Tratto da SaluteInternazionale.info

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tratto da SaluteInternazionale.info"

Transcript

1 Tratto da SaluteInternazionale.info Una testimonianza dal Nepal :05:46 Redaz ione SI Maurizio Murru Questo terremoto, come tanti altri disastri naturali, ha fatto le sue vittime in modo selettivo, sia a Kathmandu che nei distretti rurali. A Kathmandu, la grande maggioranza di coloro che sono mort i, che hanno perdut o f amiliari, case ed averi, sono poveri. Sono quelli che abit avano in case f ragili perché non pot evano permet t ersi di cost ruirne o di abit arne di migliori. Le Nazioni Unit e hanno chiest o 423 milioni di dollari per le at t ivit à più urgent i; all 11 di maggio, ne sono st at i ricevut i 42,3 milioni, circa il 10% della somma richiest a. Scorrendo, in rete, le pagine dei più diffusi quotidiani Italiani ed Europei, l impressione, da Kat hmandu, f ino al 12 di maggio, era che il t erremot o che ha colpit o il Nepal il 25 aprile scorso (magnit udo 7.8) avesse esaurit o il suo richiamo mediat ico. Non era più f ra le prime not izie nemmeno sui sit i di BBC, Al-Jazeera, CNN e alt re import ant i f ont i di inf ormazione. Poi, la nuova scossa del 12 maggio di magnit udo 7.3, seguit a da alt re 19 scosse nel giro di una manciata di ore, ha riportato il Nepal di attualità. Ma siamo certi che non sarà per molto e non sarà con particolare enfasi. Se sarà così, è ragionevole presumere che gli aiut i che il Nepal riceverà saranno di molt o inf eriori alle necessit à. Il ruolo dei media nel det erminare il livello degli aiut i in casi di calamit à nat urali, inf at t i, è det erminant e, come si vide ai tempi dello tsunami che colpì 14 paesi il 26 dicembre 2004 facendo vit t ime[1].

2 Le Nazioni Unit e hanno chiest o 423 milioni di dollari per le at t ivit à più urgent i; all 11 di maggio, sono stati ricevuti 42,3 milioni, circa il 10% della somma richiest a[2]. Un governo liberamente eletto ma senz a credibilità Il Governo Nepalese st a t ent ando di coordinare le operazioni di soccorso ma senza molt o successo. Non gode della st ima dei donat ori e, più import ant e ancora, non gode nemmeno di quella dei suoi cittadini. Su uno dei più importanti quotidiani indipendenti in lingua inglese, il Kathmandu Post, si è scritto che Lo Stato ha ereditato strutture feudali [ ] ed ha continuato a trattare i suoi abitanti come sudditi e non come cittadini aventi uguali diritti e Mentre è opportuno non minare l autorità dello Stato, ed è necessario accrescerne le capacità, deve essere chiaro che l obiettivo non può essere quello di ricostruire o rafforzare uno Stato feudale[3]. Sullo stesso quotidiano, un altro commentatore ha scritto che quello che si è vist o f ino ad ora non è st at o un governo in azione, ma uno governo in reazione, che ha annunciat o decisioni cat egoriche per sment irle pochi giorni dopo di f ront e ad una valanga di crit iche[4]. La più clamorosa, f orse, è quella, annunciata il 6 maggio: stabiliva che tutti i fondi versati dall estero su conti bancari Nepalesi sarebbero st at i dirot t at i sul cont o del Disaster Relief Fund del Primo Minist ro. La cosa ha lasciat o perplessi governi, organizzazioni internazionali e privati cittadini e ha sollevato critiche e richieste di chiarimenti. Dopo un paio di giorni il Minist ro degli Int erni ha chiarit o che la misura avrebbe riguardat o unicament e i cont i apert i negli ult imi sei giorni. Cosa per noi sorprendent e, non lo ha chiarit o con una dichiarazione uf f iciale. Lo ha chiarit o, f ino ad ora, solo su Facebook. Non osiamo comment are. Come non osiamo comment are la dist ribuzione grat uit a di t ende ai parlament ari, bloccat a dopo che persino alcuni dei parlamentari stessi ne hanno fatto notare l inopport unit à[5]. Si legge anche di parlament ari che hanno svergognatamente dirottato verso le loro circoscrizioni aiuti destinati ad aree con necessit à maggiori e più urgent i. A quest o proposit o, un edit orialist a ha commentato Le vittime hanno urgente bisogno di cibo, di un riparo. E di un po di decenza da parte dei loro parlamentari [6]. L eloquente insuccesso della raccolta di f ondi governativa Sulla base di quant o scrit t o sopra, non st upisce che, al 13 di maggio, st ando a quant o riport at o sul suo st esso sit o web, il Prime Minister s Disaster Relief Fund abbia ricevut o donazioni per soli dollari, la maggior part e dei quali provenient e dal Minist ero del T esoro[7]. Ai prezzi at t uali, ci si possono comprare un centinaio di tende prodotte in loco. Ma occorre fare in fretta, prima che di t ende non se ne t rovino più e prima che i prezzi salgano ancora, spint i dalla domanda crescent e di organizzazioni umanit arie nazionali ed int ernazionali e di privat i cit t adini che int endono aiut are se st essi, i propri congiunti e i loro parenti nei villaggi più lontani. Inf ine, non meraviglia che i maggiori donat ori canalizzino i loro f ondi at t raverso

3 ONG di loro fiducia piuttosto che attraverso il governo. Eppure, si tratta di un governo liberamente eletto e con una confortevole maggioranza di due terzi in parlamento. A questo punto si potrebbero fare varie riflessioni di carattere storico, politico e sociale, ma ce ne manca lo spazio. E anche la voglia. L eccez ione dell esercito A 18 giorni dal primo terremoto, l unica istituzione dello Stato che ha guadagnato la stima e la riconoscenza di molti, è stato l esercito[8]. Per certi aspet t i quest o non st upisce dal moment o che dispone di uomini pront i ad essere mobilizzat i, di una gerarchia e di procedure st abilit e e di mezzi, inclusi elicot t eri, sia pure in quant it à non suf f icient e: cinque di piccole dimensioni ed uno di dimensioni maggiori. Milit ari sono giunt i, a una manciat a di ore dal t erremot o, anche da India e Cina e il coordinament o, f ra loro e con quelli locali, f ino ad ora, pare essere st at o buono. Al 12 di maggio c erano nel paese milit ari st ranieri, provenient i da 18 paesi. Il loro lavoro è st at o di grande import anza per molt e delle zone più dif f icilment e raggiungibili. Non mancano, però, le tensioni e le perplessità di fronte ad un tale dispiegamento di militari st ranieri nel paese. Specialment e per quant o riguarda quelli Indiani e Cinesi, i due scomodi gigant i f ra i quali è schiacciat o il Nepal. L 11 maggio, prima della scossa arrivat a il giorno seguent e, il Capo di St at o Maggiore dell esercit o Nepalese ha chiesto a tutte le truppe straniere di tornarsene a casa af f ermando che non c era più bisogno di loro[9]. Le previsioni sono sempre difficili. Specialmente quando riguardano il futuro (Oscar Wilde) I sismologi, Nepalesi e non, cercano di indovinare il f ut uro e f anno quant o possono. Il Geological Survey degli St at i Unit i, indiscussa aut orit à nel set t ore, aveva messo a punto una simulazione secondo la quale c era una possibilità su 200 che un t erremot o di magnit udo superiore a 7 colpisse il Nepal a pochi giorni dal 25 aprile[10]. Non impossibile, dunque, ma nemmeno altamente probabile. Ad ogni modo, è successo. Nuovi crolli e nuove vit t ime. Si parla di almeno 91 morti e più di feriti dovuti alla scossa del 12 maggio[11]. Un bilancio dest inat o a crescere quando arriveranno più accurat e inf ormazioni dai distretti più colpiti, che si trovano a circa 80 Km a nord-est della capitale. Una storia vecchia e ripetitiva: l impossibile coordinamento degli aiuti All 11di maggio, circa 330 agenzie umanitarie, nazionali e straniere, erano at t ive nel paese ed impegnat e in circa iniziat ive di assist enza[2]. A quest e vanno aggiunt e le iniziat ive di privat i cit t adini, nazionali e st ranieri, impossibili da censire. E da gest ire. Coordinare un simile universo di f ramment arie e f ramment at e iniziat ive sarebbe pressoché impossibile anche per un governo più forte, competente ed efficiente di quello Nepalese. Aggiungiamo che considerare e def inire il governo locale corrot t o ed inefficiente consente a molte organizzazioni per agire in totale indipendenza, senza consultare nemmeno quelle strutture governative periferiche che, invece, pot rebbero essere ut ili per rendere gli aiut i più equi, logici ed ef f icaci.

4 Molt i villaggi f acilment e accessibili hanno ricevut o diverse t ornat e di aiut i ment re alt ri, più dif f icili da raggiungere, non hanno ricevut o nient e[12]. Altra vecchia storia: aiuti inadeguati rispetto alle reali necessità Da notare che, in non pochi casi, difficili da raggiungere significa raggiungibili dopo due o più giorni di cammino dal punto in cui si può arrivare in auto o in camion. Da qui in poi, però, gli abitanti di villaggi lontani, se debitamente inf ormat i, sono pront i a t rasport are a piedi ciò di cui hanno bisogno. Basterebbe affidarsi, come alcuni fanno, alle autorità distrettuali e alle loro reti di comunicazione. Olt re alla non equa dist ribuzione degli aiut i, occorre anche segnalare la loro frequente inadeguatezza. Molte iniziative, tanto generose quanto disinformate e approssimative, sia di ONG che della cosiddetta società civile, dist ribuiscono mat eriali senza avere prima cercat o di capire che cosa ef f et t ivament e serva. Così, in molt i, dist ribuiscono cibo. Ma il cibo, attualmente, e per la maggior parte dei terremotati, anche in aree lontane, non è un problema. Il problema più sent it o è quello di avere un riparo e mat eriali per prepararlo in vist a delle piogge monsoniche in arrivo. T ende, lamiere ondulate da usare per i tetti e tarpaulins (teloni incerati) costituiscono le necessit à più urgent i. Le buone notiz ie non f anno notiz ia. Ma ci sono. E sono importanti Ovviament e, non t ut t i gli aiut i sono inadeguat i e non t ut t e le organizzazioni agiscono in modo sconsiderat o. Abbiamo personalment e vist o ONG (anche It aliane) lavorare in modo corret t o e prof essionale, cercare di capire e rif let t ere prima di agire, coordinarsi con le aut orit à locali. Inolt re, esist ono iniziat ive pot enzialment e ut ilissime messe in piedi da volont ari dot at i non solo di buone int enzioni ma anche di un alt o grado di professionalità specifica che possono aiutare ad evitare, per quanto possibile, sprechi e duplicazioni sciocche olt re che inique. Part icolarment e degna di not a è quella messa in piedi da Kat hmandu Living Labs (KLL), una organizzazione che, come è scrit t o nel suo sit o (kat hmandulivinglabs.org), tenta di connettere tecnologie avanzate con i più gravi problemi che la gente comune affronta. Il terremoto del 25 aprile ha reso inagibile la loro sede. Si sono trasferiti in un noto bar ristorante e hanno iniziato a produrre mappe e rapport i in grado di inf ormare sui luoghi più colpit i e le loro necessit à più urgent i. Visit ando il sit o quakemaps.org è possibile scoprire chi lavora dove e anche dove nessuno o ben pochi lavorano, dove l assist enza è scarsa o assent e. L esercit o Nepalese e quello Canadese consult ano regolarment e questo sito, così come l agenzia di aiuti Statunitense USAID ed altre organizzazioni. Per chi non abbia accesso alla ret e, mappe, rapport i ed alt ri ut ili document i vengono prodot t i e st ampat i in PDF. Un esempio prat ico: gli abit ant i di Dahal Gaun, nel Dist ret t o di Okhaldunga non possono cert o connettersi alla rete e utilizzare il sito di cui parliamo. Ma chi fosse int enzionat o a soccorrere chi più ne ha bisogno, sul sit o pot rebbe scoprire che

5 qui, secondo un telegrafico rapporto, è stato duramente colpito dal terremoto del 12 aprile ed ha urgent e bisogno di t eloni cerat i e lamiere ondulat e. Per maggiore sicurezza, i rapporti ricevuti ed elencati sono suddivisi in verificati e non verificati. Il rapporto citato è verificato. La dif f icile e tragica conta delle vittime e dei danni L epicentro del terremoto del 25 aprile che, a tutt oggi, ha fatto più vittime e danni, era a circa 80 Km ad ovest di Kat hmandu. Dei 75 dist ret t i del paese, 14 sono stati più duramente colpiti. Delle più di vittime fino ad ora accertate (bilancio è dest inat o a crescere), poco meno di si sono verif icat e nella capit ale (circa lo 0,06 della popolazione t ot ale), più di nel dist ret t o di Sindhupalchowk (più dell 1% della popolazione), a circa t re ore di aut o dalla capit ale e circa in quello di Nuwakot (0,35%), circa 700 in quello di Dhading (0,2%) [La percentuale delle vittime sulla popolazione totale dei distretti citati, è stata calcolata utilizzando, per le vittime, dati provenienti da varie fonti e per la popolazione totale dati derivati dal censimento del 2011]. I f erit i causat i dal primo t erremot o sarebbero poco meno di , circa 400 quelli con lesioni spinali e almeno quelli che riporteranno invalidità permanent i[13]. Circa case sono state completamente distrutte e altrettante gravement e danneggiat e. Si st ima che circa 27 milioni di met ri cubi di det rit i debbano essere rimossi ed eliminat i o riut ilizzat i[2]. Il Nepal ha una rete di più di unità sanitarie governative di vari livelli di cui 95 ospedali (65 dist ret t uali)[14]. Più di 500 sono st at e severament e danneggiate e 260 completamente distrutte, specialmente nei distretti più colpiti dal primo sisma[15] (mancano dati disaggregati per livelli di cura). Il t erremot o del 12 maggio ha danneggiat o severament e anche il repart o emergenze del Bir Hospit al, il più grande del paese, sit uat o a Kat hmandu. Il reparto è stato chiuso e i 14 pazienti che vi erano ricoverati sono stati trasferiti[16]. A causa della conf ormazione del paese, della seconda scossa del 12 maggio e delle difficoltà a raggiungere molte delle aree più colpite, occorreranno ancora settimane prima che si possa avere una stima ragionevolmente accurata sia delle vittime che dei danni. All 11 di maggio, persone vivono ancora in 140 campi la metà dei quali è sovraffollata e senza latrine 2. Queste stime non includono i numerosi piccoli accampament i che si vedono in giro per la cit t à ovunque ci siano spazi disponibili: nei piccoli giardini, nei cortiletti degli ubiquitari piccoli templi, nei cort ili suf f icient ement e spaziosi da accogliere anche una sola t enda, o, frequentemente, un telo teso fra quattro pali. Il pericolo di epidemie a seguito di terremoti è più un mito che una realtà[17] ma occorrerà adottare urgent ement e misure igieniche adeguat e in campi che, per f orza di cose, rest eranno in uso ancora per molt o t empo. Uno dei più grandi, quello di

6 T undikhel, a Kat hmandu, st ava svuot andosi (vi erano rimast e circa persone) ma dopo il terremoto del 12 maggio si è riempito di nuovo e i suoi ospiti sono ora più di [18]. Nei distretti più colpiti dai due terremoti, molte strade sono state rese inagibili da f rane, molt i villaggi isolat i sono raggiungibili solament e in elicot t ero e molt i pare non siano ancora st at i raggiunt i. In aggiunt a, non sono poche le aree in cui, a causa della nat ura mont agnosa del t erreno, nemmeno gli elicot t eri possono atterrare. Il 12 maggio uno dei quattro elicotteri inviati dagli Stati Uniti (olt re a cinque aerei), con sei marines e due milit ari Nepalesi a bordo, è st at o dato per disperso mentre portava aiuti al Distretto di Dolakha e, al 14 maggio, non è stato ritrovato[19]. Poteva accadere di peggio. Ed è molto probabile che accada Nonostante tutto, i sismologi affermano che quello del 25 aprile non è stato il grande t erremot o che, in Nepal, si aspet t a da anni. Quello, pare, deve ancora arrivare. E arriverà senza dubbio: potrebbe essere domani o fra 50 anni, riport a il set t imanale Nepali T imes [20] e sot t olinea l import anza di prepararsi, dal momento che, la prossima volta, potremmo non essere così fortunati. Non è certo di fortuna che si può parlare nelle circostanze attuali, ma resta il fatto che il terremoto ha colpito di sabato, festivo in Nepal, e a mezzogiorno (11.58 per la precisione). Quest o signif ica che scuole, uf f ici e molt i negozi erano chiusi e molt e persone non si t rovavano in casa. In un giorno f eriale sarebbe sicuramente stato peggio. E adesso, dopo il secondo t erremot o, def init o sorprendent e da sismologi Nepalesi[21], gli espert i af f ermano che una considerevole massa di energia è dest inat a a sprigionarsi di nuovo, molt o probabilment e, a sud di Kat hmandu (ricordiamo che il t erremot o del 25 aprile aveva il suo epicent ro 80 Km ad ovest della capitale e quello del 12 maggio 75 Km ad est). Questa previsione, la cui unica incognit a riguarda i t empi, è basat a su immagini sat ellit ari, dat i geologici e modelli predit t ivi. Preoccupa t ut t i, dalle aut orit à ai comuni cit t adini. La speranza è che ci sia tempo sufficiente per portare a termine la inevit abilment e lunga ricost ruzione. Ricostruire meglio? Forse E dovrà essere una ricost ruzione f at t a seguendo crit eri ant isismici, secondo regole precise, chiare e f at t e osservare. Un gruppo di sismologi ed ingegneri Neo Zelandesi aiut erà gli ingegneri Nepalesi a met t ere a punt o un adeguat o codice per le cost ruzioni. Per la verit à, un codice per le cost ruzioni, in Nepal, già esiste. Da anni. Il problema sta nel fatto che sono pochi i costruttori che lo hanno rispettato e nessuno pare avere avuto la forza o la volontà di farlo rispet t are (come in Italia). A Kat hmandu ci sono 11 complessi abit at ivi a set t e o più piani. Nessuno di essi è crollato interamente, ma solamente quattro sono st at i giudicat i sicuri e sono at t ualment e occupat i. Gli alt ri dovranno essere riparat i, rinf orzat i o demolit i.

7 Un popolo di migranti La ricostruzione richiederà anni. E sarà resa più lunga e difficoltosa anche dal f at t o che circa t re milioni di Nepalesi, nel pieno della loro vit a lavorat iva, con le loro energie e le loro abilit à, proprio nel set t ore delle cost ruzioni, sono emigrat i per sfuggire ad una povertà senza apparenti vie di uscita. Molti sono emigrati nei paesi del golfo e molti in India. Di questi ultimi non sono disponibili cifre accurat e ma si st ima che siano almeno [22]. Per i primi si parla di più di due milioni. Le loro rimesse cost it uiscono circa il 25% del Prodot t o Int erno Lordo Nepalese (pari a circa 20 miliardi di dollari) e circa il doppio delle ent rat e dovut e alle esport azioni[23]. Poche, inevitabili rif lessioni Concesso spazio alla cronaca e a svariate statistiche, forse interessanti ma sicurament e inaccurat e, sof f ermiamoci su poche rif lessioni. Forse scont at e ma sicurament e accurat e. Questo terremoto, come tanti altri disastri naturali prima di esso e, sicuramente, tanti altri dopo, ha fatto le sue vittime in modo selettivo, sia a Kat hmandu che nei dist ret t i rurali. A Kat hmandu, la grande maggioranza di coloro che sono mort i, che hanno perdut o f amigliari, case ed averi, sono poveri. Sono quelli che abit avano in case f ragili perché non pot evano permet t ersi di cost ruirne o di abit arne di migliori. Sono quelli che, sopravvissuti al terremoto del 25 aprile, erano rient rat i, f iduciosi per f orza di cose, in case pericolant i e pericolose. Non avevano scelta. O, meglio, la scelta era fra rientrare in case traballanti o cont inuare a dormire in campi poco organizzat i, in condizioni igieniche precarie, con le avvisaglie delle piogge monsoniche già f requent i e violent e. Nei distretti rurali la quasi totalità della popolazione è povera. Anche se è vero che pure f ra i poveri esist ono le disuguaglianze. Anche f ra i poveri ci sono i più e i meno poveri. Si sent e di f amiglie che hanno piant o quasi con la st essa disperazione la mort e di un f iglio e quella del loro unico buf alo. Prima di azzardare conclusioni sbagliat e, occorre t enere present e che quell unico buf alo avrebbe permesso di sopravvivere e di nutrire i figli rimasti. La sua morte significa un baratro di povert à più prof onda, senza speranza e senza rimedio. Si legge di uomini che hanno contratto debiti per costruire una casa e sono emigrat i, lasciando moglie e f igli, per pot er ripagare i debit i. Molt i di loro hanno perso la casa, ma non l obbligo di ripagarla. Se int endono rient rare, per rivedere e conf ort are i sopravvissut i e per i rit i f unebri, devono cont rarre prest it i per il bigliet t o aereo (pochi credono alla promessa governat iva di pagare il biglietto a chi intenda rientrare) e devono mettere in conto la perdita di mesi di salario e, forse, dello stesso lavoro faticosamente ottenuto.

8 Gli Scilla e Cariddi dei poveri sono implacabili e spiet at i. La maggior parte delle vittime dei terremoti non è stata uccisa dei terremoti st essi, ma dalla povert à eredit at a da secoli di marginalizzazione. E qui, per ora, pensiamo di poter chiudere queste note. Scritte al quinto piano di uno dei quattro complessi di Kathmandu giudicati safe for occupation. Scrivere, raccogliere fondi e, grazie a contatti nepalesi, organizzare qualche spedizione di generi di prima necessità in zone fino ad ora trascurate, è il frutto di una serie di privilegi. Anch essi ereditati. Ed è esso stesso un privilegio. Anche quando riconosciamo i nostri privilegi non siamo certo disposti a rinunciarvi. Almeno, la maggior parte di noi, compreso chi scrive, non lo è. Ma è inevitabile provare un senso di profondo imbarazzo. È inevitabile. E, in fondo, costa poco. Bibliograf ia 1. Cosgrave J. Synt hesis Report: Expanded Summary. Joint evaluat ion of the international response to the Indian Ocean tsunami. London: T sunami Evaluation Coalition, OCHA. Nepal: Earthquake Situation Report N 13 (as for 11 May 2015) 3. Seira T amang. Bureaucrat ising relief. T he Kat hmandu Post, Deepak T hapa. T ested and failed. T he Kathmandu Post, Distribution of tents among MPs halted. T he Himalayan T imes, Weena Pun. T he price of politicking. T he Kathmandu Post on Saturday, Prime Minist er s Disast er Relief Fund, consult at o il 13.o Shradha Pal. T he long due gratitude: let s give thanks, T he Himalayan T imes, No more f oreign t roops, says NA. T he Kat hmandu Post, Unsettled earth continues to rattle Nepal. BBC News, T uesday aftershock toll 91. T he Himalayan T imes, Flaws surf ace in relief dist ribut ion in lack of government coordinat ion. Repùbilca, T HE WEEK, Kamal Pariyar. Hundreds sust ained spinal injuries in killer quake. Repùblica, Annual Report Kat hmandu, Minist ry of Healt h and Populat ion. Depart ment of Healt h Services, healt h f acilit ies dest royed, T he Kat hmandu Post, Bir hospital s patients moved to trauma centre. T he Himalayan T imes, Responding t o Eart hquakes, learning f rom eart hquake relief and recovery operat ions. ALNAP, Over people back to T undikhel tents. T he Himalayan T imnes, No sign of US chopper yet, says Army. T he Kathmandu Post, Shaking t hings up. Nepali T imes,

9 21. Unique af t ershock, say scient ist s. T he Kat hmandu Post, L Emigrat ion Nepalaise, document o non pubblicat o. Aut ore anonimo, Remittances to developing countries to stay robust this year despite increased deport at ion of migrant workers, says WB. Press Release, World Bank, Consult at o il 13 maggio 2015 Facebook T witter LinkedIn

Lama Gangchen Help in Action ONLUS Fondo di Emergenza per il terremoto in Nepal. Newsletter Agosto 2015

Lama Gangchen Help in Action ONLUS Fondo di Emergenza per il terremoto in Nepal. Newsletter Agosto 2015 Lama Gangchen Help in Action ONLUS Fondo di Emergenza per il terremoto in Nepal Newsletter Agosto 2015 Il terremoto di magnitudo 7.8 con epicentro nel distretto di Gorkha - a soli 80 km a nord ovest di

Dettagli

Conto Corrente. Offert a POS-sibile SFERA IMPRESA

Conto Corrente. Offert a POS-sibile SFERA IMPRESA Conto Corrente Offert a riservat a ai nuovi client i impresa, con fat t urat o annuo non superiore a 2.500.000, che richiedono cont est ualment e anche l at t ivazione del servizio POS. SEMPREPIU IMPRESA

Dettagli

Agevolazione per l acquist o o il leasing di nuove m acchine ut ensili o di produzione

Agevolazione per l acquist o o il leasing di nuove m acchine ut ensili o di produzione Legge 1329/ 65 Sabatini 2**(772 Agevolazione per l acquist o o il leasing di nuove m acchine ut ensili o di produzione %(1(),&,$5, Piccole e m edie im prese appart enent i a St at i m em bri dell Unione

Dettagli

Tratto da SaluteInternazionale.info

Tratto da SaluteInternazionale.info Tratto da SaluteInternazionale.info La salute al centro dell agenda post 2015 2014-09- 08 10:09:40 Redaz ione SI www.sossanita.it Osservat orio It aliano sulla Salut e Globale La comunità internazionale

Dettagli

Tratto da SaluteInternazionale.info

Tratto da SaluteInternazionale.info Tratto da SaluteInternazionale.info America latina. Le sfide dei sistemi sanitari 2015-11- 02 10:11:22 Redaz ione SI Giuseppe Aprile, Piet ro Bonaccorsi, Nicole Campese, Anna Marinaro, Paolo Sant ini e

Dettagli

$UW 5(*2/$0(172 (',/,=,2 ±,QWHUYHQWL GL ULVWUXWWXUD]LRQH XUEDQLVWLFD H QXRYD

$UW 5(*2/$0(172 (',/,=,2 ±,QWHUYHQWL GL ULVWUXWWXUD]LRQH XUEDQLVWLFD H QXRYD &2081(',&$625$7(6(03,21( 3URYLQFLDGL9DUHVH $UW5(*2/$0(172(',/,=,2±,QWHUYHQWLGLULVWUXWWXUD]LRQHHGLOL]LD La domanda di Permesso di Costruire dev essere corredata dai seguenti documenti in duplice copia:

Dettagli

Tratto da SaluteInternazionale.info

Tratto da SaluteInternazionale.info Tratto da SaluteInternazionale.info La via cooperativa alla privatizzazione della sanità. Il caso di Modena 2015-03- 04 14:03:47 Redaz ione SI Gianluigi T rianni La convenzione tra Ausl di Modena e Coop

Dettagli

Mark Scheme (Result s) Summer 2007

Mark Scheme (Result s) Summer 2007 Mark Scheme (Result s) Summer 007 GCE GCE It alian (656/ 0) Edexcel Limited Registered in England and Wales No 4496750 Registered Office: One90 High Holborn, London W Unit Mark Scheme June 007 Question.

Dettagli

Corso di matematica classe quinta-anno 2010-2011-Giunti scuola- Annarita Monaco 1

Corso di matematica classe quinta-anno 2010-2011-Giunti scuola- Annarita Monaco 1 Corso di matematica classe quinta-anno 2010-2011-Giunti scuola- Annarita Monaco 1 352*(77$=,21(','$77,&$ 3UHVHQWD]LRQH: Consolidiamo la conoscenza dei numeri naturali, decimali e interi relativi, dei procedimenti

Dettagli

Adotta anche Tu una legge per i bambini di Haiti. Presenta. Modificare la legge sulle adozioni e adottare in via d emergenza i

Adotta anche Tu una legge per i bambini di Haiti. Presenta. Modificare la legge sulle adozioni e adottare in via d emergenza i Adotta anche Tu una legge per i bambini di Haiti Presenta Modificare la legge sulle adozioni e adottare in via d emergenza i bambini dei paesi devastati da terremoti e altri disastri. Perché? Il terremoto

Dettagli

Indagine su istruzione e competenze dei diplomati e laureati italiani

Indagine su istruzione e competenze dei diplomati e laureati italiani Indagine su istruzione e competenze dei diplomati e laureati italiani Commenti all Indagine su Istruzione e Competenze dei Laureati e Diplomati Italiani Tito Boeri e Michele Pellizzari Fondazione Rodolfo

Dettagli

48(67,21$5,26$1,7$5,2. Cognom e e nom e dell Assicurato Data di nascita Codice fiscale

48(67,21$5,26$1,7$5,2. Cognom e e nom e dell Assicurato Data di nascita Codice fiscale 48(67,21$5,26$1,7$5,2 Cognom e e nom e dell Assicurato Data di nascita Codice fiscale DI CHI ARAZI ONI DELL ASSI CURATO RELATI VE ALLE SUE PRECEDENTI ED ATTUALI CONDIZIONI SANI TARIE 1 STATO DI SALUTE

Dettagli

LIBAUT 05/12 05/2012

LIBAUT 05/12 05/2012 LIBAUT 05/12 05/2012 TUA MOTOR AUTOVETTURE Nota Informativa Premessa La presente Nota Informativa è redatta secondo lo schema predisposto dall ISVAP (Reg. n. 35/2010), ma il suo contenuto non è soggetto

Dettagli

Punt o di par t enza : ORFDOLWj7RSSDGHO&DSUDUR. Punt o di ar r ivo : $EED]LDGL60LFKHOH. Lunghezza del per cor so : NPFLUFD

Punt o di par t enza : ORFDOLWj7RSSDGHO&DSUDUR. Punt o di ar r ivo : $EED]LDGL60LFKHOH. Lunghezza del per cor so : NPFLUFD 68//(3,67('(,%5,*$17, /,7,1(5$5,2ƒSHUFRUVR L it iner ar io descr it t o è uno dei t ant i possibili che at t r aver sano il 0RQWH 9XOWXUH, e r isult a par t icolar ment e int er essant e per ché consent

Dettagli

Tratto da SaluteInternazionale.info

Tratto da SaluteInternazionale.info Tratto da SaluteInternazionale.info Accesso alla cura per l epatite C 2014-07- 23 08:07:40 Redaz ione SI Enrico T agliaf erri Nel mondo le persone infette dal virus dell epatite C sono 185 milioni e i

Dettagli

TRACCIA INTERVENTO Quale finanza per uno sviluppo partecipato in America Latina? Franco Caleffi

TRACCIA INTERVENTO Quale finanza per uno sviluppo partecipato in America Latina? Franco Caleffi TRACCIA INTERVENTO Quale finanza per uno sviluppo partecipato in America Latina? Franco Caleffi Gentili ospiti e convenuti, dopo un incontro così denso di interventi e ricco di stimoli cercare di tirare

Dettagli

EMERGENZA NEPAL. Ai.Bi. Associazione Amici dei Bambini

EMERGENZA NEPAL. Ai.Bi. Associazione Amici dei Bambini EMERGENZA NEPAL Elenco interventi delle organizzazioni del Coordinamento metropolitano milanese per il SAD http://www.cittametropolitana.mi.it/relazioni_internazionali/cooperazione_internazionale/sad/gui

Dettagli

0RGDOLWj$VVXQWLYH $FFHUWDPHQWLVDQLWDULULFKLHVWL LQHXUR. Πesam e com pleto delle urine in laboratorio. test HIV

0RGDOLWj$VVXQWLYH $FFHUWDPHQWLVDQLWDULULFKLHVWL LQHXUR. Œ esam e com pleto delle urine in laboratorio. test HIV 0RGDOLWj$VVXQWLYH &DSLWDOLGDDVVLFXUDUH $FFHUWDPHQWLVDQLWDULULFKLHVWL LQHXUR Sino a 155.000,00 ¼ Œ Com pilazione del questionario sanit ario Olt re 155.000,00 ¼ Sino a 260.000,00 ¼ Œ Œ Œ visit a del m edico

Dettagli

compr ese quelle r elat ive al f unzionament o del sist ema bibliot ecar io;

compr ese quelle r elat ive al f unzionament o del sist ema bibliot ecar io; &2081(',0('( 3URYLQFLDGL3DYLD 5(*2/$0(172 %,%/,27(&$&2081$/( $UW²&RPSLWLHVHUYL]LGHOOD%LEOLRWHFD La Bibliot eca di Mede è un ist it uzione cult ur ale che, ispir andosi ai pr incipi det t at i dal Manif

Dettagli

Sportello Unico Immigrazione NORMATI VA I N MATERI A DI I MMI GRAZI ONE

Sportello Unico Immigrazione NORMATI VA I N MATERI A DI I MMI GRAZI ONE Sportello Unico Immigraione NORMATI VA I N MATERI A DI I MMI GRAZI ONE 38172&(175$/('(//$/(**(%266,),1,( &+(1(66812 675$1,(5262**,251,,1,7$/,$6(1=$815(*2/$5( &2175$772',/$9252('81$//2**,2$'(*8$72 '/JV1

Dettagli

1HZVOHWWHU6,7$' QXP 6HWWHPEUH 6RPPDULR 3UHVHQWD]LRQH. $WWLYLWjSURJHWWLGDWLVHUYL]LHLQL]LDWLYH pag. 3. 6,7$' pag. 4. 6WUDGDULR8QLFR pag.

1HZVOHWWHU6,7$' QXP 6HWWHPEUH 6RPPDULR 3UHVHQWD]LRQH. $WWLYLWjSURJHWWLGDWLVHUYL]LHLQL]LDWLYH pag. 3. 6,7$' pag. 4. 6WUDGDULR8QLFR pag. 1HZVOHWWHU6,7$' 6HWWHPEUH QXP 6RPPDULR 3UHVHQWD]LRQH Cosa è una newsletter pag. 2 Cosa è un groupware pag. 2 $WWLYLWjSURJHWWLGDWLVHUYL]LHLQL]LDWLYH pag. 3 6,7$' pag. 4 6WUDGDULR8QLFR pag. 6 $SSHQGLFH pag.

Dettagli

il progetto: L ITALIA PER LUMLA

il progetto: L ITALIA PER LUMLA il progetto: L ITALIA PER LUMLA IDEATORE DEL PROGETTO: Sherap Lama Buddhist Monpa Project P.O. Gurupura 571188 Hunsur Taluk Mysore disrtict, Karnataka, India e.mail: bmsocietyus@yahoo.com AUTORE DEL PROGETTO:

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

33o FESTIVAL GIOVANILE INTERNAZIONALE Giulianova (Abruzzo), 8-14 aprile 2009

33o FESTIVAL GIOVANILE INTERNAZIONALE Giulianova (Abruzzo), 8-14 aprile 2009 1 33o FESTIVAL GIOVANILE INTERNAZIONALE Giulianova (Abruzzo), 8-14 aprile 2009 Annullato e sostituito da un azione di volontariato in favore dei cittadini abruzzesi colpiti dal drammatico terremoto del

Dettagli

La comunicazione green per le aziende vitivinicole

La comunicazione green per le aziende vitivinicole La comunicazione green per le aziende vitivinicole Skywine 13 ottobre 2013 Ala (Tn) Dot t oressa Ada Rosa Balzan Produt t ori di vino nel mondo Compet it ivit à del set t ore Vendemmia 2012-8% calo nazionale

Dettagli

La questione energetica

La questione energetica Un patto per il clima: le buone pratiche Forlì 15 giugno 2007 -------------------------------------------- La questione energetica Vincenzo Balzani Dipartimento di Chimica G. Ciamician Università di Bologna

Dettagli

67$7872 3URYLQFLDGL0LODQR. (ar t. 6 del D.Lgs. 18.8.2000, n. 267) Appr ovat o con deliber azione di Consiglio comunale n. 64 del 30.11.

67$7872 3URYLQFLDGL0LODQR. (ar t. 6 del D.Lgs. 18.8.2000, n. 267) Appr ovat o con deliber azione di Consiglio comunale n. 64 del 30.11. 67$7872 '(/&2081(', &86$120,/$1,12 3URYLQFLDGL0LODQR (ar t. 6 del D.Lgs. 18.8.2000, n. 267) Appr ovat o con deliber azione di Consiglio comunale n. 64 del 30.11.1999 Modif icat o con deliber azioni di

Dettagli

Sem inario di studio organizzato dall AI MMF- Zona Nord. Castiglione delle Stiviere, 22 e 23 m aggio 2004

Sem inario di studio organizzato dall AI MMF- Zona Nord. Castiglione delle Stiviere, 22 e 23 m aggio 2004 Sem inario di studio organizzato dall AI MMF- Zona Nord 5LOHYD]LRQHHFRQIURQWRVXOOHSUDVVLGHJOL8IILFLJLXGL]LDULLQUHOD]LRQH DGDOFXQLQRGLFULWLFLGHOGLULWWRHGHOODSURFHGXUDFLYLOHPLQRULOH Castiglione delle Stiviere,

Dettagli

La globalizzazione ci renderà tutti uguali?

La globalizzazione ci renderà tutti uguali? La globalizzazione ci renderà tutti uguali? Suzanne Berger insegna Scienze Politiche al MIT di Boston ed è l autrice di How We Compete. Questo libro riporta i risultati di un indagine condotta, con altri

Dettagli

Dissesto idrogeologico è un termine

Dissesto idrogeologico è un termine Il Dissesto idrogeologico un disastro italiano di Giovanni Maria Di Buduo* Dissesto idrogeologico è un termine infelice perché molto fuorviante: frane e alluvioni non sono dissesti, ma sono la concretizzazione

Dettagli

LA FONDAZIONE AVSI 4.000.000 beneficiari diretti La sua missione è promuovere la dignità della persona

LA FONDAZIONE AVSI 4.000.000 beneficiari diretti La sua missione è promuovere la dignità della persona LA FONDAZIONE AVSI La Fondazione AVSI è un organizzazione non governativa, ONLUS, nata nel 1972 e impegnata con oltre 100 progetti di cooperazione allo sviluppo in 37 paesi del mondo di Africa, America

Dettagli

Come si vede dalla figura precedente i campi da inserire sono i seguenti:

Come si vede dalla figura precedente i campi da inserire sono i seguenti: REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO BILANCIO E FINANZE Dipartimento Finanze e Credito Servizio Informatica Servizio Agevolazioni nelle Operazioni creditizie di garanzia Manuale per la compilazione

Dettagli

ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE

ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE Dicembre 2009 ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE Sabato 28 novembre si è svolta la tredicesima edizione della Giornata Nazionale della Colletta Alimentare. Anche nella nostra provincia la mobilitazione è stata

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA report tecnico nr. 03/08 v. 1 indice dei contenuti 1. Utilità delle RSL Pag. 1 2. Principali metodi Pag. 2 3. Esempi di RSL Pag. 3 4. Protocollo

Dettagli

Spedizione Tamur river

Spedizione Tamur river Spedizione Tamur river 1 La Mecca del rafting. Da sempre il Nepal è stato meta di esploratori, viaggiatori, alpinisti di alto calibro e trekkers. Ciò che pochi sanno è che dall Himalaya ed in particolare

Dettagli

I processi geo-idrologici (valanghe, frane, sono molto frequenti in Italia. Ogni anno in più luoghi della penisola tali

I processi geo-idrologici (valanghe, frane, sono molto frequenti in Italia. Ogni anno in più luoghi della penisola tali PROTEC Torino Lingotto 30 giugno/2 luglio 2011 PROCESSI GEO-IDROLOGICI GEO IDROLOGICI E COPERTURA ASSICURATIVA Fabio Luino I processi geo-idrologici (valanghe, frane, colate detritiche torrentizie, ti

Dettagli

Agevolazioni per le im prese indust riali, art igianali e dei servizi

Agevolazioni per le im prese indust riali, art igianali e dei servizi Legge 19 dicembre 1992, n. 488 Agevolazioni per le im prese indust riali, art igianali e dei servizi 2**(772 Agevolazioni per le im prese indust riali, art igianali e dei servizi 2%,(77,9, I l sistema

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est e l emigrazione

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est e l emigrazione OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est e l emigrazione Il Gazzettino, 14.12.2011 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato condotto nei giorni

Dettagli

Missione in Nepal a seguito del terribile terremoto il 25 aprile 2015 Dott. Franco De Giorgi

Missione in Nepal a seguito del terribile terremoto il 25 aprile 2015 Dott. Franco De Giorgi Missione in Nepal, Dhulikhel Hospital Nepal Dott. Franco De Giorgi Maggio 2015 Missione in Nepal a seguito del terribile terremoto il 25 aprile 2015 Dott. Franco De Giorgi 1.6.2015 Ieri, sabato, abbiamo

Dettagli

Indici standard rivisitati n. 3: Il tasso di rimbalzo

Indici standard rivisitati n. 3: Il tasso di rimbalzo Indici standard rivisitati n. 3: Il tasso di rimbalzo Standard Metrics Revisited #3: Bounce Rate http://www.kaushik.net/avinash/2007/08/standard-metrics-revisited-3- bounce-rate.html Quando Ann mi chiese

Dettagli

e CARTA DEI SERVIZI An n o d i r i f e r i m e n t o 2 0 0 7 P A R T E P R I M A P R I N C I P I F O N D A M E N T A L I 1. 1 P R E M E S S A P a n s e r v i c e s. a. s. d i F. C u s e o & C. ( d i s

Dettagli

Il Presidente f.to Angelo CANALE. I Componenti. f.to Antonio De Santis. f.to Carlo Tixon

Il Presidente f.to Angelo CANALE. I Componenti. f.to Antonio De Santis. f.to Carlo Tixon 3 REPORT 1. Nei giorni dal 20 al 23 maggio 2005 due componenti della Commissione si sono recati in Sri Lanka per una verifica in loco dello stato di attuazione dei progetti di cui alle convenzioni stipulate

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L AMMISSIONE Al PERCORSI FORMATIVI PER OPERATORE SOCIO SANITARIO (DGRV n. 504 del 02/03/2010 e DDR n. 426 del 11/05/2010)

AVVISO PUBBLICO PER L AMMISSIONE Al PERCORSI FORMATIVI PER OPERATORE SOCIO SANITARIO (DGRV n. 504 del 02/03/2010 e DDR n. 426 del 11/05/2010) ALLEGATO 1 Regione del Veneto AZIENDA ULSS 16 DI PADOVA In esecuzione della Deliberazione del Direttore Generale n. del è indetto AVVISO PUBBLICO PER L AMMISSIONE Al PERCORSI FORMATIVI PER OPERATORE SOCIO

Dettagli

Offerte lavoro psicologi: consigli per trovare lavoro in psicologia Pag. 1 di 5 Stefano Sirri, Psico-Pratika N 16

Offerte lavoro psicologi: consigli per trovare lavoro in psicologia Pag. 1 di 5 Stefano Sirri, Psico-Pratika N 16 Offerte lavoro psicologi: consigli per trovare lavoro in psicologia Pag. 1 di 5 OFFERTE LAVORO PSICOLOGI: Consigli per trovare lavoro in psicologia Trovare lavoro come psicologi non è sempre semplice.

Dettagli

Il Microcredito. Caterina Spadaro Corso di Laurea Magistrale in Relazioni internazionli Facoltà di Scienze Politiche

Il Microcredito. Caterina Spadaro Corso di Laurea Magistrale in Relazioni internazionli Facoltà di Scienze Politiche Il Microcredito Caterina Spadaro Corso di Laurea Magistrale in Relazioni internazionli Facoltà di Scienze Politiche Elisa Di Gloria Corso di Laurea Magistrale in Matematica Facoltà di SMFN Introduzione

Dettagli

KATHMANDU. di Paolo Castellani

KATHMANDU. di Paolo Castellani KATHMANDU 30 di Paolo Castellani CITTA' DEL MONDO In genere a Ad ogni angolo un tempio Kathmandu si arriva con l aereo e nelle giornate chiare, da qualunque destinazione si provenga, l ingresso nella valle,

Dettagli

Emergenza Iraq. Protezione e assistenza umanitaria agli sfollati iracheni in fuga dal conflitto e dalla discriminazione

Emergenza Iraq. Protezione e assistenza umanitaria agli sfollati iracheni in fuga dal conflitto e dalla discriminazione Emergenza Iraq Protezione e assistenza umanitaria agli sfollati iracheni in fuga dal conflitto e dalla discriminazione Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati Report finale Il progetto finanziato

Dettagli

Congregazione Suore Ministre degli Infermi. Progetto HAITI

Congregazione Suore Ministre degli Infermi. Progetto HAITI Congregazione Suore Ministre degli Infermi Progetto HAITI INTRODUZIONE GENERALE Noi siamo le Suore Ministre degli Infermi di San Camillo; la nostra è una congregazione missionaria che vive la missione

Dettagli

FONDAZIONE LIONS CLUBS INTERNATIONAL RICHIESTA PER SUSSIDI STANDARD

FONDAZIONE LIONS CLUBS INTERNATIONAL RICHIESTA PER SUSSIDI STANDARD FONDAZIONE LIONS CLUBS INTERNATIONAL RICHIESTA PER SUSSIDI STANDARD REQUISITI E REGOLAMENTO PER LA RICHIESTA DI SUSSIDI STANDARD MISSIONE DI SERVIZIO E PRIORITÀ DEL PROGRAMMA DI SUSSIDI I sussidi standard

Dettagli

LE SFIDE DELLA SANITÀ AMERICANA

LE SFIDE DELLA SANITÀ AMERICANA INTRODUZIONE Di norma gli autori di un libro evitano di spiegare ai lettori com è nata l idea della loro creatura, come questa si è sviluppata e si è trasformata in un prodotto editoriale. Non lo fanno

Dettagli

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO PRESSO IL CENTRO SANITARIO DI BILEKRO NEL DISTRETTO SANITARIO DI AYAME (COSTA D AVORIO)

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO PRESSO IL CENTRO SANITARIO DI BILEKRO NEL DISTRETTO SANITARIO DI AYAME (COSTA D AVORIO) PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO PRESSO IL CENTRO SANITARIO DI BILEKRO NEL DISTRETTO SANITARIO DI AYAME (COSTA D AVORIO) 1. Contesto geografico, ambientale e sociale dell intervento

Dettagli

theorderof Edizione speciale: in prima linea dopo il terremoto di Haiti

theorderof Edizione speciale: in prima linea dopo il terremoto di Haiti UNA PUBBLICAZIONE DEL GRAN MAGISTERO DEL SOVRANO MILITARE ORDINE OSPEDALIERO DI SAN GIOVANNI DI GERUSALEMME DI RODI E DI MALTA Marzo 10 Malta theorderof Edizione speciale: in prima linea dopo il terremoto

Dettagli

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro 2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro Nel 2004 (dopo 3 anni di crescita stagnante dovuta principalmente agli effetti degli attacchi terroristici dell 11 settembre e all

Dettagli

di prossima pubblicazione:

di prossima pubblicazione: di prossima pubblicazione: 1 (la sintesi) Fare cessare l artificiale scarsità di moneta in Italia L economia italiana sta asfissiando a causa della scarsità di moneta. Gli altri problemi di sprechi e inefficienze

Dettagli

I nit ial Public Of f ering")

I nit ial Public Of f ering) L' I PO (dall' inglese "I" I nit ial Public Of f ering") è l' of f ert a pubblica iniziale di sot t oscrizione e/ o di vendit a (OPS, OPV o OPVS) di t it oli di una societ à che per la prima volt a viene

Dettagli

Hilary Downes, media relations, PwC Tel: +44 (0)207 213 4706 / +44 (0)7718 340 113 e-mail: hilary.n.downes@uk.pwc.com

Hilary Downes, media relations, PwC Tel: +44 (0)207 213 4706 / +44 (0)7718 340 113 e-mail: hilary.n.downes@uk.pwc.com News release Contact Hilary Downes, media relations, PwC Tel: +44 (0)207 213 4706 / +44 (0)7718 340 113 e-mail: hilary.n.downes@uk.pwc.com PwC: I patrimoni globali gestiti supereranno quota 100.000 miliardi

Dettagli

ITALIA S.P.A. uno Stato Patologico Avanzato in vendita di Gianni Cavinato L Italia è in vendita! Noi no!!!

ITALIA S.P.A. uno Stato Patologico Avanzato in vendita di Gianni Cavinato L Italia è in vendita! Noi no!!! ITALIA S.P.A. uno Stato Patologico Avanzato in vendita di Gianni Cavinato L Italia è in vendita! Noi no!!! A comprare il nostro Paese sono pronte le maggiori istituzioni finanziarie internazionali che,

Dettagli

Corrispondenti della Banca Cattolica del Veneto all estero, 1959

Corrispondenti della Banca Cattolica del Veneto all estero, 1959 Corrispondenti della Banca Cattolica del Veneto all estero, 1959 : L UFFICIO CAMBIO E IL SERVIZIO ESTERO Il Veneto è tra le regioni italiane che più contribuirono ad alimentare un rilevante flusso migratorio

Dettagli

Non sapevo veramente cosa aspettarmi Pensavo sarebbe stato qualcosa di simile a quello che avevo fatto a casa mia a Briarwood. Pensavo di trovare famiglie senza casa, gente povera, e senso di isolamento.

Dettagli

MEDICI IN MOTO IN NEPAL MotoForPeace 2014 Per un pronto soccorso più rapido nelle zone rurali e remote del paese

MEDICI IN MOTO IN NEPAL MotoForPeace 2014 Per un pronto soccorso più rapido nelle zone rurali e remote del paese MEDICI IN MOTO IN NEPAL MotoForPeace 2014 Per un pronto soccorso più rapido nelle zone rurali e remote del paese 1-Premessa Questo progetto nasce dall incontro di due Associazioni senza fini di lucro,

Dettagli

PROGETTO SCUOLA PRIMARIA DI RARE - KENYA

PROGETTO SCUOLA PRIMARIA DI RARE - KENYA INDICE 1. H.H.P.P. ONLUS... 2 2. PROGETTO SCUOLA PRIMARIA DI... 3 2.1. Obiettivi del progetto... 3 2.2. Descrizione del progetto... 3 2.3. Costo complessivo e durata dell intervento... 6 Pagina 1 di 7

Dettagli

Lo sapete che... Alcuni dati sul mio paese

Lo sapete che... Alcuni dati sul mio paese Brasile Lo sapete che... Povertà e disuguaglianza provocano fame e malnutrizione. Il cibo ed altri beni e servizi essenziali da cui dipendono la sicurezza alimentare, la salute e la nutrizione - acqua

Dettagli

ACQUISTA ONLINE > REPUBBLICA DOMINICANA AMERICHE

ACQUISTA ONLINE > REPUBBLICA DOMINICANA AMERICHE ACQUISTA ONLINE > REPUBBLICA DOMINICANA 11 AMERICHE DUEMILA AMERICHE ha adottato a schiacciante maggioranze (187 voti favorevoli e due contrari) una risoluzione che chiede agli Usa di porre fine all embargo

Dettagli

RESTIAMO NELLA NOSTRA TERRA

RESTIAMO NELLA NOSTRA TERRA RESTIAMO NELLA NOSTRA TERRA Il terremoto del 20 e del 29 maggio ha danneggiato in modo significativo la sede della comunità. Si è rimediato con una sistemazione provvisoria di una tenda e due roulotte

Dettagli

La gestione del rischio: se i meno contano più dei più

La gestione del rischio: se i meno contano più dei più 1 La gestione del rischio: se i meno contano più dei più Aggiornato il 20/02/2008 Introduzione Quanti di noi si metterebbero al volante di un auto essendo consapevoli che i freni sono guasti? Probabilmente

Dettagli

Insegnare relatività. nel XXI secolo

Insegnare relatività. nel XXI secolo Insegnare relatività nel XXI secolo L ' e s p e r i m e n t o d i H a f e l e e K e a t i n g È il primo dei nuovi esperimenti, realizzato nel 1971. Due orologi atomici sono stati montati su due aerei

Dettagli

La dif f er enza dipende dal f at t o che nella classif icazione it aliana sono consider at i come gr uppi a sé st ant i i legumi e i gr assi da

La dif f er enza dipende dal f at t o che nella classif icazione it aliana sono consider at i come gr uppi a sé st ant i i legumi e i gr assi da *OLDOLPHQWL Per aliment o si int ende ogni sost anza che cont enga nut r ient i ut ilizzabili per il nost r o or ganismo. Gli aliment i possono esser e classif icat i in base a var i cr it er i: a seconda

Dettagli

Vincenzo Balzani. Ravenna, 25 set t embr e 2009

Vincenzo Balzani. Ravenna, 25 set t embr e 2009 Vincenzo Balzani Dipar t iment o di Chimica Giacomo Ciamician Facolt à di Scienze, Univer sit à di Bologna vincenzo.balzani@unibo.it Ravenna, 25 set t embr e 2009 Fot o scat t at a dalla sonda Cassini-

Dettagli

XVI Convegno AIAF ASSIOM FOREX

XVI Convegno AIAF ASSIOM FOREX XVI Convegno AIAF ASSIOM FOREX Relazione introduttiva Gregorio De Felice, Presidente AIAF Napoli, 13 febbraio 2010 1 Signor Governatore, Autorità, Signori Delegati, sono ormai trascorsi quasi mille giorni

Dettagli

Professionalità, metodo ed esperienza sono alla base della loro preparazione specifica.

Professionalità, metodo ed esperienza sono alla base della loro preparazione specifica. Premessa Giuseppe Nappi e Vittorio del Re sono tra i massimi esponenti Italiani nel panorama della consulenza alle reti sia dirette che Franchising. Negli ultimi dieci anni hanno sviluppato molte catene

Dettagli

RILEVAZIONE DEI BISOGNI DI CONCILIAZIONE LAVORO-FAMIGLIA ELABORAZIONE DATI QUESTIONARI E REPORT DI SINTESI

RILEVAZIONE DEI BISOGNI DI CONCILIAZIONE LAVORO-FAMIGLIA ELABORAZIONE DATI QUESTIONARI E REPORT DI SINTESI RILEVAZIONE DEI BISOGNI DI CONCILIAZIONE LAVORO-FAMIGLIA ELABORAZIONE DATI QUESTIONARI E REPORT DI SINTESI OBIETTIVI DEL PROGETTO 2 attivare la Provincia di Forlì-Cesena in un azione interassessorile,

Dettagli

heads of unive rsit y management & administ rat ion network e urope

heads of unive rsit y management & administ rat ion network e urope heads of unive rsit y management & administ rat ion network e urope Viene costituito come network informale nel 1997 Si pone l obiet t ivo di raggruppare i direttori amminist rat ivi delle universit à

Dettagli

23325781,7$ (69,/8332'(/7(55,725,2 *OLDFTXLVWLYHUGLGHO&2081(',)(55$5$ GDOODWHRULDDOODSUDWLFD

23325781,7$ (69,/8332'(/7(55,725,2 *OLDFTXLVWLYHUGLGHO&2081(',)(55$5$ GDOODWHRULDDOODSUDWLFD C O M U N E *5((138%/,&352&85(0(17² $&48,67,9(5', 23325781,7$ (69,/8332'(/7(55,725,2 *OLDFTXLVWLYHUGLGHO&2081(',)(55$5$ GDOODWHRULDDOODSUDWLFD Saler no 15 giugno 2007 VALERI A NARDO VALERIA NARDO 1 C O

Dettagli

FONDAZIONE LIONS CLUBS INTERNATIONAL RICHIESTA PER SUSSIDI STANDARD

FONDAZIONE LIONS CLUBS INTERNATIONAL RICHIESTA PER SUSSIDI STANDARD FONDAZIONE LIONS CLUBS INTERNATIONAL RICHIESTA PER SUSSIDI STANDARD REQUISITI E REGOLAMENTO PER LA RICHIESTA DI SUSSIDI STANDARD MISSIONE DI SERVIZIO E PRIORITÀ DEL PROGRAMMA DI SUSSIDI I sussidi standard

Dettagli

La contabilità nazionale e la bilancia dei pagamenti

La contabilità nazionale e la bilancia dei pagamenti La contabilità nazionale e la bilancia dei pagamenti La contabilità nazionale in un economia aperta La bilancia dei pagamenti Bibliografia di base: capitolo 2 ("La contabilità nazionale e la bilancia dei

Dettagli

METODI DI DONAZIONE E TIPI DI RICONOSCIMENTO

METODI DI DONAZIONE E TIPI DI RICONOSCIMENTO METODI DI DONAZIONE E TIPI DI RICONOSCIMENTO Riconoscimento per i donatori LCIF Ogni donazione è importante I Lions di tutto il mondo sono uniti nell idea di portare aiuto e speranza ai più bisognosi.

Dettagli

Tre PROGETTI per HAITI

Tre PROGETTI per HAITI Tre PROGETTI per HAITI EMERGENZA HAITI p. 2 SAINT CHARLE A CROIX DES BOUQUES PROGETTO SOSTEGNO SCUOLA PRIMARIA p. 3 DAJABON PROGETTO CASA FAMIGLIA PER BAMBINI ORFANI p. 4 LÉ0GANE PROGETTO RICOSTRUZIONE

Dettagli

Tratto da Prospettive assistenziali n. 175, luglio settembre 2011 www.fondazionepromozionesociale.it

Tratto da Prospettive assistenziali n. 175, luglio settembre 2011 www.fondazionepromozionesociale.it Tratto da Prospettive assistenziali n. 175, luglio settembre 2011 www.fondazionepromozionesociale.it ALLUCINANTI LE DICHIARAZIONI DEL MINISTRO SACCONI SULLA SOCIAL CARD E SULLE ESIGENZE DEI SOGGETTI DEBOLI

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Numero 7 del 4 febbraio 2013. Edito da Borsari Casa Editrice

Numero 7 del 4 febbraio 2013. Edito da Borsari Casa Editrice Numero 7 del 4 febbraio 2013 Edito da Borsari Casa Editrice Disclaimer: l intento di BorsariTrade è quello di analizzare i mercati nei loro movimenti passati e attuali, innanzitutto per capire come cambia

Dettagli

1. non intraprendere trattative di affari con operatori senza prima aver raccolto informazioni sull esistenza e l affidabilita della controparte;

1. non intraprendere trattative di affari con operatori senza prima aver raccolto informazioni sull esistenza e l affidabilita della controparte; CAUTELE NELLE TRATTATIVE CON OPERATORI CINESI La Cina rappresenta in genere un partner commerciale ottimo ed affidabile come dimostrato dagli straordinari dati di interscambio di questo Paese con il resto

Dettagli

L'avete fatto a me. Cooperazione e Sviluppo per la salute nei P.V.S.

L'avete fatto a me. Cooperazione e Sviluppo per la salute nei P.V.S. L'avete fatto a me medici, infermieri, psicologi, fisioterapisti, educatori e amministrativi volontari per la Formazione del personale locale a Sud del Mondo. Anno 9, n. 2 Newsletter marzo-aprile 2012

Dettagli

PATROCINATE un disabile

PATROCINATE un disabile un bambino PATROCINATE un disabile Offrite loro nuove prospettive di vita! www.morija.org Impegnatevi accanto a Morija! Da più di 30 anni, Morija attua con i suoi partner locali progetti a carattere strettamente

Dettagli

Lucca 7 luglio 2013 Seminario. Procedure per la gara del trasporto pubblico locale in Toscana

Lucca 7 luglio 2013 Seminario. Procedure per la gara del trasporto pubblico locale in Toscana Lucca 7 luglio 2013 Seminario Procedure per la gara del trasporto pubblico locale in Toscana I dat i alla base della rif orm a del 2010 DISOMOGENEITA NEI FATTORI CHE CARATTERIZZANO L OFFERTA DI TRASPORTO

Dettagli

RILEVAZIONE DATI D.i.Re. I dati dei Centri Antiviolenza di D.i.Re 1 gennaio al 31 dicembre 2013

RILEVAZIONE DATI D.i.Re. I dati dei Centri Antiviolenza di D.i.Re 1 gennaio al 31 dicembre 2013 RILEVAZIONE DATI D.i.Re I dati dei Centri Antiviolenza di D.i.Re 1 gennaio al 31 dicembre 2013 A cura del Gruppo Ricerca rilevazione dati Novembre 2014 Premessa L associazione nazionale D.i.Re Donne in

Dettagli

REGIONE BASILICATA. Bilancio di Previsione Pluriennale 2010-2012. Stato di Previsione dell'entrata. per Unità Previsionali di Base

REGIONE BASILICATA. Bilancio di Previsione Pluriennale 2010-2012. Stato di Previsione dell'entrata. per Unità Previsionali di Base Stato di Previsione dell'entrata Descrizione 1 DERIVANTI DA TRIBUTI PROPRI DELLA REGIONE, DAL GETTITO DI TRIBUTI ERARIALI O DI QUOTE DI ESSO DEVOLUTE ALLA REGIONE 1.01 T RIBUT I PROPRI 1.01.01 1.01.02

Dettagli

Nuove centralità metropolitane: il caso di Milano

Nuove centralità metropolitane: il caso di Milano Nuove centralità metropolitane: il caso di Milano Gian Paolo Torricelli GEA Accademia Università degli Associazione di Architettura Studi di Milano Dei geografi Mendrisio (CH) 1 La città è cambiata, i

Dettagli

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI VALENTINO DOMINI L attacco iniziale, prima azione di affrancamento della coppia controgiocante, è un privilegio e una responsabilità: molti contratti vengono battuti o realizzati proprio in rapporto a

Dettagli

ppunti ed esercizi del corso di I nf orm a tica B I ng eg neria M ecca nica, P ia cenza I nf orm a tica C I ng eg neria dei T ra sporti, P ia cenza lg eb ra di B ool, b locch i f unziona li, ta b ella

Dettagli

Franco Barberi 1, Guido Bertolaso 2, Enzo Boschi 3. 1. Le dimensioni del problema sismico in Italia

Franco Barberi 1, Guido Bertolaso 2, Enzo Boschi 3. 1. Le dimensioni del problema sismico in Italia Franco Barberi 1, Guido Bertolaso 2, Enzo Boschi 3 1. Dipartimento di Scienze Geologiche, Università di Roma Tre 2. Dipartimento della Protezione Civile, Presidenza del Consiglio dei Ministri 3. Istituto

Dettagli

PROGETTO PROVINCIALE CONCILIAZIONE TRA TEMPI DI VITA E TEMPI DI LAVORO DEI DIPENDENTI DELLA PROVINCIA DI FORLì-CESENA

PROGETTO PROVINCIALE CONCILIAZIONE TRA TEMPI DI VITA E TEMPI DI LAVORO DEI DIPENDENTI DELLA PROVINCIA DI FORLì-CESENA Servizio Istruzione, Formazione e Politiche del Lavoro Ufficio Pianificazione Azioni di sistema, formazione per utenze svantaggiate e femminili PROGETTO PROVINCIALE CONCILIAZIONE TRA TEMPI DI VITA E TEMPI

Dettagli

YET S O F A R F R O M SAF E T Y

YET S O F A R F R O M SAF E T Y UNHCR / A. D Amato YET S O F A R F R O M SAF E T Y 70.000 59.000 60.000 26.300 9.700 22.500 165.000 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 Totale di arrivi via mare MEDITERRANEO RIFUGIATI E MIGRANTI RISCHIANO

Dettagli

Tratto da SaluteInternazionale.info

Tratto da SaluteInternazionale.info Tratto da SaluteInternazionale.info Il sistema sanitario tedesco 2014-09- 15 10:09:22 Redaz ione SI pubblicato su: www.sossanita.it Irene Bellini La Germania spende molt o per la sanit à, ma più ancora

Dettagli

Il ruolo del Geologo nella bonifica dei siti contaminati

Il ruolo del Geologo nella bonifica dei siti contaminati Il ruolo del Geologo nella bonifica dei siti contaminati Geol. Giovanni Savarese 1 D.Lgs 3 Aprile 2006, n 152 Norme in materia Ambientale Supp. 90 GU n.88 del 14/ 04/ 2006 Parte IV Titolo V Bonifica di

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GRILLO, BARONI, CECCONI, DALL OSSO, DI VITA, SILVIA GIORDANO, LOREFICE, MANTERO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GRILLO, BARONI, CECCONI, DALL OSSO, DI VITA, SILVIA GIORDANO, LOREFICE, MANTERO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1694 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI GRILLO, BARONI, CECCONI, DALL OSSO, DI VITA, SILVIA GIORDANO, LOREFICE, MANTERO Disposizioni

Dettagli

BENI MOBILI MATERIALI

BENI MOBILI MATERIALI Una volta accertati i requisiti per l attuazione di un esecuzione forzata, il creditore richiede all ufficiale giudiziario di procedere nei confronti dei beni del debitore. Possono essere oggetto di esecuzione

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato FERRIGNO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato FERRIGNO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3290 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato FERRIGNO Disposizioni in materia di assicurazione obbligatoria per la responsabilità civile

Dettagli

Corriere tributario. Le Or igini. Come possono appar ir e i "Candlest icks"

Corriere tributario. Le Or igini. Come possono appar ir e i Candlest icks 1/8 Vi pr esent iamo un br eve lavor o int r odut t ivo alla conoscenza della t ecnica dei char t s con le candele giapponesi ed una veloce car r ellat a di f igur e e f or mazioni più comuni e signif

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

Volume mondiale Esportazioni

Volume mondiale Esportazioni Italia - l auto in cifre Italia La mobilità globale delle merci e il ruolo della strada Dati, proiezioni e considerazioni sul Commercio Estero Mondiale, e sulle valutazioni tradizionali delle varie modalità

Dettagli