GUIDA DELL UTENTE. Analisi lineare statica e dinamica modale con spettro di risposta di strutture reticolari piane v del 18 ottobre 2013

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GUIDA DELL UTENTE. Analisi lineare statica e dinamica modale con spettro di risposta di strutture reticolari piane v. 3.01.73 del 18 ottobre 2013"

Transcript

1 T2D-Truss Analisi lineare statica e dinamica modale con spettro di risposta di strutture reticolari piane v del 18 ottobre 2013 dott. ing. FERRARI Alberto GUIDA DELL UTENTE

2 T2d-Truss Analisi lineare statica e dinamica modale con spettro di risposta di strutture reticolari piane p. 2

3 by FERRARI ing. Alberto PREMESSA T2d-Truss nasce nel 2002 come un programma ad elementi finiti per analisi lineari elastiche di strutture reticolari piane. La semplificazione di T2d-Truss rispetto T2d consente un risparmio di tempo nella definizione dei dati di input, nell'ottimizzazione del codice di calcolo e nella semplificazione del pre e del post-processore grafico. Nel 2011 è stata introdotta la possibilità di eseguire analisi dinamiche modali con spettro di risposta secondo il D.M Per il momento non è possibile effettuare verifiche di resistenza degli elementi strutturali. Per ogni dubbio, segnalazione d errore o consigli, contattare: dott. ing. FERRARI Alberto via Montemaderno, Toscolano Maderno (BS) Cell , Tel Pec: Sito internet: p. 3

4 T2d-Truss Analisi lineare statica e dinamica modale con spettro di risposta di strutture reticolari piane SOMMARIO 1. Introduzione Registrazione di questo software Edizioni di T2d-Truss Licenza d'uso Aggiornamento del software Apertura di file.t2t da Risorse del Computer Ipotesi di calcolo Il form di avvio Il modello I materiali Le sezioni L'autocomposizione Il profilario I nodi Le bielle Le ipotesi di carico Il peso proprio I carichi nodali I carichi termici Le combinazioni di carico Le masse Le ipotesi di vincolo I vincoli I vincoli speciali La modifica del modello Il motore di calcolo La matrice di rigidezza delle bielle La matrice di rigidezza nel sistema di riferimento locale L assemblaggio La matrice delle forze nodali equivalenti L imposizione delle condizioni al contorno La soluzione del sistema...23 p. 4

5 by FERRARI ing. Alberto Il calcolo delle sollecitazioni interne Il calcolo delle reazioni vincolari Le analisi L'analisi lineare L'analisi modale L'analisi spettrale e l'analisi sismica Scambio dei dati con altre applicazioni Creazione del file.txt Creazione di file.doc per Microsoft Word Creazione di file.xls per Microsoft Excel p. 5

6 T2d-Truss Analisi lineare statica e dinamica modale con spettro di risposta di strutture reticolari piane CAPITOLO 1 1. INTRODUZIONE La responsabilità civile e penale per danni a persone e/o cose derivanti dall uso corretto o improprio di questo software è del solo utente, che è tenuto alla verifica dei risultati ottenuti tramite metodi e strumenti di calcolo alternativi. E vietata la pubblicazione su siti internet di questo software senza l autorizzazione scritta dell ing. FERRARI Alberto. 1.1 Registrazione di questo software Per poter utilizzare questo software è richiesta una registrazione obbligatoria e gratuita via internet al primo avvio; i dati personali introdotti saranno trasmessi via internet. Fig. 1 - Form di registrazione. p. 6

7 by FERRARI ing. Alberto Edizioni di T2d-Truss T2d-Truss è stato sviluppato in diverse edizioni: Demo, Basic e Professional; le differenze tra le varie edizioni sono riassunte nella tabella seguente. EDIZIONE Funzione Demo Basic Professional Analisi lineare consentita consentita consentita Analisi modale non consentita consentita consentita Analisi spettrale non consentita consentita consentita Analisi sismica non consentita consentita consentita Per ottenere l'edizione Basic o Professional contattare oppure compilare il form dal menù?/richiesta software (richiede una connessione internet). Fig. 2 - Form per la richiesta della versione Professional Tryout. Solo le edizioni gratuite di prova (tryout) hanno una durata limitata nel tempo; scaduto il termine previsto non è più possibile utilizzarle; per l utilizzo è richiesta una connessione internet per la verifica della data corrente sui server internazionali; nel caso in cui non si disponga di una connessione internet non è possibile utilizzare l'edizione tryout. 1.3 Licenza d'uso E' possibile visualizzare gli estremi della licenza d'uso dal menù "? / Info licenza". p. 7

8 T2d-Truss Analisi lineare statica e dinamica modale con spettro di risposta di strutture reticolari piane Fig. 3 - Estremi della licenza d'uso. 1.4 Aggiornamento del software T2d-Truss esegue un controllo via internet all avvio su un server protetto per la verifica sulla disponibilità di una versione più recente. Nel caso in cui si disponga di un antivirus, di un firewall o di un sistema operativo recente un messaggio per la sicurezza segnala il tentativo di connessione ad internet da parte di T2d- Truss; si potrà scegliere se consentire o meno tale connessione per la verifica degli aggiornamenti. Se l utente decide di non consentire tale accesso potrà comunque utilizzare T2d- Truss. Nel caso in cui siano disponibili aggiornamenti, verrà avviata l applicazione downloader.exe che provvederà all aggiornamento del nuovo file eseguibile t2d-truss.exe in modo automatico. Fig. 4 - Avviso di aggiornamento disponibile dell'eseguibile. Fig. 5 - Download del nuovo eseguibile. Oltre all aggiornamento del file t2d-truss.exe, il software provvede automaticamente all aggiornamento di tutti i file richiesti dall applicazione se esiste una versione più recente (guida dell utente, modelli, ecc.). Il download di questi componenti avverrà in background consentendo contemporaneamente l utilizzo di T2d- Truss da parte dell utente. p. 8

9 by FERRARI ing. Alberto Fig. 6 - Messaggio visualizzato nella barra di stato durante il download. Fig. 7 - Messaggio visualizzato nella barra di stato al termine del download. Nel caso in cui non sia disponibile alcun aggiornamento verrà indicato nella barra di stato il messaggio seguente. Fig. 8 - Il software è completamente aggiornato. T2d-Truss non contiene codice spyware né malware; le funzioni di aggiornamento hanno il solo obiettivo di mantenere efficientemente aggiornato il software. 1.5 Apertura di file.t2t da Risorse del Computer E possibile aprire un file.t2t direttamente da Risorse del Computer a patto di associare l estensione.t2t all esecuzione di t2d-truss.exe. 1.6 Ipotesi di calcolo T2d-Truss è un programma per l analisi lineare di telai piani ad elementi biella; la tecnica di risoluzione adottata è quella del metodo degli elementi finiti. L ipotesi di piccoli spostamenti è utilizzata dal programma; l'equilibrio della struttura è assunto in configurazione indeformata. Non vengono considerati gli effetti del II ordine, né tantomeno gli effetti dell instabilità geometrica. Il programma non svolge l'analisi di stabilità. 1.7 Il form di avvio Nel form di avvio sono indicati alcuni gruppi di toolbar (barre degli strumenti) e più precisamente: toolbar di gestione dei file (1); toolbar del modello (2); toolbar delle tabelle (3); toolbar di analisi (4); toolbar dei risultati (5). p. 9

10 T2d-Truss Analisi lineare statica e dinamica modale con spettro di risposta di strutture reticolari piane Fig. 9 - Form di avvio. p. 10

11 by FERRARI ing. Alberto CAPITOLO 2 2. IL MODELLO La finestra del modello è composta da toolbar per la cattura delle immagini (1); toolbar di visualizzazione/filtro (2); toolbar di applicazione (3); toolbar di selezione/modifica (4); toolbar di zoom (5); toolbar di interrogazione (6). Fig La finestra del modello. Per poter utilizzare correttamente T2d-Truss è consigliato definire i dati di input col seguente ordine: definizione dei materiali di cui è composta la struttura; definizione delle sezioni di cui è composta la struttura; definizione dei nodi della struttura; definizione delle bielle in cui modellare la struttura; definizione delle ipotesi di carico; definizione di carichi concentrati; definizione delle combinazioni di carico; definizione delle ipotesi di vincolo; definizione di vincoli, svincoli interni e vincoli speciali. p. 11

12 T2d-Truss Analisi lineare statica e dinamica modale con spettro di risposta di strutture reticolari piane Le toolbar di visualizzazione/filtro consentono rispettivamente di visualizzare alcune proprietà del modello o di limitarne la visualizzazione; in particolare, con la toolbar di visualizzazione è possibile: visualizzare la numerazione di nodi, bielle; visualizzare le masse; visualizzare i carichi; visualizzare i vincoli. Fig Opzioni di visualizzazione. Con la toolbar di filtro è possibile applicare uno o più criteri per limitare la visualizzazione del modello; tali criteri possono essere: geometrici; per tipologia di sezione. Fig Opzioni di filtro. 2.1 I materiali La prima operazione da effettuare nella definizione di un modello strutturale è la definizione dei materiali e delle loro proprietà. Per ciascun materiale è necessario definire: p. 12

13 by FERRARI ing. Alberto la designazione (il nome); modulo di elasticità (o modulo di Young), E; la densità ; il coefficiente di dilatazione termica. Nella penultima colonna della tabella dei materiali è riportato il numero di sezioni associate ad ogni materiale; nell ultima colonna, invece, è riportata la massa complessiva delle bielle associate a ciascun tipo di materiale. Di default per nuovi modelli strutturali, sono già definiti alcuni materiali (calcestruzzo, acciaio, legno) e le relative proprietà fisico-meccaniche. Fig La definizione dei materiali. 2.2 Le sezioni La seconda operazione da effettuare nella definizione di un modello strutturale è la definizione delle sezioni e delle loro proprietà. Per ciascuna sezione è necessario definire: la designazione (il nome); il materiale; l area A; Nell ultima colonna della tabella delle sezioni è riportato il numero di bielle associate ad ogni sezione. Fig La definizione delle sezioni. p. 13

14 T2d-Truss Analisi lineare statica e dinamica modale con spettro di risposta di strutture reticolari piane E' inoltre possibile definire le proprietà di sezioni di forma comune mediante l'autocomposizione; è anche possibile utilizzare un database contenente i profilati comuni (IPE, HE, UPN, L, ecc.). Definendo le sezioni con l'autocomposizione o col profilario si ha il vantaggio di poter modificare rapidamente la sezione aggiornando automaticamente le proprietà geometriche ed inerziali L'autocomposizione Con l'autocomposizione è possibile rapidamente le proprietà delle sezioni di forma comune e, più precisamente: sezioni rettangolari; sezioni circolari; sezioni rettangolari e circolari cave; sezioni a C; sezioni a doppio T; sezioni ad L; sezioni a T. Fig L'autocomposizione delle sezioni Il profilario T2d-Truss dispone di un profilario per la definizione rapida delle proprietà di sezioni tipo IPE, HE, UPN ecc. p. 14

15 by FERRARI ing. Alberto Fig Il profilario per la definizione rapida delle sezioni. 2.3 I nodi Il primo passo della procedura di definizione del modello prevede la definizione dei nodi; di ciascun nodo è necessario specificare le coordinate x e y nel sistema di riferimento globale. I nodi devono essere posti in corrispondenza dei collegamenti trave-colonna, delle variazioni di direzione degli elementi strutturali, delle variazioni di forma geometrica delle sezioni, dei vincoli a terra, dei carichi nodali, ed in altri casi più particolari. E possibile definire i nodi da tastiera (tabella dei nodi) oppure importarli da un file in formato.dxf. Fig La tabella dei nodi. Per modificare rapidamente un nodo, senza accedere alla tabella, fare doppio click col mouse su di esso dopo averlo selezionato 1. 1 Così facendo sarà anche possibile applicare o modificare carichi nodali (nell'ipotesi di carico corrente) e vincoli (nell'ipotesi di vincolo corrente). p. 15

16 T2d-Truss Analisi lineare statica e dinamica modale con spettro di risposta di strutture reticolari piane Fig Modifica di un nodo. 2.4 Le bielle E possibile definire gli elementi biella sia in modalità grafica che tabellare.le proprietà di ciascuna biella sono: numero dei nodi i e j; tipo di sezione. Fig La tabella delle bielle. Per modificare rapidamente una biella, senza accedere alla tabella, fare doppio click col mouse su di esso dopo averlo selezionata. Fig Modifica di una biella. 2.5 Le ipotesi di carico E possibile definire le ipotesi di carico: per ciascuna di esse è necessario indicare: p. 16

17 by FERRARI ing. Alberto la designazione (il nome); il coefficiente parziale si sicurezza per le azioni sfavorevoli allo SLU; i coefficienti parziali si sicurezza per le azioni agli SLE. Fig La tabella delle ipotesi di carico Il peso proprio T2d-Truss riserva una specifica ipotesi di carico all effetto del peso proprio; in tale ipotesi non è possibile applicare altri carichi I carichi nodali Nel modello strutturale possono essere definiti i carichi nodali specificandone: il nodo sul quale è applicato il carico nodale; il carico nodale F x nella direzione x del sistema di riferimento globale; il carico nodale F y nella direzione y del sistema di riferimento globale; Fig La tabella dei carichi nodali. T2d-Truss consente di applicare graficamente i carichi nodali, definendone a priori l entità: in tal modo è possibile risparmiare tempo e controllare con maggior semplicità la correttezza del modello numerico. Per applicare graficamente i carichi nodali cliccare sull icona nella barra degli strumenti del modello. p. 17

18 T2d-Truss Analisi lineare statica e dinamica modale con spettro di risposta di strutture reticolari piane I carichi termici Nel modello strutturale possono essere definiti i carichi termici specificandone: la biella sulla quale è applicato il carico termico; il carico termico uniforme (positivo il riscaldamento); Fig La tabella dei carichi termici. T2d-Truss consente di applicare graficamente i carichi termici, definendone a priori l entità: in tal modo è possibile risparmiare tempo e controllare con maggior semplicità la correttezza del modello numerico. Per applicare graficamente i carichi termici cliccare sull icona nella barra degli strumenti del modello. 2.6 Le combinazioni di carico E possibile definire le combinazioni delle ipotesi di carico definite; in questo modo è possibile sommare ad esempio gli effetti dovuti al peso proprio con quelli dei carichi permanenti, variabili, ecc. In ciascuna combinazione di carico è possibile definire i moltiplicatori da assegnare alle singole ipotesi di carico. E' possibile generare le combinazioni di carico tipiche premendo l'apposito pulsante; la combinazione di carico Sismica viene utilizzata per le analisi modale e sismica spiegate di seguito. Fig La tabella delle combinazioni di carico. p. 18

19 by FERRARI ing. Alberto Le masse E' possibile definire masse concentrate sul modello; nell'analisi lineare non vengono prese in considerazione mentre il loro effetto è considerato nelle sole analisi modale e sismica. 2.8 Le ipotesi di vincolo T2d-Truss consente la definizione delle ipotesi di vincolo: questa funzione è particolarmente utile poiché consente di valutare rapidamente gli effetti sulla struttura indotti da vincoli a terra o svincoli interni di natura differente. Per ciascuna ipotesi di vincolo è necessario definire: la designazione (il nome). Fig La tabella delle ipotesi di vincolo I vincoli Nel modello strutturale possono essere definite, per ciascuna delle direzioni x ed y le condizioni al contorno (vincoli a terra) come: nessun vincolo (estremo libero); vincolo rigido; molla elastica; cedimento noto (cedimento imposto, alias cedimento anelastico). Nel caso in cui si utilizzino molle elastiche (traslazionali o rotazionali) è necessario definirne la rigidezza. Fig La tabella dei vincoli. p. 19

20 T2d-Truss Analisi lineare statica e dinamica modale con spettro di risposta di strutture reticolari piane I vincoli speciali I vincoli speciali consentono di modellare situazioni particolari di vincolo; possono essere ad esempio utilizzati per modellare vincoli inclinati o perni. Fig La tabella dei vincoli speciali. 2.9 La modifica del modello E' possibile modificare il modello in diversi modi: facendo doppio click su un nodo, ad esempio, appare una finestra di dialogo in cui è possibile modificare le proprietà nodali come già accennato in precedenza; lo stesso vale per i macroelementi. E' possibile selezionare nodi, macroelementi e bielle per poi copiarli, cancellarli, spostarli ecc.; esistono 3 differenti possibilità di selezione: seleziona on, quando attivo aggiunge alla selezione gli oggetti selezionati; seleziona on/off, quando attivo aggiunge o toglie dalla selezione gli oggetti selezionati; seleziona off quando attivo toglie dalla selezione gli oggetti selezionati. Il numero di oggetti selezionati viene sempre visualizzato nella barra di stato in basso. Fig Esempio di numero di nodi selezionati. Terminata la selezione è possibile eseguire una delle seguenti operazioni di modifica del modello: copia ; sposta ; cancella ; specchia ; ruota ; p. 20

21 by FERRARI ing. Alberto scala ; suddividi. p. 21

22 T2d-Truss Analisi lineare statica e dinamica modale con spettro di risposta di strutture reticolari piane CAPITOLO 3 3. IL MOTORE DI CALCOLO A volte chi utilizza programmi ad elementi finiti ha una conoscenza sommaria sul loro funzionamento; tuttavia per poter comprendere a fondo le analisi numeriche che possono essere svolte viene riassunta di seguito la procedura di calcolo utilizzata da T2d-Truss. Chi ben conosce gli elementi finiti sa quanti e quali possono essere gli errori e le approssimazioni svolti durante la modellazione e conseguentemente è portato a verificare dettagliatamente i risultati ottenuti dall'analisi. Il consiglio dunque, che ovviamente vale a prescindere dal programma di calcolo utilizzato, è di svolgere sempre un accurata critica sul comportamento strutturale calcolato dai programmi: ricorrere a soluzioni approssimate ma in grado di fornire l ordine dei grandezza della soluzione cercata è fondamentale, in particolar modo nei problemi di progettazione strutturale. Il motore di calcolo di T2d-Truss si articola in una decina di procedure, ciascuna delle quali con una funzione ben specifica ed in particolare: calcolo della matrice di rigidezza locale di ogni elemento; assemblaggio della matrice di rigidezza globale; calcolo della matrice delle forze nodali equivalenti; imposizione delle condizioni al contorno; valutazione della semibanda; risoluzione del sistema; calcolo delle azioni interne; calcolo delle reazioni vincolari. Di seguito è riportata una spiegazione sommaria per ognuna delle fasi di calcolo sopra menzionate. 3.1 La matrice di rigidezza delle bielle La matrice di rigidezza è calcolata per ogni biella; viene inoltre valutata la presenza di svincoli interni. p. 22

23 by FERRARI ing. Alberto La matrice di rigidezza nel sistema di riferimento locale Per un elemento biella privo di svincoli, la matrice di rigidezza nel sistema di riferimento locale è definita dall espressione: EA EA 0 0 l l K EA EA. 0 0 l l L assemblaggio L assemblaggio è quella operazione mediante la quale le singole matrici di rigidezza degli elementi finiti nel sistema di riferimento locale vengono assemblate in un unica matrice per l intera struttura. Essendo quest ultima matrice relativa al sistema di riferimento globale, durante l assemblaggio viene operata per ciascuna matrice di rigidezza degli elementi finiti la trasposizione dal sistema di riferimento locale a quello globale. 3.2 La matrice delle forze nodali equivalenti La matrice delle forze nodali equivalenti è composta da tante colonne quante sono le ipotesi di carico da risolvere; in tale matrice ogni colonna rappresenta il vettore delle forze nodali equivalenti di ciascuna ipotesi di carico; ciò consente di risolvere contemporaneamente l'analisi di tutte le ipotesi di carico con una sola esecuzione del codice. La stessa cosa non può essere applicata ai casi di vincolo, poiché la matrice di rigidezza globale della struttura è differente. 3.3 L imposizione delle condizioni al contorno Le condizioni al contorno (vincoli a terra e vincoli speciali) vengono imposte modificando ad hoc la matrice di rigidezza globale e la matrice delle forze nodali equivalenti. 3.4 La soluzione del sistema T2d-Truss risolve il sistema col metodo di Gauss limitato alla larghezza della semibanda; durante la risoluzione vengono analizzati gli effetti di tutte le ipotesi di carico e della sola ipotesi di vincolo selezionata. p. 23

24 T2d-Truss Analisi lineare statica e dinamica modale con spettro di risposta di strutture reticolari piane 3.5 Il calcolo delle sollecitazioni interne Le sollecitazioni interne vengono calcolate una volta noti gli spostamenti nodali nel sistema di riferimento globale e trasformati in quello locale, utilizzando le funzioni di forma per gli elementi finiti utilizzati. 3.6 Il calcolo delle reazioni vincolari Le reazioni vincolari vengono calcolate imponendo l'equilibrio dei nodi. p. 24

25 by FERRARI ing. Alberto CAPITOLO 4 4. LE ANALISI T2d-Truss consente di eseguire diversi tipi di analisi strutturale e più precisamente: l'analisi lineare, con la quale è possibile valutare sollecitazioni e sforzi di una struttura in varie ipotesi e combinazioni di carico statiche; l'analisi modale, grazie alla quale è possibile calcolare le frequenze naturali di una struttura (problema agli autovalori); l'analisi spettrale, con cui è possibile applicare uno spettro di progetto secondo il D.M ai vari modi di vibrare al fine di valutare gli effetti dell'azione sismica; l'analisi sismica che consente di combinare gli effetti dei carichi gravitazionali con quelli dell'azione sismica. Nel caso in cui venga svolta l'analisi lineare, l'analisi spettrale o quella sismica è possibile visualizzare: i valori degli spostamenti nodali u x, u y ed u 2 ; il diagramma dell'azione assiale N; N il diagramma dello sforzo assiale definito da a ; A le reazioni vincolari. Nel caso in cui venga svolta l'analisi modale è possibile visualizzare solamente la deformata modale, come indicato in seguito. 4.1 L'analisi lineare Con l'analisi lineare è possibile calcolare sollecitazioni e sforzi di una struttura per ciascuna ipotesi e combinazione di carico; non è possibile risolvere la struttura considerando contemporaneamente più di una ipotesi di vincolo. 2 Lo spostamento nodale in modulo è definito da u 2 2 u x u y p. 25

26 T2d-Truss Analisi lineare statica e dinamica modale con spettro di risposta di strutture reticolari piane Al termine dell'analisi è possibile visualizzare graficamente per ogni ipotesi o combinazione di carico: la struttura deformata e/o indeformata; gli spostamenti nodali; i diagrammi delle azioni interne; gli sforzi assiale e flessionali. 4.2 L'analisi modale E' possibile calcolare i modi propri di una struttura risolvendo il noto problema agli autovalori 2 K M 0 in cui K è la matrice di rigidezza dell'intera struttura, M è la matrice delle masse dell'intera struttura (diagonale, lumped mass), è il generico autovalore (determina la frequenza/il periodo) e è il generico modo di vibrare. Il problema agli autovalori viene risolto dopo averlo ricondotto alla forma standard previa inversione della matrice di rigidezza (poiché la matrice delle masse è frequentemente singolare). La matrice delle masse viene calcolata convertendo i carichi gravitazionali in combinazione sismica in masse se richiesto dall'utente. E' possibile considerare o trascurare il calcolo dei modi di vibrare verticali (spesso poco significativi). Al termine dell'analisi viene visualizzata una tabella nella quale sono indicate le frequenze, i periodi ed i fattori di partecipazione modale di ciascun modo di vibrare. Fig Risultati dell'analisi modale. Per ciascun modo di vibrare è possibile visualizzarne la deformata l'animazione per comprendere meglio il comportamento dinamico. ed eventualmente attivarne p. 26

27 by FERRARI ing. Alberto Fig Esempio di un modo di vibrare. 4.3 L'analisi spettrale e l'analisi sismica Dopo aver eseguito l'analisi lineare e l'analisi modale è possibile eseguire l'analisi spettrale (analisi con spettro di risposta) per calcolare gli effetti dell'azione sismica secondo il D.M La definizione degli spettri di progetto richiede diversi dati di input, tra cui: coordinate geografiche del sito 3 ; vita nominale e classe d'uso della struttura; classe di duttilità (CD'A' o CD'B'); massimo fattore di struttura (q 0 ); coefficiente riduttivo per regolarità K R ; coefficiente di smorzamento viscoso equivalente; categoria del suolo di fondazione e categoria topografica; Per eseguire l'analisi spettrale è inoltre necessario definire: gli stati limite da analizzare (SLC, SLV, SLD ed SLO); il tipo di combinazione quadratica da applicare (SRSS o CQC 4 ); se calcolare o trascurare gli effetti dell'azione sismica verticale e, in caso affermativo, il fattore di struttura da utilizzare per la componente verticale; 3 E' possibile richiamare da un database le coordinate di un qualsiasi comune, filtrando eventualmente la ricerca per regione o per provincia di appartenenza. 4 E' possibile visualizzare la matrice dei coefficienti ij. p. 27

28 T2d-Truss Analisi lineare statica e dinamica modale con spettro di risposta di strutture reticolari piane il fattore riduttivo da applicare alle ordinate spettrali (se necessario). Fig Form per l'analisi spettrale. Il calcolo procede valutando per ciascuno stato limite, per ciascun modo di vibrare e per la combinazione quadratica scelta gli effetti dell'azione sismica in ogni direzione sismica. Con la combinazione quadratica SRSS gli effetti vengono combinati nel seguente modo: E n n i 1 j 1 E i E j mentre con la combinazione quadratica CQC gli effetti vengono combinati nel seguente modo: E n n i j ij Ei E in cui ij 1 1 j ij 1 1 ij / 2 ij E' possibile visualizzare la matrice (simmetrica) dei coefficienti di correlazione ij dopo l'esecuzione dell'analisi spettrale. ij p. 28

29 by FERRARI ing. Alberto Fig Matrice dei coefficienti di correlazione ij. Con l'analisi sismica è possibile combinare gli effetti dell'azione sismica (calcolati con l'analisi spettrale) con gli effetti dei carichi gravitazionali in combinazione sismica secondo la regola 100/30, e più precisamente: G 1.00E x 0. 30E y e G 0.30E x 1. 00E y in cui G G k Q n i1 2i [ omissis ] ki p. 29

30 T2d-Truss Analisi lineare statica e dinamica modale con spettro di risposta di strutture reticolari piane CAPITOLO 5 5. SCAMBIO DEI DATI CON ALTRE APPLICAZIONI 5.1 Creazione del file.txt Dopo aver svolto l analisi, T2d-Truss crea un file con estensione.txt contenente tutti i dati ed i risultati di calcolo dell'analisi lineare. 5.2 Creazione di file.doc per Microsoft Word E' possibile esportare tutti i dati di input e di output relativi all analisi svolta, ottenendo una relazione impaginata in formato tabellare. L utente potrà modificare a piacimento singole sezioni, integrando il documento.doc secondo le proprie esigenze pratiche e/o progettuali. 5.3 Creazione di file.xls per Microsoft Excel E' possibile esportare i risultati dell'analisi lineare, dell'analisi modale, dell'analisi spettrale e di quella sismica; in tutti i casi l'esportazione è limitata ai soli nodi/elementi visibili al momento dell'esportazione. p. 30

GUIDA DELL UTENTE. Analisi dello stato tensionale tangenziale per i profili sottili aperti v. 1.00.55 del 14 aprile 2014

GUIDA DELL UTENTE. Analisi dello stato tensionale tangenziale per i profili sottili aperti v. 1.00.55 del 14 aprile 2014 GUSCI Analisi dello stato tensionale tangenziale per i profili sottili aperti v. 1.00.55 del 14 aprile 2014 dott. ing. FERRARI Alberto GUIDA DELL UTENTE centro di taglio; valutazione delle sollecitazioni

Dettagli

Progetto di un telaio tridimensionale in. cemento armato. Esempio guidato 2 Pag. 1

Progetto di un telaio tridimensionale in. cemento armato. Esempio guidato 2 Pag. 1 Esempio guidato 2 Progetto di un telaio tridimensionale in cemento armato Esempio guidato 2 Pag. 1 Esempio guidato 2 - Progetto di un telaio tridimensionale in cemento armato In questo Tutorial viene eseguito

Dettagli

Analisi lineare statica e dinamica modale con spettro di risposta per telai piani. dott. ing. FERRARI Alberto ESEMPI APPLICATIVI

Analisi lineare statica e dinamica modale con spettro di risposta per telai piani. dott. ing. FERRARI Alberto  ESEMPI APPLICATIVI T2D Analisi lineare statica e dinamica modale con spettro di risposta per telai piani dott. ing. FERRARI Alberto ESEMPI APPLICATIVI T2d Analisi lineare statica e dinamica modale con spettro di risposta

Dettagli

Gestione Rapporti (Calcolo Aree)

Gestione Rapporti (Calcolo Aree) Gestione Rapporti (Calcolo Aree) L interfaccia dello strumento generale «Gestione Rapporti»...3 Accedere all interfaccia (toolbar)...3 Comandi associati alle icone della toolbar...4 La finestra di dialogo

Dettagli

RELAZIONE Ai sensi del Cap. 10.2 delle N.T.C. 2008 ANALISI E VERIFICHE SVOLTE CON L' AUSILIO DI CODICI DI CALCOLO

RELAZIONE Ai sensi del Cap. 10.2 delle N.T.C. 2008 ANALISI E VERIFICHE SVOLTE CON L' AUSILIO DI CODICI DI CALCOLO Comune di Calatabiano Provincia di Catania RELAZIONE Ai sensi del Cap. 10.2 delle N.T.C. 2008 ANALI E VERIFICHE SVOLTE CON L' AULIO DI CODICI DI CALCOLO PROGETTO PER LA MESSA IN CUREZZA DEL MURO DI CONFINE

Dettagli

Interventi di consolidamento utilizzando elementi di nuova costruzione

Interventi di consolidamento utilizzando elementi di nuova costruzione Interventi di consolidamento utilizzando elementi di nuova costruzione 1. Introduzione Il consolidamento degli edifici esistenti è una problematica alla quale possono essere applicate diverse soluzioni.

Dettagli

Guida rapida dei comandi

Guida rapida dei comandi Guida rapida dei comandi Guida rapida dei comandi Questo capitolo presenta una rapida panoramica dei comandi di PRO_SAP con le relative modalità di accesso. Le informazioni presentate per ogni comando

Dettagli

Introduzione all uso di un programma per analisi agli Elementi Finiti

Introduzione all uso di un programma per analisi agli Elementi Finiti L analisi strutturale con il metodo degli elementi finiti Introduzione all uso di un programma per analisi agli Elementi Finiti L analisi di una struttura può essere effettuata attraverso metodi analitici

Dettagli

EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA, ARMATA O MISTA

EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA, ARMATA O MISTA Edifici in muratura portante 2 1 Cosa è ANDILWall? ANDILWall è un software di analisi strutturale che utilizza il motore di calcolo SAM II, sviluppato presso l Università degli Studi di Pavia e presso

Dettagli

STACEC s.r.l. Software e servizi per l ingegneria S.S. 106 Km 87 89034 Bovalino (RC)

STACEC s.r.l. Software e servizi per l ingegneria S.S. 106 Km 87 89034 Bovalino (RC) COPYRIGHT Tutto il materiale prodotto da Stacec (CD contenente i file dei software, chiave di protezione, altri supporti di consultazione, e altro) è protetto dalle leggi e dai trattati sul copyright,

Dettagli

INFOSYS S.r.l. - Via Castromediano, 133-70126 Bari tel 080.2022050 fax 080.5531734 e-mail: infosys@hsnet.it sito: www.e-infosys.it

INFOSYS S.r.l. - Via Castromediano, 133-70126 Bari tel 080.2022050 fax 080.5531734 e-mail: infosys@hsnet.it sito: www.e-infosys.it INFOSYS S.r.l. - Via Castromediano, 133-70126 Bari tel 080.2022050 fax 080.5531734 e-mail: infosys@hsnet.it sito: www.e-infosys.it DESCRIZIONE GENERALE Software di calcolo strutturale, per il progetto

Dettagli

Registro unico Antiriciclaggio

Registro unico Antiriciclaggio Registro unico Antiriciclaggio VERSIONE PROFESSIONISTI E CED VERSIONE 4.0.0 Sommario Introduzione... 4 Requisiti di sistema... 5 Installazione del software... 6 Verifica automatica dei requisiti di installazione...

Dettagli

NTC08: ANDILWall si rinnova R. Calliari, CR Soft s.r.l. A. Di Fusco, ANDIL Associazione Nazionale Degli Industriali dei Laterizi

NTC08: ANDILWall si rinnova R. Calliari, CR Soft s.r.l. A. Di Fusco, ANDIL Associazione Nazionale Degli Industriali dei Laterizi NTC08: ANDILWall si rinnova R. Calliari, CR Soft s.r.l. A. Di Fusco, ANDIL Associazione Nazionale Degli Industriali dei Laterizi ANDILWall è un programma di calcolo per la progettazione e verifica sismica

Dettagli

GUIDA UTENTE MONEY TRANSFER MANAGER

GUIDA UTENTE MONEY TRANSFER MANAGER GUIDA UTENTE MONEY TRANSFER MANAGER (vers. 1.0.2) GUIDA UTENTE MONEY TRANSFER MANAGER (vers. 1.0.2)... 1 Installazione... 2 Prima esecuzione... 5 Login... 7 Funzionalità... 8 Anagrafica... 9 Registrazione

Dettagli

SH.Invoice è un software pratico e completo per la gestione della fatturazione di professionisti e imprese.

SH.Invoice è un software pratico e completo per la gestione della fatturazione di professionisti e imprese. Presentazione: SH.Invoice è un software pratico e completo per la gestione della fatturazione di professionisti e imprese. Il programma si distingue per la rapidità e l elasticità del processo di gestione

Dettagli

Guida Utente PS Contact Manager GUIDA UTENTE

Guida Utente PS Contact Manager GUIDA UTENTE GUIDA UTENTE Installazione...2 Prima esecuzione...5 Login...7 Registrazione del programma...8 Inserimento clienti...9 Gestione contatti...11 Agenti...15 Archivi di base...16 Installazione in rete...16

Dettagli

Capitolo 26: schemi di installazione

Capitolo 26: schemi di installazione Capitolo 26: schemi di installazione Avviate MasterChef dall icona presente sul vostro Desktop. Nota: Se state utilizzando una versione dimostrativa, una volta caricato il programma, un messaggio vi comunicherà

Dettagli

SOMMARIO. 1 ISTRUZIONI DI BASE. 2 CONFIGURAZIONE. 7 STORICO. 9 EDITOR HTML. 10 GESTIONE ISCRIZIONI E CANCELLAZIONI. 11 GESTIONE MAILING LIST.

SOMMARIO. 1 ISTRUZIONI DI BASE. 2 CONFIGURAZIONE. 7 STORICO. 9 EDITOR HTML. 10 GESTIONE ISCRIZIONI E CANCELLAZIONI. 11 GESTIONE MAILING LIST. INDICE 1) SOMMARIO... 1 2) ISTRUZIONI DI BASE... 2 3) CONFIGURAZIONE... 7 4) STORICO... 9 5) EDITOR HTML... 10 6) GESTIONE ISCRIZIONI E CANCELLAZIONI... 11 7) GESTIONE MAILING LIST... 12 8) E-MAIL MARKETING...

Dettagli

Capitolo 3 Guida operativa del programma TQ Sistema

Capitolo 3 Guida operativa del programma TQ Sistema Capitolo 3 Guida operativa del programma TQ Sistema Panoramica delle funzionalità Questa guida contiene le informazioni necessarie per utilizzare il pacchetto TQ Sistema in modo veloce ed efficiente, mediante

Dettagli

Piani di input e piani di calcolo reale in FaTA-e

Piani di input e piani di calcolo reale in FaTA-e 0 1 Piani di input e piani di calcolo reali in FaTA-e Dalla versione XX di FaTA-e è presente una nuova implementazione per il calcolo dei baricentri di massa e rigidezza. La nuova procedura consente di

Dettagli

INDICE. 2 Quadro normativo di riferimento 4. 3 Caratterizzazione sismica del sito 5

INDICE. 2 Quadro normativo di riferimento 4. 3 Caratterizzazione sismica del sito 5 RELAZIONE SISMICA INDICE 1 Introduzione 3 Quadro normativo di riferimento 4 3 Caratterizzazione sismica del sito 5 3.1 Valutazione pericolosità sismica 5 3. Valutazione tempo di ritorno Tr 6 3..1 Periodo

Dettagli

4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE

4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE 4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE Il foglio elettronico (definito anche spreadsheet) è uno strumento formidabile. Possiamo considerarlo come una specie di enorme tabellone a griglia il cui utilizzo si estende

Dettagli

ESET NOD32 Antivirus 4 per Linux Desktop. Guida all'avvio rapido

ESET NOD32 Antivirus 4 per Linux Desktop. Guida all'avvio rapido ESET NOD32 Antivirus 4 per Linux Desktop Guida all'avvio rapido ESET NOD32 Antivirus 4 fornisce una protezione all'avanguardia per il computer contro codici dannosi. Basato sul motore di scansione ThreatSense

Dettagli

Manuale Blumatica Itaca

Manuale Blumatica Itaca 0 MANUALE BLUMATICA ITACA Il Protocollo ITACA è uno strumento adottato dalle Regioni per la valutazione del grado di sostenibilità energetico ambientale delle costruzioni approvato il 15 gennaio 2004 dalla

Dettagli

DENUNCE EDILCONNECT GUIDA COMPILAZIONE

DENUNCE EDILCONNECT GUIDA COMPILAZIONE Cassa Edile Como e Lecco DENUNCE EDILCONNECT GUIDA COMPILAZIONE COMPILAZIONE DA FILE PAGHE Guida per i consulenti e le imprese che compilano la denuncia utilizzando il file di esportazione dei software

Dettagli

Archimede Beta 1. Manuale utente

Archimede Beta 1. Manuale utente Archimede Beta 1 Manuale utente Archimede (Beta 1) Antares I.T. s.r.l. Indice Prerequisiti... 3 Installazione... 3 Accesso... 4 Recupero password... 4 Scadenza password... 4 Gestione Clienti... 6 Ricerca

Dettagli

MANUALE D USO Agosto 2013

MANUALE D USO Agosto 2013 MANUALE D USO Agosto 2013 Descrizione generale MATCHSHARE è un software per la condivisione dei video e dati (statistiche, roster, ) delle gare sportive. Ogni utente abilitato potrà caricare o scaricare

Dettagli

Capitolo 7 Guida operativa del programma TQ Controlla

Capitolo 7 Guida operativa del programma TQ Controlla Capitolo 7 Guida operativa del programma TQ Controlla Panoramica delle funzionalità Fornisce un ampio ventaglio di strumenti per il controllo statistico dei processi (SPC) in modo da soddisfare ogni esigenza

Dettagli

Corso accreditato presso il CNI per il rilascio di 28 CFP riservati agli Ingegneri. (è indispensabile l utilizzo di un PC portatile personale)

Corso accreditato presso il CNI per il rilascio di 28 CFP riservati agli Ingegneri. (è indispensabile l utilizzo di un PC portatile personale) CORSO BASE DI CALCOLO STRUTTURALE ASSISTITO DA PC Cenni sulle NTC 2008 e utilizzo di software dedicato per la progettazione di edifici in c.a., acciaio e muratura Corso accreditato presso il CNI per il

Dettagli

GUIDA UTENTE BILLIARDS COUNTER (Vers. 1.2.0)

GUIDA UTENTE BILLIARDS COUNTER (Vers. 1.2.0) ------------------------------------------------- GUIDA UTENTE BILLIARDS COUNTER (Vers. 1.2.0) GUIDA UTENTE BILLIARDS COUNTER (Vers. 1.2.0)... 1 Installazione Billiards Counter... 2 Primo avvio e configurazione

Dettagli

GUIDA UTENTE WEB PROFILES

GUIDA UTENTE WEB PROFILES GUIDA UTENTE WEB PROFILES GUIDA UTENTE WEB PROFILES... 1 Installazione... 2 Primo avvio e registrazione... 5 Utilizzo di web profiles... 6 Gestione dei profili... 8 Fasce orarie... 13 Log siti... 14 Pag.

Dettagli

Modo grafico Solido dinamico viene visualizzata la struttura riportata nell immagine. Premere il tasto x per uscire.

Modo grafico Solido dinamico viene visualizzata la struttura riportata nell immagine. Premere il tasto x per uscire. Esercitazione n. 7 di progettazione con PRO_SAP: Analisi dell interazione terreno-struttura In questa esercitazione guidata sono illustrate alcune semplici procedure che permettono di sperimentare direttamente

Dettagli

Laboratorio informatico di base

Laboratorio informatico di base Laboratorio informatico di base A.A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche (DISCAG) Università della Calabria Dott. Pierluigi Muoio (pierluigi.muoio@unical.it) Sito Web del corso: www.griadlearn.unical.it/labinf

Dettagli

Scuola Italiana del Middlebury College. Informazioni ed istruzioni per utilizzare MOODLE

Scuola Italiana del Middlebury College. Informazioni ed istruzioni per utilizzare MOODLE Scuola Italiana del Middlebury College Informazioni ed istruzioni per utilizzare MOODLE L ambiente di lavoro in visualizzazione studente e docente con la funzione Attiva modifica 1) Vai a: go/hub 2) Entra

Dettagli

Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6

Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6 Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6 Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione Anno 2009/2010 Syllabus 5.0 Microsoft PowerPoint è un software progettato

Dettagli

Capitolo 31: Modulo di offertistica - Stampa offerta

Capitolo 31: Modulo di offertistica - Stampa offerta Capitolo 31: Modulo di offertistica - Stampa offerta Avviate MasterChef dall icona presente sul vostro Desktop. Nota: Se state utilizzando una versione dimostrativa, una volta caricato il programma, un

Dettagli

SoftWare DMGraphics. Indice. Manuale d uso. 1) Introduzione. 2) Pagine grafiche. 3) Grafici. 4) Menù

SoftWare DMGraphics. Indice. Manuale d uso. 1) Introduzione. 2) Pagine grafiche. 3) Grafici. 4) Menù SoftWare DMGraphics Manuale d uso Indice 1) Introduzione 2) Pagine grafiche. 2.1) Pagina grafica 2.2) Concetti generali 2.3) Scale dei valori 2.4) Posizionamento elementi nel grafico 3) Grafici 3.1) Grafici

Dettagli

GUIDA DELL UTENTE. Analisi e progetto di pareti duttili sismoresistenti in c.a. v. 1.01.05 del 06 marzo 2013

GUIDA DELL UTENTE. Analisi e progetto di pareti duttili sismoresistenti in c.a. v. 1.01.05 del 06 marzo 2013 PARETI Analisi e progetto di pareti duttili sismoresistenti in c.a. v. 1.01.05 del 06 marzo 2013 dott. ing. FERRARI Alberto GUIDA DELL UTENTE Pareti duttili sismoresistenti in c.a. p. 2 by FERRARI ing.

Dettagli

MANUALE UTENTE. Computer Palmare WORKABOUT PRO

MANUALE UTENTE. Computer Palmare WORKABOUT PRO MANUALE UTENTE Computer Palmare WORKABOUT PRO INDICE PROCEDURA DI INSTALLAZIONE:...3 GUIDA ALL UTILIZZO:...12 PROCEDURA DI AGGIORNAMENTO:...21 2 PROCEDURA DI INSTALLAZIONE: Per il corretto funzionamento

Dettagli

La modellazione delle strutture

La modellazione delle strutture La modellazione delle strutture 1 Programma 31-1-2012 Introduzione e brevi richiami al metodo degli elementi finiti 7-2-2012 La modellazione della geometria 14-2-2012 21-2-2012 28-2-2012 6-3-2012 13-32012

Dettagli

Esame di Informatica CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO. Facoltà di Scienze Motorie

Esame di Informatica CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO. Facoltà di Scienze Motorie Facoltà di Scienze Motorie CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO Una tabella che contiene parole e numeri che possono essere elaborati applicando formule matematiche e funzioni statistiche. Esame di Informatica

Dettagli

GUIDA AL PRIMO AVVIO E MANUALE D USO

GUIDA AL PRIMO AVVIO E MANUALE D USO GUIDA AL PRIMO AVVIO E MANUALE D USO Informazioni preliminari Il primo avvio deve essere fatto sul Server (il pc sul quale dovrà risiedere il database). Verificare di aver installato MSDE sul Server prima

Dettagli

MODULO 5 Basi di dati (database)

MODULO 5 Basi di dati (database) MODULO 5 Basi di dati (database) I contenuti del modulo: questo modulo riguarda la conoscenza da parte del candidato dei concetti fondamentali sulle basi di dati e la sua capacità di utilizzarli. Il modulo

Dettagli

Manuale NetSupport v.10.70.6 Liceo G. Cotta Marco Bolzon

Manuale NetSupport v.10.70.6 Liceo G. Cotta Marco Bolzon NOTE PRELIMINARI: 1. La versione analizzata è quella del laboratorio beta della sede S. Davide di Porto, ma il programma è presente anche nel laboratorio alfa (Porto) e nel laboratorio di informatica della

Dettagli

L ACQUISIZIONE E LA GESTIONE DEI DOCUMENTI ELETTRONICI

L ACQUISIZIONE E LA GESTIONE DEI DOCUMENTI ELETTRONICI L ACQUISIZIONE E LA GESTIONE DEI DOCUMENTI ELETTRONICI DOCUSOFT integra una procedura software per la creazione e l'archiviazione guidata di documenti in formato elettronico (documenti Microsoft Word,

Dettagli

Statistica 4038 (ver. 1.2)

Statistica 4038 (ver. 1.2) Statistica 4038 (ver. 1.2) Software didattico per l insegnamento della Statistica SERGIO VENTURINI, MAURIZIO POLI i Il presente software è utilizzato come supporto alla didattica nel corso di Statistica

Dettagli

Compilazione rapporto di Audit in remoto

Compilazione rapporto di Audit in remoto Compilazione rapporto di Audit in remoto Installazione e manuale utente CSI S.p.A. V.le Lombardia 20-20021 Bollate (MI) Tel. 02.383301 Fax 02.3503940 E-mail: info@csi-spa.com Rev. 1.1 23/07/09 Indice Indice...

Dettagli

I metodi di calcolo previsti dalle NTC 08 Parte 1

I metodi di calcolo previsti dalle NTC 08 Parte 1 I metodi di calcolo previsti dalle NTC 08 Parte 1 3 Indice Parte I Schema generale 4 1 Richiamo... normativa 8 Parte II Tipologie di analisi 10 4 1 Enter the help project title here Schema generale Premessa

Dettagli

A N A L I S I A S C A N S I O N E A N G O L A R E

A N A L I S I A S C A N S I O N E A N G O L A R E A N A L I S I A S C A N S I O N E A N G O L A R E Versione 1.0.140709.1 G R U P P O S I S M I C A S. R. L. 3DMacro è prodotto da: Gruppo Sismica s.r.l. Viale Andrea Doria, 27 95125 Catania Telefono: 095/504749

Dettagli

Guida SH.Shop. Inserimento di un nuovo articolo:

Guida SH.Shop. Inserimento di un nuovo articolo: Guida SH.Shop Inserimento di un nuovo articolo: Dalla schermata principale del programma, fare click sul menu file, quindi scegliere Articoli (File Articoli). In alternativa, premere la combinazione di

Dettagli

Scadenziario e Rubrica

Scadenziario e Rubrica Scadenziario e Rubrica Breve panoramica Lo Scadenziario è un software creato con lo scopo di avere sempre sotto controllo i propri impegni e le proprie attività da svolgere. Quante volte ci si dimentica

Dettagli

Capitolo 8. Assegnazione carichi: modellazione dei carichi agenti sulla struttura

Capitolo 8. Assegnazione carichi: modellazione dei carichi agenti sulla struttura Capitolo 8 Assegnazione carichi: modellazione dei carichi agenti sulla struttura Questo capitolo presenta una panoramica dei comandi e delle procedure per la modellazione dei carichi agenti sulla struttura,

Dettagli

Gestione delle Cartelle dei Messaggi di Posta Elettronica

Gestione delle Cartelle dei Messaggi di Posta Elettronica CADMO Infor ultimo aggiornamento: febbraio 2012 Gestione delle Cartelle dei Messaggi di Posta Elettronica Premessa...1 Le Cartelle dei Messaggi di Posta Elettronica utilizzate da Outlook Express...2 Cose

Dettagli

STR (Spettri e Tempi di Ritorno)

STR (Spettri e Tempi di Ritorno) Software STR (Spettri e Tempi di Ritorno) (Manuale d uso - Versione 1.0.1) www.edificiinmuratura.it info@edificiinmuratura.it COPYRIGHT Tutto il materiale contenuto nella confezione (CD contenente i file

Dettagli

Manuale Utente Albo Pretorio GA

Manuale Utente Albo Pretorio GA Manuale Utente Albo Pretorio GA IDENTIFICATIVO DOCUMENTO MU_ALBOPRETORIO-GA_1.4 Versione 1.4 Data edizione 04.04.2013 1 TABELLA DELLE VERSIONI Versione Data Paragrafo Descrizione delle modifiche apportate

Dettagli

Portale cartografico del Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli Guida utente

Portale cartografico del Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli Guida utente Portale cartografico del Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli Guida utente 1. Introduzione Il Portale cartografico del Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli (SGSS) rappresenta l evoluzione dell ambiente

Dettagli

LABORATORIO DI ANALISI DEI SISTEMI

LABORATORIO DI ANALISI DEI SISTEMI LABORATORIO DI ANALISI DEI SISTEMI Si utilizzerà, come strumento di lavoro, un foglio elettronico, il più diffuso Excel o anche quello gratuito di OpenOffice (www.openoffice.org). Tale scelta, pur non

Dettagli

5-1 FILE: CREAZIONE NUOVO DOCUMENTO

5-1 FILE: CREAZIONE NUOVO DOCUMENTO Capittol lo 5 File 5-1 FILE: CREAZIONE NUOVO DOCUMENTO In Word è possibile creare documenti completamente nuovi oppure risparmiare tempo utilizzando autocomposizioni o modelli, che consentono di creare

Dettagli

ISTRUZIONI PER L UTILIZZO DEL SOFTWARE Moda.ROA. Raccolta Ordini Agenti

ISTRUZIONI PER L UTILIZZO DEL SOFTWARE Moda.ROA. Raccolta Ordini Agenti ISTRUZIONI PER L UTILIZZO DEL SOFTWARE Raccolta Ordini Agenti AVVIO PROGRAMMA Per avviare il programma fare click su Start>Tutti i programmi>modasystem>nomeazienda. Se il collegamento ad internet è attivo

Dettagli

Corso introduttivo all utilizzo di TQ Controlla

Corso introduttivo all utilizzo di TQ Controlla Corso introduttivo all utilizzo di TQ Controlla Le pagine che seguono introducono l utente all uso delle principali funzionalità di TQ Controlla mediante un corso organizzato in otto lezioni. Ogni lezione

Dettagli

I.N.A.I.L. Certificati Medici via Internet. Manuale utente

I.N.A.I.L. Certificati Medici via Internet. Manuale utente I.N.A.I.L. Certificati Medici via Internet Manuale utente CERTIFICATI MEDICI... 1 VIA INTERNET... 1 MANUALE UTENTE... 1 COME ACCEDERE AI CERTIFICATI MEDICI ON-LINE... 3 SITO INAIL... 3 PUNTO CLIENTE...

Dettagli

ANALISI SOSPENSIONI Modalità Base

ANALISI SOSPENSIONI Modalità Base ANALISI SOSPENSIONI Modalità Base INTRODUZIONE Nella versione 2.30.04 di Race Studio 2 è stata introdotta una nuova funzionalità relativa allo strumento di Analisi delle sospensioni presente all interno

Dettagli

COREL DRAW 7.0 manuale introduttivo

COREL DRAW 7.0 manuale introduttivo COREL DRAW 7.0 manuale introduttivo 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 L AMBIENTE DI LAVORO... 3 La Toolbar degli strumenti... 6 2 INTRODUZIONE CorelDraw, da sempre è uno tra i programmi grafici più completi,

Dettagli

Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Agro-alimentari

Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Agro-alimentari RIFERIMENTI Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Agro-alimentari Esame di Laboratorio di informatica e statistica Parte 3 (versione 1.0) Il riferimento permette di identificare univocamente

Dettagli

MODULO 4: FOGLIO ELETTRONICO (EXCEL)

MODULO 4: FOGLIO ELETTRONICO (EXCEL) MODULO 4: FOGLIO ELETTRONICO (EXCEL) 1. Introduzione ai fogli elettronici I fogli elettronici sono delle applicazioni che permettono di sfruttare le potenzialità di calcolo dei Personal computer. Essi

Dettagli

Acronis License Server. Manuale utente

Acronis License Server. Manuale utente Acronis License Server Manuale utente INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 1.1 Panoramica... 3 1.2 Politica della licenza... 3 2. SISTEMI OPERATIVI SUPPORTATI... 4 3. INSTALLAZIONE DI ACRONIS LICENSE SERVER...

Dettagli

Assessorato alla Sanità ARPA. Anagrafe Regionale dei Prodotti Amministrabili. Manuale Utente 1.0.0

Assessorato alla Sanità ARPA. Anagrafe Regionale dei Prodotti Amministrabili. Manuale Utente 1.0.0 Assessorato alla Sanità ARPA Anagrafe Regionale dei Prodotti Amministrabili Manuale Utente 1.0.0 Sommario 1. Introduzione... 2 2. Profili utente... 2 3. Dispositivi medici... 2 3.1. ARPA-Ricerca Anagrafiche...

Dettagli

Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Text Analytics (licenza per sito)

Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Text Analytics (licenza per sito) Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Text Analytics (licenza per sito) Le seguenti istruzioni sono relative all installazione di IBM SPSS Modeler Text Analytics versione 15 mediante un licenza

Dettagli

PredictiOnDemand Manuale Utente 1. Benvenuti nel mondo della previsione delle parole! Benvenuti in PredictiOnDemand!

PredictiOnDemand Manuale Utente 1. Benvenuti nel mondo della previsione delle parole! Benvenuti in PredictiOnDemand! PredictiOnDemand Manuale Utente 1 PredictiOn Demand for Windows La predizione quando serve! 1. Panoramica Benvenuti nel mondo della previsione delle parole! Benvenuti in PredictiOnDemand! PredictiOnDemand

Dettagli

Progetto SOLE Sanità OnLinE

Progetto SOLE Sanità OnLinE Progetto SOLE Sanità OnLinE Rete integrata ospedale-territorio nelle Aziende Sanitarie della Regione Emilia-Romagna: I medici di famiglia e gli specialisti Online (DGR 1686/2002) console - Manuale utente

Dettagli

Database Modulo 3 DEFINIRE LE CHIAVI

Database Modulo 3 DEFINIRE LE CHIAVI Database Modulo 3 DEFINIRE LE CHIAVI Nell organizzazione di un archivio informatizzato è indispensabile poter definire univocamente le informazioni in esso inserite. Tale esigenza è abbastanza ovvia se

Dettagli

BARRA LATERALE AD APERTURA AUTOMATICA...

BARRA LATERALE AD APERTURA AUTOMATICA... INDICE 1) SOMMARIO... 1 2) PRIMO AVVIO... 1 3) BARRA LATERALE AD APERTURA AUTOMATICA... 2 4) DATI AZIENDALI... 3 5) CONFIGURAZIONE DEL PROGRAMMA... 4 6) ARCHIVIO CLIENTI E FORNITORI... 5 7) CREAZIONE PREVENTIVO...

Dettagli

Capitolo 1 GESTIONE DEL SOFTWARE APPLICATIVO:

Capitolo 1 GESTIONE DEL SOFTWARE APPLICATIVO: Capitolo 1 GESTIONE DEL SOFTWARE APPLICATIVO: IL WORD PROCESSOR SOMMARIO 1. Introduzione. - 2. Requisiti di base per le operazioni di Word Processing. - 3. La creazione di un documento di testo. - 4. La

Dettagli

Traccia delle lezioni svolte in laboratorio Excel 2003. Excel 2003 Excel 2010

Traccia delle lezioni svolte in laboratorio Excel 2003. Excel 2003 Excel 2010 Traccia delle lezioni svolte in laboratorio Excel 2003 Excel 2003 Excel 2010 INTRODUZIONE A EXCEL EXCEL è un programma di Microsoft Office che permette di analizzare grandi quantità di dati (database)

Dettagli

Guida all Utilizzo del Posto Operatore su PC

Guida all Utilizzo del Posto Operatore su PC Guida all Utilizzo del Posto Operatore su PC 1 Introduzione Indice Accesso all applicazione 3 Installazione di Vodafone Applicazione Centralino 3 Utilizzo dell Applicazione Centralino con accessi ad internet

Dettagli

DENUNCE EDILCONNECT GUIDA COMPILAZIONE

DENUNCE EDILCONNECT GUIDA COMPILAZIONE Cassa Edile Como e Lecco DENUNCE EDILCONNECT GUIDA COMPILAZIONE COMPILAZIONE MANUALE DENUNCIA Guida per i consulenti e le imprese che compilano la denuncia senza utilizzare il file di esportazione dei

Dettagli

CODICI IVA. Adeguamento aliquote d'imposta. Release 5.00 Manuale Operativo

CODICI IVA. Adeguamento aliquote d'imposta. Release 5.00 Manuale Operativo Release 5.00 Manuale Operativo CODICI IVA Adeguamento aliquote d'imposta Per rendere funzionale e veloce l adeguamento dei codici Iva utilizzati nel sistema gestionale, e rispondere così rapidamente alle

Dettagli

Capitolo 9. Figura 104. Tabella grafico. Si evidenzia l intera tabella A1-D4 e dal menù Inserisci si seleziona Grafico. Si apre la seguente finestra:

Capitolo 9. Figura 104. Tabella grafico. Si evidenzia l intera tabella A1-D4 e dal menù Inserisci si seleziona Grafico. Si apre la seguente finestra: Capitolo 9 I GRAFICI Si apra il Foglio3 e lo si rinomini Grafici. Si crei la tabella seguente: Figura 104. Tabella grafico Si evidenzia l intera tabella A1-D4 e dal menù Inserisci si seleziona Grafico.

Dettagli

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione Università degli Studi dell Aquila Corso ECDL programma START Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione Maria Maddalena Fornari Aprire il programma Per creare un nuovo documento oppure per

Dettagli

Presentation Draw. Guida dell utilizzatore

Presentation Draw. Guida dell utilizzatore Presentation Draw I Guida dell utilizzatore Conservare l intera documentazione dell utente a portata di mano per riferimenti futuri. Il termine puntatore in questo manuale si riferisce al puntatore interattivo

Dettagli

Guida all uso di RSL III

Guida all uso di RSL III Guida all uso di RSL III Dati generali Passo 1 - In «Home» si inseriscono i Dati generali; Passo 2- In «Dati generali» i dati d identificazione dello studio (descrizione, committente, ecc.); Passo 3 -

Dettagli

GUIDA DELL'UTENTE PER IL SOFTWARE P-TOUCH EDITOR. PJ-623/PJ-663 Stampante mobile. Versione 0 ITA

GUIDA DELL'UTENTE PER IL SOFTWARE P-TOUCH EDITOR. PJ-623/PJ-663 Stampante mobile. Versione 0 ITA GUIDA DELL'UTENTE PER IL SOFTWARE P-TOUCH EDITOR PJ-6/PJ-66 Stampante mobile Versione 0 ITA Introduzione Le stampanti mobili Brother, modelli PJ-6 e PJ-66 (con Bluetooth), sono compatibili con numerose

Dettagli

Esempio guida n. 1: Progettazione di un telaio tridimensionale in c.a. (modellazione in 3 minuti)

Esempio guida n. 1: Progettazione di un telaio tridimensionale in c.a. (modellazione in 3 minuti) Esempio guida n. 1: Progettazione di un telaio tridimensionale in c.a. (modellazione in 3 minuti) In questa semplice esercitazione di progettazione viene eseguito il calcolo completo di una struttura in

Dettagli

Il foglio elettronico: Excel

Il foglio elettronico: Excel Il foglio elettronico: Excel Laboratorio di Informatica Corso di Laurea triennale in Biologia Dott. Fabio Aiolli (aiolli@math.unipd.it) Dott.ssa Elisa Caniato (ecaniato@gmail.com) Anno accademico 2007-2008

Dettagli

Access. Microsoft Access. Aprire Access. Aprire Access. Aprire un database. Creare un nuovo database

Access. Microsoft Access. Aprire Access. Aprire Access. Aprire un database. Creare un nuovo database Microsoft Access Introduzione alle basi di dati Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale limitato Meccanismi di sicurezza, protezione di dati e gestione

Dettagli

ver 3.1.4 VERSIONE BASE VERSIONE AVANZATA MANUALE UTENTE (01/10/2006 12.25)

ver 3.1.4 VERSIONE BASE VERSIONE AVANZATA MANUALE UTENTE (01/10/2006 12.25) ver 3.1.4 VERSIONE BASE VERSIONE AVANZATA MANUALE UTENTE (01/10/2006 12.25) Sommario 1 DESCRIZIONE... 2 1.1 LIMITI VERSIONE DIMOSTRATIVA... 2 1.2 INSTALLAZIONE... 2 1.2.1 Installazione completa...2 1.2.2

Dettagli

Guida in linea. lo 1. TIC - Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione - Prof. Franco Tufoni - 1 -

Guida in linea. lo 1. TIC - Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione - Prof. Franco Tufoni - 1 - 1-1 - Introduzione Microsoft Excel 2000 è una applicazione software che può essere usata come: Foglio elettronico. Database. Generatore di grafici. Capittol lo 1 Introduzione e Guida in linea Si può paragonare

Dettagli

IMPORTAZIONE DI GRAFICI E TABELLE DA EXCEL A WORD

IMPORTAZIONE DI GRAFICI E TABELLE DA EXCEL A WORD WORD 2000 IMPORTAZIONE DI TABELLE E GRAFICI IMPORTAZIONE DI GRAFICI E TABELLE DA EXCEL A WORD Introduzione Il sistema operativo Windows supporta una particolare tecnologia, detta OLE (Object Linking and

Dettagli

3. Azioni sismiche. Le probabilità di superamento P VR nel periodo V R di riferimento dell azione sismica sono riportate alla successiva tabella:

3. Azioni sismiche. Le probabilità di superamento P VR nel periodo V R di riferimento dell azione sismica sono riportate alla successiva tabella: 3. Azioni sismiche Per la norma le azioni sismiche devono essere valutare partendo dalla pericolosità sismica di base del sito di costruzione. Si ricorda che la pericolosità sismica, intesa in senso probabilistico,

Dettagli

TERMINALE. Creazione e gestione di una postazione terminale di Eureka

TERMINALE. Creazione e gestione di una postazione terminale di Eureka TERMINALE Creazione e gestione di una postazione terminale di Eureka Febbraio 2011 2 Creazione e gestione di una postazione terminale di Eureka INDICE POSTAZIONE TERMINALE EUREKA REQUISITI INSTALLAZIONE

Dettagli

GUIDA UTENTE PRIMA NOTA SEMPLICE

GUIDA UTENTE PRIMA NOTA SEMPLICE GUIDA UTENTE PRIMA NOTA SEMPLICE (Vers. 2.0.0) Installazione... 2 Prima esecuzione... 5 Login... 6 Funzionalità... 7 Prima Nota... 8 Registrazione nuovo movimento... 10 Associazione di file all operazione...

Dettagli

E possibile modificare la lingua dei testi dell interfaccia utente, se in inglese o in italiano, dal menu [Tools

E possibile modificare la lingua dei testi dell interfaccia utente, se in inglese o in italiano, dal menu [Tools Una breve introduzione operativa a STGraph Luca Mari, versione 5.3.11 STGraph è un sistema software per creare, modificare ed eseguire modelli di sistemi dinamici descritti secondo l approccio agli stati

Dettagli

DOC. Manuale utente di configurazione quadri

DOC. Manuale utente di configurazione quadri DOC Manuale utente di configurazione quadri 1. CONFIGURATORE QUADRI 3 1.1. Indicazione generali sul configuratore quadri... 4 1.2. Disegno Fronte quadro con procedura automatica Wizard... 4 1.3. Comandi

Dettagli

Gestione Risorse Umane Web

Gestione Risorse Umane Web La gestione delle risorse umane Gestione Risorse Umane Web Generazione attestati di partecipazione ai corsi di formazione (Versione V03) Premessa... 2 Configurazione del sistema... 3 Estrattore dati...

Dettagli

'LVSHQVD :LQGRZV GL0&ULVWLQD&LSULDQL

'LVSHQVD :LQGRZV GL0&ULVWLQD&LSULDQL 'LVSHQVD 'L :LQGRZV GL0&ULVWLQD&LSULDQL ',63(16$',:,1'2:6,QWURGX]LRQH Windows 95/98 è un sistema operativo con interfaccia grafica GUI (Graphics User Interface), a 32 bit, multitasking preempitive. Sistema

Dettagli

Corso introduttivo all utilizzo di TQ Tara

Corso introduttivo all utilizzo di TQ Tara Corso introduttivo all utilizzo di TQ Tara Le pagine che seguono introducono l utente all uso delle principali funzionalità di TQ Tara mediante un corso organizzato in otto lezioni. Ogni lezione spiega

Dettagli

Photohands. Software di ritocco e stampa per Windows. Manuale di istruzioni. Versione 1.0 K862PSM8DX

Photohands. Software di ritocco e stampa per Windows. Manuale di istruzioni. Versione 1.0 K862PSM8DX I Photohands Versione 1.0 Software di ritocco e stampa per Windows Manuale di istruzioni K862PSM8DX Windows è un marchio di fabbrica di Microsoft Corporation. Altre aziende e nomi di prodotti sono marchi

Dettagli

Caratteristiche di TechnoTrain

Caratteristiche di TechnoTrain TECHNOTRAIN... è stato sviluppato in base alla richiesta di Professionisti del settore Body Building e del Fitness perché non esisteva in commercio un prodotto semplice, professionale e tecnologicamente

Dettagli

Cos è ACCESS? E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un ambiente user frendly da usare (ambiente grafico)

Cos è ACCESS? E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un ambiente user frendly da usare (ambiente grafico) Cos è ACCESS? E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un ambiente user frendly da usare (ambiente grafico) 1 Aprire Access Appare una finestra di dialogo Microsoft Access 2 Aprire un

Dettagli

Guida rapida - versione Web e Tablet

Guida rapida - versione Web e Tablet Guida rapida - versione Web e Tablet Cos è GeoGebra? Un pacchetto completo di software di matematica dinamica Dedicato all apprendimento e all insegnamento a qualsiasi livello scolastico Gestisce interattivamente

Dettagli