PROGRAMMA ELETTORALE DELLA LISTA CIVICA MOVIMENTO 5 STELLE E DEL CANDIDATO SINDACO ANDREA MONACHINO 1. TRASPARENZA E ISTITUZIONI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGRAMMA ELETTORALE DELLA LISTA CIVICA MOVIMENTO 5 STELLE E DEL CANDIDATO SINDACO ANDREA MONACHINO 1. TRASPARENZA E ISTITUZIONI"

Transcript

1 PROGRAMMA ELETTORALE DELLA LISTA CIVICA MOVIMENTO 5 STELLE E DEL CANDIDATO SINDACO ANDREA MONACHINO 1. TRASPARENZA E ISTITUZIONI 1.1 Informazione e partecipazione Un cittadino informato e partecipe è il miglior garante dell interesse generale ed un ottimo presidio contro gli sprechi e le inefficienze. Questo è particolarmente vero a livello locale, dove il Comune rappresenta l istituzione più vicina al singolo. Le decisioni prese dall'amministrazione Comunale influenzano la vita di ogni cittadino: per questo chiunque deve essere messo in grado di conoscerle per tempo e di poter partecipare attivamente al loro processo di elaborazione anche attraverso l uso delle nuove tecnologie. Noi proponiamo l obbligo di coinvolgere i cittadini, attraverso strumenti di democrazia partecipativa, in tutti i progetti relativi ad opere fortemente impattanti sulla città, sul territorio, sulla comunità. Con quali strumenti ciò può essere realizzato? In primo luogo tramite l uso degli strumenti di democrazia diretta. Con l istituzione del referendum propositivo senza quorum (chi partecipa decide) e del referendum abrogativo senza quorum (chi partecipa decide). Poi con la pubblicazione sul portale del Comune, in anticipo rispetto all inizio dei lavori, e mantenuta disponibile fino all'avvenuto collaudo/fine intervento di tutti gli interventi di manutenzione (strade, verde, ecc) svolti da ditte esterne, affinché ogni cittadino abbia concretamente la possibilità di verificare il lavoro segnalando al Comune eventuali inadempienze rispetto al progetto iniziale. Oppure adottando il Bilancio partecipativo (io pago io decido, ovvero i cittadini devono avere il potere di decidere la destinazione di parte della cassa del Comune) Il cittadino deve avere il controllo di ogni aspetto decisionale degli organi direttivi della macchina comunale. Non ci possono essere decisioni che non siano state condivise e consultabili, in ogni momento dal cittadino. Quali altri strumenti garantiscono informazione e partecipazione? A puro titolo esemplificativo: la pubblicazione online dei CV del Sindaco, degli Assessori, dei Consiglieri e dei dirigenti comunali le riprese video, in aggiunta a quelle ufficiali, delle sedute del consiglio comunale e delle commissioni, da trasmettere online e in diretta aggiungendo forum di discussione possibilità di scaricare le riprese e libera riproduzione anche parziale sia in formato audio sia video tutte le riunioni devono essere aperte al pubblico ai soggetti condannati in via definitiva per reati contro la pubblica amministrazione non devono essere concessi finanziamenti pubblici. banca dati pubblica on- line delle gare d'appalto, schede delle ditte vincitrici con relative certificazioni antimafia, elenco dei fornitori e dei consulenti del Comune 1

2 pubblicazione on- line annuale di un rendiconto, semplice, comprensibile e verificabile dei progetti attuati, dei reali obbiettivi raggiunti dall'amministrazione pubblica e dei costi sostenuti per realizzarli linea diretta con gli Assessori che avranno un area del sito dedicata alla rendicontazione e per dare risposte ai cittadini ineleggibilità dei candidati già condannati, in qualsiasi grado di giudizio, o rinviati a giudizio (la cosa pubblica deve essere gestita da chi non ha problemi con la legge) la pubblicazione di tutti gli atti amministrativi sul sito internet del Comune. Il Comune si avvale di enti strumentali per l esercizio di alcuni servizi come CEM, Cap Holding ecc...anche in tali enti occorre pretendere che tutti i relativi atti siano pubblici e accessibili ai cittadini nello stesso modo in cui lo sono gli atti comunali. E un principio di trasparenza e partecipazione irrinunciabile e che si pone a completamento del principio di controllo analogo a cui spesso questi enti si sottraggono. Lo Statuto comunale, nella parte riguardante gli strumenti di democrazia diretta come referendum e proposte, non agevola ma, di fatto contrasta la partecipazione dei cittadini in quanto: il numero di firme necessarie per la presentazione di una proposta è immotivatamente elevato: deve essere sottoscritta da elettori praticamente lo stesso numero di firme previsto al Comune di Torino il numero di firme necessarie per la presentazione di un referendum comunale è immotivatamente elevato, richiede infatti la sottoscrizione del 10% dei residenti e cioè circa firme sono esclusi dalla possibilità di presentazione di una proposta i residenti con meno di 16 anni non è prevista la possibilità di partecipazione tramite piattaforma web dedicata nè tramite altro tipo di autenticazione online. Ancorchè le votazioni elettroniche siano stato utilizzate finora solo in forma sperimentale, tale strumento almeno in fase consultiva è possibile utilizzarlo. l'accorpamento di referendum comunali ad eventuali altre tornate elettorali, circostanza che faciliterebbe la partecipazione; non prevede l'istituto del referendum "propositivo", strumento diretto di partecipazione dei cittadini; prevede un quorum necessario per l'approvazione del referendum, premiando di fatto la non partecipazione dei cittadini; non prevede l istituto della revoca degli eletti. Anche se in tal caso vi è la riserva di legge, almeno a livello consultivo con l utilizzo di strumenti on line l istituto potrebbe agevolare le dimissioni di persone che purtroppo lo si è accertato anche in Brianza pur essendo indagati per fatti delittuosi gravissimi (n drangheta) sono rimasti al loro posto. Certamente ciò contribuisce ad un maggiore controllo sugli eletti. Quindi riteniamo assolutamente necessario provvedere al più presto, in un'ottica di trasparenza e di facilitazione della partecipazione diretta dei cittadini, alla modifica degli istituti di partecipazione previsti nello Statuto comunale. In primo luogo tramite: la riduzione a 500 delle firme necessarie per la presentazione di una proposta; la riduzione a delle firme necessarie per la presentazione di un referendum comunale; residenti che abbiano compiuto i 16 anni di età; l'accorpamento dei referendum comunali ad eventuali altre tornate elettorali; l'istituzione del referendum comunale "propositivo"; l'abolizione del quorum necessario per l'approvazione del referendum comunale; la possibilità di partecipazione diretta anche tramite piattaforma web dedicata e/o tramite altro tipo di autenticazione online almeno per le fasi consultive; L uso delle nuove tecnologie nell ottica di un maggiore trasparenza e partecipazione è evidente nella volontà di utilizzare lo strumento del bilancio partecipativo. Cioè un percorso per coinvolgere i cittadini nell individuazione delle priorità di investimento in alcuni ambiti delle politiche comunali. Si tratta di una modalità per consolidare il rapporto tra cittadini e istituzioni già sperimentata in alcune città italiane e in molte città europee ed extraeuropee. Con il bilancio partecipativo l amministrazione comunale mette una parte delle proprie risorse a disposizione dei cittadini che, discutendo e confrontandosi, stabiliscono come investirle. Normalmente ciò avviene su base circoscrizionale e su alcuni ambiti tematici. Pertanto oltre alla votazione del bilancio che dovrà essere preceduta da una fase di informazione/discussione delle poste in approvazione, alcune scelte in tema di viabilità, istruzione, sport verranno decise in seguito alla partecipazione dei cittadini alle scelte anche tramite gli strumenti di web democracy. 2

3 Allo scopo di rendere più trasparente l'operato dell'amministrazione si richiederà che le sedute delle commissioni permanenti siano pubbliche, e che ogni cittadino possa parteciparvi e, qualora il Comune non abbia provveduto alla ripresa audio/video dell'incontro è automaticamente permessa la ripresa da parte dei cittadini. Inoltre sarà necessario prevedere che per ogni riunione debba essere disponibile in modo semplice il verbale degli incontri fatti e delle persone che hanno partecipato, sia in termini di forze politiche che di interventi dei privati. Per agevolare la verbalizzazione si deve favorire l utilizzo di sistemi di videoregistrazione. La ripresa per quanto possibile dovrà essere immediatamente disponibile in streaming dal sito web del Comune oppure visibile in un momento successivo. Oltre a quanto già previsto per legge in tema di pubblicazione dei curriculum vitae (curriculum scolastico, esperienze lavorative e professionali, cariche politiche ricoperte, proprietà e partecipazioni possedute) e dei compensi degli eletti, degli assessori e degli amministratori degli enti comunali e delle società partecipate occorre che tale spazio contenga l obbligo di segnalare quando nell'esercizio delle proprie funzioni sussistano rapporti contrattuali con soggetti economici in conflitto di interessi oppure in cui siano presenti a vario titolo parenti Le istituzioni sovra comunali come metodo e non come meri enti politici La nostra contrarietà alle Province è determinata esclusivamente dal costo che tale istituzione determina per effetto di incarichi, consulenze e altro. Ciò non significa che il Comune debba essere isolato, ma anzi la soluzione ad una serie di problemi deve essere affrontata a livello sovra comunale. Se lo strumento della Provincia non è idoneo a tal fine perchè una inutile istituzione a servizio della politica fine a sè stessa, il dialogo e la collaborazione con enti limitrofi e istituzioni pubbliche può invece essere utile a risolvere i problemi della cittadinanza e si pone nell ottica della partecipazione e trasparenza auspicata dal Movimento. In tale contesto deve porsi la necessità di collaborazione per la soluzione del traffico cittadino (che è principalmente di transito) con la fornitura di servizi sovra comunali come il car- sharing, il car- pooling, una migliore e più efficiente gestione dei trasporti pubblici, il prolungamento della linea Metropolitana ecc... La qualità dei servizi all utenza scolastica come il servizio mensa può migliorare in un ottica di collaborazione con altri enti locali. La gestione sovra comunale di alcuni servizi in termini di coordinamento e gestione, già ben attuata con il sistema Bibliotecario, può essere una valida soluzione anche in termini di economicità e qualità del servizio alla gestione propria. I principali settori destinati a questa analisi saranno i servizi sociali, dell istruzione, dei trasporti, sicurezza, ambiente e informatizzazione. Nel settore della informatizzazione dell Ente occorre valutare attentamente la possibilità offerta dal riuso del software e dalla possibilità di utilizzare in modalità condivisa le risorse hardware. Per esempio in associazione con altri Enti la costituzione di un data center (server centralizzato) e l utilizzo di sistemi di cloud computing (de- centralizzazione delle informazioni). In particolare occorre privilegiare in tale fase l utilizzo di software open source sia per la produttività individuale che per quella di sistema. Lo sviluppo di tale progetto non richiede necessariamente la costituzione di enti terzi (società o consorzi), ma può anche realizzarsi tramite lo svolgimento comune di una gara di appalto che verrà poi gestita in modo da ottimizzare le risorse all interno degli enti. Da notare che una tale impostazione oltre a determinare una riduzione di costo in termini di energia elettrica (e quindi di emissioni), risorse umane, programmi informatici permette di ottimizzare i costi di sviluppo della connettività per le finalità connesse ai progetti di Smart Town. 1.3 Connettività e Brugherio Smart Town Internet è un mezzo potentissimo: ha rivoluzionato la nostra vita ed ampliato incredibilmente le nostre possibilità di accesso alla conoscenza. Rappresenta inoltre un elemento essenziale per favorire la partecipazione dei cittadini alla vita pubblica e funzionale alla democrazia diretta, anche tramite l utilizzo del voto elettronico. Occorre quindi mettere questo mezzo di comunicazione accessibile in modo gratuito nei punti strategici della città. Il servizio di connessione Wi- Fi (una connessione senza fili alla rete internet) è già presente nella biblioteca. Si potrebbe pensare di implementare questa tecnologia anche il altre aree della città, così da consentire l'accesso ad internet (e quindi, alla conoscenza) anche nei principali parchi, luoghi di ritrovo o di studio, uffici e spazi comunali. La connettività è la spina dorsale su cui sviluppare il concetto di Brugherio Smart Town. Un progetto ambizioso, che racchiude gestione dell'illuminazione pubblica, videosorveglianza, servizio di controllo del traffico, trasporti pubblici integrati, ed accesso ad internet per i cittadini in un'unica soluzione (oltre che il VOIP all interno della istituzioni). Le modalità di implementazione del progetto sono graduali e possono prevedere servizi illimitati e gratuiti oppure con 3

4 delle limitazione all utilizzo. Senza limiti di tempo saranno per esempio l accesso ai siti istituzionali e per favorire la partecipazione dei cittadini alla vita pubblica e alla trasparenza amministrativa. L accesso verrà privilegiato nei pressi di enti pubblici o delle fermate dei mezzi di trasporto pubblico. Al fine di dare un servizio migliore e contenere i costi dello sviluppo del progetto si privilegeranno attività in collaborazione con altri Enti pubblici o locali (cloud computing sovracomunale) e il ricorso a specifici finanziamenti pubblici. L integrazione è fondamentale in modo che i cittadini dei comuni aderenti a questi progetti, previa registrazione al servizio Wi- Fi del proprio comune di residenza, possano sfruttare la connettività wireless in uno degli altri comuni consorziati con le medesime credenziali d'accesso. In tale ottica deve essere risolta la macchinosa autenticazione (si riceve tramite sms il codice da utilizzare per l accesso) vigente in Biblioteca, anche in considerazione dell abolizione della legge Pisanu. In tal modo si crea una dorsale condivisa al servizio del cittadino e per lo sviluppo di altri progetti nell ottica della trasparenza e sostenibilità ambientale. 1.4 Il magro Bilancio comunale e la sua gestione I bilanci degli enti locali sono in enorme difficoltà per effetto del taglio dei trasferimenti e i problemi legati ad una finanza pubblica falcidiata da una classe politica corrotta e irresponsabile. Il debito pubblico è raddoppiato a partire dal 1984 ad oggi dopo essere passato attraverso le cure di Bettino Craxi, Amato, Berlusconi, Prodi e infine Monti. Purtroppo l enorme spesa pubblica creata dalla Partitocrazia viene ora fatta pagare ai cittadini attraverso tagli alla spesa degli enti locali, mentre le istituzioni superiori come Regioni e amministrazioni statali continuano a sprecare risorse in modo incontrollato. Per ottimizzare le poche risorse a disposizione gli elementi fondamentali sono la trasparenza e il controllo di gestione con un piano degli obiettivi molto dettagliato. L impianto contabile va adeguato a quello previsto dalle nuove metodologie di contabilità economica, integrandole con la contabilità finanziaria e patrimoniale, al fine di disporre di un sistema di rilevazioni idoneo come strumento di programmazione e di controllo di gestione, indispensabile per valutare i risultati economici dell azione amministrativa, il livello di efficienza ed efficacia dei servizi erogati e delle opere realizzate, nonchè il raggiungimento degli obiettivi programmatici. 2. AMBIENTE L ambiente è una risorsa strategica non rinnovabile che va preservata, un bene comune irrinunciabile e inalienabile. Una sana riqualificazione dell Ambiente Urbano, unita ad un corretto progetto di Gestione Rifiuti, porta ad un progresso collettivo, economico e sociale, che innalza la qualità della vita e che porta in sé un risparmio economico comunale, opportunità lavorative/imprenditoriali, turismo sostenibile e soprattutto getta le basi per una Città che le prossime generazioni saranno felici e orgogliose di abitare Rifiuti Per migliorare la gestione dei rifiuti nella nostra città ci muoviamo in due direzioni: da una parte aumentare la raccolta differenziata e il riciclo, dall altro diminuire la produzione di rifiuti. Nell ambito del progetto rifiuti zero, e cioè un sistema di raccolta dei rifiuti che determini il recupero del 100 % dei rifiuti secondo la regola delle 4 Erre e cioè Riduzione, Riutilizzo, Riciclo e Recupero è necessario predisporre adeguate misure per favorire tale risultato. Implicito in questo contesto è la volontà di evitare il ricorso all incenerimento e alla discarica, con l obiettivo di creare maggiore valore aggiunto nell ambito della filiera del riciclo e di dare opportunità di lavoro nella green economy. Il primo obiettivo di incrementare la raccolta differenziata porta a porta dall'attuale 62% all'80%, è facilmente raggiungibile con semplici accorgimenti a costo limitato e con una adeguato coinvolgimento della cittadinanza e relativa informazione. Attenzione particolare verrà data all introduzione della tariffa puntuale e cioè pagare in base al rifiuto indifferenziato prodotto. L introduzione della TARES limita l impatto della tariffa puntuale, ma lo strumento è comunque ammesso e 4

5 pertanto deve essere incoraggiato. In alcuni casi come per villette o piccole palazzine, l introduzione è molto semplice e con un costo di esercizio di limitato impatto. L introduzione graduale permette di iniziare un percorso virtuoso per raggiungere in breve tempo l obiettivo di raccolta differenziata all 80 %. Il raggiungimento dell obiettivo rifiuti zero determina un più ampio coinvolgimento di enti sovra comunali come il CEM Ambiente. In tale ottica la proposta è quella di attivare un impianto per la ulteriore selezione del rifiuto indifferenziato (trattamento meccanico biologico) con l obiettivo di azzerare l invio di rifiuti all incenerimento e in discarica. A fianco di una strategia che porti alla riduzione dei rifiuti prodotti a livello di singola abitazione, un'altra importante fase è l'installazione di cestini predisposti per la raccolta differenziata anche in tutto il territorio brugherese. Anche se presuppone un investimento iniziale, il Comune potrebbe trarne un doppio beneficio, ambientale ed economico. Dal punto di vista ambientale, questa strategia non farebbe altro che espandere l'impegno per la differenziazione dei rifiuti anche al di fuori delle abitazioni, delle aziende e degli uffici pubblici. Dal punto di vista economico, invece, attraverso questo meccanismo si potrebbe recuperare un ulteriore quantitativo di materiale riciclabile, altrimenti destinato all'inceneritore e alla discarica, che produrrebbe un ritorno economico non indifferente per il Comune. Un'area di applicazione molto importante della raccolta differenziata sono i nostri parchi cittadini, dove la penuria di cestini agevola fenomeni di incuria e di abbandono dei rifiuti al di fuori dei contenitori. Questo fenomeno si verifica in maniera drammatica nel Parco Increa dove, soprattutto d'estate, gioiose grigliate lasciano strascichi dannosi sotto il profilo ambientale ed estetico nel nostro polmone verde cittadino. Sarebbe quindi indispensabile dotare il parco di più zone per la raccolta rigorosamente DIFFERENZIATA dei rifiuti, ed affiancare a tutto ciò un'opera di sensibilizzazione dei frequentatori. Offrire un servizio di ritiro a domicilio dei rifiuti ingombranti (come cucine, mobili, divani...), su prenotazione e gratuito previene l abbandono dei rifiuti ai bordi delle strade e segue la regola delle 4 Erre. Quelli che a molti sembrano rifiuti ingombranti possono essere con qualche aggiustamento una preziosa risorsa per altri, in particolare nei paesi in via di sviluppo. Ricliclando si permette ulteriore vita a diversi oggetti e maggiore ricchezza per tutti. La promozione di prodotti sfusi e a Km zero è anche un mezzo per ridurre gli imballaggi, tramite un nuovo concetto di marketing, che promuova la qualità e l ambiente rispetto a pubblicità e a confezioni inquinanti. Il contributo che il Comune può dare in ottica di promozione e organizzazione è fondamentale e sostanzialmente privo di oneri. Un idea è quella di affiancare alle Case dell Acqua distributori di latte, spremuta d arancia, detersivi...in una sorta di punto di distribuzione ecologico e solidale. 2.2 Acqua L acqua è la principale fonte di vita dell uomo insieme all aria. Non vogliamo che l acqua diventi un business ma desideriamo che sia un bene facilmente accessibile a chiunque a prezzo contenuto. L acqua è un bene da preservare. L acqua di Brugherio è potabile e adatta al consumo umano, ma le abitudini alimentari e il marketing delle multinazionali del settore spingono verso consumi differenti (l acqua in bottiglia) con risvolti economici e ambientali non sostenibili. Per tale motivo per rimuovere la diffidenza verso l acqua del rubinetto proponiamo l installazione di altre Case dell Acqua a Brugherio, con l obiettivo a tendere di averne una in ogni quartiere. La Casa permette l erogazione di acqua fresca e addizionata con anidride carbonica. La realizzazione dell impianto è a carico della CAP Holding, mentre i costi di manutenzione sono a carico del Comune, circa 4 mila euro annui per ogni impianto. Tale costo di manutenzione è ripagato dai cittadini che prediligono l acqua addizionata al costo di 5 cent per ogni litro, mentre l acqua naturale è gratuita come nelle fontanelle di una volta. La Casa dell Acqua deve diventare anche un hot sport della rete civica e un punto di sensibilizzazione ambientale e di partecipazione videosorvegliata. In relazione alla modalità di gestione del sistema idrico integrato questo deve essere pubblico, senza spazio per il profitto del privato, efficiente ed economico. In tale contesto l affidamento deve essere dato non ad una società di capitali, ma ad una Azienda Speciale Consortile in grado di assumere la gestione diretta delle diverse fasi del ciclo lasciando come residuale la gestione tramite appalto. In tale contesto riteniamo che l attività svolta dagli attuali organi proposti non sia corretta e che in particolare non è adeguatamente svolta un attività di controllo e prevenzione dell inquinamento delle falde acquifere e di reintegro della falda stessa. L informazione che viene proposta è parziale (quale è lo stato delle falde?) e la sensibilizzazione ad un miglior uso non è sufficiente. Il regolamento edilizio deve prevedere come obbligatorio la duplice rete (acqua calda e fredda), il riutilizzo delle acque piovane per l irrigazione e quella domestica per i servizi igienici. 5

6 La duplice rete deve anche essere utilizzata in agricoltura e per l irrigazione dove l acqua di prima falda è ampiamente disponibile, previo controllo biochimico su prelievi zonali per garantire il loro stato di utilizzo e predisporre eventuali bonifiche, tese a preservare l uso di una risorsa sempre più scarsa. Il monitoraggio e la programmazione della rete finalizzata alla sostituzione della rete idrica vetusta è fondamentale per preservare la risorsa idrica. 2.3 Riqualificazione del verde cittadino La qualità della vita si misura anche in base al verde pubblico disponibile e alla corretta fruibilità dello stesso. Si darà quindi priorità ad attrezzare i parchi in modo da garantire una maggiore fruibilità degli stessi per esempio installando un maggior numero di bagni ecologici al Parco Increa. Il parco è infatti congestionato nelle giornate festive e necessita di interventi di tutela. Il parcheggio del parco non è sufficiente e fonte di inconvenienti. Si propone il pagamento di un biglietto di entrata in macchina nei giorni festivi durante la bella stagione, in modo da disincentivare l'utilizzo dell auto e al tempo stesso incentivare la voglia di utilizzare la bicicletta. Altro parcheggio a servizio dovrebbe essere quello del centro Kennedy la domenica, proponendo parallelamente un servizio di noleggio bici dal parcheggio stesso verso il Parco. O anche semplicemente un punto di bike- sharing. Un pullman navetta, possibilmente a basse emissione, che parta dalla metropolitana di Cologno fino al parco Increa pssando per il Kennedy completa la proposta anche in tema di riduzione del traffico e di disincentivo dell uso dell auto privata. Occorre inoltre un maggior presidio delle forze dell ordine anche con l ausilio di gruppi di volontari, per prevenire vandalismi e sporcizia. Vivere il Parco con iniziative, vigilanza e attrezzature contribuisce ad aumentare il senso civico delle persone e a rispettare la natura. Il rispetto della natura e un rinnovato spirito civico si raggiunge anche con attrezzature adeguate per lo svago e l esercizio ginnico di adulti e bambini. Insieme alla piantumazione di piante autoctone, l installazione di adeguate attrezzature rientra tra le priorità di investimento. Il taglio dell erba deve avvenire inoltre in un numero di volte adeguato, almeno 8, al fine di evitare problemi di allergia sia nella proprietà pubblica sia in quella privata. La fruibilità del verde pubblico deve inoltre essere accompagnata da una adeguata lotta contro le zanzare sia con attività di disinfestazione biologica ed ecosostenibile nella stagione calda sia con azione larvicida nella stagione fredda. La recinzione dei parchi gioco e la loro manutenzione sono una priorità. I parchi non recintati sono punti di ritrovo di adolescenti che li imbrattano e talvolta causano dei danni. Inoltre quando piove si formano delle grandi pozzanghere di fango sotto alle altalene e agli scivoli, con la conseguenza che nei giorni successivi l utilizzo ne risulta assai difficile. I giochi per i bambini più piccoli sono una rarità, così come le fontanelle. La proposta prevede la recinzione e la chiusura di notte di tutti i parchi (con cancelli elettrici programmati), la dotazione di pavimentazioni morbide sotto i giochi per scongiurare la formazione delle pozzanghere e l acquisto di casette e piccoli giochi. La presenza della videosorveglianza è una garanzia che il vandalismo verrà annullato. 2.4 Utilizzo di fonti di energia rinnovabili Al fine di diminuire le emissioni, si cercherà di utilizzare pienamente la superficie dei tetti degli edifici comunali per installare pannelli fotovoltaici. Dopo una verifica degli spazi disponibili e idonei all uso si valuterà l opzione circa l affitto dello spazio e l installazione dei pannelli con un operatore specializzato scelto tramite gara oppure l installazione con una operazione di finanziamento garantito dal ritorno economico dell investimento. Tra l altro il nostro Comune paga purtroppo un prezzo molto alto in termini ambientali in relazione all elettrodotto che attraversa il nostro territorio. Anche in questo caso come per il traffico (e per il depuratore delle acque al servizio della Brianza e non di Brugherio ma prevalentemente collocato sul territorio brugherese) si subisce una situazione che non porta benefici ma solo disagi. Qualora l uso dell energia solare fosse maggiormente diffusa anche nei Paesi limitrofi, anche la presenza dell elettrodotto potrebbe essere ridotta. L ipotesi di valutare il costo di interramento delle linee dovrebbe essere comparato con il costo di una maggiore diffusione dell energia solare o comunque rinnovabile. In tale contesto la costruzione di nuovi edifici ove ora sono disponibili aree verdi, qualora fosse possibile nell ottica del concetto consumo di suolo zero, per diritti acquisiti degli operatori, gli edifici dovranno essere realizzati in modo tale da non essere consumatori di energia ma produttori e rendendo obbligatoria almeno la classe A per questi nuovi 6

7 edifici. Ciò tramite l applicazione di concetti di risparmio energetico ed energie alternative di elevata innovazione, quali il teleriscaldamento, pannelli solari, pompe di calore ecc... Tale programma si pone nell ottica che dopo la crisi finanziaria che ha devastato il nostro sistema economico per effetto dei debiti privati e pubblici, a breve saremo costretti a fare i conti con il debito ambientale nei confronti del nostro Pianeta. La crisi sarà allora anche peggiore e fonte di conflitti. Perciò è urgente uno stile di vita diverso che vede nella green economy la soluzione delle problematiche legate alla disoccupazione, alla scarsità delle risorse e ad un sistema economico sostenibile. In tale ottica sono da vedere gli investimenti in campo ambientale da noi proposti. La spesa in conto capitale odierna si tradurrà in benefici economico - sociali domani molto di più di quanto propongono coloro che desiderano ulteriori colate di cemento sotto forma di nuove (auto)strade, inceneritori, Expo 2015, Olimpiadi di Roma, Ponti sullo Stretto idonei solo a continuare in uno stile di vita impossibile da sostenere e a beneficio di una classe politica incapace. 3. TRASPORTI E VIABILITÀ Il problema della viabilità di Brugherio è legato al traffico di passaggio per raggiungere Milano, Monza e i Comuni limitrofi. La soluzione del problema non può essere solo interna quindi, ma richiede una sinergia con i Comuni vicini e le istituzioni sovra- comunali. In primo luogo occorre insistere per ottenere il prolungamento della metropolitana fino a Vimercate. La sospensione dei lavori è stata determinata da una carenza di fondi, che tuttavia pare siano disponibili per altre opere di cui avversiamo la costruzione che sono la BREBEMI, la TEM e la Pedemontana. Il problema è quindi anche di rappresentatività politica e di cura degli interessi e in questo caso della nostra comunità. Comunità che già molto paga in termini di vicinanza al capoluogo come traffico, inquinamento (si pensi anche alla presenza dell elettrodotto e del depuratore monzese). Il prolungamento della metropolitana potrebbe almeno risolvere in parte i due problemi indicati come quello del traffico e dell elettrodotto che potrebbe in parte essere interrato insieme alla Metropolitana. Nell attesa devono essere potenziati trasporti su gomma in modo maggiormente efficiente con l introduzione dei taxi collettivi e di bus di minori dimensioni per le ore non di punta. Car- pooling e car sharing sono strumenti che devono essere promossi perchè rappresentano la soluzione più efficace e a complemento del sistema pubblico di trasporto per ridurre il traffico senza spendere ulteriori risorse pubbliche per nuove strade, conseguente consumo di suolo e maggiore inquinamento. La connettività e gli strumenti informatici possono permettere l incontro tra domanda e offerta di trasporto, tramite la condivisione dei mezzi. Il Comune si dovrà fare promotore di un portale, anche sovracomunale e di comprensorio, nel quale raccogliere le abitudini di trasporto e le esigenze dei cittadini in modo da incrociare le informazioni e restituire proposte che coinvolgano i cittadini utilizzando in modo condiviso i mezzi. Gli strumenti informatici individuali come smartphone o altro permettono facili autenticazioni e rilevazioni geografiche che attualmente impediscono lo sviluppo di tali sinergie. La diffidenza verso uno strumento sconosciuto la scarsa socialità degli individui della nostra epoca è invece facilmente superata da strumenti come i social network. In tal modo il portale può divenire una sorta di social network del trasporto intelligente locale che può anticipare, prevedere e aiutare la condivisione dei trasporti. L utilizzo di crediti di trasporto in tal senso permette anche di collegare al sistema anche un vantaggio economico oltre che ambientale. I crediti potranno essere riscossi tramite biglietti della metro, utilizzo di car sharing, buoni carburante. I costi di gestione e di assicurazione del servizio sono minimi. In tal senso il dialogo con gli enti preposti al trasporto pubblico è fondamentale. Se da un lato le aziende di trasporto pubblico sostengono dei costi dall altro il costo sociale del traffico è elevatissimo (basti pensare al tempo perso in coda). Quindi avere una tariffa integrata unica su tutto il territorio (cioè verso i capoluoghi di Provincia Monza e Milano) è un obiettivo da raggiungere per ridurre traffico, inquinamento, incidenti stradali, ecc...in un ottica politica ottusa e fine a sè stessa l esternalità (cioè il costo economico- sociale collegato del traffico) non è purtroppo adeguatamente studiata e affrontata. L uso del mezzo pubblico è purtroppo poco sviluppato per motivi socio- culturali a differenza di quanto avviene nei Paesi nord europei. E solo questione di mentalità e di promozione. La qualità del servizio è anche una conseguenza di questa ritrosia all uso che deve essere risolta con una migliore qualità del servizio (corse più frequenti in particolare nei festivi, autobus a basso impatto ambientale, autobus maggiormente confortevoli ecc...). Uno strumento essenziale per la riduzione del traffico è la realizzazione di piste ciclabili che possano favorire lo spostamento tramite bicicletta. In particolare i punti da potenziare sono quelli verso Monza, Parco Increa, la metropolitana di Cologno, Cernusco sul Naviglio, 7

8 Una migliore viabilità è favorita anche da una illuminazione idonea. Sono ora disponibili sul mercato le lampade a tecnologia led che se comparate alla lampade tradizionali, a parità di resa luminosa (lumen), risultano notevolmente più vantaggiose sia dal punto di vista della durata che del consumo. Una lampada a led consuma il 70/80 % in meno di una lampada tradizionale e dura 10 volte più a lungo a parità di resa luminosa. Oltre ad una serie ulteriori di vantaggi ambientali (non contiene piombo mercurio...) e tecnici (è più luminosa, non deve riscaldarsi,...), generalmente non necessita di sostituzione dei lampioni esistenti. La sostituzione di lampade led permette di risparmiare kwh. In sostanza un investimento che si paga in circa ⅔ anni oltre al vantaggio ambientale e viabilistico, tra l altro il finanziamento di questa tecnologia è reso disponibile da risorse statali e da convenzioni con enti specializzati come l ENEA. La viabilità viene inoltre resa più fluida e riduce l incidentalità, con la presenza di rotonde. In primo luogo si propone la realizzazione di una rotonda sulla tratta di via Marsala, sia all incrocio con il Kennedy sia in transito verso San Maurizio. Tra l altro la presenza di rotonde riduce l inquinamento oltre a rendere il traffico più fluido. Basta prendere atto di come è più agevole la viabilità verso Carugate e verso San Damiano ove la presenza di rotonde è già ampiamente sperimentata. 4. SICUREZZA Il bisogno di sicurezza necessita una risposta alle esigenze della cittadinanza che deve essere radicale e innovativo. In primo luogo occorre rivedere in dettaglio la pianta organica comunale e i carichi di lavoro del personale comunale, in modo da verificare eccedenze per rafforzare la vigilanza urbana. In particolare per sostituire l attività di back office di questo settore con personale generico appositamente formato. Gli incidenti stradali occupano gran parte degli addetti e sono spesso causati da residenti fuori Comune in mero transito sul territorio comunale. Quindi per migliorare la sicurezza sulle strade occorre introdurre semafori intelligenti che modulano il segnale in base al traffico e che diventino rossi se si superano i limiti di velocità. Attraverso un progressivo utilizzo della videosorveglianza si potrà meglio osservare il traffico in ingresso e in uscita oltre a controllare le zone più pericolose e degradate. Per esempio i giardini pubblici mettendo in sicurezza i parchi giochi per evitare fenomeni di vandalismo, tramite recinzione apertura e chiusura temporizzata oltre alla videosorveglianza. L uso delle moderne tecnologie e un migliore pattugliamento del territorio anche tramite il vigile di quartiere o in alternativa una squadra di vigili motociclisti, determinerà la vigilanza sul territorio. Fondamentali sono gli interventi di riqualificazione urbana delle aree dismesse e degli angoli degradati di Brugherio. Queste aree lasciate all'incuria sono senza controllo e diventano potenzialmente luoghi per la crescita di spaccio e tante altre attività illegali. Una migliore illuminazione è poi alla base di una efficacie videosorveglianza. Il costo della videosorveglianza non è così alto come può sembrare e si integra con altri progetti legati alla connettività. Il servizio può essere gestito in modalità sovra comunale ed assorbire eccedenze di personale non di vigilanza. L istituzione del nonno vigile al di fuori delle scuole, è utile a sgravare l attività della vigilanza urbana dai compiti di routine. 5. ISTRUZIONE CULTURA e SPORT Gli effetti di quanto descritto in tema di connettività e informatizzazione dell azione amministrativa che si inseriscono nel progetto di Brugherio Smart Town, ha come effetto sul settore dell istruzione quello di un massiccio ricorso alle nuove tecnologie in ausilio all insegnamento e allo studio. L inserimento di adeguata strumentazione informatica come personal computer, videoproiettori, lavagne elettroniche, ebook reader, ecc...può essere finanziato tramite la riduzione dell acquisto delle edizioni cartacee dei libri di testo. I testi in cui la protezione del diritto d autore è scaduta sono disponibili gratuitamente (per es. i grandi classici come i Promessi Sposi), mentre la condivisione dei testi garantisce ulteriori risparmi. La stessa didattica viene agevolata dalla possibilità di lasciare nella rete quanto spiegato dal docente e la possibilità di riutilizzare appunti e lezioni. D altronde il grande vantaggio di internet è quello della condivisione e una maggiore capacità di gestione delle nuove tecnologie determina effetti moltiplicatori in termini di economicità e istruzione. La web education è un opportunità alla portata di tutti e deve essere sfruttata. In tal senso una direttiva del Ministero dell'istruzione ha stabilito che tutti i libri scolastici adottati dagli insegnanti dall'anno scolastico 2012/2013 dovranno essere disponibili anche nella versione elettronica. Il prezzo di un libro nel formato elettronico può arrivare ad essere inferiore all'80% rispetto alla versione cartacea. Il supporto da utilizzare deve essere un semplice ebook reader niente ipad o similari e deve potere fare solo da ebook. Questi dispositivi partono dai 60 euro circa e durano per tutto il ciclo scolastico. La scuola potrebbe anche acquistarne una partita e 8

9 darli in comodato d'uso dietro cauzione da restituire alla fine del ciclo scolastico. Sull'ebook è possibile anche caricare dispense e altro materiale di studio fornito dall'insegnate. E doveroso ricordare l'impatto sulla natura, dell e- learning in termini di alberi non abbattuti per produrre carta, il trasporto e infine il fatto che gli studenti non dovrebbero trasportare zaini pesanti e soggetti a usura. La diffusione della lingua inglese negli asili nido è un obiettivo facilmente raggiungibile senza grandi sforzi o costi a fronte di un grandissimo vantaggio per i futuri cittadini. I bambini hanno delle capacità di apprendimento maggiori degli adulti e nei primi anni di età la capacità di assimilare i suoni è particolarmente sviluppata. Tramite l uso di strumenti audio visivi e disegni è possibile far assimilare ai bambini i suoni e la musicalità della lingua inglese in modo che possano poi riprodurla nella esatta pronuncia. Gli allievi apprendono tutto ciò in modo molto naturale, senza fatica, prendendo il tutto come un gioco o semplicemente come una diversa proposizione di cartoni animati o musiche. Negli anni successivi, una volta imparato a leggere e scrivere, l uso della lingua diventerà molto facile, rappresentando un grande vantaggio sia per le aspettative di lavoro future, ma anche in termini di socialità. Il costo dell iniziativa è veramente ridotto dato che si possono utilizzare format consolidati e metodi facilmente replicabili senza eccessiva formazione del corpo docente. Questi metodi di insegnamento si basano in particolare sulla ripetitività e la costante applicazione dell esercizio in modo da poter essere assimilati senza grande sforzo. Oltre all inglese si potrebbe estendere anche alla matematica il metodo seppur nella scuola elementare. Questi metodi sono già ampiamente utilizzati nei Paesi orientali e anglosassoni e sono uno dei fattori di successo dei sistemi scolastici di questi Paesi. Un chiaro esempio di partecipazione da sostenere è quello del pedibus e cioè l accompagnamento a piedi strutturato dei bambini sul percorso casa- scuola. L obiettivo è estendere per tutte le scuole comunali questo sistema anche con il prezioso aiuto di associazioni ed anziani del quartiere sul modello "nonno civico". Tra l altro anche la presenza di un volontario che possa garantire un sicuro attraversamento della strada nei pressi dell Istituto scolastico è un obiettivo fondamentale di contenimento della spesa e di innalzamento del senso civico. Il diritto allo studio deve essere sostenuto anche con la riduzione del costo pasto mensa per i secondi figli iscritti contemporaneamente e per i terzi. Il costo che ha sostenuto il comune per le riduzioni è pari a ,00. Pur essendo un servizio pubblico a domanda individuale è un servizio essenziale per la collettività quindi il suo costo non può gravare in misura predominante solo e/o in modo quasi esclusivo sui bilanci delle famiglie. Per stabilire la reale capacità contributiva delle famiglie. si potrebbero rivalutare gli indici di benessere, e i nuclei aventi tali requisiti sarebbero inseriti nella fascia superiore non beneficiando di alcune riduzioni ed il ricavato andrebbe a coprire alcune delle spese per coloro che hanno il secondo figlio iscritto contemporaneamente. L apertura di un centro di cottura a servizio della città rappresenta un obiettivo sia in termini di qualità del servizio svolto, ma anche come obiettivo in termini ambientali e di incremento occupazionale sul territorio. Occorre quindi valutare tale opzione in sede di rinnovo dell appalto. In ogni caso è opportuno privilegiare l uso di alimenti provenienti dalla filiera corta e garantiti come biologici, anche in termini di prevenzione di situazioni allergiche. L utilizzo di stoviglie in ceramica o acciaio e biodegradabili è un ulteriore complemento al servizio dell ambiente. La famiglia deve essere aiutata con servizi che possano favorirne la conduzione. In tal senso l apertura di un micro nido, di un nido famiglia o di un nido aziendale, comporta una serie di adempimenti burocratici molto complessi. La tutela dei piccoli passa infatti anche attraverso il rispetto di normative edilizie che possono essere, in particolare per i micro nidi e i nidi famiglia, di impedimento all esercizio dell attività. Il reperimento della certificazione degli impianti elettrici o termici può essere difficile per esempio e tendere a scoraggiare l emersione di attività che già vengono svolte in modo non autorizzato. Ciò rappresenta una barriera all esercizio di queste attività e all offerta di un servizio molto richiesto. Fermo restando quanto richiesto dalla normativa in materia per l esercizio dell attività, un atteggiamento meno burocratico degli uffici comunali e maggiormente cooperativo, potrebbe ben contribuire a svolgere questi servizi in modo conforme alla Legge con grandi vantaggi per tutti. La certificazione degli impianti può essere per esempio facilmente ottenuta, ma non tutti possono essere pienamente a conoscenza di cosa occorre fare per ottenerla. Si tratta quindi di favorire tramite la potestà regolamentare o la prassi l'apertura di queste forme di assistenza all infanzia in modo da garantire una maggiore offerta sul territorio e una maggiore facilità di accesso all esercizio dell attività. Si cercherà di ampliare l offerta di eventi valorizzando maggiormente le risorse cittadine a cominciare da momenti di intrattenimento presso le tipiche cascine brugheresi in cui si possa illustrare la tipica vita delle cascine oltre a consumare e acquistare prodotti a km zero. Le reliquie dei magi sono altri elementi di valorizzazione. Il 9

10 prolungamento dell apertura della biblioteca almeno fino alle in giorno alla settimana può contribuire a rendere la vita culturale brugherese più viva. In relazione alla Piscina Comunale le prime risorse disponibili verranno destinate alla ristrutturazione e ai lavori necessari per la relativa messa in esercizio. Durante l esecuzione dei lavori si valuterà assieme alla cittadinanza le modalità di futura gestione della struttura scegliendo tra una gestione diretta, tramite Istituzione (per es. Centro Olimpia), tramite il coinvolgimento delle società sportive oppure mediante una cooperativa di utenti e lavoratori o altre che potranno emergere. 6. POLITICHE SOCIALI 6.1 Creazione di un poliambulatorio e assistenza domiciliare integrata. Creazione di un polo sanitario Casa della Salute potenziando l Azienda delle Farmacie Comunali aggregando medici di base e fornendo l Assistenza domiciliare integrata e cioè servizi come fisioterapia e prestazioni infermieristiche in attuazione al d.lgs. n. 153/2009, garantendo un ampia fascia di apertura al pubblico. L'aggregazione dei medici di base è previsto dalla nuova normativa emanata dal Ministro Balduzzi e si pone nell'ottica di dare un servizio sanitario permanente integrato in evoluzione rispetto alla medicina di base e intermedio rispetto all'assistenza ospedaliera. 6.2 Car sharing con abbonamento gratuito per i pensionati e le categorie svantaggiate Al fine di ridurre il traffico e l'inquinamento si cercherà di sviluppare il servizio di car sharing. La convenzione con Guidami, ATM e Legambiente avrà oggetto all'inizio la messa a disposizione di tre veicoli con alimentazione a gas. Tali veicoli posizionati nelle zone adiacenti al Comune (P.zza della Chiesa, Barclays) potranno essere utilizzati oltre che dal Comune per le uscite dei propri addetti durante l'orario d'ufficio, anche da tutti gli altri cittadini aderenti all'iniziativa. L'adesione del Comune all'iniziativa è fondamentale per garantire un adeguato numero di mezzi e determinare il successo dell'iniziativa e l'intenso uso del sistema. Successivamente le auto potranno essere incrementate nel numero con l'uso di mezzi ad alimentazione elettrica e paline per la ricarica. Il costo a bilancio per la gestione degli automezzi (escluso polizia locale e trasporto scolastico) è pari a circa Al costo attuale proposto da GuidaMI di 2,20 all'ora e di 0,45 al Km sono oltre ore a disposizione del Comune oltre a Km di percorrenza. Tenendo presente che il parco mezzi comunale è vecchio ed inquinante e che l'utilizzo dei mezzi è limitato in particolare per la percorrenza, si tratta di una scelta conveniente, e priva di ulteriori costo di manutenzione straordinaria. A ciò si aggiunge il vantaggio per la cittadinanza (in particolare per anziani e giovani che usano poco l'auto) e la possibilità di entrare in area C senza alcun costo. Il costo dell abbonamento del servizio per i pensionati, disoccupati, famiglie numerose, ecc... dovrebbe essere gratuito in modo da iniziare un percorso virtuoso in particolare partendo da coloro che hanno maggiori necessità economiche e una minor necessità di utilizzo dell auto. 6.3 Politiche attive per l auto- imprenditorialità Con il progetto BRUGHERIO CREA LAVORO si cercherà di aiutare le persone prive di lavoro, ad utilizzare i fondi che periodicamente vengono messi a disposizione dalla Regione o da altri Enti pubblici per le iniziative di auto- imprenditorialità. In particolare si tratta di dare un minimo di supporto sia nella fase di progettazione dell'iniziativa, ma anche nella sua concreta fattibilità specialmente per quanto riguarda le attività nei campi dei sevizi alla persona, dei trasporti collettivi e ambientali ove il Comune ha maggiore sensibilità circa i bisogni della popolazione che potrebbero essere ben soddisfatti da nuove iniziative di servizio. Il supporto principale è in primo luogo quello della predisposizione del progetto e il relativo business plan. Valutare per esempio la necessità di autorizzazioni oppure di saturazione del mercato. Da non sottovalutare la possibilità che tali iniziative possano essere di interesse comunale come nel caso di servizi all'infanzia, agli anziani, ai disabili, educazione ecc...e che quindi la domanda possa essere soddisfatta da coloro che sono senza lavoro. La creazione di posti di lavoro deve essere effettuata tramite politiche attive che possa aiutare e favorire la collocazione delle risorse inoccupate. 10

11 Utilizzo maggiore degli edifici scolastici favorendone quindi l'apertura pomeridiana e magari anche domenicale per realizzare corsi tenuti da associazioni volontariato (es. alfabetizzazione informatica, italiano per stranieri, ecc.) realizzando dunque punti di aggregazione per i giovani. (BANCA DEL TEMPO) La carenza di spazi adeguati è uno degli elementi che determinano una maggiore aggregazione e la diffusione di iniziative e corsi destinati ai cittadini di qualsiasi età. Si propone quindi di concedere con maggiore facilità l uso delle strutture scolastiche o comunque comunali al fine di favorire iniziative di aggregazione di tipo ludico, culturale, para- scolastico o di semplice aggregazione. L utilizzo è evidentemente nelle ore pomeridiane, serali o comunque festive in modo da non compromettere l ordinario svolgimento dell attività. Tutto questo è il necessario corollario per una maggiore diffusione della Banca del Tempo e cioè della possibilità di scambiarsi servizi a fronte dell impiego del proprio tempo a favore degli altri. Quindi l attività di apertura e custodia dei locali non avrebbe impatti economici dato che verrà remunerata dai servizi disponibili nella Banca del Tempo. Nello stesso modo chi tiene il corso di teatro, inglese, ballo ecc...potrà poi usufruire dei servizi messi a disposizione dagli altri. Tramite la partecipazione e la condivisione si aumenta quel senso civico e di solidarietà che la frenetica vita moderna ha ridotto. Di queste iniziative e di quelle della Banca del Tempo dovrà essere dato ampio risalto nel sito internet comunale in modo da promuovere adeguatamente le attività. 7. TERRITORIO E URBANISTICA La filosofia CONSUMO DEL SUOLO ZERO è alla base del programma di Brugherio, dove il rapporto tra superficie urbanizzata e del suolo è pari al 68%, dato di allarme anche per il piano territoriale di coordinamento provinciale. Un aumento di urbanizzazione rischierebbe, a livello paesaggistico, di far assumere al Comune ancor più i connotati periferici del vicino capoluogo, ne consegue il degrado ambientale, l incremento di inquinamento dovuto ai nuovi cantieri, il consumo di materiali, risorse e suolo, le nuove emissioni, lo smaltimento dei materiali di risulta, ecc. L esperienza del sindaco Finiguerra nel comune di Cassinetta di Lugagnano è un esempio di gestione delle spese comunali senza introiti derivanti dall attuazione di nuove edificazioni, con tagli ai costi della macchina governativa e politiche mirate ad uno sviluppo ambientale di qualità. Se continuassimo ad usufruire degli oneri di urbanizzazione per pareggiare i bilanci andremmo a cementificare il poco verde rimasto, occorre alternativamente favorire il restauro e il recupero del patrimonio edilizio esistente, oltre che dei luoghi dismessi, sulla scorta delle nuove tecnologie eco- compatibili, mitigando lo spreco energetico del settore edile, ad oggi causa principale delle emissioni inquinanti, stipulando convenzioni comunali ad hoc, quindi caso per caso, sulle modalità di intervento e riqualificazione. IL COMUNE SI IMPEGNA pertanto a diminuire oneri e contributi sul costo di costruzione e a concedere, compatibilmente alle valutazioni di impatto ambientale, modifiche volumetriche su parte del patrimonio edilizio esistente, anche in aggiunta alla cubatura residua, qualora sia raggiunto un decisivo miglioramento delle prestazioni energetiche delle strutture oggetto di intervento, siano utilizzati materiali e tecnologie eco- compatibili, siano invariate le percentuali minime richieste di superficie drenante e massime di superficie coperta del lotto in considerazione. Per gli edifici pubblici occorre agire nella medesima direzione, IL COMUNE PROPONE accordi pubblico- privato per eseguire ristrutturazioni con concessione di utilizzo della struttura (ad esempio la ristrutturazione di un tetto su iniziativa privata in cambio della gestione, per un periodo di tempo, dello stesso, atto al posizionamento di pannelli fotovoltaici) e ad investire risorse per migliorare il contenimento energetico delle strutture pubbliche. Il Piano di Governo del Territorio va rivisto non solo sulla base di queste considerazioni, siamo favorevoli allo sviluppo del Parco delle Cave e Media Valle del Lambro, alla formazione di corridoi ecologici, a nuove piste e sentieri ciclopedonali di collegamento, pare interessante il ripristino di mq di territorio agricolo, con riserva di considerare tempistiche e modalità operative occorrenti ad ottenere terreno nuovamente fertile, ci sembra opportuno fermare o limitare, ove ancora possibile, i piani attuativi confermati su indicazione del vecchio P.R.G. quantomeno rivedendone gli accordi stabiliti, in ottica di limitazione del consumo del suolo, adozione di tecnologie costruttive sostenibili, formazione di strutture a risparmio energetico. Il nuovo P.G.T. su base statistica stima un aumento demografico rilevante per i prossimi anni, ma il dato non va utilizzato per giustificare un incremento residenziale, come detto Brugherio si trova già in uno stato di eccessiva urbanizzazione e lamenta peraltro la carenza di servizi comunali, ad esempio le scuole di prima infanzia, è pertanto necessario intervenire per soddisfare le attuali richieste di servizi. 11

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

COMUNE DI ROVELLASCA

COMUNE DI ROVELLASCA COMUNE DI ROVELLASCA Provincia di COMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI VOLONTARIATO CIVICO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 13.04.2015 Ripubblicato all Albo pretorio dal 13.05.2015 al 28.05.2015

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Comune di Udine L ECO-UFFICIO Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Efficienza energetica: di necessità virtù L efficienza energetica non è semplice risparmio: è riduzione del consumo di

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE Deliberazione Giunta Regionale 14 novembre 2014 n. 10/2637 Determinazioni in ordine a: "Promozione e coordinamento dell'utilizzo del patrimonio mobiliare dismesso dalle strutture sanitarie e sociosanitarie

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

Comune di Sant'Agata sul Santerno

Comune di Sant'Agata sul Santerno CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA SERVIZI GENERALI RESPONSABILE: RAMBELLI STEFANO 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie Area Servizi Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la Buona Scuola di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti Genesi Principi Finalità Metodologia e didattica Apertura

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

"IMPARIAMO A RICICLARE"

IMPARIAMO A RICICLARE COLLEGIO ARCIVESCOVILE Castelli PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE "IMPARIAMO A RICICLARE" (progetto di durata annuale) Anno scolastico 2008/2009 Classi terze e quarte - Scuola primaria FINALITA' Il Progetto

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

SCUOLANEXT, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale!

SCUOLANEXT, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale! SCUOLANET, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale! SCUOLANET consente la piena digitalizzazione della scuola: completa

Dettagli

programma Stato e cittadini Energia Informazione Economia Trasporti Salute Istruzione

programma Stato e cittadini Energia Informazione Economia Trasporti Salute Istruzione programma Stato e cittadini Energia Informazione Economia Trasporti Salute Istruzione PROGRAMMA pagina 2 di 15 Stato e cittadini 3 Energia 4 Informazione 7 Economia 9 Trasporti 11 Salute 12 Istruzione

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 Funzion 9 0 3 Servizio. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0 Segreteria

Dettagli

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA La Direttiva 2008/98/CE introduce una importante distinzione

Dettagli

COLLABOR@ ORGANIZZA RIUNIONI ON-LINE DA QUALUNQUE PC RECUPERA IL TUO TEMPO TAGLIA I COSTI DEI TUOI SPOSTAMENTI RISPETTA L AMBIENTE

COLLABOR@ ORGANIZZA RIUNIONI ON-LINE DA QUALUNQUE PC RECUPERA IL TUO TEMPO TAGLIA I COSTI DEI TUOI SPOSTAMENTI RISPETTA L AMBIENTE COLLABOR@ ORGANIZZA RIUNIONI ON-LINE DA QUALUNQUE PC RECUPERA IL TUO TEMPO TAGLIA I COSTI DEI TUOI SPOSTAMENTI RISPETTA L AMBIENTE COSA E QUANDO SERVE PERCHE USARLO E un servizio di Cloud Computing dedicato

Dettagli

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo.

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo. CAPO II INVESTIMENTI Acquisto, costruzione, ristrutturazione, ammodernamento ed ampliamento di immobili aziendali Art. 9 comma 1 200.000,00) 200.000,00) Fino al 50% 200.000,00) se LEASING: fino al 40%

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda TCS Carta Aziendale Soccorso stradale e protezione giuridica circolazione per veicoli aziendali TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda Un problema in viaggio? Ci pensa il Suo pattugliatore

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA

Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA COMUNE DI RAVENNA Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA Anno scolastico 2007/2008 PREMESSA Il Piedibus è il modo più sano, sicuro, divertente ed ecologico per andare e tornare da scuola. E un autobus

Dettagli

Efficienza Capitale 1

Efficienza Capitale 1 Efficienza Capitale 1 Efficienza energetica, abbattimento Co2, risparmio e investimenti, controllo social PREMESSA Gli edifici pubblici devono essere i luoghi dove curare il nostro presente. Le scuole

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Negli UFFICI. 28 settembre 2010

Negli UFFICI. 28 settembre 2010 Negli UFFICI Come si fa 28 settembre 2010 Dai suggerimenti ai benefici Alcuni sono di facile attuazione, altri sono complessi o/e onerosi economicamente. Ovviamente non è necessario adottarli tutti e subito

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli