrizionale Conoscere la composizione dei lipidi alimentari Alimenti del primo gruppo 1-Carne e prodotti di salumeria: - aspetti generali; - classificazione merceologica; - caratteristiche nutritive. 2-Prodotti ittici: - freschezza, caratteristiche nutritive, classificazione merceologica e conservazione dei pesci; - classificazione merceologica dei molluschi e dei crostacei. 3-Le uova: - struttura e composizione; - classificazione delle uova; - caratteristiche nutritive. Distinguere e classificare la carne, i prodotti di salumeria, i prodotti ittici e le uova Valutare criticamente gli aspetti positivi e negativi legati al consumo di tali Conoscere e distinguere le varie tipologie merceologiche degli appartenenti al gruppo

12 ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE A. MOTTI ISTITUTO PROFESSIONALE DI ENOGASTRONOMIA E OSPITALITA ALBERGHIERA CON I PERCORSI: ACCOGLIENZA TURISTICA, CUCINA, SALA-BAR ISTITUTO TECNICO PER IL TURISMO Sede Amministrativa: Via Gastinelli 1/B Reggio Emilia tel fax Sede Via Cialdini Reggio Emilia - tel fax C.F PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2013 /2014 A057 SCIENZA DEGLI ALIMENTI CLASSE TERZA PROFESSIONALE Servizi di sala e vendita DOCENTI : Cattoi Roberta, Rivari Simona..Testo: S. Rodato - "Conoscere gli " - Edizioni CLITT Legenda: In corsivo si indicano gli obiettivi minimi Il sottolineato è necessario per preparare gli esami integrativi e di idoneità

13 BLOCCO TEMATICO Alimentazione e ristorazione CONTENUTI COMPETENZE ABILITA /CAP ACITA 1-Alimentazione equilibrata: Individuare le - aspetti generali; caratteristiche di una - criteri operativi. dieta equilibrata. 2-Ristorazione e tipologie dietetiche: - pianificazione alimentare; - modelli alimentari. 3-Tipologie dietetiche praticate nella ristorazione: - dieta mediterranea; - diete vegetariane; - dieta ipocalorica. 4-Certificazione degli e frodi alimentari. 5-Cibi transgenici. 1-Riconoscere i punti di forza e di debolezza delle varie tipologie dietetiche. 2-Riconoscere il significato delle certificazioni di qualità e distinguere le frodi alimentari. CONOSCENZE 1-Comprendere le caratteristiche principali di una dieta equilibrata di tipo generico. 2-conoscere le diete mediterranea, vegetariana e ipocalorica METODO/ VALUTAZIONE Utilizzo della lavagna per schematizzare. Elaborazione di ricerche su temi specifici. Uscite didattiche. Valutazione obiettiva di un menù aziendale. Verifica formativa a metà modulo e verifica sommativa a fine modulo con domande aperte e chiuse e valutazione obiettiva con scala dal 2 al 10. Interrogazioni Profilo calorico nutrizionale degli 1-Unità di misura fondamentali in alimentazione. 2-Calcolo calorico - nutrizionale Saper eseguire un calcolo calorico e nutrizionale di un piatto. Saper interpretare le tabelle di composizione chimica degli. Conoscere le operazioni necessarie per fare il calcolo calorico-nutrizionale di un piatto Alimenti del terzo gruppo e quarto gruppo 1-Cereali e derivati: - aspetti generali. 2-Frumento: - aspetti generali; - struttura e composizione del chicco di grano; - gli sfarinati di frumento e la loro classificazione; - produzione e caratteristiche nutritive del pane; - produzione e caratteristiche nutritive della pasta. 3-Riso: 1-Individuare e distinguere i cereali fra loro. 2-Distinguere i vari tipi di sfarinati di frumento in base al loro impiego. 3-Comprendere i processi produttivi della panificazione e pastificazione. 4-Descrivere le caratteristiche 1-Valutare criticamente gli aspetti positivi e negativi legati al consumo di cereali 2-Saper riconoscere le caratteristiche nutrizionali dei legumi. 1-Conoscere le caratteristiche merceologiche e la composizione dei cereali 2-Conoscere le caratteristiche merceologiche dei legumi e la loro importanza nutrizionale.

14 Alimenti del secondo Alimenti del quinto gruppo -aspetti generali e caratteristiche nutritive. 4-Mais: - aspetti generali e caratteristiche nutritive. 5-Legumi: - aspetti generali 1-Latte: - aspetti generali; - composizione e caratteristiche chimico fisiche; - le frodi. 2-Yogurt: - aspetti generali e produzione; 3-Formaggi: - aspetti generali e produzione; - difetti e alterazioni; - le frodi. Oli e grassi da condimento: - aspetti generali, classificazione e composizione chimica dell'olio di oliva, dell'olio di semi, del burro e della margarina merceologiche ed il valore nutritivo dei legumi Distinguere e classificare i vari tipi di prodotti lattierocaseari.. Distinguere i lipidi alimentari in base alla loro origine e composizione. Saper valutare criticamente gli aspetti positivi e negativi del suo consumo. Valutare criticamente gli aspetti positivi e negativi legati al consumo dei diversi tipi di grassi da condimento. 1-Conoscere la definizione e la composizione del latte. Conoscere la composizione dei lipidi alimentari Alimenti del primo gruppo Bevande non alcoliche 1-Carne e prodotti di salumeria: - aspetti generali; - classificazione merceologica; - caratteristiche nutritive. 2-Prodotti ittici: - freschezza, caratteristiche nutritive, classificazione merceologica e conservazione dei pesci; - classificazione merceologica dei molluschi e dei crostacei. 3-Le uova: - struttura e composizione; - classificazione delle uova; - caratteristiche nutritive. Bevande non alcoliche: - aspetti generali e classificazione delle acque Distinguere e classificare la carne, i prodotti di salumeria, i prodotti ittici e le uova Distinguere le caratteristiche merceologiche delle Valutare criticamente gli aspetti positivi e negativi legati al consumo di tali Saper valutare gli aspetti positivi e negativi legati al Conoscere e distinguere le varie tipologie merceologiche degli appartenenti al gruppo. 1-Conoscere le caratteristiche e le varie tipologie dell'acqua

15 potabili e minerali; - aspetti generali delle bibite e dei succhi di frutta; - aspetti generali e produzione del caffè e del tè. bibite e dei succhi di frutta. consumo di bevande nervine, succhi di frutta e bibite 2-Conoscere le principali fasi produttive del caffè e del tè Bevande alcoliche Bevande alcoliche: vino- aspetti generali, classificazione e produzione del vino; birra - aspetti generali, classificazione e produzione della birra; distillati liquori Comprendere cosa sono i processi fermentativi delle bevande alcoliche Valutare gli aspetti positivi e negativi legati al consumo delle bevande alcoliche. 1-Conoscere gli aspetti generali delle bevande alcoliche 2-Conoscere la struttura dell'uva e conoscere le fasi produttive del vino

16 ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE A. MOTTI ISTITUTO PROFESSIONALE DI ENOGASTRONOMIA E OSPITALITA ALBERGHIERA CON I PERCORSI: ACCOGLIENZA TURISTICA, CUCINA, SALA-BAR ISTITUTO TECNICO PER IL TURISMO Sede Amministrativa: Via Gastinelli 1/B Reggio Emilia tel fax Sede Via Cialdini Reggio Emilia - tel fax C.F PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2013 /2014 A057 SCIENZA E CULTURA DELL ALIMENTAZIONE CLASSE TERZA accoglienza turistica DOCENTI : MARTA POLI Testo: S. Rodato - "Alimentazione Territorio Scienza e cultura dell alimentazione per i Servizi di Accoglienza Turistica" Volume unico 3 e 4 anno - Edizioni CLITT Legenda: In corsivo si indicano gli obiettivi minimi Il sottolineato è necessario per preparare gli esami integrativi e di idoneità

17 BLOCCO TEMATICO CONTENUTI COMPETENZE ABILITA /CAPACITA CONOSCENZE METODO/ VALUTAZIONE Storia e geografia del turismo Concetto di turismo Geografia del turismo Cartografia e turismo Il turismo enogastronomico Gli aspetti geoclimatici del territorio italiano. Italia e regioni: le tipicità regionali Sapere utilizzare la cartografia e le guide turistiche. Descrivere le tappe fondamentali della storia del turismo. Definire le varie tipologie di turismo. Sapere costruire semplici itinerari tematici. Conoscere la storia del turismo: Il turismo enogastronomico Elaborazione di ricerche su temi specifici. Lavori di gruppo Verifica formativa / verifica sommativa Alimentazione e ristorazione Alimentazione equilibrata: - aspetti generali; - criteri operativi. Ristorazione e tipologie dietetiche: - pianificazione alimentare; - modelli alimentari. Tipologie dietetiche praticate nella ristorazione: - dieta mediterranea; - diete vegetariane; - dieta ipocalorica. Marchi di qualità e sistemi di tutela dei prodotti enogastronomici. Cibi transgenici. Comprendere le caratteristiche principali di una dieta equilibrata Riconoscere i punti di forza e di debolezza delle varie tipologie dietetiche. Riconoscere il significato delle certificazioni di qualità e distinguere le frodi alimentari Conoscere le diete mediterranea, vegetariana e ipocalorica. Riconoscere le risorse enogastronomiche territoriali e nazionali Lavori di gruppo. Elaborazione di ricerche su temi specifici. Verifica formativa / verifica sommativa

18 Profilo calorico nutrizionale degli e delle bevande Tabelle di composizione chimica degli. Calcolo calorico - nutrizionale Essere in grado di interpretare e utilizzare le tabelle nutrizionali e di composizione chimica degli. Saper leggere e interpretare le tabelle di composizione chimica degli. Saper eseguire un calcolo calorico e nutrizionale di un piatto e delle bevande. Conoscere le basi del calcolo nutrizionale degli. Prerequisiti: conoscenze matematiche di base riguardanti proporzioni, percentuali, ordini di grandezza, unità di misura. Calcolo calorico e nutrizionale di un piatto. Lavori di gruppo. Progettazione di un itinerario turistico e di un menù tipico. Verifica formativa / verifica sommativa Alimenti del primo gruppo: carne uova pesci Carne e prodotti di salumeria: - aspetti generali; - caratteristiche nutritive. Prodotti ittici: - freschezza, caratteristiche nutritive, classificazione merceologica e conservazione dei pesci; - classificazione merceologica dei molluschi e dei crostacei. Le uova: - caratteristiche nutritive. Distinguere le varie tipologie merceologiche degli appartenenti al gruppo. Individuare le caratteristiche nutritive dalla lettura delle tabelle di composizione chimica. Valutare criticamente gli aspetti positivi e negativi legati al consumo di tali Individuare le caratteristiche nutritive dalla lettura delle tabelle di composizione chimica. Conoscere le varie tipologie merceologiche degli appartenenti al gruppo. Lavori di gruppo. Elaborazione di ricerche su temi specifici. Verifica formativa / verifica sommativa Alimenti del secondo gruppo: latte e derivati Latte: - aspetti generali; - composizione e caratteristiche chimico fisiche; Formaggi: - aspetti generali; Storia e produzione del Parmigiano Reggiano Identificare le caratteristiche nutritive del latte e dei derivati. Saper valutare criticamente gli aspetti positivi e negativi del suo consumo. Conoscere in modo generale le fasi produttive di alcuni derivati del latte. Lavori di gruppo. Elaborazione di ricerche su temi specifici. Verifica formativa / verifica sommativa

19 Alimenti del terzo e quarto gruppo (cereali e legumi) Cereali e derivati: -aspetti generali. -caratteristiche nutritive Legumi: - aspetti generali Valutare criticamente gli aspetti positivi e negativi legati al consumo di cereali Individuare e distinguere i cereali fra loro. Comprendere i processi produttivi della panificazione. Conoscere le caratteristiche merceologiche e la composizione dei cereali. Conoscere le caratteristiche merceologiche dei legumi e la loro importanza nutrizionale. Lavori di gruppo. Elaborazione di ricerche su temi specifici. Verifica formativa / verifica sommativa Alimenti del quinto gruppo Oli e grassi da condimento: - aspetti generali, classificazione e caratteristiche chimiche dell'olio di oliva, dell'olio di semi, del burro e della margarina. Individuare le caratteristiche nutritive dei grassi dalla lettura delle tabelle di composizione chimica. Valutare le caratteristiche nutritive dei grassi. Conoscere le caratteristiche nutritive dei grassi da condimento. Valutare criticamente gli aspetti positivi e negativi legati al consumo. Lavori di gruppo. Elaborazione di ricerche su temi specifici. Verifica formativa / verifica sommativa Alimenti del sesto e settimo gruppo Ortaggi e frutta: - aspetti generali; - conservazione. Individuare le caratteristiche nutritive di frutta e verdura dalla lettura delle tabelle di composizione chimica. Valutare le caratteristiche nutritive di frutta e verdura. Conoscere le caratteristiche nutritive di frutta e verdura. Valutare criticamente gli aspetti positivi e negativi legati al consumo Lavori di gruppo. Elaborazione di ricerche su temi specifici. Verifica formativa / verifica sommativa

20 Bevande alcoliche vino birra distillati liquori Identificare le caratteristiche generali delle bevande alcoliche Conoscere i prodotti tipici Regionali Distinguere le caratteristiche generali di: vino birra distillati liquori Conoscere i prodotti tipici regionali. Saper valutare gli aspetti positivi e negativi legati al consumo delle bevande alcoliche. Lavori di gruppo. Elaborazione di ricerche su temi specifici. Verifica formativa / verifica sommativa Bevande non alcoliche Alimenti accessori acque potabili e minerali bibite succhi di frutta; caffè tè. Aceto balsamico Identificare le caratteristiche generali delle bevande non alcoliche Distinguere le caratteristiche generali di: acque potabili e minerali; bibite succhi di frutta; caffè tè. Aceto balsamico Conoscere le caratteristiche e le varie tipologie dell'acqua e in generale delle bevande non alcoliche. Lavori di gruppo. Elaborazione di ricerche su temi specifici. Verifica formativa / verifica sommativa

21 ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE A. MOTTI ISTITUTO PROFESSIONALE DI ENOGASTRONOMIA E OSPITALITA ALBERGHIERA CON I PERCORSI: ACCOGLIENZA TURISTICA, CUCINA, SALA-BAR ISTITUTO TECNICO PER IL TURISMO Sede Amministrativa: Via Gastinelli 1/B Reggio Emilia tel fax Sede Via Cialdini Reggio Emilia - tel fax C.F PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2013 /2014 A057 - SCIENZA DEGLI ALIMENTI CLASSE QUARTA PROFESSIONALE - Enogastronomia e Servizi di sala e vendita DOCENTI : Ferranti Paola, Poli Marta, Lapetina Michela Testo: S. Rodato - "Conoscere gli " - Edizioni CLITT Legenda: In corsivo si indicano gli obiettivi minimi Il sottolineato è necessario per preparare gli esami integrativi e di idoneità

22 BLOCCO TEMATICO Digestione, assorbimento e metabolismo dei principi nutritivi CONTENUTI COMPETENZE ABILITA /CAPACITA CONOSCENZE METODO/ VALUTAZIONE 1- Glucidi, lipidi, protidi: Saper riconoscere il Individuare le caratteristiche 1- Comprendere - richiamo alla classificazione processo di digestione, chimico-fisiche che l'importanza nutrizionale - digestione e assorbimento assorbimento e distinguono i diversi principi dei principi nutritivi. - biochimica metabolismo dei nutritivi. 2- Comprendere il destino - funzioni nutrizionali 2- Vitamine e sali minerali principi tritivi. metabolico dei glucidi, lipidi, protidi e dei loro 3- Acqua: processi biochimici - generalità - classificazione Eventuale utilizzo di sistemi multimediali. Verifica formativa a metà modulo con domande aperte e chiuse e verifica sommativa a fine modulo su traccia proposta.valutazione obiettiva con scala dal 2 al 10. Interrogazioni Cottura degli Modificazioni a carico dei principi nutritivi: -modificazioni a carico dei glucidi, protidi, lipidi, vitamine e sali minerali -inattivazione delle sostanze dannose. Individuare le modificazioni chimico-fisiche a carico dei principi nutritivi Valutare come la cottura influisce sul valore nutritivo e igienico degli Conoscere le modificazioni chimico-fisiche a carico dei principi nutritivi Conservazione degli 1- Fattori che influenzano lo sviluppo microbico 2- Metodi di conservazione: -fisici (temperatura, sottrazione di acqua, radiazioni, atmosfera controllata) -chimici (con sostanze naturali e con additivi chimici) - chimico-fisici e biologici (affumicamento e fermentazione). Comprendere le tecniche di conservazione e gli eventuali effetti sul valore nutritivo degli Saper individuare il mezzo di conservazione più adeguato a seconda del tipo di alimento considerato Conoscere i principali metodi di conservazione degli

23 Qualità totale degli e Sicurezza degli Alimenti 1-Principali contaminazioni chimiche, fisiche e biologiche degli. 2- Qualità chimica, biologica, nutrizionale, legale, organolettica degli. 3-Tracciabilità/rintracciabilità. 4-Etichettatura dei prodotti alimentari. 1-Saper come operare per garantire la sicurezza di un prodotto alimentare. 2-Saper leggere un etichetta alimentare. Acquisire comportamenti corretti riguardo l igiene della persona, degli ambienti di lavoro, delle attrezzature e nella manipolazione degli Distinguere i prodotti certificati e riconoscere la loro identità dalla lettura della etichetta alimentare. Conoscere le principali cause di contaminazione degli

24 ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE A. MOTTI ISTITUTO PROFESSIONALE DI ENOGASTRONOMIA E OSPITALITA ALBERGHIERA CON I PERCORSI: ACCOGLIENZA TURISTICA, CUCINA, SALA-BAR ISTITUTO TECNICO PER IL TURISMO Sede Amministrativa: Via Gastinelli 1/B Reggio Emilia tel fax Sede Via Cialdini Reggio Emilia - tel fax C.F PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2013 /2014 A057 SCIENZA E CULTURA DELL ALIMENTAZIONE CLASSE QUARTA accoglienza turistica DOCENTI : MARTA POLI Testo: S. Rodato - "Alimentazione Territorio Scienza e cultura dell alimentazione per i Servizi di Accoglienza Turistica" Volume unico 3 e 4 anno - Edizioni CLITT Legenda: In corsivo si indicano gli obiettivi minimi Il sottolineato è necessario per preparare gli esami integrativi e di idoneità

25 BLOCCO TEMATICO CONTENUTI COMPETENZE ABILITA /CAPACITA CONOSCENZE METODO/ VALUTAZIONE Storia della gastronomia, della ristorazione e dell ospitalità alberghiera Cuochi celebri e ricettari Dai caffè al bar I ristoranti Dagli ospizi agli alberghi Le diverse tipologie di turismo: il turismo sostenibile, il turismo enogastronomico Valorizzare le tradizioni locali, individuando le nuove tendenze. Promuovere e gestire i servizi di accoglienza turistica, valorizzando le risorse locali. Identificare i prodotti tipici e il loro legame con il territorio. Riconoscere le nuove tendenze dell enogastronomia e del turismo. Conoscere la storia del turismo: Il turismo enogastronomico Elaborazione di ricerche su temi specifici. Lavori di gruppo Verifica formativa / verifica sommativa Alimentazione e ristorazione Marchi di qualità e sistemi di tutela dei prodotti enogastronomici di eccellenza. La piramide alimentare Modelli alimentari italiani e stranieri. I prodotti tipici. DOP IGP STG PAT BIO. Comprendere le caratteristiche principali di una dieta equilibrata Riconoscere i punti di forza e di debolezza dei diversi modelli alimentari. Riconoscere il significato delle certificazioni di qualità e distinguere le frodi alimentari Conoscere i principali modelli alimentari. Riconoscere le risorse enogastronomiche territoriali e nazionali Lavori di gruppo. Elaborazione di ricerche su temi specifici. Verifica formativa / verifica sommativa Le frodi alimentari Qualità totale degli e Sicurezza degli Alimenti 1-Principali contaminazioni chimiche, fisiche e biologiche degli. 2- Qualità chimica, biologica, nutrizionale, legale, organolettica degli. 3-Tracciabilità/rintracciabilità. 4-Etichettatura dei prodotti alimentari. Saper come operare per garantire la sicurezza di un prodotto alimentare. Saper leggere un etichetta alimentare. Identificare i pericoli di contaminazione nelle procedure enogastronomiche. Identificare gli elementi di tracciabilità e sicurezza dei prodotti. Distinguere i prodotti certificati e riconoscere la loro identità dalla lettura della etichetta alimentare. Conoscere le principali cause di contaminazione degli Lavori di gruppo. Elaborazione di ricerche su temi specifici. Verifica formativa / verifica sommativa

26 Enogastronomia regionale italiana Enogastronomia tipica delle principali regioni italiane Mappe tematiche delle specialità gastronomiche regionali Esempi di itinerari enogastronomici Essere in grado di organizzare un itinerario enogastronomico e di progettare un menù tipico. Descrivere i principali aspetti geografici ed enogastronomici delle regioni italiane Comprendere i rapprti fra risorse alimentari e tradizioni gastronomiche. Conoscere i prodotti enogastronomci tipici delle principali regioni italiane Sapere utilizzare le mappe tematiche delle specialità gastronomiche regionali Lavori di gruppo. Elaborazione di ricerche su temi specifici. Verifica formativa / verifica sommativa

27 ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE A. MOTTI ISTITUTO PROFESSIONALE DI ENOGASTRONOMIA E OSPITALITA ALBERGHIERA CON I PERCORSI: ACCOGLIENZA TURISTICA, CUCINA, SALA-BAR ISTITUTO TECNICO PER IL TURISMO Sede Amministrativa: Via Gastinelli 1/B Reggio Emilia tel fax Sede Via Cialdini Reggio Emilia - tel fax C.F PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2013 /2014 A057 - SCIENZA DEGLI ALIMENTI CLASSE QUINTA PROFESSIONALE DOCENTI : Ferranti Paola, Poli Marta. Testo: S. Rodato, I. Gola - Nutrizione oggi - Edizioni CLITT Legenda: In corsivo si indicano gli obiettivi minimi Il sottolineato è necessario per preparare gli esami integrativi e di idoneità

28 BLOCCO TEMATICO Cottura degli CONTENUTI COMPETENZE ABILITA /CAPACITA CONOSCENZE METODO/ VALUTAZIONE Modificazioni a carico dei Individuare le Valutare come la cottura Conoscere le modificazioni principi nutritivi: modificazioni influisce sul valore nutritivo chimico-fisiche a carico dei -modificazioni a carico dei chimico-fisiche a e igienico degli principi nutritivi glucidi, protidi, lipidi, vitamine carico dei principi e sali minerali -inattivazione delle sostanze nutritivi Eventuale utilizzo di sistemi dannose. multimediali. Verifica formativa a metà modulo con domande aperte e chiuse e verifica sommativa a fine modulo su traccia proposta.valutazione obiettiva con scala dal 2 al 10. Interrogazioni Conservazione degli Igiene degli 1- Fattori che influenzano lo sviluppo microbico 2- Metodi di conservazione: -fisici (temperatura, sottrazione di acqua, radiazioni, atmosfera controllata) -chimici (con sostanze naturali e con additivi chimici) - chimico-fisici e biologici (affumicamento e fermentazione). 1-Le contaminazioni: - chimiche (metalli pesanti, pesticidi e fertilizzanti, farmaci) - radioattive - microbiologiche (virus, batteri, lieviti, muffe) - cenni sulle parassitosi 2-Malattie da trasmissione alimentare: - Tossinfezioni (salmonellosi, botulismo) - Infezioni (epatite A, Comprendere le tecniche di conservazione e gli eventuali effetti sul valore nutritivo degli 1-Saper come operare per garantire la sicurezza di un prodotto alimentare. 2- Saper individuare i diversi aspetti qualitativi di un alimento Saper individuare il mezzo di conservazione più adeguato a seconda del tipo di alimento considerato 1-Acquisire comportamenti corretti riguardo l igiene della persona, degli ambienti di lavoro, delle attrezzature e nella manipolazione degli. 2-Distinguere i prodotti certificati e riconoscere la loro identità dalla lettura della etichetta alimentare Conoscere i principali metodi di conservazione degli 1-Conoscere le principali cause di contaminazione degli 2-Conoscere le principali malattie trasmesse dagli e le loro modalità di trasmissione

29 Dietetica Colera) - Intossicazioni (I. stafilococcica) - Parassitosi (teniasi) 3-Prevenzione igienicosanitaria: - igiene della persona - igiene degli ambienti e delle attrezzature di lavoro - sistema HACCP 4-Qualità chimica, biologica, nutrizionale, legale, organolettica degli. 5- Tracciabilità/rintracciabilità. 6-Le frodi alimentari 7-.Gli biologici. 8-OGM 1-Compilazione di una dieta bilanciata ed equilibrata secondo le indicazioni LARN. 2-L alimentazione equilibrata nelle diverse fasce d età e in particolari condizioni fisiologiche. 3-L alimentazione nelle collettività. 4-Tipologie dietetiche: diete mediterranea, vegetariana, eubiotica, macrobiotica, combinazioni dietetiche secondo l alimentazione naturale. 5-Uso di integratori e dietetici. 6-Principi generali di dietoterapia in caso di: obesità, magrezza, aterosclerosi, ipertensione, diabete, stitichezza. Saper realizzare una dieta equilibrata di tipo generico Indicare le caratteristiche generali di una dieta equilibrata in funzione di particolari necessità fisiologiche 1-Conoscere le più comuni tipologie dietetiche. 2-Conoscere i principi generali di dietoterapia per le malattie più comuni

PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015

PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 SEDE: Alberghiero INDIRIZZO: Enogastronomia e Servizi di sala e vendita DOCENTE: Prof. Fontanesi Elisa CLASSE: III Serale MATERIA DI INSEGNAMENTO: Scienza e Cultura

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI, ENOGASTRONOMICI E PER L'OSPITALITA' ALBERGHIERA "NICOLO' GALLO" VIA QUARTARARO PITTORE

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI, ENOGASTRONOMICI E PER L'OSPITALITA' ALBERGHIERA NICOLO' GALLO VIA QUARTARARO PITTORE ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI, ENOGASTRONOMICI E PER L'OSPITALITA' ALBERGHIERA "NICOLO' GALLO" VIA QUARTARARO PITTORE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA Materia: Scienza e cultura dell

Dettagli

Programmi a.s. 2014-15

Programmi a.s. 2014-15 Docente FICHERA TIZIANA ANTONELLA Classi 3 ENOGASTRONOMIA sezione/i Ae, He MOD 1 ALIMENTI E ALIMENTAZIONE: UNITA 1.1 CULTURA ALIMENTARE Alimenti e alimentazione. La classificazione degli alimenti. I 5

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI SCIENZA DELL ALIMENTAZIONE,

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI SCIENZA DELL ALIMENTAZIONE, Istituto di Formazione Professionale lberghiero di ROVERETO-LEVICO TERME SEDE DI ROVERETO PROGRMMZIONE DIDTTIC DI SCIENZ DELL LIMENTZIONE, MERCEOLOGI LIMENTRE ED IGIENE CLSSI TERZE DI GSTRONOMI E RTE BINC

Dettagli

MATERIA: ALIMENTI ED ALIMENTAZIONE. Classe: 5 ENOGASTRONOMIA, SALA E VENDITA

MATERIA: ALIMENTI ED ALIMENTAZIONE. Classe: 5 ENOGASTRONOMIA, SALA E VENDITA MATERIA: ALIMENTI ED ALIMENTAZIONE Classe: 5 ENOGASTRONOMIA, SALA E VENDITA 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA Il quinto anno si caratterizza per essere il segmento del percorso formativo in cui si compie quell'affinamento

Dettagli

INDIRIZZO: Enogastronomia OPZIONE: Prodotti dolciari artigianali e industriali. PROGRAMMAZIONE MODULARE CLASSE: 4 A pasticceria

INDIRIZZO: Enogastronomia OPZIONE: Prodotti dolciari artigianali e industriali. PROGRAMMAZIONE MODULARE CLASSE: 4 A pasticceria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Via Domizia Lucilla Programmazione annuale A.S. 2015-2016 Mod. 7.1.A

Dettagli

Programmazione modulare. Moduli Titolo del modulo Ore

Programmazione modulare. Moduli Titolo del modulo Ore Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Via Domizia Lucilla Programmazione annuale A.S. 2015-2016 Mod. 7.1.A

Dettagli

Programmazione modulare. Moduli Titolo del modulo Ore

Programmazione modulare. Moduli Titolo del modulo Ore Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Via Domizia Lucilla Programmazione annuale A.S. 2015-2016 Mod. 7.1.A

Dettagli

MATERIA: Scienza e cultura dell alimentazione. Moduli Titolo del modulo Ore

MATERIA: Scienza e cultura dell alimentazione. Moduli Titolo del modulo Ore Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Via Domizia Lucilla Programmazione annuale A.S. 2014-2015 Mod. 7.1.A

Dettagli

DIPARTIMENTO TECNICO-PROFESSIONALE INDIRIZZO SERVIZI PER L'ENOGASTRONOMIA SETTORE CUCINA. Programmazione disciplinare condivisa secondo biennio

DIPARTIMENTO TECNICO-PROFESSIONALE INDIRIZZO SERVIZI PER L'ENOGASTRONOMIA SETTORE CUCINA. Programmazione disciplinare condivisa secondo biennio Istituto Professionale di Stato per i Servizi per l Enogastronomia e Ospitalità Alberghiera Aurelio Saffi Firenze DIPARTIMENTO TECNICO-PROFESSIONALE INDIRIZZO SERVIZI PER L'ENOGASTRONOMIA SETTORE CUCINA

Dettagli

C 500 - Cucina Laboratorio dei servizi enogastronomici: settore cucina

C 500 - Cucina Laboratorio dei servizi enogastronomici: settore cucina ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE A. MOTTI PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 C 500 - Cucina Laboratorio dei servizi enogastronomici: settore cucina DOCENTE: Maria Fatigati Quadro riassuntivo

Dettagli

MATERIA: SCIENZA E CULTURA DELL ALIMENTAZIONE. Classe: 3 enogastronomia, sala e vendita, pasticceria

MATERIA: SCIENZA E CULTURA DELL ALIMENTAZIONE. Classe: 3 enogastronomia, sala e vendita, pasticceria 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA MATERIA: SCIENZA E CULTURA DELL ALIMENTAZIONE Classe: 3 enogastronomia, sala e vendita, pasticceria Il docente di Scienza e Cultura dell Alimentazione concorre a far conseguire

Dettagli

ALBERGHIERO COME PIANIFICARE LA VERIFICA E LA VALUTAZIONE

ALBERGHIERO COME PIANIFICARE LA VERIFICA E LA VALUTAZIONE ALBERGHIERO COME PIANIFICARE LA VERIFICA E LA VALUTAZIONE 1-Partire dal quadri di Risultati di apprendimento in uscita indicati per la propria disciplina 2-Individuare quale/quali risultati possono essere

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE DI SCIENZE DEGLI ALIMENTI. Anno Scolastico 2015/2016. INDIRIZZO PROFESSIONALE: Enogastronomia e Ospitalità Alberghiera

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE DI SCIENZE DEGLI ALIMENTI. Anno Scolastico 2015/2016. INDIRIZZO PROFESSIONALE: Enogastronomia e Ospitalità Alberghiera ISTITUTO D'ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE "REMO BRINDISI" Liceo Linguistico, Enogastronomia e Ospitalità Alberghiera, Manutenzione e Assistenza Tecnica, Tecnico Economico per il Turismo PIANO DI LAVORO

Dettagli

Si evidenziano (sottolineate) le competenze da raggiungere per una programmazione per obbiettivi minimi.

Si evidenziano (sottolineate) le competenze da raggiungere per una programmazione per obbiettivi minimi. PIANO DI LAVORO ANNUALE ISTITUTO: liceo scienze applicate liceo classico Ite X I. Enogastronomia/ospitalità Liceo artistico Scuola media annessa INSEGNANTE: AGOSTINO FRENA MATERIA DI INSEGNAMENTO: LABORATORIO

Dettagli

Articolazione enogastronomia Secondo biennio 5 anno Terzo anno Quarto Quinto anno

Articolazione enogastronomia Secondo biennio 5 anno Terzo anno Quarto Quinto anno AL PARLAMENTO ITALIANO CAMERA DEI DEPUTATI - SENATORI AL MINISTRO DELL ISTRUZIONE Oggetto: Petizione - Riforma professionali IPSSAR secondo biennio e quinto scolastico proposta di modifica e integrazione.

Dettagli

Totale delle ore di attività 198

Totale delle ore di attività 198 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Via Domizia Lucilla Programmazione annuale A.S. 201/15 Mod. 7.1.A rev.

Dettagli

PARTE 1. ISTITUTO: liceo scienze applicate liceo classico Ist. tecnico economico X Ist. prof.le enogastronomia/ospitalità.

PARTE 1. ISTITUTO: liceo scienze applicate liceo classico Ist. tecnico economico X Ist. prof.le enogastronomia/ospitalità. PIANO DI LAVORO ANNUALE ISTITUTO: liceo scienze applicate liceo classico Ist. tecnico economico X Ist. prof.le enogastronomiaospitalità Liceo artistico Scuola media Polo Valboite INSEGNANTE: PROF. SSA

Dettagli

MATERIA: SCIENZA E CULTURA DELL ALIMENTAZIONE, ANALISI E CONTROLLI MICROBIOLOGICI DEI PRODOTTI ALIMENTARI

MATERIA: SCIENZA E CULTURA DELL ALIMENTAZIONE, ANALISI E CONTROLLI MICROBIOLOGICI DEI PRODOTTI ALIMENTARI MATERIA: SCIENZA E CULTURA DELL ALIMENTAZIONE, ANALISI E CONTROLLI MICROBIOLOGICI DEI PRODOTTI ALIMENTARI CLASSE: QUINTA ARTICOLAZIONE ENOGASTRONOMIA OPZIONE PRODOTTI DOLCIARI ARTIGIANALI E INDUSTRIALI

Dettagli

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 DOCENTE: Madaschi Rossana Dietista e Docente di Scienza dell Alimentazione MATERIE: Dietologia - Scienza dell Alimentazione CLASSE:

Dettagli

Il Servizio di Refezione Scolastica del Comune di Poggibonsi

Il Servizio di Refezione Scolastica del Comune di Poggibonsi Il Servizio di Refezione Scolastica del Comune di Poggibonsi Il servizio di refezione scolastica del Comune di Poggibonsi è affidato all azienda di Ristorazione Cir- Food, Divisione Eudania. Per la preparazione

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 PRODUZIONI ALIMENTARI Processo Trasformazione e produzione alimentare Sequenza di processo Progettazione,

Dettagli

MODULO TECNICO PROFESSIONALE COMPARTO: RISTORAZIONE- PUBBLICI SERVIZI PRODUZIONE E VENDITA ALIMENTI

MODULO TECNICO PROFESSIONALE COMPARTO: RISTORAZIONE- PUBBLICI SERVIZI PRODUZIONE E VENDITA ALIMENTI MODULO TECNICO PROFESSIONALE ORE: 60 COMPARTO: RISTORAZIONE- PUBBLICI SERVIZI PRODUZIONE E VENDITA ALIMENTI AREA PROFESSIONALE: PRODUZIONE PASTI Modulo formativo/u.f. 1: ORIENTAMENTO 2 ore 1. Esplorare

Dettagli

L ALIMENTAZIONE. DANIELA BASOSI Scuola Secondaria inferiore - Classe terza 8 Maggio 2011

L ALIMENTAZIONE. DANIELA BASOSI Scuola Secondaria inferiore - Classe terza 8 Maggio 2011 L ALIMENTAZIONE DANIELA BASOSI Scuola Secondaria inferiore - Classe terza 8 Maggio 2011 Un approccio operativo ai concetti di alimentazione e di nutrizione. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Ricostruire lo scopo

Dettagli

Allegato N 2. Contenuti minimi ed obiettivi minimi classi prime IPSEOA

Allegato N 2. Contenuti minimi ed obiettivi minimi classi prime IPSEOA Allegato N 2 Contenuti minimi ed obiettivi minimi classi prime IPSEOA Conoscenze da raggiungere 1. Elementi di deontologia professionale 2. Igiene personale, dei prodotti, dei processi di lavoro e pulizia

Dettagli

Programmazione annuale. Anno scolastico 2014/2015. Classe V. Organizzazione e gestione dei servizi ristorativi

Programmazione annuale. Anno scolastico 2014/2015. Classe V. Organizzazione e gestione dei servizi ristorativi ISTITUTO D'ISTRUZI SUPERIORE TECNICO PROFESSIONALE Indirizzo Tecnico: Turistico Indirizzi Professionali: Agricoltura e Sviluppo Rurale Servizi Socio Sanitari Enogastronomia e Ospitalità Alberghiera Manutenzione

Dettagli

DIPARTIMENTO TECNICO-PROFESSIONALE INDIRIZZO SERVIZI PER L'ENOGASTRONOMIA SETTORE CUCINA. Programmazione disciplinare condivisa quinto anno

DIPARTIMENTO TECNICO-PROFESSIONALE INDIRIZZO SERVIZI PER L'ENOGASTRONOMIA SETTORE CUCINA. Programmazione disciplinare condivisa quinto anno Istituto Professionale di Stato per i Servizi per l Enogastronomia e Ospitalità Alberghiera Aurelio Saffi Firenze DIPARTIMENTO TECNICO-PROFESSIONALE INDIRIZZO SERVIZI PER L'ENOGASTRONOMIA SETTORE CUCINA

Dettagli

TABELLE DIETETICHE PER LA REFEZIONE SCOLASTICA

TABELLE DIETETICHE PER LA REFEZIONE SCOLASTICA Lotto n. 1 Allegato B TABELLE DIETETICHE PER LA REFEZIONE SCOLASTICA Fasce d età considerate Scuola dell infanzia ANNI 2,5-5,5 Scuola elementare 5,5-10,5 Scuola media * 10,5-14,5 * Nella fascia di età

Dettagli

PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015

PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 SEDE: Alberghiero INDIRIZZO: Enogastronomia e Servizi di sala e vendita DOCENTE: Prof. Fontanesi Elisa CLASSE: V Serale MATERIA DI INSEGNAMENTO: Scienza e Cultura

Dettagli

MODULO TECNICO PROFESSIONALE COMPARTO: RISTORAZIONE- PUBBLICI SERVIZI PRODUZIONE E VENDITA ALIMENTI

MODULO TECNICO PROFESSIONALE COMPARTO: RISTORAZIONE- PUBBLICI SERVIZI PRODUZIONE E VENDITA ALIMENTI ORE: 60 MODULO TECNICO PROFESSIONALE COMPARTO: RISTORAZIONE- PUBBLICI SERVIZI PRODUZIONE E VENDITA ALIMENTI AREA PROFESSIONALE: SERVIZIO AL BAR Modulo formativo/u.f. 1: ORIENTAMENTO 1. Esplorare il livello

Dettagli

Programmazione Iniziale Annuale

Programmazione Iniziale Annuale PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE PIETRO D ABISTITUTOANO SERVIZI PER L ENOGASTRONOMIA E L OSPITALITÀ ALBERGHIERA Via Monteortone, 9-35031 Abano Terme - Tel. 049.8630000

Dettagli

SCHEDA INSEGNAMENTO RIFERIMENTI GENERALI. Orario di ricevimento: lunedì 9-11, qualunque altro orario previo contatto telefonico

SCHEDA INSEGNAMENTO RIFERIMENTI GENERALI. Orario di ricevimento: lunedì 9-11, qualunque altro orario previo contatto telefonico Pag. 1 di 5 RIFERIMENTI GENERALI Corso di laurea: Scienze e Tecnologie Agroalimentari Curriculum: Tecnologie Agroalimentari Anno di Corso: 2 Semestre: 2 Insegnamento: Microbiologia degli alimenti CFU:

Dettagli

PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015

PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 SEDE: Alberghiero INDIRIZZO: Enogastronomia e Servizi di sala e vendita DOCENTE: Prof. Spreafico Lucia CLASSE: V B MATERIA DI INSEGNAMENTO: Scienza e Cultura dell

Dettagli

CONTROLLO DI QUALITA DEGLI ALIMENTI

CONTROLLO DI QUALITA DEGLI ALIMENTI CONTROLLO DI QUALITA DEGLI ALIMENTI ANNO ACCADEMICO 2009-2010 CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE DOCENTE: Maria Grazia Volpe mail:mgvolpe@isa.cnr.it FINALITA Il corso si prefigge di avviare lo studente all

Dettagli

AREA PROFESSIONALIZZANTE RELAZIONE FINALE

AREA PROFESSIONALIZZANTE RELAZIONE FINALE AREA PROFESSIONALIZZANTE RELAZIONE FINALE 11 maggio 2015 Il progetto dell area professionalizzante della classe 5^ serale di alternanza scuola/lavoro si è sviluppato con stage gestiti in modo personalizzato

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 PRODUZIONI ALIMENTARI Processo Trasformazione e produzione di farina, pasta e prodotti da forno Sequenza

Dettagli

INDIRIZZI DI STUDIO I.P.S.E.O.O.A.

INDIRIZZI DI STUDIO I.P.S.E.O.O.A. LA NOSTRA OFFERTA FORMATIVA INDIRIZZI DI STUDIO I.P.S.E.O.O.A. Al fine di facilitare la scelta dell indirizzo di studi e le eventuali opzioni, il nostro Istituto ha predisposto il seguente prospetto che,

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 PRODUZIONI ALIMENTARI Processo Sequenza di processo Area di Attività Qualificazione regionale Referenziazioni

Dettagli

MODULO TECNICO PROFESSIONALE COMPARTO: RISTORAZIONE- PUBBLICI SERVIZI PRODUZIONE E VENDITA ALIMENTI

MODULO TECNICO PROFESSIONALE COMPARTO: RISTORAZIONE- PUBBLICI SERVIZI PRODUZIONE E VENDITA ALIMENTI ORE: 60 MODULO TECNICO PROFESSIONALE COMPARTO: RISTORAZIONE- PUBBLICI SERVIZI PRODUZIONE E VENDITA ALIMENTI AREA PROFESSIONALE: DISTRIBUZIONE PASTI Modulo formativo/u.f. 1: ORIENTAMENTO 1. Esplorare il

Dettagli

Quinto anno ACCOGLIENZA TURISTICA

Quinto anno ACCOGLIENZA TURISTICA Quinto anno ACCOGLIENZA TURISTICA Competenze Abilità Contenuti 1 Sviluppare la crescita professionale attraverso le conoscenze del mercato turistico professionali orientate al cliente con quelle linguistiche.

Dettagli

EDUCAZIONE ALIMENTARE DELLA SCUOLA E PERCORSI DIDATTICI SENSORIALI. Un cammino verso frutta e verdura con i 5 sensi

EDUCAZIONE ALIMENTARE DELLA SCUOLA E PERCORSI DIDATTICI SENSORIALI. Un cammino verso frutta e verdura con i 5 sensi EDUCAZIONE ALIMENTARE DELLA SCUOLA E PERCORSI DIDATTICI SENSORIALI Educazione alimentare nella scuola Le attività di educazione alimentare per l anno scolastico 2004 2005 sono state condotte in più di

Dettagli

LA SICUREZZA DEI TUOI CIBI DIPENDE ANCHE DA TE

LA SICUREZZA DEI TUOI CIBI DIPENDE ANCHE DA TE ASL CITTA DI MILANO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione Via Statuto n 5-MILANO LA SICUREZZA DEI TUOI CIBI DIPENDE ANCHE DA TE da: Linee Guida per una sana Alimentazione degli

Dettagli

Anno scolastico 2012/2013. MATERIA : Laboratorio di organizzazione e gestione dei servizi ristorativi

Anno scolastico 2012/2013. MATERIA : Laboratorio di organizzazione e gestione dei servizi ristorativi ISTITUTO STATALE D'ISTRUZIONE SUPERIORE IPSSAR S.MARTA E AGGREGATO IPSSCT G.BRANCA PESARO Strada delle Marche, 1 61100 Pesaro Tel. 0721/37221 Fax 0721/31924 C.F. n.80005210416 http://www.alberghieropesaro.it

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE A. MOTTI PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 A017 DIRITTO E TECNICA AMMINISTRATIVA DELL AZIENDA TURISTICA

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE A. MOTTI PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 A017 DIRITTO E TECNICA AMMINISTRATIVA DELL AZIENDA TURISTICA ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE A. MOTTI ISTITUTO PROFESSIONALE DI ACCOGLIENZA ENOGASTRONOMICA E OSPITALITA ALBERGHIERA CON I PERCORSI: ACCOGLIENZA TURISTICA, CUCINA, SALA-BAR Sede Amministrativa: Via

Dettagli

SERVIZI PER L ENOGASTRONOMIA E L OSPITALITÀ ALBERGHIERA

SERVIZI PER L ENOGASTRONOMIA E L OSPITALITÀ ALBERGHIERA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Professionale Servizi per l Enogastronomia e l Ospitalità Alberghiera A. Vespucci Via Valvassori Peroni 8-20133 Milano - Tel. 02.7610162

Dettagli

OPERATORE DELLA RISTORAZIONE Indirizzo: Preparazione pasti

OPERATORE DELLA RISTORAZIONE Indirizzo: Preparazione pasti Qualifiche Professionali Triennali Regionali Nuove figure Professionali 2011 OPERATORE DELLA RISTORAZIONE Indirizzo: Preparazione pasti 1 Descrizione Figura Professionale L interviene, a livello esecutivo,

Dettagli

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici Prof. Carlo Carrisi Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti: servono a nutrire l organismo, derivano dalla digestione, vengono

Dettagli

Servizi per l enogastronomia e l ospitalità alberghiera

Servizi per l enogastronomia e l ospitalità alberghiera Servizi per l enogastronomia e l ospitalità alberghiera Il Diplomato di istruzione professionale nell indirizzo Servizi per l enogastronomia e l ospitalità alberghiera ha specifiche competenze tecniche,

Dettagli

CURRICOLO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

CURRICOLO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE CURRICOLO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE Premessa Dalle rilevazioni effettuate negli ultimi anni sulla popolazione giovanile è emerso un aumento di problemi legati alle cattive abitudini alimentari e alla pratica

Dettagli

LA NOSTRA OFFERTA FORMATIVA I.P.S.E.O.O.A.

LA NOSTRA OFFERTA FORMATIVA I.P.S.E.O.O.A. LA NOSTRA OFFERTA FORMATIVA I.P.S.E.O.O.A. Al fine di facilitare la scelta dell indirizzo di studi, il nostro Istituto ha predisposto il seguente prospetto che, partendo dalla scelta effettuata già in

Dettagli

Alimenti e alimentazione

Alimenti e alimentazione Tracce per la seconda prova d esame di Alimenti e alimentazione Prof. Amedeo Serra Indirizzo: Tecnico dei servizi della ristorazione Tema di: Alimenti e alimentazione Durata massima della prova: 6 ore

Dettagli

Programmazione modulare e minima per le classi IV e V classi articolazione sala e vendita

Programmazione modulare e minima per le classi IV e V classi articolazione sala e vendita Istituto Professionale di Stato per il Settore dei Sevizi per l Enogastronomia e l Ospitalità Alberghiera "E Mattei" Vieste (FG) Programmazione modulare e minima per le classi IV e V classi articolazione

Dettagli

Totale delle ore di attività 70

Totale delle ore di attività 70 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Via Domizia Lucilla Programmazione annuale A.S. 2014/15 Mod. 7.1.A

Dettagli

Raccontare la città industriale

Raccontare la città industriale Raccontare la città industriale Dalmine 13 Novembre 2014 IL METODO L Asl di Bergamo ha lavorato molto negli ultimi, in collaborazione con la scuola, per produrre strumenti atti ad inserire i temi della

Dettagli

L attuale Quadro Normativo

L attuale Quadro Normativo L attuale Quadro Normativo L educazione alimentare per il biologico Centro Congressi di Eatily Roma, 12 Ottobre 2012 Dott.ssa Teresa De Matthaeis Dirigente Ufficio Agricoltura Biologica - PQA V Ministero

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI SCIENZE CLASSE PRIMA. INDICATORI COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE 1. Esplorare e descrivere oggetti e materiali

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI SCIENZE CLASSE PRIMA. INDICATORI COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE 1. Esplorare e descrivere oggetti e materiali SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI SCIENZE CLASSE PRIMA INDICATORI 1. Esplorare e descrivere oggetti e materiali 2. Osservare e sperimentare sul campo Sviluppa atteggiamenti di curiosità verso il mondo circostante

Dettagli

- 6 - PROGETTI EDUCATIVI

- 6 - PROGETTI EDUCATIVI Progetto di educazione alimentare Il progetto A SCUOLA CON GUSTO consiste in una serie di interventi (tre oppure quattro, a seconda del percorso formativo) da effettuarsi in classe. L intento generale

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PROCESSO DI CERTIFICAZIONE C.E.I.E.

REGOLAMENTO DEL PROCESSO DI CERTIFICAZIONE C.E.I.E. REGOLAMENTO DEL PROCESSO DI CERTIFICAZIONE C.E.I.E. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE: Il presente Regolamento disciplina il sistema di Certificazione adottato da DEKRA Testing and Certification per l attività

Dettagli

Alimenti. Gruppi Alimentari

Alimenti. Gruppi Alimentari Alimenti Gli alimenti sono tutto ciò che viene utilizzato come cibo dalla specie umana. Un dato alimento non contiene tutti i nutrienti necessari per il mantenimento di un corretto stato fisiologico La

Dettagli

I.I.S. "PAOLO FRISI"

I.I.S. PAOLO FRISI I.I.S. "PAOLO FRISI" Via Otranto angolo Cittadini, 1-20157 - MILANO www.ipsfrisi.it PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE DI Laboratorio di Accoglienza Turistica Anno Scolastico: 2014-2015 CLASSI 1e -

Dettagli

Anno scolastico 2012/2013. MATERIA : Laboratorio di organizzazione e gestione dei servizi ristorativi

Anno scolastico 2012/2013. MATERIA : Laboratorio di organizzazione e gestione dei servizi ristorativi ISTITUTO STATALE D'ISTRUZIONE SUPERIORE IPSSAR S.MARTA E AGGREGATO IPSSCT G.BRANCA PESARO Strada delle Marche, 1 61100 Pesaro Tel. 0721/37221 Fax 0721/31924 C.F. n.80005210416 http://www.alberghieropesaro.it

Dettagli

INDICAZIONI PER LA VALUTAZIONE DEI CAPITOLATI D APPALTO PER LA RISTORAZIONE COLLETTIVA A SOSTEGNO DI MENÙ CORRETTI

INDICAZIONI PER LA VALUTAZIONE DEI CAPITOLATI D APPALTO PER LA RISTORAZIONE COLLETTIVA A SOSTEGNO DI MENÙ CORRETTI INDICAZIONI PER LA VALUTAZIONE DEI CAPITOLATI D APPALTO PER LA RISTORAZIONE COLLETTIVA A SOSTEGNO DI MENÙ CORRETTI OTTOBRE 2011 1 PREMESSA Un alimentazione equilibrata e corretta, gradevole ed accettabile,

Dettagli

Nuovi profili e quadri orario - Settore Enogastronomia e Ospitalità Alberghiera Profilo

Nuovi profili e quadri orario - Settore Enogastronomia e Ospitalità Alberghiera Profilo Nuovi profili e quadri orario - Settore Enogastronomia e Ospitalità Alberghiera Profilo Il Diplomato di istruzione professionale nell indirizzo "Servizi per l enogastronomia e l ospitalità alberghiera"

Dettagli

la scelta del menu: aspetti nutrizionali e scelte alimentari

la scelta del menu: aspetti nutrizionali e scelte alimentari DELLE COMMISSIONI MENSA la scelta del menu: aspetti nutrizionali e scelte alimentari 10 gennaio 2008 Lucia Antonioli Margherita Schiavi 3 COME SI STRUTTURA UNA TABELLA DIETETICA 5 LARN Livelli di assunzione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE Laboratorio enogastronomia settore sala e vendita c/510 ANNO SCOLASTICO 2014 /2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE Laboratorio enogastronomia settore sala e vendita c/510 ANNO SCOLASTICO 2014 /2015 PROGRAMMAZIONE ANNUALE Laboratorio enogastronomia settore sala e vendita c/510 ANNO SCOLASTICO 2014 /2015 CLASSE: QUARTA PROFESSIONALE ARTICOLAZIONE ENOGASTRONOMIA DOCENTI: Barbuto Gaetano; Esposito Giuseppe;

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. SABRINA MAZZITELLI MATERIA: TECNOLOGIA CLASSE III D DATA DI PRESENTAZIONE: 30/11/2013

ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. SABRINA MAZZITELLI MATERIA: TECNOLOGIA CLASSE III D DATA DI PRESENTAZIONE: 30/11/2013 PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. SABRINA MAZZITELLI MATERIA: TECNOLOGIA CLASSE III D DATA DI PRESENTAZIONE: 30/11/2013 FINALITÀ E OBIETTIVI FORMATIVI DELLA DISCIPLINA L'INSEGNAMENTO

Dettagli

Cibo e salute. Marisa Porrini DiSTAM Università degli Studi di Milano

Cibo e salute. Marisa Porrini DiSTAM Università degli Studi di Milano Cibo e salute tra innovazione e tradizione Marisa Porrini DiSTAM Università degli Studi di Milano il cibo è salute sostentamento della vita prevenzione delle malattie da carenza ottimizzazione delle funzioni

Dettagli

Programmazione annuale. Anno scolastico 2014/2015. Organizzazione e gestione dei servizi ristorativi IV ANNO CORSO SERALE

Programmazione annuale. Anno scolastico 2014/2015. Organizzazione e gestione dei servizi ristorativi IV ANNO CORSO SERALE ISTITUTO D'ISTRUZI SUPERIORE TECNICO PROFESSIONALE Indirizzo Tecnico: Turistico Indirizzi Professionali: Agricoltura e Sviluppo Rurale Servizi Socio Sanitari Enogastronomia e Ospitalità Alberghiera Manutenzione

Dettagli

SCIENZE: PRIMO BIENNIO CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA

SCIENZE: PRIMO BIENNIO CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA SCIENZE: PRIMO BIENNIO CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA COMPETENZA ABILITA' (L'alunno è in grado di) CONOSCENZE (L'alunno sa) SCHEMATIZZAZIONI E MODELLIZZAZIONI Riconoscere i 5 sensi e gli organi ad

Dettagli

Alla tua salute: scegli con gusto, gusta in salute. Aspetti metodologici del Programma

Alla tua salute: scegli con gusto, gusta in salute. Aspetti metodologici del Programma Alla tua salute: scegli con gusto, gusta in salute Aspetti metodologici del Programma Reggio Emilia. Luoghi di prevenzione, 25/9/2012 Sandra Bosi Responsabile Servizi di Promozione della Salute e Formazione

Dettagli

Operatore della ristorazione. Standard della Figura nazionale

Operatore della ristorazione. Standard della Figura nazionale Operatore della ristorazione Standard della Figura nazionale 94 Denominazione della figura Indirizzi della figura Referenziazioni della figura Professioni NUP/ISTAT correlate Attività economiche di riferimento:

Dettagli

Progetto in rete interistituzionale Aliment-azione I. C. Marconi I.C. Guinizelli I.C.Pacinotti Scuola primaria Classe Prima

Progetto in rete interistituzionale Aliment-azione I. C. Marconi I.C. Guinizelli I.C.Pacinotti Scuola primaria Classe Prima Progetto in rete interistituzionale Aliment-azione I. C. Marconi I.C. Guinizelli I.C.Pacinotti Scuola primaria Classe Prima -utilizzare i sensi per riconoscere le caratteristiche degli alimenti - le caratteristiche

Dettagli

CONOSCENZE DISCIPLINA (Diritto e tecniche amministrative della struttura ricettiva) CONOSCENZE (V ANNO) ABILITA /CAPACITA (V ANNO) COMPETENZE

CONOSCENZE DISCIPLINA (Diritto e tecniche amministrative della struttura ricettiva) CONOSCENZE (V ANNO) ABILITA /CAPACITA (V ANNO) COMPETENZE Articolazione: Accoglienza Turistica - V ANNO Discipline: Diritto e tecniche amministrative della struttura ricettiva, Storia Riferimenti:. LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. 2. ATTI CONVEGNO

Dettagli

OSPEDALE DI CARITA Corso G. Marconi n. 30 12030 Sanfront CN

OSPEDALE DI CARITA Corso G. Marconi n. 30 12030 Sanfront CN PROVA SCRITTA CONCORSO PUBBLICO PER N. 1 POSTO DI ADDETTO ALLA CUCINA PROVA N. 2 (Crocettare la risposta esatta delle domande dalla n. 1 alla n. 20 e fornire una risposta sintetica ed esauriente alle domande

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI DI ENOGASTRONOMIA E OSPITALITA ALBERGHIERA

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI DI ENOGASTRONOMIA E OSPITALITA ALBERGHIERA ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI DI ENOGASTRONOMIA E OSPITALITA ALBERGHIERA Istituto Professionale settore Servizi Servizi per l'enogastronomia e l'ospitalità Alberghiera L'indirizzo prevede

Dettagli

Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): Classificazione attività economiche (ATECO 2007/ISTAT):

Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): Classificazione attività economiche (ATECO 2007/ISTAT): Denominazione della figura 15. OPERATORE DELLA RISTORAZIONE Indirizzi della figura 1. Preparazione pasti 2. Servizi di sala e di bar Referenziazioni della figura Nomenclatura delle Unità Professionali

Dettagli

C1, C2, C4 C2 PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE M2 GESTIONE DEL BAR E DELLE BEVANDE C1, C2 C3 QUALITÀ DEL SERVIZIO AGLI OSPITI M3

C1, C2, C4 C2 PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE M2 GESTIONE DEL BAR E DELLE BEVANDE C1, C2 C3 QUALITÀ DEL SERVIZIO AGLI OSPITI M3 Profilo professionale: RESPONSABILE DELLA RISTORAZIONE, BAR E CANTINA Competenze Materie Livello: 3 Competenze associate C1 CONTROLLARE / SUPERVISIONARE M1 SUPERVISIONE E GESTIONE NEL SETTORE DELL OSPITALITÀ

Dettagli

PROGRAMMA PER ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA

PROGRAMMA PER ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA CLASSE: TERZA ENOGASTRONOMIA 1 MODULO: ALIMENTI ED ALIMENTAZIONE CONCETTO DI ALIMENTAZIONE; FUNZIONE NUTRIZIONALE DEI PRINCIPI NUTRITIVI; PRINCIPI DI ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA; CALCOLO CALORICO. 2 MODULO:

Dettagli

Articolazione per UF 1 delle competenze tecnico-professionali Primo Anno

Articolazione per UF 1 delle competenze tecnico-professionali Primo Anno Articolazione per UF 1 delle competenze tecnico-professionali Primo Anno conoscenze capacità UF n. Denominazione UF Durata UF (h) Contenuti formativi Discipline comuni e di indirizzo UC 1707 CURA DEGLI

Dettagli

PROPOSTE DI SECONDE PROVE E DI GRIGLIE DI VALUTAZIONE

PROPOSTE DI SECONDE PROVE E DI GRIGLIE DI VALUTAZIONE GRUPPO IPSSEOA GIORNATA DI FORMAZIONE Istituto Avogadro - Torino 25 FEBBRAIO 2015 Dirigente Scolastico: prof. Franco Zanet PROPOSTE DI SECONDE PROVE E DI GRIGLIE DI VALUTAZIONE 1 ESAME DI STATO 2015 Istituti

Dettagli

L Ispettorato centrale della tutela della qualità e della repressione frodi dei prodotti agro-alimentari (ICQRF)

L Ispettorato centrale della tutela della qualità e della repressione frodi dei prodotti agro-alimentari (ICQRF) L Ispettorato centrale della tutela della qualità e della repressione frodi dei prodotti agro-alimentari (ICQRF) L ICQRF è l organo tecnico di controllo ufficiale del Ministero delle politiche agricole

Dettagli

Dipartimento di Scienze Integrate

Dipartimento di Scienze Integrate PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTALE A.S. 2011-2012 Dipartimento di Scienze Integrate Aree: Scienza degli alimenti Scienze della terra Biologia Fisica - Chimica PRINCIPI DI ALIMENTAZIONE (biennio nuovo ordinamento)

Dettagli

I. P. S. S. S. E. DE AMICIS METODOLOGIE OPERATIVE

I. P. S. S. S. E. DE AMICIS METODOLOGIE OPERATIVE I. P. S. S. S. E. DE AMICIS ROMA METODOLOGIE OPERATIVE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME INDIRIZZO : SERVIZI SOCIO SANITARI 1 Premessa Le vigenti disposizioni di riforma della scuola secondaria superiore

Dettagli

SCIENZE GASTRONOMICHE (classe L-26)

SCIENZE GASTRONOMICHE (classe L-26) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MESSINA CORSO DI LAUREA INTERATENEO ed INTERFACOLTÀ' IN SCIENZE GASTRONOMICHE (classe L-26) TRIENNIO 1 ANNO 1 SEMESTRE SSD insegnamento CFU tot Attività MAT 01-09 Matematica e

Dettagli

Istituto Superiore di Stato per l'enogastronomia e l'ospitalità Alberghiera. "A. Prever" PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

Istituto Superiore di Stato per l'enogastronomia e l'ospitalità Alberghiera. A. Prever PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE Istituto Superiore di Stato per l'enogastronomia e l'ospitalità Alberghiera DISCIPLINA: "A. Prever" PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ANALISI E CONTROLLI CHIMICI DEI PRODOTTI ALIMENTARI CLASSE: IV sez A, B,

Dettagli

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro,

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro, I nutrienti I gruppi alimentari NEL NOSTRO VIVER COMUNE, NON RAGIONIAMO CON NUTRIENTI MA CON ALIMENTI: SONO PERTANTO STATI RAGGRUPPATI GLI ALIMENTI SECONDO CARATTERISTICHE NUTRITIVE IN COMUNE. GRUPPO N

Dettagli

CIBO CHE NUTRE. tra informazione e disinformazione

CIBO CHE NUTRE. tra informazione e disinformazione CIBO CHE NUTRE tra informazione e disinformazione Trino, 15 maggio 2014 ALIMENTAZIONE E NUTRIZIONE Alimentarsi vuol dire scegliere e assumere alimenti volontariamente. Nutrirsi vuol dire utilizzare le

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLA COMMISSIONE MENSA

LA FORMAZIONE DELLA COMMISSIONE MENSA LA FORMAZIONE DELLA COMMISSIONE MENSA A cura di Gisella Giovanetti LA REFEZIONE SCOLASTICA il 14 febbraio 1900 la giunta municipale di Pavia approvava all unanimità l istituzione della refezione scolastica,l

Dettagli

Benvenuti. Istituto Professionale per i Servizi Alberghieri e della Ristorazione

Benvenuti. Istituto Professionale per i Servizi Alberghieri e della Ristorazione Benvenuti Istituto Professionale per i Servizi Alberghieri e della Ristorazione Corsi quinquennali Le tipologie di corsi presenti sono due: 1 ANNO PRIMO BIENNIO 2 ANNO 3 ANNO 4 ANNO SECONDO BIENNIO 5 ANNO

Dettagli

CONTROLLO COMMERCIALE E IGIENICO ANNONARIO DI UN SUPERMERCATO CON ANNESSA MACELLERIA E PESCHERIA

CONTROLLO COMMERCIALE E IGIENICO ANNONARIO DI UN SUPERMERCATO CON ANNESSA MACELLERIA E PESCHERIA CONTROLLO COMMERCIALE E IGIENICO ANNONARIO DI UN SUPERMERCATO CON ANNESSA MACELLERIA E PESCHERIA Gli orari delle attività commerciali e il turno di riposo settimanale 1.1 Le nuove disposizioni europee:

Dettagli

DIRETTIVE 2006 ESAME CANTONALE PER L OTTENIMENTO DEL DIPLOMA DI SOMMELIER/SOMMELIERE

DIRETTIVE 2006 ESAME CANTONALE PER L OTTENIMENTO DEL DIPLOMA DI SOMMELIER/SOMMELIERE Commissione d esame per l ottenimento del diploma cantonale sommelier/sommelière Segretariato della commissione d esame per l ottenimento del diploma cantonale di sommelier Scuola superiore alberghiera

Dettagli

L'Alimentazione (principi alimentari e consigli) Una Sana Alimentazione Ogni essere vivente introduce cibo nell'organismo: questo processo prende il nome di ALIMENTAZIONE. Introdurre cibo nel nostro corpo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE Anno Scolastico: 2014-2015 Dipartimento (1) : SCIENZE - Igiene/Anatomia Coordinatore (1) : Giovanni Miragliotta Classe: IV Indirizzo: Tecnico dei Servizi socio-sanitari

Dettagli

SCIENZE CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA

SCIENZE CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA SCIENZE CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA COMPETENZA ABILITÀ CONOSCENZE ipotesi, utilizzando semplici schematizzazioni 1. Conoscere i 5 sensi e gli organi ad essi deputati. 2. Scoprire e analizzare le

Dettagli

Da dove derivano i nostri cibi preferiti? Gli alimenti derivano in gran parte dall agricoltura e dall allevamento degli animali domestici

Da dove derivano i nostri cibi preferiti? Gli alimenti derivano in gran parte dall agricoltura e dall allevamento degli animali domestici Da dove derivano i nostri cibi preferiti? Gli alimenti derivano in gran parte dall agricoltura e dall allevamento degli animali domestici L AGRICOLTURA L'agricoltura è l'attività economica che consiste

Dettagli

IO MANGIO A SCUOLA: IGIENE E SICUREZZA DEL CIBO

IO MANGIO A SCUOLA: IGIENE E SICUREZZA DEL CIBO IO MANGIO A SCUOLA: IGIENE E SICUREZZA DEL CIBO L approccio del Laboratorio Chimico nella ristorazione scolastica Paolo Vittone Il Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino Il Laboratorio Chimico

Dettagli

PERCHE MANGIAMO? Gli alimenti sono necessari per. .il FUNZIONAMENTO dell organismo. e per il suo ACCRESCIMENTO

PERCHE MANGIAMO? Gli alimenti sono necessari per. .il FUNZIONAMENTO dell organismo. e per il suo ACCRESCIMENTO PROGETTO ALIMENTAZIONE E CULTURA Impariamo a nutrirci per crescere meglio CIRCOLO DIDATTICO DI ARICCIA Centro Studi Regionale per l Analisi e la Valutazione del Rischio Alimentare (CSRA) - IZS Lazio e

Dettagli

PROGETTAZIONE/DOCUMENTAZIONE UNITA DIDATTICA di AREA SCIENTIFICA a.s.2011-12

PROGETTAZIONE/DOCUMENTAZIONE UNITA DIDATTICA di AREA SCIENTIFICA a.s.2011-12 Istituto Sperimentale Rinascita - A. Livi - Milano Scuola statale secondaria di primo grado ad indirizzo musicale PROGETTAZIONE/DOCUMENTAZIONE UNITA DIDATTICA di AREA SCIENTIFICA a.s.2011-12 TITOLO UNITA

Dettagli

- l andamento degli stili alimentari e dei consumi locali, nazionali ed internazionali;

- l andamento degli stili alimentari e dei consumi locali, nazionali ed internazionali; Corsi post-qualifica degli istituti professionali (D.M. 15 aprile 1994) TECNICO DEI SERVIZI DELLA RISTORAZIONE PROFILO PROFESSIONALE Il Tecnico dei servizi di ristorazione è il responsabile delle attività

Dettagli