Nicoletta orlandi NeumaNN Flavia lughezzani anna gagliano. ObIETTIvO AzIENDA. Economia aziendale per il turismo. volume 2

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Nicoletta orlandi NeumaNN Flavia lughezzani anna gagliano. ObIETTIvO AzIENDA. Economia aziendale per il turismo. volume 2"

Transcript

1 Nicoletta orlandi NeumaNN Flavia lughezzani anna gagliano ObIETTIvO AzIENDA Economia aziendale per il turismo volume 2 EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO

2 Indice MODULO START In viaggio nell Economia aziendale 1 Alla scoperta del testo... 1 Come si apre il modulo... 1 Che cosa trovi nell unità di apprendimento... 2 Quali strumenti hai per esercitarti... 2 Un aiutante speciale: il suggeritore... 3 Come puoi consolidare conoscenze e competenze... 3 Per concludere il modulo esercizi Con il PC... 3 Che cosa trovi a fine libro Ripasso veloce modulo E ora tocca a te Ripasso veloce modulo E ora tocca a te Ripasso veloce modulo E ora tocca a te Ripasso veloce modulo E ora tocca a te Verifica di modulo MODULO 1 I rapporti economici e il mercato dei capitali UnItà 1 Il fabbisogno finanziario e i rapporti economici Il fabbisogno finanziario dei soggetti economici La famiglia L impresa Le aziende non profit La Pubblica Amministrazione Il resto del mondo Il fabbisogno finanziario delle imprese Lo start up aziendale Il ciclo monetario e il fabbisogno finanziario Le fonti di finanziamento Il patrimonio aziendale Correlazione tra investimenti e finanziamenti Il leasing come finanziamento I vantaggi del leasing I tipi di leasing In sintesi che cosa devo ricordare E ora tocca a te UnItà 2 Il credito e il mercato dei capitali Il credito alle famiglie Il credito al consumo Il credito allo Stato I titoli pubblici Il mercato dei capitali Il credito diretto e indiretto I comparti del mercato dei capitali Il mercato mobiliare e la borsa valori I titoli privati In sintesi che cosa devo ricordare E ora tocca a te Verifica di modulo Con il PC... 93

3 MODULO 2 I calcoli finanziari UnItà 1 L interesse come remunerazione del capitale Il costo del capitale Il calcolo dell interesse semplice Il tempo nella formula dell interesse Le formule inverse dell interesse Il calcolo del montante Le formule inverse del montante L interesse netto sul deposito La ritenuta fiscale sugli interessi In sintesi che cosa devo ricordare E ora tocca a te UnItà 2 Lo sconto per il pagamento anticipato Il concetto di sconto mercantile e commerciale Lo sconto mercantile Lo sconto commerciale Le formule inverse dello sconto commerciale Il valore attuale Le formule inverse del valore attuale In sintesi che cosa devo ricordare E ora tocca a te UnItà 3 L unificazione e la suddivisione dei capitali nel tempo La scadenza comune stabilita La scadenza comune posticipata La scadenza comune anticipata La scadenza comune intermedia La scadenza adeguata La vendita a rate In sintesi che cosa devo ricordare E ora tocca a te Verifica di modulo Con il PC MODULO 3 Gli strumenti di pagamento e di credito UnItà 1 Il regolamento del prezzo e i titoli di credito Le modalità di regolamento del prezzo I tempi di pagamento I mezzi di pagamento e gli strumenti di credito I titoli di credito Classificazione dei titoli di credito Le caratteristiche dei titoli di credito propriamente detti I titoli che rappresentano servizi: i voucher In sintesi che cosa devo ricordare E ora tocca a te UnItà 2 Gli strumenti bancari di regolamento La moneta bancaria L assegno bancario Il trasferimento dell assegno bancario Pagamento dell assegno bancario Mancato pagamento dell assegno bancario

4 6 L assegno circolare Confronto tra assegni circolari e bancari I traveller s chèque Emissione e riscossione dei traveller s chèque In sintesi che cosa devo ricordare E ora tocca a te UnItà 3 La moneta elettronica Il ruolo delle banche e sua evoluzione Le funzioni della banca Le fonti di reddito della banca L intermediazione creditizia La trasparenza bancaria Il conto corrente bancario I tipi di conto corrente di corrispondenza L estratto conto Il bonifico bancario e il giroconto Le procedure RID, Ri.Ba. e M.AV Le carte di credito Modalità di utilizzo delle carte di credito Le principali tipologie di carte di credito Le carte di debito Il blocco della carta di credito o di debito I mezzi di pagamento postali In sintesi che cosa devo ricordare E ora tocca a te UnItà 4 Gli strumenti di credito cambiario La cambiale Le caratteristiche formali L imposta di bollo Il pagherò cambiario La cambiale tratta Tratta a tre persone Tratta a due persone La scadenza delle cambiali Il confronto tra cambiale pagherò e tratta Il trasferimento della cambiale Il pagamento della cambiale L avallo delle cambiali Il mancato pagamento delle cambiali Lo sconto cambiario Le fasi dell operazione di sconto cambiario Il tasso effettivo dello sconto cambiario In sintesi che cosa devo ricordare E ora tocca a te Verifica di modulo Con il PC Modulario Assegno bancario Assegno circolare Cambiale Bonifico Indice analitico

5 MODULO 2 I calcoli finanziari Rate a partire da Rate a partire da Rate a partire da 357 O I calcoli finanziari ti forniscono un bagaglio di conoscenze necessarie per capire come si determinano i costi e i ricavi connessi alle operazioni di acquisto e di vendita di un bene molto particolare: il capitale. Per rispondere alle domande di seguito proposte dovrai mettere mano alla calcolatrice e soprattutto alle tue abilità logiche. Osserva le immagini e rifletti. a) Chi decide il tasso d interesse e come si determina il costo del capitale?... b) Come si calcola il guadagno di un deposito bancario?... c) Perché conviene pagare un debito prima della scadenza?... d) Come si possono estinguere più debiti con un unico pagamento?... e) Quali rischi si corrono quando si compra a rate?...

6 U1 L interesse come remunerazione del capitale 1 Il costo del capitale 2 Il calcolo dell interesse semplice 3 Il calcolo del montante 4 L interesse netto sul deposito U2 Lo sconto per il pagamento anticipato 5 Il concetto di sconto mercantile e commerciale 6 Il valore attuale U3 L unificazione e la suddivisione dei capitali nel tempo 7 La scadenza comune stabilita 8 La scadenza adeguata 9 La vendita a rate O I n S i d Comprendere il concetto di interesse e le relazioni tra le grandezze che lo determinano Comprendere il concetto di montante Conoscere gli interessi netti bancari Riconoscere i concetti di sconto mercantile e sconto commerciale Comprendere il concetto di valore attuale Conoscere l utilizzo della scadenza comune Conoscere l utilizzo della scadenza adeguata Comprendere il concetto di credito al consumo Applicare la formula dell interesse e le formule inverse Risolvere problemi con il calcolo del montante Calcolare gli interessi lordi e netti Impostare le proporzioni per lo sconto mercantile e le formule per quello commerciale Risolvere problemi con il calcolo del valore attuale Calcolare il capitale unico a scadenza Calcolare la data media di unificazione dei capitali Calcolare l interesse complessivo e la rata

7 UNITÀ 1 L interesse come remunerazione del capitale Q?Riflettiamo sul caso Decidi di metterti in affari e guadagnare qualche soldo per pagarti gli studi e divertirti un po senza pesare sulla famiglia. La pizzeria sotto casa fa servizio di consegna a domicilio e ha bisogno di un pony-express: un ottima occasione! È necessario, però, uno scooter e ne hai adocchiato uno usato che puoi comprare al prezzo di 900,00. Il proprietario della pizzeria ti anticipa subito la cifra a patto che, tra un anno, tu gli restituisca 945,00. Fatti i tuoi calcoli ritieni vantaggiosa la proposta e accetti il prestito. Rifletti sulle seguenti domande.? Quanto ti è costato ricorrere al credito?? Ti sei mai domandato se i prestiti sono un vantaggio per tutti?? Sai a che cosa si riferisce il reato di usura?? Il telegiornale comunica i nuovi tassi decisi dalla Banca Centrale Europea (BCE). Ne sai qualcosa?? Sei in grado di calcolare il tasso d interesse che ti è stato applicato sul prestito?? Quanto avresti restituito allo stesso tasso d interesse se il prestito fosse durato 6 mesi? Queste sono alcune domande a cui sarai in grado di rispondere dopo aver studiato l unità didattica che presenta il seguente percorso di apprendimento. INTERESSE COME REMUNERAZIONE DEL CAPITALE Pagamento differito Interesse semplice Formule inverse del capitale del tasso Montante Formule inverse del capitale del tasso del tempo Interesse netto sul deposito del tempo All indirizzo puoi trovare materiali didattici relativi a questa unità

8 1 Il costo del capitale UNITÀ 1 L interesse come remunerazione del capitale Interessi dilatori Sono gli interessi per il pagamento differito della fattura concordati tra le parti. Interessi moratori Sono dovuti in caso di ritardo nel pagamento per l inadempienza contrattuale. Mercato finanziario Dove si scambiano i capitali in forme e con scadenze diverse. i BCE Dal 1999 i Paesi dell area dell euro sono sottoposti a un unica autorità monetaria: la Banca Centrale Europea che, in modo unificato fissa il TUR. Usura Ogni tre mesi la Gazzetta Ufficiale pubblica i valori medi dei tassi effettivi globali applicati dalle banche. Se aumentati della metà, costituiscono il livello massimo oltre il quale si configura il reato di usura. I soggetti economici possono ottenere finanziamenti sia ricorrendo al credito per procurarsi risorse finanziarie con accensione di prestiti, sia ottenendo forniture di beni o servizi con pagamento differito. Nel primo caso, il debitore s impegna a restituire la somma iniziale ottenuta aumentata dell interesse, che compensa la controparte per la rinuncia temporanea al suo capitale. Nel secondo caso, il prezzo della fornitura tiene conto di interessi espliciti o impliciti che variano in base al tempo di dilazione. L interesse è la somma dovuta come compenso a colui che presta una certa somma, il capitale (C), a un certo tasso di interesse (r) per un certo periodo di tempo (t). L interesse pagato annualmente su euro di capitale inizialmente prestato è il tasso di interesse percentuale, detto anche ragione o saggio. I tassi d interesse indicano il costo del denaro sul mercato finanziario. Il prezzo di riferimento nello scambio dei capitali è il Tasso ufficiale di riferimento (TUR) stabilito dalla Banca Centrale Europea. Esso è il tasso con cui la BCE concede prestiti alle altre banche e rappresenta il tasso guida sulla base del quale le banche stesse determinano i tassi sui conti correnti e sui prestiti. Il creditore che applica tassi d interesse considerati illegali, socialmente riprovevoli e tali da rendere il loro rimborso molto difficile o impossibile, è definito usuraio ed è perseguibile penalmente perché pratica l usura. 2 Il calcolo dell interesse semplice L interesse si calcola utilizzando il tasso percentuale annuo (r) che fa riferimento a euro di capitale (C) ipotizzando che la durata del prestito sia di un anno (t). I dati che occorrono per calcolare l interesse sono dunque: C = capitale iniziale dato in prestito r = tasso di interesse espresso in percentuale per un anno t = tempo espresso in anni Se indichiamo con I l interesse, vale a dire quanto può rendere C in un anno, possiamo impostare questa proporzione: : r = C : I ponendo come incognita l interesse da determinare, la soluzione è: I = C r Per calcolare l interesse quando il capitale è investito per più di un anno, è necessario inserire nella formula l espressione del tempo. La formula fondamentale dell interesse con il tempo espresso in anni diventa: : r t = C : I I = C r t Visualizza la parola c a r o t a e lascia cadere le vocali! Quello che rimane (C r t) ti aiuta a ricordare la formula dell interesse. 99

9 MODULO 2 I calcoli finanziari Interesse Capitale Interesse C 0 t 0 1 anno 2 anni 3 anni t n Tempo Osservando la formula I = C r t si deduce che l interesse è direttamente proporzionale: al capitale investito, maggiore è la somma, maggiore sarà l interesse; al tasso d interesse, più è elevato il tasso, maggiore sarà l entità dell interesse; alla durata, quanto maggiore è il tempo che trascorre fino alla restituzione del prestito, tanto maggiore è il compenso che spetta al creditore. Il calcolo dell interesse semplice PROVIAMOINSIEME Un azienda ha ottenuto un prestito di ,00 da restituire dopo 2 anni al tasso del 6%. I dati che abbiamo sono i seguenti: C = ,00 r = 6% t = 2 anni La proporzione sarà: Capitale : Tasso d interesse = Capitale : Interesse : 6 2 anni = ,00 : I Quindi: I = C r t = , = 6.000,00 Interesse sul prestito 2 anni C 0 = ,00 6% C 1 Nel grafico indichiamo con C 0 il capitale iniziale e con C 1 il capitale futuro. Nella formula il capitale C da considerare è quello iniziale, ovvero C 0. Calcolare l interesse semplice con il tempo espresso in anni PROVATU Hai deciso di acquistare un nuovo computer che costa 930,00. Disponi solo di 600,00 quindi chiedi un prestito di 330,00 al maggiore dei tuoi fratelli. Il prestito della durata di un anno ti è concesso al tasso d interesse del 2%. Calcola l interesse che devi pagare al tuo creditore. I dati sono i seguenti: C = 330,00 r = 2% t = 1 anno Capitale : =... : I : = 330,00 :... 1 anno C 0 =......% C 1 I = C r t = =... Interesse sul prestito

10 UNITÀ 1 L interesse come remunerazione del capitale Beni durevoli Sono beni che non esauriscono la loro utilità con un unico atto di consumo e perciò hanno una vita utile superiore all anno. Breve, medio e lungo termine Solitamente il breve termine riguarda finanziamenti fino ai 12 mesi, il medio termine quelli da 1 a 5 anni e lungo termine i prestiti oltre i 5 anni. Il tempo nella formula dell interesse Le operazioni di finanziamento possono prevedere tempi diversi dall anno: infatti, per l acquisto di beni durevoli si ricorre a finanziamenti di medio/lungo periodo, che hanno durata di 5, 10, 15 fino a 30 anni, ma spesso, specie in azienda, i debiti relativi all acquisto di merci, materiali di consumo e servizi sono a breve termine, talvolta addirittura a pochi giorni. Nella formula base dell interesse dovremo operare delle modifiche per rendere omogeneo il tasso annuale con il tempo espresso in giorni o mesi. Poiché r è annuale anche il tempo deve essere riferito all anno, se invece è espresso in mesi, si avrà: : r annuo t mesi 12 = C : I i Anno standard Secondo la normativa europea solo per il credito al consumo è consentito il calcolo dell anno standard la cui durata in giorni risulta: ( ) : 4 = 365,25 C r annuo I = t mesi 12 = C r t Allo stesso modo se il tempo è espresso in giorni la formula diventa: I = : r annuo t giorni 365 = C : I C r annuo t giorni 365 = C r t Il calcolo dell interesse con il tempo espresso in giorni può essere svolto secondo tre modalità. Procedimento dell anno civile con il calcolo dei giorni effettivi da calendario e al denominatore ( se l anno è bisestile). Procedimento dell anno commerciale con il calcolo dei giorni che considera convenzionalmente i mesi di 30 giorni ciascuno (totale 360 giorni all anno) e al denominatore. Procedimento misto che prevede al numeratore il calcolo dei giorni come da calendario e al denominatore Le formule da utilizzare sono quindi le seguenti: I = C r g I = C r g I = C r... I = C r t I = C r m

11 MODULO 2 I calcoli finanziari L interesse con il tempo espresso in giorni PROVIAMOINSIEME Il 04/05 la titolare di un agenzia di viaggi, ottiene da un fornitore una dilazione di pagamento per un importo di 6.450,00 con scadenza il 04/09, applicando il tasso d interesse del 3,50%. Calcola i giorni di durata del finanziamento, l interesse maturato e il valore totale rimborsato alla scadenza. I dati sono i seguenti: C = 6.450,00 r = 3,50% t = dal 04/05 al 04/09 Per calcolare la durata del prestito in giorni, dobbiamo procedere considerando il calendario: maggio (31-4) = 27 gg giugno = 30 gg luglio = 31 gg agosto = 31 gg settembre = 4 gg Totale 123 gg I = C r g = 6.450,00 3, = 76,07 Interessi 76, ,00 = 6.526,07 Valore totale rimborsato (C 1 ) Tieni i giorni in pugno Per ricordare i giorni di ogni mese ti puoi aiutare utilizzando le nocche della mano: assegna alla nocca del dito indice il mese di gennaio (31 giorni), nell avallamento considera febbraio (28 giorni) e poi sulla nocca marzo (31 giorni) e così via 123 giorni C 0 = 6.450,00 3,50% C 1 Calcolare l interesse con il tempo espresso in mesi e giorni PROVATU 1. Caterina ha letto la promozione per l acquisto di un utilitaria al prezzo di 8.600,00. Pagando un anticipo di 4.600,00 è possibile finanziare la differenza al tasso del 5% per la durata di 36 mesi. Calcola l interesse sul finanziamento e quanto verrebbe a costare complessivamente l automobile tenendo conto degli interessi. Il capitale da ottenere in prestito è la differenza tra il costo dell automobile e l anticipo: 8.600, ,00 = 4.000,00 I dati da inserire nella formula dell interesse sono i seguenti: C = 4.000,00 r = 5% t = 36 mesi I = 4.000,00 5 annuo 36 mesi 12 I = =... Interessi sul finanziamento L automobile acquistata con il finanziamento costerà complessivamente: Quest anno, come premio per la promozione, chiederai di poterti iscrivere in palestra. Il costo complessivo è di 780,00 all anno da pagarsi versando in anticipo 250,00 e il rimanente a saldo dopo 180 giorni con interessi al 4% per la dilazione di pagamento. Calcola l interesse e valuta se conviene il pagamento dilazionato in considerazione dell interesse che matura (procedimento anno commerciale). Il capitale da ottenere in prestito è la differenza tra il costo dell iscrizione e l anticipo: 780,00 250,00 = 530,00 102

12 UNITÀ 1 L interesse come remunerazione del capitale I dati da inserire nella formula dell interesse sono i seguenti: C = 530,00 r = 4% t = 180 giorni I = 530,00 4 annuo 180 giorni 360 I = C r g... = =... Interessi 3. Nella tabella leggi il problema, individua i dati, trascrivi la formula e completa scrivendo il risultato. Problema Termini noti Formula Risultato Hai acquistato attrezzature sportive ottenendo un prestito per 2 anni di 3.500,00 al tasso d interesse del 2,50%. L abbonamento alla palestra costa 420,00 da pa gare fra 4 mesi con interessi al tasso del 3%. Hai acquistato le attrezzature da sci con un finanziamento di 3.600,00 che restituirai tra 8 mesi al tasso del 3,50%. Il brevetto da sub costa 2.600,00 che pagherai tra 65 giorni applicando il tasso d interesse del 3% (procedimento anno civile). Hai chiesto un prestito di 6.000,00 che restituirai tra 2 anni con un interesse calcolato al tasso del 2,50%. Hai acquistato un viaggio al prezzo di 5.000,00 ottenendo un credito al consumo per 184 giorni al tasso d interesse del 2% (procedimento del tempo standard). Capitale, tempo e... I = I =... Capitale,... e tasso I = I =......, tempo e tasso I = I =... Capitale,... e tasso Capitale, tempo e... I = I =... I = I =......, tempo e tasso I = I =... i Secondo principio di equivalenza Moltiplicando o dividendo entrambi i membri di un equazione per una stessa quantità diversa da zero l equazione resta equivalente a quella data. Le formule inverse dell interesse Nella pratica commerciale può accadere che l interesse sia noto e che si debbano calcolare il capitale investito, o il tasso, oppure il tempo. In questi casi, si applica la regola risolutiva dell equazione: si moltiplicano ambo i membri per, si dividono per i fattori che moltiplicano il dato incognito; infine si semplificano i termini al numeratore e al denominatore. Calcolo del capitale Calcolo del tasso Calcolo del tempo I = C r t I = C r t I = C r t I r t = C r t r t I C t = C r t C t I C r = C r t C r C = I r t r = I C t t = I C r 103

13 MODULO 2 I calcoli finanziari Formule inverse con il tempo espresso in mesi e giorni. Tempo in mesi C = I r m r = I C m m = I C r Tempo gg anno civile C = I r g r = I C g g = I C r Tempo gg anno commerciale C = I r g r = I C g g = I C r Il calcolo del tasso PROVIAMOINSIEME Il prestito di 900,00 ottenuto per l acquisto dello scooter usato sarà rimborsato dopo un anno pagando complessivamente 945,00. Calcoliamo il tasso d interesse applicato. I dati che possediamo sono i seguenti: C = 900,00 tempo = 1 anno r =... L ammontare da restituire è di 945,00, quindi l interesse maturato è dato dalla differenza: 945,00 900,00 = 45,00 Interesse Per calcolare il tasso d interesse si applica la formula inversa. r = I C t = 45,00 900,00 1 = 5% 1 anno C 0 = 900,00 5% C 1 = 945,00 Il creditore ha applicato un tasso d interesse molto diverso dal TUR dell 1,25% indicato dalla Banca Centrale Europea (BCE). Calcolare il tempo PROVATU In data 05/09 si effettua un investimento di ,00 al tasso di interesse del 3,25% ottenendo alla scadenza una remunerazione di 268,57. Calcola la durata dell investimento e individua il giorno di scadenza. I dati che possediamo sono i seguenti: C =... I =... r =... t =... Durata dell investimento Per calcolare il tempo si applica la formula inversa. 05/09 C 0 = ,00... giorni 3,25%... t = = =... Giorni Sommando... giorni al 05/09 si ottiene la scadenza dell investimento che corrisponde al...; infatti, considerando il calendario: settembre (30 5) =... gg ottobre =... gg novembre =... gg dicembre =... gg Totale... gg Ricorda che, se non è espressamente richiesto il calcolo del tempo in anni o in mesi, è preferibile determinare il tempo in giorni con procedimento dell anno civile, così da ottenere il risultato senza cifre decimali. 104

14 3 Il calcolo del montante UNITÀ 1 L interesse come remunerazione del capitale Il montante è dato dalla somma del capitale iniziale e degli interessi maturati sull investimento. Capitalizzazione La legge di capitalizzazione serve a determinare il valore futuro di un capitale disponibile oggi, ottenuto sommando al capitale iniziale gli interessi maturati. Il montante, che indichiamo con il simbolo M, è calcolato: come somma del capitale iniziale e dell interesse (capitalizzazione degli interessi); Capitale C 1 C + I Montante Montante I C 0 Capitale iniziale t 0 1 anno 2 anni 3 anni t n Tempo con una formula diretta ottenuta sostituendo all interesse la sua formula risolutiva e procedendo algebricamente con la soluzione dell equazione. C + I C + C r t ( C) + (C r t) C ( + r t) i Formula del montante con anno standard Anche per la formula del montante con il calcolo dell anno standard la durata in giorni risulta 365,25 e nella formula scriveremo Anche per il calcolo del montante nelle formule il tempo è espresso in mesi e giorni (con procedimento dell anno civile e commerciale). C ( r m) C ( + r t) C ( r g) C ( r g)

15 MODULO 2 I calcoli finanziari Il calcolo del montante PROVIAMOINSIEME Un commerciante ottiene un prestito di 8.600,00 per un anno al tasso d interesse del 4%. Calcoliamo il montante alla scadenza del prestito applicando la formula diretta. I dati che possediamo sono i seguenti: C = 8.600,00 r = 4% t = 1 anno C ( + r t) 8.600,00 ( + 4 1) = 8.944,00 1 anno C 0 = 8.600,00 4% C 1 = 8.944,00 Nel grafico indichiamo con C 0 il capitale iniziale e con C 1 il capitale futuro, ovvero il montante. Calcolare il montante PROVATU 1. In data 07/05 un albergatore ha acquistato materiali di consumo per 7.750,00 e ha ottenuto una dilazione di pagamento di 3 mesi al tasso d interesse del 2%. Calcola il montante e la data di scadenza del prestito applicando la formula con il tempo espresso in mesi. Confronta tale montante con quello che otterresti applicando il procedimento dell anno civile. I dati che possediamo sono i seguenti: C = 7.750,00 Capitale r = 2%... t = 3 mesi... ( t) ( )... Sommando 3 mesi al 07/05, la scadenza risulta il... Considerando il calendario, i giorni sono...: maggio (......) =... gg giugno luglio agosto Totale =... gg =... gg =... gg... gg =... Applica ora la formula del montante con il tempo espresso in (36.500, )... 07/05 C 0 =... 07/05 C 0 = mesi...%... C 1 = giorni...%... C 1 =... = 7.789,07 Montante maturato con procedimento dell anno civile 2. Un tour operator ottiene un finanziamento dal 16/02 al 18/05 di ,00 al tasso d interesse del 2,50%. Calcola il montante versato alla scadenza (procedimento dell anno civile). I dati sono i seguenti: C = ,00 r = 2,50%... t = dal... al 18/05 =... Giorni 16/02 C 0 = giorni...% 18/05 C 1 =

16 UNITÀ 1 L interesse come remunerazione del capitale Considerando il calendario, calcola i giorni: febbraio (......) =... gg marzo =... gg aprile =... gg maggio =... gg Con la calcolatrice puoi ottenere il risultato finale in modo più veloce e sicuro nel modo descritto di seguito. 2, : = ,73 Totale... gg C (... + r g) ,00 ( ) =... ( ) = Nella tabella leggi il problema, individua i dati, trascrivi la formula e completa scrivendo il risultato. Problema Formula Risultato Hai chiesto un prestito di 9.000,00 che restituirai fra 3 anni con un tasso d interesse del 4,50%. L abbonamento al corso di danza costa 580,00 che pagherai fra 4 mesi comprensivo di interessi al tasso del 3,50%. Hai acquistato una cyclette spinning con un finanziamento di 2.800,00 che restituirai fra 5 mesi con interessi maturati al tasso del 4%. Il tuo nuovo computer è costato 650,00 che pagherai fra 75 giorni con interessi maturati al tasso del 3% (procedimento misto). Il 05/03 hai acquistato materiali informatici per 2.000,00 con una dilazione di pagamento di 3 mesi al tasso del 2,50% (procedimento anno civile). Hai ottenuto un finanziamento di 3.800,00 da restituire tra 60 giorni, comprensivo di interessi al tasso del 3,50% (procedimento del tempo standard) Le formule inverse del montante Dato il montante è possibile determinare il capitale investito applicando la formula inversa del montante che si ottiene moltiplicando ambo i membri dell equazione per e dividendo per ( + r t ): C ( + r t) M C ( + r t) = ( + r t) ( + r t) C = M ( + r t) 107

17 MODULO 2 I calcoli finanziari Con questa formula è possibile calcolare il capitale quando il montante, il tasso e il tempo sono termini noti. Se il tempo è espresso in mesi, in giorni (con procedimento dell anno civile o dell anno commerciale), le formule sono le seguenti: Tempo in mesi Tempo gg anno civile Tempo gg anno commerciale C = M ( r m) C = M ( r g) C = M ( r g) Se l incognita è rappresentata dal tempo o dal tasso, bisogna calcolare prima l interesse come differenza tra il montante e il capitale (I = M C) e successivamente applicare le formule inverse dell interesse per determinare il tasso e il tempo come mostrato nello schema di p Dal montante al calcolo del capitale PROVIAMOINSIEME In data 28/10 un commerciante restituisce un prestito ottenuto il 15/05 sul quale sono maturati interessi al tasso del 5,75% pagando al creditore ,20. Calcoliamo il capitale iniziale applicando il procedimento dell anno civile. I dati che possediamo sono i seguenti: ,20 r = 5,75% t = dal 15/05 al 28/10 = 166 giorni C = M ( r t) = , ( ,75 166) = ,00 15/05 C 0 = giorni 5,75% 28/10 C 1 = ,20 Applicare i calcoli inversi del montante PROVATU 1. In data 15/04 un imprenditore paga una fattura scaduta il 09/01 sulla quale sono maturati interessi moratori al tasso del 6,75% pagando al fornitore ,40. Calcola l importo della fattura applicando il procedimento dell anno civile. I dati che possediamo sono i seguenti:... r = t = dal... al... =... Giorni Considerando il calendario, calcola i giorni: gennaio (......) =... gg febbraio =... gg marzo =... gg aprile =... gg 09/01 C 0 = giorni 6,75% 15/04 C 1 = ,40 Totale... gg C = ,00 ( t) = =... Importo della fattura ( )

18 UNITÀ 1 L interesse come remunerazione del capitale 2. Compri un surf ottenendo un prestito di 450,00 che restituirai dopo 10 mesi pagando 459,00. Calcola il tasso d interesse applicato. I dati che abbiamo sono i seguenti: 459,00... =... Interesse t = 10 mesi C = mesi C 0 = 450,00...% C 1 = 459,00 r = r = I t 9, =...% 3. Hai acquistato 20 abbonamenti per il campionato della squadra del cuore, il costo è 4.250,00 ma pagherai dopo un certo numero di mesi. Il tasso d interesse applicato è pari al 3% e il montante è pari a 4.292,50. Calcola il tempo di dilazione. I dati che abbiamo sono i seguenti: 4.292,50... =... Interesse r = 3% Tasso d interesse Adesso che conosci l interesse puoi applicare la formula inversa: t = I r = =... Mesi 4.250, mesi C 0 =......% C 1 = 4.292,50 4 L interesse netto sul deposito I risparmiatori che depositano i propri risparmi presso banche o al banco posta, in un libretto di deposito o in conto corrente, di fatto prestano il proprio capitale all istituto di credito. Quest ultimo a sua volta utilizzerà le somme ricevute dai clienti in operazioni di finanziamento a soggetti in disavanzo, che potranno così effettuare investimenti nel sistema produttivo, o utilizzare i prestiti ottenuti per acquistare i beni e i servizi di cui necessitano. La presenza di elevati volumi di risparmio e l attività degli intermediari del credito, quindi, mettono in moto l intero sistema economico. Soggetti in disavanzo Il termine indica coloro che hanno necessità di capitali e perciò richiedono prestiti; sono detti anche prenditori di fondi e, sul mercato dei capitali rappresentano la domanda di capitale. Soggetti in avanzo Il termine indica i risparmiatori che dispongono di capitali in quantità superiore alle esigenze di consumo; sul mercato dei capitali essi rappresentano l offerta di capitale. 109

19 MODULO 2 I calcoli finanziari La banca remunera il risparmiatore per le somme depositate con interessi calcolati, periodicamente o alla scadenza del deposito, in base al tasso d interesse e alla durata del prestito. Per la banca l interesse pagato rappresenta il costo sostenuto per approvvigionarsi del capitale. Allo stesso tempo, l istituto di credito riceve dai debitori interessi e commissioni sui capitali prestati, che rappresentano i ricavi derivanti dall attività di finanziamento. I tassi d interesse che la banca applica sui depositi ottenuti sono di gran lunga più bassi di quelli che riceve sui prestiti concessi: tale differenza determina un guadagno per la banca. La banca infatti applica tassi non reciproci. La ritenuta fiscale sugli interessi Per il creditore gli interessi sui depositi sono il guadagno ottenuto dal risparmio investito, e quindi rappresentano un reddito da capitale. Al momento del loro pagamento, o dell accredito in conto corrente, la banca deve detrarre la ritenuta fiscale del 27% calcolata sugli interessi lordi, che verserà poi all Erario. Interessi lordi Ritenuta fiscale Interessi lordi Ritenuta fiscale : 27 = S : P Il calcolo dell interesse e del tasso netto PROVIAMOINSIEME In data 20/06 un risparmiatore deposita il capitale di ,00 presso la propria banca che applica il tasso d interesse lordo dell 1,50%. Determina il montante ritirato dopo 6 mesi, considerando la ritenuta fiscale del 27%. I dati del problema sono: C = ,00 r = 1,50% t = dal 20/06 al 20/12 = 183 I = C r t Deposito iniziale Tasso lordo Giorni = ,00 1, Ritenuta fiscale del 27% su 112,81 30,46 Interesse netto maturato 82,35 = 112,81 Interesse lordo Otterremmo lo stesso risultato con un calcolo sotto cento, in cui la base della percentuale è l interesse lordo. S 112,81 Interesse lordo 27 P Ritenuta fiscale = 27 S P Interesse netto Risolviamo perciò la seguente proporzione: Interessi lordi Interessi netti Interessi lordi Interessi netti x = : 73 = 112,81 : x 112,81 73 = 82,35 Interessi netti Otteniamo il montante ritirato alla scadenza sommando al capitale gli interessi bancari netti , ,35 = ,35 In base alle norme sulla trasparenza bancaria, gli interessi sui depositi si calcolano con il procedimento dell anno civile.

20 UNITÀ 1 L interesse come remunerazione del capitale Se volessimo determinare direttamente il montante, senza calcolare né gli interessi lordi, né la ritenuta fiscale, dovremmo prima calcolare il tasso bancario netto e poi applicare la formula diretta del montante. Applichiamo nuovamente il calcolo sotto cento già visto, ma questa volta la base di calcolo è il tasso lordo dell 1,50. S 1,50 Tasso lordo 27 P Ritenuta fiscale = 27 S P Tasso netto Tasso lordo Tasso netto Tasso lordo Tasso netto : 73 = 1,50 : x Rifletti. Non puoi calcolare il montante applicando il tasso lordo e poi togliere la ritenuta fiscale sul totale, perché così facendo applicheresti l imposta del 27% anche sul valore del capitale di ,00, e invece la ritenuta colpisce solo i redditi cioè gli interessi lordi. x = 1,50 73 = 1,095% Tasso netto Ora possiamo completare la formula del montante con i dati noti del problema. C ( r t) = ,00 ( , ) = ,35 Montante ritirato Calcolare l importo del deposito dato il montante PROVATU Il 15/9 un risparmiatore ritira il montante di ,04 per l estinzione di un deposito bancario effettuato 4 mesi prima, sul quale sono stati applicati interessi al tasso lordo del 2%. Determina l importo depositato inizialmente (ritenuta fiscale 27%). I dati del problema sono: C = deposito iniziale termine incognito r = 2% Tasso d interesse lordo t = dal... al 15/09 = ,04 Giorni.../... C 0 = giorni 2% 15/09 C 1 = ,04 Per calcolare il capitale dovrai applicare la formula inversa del montante, ma prima è necessario determinare il tasso d interesse al netto della ritenuta fiscale del 27%. Tasso lordo Tasso netto Tasso lordo Tasso netto : 73 =... : x x = 2,00... =...% Tasso netto Ora completa la formula con i dati del problema. C = M ( ) = ( ,46 123) =... Deposito iniziale 111

I calcoli finanziari: l interesse

I calcoli finanziari: l interesse Albez edutainment production I calcoli finanziari: l interesse Classe II ITC Il concetto di interesse Con le operazioni di credito un soggetto (creditore) concede in prestito una somma di denaro, per un

Dettagli

Biblioteca di Economia aziendale

Biblioteca di Economia aziendale Approfondimenti I calcoli finanziari Il montante e i problemi inversi I problemi inversi si hanno quando, noto il suo ammontare, l incognita è rappresentata dal capitale iniziale o dal tasso d interesse

Dettagli

Verifica di fine modulo. Il credito e i calcoli finanziari

Verifica di fine modulo. Il credito e i calcoli finanziari ... Nome... Classe... Data... Verifica di fine modulo. Il credito e i calcoli finanziari Scelta multipla Indicare con una crocetta la risposta esatta. 1. Concorre al soddisfacimento del fabbisogno finanziario

Dettagli

libri di base Ombretta Valsecchi tecnica aziendale 2 MURSIA

libri di base Ombretta Valsecchi tecnica aziendale 2 MURSIA libri di base Ombretta Valsecchi tecnica aziendale 2 MURSIA indice modulo d la gestione dell azienda capitolo 1 la gestione aziendale...5 1.1 Le operazioni di gestione...7 1.2 Le operazioni di finanziamento...9

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA

MATEMATICA FINANZIARIA MATEMATICA FINANZIARIA INTERESSE SEMPLICE Calcolo dell interesse 1. Un capitale di 3.400 fu impiegato per 3 mesi al tasso del 5%. Qual è l interesse prodotto? 2. Un capitale di 1.725 venne impiegato per

Dettagli

Scadenza comune anteriore, posteriore e intermedia alle scadenze di tutti i capitali. Un problema di scadenza comune prefissata: il conto corrente

Scadenza comune anteriore, posteriore e intermedia alle scadenze di tutti i capitali. Un problema di scadenza comune prefissata: il conto corrente Scadenza comune anteriore, posteriore e intermedia alle scadenze di tutti i capitali. Un problema di scadenza comune prefissata: il conto corrente La ditta Alfa di Palermo ha i seguenti debiti per fatture

Dettagli

SOLUZIONI MODULO 3 VERIFICA GUIDATA DI FINE UNITÀ 2. I calcoli finanziari per la funzione finanza

SOLUZIONI MODULO 3 VERIFICA GUIDATA DI FINE UNITÀ 2. I calcoli finanziari per la funzione finanza Vivere l azienda 1 - Modulo 3 Unità 2 Verifica guidata di fine unità Soluzioni pag. 1 di 5 SOLUZIONI MODULO 3 VERIFICA GUIDATA DI FINE UNITÀ 2 I calcoli finanziari per la funzione finanza 1. I CONCETTI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE MODULARE DI ECONOMIA AZIENDALE CLASSI SECONDE SEZIONE TECNICO indirizzo AFM

PROGRAMMAZIONE MODULARE DI ECONOMIA AZIENDALE CLASSI SECONDE SEZIONE TECNICO indirizzo AFM PROGRAMMAZIONE MODULARE DI ECONOMIA AZIENDALE CLASSI SECONDE SEZIONE TECNICO indirizzo AFM Obiettivi di apprendimento ( come da linee guida) Al termine del biennio lo studente deve possedere: 1. Conoscenze

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA

MATEMATICA FINANZIARIA MATEMATICA FINANZIARIA Introduzione Definizione. La matematica finanziaria studia le operazioni finanziarie. Definizione. Una operazione finanziaria è un contratto che prevede scambi di danaro (tra i contraenti)

Dettagli

Esercizi di Matematica Finanziaria

Esercizi di Matematica Finanziaria Esercizi di Matematica Finanziaria Un utile premessa Negli esercizi di questo capitolo, tutti gli importi in euro sono opportunamente arrotondati al centesimo. Ad esempio,e2 589.23658 e2 589.24 (con un

Dettagli

SOLUZIONI ESERCIZI PROGRAMMATI MODULO 3 UNITÀ 2

SOLUZIONI ESERCIZI PROGRAMMATI MODULO 3 UNITÀ 2 Esercizi programmati modulo 3 unità 2 pag. 1 di 5 SOLUZIONI ESERCIZI PROGRAMMATI MODULO 3 UNITÀ 2 I calcoli finanziari per la funzione finanza 1. Calcola l interesse semplice completando le formule. a.

Dettagli

Biblioteca di Telepass + 2 o biennio TOMO a

Biblioteca di Telepass + 2 o biennio TOMO a UNITÀ B La gestione e i suoi risultati: il patrimonio e il reddito Biblioteca di Telepass + 2 o biennio TOMO a La gestione delle aziende di produzione: settori e profili di analisi Documento Esercizi Operazioni

Dettagli

Capitolo 1. Leggi di capitalizzazione. 1.1 Introduzione. 1.2 Richiami di teoria

Capitolo 1. Leggi di capitalizzazione. 1.1 Introduzione. 1.2 Richiami di teoria Indice 1 Leggi di capitalizzazione 5 1.1 Introduzione............................ 5 1.2 Richiami di teoria......................... 5 1.2.1 Regimi notevoli...................... 6 1.2.2 Tassi equivalenti.....................

Dettagli

Stato patrimoniale al 31/12/n

Stato patrimoniale al 31/12/n Tema d esame Gestione economica delle imprese ristorative, analisi di bilancio e fonti di finanziamento di Grazia BATARRA ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE ECONOMICHE (Classe 5 a IP Tecnico servizi ristorativi)

Dettagli

4. CONTABILITA GENERALE SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI E SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI

4. CONTABILITA GENERALE SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI E SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 4. CONTABILITA GENERALE SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI E SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 1 3) Rettifiche su acquisti Le rettifiche su acquisti (o scritture di rettifica dei costi) si riferiscono

Dettagli

SOLUZIONI ESERCIZI DA SVOLGERE

SOLUZIONI ESERCIZI DA SVOLGERE Vivere l azienda 2 Ripasso del programma di prima classe Soluzioni pag. 1 di 7 SOLUZIONI ESERCIZI DA SVOLGERE Ripasso del programma di prima classe 1.6 CALCOLO DELLE PERCENTUALI DI COMPOSIZIONE DEI FINANZIAMENTI

Dettagli

RILEVAZIONI CONTABILI DI SCONTO E INCASSO EFFETTI, RICEVUTE BANCARIE E FACTORING

RILEVAZIONI CONTABILI DI SCONTO E INCASSO EFFETTI, RICEVUTE BANCARIE E FACTORING RILEVAZIONI CONTABILI DI SCONTO E INCASSO EFFETTI, RICEVUTE BANCARIE E FACTORING L operazione di sconto cambiario Lo sconto cambiario rappresenta un operazione di smobilizzo dei crediti commerciali mediante

Dettagli

Foglio informativo n. 2211. OPERAZIONI DI FACTORING TRAVELFACTORING

Foglio informativo n. 2211. OPERAZIONI DI FACTORING TRAVELFACTORING Foglio informativo n. 2211. OPERAZIONI DI FACTORING TRAVELFACTORING Informazioni sulla banca Denominazione: MEDIOCREDITO ITALIANO S.P.A. Sede legale e amministrativa : Via Montebello 18-20121 Milano Numero

Dettagli

7. CONTABILITA GENERALE

7. CONTABILITA GENERALE 7. CONTABILITA GENERALE II) SCRITTURE DI GESTIONE OTTENIMENTO CAPITALE DI TERZI 1 Definizione Per poter acquisire i fattori produttivi da impiegare nel processo produttivo l impresa necessita del fattore

Dettagli

Istituto Professionale per i Servizi dell Enogastronomia e l Ospitalità Alberghiera Angelo Berti PROGRAMMA PER CANDIDATI PRIVATISTI

Istituto Professionale per i Servizi dell Enogastronomia e l Ospitalità Alberghiera Angelo Berti PROGRAMMA PER CANDIDATI PRIVATISTI DISCIPLINA AMMINISTRAZIONE ALBERGHIERA CLASSE TERZA IFP La costituzione dell impresa turistico-ristorativa (caratteristiche principali) Le tasse, le imposte e di documenti della vendita con particolare

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale e Geometri A. Bassi Via di Porta Regale, 2 26900 LODI C.F. 84504980156

Istituto Tecnico Commerciale e Geometri A. Bassi Via di Porta Regale, 2 26900 LODI C.F. 84504980156 Istituto Tecnico Commerciale e Geometri A. Bassi Via di Porta Regale, 2 26900 LODI C.F. 84504980156 Corsi Diurni: IGEA Mercurio Geometri Progetto Cinque ERICA Tecnico Turistico ITER Corsi Post Diploma

Dettagli

Informazioni di base...3. Principali tipologie di mutuo...5 MUTUO A TASSO FISSO...5 MUTUO A TASSO VARIABILE...6 MUTUO A TASSO MISTO...

Informazioni di base...3. Principali tipologie di mutuo...5 MUTUO A TASSO FISSO...5 MUTUO A TASSO VARIABILE...6 MUTUO A TASSO MISTO... GUIDA SUI MUTUI Sommario Informazioni di base...3 Principali tipologie di mutuo...5 MUTUO A TASSO FISSO...5 MUTUO A TASSO VARIABILE...6 MUTUO A TASSO MISTO...7 MUTUO A DUE TIPI DI TASSO...8 MUTUO A TASSO

Dettagli

LEZIONE: TESORERIA 1/2

LEZIONE: TESORERIA 1/2 Corso Responsabile Amministrativo E. Marcelli C. Marcelli LEZIONE: TESORERIA 1/2 Tesoreria 1/2 AGENDA 1. Tenuta cassa 1.1 Prima nota cassa 1.2 Prima nota cassa esempio 1.3 Controllo cassa 2. Banca: Tipologie

Dettagli

Tema n. 1 1 quesito: Prospetto 1

Tema n. 1 1 quesito: Prospetto 1 Tema n. 1 In data 31/12/02 si decide lo scorporo di un ramo d azienda dalla società Gamma S.p.A. - che ha i- niziato la propria attività in data 1/1/1995 - ed il suo successivo conferimento nella società

Dettagli

ESERCIZI DI CONTABILITA PRIMA PARTE

ESERCIZI DI CONTABILITA PRIMA PARTE ESERCIZI DI CONTABILITA PRIMA PARTE ACQUISTO E VENDITA: In data 1/7 la società X paga fitti passivi per euro 6000, con denaro in cassa. In data 3/7la società riscuote, in contanti, fitti attivi per euro

Dettagli

ANALISI QUALITATIVA DEL CAPITALE I FINANZIAMENTI

ANALISI QUALITATIVA DEL CAPITALE I FINANZIAMENTI CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA INTERNAZIONALE DEL TURISMO ECONOMIA AZIENDALE e RAGIONERIA APPLICATA ALLE IMPRESE TURISTICHE Anno Accademico 2011 2012 Lezione 6 ANALISI QUALITATIVA DEL CAPITALE I FINANZIAMENTI

Dettagli

I. T. C. " S. BANDINI " - SIENA Anno Scolastico 2014/2015 CLASSE 1^ Sez. A AFM PROGRAMMA di ECONOMIA D AZIENDA

I. T. C.  S. BANDINI  - SIENA Anno Scolastico 2014/2015 CLASSE 1^ Sez. A AFM PROGRAMMA di ECONOMIA D AZIENDA I. T. C. " S. BANDINI " - SIENA Anno Scolastico 2014/2015 CLASSE 1^ Sez. A AFM PROGRAMMA di ECONOMIA D AZIENDA I SISTEMI DI MISURA E GLI ARROTONDAMENTI. I sistemi di misurazione. Il sistema metrico decimale.

Dettagli

Prova esperta: asse matematico DISCIPLINE COINVOLTE: MATEMATICA, ECONOMIA AZIENDALE DATA EFFETTUAZIONE: CLASSE/I COINVOLTE:

Prova esperta: asse matematico DISCIPLINE COINVOLTE: MATEMATICA, ECONOMIA AZIENDALE DATA EFFETTUAZIONE: CLASSE/I COINVOLTE: La Banca CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE Prova esperta: asse matematico DISCIPLINE COINVOLTE: MATEMATICA, ECONOMIA AZIENDALE DATA EFFETTUAZIONE: CLASSE/I COINVOLTE: DURATA DELLA PROVA: Fase di gruppo:

Dettagli

Attività di consolidamento

Attività di consolidamento Attività di consolidamento 1. Trascrivi le parole in calce nella seconda colonna della tabella individuando i legami logici. (Attenzione, alcuni termini non devono essere inseriti). Prelevamenti, Produzione

Dettagli

IIS D ORIA - UFC PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO TURISTICO MATERIA ECONOMIA AZIENDALE ANNO DI CORSO SECONDO INDICE DELLE UFC

IIS D ORIA - UFC PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO TURISTICO MATERIA ECONOMIA AZIENDALE ANNO DI CORSO SECONDO INDICE DELLE UFC INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 LA GESTIONE 2 LA RAPPRESENTAZIONE DEI RISULTATI DI GESTIONE 3 LA REMUNERAZIONE DEL CREDITO : L INTERESSE 4 IL PAGAMENTO ANTICIPATO DI UN DEBITO : LO SCONTO 5 L UNIFICAZIONE

Dettagli

DIRITTO ED ECONOMIA PER L AZIENDA ESERCIZI PER IL CORSO DI RECUPERO ESTIVO CLASSI TERZE LINGUISTICO

DIRITTO ED ECONOMIA PER L AZIENDA ESERCIZI PER IL CORSO DI RECUPERO ESTIVO CLASSI TERZE LINGUISTICO DIRITTO ED ECONOMIA PER L AZIENDA ESERCIZI PER IL CORSO DI RECUPERO ESTIVO CLASSI TERZE LINGUISTICO Es. n. 1 Presentare le parti tabellari delle seguenti fatture: lo/lo ricevuta fattura della ditta Romano

Dettagli

APPUNTI DI SECONDA di FABIANA BOLOGNINI

APPUNTI DI SECONDA di FABIANA BOLOGNINI APPUNTI DI SECONDA di FABIANA BOLOGNINI Economia aziendale è una disciplina che studia l azienda; è un insieme di persone e di beni con un organizzazione e uno scopo: SODDISFARE I BISOGNI. Le aziende si

Dettagli

IL FINANZIAMENTO DELL AZIENDA

IL FINANZIAMENTO DELL AZIENDA IL FINANZIAMENTO DELL AZIENDA L azienda può finanziare lo svolgimento della propria attività produttiva mediante: a) CAPITALE PROPRIO: si tratta di mezzi finanziari apportati dal proprietario o dai soci;

Dettagli

Informazioni di base...3. Principali tipologie di prestito...5 PRESTITO FINALIZZATO...5 PRESTITO NON FINALIZZATO...6. Tipi di prestito...

Informazioni di base...3. Principali tipologie di prestito...5 PRESTITO FINALIZZATO...5 PRESTITO NON FINALIZZATO...6. Tipi di prestito... GUIDA SUI PRESTITI Sommario Informazioni di base...3 Principali tipologie di prestito...5 PRESTITO FINALIZZATO...5 PRESTITO NON FINALIZZATO...6 Tipi di prestito...7 PRESTITO PERSONALE...7 CESSIONE DEL

Dettagli

COSTITUZIONE DI SOCIETA DI CAPITALI

COSTITUZIONE DI SOCIETA DI CAPITALI COSTITUZIONE DI SOCIETA DI CAPITALI Esempio di costituzione di una S.r.l. Si costituisce il 31 ottobre la S.r.l. Beta, con un capitale sociale di 300.000 sottoscritto dai soci seguenti: - socio A: quota

Dettagli

Fondo Europeo per l integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Progetto MEDIARE.COM. Glossario. dei principali termini finanziari di uso quotidiano

Fondo Europeo per l integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Progetto MEDIARE.COM. Glossario. dei principali termini finanziari di uso quotidiano Fondo Europeo per l integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Progetto MEDIARE.COM dei principali termini finanziari di uso quotidiano IL PROGETTO MEDIARE.COM La presente pubblicazione è stata curata da

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 4 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e B) SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3)

Dettagli

Programma di Economia Aziendale. Classe 2^A

Programma di Economia Aziendale. Classe 2^A Programma di Economia Aziendale Classe 2^A Anno scolastico 2014/2015 Docente COIS ANNA Libro di testo: Telepass + Blu Economia aziendale per il primo biennio Istituti tecnici del settore economico P.Costa

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI GESTIONE C) SCRITTURE RELATIVE ALLE VENDITE E D) SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI CREDITI 3 novembre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità

Dettagli

PARTE SECONDA La gestione aziendale

PARTE SECONDA La gestione aziendale PARTE SECONDA La gestione aziendale Di cosa parleremo In questo capitolo analizzeremo le diverse operazioni della gestione, che si distinguono in fatti esterni o di scambio e fatti interni o di produzione

Dettagli

FINANZIAMENTI A BREVE

FINANZIAMENTI A BREVE FINANZIAMENTI A BREVE Il presupposto per accedere a finanziamenti da parte delle banche è la concessione del fido. Un soggetto affidato può accedere ad operazioni di finanziamento di diverso genere, tra

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 7 II) SCRITTURE DI GESTIONE F) OTTENIMENTO CAPITALE DI TERZI 20 novembre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 F. Scritture relative all

Dettagli

PROF. ALBANO SALVATORE

PROF. ALBANO SALVATORE Istituto Statale di Istruzione Superiore Zenale e Butinone Economia aziendale KIT ESTIVO CLASSE 2^BTT PROF. ALBANO SALVATORE Fascicolo A Esercitazioni obbligatorie per tutti gli studenti da consegnare

Dettagli

FOGLIO COMPARATIVO MUTUI PRIMA CASA

FOGLIO COMPARATIVO MUTUI PRIMA CASA 90 FOGLIO COMPARATIVO MUTUI PRIMA CASA Questo documento redatto secondo le disposizioni vigenti in materia di Trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari, correttezza delle relazioni

Dettagli

Gli strumenti di raccolta di tipo personalizzato

Gli strumenti di raccolta di tipo personalizzato Gli strumenti di raccolta di tipo personalizzato Economia delle aziende di credito.. 2008/2009 Università degli studi Roma Tre - Economia delle aziende di credito,.. 2008/2009 1 Indice degli argomenti

Dettagli

18 SCRITTURE DI GESTIONE C) SCRITTURE RELATIVE ALLE VENDITE E D) SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI CREDITI

18 SCRITTURE DI GESTIONE C) SCRITTURE RELATIVE ALLE VENDITE E D) SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI CREDITI CONTABILITA GENERALE 18 SCRITTURE DI GESTIONE C) SCRITTURE RELATIVE ALLE VENDITE E D) SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI CREDITI 17 novembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La

Dettagli

ESERCIZI DI RIPASSO PER IL TRIENNIO

ESERCIZI DI RIPASSO PER IL TRIENNIO Istituto Tecnico Commerciale e Geometri A. Bassi Via di Porta Regale, 2 26900 LODI C.F. 84504980156 Corsi Diurni: IGEA Mercurio Geometri Progetto Cinque ERICA Tecnico Turistico ITER Corsi Post Diploma

Dettagli

BANCA POPOLARE DELL EMILIA ROMAGNA - FOGLIO INFORMATIVO (D.L.GS. 385/93 ART. 116)

BANCA POPOLARE DELL EMILIA ROMAGNA - FOGLIO INFORMATIVO (D.L.GS. 385/93 ART. 116) CREDITI AGRARI / PRESTITI DI CONDUZIONE CAMBIALIZZATI SEZ. I) INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA POPOLARE DELL EMILIA ROMAGNA (codice ABI 5387.6) Società cooperativa con sede legale e amministrativa in Modena,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI FACTORING MATURITY FACTORING

FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI FACTORING MATURITY FACTORING FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI FACTORING MATURITY FACTORING INFORMAZIONI SULLA SOCIETA DI FACTORING UBI FACTOR S.P.A. Società con Socio Unico UBI BANCA S.C.P.A. Sede legale Via Fratelli Gabba, 1 20121

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 24 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3) Rettifiche

Dettagli

CONTO CORRENTE DEPOSITO TITOLI

CONTO CORRENTE DEPOSITO TITOLI FOGLIO INFORMATIVO CONTO CORRENTE DEPOSITO TITOLI OFFERTO AI CONSUMATORI Il conto Titoli è destinato ai seguenti profili: - Giovani - Famiglie con operatività bassa - Famiglie con operatività media - Famiglie

Dettagli

CONTO SALDI DARE AVERE

CONTO SALDI DARE AVERE Simulazione n. 1 La situazione dei conti al 30/11/2014 della società Even Srl che svolge attività mercantile, presenta i seguenti saldi: CONTO SALDI DARE AVERE Attrezzature 200.000,00 Banca di Roma c/c

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. Capitolo Primo: Le operazioni di gestione 21 Fatti interni Trasformazioni economiche PARTE SECONDA LA GESTIONE AZIENDALE Capitolo Primo Le operazioni di gestione In questo capitolo analizzeremo le diverse

Dettagli

L ABC DEI PRODOTTI FINANZIARI

L ABC DEI PRODOTTI FINANZIARI APPROFONDIMENTO Cessione BANCHE L ABC DEI PRODOTTI FINANZIARI A CURA DEL CENTRO STUDI ECONOMICO FINANZIARIO DELLA FINANCIAL ADVISORS BUSINESS DIVISIONE RETAIL SOMMARIO 1 IL PRESTITO CHIROGRAFARIO 2 AFFIDAMENTI

Dettagli

Prova esperta: asse matematico DISCIPLINE COINVOLTE: MATEMATICA, ECONOMIA AZIENDALE DATA EFFETTUAZIONE: CLASSE/I COINVOLTE:

Prova esperta: asse matematico DISCIPLINE COINVOLTE: MATEMATICA, ECONOMIA AZIENDALE DATA EFFETTUAZIONE: CLASSE/I COINVOLTE: La Banca CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE Prova esperta: asse matematico DISCIPLINE COINVOLTE: MATEMATICA, ECONOMIA AZIENDALE DATA EFFETTUAZIONE: CLASSE/I COINVOLTE: DURATA DELLA PROVA: Fase di gruppo:

Dettagli

Introduzione all analisi per flussi

Introduzione all analisi per flussi C 1 a p i t o l o Introduzione all analisi per flussi 1 I flussi finanziari L obiettivo di questo libro è illustrare una diversa visione d impresa: non più quella statica legata alla contabilità e all

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SVOLTO CONTENUTI

PIANO DI LAVORO ANNUALE SVOLTO CONTENUTI Indirizzo Internet: www.provincia.venezia.it/alga e-mail: alga Classe 1 sez.h materia: ECONOMIA AZIENDALE anno scolastico 2014/2015 1) PROPORZIONI E CALCOLI PERCENTUALI a) rapporti e proporzioni; b) grandezze

Dettagli

Offerta fuori sede tramite Sig./Sig.ra. Con la qualifica di: Iscrizione all Albo Unico dei Promotori Finanziari con provvedimento n.

Offerta fuori sede tramite Sig./Sig.ra. Con la qualifica di: Iscrizione all Albo Unico dei Promotori Finanziari con provvedimento n. FOGLIO INFORMATIVO AFFIDAMENTI IN CONTO CORRENTE CONSUMATORI INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799

Dettagli

Foglio Informativo Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari (D.LGS. 385 del 1/9/93 Delibera C.I.C.R.

Foglio Informativo Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari (D.LGS. 385 del 1/9/93 Delibera C.I.C.R. Aggiornato al 01 GENNAIO 2010 Pag. 1 / 6 INFORMAZIONI SULL INTERMEDIARIO Foglio Informativo Aggiornamento n. 1 PRESTITO PERSONALE E CARTA DI CREDITO TUTTOFARE PENSIONATI E M HONEY CARD Consum.it S.p.A.

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI GESTIONE C) SCRITTURE RELATIVE ALLE VENDITE E D) SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI CREDITI 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità

Dettagli

Dinamico Educational. Obiettivi ed esercitazioni da svolgere. vers. 02 2012 a cura del prof. Salvatore Nucci

Dinamico Educational. Obiettivi ed esercitazioni da svolgere. vers. 02 2012 a cura del prof. Salvatore Nucci Dinamico Educational Obiettivi ed esercitazioni da svolgere vers. 02 2012 a cura del prof. Salvatore Nucci Dinamico educational vers. 02-2012 Obiettivi Lavorare con il software Dinamico Educational ci

Dettagli

QUANTO PUÒ COSTARE IL MUTUO IPOTECARIO PRIMA CASA

QUANTO PUÒ COSTARE IL MUTUO IPOTECARIO PRIMA CASA MUTUO IPOTECARIO PRIMA CASA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Anagni Società Cooperativa Piazza G. Marconi n. 17-03012 ANAGNI (FR) Tel.: 0775 73391 - Fax: 0775 728276 Email: ba_info@bancanagni.it

Dettagli

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito I servizi di finanziamento Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito I servizi di finanziamento e di hedging I prestiti sono concessi nell ambito di un predefinito rapporto di fido o di affidamento

Dettagli

Nicoletta orlandi NeumaNN Flavia lughezzani anna gagliano. CLIPPy AzIENDA. Economia aziendale per il primo biennio. Volume 2

Nicoletta orlandi NeumaNN Flavia lughezzani anna gagliano. CLIPPy AzIENDA. Economia aziendale per il primo biennio. Volume 2 Nicoletta orlandi NeumaNN Flavia lughezzani anna gagliano CLIPPy AzIENDA Economia aziendale per il primo biennio Volume 2 EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Indice MODULO 0 Ripasso dell Economia aziendale 1

Dettagli

Inserire nella tabella i dati mancanti. Capitale Tasso Tempo di anticipo Sconto commerciale

Inserire nella tabella i dati mancanti. Capitale Tasso Tempo di anticipo Sconto commerciale Inserire nella tabella i dati mancanti. Capitale Tasso Tempo di dilazione Interesse Montante 21.900,00 4,25% 18 giorni (anno civile) 5% 8 mesi 6.250,00. 4,20% 3 anni e 1/2. 66.984,80 292.000,00 dal 4/05

Dettagli

TUTTE LE IMPRESE PER POTER OPERARE NECESSITANO DI FINANZIAMENTI SIA IN FASE DI COSTITUZIONE CHE IN FASE DI GESTIONE.

TUTTE LE IMPRESE PER POTER OPERARE NECESSITANO DI FINANZIAMENTI SIA IN FASE DI COSTITUZIONE CHE IN FASE DI GESTIONE. I FINANZIAMENTI TUTTE LE IMPRESE PER POTER OPERARE NECESSITANO DI FINANZIAMENTI SIA IN FASE DI COSTITUZIONE CHE IN FASE DI GESTIONE. IL FINANZIATORE È QUINDI COLUI CHE FORNISCE ALL IMPRESA I MEZZI NECESSARI(

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO ai sensi delle vigenti disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari

FOGLIO INFORMATIVO ai sensi delle vigenti disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari FOGLIO INFORMATIVO ai sensi delle vigenti disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari CONTO CORRENTE ALTO RENDIMENTO - Clientela al Dettaglio / Clienti Non Consumatori

Dettagli

LE OPERAZIONI E I PROCESSI AZIENDALI. Finanziamento Investimento Produzione Vendita

LE OPERAZIONI E I PROCESSI AZIENDALI. Finanziamento Investimento Produzione Vendita LE OPERAZIONI E I PROCESSI AZIENDALI La vita delle aziende si realizza attraverso una sequenza di operazioni e processi, svolti da soggetti diversi e con modalità diverse, coordinati tra loro per il raggiungimento

Dettagli

PRESTITO PERSONALE E CARTA DI CREDITO TUTTOFARE PENSIONATI E M HONEY CARD

PRESTITO PERSONALE E CARTA DI CREDITO TUTTOFARE PENSIONATI E M HONEY CARD Aggiornato al 01 LUGLIO 2010 Pag. 1/ 6 INFORMAZIONI SULL INTERMEDIARIO Foglio Informativo Aggiornamento n. 2 PRESTITO PERSONALE E CARTA DI CREDITO TUTTOFARE PENSIONATI E M HONEY CARD Consum.it S.p.A. Sede

Dettagli

Offerta fuori sede tramite Sig./Sig.ra. Con la qualifica di: Iscrizione all Albo Unico dei Promotori Finanziari con provvedimento n.

Offerta fuori sede tramite Sig./Sig.ra. Con la qualifica di: Iscrizione all Albo Unico dei Promotori Finanziari con provvedimento n. INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari ai sensi degli articoli n. 115 e seguenti T.U.B.

Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari ai sensi degli articoli n. 115 e seguenti T.U.B. Foglio Informativo n UF01 Aggiornamento n 21 ultimo aggiornamento 09/01/2015 Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari ai sensi degli articoli n. 115 e seguenti T.U.B.

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO FACTORING

FOGLIO INFORMATIVO FACTORING Pag. 1 / 11 FOGLIO INFORMATIVO FACTORING Le condizioni pubblicizzate non costituiscono offerta al pubblico a norma dell art. 1336 del Codice Civile Sezione 1 - Informazioni sulla Banca Monte dei Paschi

Dettagli

* Il sistema finanziario

* Il sistema finanziario * Il sistema finanziario e le banche Prof.ssa Valeria Roncone 1 *Argomenti chiave: L attività della banca e sue specificità Le funzioni della banca Il Sistema Europeo di Banche Centrali e la Banca Centrale

Dettagli

Cambio Conto. Come cambiare il conto corrente

Cambio Conto. Come cambiare il conto corrente Cambio Conto Come cambiare il conto corrente INDICE Caro Cliente... 3 Cosa offre l iniziativa Cambio Conto come cambiare il conto corrente... 4 CAMBIARE IL CONTO CORRENTE IN 5 MOSSE... 5 2 1. SCEGLIERE

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO FACTORING

FOGLIO INFORMATIVO FACTORING Pag. 1 / 9 FOGLIO INFORMATIVO FACTORING Sezione 1 - Informazioni sulla Banca Monte dei Paschi di Siena Leasing & Factoring SpA Monte dei Paschi di Siena Leasing & Factoring, Banca per i servizi finanziari

Dettagli

TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI

TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CARATE BRIANZA Società Cooperativa

Dettagli

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI MASSAFRA SOCIETA COOPERATIVA

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI MASSAFRA SOCIETA COOPERATIVA INFORMAZIONI SULLA BANCA/INTERMEDIARIO FOGLIO INFORMATIVO Mutuo Chirografario a Tasso Fisso SOCI BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI MASSAFRA SOCIETA COOPERATIVA Via Mazzini, 65 74016 Massafra (TA) Tel.: 0998804840

Dettagli

OPERAZIONI DI PRESTITO

OPERAZIONI DI PRESTITO APPUNTI DI ESTIMO La matematica finanziaria si occupa delle operazioni finanziarie, delle loro valutazioni, nonché del loro confronto. Si definisce operazione finanziaria, qualsiasi operazione che prevede

Dettagli

LABORATORIO DI MATEMATICA RENDITE, AMMORTAMENTI, LEASING CON EXCEL

LABORATORIO DI MATEMATICA RENDITE, AMMORTAMENTI, LEASING CON EXCEL LABORATORIO DI MATEMATICA RENDITE, AMMORTAMENTI, LEASING CON EXCEL ESERCITAZIONE GUIDATA: LE RENDITE 1. Il montante di una rendita immediata posticipata Utilizzando Excel, calcoliamo il montante di una

Dettagli

VERIFICA FINE MODULO 2

VERIFICA FINE MODULO 2 Verifica di fine modulo 2 pag. 1 di 8 VERIFICA FINE MODULO 2 Localizzazione e gestione dell azienda 1. Segna con una crocetta la risposta esatta. 1. Per le imprese industriali la scelta del luogo dove

Dettagli

PRESTITO PERSONALE CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE

PRESTITO PERSONALE CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE Aggiornato al 01 APRILE 2011 Pag. 1/ 4 Foglio Informativo Aggiornamento n. 7 PRESTITO PERSONALE CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE INFORMAZIONI SULL INTERMEDIARIO Consum.it S.p.A. Sede Legale e

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO PER OPERAZIONI DI LOCAZIONE FINANZIARIA (LEASING)

FOGLIO INFORMATIVO PER OPERAZIONI DI LOCAZIONE FINANZIARIA (LEASING) FOGLIO INFORMATIVO PER OPERAZIONI DI LOCAZIONE FINANZIARIA (LEASING) INFORMAZIONI SULLA SOCIETA DI LEASING Total Leasing S.p.A. Sede: Via Milano, 87/A Tel.: 030 2410241 Fax: 030 3730848 E-mail: info@totalleasing.it

Dettagli

Mutuo offerto ai consumatori

Mutuo offerto ai consumatori FOGLIO INFORMATIVO RIEPILOGATIVO Mutuo offerto ai consumatori Mutuo garantito da ipoteca per l acquisto dell abitazione principale INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca SANFELICE 1893 Banca Popolare, Piazza Matteotti,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI FACTORING PRO SOLUTO

FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI FACTORING PRO SOLUTO FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI FACTORING PRO SOLUTO INFORMAZIONI SULLA SOCIETA DI FACTORING UBI FACTOR S.P.A. Società con Socio Unico UBI BANCA S.C.P.A. Sede legale Via Fratelli Gabba, 1 20121 MILANO

Dettagli

bilancio sintetico a stati comparati, Rendiconto finanziario, portafoglio sbf

bilancio sintetico a stati comparati, Rendiconto finanziario, portafoglio sbf Temi in preparazione alla maturità Analisi di bilancio, bilancio sintetico a stati comparati, Rendiconto finanziario, decisioni aziendali, portafoglio sbf di Rossana MANELLI ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIA:

Dettagli

verifiche di ingresso

verifiche di ingresso 114 PARTE TERZA erifiche di ingresso ed esercizi riepilogativi ERIICHE DI INGRESSO NOTA BENE: 1 2 3 Il diverso grado di difficoltà degli esercizi è così contrassegnato: livello di difficoltà basso livello

Dettagli

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito. I servizi di investimento e di pagamento

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito. I servizi di investimento e di pagamento Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito I servizi di investimento e di pagamento I servizi di investimento Prodotti che soddisfano le esigenze di investimento della clientela Raccolta diretta (raccolta

Dettagli

IISS BOSELLI ALBERTI Sez. PERTINI VARAZZE

IISS BOSELLI ALBERTI Sez. PERTINI VARAZZE IISS BOSELLI ALBERTI Sez. PERTINI VARAZZE COGNOME NOME CLASSE DATA PROVA STRUTTURATA DI ECONOMIA AZIENDALE 1. QUESTIONARIO A RISPOSTA MULTIPLA Segna con una crocetta la risposta esatta (alcuni quesiti

Dettagli

INDICE. Pagina 1 di 11 Economia e gestione delle aziende ristorative 2 Selezione a cura di Marcello Sanci

INDICE. Pagina 1 di 11 Economia e gestione delle aziende ristorative 2 Selezione a cura di Marcello Sanci INDICE LA GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE RISTORATIVE... 2 Il fabbisogno finanziario:concetto e problematiche... 3 Definizione di fabbisogno finanziario... 3 Le fonti di finanziamento... 3 Scelta tra

Dettagli

prof.ssa S. Spallini RAGIONERIA GENERALE Interesse e sconto

prof.ssa S. Spallini RAGIONERIA GENERALE Interesse e sconto 1 RAGIONERIA GENERALE Interesse e sconto L interesse ed i fattori che lo determinano 2 Dicesi interesse il compenso spettante a colui che cede una certa somma di denaro per un certo periodo di tempo I

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO PER OPERAZIONI DI FINANZIAMENTO A PRIVATI PER UNITA DA DIPORTO

FOGLIO INFORMATIVO PER OPERAZIONI DI FINANZIAMENTO A PRIVATI PER UNITA DA DIPORTO FOGLIO INFORMATIVO PER OPERAZIONI DI FINANZIAMENTO A PRIVATI PER UNITA DA DIPORTO LE CONDIZIONI DI SEGUITO PUBBLICIZZATE NON COSTITUISCONO OFFERTA AL PUBBLICO Sezione 1 - Informazioni su SARDALEASING S.p.A.

Dettagli

Capitolo 6 L intermediazione creditizia

Capitolo 6 L intermediazione creditizia Capitolo 6 L intermediazione creditizia Esercizio 1 Quali sono gli elementi centrali negli scambi creditizi? a. Le informazioni. b. La conoscenza reciproca degli scambisti. c. I contratti personalizzati.

Dettagli

Le Operazioni di Impiego: I FINANZIAMENTI BANCARI A BREVE TERMINE. Università degli Studi di Teramo - Prof. Paolo Di Antonio

Le Operazioni di Impiego: I FINANZIAMENTI BANCARI A BREVE TERMINE. Università degli Studi di Teramo - Prof. Paolo Di Antonio Le Operazioni di Impiego: I FINANZIAMENTI BANCARI A BREVE TERMINE 1 Le Operazioni di Impiego: I Finanziamenti a Breve Termine Finanziamenti Bancari Finanziamenti a breve termine Finanziamenti a medio-

Dettagli

DOTT. TOMASELLO GIUSEPPE DOTTORE COMMERCIALISTA CONSULENTE DEL LAVORO REVISORE LEGALE

DOTT. TOMASELLO GIUSEPPE DOTTORE COMMERCIALISTA CONSULENTE DEL LAVORO REVISORE LEGALE 1 CORSO BASE DI CONTABILITA' BILANCIO e DIRITTO TRIBUTARIO 2011 1 MODULO REGOLE BASE DI CONTABILITA DOTT. TOMASELLO GIUSEPPE DOTTORE COMMERCIALISTA CONSULENTE DEL LAVORO REVISORE LEGALE PROGRAMMA La rilevazione

Dettagli

PRESTA DENARO INTERESSE = COMPENSO SPETTANTE PER LA TEMPORANEA CESSIONE DI UN CAPITALE MONETARIO COMMISURATO A CAPITALE PRESTATO DURATA DEL PRESTITO

PRESTA DENARO INTERESSE = COMPENSO SPETTANTE PER LA TEMPORANEA CESSIONE DI UN CAPITALE MONETARIO COMMISURATO A CAPITALE PRESTATO DURATA DEL PRESTITO PRESTA DENARO MUTUANTE MUTUATARIO INTERESSE = COMPENSO SPETTANTE PER LA TEMPORANEA CESSIONE DI UN CAPITALE MONETARIO COMMISURATO A CAPITALE PRESTATO DURATA DEL PRESTITO 1 LA SUA MISURA, RAPPORTATA A 100

Dettagli

Mutuo offerto ai consumatori

Mutuo offerto ai consumatori FOGLIO INFORMATIVO RIEPILOGATIVO Mutuo offerto ai consumatori Mutuo garantito da ipoteca per l acquisto dell abitazione principale INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca SANFELICE 1893 Banca Popolare, Piazza Matteotti,

Dettagli

Scheda didattica IL RUOLO DELLA BANCA

Scheda didattica IL RUOLO DELLA BANCA Perché risparmiare? Scheda didattica IL RUOLO DELLA BANCA La vita è imprevedibile e non sempre è possibile sapere in anticipo cosa accadrà in futuro. Però se si mette da parte qualcosa, si potrà affrontare

Dettagli