PIANO ANNUALE 2014 SISTEMA BIBLIOTECARIO PROVINCIA DI LECCO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO ANNUALE 2014 SISTEMA BIBLIOTECARIO PROVINCIA DI LECCO"

Transcript

1 PIANO ANNUALE 2014 SISTEMA BIBLIOTECARIO PROVINCIA DI LECCO PREMESSA La programmazione dei servizi e delle attività del Sistema Bibliotecario Provincia di Lecco nell anno 2014 è strutturata in continuità con quanto realizzato nel La Provincia di Lecco svolge la funzione di Ente capofila del Sistema Provinciale al quale aderiscono 69 Comuni del territorio: il Comune di Lecco ha formalizzato l adesione al Sistema con deliberazione del Consiglio Comunale n. 6 del 27/01/2014. Il presente Piano è redatto tenendo conto dell assetto istituzionale attuale e sarà lo strumento di lavoro e di gestione per l anno 2014, a garanzia del servizio bibliotecario reso al territorio per la diffusione della cultura e dell informazione a tutti i cittadini. La questione del futuro del Sistema Bibliotecario, legato anche al cambiamento istituzionale prospettato, deve essere affrontata responsabilmente da tutti gli Enti che lo compongono in un tavolo di lavoro che prenda in considerazione le diverse ipotesi e permetta di condividere una strategia comune a garanzia del mantenimento del servizio. Si ribadisce che il Sistema Bibliotecario è lo strumento mediante il quale si attuano la cooperazione e l integrazione tra le biblioteche della rete provinciale, fatta salva l autonomia di ciascuna, per offrire ai cittadini dei Comuni aderenti un servizio organico e qualificato, anche nell ottica della razionalizzazione della spesa e dell effettuazione di notevoli economie di scala. Il Sistema accoglie e si fa promotore di collaborazioni con strutture e servizi socio-culturali del territorio, con particolare riguardo alla scuola per le attività di promozione della lettura. Per perseguire le finalità condivise del Sistema è necessario che ogni singolo Comune aderente favorisca lo sviluppo della propria biblioteca/punto di prestito con particolare attenzione alla presenza di personale qualificato e retribuito e all incremento annuo del patrimonio librario e multimediale, nell ottica condivisa di interscambio reciproco di competenze, professionalità e risorse. I Comuni aderenti si impegnano a prendere parte attivamente alle attività del Sistema attraverso la partecipazione dei bibliotecari e degli operatori al Comitato Tecnico dei Bibliotecari e ai gruppi di lavoro, e la partecipazione degli Assessori all Assemblea degli Amministratori e ai tavoli territoriali politici.

2 Il Comitato Tecnico dei Bibliotecari conferma che la struttura del Sistema ha bisogno di essere rafforzata con una risorsa professionale qualificata in ambito biblioteconomico per consentire la realizzazione di tutti gli obiettivi previsti nel presente Piano. METODOLOGIA DI LAVORO La modalità di lavoro ormai consolidata prevede la stretta collaborazione fra il Coordinatore e i Gruppi di Lavoro operanti su specifiche tematiche relative all organizzazione bibliotecaria (promozione della lettura, acquisto coordinato, prestito interbibliotecario) e sono composti dal personale tecnico delle biblioteche. La metodologia di lavoro dei gruppi deve consentire al Coordinatore di garantire un efficiente ed efficace condivisione con il Comitato Tecnico dei Bibliotecari e una puntuale informazione all Assemblea degli Amministratori circa le attività del Sistema. Al fine di facilitare l attività interna ai gruppi di lavoro e un adeguato raccordo con il Coordinatore, per ogni gruppo è individuato un referente con compiti di organizzazione e di connessione con i componenti del proprio gruppo di riferimento e di collaborazione tecnica e raccordo con il Coordinatore. I referenti sono individuati fra i bibliotecari coerentemente con quanto stabilito dalla Convenzione circa la partecipazione attiva dei Comuni al raggiungimento degli obiettivi del Sistema e l attività si svolgerà durante l orario di lavoro. Il Coordinatore garantisce la sintesi del lavoro dei gruppi ed è comunque responsabile del raggiungimento degli obiettivi. Il lavoro dei gruppi risulta fondamentale per consentire il raggiungimento degli obiettivi, proprio perché i bibliotecari, nella loro attività quotidiana, possono testarne gli effetti e i punti di forza e di debolezza. Il confronto e la metodologia di lavoro possono altresì risultare utili momenti formativi di condivisione di esperienze e di buone pratiche. In allegato la composizione dei gruppi di lavoro con l indicazione dei referenti. OBIETTIVI ED INTERVENTI Anche per il 2014 prioritariamente dovranno essere garantiti e messi in sicurezza i servizi centralizzati, essenziali e imprescindibili per il funzionamento quotidiano delle biblioteche: Prestito interbibliotecario Catalogazione centralizzata Programma informatico di gestione Q-Series Inoltre il Sistema gestisce a livello centralizzato le attività di promozione alla lettura e dei servizi bibliotecari e l acquisto coordinato. 2

3 1. SERVIZI CENTRALIZZATI Nel corso del 2014 si darà corso alla proroga degli appalti in scadenza per i servizi di prestito interbibliotecario e catalogazione e al rinnovo annuale del contratto con la società Mediatech per l assistenza al software di gestione delle biblioteche Q-Series. 1.1 Prestito interbibliotecario Il servizio garantisce la circolazione del materiale librario e multimediale e lo scambio di documenti tra le biblioteche e consente in tal modo agli utenti di una biblioteca di ottenere in prestito anche documenti posseduti da altre biblioteche; assicura inoltre la consegna in tempi rapidi alle biblioteche dei documenti trattati dal Centro di Catalogazione provinciale. Il servizio è stato affidato alla Ditta Boomerang di Sondrio per il periodo 1 dicembre maggio 2014 (costo complessivo ,27 per 30 mesi) e prevede: trasporto di libri, videocassette, cd, dvd e di ogni altra tipologia di documenti presenti in biblioteca, accompagnati da specifici moduli cartacei da e per le biblioteche del Sistema in raccordo con i responsabili preposti in ciascuna biblioteca e con il Coordinatore del Sistema, da e per la Biblioteca Civica di Lecco, per l Ufficio del Sistema e per il Centro di Catalogazione; smistamento di libri, videocassette, cd, dvd e di ogni altra tipologia di documenti movimentati, da effettuarsi negli spazi del Centro di Smistamento del Sistema; trasporto di materiale di servizio (moduli di iscrizione, ecc.) e promozionale di iniziative culturali patrocinate o sostenute dagli Enti aderenti al Sistema (manifesti, depliant, locandine, ecc.) destinato alle biblioteche del Sistema, alla Biblioteca Civica di Lecco, all Ufficio del Sistema e al Centro di Catalogazione Provinciale. Il numero dei passaggi settimanali nelle biblioteche è confermato a seguito della nuova organizzazione attuata nel Resta inteso che eventuali modifiche organizzative o di apertura delle biblioteche/punti di prestito, comporteranno la ridefinizione dei passaggi. Previsione di spesa: ,00 (al netto dell economia di spesa 2013 pari a 5.000,00) 1.2 Catalogazione centralizzata Il servizio garantisce la catalogazione del nuovo patrimonio librario e multimediale acquistato dalle biblioteche attraverso l immissione delle informazioni bibliografiche in una banca dati centralizzata, consultabile da tutte le biblioteche della provincia in modalità on-line. Il servizio è stato affidato alla Coop. L Indice di Robbiate per il periodo settembre 2011 agosto 2014 (costo complessivo ,00) e prevede, nel triennio, la catalogazione informatizzata di almeno libri e di almeno n DVD e altro materiale multimediale delle biblioteche aderenti al Sistema Bibliotecario Provinciale, oltre che la cancellazione dalla banca dati di almeno BID (codice identificativo della notizia bibliografica). Per adeguare il Catalogo unico provinciale agli standard nazionali ed internazionali e per garantire in futuro una collaborazione più efficace con altri Centri di catalogazione regionali e nazionali (ad es. BrianzaBiblioteche), il Centro di Catalogazione provinciale predisporrà uno studio di fattibilità per il passaggio dalla Classificazione Decimale Dewey edizione 11 ridotta, attualmente in uso presso il Sistema Bibliotecario Provinciale, alla edizione 14 ridotta. L attività del Centro di Catalogazione sarà monitorata con resoconti semestrali (giugno e dicembre) relativi all attività svolta. Previsione di spesa: ,00 3

4 1.3 Programma informatico Q-Series Si conferma la cooperazione con BRIANZABIBLIOTECHE, che, a partire dalla comune scelta dello stesso applicativo di gestione dei servizi bibliotecari, consolida un modello organizzativo che consente di condividere competenze e ottimizzare costi (gestione della Linea Dati, assistenza Server Farm, servizi di housing Server Farm, copertine e abstract per l OPAC). Per quanto concerne il servizio di assistenza alle biblioteche e al Centro di Catalogazione, si conferma il contratto con la Ditta Mediatech group s.r.l. di Milano che prevede: a. assistenza applicativa e sistemica lato server b. assistenza agli utenti in caso di impedimenti nella gestione delle procedure c. assistenza agli utenti per la realizzazione di miglioramenti del software d. servizio di reportistica ed elaborazione statistica periodica e. assunzione di responsabilità legale ai sensi della normativa vigente sulla tutela dei dati personali degli iscritti al Sistema f. servizio di formazione continua g. servizio di consulenza h. servizio di help desk Inoltre nel 2014, si darà corso: all inserimento della Biblioteca Comunale di Mandello del Lario nel catalogo centrale collettivo e nella rete telematica territoriale del Sistema Bibliotecario Provincia di Lecco all attivazione della piattaforma per l invio automatico tramite mail dei solleciti agli utenti della biblioteche. Previsione di spesa: ,00 di cui: ,00 contratto annuale Mediatech (al netto dei residui 2013 pari a 5.000,00) ,00 (fondi a BrianzaBiblioteche per cooperazione e consolidamento della rete bibliotecaria che prevede Linea Dati, Assistenza Server Farm, Servizi di Housing, Cover e Abstract per OPAC e quota parte per attività amministrative). 2. ACQUISTO COORDINATO Il servizio sistemico è essenziale per garantire varietà informativa al patrimonio documentario complessivo ed equilibrio nell acquisto delle novità editoriali. Ruolo primario in queste azioni è richiesto al gruppo di lavoro acquisti, sotto la responsabilità del Coordinatore del Sistema, per definire gli ambiti di intervento relativi alla promozione delle specializzazione delle singole biblioteche e alla copertura delle lacune documentarie. Il Sistema realizzerà almeno 5 mostre librarie nel corso dell anno (acquisto centralizzato di libri) per garantire il rinnovamento qualitativo, la revisione e l incremento del patrimonio documentario, con l obiettivo dello svecchiamento delle raccolte e dell integrazione delle dotazioni carenti a livello sistemico. I volumi, acquistati dal Sistema, vengono visionati e poi scelti dai bibliotecari durante la mostra e assegnati sulla base del n. di passaggi settimanali del prestito interbibliotecario, per garantire la massima circolazione dei volumi acquistati con i fondi del Sistema. Le biblioteche/punti di prestito che momentaneamente e per ragioni contingenti sospendono il prestito interbibliotecario non riceveranno i suddetti volumi. Il Sistema provvederà anche all acquisto di volumi e materiale di storia locale per contribuire, attraverso le biblioteche, alla valorizzazione e alla conoscenza del territorio e delle realtà che in esso operano. 4

5 Previsione di spesa: ,00 (al netto dei residui 2013 pari a 4.000,00) 3. PROMOZIONE DELLA LETTURA Si confermano anche per l anno 2014 le attività di promozione del libro e della lettura per i bambini e i ragazzi della fascia d età 6-14 anni, in sinergia con le scuole primaria e secondaria di primo grado del territorio provinciale progetto rivolto al mondo della scuola primaria che comprende la redazione, stampa e distribuzione a tutti gli alunni di una bibliografia contenente titoli di libri suddivisi per fasce d età. Il gruppo di lavoro opererà con il Coordinatore per predisporre un elenco di titoli che verranno raccolti in un libretto e proposti come letture estive ai bambini, in strettissimo raccordo con le biblioteche e con le scuole del territorio. Il Sistema procederà inoltre all acquisto dei volumi per le biblioteche progetto rivolto al mondo della scuola secondaria di primo grado che comprende la redazione, stampa e distribuzione a tutti gli alunni di una bibliografia contenente titoli di libri. Il gruppo di lavoro opererà con il Coordinatore per predisporre un elenco di titoli che verranno raccolti in un libretto e proposti come letture estive ai ragazzi, in strettissimo raccordo con le biblioteche e con le scuole del territorio. Il Sistema procederà inoltre all acquisto dei volumi per le biblioteche. Previsione di spesa: ,00 a) acquisto volumi ,00 (al netto dei residui 2013 pari a 8.000,00) b) progetto grafico libretti 1.000,00 c) stampa libretti 6.500, Nati per Leggere Il Sistema Bibliotecario ha aderito a Nati Per Leggere, progetto nazionale di promozione della lettura ad alta voce ai bambini di età compresa fra i 6 mesi e i 6 anni. Le biblioteche e i bibliotecari consigliano i genitori nella scelta di un repertorio di letture adatte e forniscono un servizio di prestito gratuito e di lettura in biblioteca. I pediatri di famiglia e delle ASL sensibilizzano i genitori sull utilità della lettura ai bambini a seconda delle diverse fasce di età. I lettori volontari e gli educatori stimolano i bambini e i genitori ad apprezzare l attività della lettura e a riproporla in un contesto familiare. Nel corso del 2014 si darà corso alla diffusione capillare del progetto sul territorio, con il coinvolgimento degli operatori nei diversi ambiti e con l effettuazione di incontri seminariali di approfondimento del tema. Ruolo particolare rivestiranno le biblioteche, che saranno il fulcro delle attività, in raccordo con gli asili nido, le scuole dell infanzia e gli operatori socio-sanitari coinvolti nel progetto. E previsto l acquisto di materiale promozionale in aggiunta a quello già distribuito. Il Sistema Bibliotecario intende sostenere altri progetti di promozione della lettura proposti da Comuni singoli o associati (es. Libri in Scena) a seguito della condivisione e dell approvazione dell Assemblea. 4. PERSONALE Si mantiene la dotazione organica di personale dipendente della Provincia secondo quanto previsto dall art. 4, comma D della Convenzione: nello specifico Il Coordinatore del Sistema (36 ore settimanali) e l istruttore amministrativo (30 ore settimanali). 5

6 Si confermano l assegnazione della prestazione di servizio per lo svolgimento di funzioni di supporto al Sistema per ciò che concerne il programma di gestione Q-SERIES e l incarico DoteComune per 6 mesi a partire da marzo Servizio Civile Nazionale: è stato approvato e finanziato dalla Regione Lombardia il progetto Biblioteca formato famiglia, ideato per identificare la biblioteca come luogo strutturato per i servizi alle famiglie attraverso la promozione della lettura e il sostegno alla attività scolastiche di bambini e ragazzi. Nel 2014 la Regione Lombardia promulgherà il bando che, a seguito dell istruttoria di selezione, porterà al Sistema Bibliotecario un volontario con funzioni di supporto all attività amministrativa ordinaria, alla gestione delle attività di informazione e comunicazione, all implementazione del sito internet e alla promozione delle bibliografie per i bambini e i ragazzi. Previsione di spesa: ,00 a) ,00 Coordinatore + istruttore amministrativo b) 2.000,00 - prestazioni di servizio per programma Q-Series (al netto dei residui 2013 pari a 2.000,00) c) 2.000,00 - continuazione incarico DoteComune. 5. PROMOZIONE DEI SERVIZI BIBLIOTECARI Le attività di promozione dei servizi bibliotecari si concretizzeranno nel 2014 con la realizzazione della nuova brochure informativa e del nuovo sito web del Sistema, strumenti fondamentali sia per informare correttamente e puntualmente coloro che sono già utenti delle biblioteche, sia per catturare nuovo pubblico attraverso la presentazione dell offerta informativa delle biblioteche. Previsione di spesa: 4.000,00 a) 3.000,00 stampa brochure b) 1.000,00 dominio e assistenza sito (realizzazione sito e progetto grafico brochure finanziate con residui 2013 pari a 5.612,00) Inoltre è prevista la partecipazione del Sistema Bibliotecario all iniziativa Leggermente, giornata nazionale di promozione della lettura, in programma dal 24 marzo al 13 aprile: il Sistema svilupperà un azione di coordinamento degli eventi delle biblioteche e di raccordo con gli organizzatori della iniziative per dare la massima visibilità e diffusione alle stesse. 6. PROGETTO GENERAZIONE 2.0 Nel corso del 2014 si concluderanno le azioni del progetto Generazione 2.0, rivolto alla fascia dai 13 ai 17 anni, sia del Sistema Bibliotecario sia dei Comuni partner (acquisto e book reader e e book), in particolare si darà corso ai seguenti interventi: Allena-Menti incontri con personaggi del mondo dello sport che raccontano i libri della loro vita e il loro rapporto con la lettura presso le biblioteche e i luoghi di aggregazione degli adolescenti Book trailer realizzazione di video per pubblicizzare e promuovere i libri della nuova bibliografia Bibliografia realizzazione, stampa e distribuzione di una nuova bibliografia Acquisto dei volumi della bibliografia da distribuire a tutte le biblioteche per la fruizione e il prestito. Previsione di spesa: ,00 (finanziamento gestione residui fondi Cariplo e fondi regionali su bando) 6

7 7. MEDIALIBRARYONLINE MLOL (http://www.medialibrary.it) è il primo network italiano di biblioteche pubbliche per la gestione di contenuti digitali. MLOL è la piattaforma italiana per il prestito digitale (digital lending) nelle biblioteche italiane. MLOL è: un sistema per distribuire via internet, in modalità remota, ogni tipologia di oggetto digitale (audio, video, testi, banche dati a pagamento, testi storici in formato immagine, archivi iconografici, audiolibri, libri digitalizzati, e-learning, live-casting in tempo reale, etc.); un portale di Digital Asset Management per gestire tutti i problemi di licensing e copyright nei servizi di prestito digitale ; un network nazionale di biblioteche, sistemi bibliotecari e altri enti che collaborano e condividono i costi per la gestione di risorse digitali: oggi il network è formalizzato da una convenzione nazionale con un sistema capofila nominato dagli altri enti aderenti (il capofila è oggi il Consorzio Sistema Bibliotecario Nord-Ovest di Milano, CSBNO). Attraverso MLOL l utente può (da casa o in biblioteca) o consultare banche dati ed enciclopedie o leggere le versioni edicola dei quotidiani o di altri periodici o ascoltare e scaricare audio musicali o visionare video in streaming o ascoltare e scaricare audiolibri o assistere in live-casting ad eventi organizzati dalle biblioteche o rivederne le registrazioni o consultare manoscritti e testi antichi in formato immagine o leggere libri digitalizzati attraverso tipologie diverse di e-book reader Nel 2014 sarà sottoscritta la nuova Convenzione fra gli Enti aderenti al network MLOL con la ridefinizione delle quote di adesione annuale alla piattaforma. Il Sistema aderirà a MLOL e procederà all acquisto dei contenuti (edicola+musica, Corriere della sera, Gazzetta dello sport, Repubblica, alfabeta2), oltre che all allocazione di risorse nello shop (e book, quotidiani). Previsione di spesa: ,00 (al netto dei residui 2013 pari a 5.000,00) VOLONTARI Relativamente alla presenza dei volontari nelle biblioteche/punti di prestito del Sistema, si conferma quanto approvato dal precedente Piano annuale. Viene riconosciuta l attività di supporto al lavoro del bibliotecario da parte dei volontari, oltre che degli operatori del Servizio Civile Nazionale. Il volontario può svolgere azioni di supporto all accoglienza ed al front office che riguardano la sorveglianza, la vigilanza, nonché la ricollocazione ed il riordino del materiale stesso, il supporto ad attività di promozione della lettura e promozionali per la conoscenza e la valorizzazione della biblioteca e del Sistema. Il Coordinatore, di concerto con il bibliotecario, valuterà l opportunità di assegnare al volontario la password di accesso alla banca dati del Sistema, previa verifica della continuità del servizio in biblioteca e dell acquisizione della competenza necessaria nell uso del software e, di conseguenza, nell esecuzione corretta delle procedure. Per l assegnazione della password di accesso alla Banca Dati, nelle biblioteche del Sistema, il volontario deve garantire una presenza settimanale di almeno 3 ore, in attività di supporto a personale regolarmente assunto. Il legale rappresentante del Comune, sotto la propria responsabilità, ai sensi del D. Lgs. 196/2003, designa il depositario della password di accesso all ambiente Q-Series (programma di gestione della biblioteca), 7

8 Le operazioni sulla Banca Dati del Sistema da parte del volontario saranno periodicamente monitorate a cura del Coordinatore. Bilancio di Previsione 2014 ENTRATE Quote adesione Comuni (0,70 cent per abitante) ,00 Contributi Regione Lombardia (contributi fiscalizzati) * ,00 Fondi Provincia di Lecco settore Cultura ,00 Fondi Provincia di Lecco spese generali e di gestione ,00 Totale ,00 * fondi vincolati all effettiva entrata da parte di Regione Lombardia USCITE Prestito interbibliotecario , Catalogazione centralizzata , Programma informatico Q-Series , Acquisto coordinato , Promozione della lettura , Personale , Promozione dei servizi bibliotecari 4.000, MediaLibraryOnLine ,00 Spese generali e di gestione ,00 Attività e servizi del Sistema 9.411,00 Totale , Progetto Generazione ,00 (finanziamento gestione residui fondi Cariplo e fondi regionali su bando) 8

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

COMUNE DI PREGNANA MILANESE Provincia di Milano REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI

COMUNE DI PREGNANA MILANESE Provincia di Milano REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI 1 OGGETTO DEL PREMIO l Amministrazione Comunale di Pregnana Milanese Assessorato alla Cultura istituisce un premio annuale di laurea intitolato alla memoria

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA ISTITUTO PER I BENI ARTISTICI, CULTURALI E NATURALI SOPRINTENDENZA PER I BENI LIBRARI E DOCUMENTARI

REGIONE EMILIA-ROMAGNA ISTITUTO PER I BENI ARTISTICI, CULTURALI E NATURALI SOPRINTENDENZA PER I BENI LIBRARI E DOCUMENTARI REGIONE EMILIA-ROMAGNA ISTITUTO PER I BENI ARTISTICI, CULTURALI E NATURALI SOPRINTENDENZA PER I BENI LIBRARI E DOCUMENTARI ISTITUTO PER I BENI ARTISTICI, CULTURALI E NATURALI DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA,

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

SalusNet - un iniziativa di Federsanità

SalusNet - un iniziativa di Federsanità ASL Formazione Continua e qualità delle prestazioni sanitarie L esigenza di razionalizzare la Spesa Sanitaria, per contenerne i costi, oggi deve e può coniugarsi con una continua tensione al miglioramento

Dettagli

Esperienza di interoperabilità tra servizi bibliotecari tramite protocollo ISO-ILL. Colloquio standard ILL- SBN/Aleph e ILL-SBN /Sebina Open Library

Esperienza di interoperabilità tra servizi bibliotecari tramite protocollo ISO-ILL. Colloquio standard ILL- SBN/Aleph e ILL-SBN /Sebina Open Library Esperienza di interoperabilità tra servizi bibliotecari tramite protocollo ISO-ILL. Colloquio standard ILL- SBN/Aleph e ILL-SBN /Sebina Open Library A. Bardelli (Univ. Milano Bicocca), L. Bernardis (Univ.

Dettagli

Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale

Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale Progetto Nazionale di Educazione al Patrimonio 2011-2012 Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale Presentazione Sul presupposto che si conserva

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

COMUNE DI FINALE EMILIA

COMUNE DI FINALE EMILIA COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA DETERMINAZIONE N. 922 DEL 12/11/2013 PROPOSTA N. 191 Centro di Responsabilità: Servizi Sociali, Istruzione, Associazionismo, Cultura, Promozione del Territorio

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA 1 SCOPO Lo scopo del presente documento è di descrivere le mansioni e le responsabilità connesse alla gestione delle attività da parte di PHISIOVIT SRL 2 DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO PHISIOVIT SRL, per favorire

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Disturbi dell Apprendimento

Disturbi dell Apprendimento Master in Disturbi dell Apprendimento in collaborazione con IPS nelle sedi di MILANO ROMA PADOVA BARI CAGLIARI CATANIA RAGUSA Questo modulo d iscrizione, unitamente alla fotocopia della ricevuta del versamento

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

TARZIA SALVATORE. s.tarzia@regcal.it

TARZIA SALVATORE. s.tarzia@regcal.it C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O INFORMAZIONI PERSONALI Nome TARZIA SALVATORE Telefono 0961 857310 Fax 0961 857279 E mail s.tarzia@regcal.it Nazionalità Luogo di Nascita Data di

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

STATISTICHE DOCUMENTI PMV IN SOL

STATISTICHE DOCUMENTI PMV IN SOL STATISTICHE DOCUMENTI PMV IN SOL INTRODUZIONE A cura del Coordinamento del Polo regionale del Veneto Vicenza, 12 ottobre 2011 PREMESSA Le istruzioni fornite nel 2010 per la compilazione del PMV riferito

Dettagli

Biblio 1.1 storie & memorie biblioteche trevigiane tra memoria e modernità

Biblio 1.1 storie & memorie biblioteche trevigiane tra memoria e modernità SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA 1) Ente proponente il progetto: ASSOCIAZIONE COMUNI DELLA MARCA TREVIGIANA - Via Terraglio, 58 31022 Preganziol (TV) Enti co-progettanti:

Dettagli

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO Premessa Il Centro Servizi Culturali Santa Chiara propone annualmente una Stagione di Teatro che si compone di differenti

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale dell e-learning nasce il futuro v secolo a. c. Con Agorà, nell antica Grecia, si indicava la piazza principale della polis, il suo cuore pulsante, il luogo per eccellenza di una fertilità culturale e scientifica

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AMMINISTRATIVA RESPONSABILE: GIANGRANDI TIZIANA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

ATTO SOGGETTO A REGISTRAZIONE IN CASO D USO AI SENSI DELL ART. 6 DEL D.P.R. 26 APRILE 1986, N. 131, E DELL ART. 2,

ATTO SOGGETTO A REGISTRAZIONE IN CASO D USO AI SENSI DELL ART. 6 DEL D.P.R. 26 APRILE 1986, N. 131, E DELL ART. 2, COMUNE DI GAVARDO (Provincia di Brescia) ATTO SOGGETTO A REGISTRAZIONE IN CASO D USO AI SENSI DELL ART. 6 DEL D.P.R. 26 APRILE 1986, N. 131, E DELL ART. 2, PARTE SECONDA, PUNTO 1, DELLA TARIFFA ALLEGATA.

Dettagli

Dal progetto alla gestione: la Biblioteca di Vimercate

Dal progetto alla gestione: la Biblioteca di Vimercate Corso Programmare e progettare la biblioteca pubblica Dal progetto alla gestione: la Biblioteca di Vimercate Angelo Marchesi con la collaborazione di Alessandro Agustoni e Giulia Villa Il contesto Vimercate

Dettagli

Comune di Sant'Agata sul Santerno

Comune di Sant'Agata sul Santerno CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA SERVIZI GENERALI RESPONSABILE: RAMBELLI STEFANO 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie Area Servizi Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione del SERVIZIO INTEGRATO TERRITORIALE su AFFIDO ed ADOZIONE

ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione del SERVIZIO INTEGRATO TERRITORIALE su AFFIDO ed ADOZIONE CASARANO COLLEPASSO MATINO PARABITA RUFFANO SUPERSANO TAURISANO AMBITO TERRITORIALE SOCIALE DI CASARANO PROVINCIA di LECCE Assessorato alle Politiche Sociali ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Essere biblioteca, fare biblioteche Spazi, servizi, risorse

Essere biblioteca, fare biblioteche Spazi, servizi, risorse Essere biblioteca, fare biblioteche Spazi, servizi, risorse Trento 20 maggio 2011 1 Il Consorzio SBCR Atto Costitutivo 31 Luglio 1997 Il Consorzio per il sistema bibliotecario dei Castelli Romani è nato

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Software da rilasciare con licenza GPL. Componente tecnologica: Drupal Premessa Obiettivi e Linee-Guida Mettere a disposizione

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

Comune di Cotignola ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - PROGETTO RPP: RESPONSABILE: UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI

Comune di Cotignola ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - PROGETTO RPP: RESPONSABILE: UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR005 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. COMUNICAZIONE UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

REGOLAMENTO CONCORSO UN MONDO TUTTO MIO

REGOLAMENTO CONCORSO UN MONDO TUTTO MIO REGOLAMENTO CONCORSO UN MONDO TUTTO MIO TEMA Il concorso Un mondo tutto mio è dedicato all ambiente in cui vivono i bambini, come è e come lo vorrebbero. L idea è far descrivere agli alunni il posto ideale

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

www.provincia.roma.it EBOOK COSA SONO COME SI USANO DOVE SI TROVANO di Luisa Capelli

www.provincia.roma.it EBOOK COSA SONO COME SI USANO DOVE SI TROVANO di Luisa Capelli www.provincia.roma.it EBOOK COSA SONO COME SI USANO DOVE SI TROVANO di Luisa Capelli 01 Nei secoli, ci siamo abituati a leggere in molti modi (pietra, pergamena, libri). I cambiamenti continueranno e noi

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

Denuncia di Malattia Professionale telematica

Denuncia di Malattia Professionale telematica Denuncia di Malattia Professionale telematica Manuale utente Versione 1.5 COME ACCEDERE ALLA DENUNCIA DI MALATTIA PROFESSIONALE ONLINE... 3 SITO INAIL... 3 LOGIN... 4 UTILIZZA LE TUE APPLICAZIONI... 5

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI ASSEGNI PER IL MIGLIORAMENTO DELLECONDIZIONI DI CURA ED EDUCAZIONE DI MINORI DI ETA DA 0 A 36 MESI.

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI ASSEGNI PER IL MIGLIORAMENTO DELLECONDIZIONI DI CURA ED EDUCAZIONE DI MINORI DI ETA DA 0 A 36 MESI. COMUNE DI COLLOREDO DI MONTE ALBANO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI ASSEGNI PER IL MIGLIORAMENTO DELLECONDIZIONI DI CURA ED EDUCAZIONE DI MINORI DI ETA DA 0 A 36 MESI. Approvato con deliberazione

Dettagli

Regolamento tecnico interno

Regolamento tecnico interno Regolamento tecnico interno CAPO I Strumenti informatici e ambito legale Articolo 1. (Strumenti) 1. Ai sensi dell articolo 2, comma 5 e dell articolo 6, comma 1, l associazione si dota di una piattaforma

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime -

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Progetto Continuità" Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria 2010-11 11 Anno Scolastico 2010 Funzioni Strumentali A. Rubino Scuola Infanzia P. Stramonio Scuola

Dettagli

Comune di Bagnara di Romagna

Comune di Bagnara di Romagna CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR009 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. SEGRETERIA GENERALE AREA AMMINISTRATIVA (URP E SERVIZI DEMOGRAFICI - UFFICIO SEGRETERIA) CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione

Dettagli

2. GESTIONE DOCUMENTI NON SBN

2. GESTIONE DOCUMENTI NON SBN Istituto centrale per il catalogo unico delle biblioteche italiane e per le informazioni bibliografiche APPLICATIVO SBN-UNIX IN ARCHITETTURA CLIENT/SERVER 2. GESTIONE DOCUMENTI NON SBN Manuale d uso (Versione

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

Comune di Bagnacavallo

Comune di Bagnacavallo CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: SETTORE SEGRETERIA RESPONSABILE: GRATTONI ANGELA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Settore Segreteria 1 SETTORE SEGRETERIA

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi.

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi. Carissimi Soci, anche quest anno di vita associativa si avvia gradualmente a conclusione con moltissimi obiettivi raggiunti, moltissime iniziative a tutela e promozione della nostra Professione concluse

Dettagli

CONTRATTI di FIUME e di LAGO

CONTRATTI di FIUME e di LAGO Direzione Ambiente LINEE GUIDA REGIONALI per l attuazione dei CONTRATTI di FIUME e di LAGO Direzione Ambiente LINEE GUIDA REGIONALI per l attuazione dei CONTRATTI di FIUME e di LAGO DGR n 16-2610 del

Dettagli