ELETTRONICA II. Circuiti misti analogici e digitali 2. Riferimenti al testo. Prof. Dante Del Corso - Politecnico di Torino

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ELETTRONICA II. Circuiti misti analogici e digitali 2. Riferimenti al testo. Prof. Dante Del Corso - Politecnico di Torino"

Transcript

1 ELETTRONICA II Circuiti misti analogici e digitali 2 Prof. Dante Del Corso - Politecnico di Torino Parte E: Circuiti misti analogici e digitali Lezione n E - 2: Oscillatori e generatori di segnale Generatori quadro-triangolo Oscillatori e generatori di segnale Segnali binari; definizioni Generatore di onda quadra e triangolare Esperimento di laboratorio Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n /05/2009 Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n /05/2009 Riferimenti al testo Millman-Grabel: Cap. 15: Waveform generation and shaping 15.10: Square wave and triangle generators 15.11: Pulse generators Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n. ## - // Page 40 Page 41

2 Oscillatori, generatori di segnale Generano un segnale con parametri noti: Forma (sinusoide, quadro, impulsi,..) Ampiezza Frequenza/periodo Oscillatori sinusoidali Tipi di oscillatori Generatori quadri/triangolo, formatori di funzione Generatori di onda quadra e di impulsi Oscillatori a quarzo (per applicazioni digitali) OSCILLATORE Oscillatori controllati in tensione/corrente Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n /05/2009 Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n /05/2009 Un generatore di segnale o oscillatore è un blocco funzionale che genera segnali con caratteristiche note Quando il segnale generato è sinusoidale si preferisce il termine oscillatore. Gli oscillatori sinusoidali sono giá stati descritti nel corso di Elettronica I (lezione 28). In questo corso vedremo alcuni tipi di generatori di segnale a onda quadra, triangolare, e impulsiva. Page 42 Page 43

3 Oscillatori sinusoidali Presentati in Elettronica I, lezione 28 Obbiettivi: precisione della frequenza stabilitá bassa distorsione Amplificatore con reazione positiva; elemento risonante. Segnale binario Segnali a onda quadra V H V L T H Parametri: Livelli: V H,V L Periodo: T Frequenza: f = 1/T Duty Cycle: DC = T H /T T L T Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n /05/2009 Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n /05/2009 Circuiti misti analogici e digitali 2 Il cartello presenta un esempio di segnale binario. I termini V H e V L indicano i due stati alto e basso del segnale; possono coincidere con i livelli V OL e V OH visti per le porte logiche, o con le tensioni di saturazione inferiore e superiore di un amplificatore operazionale. Oscillatori e generatori di segnale Segnali binari; definizioni Generatore di onda quadra e triangolare Esperimento di laboratorio I parametri di un segnale a onda quadra sono quattro: due ampiezze V H e V L e due tempi T H e T L. Possono essere espressi anche come periodo/frequenza e duty cycle. Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n. ## - // Page 44 Page 45

4 Definizioni Se T L = T H (DC del 50 %), si ottiene una ONDA QUADRA Segnali impulsivi W A Se T L >< T H (DC qualsiasi), si ottiene una ONDA RETTANGOLARE (IMPULSI) T Parametri: Ampiezza: A Larghezza: W Periodo: T (Frequenza, Duty Cycle) Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n /05/2009 Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n /05/2009 A seconda del duty cycle il segnale prende nomi diversi. Nel caso di segnali impulsivi i parametri sono: altezza larghezza cadenza di ripetizione Circuiti misti analogici e digitali 2 Oscillatori e generatori di segnale Segnali binari; definizioni Generatore di onda quadra e triangolare Esperimento di laboratorio Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n. ## - // Page 46 Page 47

5 Onda triangolare da onda quadra Onda quadra da onda triangolare VC I C R - + C V T V S1 V S2 + (V S1, V S2 ) t Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n /05/2009 Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n /05/2009 Questo circuito genera un onda triangolare integrando un onda quadra. L integratore è formato da un amplificatore operazionale con un condensatore in reazione. La corrente che circola nella resistenza R va a caricare il condensatore C. Per livello di ingresso costante (cioe durante un semiperiodo dell onda quadra), l uscita è una rampa lineare. Questo circuito permette di ricavare un onda quadra inviando all ingresso di un comparatore un onda triangolare di ampiezza tale da attraversare le soglie. Per tensioni di ingresso positive la corrente di ingresso carica il condensatore con il positivo verso sinistra; la rampa in uscita è in discesa. Viceversa per tensioni negative. Nei due semiperiodi dell onda quadra vengono generate due rampe in salita e discesa, che formano il segnale triangolare. Page 48 Page 49

6 Oscillatore quadro-triangolo Oscillatore quadro-triangolo V C I C R Il condensatore viene caricato a corrente costante (circuito integratore con AO) - + C V T + (V S1, V S2 ) La tensione sul condensatore e un segnale triangolare a tratti lineari V T = -V C = -I C t /C I C = /R V S1 V S1 V S2 V S2 Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n /05/2009 Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n /05/2009 Combinando i due circuiti in un anello si ottiene l oscillatore quadro-triangolo. L onda quadra è portata all ingresso di un integratore che la trasforma in triangolare; l onda triangolare va al comparatore che a sua volta genera l onda quadra. Questo circuito è comunemente usato come generatore di segnale quadro e triangolare. Analizziamo il circuito per determinare quantitativamente il valore dei vari parametri. Il tempo necessario perché il segnale triangolare si porti da V S2 a V S1 si puó calcolare dal valore del condensatore e dalla corrente di carica. L intervallo tra le soglie è pari all isteresi introdotta nel comparatore. Nota: facendo transitare l onda triangolare attraverso un modulo con funzione di trasferimento non-lineare opportuna si possono ottenere anche segnali sinusoidali. La procedura di calcolo per determinare la durata di un semiperiodo è indicata nel cartello successivo; il periodo complessivo si ottiene come somma dei due semiperiodi. Page 50 Page 51

7 Calcolo del periodo Variazione della frequenza V T = -V C = -I C t /C; I C = /R I C V S2 - V S1 = (H /R T 1 )/C T 1 = C(V S2 - V S1 ) R/H V C T 1 H V S2 V C - + C V T R + (V S1, V S2 ) V S1 V S1 L V S2 Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n /05/2009 Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n /05/2009 Variazione della frequenza Variazione della costante di tempo dell integratore (R, C) Variazione della corrente che carica il condensatore (R, ) Variazione dell isteresi V S1 - V S2 (ampiezza dell onda triangolare) Per variare la frequenza possiamo: variare C (ma è scomodo), variare R, variare la percentuale della riportata all ingresso dell integratore, o l intervallo tra le due soglie. É anche possibile variare il duty cycle, introducendo una asimmetria nella carica e scarica del condensatore. La asimmetria si ottiene con i circuiti riportati nei cartelli successivi: i due diodi fanno transitare la corrente che carica e scarica il condensatore dell integratore su rami con resistenze diverse. La durata di ciascun semiperiodo è proporzionale alla resistenza inserita all ingresso dell integratore. Se la variazione di queste resistenze avviene, in modo da mantenere la somma costante come indicato nel secondo cartello, variano i singoli semiperiodi ma la somma (e quindi la frequenza) rimane costante. Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n. ## - // Page 52 Page 53

8 Variazione del duty cycle Variazione di parametri tra i due semiperiodi asimmetria di H rispetto a L sdoppiamento di R (diodi) - C Circuiti misti analogici e digitali 2 Oscillatori e generatori di segnale Segnali binari; definizioni Generatore di onda quadra e triangolare Esperimento di laboratorio + V T Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n /05/2009 Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n /05/2009 Variazione DC a frequenza costante Variazione dei due semiperiodi mantenendo costante la somma R A + R B - C R A R B Esperienza di laboratorio Generatore di onda quadra e triangolare Definizione delle specifiche Progetto (esercitazione) Verifica sperimentale delle caratteristiche + V T Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n. ## - // Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n. ## - // Page 54 Page 55

9 Specifiche di progetto Circuito usato nel laboratorio Frequenza: Hz Ampiezza onda triangolare: > 8 V PP Valor medio onda triangolare: - 4 V V Duty Cycle: % Amplificatore Operazionale: µa 747 Alimentazione: +15 V, -15 V D 1,D 2 P 3 R O C O V T V Q R 1 R 2 +V CC -V CC R 4 P 2 R 5 P 1 R 3 Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n /05/2009 Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n /05/2009 Queste sono le specifiche del generatore di onda quadra e triangolare. Notiamo che alcuni parametri sono variabili, ad esempio frequenza, duty cycle e valor medio dell onda triangolare. La specifica sull ampiezza dell onda triangolare è data in forma di disuguaglianza; per ottenere valori precisi sarebbe necessario usare un circuito per stabilizzare a valori noti la tensione di uscita del comparatore. Per variare il valor medio dell onda triangolare si spostano le soglie del comparatore (la differenza rimane inalterata). Dato che l escursione di tensione tra le soglie rimane sempre costante, la frequenza non varia. Verificheremo che anche variando il duty cycle la frequenza rimane costante. Il progetto dettagliato è svolto durante le esercitazioni. Questo è lo schema completo del circuito usato per l esperienza di laboratorio. Il primo operazionale è l integratore; il secondo forma il comparatore di soglia. Il rapporto R 1 /R 2 definisce l ampiezza dell isteresi (cioé l ampiezza picco-picco dell onda triangolare). I tre potenziometri permettono di regolare alcuni parametri: P 1 varia la percentuale di tensione di uscita riportata verso l integratore (cambia la frequenza); P 2 sposta la tensione di riferimento per il comparatore (cambia il valor medio dell onda triangolare); P 3 varia le resistenze nei singoli rami di carica dell integratore senza modificare la somma (varia il duty cycle, mantenendo costante la frequenza). Page 56 Page 57

10 C 0 Elenco componenti 15 nf R kω R 1 47 kω ampiezza onda R kω triangolare R 3 1 kω R 4, R 5 12 kω P 1 10 kω frequenza P 2 10 kω valor medio onda triang. P kω duty cycle Laboratorio Generatore di onda quadra e triangolare Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n /05/2009 Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n /05/2009 Osserviamo che è richiesta una variazione di frequenza su un campo P 1 ed R 1 sono in rapporto 1:10; spostando il cursore il rapporto di partizione varia da 1:1 a 1:11 coprendo la variazione di frequenza richiesta. L ampiezza dell onda triangolare è legata al rapporto R 1 /R 2, che determina l intervallo di isteresi. Variando la V R le soglie si spostano di una stessa quantitá (rimane inalterato l intervallo tre le soglie, e la frequenza non cambia). L esperienza di laboratorio inizia con le misure sul circuito base del generatore, che permette di ottenere un onda triangolare di ampiezza, frequenza, e duty-cycle costanti. Il circuito è progettato secondo le specifiche prima indicate: frequenza di oscillazione di 500 Hz, valor medio dell onda triangolare nullo, ampiezza dell onda triangolare di circa 8 Vpp. Il rapporto tra P 3 ed R O va dimensionato in base al campo di variazione richiesto per il duty cycle. Il cartello riporta il valore dei componenti per un circuito progettato secondo le specifiche prima indicate. Page 58 Page 59

11 Generatore onda triangolare-quadra Variazione frequenza R O 100kΩ C O 15nF V T R 1 47kΩ R 2 150kΩ V Q R O 100kΩ C O 15nF V T R 1 R 2 V Q P 1 10kΩ R 3 1kΩ Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n /05/2009 Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n /05/2009 I dati di progetto vengono verificati con l oscilloscopio, i cui due canali sono posti sui segnali VT e VQ. I dati misurati sono: Frequenza: 500 Hz Ampiezza onda triangolare: 8.3 V Valor medio onda triangolare: 0 V La precisione delle misure dipende principalmente dalla precisione dell oscilloscopio. L errore commesso è dell ordine di ±5% sia sulla frequenza, sia sulle ampiezze. L ampiezza misurata per l onda triangolare è leggermente superiore rispetto a quanto progettato. Ciò soprattutto perché nella progettazione dei valori di soglia del comparatore si era considerato come valore di VOH e VOL dell amplificatore operazionale il limite inferiore (valore minimo) indicato sulle caratteristiche del componente. Il valore reale è in questo caso decisamente più alto e ciò causa l imprecisione sulle soglie. L esperienza prosegue aggiungendo i componenti necessari a variare la frequenza dell onda generata. Notare che potenziometro e resistenza R3 collegati all uscita del comparatore di soglia, formano un circuito con impedenza equivalente almeno 20 volte inferiore alla resistenza RO. Questo permette di avere una buona linearità nella variazione di frequenza in funzione della posizione del potenziometro (il carico sul partitore è minimo). I nuovi valori di frequenza misurati con l oscilloscopio sono: Frequenza massima: 500Hz Frequenza minima: 44.3Hz il rapporto tra le due frequenze è di Questi risultati sono in accordo con la teoria: con i valori utilizzati il rapporto tra la frequenza massima e la minima dovrebbe essere di circa 11. Page 60 Page 61

12 Variazione offset onda triangolare Variazione duty-cycle R O C O V T V Q R 1 R 2 D 1,D 2 1N4148 R O 47kΩ C O V T V Q R 1 R 2 R 4 +V CC -V CC P 2 R 5 12kΩ 12kΩ 10kΩ P 1 R 3 P 3 100kΩ +V CC -V CC R 4 P 2 R 5 P 1 R 3 Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n /05/2009 Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n /05/2009 Il passo successivo consiste nell aggiungere la possibilità di variare il valor medio dell onda triangolare in uscita. La variazione deve essere di almeno ±4V, tale cioè da portare l onda generata ad essere tutta positiva o tutta negativa. Mediante l oscilloscopio si osserva che tale condizione è verificata, anzi la variazione è leggermente superiore. La variazione massima del valor medio misurata è pari a ±5.2V. Nota: nelle specifiche presentate durante la lezione si parla erroneamente di variazione del valor medio di ±2 V; il valore effettivo per il quale è stato eseguito il progetto è di ±4 V. L ultima modifica consiste nell aggiungere i componenti necessari a variare il duty-cycle delle onde generate. Mediante l oscilloscopio si verifica dapprima che questa aggiunta non porta variazioni nella frequenza di uscita del circuito. Il controllo viene eseguito portandosi alla frequenza massima, con potenziometro P3 a metà della corsa, e misurando il periodo dell onda quadra, che risulta di 1.99 ms. In seguito si sposta il potenziometro P3 ai due estremi della corsa, misurando di nuovo la frequenza ed il duty cycle. In un estremo si trova: periodo: 1.97ms duty cycle: 75% All altro estremo: periodo: 2.11ms duty cycle: 25% Page 62 Page 63

13 ELETTRONICA II Prof. Dante Del Corso - Politecnico di Torino Parte E: Circuiti misti analogici e digitali Lezione n E - 3: Generatore di onda quadra e impulsi Interfacciamento con circuiti logici Circuiti misti analogici e digitali 3 Generatore di onda quadra Generatore di impulsi Generatore controllato in frequenza Interfacciamento con circuiti logici Circuiti di protezione per gli ingressi Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n /05/2009 Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n /05/2009 Riferimenti al testo Millman-Grabel: Cap. 15: Waveform generation and shaping 15.10: Square-wave and triangular-wave generators 15.11: Pulse generators Nicoud: Cap. 3: Sistemi sequenziali 3.1.1: Oscillatori Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n. ## - // Page 64 Page 65

14 Oscillatore a onda quadra Calcolo del periodo C V C R _ (V S1, V S2 ) Carica e scarica di un condensatore H V S2 V S1 L T V C t V C V S2 V S1 V C = L - (L - V S2 ) e -t/rc V C = V S1 = L - (L - V S2 ) e -T/RC L T = RC log [(L - V S2 )/(L - V S1 )] Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n /05/2009 Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n /05/2009 Il circuito generatore di onda quadra è basato su un comparatore invertente con isteresi. La reazione riporta la tensione di uscita verso il condensatore presente sull ingresso. Il condensatore si carica esponenzialmente verso H o L. Quando la tensione V C raggiunge una delle soglie V S1 o V S2 il comparatore cambia stato. Nel diagramma la tensione sale verso H fino a V S2 : raggiunta V S2 l uscita cambia stato e la tensione sul condensatore tende a L (ma puo raggiungere solo V S1 ) e cosí via. Questa è la relazione che esprime l andamento della tensione V C. Per calcolare ciascun semiperiodo si scrive l espressione della tensione V C, si eguaglia V C a V S1 o V S2, e si risolve l equazione in t. Nel cartello il calcolo è svolto per il semiperiodo corrispondente all esponenziale in discesa. Il periodo totale è la somma dei due semiperiodi; il suo inverso è la frequenza di oscillazione. Abbiamo cosí verificato che questo circuito è un generatore di onda quadra. Il segnale sul condensatore è formato da tratti di esponenziale (è un onda quasi triangolare, a tratti curvi). Page 66 Page 67

15 Variazione della frequenza variazione di C o di R variazione dell isteresi o della R Variazione del duty cycle Variazione di parametri tra i due semiperiodi variazione di H rispetto a L sdoppiamento di R (diodi) _ V C (V S1, V S2 ) _ C (V S1, V S2 ) Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n /05/2009 Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n /05/2009 Questo cartello indica come variare la frequenza del generatore: variando C (scomodo) variando R variando la tensione verso cui viene caricato il condensatore (partitore sull uscita) variando l isteresi Analogamente a quanto visto per il generatore quadrotriangolo della lezione precedente, per variare il duty cycle si deve introdurre una asimmetria tra i due periodi di carica e scarica il condensatore. Le possibilitá sono: progettare il comparatore in modo da avere livelli asimmetrici della tensione di uscita mantenere separati i rami di carica e scarica (diodo e resistenza, come nel cartello) Page 68 Page 69

16 Differenze rispetto a quadro/triangolo Generatori di segnale a ritardo La reazione complessiva e negativa I U L anello comprende un comparatore e un ritardo ottenuto con la carica/scarica di un condensatore T f ~ 1/2T Q-T: carica lineare (integratore attivo) Q: carica esponenziale (resistenza) I U T T Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n /05/2009 Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n /05/2009 Nel circuito del generatore quadro-triangolo l anello comprende un comparatore non invertente e un integratore invertente. Nel circuito visto in questa lezione l anello comprende un comparatore invertente e un integratore non invertente (la rete RC). In entrambi i casi la reazione complessiva è negativa. L insieme integratore-comparatore con isteresi forma un elemento di ritardo (carica e scarica di un condensatore entro un intervallo di tensione predefinito). Questo è uno schema funzionale valido per entrambi i generatori. L inversione è indicata dal pallino (collocato sull uscita del comparatore). Il ritardo è indicato dall ovale (durata T). Ogni variazione nel punto I (ingresso) viene riportata all uscita U con inversione, e ogni variazione in uscita viene riportata all ingresso con ritardo T. Questo determina una nuova variazione in uscita, e mantiene le oscillazioni. Il ritardo totale nell anello è la somma del ritardo T e del ritardo del comparatore; la frequenza di oscillazione va determinata sommando il ritardo totale dei due semiperiodi. Nota: per rappresentare piú correttamente il generatore quadrotriangolo, il pallino di inversione dovrebbe essere collocato sull elemento di ritardo (l integratore). Nulla comunque cambia considerando l anello nel suo complesso. Page 70 Page 71

17 Circuiti misti analogici e digitali 3 Generatore di onda quadra Generatore di impulsi Generatore controllato in frequenza Interfacciamento con circuiti logici Circuiti di protezione per gli ingressi C _ (V S1, V S2 ) Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n /05/2009 Generatore di impulsi astabile Genera una sequenza di impulsi (onda rettangolare) Questo schema è una variante del generatore di onda quadra visto in precedenza. Il percorso di carica del condensatore è sdoppiato. Con forte asimmetria tra i due rami si ottengono impulsi stretti rispetto al periodo. In questa condizione, una delle resistenze controlla la larghezza dell impulso, l altra il periodo (cioé la cadenza di ripetizione). Generatore di onda quadra con duty cycle fortemente sbilanciato Circuito sequenziale con clock Variando una sola delle resistenze si puó variare la frequenza di ripetizione lasciando inalterata la larghezza degli impulsi. Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n. ## - // Page 72 Page 73

18 Generatore controllato da una corrente Esempi di impiego I C C viene caricato da I C e scaricato attraverso R W e costante T (f) dipende da I C Oscillatore con frequenza controllata da una variabile esterna I C da V-R: convertitore V-F I C da fotodiodo: convertitore luce-frequenza C _ (V S1, V S2 ) W T Oscillatori agganciati in fase o frequenza a segnali di riferimento esterni. Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n /05/2009 Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n /05/2009 Questo è un esempio di generatore in cui la frequenza è controllata da una grandezza esterna (corrente I C ). La scarica del condensatore avviene attraverso il gruppo diodo -resistenza (andamento esponenziale con costante di tempo RC). La carica avviene tramite la corrente fornita dal generatore I C ; al variare di I C la carica è piú o meno rapida. Se durante il semiperiodo I C è costante, la carica è lineare. Con questa tecnica si possono realizzare convertitori tensione-frequenza (se la corrente I C è legata ad una tensione di controllo). Se I C proviene da un trasduttore (ad esempio un fotodiodo, in cui la corrente inversa dipende dall illuminamento della zona di giunzione), si ottiene una frequenza di ripetizione degli impulsi proporzionale all illuminamento. Il condensatore è scaricato con costante di tempo fissa, e caricato a corrente variabile. Il segnale di uscita è quindi un onda retttangolare (impulsi) a larghezza W costante (dipende da R), e periodo T variabile (dipende da I C ). Con correnti forti gli impulsi sono ravvicinati (il condensatore si ricarica in fretta); con correnti basse gli impulsi sono piú distanziati. Page 74 Page 75

progettare & costruire di NICOLA DE CRESCENZO

progettare & costruire di NICOLA DE CRESCENZO progettare & costruire di NICOLA DE CRESCENZO GENERATORE di funzionilow-cost Vi proponiamo il progetto di un generatore di funzioni semplice ed economico, ideale per coloro che, essendo agli inizi, vogliono

Dettagli

Cenni di Elettronica non Lineare

Cenni di Elettronica non Lineare 1 Cenni di Elettronica non Lineare RUOLO DELL ELETTRONICA NON LINEARE La differenza principale tra l elettronica lineare e quella non-lineare risiede nel tipo di informazione che viene elaborata. L elettronica

Dettagli

INTEGRATORE E DERIVATORE REALI

INTEGRATORE E DERIVATORE REALI INTEGRATORE E DERIVATORE REALI -Schemi elettrici: Integratore reale : C1 R2 vi (t) R1 vu (t) Derivatore reale : R2 vi (t) R1 C1 vu (t) Elenco componenti utilizzati : - 1 resistenza da 3,3kΩ - 1 resistenza

Dettagli

L amplificatore operazionale 1. Claudio CANCELLI

L amplificatore operazionale 1. Claudio CANCELLI L amplificatore operazionale Claudio CANCELLI L amplificatore operazionale Indice dei contenuti. L'amplificatore...3. L'amplificatore operazionale - Premesse teoriche....5 3. Circuito equivalente... 5

Dettagli

5 Amplificatori operazionali

5 Amplificatori operazionali 5 Amplificatori operazionali 5.1 Amplificatore operazionale: caratteristiche, ideale vs. reale - Di seguito simbolo e circuito equivalente di un amplificatore operazionale. Da notare che l amplificatore

Dettagli

GRMN VCO Rev 0 - Thermidor Technologies - Pagina 1. Note sul dimensionamento dei VCO Per sintetizzatore Germinimal

GRMN VCO Rev 0 - Thermidor Technologies - Pagina 1. Note sul dimensionamento dei VCO Per sintetizzatore Germinimal GRMN VCO Rev 0 - Thermidor Technologies - Pagina 1 Note sul dimensionamento dei VCO Per sintetizzatore Germinimal GRMN VCO Rev 0 - Thermidor Technologies - Pagina 1 Indice INDICE INDICE... 1 1. DESCRIZIONE...

Dettagli

Esami di Stato 2008 - Soluzione della seconda prova scritta. Indirizzo: Elettronica e Telecomunicazioni Tema di ELETTRONICA

Esami di Stato 2008 - Soluzione della seconda prova scritta. Indirizzo: Elettronica e Telecomunicazioni Tema di ELETTRONICA Risposta al quesito a Esami di Stato 2008 - Soluzione della seconda prova scritta Indirizzo: Elettronica e Telecomunicazioni Tema di ELETTRONICA (A CURA DEL PROF. Giuseppe SPALIERNO docente di Elettronica

Dettagli

Esercizi proposti durante le lezioni di Elettronica 2

Esercizi proposti durante le lezioni di Elettronica 2 Rev.13/3/2014 Esercizi proposti durante le lezioni di Elettronica 2 1. Ad un semplice integratore RC (R=10 kω, C=100 nf) viene applicato in ingresso un segnale ad onda quadra (duty-cycle 50%) proveniente

Dettagli

Nome e Cognome. 2 Calcolare il valore efficace di una tensione sinusoidale con Vmax = 18 V

Nome e Cognome. 2 Calcolare il valore efficace di una tensione sinusoidale con Vmax = 18 V VERIFICA SCRITTA DI ELETTRONICA Classe IVME A. S. 2013/2014 27 ottobre 2013 [1,5 punti per gli esercizi 1-5-7-8; 1 punto per gli esercizio (2, 3, 4, 6)] Nome e Cognome. 1 Calcolare il valore di Vx nel

Dettagli

Appendice Circuiti con amplificatori operazionali

Appendice Circuiti con amplificatori operazionali Appendice Circuiti con amplificatori operazionali - Appendice Circuiti con amplificatori operazionali - L amplificatore operazionale Il componente ideale L amplificatore operazionale è un dispositivo che

Dettagli

0.- Introduzione. 1.- Circuito integrato generatore di funzione XR-2206. 1.1. - Generalità

0.- Introduzione. 1.- Circuito integrato generatore di funzione XR-2206. 1.1. - Generalità 0.- Introduzione I generatori di segnali sono strumenti utilizzati per studiare e verificare il comportamento delle apparecchiature elettroniche, fornendo al loro ingresso tensioni o livelli di opportuna

Dettagli

Programmazione modulare

Programmazione modulare Programmazione modulare Indirizzo: ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA Disciplina: ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA Docenti: Erbaggio Maria Pia e Iannì Gaetano Classe: IV A e settimanali previste: 6 Prerequisiti

Dettagli

Generatore BF di 3 forme d onda

Generatore BF di 3 forme d onda Università degli Studi di Messina Facoltà di Ingegneria C.d.L. in Ingegneria Elettronica Corso di Misure Elettroniche tenuto dal Prof. Giovanni Galli A.A. 2002/2003 Generatore BF di 3 forme d onda sinusoidale,

Dettagli

imparare& 5 modi per generare UN ONDA QUADRA Il generatore di onde quadre rappresenta

imparare& 5 modi per generare UN ONDA QUADRA Il generatore di onde quadre rappresenta imparare& imparare&approfondiredi STEFANO LOVATI 5 modi per generare UN ONDA QUADRA Il generatore di onde quadre rappresenta uno strumento indispensabile per ogni appassionato di elettronica. In questo

Dettagli

SECONDA ESERCITAZIONE

SECONDA ESERCITAZIONE POLITECNICO DI TORINO Laboratorio di Elettrotecnica Data: Gruppo : Allievi: SECONDA ESERCITAZIONE Strumenti utilizzati Materiale necessario Generatore di funzioni da banco Oscilloscopio da banco Bread-board

Dettagli

Ambiente di apprendimento

Ambiente di apprendimento ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA MAIO LINO, PALUMBO GAETANO 3EET Settembre novembre Saper risolvere un circuito elettrico in corrente continua, e saperne valutare i risultati. Saper applicare i teoremi dell

Dettagli

M049 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO PROFESSIONALE. Indirizzo: TECNICO DELLE INDUSTRIE ELETTRONICHE CORSO DI ORDINAMENTO

M049 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO PROFESSIONALE. Indirizzo: TECNICO DELLE INDUSTRIE ELETTRONICHE CORSO DI ORDINAMENTO M049 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO PROFESSIONALE Indirizzo: TECNICO DELLE INDUSTRIE ELETTRONICHE CORSO DI ORDINAMENTO Tema di: ELETTRONICA, TELECOMUNICAZIONI E APPLICAZIONI Il candidato, formulando eventuali

Dettagli

Elettronica per le telecomunicazioni

Elettronica per le telecomunicazioni POLITECNICO DI TORINO Elettronica per le telecomunicazioni Relazione di laboratorio Gruppo: A08 Antona Maria Gabriella Matricola: 148211 Degno Angela Rita Matricola: 148155 Fiandrino Claudio Matricola:

Dettagli

Corso Elettronica Industriale Anno Accademico 2005-2006. Prof Ing Lorenzo Capineri

Corso Elettronica Industriale Anno Accademico 2005-2006. Prof Ing Lorenzo Capineri AMPLIFICATORI IN CLASSE D Corso Elettronica Industriale Anno Accademico 25-26 Prof Ing Lorenzo Capineri Indice 1. Generalità degli amplificatori in Classe D 1.1 Risposta in frequenza 2. Principio di funzionamento

Dettagli

RICETRASMETTITORE CON MODULAZIONE DI FREQUENZA REALIZZATO CON PLL

RICETRASMETTITORE CON MODULAZIONE DI FREQUENZA REALIZZATO CON PLL I.T.I. Modesto PANETTI B A R I Via Re David, 186-080-54.54.1-7015 BARI Fax 080-54.64.3 Internet http://www.itispanetti.it email : BATF05000C@istruzione.it Tesina sviluppata dall alunno Francesco Ruggiero

Dettagli

Programmazione modulare a. s. 2014-2015

Programmazione modulare a. s. 2014-2015 Programmazione modulare a. s. 201-2015 Indirizzo:Informatica Disciplina : Telecomunicazioni Classe: A B Informatica Ore settimanali previste:3 (di cui 2 di laboratorio) Libro di testo: TELECOMUNICAZIONI-Ambrosini,

Dettagli

Circuiti amplificatori

Circuiti amplificatori Circuiti amplificatori G. Traversi Strumentazione e Misure Elettroniche Corso Integrato di Elettrotecnica e Strumentazione e Misure Elettroniche 1 Amplificatori 2 Amplificatori Se A V è negativo, l amplificatore

Dettagli

Studio nel dominio del tempo. Le correnti sulla resistenza e sul condensatore, considerando che il punto M è a massa virtuale, valgono:

Studio nel dominio del tempo. Le correnti sulla resistenza e sul condensatore, considerando che il punto M è a massa virtuale, valgono: INTEGRATORE E DERIVATORE Oltre le quattro operazioni matematiche (addizione, sottrazione, moltiplicazione, divisione) l A.O. è in grado di compiere anche altre operazioni tra le quali parecchio importanti

Dettagli

INDICE 0.- INTRODUZIONE 1 1.- DESCRIZIONE GENERALE 2 2.- COLLAUDO DEL MINILAB 6

INDICE 0.- INTRODUZIONE 1 1.- DESCRIZIONE GENERALE 2 2.- COLLAUDO DEL MINILAB 6 INDIE 0.- INODUZIONE.- DESIZIONE GENEALE.- OLLAUDO DEL ILAB.- DOIO GENEAOE DI ENSIONE ONINUA AIABILE DA -0 A +0 E EGOLABILE ON EISIONE.- GENEAOE DI LOK 9.- GENEAOE DI ENSIONE DI IFEIMENO OSIIA AIABILE.

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

STRUMENTAZIONE ELETTRONICA. Generatore di segnale

STRUMENTAZIONE ELETTRONICA. Generatore di segnale Strumentazione Elettronica pag. 1 STRUMENTAZIONE ELETTRONICA Generatore di segnale Il generatore di segnale è genericamente lo strumento che fornisce la sollecitazione nella analisi di rete e assume diversi

Dettagli

A pplicazioni. Il problema legato all accoppiamento. Guida completa alla progettazione con i segnali video VIDEO DESIGN

A pplicazioni. Il problema legato all accoppiamento. Guida completa alla progettazione con i segnali video VIDEO DESIGN Guida completa alla progettazione con i segnali video Bill Stutz, Franco Contadini Maxim Integrated Products Inc. Sunnyvale CA In questo articolo vengono illustrati il funzionamento dei circuiti di polarizzazione,

Dettagli

Elettronica I - Laboratorio Didattico - BREVE INTRODUZIONE AGLI STRUMENTI DEL BANCO DI MISURA

Elettronica I - Laboratorio Didattico - BREVE INTRODUZIONE AGLI STRUMENTI DEL BANCO DI MISURA Elettronica I - Laboratorio Didattico - BREVE INTRODUZIONE AGLI STRUMENTI DEL BANCO DI MISURA Generatore di Funzioni T T i - TG2000 Generatore di Funzioni T T i - TG2000 Genera i segnali di tensione Uscita

Dettagli

Dipartimento di Fisica Sperimentale Laboratorio di Elettronica

Dipartimento di Fisica Sperimentale Laboratorio di Elettronica Dipartimento di Fisica Sperimentale Laboratorio di Elettronica D.Gamba,P.P.Trapani April 9, 2004 1 1 Circuiti Digitali Integrati: Timer, ADC e DAC In questo Lab. si imparera ad usare alcuni circuiti integrati

Dettagli

di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, Adesso sostituiamo nella

di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, Adesso sostituiamo nella Equazione di Ohm nel dominio fasoriale: Legge di Ohm:. Dalla definizione di operatore di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, dove Adesso sostituiamo nella

Dettagli

Raccolta di esercizi di elettronica

Raccolta di esercizi di elettronica Raccolta di esercizi di elettronica Esercitazione 1 1) Rappresentare analiticamente il segnale costituito da un impulso trapezoidale con fronte di salita di 1 s e fronte di discesa di 4 s, che mantiene

Dettagli

Strumenti Digitali. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/

Strumenti Digitali. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Strumenti Digitali Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Piero Malcovati Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell Informazione Università di Pavia piero.malcovati@unipv.it Piero Malcovati

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE DI BARONISSI IND. TECNICO INDUSTRIALE INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI. Programmazione A. S. 2012-2013 ELETTRONICA

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE DI BARONISSI IND. TECNICO INDUSTRIALE INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI. Programmazione A. S. 2012-2013 ELETTRONICA Classi quarte 1. Reti elettriche in a. c. Periodo: settembre/ottobre novembre/dicembre ore 60 1. La funzione sinusoidale. 2. Rappresentazione vettoriale della grandezze sinusoidali. 3. I componenti passivi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE MODULARE DI ELETTRONICA A.S. 2014/2015

PROGRAMMAZIONE MODULARE DI ELETTRONICA A.S. 2014/2015 REPUBBLICA ITALIANA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE MINERARIO STATALE GIORGIO ASPRONI VIA ROMA, 45-09016 - IGLESIAS 078122304/078122502 e-mail:asproni.itis@tiscalinet.it PROGRAMMAZIONE MODULARE DI ELETTRONICA

Dettagli

CAPITOLO 6 AMPLIFICATORI A COMPONENTI DISCRETI

CAPITOLO 6 AMPLIFICATORI A COMPONENTI DISCRETI 91 CAPITOLO 6 AMPLIFICATORI A COMPONENTI DISCRETI Iniziamo con questo capitolo lo studio dei circuiti elettronici veri e propri. Dopo aver passato in rassegna i dispositivi elettronici più comuni, possiamo

Dettagli

PLL (anello ad aggancio di fase)

PLL (anello ad aggancio di fase) PLL (anello ad aggancio di fase) Il PLL ( Phase Locked Loop, anello ad aggancio di fase) è un circuito integrato a reazione negativa. E un componente molto versatile e può essere usato come: demodulatore

Dettagli

GUIDA ALLE ESERCITAZIONI DI ELETTRONICA DI BASE

GUIDA ALLE ESERCITAZIONI DI ELETTRONICA DI BASE GUIDA ALLE ESERCITAZIONI DI ELETTRONICA DI BASE ELETTRONICA APPLICATA II (DU) Queste note contengono i testi di alcune esercitazioni di laboratorio proposte nel corso di Elettronica Applicata II del Diploma

Dettagli

Microcontrollore. Ora invece passiamo a spiegare come funzionano i convertitori A/D interni ai microcontrollori

Microcontrollore. Ora invece passiamo a spiegare come funzionano i convertitori A/D interni ai microcontrollori Microcontrollore Il microcontrollore è un sistema a microprocessore completo,integrato in un unico chip, progettato per avere la massima autosufficienza e versatilità. Infatti visto il loro prezzo esiguo,

Dettagli

Como 3 aprile 2004 Gara nazionale qualificati Operatore elettronico per le telecomunicazioni 1. Seconda Prova

Como 3 aprile 2004 Gara nazionale qualificati Operatore elettronico per le telecomunicazioni 1. Seconda Prova Como 3 aprile 2004 Gara nazionale qualificati Operatore elettronico per le telecomunicazioni Si consiglia di leggere attentamente il testo proposto prima di segnare la risposta. Seconda Prova La prova

Dettagli

Lezione B4 - DDC 2003 1

Lezione B4 - DDC 2003 1 Elettronica per le telecomunicazioni Unità B: Anelli ad aggancio di fase (PLL) Lezione B.4 Sintetizzatori, DDS, CDR, DLL principio e parametri di DDS data recovery, CDR sincronizzazione clock con DLL Elettronica

Dettagli

Tra le varie famiglie di convertitori, i convertitori c.c.-c.a. (comunemente indicati come inverter ) sono quelli che prevedono il più elevato numero

Tra le varie famiglie di convertitori, i convertitori c.c.-c.a. (comunemente indicati come inverter ) sono quelli che prevedono il più elevato numero Tra le varie famiglie di convertitori, i convertitori c.c.-c.a. (comunemente indicati come inverter ) sono quelli che prevedono il più elevato numero di soluzioni circuitali, in dipendenza sia dal livello

Dettagli

CAPITOLO 1 - RICHIAMI TEORICI

CAPITOLO 1 - RICHIAMI TEORICI Premessa Scopo di questa breve premessa è quello di informare il lettore sull organizzazione della trattazione, che è composta da due parti (che corrispondono a due capitoli): - una prima parte che contiene

Dettagli

Variatore di. In questo articolo viene trattato. Praticamente

Variatore di. In questo articolo viene trattato. Praticamente TEORIA RISORSE SPECIALE mente Variatore di 100 In questo articolo viene trattato un semplice variatore di velocità ad alto rendimento per motori c.c a 12 ed a 24 Volt basato sulla PWM (Pulse Width Modulation).

Dettagli

Elettronica delle Telecomunicazioni Esercizi cap 2: Circuiti con Ampl. Oper. 2.1 Analisi di amplificatore AC con Amplificatore Operazionale reale

Elettronica delle Telecomunicazioni Esercizi cap 2: Circuiti con Ampl. Oper. 2.1 Analisi di amplificatore AC con Amplificatore Operazionale reale 2. Analisi di amplificatore AC con Amplificatore Operazionale reale Un amplificatore è realizzato con un LM74, con Ad = 00 db, polo di Ad a 0 Hz. La controreazione determina un guadagno ideale pari a 00.

Dettagli

SENSORI e TRASDUTTORI. Corso di Sistemi Automatici

SENSORI e TRASDUTTORI. Corso di Sistemi Automatici SENSORI e TRASDUTTORI Sensore Si definisce sensore un elemento sensibile in grado di rilevare le variazioni di una grandezza fisica ( temperatura, umidità, pressione, posizione, luminosità, velocità di

Dettagli

Elettronica II Proprietà e applicazioni della trasformata di Fourier; impedenza complessa; risposta in frequenza p. 2

Elettronica II Proprietà e applicazioni della trasformata di Fourier; impedenza complessa; risposta in frequenza p. 2 Elettronica II Proprietà e applicazioni della trasformata di Fourier; impedenza complessa; risposta in frequenza Valentino Liberali Dipartimento di Tecnologie dell Informazione Università di Milano, 26013

Dettagli

Programma svolto di Elettrotecnica, elettronica e automazione. Modulo n 1/ Argomento: Studio di reti in corrente continua

Programma svolto di Elettrotecnica, elettronica e automazione. Modulo n 1/ Argomento: Studio di reti in corrente continua Programma svolto di Elettrotecnica, elettronica e automazione Classe III sez. CR Istituto Tecnico dei Trasporti e Logistica Nautico Colombo di Camogli Docenti: D Alessandro Donato, Ferraro Silvano Testo

Dettagli

I.P.S.I.A. Di BOCCHIGLIERO

I.P.S.I.A. Di BOCCHIGLIERO I.P.S.I.A. Di BOCCHIGLIERO a.s. 2010/2011 -classe III- Materia: Telecomunicazioni ---- Oscillatori ---- alunna Serafini Rossella prof. Ing. Zumpano Luigi L'oscillatore L'oscillatore è l'elemento fondamentale

Dettagli

AMPLIFICATORI OPERAZIONALI: AO o OPAMP (in Inglese)

AMPLIFICATORI OPERAZIONALI: AO o OPAMP (in Inglese) AMPLIFICATORI OPERAZIONALI: AO o OPAMP (in Inglese) Gli AO sono degli amplificatori universali ideali utilizzati frequentemente nei circuiti elettronici perché, con l'aggiunta di pochi componenti esterni,

Dettagli

(E4-U18) Gli homework da preparare prima di iniziare la parte sperimentale sono calcoli e simulazioni dei circuiti su cui vengono eseguite le misure.

(E4-U18) Gli homework da preparare prima di iniziare la parte sperimentale sono calcoli e simulazioni dei circuiti su cui vengono eseguite le misure. Esercitazione 5 (E4-U18) Caratterizzazione e misure su circuiti digitali Scopo dell esercitazione Gli obiettivi di questa esercitazione sono: - Misurare i parametri elettrici di porte logiche, - Verificare

Dettagli

CONVERSIONE ANALOGICA DIGITALE (ADC)(A/D) CONVERSIONE DIGITALE ANALOGICA (DAC)(D/A)

CONVERSIONE ANALOGICA DIGITALE (ADC)(A/D) CONVERSIONE DIGITALE ANALOGICA (DAC)(D/A) CONVERSIONE ANALOGICA DIGITALE (ADC)(A/D) CONVERSIONE DIGITALE ANALOGICA (DAC)(D/A) ELABORAZIONE ANALOGICA O DIGITALE DEI SEGNALI ELABORAZIONE ANALOGICA ELABORAZIONE DIGITALE Vantaggi dell elaborazione

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

ELETTRONICA. L amplificatore Operazionale

ELETTRONICA. L amplificatore Operazionale ELETTRONICA L amplificatore Operazionale Amplificatore operazionale Un amplificatore operazionale è un amplificatore differenziale, accoppiato in continua e ad elevato guadagno (teoricamente infinito).

Dettagli

Tecnologie dei Sistemi di Automazione e Controllo

Tecnologie dei Sistemi di Automazione e Controllo Tecnologie dei Sistemi di Automazione e Controllo Prof. Gianmaria De Tommasi Lezione 2 Carattersitiche dei sensori Sensori di moto Corso di Laurea Codice insegnamento Email docente Anno accademico N39

Dettagli

CONVERTITORI STATICI PER L AUTOMAZIONE

CONVERTITORI STATICI PER L AUTOMAZIONE Capitolo 2 CONVERTITORI STATICI PER L AUTOMAZIONE 2.1 Generalità. I convertitori statici hanno l obiettivo di controllare i flussi di potenza tra ingresso ed uscita modificando opportunamente alcune grandezze

Dettagli

Acquisizione di segnali per l elaborazione digitale.

Acquisizione di segnali per l elaborazione digitale. Acquisizione di segnali per l elaborazione digitale. Il segnale generato dai trasduttori in genere non è idoneo per la diretta elaborazione da parte dell unità di governo che realizza un algoritmo di controllo,

Dettagli

L effetto prodotto da un carico attivo verrà, pertanto, analizzato solo nel caso di convertitore monofase.

L effetto prodotto da un carico attivo verrà, pertanto, analizzato solo nel caso di convertitore monofase. Come nel caso dei convertitori c.c.-c.c., la presenza di un carico attivo non modifica il comportamento del convertitore se questo continua a funzionare con conduzione continua. Nei convertitori trifase

Dettagli

ISTITUTO TECNICO DEI TRASPORTI E LOGISTICA NAUTICO SAN GIORGIO NAUTICO C.COLOMBO. CLASSE 3 A sez. 3CI

ISTITUTO TECNICO DEI TRASPORTI E LOGISTICA NAUTICO SAN GIORGIO NAUTICO C.COLOMBO. CLASSE 3 A sez. 3CI CLASSE 3 A sez. 3CI MATERIA: Elettrotecnica, laboratorio 1. Contenuti del corso DOCENTI: SILVANO Stefano FERRARO Silvano Unità didattica 1: Gli strumenti di misura Il concetto di misura, errori di misura

Dettagli

I REGOLATORI DI TIPO SWITCHING. I DC DC CONVERTER

I REGOLATORI DI TIPO SWITCHING. I DC DC CONVERTER GLI STABILIZZATORI DI TENSIONE sesta parte I REGOLATORI DI TIPO SWITCHING. I DC DC CONVERTER di Nico Grilloni nicogrilloni@tin.it Sono sempre più utilizzati prevalentemente per l alto rendimento, notevolmente

Dettagli

bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non cambiano mai segno

bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non cambiano mai segno Parametri dei segnali periodici I segnali, periodici e non periodici, si suddividono in: bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non

Dettagli

Programma svolto nel laboratorio di elettronica

Programma svolto nel laboratorio di elettronica Classi 4ª B inf. e 4ª C inf. as 2008/09 Programma svolto nel laboratorio di elettronica Ripasso: circuiti in continua studiati con Thevenin Porte logiche OR e AND a diodi Circuiti RC e CR in regime sinusoidale

Dettagli

Esercitazione n 5: Stadi di uscita

Esercitazione n 5: Stadi di uscita Esercitazione n 5: Stadi di uscita 1) Per il circuito in Fig. 1 sostituire il generatore di corrente con uno specchio di corrente. Dimensionare quest'ultimo in modo tale da ottenere la massima dinamica

Dettagli

logiche LE PORTE Nelle prime due lezioni del Corso di Elettronica Digitale (parte terza)

logiche LE PORTE Nelle prime due lezioni del Corso di Elettronica Digitale (parte terza) & imparare & approfondire di GIANLORENZO VALLE Corso di Elettronica Digitale (parte terza) LE PORTE logiche In questa puntata poniamo le prime basi per comprendere meglio il funzionamento delle porte logiche

Dettagli

Amplificazione DL 3155M14 DL 3155E14. Circuiti Amplificatori a Transistor AMPLIFICAZIONE. Blocchi funzionali. Argomenti teorici.

Amplificazione DL 3155M14 DL 3155E14. Circuiti Amplificatori a Transistor AMPLIFICAZIONE. Blocchi funzionali. Argomenti teorici. Amplificazione Amplificazione lineare di corrente, tensione e potenza Amplificatori BJT: configurazioni EC, CC e BC Stabilità termica di un amplificatore lineare Linea di carico statica e dinamica Pre-amplificatori

Dettagli

RISONANZA. Introduzione. Risonanza Serie.

RISONANZA. Introduzione. Risonanza Serie. RISONANZA Introduzione. Sia data una rete elettrica passiva, con elementi resistivi e reattivi, alimentata con un generatore di tensione sinusoidale a frequenza variabile. La tensione di alimentazione

Dettagli

OSCILLATORI SINUSOIDALI. Generalità

OSCILLATORI SINUSOIDALI. Generalità OSCILLATORI SINUSOIDALI Generalità Per comprendere il principio di funzionamento di un oscillatore, si consideri un amplificatore reazionato privo del segnale esterno d ingresso, e quindi privo del nodo

Dettagli

Teoria dei circuiti Esercitazione di Laboratorio Transitori e dominio dei fasori

Teoria dei circuiti Esercitazione di Laboratorio Transitori e dominio dei fasori Teoria dei circuiti Esercitazione di Laboratorio Transitori e dominio dei fasori Esercizio T T V V on riferimento al circuito di figura, si assumano i seguenti valori: = = kω, =. µf, = 5 V. Determinare

Dettagli

Elettronica I Circuiti nel dominio del tempo

Elettronica I Circuiti nel dominio del tempo Elettronica I Circuiti nel dominio del tempo Valentino Liberali Dipartimento di ecnologie dell Informazione Università di Milano, 2613 Crema e-mail: liberali@i.unimi.it http://www.i.unimi.it/ liberali

Dettagli

Voltmetri numerici. V x codice DEC Visual. Voltmetri numerici A/D. Strumentazione numerica- Ing. B. Andò - DIEES - Università degli Studi di Catania

Voltmetri numerici. V x codice DEC Visual. Voltmetri numerici A/D. Strumentazione numerica- Ing. B. Andò - DIEES - Università degli Studi di Catania Voltmetri numerici Il processo di codifica dal dominio analogico a quello digitale, operato da un A/D sul singolo campione, rappresenta il cuore dei sistemi numerici per la misura di una tensione continua.

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

CAPITOLO 6 ANALISI IN REGIME PERMANENTE. ( ) = Aexp( t /τ) ( ) 6.1 Circuiti dinamici in regime permanente

CAPITOLO 6 ANALISI IN REGIME PERMANENTE. ( ) = Aexp( t /τ) ( ) 6.1 Circuiti dinamici in regime permanente CAPITOLO 6 ANALISI IN REGIME PERMANENTE 6.1 Circuiti dinamici in regime permanente I Capitoli 3 e 4 sono stati dedicati, ad eccezione del paragrafo sugli induttori accoppiati, esclusivamente all analisi

Dettagli

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Valentino Liberali Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano valentino.liberali@unimi.it Elettronica Circuiti nel dominio del tempo 14 aprile 211

Dettagli

FRANCESCO MARINO - TELECOMUNICAZIONI

FRANCESCO MARINO - TELECOMUNICAZIONI ESAME DI SAO DI ISIUO POFESSIONALE A.S. 2000/2001 Indirizzo: ECNICO DELLE INDUSIE ELEONICHE ema di: ELEONICA, ELECOMUNICAZIONI E APPLICAZIONI Il candidato, formulando di volta in volta tutte le ipotesi

Dettagli

Risposta RLC serie Analisi nel dominio del tempo. Laboratorio di Sistemi. Classe IV - Risposta dei circuiti: RLC serie con gradino di tensione

Risposta RLC serie Analisi nel dominio del tempo. Laboratorio di Sistemi. Classe IV - Risposta dei circuiti: RLC serie con gradino di tensione 12/02/09 IPSIA Antonio Pacinotti - Pistoia Risposta RLC serie Analisi nel dominio del tempo Laboratorio di Sistemi Classe IV - Risposta dei circuiti: RLC serie con gradino di tensione Gualtiero Lapini

Dettagli

» Tipi di segnale e le loro caratteristiche» Parametri che descrivono un segnale» Perchè i segnali digitali?

» Tipi di segnale e le loro caratteristiche» Parametri che descrivono un segnale» Perchè i segnali digitali? Ingegneria dell Informazione Modulo SISTEMI ELETTRONICI A - INTRODUZIONE A.2 - Tipi di segnale» Tipi di segnale e le loro caratteristiche» Parametri che descrivono un segnale» Perchè i segnali digitali?

Dettagli

PIANO DI LAVORO Per l'anno scolastico 2015/2016 della classe 5ª F

PIANO DI LAVORO Per l'anno scolastico 2015/2016 della classe 5ª F ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO E. MAJORANA Via Marigliano, Largo S. Sossio Tel. 081.8931084 80049 Somma Vesuviana - (Napoli) PIANO DI LAVORO Per l'anno scolastico 2015/2016 della classe 5ª F Materia ELETTROTECNICA

Dettagli

Arpa Laser. Progetto per il corso di Progettazione Elettronica. Realizzato da Caracciolo Etienne, Piccoli Riccardo, Porro Gabriele

Arpa Laser. Progetto per il corso di Progettazione Elettronica. Realizzato da Caracciolo Etienne, Piccoli Riccardo, Porro Gabriele Arpa Laser Progetto per il corso di Progettazione Elettronica Realizzato da Caracciolo Etienne, Piccoli Riccardo, Porro Gabriele 09/04/2009 DESCRIZIONE DELLO STRUMENTO Il progetto consiste nella costruzione

Dettagli

GA-11. Generatore di segnale a bassa frequenza. Manuale d uso

GA-11. Generatore di segnale a bassa frequenza. Manuale d uso INFORMAZIONE AGLI UTENTI ai sensi dell art. 13 del decreto legislativo 25 luglio 2005, n. 15 Attuazione delle Direttive 2002/95/ CE, 2002/96/CE e 2003/108/CE, relative alla riduzione dell uso di sostanze

Dettagli

Mariaconcetta Iasimone

Mariaconcetta Iasimone Istituto Tecnico Industriale Statale E. Majorana Cassino *** Corso Abilitante A034 Elettronica A.S.: 2000/2001 U.D. : Introduzione allo studio degli amplificatori operazionali. Proposta di un piano di

Dettagli

Sezione di PWM e Generatore di D/A Converter.

Sezione di PWM e Generatore di D/A Converter. Corso di BASCOM AVR - (34) Corso Teorico/Pratico di programmazione in BASCOM AVR. Autore: DAMINO Salvatore. Sezione di PWM e Generatore di D/A Converter. La struttura interna dei Mini Moduli è composta

Dettagli

Nota di Copyright. Leonardo Fanelli Urbino - Ottobre 05

Nota di Copyright. Leonardo Fanelli Urbino - Ottobre 05 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito slide) è protetto dalle leggi sul copyright e dalle disposizioni dei trattati internazionali. Il titolo e i copyright relativi alle slides

Dettagli

Corso di orientamento. Indirizzo: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI

Corso di orientamento. Indirizzo: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI M320 ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Corso di orientamento Indirizzo: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI Tema di: ELETTRONICA (Testo valevole per i corsi di ordinamento e per i corsi sperimentali

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO A. SC. 2014 2015 classe III W. Conoscenze, abilità e competenze. Conoscere:

PROGRAMMA SVOLTO A. SC. 2014 2015 classe III W. Conoscenze, abilità e competenze. Conoscere: Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sardegna ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE BUCCARI MARCONI Indirizzi: Trasporti Marittimi / Apparati ed Impianti

Dettagli

Elettronica per le telecomunicazioni 24/09/2003

Elettronica per le telecomunicazioni 24/09/2003 Contenuto dell unità Inormazioni logistiche e organizzative pplicazione di rierimento caratteristiche e tipologie di moduli Circuiti con operazionali reazionati ampliicatori C iltri mpliicatori con transistori

Dettagli

Struttura Analizzatore di Reti

Struttura Analizzatore di Reti ANALZZATOE D ET truttura Analizzatore di eti test generazione DUT incidente riflesso trasmesso rivelazione visualizzazione e controllo ezione di Generazione Oscillatori spazzolati Oscillatori sintetizzati

Dettagli

L esperienza di Hertz sulle onde elettromagnetiche

L esperienza di Hertz sulle onde elettromagnetiche L esperienza di Hertz sulle onde elettromagnetiche INTRODUZIONE Heinrich Hertz (1857-1894) nel 1886 riuscì per la prima volta a produrre e a rivelare le onde elettromagnetiche di cui Maxwell aveva previsto

Dettagli

Analisi dei segnali. Strumenti per l'analisi dei segnali: Distorsiometro. Analizzatore d'onda. Analizzatore di spettro. Analizzatore d'onda.

Analisi dei segnali. Strumenti per l'analisi dei segnali: Distorsiometro. Analizzatore d'onda. Analizzatore di spettro. Analizzatore d'onda. Analisi dei segnali. Dominio del tempo e della frequenza. Teorema di Fourier e analisi armonica. Spettro di un segnale. Spettro di forme d'onda elementari. Spettro di un impulso. Spettro di segnali non

Dettagli

E possibile classificazione i trasduttori in base a diversi criteri, ad esempio: Criterio Trasduttori Caratteristiche

E possibile classificazione i trasduttori in base a diversi criteri, ad esempio: Criterio Trasduttori Caratteristiche PREMESSA In questa lezione verranno illustrate la classificazione delle diverse tipologie di trasduttori utilizzati nei sistemi di controllo industriali ed i loro parametri caratteristici. CLASSIFICAZIONE

Dettagli

Università degli studi di Lecce

Università degli studi di Lecce Università degli studi di Lecce Facoltà di Ingegneria Informatica Corso Nettuno Progetto di un potenziometro digitale Studente: Tridici Daniele Progetto di un potenziometro digitale Descrizione generale

Dettagli

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE NOTE PER IL TECNICO ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE da BRUEL & KJAER Le cosiddette «application notes» pubblicate a cura della Bruel & Kjaer, nota Fabbrica danese specializzata

Dettagli

Prof. Antonino Cucinotta LABORATORIO DI ELETTRONICA CIRCUITI RADDRIZZATORI

Prof. Antonino Cucinotta LABORATORIO DI ELETTRONICA CIRCUITI RADDRIZZATORI Materiale e strumenti: Prof. Antonino Cucinotta LABORATORIO DI ELETTRONICA CIRCUITI RADDRIZZATORI -Diodo raddrizzatore 1N4001 (50 V 1A) -Ponte raddrizzatore da 50 V 1 A -Condensatori elettrolitici da 1000

Dettagli

Tutori: Giovanni Corradi e Paolo Ciambrone. 1. Analisi nel dominio della frequenza

Tutori: Giovanni Corradi e Paolo Ciambrone. 1. Analisi nel dominio della frequenza INDICE: Filtri RC e CR 1. Analisi nel dominio della frequenza 1.1. Filtro PASSA BASSO 1.2. Filtro PASSA ALTO 1.3. Filtro PASSA ALTO + PASSA BASSO 1.4. Filtri PASSA BASSO IN CASCATA 2. Analisi nel dominio

Dettagli

P5 CONVERSIONE DI FREQUENZA. RICEVITORI SUPERETERODINA. PLL.

P5 CONVERSIONE DI FREQUENZA. RICEVITORI SUPERETERODINA. PLL. P5 CONVERSIONE DI REQUENZA. RICEVITORI SUPERETERODINA. P. P5. Un segnale modulato in ampiezza con portante e banda di modulazione B=9 khz centrata su, deve essere convertito in frequenza su una portante

Dettagli

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Circuiti Elettrici Corrente elettrica Legge di Ohm Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Leggi di Kirchhoff Elementi di circuito: voltmetri, amperometri, condensatori

Dettagli

Norme di rappresentazione grafica di reti e impianti elettrici. Classificazione dei materiali d interesse in relazione alle proprietà elettriche

Norme di rappresentazione grafica di reti e impianti elettrici. Classificazione dei materiali d interesse in relazione alle proprietà elettriche IPIA PLANA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 SEDE PROGRAMMA DI TECNOLOGIE ELETTRICO-ELETTRONICHE E APPLICAZIONI CLASSE 3A MANUTENTORI E ASSISTENZA TECNICA PROF S. SECCIA CONTENUTI Norme di rappresentazione grafica

Dettagli

Curve di risonanza di un circuito

Curve di risonanza di un circuito Zuccarello Francesco Laboratorio di Fisica II Curve di risonanza di un circuito I [ma] 9 8 7 6 5 4 3 0 C = 00 nf 0 5 0 5 w [KHz] RLC - Serie A.A.003-004 Indice Introduzione pag. 3 Presupposti Teorici 5

Dettagli

Gli attuatori. Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo

Gli attuatori. Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo Gli attuatori Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo ATTUATORI Definizione: in una catena di controllo automatico l attuatore è il dispositivo che riceve

Dettagli

T3 CIRCUITI RISONANTI E AMPLIFICATORI SELETTIVI

T3 CIRCUITI RISONANTI E AMPLIFICATORI SELETTIVI T3 CICUITI ISONANTI E AMPLIFICATOI SELETTIVI T3. Il fattore di merito di una bobina è misurato in: [a] henry. [b] ohm... [c] è adimensionale.. T3. Il fattore di perdita di un condensatore è misurato in:

Dettagli

Elettronica per le telecomunicazioni

Elettronica per le telecomunicazioni POLITECNICO DI TORINO Elettronica per le telecomunicazioni Relazione di laboratorio Gruppo: A08 Antona Maria Gabriella Matricola: 482 Degno Angela Rita Matricola: 4855 Fiandrino Claudio Matricola: 38436

Dettagli

Laboratorio di Fisica VI

Laboratorio di Fisica VI Laboratorio di Fisica VI 1 Circuiti con transistor: strutture base Relazione Gruppo... 1.1 Avvertenza Quest esercitazione si propone di dare un idea delle caratteristiche basilari del transistor. La maggior

Dettagli