SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI"

Transcript

1 SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI MODI DI TRASFERIMENTO SERVIZI DI TRASFERIMENTO DELL INFORMAZIONE L informazione da trasferire si ipotizza strutturata in IU Costituita da b bit Da consegnare in t secondi Se esiste un unico canale fra sorgente e destinazione deve operare alla frequenza di cifra minima di b/t [bit/sec] Banda È la frequenza di cifra alla quale opera un canale Sorgente e destinazione sono solitamente collegati attraverso una rete Se il collegamento fra sorgente e destinazione avviene attraversando n canali in serie ognuno deve operare almeno a una frequenza di cifra pari a n b/t [bit/sec] MODI DI TRASFERIMENTO 2 1

2 SERVIZI DI TRASFERIMENTO DELL INFORMAZIONE Modo di trasferimento delle IU attraverso una rete Tecnica di multiplazione Specifica come viene condivisa la banda disponibile su uno specifico ramo della rete FDM o WDM TDM CDM Modalità di commutazione Specifica come le IU ricevute da un nodo attraverso le porte di ingresso vengono inoltrate verso le porte di uscita Architettura protocollare Descrive le regole secondo le quali i nodi della rete si possono scambiare informazioni MODI DI TRASFERIMENTO 3 MULTIPLAZIONE Tecniche di multiplazione L obiettivo della multiplazione è la condivisione dello stesso portante trasmissivo da parte di più flussi informativi Deve essere mantenuta la separabilità dei diversi flussi informativi Le tecniche di multiplazione possono essere distinte a seconda di come i diversi flussi vengono interlacciati: A divisione di spazio: assegnando fisicamente un portante diverso per ogni flusso A divisione di frequenza (FDM) o a divisione di lunghezza d onda (WDM): traslando il contenuto in frequenza di ogni flusso in maniera tale che non si abbia sovrapposizione degli stessi A divisione di tempo (TDM): assegnando il portante ai diversi flussi in maniera esclusiva nei diversi istanti di tempo A divisione di codice (CDM): utilizzando una codifica ortogonale dei diversi flussi informativi MODI DI TRASFERIMENTO 4 2

3 MULTIPLAZIONE Multiplazione FDM o WDM TDM CDM MODI DI TRASFERIMENTO 5 FDM MULTIPLAZIONE Già a partire dal 1918 si è utilizzata la tecnica della multiplazione a divisione di frequenza (FDM Frequency Division Multiplexing) Lo spostamento dei canali viene ottenuto mediante modulazione d ampiezza tipicamente a banda laterale unica (SSB Single Side Band) con portante soppressa Per evitare sovrapposizione dei diversi segnali ad ogni canale viene assegnata una banda lorda (di 4kHz nel caso di canali telefonici) più larga rispetto alla banda netta assegnata ad ogni segnale in banda base MODI DI TRASFERIMENTO 6 3

4 MULTIPLAZIONE FDM Ogni canale viene rappresentato mediante un triangolo rettangolo il cateto verticale indica la posizione occupata dalla frequenza più alta (4kHz per i canali telefonici) nel segnale modulato si può determinare facilmente se i canali sono in posizione dritta o rovesciata MODI DI TRASFERIMENTO 7 MULTIPLAZIONE FDM TELEFONICO Si supponga di avere n canali telefonici in banda base si devono avere n modulatori con portanti f 1, f 2,, f n f f 4 khz i j per risparmiare in banda in genere si pone = + i+ 1 i 4 i j f f khz ogni banda laterale viene prelevata con dei filtri selettivi il tutto viene poi inviato sul canale In ricezione si preleva ogni canale mediante dei filtri e poi si effettua la demodulazione utilizzando la relativa frequenza portante MODI DI TRASFERIMENTO 8 4

5 FDM TELEFONICO MULTIPLAZIONE MODI DI TRASFERIMENTO 9 MULTIPLAZIONE FDM TELEFONICO Si utilizza la tecnica della modulazione di gruppo i canali vengono affasciati in gruppi base sempre più grandi fino ad arrivare alla allocazione alla frequenza prevista Normalizzazione del CCITT (prima procedura) Gruppo base primario A 12 canali in posizione dritta fra 12 e 60kHz poco utilizzato per la presenza di armoniche nella stessa banda Gruppo base primario B 12 canali in posizione rovesciata fra 60 e 108kHz Gruppo base secondario 5 gruppi primari B (60 canali) in posizione dritta fra 312 e 552kHz Gruppo base terziario 5 gruppi secondari (300 canali) in posizione rovesciata fra 812 a 2044kHz Gruppo base quaternario 3 gruppi terziari (900 canali) in posizione dritta fra 8516 e 12388kHz MODI DI TRASFERIMENTO 10 5

6 MULTIPLAZIONE FDM TELEFONICO Normalizzazione del CCITT (seconda procedura) Gruppo base primario A 12 canali in posizione dritta fra 12 e 60kHz poco utilizzato per la presenza di armoniche nella stessa banda Gruppo base primario B 12 canali in posizione rovesciata fra 60 e 108kHz Gruppo base secondario 5 gruppi primari B (60 canali) in posizione dritta fra 312 e 552kHz Gruppo base pseudo-quaternario 15 gruppi secondari (900 canali) in posizione rovesciata fra 312 a 4028kHz il primo gruppo secondario rimane posizione dritta Sono stati anche adottati degli schemi che prevedono l affasciamento di 2700 canali fra 312 e 12336kHz e canali con una larghezza di banda di 60MHz MODI DI TRASFERIMENTO 11 Severità dei filtri E il rapporto fra l ampiezza della banda di transizione e la frequenza centrale del filtro Un filtro risulta essere tanto più difficile da realizzare quanto più piccola è la sua severità Al crescere del numero di canali lo schema presentato diventa irrealizzabile in quanto prevede l uso di filtri con banda passante di 4kHz, banda di transizione ( f) di 900Hz e frequenze centrali (F) dell ordine dei MHz MODI DI TRASFERIMENTO 12 6

7 Piani di modulazione per la realizzazione del gruppo base primario B Il CCITT non ha normalizzato piani di modulazione per la formazione del gruppo primario I filtri di canale sono i più severi tra quelli presenti nei terminali di multiplazione FDM Il numero di apparati è sensibilmente più elevato rispetto ai gruppi di ordine più elevato E stata necessaria un ottimizzazione sia dal punto di vista tecnico che economico I sistemi utilizzati si possono raggruppare in tre categorie A modulazione diretta Con modulazione a pregruppi A premodulazione MODI DI TRASFERIMENTO 13 Modulazione Diretta per la realizzazione del gruppo base primario B I 12 canali vengono direttamente traslati dalla banda base a quella del gruppo base primario B 12 portanti distanziate di 4kHz da 64 a 108kHz 12 filtri per prelevare la banda laterale inferiore l intervallo f rimane costante (900Hz) mentre la frequenza centrale F cresce con il numero di canale il filtro più severo sarà quello che lavora alla frequenza più alta MODI DI TRASFERIMENTO 14 7

8 Modulazione a pregruppi per la realizzazione del gruppo base primario B I 12 canali vengono raggruppati (ad esempio a gruppi di 3) modulazione, filtro di canale, affasciamento Ogni pregruppo viene modulato per traslarlo nella banda del gruppo base primario B modulazione, filtro, affasciamento MODI DI TRASFERIMENTO 15 Premodulazione a frequenza unica per la realizzazione del gruppo base primario B I 12 canali vengono in un primo momento modulati a una stessa banda intermedia esterna alla banda kHz (tipicamente 48kHz) Mediante 12 filtri viene eliminata la banda laterale superiore Una seconda modulazione con 12 portanti a frequenza distanziata di 4kHz permette di portare i canali nella banda kHz Un unico filtro passa basso permette l eliminazione delle bande laterale superiori MODI DI TRASFERIMENTO 16 8

9 Confronto delle varie tecniche di premodulazione La limitazione più rigorosa è data dai filtri di canale La larghezza di banda relativa del filtro di canale è un indice della sua severità Quando il costo dei modulatori era paragonabile a quello dei filtri la tecnica più utilizzata era quella dei pregruppi Con l abbassarsi dei costi dei modulatori la tecnica più utilizzata è stata quella della premodulazione a frequenza unica MODI DI TRASFERIMENTO 17 WDM MULTIPLAZIONE La tecnica di multiplazione è identica alla FDM Si chiama WDM per ragioni storiche legate allo sviluppo della fibra ottica Le sorgenti sono di tipo numerico e modulano le diverse portanti a diversa lunghezza d onda Canale in fibra ottica MODI DI TRASFERIMENTO 18 9

10 MULTIPLAZIONE CDM MODI DI TRASFERIMENTO 19 CDM MULTIPLAZIONE MODI DI TRASFERIMENTO 20 10

11 Sistemi di comunicazione a spettro espanso (Spread Spectrum - SS) Obiettivi Resistenza al jamming Nascondere il segnale con trasmissioni a bassa potenza Altre applicazioni Multiplazione CDM L espansione di banda si ottiene attraverso l uso di un codice indipendente dalla sequenza informativa che ha le caratteristiche di un rumore bianco (sequenza pseudocasuale, pseudorandom number PN) Tecniche di modulazioni utilizzate Phase shift keying PSK: Direct Sequence Spread Spectrum (DS-SS) Frequency shift keying FSK: Frequency Hopping Spread Spectrum (FH-SS) MODI DI TRASFERIMENTO 21 Sistemi di comunicazione a spettro espanso Si consideri la trasmissione di una sequenza binaria caratterizzata da un rate R b e da un periodo di bit T b legati dalla relazione Supponiamo che il canale abbia una banda disponibile Vogliamo fare in modo che il segnale modulato occupi l intera banda disponibile La sequenza informativa può essere scritta come Dove g T (t) è un impulso rettangolare di durata T b MODI DI TRASFERIMENTO 22 11

12 Sistemi di comunicazione a spettro espanso Possiamo considerare una sequenza pseudocasuale {c m } fatta da simboli ±1 e generare un segnale della forma Dove p(t) è un impulso rettangolare di durata T c e vale la relazione Considerata la funzione nel dominio della frequenza sarà MODI DI TRASFERIMENTO 23 Sistemi di comunicazione a spettro espanso Considerando una forma semplificata per lo spettro dei segnali si ottiene l andamento in figura dalla quale si evince l operazione di spreading dello spettro MODI DI TRASFERIMENTO 24 12

13 Sistemi di comunicazione a spettro espanso Il segnale espanso può essere portato in banda traslata attraverso una modulazione DSB ottenendo il segnale da trasmettere nella banda desiderata Essendo sarà con Il segnale u(t) è quindi implementabile come BPSK MODI DI TRASFERIMENTO 25 Sistemi di comunicazione a spettro espanso Il periodo T c deve essere un sottomultiplo intero del periodo di bit T b e si chiama periodo di chip Il rate R c si chiamerà chip rate Indicheremo con MODI DI TRASFERIMENTO 26 13

14 Sistemi di comunicazione a spettro espanso Per effettuare la demodulazione si moltiplica il segnale in banda traslata per una replica in fase del segnale c(t) ottenendo (trascurando rumore e interferenze) ma essendo sarà che può essere demodulato come un segnale BPSK Prima della demodulazione BPSK il segnale viene filtrato con un filtro passa banda di ampiezza 2R b MODI DI TRASFERIMENTO 27 Sistemi di comunicazione a spettro espanso Operazioni per la demodulazione Despreading Filtro passa banda di ampiezza 2R b Demodulazione BPSK MODI DI TRASFERIMENTO 28 14

15 Sistemi di comunicazione a spettro espanso Se al segnale in ricezione si sovrappone una interferenza a banda stretta (ad esempio un segnale sinusoidale a frequenza f I e di ampiezza A I ) sarà, dopo l operazione di despreading Quindi nel dominio della frequenza MODI DI TRASFERIMENTO 29 Sistemi di comunicazione a spettro espanso La potenza del segnale sinusoidale P I, dopo il despreading si spalma nell intervallo di frequenze [f i -R c, f i +R c ] e [-f i -R c, -f i +R c ] Prima della demodulazione il BPF preleverà solo le frequenze nella banda [f c -R b, f c +R b ] e [-f c -R b, -f c +R b ] Di conseguenza la potenza dell interferenza a monte del demodulatore sarà MODI DI TRASFERIMENTO 30 15

16 Sistemi di comunicazione a spettro espanso Si può dimostrare che la probabilità d errore per bit risulta dove E b è l energia per bit e N 0 la densità spettrale di potenza del rumore e/o delle interferenze all ingresso del demodulatore BPSK Sarà in db con MODI DI TRASFERIMENTO 31 Sistemi di comunicazione a spettro espanso Trasmissione di segnali difficilmente intercettabili Il segnale DS-SS può essere facilmente nascosto nel rumore. Se il segnale occupa una banda W e il rumore ha una densità spettrale di potenza N 0,il rumore che giunge all ingresso del ricevitore sarà Supponiamo di voler fare in modo che sia e che desideriamo troviamo MODI DI TRASFERIMENTO 32 16

17 Sistemi di comunicazione a spettro espanso Trasmissione di segnali multiplati CDM In questo caso l interferenza è causata dagli altri utenti che occupano la stessa banda e che usano codici PN ortogonali Il livello dell interferenza dipenderà dal numero di canali attivi Supponendo che la potenza ricevuta sia uguale per tutti i canali sarà Accontentandoci di una P b 10-6 e supponendo che il guadagno di processamento sia pari a 30dB si trova che MODI DI TRASFERIMENTO 33 Sistemi di comunicazione a spettro espanso Generazione dei codici PN Le sequenze PN dovrebbero avere delle caratteristiche simili a quelle del rumore bianco In realtà, attraverso dei registri a scorrimento di m bit opportunamente retroazionati, si riescono ad ottenere delle sequenze di lunghezza L=2 m - 1 (e quindi periodiche) Definita l autocorrelazione devono godere della proprietà MODI DI TRASFERIMENTO 34 17

18 Sistemi di comunicazione a spettro espanso Codici PN ortogonali Nelle applicazioni come il CDM è importante che anche la crosscorrelazione fra sequenze diverse sia sempre nulla Nella realtà si riescono ad ottenere dei codici che godono della proprietà che la cross-correlazione si mantiene bassa Si utilizzano delle tecniche speciali sempre a partire dalle sequenze ottenute con i registri a scorrimento ad m bit Fra queste ricordiamo Sequenze di Gold Massima cross-correlazione pari a L 1/2 Sequenze di Kasami Massima cross-correlazione pari a (2L) 1/2 MODI DI TRASFERIMENTO 35 MULTIPLAZIONE TDM Dato un canale di banda C si costruiscono intervalli di canale (slot) di durata multipla del tempo di cifra T b =1/C Durante uno slot la trasmissione viene effettuata esclusivamente da un unico flusso intervallo di canale o slot tempo di bit t MODI DI TRASFERIMENTO 36 18

19 MULTIPLAZIONE TDM Accesso centralizzato Sorgenti e destinazioni sono poste alle due estremità del canale Il canale è terminato da dispositivi multiplatore e demultiplatore che garantiscono la corretta distribuzione delle IU multiplatore demultiplatore MODI DI TRASFERIMENTO 37 MULTIPLAZIONE TDM Accesso distribuito Sorgenti e destinazioni sono collocati in posizione arbitraria lungo il canale La funzione di coordinamento per l accesso ordinato al canale avviene in maniera distribuita MODI DI TRASFERIMENTO 38 19

20 MULTIPLAZIONE TDM Tassonomia Continuous L asse dei tempi non è suddiviso in unità di lunghezza costante Il multiplatore può iniziare a trasmettere IU di lunghezza arbitraria in qualunque istante Le diverse IU devono essere delimitate in maniera esplicita Slotted L asse dei tempi è suddiviso in unità di lunghezza costante (slot) In ogni slot viene trasmessa una IU (che devono essere di lunghezza fissa) Le diverse IU possono essere delimitate in maniera implicita Periodic Gli slot vengono allocati in maniera ripetitiva alle singole sorgenti Statistical Non vi è alcuna assegnazione degli slot alle sorgenti MODI DI TRASFERIMENTO 39 Continuous MULTIPLAZIONE TDM Slotted MODI DI TRASFERIMENTO 40 20

21 MULTIPLAZIONE TDM SLOTTED PERIODIC Gli slot sono organizzati in trame di durata T La lunghezza di ogni slot e quindi il numero degli slot per trama è fisso All inizio di ogni trama viene inviata una informazione di allineamento Delimitazione implicita Sarà possibile individuare implicitamente i confini tra gli slot e quindi separare le IU ricevute Indirizzamento implicito Se il collegamento è realizzato da N coppie sorgente-destinazione la trama conterrà almeno N+1 slot Consideriamo la generica coppia i sorgente-destinazione, costituita dalla sorgente in posizione j e dalla destinazione in posizione k Il multiplatore utilizzerà sempre lo slot in posizione i per la trasmissione delle IU provenienti dalla sorgente j Il demultiplatore invierà l informazione ricevuta nello slot in posizione i sempre alla destinazione k MODI DI TRASFERIMENTO 41 SLOTTED PERIODIC MULTIPLAZIONE TDM Slot di posizione 1 assegnato sempre alla coppia sorgente-destinazione 1 Slot di allineamento trama MODI DI TRASFERIMENTO 42 21

22 MULTIPLAZIONE TDM SLOTTED STATISTICAL Non esiste alcuna organizzazione di trama L allocazione della banda del canale alle diverse sorgenti avviene in maniera statistica Delimitazione implicita E sempre possibile individuare i confini tra gli slot e quindi la delimitazione delle IU è implicita Allineamento Non essendo presente una struttura di trama l informazione di allineamento deve essere inviata per ogni singola IU Indirizzamento esplicito Ogni IU deve contenere l informazione della destinazione MODI DI TRASFERIMENTO 43 SLOTTED STATISTICAL MULTIPLAZIONE TDM Informazione di allineamento e indirizzamento esplicito per ogni slot MODI DI TRASFERIMENTO 44 22

23 MULTIPLAZIONE TDM MODI DI TRASFERIMENTO 45 SERVIZI DI TRASFERIMENTO DELL INFORMAZIONE Obiettivi di una rete di telecomunicazioni Fino agli anni 70: trasportare quantità di informazioni sempre più grandi (sempre dello stesso tipo) Dopo gli anni 70: integrare il supporto di più servizi su una stessa rete Migliorare la qualità della comunicazione Abbassare il costo dei servizi Integrare l accesso (ISDN) Integrare il trasporto (B-ISDN) Supporto di servizi multimediali e multipunto MODI DI TRASFERIMENTO 46 23

COMUNICAZIONI ELETTRICHE + TRASMISSIONE NUMERICA COMPITO 13/7/2005

COMUNICAZIONI ELETTRICHE + TRASMISSIONE NUMERICA COMPITO 13/7/2005 COMUNICAZIONI ELETTRICHE + TRASMISSIONE NUMERICA COMPITO 13/7/005 1. Gli esercizi devono essere risolti su fogli separati: uno per la prima parte del compito (esercizi 1/4), uno per la seconda parte (esercizi

Dettagli

Modulazione di fase PSK

Modulazione di fase PSK LA MODULAZIONE DI SEGNALI DIGITALI Un canale di tipo passa banda, come per esempio l etere, non permette la trasmissione di segnali digitali in banda base, cioè non modulati. E cioè necessario introdurre

Dettagli

Elementi di teoria dei segnali /b

Elementi di teoria dei segnali /b Elementi di teoria dei segnali /b VERSIONE 29.4.01 Filtri e larghezza di banda dei canali Digitalizzazione e teorema del campionamento Capacità di canale e larghezza di banda Multiplexing e modulazioni

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni 1

Reti di Telecomunicazioni 1 Reti di Telecomunicazioni 1 Corso on-line - AA2005/06 Blocco 2 (v2) Ing. Stefano Salsano e-mail: stefano.salsano@uniroma2.it 1 Richiami sul concetto di multiplazione 2 Riprendendo il discorso sulle diverse

Dettagli

Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni

Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni 5 - EGALI DIGITALI E A IMPULI I BADA BAE Prof. Mario Barbera [parte ] Codifica La fase di codifica prevede che venga fatta una associazione tra il livello del segnale

Dettagli

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n Comunicazioni elettriche A - Prof. Giulio Colavolpe Compito n. 3 3.1 Lo schema di Fig. 1 è un modulatore FM (a banda larga). L oscillatore che genera la portante per il modulatore FM e per la conversione

Dettagli

Fondamenti teorici dello SS

Fondamenti teorici dello SS Tecniche a spettro espanso Un sistema a spettro espanso è realizzato sulla base di tecniche per cui il segnale trasmesso ha un occupazione spettrale maggiore (10 3 10 6 ) di quella che avrebbe il convenzionale

Dettagli

RETI DI TELECOMUNICAZIONE

RETI DI TELECOMUNICAZIONE RETI DI TELECOMUNICAZIONE SISTEMI M/G/1 e M/D/1 Sistemi M/G/1 Nei sistemi M/G/1: i clienti arrivano secondo un processo di Poisson con parametro λ i tempi di servizio hanno una distribuzione generale della

Dettagli

Università di Napoli Parthenope Facoltà di Ingegneria

Università di Napoli Parthenope Facoltà di Ingegneria Università di Napoli Parthenope Facoltà di Ingegneria Corso di rasmissione Numerica docente: Prof. Vito Pascazio 18 a Lezione: 13/1/4 19 a Lezione: 14/1/4 Sommario rasmissione di segnali PM numerici su

Dettagli

DISCRETIZZAZIONE DI UN SEGNALE ANALOGICO:

DISCRETIZZAZIONE DI UN SEGNALE ANALOGICO: DISCRETIZZAZIONE DI UN SEGNALE ANALOGICO: nel processo di digitalizzazione che permette di convertire un segnale analogico in modo da poterlo elaborare con dispositivi numerici di calcolo, si operano due

Dettagli

Direct Sequence o Frequency Hopping

Direct Sequence o Frequency Hopping Direct Sequence o Frequency Hopping Questo documento vuole essere un punto di riferimento per aiutare quanti si avvicinano per la prima volta alla tecnologia delle wireless Fidelity LAN Wi-Fi. Un confronto

Dettagli

Lo scenario: la definizione di Internet

Lo scenario: la definizione di Internet 1 Lo scenario: la definizione di Internet INTERNET E UN INSIEME DI RETI DI COMPUTER INTERCONNESSE TRA LORO SIA FISICAMENTE (LINEE DI COMUNICAZIONE) SIA LOGICAMENTE (PROTOCOLLI DI COMUNICAZIONE SPECIALIZZATI)

Dettagli

Teoria dei Segnali Modulazione digitale

Teoria dei Segnali Modulazione digitale Teoria dei Segnali Modulazione digitale Valentino Liberali Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano valentino.liberali@unimi.it Teoria dei Segnali Modulazione digitale 9 novembre Valentino

Dettagli

01CXGBN Trasmissione numerica. parte 1: Introduzione ai sistemi di trasmissione numerica. Grandezze fondamentali.

01CXGBN Trasmissione numerica. parte 1: Introduzione ai sistemi di trasmissione numerica. Grandezze fondamentali. 01CXGBN Trasmissione numerica parte 1: Introduzione ai sistemi di trasmissione numerica. Grandezze fondamentali. 1 TRASMISSIONE NUMERICA Trasmissione da un utente TX a un utente RX di informazione discreta

Dettagli

DIRECT SEQUENCE CDMA... 2 1 DESCRIZIONE DELLA TECNICA DI SPREADING A SEQUENZA DIRETTA... 2 2 PROPRIETÀ DELLE SEQUENZE DI CODICE PN...

DIRECT SEQUENCE CDMA... 2 1 DESCRIZIONE DELLA TECNICA DI SPREADING A SEQUENZA DIRETTA... 2 2 PROPRIETÀ DELLE SEQUENZE DI CODICE PN... DRCT SQUNC CDMA... 2 DSCRZON DLLA TCNCA D SPRADNG A SQUNZA DRTTA... 2 2 PROPRTÀ DLL SQUNZ D CODC PN... 4 L CONTROLLO D POTNZA LA CAPACTÀ D UNA RT CLLULAR CDMA... 5 L CONTROLLO D POTNZA... 5 2 LA CAPACTÀ

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI II: LE RETI DI COMUNICAZIONE. INTRODUZIONE... pag.2

TELECOMUNICAZIONI II: LE RETI DI COMUNICAZIONE. INTRODUZIONE... pag.2 1 TELECOMUNICAZIONI II: LE RETI DI COMUNICAZIONE INDICE INTRODUZIONE... pag.2 LE RETI DI COMUNICAZIONE.. pag.2 La rete interconnessa (o a maglia).. pag.2 La rete a commutazione. pag.3 La rete policentrica

Dettagli

2. SINCRONIZZAZIONE (CENNI)

2. SINCRONIZZAZIONE (CENNI) 2. SINCRONIZZAZIONE (CENNI) INTRODUZIONE AL PROBLEMA DELLA SINCRONIZZAZIONE SINCRONISMO DI BIT SCRAMBLING SINCRONISMO DI FRAME INTRODUZIONE Abbiamo visto diverse tecniche in grado di convertire e di trasmettere

Dettagli

Rete di accesso / Rete di trasporto

Rete di accesso / Rete di trasporto Rete di accesso / Rete di trasporto Per un operatore i costi legati alle reti di trasporto sono principalmente costi legati all esercizio e alla manutenzione della rete ( Operation and maintenance ). In

Dettagli

Modulo TLC:TRASMISSIONI Accesso multiplo

Modulo TLC:TRASMISSIONI Accesso multiplo 1 11.. Accesso A multiplo 2 Modalità di trasmissione (1/3) Ad una via (unidirezionale): dalla sorgente S verso la destinazione S A due vie (bidirezionale): tra 2 terminali T1, T2 T1 T2 3 Modalità di di

Dettagli

Modulazioni. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Comunicazione a lunga distanza

Modulazioni. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Comunicazione a lunga distanza Modulazioni Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 06 Modulazioni 1/29 Comunicazione a lunga distanza I segnali elettrici si indeboliscono quando viaggiano su un

Dettagli

Propagazione in fibra ottica

Propagazione in fibra ottica Propagazione in fibra ottica Struttura delle fibre ottiche In questa sezione si affronteranno: Modi in fibra ottica Dispersione multimodale Confronto multimodo-singolo modo. I modi in fibra ottica Il campo

Dettagli

Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08. Alberto Perotti, Roberto Garello

Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08. Alberto Perotti, Roberto Garello Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08 Alberto Perotti, Roberto Garello DELEN-DAUIN Processi casuali Sono modelli probabilistici

Dettagli

Programma del corso. Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori

Programma del corso. Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori Programma del corso Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori Sistemi operativi di rete (locale) In una LAN si vogliono condividere

Dettagli

MHz. MHz. Fig. 1 Fig. 2

MHz. MHz. Fig. 1 Fig. 2 Esercizio 1 Il Ranger Smith del parco di Yellowstone ha deciso di rafforzare il sistema di sorveglianza a causa dei continui furti di cestini di picnic dei visitatori del parco da parte dell orso Yoghi

Dettagli

Modulazione DMT* (Discrete Multitone Modulation) sulla banda ADSL (up to 1104 KHz)

Modulazione DMT* (Discrete Multitone Modulation) sulla banda ADSL (up to 1104 KHz) LA MODULAZIONE DMT Modulazione DMT* (Discrete Multitone Modulation) sulla banda (up to 1104 KHz) Consente di suddividere la banda di trasmissione in un determinato numero di sottobande (BINS) a ciascuna

Dettagli

Elementi di Telelocalizzazione

Elementi di Telelocalizzazione Elementi di Telelocalizzazione Ing. Francesco Benedetto - Prof. Gaetano Giunta Laboratorio di Telecomunicazioni (COMLAB) Università degli Studi Roma Tre 1 Introduzione Proprietà della sequenza di spreading:

Dettagli

xdsl Generalità xdsl fa riferimento a tutti i tipi di Digital Subscriber Line

xdsl Generalità xdsl fa riferimento a tutti i tipi di Digital Subscriber Line xdsl Generalità xdsl fa riferimento a tutti i tipi di Digital Subscriber Line ADSL: asymmetric DSL SDSL: symmetric DSL HDSL: High-data-rate DSL VDSL: Very high DSL E una tecnologia utilizzata per fornire

Dettagli

Codifiche a lunghezza variabile

Codifiche a lunghezza variabile Sistemi Multimediali Codifiche a lunghezza variabile Marco Gribaudo marcog@di.unito.it, gribaudo@elet.polimi.it Assegnazione del codice Come visto in precedenza, per poter memorizzare o trasmettere un

Dettagli

C(f) : funzione di trasferimento del canale. Essa limita la banda del segnale trasmesso e quindi rappresenta un modello più realistico

C(f) : funzione di trasferimento del canale. Essa limita la banda del segnale trasmesso e quindi rappresenta un modello più realistico MODELLO DEL CANALE Modello gaussiano additivo a banda illimitata (considerato finora): s(t) + n(t) r(t) = s(t) + n(t) s(t) Canale C(f) + r(t) n(t) C(f) : funzione di trasferimento del canale. Essa limita

Dettagli

(a) Segnale analogico (b) Segnale digitale (c) Segnale digitale binario

(a) Segnale analogico (b) Segnale digitale (c) Segnale digitale binario A.s. 2010-2011 2011 Segnali analogici e digitali (a) Segnale analogico (b) Segnale digitale (c) Segnale digitale binario Un segnale si definisce analogico se può assumere tutti gli infiniti valori nel

Dettagli

Corso di Fondamenti di Segnali e Trasmissione - Appello del 07 Settembre 2005

Corso di Fondamenti di Segnali e Trasmissione - Appello del 07 Settembre 2005 Corso di Fondamenti di Segnali e Trasmissione - Appello del 07 Settembre 2005 Gli esercizi devono essere risolti solo sui fogli dei colori indicati Per esiti e soluzioni si veda il sito web del corso:

Dettagli

Trasmissione di dati al di fuori di un area locale avviene tramite la commutazione

Trasmissione di dati al di fuori di un area locale avviene tramite la commutazione Commutazione 05.2 Trasmissione di dati al di fuori di un area locale avviene tramite la Autunno 2002 Prof. Roberto De Prisco -05: Reti a di circuito Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in

Dettagli

GSM - GSM - parte IV

GSM - GSM - parte IV GSM - parte IV Argomenti della lezione Il livello fisico dell interfaccia radio (Um) Frequenze assegnate al GSM (Europa) GSM primario downlink GSM primario uplink GSM esteso downlink GSM esteso uplink

Dettagli

Reti LAN. IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it

Reti LAN. IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it Reti LAN IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it Le LAN Una LAN è un sistema di comunicazione che permette ad apparecchiature indipendenti di comunicare fra loro entro un area limitata

Dettagli

Comunicazione tra Computer. Protocolli. Astrazione di Sottosistema di Comunicazione. Modello di un Sottosistema di Comunicazione

Comunicazione tra Computer. Protocolli. Astrazione di Sottosistema di Comunicazione. Modello di un Sottosistema di Comunicazione I semestre 04/05 Comunicazione tra Computer Protocolli Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica 1

Dettagli

2 - Canali e Multiplazione

2 - Canali e Multiplazione Università degli studi di Bergamo Università degli studi di Bergamo Dipartimento di Ingegneria dell Informazione e Metodi Matematici Reti di Calcolatori prof. F. Martignon 2 - Canali e Multiplazione 1

Dettagli

WLAN 802.11. Local Area Network (LAN)

WLAN 802.11. Local Area Network (LAN) WLAN 802.11 1 Local Area Network (LAN) Ethernet Server Hub Internet 2 1 Wireless Local Area Network (WLAN) Ethernet Server Access Point Internet 3 Perchè le Wireless LAN Riduzione costi di manutenzione

Dettagli

Lezione 28 Maggio I Parte

Lezione 28 Maggio I Parte Lezione 28 Maggio I Parte La volta scorsa abbiamo fatto un analisi dei fenomeni di diafonia e avevamo trovato che per la diafonia vicina il valore medio del quadrato del segnale indotto dalla diafonia

Dettagli

GLI APPARATI PER L INTERCONNESSIONE DI RETI LOCALI 1. Il Repeater 2. L Hub 2. Il Bridge 4. Lo Switch 4. Router 6

GLI APPARATI PER L INTERCONNESSIONE DI RETI LOCALI 1. Il Repeater 2. L Hub 2. Il Bridge 4. Lo Switch 4. Router 6 GLI APPARATI PER L INTERCONNESSIONE DI RETI LOCALI 1 Il Repeater 2 L Hub 2 Il Bridge 4 Lo Switch 4 Router 6 Gli apparati per l interconnessione di reti locali Distinguiamo i seguenti tipi di apparati:

Dettagli

Scheduling della CPU. Sistemi multiprocessori e real time Metodi di valutazione Esempi: Solaris 2 Windows 2000 Linux

Scheduling della CPU. Sistemi multiprocessori e real time Metodi di valutazione Esempi: Solaris 2 Windows 2000 Linux Scheduling della CPU Sistemi multiprocessori e real time Metodi di valutazione Esempi: Solaris 2 Windows 2000 Linux Sistemi multiprocessori Fin qui si sono trattati i problemi di scheduling su singola

Dettagli

Appendice per dispositivi multifunzione Navico compatibili che supportano le seguenti funzionalità Broadband 4G Radar:

Appendice per dispositivi multifunzione Navico compatibili che supportano le seguenti funzionalità Broadband 4G Radar: Appendice per dispositivi multifunzione Navico compatibili che supportano le seguenti funzionalità Broadband 4G Radar: Doppio radar Doppia scala Controlli Radar 4G -Separazione - obiettivi -- Eliminazione

Dettagli

Introduzione al Campionamento e

Introduzione al Campionamento e Introduzione al Campionamento e all analisi analisi in frequenza Presentazione basata sul Cap.V di Introduction of Engineering Experimentation, A.J.Wheeler, A.R.Ganj, Prentice Hall Campionamento L'utilizzo

Dettagli

ARCHITETTURA DI RETE FOLEGNANI ANDREA

ARCHITETTURA DI RETE FOLEGNANI ANDREA ARCHITETTURA DI RETE FOLEGNANI ANDREA INTRODUZIONE È denominata Architettura di rete un insieme di livelli e protocolli. Le reti sono organizzate gerarchicamente in livelli, ciascuno dei quali interagisce

Dettagli

Soluzioni verifica 3 2009-10 parte 4

Soluzioni verifica 3 2009-10 parte 4 Soluzioni verifica 3 2009-10 parte 4 1 Si consideri una rete ethernet a mezzo condiviso, costituita da un unico dominio di collisione in cui vi sono tre segmenti (costituiti da cavi diversi di

Dettagli

Esercizi su: Ritardi di trasferimento Commutazione Sorgenti di Traffico

Esercizi su: Ritardi di trasferimento Commutazione Sorgenti di Traffico Esercizi su: Ritardi di trasferimento ommutazione Sorgenti di raffico Esercizio 1 Un sistema trasmissivo della velocità di 100 kb/s presenta una lunghezza di 500 km. Si calcoli il tempo che intercorre

Dettagli

Realizzazione di un commutatore ultraveloce di flussi dati ottici basato su effetti non lineari in fibra. Claudia Cantini

Realizzazione di un commutatore ultraveloce di flussi dati ottici basato su effetti non lineari in fibra. Claudia Cantini Realizzazione di un commutatore ultraveloce di flussi dati ottici basato su effetti non lineari in fibra Claudia Cantini 20 Luglio 2004 Ai miei genitori Prefazione La nostra vita di ogni giorno é sempre

Dettagli

Comunicazione codifica dei dati. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Sesto San Giovanni

Comunicazione codifica dei dati. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Sesto San Giovanni Comunicazione codifica dei dati Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Sesto San Giovanni Trasmissione dati La trasmissione dati,permette di trasmettere a distanza informazioni di tipo digitale

Dettagli

Storia. Telefonia mobile analogica. AMPS frequenze AMPS. Il sistema AMPS è il primo sistema di telefonia mobile cellulare.

Storia. Telefonia mobile analogica. AMPS frequenze AMPS. Il sistema AMPS è il primo sistema di telefonia mobile cellulare. Storia Telefonia mobile analogica AMPS e TACS Il sistema AMPS è il primo sistema di telefonia mobile cellulare commerciale ÈÈ l acronimo di Advanced Mobile Phone Service È stato ideato e realizzato dalla

Dettagli

Introduzione all analisi dei segnali digitali.

Introduzione all analisi dei segnali digitali. Introduzione all analisi dei segnali digitali. Lezioni per il corso di Laboratorio di Fisica IV Isidoro Ferrante A.A. 2001/2002 1 Segnali analogici Si dice segnale la variazione di una qualsiasi grandezza

Dettagli

ENS - Prima prova in itinere del 07 Maggio 2010

ENS - Prima prova in itinere del 07 Maggio 2010 ENS - Prima prova in itinere del 07 Maggio 0 L allievo é invitato a dare una ragionata e succinta risposta a tutti gli argomenti proposti, per dimostrare il livello di preparazione globale. I calcoli devono

Dettagli

Perché Codificare i Dati? Codifica dei Dati. Tecniche di Codifica del Segnale. Cooperazione Trasmettitore- Ricevitore

Perché Codificare i Dati? Codifica dei Dati. Tecniche di Codifica del Segnale. Cooperazione Trasmettitore- Ricevitore Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Codifica dei Dati Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Perché Codificare i

Dettagli

Quanto sono i livelli OSI?

Quanto sono i livelli OSI? RETI DI CALCOLATORI Domande di riepilogo Prima Esercitazione Quanto sono i livelli OSI? Esistono 7 livelli OSI. 2 Sergio PORCU 1 Livello 1: Fisico Il livello fisico si occupa della trasmissione dei singoli

Dettagli

PROBLEMA SU COLLEGAMENTO WIRELESS CON ACCESS POINT

PROBLEMA SU COLLEGAMENTO WIRELESS CON ACCESS POINT PROBLEMA SU COLLEGAMENTO WIRELESS CON ACCESS POINT Il gestore di un ipermercato richiede l' installazione di un access point da utilizzare per il collegamento wireless delle casse automatiche alla rete

Dettagli

Standard per Reti a Commutazione di Pacchetto Prof. Vincenzo Auletta Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica

Standard per Reti a Commutazione di Pacchetto Prof. Vincenzo Auletta Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Standard per Reti a Commutazione di Pacchetto Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Standard per Reti a Pacchetto Principali standard

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

MISURE CON L OSCILLOSCOPIO

MISURE CON L OSCILLOSCOPIO MISURE CON L OSCILLOSCOPIO Misure di ampiezza (1/4) Per effettuare misure di ampiezza con l oscilloscopio l di norma si eseguono in sequenza i seguenti passi: 1. Si procede innanzitutto alla predisposizione

Dettagli

R. Cusani, F. Cuomo: Telecomunicazioni Strato Fisico: Campionamento e Multiplexing, Marzo 2010

R. Cusani, F. Cuomo: Telecomunicazioni Strato Fisico: Campionamento e Multiplexing, Marzo 2010 1 8: Strato fisico: campionamento, multiplexing FDM e TDM Dati analogici, segnali numerici 2 Per poter trasmettere un dato analogico con una trasmissione digitale è necessario trasformare il dato analogico

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile Problemi connessi all utilizzo di un numero di bit limitato Abbiamo visto quali sono i vantaggi dell utilizzo della rappresentazione in complemento alla base: corrispondenza biunivoca fra rappresentazione

Dettagli

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione SEGNALAZIONE Segnalazione e sistemi di segnalazione Segnalazione Messaggi tra elementi di una rete a commutazione di circuito (apparecchi di utente e centrali o fra le varie centrali) che permettono la

Dettagli

CAMPIONAMENTO E RICOSTRUZIONE DI SEGNALI

CAMPIONAMENTO E RICOSTRUZIONE DI SEGNALI CAMPIONAMENTO E RICOSTRUZIONE DI SEGNALI 1 Fondamenti di segnali Fondamenti e trasmissione TLC Segnali in formato numerico Nei moderni sistemi di memorizzazione e trasmissione i segnali in ingresso sono

Dettagli

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Corso di Calcolatori Elettronici I A.A. 2010-2011 Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Lezione 2 Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Rappresentazione dei numeri

Dettagli

Trasmissione Dati. Trasmissione Dati. Sistema di Trasmissione Dati. Prestazioni del Sistema

Trasmissione Dati. Trasmissione Dati. Sistema di Trasmissione Dati. Prestazioni del Sistema I semestre 03/04 Trasmissione Dati Trasmissione Dati Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Ogni tipo di informazione può essere rappresentata come insieme

Dettagli

Allegato 3 Sistema per l interscambio dei dati (SID)

Allegato 3 Sistema per l interscambio dei dati (SID) Sistema per l interscambio dei dati (SID) Specifiche dell infrastruttura per la trasmissione delle Comunicazioni previste dall art. 11 comma 2 del decreto legge 6 dicembre 2011 n.201 Sommario Introduzione...

Dettagli

P5 CONVERSIONE DI FREQUENZA. RICEVITORI SUPERETERODINA. PLL.

P5 CONVERSIONE DI FREQUENZA. RICEVITORI SUPERETERODINA. PLL. P5 CONVERSIONE DI REQUENZA. RICEVITORI SUPERETERODINA. P. P5. Un segnale modulato in ampiezza con portante e banda di modulazione B=9 khz centrata su, deve essere convertito in frequenza su una portante

Dettagli

Fondamenti di macchine elettriche Corso SSIS 2006/07

Fondamenti di macchine elettriche Corso SSIS 2006/07 9.13 Caratteristica meccanica del motore asincrono trifase Essa è un grafico cartesiano che rappresenta l andamento della coppia C sviluppata dal motore in funzione della sua velocità n. La coppia è legata

Dettagli

Il Campionameto dei segnali e la loro rappresentazione. 1 e prende il nome frequenza di

Il Campionameto dei segnali e la loro rappresentazione. 1 e prende il nome frequenza di Il Campionameto dei segnali e la loro rappresentazione Il campionamento consente, partendo da un segnale a tempo continuo ovvero che fluisce con continuità nel tempo, di ottenere un segnale a tempo discreto,

Dettagli

Appendice Circuiti con amplificatori operazionali

Appendice Circuiti con amplificatori operazionali Appendice Circuiti con amplificatori operazionali - Appendice Circuiti con amplificatori operazionali - L amplificatore operazionale Il componente ideale L amplificatore operazionale è un dispositivo che

Dettagli

EasyPrint v4.15. Gadget e calendari. Manuale Utente

EasyPrint v4.15. Gadget e calendari. Manuale Utente EasyPrint v4.15 Gadget e calendari Manuale Utente Lo strumento di impaginazione gadget e calendari consiste in una nuova funzione del software da banco EasyPrint 4 che permette di ordinare in maniera semplice

Dettagli

Utilizzo efficiente del canale di comunicazione

Utilizzo efficiente del canale di comunicazione Il problema 2 Utilizzo efficiente del canale di comunicazione Prof. Roberto De Prisco TEORIA - Lezione 4 Multiplexing Un singolo utente (del canale) potrebbe non utilizzare tutta la capacità Lasciare l

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Biomedica Corso di Trasmissione Numerica (6 crediti) Prova scritta 16.02.2006

Corso di Laurea in Ingegneria Biomedica Corso di Trasmissione Numerica (6 crediti) Prova scritta 16.02.2006 Prova scritta 16.02.2006 D. 1 Si derivi l espressione dei legami ingresso-uscita, nel dominio del tempo per le funzioni di correlazione nel caso di sistemi LTI e di segnali d ingresso SSL. Si utilizzi

Dettagli

2) Codici univocamente decifrabili e codici a prefisso.

2) Codici univocamente decifrabili e codici a prefisso. Argomenti della Lezione ) Codici di sorgente 2) Codici univocamente decifrabili e codici a prefisso. 3) Disuguaglianza di Kraft 4) Primo Teorema di Shannon 5) Codifica di Huffman Codifica di sorgente Il

Dettagli

Apparati di radiodiffusione AM ed FM. Tratto dal testo di Cecconelli Tomassini Le Telecomunicazioni

Apparati di radiodiffusione AM ed FM. Tratto dal testo di Cecconelli Tomassini Le Telecomunicazioni Apparati di radiodiffusione AM ed FM Tratto dal testo di Cecconelli Tomassini Le Telecomunicazioni 1 Trasmettitori a modulazione di ampiezza Un trasmettitore per radiodiffusione ha il compito di convertire

Dettagli

SymCAD/C.A.T.S. modulo Canali Schema

SymCAD/C.A.T.S. modulo Canali Schema SymCAD/C.A.T.S. modulo Canali Schema Il modulo Ventilazione Standard permette di effettuare la progettazione integrata (disegno e calcoli) in AutoCAD di reti di canali aria (mandata e ripresa). Il disegno

Dettagli

La linea di comunicazione ottica

La linea di comunicazione ottica ARCHITETTURA DEL SISTEMA Abbiamo considerato i componenti principali di un sistema di trasmissione a fibra ottica, cioè la fibra, il trasmettitore, il ricevitore, e l amplificatore. Si discute ora brevemente

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 8

Reti di Telecomunicazione Lezione 8 Reti di Telecomunicazione Lezione 8 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Livello di trasporto Programma della lezione relazione tra lo strato di trasporto e lo strato

Dettagli

TERM TALK. software per la raccolta dati

TERM TALK. software per la raccolta dati software per la raccolta dati DESCRIZIONE Nell ambiente Start, Term Talk si caratterizza come strumento per la configurazione e la gestione di una rete di terminali per la raccolta dati. È inoltre di supporto

Dettagli

Testi di Esercizi e Quesiti 1

Testi di Esercizi e Quesiti 1 Architettura degli Elaboratori, 2009-2010 Testi di Esercizi e Quesiti 1 1. Una rete logica ha quattro variabili booleane di ingresso a 0, a 1, b 0, b 1 e due variabili booleane di uscita z 0, z 1. La specifica

Dettagli

Per essere inviato il dato deve essere opportunamente codificato in modo da poter essere trasformato in SEGNALE, elettrico oppure onda luminosa.

Per essere inviato il dato deve essere opportunamente codificato in modo da poter essere trasformato in SEGNALE, elettrico oppure onda luminosa. La trasmissione dell informazione N.R2 La comunicazione tra due calcolatori si realizza tramite lo scambio di dati su un canale di comunicazione, esiste quindi un TRASMETTITORE che invia dei dati e un

Dettagli

I canali di comunicazione

I canali di comunicazione I canali di comunicazione tipo velocità min velocità max doppino telefonico 300bps 10 mbps micro onde 256kbps 100 mbps satellite 256kbps 100 mbps cavo coassiale 56 kbps 200 mbps fibra ottica 500 kbps 10

Dettagli

ELETTRONICA. L amplificatore Operazionale

ELETTRONICA. L amplificatore Operazionale ELETTRONICA L amplificatore Operazionale Amplificatore operazionale Un amplificatore operazionale è un amplificatore differenziale, accoppiato in continua e ad elevato guadagno (teoricamente infinito).

Dettagli

Alessandro Pellegrini

Alessandro Pellegrini Esercitazione sulle Rappresentazioni Numeriche Esistono 1 tipi di persone al mondo: quelli che conoscono il codice binario e quelli che non lo conoscono Alessandro Pellegrini Cosa studiare prima Conversione

Dettagli

Amplificatori Audio di Potenza

Amplificatori Audio di Potenza Amplificatori Audio di Potenza Un amplificatore, semplificando al massimo, può essere visto come un oggetto in grado di aumentare il livello di un segnale. Ha quindi, generalmente, due porte: un ingresso

Dettagli

La trasformata Zeta. Marco Marcon

La trasformata Zeta. Marco Marcon La trasformata Zeta Marco Marcon ENS Trasformata zeta E l estensione nel caso discreto della trasformata di Laplace. Applicata all analisi dei sistemi LTI permette di scrivere in modo diretto la relazione

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 8 -

Informatica per la comunicazione - lezione 8 - Informatica per la comunicazione - lezione 8 - I multipli 1 KB (kilo) = 1000 B 1 MB (mega) = 1 mln B 1 GB (giga) = 1 mld B 1 TB (tera) = 1000 mld B Codifica binaria dei numeri Numerazione con base 10:

Dettagli

Dispositivo di conversione di energia elettrica per aerogeneratori composto da componenti commerciali.

Dispositivo di conversione di energia elettrica per aerogeneratori composto da componenti commerciali. Sede legale: Viale Vittorio Veneto 60, 59100 Prato P.IVA /CF 02110810971 Sede operativa: Via del Mandorlo 30, 59100 Prato tel. (+39) 0574 550493 fax (+39) 0574 577854 Web: www.aria-srl.it Email: info@aria-srl.it

Dettagli

Sistemi a larga banda (Broadband)

Sistemi a larga banda (Broadband) 61 Sistemi a larga banda (Broadband) Le applicazioni informatiche e i servizi multimediali (musica, film, manifestazioni sportive) offerti sulla grande rete Internet e attraverso la televisione digitale

Dettagli

G S M C O M M A N D E R Duo S

G S M C O M M A N D E R Duo S Il GSM Commander Duo S permette, di attivare indipendentemente o contemporaneamente due contatti elettrici, Contatto1 (C1) e Contatto2 (C2), attraverso una chiamata telefonica a costo zero al numero della

Dettagli

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale La Distribuzione Normale o Gaussiana è la distribuzione più importante ed utilizzata in tutta la statistica La curva delle frequenze della distribuzione Normale ha una forma caratteristica, simile ad una

Dettagli

Utilizzo efficiente del canale di comunicazione

Utilizzo efficiente del canale di comunicazione Autunno 2002 Prof. Roberto De Prisco -04: Multiplexing Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica Il problema 04.2 Utilizzo efficiente del canale di comunicazione Un singolo utente

Dettagli

Reti di Calcolatori. Il software

Reti di Calcolatori. Il software Reti di Calcolatori Il software Lo Stack Protocollare Application: supporta le applicazioni che usano la rete; Transport: trasferimento dati tra host; Network: instradamento (routing) di datagram dalla

Dettagli

Informatica. Rappresentazione dei numeri Numerazione binaria

Informatica. Rappresentazione dei numeri Numerazione binaria Informatica Rappresentazione dei numeri Numerazione binaria Sistemi di numerazione Non posizionali: numerazione romana Posizionali: viene associato un peso a ciascuna posizione all interno della rappresentazione

Dettagli

WMS NFS. La soluzione per l area logistica

WMS NFS. La soluzione per l area logistica WMS NFS La soluzione per l area logistica NFS WMS Come nasce NFS EP è provvisto di un evoluto gestore di WorkFlow, che consente di gestire l Iter dei principali flussi documentali (richiesta da reparto,

Dettagli

Utilizzo efficiente del canale di comunicazione

Utilizzo efficiente del canale di comunicazione Il problema 04.2 Utilizzo efficiente del canale di comunicazione -04: Multiplexing Autunno 2002 Prof. Roberto De Prisco Un singolo utente (del canale) potrebbe non utilizzare tutta la capacità Lasciare

Dettagli

Architettura della tecnologia ADSL Tipologie delle tecnologie xdsl

Architettura della tecnologia ADSL Tipologie delle tecnologie xdsl Reti di Telecomunicazioni R. Bolla, L. Caviglione, F. Davoli Aspetti generali della tecnologia xdsl Architettura della tecnologia ADSL Tipologie delle tecnologie xdsl Il DSLAM 10.2 Genericamente le tecnologie

Dettagli

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Lunedì 24 Gennaio 2005, ore 15.00

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Lunedì 24 Gennaio 2005, ore 15.00 Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Lunedì 24 Gennaio 200, ore 1.00 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette. Cognome: Nome:

Dettagli

CONFRONTO TRA STABILE ORGANIZZAZIONE, SOCIETA E UFFICIO DI RAPPRESENTANZA

CONFRONTO TRA STABILE ORGANIZZAZIONE, SOCIETA E UFFICIO DI RAPPRESENTANZA CONFRONTO TRA STABILE ORGANIZZAZIONE, SOCIETA E UFFICIO DI RAPPRESENTANZA L attuale contesto economico, sempre più caratterizzato da una concorrenza di tipo internazionale e da mercati globali, spesso

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 8 -

Informatica per la comunicazione - lezione 8 - Informatica per la comunicazione - lezione 8 - Esercizio Convertire i seguenti numeri da base 10 a base 2: 8, 23, 144, 201. Come procedere per risolvere il problema? Bisogna ricordarsi che ogni sistema,

Dettagli

Descrizione del funzionamento di un Lock-in Amplifier

Descrizione del funzionamento di un Lock-in Amplifier Descrizione del funzionamento di un Lock-in Amplifier S.C. 0 luglio 004 1 Propositi di un amplificatore Lock-in Il Lock-in Amplifier é uno strumento che permette di misurare l ampiezza V 0 di una tensione

Dettagli

Protocolli di accesso multiplo

Protocolli di accesso multiplo Protocolli di accesso multiplo Quando l accesso ad una risorsa può avvenire da parte di più utenti indipendenti, si parla di risorsa condivisa ed è necessaria l implementazione di particolari protocolli

Dettagli

PLL (anello ad aggancio di fase)

PLL (anello ad aggancio di fase) PLL (anello ad aggancio di fase) Il PLL ( Phase Locked Loop, anello ad aggancio di fase) è un circuito integrato a reazione negativa. E un componente molto versatile e può essere usato come: demodulatore

Dettagli