Storia delle revisioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Storia delle revisioni"

Transcript

1 Syllabus Livello Advanced Versione 2007 ITAlian - Copyright (di seguito indicato come ISTQB ). Gruppo di lavoro per il livello avanzato: Bernard Homès (presidente), Graham Bath, Rex Black, Sigrid Eldh, Jayapradeep Jiothis, Paul Jorgensen, Vipul Kocher, Judy McKay, Klaus Olsen, Randy Rice, Jürgen Richter, Eric Riou Du Cosquer, Mike Smith, Geoff Thompson, Erik Van Veenendaal;

2 Storia delle revisioni Versione Data Note ISEB v1.1 04SEP01 ISEB Practitioner Syllabus ISTQB 1.2E SEP03 ISTQB Advanced Level Syllabus from EOQ-SG V OCT07 Certified Tester Advanced Level syllabus version 2007 Storico delle Revisioni di traduzione per ITA-STQB REV. DRAFT AUTORI F. Primatesta A. Collino DESCRIZIONE DELLE MODIFICHE/ CHANGES DESCRIPTION Prima versione 30 Set 2008 DATA DI APPROVAZIONE DEL COMITATO SCIENTIFICO Versione 2007 Pagina 2 di Set 2008 / ITAlian Qualification Board

3 Indice Storia delle revisioni... 2 Indice... 3 Ringraziamenti Introduzione a questo syllabus l Aspettative Responsabile del Test di Livello Avanzato Analista del Test di Livello Avanzato Analista Tecnico del Test di Livello Avanzato Obiettivi di Apprendimento / Livelli di Conoscenza Obiettivi di Apprendimento per Responsabili del Test Obiettivi di Apprendimento per Analisti del Test Obiettivi di Apprendimento per Analisti Tecnici del Test Aspetti di base del Introduzione Testing nel Ciclo di Vita del Software Sistemi Specifici Sistemi di Sistemi Sistemi Safety Critical Metriche e Misurazioni Etica Professionale I processi di Testing Introduzione Modelli di Processo di Test Pianificazione e Controllo del Test Analisi e Progettazione del Test Identificazione delle Condizioni di Test Creazione dei Test Case Implementazione e Esecuzione del Test Implementazione dei Test Esecuzione dei Test Valutazione dei criteri di uscita e Reportistica Attività di chiusura del Test Gestione del Test Introduzione La documentazione della gestione del Test Politica di Test Strategia di Test Piano di Test Master Piano di Test di livello Template di documentazione del piano di Test Stima del Test Schedulazione della pianificazione dei Test Monitoraggio e controllo dell avanzamento dei Test Il valore del testing per il business Test distribuito, outsourced & insourced Testing basato sul rischio Introduzione al testing basato sul rischio Gestione del rischio Versione 2007 Pagina 3 di Set 2008 / ITAlian Qualification Board

4 3.9.3 La gestione del rischio nel ciclo di vita Failure Mode and Effects Analysis Aree di Applicazione Passi di implementazione Costi e Benefici Problematiche di Gestione del Test Problematiche legate al Testing Esplorativo Problematiche legate a Sistemi di Sistemi Problematiche legate a Sistemi Safety Critical Altre problematiche legate alla Gestione del Test Tecniche di Test Introduzione Tecniche basate sulle Specifiche Tecniche basate sulla Struttura Tecniche basate sui Difetti e sull Esperienza Tecniche basate sui Difetti Tecniche basate sull Esperienza Analisi Statica Analisi Statica del Codice Analisi Statica dell Architettura Analisi Dinamica Introduzione Scoperta di Memory Leak Scoperta di Puntatori Errati Analisi delle Prestazioni Testing delle Caratteristiche Software Introduzione Attributi di qualità per il dominio del test Testing di Accuratezza Testing di Idoneità Testing di Interoperabilità Testing di Sicurezza Funzionale Testing di Usabilità Testing di Accessibilità Attributi di qualità per il testing tecnico Testing di Sicurezza Tecnica Testing di Affidabilità Testing di Efficienza Testing di Mantenibilità Testing di Portabilità Revisioni Introduzione I principi della Revisione Tipi di Revisione Revisione del Management e audit Revisione di oggetti particolari Conduzione di una revisione formale Introduzione delle Revisioni Fattori di successo per le Revisioni Gestione degli incidenti Introduzione Quando è possibile trovare un difetto? Ciclo di vita del difetto Step 1: Riconoscimento Versione 2007 Pagina 4 di Set 2008 / ITAlian Qualification Board

5 7.3.2 Step 2: Analisi Step 3: Intervento Step 4: Chiusura Campi del difetto La gestione dell incidente e le metriche Comunicare gli incidenti Standard e Processo di Miglioramento del Testing Introduzione Considerazioni sugli Standard Aspetti Generali degli Standard Standard Internazionali Standard Nazionali Standard specifici di dominio Altri Standard Processo di Miglioramento del Test Introduzione al Miglioramento dei Processi Tipi di Miglioramento di Processo Migliorare il Processo di Test Migliorare il processo di Test con il TMM Migliorare il processo di Test con il TPI Migliorare il processo di Test con il CTP (CTP) Migliorare il Processo di Test con STEP Capability Maturity Model Integration, CMMI Tool di Test e Automazione Introduzione Concetti riguardanti i Tool di Test Costi-benefici e rischi legati ai Tool di Test e all Automazione Strategie per i Tool di Test L Integrazione e lo Scambio di Informazioni tra Tool Linguaggi per l Automazione: Script, Linguaggi di Scripting Il Concetto di Oracolo del Test La messa in opera dei Tool di Test L utilizzo di Tool di Test Open Source Sviluppare il proprio Tool di Test Classificazione dei Tool di Test Categorie di Tool di Test Tool di Gestione dei Test Tool di Esecuzione dei Test Tool di Debugging e Troubleshooting Tool di Disseminazione e Inserimento dei Guasti Tool di Simulazione e Emulazione Tool di Analisi Statica e Dinamica Automazione del Testing Guidato dalle Parole Chiave Tool di Testing delle Prestazioni Web Tools Skill delle persone Composizione dei Team Introduzione Skill Individuali La Dinamica dei Team di Test Posizionamento del Testing nell Organizzazione Motivazione Comunicazione Riferimenti Standard Versione 2007 Pagina 5 di Set 2008 / ITAlian Qualification Board

6 Per capitolo Ordine Alfabetico Libri Altri riferimenti Appendice A Background del Syllabus Appendice B Nota per i lettori Enti esaminatori Candidati e Fornitori della Formazione Appendice C Nota per i Fornitori della formazione Modularità Orari Formazione per modulo Aspetti comuni Fonti Esercitazioni Appendice D Raccomandazioni Raccomandazioni per l industrializzazione dei test Versione 2007 Pagina 6 di Set 2008 / ITAlian Qualification Board

7 Ringraziamenti Questo documento è stato prodotto da un team dedicato appartenente al gruppo di lavoro dell Advanced Level: Bernard Homès (presidente), Graham Bath, Rex Black, Sigrid Eldh, Jayapradeep Jiothis, Paul Jorgensen, Vipul Kocher, Judy McKay, Thomas Mueller, Klaus Olsen, Randy Rice, Jürgen Richter, Eric Riou Du Cosquer, Mike Smith, Geoff Thompson, Erik Van Veenendaal. Il team desidera ringraziare il gruppo dei revisori e tutte le organizzazioni nazionali per i suggerimenti e gli input. Al momento in cui l Advanced Level Syllabus è stato completato, il gruppo di lavoro Advanced Level era costituto dai seguenti membri (in ordine alfabetico): Graham Bath, Rex Black, Robert Bender, Chris Carter, Maria Clara Choucair, Sigrid Eldh, Dorothy Graham, Bernard Homès (presidente), Jayapradeep Jiothis, Vipul Kocher, Anastasios Kyriakopoulos, Judy McKay, Thomas Mueller, Klaus Olsen, Avinoam Porat, Meile Posthuma, Erkki Pöyhönen, Jürgen Richter, Eric Riou Du Cosquer, Jan Sabak, Hans Schaefer, Maud Schlich, Rajesh Sivaraman, Mike Smith, Michael Stahl, Geoff Thompson, Erik Van Veenendaal. Le seguenti persone hanno partecipato alla revisione, commento e votazione di questo syllabus: Bernard Homès (presidente) Reto Armuzzi Sue Atkins Graham Bath Paul Beekman Armin Beer Rex Black Francisca Blunschi Armin Born Con Bracke Chris Carter Maria Clara Choucair Robert Dankanin Piet de Roo Sigrid Eldh Tim Edmonds Erwin Engelsma Graham Freeburn Dorothy Graham Brian Hambling Jeff B Higgott Bernard Homès Rob Hendriks Dr Suhaimi Ibrahim Phillip Isles Pr. Paul C. Jorgensen Vipul Kocher Anastasios Kyriakopoulos Junfei Ma Fergus McClachlan Judy McKay Don Mills Gary Mogyorodi Richard Morgan Silvio Moser Ernst Müller Reto Müller Thomas Müller Peter Mullins Beat Nagel Richard Neeve Klaus Olsen Dale Perry Helmut Pichler Jörg Pietzsch Avionam Porat Iris Pinkster Horst Pohlmann Meile Posthuma Eric Riou Du Cosquer Stefan Ruff Hans Schaefer Maud Schlich Rajesh Sivaraman Mike Smith Katja Stalder Neil Thompson Benjamin Timmermans Chris van Bael Jurian van de Laar Marnix van den Ent Mark van der Zwan Stephanie van Dijck Jan van Moll Erik Van Veenendaal Roland Weber Phillip Whettlock Derek Young Mike Young Wenqiang Zheng. Questo documento è stato formalmente rilasciato dall Assemblea Generale dell ISTQB il 12 Ottobre Versione 2007 Pagina 7 di Set 2008 / ITAlian Qualification Board

8 0. Introduzione a questo syllabus 0.1 l L (Organizzazione Internazionale per la Certificazione delle Competenze in Ambito Testing - d ora in avanti denominato semplicemente ISTQB ) è costituito da un Board di Membri che rappresentano paesi e regioni del mondo. Al momento del rilascio finale di questo documento, l ISTQB era composto da un Board di 33 Membri. Ulteriori dettagli sulla struttura e sulla membership dell ISTQB sono disponibili sul sito Scopo di questo documento Questo syllabus è la base per l Qualification di Livello Avanzato (Advanced Level). L ISTQB mette a disposizione questo syllabus con le seguenti modalità: 1. Ai Membri del Board, per consentirne la traduzione nella loro lingua madre e di accreditare i fornitori della formazione. I Board nazionali possono adattare il syllabus alle loro particolari esigenze linguistiche e modificare i riferimenti bibliografici per adattarli alle loro pubblicazioni locali. 2. Agli Enti Esaminatori, per consentire la traduzione delle domande d esame nella loro lingua adattandole agli obiettivi di apprendimento di ogni modulo. 3. Ai Fornitori della formazione, per consentire la produzione di materiale didattico e mettere a punto metodologie d insegnamento appropriate. 4. Ai Candidati alla certificazione, per consentire la preparazione all esame (partecipando a un corso o in modo indipendente). 5. Alla comunità che si occupa d ingegneria dei sistemi e del software, per consentire di migliorare la professione di tester del software e dei sistemi e per fornire una base di riferimento per libri ed articoli. L ISTQB permette inoltre ad altre entità di usare questo syllabus per altre finalità, purché ne chiedano ed ottengano anticipatamente un permesso scritto. Il Certified Tester Advanced Level nel Testing del Software La qualifica Advanced Level è indirizzata alle persone che hanno raggiunto un livello avanzato nella loro carriera nel Testing del Software, quali tester, analisti dei test, progettisti dei test, consulenti dei test, responsabili dei test, tester di accettazione e sviluppatori software. La qualifica Advanced Level è adatta anche a chiunque voglia acquisire una comprensione approfondita del software testing, ad esempio manager di progetti, responsabili della qualità, manager di sviluppo software, analisti di business, direttori IT e consulenti di gestione. Per ricevere il certificato Advanced Level, i candidati devono avere il certificato Foundation Level e dimostrare all Ente Esaminatore di avere sufficiente esperienza pratica per essere considerati qualificati per l Advanced Level. Si faccia riferimento all Ente Esaminatore prescelto per avere informazioni su criteri specifici che vengono applicati per determinare il livello di esperienza pratica. Livello di conoscenza Gli obiettivi di apprendimento per ogni capitolo sono divisi in modo da poter essere chiaramente identificati per ogni singolo modulo. Ulteriori dettagli ed esempi di obiettivi di apprendimento sono forniti alla sezione 0.3. Il contenuto di questo syllabus, i termini e i principali elementi (scopi) di tutti gli standard elencati dovranno essere almeno ricordati (K1), anche se non menzionati esplicitamente negli obiettivi di apprendimento. Versione 2007 Pagina 8 di Set 2008 / ITAlian Qualification Board

9 Esami Tutti gli esami di Advanced Certificate si devono basare su questo syllabus e sul syllabus del Foundation Level. Le risposte alle domande d esame possono richiedere l uso di materiale basato su più di una sezione di questo o del syllabus del Foundation Level. Tutte le sezioni di questo e del syllabus del Foundation Level sono oggetto di prova d esame. Il formato dell esame è definito dalle Linee Guide dell Advanced Exam dell ISTQB. I singoli membri del Board, se vogliono, possono adottare altri schemi d esame. Gli esami possono essere sostenuti all interno di un corso accreditato oppure indipendentemente (ad esempio presso un centro autorizzato). Gli esami possono essere eseguiti su carta o elettronicamente, ma devono essere controllati/osservati (supervisionati da una persona nominata da un National Board o dall Ente Esaminatore). Accreditamento Un Membro del Board ISTQB può accreditare i fornitori della formazione che usano materiale didattico conforme a questo syllabus. I fornitori della formazione devono richiedere le linee guida di accreditamento al Comitato o all Organismo che esegue l accreditamento stesso. Un corso accreditato è riconosciuto come conforme a questo syllabus e ha il permesso di includere un esame ISTQB quale parte del corso. Ulteriori indicazioni per i fornitori della formazione vengono date Appendice C Nota per i Livello di dettaglio Il livello di dettaglio in questo syllabus garantisce che l esame e l insegnamento siano omogenei a livello internazionale. Per raggiungere questo obiettivo, il syllabus è costituito da: Obiettivi didattici generali che descrivono lo scopo complessivo dell Advanced Level Obiettivi di apprendimento per ogni area di conoscenza, che descrivono il risultato cognitivo di apprendimento e il tipo di mentalità che bisogna raggiungere. Un elenco di informazioni da fornire, compresa una descrizione, e riferimenti a ulteriori fonti se richieste. Un elenco di termini che gli studenti devono ricordare e aver ben capito Una descrizione dei concetti chiave da insegnare, comprese fonti quali gli standard o la letteratura tecnica. Il contenuto del syllabus non è una descrizione dell intera area di conoscenza del software testing; riflette il livello di dettaglio che va affrontato nei corsi Advanced Level. Organizzazione di questo syllabus Il Syllabus è composto da 10 capitoli principali, ognuno dei quali ha una parte introduttiva che fornisce indicazioni sull applicabilità dei contenuti ai diversi professionisti del testing (che corrispondono ai moduli). Le sezioni 0.3 e 0.6 forniscono obiettivi di apprendimento specifici per ogni modulo e per ciascun capitolo. Queste sezioni precisano anche il tempo minimo previsto per apprendere gli argomenti. Si consiglia fortemente di leggere il syllabus e simultaneamente studiare gli obiettivi di apprendimento per lo specifico capitolo che si sta leggendo. Questo consentirà al lettore di capire esattamente ciò che è richiesto e quelli che sono gli elementi essenziali di ogni capitolo per ciascuno dei tre moduli. Termini e Definizioni Nella letteratura tecnica del software molti termini sono usati in modo interscambiabile. Le definizioni dei termini usati in questo syllabus Advanced Level sono disponibili nel glossario standard dei termini usati nel testing del software, pubblicato dall ISTQB. Approccio Ci sono molti modi per avvicinarsi al testing, ad esempio quelli basati sulle specifiche, sulla struttura del codice, sui dati, sui rischi, sui processi, sugli standard e su altre tassonomie simili. Il testing è supportato da strumenti e processi; questi ultimi possono essere migliorati usando vari metodi. Versione 2007 Pagina 9 di Set 2008 / ITAlian Qualification Board

10 Questo syllabus Advanced Level è organizzato attorno agli approcci proposti nello standard ISO 9126 con una separazione di approcci funzionali, non funzionali e di supporto. Vengono menzionati i processi di supporto ed alcuni metodi di miglioramento. La scelta di questa organizzazione e di questi processi è stata fatta arbitrariamente con lo scopo di fornire una solida base per i tester di Advanced Level e per i Responsabili del Test. 0.2 Aspettative La certificazione di Livello Avanzato descritta in questo syllabus sarà esaminata tenendo in considerazione tre principali descrizioni di attività, ognuna delle quali rappresenta responsabilità e aspettative di base in un organizzazione. In ogni organizzazione, le responsabilità e le attività associate possono essere ripartite tra diversi individui o coperte da un singolo individuo. Tali responsabilità operative sono presentate sotto Responsabile del Test di Livello Avanzato. Professionisti di Livello Avanzato della Gestione dei Test dovrebbero essere in grado di: Definire gli obiettivi e la strategia complessiva di test per i sistemi che devono essere testati Pianificare, tempificare e monitorare le attività Descrivere e organizzare le attività necessarie Selezionare, acquisire e assegnare risorse adeguate alle attività Selezionare, organizzare e guidare gruppi di test Organizzare la comunicazione tra i membri dei gruppi di test e tra i gruppi di test e tutti gli altri ruoli interessati Giustificare le decisioni e fornire adeguate informazioni dove applicabile Analista del Test di Livello Avanzato. Gli analisti del test di Livello Avanzato dovrebbero essere in grado di: Strutturare i task definiti nella strategia di test in termini di requisiti del dominio di business Analizzare il sistema in un dettaglio sufficiente per soddisfare le aspettative di qualità degli utenti Valutare i requisiti del sistema per determinarne la validità rispetto al dominio Preparare ed eseguire le attività necessarie e produrre dei report sul loro avanzamento Fornire l evidenza necessaria a supportare le valutazioni Implementare le tecniche e gli strumenti necessari per raggiungere gli obiettivi predefiniti Analista Tecnico del Test di Livello Avanzato. Gli analisti tecnici del test di Livello Avanzato dovrebbero essere in grado di: Strutturare i task definiti nella strategia di test in termini di requisiti tecnici Analizzare la struttura interna del sistema in un dettaglio sufficiente a soddisfare il livello di qualità previsto Valutare il sistema in termini di attributi di qualità tecnica, quali prestazioni, sicurezza ecc. Preparare ed eseguire le attività necessarie e produrre dei report sul loro avanzamento Condurre le attività tecniche di testing Fornire l evidenza necessaria a supportare le valutazioni Implementare le tecniche e gli strumenti necessari per raggiungere gli obiettivi predefiniti Versione 2007 Pagina 10 di Set 2008 / ITAlian Qualification Board

11 0.3 Obiettivi di Apprendimento / Livelli di Conoscenza Sono applicabili a questo syllabus gli obiettivi di apprendimento definiti nel seguito. Ogni argomento nel syllabus verrà esaminato in base agli obiettivi ad esso associati. Livello 1: Ricordare (K1) Il candidato è in grado di riconoscere e ricordare un termine o un concetto. Parole chiave: Ricordare, riconoscere, conoscere. Esempio Si può riconoscere la definizione di guasto come: la mancata effettuazione di un servizio a un utente finale o ad un altro stakeholder o la deviazione di un componente o di un sistema dal comportamento, servizio o risultato atteso. Livello 2: Capire (K2) Il candidato è in grado di selezionare le ragioni o le spiegazioni associate all argomento, ed è in grado di riepilogare, differenziare, classificare e fornire esempi di azioni (ad es. confrontare termini), concetti di test, procedure di test (spiegando la sequenza di attività). Parole chiave: Riepilogare, classificare, confrontare, mappare, evidenziare, esemplificare, interpretare, tradurre, rappresentare, inferire, concludere, categorizzare. Esempi Spiegare le ragioni per le quali occorre progettare i test il più anticipatamente possibile: Per trovare i difetti quando è meno costoso rimuoverli Per trovare prima i difetti più importanti Spiegare le somiglianze e le differenze tra i test di integrazione e il test di sistema: Somiglianze: test di più di un componente e di aspetti anche non funzionali. Differenze: il test di integrazione si concentra sulle interfacce e le interazioni, il test di sistema si concentra su aspetti che riguardano l intero sistema, quali il processing end to end. Livello 3: Applicare (K3) Il candidato è in grado di selezionare la corretta applicazione di un concetto o di una tecnica, e di applicarla nel contesto individuato. K3 è normalmente applicabile alla conoscenza procedurale. Non sono contemplate azioni creative quali la valutazione di un applicazione software o la creazione di un modello per un dato software. Quando abbiamo un determinato modello e nel syllabus trattiamo le fasi procedurali per creare i test case partendo dal modello stesso, allora si tratta del livello K3. Parole chiave: implementare, eseguire, usare, seguire una procedura, applicare una procedura. Esempio Si possono identificare i valori limite per partizioni valide e non valide. Si usa la procedura generica per la creazione di test case per selezionare i test case da un diagramma delle transizioni di stato dato (e da un insieme di possibili test case) al fine di trattare tutte le transizioni. Level 4: Analyze (K4) Il candidato è in grado di suddividere le informazioni relative a una procedura o a una tecnica in parti più elementari per migliorare la comprensione, ed è in grado di distinguere tra fatti e inferenze. L applicazione tipica è analizzare una situazione di progetto, software o documento e proporre le azioni appropriate per risolvere un problema o un task. Parole chiave: analizzare, differenziare, selezionare, strutturare, focalizzare, attribuire, smontare, valutare, giudicare, monitorare, coordinare, creare, sintetizzare, generare, ipotizzare, pianificare, progettare, costruire, produrre. Esempio Analizzare i rischi del prodotto e proporre attività preventive e di limitazione degli errori. Descrivere quali parti di un report degli incidenti sono reali e quali dedotte dai risultati. Versione 2007 Pagina 11 di Set 2008 / ITAlian Qualification Board

12 Riferimenti bibliografici (Per i livelli cognitivi degli obiettivi di apprendimento) Bloom, B. S. (1956). Taxonomy of Educational Objectived, Handbook I: The Cognitive Domain, David McKay, Co. Inc. Anderson, L. W. and Krathwohl, D. R. (a cura di) (2001). A Taxonomy for Learning, Teaching, and Assessing: A Revision of Bloom s Taxonomy of Educational Objectives, Allyn & Bacon. 0.4 Obiettivi di Apprendimento per Responsabili del Test Questa sezione fornisce un elenco di obiettivi di apprendimento dettagliati per il modulo Responsabile del test. In generale tutte le parti di questo syllabus sono oggetto di esame al livello K1: cioè il candidato deve essere in grado di riconoscere e ricordare un termine o un concetto. Per questo motivo, la tabella sottostante contiene solo obiettivi di apprendimento ai livelli K2, K3 e K4. Introduzione al syllabus Responsabile del test [60 minuti] (Compresa la revisione del syllabus Foundation Level ISTQB ) Capitolo 1: Elementi fondamentali del software testing [150 minuti] 1.2 Testing nel ciclo di vita del software (K2) Descrivere come il testing sia una parte di un attività di sviluppo e mantenimento del software (K4) Analizzare i modelli di ciclo di vita del software e descrivere a grandi linee le funzionalità/attività di test più appropriate che devono essere eseguite (distinguere tra attività di sviluppo e di test). 1.3 Sistemi specifici (K2) Spiegare con esempi le specifiche di sistemi di testing di sistemi (K2) Spiegare perché i tre principali esiti di sistemi safety critical di testing sono necessari per dimostrare la conformità a norme 1.4 Metriche e misurazioni (K2) Descrivere e confrontare le metriche relative al testing di standard (K3) Monitorare le attività di testing misurando l oggetto/gli oggetti del test e il processo di test Capitolo 2: Processi di testing [120 minuti] 2.3 Controllo e pianificazione del test (K2) Descrivere con esempi come le strategie di test influiscano sulla pianificazione del test (K2) Confrontare prodotti di lavoro del test e spiegare, con alcuni esempi, le relazioni tra i prodotti di lavoro del testing e lo sviluppo (K2) Classificare le attività di controllo del test correlate per determinare se il compito del test, le strategie e gli obiettivi sono stati raggiunti 2.5 Esecuzione ed implementazione dei test (K2) Spiegare le precondizioni per l esecuzione dei test (K2) Spiegare con esempi i vantaggi e gli svantaggi o l implementazione precoce dei test, considerando tecniche diverse di test (K2) Spiegare i motivi per cui gli utenti e/o i clienti potrebbero essere inclusi nell esecuzione del test (K2) Descrivere come il livello di test logging potrebbe cambiare a seconda del livello di test 2.6 Valutazione dei criteri di uscita e reportistica (K2) Riepilogare le informazioni necessarie che si devono raccogliere durante il processo di test per supportare valutazioni e reportistica precise rispetto ai criteri di uscita 2.7 Attività di chiusura del test (K2) Riepilogare i quattro gruppi di attività di chiusura del test (K3) Generalizzare le lezioni apprese nella fase di chiusura del test al fine di scoprire i settori da migliorare o ripetere Versione 2007 Pagina 12 di Set 2008 / ITAlian Qualification Board

13 Capitolo 3: Gestione del test [1120 minuti] 3.2 Documentazione della gestione del test (K4) Descrivere a grandi linee i documenti della gestione del test, ad esempio il Piano di test, la Specifica di progettazione dei test e la Procedura di test in accordo con IEEE 829 (K2) Descrivere almeno quattro importanti elementi di un approccio/strategia di test e quei documenti che in accordo con IEEE 829 contengono elementi di strategia di test (K2) Illustrare come e perché gli scostamenti dalla strategia di test sono gestiti in altri documenti della gestione del test 3.3 Documentazione del piano di test (K2) Riepilogare la struttura IEEE 829 di un piano di test master (K2) Parafrasare ed interpretare gli argomenti suggeriti dalla struttura IEEE 829 standard di un piano di test rispetto all adeguamento ad un organizzazione, al rischio di un prodotto e alle dimensioni, alla formalità e al rischio di un progetto 3.4 Stima del test (K3) Stimare lo sforzo di testing per un piccolo sistema campione usando un approccio basato sull esperienza e uno basato sulla metrica considerando i fattori che influenzano costi, sforzo e durata (K2) Capire i fattori elencati nel syllabus che possono comportare imprecisioni nelle stime e fornire degli esempi 3.5 Pianificazione dei test (K2) Spiegare i vantaggi di una pianificazione dei test precoce ed iterativa. Supportare la spiegazione con esempi. 3.6 Monitoraggio e controllo dello stato di avanzamento del test (K2) Confrontare le diverse procedure per controllare l avanzamento del test (K2) Fornire almeno cinque esempi concettualmente diversi di come i risultati dell avanzamento del test influenzino il corso del processo di test (K4) Usare i risultati relativi all avanzamento del test osservati durante il monitoraggio e il controllo di misure e attività, al fine di descrivere un piano d azione per migliorare il processo di test corrente. Suggerire dei miglioramenti (K4) Analizzare i risultati del test e determinare l avanzamento del test, documentato in un report di monitoraggio e in un report finale riassuntivo che copre tutte le 4 dimensioni di reportistica 3.7 Valore di business del testing (K2) Fornire esempi (misure) per ciascuna delle 4 categorie che determinano il costo di qualità (K3) Per un contesto dato, elencare i valori qualitativi e/o quantitativi applicabili 3.8 Testing distribuito, outsourced e insourced (K2) Elencare i rischi, le uguaglianze e le differenze tra le 3 strategie di staffing (testing distribuito, outsourced e insourced) 3.9 Testing basato sul rischio Introduzione al testing basato sul rischio (K2) Spiegare i diversi modi in cui il testing basato sul rischio risponde ai rischi (K4) Identificare il rischio all interno di un progetto e di un prodotto e determinare la strategia di test adeguata e il piano di test basato su questi rischi Gestione del rischio (K3) Eseguire per un prodotto l analisi del rischio dal punto di vista dei tester, seguendo l approccio specifico FMEA (K4) Riepilogare i risultati da vari punti di vista sul rischio, tipicamente degli stakeholder, e usare il loro giudizio complessivo per descrivere le attività di test e ridurre i rischi Gestione del rischio nel ciclo di vita (K2) Descrivere le caratteristiche di gestione del rischio che impongono un processo iterativo (K3) Tradurre un dato rischio basato sulla strategia di test in attività di test e controllarne gli effetti durante il testing Versione 2007 Pagina 13 di Set 2008 / ITAlian Qualification Board

14 (K4) Analizzare e riportare i risultati del test; determinare e/o proporre i rischi residui per consentire ai responsabili del progetto di prendere decisioni intelligenti riguardo ai rilasci 3.10 Failure Mode and Effect Analysis (K2) Descrivere il concetto di FMEA e spiegare con un esempio la sua applicazione ai progetti e i vantaggi che ne comporta 3.11 Problemi di gestione del test (K2) Confrontare i problemi di gestione del test per il testing esplorativo, i sistemi di sistemi e sistemi di testing safety critical per quanto concerne strategia, vantaggi e svantaggi, congruità e il loro impatto sulla pianificazione, la copertura, il monitoraggio e il controllo Capitolo 4: Tecniche di test [0 minuti] Nessun obiettivo di apprendimento (a qualsiasi livello K) richiesto al responsabile del test Capitolo 5: Test delle caratteristiche del software [0 minuti] Nessun obiettivo di apprendimento (a qualsiasi livello K) richiesto al responsabile del test Capitolo 6: Revisioni [120 minuti] 6.2 I principi delle revisioni (K2) Spiegare i vantaggi delle revisioni rispetto al testing dinamico e ad altre tecniche di testing statico 6.4 Introduzione alle revisioni (K2) Confrontare i tipi di revisione ed evidenziarne i relativi punti di forza, le debolezze e i campi d uso (K3) Dirigere un team di revisioni attraverso una revisione formale che segue le fasi identificate (K4) Descrivere un piano di revisione come parte di un piano di qualità/test per un progetto, considerando le tecniche di revisione che hanno come obiettivo l individuazione di difetti e competenze tecniche dello staff e sono allineate con gli appropriati approcci di testing dinamico 6.5 Fattori di successo per le revisioni (K2) Spiegare i rischi che possono insorgere tralasciando i problemi tecnici, personali e i fattori organizzativi per eseguire le revisioni Capitolo 7: Gestione degli incidenti [80 minuti] (K3) Trattare un difetto seguendo la procedura del ciclo di vita della gestione degli incidenti come proposto dallo Standard IEEE (K3) Valutare i report dei difetti rispetto allo Standard IEEE e alla tassonomia dei difetti applicata al fine di migliorarne la qualità (K4) Analizzare i report dei difetti creati nel tempo e aggiornare la tassonomia dei difetti Capitolo 8: Standard e processo di miglioramento del test [120 minuti] (K2) Riepilogare le fonti di standard software e spiegarne l utilità per il software testing 8.4 Miglioramento dei processi di test (K3) Scrivere e testare il piano di miglioramento usando i passi generici che coinvolgono le persone giuste (K2) Riepilogare il processo di miglioramento di testing come definito da TMM, TPI, CTP, STEP e la verifica e la convalida delle aree di processo in CMMI (K2) Spiegare i criteri di valutazione dei modelli di miglioramento dei test TMM, TPI, CTP, STEP e la verifica e la convalida delle aree di processo in CMMI Capitolo 9: Tool di test e automazione [90 minuti] 9.2 Concetti riguardanti i tool di test Versione 2007 Pagina 14 di Set 2008 / ITAlian Qualification Board

15 (K2) Confrontare gli elementi e gli aspetti insiti in ogni concetto di tool di test: Vantaggi e rischi, Strategie di tool di test, Integrazione di tool, Linguaggi di automazione, Oracoli del test, Installazione dei tool, Tool open source, Sviluppo di tool e Classificazione dei tool (K2) Descrivere perché e quando è importante creare una mappa o una strategia di tool di test per il proprio tool (K2) Comprendere le diverse fasi nell implementazione dei tool di test 9.3 Categorie di tool di test (K2) Riepilogare le categorie di tool di test per obiettivi, uso previsto, punti forza, rischi e fornire esempi (K2) Riepilogare i requisiti specifici dei tool di test e dei tool di test open source usati per testare i sistemi safety critical (K2) Descrivere aspetti e conseguenze importanti di diversi tool di test e la loro implementazione, l uso e gli effetti sul processo di test (K2) Descrivere quando e perché implementare il proprio tool è un opzione e i vantaggi, i rischi e le conseguenze Capitolo 10: Competenze tecniche Composizione del team [240 minuti] 10.2 Competenze tecniche individuali (K3) Utilizzare un questionario specifico al fine di determinare i punti forza e le debolezze dei membri del team relativi all uso di sistemi software, conoscenza di business e di dominio, aree di sviluppo di sistemi, competenze interpersonali e software testing 10.3 Dinamiche del gruppo di test (K3) Effettuare una gap analysis al fine di determinare le competenze soft e tecniche richieste per posizioni aperte in un organizzazione 10.4 Adattamento del testing all interno di un organizzazione (K2) Caratterizzare le varie opzioni organizzative e confrontarle con in/out source e in/off shoring 10.5 Motivazione (K2) Fornire esempi di fattori incentivanti e demotivanti per i tester 10.6 Comunicazione (K2) Descrivere con esempi la comunicazione efficace, obiettiva e professionale in un progetto dal punto di vista del tester. È possibile anche considerare i rischi e le opportunità 0.5 Obiettivi di Apprendimento per Analisti del Test Questa sezione fornisce un elenco di obiettivi di apprendimento dettagliati per il modulo Analista del Test. In generale tutte le parti di questo syllabus sono oggetto di esame al livello K1: cioè il candidato deve essere in grado di riconoscere e ricordare un termine o un concetto. Per questo motivo, la tabella sottostante contiene solo obiettivi di apprendimento ai livelli K2, K3 e K4. Introduzione al syllabus Analista del test [60 minuti] (Compresa la revisione del syllabus Foundation Level ISTQB ) Capitolo 1: Elementi fondamentali del software testing [30 minuti] Capitolo 2: Processi di testing [180 minuti] 2.4 Progettazione ed analisi di test (K2) Spiegare le cause di testing funzionale che può aver luogo in specifiche fasi del ciclo di vita di un applicazione (K2) Esemplificare i criteri che influenzano la struttura e il livello di sviluppo delle condizioni di test (K2) Descrivere come la progettazione e l analisi di test siano tecniche di testing statico che possono essere usate per scoprire i difetti Versione 2007 Pagina 15 di Set 2008 / ITAlian Qualification Board

16 (K2) Spiegare con esempi il concetto di oracoli del test e come un oracolo del test possa essere usato nelle specifiche di test 2.5 Implementazione ed esecuzione di test (K2) Descrivere le precondizioni per l esecuzione dei test, tra cui: testware, ambiente di test, gestione della configurazione e gestione dei difetti 2.6 Valutazione dei criteri di uscita e reportistica (K3) Determinare da un insieme dato di misure se un criterio di completamento del test è stato soddisfatto Capitolo 3: Gestione dei test [120 minuti] Testing basato sul rischio (K3) Ordinare per priorità la selezione di test case, test di copertura e dati di test basati sul rischio e documentare il tutto appropriatamente in una schedulazione del test e in una procedura di test (K2) Descrivere le attività di un approccio basato sul rischio per pianificare ed eseguire testing di dominio Capitolo 4: Tecniche di test [1080 minuti] 4.2 Basate sulle specifiche (K2) Elencare esempi di difetti tipici che devono essere identificati da ogni tecnica basata sulle specifiche, fornire i criteri di copertura corrispondenti (K3) Scrivere test case da modelli software dati usando le seguenti tecniche di progettazione dei test (i test raggiungeranno una copertura dei modelli dati) o Partizionamento di equivalenza o Analisi ai valori limite o Tabelle delle decisioni o Testing delle transizioni di stato o Metodo dell albero di classificazione o Testing combinatorio o Casi d uso (K4) Analizzare un sistema o la sua specifica di requisiti al fine di determinare quali tecniche basate sulle specifiche applicare ad obiettivi specifici e descrivere una specifica di test basata su IEEE 829, focalizzandosi su test case di dominio e funzionale e su procedure di test 4.4 Basate sui difetti e sull esperienza (K2) Descrivere il principio e le ragioni per cui usare tecniche basate sui difetti e differenziarne l uso rispetto a tecniche basate sulle specifiche e sulla struttura (K2) Spiegare con esempi le tassonomie dei difetti e il loro utilizzo (K2) Capire il principio e le ragioni per cui usare tecniche basate sull esperienza e quando usarle (K3) Specificare, eseguire e riportare test usando testing esplorativo (K2) Classificare i difetti che devono essere identificati tramite diversi tipi di attacchi basati sui guasti software secondo i difetti che hanno come obiettivo (K4) Analizzare un sistema al fine di determinare quali tecniche basate sull esperienza, sulle specifiche o sui difetti applicare per scopi specifici Capitolo 5: Test delle caratteristiche del software [210 minuti] 5.2 Attributi di qualità per testing del dominio (K4) Spiegare con esempi quali tecniche di testing elencate nel Capitolo 4 sono appropriate per testare le caratteristiche di accuratezza, idoneità, interoperabilità e sicurezza funzionale (K3) Descrivere, progettare, specificare ed eseguire test di usabilità usando tecniche appropriate e considerando obiettivi di test dati e difetti da attaccare 5.3 Attributi di qualità per testing tecnico Versione 2007 Pagina 16 di Set 2008 / ITAlian Qualification Board

17 (K2) Spiegare i motivi per includere test di efficienza, affidabilità e sicurezza tecnica in una strategia di testing e fornire esempi di difetti che ci si aspetta di trovare (K2) Caratterizzare tipi di test non funzionali per testing tecnico tramite difetti tipici che devono essere attaccati, l applicazione tipica nel ciclo di vita dell applicazione e tecniche di test adatte ad essere usate per la progettazione dei test Capitolo 6: Revisioni [180 minuti] (K3) Usare una lista di controllo di revisione per verificare codice e architettura dal punto di vista dei tester (K3) Usare una lista di controllo di revisione per verificare requisiti e casi d uso dal punto di vista dei tester (K2) Confrontare i tipi di revisione ed evidenziarne i punti di forza, le debolezze e i campi d uso Capitolo 7: Gestione degli incidenti [120 minuti] (K4) Analizzare, classificare e descrivere difetti funzionali e non-funzionali in report dei difetti comprensibili Capitolo 8: Standard e processo di miglioramento del test [0 minuti] Nessun obiettivo di apprendimento (a qualsiasi livello K) richiesto all analista del test Capitolo 9: Tool di test e automazione [90 minuti] 9.2 Concetti riguardanti i tool di test (K2) Confrontare gli elementi e gli aspetti insiti in ogni concetto di tool di test: Vantaggi e rischi, Strategie di tool di test, Integrazione di tool, Linguaggi di automazione, Oracoli del test, Installazione dei tool, Tool open source, Sviluppo di tool e Classificazione dei tool 9.3 Categorie di tool di test (K2) Riepilogare le categorie di tool di test per obiettivi, uso previsto, punti forza, rischi e fornire esempi (K2) Rappresentare i tool delle categorie di tool in diversi livelli e tipi di testing Capitolo 10: Competenze tecniche Composizione del team [30 minuti] 10.6 Comunicazione (K2) Descrivere con esempi la comunicazione efficace, obiettiva e professionale in un progetto dal punto di vista del tester. È possibile anche considerare i rischi e le opportunità. 0.6 Obiettivi di Apprendimento per Analisti Tecnici del Test Questa sezione fornisce un elenco di obiettivi di apprendimento dettagliati per il modulo Analista Tecnico del Test. In generale tutte le parti di questo syllabus sono oggetto di esame al livello K1: cioè il candidato deve essere in grado di riconoscere e ricordare un termine o un concetto. Per questo motivo, la tabella sottostante contiene solo obiettivi di apprendimento ai livelli K2, K3 e K4. Introduzione al syllabus Analista di test tecnico [60 minuti] (Compresa la revisione del syllabus Foundation Level ISTQB ) Capitolo 1: Elementi fondamentali del [30 minuti] Capitolo 2: Processi di testing [180 minuti] 2.4 Progettazione ed analisi di test Versione 2007 Pagina 17 di Set 2008 / ITAlian Qualification Board

18 (K2) Spiegare le fasi nel ciclo di vita di un applicazione in cui possono essere applicati i test non-funzionali e i test basati sull architettura. Spiegare le cause di testing non-funzionale che può aver luogo solo in specifiche fasi del ciclo di vita di un applicazione (K2) Esemplificare i criteri che influenzano la struttura e il livello di sviluppo delle condizioni di test (K2) Descrivere come la progettazione e l analisi di test siano tecniche di testing statico che possono essere usate per scoprire i difetti (K2) Spiegare con esempi il concetto di oracoli del test e come un oracolo del test possa essere usato nelle specifiche di test 2.5 Esecuzione ed implementazione dei test (K2) Descrivere le precondizioni per l esecuzione dei test, tra cui: testware, ambiente di test, gestione della configurazione e gestione dei difetti 2.6 Valutazione dei criteri di uscita e reportistica (K3) Determinare da un insieme dato di misure se un criterio di completamento del test è stato soddisfatto Capitolo 3: Gestione del test [120 minuti] Gestione del rischio (K2) Descrivere le attività di un approccio basato sul rischio per pianificare ed eseguire testing tecnico Capitolo 4: Tecniche di test [930 minuti] 4.2 Basate sulle specifiche (K2) Elencare esempi di difetti tipici che devono essere identificati da ogni tecnica basata sulle specifiche (K3) Scrivere test case da modelli software dati nella vita reale usando le seguenti tecniche di progettazione dei test (i test raggiungeranno una copertura dei modelli dati) o Partizionamento di equivalenza o Analisi ai valori limite o Tabelle delle decisioni o Testing delle transizioni di stato (K4) Analizzare un sistema o la sua specifica di requisiti al fine di determinare quali tecniche basate sulle specifiche applicare ad obiettivi specifici e descrivere una specifica di test basata su IEEE 829, focalizzandosi su test case non-funzionali e di componente e su procedure di test 4.3 Basate sulla struttura (K2) Elencare esempi di difetti tipici che devono essere identificati da ogni tecnica specifica basata sulla struttura (K3) Scrivere test case da modelli software dati nella vita reale usando le seguenti tecniche di progettazione dei test (i test raggiungeranno una copertura dei modelli dati) o Testing delle istruzioni o Testing delle decisioni o Testing di determinazione delle condizioni o Testing delle condizioni multiple (K4) Analizzare un sistema al fine di determinare quali tecniche basate sulla struttura applicare a specifici obiettivi di test (K2) Capire ogni tecnica basata sulla struttura e i corrispondenti criteri di copertura e quando usarli (K4) È possibile confrontare ed analizzare quale tecnica basata sulla struttura usare in situazioni diverse 4.4 Basate sui difetti e sull esperienza (K2) Descrivere il principio e le ragioni per cui usare tecniche basate sui difetti e differenziarne l uso rispetto a tecniche basate sulle specifiche e sulla struttura Versione 2007 Pagina 18 di Set 2008 / ITAlian Qualification Board

19 (K2) Spiegare con esempi le tassonomie dei difetti e il loro utilizzo (K2) Capire il principio e le ragioni per cui usare tecniche basate sull esperienza e quando usarle (K3) Specificare, eseguire e riportare test usando testing esplorativo (K3) Specificare test usando i diversi tipi di attacchi basati sui guasti software secondo i difetti che attaccano (K4) Analizzare un sistema al fine di determinare quali tecniche basate sull esperienza, sulle specifiche o sui difetti applicare per scopi specifici 4.5 Analisi statica (K3) Usare gli algoritmi Analisi del flusso di controllo, Analisi del flusso di dati per verificare se il codice non ha alcuna anomalia del flusso di dati o di controllo (K4) Interpretare i risultati del flusso di dati e di controllo consegnati da un tool al fine di valutare se il codice ha un anomalia del flusso di dati o di controllo (K2) Spiegare l uso di grafi richiamati per la valutazione della qualità dell architettura. Questo includerà la necessità di identificare difetti, usare progettazione di test e pianificazione di test, e le limitazioni di risultati 4.6 Analisi dinamica (K2) Spiegare come l analisi dinamica per il codice possa essere eseguita e riepilogare i difetti che possono essere identificati usando quella tecnica, e le sue limitazioni Capitolo 5: Test delle caratteristiche del software [240 minuti] 5.2 Attributi di qualità per testing del dominio (K2) Caratterizzare tipi di test non funzionali per testing del dominio tramite difetti tipici che devono essere attaccati, l applicazione tipica nel ciclo di vita dell applicazione e tecniche di test adatte ad essere usate per la progettazione dei test (K4) Specificare test case per particolari tipi di test non-funzionali e considerare obiettivi di test dati e difetti da attaccare 5.3 Attributi di qualità per testing tecnico (K2) Caratterizzare tipi di test non funzionali per testing tecnico tramite difetti tipici che devono essere attaccati, l applicazione tipica nel ciclo di vita dell applicazione e tecniche di test adatte ad essere usate per la progettazione dei test (K2) Capire e spiegare le fasi nel ciclo di vita di un applicazione in cui possono essere applicati test di efficienza, affidabilità e sicurezza (tra cui i loro corrispondenti sottoattributi ISO9126) (K2) Distinguere tra i tipi di guasti trovati da test di efficienza, affidabilità e sicurezza (tra cui i loro corrispondenti sottoattributi ISO9126) (K2) Caratterizzare approcci di testing per attributi di qualità di efficienza, affidabilità e sicurezza e i loro corrispondenti sottoattributi ISO9126 (K3) Specificare test case per attributi di qualità di efficienza, affidabilità e sicurezza e i loro corrispondenti sottoattributi ISO9126 (K2) Capire e spiegare i motivi per cui includere test di mantenibilità, portabilità ed accessibilità in una strategia di testing (K3) Specificare test case per tipi di mantenibilità e portabilità di test non-funzionale Capitolo 6: Revisioni [180 minuti] (K4) Descrivere una lista di controllo di revisione per individuare difetti tipici che vanno individuati con la revisione del codice e dell architettura (K2) Confrontare i tipi di revisione ed evidenziarne i punti di forza, le debolezze e i campi d uso Capitolo 7: Gestione degli incidenti [120 minuti] (K4) Analizzare, classificare e descrivere difetti funzionali e non-funzionali in report dei difetti comprensibili Versione 2007 Pagina 19 di Set 2008 / ITAlian Qualification Board

20 Capitolo 8: Standard e processo di miglioramento del test [0 minuti] Nessun obiettivo di apprendimento (a qualsiasi livello K) richiesto all analista del test Capitolo 9: Tool di test e automazione [210 minuti] 9.2 Concetti riguardanti i tool di test (K2) Confrontare gli elementi e gli aspetti insiti in ogni concetto di tool di test: Vantaggi e rischi, Strategie di tool di test, Integrazione di tool, Linguaggi di automazione, Oracoli del test, Installazione dei tool, Tool open source, Sviluppo di tool e Classificazione dei tool 9.3 Categorie di tool di test (K2) Riepilogare le categorie di tool di test per obiettivi, uso previsto, punti forza, rischi e fornire esempi (K2) Rappresentare i tool delle categorie di tool in diversi livelli e tipi di testing Automazione del testing guidato dalle parole chiave (K3) Creare tabelle di parole d azione/chiave usando l algoritmo di selezione delle parole chiave che deve essere usato da un tool di esecuzione dei test (K3) Registrare test con tool di cattura/riesecuzione al fine di rendere possibile testing di regressione con alta qualità, molti test case trattati in una breve cronologia Tool di testing delle prestazioni (K3) Progettare un test delle prestazioni usando tool di test delle prestazioni tra cui pianificazione e misurazioni sulle caratteristiche di sistema Capitolo 10: Competenze tecniche Composizione del team [30 minuti] 10.6 Comunicazione (K2) Descrivere con esempi la comunicazione efficace, obiettiva e professionale in un progetto dal punto di vista del tester. È possibile anche considerare i rischi e le opportunità. Versione 2007 Pagina 20 di Set 2008 / ITAlian Qualification Board

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione Processi (di sviluppo del) software Fase di Analisi dei Requisiti Un processo software descrive le attività (o task) necessarie allo sviluppo di un prodotto software e come queste attività sono collegate

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello del sistema 4 2.1 Requisiti hardware........................ 4 2.2 Requisiti software.........................

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Release Management Obiettivi Obiettivo del Release Management è di raggiungere una visione d insieme del cambiamento nei servizi IT e accertarsi che tutti gli aspetti di una release (tecnici e non) siano

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Unified Process Prof. Agostino Poggi Unified Process Unified Software Development Process (USDP), comunemente chiamato

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Ricognizione di alcune Best Practice

Ricognizione di alcune Best Practice Linee guida sulla qualità dei beni e dei servizi ICT per la definizione ed il governo dei contratti della Pubblica Amministrazione Manuale di riferimento Ricognizione di alcune Best Practice applicabili

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Cos è l Ingegneria del Software?

Cos è l Ingegneria del Software? Cos è l Ingegneria del Software? Corpus di metodologie e tecniche per la produzione di sistemi software. L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionale che riguarda la produzione sistematica

Dettagli

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento tecnologie innovative Istituto sistemi informativi e networking Specialista ITIL Certificate of Advanced Studies www.supsi.ch/fc

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

Il ciclo di vita del software

Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Definisce un modello per il software, dalla sua concezione iniziale fino al suo sviluppo completo, al suo rilascio, alla sua successiva evoluzione,

Dettagli

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate 6.1 Metodi per lo sviluppo di nuovi prodotti (MSNP) Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate Questo capitolo presenta alcune metodologie per gestire al meglio

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO 92 Generazione dei concetti di prodotto Individuazione dei bisogni dei clienti Eseguire l analisi economica Analizzare i prodotti della concorrenza Costruire e collaudare

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Business Process Manifesto! Redatto da Roger Burlton, P.Eng, CMC

Business Process Manifesto! Redatto da Roger Burlton, P.Eng, CMC Business Process Manifesto! Redatto da Roger Burlton, P.Eng, CMC Copyright BPTrends, LLC Redatto da Roger Burlton La riproduzione e la distribuzione di questo documento è autorizzata alle seguenti condizioni:

Dettagli

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS?

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS? Cos è il BULATS Il Business Language Testing Service (BULATS) è ideato per valutare il livello delle competenze linguistiche dei candidati che hanno necessità di utilizzare un lingua straniera (Inglese,

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Un sistema integrato di Business Intelligence consente all azienda customer oriented una gestione efficace ed efficiente della conoscenza del

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

L Autovalutazione L Autovalutazione con il con il Modello CAF Massimo Tronci

L Autovalutazione L Autovalutazione con il con il Modello CAF Massimo Tronci L Autovalutazione con il Modello CAF Questa presentazione L autovalutazione e il miglioramento Il processo di autovalutazione La scelta dell approccio all autovalutazione Alcuni approfondimenti sull autovalutazione

Dettagli

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Forniamo in questo articolo le risposte ai 53 quesiti ricevuti

Dettagli

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 AGENDA Introduzione Valutazione dei prodotti Valutazione dell organizzazione per la sicurezza

Dettagli

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Art. 1 ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano Telematica Roma attiva il Master di

Dettagli

Executive Master in. Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT

Executive Master in. Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT Executive Master in Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT OBIETTIVI Il Master ha l obiettivo di formare executive e professional nella governance dei progetti e dei servizi IT, integrando quelle

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza PROCESS MAPPING (2) Approcci: 2- Identificazione del processo Esaustivo (o dei processi) da analizzare Mappatura a largo spettro (es.: vasta implementazione di un ERP) In relazione al problema ad es. i

Dettagli

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu FRAUD MANAGEMENT. COME IDENTIFICARE E COMB BATTERE FRODI PRIMA CHE ACCADANO LE Con una visione sia sui processi di business, sia sui sistemi, Reply è pronta ad offrire soluzioni innovative di Fraud Management,

Dettagli

Business Process Redesign

Business Process Redesign Business Process Redesign I servizi offerti da Nòema 1 Riorganizzare le strutture organizzative significa cercare di conciliare l efficienza delle attività con le aspettative delle persone che costituiscono

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

La validazione dei risultati degli apprendimenti non formali e informali in pratica 12

La validazione dei risultati degli apprendimenti non formali e informali in pratica 12 La validazione dei risultati degli apprendimenti non formali e informali in pratica 12 Questo capitolo descrive: A. Le scelte e i passaggi per sviluppare dispositivi per la validazione dei risultati dell

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Business Process Modeling and Notation e WebML

Business Process Modeling and Notation e WebML Business Process Modeling and Notation e WebML 24 Introduzione I Web Service e BPMN sono standard de facto per l interoperabilità in rete a servizio delle imprese moderne I Web Service sono utilizzati

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

PROGETTO EM.MA PRESIDIO

PROGETTO EM.MA PRESIDIO PROGETTO EM.MA PRESIDIO di PIACENZA Bentornati Il quadro di riferimento di matematica : INVALSI e TIMSS A CONFRONTO LE PROVE INVALSI Quadro di riferimento per la valutazione Quadro di riferimento per i

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali RESPONSABILITA D IMPRESA D.lgs. 231/01 L EVOLUZIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI E DI GESTIONE 27 maggio 2014 ore 14.00 Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali Ing. Gennaro

Dettagli

OPEN DAY: ELOCAL GROUP RELOADED

OPEN DAY: ELOCAL GROUP RELOADED L'ingegneria di Elocal Roberto Boccadoro / Luca Zucchelli OPEN DAY: ELOCAL GROUP RELOADED ELOCAL GROUP SRL Chi siamo Giorgio Dosi Lorenzo Gatti Luca Zucchelli Ha iniziato il suo percorso lavorativo in

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JEN UNDERWOOD ADVANCED WORKSHOP ROMA 6 MAGGIO 2015 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JEN UNDERWOOD ADVANCED WORKSHOP ROMA 6 MAGGIO 2015 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JEN UNDERWOOD ADVANCED ANALYTICS WORKSHOP ROMA 6 MAGGIO 2015 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 info@technologytransfer.it www.technologytransfer.it ADVANCED ANALYTICS

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e'

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il continuous improvement ed e' ITIL v3 ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e' giusto che lo applichi anche a se' stessa... Naturalmente una

Dettagli

Finanziamenti on line -

Finanziamenti on line - Finanziamenti on line - Manuale per la compilazione dei moduli di Gestione dei Progetti Finanziati del Sistema GEFO Rev. 02 Manuale GeFO Pagina 1 Indice 1. Introduzione... 4 1.1 Scopo e campo di applicazione...

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine Portfolio Network Data Center Desktop & MDM ServiceDesk & Asset Active Directory Log &

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 TECHNOLOGY Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel offre

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA Prova Finale GESTIONE DELLA TRANSIZIONE SECONDO LO STANDARD ITIL ITIL SERVICE TRANSITION

Dettagli

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA di Mario Comoglio INTRODUZIONE 1 Non è raro imbattersi in articoli e in interventi ministeriali che affrontano la questione di come valutare l apprendimento degli studenti.

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli