FILOSOFIA DEL DIRITTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FILOSOFIA DEL DIRITTO"

Transcript

1 INSEGNAMENTO DI FILOSOFIA DEL DIRITTO LEZIONE XII "INTERPRETAZIONE COSTITUZIONALE ED ERMENEUTICA" PROF.SSA FLORA DI DONATO

2 Indice 1 PREMESSA L INTERPRETAZIONE COSTITUZIONALE: BILANCIAMENTO, ARGOMENTO CONSEQUENZIALISTA E PRECEDENTI IL PROBLEMA DELL INTERPRETAZIONE GIURIDICA: DISTINZIONI PRELIMINARI DALLA DOGMATICA ALL ERMENEUTICA GIURIDICA L ERMENEUTICA GIURIDICA LE CARATTERISTICHE DELL ERMENEUTICA GIURIDICA CONCLUSIONI BIBLIOGRAFIA di 22

3 1 Premessa Nel corso del XIX secolo, la crisi dello Stato di diritto raggiunge il suo apice a causa dell avvento dei regimi totalitari. Al termine del secondo conflitto mondiale, anche il positivismo giuridico finisce per mostrare i suoi limiti per l ostinato tentativo della scienza giuridica di tenere distinto il diritto dalla morale e di intendere il diritto come un sistema puro, autopoietico e privo di lacune. Questa visione finisce per rivelarsi fallimentare: ci si rende conto dell indispensabilità del ricorso ai valori morali come correttivo e come guida per le regole giuridiche positive. Rimane tuttavia da risolvere il problema della legittimità giuridica dei valori morali come fonte di regolamentazione dell intero sistema giuridico. La soluzione proverrà dalla creazione dello Stato costituzionale che, recependo nella Costituzione i valori morali di un popolo e i diritti fondamentali degli individui, finirà per legittimare positivamente ovvero giuridicamente il riferimento agli stessi valori. La costituzionalizzazione dei diritti umani e dei principi etico-morali peraltro non definirà alcuna forma di identificazione tra Costituzione e diritto morale o naturale, rendendo al contrario la Costituzione come la più alta manifestazione di diritto positivo 1. 1 Mengoni, L., Ermeneutica e dogmatica giuridica, saggi, Giuffrè, Milano, L a. riprende anche il pensiero di Pietro Piovani espresso in Giusnaturalismo ed etica moderna (Laterza, Bari, 1961, p. 46): il giusnaturalismo è un esperienza che si è conclusa già con la positivizzazione del diritto naturale moderno. 3 di 22

4 2 L interpretazione costituzionale: bilanciamento, argomento consequenzialista e precedenti La presenza dei principi costituzionali negli ordinamenti degli Stati ha finito per scardinare, in qualche misura, la gerarchia delle fonti. Difatti è previsto che ciascuna norma di rango inferiore (leggi ordinarie, regolamenti, decreti, leggi regionali) abbia un contenuto conforme alle norme costituzionali e che sia interpretata ed applicata conformemente agli enunciati costituzionali. Queste operazioni di interpretazione ed applicazione della legge che siano conformi alla Costituzione, apparentemente semplici e scontate, non sono prive di difficoltà. Ricorriamo ad un esempio pratico e consideriamo il testo dell art. 3 della Costituzione italiana. Esso recita: Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all organizzazione politica, economica e sociale del Paese. Dal tenore letterale del testo, si può già formulare qualche considerazione: il linguaggio costituzionale non è tecnicizzato, spesso è incompleto e persino ambiguo, perché ricorre a termini vaghi. Ciò fa del testo costituzionale un testo più aperto rispetto a quello di una norma ordinaria. Nel caso del menzionato art. 3, specialmente il secondo comma, pone una serie di problematiche di non poco rilievo. Ad esempio, l espressione impediscono il pieno sviluppo della persona umana, che si riferisce agli ostacoli economici e sociali che lo Stato deve eliminare, si presta a molteplici interpretazioni; soprattutto, il pieno sviluppo della persona umana dipende da circostanze storiche, sociali, politiche ed economiche che variano con il tempo. Facciamo un altro esempio. Si consideri la parola 'lavoro' usata con un senso diverso negli artt. 4 e 35, co. 1, della Costituzione. L art. 4 (co. 1 e 2) riconosce il lavoro come un diritto spettante a tutti i cittadini ma anche come un dovere ( La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al 4 di 22

5 lavoro [ ]. Ogni cittadino ha il dovere di svolgere [ ] un attività o una funzione [ ] ). L art. 35, co. 1, pone invece un obbligo di tutela del lavoro in capo all ordinamento statale ( La Repubblica tutela il lavoro in tutte le sue forme ed applicazioni [ ] ). Con il termine 'lavoro', pertanto, si può intendere un diritto, un dovere o un obbligo 2. Altra difficoltà che l interpretazione costituzionale incontra consiste nelle caratteristiche stesse dei valori recepiti: la fluidità dei valori espressi dalla suprema Carta ne impedisce la cristallizzazione in categorie dogmatiche statiche e stabili. Il carattere politico della Costituzione impedisce inoltre la formazione di norme costituzionali neutrali. L approccio alla Carta costituzionale finisce perciò per basarsi sul giusto rapporto tra il singolo e la società, da un lato, e lo Stato dall altro 3. Questo rapporto non può essere predeterminato a priori, attraverso la costruzione di una gerarchia di valori che ridurrebbe i principi costituzionali a sistema unitario e coerente. L unità della Costituzione, paradossalmente, poggia sulla tensione tra i valori in essa contenuti. Spetta all operatore giuridico armonizzare tale tensione, stabilendo, caso per caso quale principio sia più adatto a fornire la soluzione concreta. Vediamo allora quali tecniche devono essere utilizzate per interpretare ed applicare un principio costituzionale. Innanzitutto, dobbiamo precisare che i principi costituzionali non sono semplici topoi, ovvero punti di vista orientativi che l operatore giuridico può usare a suo piacimento ma sono norme giuridiche. I valori morali positivizzati nella Costituzione conservano la loro natura etico-filosofica ma acquistano anche una forza normativa, quindi la loro applicazione non si fonda più unicamente su motivazioni morali ma anche su ragioni giuridiche. L interpretazione costituzionale opera mediante la tecnica del bilanciamento che, attraverso il cd. test di universalizzabilità, permette di adottare la decisione più razionale, evitando il cd. decisionismo interpretativo dei giudici 4. Come abbiamo visto nella scorsa lezione, Alexy ha definito i principi costituzionali come precetti di ottimizzazione 5, perché privi di una fattispecie predeterminata e non sono applicabili al caso concreto aprioristicamente previsto. Rispetto ad un caso concreto, l operazione di bilanciamento si presenta come un operazione interpretativa ed applicativa che consiste nel valutare quale dei due o più principi che ipoteticamente potrebbero regolare la fattispecie si presta meglio a tutelare gli interessi ed i diritti in gioco. La tecnica del 2 Mengoni, L., Ermeneutica e dogmatica giuridica, cit., p Zagrebelsky, G., Costituzione e diritto costituzionale di Rudolf Smend, Giuffré, Milano, Sul punto si veda Alexy, R., Concetto e validità del diritto, Einaudi, Torino, 1997 e Alexy, R., Teoria dell'argomentazione giuridica, Giuffrè, Milano, Alexy, R., Concetto e validità del diritto, Einaudi, Torino, di 22

6 bilanciamento, a sua volta, si avvale di un particolare criterio di valutazione che consente di prevedere le possibili conseguenze di un giudizio di costituzionalità di una legge: ci riferiamo all argomento consequenzialista 6. L argomento consequenzialista consente nei casi più controversi o più delicati (che hanno cioè un maggior impatto sociale) di calcolare le conseguenze pratiche realizzate dalla decisione 7. Si consideri ad esempio la sentenza n. 180 del che ha respinto una serie di impugnative della legge del 1986 che prescrive l obbligo per i conducenti di motocicli e di ciclomotori di indossare il casco. Tale sentenza trova la sua ratio nell interpretazione dell art. 32 Cost. che suggerisce l introduzione di limiti alla libertà individuale in vista di un interesse superiore che è la tutela della salute. Questa interpretazione è stata integrata con un argomento consequenzialista che ha tenuto conto degli effetti pratici della legge attestati dai dati delle rilevazioni statistiche condotte nel nostro Paese e all estero, dai quali risulta il notevole abbassamento della mortalità e delle morbosità invalidanti verificatosi dopo l adozione dell obbligo del casco per i guidatori di motoveicoli 9. In altri termini, l argomento consequenzialista ha contribuito a sostenere una decisione costituzionale, integrando l attività giurisprudenziale (interpretazione dell art. 32 Cost.) con una previsione concreta dei possibili effetti di una legge. In altri casi, l analisi delle conseguenze ha contribuito ad una decisione circa la necessità o l idoneità di un limite imposto ad un diritto fondamentale dalla legge oggetto dell impugnazione. La sentenza n. 108 del ha dichiarato l illegittimità delle proroghe concesse da due leggi del 1984 e del 1985 dei contratti di locazioni di immobili ad uso commerciale stipulati prima del 30 luglio La motivazione della sentenza proveniva dalla considerazione che le attività economiche terziarie avevano vissuto un notevole incremento a partire dal 1978 e che perciò era necessario che i nuovi operatori potessero stipulare contratti di locazione ai prezzi del libero mercato. Un dato empirico gli esiti dell attività commerciale del settore del terziario influenzava così una decisione su una legge, escludendo la compressione del diritto dei proprietari, giustificata, in questo caso, dalla finalità di contenere la disoccupazione nel settore del commercio. 6 Habermas J., Teoria della morale, Laterza, Roma-Bari, La rilevanza della previsione delle conseguenze empiriche di un giudizio su una legge costituzionale è stata messa in luce anche dalla Corte Costituzionale: cfr. Corte Cost., n. 329 del 1992, in Giur. Cost., 1992, pp e sgg., spec Giur. Cost., n. 180 del 1994, p e sgg., spec Il testo integrale della sentenza è consultabile al seguente link: 10 Giur. Cost., n. 108 del 1986, p di 22

7 L interpretazione costituzionale basata sul bilanciamento dei principi ha la funzione di conferire unità e coerenza all intero sistema giuridico e di contribuire a solidificare le decisioni della giurisprudenza e alla formazione dei cd. precedenti. Le argomentazioni formulate nel passato e consolidatesi nelle decisioni dei giudici creano il cd. precedente 11 che resta valido e operativo sino a che nuove argomentazioni, concettualmente articolate, non ne prendano il posto. Il richiamo a vecchie formulazioni dovrebbe svolgere la funzione di ridurre i tempi della giustizia e sgravare il lavoro e le responsabilità dei giudici; l apertura a nuovi punti di vista favorirebbe invece la nascita di nuove concettualizzazioni e diversi nuovi modi di risolvere le controversie. E tuttavia, le tecniche sinora menzionate (bilanciamento, argomento consequenzialista e precedente giudiziale) non risolvono completamente le problematiche connesse all applicazione ed interpretazione dei principi costituzionali. L argomento consequenzialista, ad esempio, anticipa avvenimenti negativi e positivi, la valutazione dei quali non può essere certo trascurata. In altri termini al momento della previsione delle conseguenze generate da una decisione costituzionale bisogna decidere quali possibili conseguenze prendere in considerazione ed affrontare le eventuali difficoltà derivate dal rischio di realizzazione di tali conseguenze. Il bilanciamento, invece, richiede che ogni caso sia deciso concretamente, di volta in volta, ed anche quando si può ricorrere al precedente, bisogna verificare se il caso è effettivamente analogo a quello già deciso con la precedente decisione. Ed allora, tentando di affrontare le problematiche connesse all interpretazione costituzionale, basata sulle tecniche poc anzi menzionate, Ruggeri, costituzionalista contemporaneo, propone una tesi che non è più basata sul convenzionale canone gerarchico 12 ma su una cd. integrazione magmatica. In sostanza, Ruggeri propone un apertura delle fonti gerarchicamente preordinate a quelle inferiori che dia vita ad una nuova fluidità costituzionale, 11 Sul precedente e sul vincolo del precedente è opportuno svolgere qualche breve considerazione. Nelle lezioni precedenti abbiamo richiamato la distinzione tra le famiglie del sistema del cd. civil law e le famiglie del sistema del cd. common law, evidenziando che la differenza principale tra i due sistemi è il ruolo delle decisioni delle corti e dei tribunali. Mentre nei sistemi del common law esiste l obbligo per i giudici che giudicano un caso analogo ad uno precedentemente deciso di attenersi alla decisione giudiziale precedente, nei sistemi del civil law tale vincolo non esiste. In Italia, ad esempio, l unico riferimento al precedente lo troviamo nell art. 65 ord. giud. che, nel regolare le funzioni della Corte di Cassazione, stabilisce che Essa assicura l esatta osservanza e l uniforme interpretazione della legge, l unità del diritto oggettivo nazionale. In tal modo, lascia presumere che quando la Corte di Cassazione interviene a Sezioni Unite, per dirimere un contrasto tra due decisioni delle sezioni semplici della Corte stessa riferite ad un medesimo caso, la sua decisione, contenendo un principio di diritto che assicura l uniforme interpretazione della legge, l unità del diritto oggettivo nazionale, costituisca un precedente vincolante cui i giudici debbano attenersi. 12 La proposta proviene dal professore Antonio Ruggeri, ordinario di diritto costituzionale presso la facoltà di giurisprudenza dell Università degli Studi di Messina. Tale proposta è stata esposta dal noto costituzionalista in 7 di 22

8 proveniente dall alterazione che la Costituzione accetta di subire, lasciandosi pervadere dai cambiamenti apportati dalle fonti normative ad essa sottostanti 13. occasione di una conferenza tenuta presso la facoltà di giurisprudenza dell Università degli Studi di Napoli, Federico II, in data In definitiva il professor Ruggeri ha sostenuto la necessità di superare la rigida contrapposizione tra concezioni prescrittive e concezioni descrittive della Costituzione. Una valida teoria della Costituzione dovrebbe aprirsi a nuovi spiragli interpretativi, sostituendo la tradizionale immagine gerarchica delle fonti con una nuova struttura circolare, in cui le norme sia in fase applicativa che in quella interpretativa possono comunicare tra loro. 8 di 22

9 3 Il problema dell interpretazione giuridica: distinzioni preliminari Nel paragrafo precedente, abbiamo analizzato le tecniche dell interpretazione costituzionale partendo dal presupposto che nello Stato costituzionale la presenza del testo costituzionale incida direttamente sull applicazione e sull interpretazione delle altre fonti normative. Fatta questa necessaria premessa, non può non approfondirsi il tema dell interpretazione in generale, intesa come pratica cui ciascun operatore giuridico (giudici, legislatore, funzionari) fa quotidianamente ricorso. Il significato del termine 'interpretazione' viene fatto risalire al sanscrito pret e poi al latino inter. Entrambi i termini indicano lo stare in mezzo ovvero un attività mediatrice, capace di stabilire una comunicazione tra due o più eventi, fatti, segni di natura diversa 14. L interpretazione può essere definita approssimativamente e inizialmente come quell attività che coglie e attribuisce significati a partire da determinati segni. Segni che possono essere della più diversa natura: possono essere costituiti da testi scritti, da parole o da discorsi [ ] ma possono essere anche rappresentati da comportamenti 15. Ovviamente, in questa sede dobbiamo concentrarci sull interpretazione in ambito giuridico. Non ci limiteremo tuttavia ad una nozione ristretta tipica del giuspositivismo ma ci riferiremo ad una nozione di interpretazione con funzione normativa, ossia ad un comprendere preordinato al fine di regolare l azione 16. Quando l interpretazione di un testo normativo non proviene da giuristi o teorici del diritto ma da funzionari e giudici, allora è evidente che l interpretazione è finalizzata alla decisione finale. Accanto ad un aspetto cognitivo, c è dunque un aspetto pratico che consiste nell individuare e comprendere l esatto significato della norma per decidere o per agire. Seppur accogliendo questo significato estensivo del termine interpretazione siamo tenuti a precisare che interpretazione non significa applicazione. Infatti, benché una netta separazione tra interpretazione ed applicazione (soprattutto in fase di decisione) non sia facilmente realizzabile 17, è 14 Viola, F., Zaccaria, G., Diritto e interpretazione. Lineamenti di teoria ermeneutica del diritto, Laterza, Roma-Bari, Ivi, p Ivi, p A tal proposito Tarello nota che i termini 'interpretazione' ed 'applicazione' coprono un area semantica parzialmente sovrapposta e ciò è particolarmente evidente quando i vocaboli sono usati con riferimento all attività di giudici o di funzionari amministrativi. G. Tarello, Diritto, enunciati, usi, Il Mulino, Bologna, 1974, p di 22

10 pur sempre vero che l applicazione si riferisce ad un momento certamente vicino all interpretazione ma ad essa successivo. Si consideri a tal proposito la distinzione esistente tra interpretazione in concreto e interpretazione in astratto. L interpretazione in astratto consiste nel riformulare l enunciato interpretativo 18 in un secondo enunciato, che equivale al primo. L interpretazione in senso concreto consiste nel sussumere una fattispecie concreta nel campo di applicazione di una norma 19. Questo secondo tipo di interpretazione non si riferisce solo ai fatti, come approssimativamente potrebbe sembrare, giacché la sussunzione presuppone la previa interpretazione del testo. Detto in altri termini, non si può sussumere un fatto sotto una norma, senza aver prima deciso quale significato dare alla norma. Nell interpretazione in senso astratto, l interprete non è un giudice o un organo di applicazione della legge: egli si limita ad accertare i significati possibili di una norma e, in alcuni casi, si spinge sino a fare proposte alla dottrina. Nel secondo caso, invece, l interprete è un giudice: egli non può esimersi dal decidere quale significato dover attribuire alla norma. Secondo l autorevole opinione di Guastini, prima dell attività interpretativa esiste la disposizione ovvero l enunciato ancora da interpretare, mentre, dopo l interpretazione ci sarà la norma ossia la disposizione già interpretata, il contenuto di senso della disposizione, una volta che essa sia stata interpretata e dunque riformulata dall interprete 20. Ci si potrebbe chiedere, a questo punto, se l attività interpretativa del giudice o dell interprete che non si riduca alla pura conoscenza di un significato ma ad una decisione e ad una scelta tra possibili e diversi significati, non vada a creare nuovo diritto. Mentre alcuni teorici del diritto come Joseph Raz 21 insistono nell affermare che si deve distinguere tra identificazione del diritto esistente e creazione di nuovo diritto, per altri (Viola, Zaccaria) per identificare il diritto esistente non si può prescindere da uno sviluppo del diritto [ ]. La tensione dialettica tra le polarità della conservazione e dell innovazione è perciò un elemento strutturale delle decisioni giudiziali 22. Non si può, in sostanza, interpretare una norma limitandosi a conoscere il suo significato, perché la comprensione è finalizzata alla decisione di un fatto concreto. Chi interpreta, in sostanza, conosce per agire o per decidere e la scelta interpretativa, seppure mai completamente arbitraria e discrezionale, è comunque riferita all applicazione di norme a casi e fatti concreti. 18 Guastini, R., Teoria e dogmatica delle fonti, Giuffrè, Milano, 1998, p Ivi, p Guastini, R., Le fonti del diritto e l interpretazione, Giuffrè, Milano, 1993, pp Raz, J., Why Interpret?, in Ratio juris, 9, 1996, n. 4, pp Viola, F., Zaccaria, G., p di 22

11 L interpretazione diviene così ermeneutica, processo in cui l interprete ricerca ed individua il diritto, operando con norme, comportamenti, fatti e soggetti e divenendo egli stesso parte integrante e irrinunciabile di questo processo. Tuttavia, prima di arrivare ad essere formulata come ermeneutica, l interpretazione ha seguito un percorso lungo e faticoso, nel corso del quale ha tentato di svincolarsi dalle teorie giuspositivistiche che non lasciavano alcuno spazio all attività dell interprete, riducendola ad una mera deduzione logica di un significato normativo già chiaro e pre-formulato. 11 di 22

12 4 Dalla dogmatica all ermeneutica giuridica Nella teoria giuspositivistica dell interpretazione la legge non ha bisogno di nessun elemento integrativo che non sia la logica rigorosa del giurista. La pronuncia dell interprete circa il diritto è formulata tramite una semplice deduzione di tipo logico dai contenuti delle norme giuridiche 23. Il modello giuspositivista si fonda su due postulati: l assoluto monopolio del legislatore e dello Stato nella produzione e nell applicazione del diritto e l idea che l ordinamento sia completo, privo, cioè, di lacune e perciò capace di regolare qualsiasi situazione concreta con una norma in esso presente. Questa versione giuspositivista si è manifestata in una doppia prospettiva. Da un lato dobbiamo infatti menzionare l esperienza francese della Scuola dell Esegesi, risalente alla prima metà dell Ottocento che praticava un interpretazione grammaticale degli enunciati normativi e venerava i testi di legge ( les textes avant tout! 24 ), cosicché l interpretazione era una fedele riproduzione della lettera del testo giuridico, ritenuto capace di regolare tutti i casi possibili dell esperienza. Da un altro lato dobbiamo segnalare la prospettiva della scuola della Pandettistica che si diffonde dapprima in Germania e poi in tutta l Europa con Savigny e i suoi allievi 25. L attività dell interprete, per i Pandettisti, consiste nel ricavare il diritto estraendolo dai concetti giuridici intrinsecamente contenuti in una norma. L opera dell interprete si riduce ad una mera attività ricognitiva perché egli deve evidenziare significati precostituiti in una norma. L esperienza della Scuola dell Esegesi e della Pandettistica perviene alla conclusione che il sistema giuridico non abbia alcuna lacuna ma goda di una completezza intrinseca. La soluzione dei casi concreti può essere perciò sempre trovata ricorrendo al senso letterale delle norme o ai concetti impliciti nel sistema giuridico. All interpretazione non è concessa alcuna attività valutativa o argomentativa che non consista nell individuazione di significati già predeterminati. Il metodo della scuola della Pandettistica viene acquisito anche dalla Scuola del diritto pubblico e in particolare da Jellinek che, tra la fine del XIX secolo e gli inizi del XX secolo, 23 Ivi, p Demolombe, J.C.F., Cours de Code Napoléon, I, A. Durand, Paris, La Pandettistica prende il nome dalle Pandectae giustinianee. I giuristi di questa dottrina partirono infatti dall esame dei testi giustinianei per elaborare i concetti giuridici. La Pandettistica creò la cd. giurisprudenza dei concetti, un 12 di 22

13 s interroga sul metodo giuridico e cerca di delineare il ruolo e l attività dei giuristi. Le caratteristiche che la Pandettistica aveva attribuito al diritto privato vengono estese anche al diritto pubblico. Jellinek, sulla scia delle scelte imposte dalla Pandettistica, sostiene che il diritto debba essere agganciato unicamente alla fattispecie, prescindendo da qualsiasi altra qualificazione extragiuridica. I giuristi non devono occuparsi dei valori o dei principi che ricadono nell ambito di altre discipline quali la sociologia, l etica e la politica ma devono esprimere solo valutazioni tecniche, elaborando e qualificando la fattispecie giuridica. Il metodo della scuola del diritto pubblico è formale e avalutativo e risponde ad esigenze di unitarietà e di sistematicità logica. La Pandettistica e la Scuola di diritto pubblico, utilizzando gli schemi del diritto romano, costruiscono una nuova metodologia giuridica basata sul fatto giuridico e sul rifiuto di principi che possano in qualche modo condizionare la legislazione positiva. La concettualizzazione offerta dai Pandettisti e la sistematicità della loro metodologia approdano ad un tipo di scienza giuridica che si definisce dogmatica e che si può intendere come un complesso di mezzi e di metodi diretti a conseguire l ideale di un sistema di diritto. La dogmatica si pone come un esperienza di giuridicità; essa fornisce all operatore giuridico un complesso di elementi e strumenti in grado di agevolare la sua navigazione nel mare giuridico 26. Nel suo porsi come uno strumento di conoscenza la dogmatica trova la sua legittimazione e insieme il suo limite. Essa diventa l autocoscienza dell esperienza giuridica. Il suo ruolo è di legittimare il sistema giuridico, di certificarne la sua validità. Elaborando dati giuridici costruisce i cd. dogmi che conferiscono certezza al diritto. Si tratta tuttavia di una certezza limitata, perché, da un lato, proviene solo dal mondo giuridico, dalle norme e quindi trascura elementi empirici e, dall altro, ha a che fare con verità relative e mutabili. La certezza che la dogmatica offre, si traduce in definitiva in una costante ricerca di certezza: mentre tesse una tela che condiziona l operatore giuridico, deve immediatamente disfarla sulla base dell acquisizione di un nuovo dato legislativo, di un ultima sentenza, di nuove emergenze giurisprudenziali. L esperienza giuspositivista realizzatasi tra il XVIII secolo e il XIX offre una dogmatica estremamente formalistica e normativistica che si limita ad elaborare un sistema giuridico autonomo, racchiuso, sic et simpliciter, in se stesso. Il formalismo dogmatico di questi secoli nega qualsiasi margine creativo all attività giuridica e la metodologia si risolve, tout court, nella orientamento metodologico per il quale il compito della scienza giuridica era la costruzione di un sistema logicoformale in cui i concetti giuridici potessero essere distribuiti in una piramide gerarchica. 26 Enc. del diritto, Voce: Dogmatica giuridica, XIII vol., p. 691, Giuffrè, Napoli, 2004, presso Università degli Studi di Napoli, Federico II, Facoltà di Giurisprudenza, Dipartimento di Filosofia dei diritti dell uomo e della libertà religiosa. 13 di 22

14 produzione di mere formule matematiche. Quello che sfugge alla dogmatica è una dimensione che, pur trovandosi al di fuori della norma, condiziona il suo contenuto e il suo raggio d azione. Alla scienza del diritto positivo sfugge in definitiva la realtà esterna, la molteplicità e la varietà degli avvenimenti storici, economici, ambientali; in una parola, sfuggono i fatti estrinseci al diritto L ermeneutica giuridica La tesi giuspositivista diviene così nel XX secolo oggetto di critica di una nuova teoria dell interpretazione, quella ermeneutica 27. L attenzione si sposta al momento pratico, alla realtà delle cose che non è tipizzabile e non è riducibile ad unità. L interpretazione non è più una dogmatica che conosce il diritto in un dato momento storico. L interpretazione diventa anche applicazione del diritto, un operazione che dà luogo alla decisione del caso concreto. Il problema ermeneutico si presenta inizialmente come un problema di conoscenza delle scienze dello spirito, come un analisi volta a verificare le condizioni di validità dei processi di conoscenza dei fenomeni che riguardano lo spirito. L ermeneutica si oppone, quindi, alle scienze della natura che si lasciano comprendere attraverso processi causali. Da Kant ad Heidegger il fenomeno dell ermeneutica è una quaestio juris che si pone come modo fondamentale dell Essere 28 : comprendere non è solo conoscere, ma è un aspetto ontologico della vita umana. Toccherà a Gadamer affiancare il problema dell ermeneutica a quello dell interpretazione, intesa come intendimento, conforme a regole tecniche, di espressioni di vita fissate dalla scrittura 29. Il merito di Gadamer è di aver inserito l interpretazione in una dimensione storica che fa acquistare al documento un efficacia ulteriore perché lo inserisce in una concatenazione di accadimenti storici che, partendo dal passato, attraversano il presente e, infine, si proiettano nel futuro. Ciò che Gadamer contesta è la possibilità di ricondurre tutto il comprendere al problema del metodo, trascurando un attività originaria che già gli allievi di Heidegger avevano definito precomprensione. Quest attività preliminare determina il contatto tra l interprete e l oggetto dell interpretazione, è una potenzialità di conoscenza analitico-descrittiva, è un pre-giudizio sul 27 La parola ermeneutica deriva dal Greco ἑρμηνευτική (τέχνη), poi tradotto in latino con la parola hermeneutikè (téchne) e letteralmente significa arte o tecnica dell interpretazione. 28 Gadamer, H.G., Wahrheit und Methode, in Gesammelte Werke, B.1, Hermeneutik, I, Tübingen, 1990, p Dilthey, W., Die Entsethung der Hermeneutik, in Gesammelte Schriften, V, Leipzig u. Berlin, 1924, p di 22

15 contenuto linguistico del testo 30 ; in breve, la sua funzione più rilevante è quella di mettere in moto il processo interpretativo. Il problema metodologico è quindi legato alla precomprensione, alla possibilità, cioè, di individuare tecniche razionali che consentano un adeguato accostamento al testo da interpretare. La precomprensione non deve però esser concepita in un senso empirico-psicologico, non deve, cioè, essere limitata alle ipotesi di partenza che hanno mosso il procedimento di comprensione. La precomprensione non deve essere configurata come un atto della soggettività, come un atto individuale. Già Gadamer indicava due condizioni fondamentali per impedire che la precomprensione diventasse un attività puramente arbitraria e personale. La prima condizione individua una sensibilità dell interprete verso il testo, cioè la disponibilità ad ascoltare il testo 31. La seconda condizione si ricava implicitamente dalla prima. L atteggiamento di apertura verso il testo produce un autocritica in capo all interprete. Egli è disposto a criticare la sua precomprensione del testo, accetta di mettersi alla prova, di confrontarsi col problema posto. Queste due condizioni permettono un accordo tra soggetto ed oggetto, perché l adeguamento dell interprete al testo consente una corrispondenza tra il senso interpretato e il contesto nel quale il testo nasce e vive. La precomprensione può essere definita come una condizione di possibilità della comprensione dei testi giuridici. Di conseguenza, poiché interpretare significa che chi si accosta al testo è legato alla cosa da interpretare, la precomprensione si configura come una preparazione alla pratica giuridica e deve restare un attività oggettiva 32. Una precomprensione che si realizza a queste condizioni getta le basi per il metodo dell 'ermeneutica' 33. Il testo da interpretare, infatti, non si lascia comprendere con i soli dati linguistici ma di esso si ha una piena comprensione solo quando l interprete riesce ad afferrare la dimensione pratica a cui il testo corrisponde. Anche per l interpretazione giuridica vale questo criterio: il testo giuridico sostiene Gadamer per essere compreso in modo adeguato, deve essere compreso in ogni momento, ossia in ogni situazione concreta, nuovamente e altrimenti Zaccaria, G., Precomprensione, principî e diritti nel pensiero di Josef Esser. Un confronto con Ronald Dworkin, in Ragion pratica, 6, 1998, n. 11, pp Tale condizione era stata già individuata da Rudolf Bultmann, il quale aveva affermato la necessità di ascoltare il testo, di lasciarsi interrogare dal testo e di non pretendere unicamente di interrogarlo [ ], ma di ascoltare la sua verità. In Das Problem der Hermeneutik, in Glauben und Verstehen, II, Tübingen, 1952, p Viola, F., Zaccaria, G., Diritto e interpretazione ( ), cit.. 33 Mengoni, L., Ermeneutica e dogmatica giuridica, cit.. 34 Gadamer, H.G., Wahrheit und Methode, in Gesammelte Werke, B.1, Hermeneutik, I, Tübingen, 1990, p di 22

16 La tesi di Gadamer prevede uno stretto legame tra comprensione e applicazione; legame che non significa identificazione dei due momenti ma solo un confronto costruttivo, nel rispetto delle relative peculiarità. Detto in altri termini, il significato di un enunciato giuridico può essere compreso pienamente solo quando la norma è evocata per la soluzione di un caso concreto 35. La forza figurativa del linguaggio è inconsistente per una vera interpretazione della norma perché il linguaggio non sarebbe in grado di cogliere appieno la realtà sociale. La vera interpretazione, infatti, non esaurisce il suo compito nell individuare soluzioni terminologiche ma tenta di creare un collegamento tra i concetti espressi dal testo e l ambiente sociale circostante. La considerazione del contesto sociale ai fini dell interpretazione comporta che l enunciato giuridico sia suscettibile di diverse interpretazioni, non solo in base alle trasformazioni storiche e all evoluzione sociale, ma anche in ragione del contesto applicativo a cui la norma fa riferimento. Potrà perciò accadere che ad una norma lo stesso interprete dia significati diversi a seconda dei contesti applicativi considerati. 35 Comprendere è sempre già applicare affermò Gadamer (Gadamer, H.G., Wahrheit und Methode, cit.). 16 di 22

17 5 Le caratteristiche dell ermeneutica giuridica La svolta ermeneutica verso un nuovo modello dell interpretazione finisce per coinvolgere le premesse del ragionamento giuspositivista, basato sulla sussunzione, ovvero sul modello kelseniano tipico se A, allora B 36. In sostanza, il modello della sussunzione funziona come un sillogismo perché si basa sulla deduzione che una premessa maggiore (fattispecie legale) vada applicata ad una premessa minore (caso concreto). Ma le premesse come vanno preparate? Il modello giuspositivista ignora che le premesse possano essere costituite anche da elementi extragiuridici. In altre parole l interprete non può limitarsi a stabilire una connessione automatica tra norma e fatto ma deve compiere pre-valutazioni per stabilire l eventuale ragionevolezza dell applicazione della norma. Le premesse vanno perciò preparate combinando tra loro materiali giuridici e dati reali. Il fatto che all interprete siano attribuiti ampi compiti non vuol certo dire che l interprete possa poi esercitare tali poteri in modo arbitrario. Il modello ermeneutico denuncia solo l irrealtà del sistema giuspositivista per il quale il diritto si autogiustifica in sé stesso, cosicché la soluzione del singolo caso sarebbe già contenuta nel testo normativo. Ciò premesso, vediamo in concreto gli elementi principali su cui si basa il modello ermeneutico. Del primo elemento, costituito dalla cd. precomprensione, abbiamo avuto modo di parlare nel paragrafo precedente. Il secondo elemento è costituito dalla logica della domanda e della risposta. Interrogare il testo significa avere già una qualche comprensione dello stesso. Formulare correttamente una domanda vuol dire delineare un ambito ben preciso all interno del quale si potrà poi reperire la risposta. Posta la domanda, s instaura un dialogo tra interprete ed oggetto dell interpretazione. Lo scambio che così s instaura rivela la natura dialettica dell interpretazione giuridica: chi interpreta verifica la giustezza delle risposte ottenute e delle scelte operate a partire dalle domande iniziali. Comprendere un testo per applicarlo significa dunque interagire con esso, significa comunicare con esso per cogliere la sua verità. Ma l attività dell interprete che pure avviene nell intersoggettività non può essere arbitraria, non può essere, cioè, completamente libera. La sua azione deve essere vincolata ad una serie di criteri di controllo, che conservano il carattere inventivo-innovativo, proprio dell interpretazione ma ne sanciscono anche la razionalità e la 36 Nel modello sussuntivo, data una norma che prevede una determinata fattispecie, se il fatto concreto coincide con quello descritto dalla norma, allora il fatto viene sussunto alla norma e questa sarà applicata. 17 di 22

18 correttezza. La presenza di criteri di controllo impedisce all interpretazione di cadere nella soggettività 37. Il sistema dei controlli consente, infatti, di verificare la compatibilità della soluzione finale rispetto all ordinamento giuridico nel suo complesso nonché la logicità inconfutabile della decisione assunta. Un ulteriore limitazione all attività dell interprete è stata imposta dal fenomeno della costituzionalizzazione dei principi fondamentali. Le Carte costituzionali costituiscono un filtro perché permettono l introduzione nel tessuto giuridico di valori etico-politici che preesistono alla Costituzione stessa ed identificano la specificità di un ordinamento. La positivizzazione delle prassi sociali, delle consuetudini, dei fenomeni sociali sancisce la doppia appartenenza 38 di tali elementi che, da un lato, continuano a conservare la loro vigenza etica e, da un altro, diventano parametri normativi. L interpretazione conforme alla Costituzione è, perciò, applicazione di argomentazioni basate su principi, ancorché applicazione di regole giuridiche. La presenza dei principi nel tessuto normativo induce l interprete ad abbandonare il metodo sillogistico della sussunzione e ad adottare quello del bilanciamento di cui abbiamo parlato all inizio di questa lezione. I principi, infatti, sono apprezzabili singolarmente, ma se considerati complessivamente possono rivelare una natura concorrenziale. Sicché l interprete deve ricomporre la collisione tra due o più principi, stabilendo, caso per caso, la supremazia di un valore sugli altri. L applicazione di un principio dipenderà quindi da un adeguato bilanciamento degli interessi e dei beni in gioco e dalla relativa ricerca del principio capace di offrire il maggior grado di tutela all interesse prevalente I primi criteri di razionalità furono individuati da Josef Esser (Esser, J., Precomprensione e scelta del metodo nel processo di individuazione del diritto, trad. it. di S. Patti e G. Zaccaria, Esi, Napoli, 1983). Egli parlò di concordanza, giustezza, ed evidenza. Questi criteri furono elaborati per permettere al giurista di verificare la correttezza dell applicazione di una norma, individuata con il sistema della precomprensione, al caso in questione. In Viola, F., Zaccaria, G., Diritto e interpretazione ( ), cit. 38 Viola, F., Zaccaria, G., Diritto e interpretazione ( ), cit. 39 Bin, R., Diritti e argomenti: il bilanciamento degli interessi nella giurisprudenza costituzionale, Giuffrè, Milano, di 22

19 6 Conclusioni A chiusura di questa lezione, mettiamo a confronto posizioni tra loro estreme: quella dei giuspositivisti e quella dei costituzionalisti sul tema dell interpretazione giuridica. I giuspositivisti affermano che, se per interpretazione si intende l accertamento del senso della norma da eseguire, allora il risultato di questa attività non può che essere l accertamento della cornice offerta dalla norma soggetta ad interpretazione, e quindi la conoscenza delle diverse possibilità di esecuzione che si presentano entro questa cornice. Pertanto l interpretazione di una legge non conduce necessariamente ad un unica decisione corretta, ma può condurre a più decisioni possibili, le quali hanno il medesimo valore, anche se una sola di essa diventa poi diritto positivo attraverso l atto giudiziale della decisione 40. I costituzionalisti, invece, ritengono che, se all interno di una determinata cerchia di possibilità interpretative, propendere per l una o per l altra soluzione è una semplice questione di gusto personale, la conseguenza immediata è quella di deresponsabilizzare l interprete: egli non si preoccuperà più di tanto di quale scelta fare né, e direi tanto meno, avrà interesse a presentare agli altri interpreti argomenti a sostegno della propria scelta 41. Insomma, Kelsen respinge l ipotesi costituzionalista dell unica risposta corretta perché, nella sua prospettiva, è sempre possibile attribuire ad una norma un significato piuttosto che un altro. Secondo questo modo di vedere, la discrezionalità dell interprete è insopprimibile perché alla fine è l interprete a decidere per un senso scartando tutte le altre soluzioni possibili. Sull opposta sponda, i costituzionalisti respingono l idea kelseniana della discrezionalità forte e senza limiti dell interprete, affermando che invece l interprete deve argomentare razionalmente la sua decisione e la collettività può criticare e rifiutare l interpretazione fornita. Queste posizioni, messe a confronto, riassumono il significato ed il senso che l interpretazione ha avuto nel corso dei secoli, oscillando tra una mera dogmatica ovvero un attività di pura estrapolazione di significati già chiari e pre-dati dal testo normativo ed un attività ermeneutica, basata su una partecipazione dell interprete al processo di comprensione e decisione 40 Kelsen, H., di Zur Theorie der Interpretation, in Internationale Zeitschrift für Theorie des Rechts, VIII, 1934, trad. it. Sulla teoria dell interpretazione, in P. Comanducci e R. Guastini, (a cura di), L analisi del ragionamento giuridico, vol. II, Giappichelli, Torino, 1989, pp Schiavello, A., Diritto come integrità: incubo o nobile sogno? Saggio su Ronald Dworkin, Giappichelli, Torino, 1998, p di 22

20 della norma, applicata al fatto concreto e a soggetti all interno di un determinato contesto (quello di un processo, ad esempio). In claro non fiat interpretatio, afferma l antico brocardo latino. Quest espressione può assumere un duplice significato. Per i giuspositivisti sta ad indicare che non si deve interpretare nulla perché la norma è chiara ed il suo significato lampante, sicché l interprete non deve far altro che compiere una semplice operazione logica di deduzione del significato dal testo normativo. Per gli ermeneutici l espressione in claro non fiat interpretatio si riferisce al punto di arrivo dell interprete. Una volta che egli ha pre-compreso il testo e poi l ha compreso, adeguandolo al fatto concreto da decidere, ai soggetti e alla realtà circostante, allora il testo normativo diviene claro e la decisione può essere presa. Oltre queste due posizioni, si pone l interpretazione costituzionale che, paradossalmente, costituisce l elemento di chiusura del sistema e la giusta mediazione tra posizioni antitetiche. La positivizzazione dei valori morali, etici, storico-culturali e religiosi di un popolo che assumono la forma dei principi costituzionali mostra i limiti della concezione giuspositivista, basata sulla tecnica della sussunzione. Da un altro lato, però, la presenza dei principi costituzionali costituisce un limite oltrepassabile per l interpretazione ermeneutica, evitando che essa si risolva in un attività puramente discrezionale e di creazione del diritto. Ancora una volta, la Costituzione rappresenta la risposta ad ogni eventuale contrasto tra opposte posizioni giusfilosofiche. 20 di 22

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 107 ARGOMENTO LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 1. Traccia Tizio e Caio sono comproprietari di un edificio in località Mentana. Il primo, dopo avere di propria iniziativa provveduto ad alcune spese per

Dettagli

La Corte di Appello di Firenze, Sezione Prima civile, riunita in camera di consiglio nella persona dei sottoindicati Giudici:

La Corte di Appello di Firenze, Sezione Prima civile, riunita in camera di consiglio nella persona dei sottoindicati Giudici: App. Firenze, 27 giugno 2008 Matrimonio tra omosessuali L istituto del matrimonio non costituisce una istituzione pre-giuridica ( come ad es. la famiglia) né un diritto fondamentale dell individuo, da

Dettagli

INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO

INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO Il tribunale per i minorenni, considerato che il minore Tizietto, di sette anni, già riconosciuto dalla madre Caia, era stato successivamente riconosciuto

Dettagli

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO Perché una questione linguistica per l Unione europea? Il multilinguismo è oggi inteso come la capacità di società, istituzioni, gruppi e cittadini di relazionarsi

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente DELIBERA N. 146 DEL 2014 IN MATERIA DI ESERCIZIO DEL POTERE DI ORDINE NEL CASO DI MANCATA ADOZIONE DI ATTI O PROVVEDIMENTI RICHIESTI DAL PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE E DAL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE

Dettagli

Ufficio Legislativo. Prot. n.741 Roma,16/01/2009

Ufficio Legislativo. Prot. n.741 Roma,16/01/2009 Ufficio Legislativo Prot. n.741 Roma,16/01/2009 Alla Direzione Generale per la qualità e la tutela del paesaggio, l architettura e l arte contemporanee e per conoscenza al Segretariato Generale Oggetto:

Dettagli

La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio

La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio È illegittima una norma che limita la facoltà dello straniero di contrarre matrimonio in Italia per carenza del permesso

Dettagli

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale Circolare n. 4/2012 del 22 novembre 2012 I REDDITI PER ATTIVITA PROFESSIONALI TRA OBBLIGO CONTRIBUTIVO INARCASSA E RIFORMA FORNERO DELLE COLLABORAZIONI: SPUNTI DA UNA RECENTE SENTENZA L obbligo di pagamento

Dettagli

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Il testo che segue è una sintesi della prima parte dello Science Framework di PISA 2006. Il testo definitivo sarà pubblicato dall OCSE entro il mese

Dettagli

DEROGHE ALL ORDINARIO REGIME DI RESPONSABILITÀ DEL PROVIDER, E DUBBI ALLA LUCE DELL ORIENTAMENTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA. di NICOLA LOFRANCO

DEROGHE ALL ORDINARIO REGIME DI RESPONSABILITÀ DEL PROVIDER, E DUBBI ALLA LUCE DELL ORIENTAMENTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA. di NICOLA LOFRANCO DEROGHE ALL ORDINARIO REGIME DI RESPONSABILITÀ DEL PROVIDER, E DUBBI ALLA LUCE DELL ORIENTAMENTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA di NICOLA LOFRANCO Con la sentenza n. 29/2015 del 7 gennaio 2015 la Corte d Appello

Dettagli

TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA

TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA di Massimo Gentile Il caso di specie Oggetto del presente approfondimento è una recentissima pronuncia del Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana (sentenza

Dettagli

LA RESPONSABILITA MEDICA: RESPONSABILITA DEL MEDICO, RESPONSABILITA PER OMESSO CONSENSO INFORMATO E RESPONSABILITA DELLA STRUTTURA SANITARIA *

LA RESPONSABILITA MEDICA: RESPONSABILITA DEL MEDICO, RESPONSABILITA PER OMESSO CONSENSO INFORMATO E RESPONSABILITA DELLA STRUTTURA SANITARIA * LA RESPONSABILITA MEDICA: RESPONSABILITA DEL MEDICO, RESPONSABILITA PER OMESSO CONSENSO INFORMATO E RESPONSABILITA DELLA STRUTTURA SANITARIA * * Avv. Natale Callipari Nell ambito della responsabilità medica,

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GAMBATO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GAMBATO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4993 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato GAMBATO Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, in materia di adozione da parte di persone

Dettagli

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014)

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014) Discontinuità argomentativa nei giudizi su norme regionali di reinquadramento del personale di enti di diritto privato e di diritto pubblico regionali (nota a sent. 202 del 2014) di Sandro De Gotzen (in

Dettagli

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE Nel corso del 2009 sono state pubblicate numerose sentenze delle Sezioni Unite della Suprema

Dettagli

LA DECISIONE DELLA CORTE DI GIUSTIZIA SUL CASO GOOGLE SPAIN:

LA DECISIONE DELLA CORTE DI GIUSTIZIA SUL CASO GOOGLE SPAIN: LA DECISIONE DELLA CORTE DI GIUSTIZIA SUL CASO GOOGLE SPAIN: PIÙ PROBLEMI CHE SOLUZIONI * di Franco Pizzetti (Professore ordinario di Diritto costituzionale Università di Torino) 10 giugno 2014 1. La decisione

Dettagli

Ministro per la Semplificazione Normativa Ufficio legislativo

Ministro per la Semplificazione Normativa Ufficio legislativo Ministro per la Semplificazione Normativa Ufficio legislativo p.c. Al dott. Daniele Belotti Assessore Territorio e Urbanistica Regione Lombardia Via Sassetti 32 20124 Milano Ministero dell economia e delle

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

RISOLUZIONE N. 225/E

RISOLUZIONE N. 225/E RISOLUZIONE N. 225/E Roma, 5 giugno 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 cessione di quote sociali - art. 11 Tariffa

Dettagli

Documento di studio e approfondimento.

Documento di studio e approfondimento. Documento di studio e approfondimento. Insufficiente versamento del saldo dovuto con riferimento alla dichiarazione dei redditi; ravvedimento parziale, conseguenze 1. La fattispecie 1.1 Premessa Le disposizioni

Dettagli

FIDELITY CARD E TUTELA DELLA PRIVACY: INDICAZIONI OPERATIVE PER EVITARE SANZIONI. di Avv. Luca Giacopuzzi 1

FIDELITY CARD E TUTELA DELLA PRIVACY: INDICAZIONI OPERATIVE PER EVITARE SANZIONI. di Avv. Luca Giacopuzzi 1 FIDELITY CARD E TUTELA DELLA PRIVACY: INDICAZIONI OPERATIVE PER EVITARE SANZIONI di Avv. Luca Giacopuzzi 1 I programmi di fidelizzazione a favore della clientela costituiscono, essenzialmente, un operazione

Dettagli

RSPP e datore di lavoro: l'ingerenza determina responsabilita' penale Ipsoa.it

RSPP e datore di lavoro: l'ingerenza determina responsabilita' penale Ipsoa.it RSPP e datore di lavoro: l'ingerenza determina responsabilita' penale Ipsoa.it Stefano Maria Corso In tema di prevenzione dagli infortuni sul lavoro chiunque, in qualsiasi modo abbia assunto una posizione

Dettagli

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici.

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici. FONDAZIONE STUDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO **** Commissione dei principi interpretativi delle leggi in materia di lavoro **** PRINCIPIO N. 10 Omissione contributiva nella previdenza

Dettagli

I rapporti tra ordinamento interno e CEDU Dott. Francesco Vittorio Rinaldi

I rapporti tra ordinamento interno e CEDU Dott. Francesco Vittorio Rinaldi I rapporti tra ordinamento interno e CEDU Dott. Francesco Vittorio Rinaldi 1. Il rango della CEDU nell ordinamento interno. Il tema dei rapporti tra CEDU e ordinamento interno e dunque, del rango della

Dettagli

SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO?

SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO? regolazione SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO? Raffaele Lener * Gli strumenti finanziari di tipo partecipativo, che il diritto societario ha consentito

Dettagli

CAPITOLO III I SOGGETTI RELIGIOSI

CAPITOLO III I SOGGETTI RELIGIOSI CAPITOLO III I SOGGETTI RELIGIOSI SOMMARIO: 1. I soggetti religiosi. Premessa 2. Le persone fisiche 3. Gli enti religiosi (rinvio) 4. Le confessioni religiose *** 1. I SOGGETTI RELIGIOSI. PREMESSA I soggetti

Dettagli

L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare?

L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare? L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare? Rosamaria Maggio Il contesto europeo Da un esame dei documenti dell Unione Europea in materia di istruzione - sia per quanto

Dettagli

Perdite: aspetti civilistici

Perdite: aspetti civilistici Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 89 25.03.2014 Perdite: aspetti civilistici Se la perdita supera 1/3 del capitale sociale, senza abbattere il capitale sociale al di sotto del

Dettagli

DIRITTI CIVILI E POLITICI

DIRITTI CIVILI E POLITICI Diritti umani e diritto internazionale, vol. 3 n. 3 2009 DIRITTI CIVILI E POLITICI Ancora sui rapporti tra ONU e CE in materia di lotta al terrorismo e tutela dei diritti fondamentali: la sentenza del

Dettagli

ASSE STORICO SOCIALE

ASSE STORICO SOCIALE ASSE STORICO SOCIALE 1 ASSE STORICO SOCIALE competenze attese d asse indicatori descrittori Competenze di asse Indicatori Descrittori 1. Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una

Dettagli

CIRCOLARE N. 28/E. OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario

CIRCOLARE N. 28/E. OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario CIRCOLARE N. 28/E Settore Fiscalità Generale e Indiretta Roma, 27 marzo 2008 OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario 2 1. Premessa 3 2. Il nuovo ambito

Dettagli

LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO

LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO PROF. ANGELO SCALA Indice 1 LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO ---------------------------------------------- 3 Per il proficuo studio

Dettagli

La privacy è un diritto fondamentale oggi riconosciuto dall ordinamento giuridico di tutti i paesi europei e delle principali nazioni del mondo.

La privacy è un diritto fondamentale oggi riconosciuto dall ordinamento giuridico di tutti i paesi europei e delle principali nazioni del mondo. LUCERNA IURIS LEGAL EUROPEAN NETWORK STUDIO LEGALE MAGLIO E ASSOCIATI - Cosa è la privacy - Cosa sono i dati personali - I principi fondamentali da conoscere per proteggere i dati personali a. Cosa è la

Dettagli

i diritti dei membri della famiglia legittima.

i diritti dei membri della famiglia legittima. Secondo il dettato dell art 30 della Costituzione, la legge assicura ai figli nati fuori dal matrimonio ogni tutela giuridica e sociale, salvo il limite di compatibilità con i diritti dei membri della

Dettagli

G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79.

G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79. G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79. di Cristina Gazzetta Il libro che qui si segnala al lettore è il risultato

Dettagli

Marzo 2013. Il concordato preventivo dopo la decisione della Cassazione a sezioni unite

Marzo 2013. Il concordato preventivo dopo la decisione della Cassazione a sezioni unite Marzo 2013 Il concordato preventivo dopo la decisione della Cassazione a sezioni unite Rolandino Guidotti, Professore aggregato di diritto commerciale dell Università di Bologna 1. A distanza di pochi

Dettagli

TERRITORIO E AMBIENTE Via Ugo La Malfa, 169 90146 PALERMO. Palermo, 21 febbraio 2014

TERRITORIO E AMBIENTE Via Ugo La Malfa, 169 90146 PALERMO. Palermo, 21 febbraio 2014 Prot. n.: 49/2014 ALL'ASSESSORATO REGIONALE TERRITORIO E AMBIENTE Via Ugo La Malfa, 169 90146 PALERMO Palermo, 21 febbraio 2014 Oggetto: Applicazione in Sicilia del Decreto del Fare - Norme di semplificazione

Dettagli

AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI

AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI Prof.ssa Marilina Marrone COS È L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI (EDU)? «L EDU è una pratica intenzionale e partecipativa vòlta a favorire la presa di

Dettagli

Dott.ssa Graziana Campanato

Dott.ssa Graziana Campanato ,UHTXLVLWLGHOODIDPLJOLDDGRWWLYDQHOO DGR]LRQHLQWHUQD]LRQDOH Dott.ssa Graziana Campanato / LGRQHLWjGHOODIDPLJOLDVRVWLWXWLYDQHOO $, I requisiti richiesti dalla legge per l adozione internazionale sono gli

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Scelte gestionali e diligenza degli amministratori

Scelte gestionali e diligenza degli amministratori 7/2009 Il Caso Scelte gestionali e diligenza degli amministratori IN BREVE Una recentissima sentenza della Cassazione conferma il sistema della responsabilità degli amministratori di società delineato

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi

Le Circolari della Fondazione Studi ANNO 2015 CIRCOLARE NUMERO 12 Le Circolari della Fondazione Studi n. 12 del 26/05/2015 BONUS PENSIONI Ecco a chi spettano gli arretrati Premessa Il 21 maggio è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il

Dettagli

RISOLUZIONE N. 41/E. Roma, 23 aprile 2015

RISOLUZIONE N. 41/E. Roma, 23 aprile 2015 RISOLUZIONE N. 41/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 23 aprile 2015 OGGETTO: Piani urbanistici particolareggiati - Art. 33, comma 3, della legge n. 388 del 2000 Applicabilità regime

Dettagli

OGGETTO:Sanzioni amministrative non tributarie irrogate da AAMS Devoluzione al giudice tributario - Istruzioni operative.

OGGETTO:Sanzioni amministrative non tributarie irrogate da AAMS Devoluzione al giudice tributario - Istruzioni operative. Agli Uffici regionali AAMS Loro Sedi Prot. 198/Strategie/UPN e, p.c. Al Direttore della Direzione per i Giochi c.a. Dott. Antonio Tagliaferri Al Direttore della Direzione per le Accise c.a. Dott. Diego

Dettagli

23 - INDICE DELLA MATERIA ARCHIVI E GESTIONE INFORMATIZZATA DEI DOCUMENTI

23 - INDICE DELLA MATERIA ARCHIVI E GESTIONE INFORMATIZZATA DEI DOCUMENTI 23 - INDICE DELLA MATERIA ARCHIVI E GESTIONE INFORMATIZZATA DEI DOCUMENTI E248 Il sistema di protocollo informatico nella gestione degli archivi delle P.A.... pag. 2 E344 Le regole tecniche in materia

Dettagli

Project Cycle Management

Project Cycle Management Project Cycle Management Tre momenti centrali della fase di analisi: analisi dei problemi, analisi degli obiettivi e identificazione degli ambiti di intervento Il presente materiale didattico costituisce

Dettagli

Dispense di Filosofia del Linguaggio

Dispense di Filosofia del Linguaggio Dispense di Filosofia del Linguaggio Vittorio Morato II settimana Gottlob Frege (1848 1925), un matematico e filosofo tedesco, è unanimemente considerato come il padre della filosofia del linguaggio contemporanea.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RR RISOLUZIONE N. 60/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2005 OGGETTO: Istanza di interpello. X S.r.l. Trasformazione di società di capitali in società di persone e deducibilità

Dettagli

LA MEDIAZIONE CIVILE NELL INTERPRETAZIONE DEI GIUDICI

LA MEDIAZIONE CIVILE NELL INTERPRETAZIONE DEI GIUDICI RITA BEVACQUA LA MEDIAZIONE CIVILE NELL INTERPRETAZIONE DEI GIUDICI L istituto della Mediazione civile quale strumento alternativo di giustizia è stato introdotto dal Decreto Legislativo 4 marzo 2010,

Dettagli

Testo Unico Ambientale: La disciplina transitoria sulla bonifica dei siti contaminati. Approfondimento. Diverse interpretazioni possibili

Testo Unico Ambientale: La disciplina transitoria sulla bonifica dei siti contaminati. Approfondimento. Diverse interpretazioni possibili Testo Unico Ambientale: La disciplina transitoria sulla bonifica dei siti contaminati. Approfondimento. Diverse interpretazioni possibili Federico Vanetti In un precedente commento sulle disposizioni transitorie

Dettagli

Circolare n. 1/2010 del 3 marzo 2010 *

Circolare n. 1/2010 del 3 marzo 2010 * Circolare n. 1/2010 del 3 marzo 2010 * SOCIO AMMINISTRATORE DI S.R.L. COMMERCIALE: GESTIONE COMMERCIANTI O GESTIONE SEPARATA? NO DELLA CORTE DI CASSAZIONE ALLA DUPLICE CONTRIBUZIONE INPS Con la sentenza

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 44 del 24 Marzo 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Soci amministratori unici con tutela assicurativa INAIL Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che

Dettagli

Il fondo comune d investimento. Patrimonio separato e soggettività. 14/07/2014. Annunziata & Conso

Il fondo comune d investimento. Patrimonio separato e soggettività. 14/07/2014. Annunziata & Conso Il fondo comune d investimento. Patrimonio separato e soggettività. 14/07/2014 Annunziata & Conso La recente sentenza del Tribunale di Roma del 20 maggio 2014, n. 11384, offre l occasione per fare il punto

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE F E R M I-GALILEI Via S. G. Bosco, 17-10073 C I R I E (TO) - tel. 011.9214575 011.9210546 fax 011.9214267- e-mail: fermi@icip.com - sito internet: www.istitutofermicirie.it

Dettagli

RISOLUZIONE N. 1/2008

RISOLUZIONE N. 1/2008 PROT. n. 29463 ENTE EMITTENTE: OGGETTO: DESTINATARI: RISOLUZIONE N. 1/2008 Direzione dell Agenzia Mutui posti in essere da Enti, istituti, fondi e casse previdenziali nei confronti di propri dipendenti

Dettagli

RISOLUZIONE N. 107/E. Roma, 3 agosto 2004

RISOLUZIONE N. 107/E. Roma, 3 agosto 2004 RISOLUZIONE N. 107/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 3 agosto 2004 Oggetto: Trattamento ai fini Iva delle prestazioni di concessione in uso di vagoni ferroviari per l esecuzione di trasporti

Dettagli

Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione. Roma,

Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione. Roma, Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione Roma, OGGETTO: Decreto legislativo 13 agosto 2010, n. 141, e successive modificazioni - Attività di segnalazione

Dettagli

Diritto alla residenza per gli occupanti un alloggio senza titolo e per le persone senza fissa dimora

Diritto alla residenza per gli occupanti un alloggio senza titolo e per le persone senza fissa dimora Diritto alla residenza per gli occupanti un alloggio senza titolo e per le persone senza fissa dimora 1. Il punto di partenza indiscutibile è quello, sottolineato più volte da tutti, che l iscrizione anagrafica

Dettagli

NOTA A CONSIGLIO DI STATO ADUNANZA PLENARIA SENTENZA 20 marzo 2015, n. 3. A cura di CARLO DI CATALDO

NOTA A CONSIGLIO DI STATO ADUNANZA PLENARIA SENTENZA 20 marzo 2015, n. 3. A cura di CARLO DI CATALDO NOTA A CONSIGLIO DI STATO ADUNANZA PLENARIA SENTENZA 20 marzo 2015, n. 3 A cura di CARLO DI CATALDO Sull esclusione dell impresa che non indica i costi per la sicurezza MASSIMA Nelle procedure di affidamento

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori SANGALLI, BUBBICO e FIORONI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 5 LUGLIO 2010 Modifiche al codice delle assicurazioni

Dettagli

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 20/15 Lussemburgo, 26 febbraio 2015 Stampa e Informazione Sentenza nella causa C-472/13 Andre Lawrence Shepherd / Bundesrepublik Deutschland

Dettagli

Corte D Appello di Milano, Sez. Lavoro, sentenza n. 1410 pubblicata il 6 maggio 2014

Corte D Appello di Milano, Sez. Lavoro, sentenza n. 1410 pubblicata il 6 maggio 2014 PREVIDENZA SOCIALE Contributi previdenziali per soci amministratori di s.r.l.: l obbligo di doppia iscrizione non è automatico. a cura di Massimo Compagnino Il presupposto per l iscrizione nella gestione

Dettagli

L AUTONOMIA FINANZIARIA DELLE REGIONI E DEGLI ENTI LOCALI

L AUTONOMIA FINANZIARIA DELLE REGIONI E DEGLI ENTI LOCALI CAPITOLO I L AUTONOMIA FINANZIARIA DELLE REGIONI E DEGLI ENTI LOCALI SOMMARIO: 1. Il concetto di autonomia finanziaria. 2. Il federalismo fiscale. 2.1. Le regioni a statuto speciale. 2.2. Le regioni a

Dettagli

Psicologia sociale delle religioni

Psicologia sociale delle religioni Psicologia sociale delle religioni 0-Presentazione del corso (secondo semestre) vers. 0.2 (3 marzo 2014) Germano Rossi 1 germano.rossi@unimib.it 1 Dipartimento di Psicologia, Università di Milano-Bicocca

Dettagli

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri L estensione dell obbligo di assicurazione agli iscritti all Ordine degli ingegneri (art. 3, comma 5, lettera e) del decreto-legge 13 agosto 2011, n. 138, convertito,

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

LE «AZIONI DI MASSA» NEL FALLIMENTO: UN INTRODUZIONE Roberto BATTAGLIA

LE «AZIONI DI MASSA» NEL FALLIMENTO: UN INTRODUZIONE Roberto BATTAGLIA LE «AZIONI DI MASSA» NEL FALLIMENTO: UN INTRODUZIONE Roberto BATTAGLIA Battaglia Roberto (In memoria del Prof. Lino Guglielmucci). P&D.IT Nel diritto fallimentare il termine «azioni di massa» indica l

Dettagli

UNIONE TERRE DI CASTELLI OPPORTUNITÀ DELLO STARE INSIEME

UNIONE TERRE DI CASTELLI OPPORTUNITÀ DELLO STARE INSIEME QuickTime e un decompressore TIFF (Non compresso) sono necessari per visualizzare quest'immagine. UNIONE TERRE DI CASTELLI OPPORTUNITÀ DELLO STARE INSIEME ANALISI DI ECONOMICITÀ, EFFICACIA ED EFFICIENZA

Dettagli

Un Contributo per una Interpretazione Attuale della Teoria Mazziniana dell Economia di Sergio d Errico

Un Contributo per una Interpretazione Attuale della Teoria Mazziniana dell Economia di Sergio d Errico Un Contributo per una Interpretazione Attuale della Teoria Mazziniana dell Economia di Sergio d Errico L approccio alle tematiche dello Sviluppo Economico sviluppa la percezione e la consapevolezza di

Dettagli

Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004. Svolgimento del processo

Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004. Svolgimento del processo Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004 Svolgimento del processo Su domanda proposta da M. P., titolare di pensione di invalidità dal 1977, il Tribunale di Alessandria

Dettagli

DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE

DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ALLEGATO n.4 DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE La certificazione delle competenze chiave, delineate dal documento tecnico (http://www.pubblica.istruzione.it/normativa/2007/dm139_07.shtml)

Dettagli

CNF- Ufficio studi. Roma via del Governo Vecchio, 3 tel. 0039.06.977488 fax 0039.06.97748829

CNF- Ufficio studi. Roma via del Governo Vecchio, 3 tel. 0039.06.977488 fax 0039.06.97748829 Sulle circolari della Direzione generale della giustizia civile in materia di iscrizione e controllo sugli organismi di mediazione e sugli enti formatori. Richiesta di chiarimenti 1. In ordine alla circolare

Dettagli

Deliberazione n.11/2003/p

Deliberazione n.11/2003/p Deliberazione n.11/2003/p REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei conti In Sezione centrale di controllo di legittimità su atti del Governo e delle Amministrazioni dello Stato I Collegio *** Nell adunanza congiunta

Dettagli

\ CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DEL MASSIMARIO E DEL RUOLO CENTRO ELETTRONICO DI DOCUMENTAZIONE

\ CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DEL MASSIMARIO E DEL RUOLO CENTRO ELETTRONICO DI DOCUMENTAZIONE \ CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DEL MASSIMARIO E DEL RUOLO CENTRO ELETTRONICO DI DOCUMENTAZIONE SCHEDA INFORMATIVA SU : IL GIUDICATO ESTERNO NEL PROCESSO TRIBUTARIO A) SCELTA DEL TEMA : RAGIONI.

Dettagli

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Risposta alla consultazione Consob sul progetto di regolamento di attuazione dell articolo 23 della legge n. 262/2005 1. Introduzione La Consob ha sottoposto

Dettagli

Il diritto comunitario del lavoro. 27 gennaio 2004

Il diritto comunitario del lavoro. 27 gennaio 2004 Il diritto comunitario del lavoro 27 gennaio 2004 Di Seri 1 Nozione Con il termine diritto comunitario si fa riferimento al complesso normativo costituito dai trattati istitutivi delle tre Comunità Europee

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti VIII. 1979-1984 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino Nota sulla Polonia Il caso polacco ha valore storico, nel senso che pone per tutti, e non solo per

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it OSSERVATORIO SUL DIRITTO DELL AMBIENTE AGGIORNATO AL 31 GENNAIO 2013 ANGELA OZZI BELLEZZE NATURALI

www.ildirittoamministrativo.it OSSERVATORIO SUL DIRITTO DELL AMBIENTE AGGIORNATO AL 31 GENNAIO 2013 ANGELA OZZI BELLEZZE NATURALI OSSERVATORIO SUL DIRITTO DELL AMBIENTE AGGIORNATO AL 31 GENNAIO 2013 ANGELA OZZI BELLEZZE NATURALI T.A.R. Campania Salerno, 28 gennaio 2013, n. 235 Il mutato senso estetico consente oggi di considerare

Dettagli

Gli arbitrati commerciali. L arbitrato societario: alcuni aspetti problematici

Gli arbitrati commerciali. L arbitrato societario: alcuni aspetti problematici L arbitrato societario: alcuni aspetti problematici Fondazione Forense Modenese Modena 5 ottobre 2012 venerdi 5 ottobre 2012 1 Premessa L arbitrato societario è disciplinato dagli artt. 34 ss. del d. lgs.

Dettagli

Il provvedimento e le linee guida del Garante privacy in materia di biometria

Il provvedimento e le linee guida del Garante privacy in materia di biometria Il provvedimento e le linee guida del Garante privacy in materia di biometria di Valentina Fiorillo * Lo scorso novembre il Garante per la protezione dei dati personali ha adottato un provvedimento prescrittivo

Dettagli

Organismo Italiano di Contabilità Approvato Comitato Esecutivo in data 25 giugno 2003 00187 Roma, Via Poli 29 Tel. 06/6976681 Fax: 06/69766830

Organismo Italiano di Contabilità Approvato Comitato Esecutivo in data 25 giugno 2003 00187 Roma, Via Poli 29 Tel. 06/6976681 Fax: 06/69766830 L APPLICAZIONE IN ITALIA DEI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI E LA RIFORMA DELLA DISCIPLINA DEL BILANCIO INTERVENTI LEGISLATIVI RELATIVI ALLA DISCIPLINA DEL BILANCIO IN CONSIDERAZIONE DEL D.LGS. 17 GENNAIO

Dettagli

Valentina Croff * La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova. Premessa. Contenuti e modalità di attuazione

Valentina Croff * La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova. Premessa. Contenuti e modalità di attuazione 33 Valentina Croff * Premessa Contenuti e modalità di attuazione La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova Lo scorso mese di aprile il Consorzio Venezia Nuova

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL MINISTRO DELLE POLITICHE PER LA FAMIGLIA (BINDI) DAL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA (MASTELLA)

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL MINISTRO DELLE POLITICHE PER LA FAMIGLIA (BINDI) DAL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA (MASTELLA) Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2514-A DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL MINISTRO DELLE POLITICHE PER LA FAMIGLIA (BINDI) DAL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA (MASTELLA) E DAL MINISTRO

Dettagli

iscrizione nella Sezione Speciale degli Avvocati stabiliti presentata in data 6 ottobre.2011; Il ricorrente, dott. S. F., non è comparso; FATTO

iscrizione nella Sezione Speciale degli Avvocati stabiliti presentata in data 6 ottobre.2011; Il ricorrente, dott. S. F., non è comparso; FATTO N. 265/11 R.G. n. RD 50/12 CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio Nazionale Forense, riunito in seduta pubblica, nella sua sede presso il Ministero della

Dettagli

Alcune domande fondamentali

Alcune domande fondamentali PSICOLOGIA DEI GRUPPI sabina.sfondrini@unimib.it Testi: Boca, Bocchiaro, Scaffidi Abbate, Introduzione alla Psicologia sociale, Il Mulino, Bologna. Tutti i capitoli tranne il 3 Speltini, 2002, Stare in

Dettagli

PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE

PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE 1 PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE DPR 131/86 1 Prassi C.M. 11.7.91 n. 37; Circ. Agenzia delle Entrate 22.1.2008 n. 3 Giurisprudenza Cass. 5.2.90 n. 1963

Dettagli

DICHIARAZIONI ANTICIPATE DI TRATTAMENTO

DICHIARAZIONI ANTICIPATE DI TRATTAMENTO DICHIARAZIONI ANTICIPATE DI TRATTAMENTO INTRODUZIONE attualità del problema in campo sociale (con una forte componente culturale) in campo medico in campo bioetico in campo legislativo in Italia, documento

Dettagli

CONVENZIONE SULLA CESSAZIONE DELLA RELAZIONE DI LAVORO AD INIZIATIVA DEL DATORE DI LAVORO, 1982 1

CONVENZIONE SULLA CESSAZIONE DELLA RELAZIONE DI LAVORO AD INIZIATIVA DEL DATORE DI LAVORO, 1982 1 Convenzione 158 CONVENZIONE SULLA CESSAZIONE DELLA RELAZIONE DI LAVORO AD INIZIATIVA DEL DATORE DI LAVORO, 1982 1 La Conferenza generale dell Organizzazione Internazionale del Lavoro, Convocata a Ginevra

Dettagli

LA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI E DELLE PERSONE NELL UNIONE EUROPEA

LA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI E DELLE PERSONE NELL UNIONE EUROPEA LA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI E DELLE PERSONE NELL UNIONE EUROPEA Perché si parla di libera circolazione dei lavoratori e delle persone? Sono due aspetti distinti? Al momento della sua nascita,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO RISOLUZIONE N. 32/E Roma, 11 marzo 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti in ordine al trattamento fiscale delle operazioni di factoring e di recupero crediti QUESITO È pervenuta a questa

Dettagli

Soci amministratori unici con tutela assicurativa INAIL

Soci amministratori unici con tutela assicurativa INAIL Ai gentili clienti Loro sedi Soci amministratori unici con tutela assicurativa INAIL Premessa L INAIL, con una nota, in risposta ad un quesito dell Ordine dei Consulenti del lavoro (prot. n. 60010 del

Dettagli

Promuovere e valutare competenze nella scuola

Promuovere e valutare competenze nella scuola Promuovere e valutare competenze nella scuola Intervento di Michele Pellerey Sul concetto di competenza in un contesto scolastico Nei documenti della Commissione Europea sulla competenze chiave della cittadinanza

Dettagli

POF 2013-2014 - COMPETENZE

POF 2013-2014 - COMPETENZE POF 2013-2014 - COMPETENZE Seguendo le indicazioni della normativa, La Scuola anche per il SECONDO BIENNIO riconosce l importanza dei quattro assi culturali sulla base dei quali gestire la formulazione

Dettagli

Materiali da costruzione si

Materiali da costruzione si Materiali da costruzione si Antonio Oddo Seppur posticipato nel tempo, il passaggio da Direttiva a Regolamento determina rilevanti modifiche perché tocca diversi elementi di contenuto legati in primo luogo

Dettagli

Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno

Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno SPP, si ritorna al principio sancito dal 626 28 agosto 2013 di Renzo Rivalta E giunto alla conclusione l iter di conversione

Dettagli

Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia. Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale. a.s.

Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia. Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale. a.s. Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale a.s. 2015-2016 Premessa La seguente programmazione è stata sviluppata a partire

Dettagli

Il progetto di Regolamento sulle obbligazioni contrattuali, Roma I

Il progetto di Regolamento sulle obbligazioni contrattuali, Roma I CORSO DI DIRITTO COMUNITARIO IL NOTAIO TRA REGOLE NAZIONALI E EUROPEE Il progetto di Regolamento sulle obbligazioni contrattuali, Roma I Alfredo Maria Becchetti Notaio in Roma Componente Commissione Affari

Dettagli

Avv. Alberto Pojaghi. Con sentenza n. 24036 del 24 settembre 2008 la Corte di Cassazione ha ritenuto che un'espressione

Avv. Alberto Pojaghi. Con sentenza n. 24036 del 24 settembre 2008 la Corte di Cassazione ha ritenuto che un'espressione NOVEMBRE 2008 Titoli generici ma distintivi. Tra marchio e concorrenza sleale Avv. Alberto Pojaghi Con sentenza n. 24036 del 24 settembre 2008 la Corte di Cassazione ha ritenuto che un'espressione generica

Dettagli

Giornata di studio I nuovi strumenti della programmazione urbanistica, perequazioni, compensazioni e diritti edificatori Como 8 aprile 2011

Giornata di studio I nuovi strumenti della programmazione urbanistica, perequazioni, compensazioni e diritti edificatori Como 8 aprile 2011 I crediti Edilizi: il loro riconoscimento e la loro circolazione (riflessioni basate sull esperienza della L.R.Veneto 11/2004) A cura di Giovanni Rizzi Giornata di studio I nuovi strumenti della programmazione

Dettagli