ACC DI BOLOGNA REQUISITI FUNZIONALI DI LOGICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ACC DI BOLOGNA REQUISITI FUNZIONALI DI LOGICA"

Transcript

1

2 2 di 71 REVISIONE B : ELENCO CAPITOLI MODIFICATI / ELIMINATI / AGGIUNTI Capitoli modificati (numerazione riferita alla revisione A): Capitolo 1 Deviatoio o scarpa fermacarri (con manovra elettrica) Precisati interventi temporizzazione manovra. Precisato che la funzionalità di comando della manovra deviatoio temporizzata (100 ) non sarà attiva nella prima configurazione dell impianto. Capitolo 3 - Elettromagnete di intallonabilità Precisato che la diseccitazione elettromagnete non è legata all aspetto del segnalamento Capitolo 5 Segnale Precisato che l esclusione comprende anche l indicatore di direzione. Capitolo 12 Chiusura segnali generale Precisato che la chiusura agisce anche sui segnali verso i punti di confine in ingresso a Bologna. Capitolo 13 Istradamento Inserita particolarità mantenimento bloccamento deviatoio per istradamento con punto finale sb122. Capitolo 14 Itinerario Precisato che l itinerario gestisce anche il segnale di avviso isolato. Capitolo 16 Dispositivo di transitato Precisato il caso di occupazione con secondo cdb. Capitolo 17 Gestione della prenotazione della destinazione Eliminato paragrafo descrittivo dei casi più significativi di prenotazione in quanto non presenti. Capitolo 18 Bloccamento manuale del percorso (Istradamento TM) Precisate le caratteristiche e le delimitazioni dei percorsi. Capitolo 19 Sistemi di blocco Precisato che in fase provvisoria dovrà essere gestito il BA a due aspetti non reversibile. Capitolo 29 Inibizione della liberazione del bloccamento nel caso di mancata occupazione Cdb. Precisato caso di mancata occupazione cdb di stazionamento. Capitolo 30 Deviatoio laterale conteso e protezioni laterali sostitutive. Precisate le caratteristiche generali della funzione. Capitolo 31 Gestione del doppio segnale basso Precisati i limiti dell istrademento Tm e il caso di attestamento di istradamento al a segnale basso di metà piazzale.

3 3 di 71 Capitolo 32 Gestione dei movimenti sui punti di confine con stazioni limitrofe Precisata la gestione delle anormalità. Precisato che le funzioni esclusione richiesta e Tl non saranno disponibili nella prima configurazione. Precisato che le procedure particolari dovranno formare oggetto delle istruzioni di dettaglio dell impianto. Capitolo 33 Gestione deviatoi di confine con stazioni limitrofe. Precisate esclusioni protezioni laterali e ripetizione QL. Precisate caratteristiche caso particolare confine Ravone. Precisato che le procedure particolari dovranno formare oggetto delle istruzioni di dettaglio dell impianto. Capitolo 36 Liberazione a tempo deviatoi, convergenze e altri vincoli sull uscita. Precisate le modalità di liberazione e le tipologie interessate. Capitolo 37 PL a semibarriere con punto di comando in ambito stazione e in linea. Inseriti tasti di soccorso TrPLAut e TexPLAut per esclusione allarme a. Precisato che le procedure particolari dovranno formare oggetto delle istruzioni di dettaglio dell impianto. Capitolo 38 Interventi per SCMT e zone di sovrapposizione AV/AC SCMT. Eliminato il caso di deviatoi a 100 Km/h in quanto non presente. Specificata la funzionalità di ritardo occupazione segnali per condizioni SCMT. Precisati riferimenti di documentazione specifica. Capitolo 40 Gestione dei movimenti sui punti di confine con l ACEI di Ravone Sottovia Buca Precisato che le procedure particolari dovranno formare oggetto delle istruzioni di dettaglio dell impianto. Capitoli eliminati: Capitolo 20 Interfaccia con i sistemi esterni Eliminata in quanto non ancora definita. Capitoli aggiunti: Capitolo 37 Interventi per consentire la contemporaneità di movimenti altrimenti convergenti Capitolo 42 Gestione dei movimenti sui punti di confine con l ACEI di scalo Salesiani. Capitolo 43 PL Km della linea BO/PD a barriere intere in linea protetto dai segnali di partenza.

4 4 di 71 PARTE I... 6 i.1 SCOPO... 6 i.2 CAMPO DI APPLICAZIONE... 6 i.3 RIFERIMENTI... 6 i.4 DEFINIZIONI E ACRONIMI... 8 PARTE II - FUNZIONI LOGICHE DEVIATOIO O SCARPA FERMACARRI (CON MANOVRA ELETTRICA) GESTIONE DELL INTERSEZIONE ELETTROMAGNETE DI INTALLONABILITÀ CIRCUITI DI BINARIO SEGNALE SEGNALE BASSO SEGNALE DI AVANZAMENTO SEGNALE DI AVVIO INDICATORE DI PARTENZA INDICATORE DI DIREZIONE SEGNALAZIONE AUSILIARIA RAPPEL CHIUSURA SEGNALI GENERALE ISTRADAMENTO ITINERARIO CONDIZIONI PER LINEA AV/AC DISPOSITIVO DI TRANSITATO GESTIONE DELLA PRENOTAZIONE DELLA DESTINAZIONE BLOCCAMENTO MANUALE DEL PERCORSO (ISTRADAMENTO TM) SISTEMI DI BLOCCO INVERSIONE DEL BLOCCO FUORI SERVIZIO DI LINEA CIRCOLAZIONE CARRELLI ZONE TE GESTIONE DEL RGG GESTIONE DEL GG GESTIONE DEL TCL ESCLUSIONE DEGLI ENTI INIBIZIONE DELLA LIBERAZIONE DEL BLOCCAMENTO NEL CASO DI MANCATA OCC. CDB DEVIATOIO LATERALE CONTESO E PROTEZIONI LATERALI SOSTITUTIVE GESTIONE DEL DOPPIO SEGNALE BASSO GESTIONE MOVIMENTI SUI PUNTI DI CONFINE CON STAZIONI LIMITROFE GESTIONE DEVIATOI DI CONFINE CON STAZIONI LIMITROFE ESCLUSIONE E CHIUSURA SEGNALE PUNTO DI LINEA REGIME DI SOSPENSIONE COMANDI LEGGERI LIBERAZIONE A TEMPO DEVIATOI, CONVERGENZE E ALTRI VINCOLI SULL USCITA INTERVENTI PER CONSENTIRE LA CONTEMPORANEITÀ DI MOVIMENTI ALTRIMENTI CONVERGENTI PL A SEMIBARRIERE CON PUNTO DI COMANDO IN AMBITO STAZIONE E IN LINEA INTERVENTI PER SCMT E ZONE DI SOVRAPPOSIZIONE AV/AC-SCMT...65

5 5 di INTERVENTI DI SOCCORSO MIRATI GESTIONE MOVIMENTI SUI PUNTI DI CONFINE CON L ACEI DI RAVONE SOTTOVIA BUCA GESTIONE MOVIMENTI SUI PUNTI DI CONFINE CON L ACEI DI SCALO SALESIANI PL KM SULLA LINEA BO/PD A BARRIERE INTERE IN LINEA PROTETTO DAI SEGNALI DI PARTENZA...71

6 6 di 71 PARTE I I.1 SCOPO La specifica di primo livello ha lo scopo di definire le funzionalità che dovranno essere sviluppate nell ACC di Bologna C.le per la prima fase di attivazione, soffermandosi in particolare sulle particolarità di impianto. I.2 CAMPO DI APPLICAZIONE La specifica si applica alla prima fase di attivazione dell ACC di Bologna C.le. In questa fase i confini fisici dell area che verrà gestita in modo organico dal sistema ACC, vengono individuati dalle seguenti posizioni geografiche: - lato Milano: Km lato Verona: Km lato Padova: Km lato Rimini: Km lato Firenze: Km lato Portomaggiore: Km L apparato nell ambito del PdS gestisce: - i confini con gli impianti di Bologna Ravone, Bologna Arcoveggio, Fascio Salesiani, Deposito locomotive. - i binari del piazzale centrale dal I al XV, del piazzale Ovest dal I al VII e del piazzale Est dal I la IV Est + I e II (Piano caricatore autocuccette) L estensione del progetto all impianto allargato sarà oggetto di apposita specifica. I.3 RIFERIMENTI Disposizione 49/03 Istruzione per l Esercizio con gli Apparati Centrali Statici Condizioni Tecniche e disposizioni normative Disposizione 51/03 Modifiche alla Disposizione n. 49 del 16 ottobre 2003 Disposizione 26/04 Modifiche alla Disposizione n. 49 del 16 ottobre 2003 omissis Disposizione 57/06 Criteri per la gestione delle intersezioni Piano schematico (Rev. D) Programma di esercizio Relazione illustrativa scelte impiantistiche: (Rev. D) Nuovi impianti sistema ACC e nodo di Bologna (Italferr) Stralci dei piani schematici che illustrano la situazione dei confini (Italferr) Specifica di I livello ACC Roma Termini Circolare IE/5/IR/134/91573 del PL con semibarriere automatiche e punto di comando nell ambito delle stazioni Circolare M.111/27/3.43-TV.4.12/400-IE.48(811/806) del 27/5/64 (giallo-giallo) Disposizione 05/03 Istruzione per l esercizio del Sistema di Controllo della Marcia del Treno (SCMT)

7 7 di 71 Lettera di concessione deroghe e autorizzazioni RFI-DTC\ A0011\P\2007\ del 27/02/2007 Nuova edizione istruzione esercizio dei PL - Circolare IE n del 21/06/1982; Trasmissione schema V381 - Circolare TC.T/I.01-PL04-92/02474 del 23/11/1992

8 8 di 71 I.4 DEFINIZIONI E ACRONIMI ACEI: Apparato Centrale Elettrico ad Itinerari ACC: Apparato Centrale Computerizzato AM: Agente della Manutenzione AV/AC: Alta Velocità/Alta Capacità BA: Blocco automatico CCL: Sistema di Controllo Circolazione Linea cdb: Circuito di binario ChS: Chiusura Segnali generale Cs: Consenso CTC: Sistema di Comando Centralizzato del Traffico DM: Dirigente del Movimento EsCF: Esclusione Punto di Confine Es/DM: Esclusione enti da parte del DM Es/IS: Esclusione stabilizzata enti per esigenze IS f.s.: fuori servizio GG: Aspetto del segnale Giallo-Giallo ID: Indicatore di Direzione IP: Indicatore di Partenza is: istradamento it: itinerario NT: Numero treno PdS: Posto di servizio PF: Punto Finale PL: Passaggio a Livello PLAut: Passaggio a Livello Automatico PO: Punto Origine QLv: Quadro Luminoso video RBC: Radio Block Center RCS: Ripetizione segnali continua RGG: Aspetto del segnale Rosso - Giallo Giallo SB: Segnale basso SCMT: Sistema di Controllo della Marcia del Treno SO: Sistema Oleodinamico Tb/Cs: Funzione di soccorso riferito al punto di confine Tb0: Funzione di soccorso per ricevimento treni in binario parzialmente ingombro TbD: Funzione di soccorso per shuntare occupazione o Es/DM o Es/IS del cdb d immobilizzazione di un deviatoio TcD: Funzione di soccorso per shuntare la mancanza di controllo iniziale per la manovra di un deviatoio TbTc: Funzione di soccorso cumulativa delle funzioni TbD e TcD Tcl: Funzione di soccorso per shuntare la mancanzadi controllo di un deviatoio laterale

9 9 di 71 TclCF: TE: Funzione di soccorso per shuntare la mancanza della condizione del deviatoi laterali di confine Trazione Elettrica TML: Terminale Manutenzione Locale Tl: Funzione di liberazione artificiale del PO Tlcdb: Funzione di soccorso per la liberazione artificiale del percorso TO: Terminale Operatore Tsm: Funzione di soppressione manuale della codifica dei cdb Tx: Funzione di soccorso mirato Txcdb: Funzione di soccorso mirato su cdb guasto o in esclusione TxCBCF: Funzione di soccorso mirato per shuntare la mancanza della condizione di cdb laterale di confine TxPO: Funzione di soccorso che shunta cumulativamente condizioni finali per la manovra del segnale di PO Tz: Funzione di soccorso generale propria degli impianti di tipo elettromeccanico ZLC: Gestore di area

10 10 di 71 PARTE II - FUNZIONI LOGICHE Premessa Al fine di una migliore individuazione delle parti innovative o specifiche, si evidenzia quanto in appresso: I capitoli relativi a funzionalità nuove, da implementare specificamente per l ACC di Bologna C.le, sono: Gestione dell intersezione Gestione della prenotazione della destinazione Bloccamento manuale del percorso Gestione del GG Collegamento di accosto Deviatoio laterale conteso e protezioni laterali sostitutive Gestione del doppio segnale basso Gestione movimenti sui punti di confine con stazioni limitrofe 1 Gestione deviatoi di confine con stazioni limitrofe 1 Esclusione e chiusura segnali punto di linea Regime di sospensione dei comandi leggeri Liberazione a tempo zona di uscita PL a semibarriere con punto di comando in stazione Interventi per SCMT Consensi per apertura segnale (sottovia buca) 1 Bloccamento manuale del percorso (Istradamento TM) I restanti capitoli trattano di funzionalità già sviluppate nella logica ACC, eventualmente integrate con le funzionalità che saranno comprese nella nuova versione di logica. 1 La funzione è stata elaborata sulla base delle esigenze espresse dalla DCM al Soggetto Tecnico che le ha rappresentate al Gruppo di Lavoro.

11 11 di DEVIATOIO O SCARPA FERMACARRI (CON MANOVRA ELETTRICA) 1.1 Funzione logica manovra deviatoio Questa funzione logica gestisce la manovra del deviatoio o della scarpa fermacarri, a seguito della ricezione del comando corrispondente da operatore o del comando automatico da una funzione logica di itinerario o istradamento. L operatore può impartire i comandi di manovra in posizione normale, rovescia, automatica del deviatoio e l esclusione e l inclusione dello stesso; tutto ciò vale anche per i deviatoi o scarpe con ritorno automatico in posizione normale. Possono essere inoltre comandate dall operatore la disalimentazione e la rialimentazione del circuito di manovra della cassa; la rialimentazione può essere comandata se non sono in atto interventi di soccorso mirati (funzione Tx) sul deviatoio. Al fine di evitare comandi latenti, il comando e l attuazione della manovra del deviatoio sono funzioni temporizzate che hanno i seguenti requisiti funzionali: - Comando della manovra deviatoio Dal momento in cui cambia lo stato dell M logico il comando della manovra del deviatoio rimane in atto per 100 ; nell ambito di tale tempo è possibile eseguire le seguenti operazioni: o ricomandare il deviatoio nella posizione iniziale con azzeramento del tempo attivato. o attivare la funzione TbD e/o TcD (nel caso in cui manchi anche il controllo di posizione iniziale) per ottenere il comando di attuazione della manovra. Se nell ambito dei 100 non sono state eseguite le operazioni di cui sopra, allo scadere del tempo anche l eventuale ripristino delle condizioni mancanti per il proseguo della manovra non determina comunque il comando alla manovra del deviatoio ma si attiva la disalimentazione logica dello stesso; in tal caso in sequenza è possibile: o rialimentare il deviatoio, che comporta l attivazione automatica di un nuovo comando manovra deviatoio temporizzato nella stessa posizione. o comandare il deviatoio nella posizione iniziale e poi rimuovere la funzione disalimentazione che consente di riacquisire il controllo di concordanza deviatoio (se nel frattempo non era stato perso il controllo di cassa del deviatoio). - Attuazione della manovra deviatoio E temporizzata di 20, allo scadere di tale tempo se non è pervenuto il controllo di posizione (per cui la manovra sarebbe già terminata) viene attivata automaticamente la funzione disalimentazione del circuito di manovra comandando inoltre la disalimentazione logica del deviatoio. A seguito di manovra non andata a buon fine, può essere comandata la manovra per il ripristino della posizione iniziale a condizione che si sia interrotta la manovra (tempo di manovra esaurito e comando verso la cassa assente) e si sia perso il controllo di posizione iniziale. Nota: la funzionalità di comando della manovra deviatoio temporizzata (100 ) non sarà attiva nella prima configurazione dell impianto.

12 12 di Controllo di posizione del deviatoio Può essere comandato il ripristino del controllo di posizione perso a causa della mancanza di energia; tale comando è cumulativo per tutti Gestori di Area (ZLC) o mirato su ciascuno di essi; entrambi hanno efficacia solo se tutti i controlli dei deviatoi dell intero Gestore di Area sono mancanti. L allarme di ogni Gestore di Area è riportato sul Terminale Operatore. La funzione che gestisce il controllo di posizione del deviatoio contiene l occupazione permanente dello stesso che, a seguito di perdita del controllo, ne consente il recupero solo se è verificata una delle seguenti condizioni: il deviatoio è in fase di manovra; è stata attivata la manovra in Es/IS; è stato attivato l intervento di soccorso per il ripristino del controllo. 1.3 Comando singolo e automatico del deviatoio La manovra singola può essere attivata sia per comandare il posizionamento del deviatoio che per mantenerlo nella posizione in cui si trova rendendo impossibile il comando automatico in posizione opposta; essa può essere effettuata anche in presenza di anormalità di piazzale, scartando le relative verifiche con opportuni interventi di soccorso (TbD e TcD o TbTc), per scartare rispettivamente il circuito di binario di immobilizzazione, il controllo di posizione iniziale o entrambi; gli interventi di soccorso sono distinti per singolo deviatoio per cui sono attivi anche con altri deviatoi confermati. Il ripristino del funzionamento automatico del deviatoio lo lascia libero di assumere qualunque posizione in seguito a comandi automatici da parte di itinerari o istradamenti. I comandi automatici di posizionamento vengono emessi dalle funzioni itinerario o istradamento dopo aver effettuato le verifiche di compatibilità, di assenza di manovre manuali individuali e di non esclusione del deviatoio ed a condizione che il comando che si sta per inviare sia opposto all ultima posizione assunta dal combinatore logico. 1.4 Condizioni da verificare per la manovra del deviatoio Per la manovra del deviatoio devono essere verificate le seguenti condizioni: 1) assenza di bloccamenti; 2) assenza della condizione di esclusione; 3) assenza di comandi automatici o individuali per la posizione opposta; 4) normalità del dispositivo di intallonabilità (elettromagnete alto); 2 5) libertà dei cdb di immobilizzazione e loro inclusione; 6) presenza del controllo di posizione iniziale; 7) alimentazione della cassa presente. 3 La presenza di tutte le condizioni sopra indicate consente l esecuzione della manovra completa del deviatoio. 2 La mancanza di normalità non inibisce il comando logico per la posizione di cabina del deviatoio ma solo l attivazione del comando (A logico), per le casse P80 e L90 in fase di configurazione della logica del sistema, la verifica può essere eliminata. 3 E consentito il comando individuale di un deviatoio disalimentato per guasto al fine di ottenere la posizione richiesta (M logico) e, dopo aver posizionato con manovra a mano il deviatoio, comandare un itinerario o istradamento. La presenza della alimentazione è verificata prima dell attivazione del comando (A logico) in modo tale da consentire,mediante contromanovra, di riprendere la posizione iniziale.

13 13 di 71 La mancanza anche temporanea di una o più condizioni comporta l arresto nelle sequenze logiche operative del processo deviatoio (salvo quanto specificato nelle note precedenti). Il ripristino autonomo di talune delle suddette condizioni consente la ripresa delle sequenze logiche precedentemente bloccate. In particolare le condizioni di cui ai punti 1), 2), 3) vengono verificate nella prima fase di comando del deviatoio e se mancanti non consentono di cambiare neanche la posizione richiesta (M logico); le condizione di cui ai punti 4), 5) 6), 7) vengono verificate nella successiva fase di comando per cui consentono di cambiare la posizione richiesta e quindi di formare (fino alla fase precedente al controllo del percorso) itinerari ed istradamenti. 1.5 Deviatoi con ritorno automatico in posizione normale Nel caso che per il deviatoio sia previsto il ritorno automatico in posizione normale questo avviene quando: vengono eliminati tutti i bloccamenti logici o prenotazioni, se il deviatoio era stato comandato rovescio da movimenti; viene rimosso lo stato di esclusione stabilizzata dell ente se l ente in tale stato era in posizione di rovescio; viene ripristinato il funzionamento automatico, se il deviatoio era stato comandato rovescio da manovra manuale. 1.6 Funzione di esclusione/inclusione del deviatoio Il comando di esclusione deviatoio ha lo scopo di rendere non disponibile il deviatoio medesimo per manovre manuali od automatiche fino a che non venga attivato il comando opposto di inclusione. In caso di esclusione, inoltre, si considerano appartenenti al deviatoio e quindi esclusi anche gli elettromagneti e gli eventuali trasmettichiave associati per la manovra a mano. Con il deviatoio escluso non si attivano gli itinerari e istradamenti che lo interessano sul percorso. (Per maggiori dettagli riguardanti l esclusione enti si rimanda al paragrafo Esclusione degli enti ). Risulta possibile attivare itinerari che richiedono come laterale di percorso o come uscita un deviatoio escluso previo intervento di soccorso mirato (Per maggiori dettagli riguardante gli interventi di soccorso mirato si rimanda al paragrafo Interventi di soccorso mirati ). Non è possibile escludere un deviatoio interessato da un comando o bloccamento in atto. Non è possibile escludere un deviatoio mentre è in atto una manovra; è possibile escluderlo se la manovra, non essendo andata a buon fine, si è interrotta. Nello stato di escluso e stabilizzato è possibile, tramite il terminale di manutenzione, la manovra del deviatoio stesso a condizione che l elettromagnete di intallonabilità sia alimentato; nel caso l elettromagnete sia disalimentato è possibile inviare tramite comando da terminale manutenzione l alimentazione diretta dell elettromagnete. Il deviatoio con ritorno automatico nella posizione normale, quando escluso e stabilizzato perde tale requisito: la posizione di normale è raggiungibile solo a seguito di comando specifico da TML. All atto della rimozione dell esclusione stabilizzata di un deviatoio, se non esiste il controllo esterno (di cassa), l operatore può comandare il deviatoio nella posizione opposta a quella che lampeggia sul QLv in modo da cambiare la posizione richiesta per tentare di ottenere il controllo e quindi la concordanza.

14 14 di Particolarità della cassa di manovra per deviatoio Oleodinamico (S.O.) Il deviatoio oleodinamico SO1 (tg. 0,040-0,055), a differenza del deviatoio elettromeccanico, non viene gestito con attuazione statica ma con attuazione elettromeccanica (a relè); sono stati previsti i seguenti ingressi aggiuntivi: Acquisizione dello stato di diseccitato dei relè di controllo fisico al fine di evitare, nel caso di relè incollato, la manovra in posizione opposta con falsa acquisizione del controllo e della concordanza pur con manovra non completata; Acquisizione allarme livello olio (pressione olio insufficiente) che se presente inibisce la manovra del deviatoio (M logico), quindi nel caso di comando di un movimento con deviatoio in allarme non si ottiene la registrazione. L allarme è inoltre rappresentato sul QLv.

15 15 di GESTIONE DELL INTERSEZIONE 2.1 Caratteristiche generali L intersezione è un particolare dispositivo di armamento rappresentato da un incrocio tra due binari (entrambi in rettifilo e privi di deviatoi) denominati rami dell intersezione, ciascuno dei quali consente ai rotabili l attraversamento a raso dell altro ramo dell intersezione. L individuazione di tale dispositivo sul Piano schematico è realizzata tramite una numerazione apposita (da 1001 in poi), e per ogni intersezione vengono definiti un ramo normale ed un ramo rovescio; a maggiore chiarimento si veda la figura (che rappresenta un caso semplice): 1001 Ramo normale Ramo rovescio Fig. 1 Intersezione Per ogni intersezione vengono definite due funzioni logiche: Posizione virtuale per il collegamento di intersecante; Posizione condizionante per l esclusione del circuito di binario (cdb) laterale/immobilizzazione. 2.2 Posizione virtuale per il collegamento di intersecante Questa funzione ha lo scopo di realizzare l incompatibilità tra movimenti (itinerario e istradamento) intersecanti. All atto della formazione di un movimento che interessa l intersezione viene verificato che non siano in atto movimenti intersecanti, dopo di che viene comandata la posizione virtuale nello stato (N o R) richiesta dal movimento; il corretto posizionamento della posizione virtuale consente il bloccamento e il completamento del movimento. La posizione virtuale è visualizzata sull interfaccia operatore. La posizione virtuale verrà mantenuta bloccata nella posizione richiesta fino a quando verrà abbandonato il circuito di binario che garantisce la traversa limite dell intersezione o in caso di cdb guasto dopo l azionamento del Tlcdb; dopo la liberazione rimarrà nell ultima posizione assunta e potrà essere comandata in posizione opposta da un altro movimento sull altro ramo dell intersezione.

16 16 di 71 La posizione virtuale può essere inoltre comandata con la funzione bloccamento manuale del percorso (vedere funzione istradamento Tm); il mancato posizionamento dell intersezione impedirà la prosecuzione del bloccamento a partire dall intersezione stessa. Il vincolo di intersecante sugli itinerari e istradamenti sarà anche in questo caso realizzato dalla posizione virtuale. Il mancato posizionamento della posizione virtuale inibisce la registrazione dell itinerario e non può essere scartato con tasti di soccorso; in tal caso il movimento sull intersezione in falsa posizione dovrà essere effettuato sospendendo i movimenti intersecanti e si svolgerà con i segnali a via impedita; nel caso in cui il cdb dell intersezione sia verificato laterale dagli itinerari sul binario attiguo, dovranno essere sospesi anche tali movimenti. Per la posizione virtuale non sono previsti comandi né bloccamenti laterali. 2.3 Posizione condizionante per l esclusione del circuito di binario (cdb) laterale/immobilizzazione Questa funzione si prevede quando il cdb che contiene l intersezione è verificato laterale dagli itinerari che si svolgono sul binario attiguo e/o è di immobilizzazione aggiuntiva del deviatoio posto sul binario attiguo al fine di evitare una intempestiva chiusura del segnale di detto itinerario o una indebita immobilizzazione di detto deviatoio quando il cdb dell intersezione viene occupato. Ha quindi lo scopo di: scartare la verifica di libertà di detto cdb, purchè non sia escluso, dalla verifica della via degli itinerari sul binario attiguo quando il cdb che contiene l intersezione è interessato di percorso sul ramo normale da un qualsiasi movimento eseguito anche con bloccamento manuale del percorso; scartare la verifica di detto cdb dall immobilizzazione del deviatoio posto sul binario attiguo quando il cdb che contiene l intersezione è interessato di percorso sul ramo normale da un qualsiasi movimento eseguito anche con bloccamento manuale del percorso. La funzione si attiva con il bloccamento del movimento che interessa di percorso il ramo normale dell intersezione a condizione che il cdb risulti libero e permane attiva fino alla liberazione del bloccamento dell intersezione. Al fine di evitare che la liberazione del bloccamento con cdb guasto possa provocare la chiusura del segnale relativo ad un itinerario in atto sul binario limitrofo, la liberazione di soccorso del cdb dell intersezione non può impiantistiicamente essere comandata con detto itinerario in atto. 2.4 Relazioni tra intersezione, deviatoi laterali e comunicazioni Gli itinerari che interessano l intersezione sul ramo normale richiedono i deviatoi sui binari attigui come laterali, per la posizione di indipendenza. L eventuale condizione mancante del controllo del deviatoio richiesto come laterale, può essere scartata con l attivazione del tasto o funzione di soccorso Tcl 4. Nel caso di intersezione inserita in una comunicazione (Fig. 1) l Es/IS o Es/DM del deviatoio inibisce la circolazione su tutti i binari interessati dalla comunicazione e dall intersezione. L Es/IS o Es/DM del deviatoio è subordinata alla verifica che i movimenti (itinerari, istradamenti e carrelli) che interessano il deviatoio siano nello stato di riposo o abbiano oltrepassato il deviatoio stesso; 4 Il Tcl, nella fase di controllo del percorso, scarta il circuito di binario laterale condizionato dal deviatoio escluso dalla verifica della via.

17 17 di 71 nel caso di Fig. 1, è inoltre subordinata alla verifica che i movimenti che percorrono il ramo normale dell intersezione siano a riposo o abbiano oltrepassato il cdb dell intersezione garantendo la traversa limite. I criteri per la gestione delle intersezioni sono riportati in dettaglio nella specifica Disposizione.

18 18 di ELETTROMAGNETE DI INTALLONABILITÀ 3.1 Caratteristiche generali Questa funzione logica gestisce il bloccamento (disalimentazione) e lo sbloccamento (rialimentazione) degli elettromagneti dei deviatoi dotati di tale dispositivo. L itinerario che consente una velocità uguale o maggiore di 60 km/h emette il comando di bloccamento ai deviatoi incontrati di punta dotati di tale dispositivo; per questi itinerari percorribili per dispositivo di armamento a velocità uguali o superiori a 60 Km/h, il bloccamento dell elettromagnete si attiva anche quando questi vengono impegnati da treni a velocità inferiori. La liberazione dell itinerario emette il comando di sbloccamento quando libera il deviatoio corrispondente. 3.2 Elettromagnete nello stato di escluso L elettromagnete risulterà escluso quando viene escluso il corrispondente deviatoio. Essendo escluso il deviatoio, sono inibiti gli itinerari che lo usano di percorso per cui non verrà mai attivato il comando di bloccamento dell elettromagnete escluso da parte dei processi di Logica (in particolare dal processo Itinerario). Nello stato di escluso e stabilizzato è possibile tramite il terminale di manutenzione comandare l alimentazione e disalimentazione dell elettromagnete. 3.3 Funzioni di soccorso Nel caso di mancata diseccitazione di un elettromagnete sotto comando di itinerario è possibile mediante l intervento di soccorso TxPO l attivazione del segnale di avvio o avanzamento. L apparecchiatura ALSTOM che gestisce l elettromagnete verifica anche lo stato dell integrità del cavo di collegamento tra cabina e campagna per cui la perdita di tale integrità è equivalente alla perdita di controllo dell elettromagnete.

19 19 di CIRCUITI DI BINARIO 4.1 Caratteristiche generali Nell ACC vi sono due tipologie di circuito di binario: Circuito di binario a correnti fisse; Circuito di binario a correnti codificate. 4.2 Circuito di binario a correnti fisse La funzione logica gestisce l alimentazione ed il controllo dei circuiti di binario alimentati a corrente fissa. 4.3 Circuito di binario a correnti codificate (50Hz 178 Hz) La funzione logica gestisce l alimentazione ed il controllo dei circuiti di binario alimentati a corrente fissa e codificata; nel caso di comando di itinerario si ha la commutazione da corrente fissa a corrente codificata con portante 50Hz e, quando sussistono le condizioni, viene prevista anche la portante 178Hz. 4.4 Itinerari con circuiti di binario codificati L avvenuta codificazione per gli itinerari per i quali è prevista, è condizione per la successiva disposizione a via libera del segnale. Per itinerari di corretto tracciato la codificazione avviene contro treno contemporaneamente per tutti i cdb dell itinerario ad eccezione del primo, senso marcia treno, che si codifica dopo aver verificato l avvenuta codifica degli altri. Per itinerari in deviata con punto finale su binari codificati la codificazione avviene contro treno contemporaneamente per i soli cdb a valle dell ultima deviata. 4.5 Circuiti di binario nello stato di escluso Il comando di esclusione del circuito di binario ha lo scopo di renderlo non disponibile agli itinerari fino a che non viene attivato il comando opposto di inclusione. Risulta possibile, previo intervento di soccorso mirato, completare itinerari che utilizzano, come percorso, laterale o uscita, un cdb escluso. Non è possibile escludere un circuito di binario interessato da un itinerario o da un istradamento in atto. Lo stato escluso del circuito di binario di immobilizzazione può essere scartato con TbD. 4.6 Funzioni di soccorso Il DM, nel caso di mancata codificazione dei cdb dell itinerario,dopo avere adottato i provvedimenti del caso disporrà, previa attivazione funzione TxPO per il ricevimento del treno con segnale di avanzamento o per la partenza del treno con segnale di avvio. E possibile inoltre, nei casi previsti, togliere la codificazione dei cdb interessati dall itinerario utilizzando la funzione di soccorso Tsm riferita al punto finale dell itinerario.

20 20 di SEGNALE 5.1 Caratteristiche generali Questa funzione logica gestisce l alimentazione ed il controllo del segnale. Il comando di via libera viene mandato dagli itinerari relativi al segnale stesso. L interruzione della trasmissione del comando di via libera ha come effetto quello di riportare il segnale a via impedita. La chiusura manuale del segnale singola o generale attuata con comando da operatore inibisce la disposizione a via libera del segnale stesso. Lo stato del comando di chiusura del segnale viene verificato dalla logica dell itinerario; se il valore è automatico l itinerario completa la propria formazione e comanda il segnale; in caso contrario la logica si ferma in uno stato intermedio (definito bloccamento del Punto Origine) o, se si trova in uno stato successivo, torna in tale stato. 5.2 Funzione chiusura segnali stabilizzata ad uso dell AM La funzione di chiusura manuale del segnale può essere stabilizzata (con operazioni analoghe all esclusione, vedi relativo capitolo), dall addetto alla manutenzione. L AM utilizzerà detta funzione quando, operando sul segnale può comunque garantire il mantenimento a via impedita dello stesso. Se tale garanzia non può essere data verrà invece utilizzata la funzione di esclusione stabilizzata che impone in apparato vincoli più restrittivi (vedi Disposizione N 49 del 16/10/03). 5.3 Segnale nello stato di escluso Nello stato di escluso e stabilizzato è possibile, tramite il terminale di manutenzione, il comando dei singoli aspetti delle singole luci. Il comando di esclusione del segnale, in generale, ha il duplice scopo di renderlo inibito al comando di via libera e di renderlo non disponibile agli itinerari che lo utilizzano come segnale di PF (salvo l attivazione di apposito tasto di soccorso) fino a che non viene attivato il comando opposto di inclusione. Non è possibile escludere un segnale interessato da un itinerario in atto. In caso di esclusione del segnale, risultano esclusi anche la freccia indicatrice, gli indicatori di partenza, l indicatore di direzione e il rappel e i segnali di avvio/avanzamento appartenenti al segnale stesso e risulta inibito l invio delle relazioni MSAVV all avviso. 5.4 Funzioni di soccorso Nel caso in cui il segnale fosse sussidiato di freccia indicatrice, questa verrà alimentata e controllata prima del comando del segnale. In caso di mancanza del controllo di un segnale o di una sua mancata disposizione a via libera è possibile ottenere, trascorsi 20 e attraverso l intervento di soccorso sul PO (punto origine), l attivazione del segnale di avanzamento o di avvio, purchè la condizione mancante non sia quella relativa alla freccia indicatrice.

Circolazione ed Impianti di Sicurezza e Segnalamento

Circolazione ed Impianti di Sicurezza e Segnalamento Circolazione ed Impianti di Sicurezza e Segnalamento Principali concetti relativi a: Segnali luminosi; Stazione; Treno; linea a semplice binario, incrocio; linea a doppio binario, precedenza, binario legale

Dettagli

ISTRUZIONE. per l Esercizio sulle Linee a doppio binario Banalizzate (ad uso del personale dei treni) (I.E.L.B.) Disposizione 33/2003 EDIZIONE 2003

ISTRUZIONE. per l Esercizio sulle Linee a doppio binario Banalizzate (ad uso del personale dei treni) (I.E.L.B.) Disposizione 33/2003 EDIZIONE 2003 ISTRUZIONE per l Esercizio sulle Linee a doppio binario Banalizzate (ad uso del personale dei treni) (I.E.L.B.) Disposizione 33/2003 EDIZIONE 2003 METROTIPO SpA REGISTRAZIONE DELLE DISPOSIZIONI CHE HANNO

Dettagli

Quando eccezionalmente i treni percorrono il binario di sinistra si dice che essi viaggiano su binario

Quando eccezionalmente i treni percorrono il binario di sinistra si dice che essi viaggiano su binario Metropolitana di Genova Regolamento di Esercizio la conoscenza Per Parte Dall art. necessità 2a del l esecutore 1 semplificativa Regolamento Termini sulla e definizioni ESTRATTO viene parte d Esercizio

Dettagli

Università Tor Vergata Centro Congressi e Rappresentanza Villa Mondragone. Nuove tecnologie per la sicurezza e l'alta velocità ferroviaria

Università Tor Vergata Centro Congressi e Rappresentanza Villa Mondragone. Nuove tecnologie per la sicurezza e l'alta velocità ferroviaria Università Tor Vergata Centro Congressi e Rappresentanza Villa Mondragone Nuove tecnologie per la sicurezza e l'alta velocità ferroviaria Evoluzione tecnologica degli impianti di segnalamento: ACC concentrato

Dettagli

INDICE 218 60050-821 CEI:1998

INDICE 218 60050-821 CEI:1998 218 60050-821 CEI:1998 INDICE A (accensione di approccio)... 821-02-49 agente addetto alla manovra dei dispositivi del segnalamento... 821-05-15 ago... 821-04-01 ala semaforica... 821-02-18 alimentazione

Dettagli

Impianti di stazione. Corso TRASPORTI FERROVIARI, AEREI, NAVALI SLIDE 1

Impianti di stazione. Corso TRASPORTI FERROVIARI, AEREI, NAVALI SLIDE 1 1B Impianti di stazione Corso TRASPORTI FERROVIARI, AEREI, NAVALI SLIDE 1 LA STAZIONE FERROVIARIA CIRCOLAZIONE FERROVIARIA: movimento dei treni sulla linea ferroviaria ( strada ferrata ) in base a modalità

Dettagli

DEIF n 42.4 del 16/05/2014

DEIF n 42.4 del 16/05/2014 Direzione Tecnica Direttore DEIF n 42.4 del 16/05/2014 In vigore dalle ore 00.01 del 25/06/2014 RIORDINO NORMATIVO MODIFICHE A: -DISCIPLINA DEI RAPPORTI FRA REGOLATORE DELLA CIRCOLAZIONE E PERSONALE DEI

Dettagli

MODIFICHE REGOLAMENTARI. Chiusi, novembre 2007

MODIFICHE REGOLAMENTARI. Chiusi, novembre 2007 MODIFICHE REGOLAMENTARI Chiusi, novembre 2007 Disposizione 43/2007 MODIFICHE ALLE DELB - IELB 2 Disposizione 43/2007 MODIFICHE ALLE DELB 3 Modifiche alle DELB Articolo 1 - comma 7-8 In linea, i segnali

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CIRCOLAZIONE DEI TRENI

REGOLAMENTO PER LA CIRCOLAZIONE DEI TRENI REGOLAMENTO PER LA CIRCOLAZIONE DEI TRENI 1. DISPOSIZIONI GENERALI. 1.1. Il presente Regolamento e il Regolamento sui segnali contengono le norme di esercizio di competenza dell Agenzia Nazionale per la

Dettagli

(Disp. 43/2007) 11 1.1.7 bis SOPPRESSO 1.1.8 I riepiloghi ed i relativi moduli di prescrizioni di movimento riguardanti i treni che hanno origine da stazione telecomandate o presenziate da A.I. devono

Dettagli

FERROVIA TRENTO MALÈ MARILLEVA

FERROVIA TRENTO MALÈ MARILLEVA FERROVIA TRENTO MALÈ MARILLEVA L'ESPERIENZA DI UNA FERROVIA LOCALE NELL'IMPLEMENTAZIONE DI SISTEMI INNOVATIVI DI SEGNALAMENTO FERROVIARIO (ACC-M, ATP E CENTRALIZZAZIONE PL DI LINEA) Roma, 2 ottobre 2015

Dettagli

SCMT VOL 2 APPENDICE D RFI TC.PATC ST CM 04 D03 C INDICE

SCMT VOL 2 APPENDICE D RFI TC.PATC ST CM 04 D03 C INDICE 2 di 160 INDICE 1 PREMESSA...6 1.1 SCOPO DEL DOCUMENTO...6 1.2 RIFERIMENTI...6 1.3 NORMATIVE E SPECIFICHE...6 1.4 TERMINI ED ACRONIMI UTILIZZATI...7 2 CONSISTENZA E MODALITÀ DELLE INTERFACCE CON GLI APPARATI

Dettagli

Riordino del quadro normativo. Firenze, 09 maggio 2012

Riordino del quadro normativo. Firenze, 09 maggio 2012 Riordino del quadro normativo Firenze, 09 maggio 2012 Nuovo TESTO UNICO Il Regolamento sui Segnale diventa una parte del RCT Testo unico: Regolamento per la circolazione dei treni TESTO UNICO Il Testo

Dettagli

SPECIFICHE REQUISITI DI SISTEMA APPENDICE B FUNZIONI DEL SISTEMA SCMT

SPECIFICHE REQUISITI DI SISTEMA APPENDICE B FUNZIONI DEL SISTEMA SCMT 1 di 188 SPECIFICHE REQUISITI DI SISTEMA Parte Titolo Volume1 APPENDICE B FUNZIONI DEL SISTEMA SCMT Rev. Data Descrizione Redazione Verifica Tecnica Autorizzazione F 04/12/06 QUARTA EMISSIONE S. Rosini

Dettagli

Corso di organizzazione e sicurezza dell esercizio delle reti ferroviarie. Il sistema di segnalamento sulla rete ferroviaria italiana

Corso di organizzazione e sicurezza dell esercizio delle reti ferroviarie. Il sistema di segnalamento sulla rete ferroviaria italiana Corso di organizzazione e sicurezza dell esercizio delle reti ferroviarie Il sistema di segnalamento sulla rete ferroviaria italiana Il sistema di segnalamento Che cosa è? Il sistema di segnalamento è

Dettagli

TECNICA DELLA CIRCOLAZIONE

TECNICA DELLA CIRCOLAZIONE 1 INFRASTRUTTURE FERROVIARIE TECNICA DELLA CIRCOLAZIONE A.A. 2008-09 2 DISTANZIAMENTO DEI TRENI Criteri di sicurezza La tecnica della marcia guida vincolata si basa sul vincolo, imposto dalla via per la

Dettagli

ISTRUZIONI PER L'ESERCIZIO

ISTRUZIONI PER L'ESERCIZIO Ferrovia Roma - Viterbo Tratta Urbana Roma P.le Flaminio - Montebello ISTRUZIONI PER L'ESERCIZIO DEL BLOCCO AUTOMATICO Approvato dal Ministero dei Trasporti e della Navigazione USTIF LAZIO Con nota n.

Dettagli

Circolare Territoriale BOLOGNA RFI DP/DTP_BO CT 9/2014. In vigore dal 26/09/2014 ore 00:01. Fascicolo Circolazione Linee di:

Circolare Territoriale BOLOGNA RFI DP/DTP_BO CT 9/2014. In vigore dal 26/09/2014 ore 00:01. Fascicolo Circolazione Linee di: RFI DP/DTP_BO Circolare Territoriale CT 9/2014 PAGINA 1 DI 12 In vigore dal 26/09/2014 ore 00:01 Fascicolo Circolazione Linee di: N fasc. Linea interessata/parte Generale 82 Piacenza - Bologna Salsomaggiore

Dettagli

29 Circuiti oleodinamici fondamentali

29 Circuiti oleodinamici fondamentali 29 Circuiti oleodinamici fondamentali Fig. 1. Circuito oleodinamico: (1) motore elettrico; (2) pompa; (3) serbatoio; (4) filtro; (5) tubazione di mandata; (6) distributore; (7) cilindro; (8) tubazione

Dettagli

MANUALE UTENTE CENTRALE 5 ZONE CENTRALE 10 ZONE. IS09005 Rev.B

MANUALE UTENTE CENTRALE 5 ZONE CENTRALE 10 ZONE. IS09005 Rev.B MANUALE UTENTE CENTRALE 5 ZONE CENTRALE 10 ZONE IS09005 Rev.B MANUALE UTENTE CENTRALI DOMINA 10 e 5 Le descrizioni fatte per la Domina 10 sono valide anche per la Domina 5 che gestisce di base solo 5 zone.

Dettagli

BOX A3 TEST 3 20-07-2012. REV. DATA Verifica ed Approvazione R.T.

BOX A3 TEST 3 20-07-2012. REV. DATA Verifica ed Approvazione R.T. BOX A3 TEST 3 20-07-2012 REV. DATA Verifica ed Approvazione R.T. INDICE 1 - PREMESSA...Pag. 3 2 - BOX A3 TEST PER ASCENSORI IDRAULICI...Pag. 3 2.1 FUNZIONAMENTO GENERALE...Pag. 3 2.2 MODALITA DI ESECUZIONE

Dettagli

LA PROTEZIONE CONTRO LE SOVRATENSIONI NEGLI IMPIANTI FERROVIARI DI SEGNALAMENTO E TELECOMUNICAZIONE

LA PROTEZIONE CONTRO LE SOVRATENSIONI NEGLI IMPIANTI FERROVIARI DI SEGNALAMENTO E TELECOMUNICAZIONE LA PROTEZIONE CONTRO LE SOVRATENSIONI NEGLI IMPIANTI FERROVIARI DI SEGNALAMENTO E TELECOMUNICAZIONE Introduzione La protezione contro le sovratensioni, rientra tra le prescrizioni per la sicurezza e deve

Dettagli

Negli studi P047.1 e P065.1 sono stati messi in evidenza i numerosi fattori di criticità della rete ferroviaria cremonese.

Negli studi P047.1 e P065.1 sono stati messi in evidenza i numerosi fattori di criticità della rete ferroviaria cremonese. 2. CRITICITÀ 2.1 LA STRUTTURA DELLA RETE Negli studi P047.1 e P065.1 sono stati messi in evidenza i numerosi fattori di criticità della rete ferroviaria cremonese. Il fatto che essa sia integralmente a

Dettagli

TESTO UNICO DELLA NORMATIVA DI ESERCIZIO FERROVIARIA

TESTO UNICO DELLA NORMATIVA DI ESERCIZIO FERROVIARIA TESTO UNICO DELLA NORMATIVA DI ESERCIZIO FERROVIARIA PREMESSA: Emanazione norme; Contenuto del Testo Unico PARTE PRIMA: REQUISITI FUNZIONALI DEL SISTEMA DI TRASPORTO FERROVIARIO 1. Generalità 2. Infrastruttura:

Dettagli

REGISTRAZIONI DEGLI ORDINI DI SERVIZIO E DELLE DISPOSIZIONI CHE HANNO MODIFICATO LE PRESENTI NORME

REGISTRAZIONI DEGLI ORDINI DI SERVIZIO E DELLE DISPOSIZIONI CHE HANNO MODIFICATO LE PRESENTI NORME REGISTRAZIONI DEGLI ORDINI DI SERVIZIO E DELLE DISPOSIZIONI CHE HANNO MODIFICATO LE PRESENTI NORME Ordine di Servizio/Disposizione Data di entrata in vigore 1 41/2001 20/06/02 2 39/2003 08/02/04 3 38/2004

Dettagli

DISPOSIZIONE N del. Il Gestore dell Infrastruttura Ferroviaria nazionale

DISPOSIZIONE N del. Il Gestore dell Infrastruttura Ferroviaria nazionale DISPOSIZIONE N del Modifiche al Regolamento per la circolazione dei treni ed al Regolamento sui segnali Il Gestore dell Infrastruttura Ferroviaria nazionale VISTO il D.P.R. 11 luglio 1980 n. 753, recante

Dettagli

- Limena (Padova) - &HQWUDOH$;,6 MANUALE PER L UTENTE. Centrale mod. AXIS 30. Omologazione IMQ - ALLARME 1 e 2 LIVELLO

- Limena (Padova) - &HQWUDOH$;,6 MANUALE PER L UTENTE. Centrale mod. AXIS 30. Omologazione IMQ - ALLARME 1 e 2 LIVELLO - Limena (Padova) - &HQWUDOH$;,6 MANUALE PER L UTENTE Centrale mod. AXIS 30 Omologazione IMQ - ALLARME 1 e 2 LIVELLO AXEL AXIS 30 6HJQDOD]LRQLFRQOHG led giallo: se acceso, indica la presenza della tensione

Dettagli

Manuale utente. MIra. venitem.com

Manuale utente. MIra. venitem.com Manuale utente MIra venitem.com INDICE TASTIERA 1. Segnalazione sulla tastiera 2. Segnalazione sul display durante il normale funzionamento 3. Segnalazione sul display dopo la digitazione di un Codice

Dettagli

QUADRO ELETTRICO AUTOMATICO DI COMANDO E CONTROLLO PER GRUPPI ELETTROGENI

QUADRO ELETTRICO AUTOMATICO DI COMANDO E CONTROLLO PER GRUPPI ELETTROGENI QUADRO ELETTRICO AUTOMATICO DI COMANDO E CONTROLLO PER GRUPPI ELETTROGENI GENERALITA': il quadro elettrico, oggetto della presente specifica, è destinato al comando e controllo di gruppi elettrogeni automatici

Dettagli

CONTENUTI:IL QUADRO NORMATIVO NAZIONALE IN MATERIA DI SICUREZZA DELLA CIRCOLAZIONE FERROVIARIA

CONTENUTI:IL QUADRO NORMATIVO NAZIONALE IN MATERIA DI SICUREZZA DELLA CIRCOLAZIONE FERROVIARIA Programma del corso 1 a LEZIONE - 16/04/2015 ore 8.30/13.30 5 ore Contenuti: Introduzione al corso. Il Sistema Ferroviario Docente: Luca Franceschini -Amministratore CIFI Programma:L interazione tra infrastruttura,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CIRCOLAZIONE DEI TRENI

REGOLAMENTO PER LA CIRCOLAZIONE DEI TRENI REGOLAMENTO PER LA CIRCOLAZIONE DEI TRENI Edizione 1962 Testo aggiornato, in vigore dal 13/12/2009 (ultimo aggiornamento: decreto ANSF n. 12/2009) Elenco dei provvedimenti che hanno modificato l edizione

Dettagli

Vox. Manuale di Installazione ed Uso. - Versione 1.0 - www.amcelettronica.com. Vox

Vox. Manuale di Installazione ed Uso. - Versione 1.0 - www.amcelettronica.com. Vox Manuale di Installazione ed Uso - Versione 1.0 - Indice INTRODUZIONE 3 SCHEDA E COLLEGAMENTI 3 LED DI SEGNALAZIONE DELLO STATO OPERATIVO 4 DEFAULT RESET 4 PROGRAMMAZIONE 4 wizard tecnico 5 FUNZIONE INGRESSI

Dettagli

SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI DI SEGNALAMENTO SCHEDE TECNICHE

SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI DI SEGNALAMENTO SCHEDE TECNICHE SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI DI SEGNALAMENTO SCHEDE TECNICHE Scheda Rev. Emissione Titolo Progettazione e realizzazione di ACEI del tipo: a) con LIS-001 4 maggio

Dettagli

Guardall Srl Via Quasimodo, 12 20205 Legnano Milano

Guardall Srl Via Quasimodo, 12 20205 Legnano Milano Guardall Srl Via Quasimodo, 12 20205 Legnano Milano MANUALE UTENTE Indice MANUALE N. 700-175-01 REV D ISS. Versione 1 221199 1. INTRODUZIONE...3 2. FUNZIONAMENTO DELLA TASTIERA...5 3. COME INSERIRE LA

Dettagli

2.2.5 Dispositivi di sicurezza

2.2.5 Dispositivi di sicurezza 2. Sicurezza 2. Sicurezza generale delle macchine 2.2.5 Dispositivi di sicurezza I dispositivi di sicurezza hanno la funzione di eliminare o ridurre un rischio autonomamente o in associazione a ripari.

Dettagli

DISPOSIZIONI PER L ESERCIZIO IN TELECOMANDO

DISPOSIZIONI PER L ESERCIZIO IN TELECOMANDO 1 DISPOSIZIONI PER L ESERCIZIO IN TELECOMANDO Edizione 1987 Ristampa 2005 aggiornata con OS 24/1992-26/1994-10/1997 Disp. 5/2001 33/2001 50/2001 11/2002 16/2002 43/2002 15/2005 40/2005 48/2005 Poligrafica

Dettagli

PROCEDURA DIREZIONE TECNICA. FOGLIO 1 di Il

PROCEDURA DIREZIONE TECNICA. FOGLIO 1 di Il I. ~~~I'~ RF I DIREZIONE TECNICA PROCEDURA ICodifica: RFI TC.P A TC FOGLIO PR CM 02 D68 BI 1 di Il 2 di 11 I.1 Scopo... 3 I.2 Campo di Applicazione... 3 I.3 Riferimenti... 4 I.4 Definizione e acronimi...

Dettagli

La linea Firenze-Empoli-Pisa

La linea Firenze-Empoli-Pisa La linea Firenze-Empoli-Pisa La variante Signa-Montelupo La variante Signa-Montelupo La realizzazione della variante Signa-Montelupo sulla linea Firenze-Empoli-Pisa consentirà il potenziamento del servizio

Dettagli

QUADRO ELETTRICO AUTOMATICO DI COMANDO E CONTROLLO PER GRUPPI ELETTROGENI

QUADRO ELETTRICO AUTOMATICO DI COMANDO E CONTROLLO PER GRUPPI ELETTROGENI QUADRO ELETTRICO AUTOMATICO DI COMANDO E CONTROLLO PER GRUPPI ELETTROGENI GENERALITA': Il quadro elettrico oggetto della presente specifica è destinato al comando e al controllo di gruppo elettrogeni automatici

Dettagli

Ver. 1.1. Manuale d uso e configurazione

Ver. 1.1. Manuale d uso e configurazione Ver. 1.1 Manuale d uso e configurazione Introduzione Questa applicazione consente di gestire le principali funzioni delle centrali Xpanel, Imx e Solo da un dispositivo mobile dotato di sistema operativo

Dettagli

Novità introdotte dalle nuove Norme CEI 0-16 e CEI 0-21 al sistema di protezione di interfaccia per utenti attivi

Novità introdotte dalle nuove Norme CEI 0-16 e CEI 0-21 al sistema di protezione di interfaccia per utenti attivi Novità introdotte dalle nuove Norme CEI 0-16 e CEI 0-21 al sistema di protezione di interfaccia per utenti attivi ing. Massimo Ambroggi Responsabile Service Tecnico THYTRONIC S.p.A. (MI) http://www.norma016.it/cei/index.asp?page=documentazione&type=2

Dettagli

Tastiere 636 e 646. Manuale utente DT01451

Tastiere 636 e 646. Manuale utente DT01451 Tastiere 636 e 646 636 646 Manuale utente DT01451 Sommario Operazioni di base 3 Codici accesso 4 Inserimento e disinserimento 5 Tasti panico 9 Tasto di accesso alla programmazione 10 Caratteristiche supplementari

Dettagli

L INFRASTRUTTURA FERROVI ARIA

L INFRASTRUTTURA FERROVI ARIA L INFRASTRUTTURA FERROVI ARIA INFRASTRUTTURA FERROVIARIA SEDE FERROVIARIA IMPIANTI 2 SEDE FERROVIARIA SEDE FERROVIARIA Corpo Stradale Sovrastruttura Ferroviaria Rilevati Trincee Ponti Viadotti Gallerie

Dettagli

CENTRALE RADIO SUPERVISIONATA CAF 528. MANUALE UTENTE Rel. 1.00

CENTRALE RADIO SUPERVISIONATA CAF 528. MANUALE UTENTE Rel. 1.00 CENTRALE RADIO SUPERVISIONATA CAF 528 MANUALE UTENTE Rel. 1.00 CAF528 è una centrale di semplice utilizzo da parte dell utente il quale può attivare l impianto in modo totale o parziale per mezzo dei PROGRAMMI

Dettagli

39 Il linguaggio grafico a contatti

39 Il linguaggio grafico a contatti 39 Il linguaggio grafico a contatti Diagramma a contatti, ladder, diagramma a scala sono nomi diversi usati per indicare la stessa cosa, il codice grafico per la programmazione dei PLC con il linguaggio

Dettagli

STRALCIO. Descrizione delle modalità di circolazione del sistema Tram - Treno.

STRALCIO. Descrizione delle modalità di circolazione del sistema Tram - Treno. REPUBBLICA ITALIANA UNIONE EUROPEA spa trasporti regionali della sardegna Via Zagabria, 54 09129 Cagliari tel (+39) 070 4098 1 fax (+39) 070 4098 237 www.arst.sardegna.it STRALCIO Progetto finanziato dall

Dettagli

Codifica: RFI TC.PATC ST CM 02 D02 G

Codifica: RFI TC.PATC ST CM 02 D02 G 2 di 110 Tabella upgrade del documento Rev. Data DESCRIZIONE A 18/04/00 PRIMA EMISSIONE C 10/05/01 SECONDA EMISSIONE D 26/07/01 EMISSIONE PER SPERIMENTAZIONE D01 AGGIORNAMENTI D02 05/07/02 AGGIORNAMENTI

Dettagli

www.protexitalia.it centrale antifurto 5 zone radio/filo

www.protexitalia.it centrale antifurto 5 zone radio/filo www.protexitalia.it centrale antifurto 5 zone radio/filo IInttroduziione La centrale di allarme RF5000 (LEVEL 5) nasce con lo scopo di facilitare la realizzazione e la gestione di un impianto di allarme

Dettagli

2.2.6 Dispositivi di comando DPR 459/96 all.1; CEI EN 60204-1/06

2.2.6 Dispositivi di comando DPR 459/96 all.1; CEI EN 60204-1/06 2.2.6 Dispositivi di comando I dispositivi di comando costituiscono l elemento attraverso il quale l operatore attiva o disattiva le funzioni della macchina. Sono normalmente costituiti da un organo meccanico

Dettagli

Osservatorio per i Conflitti Sindacali P.zza della Croce Rossa, 1 ROMA. Commissione di Garanzia Legge 146/90 Via Po 16/a ROMA

Osservatorio per i Conflitti Sindacali P.zza della Croce Rossa, 1 ROMA. Commissione di Garanzia Legge 146/90 Via Po 16/a ROMA Osservatorio per i Conflitti Sindacali P.zza della Croce Rossa, 1 ROMA Commissione di Garanzia Legge 146/90 Via Po 16/a ROMA Trenitalia S.p.A. Risorse Umane Nord Ovest Dott. Manuela Rossi Milano Direzione

Dettagli

H/LN4710-0 672 05-64171. Energy display. Manuale Installatore. www.homesystems-legrandgroup.com

H/LN4710-0 672 05-64171. Energy display. Manuale Installatore. www.homesystems-legrandgroup.com H/LN4710-0 672 05-64171 Energy display www.homesystems-legrandgroup.com Indice Descrizione generale 4 Icone e tasti 4 Configurazione 5 Messa in funzione 6 Indicazioni del display 6 Segnalazioni di errore

Dettagli

Centrale Operativa 118 di Firenze

Centrale Operativa 118 di Firenze Centrale Operativa 118 di Firenze MANUALE OPERATIVO COMPUTER DI BORDO Il terminale di bordo si presenta costituito da un unica struttura hardware plastica di colore nero. Sul retro del corpo del terminale

Dettagli

Manuale Easy Tronic Micro II (firmware V06)

Manuale Easy Tronic Micro II (firmware V06) (firmware V06) Il presente manuale prende in esame la scheda Easy Troni Micro II, prodotto che si prefigge di controllare e di eseguire il processo di funzionamento di un compressore d aria a vite. Definizione

Dettagli

SISTEMA HS 3.33 MANUALE INSTALLAZIONE

SISTEMA HS 3.33 MANUALE INSTALLAZIONE SISTEMA HS 3.33 MANUALE INSTALLAZIONE INDICE PREMESSA. pag.1 1. Caratteristiche Tecniche..... pag.2 2. Funzioni Sistema... pag.2 2.1 Modalità di Attivazione e Disattivazione 2.2 Funzione antifurto 2.3

Dettagli

TECNOLOGIE PER TUTTI

TECNOLOGIE PER TUTTI TECNOLOGIE PER TUTTI Il guidatore di un auto... IL GUIDATORE DI AUTOMOBILE In automobile il guidatore sceglie dove andare, a che velocità, come mantenere la distanza di sicurezza con le altre macchine

Dettagli

SECURBOX 226 CENTRALE DI ALLARME ANTINTRUSIONE MANUALE TECNICO

SECURBOX 226 CENTRALE DI ALLARME ANTINTRUSIONE MANUALE TECNICO SECURBOX 226 CENTRALE DI ALLARME ANTINTRUSIONE MANUALE TECNICO La centrale SECURBOX 226 è stata progettata per impianti di allarme antintrusione professionali. Adatta all'utenza che predilige la semplicità,

Dettagli

UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE LECTURE 07 - LE STAZIONI

UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE LECTURE 07 - LE STAZIONI UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE LECTURE 07 - LE STAZIONI Docente: Ing. Marinella Giunta DEFINIZIONI Vengono definite

Dettagli

CIRCUITI OLEODINAMICI ELEMENTARI

CIRCUITI OLEODINAMICI ELEMENTARI CIRCUITI OLEODINAMICI ELEMENTARI Un esame sistematico dei circuiti completi, anche se limitato a pochi tipi di macchine e di attrezzature, sarebbe estremamente complesso e vasto. Il raggiungimento del

Dettagli

2.4.16 Isola robotizzata D.Lgs. 81/08 All. V e VI, DPR 459/96 All. I, UNI EN ISO 10218:2006

2.4.16 Isola robotizzata D.Lgs. 81/08 All. V e VI, DPR 459/96 All. I, UNI EN ISO 10218:2006 2.4.16 Isola robotizzata D.Lgs. 81/08 All. V e VI, DPR 459/96 All. I, UNI EN ISO 10218:2006 Macchina o insieme di macchine asservite nella manipolazione del materiale o nell esecuzione delle lavorazioni

Dettagli

TRASPORTI FERROVIARI PARTE C

TRASPORTI FERROVIARI PARTE C Università di Pisa Anno Accademico: 2012/13 CORSO DI TECNICA ED ECONOMIA DEI TRASPORTI Docente: Marino Lupi TRASPORTI FERROVIARI PARTE C 1 La circolazione dei treni si riferisce a due serie fondamentali

Dettagli

Istruzioni PN DIGITERM

Istruzioni PN DIGITERM Istruzioni PN DIGITERM PN DIGITERM - modulo di termoregolazione e gestione camera Il modulo PN DIGITERM è costituito da un modulo da guida DIN (6m) per le connessioni con le apparecchiature e da un pannello

Dettagli

Focus su alcuni temi rilevanti in materia di. del Decreto 4/2012. Firenze, 31 Luglio 2013

Focus su alcuni temi rilevanti in materia di. del Decreto 4/2012. Firenze, 31 Luglio 2013 Focus su alcuni temi rilevanti in materia di sicurezza a sei mesi dall entrata in vigore del Decreto 4/2012 Firenze, 31 Luglio 2013 Argomenti dell incontro Guasti alle porte dei Treni Passeggeri Utilizzo

Dettagli

Federazione Autonoma dei Sindacati dei Trasporti Segreteria Generale

Federazione Autonoma dei Sindacati dei Trasporti Segreteria Generale Federazione Autonoma dei Sindacati dei Trasporti Segreteria Generale Roma lì 23 Febbraio 2012 Prot.08/07/SG Amministratore Delegato FS SpA Ing. Mauro Moretti Amministratore Delegato Trenord Ing. Giuseppe

Dettagli

- Limena (Padova) - &HQWUDOH$;,6 MANUALE PER L UTENTE. Centrale mod. AXIS 5. Omologazione IMQ - ALLARME 1 e 2 LIVELLO

- Limena (Padova) - &HQWUDOH$;,6 MANUALE PER L UTENTE. Centrale mod. AXIS 5. Omologazione IMQ - ALLARME 1 e 2 LIVELLO - Limena (Padova) - &HQWUDOH$;,6 MANUALE PER L UTENTE Centrale mod. AXIS 5 Omologazione IMQ - ALLARME 1 e 2 LIVELLO AXEL AXIS 5 6HJQDOD]LRQLFRQOHG led 1 giallo : se acceso, indica la presenza della tensione

Dettagli

29. Inventari. Software SHOP_NET Manuale d uso Vers. 3.0-2010. Valorizzazione Inventario

29. Inventari. Software SHOP_NET Manuale d uso Vers. 3.0-2010. Valorizzazione Inventario 29. Inventari Valorizzazione Inventario Il programma dispone di un sistema di valorizzazione dell inventario teorico che si basa sul numero di Record presenti negli Archivi Giacenze degli Articoli Univoci

Dettagli

Manuale d'uso RFID METALLO

Manuale d'uso RFID METALLO Manuale d'uso RFID METALLO Skynet Italia Srl www.skynetitalia.net Pagina 1 Indice Capitolo 1 - Panoramica... 3 Introduzione...3 Scheda tecnica...3 Dimensioni...3 Capitolo 2 Installazione... 4 Installazione...4

Dettagli

EG4 Star CENTRALE A MICROPROCESSORE

EG4 Star CENTRALE A MICROPROCESSORE Curtarolo (Padova) Italy MANUALE DI INSTALLAZIONE EG4 Star CENTRALE A MICROPROCESSORE IST0571V1.3-1 - Generalità Indice Generalità... pag. 2 Caratteristiche tecniche... pag. 2 Scheda della centrale...

Dettagli

CE1_AD/P2 DISPOSITIVO ELETTRONICO PROGRAMMABILE. Caratteristiche tecniche Collegamenti elettrici Calibratura Note di funzionamento e installazione

CE1_AD/P2 DISPOSITIVO ELETTRONICO PROGRAMMABILE. Caratteristiche tecniche Collegamenti elettrici Calibratura Note di funzionamento e installazione DISPOSITIVO ELETTRONICO PROGRAMMABILE CE1_AD/P2 Caratteristiche tecniche Collegamenti elettrici Calibratura Note di funzionamento e installazione Versione 01.10/12 CE1_AD/P2: dispositivo elettronico programmabile

Dettagli

2002 ISTITUTO PROFESSIONALE (indirizzo Tecnico per le Industrie Elettriche)

2002 ISTITUTO PROFESSIONALE (indirizzo Tecnico per le Industrie Elettriche) 2002 ISTITUTO PROFESSIONALE (indirizzo Tecnico per le Industrie Elettriche) Tema di SISTEMI, AUTOMAZIONE E ORGANIZZAZIONE DELLA PRODUZIONE Un sistema a nastro trasportatore, azionato da un motore con funzione

Dettagli

Portale tirocini. Manuale utente Per la gestione del Progetto Formativo

Portale tirocini. Manuale utente Per la gestione del Progetto Formativo GESTIONE PROGETTO FORMATIVO Pag. 1 di 38 Portale tirocini Manuale utente Per la gestione del Progetto Formativo GESTIONE PROGETTO FORMATIVO Pag. 2 di 38 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. ACCESSO AL SISTEMA...

Dettagli

Il Trasporto Pubblico Locale in Toscana, con particolare riferimento al trasporto ferroviario d interesse regionale e locale(tpf)

Il Trasporto Pubblico Locale in Toscana, con particolare riferimento al trasporto ferroviario d interesse regionale e locale(tpf) Settima Commissione consiliare MOBILITA E INFRASTRUTTURE Il Trasporto Pubblico Locale in Toscana, con particolare riferimento al trasporto ferroviario d interesse regionale e locale(tpf) Indagine conoscitiva

Dettagli

Tutela e informativa sulla Privacy

Tutela e informativa sulla Privacy Tutela e informativa sulla Privacy Informazioni in materia di protezione dei dati personali. Art. 13 del Decreto Legislativo 30 giugno 2003 n. 196 (Codice in materia di protezione dei dati personali) Ai

Dettagli

< Apparecchiatura di controllo di fiamma > RIVELAZIONE FIAMMA BI ELETTRODO. SAITEK srl

< Apparecchiatura di controllo di fiamma > RIVELAZIONE FIAMMA BI ELETTRODO. SAITEK srl Serie CF3q < Apparecchiatura di controllo di fiamma > SAITEK srl www.saitek.it info@saitek.it Casalgrande (RE) ITALY Tel. +39 0522 848211 Fax +39 0522 849070 CONTROLLO DI FIAMMA SERIE C F 3 Q pag. 1 di

Dettagli

NORME EN81.20 e EN81.50. www.giovenzana.com

NORME EN81.20 e EN81.50. www.giovenzana.com NORME EN81.20 e EN81.50 www.giovenzana.com La nuova EN 81-20 sostituisce EN 81-2 & EN 81-1. Contiene i requisiti per completare l installazione di ascensori per passeggeri e montacarichi indipendenti

Dettagli

Sirena autoalimentata autoprotetta WLINK con lampeggiatore

Sirena autoalimentata autoprotetta WLINK con lampeggiatore Doc7Awlink Firmware 1.00 Evo Wlink Sirena autoalimentata autoprotetta WLINK con lampeggiatore Evo Wlink, di seguito abbreviata Evo, è una sirena per esterni autoalimentata autoprotetta su protocollo WLINK

Dettagli

Nuovo Telecomando del traffico della linea B della Metropolitana di Roma Direzione Servizi Ingegneria del Trasporto Ing.

Nuovo Telecomando del traffico della linea B della Metropolitana di Roma Direzione Servizi Ingegneria del Trasporto Ing. Nuovo Telecomando del traffico della linea B della Metropolitana di Roma Direzione Servizi Ingegneria del Trasporto Ing. Carlo Scoppola Roma, 18 novembre 2009 Indice La linea B della metropolitana di Roma

Dettagli

Manuale di Attivazione. Edizione Gennaio 2014

Manuale di Attivazione. Edizione Gennaio 2014 Manuale di Attivazione Edizione Gennaio 2014 Manuale Attivazione PaschiInAzienda - Gennaio 2014 INDICE 1. Requisiti preliminari 3 2. Dati per l accesso al servizio 3 3. Istruzioni per l attivazione del

Dettagli

SEZIONAMENTO DELLA LINEA DI CONTATTO E MESSA A TERRA DI SICUREZZA PER GALLERIE FERROVIARIE

SEZIONAMENTO DELLA LINEA DI CONTATTO E MESSA A TERRA DI SICUREZZA PER GALLERIE FERROVIARIE Progetto Figi - Corso in Cotutela SEZIONAMENTO DELLA LINEA DI CONTATTO E MESSA A TERRA DI SICUREZZA PER GALLERIE FERROVIARIE ING. ANTONIO COLLA DICEMBRE 2009 ARGOMENTI TRATTATI DECRETO E SPECIFICHE DI

Dettagli

DATI STATISTICI 2009

DATI STATISTICI 2009 DATI STATISTICI 2009 2/20 3/20 4/20 5/20 6/20 7/20 8/20 ALLEGATO 2 - PROGETTO 'SICUREZZA' 9/20 1.1 PREMESSA Per una struttura di servizio come il Centro Residenziale, la soddisfazione dell utenza costituisce

Dettagli

CRITERI DI CONNESSIONE AL SISTEMA DI CONTROLLO DI TERNA

CRITERI DI CONNESSIONE AL SISTEMA DI CONTROLLO DI TERNA Pag. 1 di 11 CRITERI DI CONNESSIONE AL SISTEMA DI CONTROLLO DI TERNA Pag. 2 di 11 INDICE 1 Scopo... 3 2 Campo di applicazione... 3 3 Documenti di riferimento... 3 4 Premessa... 3 5 Descrizione del Sistema

Dettagli

Manuale d uso e configurazione

Manuale d uso e configurazione Manuale d uso e configurazione Versione 1.0 1 Introduzione Questa applicazione consente di gestire le principali funzioni delle centrali Xpanel, imx e Solo da un dispositivo mobile dotato di sistema operativo

Dettagli

Interfaccia contatti a 2 ingressi indipendenti

Interfaccia contatti a 2 ingressi indipendenti Il dispositivo è utilizzato per collegare al sistema antintrusione i contatti magnetici di allarme normalmente chiusi, contatti elettromeccanici a fune per la protezione di avvolgibili e tapparelle e sensori

Dettagli

C4UC0201 - C4UC0401 - C4UC0801

C4UC0201 - C4UC0401 - C4UC0801 Centrale Antifurto C4UC0201 - C4UC0401 - C4UC0801 Manuale per l'utente 24832301-08-02-10 GLOSSARIO Zone o Ingressi Per Zone o Ingressi, si intendono le fonti da cui provengono gli allarmi, che possono

Dettagli

SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA. PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI DI POTENZA NOMINALE NON SUPERIORE A 20 kw CONNESSI ALLA RETE

SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA. PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI DI POTENZA NOMINALE NON SUPERIORE A 20 kw CONNESSI ALLA RETE SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI DI POTENZA NOMINALE NON SUPERIORE A 20 kw CONNESSI ALLA RETE SCOPO Lo scopo della presente specifica è quello di fornire le

Dettagli

MANUALE D INSTALLAZIONE

MANUALE D INSTALLAZIONE SJ604AX SH602AX SH602AX: tele 2 pulsanti con ritorno informaz. SJ604AX: tele 4 pulsanti con ritorno informaz. MANUALE D INSTALLAZIONE Indice 1. Presentazione... 1 2. Preparazione... 2 3. Apprendimento...

Dettagli

AVS ELECTRONICS. LOGITEL8Plus Advance MANUALE UTENTE

AVS ELECTRONICS. LOGITEL8Plus Advance MANUALE UTENTE AVS ELECTRONICS www.avselectronics.com AZIENDA CON SISTEMA QUALITA CERTIFICATO ISO9001 LOGITEL8Plus Advance MANUALE UTENTE IST0418V3/1-1 - Sommario 4 Accensione rapida 4 Spegnimento rapido 5 Accensione

Dettagli

2CSC441001B0902. Apparecchi di comando System pro M compact. Moduli GSM ATT

2CSC441001B0902. Apparecchi di comando System pro M compact. Moduli GSM ATT 2CSC441001B0902 Apparecchi di comando System pro M compact Moduli ATT Per comandare le utenze elettriche con il telefono cellulare I vantaggi La gestione delle apparecchiature elettriche da remoto è un

Dettagli

SPVI: Sistema di Supervisione Integrata per gallerie ferroviarie

SPVI: Sistema di Supervisione Integrata per gallerie ferroviarie SPVI: Sistema di Supervisione Integrata per gallerie ferroviarie SPVI è l abbreviazione di Supervisione Integrata : un sistema di monitoraggio e controllo delle installazioni tecnologiche per la sicurezza

Dettagli

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono)

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) GUIDA UNAC N. 6 PER LA MOTORIZZAZIONE DELLE SERRANDE E DEI PORTONI A SCORRIMENTO VERTICALE IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE E ALLE PARTI APPLICABILI

Dettagli

COMUNE DI LONGARE. Provincia di Vicenza Area Lavori Pubblici Gestione e Manutenzione Patrimonio Ambiente

COMUNE DI LONGARE. Provincia di Vicenza Area Lavori Pubblici Gestione e Manutenzione Patrimonio Ambiente Provincia di Vicenza Area Lavori Pubblici Gestione e Manutenzione Patrimonio Ambiente Via G. Marconi 26 36023 Longare(VI) cod. fisc. 00415090240 tel. 0444/555444 fax 0444/953441 SERVIZIO DI MANUTENZIONE

Dettagli

MULTIPLEXER 4 CANALI CON FUNZIONAMENTO DUPLEX E VIDEO A COLORI AXECD4X

MULTIPLEXER 4 CANALI CON FUNZIONAMENTO DUPLEX E VIDEO A COLORI AXECD4X MULTIPLEXER 4 CANALI CON FUNZIONAMENTO DUPLEX E VIDEO A COLORI AXECD4X MANUALE D INSTALLAZIONE LEGGERE ATTENTAMENTE IL PRESENTE MANUALE PRIMA DI METTERE IN FUNZIONE L'APPARECCHIATURA. INDICE Caratteristiche

Dettagli

CRITERI DI APPLICABILITA DI SISTEMI SUSSIDIARI

CRITERI DI APPLICABILITA DI SISTEMI SUSSIDIARI 1 di 27 LINEE GUIDA PER LA PROTEZIONE CANTIERI Parte Titolo PARTE I GENERALITA PARTE II CRITERI DI APPLICABILITA DI SISTEMI SUSSIDIARI PARTE III DISPOSIZIONI TRANSITORIE PARTE IV ALLEGATI Rev. Data Descrizione

Dettagli

ALLEGATO A REGOLAMENTO DI ESERCIZIO IN PARALLELO CON RETI BT DI SGW ASM LACES DI IMPIANTI DI GENERAZIONE

ALLEGATO A REGOLAMENTO DI ESERCIZIO IN PARALLELO CON RETI BT DI SGW ASM LACES DI IMPIANTI DI GENERAZIONE Ed. 1.0 ALLEGATO A REGOLAMENTO DI ESERCIZIO IN PARALLELO CON RETI BT DI SGW ASM LACES DI IMPIANTI DI GENERAZIONE 2010 N. PAG. 1/6 GENERALITÀ DEL PRODUTTORE Cliente.., con sede legale in.., Via/P.zza n,

Dettagli

Segnaletica Ferroviaria. Segnaletica di linea e articoli complementari per il settore ferroviario

Segnaletica Ferroviaria. Segnaletica di linea e articoli complementari per il settore ferroviario Segnaletica Ferroviaria Segnaletica di linea e articoli complementari per il settore ferroviario LA NOSTRA SOCIETÀ Prealux, società costituita da circa trent anni, è operativa nel settore della segnaletica

Dettagli

Torino, 29 marzo 2012

Torino, 29 marzo 2012 Torino, 29 marzo 2012 1 "Il successo di un ramo secco: la Ferrovia della Val Venosta. La nascita e lo sviluppo di un Impresa Ferroviaria Die neue Vinschgerbahn 2 Val Venosta Vinschgau 3 1906 1991 1999

Dettagli

PROCEDURE OPERATIVE PER LA GESTIONE DELLE INFORMAZIONI E DEI DATI NELL AMBITO DEL SISTEMA DI MISURA

PROCEDURE OPERATIVE PER LA GESTIONE DELLE INFORMAZIONI E DEI DATI NELL AMBITO DEL SISTEMA DI MISURA N COSPX05 Rev.01 SISTEMA DI MISURA DI ENERGIA ELETTRICA Data 10/05/06 DELLE INFORMAZIONI E DEI DATI NELL AMBITO DEL SISTEMA DI MISURA DELLE INFORMAZIONI E DEI DATI DI MISURA Pag. 2 di 44 INDICE SEZIONE

Dettagli

ITALIANO. Centrale G-820. MANUALE DELL UTENTE Omologazione IMQ SISTEMI DI SICUREZZA 1 e 2 LIVELLO

ITALIANO. Centrale G-820. MANUALE DELL UTENTE Omologazione IMQ SISTEMI DI SICUREZZA 1 e 2 LIVELLO ITALIANO Centrale G-820 MANUALE DELL UTE Omologazione IMQ SISTEMI DI SICUREZZA 1 e 2 LIVELLO Indice G-820 Utente Segnalazioni Segnalazioni sulla tastiera 4 Segnalazioni dirette su display..................................

Dettagli

PER PROFESSIONISTI. Tutto quello che serve sapere

PER PROFESSIONISTI. Tutto quello che serve sapere Promemoria Radio PER PROFESSIONISTI Tutto quello che serve sapere SOMMARIO Pagina A Modalità diretta... 44 B Modalità "Bus Radio"... 46 C Gruppi di ricevitori su "Bus Radio"... 48 D Duplicazione di pulsanti

Dettagli

ASSESSORATO ALLE ATTIVITA PRODUTTIVE SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA

ASSESSORATO ALLE ATTIVITA PRODUTTIVE SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA ALLEAGATO A1 SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI DI POTENZA NOMINALE NON SUPERIORE A 20 kw CONNESSI ALLA RETE SCOPO Lo scopo della presente specifica è quello di

Dettagli

La stesura della revisione della norma uni. REVISIONE DELLA NORMA UNI 10411-1 Confronto tra vecchia e nuova versione.

La stesura della revisione della norma uni. REVISIONE DELLA NORMA UNI 10411-1 Confronto tra vecchia e nuova versione. INGEGNERIA CIVILE a cura di Ing. G. Andreani Ing. S. Bonomi Ing. R. Fioramonti Ing. G. Nalli commissione Ascensori e scale mobili visto da: Ing. M. Domenicucci REVISIONE DELLA NORMA UNI 10411-1 Confronto

Dettagli