Servizio di riscossione coattiva in gestione diretta

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Servizio di riscossione coattiva in gestione diretta"

Transcript

1 Servizio di riscossione coattiva in gestione diretta Comune di Firenze Linea Comune Spa Alessandro Petretto Firenze, 13 dicembre

2 Normativa ed indirizzi di riferimento base D.L.13 maggio 2011 n 70 Prime misure urgenti per l economia convertito con Legge n 214/2011, stabilisce all art. 7 comma 2: lettera gg ter a decorrere dal 30 giugno 2013,.Equitalia Spa..cessa di effettuare le attività di accertamento, liquidazione e riscossione, spontanea e coattiva, delle entrate, tributarie o patrimoniali, dei comuni e delle società da essi partecipate. lettera gg-quater a decorrere dalla data di cui alla lettera gg-ter), i comuni effettuano la riscossione coattiva delle proprie entrate, anche tributarie: sulla base dell ingiunzione prevista dal testo unico di cui al regio decreto 14 aprile 1910, n. 639, che costituisce titolo esecutivo, nonché secondo le disposizioni del titolo II del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 602, in quanto compatibili, comunque nel rispetto dei limiti di importo e delle condizioni stabilite per gli agenti della riscossione in caso di iscrizione ipotecaria e di espropriazione forzata immobiliare. Mozione approvata dal Consiglio Comunale il 2 luglio 2012 n 483 Impegna il Sindaco a: interrompere immediatamente il rapporto con Equitalia Spa, sollevando l azienda da qualsiasi compito di riscossione coattiva; predisporre gli strumenti necessari a svolgere il servizio di riscossione coattiva utilizzando le risorse tecniche, strumentali, infrastrutturali ed umane interne al Comune di Firenze o comunque previste dal D. L.70/

3 La normativa più recente Il decreto del fare d.l.69/2013 ha apportato modifiche alla disciplina sulla riscossione coattiva delle entrate locali. Il governo ha inteso tutelare l'abitazione principale e i beni per lo svolgimento dell'attività professionali, ha incrementato il numero di rate per i contribuenti che si trovano in difficoltà economiche per la grave congiuntura. Altre modifiche riguardano l'esecuzione forzata esattoriale ed i limiti all'espropriazione delle proprietà immobiliari, quali la prima casa. Si dà impulso alla revisione del sistema di remunerazione della riscossione anticipando il passaggio dall'aggio al rimborso. Ad oggi rimane la facoltà di proroga al 31/12/2013 per Equitalia e per le società private, al fine di dar corso alla riforma della disciplina sulla riscossione delle entrate locali. E' all'esame delle commissioni senato (la Camera ha già licenziato il provvedimento in settembre) il disegno di legge delega per la riforma fiscale All'art.10 (revisione del contenzioso tributario e della riscossione per gli enti locali) tra i criteri citati, al punto 6 è interessante l'introduzione del ruolo in forma diretta: assoggettare le attività di riscossione coattiva a regole pubblicistiche, a garanzia dei contribuenti, prevedendo, in particolare, che gli enti locali possano riscuotere i tributi e le altre entrate con lo strumento del ruolo in forma diretta o con società interamente partecipate ovvero avvalendosi, in via transitoria e nelle more della riorganizzazione interna degli enti stessi, delle società del gruppo Equitalia, subordinatamente alla trasmissione a queste ultime di informazioni idonee all'identificazione della natura e delle ragioni del credito, con la relativa documentazione. 3

4 La precedente organizzazione della riscossione coattiva delle entrate Il Comune di Firenze con delibera n 384/2008 ha costituito un Ufficio unico per la riscossione coattiva delle entrate tributarie e patrimoniali (URC) presso il Servizio Entrate della Direzione Risorse Finanziarie. Le Direzioni che gestiscono le singole entrate predispongono le liste di carico del ruolo relative ai soggetti che non hanno effettuato i pagamenti dovuti (tributi, imposte, tariffe, canoni, sanzioni Codice della Strada) L URC, con singolo provvedimento dirigenziale, approva i ruoli coattivi, accerta sui capitoli di competenza le somme incassate ed assume gli impegni di spesa per i compensi degli agenti della riscossione. L URC: controlla l operato degli agenti in merito alla tempestività della notificazione delle cartelle esattoriali e cura i rapporti con la società affidataria del servizio. mette a disposizione delle Direzioni, tramite apposita procedura informatica, la visualizzazione delle informazioni/dati relativi ai singoli ruoli emessi. La riscossione coattiva di tutte le entrate comunali viene effettuata mediante la procedura del ruolo (DPR , n. 602 => Equitalia Spa. 4

5 Schema formazione dei ruoli nel Comune di Firenze (attuale) Polizia municipale Risorse Finanziarie Ufficio Riscossione Coattiva (U.R.C.) Equitalia Spa Ecc. 5

6 La nuova gestione : => internalizzare il processo di riscossione coattiva Con delibera di Giunta del è stato deciso di assumere la gestione diretta della riscossione coattiva affidando a soggetti esterni alcune attività per le quali necessitano professionalità/organizzazione specifiche, o nel caso in cui possa essere conseguito un risparmio. L Amministrazione Comunale acquisisce così il controllo sul processo di gestione della riscossione coattiva delle proprie entrate => Nuovo Regolamento (Giunta 21.11)e Si ritiene di poter: migliorare e innovare i servizi resi al cittadino mediante informatizzazione con la realizzazione di un front-office, di un portale web e della cartella del contribuente, con l ausilio di Linea Comune spa ridurre i tempi di recupero delle somme non versate dal cittadino nei termini stabiliti incrementare la percentuale di recupero dei crediti del Comune anche grazie all analisi delle banche dati ed alla focalizzazione sul profilo del contribuente contenere le spese gestionali da imputare agli utenti. mantenere un elevato grado di controllo attraverso la cabina di regia dell URC 6

7 Schema uffici comunali coinvolti nuova gestione Polizia municipale Risorse Finanziarie L ufficio riscossione coattiva: cura la gestione della riscossione (compreso verifica recapiti, ingiunzioni, rateizzazioni e rendicontazione della somme incassate), i rapporti coni soggetti esterni affidatari di parte dell attività e le procedure per le azioni cautelari ed esecutive. Ecc. Ambiente Patrimonio Sport Le singole direzioni predispongono la lista di carico per la creazione delle ingiunzioni fiscali ed effettuano le attività inerenti sgravi, autotutele e informazioni specifiche Ufficio Riscossione Coattiva Sviluppo economico Urbanistica Istruzione 7

8 Schema attività da affidare a soggetti esterni Linea Comune Spa Ufficio Riscossione Coattiva -Predisposizione applicativo per la gestione della riscossione coattiva -Creazione e gestione del portale web con aggiornamento cartella del contribuente -Servizio di contact center e sportello fisico -Servizio tecnologico di Integrazione fra i diversi canali di comunicazione Soggetti esterni per azioni esecutive e relativi contenziosi Ditta esterna per attività di stampa, spedizione e notifica di solleciti di pagamento ed ingiunzioni fiscali 8

9 Schema competenze e procedure Applicativo per la gestione della riscossione coattiva Sottoscrizione ingiunzione legenda U.R.C. Direzioni comunali Lnea comune Ditta esterna Soggetti esterni Predisposizione liste di carico Formazione dell ingiunzione fiscale Stampa, spedizione e notifica atti Entro 30 gg. Gestione Canali di comunicazione e servizi online Ricorso alle Autorità competenti Richiesta di sgravio, rateizzazione, rimborso Pagamento Rendicontazione pagamenti Mancato pagamento Servizio Entrate Avvocatura Rateizzazione e rimborso Sgravio Azioni cautelari (fermo o ipoteca) Azioni esecutive 9

10 Modello di riferimento per l erogazione del servizio CANALI DI COMUNICAZIONE VERSO IL CITTADINO Servizi tecnologici trasversali ai diversi canali Contact Center Sportello al cittadino (web) Sportello al cittadino (fisico) Posta 1 e 2 livello specialistico Servizi di postalizzazione Sviluppo di servizi di front end e back end per permettere l esecuzione dei servizi online al cittadino o all operatore intermediario Software di back office ed integrazione banche dati Input da parte dell Ufficio Unico Riscossione del carico di ingiunzioni annue reperito dalle singole Direzioni Attività Comunali per richieste di sgravi e informazioni specialistiche verso altre Direzioni 10

11 Flusso dei principali processi di produzione (filiera) Gestione attività propedeutica ingiunzione fiscale Gestione formazione dell ingiunzione Gestione dei pagamenti Gestione azioni cautelari Gestione esecuzione forzata Normalizzazione liste di carico provenienti dalle direzioni comunali Attività propedeutica all ingiunzione fiscale Emissione eventuali solleciti di pagamento Generazione e produzione degli atti di ingiunzione Spedizione e notifica atti Gestione delle relate di notifica Riconciliazione dei pagamenti effettuati Rateizzazioni Individuazione dei soggetti morosi Analisi della situazione patrimoniale del soggetto Individuazione delle procedure da attivare Adozione atti per azioni cautelari Valutazione per avvio di azioni esecutive Nomina e determinazione compenso ufficiali della riscossione Attività di supporto per procedure e atti per l esecuzione 11

12 Parametri di riferimento per l elaborazione dell analisi sulla base dello storico Il dato del 2011 rappresenta la base per la simulazione Per la riscossione di tale gettito si stima l invio di ingiunzioni Dato reale consolidato dopo 3 anni dall invio delle cartelle Stima del gettito ottenibile nel 2011 prendendo come riferimento il dato consolidato del 2008 NB: tutte le elaborazione effettuate in questa e nelle slides successive si basano su dati economici forniti dall Ufficio Unico Riscossione del Comune di Firenze 12

13 Le diverse categorie di ingiunzioni ed il loro peso Stima annuale numero di ingiunzioni* in lavorazione pari a % sul Tot. ingiunzioni Tot. Riscosse 54% Categoria ingiunzione N % Riscosse entro 30 gg. dalla notifica % Riscosse oltre 30 gg. dalla notifica ed in arco temporale di circa 3-4 anni anche con azioni cautelari % Totale categoria Tot. NON Riscosse 36% Non riscosse su cui sono fatte azioni (sollecito, azione cautelare) % Non riscosse su cui NON sono fatte azioni cautelari % Totale categoria Tot Discaricate 10% Discaricate nelle varie fasi della riscossione % 100% Totali % * NB: La stima si basa su una media pari a circa 3 partite (187 mila totale annuo) ad ingiunzione 13

14 Il valore rispetto al gettito delle categorie di ingiunzione % sul Tot. gettito Categoria ingiunzione Importo del gettito % sul gettito della singola categoria Tot. Riscosse 28% Riscosse entro 30 gg. dalla notifica % Riscosse oltre 30 gg. dalla notifica ed in arco temporale di circa 3-4 anni anche con azioni cautelari % Totale categoria Tot. NON Riscosse 71% Non riscosse su cui sono fatte azioni (sollecito, azione cautelare) Non riscosse su cui NON sono fatte azioni cautelari % % Totale categoria Tot Discaricate 1% Discaricate nelle varie fasi della riscossione % 100% Totale gettito

15 Il valore medio dell ingiunzione per singola categoria % sul Tot. gettito Categoria ingiunzione Importo medio ingiunzione Riscosse entro 30 gg. dalla notifica 363,21 Tot. Riscosse Riscosse oltre 30 gg. dalla notifica ed in arco temporale di circa 3-4 anni anche con azioni cautelari 396,76 Tot. NON Riscosse Tot Discaricate Non riscosse su cui sono fatte azioni (sollecito, azione cautelare) 1.453,00 Non riscosse su cui NON sono fatte azioni cautelari Discaricate nelle varie fasi della riscossione 106,07 Totali

16 La stima delle voci di costo del servizio in Costi Fissi (~ 35%) Contact center 1 e 2 livello Sportello al cittadino (fisico) Sportello al cittadino (web), software di back office ed integrazione banche dati Servizi tecnologici trasversali ai diversi canali di comunicazione al cittadino Totale costi fissi Costi Variabili (~ 65%) A. Servizi di postalizzazione (ingiunzione, solleciti) B. Procedure cautelari 16

17 Dettaglio Costi variabili A): Servizi di postalizzazione (ingiunzione, solleciti) Di seguito i servizi da attivare per gestire la postalizzazione: Gestione ingiunzione Stampa Imbustamento Invio e Notifica 11,62 Sollecito in posta ordinaria 1,30 Sollecito in posta raccomandata R/R (legato ad avviso per azioni cautelari) 4,13 17

18 Dettaglio Costi variabili B): Procedure cautelari Parametri per la stima dei costi relativi alle azioni cautelari: Fermo amministrativo: 30,99 Iscrizione ipotecarie: 154,94 Pignoramento presso terzi: 27,89 Pignoramento immobiliare: 180,76 Pignoramento mobiliare: 18,59 Istanza di insinuazione procedure concorsuali: 154,94 Previste dalla normativa Decreto Ministeriale 21/11/00 Spesa media per procedura 43,46 (calcolata sulla base della media ponderata sul reale utilizzo del singolo strumento da parte di Equitalia) Incanto immobiliare: 41,32 18

19 Simulazione costi variabili di gestione del servizio Stima dei costi variabili con una simulazione sul carico annuo di ~62 mila ingiunzioni Voce di costo Costo unitario ad ingiunzione % di ingiunzioni su cui viene stimata l attività Valore A) Stampa, imbustamento, notifica 11,62 100% Quota rimborsata* su punto A 11,62 54% B) Sollecito in posta ordinaria (non rimborsabile) 1,30 80% C) Avviso in raccomandata R/R (da valutare rimborso) 4,13 48% D) Azione cautelare Quota rimborsata* su punto D 43,46 48% 43,46 34% Totale previsione sull anno: Al netto delle quote rimborsate

20 Quanto Equitalia recupera dal Comune e dal cittadino, per gestire il servizio Questi costi da soli potrebbero avere un valore elevato ma non stimabile a seconda del numero di azioni effettuate da Equitalia su partite risultate in seguito inesigibili 20

21 La copertura della spese Per ogni ingiunzione spese amministrative => spese di postalizzazione => copertura dei costi fissi copertura dei costi variabili Per la copertura delle spese amministrative <= un valore differenziato in base ai tempi di pagamento (prima e dopo 30 gg.) ed alle azioni realizzate: Nessun costo al cittadino che paga nella fase di pre-ingiunzione 15 euro entro i 30 gg. dall invio della ingiunzione e prima dell azione cautelare (15 euro calcolati in relazione al totale dei costi fissi sul totale ingiunzioni annuali stimate) 25 euro dopo l azione cautelare. Si prevede poi: un più esteso recupero spese conseguente ad un maggior gettito rispetto alla media di riscossioni raggiunta da Equitalia. una riduzione dei costi rispetto alle spese di postalizzazione <= utilizzo di una fase di preingiunzione (anticipare la riscossione di coloro che avrebbero pagato nei primi 30 gg. dalla notifica). 21

22 Esempio fasi ipotesi a valore differenziato Spese amm.ve Spese postali ed azioni cautelari Importi richiesti al Cittadino 0 1,30 11,62 1,30 4,13 43,46 Sollecito Pre ingiunzione Invio e 30 gg. Sollecito di Notifica legge ingiunzione Azione cautelare 120 gg dopo l invio del sollecito di legge Eventuale costo di un sollecito di preingiunzione Costi di postalizzazione ingiunzione e sollecito posta ordinaria Costi azione cautelare Costi raccomandata R/R NB: in rosso le spese amministrative (a copertura dei costi fissi), in verde le spese legate a postalizzazione ed azioni cautelari (costi variabili ) 22

23 Confronto con Equitalia 23

Servizio di riscossione coattiva in gestione diretta

Servizio di riscossione coattiva in gestione diretta Servizio di riscossione coatt in gestione diretta Comune di Firenze Linea Comune Spa 1 Normat ed indirizzi di riferimento base D.L.13 maggio 2011 n 70 Prime misure urgenti per l economia convertito con

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE SERVIZI DI SUPPORTO GESTIONE TARES AD HCS S.r.l. ALLEGATO A ) alla CONVENZIONE SERVIZI DI SUPPORTO ALLA GESTIONE TARES

CAPITOLATO SPECIALE SERVIZI DI SUPPORTO GESTIONE TARES AD HCS S.r.l. ALLEGATO A ) alla CONVENZIONE SERVIZI DI SUPPORTO ALLA GESTIONE TARES CAPITOLATO SPECIALE SERVIZI DI SUPPORTO GESTIONE TARES AD HCS S.r.l. ALLEGATO A ) alla CONVENZIONE SERVIZI DI SUPPORTO ALLA GESTIONE TARES Gestione TARES (rifiuti e servizi indivisibili) anno 2013 L affidamento

Dettagli

LA RISCOSSIONE COATTIVA NEL DOPO EQUITALIA: BUONE PRATICHE E POSSIBILI

LA RISCOSSIONE COATTIVA NEL DOPO EQUITALIA: BUONE PRATICHE E POSSIBILI LA RISCOSSIONE COATTIVA NEL DOPO EQUITALIA: BUONE PRATICHE E POSSIBILI SCENARI OPERATIVI Dott. M. Lendaro Dirigente Servizio Entrate Comune di Novara Mercoledì 20 febbraio 2013 Palazzo delle Stelline -

Dettagli

REGOLAMENTO per LA RISCOSSIONE COATTIVA delle ENTRATE COMUNALI TRIBUTARIE ED EXTRA-TRIBUTARIE

REGOLAMENTO per LA RISCOSSIONE COATTIVA delle ENTRATE COMUNALI TRIBUTARIE ED EXTRA-TRIBUTARIE REGOLAMENTO per LA RISCOSSIONE COATTIVA delle ENTRATE COMUNALI TRIBUTARIE ED EXTRA-TRIBUTARIE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 78 del 28.11.2014 1 Sommario Art. 1 Ambito di applicazione

Dettagli

COMUNE DI VALLIO TERME Provincia di Brescia

COMUNE DI VALLIO TERME Provincia di Brescia COMUNE DI VALLIO TERME Provincia di Brescia Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 26 del 29.11.2010 PARTE I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 Oggetto del Regolamento 1. Il presente Regolamento,

Dettagli

COMUNE DI MANIACE PROVINCIA DI CATANIA

COMUNE DI MANIACE PROVINCIA DI CATANIA COMUNE DI MANIACE PROVINCIA DI CATANIA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DEI TRIBUTI COMUNALI TASSE - VIOLAZIONI AMMINISTRATIVE ONERI DIRITTI - SPESE - RISCOSSIONE COATTIVA. 1 I N D I C E

Dettagli

COMUNE CASTELFRANCO DI SOTTO Provincia di Pisa REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DELLA TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI

COMUNE CASTELFRANCO DI SOTTO Provincia di Pisa REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DELLA TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI COMUNE CASTELFRANCO DI SOTTO Provincia di Pisa REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DELLA TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 16 DEL 18.05.2011

Dettagli

Allegato A. COMUNE DI SANT AGOSTINO (Provincia di Ferrara) Regolamento per la riscossione coattiva delle entrate

Allegato A. COMUNE DI SANT AGOSTINO (Provincia di Ferrara) Regolamento per la riscossione coattiva delle entrate Allegato A COMUNE DI SANT AGOSTINO (Provincia di Ferrara) Regolamento per la riscossione coattiva delle entrate Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 5 del 9.4.2014 INDICE Titolo I DISPOSIZIONI

Dettagli

PRESENTAZIONE Una gestione moderna delle entrate locali

PRESENTAZIONE Una gestione moderna delle entrate locali CENTRO SERVIZI FINANZA LOCALE GESTIONE ENTRATE COMUNALI PRESENTAZIONE Una gestione moderna delle entrate locali 1 Premessa L obiettivo della presentazione è quello di far conoscere un progetto innovativo

Dettagli

CONVENZIONE TRA. CONSIDERATE le norme di riordino del servizio della riscossione di cui alla legge delega 28 settembre 1998, n.

CONVENZIONE TRA. CONSIDERATE le norme di riordino del servizio della riscossione di cui alla legge delega 28 settembre 1998, n. CONVENZIONE Integrativa per il miglioramento della riscossione tramite ruolo della TARSU Nel giorno del mese di Maggio dell anno 2006 TRA ESATRI ESAZIONE TRIBUTI S.p.A., concessionario del Servizio di

Dettagli

Equitalia spa Equitalia è una società per azioni, a totale capitale pubblico (51% Agenzia delle entrate, 49% Inps), incaricata dell attività di riscossione nazionale dei tributi. Il suo fine è di contribuire

Dettagli

MUNICIPIO DELLA CITTA DEL VASTO Provincia di Chieti

MUNICIPIO DELLA CITTA DEL VASTO Provincia di Chieti MUNICIPIO DELLA CITTA DEL VASTO Provincia di Chieti DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE IN CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI RISCOSSIONE DELLE ENTRATE DELL ENTE COMUNE DI VASTO Approvato con Delibera di G.C.

Dettagli

PRESUPPOSTO DELL IMPOSTA

PRESUPPOSTO DELL IMPOSTA Comune di Sarteano Provincia di Siena Regolamento TASI (Tributo sui servizi indivisibili) Approvato con deliberazione Consiglio Comunale n. 25 del 12.05.2014 ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART. 6 ART.

Dettagli

Servizi dedicati di supporto e di gestione dell IMU

Servizi dedicati di supporto e di gestione dell IMU Servizi dedicati di supporto e di gestione dell IMU L entrata in vigore, dal 1 gennaio 2012, dell IMU impone ai Comuni un notevole sforzo organizzativo e strutturale. Infatti, oltre agli adempimenti formali

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) n. 230 del 30.10.2015

COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) n. 230 del 30.10.2015 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) DELIBERAZIONE della GIUNTA COMUNALE n. 230 del 30.10.2015 Oggetto: Riscossione coattiva dei crediti comunali ex R.D. 639/1910 e Titolo II del D.P.R: 602/1973.

Dettagli

CONSORZIO di BONIFICA dell EMILIA CENTRALE Corso Garibaldi n. 42 42121 Reggio Emilia - Tel. 0522443211- Fax 0522443254- c.f.

CONSORZIO di BONIFICA dell EMILIA CENTRALE Corso Garibaldi n. 42 42121 Reggio Emilia - Tel. 0522443211- Fax 0522443254- c.f. CONSORZIO di BONIFICA dell EMILIA CENTRALE Corso Garibaldi n. 42 42121 Reggio Emilia - Tel. 0522443211- Fax 0522443254- c.f. 91149320359 CONSORZIO DI BONIFICA DELL EMILIA CENTRALE REGOLAMENTO SULLA RISCOSSIONE

Dettagli

La regolarizzazione agevolata della tassa automobilistica

La regolarizzazione agevolata della tassa automobilistica La regolarizzazione agevolata della tassa automobilistica Di cosa si tratta Regione Lombardia con l.r. 8 luglio 2015, n. 20, ha avviato una campagna di definizione agevolata delle posizioni irregolari

Dettagli

COMUNE DI URBINO SETTORE AFFARI INTERNI, CULTURA E TURISMO SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO GENERALE

COMUNE DI URBINO SETTORE AFFARI INTERNI, CULTURA E TURISMO SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO GENERALE COMUNE DI URBINO SETTORE AFFARI INTERNI, CULTURA E TURISMO SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO GENERALE PER LA GESTIONE DELLE ENTRATE COMUNALI APPROVATO con delibera di C.C. n. 19 del 28 Febbraio

Dettagli

RiscoComuni. Postetributi

RiscoComuni. Postetributi RiscoComuni Postetributi RiscoComuni Il servizio 2 Poste Tributi,ha predisposto un servizio chiavi in mano,denominato RiscoComuni, dedicato agli Enti Locali per coadiuvarli nelle attività di riscossione

Dettagli

ALLEGATO N. 3 MODALITA DI ESPLETAMENTO DELLE FUNZIONI DI CUI ALL ART. 2BIS AFFIDATE A TRENTINO RISCOSSIONI

ALLEGATO N. 3 MODALITA DI ESPLETAMENTO DELLE FUNZIONI DI CUI ALL ART. 2BIS AFFIDATE A TRENTINO RISCOSSIONI ALLEGATO N. 3 MODALITA DI ESPLETAMENTO DELLE FUNZIONI DI CUI ALL ART. 2BIS AFFIDATE A TRENTINO RISCOSSIONI 1. TIPOLOGIA PROCEDURE Il servizio, che può riguardare, anche disgiuntamente, sia le fasi pre-coattive

Dettagli

ventidueaprile2015 Bologna Servizi fiscalità locale

ventidueaprile2015 Bologna Servizi fiscalità locale Affidamento dei Servizi di gestione ordinaria, accertamento e supporto alla Riscossione ordinaria e coattiva diretta dei tributi e delle entrate comunali ventidueaprile2015 Bologna 1 AGENDA 1 2 CHI EROGA

Dettagli

RiscoComuni 3T. (Time To Tares) Postetributi. Caratteristiche del servizio 17/04/2013

RiscoComuni 3T. (Time To Tares) Postetributi. Caratteristiche del servizio 17/04/2013 RiscoComuni 3T (Time To Tares) Caratteristiche del servizio 17/04/2013 Postetributi Contesto di riferimento La normativa 2 Con l art. 10 comma 2 del Decreto Legge n 35 del 8/4/2013, il Consiglio dei Ministri,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DEI TRIBUTI COMUNALI

REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DEI TRIBUTI COMUNALI Città di Lecce REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DEI TRIBUTI COMUNALI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 61 del 19 luglio 2010 Emendato con deliberazione di Consiglio Comunale n.

Dettagli

CITTA DI FIUMICINO (Provincia di Roma) COMANDO DI POLIZIA LOCALE

CITTA DI FIUMICINO (Provincia di Roma) COMANDO DI POLIZIA LOCALE CITTA DI FIUMICINO (Provincia di Roma) COMANDO DI POLIZIA LOCALE INFORMAZIONI PER GLI UTENTI INTERESSATI ALLA DEFINIZIONE AGEVOLATA DEI DEBITI RELATIVI A SANZIONI AMMINISTRATIVE PER VIOLAZIONI AL CODICE

Dettagli

COMUNE DI RORA. Provincia di TORINO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE IUC

COMUNE DI RORA. Provincia di TORINO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE IUC COMUNE DI RORA Provincia di TORINO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE IUC (Approvato con Deliberazione Consiliare n... del... } PREMESSA - Imposta Unica Comunale (IUC) L imposta

Dettagli

Smart. Riscossioni Area Tributi. Funzionalità principali. Descrizione sintetica SCHEDA PRODOTTO PADIGITALE INNOVAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

Smart. Riscossioni Area Tributi. Funzionalità principali. Descrizione sintetica SCHEDA PRODOTTO PADIGITALE INNOVAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE SCHEDA PRODOTTO Descrizione sintetica Il modulo di riscossione nasce con la finalità di fornire un prodotto in grado di gestire tutte le fasi della riscossione e della rendicontazione per le entrate tributarie

Dettagli

AGGIORNAMENTO GTIWIN rel. 2012.09.24 NOVITA TRIBUTI. Servizio di gestione delle riscossioni dei tributi comunali

AGGIORNAMENTO GTIWIN rel. 2012.09.24 NOVITA TRIBUTI. Servizio di gestione delle riscossioni dei tributi comunali AGGIORNAMENTO GTIWIN rel. 2012.09.24 NOVITA TRIBUTI 1. SERVIZIO GESTIONE RISCOSSIONI TRIBUTI COMUNALI 2. AGGIORNAMENTO SOFTWARE Servizio di gestione delle riscossioni dei tributi comunali La gestione delle

Dettagli

COMUNE DI CAPO DI PONTE PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI CAPO DI PONTE PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI CAPO DI PONTE PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI (I.C.I.) E DELLA TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI (T.A.R.S.U.). Approvato

Dettagli

convengono e stipulano quanto segue: TITOLO I Attività di riscossione attraverso la procedura GIA Art. 1 Avvisi di pagamento

convengono e stipulano quanto segue: TITOLO I Attività di riscossione attraverso la procedura GIA Art. 1 Avvisi di pagamento CONVENZIONE PER LA RISCOSSIONE MEDIANTE RUOLO CON PROCEDURA GESTIONE INTEGRATA AVVISI (GIA) l Azienda Ospedaliero Universitaria, in persona del., nato a domiciliato per la carica in Via...; tra con sede

Dettagli

CIRCOLARE SETTIMANALE

CIRCOLARE SETTIMANALE .. CIRCOLARE SETTIMANALE settembre 2011 N 2 Tutte le informazioni sono tratte, previa critica rielaborazione, dalla normativa vigente primaria (leggi, decreti, direttive) e secondaria (circolari ministeriali

Dettagli

Poste Tributi: i servizi innovativi per la fiscalità locale

Poste Tributi: i servizi innovativi per la fiscalità locale Poste Tributi: i servizi innovativi per la fiscalità locale Cresce sempre di più il numero di amministrazioni che scelgono la RISCOSSIONE DIRETTA ed il gruppo POSTE Italiane come partner d eccellenza ABC

Dettagli

SETTORE FINANZIARIO. Servizio Gestione Economica Finanziaria e Programmazione. del 02/12/2013 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE

SETTORE FINANZIARIO. Servizio Gestione Economica Finanziaria e Programmazione. del 02/12/2013 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE COMUNE DI SANTERAMO IN COLLE Provincia di Bari Piazza Dott. Simone, 8 Tel. 080.3028311 Fax 080.3023710 Cod. Fisc. 82001050721 P. IVA 00862890720 E-Mail: info@comune.santeramo.ba.it Indirizzo Internet:

Dettagli

3. CARTELLE DI PAGAMENTO E MEZZI DI RISCOSSIONE COATTIVA

3. CARTELLE DI PAGAMENTO E MEZZI DI RISCOSSIONE COATTIVA 3. CARTELLE DI PAGAMENTO E MEZZI DI RISCOSSIONE COATTIVA >> LA RISCOSSIONE MEDIANTE CARTELLA L Agenzia delle Entrate svolge l attività di riscossione nazionale dei tributi tramite la società per azioni

Dettagli

CONVENZIONE PER LA RISCOSSIONE MEDIANTE RUOLO CON PROCEDURA GESTIONE INTEGRATA AVVISI (GIA)

CONVENZIONE PER LA RISCOSSIONE MEDIANTE RUOLO CON PROCEDURA GESTIONE INTEGRATA AVVISI (GIA) CONVENZIONE PER LA RISCOSSIONE MEDIANTE RUOLO CON PROCEDURA GESTIONE INTEGRATA AVVISI (GIA) L anno 2014, il giorno.. del mese di., in, tra Il Comune di Ollolai, di seguito Ente, con sede in,.. n..., C.F..,

Dettagli

SERVIZIO ENTRATE COMUNALI

SERVIZIO ENTRATE COMUNALI SERVIZIO ENTRATE COMUNALI DENOMINAZIONE DEL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO Responsabile del Procedimento Termine di conclusione del procedimento Normativa di riferimento Strumenti di tutela Potere sostitutivo

Dettagli

CONVENZIONE PER LA RISCOSSIONE MEDIANTE RUOLO CON PROCEDURA GESTIONE INTEGRATA AVVISI (GIA)

CONVENZIONE PER LA RISCOSSIONE MEDIANTE RUOLO CON PROCEDURA GESTIONE INTEGRATA AVVISI (GIA) AGENZIA LAORE SARDEGNA - ALLEGATO ALLA DETERMINAZIONE N.331/2014 DEL 26.05.2014 CONVENZIONE PER LA RISCOSSIONE MEDIANTE RUOLO CON PROCEDURA GESTIONE INTEGRATA AVVISI (GIA) LAORE Sardegna, di seguito denominato

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO RISCOSSIONE COATTIVA DELLE ENTRATE TRIBUTARIE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO RISCOSSIONE COATTIVA DELLE ENTRATE TRIBUTARIE Unione dei Comuni di Bientina, Buti, Calcinaia, Capannoli, Casciana Terme, Chianni, Lajatico, Lari, Palaia, Peccioli, Ponsacco, Pontedera, S. Maria a Monte, Terricciola ZONA VALDERA Provincia di Pisa REGOLAMENTO

Dettagli

ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA FISCALE IL D.LGS. 159 DEL 24 SETTEMBRE 2015

ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA FISCALE IL D.LGS. 159 DEL 24 SETTEMBRE 2015 ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA FISCALE IL D.LGS. 159 DEL 24 SETTEMBRE 2015 Misure per la semplificazione e razionalizzazione delle norme in materia di riscossione LA NUOVA DISCIPLINA IN MATERIA DI RISCOSSIONE

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Milano

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Milano COMUNE DI LAZZATE Provincia di Milano Regolamento generale delle entrate comunali Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 8 del 25.01.1999 Modificato con deliberazioni del Consiglio Comunale

Dettagli

119/2014 Settembre/9/2014 (*) Napoli 17 Settembre 2014

119/2014 Settembre/9/2014 (*) Napoli 17 Settembre 2014 Redazione a cura della Commissione Comunicazione del CPO di Napoli 119/2014 Settembre/9/2014 (*) Napoli 17 Settembre 2014 Equitalia, con il comunicato stampa del 26 agosto 2014, ha reso noto che la notifica

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ENTRATE PATRIMONIALI RELATIVE AI SERVIZI ALLA PERSONA DELL UNIONE RENO GALLIERA

REGOLAMENTO DELLE ENTRATE PATRIMONIALI RELATIVE AI SERVIZI ALLA PERSONA DELL UNIONE RENO GALLIERA REGOLAMENTO DELLE ENTRATE PATRIMONIALI RELATIVE AI SERVIZI ALLA PERSONA DELL UNIONE RENO GALLIERA Approvato con Delibera del Consiglio dell Unione n. 41 del 23/10/2014 Modificato con Delibera del Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DEI TRIBUTI COMUNALI: ICI E TARSU

REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DEI TRIBUTI COMUNALI: ICI E TARSU COMUNE DI CHIOMONTE Provincia di Torino SERVIZIO TRIBUTI REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DEI TRIBUTI COMUNALI: ICI E TARSU Approvato dal C.C. nella seduta del 20 Dicembre 20008 con atto n 40/08

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC)

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 7 del 21/05/2014 SOMMARIO L IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) Articolo 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO,

Dettagli

ALL. A) Premesso che. le parti:

ALL. A) Premesso che. le parti: ALL. A) CONVENZIONE CON LA SOCIETA SERVIZI LOCALI SPA PER LA FORNITURA IN USO DAL... AL...: DI UN ARCHITETTURA INFORMATICA INTEGRATA E FORNITURA DEI SERVIZI DI SUPPORTO PER LA GESTIONE DELLE ENTRATE TRIBUTARIE

Dettagli

INDICE. Capo I Definizione agevolata dei rapporti tributari locali non definiti

INDICE. Capo I Definizione agevolata dei rapporti tributari locali non definiti COMUNE DI POLLA Provincia di Salerno REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DEI TRIBUTI LOCALI (I.C.I T.A.R.S.U) INDICE Ambito di applicazione Art. 1 Ambito di applicazione pag. 3 Capo I Definizione

Dettagli

La nuova cartella di pagamento. Introduzione

La nuova cartella di pagamento. Introduzione Introduzione A partire dal 1 ottobre 2010 i ruoli consegnati agli Agenti della Riscossione saranno emessi utilizzando il nuovo modello di cartella di pagamento, approvato con Provvedimento dell Agenzia

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 39 del 13 Marzo 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Nuova veste grafica per l avviso di intimazione ad adempiere al pagamento dei debiti tributari Gentile cliente, con

Dettagli

INDICE - SOMMARIO. Prefazione... pag. XV Introduzione...» XXIII

INDICE - SOMMARIO. Prefazione... pag. XV Introduzione...» XXIII INDICE - SOMMARIO Prefazione... pag. XV Introduzione...» XXIII CAPITOLO I: La riforma della riscossione 1. La riforma della riscossione... pag. 1 2. L agente della riscossione: Riscossione s.p.a. ed il

Dettagli

OGGETTO: RISPOSTA ALL INTERROGAZIONE N

OGGETTO: RISPOSTA ALL INTERROGAZIONE N Comune di Cinisello Balsamo Settore Gestione Risorse Servizio Entrate Cinisello Balsamo, 04 novembre 2014 Seg. Gen. n. 233/2014 Alla SEGRETERIA GENERALE Supporto Organi Collegiali SEDE OGGETTO: RISPOSTA

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ENTRATE PATRIMONIALI

REGOLAMENTO DELLE ENTRATE PATRIMONIALI Art. 1 Oggetto REGOLAMENTO DELLE ENTRATE PATRIMONIALI 1. Le norme del presente regolamento costituiscono la disciplina generale dell accertamento e della riscossione di tutte le entrate comunali non aventi

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA MUNICIPALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA MUNICIPALE COMUNE di TONARA (Provincia di Nuoro) Viale della Regione, 8 0784/63823 0784/63246 P.IVA 00162960918 Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. del.2014 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA

Dettagli

Dati della riscossione

Dati della riscossione Dati della riscossione Riscossione ruoli al 31 dicembre 2010 Nel corso dell esercizio 2010 il gruppo Equitalia, attraverso il progressivo consolidamento della propria struttura organizzativa e il costante

Dettagli

OGGETTO: Approvazione contratto e affidamento servizio a Trentino Riscossioni S.p.A.. IL CONSIGLIO COMUNALE

OGGETTO: Approvazione contratto e affidamento servizio a Trentino Riscossioni S.p.A.. IL CONSIGLIO COMUNALE Deliberazione del Consiglio Comunale n. 08 dd. 18.03.2015 OGGETTO: Approvazione contratto e affidamento servizio a Trentino Riscossioni S.p.A.. IL CONSIGLIO COMUNALE Premesso che: - gli artt. 33 e 34 della

Dettagli

COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA -------------------- Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale

COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA -------------------- Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Comunicazione Prefettura ex art. 135 D.Lgs. 267/2000 COPIA WEB Deliberazione N. 145 in data 23/10/2015 Prot. N. 15612 COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA -------------------- Verbale di Deliberazione

Dettagli

COMUNE DI MONTEFIORINO

COMUNE DI MONTEFIORINO COMUNE DI MONTEFIORINO PROVINCIA DI MODENA C O P I A DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE CONVENZIONE SERVIZIO " BENE COMUNE - PACCHETTO INTEGRATO" OFFERTO DA POSTE ISTALIANE S.P.A. PER ACCONTI TARES: - PROVVEDIMENTI

Dettagli

EQUITALIA NORD ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO DI TRENTO

EQUITALIA NORD ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO DI TRENTO EQUITALIA NORD ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO DI TRENTO Protocollo d Intesa e convenzione di erogazione di servizi Trento, 27 Marzo 2014 LE FINALITA PROMUOVERE E SVILUPPARE UNA FATTIVA COLLABORAZIONE

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE. N. 20 del 31/01/2015. Oggetto: Assunzione impegno di spesa per emissione bollettazione TARI anno 2014. CIG.

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE. N. 20 del 31/01/2015. Oggetto: Assunzione impegno di spesa per emissione bollettazione TARI anno 2014. CIG. Repubblica Italiana CITTÀ DI MAZARA DEL VALLO Settore : 2 Gestione delle Risorse Servizio : Entrate e Tributi Ufficio : Tari DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE INDIVIDUATO CON DETERMINAZIONE DEL SINDACO N. 177

Dettagli

COMUNE DI MIGLIONICO (Provincia di Matera)

COMUNE DI MIGLIONICO (Provincia di Matera) COMUNE DI MIGLIONICO (Provincia di Matera) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 12 del 05.09.2014 INDICE ART. 1 - OGGETTO

Dettagli

COMUNE DI PESCOSOLIDO PROVINCIA DI FROSINONE P.VA 00199660606. L anno duemilaquindici, il giorno 15 del mese di settembre tra il Comune di

COMUNE DI PESCOSOLIDO PROVINCIA DI FROSINONE P.VA 00199660606. L anno duemilaquindici, il giorno 15 del mese di settembre tra il Comune di COMUNE DI PESCOSOLIDO PROVINCIA DI FROSINONE P.VA 00199660606 L anno duemilaquindici, il giorno 15 del mese di settembre tra il Comune di Pescosolido, C.F.: 00199660606, nella persona del Sindaco dr. Giuseppe

Dettagli

Oggetto: Legge regionale 14 maggio 2009 n. 1, art. a

Oggetto: Legge regionale 14 maggio 2009 n. 1, art. a Oggetto: Legge regionale 14 maggio 2009 n. 1, art. a 2. 2 Direttive e linee guida in materia di riscossioni. L Assessore della Programmazione, Bilancio, Credito e Assetto del Territorio informa la Giunta

Dettagli

La regolarizzazione agevolata della tassa automobilistica

La regolarizzazione agevolata della tassa automobilistica La regolarizzazione agevolata della tassa automobilistica Di cosa si tratta Regione Lombardia con l.r. n. 20/2015 ha avviato una campagna di definizione agevolata delle posizioni irregolari relative alla

Dettagli

LA "NUOVA" RATEAZIONE DEI RUOLI: CHI, COME, QUANDO

LA NUOVA RATEAZIONE DEI RUOLI: CHI, COME, QUANDO LA "NUOVA" RATEAZIONE DEI RUOLI: CHI, COME, QUANDO 25 Marzo 2015 Riscossione di Saverio Cinieri - Dottore Commercialista e Pubblicista È possibile pagare a rate le cartelle dell Agente della riscossione

Dettagli

DISCIPLINARE DELLE ATTIVITA CONNESSE AL SERVIZIO DI RISCOSSIONE MEDIANTE RUOLO

DISCIPLINARE DELLE ATTIVITA CONNESSE AL SERVIZIO DI RISCOSSIONE MEDIANTE RUOLO DISCIPLINARE DELLE ATTIVITA CONNESSE AL SERVIZIO DI RISCOSSIONE MEDIANTE RUOLO L anno -----------, il giorno -------- del mese di -------------, in Bolsena, tra Il Comune di Bolsena di seguito Ente con

Dettagli

CITTÀ di AVIGLIANA. Provincia di TORINO. DETERMINAZIONE N. 275 del 07/08/2014. Proposta n. 275

CITTÀ di AVIGLIANA. Provincia di TORINO. DETERMINAZIONE N. 275 del 07/08/2014. Proposta n. 275 Estratto DETERMINAZIONE N. 275 del 07/08/2014 Proposta n. 275 Oggetto: SUPPORTO ALLA RISCOSSIONE COATTIVA A MEZZO INGIUNZIONEFISCALE R.D. 639/1910. ADESIONE SERVIZIO RISCOCOATTIVO DI POSTE ITALIANE S.C.P.A.

Dettagli

LA CARTELLA NON DEVE ESSERE PAGATA? CHIEDI AIUTO A EQUITALIA!

LA CARTELLA NON DEVE ESSERE PAGATA? CHIEDI AIUTO A EQUITALIA! Per avere informazioni e ricevere assistenza visita il sito www.gruppoequitalia.it o chiama il numero verde 800 178 078 da telefono fisso o il numero 02 3679 3679 da telefono cellulare o dall'estero (secondo

Dettagli

CONVENZIONE PER LA RISCOSSIONE DELLE ENTRATE PATRIMONIALI ENTI LOCALI VARI. L anno, il giorno del mese di, in. tra

CONVENZIONE PER LA RISCOSSIONE DELLE ENTRATE PATRIMONIALI ENTI LOCALI VARI. L anno, il giorno del mese di, in. tra CONVENZIONE PER LA RISCOSSIONE DELLE ENTRATE PATRIMONIALI ENTI LOCALI VARI L anno, il giorno del mese di, in tra la Società ASP Rossi Sidoli. di seguito Ente con sede in Compiano, Via Duca degli Abruzzi,

Dettagli

Comune di Robecco sul Naviglio Provincia di Milano. Regolamento per l applicazione dell Imposta Unica Comunale (IUC)

Comune di Robecco sul Naviglio Provincia di Milano. Regolamento per l applicazione dell Imposta Unica Comunale (IUC) Comune di Robecco sul Naviglio Provincia di Milano Regolamento per l applicazione dell Imposta Unica Comunale (IUC) Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 17 del 30/07/2014 INDICE Art. 1

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL FUNZIONARIO RESPONSABILE REG. GEN. 562 N. 106 DEL 15 OTTOBRE 2014

DETERMINAZIONE DEL FUNZIONARIO RESPONSABILE REG. GEN. 562 N. 106 DEL 15 OTTOBRE 2014 COMUNE DI CALOLZIOCORTE Provincia di Lecco Settore Servizi Economico-Finanziari Servizio GESTIONE ECONOMICA DETERMINAZIONE DEL FUNZIONARIO RESPONSABILE REG. GEN. 562 N. 106 DEL 15 OTTOBRE 2014 OGGETTO:

Dettagli

Deliberazione n. 180

Deliberazione n. 180 Protocollo RC n. 7702/13 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 2 MAGGIO 2013) L anno duemilatredici, il giorno di giovedì due del mese di maggio, alle ore 14,50,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 56/E. OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte

RISOLUZIONE N. 56/E. OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte RISOLUZIONE N. 56/E Roma, 30 maggio 2014 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte Pervengono alla scrivente quesiti circa il trattamento

Dettagli

COMUNE DI GONZAGA. Provincia di Mantova REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI

COMUNE DI GONZAGA. Provincia di Mantova REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI COMUNE DI GONZAGA Provincia di Mantova REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI Testo coordinato con delibere del Consiglio Comunale: n. 26 del 26/04/2007 n.5 del 12/02/2008 n.

Dettagli

Vademecum della cartella di pagamento

Vademecum della cartella di pagamento in collaborazione con Direzione Regionale Veneto Vademecum della cartella di pagamento Guida pratica per il cittadino contribuente La cartella di pagamento 3 La notifica 3 Dove e come pagare 4 Dove chiedere

Dettagli

GUIDA PRATICA PER IL CITTADINO CONTRIBUENTE

GUIDA PRATICA PER IL CITTADINO CONTRIBUENTE GUIDA PRATICA PER IL CITTADINO CONTRIBUENTE GUIDA PRATICA PER IL CITTADINO CONTRIBUENTE A cura dell Ufficio Relazioni Esterne Equitalia è una società per azioni, a totale capitale pubblico (51% Agenzia

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELLA RISCOSSIONE COATTIVA DELLE ENTRATE TRIBUTARIE ED EXTRATRIBUTARIE DEL COMUNE

CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELLA RISCOSSIONE COATTIVA DELLE ENTRATE TRIBUTARIE ED EXTRATRIBUTARIE DEL COMUNE C O M U N E D I L E N O (Provincia di Brescia) 25024 LENO - Via Dante n. 3 P.I.: 00727240988 - C.F. 88001410179 Tel. 030/9046250-251 - Fax 030/9046253 e-mail: tributi@comune.leno.bs.it CAPITOLATO SPECIALE

Dettagli

COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO Provincia di Arezzo REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI

COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO Provincia di Arezzo REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO Provincia di Arezzo Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. del 31/07/2014 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI IND I C E Art. 1 -

Dettagli

Regolamento per il condono dei Tributi Locali

Regolamento per il condono dei Tributi Locali Regolamento per il condono dei Tributi Locali TARSU ICI TOSAP ( Approvato con delibera consiliare n. 57 del 21/11/2003) Sezione TARSU Articolo 1 Ambito di applicazione ed esclusioni Il presente regolamento,

Dettagli

AREA INNOVAZIONE E SVILUPPO ECONOMICO AREA CITTA TERRITORIO E AMBIENTE SERVIZIO EDIL. PRIVATA E EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA, MOBILITA' E TRAFFICO

AREA INNOVAZIONE E SVILUPPO ECONOMICO AREA CITTA TERRITORIO E AMBIENTE SERVIZIO EDIL. PRIVATA E EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA, MOBILITA' E TRAFFICO Pag. 1 / 5 comune di trieste piazza Unità d'italia 4 34121 Trieste www.comune.trieste.it partita iva 00210240321 AREA INNOVAZIONE E SVILUPPO ECONOMICO AREA CITTA TERRITORIO E AMBIENTE DIREZIONE SERVIZIO

Dettagli

COMUNE DI PIANELLO VAL TIDONE Provincia di Piacenza. Regolamento per la disciplina del Tributo per i Servizi Indivisibili

COMUNE DI PIANELLO VAL TIDONE Provincia di Piacenza. Regolamento per la disciplina del Tributo per i Servizi Indivisibili COMUNE DI PIANELLO VAL TIDONE Provincia di Piacenza Regolamento per la disciplina del Tributo per i Servizi Indivisibili Approvato con atto C.C.. n. 22 del 18/06/2014 INDICE Art. 1 - Oggetto Art. 2 Soggetto

Dettagli

COMUNE DI MONTECALVO IN FOGLIA Provincia di Pesaro e Urbino

COMUNE DI MONTECALVO IN FOGLIA Provincia di Pesaro e Urbino COMUNE DI MONTECALVO IN FOGLIA Provincia di Pesaro e Urbino REGOLAMENTO GENERALE PER LA GESTIONE DELLE ENTRATE COMUNALI Approvato con delibera del C.C. n. 14 del 30/03/2007 INDICE FINALITA Articolo 1 DISCIPLINA

Dettagli

CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN MATERIA DI RISCOSSIONE DEI TRIBUTI (codice )

CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN MATERIA DI RISCOSSIONE DEI TRIBUTI (codice ) Programma corso Pag 1 di 6 Ministero dell economia e delle finanze Scuola superiore dell economia e delle finanze Dipartimento delle scienze Tributarie Destinatari: partecipanti Corso CORSO DI ALTA FORMAZIONE

Dettagli

Comune di Polignano a Mare Settore Finanza - Programmazione - Personale Sezione Tributi

Comune di Polignano a Mare Settore Finanza - Programmazione - Personale Sezione Tributi Comune di Polignano a Mare Settore Finanza - Programmazione - Personale Sezione Tributi REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI TASI Approvato con Delibera di C.C. n.13 del

Dettagli

APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N.76 DEL 28/12/01 COMUNE DI RIETI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE

APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N.76 DEL 28/12/01 COMUNE DI RIETI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N.76 DEL 28/12/01 COMUNE DI RIETI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Definizione delle entrate Art. 3

Dettagli

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE (Provincia di Venezia)

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE (Provincia di Venezia) COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE (Provincia di Venezia) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA Testo in vigore dal 01 gennaio 2012 Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n.

Dettagli

DIREZIONE RISORSE FINANZIARIE

DIREZIONE RISORSE FINANZIARIE DIREZIONE RISORSE FINANZIARIE SERVIZIO ECONOMICO FINANZIARIO P.O. PROGRAMMAZIONE E BILANCIO E responsabile della formazione del bilancio di previsione annuale e pluriennale e della predisposizione relativi

Dettagli

COMUNE DI CAPANNORI PROVINCIA DI LUCCA REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (TASI)

COMUNE DI CAPANNORI PROVINCIA DI LUCCA REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) ALLEGATO B COMUNE DI CAPANNORI PROVINCIA DI LUCCA REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) Risultante dalle seguenti deliberazioni: deliberazione di C.C. n. 14 del 27/03/2014

Dettagli

COMUNITA DELLA VALLAGARINA Provincia Autonoma di Trento SCHEMA DI CONVENZIONE DEL SERVIZIO DI APPLICAZIONE DELLA TA.RI. di cui all articolo 1 commi

COMUNITA DELLA VALLAGARINA Provincia Autonoma di Trento SCHEMA DI CONVENZIONE DEL SERVIZIO DI APPLICAZIONE DELLA TA.RI. di cui all articolo 1 commi COMUNITA DELLA VALLAGARINA Provincia Autonoma di Trento SCHEMA DI CONVENZIONE DEL SERVIZIO DI APPLICAZIONE DELLA TA.RI. di cui all articolo 1 commi 639 e seguenti della L. n. 147/2013 e s.m.. L'anno, il

Dettagli

Regolamento per l applicazione dell Imposta Unica Comunale (IUC)

Regolamento per l applicazione dell Imposta Unica Comunale (IUC) COMUNE DI SPOTORNO PROVINCIA DI SAVONA Regolamento per l applicazione dell Imposta Unica Comunale (IUC) ALLEGATO A) Deliberazione del Consiglio Comunale n. 16 del 12 GIUGNO 2014 word\regolamenti\c.c. n.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE IUC (IMU, TASI, TARI)

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE IUC (IMU, TASI, TARI) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE IUC (IMU, TASI, TARI) Delibera C.C. 29/2014 Delibera C.C. 06/2015 INDICE CAPITOLO 1 CAPITOLO 2 CAPITOLO 3 CAPITOLO 4 Disciplina generale della

Dettagli

CITTA di AVIGLIANA. Provincia di TORINO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

CITTA di AVIGLIANA. Provincia di TORINO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE CITTA di AVIGLIANA Provincia di TORINO ESTRATTO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 211 OGGETTO: RISCOSSIONE COATTIVA DEI CREDITI COMUNALI EX R.D. 639/1910 E TITOLO II DEL D.P.R. 602/1973.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE I.U.C.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE I.U.C. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE I.U.C. Approvato con Deliberazione della Commissione Straordinaria N. 16 del 24/07/2014 INDICE GENERALE Disciplina generale IUC (Imposta Unica

Dettagli

STANDARD. Descrizione

STANDARD. Descrizione STANDARD Caratteristiche Prerequisiti Di seguito sono descritte le caratteristiche, le modalità d erogazione, d attivazione e d uso dei servizi oggetto della Convenzione. Tutti i servizi oggetto della

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Oggetto: Servizio di fornitura Front-Office Online, elaborazione, emissione, stampa, imbustamento e rendicontazione delle fatturazioni Tia e bollettazione TARES/TARI. Rinnovo affidamento servizio. Anno

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DELLA IUC (IMPOSTA UNICA COMUNALE)

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DELLA IUC (IMPOSTA UNICA COMUNALE) COMUNE DI OCCIMIANO Provincia di Alessandria REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DELLA IUC (IMPOSTA UNICA COMUNALE) Allegato alla Deliberazione del C.C. n. 21 del 05.09.14 1 INDICE Art. 1 OGGETTO

Dettagli

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI (Provincia di Palermo) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE (I.U.C.)

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI (Provincia di Palermo) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE (I.U.C.) COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI (Provincia di Palermo) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE (I.U.C.) Approvato con deliberazione consiliare n. 19 del 30/07/2014 1 INDICE Art. 1. Oggetto

Dettagli

C I T T A DI M O L F E T T A

C I T T A DI M O L F E T T A C I T T A DI M O L F E T T A PROVINCIA DI BARI COPIA DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N. 24 del 6.03.2013 Implementazione della riscossione volontaria della TARSU/TARES (in sostituzione della

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI)

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Soggetto attivo Art. 3 Presupposto impositivo e finalità Art. 4 Soggetti passivi Art. 5 Applicazione

Dettagli

CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071

CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071 CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071 www.comune.borgaro-torinese.to.it REGOLAMENTO GENERALE PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE COMUNALI INDICE Articolo D E S C R I Z I O N E 1 2 3 4

Dettagli

TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (TASI)

TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) COMUNE NONANTOLA (Provincia di Modena) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) Approvato con delibera di C.C. n. 47 del 20/05/2014 1 Indice Art. 1 - Oggetto

Dettagli

Oggetto: Comunicazione al contribuente degli esiti della liquidazione automatizzata dell imposta dovuta sui redditi soggetti a tassazione separata

Oggetto: Comunicazione al contribuente degli esiti della liquidazione automatizzata dell imposta dovuta sui redditi soggetti a tassazione separata Roma, 06 giugno 2005 Direzione Centrale Gestione Tributi CIRCOLARE N. 30/E Oggetto: Comunicazione al contribuente degli esiti della liquidazione automatizzata dell imposta dovuta sui redditi soggetti a

Dettagli