ACC DI BOLOGNA REQUISITI FUNZIONALI DI LOGICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ACC DI BOLOGNA REQUISITI FUNZIONALI DI LOGICA"

Transcript

1

2 2 di 71 REVISIONE B : ELENCO CAPITOLI MODIFICATI / ELIMINATI / AGGIUNTI Capitoli modificati (numerazione riferita alla revisione A): Capitolo 1 Deviatoio o scarpa fermacarri (con manovra elettrica) Precisati interventi temporizzazione manovra. Precisato che la funzionalità di comando della manovra deviatoio temporizzata (100 ) non sarà attiva nella prima configurazione dell impianto. Capitolo 3 - Elettromagnete di intallonabilità Precisato che la diseccitazione elettromagnete non è legata all aspetto del segnalamento Capitolo 5 Segnale Precisato che l esclusione comprende anche l indicatore di direzione. Capitolo 12 Chiusura segnali generale Precisato che la chiusura agisce anche sui segnali verso i punti di confine in ingresso a Bologna. Capitolo 13 Istradamento Inserita particolarità mantenimento bloccamento deviatoio per istradamento con punto finale sb122. Capitolo 14 Itinerario Precisato che l itinerario gestisce anche il segnale di avviso isolato. Capitolo 16 Dispositivo di transitato Precisato il caso di occupazione con secondo cdb. Capitolo 17 Gestione della prenotazione della destinazione Eliminato paragrafo descrittivo dei casi più significativi di prenotazione in quanto non presenti. Capitolo 18 Bloccamento manuale del percorso (Istradamento TM) Precisate le caratteristiche e le delimitazioni dei percorsi. Capitolo 19 Sistemi di blocco Precisato che in fase provvisoria dovrà essere gestito il BA a due aspetti non reversibile. Capitolo 29 Inibizione della liberazione del bloccamento nel caso di mancata occupazione Cdb. Precisato caso di mancata occupazione cdb di stazionamento. Capitolo 30 Deviatoio laterale conteso e protezioni laterali sostitutive. Precisate le caratteristiche generali della funzione. Capitolo 31 Gestione del doppio segnale basso Precisati i limiti dell istrademento Tm e il caso di attestamento di istradamento al a segnale basso di metà piazzale.

3 3 di 71 Capitolo 32 Gestione dei movimenti sui punti di confine con stazioni limitrofe Precisata la gestione delle anormalità. Precisato che le funzioni esclusione richiesta e Tl non saranno disponibili nella prima configurazione. Precisato che le procedure particolari dovranno formare oggetto delle istruzioni di dettaglio dell impianto. Capitolo 33 Gestione deviatoi di confine con stazioni limitrofe. Precisate esclusioni protezioni laterali e ripetizione QL. Precisate caratteristiche caso particolare confine Ravone. Precisato che le procedure particolari dovranno formare oggetto delle istruzioni di dettaglio dell impianto. Capitolo 36 Liberazione a tempo deviatoi, convergenze e altri vincoli sull uscita. Precisate le modalità di liberazione e le tipologie interessate. Capitolo 37 PL a semibarriere con punto di comando in ambito stazione e in linea. Inseriti tasti di soccorso TrPLAut e TexPLAut per esclusione allarme a. Precisato che le procedure particolari dovranno formare oggetto delle istruzioni di dettaglio dell impianto. Capitolo 38 Interventi per SCMT e zone di sovrapposizione AV/AC SCMT. Eliminato il caso di deviatoi a 100 Km/h in quanto non presente. Specificata la funzionalità di ritardo occupazione segnali per condizioni SCMT. Precisati riferimenti di documentazione specifica. Capitolo 40 Gestione dei movimenti sui punti di confine con l ACEI di Ravone Sottovia Buca Precisato che le procedure particolari dovranno formare oggetto delle istruzioni di dettaglio dell impianto. Capitoli eliminati: Capitolo 20 Interfaccia con i sistemi esterni Eliminata in quanto non ancora definita. Capitoli aggiunti: Capitolo 37 Interventi per consentire la contemporaneità di movimenti altrimenti convergenti Capitolo 42 Gestione dei movimenti sui punti di confine con l ACEI di scalo Salesiani. Capitolo 43 PL Km della linea BO/PD a barriere intere in linea protetto dai segnali di partenza.

4 4 di 71 PARTE I... 6 i.1 SCOPO... 6 i.2 CAMPO DI APPLICAZIONE... 6 i.3 RIFERIMENTI... 6 i.4 DEFINIZIONI E ACRONIMI... 8 PARTE II - FUNZIONI LOGICHE DEVIATOIO O SCARPA FERMACARRI (CON MANOVRA ELETTRICA) GESTIONE DELL INTERSEZIONE ELETTROMAGNETE DI INTALLONABILITÀ CIRCUITI DI BINARIO SEGNALE SEGNALE BASSO SEGNALE DI AVANZAMENTO SEGNALE DI AVVIO INDICATORE DI PARTENZA INDICATORE DI DIREZIONE SEGNALAZIONE AUSILIARIA RAPPEL CHIUSURA SEGNALI GENERALE ISTRADAMENTO ITINERARIO CONDIZIONI PER LINEA AV/AC DISPOSITIVO DI TRANSITATO GESTIONE DELLA PRENOTAZIONE DELLA DESTINAZIONE BLOCCAMENTO MANUALE DEL PERCORSO (ISTRADAMENTO TM) SISTEMI DI BLOCCO INVERSIONE DEL BLOCCO FUORI SERVIZIO DI LINEA CIRCOLAZIONE CARRELLI ZONE TE GESTIONE DEL RGG GESTIONE DEL GG GESTIONE DEL TCL ESCLUSIONE DEGLI ENTI INIBIZIONE DELLA LIBERAZIONE DEL BLOCCAMENTO NEL CASO DI MANCATA OCC. CDB DEVIATOIO LATERALE CONTESO E PROTEZIONI LATERALI SOSTITUTIVE GESTIONE DEL DOPPIO SEGNALE BASSO GESTIONE MOVIMENTI SUI PUNTI DI CONFINE CON STAZIONI LIMITROFE GESTIONE DEVIATOI DI CONFINE CON STAZIONI LIMITROFE ESCLUSIONE E CHIUSURA SEGNALE PUNTO DI LINEA REGIME DI SOSPENSIONE COMANDI LEGGERI LIBERAZIONE A TEMPO DEVIATOI, CONVERGENZE E ALTRI VINCOLI SULL USCITA INTERVENTI PER CONSENTIRE LA CONTEMPORANEITÀ DI MOVIMENTI ALTRIMENTI CONVERGENTI PL A SEMIBARRIERE CON PUNTO DI COMANDO IN AMBITO STAZIONE E IN LINEA INTERVENTI PER SCMT E ZONE DI SOVRAPPOSIZIONE AV/AC-SCMT...65

5 5 di INTERVENTI DI SOCCORSO MIRATI GESTIONE MOVIMENTI SUI PUNTI DI CONFINE CON L ACEI DI RAVONE SOTTOVIA BUCA GESTIONE MOVIMENTI SUI PUNTI DI CONFINE CON L ACEI DI SCALO SALESIANI PL KM SULLA LINEA BO/PD A BARRIERE INTERE IN LINEA PROTETTO DAI SEGNALI DI PARTENZA...71

6 6 di 71 PARTE I I.1 SCOPO La specifica di primo livello ha lo scopo di definire le funzionalità che dovranno essere sviluppate nell ACC di Bologna C.le per la prima fase di attivazione, soffermandosi in particolare sulle particolarità di impianto. I.2 CAMPO DI APPLICAZIONE La specifica si applica alla prima fase di attivazione dell ACC di Bologna C.le. In questa fase i confini fisici dell area che verrà gestita in modo organico dal sistema ACC, vengono individuati dalle seguenti posizioni geografiche: - lato Milano: Km lato Verona: Km lato Padova: Km lato Rimini: Km lato Firenze: Km lato Portomaggiore: Km L apparato nell ambito del PdS gestisce: - i confini con gli impianti di Bologna Ravone, Bologna Arcoveggio, Fascio Salesiani, Deposito locomotive. - i binari del piazzale centrale dal I al XV, del piazzale Ovest dal I al VII e del piazzale Est dal I la IV Est + I e II (Piano caricatore autocuccette) L estensione del progetto all impianto allargato sarà oggetto di apposita specifica. I.3 RIFERIMENTI Disposizione 49/03 Istruzione per l Esercizio con gli Apparati Centrali Statici Condizioni Tecniche e disposizioni normative Disposizione 51/03 Modifiche alla Disposizione n. 49 del 16 ottobre 2003 Disposizione 26/04 Modifiche alla Disposizione n. 49 del 16 ottobre 2003 omissis Disposizione 57/06 Criteri per la gestione delle intersezioni Piano schematico (Rev. D) Programma di esercizio Relazione illustrativa scelte impiantistiche: (Rev. D) Nuovi impianti sistema ACC e nodo di Bologna (Italferr) Stralci dei piani schematici che illustrano la situazione dei confini (Italferr) Specifica di I livello ACC Roma Termini Circolare IE/5/IR/134/91573 del PL con semibarriere automatiche e punto di comando nell ambito delle stazioni Circolare M.111/27/3.43-TV.4.12/400-IE.48(811/806) del 27/5/64 (giallo-giallo) Disposizione 05/03 Istruzione per l esercizio del Sistema di Controllo della Marcia del Treno (SCMT)

7 7 di 71 Lettera di concessione deroghe e autorizzazioni RFI-DTC\ A0011\P\2007\ del 27/02/2007 Nuova edizione istruzione esercizio dei PL - Circolare IE n del 21/06/1982; Trasmissione schema V381 - Circolare TC.T/I.01-PL04-92/02474 del 23/11/1992

8 8 di 71 I.4 DEFINIZIONI E ACRONIMI ACEI: Apparato Centrale Elettrico ad Itinerari ACC: Apparato Centrale Computerizzato AM: Agente della Manutenzione AV/AC: Alta Velocità/Alta Capacità BA: Blocco automatico CCL: Sistema di Controllo Circolazione Linea cdb: Circuito di binario ChS: Chiusura Segnali generale Cs: Consenso CTC: Sistema di Comando Centralizzato del Traffico DM: Dirigente del Movimento EsCF: Esclusione Punto di Confine Es/DM: Esclusione enti da parte del DM Es/IS: Esclusione stabilizzata enti per esigenze IS f.s.: fuori servizio GG: Aspetto del segnale Giallo-Giallo ID: Indicatore di Direzione IP: Indicatore di Partenza is: istradamento it: itinerario NT: Numero treno PdS: Posto di servizio PF: Punto Finale PL: Passaggio a Livello PLAut: Passaggio a Livello Automatico PO: Punto Origine QLv: Quadro Luminoso video RBC: Radio Block Center RCS: Ripetizione segnali continua RGG: Aspetto del segnale Rosso - Giallo Giallo SB: Segnale basso SCMT: Sistema di Controllo della Marcia del Treno SO: Sistema Oleodinamico Tb/Cs: Funzione di soccorso riferito al punto di confine Tb0: Funzione di soccorso per ricevimento treni in binario parzialmente ingombro TbD: Funzione di soccorso per shuntare occupazione o Es/DM o Es/IS del cdb d immobilizzazione di un deviatoio TcD: Funzione di soccorso per shuntare la mancanza di controllo iniziale per la manovra di un deviatoio TbTc: Funzione di soccorso cumulativa delle funzioni TbD e TcD Tcl: Funzione di soccorso per shuntare la mancanzadi controllo di un deviatoio laterale

9 9 di 71 TclCF: TE: Funzione di soccorso per shuntare la mancanza della condizione del deviatoi laterali di confine Trazione Elettrica TML: Terminale Manutenzione Locale Tl: Funzione di liberazione artificiale del PO Tlcdb: Funzione di soccorso per la liberazione artificiale del percorso TO: Terminale Operatore Tsm: Funzione di soppressione manuale della codifica dei cdb Tx: Funzione di soccorso mirato Txcdb: Funzione di soccorso mirato su cdb guasto o in esclusione TxCBCF: Funzione di soccorso mirato per shuntare la mancanza della condizione di cdb laterale di confine TxPO: Funzione di soccorso che shunta cumulativamente condizioni finali per la manovra del segnale di PO Tz: Funzione di soccorso generale propria degli impianti di tipo elettromeccanico ZLC: Gestore di area

10 10 di 71 PARTE II - FUNZIONI LOGICHE Premessa Al fine di una migliore individuazione delle parti innovative o specifiche, si evidenzia quanto in appresso: I capitoli relativi a funzionalità nuove, da implementare specificamente per l ACC di Bologna C.le, sono: Gestione dell intersezione Gestione della prenotazione della destinazione Bloccamento manuale del percorso Gestione del GG Collegamento di accosto Deviatoio laterale conteso e protezioni laterali sostitutive Gestione del doppio segnale basso Gestione movimenti sui punti di confine con stazioni limitrofe 1 Gestione deviatoi di confine con stazioni limitrofe 1 Esclusione e chiusura segnali punto di linea Regime di sospensione dei comandi leggeri Liberazione a tempo zona di uscita PL a semibarriere con punto di comando in stazione Interventi per SCMT Consensi per apertura segnale (sottovia buca) 1 Bloccamento manuale del percorso (Istradamento TM) I restanti capitoli trattano di funzionalità già sviluppate nella logica ACC, eventualmente integrate con le funzionalità che saranno comprese nella nuova versione di logica. 1 La funzione è stata elaborata sulla base delle esigenze espresse dalla DCM al Soggetto Tecnico che le ha rappresentate al Gruppo di Lavoro.

11 11 di DEVIATOIO O SCARPA FERMACARRI (CON MANOVRA ELETTRICA) 1.1 Funzione logica manovra deviatoio Questa funzione logica gestisce la manovra del deviatoio o della scarpa fermacarri, a seguito della ricezione del comando corrispondente da operatore o del comando automatico da una funzione logica di itinerario o istradamento. L operatore può impartire i comandi di manovra in posizione normale, rovescia, automatica del deviatoio e l esclusione e l inclusione dello stesso; tutto ciò vale anche per i deviatoi o scarpe con ritorno automatico in posizione normale. Possono essere inoltre comandate dall operatore la disalimentazione e la rialimentazione del circuito di manovra della cassa; la rialimentazione può essere comandata se non sono in atto interventi di soccorso mirati (funzione Tx) sul deviatoio. Al fine di evitare comandi latenti, il comando e l attuazione della manovra del deviatoio sono funzioni temporizzate che hanno i seguenti requisiti funzionali: - Comando della manovra deviatoio Dal momento in cui cambia lo stato dell M logico il comando della manovra del deviatoio rimane in atto per 100 ; nell ambito di tale tempo è possibile eseguire le seguenti operazioni: o ricomandare il deviatoio nella posizione iniziale con azzeramento del tempo attivato. o attivare la funzione TbD e/o TcD (nel caso in cui manchi anche il controllo di posizione iniziale) per ottenere il comando di attuazione della manovra. Se nell ambito dei 100 non sono state eseguite le operazioni di cui sopra, allo scadere del tempo anche l eventuale ripristino delle condizioni mancanti per il proseguo della manovra non determina comunque il comando alla manovra del deviatoio ma si attiva la disalimentazione logica dello stesso; in tal caso in sequenza è possibile: o rialimentare il deviatoio, che comporta l attivazione automatica di un nuovo comando manovra deviatoio temporizzato nella stessa posizione. o comandare il deviatoio nella posizione iniziale e poi rimuovere la funzione disalimentazione che consente di riacquisire il controllo di concordanza deviatoio (se nel frattempo non era stato perso il controllo di cassa del deviatoio). - Attuazione della manovra deviatoio E temporizzata di 20, allo scadere di tale tempo se non è pervenuto il controllo di posizione (per cui la manovra sarebbe già terminata) viene attivata automaticamente la funzione disalimentazione del circuito di manovra comandando inoltre la disalimentazione logica del deviatoio. A seguito di manovra non andata a buon fine, può essere comandata la manovra per il ripristino della posizione iniziale a condizione che si sia interrotta la manovra (tempo di manovra esaurito e comando verso la cassa assente) e si sia perso il controllo di posizione iniziale. Nota: la funzionalità di comando della manovra deviatoio temporizzata (100 ) non sarà attiva nella prima configurazione dell impianto.

12 12 di Controllo di posizione del deviatoio Può essere comandato il ripristino del controllo di posizione perso a causa della mancanza di energia; tale comando è cumulativo per tutti Gestori di Area (ZLC) o mirato su ciascuno di essi; entrambi hanno efficacia solo se tutti i controlli dei deviatoi dell intero Gestore di Area sono mancanti. L allarme di ogni Gestore di Area è riportato sul Terminale Operatore. La funzione che gestisce il controllo di posizione del deviatoio contiene l occupazione permanente dello stesso che, a seguito di perdita del controllo, ne consente il recupero solo se è verificata una delle seguenti condizioni: il deviatoio è in fase di manovra; è stata attivata la manovra in Es/IS; è stato attivato l intervento di soccorso per il ripristino del controllo. 1.3 Comando singolo e automatico del deviatoio La manovra singola può essere attivata sia per comandare il posizionamento del deviatoio che per mantenerlo nella posizione in cui si trova rendendo impossibile il comando automatico in posizione opposta; essa può essere effettuata anche in presenza di anormalità di piazzale, scartando le relative verifiche con opportuni interventi di soccorso (TbD e TcD o TbTc), per scartare rispettivamente il circuito di binario di immobilizzazione, il controllo di posizione iniziale o entrambi; gli interventi di soccorso sono distinti per singolo deviatoio per cui sono attivi anche con altri deviatoi confermati. Il ripristino del funzionamento automatico del deviatoio lo lascia libero di assumere qualunque posizione in seguito a comandi automatici da parte di itinerari o istradamenti. I comandi automatici di posizionamento vengono emessi dalle funzioni itinerario o istradamento dopo aver effettuato le verifiche di compatibilità, di assenza di manovre manuali individuali e di non esclusione del deviatoio ed a condizione che il comando che si sta per inviare sia opposto all ultima posizione assunta dal combinatore logico. 1.4 Condizioni da verificare per la manovra del deviatoio Per la manovra del deviatoio devono essere verificate le seguenti condizioni: 1) assenza di bloccamenti; 2) assenza della condizione di esclusione; 3) assenza di comandi automatici o individuali per la posizione opposta; 4) normalità del dispositivo di intallonabilità (elettromagnete alto); 2 5) libertà dei cdb di immobilizzazione e loro inclusione; 6) presenza del controllo di posizione iniziale; 7) alimentazione della cassa presente. 3 La presenza di tutte le condizioni sopra indicate consente l esecuzione della manovra completa del deviatoio. 2 La mancanza di normalità non inibisce il comando logico per la posizione di cabina del deviatoio ma solo l attivazione del comando (A logico), per le casse P80 e L90 in fase di configurazione della logica del sistema, la verifica può essere eliminata. 3 E consentito il comando individuale di un deviatoio disalimentato per guasto al fine di ottenere la posizione richiesta (M logico) e, dopo aver posizionato con manovra a mano il deviatoio, comandare un itinerario o istradamento. La presenza della alimentazione è verificata prima dell attivazione del comando (A logico) in modo tale da consentire,mediante contromanovra, di riprendere la posizione iniziale.

13 13 di 71 La mancanza anche temporanea di una o più condizioni comporta l arresto nelle sequenze logiche operative del processo deviatoio (salvo quanto specificato nelle note precedenti). Il ripristino autonomo di talune delle suddette condizioni consente la ripresa delle sequenze logiche precedentemente bloccate. In particolare le condizioni di cui ai punti 1), 2), 3) vengono verificate nella prima fase di comando del deviatoio e se mancanti non consentono di cambiare neanche la posizione richiesta (M logico); le condizione di cui ai punti 4), 5) 6), 7) vengono verificate nella successiva fase di comando per cui consentono di cambiare la posizione richiesta e quindi di formare (fino alla fase precedente al controllo del percorso) itinerari ed istradamenti. 1.5 Deviatoi con ritorno automatico in posizione normale Nel caso che per il deviatoio sia previsto il ritorno automatico in posizione normale questo avviene quando: vengono eliminati tutti i bloccamenti logici o prenotazioni, se il deviatoio era stato comandato rovescio da movimenti; viene rimosso lo stato di esclusione stabilizzata dell ente se l ente in tale stato era in posizione di rovescio; viene ripristinato il funzionamento automatico, se il deviatoio era stato comandato rovescio da manovra manuale. 1.6 Funzione di esclusione/inclusione del deviatoio Il comando di esclusione deviatoio ha lo scopo di rendere non disponibile il deviatoio medesimo per manovre manuali od automatiche fino a che non venga attivato il comando opposto di inclusione. In caso di esclusione, inoltre, si considerano appartenenti al deviatoio e quindi esclusi anche gli elettromagneti e gli eventuali trasmettichiave associati per la manovra a mano. Con il deviatoio escluso non si attivano gli itinerari e istradamenti che lo interessano sul percorso. (Per maggiori dettagli riguardanti l esclusione enti si rimanda al paragrafo Esclusione degli enti ). Risulta possibile attivare itinerari che richiedono come laterale di percorso o come uscita un deviatoio escluso previo intervento di soccorso mirato (Per maggiori dettagli riguardante gli interventi di soccorso mirato si rimanda al paragrafo Interventi di soccorso mirati ). Non è possibile escludere un deviatoio interessato da un comando o bloccamento in atto. Non è possibile escludere un deviatoio mentre è in atto una manovra; è possibile escluderlo se la manovra, non essendo andata a buon fine, si è interrotta. Nello stato di escluso e stabilizzato è possibile, tramite il terminale di manutenzione, la manovra del deviatoio stesso a condizione che l elettromagnete di intallonabilità sia alimentato; nel caso l elettromagnete sia disalimentato è possibile inviare tramite comando da terminale manutenzione l alimentazione diretta dell elettromagnete. Il deviatoio con ritorno automatico nella posizione normale, quando escluso e stabilizzato perde tale requisito: la posizione di normale è raggiungibile solo a seguito di comando specifico da TML. All atto della rimozione dell esclusione stabilizzata di un deviatoio, se non esiste il controllo esterno (di cassa), l operatore può comandare il deviatoio nella posizione opposta a quella che lampeggia sul QLv in modo da cambiare la posizione richiesta per tentare di ottenere il controllo e quindi la concordanza.

14 14 di Particolarità della cassa di manovra per deviatoio Oleodinamico (S.O.) Il deviatoio oleodinamico SO1 (tg. 0,040-0,055), a differenza del deviatoio elettromeccanico, non viene gestito con attuazione statica ma con attuazione elettromeccanica (a relè); sono stati previsti i seguenti ingressi aggiuntivi: Acquisizione dello stato di diseccitato dei relè di controllo fisico al fine di evitare, nel caso di relè incollato, la manovra in posizione opposta con falsa acquisizione del controllo e della concordanza pur con manovra non completata; Acquisizione allarme livello olio (pressione olio insufficiente) che se presente inibisce la manovra del deviatoio (M logico), quindi nel caso di comando di un movimento con deviatoio in allarme non si ottiene la registrazione. L allarme è inoltre rappresentato sul QLv.

15 15 di GESTIONE DELL INTERSEZIONE 2.1 Caratteristiche generali L intersezione è un particolare dispositivo di armamento rappresentato da un incrocio tra due binari (entrambi in rettifilo e privi di deviatoi) denominati rami dell intersezione, ciascuno dei quali consente ai rotabili l attraversamento a raso dell altro ramo dell intersezione. L individuazione di tale dispositivo sul Piano schematico è realizzata tramite una numerazione apposita (da 1001 in poi), e per ogni intersezione vengono definiti un ramo normale ed un ramo rovescio; a maggiore chiarimento si veda la figura (che rappresenta un caso semplice): 1001 Ramo normale Ramo rovescio Fig. 1 Intersezione Per ogni intersezione vengono definite due funzioni logiche: Posizione virtuale per il collegamento di intersecante; Posizione condizionante per l esclusione del circuito di binario (cdb) laterale/immobilizzazione. 2.2 Posizione virtuale per il collegamento di intersecante Questa funzione ha lo scopo di realizzare l incompatibilità tra movimenti (itinerario e istradamento) intersecanti. All atto della formazione di un movimento che interessa l intersezione viene verificato che non siano in atto movimenti intersecanti, dopo di che viene comandata la posizione virtuale nello stato (N o R) richiesta dal movimento; il corretto posizionamento della posizione virtuale consente il bloccamento e il completamento del movimento. La posizione virtuale è visualizzata sull interfaccia operatore. La posizione virtuale verrà mantenuta bloccata nella posizione richiesta fino a quando verrà abbandonato il circuito di binario che garantisce la traversa limite dell intersezione o in caso di cdb guasto dopo l azionamento del Tlcdb; dopo la liberazione rimarrà nell ultima posizione assunta e potrà essere comandata in posizione opposta da un altro movimento sull altro ramo dell intersezione.

16 16 di 71 La posizione virtuale può essere inoltre comandata con la funzione bloccamento manuale del percorso (vedere funzione istradamento Tm); il mancato posizionamento dell intersezione impedirà la prosecuzione del bloccamento a partire dall intersezione stessa. Il vincolo di intersecante sugli itinerari e istradamenti sarà anche in questo caso realizzato dalla posizione virtuale. Il mancato posizionamento della posizione virtuale inibisce la registrazione dell itinerario e non può essere scartato con tasti di soccorso; in tal caso il movimento sull intersezione in falsa posizione dovrà essere effettuato sospendendo i movimenti intersecanti e si svolgerà con i segnali a via impedita; nel caso in cui il cdb dell intersezione sia verificato laterale dagli itinerari sul binario attiguo, dovranno essere sospesi anche tali movimenti. Per la posizione virtuale non sono previsti comandi né bloccamenti laterali. 2.3 Posizione condizionante per l esclusione del circuito di binario (cdb) laterale/immobilizzazione Questa funzione si prevede quando il cdb che contiene l intersezione è verificato laterale dagli itinerari che si svolgono sul binario attiguo e/o è di immobilizzazione aggiuntiva del deviatoio posto sul binario attiguo al fine di evitare una intempestiva chiusura del segnale di detto itinerario o una indebita immobilizzazione di detto deviatoio quando il cdb dell intersezione viene occupato. Ha quindi lo scopo di: scartare la verifica di libertà di detto cdb, purchè non sia escluso, dalla verifica della via degli itinerari sul binario attiguo quando il cdb che contiene l intersezione è interessato di percorso sul ramo normale da un qualsiasi movimento eseguito anche con bloccamento manuale del percorso; scartare la verifica di detto cdb dall immobilizzazione del deviatoio posto sul binario attiguo quando il cdb che contiene l intersezione è interessato di percorso sul ramo normale da un qualsiasi movimento eseguito anche con bloccamento manuale del percorso. La funzione si attiva con il bloccamento del movimento che interessa di percorso il ramo normale dell intersezione a condizione che il cdb risulti libero e permane attiva fino alla liberazione del bloccamento dell intersezione. Al fine di evitare che la liberazione del bloccamento con cdb guasto possa provocare la chiusura del segnale relativo ad un itinerario in atto sul binario limitrofo, la liberazione di soccorso del cdb dell intersezione non può impiantistiicamente essere comandata con detto itinerario in atto. 2.4 Relazioni tra intersezione, deviatoi laterali e comunicazioni Gli itinerari che interessano l intersezione sul ramo normale richiedono i deviatoi sui binari attigui come laterali, per la posizione di indipendenza. L eventuale condizione mancante del controllo del deviatoio richiesto come laterale, può essere scartata con l attivazione del tasto o funzione di soccorso Tcl 4. Nel caso di intersezione inserita in una comunicazione (Fig. 1) l Es/IS o Es/DM del deviatoio inibisce la circolazione su tutti i binari interessati dalla comunicazione e dall intersezione. L Es/IS o Es/DM del deviatoio è subordinata alla verifica che i movimenti (itinerari, istradamenti e carrelli) che interessano il deviatoio siano nello stato di riposo o abbiano oltrepassato il deviatoio stesso; 4 Il Tcl, nella fase di controllo del percorso, scarta il circuito di binario laterale condizionato dal deviatoio escluso dalla verifica della via.

17 17 di 71 nel caso di Fig. 1, è inoltre subordinata alla verifica che i movimenti che percorrono il ramo normale dell intersezione siano a riposo o abbiano oltrepassato il cdb dell intersezione garantendo la traversa limite. I criteri per la gestione delle intersezioni sono riportati in dettaglio nella specifica Disposizione.

18 18 di ELETTROMAGNETE DI INTALLONABILITÀ 3.1 Caratteristiche generali Questa funzione logica gestisce il bloccamento (disalimentazione) e lo sbloccamento (rialimentazione) degli elettromagneti dei deviatoi dotati di tale dispositivo. L itinerario che consente una velocità uguale o maggiore di 60 km/h emette il comando di bloccamento ai deviatoi incontrati di punta dotati di tale dispositivo; per questi itinerari percorribili per dispositivo di armamento a velocità uguali o superiori a 60 Km/h, il bloccamento dell elettromagnete si attiva anche quando questi vengono impegnati da treni a velocità inferiori. La liberazione dell itinerario emette il comando di sbloccamento quando libera il deviatoio corrispondente. 3.2 Elettromagnete nello stato di escluso L elettromagnete risulterà escluso quando viene escluso il corrispondente deviatoio. Essendo escluso il deviatoio, sono inibiti gli itinerari che lo usano di percorso per cui non verrà mai attivato il comando di bloccamento dell elettromagnete escluso da parte dei processi di Logica (in particolare dal processo Itinerario). Nello stato di escluso e stabilizzato è possibile tramite il terminale di manutenzione comandare l alimentazione e disalimentazione dell elettromagnete. 3.3 Funzioni di soccorso Nel caso di mancata diseccitazione di un elettromagnete sotto comando di itinerario è possibile mediante l intervento di soccorso TxPO l attivazione del segnale di avvio o avanzamento. L apparecchiatura ALSTOM che gestisce l elettromagnete verifica anche lo stato dell integrità del cavo di collegamento tra cabina e campagna per cui la perdita di tale integrità è equivalente alla perdita di controllo dell elettromagnete.

19 19 di CIRCUITI DI BINARIO 4.1 Caratteristiche generali Nell ACC vi sono due tipologie di circuito di binario: Circuito di binario a correnti fisse; Circuito di binario a correnti codificate. 4.2 Circuito di binario a correnti fisse La funzione logica gestisce l alimentazione ed il controllo dei circuiti di binario alimentati a corrente fissa. 4.3 Circuito di binario a correnti codificate (50Hz 178 Hz) La funzione logica gestisce l alimentazione ed il controllo dei circuiti di binario alimentati a corrente fissa e codificata; nel caso di comando di itinerario si ha la commutazione da corrente fissa a corrente codificata con portante 50Hz e, quando sussistono le condizioni, viene prevista anche la portante 178Hz. 4.4 Itinerari con circuiti di binario codificati L avvenuta codificazione per gli itinerari per i quali è prevista, è condizione per la successiva disposizione a via libera del segnale. Per itinerari di corretto tracciato la codificazione avviene contro treno contemporaneamente per tutti i cdb dell itinerario ad eccezione del primo, senso marcia treno, che si codifica dopo aver verificato l avvenuta codifica degli altri. Per itinerari in deviata con punto finale su binari codificati la codificazione avviene contro treno contemporaneamente per i soli cdb a valle dell ultima deviata. 4.5 Circuiti di binario nello stato di escluso Il comando di esclusione del circuito di binario ha lo scopo di renderlo non disponibile agli itinerari fino a che non viene attivato il comando opposto di inclusione. Risulta possibile, previo intervento di soccorso mirato, completare itinerari che utilizzano, come percorso, laterale o uscita, un cdb escluso. Non è possibile escludere un circuito di binario interessato da un itinerario o da un istradamento in atto. Lo stato escluso del circuito di binario di immobilizzazione può essere scartato con TbD. 4.6 Funzioni di soccorso Il DM, nel caso di mancata codificazione dei cdb dell itinerario,dopo avere adottato i provvedimenti del caso disporrà, previa attivazione funzione TxPO per il ricevimento del treno con segnale di avanzamento o per la partenza del treno con segnale di avvio. E possibile inoltre, nei casi previsti, togliere la codificazione dei cdb interessati dall itinerario utilizzando la funzione di soccorso Tsm riferita al punto finale dell itinerario.

20 20 di SEGNALE 5.1 Caratteristiche generali Questa funzione logica gestisce l alimentazione ed il controllo del segnale. Il comando di via libera viene mandato dagli itinerari relativi al segnale stesso. L interruzione della trasmissione del comando di via libera ha come effetto quello di riportare il segnale a via impedita. La chiusura manuale del segnale singola o generale attuata con comando da operatore inibisce la disposizione a via libera del segnale stesso. Lo stato del comando di chiusura del segnale viene verificato dalla logica dell itinerario; se il valore è automatico l itinerario completa la propria formazione e comanda il segnale; in caso contrario la logica si ferma in uno stato intermedio (definito bloccamento del Punto Origine) o, se si trova in uno stato successivo, torna in tale stato. 5.2 Funzione chiusura segnali stabilizzata ad uso dell AM La funzione di chiusura manuale del segnale può essere stabilizzata (con operazioni analoghe all esclusione, vedi relativo capitolo), dall addetto alla manutenzione. L AM utilizzerà detta funzione quando, operando sul segnale può comunque garantire il mantenimento a via impedita dello stesso. Se tale garanzia non può essere data verrà invece utilizzata la funzione di esclusione stabilizzata che impone in apparato vincoli più restrittivi (vedi Disposizione N 49 del 16/10/03). 5.3 Segnale nello stato di escluso Nello stato di escluso e stabilizzato è possibile, tramite il terminale di manutenzione, il comando dei singoli aspetti delle singole luci. Il comando di esclusione del segnale, in generale, ha il duplice scopo di renderlo inibito al comando di via libera e di renderlo non disponibile agli itinerari che lo utilizzano come segnale di PF (salvo l attivazione di apposito tasto di soccorso) fino a che non viene attivato il comando opposto di inclusione. Non è possibile escludere un segnale interessato da un itinerario in atto. In caso di esclusione del segnale, risultano esclusi anche la freccia indicatrice, gli indicatori di partenza, l indicatore di direzione e il rappel e i segnali di avvio/avanzamento appartenenti al segnale stesso e risulta inibito l invio delle relazioni MSAVV all avviso. 5.4 Funzioni di soccorso Nel caso in cui il segnale fosse sussidiato di freccia indicatrice, questa verrà alimentata e controllata prima del comando del segnale. In caso di mancanza del controllo di un segnale o di una sua mancata disposizione a via libera è possibile ottenere, trascorsi 20 e attraverso l intervento di soccorso sul PO (punto origine), l attivazione del segnale di avanzamento o di avvio, purchè la condizione mancante non sia quella relativa alla freccia indicatrice.

DISPOSIZIONI PER L ESERCIZIO IN TELECOMANDO

DISPOSIZIONI PER L ESERCIZIO IN TELECOMANDO 1 DISPOSIZIONI PER L ESERCIZIO IN TELECOMANDO Edizione 1987 Ristampa 2005 aggiornata con OS 24/1992-26/1994-10/1997 Disp. 5/2001 33/2001 50/2001 11/2002 16/2002 43/2002 15/2005 40/2005 48/2005 Poligrafica

Dettagli

Allegato 2 Tabella 1 - Preliminary Risk Analysis. hazard Descrizione dell'hazard

Allegato 2 Tabella 1 - Preliminary Risk Analysis. hazard Descrizione dell'hazard ia Descrizione dell' Errore operatore di H1.1.1 - HL.23 F1 Alimentazione sistemi di ) H1.3.1 H2.1.1 Dati sulla alità e configurazione delle apparecchiature di (ERTMS e non) non corretti HL.20 Errore dell'evc

Dettagli

Alimentazione 1. INFORMAZIONI GENERALI

Alimentazione 1. INFORMAZIONI GENERALI Alimentazione 1. INFORMAZIONI GENERALI Il cavo di alimentazione è rigidamente fissato nella parte inferiore del terminale (fig.1), tale cavo deve essere connesso al trasformatore esterno (fig. ) e, questi,

Dettagli

Telefono Sirio lassico

Telefono Sirio lassico GUIDA USO Telefono Sirio lassico 46755H Aprile 2013 3 Indice INTRODUZIONE...1 CARATTERISTICHE TECNICHE E FUNZIONALI...1 CONTENUTO DELLA CONFEZIONE...1 INSTALLAZIONE...2 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO...3

Dettagli

CONTROLLO AUTOMATICO DEI DEVIATOI Quadro normativo di riferimento

CONTROLLO AUTOMATICO DEI DEVIATOI Quadro normativo di riferimento CONTROLLO AUTOMATICO DEI DEVIATOI Quadro normativo di riferimento Ing. GianPiero Pavirani Bologna, 21 Novembre 2012 Sommario 1. Le attività di manutenzione 2. La normativa di riferimento: 1. 2. 3. Istruzione

Dettagli

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA Collegno, 17 novembre 2014 CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA PROPOSTA DI TRENO STORICO RIEVOCATIVO DA TORINO A UDINE progetto per la realizzazione di una tradotta militare rievocativa, da Torino a Udine

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA RTC REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE IN BASSA TENSIONE DELL AZIENDA PUBBLISERVIZI BRUNICO INDICE 1. Scopo 3 2. Campo di applicazione

Dettagli

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Il regolamento (CE) n. 181/2011 (in appresso il regolamento ) entra in vigore il 1 marzo 2013. Esso prevede una serie minima di diritti dei

Dettagli

GESTIONE DELLA PROCEDURA

GESTIONE DELLA PROCEDURA Manuale di supporto all utilizzo di Sintel per Stazione Appaltante GESTIONE DELLA PROCEDURA Data pubblicazione: 17/06/2015 Pagina 1 di 41 INDICE 1. Introduzione... 3 1.1 Obiettivo e campo di applicazione...

Dettagli

Caratteristiche principali

Caratteristiche principali Il regolatore semaforico Hydra nasce nel 1998 per iniziativa di CTS Engineering. Ottenute le necessarie certificazioni, già dalla prima installazione Hydra mostra sicurezza ed affidabilità, dando avvio

Dettagli

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo.

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo. DALLE PESATE ALL ARITMETICA FINITA IN BASE 2 Si è trovato, partendo da un problema concreto, che con la base 2, utilizzando alcune potenze della base, operando con solo addizioni, posso ottenere tutti

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

PRIORITY. Precedenza

PRIORITY. Precedenza www.italy-ontheroad.it PRIORITY Precedenza Informazioni generali e consigli. Ciao, sono Namauel Sono una voce amica che prova ad aiutarti, con qualche consiglio, nella circolazione stradale. Mi rivolgo

Dettagli

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700 Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria +24VDC VDC OUTPUT MICROPROCESS. E P IN EXH OUT Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria 7 Trattamento

Dettagli

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI Lavori di manutenzione su impianti elettrici Manutenzione Atto, effetto, insieme delle operazioni volte allo scopo di mantenere efficiente ed in buono stato,

Dettagli

Sommario. Introduzione. Pagina. Regole fondamentali 3. Prudenza con i pedoni 5. I mezzi di trasporto pubblici 7. La precedenza da destra 9

Sommario. Introduzione. Pagina. Regole fondamentali 3. Prudenza con i pedoni 5. I mezzi di trasporto pubblici 7. La precedenza da destra 9 La precedenza ed io Sommario Pagina Regole fondamentali 3 Prudenza con i pedoni 5 I mezzi di trasporto pubblici 7 La precedenza da destra 9 Segnali stradali 10 Segnali luminosi 12 Il traffico in senso

Dettagli

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente tel. 055.32061 - fax 055.5305615 PEC: arpat.protocollo@postacert.toscana.it p.iva 04686190481 Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente Guida pratica per le informazioni sulle fasce

Dettagli

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 MANUALE D ISTRUZIONE SEMPLIFICATO La centralina elettronica FAR art. 9600-9612-9613 è adatta all utilizzo su impianti di riscaldamento dotati di valvola

Dettagli

Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana

Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana 1. Definizioni 1.1 I termini con la lettera iniziale maiuscola impiegati nelle presenti Condizioni Generali Parte II si intendono usati salvo diversa

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

Le funzioni di una rete (parte 1)

Le funzioni di una rete (parte 1) Marco Listanti Le funzioni di una rete (parte 1) Copertura cellulare e funzioni i di base di una rete mobile Strategia cellulare Lo sviluppo delle comunicazioni mobili è stato per lungo tempo frenato da

Dettagli

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1 Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5 9356197 Edizione 1 DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ Noi, NOKIA CORPORATION, dichiariamo sotto la nostra esclusiva responsabilità che il prodotto SU-5 è conforme alle

Dettagli

Appendice per dispositivi multifunzione Navico compatibili che supportano le seguenti funzionalità Broadband 4G Radar:

Appendice per dispositivi multifunzione Navico compatibili che supportano le seguenti funzionalità Broadband 4G Radar: Appendice per dispositivi multifunzione Navico compatibili che supportano le seguenti funzionalità Broadband 4G Radar: Doppio radar Doppia scala Controlli Radar 4G -Separazione - obiettivi -- Eliminazione

Dettagli

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento minilector/usb minilector/usb...1 Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento...1 1. La segnalazione luminosa (led) su minilector lampeggia?... 1 2. Inserendo una smartcard il led si accende

Dettagli

Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate

Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate Email Ras - CARROZZIERI Pag. 1 di 17 Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate Notizie Generali Email Ras - CARROZZIERI Pag. 2 di 17 1.1 Protocollo Gruppo RAS Questo opuscolo e riferito al Protocollo

Dettagli

LE VALVOLE PNEUMATICHE

LE VALVOLE PNEUMATICHE LE VALVOLE PNEUMATICHE Generalità Le valvole sono apparecchi per il comando, per la regolazione della partenza, arresto e direzione, nonché della pressione e passaggio di un fluido proveniente da una pompa

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

Accesso all Area di Lavoro

Accesso all Area di Lavoro Accesso all Area di Lavoro Una volta che l Utente ha attivato le sue credenziali d accesso Username e Password può effettuare il login e quindi avere accesso alla propria Area di Lavoro. Gli apparirà la

Dettagli

Convenzione sulla circolazione stradale

Convenzione sulla circolazione stradale Convenzione sulla circolazione stradale Conclusa a Vienna l 8 novembre 1968 Le Parti contraenti, nell intento di facilitare la circolazione stradale internazionale e di accrescere la sicurezza nelle strade

Dettagli

1.1 Diritto al rimborso Il viaggiatore può chiedere il rimborso di un biglietto o abbonamento non utilizzato nei seguenti casi:

1.1 Diritto al rimborso Il viaggiatore può chiedere il rimborso di un biglietto o abbonamento non utilizzato nei seguenti casi: 8. RIMBORSI E INDENNITA 1. Rimborso 1.1 Diritto al rimborso Il viaggiatore può chiedere il rimborso di un biglietto o abbonamento non utilizzato nei seguenti casi: Per mancata effettuazione del viaggio

Dettagli

Centralina Compatta. Manuale d istruzioni. 04/2015 Dati tecnici soggetti a modifi che. info@psg-online.de www.psg-online.de

Centralina Compatta. Manuale d istruzioni. 04/2015 Dati tecnici soggetti a modifi che. info@psg-online.de www.psg-online.de Centralina Compatta 04/2015 Dati tecnici soggetti a modifi che info@psg-online.de www.psg-online.de Manuale d istruzioni Messa in funzione Il regolatore viene fornito con le impostazioni standard pronto

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE

2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE 2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE 2.1 RETE REGIONALE RETRAGAS... 12 2.2 ELEMENTI DELLA RETE REGIONALE RETRAGAS... 12 2.2.1 Condotte... 12 2.2.2 Allacciamenti... 12 2.2.3 Impianti di ricezione

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

CAPITOLO 3 CARATTERISTICHE DELL INFRASTRUTTURA

CAPITOLO 3 CARATTERISTICHE DELL INFRASTRUTTURA CAPITOLO 3 CARATTERISTICHE DELL INFRASTRUTTURA 3.1 INTRODUZIONE (aggiornamento dicembre 2013) Il capitolo descrive le principali caratteristiche delle linee e degli impianti che costituiscono l infrastruttura

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

ascom Ascotel Office 25 Istruzioni per l'uso con norme di sicurezza www.ascom.com/ec/documents 20321611it_ba_b0

ascom Ascotel Office 25 Istruzioni per l'uso con norme di sicurezza www.ascom.com/ec/documents 20321611it_ba_b0 ascom Ascotel Office 25 Istruzioni per l'uso con norme di sicurezza www.ascom.com/ec/documents 20321611it_ba_b0 1 2 3 4 Elementi di comando e visualizzazione Elementi di comando e visualizzazione 11 12

Dettagli

REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLE RETI MT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.p.A.

REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLE RETI MT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.p.A. REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLE RETI MT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.p.A. Pagina 1 di 48 INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 5 2. BASI PRINCIPALI E DEFINIZIONI...

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Programmazione TELXXC

Programmazione TELXXC Manuale Programmazione Versione 5.0 Programmazione TELXXC TELLAB Via Monviso, 1/B 24010 Sorisole (Bg) info@tellab.it INDICE Programmazione e comandi... 2 Messaggio comando multiplo.. Formato... 3 Messaggi

Dettagli

WQuesto orologio è un modello a W onde radio che riceve le onde radio dell orario standard trasmesso in Germania.

WQuesto orologio è un modello a W onde radio che riceve le onde radio dell orario standard trasmesso in Germania. LQuesto orologio indica con il terminale più corto della lancetta dei secondi, il livello di ricezione e il risultato di ricezione. Lancetta dei secondi Lancetta dei minuti Lancetta delle ore Pulsante

Dettagli

Sistema di Qualificazione delle imprese per gli interventi all armamento ferroviario

Sistema di Qualificazione delle imprese per gli interventi all armamento ferroviario Sistema di Qualificazione delle imprese per gli interventi all armamento ferroviario Schede Tecniche Indice Rev. 0 Luglio 09 Scheda Rev. Titolo Pag. LAR-001 4 Interventi di manutenzione all armamento ferroviario

Dettagli

AMICO CI SENTO. Manuale di istruzioni - Italiano

AMICO CI SENTO. Manuale di istruzioni - Italiano AMICO CI SENTO Manuale di istruzioni - Italiano 1. Per iniziare 1.1 Batteria 1.1.1 Installare la batteria Rimuovere il coperchio della batteria. Allineare i contatti dorati della batteria con i relativi

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB...

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 5 1.3.1 CREAZIONE GUIDATA DELLA FATTURA IN FORMATO XML

Dettagli

Parte II Trasporto Nazionale

Parte II Trasporto Nazionale Parte II Trasporto Nazionale Aggiornata al 1 marzo 2015 1 Indice Capitolo 1 Parte generale Pagina 1. Ambito di applicazione 7 2. Il titolo di viaggio 7 2.1. Le classi 7 2.2. I livelli di servizio AV Frecciarossa

Dettagli

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Il presente documento applica il Regolamento sulla gestione delle segnalazioni e dei reclami

Dettagli

CMN4i (Vers. 1.1.0 del 27/02/2014)

CMN4i (Vers. 1.1.0 del 27/02/2014) CMN4i (Vers. 1.1.0 del 27/02/2014) Il monitoring che permette di avere la segnalazione in tempo reale dei problemi sul vostro sistema IBM System i Sommario Caratterisitche... Errore. Il segnalibro non

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA CONTATTI DIRETTI contatti con elementi attivi dell impianto elettrico che normalmente sono in tensione CONTATTI INDIRETTI contatti con masse che possono trovarsi

Dettagli

Manuale Utente. Programma Pensioni S7. Amministrazioni Statali

Manuale Utente. Programma Pensioni S7. Amministrazioni Statali DIREZIONE CENTRALE SISTEMA INFORMATIVO E TELECOMUNICAZIONI DIREZIONE CENTRALE TRATTAMENTI PENSIONISTICI INPDAP PENSIONI S7 Manuale Utente Programma Pensioni S7 Amministrazioni Statali Versione database

Dettagli

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07 TB-SMS Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso Ver. 1.6.10 31/07/07 MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO INTRODUZIONE. Il combinatore TB-SMS offre la possibilità di inviare sms programmabili

Dettagli

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO LA PROTEZIONE DELLE CONDUTTURE CONTRO LE SOVRACORRENTI DEFINIZIONI NORMA CEI 64-8/2 TIPOLOGIE DI SOVRACORRENTI + ESEMPI SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO DISPOSITIVI DI PROTEZIONE

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Principio di funzionamento di sistemi frenanti ad aria compressa. Corso base

Principio di funzionamento di sistemi frenanti ad aria compressa. Corso base Principio di funzionamento di sistemi frenanti ad aria compressa Alle seguenti pagine trovate una descrizione del principio di funzionamento generale dei sistemi frenanti ad aria compressa installati in

Dettagli

LATCH E FLIP-FLOP. Fig. 1 D-latch trasparente per ck=1

LATCH E FLIP-FLOP. Fig. 1 D-latch trasparente per ck=1 LATCH E FLIPFLOP. I latch ed i flipflop sono gli elementi fondamentali per la realizzazione di sistemi sequenziali. In entrambi i circuiti la temporizzazione è affidata ad un opportuno segnale di cadenza

Dettagli

Note e informazioni legali

Note e informazioni legali Note e informazioni legali Proprietà del sito; accettazione delle condizioni d uso I presenti termini e condizioni di utilizzo ( Condizioni d uso ) si applicano al sito web di Italiana Audion pubblicato

Dettagli

Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi.

Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi. Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi. Indice Il contatore elettronico. Un sistema intelligente che vive con te 2 Un contatore che fa anche bella figura 3 Oltre

Dettagli

CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO

CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO VALIDO PER MOD. DTCHARGE E 1000 CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO LEGGERE CON CURA IN OGNI SUA PARTE PRIMA DI ALIMENTARE TOGLIAMO IL COPERCHIO, COSA FARE?? Il DTWind monta alternatori tri fase. Ne consegue

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

Serie 12 - Interruttore orario 16 A. Caratteristiche SERIE 12 12.01 12.11 12.31

Serie 12 - Interruttore orario 16 A. Caratteristiche SERIE 12 12.01 12.11 12.31 Serie - nterruttore orario 16 A SERE Caratteristiche.01.11.31 nterruttore orario elettromeccanico - Giornaliero * - Settimanale ** Tipo.01-1 contatto in scambio 16 A larghezza 35.8 mm Tipo.11-1 contatto

Dettagli

Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione

Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione WWW.FUHR.DE Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione Le presenti istruzioni dovranno essere trasmesse dall addetto al montaggio all utente MBW24-IT/11.14-8

Dettagli

BOATRONIC M-420. Indice. Manuale di istruzioni 7134.8/5--IT

BOATRONIC M-420. Indice. Manuale di istruzioni 7134.8/5--IT Manuale di istruzioni 7134.8/5--IT BOATRONIC M-2, M-420 BOATRONIC M-2 BOATRONIC M-420 Indice Pagina 1 Generalità... 2 2 Sicurezza... 2 2.1 Contrassegni delle indicazioni nel manuale... 2 2.2 Qualifica

Dettagli

Utilizzare Swisscom TV

Utilizzare Swisscom TV Swisscom (Svizzera) SA Contact Center CH-3050 Bern www.swisscom.ch 125474 12/2010 Utilizzare Swisscom TV Panoramica delle funzioni più importanti Indice Funzioni importanti quadro generale 3 Funzione PiP

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

G722/... G723/... G723H/... G724/... G725/...

G722/... G723/... G723H/... G724/... G725/... F80/MC F80/MCB F80/MMR F80/SG F80/SGB F7FA0AP-0W0 F9H0AP-0W0 = Led indicazione di guasto per cortocircuito = Led Indicazione di guast o verso terra = Pulsante interfaccia utente = Indicazione sezionamento

Dettagli

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Schede tecniche Moduli Solari MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Il gruppo con circolatore solare da 1 (180 mm), completamente montato e collaudato, consiste di: RITORNO: Misuratore regolatore

Dettagli

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I)

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) 5. MOTORE ELETTRICO 2 Generalità 2 CONFIGURAZIONE PART-WINDING 2 CONFIGURAZIONE STELLA-TRIANGOLO 3 Isolamento del motore elettrico 5 Dispositivi di

Dettagli

Manuale di installazione e d uso

Manuale di installazione e d uso Manuale di installazione e d uso 1 Indice Installazione del POS pag. 2 Funzionalità di Base - POS Sagem - Accesso Operatore pag. 2 - Leggere una Card/braccialetto Cliente con il lettore di prossimità TeliumPass

Dettagli

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata Giampiero Carboni Davide Travaglia David Board Rev 5058-CO900C Interfaccia operatore a livello di sito FactoryTalk

Dettagli

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA la guida DI CHI è alla guida SERVIZIO CLIENTI Per tutte le tue domande risponde un solo numero Servizio Clienti Contatta lo 06 65 67 12 35 da lunedì a venerdì, dalle 8.30 alle 18.00 o manda un e-mail a

Dettagli

GUIDA RAPIDA TRASPORTATORI TRASPORTATORI PRODUTTORI INTERMEDIARI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it

GUIDA RAPIDA TRASPORTATORI TRASPORTATORI PRODUTTORI INTERMEDIARI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it GUIDA RAPIDA TRASPORTATORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI 21 aprile 2015 www.sistri.it DISCLAIMER Il presente documento intende fornire agli Utenti SISTRI informazioni di

Dettagli

NORMATIVA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI SEGNALAMENTO FERROVIARIO

NORMATIVA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI SEGNALAMENTO FERROVIARIO NORMATIVA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI SEGNALAMENTO FERROVIARIO Indice Articolo 1 Istituzione del Sistema di qualificazione

Dettagli

Informazioni per i portatori di C Leg

Informazioni per i portatori di C Leg Informazioni per i portatori di C Leg C-Leg : il ginocchio elettronico Otto Bock comandato da microprocessore per una nuova dimensione del passo. Gentile Utente, nella Sua protesi è implementato un sofisticato

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Tutorial Sky Go su Samsung v.1.1

Tutorial Sky Go su Samsung v.1.1 Tutorial Sky Go su Samsung v.1.1 1.1 Presentazione...2 2.2 Download e installazione...2 2.2 Login...3 2.2.1 Limitazioni all'accesso...4 2.3 Profili di visione...6 2.4 Reti...7 2.5 Diritti...7 3.0 Fruizione

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

Introduzione all elettronica

Introduzione all elettronica Introduzione all elettronica L elettronica nacque agli inizi del 1900 con l invenzione del primo componente elettronico, il diodo (1904) seguito poi dal triodo (1906) i cosiddetti tubi a vuoto. Questa

Dettagli

Guida Breve alle Regole del FootGolf

Guida Breve alle Regole del FootGolf Guida Breve alle Regole del FootGolf Lo Spirito del Gioco INTRODUZIONE Il Footgolf è giocato, per la maggior parte, senza la supervisione di un arbitro. Il gioco si affida all integrità dell individuo

Dettagli

MICROSPIA GSM PROFESSIONALE. 1 MICROFONO (cod. FT607M) 2 MICROFONI (cod. FT607M2)

MICROSPIA GSM PROFESSIONALE. 1 MICROFONO (cod. FT607M) 2 MICROFONI (cod. FT607M2) MANUALE UTENTE FT607M /FT607M2 MICROSPIA GSM PROFESSIONALE 1 MICROFONO (cod. FT607M) 2 MICROFONI (cod. FT607M2) FT607M /FT607M2 MANUALE UTENTE INDICE 1. Informazioni importanti.......................................4

Dettagli

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA 1 ATTREZZI MATERIALI 2 Tavoletta compensato Misure: 30cmx20-30 cm spellafili punteruolo cacciavite Nastro isolante Metro da falegname e matita Lampadine da 4,5V o 1,5V pinza

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

XM100GSM SCHEDA GSM PER CENTRALI SERIE XM

XM100GSM SCHEDA GSM PER CENTRALI SERIE XM 1 Stato del combinatore direttamente sul display della Consolle XM Interrogazione credito residuo tramite SMS e inoltro SMS ricevuti Messaggi di allarme pre-registrati Completa integrazione con centrali

Dettagli

Documento approvato dalla Commissione di studio per le norme relative ai materiali stradali e progettazione, costruzione e manutenzione strade del CNR

Documento approvato dalla Commissione di studio per le norme relative ai materiali stradali e progettazione, costruzione e manutenzione strade del CNR MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI SISTEMI DI REGOLAZIONE DEL TRAFFICO LINEE GUIDA Documento approvato dalla Commissione di studio per le norme relative ai materiali stradali e progettazione,

Dettagli

Architettura dei Calcolatori

Architettura dei Calcolatori Architettura dei Calcolatori Sistema di memoria parte prima Ing. dell Automazione A.A. 2011/12 Gabriele Cecchetti Sistema di memoria parte prima Sommario: Banco di registri Generalità sulla memoria Tecnologie

Dettagli

Guida alle funzioni GOLD versione E, SMART Link DX

Guida alle funzioni GOLD versione E, SMART Link DX Guida alle funzioni GOLD versione E, SMART Link DX 1. Generalità La funzione SMART Link DX è progettata per il controllo della temperatura dell'aria di mandata tramite l'interconnessione di un'unità di

Dettagli

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Corso di Calcolatori Elettronici I A.A. 2010-2011 Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Lezione 2 Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Rappresentazione dei numeri

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

DOC SI-RR+ ITAL OK der 18/06/03 10:05 Page 1 SI-RR+

DOC SI-RR+ ITAL OK der 18/06/03 10:05 Page 1 SI-RR+ DOC -RR+ TAL OK der 18/06/03 10:05 Page 1 25 cm 25 cm -RR+ A/ NFORMAZON GENERAL 1/ nstallazione Collocare il programmatore presso una presa di corrente a 230 V, 50 Hz. La presa deve far parte di un impianto

Dettagli

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme.

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme. Guida operatore del registratore TruVision Vista Live Sull immagine live dello schermo vengono visualizzati laa data e l ora corrente, il nome della telecamera e viene indicato se è in corso la registrazione.

Dettagli

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE 1) PREMESSA...2 2) DESCRIZIONE DEL TERMINALE...2 2.1) RICEZIONE...3 2.2) STOCCAGGIO...3 2.3) RIGASSIFICAZIONE...4 2.4) RECUPERO BOIL-OFF GAS (BOG)...4

Dettagli