BILANCIO SOCIALE DEI GIOVANI IMPRENDITORI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BILANCIO SOCIALE DEI GIOVANI IMPRENDITORI"

Transcript

1 BILANCIO SOCIALE DEI GIOVANI IMPRENDITORI

2 CONVIDIVERE PER CRESCERE 2

3 Condividere l esperienza di bilancio sociale significa condividere qualcosa in più di un esperienza di comunicazione. Non si tratta, infatti, soltanto di utilizzare un nuovo strumento, ma di far leva su un sentimento. Quello che da sempre ci contraddistingue come Giovani Imprenditori. Quello di responsabilità. La storia del nostro Movimento è la storia di una coscienza critica. Che significa contaminazione: innovazione, cultura d impresa, salvaguardia dell ambiente, legalità, rischio e merito non esisterebbero oggi per il Movimento se non avessimo saputo comunicarli e portarli all attenzione, dentro e fuori Confindustria. Una coscienza che si è sviluppata dall incontro, talvolta scontro, con la società civile, che è stata destinataria e mittente di un percorso dialettico e propositivo, nei confronti delle riforme istituzionali, della crescita economica, della creazione di opportunità per le nuove generazioni. Ed è la società civile che motiva ancora una volta la nostra volontà di trasparenza. Ma è anche una storia di crescita associativa. Che significa condivisione: essere Giovani Imprenditori comporta sostituire nelle nostre relazioni il sentimento della competizione, tipico del fare impresa, con quello della cooperazione. Quando andiamo sui mercati esteri, quando ci confrontiamo con le istituzioni, quando entriamo nelle scuole lo facciamo come squadra, con spirito di collaborazione. Una crescita associativa che ha portato dentro al Movimento donne e uomini che si sentono gli imprenditori di oggi e non solo quelli di domani, giovani che hanno responsabilità di impresa, che sono sempre più padri delle proprie aziende e non figli di papà. Ed è, infine, la storia di ognuno di noi. Che significa consapevolezza: il bilancio sociale del Movimento non è che la naturale conseguenza del bilancio sociale che, come imprenditori, facciamo alla fine di ogni giorno, alla chiusura di ogni contratto, alla definizione di ogni investimento, alla assunzione di ogni collaboratore. EEEEE 3

4 Il bilancio sociale - personale e intimo, che scriviamo nella nostra testa e leggiamo negli occhi di chi ci osserva - è quello che fa dell imprenditore un attore sociale essenziale per lo sviluppo e il benessere della società. Ci assumiamo ogni giorno il rischio di impresa e sappiamo che la responsabilità delle nostri azioni non ricade solo su noi stessi ma su tutte le persone che in un modo o in un altro partecipano a quel rischio: che sia il socio unico della startup o l amministratore delegato di colossi con 5mila operai non conta, quel che conta è lo spirito con cui si affronta questa responsabilità. Uno spirito che fa di noi dei civil servant, a servizio dell impresa, del suo territorio e, quindi, del Paese. Un futuro costruito sulla responsabilità. Grazie alla contaminazione, alla condivisione e alla consapevolezza. Fiero di essere parte di questa storia, voglio dire grazie a ogni singolo giovane imprenditore che ha reso possibile tutto quello che leggerete nelle pagine di questo bilancio sociale. Marco Gay Presidente Giovani Imprenditori Confindustria Il bilancio sociale del Movimento è, insomma, quello che dà un senso a tutte queste storie. Personali e collettive. Che le racconta e, nel raccontarle, spinge ciascuno di noi ad arricchirle. Sottoporre al giudizio critico i nostri progetti di ieri, confrontandoli con i risultati di oggi, è infatti essenziale e necessario per immaginare un futuro migliore domani. 4

5 RSI E BILANCIO SOCIALE NOTA METODOLOGICA p. 7 GRUPPO DI LAVORO p IDENTITÀ 1.1 Ci presentiamo 1.2 La nostra mission: cambiare (tutto) per restare noi stessi 1.3 La nostra storia: figli di papà a chi? 1.4 Il nostro presente: essere Giovani Imprenditori oggi 1.5 Il nostro futuro: le linee strategiche della Presidenza Gay 1.6 Come siamo organizzati 1.7 I principali stakeholder p. 11 p. 12 p. 13 p. 14 p. 6 p. 6 p. 6 p ATTIVITÀ REALIZZATE NEL PERIODO E OBIETTIVI FUTURI 2.1 Cosa facciamo 2.2 Le attività istituzionali 2.3 I progetti e le idee #Giovani: sostenere e promuovere i giovani in Italia e all estero #Merito: sviluppare gli imprenditori di domani #Responsabilità: l impresa sociale, l etica, la sostenibilità imprenditoriale #Cambiamento: ripartire in Italia, vincere all estero, innovare il MadeinItaly #Futuro: le start up di oggi, le imprese del domani #Competenze: far emergere skill e leadership degli imprenditori di oggi 2. 4 La nostra voce: #comunichiamo 2. 5 Il territorio al centro: #noicisiamo 2.6 La Governance: #semplificare p. 6 p. 6 p. 6 p. 6 p. 6 p. 6 p. 6 p. 6 p. 6 p. 6 p. 6 p. 6 p CONCLUSIONI Postfazione, Laura Tinari e Stefania Zuccolotto p. 6 p. 6 5

6 NOTA METODOLOGICA NOTA METODOLOGICA 6

7 FINALITÀ DEL BILANCIO SOCIALE Per la prima volta nel 2015 il Movimento Nazionale ha deciso di intraprendere un percorso di trasparenza e coinvolgimento che ha portato alla redazione del Bilancio sociale. Obiettivo del progetto è che la redazione di questo documento non sia fine a se stessa, ma diventi una policy del Movimento, da estendere, nel tempo, a tutte le territoriali. Il Bilancio sociale è un documento consuntivo ma con un forte orientamento al futuro: permette di rendicontare le attività svolte e i risultati raggiunti in un dato lasso di tempo, per confrontarli con quelli precedenti e con gli obiettivi formulati, e, al contempo, per contribuire a definire le linee programmatiche. Il Bilancio sociale consente una gestione trasparente dell organizzazione, necessaria per legittimare e rafforzare il rapporto di fiducia con i propri interlocutori, configurandosi così anche come ottimo strumento di controllo, comunicazione e marketing associativo. Ha partecipato alla redazione del documento un gruppo di lavoro molto ampio costituito, oltre che dal vertice del Movimento, dai referenti dei vari Comitati. RIFERIMENTI METODOLOGICI Nella rendicontazione è stato fatto riferimento a: Linee guida per il reporting di sostenibilità Global Reporting Initiative - GRI, Linee guida per il reporting di sostenibilità, , version 3.1;GRI, G4 Sustainability Reporting Guidelines, 2013; Principi di redazione del bilancio sociale del Gruppo di studi per il bilancio sociale - GBS, Gruppo di studio per il bilancio sociale, Principi di redazione del bilancio sociale (2001), Giuffrè 2005, 2007, 2013 e documento di ricerca n. 10, La rendicontazione sociale per le aziende non profit, 2009; Standard della serie AA1000 AccountAbility - AccountAbility, AA1000 Series, 2008,

8 NOTA METODOLOGICA GRUPPO DI LAVORO 8

9 IL COMITATO GUIDA DEL BILANCIO SOCIALE E IL GRUPPO DI LAVORO Il processo di rendicontazione è stato presidiato da un Comitato Guida composto dal Presidente del Movimento Giovani Imprenditori e dalle Responsabili dei Comitati RSI e politiche di genere e Policy e convegni. Questo bilancio è stato redatto dalla Segreteria del Movimento insieme al Comitato Guida sulla RSI con il coinvolgimento di numerosi referenti sia per la raccolta dei dati sia per la descrizione delle attività. COMITATO GUIDA GRUPPO DI LAVORO Patrizia CAMILLETTI, Comitato RSI e politiche di genere Michela FANTINI, Direttore Segreteria Nazionale GI Maria MARANGONI, Comitato Policy e convegni Linda CECCONI, Segreteria Nazionale GI Andrea STELLA, Comitato RSI e politiche di genere Angela VALENTE, Segreteria Nazionale GI Laura TINARI, Responsabile Comitato RSI e politiche di genere Stefania ZUCCOLOTTO, Responsabile Comitato Policy e convegni 9

10 1. IDENTITÀ 10

11 A caratterizzare più di tutto il Movimento è l essere un associazione di persone, una peculiarità che permette ai Giovani Imprenditori di esaltare, nella propria azione, la consapevolezza del ruolo dell imprenditore. A differenziare le due anime di Confindustria è infatti la consapevolezza che da un lato ci sia un associazione di imprese con strutture a cui sono iscritte aziende che versano i contributi; mentre dall altro ci sia un associazione di imprenditori la cui presenza è legata alle singole persone che contano un voto a testa Innocenzo Cipolletta Le due anime di Confindustria Qualeimpresa n. 9-10/00 11

12 1.1 CI PRESENTIAMO Il Movimento è espressione di un imprenditoria giovanile consapevole del proprio ruolo, orientata e aperta al nuovo, impegnata a incoraggiare il diffondersi di iniziative che possano portare alla nascita di nuovi soggetti imprenditoriali e a uno sviluppo autentico. Essere un Movimento di persone e non un Associazione di aziende è quello che, come Giovani Imprenditori, ci distingue e ci rende unici all interno del Sistema Confindustria. Essere Movimento significa, infatti, valorizzare la consapevolezza del ruolo dell imprenditore, liberandolo dal condizionamento degli interessi aziendali particolari. Fanno parte di questo Movimento quasi 13mila associati, organizzati in 95 Gruppi territoriali e 20 Comitati Regionali. Giovani, perché di età compresa tra i 18 e i 40 anni. Imprenditori, perché per iscriversi è necessario avere responsabilità di gestione in aziende iscritte alle associazioni territoriali aderenti a Confindustria. Ma soprattutto Giovani Imprenditori, dato che non indica solo uno status anagrafico o sociale ma prima di tutto una condivisione di valori e obiettivi. GIOVANI IMPRENDITORI Movimento di persone PRESIDENTE Marco GAY SEDE Viale dell Astronomia 30 ROMA DIRETTORE Michela FANTINI ISCRITTI

13 Sesso Età Settore di riferimento SERVIZI RICERCA ENTI MANIFATTURIERO 30% 64% 12% 89% Nord Posizione geografica Centro Produttività SUD Dimensioni aziendali 30% 64% 12% 89% 20% 75% 60% imprenditori di prima generazione ricopre un incarico di vertice età compresa tra 30 e 35 anni 13

14 1.2 LA NOSTRA MISSION: CAMBIARE (TUTTO) PER RIMANERE NOI STESSI Combattere le rendite di posizione e lo status quo, migliorare le condizioni sociali e lavorative dei giovani, promuovere una economia innovativa, inclusiva, meritocratica. La mission dei Giovani Imprenditori si sintetizza in una parola: cambiamento L Italia, per tanti, troppi anni, è stata raccontata da una famosa frase: Se vogliamo che tutto rimanga come è, bisogna che tutto cambi (Il Gattopardo, Tommasi di Lampedusa). I Giovani Imprenditori la pensano esattamente all opposto: è essenziale cambiare quello che non funziona e, per riuscirci, è necessario rimanere se stessi. Ossia giovani, imprenditori, innamorati del proprio Paese. La spinta verso il cambiamento è una costante per i GI. Innovare presuppone sapere guardare oltre il presente e le sue difficoltà, avere capacità di analisi, sapersi posizionare in maniera strategica su temi di attualità e di medio-lungo termine. Innovare significa però anche tener fede ad alcuni principi: responsabilità, rischio e merito, attraverso i quali il Movimento esprime una forza capace di ascoltare e farsi ascoltare, sia all interno che all esterno del sistema associativo. Fra innovazione e attaccamento ai valori, si dispiega la mission dei Giovani Imprenditori: dalla conoscenza degli aspetti economici, sociali, politici ed aziendali per favorire la crescita, allo sviluppo dello spirito associativo come consapevolezza della funzione economica ed etico-sociale dell impresa, fino alla diffusione della cultura d impresa nella società civile. 14

15 1.3. LA NOSTRA STORIA: FIGLI DI PAPÀ A CHI? I Giovani Imprenditori sono la coscienza critica di Confindustria, il laboratorio dell innovazione nei confronti della società civile o dei figli di papà? A rileggere la storia dei Giovani Imprenditori si scopre che la loro capacità di porsi nel breve termine come forza contro - contro le rendite di posizione, il capitalismo di relazione e la corruzione - è stata sempre uno strumento strategico per posizionarsi sul lungo periodo come forza a favore - a favore della libertà, dell uguaglianza delle condizioni di partenza, della meritocrazia e dell eccellenza. Il Movimento dei Giovani Imprenditori nasce sulla spinta dei cambiamenti che investono la società italiana alla fine degli anni 60, contestualmente alla prima grande riforma dell organizzazione di Confindustria con lo Statuto Pirelli. Il primo Presidente, Lorenzo Vallarino Gancia, segna la propria autonomia da Confindustria, sulla quale i Giovani Imprenditori costruiscono la loro identità: i temi che vengono portati all attenzione sono quelli di una direzione confederale troppo verticistica e di troppo stretto legame con la politica, dell innovazione e dell apertura verso la società, della trasparenza. Nei decenni successivi i Giovani Imprenditori acquistano maggiore peso e visibilità, con la diffusione dei gruppi territoriali, regionali e provinciali, in tutta Italia. E con l istituzionalizzazione, negli anni, dei Convegni nazionali di Santa Margherita Ligure e di Capri che pongono questioni di rinnovamento in ambito economico e sociale: le riforme istituzionali, la questione morale, la modernizzazione, la cultura d impresa, la salvaguardia dell ambiente. Temi che si legano alle vicende storiche che segnano l Italia: tangentopoli, la globalizzazione, la crisi economica. Alcuni presidenti dei Giovani Imprenditori sono stati in seguito eletti al vertice di Confindustria: Luigi Abete, Antonio D Amato e Emma Marcegaglia. 15

16 1.4 IL NOSTRO PRESENTE: ESSERE GIOVANI IMPRENDITORI OGGI Le sfide devono essere affrontate con la capacità di una organizzazione reattiva e viva, che non si limita a subire le trasformazioni ambientali ma cerca di anticiparle. Negli ultimi anni la crisi e l emergere di nuovi modelli di business hanno ridefinito la cultura imprenditoriale e con essa i modelli associativi. Per rispondere a questi nuovi paradigmi, Confindustria ha avviato una complessa e stimolante fase di riforma, aprendo una riflessione sulla governance, sul perimetro associativo e sui servizi agli associati. I Giovani Imprenditori, dal canto loro, hanno interpretato lo spirito del tempo cercando di dare risposta alle nuove esigenze sorte non soltanto per le imprese ma per la stessa società: alle spinte recessive create dalla crisi finanziaria, alla forte disoccupazione giovanile, alla costante desertificazione industriale e all incidenza sempre maggiore di fenomeni come corruzione ed economia criminale. Il Movimento ha avanzato proposte coraggiose per sostenere le imprese in difficoltà, promuovere il Made in Italy nel mondo, attrarre i nuovi imprenditori e le startup, migliorare la competitività imprenditoriale del Paese e favorire una politica industriale lungimirante. 16

17 1.5 IL NOSTRO FUTURO: LE LINEE STRATEGICHE DELLA PRESIDENZA GAY Giovani, responsabilità, futuro, merito, competenza e cambiamento: queste le parole d ordine della Presidenza Marco Gay. Un sguardo al futuro: quello di imprenditori giovani che non si rassegnano a dare per scontato che i figli vivranno peggio dei padri. Una assunzione di responsabilità verso le proprie aziende e i propri collaboratori: quella della classe dirigente di oggi e di domani, che vuole liberare le energie positive che ancora esistono e favorire sviluppo e crescita. Una sfida: quella di coinvolgere le forze più vitali del Paese per costruire un nuovo modello competitivo di crescita. Durante il primo anno di Presidenza, particolare attenzione è stata data a 4 macrotemi: LAVORO, POLITICA INDUSTRIALE, INNOVAZIONE E LEGALITÀ. 17

18 LAVORO IL CONTRASTO ALLA DISOCCUPAZIONE GIOVANILE È UNA EMERGENZA SOCIALE ED ECONOMICA A CUI È NECESSARIO RISPONDERE CON MISURE INCISIVE. Lo scopo è quello di sviluppare e avviare stabilmente la formazione dei ragazzi facendo entrare nelle scuole i Giovani Imprenditori come orientatori, con lo scopo anche di trasmettere i valori dell autoimprenditorialità, l impegno e la responsabilità. Per rimettere l uomo al centro delle politiche del lavoro e per incentivare la convivenza generazionale, è indispensabile investire sul capitale umano. Il lavoro si crea a partire dalla scuola: dalla istituzionalizzazione della alternanza scuola-lavoro alla diffusione di cultura di impresa, tramite quella che è stata definita una invasione pacifica (box accanto esplicativo) delle scuole, nella quale gli imprenditori svolgono funzione di mentoring e tutoring verso gli studenti. Sul mercato del lavoro va ribaltato il rapporto fra politiche attive e passive, semplificate le fattispecie contrattuali, aperta una riflessione su principi e garanzie comuni a livello europeo. Il progetto vuole promuovere azioni di cultura imprenditoriale, sia sistematizzando le tantissime esperienze di formazione e orientamento fatte dai Gruppi Giovani territoriali e regionali presso le scuole - affiancando a questi alcuni strumenti di riconoscibilità nazionale e diffondendo le best practices - sia sperimentando forme nuove di diffusione e valorizzazione della cultura di impresa. L invasione dà inoltre attuazione al Protocollo d intesa MIUR Confindustria Adotta una scuola per Expo siglato il 28 novembre

19 POLITICA INDUSTRIALE RIPORTARE LA MANIFATTURA AL CENTRO DELLE POLITICHE PUBBLICHE E DELLE STRATEGIE PRIVATE, PER UN NUOVO RINASCIMENTO INDUSTRIALE Il «reshoring» è il fenomeno opposto all «offshoring». Per rimettere l uomo al centro delle politiche del lavoro e per incentivare la convivenza generazionale, è indispensabile investire sul capitale umano. Sempre più aziende che negli ultimi anni, soprattutto durante la crisi, avevano delocalizzato, ora scelgono di rimpatriare, spinte dall aumento dei costi del lavoro in Asia e Est Europa, dalla ripresa della domanda interna, dalla semplificazione logistica e, negli USA, invogliate anche da politiche fiscali e di semplificazione ad hoc. Il lavoro si crea a partire dalla scuola: dalla istituzionalizzazione della alternanza scuola-lavoro alla diffusione di cultura di impresa, tramite quella che è stata definita una invasione pacifica (box accanto esplicativo) delle scuole, nella quale gli imprenditori svolgono funzione di mentoring e tutoring verso gli studenti. Sul mercato del lavoro va ribaltato il rapporto fra politiche attive e passive, semplificate le fattispecie contrattuali, aperta una riflessione su principi e garanzie comuni a livello europeo. A contare molto anche il fattore branding e il valore del capitale umano. L Italia è il secondo Paese per incidenza del fenomeno: l università Uni-Club MoRe ha contato 79 casi di aziende rientrate in patria a cui si aggiungono altre 12 aziende che, pur non tornando in Italia, hanno ridotto la distanza tra la località di produzione e la Penisola (un fenomeno che è stato definito di «nearreshoring ) 19

20 INNOVAZIONE INVESTIRE IN RICERCA E SVILUPPO PER FAVORIRE LA NASCITA DI NUOVA IMPRENDITORIA E LA CRESCITA DELLE IMPRESE TRADIZIONALI. Lo sviluppo imprenditoriale italiano non può passare solo per l ICT: è necessario favorire la nascita di nuove imprese nei settori in cui il Paese è competitivo - agroalimentare, tessile, beni culturali, meccanica - e allo stesso tempo cercare di integrare le start up con le imprese tradizionali. Servono investimenti: i Giovani hanno proposto in Europa la guerra del 3%, ovvero un impegno dell Italia a investire il 3% del PIL in R&S, come previsto da Europa 2020, senza conteggiare le risorse nei vincoli di Maastricht. Serve semplificazione: delle norme per l avvio di attività, delle regole sulla gestione e crescita delle imprese, delle pratiche per l accesso al credito e all internazionalizzazione. 20

21 LEGALITÀ UN SISTEMA CHE FUNZIONA NON È SOLO ETICAMENTE MA ANCHE ECONOMICAMENTE VANTAGGIOSO. Fare le riforme è essenziale per stimolare coraggio imprenditoriale e capitale civico e far sentire gli imprenditori, finalmente, azionisti di un sistema che funziona. Per questo è essenziale sostenere il processo di riforma delle istituzioni e della legge elettorale. Per ritrovare credibilità è necessario, inoltre, rivedere il rapporto pubblico-privato: il contrasto alla corruzione è prioritario ed è perseguibile non soltanto individuando le responsabilità dei singoli ma anche prevedendo politiche di sistema che sradichino fenomeni di collusione e disincentivino tutti quei comportamenti che inquinano l economia. Gli imprenditori onesti hanno tutto l interesse che il sistema sia sano. 21

22 1.6. COME SIAMO ORGANIZZATI Ogni buona governance si dà obiettivi e, attraverso la propria organizzazione, dispiega la sua strategia. Il Movimento dei Giovani Imprenditori lavora verso un rafforzamento del rapporto tra centro e territorio capace di aumentare il senso di appartenenza e di promuovere la più ampia partecipazione dell universo associativo. 22

23 Comitati tecnici: le fabbriche dei progetti Consiglio Nazionale: il Parlamento del Movimento Assise generali: il momento di analisi e di riflessione Consiglio Centrale: il foro dei Giovani Imprenditori Consulta dei presidenti: il luogo di confronto fra territorio e centro Presidenza Nazionale: il Governo del Movimento SEGRETERIA NAZIONALE La Segreteria Nazionale dei Giovani Imprenditori coordina le attività dei Segretari dei Gruppi Giovani territoriali e regionali; supporta l attività della Presidenza e degli altri organi del Movimento; contribuisce all elaborazione delle linee strategiche del Movimento e alla loro attuazione in coordinamento con le aree tecniche di Confindustria. 23

24 Marco Gabriele GAY Presidente Nazionale Giovani Imprenditori di Confindustria Alcuni uomini vedono le cose così come sono e dicono: Perché? Io sogno le cose come non sono mai state e dico: Perché no? 24

25 Torinese, nato nel 1976, Marco Gabriele Gay, è sposato e ha tre figli. Le sue radici provengono da una famiglia industriale operante nel settore metalmeccanico che, all insegna dei valori e dell etica, ha formato la sua visione della vita. Una formazione arricchita successivamente dalle esperienze imprenditoriali avviate in proprio: da WebWorking che si occupa di Business Strategy e Web Marketing, a Ottovolante, specializzata in Digital Project; dall agenzia pubblicitaria GSW WorldWide Italy alla startup innovativa AD2014, operante nel settore Internet of Things, e la Torino1884 che promuove prodotti della tradizione locale. Presidente della Federazione Regionale, membro del Consiglio Centrale, delegato GI per la diffusione dei Servizi Digitali Evoluti, promotore del primo G8 Young Business Summit a Stresa nel 2009: una ricca esperienza associativa culminata il 6 maggio 2014 con l elezione a Presidente dei Giovani Imprenditori di Confindustria e Vice Presidente Confindustria. Accanto all impegno confindustriale quello sul territorio: la collaborazione con la Regione Piemonte, per l attuazione del Piano Giovani, e con il Politecnico di Torino, per il trasferimento tecnologico e l alta formazione; la docenza presso l Istituto Europeo di Design, la Presidenza del Rotary Club Torino Superga. Marco Gay inizia il suo percorso nel Sistema confederale nel 2004 entrando nel Gruppo Giovani dell Unione Industriale di Torino; 25

26 Vincenzo CAPUTO Education e Capitale Umano People first 26

27 Nato a Napoli nel 1975, laureato in Economia e Commercio, è stato Presidente del Gruppo Giovani Imprenditori dell Unione Industriali di Napoli nel triennio OBIETTIVI Ripartire dalle persone e dalla formazione, nella convinzione che l Education e le risorse umane rappresentino le leve strategiche per accrescere la competitività nazionale. La sua carriera imprenditoriale si è sviluppata nel settore immobiliare, turistico ricettivo e residence office, con la società Garn, che gestisce l Hotel di lusso Palazzo Caracciolo, con la società Generalfincap e la M.E.D. Consulting, operante nel settore dei servizi alle imprese. L avvicinamento del mondo universitarioscolastico e di quello del lavoro è un traguardo da raggiungere attraverso percorsi di formazione mirata all occupazione: è solo facendo perno su questa leva che potremo contrastare il fenomeno dei NEET, la costante fuga dei migliori cervelli, la crescente percentuale di disoccupazione tra i laureati. Accanto alla formazione dei più giovani, è urgente realizzare un vero e proprio welfare del lifelong learning: le competenze, infatti, vanno curate, incrementate, aggiornate. People first non è solo uno slogan, è un valore, un principio guida per valorizzare un capitale sociale variegato, ricco, indispensabile, insostituibile. 27

28 Francesco FERRI Organizzazione, Sviluppo Movimento e Relazioni Interne Non solo io, ma gli altri. Non solo qui, ma altrove. Non solo oggi, ma domani 28

29 Nato a Parma nel 1975, laureato in Economia Politica all Università Bocconi di Milano. Dopo l esperienza in Dale Carnegie e in Procter&Gamble, fonda Innext, società di consulenza strategica e change management, e Innext Solutions. Dal 2011 al 2013 è vicepresidente di Europa Investimenti Aziende, società che rilancia aziende in Special Situation. Il suo impegno associativo comincia nel 2004 con il gruppo GI di Confindustria Monza e Brianza, di cui nel 2012 diventa Presidente; nel 2011 è consigliere incaricato con delega Leadership & Management nella Squadra di Presidenza d Jacopo Morelli. OBIETTIVI Nell esercizio della sua delega gli obiettivi fondamentali da perseguire riguardano il rafforzamento del ruolo fondamentale dei GI nel nostro sistema economico: crescere nella rappresentanza, promuovere la nascita di nuove imprese, dare ai giovani del nostro Paese - e non solo ai Giovani Imprenditori - la possibilità di realizzarsi in Italia, superando la disuguaglianza tra i pochi che ce la fanno e i tanti che rimangono ai margini. Il ruolo istituzionale del Movimento deve procedere di pari passo con il pragmatismo dei progetti concreti, per aiutare i GI a migliorare il business nelle proprie imprese e tra le imprese associate, promuovendo quelle sinergie ormai indispensabili per competere. Le parole chiave: Rappresentare i GI, Rappresentare i giovani, Formazione e knowledge sharing, Organizzazione del Movimento. 29

30 Gian Giacomo GELLINI Innovazione e Internazionalizzazione Tutto è possibile per chi ci crede e per chi è disposto a sacrificarsi per ottenerlo 30

31 Aretino, 39 anni, laureato in Ingegneria presso il Politecnico di Milano e con un MBA con focus su PMI presso la SDA Bocconi. Dopo un periodo di lavoro nel settore fashion in cui si è occupato di controllo finanziario, entra nell azienda di famiglia, la Gellini Costruzioni, che si occupa di costruzioni stradali ed ingegneria civile e oggi è AD della C.A.B., impegnato nello sviluppo dell attività in Ghana. Il suo percorso associativo vede l elezione, nel 2008, a Presidente del Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Arezzo e nel 2011 a Presidente del Gruppo GI di Confindustria Toscana. OBIETTIVI I suoi obiettivi per il mandato sono di dare valore e concretezza all innovazione e all internazionalizzazione attraverso collaborazioni fattive con enti, società e istituti come Sace, varie ambasciate straniere e l Università Sant Anna di Pisa. Ma anche tramite la promozione di un costante confronto interno tra imprenditori e Istituzioni per trasferire un valore aggiunto ai nostri Associati. 31

32 Giuseppe DI MARTINO Energia e ambiente La vita, amico, e l arte dell incontro 32

33 Una laurea in Ingegneria e un Dottorato di ricerca in materia di energia e ambiente: il tema della sostenibilità ambientale e delle energie rinnovabili è ricorrente nella sua carriera, iniziata nel campo della ricerca accademica, per poi proseguire in ambito associativo, con il Gruppo Giovani Imprenditori di Palermo, e imprenditoriale, dando vita a diverse start up innovative. Da Erre Group, che opera nel campo della produzione di energia da fonti rinnovabili, a RE-WASTE, start up che si occupa del trattamento e della valorizzazione dei rifiuti speciali e degli scarti delle produzioni industriali. OBIETTIVI L energia e l ambiente non sono solo un costo ma hanno un valore altamente strategico, sia per le aziende sia come comparto per le politiche di sviluppo del Paese. Accrescere questa consapevolezza all interno delle aziende e della cittadinanza, anche tramite campagne informative mirate, è importante per essere pronti e attivi nel cogliere le innovazioni tecnologiche e le nuove opportunità di business. Accanto a ciò il tema delle fonti rinnovabili, un settore che dà lavoro a molti giovani, che rappresenta una valida opportunità per gli start upper e che spinge a privilegiare nuovi modelli di business data la continua evoluzione normativa e del sistema di incentivi. 33

34 Emiliano NOVELLI Expo 2015 e new media L Italia crescerà quando i giovani verranno considerati come valore per il presente e non solo come futuro del Paese! 34

35 Laurea in Economia e CTU del Tribunale Civile di Milano occupandosi di Borsa, Finanza e Usura. Presidente di Idea Link, Yui Group e Universitybox, società leader in Italia nella comunicazione verso il target universitario. Nel 2012 è co-fondotare di iysma il primo network a livello mondiale di agenzie di comunicazione a target Young. Presidente del Gruppo Giovani Imprenditori di Assolombarda e Consigliere delegato per EXPO del GGI Confindustria e membro del Gruppo Tecnico Confindustria EXPO Co-fondatore di social2business, l evento di business matching dei GI dentro Far volare Milano. OBIETTIVI EXPO per i Giovani Imprenditori è un punto di partenza e non di arrivo. Obiettivo è organizzazione di uno o più eventi di business matching sviluppando relazioni con EXPO, le delegazioni dei Paesi partecipanti e le realtà che stanno supportando l Esposizione Universale per il business to business. Relativamente ai new media la strategia è quella di sfruttare al meglio le potenzialità delle nuove tecnologie e dei canali social (top-down e bottom-up) per massimizzare la comunicazione interna ed esterna del movimento. 35

36 Mario CAMUCCIO Made in Tutti sanno che una cosa è impossibile da realizzare, finché arriva uno sprovveduto che non lo sa e la inventa 36

37 38 anni, vive e lavora a Pordenone, ha studiato alla Cà Foscari di Venezia e alla Jonkoping International Business School in Svezia, un MBA al MIB di Trieste. È imprenditore di prima e seconda generazione: dall azienda di famiglia, la Premek Hi Tech, specializzata in lavorazioni meccaniche di precisione, alla HITT Srl, settore medicale, e BEST Srl, servizi per l internazionalizzazione. La sua esperienza associativa risale al 2003, con il Gruppo GI di Unindustria Pordenone dove dal 2011 è Presidente. Oggi siede nel Consiglio della Camera di Commercio di Pordenone e nel CdA dell università cittadina. OBIETTIVI Valorizzare il Made In attraverso due approcci distinti: Made in Italy per l Italia, un percorso di conoscenza e approfondimento attraverso visite, incontri e confronti con gli attori e le eccellenze dell industria italiana; e Made in Italy per i nostri interlocutori internazionali, un insieme di attività ed iniziative per valorizzare il brand italiano nel nostro Paese ma soprattutto all estero. Lo scopo è dare voce ai settori emblema del Made in Italy e a quelle eccellenze che hanno avuto successo in Italia e nel mondo affinché attraverso un continuo confronto di esperienze possano fungere da esempio e stimolo ai nostri associati. 37

DAL 1966 AL 2011. Giovani Imprenditori: i 15 al vertice

DAL 1966 AL 2011. Giovani Imprenditori: i 15 al vertice IOVANI MPRENDITORI L CUORE ENSANTE DI ONFINDUSTRIA DAL 1966 AL 2011 Vallarino Gancia (1966-1970), inizia una rivoluzione culturale Renato Altissimo (1970-1974), verso la maturità Piero Pozzoli (1974-1977),

Dettagli

Piano Strategico 2010-2013. Bocconi Alumni Association

Piano Strategico 2010-2013. Bocconi Alumni Association Piano Strategico 2010-2013 Bocconi Alumni Association Mission Statement La nostra missione è essere una forza positiva della società, capace di mobilitare le energie migliori delle persone cresciute professionalmente

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA COMUNICATO STAMPA Siglato il quinto accordo tra il Gruppo bancario e Piccola Industria Confindustria DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE

Dettagli

COMUNICATO STAMPA 19 Giugno 2013

COMUNICATO STAMPA 19 Giugno 2013 COMUNICATO STAMPA 19 Giugno 2013 I Giovani Imprenditori dei paesi G20, riunitisi a Mosca, hanno individuato 20 azioni per promuovere la ripresa economica in 4 aree prioritarie: potenziamento infrastruttura

Dettagli

Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo

Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo RISOLUZIONE IN COMMISSIONE 7/00574 AUDIZIONE 6 maggio 2015 CONTRATTI DI RETE COME STRUMENTO DI POLITICA ECONOMICA Le organizzazioni

Dettagli

Confi ndustria Modena. Gruppo Giovani Imprenditori

Confi ndustria Modena. Gruppo Giovani Imprenditori Confi ndustria Modena Gruppo Giovani Imprenditori Il Gruppo Giovani Imprenditori Modena CHI SIAMO Il Gruppo Giovani Imprenditori di Modena è elemento integrante della vita associativa di Confi ndustria

Dettagli

Marchi, brevetti e proprietà intellettuale

Marchi, brevetti e proprietà intellettuale LA PICCOLA SI FA GRANDE 4 percorsi per la crescita formativa delle PMI RELAZIONE BANCA/IMPRESA Lean thinking Marchi, brevetti e proprietà intellettuale internazionalizzazione Con il patrocinio di Piccolindustria

Dettagli

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio OLTRE LA CRISI MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio Nel nostro mondo sempre più globalizzato viviamo in una condizione di interdipendenza

Dettagli

CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI. di Confindustria

CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI. di Confindustria CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI di Confindustria 19 giugno 2014 1 Il presente Codice, approvato dalla Assemblea straordinaria di Confindustria del 19 giugno 2014, è parte integrante dello Statuto

Dettagli

1. Corso istituzionale di Formazione politica 2012

1. Corso istituzionale di Formazione politica 2012 1. Corso istituzionale di Formazione politica 2012 Descrizione del progetto L Istituto di Formazione Politica Pedro Arrupe Centro Studi Sociali è per tradizione e per vocazione impegnato nella promozione

Dettagli

Per una nuova Bicocca della condivisione, della responsabilità e della valorizzazione

Per una nuova Bicocca della condivisione, della responsabilità e della valorizzazione Per una nuova Bicocca della condivisione, della responsabilità e della valorizzazione Proposte di Cristina Messa La nostra università, nata 15 anni fa, ha bisogno di proseguire nel percorso di crescita,

Dettagli

Idee per la prosecuzione del Progetto CSR Veneto

Idee per la prosecuzione del Progetto CSR Veneto Idee per la prosecuzione del Progetto CSR Veneto Valentina Montesarchio Vice Segretario Generale Unioncamere del Veneto Unioncamere del Veneto e Regione del Veneto stanno definendo le attività per la prosecuzione

Dettagli

DARE VALORE ALLE IMPRESE

DARE VALORE ALLE IMPRESE DARE VALORE ALLE IMPRESE Estero, crescita, nuova imprenditoria Accordo Intesa Sanpaolo - Confindustria Piccola Industria indice 2 UN IMPEGNO COMUNE PER LA CRESCITA 3 I PUNTI CHIAVE DEL NUOVO ACCORDO 4

Dettagli

C S R N E W S N o t i z i a r i o s u l l a r e s p o n s a b i l i t à s o c i a l e d i m p r e s a

C S R N E W S N o t i z i a r i o s u l l a r e s p o n s a b i l i t à s o c i a l e d i m p r e s a C S R N E W S N o t i z i a r i o s u l l a r e s p o n s a b i l i t à s o c i a l e d i m p r e s a N. V/5 maggio i 2010 I N D I C E F O C U S Punto di Contatto Nazionale OCSE, Disponibili sul sito due

Dettagli

I 50 PROGETTI PER RILANCIARE LE IMPRESE E IL TERRITORIO

I 50 PROGETTI PER RILANCIARE LE IMPRESE E IL TERRITORIO I 50 PROGETTI PER RILANCIARE LE IMPRESE E IL TERRITORIO 1. IMPRESE AL CENTRO PROGETTO SVILUPPO DEL MANIFATTURIERO - Alessandro Spada, Consigliere Incaricato Sviluppo manifatturiero e Internazionalizzazione

Dettagli

IL PROGETTO "RETE DI RETI" Introduzione OSSERVATORIO IT GOVERNANCE. A cura di Stefano Bonsignori, Manager di HSPI

IL PROGETTO RETE DI RETI Introduzione OSSERVATORIO IT GOVERNANCE. A cura di Stefano Bonsignori, Manager di HSPI OSSERVATORIO IT GOVERNANCE IL PROGETTO "RETE DI RETI" A cura di Stefano Bonsignori, Manager di HSPI Introduzione Negli ultimi 15 anni le Associazioni nell Area IT sono proliferate in modo sensibile, determinando

Dettagli

Le nuove sfide e prospettive della formazione in ambito economico

Le nuove sfide e prospettive della formazione in ambito economico Le nuove sfide e prospettive della formazione in ambito economico Tavola rotonda del convegno del giorno 11 ottobre 2013 presso l Università di Bergamo via dei Caniana - ore 14,30 17 Domande traccia per

Dettagli

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 746 MILA UNITÀ, 13 MILA IN PIÙ RISPETTO ALLA SCORSA SETTIMANA

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 746 MILA UNITÀ, 13 MILA IN PIÙ RISPETTO ALLA SCORSA SETTIMANA Roma, 11 Settembre 2015 I giovani presi in carico sono 441.589. A quasi 159 mila è stata proposta almeno una misura. Il Ministro Poletti ha dato il via al progetto Crescere in Digitale durante la conferenza

Dettagli

Il Programma nazionale per la Ricerca 2005-2007. Una premessa e una sintesi.

Il Programma nazionale per la Ricerca 2005-2007. Una premessa e una sintesi. Il Programma nazionale per la Ricerca 2005-2007. Una premessa e una sintesi. Sono lieta di presentare, a seguito di una consistente, attenta opera di consultazione, documentazione ed analisi il Programma

Dettagli

Dal Brain Drain al Brain Circulation

Dal Brain Drain al Brain Circulation Dal Brain Drain al Brain Circulation Il caso Italiano nel contesto globale Simona Milio London School of Economics and Political Science Introduzione Il problema e La sfida Le cause Le politiche adottate

Dettagli

I soggetti del marketing territoriale

I soggetti del marketing territoriale I soggetti del marketing territoriale Anyway Soggetti Pubblici => legami col governo Privati => fine di lucro Misti Conflitti => Agenzie di marketing territoriale Livelli di ampiezza della responsabilità

Dettagli

5/6 PATRIMONIO ITALIA: DA L AQUILA A MATERA. QualeImpresa LA rivista nazionale dei giovani imprenditori. maggio/giugno 2015. Storia di copertina

5/6 PATRIMONIO ITALIA: DA L AQUILA A MATERA. QualeImpresa LA rivista nazionale dei giovani imprenditori. maggio/giugno 2015. Storia di copertina Una copia 4,10 Anno XLII - n 5/6 maggio/giugno 2015 - Contiene I.P. QualeImpresa LA rivista nazionale dei giovani imprenditori PATRIMONIO ITALIA: DA L AQUILA A MATERA Storia di copertina L Aquila Una vita

Dettagli

vorrei anzitutto ringraziare la Camera di Commercio di Novara e l Università Amedeo Avogadro per avermi

vorrei anzitutto ringraziare la Camera di Commercio di Novara e l Università Amedeo Avogadro per avermi La responsabilità sociale delle imprese nel contesto del processo di internazionalizzazione e globalizzazione dei mercati Novara, 28 novembre 2005 Intervento Cari amici, vorrei anzitutto ringraziare la

Dettagli

ELITE. Thinking long term

ELITE. Thinking long term ELITE Thinking long term ELITE Thinking long term ELITE valorizza il presente e prepara al futuro. Per aiutare le imprese a realizzare i loro progetti abbiamo creato ELITE, una piattaforma unica di servizi

Dettagli

PEOPLE STRATEGY 2014-2016 FARE LA DIFFERENZA

PEOPLE STRATEGY 2014-2016 FARE LA DIFFERENZA PEOPLE STRATEGY 2014-2016 FARE LA DIFFERENZA PEOPLE STRATEGY FARE LA DIFFERENZA 3 4 Marco Polo sta parlando della sua Venezia con il Kan Imperatore della Cina Marco Polo descrive un ponte, pietra per pietra.

Dettagli

Documento di sintesi del programma I-Start 2013... Premessa... Analisi delle attività a totale carico pubblico...

Documento di sintesi del programma I-Start 2013... Premessa... Analisi delle attività a totale carico pubblico... Umbria Innovazione Scarl Documento di sintesi del programma I-Start 2013 Risultati dei progetti a totale carico pubblico e a costi condivisi Sommario Documento di sintesi del programma I-Start 2013...

Dettagli

La rete nazionale di Confindustria tra Giovani, Scuola e Imprenditori

La rete nazionale di Confindustria tra Giovani, Scuola e Imprenditori La rete nazionale di Confindustria tra Giovani, Scuola e Imprenditori CHI SIAMO LATUAIDEADIMPRESA è una community costituita da migliaia di studenti italiani, professori, imprenditori. E un progetto finalizzato

Dettagli

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Premessa La Carta di qualità di cui si parla in questa scheda è stata elaborata da ONG e associazioni di 5 regioni italiane nel corso del

Dettagli

Management Consulting Boutiques e mercati globali

Management Consulting Boutiques e mercati globali Management Consulting Boutiques e mercati globali Antonella Negri Clementi * 1. Un modello distintivo Affiancare l azienda nel momento in cui si trova ad affrontare cambiamenti sostanziali di una o più

Dettagli

Giovani Costruttori. Proficuo viaggio di lavoro in Austria dell Ance insieme alla Camera di Commercio per promuovere. rapporti di scambio commerciale

Giovani Costruttori. Proficuo viaggio di lavoro in Austria dell Ance insieme alla Camera di Commercio per promuovere. rapporti di scambio commerciale Proficuo viaggio di lavoro in Austria dell Ance insieme alla Camera di Commercio per promuovere rapporti di scambio Giovani Costruttori a Vienna commerciale Dopo la proficua esperienza dello scorso anno

Dettagli

Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico

Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370 Buongiorno a tutti. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico Rettore che questa mattina ci ha onorato

Dettagli

Bottega del Terzo Settore

Bottega del Terzo Settore Bottega del Terzo Settore 1 Finalità del progetto La Bottega del Terzo Settore (in sintesi BTS) deve essere un luogo ed un progetto di contaminazione tra Terzo Settore e Comunità, e prima ancora tra Terzo

Dettagli

C S R N E W S N o t i z i a r i o s u l l a r e s p o n s a b i l i t à s o c i a l e d i m p r e s a

C S R N E W S N o t i z i a r i o s u l l a r e s p o n s a b i l i t à s o c i a l e d i m p r e s a C S R N E W S N o t i z i a r i o s u l l a r e s p o n s a b i l i t à s o c i a l e d i m p r e s a N.. VIIIIII/03 Marrzzo 2013 I N D I C E FOCUS 1. Università di Padova, Master in gestione ambientale

Dettagli

XXII Convention Mondiale delle Camere di Commercio Italiane all Estero. Expo 2015, un opportunità e una sfida per le imprese e il Territorio

XXII Convention Mondiale delle Camere di Commercio Italiane all Estero. Expo 2015, un opportunità e una sfida per le imprese e il Territorio XXII Convention Mondiale delle Camere di Commercio Italiane all Estero Expo 2015, un opportunità e una sfida per le imprese e il Territorio Monza, 9 13 novembre 2013 ABSTRACT PREMESSA La crescita del nostro

Dettagli

7. IL FONDO SOCIALE EUROPEO

7. IL FONDO SOCIALE EUROPEO Da ALLULLI G., Dalla Strategia di Lisbona a Europa 2020, Tipografia Pio XI, aprile 2015. 7. IL FONDO SOCIALE EUROPEO 1. Uno strumento per favorire un armonioso sviluppo economico e sociale degli Stati

Dettagli

Agenda. Gli accordi Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria. Consulenza globale. Ambiti d intervento. Conferma e arricchimento soluzioni

Agenda. Gli accordi Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria. Consulenza globale. Ambiti d intervento. Conferma e arricchimento soluzioni Agenda Gli accordi Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria Consulenza globale Ambiti d intervento Conferma e arricchimento soluzioni 1 Intesa Sanpaolo - Confindustria Piccola Industria Un impegno

Dettagli

Servizi per la formazione Servizi per la formazione

Servizi per la formazione Servizi per la formazione Il nostro network di professionisti con competenze differenti e integrate può fornire una docenza specializzata in diversi ambiti relativi al marketing e allo sviluppo del territorio. I nostri servizi

Dettagli

maggio-settembre 2010

maggio-settembre 2010 LA CULTURA DEL PROGETTO: ARTI, TERRITORIO, PERSONE. Innovare la programmazione culturale: PERCORSO DI FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE maggio-settembre 2010 C4-Centro Cultura Contemporaneo Caldogno,

Dettagli

Un gruppo di specialisti al servizio delle imprese, per fornire agli imprenditori e alle loro aziende una consulenza integrata e di qualità,

Un gruppo di specialisti al servizio delle imprese, per fornire agli imprenditori e alle loro aziende una consulenza integrata e di qualità, Un gruppo di specialisti al servizio delle imprese, per fornire agli imprenditori e alle loro aziende una consulenza integrata e di qualità, condividendo il rischio d impresa. Caro Imprenditore, Ho trascorso

Dettagli

Il ruolo di Invitalia come Agenzia nazionale per l attrazione di IDE

Il ruolo di Invitalia come Agenzia nazionale per l attrazione di IDE Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Il ruolo di Invitalia come Agenzia nazionale per l attrazione di IDE Giuseppe Arcucci Torino, 24 Febbraio 2011 Il quadro

Dettagli

Il marketplace per le Piccole e Medie Imprese italiane ad alto potenziale di crescita

Il marketplace per le Piccole e Medie Imprese italiane ad alto potenziale di crescita Il marketplace per le Piccole e Medie Imprese italiane ad alto potenziale di crescita Primi è il marketplace per le Piccole Medie e Imprese italiane ad alto potenziale di crescita Cos è Primi? Primi è

Dettagli

innovazione PER del business IL business 15 e 16/06/2012 6 e 7/07/2012 20 e 21/07/2012 Polo Tecnologico di Pordenone Andrea Galvani Via Roveredo, 20/b

innovazione PER del business IL business 15 e 16/06/2012 6 e 7/07/2012 20 e 21/07/2012 Polo Tecnologico di Pordenone Andrea Galvani Via Roveredo, 20/b PER Polo Tecnologico di Andrea Galvani Via Roveredo, 0/b Innovazione, Innovazione per il business è un ciclo di incontri di formazione breve indirizzati ai decisori aziendali per stimolare le capacità

Dettagli

2009/10 - V EDIZIONE MRE MASTER IN REAL ESTATE

2009/10 - V EDIZIONE MRE MASTER IN REAL ESTATE 2009/10 - V EDIZIONE MRE MASTER IN REAL ESTATE SDA Bocconi School of Management SDA Bocconi School of Management è nata nel 1971 dall Università Bocconi per essere una scuola di cultura manageriale d eccellenza

Dettagli

Governance Gestione locale per la sostenibilità

Governance Gestione locale per la sostenibilità Capitolo 1/2 Governance Gestione locale per la sostenibilità Aalborg Commitment 1 Ci impegniamo a rafforzare i nostri processi decisionali tramite una migliore democrazia partecipatoria. Lavoreremo quindi

Dettagli

Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area

Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area Il Marketing territoriale Il territorio, sia esso una città, un area urbana, un area turistica

Dettagli

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo Essere leader nella Green Economy Percorso formativo L urgenza di innovare il modello produttivo e di mercato che ha causato la crisi economica e ambientale che stiamo vivendo, sta aprendo spazi sempre

Dettagli

torino bologna venezia www.fabbricafuturo.it 19 marzo 2015 10 giugno 2015 8 ottobre 2015 Presentano gli eventi 2015 di

torino bologna venezia www.fabbricafuturo.it 19 marzo 2015 10 giugno 2015 8 ottobre 2015 Presentano gli eventi 2015 di Presentano gli eventi 2015 di Idee e strumenti per l impresa manifatturiera del domani bologna 19 marzo 2015 torino 10 giugno 2015 Novità venezia 8 ottobre 2015 www.fabbricafuturo.it Il Progetto e i contenuti

Dettagli

La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013

La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013 Relazione dei Presidente CIDA, Silvestre Bertolini La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013 Prima di iniziare, vorrei ringraziare le autorità presenti in sala, che è sempre

Dettagli

IL RILANCIO DELLA MEETING INDUSTRY ITALIANA TRA IL PROGETTO DEL CONVENTION BUREAU NAZIONALE PRIVATO E LA RIFORMA DEL TITOLO V DELLA COSTITUZIONE

IL RILANCIO DELLA MEETING INDUSTRY ITALIANA TRA IL PROGETTO DEL CONVENTION BUREAU NAZIONALE PRIVATO E LA RIFORMA DEL TITOLO V DELLA COSTITUZIONE Federcongressi&eventi è l associazione delle imprese e dei professionisti che lavorano nell industria italiana dei convegni, congressi ed eventi: un industria che dà lavoro a 287.741 persone, di cui 190.125

Dettagli

PROPOSTE DELLE PARTI SOCIALI SU CRESCITA E OCCUPAZIONE RICERCA E INNOVAZIONE

PROPOSTE DELLE PARTI SOCIALI SU CRESCITA E OCCUPAZIONE RICERCA E INNOVAZIONE PROPOSTE DELLE PARTI SOCIALI SU CRESCITA E OCCUPAZIONE RICERCA E INNOVAZIONE Ricerca e Innovazione: leve prioritarie per la crescita La nuova politica di Europa 2020 richiama il ruolo delle imprese e la

Dettagli

ESSERE IL FUTURO DELLE PMI ITALIANE

ESSERE IL FUTURO DELLE PMI ITALIANE Milano, 18/11/2014 ESSERE IL FUTURO DELLE PMI ITALIANE nasce da un gruppo di manager e imprenditori convinti che la crescita dell impresa crea profitto e valore e quindi benessere sociale. Uno spirito

Dettagli

Turnaround e Crisi Aziendali

Turnaround e Crisi Aziendali Turnaround e Crisi Aziendali Agenda > Chi è EOD > Modalità di intervento > Valori Condivisi > Team > Contatti 2 Chi è Executive On Demand Temporary Manager specializzati nella gestione di Crisi Aziendali

Dettagli

EXECUTIVE EDUCATION 2015 2016

EXECUTIVE EDUCATION 2015 2016 Business School since 1967 EXECUTIVE EDUCATION 2015 2016 LIVING OPERATIONS BUSINESS IN ACTION TECNOLOGIE E MANAGEMENT DELL INNOVAZIONE MARKETING & COMMERCIAL MANAGEMENT 2 PERCHÉ ISTAO STORIA E FUTURO Fondata

Dettagli

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione - 26 maggio 2015 - Continua a crescere il numero di start-up innovative nel nostro Paese: a fine aprile avevano

Dettagli

PROPOSTE per un PROGRAMMA di LAVORO del CODAU

PROPOSTE per un PROGRAMMA di LAVORO del CODAU PROPOSTE per un PROGRAMMA di LAVORO del CODAU Premessa Nel rispetto delle linee tracciate dal nuovo Statuto approvato dall Assemblea del 18-19-20 marzo 2004, si ritiene opportuno fare una premessa metodologica,

Dettagli

PARTNERSHIP CON UNIVERSITA & BUSINESS SCHOOL

PARTNERSHIP CON UNIVERSITA & BUSINESS SCHOOL PARTNERSHIP CON UNIVERSITA & BUSINESS SCHOOL Project Management Competenze, Organizzazione e Best Practice 1 OBIETTIVI DEL DOCUMENTO Il documento si pone l obiettivo di fornire un quadro relativo alle

Dettagli

NEWSLETTER PON AGOSTO 2015. In questo numero... La programmazione 2007-2013. La programmazione 2014-2020. L avviso LAN/WLAN

NEWSLETTER PON AGOSTO 2015. In questo numero... La programmazione 2007-2013. La programmazione 2014-2020. L avviso LAN/WLAN AGOSTO 2015 NEWSLETTER PON In questo numero... La programmazione 2007-2013 La programmazione 2014-2020 L avviso LAN/WLAN LA PROGRAMMAZIONE 2007-2013 Nel 2007 la Commissione Europea ha approvato per l Italia

Dettagli

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO Milano 15 Novembre 2010 Le principali p tappe del progetto Il Progetto del Fondo Italiano di Investimento (FII) è nato nel mese di dicembre 2009, su iniziativa del Ministero

Dettagli

Executive summary della normativa sulle startup innovative

Executive summary della normativa sulle startup innovative Executive summary della normativa sulle startup innovative Gennaio 2014 2 Fare dell Italia la prossima startup nation Il 4 ottobre 2012 il Consiglio dei Ministri ha approvato il Decreto Legge contenente

Dettagli

Percorso di alta formazione

Percorso di alta formazione Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti contabili di Padova CREDITI FORMATIVI Il percorso formativo è valido ai fini della FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA dei Dottori Commercialisti e degli

Dettagli

Linee generali dell'attività di Coopfond

Linee generali dell'attività di Coopfond INCONTRO CON I PARTECIPANTI AL MASTER DI 2 LIVELLO SULL'IMPRESA COOPERATIVA Linee generali dell'attività di Coopfond Aldo Soldi Direttore Generale Roma, 30 ottobre 2013 0 AGENDA 1 Cos è Coopfond 2 La rendicontazione

Dettagli

Gli Ingegneri italiani, riuniti nel 60 Congresso Nazionale in Venezia PREMESSO PRESO ATTO RICONOSCIUTA CONSIDERATO

Gli Ingegneri italiani, riuniti nel 60 Congresso Nazionale in Venezia PREMESSO PRESO ATTO RICONOSCIUTA CONSIDERATO MOZIONE CONGRESSUALE 60 CONGRESSO NAZIONALE INGEGNERI VENEZIA 2 ottobre 2015 Gli Ingegneri italiani, riuniti nel 60 Congresso Nazionale in Venezia PREMESSO che il Paese deve ancora uscire dalla crisi economica

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO SCHOOL OF MANAGEMENT

POLITECNICO DI MILANO SCHOOL OF MANAGEMENT POLITECNICO DI MILANO SCHOOL OF MANAGEMENT INDICE Chi Siamo Risk Management e Risk Governance per il Valore d Impresa Lo Scenario Italiano Le Attività Il Portale Insurance Academy A Chi ci rivolgiamo Contatti

Dettagli

IL PROGRAMMA SOSTIENE I GIOVANI INTERESSATI ALL AUTOIMPIEGO E ALL AUTOIMPRENDITORIALITÀ

IL PROGRAMMA SOSTIENE I GIOVANI INTERESSATI ALL AUTOIMPIEGO E ALL AUTOIMPRENDITORIALITÀ Roma, 26 Giugno 2015 I giovani Neet registrati al Programma Garanzia Giovani sono 641.412, quasi 12 mila in più rispetto alla scorsa settimana SONO OLTRE 361 MILA I GIOVANI PRESI IN CARICO E A QUASI 119

Dettagli

Fundraising. Un altro welfare è possibile. Sintesi dell intervento introduttivo di Massimo Coen Cagli Direttore Scientifico della Scuola di Roma

Fundraising. Un altro welfare è possibile. Sintesi dell intervento introduttivo di Massimo Coen Cagli Direttore Scientifico della Scuola di Roma Fundraising. Un altro welfare è possibile Sintesi dell intervento introduttivo di Massimo Coen Cagli Direttore Scientifico della Scuola di Roma Premessa: il senso dell itinerario Fundraising un altro Welfare

Dettagli

LUISS Business School

LUISS Business School LUISS Business School per CONFINDUSTRIA L Aquila Executive Program on International Business 2014 1. Presentazione LUISS Business School LUISS Guido Carli - Libera Università degli Studi Sociali Guido

Dettagli

MBS Business School. Un Luogo dove le Aziende crescono nonostante la crisi e le difficoltà dei mercati. La missione di MBS è aiutare le migliori

MBS Business School. Un Luogo dove le Aziende crescono nonostante la crisi e le difficoltà dei mercati. La missione di MBS è aiutare le migliori MBS Business School Un Luogo dove le Aziende crescono nonostante la crisi e le difficoltà dei mercati Come sta reagendo il Suo settore alla crisi finanziaria in corso? Quali sono le previsioni per i prossimi

Dettagli

Programma degli interventi

Programma degli interventi Allegato 1 alla Delib.G.R. n. 46/8 del 22.9.2015 Programmazione Unitaria 2014-2020. Strategia "Creare opportunità di lavoro favorendo la competitività delle imprese". Programma di intervento 3: Competitività

Dettagli

Comer Academy. La sede

Comer Academy. La sede Comer Academy Nata nel 2008 per sostenere il processo di cambiamento dell azienda, Comer Academy è il centro per la diffusione della cultura dell eccellenza alla base del modello di business di Comer Industries.

Dettagli

Puglia: il POR FESR 2007-2013

Puglia: il POR FESR 2007-2013 Agevolazioni Finanziarie 25 di Bruno Pagamici - Dottore commercialista, Revisore contabile, Pubblicista - Studio Pagamici - Macerata Finanziamenti regionali Puglia: il POR FESR 2007-2013 Per il programma

Dettagli

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese II Conferenza regionale sul credito e la finanza per lo sviluppo Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese David Sabatini Resp. Ufficio Finanza Il sistema industriale

Dettagli

ROSSANA REVELLO CHIAPPE REVELLO RELATORE AGENZIA GENOVA, 16 SETTEMBRE 2014

ROSSANA REVELLO CHIAPPE REVELLO RELATORE AGENZIA GENOVA, 16 SETTEMBRE 2014 COMUNICARE LA SOSTENIBILITÀ STRUMENTI, STANDARD E MODELLI PER RENDICONTARE E VALORIZZARE L IMPEGNO DI UN ORGANIZZAZIONE IN MATERIA DI RESPONSABILITÀ AMBIENTALE, SOCIALE ED ECONOMICA. GENOVA, 16 SETTEMBRE

Dettagli

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014 AUDIZIONE MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi X Commissione del Senato - X Commissione della Camera Roma, 27 marzo 2014 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO 2 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO

Dettagli

FATTI. IN ITALIA I NOSTRI PRODOTTI, LE NOSTRE SCELTE

FATTI. IN ITALIA I NOSTRI PRODOTTI, LE NOSTRE SCELTE XXIX CONVEGNO DI CAPRI PER NAPOLI NAPOLI, CITTÀ DELLA SCIENZA 24-25 OTTOBRE 2014 IN ITALIA I NOSTRI PRODOTTI, LE NOSTRE SCELTE Ci sono fatti e opinioni. E un fatto che le nostre materie prime sono le eccellenze

Dettagli

No Export..No Party!

No Export..No Party! I nuovi voucher per l internazionalizzazione e la figura del Temporary Export Manager No Export..No Party! Scegliere i mercati, pianificare e realizzare le azioni per rafforzare il business estero FAREXPORT

Dettagli

Marketing e Finanza. Strategie, marketing e innovazione finanziaria

Marketing e Finanza. Strategie, marketing e innovazione finanziaria CMYK RGB #ESA Marketing e Finanza Strategie, marketing e innovazione finanziaria L age management come sfida strategica nel processo di trasformazione del settore bancario, assicurativo e finanziario 5

Dettagli

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto Progetto Scuola 2014-18 Capire i conflitti Praticare la pace Quando si parla di guerra si parla spesso di vinti e vincitori, qui invece ci sono storie di persone partecipante del 2012 In occasione del

Dettagli

BUSINESS FOCUS. MEDITERRANEO e MEDIO ORIENTE VINCERE LE SFIDE DEI MERCATI EMERGENTI

BUSINESS FOCUS. MEDITERRANEO e MEDIO ORIENTE VINCERE LE SFIDE DEI MERCATI EMERGENTI BUSINESS FOCUS MEDITERRANEO e MEDIO ORIENTE VINCERE LE SFIDE DEI MERCATI EMERGENTI Corso Executive formula week end: Milano, 2 ottobre 28 novembre 2015 INTRODUZIONE Negli ultimi anni i Paesi del Mediterraneo

Dettagli

www.expoveneto.it EXPO 2015

www.expoveneto.it EXPO 2015 www.expoveneto.it La piattaforma web ufficiale della Regione Veneto per l EXPO 2015 L Esposizione Universale sarà un occasione straordinaria di supporto alla crescita e al rilancio economico, confermando

Dettagli

CONTEST START UP FOOD, PREMIATE LE PRIME TRE MIGLIORI IDEE IMPRENDITORIALI CON UN PREMIO DA

CONTEST START UP FOOD, PREMIATE LE PRIME TRE MIGLIORI IDEE IMPRENDITORIALI CON UN PREMIO DA Roma, 9 Ottobre 2015 I giovani presi in carico sono 485.327. A più di 181 mila è stata proposta almeno una misura. Prosegue il successo di Crescere in Digitale: oltre 31.500 gli iscritti a quattro settimane

Dettagli

Creare Valore con il Supply Chain Management

Creare Valore con il Supply Chain Management Idee e strumenti per l impresa manifatturiera del domani Settembre - Novembre 2013 Creare Valore con il Supply Chain Management Bologna 26 settembre Fabbrica Futuro - Il settore Moda Firenze 10 ottobre

Dettagli

Progetto di turnaround piccola-media impresa nel Nord est Raccontando degustando 2010

Progetto di turnaround piccola-media impresa nel Nord est Raccontando degustando 2010 Progetto di turnaround piccola-media impresa nel Nord est Raccontando degustando 2010 A partire da una serie di turnaround di successo realizzati in P.M.I. del Nord est si cercherà di delineare una metodologia

Dettagli

PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO

PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO Progetto Qualità INTESA-CCA 2014-2016 Pagina 1 PROGETTO QUALITA 2014-2016 PREMESSA: Il progetto dopo il periodo di avvio e consolidamento, in base alle osservazioni poste

Dettagli

WAI - Women Ambassadors in Italy

WAI - Women Ambassadors in Italy WAI - Women Ambassadors in Italy Pianificazione nazionale delle attività rev8 Seminari WAI regionali Partner WAI Titolo Argomenti Data Periodo - Luogo P01 Unioncamere Toscana P02 CCIAA Chieti 1) 2) -3)

Dettagli

Giovani Imprenditori Edili 2015-2018. Presidente e Vice Presidenti

Giovani Imprenditori Edili 2015-2018. Presidente e Vice Presidenti Giovani Imprenditori Edili 2015-2018 Presidente e Vice Presidenti Nata a Napoli il 04/07/1976, sposata e mamma di Lorenzo e Gabriele. Laureata in architettura, lavora da oltre dieci anni nelle aziende

Dettagli

ING DIRECT lancia Prendi Parte al Cambiamento : un iniziativa per stimolare il singolo e migliorare la collettività

ING DIRECT lancia Prendi Parte al Cambiamento : un iniziativa per stimolare il singolo e migliorare la collettività ING DIRECT lancia Prendi Parte al Cambiamento : un iniziativa per stimolare il singolo e migliorare la collettività Un progetto per premiare con 100.000 euro la start-up italiana più innovativa, un percorso

Dettagli

INNOVAZIONE E MANAGEMENT PER STARTUP INNOVATIVE CIMS

INNOVAZIONE E MANAGEMENT PER STARTUP INNOVATIVE CIMS INNOVAZIONE E MANAGEMENT PER STARTUP INNOVATIVE CIMS Corsi di Alta Formazione - Innovazione, Finanza e Management per le PMI Premessa Le startup, in special modo quelle caratterizzate da processi, servizi

Dettagli

CODICE ETICO ASVI - SCHOOL FOR MANAGEMENT & SOCIAL CHANGE

CODICE ETICO ASVI - SCHOOL FOR MANAGEMENT & SOCIAL CHANGE CODICE ETICO di ASVI - SCHOOL FOR MANAGEMENT & SOCIAL CHANGE INDICE 1. Definizione della Vision di ASVI, School for Management & Social Change 2. Definizione della Mission di ASVI, School for Management

Dettagli

Piano Nazionale Youth Guarantee aspetti positivi e criticità Andrea Bairati Direttore Politiche Territoriali, Innovazione e Education

Piano Nazionale Youth Guarantee aspetti positivi e criticità Andrea Bairati Direttore Politiche Territoriali, Innovazione e Education Piano Nazionale Youth Guarantee aspetti positivi e criticità Andrea Bairati Direttore Politiche Territoriali, Innovazione e Education Napoli 22 maggio 2014 1 LA GARANZIA GIOVANI NEL CONTESTO ITALIANO 45

Dettagli

Ogni azienda vive la sua storia: unica, speciale, ricca di sfide. Lungo questo percorso Brogi & Pittalis vuole affiancarvi per arricchire le vostre

Ogni azienda vive la sua storia: unica, speciale, ricca di sfide. Lungo questo percorso Brogi & Pittalis vuole affiancarvi per arricchire le vostre Profilo aziendale Ogni azienda vive la sua storia: unica, speciale, ricca di sfide. Lungo questo percorso Brogi & Pittalis vuole affiancarvi per arricchire le vostre competenze e aiutarvi ad ottenere di

Dettagli

Costruendo valore per il turismo in Lombardia

Costruendo valore per il turismo in Lombardia Costruendo valore per il turismo in Lombardia Chi siamo Explora S.C.p.A. ha il compito di promuovere la Lombardia e Milano sul mercato turistico nazionale ed internazionale. La società opera esattamente

Dettagli

Figure Professionali «Smart City» Smart People CONSULENTE PER LE START-UP. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Figure Professionali «Smart City» Smart People CONSULENTE PER LE START-UP. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Figure Professionali «Smart City» Smart People CONSULENTE PER LE START-UP GREEN JOBS Formazione e Orientamento DESCRIZIONE ATTIVITA Come rendere intelligente la tua città? La trasformazione in una smart

Dettagli

Programma Operativo 2014-2020 del Fondo Sociale Europeo della Toscana. investimenti a favore della crescita, dell occupazione e del futuro dei giovani

Programma Operativo 2014-2020 del Fondo Sociale Europeo della Toscana. investimenti a favore della crescita, dell occupazione e del futuro dei giovani Programma Operativo 2014-2020 del Fondo Sociale Europeo della Toscana investimenti a favore della crescita, dell occupazione e del futuro dei giovani Programma Operativo 2014-2020 del Fondo Sociale Europeo

Dettagli

Creare Eccellenza, Cercare l'eccellenza Strategia per la SSPA

Creare Eccellenza, Cercare l'eccellenza Strategia per la SSPA Creare Eccellenza, Cercare l'eccellenza Strategia per la SSPA 1 INDICE - EXECUTIVE SUMMARY P.3 - LA SSPA NEL CONTESTO DELLA RIFORMA DELLA PA P.5 - MISSIONE - VALORI P.6 P.7 - VISION P.8 - MAPPA STRATEGICA

Dettagli

Evento di Apertura 11/6 dalle 15 alle 18. 1 Modulo: efficacia personale 12-13/06. 2 Modulo: analisi di mercato e posizionamento aziendale 17-18/07

Evento di Apertura 11/6 dalle 15 alle 18. 1 Modulo: efficacia personale 12-13/06. 2 Modulo: analisi di mercato e posizionamento aziendale 17-18/07 Training partners Calendario Modulo Data Evento di Apertura 11/6 dalle 15 alle 18 1 Modulo: efficacia personale 12-13/06 2 Modulo: analisi di mercato e posizionamento aziendale 17-18/07 3 Modulo: marketing

Dettagli

INNOVARE IL PRESENTE PER GARANTIRE IL FUTURO

INNOVARE IL PRESENTE PER GARANTIRE IL FUTURO INNOVARE IL PRESENTE PER GARANTIRE IL FUTURO La flessibilità è entrata a far parte, ormai da molti anni, degli strumenti di gestione delle risorse umane, quale irrinunciabile opportunità per poter rispondere

Dettagli

CSR nelle istituzioni finanziarie:

CSR nelle istituzioni finanziarie: ATTIVITA DI RICERCA 2014 CSR nelle istituzioni finanziarie: strategia, sostenibilità e politiche aziendali PROPOSTA DI ADESIONE in collaborazione con 1 TEMI E MOTIVAZIONI La Responsabilità Sociale di Impresa

Dettagli

Con il patrocinio morale di:

Con il patrocinio morale di: dove siamo TReNo Dalla Stazione Termini, ogni ora (al 38 minuto) treno Roma Termini - Civitavecchia. Scendere alla stazione Roma Aurelia. Uscire dal sottopassaggio a via della Stazione Aurelia. A destra,

Dettagli

L integrazione delle politiche e degli strumenti per la formazione continua 1

L integrazione delle politiche e degli strumenti per la formazione continua 1 L integrazione delle politiche e degli strumenti per la formazione continua 1 1 A cura di Davide Premutico e Pierluigi Richini, Struttura Sistemi e Servizi Formativi dell ISFOL 1 L integrazione delle politiche

Dettagli

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 870 MILA UNITÀ, OLTRE 9 MILA IN PIÙ NELL ULTIMA SETTIMANA

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 870 MILA UNITÀ, OLTRE 9 MILA IN PIÙ NELL ULTIMA SETTIMANA Roma, 20 Novembre 2015 I giovani presi in carico sono 537.671. A più di 228 mila è stata proposta almeno una misura. Crescere in Digitale: oltre 35.100 gli iscritti a dieci settimane dal lancio I GIOVANI

Dettagli