ELETTRONICA II. Circuiti misti analogici e digitali 2. Riferimenti al testo. Prof. Dante Del Corso - Politecnico di Torino

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ELETTRONICA II. Circuiti misti analogici e digitali 2. Riferimenti al testo. Prof. Dante Del Corso - Politecnico di Torino"

Transcript

1 ELETTRONICA II Circuiti misti analogici e digitali 2 Prof. Dante Del Corso - Politecnico di Torino Parte E: Circuiti misti analogici e digitali Lezione n E - 2: Oscillatori e generatori di segnale Generatori quadro-triangolo Oscillatori e generatori di segnale Segnali binari; definizioni Generatore di onda quadra e triangolare Esperimento di laboratorio Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n /05/2009 Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n /05/2009 Riferimenti al testo Millman-Grabel: Cap. 15: Waveform generation and shaping 15.10: Square wave and triangle generators 15.11: Pulse generators Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n. ## - // Page 40 Page 41

2 Oscillatori, generatori di segnale Generano un segnale con parametri noti: Forma (sinusoide, quadro, impulsi,..) Ampiezza Frequenza/periodo Oscillatori sinusoidali Tipi di oscillatori Generatori quadri/triangolo, formatori di funzione Generatori di onda quadra e di impulsi Oscillatori a quarzo (per applicazioni digitali) OSCILLATORE Oscillatori controllati in tensione/corrente Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n /05/2009 Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n /05/2009 Un generatore di segnale o oscillatore è un blocco funzionale che genera segnali con caratteristiche note Quando il segnale generato è sinusoidale si preferisce il termine oscillatore. Gli oscillatori sinusoidali sono giá stati descritti nel corso di Elettronica I (lezione 28). In questo corso vedremo alcuni tipi di generatori di segnale a onda quadra, triangolare, e impulsiva. Page 42 Page 43

3 Oscillatori sinusoidali Presentati in Elettronica I, lezione 28 Obbiettivi: precisione della frequenza stabilitá bassa distorsione Amplificatore con reazione positiva; elemento risonante. Segnale binario Segnali a onda quadra V H V L T H Parametri: Livelli: V H,V L Periodo: T Frequenza: f = 1/T Duty Cycle: DC = T H /T T L T Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n /05/2009 Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n /05/2009 Circuiti misti analogici e digitali 2 Il cartello presenta un esempio di segnale binario. I termini V H e V L indicano i due stati alto e basso del segnale; possono coincidere con i livelli V OL e V OH visti per le porte logiche, o con le tensioni di saturazione inferiore e superiore di un amplificatore operazionale. Oscillatori e generatori di segnale Segnali binari; definizioni Generatore di onda quadra e triangolare Esperimento di laboratorio I parametri di un segnale a onda quadra sono quattro: due ampiezze V H e V L e due tempi T H e T L. Possono essere espressi anche come periodo/frequenza e duty cycle. Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n. ## - // Page 44 Page 45

4 Definizioni Se T L = T H (DC del 50 %), si ottiene una ONDA QUADRA Segnali impulsivi W A Se T L >< T H (DC qualsiasi), si ottiene una ONDA RETTANGOLARE (IMPULSI) T Parametri: Ampiezza: A Larghezza: W Periodo: T (Frequenza, Duty Cycle) Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n /05/2009 Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n /05/2009 A seconda del duty cycle il segnale prende nomi diversi. Nel caso di segnali impulsivi i parametri sono: altezza larghezza cadenza di ripetizione Circuiti misti analogici e digitali 2 Oscillatori e generatori di segnale Segnali binari; definizioni Generatore di onda quadra e triangolare Esperimento di laboratorio Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n. ## - // Page 46 Page 47

5 Onda triangolare da onda quadra Onda quadra da onda triangolare VC I C R - + C V T V S1 V S2 + (V S1, V S2 ) t Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n /05/2009 Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n /05/2009 Questo circuito genera un onda triangolare integrando un onda quadra. L integratore è formato da un amplificatore operazionale con un condensatore in reazione. La corrente che circola nella resistenza R va a caricare il condensatore C. Per livello di ingresso costante (cioe durante un semiperiodo dell onda quadra), l uscita è una rampa lineare. Questo circuito permette di ricavare un onda quadra inviando all ingresso di un comparatore un onda triangolare di ampiezza tale da attraversare le soglie. Per tensioni di ingresso positive la corrente di ingresso carica il condensatore con il positivo verso sinistra; la rampa in uscita è in discesa. Viceversa per tensioni negative. Nei due semiperiodi dell onda quadra vengono generate due rampe in salita e discesa, che formano il segnale triangolare. Page 48 Page 49

6 Oscillatore quadro-triangolo Oscillatore quadro-triangolo V C I C R Il condensatore viene caricato a corrente costante (circuito integratore con AO) - + C V T + (V S1, V S2 ) La tensione sul condensatore e un segnale triangolare a tratti lineari V T = -V C = -I C t /C I C = /R V S1 V S1 V S2 V S2 Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n /05/2009 Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n /05/2009 Combinando i due circuiti in un anello si ottiene l oscillatore quadro-triangolo. L onda quadra è portata all ingresso di un integratore che la trasforma in triangolare; l onda triangolare va al comparatore che a sua volta genera l onda quadra. Questo circuito è comunemente usato come generatore di segnale quadro e triangolare. Analizziamo il circuito per determinare quantitativamente il valore dei vari parametri. Il tempo necessario perché il segnale triangolare si porti da V S2 a V S1 si puó calcolare dal valore del condensatore e dalla corrente di carica. L intervallo tra le soglie è pari all isteresi introdotta nel comparatore. Nota: facendo transitare l onda triangolare attraverso un modulo con funzione di trasferimento non-lineare opportuna si possono ottenere anche segnali sinusoidali. La procedura di calcolo per determinare la durata di un semiperiodo è indicata nel cartello successivo; il periodo complessivo si ottiene come somma dei due semiperiodi. Page 50 Page 51

7 Calcolo del periodo Variazione della frequenza V T = -V C = -I C t /C; I C = /R I C V S2 - V S1 = (H /R T 1 )/C T 1 = C(V S2 - V S1 ) R/H V C T 1 H V S2 V C - + C V T R + (V S1, V S2 ) V S1 V S1 L V S2 Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n /05/2009 Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n /05/2009 Variazione della frequenza Variazione della costante di tempo dell integratore (R, C) Variazione della corrente che carica il condensatore (R, ) Variazione dell isteresi V S1 - V S2 (ampiezza dell onda triangolare) Per variare la frequenza possiamo: variare C (ma è scomodo), variare R, variare la percentuale della riportata all ingresso dell integratore, o l intervallo tra le due soglie. É anche possibile variare il duty cycle, introducendo una asimmetria nella carica e scarica del condensatore. La asimmetria si ottiene con i circuiti riportati nei cartelli successivi: i due diodi fanno transitare la corrente che carica e scarica il condensatore dell integratore su rami con resistenze diverse. La durata di ciascun semiperiodo è proporzionale alla resistenza inserita all ingresso dell integratore. Se la variazione di queste resistenze avviene, in modo da mantenere la somma costante come indicato nel secondo cartello, variano i singoli semiperiodi ma la somma (e quindi la frequenza) rimane costante. Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n. ## - // Page 52 Page 53

8 Variazione del duty cycle Variazione di parametri tra i due semiperiodi asimmetria di H rispetto a L sdoppiamento di R (diodi) - C Circuiti misti analogici e digitali 2 Oscillatori e generatori di segnale Segnali binari; definizioni Generatore di onda quadra e triangolare Esperimento di laboratorio + V T Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n /05/2009 Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n /05/2009 Variazione DC a frequenza costante Variazione dei due semiperiodi mantenendo costante la somma R A + R B - C R A R B Esperienza di laboratorio Generatore di onda quadra e triangolare Definizione delle specifiche Progetto (esercitazione) Verifica sperimentale delle caratteristiche + V T Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n. ## - // Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n. ## - // Page 54 Page 55

9 Specifiche di progetto Circuito usato nel laboratorio Frequenza: Hz Ampiezza onda triangolare: > 8 V PP Valor medio onda triangolare: - 4 V V Duty Cycle: % Amplificatore Operazionale: µa 747 Alimentazione: +15 V, -15 V D 1,D 2 P 3 R O C O V T V Q R 1 R 2 +V CC -V CC R 4 P 2 R 5 P 1 R 3 Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n /05/2009 Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n /05/2009 Queste sono le specifiche del generatore di onda quadra e triangolare. Notiamo che alcuni parametri sono variabili, ad esempio frequenza, duty cycle e valor medio dell onda triangolare. La specifica sull ampiezza dell onda triangolare è data in forma di disuguaglianza; per ottenere valori precisi sarebbe necessario usare un circuito per stabilizzare a valori noti la tensione di uscita del comparatore. Per variare il valor medio dell onda triangolare si spostano le soglie del comparatore (la differenza rimane inalterata). Dato che l escursione di tensione tra le soglie rimane sempre costante, la frequenza non varia. Verificheremo che anche variando il duty cycle la frequenza rimane costante. Il progetto dettagliato è svolto durante le esercitazioni. Questo è lo schema completo del circuito usato per l esperienza di laboratorio. Il primo operazionale è l integratore; il secondo forma il comparatore di soglia. Il rapporto R 1 /R 2 definisce l ampiezza dell isteresi (cioé l ampiezza picco-picco dell onda triangolare). I tre potenziometri permettono di regolare alcuni parametri: P 1 varia la percentuale di tensione di uscita riportata verso l integratore (cambia la frequenza); P 2 sposta la tensione di riferimento per il comparatore (cambia il valor medio dell onda triangolare); P 3 varia le resistenze nei singoli rami di carica dell integratore senza modificare la somma (varia il duty cycle, mantenendo costante la frequenza). Page 56 Page 57

10 C 0 Elenco componenti 15 nf R kω R 1 47 kω ampiezza onda R kω triangolare R 3 1 kω R 4, R 5 12 kω P 1 10 kω frequenza P 2 10 kω valor medio onda triang. P kω duty cycle Laboratorio Generatore di onda quadra e triangolare Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n /05/2009 Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n /05/2009 Osserviamo che è richiesta una variazione di frequenza su un campo P 1 ed R 1 sono in rapporto 1:10; spostando il cursore il rapporto di partizione varia da 1:1 a 1:11 coprendo la variazione di frequenza richiesta. L ampiezza dell onda triangolare è legata al rapporto R 1 /R 2, che determina l intervallo di isteresi. Variando la V R le soglie si spostano di una stessa quantitá (rimane inalterato l intervallo tre le soglie, e la frequenza non cambia). L esperienza di laboratorio inizia con le misure sul circuito base del generatore, che permette di ottenere un onda triangolare di ampiezza, frequenza, e duty-cycle costanti. Il circuito è progettato secondo le specifiche prima indicate: frequenza di oscillazione di 500 Hz, valor medio dell onda triangolare nullo, ampiezza dell onda triangolare di circa 8 Vpp. Il rapporto tra P 3 ed R O va dimensionato in base al campo di variazione richiesto per il duty cycle. Il cartello riporta il valore dei componenti per un circuito progettato secondo le specifiche prima indicate. Page 58 Page 59

11 Generatore onda triangolare-quadra Variazione frequenza R O 100kΩ C O 15nF V T R 1 47kΩ R 2 150kΩ V Q R O 100kΩ C O 15nF V T R 1 R 2 V Q P 1 10kΩ R 3 1kΩ Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n /05/2009 Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n /05/2009 I dati di progetto vengono verificati con l oscilloscopio, i cui due canali sono posti sui segnali VT e VQ. I dati misurati sono: Frequenza: 500 Hz Ampiezza onda triangolare: 8.3 V Valor medio onda triangolare: 0 V La precisione delle misure dipende principalmente dalla precisione dell oscilloscopio. L errore commesso è dell ordine di ±5% sia sulla frequenza, sia sulle ampiezze. L ampiezza misurata per l onda triangolare è leggermente superiore rispetto a quanto progettato. Ciò soprattutto perché nella progettazione dei valori di soglia del comparatore si era considerato come valore di VOH e VOL dell amplificatore operazionale il limite inferiore (valore minimo) indicato sulle caratteristiche del componente. Il valore reale è in questo caso decisamente più alto e ciò causa l imprecisione sulle soglie. L esperienza prosegue aggiungendo i componenti necessari a variare la frequenza dell onda generata. Notare che potenziometro e resistenza R3 collegati all uscita del comparatore di soglia, formano un circuito con impedenza equivalente almeno 20 volte inferiore alla resistenza RO. Questo permette di avere una buona linearità nella variazione di frequenza in funzione della posizione del potenziometro (il carico sul partitore è minimo). I nuovi valori di frequenza misurati con l oscilloscopio sono: Frequenza massima: 500Hz Frequenza minima: 44.3Hz il rapporto tra le due frequenze è di Questi risultati sono in accordo con la teoria: con i valori utilizzati il rapporto tra la frequenza massima e la minima dovrebbe essere di circa 11. Page 60 Page 61

12 Variazione offset onda triangolare Variazione duty-cycle R O C O V T V Q R 1 R 2 D 1,D 2 1N4148 R O 47kΩ C O V T V Q R 1 R 2 R 4 +V CC -V CC P 2 R 5 12kΩ 12kΩ 10kΩ P 1 R 3 P 3 100kΩ +V CC -V CC R 4 P 2 R 5 P 1 R 3 Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n /05/2009 Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n /05/2009 Il passo successivo consiste nell aggiungere la possibilità di variare il valor medio dell onda triangolare in uscita. La variazione deve essere di almeno ±4V, tale cioè da portare l onda generata ad essere tutta positiva o tutta negativa. Mediante l oscilloscopio si osserva che tale condizione è verificata, anzi la variazione è leggermente superiore. La variazione massima del valor medio misurata è pari a ±5.2V. Nota: nelle specifiche presentate durante la lezione si parla erroneamente di variazione del valor medio di ±2 V; il valore effettivo per il quale è stato eseguito il progetto è di ±4 V. L ultima modifica consiste nell aggiungere i componenti necessari a variare il duty-cycle delle onde generate. Mediante l oscilloscopio si verifica dapprima che questa aggiunta non porta variazioni nella frequenza di uscita del circuito. Il controllo viene eseguito portandosi alla frequenza massima, con potenziometro P3 a metà della corsa, e misurando il periodo dell onda quadra, che risulta di 1.99 ms. In seguito si sposta il potenziometro P3 ai due estremi della corsa, misurando di nuovo la frequenza ed il duty cycle. In un estremo si trova: periodo: 1.97ms duty cycle: 75% All altro estremo: periodo: 2.11ms duty cycle: 25% Page 62 Page 63

13 ELETTRONICA II Prof. Dante Del Corso - Politecnico di Torino Parte E: Circuiti misti analogici e digitali Lezione n E - 3: Generatore di onda quadra e impulsi Interfacciamento con circuiti logici Circuiti misti analogici e digitali 3 Generatore di onda quadra Generatore di impulsi Generatore controllato in frequenza Interfacciamento con circuiti logici Circuiti di protezione per gli ingressi Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n /05/2009 Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n /05/2009 Riferimenti al testo Millman-Grabel: Cap. 15: Waveform generation and shaping 15.10: Square-wave and triangular-wave generators 15.11: Pulse generators Nicoud: Cap. 3: Sistemi sequenziali 3.1.1: Oscillatori Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n. ## - // Page 64 Page 65

14 Oscillatore a onda quadra Calcolo del periodo C V C R _ (V S1, V S2 ) Carica e scarica di un condensatore H V S2 V S1 L T V C t V C V S2 V S1 V C = L - (L - V S2 ) e -t/rc V C = V S1 = L - (L - V S2 ) e -T/RC L T = RC log [(L - V S2 )/(L - V S1 )] Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n /05/2009 Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n /05/2009 Il circuito generatore di onda quadra è basato su un comparatore invertente con isteresi. La reazione riporta la tensione di uscita verso il condensatore presente sull ingresso. Il condensatore si carica esponenzialmente verso H o L. Quando la tensione V C raggiunge una delle soglie V S1 o V S2 il comparatore cambia stato. Nel diagramma la tensione sale verso H fino a V S2 : raggiunta V S2 l uscita cambia stato e la tensione sul condensatore tende a L (ma puo raggiungere solo V S1 ) e cosí via. Questa è la relazione che esprime l andamento della tensione V C. Per calcolare ciascun semiperiodo si scrive l espressione della tensione V C, si eguaglia V C a V S1 o V S2, e si risolve l equazione in t. Nel cartello il calcolo è svolto per il semiperiodo corrispondente all esponenziale in discesa. Il periodo totale è la somma dei due semiperiodi; il suo inverso è la frequenza di oscillazione. Abbiamo cosí verificato che questo circuito è un generatore di onda quadra. Il segnale sul condensatore è formato da tratti di esponenziale (è un onda quasi triangolare, a tratti curvi). Page 66 Page 67

15 Variazione della frequenza variazione di C o di R variazione dell isteresi o della R Variazione del duty cycle Variazione di parametri tra i due semiperiodi variazione di H rispetto a L sdoppiamento di R (diodi) _ V C (V S1, V S2 ) _ C (V S1, V S2 ) Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n /05/2009 Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n /05/2009 Questo cartello indica come variare la frequenza del generatore: variando C (scomodo) variando R variando la tensione verso cui viene caricato il condensatore (partitore sull uscita) variando l isteresi Analogamente a quanto visto per il generatore quadrotriangolo della lezione precedente, per variare il duty cycle si deve introdurre una asimmetria tra i due periodi di carica e scarica il condensatore. Le possibilitá sono: progettare il comparatore in modo da avere livelli asimmetrici della tensione di uscita mantenere separati i rami di carica e scarica (diodo e resistenza, come nel cartello) Page 68 Page 69

16 Differenze rispetto a quadro/triangolo Generatori di segnale a ritardo La reazione complessiva e negativa I U L anello comprende un comparatore e un ritardo ottenuto con la carica/scarica di un condensatore T f ~ 1/2T Q-T: carica lineare (integratore attivo) Q: carica esponenziale (resistenza) I U T T Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n /05/2009 Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n /05/2009 Nel circuito del generatore quadro-triangolo l anello comprende un comparatore non invertente e un integratore invertente. Nel circuito visto in questa lezione l anello comprende un comparatore invertente e un integratore non invertente (la rete RC). In entrambi i casi la reazione complessiva è negativa. L insieme integratore-comparatore con isteresi forma un elemento di ritardo (carica e scarica di un condensatore entro un intervallo di tensione predefinito). Questo è uno schema funzionale valido per entrambi i generatori. L inversione è indicata dal pallino (collocato sull uscita del comparatore). Il ritardo è indicato dall ovale (durata T). Ogni variazione nel punto I (ingresso) viene riportata all uscita U con inversione, e ogni variazione in uscita viene riportata all ingresso con ritardo T. Questo determina una nuova variazione in uscita, e mantiene le oscillazioni. Il ritardo totale nell anello è la somma del ritardo T e del ritardo del comparatore; la frequenza di oscillazione va determinata sommando il ritardo totale dei due semiperiodi. Nota: per rappresentare piú correttamente il generatore quadrotriangolo, il pallino di inversione dovrebbe essere collocato sull elemento di ritardo (l integratore). Nulla comunque cambia considerando l anello nel suo complesso. Page 70 Page 71

17 Circuiti misti analogici e digitali 3 Generatore di onda quadra Generatore di impulsi Generatore controllato in frequenza Interfacciamento con circuiti logici Circuiti di protezione per gli ingressi C _ (V S1, V S2 ) Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n /05/2009 Generatore di impulsi astabile Genera una sequenza di impulsi (onda rettangolare) Questo schema è una variante del generatore di onda quadra visto in precedenza. Il percorso di carica del condensatore è sdoppiato. Con forte asimmetria tra i due rami si ottengono impulsi stretti rispetto al periodo. In questa condizione, una delle resistenze controlla la larghezza dell impulso, l altra il periodo (cioé la cadenza di ripetizione). Generatore di onda quadra con duty cycle fortemente sbilanciato Circuito sequenziale con clock Variando una sola delle resistenze si puó variare la frequenza di ripetizione lasciando inalterata la larghezza degli impulsi. Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n. ## - // Page 72 Page 73

18 Generatore controllato da una corrente Esempi di impiego I C C viene caricato da I C e scaricato attraverso R W e costante T (f) dipende da I C Oscillatore con frequenza controllata da una variabile esterna I C da V-R: convertitore V-F I C da fotodiodo: convertitore luce-frequenza C _ (V S1, V S2 ) W T Oscillatori agganciati in fase o frequenza a segnali di riferimento esterni. Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n /05/2009 Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo E - 7 n /05/2009 Questo è un esempio di generatore in cui la frequenza è controllata da una grandezza esterna (corrente I C ). La scarica del condensatore avviene attraverso il gruppo diodo -resistenza (andamento esponenziale con costante di tempo RC). La carica avviene tramite la corrente fornita dal generatore I C ; al variare di I C la carica è piú o meno rapida. Se durante il semiperiodo I C è costante, la carica è lineare. Con questa tecnica si possono realizzare convertitori tensione-frequenza (se la corrente I C è legata ad una tensione di controllo). Se I C proviene da un trasduttore (ad esempio un fotodiodo, in cui la corrente inversa dipende dall illuminamento della zona di giunzione), si ottiene una frequenza di ripetizione degli impulsi proporzionale all illuminamento. Il condensatore è scaricato con costante di tempo fissa, e caricato a corrente variabile. Il segnale di uscita è quindi un onda retttangolare (impulsi) a larghezza W costante (dipende da R), e periodo T variabile (dipende da I C ). Con correnti forti gli impulsi sono ravvicinati (il condensatore si ricarica in fretta); con correnti basse gli impulsi sono piú distanziati. Page 74 Page 75

Cenni di Elettronica non Lineare

Cenni di Elettronica non Lineare 1 Cenni di Elettronica non Lineare RUOLO DELL ELETTRONICA NON LINEARE La differenza principale tra l elettronica lineare e quella non-lineare risiede nel tipo di informazione che viene elaborata. L elettronica

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

Elettronica delle Telecomunicazioni Esercizi cap 2: Circuiti con Ampl. Oper. 2.1 Analisi di amplificatore AC con Amplificatore Operazionale reale

Elettronica delle Telecomunicazioni Esercizi cap 2: Circuiti con Ampl. Oper. 2.1 Analisi di amplificatore AC con Amplificatore Operazionale reale 2. Analisi di amplificatore AC con Amplificatore Operazionale reale Un amplificatore è realizzato con un LM74, con Ad = 00 db, polo di Ad a 0 Hz. La controreazione determina un guadagno ideale pari a 00.

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

Curve di risonanza di un circuito

Curve di risonanza di un circuito Zuccarello Francesco Laboratorio di Fisica II Curve di risonanza di un circuito I [ma] 9 8 7 6 5 4 3 0 C = 00 nf 0 5 0 5 w [KHz] RLC - Serie A.A.003-004 Indice Introduzione pag. 3 Presupposti Teorici 5

Dettagli

bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non cambiano mai segno

bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non cambiano mai segno Parametri dei segnali periodici I segnali, periodici e non periodici, si suddividono in: bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non

Dettagli

Prof. Antonino Cucinotta LABORATORIO DI ELETTRONICA CIRCUITI RADDRIZZATORI

Prof. Antonino Cucinotta LABORATORIO DI ELETTRONICA CIRCUITI RADDRIZZATORI Materiale e strumenti: Prof. Antonino Cucinotta LABORATORIO DI ELETTRONICA CIRCUITI RADDRIZZATORI -Diodo raddrizzatore 1N4001 (50 V 1A) -Ponte raddrizzatore da 50 V 1 A -Condensatori elettrolitici da 1000

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Valentino Liberali Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano valentino.liberali@unimi.it Elettronica Circuiti nel dominio del tempo 14 aprile 211

Dettagli

Gli attuatori. Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo

Gli attuatori. Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo Gli attuatori Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo ATTUATORI Definizione: in una catena di controllo automatico l attuatore è il dispositivo che riceve

Dettagli

Forma d onda rettangolare non alternativa.

Forma d onda rettangolare non alternativa. Forma d onda rettangolare non alternativa. Lo studio della forma d onda rettangolare è utile, perché consente di conoscere il contenuto armonico di un segnale digitale. FIGURA 33 Forma d onda rettangolare.

Dettagli

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE NOTE PER IL TECNICO ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE da BRUEL & KJAER Le cosiddette «application notes» pubblicate a cura della Bruel & Kjaer, nota Fabbrica danese specializzata

Dettagli

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Circuiti Elettrici Corrente elettrica Legge di Ohm Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Leggi di Kirchhoff Elementi di circuito: voltmetri, amperometri, condensatori

Dettagli

GENERALITA SUI CONVERTITORI DAC E ADC CONVERTITORI DIGITALE-ANALOGICO DAC

GENERALITA SUI CONVERTITORI DAC E ADC CONVERTITORI DIGITALE-ANALOGICO DAC I.T.I. Modesto PANETTI A R I ia Re David, 86-8-54.54. - 75 ARI Fax 8-54.64.3 Internet http://www.itispanetti.it email : ATF5C@istruzione.it Tesina sviluppata dall alunno Antonio Gonnella della classe 5

Dettagli

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA ANDREA USAI Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Andrea Usai (D.I.S. Antonio Ruberti ) Laboratorio di Automatica

Dettagli

Introduzione all elettronica

Introduzione all elettronica Introduzione all elettronica L elettronica nacque agli inizi del 1900 con l invenzione del primo componente elettronico, il diodo (1904) seguito poi dal triodo (1906) i cosiddetti tubi a vuoto. Questa

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione POSIZIONE: Sensori di posizione/velocità Potenziometro Trasformatore Lineare Differenziale (LDT) Encoder VELOCITA Dinamo tachimetrica ACCELERAZIONE Dinamo

Dettagli

Generatori di segnale. Generatore sinusoidale BF. Generatori di funzione. Generatori sinusoidali a RF. Generatori a battimenti. Oscillatori a quarzo

Generatori di segnale. Generatore sinusoidale BF. Generatori di funzione. Generatori sinusoidali a RF. Generatori a battimenti. Oscillatori a quarzo Generatori di segnale Generatore sinusoidale BF Generatori di funzione Generatori sinusoidali a RF Generatori a battimenti Oscillatori a quarzo Generatori per sintesi indiretta 2 2006 Politecnico di Torino

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

Introduzione agli oscilloscopi

Introduzione agli oscilloscopi o s c i l l o s c o p i Indice Introduzione...3 Integrità del segnale Significato dell integrità del segnale..................................4 Perché l integrità del segnale è un problema?...........................4

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

Radioastronomia. Come costruirsi un radiotelescopio

Radioastronomia. Come costruirsi un radiotelescopio Radioastronomia Come costruirsi un radiotelescopio Come posso costruire un radiotelescopio? Non esiste un unica risposta a tale domanda, molti sono i progetti che si possono fare in base al tipo di ricerca

Dettagli

Oscilloscopi serie WaveAce

Oscilloscopi serie WaveAce Oscilloscopi serie WaveAce 60 MHz 300 MHz Il collaudo facile, intelligente ed efficiente GLI STRUMENTI E LE FUNZIONI PER TUTTE LE TUE ESIGENZE DI COLLAUDO CARATTERISTICHE PRINCIPALI Banda analogica da

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

Esercizi e considerazioni pratiche sulla legge di ohm e la potenza

Esercizi e considerazioni pratiche sulla legge di ohm e la potenza Esercizi e considerazioni pratiche sulla legge di ohm e la potenza Come detto precedentemente la legge di ohm lega la tensione e la corrente con un altro parametro detto "resistenza". Di seguito sono presenti

Dettagli

Le misure di energia elettrica

Le misure di energia elettrica Le misure di energia elettrica Ing. Marco Laracca Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell Informazione Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Misure di energia elettrica La misura

Dettagli

GRANDEZZE SINUSOIDALI

GRANDEZZE SINUSOIDALI GRANDEE SINUSOIDALI INDICE -Grandezze variabili. -Grandezze periodiche. 3-Parametri delle grandezze periodiche. 4-Grandezze alternate. 5-Grandezze sinusoidali. 6-Parametri delle grandezze sinusoidali.

Dettagli

1. Diodi. figura 1. figura 2

1. Diodi. figura 1. figura 2 1. Diodi 1.1. Funzionamento 1.1.1. Drogaggio 1.1.2. Campo elettrico di buil-in 1.1.3. Larghezza della zona di svuotamento 1.1.4. Curve caratteristiche Polarizzazione Polarizzazione diretta Polarizzazione

Dettagli

Elementi di analisi delle reti elettriche. Sommario

Elementi di analisi delle reti elettriche. Sommario I.T.I.S. "Antonio Meucci" di Roma Elementi di analisi delle reti elettriche a cura del Prof. Mauro Perotti Anno Scolastico 2009-2010 Sommario 1. Note sulla simbologia...4 2. Il generatore (e l utilizzatore)

Dettagli

LABORATORIO I-A. Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua

LABORATORIO I-A. Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua 1 UNIVERSITÀ DIGENOVA FACOLTÀDISCIENZEM.F.N. LABORATORIO IA Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua Anno Accademico 2001 2002 2 Capitolo 1 Richiami sui fenomeni elettrici Esperienze elementari

Dettagli

Progetto di un alimentatore con Vo = +5 V e Io = 1 A

Progetto di un alimentatore con Vo = +5 V e Io = 1 A Progetto di un alimentatore con o +5 e Io A U LM7805/TO IN OUT S F T 5 4 8 - ~ ~ + + C GND + C + C3 3 R D LED Si presuppongono noti i contenuti dei documenti Ponte di Graetz Circuito raddrizzatore duale

Dettagli

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Cenni Storici (Wikipedia) Jean Baptiste Joseph Fourier ( nato a Auxerre il 21 marzo 1768 e morto a Parigi il 16 maggio 1830 ) è stato un matematico e fisico, ma è conosciuto

Dettagli

VERIFICA DEI PRINCIPI DI KIRCHHOFF, DEL PRINCIPIO DI SOVRAPPOSIZIONE DEGLI EFFETTI, DEL TEOREMA DI MILLMAN

VERIFICA DEI PRINCIPI DI KIRCHHOFF, DEL PRINCIPIO DI SOVRAPPOSIZIONE DEGLI EFFETTI, DEL TEOREMA DI MILLMAN FCA D PNCP D KCHHOFF, DL PNCPO D SOAPPOSZON DGL FFTT, DL TOMA D MLLMAN Un qualunque circuito lineare (in cui agiscono più generatori) può essere risolto applicando i due principi di Kirchhoff e risolvendo

Dettagli

Corso di Informatica Industriale

Corso di Informatica Industriale Corso di Informatica Industriale Prof. Giorgio Buttazzo Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Pavia E-mail: buttazzo@unipv.it Informazioni varie Telefono: 0382-505.755 Email: Dispense:

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA Mod. 6 Applicazioni dei sistemi di controllo 6.2.1 - Generalità 6.2.2 - Scelta del convertitore di frequenza (Inverter) 6.2.3 - Confronto

Dettagli

L OSCILLOSCOPIO. L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei

L OSCILLOSCOPIO. L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei L OSCILLOSCOPIO L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei circuiti elettronici. Nel suo uso abituale esso ci consente di vedere le forme d onda

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE TELECOMUNICAZIONI (TLC) Tele (lontano) Comunicare (inviare informazioni) Comunicare a distanza Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Segnale non elettrico Segnale elettrico TRASMESSO s x (t) Sorgente

Dettagli

L'amplificatore operazionale - principi teorici

L'amplificatore operazionale - principi teorici L'amplificatore operazionale - principi teorici Cos'è? L'amplificatore operazionale è un circuito integrato che produce in uscita una tensione pari alla differenza dei suoi due ingressi moltiplicata per

Dettagli

Appunti di Misure Elettriche Richiami vari Quantità elettriche corrente ampere elettroni

Appunti di Misure Elettriche Richiami vari Quantità elettriche corrente ampere elettroni Appunti di Misure Elettriche Richiami vari QUANTITÀ ELETTRICHE... 1 Corrente... 1 Tensione... 2 Resistenza... 3 Polarità... 3 Potenza... 4 CORRENTE ALTERNATA... 4 Generalità... 4 Valore efficace... 5 Valore

Dettagli

FUNZIONAMENTO DI UN BJT

FUNZIONAMENTO DI UN BJT IL TRANSISTOR BJT Il transistor inventato nel 1947, dai ricercatori Bardeen e Brattain, è il componente simbolo dell elettronica. Ideato in un primo momento, come sostituto delle valvole a vuoto per amplificare

Dettagli

CONTROLLO SCALARE V/Hz DEL MOTORE ASINCRONO. Prof. Silvio Stasi Dott. Ing. Nadia Salvatore Dott. Ing. Michele Debenedictis

CONTROLLO SCALARE V/Hz DEL MOTORE ASINCRONO. Prof. Silvio Stasi Dott. Ing. Nadia Salvatore Dott. Ing. Michele Debenedictis CONTROLLO SCALARE V/Hz DEL MOTORE ASINCRONO SCHEMA DELL AZIONAMENTO A CATENA APERTA AZIONAMENTO L azionamento a catena aperta comprende il motore asincrono e il relativo convertitore statico che riceve

Dettagli

Esperimentatori: Durata dell esperimento: Data di effettuazione: Materiale a disposizione:

Esperimentatori: Durata dell esperimento: Data di effettuazione: Materiale a disposizione: Misura di resistenza con il metodo voltamperometrico. Esperimentatori: Marco Erculiani (n matricola 454922 v.o.) Noro Ivan (n matricola 458656 v.o.) Durata dell esperimento: 3 ore (dalle ore 9:00 alle

Dettagli

Dinamica e Misura delle Vibrazioni

Dinamica e Misura delle Vibrazioni Dinamica e Misura delle Vibrazioni Prof. Giovanni Moschioni Politecnico di Milano, Dipartimento di Meccanica Sezione di Misure e Tecniche Sperimentali giovanni.moschioni@polimi.it VibrazionI 2 Il termine

Dettagli

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA INTRODUZIONE Lo scopo dell esperienza è ricavare le grandezze termodinamiche per la reazione che avviene in una cella galvanica, attraverso misure di f.e.m. effettuate

Dettagli

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO CORRENTE CONTINUA: FENOMENI FISICI E PRINCIPI FONDAMENTALI - Richiami sulle unità di misura e sui sistemi di unità di misura. - Cenni sulla struttura e sulle proprietà elettriche della materia. - Le cariche

Dettagli

LATCH E FLIP-FLOP. Fig. 1 D-latch trasparente per ck=1

LATCH E FLIP-FLOP. Fig. 1 D-latch trasparente per ck=1 LATCH E FLIPFLOP. I latch ed i flipflop sono gli elementi fondamentali per la realizzazione di sistemi sequenziali. In entrambi i circuiti la temporizzazione è affidata ad un opportuno segnale di cadenza

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente Unità G16 - La corrente elettrica continua La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente 1 Lezione 1 - La corrente elettrica

Dettagli

Filtri attivi del primo ordine

Filtri attivi del primo ordine Filtri attivi del primo ordine Una sintesi non esaustiva degli aspetti essenziali (*) per gli allievi della 4 A A T.I.E. 08-09 (pillole per il ripasso dell argomento, da assumere in forti dosi) (*) La

Dettagli

GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI

GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI 1 Nel campo elettrotecnico-elettronico, per indicare una qualsiasi grandezza elettrica si usa molto spesso il termine di segnale. L insieme dei valori istantanei assunti

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA Pagina 1 di 5 COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA AREA DISCIPLINARE : Indirizzo Informatica e Telecomunicazioni, articolazione Informatica.

Dettagli

Deviazione standard delle misure : dove è la varianza e sono gli scarti quadratici

Deviazione standard delle misure : dove è la varianza e sono gli scarti quadratici ELEMENTI DI PROBABILITA Media : migliore stima del valore vero in assenza di altre info. Aumentare il numero di misure permette di approssimare meglio il valor medio e quindi ridurre l influenza degli

Dettagli

Alma Mater Studiorum - Università di Bologna

Alma Mater Studiorum - Università di Bologna Alma Mater Studiorum - Università di Bologna Facoltà di Ingegneria Corso di laurea specialistica in Ingegneria Elettrica AZIONAMENTI ELETTRICI ANALISI E SIMULAZIONE DI UN CONVERTITORE A TRE LIVELLI PER

Dettagli

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO Fisica generale, a.a. /4 TUTOATO 8: ALO EFFC &CCUT N A.C. ALOE EFFCE DEL OLTAGGO 8.. La leura con un mulimero digiale del volaggio ai morsei di un generaore fornisce + in coninua e 5.5 in alernaa. Tra

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

Protezione dai contatti indiretti

Protezione dai contatti indiretti Protezione dai contatti indiretti Se una persona entra in contatto contemporaneamente con due parti di un impianto a potenziale diverso si trova sottoposto ad una tensione che può essere pericolosa. l

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Technical Support Bulletin No. 15 Problemi Strumentazione

Technical Support Bulletin No. 15 Problemi Strumentazione Technical Support Bulletin No. 15 Problemi Strumentazione Sommario! Introduzione! Risoluzione dei problemi di lettura/visualizzazione! Risoluzione dei problemi sugli ingressi digitali! Risoluzione di problemi

Dettagli

Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08. Alberto Perotti, Roberto Garello

Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08. Alberto Perotti, Roberto Garello Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08 Alberto Perotti, Roberto Garello DELEN-DAUIN Processi casuali Sono modelli probabilistici

Dettagli

Dispensa sulle funzioni trigonometriche

Dispensa sulle funzioni trigonometriche Sapienza Universita di Roma Dipartimento di Scienze di Base e Applicate per l Ingegneria Sezione di Matematica Dispensa sulle funzioni trigonometriche Paola Loreti e Cristina Pocci A. A. 00-0 Dispensa

Dettagli

Appunti di. Misure elettroniche Prof. Ferrero Andrea Pierenrico. Fiandrino Claudio

Appunti di. Misure elettroniche Prof. Ferrero Andrea Pierenrico. Fiandrino Claudio Appunti di Misure elettroniche Prof. Ferrero Andrea Pierenrico Fiandrino Claudio 8 luglio 2009 1 Indice 1 Incertezze 4 1.1 Nozioni di metrologia....................... 4 1.2 Tipi di incertezze.........................

Dettagli

Apprendimento dei concetti relativi alle misure dirette, indirette ed alla propagazione degli errori

Apprendimento dei concetti relativi alle misure dirette, indirette ed alla propagazione degli errori U n i v e r s i t à d e g l i S t u d i d i U d i n e - Facoltà di Ingegneria Laboratorio di Fisica Generale 1 1 Il sistema massa-molla: Apprendimento dei concetti relativi alle misure dirette, indirette

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

Introduzione. Classificazione delle non linearità

Introduzione. Classificazione delle non linearità Introduzione Accade spesso di dover studiare un sistema di controllo in cui sono presenti sottosistemi non lineari. Alcuni di tali sottosistemi sono descritti da equazioni differenziali non lineari, ad

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Programmazione Modulare

Programmazione Modulare Indirizzo: BIENNIO Programmazione Modulare Disciplina: FISICA Classe: 2 a D Ore settimanali previste: (2 ore Teoria 1 ora Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso alla PARTE D: Effetti delle forze. Scomposizione

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Laboratorio di Elettrotecnica

Laboratorio di Elettrotecnica 1 Laboratorio di Elettrotecnica Rappresentazione armonica dei Segnali Prof. Pietro Burrascano - Università degli Studi di Perugia Polo Scientifico Didattico di Terni 2 SEGNALI: ANDAMENTI ( NEL TEMPO, NELLO

Dettagli

FILTRI PASSIVI. Un filtro elettronico seleziona i segnali in ingresso in base alla frequenza.

FILTRI PASSIVI. Un filtro elettronico seleziona i segnali in ingresso in base alla frequenza. FILTRI PASSIVI Un filtro è un sistema dotato di ingresso e uscita in grado di operare una trasmissione selezionata di ciò che viene ad esso applicato. Un filtro elettronico seleziona i segnali in ingresso

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA

LA CORRENTE ELETTRICA L CORRENTE ELETTRIC H P h Prima che si raggiunga l equilibrio c è un intervallo di tempo dove il livello del fluido non è uguale. Il verso del movimento del fluido va dal vaso a livello maggiore () verso

Dettagli

COMPLESSO xxxxxxxxxxx

COMPLESSO xxxxxxxxxxx PROVE DI CARICO SU PALI E INDAGINI SIT COMPLESSO xxxxxxxxxxx xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx PROVE N 131/132/133/134/135 /FI 8, 9, 10, 11 Giugno 2009 Committente: Direttore Lavori: Relatore: xxxxxxxxxxxxxxxx

Dettagli

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.)

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.) Macchine elettriche parte Macchine elettriche Generalità Definizioni Molto spesso le forme di energia in natura non sono direttamente utilizzabili, ma occorre fare delle conversioni. Un qualunque sistema

Dettagli

Corrente elettrica (regime stazionario)

Corrente elettrica (regime stazionario) Corrente elettrica (regime stazionario) Metalli Corrente elettrica Legge di Ohm Resistori Collegamento di resistori Generatori di forza elettromotrice Metalli Struttura cristallina: ripetizione di unita`

Dettagli

DE e DTE: PROVA SCRITTA DEL 26 Gennaio 2015

DE e DTE: PROVA SCRITTA DEL 26 Gennaio 2015 DE e DTE: PROVA SCRITTA DEL 26 Gennaio 2015 ESERCIZIO 1 (DE,DTE) Un transistore bipolare n + pn con N Abase = N Dcollettore = 10 16 cm 3, µ n = 0.09 m 2 /Vs, µ p = 0.035 m 2 /Vs, τ n = τ p = 10 6 s, S=1

Dettagli

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA Prerequisiti - Impiego di Multipli e Sottomultipli nelle equazioni - Equazioni lineari di primo grado e capacità di ricavare le formule inverse - nozioni base di fisica

Dettagli

Convessità e derivabilità

Convessità e derivabilità Convessità e derivabilità Definizione 1 (convessità per funzioni derivabili) Sia f : (a, b) R derivabile su (a, b). Diremo che f è convessa o concava su (a, b) se per ogni 0 (a,b) il grafico di f sta tutto

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento.

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. 1 IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. Quando un corpo è in movimento? Osservando la figura precedente appare chiaro che ELISA è ferma rispetto a DAVIDE, che è insieme a lei sul treno; mentre

Dettagli

Compito di SISTEMI E MODELLI. 19 Febbraio 2015

Compito di SISTEMI E MODELLI. 19 Febbraio 2015 Compito di SISTEMI E MODELLI 9 Febbraio 5 Non é ammessa la consultazione di libri o quaderni. Le risposte vanno giustificate. Saranno rilevanti per la valutazione anche l ordine e la chiarezza di esposizione.

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE Le apparecchiature di questa serie, sono frutto di una lunga esperienza maturata nel settore dei gruppi di continuità oltre che in questo specifico. La tecnologia on-line doppia conversione, assicura la

Dettagli

RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI. Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997

RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI. Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997 1 RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997 Numeri Binari 2 Sistemi di Numerazione Il valore di un numero può essere espresso con diverse rappresentazioni. non posizionali:

Dettagli

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito.

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito. INTEGRALI DEFINITI Sia nel campo scientifico che in quello tecnico si presentano spesso situazioni per affrontare le quali è necessario ricorrere al calcolo dell integrale definito. Vi sono infatti svariati

Dettagli

CONOSCERE I TRANSISTOR

CONOSCERE I TRANSISTOR ONOSR I TRANSISTOR Il transistor è il nome di un semiconduttore utilizzato in elettronica per amplificare qualsiasi tipo di segnale elettrico, cioè dalla assa Frequenza alla Radio Frequenza. Per quanti

Dettagli

Applicazione dei sistemi di accumulo elettrici in ambito industriale

Applicazione dei sistemi di accumulo elettrici in ambito industriale Applicazione dei sistemi di accumulo elettrici in ambito industriale D. Iannuzzi, E. Pagano, P. Tricoli Report RSE/2009/46 Ente per le Nuove tecnologie, l Energia e l Ambiente RICERCA SISTEMA ELETTRICO

Dettagli

Elettronica Analogica. Luxx Luca Carabetta. Nello studio dell elettronica analogica ci serviamo di alcune grandezze:

Elettronica Analogica. Luxx Luca Carabetta. Nello studio dell elettronica analogica ci serviamo di alcune grandezze: Grandezze elettriche Serie e Parallelo Legge di Ohm, Principi di Kirchhoff Elettronica Analogica Luxx Luca Carabetta Premessa L elettronica Analogica, si appoggia su segnali che possono avere infiniti

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

DALLA TEORIA ALLA PRATICA

DALLA TEORIA ALLA PRATICA DALLA TEORIA ALLA PRATICA Comunicare a distanza: il telefono a filo La prima esperienza di telecomunicazione (dal greco tele = distante) si realizza con due piccoli contenitori di plastica, cartone o metallo,

Dettagli

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Motori Elettrici Principi fisici Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Legge di Biot-Savart: un conduttore percorso da corrente di intensità

Dettagli

LA LEGGE DI OHM La verifica sperimentale della legge di Ohm

LA LEGGE DI OHM La verifica sperimentale della legge di Ohm Laboratorio di.... Scheda n. 2 Livello: Base A.S.... Classe. NOME..... DATA... Prof.... LA LEGGE D OHM La verifica sperimentale della legge di Ohm Conoscenze - Conoscere la legge di Ohm - Conoscere lo

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

Onde e suono. Roberto Cirio. Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Anno accademico 2007 2008 Corso di Fisica

Onde e suono. Roberto Cirio. Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Anno accademico 2007 2008 Corso di Fisica Onde e suono Roberto Cirio Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Anno accademico 2007 2008 Corso di Fisica La lezione di oggi Oscillazioni e onde Sovrapposizione di onde L orecchio Fisica

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

1. Determinazione del valore di una resistenza mediante misura voltamperometrica

1. Determinazione del valore di una resistenza mediante misura voltamperometrica 1. Determinazione del valore di una resistenza mediante misura voltamperometrica in corrente continua Si hanno a disposizione : 1 alimentatore di potenza in corrente continua PS 2 multimetri digitali 1

Dettagli

COME predisporre l'oscilloscopio

COME predisporre l'oscilloscopio Se vi chiedessimo quale tipo di strumento sia necessario per misurare una frequenza, tutti istintivamente rispondereste: un ''frequenzimetro digitale". Pochi infatti sanno che questa misura si può eseguire

Dettagli

DATA: 20/02/2014 DOC.MII11166 REV. 2.21 GUIDA APPLICATIVA PER L ANALIZZATORE DI INTERRUTTORI E MICRO-OHMMETRO MOD. CBA 1000

DATA: 20/02/2014 DOC.MII11166 REV. 2.21 GUIDA APPLICATIVA PER L ANALIZZATORE DI INTERRUTTORI E MICRO-OHMMETRO MOD. CBA 1000 DATA: 20/02/2014 DOC.MII11166 REV. 2.21 GUIDA APPLICATIVA PER L ANALIZZATORE DI INTERRUTTORI E MICRO-OHMMETRO MOD. CBA 1000 Doc. MII11166 Rev. 2.21 Pag. 2 di 138 REVISIONI SOMMARIO VISTO N PAGINE DATA

Dettagli

Esposizioni in condizioni complesse. Gian Marco Contessa grazie a Rosaria Falsaperla gianmarco.contessa@ispesl.it

Esposizioni in condizioni complesse. Gian Marco Contessa grazie a Rosaria Falsaperla gianmarco.contessa@ispesl.it Esposizioni in condizioni complesse Gian Marco Contessa grazie a Rosaria Falsaperla gianmarco.contessa@ispesl.it Valutazione dell esposizione a CEM La valutazione pratica dell esposizione ai campi elettrici

Dettagli